Sei sulla pagina 1di 305
www KAYAK TREKKING it INDICE 2

www KAYAKTREKKING it

www KAYAK TREKKING it INDICE 2
www KAYAK TREKKING it a Yang INDICE 3

www KAYAKTREKKING it

a Yang

Questo libro è il racconto dell'av- ventura fatta nell'estate 2014. È il diario di viaggio del periplo della Corsica a bordo di un kayak. È la realizzazione di un ancestrale so- gno di libertà. A raccontarlo, oltre le parole, ci sono centinaia di fo- tografie scattate da terra e da mare ai luoghi più belli dell'isola francese

fo- tografie scattate da terra e da mare ai luoghi più belli dell'isola francese www KAYAK

www KAYAKTREKKING it

Copyright © Marco Garbetta 2016 Quarta edizione

Copyright © Marco Garbetta 2016 Quarta edizione www KAYAK TREKKING it INDICE 5

www KAYAKTREKKING it

INDICE

1 AGOSTO: LO SPETTACOLO DI CALVI

133

2 AGOSTO: ATTERRAGGIO NOTTURNO ALLA SCANDOLA

INDICE

6

149

CHI SONO

7

3 AGOSTO: USCITA DALLA SCANDOLA

173

PREPARAZIONE AL VIAGGIO: IL NUOVO KAYAK

11

4 AGOSTO: CACCIA AL FALCO PESCATORE

189

PREPARAZIONE AL VIAGGIO: IL CORSO DI SICUREZZA

17

5 AGOSTO: LE SANGUINARIE

204

 

6 AGOSTO: LA DISAVVENTURA DI CAPO SENETOSA

221

25 LUGLIO: LO SBARCO

24

26 LUGLIO: IL GIORNO DEL GIUDIZIO

38

7 AGOSTO: IN BALIA DELLE BOCCHE

241

 

8 AGOSTO: PASSAGGIO A LEVANTE

260

27 LUGLIO: DISCESA VERSO SAN FLORENT

60

28 LUGLIO: BLOCCATO NEL DESERTO

76

9 AGOSTO: CAMBIO DI COSTA

278

29 LUGLIO: SECONDO GIORNO NEL DESERTO

96

10 AGOSTO: LA FOLLE CAVALCATA A 6 NODI

289

30 LUGLIO: ROBINSON CRUSOE

105

11 AGOSTO: ARRIVO IN VOLATA

298

31 LUGLIO: PASSAGGIO PER ILE ROUSSE

118

NUMERI DEL VIAGGIO

303

298 31 LUGLIO: PASSAGGIO PER ILE ROUSSE 118 NUMERI DEL VIAGGIO 303 www KAYAK TREKKING it

www KAYAKTREKKING it

CHI SONO

Sono pugliese, della provincia di Bari. La mia passione per il kayak nasce nell'estate del 2011. Avevo deciso di visitare la costa del Golfo di Policastro soggiornando in un cam- peggio vicino a Castrocucco ma non avevo idea di come avrei potuto fare. Si poneva il problema di come visitare tutte le stupende grotte del golfo. Dopo svariate ricerche in in- ternet, capii che il mezzo più adatto era il kayak. Tra quelli a più basso costo trovai il Bic Ouassou, un piccolo kayak sit on top in polietilene, lungo 240cm e largo quasi 80cm:

una bagnarola più che un kayak! Molto lento (avrei scoperto dopo) ma stabile e ottimo per iniziare a prendere confidenza col mez- zo. Dopo una settimana arrivò il kayak nuovo di pacca. Lo personalizzai un po', per riuscire a portare un ingombrante borsone pieno di tutta l'attrezzatura per la pesca sub, e partii. In campeggio ogni mattina scendevo in ac- qua col kayak e ci rimanevo fino al tramonto, percorrendo al massimo una decina di km.

col kayak e ci rimanevo fino al tramonto, percorrendo al massimo una decina di km. www

www KAYAKTREKKING it

Potevo ancorarlo al fondo con una piccola ancoretta e fare snorkeling nei dintorni. Op- pure

Potevo ancorarlo al fondo con una piccola ancoretta e fare snorkeling nei dintorni. Op- pure lo trascinavo con una corda legata in vi- ta e lo utilizzavo come boa di segnalazione durante la pesca subacquea. Consumavo i

panini preparati al mattino nelle grotte, al ri- paro dal sole cocente. Avevo una libertà mai provata! Quell'estate riuscii a girare quasi tutto il golfo e a visitare delle grotte bellis- sime. Da allora io e il kayak diventammo compagni d'avventura inseparabili. A gen- naio 2012 comprai un nuovo kayak sit on top, più lungo e più veloce, il Tribord RK500- 1. Mi appassionai dapprima alla pesca in ka- yak, poi al trekking nautico. I primi trekking furono una due-giorni alle Isole Tremiti il un giro delle isole di Ischia e Procida durato ben 4 giorni. Il 2 Agosto 2012, assieme alla mia ragazza, anche lei con un kayak simile al

giorni. Il 2 Agosto 2012, assieme alla mia ragazza, anche lei con un kayak simile al

www KAYAKTREKKING it

mio, partii per il giro del Salento, terminato dopo 23 giorni e 364km percorsi.

giro del Salento, terminato dopo 23 giorni e 364km percorsi. Una esperienza bellissima e rivoluzionaria, che

Una esperienza bellissima e rivoluzionaria,

che

modo di vedere le vacanze. L'anno dopo,

avrebbe

cambiato

il

per

sempre

mio

nell'estate del 2013, feci un lungo trekking in solitaria girando tutta la Costa Smeralda e l'Arcipelago della Maddalena in Sardegna, percorrendo 304km in 19 giorni.

della Maddalena in Sardegna, percorrendo 304km in 19 giorni. Ormai ero definitivamente appassionato al www KAYAK

Ormai ero definitivamente appassionato al

Sardegna, percorrendo 304km in 19 giorni. Ormai ero definitivamente appassionato al www KAYAK TREKKING it CHI

www KAYAKTREKKING it

trekking nautico in kayak.

trekking nautico in kayak. www KAYAK TREKKING it CHI SONO 1 0

www KAYAKTREKKING it

PREPARAZIONE AL VIAGGIO: IL NUOVO KAYAK

Il trekking in Sardegna mi ha convinto defini- tivamente del fatto che per affrontare lunghi viaggi in mare occorra un’imbarcazione che mi permetta di navigare con mare mosso e con venti sostenuti. Le condizioni meteo ap- pena descritte le ho incontrate molto spesso

in Sardegna e mi hanno costretto a navigare

in condizioni al limite delle mie capacità. Mi

è capitato per esempio, di ritorno da Spargi,

di avere vento di traverso ed essere costretto

a pagaiare con un solo braccio per tenere la

rotta, con conseguenze disastrose dal punto

di vista fisico. Nella traversata Budelli Ab- batoggia mi è capitato di avere il pozzetto continuamente allagato dalle onde di un ma- re mosso forza 3. Se avessi voluto navigare in condizioni meteo migliori avrei dovuto aspettare le calende greche per completare il trekking. Su queste riflessioni matura pian piano l’idea che mi occorra un mezzo diver- so, più prestante. Inizio a fare un po’ di ricer- che e mi imbatto in una miriade di siti che raccontano le gesta di kayaker esperti a bor- do dei loro kayak da mare. È la versione più antica di kayak, quella inventata dagli Inuit 4000 anni fa in Groenlandia.

quella inventata dagli Inuit 4000 anni fa in Groenlandia. www KAYAK TREKKING it PREPARAZIONE AL VIAGGIO:

www KAYAKTREKKING it

Stretto meno di 60cm, lungo più di 5m, con pozzetto chiuso ermeticamente. Capace di una

Stretto meno di 60cm, lungo più di 5m, con pozzetto chiuso ermeticamente. Capace di una velocità massima di 9 nodi, ben al di so- pra di quella del mio sit on top! Il prezzo non è proprio economico ma non ho alternative.

Non ho alcuna esperienza su tale mezzo e se voglio percorrere un lungo trekking durante la prossima estate devo cominciare a provar- lo sin da subito. Non ho molto tempo, dun- que comincio una ricerca matta e disperata per trovare il modello che più si confà alle mie esigenze. A fine novembre 2013 ordino il Seabird SCOTT MV,

esigenze. A fine novembre 2013 ordino il Seabird SCOTT MV, un kayak che, almeno sulla carta,

un kayak che, almeno sulla carta, sembra avere quelle caratteristiche che cerco: ampio

carta, sembra avere quelle caratteristiche che cerco: ampio www KAYAK TREKKING it PREPARAZIONE AL VIAGGIO: IL

www KAYAKTREKKING it

volume per il carico dell’attrezzatura, stabili- tà in mare anche mosso e ottima velocità di crociera. Il materiale di cui è costituito è in composito (fibre di vetro e di diolene), un materiale rigido, leggero e resistente agli ur- ti. Lo so, dovrei almeno provarlo un kayak di questo tipo prima di comprarlo, ma non ho altra scelta perchè non conosco nessuno che ce l’abbia. Prima che arrivi il kayak, acquisto tutta l’attrezzatura e l’abbigliamento occor- rente alle uscite invernali. Mi sento come uno che compra una moto e tutto l’abbigliamento tecnico necessario, senza

sapere come si guida e senza mai esserci sa- lito sopra! Sono un po’ folle. Ma questo già lo so!

sa- lito sopra! Sono un p o’ folle. Ma questo già lo so! www KAYAK TREKKING

www KAYAKTREKKING it

Il 13 dicembre si materializza il nuovo kayak.

Il 13 dicembre si materializza il nuovo kayak. Mai visto niente di più bello! Ne sono

Mai visto niente di più bello! Ne sono già in- namorato. Quattro giorni più tardi il varo nelle acque di Trani. Con la bottiglia di vino sostituita dalla focaccia barese.

Con la bottiglia di vino sostituita dalla focaccia barese. www KAYAK TREKKING it PREPARAZIONE AL VIAGGIO:
Con la bottiglia di vino sostituita dalla focaccia barese. www KAYAK TREKKING it PREPARAZIONE AL VIAGGIO:

www KAYAKTREKKING it

Per tutto l’inverno ogni occasione di buon tempo sarà sfruttata per fare un’uscita in k

Per tutto l’inverno ogni occasione di buon tempo sarà sfruttata per fare un’uscita in ka- yak. Le prime impressioni sono buone. Subi- to un ottimo feeling con la stabilità del mez- zo. Manovrabilità completamente diversa

dal sit on top ma non ci vorrà molto tempo per imparare ad inclinare lo scafo per girare. La direzionalità, grazie alla deriva retrattile posteriore, è modificabile tramite un co- mando sulla fiancata destra che ne regola il grado di uscita. Fantastico!!! Qualche mese dopo, come ultimo acquisto, compro la Galasport Elite Carbon, una pa- gaia leggera, 700gr circa, interamente in fi- bra di carbonio, con lunghezza e sfasamento delle pale regolabili. La forma delle pale è al- lungata, simile a quella della vecchia pagaia usata in Salento e Sardegna, a metà strada tra una pagaia groenlandese ed una europea

a metà strada tra una pagaia groenlandese ed una europea www KAYAK TREKKING it PREPARAZIONE AL

www KAYAKTREKKING it

olimpica. Il feeling in acqua è ottimo. Mi ci trovo subito bene, soprattutto sulle lunghe distanze. Ora ho tutta l’attrezzatura per il lungo trekking che mi attende. Finalmente!

per il lungo trekking che mi attende. Finalmente! www KAYAK TREKKING it PREPARAZIONE AL VIAGGIO: IL

www KAYAKTREKKING it

PREPARAZIONE AL VIAGGIO: IL CORSO DI SICU-

REZZA

L’idea primordiale e timida di fare il giro del- la Corsica può prendere forma. Altri kaya- kers prima di me l’hanno circumnavigata, anche in solitario. Non sarei né il primo né l’ultimo. Probabilmente sarei l’unico a cir- cumnavigarla in solitaria dopo soli 7 mesi dalla prima esperienza con un kayak da ma- re. Sono un po’ folle. Ma questo già lo so! Prima però voglio imparare le manovre di si- curezza per uscire e rientrare dal kayak in ca- so di capovolgimento. Si tratta di manovre

assolutamente indispensabili se si vuol navi- gare in sicurezza da solo e per lunghe tratte. Contatto l’istruttore Federico Fiorini e insie- me decidiamo di fare il corso poco prima del- la partenza, in modo da sfruttare il viaggio fino al Circeo per arrivare poi a Livorno e prendere il traghetto per Bastia. Parto il po- meriggio del 22 Luglio, portando in auto il kayak e tutta l’attrezzatura per il giro della Corsica.

kayak e tutta l’attrezzatura per il giro della Corsica. www KAYAK TREKKING it PREPARAZIONE AL VIAGGIO:

www KAYAKTREKKING it

In serata arrivo sul Circeo e nei seguenti due giorni completerò il corso nella splendida

In serata arrivo sul Circeo e nei seguenti due giorni completerò il corso nella splendida

cornice del lago di Sabaudia e del Circeo.

nella splendida cornice del lago di Sabaudia e del Circeo. www KAYAK TREKKING it PREPARAZIONE AL

www KAYAKTREKKING it

www KAYAK TREKKING it PREPARAZIONE AL VIAGGIO: IL CORSO DI SICUREZZA 1 9

www KAYAKTREKKING it

www KAYAK TREKKING it PREPARAZIONE AL VIAGGIO: IL CORSO DI SICUREZZA 2 0

www KAYAKTREKKING it

Oltre alle uscite bagnate e agli autosalva- taggi, ci sarà spazio anche per provare le prime surfate ed i primi atterraggi con onda sul litorale di Sabaudia.

ed i primi atterraggi con onda sul litorale di Sabaudia. della Scuola di Vela e Navigazione

della Scuola di Vela e Navigazione di Sabau- dia (www.scuolavela.it) che ringrazio per la cortese ospitalità.

