Sei sulla pagina 1di 8

Mensile ufficiale di:

47100FORLI
Via Monteverdi 6/b
Tel.0543/785411 - Fax 781134
Mensile ufficiale di Legacoop Forl-Cesena Editore: Sapim soc.coop. Direttore Responsabile: Emilio Gelosi Stampa: Tipografico dei Comuni Anno XIII n 9 settembre 2009 iscr. ROC 4503 Aut.Trib. di Forl del 20/10/97 Reg.Stampa n.28/97 Poste Italiane
spa - spedizione in a.p. D.L.353/03 (Conv. L.46/04) art.1 comma 1, DCB Forl - Tassa pagata La presente pubblicazione viene distribuita esclusivamente in abbonamento postale e i dati relativi a nominativi e indirizzi dei lettori sono stati inseriti nelle nostre
liste di spedizione. Ciascun lettore, a norma dellart.7 D. Lgs. 196/2003, potr avere accesso ai propri dati in ogni momento, laggiornamento la rettifica o la cancellazione oppure opporsi gratuitamente al loro utilizzo scrivendo a: Legacoop Forl-Cesena, via www.legacoop.fc.it
Monteverdi 6/b, 47100 Forl. codice ISSN 1971-6842.
www.lasocietacooperativa.it

LEDITORIALE

Le risorse pubbliche calano, mentre i costi e i bisogni da soddisfare aumentano:


Per uscire dalla crisi il mondo del Welfare di Forl-Cesena, Rimini e Ravenna si prepara al congresso nazionale
serve limpegno di tutti tra nuove sfide da affrontare e la crisi economica che incombe .

Mai come que st anno


lassemblea del movimen- Lassemblea
to cooperativo di Legacoop
Forl-Cesena - che si svolge- di Legacoop
r al Padiglione delle Terme si svolger
di Castrocaro il 23 ottobre,
a partire dalle 16,30 - sar il 23 ottobre
loccasione per confrontar- a Castrocaro

Istockphoto
si sullandamento attuale
delleconomia e sulle pro-
spettive che attendono tutte le imprese. I dati del
2008 rappresentano la fotografia di un passato ormai

Le coop sociali
lontano. Legacoop ha avviato a pi livelli, locali e na-
zionali, rilevazioni specifiche relative agli andamenti
occupazionali e al rapporto tra imprese cooperative e
istituti di credito, che si sommano a quelle tradizionali
di monitoraggio e di analisi dei bilanci delle associate

tra passato e futuro


e alle informazioni sugli andamenti dei mercati che le
imprese forniscono normalmente al proprio referente
associativo. Le informazioni di cui dispone Legacoop
hanno il pregio di essere tempestive, e di cogliere i
segnali della situazione in essere. Uno degli elementi
che preoccupa maggiormente, oltre al calo della do-
manda e alla riduzione della marginalit, laumento
consistente, e in alcuni casi esponenziale, degli inso-
A pagina 2
luti, che determinano gravi difficolt per le aziende.
C il rischio potenziale che si inneschi una spirale
perversa che parte dai ritardi nei pagamenti da parte
degli enti pubblici e si conclude con il crollo delle LEGACOOP :: Rientro in struttura di Gabriele Zelli e nuove responsabilit per Enrica Mancini
attivit a pi livelli.

Novit per la rappresentanza


Al di l di facili e inutili ottimismi servono, da parte
delle Istituzioni, iniziative concrete per ridare fiato al
sistema produttivo. Ormai da mesi Legacoop sostiene
che occorre superare il patto di stabilit per sbloccare

sindacale di numerosi settori


le risorse a disposizione degli enti locali. Uniniziativa
in tale senso da parte del Governo contribuirebbe a
dissipare i timori che da pi parti provengono sulla
situazione occupazionale. Laccesso agli ammortiz-

U
zatori sociali, infatti, ha reso possibile in molti casi
salvaguardare loccupazione di lungo periodo, grazie na struttura sem- Consiglio Provinciale dell11 del resto, un riparto interno
anche al sacrificio dei soci e dei dipendenti, che spes- pre pi efficiente per set tembre 20 09. Dopo delle deleghe. Le principali
so hanno promosso in prima persona lapplicazione rispondere alle esi- luscita dallorganico di Gu- novit riguardano Gabriele
di iniziative di solidariet. Ma la possibilit che ci genze delle coopera- glielmo Russo, nominato Zelli (nella foto), rientrato
non sia sufficiente, se non riprendono i consueti livelli tive. Cos si presen- vicepresidente della Provin- in Legacoop dopo una lun-
della domanda, purtroppo non pi remota. Il rischio ta Legacoop Forl-Cesena cia, si rendeva necessario, ga esperienza amministra-
di perdere non solo occupazione, ma competenze dopo laggiornamento dei tiva, ed Enrica Mancini, a
fondamentali per tutto il tessuto produttivo. ruoli, delle funzioni e delle IN SOMMARIO cui vengono affidate nuo-
responsabilit interni allas- ve responsabilit di filiera.
sociazione presentato al La salute si impara A Zelli, stata affidata la
cura dei settori Culturale,
al Macfrut Ricreativo, Mutue, Balne-
_ _____________ a pag. 3 azione, Pesca, Abitazione,
Le grandi navi Logistica, Trasporti e Fac- gli ambiti di competenza
chinaggio. Enrica Manci- specialistica e innovativa,
uccidono la pesca ni delegata ai settori dei introduzione e crescita in-
_ _____________ a pag. 4 Servizi, del Welfare e delle terna di nuove professiona-
Il bio di Apofruit Sociali. Nellultimo trien- lit e sviluppo della rete co-
nio - spiega la direttrice, operativa, anche attraverso
cresce ancora Monica Fantini - c stato nuove modalit di sviluppo.
_ _____________ a pag. 4 un cambiamento struttura- Questa logica di innovazio-
Brutti ma buoni le e dimensionale di mol- ne gestionale che mira alla
te aziende cooperative e, valorizzazione e alla razio-
alla Coop di Forl conseguentemente, dei set- nalizzazione delle compe-
_ _____________ a pag. 5 tori di riferimento sempre tenze in essere, inserendole
Cultura Progetto pi organizzati per filiera. in un contesto di elevata
A questo - prosegue - ha integrazione dei ruoli che,
compie 20 anni fatto specchio unottimizza- nellapproccio multifiliera
_ ______________a pag.6 zione delle mansioni che, adottato, si propone di pre-
CAIEC rinnova in coerenza allevoluzione venire e di rispondere in
del fare rappresentanza, manera coerente e puntuale
cariche e risultati significa aggiornamento alle esigenze mutate delle
_ ______________a pag.8 degli ambiti di assistenza cooperative e del mercato
ordinaria, ampliamento de- di riferimento.
2 SOCIALI La Societ Cooperativa
Linea di Confine
A CONGRESSO :: Assemblea unitaria per il settore Welfare di Legacoop Forl-Cesena, Rimini e Ravenna

