Sei sulla pagina 1di 14

Periodico di informazione culturale curato dallAssociazione Culturale Dal Tramonto allAlba

Oltre il confine n 5. Rivista telematica a cura dell Associazione Culturale Dal Tramonto allAlba

1 Oltre il Confine n.5 rivista a cura dellAssociazione Culturale Dal Tramonto allAlba
Editoriale

Editoriale
Torna lappuntamento con linforma-
zione, arrivato al quinto capitolo.
un pomeriggio trascorso allinsegna
del mistero; il 10 settembre 2006
Oltre il Confine, oramai da tre infatti, ventidue fortunati capitanati
numeri a questo parte cambiato dal Vice Presidente Massimiliano Lo
unicamente nei contenuti ma non nella Cicero e dal Consigliere Valeria
sua forma: infatti non pubblicheremo Cancemi, hanno potuto partecipare ad
pi gli articoli redatti dai nostri Soci, una visita a tappe tra gli splendidi colli
materiale consultabile allintero delle bolognesi. Il tour prevedeva la visita
pagine e delle sezioni di Daltra- al Castello di Dozza e al Cimitero di
montoallalba.it; la rivista telematica Settefonti, due luoghi in cui il mistero
sar il mezzo con cui lAssociazione semplicemente onnipresente. Il
promuover linformazione sulle secondo reportage dedicato al 5
indagini intraprese e gli eventi culturali Meeting Daltramontoallalba.it,
realizzati. Un connubio di informazio- effettuato l11 Novembre 2006 al Copertina: Massimiliano Lo Cicero
ne a cui la Direzione Editoriale punta Castello di Castrocaro (Forl). Questa
oramai da parecchio tempo. Unaltra volta tocca a Marco Faion raccontarci OLTRE IL CONFINE
decisione molto importante stata gli esiti della serata, che stata davvero
quella di lasciare la consultazione della impegnativa dal punto di vista Rivista telematica a cura dellAssocia-
rivista fruibile a tutta lutenza web, organizzativo. Oltre alla classica cena zione Cuturale Dal Tramonto allAlba
rinunciando allesclusivit indirizzata e visita guidata notturna, questa volta
unicamente agli Associati. Questo abbiamo voluto stupire i partecipanti Anno III N.ro 5
perch abbiamo compreso limportan- proponendo degli spettacoli di
za e lefficacia di questo nuovo metodo rievocazione storica, realizzati grazie Direttore testata: Massimiliano Lo Cicero
di informazione, da subito molto alla partecipazione delle Associazioni
Progetto grafico: Massimiliano Lo Cicero
gradito dal grande pubblico. La rivista Lo Basilisco di Jesi e Arcieri Laghesi
si apre con un dossier che possiamo di Bologna. La partecipazione degli Collaboratori n.4:Stefani Ferrari, Paolo
considerare quasi un libro, vista la utenti al meeting stata sbalorditiva,
quantit di informazioni contenute in dopo solo due settimane dallapertura Poli, Marco Faion
esso. Redatto dal nostro Paolo Poli, ufficiale delle iscrizioni abbiamo
Pubblicit: info@daltramontoallalba.it
una vera e propria guida sulla condu- raggiunto il tetto massimo dei
zione di ricerche su presunti luoghi partecipanti, ovvero, novanta persone! Questa rivista telematica non rappresenta una testata
giornalistica in quanto viene aggiornata senza alcuna
infestati: vengono analizzate le Il numero si chiude con periodicit. Non pu pertanto considerarsi un prodotto
metodologie di approccio alla ricerca, uninteressantissima intervista a editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
la conduzione di approfondimenti Massimo Polidoro, Segretario
storico-bibliografici sui luoghi da Nazionale del C.I.C.A.P., che stato Lo Staff di Dal Tramonto allAlba declina ogni respon-
indagare, il modus operandi per avvicinato dalla nostra instancabile sabilit, sul contenuto degli articoli redatti dai colla-
svolgere i sopralluoghi sul campo, gli Stefania Ferrari. LAssociazione boratori o sulle foto inviate.
Per non appesantire troppo il file, la qualit delle
strumenti che si debbono utilizzare e ringrazia cortesemente Massimo immagini stata abbassata, per cui si consiglia una
moltissime altre informazioni; un Polidoro per aver concesso la visualizzazione non oltre al 100%
documento fondamentale per coloro pubblicazione dellintervista su Oltre
che vogliono avvicinarsi a queste
tematiche, nel modo pi serio pos-
il Confine. Non posso che elogiare il
lavoro svolto e i traguardi raggiunti
Sommario
sibile. Il testo, essendo composto da dallAssociazione in questi ultimi -REPORTAGE SULLEVENTO
pi di 50 pagine stato allegato come mesi, obiettivi a cui non saremo CULTURALE GHOST TOUR -
volume a s stante, per facilitare anche sicuramente giunti senza linstancabile BOLOGNA a cura di Stefania Ferrari
la stampa e quindi la consultazione lavoro di squadra dei nostri Associati: -REPORTAGE SUL 5 MEETING
DALTRAMONTOALLALBA.IT
cartacea. La seconda parte della rivista, Lunga vita allAssociazione Dal acura di Marco Faion
come al solito, stata dedicata ai Tramonto allAlba! -INTERVISTA A MASSIMO
reportage riguardanti gli eventi POLIDORO, SEGRETARIO
culturali realizzati nel corso di questi NAZIONALE DEL CICAP
mesi. Il primo il Ghost Tour a cura di Stefania Ferrari
In Allegato
Bologna, appuntamento desordio di Michele Morettini -PICCOLO MANUALE DEL BUON
questa nostra nuova iniziativa. Presidente dellAssociazione INVESTIGATORE DI MISTERI
Stefania Ferrari ci racconta lesito di Culturale Dal Tramonto allAlba VOLUME PRIMO: I LUOGHI
INFESTATI- a cura di Paolo Poli

2 Oltre il Confine n.5 rivista a cura dellAssociazione Culturale Dal Tramonto allAlba
Eventi Culturali a cura di Stefania Ferrari

