Sei sulla pagina 1di 8

Forl-Cesena

47100 FORLI
Via C. Hercolani, 2
Tel. 0543/35551 - Fax 35383
Mensile di Edit Sapim srl - Anno VII - N. 2 - Febbraio 2003 - Aut. Trib. di Forl del 20/10/97 - Reg. Stampa n. 28/97- Sped. abb. Post. art. 2 Comma 20/b, Legge 662/96 - Dir. P.T. Forl - Tassa pagata - Pubbl. inf. 45%. 47023 CESENA
La presente pubblicazione viene distribuita esclusivamente in abbonamento postale e i dati relativi a nominativi e indirizzi dei lettori sono stati inseriti nelle nostre liste di spedizione. Ciascun lettore, a norma dellart.13 L.675/96, potr avere accesso ai propri dati in
ogni momento, chiedendone la rettifica o la cancellazione oppure opporsi gratuitamente al loro utilizzo scrivendo a: Edit Sapim, via Hercolani 2, 47100 Forl. Costo a copia: 0,50 - Abbonamento annuale 4,00 Via Ravennate, 1540
www.lasocietacooperativa.it Tel. 0547/384320

Lassociazione giudica negativamente la proposta di referendum

Ma ha sbagliato chi ha messo la materia al centro del confronto

I
l Consiglio di Ammini-
Sul mondo incombe il rischio di una guerra che strazione di Legacoop
avrebbe conseguenze imprevedibili e sicuramente Forl-Cesena ha appro-
drammatiche. Le notizie che provengono in questi gior- vato all'unanimit un docu-
ni dallIraq sono sotto agli occhi di tutti. mento in cui si prende posi-
La nostra convinzione che la necessit di sconfigge- zione sul referendum attra-
re il terrorismo internazionale, e un regime aggressivo e verso cui si vuole estendere
pericoloso come quello iracheno, non possa basarsi su larticolo 18 dello Statuto
unazione di guerra preventiva. dei Lavoratori anche alle
Occorre, viceversa, rafforzare gli strumenti della po- imprese con meno di 15 di-
litica, della diplomazia e del diritto internazionale. pendenti. Legacoop Forl-
questo il modo pi giusto per disarmare Saddam Hus- Cesena ribadisce lopinione attualmente escluse da qual-
sein ed evitare lutti tremendi, che colpiranno soprattutto ripetutamente espressa se- siasi forma di tutela, al fine
popolazioni civili inermi. condo cui il Governo ha di assicurare una soglia mi-
Legacoop per la pace. Guarda con fiducia al ruolo commesso un errore quando nima di garanzie per qual-
che lOrganizzazione delle Nazioni Unite, unica sede ha posto al centro del con- siasi forma di lavoro ed in
legittimata, sta svolgendo per imporre a Saddam Hus- fronto tra le parti sociali la qualsiasi tipologia di impre-
sein il rispetto delle convenzioni internazionali e delle modifica dellart. 18. Oltre a sa. Legacoop considera la
risoluzioni del Consiglio di Sicurezza in tema di armi di ci, lassociazione giudica qualit del lavoro, la sua si-
distruzione di massa. negativamente la proposta di curezza, la sua stabilizzazio-
Legacoop auspica un ruolo unitario ed autonomo, po- referendum poich conside- ne una delle finalit tipiche
sitivo e propositivo della Unione Europea e, in questo ra che materie complesse e del proprio agire.
contesto, scelte del Governo Italiano nel rispetto del delicate come quella in og- Il futuro sistema di prote-
dettato costituzionale corrispondenti agli interessi della getto debbano essere affron- zione, da realizzarsi anche
pace ed al tradizionale impegno di distensione svolto tate con iniziative legislative progressivamente e modu-
dal nostro Paese nel Medio Oriente. organiche, con il coinvolgi- larmente in relazione alle
Legacoop si sente parte del vasto schieramento costi- mento delle parti sociali, at- varie tipologie di lavoro, do-
tuito da forze economiche e sociali, da associazioni lai- traverso il metodo della con- vrebbe basarsi su un inter-
che e religiose che in Italia, in Europa e nel Mondo certazione, al fine di realiz- vento pubblico e generaliz-
chiedono alle Nazioni Unite di far rispettare tutte le zare quelle necessarie inno- zato di adeguato sostegno a
proprie risoluzioni e di adottare tutte le misure politiche vazioni, nel sistema delle tu- tutti i lavoratori. Su tale base
e diplomatiche per disarmare Saddam Hussein, evitare tele, coniugando le legittime sar inoltre opportuno pre-
ulteriori sofferenze al popolo iracheno, far cessare le esigenze del mondo del la- vedere specifiche contribu-
stragi delle minoranze curde e sciite, avviare un proces- voro con quelle delle impre- concilia con lesigenza di far della materia e tra gli effetti zioni e prestazioni, di tipo
so di democratizzazione di quel Paese. se. In una situazione di sta- fronte alla difficile fase eco- che si determinerebbero vi assicurativo, per i casi di
Legacoop invita quindi le proprie associate a sostene- gnazione economica e di nomica e internazionale. sarebbe senza alcun dubbio conversione/ristrutturazione
re tutte le iniziative che si propongono come obiettivo il problematicit della tenuta Legacoop Forl-Cesena un aumento significativo del aziendale, nonch favorire
mantenimento della pace. di conti pubblici richiesto, giudica negativamente la lavoro nero. Legacoop Forl- liniziativa delle parti sociali
a tutte le parti, in primo luo- proposta di referendum nel Cesena ritiene inoltre neces- per la definizione di quote
go al Governo, uno straordi- merito perch considera che sario che liniziativa legisla- integrative. Certamente an-
nario impegno per evitare la diversit di tipologia e di- tiva debba riferirsi alla tota- che i lavoratori delle piccole
lacuirsi dello stato di ten- mensione aziendale giustifi- lit dei lavoratori compren- imprese ne potrebbero bene-
sione sociale, che mal si ca una diversa regolazione dendo anche quelle tipologie ficiare.