Le cooperative sociali
Capire la crisi
per gestirla
di Pietro Caruso
si preparano a nuove sfide
C qualcosa che non mi con-
Intervista a Enrica Mancini, neodelegata al settore per Legacoop Forl-Cesena
vince in chi segnala limminente

S
fine della crisi finanziaria ed
economica del mondo occiden- ono numerosi gli LA FOTOGRAFIA DEL SETTORE
tale. Non sono fra coloro che spunti di interesse
pensano che il capitalismo stia usciti dallassem- Giovani, scolarizzate e
per soccombere, ma che il siste- blea precongres- stabili: la fotografia
ma monetario e il sistema delle suale delle coope- delle coop sociali della
produzioni del nord del pianeta
siano in un equilibrio sempre
rative sociali, svolta il 18 nostra regione nellin-
pi fragile. Il Governo naviga a settembre a Forl-Cesena dagine promossa da

Blaco
vista, mentre ci si rende conto in vista dellappuntamen- Legacoop e Coopfond.
che lItalia, con i numeri che ha, to regionale e nazionale. Imprese che si occupano
alla fine dellanno uscir di fatto Intanto per una notazione prevalentemente di ser-
dal G8 per entrare a fare parte di di unitariet tra i territori vizi agli anziani (per ol-
diritto del G20 in una compagnia
romagnoli che non pu es- tre la met del mercato),
molto pi confortevole, ma anche
inevitabilmente meno prestigiosa. sere solo squisitamente lo- allinfanzia, ai disabili,
I debiti degli Usa verso la Cina gistica. Lassemblea tenuta ai minori e nel campo
sono immensi, mentre si va for- allHotel Globus, infatti, ha della salute mentale.
mando una realt delleuro che riunito attorno allo stesso Nel complesso un com-
cresce inesorabilmente (ormai tavolo anche Rimini e Ra- parto che incide per cir-
la valuta che controlla un quarto venna, segno che si stanno ca un quinto sul mercato
delle risorse finanziarie al mon-
concretizzando occasioni del Welfare regionale,
do) ma non riesce ad esprimere
unautentica governance politica. di collaborazione impor- sviluppa oltre 700 mi-
Si tratta, dunque, di imparare tanti tra le varie Legacoop lioni di ricavi, d lavoro
la crisi e capirla per gestirla. romagnole. a pi di 22 mila perso-
Lo snellimento dei costi delle E poi perch si trattato ne, associando 237 im-
aziende deve vedere anche una della prima uscita pubbli- prese, mediamente pi
rivoluzione del lavoro di fabbrica ca in veste ufficiale per la grandi, strutturate e
e di impresa. Il new deal non Il tavolo di presidenza dellassemblea e, nella foto piccola, Enrica Mancini, neoresponsabile delegata al Welfare.
arriva a salvarci perch manca
nuova responsabile dele- patrimonializzate della
unalleanza di potenze mondiali gata di Legacoop, Enrica media. Un sistema so-
capaci di agire per il bene di Mancini, incaricata dallas- del contratto nazionale e analisi: centrali saranno la campi di attivit e adegua- lido, con ricavi, valore
tutti nella propria diversit ma sociazione di seguire il con i cambiamenti intro- qualificazione del rapporto mento delle tipologie di aggiunto e basi sociali
anche nella propria convergenza. settore dopo la nomina di dotti dallavvio dellaccre- con le Pubbliche Ammini- svantaggio) e la proposta in crescita, in grado di
La cooperazione internazionale Guglielmo Russo a vice- ditamento, che porter a strazioni, specialmente sul dellabolizione dellIrap assicurare occupazione
torna dunque di attualit. E
presidente della Provincia. ridisegnare lassetto del versante della coprogetta- (necessaria per liberare ri- stabile, giovane, di alto
invece si avvertono ancora segni
di scoraggiamento. Bisogna in- Il congresso - dice la Welfare anche nella nostra zione e programmazione sorse utili a investimenti e profilo scolastico, moti-
vertire la tendenza. Il progresso neodelegata - si tiene in un regione. dei servizi, e soprattutto la valorizzazione del lavoro vata e competente, ol-
ha bisogno, a partire dal livello momento particolarmente soprattutto sul tema capacit di dare risposte sociale). tre che prevalentemente
locale, di un forte stimolo al importante per il settore, del riposizionamento stra- e servizi di qualit anche La cooperazione socia- femminile (nella coope-
mutamento. Crociolarsi nelle impegnato a fare i conti tegico della cooperazio- alla crescente domanda le si candida - conclude razione sociale di tipo
vecchie certezze solo irrespon- con risorse calanti e co- ne sociale che le imprese sostenuta da finanziamen- la Mancini - ad essere non A). Ma permane il non
sabile. Chi pronto a ridurre il
sti e bisogni in aumento, sociali di Legacoop sono ti privati. Si tratta di una pi solo gestore, ma a ri- piccolo neo della reddi-
10 per cento del proprio salario o
stipendio, per evitare che si ridu- ma anche con il rinnovo chiamate ad unampia sfida che potr essere af- coprire un ruolo pi matu- tivit, in calo costante.
ca loccupazione? Chi disposto frontata positivamente se ro, grazie alla propria ca- Anche se il mercato pro-
a giocare, al di l dei propri si sapr fare rete con altre pacit di coniugare qualit vinciale e subregionale
diritti, per uno sviluppo capace cooperative (di utenti, di del servizio ed efficienza, resta per molte larea
di guardare lorizzonte? Chi la abitazione, le mutue, per senza perdere di vista quei geografica principale di
smetter di usare i condoni per progetti innovativi), e con valori (equit, inclusione, attivit, quelle di dimen-
scacciare con quello cattivo il
denaro buono? E soprattutto
un occhio attento anche dignit della persona) che sioni maggiori si spingo-
perch bisogna garantire lanoni- al dimensionamento delle lhanno portata a diventa- no anche fuori dai confi-
mato al rientro dei capitali della imprese, fattore strategico re elemento centrale nel ni. Interessante, infine,
grande criminalit? Ai tempi del per una pi forte autono- nostro Welfare nel campo il dato sulla rendiconta-
ministro Formica fece scandalo mia imprenditoriale. dei servizi socio-sanitari, zione sociale: al bilan-
trenta anni fa, o gi di l, la sua Tra le richieste al centro assistenziali, educativi e cio sociale si affiancano
affermazione di trattare con i del documento congres- di inserimento lavorativo, sondaggi verso la com-
contrabbandieri di sigarette per
non danneggiare gli introiti del suale nazionale un neces- grazie alla capacit di co- mittenza e lutenza, car-
monopolio. Oggi questo tipo di sario aggiornamento della niugare coesione sociale e te dei servizi e politiche
baratto farebbe solo sorridere. legge 381 (sanit e forma- sviluppo economico. per la qualit.
Il cinismo amorale docet. zione come nuovi possibili Emilio Gelosi
La Societ Cooperativa PRODUZIONE LAVORO 3
Comunicazione di servizio