Ghost Tour Bologna


10 Settembre 2006
A
vete voglia di visitare un posto alquanto...si, direi proprio inquietante,
nuovo? Perch accontentarsi del dai quadri appesi alle pareti,
solito giro turistico trito e ritrito? Noi raffiguranti antenati della famiglia
vi organizziamo un bel Ghost tour: Malvezzi Campeggi, ultimi signori del
com successo il 10 Settembre 2006. castello. Gi noi, o quanto meno io,
Il tutto partito da una semplice idea: non ci aspettavamo un normale giro
perch non ritrovarci per visitare turistico, ma Maxim sorprese tutti
qualche luogo, magari con una storia nello spiegarci come si sarebbe svolto
misteriosa alle spalle? Ma Dal il tour.Dovete sapere che tempo fa -
Tramonto AllAlba non lascia nulla al cominci a raccontare - ebbi lonore
caso e se si deve fare qualcosa, si di visitare questo castello in
organizza in grande! compagnia di una sensitiva: oggi,
E nato cos il Ghost Tour Bologna stanza dopo stanza, vi racconter cosa
2006: dallidea di qualche amico del vide e cosa sent allora. Detto questo
forum e dalla grande anima ci raccomand di scattare molte foto,
organizzatrice del vice presidente perch le sorprese in quel luogo si
dellassociazione Maxim e dal nascondevano dietro ad ogni angolo.
consigliere Valeria. I luoghi avvolti dal Ma torniamo ai quadri che
mistero sono tanti nel bolognese, ma circondavano la stanza nellalto delle
il dubbio rimase per poco: pareti e che subito attirarono la nostra
destinazione Castello di Dozza, e a attenzione. Quasi tutti avevano uno
seguire Settefonti. sfondo scuro e monocolore, e lo
In realt, nonostante la preparazione, sguardo delle persone raffigurate era
ci si aspettava veramente di ritrovarci sicuramente magnetico. Le nostre
in una decina di amici, ma come sensazioni furono subito ribadite dalle
sempre sottovalutammo le nostre parole di Maxim, che raccont come
forze, e alla fine ci trovammo in un la sensitiva avesse avvertito una forte
bel gruppo di 22 persone. Oltre a me, energia emanata da alcuni di quei
Maxim e Valeria, cerano i veterani dipinti.
Ametista e Diamante e lamico Affamati di sapere e sempre pi
Pantera. Il resto erano tutte persone incuriositi passammo poi alla seconda
nuove che si aggregavano a noi per un stanza, dove ad attenderci cera un
avventura fuori dallordinario; e non dipinto che assolutamente niente aveva
poteva mancare anche questa volta da invidiare a quelli appena lasciati.
lospite donore: il nostro bellissimo Eravamo appena entrati nella sala del
amico a quattro zampe! Pasinelli, dove il dipinto dellultima
Tutti pronti cominciammo la giornata dinastia dei Campeggi, opera
che ci port a conoscere nuovi mondi. dellartista che da il nome alla sala,
La scia di macchine si snodava tra riempiva completamente il luogo con
strade trafficate della provincia la sua presenza e con lenergia che
bolognese, ma alla fine riuscimmo ad emanava. La storia di questo dipinto
arrivare tutti sani e salvi al Castello di ancora pi affascinante della tela
Dozza. La prima parte del nostro tour stessa. Infatti Maxim raccont che la
cominci per con una brutta notizia: sensitiva aveva notato un accumulo di
il dolce amico a quattro zampe non energia in una parte particolare del
poteva entrare, e con grande dolore, quadro. La parte indicata venne cos
soprattutto della padrona, lo fotografata con una macchina
lasciammo ad attenderci fuori. En- speciale...e, infatti, nella foto qualcosa
trammo nella prima stanza, la sala di strano venne fuori. Il volto di una
maggiore, e gi latmosfera era resa delle bambine raffigurate sembrava
3 Oltre il Confine n.5 rivista a cura dellAssociazione Culturale Dal Tramonto allAlba
Eventi Culturali
molto diverso da come laveva rappresentato il Pasinelli, mentre tutto ci che che una volta a casa, scaricata la foto,
lo circondava riportava fedelmente il dipinto. Nel discutere tra noi poi vennero si trov di fronte unimmagine molto
fuori, molte considerazioni interessanti, come per esempio il fatto che la scura (nonostante luso del flash) e
posizione della mano della ragazza del dipinto, che sembra indicare qualcosa, particolare, molto diversa dalle altre
ricordasse una simbologia massonica. scattate quel giorno. Nellangolo della
Nellascoltare i racconti di Maxim, e rapiti ancora dal quadro, quasi non ci cucina che aveva inquadrato Maxim
eravamo accorti che alcuni dei visitatori del castello che ci incontravano sul not poi il contorno di una figura
loro cammino, si aggiungevano al nostro gruppo e al nostro giro particolare. femminile, che poi associ a Caterina
Con qualche amico in pi quindi ci spostammo nella stanza seguente: la sala Sforza, perch in paese molti
rossa. E una stanza piccola, il cui nome deriva dalla tappezzeria damascata del raccontano che il suo fantasma si
fine 700 che copre le sue pareti; quasi spoglia, la stanza aveva per una aggiri ancora nel castello.
particolarit che ci fece notare il nostro Cicerone: una porta segreta. Io E cos con gli occhi spalancati, ma
sinceramente non lo notai, anche perch la porta era aperta, ma Maxim ce lo anche un po sognanti, fin la nostra
fece notare per un motivo particolare. Subito dopo spieg, infatti, che alla visita alla rocca di Dozza...ma la nostra
sensitiva, giunta in quella stanza, veniva presentata in continuazione una scena: giornata era solo a met strada: ad
una ragazza, con i vestiti dellepoca, che attraversava la camera diagonalmente attenderci ora cera Settefonti. Il
fino alla porta segreta e che, probabilmente, stava fuggendo da qualcosa. Quasi serpente di auto ripart e si inoltr
senza accorgercene, tutti noi nellascoltare la storia, ci spostammo verso le sempre pi tra i colli bolognesi
pareti, lasciando il passaggio della dama in fuga. (ammettetelo voi, partecipanti,
Sempre pi presi da questa misteriosa atmosfera ci spostammo nella sala delle ...qualcuno ha pensato che ci stessimo
armi, stanza che molto probabilmente in passato aveva avuto unaltra funzione, perdendo!). Arrivammo invece in
ma che al giorno doggi usata come esposizione di antiche armi ed armature. quello che voleva essere un piccolo
In questa piccola stanza, in realt solo di passaggio, Maxim spieg come, durante parcheggio (che costato anche un
una rievocazione storica a cui partecip, si era fatto fotografare in quella stanza pezzo di paraurti a qualcuno) dove
e, a foto stampata, ecco apparire un simpatico ORBS. A questa notizia, appoggiammo i bolidi per inoltrarci
chiaramente, tutti allunisono tirammo fuori la macchina fotografica. nella natura, resa selvaggia dal passare
Finito il primo rullino entrammo nella parte medioevale del castello e ci del tempo e dallabbandono...e qui
trovammo subito nelloratorio privato, al centro del quale si trova un pozzo a finalmente il nostro amico a quattro
rasoio, come racconta la leggenda, strumento preferito di Caterina Sforza. zampe si pot sfogare. Quasi subito
Chiaramente in questa piccola stanza la sensitiva aveva sentito molte energie, trovammo sul nostro cammino il
dovute dalle miriadi di uomini e donne morte in quel luogo. cimitero di Settefonti, un quadrato di
Loratorio ci port direttamente nella camera da letto del feudatario. Qui Maxim terra circondato da quattro alte mura e
disse che la sensitiva che lo aveva accompagnato la volta precedente non aveva completo di chiesetta. La vegetazione
sentito particolari energie. Mi ricordo per che appena entrata nella stanza, io allinterno di questo recinto di mura
provai subito una strana sensazione. Latmosfera allinterno era resa pesante si era data allanarchia pi completa,
dallenergia stagnante del luogo, che si concentrava nello spazio attorno alla le pietre tombali erano state trafugate
culla che si trova in mezzo alla stanza. Dopo questa esperienza passammo alla e anche la chiesa giaceva abbandonata,
visita delle torri. Il camminamento sicuramente suggestivo, reso ancora pi con la porta sradicata. Una cosa per
meraviglioso dalla vista delle colline bolognesi. Raggruppati sulla torre che tutti notammo allistante fu il
maggiore, Maxim ci raccont una leggenda riguardante la misteriosa figura di profondo silenzio e la profonda quiete
Caterina Sforza. I suoi due figli, Ottaviano e Cesare, erano stati fatti prigionieri che regnava in quellangolo di terra:
dal suo stesso popolo in rivolta. Un giorno i sequestratori portarono i figli di neanche un insetto si sentiva volare,
Caterina davanti alla rocca, sperando che le loro urla la portassero ad arrendersi. quando invece fuori dalle mura la fine
Caterina invece si sporse dalla torre, sollev la tunica e disse: Teneteveli pure: dellestate bolognese ci aveva regalato
qui ho il necessario per farne altri!...forse il popolo aveva sopravvalutato i suoi fedeli compagni. Cercando di
listinto materno di Caterina Sforza!! evitare di inciampare nei fitti
Dopo questo racconto sconcertante arriv il momento delle prigioni (che si rampicanti che coprivano il terreno
sa...in visite di questo tipo sono sempre le pi attese). La cosa che colpisce di (qualcuno deve aver invidiato le mie
pi di queste prigioni non sono storie o misteri, ma la cruda e tangibile scarpe da ginnastica in quel momento)
testimonianza di chi in quelle stanze ci ha passato i suoi ultimi giorni. Le pareti entrammo tutti nella chiesetta che ci
delle celle infatti, erano ricoperte di incisioni fatte dai prigionieri, risalenti al conteneva a malapena. Maxim ci
XVII secolo. Dalle prigioni alla stanza delle torture poi, il passo breve. La raccont come molte persone, da
cosa che mi colp di pi fu la fossa dei suppliziati. Immaginatevi un pozzo congreghe wicca a gruppi di satanisti
molto largo e molto profondo: i condannati a morte venivano buttati in questo (seri o fittizi che siano) si riunivano in
pozzo...e morire per la caduta sarebbe stata una fortuna, altrimenti sarebbero quel luogo per praticare, in quanto
morti di fame, sete, o di una malattia qualsiasi dovuta al contatto con i cadaveri abbastanza isolato. Se devo essere
in vari stati di decomposizione che erano caduti prima di loro. sincera la sensazione che ho avuto
Dopo queste tristi storie arrivammo allultima stanza del castello e quella che nellentrare nella chiesa, stata quella
forse nascondeva la storia pi interessante: al cucina. Emozionato ancora come di un cerchio magico lasciato
fosse appena successo, Maxim raccont di quando, una delle svariate volte che aperto...sar forse che i nostri incauti
visit il castello, fotograf dalla cucina, praticamente dallentrata. Raccont praticanti sono stati sorpresi nel bel