Pensioni pi alte per


CCILS: con luscita dal
Unentit forte di oltre 23 Il 2002 stato un anno di DPR 602 i contributi sa-
mila tesserati, il 7% della soddisfazioni per la coo- ranno commisurati sul sa-
popolazione provinciale. perativa SIGLA. Il fattu- lario reale.
la nuova UISP di Forl- rato nel 2002 cresciuto
Cesena, nata dallunifica- fino a 43 milioni di euro
HERA FORLI-CESENA Srl zione dei comitati cittadi- (contro i 32 del 2001) e
ni in un unico organismo nel 2003 dovrebbe asse-
provinciale. Pietro Samor starsi a quota 46 milioni.
Sede - Distretto Cesena:
e Davide Ceccaroni - no- Risultati che pongono SI-
Via A. Spinelli, 60 47023 CESENA tel. 0547.643711 fax 0547.643800 minati, rispettivamente, GLA al vertice delle im-
Distretto Forl: presidente e direttore - prese di costruzioni della Il CAIEC si aggiudicato
Via Balzella, 24 47100 FORLI' (FC) tel. 0543.790911 fax 0543.724272 parlano dei ruoli e delle provincia di Forl-Cesena un importante appalto per
Distretto Rubicone-Mare: prospettive nel nuovo con- e tra le prime 50 aziende lavori da effettuare nella-
Via Rubicone Dx, 1950 47039 SAVIGNANO SUL RUBICONE (FC) testo organizzativo. nazionali del settore. rea ex Zuccherificio di Ce-
sena.
tel 0541.933914 fax 0541. 931672
La riforma tende ad assicurare che le cooperative perseguano una funzione sociale
a funzione sociale del- va a mutualit prevalente, li- rare la mutualit interna, di- zare la mutualit esterna del-

L la cooperazione san-
cita e riconosciuta
dallart. 45 della Costituzio-
mitandosi, anche per un
condivisibile sforzo di crea-
re norme chiare e di univoca
menticando ancora una volta
di fornire una definizione
giuridica dello scopo mu-
la cooperazione. Nei prossi-
mi numeri avremo modo di
analizzare, seppur sintetica-
ne, che vede nel carattere di interpretazione, a fornire in- tualistico, che consentisse mente, le norme test citate.
mutualit e nellassenza di dici quantitativi atti a misu- anche di misurare e valoriz-
fini di speculazione privata
gli elementi caratterizzanti
di unimpresa peculiare, de-
gna di tutela e favore da par-
te dellordinamento legisla-
tivo.
La riforma in esame ed a
tal proposito occorre ricono-
scere lo sforzo compiuto
dalla Commissione Vietti
ha cercato di porre rimedio storicamente propria. Ed
alla lacerante introduzione ancora che La funzione so-
da parte della legge delega ciale (realizzata attraverso lo
n. 366/2001 della distinzio- strumento della mutualit)
ne tra cooperative costitu- un requisito dellintero feno-
zionalmente riconosciute, e meno, e ci vale con riferi-
quindi degne di tutela, e mento alla distinzione tra
cooperative non costituzio- cooperazione costituzional-
nalmente riconosciute. mente riconosciuta e coope-
Si legge cos nella Rela- razione diversa dalla costitu- Successo per il Convegno organizzato dalla Fondazione Cassa dei Risparmi di Forl,
zione di accompagnamento zionalmente riconosciuta. che si tenuto a Forl nei giorni 7 e 8 di febbraio, con la partecipazione delle tre centrali
che La riforma... tende ad Tuttavia, ci sembra di po- cooperative della Provincia di Forl, sul tema La riforma delle societ cooperative
assicurare che le cooperative ter affermare che le norme (nella foto, il tavolo dei relatori).
perseguano una funzione so- contenute nei nuovi articoli Oltre ad illustrare le novit introdotte dalla riforma appena approvata, il convegno ha
ciale; ma non una funzione da 2511 a 2514 contengono i messo a fuoco numerosi aspetti che meritano riflessioni profonde non solo da parte degli
sociale qualunque ma la criteri ed i requisiti per la studiosi, ma anche da parte di tutto il movimento cooperativo.
funzione sociale che ad esse definizione della cooperati-

Oggi si parla di pesca e territorio per allargare le prospettive di reddito e il peso relazio-
nale degli imprenditori del settore, ma lesperienza di Cesenatico e della Romagna adriati-
ca non smemorata sulle ragioni che spinsero, dopo la Seconda Guerra Mondiale, ad in-
traprendere la via associata per gestire lattivit produttiva dei barconi. Se una parte di
queste esperienze si trasformata, fino a diventare addirittura una sorta dimpresa esclusi-
va, lo si deve anche allo spirito che caratterizz i pescatori pi poveri nel mettere insieme
la loro debolezza di redditi, e la loro forza di lavoro.
Le ragioni che hanno spinto alla nascita delle coop dei lavoratori del mare si sono
fondate innanzitutto sulla condivisione dei sacrifici, per lacquisto dei carburanti, la messa
in sicurezza e il riparo delle imbarcazioni, lampliamento della manodopera. Le piccole
realt, che non hanno disarmato le loro ragioni ai grandi industriali ittici, hanno dato le-
zioni di realismo a coloro che venduta la loro faticosa attivit si sono trovati liquidati sen-
za pi essere imprenditori e controllori del loro lavoro. E vero che la modernizzazione ha
spinto fuori dal mercato molte realt che avrebbero ben figurato se fosse avvenuto un au-
Longiano non solo una cittadina di grande tradizione tentico ricambio generazionale, ma le esperienze esistenti che si sono sapute trasformare
storica e di notevole attrattiva per il turista, ma anche un hanno dimostrato per decenni la validit della loro formula. Senza queste tradizioni diffi-
centro produttivo di valore internazionale, grazie alla pre - cilmente sarebbe nato un mercato del pesce capace di resistere anche in tempi, nei quali,
senza di una cooperativa come COCIF, i cui prodotti ven - la variabile ambiente gioca il futuro e fa soffrire, per il futuro, non solo lAdriatico.
gono venduti in tutto il mondo.