Titolo su due righe


Sesso e potere,
della rubrica
dare ed avere

Archivio Cesena Fiera


di Emanuele Chesi

Sesso e potere sono una


tranquilla costante nei secoli
finch rimangono lontani
dagli occhi dellopinione
PREVENZIONE :: Il 9 ottobre a Macfrut Legacoop e IRST a confronto con medici, politici e ricercatori pubblica, ma diventano
un mix esplosivo appena

Alimentazione e salute,
emergono. Ne sa qualcosa
lex presidente americano
Clinton.
Gli studiosi dei mass media
e i semplici osservatori si

esperti a convegno a Macfrut


scervellano allora per capire
perch londata scandali-
stica non travolga il nostro
presidente del consiglio che,
anzi, passa alloffensiva e
trascina in tribunale i quoti-

L e abitudini alimen- diani pi acidi contro di lui.


tari degli italiani stan- La prevenzione passa Si tirano in ballo un pre-
sunto carattere italico pi
no progressivamente dalla definizione accondiscendente in termini
cambiando in peggio.
Un problema di salu- di nuovi stili di vita di moralit privata e il con-
te pubblica, se vero che dizionamento generale del
la prevenzione si fa anche clima politico-informativo.
convincendo la gente a mi- del centro congressi di Ce- Elementi interessanti da
gliorare i propri stili di vita sena Fiera siederanno esper- sviscerare che per sono
e mangiare pi frutta e ver- ti di caratura internazionale sempre gravati da una cer-
Blaco

Blaco
dura. come il professor Eugenio ta spocchia (quella che da
Del resto una corretta ali- Del Toma, presidente onora- destra viene bollata come
mentazione sin da piccoli rio dellAssociazione Italiana radical-chic) verso lindub-
in grado di combattere nu- di Dietoterapia e Nutrizione bio consenso del quale gode
merose patologie, come dia- Clinica, il direttore scientifico la maggioranza governativa
bete e obesit. dellIstituto Tumori di Mel- Alcuni dei protagonisti del convegno e il premier in particolare.
Di questi delicatissimi temi dola, professor Dino Ama-
che si terr il 9 ottobre alla Sala Resta sullo sfondo un dato
si parler venerd 9 ottobre dori, e il farmacologo clinico
Europa di Cesena Fiera (sopra). Da cruciale: tre quarti degli
alle 10 alla sala Europa del Massimo Radaelli, Director
sinistra in alto, in senso orario: italiani hanno come unica
Dino Amadori, Paolo De Castro,
Macfrut di Cesena, la pi di Ariad Parmaceuticals (Bo- fonte dinformazione le tele-
Laura Bianconi, Eugenio Del Toma e
grande fiera dellortofrutta ston). Il contraltare politico Giovanni Bissoni.
visioni, luogo poco consono
dellEuropa Mediterranea, sar rappresentato dal pre- allapprofondimento e dove
in occasione di un conve- sidente della Commissione il dibattito si trasforma inva-
Blaco

gno che metter a confronto Agricoltura del Parlamento i bambini delle scuole ele- riabilmente in rissa.
ricercatori scientifici, medi- Europeo, Paolo De Castro, mentari e medie che unisce Le contraddizioni tra mora-
ci, politici ed esponenti del da Laura Bianconi, compo- gioco e salute per insegnare lit privata e condotta pub-
mondo dellimpresa. nente della Commissione a mangiar bene diverten- blica svaporano allora nel
Salute e alimentazione Permanente Igiene e Sanit dosi. Il convegno Educazio- semplice gossip. Alla lunga
devono diventare stile di vita del Senato, e dallAssessore ne alla salute e qualit della peraltro stancante.
spiega la direttrice di Lega- alla Salute dellEmilia-Roma- mena, vincitori della sezione la salute nei posti di lavoro, vita: le nuove frontiere del I giornali, fucina della
coop Forl-Cesena, Monica gna, Giovanni Bissoni. Produzione del premio Ilaria realizzato in collaborazio- benessere organizzato da formazione dellopinione
Fantini - e guidare i compor- La tavola rotonda sar Alpi 2009. ne con IRST di Meldola e Legacoop Forl-Cesena, IRST pubblica nei paesi democra-
tamenti dei singoli in ogni moderata dal direttore del Il punto di partenza saran- LILT, che ha coinvolto oltre e Macfrut, in collaborazione tici, hanno indubbiamente
momento. Ma per creare Pensiero Scientifico Editore, no le esperienze pilota che mille lavoratori in anamnesi con LILT Forl-Cesena, Inno- anche per loro colpe e limiti
progetti educativi di sviluppo Luca De Fiore e preceduta il mondo cooperativo ha individualizzate, seminari di vacoop Legacoop Emilia- uno spazio residuale. E
serve un approccio integra- dalla proiezione di un do- avviato in Emilia-Romagna. formazione e incontri con Romagna, Coopfond, Yahoo possono essere ignorati o
to e multidisciplinare. Ecco cumentario realizzato da Come Cooprevenzione, psicologi e dietisti. O come Salute, Alimos e Noventia. intimiditi senza che (quasi)
quindi che attorno al tavolo Matteo Lolletti e Lisa Tor- progetto di educazione al- Prevescu, un progetto per Emilio Gelosi nessuno abbia da ridire.
4 AGROALIMENTARE La Societ Cooperativa
Roma, Romagna
PESCA :: Un comparto in crisi che chiede aiuto alle istituzioni. Parla Arnaldo Rossi (Casa del Pescatore di Cesenatico)

Diremo addio alla marineria?


