Sei sulla pagina 1di 48

OTTOBRE 1984 - ANNO I - N. 1 IN COLLABORAZIONE CON IL MANIFESTO - LIRE 4.

000

L'uso dei piaceri


di Michel Foucault
Testi di Pierre Bourdieu e Salvatore Natoli

G.L. Beccaria: Tutte le poesie di Giorgio Caproni


G. Corsini: Elezioni in Usa. Chi e il sovrano?
P. Partner: I denari del Vaticano da Avignone a Marcinku
Sommario
4 Il Libro del Mese
1
Michel Foucault: "L uso dei piaceri"
Testi di Pierre Bourdieu e Salvatore Natoli

17 Finestra sul Mondo


G. Corsini: Le elezioni americane, chi e il sovrano ?
M. Tirabassi: La storia delle altre sta diventando storia

27 Il Salvagente
C. Cases: Iricordidimenticati di Bertolt Brecht

35 La Traduzione
L. Terzi: Swift in italiano, metrica o poesia
t

40 Libri di Testo
Le nuove antologie (a cura di L. De Federicis)
RECENSORE AUTORE TITOLO
7 iGian Giacomo Migone Bianca Guidetti Serra Le schedature Fiat
9 Alberto Caracciolo Franco Venturi I grandi stati dell'Occidente
13 Aldo Natoli Massimo L. Salvadori Storia del pensiero comunista
14 Rina Gagliardi Arrigo Levi La De nell'Italia che cambia
Adrian Lyttelton Luisa Passerini Torino operaia e fascismo: una storia orale
15 Paolo Murialdi Giancarlo Carcano Il fascismo e la stampa 1922-1925
Sandro Medici Loris Rizzi Lo sguardo del potere
20 M a s s i m o S. Giannini Gruppo di Milano Verso una nuova costituzione
24 Peter Partner Richard Hammer The Vatican Connection
Rupert Cornwell Il banchiere di Dio
Benny Lai I segreti del Vaticano
Grado G. Merlo Jean Leclercq I monaci e il matrimonio
26 Antonio Melis Carlos Germn Belli 0 Fata cibernetica
29 Gian Luigi Beccaria Giorgio Caproni Tutte le poesie
Massimo R o m a n o Giorgio Caproni Il labirinto
30 Rossana Rossanda Ford Madox Ford Il buon soldato
Anna Chiarloni Christa Wolf Cassandra
31 Giovanna Ioli Albino Pierro Si po ' nu jurne
33 Franco Marenco Anthony Burgess Gli strumenti delle tenebre
36 Gianni R o n d o l i n o Roman Polanski Roman Polanski
37 Enrico Castelnuovo Roland Bechmann Le radici delle cattedrali
Paolo Parrini Karl R. Popper Poscritto alla logica della scoperta scientifica
42 Giorgio Bignami Franco Della Pemta (a cura di) Malattia e medicina
43 Gian Luigi Vaccarino Riccardo Parboni Moneta e monetarismo
45 Alfredo Milanaccio G J . Lumsden ed E.O. Wilson II fuoco d Prometeo
46 Tullio Regge Jayant Narlikar La struttura dell' universo
HNDICF
N. 1
pag. 3

d e i libri d e l m e s e H I

Ai lettori E ai recensori
di alcuni mesi fa la notizia che in Arizona un giovane 1. Si raccomanda di scrivere chiaramente, ci che sem-
diventato ladro, sembra, per abuso di telefilm, ha ricevu- bra ovvio ma sappiamo che non lo affatto. Scrivere chia-
to come condanna l'ingiunzione di leggere vari libri e ri- ramente significa pi o meno: a) evitare viluppi sintattici
ferirne periodicamente al giudice. poco perspicui (ci che non significa non complessi, anzi
Non ci eravamo resi conto che la lettura di libri fosse or- un discorso sintatticamente complesso ma bene articolato
mai considerata come una punizione da infliggere alla pu essere molto pi chiaro di tante frasette asmatiche);
stregua della galera ma, se cos fosse, questo giornale non b) evitare la falsa concettualit, l'uso di un lessico stereoti-
avrebbe senso. Esso fatto per far leggere i libri, non per po che simula un pensiero che non c', come nel sinistre-
punizione, ma come strumenti di conoscenza e fonti di se, nel sindacalese e altri gerghi, non ultimo il giornalese;
piacere. Che i libri non scompaiono dipende anche dal c) evitare per anche una concettualizzazione corretta ma
modo in cui vengono discussi; dalla qualit dell'informa- troppo specialistica, poich il tipo di recensione che ci
zione che li riguarda; in ultima analisi, dalla possibilit proponiamo destinato di massima a un lettore generico,
che diventino un elemento vitale nella vita privata e col- mentre lo specialista legger solo per vedere che giudizio
lettiva di un numero crescente di persone. si d ed importante che non si vergogni di aver letto,
Siamo un gruppo di lettori, per cos dire di professione, non che si edifichi.
impegnati in vari settori della cultura, ma unificati dalla 2. La recensione pu avere un tono saggistico ma non
fiducia nel valore democratico dell'informazione e un saggio. Il saggio implica una connivenza del lettore
dell' autonomia di giudizio. Alcuni di noi hanno un rap- che non di tipo specialistico ma culturale, si rivolge ai
porto politico e di lavoro di lunga data col Manifesto. Alla happy few che sono culturalmente informati. Perci il
sua indipendenza giornalistica ed editoriale tutti noi saggio si permette molte allusioni e ammiccamenti e ha il
guardiamo come ad un esempio. Da esso abbiamo ricevu- diritto di divagare per introdurre considerazioni soggetti-
to assistenza tecnica e morale. L'Indice, tuttavia, nasce ve che si suppone riscuotano l'interesse del lettore anche
come iniziativa autonoma, anche sotto l'aspetto proprie- se non c'entrano molto con l'argomento. Tutto questo va
tario: siamo editi da una cooperativa costituita in primo benissimo nel saggio o nella recensione saggistica, ma non
luogo da chi al giornale lavora e da alcuni sostenitori della in quella normale, in cui si pu al massimo, per cos dire,
prima ora; u n nucleo promotore che, ci auguriamo, si al- sentirne l'aroma in qualche battuta o in qualche riferi-
largher col contributo di molti nostri lettori e collabora- mento a fatti esterni universalmente noti.
tori.
3. Tuttavia il recensore (a differenza dello schedatore)
Il nostro primo scopo quello di informare su ci che, a non pu naturalmente ignorare quel che c' dietro il libro
nostro avviso, di pi valido offre il mercato del libro. e che in un'opera di carattere non creativo generalmente
Inoltre, cercheremo di farlo in maniera tale da offrire al gi esplicitato nell'opera stessa, sicch viene d'obbligo ri-
lettore alcuni elementi per formarsi un proprio giudizio, ferirne. Il recensore pu dissentire dall'autore nel valutare
accanto a quello del recensore. Lo strumento pi rapido di il rapporto tra la sua opera e il contesto in cui si situa, p.
cui disponiamo quello di una scheda che, in poche ri- es. ritenere che il materiale da lui offerto sia interessante
ghe, dia conto del contenuto del libro trattato e, talora, ma che egli non sia stato in grado di trarne conseguenze
abbozzi un primo giudizio. Le recensioni saranno di lun- atte a modificare sensibilmente l'immagine che del suo
ghezza variabile, a seconda dell'importanza che attribuia- oggetto era stata presentata in precedenza, ovvero se ne
mo al libro e anche delle difficolt che lo specialista deve serva per distorcere arbitrariamente tale immagine. Que-
affrontare per farsi capire. Partiamo dall'ipotesi che non sto sfasamento tra intenzioni e risultati sta solitamente al
vi debba essere separazione tra specialisti e lettori comuni centro della valutazione, tenendo peraltro presente che lo
ma, per facilitare la comunicazione tra di essi, pu essere scopo del giornale essendo quello di operare una selezio-
necessaria qualche parola in pi. La chiarezza il nostro ne nell'attuale sovrabbondante produzione libraria, al-
obiettivo pi importante, ma anche il pi difficile da rag- meno le recensioni, se non le schede, dovrebbero essere di
giungere, specie nel trattare argomenti in cui il linguag- regola positive e la critica una "critique des beauts". Ci
gio tecnico , o appare, obbiettivamente necessario. non significa che quando si vuole statuire un esempio,
Tutto ci corrisponde ad un'altra esigenza che riteniamo cio quando si ritiene un libro molto rappresentativo per
fondamentale: avvicinare i diversi settori della conoscen- una tendenza deteriore o per Io scadimento degli studi o
za, favorendo comunicazione, scambi, collaborazione tra per la mercificazione della scienza, non si possa eccezio-
di essi. Per questo ci occuperemo di libri di ogni tipo: sag- nalmente alzare la mannaia.
gistica, letteratura, scienze, manuali (a cui dedicato un 4. La disposizione di una recensione va lasciata benin-
apposito settore del giornale), senza escludere a priori ti- teso all'arbitrio del recensore, che sapr lui se cominciare
toli che potrebbero essere classificati di puro divertimen- con l'esposizione del contenuto del libro o dello stato del-
to. Se per ora vi sono (e vi saranno ancora, nei prossimi la questione oppure con considerazioni generali sulla ma-
numeri) delle esclusioni perch non semplice riuscire a lignit dei tempi e l'impotenza della scienza (nel qual ca-
discutere con competenza di ogni cosa. Cercheremo di of- so si cadrebbe nella recensione saggistica). L'essenziale
frire qualche informazione che non pretende di essere che il primo momento, cio l'esposizione del contenuto,
organica n, tantomeno, esaustiva su ci che di signifi- abbia la centralit che gli spetta. La connivenza con il let-
cativo si pubblica all'estero. tore non dovendo stabilirsi, come abbiamo visto, n attra-
Anche le rubriche trattano di libri e contengono per lo verso l'interesse specialistico n attraverso lusinghe forma-
pi delle vere e proprie recensioni. I nostri recensori espri- li, solo il contenuto a determinarla. In principio f u il
mono liberamente le loro opinioni di cui sono i soli re- riassunto. Anche qui i tipi di riassunto possibili, purch
sponsabili. Il nostro giudizio (o arbitrio) si esercita, inve- siano chiari, sono infiniti e non vogliamo precluderne
ce, nella scelta dei libri da prendere in considerazione, dei nessuno. Ma l'essenziale che attraverso l'esposizione il
recensori chiamati a farlo, persino di un "libro del mese" lettore acquisisca una chiara idea di quel che il libro e
che non un piccolo premio letterario, bens in qual- delle ragioni della sua importanza, ragioni che hanno fat-
che modo il nostro vero editoriale. to s che lo scegliessimo a differenza di altri.
(g-gm.) (c.c.)
Il libro del Mese
Non chiedetemi chi sono. Un profilo di Michel Foucault
d Pierre Bourdieu
"Plus d'un, comme moisans dou- Michel Foucault e cos contribuire a Foucault marxista o antimarxista, dirsi marxista per marxisteggiare intellettuali ci sono persone cui pi
te, crivent pour n 'avoir plus de vi- proteggerlo dalla riduzione a una veramente un filosofo? senza dirlo, ancora marxista questo facile dirsi di sinistra, quando la si-
sage. Ne me demandez pas qui je qualsiasi delle sue propriet classifi- Si potrebbe incominciare dal rap- marxismo che non si palesa? Stesso nistra al potere. Per Michel Fou-
suis et ne me dites pas de noter le catorie. Storico della conoscenza, porto con Marx e dimostrare come il atteggiamento nei confronti dei filo- cault, e per alcuni altri, pi diffici-
mme: c'est une morale d'tat civil; storico della scienza, storico delle suo tentativo di porre in termini ma- sofi. Foucault associava alla scoperta le se non impossibile: con grande
elle rgit nos papiers ". * scienze sociali, social scientist, filo- terialistici il problema della cono- vera di Nietzsche la determinazione scandalo degli opportunisti,che de-
Michel Foucault, L'archeologie du sofo, storico della filosofia, filosofo scenza questa una delle possibi- del proprio progetto eppure ha af- nunciavano "il silenzio degli intel-
savoir. della storia, filosofo della storia delle li definizioni parziali del progetto di fermato che l'unico modo di rendere lettuali".
scienze: di queste etichette, restritti- Foucault non si lasci ridurre omaggio a pensieri analoghi a quello Ma conviene seguire nel corso
La vicinanza oggettiva non predi-
spone a percepire e a valutare ogget- stesso dell'opera il dialogo con Marx
tivamente: non sono affatto sicuro e, in secondo luogo, con i marxi-
che, in fatto di conoscenza, esista un sti dialogo sempre presente nelle
privilegio del compatriota, del con- opere che trattano di scienza sociale.
temporaneo, del condiscepolo e del Nella Storia della follia nell'et clas-
collega. Francese, allievo dell'Eco/*? sica e in Nascita della clinica Fou-

Leggere Foucault
Normale alla met degli anni '40, cault connette in maniera esplicita
Michel Foucault deve a queste radici l'internamento dei folli negli asili e
storiche le sue referenze, i suoi punti dei poveri negli ospedali ad una teo-
di partenza e di rottura, i suoi luo- ria dei rapporti di produzione e ad
ghi di riferimento, i suoi fari e le sue un'economia politica della povert.
fobie, in breve tutto ci che contri- I folli esigono un trattamento spe-
buisce a costituire un progetto intel- ciale perch sono i membri pi radi-
lettuale. Con uno scarto temporale Per una ricostruzione complessiva dei per- 2) Analitica del potere. I corpi disciplinari calmente improduttivi della popola-
minimo, ho con lui in comune tutte corsi teorici di Foucault e per una lettura mi- corrispondono a pratiche di disciplinamento zione. Non diversamente, agli inizi
queste propriet determinanti e rata dei suoi scritti, vale la pena raccoglierne e a rapporti di forza e di dominio. Di ci si d dell'et liberale, ospedale e clinica
molte altre, che ne sono la conse- sono nati dal valore d'uso posseduto
alcuni soprattutto ipi noti,per gruppi tema- conto in Sorvegliare e punire, Nascita della
guenza, in particolare per quanto ri- dai corpi dei poveri: "Ecco dunque i
tici. prigione, Einaudi, Torino 1976. L'analitica termini del contratto che stringono
guarda la visione del mondo intel- del potere non tende ad accertare relazioni
1) Epistemologia storica. Storia della follia ricchezza e povert nell'organizza-
lettuale. Non a caso eravamo cos
nell'et classica, Rizzoli, Milano 1976. In semplici, nella forma causa-effetto o struttu- zione dell'esperienza clinica.
spesso nello stesso campo, vale a dire
alleati nei confronti dei medesimi quest'opera Foucault analizza il passaggio ra-sovrastruttura secondo la vulgata corrente, L'ospedale trova, in un regime di li-
avversari e confusi talvolta dagli stes- dalla follia alla psichiatria, e la messa fuori ma relazioni di corrispondenza, contiguit, bert economica, la possibilit di in-
si nemici. Il mio tentativo di contri- campo definitiva della voce della follia a van- implicazione indiretta, che tengono ferma teressare il ricco; la clinica costituisce
buire a una giusta comprensione di taggio di un sapere della follia. Ma la follia l'indipendenza, come anche il polimorfismo il progressivo versamento dell'altra
Michel Foucault e della sua opera, di delle funzioni e l'autonomia degli ambiti parte contraente, essa , da parte del
messa a tacere dal sapere preme e ritorna: il
tracciare una storia intellettuale povero, l'interesse pagato per la ca-
luogo bianco e l'assenza di senso insidiano (una causa pu essere insieme effetto e vice-
dell'universo nel quale, e contro il pitalizzazione ospedaliera consentita
costantemente l'andatura ordinata dei discor- versa). dal ricco".
quale, si formato il suo pensiero, si. In questo saggio, che per molti versi resta
anch'esso esposto al pericolo dell'as- 3) Analitica del s e processi di soggettiva- Qui il preziosismo dello stile com-
lo scritto paradigmatico ed il modello insupe- zione. La storia della sessualit: il primo volu- porta un'eufemizzazione che non
similazione o della dissomiglianza
fittizie. Entrambe, dato che si tratta rato delle ricerche foucaultiane, sono conte- me della storia, La volont di sapere, Feltri- riesce a mascherare una forma d'eco-
di un pensatore celebre, offrono nuti in nuce i motivi teorici delle indagini nelli, Milano 1978 si situa ancora all'interno nomicismo abbastanza brutale.
profitti simbolici importanti. successive. Uno dei temi dominanti delle ri- dell'analitica del potere, il secondo ed il terzo L'ospedale il luogo d'uno scambio
cerche foucaultiane relativo alla genesi dei volume studiano invece la costituzione del s ineguale: l'acquietarsi della soffe-
L'intenzione per si giustifica, io
saperi e pi propriamente all'esplicazione dei e la personalit etica. Cfr. L'uso dei piaceri, renza in cambio dello sguardo clini-
credo, perch si tratta d'un intellet-
nessi che presiedono alla costituzione dei cor- co sul corpo offerto in spettacolo. In
tuale come Michel Foucault che non Feltrinelli, Milano 1948; Le souci de soi, Gal-
pi disciplinari: si tratta, in sostanza, di chiari- Sorvegliare e punire Foucault si ap-
ha mai smesso di lavorare per rom- limard Paris 1948, di prossima pubblicazione
re la connessione tra le condizioni generative pella esplicitamente all'analisi mar-
pere con il compiacimento narcisisti- anche in italiano. Vale la pena, infine, segna- xista del capitale costante e del capi-
co dell'intellettuale profeta e per di un sapere e l'esposizione formale del mo- lare il testo La lotta della castit in I compor- tale variabile per spiegare la prigione
cercare di conoscersi non nel singola- dello, in una parola, della sua dommatica. tamenti sessuali, Fidaudi, Torino 1983. Si ag- moderna come strumento di potere
re ma nel generico, nell'impensato Quest'esigenza teorica soddisfatta da saggi giungano inoltre gli Scritti letterari, Feltrinel- disciplinare e connette l'accumula-
del "pensatore". Durante una delle quali, La nascita della clinica. Il ruolo della li, Milano 1971 appena ristampati dallo stesso zione degli uomini a quella del capi-
nostre ultime conversazioni avevamo
medicina nella costituzione delle scienze editore. Lasciamo alla curiosit del lettore il tale. Nella Storia della sessualit,
lungamente rievocato alcune svolte
u m a n e , Einaudi, Torino 1969; Le parole e le compito di completare la bibliografia, tenen- rapporta la disciplina e la regola-
decisive del nostro itinerario intellet-
cose, Rizzoli, Milano 1967. Su un piano pi do conto dei molteplici interventi, conferen- mentazione della sessualit alle esi-
tuale. In quell'occasione, avevamo
astratto e metodologico questa problematica genze produttive e scorge nel potere
progettato con uno dei nostri ze ed articoli di racconti sparsi su varie ed ete-
esposta ne L'archeologia del sapere, Rizzoli, esercitato sui corpi una tra le condi-
amici comuni, Didier Eribon di rogenee riviste. zioni favorevoli allo sviluppo econo-
evocare, attraverso dei dialoghi, il Milano 1975.
(s.n.) mico e all'accumulazione capitalisti-
substrato inseparabilmente sociale
ca. Si potrebbero cos moltiplicare i
ed intellettuale d'un progetto intel-
testi che possiedono consonanze for-
lettuale: incontri decisivi, letture de-
temente marxiste sia nella maniera
terminanti, originari rifiuti e figure
di pensare sia nel linguaggio.
esemplari. Volevamo farlo nella ma-
niera pi sincera, pi obiettiva pos-
sibile. Tante cose del tutto intime,
spesso dissimulate con cura persino ve in modo abusivo, nessuna potreb- all'alternativa tra marxismo e anti- nietzschiano consiste nell'utilizzarli,
agli amici pi vicini, che ci sembrava be definirlo. Ricordare il suo rappor- marxismo. Non si tratta n dell'uno nel farne un uso qualsiasi, anche de- Il politico allo stato puro emerge
giusto dire, rendere pubbliche come to con il marxismo o con la tradizio- n dell'altro n di tutti e due insie- formante. Anche a costo di scanda- con il concetto di "potere-sapere" e
contributo all'opera di chiarificazio- ne francese di epistemologia (Bache- me. Gli capitava di citare Marx, di lizzare i commentatori. potrebbe apparire una radicale rot-
ne del lavoro intellettuale, malgrado lard, Canguilhem), di storia della fi- prenderne a prestito delle frasi o dei Questo rapporto liberato nei ri- tura con la teoria marxista della do-
la nostra comune ripugnanza per losofia o delle scienze (Guroult, concetti. Ma quando questo accade- guardi delle identit classificatorie minazione e con l'economicismo,
ogni forma di confessione personale. Vuillemin), di antropologia o di sto- va, non era secondo il modo che non poi cos facile. Basta pensare a che delia propriet dei mezzi di pro-
ria s t r u t t u r a l e (Lvi-Strauss, s'impone allorch si vuole essere Sartre, che consacrava il marxismo duzione fa l'esclusivo (o il principa-
Dumzil), o ancora i suoi rapporti considerati marxisti. Non era nella come "filosofia insuperabile del no- le) principio della produzione: "il
con Nietzsche, con Artaud o con Ba- linea celebrata dai giornali e dalle ri- stro tempo". Ne derivano profitti potere viene dal basso". Esso non
taille, non significa ridurlo alle viste marxiste, non come qualcuno intellettuali che sono associati a per- pi situato in un luogo centrale, lo si
Non pretendo di rivelare una mia scopre dappertutto, dovunque si
"fonti" o ad alcuni influssi. Significa che tributi riverenza a Marx. Nella dite ed a costi sociali (e anche vice-
intuizione intorno a quella che po- trovi, nelle famiglie, nei piccoli
piuttosto offrire uno strumento per logica della devozione, le citazioni e versa: si pensi a tutti quelli che vivo-
trebbe essere la "intuizione centra- gruppi, nei discorsi, nelle istituzio-
cogliere le distanze, attraverso le i riferimenti pi decisivi sono i pi no o hanno vissuto di rendita assicu-
le" dell'opera di Foucault, secondo ni. Questa scoperta Michel Fou-
quali Foucault si costruito. Non gratuiti, quelli che servono, visibil- rata agli eredi legittimi dell'autorit
uno di quei tentativi d'appropria- cault stesso non l'avrebbe negato
vuol dire incasellarlo nella prigione mente, a rendere evidente la fede, a simbolica del momento, Marx senza
zione di cui sono oggetto tutte le non manca dall'avere qualche rap-
classificatoria in cui si vorrebbe rin- professarla e a proclamarla. dubbio ma, nei limiti dell'univer-
opere grandi. Vorrei piuttosto ricor- porto con quella specie di sperimen-
chiuderlo ma, al contrario, consen- All'oblazione teorica Foucault sit, anche Kant, Heidegger o mae-
dare quella sorta di viscerale anti- tazione sociale che il movimento del
tirgli di uscirne, come ha sempre fat- preferisce l'omaggio discreto, se non stri minori). Pu sembrare un ri-
conformismo, di ostinata impazien- maggio 1968 ha rappresentato: la
to e farebbe ancora, se fosse ancora addirittura segreto, che implica schioso salto di palo in frasca, ma
za nei confronti di ogni categorizza- disciplina morale dell'internamento
qua. Significa difendere chi ha lavo- l'utilizzazione e l'operativit. I cre- vorrei qui evocare il rapporto con la
zione e classificazione che definiva aveva punti di contatto maggiori, di
rato con estrema energia e fino denti sono sconcertati, perfino in- politica, che rappresenta una di-
all'ultimo istante per esplorare i li- quieti di questo lato criptico, della mensione altrettanto profonda, e quanto la Storia della follia non di-
* "Pi d'uno, come me senza ca, con i codici disciplinari e con il
miti intellettuali e sociali del proprio distanza nei confronti del culto con- l'orrore nei confronti di ogni forma
dubbio, scrive per non avere pi un discorso. Ma in effetti, e prima di
pensiero, per prendere le distanze sueto, che gli althusseriani hanno le- di quel fariseismo politico che con-
volto. Non chiedetemi chi sono e Sorvegliare e punire anzi, senza
da s, dal proprio pensiero e dalla gittimato intellettualmente, del suo sente di garantirsi, spesso a buon
non ditemi di annotare la stessa co- dubbio, fin dall'inizio, Foucault
sua immagine sociale, contro i classi- ridurre Marx ad un autore come gli mercato, i profitti inerenti alla dife-
sa: una morale da stato civile, che aveva rotto con la teoria architettoni-
ficatori e i burocrati del pensiero altri: si vergognerebbe di Marx, di sa delle buone cause. Anche tra gli
regge le nostre carte ".
TINDICF
D E I LIBRI DEL M E S E B M

Il dominio
ca delle istanze getatchizzate, che gli veste ma anche dal rapporto sociale all'uomo il potere di creare quelle soggetto di cui noi saremmo appena
althusseriani hanno fortemente riat- di dominazione in cui si compie: esi- verit e quei valori che Descartes appena i soggetti. Visione che svela
tivato e che dominava il pensiero ste una "storia politica della produ- aveva conferito a dio. e mette a nudo il potere, la teoria
della scuola delle "Annales". zione della verit". La Storia della sessualit ricostrui- una pratica politica. Non pretende
Dall'analisi dell'internamento psi-
chiatrico a quella della normalizza-
zione della sessualit, si tratta sem-
* * *
sce la storia genetica della conoscen-
za e del "soggetto" come coscienza
di s del desiderio. Coscienza infeli-
di dire tutto, la verit totale su tut-
to. Scopre il potere l dove spesso
meglio nascosto, nei nonnulla pi
del corpo
pre di mostrare tra l'altro che
taluni fenomeni, che sembrano rive-
Una forma, forse addirittura la
forma per eccellenza della conoscen-
ce: il "souci de soi" innanzitutto insignificanti dell'ordinamento or- di Salvatore Natoli
preoccupazione etica, si costituisce a dinario che si accetta come ovvio.
stire poca importanza per chi si pone za di s costituita da questa storia partire dall'antichit intorno al pro- Michel Foucault ha rotto con la rap- M. Foucault, L'uso dei piaceri
dal solo punto di vista economico, sociale della produzione dell'uomo blema "privilegiato" perch? presentazione, caratteristica de\l'ho- Trad. dal francese di Laura Guarino,
hanno invece un molo capitale nel che si realizza attraverso la lotta per della sessualit e si compie con il cri- mo academicus e in particolare della Feltrinelli, Milano, 1984, ed. orig.
mantenimento dell'ordine politico. la produzione della verit che lo ri- stianesimo. Il sesso prodotto d'una filosofia universitaria, che induce a 1984, pp. 264, Lit. 18.500.
Ordine che potrebbe rappresentare guarda. E la genealogia della cono- storia durante la quale il corpo di- dividere la vita in due parti: quella
la condizione pi nascosta e pi de- scenza trova il suo prolungamento viso contro se stesso dalla conoscenza della conoscenza, dove s'investe il ri- Foucault, come molto spesso acca-
cisiva dell'ordine economico. logico in una "genealogia della mo- pervertita di s che il discorso nor- gore, e quella della politica dove de, divenuto un autore noto ad un
Il sapere uno strumento di pote- rale". D'un lato esplorare i limiti so- malizzatore gli offre: isteria, onani- s'investe la passione, di preferenza vasto pubblico pi per i temi trattati
re, una tecnologia sociale. Repressio- ciali della conoscenza o che fa lo smo, feticismo e coito interrotto so- generosa. Foucault ha concepito che per l'impianto teorico che li reg-
ne e proibizione, esclusione e rifiuto stesso le condizioni sociali della no le quattro figure esemplari con l'attivit intellettuale come la forma ge. Evidentemente nessun apparato
rappresentano altrettante operazioni teorico esiste indipendentemente da
propriamente cognitive di classifica- ci che tratta, ma il tema rischia di
zione che pongono gli individui sot- diventare irrilevante teoricamente se
to sorveglianza. La libido sciendi lo si svincola dall'argomentazione
una libido dominandi e si esercita che lo fa valere. Ci vale in modo
lo si vede nel caso della clinica particolare per Foucault poich i te-
sotto le apparenze irreprensibili del- mi da lui trattati non solo sono og-
la volont di sapere.