) che ringrazio per la cortese ospitalità. Dormo, grazie all’interessamento di Feder i- co, in uno

Dormo, grazie all’interessamento di Federi- co, in uno dei tendoni predisposti nella sede

Prima della partenza per Livorno Federico prova a sconvolgermi le idee sulla distribu-

Federico prova a sconvolgermi le idee sulla distribu- www KAYAK TREKKING it PREPARAZIONE AL VIAGGIO: IL

www KAYAKTREKKING it

zione dell’attrezzatura e dei pesi nei gavoni. Ci riuscirà alla grande! Anche grazie alla mia totale mancanza di esperienza di carico del nuovo kayak. Rimango interdetto a lungo ma cerco di ricordare il più possibile della si- stemazione che mi propone. Dopo la foto ri- cordo obbligatoria,

che mi propone. Dopo la foto ri- cordo obbligatoria, carico il kayak sull’auto e mi congedo.

carico il kayak sull’auto e mi congedo. Do- mattina alle 6 inizia l’imbarco sul traghetto e

D o- mattina alle 6 inizia l’imbarco sul traghetto e www KAYAK TREKKING it PREPARAZIONE AL

www KAYAKTREKKING it

la cosa che mi preoccupa di più è trovare un parcheggio gratuito vicino al porto dove po- steggiare l’auto fino al mio ritorno. Mi devo muovere. Durante il viaggio mi sento telefo- nicamente con Giacomo Della Gatta, un esperto kayaker che ho conosciuto su inter-

net tramite

sito

www.kayakexplorer.com e che nel 2006 compì la circumnavigazione della Corsica in solitaria. Mi darà preziose informazioni su quello che mi aspetta e per questo lo ringra- zio tantissimo. Finalmente sono pronto. Che l’avventura abbia inizio!

il

suo

sono pronto. Che l’avventura abbia inizio ! il suo www KAYAK TREKKING it PREPARAZIONE AL VIAGGIO:

www KAYAKTREKKING it

25 LUGLIO: LO SBARCO

25 LUGLIO: LO SBARCO www KAYAK TREKKING it 17.8 KM 25 LUGLIO: LO SBARCO 2 4
25 LUGLIO: LO SBARCO www KAYAK TREKKING it 17.8 KM 25 LUGLIO: LO SBARCO 2 4

www KAYAKTREKKING it

17.8 KM

Sono le 5 quando mi sveglio di soprassalto. Sono in auto, coperto dal sacco a

Sono le 5 quando mi sveglio di soprassalto. Sono in auto, coperto dal sacco a pelo, sdraiato alla men peggio su entrambi i sedili anteriori. Ho dormito poco e male, tanto quanto basta però ad affrontare l’atteso

giorno della partenza. Sono in un parcheggio a strisce bianche a qualche centinaia di metri dall’ingresso turistico del porto di Livorno.

di metri dall’ingresso turistico del porto di Livorno. Tra un’ora inizia l’imbarco e devo preparare il

Tra un’ora inizia l’imbarco e devo preparare il kayak senza scordare ASSOLUTAMENTE

l’imbarco e devo preparare il kayak senza scordare ASSOLUTAMENTE www KAYAK TREKKING it 25 LUGLIO: LO

www KAYAKTREKKING it

NULLA! Il rincoglionimento mattutino mi fa- rà dimenticare di mettere il carrello sotto il kayak prima di caricarlo. Mi ritrovo con una quintalata di kayak da sollevare. Ci riesco non si sa come. Mi ricordo di alcuni consigli di Federico e riesco a fare a meno delle in- gombranti sacche stagne da 20l e a fare en- trare tutto nei gavoni. Chiudo l’auto dopo l’ultima controllata. Mi avvio carico a ciuccio verso il gate. Rivedo le solite facce allibite dei controllori all’ingresso, come a Civitavec- chia. L’imbarco scivola liscio come l’olio. Il kayak viene sistemato proprio a ridosso del grosso portellone.

viene sistemato proprio a ridosso del grosso portellone. Si salpa. La terra ferma scompare piano pia-

Si salpa. La terra ferma scompare piano pia- no all’orizzonte.

Si salpa. La terra ferma scompare piano pia- no a ll’orizzonte. www KAYAK TREKKING it 25

www KAYAKTREKKING it

monti, nuvole e cielo. Il viaggio dura su per giù 4 ore. Poco prima dell’arrivo

monti, nuvole e cielo.

Il viaggio dura su per giù 4 ore. Poco prima dell’arrivo salgo sul ponte della nave e guar- do dal vivo, per la prima volta, l’isola che do- vrò girare per intero: la Corsica. La stratigra- fia in foto è tipica dell’isola francese: mare,

La stratigra- fia in foto è tipica dell’isola francese: mare, www KAYAK TREKKING it 25 LUGLIO:

www KAYAKTREKKING it

www KAYAK TREKKING it 25 LUGLIO: LO SBARCO 2 8

www KAYAKTREKKING it

La nave entra in porto

La nave entra in porto ed io mi affretto a raggiungere il garage più basso non

ed io mi affretto a raggiungere il garage più basso non appena vengono sbloccati gli ac- cessi. Sono un po’ emozionato. Col kayak a traino metto il primo piede sulla terra corsa e

percorro qualche centinaio di metri, fino al porticciolo turistico di Toga, incuriosito da tutto quello che ho attorno. Quando arrivo, trovo subito lo scivolo

che ho attorno. Quando arrivo, trovo subito lo scivolo e posso così iniziare le operazioni preliminari

e posso così iniziare le operazioni preliminari

subito lo scivolo e posso così iniziare le operazioni preliminari www KAYAK TREKKING it 25 LUGLIO:

www KAYAKTREKKING it

alla discesa in acqua. Vedendo proprio lì vici- no un noleggio nautico, decido di chiedere il favore di tenermi l’ingombrante carrello per i giorni seguenti, fino al mio ritorno. La signo- rina al front-end è molto cortese e acconsen- te senza esitazioni. Mi avviserà di non passa- re a riprenderlo di sabato pomeriggio o di domenica perché il noleggio è chiuso. Non so di preciso in che giorno completerò il tour ma non ho altra scelta; devo lasciarlo co- munque. Alle 14 la preparazione del kayak è completata.

co- munque. Alle 14 la preparazione del kayak è completata. Dopo essere uscito dal porto, www

Dopo essere uscito dal porto,

la preparazione del kayak è completata. Dopo essere uscito dal porto, www KAYAK TREKKING it 25

www KAYAKTREKKING it

prendo il largo nel mar di Corsica. Il cielo è coperto ed il verde dello

prendo il largo nel mar di Corsica. Il cielo è coperto ed il verde dello scisto incu- te quasi paura per quanto è intenso e pro- fondo. Sono accompagnato da un comodis- simo scirocco al giardinetto che mi spinge da

dietro obbligandomi però ad una maggiore attenzione nella pagaiata. All’altezza di Grigione, vengo accolto da un bellissimo sorriso in SUP (Stand Up Paddle) che non posso fare a meno di fotografare!

in SUP (Stand Up Paddle) che non posso fare a meno di fotografare! www KAYAK TREKKING
in SUP (Stand Up Paddle) che non posso fare a meno di fotografare! www KAYAK TREKKING

www KAYAKTREKKING it

Proseguo baldanzoso e faccio la prima sosta, per sistemare meglio qualcosa nei gavoni, a Miomo.

sosta, per sistemare meglio qualcosa nei gavoni, a Miomo. La seconda invece la effettuo a Lavasina,

La seconda invece la effettuo a Lavasina,

gavoni, a Miomo. La seconda invece la effettuo a Lavasina, dove tocco con mano i prezzi

dove tocco con mano i prezzi della Corsica:

acqua e birra da 25cc 9€ (diconsi nove eu- ro!!!).

della Corsica: acqua e birra da 25cc 9€ (diconsi nove eu- ro!!!). www KAYAK TREKKING it

www KAYAKTREKKING it

Per un attimo la mano si ritrae ma poi sorri- do falsamente e pago. Capisco

Per un attimo la mano si ritrae ma poi sorri- do falsamente e pago. Capisco in quell’esatto momento che non potrò, come in Salento e Sardegna, bere una birra fredda ad ogni fermata. Pazienza.

Percorro ancora un miglio e sono nel portic- ciolo di Erbalunga,

ancora un miglio e sono nel portic- ciolo di Erbalunga, dove mi colpiscono le abitazioni costruite

dove mi colpiscono le abitazioni costruite praticamente sul mare.

dove mi colpiscono le abitazioni costruite praticamente sul mare. www KAYAK TREKKING it 25 LUGLIO: LO

www KAYAKTREKKING it

La costa diventa man mano più selvaggia. Mi sto avvicinando, miglio dopo miglio, all’estremità nord
La costa diventa man mano più selvaggia. Mi sto avvicinando, miglio dopo miglio, all’estremità nord

La costa diventa man mano più selvaggia. Mi sto avvicinando, miglio dopo miglio, all’estremità nord di Capo Corso, famoso proprio per la sua costa frastagliata e a picco sul mare.

famoso proprio per la sua costa frastagliata e a picco sul mare. www KAYAK TREKKING it

www KAYAKTREKKING it

Sono consapevole del fatto di aver dormito pochissimo e di essere stressato dal lungo viaggio; non voglio strafare e decido di fer-

sa appena tra- scorsa e appe- santito dal lau-

marmi per la notte, dopo soli 18km navigati,

to

pasto, non

a Marina di Pietracorbara. Ci arriverò intorno

mi

rimane che

alle 18:30. È l’ora di cena ed è anche l’ora di sperimen- tare la nuova ricetta del trekking: polenta e ragù pronto! Tiro fuori stuoia, fornello, ga- vetta e chi più ne ha più ne metta, fino a che la padella non partorisce la creatura. Nasce così una polenta prelibatissima (forse per via della fame) che divorerò senza fretta sulla spiaggia. Stanchissimo per la giornata inten-

montare la ten- da e sdraiarmici dentro. Il resto verrà da sé. Fa- cile a dirsi ma difficilissimo a farsi quando la tenda è nuova ed è la prima volta che la monti. Dopo una mezz’oretta passata a infilare i picchetti più in fondo pos-

una mezz ’oretta passata a infilare i picchetti più in fondo pos- www KAYAK TREKKING it

www KAYAKTREKKING it

sibile, capisco che i micro picchetti in super lega di alluminio della mia nuova tenda non servono a un cavolo sulla sabbia morbida. Ma tant’è. Li devo usare per forza. Non ho al- ternative. O meglio: troverò un’alternativa ma non adesso; sono troppo stanco. Il risul- tato alla fine non è malaccio.

troppo stanco. Il risul- tato alla fine non è malaccio. Va a farsi benedire anche quella

Va a farsi benedire anche quella mezza in- tenzione di registrare con l’iphone il diario della giornata. Lo farò domani. Chiudo gli occhi e, con grande emozione, ripenso ai momenti più belli della giornata e mi ad-

grande emozione, ripenso ai momenti più belli della giornata e mi ad- www KAYAK TREKKING it

www KAYAKTREKKING it

dormento per la prima volta sul suolo corso.

dormento per la prima volta sul suolo corso. www KAYAK TREKKING it 25 LUGLIO: LO SBARCO

www KAYAKTREKKING it

26 LUGLIO: IL GIORNO DEL GIUDIZIO

26 LUGLIO: IL GIORNO DEL GIUDIZIO www KAYAK TREKKING it 36.6 KM 26 LUGLIO: IL GIORNO
26 LUGLIO: IL GIORNO DEL GIUDIZIO www KAYAK TREKKING it 36.6 KM 26 LUGLIO: IL GIORNO

www KAYAKTREKKING it

36.6 KM

www KAYAK TREKKING it 26 LUGLIO: IL GIORNO DEL GIUDIZIO 3 9

www KAYAKTREKKING it

Alle 6 in punto parte Sul bel Danubio blu di Strauss. Tutto l’inverno a pensare alla sveglia più adatta per il trekking e adesso sta suo- nando davvero. Le astronavi di 2001: Odissea nello Spazio danzano nella mia testa. È chia- ro: sto ancora dormendo! Passano 10 minuti fino a quando mi sveglio fisicamente. Esco dalla tenda e mi preparo alla prima colazio- ne, intesa proprio come prima colazione del trekking. Inizio a ragionare dopo aver fatto il primo sorso alla tazza di caffè. Preparo il lat- te in polvere nel pentolino. Cacao, cascata di cereali e frutta secca; non dimentico nulla, nemmeno le proteine in polvere. Una lavata

ai denti e rimetto tutto nel kayak. Il tuffo ri- generante prima di tirare il kayak in acqua e si parte. Purtroppo la giornata è uggiosa.

kayak in acqua e si parte. Purtroppo la giornata è uggiosa. Lo scirocco però è piacevole.

Lo scirocco però è piacevole. Inizio subito a

è uggiosa. Lo scirocco però è piacevole. Inizio subito a www KAYAK TREKKING it 26 LUGLIO:

www KAYAKTREKKING it

giocare con le onde. Alla mia sinistra le rocce di scisto sono davvero bellissime.

mia sinistra le rocce di scisto sono davvero bellissime. sventola la bandiera corsa. Arrivo, giocando giocando,

sventola la bandiera corsa.

scisto sono davvero bellissime. sventola la bandiera corsa. Arrivo, giocando giocando, a Porticciolo, un paesino

Arrivo, giocando giocando, a Porticciolo, un paesino sormontato da una torre di avvista- mento genovese mezza diroccata, dove

una torre di avvista- mento genovese mezza diroccata, dove www KAYAK TREKKING it 26 LUGLIO: IL

www KAYAKTREKKING it

È di un bianco e nero che, da lontano, ricorda un po’ la bandiera dei

È di un bianco e nero che, da lontano, ricorda un po’ la bandiera dei pirati. Più avanti capi- sco che le costruzioni sul mare che ho incon- trato ieri non sono affatto un’eccezione in Corsica

trato ieri non sono affatto un’eccezione in Corsica Con questa casa si saranno spinti un po’

Con questa casa si saranno spinti un po’ ol- tre! Di tanto in tanto il sole fa capolino tra le nuvole.

l- tre! Di tanto in tanto il sole fa capolino tra le nuvole. www KAYAK TREKKING

www KAYAKTREKKING it

Faccio un giretto nel porticciolo di Santa Se- vera. Mi incuriosisce un “ copertura in

Faccio un giretto nel porticciolo di Santa Se- vera.

Faccio un giretto nel porticciolo di Santa Se- vera. Mi incuriosisce un “ copertura in fico

Mi

incuriosisce

un

copertura in fico.

baretto

all’aperto

con

un “ copertura in fico ” . baretto all’aperto con www KAYAK TREKKING it 26 LUGLIO:

www KAYAKTREKKING it

Bello! Proseguendo, intravedo una moto d’acqua semi -distrutta che galleggia tra le alghe. a riva

Bello!

Proseguendo,

intravedo

una

moto d’acqua semi-distrutta che galleggia tra le alghe.

a

riva

d’acqua semi -distrutta che galleggia tra le alghe. a riva Mah www KAYAK TREKKING it 26

Mah

semi -distrutta che galleggia tra le alghe. a riva Mah www KAYAK TREKKING it 26 LUGLIO:

www KAYAKTREKKING it

www KAYAK TREKKING it 26 LUGLIO: IL GIORNO DEL GIUDIZIO 4 5

www KAYAKTREKKING it

Alle 10:30 supero il braccio del porto di Ma- cinaggio e fermo il kayak sullo spiaggione vi- cino. Mi raggiungono dei signori con cui mi intrattengo per un po’ rispondendo a tutte le loro domande sul kayak. Gli chiedo se in paese c’è un supermercato (supermarché di- cono loro) vicino e mi indicano la strada per arrivarci. Lungo la strada sento un odore pa- radisiaco di pane appena sfornato. Dopo un minuto di orologio esco dal panificio con due baguette lunghissime. Nel supermarché fac- cio incetta di formaggi e salumi per compor- re quel panino che il mio cervello sta imma- ginando, in preda a convulsioni da fame, dal

momento in cui ho messo le baguette sotto il braccio. Quando ritorno in spiaggia può iniziare il banchetto.