Piccoli plinti LUE sponsorizza solo le grandi navi, poco ecosostenibili
crescono male
di Cristian Maretti

I l comparto della
pesca vive da alcuni
anni una crisi profon-
esagerati, in grado addirit-
tura di pescare con due reti
contemporaneamente.
stabilendo regole e condi-
zioni pi onerose, sosteni-
bili solamente dai soggetti
Regioni dellAlto Adriatico
(Emilia Romagma, Vene-
to, Friuli Venezia Giulia) e

Archivio Sapim
da, di redditivit e di La marineria di Cesenati- economicamente pi forti. circa 2.700 posti di lavoro
Ricordate i plinti per vocazioni tra i giova- co sostiene da sempre che La formula della grande fra i pescatori e gli addetti
portabiciclette davanti
ni, nonostante gli aiuti di questo progetto sbagliato. barca - prosegue Rossi - del considerevole indotto
a Villa Torlonia? Li ave-
stato ed europei. Una si- Disciplinare con gli stessi incongrua rispetto alla ca- generato da questa attivit
vamo lasciati coperti da
tuazione preoccupante che provvedimenti legislativi, pacit di ripopolamento di nei diversi segmenti della
un telo senza molte pos-
viene denunciata con forza mari di piccole dimensioni mari piccoli come lAdriati- filiera (Mercati Ittici, Com-
sibilit di svolgere il loro
da Arnaldo Rossi (nella fo- come lAdriatico e lOcea- co. Le grandi barche servi- mercio ittico, Cantieristica,
ruolo, a molti mesi dal
loro posizionamento.
to), presidente della coope- no Atlantico funzionale ranno solamente a sfasciare Trasporti, Servizi portuali e
Una settimana prima della rativa Casa del Pescatore di agli interessi di poteri eco- quella straordinaria rete di servizi amministrativi con- prattutto perch creerebbe-
pausa per le ferie estive, ho Cesenatico. nomici forti che gi con- piccole e medie imbarca- nessi). Per questo i pescato- ro il paradosso di far diven-
verificato un sostanziale Le politiche e la pro- trollano ampi settori della zioni, peraltro con una ge- ri dellAlto Adriatico si sono tare pescatori di frodo per
passo avanti: sopra ai plinti grammazione della pesca filiera ittica e ambiscono ad stione economica pi equi- messi insieme. Si sono uniti sopravvivere i marittimi di
risultavano montati dei tubi effettuate dallUnione Eu- estendere la loro influenza librata e con un impatto per chiedere aiuto a tutti imbarcazioni di 11-15 me-
quadrati di metallo di alme- ropea nel corso di questo fino ai limiti delloligopo- ambientale sostenibile, di coloro che erano disponi- tri con motori di 200-300
no 50 centimetri che svetta- lungo periodo - ha detto lio. Ad esempio la gestione cui i pescatori sono riusciti bili a darlo. Al Governo, al HP che effettuano la pesca
no sbarazzini sotto gli occhi Rossi - sono state e sono delle quote per la cattura a diventare proprietari dal Parlamento, alle Regioni, giornaliera e frontaliera, e
dei passanti. Ma non finita tuttoggi profondamente del tonno rosso e i prov- secondo dopo guerra ad alle Province, agli Enti lo- legali vere e proprie navi
qui. Lattivismo che di solito sbagliate. A partire dalla vedimenti restrittivi che ne oggi con grandi sacrifici. cali e alle Associazioni Na- che si spostano in un gior-
accompagna gli ultimi giorni met degli anni Ottanta, sono scaturiti, hanno fatto Un altro argomento cri- zionali di categoria per di- no dallIstria alle Barbare
prima del periodo agostano lUnione Europea, pur pre- cessare per sempre lattivi- tico lentrata in vigore a fendere 400 imprese, 2.700 nelle Marche. In materia di
ha fatto s che di fianco a figgendosi nobili obiettivi t di tonnare come quelle pieno regime il 31 maggio posti di lavoro e uno status pesca troppe volte lItalia
questo futuro portabiciclette ha adottato politiche fina- di Cesenatico, costrette a 2010 delle norme conte- sociale ed economico che ha accettato supinamen-
sia stato posizionato addirit- lizzate a ridurre drastica- cedere la propria quota a nute del regolamento CE il pescatore ha conquistato te gli indirizzi dellUnione
tura un Totem di materiale mente il numero dei moto- quella delle grandi compa- n. 167/2006. Di fatto vie- con anni di sacrifici. Europea. E venuto il mo-
plastico alto 2 metri che ti pescherecci, favorendo la gnie che ne detenevano gi ne messa a rischio la spo- Le marinerie dellAlto mento di costruire unidea
dice dove sei, e dove sono messa in esercizio, in mari la gran parte. ravvivenza di una flotta di Adriatico - ribadisce Rossi - italiana della pesca, che
altri 2 (due!!) punti simili piccoli e circoscritti come Lin t e n t o c o m u ni t a - circa 400 piccole e medie non accettano queste nor- tenga nel dovuto conto la
nel quartiere Nomentano. lAdriatico, di imbarcazioni rio quello di ridurre fi- imbarcazioni (l80 % dei me, non tanto e non solo peculiarit dei nostri mari e
Evidentemente lAmmi- enormi (30-35 metri di lun- no allestremo il numero pescherecci esistenti) at- perch mettono a rischio la delle nostre marinerie.
nistrazione non ha molta ghezza), dotate di motori degli imprenditori ittici, tualmente in attivit nelle loro sopravvivenza, ma so- Gabriele Zelli
fiducia nella virt pedala-
toria del possibile futuro
fruitore se immagina che al ORTOFRUTTA :: Crescono i risultati di Canova. E sono in arrivo zuppe e minestroni a marchio Almaverde Bio
massimo lutente sar dispo-

Il biologico in Italia si chiama Apofruit


nibile a fare solo qualche
kilometro di sali e scendi,
ma auguriamoci che sia
un primo tassello di un pi
ampio programma di realiz-

I
zazioni volto alla creazione
l Gruppo Apofruit produzione. Lultimo inve- commercializzato sul mer-
di una rete metropolitana.
conferma la propria stimento realizzato da Apo- cato estero e interessa tutti i
Nellosservare il totem
leadership nel mer- fruit, ossia lampliamento principali paesi europei.
nel suo contesto, per il mio
sguardo caduto su un ma- cato dellortofrutta dello stabilimento di Longia- Oggi Canova ha amplia-
Archivio Apofruit

nifesto affisso in una plancia biologica in Ita- no commenta il Direttore to la propria gamma affian-
poco distante che nel suo lia. Canova, la societ del di Canova Ernesto Forna- cando allortofrutta anche
titolo sparato in maniera Gruppo specializzata nel ri ha permesso di miglio- lofferta di prodotti innova-
entusiastica magnificava la settore del biologico, alla rare lorganizzazione della tivi quali la frutta fresca ta-
cancellazione di 400.000 fine del mese di luglio, con produzione e ottimizzare il gliata e pronta al consumo
multe ad automobilisti ro- 10.850 tonnellate di orto- servizio. Ed noto quanto e una linea di IV gamma di
mani in un colpo solo per frutta biologica commer- incidano sulle caratteristi- verdure (verdure gi lavate e
effetto di un provvedimento cializzata, registra un incre- che del prodotto biologico tagliate) rinnovata nellassor-
governativo come grande mento del 15% sul pari pe- la qualit del prodotto e la timento e nella grammatura
esempio di buona ammini- riodo 2008. Di rilievo anche qualit del servizio. delle confezioni. Inoltre, a
strazione. Difficile non pen- la crescita del fatturato (+ Ma le performance di Ca- partire da fine mese, saran-
sare che in Italia esista una 6%), bench anche lazien- nova, e quindi di Apofru- no immesse sul mercato le
stretta relazione tra la lenta da, come tutto il settore del it, sul bio non si fermano zuppe e i minestroni freschi
crescita dei plinti e la velo- bio, abbia risentito di una al mercato italiano: il 30% tutti rigorosamente biologici
Il direttore di Canova, Ernesto Fornari, e il direttore di Almaverde Bio, Paolo Pari.
ce cancellazione delle multe. diminuzione dei prezzi alla del volume complessivo e a marchio Almaverde Bio.
La Societ Cooperativa CONSUMO 5
Globale e solidale