* * *
Einaudi getto di altre discipline, ma sono di-
rettamente o indirettamente impli-
cati con vicende e movimenti di ri-
vendicazione sociale e politica e con
Foucault trasforma la storia scien- Saggi Narrativa fenomeni di vita comune. Tema di
tifica della conoscenza in una di- vita comune quello della sessualit
mensione della scienza politica e cos Norberto Bobbio Heinrich Boll e, quindi, un argomento che poten-
muta radicalmente l'intenzione di
Bachelard e di Canguilhem anche in
Il futuro della democrazia Che cosa faremo zialmente desta l'interesse di tutti.
Nell'esegesi che intendo fare de
ci che essa presenta di pi nuovo e Una difesa delle regole del gioco di questo ragazzo? L'uso dei piaceri di recente tradotto
di pi scientifico. Entrambi questi Sulla verit e trasparenza del potere: in italiano mi propongo di esplicita-
Un libro autobiografico dello scrittore tedesco,
studiosi avevano cercato nella storia un'analisi lucida che riavvicina alla politica un romanzo d'iniziazione sullo sfondo re il nesso tra contenuto espresso ed
degli errori o delle false scienze (si e induce a valutare il futuro dei drammatici avvenimenti che sconvolsero argomentazione formale, sottoli-
veda, per esempio, Idologie et ra- con maggiore ottimismo (Nuovo Politecnico, la Germania degli anni Trenta neando cos, anche in riferimento al-
tionalit di Canguilhem, 1977) la pp. xm-170, L. 12 000). (Nuovi Coralli, pp. vi-79, L. 6300). la sessualit, l'andamento genealo-
verit del lavoro scientifico che la ri- gico delle analisi di Foucault e, in
flessione di tipo kantiano sulla scien-
za gi fatta, compiuta, non pu rive-
Hyman P. Minsky Thomas Bernhard una parola, della sua epistemologia
storica.
lare. La scienza come "potere-sape- Potrebbe ripetersi? La fornace La Storia della sessualit affronta
re" sempre esposta alla tentazione Instabilit e finanza un gioco di verit: nella specie tende
dell'errore, che trova il suo principio Nella notte della vigilia di Natale un'anziana ad identificare la storia dell'"uomo
dopo la crisi del '29 signora viene trovata uccisa...
in una volont di sapere che carica del desiderio". Foucault si premura
di volont di potenza. Questo si ve- Introduzione di Augusto Graziani. La storia normale e parossistica di due coniugi
e del loro universo concentrazionario di avvertirci che qui non si tratta del-
de in particolare nel caso delle scien- Un saggio che affronta il tema, oggi scottante,
delle crisi finanziarie e delle dinamiche (Supercoralli, pp. 212, L. 18 000). la storia delle concezioni successive
ze sociali, soprattutto nella fase ini- del desiderio, della concupiscenza o
che regolano la spesa pubblica alla luce della
ziale da cui ancora non hanno smes- crisi del '29 (Paperbacks, pp. xxi-394, della libido, "bens un'analisi delle
so di uscire, e ben a ragione. Che si L. 28 000). Vittorio Emiliani pratiche attraverso cui gli individui
tratti di medicina clinica e di psico-
logia, di diritto e di scienza politica, Il paese dei Mussolini sono stati spinti a fermare l'attenzio-
ne su se stessi, a decifrarsi, ricono-
Foucault studia le scienze in cui il Tzvetan Todorov L'autore, nato a Predappio e imparentato scersi e dichiararsi soggetti di deside-
confine tra verit ed errore pi fra- con Mussolini, sottrae alle
gile, quelle pi cariche d'ideologia La conquista dell'America ricostruzioni ufficiali una pagina di cronaca
rio, mettendo in gioco gli uni con gli
altri un certo rapporto che permette
perch la posta politica da esse ma- Il problema deIl'altro autentica: ricordi, aneddoti, racconti
di amicizie e di vendette. Un'altra faccia loro di scoprire nel desiderio la verit
nipolata infinitamente pi vitale Uno dei maggiori semiologi viventi ricrea del loro essere, sia esso naturale o vi-
della posta che compete alle scienze dell'Italia prima, durante e dopo
con rara passione una grande pagina il fascismo (Nuovi Coralli, pp. 132, ziato.
della natura di storia. Un viaggio straordinario ai confini L. 9500). La dichiarazione d'intenti, che Fou-
Foucault si occupa di campi che tra l'immaginario della natura cault enuncia nell'introduzione al
sono abbandonati dagli storici: e la realt del Nuovo Mondo (Saggi, secondo volume della Storia della
l'ospedale, la prigione o il confessio- pp. ix-321, L. 24 000).
sessualit, importante perch men-
nale, e di quella sorta d'anti-eroi che tre, indica la direzione nuova della
i francesi chiamano "rifiuti sua ricerca, implicitamente segnala
dell'umanit" (il criminale, l'erma- la sua linea dispostamento dalla fase
frodita, o il ragazzo selvaggio). La- precedente. Tra le due fasi esistono,
vora cos a scoprire il lato non pensa- tuttavia, se non elementi di conti-
to della scienza normale e il suo pro- nuit certo di analogia. La ragione
getto logicamente si compie in una dell'analogia si rinviene ancora una
storia sociale della scienza sociale, il volta nel potere, solo che questa vol-
"sapere-potere" per eccellenza. A ta cambia il suo campo di incidenza
questo punto si rivela il progetto cri- e quindi varia il suo senso e la sua
tico nel senso di Kant, del quale stessa formulazione. Le ricerche fou-
Michel Foucault ha tradotto in fran- possibilit di conoscere, in particola- cui la norma politica regna sull'inti- per eccellenza d'una impresa politi- caultiane che hanno preceduto la
cese \Antropologia che anima re il mondo sociale, che ci procurano mit dei corpi. La soggettivit fi- ca di liberazione: la politica della ve- Storia della sessualit hanno avuto
tutta l'impresa. La critica della cono- i "saperi-poteri" e le discipline; glia del confessore, questo forse rit, che costituisce la funzione pro- come oggetto prevalente d'analisi il
scenza antropologica si compie dall'altro lato, esplorare i limiti so- spiega il fascino che, su tutta una ge- pria dell'intellettuale, si compie nel potere: potere disseminato e nel
nell'analisi di condizioni sociali e lo- ciali della morale, la genesi storica di nerazione abbeveratasi di sciocchez- lavoro per scoprire e dichiarare la ve- contempo ben localizzato, soprat-
giche che rendono possibile la scien- questo soggetto, accettato dall'an- ze personaliste, ha esercitato la nuo- rit della politica. Cos il desiderio tutto non univoco. La volont di sa-
za dell'uomo da parte dell'uomo: tropocentrismo della filosofia classi- va scienza dell'uomo, incarnata da (perverso) di conoscere la verit del pere, primo volume della Storia, si
nella storia cio dell'invenzione sto- ca come un inizio assoluto: sono Lvi-Strauss, che aboliva il soggetto. potere diventa irriducibile avversario inscriveva fondamentalmente ancora
rica dell'uomo. La genealogia storica questi due modi di realizzare la stes- Questo soggetto, che la vecchia filo- del desiderio di potere. in questa logica: l'obiettivo domi-
rompe con l'antropocentrismo della sa intenzione critica. In entrambi i sofia metteva agli inizi, il prodotto P.S. Pressapoco un anno fa, in nante era quello di aggirare l'ipotesi
filosofia classica, ricostituisce la ge- casi, la riflessione sul limite introdu- dell'assoggettamento; come la ses- pieno dibattito sul "silenzio degli repressiva o, pi propriamente, di
nesi sociale dell'uomo moderno, ce ad una riflessione sui limiti della sualit, nato dall'interiorizzazione intellettuali", avevamo definito il chiarire quello strano complesso di
realizza attraverso tutt'altre vie riflessione. Il potere, vale a dire la dei limiti, accettati o trasgrediti, di progetto d'un libro collettivo sullo colpa della civilt contemporanea ri-
l'ambizione kantiana di conoscere la politica, presente anche nella co- cui la storia delle discipline descrive- stato della politica e della societ in spetto alla repressione sessuale come
capacit di conoscere. Sono le tecno- noscenza riflessiva di s, che rappre- va la genesi. Francia. In questa prospettiva, Mi- colpa storica, che ci ha preceduto e
logie, inseparabilmente politiche e senta il rapporto apparentemente Il progetto critico, la genealogia chel Foucault lavorava ad una storia che ancora ci pesa. In sostanza, La
cognitive, le discipline che sono ap- pi intimo, pi libero da ogni costri- storica del soggetto dominato, un del discorso socialista. volont di sapere intendeva "deter-
parse contemporaneamente all'in- zione e controllo sociale. Il concetto progetto al tempo stesso scientifico e minare nel suo funzionamento e
dustrializzazione ed hanno funzio- di "sapere-potere" voleva ricordare politico. Senza dubbio la conoscen- nelle sue ragioni di essere il regime
nato, al di sotto delle apparenze ri- che il sapere nel potere ed il potere za antropologica l'unica nostra potere-sapere-piacere che sorregge
formiste, quali strumenti polizieschi nel sapere. E anche il caso del sapere possibilit di sottrarci al "sonno an- in noi il discorso sulla sessualit
e politici, come regole di conoscenza di s. Distruggere l'antropocentri- tropologico" e a tutte le forme di au- umana" (p. 16).
e di vita: psicologia, scienze sociali, smo significa conoscere e riconoscere tocompiacimento, nate dal "souci
criminologia, teoria della popolazio- il limite antropologico, rifiutarsi di Nel prosieguo dell'opera l'impo-
de soi": possibilit di liberarci dai li- stazione ha subito una deviazione si-
ne, economia politica, psicanalisi, proiettare l'uomo al posto lasciato miti che sono inerenti all'illusione
psichiatria. Lo sguardo medico una deserto dagli dei morti, alla maniera gnificativa e tale da determinare una
di un pensiero senza limiti storici e diversa apertura sulla questione del-
figura esemplare, strutturato non (in questo senso esemplare) di Sar- privo d'impensato, possibilit di (traduzione di Delia Erigessi)
soltanto dal sistema di sapere che in- tre, che voleva appunto restituire la sessualit. Foucault stesso ci aiuta
produrre per dirlo in breve un a capire il senso della modificazione
in questione quando ne L'uso dei poreit e nelle relazioni che si stabi- di tenere in pugno le proprie poten- strittiva e lo , ha questo carattere sto punto la morte ha interrotto la
piaceri introduce, in relazione alla liscono a partire dalla sua fissit fisi- ze, che oggi chiameremmo pulsioni pragmatico: proprio per questo ruo- ricerca foucaultiana che prometteva
morale, la distinzione tra gli ele- co-naturale. Foucault, per descrivere e che coincidono con il s corporeo, ta intorno alla nozione di temperan- un saggio sulla sessualit nei primi
menti di codice e gli elementi di tale processo, ha bisogno di esporre la premessa per il realizzarsi della za, e di subordine a quella di obbli- secoli del cristianesimo: c' da ram-
ascesi (cfr., op. cit., pp. 30-37). le modalit di problematizzazione sphrosunche s temperanza, ma go e di rinunzia. La vita sessuale de- maricarsene, ma la direzione meto-
Ogni morale, in senso lato, compor- morale del piacere: a tale scopo egli come stato acquisito e perci abito e ve dunque seguire un regime. dologica resta segnata.
ta due aspetti, quello dei codici di individua un ambito della sessua- quindi buon senso, assennatezza, Infine, la sessualit relazione di Il profilo che abbiamo disegnato
comportamento e quello delle forme lit, un impiego del medesimo, e in- equilibrio. Corporeit, individua- piacere e di amore, atto di elezio- del secondo volume della Storia del-
di soggettivazione: se vero dice fine un dominio sia dell'ambito che lit, relazione tra soggetti: la sessua- ne. Nella cultura greco-romana ci la sessualit e gli accenni svolti in re-
Foucault che essi non possono dei mezzi. I termini greci che carat- lit presso i greci si svolge tra il do- riguarda soprattutto il rapporto con i lazione al terzo mostrano come l'im-
mai essere del tutto dissociati, ma terizzano queste tre dimensioni sono minio di s e il dominio degli altri: ragazzi, vista la posizione secondaria pianto teorico foucaultiano resti fon-
che avviene loro di svilupparsi cia- rispettivamente: l'aphro disia che possibile il secondo solo se si realizza della donna in quella societ. La re- damentalmente immutato, anche s
scuno in un'autonomia relativa, bi- denota l'ambito materiale dell'espe- il primo. L'ambito dei piaceri, cos lazione non deve solo produrre il cambia il campo d'applicazione del
sogna anche ammettere che, in alcu- rienza del piacere; la chre'sis che ri- designato, si articola in tre dimen- piacere e realizzare l'amore, ma de- modello. La griglia metodologica
ne morali, l'accento posto soprat- guarda le modalit d'uso dei piaceri sioni o, per usare altro linguaggio, si ve essere connessa alla virt. Dal ra- viene, ancora una volta, messa alla
tutto sul codice, sulla sua sistemati- e la possibilit di procurarseli e di situa nell'intersezione di tre sottosi- gazzo sorger infatti il cittadino e prova e viene fatta reagire con un di-
cit, la sua ricchezza, la capacit di evitarne i danni; 1 'enkrateia che ri- stemi: vediamo quali. l'uomo di governo, il reggitore dello verso gruppo di eventi: l'epistemo-
adeguarsi a tutti i casi possibili e guarda la misura, la giusta propor- In primo luogo la corporeit un stato da cui dipendono le sorti buo- logo ed il genealogista si scambiano i
comprendere tutti i campi d'azione. zione nella fruizione e nel godimen- dato fisico-naturale e perci non pu ne e cattive della citt: a tale scopo la favori, ma il terreno rimane preser-
L'impostazione iniziale di Foucault, vato: quello dell'epistemologia
che intendeva aggirare l'ipotesi re- storica. Fermo restando l'apparato
pressiva era attenta agli elementi di metodologico e le tecniche d'analisi,
codice: l'implicazione potere-piace- quel che cambia l'indirizzo e con
re-sapere, analizzata attraverso l'ele-
mento del codice, privilegiava di fat- Maurizio Ferraris Claudio Magris esso quel che si vuole sapere: nel ca-
so del secondo e del terzo volume
to le strategie di istituzionalizzazio-
ne sui processi di appropriazione dei Tracce L'anello di Clarisse della Storia si vuol conoscere lo spa-
zio di insorgenza della soggettivit.
codici. In seguito Foucault punta Nichilismo moderno Einaudi, Torino 1984, Da dove questa modificazione? Se
l'attenzione sulle forme di soggetti-
vazione: ancora una volta potere;
postmoderno pp. 396, Lit. 30.000 volessimo fare i sociologi ad ogni co-
sto potremmo dire che Foucault ac-
tuttavia non pi relativo alle tecni-
che di organizzazione, ma al domi-
Multhipla, Milano 1983, cede a questa modificazione perch
pp. 125, Lit. 13.000 presagisce o fiuta il ricambio
nio di s o alla formazione di uno dell'onda d'opinione, che sostitui-
stile di vita. Questo nuovo approccio sce i discorsi relativi al pubblico ed al
mette in evidenza un diverso gioco politico con quelli attinenti al cosid-
di verit: l'analisi della costituzione "Tracce " e parola consueta al linguaggio e La ricerca che da anni Magris sta compien- detto privato. E cosa di pi privato,
del "soggetto del desiderio" attra- alle tematiche della crisi della ragione, del do nei territori affascinanti della Mitteleuro- nell'immaginario sociale, della ses-
verso le regole di formazione della pensiero debole, della fine dei sistemi centra- pa lo ha portato progressivamente a ravvisare sualit? Evidentemente tali influen-
soggettivit come personalit etica. ze nulla tolgono e nulla aggiungono
ti e della morte delle ideologie. E di questo, in quella regione (geografica e culturale)
La sessualit cos intesa mette capo alla specificit dell'opera; caso mai
all'individualit: questo un fatto infatti, si tratta. Attraverso una serie di saggi un 'allegoria dell'uomo novecentesco. Questo
gi editi il giovanissimo autore (.redattore di libro, che raccoglie e rielabora saggi gi noti, documentano la sensibilit dell'au-
nuovo in Foucault, dove la dimen- tore nei confronti dello spirito del
sione individuale stata spesso ta- "Alfabeta " e di "Aut aut ") ricostruisce il di- prosegue nella stessa direzione, aggiungendo
tempo. Queste considerazioni, per,
ciuta o quanto meno rimasta im- battito filosofico degli ultimi 20 anni lungo il al repertorio ormai classico anche personaggi
sono di secondo momento, poich i
plicita. filo della Nietzsche Renaissence, delle vicen- come Ibsen o Hamsun. Al centro del lavoro passaggi foucaultiani sul piano del
Il "soggetto del desiderio" appare de dello strutturalismo in filosofia e nelle di Magris c' la dolorosa constatazione metodo si giustificano da s. In que-
come soggetto capace di organizzare scienze umane e della riflessione ermeneuti- dell'avvenuta frantumazione della totalit, di sto senso, si pu dire che l'intera ri-
la sua vita a partire dall'esperienza ca, tentando di dimostrare che il pi recente cui i grandi sistemi filosofici e i grandi ro- cerca foucaultiana mota, sia pure in
corporea che noi, in termini del tut- dibattito sul postmoderno altro non esprime manzi dell'Ottocento erano insieme fonda- termini variati, intorno al tema della
to moderni, chiamiamo sessualit. che l'estremo approdo della tematica del ni- mento ed espressione. Se la vita non dimora verit, che poi il tema aminente
C' in tutto ci una questione di go- chilismo. O, se si preferisce, la forma attuale pi nella totalit, neppure pi possibile il della filosofia. Tuttavia, se la verit
verno e di potere, ma essa ricade nei assunta dalla consapevolezza nietzscheana grande stile, il tentativo cio di ricondurre ad non un'astrazione essa va guada-
limiti della stessa individualit, da che non possediamo pi alcuna verit. Tra le gnata sul campo: da qui un approc-
unit le molte espressioni della vita. In pole-
intendere come quell'unit d'espe- cio filosofico alla storia che ha per
varie accezioni del nichilismo contemporaneo mica a tratti esplicita con il pensiero negativo
rienza che accade nel perimetro del- un carattere del tutto peculiare e co-
lo spazio corporeo. La centralit del (quello apocalittico e "reattivo " della crisi (o "debole "), Magris non celebra il naufragio munque differente dall'identifica-
corpo ha una funzione decisiva nella della ragione alla Cacciari; quello "affermati- della totalit come luogo della liberazione, zione idealistica di storia e filosofia.
formazione del s, poich proprio vo " alla Deleuze; infine quello "decostrutti- ma suggerisce piuttosto la necessit di un at-
Foucault dispone indubbiamente
attraverso la pratica di s che si vo" alla Derrida e "doppio" alla Vattimo) teggiamento che risulti insieme ironico e no- di una griglia epistemologica, ma es-
emerge come soggetti morali. L'uso l'autore opta per un disincantato "nichilismo stalgico: la perdita di senso del mondo con- sa variamente impiegata e, quindi,
dei piaceri individua i modi di que- debole ", che si contrapponga al catastrofismo temporaneo dovrebbe spingere al distacco e costantemente modificata. Egli stes-
sta soggettivazione non tanto dei primi due, accettando senza pathos ("spi- all'ironia, ma anche ad un pacato rammemo- so, nell'introduzione a L'uso dei
nell'adesione a regole date, quanto rito di vendetta ") e senza volontarismo eroi- rare i fasti di un 'epoca gloriosa ormai cancel- piaceri, proprio mentre fa la rasse-
nell'appropriazione di esse, con co, l'oltrepassamento del passato e della me- lata. gna dei suoi spostamenti teorici in-
quel tanto che c' da modificare e da dica i diversi campi di applicazione
tafisica.
produrre originalmente in se stessi. entro cui, nel corso del tempo, ha ri-
Solo se c' il perfetto dominio di s levato statuti di verit: lo ha fatto re-
possibile il dominio degli altri: an- (m.r.) (f.r.) lativamente alla formalizzazione dei
che il potere assume dunque una di- saperi e al costituirsi di corpi disci-
versa curvatura, poich considerato plinari differenziati sulla falsariga di
a partire dalle capacit dei soggetti un certo numero di scienze empiche
individuali ed in una parola dalle lo- nei secoli XVII e XVIII; ha analizza-
ro virt. L'indagine intorno alle re- to i giochi di verit rispetto ai rap-
gole mette in evidenza quegli ele- porti di potere sull'esempio delle
menti di ascesi che producono l'au- pratiche punitive; ha, infine, cam-
todominio. La civilt greca, in prima biato campo d'applicazione nelle
istanza, e poi quella romana sono il to. I greci non avevano nozione alcu- che essere interpretata secondo l'or- citt ha bisogno di cittadini virtuosi. sue ultime ricerche relative alla ses-
terreno pi idoneo, e sotto certi na della sessualit nel senso nostro, dine della natura: il corpo costitui- Entro queste tre dimensioni si svi- sualit, al fine di studiare i giochi di
aspetti unico, per una tale analisi: ma non avevano neppure sentore to secondo un regime naturale che luppa l'esercizio del piacere e s'im- verit nel rapporto di s con se stesso
infatti quelle culture sono centrate dell'esperienza della carne nella for- deve rispettare, per conservare la sua pianta l'uomo del desiderio: l'uomo e la costituzione di s come sogget-
sull'individualit etica e sulla sua ma che sar propria del cristianesi- forza ed il suo equilibrio. In questo riuscito, infine, l'uomo temperan- to, prendendo come punto di riferi-
formazione. A scanso di ogni equi- mo: per essi il piacere, in senso stret- senso il corpo ha valenza individua- te, colui che capace di padroneg- mento e campo d'indagine quella
voco vale la pena di chiarire che l'in- to, riguardava l'esperienza corporea le, ma implicato con il generale: giare se stesso. Su questa base gi nel che si potrebbe chiamare la "storia
dividualit in questione non l'ipo- e perci il corpo come unit vivente. da un lato deve seguire un regime, mondo greco-romano si sviluppano dell'uomo del desiderio". La rileva-
stasi dell'individuale astratto, ma Questo tanto vero che per Aristote- che quello dei corpi, ma d'altra quelle regole di austerit che saran- zione dei giochi di verit non riesce
semplicemente l'esistenza degli in- le non vi piacere suscettibile di parte ogni individuo corporeit no perfettamente riprese dal cristia- ad annullare, e mai lo potrebbe,
dividui, che esistono come tali e si akolasia (intemperanza) se non dove singolare e deve singolarmente ap- nesimo. L'opposizione tra mondo l'eventualit di ogni accadere e per-
relazionano, e nella loro relazione ri- c' tatto e contatto. La centralit fisi- propriarsi del regime. La norma na- pagano e cristianit, a proposito ci la discontinuit di tutto ci che
mangono anche quando si costitui- co-naturale fissa l'individualit etica turale diviene, nel soggetto, pratica dell'etica sessuale, non solo un storico; essa permette solamente di
scono come soggetti etici. Il processo alla sua base corporea, impermeabi- di igiene: da questo punto di vista la luogo comune, ma un'opinione attraversare tali discontinuit trac-
di soggettivazione si articola dunque le e perci distinta, finita ed irripeti- sessualit rientra nella Dietetica che, falsa. Non si tratta di spontaneit ciando confini, disegnando mappe
in un preciso campo d'esperienza. bile, diveniente secondo una sua come per l'alimentazione ed in ge- sessuale nel primo caso e di repres- provvisorie in uno spazio costitutiva-
Foucault individua quattro grandi propria e stabilita temporalit. La nerale per la salute, anche per il pia- sione nell'altro, ma di un diverso mente aperto e difforme. L'impian-
assi d'esperienza: il rapporto con il personalit morale concresce e si di- cere indica ricette opportune. Per uso dei precetti perch diversa nel to teorico foucaultiano sia esso inte-
corpo, il rapporto con la sposa, il spiega con le potenze stesse della l'accoppiamento ci sono stagioni mi- cristianesimo la concezione del s e so come archeologia del sapere o co-
rapporto con i ragazzi, il rapporto corporeit, che bisogna saper bene gliori le une dalle altre, tempi e luo- l'orientamento del desiderio. La me topografia, , ad ogni modo,
con la verit. In questa sede mi pre- amministrare e ben investire per es- ghi opportuni, tecniche specifiche e preoccupazione di s, il tipo di at- un'epistemologia storica; proprio
me mettere in luce alcuni passaggi sere felici. Da qui la centralit stato generale del corpo che favori- tenzione che essa sviluppa, il sistema per questo una storia dell'episte-
significativi: in base a quanto si dell 'enkrateia che si caratterizza ap- scono l'esercizio del piacere. La nor- di precetti che essa elabora sono te- me, ossia "un'analisi dei 'giochi di
detto, infatti, evidente che i pro- punto "come una forma attiva di pa- ma qui non tanto un imperativo mi che Foucault affronta nel terzo verit', dei giochi del vero e del falso
cessi d'individuazione vengono dronanza di s, che permette di resi- etico, quanto un'indicazione prag- volume della sua storia, Le souci de attraverso i quali l'essere si costitui-
esplicati attraverso funzioni generali stere lottare e assicurare il proprio matica per un'ottimizzazione della soi. In questa circostanza egli consi- sce storicamente come esperienza,
strutturanti, ma ci che strutturano dominio nell'ambito dei desideri e vita amorosa. Ed in generale l'etica dera l'esperienza della sessualit nei vale a dire come essere che pu e de-
l'individuo nei limiti della sua cor- dei piaceri" (p. 69). Questa capacit sessuale antica, anche quando re- primi secoli dell'era volgare. A que- ve essere pensato" (ibid., p. 12).
Sull'uso privato nell'area torinese (e non solo torine-
se). Nella Fiat funzionavano gli uffi-
ci del colonnello Cellerino (significa-
deo Sios di Milano.
Anche se il processo stato allon-
tanato dalla sua sede naturale di To-
mini d'azione disposti a rischiare in
proprio; attenti ai frutti dell'innova-
zione tecnologica; talora duri con i
tivamente, prima di essere assunto rino, la vicenda si conclude con una propri dipendenti, ma sempre
dello stato alla Fiat, aveva rappresentato l'aero-
nautica nel garantire la sicurezza
della produzione militare), ma essi
sentenza di condanna sia di corrut-
tori che di corrotti, successivamente
confermata dalla corte d'appello,
nell'interesse della produttivit del-
la propria impresa che costituisce il
vero bene comune. Sopratuttto, essi
di Gian Giacomo Migone non potevano funzionare senza la anche se i termini di prescrizione sal- rappresentano il paese "che lavora e
totale disponibilit di carabinieri e vano gli imputati dalle pene di de- che produce" a dispetto della rendi-
pubblica sicurezza nel mettere a di- tenzione inflitte. La Guidetti cita ta e, talora, della corruzione del
Bianca Guidetti Serra, Le scheda- no indirizzati quei sospetti, basta sposizione dell'azienda i propri stru- ampiamente le due sentenze che settore pubblico.
ture Fiat. Cronaca di un processo e una scheda, come quella dedicata a menti di informazione (dagli sche- mettono in rilievo incostituzionalit Il libro della Guidetti aiuta invece
altre cronache, prefazione di Stefano S.A., nel 1956, a dissiparli: "E iscrit- dari alle conversazioni di sottouffi- delle discriminazioni politiche in- a comprendere la peculiarit del mo-
Rodot, Rosenberg e Sellier, Torino to alla Fiom. Attivista propagandi- ciali con compiacenti portinaie, par- flitte a singoli cittadini; l'uso delit- dello imprenditoriale italiano, che
1984, pp. 160, Lit. 9.800. sta, schedato come tale viene saltua- roci, bottegai e vicini di casa). Cos si tuoso di pubblici funzionari; l'atti- quello del rapporto con lo stato; an-
riamente vigilato dai competenti or- apprende che, con l'autorizzazione vit corruttrice dell'azienda, sotto la zi, della capacit di appropriarsi del-
Understatement una parola in- gani di polizia. Politicamente peri- dimostrata di direttori generali e ca- responsabilit dimostrata di alcuni lo stato e dei suoi organi, in funzio-
glese che, forse non a caso, non trova coloso in caso di sommosse". Le pi del personale (gli imputati Bono, dei suoi massimi dirigenti. Perch, ne dell'interesse aziendale, nelle
il suo corrispettivo nella lingua ita- schede dedicate alle donne sono Garino e Cuttica, ad esempio), il ca- allora, merita ancora oggi la nostra piccole come nelle grandi cose. Su
liana. Quando un avvenimento, un questo piano l'opera, ad esempio, di
giudizio, un concetto viene riferito Valletta era veramente geniale. Che
sotto tono, senza enfasi retorica, ma si trattasse di utilizzare e contenere
addirittura in maniera riduttiva, si le passioni maccartiste dell'amba-
d luogo ad un understatement. Pa- sciatore Luce, o di spiegare al presi-
radossalmente, quando viene usato dente Kennedy le modalit pi effi-
per descrivere fatti particolarmente caci per finanziare il partito sociali-
gravi o drammatici, Tunderstate- sta, all'epoca della costituzione del
ment pu servire a dare maggiore ri- primo governo di centrosinistra,
lievo alla cruda realt. Valletta sapeva inserite il suo dise-
E questo il modo in cui Bianca gno aziendale all'interno di una po-
Guidetti Serra (che da molti anni si litica estera statuale che talora egli
distingue per il suo impegno civile e conduceva in prima persona.
professionale nelle aule dei tribunali Analogamente, la polizia, i cara-
penali) ancora una volta ha fatto binieri, insomma lo stato che emer-
sentire la sua voce attraverso un vo- ge dalle pagine della Guidetti, si la-
lume intitolato Le schedature Fiat. scia organizzare in funzione degli
Che i suoi bisbigli promettessero di interessi aziendali. Siamo ben oltre
risultare fastidiosi dimostrato dal la parola d'ordine del presidente
fatto che il suo libro in un primo della General Motors ("Ci che
tempo fosse stato addirittura stam- nell'interesse della G.M. nell'inte-
pato dalla casa editrice Einaudi, ma resse degli Stati Uniti."), famigerata
mai distribuito, e anche dal silenzio anche in uno stato di netto stampo
con cui stata accolta dalla stampa capitalistico. Qui lo stato viene pie-
l'edizione preparata dalla Rosenberg gato e deformato dalla Fiat; i suoi
e che Stefano Rodot non ha esitato funzionari blanditi o corrotti; le sue
a introdurre. esili strutture sostenute ma soggio-
La vicenda ricostruita dalla Gui- gate. Persino la cancelleria degli uf-
detti venne alla luce quasi casual- fici viene donata dalla Fiat, mentre
mente. Il 24 settembre 1970 tale Ca- ricordo come, all'inizio degli anni
terino Ceresa intenta causa alla Fiat settanta, i sindacati scoprirono con
di fronte alla pretura del lavoro di raccapriccio che uno stuolo di impie-
Torino perch sostiene di aver pre- gati della Fiat erano distaccati presso
stato per anni la sua opera con una la prefettura di Torino.
qualifica diversa da quella corrispon- In fondo non vi da stupirsi. Il
dente alle sue effettive mansioni e di modello vallettiano si appropria di
essere stato licenziato in tronco sen- una parte dello stato esattamente co-
za giusta causa. Mentre il Ceresa era me pretende di organizzare la chiesa
stato assunto come fattorino, egli so- all'interno dell'azienda (con i pelle-
stiene di aver trascorso il suo tempo grinaggi a Lourdes e mons. Tinivella
a informare l'azienda con "ampie che viene candidato dalla Fiat come
relazioni scritte, previe opportune e arcivescovo di Torino) e di soggioga-
discrezionali indagini... in ordine re quella parte del sindacato che esso
alle qualit morali, ai trascorsi pena- non discrimina (dal Sida alla Uil di
li, alla rispettabilit delle persone Viglianesi). Non solo manca il senso
con le quali la societ stessa era o do- dello stato (liberale e capitalista),
veva entrare in relazione". ma anche quello della legalit. Le
Ceresa perde la causa, ma l'ordi- leggi che pure sono il frutto di
nanza del pretore Angelo Converso rapporti di forza sociali stanno
mette in moto un procedimento strette anche a coloro che ne hanno
contro quei funzionari della Fiat determinato il contenuto. in que-
che, alle dipendenze dell'ex colon- sto clima che si sviluppa quella cri-
nello Mario Cellerino, dirigono l'uf- minalit economica di cui parlano i
ficio affari generali, appositamente giudici del tribunale di Napoli.
addetto a investigare sui singoli per anche in questo contesto che appare
conto della Fiat sulla base di notizie normale prescindere dal rispetto dei
che, secondo Converso, "non pote- pi elementari diritti democratici. Si
vano pervenire se non da Organi e simpaticamente generose di annota- po del Sid di Torino, il maggiore dei attenzione? Non si tratta, tutto som- afferma che il sindacato costituisca
Uffici del Servizio di Polizia di Sicu- zioni sulla loro vita privata, accanto carabinieri Enrico Stttermayer, an- mato, di una serie di episodi che te- una garanzia per il pluralismo politi-
rezza e dall'Arma dei Carabinieri". a quelle di indole politica, come nel che con un occhio di riguardo alla stimoniano una miseria umana da co e, quindi, per la libert all'inter-
Poco meno di un mese pi tardi, caso di C.C. (1954): "Comunista sua "situazione famigliare", "pur- cui nessuna grande istituzione, pri- no della societ. E sia. Ma occorre es-
in piena estate, il pretore a cui sta- moderata. Detiene [sic] la bandiera troppo... molto precaria", percepiva vata o pubblica, immune? sere marxisti per porre il problema
to affidato il nuovo procedimento, del Pei in casa e in tutte le cerimo- dall'azienda un mensile di 150.000 In realt le pagine documentatis- della democrazia all'interno delle
Raffaele Guariniello, accompagnato nie, manifestazioni sia di partito che lire che integravano il suo magro sti- sime della Guidetti, abituata alla singole unit produttive? Sono pas-
da alcuni pubblici ufficiali partico- per il lutto di qualche compagno es- pendio statale (siamo alla fine del precisione anche formale richiesta sati alcuni anni, probabilmente sono
larmente fidati, si presenta nei locali sa ha l'incarico di portarla. Pare che 1970). Altri funzionari di pubblica dalle procedure giudiziarie, solleva- mutate le forme di controllo politico
della Fiat e sequestra uno straordina- l'amante della C. stessa attualmente sicurezza godeva gi di un tratta- no grandi problemi anche di attua- all'interno della stessa Fiat, ma que-
rio materiale, tra cui 354.077 schede si trovi in carcere. Nella casa non di mento analogo. Era poi capillare lit. Negli ultimi mesi gli attuali di- sto problema resta, alla Fiat come al-
personali, che documenta una ven- rado era notato e per di pi di sera". l'uso di regalie natalizie che con "ci- rigenti della Fiat (e non solo della trove.
tennale attivit di informazione, con Un'analisi linguistica e dei conte- nica taccagneria" (sono parole tratte Fiat) hanno rivendicato il patrimo- Bianca Guidetti Serra afferma di
l'evidente scopo di valutare gli avve- nuti di queste schede, piene di dalla sentenza dei giudici del tribu- nio storico della loro azienda, non avere scritto una semplice cronaca.
nimenti politici e ideologici (oltre maiuscole e di affermazioni apodit- nale di Napoli) venivano elargiti a esclusa la lunga fase della gestione Eppure, un segno distintivo di
che la 'vita privata) dei suoi interlo- tiche, potrebbe servire a un'interes- piccoli e grandi servitori dello stato. vallettiana. Troppo spesso si rispo- un'opera di storia si rileva nel rap-
cutori, prima di deliberarne l'assun- sante ricostruzione dei valori e della Ecco, a titolo di esempio, come veni- sto limitandosi a mettere in luce i porto che stabilisce con l'epoca in
zione o la successiva destinazione. cultura di una certa gerarchia azien- vano gratificati alcuni alti funzionari costi umani di quelle politiche, sen- cui viene scritta. Ad esempio, i Ma-
Opportunamente, la Guidetti la- dale. Forse ancora pi interessante della questura di Torino: "questore: za sottolineate come procedure e atti gnati e popolani di Salvemini furo-
scia parlare i documenti, riportando la ricostruzione dei modi con cui De Nardis comm. dott. Filippo (va- come quelli documentati dalla Gui- no importanti perch scritti nei tor-
molti giudizi contenuti nelle sche- venne realizzata questa operazione so grande argento con cioccolatini). detti, insieme con altri fatti e avve- bidi anni di fine Ottocento, cos co-
de. Cos apprendiamo che C.A. nel di spionaggio per almeno un ven- Vicequestore: Mastronardi dott. nimenti analoghi, rivelino un tipo me non possibile ignorare che il li-
1951 veniva giudicato "prepotente e tennio, cos come emerge dalle pagi- Giuliano (portasigarette Guilloch di imprenditorialit assai diversa da bro dedicato da Venturi alla giovi-
impulsivo... spesso viene notato in ne della Guidetti e dai documenti grande)", via via all'"orologio a ci- quella vantata e che definirei frutto nezza di Diderot fu scritto alla vigi-
compagnia di elementi sospetti tan- processuali. Infatti, l'attivit spioni- polla + 1 Kg. cioccolatini" del di una vera e propria falsa coscienza lia della seconda guerra mondiale.
to dal lato morale quanto da quello stica si imperniava sull'asservimen- M.llo Cordisco Roberto e delle tre di troppi imprendiotri e padroni ita- Cos, Le schedature Fiat di Bianca
politico". Se poi vi fosse qualche to, da parte della Fiat, delle autorit bottiglie di Bourgogne del M.llo liani. Essi amano descriversi, nel Guidetti Serra vengono pubblicate
dubbio sulla direzione verso cui era- statali preposte alla sicurezza Musetta Marcello, entrambi del nu- passato come nel presente, come uo- nel 1984.
Conclusa la Enciclopedia Europea Garzanti

uscito
il XII volume

al vertice di un grande edificio


della cultura
contemporanea

I duecentomila sottoscrittori, che hanno


atteso a lungo, ora potranno avere,
anche ai primo incontro, un'immagine
della ricchezza e originalit del XII volume.
In oltre milletrecento pagine esso
principali sono preceduti da ampi saggi
introduttivi firmati da illustri studiosi.
Nessuno, prima d'ora, aveva osato
affrontare la fatica e il rischio di un lavoro
tanto arduo e complesso, che inquadra lo
racchiude un'opera che si distingue dal stato attuale delle conoscenze e si pone in
resto dell'enciclopedia, le d nuova un rapporto dialettico e simmetrico con
sostanza e maggior forza vitale. i contenuti degli altri undici volumi
Una bibliografia universale occupa le prime dell'enciclopedia
novecento pagine che corrispondono Un indice repertorio fa seguito alla
a circa settemila di un libro in formato bibliografia: allineando, con brevissime
normale. notazioni, tutti i lemmi dei precedenti
Le poche autorevoli enciclopedie moderne volumi, e aggiungendone altri
presentano tutte di dovere, sparse d'integrazione, esso consente un uso
nell'opera, in calce alle voci maggiori, totale, e insieme capillare, dell'intera
asciutte note bibliografiche il cui uso enciclopedia, perch rivela le
incerto perch non orientano nelle scelte, innumerevoli notizie e voci nascoste
lasciano grandi spazi vuoti tra argomento che sono disseminate nel denso tessuto
e argomento e non danno conto dei dell'opera. I dati statistici sono stati
rapporti interdisciplinari. aggiornati, nell'ultima sezione, con
Funzione ben diversa ha questa l'aggiunta di schemi e grafici sui problemi
bibliografia universale: raccolta in un pi attuali dell'economia mondiale.
organismo logico, si apre come un occhio
magico sull'intero panorama del sapere.
Il vastissimo materiale diviso in
ventiquattro sezioni, una per ogni ENCICLOPEDIA
EUROPEA
disciplina, dalle grandi branche
umanistiche e scientifiche fino ad
argomenti vari, quali la medicina pratica,
lafilatelia,il giardinaggio ecc. I temi GARZANTI
L'Italia e il Settecento fatale 1776 a percorrere un suo sen-
tiero vitale: stretta fra ribelli delle
colonie, contestatori radicali, auto-

dei grandi stati crati di corte, ma pur dotata dei due


gran motori di un'opinione pubbli-
ca moderna e di una nascente mo-
derna industria. Una libert che
di Alberto Caracciolo dall'Italia si vedeva con sgomento
non valere per i cattolici, se questi in
F. Venturi, Settecento riformato- Inghilterra oltre che nella sfortunata
era partito dal chiedersi in che misu- l'evento, vissuto dapprima pi che
re: IV. La caduta dell'Antico Regi- Irlanda si trovavano perseguitati: ma
ra l'area italiana avesse camminato altro come occasione per un nuovo
me (1776-1789). I. I grandi stati comunque in terre britanniche c'era
di conserva con la "circolazione delle scontro fra le potenze classiche del
dell'occidente, Einaudi, Torino un sistema di valori e istituzioni atto
idee" nel gran mondo dei lumi: in "sistema" di equilibrio, portava con
1984, pp. 1065, Lit. 55.000. a contenere sempre, anche durante i
discreta polemica con i vessilliferi di s. Le quali avevano un profilo di //'- non solo quelle repubblicane
un precoce Risorgimento nazionale, torbidi primi anni '80, ogni pericolo
bertas diversa da tutte le libertates d'Olanda, di Svizzera o di Venezia,
Se oggi dobbiamo dire a qualcuno egli aveva disegnato la seconda met di rivoluzione.
fin qui difese o rivendicate nel vec- di cui Venturi si occuper nel prossi-
dove cercare un'opera aggiornata e del secolo con la sua lunga pace nella Il libro di Venturi fa spazio note-
chio mondo. mo tomo, ma anche quella di una
d'insieme sul Settecento italiano, penisola come l'epoca del recupero vole anche alla storia delle monar-
Fra queste ultime libert c'erano Gran Bretagna impegnata intorno al
indichiamo senz'altro quella di chie iberiche, fra l'inizio del gover-
Franco Venturi, ora praticamente no di Floridablanca a Madrid e la
compiuta in quanto si pubblicato scomparsa di Giuseppe I e di Pom-
anche il primo tomo del suo quarto bal a Lisbona. In questo Mezzogior-
ed ultimo volume. A quindici anni no d'Europa correva tempo pi di
dall' uscita del volume primo, che Franco Ramella Stefano Cammelli restaurazioni che di lumi. Dal natio
prendeva le mosse dall'Italia de! Portogallo sarebbe venuta a Napoli a
1730-40, l'autore arrivato cos alla Terra e telai Al s u o n o delle c a m p a n e tentare novit la coraggiosa Eleonora
vigilia del grande tornante della Ri- Sistemi di parentela e Indagine su u n a rivolta De Fonseca, e pure da l sarebbe ve-
voluzione francese, di cui gi si av- nuto a Torino a proporre le sue pole-
vertono qui e si studiano e si col- manifattura nel biellese contadina: i moti del miche il dinamico Rodrigo de Souza
legano una quantit di segnali dell'Ottocento macinato (1869) Coutinho. Intanto le gazzette italia-
premonitori e di inquietudini ne commentavano le rivolte antispa-
Il discorso di Venturi segue luoghi Einaudi, Torino 1984, Franco Angeli, Milano 1984, gnole nel Per e nella Piata senza
riuscire a coglierne il senso. Quel che
e terreni dove quei segnali si insi- pp. 280, Lit. 18.000. pp. 244, Lit. 17.000. comunque non sfuggiva era la ten-
nuano e si manifestano con pi evi-
denza, al di l del quadro storico ita- denza reazionaria e clericale domi-
Franco Ramella da tempo impegnato in La prima parte del volume e dedicata nante nell'area iberica. Sicch per
liano da cui partito. E ci perch i all'indagine sulla legge che introdusse, nel
un sottile lavoro di ricostruzione microstorica, esempio la "Gazzetta Universale"
centri nevralgici in questa fase stori-
sceglie qui di affrontare il tema dell'indu- gennaio 1869, la tristemente famosa tassa sul molto esplicitamente poteva, nel
ca stanno spesso lontano, nelle gran-
di potenze marittime e nelle perife- strializzazione e della formazione del sistema macinato, e a una dettagliata ricostruzione 1788, "fare un parallelo tra i pro-
rie, a cominciare dalle colonie bri- di fabbrica, per cos dire, dall'interno, calan- della topografia dei moti che ne seguirono; gressi che finalmente stava compien-
tanniche in cui si consuma la rivolu- dosi nelle fitte trame del tessuto comunitario moti essenzialmente rurali e concentrati par- do in Francia l'area di tolleranza e
zione americana. L'unificazione del biellese e offrendocene un affresco colorato ticolarmente in Emilia. Nella seconda parte, gli inutili tentativi in proposito al di
mondo ha fatto gran passi, e una ri- con le vivaci tinte di una narrazione simpate- indubbiamente la pi originale, l'analisi si fa l dei Pirenei".
volta di Pasquale Paoli o una sfida di tica. Un approccio che contribuisce a stempe- micro-storica, concentrandosi su un 'area spe- Anche in Francia quel 1776 aveva
Pugacev (o un the di Boston) rim- portato una novit ben grossa, come
rare ima certa rigidit, propria della storia cifica il bolognese e ricercando la logica
balzano ben al di l della Corsica dei la caduta di Turgot. Cominciava
economica, facendo muovere gli attori tradi- sommersa del moto, la "strategia della rivol- l'era faticosa di Necker, banchiere
montanari o della Russia dei cosac-
zionali del conflitto (padroni e operai) in un ta ", direttamente tra le pieghe della cultura paternalista, populista, centralizza-
chi: quello dei philosophes e dei po-
litici un mondo cos cosmopolita contesto frastagliato, circondati da eteroge- contadina: un terreno particolarmente con- tore: quando usc il suo "Raggua-
ed un protagonista cos qualificato nee figure d artigiani e cavallanti, osti e no- sueto all'autore, studioso delle tradizioni e glio" al re sullo stato delle finanze,
da riuscite sensibile in tutta la sua tabili di paese, contadini e mercanti, e rive- del folklore emiliano. Cos, accanto alle inter- anche i circoli italiani rimasero emo-
estensione alle novit, conflitti, vi- lando il carattere spesso contraddittorio, mul- pretazioni consolidate di Rosselli (moto oscil- zionati, come di cosa che accadendo
cende che in questo o quel punto si tidimensionale, ambiguo dei processi. Dalle lante tra la jacquerie e la sobillazione reazio- a Parigi coinvolgeva inevitabilmente
manifestano. Se oggi altri storici, co- oscure allusioni di un sarto alla festa di Maz- naria-clericale) e di Zangheri (intreccio tra le vicende cisalpine. E non diversa-
me da ultimo Wallerstein, riprendo- zucco si pu ricostruire il complesso gioco di moto reazionario ed emergenza di posizioni mente nel 1778 avvertirono come
no il discorso sulla "mondializzazio- cosa propria la scomparsa, nel giro di
tensioni che accompagn la concentrazione sociali autonome), ma non in alternativa ad
ne" di quell'et piuttosto in chiave poche settimane, di Voltaire e di
manifattufiera lacerando il tessuto comunita- esse, emerge il tema inedito dell'"economia Rousseau. 1 pi reputati giornali se-
economica, tecnologica, di mercati,
rio locale; mentre dalle vicende economiche morale " contadina, di una cultura di lunga guivano ora lo sforzo di progettua-
Venturi fa brillantemente lo stesso,
in queste pagine come altrove, in di Carlo "tessitore e negoziante" e del suo sedimentazione, che rifiutava la chiusura dei lit e di riforma di un Diderot e di
chiave di mondializzazione del ceto meno fortunato figlio si pu comprendere il mulini, l'intromissione delle nuove autorit un Raynal, dei Linguet, Marat, Mi-
intellettuale e soprattutto dell'am- ruolo del ciclo economico di breve periodo comunali, la leva obbligatoria, a spiegare, al rabeau: erano attratti dagli sforzi di
biente riformatore e novatore. Egli nel determinare la proletarizzazione dei pic- di l delle motivazioni strettamente politi- un J.-P. Brissot e del suo "Courier
crede, e lo afferma subito, che anche coli produttori. Cos ancora le "fallaci lusin- che, il tessuto organizzativo unitario della ri- de l'Europe" verso un raccordo co-
la Rivoluzione francese dev'essere ghe " del tessitore Antonio gettano luce sulla volta e le sue forme. smopolita fra culture, scienze, stam-
"inclusa in un processo generale...: pa, politica di cambiamento. Una
resistenza della forza-lavoro a lasciarsi stabi- Insomma, il lavoro di Cammelli traduce
(il declino e la caduta dell'Antico nuova generazione di riformatori, di
lizzare in fabbrica, mentre il testamento del in ricerca alcuni dei pi interessanti contribu studiosi, di spiriti inquieti teneva
Regime, dall'America alla Russia"). vecchio Pietro mostra il ruolo della terra come
L'autore uno dei pochi che pos- ti metodologici della nuova storiografia socia- d'occhio, dall'Italia, il fuoco covan-
risorsa permanente della comunit operaia. le. te a Parigi sotto la cenere. questa
siedano oggi su questa materia le
qualit per una critica di cos ampio (m.r.) attenzione, questa partecipazione,
(m.r.)
respiro. Il cosmopolitismo degli illu- che Franco Venturi ha colto nella sua
ministi egli lo ha fatto proprio. Fra opera con fine gusto per tante sottili
l'altro, quasi programmaticamente variet e sfumature.
egli si impadronito delle lingue
necessarie per analizzare meglio spe- di un discorso proprio e maturo del-
cifiche situazioni, come la russa o la
spagnola. Ha sfogliato una quantit
immensa di periodici, di trattati, di
la cultura politica italiana, nel qua-
dro di un suo rientro non subalterno Feltrinelli
nel circuito europeo. Adesso,
pamphlets spesso rari (non dimenti- nell'opera ulteriore, tale analisi tro-
co l'impressione che mi fece gi vari va conferma, mostrandoci il modo
anni fa la sua biblioteca piena di ori- un po' partecipe e un po' attonito in ANGELA CARTER MAURICE BLANCHOT
ginali o riproduzioni di fogli rari, cui gli osservatori di lingua italiana LA PASSIONE DELLA NUOVA EVA LA COMUNIT INCONFESSABILE
magari scandinavi o portoghesi, op- seguirono, dopo un paio di genera- U n romanzo erotico apocalittico, u n a m e t a f o r a A s s u m e n d o come poli Georges Bataille e
pure l'incontro con lui in cerca insa- zioni da Acquisgrana, gli stimoli raffinata e inquietante delle m e t a m o r f o s i subite Marguerite Duras, u n a riflessione intensissima
ziata di dimenticate effemeridi e sommersi che minavano nei suoi dalla "politica del sesso". La scrittrice pi sull'esigenza di assoluto nella letteratura, nella
gazzette nelle biblioteche minori luoghi pi potenti l'ancien regime. visionaria dei nostri tempi, pi aggressiva e pi politica e nell'amore, che converge sul
delle Marche). Il libro in larga mi- Durante i secondi anni Settanta profonda di Erica Jong. significato del Maggio '68 e sui suoi
sura una parata di voci e una propo- del XVIII secolo, trattati da questo deragliamenti successivi.
sizione di pagine dove protagonisti volume, nei luoghi delle maggiori e
noti o' oscuri si confrontano con pi caleidoscopiche inquietudini VICTORIA GLENDINNING
l'amplificazione delle "Notizie del novatrici si determinarono vere e OMOSESSUALIT
mondo", secondo il titolo di ben no-
IL MONDO DI VITA I rapporti cruciali t r a l'omosessualit e la
proprie esplosioni: in primo luogo la SACKVILLE-WEST
ti periodici di Firenze e Venezia. rottura delle colonie inglesi con la sensibilit e cultura c o n t e m p o r a n e a - dalla
Forse lo anche troppo, e il gusto di madrepatria. Venturi sottolinea la La biografia di u n a scrittrice spregiudicata, letteratura alle belle arti allo spettacolo -
far parlare le fonti e non perder nul- peculiarit della Dichiarazione d'in- amica-amante-ispiratrice di Virginia Woolf, ma e s a m i n a t i con intelligente obiettivit da
la pu far superare le proporzioni: dipendenza americana e di tutta anche un memorabile r i t r a t t o d'epoca e scrittori e saggisti di notoriet internazionale,
ma se il discorso qua e l perde di quella "ignota realt" che si sarebbe d'ambiente. Il genio e la sregolatezza, i riti come George Steiner, Michel Foucault, J o h n
compattezza, ne guadagna la ric- incarnata nel 1787 in una stabile car- mondani e i vizi privati della nobilt dello Boswell, M a r t i n Green, P h i l i p Rieff e altri.
chezza dei riferimenti e dei rimandi. ta costituzionale: solo pi tardi gli spirito e del sangue nell'Inghilterra Prefazione di Guido Almansi.
Venturi ritorna poi sempre all'Ita- di Edoardo VII, di Bloomsbury, di due guerre
europei avrebbero per analogie o
lia come al nodo intorno a cui rial- e due dopoguerra.
per differenza riflettuto a fondo
lacciare tutti i fili. Tanti anni fa egli sui termini e sulle proposizioni che
indietro nel tempo, ben oltre gli basso. La storia del pensiero politico a illuminare le strutture demografi- applicazione metodologica. La cura-

Storia steccati della Riforma e della Rivolu- medievale diviene cos storia di un che e matrimoniali fino a ripercorre- trice del volume, Elvira Garber
zione industriale (luoghi chiave nel- conflitto tra queste opposte ideolo- re i tragitti delle mentalit e Zorzi, ha radunato, in base a una
le riflessioni di Marx e di Weber) per gie: l'idea ierocratica, Fondata sulla dell'universo dei valori in Francia precisa idea-guida quella dell'ac-
giungere fino alle frontiere rivolu- supremazia del papa, in qualit di lungo un arco cronologico che va dal cettabilit del profondo e stretto
MOSES I. FINLEY, Economia e so- zionarie del cristianesimo nella tarda custode e garante (secondo le formu- XII al tardo XV secolo. In uno sce- rapporto intercorso tra la sfera dello
ciet nel mondo antico, Laterza, romanit. Cruciale diventa allora le isidoriane) del potere da questi nario occupato da folle di "efebi ne- spettacolo e il vasto e articolato
Bari 1984, pp. 328, ed. orig. l'originalit del modello familiare concesso al re, e la contrapposta dot- ri" e dominato da un clima di vio- mondo della vita cortese e della cul-
fatto proprio dal pensiero cristiano, trina della separazione dei due pote- lenza organizzata (alle confraternite tura rinascimentale i contributi di
1981, trad. dall'inglese di S. Ri-
sia in rapporto all'eredit romana, ri affermatasi sotto l'influsso della giovent, dedite allo stupro studiosi di discipline diverse e di al-
naldi Tufi, Lit. 32.000. collettivo, si conta che partecipasse cuni tra i migliori allievi della scuo-
da cui esso proveniva, sia rispetto al- dell'aristotelismo e della sintesi to-
la societ cui esso si imponeva, il mistica; l'uno riferito alla sfera so- almeno una volta un giovane su la, rigorosamente attenta alla natura
Nel suo lavoro pi recente, appar- mondo germanico. L'autore analiz- vrannaturale, di competenza della due), la prostituzione offre nel del documento quanto poliedrica
so in edizione italiana, l'autore de II za cos i canali attraverso cui l'ideo- chiesa, l'altro connesso all'ordine quadro delineato da Rossiaud nell'approccio analitico, di Ludovico
mondo di Odisseo e di innumerevoli logia familiare di segno cristiano, naturale, all'organizzazione politi- uno strumento di incanalamento e Zorzi. Vengono cos esaminati, sotto
studi sulle societ antiche, ripropone volta a scoraggiare il matrimonio ca, assegnato al potere temporale. controllo delle pulsioni sociali di- ottiche differenti, episodi tra i meno
uno scorcio ravvicinato del cosmo ravvicinato di tradizione mediterra- Una lettura, questa di Ullmann, che struttive. Elemento di riequilibrio indagati nella storia dello spettacolo
delle poleis greche, uno scavo strati- nea si sia trasformato in un potente pur riducendosi all'ambito dell'"al- interno alle comunit, garante della rinascimentale: il torneo come gioco
grafico nel vivo di quel laboratorio strumento di controllo politico e so- tare e della corona", non manca mai sicurezza collettiva e dell'istituto di corte (dallo storico Franco Cardi-
sociale costituito dall'originale espe- ni), gli allestimenti effimeri per gli
rienza delle citt-stato. Incentrato ingressi di personaggi illustri (da
sui concetti di libert e del suo op- Anna Maria Testaverde), gli elemen-
posto speculare, la schiavit, cosi co- ti filosofico-iconologici in Ruzante
me erano percepiti dai contempora- (dallo storico della letteratura Franco
nei, Io studio di Finley rileva ancora Fido), gli elementi strutturali del ge-
una volta le storture anacronistiche, nere della sacra rappresentazione (da
le incongruenze proprie di categorie Paola Ventrone), i "teatri del mon-
maturate in contesti estranei all'uni- do" veneziani (da Enrica Benini Cle-
verso mentale delle societ antiche. menti), la tradizione trattatistica ser-
Cos l'antinomia libero/schiavo vie- liana (da Stefano Mazzoni) e gli "in-
ne a perdere, se applicata alle strut- gegni" degli automi presenti nella
ture sociali delie poleis greche, qua- scenotecnica prebarocca (dallo stori-
lunque operativit, disattivando la co dell'architettura Luigi Zangheri).
vasta gamma di sfumature che colle- L'accurata omogeneit della raccolta
gava l'uomo situato al livello pi infine completata, al di fuori del
basso della scala sociale (lo schiavo in nucleo monografico, da un'analisi
senso proprio) a quello collocato pi condotta da Paolo Puppa sulle carat-
in alto. Non era la natura del lavoro teristiche sociali e letterarie del per-
questa la tesi guida del libro a sonaggio del contadino in Ruzante.
distinguere lo schiavo dal libero ma
(a.t.)
lo status in cui il lavoro era compiu-
to.
(a.t.)