Quando ritorno in spiaggia può iniziare il banchetto. www KAYAK TREKKING it 26 LUGLIO: IL GIORNO

www KAYAKTREKKING it

www KAYAK TREKKING it 26 LUGLIO: IL GIORNO DEL GIUDIZIO 4 7
www KAYAK TREKKING it 26 LUGLIO: IL GIORNO DEL GIUDIZIO 4 7

www KAYAKTREKKING it

A pancia piena proprio non mi va di pagaiare e ripartirò solo un paio d’ore
A pancia piena proprio non mi va di pagaiare e ripartirò solo un paio d’ore

A pancia piena proprio non mi va di pagaiare e ripartirò solo un paio d’ore più tardi. Nel frattempo il vento è girato e il cielo minaccia addirittura pioggia.

Ho sbagliato ad interrompere la navigazione con vento favorevole per così tanto tempo e vengo ulteriormente punito con un cambio di vento sfavorevole e con un peggioramen- to delle condizioni meteo. Imparo la lezione

un peggioramen- to delle condizioni meteo. Imparo la lezione www KAYAK TREKKING it 26 LUGLIO: IL

www KAYAKTREKKING it

ma intanto mi tocca pagaiare e anche in fret- ta se voglio girare Capo Corso. Non tolgo gli occhi dal cielo per parecchio tempo, fino a quando, fortunatamente, i nembostrati non si allontanano. Poco più in là scorgo l’isola di Finocchiarola

Poco più in là scorgo l’isola di Finocchiarola e decido di fare un giretto da quelle

e decido di fare un giretto da quelle parti. Fi- nocchiarola, insieme alle altre due isolette vicine, fa parte di una riserva naturale pro- tetta. Se mi giro a destra vedo nuvolacce ca- riche di pioggia, se mi giro a sinistra vedo il

ca- riche di pioggia, se mi giro a sinistra vedo il www KAYAK TREKKING it 26

www KAYAKTREKKING it

cielo sgombro.

no.

cielo sgombro. no. Significa che la perturbazione, spinta dal maestrale, si sta allontanando. Il sereno- variabile

Significa che la perturbazione, spinta dal maestrale, si sta allontanando. Il sereno- variabile mi accompagnerà fino a Torre S. Maria, dove mi fermo per ammirarla da vici-

fino a Torre S. Maria, dove mi fermo per ammirarla da vici- www KAYAK TREKKING it

www KAYAKTREKKING it

www KAYAK TREKKING it 26 LUGLIO: IL GIORNO DEL GIUDIZIO 5 1

www KAYAKTREKKING it

Ho anche il tempo per un autoscatto.

Ho anche il tempo per un autoscatto. Riparto e navigo in un mare turchese che de-

Riparto e navigo in un mare turchese che de- lizia la mia vista.

e navigo in un mare turchese che de- lizia la mia vista. Atterro, poco più avanti,

Atterro, poco più avanti, su Cala Francese. Quando cerco di ripartire dalla battigia sento uno strano rumore proveniente dalla parte

battigia sento uno strano rumore proveniente dalla parte www KAYAK TREKKING it 26 LUGLIO: IL GIORNO

www KAYAKTREKKING it

posteriore del kayak. Alle prime pagaiate mi accorgo che qualcosa non va: il kayak è trop- po manovrabile per avere lo skeg (“deriva” in italiano) fuoriuscito. Riatterro sulla spiaggia e guardando a poppa non vedo più lo skeg. Deve essersi staccato durante la ripartenza, forse perché insabbiato. Inizio a ravanare nella sabbia finchè non lo trovo, con il cavo d’acciaio troncato di netto. Quello che te- mevo è successo davvero. Sapevo di avere lo skeg bloccato e col cavo semitranciato ma se volevo fare questo trekking dovevo tener- melo così, non avendo tempo per farmene spedire uno nuovo e sostituirlo. Una pazzia

lo so, ma non avevo scelta. Ora non so pro- prio come proseguire. Senza skeg è impossi- bile navigare nel mare ventoso di Corsica. Il kayak non avrebbe la necessaria direzionali- tà in caso di vento forte al traverso. Una si- gnora e il marito poi, vedendomi armeggiare per tanto tempo vicino al kayak, si avvicina- no per chiedermi cosa sia successo. Sono francesi e devo parlare per forza in inglese. Mi danno una mano a sollevare il kayak per guardare meglio l’alloggiamento dello skeg. Alla fine trovo l’unica soluzione provvisoria attuabile. Bloccare lo skeg in una posizione intermedia con un pezzetto di legno ad inca-

una posizione intermedia con un pezzetto di legno ad inca- www KAYAK TREKKING it 26 LUGLIO:

www KAYAKTREKKING it

stro. Roba alla Mc Gyver! Il problema è che ad ogni atterraggio o ripartenza lo skeg ri- tornerà dentro e dovrò chiedere a qualcuno il piacere di tirarlo fuori con l’accortezza di non far venir via il pezzetto di legno. Una cosa dell’altro mondo! Mi obbliga persino a non atterrare in spiagge deserte. Sono disperato. Forse sarebbe meglio lasciar perdere e tor- nare a casa. Ad un certo punto viene fuori il mio solito ottimismo. Penso che se mi appli- cherò, riuscirò a trovare un’altra soluzione più pratica per concludere il giro dell’isola. Come non lo so, ma ci riuscirò! Con lo skeg bloccato dal pezzetto di legno,

entro nel kayak ad una distanza da riva tale da non far toccare lo skeg sul fondo sabbio- so. Ricorro ad un poderoso appoggio sulla pagaia, adagiata sul fondo, per mantenere l’equilibrio e mi infilo dentro. La manovra riesce perché non c’è molta onda. Ma in caso di frangenti risulterebbe impossibile da ese- guirsi. Decido di non pensarci per non demo- ralizzarmi ulteriormente. Percorro 2 km e mezzo. Arrivo nei pressi di Torre dell’Agnello. Mentre giro attorno ad un gruppo di scogli affioranti, tiro fuori la foto- camera dalla custodia per fare una foto. La pagaia viene colpita da un’onda e colpisce a

una foto. La pagaia viene colpita da un’onda e colpisce a www KAYAK TREKKING it 26

www KAYAKTREKKING it

sua volta la mia mano facendo cadere la fo- tocamera in acqua. La vedo scomparire nel blu. Tutte le foto fatte sino a quel momento scomparse assieme alla fotocamera. Voglio sprofondare anche io. Non c’è più nulla da fare: si ritorna a casa (vorrei dire). Invece re- gistro la mia posizione sul gps. Vedo più avanti due gommoni affiancati, ancorati sul basso fondale. Li raggiungo e chiedo alle persone a bordo se possano aiutarmi a recu- perare la fotocamera. Sono italiani e dei due uomini a bordo, uno fa finta di nulla e l’altro mi dice di avere problemi nella compensa- zione. Mi indicano però una spiaggetta mi-

nuscola più avanti dove fermarmi. Con la forza che solo la disperazione può dare, rag- giungo una spiaggetta e fermo il kayak. Prendo la maschera e mi avvio a nuoto verso il gruppo di scogli ad una estremità della baietta. Saranno su per giù 400 metri. Porto con me il gps. Nuoto, nuoto, nuoto. Nuoto in un mare infestato da piccole meduse marro- ni dall’aspetto per nulla rassicurante. A circa metà strada, ce ne sono così tante che devo percorrere ampi tratti sott’acqua per evitar- le. Arrivo esausto nei pressi del gruppo di scogli. Guardo il gps e vedo che sullo scher- mo ci sono scritte incomprensibili. Controllo

sullo scher- mo ci sono scritte incomprensibili. Controllo www KAYAK TREKKING it 26 LUGLIO: IL GIORNO

www KAYAKTREKKING it

lo sportellino della porta usb e lo vedo aper- to. È entrata acqua. Fuori-uso anche il gps. A questo punto non so chi mi da la forza di mettermi a cercare la fotocamera. Mi im- mergo più volte fino a quando non la vedo, a quattro metri di profondità, adagiata su uno scoglio. In un attimo sono sul fondo e la af- ferro. Quando riemergo, mi sento chiamare da due persone su uno dei due gommoni in- contrati prima. Mi fanno cenno di avvicinar- mi per un passaggio fino al kayak. Farò così. Li ringrazio e, arrivato vicino a riva, li saluto e scendo. Scuoto il gps facendo uscire l’acqua dallo sportellino. Provo a riaccenderlo e, con

mia grossa sorpresa, scopro che funziona ancora!!! Un po' di fortuna! Riprovo la stessa manovra di ingresso nel kayak in acqua alta, riuscendoci. Mi lascio alle spalle quel posto terribile con un nodo alla gola. Vedo nero il passato ma ancora più nero il futuro. Non mi rimane che il presente, in cui mi immergo pagaiando. Pagaierò incessantemente e l’unica cosa che mi darà conforto sarà pensa- re a come aggiustare lo skeg. Mi viene in mente un’idea ma nel frattempo sono arriva- to nei pressi di Barcaggio e devo decidere se fermarmi o no. Sono le 18. Fermo il kayak sullo scivolo del piccolo porto

Sono le 18. Fermo il kayak sullo scivolo del piccolo porto www KAYAK TREKKING it 26

www KAYAKTREKKING it

www KAYAK TREKKING it 26 LUGLIO: IL GIORNO DEL GIUDIZIO 5 7

www KAYAKTREKKING it

ed entro in un bar poco distante per esorciz- zare questa giornata maledetta non con una ma con due birre ghiacciate!

giornata maledetta non con una ma con due birre ghiacciate! Fan Di fronte a me l’Isola

Fan

Di fronte a me l’Isola della Giraglia. A questo

lo

la sfiga!

punto decido di girarmela tutta

A questo lo la sfiga! punto decido di girarmela tutta e di fermarmi poi sulla spiaggia

e di fermarmi poi sulla spiaggia vicina. Man- gio la baguette comprata a Macinaggio con i salumi rimasti e cerco conforto nel bel tra- monto. Non voglio pensare a nulla e vado a letto prestissimo. Domani il sole sorgerà an- che per me.

a letto prestissimo. Domani il sole sorgerà an- che per me. www KAYAK TREKKING it 26

www KAYAKTREKKING it

www KAYAK TREKKING it 26 LUGLIO: IL GIORNO DEL GIUDIZIO 5 9

www KAYAKTREKKING it

27 LUGLIO: DISCESA VERSO SAN FLORENT

27 LUGLIO: DISCESA VERSO SAN FLORENT www KAYAK TREKKING it 42 KM 27 LUGLIO: DISCESA VERSO
27 LUGLIO: DISCESA VERSO SAN FLORENT www KAYAK TREKKING it 42 KM 27 LUGLIO: DISCESA VERSO

www KAYAKTREKKING it

42 KM

La sveglia delle 6 mi ricorda che è un nuovo giorno. Quando esco dalla tenda il sole anco- ra non c’è.

Quando esco dalla tenda il sole anco- ra non c’è. Fa molto freddo e ho bisogno

Fa molto freddo e ho bisogno di indossare due felpe per difendermi dall’aria pungente

del mattino. Le temperature non sono quelle della Puglia. Mi trovo a circa 200 km più a nord. Tornerò alle latitudini della mia terra quando arriverò nei pressi di Bonifacio, all’estremo sud dell’isola. Faccio colazione ma il pensiero è altrove. Penso e ripenso a come riparare quel dannato skeg. Me la prendo abbastanza comoda per non rischia- re di dimenticare quelle piccole cose che mi sono promesso di fare. Nel frattempo arriva- no in spiaggia le due coppie di ragazzi che ho incontrato la sera prima. Hanno dormito in due tende imboscate nella macchia dietro la spiaggia. Me ne accorgo solo ora. Sono con-

dietro la spiaggia. Me ne accorgo solo ora. Sono con- www KAYAK TREKKING it 27 LUGLIO:

www KAYAKTREKKING it

tento; un po’ di compagnia non mi dispiace affatto. Prima di ripartire svuoto il pozzetto dall'ac- qua imbarcata durante l'atterraggio della se- ra prima. Mi accorgo solo in questo momen- to che la pompa non funziona. La guarnizio- ne in gomma si è distaccata dallo stantuffo! L'interno della pompa non è accessibile e so- no costretto a smettere ogni tentativo di ri- pararla. Le imprecazioni volano e si perdono nella brezza mattutina. Nella malaugurata ipotesi di un ribaltamento del kayak sarò co- stretto ad atterrare per svuotare manual- mente il pozzetto. Ci mancava solo questo!

Quando riparto il sole è già alto sull’orizzonte. Il mare è mosso e ho bisogno dello skeg per tenere la rotta con lo scirocco al mascone. Ma come farlo uscire? Le onde mi impediscono di salire sul kayak dove l’acqua è profonda abbastanza da non far toccare lo skeg sul fondo. Chiedo allora aiuto ad uno dei due ragazzi. Mi tocca spiegargli in inglese come tirarlo fuori e bloccarlo col pez- zo di legno nella posizione ottimale. Un casi- no! Alla fine ci riesce e per questo lo ringra- zio tantissimo. Quando lascio la spiaggia è tardissimo e mi tocca pagaiare energicamente per recupera-

tardissimo e mi tocca pagaiare energicamente per recupera- www KAYAK TREKKING it 27 LUGLIO: DISCESA VERSO

www KAYAKTREKKING it

re un po’ di tempo.

re un po’ di tempo. Il mare si gonfia e non mi dà tregua fino all’arrivo,

Il mare si gonfia e non mi dà tregua fino all’arrivo, intorno alle 11, al porto di Centuri, dove mi fermo per riposarmi e mangiare qualcosa.

di Centuri, dove mi fermo per riposarmi e mangiare qualcosa. Parcheggio il kayak in posizione tale

Parcheggio il kayak in posizione tale da non far toccare lo skeg sul fondo e lo fisso con delle cime alla banchina. Mi viene la febbre a pensare di doverlo fare ad ogni sosta. Fino a che non lo riparo però, non c’è alternativa.

