Sei sulla pagina 1di 42

Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale

Introduzione allaeronautica e al volo spaziale


Leggi di Newton

Principia
Mathematica, 1687

Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 2


Leggi di Newton

Prima legge: Ogni oggetto, in un sistema di riferimento assoluto,


soggetto ad una azione fisica esterna netta pari a zero o fermo o si
muove di moto rettilineo uniforme (velocit costante);

Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 3


Leggi di Newton

Seconda legge o legge fondamentale della Dinamica: la somma


delle forze applicate ad un corpo e la sua accelerazione sono
proporzionali e il coefficiente di proporzionalit la massa

Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 4


Leggi di Newton

Terza legge (azione e reazione): ad ogni azione corrisponde una


reazione uguale e contraria

Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 5


Definizione di Aeromobile

Aeromobile: una macchina


capace di sostenersi
nellatmosfera e avente lo scopo
di trasportare un carico pagante

Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 6


Definizione di aeromobile

Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 7


Aeromobili

Ambiente Portanza
operativo

Resistenza
Trazione

Peso
Aerodinamica
Portanza e
Propulsione
Resistenza Trazione

Meccanica del
volo
Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 8
Aeromobili

Ambiente
operativo

Aerodinamica
Portanza e
Propulsione
Resistenza Trazione

Dovremo considerare
Meccanica del laeromobile non pi come
volo un punto ma come un corpo
rigido
Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 9
Aeromobili

Avionica e
Strutture
Impianti
Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 10
STORIA DELLINGEGNERIA
AEROSPAZIALE

Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 11


Primi studi: Leonardo da Vinci

Primi tentativi ispirati tutti al volo degli


uccelli e alla loro imitazione

Studi di Leonardo sul volo della fine del


XV secolo. Dal codice sul volo degli
Uccelli
Un uccello uno strumento che lavora in
accordo con delle leggi matematiche, uno
strumento che nelle capacit delluomo
poter riprodurre in tutti i suoi movimenti

I primi studi riguardano gli Ornitotteri,


macchine che emulano il volo degli
uccelli in cui le ali svolgono il doppio
ruolo di generare la sostentazione e la
propulsione

Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 12


Leonardo da Vinci (2)

Comprende limportanza di
studiare le leggi che regolano I
comportamenti dei fluidi
Gli stumenti matematici
dellepoca non sono adeguati

I suoi progetti spaziano in diversi


campi
Il paracadute
Il rotore

Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 13


Macchine aerostatiche

Fratelli Mongolfier, 1783


Pallone aerostatico ad aria
calda 15 m di diametro pilotato
da Piltre de Rozier
Sostentazione sfruttando il
principio di Archimede con
gas pi leggero dellaria
Mancanza di propulsione e
controllo direzionale

Due anni dopo Piltre de Rozier


muore cercando di combinare
idrogeno e aria calda in una
mongolfiera!!

Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 14


Dirigibili

Molti anni dopo lo sviluppo dei


dirigibili permette di aggiungere
propulsione e controllo direzionale
alle mongolfiere

Forlanini
F1 Leonardo da Vinci

Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 15


Sir George Cayley (1773 1857)

Si interessa delle forze sostentatrici


aerodinamiche in un periodo in cui tutti
cercano di comprendere la resistenza
(paradosso di DAlambert)

Studi sperimentali su un braccio rotante


Una superficie piana inclinata con
un certo angolo genera una forza Whirling arm
sostentatrice
Se la superifice curva la forza
sviluppata maggiore

Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 16


Sir George Cayley (1773 1857)

Importanza di separare la sostentazione dalla propulsione


Separazione delle forze aerodinamiche in Resistenza, nella
direzione del vento, e Portanza perpendicolare al vento
Necessit di superfici aerodinamiche per la stabilizzazione e il
controllo del veicolo

Von Karman: i principi del funzionamento dellaeroplano rigido cos


come lo conosciamo sono stati enunciati da Cayley

Disco di argento con


incisione di G. Cayley 1799

Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 17


Sir George Cayley (1773 1857)