REINHARD ELZE, GINA FASOLI (a


c. di), Aristocrazia cittadina e ce-
ti popolari nel tardo medioevo in
P . ALPHANDERY A . DUPRONT,
Italia e in Germania, Il Mulino,
La cristianit e l'idea di crociata,
Bologna 1984, pp. 289, Lit.
Il Mulino, Bologna 1983, pp-
20.000.
518, ed. orig. 1954, trad. dal
francese di Brunella Foschi Mar-
Promosso dall'Istituto storico ita-
tini, Lit. 30.000. io-germanico di Trento, il volume
riprende i temi trattati in preceden-
Il libro, di cui esce ora la seconda za in Le citt in Italia e in Germania
edizione per l'Italia, una rielabora- nel medioevo: cultura, istituzioni,
zione delle tesi di P. Alphandery, lo vita religiosa (1981). I contributi
storico delle religioni scomparso ne- presenti (da G. Fasoli a U. Diri-
gli anni trenta, curata dal suo pi il- meier, da A. Castagnetti a A. Ha-
lustre discepolo: A. Dupront. Il fe- verkamp, E. Mazzarese Fardella, N.
nomeno delle crociate, rivisitato alla Cilento, K. Schulz, H. Knittler) ri-
luce dei percorsi sommersi dell'in- velano le linee di ricerche comuni
conscio collettivo, si configura qui perseguite in ambito medievistico
come complesso laboratorio ideolo- sia italiano che tedesco: la complessa
gico delle immagini e delle esperien- dinamica delle stratificazioni sociali
ze proprie dell'Occidente cristiano. cittadine, il ruolo dei ceti popolari,
Un'indagine ricca di suggestioni che le relazioni sovralocali. Ne emergo-
rifugge dal terreno arido delle tradi- no differenze vigorose non solo tra le
zionali ricostruzioni, riscoprendo, esperienze istituzionali e sociali ita-
nel vivo delle dinamiche religiose liane e tedesche ma anche tra le au-
dell'epoca, le zone anonime della tonomie cittadine dell'Italia del
spiritualit di massa. nord, le zone continentali del sud e
(a.t.) la Sicilia. Convergenze di metodi
che illustrano dunque un quadro
ampiamente frammentato e non
ciale oltre che economico da parte di calarsi nel vivo del gioco delle for- matrimoniale, la prostituzione si
cessano di interrogarsi, proponendo
della chiesa. ze sociali; cos il trapasso dalle idee configura cos, in una continua am-
percorsi di lettura pi aperti e dutti-
(a.t.) teocratiche ai principi della sovranit bivalenza, come "complice indi-
JACK G O O D Y ,Famiglia e matri- li, sulla vischiosit di categorie
popolare si colloca nel quadro di un spensabile della commedia cittadi-
monio in Europa, Mondadori, astratte e statiche quali quelle stesse
pi vasto movimento che prende na".
Milano 1984, pp. 363, ed. orig. di ceti popolari e aristocrazia.
l'avvio dai fermenti cittadini, dal (a.t.)
1983, trad. dall'inglese di F. crescente fenomeno delle autonomie (a.t.)
Maiello, Lit. 30.000. comunali e regionali.
WALTER ULLMANN, II pensiero
(a.t.)
politico del medioevo, Laterza,
Situata al confine tra storia e an- Bari 1984, pp. 288, ed. orig. La cultura italiana nello spetta-
tropologia, l'indagine di Goody, colo del Cinquecento, a cura di
1965, trad. dall'inglese di R. FRANCESCO TATEO, Chierici e
studioso internazionalmente noto Elvira Garber Zorzi, numero
per i suoi lavori sui modelli sociali Lauretta, Lit. 13-000. feudatari del mezzogiorno, La-
monografico di "Quaderni di terza, Bari 1984, pp. 165, Lit.
africani e sulle istituzioni occidenta- La prostitu-
li, si focalizza sull'istituto familiare Agile ma incisiva sintesi del pen-
JACQUES ROSSIAUD, teatro", anno VII, numero 25, 19-000.
siero politico medievale, il libro di zione nel medioevo, Laterza, Ba- agosto 1984, Vallecchi, Firenze,
europeo: un tema intimamente col-
legato nella tradizione degli studi al- Ullmann, noto per i suoi celebri stu- ri 1984, pp. 236, ed. orig. 1984, pp. 175, Lit. 7.000. Il Rinascimento, il caso di dirlo,
la nascita dell'occidente e, come sot- di sul papato e sul Rinascimento, ri- trad. dal francese di E. Pellizer, rinasce al sud. Attraverso un ricco
tolinea l'autore, centrale nel sistema costruisce le dinamiche della teoria Lit. 24.000. La prospettiva interdisciplinare itinerario compiuto nei meandri del-
del pensiero moderno, dalla psicolo- dei poteri in Europa tra il V e il XIV non pi una novit concettuale, la cultura meridionale tra Quattro-
gia delle relazioni freudiana all'eco- secolo. Sullo sfondo delle vicende Fino a ora confinato nelle pieghe anche se la pratica scientifica sembra cento e Cinquecento, il volume offre
nomia di produzione marxiana per storiche che modellano e alimentano di una colorita aneddotica, il mondo tuttora indugiarvi in una formale ri- una ricostruzione critica e originale
giungere fino ai pi recenti studi de- il cosmo dell'ideologia politica me- della prostituzione medievale si tra- tualit. La rivista trimestrale "Qua- del fenomeno rinascimentale nelle
mografici. Rovesciando interamente dievale, l'autore illustra le contrap- sforma, grazie al ricco e affollato af- derni di teatro", che dedica il suo ul- province del Sud. Ribaltando l'otti-
la prospettiva tradizionale, la linea poste dottrine dei fondamenti del fresco di Rossiaud, in un osservatorio timo numero monografico a La cul- ca centralizzata della prospettiva tra-
di rottura verificatasi in Europa ri- governo dalla teoria della derivazio- complesso e variegato delle dinami- tura italiana nello spettacolo del dizionale, l'autore studioso di lette-
spetto al modello familiare mediter- ne divina, dall'alto, del potere a che sociali: dallo specchio delle con- Cinquecento, propone invece un ratura italiana indaga la comple-
raneo riportata, qui, decisamente quella dell'origine popolare, dal suetudini sessuali l'indagine giunge concreto risultato di questa possibile mentariet e le differenze della
DEI LIBRI D E L MESEI
frammentata esperienza del movi- tenzzato dagli esiti del conflitto merito di integrare le altre interpre- internazionale fascista, il conflitto

CELID
mento umanistico "periferico": dal- mondiale e soprattutto dal movi- tazioni senza pretendere di costruire mondiale.
le testimonianze di letterati quali mento di emancipazione coloniale e (m.r.)
una teoria alternativa totalizzante,
Antonio De Ferraris Galateo, di fi- dall'emergere di nuove identit nel sfuggendo agli opposti determini-
gure di grandi feudatari quali gli
Acquaviva, o di ecclesiastici come
Terzo mondo. (m r ) smi del volontarismo ("volere po-
tere") e dell'oggettivismo ("i mezzi
EDITRICE
Quinto Mario Corrado, emerge un PAOLO P O M B E N I , D e m a g o g i a e Via Modane - To
spiegano tutto").
complesso quadro culturale in bilico tirannide. Uno studio sulla for- Tel. 38.65.27/33.58.635
tra i riflessi umanistici dell'intellet- (m.r.)
ma-partito del fascismo, Il Muli- NICOLA TRANFAGLIA
tualit napoletana e la vitalit dei DANIEL R . HEADRICK, AL servi- Labirinto italiano
costumi feudali e delle componenti zio d e l l ' I m p e r o . Tecnologia e no, Bologna 1984, pp. 493, Lit.
30.000. 386 pg - 1984 - L. 25.000
d'indirizzo ecclesiastico. imperialismo europeo nell'Otto- JOHN DAY
GIULIANO PROCACCI, Dalla par-
(a.t.) cento, Il Mulino, Bologna 1984, te dell'Etiopia. L'aggressione 11 fascismo come forma di governo Uomini e terre della Sardegna
pp- 239, ed. orig. 1981, trad. italiana vista dai movimenti an- misto, prodotto dall'intreccio di due coloniale (in preparazione)
dall'inglese di Salvatore Madda- ticolonialisti d'Asia, d'Africa, forme "corrotte": la demagogia, GIAN CARLO JOCTEAU
loni, Lit. 20.000. d'America, Feltrinelli, Milano cio il governo basato (come la de- L'armonia perturbata.
DANIEL PICKERING WALKER.
mocrazia) sulla partecipazione di Classi dirigenti e percezione
Tra l'inizio dell'Ottocento e il 1984, pp. 283, Lit. 33.000.
molti ma esercitato non per fini ge- degli scioperi nell'Italia liberale
Possessione ed esorcismo. Fran- 1914 la superficie terrestre controlla- Quest'ultimo libro di Procacci, nerali, e la tirannide (cio il governo (in preparazione)
cia e Inghilterra fra Cinque e Sei-
cento, Einaudi, Torino 1984,
pp- 133, ed. orig. 1981, trad.
dall'inglese di Enrico Basaglia,
Lit. 7.500.
PHILIP ABRAMS, Sociologia stori-
Anche gli oggetti pi radicalmen-
te irrazionali possono essere ricon- ca, Il Mulino, Bologna 1983, pp.
dotti a rigorosa razionalit storiogra- 427, ed. orig. 1982, trad.
fica. Walker, storico inglese del ma- dall'inglese di Guido Maggioni,
gico e del demoniaco ( autore di al- Lit. 30.000.
tre due opere sull'argomento: Spiri-

m \ u:
tual and Demonio Magic e The De- Sociologo con ampie competenze
cline of Hell), ha preso in considera- storiche, Abrams lancia una sfida to-
zione una serie di casi di possessione tale alla distinzione disciplinare tra
avvenuti in Francia e Inghilterra tra storia e sociologia: tra di esse non
v. r
la fine del Cinquecento e l'inizio del esisterebbe differenza n di oggetto
Seicento, inquadrandoli nell'ambito (gli individui alla prima, la societ
della mentalit corrente e delle co- alla seconda), n di metodo (l'empi-
noscenze mediche dell'epoca. Ne rismo agli storici, la teoria ai sociolo-
emerso un agile volumetto in cui, gi). Anzi, negli ultimi trent'anni lo
accanto a una lucida analisi dell'uso sviluppo della storia quantitativa,
strumentale delle pratiche esorcisti- l'attenzione per la struttura delle
che utilizzate spesso a fini di pro- classi e la transizione sociale, per le
paganda religiosa dalle varie chiese mentalit collettive e la quotidianit
si incontrano brillanti squarci di delle masse avrebbero dimostrato
storia sociale della medicina (si pensi che ambedue perseguono, con la
allo stretto intreccio tra possessione stessa logica esplicativa, un progetto
demonica e malattie quali l'epiles- comune: l'analisi della "problemati-
sia, l'isteria e la melanconia), affa- ca della strutturazione", del modo
scinanti stimoli sul rapporto tra stre- in cui, nel corso del tempo, le azioni
goneria e concezione della natura, G. Rude, individuali diventano struttura (e
utili osservazioni di natura teologica societ) la quale torna a interagire
e antropologico-religiosa (perch, ad La folla nella storia sugli individui condizionandoli.
esempio, la Chiesa non riconobbe la Analizzando le principali categorie
possibilit di possessione da parte di Editori Riuniti, Roma 1984, sociologiche, che coincidono in ef-
spiriti buoni, contrariamente alle re- pp. 301, ed. orig. 1981, fetti anche con processi storici
ligioni antiche o orientali?). Un li- (Tanomia, la razionalizzazione, la
bro condotto per "storie", il cui ta- trad. dall'inglese di formazione delle classi, il problema
glio narrativo rende particolarmente Maria Lucioni, Lit. 16.800 dell'identit, la formazione degli
gradevole la lettura. stati, ecc.) l'autore conclude che sto-
(m.r.) Insieme alle Foules rvolutionnaires di G. ria e sociologia dovrebbero in realt
conduce l'immagine anonima della massa ai
Lefebvre, l'opera di G. Rude', per la prima dissolversi in un'unica disciplina: la
concreti fotogrammi dei singoli "volti nella sociologia storica, appunto.
volta in edizione italiana, rappresenta uno folla ". Un 'ottica che, se non riesce a raggiun-
dei classici della storiografia sulla folla. Co- (m.r.)
gere l'efficacia teorica e metodologica delle
FRED W . VOGET, Storia dell'et- stretto entro gli ambiti atemporali e dionisia- Foules di Lefebvre, arrestandosi spesso sulle
nologia c o n t e m p o r a n e a , Laterza, ci dell'approccio psicopatologico d'inizio se- soglie di una classificazione tipologica, si in-
Bari 1984, pp. 400, ed. orig. colo, (Le Bon), lo "stato di folla" raggiunge, serisce appieno in quella corrente di rifonda-
1975, trad. dall'inglese di Alba nell'analisi di Rude, il territorio della storia. zione storiografica di indirizzo marxista, volta
Rosa Leone, Lit. 28.000. Alle tesi naturalistiche e pulsionali di Le Bon a restituire i comportamenti delle classi subal- ERIC L. JONES, Il miracolo euro-
Traduzione dell'ultima pane di o di Tarde si oppone qui una lettura indivi- terne allivello consapevole dell'agire storico. p e o , Il Mulino, Bologna 1984,
una pi generale History ofEthnolo- dualizzante del fenomeno collettivo che ri- pp. 342, ed. orig. 1981, trad.
(a.t.)
gy in quattro volumi, il libro inten- dall'inglese di Giovanni Vigo,
de tracciare in chiave manualistica Lit. 25.000.
un quadro sistematico degli sviluppi
della disciplina antropologica nel
Il "miracolo" il distacco dell'Eu-
corso dell'ultimo mezzo secolo. Do- ta dagli europei passa dal 35 all'85 che all'impresa etiopica aveva gi dispotico di uno solo). Pombeni, ropa dall'Asia ed il suo accelerato
po la dissoluzione, alla fine dell'Ot- per cento: il fenomeno dell'impe- dedicato un importante studio (Il storico dei partiti politici, analizza processo d'industrializzazione, in-
tocento del paradigma evoluzionisti- rialismo, ampiamente studiato nelle socialismo internazionale e la guerra qui il ruolo e la forma del Pnf, collo- dagato nel lunghissimo periodo con
co, e la crisi, negli anni '30, sue cause politiche ed economiche, d'Etiopia), ha il grande merito di candolo nel contesto costituzionale e un approccio di storia globale e com-
dell'egemonia struttural-funzionali- ma sottovalutato dal punto di vista superare la dimensione storiografica ideologico del regime fascista e, pi parativa. Gettando lo sguardo fino
stica, l'antropologia entr in una della sua storia sociale e materiale. eurocentrica non solo nelle intenzio- in generale, della "crisi dello Stato al mesolitico e risalendo il corso sto-
travagliata fase di transizione, carat- Ora D.R. Headrick introduce, con ni ma, per cos dire, nello statuto moderno", con un approccio decisa- rico con un'attenzione pi accentua-
terizzata da un nuovo processo di in- questa analisi delle interconnessioni stesso della ricerca. Esso ha per og- mente multi-disciplinare (storico, ta per il periodo compreso tra il XIII
tensa specializzazione e differenzia- tra tecnologia e imperialismo, un getto, infatti, le reazioni all'invasio- certamente, ma anche giuridico, po- e il XIX secolo, Jones prende in esa-
zione interna, dalla crescente pro- punto di vista originale, spostando ne italiana dell'Etiopia da parte dei litologico, filosofico-politico) e com- me l'intero ventaglio delle condizio-
blematicit del rapporto con la sto- la prospettiva dal terreno (soggetti- movimenti anticoloniali dell'Asia, paratistico (un'ampia parte dedi- ni demografiche, ecologiche, geo-
ria, e dalla riscoperta del ruolo vo) delle motivazioni a quello (ma- dell'Africa e dell'America tanto del cata al confronto col nazismo). At- economiche, sociali e politiche che
dell'identit individuale nei suoi teriale) delle possibilit, dal regno Nord (le minoranze di colore negli traverso la minuziosa ricostruzione possono aver favorito la differenzia-
rapporti con le dinamiche struttura- dei fini a quello dei mezzi. Mentre USA) che del Sud, e intende offrire della vicenda politica istituzionale, zione nel tasso di sviluppo dei due
li. Di questi aspetti nuovi e di tali la storiografia prevalente si limita a al lettore un quadro completo e giunge a concettualizzare il ruolo c o n t i n e n t i . Pur i n d i v i d u a n d o
tendenze Voget non si limita a de- chiedersi perch gli europei "volle- comparato delle loro motivazioni centrale del Partito fascista come nell'assetto naturale particolarmente
scrivere i risvolti metodologici e di- ro" conquistare il mondo, qui si in- politiche e ideologiche, nonch del- "perno istituzionale" di un modello favorevole la condizione necessaria
sciplinari, dedicando ampio spazio tende rispondere piuttosto alla do- le implicazioni sul piano delle ri- dualistico in cui su un sistema di ge- per la fortuna europea, tuttavia al-
al moltiplicarsi di sotto-discipline manda su perch "poterono" farlo, spettive strategie. La reazione inter- stione del potere monocratico e ti- le particolari condizioni politiche
specialistiche fondate su variabili individuando la chiave in tecnologie nazionale all'impresa italiana fu va- rannico (fondato sul permanente (assenza di occupazioni militari stra-
specifiche (economiche, sociali, po- specifiche: il chinino e il battello a stissima, paragonabile, per molti stato d'eccezione) si innesta un siste- niere, formazione degli stati nazio-
litiche, giuridiche, ecologiche, psi- vapore nella fase della penetrazione versi, a quella di solidariet col Viet- ma di legittimazione demagogico nali, limitazione degli arbtri del po-
cologiche...) e tracciando un'accura- territoriale; il fucile e le armi a ripe- nam negli anni '60, sia perch l'ag- (fondato sulla permanente mobilita- tere) che l'autore contrario a ogni
ta mappa delle pi recenti imposta- tizione nella fase della conquista ve- gressione imperialista avveniva tar- zione). tipo di determinismo affida il
zioni metodologiche, ma disegna ra e propria; le ferrovie e le comuni- di, in un periodo in cui gi in pieno
(m.r.) molo decisivo. Come dire che il di-
anche, sia pur sommariamente, il cazioni via cavo in quella del conso- sviluppo era il movimento anticolo- spotismo il peggiore limite allo svi-
contesto storico entro cui tali inno- lidamento. A queste tecnologie im- niale, sia perch essa anticipava, co- luppo.
vazioni maturarono; contesto carat- periali dedicato il libro, che ha il me primo sintomo dell'aggressivit
(m.r.)
FORSE I LIBRI CHE
CERCATE SONO
GI USCITI.
ECCONE QUALCUNO
E'NEL CATALOGO
DELLE EDIZIONI DI
COMUNIT
Werner Schweiger Wiener Werkstaette. Arte e artigianato a Vienna
1903-1932 Hannah Arendt Sulla rivoluzione Raymond Aron La lot-
ta di classe La societ industriale Pace e guerra tra le nazioni Teoria
dei regimi politici Bruno Bettelheim Dialoghi con le madri Erich
Fromm Fuga dalla libert Dogmi, gregari e rivoluzionari Psicanalisi
della societ contemporanea Psicanalisi e religione Gandhi Anti-
che come le montagne Francis Haskell Riscoperte nell'arte Arthur
Koestler II principio di Giano La tredicesima trib C.G.Jung Psico-
logia e religione Barrington Moore Jr. Le basi sociali dell'obbedienza
e della rivolta Le cause sociali delle sofferenze umane Herbert Read
Educare con l'arte Albert Schweitzer Rispetto per la vita La mia vita
e il mio pensiero Simone Weil La prima radice La condizione operaia
Max Weber Economia e societ Sociologia della religione Emile
Durkheim La divisione del lavoro sociale Le forme elementari della
vita religiosa Le regole del metodo sociologico C. Wright Mills Im-
magini dell'uomo Sren Kierkegaard La malattia mortale La ripre-
sa Timore e tremore Henri Bergson Le due fonti della morale e del-
la religione Karl Jaspers Origine e senso della storia Piccola scuola
del pensiero filosofico Karl Lowith Significato e fine della storia
Jean-Paul Sartre L'antisemitismo Martin Buber L'eclissi di Dio

Nelle migliori librerie o direttamente B H ^ ^ H


presso l'editore, Largo Augusto 1,20122 Milano
DEI LIBRI DEL MESE

Il revisionismo e da questo alienate nel corso della


loro crescita, hanno potuto giungere
ad un massimo di efficacia pratica,
nella maggioranza dei casi politica-
mente rilevanti non si trattava tanto
di ricerche accademiche o anche sol-
del proletariato, vi introdurrebbero
dall'esterno la coscienza generale
della lotta di classe. Anche Marx ve-
politica, incorporandosi a strutture tanto "scientifiche", quanto di dare deva gli ideologi borghesi passare

figlio dell'ortodossia di potere statale, compiute o in via


di compiersi (Terzo mondo). Questa
stringata formulazione ben sintetiz-
fondamento teorico a scelte politi-
che, la valutazione politica e le con-
crete circostanze politiche furono
nelle file del proletariato, ma non
attribuiva loro funzioni particolari,
la coscienza rimaneva una prerogati-
di Aldo Natoli za le traiettorie ricostruite nei capi- determinanti assai pi che l'oggetti- va di tutti i comunisti rispetto alla
toli che ho appena elencati e da va ambiguit di certe idee di Marx. restante massa del proletariato.
quelle ricava la sua forza di persua- Un caso esemplare fu la fortuna (o Questo esempio pu forse servire
Massimo L. Salvadori, Storia del go della rivoluzione in Germania; sione. Poich l'accresciuta "efficacia meglio la sfortuna) di un testo come a far riflettere su una banalit: le pa-
pensiero comunista. Da Lenin uno su Stalin e la "statalizzazione" pratica" si esprime entro e attraverso la Critica al Programma di Gotha, role (qui "revisionismo") hanno una
all'eurocomunismo. Arnoldo Mon- del marxismo; uno sui teorici del co- strutture statali tradizionali, di cui la messo prima nel casetto e poi relega- loro storia della quale pu essere im-
dadori, Milano 1984, pp. 792, Lit. munismo di sinistra, da Korsch al spoglia vuota del comunismo ha fi- to in soffitta dalla socialdemocrazia possibile spogliarle. Per quanto Sal-
45.000. primo Lukacs a Pannokoek; uno su nito col divenire mera copertura tedesca, frainteso (con la sola ecce- vadori intenda attribuire a questo
Gramsci; uno sul movimento comu- ideologica (Salvadori non si pone il zione di Lenin nel 1917) nel movi- termine il significato pi ampio di
Fra il 1978 e il 1982 gli studi mar- nista intenazionale della bolsceviz- problema di definire la natura delle mento bolscevico e poi grossolana- incessante divenire e sviluppo, an-
xisti e sul marxismo in Italia si sono zazione alla destalinizzazione; uno nuove formazioni economico-socia- mente falsificato dal marxismo-leni- che in questa pi larga accezione
arricchiti di un'opera di grande mo- su Togliatti e la via italiana al sociali- li), si potrebbe anche concludere che nismo per piegarlo a precisi scopi sembra vada perduta la distinzione
le, fondata su un'ampia collabora- fra ci che fu consapevole modifica-
zione internazionale, quale La Storia zione o fraintendimento di tesi mar-
del marxismo, pubblicata da Einau- xiane (anche fuori da ogni preoccu-
di in cinque volumi. In un tempo in pazione circa l'ortodossia) e svolgi-
cui invalsa come una moda politica mento e invenzione rispetto ad esse,
e culturale di proclamare scontata e nelle mutate condizioni storiche. Il
irreversibile la crisi del marxismo e la revisionismo fu figlio naturale
perdita, da parte sua, di ogni forza dell'ortodossia, lasciamo dunque
vitale, quell'opera ha dato un ap- che esso perisca insieme a quella e
prezzabile contributo alla storicizza- che la sua traccia residui solo entro
zione di quella crisi, alla verifica del- una nomenclatura storicamente de-
la validit e dei metodi dell'analisi terminata.
storica ed economico-sociale marxisti Che poi ci che Salvadori riu-
e marxiani, alla individuazione di scito a fare in questa "Storia": infatti
processi involutivi e delle loro cause. se il progetto marxiano fu "una delle
Di fronte al pressapochismo e alla pi gigantesche utopie della storia",
improvvisazione di tanti giustizieri questo libro ne ricostruisce l'epica,
di Marx e del marxismo, la Storia di
Einaudi stato un serio ammoni- ricchezze e miserie, tragedie e trion-
fi, fuori da ogni limite dottrinario;
mento a non abbandonarsi ad av- BlP .M in una ricomposizione autentica dei
venturosi passaggi fra politica e cul- SggS fatti storici, illuminata da una capa-
jf.'V
tura e fra cultura e politica (penso a riOz ifV: cit di giudizio critico che non atte-
certo neofilosofare parigino), T m a t
r l i E U l nua la freschezza e la passione.
nonch un invito a ristudiare pa- Poich in un'opera cos ponderosa
zientemente, ma non servilmente, non potevano essere evitati taluni
le radici storico-sociali e della politi- WS;
cali di intensit e di ritmo, ne indi-
ca e della cultura, compresi i rappor- cher come i punti pi alti i capitoli
ti fra le due. su Lenin, su Trockij, su Rosa Luxem-
Adesso su questo fronte, o meglio bourg. Colpisce, nel caso di Trockij,
su un settore pi circoscritto di esso, la puntuale esattezza di un giudizio
certamente il pi scottante, com- che ha tutta l'aria di essere storica-
parso un altro lavoro di assai ampio mente conclusivo: le "oscillazioni"
impegno, di uno studioso non nuo- BORINGHIERI 1984
di quella personalit non furono n
vo a tali imprese e che non ha biso- banalmente "opportunistiche", n
gno di essere presentato. Parlo di di tipo caratteriale; la loro principale
Massimo L. Salvadori e della sua Sto- radice stava nella natura del suo
ria del pensiero comunista. Da Le- marxismo nel periodo precedente
nin all'eurocomunismo. L'assunto l'adesione al leninismo. Egli inten-
, come si vede sterminato, poich STORIA DELLA TECNOLOGIA
a cura di C. Singer e T. I. Williams
I PROBLEMI DI MATEMATICA MARIE-LOUISE V O N FRANZ deva unire un processo sociale estre-
DELLA SCUOLA NORMALE DI PISA ALCHIMIA
investe il pensiero e (inevitabilmen- volume 7: mamente avanzato (la rivoluzione
LE C O M U N I C A Z I O N I N. ELDREDGE, I. TATTERSALL MIRCEA ELIADE
te) l'azione di un movimento che ha E L'INDUSTRIA SCIENTIFICA I MITI DELL'EVOLUZIONE U M A N A TECNICHE DELLO YOGA permanente) con le formule orga-
percorso l'intero secolo di cui stiamo 1900-1950
ALBERTO OLIVERIO nizzative del marxismo ortodosso
ANSELMO GROTTI
vivendo il crepuscolo, nonch la loro WERNER HEISENBERG STORIA NATURALE DELLA MENTE SAGGIO SU FELICE BALBO contrario al neogiacobinismo. Per
FISICA E OLTRE
diffusione su scala mondiale, sicch ENZO SPALTRO DIZIONARIO DI ECONOMIA questo non pot essere n menscevi-
potrebbe dirsi che questo di Salva- E R M A N N O BENCIVENGA SENTIMENTO DEL POTERE diretto da Giorgio Lunghini co, n bolscevico: "era rimasto un
IL PRIMO LIBRO DI LOGICA voi. 7: CREDITO CRESCITA CRISI
dori il primo tentativo sistematico RALPH R. GREENSON
voi. 8: D O M A N D A OFFERTA marxista dell'Ottocento".
HAO W A N G ESPLORAZIONI PSICOANALITICHE
di una storia non eurocentrica del KEITH HOPKINS Un giudizio analogo, denso di
DALLA MATEMATICA ALLA FILOSOFIA PETER L. GIOVACCHINI
comunismo, di pi non tolemaica, FREUD PER IL CLINICO PRATICO CONQUISTATORI E SCHIAVI suggestioni quarantottesche nell'as-
JAN PINBORG
cio non ruotante intorno al perno JESPER SVENBRO soluto protagonismo assegnato alle
LOGICA E SEMANTICA NEL MEDIOEVO SUSAN ISAACS E ALTRI
fsso della III Internazionale e L'OSSERVAZIONE DIRETTA LA PAROLA E IL M A R M O
masse rivoluzionarie, traspare anche
dell'egemonia-dominio dello Stato SAUL KRIPKE DEL BAMBINO
WITTGENSTEIN SU REGOLE nel caso di Rosa Luxemburg, "altra
sovietico. Una storia dunque poli- E LINGUAGGIO PRIVATO G. P. LOMBARDO, F. FIORELLI
grande e importante radice die co-
BINSWANGER E FREUD
centrica, senza che ci annulli il peso munismo contemporaneo".
specifico che hanno avuto i centri e
Le vicende del comunismo italia-
le matrici storicamente determinati
no sono condensate in due capitoli,
del pensiero comunista.
il primo dedicato a Gramsci (Salva-
Altra caratteristica generale di dori sintetizza qui un suo preceden-
questo lavoro consiste nel fatto che smo; due su mao Tse-tung e la rivo- non potremmo essere pi lontani da politici del potere. te, ampio studio), il secondo alla po-
Salvadori, pur riportando diligente- luzione cinese; due sulla crisi strut- Marx, data, nel pensiero marxiamo, Salvadori scrive che, dopo Bern- stbellica via italiana al socialismo e al
mente la sterminata bibliografia esi- turale dell'internazionalismo comu- l'incompatibilit fra stato e comuni- stein, "il pi grande revisionista del suo ideatore, Togliatti. Che questi
stente sull'argomento, si fondato nista e sul "socialismo reale"; uno smo, mediata solo dall'inesplorato marxismo", nonostante tutta la sua sia stato "il massimo teorico della
essenzialmente sulla lettura e rilet- sul comunismo dei paesi arretrati tragitto della transizione-estinzione. apparente ortodossia, fu lo stesso Le- democrazia progressiva" opinione
tura critica dei testi degli autori e dei (Vietnam e Cuba); uno, finale, Tale distanza da Marx viene inter- nin. Ma si pu davvero sostenere, discutibile; pi fondato sarebbe, se-
documenti pi importanti e sull'eurocomunismo. pretata da Salvadori come il risultato come fa Salvadori, che sarebbe revi- condo me, risalire al Dimitrov degli
sull'analisi di questi ha basato ricer- Come si vede, l'orizzonte im- di un "revisionismo ininterrotto", sionistica rispetto a Marx la conce- anni 1935-38, nel cui alone si collo-
che, valutazioni e conclusioni. Que- menso e, nel breve spazio consenti- che avrebbe caratterizzato tutta la zione e poi la costruzione del partito cano (per esempio a proposito della
sta sistematica esclusione dei contri- to, saranno possibile solo brevi nota- storia del marxismo, sia della II che bolscevico, come fu elaborata da Le- Spagna) gli scritti di Togliatti.
buti della storiografia forse discuti- zioni e spunti di discussione: infatti, della III Internazionale. Questa for- nin fra il 1902 e il 1904? vero che Quanto al periodo 1944-47, direi
bile, ma certamente la fonte prin- come potrebbe non suscitarne mulazione a me sembra pi brillan- in Marx un partito comunista, come che la "democrazia progressiva" non
cipale della freschezza e dell'origi- un'opera simile? te che efficace: l'uso del termine tale, negato, ma chiarissima la fu per Togliatti molto pi che un ar-
nalit di questo lavoro, come pure Fin dalle prime pagine della In- "revisionismo" non pu non sottin- definizione dei comunisti come gomento di propaganda, il cui vigo-
dei rischi che esso non ha evitato di troduzione Salvadori indica esatta- tendere implicitamente che l'opera avanguardia che opera entro e in re non "naufrag sugli scogli della
affrontare. Ne risultata una costru- mente i due problemi che gli si sono di Marx costituisca una dottrina contatto con gli altri partiti operai e guerra fredda", ma gi nel 1945,
zione imponente, strutturata in sag- posti scrivendo questo libro. 1): di- compiuta, non suscettibile di ulte- con le masse. Che l'avanguardia si nella rapida liquidazione dei Comi-
gi monografici, ma niente affatto mostrare che il comunismo contem- riori sviluppi e, come noto, valse a trasformi nella Russia zarista, nelle tati di liberazione nazionale, culmi-
isolati l'uno dall'altro, anzi agil- poraneo, per diventare una delle indicare deviazione dall'ortodossia. condizioni del pi duro lavoro ille- nata nella caduta del governo Parti e
mente articolati sul filo genetico dei grandi forze della storia universale, Altrettanto discutibile la ricerca di gale, in un partito fortemente cen- nella labile e contraddittoria allean-
nessi storici. Quattro saggi su Lenin, pervenuto al suo esaurimento, per Salvadori circa le cause del suo "revi- tralizzato, potrebbe vedersi come za dei tre partiti di massa, questa s
dalla nascita del bolscevismo alla aver pagato il prezzo di mutare se sionismo ininterrotto"; io penso che un'innovazione creativa rispetto a liquidata nel 1947 dall'insorgere
presa del potere e al declino del so- stesso fino al punto da cancellare le non si tratt solo di "varie interpre- Marx, stimolata dalle necessit della della guerra fredda.
gno rivoluzionario; tre su Trockij, premesse (teoriche) e i valori iniziali. tazioni" che volta a volta furono da- pi aspra lotta politica. Revisionisti-
gli ardimenti della rivoluzione per- te rispetto a "nuclei del pensiero di ca rispetto a Marx certamente la I due capitoli dedicati a Mao e alla
Cio fino al punto da non essere pi
manente e il dramma della sconfit- Marxi in tensione fra di loro e suscet- concezione, di nota derivazione rivoluzione cinese, nel complesso,
comunismo, secondo l'accezione
ta; due su Rosa Luxemburg, dal tibili di sviluppi contraddittori". kautskiana, che gli intellettuali di ricostruiscono in modo corretto le
marxiana. 2): il movimento e le for-
"mito" delle masse al tragico epilo- Certo, ci fu anche questo, ma poich origine borghese, passando nelle file particolarit e il corso del processo ri-
ze suscitati in nome del comunismo
voluzionario in Cina. E tuttavia nel-
le valutazioni critiche di Salvadori si tativo di eliminare anche le forme Le testimonianze sono attentamente spesso dai militanti politici di pro- Fiat. Su questi episodi gi abbastan-
avvertono talora oscillazioni e con- larvate del dissenso ne conserva, iro- scrutate con l'aiuto di tutti gli accor- fessione. Per loro, come spiega bene za noti non ci si pu aspettare delle
traddizioni che derivano forse da nicamente, le tracce. Ma, per la loro gimenti elaborati dagli specialisti la Passerini, attraverso l'acquisto di grosse novit per quanto riguarda
una imeprfetta capacit di distinzio- particolare ottica la tendenza alla del ramo, dagli antropoioghi come una cultura scritta, si poteva conce- l'atteggiamento generale. Per, la
ne fra immagine esteriore e sostanza piaggeria tanto diffusa sotto il fasci- Vansina, e dagli studiosi della lette- pire un modello della vita come un natura e le ragioni della diffidenza
dei processi politici e ideali, fra le smo e per le lacune negli archivi, ratura come Bakhtin. Semmai, il let- processo di educazione rivoluziona- operaia verso Mussolini sono rese pi
correnti contrapposte del movimen- non costituiscono una fonte autosuf- tore pu provare un certo senso di ria, una versione proletaria della chiare. La difesa di un'identit tori-
to, fra obbligate scelte tattiche e ficiente. Lo stesso senz'altro vero disagio per la ragione opposta. Si classica concezione autobiografica nese, lo stereotipo del carattere pie-
strategia di lungo periodo. Salvadori per le fonti orali, ma Luisa Passerini tratta, cio, di un libro in cui il so- borghese. Invece, gli operai e ope- montese, onesto, sobrio e riservato,
coglie giustamente la principale par- non trascura le fonti scritte come vraccarico di interpretazioni sembra raie intervistati in prevalenza dimo- si saldava colla coscienza operaia e la
ticolarit della rivoluzione cinese nel mezzo di supporto e di integrazione a volte soffocare le vive voci dei tori- strano una visione lontana dai mo- presenza del mestiere. La voce se-
ruolo primario assegnato alle masse delle interviste registrate. In pi, di- nesi. L'immediatezza che uno dei delli culturali della sinistra militan- condo cui Mussolini avrebbe voluto
contadine, ma gli sfugge che ci era rei che in qualche sezione del libro pregi della storia orale stata sacrifi- te, in quanto contrassegnata da un "portare la Fiat a Roma" era suffi-
gi chiaro in Mao (e prima di lui a Li combina assai felicemente una storia cata forse in misura eccessiva a uno fatalismo circa la propria condizio- ciente a suscitare un moto di simpa-
Tachao e a Peng Pai), prima e non "orale" con una storia "visiva", ana- scrupolo metodologico quasi ossessi- ne. tia per Agnelli, visto come sostan-
dopo la sconfitta del movimento lizzando, per esempio, la retorica vo. Si capisce che la narrativa e Anche il socialismo concepito zialmente estraneo al fascismo, pro-
operaio comunista nel 1927. Salva- gestuale di Mussolini attraverso i ci- l'analisi si escludono, ma l'alternan- come un fatto di appartenenza so- dotto tipicamente romano. Anche
dori accoglie la formulazione "rivo- negiornali, oppure discorrendo sui za possibile, e la presentazione di ciale, come una predestinazione l'estrazione sociale di Mussolini non
luzione copernicana" (rispetto al to- significati simbolici dei colori. qualche storia di vita nella sua intie- quasi biologica, piuttosto che una li- giocava a suo favore. Il Mussolini
lemaismo di Mosca) per le idee della giovane era visto con poca simpatia,
rivoluzione cinese, ma poco dopo come un "vagabondo" che non resti-
parler di mera "variante del marxi- tuisce i debiti ai suoi compagni. La
smo-leninismo"; sottolineer il pre- Passerini constata, infatti, che l'im-
sunto terzinternazionalismo e filo-
stalinismo di Mao; senza cogliere
che, sotto gli omaggi rituali e verba-
I reumatismi magine negativa di Mussolini viene
a coincidere con quella successiva
dell'immigrato meridionale, furbo e

del rinnovamento
li, tutta la pratica rivoluzionaria di passionale.
Mao fu in contrasto aperto o latente Anche la retorica della grandezza
con il Comintern. Certo, le tenden- della patria si scontrava con un at-
ze ligie a Stalin erano la maggioran- teggiamento di sfiducia nella capa-
za nel partito cinese fino al 1935 e, di Rina Gagliardi cit collettiva del popolo italiano.
anche dopo, conservarono un'in- Passerini non nega d'altra parte
fluenza considerevole. Ma il partito l'esistenza, specialmente fra le don-
comunista cinese fu il solo a condan- ne, di una tendenza contraria, per
nare pubblicamente gli errori e i de- cui Mussolini era il buon padre,
Arrigo Levi, La De nell'Italia che cambia Da questo punto di vista, il libro-inchie-
litti della "bolscevizzazione" in Ci- sempre pronto ad aiutare i poveri,
na; fu il solo ad attuare una politica Laterza, Bari 1984, pp. 292, Lit. 12.000. sta di Arrigo Levi ha un grande merito: anzi-
ma spesso tradito dai suoi subordi-
di fronte unito sostanzialmente di- tutto, ci riporta all'evento, alla sua specifi-
nati. Questo tipo di fede irrazionale,
versa da quella promossa in Europa Neppure un anno e mezzo dalle elezioni cit. "Era stata, la flessione diffusa e genera- del resto, sembra comune a quasi
dal VII congresso dell'Internaziona- politiche del 26 giugno 1983: e quell'evento lizzata della De, un fatto occasionale e tem- tutti i regimi autocratici, moderni o
le. Certo, Mao non rifiut l'alleanza ci appare molto lontano, perfino "storica- poraneo? O bisognava considerare quella tradizionali. Inoltre, come suggeri-
con Stalin, ma farlo sarebbe stata mente superato ". Il fatto che il grande crol- sconfitta, la prima, come l'inizio di una irre- sce il senso comune se non l'ideolo-
pura follia tra il 1935 e il 1945. versibile decadenza storica della Democrazia gia, "l'ordine" era un valore apprez-
lo democristiano ha determinato una sola
L'opera si chiude con i due capito- palpabile novit politico-istituzionale la cristiana? Un interrogativo a cui l'autore pre- zato non soltanto dai borghesi. La
li dedicati al "socialismo reale" e presidenza Craxi e questa novit, se mai ferisce rispondere indirettamente attraver- soppressione della "cronaca nera"
all'"eurocomunismo", il primo, stata una trovata efficace, in quanto
ha avuto carattere dirompente, appare a sua so l'inchiesta, appunto, in cui i protagonisti
punto di arrivo del declino e della l'informazione sui delitti forse una
volta precocemente esaurita. Le elezioni euro- della sconfitta, da De Mita a Eorlani, da De fonte di ansia pi grande che i delit-
sclerosi del marxismo-leninismo nel pee del giugno di quest'anno, poi, pur prive Rita a Scoppola, parlano, analizzano, si au-
mondo sovietico; il secondo, incerto ti stessi. Una delle intervistate com-
di effetti "tecnici", hanno ridisegnato la geo- toanalizzano. Levi, per la verit, fa capire di menta che allora non si leggevano
conato di rilancio e di mutazione del
comunismo italiano. grafia elettorale su basi cos diverse, da legit- preferire il secondo corno del dilemma, il de- tutti questi fatti, Mussolini non li la-
timare anche le ipotesi che pi audacemente clino storico della democristianit. Questa sciava mettere".
puntano a una vera inversione di tendenza: scelta, che comporta una evidente simpatia Nonostante questi motivi di con-
ritorno al bipolarismo Dc-Pci, nella forma, dell'autore per / ' h o m o novus De Mita (la sua senso, la conclusione ben ponderata
magari, di sorpassi "alterni", "in avanti" o nota modernit, e perfino la sua difficolt ad della Passerini che complessiva-
"all'indietro"; ridimensionamento delle vel- essere un vero democristiano) segna il limite, mente si pu parlare di un'"estra-
leit espansive delPsi e di un polo "laico "pi che si potrebbe definire ideologico, del libro: neit" degli operai torinesi nei con-
le propensioni laico-democratiche dell'auto- fronti del fascismo. Non era un dis-
frutto di ideologismi che di realt politico-so-
senso politico attivo, ma era "capace
ciali corpose; appannamento delle tendenze re, insomma, le sue simpatie efficientistiche.

Parlare
di precederlo e di fondarlo". Il fasci-
di fuga dell' elettorato e, in conseguenza, del Nella prima parte, l'inchiesta di Levi si smo esaltava l'etica del lavoro. Ma i
trend di frammentazione. Tutti dati, per in- trasforma in una sorta di ritratto del composi- pi profondi e pi diffusi motivi del
tenderci, molto legati al carattere "disinteres- to universo scudocrociato. C' la nuova De, dissenso, a Torino, sembrano legati

di fascismo sato " del test europeo e, quindi, bisognosi di


parecchie verifiche. Resta il dubbio,
te, di questi anni: quello relativo alla nostra
ricorren-
da un lato, non solo incline al
ma insofferente,
pessimismo,
a ben vedere, della propria
a una percezione dell'incoerenza del
fascismo rispetto proprio ai valori di
una civilt industriale. Cos la politi-
storia, patrimonio, cultura: laicizzata, fino in