Green economy
in salsa cooperativa
di Fabio Gavelli

Metti una cooperativa che pro-


getta e promuove soluzioni avan-
zate di risparmio energetico con

Blaco
la bioedilizia; accostala a unal-
tra, specializzata in pulizie indu-
striali con detersivi ecologici. An-
cora: prendi una piccola azienda
che mette a punto macchine elet-
troniche ad altissimo rendimento
energetico e confrontala con una
attivit di gelateria biologica.
Coshanno in comune? I loro
titolari si sono trovati attorno a
LINIZIATIVA IN CIFRE un tavolo, al Salone Sana di Bo-
I PORTICI :: Gli alimentari invenduti ma ancora buoni vengono donati in beneficenza logna, per discutere dello svilup-

Brutti ma buoni,
Grazie a Brutti ma buoni, po dei lavori verdi, ovvero la
da dicembre 2008 a luglio green economy in salsa italiana.
2009, i due punti vendita Di pi: hanno scoperto di agire
di Forl hanno garantito a pochi km gli uni dagli altri, fra
complessivamente dona- Bologna e Ravenna, e di ignorar-
si a vicenda, prima dellincontro

dallo scaffale Coop


zioni per oltre 26 quintali
alla fiera del naturale. tempo
di alimenti, per una me-
che chi opera nelleconomia che
dia di 30 pasti al giorno e
guarda avanti costruisca reti e
un valore di circa 13.500 alleanze. Per almeno tre buone
euro, a beneficio di pi di ragioni. Primo, in settori emer-

alla mensa dei poveri


300 persone in difficolt. genti e innovativi dove servono
La Coop I Portici assicura professionalit e competenze
la donazione del cibo del- fondamentale lo scambio di co-
la solidariet allassocia- noscenze e formazione. Secondo:
zione San Francesco, che chi riscalda lacqua coi pannelli
gestisce una mensa per solari facile che sia interessato
circa 50 poveri (sono 15 i ai detergenti biodegradabili e
Sbarca anche a Forl-Cesena il progetto con cui Coop Adriatica quintali di prodotti donati
magari preferisca un sorbetto
biologico. Insomma, i clienti
da dicembre a luglio, per
destina alimentari invenduti a iniziative di solidariet sociale un valore di quasi 10.900
degli uni possono diventarlo
anche degli altri. Infine ormai
euro e una media di 12 pa- indispensabile promuovere azioni

R
sti donati al giorno). Il ne- di lobby (nel senso migliore del
idurre lo spreco delliniziativa, ora a regime, sostenibile grazie alla ridu- soci volontari della Coope- gozio di via Curiel, invece, termine) per incentivare il gover-
e trasformarlo in ri- sono stati presentati merco- zione degli sprechi, capace rativa, che, grazie alla loro destina gli alimentari in- no e le amministrazioni locali ad
sorsa di solidariet, led 16 settembre alla Coop di offrire risposte sociali con- conoscenza del territorio, venduti allassociazione adottare leggi e provvedimenti a
a beneficio dei pi I Portici in una conferenza crete alle persone bisogno- intervengono nella ricerca, e alla cooperativa Paolo favore delle imprese verdi. In
bisognosi. il proget- stampa alla quale hanno pre- se, e con ricadute positive selezione e verifica delle or- Babini, che provvedono Italia purtroppo sta accadendo
to Brutti ma buoni, con il so parte Davide Drei, asses- sullambiente. In questo mo- ganizzazioni che assistono le il contrario, come dimostra la
ai pasti di unottantina di
quale Coop Adriatica destina sore comunale alle Politiche mento, anche unimpor- persone in stato di bisogno; nefasta scelta del nucleare.
persone, tra cui anziani e
Il mondo progredito procede
frutta, verdura, carne, latticini di Welfare, Marcello Strada, tante azione per contribuire, la raccolta invece viene ese- minori, ospitati in case fa- su un altro binario: uno studio
e generi vari invenduti per- presidente dei soci di Coop insieme alle istituzioni e la guita dai lavoratori, che ogni miglia o residenze dacco- del Wwf International stima 1
ch prossimi alla scadenza Adriatica a Forl, e i rappre- comunit locale, alla defini- mattina preparano le mer- glienza, e alla comunit milione e 700 mila nuovi posti
o con piccole imperfezioni sentanti delle tre associazio- zione di un piano coordinato ci, le controllano secondo Papa Giovanni XXIII, che di eco-lavori entro il 2010 in
estetiche, ma ancora buoni ni beneficiarie: lassociazione di riduzione della povert. rigorose procedure indicate si occupa di 180 persone tutta Europa e lAgenzia Eu-
e perfettamente commesti- Mensa Poveri San France- Brutti ma buoni un pro- dalle Aziende sanitarie locali bisognose e soggette a di- ropea dellAmbiente sta per
bili ad associazioni di vo- sco, lassociazione e coope- getto significativo per la sua e, prima di mezzogiorno, le pendenze: da aprile a lu- lanciare una piattaforma per lo
lontariato e cooperative di rativa sociale Paolo Babini e valenza educativa ha ag- consegnano alle associazioni glio, le donazioni hanno scambio delle buone pratiche.
solidariet. lassociazione comunit Pa- giunto Drei La donazione di volontariato. Queste ulti- garantito mediamente 18 un treno che gli imprendi-
A Forl Brutti ma buoni pa Giovanni XXIII. dei prodotti invenduti, infat- me, infine, destinano i pro- tori lungimiranti non devono
pasti al giorno, sfiorando
lasciarsi scappare. Anche per-
ha preso il via, sperimental- Il recupero degli invendu- ti, cancella la cultura dello dotti a persone in difficolt, quota 11 quintali, per un ch da anni sta accadendo un
mente, alla fine dello scorso ti a fini sociali ha spiegato spreco, contribuendo ad ac- o allalimentazione di animali valore di 2.700 euro). fatto nuovo: i consumatori si
anno nel punto vendita del Strada si inserisce perfet- crescere la coesione sociale malati o abbandonati, trasfor- organizzano. Si fanno spese in
Centro commerciale I Portici, tamente nellambito della e la crescita di tutta la co- mando lo spreco in risorsa. comune (i gruppi di acquisto), ci
mentre ad aprile il progetto strategia della sostenibilit munit. Grazie al recupero, infine, Attualmente, il progetto si scambia notizie e consigli con i
partito anche nel negozio di di Coop Adriatica, perch Brutti ma buoni viene liniziativa limita fortemente attivo in 57 punti vendita, di blog e i social network. Far finta
via Curiel 7/9. I primi risultati unattivit economicamente attuato con il supporto dei la produzione di rifiuti. cui 10 in Romagna. di niente non pi possibile.
6 CULTURALI E RICREATIVE La Societ Cooperativa