Consorzio
Artigiani
Impianti
Elettrici
Tipografico
Via Hercolani 2 - Forl Cesena-Rimini
Tel. 0543.378211 - Fax 0543.35383
C.A.I.E.C. Soc. Coop. a r.l. dei Comuni
Direttore Responsabile: Pietro Caruso Sede: via Pitagora, 435 Case Castagnoli
Direttore Editoriale: Widmer Valbonesi 47023 Cesena (FC)
Redazione: Bruno Carioli, Gabriele Zelli,
Guglielmo Russo, Valdes Onofri, Cristian Maretti,
tel. 0547 646354 telefax 0547 646362
Massimo Brusaporci, Simona Benedetti, Isabella Landi, email: info@caiec.it lavori@caiec.it
Enrica Mancini, Emilio Gelosi (Coordinatore) web: www.caiec.it
Pubblicit: in proprio CCIAA FC160700 - Reg. Soc. Trib. FC
Fotocomposizione: COINE srl c.f./P.I.00604300400
via Punta di Ferro, 2 - Forl
Stampa: Stabilimento Tipografico dei Comuni Presenze: via dellAlce, 18 - 47900 RIMINI (RN)
via P. Nefetti 55 - S.Sofia - tel. 0543 973016 via Bellini, 2A - 47841 CATTOLICA (RN)
Il Congresso straordinario di Bertinoro ha sancito lunificazione

Pietro Samor eletto presidente, Davide Ceccaroni il direttore Al mondo cooperativo, di


ogni appartenenza e tradi -
zione, la prospettiva dellu -
l congresso di Bertinoro

I del 15 febbraio ha sanci-


to definitivamente luni-
ficazione dei comitati UISP
nit economica e politica
d e l l E u ropa conviene. In
primo luogo perch questa
formula di org a n i z z a z i o n e
di Forl e Cesena in un unico della societ e della produ -
comitato provinciale. Una zione presente in alcuni
decisione storica, che crea dei pi significativi Paesi
una realt forte di oltre 23 del vecchio Continente,
inoltre perch la nuova arti -
mila tesserati (il 7% dellin- colazione dei poteri e degli
tera popolazione) ed un sog- interessi, dopo la caduta del
getto destinato a giocare un M u ro di Berlino e linizio
ruolo importante dal punto d e l l a l l a rgamento verso
di vista delle politiche spor- Est, consente di trasformare
tive e della gestione degli modelli di convivenza so -
impianti. ciale ed economica in modo
Pietro Samor e Davide Cec- graduale, ma deciso, verso
la realt del mercato e delle
caroni, rispettivamente presi-
dente e direttore del nuovo
comitato provinciale, spiega-
no cos le ragioni della svol-
ta, arrivata dopo circa un an-
no di preparativi, ed il nulla
osta dei rispettivi congressi.
La costituzione del Comita-
to UISP Forl-Cesena affer-
ma Ceccaroni si resa ne-
sue leggi. Non c niente di
cessaria per diversi motivi. vit dei soggetti associativi ritorio, ottimizzando le risor- ma Forl e Cesena continue- peggio che import a re od
Innanzi tutto, per gestire le che intendano concorrere alla se che esistono al nostro in- ranno ad avere una propria esportare modalit di pro -
turbolenze che serpeggiano gestione dello sport per tutti terno e ponendoci come vali- sede operativa locale. In duzione, sistemi di relazioni
nel contesto del mondo spor- e per favorire la massima di interlocutori delle istitu- questo modo conclude industriali e sindacali, fa -
tivo, avendo uno strumento espansione delle politiche zioni nella gestione degli im- Ceccaroni potremo calibra- cendo tabula rasa di
di intervento idoneo e forte sportive, delle proposte asso- pianti sportivi e di altri enti re un progetto fatto di flessi- ogni forma di esperienza
su tutto il territorio provin- ciative e delle opportunit per politiche di promozio- bilit, programmazione, pro- delleconomia pubblica e
ciale, per poter meglio fron- organizzative del sistema UI- ne. Ma che conseguenze gettazione politica, gestione della solidariet collettiva.
Per quanto difficile il cam -
teggiare le offensive di altri. SP presenti nel nostro territo- avr lunificazione sullope- degli impianti. Punteremo a
mino verso una maggiore
Ma la creazione di questo rio. Lobiettivo prioritario rativit dellassociazione? rafforzare il nostro ruolo in accentuazione dei tratti di
strumento importante an- gli fa eco Samor quello Gradualmente - prosegue settori ancora deboli, e ad of- unit dellEuropa (e le re -
che per poter meglio garanti- di rafforzare ulteriormente la Samor - tutta lattivit assu- frire sempre di pi anche per centi divisioni sullinterven -
re leffettiva rappresentati- nostra presenza in questo ter- mer un respiro provinciale, bambini, anziani e disabili. to militare in Iraq lo dimo -
strano) il percorso avviato
con i Trattati di Roma negli
anni Cinquanta e poi con le
tappe del Mec, della Cee fi -
no alla Ue, dimostrano che
questo il solco su cui ara -
Il nuovo Consiglio direttivo della UISP di Forl-Cesena composto da: Idalgo Ama - re e progredire. Lo indica -
rono padri nobili della de -
Su scala provinciale la duzzi, Roberto Baronio, Vittoriano Bertozzi, Marco Bertozzi, Gabriele Borghetti, Paolo mocrazia italiana come Ei -
UISP pu contare su ol- Bosica, Alieto Brighi, Wladimiro Burioli, Marta Camporesi, Barbara Casadei, Davide naudi, De Gasperi e in tem -
tre 23 mila tesserati, 371 Ceccaroni, Vanni Chiadini, Moreno Cimatti, Oriano Domeniconi, Nevio Fabbri, Ferruc - pi pi vicini a noi Saragat,
societ e 120 tecnici, ol- cio Ferucci, Fulvio Fidecaro, Rosalinda Francaviglia, Maurizio Franchini, Andrea Fu - La Malfa (senior), fino al -
tre alle decine di volonta- stini, Maurizio Garavini, Juri Gianpreti, Lazzaro Giuseppe Giletto, Leo Gurioli, Paolo linvocazione federalista di
ri che collaborano con le Lucchi, Marco Lucchi, Paolo Mallamace, Marco Mambelli, Maurizio Mancini, Paride Altiero Spinelli e Mario Al -
varie attivit sportive. In bertini. Occorre che la boz -
Maretti, Amerigo Mariani, Paola Mazza, Massimiliano Mazzotti, Guido Molari, Giorgio
za di Costituzione europea
totale sono circa una ven- Molari, Enrico Mondardini, Carlo Montalti, Ivano Ognibene, Palmiro Paiano, Claudio che si discute nella Conven -
tina le discipline che Pasolini, Maurizio Prati, Giovanni Riva, Pietro Samor, Rita Scalambra, Paolo Severi, zione non dimentichi, fra i
possibile praticare attra- Achille Silvestroni, Gianluca Soglia, Ettore Stanghellini, Lino Truffi, Enzo Turci, Davide suoi obiettivi, la garanzia
verso i corsi ed i campio- Valzania, Ivano Zecchini, Gabriele Zelli. Fanno parte del Collegio sindaci revisori: Aride che la cooperazione una
nati UISP, dal calcio fino Missiroli, Bruno Giorgini, Cesare Soldati. delle forme con cui si arti -
al ciclismo. cola la vita civile ed econo -
mica.