difficile
ca demografica del fascismo perce-
(o anche alla loro) capacit di lettura degli fondo, e apparentemente disponibile a una pita come un'invito all'irresponsabi-
eventi, alla loro effettiva durata nel tempo, e vera sterzata antidorotea a quella sorta di lit, un attacco all'identit ideale di
ancora alla loro natura reale: storica o partito repubblicano (e conservatore) di mas- lavoratore dotato di capacit, previ-
di Adrian Lyttelton relativa, strutturale o congiunturale, unitaria sa gi paventata da Forlani. Questi nuovi de- denza e autocontrollo. Contraria a
o multifattoriale che sia. mocristiani, quasi tutti raggruppati alla corte un'immagine troppo integralmente
Luisa Passerini, Torino operaia e pessimista della condizione operaia,
fascismo: una storia orale, Laterza, la Passerini dimostra che, nonostan-
Bari 1984, pp. Vili + 296, Lit. te i processi di dequalificazione do-
vuta all'organizzazione scientifica
24.000.
del lavoro, la fierezza del mestiere
Bench fuori del tema principale del rezza avrebbe a mio avviso giovato bera scelta. Ma lo stesso tradizionali- sopraviveva in uno stato consistente
In tutto il grande dibattito circa il libro, tali annotazioni sono da ap- all'economia del libro. smo della cultura operaia, il suo at- di operai specializzati. Inoltre, tra
"consenso" al regime fascista, finora prezzare come spunti per quell'ana- Nondimeno, si tratta di un'opera taccamento al non scritto, la rendeva gli operai della Fiat (e qualche altra
la storia orale rimasta assente. Per lisi del "segno" e del rituale fascista che pu dirci molte cose. Innanzi- refrattaria all'accettazione dei mes- grande fabbrica), c'era un sentimen-
la storia della Resistenza, un avveni- che tutt'ora ci manca. tutto, mette in evidenza una dimen- saggi ideologici del regime. Minac- to di orgoglio e di identificazione
mento positivo e epico, esiste una La storia orale non stata accolta sione della realt storica che la sto- cia o fonte di assistenza, era comun- con i progressi della tecnologia e
procedura ben collaudata e istituzio- con grande favore in Italia dalla cor- riografia sul fascismo finora ha tra- que una realt esterna, su cui si po- dell'organizzazione aziendale. Ma
nalizzata per la raccolta delle testi- porazione degli storici. Del resto an- scurato. La Passerini nota giusta- teva influire soltanto attraverso me- anche vero che le voci che parlano
monianze. Ma per il fascismo stesso che in Inghilterra, dove ne esiste una mente che, anche se il fascismo diatori qualificati. L'adesione alle del lavoro sono pi spesso quelle di
stato diverso. Una volta anche le tradizione molto pi solida, e dove essendo un totalitarismo imperfetto organizzazioni fasciste era normal- operai specializzati che di operai co-
fonti scritte sul fascismo erano sog- le opere di Raphael Samuel, di Paul non riuscito ad assorbire la vita mente un fatto di necessit materia- muni. Il silenzio degli ultimi forse
gette a una specie di rimozione o di Thompson, e di tutta la scuola del privata nella misura in cui altri regi- le, salvo nel caso di qualche giovane. prova di un'alienazione maggiore.
tab, come se la verit potesse essere History Workshop sono note anche a mi l'hanno fatto, aveva comunque Il cambiamento generazionale
raggiunta soltanto attraverso il lin- un vasto pubblico, le diffidenze ac- allargato i limiti della sfera pubbli- nell'uso del tempo libero, il passag- L'esperienza della classe operaia a
guaggio pulito dell'antifascismo. cademiche non mancano. Qualche ca. Per questa ragione, lo studio del gio dai passatempi tradizionali a Torino un caso limite. Nessuno ha
Nel campo delle testimonianze orali volta, queste diffidenze sono state consenso e del dissenso deve prende- quelli tipici di una societ di massa, mai dubitato che, rispetto alla me-
c' stato un simile sfasamento, una anche giustificate, di fronte a un cer- re in considerazione le manifestazio- si prestava alla manipolazione da dia nazionale, Torino fosse un terre-
simile esitazione a far parlare la gen- to tipo di populismo ingenuo per ni della vita quotidiana. Anche la parte del fascismo. Ma erano i giova- no sfavorevole per il fascismo. No-
te coinvolta in una sporca faccenda. cui "orale bello", e basta. Una difesa della vita privata, nelle forme ni, delusi per le forme assurde e nostante questo, lo studio della Pas-
Eppure, dovrebbe essere chiaro che nuova forma di eruditismo egualita- specifiche tramandate dalla cultura truccate di partecipazione a cui era- serini ha un significato che supera i
le fonti orali sono particolarmente rio, per cui ogni minimo dettaglio operaia, poteva essere una forma di no chiamati, i responsabili dell'uni- limiti della situazione locale. E inu-
utili per lo studio di un regime tota- della vita quotidiana aveva lo stesso rifiuto del fascismo. Si intende che si co esempio di protesta collettiva rife- tile dibattere la quantit del consen-
litario in cui molte forme di espres- valore davanti al dio della storia, tratta di una vita privata che ha poco rito nel libro, disertando in massa so o del dissenso al fascismo senza
sione sono rigorosamente proibite. non presenta grandi vantaggi rispet- a che vedere con gli ideali individua- una riunione per l'educazione pre- un concetto pi preciso e pi diffe-
Lo storico, vero, trova qualche pos- to alla vecchia ricerca del documento militare.
listici odierni di libert o di privacy. renziato della loro qualit. I racconti
sibilit di sostituzione utilizzando i come fine a se stesso.
Ma le fonti orali indicano anche una L'ultimo capitolo del libro esami- degli operai torinesi servono a capire
rapporti della polizia. La stessa Niente di questa tendenza, certa- forma di coscienza che molto di- il divario che esiste fra "subire" e
na l'atteggiamento degli operai ver-
preoccupazione che conduce al ten- mente, nel libro di Luisa Passerini. versa da quella illustrata assai pi "consentire".
so le famose visite di Mussolini alla
Non tutta la stampa atteggiamento duro a morire, come
dimostrano vari episodi e prese di
posizione (per esempio, di Mario
che per la sua appartenenza alle sfe-
re dirigenti della massoneria.
La Federazione comincia ad ac-
che fa onore alla Fnsi la diede Er-
manno Amicucci, uomo di punta
dei giornalisti fascisti, in una lettera
Missiroli quando fu presidente della
fu serva del fascismo
quistare un peso politico e assume inviata a Mussolini nel marzo 1925,
Fnsi nella seconda met degli anni via via "forza e dignit di oppositore definendo la Federazione della
Sessanta) ricordati dall'autore del fascismo". E un'opposizione che stampa "organo essenzialmente po-
nell'ultimo capitolo dedicato al se- mostra dei limiti e incontra delle litico e antifascista".
di Paolo Murialdi condo dopoguerra. difficolt che provengono dall'inter- In conclusione, il lavoro di Carca-
Tornando al primo dopoguerra, no ma anche e soprattutto dall'ester- no colma un vuoto nella rico-
Giancarlo Carcano, Il fascismo e dell'entrata in guerra dell'Italia, va ricordata la svolta che si verific no per le differenti e alterne posizio- struzione della parte svolta dai gior-
la stampa 1922-1925, Guanda, Mi- quasi tutti i giornalisti appaiono in- nella Fnsi con il congresso del 1920. ni che i maggiori organi di informa- nali e dai giornalisti negli anni che
lano 1984, pp. 154, Lit. 18.000. sensibili alle conseguenze politico- Esce vittorioso da quel congresso zione assumono nel corso del trien- sfociarono nella dittatura, ma, in
professionali di queste operazioni uno schieramento che comprende in nio. Ma le pagine nobili non sono particolare, delinea alcuni campi di
Tema centrale della ricerca storica badando soltanto a trarne vantaggi prevalenza esponenti del mondo li- poche. A cominciare da quelle scrit- ricerca ancora in gran parte da esplo-
di Giancarlo Carcano la resistenza economici. Si confonde l'apartiticit beralcostituzionale, repubblicano e te dai delegati al congresso di Paler- rare, che rientrano nel tema fonda-
opposta dalla Federazione nazionale con l'apoliticit, si ritiene che gli in- della sinistra riformista. Guida que- mo (settembre 1924) che in grandis- mentale per un regime di libert: il
della stampa italiana al fascismo: al- teressi politici di questo o quel po- sto schieramento Giuseppe Meoni, sima maggioranza respinsero i primi rapporto fra i centri di potere e i
le violenze contro i giornali di oppo- tentato siano un propellente neces- del Messaggero, il quale diventa ben decreti liberticidi di Mussolini. mezzi dell'informazione (e i giorna-
sizione, agli interventi con i quali sario per far vivere molti giornali: un presto la bestia nera dei fascisti an- D'altra parte, una attestazione listi che ci lavorano).
Mussolini cominci a soffocare la li-
bert di cronaca e di opinione e alla
lunga aggressione che i fascisti con-
dussero contro la Federazione stessa.
La battaglia della Fnsi dur fino al di De Mita, attribuiscono la sconfitta a ragio- sempre stati. Qui entriamo di colpo nello
dicembre 1925 quando i fascisti la ni strutturali; ragioni, cio, che vengono da scontro interno alla De da quando Forlani
conquistarono per poi sopprimerla. lontano: la secolarizzazione della societ ita- fu, nel corso delXV Congresso, l'unico anta-
E una pagina finora poco nota, ci- liana, la fine del cemento ideologico antico- gonista di Ciriaco De Mita all'ultimo congres-
tata unicamente dagli storici che si munista, la crisi della rappresentanza politica so di Roma, quello della finta riconciliazione
sono occupati pi direttamente delle che tout court crisi del sistema dei partiti di tutti, ancora attorno a De Mita.
vicende della stampa. Carcano l'ave- e, quindi, in primo luogo, della Democrazia La conclusione che Levi tira dalla sua ri- Alberto Pirelli
va raccontata ma soltanto nelle li- cristiana. Qui si innestano le fantasie sociolo- cerca si esplicita, con una certa chiarezza, nel-
nee essenziali in un piccolo libro Taccuini
giche di De Rita sul segmento e sui frammen- la parte finale. Intanto egli accredita l'esi- 1922-1943
fuori commercio pubblicato nel
1973 dalla Fnsi. Ora, attraverso ri- to sociale. Qui, anche, prendono quota le stenza possibile di una vera terza forza che Un grande italiano
cerche condotte in archivi pubblici e conclusioni pi evidentemente strumentali: comprende anche ilPsi e che capace di rom- protagonista dell'economia
privati e la consultazione di quoti- se si vuol salvare la politica anzitutto come pere la dittatura bipolare Dc-Pci. Attraverso internazionale
diani e periodici del tempo, Carcano a contraddittorio con Mussolini
sfera praticabile sfera della mediazione e una rapida ricognizione dei risultati elettorali
nei momenti cruciali del ventennio
ha compiuto una ricostruzione parti- della sintesi bisogna cambiare le regole del in Italia, dal '48 in poi. Levi raggruppa i par-
colareggiata della vicenda amplian- gioco, e quindi, procedere ad una vera rifor- titi oltre le classiche ripartizioni (centro/sini-
done inoltre il contesto politico. ma delle istituzioni (in nome anche di stra/destra) e fa emergere una crescita piutto- John McManners
Tra gli aspetti pi originali di uno dei leit-motiv centrali del De Mita 1983, sto sensibile del polo Pri-Psi-Psdi-Pli, a parti- Morte e illuminismo
questo lavoro vanno annoverate le re, almeno, dal 1956: una scelta legittima (a Il senso della morte
la dialettica del vecchio, del nuovo, intese co-
annotazioni sulla natura e il molo
della Federazione della stampa e sui me categorie ispirate all' ennesima riscoperta parte qualche sbavatura che ci risulta incom- nella Francia del XVIII secolo
della morte dell'ideologia). Davvero, sempre prensibile, come quando all'autore scappa la La societ, le mentalit e le culture
rapporti con i giornalisti dei quoti- del secolo di Voltaire
diani pi importanti i cui editori fa- a seguire il libro di Levi, fanno pi simpatia i seguente definizione del decennio tra il '68 e
attraverso i rituali
cevano, come si sa, il bello e il catti- vari Forlani e Piccoli: col loro richiamo ai va- il '78: "gli anni pi immobili della politica e l'ideologia della morte
vo tempo, in collegamento con que- lori permanenti del solidarismo cristiano e italiana ") ma, appunto, assai "congiuntura-
sto o quel gruppo di potere. con la loro forte sottolineatura pragmatica. La le ", come si visto alle ultime elezioni euro-
La Federazione nacque nel 1908 De, secondo questi dirigenti di stampo tradi- pee. E, tutto sommato, molto ansiosa, dal William G. Craven
come raggruppamento delle varie zionale, doroteo, o fanfaniano, ha perso voti punto di vista politico: e Giorgio Galli, uno Pico della Mirandola
Associazioni professionali che erano dei politologi "di chiara fama " intervistati, Un caso storiografico
perch ha sbagliato campagna elettorale: ha
sorte in tutta la penisola a partire dal La prodigiosa vicenda
1877. "Gli inizi scrive Carcano puntato su un'immagine "impopolare", ha ad avvertire che il "bipartitismo imperfetto "
dell'umanesimo
non erano stati esaltanti" perch i rinunciato alla polemica anticomunista anzi, regge ancora, e che a guardarli scientifica- nella storia di una figura
giornalisti si mostrano a lungo restii ha legittimato il Pei e l'alternativa, in chiave mente i risultati del 26 giugno 1983 non che sfuma' nel mito
a comprendere che le pure rivendi- bipolare. La De, insomma, ha pagato in pri- contengono nulla di sconvolgente.
cazioni economiche non bastano a ma persona gli effetti della crisi e del malgo- Infine, ancora la De. Levi crede nella centra-
salvaguardarli da condizionamenti verno. E questo, del resto, il pensiero profon- lit di questo partito: si pu uscire '//'im- Ida Regalia
che sono spesso delle vere e proprie do del popolo democristiano, inteso come passe di questi anni attraverso una De rinno- Eletti e abbandonati
servit. vata, che recuperi un ruolo aggressivo e domi- Modelli e stili
l'insieme dei quadri intermedi del partito,
Sono parecchi i fattori che contri- nante, attraverso il suo h o m o novus. "Qusto di rappresentanza in fabbrica
che, all'indomani del tracollo, hanno manda-
buiscono a radicare tale atteggia- In una ricerca sul campo,
mento: le diverse opinioni politiche, to soprattutto un messaggio a piazza del non un problema per me ", dice De Mita, a
condotta all'interno
le differenti condizioni professionali Ges: il famoso rigore non stato capito da- proposito del fatto che il suo partito, pur di sessanta aziende italiane,
ed economiche e quell'aura roman- gli elettori. In direzione analoga, il ragiona- avendo bisogno di un leader nuovo, non lo ruolo e l'azione
tica, intrisa per lo pi di mediocre mento proposto da Arnaldo Forlani: "abbia- ama, lo lascia solo. "Chi qualche volta si trova dei consigli di fabbrica
letteratura, che aleggia nelle reda- mo buttato via l'acqua sporca con il bambi- ad essere solo sa bene che si tratta di una con- nella situazione italiana
zioni. degli anni Ottanta
no ", a forza di autocriticarci, di parlare di rin- dizione non gi di privilegio, ma di danna-
Ancora nel 1919, di fronte alle novamento, di promettere che saremmo di- zione ". Su queste parole, significativamente,
manovre di compravendita di gior- ventati del tutto diversi da quello che siamo il libro si chiude.
nali e alle corse alla concentrazione
delle testate, che i padroni del vapo-
re avevano gi cominciato alla vigilia il Mulino
Censura e autocensura, litati? "La situazione modello che
viene posta a base di tutto ci la
guerra conferma Enzensberger
rispondenze epistolari". Tutto que-
sto si sapeva, o almeno s'intuiva.
Nelle lettere citate da Rizzi nel suo

il segreto del consenso nel suo saggio "Per una teoria del
tradimento", in Politica e terrore
(Savelli, Roma 1978) solo nel
volume s'individua una chiara spin-
ta all'autocensura, una specie di sal-
vaguardia psicologica, un compro-
segreto militare che il segreto diven- messo tra l'impulso di parlate (scri-
di Sandro Medici ta veramente se stesso; poich la vete) e l'ordine di tacete.
guerra viene presupposta come uno Milioni di lettere violate, milioni
Loris Rizzi, Lo sguardo del potere, comunicazioni telegrafiche, telefo- somma la motivazione dell'inter- stato permanente e totale, qualsiasi di persone spiate e, a volte, perse-
la censura militare in Italia nella se- niche, radioelettriche e di qualsiasi vento dello stato fascista in quegli fatto viene inquadrato in categorie guite. Nel mese di agosto del '40,
conda guerra mondiale 1940-1945, altra specie": cos disponeva l'artico- anni tragici. Un intervento ritenuto militari: di fronte al nemico tutto per esempio, nella sola provincia di
Rizzoli, Milano 1984, pp. 232 Lit. lo 2 del regio decreto 2247 del 12 ot- indispensabile per salvaguardare i deve essere un segreto e ogni cittadi- Totino vennero esaminate 680.000
14.000. tobre 1939 (che non venne neanche supremi interessi della nazione in no deve essete considerato un poten- lettere (il 100% della posta militare
pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, guerra e quindi, in ultima analisi, ziale traditore". e il 10% di quella civile). Ne furono
"Carissima censura... E inutile perch coperto da segreto militate). gli stessi censurati. Ecco l'illusoria Si attiva cos all'altra (non accesso- sottoposte a censura 12.447 e seque-
cancellare, ci che ho scritto la pu- E proprio dal "segreto" parte questo ambizione del regime. La censura ria, anzi) funzione della censura. strate 427. Un apparato (un esercito)
ra verit e non mi vergogno a ripe- lavoro di Loris Rizzi, Lo sguardo del dunque avrebbe bisogno del consen- L'informazione non viene solo inter- di 7.600 uomini era impiegato nei
terla... Distinti saluti pure a voi". potere. so, della complicit del censurato, rotta, sotratta, ma accumulata e ca- vari organi di censura, 6.200 militari
Era diventata un po' come una com- Se c' censura c' segreto. Nel bi- che si sottoporrebbe volentieri al pitalizzata. Dalla censura lo stato fa- e 1.400 civili. "La censura sono sicu-
pagna di viaggio, e gli italiani, sia sogno di controllo di una comunica- controllo perch giudica anch'esso scista acquisisce notizie sugli stati ro che non lascer passare certe paro-
quelli in divisa sia gli altri rimasti a zione c' il timore che tale comuni- importante impedire la diffusione di d'animo sociali, sulle condizioni le. E gi non siamo padroni di dire
casa, s'erano ormai abituati a convi- cazione trasmetta qualcosa che me- segreti. Pi in generale, uno degli materiali, su cosa insomma pensa la un po' di verit. Ma nel cuore non la
verci. glio resti nascosto. E ci che meglio aspetti del rapporto tra stato-padre e gente. E questo vale sia per i militari pu concellare per". (16 marzo
Cominci con l'entrata in guerra resti nascosto altro non se non la popolo-figlio. in guerra sia per il "fronte interno". 1942, lettera inviata a un sottote-
del nostro paese, nel giugno del '40. verit, che va eliminata appunto con E quale occasione migliore per at- Periodicamente, dagli uffici provin- nente sul fronte russo: intercettata e
Sono sottoposte a censura e a con- la censuara Intorno a questo trina- tivare la censura di una guerra, con il ciali di censura partivano i "Rapporti sequestrata).
trollo la corrispondenza postale e le golo, verita-segteto-censura, c' in- suo necessario portato di segreti mi- sui riflessi della situazione nelle cor-
DEI LIBRI DEL MESE

Politica, societ,
cultura, rubriche,
scienze, economia,
settimana
per
settimana.

LEspresso
Finestra sul Mondo
Le elezioni americane: chi il sovrano?
di Gianfranco Corsini
ricorda, fra l'altro, che "il passaggio la politica americana pi atomizzata
"Il sistema politico americano si The Decline of the American Politi- spostata ormai sempre pi sulla per-
del potere dai partiti politici a pi li- ed egoistica" privilegiando le opi-
trova a fronteggiare una vasta crisi di cai Parties non ha difficolt ad accet- sona dei candidati, allontanandosi
mitati gruppi di pressione, gi in nioni e gli interessi dell'individuo su
fiducia che pu essere superata sol- tare, fin dal titolo, il dato di fatto es- contemporaneamente dalla tradizio-
corso da decenni. La Radio e la Tv quelli della comunit mentre,
tanto con il tipo pi raro di leader- senziale: la crisi e il declino dei par- ne che, nel passato, tendeva a met-
hanno dato ai candidati la possibi- sull'altro versante, "il personaggio
ship. Le radici della crisi sono da ri- titi politici. Attraverso un munuzio- tere in evidenza, invece, il partito a
lit di parlare direttamente agli elet- centrale non pi il candidato o il
cercare nei problemi strutturali so studio, anche statistico, del perio- cui i candidati appartenevano.
tori, senza dover passare attraverso le partito, ma il consulente politico (il
emersi fin dalle origini del sistema do tra il 1952 ed il 1980 dimostra in Nei saggi The Decline of Politicai
organizzazioni di partito, rendendo Media adviser), il cui solo fine vin-
due secoli fa; i suoi sintomi sono quale misura tutto il processo politi- Parties e Private Opinion Polis, ap-
i candidati ancora pi dipendenti cere per dimostrare la sua efficienza
identificabili nelle forme attuali di co americano si sia modificato negli parsi in un simposio della Academy
dal denaro". Per Neustadt, tuttavia, e conquistare altri clienti e nuovi in-
disgregazione politica, di paralisi ultimi trent'anni. of Politicai Science (The Communi-
troiti".
istituzionalizzata e di inettitudine Anche Wattenberg concorda che
ed impotenza governativa". Cos "la terribile crescita dei media sta-
esordisce in The Power to head lo to indubbiamente uno dei pi im-
studioso liberale James MacGregor portanti fattori nella trasformazione
Burns in un saggio dal sottotitolo si- della scena politica americana in
gnificativo: La crisi della presidenza
americana. Biografo di Roosevelt e
di John ed Edward Kennedy, gi
Rosenberg &.SellierVc Libreria per la documentazione scientifica
10123 Torino (Italia) - Via Andrea Doria 14 - Tel. 518.388
questi ultimi anni" ma, secondo lui,
la graduale dissociazione dei candi-
dati dai partiti ha notevolmente ri-
presidente della American Politicai dotto la loro rappresentativit e la ri-
Science Association, vincitore del sposta non pu venire altro che dal
Premio Pulitzer e del National Book ristabilimento di un rapporto pi
Award, MacGregor Burns persegue chiaro e diretto tra chi aspira ad una
in questo nuovo libro il filone di ri- carica pubblica ed il partito a cui si
cerche iniziate nel 1949 con Con- richiama in modo che l'elettore pos-
gress on Trial e riprese nel 1963 con sa compire con chiarezza la sua scel-
The Deadlock of Democracy dove ta.
gi individuava il malessere del siste-
attorno a questi temi e problemi
ma bipartitico americano. Ma oggi,
che si sviluppa ormai da anni il di-
alla vigilia di un'altra elezione presi-
battito in corso sul sistema politico
denziale, questo spregiudicato stori- SERVIZIO LIBRI PER I LETTORI DELLA RUBRICA "LA FINESTRA SUL MONDO" americano e su quella che molti per-
co delle istituzioni affronta in ma-
cepiscono come la sua crisi, ma
niera specifica cos come aveva
Vi prego di inviarmi i seguenti volumi: nell'ultima edizione del loro ormai
fatto in modo pi generale nel suo
popolare Almanac of American Poli-
recente Leadership il problema
della sopravvivenza stessa di un si-
Mac Gregor Burns, J., The Power to Lead, 1984, L. 47.900 cod. 1/1 tics, Michael Barone e Grant Ujifusa
inseriscono anche un altro elemento
stema che, secondo lui, mostra segni
Wattenberg, M.P., The Decline of American che da tempo ha richiamato l'atten-
allarmanti di logoramento sia al ver-
tice che alla base. Politicai Parties 1952/1980, 1984, L. 42.400 cod. 1/2 zione degli studiosi: le trasformazio-
Gartner, A./C. Green/F. Riessmann, (ed.), BeyondReagan, 1984, L. 20.000 cod. 1/3 ni, cio, avvenute nel corso dell'ulti-
La tesi di fondo di MacGregor
Benjamin, G., The Communications Revolution in Politics, 1982, L. 20.000 cod. 1/4 mo ventennio nel tessuto sociale
americano ed il fatto che "le regole
Burns che per la prima volta nella
Didsbury H.F, (ed.), Communications and the Future, 1982, L. 41.000 cod. 1/5 che governavano la politica america-
storia degli Stati Uniti sia i leaders
nazionali e locali che i cittadini, in- Rothman, E.K., Hands and Hearts, 1984, L. 54.700 cod. 1/6 na negli anni '40 ed anche '60 non
vece di difendere o criticare il siste- Schwartz Cowan. R., More Work for Mother, 1983, L. 50.700 cod. 1/7 valgono pi". La nazione indub-
ma, lo stanno letteralmente "abban-
Clinton, C., The Other Civil War, 1984, L. 22.500 cod. 1/8 biamente cambiata. Barone e Ujifu-
sa ritengono che gli americani siano
donando": ovvero il livello di parte- L. 63.600 cod. 1/9
Sterling. D., We are your Sisters, 1984, diventati pi simili non solo econo-
cipazione politica ha raggiunto or-
mai il suo limite critico. "Questa di- Lebsock, S., The free Women of Petersburg, 1984, L. 70.500 cod. 1/10 micamente, ma anche etnicamente e
serzione secondo Burns assu- Rosenberg, R., Beyond Separate Spheres, 1982, L. 87.900 cod. 1/11 regionalmente. Essi sono rimasti tut-
me la sua forma pi drammatica tavia diversi culturalmente e l'emer-
nella massiccia incapacit di milioni genza di quella che essi chiamano
di americani a prendere parte anche una "politica della variet culturale"
alle elezioni pi importanti". Molte Per ricevere i libri rispedire questo talloncino compilato a Rosenberg & Sellier s.p.a., Libreria per la docu- potrebbe avere grandi implicazioni
sono state le ragioni attribuite al de- mentazione scientifica, Via A. Doria 14, 10123 Torino e versare l'importo sul ccp 10544104 Torino indi- per il futuro. Scomparsi i vecchi
clino della partecipazione al proces- blocchi elettorali nati sulla scia della
cando nella causale "la finestra sul mondo" codice 1 /... esperienza rooseveltiana, se ne po-
so elettorale ma, secondo Burns,
"occore abbandonare ogni illusione: trebbero formare dei nuovi: nuovi
la gente sta a casa il giorno delle ele- Cognome: allineamenti i cui contorni sono an-
zioni non perch ha difficolt a regi- cora difficili da definire. Uno di
strarsi, perch gli orari del voto sono questi, recentemente, stato indica-
Citt: tei:
scomodi, o perch un giorno feria- to con la formula del Gender Gap
le; la gente sta a casa compiendo un quando si scoperto che improvvisa-
atto consapevole di rifiuto". Quan- mente le donne presentano caratte-
do un partito vale l'altro, i presiden- ristiche elettorali diverse da quelle
ti deludono, il Congresso al suo li- degli uomini. O si tratta di vedere
vello pi basso di prestigio nei son- come si configureranno nel futuro i
daggi e i candidati non sono pi milioni di nuovi immigrati (latino-
"I partiti scrive Wattenberg cations Revolution m Politics), que- la prospettiva non cos incorag- americani o asiatici), il cui peso an-
chiaramente identificabili ideologi- sto processo viene chiaramente illu- giante come sembrava indicare Al-
che erano un tempo l'elemento gui- cora non si avvertito nella vita poli-
camente o politicamente, vengono strato e direttamente collegato ai vin Toffler nel suo ultimo libro The
da del comportamento degli elettori tica americana. Il sistema, insomma,
meno, secondo Burns, le motivazio- mutamenti avvenuti in questi ultimi Third Wave.
sono ormai oggetto di quasi comple- cos come lo abbiamo conosciuto,
ni essenziali alla partecipazione. anni nel sistema di comunicazioni Toffler era del parere che la nuova
ta indifferenza da parte di un largo appare oggi in crisi e in trasforma-
settore della popolazione". Ma ci americano, e si comprende meglio tecnologia avrebbe creato "un nuovo zione
L'alternativa proposta dallo stu-
soprattutto perch agli occhi del da queste analisi quale sia una delle sistema di democrazia semi-diretta"
dioso del Williams College si riallac-
pubblico i partiti si sono rivelati ragioni importanti del cosiddetto legando pi direttamente i cittadini
cia alla sua formazione democratico- James MacGregor Burns, The Po-
declino dei partiti. Come gi aveva a coloro che devono rappresentarli,
liberale e, con ottimismo probabil- . sempre meno importanti nel proces- wer to Lead, Simon and Schuster,
so politico; di conseguenza il com- teorizzato Harold Innis fin dalla fine ma anche Curtis B. Gans sembra di
mente fuori luogo, egli suggerisce, New York 1984, pp. 288-$16,95.
portamento elettorale divenuto degli anni '40, le trasformazioni nel parere diverso. Questo esperto di
come risposta all'apatia attuale, una Martin P. Wattenberg, The Decli-
sempre pi volatile e meno prevedi- sistema di comunicazioni, e soprat- comportamenti elettorali, che dirige
rivitalizzazione dei due partiti; una ne of American Politicai Parties:
bile. Uno degli elementi caratteristi- tutto la nascita di nuovi mezzi di co- a Washington il Committee for the
serie di riforme costituzionali e, so- 1952-1980, Harvard University
ci della nuova situazione, creata in municazione, finiscono per trasfor- Study of the American Electorate,
prattutto, una ricerca di leadership Press, Cambridge 1984, pp. 160 -
gran parte dall'intervento sempre mare gradualmente ogni aspetto ha chiarito molto perentoriamente il
morale capace di riattivare questo $15.
pi vistoso dei nuovi grandi mezzi della vita sociale e, in questo caso, si suo pensiero nel suo contributo al
"potenziale di massa" attualmente
di comunicazione nel processo poli- pu osservare il fenomeno studiando volume collettivo Beyond Reagan in Beyond Reagan, Edited by Alan
inerte. Ma non tanto la sua ricetta
tico stesso, costituito ad esempio la politica elettorale nei suoi pi re- cui si analizzano le prospettive per Gartner, Colin Greer & Frank Ries-
che qui interessa quanto la diagnosi
dalla graduale e crescente persona- centi mutamenti. Siamo dinanzi ad gli anni '80. Secondo Gans, "non sman, Harper & Row, New York
del malessere che trova conferma in
lizzazione delle campagne elettorali una nuova "tecnologia politica" un caso che la partecipazione eletto- 1984, pp. 345 -$6,95.
una letteratura sempre pi vasta
dei candidati a tutti i livelli, sempre per usare le parole di Charles Roll, rale sia diminuita dopo che la televi- The Communications Revolution
sull'argomento, anche se sempre
meno dipendenti dalla promozione autore di uno dei due saggi che sione divenuta il mezzo principale in Politics, Edited by Gerald Benja-
meno nostalgica del tipo di partiti-
dei loro rispettivi partiti e sempre render sempre pi difficile la rico- di comunicazione per gli americani e min, The Academy of Politicai
smo affermatosi nel periodo del
pi legati, invece, all'immagine che struzione del sistema bipartitico. Al lo strumento principale di propa- Science, New York 1982, pp. 205 -
New Deal. Martin P. Wattenberg,
di se stessi cercano di trasmettere al contrario il futuro sembra muoversi ganda politica". In sostanza, "il cit- $6,95.
professore di scienze politiche
pubblico attraverso i media. Wat- nella direzione opposta secondo le tadino diventato un consumatore Communications and the Future,
all'universit di California (ma della
tenberg fa notare, ad esempio, che previsioni di Richard N. Neustadt in di politica, invece di partecipante Edited by Howard F. Didsbury Jr
generazione successiva a quella di
nei resoconti elettorali sulla stampa Politics and the New Media <Com- direttamente coinvolto, e di conse- World Future Society, Bethesda
Burns), concorda con una parte
o alla televisione l'attenzione si munications and the Future). Egli ci guenza ci ha contribuito a rendere 1982, pp. 350 $14,50.
dell'analisi svolta dal suo collega e in
Finestra sul Mondo
La storia delle altre sta diventando storia
di Maddalena Tirabassi
man, The Black Family) quando le passa da capitoli molto belli sulla pieno controllo della sfera domesti-
CATHERINE CLINTON, T h e O t h e r interviste ad ex schiave, fatte
pressioni sociali esterne tentarono di storia della scienza, alle vicende bio- ca/familiare e agli uomini quello del
Civil W a r ; American W o m e n in nell'Ottocento e reperite presso le mondo esterno). Successivamente,
universit del sud ed i documenti uniformarne la famiglia nera agli grafiche fin troppo particolareggia-
the N i n e t e e n t h Century, Hill te, secondo lo stile anglosassone, la storiografia aveva tidimensionato
della Works Progress Administra- standards borghesi dell'epoca. Il
and Wang, New York, 1984, culto della true womanhood fece delle protagoniste (tra cui Helen questo mito, spostando l'attenzione
tion degli anni Trenta, centinaia di dagli aspetti economici a quelli della
pp. XII-242, $7.25. breccia nella classe media nera, ma Thompson, Margaret Mead, Ruth
lettere, estratti di diati, autobiogra- sessualit e dei rapporti familiari,
fie e giornali, Sterling traccia un ri- non riusc a raggiungere l'intera co- Benedict) di questa vera e propria ri-
Chi fosse interessato ad una pano- munit perch ne mancavano le basi voluzione del costume. giungendo alla conclusione che, es-
tratto della sfera personale e pubbli- sendo comunque la famiglia la sfera
ramica della storia delle donne ame- ca delle donne nere (libere e schiave, materiali. (m.t.)
ricane nell'Ottocento trova nel libro principale dell'attivit femminile,
di Clinton una buona sintesi del pe- un aumento del potere e dell'auto-
riodo. L'a. esamina, seguendo un nomia al suo intemo rappresentava
ordine cronologico, le tre principali un miglioramento dello status delle
aree geografiche statunitensi (nord, donne rispetto al periodo preceden-
Negli Stati Uniti, con quasi un decennio di Naturalmente, come in ogni altro campo
sud, ovest) incrociandole allo studio te. Lebsock, pur abbracciando que-
anticipo rispetto all'Italia, ai movimenti di li- della storia sociale, il processo di inserimento sta pi recente e discussa imposta-
dei vari gruppi etnici a cui apparte- degli "esclusi" nella storia e molto lento e
nevano le donne (bianche e nere, in- berazione dei neri e delle donne seguito, in zione (del femminismo domestico),
campo storico, uno slittamento di interesse presenta nel suo cammino continue e sempre afferma che, nel caso di Petersburg,
diane ed immigrate recenti) per esa-
minare la condizione femminile nel dalle lite alle masse. Il settore in cui tutto ci nuove difficolt. La recente pubblicistica un non si pu. parlare n di declino n
diciannovesimo secolo. stato pi importante quello degli studi esempio dell'alto livello di specializzazione e di progresso, semmai del raggiungi-
Mentre la prima parte del libro, di sofisticata padronanza degli strumenti mento di una maggior autonomia
sulle donne, in cui si meglio riusciti ad ab-
che approfondisce il discorso sul dell'analisi storiografica impiegati nella ricer- nel senso di una maggior libert dal-
battere le barriere tra le varie metodologie di la dipendenza da gli uomini.
sud, la pi originale e riflette mag- ricerca-, storia demografica, storia quantitati- ca; pur tuttavia, alcune delle importanti que-
giormente gli interessi dell'a. (il pri- stioni sopra accennate restano al momento Altra tesi interessante del libro
va, storia orale e locale sono state impiegate quella secondo cui "cambiamenti
mo libro di Clinton, The Plantation prive di risposta. Alcuni dei libri pubblicati
Mistress: Woman's World in the assieme per ricostruire l'esperienza delle don- positivi nello status delle donne pos-
ne americane attraverso i secoli. recentemente peccano ancora delle ingenuit sono aver luogo anche quando non
Old South era stato appunto dedica-
to alle donne del sud), la seconda af- Iniziata come una storia di rivendicazioni dettate dalla militanza: si sente nelle autrici il presente nessuna forma di femmini-
fronta i temi classici della women's da parte di femministe militanti, la w o m e n ' s bisogno di riagganciarsi continuamente al smo organizzato", come nel caso
history dell'Ottocento (donne e ses- history passata dallo studio delle escluse presente sottolineando quei temi che possono delle donne di Petersburg, citt del
sualit, la lotta per l'istruzione, l'in- contribuire alla liberazione contemporanea sud, che rimase esclusa di fermenti
dalla storia all'elaborazione di una nuova
serimento nel mondo del lavoro, le delle donne, cosa di cui non ci sarebbe biso- femministi, scaturiti proprio dalla
prospettiva per esaminare il passato in cui so- lotta contro la schiavit.
riforme ecc.). gno dato l'ottimo livello dell'indagine stori-
no state, perla prima volta, incluse le donne.
Il salto di qualit avvenuto col superamento ca. Inoltre, questo atteggiamento, se protrat-
del separatismo tra storia ufficiale e storia del- to nel tempo, corre il rischio di marginalizza-
le emarginate non ha mancato di incidere sul re di nuovo la produzione nel settore. L'in-
livello degli studi nel settore e sulla scelta de- fluenza positiva della matrice femminista di
ELLEN K . ROTHMAN, H a n d s a n d RUTH SCHWARTZ C O W A N , More
gli argomenti su cui effettuare la ricerca. Da- molte delle autrici data dall'esplicazione
Hearts. A History of Courtship Work f o t Mothet. T h e Itonies of
gli studi sul suffragio femminile si passati al delle motivazioni della ricerca, che compaio-
in America, Basic Books, New Household Technology f r o m the
campo del lavoro e delle professioni, allo stu- no in quasi ogni libro sulla storia delle don-
York 1984, pp- XI-370, $ 19,95. O p e n H e a r t h to t h e Microwave.
dio delle donne nei vari gruppi etnici, alla ne. I testi presi in esame, che sono solo un
Basic Books, New York 1983,
storia della famiglia, alla storia della societ piccolo campione di ci che la pi recente sto-
Scrivere una storia del "corteggia- pp. XIV-257, $17.95.
americana in senso generale. riografia del settore offre, spaziano in vari
mento" negli Stati Uniti dal 1770 ai campi e cercano di rispondere ai quesiti pi
giorni nostri vuol dire tracciare la Un tale passaggio non poteva avvenire sen- Perch] nonostante gli innumere-
za toccare i fondamenti concettuali degli stu- disparati. Rothman si chiede se la libert di
storia delle professioni, delle comu- voli elettrodomestici oggi a disposi-
di storici. Questa diversa prospettiva ha reso scelta nel matrimonio una prerogativa
nicazioni e della societ statunitense zione della casalinga americana, il
problematica innanzitutto la periodizzazio- dell'epoca moderna: Schwartz Cowan, ana-
nel suo insieme. L'a. ha scelto di ri- lavoro domestico non diminuito ri-
percorrere le tappe di questa storia ne, dal momento che le suddivisioni tradizio- lizzando i vari progressi in campo tecnologi- spetto al periodo preindustriale? E
attraverso l'esame di lettere, diari e nali della storiografia ufficiale non avevano co, cerca di valutare se questi siano serviti ad questa la domanda a cui cerca di da-
biografie, pubblicate e non, di tre- pi alcun senso trattando di soggetti storici la alleviare il lavoro domestico delle donne; re una risposta il libro di Cowan. In
centocinquanta persone appartenen- cui vita cambiava attraverso i processi pi len- Sterling analizza le radici storiche della di- primo luogo l'a. sottolinea che i pri-
ti alla classe medio alta di estrazione ti del mutamento sociale. In secondo luogo sgregazione familiare tra i neri; Lebsock si do- mi lavori domestici aboliti grazie
anglosassone. Si trattato, come af- manda se sia stato il femminismo a cambiare al p r o g r e s s o t e c n o l o g i c o e
ha evidenziato le carenze delle stesse catego-
ferma la stessa Rothman, di una la condizione della donna in America o se al- all'espandersi della societ mercanti-
scelta obbligata, non tanto per la rie dell' analisi sociale: ai concetti di classe e di le sono stati quelli svolti dagli uomi-
razza, andava aggiunto quello di sesso, gen- tri e pi complessi fattori abbiano contribuito
scarsit di fonti scritte delle mino- ni e dai bambini (macinare il grano,
der, secondo il termine anglosassone. In ulti- al mutamento; Rosenberg esamina l'impatto
ranze etniche, ma a causa della ope- lavorare il cuoio, macellare gli ani-
mo, ha cambiato le teorie del mutamento so- della nascita delle scienze sociali all'inizio del
ra di selezione delle societ storiche mali, tagliare la legna ecc.). Le suc-
e delle biblioteche che hanno teso a ciale: i rapporti tra i sessi sono ora visti come ventesimo secolo sul cambiamento dell'im- cessive innovazioni tecnologiche eb-
conservare solo i documenti delle fa- sociali e non pi naturali. magine della donna. bero anch'esse come risultato quello
miglie delle classi alte. Continuit e di cambiare, ma non di mutare, la
combiamenti nel rituale e nei conte- quantit di lavoro domestico delle
nuti del corteggiamento vengono donne: gli elettrodomestici sostitui-
brillantemente esaminati dall'a. I rono le domestiche delle donne del-
cambiamenti riguardano sia gli lavandaie, domestiche, insegnanti e ROSALIND ROSENBERG, Beyond SUZANNE LEBSOCK, T h e Free le classi alte, ma furono quest'ulti-
aspetti pi "esteriori" delle cerimo- conferenziere) nell'Ottocento. Non W o m e n of Petersburg; Status me a doverli usare; fare la spesa, che
Separate Sphetes. Intellectual
nie matrimoniali (regali, viaggi di vuole essere, come afferma la stessa a n d Culture in a Southern non veniva pi recapitata dai garzo-
nozze ecc.) che, naturalmente, tutti Roots of M o d e m Feminism. ni, accompagnare i figli a svolgere
autrice, una storia delle donne nere, Town, 1748-1860, Norton, New
gli aspetti collegati alla sfera sessua- Yale University Press, New Ha- attivit extrascolastiche nelle parti
ma un libro di fonti utili per la con- York 1984, pp. XX, pp. 326, $
le. L'aspetto riguardante la conti- sultazione. Ne risulta, tuttavia, un ven 1982, pp. XII-288. pi disparate della citt ecc.
nuit che pi colpisce nel libro , in- 24.95. Secondo l'autrice, il progresso tec-
testo di facile e piacevole lettura, no-
vece, quello della libert di scelta nostante le dimensioni, grazie alla Anche la nascita delle scienze so- nologico in campo domestico ha mi-
che le giovani coppie americane buona integrazione dei documenti ciali ha contribuito a cambiate la Lo studio della condizione fem- gliorato la qualit della vita, ma non
hanno al momento del matrimonio: nel testo. Vengono trattate le espe- concezione della donna nell'et vit- minile in una singola comunit, Pe- ha contribuito, almeno nel passato,
nella societ statunitense dall'epoca rienze familiari e sessuali delle schia- toriana. Secondo Rosenberg ci av- tersburg in Virginia, dall'inizio del- ad alleviare le donne dalle incom-
coloniale ad oggi, oltre alle mani, ve, le attivit delle donne libere del venne quando, grazie al massiccio la repubblica alla guerra civile, con- benze domestiche. Una tesi che d
come viene affermato gi nel titolo nord ed il loro impegno nel movi- ingresso di donne nelle universit, sente all'a. di verificare alcune delle respiro a tutto il libro quella secon-
del libro, vengono concessi anche i mento contro la schiavit. Qui non sociologia, antropologia e psicologia pi recenti teorie storiografiche nel do cui non sono stati solo il capitali-
emergono abbastanza i contrasti tra vennero usate dalle donne per dimo- campo degli women 's studies negli smo e il patriarcato a decretate il suc-
donne bianche e nere all'interno del strare la scarsa influenza del sesso Stati Uniti. Il principale mito rivisi- cesso o il fallimento delle innovazio-
movimento abolizionista che, inve- sull'intelligenza, mettendo cos in tato quello dell'et dell'oro delle ni domestiche (tra i fallimenti ven-
ce, cominciano ad essete esplorati discussione il rurolo primario della donne americane: gli studi degli an- gono elencate le case albergo, i risto-
dalla recente storiografia "nera" sul biologia sulla cultura, caposaldo nisessanta avevano enfatizzato le op- ranti a domicilio, le lavanderie ecc.),
periodo. L'immagine che emerge dell'et vittoriana. portunit economiche delle donne ma le stesse scelte delle persone, non
DOROTHY STERLING, We Are
quella di una donna non tanto indi- nel periodo coloniale e dell'inizio importa di quale sesso o classe socia-
Your Sisters. Black W o m e n in Esaminando il periodo che va dal-
pendente, ma educata dalla schia- della repubblica, vedendo un decli- le, sempre volte a quelle soluzioni
t h e N i n e t e e n t h C e n t u r y , New la fine dell'Ottocento ai primi due
vit all'autosufficienza. Interessante no nello status delle donne a partite che mantenevano la coesione e
decenni del secolo, l'a. illustra il
York 1984, pp- XX-535, $ l'analisi di Sterling dell'impatto dalla met dell'ottocento (tesi del l'identit della famiglia nel secondo
percorso del pensiero occidentale
22.50. della fine della schiavit sulla fami- declino, appunto), periodo in cui si dopoguerra.
verso l'accettazione del concetto di
glia nera (in questo senso We Are eguaglianza intellettuale delle don- and affermando il culto della true
Per la prima volta la schiavit vie- womanhoodo delle "sfere separate"
Ynur Sisters pu essere letto come ne L'unica carenza del libro data
ne esaminata dal punto di vista delle (secondo cui alle donne spettava il
una continuazione del libro di Gut- forse dalla sua disomogeneit: si
tonne nere Attraverso migliaia di
LOESCHER Le collane: antologie,
Le novit 1984.
Manuali e antologie testi, monografie,
e bello doppo manuali.
per la scuola superiore: il morire, vivere,
anchorou. Dalle scienze sociali
ogni libro, un'idea,
un progetto, un approccio alle lettere classiche,
nuovo e funzionale. dall'economia
Remo Ceserani Lidia De Federicis alla psicoanalisi
alla scienza.
ELEONORA BAIRATI
ANNA FINOCCHI
arte in Italia IL MATERIALE Per la scuola superiore,
per l'universit, per le
professioni legate alla

E L'IMMAGINARIO
Lineamenti di storia
e materiali di studio scuola (operatori
Un corso in tre volumi per le scuole scolastici) - e anche,
superiori. L'arte, e le arti, dentro la
storia: gli artisti e le opere, la com- semplicemente, per gli
mittenza e le istituzioni, i generi e il
mercato dell'arte, la genesi dei lin-
Laboratorio di analisi dei testi e di lavoro critico interessi e la domanda
guaggi, la diffusione dei modelli, le di cultura di tanti
tecniche. Con schede, repertori, bi-
bliografia, apparati: molto di pi del lettori comuni.
solito manuale. P i a n o dell'opera

FRANCESCO SABATINI 1/2. La societ agraria dell'Alto medioevo. La cultura della


La comunicazione e gli usi societ feudale
Loescher Universit /
della lingua 3. La societ urbana Scienze sociali
Pratica, analisi e storia Collana coordinata da Massimo
della lingua italiana 4. La societ signorile Livi Bacci, Claudio Napoleoni,
Una grammatica per le scuole supe- Francesco Remotti, Pietro
riori, attenta a cogliere le variet 5. La societ dell'antico regime Rossi, Gian Luigi Vaccarino
d'uso parlate e scritte, letterarie, tec-
niche, regionali, e il senso di una 6. La crisi dell'antico regime. Riforme e rivoluzioni Scienze sociali
complessa evoluzione storica. Lo
Collana diretta da Pietro Rossi
studio della lingua immerso in quello
pi generale della comunicazione:
7. Societ e cultura della borghesia in ascesa
un'apertura indispensabile, oggi. Conoscenza e processi
8. La societ industriale avanzata: conflitti sociali e differenze educativi
FRANCA CIVILE di Cultura (due tomi) Collana diretta da Clotilde
PIERO FLORIANI Pontecorvo e Lydia Tornatore
CARLA FORTI 9. La ricerca letteraria contemporanea (in preparazione)
ALESSANDRA RICCI Scienze dell'educazione
Leggere e scrivere 10*. Strumenti / Termini, concetti, problemi di metodo Collana diretta da Maria Corda
Costa
in questa antologia per i bienni, nien- 1 0 * * . Strumenti / Percorsi di letteratura
te cornici di storia letteraria, n sfil- Pedagogia
ze di cattivanti testimonianze sul
mondo giovanile. La via proposta Collana diretta da Lydia
un'altra: quella della lettura testua- La letteratura viene concepita come strumento di comprensione della storia nazionale e Tornatore e Paolo Rossi
le, appoggiata a tecniche specifi- delle sue connessioni nel contesto internazionale. L'approccio dichiaratamente orientato
che di analisi, e strettamente legata nel senso della sociologia della letteratura. Prima di presentare e analizzare i testi rilevanti Attualit pedagogiche
alla produzione linguistica. Collana diretta da Francesco
dal punto di vista letterario si fa in modo che il fruitore della raccolta acquisti dimestichez-
za con le premesse sociali ed economiche... Il risultato uno strumento di lavoro aperto, De Bartolomeis
GIOVANNA BARBIERI integrabile da ogni fruitore in base alle proprie esigenze. (Ma molto lavoro preliminare
viene gi fornito)... Mai ci si imbatte in ristrettezza provinciale... neppure la nostra germa- Classici italiani
Corso di lingua latina Collana diretta da Mario Fubini
nistica pu presentare qualcosa che sia anche solo lontanamente paragonabile con l'istan-
In due volumi, per il biennio. Cerca di za e l'operato di Ceserani e De Federicis.
rispondere alle esigenze specifiche Testi e crestomazie
dei primi due anni di studio del lati- Collana di autori greci e latini
no: senza proporre nulla di rivolu- Johannes Hosle, Arcadia, Zeitschrift fr vergleichende Literaturwissenschaft - Band 18,1983, Heft 3
zionario, ma utilizzando ove possi-
diretta da Scevola Mariotti
bile certi strumenti della linguistica
moderna. Con tanti esercizi, sia tra- Collezione di classici
dizionali sia nuovi (di tipo struttu- greci e latini
rale).
fondata nel 1884

PAOLA ROLETTO PERRINI Documenti della storia


ANNA MARIA GIROLAMETTI Collana diretta da Massimo L.
con la collaborazione Salvadori
di Jean-Michel Cabanis
Lire pour vivre Filosofia
a
Collana diretta da Pietro Rossi
Un libro di lettura per i bienni (1 e 2"
lingua). Testi autentici, raggruppati Economia politica
secondo reali situazioni di lettura,
che richiedono via via stratege di- Collana diretta da Claudio
verse, e attivit diverse (balayage, Napoleoni
analisi del discorso, esercizi di rifles-
sione sulla lingua, sulle strutture, Storia della scienza
sul lessico, sugli actes de parole).
Collana diretta da Paolo Rossi

NANDO FILOGRASSO Quaderni scientifici


Lineamenti di psicologia Loescher
Collana diretta da Franco Ricca
evolutiva
Per gli istituti magistrali. Una pro- Argomenti di scienze
spettiva aggiornata, aperta verso la Collana monografica diretta da
biologia, l'antropologia culturale, la Giulio Cortini
sociologia. E i problemi legati alla
pratica scolastica: programmazione,
valutazione, ritardo, disadattamen-
La Sfinge
to. Un libro da usare anche dopo la Collana di psicoanalisi diretta
scuola, nella professione. da Glauco Corioni
^ B H I DEI LIBRI D E L M E S E H B