Romagna Particolarmente

La fortezza
di San Leo
San Leo sorge su un masso imponente di forma
romboidale con pareti strapiombanti al suolo.
Distanziata dallagglomerato urbano, per evi-
denti ragioni difensive, la Fortezza di Francesco
di Giorgio Martini. Il primitivo nucleo altomedio-
evale, in cui dal 961 al 963 era stato assediato
Berengario Re dItalia da Ottone I di Germania,
venne ampliato tra XIII e XIV secolo, quando i Ma-
latesta riuscirono a sottrarre San Leo ai Monte-
feltro. Il Mastio medievale, difeso dalle quadran-
golari torri malatestiane, venne dfinitivamente
ridisegnato dallarchitetto senesese Francesco di
Giorgio Martini per volere di Federico da Monte-
feltro nel 1479.

di Luciano Liuzzi

ANNIVERSARI :: DallUniversit per Adulti al ciclo di incontri Narrative due decenni di iniziative a favore della crescita della citt

Avere ventanni e non sentirli:


il compleanno di Cultura Progetto
Appuntamento mercoled 7 ottobre al Diagonal Club di Forl con cena, premiazione e concerto

C ultura Progetto,
una delle coope-
rative culturali pi
importanti del ter-
ritorio romagnolo,
celebra il ventesimo an-
niversario dalla fondazio-
re svolge da
alcuni anni
Via Emilia
e dintor ni:
percorsi nel-
la storia, in
collab ora-
Ci sar anche il presidente di Legacoop
nazionale Giuliano Poletti (nella foto) il
AICCON

Poletti alle Giornate di Bertinoro per leconomia civile


rappresenti il
10% del totale
ne. Lavvenimento verr zione con la 16 e 17 ottobre alle Giornate di Berti- delle imprese
festeggiato mercoled 7 provincia di noro per lEconomia Civile promosse da europ e e, os-
ottobre al Diagonal Club, Forl-Cesena, AICCON (Associazione Italiana per la sia 2 milioni di

Archivio Legacoop
con una manifestazione nascita gestisce lUniversit un progetto per le scuole promozione della Cultura della Coope- aziende di pic-
che partir alle 20,30 con degli Adulti, in collabora- volto a creare una sensibi- razione e del Non Profit), ormai divenute cole e medie
una cena buffet offerta zione con lAssessorato alla lit nei confronti della tute- lappuntamento che riunisce annualmen- dimensioni pari
dalla cooperativa. In sot- Formazione e allUniver- la del patrimonio storico e te i maggiori rappresentanti del mondo al 6% dei posti
tofondo gli ultimi due de- sit del Comune di Forl, artistico del territorio. Nei del Terzo Settore, dellUniversit, delle di lavoro totali.
cenni raccontati in musi- promuovendo la formazio- mesi estivi propone inoltre Istituzioni e delle Imprese per lanalisi e il Prevista la par-
ca e immagini. Alle 21,30 ne permanente degli adulti cicli di visite guidate rivolti confronto sulle tendenze del settore. Po- tecipazione an-
avverr la premiazione attraverso temi che spazia- alla cittadinanza che ha lo letti parteciper alla terza sessione dedi- che di Leonar-
del primo classificato del no dalle lingue straniere, scopo di riportare allatten- cata alle politiche sullEconomia Sociale do Becchetti,
concorso fotografico Forl allinformatica, al cinema, zione dei cittadini il patri- che lEuropa chiamata a realizzare ed Universit di Tor Vergata Roma; Carlo
ieri e oggi - citt e culture alla storia dellarte, alleno- monio storico locale. Con implementare nellimmediato futuro, alla Borzaga, Presidente Euricse Universit
in movimento, da parte gastronomia, alla divulga- il progetto Narrative, luce del Rapporto di Iniziativa sullEco- di Trento; Andrea Olivero, Portavoce Fo-
dellassessore alle politiche zione scientifica. La coo- promosso dallAssessora- nomia Sociale di mercato approvato lo rum Terzo Settore; Alessandro Azzi, Pre-
educative e formative del perativa si occupa inoltre to alla Cultura e Universit scorso 19 febbraio a larga maggioran- sidente Federazione Nazionale Banche
Comune di Forl, Gabriella di progetti per la valoriz- del Comune di Forl, orga- za dal Parlamento Europeo, che ha evi- di Credito Cooperativo e Patrizia Toia,
Tronconi. Alle 22,30 con- zazione e tutela del patri- nizza eventi culturali che denziato come leconomia sociale oggi Parlamentare Europea.
certo dei Nidi dArac. monio artistico e culturale spaziano dal cinema alla
Cultura Progetto sin dalla del territorio; in particola- narrativa.
a cura di Sapim soc.coop. PUBBLIREDAZIONALE 7

TURISMO :: La Trottola Viaggi si conferma una delle principali realt del settore per chi vuole viaggiare bene

Alle vacanze non si rinuncia


Turisti pi attenti al budget, ma anche alla qualit. E si riscopre la riviera romagnola...

