Sei sulla pagina 1di 108

Tra storia, arte e natura

Piccoli grandi viaggiatori


consigliano
Una guida per scoprire la provincia di Livorno

Piccoli grandi viaggiatori consigliano


Una selezione di proposte presentate dagli studenti
delle scuole di tutto il territorio provinciale
in occasione della Settimana dei Beni Culturali e Ambientali
promossa dalla Fondazione Livorno ogni anno, dal 2004

A cura di Stefania Fraddanni


Tra storia, arte e natura

Piccoli grandi viaggiatori


consigliano
Una guida per scoprire la provincia di Livorno

Una selezione di proposte presentate dagli studenti


delle scuole di tutto il territorio provinciale
in occasione della Settimana dei Beni Culturali e Ambientali
promossa dalla Fondazione Livorno ogni anno, dal 2004

A cura di Stefania Fraddanni


Piccoli grandi viaggiatori consigliano
Settimana dei Beni Culturali e Ambientali
Livorno 17-24 maggio 2014
10
ANNI

Un progetto di

con la partecipazione delle scuole della provincia

Progetto editoriale e redazione testi


Stefania Fraddanni

Segreteria
Rossana Meacci

Referenze fotografiche:
alunni e insegnanti
Archivio Ufficio Turistico Arcipelago
Archivio Fotografico Provincia di Livorno
Archivio Debatte Editore
Archivio Fondazione Livorno
Archivio Roberto Onorati

Nellimpossibilit di reperire le fonti di alcune


immagini e di stralci di testi inseriti dagli studenti
nei loro elaborati ci scusiamo preventivamente
se in questa pubblicazione compariranno foto
e brani privi dei necessari riferimenti.

Leditore non si assume alcuna responsabilit


per eventuali errori o variazioni intervenute
rispetto ai contenuti esposti.

In copertina:
Isola dElba, Marciana: il sentiero che porta
al Santuario della Madonna del Monte
Indice
Presentazione
Luciano Barsotti, Mario Baglini................................................................................................................................... 5
Introduzione
Stefania Fraddanni............................................................................................................................................................. 7

Il bosco didattico di Nugola........................................................................................................................................ 12


Le antiche Cantine dei Frati....................................................................................................................................... 14
La Fonte di Belvedere.................................................................................................................................................... 15
LEremo della Sambuca................................................................................................................................................ 16
Lungo lacquedotto di Colognole............................................................................................................................ 18
La mansio di Torretta Vecchia................................................................................................................................... 20
Livorno e il mare: le leggende.................................................................................................................................. 24
Gli Scali delle Cantine.................................................................................................................................................... 26
Il Ponte di Marmo e la Venezia Nuova.................................................................................................................. 28
Il Bagno dei forzati........................................................................................................................................................... 30
La statua di Ferdinando I e i Quattro Mori......................................................................................................... 32
Le due fontane del Tacca ........................................................................................................................................... 34
Antico cimitero degli inglesi....................................................................................................................................... 36
Al Mercato delle Vettovaglie....................................................................................................................................... 38
Teatri storici e accademie livornesi........................................................................................................................ 40
LOsservatorio Meteorologico del Liceo Classico........................................................................................... 44
La Cripta di San Jacopo............................................................................................................................................... 46
La Cappella di San Michele....................................................................................................................................... 48
La Rosa dei venti, un eco-parco a scuola.......................................................................................................... 50
La riserva naturale di Calafuria................................................................................................................................ 52
Lisola di Gorgona............................................................................................................................................................ 54
Il ragazzo sul delfino....................................................................................................................................................... 58
Il ponte di Pietrabianca................................................................................................................................................. 60
Il Fornetto del pane alla Villa della Cinquantina............................................................................................. 62
La leggenda dellOmino di Ferro............................................................................................................................. 64
La tomba etrusca di Casaglia................................................................................................................................... 66
Lampo, il cane viaggiatore.......................................................................................................................................... 68
Questo un Mausoleo.................................................................................................................................................. 72
Il Pozzino dellacqua salata........................................................................................................................................ 74
I giardini di San Vincenzo............................................................................................................................................ 76
Archeologia industriale alle cave di San Carlo ............................................................................................... 77
La Querciona di Baratti................................................................................................................................................. 78
Le Fonti di Marina............................................................................................................................................................ 80
Piombino da scoprire..................................................................................................................................................... 82
La chiesa di Santo Stefano alle Trane.................................................................................................................. 86
Le Residenze Napoleoniche allIsola dElba...................................................................................................... 88
Un abbeveratoio a Fonteschiumoli......................................................................................................................... 90
S. Antonio e la tonnara dellEnfola......................................................................................................................... 92
Il Santuario della Madonna del Monte................................................................................................................. 94
Qui nato il compositore Giuseppe Pietri.......................................................................................................... 96
I lavatoi di San Piero....................................................................................................................................................... 98
San Mamiliano, la chiesa e il culto..................................................................................................................... 100
Presentazione
Questanno si festeggiano i dieci anni della
Settimana dei Beni Culturali e Ambientali.
Ed il termine giusto proprio festeggiare,
perch la manifestazione, nata per promuove-
re un pi stretto rapporto tra gli studenti della
provincia labronica ed il territorio in cui vivono,
che quello in cui per statuto opera la Fonda-
10
ANNI
zione Livorno, ha raggiunto tutti gli obiettivi che
ci eravamo proposti.
Anzi, ha superato tutte le aspettative. situati in luoghi poco frequentati, dando loro
Il primo scopo, in ordine di importanza, centra- visibilit e nuova dignit!
to dalla manifestazione, stato di sensibilizza- il caso del Ragazzo sul Delfino, statuetta rin-
re gli studenti al bene comune, quindi educarli venuta per caso dagli alunni della scuola pri-
al senso civico ed alla cittadinanza attiva, valori maria Renato Fucini di Castiglioncello durante
che purtroppo si stanno indebolendo. un sopralluogo alla fontana del Parco Uzielli: la
Ma in che modo? Chiedendo alle scuole par- statuetta era nascosta tra i resti della fontana
tecipanti di scegliere un bene culturale o am- e ricoperta da incrostazioni calcaree.
bientale del territorio in cui vivono, studiarlo da O il caso del Mausoleo di Caio Trebazio a Cam-
un punto di vista storico, architettonico, natu- piglia Marittima: in pochi immaginavano che si
ralistico e quantaltro e proporne soluzioni di trattasse di una tomba romana dellepoca del
recupero o valorizzazione. Tardo Impero.
Dunque lattenzione dei giovanissimi si con- Ed anche quando il bene studiato dagli alun-
centra sulle bellezze, pi o meno nascoste, ni non stato premiato dalla Fondazione con
del luogo in cui abitano, ma anche sul degrado un intervento di recupero, stata comunque
in cui spesso versano i monumenti davanti ai attirata su di esso unattenzione, provocando,
quali passano tutti i giorni per andare a scuola, come in un circolo virtuoso, lintervento spon-
in palestra o dagli amici. E si rendono conto taneo dellamministrazione pubblica compe-
che se la piazza che attraversano non fosse tente: il caso della Querciona di Baratti, la
cos sporca, la statua che la sovrasta non fos- quercia secolare studiata dalla scuola primaria
se deturpata da spray, i muri della scuola non Norma Parenti di Populonia.
fossero imbrattati da scritte, il giardino in cui Altro obiettivo centrato dalla manifestazione
vanno a giocare con amici e fratelli non avesse quello di tagliare trasversalmente i pi impor-
le panchine rotte e fosse dotato di una fonta- tanti settori di intervento della Fondazione.
nella per bere e cestini per buttare lo sporco... Pur nascendo come progetto proprio nel set-
la loro citt sarebbe sicuramente pi bella e tore Educazione, interessa anche il settore
vivibile. Arte e lambito sociale: basti pensare al per-
Sono dunque resi pi sensibili al bello, ma corso sensoriale per ipovedenti, non vedenti e
anche al brutto, e propongono, come richie- per persone con difficolt di deambulazione
sto loro dal concorso, soluzioni di recupero e progettato allinterno del parco la Rosa dei
valorizzazione del bene prescelto, spesso con Venti dagli alunni della scuola primaria Raf-
la creativit ma anche con il pragmatismo di faello Lambruschini, e premiato dalla Fonda-
chi vede il mondo con uno sguardo giovane, zione.
spontaneo e senza filtri. raggiunto anche lo scopo di dare un valido
Proposte che, se meritevoli, Fondazione Livor- sostegno alle scuole: il concorso, non solo lo
no sceglie e realizza concretamente. spunto per una didattica originale, fatta di so-
In questi dieci anni di manifestazione lo sguar- pralluoghi, passeggiate nella natura, ricerche
do degli studenti si posato non solo su beni presso gli Archivi di Stato, incontri con esperti
importanti, sotto gli occhi di tutti (chiese, di storia o botanica, o di racconti di nonni de-
piazze, statue, parchi ecc.), ma anche su beni positari di una storia locale non scritta desti-
nascosti negli anfratti dei nostri quartieri, nata ad essere dimenticata, ma d diritto, ad

5
ogni scuola partecipante, ad un premio pecu- ta ancora un grande interesse da parte delle
niario da spendere per lacquisto di materiale scuole: dalle 18 adesioni della prima edizione
didattico o comunque a supporto dellattivit si passati alle 58 della decima.
didattica dei ragazzi. Confidiamo quindi, con laiuto delle scuole, in
Infine i numeri suffragano il successo di una primo luogo degli insegnanti, possa aprirsi una
manifestazione che nonostante gli anni susci- nuova stagione della Settimana!

Luciano Barsotti
Presidente Fondazione Livorno

Mario Baglini
Membro del Comitato dIndirizzo
Fondazione Livorno

6
Introduzione
Lidea di pubblicare questa guida, fatta dagli Ma ritorniamo alla selezione. Innanzitutto ab-
studenti e indirizzata ad altri studenti, nasce biamo ritenuto opportuno inserire in questa
con lo scopo di festeggiare i dieci anni di una pubblicazione tutti i progetti premiati nelle
manifestazione riuscita. Ma non solo per quello. singole edizioni.
anche il proseguimento di una collaborazio- Nelle pagine sono contrassegnati da una coc-
ne che Fondazione Livorno ha instaurato con le carda: azzurra se largomento un bene cultu-
scuole livornesi dagli inizi del Duemila per dare rale, verde se si riferisce allambiente.
il proprio sostegno alle esigenze che di volta in Con questa prima rosa di progetti abbiamo
volta si manifestavano nello svolgimento delle abbozzato un percorso, da nord a sud, da Col-
attivit didattiche. lesalvetti allIsola dElba, da arricchire poi con
Con questo obiettivo, nel 2009, nata La Fon- altre tappe. Il lavoro successivo stato compli-
dazione per la scuola, una collana editoriale catissimo. Bisognava coprire alcune aree geo-
di pubblicazioni pensate per gli studenti, e in grafiche della nostra guida rimaste scoperte,
alcune parti scritte direttamente da loro, ma premiare lavori eccellenti dal punto di vista
soprattutto sollecitate in ambito scolastico. didattico, idee particolarmente interessanti o
E con la stessa finalit stato avviato il pro- suggestive, scoperte eccezionali e tante altre
getto della peer education, una riflessione sui segnalazioni ritenute valide da mettere in cir-
problemi pi gravi del disagio giovanile, elabo- colazione.
rato da cinque istituti scolatici della provincia, Bisognava, inoltre, tener conto della differenza
utilizzando questa metodologia educativa ge- di abilit tra alunni di scuole primarie e stu-
stita in gruppo e tra pari. denti di istituti superiori, cercando di non pe-
Piccoli grandi viaggiatori consigliano chiude il nalizzare i primi.
cerchio, riprendendo il fil rouge di collaborazio- In sostanza abbiamo cercato di formulare uni-
ne e impegno e riappropriandosi anche della potesi di percorso che coprisse tutto il territorio
tecnica di circolazione tra pari di idee, propria della provincia con alcune tappe classiche ma
della peer education. che, soprattutto, attraverso le tappe alternati-
Questa guida, infatti, mentre presenta una se- ve suggerite, potesse trasmettere le emozioni
lezione di progetti elaborati nelle dieci edizioni avvertite dagli estensori del progetto agli altri
della Settimana dei Beni Culturali, si propone studenti che lo avrebbero letto.
di far veicolare queste ricerche tra gli studen- Per garantire questa comunicazione, abbiamo
ti, favorendo uno scambio di informazioni e di deciso, nellediting, di non alterare il signi-
opportunit didattiche. ficato del messaggio, anche se, soprattutto
Dei 321 progetti presentati fino ad oggi in que- negli elaborati dei bambini pi piccoli, stato
sta manifestazione promossa da Fondazione necessario aggiungere qualche dato per non
Livorno, ne sono stati scelti 41. Non stato marcare troppo la differenza tra le competenze
facile. Tanti esclusi vantavano gli stessi meriti e, al tempo stesso, restare coerenti col proget-
dei prescelti. to editoriale.
Ma la selezione doveva lasciar spazio anche ai Un discorso a parte riguarda le immagini. In
bambini della scuola primaria o a chi non aveva alcuni casi abbiamo utilizzato foto di archivi
avuto la possibilit di consultare esperti e aveva che ringraziamo per la collaborazione ma so-
costruito una storia fidandosi dei racconti del prattutto abbiamo cercato di utilizzare quelle
nonno. consegnate dai ragazzi, alcune delle quali
A tutti gli alunni andato un premio simbolico, molto belle.
un diploma per aver lavorato con responsabili- Per quanto riguarda i testi ci siamo preoccupa-
t e intelligenza su temi impegnativi, traducen- ti di verificare la maggior parte dei dati forniti
do problemi e deficienze, in proposte allegre e cercandone ipotetiche fonti. Pu darsi, per,
intelligenti. che qualche errore non sia stato intercettato
A tutte le scuole stato consegnato un contri- o che, con il passare degli anni, siano interve-
buto per lacquisto di materiale didattico, tanto nute variazioni rispetto ai contenuti esposti. E,
utile di questi tempi. anche se ci sfuggito qualche copia-incolla,

7
ci auguriamo che non venga meno la consue- una scoperta. Ma rivolta anche ai compagni
ta comprensione verso i bambini. di scuola, per condividere i luoghi della memo-
Naturalmente questa guida non vuole essere ria o per far sapere cos quel cumulo di pietre
esaustiva. senzaltro incompleta e, voluta- che si vede ogni giorno, andando a scuola.
mente, molti luoghi importanti e caratteristici Con questa pubblicazione, dunque, intendiamo
sono stati omessi perch conosciuti da tutti. mettere in evidenza le ricerche svolte ma vo-
rivolta agli altri: a quegli studenti che abita- gliamo soprattutto fornire una mappa di idee e
no a qualche chilometro di distanza e possono di luoghi da esplorare, in gruppo, per divertirsi
approfittare dei suggerimenti per fare una gita e conoscere il nostro territorio, cos vicino ma,
insieme ai genitori in un giorno di festa, per fare spesso, cos lontano.

Stefania Fraddanni
Responsabile
Comunicazione e Pubblicazioni
Fondazione Livorno

8
Nugola COLLESALVETTI
LIVORNO Sambuca
Colognole
Torretta Vecchia

Castiglioncello
Gorgona
Vada Cecina

VAL DI CECINA

San Vincenzo Campiglia M.ma

VAL DI CORNIA
Baratti Venturina

Piombino

Enfola Portoferraio
Marciana
Magazzini
SantIlario
San Piero Marina
di Campo
ELBA

9
Collesalvetti

Collesalvetti, Eremo della Sambuca


(Archivio Fotografico Provincia di Livorno)
Il bosco didattico di Nugola
Nugola Se decidiamo di studiare il bosco direttamente no i rumori della strada, per sentire il cinguettio
sul posto, in tutte le sue caratteristiche, il po- di un usignolo, di un fringuello, o il ticchettio di
sto ideale il Bosco Laboratorio I Campacci, un picchio che cerca il cibo sotto la corteccia
una zona di ricerche e studi delle foreste che degli alberi.
si trova a Nugola, sulla strada provinciale della Con i piedi che affondano in un tappeto di
Cerreta. foglie o camminando lungo sentieri agevoli,
Si estende per circa venti ettari ed bello, ben possibile scorgere tracce del passaggio di
curato e messo in sicurezza. animali, gustare qualche sorba appena colta, o
Il Comune di Collesalvetti, sul cui territorio si qualche corbezzolo che con il bianco dei suoi
sviluppa, ha firmato una convenzione con il fiori, il verde delle foglie e il rosso dei suoi frutti
proprietario dellarea, il sig. Dino Barbini, per sembra proprio la bandiera italiana!
utilizzare il bosco come laboratorio. Qui gli I Giganti dei Campacci sono le prime querce
COLLESALVETTI
alunni delle scuole materne ed elementari, con che incontriamo nel percorso, tre alberi seco-
Nugola
Sambuca lausilio degli insegnanti e dei volontari delle lari che mostrano tutto il loro vigore e la loro
Colognole associazioni ambientaliste del territorio, hanno maestosit.
Torretta Vecchia la possibilit di studiare le varie specie animali Nascono sulla terra arenaria, una miscela sab-
e le numerose essenze arboree presenti, so- biosa che assorbe umidit e fornisce il drenag-
prattutto alberi ad alto fusto (Cerro, Roverella, gio ottimale per le loro radici.
LIVORNO Rovere, Farnia, Orniello, Nocciolo, Castagno, Ma la pianta pi sorprendente la quercia
Gorgona Pino Marittimo) e tante specie di arbusti, ce- a quattro tronchi che si erge sul Poggio alla
spugli, erbe, fiori, muschi. Rossa. Ha due secoli di vita e recentemente
ROSIGNANO Vestiti comodi, scarpe adatte, macchina foto- uno dei suoi tronchi ha subito una spaccatura.
Castiglioncello grafica e sacchetti per raccogliere foglie, bac- Dopo essere stata curata e bendata per di-
Vada che, piume... e via! Un tuffo nella magia del fendersi da insetti e umidit, ora gode di nuovo
bosco, parlando sottovoce, l dove non arriva- di ottima salute.
CECINA
via

da Pisa
Emi
lia

CAMPIGLIA M.
Venturina Vicarello

S. VINCENZO Mortaiolo

PIOMBINO Guasticce
Baratti via delle Colline
via della Cerreta

Collesalvetti
PORTOFERRAIO
Magazzini
da Livorno
Enfola
Bosco Laboratorio
MARCIANA Nugola
via Em
ilia

CAMPO via delle Sorgenti


NELLELBA via delle Sorgenti
SantIlario
San Piero
Marina di Campo da Livorno da Cecina

Tappa proposta da
12 Scuola primaria Giuseppe Mazzini - Nugola
ottava edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali, anno scolastico 2011/2012
13
Le antiche Cantine dei Frati
Nugola Le Cantine dei Frati si trovano nel complesso abitante a Livorno e proveniente da una ricca
della Fattoria Granducale di Nugola di cui si famiglia di origine greca dedita al commercio.
hanno notizie gi nel 1553. Alle pagine 651 Con lui la fattoria di Nugola conobbe una ge-
e 652 del dizionario Geografico Fisico Storico stione molto dinamica e moderna e divenne in
della Toscana di Emanuele Repetti pubblicato breve tempo una delle fattorie allavanguardia
a Firenze nel 1839, si legge infatti che nel in Toscana.
1553 lAbate Commendatario della Badia di Nel 1883, per 1.980.040 lire, la tenuta di-
Nugola cedette tutti i possedimenti del Mona- venta propriet del principe Don Piero Strozzi.
stero al duca Cosimo di Firenze e alla consorte Nel 1901 passa nelle mani del prof. e pi
Eleonora di Toledo che li ridusse a una fattoria tardi senatore - Pietro Grocco che inizia in via
chiamata Nugola. sperimentale la coltivazione e trasformazione
A quel tempo Nugola contava appena 69 abi- del tabacco. Lultimo passaggio avviene nel
COLLESALVETTI
tanti, ma nel 1745 aveva superato le 500 uni- 1933 con lacquisto della fattoria da parte dei
Nugola
Sambuca t, grazie al buon andamento economico della fratelli Marchi di Firenze che ancora ne sono
Colognole fattoria che si estendeva su una vasta tenuta proprietari.
Torretta Vecchia comprendente anche Collesalvetti. Dalle diverse generazioni di abitanti della zona,
Si hanno altre notizie di Nugola nel 1737, sotto la cantina adiacente alla fattoria sempre
il governo lorenese che, per arginare la crisi stata chiamata La cantina dei Frati, conva-
LIVORNO in cui versavano i possedimenti della Corona, lidando cos lopinione che la struttura facesse
Gorgona inaugur la politica del grande affitto che parte del convento della Badia di Nugola. Le
coinvolse anche le case e i terreni posseduti a cantine, anche se molto antiche e ormai in di-
ROSIGNANO Nugola. Dopo alcuni passaggi, nel 1853 la fat- suso, meriterebbero qualche lavoro di restau-
Castiglioncello toria fu venduta per 1.050.000 lire al barone ro, perch sono ancora bellissime e pervase
Vada Teodoro Tossizza, un giovane di ventidue anni, dallodore del mosto!

CECINA

CAMPIGLIA M.
Venturina

S. VINCENZO

PIOMBINO
Baratti

PORTOFERRAIO
Magazzini
Enfola

MARCIANA

CAMPO
NELLELBA
SantIlario
San Piero
Marina di Campo

Tappa proposta da
14 Scuola primaria Giuseppe Mazzini - Nugola
ottava edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali, anno scolastico 2011/2012
La Fonte di Belvedere
Ancora a Nugola, su una valle pianeggiante tra una piccola cisterna chiusa e isolata da even-
la collina di Montecandoli, piena di boschi, a tuali infiltrazioni inquinanti di superficie.
sud, e la collina di Belvedere, coltivata ad ulivi, Dal 1825 a oggi, il tubo della Fonte ha sempre
a nord, c una fonte che meriterebbe qualche avuto un getto continuo. Anche nei momenti di
attenzione. maggiore siccit ha fornito un approvvigiona-
Anche questo terreno, come le Cantine dei mento di acqua igienica e pulita.
Frati, faceva parte della Fattoria di Nugola fon- Oggi i contadini non vivono pi in questo terri-
data nellanno 1553 dal Granduca di Toscana, torio, le grandi case coloniche sono disabitate
Cosimo dei Medici. e alla Fonte vanno a bere soltanto gli uccellini
Nel 1802 i Lorena, che nel frattempo erano e gli altri animali della zona, soprattutto nel
succeduti ai Medici, vendettero la parte di periodo estivo. Ma la Fontina di Belvedere,
Fattoria che si estendeva sulla collina di Bel- com chiamata dalla gente del posto, anche
vedere al commerciante livornese Cristofano se piccola, resta una preziosa testimonianza
Despotti. del passato.
Sensibile alla salute delle famiglie dei contadi-
ni che lavoravano per lui e vivevano sulle sue
terre, nel 1825 il nuovo proprietario fece co-
struire un piccolo acquedotto sotterraneo che
terminava con la Fonte.
Lacquedotto alimentato da due sorgenti: una
si trova nella profondit della collina di Belve-
dere, laltra sotto la collina di Montecandoli;
lacqua delle sorgenti, attraverso il piccolo ac-
quedotto sotterraneo, convogliata a valle, in

Tappa proposta da
Scuola primaria Giuseppe Mazzini - Nugola
nona edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali, anno scolastico 2012/2013
15
LEremo della Sambuca
Sambuca
Con un minimo di preparazione fisica e 3-4 ore dificio, ricostruendo il tetto della chiesa. Nel
di tempo, possibile fare unescursione allE- 1994, il Comune di Collesalvetti, grazie ai
remo della Sambuca, nel parco della Foresta finanziamenti della Comunit Europea, ha in-
della Valle Benedetta, sulle colline livornesi. vece restaurato lala del convento che ospitava
Leremo si trova, nella Valle del torrente Ugio- la cappella.
ne, sul confine tra i comuni di Livorno e di Col- Oltre alla bellezza del luogo, colpisce il fascino
lesalvetti, tra il Monte Masso, il Monte Corbo- delleremo e la vita di chi qui si ritirava vivendo
lone e la Valle Benedetta. Il nome Sambuca o solo con quello che la natura gli poteva offri-
santa-buca potrebbe derivare dalla presenza re. Sono ancora visibili i muraglioni dei due
in loco di religiosi (santa) e dalla posizione mulini del torrente Ugione (mulino di sopra e
delledificio nella vallata (buca). mulino di sotto), costruiti alla fine del 1600 e le
Larrivo in questo luogo di eremiti dellordine ghiacciaie per la produzione e conservazione
COLLESALVETTI
di SantAgostino dovrebbe risalire al periodo del ghiaccio, poste nel bosco sotto il Romitorio.
Nugola
Sambuca tra lXI e il XIII secolo. Di sicuro un gruppo di
Colognole frati aveva deciso di ritirarsi in questo angolo in
Torretta Vecchia mezzo al bosco per dedicarsi alla meditazione La Valle del Torrente Ugione:
e alla preghiera prima del 1237, anno in cui un angolo di natura protetta
Alberto del fu Baruccio, nel suo testamento, Il Romitorio della Sambuca immerso in un
LIVORNO dichiara di voler lasciare le sue terre al romi- ambiente naturale pressoch intatto. Lungo
Gorgona torio di Santa Maria di Parrana, nome con il il percorso fatto a piedi sulla strada forestale
quale la Sambuca veniva citata nei documenti non si incontrano edifici, solo bosco a perdita
ROSIGNANO darchivio fino al 1317. docchio, con tratti di torrentelli in mezzo alla
Castiglioncello Nella seconda met del 1300 la costruzione vegetazione.
Vada viene ampliata dalla Congregazione dei Ge- Il bosco in realt il nucleo della Foresta de-
suati che edificano un convento dedicato alla maniale regionale di Valle Benedetta e la valle
Vergine. del Torrente Ugione fa parte del Parco Naturale
CECINA Con il tempo e diverse donazioni le proprie- Provinciale dei Monti Livornesi che, assieme
t si estendono sempre di pi fino al 1668, alle Aree Naturali Protette di Interesse Locale
quando la Congregazione dei Gesuati, con dei Comuni di Livorno, Collesalvetti e Rosigna-
CAMPIGLIA M.
Venturina una bolla papale di Clemente IX, viene sop- no, raggiunge un totale di oltre 3300 ettari di
pressa e tutti i beni passano allOrdine degli natura protetta (Sistema di Aree Protette dei
Ospitalieri. Monti Livornesi).
S. VINCENZO Con successive alienazioni i terreni passano
in mano a privati e il complesso conventuale
con il suo campanile, la chiesetta con i suoi
PIOMBINO affreschi, attraversa fasi alterne di abbandono
Baratti
e restauro.
Nel 1912 lEremo della Sambuca dichiarato
PORTOFERRAIO monumento nazionale e lanno successivo la
Magazzini chiesa viene riaperta al culto.
Enfola Negli anni cinquanta lEremo divenuto pro-
priet del demanio, ma a pi riprese stato
oggetto di saccheggi. Per fortuna gli affreschi
MARCIANA che decoravano la chiesetta (i pi importanti
sono LAnnunciazione e I due Santi) si sono
CAMPO salvati perch staccati e asportati nel 1953,
NELLELBA nel corso della ristrutturazione, e oggi conser-
SantIlario vati ai Bottini dellOlio a Livorno.
San Piero Nel 1983 sono stati eseguiti interventi di re-
Marina di Campo stauro sul campanile e sullala destra delle-