Riforma della costituzione: un problema aperto


di Massimo Severo Giannini
Gruppo, e consiste in ci: elezione be consulenza obbligatoria sui dise-
di dei ritocchi, e si suggerisce di in- verno, Galeotti ricorda le opinioni
Gruppo di Milano, Verso una popolare diretta del Primo ministro, gni di legge a contenuto finanziario
trodurre una nuova norma che ga- che in Assemblea costituente espres-
nuova costituzione, Collana "Arca- di un suo Vice, in contemporanea o che tocchino interessi regionali, un
rantisca il "sistema" dell'economia sero Mortati, Calamandrei e Tosato,
na imperii" diretta da Gianfranco all'elezione del Parlamento; l'ele- potere di veto sospensivo nel proce-
mista ed un'altra sul regolamento critica le norme costituzionali come
Miglio, Milano, Giuffr, 1983, voli. zione a doppio turno (ballottag- dimento di formazione delle leggi
delle attivit economiche e la pro- difettose, ed accede poi alla nota tesi
2, Lit. 55.000. gio); la legislatura dura cinque anni; che si svolge dinanzi la Camera, con
grammazione altro nuovo enunciato che ne vede nel disordine partitico la
il Parlamento pu, con voto di sfi- effetti procedimentali minutamente
dovrebbe avere ad oggetto lo svilup- causa prima. Passa poi al processo
L'architettura dell'opera questa: ducia, dimettere il Governo, ma ci previsti, e infine la messa in stato
po equilibrato dell'economia, cio decisionale politico, ed osserva che il
una introduzione e 14 studi proposi- comporta l'automatico scioglimento d'accusa dei titolati degli uffici co-
tegole di politica economica da por- "circuito decisionale organizzato-
tivi coordinati dal Gruppo di Milano del Parlamento medesimo, e nuove stituzionali di vertice; il sistema elet-
tare a tango costituzionale (p. es. bi- rio", o dell'investitura del Governo,
(G. Miglio, G. Bognetti, S. Galeot- elezioni (arbitrato popolare); anche torale va cambiato, per adottare il si-
lancia dei pagamenti, occupazione, testa stabile nelle costituzioni nelle
ti, G. Petroni, F. Pizzetti). Seguono il Primo ministro pu presentare al stema tedesco, o qualcosa di simile,
livello dei prezzi, ecc.); cos altri quali il sistema elettorale rende pro-
delle Opinioni, per circa cento pagi- con revisione ampliativa dei collegi
ne (A. Barbera, D. Fisichella, F. elettorali; infine dovrebbe essere
Mancini, G. Urbani, L. Valiani), soppresso il voto segreto nelle vota-
due repliche (di S. Galeotti e di F. zioni parlamentari.
Pizzetti) e delle Considerazioni fina- Viene conservata la figura del Pre-
li, di G. Miglio. sidente della Repubblica, eletto
In prefazione Miglio spiega l'ori- dall'Assemblea nazionale (i due ra-
gine e i modi della ricerca: l'appog- mi del Parlamento e il Consiglio
gio del CESES, la progettazione, dell'economia produttiva: v. oltre);
l'affidamento nella primavera 1980, si prevede anche una designazione
il triennio di tempo effettivo rispet- di cinque candidati da parte della
to all'anno preventivato, le riunioni Corte costituzionale, e la elezione da
settimanali collegiali, la redazione parte di questa del Presidente della
di testi preliminari, i rapporti inter- w s 1 . t W & 5 Repubblica, dopo quattro scrutini
medi, le audizioni esterne, le discus-
sioni sulle diagnosi e sulle soluzioni:
\\lor* * \ , k. "' 1
pi fatti andati a vuoto. Le funzioni del Pre-
sidente della Repubblica corrispon-
derebbero alle attuali, ma con alcu-
non vi pu essere dubbio che si in

pi argomenti
presenza di una ricerca molto labo- ne precisazioni concrete.
riosa e impegnata. Il che del resto ri- 11 quarto studio dedicato ai par-
sulta dalla lettura degli stessi studi; titi politici, sempre a cura di Galeot-
malgrado Miglio avverta che un ti. Si prospetta anzitutto la necessit
coordinamento finale non si potu- di stabilire precisi divieti di iscrizio-
to avere, per le pressioni che si face- ne a partiti per alcune categorie di
vano di uscire presto per la stampa, funzionari pubblici. Indi si formula-
gli studi mostrano tutti un'identit no due ipotesi, una minimale, in cui
di diagnosi e un comune sentire sul- la disciplina dei pattiti ridotta alla
le patti propositive, e sono molto le- .1 Jh ,\ 1 trasparenza e alla pubblicit finan-
gati tra loro. Vi sono semmai diffe- ziaria; l'altra (ipotesi alta) che com-
renze di motivazioni; ma di questo 1V
si vedr poi.
Apre lo studio di Bognetti sulla
democrazia sociale, il quale parte da novit
una premessa di teoria (che sembra
essere dell'intero Gruppo): vi un
"modello di sistema economico del-
la democrazia sociale", e la Costitu-
JOVENE
zione italiana ha voluto esserne R. Corona
un'applicazione, in quella sua parte Convivenza
che si usa chiamare costituzione eco- 1941, quarant'anni A
nomica. Senonch le "rendite politi- intollerabile
che" che ricorrono in qualsiasi siste-
G-tsf*
_ dalla fondazione il settimanale e separazione
ma economico, nella costituzione _ si rinnova nella grafica e nei contenuti
reale della Repubblica italiana sono dei coniugi
in eccesso rispetto al modello fun- Gli inserti monografici, il saggio, l'inchiesta: le occasioni
zionale di economia mista proprio per indagare la realt, per approfondire il confronto delle idee U. Dinacci
della democrazia sociale, e ci pro-
per riflettere sui grandi processi di trasformazione Il sistema penale
voca "sviluppo disordinato dell'eco-
nomia", e, di conseguenza, disfun- tra garantismo
zioni della Costituzione. Ci sareb- Tariffe di abbonamento 1984 - e autoritarismo
be avvenuto perch negli anni '60 si anno semestre
instaur un corso politico che port Italia 40.000 20.000 I versamenti possono essere fatti a mezzo assegno bancario o A. Marini
ad accentuate il polo pubblicistico Estero 65.000 33.000 vaglia postale o conto corrente postale n. 430207 intestati a:
del modello. Secondo l'A. lo sche- Sostenitore 100.000 l'Unit spa, viale Fulvio Testi 75 - 20162 Milano La clausola penale
ma originario della Costituzione re-
pubblicana era, a rigore, gi sbilan- F. Mencarelli
ciato verso tale polo, anche se il Co- Il provvedimento
stituente si sarebbe reso conto dei
problemi, con l'apportate limitazio- Parlamento la proposta di proprie
abnorme nella
ni e correttivi. Dopo il '60, ogni spe- nunce immediate, mentre nelle de-
enunciati sarebbero da dedicare allo
mocrazie "mediate" com' l'ita- dimissioni, ponendo un voto di fi- teoria del
cie di domanda sociale, senza sele- statuto dell'impresa e allo statuto ducia, con la conseguenza che l'ap-
zione di sorta, avrebbe trovato in- dei lavoratori, mentre sarebbero da liana sono i partiti che hanno il processo penale
potere di fare il Governo, la pronun- provazione di esse comporta, come
gresso libero presso i legislatori, con modificare in radice gli artt. 39 e 40 per la sfiducia, nuove elezioni; il
ci recependosi tesi che pur etano precisandosi strutture elettive, fini e cia elettorale non avendo esito se P. Pollice
non nella scelta di un certo numero Governo conserva la facolt di porre
state presentate dall'Assemblea co- compiti delle associazioni sindacali, questioni di fiducia, salvo, nel Parla- Soggetto privato e
stituente, e respinte perch rimaste i principi della contrattazione collet- di persone. Di qui la vanificazione
di minoranza; aumentarono gli "in- tiva (ove si presentano due alternati- di u n ' a p p l i c a z i o n e razionale mento, la presentazione di mozioni ausilio finanziario
di sfiducia, che se approvate portano
terventi" pubblici nell'economia, si ve); un altro enunciato da introdur- dell'art. 94 Cost., senza contare il
alle nuove elezioni; le dimissioni vo- pubblico
ebbe una pi larga tutela del lavoro, re, rimaneggiandosi l'art. 42, do- gioco di altri "moltiplicatori dell'in-
stabilit" . Discorso corrispondente si lontarie del Primo ministro compor-
un molto maggior afflusso di denaro vrebbe riguardare la propriet e tano la perdita assoluta, da parte E. Protetti
pubblico verso spese "sociali", si as- l'autonomia contrattuale, ed un pu fare per il "circuito decisionale
operativo", anche qui con dei molti- sua, della legittimazione ad ogni uf- Il pubblico
segnarono ai sindacati ruoli rappre- enunciato unitario raccogliere quan- ficio pubblico; vi incompatibilit
sentativi non contemplati dalla Co- to fissato in ordine alla diffusione plicatori, come l'abuso di commis- registro
sioni legislative in sede deliberante, fra ufficio di ministro e di membro
stituzione, si impegnarono somme popolare della propriet e della ric- del Parlamento; quanto a quest'ulti-
spropositate per salvataggi e tisana- chezza. Si avrebbe cos, globalmente la scarsa disciplina della spesa, l'irra- automobilistico
zionalit di tante disposizioni dei re- mo, si propone un sistema bicame-
menti di imprese, si distribuirono considerata la materia, un nuovo rale differenziato: una Camera elet-
pensioni a man larga, non si rifor- "patto sociale" costituzionale. golamenti parlamentari, l'eccesso di S. Sangiorgi
commissioni bicamerali, il depoten- tiva di 300 membri, ed un Senato-
marono n la pubblica amministra- Seguono due studi con i quali si Camera delle regioni, di fOO mem- Multipropriet
zione n gli enti locali territoriali. ziamento delle attivit normative
affronta il tema pi scottante: l'or- bri delegati dai Governi delle Regio-
ganizzazione costituzionale che si
del Governo. Tutti temi, come si
ni; anche rispetto alle funzioni vi sa-
immobiliare e
Nel passare alla parte propositiva, pu constatare, gi investiti ora, ma
il Bognetti reputa che la Carta costi-
trova nella seconda parte della Costi-
separatamente l'uno dall'altro, dalla rebbe differenziazione, avendo la funzione del
tuzione. Gli studi sono di Galeotti: Camera il controllo del Governo (sfi- contratto
tuzionale debba contenere enunciati Commissione parlamentare per la ri-
il primo riguarda la disfunzione del ducia), il potere legislativo, il potere
in materia di economia: a rigore forma. VIA MEZZOCANNONE 109
Governo nella costituzione vigente, finanziario ed il controllo della pote-
quelli che vi sono basterebbero, se La prospettazione del Governo di
l'altro contiene la proposta del "Go- st estera; la revisione costituzionale NAPOLI TEL. 001/20M1S-206575
non vi fossero quelle diverse inter- legislatura costituisce forse la parte
verno di legislatura". sarebbe bicamerale; il Senato avreb-
pretazioni che hanno ricevuto dagli pi interessante della ricerca del
anni '60 in avanti. Occorrono quin- Quanto alla disfunzione del Go-
pubblici poteri, come partiti (mag- dri programmatici per l'industria in Corte costituzionale ne ha date in-

CCLID
porta una riformulazione pi anali-
gioranze e opposizioni, in Parla- mano pubblica, bassa decisionalit, terpretazioni soddisfacenti. Si po-
tica dell'art. 49 Cost., l'indicazione
mento, partiti e sindacati, e simili); ecc.). Ci per concludere che la Car- trebbe, forse scendendo a maggior
delle funzioni dei partiti, l'adozione

LIBRERIE
occorre allora prevedere un organo ta costituzionale molto carente, profondit, dire che la giurispruden-
della clausola di sbarramento eletto-
super partes con poteri di pubblico specie per i processi decisionali, e za della Corte, per le materie dei di-
rale, il mantenimento del finanzia-
ministero, che sarebbe il "Procurato- che occorrerebbero nuove norme. ritti civili e politici, ha raccolto una
mento pubblico ai partiti, l'adozio-
re della costituzione", eletto dalla Segue, ancora di G. Petroni, uno FACOLTA' UMANISTICHE tradizione di pensiero, liberale e so-
ne di statuti tipo.
Corte. studio sulla pubblica amministrazio- (Palazzo Nuovo) cialista, al punto che sulle sue tesi vi
Segue, come quinto, un comples-
Si vorrebbe inoltre che la Corte ne, che parte da premesse molto ge- Via S. Ottavio 20 - To stata concordia di dottrina.
so studio di F. Pizzetti, che si occu-
pa, in sostanza, dell'istituzionaliz- avesse competenza anche su atti nor- nerali sulla burocrazia, come orga- Tel. ( O l i ) 83.51.14 Altri potr esser sorpreso che di
zazione dei gruppi dell'economia mativi secondari, su atti con cui lo nizzazione necessaria di razionaliz- una Carta costituzionale di 139 arti-
produttiva. Esposta l'esperienza ita- Stato acquisisca il controllo di grup- zazione dell'attivit produttiva, ma ARCHITETTURA coli, solo 38 siano ritenuti non da ri-
liana (contrassegnata principalmen- pi di imprese, su decisioni in mate- insieme come organizzazione che se- Viale Mattioli 39 - To vedere. Per nelle parti investite dal-
te dal moltiplicarsi di organi colle- ria di credito e di moneta; che le si gue proprie linee di sviluppo, spesso Tel. ( 0 1 1 ) 6 5 0 . 8 9 . 6 4 le proposte di revisione, ve ne saran-
giali amministrativi rappresentativi, conferissero maggiori poteri di "cor- in senso negativo. In Italia avremmo no un'altra trentina che passerebbe-
sia nello Stato che nelle regioni), e rezione" delle norme, una potest una protoburocrazia, a struttura for- POLITECNICO ro attraverso il filtro. Ma chi abbia
rilevato come in essa sia fortemente interpretativo-correttiva, vincolante male arretrata, a funzionalit inade- C.so Duca degli Abruzzi 24-To seguito da vicino i lavori dell'Assem-
presente un filone neocorporativo, si i giudici, ed anche il potere di asse- guata, incapace di programmare e di Tel. ( O l i ) 54.08.75 blea costituente non ha ragioni di
discutono sottilmente varie ipotesi, gnare al Parlamento termini per utilizzare risorse, marginale e non esser sorpreso: la Carta costituziona-
pet optare poi per un organo colle- le avrebbe potuto essere molto mi-
giale rappresentativo istituzional- gliore, nella I e nella II parte, se
mente delle forze dell'economia l'impegno fosse stato maggiore, se i
produttiva, con funzioni di pro- pattiti politici fossero stati meno
grammazione economica e, specifi- estemporanei, se la critica politica e
camente, di ripartizione delle risor- istituzionale fosse stata pi consape-
se, il Consiglio dell'economia pro- vole. Qui i "se" non sono deplorativi
duttiva, di rango costituzionale. n ambiscono a rifare la storia; vo-
gliono essete delle constatazioni.
Sempre a Pizzetti si deve il sesto Cos come una constatazione che i
studio, sulle regioni e l'amministra- principi fondamentali e la parte I
zione locale. Pizzetti si allinea con della Costituzione hanno assolto in
l'interpretazione secondo cui le re- modo soddisfacente la funzione di
gioni avrebbero comportato solo una tutela di libert e di diritti, ma an-
modificazione dell' amministrazione che perch assistiti da una opinio
pubblica, e non l'instaurazione di doctorum sempre agguerrita, oltre
uno Stato "regionale"; le regioni in- che dalla ricettivit dei giudici; cos
fatti hanno regimi giuridici unifor- come una constatazione il quasi
mi, e non incidono nei rapporti po- unanime giudizio che dette la giu-
tete sovrano-cittadini. Dunque una spubblicistica in merito alla II parte
modernizzazione del sistema delle della Costituzione appena emanata,
autonomie locali, con trasferimento ossia che l'organizzazione prevista
di poteri a classi politiche locali; in non avrebbe funzionato. Non occor-
effetto gli organi delle autonomie reva spirito profetico per capire co-
locali sono fortemente politicizzati; me un'organizzazione costituziona-
unico modello in parte nuovo solo le la quale accoglieva la forma parla-
il servizio sanitario nazionale. In via mentare, con alcuni ritocchi miglio-
di prospettiva si richiama l'attenzio- rativi di meccanismi gi previsti dal-
ne sulla necessit di differenziare le la Costituzione di Weimar (come
funzioni degli enti, di attribuire alle bene ebbero ad illustrare Mortati e
regioni un potere di programmazio- Tosato), ma in una realt politica
ne dello sviluppo, e si propone l'ele- composta di otto partiti politici, non
zione ditetta del capo dell'esecutivo poteva che fallire: la forma parla-
negli enti minori. mentare postula maggioranze e op-
Il settimo studio, steso da G. Bo- posizioni in relazione dialettica, ma
gnetti, riguarda la Corte costituzio- stabili; quindi al massimo ammette
nale. Vi una lunga pensata pre- tte partiti politici, due dei quali in
messa: si constata che nel pensiero alleanza. Con pi di tre partiti poli-
del Costituente la funzione della tici il gioco si adultera, e si guasta
Cotte non era del tutto chiara; si del tutto col crescere di numero de-
ipotizza che l'interpretazione pi gli stessi, tenuto conto che degli altri
probabile sia che questa fosse intesa gruppi organizzati delle societ con-
come organo con poteri di interven- temporanee, ve ne sono parecchi che
to limitato alle fattispecie di contra- sono parapolitici o satelliti di gruppi
sto frontale tra norma ordinaria e politici. L'immagine dell'"ottopo-
norma costituzionale. Alla Corte fu- do" (il polpo un ottopodo) con cui
rono messi a disposizione mezzi li- noti teorici nordamericani hanno ca-
mitati: il confronto con la Corte del- ratterizzato il mondo costituzionale
la Germania eloquente. Nella dell'Italia ha una non vaga allusione
realt storica invece la Corte si po- all'appartenenza dell'esperienza ita-
sta con assai pi ampie funzioni di liana alla zoologia costituzionale pi
garanzia, ampliando l'ambito dei che alle esperienze vitali del nostro
propri poteri e inventando pi spe- tempo.
cie di pronunce.
A questo punto lo studio d una Va tenuto presente sopratutto
panoramica, sintetica ma precisa, quanto concerne i partiti politici:
sulla giurisprudenza della Corte sia un tema che la ricerca avrebbe forse
in materia di diritti fondamentali dovuto approfondire di pi, essen-
non aventi contenuto economico, sia provvedere. Quanto alla composi- competitiva nel mercato del lavoro, denti della Repubblica, dagli ex pri- dovi ormai interessanti apporti di
sulle norme della costituzione eco- zione, fermi i criteri di fondo, la con ruoli ancillari rispetto ad altre miministri, dagli ex presidenti della politologi. Se vero quanto si legge
nomica, per mostrare come nella Corte dovrebbe essere accresciuta di organizzazioni private e pubbliche, Corte costituzionale, pi sei esperti in pi passi della ricerca, che da
prima si siano avute pronunce ferme componenti (45), anche economisti, che ammette massicce cessioni di eletti dall'Assemblea nazionale, per sempre le societ politiche sono divi-
e penetranti, mentre nella seconda e divisa in tre sezioni, tra cui una compiti ad esterni e funzioni paral- cinque anni. Il Comitato ricevereb- se in partiti, anche vero per che i
ci non sarebbe accaduto. Questo in "sezione economica" (in alternativa lele anch'esse svolte da esterni. be richieste qualificate di revisione, partiti politici dell'attuale Stato piu-
quanto le occasioni offerte alla Corte si propone una Corte per l'econo- Il tredicesimo studio, di Miglio, le esaminerebbe entro un termine riclasse sono realt socio-politiche
sono state scarse, e la giurisprudenza mia). riguarda il servizio dell'istruzione, determinato, ed entro altro termine, molto diverse gi rispetto a quelle
che ne sortita non stata sempre Gli altri sette studi che seguono ed un'analisi, breve, dell'applica- se le accetta, dovrebbe rimetterle al dello Stato censitario dello scorso se-
coerente (il che sarebbe in ragione sono molto pi brevi e semplici. zione concreta degli artt. 33 e 34 Co- Parlamento. Il concetto che si segue colo, e che sono in corso di trasfor-
delle tesi di fondo, presentate nel L'ottavo e il nono (Galeotti e Bo- st., che non ha una vera e propria che vi sia un organo permanente mazioni le quali stanno avvenendo
primo studio). gnetti) sono dedicati al potere giudi- conclusione, ma piuttosto volto a per gli affari della revisione costitu- sotto i nostri occhi, almeno negli
ziario, rispettivamente all'organiz- prospettare nuovi modi di impostare zionale. Stati industrializzati (partiti di indi-
Da queste ampie premesse muove
zazione e alle funzioni. i problemi dell'istruzione, come La ricerca del Gruppo di Milano rizzo subentranti a partiti ideologici,
la parte propositiva, il cui punto
Lo studio decimo (Pizzetti) ha per l'idea dei sussidi scolastici generaliz- ha due indiscutibili pregi: di essere partiti di mero potere subentranti a
centrale che la Corte dev'essere ga-
oggetto i controlli, ed ha per sottoti- zati, quella degli ordinamenti diffe- organica e di essere coerente. Se ben partiti d'indirizzo). L'espressione
rante "integrale" della Costituzione.
tolo "traccia per una discussione", in renziati, quella del carattere im- si osserva, le sole norme della Costi- del mondo che viviamo nel senso
Quindi occotrerebbe aumentare le
quanto vuol essere sopratutto una prenditoriale delle scuole, e cos via. tuzione delle quali non tratta sono i che esso subisce una sempre pi for-
possibilit di adito alla Corte, am-
rassegna critica dei controlli esisten- L'ultimo studio, ancora di Miglio, principi fondamentali (ma l'art. 3, te complicazione tecnica da fattori
mettendo il ricorso costituzionale di-
ti, onde mostrarne la disorganicit e attiene alla revisione della Costitu- 2 c. viene in discussione), ed i titoli interni e da fattori superstatali; la
tetto avverso atti di pubblici poteri
la scarsa utilit. zione. Vi una lunga premessa sto- relativi ai rapporti civili, ai rapporti complicazione tecnica gioca come
lesivi di diritti fondamentali (come
rica sul problema e sugli istituti del- etico-sociali, e quattro articoli su set- fatto riduttivo dell'ambito delle
in Austria, Germania e Spagna), ed Lo studio che segue riguarda il te-
la revisione legale delle costituzioni, te del titolo sui rapporti politici. scelte di indirizzo politico, tecnolo-
il ricorso diretto del Governo e di ma "istituzioni e societ industria-
ed una notazione di fondo: che le Tutte le altre norme sono invece gico, amministrativo. Le scelte ten-
minoranze parlamentari qualificate le", ed di G. Petroni. una breve
costituzioni sono in permanente tra- coinvolti nelle proposte. Per le po- dono quindi ad articolarsi in fasce;
contro atti normativi dello Stato e analisi critica delle strutture indu-
sformazione. Si propone allora un che norme non coinvolte si spiega la fascia delle grandi scelte di indi-
delle regioni, Ma vi sono evenienze striali private e pubbliche, di cui si
"Comitato per lo sviluppo della Co- anche il perch (studio VII, Bognet- rizzo sempre pi stretta, mentre
nelle quali la violazione della Costi- mettono in evidenza i difetti (bassa
stituzione", composto da ex Presi- ti. Corte costituzionale), ossia che la aumentano le fasce di media e di
tuzione si avvera per collusioni tra capacit innovativa, carenza di qua-
piccola scelta, nelle quali le alterna- do le costituzioni degli Stati con- andare se esattamente o no il me- minanti. Inoltre gli stessi proponen- rie, riduciamo le commissioni per-
tive possibili dialetticamente di re- temporanei pluriclasse delineino no impegnato degli Stati pluriclasse. ti professano ogni apertura alla di- manenti, aboliamo il voto segreto,
gola sono due, al massimo arrivano a modelli di tale democrazia: l'inter- Quanto infine alla motivazione di scussione del merito delle proposte. aumentiamo i poteri normativi del
tre, con possibilit di combinazioni pretazione della tradizione degli ul- Miglio, se ne pu dire perplessa la Organica e coerente significa che si Governo; disfunzione del Governo:
di compromesso. Avviene cos che timi 60 anni nel senso che le nor- stessa problematica. La legittimazio- d carico del fatto che gli organi co- investitura separata del Presidente
Stati, regioni, comuni, vedano avvi- me costituzionali non organizzative ne politica dell'organo monocratico stituzionali come complesso, per del Consiglio dei ministri, voto di
cendarsi partiti politici di governo, e fissano garanzie, non modelli: ga- , come quella delle assemblee, le- dirla in termini pi precisi, di organi sfiducia costruttivo, ministri non
gli indirizzi politici di media e di ranzie di gruppi, di organizzazioni gittimazione per interessi; partiti- di teatro, di decisione, di controllo, parlamentari, pi poteri alla Presi-
piccola scelta restare i medesimi. esponenziali di gruppi, di istituti ca, cio o di aggregazioni partitiche formano sistema, per cui i problemi denza del Consiglio, apparentiamo i
Cos pure l'esperienza delle pro- giuridici, di diritti, di principi inter- o di partito. N le assemblee hanno degli equilibri tra essi vanno ad assu- partiti in sede di consultazione elet-
grammazioni ci mostra che solo la soggettivi, procedimentali, organiz- la funzione di "mediare", a meno mere ruolo primario. torale. L'elencazione, abbastanza
determinazione degli obiettivi ap- zativi, e cos via; per tutto ci che che questo termine non lo si dilati La proposta del Gruppo di Milano desolante, potrebbe seguire per pa-
partiene alla fascia delle grandi scel- non garanzia, vale il libero gioco sino a comprendervi tutte le funzio- investe tutti gli organi costituziona- gine e pagine. Nessun partito ha
te; una volta fissati gli obiettivi, il delle forze politiche (o della sola for- ni di teatro; ma allora ogni organiz- li, ne propone di nuovi, investe gli presentato una linea propositiva che
resto comporta alternative di mini- za politica ammessa nello stato non zazione esponenziale, nel proprio organi giurisdizionali e amministra- investa l'intero arco dei problemi
mo scarto. Il massiccio avvento di pluriclasse). La prospettazione della interno, medio. Comunque non si tivi e gli enti delle autonomie terri- delle disfunzioni costituzionali e di
tecniche e di tecnologie produce normativa costituzionale come mo- pu assumere la funzione dell'orga- toriali. In questo organica, ed quelle strettamente dipendenti. An-
l'effetto tendenziale di modificare dello porta a conseguenze che ap- no come termine per spiegarne la le- coerente in quanto, proponendo di che il Partito socialista, che pure si
sempre pi i pattiti politici in orga- partengono all'impossibile giuridi- gittimazione politica, e non si posso- rafforzare l'organo costituzionale era mostrato tanto sensibile ai pro-
nizzazioni di mero potere. Ripren- blemi politici di riforma della Costi-
dendo tesi sempre di autori america- tuzione, quando passato alla pro-
ni, in uno Stato come il nostro vi so- posizione pratica si attenuto alla
no pi modi di fare politica estera, o tecnica delle pezze (del resto 1'"opi-
comunitaria, o industriale, ma mini- nione" di F. Mancini, che appare
stri come quelli per l'interno o per il
Marcello Maddalena nella pubblicazione, ne fedele ri-
presentazione).
tesoro non possono fare che una sola
politica, quale che ne possa essere
Le circostanze attenuanti Urbani critica la proposta del Go-
l'appartenenza partitica; solo da per i terroristi "pentiti" verno di legislatura, perch la consi-
vedere se la facciano con maggiore o dera rischiosa, sia in caso di non con-
con minore capacit. La legislazione dell'emergenza, cordanza Parlamento-Governo sia in
Nella ricerca che esaminiamo si n 13. Giuffr, Milano 1984, caso di concordanza. Gli risponde
mette in rilievo quanto gi di co- Galeotti nella "replica", a mio pate-
mune dominio, ossia che i partiti pp. 372, Lit. 20.000 re in modo appropriato. Ma che cosa
politici tendono ad occupare pi che propone poi Urbani? La coalizione
a dirigere le istituzioni pubbliche. Il testo prosegue la fondamentale collana, fortemente discusso cbe non si accon- designata, la sfiducia costruttiva, la
Peraltro questa non una deplore- "logica collegiale" del Consiglio dei
di commento alle leggi contro l'eversione e il tenta della dissociazione silenziosa, ma pre-
vole degenerazione: invece un ef- ministri. Cio tre pezze. Degli opi-
terrorismo, diretta da Giovanni Conso. Si tende comunque una certa collaborazione, nanti, solo Fisichella ritiene accetta-
fetto dell'esser divenuti i partiti or-
tratta dell'esame dell'art. 2 e dell'art. 3 della l'autore opta per una interpretazione della bili gli elementi salienti della propo-
ganizzazioni di mero potere, per-
dendo sempre di pi le connotazioni legge 29 maggio 1982 n 304 con cui si con- legge che consenta di apprezzare "una qual- sta, e suggerisce anzi dei perfeziona-
di partiti d'indirizzo. Per cui all'ac- cedono diminuzioni di pena agli imputati di siasi attivit del soggetto che oggettivamente menti.
cadimento va assegnato il peso che reati commessi per finalit di terrorismo e di risulti antagonista alla precedente attivit Or perch la tecnica delle pezze?
gli dovuto, allorch si vanno a por- eversione dell'ordinamento costituzionale nei eversiva La mia personale risposta, convinta,
re problemi di revisione di istituzio- casi, rispettivamente, di dissociazione e di che i partiti politici temono tutti di
ni. collaborazione. Di fronte al dato normativo (m.b.) perdere potere con una riforma or-
Vi sono poi delle motivazioni, che ganica della Costituzione, e quindi
consistono in ci: che si formula un la tecnica delle pezze obbligata, se
modello, per poi dedurne quanto in Lelio Barbera, Gaetano Contento si vuol salvare la faccia dall'accusa,
fatto accaduto si discosti dal mo- facile, di essere cos imbecilli da re-
dello, e in secondo grado stabilite e Paolo Giocoli Nocci putare che le disfunzioni non esista-
che cosa occorrerebbe per, invece, no, e che la situazione esistente non
render agibile il modello. Siffatta
Le associazioni segrete - sia da zoologia costituzionale.
proceduta addirittura dichiarata libert associativa e diritti La conclusione perci ormai
esplicitamente nello studio 1, di Bo-
gnetti, il quale postula un "modello
dell'associato tra legge chiara: chi crede che la forma parla-
mentare sia da conservare per la Re-
economico della democrazia socia- Rocco (1925) e legge sulla pubblica italiana, ha solo una stra-
le" , per poi arrivare a dire che la Co- P 2 (1982) da; che questa sia proprio quella in-
stituzione repubblicana costituiva dicata dal Gruppo di Milano, carat-
un "programma" di attuazione de! Jovene, Napoli 1^84, terizzata dal Governo di legislatura,
modello, e, sulla scorta dell'"eccesso dall'ampliamento dei ruoli della
di rendite politiche" auspicare una pp. 234, Lit. 15.000. Corte costituzionale, dalla ristruttu-
restaurazione del modello abbando- razione funzionale del Parlamento,
nato. Altra motivazione dello stesso A distanza di trentaquattro anni trova fi- la prima disciplina generale (di epoca fascista) sarebbe azzardato dire, perch se
tipo si ha in Pizzetti, nella "demo- nalmente applicazione l'art. 18 2 comma dei gruppi associativi confrontata con la tradi- l'idea del Governo di legislatura
crazia corporata" (studio V), che si della Costituzione, che proibisce le associa- zione giacobino-bonapartista. Punto di ap- ben congegnata, forse non lo sono
introduce nell'intento di pervenire altrettanto le altre. Tuttavia ci che
zioni segrete, con la legge 25 gennaio 1982 prodo un ampio commento della legge del
alla "istituzionalizzazione" delle vale, nella prospettazione del Grup-
forze dell'economia produttiva. n 17 che definisce la nozione di associazione 1982, criticata per la sua rozzezza, completa- po di Milano, la metodologia: l'or-
Cos pure in Miglio, allorch distin- segreta e contestualmente dispone lo sciogli- to da una buona appendice di documentazio- ganicit e la coerenza della riforma.
guendo tra le legittimazioni politi- mento della cosiddetta Loggia P2. Il saggio ne. E sinora nessun altro ha proposto
che, si sostiene che legittimazione compie una prima interpretazione sistematica disegni organici e coerenti. Quindi
politica per eccellenza si ha nell'or- delle nuove disposizioni. Punto di partenza e (m.b.) allo stato la proposta resta quella pi
gano monocratico eletto dal popolo, accettabile, come trama, e sarebbe
mentre la legittimazione politica opportuno discuterla, perch , in
delle assemblee parlamentari tende- fondo, l'ultima spiaggia della forma
rebbe ad essere legittimazione per parlamentare.
interessi (partitici); donde l'esercizio co, come poi viene fuori nella prete- no attribuire a questa confusa nozio- Governo, propone di rafforzare co- Tuttoci peraltro solo un discor-
del potere, da parte delle assemblee, sa del 1 studio, secondo cui norme ne valenze giuridiche che non pos- me contrappeso l'organo costituzio- so di chi ragiona, perch l'ormai
come "mediazione" costituzionali dovrebbero vietare siede. nale Corte costituzionale, e, sempre provato non interesse dei pattiti ad
Dovendosi esprimere su tali moti- l'inflazione. Quel che per sopratutto pare im- nella stessa prospettiva, di rafforzare una riforma effettiva, cio organica,
vazioni, sia pur negli stretti limiti di Quanto alla democrazia "corpora- portante che le parti motivatone la funzionalit del Parlamento me- non porter che a pezze. E facilmen-
una recensione, direi che, a mio pa- ta", valgono quasi le medesime os- della ricerca servono poco a spiegare diante una pi accurata distribuzio- te prevedibile che, come tutte le
rere, le motivazioni proposte sono servazioni; nello Stato pluriclasse (in la parte propositiva. Potranno raf- ne di compiti e di organizzazioni. pezze, non serviranno a nulla, e al-
tutte inaccettabili, ma sopratutto quello collettivista il problema non forzare questo o quell'enunciato di Una dimostrazione, pertanto, di lora forse arriver il punto in cui si
che non servono ai fini propositivi. si pone, per via dell'accentramento tale parte, ma incontestabile che la consapevolezza e di responsabilit. passer alla repubblica presidenzia-
Brevemente sull'inaccettabilit. decisionale nel partito unico) gli in- motivazione pi pertinente di ogni Dimostrazione che, duole dirlo, non le. Chi scrive queste note convinto,
Il discorrere che si fa da parte di teressi si organizzano secondo il proposta che abbia ad oggetto revi- hanno saputo dare quelli che pi fin dall'epoca dell'Assemblea costi-
tanti giuspubblicisti circa gli attribu- principio della libert di associazio- sione di istituzioni sta nella consta- avrebbero dovuto darla: i partiti po- tuente, che la forma presidenziale
ti della moderna democrazia, a me ne, e talune organizzazioni associati- tazione delle disfunzioni, che qui litici. Le proposte dei partiti infatti sia la pi razionale tra quelle inven-
ricorda tanto la disputa medievale ve esponenziali di interessi possono come si diceva c' ed ben con- le abbiamo tutte, e sono nei verbali tate sinora, e sia la pi confacente al-
sugli attributi di Dio: ambedue ter- fruire di garanzie costituzionali (par- dotta. Quindi, in conclusione, le iniziali della Commissione parla- la societ italiana quale storicamente
minano in pesce. Si capisce infatti titi, sindacati, regioni, minoranze motivazioni teoriche sono in fondo mentare per le riforme istituzionali; esistente. Occorterebbe aver sempre
che la democrazia di ritenuti capaci linguistiche, confessioni religiose), superflue. il Presidente Bozzi si anzi assunto presenti le parole di P. Calaman-
e idonei alla cosa pubblica, diversa pi o meno estese. Una volta ci di- Passiamo allora alla parte preposi- il carico di ordinarle e di riassumerle drei, alla Costituente, per propu-
dalla democrazia che si afferma nel- sposto, le discipline costituzionali si tiva. Si diceva che essa organica e nella prima relazione presentata a gnarne l'adozione. Vi invece una
lo Stato moderno, pluriclasse o col- fermano, anzi devono fermarsi. I coerente, e, si pu aggiungere, nome della Commissione. diffusa immotivata opinione che la
lettivista, ove tutti sono ritenuti in rapporti tra organizzazioni esponen- l'unica tra le proposte sinora presen- Orbene nessuna delle proposte forma presidenziale generi dittatu-
grado di esprimere valutazioni sulla ziali e poteri pubblici, se devono es- tate ad essere organica e coerente. Si partitiche ha il rango di questa. Le re; il che avvenuto e avviene in Sta-
cosa pubblica (seguendosi in ci sere regolati, tendono ad esserlo me- rilevi che con questo non si vuol dire proposte dei pattiti si ispirano tutte ti sudamericani e asiatici, nei quali
l'ordine di concetti che nell'epoca diante accordi e procedimentalizza- che sia rigida: nell'esporle il conte- alla tecnica che si potrebbe dire della non esistono forze politiche e, sopra-
moderna, appare per la prima volta zioni, non mediante regolazione di nuto dei singoli studi, si gi avver- pezza. Cos per la disfunzione del tutto, istituzioni di garanzia delle li-
negli Stati Uniti). Ma perch essa sia status giuridici associativi. Ci avvie- tito che essi spesso propongono pi Parlamento: riduciamo il numero bert, e, infine, nei quali il senso
"mh i.dc" non dato intendere Tosi ne -anche negli Stati Uniti, cio in alternative, e non su aspetti solo ap- dei parlamentari, una sola camera, della libert non ha, in fatto, tradi-
come e difficile intendere in clic mo- quello che si considera lasciamo plicativi, bens anche su tratti deter- no due ma con funzioni non parita-
I sotterranei del Vaticano da Avignone a Marcinkus
di Peter Partner
Richard Hammcr, The Vatcan controversa e oscura della materia. dalla polizia, in parte su deposizioni tate altre, non fornisce alcun indizio all'interno del governo e della so-
Connection, Tullio Pironti editore, Se entrambe queste opere rappre- rese da criminali. Non so proprio co- sul modo e sulle motivazioni della ciet in Italia. Con questo non vo-
Napoli 1984, pref. di Giuseppe sentano un serio tentativo di fornite me sia possibile, senza una cono- sua scelta. Il risultato un libro che glio dire che il crollo del Banco Am-
Marrazzo, trad. di Giuliano Lom- informazioni le cui fonti sono in ge- scenza approfondita degli archivi si legge come un romanzo, e che co- brosiano sia stato decisamente uno
bardi, pp. 310, Lit. 13.800. nere specificamente indicate, altret- della polizia americana, verificare le me tale ha da essere trattato. Ci vuo- scandalo politico e che inequivoca-
Rupert Cornwell, Il banchiere di tanto non si pu dite del libro di Ri- affermazioni contenute nel libro di le ben altro che la parola del signor bilmente abbia posto i politici italia-
Dio, Laterza, Bari 1984, 3 a ediz., chard Hammer, basato, a quanto Hammer: certo l'autore non tenta Hammer per convincermi che vera- ni sul banco degli accusati: una tale
pp. 288, Lit. 14.000. pare, su ricordi e materiali inediti di mai di valutare la veridicit o meno mente il cardinale Tisserant, che a affermazione sarebbe opinabile, n
Benny Lai, 1 segreti del Vaticano, un funzionario della polizia di New di affermazioni che possono essere quanto ne so non aveva alcun lega- il crollo dell'Ambrosiano pu essere
Laterza, Bari 1984, 3 a ediz., pp. York: si deve supporre che si basi in state fatte solo da criminali e, nel ca- me istituzionale con la finanza vati- paragonato, poniamo, al caso Lock-
200, Lit. 13.000. parte su conversazioni intercettate so che ne abbia accolte alcune e scar- cana, abbia convocato in Vaticano heed. Certo che il legame di Calvi
Anche le bancarotte, come i di- con Licio Gelli lo ha coinvolto nello
vorzi altrui, sono in genere pi re- standalo della loggia P2, cos come i
centi di quanto uno pensi: meno di collegamenti tra le sue compagnie
bancarie all'estero e lo Ior hanno ge-

Il convento
due anni sono passati dalla morte
violenta di Roberto Calvi e dal crollo nerato sospetti di indebite ingerenze
del suo impero finanziario. Il libro vaticane nei sistema bancario italia-
no. N sono mancate le voci, pun-

