Sei sulla pagina 1di 1

PAESE :Italia AUTORE :Fra.Pier.

IlIl Resto del


del Carlino Pesaro (ITA) Print
PAGINE :53 (ITA)
- it
Tipo media:
Tipo media: Stampa locale Tiratura: 11.723
SUPERFICIE :22 %
Publication
Publication date: 15.02.2017
15.02.2017 Diffusione:
Pagina:
Pagina: 53 Spread: 7.693
15 febbraio 2017 - Edizione Pesaro Readership: 73.113

LETECNICHE MESSEA PUNTO DA FLORA SISTISTANNO CONQUISTANDO SEMPREMAGGIORE ATTENZIONE INTERNAZIONALE

nuovafrontiera dellasperimentazionelinguisticaparteda Urbino


stessestrategie anche per le lezio-
ni iii italiano.
ALLUNIVERSIT di Urbino
sperimentazione lingui- FLORA SISTI ha portato fuori
sei anni un vero e dalle mura di Urbino questo me-
all'occhiello. La me- todo in numerosi corsi di forma-
chiama CLIL e si svi- zione presso Istituti comprensivi
progetto italiani che vedono nell'ateneo di
Straniera Urbino un punto di riferimento
profcssorcssa Flora per la didattica CLIL, ma anche
rettorale all'Innova- in conferenze svolte presso Uni-
Didattica e Studenti e dal versita importanti come Ca' Fo-
scan, Federico TI e LUMSA, inte-
direttore del CISDEL (Cen-
ressatea conoscereil progetto an-
di Servizi Didattici che in vista di eventuali collabora-
E-Learning). zione per esportareil modello ur-
UN'ECCELLENZA, un prima- binate.
tutto dell'Ateneo duca- ALL'ESTERO l'approccio
messo a sistema un'ini- CLIL pur molto popolare anco-
ATENEO
LE
ha riscosso l'interesse ra poco adottato negli Atenei. Il
TECNICHE
MESSE
A
PUNTO
DA
FLORA
Universit. A spiegarci i team di Urbino, guidato da Sisti,
proprio la professoressa ha collaborato con docenti
SISTI
STANNO
CONQUISTANDO
SEMPRE
MAGGIORE
ATTENZIONE

metodologia CLIL, dell'Universit di Padova e Vene-


INTERNAZIONALE
fra.
pier.
-
URBINO-
ALL'UNIVERSIT

Contentand Langua- zia per la realizzazione del primo


di
Urbino
esiste
una
sperimentazione
linguistica

Learning, quell'ap- corso internazionale di formazio-


che
da
sei
anni

un

si propone di perse- ne CLIL per docenti universita-


vero
e
proprio
fiore
all'occhiello.
La

contestualmente due obietti- n.


metodologia
si
chiama
CLIL
e
si
sviluppa
con

l'acquisizione di contenuti di-


il
progetto
"Didattica
in
Lingua
Straniera
@Uniurb"
diretto
dalla
professoressa
Flora
Sisti,
quelli della lingua stra-
utilizzata per veicolarli. Gi
delegata
rettorale
all'Innovazione
Didattica
e
Studenti
e
dal
2015
direttore
del
CISDEL
progressivamente introdotto per
ultimi anni dei Licei
(Centro
Integrato
di
Servizi
Didattici
ed
E-Learning).
UN'ECCELLENZA,
un
primato
in
Italia,
tutto
nei quiriti anni di tut-
dell'Ateneo
ducale
che
ha
messo
istituti superiori, il
ampiamente sperimenta-
a
sistema
un'iniziativa
che
ha
riscosso