Tappa proposta da
Istituto Comprensivo Martano Marcacci, Scuola media - Collesalvetti
16 con la collaborazione dellAssociazione Culturale GAIA
terza edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali, anno scolastico 2006/2007
17
Lungo lacquedotto di Colognole
Colognole
Lacquedotto Leopoldino, situato a Colognole, Livorno per costruire i condotti che avrebbero
stato il principale rifornimento idrico della portato lacqua alle diverse fonti. Lacquedotto
citt di Livorno dal 1816 al 1912, anno in cui si pu dire concluso nei primi anni dellUnit
entrato in funzione il pi importante acquedot- dItalia sotto la direzione di Angiolo della Valle.
to di Filettole. Si chiama anche acquedotto di
Colognole, perch qui ha origine, o acquedotto La passeggiata del Poccianti
Lorenese perch stato realizzato dai Lorena LAcquedotto di Colognole ha origine dalle ric-
sotto la direzione di vari architetti. che sorgenti deltorrente Morra, detto nel suo
tratto iniziale Camorra (Caput Morrae) presso
La storia Colognole e, con un percorso di ben diciotto
Lidea di costruire lacquedotto venne a Pie- chilometri, raggiunge Livorno. Lungo il per-
tro Leopoldo che nel 1790 affid a Giuseppe corso dellacquedotto, concepito dal Poccianti
COLLESALVETTI
Salvetti lo studio di un progetto per risolvere come una passeggiata totalmente percorribile
Nugola
Sambuca il bisogno idrico di Livorno. La citt, nel cor- che dalla citt portava alle zone collinari,
Colognole so del Settecento, aveva infatti conosciuto un possibile osservare la grandiosit di questa
Torretta Vecchia notevole incremento di popolazione. Il Salvetti opera, costituita da spettacolari viadotti, tra-
propose di sfruttare le sorgenti di Colognole fori, gallerie ed oltre trecentocinquanta arcate.
attraverso un tracciato che, passando per i Procedendo sulla strada che collega Colognole
LIVORNO colli delle Parrane, Nugola e di Limone, ab- con Livorno, passando dalla Valle Benedetta,
Gorgona bracciasse da dietro le colline livornesi. Quan- circa un chilometro dopo labitato di Colognole,
do Pietro Leopoldo fu chiamato a Vienna per sulla destra, si apre un sentiero che, attraverso
ROSIGNANO essere incoronato imperatore austriaco, lasci il bosco, conduce alla suggestiva radura della
Castiglioncello il trono della Toscana al figlio Ferdinando III lecceta dove si trovano le sorgenti principali
Vada dAsburgo-Lorena. Il nuovo granduca (dal dellacquedotto, dette Polle Maggiori. il tor-
1790 al 1799 e dal 1814 al 1824) approv rente Morra ad alimentare queste polle, protet-
il progetto l11 novembre 1792 e dette via ai te da piccole celle in muratura dette tempietti
CECINA lavori sotto la direzione dello stesso Salvetti. o edicole. La prima delle tre sorgenti custo-
I lavori subirono una brusca interruzione negli dita da un casino ottagonale, mentre le altre
ultimi anni del secolo a causa delloccupazione due sono protette da casotti che si incuneano
CAMPIGLIA M.
Venturina francese di Livorno e, nel 1801, per la morte nel versante. Dalle edicole, le acque delle Polle
del Salvetti. Ripresero il 9 maggio 1806 sotto Maggiori confluiscono in un condotto in mura-
la direzione dellingegner Raniero Zocchi e il tura che, a fior di terra, scende rapidamente
S. VINCENZO 14 settembre 1809 la direzione dei lavori pas- verso il Bottin Tondo, una delle tante riunioni
s allarchitetto Pasquale Poccianti che port o casotti la cui funzione quella di racco-
a termine lopera facendo giungere lacqua in gliere e purgare le acque. Lungo il tracciato
PIOMBINO citt il 30 maggio 1816, incanalata nel vecchio si notano una serie di possenti muraglioni
Baratti
acquedotto di Limone. costruiti per proteggere lintera struttura da
Subito si cap che il problema era la manu- eventuali frane e smottamenti dei versanti. Le
PORTOFERRAIO tenzione del canale delle acque, la cui purezza condutture dellacquedotto sono realizzate con
Magazzini era minacciata da alcuni cedimenti dovuti alla materiali diversi, infatti stato utilizzato mar-
Enfola natura del terreno. Il 17 aprile 1826 Leopoldo mo nei viadotti o sotto le gallerie, cotto per i
II istitu una deputazione per il controllo e la tratti che scorrono a fior di terra e canne di
gestione dellacquedotto che conferm al Poc- ferro fuso nei quattro chilometri della porzione
MARCIANA cianti la direzione dei lavori, mantenuta fino al terminale. Dalle Polle Maggiori il condotto, at-
1858. Il primo luglio 1828 veniva approvato il traversando le Parrane, ci offre uno spettacolo
CAMPO progetto del Poccianti per la costruzione di tre emozionante col susseguirsi di trafori (Collalto,
NELLELBA grandi purgatori (Cisternone, Cisternino e Ci- Pietreto e Cordecimo), arcate (Botro ai Loti) e
SantIlario sternino di Pian di Rota) per le acque che, altri- con le maestose doppie arcate sul Botro Cal-
San Piero menti, rischiavano di arrivare in citt contami- do e sul Rio Corbaia. Nel tratto da Parrana a
Marina di Campo nate. Dal 1832 iniziarono i lavori nella citt di Nugola si trova il traforo del Fornello che con i

Tappa proposta da
Istituto Comprensivo Martano Marcacci, Scuola media - Collesalvetti
18 con la collaborazione dellAssociazione Culturale GAIA
seconda edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali, anno scolastico 2005/2006
suoi 728 m. il pi lungo di tutto lacquedot- via delle Sorgenti il condotto entra in citt. Su-
to, proseguendo lungo la Via delle Sorgenti si perato il parco pubblico del Parterre si erge la
giunge al Cisternino di Pian di Rota, dove tro- Gran Conserva di Riseccoli meglio conosciuta
viamo il Purgatorio costruito dal 1841 al 1852, come Cisternone, la cui funzione era, ed an-
che fino ai primi anni del 900 ha funzionato cora, quella di ricevere le acque di Colognole,
come sistema di filtraggio delle acque. Dalla filtrarle e distribuirle alla citt.

19
Torretta
La mansio di Torretta Vecchia
Vecchia
La parolamansioderiva dal verbo latinoma-
nere che significa fermarsi, sostare e il sostan-
tivomansio assume il significato di luogo di
sosta.
Le mansioneserano stazioni di sosta disloca-
te lungo la rete viaria a circa, come ci indica
Plinio,70/80 km di distanza luna dallaltra.
questo, infatti, lo spazio che approssimativa-
mente riusciva a coprire un messo imperiale
a cavallo in un giorno per il servizio postale.
Nelle mansiones, viaggiatori e messi imperiali
trovavano ristoro, letti per dormire, terme, ca-
COLLESALVETTI
valli freschi ed altri servizi utili.
Nugola
Sambuca La mansio di Torretta Vecchia una stazione
Colognole di posta di epoca romana situata lungo lantica
Torretta Vecchia via Aemilia Scauri, oggi strada statale Emilia.
Allinterno della mansio si trovavano locande,
scuderie, alloggi, magazzini e terme. I viaggia-
LIVORNO tori in transito trovavano qui tutto quello di cui
Gorgona avevano bisogno e potevano anche rilassarsi
alle terme o fare attivit sportive: la lotta, gli via Aemilia Scauri e rappresentata anche nel-
ROSIGNANO esercizi con la palla o con i manubri, i giochi laTabula Peutingeriana(IV, I),la famosa tavola
Castiglioncello con il cerchio... copia medioevale (XII-XIII sec. d.C.) di una car-
Vada Le mansiones erano dirette da un caposta- ta dellet romana imperiale.
zione, detto praepositus o manceps, il quale Nella Tabula viene rappresentato il mondo
coordinava il lavoro degli addetti alla cura dei conosciuto nellantichit con particolare atten-
CECINA carri lussuosi (carpentarii), degli stallieri, del zione alle principali strade dellimpero e alle
veterinario e di chi si occupava dei bagagli distanze che intercorrevano tra le stazioni di
(bastagarii). posta.
CAMPIGLIA M.
Venturina Sicuramente lattivit pi divertente si svolge- Anche agli inizi dell800, comunque, la pre-
va alle terme, strutturate in diversi ambienti. senza della mansio nella zona era stata ipo-
Il calidarium era la stanza per i bagni caldi, il tizzata da Emanuele Repetti autore del famoso
S. VINCENZO tepidarium quella per i bagni tiepidi e il frigida- Dizionario Storico Geografico Fisico della
rium per i bagni freddi. Le vasche utilizzate per Toscana che parlando di Torretta e della via
i bagni erano rivestite di marmo. Regia Emilia, sostiene ...Ho altrove indicato
PIOMBINO Affascinante la tecnica utilizzata per riscal- alcune ragioni che mi danno motivo di credere
Baratti
dare gli ambienti termali. I romani mettevano essere stata cost la mansione diTurritadella
pile di mattoni tra la terra e la pavimentazione. tavola Peutingeriana situata fra Vada e Pisa
PORTOFERRAIO Poi accendevano il fuoco ed il calore si diffon- lungo laVia Emilia....
Magazzini deva sotto il pavimento. Per riscaldare anche Al complesso sono stati fatti lavori di restau-
Enfola lambiente mettevano file di mattoni forati (tu- ro anche recentemente, con il finanziamento
buli) e aprivano fenditure nel muro da cui usci- della Fondazione Livorno. Ma di altri interventi
va il calore. Per non fare troppo fumo veniva importanti avrebbe bisogno per completare gli
MARCIANA usato legno di pino. scavi e per mantenere in buono stato di con-
La stazione di posta di Torretta Vecchia fu rin- servazione i numerosi reperti gi rinvenuti.
CAMPO venuta casualmente durante i lavori per la co-
NELLELBA struzione dellautostrada Livorno-Civitavecchia.
Le foto degli scavi della mansio
SantIlario Gli scavi diretti dalla Soprintendenza Archeo- romana di Torretta Vecchia, sono di
San Piero logica della Toscana permisero di identificare Mariano Dallago, gentilmente concesse
Marina di Campo il sito con la mansio Turrita, situata lungo la dalla Casa Editrice Debatte

Tappa proposta da
Scuola primaria Nazario Sauro - Collesalvetti
20 con la collaborazione dellistituzione Schumann ed il Comune di Collesalvetti
terza edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali, anno scolastico 2006/2007
21
Livorno

Livorno, Terrazza Mascagni


(Archivio Fotografico Debatte Editore)
Livorno e il mare: le leggende
Livorno Livorno ha costruito la sua storia sul mare: una no. Una caratteristica accomunava tutti quegli
storia iniziata con la battaglia tra due Repubbli- individui: avevano i capelli rapati a zero ed era-
che Marinare alle Secche della Meloria o per no evasi di galera. Quando Ercole mor, allet
la leggenda con lapprodo di Ercole Labrone. di centotrentuno anni, gli strampalati assistenti
lo seppellirono e edificarono in suo onore un
Ercole Labrone e il cacciucco grande tempio che fu chiamato Tempio di La-
Secondo la leggenda fu un giovane dalle lab- brone. Nelle vicinanze costruirono un castello
bra carnose a piantare olivi l dove poi sarebbe e nacque un villaggio. Poi quellaccozzaglia di
nata la citt. Ercole chiamato Labrone per le poco di buono si mise a cucinare una zuppa
labbra voluminose con laiuto di sei fedeli di polpi, gattucci, gronghi, scorfani, gallinelle
aiutanti ex carcerati fond Livorno. e cicale e decisero che quel piatto prelibato
Arriv da piccolo, con il padre e la madre, su sarebbe stato il piatto delle ricorrenze nei se-
COLLESALVETTI
una barca proveniente da sud, alla ricerca di coli dei secoli e lo chiamarono cacciucco
Nugola
Sambuca terra da coltivare. Il vento e le onde portarono
Colognole la famiglia su un luogo che appariva inospitale Il libeccio
Torretta Vecchia per le paludi, gli acquitrini e la desolazione che La torre del Marzocco bellissima, alta, ot-
regnavano vicino alla costa; ma unesplora- tagonale e su ognuna delle facce scritto il
zione pi attenta delle colline rivel un clima nome del vento che da quel lato arriva, da ogni
LIVORNO decisamente mite e una terra che prometteva parte del mondo.
Gorgona di poter dare buoni frutti. Decisero allora di Tra tutti, quello pi livornese il libeccio.
piantare olivi ed oleandri che curarono amo- Viene dalla Libia ed un vento rabbioso.
ROSIGNANO revolmente. Purtroppo, per, non riuscirono Quando arriva fa da padrone per tre giorni e
Castiglioncello a vederne la maturazione, perch furono co- per tre notti e gli altri venti non si fanno sentire.
Vada stretti a far ritorno ai propri lidi. Col passare Il libeccio allora si scatena su Livorno: piega e
degli anni, il figlio Ercole si fece un omone forte schianta oleandri, pini e tamerici, sinfila per le
e robusto, che continuava a pensare con no- strade sbatacchiando persiane, scoperchiando
CECINA stalgia a quella terra selvaggia e meravigliosa tetti, spinge le persone che camminano, co-
e a chiedersi se gli alberelli piantati avessero stringendole a trattenersi cappelli e vestiti. Del
attecchito. Cos decise di ritornarci con la pro- mare fa cosa gli pare: lo prende, lo spinge, lo
CAMPIGLIA M.
Venturina pria barchetta a vela. solleva e lo schiaffa contro gli scogli, contro i
Ercole resistette alle tempeste di libeccio, moli, oltre le spallette sulle strade, lasciando
finch un giorno, sfinito, si addorment. Al ri- alghe e piccole meduse a imputridire. Non d
S. VINCENZO sveglio, in lontananza, riconobbe la terra che tregua e manda tutto in subbuglio: molte im-
cercava con gli olivi carichi di frutti, gli oleandri barcazioni sono costrette a restare al largo, nel
in fiore, gli acquitrini splendenti al sole e le ta- porto si rinforzano gli ormeggi.
PIOMBINO merici che coronavano la spiaggia. Sbarc e I livornesi lo lasciano fare. Perch quello il
Baratti
il Signore gli ordin di scavare canali che dal loro vento: il vento che purifica laria, che
mare partissero e ad esso ritornassero per bo- odora di mare e di oasi africane. un vento
PORTOFERRAIO nificare la terra. Per dargli una mano il Signore spettacolare e quando tira, tanti livornesi van-
Magazzini chiam un forte vento dalla Libia, che purific no a osservare il mare che scavalca i frangi-
Enfola laria delle paludi e che Ercole chiam Libie- flutti con giochi dacqua grandiosi. I cavalloni
cio. Per i successivi cento anni, Ercole lavor verdi arrivano impennati con la criniera bianca
da solo, duramente, costruendo i canali fino a arricciata. Poi, dopo tre giorni e tre notti di
MARCIANA quando non ce la fece pi e il Signore gli in- schiribizzi e follie, tutto si ricompone, il libec-
vi braccia forti che lo aiutassero. Fu cos che cio se ne va da Livorno e lascia il tempo che
CAMPO un giorno giunse un omino chiamato Cicala, il trova.
NELLELBA giorno dopo un altro soprannominato Gallinel-
SantIlario la, uno ancora detto Gattuccio, poi un omaccio Santa Giulia
San Piero chiamato Polpo, quindi uno nominato Grongo Giulia la santa patrona di Livorno e si festeg-
Marina di Campo e, lultimo giorno, un omaccione detto Scorpa- gia il 22 maggio. Ma anche patrona della

Tappa proposta da
24 Scuola media Giuseppe Micali - Livorno
quarta edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali, anno scolastico 2007/2008
Corsica. La prima pergamena che nomina la una figlia e tiene in grande considerazione le
chiesa dedicata a Santa Giulia in Livorno risale virt e le doti spirituali della giovane cristiana.
al 6 giugno 891 quando Livorno citt non esi- In un viaggio di lavoro a seguito del padrone,
ste ancora e il territorio appartiene al vescova- Giulia giunge in Corsica dove un uomo crudele
do di Pisa. Ma chi era Giulia? e violento di nome Felice, nemico dei cristia-
Tutte le notizie su Santa Giulia provengono da ni, la cattura. Poi la conduce sulla spiaggia
una Passio del VII secolo nella quale si narra cercando di farle rinnegare la fede cristiana e
del suo martirio e racconti tradizionali sintrec- compiere sacrifici agli dei.
ciano con altri leggendari. Non riuscendo nel suo intento, la percuote e
Probabilmente Giulia era una ragazza cristia- ordina che le siano strappati i capelli e che
na cartaginese, di famiglia nobile, vissuta nel venga crocifissa. Alcuni angeli avvisano in
V secolo. sogno i monaci della vicina isola Gorgona di
Durante il periodo aureo dellImpero, la sua quanto accaduto. Questi si recano a Capo
famiglia, forse la gens romana Giulia, si era Corso, rimuovono il corpo della martire dalla
stabilita nelle colonie del Nord Africa. Giulia croce, lo sistemano su una barca e lo traspor-
era nata nel 420. tano nella loro isola. Con gesto pietoso spal-
Come altre famiglie nobili anche i Giuli di Car- mano la salma con aromi e la depongono in
tagine, durante la lenta decadenza dellImpero, un sepolcro.
cadono in rovina economica: i maschi si ar- Tutto questo secondo lantico manoscritto. Ma
ruolano come mercenari, le femmine, tra cui esiste anche unaltra versione, tramandata
Giulia, vengono vendute come schiave. Lei dalla tradizione orale corsa, secondo la qua-
venduta ad un commerciante siriano di nome le Giulia nasce a Nonza, sulla punta ovest di
Eusebio che, sebbene pagano, la tratta come Capo Corso nel II secolo

Foto Roberto Onorati

25
Gli Scali delle Cantine
Livorno Livorno una citt giovane rispetto agli altri centro cittadino. Lungo il Fosso Reale, che in
capoluoghi della Toscana: Pisa, Firenze, Luc- origine seguiva il perimetro pentagonale della
ca riuscita per a colmare questo ritardo citt fortificata disegnata dallarchitetto Ber-
storico grazie agli interventi importanti pro- nardo Buontalenti nel 1576, nacquero i nuovi
mossi dai governanti che si sono succeduti sobborghi, dove molti commercianti arricchitisi
dai primi anni del 500 fino allIndipendenza: con i traffici portuali si fecero costruire il pro-
i Medici prima e, dal 700, i Lorena. prio palazzo.
Da semplice approdo di pescatori, Livorno, E il commercio, rispetto a quello praticato fino
divenne il porto della Repubblica di Pisa, so- allora nel quartiere della Venezia, si fece pi
stituendo quello pisano che si era interrato. In rapido e moderno per soddisfare la richiesta
questo periodo il piccolo borgo inizi a forti- del mercato.
ficarsi per difendersi dagli assalti dei corsari Con il Granduca Pietro Leopoldo, succeduto al
COLLESALVETTI
e si costruirono le prime abitazioni. Poi, pian padre Francesco Stefano, e grazie anche ad
Nugola
Sambuca piano, divent lo scalo merci di buona parte un lungo periodo di pace e allespansione ge-
Colognole del territorio toscano. nerale delleconomia europea, i traffici maritti-
Torretta Vecchia Quando la famiglia dei Medici inizi a gover- mi sintensificarono: Livorno divent il secondo
nare il Granducato di Toscana, il piccolo porto porto europeo del Mediterraneo dopo Marsi-
livornese era gi efficiente. Ma Ferdinando I glia. Con 31.000 abitanti nel 1738 e 39.500
LIVORNO decise di farlo diventare il principale sbocco al nel 1790, era considerata una delle pi floride
Gorgona mare per i traffici di tutto il suo territorio, am- citt dItalia.
pliandolo e costruendo alle sue spalle una vera Sulla via del Fosso Reale di San Marco, che
ROSIGNANO citt. Per attrarre gli abitanti, furono emanate nellOttocento prender il nome di Scali delle
Castiglioncello le Leggi Livornine, con le quali si garantiva la Cantine per il gran numero di cantine e ma-
Vada libert di culto (essenzialmente per gli ebrei) e gazzini presenti sotto il piano stradale eaperti
di professione politica; venivano annullati de- sui fossi, vennero edificati molti palazzi. Il fab-
biti e condanne per almeno venticinque anni e bricato con le statue di due cani sul cornicione
CECINA si assicurava la libert di esercitare qualsiasi del tetto, ancora oggi presente lungo gli scali,
mestiere a chiunque avesse deciso di venire pare appartenesse a un commerciante danese
ad abitarvi. Con un nuovo regime doganale, e che lultima finestra fosse usata come torre
CAMPIGLIA M.
Venturina Livorno divent porto franco e, in breve tempo, di avvistamento. Dopo lUnit dItalia, inizi il
i suoi scambi commerciali si ampliarono cos degrado del quartiere.
tanto da farlo diventare uno scalo molto im- Oggi il sistema dei fossi e dei canali livorne-
S. VINCENZO portante. Se con il Granducato dei Medici era si ha perso definitivamente la sua funzione
stata costruita la Venezia Nuova, sotto il go- difensiva ed anche quella commerciale, ma
verno dei Lorena (1737-1801) Livorno conti- mantiene inalterato il suo fascino. Viene con-
PIOMBINO nu la sua espansione edilizia fuori dalle mura. tinuamente percorso dai turisti nelle gite in
Baratti
Fu il motuproprio granducale del1776 a san- battello e addirittura si pensato di proporlo
cire un punto di svolta per lo sviluppo della cit- comePatrimonio dellumanit.
PORTOFERRAIO t. Decretando la fine delle servit militari che
Magazzini ancora gravavano attorno alle vecchie mura
Enfola medicee, ormai adibite solo a delimitare la-
rea del porto franco, il provvedimento favor
lespansione dellabitato oltre il fosso circon-
MARCIANA dario. In questo modo si metteva un freno alle
sopraelevazioni allinterno del pentagono del
CAMPO Buontalenti e si calmierava il gravoso mercato
NELLELBA degli affitti.
SantIlario Ma, in assenza di una pianificazione urbani-
San Piero stica, le nuove case si addensarono disordi-
Marina di Campo natamente attorno alle porte daccesso del

Tappa proposta da
Istituto Tecnico Commerciale Amerigo Vespucci - Livorno
Scuola media Giovanni Bartolena - Livorno, Scuola primaria Pietro Thouar - Livorno
26 quarta, quinta e settima edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali,
anni scolastici 2007/2008, 2008/2009 e 2010/2011
27
Il Ponte di Marmo e la Venezia Nuova
Livorno C un antico quartiere molto suggestivo nel
cuore di Livorno. attraversato da canali e
ponti e ricorda la citt della laguna. Per questo
motivo stato chiamato Venezia Nuova.
Fu costruito su unarea strappata al mare, tra
il 1629 e il 1645, e doveva dotare la citt di un
quartiere mercantile in diretta comunicazione
con il porto che, dopo le Leggi livornine, era
diventato il principale sbocco a mare del Gran-
ducato di Toscana.
La famiglia Medici fu determinante per la sto-
ria di Livorno: prima Cosimo, poi il figlio Fran-
COLLESALVETTI
cesco, posero le basi per lo sviluppo della citt.
Nugola
Fu per laltro figlio di Cosimo, Ferdinando I, a citt costruirono qui i loro palazzi: i Bartolommei
Sambuca sugli Scali del Pesce, i Bertolla in Piazza della
Colognole dare grande impulso alla costruzione di Livor-
no, a concederle il titolo di citt il 19 marzo Fortezza Vecchia, i Bicchierai e gli Huiguens
Torretta Vecchia
1606, e a far diventare il suo porto cosmopo- in Via Borra, i Niccolai Gamba sugli Scali del
lita e indispensabile punto di riferimento per il Corso ed altri ancora.E poi i Bottini dellOlio,
LIVORNO commercio delle granaglie. le chiese barocche di San Ferdinando e Santa
Gorgona Il granduca Ferdinando I defin la citt la pu- Caterina con lannesso convento domenicano,
pilla dellocchio del dominio, e fra il 1590 e le Case Pie, il convento gesuita. Al centro di
il 1593 eman le cosiddette Leggi livornine una piazza, fu costruita anche la Pescheria
ROSIGNANO Nuova, sotto il cui porticato si trovavano i ban-
Castiglioncello con lobiettivo di aumentare la popolazione
per sostenere gli accresciuti traffici del porto e chi di marmo dove veniva sistemato il pesce.
Vada
per sviluppare una rete di commerci marittimi In epoca recente ledificio stato sede della
che interessasse tutte le comunit nazionali e caserma dei Vigili del Fuoco di Livorno, ed ora
CECINA religiose dellEuropa e del Mediterraneo. Ledi- ospita alcuni uffici comunali (via dei Pescatori).
ficazione del quartiere della Venezia Nuova fu Il Ponte di Marmo si trova in via Borra. Fu co-
particolarmente complessa perch si dovette struito nel 1629 (e rifatto nel 1734) sul Fosso
CAMPIGLIA M. Reale e comunicava con gli Scali del Pesce,
Venturina procedere alla costruzione di case in spazi
pensati in funzione militare (ad esempio fu de- dove era scaricato il pesce destinato alla vicina
molita una parte di quella che era la Fortezza Pescheria Nuova.
Nuova) e alla trasformazione dei suoi fossati in Allinizio della strada, nel palazzo allangolo tra
S. VINCENZO
canali navigabili, lungo i quali furono costruiti gli Scali del Pesce e Via Borra, aveva la sua
magazzini per lo scarico delle merci e le cosid- sede, nel Settecento, il consolato dInghilterra.
PIOMBINO dette cantine. Il ponte prende il nome dalle sue spallette di
Baratti
Il piano redatto dallarchitetto seneseGiovanni marmo ed un cenotafio consacrato dai figli
Battista Santi impresse al quartiere una forte della Venezia livornese alla memoria dei loro
PORTOFERRAIO valenza commerciale, con le abitazioni che co-
Magazzini municavano direttamente con ilcanale dei Na-
Enfola vicelli. La natura acquitrinosa del terreno e la La proposta di valorizzare il
conseguente necessit di realizzare fondazioni Ponte di Marmo, avanzata dagli
alunni dellIstituto per Geometri,
sullacqua, applicando tecniche importate di- stata premiata da Fondazione
MARCIANA rettamente dallalaguna veneta, contribuirono Livorno che, in accordo con il Comune di
a identificare il quartiere col nome diVenezia. Livorno e sulla base delle indicazione degli
In quel periodo, ed anche in seguito con le- studenti, ha redatto un progetto articolato di
CAMPO recupero. Il programma dinterventi prevede
NELLELBA spansione dellabitato che si registr tra la fine
la rimozione dal ponte delle erbacce infestanti,
SantIlario del Seicento e linizio del Settecento, nel quar- la realizzazione di un pannello informativo in
San Piero tiere si concentrarono le principali attivit edi- italiano e inglese, il calco degli antichi graffiti
Marina di Campo lizie dellepoca. Molte famiglie importanti della presenti sulle spallette di marmo del Ponte.

Tappa proposta da
28 Istituto Tecnico per Geometri Bernardo Buontalenti - Livorno
quinta edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali, anno scolastico 2008/2009
morti. Questa frase fu scritta nel 1856 da
Angelica Palli Bartolommei nel suo libro Cen-
ni su Livorno e dintorni e ricorda le iscrizioni
che nel tempo furono fatte sulla balaustra del
ponte. Il cenotafio un monumento sepolcrale
che viene eretto per ricordare una persona o
un gruppo di persone sepolte in altro luogo.
La parola deriva dal greco e significa infatti
tomba vuota. Definendo il ponte cenotafio,
la scrittrice livornese volle ricordare le semplici
iscrizioni a forma di lapide (oggi in larga parte
consumate), sormontate da una croce, che fu-
rono incise con chiodi, coltelli o scalpelli sulle
spallette del ponte in spesso marmo bianco,
dai facchini della Venezia Nuova, dai barroc- Dal Borro, artefice della costruzione della Ve-
ciai, dai barcaioli e dai becolinai in ricordo de- nezia Nuova nel tardo Seicento.
gli amici e compagni di lavoro scomparsi, per Lungo questa strada sorse anche un famoso
infortunio o per malattia. Poche parole, nome, laboratorio per la lavorazione del corallo.
cognome e soprannome del defunto, let e, Nel quartiere risiedevano i consoli delle Nazioni
qualche volta, lesortazione Pregate per lui. e facoltosi negozianti internazionali, proprietari
La scritta pi lunga recita: D.O.M. - Alla cara di spaziose cantine a volta che traboccavano
memoria di Giovanni Calafati. Che cess di fru- di merci di ogni provenienza in attesa di essere
ire. La Via Borra stata una delle pi impor- imballate e rispedite via mare per altre lontane
tanti vie di comunicazione della citt, abitata destinazioni.
da famiglie prestigiose e spesso teatro di vita I palazzi lungo i canali erano dotati di alte tor-
fastosa. La strada, oggi definita nobile deca- rette che consentivano di osservare i segnali
duta, lega il suo nome a quello del generale delle navi in arrivo e una chiostra al loro inter-
no. Composti da pi piani, possedevano canti-
ne a livello del fosso, magazzini al piano terra
che si apriva sulla strada, mentre il primo pia-
no ospitava le abitazioni dei padroni, con porte
e finestre architravate e, spesso, un modesto
terrazzo balaustrato; infine lultimo piano era
riservato alle stanze della servit.
Le disastrose distruzioni subite da Livorno
a causa dei bombardamenti americani e dei
guastatori tedeschi nella seconda guerra
mondiale non hanno, per fortuna, devastato la
Venezia che, quindi, rimasta comera, con il
suo fascino, i suoi canali e gli antichi palazzi
affacciati sui fossi.