prega per 1 coniugi


di Rupert Cornwell un esempio di
abile giornalismo, ma non si pu de- tualmente riportate da Cornwell,
finire un'opera di storia contempo- che Calvi abbia distolto dal fondo
ranea: non solo il clamore provocato ambrosiano somme assai consistenti
per finanziare partiti italiani, otte-
dagli eventi descritti da Cornwell,
ma gli stessi procedimenti giudiziari
di Grado G. Merlo nendo in cambio la protezione di di-
che ne sono seguiti sono in gran par- versi politici, tra cui l'attuale presi-
te ancora aperti e suscettibili di ulte- dente del consiglio: affermazioni as-
riori sviluppi; diffcile appurare i Jean Leclercq, I monaci e il matrimonio. cessivamente tradotto in vari paesi: l'edizione sai difficili da dimostrarsi, come
fatti riguardanti le operazioni di U n ' i n d a g i n e sul XII secolo, SEI, Torino, italiana, a cura dell'Istituto perle scienze reli- sempre accade quando scoppia uno
Calvi in un mondo come quello del- 1984, prefazione di Giorgio Cracco, trad, di giose di Bologna, fu pubblicato dall' editore scandalo politico, e troppo spesso
le banche, pieno di manovre segrete Cornwell nel suo libro deduce da un
Paolo Vian, pp. 230, Lit. 14.000. Sansoni nel 1965 e pi volte in seguito ri-
compiute da gente amante della se- colloquio tra Tizio e Caio che Tizio
stampato. Fu in quell'opera che il Leclercq ha concluso con Caio un accordo ben
gretezza. Manca quasi completa- precis e rivalut l'esistenza di una "teologia
mente il genere di documenti che preciso, fedele al principio del con-
monastica", interpretata non come semplice corso di colpa che sta alla base di
uno storico considererebbe essenzia- premessa alla "scolastica ", ma come peculiare
li. L'esistenza di stretti legami tra la ogni giornalismo scandalistico.
prodotto della riflessione dei monaci e di una Dobbiamo comunque riconoscere
Banca Vaticana, l'Istituto per le
Opere di Religione, e alcune delle spiritualit intrisa di un umanesimo in peren- a Cornwell che, se sopravvaluta l'im-
transazioni ai margini della legalit ne tensione tra l'isolamento claustrale e l'in- portanza di legami come quelli con
operate da Calvi a nome del Banco tervento mondano. Gelli, si attiene poi a un atteggia-
Ambrosiano rende auspicabile, ai fi- mento di prudente moderazione al
m
Il volumetto tratta di argomenti (matri-
ni della comprensione del crollo momento di tirare le conclusioni,
monio, amore coniugale, redenzione delle
dell'Ambrosiano, la conoscenza quando alla fine del suo libro attri-
peccatrici) solo all'apparenza lontani da quel- buisce anche ali'"aberrazione dei
dell'attuale organizzazione finan-
la fondamentale ricerca. I protagonisti sono tradizionali metodi di governo ita-
ziaria del Vaticano. In questo senso
il libro di Lai, bench a prima vista gli stessi, ancora i monaci, tra i quali perdura liano" la responsabilit della riuscita
pi aneddotico di quello di Corn- la duplice attrattiva del chiostro e della realt degli imbrogli di Gelli: un giudizio
well, il benvenuto: l'autore ha gi esterna. Monaci impegnati nelTelaborazione moderato e a mio parere condivisibi-
pubblicato un'opera molto docu- di valori e di modelli di comportamento da le, soprattutto per quanto riguarda i
mentata sulle finanze papali indicare ai laici: in questo caso valori e mo- difetti e le lacune delle leggi che re-
all'inizio del secolo, e mostra una delli di comportamento relativi al matrimo- golano il sistema bancario e com-
solida conoscenza delle istituzioni nio, un fenomeno all'apparenza cos estraneo merciale italiano.
del Vaticano. Lai concentra la pro- all' universo di chi si votava ad una vita di ca- Su tutto il caso Calvi pesa il so-
pria attenzione su un periodo, dalla stit. Gi questa considerazione pu suscitare spetto, magari ingiustificato, della
fine degli anni '50 all'inizio degli cospirazione. Un'idea, quella della
Il benedettino Jean Leclercq e storico di interesse e curiosit, che anche l'editore ita-
anni '70, pi lontano nel tempo ri- cospirazione, che ha sempre osses-
spetto a Cornwell. Questi copte un spicco nel panorama della medievistica con- liano non manca di sottolineare nella presen-
sionato la vita politica del mondo
campo notevolmente pi esteso: per temporanea. Grandissimo conoscitore delle tazione del quarto di copertina: "Leclercq occidentale fin dalla rivoluzione
importanti che possano essere stati il opere di Bernando di Clairvaux e del mona- fornisce un contributo determinante allo francese e che possiede la straordina-
Vaticano e la sua banca nella carriera chesimo dei secoli centrali del medioevo, smantellamento dell'inveterato pregiudizio ria capacit di proliferare in una se-
di Calvi, questa si sviluppata sullo secondo il quale il medioevo avrebbe provato rie di costruzioni collegate l'una con
noto per il fondamentale volume su Cultura
sfondo di scenari pi ampi, quelli ostilit nei confronti dell'amore umano e co- l'altra e nello stesso tempo in con-
del sistema bancario internazionale umanistica e desiderio di Dio. Studio sulla
niugale; questo libro, al contrario, dimostra traddizione l'una con l'altra: dal mi-
e della vita politica italiana. Si sareb- letteratura monastica del medioevo, origina-
che specialmente i monaci e i 'chierici', pi to tradizionale di una nefasta cospi-
be tentati di affermare che i due li- riamente comparso in lingua francese presso razione contro la societ cristiana ad
le parigine Editions du Cerf nel 1957, e suc- ancora che i laici, apprezzarono e sostennero i
bri si integrano a vicenda, ma ci av- opera dell'ateismo massone e radica-
viene solo in modo approssimativo le, a quello di un'altrettanto nefasta
ed episodico a causa della natura cospirazione della destra che vedeva
congiurati cattolici e massoni, fino a
una cospirazione della destra stavol-
un gruppo di criminali americani ta non pi nefasta ma benefica.
per chiedergli personalmente di ru- Ben prima del fascismo, e prima
bare o falsificare titoli per un valore ancora che il comunismo facesse la
di un miliardo di dollari allo scopo sua comparsa sulla scena della storia,
di rivenderli a profitto sia del Vatica- in Europa era comunemente accetta-
no sia (cosa ancora pi incredibile) ta l'idea che esistessero questi com-
della Banca d'Italia. Tisserant avreb- plotti politici, e il caso della P2 ha
be inoltre detto a'questi delinquenti mostrato che la situazione non
che lui e il vescovo Marcinkus si cambiata affatto. Una variazione sul
aspettavano, come loro fetta della tema della cospirazione che ha avuto
torta, una parte pari a centocin- conseguenze terribili stata quella
quanta milioni di dollari. Non so co- che configurava un complotto e-
me il signor Hammer pretenda che breo-massonico, noto come I proto-
si presti fede a storie di questo gene- colli dei savi di Sion e che tanta par-
re: quanto a me le respingo non te ha avuto nella storia dell'an-
perch sono grossolane e improbabi- tisemitismo nel nostro secolo, men-
li, ma perch non viene data alcuna tre l'ipotesi di un complotto tramato
spiegazione soddisfacente sulla na- in collusione da massoni e gesuiti ri-
tura delle prove su cui sono basate. sale al periodo del Terrore della rivo-
Il libro del signor Hammer ha co- luzione francese. Abbia o no fonda-
munque un suo peculiare interesse mento reale l'idea che la P2 fosse di-
come esempio di fantasia inventiva. retta da persone strettamente legate
Il caso Calvi ha avuto ramificazio- al Vaticano, certo che si adatta a
ni cos estese da assumere quasi le meraviglia a uno stereotipo assai an-
dimensioni di uno scandalo politico, tico, il che mi induce a ritenere che
dove per scandalo politico intendo il principio del concorso di colpa
una sorta di ragnatela di presunte non si dovrebbe applicare in questo
incrinature apertesi a diversi livelli caso: gli elenchi di nomi non sono
sufficienti. Costituisce invece una del Vaticano. D'altra patte, a partire dro finanziario resta assai oscuro. Sindona soprattutto a causa della ri-
novit di oggi, a quanto mi risulta, dal Concilio Vaticano secondo (che a Restano un mistero i motivi che dicola mania della rispettabilit
l'idea che non la massoneria ma la sua volta costitu un'operazione hanno indotto i dirigenti vaticani esteriore e delle ostentazioni di de-
mafia sia il partner del Vaticano nel- estremamente dispendiosa per il pa- dello Ior a prestarsi alle oscure ma- coro che caratterizza gli speculatori
le losche macchinazioni che questi pato) la politica internazionale della novre di Calvi. E possibile che in di quel tipo, e che ha indotto uno
avrebbe tramato: da questo punto di chiesa si fatta pi intraprendente e quel periodo i bisogni finanziari del dei personaggi che pi spesso ricor-
vista il libro di Richard Hammer ha pi costosa: i viaggi del papa Vaticano fossero cos pressanti da in- rono nel libro di Cornwell a tutelare
il dubbio onore di avere creato un all'estero, insieme all'intensa atti- durre i suoi agenti a trattate con fi- la propria onorabilit chiedendo a
nuovo precedente mitologico. vit diplomatica che li accompagna, gure poco affidabili come Sindona e un tribunale l'abolizione dei passi
Cornwell si muove su un terreno hanno provocato un notevole au- Calvi in vista di "sbiti guadagni": che lo riguardavano. A chiunque ab-
pi sicuro nel supporre l'esistenza di mento delle spese, tanto pi che so- il capitale a disposizione dello Iot bia familiarit con la storia delle fi-
un legame tra la Banca Vaticana, lo no diventati un aspetto normale e ri- era a quanto pare assai ridotto secon- nanze vaticane l'idea che la familia-
Ior, e le attivit bancarie fraudolente corrente della politica papale. An- do gli standard delle grandi banche rit con gli alti prelati conferisca au-
a cui Calvi si dedicava all'estero, ma che il collegio dei cardinali oggi ve- internazionali, e questo pu aver tomaticamente a un banchiere una
ben difficilmente potremo mai co- ramente internazionale, come non portato i suoi dirigenti ad accettate grande rispettabilit sociale apparir
noscere con esattezza la vera natura era mai stato dopo l'alto Medioevo, rischi che si sarebbero dovuti giudi- non solo discutibile ma del tutto as-
della cooperazione tra lo Iot e le e lo stesso declino del precedente ca- care inaccettabili. Il Vaticano si ri- surda. E una strana idea che l'onora-
compagnie bancarie ombra create da rattere italiano del collegio e della velato particolarmente vulnerabile bilit dipenda dal tempo trascorso
Calvi in Europa, nei Caraibi e in Sud curia non mancher di avere conse- di fronte alle attenzioni di Calvi e di nelle anticamere dei monsignori ro-
America. Certo che praticamente mani. Negli ambienti bancari inter-
nessun chiarimento ci viene dalle fa- nazionali la consistenza approssima-
mose "lettere di patronage" emesse tiva delle risorse dello Ior doveva es-
dal Vaticano in una seconda fase sere nota, per cui la valutazione del-
dell'affate, cos come non chiaro in valori del matrimonio". Come: monaci e diosa armonia divina. la situazione creditizia dell'Istituto
quale misura lo Ior abbia avuto rap- chierici, votati a una vita celibataria, apprez- La rivalutazione dello stato coniugale fu doveva essere basata su questo e non
porti di effettiva partecipazione con zano e sostengono i valori del matrimonio? contestuale alla rivalutazione del laicato e, sul mito di una chiesa favolosamente
le compagnie organizzate da Calvi addirittura pi dei laici? per altro verso, alla riscoperta di valori propri ricca.
in Lussemburgo, a Panama e in La portata di tali domande si ridimensio- Gli altri partecipanti al gioco clan-
dell'esperienza umana. A ci si connetteva
Liechtenstein: il fatto che la Vanca destino organizzato da Calvi con le
na quando si pensi ai nessi esistenti tra gene- l'immane sforzo di definizione di concetti e
Vaticana abbia accettato un certo sue banche esterne sembrano esser-
margine di responsabilit finanziaria rali sviluppi della societ europea occidentale istituzioni che comp in primo luogo la cultu-
sela cavata meglio di quanto meri-
nei confronti dei creditori di Calvi e riflessione degli "intellettuali": i quali, in- ra chiericale, anche a proposito del matrimo-
tassero. Pi di una volta Cornwell,
farebbe tuttavia pensare che vi sia seriti in un'istituzione ecclesiastica vivace- nio. Parallelamente emerse una religiosit nel descrivere certi aspetti di questa
stata una certa responsabilit legale. mente e possentemente orientata a inquadra- meno elitaria una religiosit che volgarizz il attivit bancaria di Calvi, come la
Quanto all'ipotesi che Marcinkus re l'esistenza degli uomini secondo schemi ra- Vangelo,che si fece pi vicina agli uomini, fondazione di compagnie bancarie
e gli altri prelati vaticani coinvolti zionali e conformistici, si trovarono a cogitare pi sensibile ai problemi della condizione ombra gestite da uomini di paglia o
nei rapporti con Calvi (e prima anco- sulla realt mutevole, cercando di renderla umana, persino nelle sue manifestazioni pi il trasferimento di forti somme di
ra con l'altro bancarottiere Sindona) coerente con una tradizione realizzata grazie umili e dolorose. Spontaneamente nacque, denaro da un gruppo ombra all'altro
fossero innocenti ecclesiastici caduti alla complessa stratificazione di molteplici nel monachesimo pi dinamico e libero, secondo il sistema a prestiti incrocia-
nelle reti di imbroglioni senza scru- auctoritates (la Bibbia, i Padri, le decisioni un 'azione pastorale nei confronti dei miseri e ti; li definisce "normale pratica ban-
poli che approfittarono della loro conciliari e sinodali, ecc.) e con l'esigenza, in- dei diseredati, per esempio nei confronti del- caria". Le rispettabilissime banche
ignoranza della normale pratica intemazionali che avevano prestato
trinseca alla cultura ecclesiastica, di un 'ordi- le prostitute alle quali fu offerto il chiostro,
bancaria, si tratta di una tesi che si grosse somme a Calvi, per poi pen-
pu anche sostenere, e certo nel li- nata sistemazione di pensieri e azioni. Il rin- oppure il matrimonio, quale possibilit di tirsene, sono state quasi tutte part-
bro di Lai non mancano indizi che novamento del XII secolo pass anche attra- rendenzione. Anche a questo proposito la ner degli uomini ombra di Calvi in
alcuni dei prelati che si occupano verso tale multiforme filtro che comport una cultura chiericale oper delle trasfigurazioni, accordi di questo tipo. Il mondo del-
dello Ior (Marcinkus compreso) rivitalizzazione del mito dell'antico, non solo propose dei simboli: la peccatrice della cele- le attivit bancarie incentrato
mancassero delle conoscenze tecni- cristiano (anche se talvolta non si aveva il co- bre pericope di Luca 7, 36-50, identificata sull'esportazione di capitali cos
che di base dell'attivit bancaria. Sa- raggio di renderlo palese). Il rinnovamento tout court con Maria Maddalena. Ne nasce un profondamente coinvolto nell'eva-
rebbe per sbagliato supporre che il pass, nondimeno, attraverso il rapporto dia- personaggio che, prostituta, manifestazione sione delle leggi fiscali e valutarie
sistema bancario vaticano sia sempre lettico, la reciproca influenza tra elaborazioni simbolica della capacit di "amare e di essere delle singole nazioni che ovvia-
stato gestito in modo dilettantesco e intellettuali laiche e chiericati: diverse soprat- amata, di divenire, a suo modo, sposa, nelle mente difficile per chiunque operi
che nel corso della storia la Santa Se- nel settore distinguere tra i Calvi e i
tutto nelle finalit che le une e le altre si pro- sue relazioni con gli uomini e con Dio " (p.
de non abbia accumulato un suo ba- Sindona e gli operatori veramente ri-
gaglio di esperienza in questo cam- ponevano e nella volont di orientamento 195). spettabili. Se la banca vaticana sta-
po. Al contrario, in confronto della vita altrui. Da un lato, dunque, il libero ta truffata da Calvi, avr almeno la
Se questo il quadro problematico in cui
all'esperienza bancaria internazio- giuoco della fantasia e della creativit, magra consolazione di sapere che la
si sviluppa il volumetto delLeclercq, esso non
nale del papato quella dei Baring e dall'altro, la progressiva definizione di un stessa sorte hanno subito all'incirca
consente di trarre conclusioni, in quanto si
dei Rothschild appare un'esperienza modello austero e nel contempo rassicurante. una ventina di altre banche rispetta-
tratta di argomenti intorno a cui la ricerca sta
di novellini: il papato assunse un Non chi non si renda conto dello schemati- bili.
ruolo di protagonista nel credito in- compiendo rinnovati sondaggi e ricerche (ne
smo di una siffatta formulazione del proble-
ternazionale gi nel Medioevo, pi prova la Postfazione nella quale il Leclercq
ma, che pur tuttavia contiene un fondo di ve-
di un secolo prima che i Medici en- d conto di lavori usciti dopo la prima edizio-
rit: le invenzioni letterarie non mancano,
trassero nel mondo bancario, e an- ne in inglese del suo libro). Il lettore non
per esempio, negli ottantasei Sermoni sul
che dopo il Rinascimento e la Con- mancher di accorgersene: lo stesso lavoro
troriforma la corte romana manten- Cantico dei cantici di Bernardo di Clairvaux,
dello storico benedettino si presenta come ap-
ne per secoli un'organizzazione che ma sono impiegate al servizio di un progetto
proccio a una serie di testi e di questioni, a
rendeva necessaria una conoscenza esistenziale tutto costruito sulla proiezione
una serie di autori e di personaggi. Il tutto af-
approfondita delle tecniche banca- della realt divina su quella umana, o, se si
frontato con competenza ed equilibrio, e non
rie, n un caso che nel XVI e XVII vuole, tutto teso all'edificazione di rapporti
senza una vena di passione ammirata per il
secolo pi di un papa provenisse da umani stabili e ordinati a riflettere la gran-
famiglie di banchieri italiani. E vero mondo monastico medievale.
che la fine dello stato pontificio nel (traduzione di Mario Trucchi)
1870 rappresent una vittoria del ca-
pitalismo dell'Italia settentrionale,
ma sarebbe sbagliato dedurne, come
sembra fare Cornwell, che in re cattolico mi sembra che ponga pi guenze finanziarie.
quell'occasione la sconfitta della RO/AA- C A P V T /-IV N D I
interrogativi di quanti ne risolva. Resta aperto il problema se il Va-
Chiesa sia stata provocata dalla sua Gli inconvenienti legati alla dipen- ticano riuscir a inserire le sue finan-
incomprensione dei principi del ca- denza dalle banche italiane devono ze in uno scenario internazionale e
pitalismo liberale: il fatto che la fi- essere diventati evidenti durante la non solo italiano. Qualora dovesse
ne di uno stato porta con s la fine guerra, in cui il Vaticano mantenne riuscirvi, sarebbe il ritorno a una si-
delle istituzioni finanziarie che ad una posizione di neutralit, anche se tuazione di cui il papato non godeva
esso sono pi strettamente legate, e a detta di Lai la riorganizzazione pi da qualcosa come sei secoli, ben
nel 1870, con la liquidazione a Ro- nella forma attuale dell'Istituto per prima della Riforma. In base agli
ma di tali istituzioni, gli istituti cre- le Opere di Religione, avvenuta nel scarsi dati a disposizione 1'"obolo di
ditizi ad esse pi strettamente colle- 1942, non fu dettata immediata- san Pietro", che in tempi moderni
gati ricevettero un duro colpo. mente dall'esigenza di disporre di stato il principale strumento con cui
Dopo il 1870 il Vaticano si trov a una banca Vaticana indipendente. la chiesa universale ha risposto alle
dover riorganizzate su nuove basi le Il Concordato del 1929 assicur esigenze finanziarie di san Pietro,
proprie finanze, che per secoli etano una nuova emissione di capitali ad negli ultimi vent'anni non ha mo-
state gestite su scala italiana e non opera dello stato italiano ma non ri- strato alcuna tendenza alla crescita,
internazionale, un problema che solse i problemi finanziri del Vati- ma stato caratterizzato da una cer-
non ha ancora ricevuto una soluzio- cano, che neppure in tempi relativa- ta stagnazione. Le cifre relative alle
ne soddisfacente: potr sembrare un mente recenti riuscito a risolverli finanze vaticane pubblicate dopo il
ritardo eccessivo, ma le politiche pa- su scala italiana, nonostante la posi- 1982 hanno rivelato pesanti disavan-
pali generalmente si sviluppano su zione di privilegio di cui le istituzio- zi, e l'annunciato accordo tra lo Ior e
tempi lunghi. In parte alle necessit ni vaticane hanno sotto molti aspetti i creditori del defunto Banco Am-
operative del Vaticano in campo fi- beneficiato in Italia dopo il 1945: brosiano non avr certo migliorato la
nanziario si provvide attraverso l'as- anzi, certe svolte recenti della politi- posizione della Santa Sede. E anche
sociazione con banche, come il Ban- ca governativa italiana hanno dan- certo che i negoziati tra il governo
co di Roma, gestite da persone gra- neggiato gli interessi finanziari della italiano e il Vaticano relativi al con-
dite alle autorit ecclesiastiche: il Santa Sede, per esempio la decisione cordato firmato quest'anno avranno
termine cos spesso usato di banchie- del 1968 di tassare gli investimenti effetti finanziari, ma il nuovo qua-
La favola tecnologica
Uno degli aspetti pi sconvolgenti versi. Il poeta vuole rifugiarsi sotto- di concedere un'apertura fiduciosa
della poesia di Belli proprio il per- terra insieme ai suoi cari, per sfuggi- alla modernit. Sostantivo e attribu-
corso che risale alle radici primarie, re all'umiliazione, "perch sopra / to segnano e auspicano una sintesi
biologiche, di essa. Prima ancora ci sono alcuni che maneggiano tut- tra le favole antiche e le promesse

di un poeta peruviano dell'alienazione sociale, esiste una


condanna anteriore, imposta dalla
natura stessa. un motivo quasi
to, / che scrivono, che cantano, che
ballano / che parlano bellamente, /
e noi, rossi di vergogna, / desideria-
della tecnologia. Il repertorio tecno-
logico, che d'ora in poi accompa-
gner tutta l'esperienza di Belli, en-
di Antonio Melis neo-leopardiano se non ci fosse, mo solo scomparire / in piccoli pez-
zettini".
tra in contrasto, come ho detto, con
nell'analogia, una differenza piutto- il lessico della poesia classica. Questa
sto profonda. Non sono le manifesta- Questo grumo originario di osses- miscela volutamente dissonante di-
Carlos Germn Belli, 0 Fata ci- precisione su questo risvolto della zioni cosmiche, infatti, a colpire il sione non ha, e forse non pu avere, venta l'emblema della sua presenza
bernetica1., Introduzione, scelta e poesia di Belli. "Lima, la orribile", il poeta, ma piuttosto lo stillicidio un vero e proprio sviluppo. Si pu nella poesia ispanoamericana
versione di Roberto Paoli e Carlotta bruciante epiteto coiato da Cesar quotidiano delle umiliazioni che de- parlare piuttosto di uno scavo ulte- Accanto al vocabolario della mo-
Nerozzi, Reggio Emilia 1984, pp. Moro (1903-1956), il poeta peruvia- rivano dai difetti fisici. riore e continuo, accompagnato da dernit, compaiono altri linguaggi
220, Lit. 18.000 (il libro va richiesto no che scelse di scrivere gran parte La dolorosa vicenda familiare del un affinamento degli strumenti stili- specifici, connotati anch'essi da una
a: Associazione culturale "In Forma della sua opera in francese, si tra- fratello minorato, presenza costante stici, sempre comunque nella stessa tendenza alla ripetizione ossessiva.
di Parole", Casella Postale 414, sformato in una sigla ormai indisso- in tutta la poesia di Belli, non suf- direzione di ricerca. Dentro & Fuera Al tempo stesso lo scarto nei con-
40100 Bologna). ciabile dalla capitale peruviana. Non ficiente a rendere conto di questa os- (Dentro & Fuori), per esempio, usci- fronti del singoiate classicismo di
un caso che anche Belli, dopo lo sessione. Dal caso specifico l'ango- to nel I960, vede l'accentuazione di fondo viene esasperato dal recupero
Mi sembra giusto cominciare con di forme poetiche chiuse, che spa-
un augurio. Spero che l'intasamento ziano dalla sestina alla canzone.
di novit spesso inutili che caratte- Le immagini della degradazione
rizza sempre pi la scena editoriale sempre pi si estndono dall'ambito
L'introduzione di Antonio Tabucchi, che familiare a una dimensione pi va-
non impedisca di vedere un libro co- Ernando Pessoa completa il pi ampio saggio critico premesso sta, ma continuano a rapprendersi in
me questo, tra i pochi veramente
al primo volume, con l'aggiornamento bi-
importanti. La prima ragione di Una sola m o l t i t u d i n e bliografico (1981-84), le NOTE conclusive sui
figure concrete. Nelle ultime raccol-
te, per esempio, i portatori di questa
carattere ancora generale, e tuttavia
significativa. L'edizione di un'am- II voi., a cura di brani antologizzati (di M.J. de Lancastre) e la condizione di avvilimento diventano
scelta di edizione con il testo a fronte contri- in certi casi gli atleti. Il mondo dello
pia antologia bilingue del poeta pe-
ruviano Carlos Germn Belli riapre
Antonio Tabucchi buiscono senz 'altro a fare di Una sola molti- sport, con le sue alternanze di polve-
ad alto livello il discorso sull'altra con la collaborazione di tudine una tappa importante del costante im- re e altare, si presta a offrire i suoi
protagonisti trasformati in figure
faccia della letteratura ispano-ameri- Maria Jos de Lancastre, pegno di divulgazione, oltrech di studio,
dolenti. Pochi personaggi della poe-
cana contemporanea. Il successo a dell'operapessoana del curatore. sia contemporanea riescono a tra-
lungo travolgente, e non sempre Adelphi, Milano 1984, (r.d.) smettere l'angoscia inquietante dei
limpido, della narrativa (il famoso
boom) ha finito per oscurare la gran- pp. 256, Lit. 18.000. calciatori di Belli. Il portiere che
de e varia esprienza della poesia. So- condannato per l'eternit a fare la
no uscite alcune antologie (anche guardia a una porta dai pali inesora-
Si completa con questo secondo volume bilmente fissi o i giocatori affranti di
buone), ma ben pochi poeti hanno (Voi. I, Adelphi 1981) la scelta di testi che
avuto l'onore di una scelta persona- Stadio vaticano, dove il campo di
le. A livello, non diciamo di massa, Antonio Tabucchi, cultore affezionato Antonio Tabucchi gioco s'intreccia con le rovine
ma del pubblico colto, ben pochi dell'opera plurale di Fernando Pessoa, ha cu- dell'Occidente, sono indimenticabi-
nomi si sono aggiunti a quello ormai rato per 1'Adelphi, con la collaborazione di Notturno indiano li. Indicano una capacit sempre pi
classico di Pablo Neruda. Maria Jos de Lancastre, sotto il titolo emble- matura di proiettare su un piano
matico e suggestivo di Una sola moltitudine.
Sellerio editore, metafisico la verifica empirica e cir-
Al di l di questa apertura su un
universo creativo quasi ignorato, Agli scritti di Bernando Soares e Alvaro Palermo 1984, pp. 109, Lit. 5.000. constanziata dell'angoscia di vivete.
poi la qualit dei testi presentati a de Campos (Voi. I) si aggiungono ora le liri- Questa edizione curata da Ro-
essere decisiva. Carlos Germn Belli, che di tre fra i pi importanti eteronimi pes- berto Paoli, in collaborazione con la
nato a Lima nel 1927 da una fami- Il nuovo romanzo di Tabucchi si presenta giovane studiosa Carlotta Nerozzi.
soani: le Odi neoclassiche del medico di Paoli gi ben conosciuto, tra l'al-
glia di origine italiana, non stato Oporto Ricardo Reis; il poemetto bucolico e al lettore sotto la cifra del viaggio, dell'esoti-
un poeta precoce. Ma a partire dal tro, per una tradizione integrale di
antinomialista, Il Guardiano di Greggi, del smo, del mistero: l'ambientazione indiana, Csar Vallejo, il maggiore poeta pe-
primo libro pubblicato nel 1958 con rigorosa e quasi documentaria, tuttavia sol-
il semplice titolo di Poemas (Poesie) maestro Alberto Caeiro, e l'unico testo ruviano e, in assoluto, uno dei gran-
ha conquistato un posto sempre pi dell'eteronimo straordinario Coelho Pacheco, tanto lo sfondo, a tratti inquietante a tratti di tra i contemporanei. Di fronte al
autorevole e originale nella poesia Al di l di un altro Oceano che, nelle parole sfuggente, di una vicenda che utilizza i cano- poetare aspro di Belli, la traduzione
peruviana e ispanoamericana. del curatore, "costituisce un flagrante esem- ni di pi generi letterari fondendoli in un pa- riesce a offrire un equivalente com-
Alcuni tratti dell'operazione stili- pio delle virt di precursore di Pessoa sulle stiche di indubbio fascino. Roux, il protago- plessivo, sfuggendo all'insidia del
stica di Belli, gi in queste prime li- nista, alla ricerca dell'amico Xavier, disper- calco, e impegnandosi in una ricrea-
evanguardie storiche europee, nella fattispe- zione contestuale. Il risultato quel-
riche, lo collegano a un grande filo- cie sulla surrealista criture automatique, e so in India da tempo. Gli spostamenti di
ne della letteratura spagnola e ispa- Roux, di volta in volta misteriosi o coerenti, lo che si riscontra nelle migliori tra-
possiede il valore di un reparto culturale pre- duzioni di poesia; il testo italiano
noamericana di questo secolo. Mi ri- avventurosi o banali, sono popolati da incon-
ferisco a quella singolare sintonia zioso per la storia delle avanguardie letterarie funziona autonomamente. Per chi
tri (il medico, l'indovino deforme), sogni, al- fosse in grado di apprezzare l'origi-
che si stabilisce con la stagione ba- nell'area romanza". Completano la raccolta
lucinazioni, brandelli di ricordi. Sarebbe for- nale, il testo a fronte offre la possibi-
rocca e che segna una divaricazione tre testi del Pessoa ortonimo: il messianico
se possibile definire questo libro un viaggio lit di godimenti supplementari.
netta rispetto all'avanguardismo. In Messaggio, unico volume di versi portoghesi
Belli, questo rapporto si estende alla nella memoria, che utilizza i due registri pa- Non solo quello essenziale che deri-
pubblicato in vita dal poeta nel 1934, intriso
poesia rinascimentale e in particola- ralleli della vita vissuta e della letteratura, e la va dalla risalita alla fonte, ma anche
di un patriottismo metafisico e decadente; il quello pi sottile e complesso che
re al filone petrarchista. Ma soprat- cui conclusione non pare andare oltre l'ini-
poemetto inglese Antinoo (1918) che canta in zio: Xavier non vuol essere trovato, Roux non nasce dalla lotta tra i due testi, quel-
tutto d luogo a un impasto irripeti-
cadenze shakesperiane l'amore dell'impera- vuole trovare. lo del poeta e quello del traduttore.
bile e felicemente contrastante di li-
velli. La struttura sintattica e il re- tore Adriano per il giovinetto e il Primo Faust Dell'introduzione, ho gi avuto
(appuntiper un poema, 1908-1933). (f.r.)
pertorio mitologico della poesia ri- modo di dire indirettamente, usan-
nascimentale e barocca vengono for- do largamente i suggerimenti inter-
zati da un mondo poetico di striden- pretativi che essa contiene. La splen-
te modernit. Al centro sta una con- dida cura grafica del libro tipica or-
dizione di oppressione, vissuta nella mai di In Forma di Parole. Resta solo
sua totalit. La sua manifestazione splendido saggio di Sebastin Sala- scia si dilata, fino a comprendete un un tono quasi gnomico, che ritor- da augurarsi che questo episodio im-
pi immediata la situazione alie- zar Bondy (1924-1965) dallo stesso pi universale stato di menomazio- ner in forme inermittenti nella portante di proposta della poesia
nante dell'impiegato nel contesto di titolo, la riprenda, caricandola di ul- ne, messo impietosamente in rilievo poesia successiva. ispanoamericana non resti isolato.
una metropoli caotica del Terzo teriori connotazioni. dall'ostentazione di bellezza, ric- Oh Hada cibernetica! (O Fata ci- L'altra faccia di quella letteratura
Mondo. Ma questo riferimento preciso a chezza, efficienza da parte degli al- bernetica!), del 1962, il cui titolo un continente ancora quasi inesplo-
L'introduzione a questa antologia un contesto sociale e urbano non tri. Alto/basso, testa/coda, ecc., si viene felicemente ripreso per questa rato, e vale la pena di immergersi in
si sofferma con grande acutezza e esaurisce il discorso sull'oppressione. oppongono continuamente in questi antologia italiana, indica la volont questa avventura entusiasmante.

IL N U O V O RAGAZZINI
DIZIONARIO INGLESE ITALIANO ITALIANO INGLESE
1
NUOVO di G i u s e p p e Ragazzini
SBARELLI Seconda edizione, oltre 128 000 voci, americanismi, neologismi e tecnicismi dell'uso
corrente, 2 800 sigle, simboli e abbreviazioni, 3 200 nomi propri e toponimi

- ilboch IL N U O V O ZINGARELLI
VOCABOLARIO DELLA LINGUA ITALIANA
MINORE Dfufpywo
. IXWIIN
ITALIANA
di Nicola Zingarelh di Nicola Zingarelli
Undicesima edizione, 2 2 72 pagine, 127 000 voci, 4 300 illustrazioni, 65 000 etimologie
ITALIANO FRANCESE
di Raoul Ria*
EDIZIONE MWOfif IL B O C H MINORE
DIZIONARIO FRANCESE ITALIANO ITALIANO FRANCESE
f
ZANICHELLI ^nicheuj
ZANICHELLI di Raoul B o c h
992 pagine, 62 000 voci, 7 300 nomi propri, 600 proverbi, 900 sigle, 26 tavole illustrative

i nuovi dizionari Zanichelli_


Il salvagente
I ricordi dimenticati di Bertolt Brecht
ti Cesare Cases
sati dovevano trovare essi stessi la so- e duttile nella ricerca dell'avvicina- paragona alle persone colpite da "ta- mento della poesia 11 ladro di ciliege
luzione. Ma era un'interpretazione mento alle "cose", come sottolinea bes dorsalis" che "hanno un porta- c'era gi qui, nel Brecht ventiduen-
un po' forzata e comunque tardiva: Luciano Zagari nella sua notevole mento mirabilmente eretto" perch ne, cos come altre intuizioni che ri-
la buona volont dei promotori te- prefazione. Poich qui non si tratta "si danno un contegno per paura dei marranno costanti, per esempio
deschi di simili iniziative si urt con- di "diari di lavoro", in cui il sogget- loro cuori di vetro". "Insomma: so- l'inesorabilit della pioggia che cade
tro lo scarso numero di giovani rivo- to si sia completamente riversato no della povera gente". dall'alto in basso. "Quanto triste
I l Mlstrm (vortice) luzionati disposti ad attuarle. nelle sue idee e nella sua attivit, ma Con le donne spesso duro "come quello scrosciare, ogni cosa costret-
d e l l ' i n d u s t r i a c u l t u r a l e ingoia Il principale inedito pubblicato casomai l'opera letteraria di quegli un mercante di bestiame", ma poi ta a cadere dall'alto verso il basso,
da quelle misteriose potenze orien- anni sulla cui genesi, dal Boa/alla scrive: "Il cielo avrebbe l'obbligo di non pu fare diversamente...".
t u t t o , il libro che vedi oggi
Un'immagine deterministica che
galleggiare alla superficie del- sar poi spesso applicata al sistema
le vetrine, d o m a n i inizier la capitalista.
discesa verso l'abisso. Molti vi Come si effettua il passaggio al
s c o m p a i o n o p r i m a ancora d i Brecht marxista? Zagari mette in
essersi resi visibili. N o n sem-
Johann Wolfgang Goethe Siegfried Kracauer guardia dalle semplificazioni di cui
anzitutto responsabile lo stesso auto-
pre essi m e r i t a n o tale sorte, di Conversazioni Ginster te. Non c' un ribaltamento totale
cui talvolta n o n si riesce n e m - di profughi tedeschi Marietti, Casale 1984,
dal nichilismo al marxismo. Proprio
m e n o a i n t u i r e le ragioni. In attraverso l'estrema durezza, riven-
q u e s t a rubrica si v o r r e b b e lan- Passigli Editori, pp. 229, ed. orig. 1963, dicata come unico comportamento
individuale adeguato di fronte alla
ciare u n salvagente a u n libro Firenze 1984, pp. 198, trad. dal tedesco di Saverio giungla del presente, Brecht si apre
passato inosservato o quasi, ed. orig. 1795, trad. dal tedesco Vertone, lit. 19-000 la via al giudizio su di questa come
u n o o d u e o tre a n n i f a , e che fenomeno storico. Franco Buono lo
di Bruno Arzeni e Bonaventura ha mostrato nel suo studio sulle ope-
invece a nostro p a r e r e n o n
m e r i t e r e b b e d i essere d e f i n i t i -
Tecchi, lit. 12.000 Kracauer notissimo come sociologo e re pi difficili di questo periodo il
studioso di cinema, molto meno (anche in racconto Bargan se ne infischia e
v a m e n t e succhiato d a l vortice. Germania) come scrittore: persino Mittner, Nella giungla delle citt (Poesia, mi-
Un salvagente contro il Presentato intenzionalmente come una nella sua monumentale Storia della letteratu- to e giovent. Bertolt Brecht
Mlstrm (vortice)? Forse ser- sorta di Decameron tedesco, questa opera di ra tedesca, lo ignora. Eppure, Ginster (cos si 1917-1922, Bari 1983). Tuttavia,
Goethe consiste di quattro racconti pi una chiama il protagonista, un giovane architetto) nonostante i tentativi di Brecht di
vir a p o c o , m a il gesto che rinnegare o di reinterpretare la sua
conta. Fiaba (che conobbe, da sola, un grande suc- appartiene a quel gran novero d romanzi,
racconti, pices teatrali che fecero della re- giovent, molti filoni restano im-
cesso). Si immagina che, fuggiti sulla riva de-
mutati e vengono a spezzare gli
stra del Reno per gli avvenimenti rivoluziona- pubblica di Weimar una delle stagioni pi
schemi formatisi nel frattempo.
ri, alcuni aristocratici, amabilmente assistiti fortunate della letteratura tedesca, e dei suoi
I diari ritrovati vanno dal giugno
da una baronessa, raccontino varie storie, pia- intellettuali tra i pi lucidi indagatori delle
1920 al febbraio 1922 (con una lacu-
cevoli o fantastiche, quasi per esorcizzare gli perversioni del nuovo secolo. La critica alla na di quattro mesi). Ma la curatrice
avvenimenti che tanto impetuosamente sono guerra, e in genere alla verbosit retorica di tedesca ha aggiunto una serie di ap-
venuti accadendo. Di fronte ai casi turbolenti regime, si accompagna ad un 'analisi puntua- punti autobiografici sparsi che giun-
della storia (che in letteratura sono lo Sturm le delle contraddizioni e delle inquietudini di gono al 1954, dando cos l'impres-
u n d Drang e, per Goethe stesso, il Werther) una societ gracile e instabile. In un certo sione (difficilmente verificabile) che
questo libro oppone un pacato raccontare che senso romanzo a tesi, Ginster non e soltanto il volume contenga tutti i rari testi
anche supremo esercizio di stile e di misura, il quadro della Germania tra il 1914 e il 1918, autobiografici che ci sono rimasti.
conquista di una classicit di scrittura che ma anche una grande esercitazione di stile, Gli appunti non sono meno interes-
in cui la limpidezza della scrittura si unisce ad santi dei diari continuati. Brecht, lo
innanzitutto valore etico. La supremaza del- sappiamo, non ha molto da dire di
lo stile per Goethe decisiva, e trova il pro- un montaggio narrativo che stato a ragione se stesso, la famosa "interiorit tede-
Bertolt Brecht, Diari 1920-1922, prio coronamento nella delicata Fiaba che definito "cinematografico ".
Appunti autobiografici 1920-1954, sca" sembra essersi spenta in lui nel
E i n a u d i , T o r i n o 1983, p p . Novalis seppe definire "opera musicale in for- (f.r.) gelo della citt. Ha paura della sua
XBII-238, Lit. 15.000. ma di racconto ". aridit, ma questo forse lo salva agli
(f.r.) occhi del Signore. Si sa quanto fu
Sette o otto anni fa in Italia c'era- colpito dalla morte di Margarete
no in cartellone undici opere teatrali Steffin e qui dice chiaramente di
di Brecht e qualcuno mi invit a scri- non essere in grado di esprimere il
vere un articolo per spiegare la feno- suo dolore. "E gi quasi un anno che
menale perseveranza del suo succes- mi sento depresso per la morte della
so. Quest'anno non so quante esecu- mia collaboratrice e compagna Stef-
zioni si annuncino, forse nessuna. fin. Temo non tanto il dolore quan-
Brecht in ribasso. Per quanto tem- to il fatto che ne proverei vergogna.
po? La sola previsione che si pu fare Ma soprattutto non ho abbastanza
che prima o dopo torner a galla. E idee in proposito. Quel che so di cer-
la statura linguistica che gli garanti- to che non riesco a consolarmi di
sce la sopravvivenza. Per dirla con questa perdita, tutt'al pi posso na-
un suo studioso, Reinhold Grimm, sconderla a me stesso".
un classico, e i classici possono subire Parlava poco di s, ma sapeva che
eclissi parziali, non totali. Fatto sta tali-occidentali che amministrano Giungla delle citt agli abbozzi che darmi ogni tanto una mazzata in te- la sua giovent, per confusa che fos-
che da noi per esempio sembra ri- l'eredit brechtiana, e cio il Diario daranno origine a Un uomo e un uo- sta, vista la mia tendenza a mentite se o proprio per questo, era una sta-
mandata alle calende greche l'uscita di lavoro, rivelava un Brecht dell'ul- mo, si forniscono molte notizie e a essere vanitoso". Le pagine in cui gione irripetibile. Lo sapeva prima,
di opere importanti come i racconti timo periodo inteso a coltivare il parte integrante del tentativo di rea- le contraddizioni sono pi acute so- scrivendo nel 1925: "... adesso il
e soprattutto gli Scritti sulla poltica proprio genio cui nazismo e guer- lizzarsi, e di realizzarsi appunto in no quelle sulla tempestosa relazione tuo tempo migliore, anche se ti sem-
e la societ, che documentano la ri- ra mondiale servono solo da cornice modo da non fissarsi unilateralmen- con la prima moglie, Marianne Zoff, bra troppo poca cosa, ed il tuo
cerca di un marxismo non sistemati- alla sua infallibilit e a ingiuriare te. Da una parte ci significa metter- legata a un uomo, tale Recht, con giorno buono, anche se non te ne ac-
co. Forse per pubblicarli si aspetta coloro che non lo riconoscevano. si in scena, dall'altra prendersi in gi- cui continua ad avere rapporti anche corgi". E lo sapeva pochi anni prima
che, morto l'ultimo marxista orto- Molto interessante per i brechtiani, ro. Brecht contemporaneamente dopo il matrimonio e che Brecht di morire, rileggendo vecchie cose:
dosso, muoia anche l'ultimo etero- dava dell'uomo un'immagine scar- spaccone, onnivoro, esibizionista, odia mortalmente, mentre per parte "Si capisce che anch'io avevo talen-
dosso, in modo che il libro non trovi samente entusiasmante, ribadita smisurato come Baal e il contrario di sua si consola con il suo vecchio to, soprattutto quatant'anni fa. I
di sicuro nessun acquirente. dalla pubblicazione (finora solo in tutto ci: incerto, insoddisfatto, im- grande amore di Augusta, Paula giovani sono per lo pi pieni di ta-
Il declino attuale avr varie ragio- tedesco) delle lettere, strettamente potente, avvilito. E il massimo Banhlzer detta Bi. Il compiacimen- lento; si tratta di una malattia vene-
ni, ma la principale sta senza dubbio subordinate al lavoro e quasi prive di drammaturgo del futuro e l'autore to con cui egli indugia su questo tea". Forse invecchiando non si
nella rivolta contro il pedagogismo, sentimenti. di roba da buttare nella spazzatura, quadrilatero, sui propri furori e la sottratto al pericolo dell'irrigidi-
la precettistica, la certezza di essere Di questa immagine rimasto vit- il principe dei seduttori e l'ultimo propria debolezza, fa parte dell'au- mento e dell'andatura "mirabil-
nel giusto e di avere l'avvenire in ta- tima il solo inedito veramente affa- dei cornuti. L'analisi psicoanalitica tomessa in scena, compresa l'auto- mente eretta", come succede a molti
sca. E un'atmosfera che si respira in scinante, i Diari 1920-22. Appunti di certi interpreti della poesia giova- critica: "forse sono solo un imbro- che dalla malattia venerea hanno
Brecht nonostante e attraverso il suo autobiografici 1920-1954. Il libro, nile per cui alla base dell'aggressi- glione, capace di vivete al di l dei ereditato la "tabes dorsalis". Ma la
spirito antisistematico. Negli anni pubblicato nel 1975 in Germania a vit e della possessivit ci sarebbero miei mezzi, alquanto freddo, in colpa non era tutta sua, come credo-
'70 si contrappose lo scrittore giova- cura di Herta Ramthun, uscito un un fondamento masochistico e la sommo grado apolitico". no coloro che oggi immaginano che
ne a quello maturo perch sembrava anno e mezzo fa da Einaudi, ottima- paura del sesso, sembra trovare qui Per suo padre, per, era gi un co- fosse facilissimo navigare tra nazi-
non avete questi difetti. Proprio i mente tradotto da Bianca Zagari, una conferma. Egli stesso stabilisce munista. "A pranzo pap dice scioc- smo e stalinismo. E basta sfogliare
cosiddetti drammi didattici, ci fu senza quasi nessuna eco. Eppure se questo rapporto. "A volte mi prende chezze a proposito del comunismo. questo libro per concordare con Lu-
spiegato, non servivano affatto a in- ci sono scritti che non rientrano nel un prurito: la mia maledetta pro- Hanno rubato due mele in giardino ciano Zagari quando afferma che il
culcare una dottrina beli'e pronta, clich del Brecht dogmatico e peda- pensione per ci che intenso che e io difendo il ladro: ci che gli albe- presunto "cane morto" "uno scrit-
bens a proporre, inscenandoli, dei gogico sono proprio questi, che rive- non sia forse un sintomo di qualche ri producono non propriet di nes- tore, nonostante tutto, fra i pi vivi
problemi di cui gli attori improwi- lano un io estremamente disponibile punto debole nell'apparato?". E si suno". Dove si vede che l'atteggia- del nostro secolo".
PROPOSTE-NOVIT
Collana
L'altra Infanzia 19841
Giorgio Saviane
IL MOSCA Collana a cura di R. Zaccaria Umberto Muratore
E L'AGNELLO La Quinta Stagione IL CIELO
RAI
Una indimenticabile storia di La televisione NELL'UOMO
amore in difesa degli animali. Gianni Giorgianni che cambia La riscoperta della spiritualit
L. 6000 COL CIELO In un autentico pluralismo di di Antonio Rosmini.
ADDOSSO interventi, sono raccolti parecchi
L. 8000
Gina Lagorio saggi sul processo di trasforma-
un romanzo che, tutto den- zione che investe tutti i settori
LA TERRA tro la Chiesa, non le risparmia della T V di stato. Gianni Carr
NEGLI OCCHI critiche n riserve per talune L. 20000
SULLE TRACCE
apparenze non evangeliche.
L'estate in campagna presso i DI GES
L. 14000
nonni: un tempo prezioso, ricco Peter Hodgson
di tante cose che i libri non Per chi vuole approfondire la
possono insegnare. IL C R I S T I A N O riflessione sulla figura di Ges.
L. 6000 Adolfo Bioy Casares E LA SCELTA L. 10000
CON E SENZA NUCLEARE
Collana
I Nuovi Adulti AMORE Analisi delle fonti di energia Antonio Gentili
alternative e valutazione morale,
Tante storie d'amore e d'avven- scientifica e politica della scelta QUANTO M A N C A
Waldemar Bonsels tura, in un piacevole gioco di nucleare. ALLA FINE?
ironia e sottile umorismo. (imminente)
IL REGNO (imminente) Una serie di profezie del tutto
DEGLI ELFI attendibili sulle sorti del mondo
Collana Strenne alfe soglie del Duemila.
Un delicatissimo racconto-fiaba (imminente)
dello stesso autore de L'Ape- Collana Educare Oggi
maia . Christos Doumas
L. 8100
Gaetano Barletta THERA a cura di J. Delumeau
NONNI E NIPOTI Scavi a Santorini STORIA V I S S U T A
Gaetano Cafiero DEL POPOLO
Gli straordinari reperti archeo-
L'ISOLA DELLA Un'indagine intelligente e sti-
molante sull'idea che, oggi, i logici rinvenuti di recente in CRISTIANO
GIOVENT bambini hanno dei loro nonni. un'isola del Mar Egeo.
La storia della religiosit popo-
(imminente) (imminente) lare attraverso le fonti non uffi-
Un'insolita caccia al tesoro in
un'isola del Mar dei Caraibi. ciali dalle origini ai giorni nostri.
Per completare la storiografia
L. 8100 Collana di tradizionale.
Ambra Gentile Letteratura Religiosa (imminente)

Gino Terrile PADRE E FIGLIA


CAPITAN TAUTOS Paul Poupard Fuori Collana
Un manuale simpatico e utilis-
Avventure impreviste (con un
simo per evitare errori di edu- LA FEDE
cazione frequenti, a volte anche
pizzico di giallo!) a bordo di gravi. CATTOLICA Giacomo Dacquino
una vecchia nave battente ban-
diera ombra.
(imminente)
Aspetti e contenuti essenziali V I V E R E IL PIACERE
L. 8100 della fede spiegati a tutti coloro,
credenti e no, che sono alla Alla ricerca di una vita che sia
Collana Saggi ricerca della verit. il pi umana possibile.
Collana Reporter L. 7000 (imminente)

Jean Stoetzel
Antonia Hunt Jean Leclercq
I VALORI DEL Angela Padellaro
LA M I A PICCOLA T E M P O PRESENTE I MONACI GIRO DI FUOCO
RESISTENZA E IL M A T R I M O N I O
Ampio sondaggio di opinione
L'incapacit di amare e la con-
La storia vera di una ragazza sui nuovi valori che stanno emer- Che senso aveva il matrimonio
gendo oggi, in Europa. Per in- tinua fuga di fronte alla vita
fatta prigioniera dal nemico nella nel Medioevo? Un contributo in un romanzo dalle molteplici
Francia occupata dai tedeschi. formare, ma anche per far ri- determinante per sfatare i soliti
flettere. sfumature psicologiche.
luoghi comuni.
L. 9300 L. 20000 L. 14000 (imminente)