Per le tue vacanze


a Cesenatico

47100 Forl 47023 Cesena


Via Luigi Galvani, 4 Via Ravennate, 1540
Tel. 0543/796593 Tel. 0547/632556
Fax 0543/795867 Fax 0547/382365
Sede legale ed operativa: Via Tarcento, 15
Uff. Amm.vo Forl: cristina.coops@sapim.it 47020 San Giorgio di Cesena (FC) - Italia
Uff. Amm.vo Cesena: cesena.coops@libero.it
Uff. Sviluppo paghe: paghe.coops@sapim.it
Tel. 0547.325320 Fax 0547.325718
Il rendiconto annuale al Consiglio provinciale di Legacoop

Segnali preoccupanti dalla societ e dalleconomia


na prassi consolidata pongano ai vertici della qua-

U e attesa. L a n n u a l e
rendiconto dellatti-
vit svolta da Legacoop
lit della vita in Italia - ha ri-
cordato Carioli - ci non si-
gnifica che la societ non
Forl-Cesena al Consiglio esprima bisogni nuovi, spes-
provinciale dellorganizza- so drammaticamente irrisolti
zione, svoltosi il 31 gennaio, o lasciati alle possibilit e al-
rappresenta un momento liniziativa delle singole fa-
centrale nella definizione dei miglie, come nel caso del- soprattutto attraverso lazio-
ruoli e dei programmi del lassistenza alle persone an- ne delle imprese esistenti,
movimento cooperativo al- ziane. Il nostro compito di secondo una tradizione che
linterno della realt locale. saper leggere questi bisogni ha caratterizzato in modo
Un movimento che in questi e fornire risposte organizza- deciso il nostro tessuto eco-
anni ha continuato a crescere te, che puntino a rinsaldare nomico in un passato non
nei numeri e nella qualit la coesione sociale. lontano. Ampia e qualificata
delle proposte, come ha ri- Dopo aver rimarcato la lofferta di incontri e semi-
cordato il direttore di Lega- necessit di sfruttare mag- nari che Legacoop porter
coop Forl-Cesena, Bruno giormente i canali della co- avanti nei prossimi mesi, in
Carioli, ma che si trova ora a municazione, ivi compreso collaborazione con le strut-
fare i conti con una situazio- lo strumento del bilancio so- ture formative del movimen-
ne contingente difficile, e a ciale, e di rafforzare la poli- to e con protagonisti del ca-
tratti preoccupante. Lo sce- tica delle alleanze con le libro di Phil Ta y l o r, Paolo
nario in cui ci troveremo ad centrali cooperative, ma an- Cevoli e Michele Santoro. Il
operare nei prossimi mesi che con le altre forze sociali tutto in vista dellappunta-
quello di una crisi economi- ed economiche, Carioli ha mento con lAssemblea an-
ca che non pi possibile espresso lesigenza di dare nuale, prevista per venerd 9
nascondere, n sottacere. nuovo impulso alla promo- maggio a Cesenatico.
Nonostante le classifiche ci zione cooperativa, anche e

Il nuovo Piano nazionale stato approvato sotto la spinta delle associazioni


e statistiche sono agghiaccianti. Nel nostro tanto da indurre lUnione Europea a definire lobiet- quanto gli interventi di messa in sicurezza sono

L paese a causa degli incidenti stradali sono sta-


ti registrati, nellanno 2000 e in quelli seguen-
ti, circa 8.200 morti e oltre 300.000 feriti.
tivo dellabbattimento del 40% dei morti e dei feriti
per incidenti stradali entro il 2010. Obiettivo non fa-
cile, visto che la tendenza allincidentalit cre-
ormai in gran parte una competenza territoriale.
Questo non tuttavia lunico intervento priorita-
rio; il Piano elenca infatti cinque azioni di primo li-
Questi soli dati dovrebbero im- scente ed il nostro Paese evidenzia, a partire dagli vello, che cio possono essere realizzate rapida-
pegnare ognuno di noi a pro- anni 90, un aggravarsi continuo della situazione, mente, ed altre dodici a pi lungo termine, destinate
muovere azioni che valga- mentre in altri Paesi al contrario sono state avviate a dispiegarsi da qui al 2010.
no a ridurre drasticamen- da tempo azioni mirate ed efficaci. Tra le azioni urgenti e rapide come quella sui pun-
te quella che pu essere Non si tratta solo di un obiettivo umano, ma an- ti neri, sono di grande importanza la messa in sicu-
definita una vera e che economico: la UE ha stimato che i sinistri inci- rezza anche delle zone urbane, ed in particolare gli
propria carneficina. dono per il 2,5% sul Pil; in Italia, il trend attuale interventi in difesa degli utenti deboli (pedoni, ci-
Purtroppo questo porterebbe (senza gli interventi del Piano) ad un co- clisti, motociclisti), a rischio (anziani e giovani);
non avviene ed allo- sto per la societ di 36.000 milioni/anno di Euro (ol- ma anche le misure di contrasto delle azioni pi pe-
ra, sotto la spinta tre 70.000 miliardi di lire). In Italia oggi il costo de- ricolose. Vi sono inoltre misure che riguardano il
dellopinione pub- gli incidenti stradali in media di oltre un milione trasporto delle persone e delle merci e che prevedo-
blica e delle asso- di vecchie lire a testa allanno. no la realizzazione di aree di sosta per il riposo degli
ciazioni che operano Uno degli elementi qualificanti del Piano lindi- autisti ed altre che concernono il riordino della di-
in questo campo, in viduazione dei cosiddetti punti neri e il conse- stribuzione delle merci nelle citt. Ma anche inter-
primo luogo ASAPS guente impegno per la loro eliminazione. Se, infatti, venti pi generali, come leducazione stradale di
e Sicurstrada, il Mi- dietro agli incidenti c sempre un errore umano, giovani e adulti, la manutenzione programmata di
nistero competente ha anche vero che spesso intervengono situazioni lega- tutta la rete stradale, una pi incisiva azione di pre-
predisposto nei mesi te allo stato delle infrastrutture ad amplificare i venzione e di repressione sulle strade, il migliora-
scorsi un Piano naziona- comportamenti errati dei conducenti. mento della sicurezza dei veicoli. Occorre a questo
le della sicurezza strada- I dati dicono che circa il 50% dei sinistri avviene punto passare dalle comunicazioni ai fatti. Solo cos
le. La realt su cui si vuole in tratti che non superano il 5% della rete stradale. si potr misurare il rispetto per la vita di tutti.
incidere tristemente nota, Liniziativa a livello locale tanto pi necessaria in