29
Il Bagno dei forzati
Livorno Tra la questura di Livorno e via Fiume, in mez- una prigione. Sul retro delledificio, ampliato
zo ad un affollatissimo parcheggio, si erge un notevolmente nel corso del tempo, si trovava-
modesto muretto invaso dalle erbacce. Un no i depositi per il grano (le cosiddettebuche
piccolo cartello, poco evidente e poco esau- da grano) con lingresso laterale da via della
riente, spiega che quel muretto ci che ri- Biscotteria e i forni regi, dove veniva fatto il
mane dellantico Bagno dei forzati adiacente pane per la prigione e per lintera citt.
allospedale di S. Antonio. La sera i forzati rientravano nel Bagno, nutriti e
Poche persone conoscono la storia del Bagno trattati in modo decoroso, senza dimenticare,
penale, unico in Italia e importante quanto per, che erano pur sempre reclusi detenuti
quello di Bisanzio (lodierna Istambul) e Algeri. contro la loro volont e impiegati principal-
Eppure il Bagno stato un edificio importante
nella storia di Livorno, citt in passato famosa
COLLESALVETTI
per la sua tolleranza, la sua liberalit e lo spi-
Nugola
Sambuca rito di accoglienza verso tanti reietti che qui
Colognole hanno trovato un luogo sicuro per mettere ra-
Torretta Vecchia dici e costruirsi un futuro.
Il Bagno dei forzati fu costruito a partire
dal 1598 sotto il granduca Ferdinando I de
LIVORNO Medici nel cuore della Livorno medioevale.
Gorgona La struttura integr parte delle antiche mura
erette daipisani nelXIV secoloe del Bastione
ROSIGNANO della Cera del secolo precedente. Il progetto
Castiglioncello fu curato daAlessandro Pieroni.
Vada Dal punto di vista architettonico, il vasto edifi-
cio si presentava come una fortezza quadrila-
tera allinterno della nuova citt. Era delimitato
CECINA con mura a scarpa in mattoni, alla cui sommit
si snodava il camino di ronda: a ogni angolo vi
era una postazione con una campanella con la
CAMPIGLIA M.
Venturina quale i soldati di turno davano segni convenuti.
Al centro si apriva un vasto cortile con al cen-
tro una cisterna dellacqua. Sul lato meridio-
S. VINCENZO nale, uno scalone a tenaglia che dava accesso
ai piani superiori e ai quartieri delle guardie.
Nel Bagno penale risiedevano i corsari cattu-
PIOMBINO rati e fatti schiavi dallOrdine di Santo Stefano
Baratti Via della Rosa bianca esisteva da prima
Papa e Martire, e impiegati nelle galee del
Granduca, ma anche detenuti di varia origine, del 1660 e prendeva nome da unosteria che
a sua volta derivava dal nome di una delle 12
PORTOFERRAIO cristiani e non. compagnie del presidio militare. Qui era presente
Magazzini Ai musulmani era concesso di praticare il loro dal 1757 la Chiesa greco-ortodossa della San-
Enfola culto nelle moschee presenti nel Bagno, po- tissima Trinit(che venne soprannominata chiesa
tevano lavorare nelle botteghe vicine, oppure della Rosa Bianca), la prima mai costruita in tutta
offrirsi come manovali o uomini di fatica. E lEuropa occidentale. Con le demolizioni effettua-
MARCIANA proprio a loro dobbiamo la costruzione di buo- te fra il1901e il1908, la chiesa fu isolata dagli
na parte della citt del tempo. edifici circostanti e inclusa nel giardino dellOspe-
I cattolici invece avevano una cappella per dale di SantAntonio. Fu definitivamente demolita
CAMPO nel1942per far posto al nuovoPalazzo del Gover-
NELLELBA ogni dormitorio e una chiesetta comune, suc- no. Il tratto che fiancheggiava il Bagno penale e
SantIlario cessivamente assegnata allArciconfraternita sboccava in via delle Carceri si chiam via Dietro
San Piero della Purificazione. Vi erano anche dei piccoli il Bagno gi nel1660. La strada scomparve con
Marina di Campo spedali per i cristiani e i turchi, le officine ed le demolizioni del1901.

Tappa proposta da
30 ISIS Niccolini-Palli - Livorno
nona edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali, anno scolastico 2012/2013
mente in unattivit pericolosa e faticosissima Si lavorava, si pregava, si tenevano i contatti
come il servizio sulle galee. con il resto della citt, si distribuiva il vitto, so-
Tuttavia le autorit granducali e quelle religiose prattutto il pane e il biscotto prodotti nelladia-
sapevano che un buon trattamento dei dete- cente via dei Forni regi, la base dellalimenta-
nuti a Livorno avrebbe garantito un medesimo zione dei forzati quando erano impegnati nelle
riguardo per i cristiani prigionieri nei paesi galee: un microcosmo brulicante di detenuti,
musulmani. Per il riscatto degli schiavi cristiani ufficiali di marina, religiosi cristiani e musul-
si adoperarono soprattutto i Padri Trinitari, lor- mani, scrivani, facchini e forestieri.
dine fondato nel 1154 per liberare dallaschia- Nel1766i forzati furono trasferiti allaFortezza
vit, in particolare per riscattare, anche con Vecchia. Nel complesso il granduca costitu
la raccolta di fondi, i cristiani caduti prigionieri un Istituto di Marina e parte dei locali furono
deimori (il suo nome completoera infatti Or- occupati dalladiacente ospedale di SantAn-
dine della Santissima Trinit e redenzione degli tonio, che gi esisteva nella zona da epoche
schiavi). I primi frati con la croce rossa e blu precedenti.
giunsero a Livorno nel 1652. Da qui il Trinita- Livorno, dunque, cresciuta anche grazie alla
rio padre Francesco di Lorenzo, il 24 giugno presenza del Bagno dei forzati. Non dimenti-
1653, part per Tunisi, dove, dopo tanti pati- chiamo inoltre che il monumento pi significa-
menti, riusc a liberare trentatr schiavi. tivo della citt di Livorno, la statua dedicata a
Dal 1716 lordine fu ospitato dalla Chiesa di Ferdinando I, nota come i Quattro Mori, ricorda
San Ferdinando, conosciuta anche con il nome proprio la presenza del Bagno. Eppure, que-
Crocetta, appena costruita nel quartiere Vene- sto capitolo di storia della citt non molto
zia. Nel Bagno ferveva una vita molto intensa. conosciuto.

31
La statua di Ferdinando I e i Quattro Mori
Livorno La statua dei Quattro Mori il simbolo di Li- Il monumento doveva essere completato da
vorno. Alla fine delXVI secoloFrancesco I de due fontane con mostri marini realizzate dal
Mediciavvi la realizzazione della nuova citt Tacca intorno agli anni trenta del Seicento, ma
fortificata, secondo il progetto dellarchitet- non arrivarono mai a Livorno e furono collocate
to Bernardo Buontalenti. Ma fu Ferdinando I, a Firenze, nella piazza della Santissima Annun-
salito al potere nel1587, a dare impulso al co- ziata (vedi la tappa seguente).
lossale cantiere, tanto da essere considerato il Il gruppo scultoreo dei Quattro Mori celebra le
vero fondatore della citt. vittorie riportate contro i corsari barbareschi
Per celebrare questa impresa, Ferdinando fece alla fine del XVI secolo dallOrdine dei cavalieri
erigere un monumento in suo onore affidando di Santo Stefano, un Ordine corsaro cristiano,
lincarico allo scultore Giovanni Bandini che appositamente costituito a tale scopo, del qua-
lo realizz a Carrara dal 1595 fino al 1599 le il GranducaFerdinando I de Medici era Gran
COLLESALVETTI
(data incisa insieme al nome dellautore sul Maestro. I mori, rappresentati mentre si torco-
Nugola
Sambuca lembo inferiore del mantello del Granduca), no con espressioni di dolore, simboleggiano le
Colognole anno della sua morte. La statua finita, ma quattro et della vita delluomo e Tacca, per
Torretta Vecchia priva del basamento, fu portata a Livorno via realizzarli, fece dei calchi di cera su modelli vi-
mare nel 1601, dove rimase ben sedici anni venti. Pare, infatti, che lo scultore si rec ripe-
in un angolo del piazzale della Darsena. Final- tutamente al Bagno dei forzati, la vasta prigio-
LIVORNO mente, nel febbraio 1616, Cosimo II, che nel ne ubicata a breve distanza dal luogo dove era
Gorgona frattempo era succeduto al padre Ferdinando, stata collocata la statua, per studiare lanato-
chiese a Pietro Tacca (lo scultore, allievo del mia e i costumi dei reclusi. Si racconta che un
ROSIGNANO Giambologna, pi importante dellepoca nel galeotto, di nome Morgiano, fece da modello
Castiglioncello Granducato)di completare lopera del Bandini per due delle quattro statue, e questo spieghe-
Vada realizzandone il piedistallo. La statua, appog- rebbe una certa somiglianza tra due prigionieri
giata sulla sua base e collocata proprio al cen- che, con le loro accentuate torsioni mutuate
tro della piazza (pi verso il mare rispetto alla dallo stile diGiambologna e le smorfie di sof-
CECINA posizione attuale), fu inaugurata nel maggio ferenza, ben rappresentano la loro condizione
del 1617. Il gruppo dei quattro mori incatenati di schiavit. Oltre a Morgiano, gli altri nomi at-
alla base del monumento, che considerato tribuiti ai mori sono Al Salettino e Al Melioco.
CAMPIGLIA M.
Venturina il capolavoro del Tacca, fu invece eseguito in Per salvare il monumento dai bombardamenti
seguito, probabilmente tra il 1621 e il 1626. della seconda guerra mondiale, la statua di
Mentre un allievo del Tacca, Taddeo di Miche- Ferdinando I fu trasferita nellaCertosa di Cal-
S. VINCENZO le, esegu una serie di trofei barbareschi che ci, mentre i Quattro Mori furono sistemati al
furono collocati intorno alla statua di Ferdinan- Cisternino di Pian di Rotae successivamente
do e purtroppo depredati nel marzo 1799 dai nella Villa medicea di Poggio a Caiano.
PIOMBINO francesi invasori. Nel giugno1950 tornarono a Livorno.
Baratti

PORTOFERRAIO A diciassette anni dallultimo intervento


Magazzini di manutenzione e pulizia (maggio 1997)
Enfola il Monumento dei Quattro Mori,sar
sottoposto ad un ulteriore restauro
manutentivo, sia nella parte bronzea che in
MARCIANA quella lapidea. Fondazione Livorno, aderendo
a una richiesta rivoltale dellamministrazione
comunale, ha deciso di finanziare il restyling
del monumento simbolo della citt. I lavori,
CAMPO appena iniziati, permetteranno di riparare
NELLELBA anche i danni procurati dalle forti nevicate
SantIlario del 2013, che hanno causato il distacco di
San Piero una parte della pergamena in pietra tenuta in
Marina di Campo mano da Ferdinando I.

Tappa proposta da
32 Scuole primarie di Banditella, di Montenero e Giosu Carducci - Livorno
quinta edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali, anno scolastico 2008/2009
33
Le due fontane del Tacca
Livorno Nel 1608, alla morte del maestro Giambo- dinastia dei Medici. Il Granduca Ferdinando II,
logna, Pietro Tacca (Carrara 1577 - Firenze succeduto al padre Cosimo II nel 1621, rimase
1640) fu nominato statuario di corte e a lui tanto colpito dalla loro bellezza da decidere di
furono commissionate alcune tra le opere pi farle restare a Firenze. Cos furono collocate
importanti realizzate dai Medici in Toscana. in Piazza della Santissima Annunziata, dove,
Tacca era entrato nella bottega di Jehan Bou- peraltro, il tema del mare non si armonizza con
logne (questo il vero nome dello scultore di ori- le altre opere darte della bella piazza risorgi-
gine francese) a soli quindici anni. Negli ultimi mentale definita la pi armoniosa e perfetta
anni, dopo essere stato allievo del maestro, ne del mondo.
era diventato collaboratore, tanto da eseguire E anche se furono giudicate poco funzionali
insieme a lui, o completarne, le ultime opere. alle esigenze del porto e al movimento delle
Il gruppo dei Quattro Mori incatenati, scolpito merci dal Sovrintendente di tutte le fortezze e
COLLESALVETTI
per impreziosire la base del Monumento a Fer- fabbriche dello stato Andrea Arrighetti, i livor-
Nugola
Sambuca dinando Idi G. Bandini, fu ritenuto il suo capo- nesi non gradirono la decisione di trattenerle
Colognole lavoro, per lestrema padronanza della fusione a Firenze.
Torretta Vecchia in bronzo delle figure, per il possente realismo Forse per riparare allantico scippo, nel se-
e per labilit compositiva. Sicuramente, altret- condo dopoguerra, dopo il ritrovamento dei
tanto apprezzamento, devono aver ricevuto le calchi originali nel 1956, il sindaco di Firen-
LIVORNO due fontane che il Tacca aveva pensato di af- ze Giorgio La Pira e il Comune di Livorno, in
Gorgona fiancare al monumento ma che, a Livorno, non occasione del 350 anniversario della nomina
arrivarono mai. del primo gonfaloniere della provincia toscana,
ROSIGNANO Per rendere ancora pi suggestivo il gruppo commissionarono alla Fonderia Marinelli di Fi-
Castiglioncello scultoreo di Ferdinando I e i Quattro Mori, lar- renze le repliche delle due fontane con mostri
Vada tista toscano aveva infatti deciso di arricchirlo marini in bronzo eseguite da Pietro Tacca. Una
con due fontane di bronzo e marmo, uguali tra donata dal Comune di Firenze, laltra acqui-
loro, ispirate al mondo marino. In ciascuna,
CECINA due mostri degli abissi schizzano acqua nel-
le sottostanti vasche a forma di conchiglia, in
mezzo a crostacei, pesci e ghirlande di alghe.
CAMPIGLIA M.
Venturina Le vasche, commissionate da Cosimo II ed
eseguite dal Tacca intorno al 1629, appar-
tengono al periodo pi creativo dello scultore
S. VINCENZO carrarese, quello meno naturalista e pi aper-
to a suggestioni fantastiche e bizzarre tipiche
dellultima fase manierista ma che annuncia,
PIOMBINO per certi virtuosismi, la statuaria barocca. Ed
Baratti
proprio la modellazione dei mostri marini dalle
creste dentate, uniti schiena contro schiena, a
PORTOFERRAIO farci venire in mente le opere di Bernini. La
Magazzini stessa duttilit del bronzo, la ritroviamo negli
Enfola sgocciolatoi e nel groviglio di animali marini
minuziosamente descritti che fascia la base
marmorea.
MARCIANA Le fontane dovevano garantire lapprovvigio-
namento idrico delle galere ancorate in darse-
CAMPO na, ma soprattutto dovevano rendere onore a
NELLELBA Ferdinando I de Medici, il Granduca che tanto
SantIlario aveva contribuito allo sviluppo economico di
San Piero Livorno, la citt che chiamava la mia dama
Marina di Campo e che Montesquieu defin il capolavoro della

Tappa proposta da
I.T.C. Amerigo Vespucci, IPSCT - Lic. Art. Cristoforo Colombo,
34 Tecnico Grafico Pubblicitario - Livorno e Scuola media Giorgio Pazzini - Livorno
nona edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali, anno scolastico 2012/2013
stata dal Comune di Livorno, furono fuse nel
1965, e poste a Livorno in piazza Colonnella.
Per concludere, quelle che oggi a Livorno sono
chiamate fontane del Tacca, anche se eseguite
sul calco originale, in realt sono due copie.
Mentre quelle autentiche, rimaste a Firenze,
per le loro decorazioni di pesci e molluschi, in-
gredienti del tipico piatto livornese, sono chia-
mate dai fiorentini le fontane del cacciucco!

35
Antico cimitero degli inglesi
Livorno Anche se gravemente danneggiato dai bom- tore scozzese Tobias Smollett (1721-1771);
bardamenti della seconda guerra mondiale, lesploratore capitano della Marina Reale In-
lantico cimitero degli inglesi di via Verdi resta glese William Robert Broughton (1762-1821),
uno dei luoghi pi suggestivi della citt. o limprenditore francese Pietro Senn (1767-
Fu costruito verso il 1644 (o qualche decennio 1838) fondatore e presidente della Camera di
prima secondo alcuni storici), in una localit Commercio di Livorno. C poi la tomba della
che si chiamava Fondo Magno, fuori dalle scrittrice Margaret King (1773-1835), allieva
mura della citt, ed stato a lungo lunico di Mary Wollstonecraft, fondatrice del femmi-
cimitero inglese e protestante dItalia e il pi nismo liberale, e cara amica di Mary Shelley
antico ancora esistente nel bacino del Medi- (autrice di Frankenstein) che fu sua ospite
terraneo. durante un soggiorno a Livorno, oppure quel-
Nel corso dei secoli il cimitero stato inglo- la di William Magee Seton (1768-1803) ricco
COLLESALVETTI
bato dalla citt che si ingrandiva, ma i palazzi mercante di New York e marito di Santa Elisa-
Nugola
Sambuca che venivano edificati, le strade e il traffico del betta Seton. Riposano qui anche William Henry
Colognole centro lhanno via via nascosto alla vista dei Lambton (1764-1797) parlamentare britanni-
Torretta Vecchia passanti. Ancora oggi, pochi sanno che, die- co e massone, padre del Conte di Durham; il
tro quel muro bianco nei pressi di via Verdi, in pastore Thomas Hall che fu cappellano della
pieno centro, allombra di alberi secolari, sono British Factory di Livorno; Francis Homer par-
LIVORNO custodite le tombe monumentali degli uomini e lamentare scozzese amico di Ugo Foscolo;
Gorgona delle donne, per lo pi inglesi ma anche fran- Mary Lane Marcha (1733-1790) il cui epitaffio
cesi, tedeschi, americani e tutti gli stranieri di ispir il poeta Henry Wadsworth Longfellow per
ROSIGNANO fede protestante che hanno vissuto a Livorno la scrittura del poema Suspiria. Questi sono
Castiglioncello nel periodo del suo massimo splendore. soltanto alcuni dei personaggi, pi o meno
Vada Le sepolture e i monumenti si avvicendano uno famosi, ma tutti importanti, che rendono
dopo laltro in grande quantit e, per quanto unico questo cimitero nel centro di Livorno. Af-
in cattivo stato di conservazione, sono ancora fascinati da questo luogo, dove la vegetazione
CECINA molto belli! Le tombe sono di varie tipologie: contende lo spazio alle tombe monumentali,
a obelisco, a colonna, a cassone, sepolcri di gli alunni dellISIS Niccolini-Palli di Livorno
marmo bianco di Carrara di forme neoclassi- hanno deciso di portare avanti un progetto di
CAMPIGLIA M.
Venturina che, tutte decorate da bellissimi bassorilievi documentazione, salvaguardia e valorizzazione
con simboli, figure e ritratti. del piccolo cimitero. Con le schede di catalo-
Il valore storico e culturale di questo luogo gazione della Soprintendenza e una mappa
S. VINCENZO testimoniato anche dagli epitaffi, dai quali si sono andati a caccia di ciascuna tomba, per
possono ricavare notizie sulla vita quotidiana attribuire ciascuna scheda a un monumento
dei personaggi sepolti, il loro lavoro, la car- e localizzarlo sulla mappa. Dopo aver fissato
PIOMBINO riera, la famiglia, le passioni. Qui sono sepolti esattamente il numero delle tombe e la loro
Baratti
anche personaggi importanti, come lo scrit- posizione, verificata la misura e la trascrizione

PORTOFERRAIO
Magazzini
Enfola Il progetto sullantico cimitero
degli inglesi presentato nellottava
edizione della Settimana dei Beni
MARCIANA Culturali e Ambientali dallISIS Niccolini-Palli,
con la consulenza archeologica della dottssa
Carolina Megale e lAssociazione Livorno
delle Nazioni, stato premiato e Fondazione
CAMPO
Livorno si resa disponibile a finanziare la
NELLELBA proposta di valorizzazione avanzata dagli
SantIlario studenti, che riguarda in particolare la
San Piero catalogazione delle tombe e larchiviazione dei
Marina di Campo dati raccolti, in un data base.

Tappa proposta da
IPSIA Luigi Orlando - Livorno, ISIS Niccolini-Palli - Livorno
36 sesta, ottava e nona edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali,
anni scolastici 2009/2010, 2011/2012 e 2012/2013
dellepigrafe, hanno messo tutti i dati raccolti marmorea di Madre Seton che, proprio duran-
a confronto con quelli descritti nel 1906 dal te la celebrazione di una messa nel santuario
console onorario di Livorno Carmichael, sco- di Montenero, appena rimasta vedova, ebbe la
prendo anche e correggendo qualche im- rivelazione e inizi il percorso di conversione
precisione ed errore. Hanno infine completato alcattolicesimo.
la prima fase del lavoro descrivendo larchitet-
tura e lo stato di conservazione delle tombe e
la storia dei personaggi ospitati.

Santa Elizabeth Seton


Al cimitero degli inglesi era sepolto anche il
marito di Elizabeth Ann Seton, che stata la
prima cittadina statunitense canonizzata. Wil-
liam Magee Seton, per curare la grave tuber-
colosi che lo aveva colpito, nel 1803 sbarc
a Livorno in visita allamico e ricco mercante
Antonio Filicchi. Ma la notizia di unepidemia di
febbre gialla scoppiata a New York , indusse le
autorit livornesi a chiudere i Seton in quaran-
tena nel Lazzaretto di San Leopoldo a San Ja-
copo. Gli ambienti umidi e freddi peggiorarono
la salute di William che mor a Livorno appena
un mese dopo il suo arrivo.
Le sue spoglie e quelle dellamico Filicchi, pri-
ma sepolte nel cimitero inglese di via Verdi, nel
2004 furono trasferite nel cortile della chiesa
dedicata alla Santa in piazza Lavagna ed i loro
busti bronzei furono posti accanto alla statua

37
Al Mercato delle Vettovaglie
Livorno Fu lingegner Angiolo Badaloni, architetto capo centroeuropea. La concezione della basilica
del Comune di Livorno, a progettare e dirigere romana si sposa con le caratteristiche sceno-
la costruzione del Mercato delle Vettovaglie, grafiche dellambiente liberty, particolarmente
oggi pi conosciuto come mercato centrale caratterizzato dal binomio acciaio-vetro della
coperto, per distinguerlo dagli altri mercati grande e luminosa copertura. Gli elementi
allaperto sparsi nella citt. architettonici di stile neoclassico trovano una
Come ricordano liscrizione sopra lingresso sintesi con le tecnologie e le tecniche costrut-
principale e il dipinto commemorativo affre- tive della rivoluzione industriale.
scato allinterno del Salone del pesce, i lavori A distanza di secoli, le scelte delling. Badaloni
di realizzazione della struttura durarono dal sono tuttora validissime: il Mercato Centrale
1889 al 1894. Badaloni la progett dopo aver non ha mai perso la sua funzionalit e ancora
visitato i pi importanti mercati europei con oggi viene considerato il mercato coperto pi
COLLESALVETTI
un tour in calesse durato un mese, e fa parte bello dEuropa. Le sue soluzioni ardite e in sin-
Nugola
Sambuca di una serie di edifici di pubblica utilit da lui tonia con i pi avanzati progetti europei furono
Colognole ideati come direttore dellUfficio dArte del Co- prese ad esempio anche per la costruzione del
Torretta Vecchia mune di Livorno: lAccademia Navale, lo sta- Covent Garden di Londra. E per la fondamen-
bilimento termale Acque della Salute, il Gran tale importanza assunta dallaltissimo lucerna-
Hotel Corallo, il quartiere Stazione, le scuole rio, lEnciclopedia Italiana Treccani, nel 1949,
LIVORNO Antonio Benci e Giuseppe Micheli. colloc il mercato di Badaloni in una lista di
Gorgona Siamo nellultimo quarto di secolo dellOtto- importanti mercati coperti di tutto il mondo, in
cento, dopo lUnit dItalia. La sinistra guida il compagnia del Mercato centrale di Smithfield
ROSIGNANO governo centrale e a Livorno, nel 1886, divie- a Londra, Les Halles di Parigi e il Mercato
Castiglioncello ne sindaco Nicola Costella, lincarnazione del- centrale di Berlino. Ci che colpisce maggior-
Vada la politica del Crispi. Quando viene emanata mente lattenzione, oltre ai numerosi banchi e
la legge Coppino per listruzione universale, botteghe in fervente attivit, lampiezza dello
anche Costella, a livello locale, imprime una spazio: il soffitto a capriate metalliche alto
CECINA spinta per procedere alla costruzione di scuole circa 35 metri. La copertura, oltre a tenere al
e per dotare la citt di unadeguata rete di ser- riparo i commercianti, offriva la garanzia di una
vizi e attrezzature. Tra queste, il complesso del maggiore igiene dei prodotti in vendita nel-
CAMPIGLIA M.
Venturina Mercato delle Vettovaglie segna il passaggio la nascente societ moderna. Gli ampi spazi
tra il classicismo dellarchitettura dellOttocen- sono illuminati da due ordini di grandi finestre
to e la novit rappresentata dallart nouveau a tutto sesto. Raffinati motivi floreali decorano
S. VINCENZO

PIOMBINO Nel 1997 la struttura stata Cos, il 27 ottobre 2012, lantico mercato,
Baratti sottoposta a un restauro, durato generalmente chiuso nel pomeriggio,
alcuni anni, che le ha restituito rimasto aperto una giornata intera,
tutto il suo fascino. Orgogliose di questo con lautorizzazione del Comune, ed ha
PORTOFERRAIO complesso, molte classi di studenti hanno ospitato spettacoli e intrattenimenti di vario
Magazzini presentato progetti per la riscoperta genere, interessanti e divertenti. La grande
Enfola del Mercato delle Vettovaglie nelle varie partecipazione di pubblico, ha confermato
edizioni della Settimana dei Beni Culturali e la validit dellintuizione percepita dagli
Ambientali. In particolare stata premiata studenti. Per loccasione, Fondazione Livorno,
MARCIANA la proposta avanzata dai ragazzi dellIPSIA ha finanziato il restyling dellaccesso via
Luigi Orlando, nella settima edizione della mare al Mercato Centrale sugli Scali Saffi.
manifestazione. Con il progetto Giovani Adesso, pertanto, possibile, per i turisti e
in scena al Mercato Centrale, chiedevano per i livornesi che lo desiderano, attraverso
CAMPO di aprire il mercato alla cittadinanza per visite guidate, arrivare al mercato in barca,
NELLELBA assistere a spettacoli di giovani talenti. entrare da quella porta che si apre a pelo
SantIlario Lidea stata realizzata e inserita nel dacqua sui fossi, per poi salire dal sottosuolo
San Piero calendario diniziative promosse per celebrare al piano terreno, dove si trovano i banchi, i
Marina di Campo il ventennale della Fondazione. negozi e, fuori, le strade.

Tappa proposta da
Scuola primaria Edmondo De Amicis - Livorno, Scuola media Giosu Borsi - Livorno
IPSIA Luigi Orlando - Livorno, Scuola primaria O. Campana - Livorno
38 seconda, sesta, settima e nona edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali,
anni scolastici 2005/2006, 2009/2010, 2010/2011, 2012/2013
i soffitti ed eleganti elementi di derivazione ne- Tre corridoi lo collegano ai due padiglioni
oclassica ornano le pareti. Al vasto padiglione minori: il Salone del pesce e il salone delle
centrale, si accede attraverso lingresso princi- Gabbrigiane, adibito alla vendita delle verdure
pale, sugli scali Saffi, ma anche dagli ingressi che un tempo venivano portate dalle donne del
laterali delledificio. Gabbro.