4 Oltre il Confine n.5 rivista a cura dellAssociazione Culturale Dal Tramonto allAlba
Eventi Culturali
mezzo di una riunione, dai cani lasciati liberi dai contadini, stanchi dalle continue
visite indesiderate? Maxim ci raccont poi che in una sua precedente visita,
aveva trovato sul pavimento della chiesa, la porta di questa con sopra disegnato
un pentacolo, allesterno del quale, in corrispondenza delle punte, vi erano i
simboli dei quattro elementi. Qualcuno avanz un ipotesi satanista, ma la cosa
a me puzzava sempre pi di wiccan. E uscendo dalla chiesetta ecco che accorsero
ad avvalorare sempre di pi il mio crescente dubbio, due cosucce niente male.
Di fianco allentrata, dipinto sul muro della chiesa con dei gessetti, cera infatti
il simbolo della triplice dea, molto usato dai wiccan, anche se, effettivamente,
non solo da loro. Voltato langolo della chiesetta per qualcuno, con voce
divertita, afferm: E, guarda: c anche la scopa di saggine!...decisamente:
wiccan! In tempi lontani la scopa di saggine era tenuta vicino alla porta di casa
per allontanare gli spiriti maligni e le energie negative, ma al giorno doggi
cose come questa sono usate soprattutto dai wiccan. Finita la visita al cimitero,
uscimmo da quelle mura e salimmo fino ai resti della chiesa S.M. Assunta.
Anche qui si notarono le testimonianze di visitatori notturni, come per esempio
le colate di cera sparse qua e l per il perimetro. Di questa chiesa rimasto
veramente poco, ma anche lei nasconde la sua bella storia misteriosa. Maxim
raccont infatti che, ai tempi delle crociate, Lucia e Rolando si innamorarono.
Lei per sent la chiamata e si fece monaca....o forse, comera pi probabile ai
tempi, fu costretta dalla famiglia. Lucia venne poi a Settefonti dove fu costruito
un piccolo convento e Rolando, per poterle stare vicino, riusc a diventare
capitano nel castello vicino. Durante una battaglia in Terra Santa per Rolando
fu fatto prigioniero e dopo anni di prigionia, una sera preg Lucia, chiedendo il
suo aiuto, pur non sapendo che ormai lei era morta. Quella notte le apparve in
sogno e quando lui il mattino dopo si svegli, si ritrov miracolosamente a
Settefonti con i ferri che lo tenevano legato la sera prima, ciondolanti ai suoi
piedi. In molti raccontano ancora oggi si sentire urla e pianti in queste rovine.
Dopo questa storia restammo a parlare ancora qualche minuto sulla leggenda
riguardante la presenza in quei boschi di gnomi, poi tornammo tutti al
parcheggio. Salutammo tutto poi io salii in macchina con Maxim e Valeria
pensando ancora al cimitero e a tutto quello che ci aveva raccontato, quando,
poco prima che Maxim accendesse la macchina, Ametista cominci ad urlare:
Non muoverti, non muoverti! C un gatto davanti allauto!! Detto questo,
scese dallauto e lo prese in braccio: un meraviglioso gatto nero!! Lo so, lo so,
state pensando che la perfetta fine per questa bella storiella...be se vi piacciono
i lieto fine vi consiglio di fermarvi qui, anche se in realt qualcosaltro c.
Infatti io, Maxim, Valeria, Ametista e Diamante decidemmo di andare a mangiare
una pizza. Entrammo al ristorante, ci accomodammo ed ordinammo. Il cameriere
lasci la comanda sul tavolo, e guardandola Diamante disse: Eh be, dopo la
giornata di oggi non potevamo che sederci in questo tavolo!. Infatti era il
tavolo numero sei, e sulla comanda, in verticale, si leggeva...666.

Per maggiori informazioni sui luoghi qui narrati, consultare www.daltramontoallalba.it.