SOCIET' EDITRICE INTERNAZIONALE TORINO


Caproni, la poesia,
tanto, ma ancora nelle ultime cose, a lume edito ancora da Garzanti ci d buio. Dopo il buio non c' luce. Dio
ricercare e a proporre la dizione, la ora la possibilit (con l'aggiunta de- raggiunto attraverso la sua nega-
costruzione del discorso poetico, con gli inediti Versicoli del controcapro- zione, in questa proclamazione poe-
una forza di concentrazione formale ni e dei meno noti Erba francese) di tica del nulla. Una teologia negati-

e oltre inarrivabile (oggi soltanto Zanzotto


sa costruire come lui sonetti in ten-
sione, compatti e snodati, di marca-
tipetcorrere il cammino intero del
poeta. Il pi quotidiano delle situa-
zioni, delle occasioni, il pi sempli-
va. Eppure la radicale asserzione
d'inesistenza non ha nulla in Capro-
ni di amaro, di disperato; e n c'
tura unica). Certo, pochi come Ca- ce dello stile, o i pi intensi e dram- giudizio, riflessioni, poesia filoso-
d Gian Luigi Beccaria proni sanno chiudere un sonetto, matici interrogativi ultimi (la ricerca feggiante, casistica di tipo psicologi-
ma soprattutto come ancora notava e l'inutilit della ricerca di Dio, alla co o moralistico o altro. Sono versi in
Giorgio Caproni, Tutte le poesie, fedele al principio della continuit Pasolini, aprire una lirica, con ten- fine del libro) compongono un iti- cui Caproni si congeda dal mondo,
Garzanti, Milano 1983, pp. 632, della poesia, anche negli anni in cui sioni interiettive subito sorprenden- nerario poetico di grandiosa esten- si avvicina al confine, un confine che
Lit. 30.000. avanguardie sembravano averne ti. Solennit, e nello stesso tempo sione. Nelle prime raccolte, una non lo separa da nulla, che non divi-
svuotato la stessa idea, passato in- raso-terra, semplicit di una quasi- geografia, una toponomastica preci-
La poesia (pare un assurdo) denne tra le mode. E difficilmente prosa nei suoi versi melodici e parlati se (la mirabile Livorno dell'infanzia,
quanto di meno irrilevante, di pi classificabile ("uno degli uomini pi squisitezza e facilit, fine e popolare la Genova struggente della giovinez-
terrestre e di maggior tenuta circoli liberi del nostro tempo letterario": magistralmente congiunti. za), e il gusto intenso del vivere, dei
tra gli uomini, e oggi proprio, in ci- cos Pasolini, il primo ad averne par- Caproni ha tardato rispetto a coe- colori nelle vie animate, e la capacit
vilt che promuove l'oggetto, inve- lato compiutamente in un saggio). tanei suoi ( nato nel '12: compagni di "epopea" anche nel casalingo, e
ce, di rapido consumo, l'oggetto-
lusso, l'oggetto destinato a cambia-
re, destinato ad essete utilizzato. Il
pi inutile (la poesia appunto)
proprio quanto continua a restare,
quello che cambiato di meno, da
Omero ad oggi: di tutti gli oggetti (e
non solo artistici) il meno provviso-
rio. Un libro come quello di Giorgio
di Massimo Romano
Caproni, che raccoglie tutti i compo- Giorgio Caproni, Il labirinto, Rizzoli, Mi- cata e rapsodica, quasi sismografia nel regi-
nimenti suoi scritti in un cinquan- lano 1984, pp. 113, Lit. 10.000. strare suoni, colori e soprattutto sapori di ter-
tennio di attivit (1932-1982), l a ra, di aria, di panni asciugati al fuoco. Stu-
dimostrarcelo, nel suo volume, nella Nella letteratura italiana degli anni '40 il penda l'immagine d una ragazza vestita di
sua consistenza, nella sua altezza su- racconto il genere pi capillarmente diffu- rosso alla stazione di Ventimiglia, che appare
prema. so, ma anche il meno conosciuto. Confinato "come un grido nella monotonia del cuore "
A questo libro (non ne sono usciti spesso in giornali e riviste, e quindi poco noto agli occhi del giovane soldato, abituati al gri-
poi molti in Italia, nel Novecento, al grande pubblico, rappresenta, assai meglio giore degli ulivi e delle uniformi.
di pari altezza) delegata la dimo- del romanzo, il tessuto connettivo di una Il labirinto, scritto tra il '44 e il '45 e
strazione di quanto or ora dicevo, e mappa culturale ancora in gran parte da sco- senz 'altro il pi bello dei tre, narra la guerri-
la dimostrazione della tenuta gran- prire e in grado di provocare mutamenti no-
diosa che ha inoltre la poesia di fron- glia tra partigiani e tedeschi in vai Trebbia,
tevoli negli schemi della nostra storia lettera- coglie l'esperienza drammatica della morte in
te a tanto inesorabile cancellarsi, og-
ria. Una testimonianza significativa in questo un paesaggio di nevi e di boschi. Scoprire che
gi, di identit individuali e colletti-
ve, di fronte al progressivo sgretolar- senso il caso di Giorgio Caproni, considera- una bella ragazza bionda, apparsa come una
si di ogni etica personale e comuni- to e studiato come poeta ma del tutto ignora- speranza o una vela, una spia diventa ragio-
taria. E forse, tanto pi perch in to come narratore. ne traumatica per l'io narrante, gi incantato
Caproni la dimensione sociale, In attesa che il corpus dei suoi racconti da quella "dolcezza d miele nei capelli e sul-
l'ideologia istituzionalizzata "sen- venga raccolto e conosciuto, la raffinata colla- le labbra ". L'ultima pagina, con la scena del-
tita fuori della storia e come priva- na di Rizzoli La piccola scala pubblica un pri- la spia fucilata sul luogo del tradimento, e da
tizzata" (Mengaldo): soltanto sopra mo assaggio. Si tratta di tre racconti nati antologia: "La ragazza era con la nuca sulla
tutto la vita di tutti i giorni , nella de lui vivo dalla speranza di un Dio
dall'esperienza della guerra, scritti quasi a neve e il petto squarciato dalla raffica. Era ri-
sua poesia, il luogo dell'autenticit, negato. La sua la religione del vuo-
della totalit della vita. La poesia di caldo, almeno sulla base delle date di stesura, masta a bocca aperta, i denti fitti e grandi, e
ma con un senso di distacco sottilmente ma- nel chiuderle gli occhi sentii sui polpastrelli to, descritta, commentata con dizio-
Caproni, nelle prime raccolte, tut- ne mirabile in luoghi di frontiera, in
ta fisica-esistenziale; nell'ultime, gico gelati l'ultimo suo tepore, un tepore che si
terre di nessuno dove s'incontrano
metafisica. Ma vi corre un filo di L'io narrante, proiezione autobiografica dileguava senza che nessuna forza al mondo soltanto guardiacaccia, osterie solita-
continuit. E entrato con naturalez- dell'autore, l'elemento che unifica le storie, potesse ormai trattenerlo ". rie, cacciatori sconosciuti, e tutto
za, prima nell'elegia della vita quo- solitudine, dolore, addio di un uo-
tidiana e nel fantastico del ricordo diverse per cadenza e linea tematica. Giorni L'ultimo racconto, Il gelo della m a t t i n a ,
aperti, scritto nel 1940, la cronaca di un gio- scritto nel '47 come ultimo capitolo di un ro- mo ancora in viaggio o in fuga.
(sua madre giovane e Livorno, ne II
seme del piangere), poi, nella matu- vane soldato sul fronte occidentale, tra Dol- manzo, La dimissione, mai portato a termi-
rit, con altrettanta naturalezza, nei ceacqua, Ventimiglia e la valle del Roia, della ne, la storia di un uomo che assiste alla mor-
luoghi misteriosi dell'Aldil e sua breve licenza a Genova e del successivo te della sua donna, combattuto tra dolore
dell'altrove (Il muro della terra trasferimento in Friuli. L'evento bellico vissu- pietoso e segreta vilt. Mentre lei non riesce a
1964-75; Il franco cacciatore to come avventura picaresca sembra anticipa- staccarsi dalla vita e sembra desiderare un ul-
1973-82). Una naturalezza, prima timo impossibile amplesso, il protagonista
re certe pagine di Fenoglio, soprattutto in
nei versi in origine musicali, poi nel vorrebbe quasi affrettarne la fine. Anche qui
quasi parlato della scansione netta, quell'"ardenza di racconti guerreschi",
nell'impasto di crudelt e tenerezza, ma con ritorna, come negli altri racconti, un "paesag-
nei versi pi incisi. Una essenzialit
prima nel cantabile, poi nella sen- uno scatto lirico in pi dove si sente la zam- gio di ghiaccio e di luna ", dove la metafora
tenza. Nessuno come lui ha saputo pata del poeta. del gelo allude alla frontiera tra la vita e la
prima cantare e narrate insieme, poi morte, impalpabile come quella che separa le E D I T H W A R T O N , Estate, La Tar-
Caproni disegna paesaggi di acqua, lune
narrare e continuare a cantare, insie- ragioni e i torti propri e degli altri. taruga, Milano 1984, pp. 176,
smorte e nebbie velate, con una scrittura deli-
me. ed. orig. 1917, trad. dall'inglese
Narrare: ma non c' alcun dubbio di Maria Giulia Castagnone, Lit.
che la poesia traffico coll'incon- 14.000.
scio, e che poesia non lucidit ra-
ziocinante, esposizione, prosa. Ep- Con imperterrita coscienza del suo di generazione, Attilio Bertolucci, di registrazione dei pi minuti det- Estate, come il titolo stesso lascia
pure, se le sensazioni oscure sono dono (l'essere poeti, prima di tutto Vittorio Sereni, Mario Luzi; Sini- tagli del comportamento, senza sca- immaginare, la storia di una pas-
per il poeta le pi interessanti, a - dice una qualit quasi fisiologi- sgalii. Libero de Libero, Alfonso dere neppure per un attimo nella sione, di un risveglio, di uno slancio
condizione che le renda chiare: "se ca) ha continuato a produrre versi Gatto sono di qualche anno maggio- annotazione, tantomeno in squarci vitale che desidera aprirsi una strada
percorre la notte scriveva Proust che da cinquant'anni circolano, so- ri) ad entrare nel gusto della critica di cronaca (Calvino ci ricordava nel mondo grigio delle convenzioni
, lo faccia come l'Angelo delle te- no letti, aperti a tutti, amati, consu- ufficiale. La sua poesia apparsa fa- quell'intera strofa del Congedo del borghesi. L'ambientazione rurale,
nebre, portandovi la luce". La luce a mati, e non solo da pochi intendenti cile a volte, innocente, quasi povera, viaggiatore cerimonioso dedicata al in un piccolo villaggio con una sola
Caproni viene anzitutto dalla linea sacerdoti dell'ineffabile. Senza rica- cantabile, d'istinto ("Mia mano, fat- gesto di togliere la valigia dalla reti- strada, non lontano da una misterio-
esistenziale (e non orfica) della sua dere nel solenne, nel classico, ha te- ti piuma: / fatti vela; e leggera / cella e posarla nel corridoio all'avvi- sa Montagna, d al romanzo un du-
lirica, che partecipa direttamente nuto fermo un aggancio forte con la muovendoti sulla tastiera, / sii cau- cinarsi della stazione), e sempre, plice registro: naturalistico da un la-
un'esperienza, una biografia, e tradizione e con la popolarit: popo- ta. [...] Sii arguta e attenta: pia. / una grazia narrativa inarrivabile. to (Estate un romanzo realistico) e
quell'esperienza, quel suo vivere, larit e tradizione di struttura anche, Sii magra e sii poesia / se vuoi essere Nelle due ultime raccolte invece, metaforico-allegorico dall'altro,
comunica in parola 'fraterna', non se pensiamo al punto d'attacco che vita. / [...] sii fine e popolare..." il grande tema della poesia e della fi- perch nella natura che prorompe
ingolfata nei labirinti del manieri- Caproni ha mostrato con la ballata Battendo a macchina). In effetti il losofia contemporanea, il nulla, con i suoi colori e i suoi profumi
smo, nella esasperazione della tecni- antica, coi modi del melodramma, suo ritmo anche spezzatura e seg- esposto senza enfasi, magniloquen- facile ravvisare l'immagine del corpo
ca, nel feticismo del significante. Il con la canzoncina arcadica, una can- mentazione artefatta, scarto fonico e ze. Nichilismo calmo, senza retori- e della sensualit che costituisce la
lettore medio difatti non si forse zonetta rinata robustamente nei suoi ritmico, dissonanza improvvisa, di- ca, riservatissimo. Torna il tema alle- cifra dell'opera. La protagonista,
arreso talvolta alla poesia contempo- versi brevi, e l'assunzione della rima namismo e turbine, apparenza di gorico del viaggio, caro a Caproni. Charity, figlia adottiva dell'avvocato
ranea come di fronte ad un gioco di facile e insieme sapiente. E poi la cantabilit e di facilit: un procedere Un viaggio che lo porta in nessun Royall, una donna che vive l'espe-
parole che non lo informano pi? popolarit, il quotidiano delle situa- franto ma tenuto s da iterazioni luogo, o in posti nebbiosi, assurdi, rienza della scopetta del corpo e del-
Caproni invece coinvolge tutti, l'ad- zioni: forse soltanto Saba ha saputo che accumulano tensione. "Trasci- vuoti, di cui non si pu aver notizia, la sessualit come momento cruciale
detto e il lettore meno provvisto di nel Novecento, come Caproni, rap- nante dolcezza" (Raboni). La tradi- "luoghi non giurisdizionali": il re- della propria formazione (non a ca-
sapienza critica. E una delle grandi presentare con altrettanto disincanto zione melodica del tradizionale s'in- gno dei morti senza resurrezioni, il so, infatti, fuori e prima del matri-
eccezioni novecentesche in questo ambienti popolari, o la citt in certe tarsia di oralit, di parlato. Caproni regno dove dovrebbe stare un Dio monio): corpo e natura sono i due
senso. ore del giorno, l'alba soprattutto, i fa musica nuova senza abbandonare inesistente, un regno vuoto, terra poli di un movimento narrativo che,
rumori, i suoi sapori, coioti, odori. il tonalismo. desolata, di paesi distrutti, abban- nel suo stesso diveniri vuol essere li
Con l'incanto popolare della sua
pronuncia attira chi principia a leg- Senza ricadere nel solenne, dice- L'antologia garzantiana del '76 donati. dove regnano immobilita i beratorio
gerlo, e pi non lo lascia. Caproni, vo, riuscito, non negli esordi sol- oggi quasi introvabile. Il nuovo vo- silenzio, salvo il verno. Ln luogo
(fr.)
n i riNDICF p^g 30
H I DEI LIBRI D E L M E S E B B
signora Ashburnham; meglio, senza

Le signore
diritto di esistere". In queste righe story l'esperienza del labirinto, esistere. Pi abile e meno drammati-
sta la chiave del romanzo, scritto non la sua decodificazione. Tant' ca di Emma, pi presente a se stessa, dubbio, non sarebbe stato umana-
dall'amico pi caro di Conrad nello vero che si potrebbe riassumere cos, mentir anche uccidendosi, come se mente possibile", afferma l'io nar-
stesso anno in cui Conrad faceva ma nulla sarebbe pi falsificante: un avesse sbagliato la dose del nitrato rante. E immediatamente dopo:

del buon uscire La linea d'ombra, dove ogni americano abbiente e onesto sposa d'amile; cos risparmia i pettegolez- "Eppure a guardar bene non sapeva-
legittimazione era rimandata invece l'americana e anglomane Florence, zi, il marito, la verit e offre di s un mo niente di loro". E ancora imme-
inesorabilmente a se stessi. che si finge malata di cuore per ver- grazioso e decoroso spettacolo fina- diatamente dopo, ad abbassare la
le, cosa che della povera Emma pro- gravit del tono: "Credo che si possa

soldato
Il buon soldato racconta come due gognosamente tradirlo fin dalla pri-
ma notte e successivamente col suo prio non si pu dire. Ma si uccide. E verificare soltanto con gli inglesi".
uomini, l'americano John Dowell e
l'inglese Edward Ashburnham (biz- migliore amico, capitano Edward John Dowell, che conosce le inter- Con gli inglesi e in quei luoghi fra
zarramente visti dall'inglese Fotd Ashburnham, inglese, sorretto da mittenze del cuore, non la piange, veri e non veri che sono le "citt di
di Rossana Rossanda Hermann Hueffer con l'occhio una invece perfetta moglie, Leono- ma pensa con contradditoria piet a cura". Chi ricorda L'anne'e dentiere
dell'amico americano Henry James, ra; la quale a forza di dedizione, quel suo ultimo spiare fra i cespugli Marienbad ammetter che una sto-
Ford Madox Ford, Il buon solda- cio ingenuo il primo e vagamente principi e virt induce ai suicidio i l'amore, tanto pi insopportabile ria del genere, anch'essa giocata su
to, Feltrinelli, Milano 1984, tradotto losco il secondo), abbiano cercato in due fedifraghi e convola infine a quanto quasi inconfessato, del suo apparenze, non poteva darsi che in
e curato da Guido Fink, pp. 228, due, anzi tre donne quell'"esterno" giuste nozze. L'americano, che ha amante per la giovane Nancy. quello scenario, cos come gli ingan-
Lit. 12.500. che avrebbe dato loto il diritto di assistito senza capire, nonch una Perch l'inconsapevole signor ni di Tender is the night non pote-
esistere, e ne siano stati annullati. fanciulla incappata nella rete, resta- Dowell, portando quel fragile deli- vano tendersi fino all'inarrestabile
Doveva chiamarsi "the saddest Perch le signore, la cui forma obbli- no soli: lei folle, lui a prendersi cura zioso imbroglio di consorte su e gi decadimento che sulla Cte; tetre di
story" la storia pi triste che ab- passaggio che l'Europa offre agli
bia mai sentito, come dice la prima stranieri di passaggio per flebilmen-
riga del racconto Il buon soldato te giustificabili esili, pause precarie
di Ford Madox Ford, ora ripubblica- desiderato sfondo per esistenze
to da Feltrinelli con una acuta po-
stfazione di Guido Fink. Ma lo slit- Un'estetica al femminile non vere. E questo, del resto, un te-
ma ricorrente nella letteratura; si po-
trebbe scrivere un saggio sulle "villes
tamento del titolo l'ultimo gioco
degli specchi intessuto nella vicen- di Anna Chiarloni d'eau" dove si va, fra parentesi nel
da: perch presto sapremo nella let- corso reale della vita, a curare paren-
tura quante poche soldatesche virt tetici malanni e si intrecciano paren-
possieda il capitano Edward tetiche storie o fantasmi di storie.
Ashburnham, ma all'ultima pagina Sar Thomas Mann a fare il salto
scopriremo che ne ha una essenziale, Christa Wolf, Cassandra, Edizioni e lo, Ro- Freud, delle societ patriarcali ha successi- nella Montagna Incantata, passando
saper riconoscete la propria nullit e ma 1984, pp. 160, Lit. 14.000. vamente cancellato. dall'albergo termale al sanatorio,
sconfitta e trarne le conseguenze Nelle Premesse sono chiaramente esplici- dalla "debolezza di cuore" alla tisi;
sgozzandosi con un temperino nella tate tutte le connessioni con il presente: la vo- ma pigiando a fondo sul pedale di
stalla dei cavalli, appena raggiunto ce di Cassandra si leva da un passato in cui al- quell'irrealt che propria della ma-
Su Cassandra, l'ultimo racconto di Chri-
da una notizia attesa, prevedibile, lattia e dei suoi luoghi deputati per
sta Wolf, ora pubblicato dalle Edizioni e/o lignano le radici d una violenza che determi-
anzi voluta e tanto pi intollerabile. gente munita di rendite. Occorrono,
con una ricca introduzione di Anita Raja, na oggi Tinquientante minaccia di un conflit- per questo, malattie lente, avvol-
Cos forse bene cominciate, o ri- molto gi stato scritto. E la recente tourne to nucleare, mentre l'esplorazione di tremila genti, di quelle che un avvicendarsi
cominciare, dalla fine la lettura di anni di storia diventa rivendicazione incal-
in Italia della scrittrice ha dato luogo a inter- ragionato delle ore e dei riti, le pas-
questo romanzo. Tanto ha ragio-
viste e dibattiti in cui si ampiamente discus- zante d uno sguardo diverso, di una scrittura seggiate, l'avvoltolarsi negli scialli,
ne Guido Fink uno di quei libri
so sui temi portanti del racconto: femmini- tesa a scompigliare l'ottica delle forme con- tiene a bada malattie pi impor-
che non si iscrivono nella vita, ma vi
smo e pacifismo. Tuttavia Cassandra resta venzionali maschili. tanti per il modo di essere che confe-
ritornano pi d'una volta. Alla se-
Qual allora il senso della scrittura fem- riscono che per la morte cui, rara-
conda lettura sappiamo infatti che la una lettura non facile perch si tratta di un mente, portano. Certo quelle dalle
vera story non sta nelle scoperte che testo che conclude un percorso organico di cui minile? si chiede la Wolf. E l'interrogarsi su quali, direbbe Freud, massimamen-
l'io narrante, l'innocente John Do- le Premesse non ancora pubblicate in Italia questo problema ha un suo immediato, pro- te si pu trarre l'utile del male, arte
weli, va via via facendo; ma costituiscono la parte iniziale. vocatorio riflesso formale. Come in altre ope- prediletta delle donne, finalmente
nell'atroce natura di labirinto di re precedenti L ' o m b r a di u n sogno e Nes-
Recentemente la Wolf mi esprimeva la riconosciute nella malattia propria o
quel che gli pare il tranquillo viale
sua preoccupazione per questa sorta di smem- sun posto. In nessun luogo ma ora in ma- nell'accorta sapienza dei malesseri
che sta petcotrendo, e in quella per-
bramento del testo, avvenuto anche nella niera pi programmatica, saggio e racconto si altrui. Le villes d'eau sono luoghi al
dita di s che subisce, con pochi ge-
correlano in un tessuto polimorfico, che mira femminile.
miti eppure straziata, dall'inizio Germania Federale dove Luchterhand per
all'uscita di quella verde galleria. E ragioni di mercato ha pubblicato le Pre- a mettere in evidenza la difficolt dell'io E dove quindi fiorisce il fantasma
il vago brivido che avevamo avverti- messe e il racconto in due collane diverse. femminile a inscriversi nei moduli letterari che il maschio si fa della donna, e
to leggendo la prima volta la scena Mentre nella Rdt, dove a un anno di distanza tradizionali, che denuncia la tensione tra gli dal quale sar convenientemente
della protesta ingannevolmente schemi convenzionali e il fremere di un mes- fatto fuori, se proprio non ha il tem-
il tutto uscito in un unico volume, il testo
illuminata dalla luce quieta della saggio soggettivo irriducibile a qualsiasi poe- peramento di Jack lo squartatore.
campagna tedesca e dalla calma, lu- stato tuttavia mutilato di certe sessanta righe Dunque in questi luoghi/non luo-
xe et voluptdella mezza cultura ritenute troppo scottanti. A ben guardare tica istituzionale. Tutto questo, collocato nel- ghi, non a caso Ford Madox Ford fa
quella che ci era sembrata un'incri- una vicenda editoriale paradigmatica: la pa- la sua h u m u s originaria la Rdt diventa incontrare le due coppie falsamente
natura, una gaffe, ci si dispiega la rola viene condizionata a est da dispositivi certo pi polemico: "Non c' e non pu es- dissimmetriche, nascostamente al-
seconda volta in perfetta ferocia. E ideologici, a ovest dalla legge del mercato. serci una poetica" scrive la Wolf "che lacciarsi i due "deboli", di cuore ed
altre ne troveremo, ogni volta che ri- Vediamo allora di riprendere da capo il eviti alla viva esperienza di innumerevoli sog- altro, Edward e Florence; e qui ha
prenderemo il libro in mano, perch discorso della Wolf, partendo appunto dalle getti di venire uccisa e sepolta nell'oggetto ar- luogo il mortale duello fra le due
il labirinto contiene molti segnali, tistico ". Di qui nasce la necessit di uno scar- donne l'imbrogliona e l'irrepren-
Premesse. Intanto perch una ricerca intorno
ma come John Dowell non ne scor- sibile lasciando regolarmente sul
a Cassandra? Protagonista di una parabola to, di un. dichiarato rifiuto delle regole del
giamo subito il significato. Neppure terreno, defunti, i non irreprensibi-
quando il tornare alla memoria complessa, Cassandra e la prima figura fem- gioco: "Non posso offrirvi poetica alcuna ", li. Si sarebbe uccisa Florence se la
d'una acuta lacerazione alza il regi- minile che entra nella storia svincolata da un leggiamo nelle prime pagine delle Premesse. lungimirante Leonora non avesse
stro, abitualmente dimesso, del nar- rapporto d relazione con l'uomo: la prima A buon intenditorpoche parole. mandato il seduttivo consorte nel
ratore: alla fine del primo capitolo donna professionista, nota la Wolf. Non dunque in questo spazio negato e sot- giardino con la sola creatura inno-
leggiamo "che nessuna vera catastro- quindi espressione di un 'esogamia, non mo- tratto a un'organizzazione dirigistica della cente che amasse e che lo amasse
fe poteva accadete a quelle persone, glie o amante bens veggente, votata alla soli- cultura che la Wolf costruisce la sua estetica al davvero, e subito dopo la "povera"
in quei luoghi" e ne siamo convinti femminile, cos come Cassandra, nel raccon- Florence a sorprenderli casualmente
con lui, che per aggiunge subito "E tudine della testimonianza. Ma la capacit da un casuale cespuglio? Si sarebbe
quel povero diavolo accanto a me profetica di Cassandra non deriva dal mitico to, sperimenta una solidariet sotterranea e uccisa la piccola signora Maidan se
stava soffrendo le pene dell'inferno. dono divino, bens dal suo saper leggere la clandestina nella comune lungo lo Scaman- Leonora non la avesse infilata nel
Un tormento muto, assoluto, senza realt che la circonda, dal suo riannodare dro, in opposizione al palazzo di Priamo, letto del marito, e poi, l'avesse resa
speranza, oltre ogni umana immagi- quei saperi del corpo che il processo di astra- simbolo di un potere onnivoro e accentratore. edotta del suo stato di mantenuta
nazione". Ma lo dimenticheremo fi- zione intellettuale base, come c'insegna Da questo terreno eterogeneo e mutevole, su con un ben assestato schiaffo, un at-
no all'ultima pagina. timo prima di entrare con signorile
compostezza in sala da pranzo e nel
Perch? Ford Madox Ford non ci libro, davanti a noi e a John Dowell?
nasconde nulla. Anzi quel suo in- Si sarebbe infine ucciso Edward se
quieto narrare fra andate e ritorni, Leonora non avesse letteralmente
somiglia al tormentoso pensate l'in- gata l'apparenza, la dominano co- di lei. Tutto qui; un po' banale. An- per le stazioni termali europee ha in- fatto ammattire Nancy e lui in situa-
sopportabile, che talvolta abbiamo me dominano il solo ma temibile che nell'eventuale, e possibile, let- contrato la coppia apparentemente zioni da pessimo melodramma? No
patito in noi stessi e dovrebbe ren- terreno loto riservato, quello dei tura in chiave "gialla": le virt di opposta, dove l'imbroglione lui e di certo. Le trame di Leonora sono
derci avvertiti: non una tattica del- sentimenti, che nelle leggiadre ma- Leonora sarebbero apparse ad Aga- incorruttibile lei; Edward il buon perfette. Ma stata fortemente pro-
la forma, un avviso. N l'inganno nine soppesano e pazientemente af- tha Christie altamente sospette, e la soldato, Leonora la buona moglie. vocata, e traversa ie pagine di Madox
sta nella incontrovertibilit prima filano come armi micidiali. Le quali trama adeguata ad uno dei suoi my- Lui e non lei stavolta debole di Ford quasi con la legittimazione del
delle apparenze. Sta nel bisogno di si rivoltano anche talvolta contro lo- steries migliori, quelli nei quali l'as- cuore; ma forse no, nessuno davve- forte che schiaccia nei deboli il pi
credere in esse, pena il non saper do- ro stesse, ma mai al punto di toglier sassino non deve rispondere alla giu- ro malato, e semplicemente una sciocco esemplare di gente pericolo-
ve agganciare la propria esistenza; loro la possibilit di dite, in vita o in stizia degli uomini. "ville d'eau" un buon pretesto per sa, non senza un velato orrore per la
giacch sono esse e legittimarci. morte, quell'ultima parola che al lo- Tutto qui e niente qui. Perch attendere, tornando dall'India, che spietatezza tutta cattolica dell'unica
"Qualunque cosa si possa dire della to uomo negata. In nessun roman- John Madox Ford sulle ambiguit la sia rimesso a posto l'alquanto dilapi- non protestante della compagnia.
relazione fra i sessi (scrive Madox zo moderno si trover tanta misogi- sa lunga. Ad esempio, per quanto dato maniero. Quando sapremo che
Ford, e Graham Greene dir che il nia, nel senso di incanto, paura, di- riguarda le figure femminili, su Flo- non debole di cuore, sapremo che Finito il duello, finisce lo sfondo
primo libro adulto sull'amore fra sperazione della donna, detentrice rence, Flaubert passato una volta lo di carattere, il capitano delle "villes d'eau" e nella pacifica
uomo e donna)... questa la vera di quei portentosi e soffocanti lega- per sempre: cos perfettamente im- Ashburnham; salvo un dubbio Inghilterra si compie la duplice tra-
fonte dei desiderio. Abbiamo tutti mi dentro i quali, come nel sogno di btogliona la fragile, leggiadra crea- all'ultima pagina, ma basta un atto gedia di Edward e Nancy, nonch il
tanta paura; siamo tutti cos soli; ab- Dowell, i mortali si dibattono sulla tura che la non verit la sua natura; decisivo per tendere decisiva una vi- matrimoniale trionfo di Leonora.
biamo un tale bisogno di riavere palma apena di Dio. quando il velo cadr si uccide non ta indecisa? "Mia moglie ed io cono- "Leonora fu molto contenta" sono le
dall'esterno la garanzia del nostro Questo il tema dei romanzo. La per rimorso ma perch ha cessato di scevamo benissimo il capitano e la feroci parole finali del libro; dieci ri-
ghe pi in alto, suo marito s'era ta- da due altre sezioni, Sti mascre anteriore alla divisione delle lingue e
gliato la gola. (Queste maschere) e Sipo ' nu jurne non appartiene a nessuna di quelle
Se davvero il libro pi sottil- (Se poi un giorno) che d il titolo che chiamano "lingua ufficiale" o
mente misogino che si possa leggere al libro comprendenti rispettiva- "lingua delle genti". In questo senso
perch il delegittimato John Do- mente 23 e 17 poesie. Albino Pietro si accosta all'operazio-
well dall' "esterno" non riceve che Graficamente pare faccia parte del ne di poeti come Zanzotto, Marin,
testimonianze della sua superfluit titolo anche la doppia precisazione: Guerra e tende verso una sponta-
vede nelle donne la doppiezza di- Poesie in dialetto lucano di Tursi. A neit antioratoria. Pensiamo a Mon-
ventate categoria dello spirito. L'uo- prescindere dalle considerazioni filo- tale quando dichiarava di voler tor-
mo bugiardo e pasticcione; loto logiche legate alla novit linguistica cere il collo alla retorica, anche a ri-
no, non mentono disordinatamente, di questo dialetto, occorre sottoli- schio di un'antieloquenza e al suo paese piccolo / che sembrava un di- ne della morte, paura di un fanta-
tessono necessari e inesorabili ingan- neare il carattere affermativo di que- attaccamento anche linguistico alla rupo, I ... I c'erano una volta, ra- sma tra fantasmi (Schitte u sagne
ni. Ma cos intrinseci al loro fascino, sta dichiarazione. Non si nega una terra ligure degli Ossi. gazzi / un'asina e un prete,"), con i Solo il sangue: "Sembrano mille an-
e persino alle loro effettive virt, che lingua, ma piuttosto la si dichiara Per tornare al punto da cui siamo personaggi privati di Ciccille e ni / che io non esco pi dalla mia ca-
non c' scampo; cos il giudizio di come "lingua della poesia". Viene partiti, e cio alla poesia dell'"affer- Ntdnie Francesco e Antonio sa. / Ci fossi morto? penso, / e ten-
Madox Ford su Florence e Leonora in mente la risposta che il triestino mazione", pensiamo alle grandi ne- (Cammina cammina / ... / Io e An- go gli occhi bassi / e frattanto pas-
resta come sospeso, quando starebbe Virgilio Giotti, poeta in dialetto, gazioni. Alle dichiarazioni di impos- tonio, / vi ci eravamo incontrati, seggio").
per precipitare nella condanna dava a chi gli chiedeva perch di sibilit linguistica di Dante ("Trasu- quel giorno, / ") ai quali l'autore de- Cuore, dolore, morte, paura: al-
amaro, rassegnato,come avviene nel- norma parlasse italiano e scrivesse, manar significar per verba non sipo- dica addirittura dei poemetti. trettante parole-tema di questo li-
la vita, quando la relativa compren- bro. Parole che in lingua diventereb-
sione di chi ti mena il colpo sem- bero retorica e che qui, invece, si
pre una relativa condanna di te. E sciolgono in poesia e in giudizio
d'altra parte, l'universo morale di contro una schiera di uomini che si
Madox Ford troppo complesso per cui passato e presente continuamente si acca- de, che troppo docilmente si lasciano usare credono immortali, "maschere" e
dare spazio all'arroganza dei perdo- vallano, la Wolf lancia strali destinati a inve- come strumento dell'astuzia maschile. Cas- basta. (Perete tanto belle, apprime
ni. Una femminista potrebbe osser- stire tutta la cultura occidentale: "Che alle sandra invece rappresenta il tentativo (Ver- Era tanto bello, prima: "Eppure
vare che forse lo arresta, nel giusti- donna sia stato negato per millenni di parte- such: termine caro alla Wolf) di riannodare le adesso dovr tornare fra le maschere
ziare Leonora, l'oscura intuizione cipare alla cultura non solo un fatto vergo- fila recise da un potere subdolo e coercitivo, / che infestano l'aria come le vespe;
che la moglie da "loro" considerata gnoso e ignobile per le donne ma, a ben che si e insinuato nelle categorie stesse del / dovr sembrarci contento / fra
pi perfetta la pi perfetta assassi- guardare, costituisce anche quel punto debo- quei vetri a specchio dei palazzi / e
pensiero, veicolando un'ideologia di falso
na, condizione cui ricorre per essere fra quelle altre cose lucenti").
le che fa s che la cultura tenda ad autodi- progresso. E un tentativo che le impone di
quel che si vuole essa sia. Parlata arcaica, aspra e sublimata,
struggersi". E nel racconto appunto la gra- abbandonare i privilegi sociali e gli affetti fa-
E tuttavia non la misoginia la abbiamo detto ma, prima d'oggi,
duale esclusione delle donne dal governo di miliari perch sar solo lontano dalla cittadel-
chiave del libro ma, come in Con- senza storia scritta. Il dialetto lucano
rad, la solitudine. A differenza del Troia che segna l'inizio di un'involuzione la del potere, tra le donne, gli emarginati e i di Tursi, infatti, non possedeva una
suo grande amico, Ford Madox Ford storica. vinti che essa trover se stessa, nel breve spa- sua grafia. Era una lingua orale, tra-
spera e dispera nella comunicazione, zio di tempo che precede la morte. smessa ed ascoltata come una musi-
Cassandra infatti un soggetto in transito
ma in essa vede la sola possibile sal- Al virile epos eroico che da-Omero a Goe- ca. Albino Pietro quindi, nella sua
vezza, e nel suo opposto, l'inganno tra due culture: il regno di Piramo ha ormai
the esalta il maschio d'azione come unico radicale invenzione, ha compreso
la condanna quasi kafkiana alla una struttura patrilineare ma la madre Ecuha, anche la scrittura e ha trasformato
che proviene dalla societ matriarcale dei lo- protagonista la Wolf oppone dunque una
spossessione di s. Conrad vede nella piccoli, oscuri, dimenticati e armo-
cresi ha ancora un suo ascendente negli affari poetica dell'atto mancato, del dolore e del si-
non comunicazione l'appannaggio nici suoni in poesia.
inevitabile della verit; una volta per di stato. E ancora in uso la successione dina- lenzio. E provocatoriamente, guardando alla
sempre ha rinunciato al conforto de- stica attraverso il ratto di una principessa di storia della letteratura, essa dichiara di non
gli affetti, impedendo ai suoi uomi- casa reale (Elena), traccia debole e perversa di trovare alcun punto di riferimento: "Noi
ni e alle sue donne le quali sono un tempo in cui era la donna che consentiva donne non abbiamo modelli validi, questo ci
bellissimi uomini di vivere e mo- l'accesso al trono. Mentre sul piano rituale costa tempo, ritardi, errori. Ma non solo
rire altro che per un miraggio uno svantaggio ". Per la Wolf quindi oggi
nuovi culti maschili, gerarchici e digrignanti
dell'anima, imperativo categorico o
la assoluta bellezza d'un brik che
sia. I due percorsi alla solitudine co-
soppiantano quei miti riti agresti e femminili
che l'ideologia della conquista ha sepolto nel
un dovere morale rintracciare il debole filo
della scrittura delle donne, perch esse "per costa &nolan
silenzio del tempo. motivi storici e biologici vvono una realt di-
noscono itinerari diversi, e diverso
il modo di narrate. Lineare quello di versa. La realt di chi oppresso da secoli ma
Gradualmente Troia, mirando alla supre- che e quindi il tono sifa ben pi battaglie-
Conrad come la inesorabilit della
tragedia; incerto fta luci, ombre, mazia sull'Ellesponto, scivola verso un'etica ro di quello della Bachmann, che pure la
menzogne, tempi che mutano di della violenza che, secondo la Wolf, a partire Wolf volentieri cita finalmente tende
senso e colore lo sctivere di Ford Ma- dai Greci si radica nella nostra coscienza. An- all'autonomia, al rifiuto a integrarsi nell'at-
dox Ford, come dell'incerta e deso- cor prima che inizi la guerra il declino mora- tuale folle sistema dominante, fatto di barrie-
lata confusione del cuore. Ford Ma- le, si manifesta con valenze diverse: la merci- re, confini, censure e intimidazioni recipro- I turbamenti dell'arte
dox Ford, pseudonimo fra gli altri di ficazione dei sentimenti, il cinismo della ra- che". diretta da Germano Celant
Ford Hermann Hueffer, ha scritto gion di stato, le tattiche occulte del potere
una settantina di opere, due (o tre) Dunque la scrittura femminile, se riflette
che si annidano in un lessico di cui il lettore Andy Warhol
delle quali assieme a Joseph Conrad. il rifiuto di quella violenza che il maschio ha
tedesco coglie immediatamente tutti i riferi-
Per la biografia essenziale, vedi la
menti con il presente.
ormai interiorizzato, non pu che scompi- La filosofia
copertina de II buon soldato, e per gliare l'ottica delle forme convenzionali,
una bibliografia e ripercorrimento Ma se l'antica poesia epica ha cantato
di Andy Warhol
espellendo dal proprio ordito la figura
critico l'ottima postfazione del cura- esaltandole le cruente gesta degli Achei allora dell'eroe che tradizionalmente fonda la strut-
tore. d qui che, secondo la Wolf, deve incomin- tura portante della narrazione stessa. Per que- Dick Hebdige
ciare la revisione critica di tutta la nostra cul- sto alla fine del lungo monologo, che non a Sottocultura
tura, proprio perch essa si fonda sulla florif- caso ha l'andamento circolare dell'anamnesi,
cazione del gesto eroico, sul culto dell'azione Cassandra non segue Enea, che pure essa
Standish Lawder
La lingua violenta e perci inevitabilmente disumana e
alienante. Come scrivere oggi "il rovescio di
una cultura" brutale e sanguinaria? Chi si
ama: la veggente segna la sua presenza re-
stando ai margini di una trama eroica che
sfreccia impudente verso la storia, recisamen-
II cinema cubista

della Reyner Banham


contrappone nel racconto al rantolo libidino- te negando il tracciato che il progresso ci ha
so di Achille la bestia? " Non certo Pentesi- trasmesso. E la sua scelta indica la ricerca d Los Angeles
lea, simbolo di un separatismo intransigente, un 'istintuale matrice originaria, senza nome presentazione di V. Gregotti
che alla violenza del maschio non oppone che e senza volto, ma anche franca da ogni forma

poesia una violenza suicida. Non Polissena o Brisei- di violenza.