39
Teatri storici e accademie livornesi
Livorno Dal Seicento allOttocento, Livorno ha ospita- sua nascita al 1644, quando lAccademia dei
to diversi teatri, arene e spazi teatrali minori, Dubbiosi (fondata a Brescia dal Conte Fortu-
che hanno caratterizzato limmagine e la cul- nato Martinengo Cesaresco, 1512-1552) si
tura della citt fino allo scoppio della Secon- costitu a Livorno su iniziativa dellagostiniano
da Guerra Mondiale. La storia dei teatri si Nicola Magri.
intrecciata con quella delle Accademie, una LAccademia assunse la direzione dellattivit
sorta di club di intellettuali dellaristocrazia e teatrale prodotta in uno Stanzone con il pal-
soprattutto dellalta borghesia mercantile, che coscenico, collocato sotto lArsenale dei fab-
si mobilitavano per promuovere la cultura (ma bricatori di remi delle Galere dellOrdine di S.
anche leconomia) della loro citt, aprendosi ai Stefano. La sala si trovava nel centro della cit-
nuovi assunti poetici, ai nuovi costumi del tem- t, tra il Duomo e il Porto Mediceo, vicino alla
po e alla variet delle opinioni, e incoraggiando chiesa di San Sebastiano, nella via che ancora
COLLESALVETTI
una molteplicit di iniziative. Allo stesso tempo oggi viene chiamata delle Commedie.
Nugola
Sambuca lAccademia era lo specchio di buona parte Nel1658 venne inaugurata con il nome Teatro
Colognole della comunit cittadina, dei suoi interessi e San Sebastianoed una ricca stagione teatra-
Torretta Vecchia dei suoi bisogni che, grazie allimpegno di un le e melodrammatica che a quel tempo rese
gruppo elitario, trovava spazi adeguati e finan- famosa la citt. Si narra che alle varie rappre-
ziamenti per sostenere la strategia di politica sentazioni assistettero contemporaneamente
LIVORNO economica e culturale di una citt in ascesa. spettatori di etnie e religioni profondamente
Gorgona Ogni Accademia aveva i suoi adepti, un suo diverse: italiani, spagnoli, portoghesi, ebrei,
regolamento e le sue finalit da perseguire per turchi, greci, tedeschi, mori armeni e persiani.
ROSIGNANO statuto. I fermenti illuministici e risorgimentali, Il teatro era costruito a ellisse, aveva 41 pal-
Castiglioncello in particolare, dettero grande impulso a queste chetti distribuiti su tre ordini, con i tre centrali
Vada associazioni, impegnate a diffondere, anche del secondo ordine riservati alla famiglia so-
nellintrattenimento, valori e ideali da condivi- vrana. Fu poi ampliato con laggiunta di altri 24
dere e da tramandare alle generazioni future. palchi e sopraelevato con un quarto ordine di
CECINA Cos, nelle vicende teatrali che in poco pi di legno, fino a raggiungere il numero complessi-
due secoli accompagnarono lampliamento vo di 87 palchetti.
della citt e attrassero linteresse delle zone Dal1662fu sede dellAccademia dei Dubbiosi,
CAMPIGLIA M.
Venturina limitrofe, le Accademie assunsero un ruolo considerata la prima accademia sorta in citt
decisivo. Dal Teatro delle Commedie, al Tea- per scopi letterari e poi ospitata, dal 1664, nel
tro degli Avvalorati, per poi passare al Teatro Palazzo Pretorio, cedendo il posto allAccade-
S. VINCENZO Rossini, al San Marco e infine al Goldoni, ci fu mia degli Affezionati.
sempre un gruppo di lavoro, attivo sul fronte Carlo Goldoni, che dal 1744 al 1748 soggiorn
degli investimenti e degli interessi culturali, a Pisa, frequent il teatro nel1745per assi-
PIOMBINO che ne determin le sorti. Accademia dei Dub- stere ad alcunecommediedella compagnia di
Baratti
biosi, Accademia degli Avvalorati, Accademia Girolamo Medebach e in quel periodo decise
dei Floridi, Accademia degli Operosi, Accade- di lasciare definitivamente la carriera di avvo-
PORTOFERRAIO mia dei Fulgidi divisero con i teatri, tappe cato per dedicarsi esclusivamente allattivit di
Magazzini importanti della rigogliosa attivit culturale commediografo. In quegli anni Livorno contava
Enfola cittadina. 35 mila abitanti.
Purtroppo nel Novecento i teatri storici livor- Alla fine del Settecento il teatro scomparve
nesi cominciarono a ridimensionarsi per poi perch fu trasformato in abitazioni.
MARCIANA essere quasi completamente distrutti dalla
seconda guerra mondiale. Il Teatro e lAccademia degli Avvalorati
CAMPO Nel1782, con loperaAdriano in SiriadiLui-
NELLELBA Il Teatro delle Commedie gi Cherubini (libretto di Pietro Metastasio), fu
SantIlario e lAccademia dei Dubbiosi inaugurato il Teatro degli Armeni, poi acquista-
San Piero Il Teatro delle Commedie il pi antico teatro to nel1790dallAccademia degli Avvalorati da
Marina di Campo della citt. Alcuni documenti fanno risalire la cui, da quel momento, prese il nome.

Tappa proposta da
40 Liceo Francesco Cecioni - Livorno
settima edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali, anno scolastico 2010/2011
Il Teatro, si narra, venne costruito a spese di Pochi anni dopo lapertura del teatro, nel
Giovanni Battista Bertolli, un pescivendolo di- 1790, sotto la protezione del Granduca Pietro
venuto molto ricco. Era situato lungo gli scali, Leopoldo II, nacque lAccademia degli Avvalo-
tra il Comune e Piazza della Repubblica, dove rati, sciolta dopo quasi un secolo, nel 1881.
oggi si trova il viale alberato degli Avvalorati. Nella lista dei 34 facoltosi fondatori, compa-
Lesterno delledificio assunse laspetto defi- rivano tanti nomi stranieri: francesi, olandesi,
nitivo nel 1867, quando fu costruita la nuo- tedeschi ed esponenti della comunit ebraica.
vafacciatarivolta verso ilPalazzo Comunale: Si trattava, per lo pi, di mercanti livornesi che
era costituita da tre piani e tre ingressi con organizzavano, per s e per gli altri, interes-
finestre alternate da grandi colonne ioniche. santi spettacoli cui assistere la sera, per rilas-
Originariamente disponeva di 126 palchet- sarsi dopo una giornata di lavoro.
ti su cinque ordini, con una platea larga 15 Nello stesso anno lAccademia compr il Te-
metri e lunga 18 metri. Fu restaurato pi volte atro degli Armeni che nel 1791 divent, per
nel corso degli anni anche ad opera di arti- volere del Granduca, il Teatro Imperiale e Regio
sti come Antonio Niccolini e Giuseppe Maria degli Avvalorati.
Terreni; in seguito, e fino allo scoppio dellase- Per i livornesi, Teatro e Accademia degli Avva-
conda guerra mondiale, divenne unasala ci- lorati divennero importanti punti di riferimento,
nematografica. di aggregazione e di prestigio, in un periodo
Fu distrutto durante i bombardamenti aerei storico, politico, e sociale di grandi sconvolgi-
della Seconda Guerra Mondiale. menti per la citt: le invasioni dei Napoletani

41
Livorno con la flotta inglese (1798 e 1814), le invasio- livornese Innocenzo Gragnani, nella zona com-
ni dei Francesi (1799 e 1807), i tedeschi, gli presa tra ilMercato delle vettovaglieepiazza
austriaci oltre alle catastrofi naturali, come Cavour.
il terremoto (1742) e le epidemie di malattie Inaugurato con ilMos e Faraone, rifacimen-
infettive, come il colera (1835 e 1854) e la to del Mos in Egitto, di Gioacchino Rossini,
febbre gialla (1804). poteva contenere circa mille spettatori, ospitati
Purtroppo anche questo teatro fu bombardato in 130 palchetti su cinque ordini e una platea
nel 1943, durante la Seconda Guerra Mondiale. larga 14 metri e lunga 15. Inoltre si distingue-
va per la sua comodit (per la prima volta in
Il Teatro San Marco un teatro livornese i palchi erano stati dotati
e lAccademia dei Floridi di unanticamera) e per la raffinatezza delle
Nel 1803 iniziarono i lavori di edificazione del decorazioni, tra le quali spiccavano alcune ca-
COLLESALVETTI
Teatro Nuovo (poi Carlo Lodovico, poi San Mar- riatidi, opera del giovanissimo G. Dupr.
Nugola
Sambuca co) da parte dellimpresario di lavori pubblici Nello stesso anno, si costitu lAccademia dei
Colognole fiorentino Luigi Gargani, su progetto degli ar- Fulgidi, un sodalizio letterario che, come primo
Torretta Vecchia chitetti Salvatore Piccioli e Gaspero Pampaloni. atto, firm lacquisto del teatro Rossini. Sot-
Fu inaugurato nel 1806 con lopera I Baccanali to legida dellAccademia dei Fulgidi, il teatro
di Roma su musica di Stefano Pavesi e con il riscosse un notevole successo tra i contempo-
LIVORNO nome di Regio Teatro Carlo Ludovico, in onore ranei, sollevando antipatie e invidie soprattutto
Gorgona del figlio della regina Maria Luisa di Borbone, da parte dellAccademia degli Avvalorati che si
allora re dEtruria. era opposta alla costruzione del Teatro Rossini
ROSIGNANO Il teatro contava 136 palchetti disposti su cin- e con la quale nacque anche unaccesa diatri-
Castiglioncello que ordini, con raffinate decorazioni interne ba. Come il Teatro San Marco, anche il Teatro
Vada di Luigi Ademollo ed unampia platea, di 19 Rossini sub un triste destino: un lento declino
metri per 18, che lo facevano considerare e la distruzione durante la Seconda Guerra
come uno dei pi magnifici dItalia. Mondiale.
CECINA Proprietaria del Teatro, era lAccademia dei
Floridi che qui si trasfer, gestendo la struttura, Il Teatro
CAMPIGLIA M.
fino al 1883. e lAccademia Goldoni
Venturina Quando nel 1813, al Teatro dei Floridi, si tenne Il Goldoni il pi importante teatro di Livorno,
la rappresentazione del Tancredi di Rossini, gli lunico grande teatro storico sopravvissuto ai
abitanti di Livorno erano 56 mila. bombardamenti.
S. VINCENZO Dopo un primo periodo di intensa fortuna, nei Progettato nel 1843 da Giuseppe Cappellini,
primi anni del XX secolo lattivit del teatro architetto livornese di cultura neoclassica, si
sub una notevole flessione e ledificio and distingue per il grande lucernario aperto sulla
PIOMBINO incontro ad un rapido decadimento. Cos, nel sommit della sala e costituito da 1440 lastre
Baratti
1921, quando in questo ambiente venne fon- di grosso cristallo sostenute da unintelaiatura
dato ilPartito Comunista dItalia, i partecipanti di ferro.
PORTOFERRAIO al congresso dovettero utilizzare gli ombrelli Il Teatro Leopoldo, cos chiamato fino allUnit
Magazzini anche allinterno, a causa delle cospicue infil- dItalia quando fu intitolato a Carlo Goldoni,
Enfola trazioni dacqua piovana. Del teatro, colpito dai venne inaugurato il 24 luglio 1847 con uno
bombardamenti aerei dellultima guerra mon- spettacolo diurno I falsi monetari ed uno serale
diale e mai pi ricostruito, oggi restano soltan- Roberto e il diavolo di Mayerbeer. A causa dei
MARCIANA to i ruderi della facciata e dei muri perimetrali. mancati finanziamenti per, il sontuoso appa-
rato decorativo previsto dal Cappellini fu so-
CAMPO Il Teatro Rossini lamente accennato, risultando molto modesto
NELLELBA e lAccademia dei Fulgidi rispetto a quello degli altri teatri cittadini.
SantIlario Pi piccolo, ma riccamente decorato, fu an- In compenso, per le dimensioni della platea
San Piero che il Teatro Rossini, aperto il 15 ottobredel (oltre 20 metri per 20) uno dei teatri pi vasti
Marina di Campo 1842su progetto dellimprenditore e architetto dItalia, paragonabile al Teatro alla ScaladiMi-

42
lano. Il Goldoni presenta 115 palchetti su 4 stata dallAccademia Goldoni che ne garant
ordini, disposti attorno al grandePalco Realee una programmazione teatrale e operistica di
chiusi alla sommit da un loggione delimitato qualit.
da una balaustra a circa 26,30 metri di al- Nel 1890, con la rappresentazione di Caval-
tezza. Limportante applicazione ottocentesca leria rusticana, lattivit del teatro raggiunse i
del binomio architettonico ferro-vetro lo rende massimi livelli e da allora il teatro divenne un
idoneo alle rappresentazioni diurne. Nel 1869 punto di riferimento per le opere del concitta-
la sala, deterioratasi precocemente, fu acqui- dinoPietro Mascagni.

43
LOsservatorio Meteorologico del Liceo Classico
Livorno Al Prof. Pietro Monte, insegnante di Fisica dal lOsservatorio Meteorologico. Il Prof. Monte
1855 al 1885 presso il Liceo Niccolini, spetta mor il 4 maggio del 1888, lasciando unim-
il merito di avere fondato lOsservatorio Me- pronta indelebile nella storia della meteorolo-
teorologico di Livorno, oggi a lui intitolato. Il gia e una serie di dati di grandissima impor-
primo novembre 1856 Monte, meteorologo tanza dal punto di vista scientifico, ma lattivit
e sacerdote, appartenente allordine dei bar- dellOsservatorio continu, per oltre un secolo.
nabiti, assunse la direzione dellOsservatorio,
allora ospitato presso il Collegio Barnabita di Sotto i bombardamenti
San Sebastiano. Purtroppo il 28 maggio 1943 il centro di Li-
vorno sub uno dei pi disastrosi bombarda-
Nasce il liceo menti aerei della sua storia: tra le 11.35 e le
La legge toscana di riforma dellIstruzione pub- 15.45 morirono oltre 200 persone e furono
COLLESALVETTI
blica del 30 giugno 1852, stabiliva di aprire a quasi demoliti i pi significativi palazzi della
Nugola
Sambuca Livorno un Ginnasio, un Liceo ed una Scuola citt. Tra questi cera ledificio che pi di tutti
Colognole Tecnica. Fu cos che la Comunit di Livorno rappresentava il cuore della cultura livornese,
Torretta Vecchia istitu il Ginnasio e il Liceo presso il Collegio quello che dal 1862 era divenuto la sede del
di San Sebastiano dei Padri Barnabiti, eredi Liceo Ginnasio G.B. Niccolini-F.D. Guerrazzi.
di unantica cultura scolastica, affidando loro Nel bombardamento furono distrutti molti libri
LIVORNO linsegnamento. Pi tardi si decise di trasferire della Biblioteca Labronica e moltissimi beni
Gorgona il Liceo nella sede dellex Spedale Israelitico, della scuola, tra cui strumenti scientifici, libri
costruito nel 1830 fuori della Porta del Caso- e archivi inventariali. Altri danni li fecero le in-
ROSIGNANO ne, in via della Pace, su progetto dellarchitetto temperie e lo sciacallaggio.
Castiglioncello Riccardo Calocchieri, che il Comune di Livor-
Vada no aveva acquistato nel 1860 dalla Comunit Lantico gabinetto di scienze
Israelitica per destinarlo inizialmente alla sola Il 29 novembre 1949, finalmente, la scuola fu
Scuola Tecnica. I lavori per adattare limmobile restituita alla sua citt. E insieme alla scuola
CECINA alle nuove scuole (e alla Pubblica Biblioteca riapr lOsservatorio, che continu la sua atti-
Labronica) furono affidati alling. Matteo Mat- vit fino al 1993. Gli antichi strumenti di fisica
tini e il 20 novembre 1862 la sede del Liceo del gabinetto di scienze ancora in possesso
CAMPIGLIA M.
Venturina fu inaugurata. Qui, al terzo piano dello storico del Liceo non possono essere datati in modo
edificio di Via della Pace (oggi Via Ernesto Ros- preciso, si pu solo dire che erano presenti
si), trov la sua sistemazione definitiva anche nellIstituto alla data del 30 giugno 1946; al-
S. VINCENZO cuni, per, sono sicuramente anteriori alla data
dinaugurazione del 1862. Grazie ai Marchi di
fabbrica incisi, sappiamo che gli oggetti pi
PIOMBINO antichi sono opera di celebri maestri artigia-
Baratti
ni francesi come Antoine-Joseph Meurand
(attivo tra il 1750 e il 1780), Noel Jean Lere-
PORTOFERRAIO bours (nato nel 1761 e morto nel 1840), Louis
Magazzini Joseph Deleuil (1795-1862), Marc Francois
Enfola Louis Secretan (1804-1867), Jules Duboscq
(1817-1886), ma non mancano prodotti di
artigiani e ditte italiani e di altri paesi.
MARCIANA
Le informazioni inerenti lOsservatorio
Paradosso meccanico. Le propriet che hanno i Meteorologico Pietro Monte e le relative
CAMPO corpi di portare il loro centro di gravit in basso, immagini sono state tratte dagli studenti
NELLELBA essendo liberi di muoversi, spiega il paradosso dal libro Pietro Monte e lOsservatorio
SantIlario meccanico. Il doppio cono sale spontaneamente Meteorologico di Livorno edito da Debatte
San Piero lungo le guide perch alla salita corrisponde un Editore per lAssociazione
Marina di Campo abbassamento del centro di gravit. Pro Liceo Classico di Livorno

Tappa proposta da
ISIS Niccolini-Palli - Livorno
44 seconda e terza edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali,
anni scolastici 2005/2006 e 2006/2007
Un progetto di recupero
Dopo il 1993 lOsservatorio cade nelloblio, Lanno successivo, con la terza edizione della
fino al 2005, quando i ragazzi del Liceo Clas- Settimana dei Beni Culturali e Ambientati, gli
sico Niccolini-Guerrazzi, partecipando alla se- studenti del liceo classico hanno concentrato
conda edizione della Settimana dei Beni Cul- la loro attenzione sul nucleo pi significativo
turali e Ambientali promossa da Fondazione della collezione, ovvero il complesso di stru-
Livorno che allora si chiamava Fondazione menti fabbricati dagli atelier scientifici france-
Cassa di Risparmi di Livorno elaborano il si, nel periodo a cavallo tra la fine del Sette-
progetto Antico Gabinetto di Scienze. Lo- cento e la prima met dellOttocento, trattando
biettivo, ambizioso, quello di recuperare il con la necessaria sensibilit e competenza,
pregevole materiale scientifico antico in pos- questi oggetti molto rari e fragili.
sesso della scuola, schedarlo, documentarlo
fotograficamente e restaurarlo per costituire
un museo, restituendo cos a Livorno e ai suoi
cittadini un patrimonio del loro passato.

Apparecchio telegrafico. Strumento realizzato


Coppia di specchi concavo e convesso. Strumenti dallOfficina Galileo, ditta nata nel 1862. Agli inizi
di dimostrazione per i fenomeni ottici. Sono firma- del Novecento il nome Officina fu sostituito con
ti dal famoso costruttore parigino Jules Duboscq Officine. Questo particolare suggerisce di attri-
(1817-1886). buire il manufatto al XIX secolo.

45
La Cripta di San Jacopo
Livorno La Cripta della Chiesa di San Jacopo un mitorio di San Jacopo, ma i monaci agostiniani
luogo di culto ed considerata il monumento non si arresero e tre anni dopo iniziano la rico-
pi antico della citt. Il primo nucleo, costruito struzione della chiesa.
in una grotta, potrebbe risalire al IV secolo d.C. Alcuni documenti attestano che nel 1357 il
e sembra vi abbia soggiornato SantAgostino romitorio era utilizzato per offrire ospitalit ai
nel 387. invece certa la presenza di San fedeli che si recavano in pellegrinaggio verso
Francesco dAssisi tra il 1208 e il 1211, quella le consuete mete della cristianit: Roma, San-
di Papa Urbano V nel 1367 e di Papa Gregorio tiago di Compostela, Gerusalemme. In parti-
nel 1377. La chiesetta fu edificata intorno ad colare, sembra che attraverso il Canale della
una sorgente di acqua dolce, che scaturiva tra Navareccia, che collegava Altopascio al Porto
la scogliera e il mare, a sud di Livorno. E il Pisano, arrivassero al convento della Chiesa
nome della localit che la ospita, Acquaviva, di San Jacopo i pellegrini che dovevano im-
COLLESALVETTI
deriva proprio dalla sorgente, presso la quale barcarsi nel porticciolo antistante la Chiesa
Nugola
Sambuca lApostolo Giacomo il Maggiore, in viaggio da per andare in Provenza e poi proseguire il loro
Colognole Jaffa per la Spagna, si sarebbe fermato per viaggio a piedi diretti a Santiago di Compostela.
Torretta Vecchia rinfrancarsi. Nel 1577 il granduca Francesco I ordin il
Fino agli inizi del secolo passato, la sorgente restauro della chiesa - che fu innalzata rispet-
era ancora ben visibile, a sinistra dellaltare to al livello originale - e fece costruire, dietro
LIVORNO ricavato dallo scoglio. La sua esistenza atte- labside, una torre di avvistamento delle navi
Gorgona stata in alcuni documenti gi intorno al 1100 saracene, vero e proprio flagello per gli inse-
d.C. e nel IV secolo si riscontrano tracce di un diamenti costieri del Mediterraneo. Nel 1716
ROSIGNANO eremo agostiniano. fu riportata alla luce la vecchia chiesa e da
Castiglioncello Quando papa Gregorio VIII, nel 1187, concede quel momento, per distinguerle, si chiam San
Vada ai monaci agostiniani la facolt di confessare, Jacopo in Acquaviva quella inferiore e San Ja-
predicare e costruire un cimitero dove seppel- copo quella superiore.
lire i defunti, per la prima volta fu usato il nome Quasi un cinquantennio dopo furono fatte
CECINA San Jacopo in riferimento alla chiesa. importanti modifiche e soprattutto la facciata
Carlo dAngi, re di Sicilia e vicario imperiale della chiesa non guard pi verso ovest ma
per la Toscana, nel 1268, fece abbattere il ro- verso nord.
CAMPIGLIA M.
Venturina Un secolo dopo, al posto della piccola torre
campanaria, dotata di due campane, fu innal-
zato un vero campanile, alto 24,60 metri e, il
S. VINCENZO 16 gennaio 1899, il vescovo di Livorno bene-
disse le quattro campane che per oltre un se-
colo hanno scandito le ore per la popolazione
PIOMBINO del quartiere di San Jacopo.
Baratti
Il piccolo cimitero che era sorto sul lato mare fu
soppresso nel 1915, mentre dal 33 al 35 fu-
PORTOFERRAIO
Magazzini
Enfola
Nel 2011 la parrocchia di San Jacopo in
Acquaviva, ha avanzato alla citt una
MARCIANA
richiesta di finanziamento per restaurare le
pareti interne della cripta e realizzare un
nuovo percorso di accesso che consentisse di
CAMPO poter nuovamente visitare in sicurezza questa
NELLELBA importante testimonianza. Insieme a enti
SantIlario pubblici, associazioni e privati cittadini, anche
San Piero la Fondazione intervenuta alliniziativa con
Marina di Campo un contributo di 25 mila euro.

Tappa proposta da
46 Scuola media Giovanni Bartolena - Livorno
settima edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali, anno scolastico 2010/2011
rono fatti i lavori che avrebbero trasformato la Intanto, sotto il pavimento della cripta, sono
chiesa nella versione attuale che comunque ha state rinvenute sepolture anonime che saran-
dovuto sopportare anche gli ingenti danni subiti no evidenziate con listallazione di una croce
durante la Seconda Guerra mondiale e riparati cosmica di Gerusalemme.
per diversi anni, fino al 1949. Ma non finita. Inoltre, nellossario, sono state trovate le spo-
Nel 1984 la chiesa fu colpita da una scossa di glie, risalenti al XIII secolo, di un frate agosti-
terremoto e la cripta fu intrappolata in un fitto niano.
reticolo di tubi innocenti fino al giugno 2013, Gli studenti delle scuole medie Bartolena di
quando, finalmente, dopo linteressamento in- Livorno sono orgogliosi di aver partecipato
cessante della parrocchia di San Jacopo in Ac- alla riscoperta del gioiello dimenticato e alla
quaviva e del Comitato Il gioiello dimenticato, conservazione della sua memoria storica, se-
promotore di tante iniziative per la raccolta dei guendone e sollecitandone il restauro e facen-
fondi, stato dato al via ai lavori per riconse- dosi coinvolgere con entusiasmo dallo studio e
gnare questo bene alla citt. dalla ricerca sul posto.

47
La Cappella di San Michele
Livorno Michele uno dei tre arcangeli citati nella Bib- Questa condizione di floridezza fece nascere
bia. ricordato per avere difeso la fede di Dio lesigenza di mettere ordine nei pagamenti,
contro le orde di Satana e per aver condotto gli fissando un luogo dove si potessero pesare le
angeli nella battaglia contro il drago, rappre- monete di vario conio e valore che circolavano
sentante il demonio, sconfiggendolo. sulla piazza. Nacque cos lUnione dei Cassie-
Larcangelo Michele figura in molti scritti. ri dei banchieri e dei commercianti chiamata
NellApocalisse di Baruc scritto che detiene Compagnia o Universit. Nel luogo di riunione,
le chiavi del Paradiso, nella Vita dAdamo ed detto Stanza, oltre allaccertamento dei cambi
Eva insegna ad Adamo a coltivare la terra. Nel delle monete estere con quelle doro, avveni-
Vangelo di Bartolomeo porta a Dio la terra e vano anche compensi di debiti e crediti fra i
lacqua necessarie per creare Adamo. Il suo commercianti di Livorno. Dalle settecentesche
nome deriva dallespressione Mika-El che Stanze dei Cassieri, o Stanze dei pubblici pa-
COLLESALVETTI
significa chi come Dio. Nelle immagini gamenti, deriv la Deputazione del Commer-
Nugola
Sambuca rappresentato con unarmatura alata e con la cio, a sua volta sostituita, il 17 dicembre 1801
Colognole lancia, o spada, con cui sconfigge il demonio, dalla Camera di Commercio di Livorno, una
Torretta Vecchia spesso con le sembianze di un drago. delle prime costituitesi in Italia, fondata per
Il culto dellarcangelo Michele di origine volere di Napoleone Bonaparte nel neonato
orientale. Limperatore Costantino I, a partire Regno di Etruria.
LIVORNO dal 313 d.C., gli dedic un imponente san-
Gorgona tuario a Costantinopoli. Alla fine del V secolo il La storia della cappella
culto si diffuse in tutta Europa in seguito allap- Nel 1701, in omaggio alla Madonna di Mon-
ROSIGNANO parizione dellarcangelo sul Gargano in Puglia. tenero, e per rendere ugualmente pio e co-
Castiglioncello Altro luogo di venerazione lisolotto di Mont modo il cammino verso il santuario, si era
Vada Saint-Michel dove, secondo la leggenda, costituito un gruppo di devoti detto la Sacra
larcangelo apparve nel 709 a SantUberto, Lega che doveva far costruire quindici cap-
vescovo di Avranches. In Russia, infine, nel pelline lungo la via del santuario dedicandole
CECINA dodicesimo secolo, gli stato dedicato un mo- ai quindici misteri del Rosario. In realt ne fu-
nastero sulla foce del Dvina. In Italia il santo rono costruite soltanto due: la prima fu eretta
considerato patrono di molti paesi e citt, dei in localit Erbucce (oggi parco di Villa Regina).
CAMPIGLIA M.
Venturina paracadutisti, dei commercianti, dei maestri La seconda fu fatta erigere dal Corpo dei Cas-
darme, poliziotti, merciai, speziali, fabbricanti sieri dei negozianti di Livorno alla fine della
di bilance e schermitori. La sua festa si celebra vecchia via Maremma o via di Montenero (oggi
S. VINCENZO il 29 settembre e l8 maggio la ricorrenza via Roma) allincrocio con la via Aurelia.
dellapparizione. Questa cappella - lunica rimasta, oggi di pro-
priet privata - fu dedicata allArcangelo Mi-
PIOMBINO Livorno nel Seicento e Settecento chele patrono del Corpo dei Cassieri. Sullar-
Baratti
Nella seconda met del Seicento la citt di chitrave del porticato fu posta una statua di
Livorno era al massimo del suo splendore eco- marmo raffigurante il Santo che tiene sotto i
PORTOFERRAIO nomico grazie alle attivit commerciali. La po- suoi piedi il demonio sconfitto.
Magazzini litica dei Medici aveva prodotto i suoi risultati.
Enfola Grazie alle franchigie, alle immunit, alla
neutralit politica e alle costruzioni portuali e
civili, la lungimirante politica medicea aveva Il progetto di recupero della
MARCIANA determinato un grandioso sviluppo della citt, cappella presentato dalla scuola
facendola competere con Genova e Marsiglia. media Bartolena nel 2007/2008
CAMPO Diciannove nazioni commerciali vi avevano stato premiato dalla Fondazione. Ma non
stabilito il loro consolato, contribuendo a favo- stata realizzata la proposta avanzata dagli
NELLELBA studenti, che prevedeva il restauro interno
SantIlario rire uno sviluppo demografico. Cos, dopo ven- ed esterno e la pulizia del giardino, perch la
San Piero tinove anni dallelevazione di Livorno a citt, la cappella appartiene ad un privato cittadino
Marina di Campo popolazione era salita a ben 25.000 abitanti. che non stato possibile rintracciare.

Tappa proposta da
48 Scuola media Giovanni Bartolena - Livorno
quarta edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali, anno scolastico 2007/2008
Oggi la statua mutilata delle braccia e la Particolari da notare sono il corretto allinea-
chiesa in stato di completo abbandono: mento della facciata con i punti cardinali prin-
erbacce, intonaco danneggiato anche laf- cipali; la copertura fatta con pietra di lavagna;
fresco fatto recentemente dal pittore livornese la pianta ottagonale che ricorda la chiesa di
Mataresi ormai coperto di fuliggine a causa S. Caterina nel quartiere della Venezia; il
degli scarichi delle auto che a centinaia, du- preingresso che permetteva ai pellegrini o ai
rante la giornata, passano accanto. viandanti di ripararsi in caso di pioggia, senza
Dopo il preingresso, si entra nella cappella che entrare nella cappella.
presenta due ampie finestre sui lati. Linterno
spoglio e parte dellintonaco mancante.
La cappella, illuminata da due finestre, ha
una pianta ottagonale non regolare e fa da
base alla cupola semisferica che ricorda le
moschee. Un altare in pietra ben lavorato e
posizionato in una piccola abside contornata
di colonne doriche in rilievo ricorda il tempo in
cui la cappella era un luogo di culto.