5 Oltre il Confine n.5 rivista a cura dellAssociazione Culturale Dal Tramonto allAlba
Eventi Culturali a cura
a cura di Marco
di Stefania Ferrari
Faion

5 Meeting Daltramontoallalba.it
E anche il quinto meeting e alle nostre spalle, questa volta al castello di
Castrocaro in provincia di Forl.
piccola scanalatura che permetteva al
fumo di uscire frontalmente al forno
Come gi in passato, anche questa volta valsa la pena di alzarsi dal letto senza che questo venisse bagnato dalla
allalba e percorrere i quattrocento chilometri che mi separavano dal luogo pioggia.
designato in evidente stato confusionale. Proseguendo verso il mastio, la parte
Arrivati agevolmente a Castrocaro Terme, inizi la caccia alle indicazioni stradali pi antica del castello risalente circa
disposte da Michele, presidente dellassociazione... che ha evidentemente voluto allanno 1000, la guida ci racconta la
testare le nostre doti di chiaroveggenza. prima storia inquietante che il castello
Lardua battuta di caccia al cartello si concluse vittoriosamente e, inoltratomi ha vissuto.
nello stupendo borgo medioevale sottostante al castello, raggiungo finalmente Intorno allanno 1250, una sanguinosa
il punto di raccolta. guerra tra i conti Calcoli di Forl e i
Si passa un po di tempo scambiando quattro chiacchiere con le ormai vecchie conti Pagani di Castrocaro, scosse la
conoscenze mentre si attende che anche i pi ritardatari si uniscano al gruppo, Romagna.
memori dei banchetti che ci avevano accolto le volte precedenti, ci accomodiamo Per porre fine alle ostilit, papa
dunque nel rustico ristorante. Innocenzo VI autorizz il matrimonio
E anche questultimo men, come i precedenti, non ci ha deluso, con una tra due cugini appartenenti alle due
particolare nota di merito per il men vegetariano per coloro che non mangiavano opposte famiglie.
carne, che ha provocato uninvidia non indifferente nei molti onnivori presenti. Margherita, figlia del castellano dei
La cena proseguita tra piacevoli chiacchiere e lottimo vino fino al caff e al conti Pagani, fu promessa sposa ad un
momento della partenza per la visita notturna al castello. Guidone, della famiglia Calboli,
Evidentemente chi ha detto che camminare aiuta la digestione non ha mai informata del suo destino appena due
percorso la strada che conduce al castello di Castrocaro, in cima allimpervia giorni prima delle nozze ed essendo
salita ci attendevano le preparatissime guide. lei innamorata di un altro uomo, decise
La prima tappa del nostro iter allinterno del castello stato subito dentro le di compiere unatto estremo, lascian-
mura, nel cortile antistante il portone dingresso, dove un piccolo forno mostrava dosi cadere dalla cima del mastio, al
tutta la sua antichit, si trattava di una piccola scanalatura nella roccia di epoca di sotto del quale v una profonda
preistorica, questa poi stata riutilizzata come forno in epoca medioevale, tale scarpata.
forno era allaperto ma veniva usato anche in caso di pioggia grazie ad una Alcuni abitanti affermano di sentire
ancora oggi il canto innamorato della
giovane dalla cima del mastio.
Spostandoci ancora una volta allinter-
no delle mura, la guida ci ha fatto
fermare su un piazzale da cui si poteva
facilmente mirare lo stupendo
panorama, ci raccont dunque che il

6 Oltre il Confine n.5 rivista a cura dellAssociazione Culturale Dal Tramonto allAlba
Eventi Culturali

colle che potevamo ammirare dinanzi a noi, aveva il nome di monte birra, questo
nome gli fu dato poich vera una strega nel villaggio di nome Clementina, era
lepoca dellinquisizione e questo le procur una condanna per stregoneria.
La sua veneranda et la salv dal rogo, ma venne comunque cacciata da forl, si
rifugi dunque sul sopraccitato monte, poich il diavolo nel dialetto locale veniva
chiamato brr, le venne dato lappellativo di brra ovvero moglie del
diavolo, e cos anche il mone prese il nome di e mnt dla brra, il monte
della birra.
Nellavvicinarci alla torre delle prigioni, il gruppo si e dovuto dividere, poich
non vera spazio a sufficienza nella torre, ad ospitare il numeroso gruppo di
persone.
Mentre i primi gruppetti scendevano allinterno della torre, il resto delle persone
non hanno avuto modo di annoiarsi, due gruppi storici, gli arceri del gruppo
storico Arcieri Laghesi della succursale di Castel Guelfo e gli armigeri del
gruppo storico Lo Basilisco, hanno infatti dato sfoggio della propria abilit
nelluso della spada e dellarco, lasciando tutti ammirati con la bellezza delle
loro vesti.
Unarciere, probabilmente aiutato dalla Dea bendata, ha addirittura trafitto,
con la precisione che abbiamo potuto ammirare solo nei cartoni animati di
Robin Hood, lasta di sostegno di una fiaccola, chiedendo in seguito a Michele
(presidente dellassociazione Dal Tramonto AllAlba), se fosse possibile tenerla
come trofeo.
Nel frattempo la visita alla torre delle prigioni proseguiva, la preparatissime
guida ci ha illustrato alcune delle temibili torture che i prigionieri di Forl
subivano a suo tempo.
Una tra tutte, era quella che veniva chiamata della preghiera, il prigioniero
veniva fatto inginocchiare davanti ad un muro, il collo vaniva incatenato ad
esso tramite un collare con una catena molto corta e il prigioniero veniva lasciato
li fino a quando le gambe non avrebbero pi retto il peso del corpo e,
accasciandosi, il prigioniero si sarebbe strozzato con il collare.
Unaltra consisteva nel legare i polsi del prigioniero dietro la schiena, questi
poi venivano tirati, con una corda, verso lalto, fino a quando le spalle del
malcapitato non si fossero slogate.
Scendendo ancora allinterno della torre raggiungemmo la base, ove si trovavano
le prigioni, piccoli loculi dove i prigionieri venivano incatenati alle pareti laterali
a braccia aperte rimanendo in ginocchio.
Qui la guida ci raccont di un altro fatto misterioso, la fortezza rimaneva abitata
dai castellani per un certo periodo, questi per venivano cambiati
periodicamente.

7 Oltre il Confine n.5 rivista a cura dellAssociazione Culturale Dal Tramonto allAlba
Eventi Culturali
Durante uno di questi cambi, i precedenti castellani si Tra un bicchiere e laltro di ottimo vino ci siamo infine
dimenticarono di avvertire i loro successori che nelle salutati tutti, chi con la confortevole idea di andare a riposare
prigioni si trovava un uomo. le stanche membra, chi conscio del numero di chilometri
Allarrivo dei successivi castellani, nessuno scopr che che lo attendevano prima di poter raggiungere il letto.
dentro ad una delle celle vera un uomo se non quando
ormai era troppo tardi. Un ringraziamento va ovviamente al consiglio direttivo
Si narra che questo prigioniero dimenticato venga visto dellassociazione Dal Tramonto AllAlba che ha
girovagare per il castello, alcuni muratori, che si trovavano organizzato sin nel dettaglio lintero meeting, ai soci
nel castello in tempi recenti per alcune ristrutturazioni, dellassociazione che hanno contribuito alla realizzazione
cominciarono a coprire le finestre della stanza in cui dellevento ed a tutti i numerosi partecipanti, che questanno
dormivano con dei giornali, chi aveva commissionato i hanno dato il meglio di loro con ben 86 presente.
lavori fu incuriosito da questo comportamento ma subito
pens che questi giornali servissero a non far entrare la
luce del sole nelle prime ore del mattino, un giorno per
decise di chiederne la motivazione e i muratori, un po
imbarazzati, dissero di vedere, durante la notte, una
misteriosa figura che si aggirava nella torre.
La visita poi continuata allinterno di una grotta
precedente al castello, allinterno di questa grotta, furono
trovati numerosi reperti risalenti allera paleolitica.
Si infine visitato il museo del castello, dove ci stato
spiegato, con lausilio di un diorama, come del castello
inizialmente fosse stato costruito solo il mastio e solo in
epoche successive ampliato fino a raggiungere le
dimensioni attuali.
Allinterno del museo erano inoltre visibili numerosi
reperti, scoperti durante le recenti restaurazioni che hanno
dato nuova vita al castello ormai abbandonato da anni,
risalenti per lo pi al tardo medioevo.
La visita si conclusa con la visione di una proiezione
realizzata dalla pro loco del comune di castrocaro, in cui
venivano ricreate le battaglie che hanno scosso la vita del
castello.
Finita la visita ci siamo recati allenoteca interna del
castello, ove si potuto chiacchierare amabilmente con i
partecipanti al meeting, con i molto simpatici membri del
gruppo storico e con i gestori e le guide del castello che ci
hanno consigliato i vini tipici della zona.