Fino a che non l o riparo però, non c’è alternativa. www KAYAK TREKKING it 27

www KAYAKTREKKING it

Dopo un’oretta riparto, fiancheggiando il vi- cino isolotto

un’oretta riparto, fia ncheggiando il vi- cino isolotto e dirigendomi a sud. Il mare è sempre

e dirigendomi a sud. Il mare è sempre più in- cazzato!

e dirigendomi a sud. Il mare è sempre più in- cazzato! Quando il sole fa capolino

Quando il sole fa capolino tra i bianchi nuvo- loni che coprono la terra ferma, i riflessi sullo scisto bagnato sono accecanti.

terra ferma, i riflessi sullo scisto bagnato sono accecanti. www KAYAK TREKKING it 27 LUGLIO: DISCESA

www KAYAKTREKKING it

Fotografo tratti di costa bellissimi prima di arrivare all’Anse d’Aliso. www KAYAK TREKKING it 27

Fotografo tratti di costa bellissimi prima di arrivare all’Anse d’Aliso.

di costa bellissimi prima di arrivare all’Anse d’Aliso. www KAYAK TREKKING it 27 LUGLIO: DISCESA VERSO
di costa bellissimi prima di arrivare all’Anse d’Aliso. www KAYAK TREKKING it 27 LUGLIO: DISCESA VERSO

www KAYAKTREKKING it

Proseguo lungo la costa fino ad arrivare alla Marine de Scalo, www KAYAK TREKKING it

Proseguo lungo la costa

Proseguo lungo la costa fino ad arrivare alla Marine de Scalo, www KAYAK TREKKING it 27

fino ad arrivare alla Marine de Scalo,

lungo la costa fino ad arrivare alla Marine de Scalo, www KAYAK TREKKING it 27 LUGLIO:

www KAYAKTREKKING it

dove mi lego ad una boa per leggere le pre- visioni meteo con lo smartphone,

dove mi lego ad una boa per leggere le pre- visioni meteo con lo smartphone, approfit- tando della copertura 3G nel centro abitato.

approfit- tando della copertura 3G nel centro abitato. Doppio Punta Minervio www KAYAK TREKKING it 27

Doppio Punta Minervio

della copertura 3G nel centro abitato. Doppio Punta Minervio www KAYAK TREKKING it 27 LUGLIO: DISCESA

www KAYAKTREKKING it

e mi godo un panorama fantastico dove la costa altissima e rocciosa sovrasta un mare

e mi godo un panorama fantastico dove la costa altissima e rocciosa sovrasta un mare blu cobalto.

la costa altissima e rocciosa sovrasta un mare blu cobalto. www KAYAK TREKKING it 27 LUGLIO:

www KAYAKTREKKING it

Arrivato a Marina di Giottani, entro nel por- ticciolo turistico

a Marina di Giottani, entro nel por- ticciolo turistico e fermo il kayak sulla rampa di

e fermo il kayak sulla rampa di sbarco dei gommoni.

e fermo il kayak sulla rampa di sbarco dei gommoni. Sono le 16 e ho una

Sono le 16 e ho una fame da lupi. Ordino un panino al bar vicino e completo il pasto con cereali e frutta secca che stuzzico mentre consulto la mappa geografica del tratto che mi rimane da percorrere.

la mappa geografica del tratto che mi rimane da percorrere. www KAYAK TREKKING it 27 LUGLIO:

www KAYAKTREKKING it

Riprendo il mare un’ora più tardi, doppiando prima Punta di Canelle, il punto più a

Riprendo il mare un’ora più tardi, doppiando prima Punta di Canelle, il punto più a ovest di Capo Corso,

prima Punta di Canelle, il punto più a ovest di Capo Corso, www KAYAK TREKKING it

www KAYAKTREKKING it

www KAYAK TREKKING it 27 LUGLIO: DISCESA VERSO SAN FLORENT 7 1

www KAYAKTREKKING it

e costeggiando poi gli enormi spiaggioni di sabbia scura di Albo

poi gli enormi spiaggioni di sabbia scura di Albo e Nonza. Incastonati nella roccia e illuminati

e Nonza.

poi gli enormi spiaggioni di sabbia scura di Albo e Nonza. Incastonati nella roccia e illuminati

Incastonati nella roccia e illuminati dalla cal- da luce del sole al tramonto, dei caseggiati abbandonati svettano sulla costa frastaglia- ta.

caseggiati abbandonati svettano sulla costa frastaglia- ta. www KAYAK TREKKING it 27 LUGLIO: DISCESA VERSO SAN

www KAYAKTREKKING it

Poche miglia mi separano da Marine de Fari- nole, dove si trova la spiaggia che

Poche miglia mi separano da Marine de Fari- nole, dove si trova la spiaggia che ho prescel- to per la sosta notturna. Quando la scorgo all’orizzonte,

to per la sosta notturna. Quando la scorgo all’orizzonte, ho percorso più di 40 km e

ho percorso più di 40 km e nonostante ciò, quasi mi dispiace di interrompere la naviga- zione lungo questa costa meravigliosa. La spiaggia è lunga e larga.

questa costa meravigliosa. La spiaggia è lunga e larga. www KAYAK TREKKING it 27 LUGLIO: DISCESA

www KAYAKTREKKING it

di immagini e ricordi indelebili. Durante le lunghe pagaiate ho pensato e ripensato al si-

di immagini e ricordi indelebili. Durante le lunghe pagaiate ho pensato e ripensato al si- stema da adottare per estrarre lo skeg du- rante la navigazione. Sono ottimista. Riusci- rò a risolvere il problema! Il giorno del giudi- zio è solo un brutto ricordo. Posso addor- mentarmi col sorriso.

Mentre mi preparo una deliziosa polenta con funghi porcini, il ristorante vicino inizia a riempirsi di gente. Gli schiamazzi dei turisti mi accompagneranno fino a sera inoltrata. È stata una giornata dura ma bellissima, carica

inoltrata. È stata una giornata dura ma bellissima, carica www KAYAK TREKKING it 27 LUGLIO: DISCESA

www KAYAKTREKKING it

www KAYAK TREKKING it 27 LUGLIO: DISCESA VERSO SAN FLORENT 7 5

www KAYAKTREKKING it

28 LUGLIO: BLOCCATO NEL DESERTO

28 LUGLIO: BLOCCATO NEL DESERTO www KAYAK TREKKING it 23.5 KM 28 LUGLIO: BLOCCATO NEL DESERTO
28 LUGLIO: BLOCCATO NEL DESERTO www KAYAK TREKKING it 23.5 KM 28 LUGLIO: BLOCCATO NEL DESERTO

www KAYAKTREKKING it

23.5 KM

Un tranquillo risveglio mi permette di sbriga- re le faccende mattutine con calma. Dopo aver preparato il kayak per la discesa in ac- qua, sono così rilassato e ottimista che deci- do di cimentarmi nella grande impresa a cui penso da giorni: la riparazione dello skeg. Dato che non ci sono persone in spiaggia e l’onda frangente sul litorale mi impedisce di farlo fuoriuscire da solo, mi sembra la cosa più sensata da fare. Con la punta affilata di un attrezzo multi utensile che porto con me nel kayak, pratico un forellino nella parte centrale dello skeg e ci faccio passare un filo di nylon per la pesca. Il filo abbraccia la coda

del kayak ed è collegato tramite una girella ad un cordino che arriva fino al pozzetto.

una girella ad un cordino che arriva fino al pozzetto. Con questo sistema dovrei riuscire in

Con questo sistema dovrei riuscire in teoria, tirando il cordino, a provocare la fuoriuscita dello skeg. Emozionato e preoccupato allo

la fuoriuscita dello skeg. Emozionato e preoccupato allo www KAYAK TREKKING it 28 LUGLIO: BLOCCATO NEL

www KAYAKTREKKING it

stesso tempo per la buona riuscita dell’operazione mi accingo a fare la prima prova. Con mia grande sorpresa il sistema funziona davvero! Lo provo altre volte per si- curezza ma il risultato è sempre lo stesso:

funziona! Contento come un bambino metto il kayak in acqua e parto alla volta di San Flo- rent.

metto il kayak in acqua e parto alla volta di San Flo- rent. Percorro il bellissimo

Percorro il bellissimo tratto di costa fino a San Florent, dove la scogliera di scisto a pic- co sul mare degrada piano piano lasciando il posto a rocce calcaree di diverso colore.

piano lasciando il posto a rocce calcaree di diverso colore. www KAYAK TREKKING it 28 LUGLIO:

www KAYAKTREKKING it

Qualche bunker, residuo bellico della secon- da guerra mondiale, è ancora visibile lungo la costa.

Qualche bunker, residuo bellico della secon- da guerra mondiale, è ancora visibile lungo

la costa.

da guerra mondiale, è ancora visibile lungo la costa. Capisco di essere vicino a San Florent

Capisco di essere vicino a San Florent quan- do vedo i primi villaggi turistici lungo la co- sta.

quan- do vedo i primi villaggi turistici lungo la co- sta. www KAYAK TREKKING it 28

www KAYAKTREKKING it

Subito prima del porto, vengo colpito dalle caratteristiche costruzioni sul mare della cit- tadina corsa.

Subito prima del porto, vengo colpito dalle caratteristiche costruzioni sul mare della cit- tadina

corsa.

costruzioni sul mare della cit- tadina corsa. Per fare un tuffo in acqua è sufficiente but-

Per fare un tuffo in acqua è sufficiente but- tarsi dalla finestra! Sono quasi le 10 quando arrivo al porto di San Florent.

Sono quasi le 10 quando arrivo al porto di San Florent. www KAYAK TREKKING it 28

www KAYAKTREKKING it

La città mi appare in tutta la sua sfolgorante bellezza. www KAYAK TREKKING it 28

La città mi appare in tutta la sua sfolgorante bellezza.

La città mi appare in tutta la sua sfolgorante bellezza. www KAYAK TREKKING it 28 LUGLIO:

www KAYAKTREKKING it

www KAYAK TREKKING it 28 LUGLIO: BLOCCATO NEL DESERTO 8 2

www KAYAKTREKKING it

Dopo un rapido giro all’interno del porto, de- cido di volgere la prua verso la baia attigua. So di avere la famosissima Plage de Loto a portata di pagaia e non vedo l’ora di rag- giungerla. Mi fermo sul lato ovest della baia, dove si trova il camping Acqua Dolce.

lato ovest della baia, dove si trova il camping Acqua Dolce. Tiro fuori il pannello solare

Tiro fuori il pannello solare per ricaricare le batterie e mi avventuro nell’interno per cer- care un punto di ristoro. Nel bar del cam- peggio compro un panino e faccio riforni- mento d’acqua. Al ritorno in spiaggia non

faccio riforni- mento d’acqua. Al ritorno in spiaggia non www KAYAK TREKKING it 28 LUGLIO: BLOCCATO

www KAYAKTREKKING it

credo ai miei occhi: il mare si è agitato all’inverosimile per un vento improvviso e violento. Con la stessa velocità con cui è ap- parso scompare però, permettendomi di ri- partire dopo poco. Costeggio la baia e rag- giungo il faro di Fornali.

poco. Costeggio la baia e rag- giungo il faro di Fornali. Il mare è limpido e,

Il mare è limpido e, dove il fondale è sabbio- so, assume quel caratteristico colore turche- se.

è sabbio- so, assume quel caratteristico colore turche- se. www KAYAK TREKKING it 28 LUGLIO: BLOCCATO

www KAYAKTREKKING it

La fine della baia è segnata dalla presenza di una bellissima e scenografica torre genovese

La fine della baia è segnata dalla presenza di una bellissima e scenografica torre genovese mezza diroccata.

bellissima e scenografica torre genovese mezza diroccata. La supero e percorro tratti di costa meravi- gliosi.

La supero e percorro tratti di costa meravi- gliosi. Il mare assume tutte le tonalità cro- matiche, dal verde all’azzurro.

tutte le tonalità cro- matiche, dal verde all’azzurro. www KAYAK TREKKING it 28 LUGLIO: BLOCCATO NEL

www KAYAKTREKKING it

www KAYAK TREKKING it 28 LUGLIO: BLOCCATO NEL DESERTO 8 6
www KAYAK TREKKING it 28 LUGLIO: BLOCCATO NEL DESERTO 8 6

www KAYAKTREKKING it

www KAYAK TREKKING it 28 LUGLIO: BLOCCATO NEL DESERTO 8 7

www KAYAKTREKKING it

montuose a picco sul mare. Quando mi giro rivedo Capo Corso, il dito della Corsica,

montuose a picco sul mare.

Quando mi giro rivedo Capo Corso, il dito della Corsica, che ho appena lasciato. Lo guardo con un pizzico di nostalgia; si erge in tutta la sua maestosa bellezza, incorniciato dal profilo alto e imponente delle catene

incorniciato dal profilo alto e imponente delle catene www KAYAK TREKKING it 28 LUGLIO: BLOCCATO NEL

www KAYAKTREKKING it

www KAYAK TREKKING it 28 LUGLIO: BLOCCATO NEL DESERTO 8 9

www KAYAKTREKKING it

Un rapido confronto della mia posizione sul- la mappa del GPS e sulla cartina geografica mi dà vicinissimo alla spiaggia che fremo di conoscere da prima che partissi per questo folle tour: la Plage de Loto. Ed eccola avvici- narsi alla mia prua, con la sua candida e finis- sima sabbia. Il fondale basso mi accompagna dolcemente fino all’approdo. Il sole va e vie- ne. Tra i bagnanti che mi guardano incuriosi- ti, cerco la prospettiva migliore, aspetto il momento più propizio e la luce più intensa, per scattare la foto che immortalerà per sempre, nei miei ricordi, la bellezza di questo angolo di paradiso. Eccola!

ricordi, la bellezza di questo angolo di paradiso. Eccola! www KAYAK TREKKING it 28 LUGLIO: BLOCCATO

www KAYAKTREKKING it

Devo ripartire, il tempo sta cambiando. Ho paura che ricomincino le raffiche che hanno spazzato

Devo ripartire, il tempo sta cambiando. Ho paura che ricomincino le raffiche che hanno spazzato la baia di San Florent durante il mio passaggio. Il vento da ovest è sempre più te- so e cerco riparo sotto la costa alla mia sini-

stra. L’obiettivo è quello di girare Punta di Curza prima possibile. Non riesco a vedere le condizioni del mare oltre la punta. Devo arri- varci per rendermi conto che il vento mi im- pedisce addirittura di girare la prua del ka-

vento mi im- pedisce addirittura di girare la prua del ka- www KAYAK TREKKING it 28

www KAYAKTREKKING it

yak. Non posso avanzare, è troppo pericolo- so. Ritorno indietro e ripiego sulla più vicina spiaggia che trovo: un lembo di sabbia gros- sa e bianca su cui atterro percorrendo un im- probabile corridoio tra le punte aguzze degli scogli affioranti.

corridoio tra le punte aguzze degli scogli affioranti. Controllo la mappa satellitare sullo smartphone e scopro

Controllo la mappa satellitare sullo smartphone e scopro di essere nel Deserto delle Agriate. Una distesa di arbusti bassi e fitti che si estendono a perdita d’occhio. La- scio il kayak riponendo tutta l’attrezzatura all’interno e chiudendolo poi col copripoz- zetto. L’intenzione è quella di allontanarmi un po’ per capire in che cavolo di posto mi trovi. Percorro un sentiero in terra battuta. Il lontano ronzio di un gruppo elettrogeno mi anticipa la presenza di un chiosco improvvi- sato nella macchia.