49
La Rosa dei venti, un eco-parco a scuola
Livorno

COLLESALVETTI
Nugola
Sambuca
Il Circolo Didattico La Rosa si occupa da molti Kigoma, con lobiettivo di dotare quella lontana
Colognole anni di educazione ambientale con particolare struttura di pannelli per lenergia elettrica, di
Torretta Vecchia attenzione allo sviluppo sostenibile, alle colti- recuperare le acque piovane e di allestire un
vazioni biologiche, al risparmio energetico. orto biologico.
Nel 1996, aderendo ad un concorso nazionale Inoltre, attraverso le foto portate a scuola da
LIVORNO proposto dalla Coop Toscana Lazio, i bambini una volontaria dellassociazione Jane Goodall,
Gorgona della scuola primaria Lambruschini progetta- gli alunni della primaria Lambruschini hanno
rono il Parco didattico La Rosa dei venti, su conosciuto i bambini che vivono in unaltra ca-
ROSIGNANO
unarea destinata a verde pubblico, di circa sa-famiglia tanzanese, quella di Sanganigwa e
Castiglioncello 3500 mq di terreno, di propriet del Comune. li hanno aiutati a costruire un orto facendogli
Vada Nel parco oggi sono presenti un orto biologico, innanzitutto conoscere le piante che crescono
una vigna, un oliveto, un frutteto, il viale delle nel parco della loro scuola. Hanno essiccato
piante dimenticate, alberi della macchia medi- foglie e fiori, li hanno stirati, schedati e incello-
CECINA terranea, un gazebo e due aule allaperto con fanati, poi, dopo aver fatto ricerche e raccolto
tavoli e panche. Inoltre stato realizzato un informazioni, hanno realizzato un fascicolo con
mulino a vento alto 12 metri che estrae lac- una scheda per ciascuna pianta. Quando ler-
CAMPIGLIA M.
Venturina
qua per lirrigazione del parco e per alimentare bario stato pronto, lo hanno spedito ai piccoli
una fontana e uno stagno, e sono stati installa- amici tanzaniani.
ti pannelli solari fotovoltaici per lilluminazione Un altro bel lavoro si sta facendo per i non ve-
S. VINCENZO e termici per il riscaldamento della serra di denti, gli ipovedenti e le persone con problemi
cinquanta mq. di deambulazione, che hanno occasione di vi-
Quella del parco stata unesperienza origi- sitare La rosa dei venti. I ragazzi infatti, hanno
PIOMBINO nale, ha coinvolto moltissimi soggetti, dalle elaborato un progetto di prossima realizzazio-
Baratti famiglie agli enti pubblici, alle aziende forni- ne, per rendere pi fruibile il parco ai soggetti
trici, rappresentando un esempio di possibile svantaggiati. I vialetti diventeranno accessibili
PORTOFERRAIO collegamento tra la vita della scuola e la socie- anche alle carrozzelle e le informazioni sulle
Magazzini t civile. E grazie allaiuto prestato dai nonni piante, contenute nelle schede informative, sa-
Enfola dello SPI CGIL, la manutenzione continua e
accurata. Dal 2007 il parco entrato a far par-
te dei Centri di Educazione Ambientale della Anche la Fondazione Livorno ha
MARCIANA Provincia di Livorno ed ha ricevuto numerosi premiato il progetto Un parco
riconoscimenti. per occhi e mani che leggono,
CAMPO
Ma soprattutto in quel parco sono nate tante presentato in occasione della settima
altre iniziative. Con il progetto Semi ed acqua Settimana dei Beni Culturali e Ambientali,
NELLELBA dichiarandosi disponibile a supportare
SantIlario in viaggio per la Tanzania, le classi si sono economicamente la proposta di rendere
San Piero gemellate con una casa-famiglia che accoglie la struttura accessibile, e fruibile, anche a
Marina di Campo sessantacinque bambini orfani nel villaggio di persone non vedenti.

Tappa proposta da
Scuola primaria Raffaello Lambruschini - Livorno
50 sesta, settima e ottava edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali,
anni scolastici 2009/2010, 2010/2011, 2011/2012
ranno tradotte in Braille, il carattere di lettura e
scrittura pi usato dai ciechi. Nascer cos Un
parco per occhi e mani che leggono. Scritte
in Braille saranno inoltre affiancate ai nomi,
sui cartellini didentificazione apposti vicino a
ciascuna pianta, ed una mappa tattile sar col-
locata allingresso del giardino, per descrivere
i percorsi delleco-parco.

51
La riserva naturale di Calafuria
Livorno Nella provincia di Livorno, tra i comuni diCol- sive e attraverso le caditoie venivano gettati
lesalvetti, Livorno e Rosignano Marittimo si sassi o pece bollente sugli assalitori.
estende il Parco provinciale dei Monti Livornesi Originariamente, ai piedi della torre, sorgevano
che occupa un totale di 1.329 ettari. alcuni fabbricati. Ancora oggi nelle vicinanze
Formato da ampie foreste, compreso tra le sono visibili resti di edifici: una chiesina, un
zone di Valle Benedetta eMontenero e include punto di ristoro e una stazione di sosta per
le aree protette di Parrana San Martino,Pog- il cambio dei cavalli. Dalla torre passava la
gio Corbolone, Monte Maggiore, la valle strada costiera dei Cavalleggeri che collegava
delChioma e larea dei Poggetti, nel comune Livorno a Vada toccando le varie torri di avvi-
di Rosignano Marittimo. stamento della costa.
Con i suoi boschi di erica, lecci, olmi e su-
gheri, il parco rappresenta un esempio tipico
COLLESALVETTI
di macchia mediterranea, colorata da gine-
Nugola
Sambuca stre e orchidee, da pioppi, salici e frassini e
Colognole abitata da cinghiali, volpi, donnole e faine.
Torretta Vecchia Oltre alle risorse naturalistiche e ambientali,
qui sono presenti anche antichi reperti arche-
ologici e importanti monumenti, e grazie ai nu-
LIVORNO merosi sentieri escursionistici e panoramici,
Gorgona un luogo ideale per il trekking e le passeggiate
a piedi, in bicicletta e a cavallo.
ROSIGNANO La parte occidentale dei Monti Livornesi
Castiglioncello occupata dalla Riserva Naturale di Calafuria,
Vada unarea protetta nazionale dove si ritrovano
alcune fortificazioni come ilCastello del Boc-
cale, laTorre di Calafuria e ilCastello Sidney
CECINA Sonninosituato sullaltura che divide larea di
Calafuria dallabitato diQuercianella.
CAMPIGLIA M.
Venturina La torre
La torre di Calafuria unantica postazione
davvistamento che scende a picco sul mare.
S. VINCENZO anche conosciuta come torre dei Mattaccini,
dal nome della famiglia nobile che la abit e
con il quale stato chiamato anche un quar-
PIOMBINO tiere di Pisa. La torre di Calafuria, dunque, pi-
Baratti
sana! Di origine medievale, stata ristrutturata
durante il dominio mediceo nella prima met
PORTOFERRAIO del XVI secolo, con il governo di Cosimo I de
Magazzini Medici (1537-1574), come attesta una lapide
Enfola di marmo posta sopra lingresso dove si legge
Cosmus Med: Florentie et Senar: Dux II.
Fondazione Livorno ha premiato
Il fabbricato deve probabilmente il suo nome il progetto I tesori di Calafuria
MARCIANA alla vicina cala, assai profonda, agitata costan- realizzando i cartelloni
temente dal mare. informativi proposti dagli studenti dellistituto
CAMPO una torre costiera a pianta quadrata, con un Giuseppe Micali. Quattro pannelli con
corridoio di ronda sulla sommit, cui si accede indicazioni sugli organismi marini presenti
NELLELBA sulle coste e tre pannelli di informazioni sulla
SantIlario da una solida scala rivolta verso terra. Oltre macchia mediterranea sono stati installati
San Piero allavvistamento delle navi e alle segnalazioni lungo le principali discese al mare da
Marina di Campo alle altre torri, il fortilizio aveva funzioni difen- Antignano al Romito.

Tappa proposta da
52 Scuola media Giuseppe Micali - Livorno
terza edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali, anno scolastico 2006/2007
La torre di Calafuria compare in diverse pel- Il fondale
licole cinematografiche, da Il pirata sono io! Nel tratto compreso tra il castello del Bocca-
(1940), a arrivato mio fratello(1985), ma so- le e Castel Sonnino, il fondo marino degrada
prattutto nei pressi della torre avviene il tragico piuttosto bruscamente fino a cinque-otto metri
epilogo del filmIl sorpasso(1962). di profondit per raggiungere, a una distanza
di 200-250 metri da terra e con un ripido sca-
Castel Sonnino lino di diciotto metri, una profondit di circa
Castel Sonnino prende il nome dal barone quaranta metri. A questa profondit il fondale
Giorgio Sidney Sonnino, deputato e giornali- costituito prevalentemente da sabbia e fango
sta, che lo acquist nel 1895. Diplomatico e mentre, tra i diciotto e i quaranta metri, la fa-
studioso di economia, Sonnino, con Leopoldo lesia forma una parete rocciosa, verticale, con
Fianchetti, affront la questione meridionale numerosi anfratti.
conducendo unimportante inchiesta sulle
condizioni dei contadini siciliani. Antagonista di Il corallo
Giovanni Giolitti in campo liberale, fu per due Sulla falesia, lunga circa 10 km, presente
brevi periodi presidente del Consiglio dei mi- una biocostruzione coralligena caratterizzata
nistri e successivamente ministro degli Esteri da numerosissimi anfratti e grotte. Alla base
durante la prima guerra Mondiale. della parete verticale, intorno ai 40 m di pro-
Il castello fu costruito da Cosimo III nel 1703, fondit, presente un fondo molle con sedi-
faceva parte di un sistema difensivo costiero. mento di tipo argilloso sul quale si trovano
Occupato dai francesi nel 1799, fu riacqui- piccoli scogli colonizzati da numerosissime
stato nel 1865, ceduto alla nobile famiglia specie dinvertebrati marini: gorgonie gialle,
Peruzzini e venduto successivamente a Sidney rosse e rami di corallo. Il corallo rosso si trova
Sonnino che lo trasform in villa. Si trova sopra lungo tutto il litorale livornese a partire anche
uno scoglio alto 100 metri tra grotte naturali, di da profondit di quindici-venti metri. Si svilup-
cui una ospita la tomba di Sonnino. pa in particolar modo nelle zone della parete
La struttura, chiamata anche Villa del Romi- sommersa meno esposte alla luce. Purtroppo
to, protagonista di numerose leggende che la raccolta indiscriminata di cui sempre sta-
narrano storie damore. Oggi di propriet to oggetto fa temere per la sua sopravvivenza
privata. lungo queste coste.

53
Lisola di Gorgona
Lisola di Gorgona si trova nel Mar Tirreno (se-
condo i confini in via di ridefinizione dellOr-
ganizzazione Idrografica Internazionale) o nel
Gorgona mar Ligure (secondo lIstituto Idrografico della
Marina Militare Italiana), a 37 Km dalla costa
di Livorno, di cui, amministrativamente, una
frazione. Larga circa 2 km e lunga 3, la pi
piccola e la pi settentrionale isola dellArcipe-
lago Toscano che comprende anche Capraia,
Elba, Pianosa, Montecristo, Giglio e Giannutri.
Montuosa - anche se il rilievo pi alto misura
255 metri - ricca di vegetazione tipica della
COLLESALVETTI
macchia mediterranea, vanta suggestive inse-
Nugola
Sambuca nature come la Cala Scirocco, dove, nella Grot- Passio di Santa Giulia, riportata dagli Acta
Colognole ta del Bove Marino, si rifugiavano un tempo le Sanctorum dei Padri Bollandisti, che racconta
Torretta Vecchia foche monache. il martirio della Santa e la traslazione del suo
Sullisola, ancora incontaminata, si trovano corpo. Si narra che furono proprio i monaci
due fortificazioni: laTorre Vecchia, pisana, e la- di Gorgona ad andare a Nonza, in Corsica, a
LIVORNO Torre Nuova, medicea. Interessante lachiesa prendere il corpo martirizzato di Santa Giulia
Gorgona di San Gorgonio, fortificata. Pi in alto situa- (patrona di Livorno e della Corsica) per con-
taVilla Margherita,costruita sui restiromani, servarlo tre secoli, fino al 763, quando lulti-
ROSIGNANO dove stata allestita una colonia agricola. mo re dei Longobardi, Desiderio, su richiesta
Castiglioncello Gorgona una piccola isola ma ha mille storie della moglie Ansa, lo trasport a Brescia.
Vada e leggende che la raccontano, spesso in con- Nel 1283 lisola pass a Pisa che vi costru la
trasto tra loro. Torre Vecchia. Con il beato Bartolommeo Sera-
fini, nel1374, lisola venne abitata daiCertosi-
CECINA Tra storia e leggenda ni, quindi nel 1406 fu occupata dai Medici che
Alquanto incerta lorigine del suo nome. Per la fortificarono. Nel 1777, in epoca Lorenese,
la mitologia greca Gorgna era il mostro che il Granduca Pietro Leopoldo di Toscana riscatt
CAMPIGLIA M.
Venturina aveva serpenti al posto dei capelli e pietrificava lisola e cerc di ripopolarla, ma senza riuscirvi.
chiunque lo fissasse negli occhi, ma pare che Una data importante per la Gorgona il 1869,
con questa etimologia lisola non abbia niente a anno in cui fu trasformata in colonia penale
S. VINCENZO che fare e che i Greci la chiamassero Egilora... agricola.
Che fosse abitata gi nel neolitico lo attesta- Per Dante, nella Divina Commedia, lisola di
no i rinvenimenti di strumenti litici avvenuti Gorgona doveva muoversi insieme alla Capraia
PIOMBINO nella parte meridionale dellisola. Come te- per andare a otturare la foce dellArno. Stra-
Baratti
stimonia Plinio il Vecchio, nellantichit era ripando il fiume, sarebbero annegati tutti gli
chiamata Urgo o Gorgon. Sporadicamente fu abitanti di Pisa, vituperio delle genti, respon-
PORTOFERRAIO abitata dagli etruschi, e certamente vi si inse- sabili della tragica morte del conte Ugolino del-
Magazzini diarono i Romani, dei quali restano ruderi di la Gherardesca, dei suoi figli e dei suoi nipoti.
Enfola murature inopus reticulatum presso lattuale
abitato. I cristiani la chiamarono Margarita La colonia penale
e Rutilio Namaziano nel De reditu suo scri- Luomo ha usato spesso le isole come carce-
MARCIANA ve che nel416lisola era abitata da eremiti. ri per trasferirvi i detenuti, allontanandoli dal
Nel591labate Orosio vi fond un monastero, resto della comunit. Gorgona lunica isola
CAMPO nella cui chiesa si veneravano le reliquie di carcere rimasta in Italia ed considerata un
NELLELBA San Gorgonio, che fu visitato anche daCate- modello di regime detentivo interessante, se
SantIlario rina da Siena. La presenza di monaci Bene- non addirittura ideale, di sistema penitenzia-
San Piero dettini e Cistercensi indicata da diverse fonti rio. Qui le persone che hanno commesso reati
Marina di Campo e i monaci di Capraia compaiono anche nella possono finire di scontare la loro pena, ma allo

Tappa proposta da
Scuola media Giuseppe Micali - Livorno
54 quinta e sesta edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali,
anni scolastici 2008/2009 e 2009/2010
stesso tempo, attraverso il contatto con la na-
tura e il lavoro, hanno lopportunit di elabora-
re percorsi per reinserirsi nel contesto sociale.
Allinizio dellOttocento, prima della nascita
della colonia penale, allisola arrivarono alcune
famiglie provenienti dalla Lucchesia che si in-
tegrarono con gli abitanti preesistenti. In quegli
anni la pesca delle acciughe era unattivit fio-
rente e dava lavoro a circa 600 barche.
Oggi sullisola ci sono 67 residenti e solo 7 vi
vivono stabilmente, i pescatori non ci sono pi
e neppure negozi o alberghi.
Sono rimasti i detenuti, le guardie penitenzia-
rie, di cui alcune trasferite temporaneamente
con le famiglie, e tutta la vita dellisola ruota senza sbarre dove la riabilitazione non solo
intorno allattivit del carcere. una speranza.
Le leggi di una natura aspra e selvaggia scan- Tanti animali domestici, ortaggi, frutteti, pian-
discono la vita dellisola, rigogliosa, con bellis- te medicinali, vigneti e una cantina per fare il
simi fondali intatti e protetti dal Parco Naturale vino, oliveti e un frantoio per spremere lolio,
dellArcipelago Toscano. un laboratorio di biologia marina. Tante oppor-
Per i detenuti c la possibilit di espiare una tunit per imparare un mestiere e un ambiente
pena ma anche ottenere un riscatto, lavoran- naturale e tranquillo dove trovare motivazioni
do la terra e allevando animali, in un carcere per cominciare una nuova vita.

55
Val di Cecina

Gabbro, Villa Mirabello


Il ragazzo sul delfino
Si trattato di una sorpresa eccezionale. Du- frequentatissimo. Ma di villa Marina e degli
rante un sopralluogo degli alunni della scuola Uzielli, la ricca famiglia ebrea fiorentina che la
Renato Fucini alla fontana del parco dellex- abit e che per quasi sessanta anni domin
Castiglioncello
villa Uzielli, a Castiglioncello, stata rinvenuta il panorama culturale locale, ritroviamo ancora
una statua di marmo. Nascosta dalla vegeta- evidenti tracce nella toponomastica e perfino
zione e completamente ricoperta dalle incro- nei vistosi tagli alla scogliera dei Pungenti, che
stazioni calcaree, per molti anni era rimasta allora serviva da porticciolo per la villa.
del tutto sconosciuta. Poi, grazie alle solleci- Gustavo Uzielli fu uno storico della geografia.
tazioni dei bambini, la statua stata pulita e, Nacque a Livorno nel1839e mor allImpru-
sotto il calcare, apparso un fanciullo a caval- neta nel 1911. Partecip con Garibaldi alla
lo di un delfino! spedizione inSicilia, e pi tardi in Trentino; in-
Col corpo coperto da un semplice panneggio, segn mineralogia e geologia nelle universit
COLLESALVETTI
cingeva, con la mano sinistra, la bocca della- diModena,Torinoe Parma.
Nugola
Sambuca nimale dalla quale usciva il getto dacqua della Fu intimo amico di Diego Martelli, ma anche
Colognole fontana, mentre la mano destra era stretta di altri letterati (Emilia Peruzzi, Renato Fucini,
Torretta Vecchia intorno ad un oggetto quasi certamente in Ferdinando Martini, Georges Lafenestre), pitto-
ferro - oggi perduto. La statuetta, purtroppo, ri (Serafino De Tivoli, Giovanni Fattori, Giusep-
acefala. pe Abbati, Giovanni Boldini, Francesco Gioli)
LIVORNO Laccurato recupero, effettuato dai tecnici del politici (Sidney Sonnino, Quintino Sella, Guido
Gorgona Centro di Restauro della Soprintendenza per i Baccelli) scienziati (Celestino Schiaparelli,
Beni Archeologici della Toscana, ha consentito Manuel Gonzales de la Rosa, Henry Vignaud,
ROSIGNANO di stabilire che, con molte probabilit, si tratta Olinto Marinelli), con i quali intrattenne una
Castiglioncello dellopera di una raffinata bottega, forse fio- fitta corrispondenza dal 1855 al 1911, oggi
Vada rentina, dellepoca a cavallo tra il XIX ed il XX raccolta in un Fondo insieme a manoscritti,
secolo. documenti riguardanti le campagne militari e
Si colloca nel filone di riproduzione di opere soprattutto opere di stampa nel campo della
CECINA darte antiche e rinascimentali ispirate a sog- storia della geografia nella quale acquist lar-
getti e miti classici, in origine carichi di simbo- ghe benemerenze.
logie, e poi riprodotte da molti artisti-artigiani
CAMPIGLIA M.
Venturina che ne hanno decretato il successo, magari
senza comprenderne il significato.
Il delfino rappresenta uno dei grandi animali
S. VINCENZO simbolici di tutti i tempi: come laquila, il leone, Il merito della scoperta della
lunicorno... statua tutto degli alunni della
Dellantica statua non ci sono testimonianze scuola Fucini di Castiglioncello,
PIOMBINO archivistiche, c solo quella, orale, della si- che hanno esplorato la fontana
Baratti per proporne il restauro in occasione della
gnora Neda Faccenda che, da bambina, era
seconda Settimana dei Beni Culturali e
solita giocare intorno alla fontana ancora in- Ambientali. La Fondazione considera questo
PORTOFERRAIO tatta, perch suo nonno e suo padre lavora- ritrovamento il fiore allocchiello delle dieci
Magazzini vano per la famiglia Uzielli. Quando nel 1910 edizioni della manifestazione che, grazie
Enfola fu inaugurata, la meravigliosa villa Marina di al Ragazzo sul delfino, al Mausoleo di Caio
Castiglioncello era dotata di limonaia e forno, Trebazio e a tanti altri progetti esaltanti,
conferma la propria validit e trova sempre
di scuderie e abitazioni per i domestici, per il nuovo vigore. Questa scoperta, comunque, ha
MARCIANA casiere e il marinaio. Il Parco circostante era entusiasmato tutti: dagli alunni, alla scuola
abbellito da fiori provenienti dallOlanda, da nel suo insieme, alle istituzioni, ai tecnici del
una giostra di cavalli in pietra, da un fiume Centro di Restauro della Soprintendenza per i
CAMPO Beni Archeologici della Toscana.
NELLELBA artificiale... e dal ragazzo sul delfino.
Giustamente, la statuetta del Ragazzo sul
SantIlario Purtroppo, a causa dei bombardamenti della delfino adesso custodita presso le scuole
San Piero Seconda Guerra Mondiale, la villa fu distrutta e Fucini, a Castiglioncello, dai bambini che
Marina di Campo al suo posto sorto un Parco Comunale oggi lhanno trovata.

Tappa proposta da
58 Scuola primaria Renato Fucini - Castiglioncello
seconda edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali, anno scolastico 2005/2006
59
Il ponte di Pietrabianca
A Vada, i bambini della scuola elementare profonda da 100 a 600 metri, con un sotto-
hanno deciso di adottare Pietrabianca, una- bosco di macchia mediterranea, che prima
rea di piccole dimensioni ma molto interes- della costruzione della pineta ricopriva lintera
sante dal punto di vista naturalistico, perch superficie dei Tomboli. Ci sono ligustri, cisti
Vada si sta ripopolando spontaneamente grazie al (monspeliensis, salvifolius, e incanus), elicriso,
microclima favorevole che vi si generato. E ed evonimo europeo. A fine inverno, si aggiun-
poich vicino a quelloasi c un vecchio ponte gono ampi tappeti di ciclamini.
in condizioni precarie, hanno deciso di proteg- La riserva naturale dei Tomboli di Cecina costi-
gere anche quello. tuisce anche uninteressante area per la sosta
I tomboli sono cordoni sabbiosi che, spinti dai e la riproduzione di numerose specie animali:
venti marini, si accumulano tra la costa e la coniglio selvatico, scoiattolo, riccio, istrice, vol-
terraferma sulle isole o lungo i litorali italiani, pe e donnolae anche qualche rettile!
COLLESALVETTI
specialmente in Toscana e nel Lazio, fino a for- A Pietrabianca, grazie alla visita fatta insie-
Nugola
Sambuca mare una fascia di piccole dune. me allesperto agronomo Branchetti, i bambini
Colognole Pietrabianca fa parte del Tombolo Settentrio- hanno individuato alcune specie da protegge-
Torretta Vecchia nale di Cecina. re (la periploca greca, il limonium etruscum, la
stachys recta, la romulea rollii) e vorrebbero
La riserva dei Tomboli recintare e proteggere larea intorno al ponte
LIVORNO La Riserva Naturale Biogenetica Tomboli di di Pietrabianca, sistemando dei cartelli per
Gorgona Cecina si estende lungo il litorale tirrenico per spiegare le particolarit di queste piante ende-
quindici chilometri, a nord e a sud della foce miche ai visitatori che spesso le estirpano o le
ROSIGNANO del fiume Cecina. La foresta, circa 430 ettari calpestano perch non le conoscono.
Castiglioncello e con una larghezza variabile tra i 100 e i 600
Vada metri, suddivisa in due zone separate dalla- Via dei Cavalleggeri
bitato di Marina di Cecina: Tombolo Settentrio- La strada dei Cavalleggeri fu realizzata alla fine
nale e Tombolo Meridionale. Su questa fascia del 500 per collegare le torri di avvistamento
CECINA costiera uniforme, interrotta da corsi dacqua costiere che erano state costruite in epoche
e da leggere ondulazioni che lungo il litorale diverse e per creare una rete di difesa. Alle tor-
assumono laspetto di vere e proprie dune alte ri costruite nel Medioevo, Cosimo I dei Medici
CAMPIGLIA M.
Venturina fino a 6-7 metri, la grande pineta cominci a ne aveva fatte aggiungere altre lungo il litorale
sorgere nel 1839. da Livorno allArgentario.
La volle il Granduca di Toscana Leopoldo, In alcuni tratti la via dei Cavalleggeri riprende-
S. VINCENZO per riparare le colture agrarie dal vento e va la pi antica strada di origine romana, via
dalla salsedine delle violente mareggiate. Aurelia. I soldati a cavallo che la percorrevano,
Nel 1859, la foresta pass al demanio dello avevano il compito di pattugliare il litorale per
PIOMBINO Stato e dai primi anni del 900 lAmministra-
Baratti
zione Forestale continu lopera iniziata dal
Governo Granducale con costanti rimboschi-
PORTOFERRAIO menti. Con il progetto elaborato per la
Magazzini terza edizione della Settimana
Enfola Florae Fauna dei Beni Culturali e Ambientali,
Dalla spiaggia sabbiosa, in parte ricoperta da i bambini della scuola elementare Angiolo
Silvio Novaro di Vada hanno adottato il
vegetazione erbacea adatta alla salinit (alofi- territorio di Pietrabianca, sia dal punto di
MARCIANA la), procedendo verso terra, sincontra un primo vista naturalistico, chiedendo un impegno
cordone di dune parallelo alla costa, dove vege- collettivo per la tutela delle specie che lo
CAMPO tano il ginepro coccolone e la sabina marittima. stanno ripopolando, sia sollecitando iniziative
Dopo una bassa e intrigata striscia di arbusti, per il risanamento del ponte.
NELLELBA Il progetto stato premiato e con lintervento
SantIlario si presenta una fascia larga circa 20 metri di del restauratore Luca Giannitrapani sono
San Piero pini marittimi e dAleppo, resistenti ai venti state rimosse le scritte vandaliche fatte sul
Marina di Campo marini. Segue poi la distesa di pino domestico, ponte con lo spray.

Tappa proposta da
60 Scuola primaria Angiolo Silvio Novaro - Vada
terza edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali, anno scolastico 2006/2007
impedire sbarchi di pirati, merci e clandestini. di legno e passaggi a guado furono sostituiti
Tra i compiti dei soldati cerano infatti la vigi- con ponti in muratura. Di questi, solo alcuni si
lanza sanitaria e doganale. conservano ancora, come il vecchio ponticello
Nel 1776 la strada fu elevata a regia e nel in mattoni a dorso di mulo di Pietrabianca
1788 fu istituito un servizio regolare tra Li- che risale allepoca delle Bonifiche Leopoldine
vorno e Portoferraio con limpiego dei Caval- della seconda met del 700, come mostra il
leggeri; anche per queste ragioni, alcuni ponti documento qui riportato.

DOCUMENTO
Relazione delle Torri e Posti lungo la Costa del Mare
dalla parte di Levante alla Piazza di Livorno.
La rimanente strada che dal detto fiume (Fine) passa dalla Torre di Vada ancor questa ne-
cessita di riparazione, e come che viene molto praticata dalla Comunit di Rosignano, e serve
ai trasporti delle legna e carbone che col si fanno (.).
La strada che dalla Torre di Vada passa al Fosso Tripesce ed al posto di Capo Cavallo, questa
ancora ridotta impraticabile di maniera tale che la Cavalleria ha abbandonato tal posto e gli
convenuto tenersi di quartiere alla suddetta Torre di Vada.
Questa attraversa quattro ponti di legno, le Paludi ed alcuni fossi che servono di scoli alle
medesime, ed in pi il detto Ponte che fu fatto di muro nellanno 1746 e che attraversa il
detto fosso del Tripesce.
I suddetti ponti di legno non lasciano di apportare della spesa per il loro continuo manteni-
mento, come siamo presentemente nel caso, e se venissero fatti di muro come quello del
Tripesce pare che sarebbe di maggior risparmio e di miglior uso per il buon servizio come
altra volta dallo scrivente stato proposto, che trattandosi di piccoli ponti la spesa non
sarebbe eccedente.

