Sei sulla pagina 1di 44

Universit degli Studi Di Milano - Laurea in Scienze Infermieristiche

Polo Didattico Ospedale Civile Legnano - AA 2011-2012


Corso di Fisiologia Umana

SISTEMA
NERVOSO
seconda parte

Dr. ALBERTO VIGNATI


Medicina Nucleare Legnano
SISTEMA PIRAMIDALE

un sistema di vie nervose che provvedono ai movimenti volontari dei muscoli,


attraverso un circuito neuronale costituito da due tratti.

I neuroni del primo tratto originano dalla corteccia cerebrale pre-centrale:

- il fascio cortico-spinale laterale (crociato) comprende l80% delle fibre, decussa


nel bulbo e fa sinapsi nelle corna anteriori del midollo.
- il fascio cortico-spinale anteriore (diretto) decussa nel midollo allo stesso livello
della sinapsi
- il fascio cortico-bulbare decussa nel tronco e raggiunge i nuclei motori dei nn.
cranici

I neuroni nel secondo tratto originano nelle corna anteriori del midollo e nei
nuclei motori nei nn.cranici.
VIE PIRAMIDALI
VIE PIRAMIDALI
VIE PIRAMIDALI
Il riflesso cutaneo plantare si evoca strisciando
una punta smussata lungo il margine laterale
della pianta del piede.
Nell'adulto normale si induce la flessione
plantare delle dita del piede.
In presenza di lesioni a carico del sistema
piramidale, mancando il controllo superiore del
riflesso spinale di allontanamento dagli stimoli
nocivi, la manovra evoca l'estensione dorsale Questa risposta in
dell'alluce e l'apertura "a ventaglio" delle dita. estensione normale nei
neonati (fino a 12-18
mesi), nei quali lo sviluppo
del sistema nervoso
centrale non ancora
completo,
SISTEMA EXTRAPIRAMIDALE

un insieme di vie e di centri nervosi, separati dal sistema piramidale, che


agiscono sulla corretta azione motoria, controllando tono muscolare,
postura e reazioni istintive orientate, adattandole al movimento volontario,
coordinato dal sistema piramidale.

La sua azione si esplica cos nei movimenti volontari, in quelli associati


(come il pendolamento degli arti superiori durante la marcia), nella
scrittura, nella masticazione, nella fonazione, nella deglutizione, nella
stazione eretta, ecc.

La rottura dell'equilibrio fra i vari circuiti alla base dei disordini motori
extrapiramidali (p.es. morbo di Parkinson, corea di Huntington)
SISTEMA EXTRAPIRAMIDALE
Il sistema extrapiramidale un sistema complesso, a pi sinapsi, comprendente:
- nuclei della base (corpo striato=caudato+putamen, globo pallido),
- sostanza nera, nucleo rosso, nucleo sottotalamico
- formazione reticolare di bulbo e ponte, nuclei vestibolari.
Esso connesso con talamo, corteccia cerebrale, cervelletto
Modula, in definitiva, i motoneuroni delle corna anteriori del midollo spinale.
Si distinguono quindi:
Via Cortico-Strio-Pallido-Rubro-(Reticolo)-Spinale
Via Cortico-Strio-Pallido-Ipotalamo-Olivo-Spinale
Via Cortico-Ponto-Cerebellare-Rubro-Reticolo-Spinale

striato

substantia nigra
Scintigrafia recettori
dopaminergici
Il morbo di Parkinson una malattia neurodegenerativa cronica e progressiva
dovuta alla degenerazione della substantia nigra, un nucleo situato a livello
del mesencefalo con la conseguente diminuzione di dopamina nelle sinapsi
nigro-striatali.
I suoi sintomi principali sono tre:
1)tremore a riposo (spec. arti)
2)bradicinesia = movimenti lenti
3)rigidit corporea (tubo)
Ogni movimento diventa complicato,
con una progressiva riduzione
della mobilit e autonomia.
VIE EXTRAPIRAMIDALI
(motricit di sostegno)
VIE EXTRAPIRAMIDALI
(motricit di sostegno)
CERVELLETTO

Coordina le uscite motorie: movimenti


degli arti e degli occhi, equilibrio.