Studio di un velivolo completo


1. Ala principale con incidenza per la
portanza e angolo diedro per la stabilit
laterale
2. Una coda regolabile per la stabilit
longitudinale e direzionale
3. Equilibratori e timone governabili dal pilota
4. Una fusoliera con il posto del pilota e un
carrello di atterraggio

Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 18


Otto Lilienthal (1848-1896)

Ingegnere meccanico scrive un testo sullo


studio dellaerodinamica del volo degli uccelli
Studia il comportamento di profili alari curvi
utilizzando un braccio rotante
Scopre che battere le ali serve alla
propulsione e non alla sostentazione
Postula la necessit di sperimentare il volo
senza propulsione per comprendere il
comportamento della macchina e le
tecniche di guida
Controllo del velivolo ottenuto attraverso lo
spostamento del peso
Compie pi di 2500 voli (muore durante uno di
essi)

Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 19


Samuel Langley (18341906)

Studioso dellaerodinamica sperimentale


Inizia a progettare velivoli con
propulsione a vapore
Compie un volo nel 1896 di 80s in
cui guadagna un po di quota
Riconosce la superiorit del motore a Aerodrome 5
scoppio: miglior rapporto peso
potenza
Motore Manley radiale (32kW) per
un biplano bi-elica: volo 7 Ottobre
1903
Aerodrome 7

Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 20


Fratelli Wright

Wilbur and
Orville Wright

I am an enthusiast, but not a crank in the sense that I have some pet theories as
to the proper construction of a flying machine. I wish to avail myself of all that is
already known and then if possible add my mite to help on the future worker who
will attain final success Wilbur Wright 1899

Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 21


Fratelli Wright: primi studi con gli alianti

Approccio progettuale al problema del volo:


Studio accurato di quanto realizzato prima
di loro (Lilienthal, Langley)
Studio del volo degli uccelli: controllo della
stabilit laterale attraverso la torsione
delle ali
Nuova idea per il controllo: invece dello
spostamento del peso la torsione delle ali
Sperimentazione dellidea prima con un
aliante senza pilota e poi con pilota

Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 22


Fratelli Wright: Errori nei dati di Lilienthal?

Le forse portanti previste utilizzando le


curve di Lilienthal sono molto superiori a
quelle reali!!

Errori dovuti al semplice riutilizzo di risultati


sperimentali per un certo profilo e pianta
alare a delle geometrie diverse.

La mancanza di una solida


teoria che spieghi i risultati
sperimentali li rende poco
maneggiabili

Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 23


Fratelli Wright: sperimentazione aerodinamica

Sperimentazione aerodinamica per


sopperire alla assenza di teoria per
studiare il comportamento dei
profili alari da loro utilizzati

Costruzione di una galleria a vento


e di una bilancia per misurare le
forze sviluppate dai profili
Pi di 200 profili provati in galleria
Costruzione di un terzo aliante
prevedendo le prestazioni sulla
base dei dati acquisiti

Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 24


Fratelli Wright: importanza del controllo

Terzo aliante:
uso di un timone di direzione
mobile sulla coda;
In volo in virata il velivolo non si
mantiene su una traiettoria
circolare
Soluzione: torsione dellala
connessa alla rotazione del
timone per realizzare una virata
corretta!!
Sviluppo del motore a scoppio
Wright avente un rapporto
peso/potenza sufficiente, e
dellelica
Wright Flyer I: 2 eliche spingenti
collegate con una catena ai
motori
Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 25
Primo volo di un velivolo motorizzato

17 Dicembre 1903, Kitty Hawk, North Carolina

Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 26


Fratelli Wright: parti di un aeroplano

Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 27


Parti di un aeroplano

Wing Ala
Horizontal Stabilizer Stabilizzatore
Elevator Equilibratore
Vertical Stabilizer Deriva
Rudder Timone
Nacelle Gondola motore
Aileron Alettoni
Fuselage Fusoliera
Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 28
Fratelli Wright: primo velivolo di produzione

Wright Flyer III (1905)


primo aereo effettivo motorizzato
capace di:
decollare e atterrare ripetutamente
manovrare, virare, inclinarsi
rimanere sollevato in volo in
maniera affidabile per pi di
mezzora