Firmato
Tenente Masini

61
Il Fornetto del pane alla Villa della Cinquantina
A tre chilometri da Cecina, sulla strada che da ha permesso di recuperare le caratteristiche
San Pietro in Palazzi porta al mare, in localit ottocentesche del parco.
La Cinquantina, sorge la Villa Guerrazzi. Nella corte della villa, in uno spazio alberato,
Fu costruita nella seconda met del Settecen- attiguo al Museo della Vita e del Lavoro, c un
Cecina to, dal governo granducale, come casone di antico forno a legna.
lavoria, ovvero come struttura in cui trovava Il piccolo manufatto, pur non presentando
ricovero la manodopera utilizzata stagional- particolari caratteristiche architettoniche,
mente nelle colture estensive della zona, allora comunque un reperto storico che testimonia
malarica. lattivit panificatoria nelle campagne per lau-
Ledificio era composto di locali estremamente tosufficienza delle fattorie.
poveri e costituiva un semplice tetto per brac-
cianti sfruttati che venivano spesso da molto
COLLESALVETTI
lontano.
Nugola
Sambuca Con le bonifiche dellOttocento, gli appodera-
Colognole menti e i contratti di mezzadria, inizi il decollo
Torretta Vecchia vero e proprio della zona.
La Cinquantina fu ristrutturata e ampliata e si
trasform in fattoria completa di cantine, gra-
LIVORNO nai, magazzini.
Gorgona Nel 1868 fu acquistata da Francesco Michele
Guerrazzi, nipote dello scrittore e uomo poli-
ROSIGNANO tico Francesco Domenico Guerrazzi, che qui
Castiglioncello trascorse gli ultimi anni della sua vita e mor il
Vada 23 settembre 1873.
Acquisita e ristrutturata in anni recenti dal Co-
mune di Cecina, lex Fattoria della Cinquantina
CECINA oggi divenuta un centro di cultura: nel fab-
bricato principale sono stati sistemati il Museo
Archeologico del territorio e la Scuola di musi-
CAMPIGLIA M.
Venturina ca, mentre nei locali dellex carraia si trovano il
Museo della Vita e del Lavoro della Maremma
e la Scuola di Teatro.
S. VINCENZO Il parco della Villa un giardino storico inserito
allinterno del Parco del Fiume Cecina, unarea
che lAmministrazione comunale di Cecina ha
PIOMBINO reso fruibile e restituito alla citt anche grazie
Baratti
a un finanziamento di Fondazione Livorno che
Gli alunni della scuola elementare
Carlo Collodi di Cecina Mare, nella
PORTOFERRAIO prima edizione delle Settimana dei
Magazzini Beni Culturali e Ambientali, anno scolastico
Enfola 2004/2005, avanzarono a Fondazione Livorno
una proposta di recupero e valorizzazione
del fornetto, che aveva bisogno di essere
MARCIANA ristrutturato in alcune porzioni murarie.
Chiedevano di ripristinare il fornetto, per
organizzare laboratori di panificazione ed
anche laboratori per la lavorazione della
CAMPO terracotta. I terreni argillosi del vicino
NELLELBA fiume Cecina, infatti, erano stati utilizzati in
SantIlario passato dalle fornaci di laterizio e vasellame,
San Piero dislocati lungo il corso dacqua. Il progetto fu
Marina di Campo approvato e premiato.

Tappa proposta da
Scuola primaria Carlo Collodi - Cecina Mare
62 prima e seconda edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali,
anni scolastici 2004/2005 e 2005/2006
63
La leggenda dellOmino di Ferro
Sul tetto della vecchia Stazione di Posta di Ce- un calesse tirato da un solo cavallo. Racconta
cina, oggi moderna struttura che si affaccia sul di una valle che comincia poco prima di Vada
Corso Matteotti, sede di una nota banca e di e arriva fino alla Torre di San Vincenzo una
numerosi uffici, sventola unantica banderuola: pianura di circa 20 miglia di lunghezza e di
Cecina lOmino di Ferro. altrettanta larghezza, piena di vigorosa vegeta-
Da circa 200 anni domina il panorama della zione e sparsa solo di qualche capanna, dove
citt e ne diventato uno degli emblemi pi abitano i custodi del bestiame che pascolano
conosciuti. Alto un metro e mezzo, raffigura un nella medesima E infatti, circa due secoli
cacciatore dal cappello piumato che poggia i fa, la zona dove sorge lodierna Cecina era
piedi sopra la testa di un cinghiale. Era linse- conosciuta soltanto per il fiume e per lanti-
gna della Fermata di Posta e, come scrive il co castello del Fittovecchio che lo sovrastava,
professor Mario Lopes Pegna nella sua Mono- cio la tenuta della casa granducale Medicea,
COLLESALVETTI
grafia di Cecina: Sino dal 1818 era sorta una concessa in affitto al Marchese Ginori dal pri-
Nugola
Sambuca specie di casa su un piccolo poggio a fianco mo sovrano della dinastia regnante, e riacqui-
Colognole della strada chiamata Emilia. Labitava un sol stata nel 1814 dal Granduca Ferdinando III per
Torretta Vecchia uomo; tutto intorno erano boschi e paludi. Qui ripartire quei terreni tra industriose famiglie
facevano sosta le corriere. Questa posteria coloniche.
fu importante e riconosciuta dal Granduca Nelle poche casupole sparse per la campagna,
LIVORNO ed intorno ad essa sono sorte leggende, che vivevano miseri contadini, che contendevano
Gorgona questuomo si dedicasse alla caccia delle bel- terra alla palude.
ve e avesse una straordinaria autorit ed incu- La malaria mieteva numerose vittime, la vita
ROSIGNANO tesse rispetto anche ai malviventi che numero- era breve, dura e grama.
Castiglioncello si infestavano la Maremma. Da ci il nome di Cecina oggi una ridente cittadina, distesa su
Vada Uomo di Ferro. Infatti questo antico stallaggio una bella pianura fertile e coltivata, affacciata
aveva uninsegna in ferro raffigurante un guer- su un mare azzurro, ricca di verdi e fresche
riero con carabina, sorretto da unasta di ferro pinete. Ma nel primo Ottocento un viaggio in
CECINA che girava a seconda dei venti. questa zona poteva trasformarsi in unavven-
IltoponimoCecina di origineetruscae deriva tura da brividi: la strada era pessima, lunga e
dal cognome di una potente famiglia origina- fangosa, circondata da paludi dalle quali scia-
CAMPIGLIA M.
Venturina ria di Volterra, conosciuta in epoca romana mavano miriadi di zanzare, spesso attraversata
comegens Caecina. da cinghiali. Ma soprattutto, allimprovviso, la
Ma labitato di Cecina sorse ufficialmente solo strada poteva essere sbarrata da arcigni bri-
S. VINCENZO nel 1852 e dei vecchi edifici oggi non restano ganti, armati fino ai denti, che derubavano i gi
tracce perch furono quasi totalmente rasi al scarsi passeggeri delle scomode, traballanti e
suolo durante la Seconda Guerra Mondiale. lente diligenze.
PIOMBINO Della storia pi antica di Cecina si trovano te-
Baratti
stimonianze presso la Villa della Cinquantina,
edificata nel 1768, in una zona malarica, allo
PORTOFERRAIO scopo di ospitare i braccianti stagionali duran-
Magazzini te il periodo della mietitura. Altra testimonianza
Enfola Villa Ginori, fatta costruire nel 1740 da Carlo
Ginori su progetto di Giovanni del Fantasia, I bambini della scuola primaria Carlo Collodi
di Cecina Mare, per la settima edizione della
lungo la costa alla foce del fiume Cecina. Settimana dei Beni Culturali e Ambientali
MARCIANA Fino al 1852, dunque, questa zona era scar- hanno presentato una richiesta insolita. Hanno
samente popolata, come descrive un diario chiesto alla Fondazione di aiutarli a divulgare
di viaggio custodito nellarchivio del Comune. la vecchia leggenda che era tramandata
CAMPO intorno al camino dai vecchi abitanti del
NELLELBA Sintitola Viaggio antiquario per la Via Aurelia
Fitto di Cecina nelle lunghe e fredde serate
SantIlario da Livorno a Roma ed stato scritto dallA- invernali: la leggenda dellOmino di Ferro.
San Piero bate Paolo Pifferi nel 1832, per descrivere il Il desiderio stato esaudito con questa
Marina di Campo suo viaggio fatto lanno precedente, a bordo di pubblicazione.

Tappa proposta da
64 Scuola primaria Carlo Collodi - Cecina
settima edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali, anno scolastico 2010/2011
La locanda di Cecina era uno dei pochi edifici fer, anzi il mastro di posta aggir i briganti e
esistenti lungo la via Aurelia, un fabbricato che li colse alle spalle, ancora intenti a caricare i
serviva come stazione di posta, lunico posto fucili; riusc a catturarli e li condusse in fila e
della zona dove potersi rifocillare e far riposare con le mani sul capo, sotto la minaccia del suo
i cavalli. archibugio, alla stazione di posta.
Narra la leggenda che questa stazione di posta A questo punto per loste strinse un patto con
era gestita da un uomo solo che, alloccasio- i malviventi: non li avrebbe consegnati ai gen-
ne, faceva anche da oste, ma proprio per la darmi se si fossero impegnati a non molestare
scarsa sicurezza delle strade, gli affari erano pi i viaggiatori che attraversavano la zona.
assai magri. Il mastro di posta divenne una specie di eroe,
Stanco di questa situazione, il mastro di posta temuto e rispettato, conosciuto con lappellati-
invit i briganti a svolgere altrove la loro attivi- vo di Uomo di Ferro e sul tetto della locanda
t. La sua richiesta fece sorridere i tagliaborse, fu posta la famosa banderuola.
allora loste pass allattacco e pens di risol- LOmino di Ferro ancora l. Ha visto nascere
vere la questione una volta per tutte! e crescere la citt, ha resistito alla furia dei
Imbracciato il suo vecchio archibugio, si dires- bombardamenti durante la Seconda Guerra
se verso il covo dei briganti e url di lasciare il Mondiale ma rimasto sul tetto, ormai rifatto e
luogo, ma per tutta risposta, ricevette una sca- rinforzato, a sfidare i venti gelidi di tramontana
rica di archibugiate. La micidiale raffica non lo e le forti libecciate della costa tirrenica.

65
La tomba etrusca di Casaglia
Le tombe athlos, che in greco significacupo-
la, sono monumenti funerari e risalgono, come
tipologia, alla tarda et del bronzo. I pi cono-
sciuti sono i sepolcrimiceneie quelli etruschi,
Cecina che rappresentano uno dei primi esempi di
cupola dellantichit.
Queste tombe sono costituite da un vano cir-
colare, spesso interrato in una collina.
Erano costruite disponendo grandi pietre in
cerchi concentrici, sovrapposti fino a chiude-
re completamente la sommit dellambiente
conico.
COLLESALVETTI
Il thlos veniva poi ricoperto di terra, per rico-
Nugola
Sambuca stituire la collina originaria.
Colognole Nellacivilt etrusca,luso di questi sepolcri di
Torretta Vecchia derivazione micenea si diffuse soprattutto nel
VII secolo a. C. ed era destinato alle sepolture
regali.
LIVORNO In molti casi si presentavano raccolti in necro-
Gorgona poli (come a Cerveteri, Tarquinia, Vulci, Vetu-
lonia, Populonia) ma potevano trovarsi anche Una tomba a thlos fu scoperta casualmen-
ROSIGNANO isolati. Si trattava spesso di tombe di famiglie te nel febbraio del 1932, in localit Casaglia,
Castiglioncello aristocratiche, utilizzate per pi generazioni, nel comune di Montecatini Val di Cecina (pro-
Vada ricche di decorazioni pittoriche allinterno della vincia di Pisa). Era interrata sulle propaggini
camera funeraria, a volte rette da un pilastro meridionali di un colle delimitato su due lati
centrale. dai torrenti Lopia e Lupicaia, affluenti di destra
CECINA Alla tomba si accedeva percorrendo un corri- del fiume Cecina. Proprio sotto il cocuzzolo pi
doio delimitato da due pareti di pietra, a cielo alto dellabitato di Casaglia.
aperto o coperto, chiamato dromos. Nel 1963, il monumento fu smontato e tra-
CAMPIGLIA M.
Venturina sportato nei locali del Civico Museo Archeolo-
gico di Cecina di via Boccaccio. Con il cambio
di destinazione duso delledificio adibito a
S. VINCENZO museo, si reso necessario un nuovo sposta-
mento e nel 2012 la tomba a thlos di Ca-
saglia stata ricostruita nel Parco della Villa
PIOMBINO Guerrazzi, in localit Cinquantina a Cecina,
Baratti
dove possibile visitarla.
La tomba costituisce una delle pi importanti
PORTOFERRAIO testimonianze della presenza di famiglie aristo-
Magazzini cratiche etrusche nel territorio della Bassa Val di
Enfola Cecina. La camera sepolcrale, preceduta da un
vestibolo rettangolare e da un dromos di circa
9 metri di lunghezza, di forma circolare e la
MARCIANA copertura fu realizzata con 13 giri aggettanti di
lastroni darenaria con pilastro centrale. I reperti
CAMPO trovati nella tomba, che facevano parte del cor-
NELLELBA redo, hanno permesso di datare la costruzione
SantIlario alla prima met del VI secolo a.C. e sono ora
San Piero esposti nelladiacente Museo Archeologico Co-
Marina di Campo munale della Villa della Cinquantina.

Tappa proposta da
66 Scuola media Galileo Galilei - Cecina
sesta edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali, anno scolastico 2009/2010
67
Lampo, il cane viaggiatore
In un giorno di agosto del 1953, un cane ran- Forse dallAmerica. Non solo perch davanti
dagio senza padrone e senza collare, venuto al mare sembrava guardare lorizzonte con
chiss da dove, scese dal treno merci 103 alla nostalgia, ma anche perch questo atteggia-
Stazione Ferroviaria di Campiglia Marittima. mento dava credito alla testimonianza di un
Campiglia Era un cane comunissimo, di taglia media, di vecchio clochard livornese che diceva di averlo
M.ma
razza indecifrabile, dal pelo lungo e bianco, a riconosciuto. Luomo sosteneva di aver vissu-
chiazze marrone sul rossiccio. In quella Sta- to qualche tempo con un cane sceso da una
zione, Lampo (cos chiamato perch giunto nave americana nel porto di Livorno. I marinai
come un lampo) scelse di stabilirsi, stringen- lo avevano cercato, ma non trovandolo erano
do un fortissimo legame con Elvio Barlettani, stati costretti a salpare senza di lui. Tornato
ferroviere dellufficio dei biglietti, e accattivan- sulla banchina, Lampo non aveva pi visto la
dosi le simpatie di tutti gli altri impiegati. nave e si era avvicinato al clochard con cui
COLLESALVETTI
La piccola stazione di campagna divenne cos aveva fatto amicizia.
Nugola
Sambuca la sua fissa dimora. Il cane-ferroviere era Qualcuno, poi, avrebbe salvato Lampo dallac-
Colognole a suo agio in quellambiente. Gironzolava fra calappiacani gettandolo su un treno merci.
Torretta Vecchia gli addetti e i viaggiatori abituali e quando era La singolare vita del cane-viaggiatore termin
in arrivo il treno Torino-Roma con la carrozza un giorno di luglio del 1961 quando, ormai
ristorante, lui, sul marciapiede, aspettava che vecchio, mor schiacciato sotto le ruote di un
LIVORNO il cuoco si affacciasse e gli gettasse gli ossi. treno. I suoi resti furono sepolti alla Stazione
Gorgona Era molto affezionato al ferroviere e alla sua di Campiglia Marittima dove, in suo ricordo, fu
famiglia, che abitava a Piombino. eretta una statua. Finanziata da una colletta
ROSIGNANO In particolare era legato alla figlia, la piccola dei ferrovieri e dalla rivista americana New-
Castiglioncello Mirna, che ogni giorno accompagnava alla- sweek, venne inaugurata nel 1962 e lo ritrae
Vada silo. Puntuale, tutte le mattine, da solo, Lam- con la zampa alzata e con il berretto e la pa-
po prendeva il treno a Campiglia e andava a letta da ferroviere.
Piombino presentandosi alla porta di casa Per le sue avventure, Lampo finito pi volte
CECINA Barlettani verso le 8,15. Quando la bambina in televisione e su di lui stato scritto anche
usciva, insieme alla mamma, lui la seguiva fino un libro.
a scuola e poi ritornava a Campiglia con un Appassionati da questa incredibile storia, gli
CAMPIGLIA M.
Venturina altro treno. studenti del Liceo Linguistico Enrico Fermi di
Presto Lampo si rivel un esperto viaggiato- Cecina hanno proposto di valorizzare la statua
re capace di partire in treno anche per lunghi con un restauro e di trasformare la storia di
S. VINCENZO viaggi, conosceva alla perfezione gli orari di questo cane cos intelligente, ma anche testar-
partenza e di arrivo, le coincidenze, le fermate. do, vanitoso e permaloso, in una fiaba illustrata
E trovava sempre il treno giusto per tornare per bambini.
PIOMBINO alla sua stazione.
Baratti
La sua fama si diffuse in Italia e allestero gra-
zie ai giornali e alle televisioni. Poi, per, la sua
PORTOFERRAIO presenza e il suo vagabondare sui treni finiro-
Magazzini no per essere sgraditi alle autorit ferroviarie
Enfola che decisero di allontanarlo, prima mettendolo
su un treno diretto a Napoli dal quale riusc a
scendere, e poi esiliandolo a Barletta.
MARCIANA Lampo, qualche mese dopo, riusc a tornare a
casa: era diventato magrissimo, stanco e sof-
CAMPO ferente, con le zampe gonfie e sanguinanti. Ce
NELLELBA la fece comunque a sopravvivere e fu di nuovo
SantIlario accolto alla Stazione di Campiglia, dove riprese
San Piero a viaggiare.
Marina di Campo Ma da dove era arrivato Lampo?

Tappa proposta da
68 Liceo Linguistico Enrico Fermi - Cecina
settima edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali, anno scolastico 2010/2011
69
Val di Cornia
Questo un Mausoleo
C un rudere, a Venturina, che per molto tem- La certezza che fosse una tomba di circa 1700
po ha suscitato tanta curiosit. Durante la se- anni venuta da una ricerca negli archivi sto-
sta edizione della Settimana dei Beni Culturali rici di Livorno, Firenze, Campiglia Marittima e
e Ambientali, i bambini delle scuole elementari nella Diocesi di Massa Marittima.
Guglielmo Marconi avevano fatto una ricerca, La gens Trebatia era molto importante a Roma
Venturina ma non erano riusciti a darsi delle risposte. gi nel I secolo a.C., come dimostra lamicizia
A che epoca apparteneva? Perch si trovava tra Cicerone e il giurista Caio Trebatio Testa.
proprio l? Perch aveva un buco ed era Lappartenenza del Mausoleo alla Gens Treba-
tutto rotto? Perch aveva altre costruzioni tia, una delle pi facoltose del periodo aureo, fu
attaccate? suggerita dallo storico massetano Don Enrico
Finalmente un giorno arrivato in classe lo zio Lombardi, il quale rifer che presso Venturina
di uno di loro, Coraldo Cavicchi, studioso della era stato ritrovato un sigillo appartenente alla
COLLESALVETTI
storia di Venturina, che ha portato una notizia Gens, raffigurante un volto giovanile. In realt
Nugola
Sambuca fresca fresca: quella strana costruzione in via il sigillo una gemma, probabilmente prima
Colognole Pier Santi Mattarella non un mulino, come incastonata in un anello, sulla quale, oltre al
Torretta Vecchia si era pensato fino a qualche mese prima volto maschile con aspetto giovanile, inciso il
(perch quella era la zona dei mulini), ma un nome C. Trebatius.
mausoleo romano dellepoca del tardo impero Il ritrovamento avvenne nel 1934, durante i
LIVORNO dedicato a Caio Trebazio, e quindi il monu- lavori di scasso a una vigna, a circa un metro
Gorgona mento pi antico di Venturina. di profondit.
Inoltre, nelle vicinanze del mausoleo, in localit
ROSIGNANO Bazzana, sono stati rinvenuti i resti di una villa
Castiglioncello romana che, dagli studi fatti, sembra apparte-
Vada nesse a Caius Trebatius.
Gli scavi hanno riportato alla luce un capitello
e una vasca molto ben conservati.
CECINA

CAMPIGLIA M.
Venturina
Il merito dei bambini della scuola
primaria di Venturina quello
S. VINCENZO di essersi incuriositi davanti
a un rudere, di essersi fatti delle domande
e di aver sollecitato delle risposte.
PIOMBINO Si deve anche a loro, dunque, la lodevole
Baratti scoperta e la diffusione della notizia
che quello strano manufatto eretto tanti anni
fa a Venturina il Mausoleo romano
PORTOFERRAIO dedicato a Caius Trabatius.
Magazzini Per tutti questi motivi il loro progetto
Enfola stato premiato e Fondazione Livorno,
in collaborazione con il Comune di Campiglia,
di cui Venturina frazione, ha finanziato
la rimozione delle piante che infestavano
MARCIANA
il mausoleo ed ha valorizzato lo spazio
antistante, realizzando due aree di sosta
pavimentate, rischiarate da un nuovo
CAMPO impianto dilluminazione e arredate con una
NELLELBA panchina, un cestino per rifiuti e un pannello
SantIlario dinformazioni storiche.
San Piero Larea attrezzata stata inaugurata
Marina di Campo il 24 gennaio 2012.

Tappa proposta da
72 Scuola primaria Guglielmo Marconi - Venturina
sesta edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali, anno scolastico 2009/2010
probabile, dunque, che nel territorio circo- alla sepoltura di una persona importante. Nel
stante la villa sia stato costruito il monumento corso dei secoli il mausoleo stato abbando-
funebre. Oltretutto il mausoleo, come tanti nato e nel Medioevo qualcuno ha deciso di
altri del genere oggi scomparsi, si trova lun- costruirvi intorno delle baracche e addirittura
go il tracciato dellantica Aurelia, visibile nelle il castro del maiale. La zona ha continuato a
adiacenze. vivere ed a sviluppare varie attivit di cui si
Di esso rimane solo lo scheletro ma sicura- hanno testimonianze: la ferriera, i mulini per la
mente in origine era un edificio splendido, tutto macinazione del grano, la segheria ad acqua,
ricoperto di marmo, quindi costoso e destinato la cartiera.

73
Il Pozzino dellacqua salata
A San Vincenzo, in Val di Cornia, molte tracce A scoprire casualmente limportante riserva
del passato si sono perdute. dacqua ricca di sali sodici e magnesiaci, nel-
Come il Castello di Biserno, uneccezionale la seconda met dell800, fu il sanvincenzino
fortezza sulle pendici occidentali del monte Egidio Bocci, allora proprietario del terreno.
S. Vincenzo Calvi, di propriet di una famiglia di feudatari Purtroppo, adesso, chi si trova davanti al poz-
maremmani appartenente allo stesso ceppo zo, alla fine della salita di via Tognarini, vede
deiconti Della Gherardesca. un manufatto che sta cadendo a pezzi e alcuni
I conti di Biserno furono sottomessi dal Comu- residenti dicono di averlo sempre visto cos,
ne di Pisa, ma le liti tra i vari rami di discen- abbandonato allincuria. Gli studenti del Liceo
denti e lo schieramento nellalleanza guelfa Scientifico sollecitano un recupero della storia
provocarono lostilit di quel Comune che e dellidentit di San Vincenzo e si augurano
deliber la distruzione del castello nel 1304 e di poter restaurare il pozzo per riportarlo alla
COLLESALVETTI
della Chiesa di San Bartolo, che si trovava a sua antica immagine e funzione, quando tutti
Nugola
Sambuca circa un chilometro di distanza a nord ovest lo conoscevano per le note qualit terapeuti-
Colognole della Rocca San Silvestro. che delle sue acque. Quelle propriet furono
Torretta Vecchia Della Chiesa non ci sono pi neppure i resti, studiate, approfondite e anche testate dagli
perch furono fatti saltare nel Novecento per abitanti delle case vicine durante lOttocento.
lapertura di nuove cave. Nel 1873, lo studioso pisano Giuseppe Orosi
LIVORNO Purtroppo la lista di memorie distrutte rischia dedic al Pozzino un volume intitolato Dellac-
Gorgona di allungarsi. qua minerale di San Vincenzo presso la Con-
Potrebbe aggiungersi la Torraccia (o Torre Vec- tea di Biserno. Relazione danalisi chimica.
ROSIGNANO chia), lantica torre costiera situata lungo la Secondo Orosi, quellacqua si annovera per
Castiglioncello strada della Principessa a circa met percorso la composizione sua, e per gli effetti che non
Vada fra San Vincenzo e Piombino. dubbiamente e costantemente produce, tra le
Edificata dalla Repubblica pisana, fu ristrut- purgative, e puossi ammettere tra quelle che
turata dal Granducato di Toscana al tempo di meritano dessere tenute nel maggior pregio.
CECINA Cosimo I come si legge nella lapide di marmo
posta sul lato della Torre che guarda verso
San Vincenzo: COSMUS MED. FLORENTIE ET
CAMPIGLIA M.
Venturina SENAR: DVX.II. Ora versa in pessime condi-
zioni, ma soprattutto interrata alla base: per
sistemare la strada adiacente, infatti, stato
S. VINCENZO innalzato il terreno, e ora la base della torre
non si vede pi.
Anche lantico Pozzino dellacqua salata si
PIOMBINO aggiunge allelenco delle testimonianze del
Baratti
passato che cadono a pezzi per degrado e
incuria. Il terreno su cui si trova, in via delle
PORTOFERRAIO Ginestre, di propriet privata, e ci rende pi
Magazzini difficile unazione di recupero da parte degli
Enfola enti pubblici.
Questo pozzo uno dei monumenti pi vec-
chi del paese e, appartenendo a una famiglia
MARCIANA straniera che trascorre a San Vincenzo poco
tempo lanno, non molto conosciuto dalle
CAMPO nuove generazioni.
NELLELBA Numerosi studi hanno dimostrato che la sua
SantIlario acqua possiede propriet benefiche (digesti-
San Piero ve e purgative) e quindi, anche sotto questo
Marina di Campo profilo, sarebbe importante poterlo recuperare.

Tappa proposta da
74 ISIS Carducci-Volta-Pacinotti, Liceo Scientifico Giosu Carducci - Piombino
ottava edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali, anno scolastico 2011/2012
75
I giardini di San Vincenzo

S. Vincenzo

COLLESALVETTI
Nugola
Sambuca
Colognole
Torretta Vecchia

LIVORNO
Gorgona Fino qualche anno fa i bambini di San Vincenzo Inaugurato nellottobre del 2012, il nuovo as-
li chiamavano i pratini e qui si davano ap- setto del parco stato pensato dagli alunni
ROSIGNANO puntamento per giocare a pallone in partite della scuola media Pietro Mascagni duran-
Castiglioncello senza fine, con gli alberi che facevano da por- te la terza edizione della Settimana dei Beni
Vada te. Oggi quei bambini sono padri, il testimone Culturali e Ambientali. I ragazzi conoscevano
passato ai loro figli e la nuova generazione quellarea perch vi andavano a giocare tutti i
di ragazzini ha progettato la riqualificazione giorni dopo la scuola, e ne hanno proposte la
CECINA di quello che ora si chiama Parco Baden sistemazione e la valorizzazione, in base alle
Powell ed dedicato a Sir Robert Stephen- loro esigenze e a quelle dei fratellini pi piccoli.
CAMPIGLIA M.
son Smyth Lord Baden-Powell, Primo Barone Sulla traccia di quei suggerimenti, il Comune
Venturina Baden-Powell di Gilwell, un personaggio assai ha elaborato un progetto e, con il sostegno
originale e discusso, noto per essere stato il economico della Fondazione, ha realizzato al-
fondatore, nel 1907, del movimento scout a cune delle proposte avanzate: linstallazione di
S. VINCENZO livello mondiale. un percorso creativo ambientato in un gioco-
castello, di una fontanella, di nuove panchine
e di un tavolo di legno, la sostituzione dei lam-
PIOMBINO pioni, il rifacimento degli asfalti dei vialetti, un
Baratti
intervento radicale di manutenzione sullintera
area accompagnato dalla piantumazione di
PORTOFERRAIO nuove essenze arboree e di bordure fiorite, la
Magazzini cartellonistica...
Enfola

MARCIANA

Il progetto stato premiato


CAMPO da Fondazione Livorno che ha
NELLELBA contribuito, insieme al Comune di
SantIlario San Vincenzo, alla realizzazione
San Piero delle proposte avanzate per valorizzare il
Marina di Campo Parco Baden Powell.