la presenza di un chiosco improvvi- sato nella macchia. www KAYAK TREKKING it 28 LUGLIO: BLOCCATO

www KAYAKTREKKING it

È l’occasione buona per farsi un panino, mi dico. Un panino nel deserto! E quando mi ricapita!? Me lo porta a passo svelto una ragazza. È scalza, ha i piedi neri della terra che calpesta ed un sorri- so candido. Il tavolo do- ve siedo ha l’affaccio di- retto sulla spiaggetta col kayak e la veduta pano- ramica su Capo Corso. Rimango a guardare il

la veduta pano- ramica su Capo Corso. Rimango a guardare il www KAYAK TREKKING it 28
la veduta pano- ramica su Capo Corso. Rimango a guardare il www KAYAK TREKKING it 28

www KAYAKTREKKING it

mare increspato con la speranza che il ponente cessi quanto prima. Le raffiche sono violente. Le fronde degli alberi si pie- gano sotto la spinta del vento. Rimarrò bloccato per tutto il pomeriggio. Alla fine desisto dall’idea di ripartire e mi preparo a passare la notte sul fazzo- letto di spiaggia dove so- no atterrato.

la notte sul fazzo- letto di spiaggia dove so- no atterrato. www KAYAK TREKKING it 28
la notte sul fazzo- letto di spiaggia dove so- no atterrato. www KAYAK TREKKING it 28

www KAYAKTREKKING it

Con i picchetti lillipuziani che ho sarà davve- ro difficile montare la tenda col vento. Devo trovare una soluzione. Mi viene l’idea di uti- lizzare delle canne di bambù come picchetti

e di assicurarle sul fondo con delle grosse

pietre. Il sistema funziona e riesco ad anco- rare perfettamente la tenda a terra. Il mare è

a pochi passi e mi incute timore. Potrebbe

raggiungere la tenda in caso di mareggiata. Ma la spiaggia è così piccola che non mi permette di allontanarmi di più. La notte si avvicina e non si preannuncia affatto tran- quilla.

notte si avvicina e non si preannuncia affatto tran- quilla. www KAYAK TREKKING it 28 LUGLIO:

www KAYAKTREKKING it

29 LUGLIO: SECONDO GIORNO NEL DESERTO

29 LUGLIO: SECONDO GIORNO NEL DESERTO www KAYAK TREKKING it 4.1 KM 29 LUGLIO: SECONDO GIORNO
29 LUGLIO: SECONDO GIORNO NEL DESERTO www KAYAK TREKKING it 4.1 KM 29 LUGLIO: SECONDO GIORNO

www KAYAKTREKKING it

4.1 KM

Il rumore della pioggia sulla tenda mi sveglia più volte durante la notte. Esco per control- lare se sono ancora a distanza di sicurezza dal mare. Mi riaddormento ma il sonno non è mai tranquillo. Al mattino ancora piove. Ri- mango in tenda fino a quando spiove. Fa un freddo boia e tira vento. Devo coprirmi con tutto quello che ho. Intorno a me il silenzio più totale. Il chiosco è ancora chiuso. Non c’è nemmeno l’ombra di un essere umano. Inizio il rito della colazione che a sto punto, è l’unica nota positiva della giornata appena iniziata. Ormai sveglio, realizzo che l’unica cosa da fare assolutamente è spostarmi su

una spiaggia più grande. Sulla mappa satelli- tare scorgo, a poche miglia, dietro la Punta

di Curza, una spiaggia che fa al caso mio: la

Plage de Saleccia. Nell’interno vi è un cam- peggio ma non so di preciso dove sia ubica- to. Date le condizioni meteo non ho fretta. Il mare è al limite della navigabilità. Se riesco ad arrivare sarò davvero bravo, mi dico. Alle 10 sono in acqua. Ripercorro per la terza vol-

ta lo stesso tratto di mare sperando che que-

sta sia la volta buona. Quando arrivo in pun-

ta vengo investito dalle stesse violente raffi-

che di ieri. Ricorro a continui appoggi con la pagaia per alzare e girare la prua del kayak. È

con la pagaia per alzare e girare la prua del kayak. È www KAYAK TREKKING it

www KAYAKTREKKING it

un’impresa titanica. Alla fine ci riesco e mi ri- trovo il vento in faccia. In pochi secondi sono completamente bagnato. Mi curvo in avanti per offrire meno resistenza al vento. Più vol- te rischio di farmi strappare la pagaia dalle mani. La vedo nera ed inizio ad aver paura. Davanti a me c’è un gruppo di scogli. Scelgo la strada più breve passando nel giardino di roccia a sinistra ma dopo pochi metri capisco subito che non c’è abbastanza fondo e ri- schio seriamente di incagliarmi. Sono co- stretto a fare una manovra di emergenza per ritornare indietro e girare gli scogli dall’altro lato. Proseguo e finalmente alla mia sinistra

appare la lunghissima Plage de Saleccia. I frangenti sulla costa mi incutono timore e così scelgo di proseguire, quasi in attesa del coraggio di atterrare. Arrivo alla punta più lontana della spiaggia. Non posso più aspet- tare. Prendo coraggio e mi lancio in un mez- zo surf che mi sbatte con violenza sulla riva. Esco rapidamente dal kayak e lo tiro in secco con tutte le forze. Ce l’ho fatta! Passo la mattinata in spiaggia. Attorno a me pochissimi bagnanti, intirizziti dal freddo. Il cielo si fa grigio plumbeo e alla fine viene an- che a piovere.

si fa grigio plumbeo e alla fine viene an- che a piovere. www KAYAK TREKKING it

www KAYAKTREKKING it

Nel primo pomeriggio mi cucino qualcosa al riparo nella macchia. Lascio il kayak in custodia

Nel primo pomeriggio mi cucino qualcosa al riparo nella macchia.

primo pomeriggio mi cucino qualcosa al riparo nella macchia. Lascio il kayak in custodia ad una

Lascio il kayak in custodia ad una famiglia italiana che ho conosciuto in spiaggia e mi dirigo verso il camping U Paradisu. Passo per un acquitrino maleodorante, percorro un sentiero sterrato, supero una radura con dei

percorro un sentiero sterrato, supero una radura con dei www KAYAK TREKKING it 29 LUGLIO: SECONDO

www KAYAKTREKKING it

camper parcheggiati e arrivo all’ingresso del campeggio. Faccio finta di essere un cam- peggiatore e mi dirigo verso i bagni.

di essere un cam- peggiatore e mi dirigo verso i bagni. Riempio la borsa d’acqua e

Riempio la borsa d’acqua e mi faccio la bar- ba.

i bagni. Riempio la borsa d’acqua e mi faccio la ba r- ba. Poi vado al

Poi vado al bar e mi gusto una birra media al- la spina. Metto a ricaricare le batterie stilo del GPS e ritorno in spiaggia. Alle 17:30 apre

stilo del GPS e ritorno in spiaggia. Alle 17:30 apre www KAYAK TREKKING it 29 LUGLIO:

www KAYAKTREKKING it

il market e puntuale ritornerò nel camping per acquistare frutta fresca, che non mangio da quando sono partito, e delle ricariche per il fornelletto a gas. Si alternano schiarite e rovesci. Alla fine un maestoso arcobaleno riempie la mia vista.

Alla fine un maestoso arcobaleno riempie la mia vista. www KAYAK TREKKING it 29 LUGLIO: SECONDO

www KAYAKTREKKING it

www KAYAK TREKKING it 29 LUGLIO: SECONDO GIORNO NEL DESERTO 1 0 2
www KAYAK TREKKING it 29 LUGLIO: SECONDO GIORNO NEL DESERTO 1 0 2

www KAYAKTREKKING it

È l’ora del tramonto. Non avendo nulla da fa- re, mi dedico alla fotografia. Cerco qualche bello scorcio da immortalare.

alla fotografia. Cerco qualche bello scorcio da immortalare. www KAYAK TREKKING it 29 LUGLIO: SECONDO GIORNO

www KAYAKTREKKING it

La spiaggia si svuota. Rimaniamo solo io e qualche gabbiano. Monto la tenda in un bu- co riparato sotto degli arbusti.

Monto la tenda in un bu- co riparato sotto degli arbusti. distendo sul materassino per nulla

distendo sul materassino per nulla stanco ma con una voglia incredibile di rialzarmi e ripartire di buon mattino. La media di km percorsi è davvero bassa. Di questo passo fi- nirò il giro dell’isola in tempi biblici. Devo fa- re i conti col meteo però, che anche per do- mani non porta niente di buono. Vedremo.

Vengo assalito da nuvoli di zanzare che cer- cano di pungermi in ogni dove. Resisto. Mi

zanzare che cer- cano di pungermi in ogni dove. Resisto. Mi www KAYAK TREKKING it 29

www KAYAKTREKKING it

30 LUGLIO: ROBINSON CRUSOE

30 LUGLIO: ROBINSON CRUSOE www KAYAK TREKKING it 4.8 KM 30 LUGLIO: ROBINSON CRUSOE 1 0
30 LUGLIO: ROBINSON CRUSOE www KAYAK TREKKING it 4.8 KM 30 LUGLIO: ROBINSON CRUSOE 1 0

www KAYAKTREKKING it

4.8 KM

Mi sveglio intirizzito dal freddo. Durante la

notte la temperatura è scesa vertiginosa- mente e ho battuto i denti dal freddo. Mi so-

no rannicchiato in posizione fetale per non

disperdere calore ma è servito a poco. Il sac- co a pelo estivo, l’unico che ho portato, è as- solutamente inadeguato a temperature così basse. Se capiterà ancora una notte così ge- lida dovrò fare in modo di avere il telo asciut-

to in tenda a portata di mano per usarlo co- me coperta. È l’unica soluzione praticabile. Fuori albeggia. Il cielo è grigio ed il mare an- cora incazzato. Decido di recuperare il son- no, perso per il freddo, continuando a dormi-

re ancora un po’. Quando mi sveglio piovig- gina. Gli arbusti sopra la tenda sono un buon riparo. Mentre faccio colazione vengo avvol- to da un nuvolo di zanzare e sono costretto a cospargermi gambe e viso col repellente. Riusciranno comunque a pungermi. In spiaggia ci sono solo io. Dopo aver finito la colazione chiudo la tenda e mi incammino verso il campeggio. Vado in bagno per recu- perare un aspetto più umano e poi al bar per riprendere la batteria che ho lasciato a cari- care tutta la notte. Quando ritorno in spiaggia ho già le idee chiare; nonostante le condizioni meteo proi-

ho già le idee chiare; nonostante le condizioni meteo proi- www KAYAK TREKKING it 30 LUGLIO:

www KAYAKTREKKING it

bitive, voglio lasciare Plage de Saleccia e raggiungere Plage de Trave, distante solo pochi km. La vicinanza del campeggio è una comodità non da poco ma non mi va di pas- sare un'altra notte nello stesso posto. Alle 11:15 salpo. Man mano che avanzo la costa si fa più bassa e mi espone al forte vento pro- veniente dal quadrante nord-occidentale. Avanzo a fatica tra onde altissime e un vento teso e costante che non mi dà tregua. Quan- do intravedo Plage de Trave mi preparo allo sbarco, cercando il tempo giusto per atterra- re senza essere travolto dai frangenti.

giusto per atterra- re senza essere travolto dai frangenti. La prua tocca terra alle 12:15. Mi

La prua tocca terra alle 12:15. Mi guardo at- torno: ci sono solo io. La spiaggia è desolata e stupenda. Ricoperta di sabbia fine e bian- ca.

è desolata e stupenda. Ricoperta di sabbia fine e bian- ca. www KAYAK TREKKING it 30

www KAYAKTREKKING it

Disseminata di canne e legnetti portati qui dal mare. www KAYAK TREKKING it 30 LUGLIO:

Disseminata di canne e legnetti portati qui dal mare.

Disseminata di canne e legnetti portati qui dal mare. www KAYAK TREKKING it 30 LUGLIO: ROBINSON

www KAYAKTREKKING it

Più dietro, vicino alla macchia, la spiaggia di- venta un tappeto di piccole piante dalle

Più dietro, vicino alla macchia, la spiaggia di- venta un tappeto di piccole piante dalle fo- glie acuminate, impossibile da calpestare a piedi nudi.

fo- glie acuminate, impossibile da calpestare a piedi nudi. Completato il giro perlustrativo, ritorno al kayak

Completato il giro perlustrativo, ritorno al kayak e decido di parcheggiarlo vicino ad una curiosa costruzione di rami e canne in- trecciate.

ad una curiosa costruzione di rami e canne in- trecciate. www KAYAK TREKKING it 30 LUGLIO:

www KAYAKTREKKING it

www KAYAK TREKKING it 30 LUGLIO: ROBINSON CRUSOE 1 1 0

www KAYAKTREKKING it

La utilizzo subito per asciugare il telo da ma- re e la maglietta di lycra.

per asciugare il telo da ma- re e la maglietta di lycra. Più tardi la utilizzerò

Più tardi la utilizzerò per appendere il pan- nello solare e ricaricare le batterie fino al tramonto.

pan- nello solare e ricaricare le batterie fino al tramonto. La sensazione è quella di ritrovarsi

La sensazione è quella di ritrovarsi naufrago su un’isola deserta, senza possibilità di fuga. E devo dire che mi piace un sacco! Durante il pomeriggio vedrò qualche raro viandante fermarsi in spiaggia, dopo aver percorso un

raro viandante fermarsi in spiaggia, dopo aver percorso un www KAYAK TREKKING it 30 LUGLIO: ROBINSON

www KAYAKTREKKING it

sentiero sterrato poco distante, e ripartire scomparendo nella macchia. L’idea di condi- videre la mia isola deserta con qualcuno non mi piace affatto. Per un giorno voglio essere Robinson Crusoe, senza nessuno tra i piedi. Per tutto il pomeriggio percorro la spiaggia in lungo e in largo, cercando di intuire gli scorci più scenografici da fotografare quan- do il sole sarà poco sopra l’orizzonte. Nel frattempo faccio qualche foto di riscalda- mento in vista dell’appuntamento col tra- monto.

mento in vista dell’appuntamento col tr a- monto. www KAYAK TREKKING it 30 LUGLIO: ROBINSON CRUSOE

www KAYAKTREKKING it

www KAYAK TREKKING it 30 LUGLIO: ROBINSON CRUSOE 1 1 3

www KAYAKTREKKING it

Col sole a pochi gradi sull’orizzonte la spia g- gia cambia aspetto e si veste

Col sole a pochi gradi sull’orizzonte la spiag- gia cambia aspetto e si veste di colori caldi e intensi.

g- gia cambia aspetto e si veste di colori caldi e intensi. www KAYAK TREKKING it

www KAYAKTREKKING it

Aspetto il momento giusto, con l’onda che impatta lo scoglio e proietta l’ombra dello spruzzo verso di me. Fotografo così il più bel tramonto visto in Corsica.

di me. Fotografo così il più bel tramonto visto in Corsica. www KAYAK TREKKING it 30

www KAYAKTREKKING it

Quando cala la sera, tiro il kayak fin dietro la spiaggia, a ri-

dosso

macchia, per passare la notte al riparo dal ven- to. C’è tempo

per fare un ulti- mo scatto.

della

dal ven- to. C’è tempo per fare un ulti- mo scatto. della www KAYAK TREKKING it

www KAYAKTREKKING it

Sento degli strani rumori provenire dal sen- tiero dietro di me. Quando mi giro, vedo una mucca, stupita quanto me di non essere sola.

giro, vedo una mucca, stupita quanto me di non essere sola. Basta uno sguardo a entrambi

Basta uno sguardo a entrambi per capire che nessuno vuol fare del male all’altro.