nelle scuole medie infe-


l'interesse
di
altre
Universit.
A
spiegarci
i

primarie.
dettagli

proprio
la
professoressa
Sisti:
La

L'OBIETTIVO quello di sfrut-


metodologia
CLIL,
acronimo
di
Coment
and

vantaggio di insegnare una DOCENTE La prof Flora Sisti


Langua-
ge
Integrated
Leaming,

scolastica,o parti di es- dell'Ateneo di Urbino


quell'approccio
che
si
propone
di
perseguire
contestualmente
due
obiettivi:
l'acquisizione
di
contenuti
disciplinari
e
lingua straniera per sol-
studenti ad utilizzarla
quelli
della
lingua
straniera
utilizzata
per
veicolarli.
Gi
progressivamente
introdotto
per
legge
naturale mentre la stu-
come materia nel lo-
negli
ultimi
anni
dei
Licei

curriculum. Qualche dato per


linguistici
e
nei
quinti
anni
di
tutti
gli

accademico 2016 2017:


altri
istituti
superiori,
il
CLIL
-

ampiamente
sperimentato
anche
nelle
scuole
medie
inferiori
insegnamenti totalmente in
parzialmente in lingua
e
nelle
primarie.
L'OBIETTIVO

quello
di
sfruttare
il
vantaggio
di
insegnare
Novanta corsi in totale
coinvolgeranno un migliaio
una
disciplina
scolastica,
o
parti
di
essa,
in
una
lingua
straniera
per
circa.
IMPORTANTI di questa
sollecitare
gli
studenti
ad
utilizzarla
in

nvoluzione didattica:
modo
naturale
mentre
la
studiano
anche
come
materia
nel
loro
curriculum.
Qualche
qtuellodi andare al di
didattica che si avvale
dato
per
Fanno
accademico
2016
-
2017:
28
insegnamenti
totalmente
in
lingua,
come semplice mezzo
trasmissione del sapereper ri-
62
parzialmente
in
lingua
straniera.
Novanta
corsi
in
totale
con
coinvolgeranno
un
migliaio
nuovo stile di insegna-
attento allo sviluppo
di
studenti
circa.
E>ATI
IMPORTANTI
di
questa
piccola
rivoluzione
didattica:
L'intento

comunicative e delle
sofi skills tra le quali
quello
di
andare
al
di
l
della
didattica
che
si
avvale
dell'inglese
learning ta learn (le
studio), il pensiero criti-
come
semplice
mezzo
di
trasmissione

l'autonomia di giudizio, le
del
sapere
per
ripensare
un
nuovo
stile
di
insegnamento
pi
attento
allo
sociali e quelle digita-
colleghi che si sono con-
sviluppo
delle
abilit
comunicative
e
delle
cosiddette
sofi
skills
tra
le
quali
emergono
noi con lo scopo di
il
leaming
to
leam
(le
abilit
di
studio),
le proprie lezioni
finito per adottare le
il
pensiero
critico,
l'autonomia
di
giudizio,
le
competenze
sociali
e
quelle
digitali.
Molti
colleghi
che
si
sono
confrontati
con
noi
con
lo
scopo
di
migliorare
le
proprie
lezioni
CLIL
hanno
finito
per
adottare
le
stesse
strategie
anche
per
le
lezioni
in
italiano.
FLORA
SISTI
ha
portato
fuori
dalle
mura
di
Urbino
questo
metodo
in
numerosi
corsi
di
formazione
presso
Istituti
comprensivi
italiani
che
vedono
nell'ateneo
di
Urbino
un
punto
di
riferimento
per
la
didattica
CLIL,
ma
anche
in
conferenze
svolte
presso
Universit
importanti
come
Ca'
Fo-
scari,
Federico
II
e
LUMSA,
interessate
a
conoscere
il
progetto
anche
in
vista
di
eventuali
collaborazione
per
esportare
il
modello
urbinate.ALL'ESTERO
l'approccio
CLIL
pur
molto
popolare

ancora
poco
adottato
negli
Atenei.
Il
team
di
Urbino,
guidato
da
Sisti,
ha
collaborato
con
docenti
dell'Universit

Tutti i diritti riservati


di
Padova
e
Venezia
per
la
realizzazione
del
primo
corso
internazionale
di