L o confermano
tutte le statistiche:
anche nei momenti
pi duri gli italiani
non dif ficilmente
rinunciano al relax che so-
lo un viaggio pu fornire.
mezzet diventato un
punto di riferimento anche
per i giovani in cerca di di-
vertimento. Merito di una
politica intelligente delle
grandi compagnie, che han-
no trasformato le navi in
Ma, allo stesso tempo, di- veri e propri villaggi turistici
ventano pi attenti al bud- La vacanza, giustamente, zioni che possono essere galleggianti, dove ognuno
get e alla professionalit di ancora un momento nel raggiunte partendo dallae- pu organizzare al meglio
chi propone la vacanza. quale si investono risorse roporto di Forl. Si sono il proprio tempo libero. Noi,
in questi momenti che di- e tempo libero, e questo e vendute molto bene, grazie ad esempio, abbiamo mol-
venta importante affidarsi uno dei motivi per cui, la anche a un lavoro sinergico tissime famiglie con bam-
a unagenzia leader, seria e riviera romagnola, che ha che ci ha coinvolto in prima bini che scelgono questo
affidabile: come La Trot- un imbattibile rapporto persona. In effetti citt co- tipo di vacanza, anche per-
tola, che da pi di 25 anni qualit/prezzo, ha vissuto me Berlino, Praga, Amster- ch i ragazzi fino a 18 an-
opera sul mercato roma- un ritorno di fiamma nelle dam e Parigi possono esse- ni viaggiano gratis, per cui
gnolo. Quattro filiali, due a preferenze degli italiani. re ora raggiunte con gran- si possono unire massimo Le crociere sono tornate in auge, grazie a un ottimo rapporto qualit/ prezzo.
Forl e due a Rimini, sono Meno destinazioni eso- de facilit. Se a questo si comfort e convenienza,
in grado di fornire un ser- tiche, quindi, e pi mare somma lo spostamento del aggiunge Guardigli.
vizio altamente qualificato, nostrum, anche se Spagna, volo per Londra a Gatwick, Oltre alla sede centrale di ti, un numero che, qualifica vit andata meglio del
pronto a rispondere a tutte Grecia e soprattutto Mar a sola mezzora da Victoria Forl, La Trottola controlla a la Trottola come una delle previsto, ma forse il peggio
le esigenze. Rosso, dove la presenza tri- Station, si comprende come Rimini Compilation viaggi principali realt della zona. arriver nel 2010, quando
Landamento generale colore tradizionalmente un soggiorno cosmopolita (specializzata in ricettivo) e Grazie alla professionali- sar esaurita la program-
delleconomia ci ha toccato, forte, continuano a far bat- in una di queste grandi ca- la visitatissima filiale nata t della nostra rete - spiega mazione del 2008. Preve-
ma solo marginalmente - tere forte il cuore dei va- pitali europee sia entrato allinterno dellipermerca- Guardigli - siamo in grado diamo, comunque, che le
conferma Loris Guardigli, canzieri. nelle abitudini di molti ro- to Le Befane, mentre da di offrire risposte articola- aziende continueranno a
direttore della struttura - La vera novit di magnoli. qualche tempo entrata a te anche alle aziende, or- utilizzare questo utilissi-
anche perch i nostri clienti quest anno - continua Laltro fenomeno di que- far parte del gruppo anche ganizzando viaggi incen- mo strumento di fideliz-
sono comunque sempre at- Guardigli - rappresentata sti anni la crociera, che la Ginger tour di Forl. I tive e congressi. La crisi? zazione e motivazione.
tenti alla qualit dellofferta. dal successo delle destina- da prodotto per coppie di dipendenti sono pi di ven- In realt questanno latti- Info: www.trottolaviaggi.com

news
Fon.Coop N.
3
CooperareFormare
www.foncoop.coop
info@foncoop.coop
Numero Verde: 800 912 429
Contatti

COOPERAZIONE SOCIALE: PI INNOVAZIONE E FORMAZIONE IN UN MERCATO LEGALE E TRASPARENTE


Affrontare la crisi sapendo coniugare i principi della solidariet e dellefficienza gestionale, guardando al mercato che cambia ricercando nelle competenze interne e in una maggiore innovazione le risorse in grado di vincere la sfida in corso. questa
in sintesi la strategia anticrisi delle 4.300 cooperative sociali - per un totale di 155.091 lavoratori - che aderiscono a Fon.Coop, il Fondo interprofessionale nazionale per la formazione continua delle imprese cooperative costituito da Agci,
Confcooperative e Legacoop con Cgil, Cisl e Uil. Una strategia che emerge con chiarezza dalle parole di chi guida le associazioni dove se lefficienza e linnovazione sono gli obiettivi da perseguire, la formazione ne costituisce il principale strumento a
cui fare ricorso in modo strutturale e ampio. Prevale, infatti, la consapevolezza che attraverso la formazione si possa garantire quella crescita qualitativa che costituir il fattore determinante per vincere la partita. in questo ambito che le iniziative di
Fon.Coop, sintetizzate negli Avvisi 10 e 11, offrono un contributo e un sostegno prezioso, fornendo le risorse per attivare relazioni sul territorio e qualificare, attraverso la formazione, le competenze dei lavoratori, anche quelli in cassa integrazione.

INNOVAZIONE PAOLA MENETTI - LEGACOOPSOCIALI EFFICIENZA VILMA MAZZOCCO - CONFCOOPERATIVE FEDERSOLIDARIET

importante lavorare sulla programmazione dei servizi insieme con le istituzioni, avendo Persona e capitale umano sono parole dordine nellimpresa cooperativa e prerogative
certamente a mente il tema ineludibile della sostenibilit. Questo per non pu tanto pi vere nella cooperazione sociale. Puntare anche sulla formazione un
significare soltanto taglio della spesa e lotta agli sprechi. Quello che serve una profonda passaggio obbligato per lasciarsi alle spalle la crisi. Federsolidariet Confcooperative
innovazione del sistema e dei servizi di welfare per perseguire sostenibilit tramite ritiene fondamentale il ruolo di Fon.Coop e punta a sostenere i processi gi in atto di
appropriatezza ed efficacia rispetto a bisogni sociali mutati. Poich crediamo in un rete tra consorzi e cooperative in modo da sviluppare know how, renderlo patrimonio
sistema pluralista e orientato alla sussidiariet, ci sollecita anche la cooperazione sociale comune, coinvolgere i soci, i lavoratori e i beneficiari dei nostri servizi. La cooperazione
ad innovare sia sul piano progettuale che dellofferta dei servizi. Stiamo lavorando in sociale sta disegnando nuovi modelli di welfare e, per garantire alti livelli di
questo senso e riteniamo che il ruolo delle attivit di formazione sia ineludibile per perseguire insieme efficienza specializzazione, di innovazione e di sviluppo, puntiamo a coniugare la crescita imprenditoriale, il
organizzativa nellattivit dimpresa e qualit dei servizi offerti alle persone, alle famiglie e alle comunit. coinvolgimento dei lavoratori e dei fruitori dei servizi.