Acquisiscono elevate capacit di pilotaggio: imparano


a conoscere il fenomeno dello stallo e a reagire ad
esso correttamente.
Il loro velivolo instabile longitudinalmente: difficile
pilotare per chi non ha elevata esperienza.
Wilbur nel 1908 svolge dei voli dimostrativi in Francia.
Configurazioni pi stabili in Europa hanno subito Bleriot XI Cross-channel
maggior successo. Levavasseur Antoinette IV
Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 29
I velivoli della I Guerra Mondiale

La Prima Guerra mondiale promuove


fortemente lo sviluppo degli aeroplani in UK,
Francia e Germania.

Il biplano rimane la configurazione che


incontra il maggior favore

Forte spinta allo sviluppo di profili pi


efficienti in Germania Gttingen (miglior
rapporto Portanza/Resistenza).

Bcherau costruisce nel 1912 la prima


fusoliera con il rivestimento colaborante alla
resistenza strutturale (semi-)monocoque o
(semi-) guscio

Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 30


Sviluppi fra le due guerre

Applicazione delle conoscenze teoriche


acquisite nello studio dellaerodinamica:
maggior efficienza aerodinamica delle
fusoliere
passaggio a velivoli monoplani per
ridurre la resistenza aerodinamica
Conformazione delle ali per ridurre la
resistenza aerodinamica
Sviluppo di strutture metalliche a semi-
guscio per sopportare maggiori carichi
aerodinamici dovuti allincremento di
velocit

Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 31


Sviluppo della aviazione commerciale

Sviluppo di aeroplani da trasporto Junkers F13 monoplano


partendo da bombardieri modificati
Puntare su affidabilit, sicurezza,
comfort
Il salto di qualit avviene con il
velivoli della Douglas, di cui il DC3
Fokker F18
il pi famoso

28 pax.
Monoplano, struttura a semi-guscio
di leghe leggere di alluminio
Carrello di atterragi retarattile
Flap retrattili
290 km/h
Junker Ju52 (1932)
3225 km di autonomia 17pax
+11000 velivoli prodotti
Douglas DC3

Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 32


La II guerra mondiale e le nuove tecnologie

Forte spinta allo sviluppo della tecnologia


P51 Mustang
aeronautica
Ricerca di velocit di punta sempre
maggiori: orth Americal P51 Mustang
(703 km/h)
Sviluppo della motorizzazione a getto,
Henkel He 178 (1939)
Sviluppo del motore a razzo per le V-2
Henkel He 178

Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 33


Sviluppi dopo la II Guerra Mondiale

F86 Sabre B1-B

F16

B2

Velocit di punta superiori a Mach 2


Agilit estrema e controllo attivo
Geometrie variabili
Bassa visibilit radar

Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 34


Sviluppi aviazione civile dopo la II Guerra
Mondiale

DH106 Comet Series 1

Velivoli a getto per il trasporto


passeggeri:
Veloci
Meno rumorosi
Pi conofrotevoli
Douglas DC8

Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 35


Sviluppi dellaviazione civile

Wide bodies Boeing 747

Innovazioni Airbus Airbus A320

Widebody con 2 motori


Migliore aerodinamica
Widebody con 2 piloti
Fly-by-wire

Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 36


La conquista dello spazio: satelliti

Skylab

Sputnik

Costellazione GPS

Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 37


La conquista dello spazio (2)

Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 38


Il futuro dellaeronautica

Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 39


Il futuro del trasporto aereo

Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 40


Alcuni riferimenti web

http://www.lilienthal-museum.de/olma/intro.htm
http://history.nasa.gov/
http://www.ctie.monash.edu.au/hargrave/pioneers.html

http://www.acare4europe.com/sites/acare4europe.org/files/document/Flig
htpath2050_Final.pdf
http://www.boeing.com/boeing/commercial/cmo/market_developments.p
age?
http://www.airbus.com/company/market/forecast/

Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 41


DOMANDE?

Istituzioni di Ingegneria Aerospaziale Giuseppe Quaranta 42