Arcieri Laghesi Lo Basilisco

8 Oltre il Confine n.5 rivista a cura dellAssociazione Culturale Dal Tramonto allAlba
Interviste a cura di Stefania Ferrari

Intervista a Massimo Polidoro


intervista a Massimo Polidoro il ricercatore, lo scrittore, luomo

strane, di cose insolite. Lo sono fin da bambino, quindi sono cresciuto seguendo
questa curiosit, per cui...Ho avuto la fortuna di studiare con un grande
indagatore di curiosit come James Randi, poi mi sono laureato in psicologia
proprio perch ero curioso di capire come funzionasse la mente umana e come
fossimo indotti a credere a certe cose. Curioso per quello che non si sa, quindi
una grande passione per lillusionismo e per i giochi di prestigio, come funziona
la magia dei trucchi, fino ad oggi che sono curioso delle cose pi insolite e
bizzarre, persino, appunto, di come sono morti certi vip, e ci scrivo su dei libri,
piuttosto che di gialli del passato.
SF: Quindi Polidoro grazie alla curiosit arriva ad essere ricercatore.
MP: Si, ricercatore: nel senso che mi piace verificare, andare ad indagare, con
gli altri esperti del cicap, ogni volta che c qualcosa che effettivamente sembra
rappresentare un mistero. Insomma attirato sicuramente dai misteri.
SF:e anche scrittore.
MP: Si, perch ormai ho scritto 24 o 25 libri direi...
SF: Quando qualcuno ti chiede che lavoro fai cosa rispondi?
MP: Non facile rispondere. (ride) Se devo dire come mi guadagno da vivere
con la scrittura, quindi con i libri, con gli articoli, perch sono anche giornalista
professionista, e poi per mia fortuna riesco a combinare le mie passioni, una
la scrittura e laltra la curiosit dei misteri: scrivo di questi argomenti e per
scrivere di questi argomenti devo comunque indagare.
Il CICAP unorganizzazione SF: Qualcuno dice indagatore dellincubo, tipo Dylan Dog.
educativa e senza finalit di lucro, MP: (ride) No, pi che incubo sicuramente del mistero. Ho la fortuna di essere
fondata nel 1989 per promuovere caro amico di Tiziano Sclavi, tra laltro anche lui da sempre socio del cicap,
unindagine scientifica e critica sul e...si qualche giornale mi ha chiamato cos, ma non che incontri tanti incubi,
paranormale. diciamo che incontro tante cose insolite, bizzarre, sicuramente.
Questa la prima cosa che si legge nel SF: Nel 2004 nasce a Milano il Corso Universitario di Psicologia dellInsolito,
sito del Cicap, il comitato italiano per dove tu sei professore. Di cosa si tratta?
il controllo delle affermazioni sul MP: Si sono il docente del primo corso di questo tipo universitario. E un corso
paranormale, ma cosa significano di quelli complementari, che gli studenti possono scegliere, ed evidentemente
veramente queste parole? incuriosisce tanto, perch ogni volta ci sono 100-200 ragazzi che vengono a
Per capirlo, e per conoscere anche il seguire il corso e poi me ne ritrovo pi del doppio a fare lesame ad ogni
lato umano del Cicap, ho intervistato appello...e correggo tutti i compiti a mano, uno per uno (ride) . Per sono molto
Massimo Polidoro, cofondatore, felice dallentusiasmo che dimostrano, perch gli argomenti ovviamente
assieme a Piero Angela, e segretario incuriosiscono tutti a psicologia, dove questo corso si tiene. Evidentemente
nazionale del comitato, approfittando non cera abbastanza attenzione per questi argomenti, che magari erano
della sua presenza nella mia citt per considerati frivoli piuttosto che poco accademici, invece a uno che deve fare lo
la presentazione del suo libro Il psicologo, a una persona che vuole avere una formazione completa, magari gli
profeta del Reich. utile avere uninfarinatura anche di questi argomenti.
SF: Di quante ore fatta la tua giornata? Perch sei scrittore, ricercatore,
Stefania Ferrari: Cominciamo con professore...
una domanda un po sul banale: chi MP: (ride) Eh...ne servirebbero un po di pi a dire la verit: devo lasciare
Massimo Polidoro? indietro un po di cose.
Massimo Polidoro: (ride) Sono SF: Leggevo sul tuo sito, sempre a proposito di questo corso, che praticate il
io...piacere! Massimo Polidoro una metodo scientifico nelle vostre ricerche. Ecco, come applicare il metodo
persona curiosa, molto curiosa, di cose scientifico in una scienza dellignoto?