Tappa proposta da
76 Scuola media Pietro Mascagni - San Vincenzo
terza edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali, anno scolastico 2006/2007
Archeologia industriale alle cave di San Carlo
San Carlo una frazione collinare del comune zie ad una natura e un paesaggio unici. Ma
diSan Vincenzo, da cui dista circa 5km. gli alunni della scuola media Pietro Mascagni
Con questo nome viene chiamata dal 1872, di San Vincenzo vogliono conservare questo
ma il suo territorio, a 174 metri sul livello del tipico esempio di archeologia industriale ed
mare, ha invece origini molto antiche ed sta- hanno proposto un progetto di riqualificazione
to abitato dalluomo sia nel paelolitico che al ambientale e architettonica che comprenda
tempo degliEtruschi. anche il Silos per il quale la ditta Solvay, che
Nel 1922 lazienda belga Solvay si insedi a ne proprietaria, ha previsto invece la demo-
San Carlo per sfruttare i giacimenti naturali di lizione.
calcare e approvvigionare limpianto industria- Per recuperare la memoria del luogo hanno
le di Rosignano Solvay, creando una vera e cominciato a studiare tutti gli aspetti legati al
propria economia locale basata sullestrazione lavoro: mezzi, macchinari e stabilimenti, com-
mineraria. presi la teleferica e il Silos.
La piccola frazione inizi ad assumere una Anche lo studio urbanistico dellarea e quello
fisionomia moderna e fino al1950circa, la- dei percorsi pedonali, in particolare quello na-
zienda realizz un piano di costruzioni per gli turalistico de Il Corbezzolo, hanno permesso
operai della cava: case, appartamenti, la colo- di elaborare alcune idee.
nia montana ed il cinema. Per larea che va dalla piazza di San Carlo fino
Il passaggio delle tecniche estrattive da ma- alla Cava, hanno previsto di realizzare un per-
nuali a meccaniche, comport la riduzione del corso pedonale attrezzato, con area pic-nic e
numero dei dipendenti, con il conseguente un futuro riutilizzo dei fabbricati ora a servizio
abbandono del borgo di San Carlo da parte di della Cava.
molti minatori. Per il Silos, invece, hanno pensato a un recu-
Nel corso degli ultimi decenni del Novecento, pero strutturale, comprensivo della conserva-
la piccola frazione ha riscoperto lagricoltura zione di alcuni tratti della teleferica, per una
ed ha sviluppato la vocazione turistica, gra- destinazione turistico-museale.

Tappa proposta da
Scuola media Pietro Mascagni - San Vincenzo
quarta edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali, anno scolastico 2007/2008 77
La Querciona di Baratti
Oltre alle importantissime testimonianze di non potendo raddrizzare il fusto, la Querciona
epoca etrusca come la necropoli di San Cerbo- fece in modo di direzionare verso lalto almeno
ne, ai templi romani, ai resti medievali del mo- i suoi rami per continuare a crescere. E come!
nastero benedettino di San Quirico nascosto Ormai un punto di riferimento. Gli escursio-
tra i boschi, Baratti e Populonia offrono al tu- nisti si danno appuntamento sotto la sua chio-
Baratti rista anche monumenti di tipo... naturalistico! ma, alla partenza per lunghe passeggiate nei
Il suo nome comune Roverella, quello scien- boschi. Lei ha trovato il suo equilibrio perfetto
tifico Quercus pubescens (per le foglie lobate e continua a crescere, in compagnia di un de-
e pelose), ma qui tutti la chiamano La Quer- gno compagno: il centenario pino marittimo,
ciona. detto Pinone che quasi di fronte alla quercia
inserita nellelenco regionale degli alberi protende i suoi tre metri di circonferenza del
monumentali archiviati dalla Regione Toscana fusto.
COLLESALVETTI
nel 2002 insieme ad una cinquantina di altri I nonni raccontano che agli inizi del 1900 le
Nugola
Sambuca esemplari da tutelare e valorizzare, scelti da donne andavano sotto i grandi rami della
Colognole una lista di segnalazioni. Querciona con una seggiolina: l parlavano dei
Torretta Vecchia Le sue misure sono impressionanti: 30 metri mariti, dei figli e della famiglia mentre faceva-
di altezza, 32 di chioma, 445 centimetri di no la calza e i calzini.
circonferenza allaltezza di 130 centimetri e Intanto i bambini giocavano a costruire un
LIVORNO un tronco quasi parallelo al suolo. Da quasi carrettino con i rametti secchi e disegnavano
Gorgona 200 anni (ma c chi azzarda 400) sorveglia i solchi per terra come se fosse tirato da un
la strada che da Populonia raggiunge il suo cavallo.
ROSIGNANO borgo di Baratti e nel 2007 ha ricevuto una Le bimbe, invece, usavano i legnetti per ab-
Castiglioncello targa dargento nellottava edizione del Premio bozzare il corpo di una bambola, li legavano
Vada Touring, un premio ideato nel 2000 dai Consoli insieme e ci passavano intorno i cenci, poi
toscani del Touring Club Italiano e assegna- formavano una palla di stoffa per la testa e
to annualmente a realt artistiche, culturali ci ricamavano gli occhi, il naso e la bocca; i
CECINA o ambientali tipiche della terra di Toscana. capelli erano di lana vecchia...
I bambini della scuola primaria di Populonia Nei pressi della Querciona successe anche un
(la terra immersa nel grande passato etrusco fatto terribile: al trenino del ferro, che passava
CAMPIGLIA M.
Venturina e nelle storie del ferro, quello che in estate di l per portare il minerale al Porticciolo di Ba-
rende la spiaggia scintillante come se ci fos- ratti dove veniva imbarcato per lIsola dElba, si
sero i brillantini cos la presentano nel loro ruppero i freni e una donna mor gettandosi dal
S. VINCENZO progetto) lhanno scoperta quasi per caso e treno nel tentativo di salvarsi.
se ne sono innamorati. Qualcuno se l anche I bambini della scuola Norma Parenti hanno
sognata. scoperto che questa pianta vive nel Lauren-
PIOMBINO Percorrendo la strada che dal mare di Baratti tum, cio tra mare e collina, fino a 500 metri.
Baratti
sale verso Populonia, appare allimprovviso, Sono sicuri che abbia 400 anni e assicurano
sulla sinistra, vicinissima, affonda le radici che per contare i suoi anni sia stata usata la
PORTOFERRAIO sul ciglio fra la strada e il fosso. Salta subito trivella di Pressler, uno strano cavatappi con un
Magazzini agli occhi il suo fusto, che si distende quasi agone tagliente che tira via i trucioli dal tronco,
Enfola orizzontalmente, tanto da poterci camminare cos possibile contare gli anelli e quindi sa-
sopra, mentre la chioma ha un naturale svilup- pere let della pianta.
po verticale. La sua conformazione deriva da Laltezza, invece, stata misurata con lip-
MARCIANA quello che probabilmente accaduto circa due sometro, uno strumento che mette a fuoco
secoli fa, quando la pianta era ancora giovane. la base della pianta e il ramoscello pi alto
CAMPO Forse nel vicino ruscello ci fu una piena ecce- determinandone la distanza attraverso calcoli
NELLELBA zionale e la quercia cadde al suolo, rimanendo trigonometrici.
SantIlario per ancorata con le radici sotto terra. Che il tronco sia grande 4 metri e sessanta lo
San Piero Ogni albero tende a crescere in posizione certificano loro, perch lhanno misurato per-
Marina di Campo verticale per catturare la luce del sole, cos, sonalmente, con i babbi e con i nonni. E infine

Tappa proposta da
78 Scuola primaria Norma Parenti - Populonia
ottava edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali, anno scolastico 2011/2012
conoscono, o hanno visto, gli animali che vivo- Lymantria dispar, un bruco sempre affamato di
no nel suo tronco e si nutrono delle ghiande, o giovani foglie di quercia e leccio che ha invaso
gli uccelli che abitano sui suoi rami: scoiattoli, il promontorio di Populonia e che combat-
formiche, piccoli roditori, ghiandaie, cinghiali, tuto dal Corpo Forestale di Stato con la lotta
colombacci e lucertole; ma anche linsidiosa biologica.

79
Le Fonti di Marina
Le Fonti di Marina, o Fonte dei Canali, si tro- La realizzazione delle cinque teste di animali
vano a ridosso delle mura esterne di Piombino, che ornavano la fonte, viene attribuita, dallo
alla base della chiesa di SantAntimo sopra i storico dellarte Mario Bucci, a Nicola Pisano,
Canali, e davanti al porticciolo di Marina che, sia per lo stile e la qualit delle opere, sia per-
insieme al porto di Falesia, costituiva lapprodo ch si presume che lartista di origine pugliese
pi antico della citt. si fosse fermato a Piombino quando intraprese
Sotto una volta a botte a tutto sesto, coronata il viaggio, via mare, che, dalla Puglia, lo doveva
Piombino
da beccatelli, lacqua sgorga dalle bocche di portare a realizzare a Pisa il pulpito del duomo.
quattro protomi zoomorfe; la quinta scompar- Poco dopo la met del XV secolo, in alto,
ve alla fine dellOttocento. Furono realizzate sotto la volta, venne collocato il bassorilievo
nel 1248, quando Piombino era un Comune in marmo, della Madonna col Bambino, at-
sotto lamministrazione di un governatore tribuito allarchitetto scultore Andrea Guardi.
COLLESALVETTI
civile e militare della Repubblica Pisana, per Nella parte inferiore della formella, la scrit-
Nugola
Sambuca sfruttare una sorgente naturale. Lo attesta ta Iacobus III De Aragona De Apiano Dom
Colognole una scritta latina, in caratteri gotici, incisa su MCCCCLXX attesta che la scultura fu voluta
Torretta Vecchia una lapide al centro del basamento di marmo: da Iacopo III Appiani per proteggere nei secoli i
Hoc opus fuit factum tempore domini Ugolini marinai piombinesi.
Assopardi capitanei Plumbini Ilbe et Portus Ba- La Fonte dei Canali, fin dalle sue origini, serv
LIVORNO ratoli anni domini. MCCXLVIII indictione quinta sia ai rifornimenti delle imbarcazioni che ap-
Gorgona et magistri Dorgodorii et Canbii operarii. Hic prodavano nel piccolo porto, sia alla popola-
fons iam plena sit aque nunc semper ame- zione piombinese che vi si approvvigion fino
ROSIGNANO ne (Questopera fu fatta al tempo di Ugolino alla realizzazione dellacquedotto, inaugurato
Castiglioncello Assopardi, signore e capitano di Piombino, il 18 ottobre 1925. Solo allora, finalmente,
Vada dellElba e di porto Baratti, con Dorgodorio venne costruito lallacciamento idrico alle fon-
maestro e Cambio operaio, nellanno del Si- ti rionali e poi in tutte le abitazioni. Prima di
gnore 1248, indizione quinta. Sia questa fonte quella data, lungo la stradina che portava ai
CECINA piena di limpida acqua ora e sempre). canali, era facile incontrare moltissime donne,

CAMPIGLIA M.
Quando gli alunni della scuola
Venturina
media Andrea Guardi e del Liceo
Scientifico Guglielmo Marconi
di Piombino, in due diverse
S. VINCENZO edizioni della Settimana dei Beni Culturali e
Ambientali, ne hanno proposto il restauro, lo
stato di conservazione delle Fonti di Marina
PIOMBINO era veramente precario.
Baratti Fondazione Livorno ha premiato gli alunni
per il loro progetto ed ha partecipato alla
spesa di restauro della fonte e delle quattro
PORTOFERRAIO teste zoomorfe, delle quali sono stati
Magazzini realizzati i calchi, utilizzando una resina
Enfola acrilica mischiata a polvere di marmo. I calchi
sono stati posizionati sulla Fonte dei Canali
al posto delle teste originali che, invece,
sono conservate presso il Museo del Castello
MARCIANA
e delle Ceramiche Medievali di Piombino.
La cerimonia di inaugurazione della Fonte
restaurata si tenuta il 17 settembre 2009.
CAMPO In occasione del restauro stata realizzata la
NELLELBA pubblicazione Fonte dei Canali alla Marina di
SantIlario Piombino. Storia e Restauro a cura di Maria
San Piero Teresa Lazzarini, presentata a Piombino nel
Marina di Campo novembre 2010.

Tappa proposta da
Scuola media Andrea Guardi - Piombino
Liceo Scientifico Guglielmo Marconi - Piombino
80 seconda e terza edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali,
anni scolastici 2005/2006 e 2006/2007
La leggenda delle bisce in amore
La leggenda delle bisce in amore racconta forma di serpi uniti per la testa squarciaro-
lamore tra Paolo e Maria, due giovani che, no il cielo e raggiunsero la fonte, dove era
nel 1504, vissero unintensa storia finita sbocciato il loro amore. Qui, le serpi furono
drammaticamente. Paolo, capitano su una viste da un giovane pastore che scolp la
galera papale, decise di fuggire con la sua loro immagine sulla pietra della sorgente.
innamorata perch questa era stata pro-
messa in sposa ad un altro.
I due, che si erano conosciuti proprio da-
vanti alla fonte, riuscirono a partire a bordo
della piccola galera ma, durante il viaggio,
la loro felicit fu interrotta bruscamente dai
pirati della Mezza Luna, che uccisero Paolo
e catturarono Maria. La fanciulla, scon-
volta dal dolore per la morte del giovane
amato, si uccise: due lampi accecanti, dalla

le cosiddette portatrici dacqua, ritratte in tan- pubblici, dove le donne andavano a lavare i
te pitture del tempo, che, con le loro pesanti panni. Furono demoliti negli anni 1933-1935,
brocche di rame, andavano a rifornirsi alle quando venne restaurato lospedale, e al posto
Fonti dei Canali, dalle quali sgorgava lacqua dei lavatoi sorse il refettorio intitolato a Costan-
considerata migliore e preferita anche dal pun- zo Ciano. La Fonte di Marina lespressione
to di vista igienico, rispetto a quella dei pozzi dello stile tardo romanico. semplice ed ele-
distribuiti nei cortili dei vari palazzi. Fino al gante ed conosciuta anche come la Fonte
900 arrivava alla fonte anche la mitica figura delle Serpi in Amore per la presenza di un bas-
dellacquaiolo che, munito di carro e cavallo, sorilievo, collocato tra la prima e la seconda
riempiva la botte con laiuto di un secchio e bocca a sinistra, dove sono scolpiti due rettili
di un grosso imbuto e poi girava per la citt a uniti per la testa.
vendere lacqua, soprattutto agli abitanti che Laspetto pi significativo della fonte rappre-
stavano pi distanti. Spesso si commissionava sentato dalle teste dalle quali sgorga lacqua,
la raccolta dellacqua anche ai ragazzi che si sculture di enorme valore artistico. Rappresen-
recavano alla fonte con i loro carretti di legno, tano un cavallo e tre cani mastini napoletani
riempivano i fiaschi e li vendevano in cambio o molossoidi. I cani da guardia sono collocati
di pochi centesimi. Fin dal XV secolo, di fianco come custodi della fonte, cos come un tempo
alla fonte si trovavano, sulla sinistra, i lavatoi facevano gli Etruschi della vicina Populonia.

81
Piombino da scoprire
Tutte le citt del nostro bel Paese, anche quel- Appiani (XVI sec.) che indica il luogo dove
le meno battute da percorsi turistici e quasi fu colpito prima di ricevere lassalto mor-
dimenticate dalle guide, nascondono tracce tale.
interessanti del passato. 5) Via Malpertuso - lassalto mortale ad
Accanto agli innumerevoli monumenti pi co- Alessandro Appiani, fu dato allangolo
nosciuti, ci sono piccoli frammenti di storia e di via Garibaldi con via Malpertuso. In
darte che spesso non guardiamo ma che le questo angolo murata unepigrafe che
Piombino
architetture conservano da secoli. inneggia alleroe ed ancora presente,
Cos anche a Piombino. Passeggiando per le inoltre, la pietra su cui leroe si appoggi
vie del centro storico, affacciandosi sul mare a morente.
Punta Falcone, entrando nel Corso principale
dalla zona industriale, insomma un po ovun- 6) Piazza dei Grani - la piazza fu ribattezzata,
COLLESALVETTI intorno al 1840, Piazza dellamore poich
que, con il naso per aria o lo sguardo a terra, si
Nugola
possono incontrare testimonianze di un tempo ospitava alcune case di tolleranza fre-
Sambuca quentate dai marinai. Una di queste, oggi
Colognole lontano ignorate o abbandonate: lapidi, fram-
menti architettonici, fontanelle, decorazioni, ristrutturata, era situata allangolo con via
Torretta Vecchia
postazioni belliche... del Fossato.
Conosciuti dai vecchi piombinesi, del tutto 7) Via del Fossato - allangolo con via Bolo-
LIVORNO ignoti ai turisti, questi frammenti possono dar gna, incassato nel muro, c un piccolo
Gorgona vita ad un percorso alternativo, un pretesto per rettangolo di marmo con rappresentati:
una bella passeggiata che diventa una diver- il monogramma con labbreviazione del
ROSIGNANO tente caccia al tesoro. nome di Ges ideato da S. Bernardino
Castiglioncello Gli studenti del Liceo Giosu Carducci di Piom- da Siena, il simbolo dellEucarestia con
Vada bino, con un depliant-guida da loro realizzato, il pellicano che sacrifica il proprio corpo
segnalano tredici tappe. per il suo piccolo e infine la data 1449.
Si pensa che indicasse la presenza dei
CECINA seguaci di San Francesco.
1) Via Vittorio Emanuele - davanti al Comune
resiste una rara testimonianza piombine- 8) Via Bologna - allangolo con via Casalini
CAMPIGLIA M. se di architettura civile trecentesca: un c un tabernacolo con la riproduzione
Venturina palazzetto con due finestre a bifora con pittorica della Madonna di Cittadella, tan-
archetti a sesto acuto. to venerata in passato dai piombinesi.
S. VINCENZO 2) Via Mozza - di fronte allenoteca, c la 9) Via Benvenuto Cellini - allangolo con via
copia dellunica fontanella pubblica rima- Galilei e continuando per via Cellini trovia-
sta, tra quelle installate con la costruzione mo vari esempi di abitazioni borghesi di
PIOMBINO dellimpianto idrico della citt, inaugurato inizio 900 con caratteristiche decorazioni
Baratti il 18 ottobre 1925. Liberty o di gusto e periodo affine.
Loriginale si trova al Museo Cose di Ieri
PORTOFERRAIO
di Piombino.
Magazzini 3) Piazza Santa Maria - qui si ergeva la chie-
Enfola Accogliendo la proposta degli
sa Santa Maria in Belvedere, trasformata alunni del Liceo Giosu Carducci
in ufficio dei travagli pubblici in et napo- di Piombino, Fondazione Livorno
MARCIANA
leonica. Lo testimonia un frammento epi- ha finanziato la stampa di una
grafico incastonato in uno dei muri della guida pieghevole alle piccole-grandi tracce
piazza. del passato, realizzata dagli studenti. In
essa inserita la mappa della citt con la
CAMPO 4) Via Giuseppe Garibaldi - davanti alla sara- segnalazione dei luoghi di maggior interesse:
NELLELBA un percorso ad anello, tra gli angoli antichi e
SantIlario
cinesca del magazzino con numero civico
nascosti di Piombino.
San Piero 33A, per terra, c una pietra circolare La guida stata presentata nella sala
Marina di Campo fatta murare dai successori di Alessandro consiliare del Comune il 6 giugno 2011.

Tappa proposta da
82 Liceo Giosu Carducci - Piombino
sesta edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali, anno scolastico 2009/2010
10) Via Renato Fucini - ai numeri 10, 16 e 17 12) Corso Italia - nel corso principale della
possiamo osservare ancora decorazioni in citt, il gusto decorativo si personalizza
stile Liberty. un ricordo evidente della con inserimenti di fantasia non pi solo
presenza di famiglie facoltose e impor- geometrici ma che richiamano la figura
tanti nella Piombino nel primo quarto del umana o di animali fantastici. Succede al
ventesimo secolo. numero civico 71.
11) Via Benvenuto Cellini - in prossimit della 13) Via Carlo Pisacane - al numero civico 52,
zona industriale, ai numeri 62, 77 e 87, una bella bifora con capitello di ordine co-
possiamo ancora apprezzare tipiche de- rinzio inserita in un edificio sicuramente
corazioni Anni Venti. Molto probabilmente pi recente. Una simile testimonianza pu
queste dimore cos lontane dal centro, ma far pensare alla presenza di un antico mo-
dallarchitettura importante, erano abitate nastero.
dai dirigenti degli stabilimenti siderurgici.

83
Isola dElba

Spiaggia di Cavoli, Seccheto


(foto Archivio Ufficio Turistico Arcipelago)
La chiesa di Santo Stefano alle Trane
Dellegemonia dei Pisani sullisola dElba che, lore avorio (pietra locale di origine calcarea).
con qualche breve parentesi, abbraccia larco La facciata, di una certa classicit, presenta
di tempo tra lXI e il XIV secolo, rimangono al- tre archi ciechi e, nella parte superiore, due
cune interessanti testimonianze di architettura lesene trabeate che sorreggono un frontone
romanica. con al centro unapertura a croce greca.
A questo florido periodo possiamo far risalire Di notevole interesse la decorazione sculto-
cinque strutture ancora esistenti, tra loro molto rea della chiesa di S. Stefano alle Trane che,
simili nei caratteri stilistici e nella tipologia co- nonostante la mancanza di omogeneit e si-
Magazzini
struttiva: la Chiesa di Santo Stefano alle Trane, stematicit, la distingue dalle altre dellElba.
la Pieve di San Michele a Capoliveri, la Pieve di Si tratta di decorazioni di piccole dimensioni,
San Lorenzo a Marciana, la Pieve di San Gio- di gusto classicheggiante, con motivi pagani
vanni in Campo, la Chiesa dei Santi Pietro e preromanici, che hanno chiari collegamenti
COLLESALVETTI
Paolo in Campo e lEremo di Santa Caterina, con quelle di altre chiese situate nellarea di
Nugola
Sambuca sulle pendici orientali del Monte Serra. influenza della cultura pisana; per esempio, il
Colognole Molte analogie sono riscontrabili anche tra motivo degli archetti pensili su mensole deco-
Torretta Vecchia questi edifici elbani e altre chiese della cam- rate riscontrabile nelle chiese di S. Giorgio a
pagna pisana, della Lucchesia, della Valdelsa, Brancoli e S. Lorenzo a Moriano in provincia di
della Sardegna e della Corsica. Lucca o in alcune chiese della Valdelsa.
LIVORNO Santo Stefano alle Trane la chiesa storica Per quanto riguarda liconografia zoomorfa
Gorgona dellElba meglio conservata e costituisce at- (reale o fantastica) possiamo trovare analogie
tualmente il pi significativo esempio di archi- con molte chiese del romanico pisano (S. Cas-
ROSIGNANO tettura romanica religiosa dellIsola. Si trova in siano di Controne, pievi di Mensano di Casole
Castiglioncello posizione collinare, sopra labitato di Magazzi- e di Cellole in Valdelsa) ma pi in generale con
Vada ni, e domina il golfo di Portoferraio. tutta la scultura preromanica e romanica che
Prende il nome dallantico comune di Latrano attinge dalla mitologia antica e dalle culture
(o Laterano), uno degli otto comuni dellElba mediorientali, ma soprattutto dai Bestiari
CECINA medievale. Il paese, ormai scomparso, viene medievali.
citato dal notaio pisano Rodolfino, in alcuni
documenti del 1260, insieme ad altri Comu-
CAMPIGLIA M.
Venturina ni dellisola dElba tenuti ogni anno a donare
alcuni falconi da caccia come tributo allarci-
vescovo di Pisa.
S. VINCENZO Le rovine di Latrano erano ancora visibili nel
1815, ma ora di quel paese medievale resta
solo la bella chiesa di Santo Stefano.
PIOMBINO Edificata probabilmente nella seconda met
Baratti
del XII secolo, viene menzionata per la prima
volta in un documento del 1298.
PORTOFERRAIO La struttura molto semplice ma allo stes-
Magazzini so tempo solenne e raffinata. Si tratta di un
Enfola piccolo edificio quadrangolare irregolare, con
abside semicircolare. Ha tre aperture, una
sulla facciata e le altre sui lati, in posizione
MARCIANA asimmetrica.
illuminata da tre monofore alte e strette, a
CAMPO doppia strombatura, che si aprono una al cen-
NELLELBA tro dellabside e le altre sui due lati, in posizio-
SantIlario ne simmetrica.
San Piero Lesterno caratterizzato da un paramento
Marina di Campo murario a regolari filaretti di alberese di co-

Tappa proposta da
86 Istituto Tecnico Commerciale e per Geometri Giuseppe Cerboni - Portoferraio
prima edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali, anno scolastico 2004/2005
La struttura fu abbandonata nel 1759, quan- Solo dopo latto di donazione (1958) del pro-
do venne costruita una nuova piccola chiesa prietario a favore di un ente ecclesiastico, fu
a valle. possibile recuperare ledificio. I lavori di re-
Tale scelta port allabbandono e al progressi- stauro sono oggi ben visibili sulla facciata e
vo degrado architettonico della chiesa roma- nella copertura che riprende la vecchia a ca-
nica accentuato anche dalla distruzione della priate. Altri interventi discutibili sono stati fatti
parte alta della facciata, a causa di un fulmine, intorno alla chiesa e soprattutto sulla rampa
che fece crollare il tetto, e, alla corrosione delle daccesso. Fino a pochi anni fa la parte po-
fondamenta. steriore della chiesa era arricchita da un
Nel secolo scorso furono avanzate diverse vialetto costituito da colonne di stile Corinzio
proposte dintervento sul manufatto, ma si posticce e di dubbio gusto che da poco sono
conclusero tutte senza successo a causa dello state rimosse. La chiesa di Santo Stefano at-
stato giuridico delledificio che risultava di pro- tualmente in buone condizioni e dagli anni 80
priet privata. stata restituita al culto.

87
Le Residenze Napoleoniche allIsola dElba
Alcuni ragazzi della scuola media di Portofer- Limperatore sbarc a Portoferraio il 4 maggio
raio hanno fatto una riflessione onesta: La 1814. Costretto ad abdicare, qualche mese
maggior parte degli alunni della nostra classe dopo la catastrofica sconfitta nella battaglia di
non conosce, o conosce solo in parte, il patri- Lipsia, doveva scontare il suo esilio allisola.
monio artistico e culturale dellisola nella quale Dopo aver firmato la rinuncia a tutte le pretese
vive. Sulla tanto conclamata presenza di Na- sul regno di Francia per s e per i suoi discen-
poleone allElba, per esempio, cosa sappiamo? denti, accett il regno dellIsola dElba. Cos,
Dopo questa constatazione hanno deciso di quando arriv nella piccola isola del Mar Tirre-
approfondire le loro informazioni sulla presen- no, port con s tutte le sue cose, i suoi libri e
Portoferraio za di Napoleone allElba, partendo da Villa dei perfino i suoi cavalli preferiti: non voleva vivere
Mulini molto frequentata dai turisti che vengo- lallontanamento da Parigi, come una prigionia
no sullisola, ma poco dagli elbani. o un esilio. Si sentiva ancora imperatore e pe-
COLLESALVETTI
Visitandola non hanno trovato un depliant che rentorio ordin: Tout comme Paris! (Tutto
Nugola
Sambuca la descrivesse, cos hanno deciso di proget- come a Parigi!).
Colognole tarne uno loro, immaginandosi la vita che vi E tutto, nelle Residenze Napoleoniche dellIso-
Torretta Vecchia si svolgeva quando Napoleone era Imperatore la dElba, cominci a trasformarsi per piacere
dellIsola dElba. allimperatore, che seguiva personalmente le
Hanno cos ricostruito il salone in cui riceveva opere di ristrutturazione dei Mulini, la casa
LIVORNO gli ospiti, la biblioteca in cui si chiudeva tra i scelta come dimora imperiale.
Gorgona suoi amati libri o il giardino dal quale vedeva Mentre la maison rustique di San Martino,
il continente, progettando, forse, la fuga ver- comprata per diventare la residenza estiva,
ROSIGNANO so Parigi. In tutti gli ambienti i ragazzi hanno rest inabitata per la partenza dallElba dopo
Castiglioncello avvertito la presenza del condottiero corso, solo dieci mesi di permanenza, ai Mulini nulla
Vada artefice di tanti cambiamenti ed innovazioni fu lasciato al caso: la villa riprodusse lo stesso
in questa nostra sonnacchiosa Isola. schema abitativo, la stessa gerarchia di spazi
Intanto, sulla Villa dei Mulini, i ragazzi hanno e sequenza di stanze, delle residenze di Parigi,
CECINA raccolto le seguenti notizie. Saint-Cloud, Compigne e Fontainebleau, dif-
ferenziandosi solo per le dimensioni e il lusso
La villa dei Mulini delle decorazioni.
CAMPIGLIA M.
Venturina Napoleone, appena sbarcato, venne tempo-
raneamente sistemato nel palazzo municipale Gli interventi di Fondazione Livorno
della Biscotteria. Mentre il sindaco (maire) Tra- Da diversi anni Fondazione Livorno collabora
S. VINCENZO diti si occupava di recuperare la mobilia dai si- con il Museo Nazionale delle Residenza Na-
gnori dellisola, lImperatore inizi a guardarsi poleoniche dellElba, sostenendo interventi di
intorno per la sistemazione definitiva: la scelta recupero e iniziative di vario genere, che han-
PIOMBINO era fra Villa dei Mulini e la caserma De Laugier. no consentito di valorizzare le Residenze e di
Baratti
Scelse la prima, alla quale aggiunse un salone evidenziare il ruolo primario dellisola durante
per i ricevimenti e gli appartamenti destinati il periodo napoleonico.
PORTOFERRAIO allimperatrice Maria Luisa (che per non arri- Nel 2005 Fondazione Livorno ha finanziato la
Magazzini v mai allIsola dElba) ma che saranno abitati pubblicazione del prezioso manoscritto Le Mo-
Enfola dalla sorella di Napoleone, Paolina, durante i bilier conservato presso lArchivio Storico del
suoi due soggiorni elbani. Museo di Portoferraio.
Ha poi finanziato i lavori di restyling alla dimora
MARCIANA Il bicentenario dei Mulini e acquisito preziosi mobili. Infine ha
di Napoleone allElba finanziato mostre, studi e una serie di iniziative
CAMPO In effetti, vale la pena occuparsi di questo ar- culturali per i festeggiamenti del bicentenario,
NELLELBA gomento perch in corso un avvenimento nel periodo tra maggio 2014 e febbraio 2015,
SantIlario importante: il 4 maggio 2014 si celebrato il che trasformeranno la ricorrenza in un evento
San Piero bicentenario dellarrivo di Napoleone allisola di grande portata culturale, per il quale c gi
Marina di Campo dElba. molta attesa.