Il cervelletto riceve dalla corteccia


cerebrale una "copia" di ciascun
comando motorio volontario e riceve
dalla periferia informazioni relative
all'effettivo svolgimento dello schema
motorio impartito.

Qualora sussistano delle differenze tra il movimento programmato e quello


effettivamente realizzato, il cervelletto in grado di correggere, con un
meccanismo di feedback negativo, il movimento durante il suo realizzarsi.
Per tale motivo si dice che il cervelletto un "comparatore".

Tale compito di coordinazione del cervelletto presente anche per le


funzioni cognitive.

Un danno cerebellare quindi non impedisce l'utilizzo di una determinata


funzione ma ne riduce l'efficienza.
CERVELLETTO

ARCHI-CEREBELLO (o vestibolo-cerebello):
verme + flocculi
-> nucleo del fastigio
<-> nuclei vestibolari
equilibrio, tono, postura

PALEO-CEREBELLO (o spino-cerebello):
para-verme
-> nucleo emboliforme
<-> midollo spinale
coordinamento tono-fasico

NEO-CEREBELLO (o cortico-cerebello):
emisferi mediolaterali
-> nucleo dentato
<-> corteccia cerebrale
schemi di movimento (fasica)
SISTEMA LIMBICO
COMPLESSA RETE CEREBRALE
EMOZIONI, SOPRAVVIVENZA, COMPORTAMENTO SOCIO-SESSUALE
MOTIVAZIONE, APPRENDIMENTO
SCHEMI DI DIFESA,
ALIMENTAZIONE
(FAME, SETE),
SESSUALITA,
AGGRESSIVITA, ecc.

ORMONI
SN AUTONOMO
SN SOMATICO
Il morbo di Alzheimer la forma pi comune di demenza degenerativa ed
invalidante ad esordio spec. >65 anni.
E dovuta alla presenza di placche di beta-amilode ed ammassi neuro-
fibrillari (con alterata proteina tau) che inducono degenerazione dei neuroni
colinergici in particolare della corteccia temporale e dellippocampo.
I suoi sintomi sono progressivamente:
1)deficit memoria recente
2)confusione, alter. umore, alter. linguaggio
3)deficit memoria a lungo termine, disfunzioni sensoriali
Spesso i pz sono inconsapevoli della loro malattia.
RMI e PET mostrano atrofia cerebrale ed ipoperfusione temporale
SOMATOTOPIA
DECUSSAZIONE
LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI DEL
LINGUAGGIO
associazione

comprensione
schemi motori
Guarda la carta e dimmi il COLORE non la parola !!!

Conflitti sinistra destra.


La parte destra del tuo cervello cerca di dire il colore mentre
la parte sinistra legge la parola.
TIROSINA
OH tirosina-idrossilasi
DOPA (DI-IDROSSI-FENILALANINA)
COOH dopa-decarbossilasi
degradazione:
DOPAMINA (neuroni dopaminergici)
MAO
(monoamino-
OH dopamina--idrossilasi ossidasi)
COMT
NORADRENALINA (neuroni adrenergici) (catecol-o-
metil-
CH3 feniletanolamine-N- trasferasi)
metiltrasferasi ac. omovanilico ac.
idrossi-mandelico
normetadrenalina
ADRENALINA (midollare surrene) metadrenalina
TRIPTOFANO
OH triptofano-idrossilasi
5-OH-TRIPTOFANO
COOH 5-OH-triptofano-decarbossilasi
SEROTONINA (5-OH-triptamina)
RE-UPTAKE MELATONINA (pineale)

degradazione mono-amino-ossidasi (MAO)


+aldeide-deidrogenasi
ACIDO 5-OH-INDOL-ACETICO