9 Oltre il Confine n.5 rivista a cura dellAssociazione Culturale Dal Tramonto allAlba
Interviste
MP: Tutto dipende da cosa si vuole indagare. Se si e la caratteristica fondamentale che non riescono mai, le
vogliono indagare delle ipotesi, delle interpretazioni, psudoscienze, a dimostrare le cose che affermano, in
molto difficile farlo. Se, per fare un esempio, c un condizioni controllate.
avvistamento di qualcosa che vola in cielo, ed una persona SF: Cio non vogliono?
sostiene: Ecco quella sicuramente unastronave che MP: Loro un po dicono che non vogliono, ma ogni volta
proviene dalla galassia xy, perch le luci dellastronave che si cerca di metterli alla prova ripetendo gli esperimenti
erano rosso verde e giallo, percui io so. Qui molto che fanno loro non si ottengono gli stessi risultati. Allora
difficile riuscire a fare una verifica seria se questa viene loro ti dicono: Voi non li ottenete perch non siete
dalla galassia xy. La verifica di tipo scientifico abbastanza ricettivi piuttosto che non siete abbastanza
presupporrebbe di cercare di capire che cosa pu essere intelligenti o non siete abbastanza francesi, a seconda della
passato nel cielo in quel momento, quindi andare a sentire pseudoscienza in questione, ma la scienza non funziona
lareuonautica, piuttosto che i meteorologi per sapere se cos! Se io prendo il composto xy, lo metto in una provetta
cerano dei palloni sonda, piuttosto che se altri hanno visto, e lo mescolo con una sostanza di cloruro, ottengo una cosa,
hanno filmato, se ci sono delle foto, dei documenti che si che sia in Cina, che sia in Italia che sia su una montagna, il
possono esaminare. Non sempre...anzi difficle che si risultato sempre quello, che sia simpatico che sia francese
riesca a trovare qualche elemento che faccia capire che o no il risultato sempre quello, se invece in una disciplina
cosa ha causato lavvistamento. Per, arrivare subito alla le cose funzionano solo per te e per chi decidi tu...insomma
conclusione che, siccome non sappiamo esattamente cosa una fede pi che altro.
passato di l, si trattava proprio dellastronave della SF: Un esempio di pseudoscienza?
galassia xy, forse un passo un po troppo lungo. MP: Oh...cera per esempio lacqua con la memoria. Si
SF: E magari non proprio lastronave della galassia xy, raccontava che lacqua possedesse una memoria, solo che
ma semplicemente un alieno? solo un laboratorio riusciva ad ottenere questi risultati.
MP: Pu benissimo darsi, per un ipotesi che Quando si scoperto che solo una persona riusciva da
bisognerebbe confrontare.... ottenere questi risultati, cio che quando andava in ferie
SF: Tutti i casi che voi avete studiato riguardanti UFO, questa persona gli esperimenti non funzionavano pi, alla
oggetti non identificati, hanno avuto una risposta negativa? fine osservando un po pi attentamente si scoperto che
MP: Per quanto riguarda gli UFO ci sono altri che fanno barava. Questo un esempio o se no lastrologia unaltra
questo lavoro in maniera anche molto pi accurata e pseudoscienza: sembra funzionare ma ogni volta che si fa
sistematica di quello che potremmo fare noi, come per una verifica, una prova, ogni volta che si mettono alla prova
esempio il CISU, il centro italiano studi ufologici, che le affermazioni specifiche dellastrologia, linlflusso etc.,
sono persone serie e seguono il fenomeno in maniera seria. per esempio fornendo degli oroscopi nascosti a persone a
Le loro conclusioni sono che, nonostante si definiscano cui stato fatto e dicendo, qual il vostro tra questi cinque,
ufologi, non hanno ancora le prove di un avvistamento non si trova pi nessuna corrispondenza.
alieno che si possa dimostrare essere. Noi ci siamo occupati SF: Quindi secondo voi non esistono astrologi seri?
di pochi casi, di quelli pi eclatanti, tipo autopsie di alieni MP: No, no, gli astrologi seri esitono nel senso che loro
che hanno fatto parlare i giornali...che poi venuto fuori fanno seriamente quello che ritengono essere un lavoro serio.
che era tutto una montatura, come noi avevamo ipotizzato. SF: ma secondo voi non lo .
Quindi sono cose che ci interessano in maniera pi MP: No, non questione di seriet. La questione funziona
marginale. Ripeto, a noi piace mettere le mani su quello o non funziona. Non c nessun influsso dei pianeti, per la
in cui indaghiamo e non ci spingiamo a dare spiegazioni posizione dei pianeti, che alteri la personalit, non mai
su quello a cui non abbiamo potuto indagare. stato dimostrato da nessuno. E unidea che andava bene
SF: Sempre nellambito di questo corso universitario, lei tre mila anni fa, quando stata inventata lastrologia e si
parla di pseudoscienza: cos la pseudoscienza? immaginava che nel cielo si fossero gli dei e quindi la
MP: La pseudoscienza un qualcosa che si traveste da posizione degli astri, che erano gli dei, influiva sulla vita
scienza, cio ne usa magari il linguaggio, ma che manca delluomo. Ma quando arrivato Galileo e si visto che
delle caratteristiche che la fanno riconoscere come tale. non ruota tutto attorno alla terra,che non il centro
Di solito c un personaggio che calamita un po tutta delluniverso ma che solo un pianetino perso in una miriade
lattenzione, quello che sa come funziona questa nuova di galassie dove ce ne sono miliardi come la terra, si capito
disciplina. Gli altri suoi discepoli non che sappiano che forse non eravamo pi cos tanto importanti che tutto ci
proprio tutto, bisogna in qualche modo fidarsi di lui che girava intorno e quindi gli astri dovevano rispondere alla
tra laltro non pubblica i risultati, come fanno tutti gli nostra vita. Lastrologia rimasta sempre la stessa non
scienziati nelle riviste scientifiche o nei convegni, perch mai cambiata da tre mila anni a questa parte, con le
ha paura che gli rubino le idee piuttosto che si sente convizioni che cerano allora mantenendole buone ancora
boicottato dal mondo accademico perch ce lhanno con adesso nonostante si sappia che non abbiano pi nessun
lui, perch lui il pi grande scienziato del valore.
mondo...Insomma ci sono delle caratteristiche che si SF: Allora per lastronomia e lastrologia erano la stessa
ripetono e si ritrovano in tutte le cosiddette psuedoscienze, cosa.