È la mia terza notte nel Deserto delle Agria- te. Chiudo gli occhi pensando che probabil- mente sarà l’ultima; domani il tempo do- vrebbe migliorare. Mi dispiace lasciarlo, no- nostante mi abbia fermato qui per quasi tre giorni. Probabilmente, penso, lo ha fatto so- lo per mostrarmi la sua intima e selvaggia bellezza.

so- lo per mostrarmi la sua intima e selvaggia bellezza. www KAYAK TREKKING it 30 LUGLIO:

www KAYAKTREKKING it

31 LUGLIO: PASSAGGIO PER ILE ROUSSE

31 LUGLIO: PASSAGGIO PER ILE ROUSSE www KAYAK TREKKING it 34 KM 31 LUGLIO: PASSAGGIO PER
31 LUGLIO: PASSAGGIO PER ILE ROUSSE www KAYAK TREKKING it 34 KM 31 LUGLIO: PASSAGGIO PER

www KAYAKTREKKING it

34 KM

Quando esco dalla tenda mi accoglie final- mente una bella giornata!

dalla tenda mi accoglie final- mente una bella giornata! La mattinata scivola veloce. Ci siamo solo

La mattinata scivola veloce. Ci siamo solo io ed un gabbiano. Non vedo più la mucca. Dopo due ore dal risveglio sono già in acqua.

la mucca. Dopo due ore dal risveglio sono già in acqua. Prima però sono costretto a

Prima però sono costretto a sostituire il filo di nylon che sostiene lo skeg, tranciato di netto dopo l’atterraggio violento del giorno prima. Purtroppo l’esiguo diametro (0.40mm) fa sì che il filo si spezzi facilmente

diametro (0.40mm) fa sì che il filo si spezzi facilmente www KAYAK TREKKING it 31 LUGLIO:

www KAYAKTREKKING it

nei punti in cui sfrega tra skeg e scafo. Non posso farci nulla, non ho un filo più spesso; dovrò comprarlo in un negozio di pesca nel porto più vicino. Inizio la navigazione con pochissimo vento ma con una divertente (almeno per ora) on- da lunga.

vento ma con una divertente (almeno per ora) on- da lunga. Godo all’inverosimile mentre alla mia

Godo all’inverosimile mentre alla mia sinistra sfilano paesaggi di rara, bucolica bellezza. In poche ore percorro le stesse miglia che ho percorso nei due giorni precedenti. Man ma- no che avanzo, l’onda lunga diventa sempre

Man ma- no che avanzo, l’onda lunga diventa sempre www KAYAK TREKKING it 31 LUGLIO: PASSAGGIO

www KAYAKTREKKING it

più insidiosa,

più insidiosa, www KAYAK TREKKING it 31 LUGLIO: PASSAGGIO PER ILE ROUSSE 1 2 1
più insidiosa, www KAYAK TREKKING it 31 LUGLIO: PASSAGGIO PER ILE ROUSSE 1 2 1

www KAYAKTREKKING it

www KAYAK TREKKING it 31 LUGLIO: PASSAGGIO PER ILE ROUSSE 1 2 2

www KAYAKTREKKING it

rompendosi persino in prossimità di scogli sommersi. Devo stare quindi attento ad indi- viduarli con sufficiente anticipo per modifi- care in tempo la rotta. Dopo tre ore di navi- gazione mi lascio alle spalle il Deserto delle Agriate e mi avvicino alla famosa Plage de Ostriconi.

delle Agriate e mi avvicino alla famosa Plage de Ostriconi. Decido di atterrare in surf sulle

Decido di atterrare in surf sulle onde lunghe che si frangono a riva.

atterrare in surf sulle onde lunghe che si frangono a riva. www KAYAK TREKKING it 31

www KAYAKTREKKING it

e dovrò tornare indietro per cercarla. Fortu- natamente l’ ha presa un bagnante che ora,

e dovrò tornare indietro per cercarla. Fortu- natamente l’ha presa un bagnante che ora, vedendomi, mi raggiunge a nuoto e me la restituisce. Continuo la navigazione costeggiando lo spiaggione di Lozari

Mi fermerò solo un quarto d’ora. Alla ripar- tenza il mare è ancora più grosso e vengo colpito da un’onda enorme che mi strappa la sacca stagna dagli elastici sulla coperta die- tro il pozzetto. Me ne accorgerò dopo un po’

die- tro il pozzetto. Me ne accorgerò dopo un po’ www KAYAK TREKKING it 31 LUGLIO:

www KAYAKTREKKING it

e dirigendo poi la prua verso la famosissima località turistica di Ile Rousse. www KAYAK

e dirigendo poi la prua verso la famosissima località turistica di Ile Rousse.

prua verso la famosissima località turistica di Ile Rousse. www KAYAK TREKKING it 31 LUGLIO: PASSAGGIO
prua verso la famosissima località turistica di Ile Rousse. www KAYAK TREKKING it 31 LUGLIO: PASSAGGIO

www KAYAKTREKKING it

Sembra di essere alla Terza Spiaggia di Golfo Aranci in Sardegna! L’acqua è meravigliosa: turchese

Sembra di essere alla Terza Spiaggia di Golfo Aranci in Sardegna! L’acqua è meravigliosa:

turchese e trasparentissima. La spiaggia di fronte a me è zeppa di asciugamani e om- brelloni. Atterro e tiro in secco il kayak in un minuscolo corridoio di spiaggia libera. Lo spettacolo è incredibile! Ile Rousse ha la

fama di essere uno dei più bei posti della Corsica. Ora capisco il perché. Alla mia sini- stra c’è il porto e più avanti l’Isola Rossa, col- legata a questo tramite un istmo di terra.

Rossa, co l- legata a questo tramite un istmo di terra. www KAYAK TREKKING it 31

www KAYAKTREKKING it

È ora di pranzo e la fame, nonostante i prezzi proibitivi, mi spinge ad entrare
È ora di pranzo e la fame, nonostante i prezzi proibitivi, mi spinge ad entrare

È ora di pranzo e la fame, nonostante i prezzi proibitivi, mi spinge ad entrare in un risto- rante proprio sulla spiaggia, a poche decine di metri dal kayak. Quando entro mi accorgo che è tutto pieno e la gente, a differenza mia, è vestita di tutto punto. Affianco, noto un baretto che fa anche i panini e decido così

noto un baretto che fa anche i panini e decido così www KAYAK TREKKING it 31

www KAYAKTREKKING it

di accontentarmi di un panino all’odore di pollo a soli 6,50€! Finito il panino, mi faccio indicare il più vicino supermercato e lo rag- giungo a piedi attraverso i bellissimi vicoli della cittadina corsa. Lungo la strada mi fermo a comprare un secondo panino, con pollo vero stavolta! Saccheggio poi il super- mercato di ogni genere alimentare comme- stibile da un italiano e mi dirigo, carico di bu- ste, verso il porto, dove spero di trovare un negozio di pesca aperto. Non lo troverò. È passata già mezz’ora da quando ho lascia- to il kayak; ritorno in spiaggia per sistemare nei gavoni i viveri appena comprati. Tutto

quello che non entra nel kayak lo mangio all’istante, sotto gli sguardi allibiti dei vicini. Tra questi, un signore svizzero che mi fa ogni sorta di domanda sul mio viaggio. Intenerito dalle condizioni in cui ho scelto di trascorrere le vacanze, mi regala un altro picchetto, ov- vero una canna di bambù uguale alle altre legate sulla coperta del kayak. Un gesto bel- lo e semplice che ho apprezzato tantissimo! Quando riparto mi accorgo che si è rotto un’altra volta il filo di nylon che mantiene lo skeg e sono quindi costretto a sostituirlo per l’ennesima volta prima di ripartire in direzio- ne del molo. La maledizione dello skeg è ini-

in direzi o- ne del molo. La maledizione dello skeg è ini- www KAYAK TREKKING it

www KAYAKTREKKING it

ziata il secondo giorno del trekking e ancora mi perseguita! Giro attorno all’Isola Rossa

e ancora mi perseguita! Giro attorno all’Isola Rossa e scopro con mia grossa sorpresa di avere

e scopro con mia grossa sorpresa di avere un forte vento contrario.

con mia grossa sorpresa di avere un forte vento contrario. La velocità di avanzamento è troppo

La velocità di avanzamento è troppo bassa e decido di atterrare sulla più vicina spiaggia per aspettare che cessino almeno le forti raf- fiche di vento. Sono sulla Spiaggia di Ghjun- chitu: un ammasso di alghe in putrefazione

di Ghjun- chitu: un ammasso di alghe in putrefazione www KAYAK TREKKING it 31 LUGLIO: PASSAGGIO

www KAYAKTREKKING it

dall’odore nauseabondo. Ci rimango giusto un po’. Risostituisco per la terza volta il filo di nylon dello skeg e prendo il largo in un mare al limite della navigabilità. Mi dimeno per qualche miglio tra onde altissime e vento te- so. Stanchissimo, riesco a girare punta Valli- toni e scendere fino allo spiaggione di Alga- jola. Il problema dello sbarco con onda lo ri- solvo alla kamikaze! Faccio un atterraggio di fortuna a cavallo di un enorme frangente che mi trascina a riva con violenza esagerata. Esco dal pozzetto stordito e tiro velocemen- te il kayak in secco.

pozzetto stordito e tiro velocemen- te il kayak in secco. Sono le 19. Per oggi ne

Sono le 19. Per oggi ne ho avuto abbastanza. Ceno col filoncino e lo svizzero comprati ad Ile Rousse

Ceno col filoncino e lo svizzero comprati ad Ile Rousse www KAYAK TREKKING it 31 LUGLIO:

www KAYAKTREKKING it

e mi godo, tra un morso e l’altro, il belliss i- mo tramonto. All’imbrunire monto

e mi godo, tra un morso e l’altro, il bellissi- mo tramonto. All’imbrunire monto la tenda e crollo per la stanchezza. Che giornata!

monto la tenda e crollo per la stanchezza. Che giornata! www KAYAK TREKKING it 31 LUGLIO:

www KAYAKTREKKING it

www KAYAK TREKKING it 31 LUGLIO: PASSAGGIO PER ILE ROUSSE 1 3 2

www KAYAKTREKKING it

1 AGOSTO: LO SPETTACOLO DI CALVI

1 AGOSTO: LO SPETTACOLO DI CALVI www KAYAK TREKKING it 12.9 KM 1 AGOSTO: LO SPETTACOLO
1 AGOSTO: LO SPETTACOLO DI CALVI www KAYAK TREKKING it 12.9 KM 1 AGOSTO: LO SPETTACOLO

www KAYAKTREKKING it

12.9 KM

Ho dormito comodo, talmente comodo che non voglio più svegliarmi. Merito della buona sagomatura del giaciglio che ho fatto prima di addormentarmi. Quando suona la sveglia delle 6 sento di colpo il rumore della tenda sbattuta dal vento e il forte sciabordio delle onde a riva. Comprendo che le previsioni del giorno prima, che davano ancora libeccio forza 3-4, sono confermate. Spengo la sve- glia e decido di dormire un’altra mezz’oretta. Al successivo risveglio sento uno strano vo- cio fuori della tenda. Incuriosito, esco. Vedo delle persone a qualche decina di metri da me, armate di treppiedi e macchine fotogra-

fiche, che guardano tutte in una direzione. Io però non vedo nulla. Mi avvicino ancora un po’ e scorgo un paio di gambe femminili che fuoriescono dal bagnasciuga.

un paio di gambe femminili che fuoriescono dal bagnasciuga. Sono nel pieno di un set fotografico

Sono

nel

pieno

di

un

set

fotografico

dal bagnasciuga. Sono nel pieno di un set fotografico www KAYAK TREKKING it 1 AGOSTO: LO

www KAYAKTREKKING it

all’aperto! La cosa non mi entusiasma affat- to. Mi accorgo di non poter fare la solita pi- sciata mattutina con lo sguardo rivolto al mare, ma devo accovacciarmi dietro la tenda come una femminuccia. La giornata parte maleSento cambiare il vento, che ora inizia a spi- rare da est, proprio nella direzione che dovrò percorrere. È un’occasione da prendere al volo! Smonto la tenda in un battibaleno e preparo il kayak per la partenza, saltando addirittura la colazione. La solita litigata con i frangenti a riva per prendere il largo e mi la- scio lo spiaggione di Algajola alle spalle. Per

un po’ il vento mi spinge. Poi, quando sono vicino al Porto della Marina di S. Ambrogio,

quando sono vicino al Porto della Marina di S. Ambrogio, ritorna il solito libeccio e sono

ritorna il solito libeccio e sono costretto a fermarmi sulla spiaggia più vicina. Faccio co- lazione con l’unico panino rimasto nel gavo-

Faccio co- lazione con l’unico panino rimasto nel gav o- www KAYAK TREKKING it 1 AGOSTO:

www KAYAKTREKKING it

ne e mi preparo ad una lunga, difficile traver- sata nel Golfo di Calvi, per raggiungere l’omonima città. Quando giro Punta Spanu, mi investe un vento tesissimo. Non riesco ad avanzare a più di 2 nodi. Per sei lunghi este- nuanti chilometri lotto con onde alte più di 1 metro che si frangono sulle fiancate del ka- yak e faccio una fatica enorme a mantenere la direzione. Punto con la prua del kayak il promontorio di Calvi,

con la prua del kayak il promontorio di C a l v i , sul quale

sul quale è arroccata la vecchia cittadella for- tificata. La meta si avvicina

la vecchia cittadella for- tificata. La meta si avvicina www KAYAK TREKKING it 1 AGOSTO: LO

www KAYAKTREKKING it

e dopo due ore di folle pagaiata, ormai allo stremo delle forze, giungo finalmente in

e dopo due ore di folle pagaiata, ormai allo stremo delle forze, giungo finalmente in vi- sta della cittadella prima

forze, giungo finalmente in vi- sta della cittadella prima e del porto poi. www KAYAK TREKKING

e del porto poi.

in vi- sta della cittadella prima e del porto poi. www KAYAK TREKKING it 1 AGOSTO:

www KAYAKTREKKING it

Al riparo dalle raffiche impetuose, raggiungo in scioltezza la spiaggia. È stata la traversata più

Al riparo dalle raffiche impetuose, raggiungo in scioltezza la spiaggia.

raffiche impetuose, raggiungo in scioltezza la spiaggia. È stata la traversata più impegnativa da quando sono

È stata la traversata più impegnativa da quando sono partito. Sono distrutto! Per un’oretta rimango immobile come il pannel- lo solare steso sul kayak. Mi affido al sole per ricaricare le batterie. A meno che il vento

al sole per ricaricare le batterie. A meno che il vento www KAYAK TREKKING it 1

www KAYAKTREKKING it

non scada, la navigazione finisce qui, almeno per oggi. Il panorama è mozzafiato! È come stare a Portofino avendo dietro le Dolomiti.