ANUFATTI
SOCIETA COOPERATIVA
ILLANOVA s.r.l.
A RESPONSABILITA LIMITATA

VIA C. HERCOLANI, 2
47100 FORLI - ITALIA
TEL. 0543 378221 - TELEFAX 0543 21403

Via G.Cardano 13 - 47100 Forl REG. IMPRESE - FO N. 7550


tel. 0543 795900 - fax 0543 795850 R.E.A. - FO N. 170312
e-mail: torricelli@torricellimpianti.it U.I.C. N. 11086 - REG. PREF. FO N. 163
sito web: www.torricellimpianti.it B.U.S.C. N. 1807/161780
al vertice del mercato delle costruzioni di Forl-Cesena

Imprese di rilievo europeo lhanno scelta come partner


3,9%, grazie ad un'operazione lioni) e l'impianto di depura- e della depurazione delle ac-

I
l 2002 stato molto positi-
vo per la cooperativa di Di particolare rilievo risulta il di cartolarizzazione delle ri- zione della valle del Savio (5 que con primarie imprese del
costruzioni SIGLA. Il pre- contenimento delle spese ge- serve. Il preventivo 2003 pre- milioni). A Forl, SIGLA im- settore (ACEA, Pubbliacqua)
consuntivo presenta un fattu- nerali, che nel 2002 sono state vede un ulteriore calo degli pegnata in interventi come ed presente nel settore delle
rato cresciuto nel 2002 fino a pari al 5,8% del fatturato (con- oneri finanziari al 3,6% e un l'Ospedale Pierantoni, il com- manutenzioni, con clienti co-
43 milioni di euro (contro i 32 tro il 7,1% del 2001) e nel aumento del margine operati- plesso del San Domenico, l'in- me HERA e Romagna Acque.
del 2001) e che nel 2003 do- 2003 dovrebbero scendere ul- vo a 2 milioni e 400 mila euro, tervento nellEx Bartoletti e La qualificazione aziendale -
vrebbe assestarsi a 46 milioni, teriormente per assestarsi al contro 1 milione e 640 mila lingresso della Fiera di via spiega Corsi - ci consente di
il 90% dei quali relativi a can- 5,6%. Ancor pi degna di nota euro del 2002 (+46%). Ancora Punta di Ferro, appena conse- confrontarci non con le gare
tieri acquisiti e in corso d'ope- la riduzione degli oneri fi- migliore il risultato relativo al- gnato. al massimo ribasso (vera pia-
ra. Risultati che pongono SI- nanziari, che nel 2001 am- l'attivit caratteristica: il mar- ga del nostro mercato), ma
GLA al vertice delle imprese montavano al 9,5% del fattu- gine "dai cantieri" nel 2002 con gli appalti-concorso ed i
di costruzioni di Forl-Cesena rato e nell'anno appena tra- stato superiore ai 3 milioni di Accanto alla certificazione progetti integrati, dove ci
e tra le prime 50 in Italia. scorso sono stati abbattuti al euro, rispetto al milione e 740 ISO 9002 per la manutenzione che conta il valore dellim-
mila euro del 2001, con previ- e costruzione, SIGLA ha otte- presa.
sione ulteriore di crescita nel nuto nel 2002 la certificazione Accanto al core business SI-
2003 a 4,24 milioni di euro. ISO 9001 per la progettazione. GLA ha sviluppato partecipa-
Lobiettivo di acquisire entro zioni e collaborazioni che con-
il 2003 la VISION 2000. La sentono di operare in comparti
Negli ultimi anni SIGLA ha cooperativa stata scelta co- a pi alta redditivit, come il
compiuto una scelta strategica me partner da alcuni dei prin- teleriscaldamento/global servi-
nei confronti della qualifica- cipali contractor italiani ed eu- ce (SOGGETEL srl) ed il con-
zione delle commesse. Lo ropei: Ansaldo-Astaldi, Fiat glomerato bituminoso (SIN-
confermano i nuovi importanti Engineering, Fisia-Italimpianti TESIS srl). Ha inoltre avviato
lavori acquisiti in tutta la Peni- e O.T.V. France. In pi parte- lattivit immobiliare diretta e
sola: il Centro Servizi di Ric- cipa in rapporto di partnership sta trattando per lingresso in
cione (10 milioni di euro), la a grandi progetti infrastruttu- partecipazione in una societ
Torre Fuksas di Milano (7 mi- rali nell'ambito della viabilit di trattamento acque.