10 Oltre il Confine n.5 rivista a cura dellAssociazione Culturale Dal Tramonto allAlba
Interviste
MP: Esattamente! Poi lastronomia si evoluta, ha capito magari non gli sembra nemmeno di dare una falsa notizia,
che per evolversi doveva verificare le proprie affermazioni perch in questo campo difficileCio se uno dicesse:
quindi costruirle su prove concrete. Lastronomia ha fatto Garibaldi era un ballerina del talk show. Tutti diranno:
passi avanti e ci ha permesso di capire com fatto il nostro Sei un pazzo, ma cosa scrivi su sto giornale.
sistema solare, ha permesso luomo di andare nello spazio, Ma se uno dice che dalle mani escono protoni piuttosto che
di cercare di capire se esiste vita su altri pianeti; lastrologia chiss cosaltro, siccome la maggior parte delle persone sa
ancora quella di tre mila anni fa, fa previsioni ben poco di scienza, una cosa che passa senza che nessuno
inverificabili o comunque varie, ambigue, in maniera che se ne accorga
vanno bene un po per tutti e ognuno poi magari si SF: Sfruttano un po lignoranza della massa insomma
riconosce anche in queste descrizioni. quindi?
SF: Che cos secondo te il paranormale? MP: Certo, certo, senzaltro.
MP: Come dicevo prima tutto quello.dovrebbe essere SF: Il sogno nel cassetto di Massimo Polidoro.
tutto quello che va contro il normale o comunque che MP: A parte trovare un autentico fenomeno paranormale
sovverte qualche legge naturale no? Il poter spostare un SF: e vincere il premio di James Randi
oggetto con la forza del pensiero, una cosa che, se fosse MP: e vincere il premio di James Randi (ride) , o vedere
possibile, andrebbe contro quello che noi sappiamo del un fantasma insomma avere una prova di questo tipo
funzionamento della mente, del funzionamento delle forze. sarebbe la cosa pi straordinariabonon sapreipoter
Perch necessario una forza che spinga qualcosa perch incontrare Houdini ormai troppo tardi
si muova, non basta pensare che si muove no? Oppure SF: Be si potrebbe associare con il vedere un fantasma
trasmettere un pensieroanche qui, su che canale? Con MP: (ride) Esatto, due cose in una sarebbe straordinario!
che cosa lo si trasmette? Etc etc Quindi queste cose Ba, no, semplicemente riuscire sempre a mantenere la
se fossero dimostrate si potrebbero definire paranormali. curiosit verso linsolito e riuscire a stupirmi di fronte a
SF: Secondo te, il paranormale, una cosa pericolosa quelle che sono magari le vere meraviglie della natura e del
solo psicologicamente? mondo che ci circonda, perch ce ne sono tantissime di cose
MP: No, no, non pericoloso. e di non inaridirmi, non inaridirmi mai dopo averne viste
E pericoloso se vuoi il pensiero magico: cio pensare che tante e pensare che non ne valga pi la pena di perdere tempo
i problemi che una persona pu avere nella vita si possono dietro a queste cose. Ma ripeto: essendo un appassionato
risolvere con un colpo di bacchetta, che ci sia qualcuno del mistero, non penso di correre questo rischio.
che ha la bacchetta magica, basta che tu ti rivolga alla SF: Passiamo ad una domanda un po pi personale: tu sei
persona giusta e questa te li risolvequesto un po religioso?
pericoloso pensarlo, soprattutto perch non vivi la tua vita MP: Direi che sono stato cresciuto, come tutti in Italia credo,
ma la affidi a qualcun altro. Studiare il paranormale, quasi tutti insomma, con una certa formazione religiosa, poi
studiarlo per cercare di capire se esistono facolt crescendo chiudiamo mi sa ora di chiudere (ebbene
paranormali come la telepatia, come la psicocinesi, con si, ci stavano sbattendo fuori dalla biblioteca in cui ci
approccio scientifico naturalmente, una cosaquello trovavamo NdR) meriterebbe un po pi di tempo una
che facciano anche noi in sostanza. Alla fine ci potremmo risposta di questo tipo ma ti posso dire che appunto sono
definire parapsicologi perch anche noi cerchiamo di stato cresciuto cos, ma ad un certo punto non ho pi
verificaree se lo trovassimo non che saremmo mantenuto
delusioh abbiamo scoperto che si pu leggere nel SF: Perch scienza e religione non hanno mai avuto un buon
pensione..ragazzi, adesso come facciamo?. Sarebbe la rapporto.
cosa pi MP: Noanche se ci sono, anche nel cicap, persone che
SF: Randi dovrebbe pagare. sono religiose, scienziati che sono religiosi. Per non
MP: (ride) Randi dovrebbe pagare, ma non solo, premio mescolano le due cose, come invece fa Zichichi per esempio.
Nobel garantito per tutti, e rimaniamo nella storia della Lui uno di quelli che le mescola, che pensa che le due
scienza, sicuramente sarebbe un enorme scoperta. cose vadano insieme, mentre uno pu essere scienziato e
SF: Cosa ne pensi di come i media affrontano il religioso e mantenere le due cose separate Ma forse io non
paranormale? lo sono nemmeno perchnon perch io pretenda di dire
MP: Ma, penso che lo affrontino in maniera del tutto che non esiste Dio, non esiste altro, ma per umilt, nel senso
sensazionalistica, senza approfondire le cose, e cercando che io non ho nessuna capacit ne possibilit di saperese
semplicemente di fare notizia, quindi sparando le cose esiste o non esiste. Certe persone hanno la fede che gli fa
sempre pi grosse senza fare una verifica come dovrebbero pensare che esiste, vivono benissimo cos: io non ho questa
fare. Per questo poi nato il cicap: per fare quella verifica fede, quindi so di non potere dare risposte di questo tipo.
che non viene fatta in certi programmi, in certe Cerco di vivere una vita pi possibile retta e corretta anche
trasmissioni. Io capisco che a chi lavora magari in se non c un dio che mi dice che se non faccio il bravo
televisione o scrive in certi giornali o certi libri, la cosa vado allinferno e quindi cerco di fare il meglio che posso
che interessa vendere e lo fa in tutti i modi che ritiene in questa vita pensando che quando poi non ci sar pi le
opportuni, e quindi anche sparandola un po grossa; o cose potranno anche finire. Se poi non finiranno e scopriremo

11 Oltre il Confine n.5 rivista a cura dellAssociazione Culturale Dal Tramonto allAlba
Interviste
che di l c Houdini che mi aspetta per raccontarmi che, come dire, usino queste pratiche per mantenere viva
tutta la sua vita, sar ancora pi felice. (ride) questapi di una speranza. Per il problema tante volte, se
SF: Nellambito delle persone che si interessano del vogliamo trovarlo un problema, che in questo modo non si
paranormale, il Cicap visto pi che altro, come supera mai il lutto per la perdita, per cui si rimane bloccati in
scettico e anche come bastian contrario. Cosa ne quella fase del dramma terribile di aver perso qualcuno, e di
pensate? non riuscire da accettare che quella persona non c pi. E
MP: Purtroppo una convinzione ancora diffusa quindi in questi casi noi ci troviamo in situazioni veramente
nonostante da tanti anni ormai abbiamo cercato di drammatiche, noi non ci permettiamo nemmeno di cercare di
dimostrare che non cos. Nel senso che a noi non spiegare alla persona che forse quelle che lui sta registrando
interessa essere bastian contrari: cio una perdita di sono interferenze, che forse se usasse un registratore pi
tempo, perch star li semplicemente a dire il contrario schermato non le avrebbe pi. Anche perch ce lo dicono: Io
di quello che dice qualcun altro? Ma chi se ne importa! ho provato ad usare un registratore pi moderno, ma non
Cio ci sono cose molto pi interessanti da fare nella riuscivo pi a captare le voci per cui uso quello vecchio di mio
vita. Noi, ripeto, siamo curiosi e ci piace capire come nonno. E quindi se ne rendono conto no? Che se usassero un
funziona il mondo, come funziona la mente umana e minimo di controllo il fenomeno scompare. Per non giungono
per farlo cerchiamo di fare delle indagini pi complete alla conclusione, ma semplicemente dicono: Preferisco
e serie possibili, dove riusciamo a farle, e quando comera prima perch cos parlo ancora con chi non c pi.
riusciamo a raggiungere un risultato, ad avere una SF: Per concludere posso proporre un piccolo gioco, visto che
conclusione, cerchiamo di renderla nota e di lei laureato in psicologia? Io le dico una parola e lei mi dice
diffonderla. Io mi rendo conto che tanti dicono che la prima cosa che le viene in mente.
noi siamo bastian contrari proprio perch non fanno MP:Va bene.
nemmeno lo sforzo di leggere le cose che noi SF: Esoterismo.
scriviamo, le ricerche che facciamo, o perch magari MP: Tarocchi.
le hanno lette e non riescono a trovare niente di SF: Fenomeni extrasensoriali.
oggettivo da controbattere, per cui molto pi semplice MP: Telepatia.
dire che siamo dei chiusi di mente che non invece SF: Miracolo.
affrontare le obbiezioni che magari solleviamo. MP: San Gennaro.
SF: Voi mi sembra che abbiate anche una linea SF: Magia.
telefonica contro i ciarlatani MP: Houdini.
MP: No, c un telefono antiplagio, ma non ha niente SF: Ciarlatano.
a che fare con il Cicap. Noi purtroppo non potremmo MP: MmmPotrei dire dei nomi specifici ma meglio di
proprio, nel senso che siamo pochi volontari e non c nommm Diciamo Cagliostro, cos non mi querela. (ride)
nessuno che potrebbe stare tutto il giorno a prendere SF: Coincidenza.
telefonate. MP: Significativa.
SF: Questo numero verde si occupa dei vari casi Wanna SF: Occultismo.
Marchi, giustamente, perch si rifanno su chi magari MP: Nero. E la prima cosa che mi viene in mente.
sta soffrendo etcper ci sono molte persone che per SF: Strega.
esempio fanno le carte, o cose del genere, senza MP: Cambia colore (ride) Mi viene in mente Dario Argento.
chiedere un soldo, senza chiedere niente. Come per SF: Fantasma.
esempio i coniugi Desideri, non so se li conosce, che MP: Oscar Wilde.
si occupano di metafonia anche loro senza chiedere SF: Alieno.
un soldoEcco di queste persone cosa ne pensate? MP: E.t.
MP: Le persone che incontriamo noi sono 99 su 100 SF: Abduction.
in buona fede: sono persone che sinceramente credono MP: Hopkins (Budd Hopkins, pioniere della ricerca
in quello che fanno, e lo fanno appunto senza chiedere dullabduction. NdR)
soldi e senza chiedere niente. Ognuno ha le sue SF: Parapsicologia.
motivazioni, nel caso della metafonia, della psicofonia, MP: Una cosa sola pu essere no? Carte Zener.
quello che abbiamo visto e che si ripete ogni volta, SF: Metafisica.
che si tratta di persone che solitamente hanno perso MP: Speranza.
qualcuno di caro, quasi sempre un figlio, ed una cosa SF: Wicca.
difficile da accettare naturalmente, e trovano in questa MP: Streghe.
tecnica chepoi va be adesso non vado nel dettaglio SF: Cicap.
di come mai funziona, ma si pu trovare anche sul MP: Curiosi.
sitoPerch gli da, come dicevo prima, una sorta di SF: Grazie della disponibilit.
conforto, gli fa pensare che la persona scomparsa, il MP: Grazie a te.
figlio scomparso, ancora in qualche modo con loro,
ancora gli parla, ancora gli vicino. E quindi io capisco