È come stare a Portofino avendo dietro le Dolomiti. www KAYAK TREKKING it 1 AGOSTO: LO

www KAYAKTREKKING it

www KAYAK TREKKING it 1 AGOSTO: LO SPETTACOLO DI CALVI 1 4 0

www KAYAKTREKKING it

Mai visto niente del genere. È surreale per quanto è bello. «Ci rimarrò tutta la giornata, dovesse pure cessare il vento» sentenzio. Ad un certo punto non credo alle mie orec-

chie: sento vicinissimo il fischio di un treno.

Mi

giro di scatto e vedo a 10m dalla spiaggia

un

treno che passa. «Ma dove cavolo mi tro-

spiaggia un treno che passa. «Ma dove cavolo mi tro- vo?!» esclamo. Ancora basito, oltrepasso gli

vo?!» esclamo. Ancora basito, oltrepasso gli alberi dietro la spiaggia alla ricerca della fer- rovia. Quando la vedo ancora non ci credo; una ferrovia che passa a 10m dal mare, so-

praelevata solo di un paio di metri e senza nessuna protezione per i pedoni!

di un paio di metri e senza nessuna protezione per i pedoni! www KAYAK TREKKING it

www KAYAKTREKKING it

Mai vista nella mia vita. Chiudo tutta l’attrezzatura nel kayak e vado a saccheggiare il

Mai vista nella mia vita. Chiudo tutta l’attrezzatura nel kayak e vado a saccheggiare il gigantesco supermercato a soli 100m dalla spiaggia.

il gigantesco supermercato a soli 100m dalla spiaggia. Poi ritorno al kayak per riporre la spesa

Poi ritorno al kayak per riporre la spesa e mi dileguo nella città;

al kayak per riporre la spesa e mi dileguo nella città; www KAYAK TREKKING it 1

www KAYAKTREKKING it

è bellissima! www KAYAK TREKKING it 1 AGOSTO: LO SPETTACOLO DI CALVI 1 4 3

è bellissima!

è bellissima! www KAYAK TREKKING it 1 AGOSTO: LO SPETTACOLO DI CALVI 1 4 3
è bellissima! www KAYAK TREKKING it 1 AGOSTO: LO SPETTACOLO DI CALVI 1 4 3

www KAYAKTREKKING it

è bellissima! www KAYAK TREKKING it 1 AGOSTO: LO SPETTACOLO DI CALVI 1 4 3

La percorro in lungo e in largo.

La percorro in lungo e in largo. Visito il porto e le viuzze dietro il porto

Visito il porto

La percorro in lungo e in largo. Visito il porto e le viuzze dietro il porto

e le viuzze dietro il porto affollate di turisti che fanno shopping nei negozi.

il porto affollate di turisti che fanno shopping nei negozi. www KAYAK TREKKING it 1 AGOSTO:

www KAYAKTREKKING it

Compro dei nuovi infradito, incredibile ma vero, a soli 5€. Meno di un panino! Riesco,

Compro dei nuovi infradito, incredibile ma vero, a soli 5€. Meno di un panino! Riesco, con immensa gioia, a trovare un ne- gozio di pesca dove compro il filo di nylon più spesso che mi serviva per lo skeg.

Vado in un bagno pubblico dotato di tutti i comfort e immortalo l’indimenticabile even- to con un selfie!

e immortalo l’indimenticabile eve n- to con un selfie! Mi perdo nella folla e per la

Mi perdo nella folla e per la prima volta mi sento un turista uguale agli altri. Stanchissi-

volta mi sento un turista uguale agli altri. Stanchissi- www KAYAK TREKKING it 1 AGOSTO: LO

www KAYAKTREKKING it

mo, poco prima del tramonto, ritorno, carico a ciuccio, dal mio compagno d’avventura Scott. Non c’è più il sole in spiaggia.

d’avventura Scott. Non c’è più il sole in spiaggia. Aspetto ancora un po’ e davanti a

Aspetto ancora un po’ e davanti a me appare

in spiaggia. Aspetto ancora un po’ e davanti a me appare www KAYAK TREKKING it 1

www KAYAKTREKKING it

uno degli spettacoli più belli visti finora: il tramonto sul Golfo di Calvi. Il mare diventa rosso dei raggi di sole che rimbalzano sui monti. L’apoteosi! Rimarrò incantato per una mezz’oretta buo- na, fino al calar delle tenebre.

per una mezz’oretta bu o- na, fino al calar delle tenebre. Dopo tutto quello che ho

Dopo tutto quello che ho mangiato nel po- meriggio non ho bisogno di cenare e quindi monto direttamente la tenda. Per la notte mi preoccupa un po’ la vicinanza del centro abitato e il via vai di persone sulla spiaggia.

del cent ro abitato e il via vai di persone sulla spiaggia. www KAYAK TREKKING it

www KAYAKTREKKING it

Infatti ci vorrà un po’ di tempo fino a che mi addormenti. Domani le previsioni sono buo- ne e spero di percorrere finalmente un lungo tratto di costa.

e spero di percorrere finalmente un lungo tratto di costa. www KAYAK TREKKING it 1 AGOSTO:

www KAYAKTREKKING it

2 AGOSTO: ATTERRAGGIO NOTTURNO ALLA SCAN-

DOLA
DOLA
2 AGOSTO: ATTERRAGGIO NOTTURNO ALLA SCAN- DOLA www KAYAK TREKKING it 57.9 KM 2 AGOSTO: ATTERRAGGIO
2 AGOSTO: ATTERRAGGIO NOTTURNO ALLA SCAN- DOLA www KAYAK TREKKING it 57.9 KM 2 AGOSTO: ATTERRAGGIO

www KAYAKTREKKING it

57.9 KM

Mi sveglio dopo una notte travagliatissima,

in cui me ne sono successe di ogni. Il tipo che

mi ha vomitato ad un passo dalla tenda fa-

cendomi sobbalzare al primo conato di vo- mito. La coppia seduta sulla panchina poco distante che giocava a chi scoreggiava più forte. L’ubriaco di turno che con tutta la spiaggia a disposizione veniva a pisciare ad un metro dalla mia tenda. E dulcis in fundo il treno, che a soli 10m da me, quando passava sembrava ti stesse investendo in pieno! Le previsioni negative della sera prima sono state tutte confermate: nottata di merda! Quando esco dalla tenda è ancora molto

presto e faccio in tempo a vedere il sole sor- gere dietro i monti della sponda opposta del golfo.

sor- gere dietro i monti della sponda opposta del golfo. www KAYAK TREKKING it 2 AGOSTO:

www KAYAKTREKKING it

www KAYAK TREKKING it 2 AGOSTO: ATTERRAGGIO NOTTURNO ALLA SCANDOLA 1 5 1

www KAYAKTREKKING it

Il ricordo della notte appena trascorsa piano piano svanisce e lascia il posto all’entusiasmo per questo nuovo giorno di pagaiata all’insegna del bel tempo. Faccio colazione col panino che avrei dovuto man- giare la sera prima. Guadagno un po’ di tem- po e alle 8 sono in acqua. Supero la cittadella fortificata

po e alle 8 sono in acqua. Supero la cittadella fortificata ed entro nel Golfo della

ed entro nel Golfo della Revellata. Supero l’omonima punta ed il suo caratteristico faro.

Supero l’omonima punta ed il suo caratteristico faro. www KAYAK TREKKING it 2 AGOSTO: ATTERRAGGIO NOTTURNO

www KAYAKTREKKING it

Sulla mappa leggo Grotte des Veaux Marins : è la grotta dei buoi marini che
Sulla mappa leggo Grotte des Veaux Marins : è la grotta dei buoi marini che

Sulla mappa leggo Grotte des Veaux Marins:

è la grotta dei buoi marini che prima della partenza mi ero promesso di visitare. Mi avvicino alla costa e inizio a scandagliarla metro per metro.

Sul gps non è segnata e questo non mi aiuta ad individuarla. Dopo un primo passaggio, della grotta nemmeno l’ombra; devo averla saltata.

della grotta nemmeno l’ombra; devo averla saltata. www KAYAK TREKKING it 2 AGOSTO: ATTERRAGGIO NOTTURNO ALLA

www KAYAKTREKKING it

Ritorno

indietro

e

finalmente

la

Mi ci infilo

trovo.

dentro

e

scatto

qualche

foto.

infilo trovo. dentro e scatto qualche foto. www KAYAK TREKKING it 2 AGOSTO: ATTERRAGGIO NOTTURNO ALLA

www KAYAKTREKKING it

Più tardi faccio una prima sosta nella baia di Nichiareto.

Più tardi faccio una prima sosta nella baia di Nichiareto. Proseguo ancora e dopo un suggestivo

Proseguo ancora e dopo un suggestivo pas- saggio tra la costa ed un lungo isolotto,

un suggestivo pas- saggio tra la costa ed un lungo isolotto, giro Capo Morsetta ed entro

giro Capo Morsetta ed entro nella Baia di Crovani.

isolotto, giro Capo Morsetta ed entro nella Baia di Crovani. www KAYAK TREKKING it 2 AGOSTO:

www KAYAKTREKKING it

È ora di pranzo e dirigo la prua verso Argen- tella, un paesino in cui
È ora di pranzo e dirigo la prua verso Argen- tella, un paesino in cui

È ora di pranzo e dirigo la prua verso Argen- tella, un paesino in cui spero di trovare uno snack-bar aperto. Mi accoglie una spiaggia scura e ciottolosa.

Ad un centinaio di metri c’è un ristorante. Non voglio andarci ma ci entro per chiedere se c’è un posto dove mangiare una cosa al volo. Mi indicano il bar dentro il vicino cam- peggio.

al volo. Mi indicano il bar dentro il vicino cam- peggio. www KAYAK TREKKING it 2

www KAYAKTREKKING it

Mi incammino e lo raggiungo,

Mi incammino e lo raggiungo, servire un piatto di salumi e formaggi locali. attraversandolo tutto, per

servire un piatto di salumi e formaggi locali.

lo raggiungo, servire un piatto di salumi e formaggi locali. attraversandolo tutto, per arrivare fino al

attraversandolo tutto, per arrivare fino al l’ingresso dove si trova il bar. Scopro che hanno solo dei cornetti e non fanno panini. Disperato, ritorno al ristorante e mi faccio

Li divoro con 1Kg circa di pane. Totale: 30€!

Argentella è costosella direi parto velocemente. Entro nel Golfo di Galeria

Alle 15:40 ri-

parto velocemente. Entro nel Golfo di Galeria Alle 15:40 ri- www KAYAK TREKKING it 2 AGOSTO:

www KAYAKTREKKING it

mi fermo sulla e all’omonimo paese spiaggetta vicina per consultare la mappa satellitare e pianifi-
mi fermo sulla e all’omonimo paese spiaggetta vicina per consultare la mappa satellitare e pianifi-

mi

fermo

sulla

e all’omonimo paese

spiaggetta

vicina

per consultare la mappa satellitare e pianifi- care le tappe successive. Ho a portata di ka- yak la Riserva Naturale della Scandola, uno dei posti più belli di tutta la Corsica. Voglio assolutamente vederla! Non potrò fermarmi

Corsica. Voglio assolutamente vederla! Non potrò fermarmi www KAYAK TREKKING it 2 AGOSTO: ATTERRAGGIO NOTTURNO ALLA

www KAYAKTREKKING it

la notte poiché le spiagge sono interdette al campeggio libero. Non lontana però, 10Km circa, c’è la famosa Girolata. Me ne ha parla- to benissimo Giacomo Della Gatta al telefo- no prima di imbarcarmi per Bastia. Sono al limite come orario e se non parto subito rischio di arrivarci dopo il tramonto. Così mi rimetto in mare e pagaio forte, dop- piando Punta Rossa

mi rimetto in mare e pagaio forte, dop- piando Punta Rossa e tagliando tutto il Golfo

e tagliando tutto il Golfo di Focolara. Supero Punta Nera

e tagliando tutto il Golfo di Focolara. Supero Punta Nera www KAYAK TREKKING it 2 AGOSTO:

www KAYAKTREKKING it

e mi ritrovo nel bel mezzo della Scandola, avvolto da rocce di granito rosso e

e mi ritrovo nel bel mezzo della Scandola,

e mi ritrovo nel bel mezzo della Scandola, avvolto da rocce di granito rosso e colate

avvolto da rocce di granito rosso e colate di lava scura.

avvolto da rocce di granito rosso e colate di lava scura. www KAYAK TREKKING it 2

www KAYAKTREKKING it

La mancanza del sole immerge questo para- di so in un’atmosfera tetra e minacciosa. La

La mancanza del sole immerge questo para- diso in un’atmosfera tetra e minacciosa. La costa buia e nera di lava incute timore. Im- magino le forze che hanno plasmato questi luoghi e scompaio di fronte a loro.

hanno plasmato questi luoghi e scompaio di fronte a loro. www KAYAK TREKKING it 2 AGOSTO:

www KAYAKTREKKING it

www KAYAK TREKKING it 2 AGOSTO: ATTERRAGGIO NOTTURNO ALLA SCANDOLA 1 6 2

www KAYAKTREKKING it

Scivolo in un mare color petrolio fino alla Plage d’Elbo.

Scivolo in un mare color petrolio fino alla Plage d’Elbo. www KAYAK TREKKING it 2 AGOSTO:
Scivolo in un mare color petrolio fino alla Plage d’Elbo. www KAYAK TREKKING it 2 AGOSTO:
Scivolo in un mare color petrolio fino alla Plage d’Elbo. www KAYAK TREKKING it 2 AGOSTO:

www KAYAKTREKKING it

Attorno a me un si- lenzio irreale. Ba- stioni di roccia scura che si innalzano im- ponenti.

Ba- stioni di roccia scura che si innalzano im- ponenti. www KAYAK TREKKING it 2 AGOSTO:
Ba- stioni di roccia scura che si innalzano im- ponenti. www KAYAK TREKKING it 2 AGOSTO:

www KAYAKTREKKING it

Rocce multicolore che prendono le forme più bizzarre.