Tappa proposta da
88 Scuola media Giovanni Pascoli - Portoferraio
settima edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali, anno scolastico 2010/2011
89
Un abbeveratoio a Fonteschiumoli
Lacqua vita. Per gli uomini, per gli animali, Lidea vincitrice stata quella di scavare il
per le piante. tronco di un grande albero e ricavarne dei
Ma come fanno gli animali che vivono nei contenitori per lacqua che, decantando in tre
boschi a soddisfare il proprio bisogno di dis- vasche, si mantenesse in movimento e per-
setarsi? ci pi pulita.
Bevendo dai ruscelli, dalle sorgenti, dai piccoli Ma dove trovare un tronco delle giuste dimen-
laghi. sioni? Nel bosco di Teo, il castagneto di San
E se non ci sono? Cerbone, oggetto del progetto elaborato in
questa la domanda che si sono posti i bam- unaltra edizione della Settimana dei Beni Cul-
Portoferraio bini della scuola primaria San Rocco di Porto- turali e Ambientali. Gli alunni della scuola San
ferraio guardando Monte Orello dalla finestra Rocco si sono ricordati di avervi visto enormi
della scuola. L non esistono ruscelli, gli invasi alberi secchi da abbattere. Uno di quelli avreb-
COLLESALVETTI
di acqua dellantincendio presenti sono recin- be sicuramente fatto al caso loro!
Nugola
Sambuca tati da fitte reti metalliche e quindi inacces- Cos hanno chiesto aiuto allUnione di Comuni
Colognole sibili alla maggior parte degli animali. A parte presentando il progetto al Dirigente Tecnico,
Torretta Vecchia le pozzanghere che si formano nei periodi di per ottenere il permesso di realizzarlo in col-
pioggia, non esiste altra possibilit di bere per laborazione con gli operai forestali.
lepri, cinghiali, martore, fagiani, pernici, ricci e Prima stato realizzato un prototipo e poi il
LIVORNO specie varie di volatili. I cinghiali spesso scen- vero abbeveratoio che tutti insieme, alunni e
Gorgona dono a valle, entrano nei giardini e nelle aree operai, hanno costruito e messo in sede.
coltivate delle abitazioni sotto la montagna, e Adesso pi facile bere a quella piccola sor-
ROSIGNANO distruggono muretti a secco, orti, strade. I cit- gente, sia per le persone sia per gli animali.
Castiglioncello tadini danneggiati si lamentano e le squadre di E i bambini sono molto orgogliosi della loro
Vada cinghialai intervengono organizzando battute invenzione. In fondo bastato poco per fare
e abbattimenti anche oltre i periodi stabiliti per qualcosa di utile: un pizzico di fantasia e la
la caccia. giusta collaborazione di chi ama il territorio in
CECINA Forse i cinghiali escono dal bosco per cercare cui vive.
lacqua?
I bambini hanno fatto una ricerca e hanno sco-
CAMPIGLIA M.
Venturina perto che sul versante nord del Monte Orello,
in localit Fonteschiumoli, c una sorgente.
Non ha un rubinetto, n una fontana, ha solo
S. VINCENZO un tubo dal quale sgorga un piccolo getto di
acqua continuo (che stato poi incanalato in
un altro tubo diretto alle cisterne di unabita-
PIOMBINO zione a valle!) Tutti vi si possono rifornire di
Baratti
acqua; e infatti molte persone arrivano con ta-
niche e bottiglie da riempire e portare a casa.
PORTOFERRAIO Ma se la sorgente pubblica, perch non co-
Magazzini struire un abbeveratoio per gli animali selvatici
Enfola della zona e magari anche una panchina per
dare ristoro a tutti quelli che, a piedi, in bici-
cletta o a cavallo, percorrono la strada sterrata
MARCIANA del Colle Reciso durante i loro trekking?
Per dare concretezza alle loro fantasie, i bam-
CAMPO bini hanno progettato vari tipi di abbeveratoi.
NELLELBA Poi hanno scelto quello che meglio sinseriva
SantIlario nel contesto ambientale, facile da realizzare
San Piero e a costi contenuti, praticamente quasi zero
Marina di Campo euro.

Tappa proposta da
90 Scuola primaria San Rocco - Portoferraio
ottava edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali, anno scolastico 2011/2012
91
S. Antonio e la tonnara dellEnfola
Sulla costa settentrionale dellisola dElba, ad chilometro e arriva fino a fondali che vanno
appena 6 km di distanza da Portoferraio, quasi dai 20 ai 70 metri. Lestremit del pedale pi
al centro del versante che guarda il Mar Ligu- distante da terra si collega allisola in un punto
re, il promontorio dellEnfola sembra staccarsi chiamato chiave, provvisto di unapertura sul
dalla terraferma per prendere il largo. Solo lato, dal quale prevista lentrata dei tonni,
una piccola striscia di terra lo collega al resto detta foratico. Nelle tonnare pi grandi arriva
Enfola dellisola. Tanto piccola da assottigliarsi in un a misurare dal 200 ai 400 metri di lunghezza
istmo di una cinquantina di metri dove corrono per 50 di larghezza. Per mezzo di pareti, lisola
parallele due spiagge: da un lato quella che divisa in un certo numero di camere di cui
si affaccia sul golfo di Viticcio, dallaltro quella lultima, chiamata camera della morte, quella
che guarda il canale di Piombino. Nei giorni di in cui viene eseguita la mattanza da parte dei
alta marea, listmo quasi scompare e il pro- tonnarotti che costituiscono la ciurma agli or-
COLLESALVETTI
montorio spunta come un grande scoglio, un dini del pescatore capo.
Nugola
Sambuca isolotto, uninsula da cui, verosimilmente, Come tutte le altre tonnare, anche quella
Colognole deriva il toponimo Enfola. dellEnfola aveva il proprio marfaraggio e cio
Torretta Vecchia proprio su questa stretta e bassa striscia un complesso di strutture edilizie costruite
di terra che a partire dal XVII secolo, sorse proprio sullistmo, diverse per tipologia e di-
unatonnara,dirimpettaia ad unaltra situata in mensioni, ognuna delle quali svolgeva una
LIVORNO localit Bagno a Marciana Marina. funzione: cera il fabbricato, dove il tonno pe-
Gorgona La tonnara dellEnfola ha funzionato per tre scato veniva lavorato e confezionato, i magaz-
secoli, poi, nel 1959, ha cessato la sua atti- zini, gli alloggi dei pescatori.
ROSIGNANO vit ed stata dismessa. Nel 1999 sono par-
Castiglioncello titi i lavori di restauro, promossi dal Ministero
Vada dellAmbiente e durati poco pi di dieci anni,
che hanno permesso di recuperare i locali per
destinarli allattivit dellEnte Ente Parco Na-
CECINA zionale dellArcipelago Toscano.

La tonnara viene allestita in mare ma ha anche


CAMPIGLIA M.
Venturina una sua sede sulla terra ferma.
In mare un insieme di reti fisse, predisposte
con particolari accorgimenti, che vengono col-
S. VINCENZO locate in quelle aree marine dove il passaggio
dei tonni molto frequente.
Le pi antiche tonnare pare che siano state
PIOMBINO calate dai Fenici. Aristotele, invece, per primo,
Baratti
cerc di spiegare le migrazioni di questo pe-
sce: sosteneva che i tonni entrano a primavera
PORTOFERRAIO nel Mediterraneo attraverso lo stretto di Gibil-
Magazzini terra e, tenendo alla destra la costa, raggiun-
Enfola gono il Mar Nero per riprodursi. Poi, dopo aver
compiuto lintero periplo del Mediterraneo,
escono di nuovo nellAtlantico. Questa teoria
MARCIANA di Aristotele stata ritenuta valida fino a tempi
relativamente recenti.
CAMPO Della tonnara fanno parte il pedale e lisola.
NELLELBA Il pedale una rete verticale, chiamata an-
SantIlario che costa o coda, tesa perpendicolarmente
San Piero alla riva, che pu raggiungere la lunghezza
Marina di Campo di alcune centinaia di metri o anche qualche

Tappa proposta da...


92 Scuola media Giovanni Pascoli - Portoferraio
quinta edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali, anno scolastico 2008/2009
E poi cera la direzione organizzativa, il rimes- la famiglia Senno, affittuaria della tonnara
saggio delle barche e delle attrezzature da dellEnfola.
pesca, un molo dattracco per i barconi che La statua alta 106 cm ed colorata. La tona-
portavano a terra i tonni pescati. Arsenale, ar- ca del Santo marrone e la pelle rosea, men-
senalotto, magazzini, baracche e tettoie erano tre Ges ornato da un drappo rosso. Lopera
le strutture principali. stata quasi distrutta dal tempo e dallincuria
Anche se solo per pochi mesi lanno, i tonna- e infatti gli alunni della scuola media Giovanni
rotti vivevano come in una piccola comunit Pascoli di Portoferraio, durante la quinta edi-
e quindi, nel marfaraggio non poteva manca- zione della Settimana dei Beni Culturali e Am-
re una Cappella. In alcuni casi costituiva una bientali, ne hanno proposto il restauro.
struttura isolata, in altri, come allEnfola, era La figura di S. Antonio legata al mare per la
inserita nelledificio principale. predica ai pesci.
Tra gli arredi sacri della Cappella della tonna- Si racconta infatti che quando il francescano
ra dellEnfola cera un quadro raffigurante la predicava a Rimini, citt dominata a quel tem-
Madonna del Rosario e una statua lignea di S. po dagli eretici, il popolo non voleva saperne
Antonio da Padova ancora esistente e conser- delle sue prediche.
vata presso la Biblioteca Foresiana. Cos un giorno il Santo si diresse verso il vicino
La scultura rappresenta unimmagine mol- lido e rivolgendosi al mare parl ai pesci. Una
to tenera del Santo che tiene Ges Bambino moltitudine di pesci dogni genere accorse,
in braccio. stata realizzata nel XVII secolo, spingendosi luno con laltro e alzando la testa
da autore sconosciuto, forse genovese come sopra le acque per sentire meglio.

93
Il Santuario della Madonna del Monte
Una bella passeggiata lungo la stradina lastri- su granito, mentre una serie diaffreschi (Esal-
cata in pietra che da Marciana si dirige alle tazione della Croce) presenti sullabside, sono
pendici del Monte Giove pu offrire interessan- attribuiti al Sodoma e datati intorno al 1537.
ti spunti didattici. Lesedra delle fontane del 1698, mentre il
Scandita dalle 14 cappelle della Via Crucis, campanile neogotico fu realizzato nel 1921.
accompagna al Santuario della Madonna del Nel2010il santuario stato inserito tra iLuo-
Monte lungo un itinerario artistico, ma anche ghi del CuoredelFAIe nel2012 stato com-
storico e naturalistico. pletamente restaurato.
Si parte dal punto pi alto del paese, il par- Dopo la visita alledificio sacro e allelegante
Marciana cheggio sotto la fortezza, da dove si apre uno esedra con fontane, possibile proseguire sul
stupendo panorama su Marciana Marina, sentiero dei Mostri di Pietra che si inoltra nella
Poggio e Capo dEnfola. Da qui, scendendo macchia mediterranea e raggiunge le vicine,
COLLESALVETTI
per circa 50 m lungo la strada carrozzabile, bizzarre, conformazioni granitiche. Modellate
Nugola
Sambuca simbocca, sulla sinistra, la stradina lastricata. dallerosione idroeolica, queste caratteristiche
Colognole Dopo un tratto rettilineo in un bosco di casta- formazioni rocciose assumono le sembianze
Torretta Vecchia gni secolari che si conclude con una rampa, dellAquila, delCondor, delCoccodrillo, delCa-
incontriamo la statua dellAngelo, prima edicola vallo di Napoleonee del Gigante.
dellaVia Crucis.
LIVORNO Procedendo oltre, il sentiero si snoda allombra La leggenda
Gorgona di una pineta per poi inoltrarsi in una zona di Lorigine del Santuario della Madonna del
macchia mediterranea, dove la salita si fa pi Monte avvolta nella leggenda.
ROSIGNANO agevole. Lultimo tratto, pi ripido, raggiunge, Si racconta che alcuni pastori, pascolando
Castiglioncello a 627 metri di altezza, la terrazza antistante i loro animali in prossimit del Monte Giove,
Vada alSantuario della Madonna del Monte, ilpi an- trovarono dipinta su un sasso di granito unim-
tico e famoso santuario dellIsola dElba, e lan- magine della Vergine.
nesso romitorio che ospit San Paolo della Cro- Scesi al paese, raccontarono cosa avevano vi-
CECINA ce. Anche Napoleone Bonaparte,felice di poter sto. La gente accorse, lentusiasmo si accese,
ammirare, da qui, la sua Corsica, vi soggiorn e gli abitanti di Marciana decisero di costruire
dal 23 agosto al 5 settembre1814, incontran- un piccolo oratorio. Ma il luogo era troppo di-
CAMPIGLIA M.
Venturina do la contessa polaccaMaria Walewskacon il
figliolettoAlexandre.
Il Santuario ha origini medievali. Fu realizzato
S. VINCENZO con grandi blocchi di granito fra il XIII e il XIV
sec. e ricostruito nel 1595 con le proporzioni at- Dalla collaborazione della scuola di
tuali. Conserva una Madonna del XV sec. dipinta Marciana con la Soprintendenza,
PIOMBINO nato il progetto La storia siamo
Baratti noi. Il progetto, triennale, ha coinvolto
gli alunni dellistituto che hanno eseguito
unindagine sul Santuario facendo particolare
PORTOFERRAIO attenzione alla schedatura degli ex voto.
Magazzini Il progetto proposto alla quarta edizione della
Enfola Settimana dei Beni Culturali e Ambientali
stato premiato dalla Fondazione che
ha disposto interventi di manutenzione
MARCIANA straordinaria. I lavori hanno interessato la
cantoria dingresso e il portoncino di accesso;
sono stati ripresi gli intonaci fatiscenti e
sono state ripristinate le decorazioni. Ma
CAMPO soprattutto, come chiedevano i ragazzi, stato
NELLELBA possibile riportare gli ex voto nella nicchia
SantIlario da dove erano stati tolti perch si stavano
San Piero deteriorando.
Marina di Campo

Tappa proposta da
Istituto Comprensivo di Marciana Marina, Scuola media e scuola primaria di Marciana - Isola dElba
94 terza e quarta edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali
anni scolastici 2006/2007 e2007/2008
stante dal paese, cos si deliber di edificarlo Gli ex voto
in un posto pi accessibile, sul Pian del Casta- Alla Vergine del Monte, che si festeggia il 15
gno, dove il masso venne trasportato. agosto, per lAssunzione, sono stati dedicati
Allalba del giorno seguente, per, non trova- molti ex voto di ambientazione marinara.
rono pi n il masso, n le pietre sulle quali era La locuzione latina ex voto, tradotta letteral-
stato posato. La sacra immagine era di nuovo mente, significa a seguito di un voto e viene
sotto la cima del Monte Giove, vicino ad una usata per indicare un oggetto dato in dono ad
freschissima sorgente, nel punto esatto in cui una divinit.
era stata rinvenuta dai pastori. un impegno che il credente assume purch
Si decise cos di non spostare pi la pietra e di vengano esaudite le richieste manifestate in
edificare lass un modesto oratorio, in seguito momenti estremi di bisogno, o il ringraziamen-
ampliato alle dimensioni attuali. to per una graziaricevuta.

95
Qui nato il compositore Giuseppe Pietri
Lisola dElba vanta un compositore specializ- ha meritato varie incisioni discografiche, tra le
zato nel genere delloperetta: Giuseppe Pietri. quali si ricordano quelle diFerruccio Tagliavi-
Il musicista nacque a SantIlario in Campo nie di Giuseppe Di Stefano.
nel 1886 e molto presto cominci a suonare Giuseppe Pietri mor a Milano nel1946.
lorgano della Chiesa. Studi presso il Conser-
vatorio di Milano e a ventanni debutt con la La riscoperta
musica per il teatro. Nel 1920 music Lacqua del compositore di SantIlario
cheta, una commedia ambientata a Firenze, Gli alunni della scuola media Giovanni Pa-
di Augusto Novelli. Loperetta fu presentata scoli di Portoferraio (che da qualche anno ha
SantIlario in prima assoluta il 27 novembre, al Teatro attivato lindirizzo musicale) hanno deciso di
Drammatico NazionalediRoma. conoscere meglio il compositore anche per-
Lacqua cheta la storia di un vecchio vetturi- ch proprio di fronte al loro istituto si trova
COLLESALVETTI
no e delle sue due figlie, una delle quali stava la sua statua nellomonima piazza. Il luogo
Nugola
Sambuca sempre a testa bassa, proprio come unacqua non accogliente ed anche il busto si erge
Colognole cheta. Ma un giorno, la giovane sorprende quasi nascosto e ormai dimenticato dai suoi
Torretta Vecchia tutti invaghendosi di un gentile squattrinato concittadini. Allora, ecco lidea: progettare uno
con il quale fugge. spazio dedicato alla musica che valorizzasse il
Tre anni dopo, Pietri ebbe molto successo con vecchio busto gi esistente. E magari intitolare
LIVORNO loperetta La donna perduta, che merit una la scuola al musicista, nonno di una delle ma-
Gorgona trasposizione cinematografica. Con loperet- estre pi amate della scuola materna e babbo
taPrimarosa che and in scena per la prima di unattivissima nonna, sempre impegnata in
ROSIGNANO volta alTeatro La FenicediVenezia il 10 feb- attivit benefiche.
Castiglioncello braio1927, il compositore descrisse le vicen- La macchina si messa in moto e il 26
Vada de fallimentari di una famiglia di imprenditori maggio 2012 la scolaresca ha dato appun-
minerari. Nel1928present loperettaRompi- tamentonella piazza, per un evento pubblico
collo, ambientata nella SienadelSeicento. La organizzato proprio davanti al busto in bronzo,
CECINA protagonista di questa storia vera, Rompicollo con tante idee su come celebrare la musica,
appunto, la figlia di una nobile famiglia che riscoprire Pietri e abbellire la piazza, davanti ad
riesce, sfuggendo al controllo dei genitori, a una entusiasta e meravigliata Donatella Pietri,
CAMPIGLIA M.
Venturina partecipare al Palio come fantino. figlia dellartista. La giovane band della scuola
Indimenticabile laria Io conosco un giardi- si esibita davanti alle autorit comunali, di-
nodallopera liricaMaristella, lunica nella sua sponendosi intorno alla scultura del Maestro, e
S. VINCENZO carriera, cantata da Carreras. Questo brano ha suonato arie di Acqua Cheta.

PIOMBINO
Baratti

PORTOFERRAIO
Magazzini
Enfola

MARCIANA

CAMPO
NELLELBA
SantIlario
San Piero
Marina di Campo

Tappa proposta da
96 Scuola media Giovanni Pascoli - Portoferraio
ottava edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali, anno scolastico 2011/2012
S. Ilario in Campo, la piazza
(foto Archivio Ufficio Turistico Arcipelago) 97
I lavatoi di San Piero
Nel libro delle deliberazioni del Consiglio del tubercolosi, malattia gravissima dellepoca e
Comune di Campo nellElba si legge che il 6 molto contagiosa, lavare lenzuola e indumenti
giugno 1900 fu decisa la realizzazione di un in promiscuit poteva diventare occasione di
lavatoio pubblico nella frazione di San Piero. contagio.
La progettazione, la ricerca dellimpresa di Si torn quindi a lavare al fosso.
costruzioni ed anche il controllo sulla spesa Forse risale a quel periodo la chiusura delle
furono affidati allingegnere Conte Giulio Pull due logge. Labbeveratoio non aveva pi ragio-
di Portoferraio. Il luogo dove doveva sorgere ne di esistere perch i barrocci, con lavvento
il lavatoio fu individuato allinizio del paese, dei camion, non servivano pi. Poi cambiarono
San Piero nellarea a nord, vicino al fosso proveniente le condizioni di vita e anche le vasche, con lar-
dalla localit ricca di acqua chiamata il Canale. rivo delle lavatrici, diventarono inutili. Intorno
La zona, come lo oggi, era coltivata ad orti al 1980 furono distrutte e il vecchio lavatoio
COLLESALVETTI
e lacqua era indispensabile, ma la scelta di divenne un magazzino del Comune, ora in
Nugola
Sambuca costruire l un lavatoio fu determinata da unal- completo abbandono.
Colognole tra motivazione altrettanto importante per le- Ma una testimonianza cos importante della
Torretta Vecchia conomia dellepoca. Il lavatoio doveva servire storia e della vita sociale di San Piero non po-
anche come abbeveratoio per gli asini ed i teva essere dimenticata e cancellata, pertanto
buoi che trainavano i barrocci. Nelle vicinanze, lAmministrazione Comunale di Campo ne ha
LIVORNO infatti, cera unampia spianata adibita a de- deliberato il restauro e lincarico stato affi-
Gorgona posito di manufatti di granito (soglie, scalini, dato.
cigli, davanzali etc.) da dove, con i barrocci, Anche se il lavatoio pubblico rappresenta un
ROSIGNANO questi materiali venivano portati sia a Marina esempio di cosiddetta edilizia minore allinter-
Castiglioncello di Campo, dove erano caricati sui bastimenti no del tessuto urbano, il Comune intende sal-
Vada per il continente, sia a Portoferraio ed in altre vaguardarlo per toglierlo dal degrado e dallab-
localit dellElba. bandono. Lobiettivo quello di recuperare le
Il lavatoio-abbeveratoio fu collocato al centro vasche, ma i sampieresi sperano che insieme
CECINA di un loggiato, chiuso dal lato da cui proveniva alle vasche sia recuperata anche la Sorgente
lacqua, cio dalla direzione di arrivo del Cana- del Canale, dove gli anziani attingevano acqua
le. Gli archi, in laterizio, poggiavano su pilastri e le donne lavavano i panni.
CAMPIGLIA M.
Venturina con bozze di granito a bugnato, finemente
scalpellati ai lati.
Dalla parete chiusa arrivava lacqua del Ca-
S. VINCENZO nale, lo scarico finiva al centro e da l veniva
convogliato verso il fosso vicino.
Lambiente era pavimentato con lastre di gra-
PIOMBINO nito. Sul tetto sinnalzavano due timpani: uno
Baratti
dalla parte che doveva rappresentare lingres-
so, laltro dalla parte opposta.
PORTOFERRAIO NellOttocento - primi Novecento, linserimen-
Magazzini to nelle costruzioni elbane di tali timpani co-
Enfola stituiva un elemento architettonico pressoch
costante. Erroneamente veniva chiamato fron-
te napoleonico, in realt derivava da quelli che,
MARCIANA per primi, furono realizzati nel Settecento, nel
possedimento allora spagnolo di Porto Longo-
CAMPO ne (poi divenuta Porto Azzurro).
NELLELBA La funzione del timpano era quella di riparare
SantIlario il tetto dal vento.
San Piero Alla fine degli anni Trenta il podest viet luti-
Marina di Campo lizzo dei lavatoi perch con la diffusione della

Tappa proposta da
98 Scuola media Giuseppe Giusti - Campo nellElba
prima edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali, anno scolastico 2004/2005
San Piero in Campo (Campo nellElba), Chiesa S. Niccol
(foto Archivio Ufficio Turistico Arcipelago) 99
San Mamiliano, la chiesa e il culto
La chiesa di San Mamiliano, alle porte di Ma- ricevettero una piccola barca con cui iniziarono
rina di Campo, la testimonianza di un culto a peregrinare nel Mediterraneo.
molto antico che ha accomunato le isole di Prima si fermarono in Sardegna, poi a Piom-
Montecristo, Elba e Giglio: la devozione, ap- bino e infine allisola dElba. Ma anche da qui,
punto, di San Mamiliano. infastiditi per le continue visite degli abitanti,
Di origine remota, forse protoromanica, la decisero di andarsene per trasferirsi nella pi
chiesa citata in atti notarili gi nel 1343. Re- appartata isola di Montecristo. Con questo
centemente restaurata, oggi in ottime condi- nuovo nome, lisola rocciosa chiamata Oglasa
zioni e conserva una pregevole tela delXIX se- dai Greci e Monte Giove dai Romani, accolse
Marina di Campo coloraffiguranteSan Mamiliano di Montecristo Mamiliano e i suoi eremiti.
che uccide il dragoe alcune reliquie ossee del La leggenda narra che fosse infestata da un
Santo traslate nel 1960 dalla chiesa di San drago (simbolo del paganesimo) e che Mami-
COLLESALVETTI
Matteoa Pisa. liano, per nulla intimorito, dopo aver invocato
Nugola
Sambuca San Mamiliano, nacque probabilmente a Pa- laiuto di Dio, sal sul monte, lo uccise, lo bru-
Colognole lermo (di cui divent vescovo) visse nel V sec. ci e lo gett in mare.
Torretta Vecchia d.C. e la sua storia legata alle invasioni bar- Sul luogo delluccisione, sgorg una sorgente
bariche. dacqua tuttora esistente.
Dopo la caduta dellImpero Romano dOc- Poco distante, a 234 m sul livello del mare,
LIVORNO cidente, giunsero in Italia i Vandali. Il loro re, cera una grotta che Mamiliano scelse come
Gorgona Genserico, nel 455 d.C. saccheggi Roma e dimora e che ancora oggi si chiama la Grotta
poi attacc la Sicilia. del Santo: una grande cavit naturale scavata
ROSIGNANO A Palermo i Vandali fecero prigioniero il ve- nel granito e situata nella parte pi alta delli-
Castiglioncello scovo Mamiliano e quattro monaci, che furono sola, a poca distanza da un mulino e da una
Vada portati in Africa come schiavi. chiesa.
Grazie alle preghiere - si racconta - il vescovo Il santo mor il 19 ottobre 460 e allinterno
e i suoi compagni furono liberati e addirittura della grotta numerosi ex voto testimoniano
CECINA

CAMPIGLIA M.
Venturina

S. VINCENZO

PIOMBINO
Baratti

PORTOFERRAIO
Magazzini
Enfola

MARCIANA

CAMPO
NELLELBA
SantIlario
San Piero
Marina di Campo

Tappa proposta da
100 Scuola media Giuseppe Giusti - Campo nellElba
sesta edizione Settimana dei Beni Culturali e Ambientali, anno scolastico 2009/2010
Marina di Campo
(foto Archivio Ufficio Turistico Arcipelago)

ancora il passaggio di generazioni di pellegrini nale palio dei somari montati a pelo, disputato
e di marinai. tra i quattro rioni del borgo: Centro, Cisterna,
Originariamente le sue spoglie furono conser- Casamatta e Rocca.
vate aCivitavecchia e allisola del Giglio; oggi, AllElba il culto di S. Mamiliano, stato molto
invece, le reliquie di San Mamiliano si trovano sentito anticamente: a Capoliveri, dove i mo-
sparse tra Palermo, Roma, Pisa, lisola dEl- naci dellabbazia di Montecristo possedevano
ba, Sovana (di cui Mamiliano protettore) e una chiesetta, con una specie di convento, ora
lisola del Giglio. scomparsa, e a Marina di Campo, in localit
Lisola del Giglio continua a venerare Mami- San Mamiliano, dove i sanpieresi scendeva-
liano come patrono e ne conserva per reliquia no in processione ogni anno, il 25 aprile e il
lavambraccio destro. Il santo si festeggia il 15 13 settembre, per onorare il santo. La chiesa
Settembre per circa quattro giorni consecutivi esiste ancora ma questa tradizione andata
durante i quali i gigliesi partecipano al tradizio- perduta qualche decennio fa.

Marina di Campo
(foto Archivio Ufficio Turistico Arcipelago) 101
Finito di stampare
nel mese di maggio 2014
presso Debatte Editore
Livorno
Tra storia, arte e natura

Piccoli grandi viaggiatori


consigliano
Una guida per scoprire la provincia di Livorno

Piccoli grandi viaggiatori consigliano


Una selezione di proposte presentate dagli studenti
delle scuole di tutto il territorio provinciale
in occasione della Settimana dei Beni Culturali e Ambientali
promossa dalla Fondazione Livorno ogni anno, dal 2004

A cura di Stefania Fraddanni