Mercoled 26 allHotel San Giorgio di Forl


si far il punto sulla imminente legge regionale
a Regione Emilia-Ro- gionale, alla luce della rifor- logie della contrattazione af-

L magna sta lavorando


alla preparazione di un
Testo Unico sugli A p p a l t i
ma del Titolo V della Costitu-
zione e delle direttive euro-
pee, ha come obiettivo di
fidate con appalto pubblico.
I criteri individuati sono:
qualificazione e semplifica-
Pubblici. fondo quello di affrontare in zione delle procedure, acce-
Lipotesi di una legge re- modo unitario le diverse tipo- lerazione dei tempi, certezza
dei risultati. Tematiche, dun-
que, di enorme importanza
per la qualit dello sviluppo
territoriale e che chiedono la
massima attenzione e un
Il Consorzio Cooperazione Sociale e Solidale nato per consapevole contributo di
volont delle cooperative sociali aderenti a Legacoop idee e riflessioni.
Forl-Cesena. Si tratta di quindici cooperative che svol- Il seminario, org a n i z z a t o
gono servizi e attivit diversificate, sia per quanto attiene dalla Legacoop di Forl-Ce-
allindividuazione dei servizi ai soggetti utenti, sia per sena in collaborazione con il
Consorzio Cooperazione So-
quanto riguarda i settori produttivi che favoriscono lin-
ciale e Solidale, vuole essere
clusione di categorie deboli e svantaggiate, attraverso gli un momento di approfondi-
inserimenti al lavoro. Il Consorzio si pone, fra gli altri, mento delle implicazioni sia
gli obiettivi di offrire al territorio un vero e proprio mar- di carattere tecnico che di
chio di qualit, promuovere attivit formative, garantire profilo pi generale di tale
il rispetto e la piena applicazione dei sistemi di qualit. materia.

PubbliFest
Allestimenti per fiere e feste

SEDE SOCIALE:
FORLI
Via L. Galvani, 17/b
Tel. 0543.776211
Telex 550811 CONSCO
Telefax 0543.721140 Sede e deposito: FORLI - Via L. Galvani, 13/B
Internet: www.conscoop.it tel. 0543-722773 - fax 0543-796288
Il consorzio si aggiudica i lavori per gli impianti elettrici di 5 edifici

Le imprese associate offrono specializzazioni a vasto raggio


l Consorzio Artigiani Installatori I lavori, che sono stati acquisiti lintegrazione fra politiche dellac-

I Elettrici (CAIEC) di Cesena e Ri-


mini, che associa 221 imprese, ha
recentemente acquisito i lavori del-
grazie alla professionalit e competi-
tivit del consorzio e delle imprese
associate, ammontano a 3.656.000,00
quisto e di commercializzazione del
materiale elettrico, oggi svolta da
ELFI (di cui CAIEC detiene quote in
lunit di intervento n.8 nellArea ex euro, e saranno eseguiti dalle imprese compartecipazione con i Consorzi
Zuccherificio di Cesena CARICE assegnatarie: Soems impianti srl di CEAR di Forl e CEIR di Ravenna) e
Immobiliare S.p.A. Mercato Saraceno, SAEC snc di Ce- alla politica dei servizi specializzati,
Si tratta della realizzazione degli sena, PROG.EL snc di Longiano, unitamente alla professionalit dei
impianti elettrici di 5 edifici, ed in F.lli Venturi snc di Cesena. propri associati, si sono raggiunti li-
particolare: Tutte imprese stimate e note per velli di competitivit eccellenti.
per gli uffici dellAUSL Cesena avere gi rapporti di lavoro con CA- Questa esperienza naturalmente
(fabbricato A); RICE S.p.A. servir, poi, al Consorzio per propor-
per la ristorazione Dellintero complesso la parte im- si con grande credibilit per nuovi
(fabbricato B); pianti elettrici eseguiti dal Consorzio appalti, anche sperimentando loffer-
per uffici CARICE S.P.A cooperativo lunica assegnata ad ta chiavi in mano resa possibile
(fabbricato C); aziende locali, e questo pone la so- grazie alle diverse tipologie di spe-
per attivit commerciali (fabbr. N); ciet consortile in particolare eviden- cializzazioni delle imprese associate.
per opere comuni (fabbr. O). za perch evidentemente, grazie al-

Edmo Tersi, Responsabile Garanzia Qualit e Politiche


sociali della Cooperativa Agricola Cesenate, il nuovo
a Trascoop (Trascoop vicepresidente del Gruppo Sementi del COPA-COGECA