Rocce multicolore che prendono le forme più bizzarre. Voglio guardarmele metro per metro così mi rimetto

Voglio guardarmele metro per metro così mi rimetto sul kayak e raggiungo Punta Palaz- zu, la punta più estrema del golfo.

raggiungo Punta Palaz- zu, la punta più estrema del golfo. www KAYAK TREKKING it 2 AGOSTO:
raggiungo Punta Palaz- zu, la punta più estrema del golfo. www KAYAK TREKKING it 2 AGOSTO:

www KAYAKTREKKING it

Negli an- fratti delle rocce a pic- co sul mare si aprono calette tur-

chesi

e grotte pro- fonde e al- tissime.

aprono calette tur- chesi e grotte pro- fonde e al- tissime. www KAYAK TREKKING it 2

www KAYAKTREKKING it

Vista da vicino la roccia vulcanica ha una ca- ratteristica struttura esagonale, come se, ancora liquida, fosse stata estrusa nel pas- saggio attraverso dei fori di ugual forma.

estrusa nel pas- saggio attraverso dei fori di ugual forma. Quando guardo il GPS mi accorgo

Quando guardo il GPS mi accorgo che sono

di ugual forma. Quando guardo il GPS mi accorgo che sono www KAYAK TREKKING it 2

www KAYAKTREKKING it

le 19:30. A colorare in un baleno le rocce prima scure è il sole basso sull’orizzonte, sot- to la coltre di nuvole.

sole basso sull’orizzonte, so t- to la coltre di nuvole. La Scandola mi ha rapito e

La Scandola mi ha rapito e portato in una dimensione senza tempo. È tardissimo! Cer-

co di recuperare tempo pagaiando forte ma devo fare i conti col vento che nel frattempo si è alzato impetuoso ad ore 12. Vengo af- fiancato da un gommone di guardie del par- co che mi dicono che nella Scandola è vieta- to fermarsi e mi chiedono dove abbia inten- zione di pernottare. Gli dico in inglese che sono diretto a Girolata. Con gentilezza si congedano e ripartono. Riprende la lotta contro il vento che limita la mia velocità a circa 2 nodi e mezzo. Mancano ancora 10km a Girolata e inizio a sudare freddo all’idea di atterrare con l’oscurità. La traversata del Golfo di Solana mi porterà via le ultime

La traversata del Golfo di Solana mi porterà via le ultime www KAYAK TREKKING it 2

www KAYAKTREKKING it

energie rimaste. Ho percorso più di 50km e non è ancora finita. Quando doppio Punta Scandola, finalmente, entro nel Golfo di Gi- rolata. Sono le 21:00 e il sole è sparito sotto l’orizzonte da un pezzo. Mi rimane solo un barlume di luce crepuscolare in rapidissimo affievolimento. Man mano che avanzo di- venta tutto più scuro. La sagoma dei monti si staglia sempre meno sul blu intenso del cie- lo. A metà golfo sprofondo nell’oscurità più totale. Di Girolata nemmeno l’ombra. Non ci sono luci all’orizzonte, nessun segno della presenza di un paese. Vedo solo le fievoli e tremolanti luci di qualche barca a vela in rada

nel golfo. Navigo nel buio più pesto. Ho pau- ra. Dal dayhatch anteriore tiro fuori la torcia frontale per essere almeno visibile agli altri natanti. Prendo anche lo smartphone e cerco di capire dalle mappe satellitari dove mi tro-

vi.

Sono nel bel mezzo del golfo e Girolata è dietro un piccolo promontorio, proprio di fronte a me.

è dietro un piccolo promontorio, proprio di fronte a me. www KAYAK TREKKING it 2 AGOSTO:

www KAYAKTREKKING it

Ecco perché non riuscivo a vederla! Devo gi- rare attorno al promontorio facendo atten- zione

Ecco perché non riuscivo a vederla! Devo gi- rare attorno al promontorio facendo atten- zione agli scogli. Potrei avvicinarmi troppo alla costa e infrangermi contro qualche sco- glio affiorante. Senza indugiare, prendo la decisione di utilizzare la mappa satellitare come guida nella manovra, mantenendo una

distanza di sicurezza di 15-20m dalla linea di costa che vedo sulla mappa. Che Dio me la mandi buona! Avanzando, mi accorgo che un segnale luminoso indica esattamente il lato sinistro dell’ingresso nella baia. Lo punto. Avverto la presenza della costa dal rumore delle onde che vi si infrangono. A orecchio la distanza dalle rocce è quella di sicurezza che mi sono imposto. Sono attento al più piccolo rumore che proviene dall’acqua per avere il tempo di schivare un ostacolo improvviso che mi si dovesse parare dinanzi. Inizio a sentire un vocio via via crescente. Poi d’un tratto mi si spalanca alla vista un’intera pare-

d’un tratto mi si spalanca alla vista un’intera par e- www KAYAK TREKKING it 2 AGOSTO:

www KAYAKTREKKING it

te rocciosa ricoperta di luci. Sono le luci dei ristoranti che tappezzano completamente il versante nord-est del promontorio. Lo stes- so che mi impediva prima di vedere. «È Giro- lata!» grido. Un brivido di gioia mi percorre la schiena. Scarico tutta la tensione in un sorriso indurito dalla salsedine che mi ricopre il viso. Alla mia destra il porticciolo, con un tripudio di luci provenienti dalle barche or- meggiate strette, l’una di fianco all’altra. Scivolo silenzioso come un’anguilla tra i ri- flessi di luci colorate sull’acqua piatta. Tocco terra su una piccola spiaggetta dove tirano in secco i gozzi. Sono le 22:00. Ho percorso più

di 58km. Attorno a me è tutto in festa. Negozietti ovunque, pieni di luci colorate. Voci e risate echeggiano dalla parte alta del paese. Sem- bra il paese dei balocchi. Mi lascio travolgere anch’io da questa atmosfera festante. Chiu- do tutto nel kayak e col sorriso ormai stam- pato sul volto mi dirigo in un ristorantino per mangiare qualcosa. Mi accoglie una camerie- ra bionda, sorridente, con tanto di pantalon- cino in jeans stracciato e occhi azzurri come il mare. Mi dico «Ma questo posto è il paradi- so!». Solo la fame riesce a distrarmi da cotanta

il paradi- so!». Solo la fame riesce a distrarmi da cotanta www KAYAK TREKKING it 2

www KAYAKTREKKING it

bellezza e ordino panino, patatine, due birre medie alla spina e un gelato.

panino, patatine, due birre medie alla spina e un gelato. A stomaco pieno ritorno al kayak.

A stomaco pieno ritorno al kayak. Sento tut- ta la stanchezza ora. Proprio ora che devo montare la tenda. Mi faccio forza e tiro fuori

dal kayak tutta l’attrezzatura. Montata la tenda a due metri dal mare, vorrei ancora fa- re qualcosa. Mi dispiace addormentarmi e lasciare il mondo attorno a me in festa. È l’ultimo pensiero prima di cadere in un sonno profondo.

l’ultimo pensiero prima di cadere in un sonno profondo. www KAYAK TREKKING it 2 AGOSTO: ATTERRAGGIO

www KAYAKTREKKING it

3 AGOSTO: USCITA DALLA SCANDOLA

3 AGOSTO: USCITA DALLA SCANDOLA www KAYAK TREKKING it 42.8 KM 3 AGOSTO: USCITA DALLA SCANDOLA
3 AGOSTO: USCITA DALLA SCANDOLA www KAYAK TREKKING it 42.8 KM 3 AGOSTO: USCITA DALLA SCANDOLA

www KAYAKTREKKING it

42.8 KM

Mi sveglio come un cencio. La schiena è a pezzi dopo le 10 ore di pagaiata di ieri. Ho dormito poco e male. Dagli yacht ormeggiati non sono mai cessati gli schiamazzi. I risto- ranti si sono spenti solo a notte inoltrata. Nel bel mezzo del sonno vengo svegliato da al- cuni cani che iniziano ad abbaiare. Uno in particolare è a due passi dalla tenda e fa un casino infernale. Conto fino a 10, poi, mi fac- cio forza ed esco per allontanarlo. È una be- stia gigantesca! Quando gli grido «Za, via!» non mi guarda nemmeno. Sconfitto, ritorno dentro e con pazienza aspetto che finisca di abbaiare per riaddormentarmi.

Di svegli ci siamo io e due vacche nere al pa- scolo.

Di svegli ci siamo io e due vacche nere al pa- scolo. www KAYAK TREKKING it
Di svegli ci siamo io e due vacche nere al pa- scolo. www KAYAK TREKKING it

www KAYAKTREKKING it

Mi guardo attorno e noto subito uno stupen- do pontile dove fare colazione.

e noto subito uno stupen- do pontile dove fare colazione. Bevo una tazza di caffè sospeso

Bevo una tazza di caffè sospeso sul mare. Vedo i pescetti sotto di me banchettare con le briciole dei biscotti. Tutto intorno tace. È

un momento di felicità che sento scorrere fuori e dentro di me. Non lo scorderò. La luce del sole illumina il percorso fatto la sera prima nel buio pesto col kayak, guidato solo dalle mappe satellitari.

buio pesto col kayak, guidato solo dalle mappe satellitari. www KAYAK TREKKING it 3 AGOSTO: USCITA
buio pesto col kayak, guidato solo dalle mappe satellitari. www KAYAK TREKKING it 3 AGOSTO: USCITA

www KAYAKTREKKING it

Una follia ben riuscita! Mi arrampico sui vico- li che portano alla parte alta di Girolata e mi godo il panorama. Quando riscendo vedo al- cune persone vicino ad un ristorantino. Mi ci infilo dentro per usufruire del bagno. Un asino mi fiuta incuriosito.

per usufruire del bagno. Un asino mi fiuta incuriosito. Quando esco scopro di chi sono quei

Quando esco scopro di chi sono quei kayak parcheggiati sulla stessa spiaggetta dove ho dormito io.

parcheggiati sulla stessa spiaggetta dove ho dormito io. www KAYAK TREKKING it 3 AGOSTO: USCITA DALLA

www KAYAKTREKKING it

Un ragazzo con due lunghe baguette sotto il braccio mi dice di appartenere ad un

Un ragazzo con due lunghe baguette sotto il braccio mi dice di appartenere ad un gruppo di sette kayaker con bambini al seguito di- retti a Porto. C’è addirittura un kayak gon- fiabile. Li avverto che le forti raffiche di ven-

to potrebbero causargli non pochi problemi per giungere senza pericolo fino a destina- zione. Ma il tipo è fiducioso. Mi dice che ce la faranno, nonostante tutto. Gli chiedo dove abbia preso il pane e mi indica un negozietto poco distante. Uscirò anch’io con due lunghe baguette sotto il braccio. A malincuore, proprio mentre riprende vita, lascio Girolata, famosa per essere uno dei pochi luoghi della Corsica raggiungibile solo via mare. Mi attende una giornata di pagaia- ta ricca di nuove emozioni. Non voglio farle attendere. Esco dal golfo e doppio Capo Se- nino.

farle attendere. Esco dal golfo e doppio Capo Se- nino. www KAYAK TREKKING it 3 AGOSTO:

www KAYAKTREKKING it

Nel Golfo di Porto sosto prima su Plage de Gradelle, una bella spiaggia di ciotoli
Nel Golfo di Porto sosto prima su Plage de Gradelle, una bella spiaggia di ciotoli

Nel Golfo di Porto sosto prima su Plage de Gradelle, una bella spiaggia di ciotoli

prima su Plage de Gradelle, una bella spiaggia di ciotoli www KAYAK TREKKING it 3 AGOSTO:

www KAYAKTREKKING it

e p o i s u l l a P l a g e d
e p o i s u l l a P l a g e d

e poi sulla Plage de Bussaglia. Qui mi rifocillo con la classica accoppiata pa- nino e birra. Sono vicinissimo a Porto e sta soffiando un vento che può portarmi fuori dal golfo in men che non si dica. Riparto. La costa alta e rocciosa mi nasconde

non si dica. Riparto. La costa alta e rocciosa mi nasconde www KAYAK TREKKING it 3

www KAYAKTREKKING it

alla vista Porto.

alla vista Porto. D ietro l’ultimo gruppo di scogli che mi sep a- ra da essa,

Dietro l’ultimo gruppo di scogli che mi sepa- ra da essa, intravedo però la bellissima torre genovese, simbolo della città.

però la bellissima torre genovese, simbolo della città. www KAYAK TREKKING it 3 AGOSTO: USCITA DALLA

www KAYAKTREKKING it

www KAYAK TREKKING it 3 AGOSTO: USCITA DALLA SCANDOLA 1 8 1

www KAYAKTREKKING it

Vista da vicino è davvero suggestiva.

Vista da vicino è davvero suggestiva. Alla mia sinistra scorre il lungo spiaggione di Porto. Non

Alla mia sinistra scorre il lungo spiaggione di Porto. Non mi fermo e decido di proseguire uscendo dal golfo. Purtroppo il vento è gira- to ancora una volta e me lo ritrovo implaca-

bile ad ore 12. Dopo 3 miglia di strenua lotta sono esausto e riparo in una graziosa spiag- getta con sabbia grossa di granito, superaf- follata di bagnanti. È la spiaggia della Ficajo- la.

follata di bagnanti. È la spiaggia della Ficajo- la. www KAYAK TREKKING it 3 AGOSTO: USCITA
follata di bagnanti. È la spiaggia della Ficajo- la. www KAYAK TREKKING it 3 AGOSTO: USCITA

www KAYAKTREKKING it

Aspetterò per una mezz’oretta una possibile scaduta di vento ma la sorte non è dalla

Aspetterò per una mezz’oretta una possibile scaduta di vento ma la sorte non è dalla mia parte. Sono costretto a ripartire con lo stes- so vento e lo stesso mare. L’immenso Golfo

di Porto non mi vuole lasciar andare. Appena riparto, incontro un tipo con uno strano ka- yak a pedali che si sbraccia per salutarmi.

uno strano ka- yak a pedali che si sbraccia per salutarmi. Il tratto di costa che

Il tratto di costa che attraverso è uno dei più belli visti sull’isola

che attraverso è uno dei più belli visti sull’isola www KAYAK TREKKING it 3 AGOSTO: USCITA

www KAYAKTREKKING it

www KAYAK TREKKING it 3 AGOSTO: USCITA DALLA SCANDOLA 1 8 4

www KAYAKTREKKING it

La costa è disseminata di bizzarre formazioni rocciose chiamate Calanche . Sono patrimo- nio dell’Unesco

La costa è disseminata di bizzarre formazioni rocciose chiamate Calanche. Sono patrimo- nio dell’Unesco dal 1983.

Calanche . Sono patrimo- nio dell’Unesco dal 1983. Finalmente esco dal Golfo doppiando Capo Rosso. Trovo

Finalmente esco dal Golfo doppiando Capo Rosso. Trovo un vento ancora più teso e un mare con un’onda lunga davvero insidiosa sotto costa.

un mare con un’onda lunga davvero insidiosa sotto costa. www KAYAK TREKKING it 3 AGOSTO: USCITA

www KAYAKTREKKING it

Sono le 19 e la programmata sosta sulla Pla- ge d’Arone non posso farla perché