LEGALIT EUGENIO DE CRESCENZO - AGCI SOLIDARIET FORMAZIONE GIOVANNI PIRULLI - FISASCAT CISL

La crisi evidenzia questioni di competitivit tra sistemi. Ne esempio eclatante la coesistenza del contratto L'estensione degli ammortizzatori sociali in deroga, voluta fortemente dalle organizzazioni sindacali,
collettivo sottoscritto da Agci, Confcooperative e Legacoop con Cgil, Cisl e Uil e quello sottoscritto da una quarta contribuisce a sviluppare politiche di assistenza al settore e aumenta le chance delle politiche formative dei
centrale cooperativa con un sindacato poco rappresentativo, il cui costo per le aziende pi contenuto. La scelta Fondi. In questo contesto difficile la formazione continua diventa una duplice risorsa in quanto accompagna i
di molti enti locali, soprattutto nel Sud, a favorire questultimo applicando in molti bandi indicatori che di fatto processi di crisi occupazionale e al contempo fornisce gli strumenti per crescere ed essere in futuro pi forti
incentivano un costo del lavoro pi basso, genera uno stato diffuso di illegittimit. sul mercato. Ritengo infatti che usciranno rafforzate dalla crisi le cooperative che
Siamo di fronte alla difficile scelta se impugnare questi bandi o promuovere una hanno saputo organizzare e reinventare la fornitura dei servizi socio sanitario
riflessione sulla legittimit e sulla qualit del lavoro nel campo dei servizi sociali. Dal assistenziale. In questa fase formare il personale su queste competenze significa
nostro punto di vista spendersi per la legalit va di pari passo con la promozione della candidarsi ad un ruolo pi forte proprio perch si diventa pi capaci ed autonomi ad
qualit del servizio, innescato anche dalla formazione finanziata da Fon.Coop, il Fondo assolvere pienamente quel ruolo di sussidiariet che rappresentato soprattutto dal
interprofessionale delle cooperative. mondo associativo del III settore.

AVVISO 10 AVVISO 11
LAvviso 10 stanzia 2.150.000 Euro per piani settoriali concordati. Obiettivo dellAvviso aggregare la LAvviso 11 stanzia 6 milioni di euro per piani aziendali concordati destinati alla formazione
domanda di formazione delle imprese associate in stretto raccordo con le organizzazioni datoriali e dei lavoratori in cassintegrazione ed alle politiche attive del lavoro. La presentazione dei piani
sindacali costituenti il Fondo. La scadenza il 2 novembre 2009. avviene con modalit a sportello, con valutazione mensile, fino ad esaurimento risorse.
a cura di Sapim soc.coop. PUBBLIREDAZIONALE 8

CONSORZI :: Nel 2009 acquisiti ben 25 milioni di euro di appalti, grazie a lavori in Sardegna e Romania

CAIEC rinnova le cariche


e conferma i successi
C AIEC rinnova le
cariche sociali. Las-
semblea dello storico
consorzio artigiano
di elettricisti ha con-
fermato come presidente
Domenico Balestri. Nuovi
Archivio Sapim

invece i vice: Giuseppe Lu-


nardini e Fabio Mandelli,
espressione rispettivamen-
te dellarea cesenate e rimi-
nese della struttura, che as-
socia circa 270 imprese.
Lacquisizione di lavori e milioni, e che si vanno ag-
appalti procede spedita e giungere a cantieri pi tra-
in assoluta controtendenza dizionali, ma sempre rile-
rispetto al mercato, grazie vanti, come lex GIL di Forl
anche alla rete di alleanze e lospedale di Cesena. Un
messa in piedi nel corso de- altro appalto prestigioso
gli anni. quello dellIstituto Sacro
Nel 2009 CAIEC pu van- Cuore di Cesena, dove CA-
tare laggiudicazione ben IEC realizzer i nuovi im-
25 milioni di euro di appalti, pianti. un successo com-
cifra che potrebbe salire an- merciale che ci gratifica -
cora visto che lanno non si afferma il direttore tecnico,
ancora concluso. I princi- Paolo Casadei - non solo
pali lavori sono un impian- per ragioni economiche,
to fotovoltaico da 2 MW in ma perch attesta la qualit
Sardegna nel centro logisti- dei nostri lavori. Tre immagini dellintervento di riqualificazione effettuato da CAIEC Costruzioni in via Palazzola a Forl. In alto il presidente di CAIEC, Domenico Balestri.
co della Barilla, lospedale A questa continua opera
di San Luri, sempre in Sar- in favore dei soci, tutte pic-
degna, la nuova sede della cole e medie imprese, va le principali forze economi- palazzina dove sorgeranno tre partecipate come ES.CO. integrato che ha richiesto
Confartigianato di Cesena aggiunta la partecipazione che e sociali della provincia, una decina di appartamenti Romagna ed Ecoenergia, un investimento di 160 mila
e la realizzazione del Grand nel colosso di vendita di grazie a una rete di societ con finiture di pregio e un pioniere assolute nel cam- euro, finanziato in buona
Hotel di Cluji, in Romania. materiale elettrico ELFI spa, collegate di alto profilo. poliambulatorio avanzato: po delle energie alternati- parte grazie a un progetto
Punte di eccellenza che controllato insieme agli altri CAIEC Costruzioni, ad un modo concreto per con- ve. da pi di dieci anni regionale a cui si avuto
hanno consentito a CAIEC due consorzi elettrici roma- esempio, sta realizzando un tribuire a una riqualificazio- che realizziamo impianti accesso attraverso la consu-
di uscire al di fuori dei pro- gnoli, nonch la lunga serie importante intervento im- ne del centro storico che da fotovoltaici - spiega Balestri lenza degli sportelli CNA. E
pri canoni abituali, che si di iniziative innovative re- mobiliare in via Palazzola a pi parti viene invocata. - e il mercato sta ripagando ogni anno sono pi di cen-
aggirano attorno ai 17-18 alizzate in partnership con Forl, con il recupero di una Ma lo stesso vale per al- quella che allinizio era una tomila gli euro che vengo-
scommessa. La prossima no messi a disposizione di
sfida leolico: stiamo mo- numerose iniziative a carat-
nitorando unopportunit tere sociale, benefico, spor-
in Appennino, insieme a un tivo e culturale. Noi ormai
socio importante gi attivo operiamo in tutta Italia e
nel settore. anche allestero - spiega Ba-
Nonostante tutto CAIEC lestri - e la differenza tra il
non dimentica la propria nostro territorio e gli altri
natura cooperativa e il ra- principalmente in questa
dicamento sul territorio. I volont di coesione: ci sono
soci vengono coinvolti at- momenti in cui, pur nella
tivamente in politiche di differenza politica, impren-
innovazione. CAIEC sta per ditoriale e associativa, oc-
varare una piattaforma te- corre collaborare per il be-
lematica che le singole im- ne comune e per progetti
prese potranno utilizzare condivisi. In questo modo
per la preventivazione e anche la piccola azienda
lanalisi dei costi: un avanza- pu dialogare con il mondo
tissimo sistema informatico delle grandi.