L Trasporti Scarl) ha ri-


cevuto in affidamento
dal Consorzio Centro Logi-
di Bruxelles, l'org a n i-
smo di rappresentanza
delle org a n i z z a z i o n i
professionali agricole e
stico per lAutotrasporto di
Forl i lavori per lesecuzio- cooperative dei quindici
ne delle opere di urbanizza- paesi dell'Unione Euro-
zione su un terreno di pro- pea. Per i prossimi quat-
priet dello stesso Consor- tro anni, Tersi, la cui no-
zio, avente una superficie di mina arrivata su pro-
circa 240 mila mq. L a m- posta della delegazione
montare dellappalto di italiana, affiancher il
circa 4,5 milioni di euro. Al- neo-eletto presidente, il
lo stato attuale sono state danese Thor Kofoed.
realizzate lavorazioni pari Con l'arrivo di un cooperatore italiano ai vertici del soda-
all80% dellappalto. Trasporti Scarl pari a 1.200 avvalse della significativa lizio, si rafforza il peso decisionale del nostro Paese, e
La Trascoop 2000 Srl (So- mq. destinati ad uffici e area collaborazione di ditte quali pi in generale del movimento cooperativo, in un settore
ciet controllata di Trascoop Soci e 1.600 mq. destinati a SIGLA (Opere di Urbaniz- di importanza strategica come quello agricolo-sementie-
Trasporti Scarl) nel dicem- magazzini, officina abitazio- zazione), Carea (Opere Edi- ro. All'interno del COPA-COGECA - spiega Tersi - il
bre 2001, dai Soci del Con- ne custode, ecc. Lammonta- li), Norma (Strutture in fer- Gruppo Sementi sta lavorando sui nuovi assetti della
sorzio, ha ricevuto in affida- re dellappalto di circa ro), Isc (Strutture in ferro), Pac, in via di revisione, con attenzione in particolare alle
mento i lavori di costruzione 15,5 milioni di euro. Coop Umanitaria (Opere tematiche delle sementi bio e alla loro coesistenza con
dei fabbricati industriali. I Allo stato attuale i lavori Edili), Querzoli (Strutture in quelle ogm. Un altro tema in agenda quello degli aiuti
fabbricati, della superficie sono in fase avanzata di rea- c.a. prefabbricate), Giovane economici alla moltiplicazione sementiera, riservati dal
coperta complessiva di circa lizzazione (circa il 65% del Strada (Fognature), Sintesis 1972 solo alle specie foraggere.
39.500 mq., sono da realiz- totale) nel complesso, men- Srl (Conglomerati Bitumi- Ritengo importante il fatto che, di qui ai prossimi anni,
zarsi in parte con strutture tre per casi specifici i lavori nosi), Romagna Cave Srl verr rafforzato ulteriormente l'impegno del sodalizio a
metalliche strallate (mq. sono stati praticamente ulti- (Conglomerati Cementizi), valorizzare le produzioni sementiere, con particolare ri-
30.000) e in parte con pre- mati e con la richiesta di Perini (Posa Conglomerati ferimento alle colture orticole e bieticole del bacino del
fabbricati di cemento (mq. usabilit in fase di presenta- Bituminosi), oltre ad altre Mediterraneo. In sede di Gruppo Sementi, inoltre, stata
9.500). zione. decine di piccole e medie dimostrata piena disponibilit a prendere in considera-
Nella superficie di prefab- La Trascoop Tr a s p o r t i aziende territoriali a suppor- zione le proposte della delegazione italiana.
bricati in cemento compre- Scarl e la Trascoop 2000 Srl to e completamento delle
sa la Nuova Sede Trascoop (General Contractor) si sono opere appaltate.

COOPERATIVA COOPERATIVA LAVORATORI


BRACCIANTI
RIMINESE Vendita diretta di alloggi
AGRICOLO-FORESTALE CESENATE
senza costi di mediazione con possibilit 47026 S. PIERO IN BAGNO (FC)
di mutuo a tasso agevolato P.zza S. Allende, 44
Soc. Coop. a r.l. 47900 Rimini, Via Emilia, 113 Tel. 0543 917726 - Fax. 0543 918510
Viale dellIndustria, 16 - FORLI
Tel 0541/748711 Fax 0541/741758 C. Operativo: Via Crocesanta, 176 - Tel. 0543 917547
Tel. 0543.720661 - Fax 0543.724126
e-mail: clafc@tin.it
Uscita dal DPR 602 per la coop di Cesenatico

Allannuale edizione dellOrtomac, tenuta dal 23 al 25


gennaio presso il quartiere fieristico di Cesena, il Con-
sorzio Agrario ha presentato ufficialmente per la prima
volta la nuova macchina
per la disinfezione del
terreno come metodo al-
Pensioni pi alte, misurate sul salario reale ternativo alluso del
bromuro di metile ormai
bandito dalle pratiche

G
randi novit per i la- agricole.
voratori della coope- Si tratta di una macchi-
rativa sociale CCILS na che, grazie allausilio
di Cesenatico, che con un di una caldaia a vapore, produce appunto del vapore ac-
fatturato di oltre cinque mi- queo che, previa opportuna copertura della parcella di
liardi delle vecchie lire rap- terreno da trattare con un telo di PE, viene insufflato al
presenta una delle realt pi di sotto del telo e lasciato in sito per un giorno fino al
importanti e consolidate, raffreddamento. Le elevate temperature raggiunte dal va-
della cooperazione sociale di pore acqueo vengono trasmesse al terreno e alla profon-
tipo B (inserimenti lavorati- dit di 20 cm raggiungono ancora i 70/80 C necessari
vi), della nostra provincia. per ottenere i migliori risultati. Tale trattamento consente
Da gennaio , infatti, la di uccidere la maggior parte dei patogeni presenti nel ter-
cooperativa uscita dal dpr reno e accumulati dalle precedenti coltivazioni oltre che
602, decidendo di corrispon- inattivare la maggior parte dei semi di erbe infestanti; il
dere ai propri dipendenti risultato che a coltura avanzata possibile vedere un
contributi pensionistici sul funzione sociale che sta alla ge infine la decisione del appezzamento praticamente libero da erbacce e con pian-
salario reale, e non pi sul base del vincolo associativo Consiglio di Amministrazio- te sane senza necessit di interventi fitoiatrici supple-
convenzionale come la leg- espresso dalla coop CCILS. ne di definire per tutti i lavo- mentari. Questi risultati sono documentabili grazie a foto
ge prevede. Luscita dal salario medio ratori il superamento del 1 e esperienze realizzate in alcune prove sperimentali con-
La scelta, che sicura- convenzionale riguarda una livello di inquadramento dotte dal Consorzio Agrario presso lAzienda F.lli Tra-
mente rilevante, conferma la media di 130 dipendenti che contrattuale e di portare alla monti di S.Mauro Pascoli dove un prototipo della stessa
tradizionale attenzione della raggiunge picchi di 180 du- decisione della A s s e m b l e a macchina stata testata nel corso della passata stagione
cooperativa al miglioramen- rante la stagione estiva, e dei soci la distibuzione di agricola, con molte soddisfazioni da parte dellagricolto-
to delle condizioni di vita impegna la cooperativa per parte degli utili di gestione re che ha addirittura acquistato la stessa macchina per la
dei propri lavoratori (nella una cifra che sar pari, per il attraverso la corresponsione propria azienda di orientamento prettamente orticolo.
quasi totalit soci) e rafforza 2003, ad oltre 35.000 euro. del ristorno.
il perseguimento di quella A questa scelta si aggiun-