12 Oltre il Confine n.5 rivista a cura dellAssociazione Culturale Dal Tramonto allAlba
Approfondimenti a cura di Stefani
a cura Ferrari
di Paolo Poli

Manuale del buon


Investigatore di Misteri
In allegato alla rivista
Questa stesura, che si presenta come riassunto delle operazioni preliminari allo inoltre una natura intelligente o meno,
studio vero e proprio da effettuarsi nei luoghi ritenuti sede di attivit e presentarsi pi facilmente a date fisse
paranormale, si prefigge lo scopo di produrre una serie di considerazioni a oppure in momenti per nulla
carattere generale e non particolare sulle norme, procedure ed attenzioni che prevedibili.
ogni indagatore del mistero sempre bene tenga a mente, poich dalla profondit
della sua indagine dipender la qualit dei risultati prodotti nella ricerca e, a Una cosa importante che qui si rimarca
lato di ci, la sua sicurezza durante i sopralluoghi possa essere garantita senza per chi iniziasse a studiare questo
compromessi. A seguito, in modo ordinato si passeranno in rassegna diverse campo la seguente : le considerazioni
considerazioni che potranno aggiornarsi a seconda dei casi e delle evenienze, su tali fenomeni, non traggono il loro
tenendo conto del fatto che ogni luogo in s unico e recante caratteristiche tessuto da film, racconti romanzati,
costruttive o paesaggistiche diverse da altri che eventualmente si sian visitati leggende o miti, bens, da ci che la
precedentemente. ricerca medianica e parapsicologica ci
ha fin oggi fornito, con analisi sul
C osa si intende, propriamente, per Luogo Infestato , Luogo Stregato , o campo, esperimenti scientifici, prove
Luogo Visitato ? Con questi termini, si identifica da vicino una ubicazione ed altre analisi statistiche / strumentali
dove si manifesta, con regolarit periodica o solo in qualche rara occasione, che negli anni hanno potuto dar la
una o pi manifestazioni spontanee di fenomeni paranormali di vario genere, possibilit di stendere importanti
che possono interessare un dato spazio aperto o chiuso, abitato o disabitato, considerazioni per una prima
antico o moderno ; se gli accadimenti riguardano un abitato, possono sorgere valutazione dei fenomeni osservati.
in vari punti della sua pianta generale o anche solo in date sezioni particolari di Dunque, come sopra detto, i film non
essa. Durante questi fenomeni, nel luogo possono esserci presenti o meno delle hanno che ripreso e spesso stravolto il
persone, siano esse inquilini, ricercatori, sensitivi e medium o gente senza doti significato di questi studi, e, da ci, un
metapsichiche. Rilevamenti di parametri ambientali effettuati con centraline e ricercatore che si dica tale non si
videocamere hanno infatti accertato e dimostrato come, seppur assenti le avvarr certo delle idee che la
persone, il prodursi dei fenomeni in tali luoghi non cessa e che sia il luogo filmografia fantascientifica od
detto infestato ad essere il centro degli eventi a carattere paranormale, non horrorifica ha prodotto in questi anni,
dunque esso presentarsi solo come bersaglio verso cui unazione ma, bens, di ci che la parapsicologia
psicocinetica o fenomenologica anomala di altro genere scagliata per e lo studio sulla medianit ci ha
partecipazione di cause esterne su esso 1. Nella fenomenologia che pu prodursi, permesso di scoprire : questo, per non
gli accadimenti sono quanto mai vari : apparizioni di fantasmi diafani o di pi incorrere in atteggiamenti ed azzardi
alta densit fisica, movimenti spontanei di oggetti, sparizioni e ricomparse di che nulla hanno a che fare con la
artefatti, voci, rumori, colpi, fruscii, sferragliamenti, gemiti, risate, urli, frasi o ricerca propriamente detta...continua
canti scaturenti dal nulla, repentini sbalzi nella tensione della corrente elettrica nel manuale allegato.
o nelle temperature, folate di aria gelida, odori di fiori od altri profumi a cui
non si trova spiegazione naturale, incendi spontanei, fenomeni di produzione
di liquidi dai muri, immagini e scritte che si originano sulle pareti e cos via. A
volte si tratta di un solo fenomeno reiterato che si presenta regolarmente, in
altri casi si produce quasi tutta la gamma qui descritta al contempo. Scaricalo subito!!!
Tale fenomenologia, per sua natura molto vicina a quella detta Poltergeist ,
tuttavia la differenza consiste nel fatto che mentre lInfestazione ambientale
originata da un quid che nel luogo sosta e produce i fenomeni, nel Poltergeist
una persona, e non un luogo, che viene interessata da tali accadimenti, e dunque
Qui, un breve articolo di un quotidiano, riportante la fotografia del primo crop apparso a
tale persona, inconsapevolmente, a trascinarli con s ovunque essa vada. Tali
Fontanafredda.
eventi, che generalmente non si possono fermare o controllare, possono avere
13 Oltre il Confine n.5 rivista a cura dellAssociazione Culturale Dal Tramonto allAlba
14 Oltre il Confine n.5 rivista a cura dellAssociazione Culturale Dal Tramonto allAlba