Il gruppo di lavoro paritetico traccia il bilancio del secondo semestre 2002


i conferma proficua coop presente a tutte e 10 le dente di Atr e quello di Uni-

S lattivit del Gruppo di


lavoro paritetico sulla
cooperazione sociale della
riunioni), a riprova della co-
mune volont di affrontare
in modo sistematico le tema-
ca (oggi Hera): lazienda di
trasporti romagnola, che ha
dimostrato particolare sensi-
provincia di Forl-Cesena tiche legate alla cooperazio- bilit nei confronti della
anche per il secondo seme- ne sociale, che sempre pi si cooperazione sociale, ha
stre del 2002, nel corso del caratterizza per qualit del confermato e rinnovato le della collettivit". Nei pros-
quale si rinnovato limpe- servizio, solidit di impresa, due convenzioni gi esisten- simi mesi, il Gruppo di lavo-
gno del sodalizio per cono- democrazia e solidariet in- ti con le due coop. sociali ro sar impegnato nellesa-
scere lentit del fenomeno terna tra i soggetti in campo. Cils di Cesena e Humanitas me e valutazione delle sche-
cooperazione sociale sul ter- Al 31 dicembre dello scorso di Roncofreddo, mentre la de di monitoraggio che ver-
ritorio e le problematiche anno, le cooperative iscritte dirigenza di Unica, pur in un ranno inviate alle cooperati-
connesse allattivit propria al registro Anagrafico risul- mutato quadro di riferimen- ve sociali, nella definizione
di tali organismi, con un co- tavano 81, con un incremen- to, si resa disponibile ad zionali. La cooperazione so- delle modalit di collabora-
stante richiamo agli Enti ap- to di 3 unit rispetto a giu- appoggiare i rinnovi delle ciale appare in crescita e il zione tra lOsservatorio sul-
paltanti per una pi corretta gno. Di queste, 42 apparten- convenzioni in essere. fenomeno viene seguito con la Cooperazione sociale e
applicazione della normativa gono alla circoscrizione di Soddisfazione per il lavo- attenzione sotto i diversi lUniversit attraverso A. I.
specifica. La partecipazione Forl e 39 a quella di Cese- ro svolto stata espressa dal profili dellorganismo colle- C. CO.N., nella messa a
dei membri del Gruppo - na, mentre 2 sono i Consorzi Responsabile del gruppo, giale che, grazie a un co- punto dei criteri di collabo-
rappresentanti delle tre cen- con valenza esterna, il cui Domenico Settanni: "abbia- stante monitoraggio, in razione con listituendo Os-
trali cooperative, dei sinda- ruolo diventa strategico so- mo ottenuto buoni risultati grado di supportare tale atti- servatorio del Terzo Settore,
cati, dellamministrazione prattutto per le cooperative sul fronte sia della salva- vit facendola emergere al- oltre che nella predisposi-
provinciale e della direzione di inserimento di soggetti guardia delle regole nel deli- linterno di un welfare terri- zione di incontri mirati con
provinciale del lavoro - svantaggiati. Positivi sono cato settore, che nella salva- toriale che deve porre tali Enti appaltanti.
stata costante (con Lega- stati gli incontri con il presi- guardia dei livelli occupa- societ al centro dei bisogni

Direzione e Sede Legale


Via P. Maroncelli, 10 - 47100 FORLI
Tel. 0543 452411 - Fax 0543 31762
E-mail: unipol@assicoopromagna.it
Le donne occupano posti chiave nellazienda

Nel 2003 la cooperativa punta ai 14 milioni di euro


di fatturato, grazie ad appalti di grandi dimensioni
una presenza femmi- no venute a creare con la sulle grandi opere, pur man- no da legare anche alla par-

nile ridotta nei nume-


ri, ma estremamente
qualificata nei ruoli, quella
committenza privata spie-
ga Mainetti siamo riusciti
a qualificare la nostra offerta
tenendo unaltissima percen-
tuale di lavoro in sede e nel-
le regioni limitrofe. Anche i
ticolare impostazione che
Idrotermica ha dato al rap-
porto con i propri dipendenti
che Idrotermica Coop pu prossimi grandi lavori che e soci. La scelta di collegare
vantare alla vigilia dell8 speriamo ci vedano protago- parte della retribuzione ai ri-
marzo. Il presidente della nisti sono su scala locale: il sultati dellazienda si rive-
cooperativa, Agostino Mai- completamento dellospeda- lata vincente ed ha portato
netti, lo sa: Serena Savelli le di Forl, lIRST di Meldo- ad una crescita costante dei avanti dal 1989, stato rin-
(responsabile ufficio acqui- la ed i nuovi Iper Conad-Le- risultati e della motivazione novato, quindi, per altri 4
sti), Catia Ridolfi (responsa- clerc di Forl e Rimini. del personale. Laccordo sul anni. Ma la forza e la coe-
bile contabilit e affari gene- Risultati di questo tipo so- salario variabile, che va sione del gruppo di Idroter-
rali), Fiorella Barchi (segre- mica si nota anche, e soprat-
teria di produzione), Debo- tutto, in altre occasioni,
rah Amati (segreteria tecnica quando ci si trova al di fuori
e commerciale) e Patrizia dellambiente lavorativo,
Ponti (segreteria generale), per una serata di relax e di-
rappresentano per lazienda vertimento. Alla festa di Na-
un patrimonio di competen- tale della cooperativa, tenuta
ze prezioso ed insostituibile. il 21 dicembre al Jolly Hotel
Sono solo 5 donne, su 33 so- di Castrocaro, hanno parte-
ci e dipendenti, ma tutte oc- cipato pi di 100 persone,
cupano posti chiave per il tra soci, dipendenti e fami-
buon andamento di Idroter- gliari. Le sorprese non sono
mica Coop. mancate: Mainetti ha vestito
anche merito loro se la- i panni di Babbo Natale per i
zienda forlivese, leader nel bambini, mentre il socio
settore dellimpiantistica ter- Giuseppe Fumia stato il
moidraulica, ha compiuto un fortunato vincitore di una
percorso di crescita che la settimana in un villaggio va-
porter nel 2003 a raggiun- canze. La serata stata an-
gere, per la prima volta, i 14 che loccasione per salutare
milioni di euro di fatturato. e premiare Gino Bianchi,
Nonostante la situazione socio che dopo tanti anni di
critica del mercato ed alcune onorato servizio potr go-
situazioni negative che si so- dersi una meritata pensione.

Una casa a misura duomo