Calvin Tomkins
Vite d'avanguardia
di Giovanna Ioli Cage Castelli Christo
Cunningham Johnson Warhol
Albino Pietro, Si po' nu jurne. invece, in vernacolo. Egli risponde- ria"), di Leopardi ("Lingua mortai Albino Pierro non cita n la storia
Poesie in dialetto lucano di Tursi, va: "Ma come, vuole che la usi cos, non dice quel ch'io sentiva in se- letteraria, n quella delle guerre e Vito Russo
Gruppo Editoriale Forma, Torino per le cose di tutti i giorni, la lingua no"), dello stesso Montale ("Non del potere. Egli crea la sua storia,
1983, pp. 112, Lit. 14.000 della poesia?". chiederci la parola che squadri da nella sua lingua; quella dell'animo,
Lo schermo velato
E stato ribadito pi volte che an- ogni lato l'animo nostro informe"). dei "cuori", dell'infanzia, dell'io L'omosessualit nel cinema
Una volta parlare della poesia di che il dialetto lucano di Tursi non ha La lingua di Pietro, invece, sfugge a senza morte (Mi fazze a cruce Mi
Albino Pietro era per usare parole intenti di folclore o simili. Il dialetto queste grandi negazioni e si costitui- faccio la croce: "E l vorrei schioda- Hubert Damisch
gi dette da Contini "scommette- di Pierro, piuttosto, lingua d'arte sce come "lucano di Tursi" atto a ri- re, sempre sognando, / la porta che
re sul cavallo vincente". Oggi la sua scelta in una patria (o - come dice- petere quel che si sente "in seno" e a si apre nella luce, / come nel nugolo Teoria della nuvola
opera al di sopta delle scommesse e va Contini per Zanzotto in una cantare i movimenti dell'"animo dei ragazzi quando / forte ridevo e Per una storia della pittura
il nuovo libro di questo grande poe- "matria") dove affondano le basi nostro informe". E un "trasumanar" non portavo la croce."). Leggendo le
ta in dialetto (e non dialettale) lo reali della memoria. Poesia, quindi, musicale ed arcano, misterioso e due sezioni che seguono i Poemetti
che immersione linguistica umile. Una lingua che trasforma la appare evidente che Pierro, rivisita
Gillo Dorfles
conferma riproponendo testi e temi
scolpiti nei sassi della Lucania. nell'originario e, al tempo stesso, via storia in favola o in ricordo che igno- la sua tetta e la sua infanzia, non La moda della moda
Si po' nu jurne, con la belle veste di fuga da una qualsiasi limitazione ra i protagonisti convenzionali per tanto attraverso il ricordo cosciente,
grafica del Gruppo Editoriale Forma codificata dall'uso, dalla convenzio- crearne altri pi veri e pi umani. quanto attraverso il filtro del sogno,
e la prefazione dialogata di Tullio ne, dalla tradizione e dalla stessa na- Questa raccolta, infatti, si apre con come dopo Sonne supra sonne. Son- Edizioni Costa & Nolan Genova
De Mauro, contiene una prima se- zionalit dell'autore. la favola de A ciuccia d'acciprevete ni s o p r a s o n n i . Poesi.i .IH .il rt-.\c Via Peschiera 21 tei (010) 873888/9
L'asina dell'arciprete ("In un glio, e grido di d o l o r e , c s u r u z z a z i o - Distribuzione Messaggerie Libri
zione formata da cinque Poemetti e La parola del poeta, insomma,
promark

INIZIATIVE
PROMOZIONALI ESPOSITIVE E D I MARKETING
I N ITALIA E
CALENDARIO MANIFESTAZIONI FIERISTICHE
ORGANIZZATE DALLA PROMARK S p A.
AL PALAZZO DEL LAVORO DI TORINO
NEL 1985
AZIONISTI: ORGANI SOCIETARI:
Regione Piemonte Presidente:
Provincia di Tbrino fternando Vera
Cassa di Risparmio
Istituto Bancario 2 a IDEA SPOSA Vice-Presidenti:
Mario Tbmini
San Paolo
E.S.A.P 2 - 10 Febbraio Antonio Visone
Consiglio di
TO-Esposizioni Amministrazione:
Carlo Bertolotti

10a FIERA DI PRIMAVERA


Alberto Contratto
COLLEGIO SINDACALE G i u s e p p e Di Claudio
Presidente. Roberto Ercole
Giovanni Renato Pitet Novit per la casa e il tempo libero Roberto Gavazzi
Enrico Luzzati
Giustino Bello
fianco Candusso 23 Febbraio -10 Marzo Carlo Migliano
Giancarlo Stoppini
Giovanna Firpo in Borelli
Guido Fterreri Carlo Tbverna
Vittorio Tbrre

3 a MOSTRA MERCATO DELL'ANTIQUARIATO


Direttore Generale: Giuseppe Alberto Zunno
Andrea Francone

12 - 28 Aprile

SPONSORING AND ADVERTISING PEOPLE


1 Salone della Pubblicit
24 Maggio - 6 Giugno

2 a AUTOMODA SHOW
Automobili, moda e spettacoli
15 - 23 Giugno

10a FIERA D'AUTUNNO


Novit per la casa e il tempo libero
5 - 20 Ottobre

2 a NATURA E SALUTE
Mostra mercato del vivere sano
9 - 1 7 Novembre

5 a MILLE IDEE PER UN DONO


Mostra mercato del regalo
7 - 22 Dicembre

PROMARK s.p.a.
Sede: Tbrino - Corso Traiano, 84 - Ibi. (Oli) 612.612 - Ttelex 221114 CSIND I REF 124 P r o m a r k
Capitale Sociale: L. 499.998.000

t
N. 1 I i n i / I W P pag. 33
IDEI LIBRI DELMESEI

Con Burgess
sommato positivo, con un grande
impianto di fatti collettivamente ri-
conoscibili e di fisionomie fortemen- EDIZIONI
te caratterizzate, e con una grande

nel nuovo medioevo variet di ambienti; espressione di


questa consapevolezza la caratteriz-
zazione di Toomey come figura
NARRATIVA

Siegfried K r a c a u e r
stancamente scettica e depressa. Ma
di Franco Marenco come il personaggio Toomey, l'au- Ginster
tore Burgess continua imperterrito a Introduzione di
Anthony Burgess, Gli strumenti ra, che impartisce col soave distacco che gli si rigira tra le mani, lo sor- praticare i suoi personali strumenti Saverio Vertone
delle tenebre, trad. di Liana Burgess del Grande Inquisitore ai "servi dei prende e lo delude con una serie in- della luce (o delle tenebre? a questo
e Pier Francesco Paolini, Rizzoli, Mi- poteri terrestri", perch vincendone finita di fallimenti: la storia di punto, il dubbio diventa legittimo) Nella Germania gugliemina
lano, 1983 pp. 665, Lit. 25.000. il corpo capitoli la loro anima. (Con questo secolo, in cui a ogni realizza- ovvero una forma molto d'effetto, del 1914 un giovane architetto
questi precedenti, Don Carlo arriva zione sembra corrispondere una ca- molto sapiente i ritrattini in pun- f a finta di non sapere, ma
Dunque, il romanzo aspira di difilato al soglio pontificio, a imper- duta, a ogni progresso un processo ta di penna, i colpi di scena a ripeti- non capisce davvero, come
nuovo alla totalit, cui pur ieri ri- sonare una poco credibile combina- di corruzione. Gli antichi ottimistici zione, gli aneddoti di pura chiac- scrisse Adorno, il dramma
nunciava con solenni autodaf? zione di riformismo roncalliano e di obiettivi producono via via i loro chiera mondana che risulta certo della prima guerra mondiale.
Dunque si toma a descrivere la vita corrusca intransigenza alla Woityla). mostri: la stessa carit taumaturgica molto vendibile, ma non sempre in
tutta intera, e la storia di generazio- C h a r l e s Sealsfield
ne in generazione, magari come tri-
buto d'obbligo al riflusso? Difficile Tokeah
sfuggire a queste riflessioni di fronte e la Rosa bianca
alla mole media dei recenti successi,
fra cui ambiziosissimo si inserisce Introduzione di
quest'ultimo Burgess anzi penul- Gabriella Rossetto Sertoli
timo, ch un nuovo grosso volume Continue e irresistibili avven-
di narrativa, The end of the world ture in un'America di fron-
news, da poco uscito in America 1 imi " ** tiera raccontata da un ex-
forte di 665 pagine, e molto ben tra-
prete austriaco, agente segre-
dotto da Liana Burgess e da Pier
Francesco Paolini. to, collaboratore di Metter-
YSJS meli e amico di Bonaparte.
Certo una bella differenza rispet-
to al taglio superconcentrato con cui
i narratori in lingua inglese, gli ame- Rudolf Brunngraber
ricani soprattutto, hanno forgiato i
capolavori brevi del dopoguerra,
Karl e il
perseverando poi col frammento ventesimo secolo
post-modernista; una misura che Prefazione di Cesare Cases
Burgess stesso aveva praticato van- i/i'ina (imminente)
taggiosamente nel famoso Arancia a
orologeria di una ventina d'anni fa, Un piccolo u o m o qualsiasi
ma che evidentemente nonbasta pi partecipa alla prima guerra
a una cos decisa ripresa di prospetti- mondiale ed travolto dalla
ve universalistiche. crisi post-bellica. Una casca-
Qui si abbraccia pi di mezzo se- ta di storia che intesse verti-
colo di storia, dalla prima guerra ginosamente le vicende della
mondiale ai nostri anni '70, si va e si
vita individuale con i processi
viene per cinque continenti, si rivisi-
tano le grandi correnti letterarie e collettivi che l'alienano.
intellettuali, si discorre con questa e
con quella celebrit, si medita
Israel Joshua Singer
SAGGISTICA
sull'inferno e il paradiso, si toccano i Yoshe Kalb e le tentazioni
grandi-temi-di-tutti-i-tempi, il pia- Roland Bechmann
cere e la sofferenza, la dignit e
l'ignominia, la vita e la morte,
Editori Riuniti, Roma 1984, Le radici
l'amore e l'odio, la salvazione e la pp. 277, ed. orig. 1932, delle cattedrali
dannazione, in un rimescolamento
continuo di cronaca e di fatti imma-
trad. di Bruno Fonzi, Lit. 14.000
Un'affascinante rappresenta-
ginari, di personaggi veri e inventati zione dell'ambiente in cui
e a mezza strada; e tutto organizzato Nell'antica Galizia, resa famosa da Roth e continuo mutare di ruoli, dalla ricchezza pi
sfrenata all'umile povert dei mendicanti, in nacque l'architettura delle
nel disegno portante del confronto cancellata per sempre dall'ultima guerra, pa-
un destino che pare non offrire mai pace. Lo cattedrali gotiche: un felice
fra strumenti delle tenebre e spirito re vivesse davvero un tizio soprannominato
dell'uomo un disegno esplicito, sbriciolamento dell'identit cui e sottoposto incontro tra storia dell'archi-
Yoshe Kalb. La sua vicenda, narrata in questo
che ne lascia emergere, per, nei Yosha non altro in realt che la pi vera de- tettura, storia sociale ed eco-
romanzo dolce e insieme dall'acre sapore rea-
punti strategici, uno implicito e sot- logia.
listico, e emblematica del destino ebraico: es- finizione dell'anima ebraica: l'essere in nes-
terraneo, formato dallo stemperarsi sun luogo, l'essere "lontano da dove". La
sere ospiti su questa terra, sempre in viaggio o
e dal confondersi degli elementi di
scrittura di Singer (fratello maggiore di Isaac) Jacques Gernet
questo confronto, dal male e dal be- in fuga, travestiti o nell'ombra. Yoshe, affa-
ne che si servono l'uno dell'altro, fi- scinato dai misteri della Kabbala e rapito dal- pe fetta, sempre oscillante tra classicismo e Cina
no al totale ribaltamento e annulla- la sensualit di una donna, oscilla tra i due fiaba, romanzo e aneddoto. e cristianesimo
mento di ogni differenza, fino alla poli di una impossibile scelta: la sua vita un (f.r.)
Nota introduttiva di
contraddizione pi imprevista e pi Adriano Prosperi
scandalosa. Insomma, la tradizione
del romanzo "cattolico" inglese da (a fine mese in libreria)
Chersterton a Green il romanzo In una sorta di rovescio
della vita come mistero e prowiden- All'estremo opposto di questo di Don Carlo finisce per smuovere accordo con quella particolare conce- dell'evangelizzazione, la sto-
zialit, che umilia ogni volont pia- spiritualismo primitivo sta l'io nar- pericolosamente le viscere dell'uma- zione del mondo. Ma come il perso-
nificatrice rivisitata e aggiornata ria, le strategie e le astuzie del-
rante, uno scrittore imbevuto di ben nit, e s'indovina causa della morte naggio Toomey, l'autore Burgess
da un pi totale scetticiscmo senza continua imperterrito a praticate i la penetrazione pacifica del
pi moderna e decadente cultura. di una giovane coppia, erede nel
veto dolore, e col polso robusto di Ken Toomey inglese, omosessuale, sangue prima e poi nelle speranze suoi personali strumenti delle tene- cristianesimo in Cina. Un
un narratore notevole. tollerante e raffinato, all'occasione del mondo che i Toomey Campanati bre, ovvero una forma impeccabil- quadro che fornisce una nuo-
un po' codardo, e campa lussuosa- hanno costruito (troppo infiacchito mente, vantaggiosamente commer- va immagine della ragione e
Protagonista centrale la formi-
dabile figura di un prete italiano, mente delle royalties che gli frutta per reagire, alla notizia lo scrittore si ciale, che non sempre serve alla sua della cultura europee.
Don Carlo Campanati, che si dedica una produzione molto tradizionale e assorbe in impegni artistici, di cui concezione del mondo.
in pieno ventesimo secolo, con la to- molto mediocre. La sua la voce ve- il primo a riconoscere il sonante con- Per questo, forse, ci regala in ex- Siegfried K r a c a u e r
nante e contadinesca energia di un ra del novecento, formata dal gran- tenuto commerciale). tremis un piccolo gioiello di autoiro-
diacono medievale, a esorcizzare il de pubblico anonimo che la consu- Ma, allora, in questo disporsi de- nia, un indovinatissimo sberleffo Jacques Offenbach
demonio ovunque lo trovi, dietro le ma avidamente, chiedendole solo
consolazione a poco prezzo; essa dia-
gli incidenti e delle improvvisate se- all'indirizzo dell'arte stessa del ro-
manzo, facendoci ascoltare i dischi
e la Parigi
facce impenetrabili dei mafiosi di condo una microscopica logica segre-
Chicago come nelle membra soffe- loga con quell'altra voce radicata ta, in questo lento riguadagnare un gracchiami incisi all'inizio della vi- del suo tempo
renti di un bambino prossimo alla nella fede e nel passato, con la sim- ordine da parte dei segni che si sono cenda da un fratello e alter ego (imminente)
morte, nelle pratiche magiche dello patia che avvicina i destini esempla- sovrapposti, delle soluzioni che si so- "buono" del "corrotto" Toomey, un
ri. Ma, al contrario del prete, lo poveraccio che, prima di morire gio- Doppia biografia, di un uomo
stregone orientale come nella sini- no smarrite, il destino dei singoli
scrittore non ha una battaglia da personaggi diventa ripetitivo e pre- vanissimo, sbarcava il lunario come e di una citt. La figura del
stra fissazione ideologica del gaulei-
ter nazista. E ci riesce, ma usando combattere, e si sottrae alle sollecita- vedibile, e impossibile la storia stes- macchietta del cabaret, e che nei maestro dell'operetta nella
straumenti del tutto imprevisti e zioni perch "si impegni". Egli non s a e allora la storia che il roman- suoi versi stampalati, incolori e inde- Parigi del Secondo Impero
opinabili: il tavolo da gioco dove pu essere che un parassita, a sua zo si riduce a sconsolata profezia, e gni di memoria aveva racchiuso tut- con i suoi protagonisti, il
vince somme favolose a favolosa- volta circondato da parassiti di ogni inerte contemplazione della deca- to, e tutto previsto l'odio e suo apparato di potere, le sue
mente ricchi sceicchi arabi, distri- genere, che diventano pericolosi te- denza. Burgess consapevole del l'amore, la crudelt e la piet, la feste e la sua dissoluzione.
buendole ai poveri; le forze politi- stimoni delle sue debolezze; e non possibile scarto fra questi significati, dannazione e la salvezza.
che in odore di ateismo con cui sta- pu essere che un testimone, fra il i dati emergenti della sua persona-
bilisce fruttuose alleanze; per finite
con la tortura sissignori, la tortu-
fatuo e il disperato, di una storia di
debolezze supremamente ambigua,
lit di intellettuale, e l'ambizione di
raccontare secondo un modello tutto
MARIETTI
DANIELE GORRET, Sopra campa- di coscienza della protagonista, in LUDWIG ACHIM VON ARNIM, tracciata l'origine della lirica occi-

Letteratura gne e acque, Guanda,


1984, pp. 80, Lit. 11.000.
Milano preda a una profonda crisi, al limite
della malattia mentale. in un'im-
probabile fredda citt del nord, do-
L'invalido folle del forte Raton-
neau, Le Masche, Vercelli 1984,
dentale. Il tema centrale (l'amore,
l'eros vissuto o immaginato) viene
elevato a strumento di conoscenza, a
Pressoch ignorata dalla critica uf- pp. 77, ed. orig. 1818-1820,
ve si svolge la prima met del rac- organon dell'indagine esistenziale:
ficiale, questa opera prima merite- conto, in un parco reso incantato dai trad. dal tedesco di Fabrizio Ci-
attraverso l'amore, e l'utopia che
rebbe forse una certa attenzione, se prodigi di una sensibilit esasperata, coria, Lit. 9.000. questo disegna, appare in tutta la
MARIO BENEDETTI, La tregua, non altro perch di rado la narrativa che avviene l'incontro destinato a Tra i grandi autori del Romantici- sua sofferta drammaticit il destino
Feltrinelli, Milano 1984, pp. italiana capace di offrire un nuovo riancorare la donna alla realt. Ma smo, Arnim si colloca coerentemen- di solitudine che segna l'uomo nel
171, ed. orig. 1979, trad. dallo autore. Composto da diciannove let- proprio verso la met della lettura, te accanto ai pi tenaci sostenitori corso della propria vita. Gli esercizi
spagnolo di Francesco Saba Sar- tere curiosamente indirizzate a per- al sospirato apparire delle unit spa- della concezione medianica dell'arte di stile che caratterizzano l'impresa
di, Lit. 14.000. sonaggi leopardiani, il romanzo si zio-temporali, e dei riferimenti con- e della letteratura: unica via di acces- dei trovatori offrono di volta in volta
segnala per lo stile che lo anima. La creti alia cronaca individuale e col- so al soprannaturale e alla verit, creazioni poetiche ermetiche o lim-
vicenda (se cosi si pu chiamare) non lettiva che, se Giulia ritrova se stes- l'arte dispone di un potere grandis- pidissime, preziose o dolcemente li-
Santom vive a Montevideo e che il bisogno di comunicare da sa, il lettore si perde, nel tentativo simo e, al contempo, di una forza ir- neari che sovente superano il tema
svolge un lavoro banale in una gran- parte di un indefinito protagonista faticoso di decifrare un senso in que- refrenabile che le deriva dalla fanta- amoroso per spaziare un po' in tutti
de azienda. Vedovo e prossimo alla ospite non felice di una caserma e sto esercizio di scrittura cos poco de- sia. I due racconti qui presentati (il i generi della lirica. L'edizione di
pensione, si considera ormai alla fi- inevitabilmente destinato al falli- finibile e definito. secondo, pi lungo, porta il titolo Sansone, che ha raccolto e tradotto
ne del proprio ciclo. Ma l'assunzione mento esistenziale. Le scene cruente
di una giovane donna, Laura, sem- (p.l.) Gli eredi del maggiorasco) oscillano (in versi) i testi presentati, dotandoli
bra risvegliare un sentimento ormai di una ricca introduzione, offre la
dimenticato: i gesti, i sorrisi o i pen- possibilit di un confronto diretto
sieri paiono disegnate i contorni di con una stagione poetica le cui in-
un amore gravido di futuro. La mor- fluenze non sono ancora venute me-
te improvvisa di Laura cancella il rac- no.
conto e, con esso, la vita: qui si in- (f-r-)
terrompe il diario di cui si compone
il romanzo. L'accurata introspezione
del protagonista, consegnata alle pa-
role ma ogni volta quasi revocata in JUNICHIRO TANIZAKI, G l i i n s e t t i
dubbio da un rovello interiore che preferiscono le ortiche, Monda-
non conosce appagamento, corre pa- dori, Milano 1984, pp. 198, ed.
rallela alla desolata descrizione di
una societ ormai priva di senso e di u V orig. 1928, di Mario Te ti, Lit.
15.000.
prospettive. La scrittura veloce, qua-
si rapsodica, dice tutta la stanchezza
e la solitudine di un'esistenza che
ancora vorrebbe aprirsi alla speran-
za.
J Il romanzo di Tanizaki una sot-
tile esplorazione di quel sentimento
forse senza nome che viene dopo
l'amore e che impedisce a due perso-
(f.r.) ne di separarsi per sempre. Kanam
e Misako, i protagonisti, non hanno
pi rapporti intimi da anni, n di-
mostrano alcun affetto reciproco;
CARLO EMILIO G A D D A , A un Misako, addirittura, ha un amante
amico fraterno, Lettere a Bona- tollerato dal marito. Eppure qualco-
ventura Pecchi, Garzanti, Mila- sa impedisce ai due di separarsi: il
no 1984, pp. 156, Lit. 18.000. carattere del marito, incapace di
prendere una decisione netta, lo
porta ad indugiare e a rinviare, men-
La bellezza degli epistolari non sta Alexander Lernet-Holenia tre la moglie, anch'essa indecisa,
tanto nel loro presunto valore lette- non riesce a darsi ragione dell'amore
rario (per cui uno scrittore sempre Il Signore di Parigi finito. L'introspezione dei personag-
un grande scrittore, che stili la lista gi parallela agli avvenimenti ester-
della spesa o che componga l'opera Adelphi, Milano 1984, ni che soltanto li sfiorano senza mai
della sua vita), quanto nella possibi- pp. 62, ed. orig. 1951, risultare decisivi. Il mondo delle ma-
lit, offerta a noi curiosi, di sbirciare rionette, di cui il padre di Misako
per un attimo neiia vita quotidiana trad. dal tedesco di Dennis buon conoscitore, offre forse la chia-
dei grandi, nelle loro amicizie e nel- e Erich Linder. Lit. 5.000. ve interpretativa di un'opera che
le loro piccole o grandi inquietudi- nella sua stessa struttura mantiene il
ni. L'epistolario quindi sempre carattere ambiguo e sfuggente dei
una lettura gradevole. Le lettere Questo esile racconto di Lernet-Holenia, nimenti della storia (qui invero ridotta a reci- suoi personaggi: l'eterno gioco delle
scritte da Gadda a "Venturino" lun- poligrafo versatile ed epigonale rispetto alla parti che intesse la vita quotidiana
ta malaccorta di commedianti di provincia),
go un quarantennio permettono cos felice stagione della finis Austriae, si ambien- non pu mai raggiungere una con-
di ricostruire, almeno a tratti, la car- sotto il segno implacabile del "signore di Pa-
ta nei giorni turbolenti della rivoluzione fran- rigi", vale a dire del boia. 1 temi dell'amore e clusione.
riera dell'ingegnere, da sconosciuto
"letteratoide" a famoso e corteggia- cese. In un salotto intellettuale, alla vigilia del destino, tipici del feuilleton oltrech della (f-r-)
to scrittore. Anche perch, da buon della rivoluzione, Cazotte profetizza la morte grande letteratura, sono qui affrontati con
epistolografo, Gadda parla quasi in- sul patibolo di tutti i presenti, con l'eccezio- l'unico scopo di creare effetti e colpi di scena
teramente di s, dei propri progetti ne di un aristocratico e di una bella signora, ad ogni pagina: scopo tuttavia mai raggiunto
e delle difficolt incontrate, delle Madelon. Le vicende dei due, narrate con il a causa della scrittura sciatta e opaca. CHARLES BAUDELAIRE, Il g i o v a n e
speranze e delle disillusioni. Il pia- consueto (e fastidioso) stile pseudo-onirico di incantatore, Tbeoria, Roma-Na-
cere della lettura esce rafforzato dal- (f.r.)
Lernet-Holenia, si intrecciano ai grandi avve- poli 1984, pp. 61, ed. orig.
la proverbiale cortesia di Gadda e 1846, trad. dal francese di Maria
dalla sua sapienza stilistica.
Paola Arena, Lit. 4.500.
(f-r-)
di vita militare si alternano a divaga- Soltanto recentemente ci si ac-
A N T O N I O DEBENEDETTI, La fine dunque tra lucida analisi dei com- corti che questo breve racconto non
zioni, deliri, ricordi, visioni: imma- di un addio, Editoriale Nuova, portamenti e sfrenato sfogo fantasti-
gini gi consumate che paiono rivi- fu scritto da Baudelaire, ma venne
THOMAS BERNHARD, La cantina, Novara 1984, pp. 144, Lit. co, abbandonandosi ad atmosfere
vere un'ultima volta sulla pagina da lui tradotto e rielaborato. Il testo
15.000. ambigue e sfuggenti che richiamano
Adelphi, Milano 1984, pp. 128, stanca che le rievoca. Non per il originale, The Young Enchanter,
i racconti di Hoffmann. L'intrigo di
ed. orig. trad. di Eugenio Ber- taedium vitae della nostra strana Si dice che il nostro decennio non passioni e la violenza quasi profetica opera dell'irlandese George Croly.
nardi, Lit. 12.000. epoca post-tutto a dominate, quan- sappia far altro che rievocare i decen- (nel caso dell'invalido folle) si riflet- Si tratta di una storia esotica,
to piuttosto (e qui sta l'interesse del ni passati. Gli anni trenta, gi cele- tono in uno stile narrativo sovracca- dall'ambientazione sovraccarica di
Per chi conosca gi L'origine, que- romanzo di Gorret) la ricctca lingui- brati in una mostra milanese, con- rico e allusivo, denso e mai statico, dettagli e particolari di gusto un po'
sto secondo volume dell'autobiogra- stica e stilistica capace di costruire un servano senz'altro una forza d'attra- che si rischiara soltanto nel momen- barocco, aperta alle descrizioni pi
fia di T. Bernhard rinnover il piace- ritmo accattivante che accompagna zione superiore ad altri periodi, for- to in cui una frase o una parola paio- inverosimili di sogni e di visioni po-
re e lo stupore del divorare tutta la lettura fino in fondo. Finalmente se proprio a causa della loro sostan- no illuminare il vero stato delle cose. polate da figure fantastiche. I due
d'un fiato una scrittura che non si ri- un autore per il quale la scrittura, es- ziale opacit: incerti tra fascismo e La forza (e l'attualit) di questi rac- protagonisti, Callias il greco e Sem-
solve nel respiro del periodo, ma si sendo destino, ritorna ad essere pro- antifascismo, costituiscono una sorta conti e dell'epoca in cui sono nati prionius il romano, vanno alla ricer-
realizza in ossessiva coazione a ripe- blema, terreno da esplorare, virt di zona d'ombra, luogo ideale per derivano dal loro essere il primo pas- ca di una misteriosa sacerdotessa, tra
tere; tuttavia, accanto alla descrizio- ignota. (f.K) intellettuali e malinconici giovanot- so verso la dissoluzione della forma e colpi di scena e stravaganze, palazzi
ne del quartiere e dei personaggi che ti. Il romanzo di Debenedetti ri- della realt che sembrava sottostarvi. ricchissimi e personaggi mitologici.
accompagnano la grande svolta di sponde in pieno a questa immagine: Di una certa importanza la figura di
Arrigo, sbalzato dalla periferica To- (f-r.) Callias, prototipo del dandy che tan-
una tormentata adolescenza l'ab-
bandono degli studi e l'apprendista- FRANCESCA SANVITALE, L ' u o m o rino alla mediterranea Roma, oscilla ta parte avr nell'opera di Baudelai-
to presso un commerciante si cer- del parco, Mondadori, Milano inquieto (ma non troppo) tra salotti re e nella letteratura successiva: di-
cheranno invano elementi che gi raffinati e amanti piacenti, amici staccato e cinico, il greco ama gli agi
1984, pp. 215, Lit. 15.000. omosessuali (naturalmente!) e medi- La poesia dell'antica Provenza.
non caratterizzassero questa peculia- Volume primo, Guanda, Milano senza rendersene mai schiavo, di-
Il nuovo romanzo della Sanvitale tazioni sui pi diversi campi del sa-
re specie di rabbia che trova il suo sprezza gli uomini comuni e vive
si svolge sul filo di un'ininterrotta pere, oltrech, com' ovvio, su se 1984, pp. 323, trad. di Giusep-
luogo naturale nella parola, cos effi- descrizione, in cui paesaggi e am- della meraviglia che capace di su-
cace al primo impatto quanto sterile stesso. Scontato dalla prima all'ulti- pe E. Sansone, Lit. 28.000.
bienti sono stati d'animo; incontri, scitare negli altri. li racconto una
nel suo dimorarvi. ma pagina, questo onesto romanzo
gesti, sguardi ed i sogni da essi susci- grande fantasia di suoni, colori, im-
riserva forse qualche interesse per i Nei trovatori, diffusisi nella Pro-
tati si intrecciano con altrettanti stati curiosi di quegli anni. (f.r.) magini: affascinante e inutile.
(P-l) venza tra l'XI e il XIII secolo, va rin-
(f-r-)
La Traduzione Per, com' volgare l'aggettivo
"sfiatata" in confronto al testo origi-
nale dove la Musa definita "a Ja-
de", una donnucola, una donnetta,
Who sell their Souls and Votes for
Naught;
The Nation strip t go Joy fui back,
Torob the Church, their Tenents

Swift in italiano, metrica o poesia con terminologia misogina tipica-


mente swiftiana che fa diretto con-
trasto con l'immagine aulica della
rack,
Go Snacks with Tbieves and Rappa-
rees,
Musa. And, keep the Peace, to pick up
di Lodovico Terzi Vorrei fare solo un altro esempio, Fees:
tratto dalla parte finale, cio dai ver- In every Jobb to bave a Share,
J. Swift, Le opere, Mondatori, Mi- ed questo testo che bisogna tradur- fetto sia nell'osservato o nell'osser-
si 447-459 che descrivono con straor- A Jayl orBarrack to repair;
lano 1983, a cura di Masolino re, non la metrica. vatore il punto di maggior sotti-
dinaria verve polemica i misfatti del- Andturn the Tax forpublick Roads
d'Amico, pp. 1628, Lit. 35.000. Ora vediamo che cosa successo al gliezza, che d il tono e il livello a
la piccola nobilt campagnola irlan- Commodious to their own Abodes.
testo di cui stiamo parlando. Partia- questo passo si perde nel generico
Nei Meridiani Mondadori usci- dese:
mo pure dall'inizio: e stiracchiato "Rochefoucauld c' chi
ta, alla fine dell'anno scorso, un'an- On Rural Squires, that Kingdom 's Che significano all'incirca:
As Rochefoucauld bis Maxims drew trova profano". Meritava la pena di
tologia delle opere di Jonathan Bane,
From Nature, 1 believe 'em true; fare tanti danni per quattro rime Sui signorotti rustici, di quel regno
Swift, la pi varia, completa e rap- He vented oft bis Wrath in vain:
They argue no corruptedMind non entusiasmanti? rovina,/ egli sfog sovente la sua
presentativa che si potesse avere in Biennal Squires, to Market brought;
italiano, a cura di Masolino d'Ami- In him: the Fault is in Mankind. da notate, poi, che il testo in- collera invano:/ in Parlamento,
co. Ci sono i Viaggi di Gulliver tra- biennale mercato,/ vendono l'ani-
dotti da Carlo Formichi, Il racconto ma e il voto per niente; / spogliata la
della botte e La battaglia dei libri Nazione, tornano allegramente/ a
tradotti da Elsa Bulgarelli, scritti po- tapinare la Chiesa, a strozzare i fitta-
litici, un sermone e il testamento voli;/ spartiscono il bottino con ladri
tradotti da Daniela Gentili, una e disertori,/ e fanno i tutori della
scelta del Giornale a Stella tradotta legge a pagamento;/ prondono una
da Marina Emo Capodilista, le Let- tangente su qualsiasi lavoro,/ re-
tere del Drappiere tradotte da Carlo stauri di caserme, oppure di prigio-
Bigazzi, una scelta di poesie tradotte ni;/ e stornano le tasse per le pub-
da Attilio Brilli, una scelta di lettere bliche strade/ a miglior agio delle
tradotte da Miranda Melchiori, le loro dimore.
Istruzioni alla servit tradotte da
me, le Memorie di Martino Scriblero Questa la traduzione di Masoli-
tradotte da Mario Domenichelli, no d'Amico:
una poesia e qualche prosa tradotte / signor di campagna, sciagura
da Mario M. Rossi, e il poemetto Di quel regno, egli invano censura.
Versi sulla morte del dr. Swift tra- Al mercato in citt, biennalmente,
dotti dal curatore stesso sulla traccia Vendon l'anima e i voti per niente;
di brani tradotti in precedenza da Pria il Paese, poi spoglian, quei dia-
Mario M. Rossi. II volume di 1.635 voli,
pagine, di cui 130 di note. Le poesie
Con cinismo, la Chiesa e i fittavoli;
sono date col testo originale a fron-
Sottobraccio a ladroni e briganti
te. Bastano, credo, questi dati per
Con la pace rimedian contanti,
dire quanto sia meritoria l'impresa
Con tangenti e con altre estorsioni
del curatore e dell'editore.
Tengon vive caserme e prigioni,
Dispiace, allora, ed peccato che, Dei lavori stradai coi balzelli
in questa impresa, un testo impor- Poi restaurano loro castelli.
tante come i Versi sulla morte del
dr. Swift abbia subito un trattamen- Ancora una volta, la satira scade a
to infelice, e si sia perduta l'occasio- barzelletta. "Spartiscono il bottino"
ne di tradurlo al livello stilistico che (go snacks, spartire, con espressione
meritava. In una nota introduttiva, che ha forza gergale) diventa l'alle-
Masolino d'Amico dice di essersi gretto "sottobraccio", e il verso suc-
"divertito" a completare la versione cessivo "Con la pace rimedian
di Rossi (in decasillabi a rima bacia- contanti" incomprensibile,
ta, con lo stesso numero di versi perch peace in questo contesto si-
dell'originale) e che questi "espe- gnifica ordine pubblico, osservanza
dienti scherzosi" hanno avuto il me- della legge, come nell'espressione
rito di far conoscere Swift in Italia. giudice di pace. Dunque, si perde
Ma devo dire che a questo scherzo io completamente il sarcasmo e il signi-
non mi sono divertito, n come tra- ficato del distico essere contem-
duttore n come lettore, e vorrei poraneamente guardie e ladri, e
spiegare perch. guadagnare da tutt'e due le patti
Tradurre poesie difficile, ma si in cui sta tutta la sua forza. E cos
creata una certa tradizione, che os-
serva alcune regole non scritte, stabi-
lite dai poeti che traducono poeti.
La prima di queste regole che la
traduzione di una poesia non pu
essere vincolata a uno schema metri-
co rigido, o comunque non prima di
aver rispettato due vincoli molto pi
importanti, quello filologico e quel-
lo stilistico (che sono poi la stessa co-
sa, perch non si pu dare un'inter-
pretazione filologicamente esatta
C' un tono pacato, riflessivo, in glese scritto in ottonari a rima ba-
senza aver colto l'invenzione stilisti-
cui si coglie l'eco di una disputa illu- ciata, che portano quasi sempre
ca, n si pu cogliere appieno l'in-
ministica: l'uomo o non natural- quattro accenti in ogni verso (data la
venzione stilistica senza aver sciolto i
dubbi interpretativi). mente buono? Il pessimismo di La maggior densit della lingua ingle- BRUNO MORANDI
Rochefoucauld denota (argue) una se, che ha molte parole monosillabi-
Ma, si potrebbe obiettare, la me- mente corrotta che deforma la realt che). Per avere in italiano un verso IPOTESI
trica non fa parte essa stessa dello sti- articolato in modo analogo occorreva
le? Direi proprio di no. La metrica
(Nature), o frutto di un'osserva-
zione realistica (true) della natura scegliere l'endecasillabo (pi dutti- PER UNA
un vincolo astratto, aritmetico. E un
ostacolo frapposto artificialmente
umana? Swift prende fermamente
partito: La Rochefoucauld dice la ve-
le) o il dodecasillabo (pi ritmato).
La scelta del decasillabo, notoria- ALTERNATIVA
all'espressione, che costringe la fan- rit; il difetto non nell'osservatore, mente il pi brutto verso della me- Terza edizione
tasia a qualche volo supplementare ma nell'osservato. Ora vediamo la trica italiana, anelastico, monotono,
per superarlo. una causa irritativa, traduzione: con tre inesorabili accenti sulla ter- riveduta
che impedisce all'espressione di za, sesta e nona, non poteva essere e ampliata
prendere vie consuete, di adagiarsi Le Maximes, si sa, furono estratte pi ingiustificata.
in soluzioni logiche, e la stimola a Da Natura, e perci sono esatte. Il testo prosegue poi per 488 versi,
trovare enigmatiche circonlocuzioni Rochefoucauld c' chi trova profa- tradotti tutti cos, un po' meglio, un
o scorciatoie, allusive assonanze, no; po' peggio. Quando ce n ' uno pi
pregnanti illogicit. Non , insom- Ma il difetto nell'Essere Umano. Per ricevere direttamente il
felice "Razza umana, fantastica e quaderno basta versare L. 5.000
ma, una qualit stilistica per se stes- vana!" che ha un'elegante rima al
sa, ma piuttosto una sfida stilistica. ( + 500 di spese postali) sul C/C
In questi versi saltellanti l'elegan- mezzo e una bella aggettivazione n. 50655000, intestato a
Il traduttore di poesia si trova di za della disputa perduta. Il tradut- viene subito ammazzato dalla stirac- Cooperativa // Manifesto anni
fronte all'esito di questa sfida, cio tore ci regala subito un infelicissimo chiatissima rima che chiude il disti- '80, Via Ripetta 66-00186
al testo scritto e ai suoi valori espres- "si sa" che banalizza tutto e dice il co: "Le tue varie follie, chi le stana?" Roma. Per prenotazioni e
sivi. Ma il testo trascende la metrica contrario dell'originale (I believe). C' anche qualche distico carino, co- organizzazione di dibattiti sul
che in qualche misura lo aveva con- Poi c' la rima "estratte/esatte" che, me questo: quaderno telefono
dizionato. Ci che di fecondo aveva essendo forgiata a spese dell'esattez- 06/6789567-6790380).
la metrica, ora trasferito nelle qua- za lessicale, d un senso di grande Spento ilfuoco, l'arguzia freddata,
lit espressive e stilistiche del testo, sciatteria. Infine, il quesito se il di- Morto l'estro, la Musa sfiatata...
Ritratto d'autore. sto amorfo, privo di nerbo: tuttalpi
un buon cronista di fatti e avveni-
menti, un descrittore puntuale e

Dalla pellicola alla carta


leggermente prolisso di situazioni.
E tuttavia, paradossalmente,
proprio questo stile quotidiano,
questa semplice registrazione croni-
di Gianni Rondolino stica, a fare di questa autobiografia
un libro per molti versi affascinante.
Roman Polanski, Roman Polan- tradizionale. In trenta capitoli che si a soggetto quel Coltello ti, degli aneddoti, degli incontri, E come se i contenuti premessero
ski, trad. di Gabriella Ernesti, Bom- susseguono cronologicamente senza nell'acqua (1962) che venne accolto dei viaggi, delle speranze e dei risul- talmente sulla forma da relegarla in
piani, Milano 1984, pp. 476, Lit. particolari invenzioni formali o sug- favorevolmente alla Mostra cinema- tati. Forse il lettore si aspettava qual- secondo piano. Come se Polanski
18.000. gestioni stilistiche, Polanski riper- tografica di Venezia e fece conoscere cosa di pi "sensazionale" da un au- sentisse il bisogno impellente di
corre la sua vita alquanto movimen- il nome del regista a una vasta cer- tore che, in certi suoi film, era riusci- mettere ordine nei suoi ricordi e di
Di Roman Polanski e del suo cine- tata, e per molti versi avventurosa, chia di critici e di spettatori , delle to a trasmetterci il senso della paura, raccontare, in lunghe pagine minu-
ma si sa molto, attraverso libri, sag- dall'infanzia alla prima giovinezza opere successive sino al recente ritor- dell'angoscia, ovvero quello d'un ziose, ogni aspetto della sua espe-
gi, articoli e interviste. Almeno dal alla maturit secondo quel principio no al teatro (e in Polonia) con umorismo caustico, d'un sarcasmo rienza di vita, soprattutto i difficili
tempo di Rosemary's Baby (1968) e di accumulazione di dati e commen- l'Amadeus di Peter Shaffer. sottile e leggermente inquietante. anni vissuti in Polonia, a Cracovia e
soprattutto dopo il massacro nella ti, di informazioni e di sensazioni, Da questo punto di vista, ci che Ed anche sul piano strettamente sti- altrove, durante la guerra, nel perio-
sua villa di Cielo Drive, in cui perse do immediatamente seguente, fra
la vita Sharon Tate, il nome di Po- indigenza e pressioni politico-socia-
lanski comparso sulla stampa di li, sino alla destalinizzazione e alla
tutto il mondo, in un continuo in- "fuga" in occidente.
terscambio di elementi di cronaca e Igor Stravinskij Sono certamente questi i capitoli
di critica che toccavano in pari misu- pi interessanti e rivelatori. Vi si re-
ra la sua vita privata e la sua opera. Poetica della m u s i c a spira una sorta di rancore nemmen
Sicch si venuto a creare uno strano troppo represso verso le istituzioni.
miscuglio di notizie e commenti che Studio Tesi, Pordenone 1984 Le descrizioni delia societ polacca
non soltanto servito pi a intorbi- pp. 101, trad. dal francese di durante e dopo la seconda guerra
dare che a chiarire i caratteri peculia- mondiale, della vita quotidiana a
ri della sua esperienza artistica e del- Mirella Guerra, Lit. 8.000 Cracovia, della meschinit e delle re-
la sua poetica, ma ha anche prodotto strizioni, sono pervase al tempo stes-
una serie di equivoci e di incom- so di spirito vendicativo e di tenera
prensioni da cui non siamo ancora Trattasi di alcune lezioni tenute da Stra- na, le riserve sulle avanguardie, le riflessioni malinconia, quasi che Polanski si vo-
totalmente usciti. vinskij nel 1946 all'Universit di Harvard. Al- sulla dialettica di libert e necessit, ispirazio- lesse calare nella storia sua propria e
Il fatto che il cinema di Polan- cune veloci ricognizioni storiche (il Gesamt- ne e calcolo. Su tutto aleggia una precisa con- della sua patria facendo dell'una e
ski, o almeno alcuni suoi film che kunstwerk wagneriano, la musica russa, il vinzione di fondo: non l'indiscriminata li- dell'altra l'occasione d'una rappre-
pi direttamente si possono collega- passaggio oltre la tonalit) fanno da sfondo a bert ci che stimola la creazione dell'artista, sentazione appassionata, sentimen-
re a una visione alquanto torbida e una pi generale riflessione sul significato del ma il puntuale confronto/scontro con strut- tale, leggermente autoironica. E vi si
inquietante dei rapporti sociali e fenomeno musicale, sulle dinamiche del la- respira anche, forse soprattutto, uno
ture predeterminate e vincolanti. Il nemico
dell'essenza stessa della vita, ricchi voro compositivo, sui princpi dell'interpreta- spirito profondamente ribelle, di cui
come sono di suggestioni metafisi- "l'anarchismo intellettuale". Il punto di rife- l'anticomunismo e un po' di oppor-
zione. Lo stile piano, colloquiale, l'argo-
che o di aperture verso il mistero e rimento: il rigore della tradizione. Come dis- tunismo sono soltanto gli ingredien-
mentare mai particolarmente rigoroso ma lu-
l'ineffabile, hanno favorito alcune se Verdi (quipuntualmente citato): "Tornia- ti pi espliciti. Sicch la chiave inter-
cidamente rivolto al cuore dei probeimi. Le
interpretaziorii unilaterali, che non mo all'antico e sar un progresso! ". pretativa che queste pagine ci offro-
tanto vanno contraddette o radical- pagine pi belle: la polemica antiwagneria-
(a.br.) no, al di l della documentazione
mente ridimensionate, quanto piut- puntuale che forniscono, quella
tosto inserite in un pi vasto campo d'un ribellismo continuo, d'una in-
ermeneutico, che tenga conto di tut- sofferenza e d'un orgoglio represso
ta l'opera polanskiana e dei molte- che non difficile riscontrare at-
plici elementi che la contraddistin- traverso la mediazione dell'arte e la
guono, anche in rapporto alle sue Nino Rirrotta simbolizzazione del reale nei film
differenti esperienze cinematografi- della maturit.
che e culturali, in Polonia, in Fran- Musica tra
Naturalmente si corre il rischio,
cia, in Gran Bretagna, in Italia, ne-
gli Stati Uniti e altrove.
medioevo e rinascimento ad utilizzare il libro come fonte sto-
rica e "invito alla lettura" dell'opera
Partendo da queste premesse, non Einaudi, Torino 1984 polanskiana, di giungere a giudizi
si pu che accogliere con molto fa-
vore l ' u s c i t a in l i b r e r i a
pp. 279, Lit. 30.000 parziali e discutibili. E indubbio in-
fatti che Polanski by Polanski , e
dell'autobiografia di Polanski pron- non potrebbe non essere, una bio-
tamente tradotta in italiano: un'au- grafia parziale e discutibile, nel sen-
Nino Pirrotta e, in fatto di musica medie- indagini particolari e minuziose. Le collega, e
tobiografia che porta il semplice ed so che prospetta i fatti e fornisce le
emblematico titolo di Polanski by vale e rinascimentale uno dei massimi lumi- in qualche modo le raccoglie in un progetto
nari in circolazione. Il libro raccoglie 17 suoi interpretazioni secondo un'ottica as-
Polanski. Perch un'occasione in- unitario, il doppio obbiettivo della ricerca di solutamente personale e non sempre
dubbia di confronti e precisazioni, saggi scritti nel corso di trent'anni di ricerca Pirrotta: individuare nel mondo musicale i attendibile. Tuttavia, accettati que-
di notizie e di informazioni (ovvia- accuratissima e non priva di spunti innovati- segni del passaggio dalla cultura scolastica a sti limiti che, a ben guardare, so-
mente di prima mano) su fatti e si- vi. L'impressione che si tratti, pi di quanto quella umanista, e investigare la faccia nasco- no anche i suoi pregi questa auto-
tuazioni che, come sempre capita in non conceda la prefazione dell'autore, di un biografia consente di riaprire il di-
sta della musica medievale e rinascimentale,
questi casi, illuminano alquanto libro raccomandabile soprattutto agli specia- scorso critico sul cinema di Polanski
aspetti e momenti sia della sua vita cio la sotterranea tradizione della musica
listi: pi che a un chiaro e sintetico affresco non scritta. da prospettive ermeneutiche in par-
privata sia della sua opera. E proprio te nuove. E, in altre parole, un invi-
il titolo cos personalizzato ci forni- storico ci si trova di fronte ad un mosaico di (a.br.) to a entrare pi a fondo nella poetica
sce anche la giusta chiave di lettura dell'autore, e anche, perch no?,
del libro, che e vuole essere esplici- nella sua psicologia. Che contro
tamente un ritratto d'autore in cui le interpretazioni giornalistiche ai
l'interpretazione della realt, com- tempi del delitto Tate fondamen-
che costituisce il filo conduttore del- Polanski racconta e le notizie che ci listico, questa autobiografia, come
prese talune sue deformazioni, talmente semplice, ingenua, persin
le pi comuni e diffuse autobiogra- fornisce non aggiungono molto a gi si detto, non contiene assoluta-
una scelta precisa di campo: un mo- disarmante e disarmata. Ma che ha
fie. Si parla della famiglia e quanto gi si sapeva, se non forse mente quegli elementi formali origi-
do di rappresentare e di rappresen- prodotto alcune opere cinematogra-
dell'ambiente scolastico, dei compa- per i capitoli sull'infanzia e sulla pri- nali e fortemente caratterizzanti che
tarsi che comune a tutti i modelli fiche di fondamentale importanza.
gni e dei primi amori, e poi, via via, ma giovinezza. Anzi, per certi aspet- invece, nel campo del cinema, han-
di autoritratto che la storia dell'arte
delle prime esperienze nel campo ti, la narrazione procede attraverso no fatto di Polanski un regista perso-
e della letteratura ci ha tramandato.
dell'arte, del teatro, del cinema, dei un percorso quasi obbligato, persin nalissimo e inequivocabile. Insom-
Il libro, in questo senso, molto
primi cortometraggi, del primo film monotono nella successione dei fat- ma, come scrittore egli pare piutto-

LIBRERIA STAMPATORI UNIVERSITARIA


Via S. Ottavio 15 - Tel. 83 67 78 - 83 62 32 - 10124 TORINO

Libri italiani e stranieri


abbonamenti a Riviste di tutto il mondo
Il cantiere medioevale
inter-reagire i vari testi che utilizza, sposte alle nostre domande. Solo co- quindi stato soppresso anche il
nelT avvicinate informazioni diffe- noscendo i vari usi di un materiale e glossario, indispensabile in un'opera
renti e nel servirsene per illustrare i la sua disponibilit, i problemi posti di questo tipo, s che il lettore fati-
modi e le circostanze in cui furono dal suo impiego e dal suo trasporto cher a trovare che cosa sia un muro
di Enrico Castelnuovo costruite le grandi chiese gotiche, un potremo renderci conto di quali fos- gouttereau o un trumeau. Un ap-
autentico culmine nella storia sero le sfide a cui erano confrontati i punto alla traduzione, peraltro scor-
Roland Bechmann, Le radici delle un ambiente concepito in modo dell'architettura mondiale, per far costruttori medievali e di quali siano revole: a pagina 58 l'aver femmini-
Cattedrali, traduzione di Giangiaco- dinamico come quello evocato da luce sulle necessit, i condiziona- state le loro risposte. In altre parole lizzato il "tour de France", il viaggio
mo Amoretti, Casale Monferrato, Roberto Longhi quando, nelle Pro- menti, le difficolt, gli obblighi che solo cos potremo comprendere la di apprendistato degli artigiani, in
Marietti 1984, pp. 316, Lit. 38.000. poste per una critica d'arte (1950), si profilano dietto alle risposte offer- vera e propria urgenza di certe solu- "la tour de France" potr causare
scrivendo della "ricerca poligenetica te da una nuova soluzione. zioni. Un discorso di questo genere qualche equivoco.
I libri di storia dell'architettura dell'opera come fatto aperto", chie- Lontani come siamo da quel tem- si pu fare anche per il taglio delle
che mettono al centro dell'interesse deva risposte che non involgessero po possiamo concedere scarsa atten- pietre che da quando si comincia a
le tecniche e i materiali non sono co- solamente "il nesso tra opere e ope- zione al modo entusiastico con cui fare non sul cantiere, ma diretta-
muni in Italia, almeno dai primi an-
ni del secolo quando furono scritti i
re, ma tra opere e mondo, socialit,
economia, religione, politica e
Sugerio di Saint Denis, padre e pro-
motore dell'architettura gotica, rac-
mente nella cava, d luogo a una
sorta di processo di standardizzazio-
Popper
grandi testi di Gian Teresio Rivoira, quant'altro occorra". In un certo conta del ritrovamento inopinato, ne e di prefabbricazione che avr
di Pietro Toesca o di Ugo Monneret
de Villard. Alle letture formali che
senso, diverso e limitato ma non op-
posto, la ricerca dell'ambiente di
presentato come un autentico mira-
colo e un segno esplicito dell'assenso
conseguenze anche nel campo della
scultura, come ha mostrato Dietrich
determinista
avevano corso fino a poco fa sono ve-
nute ad aggiungersi quelle iconolo-
di Paolo Panini
giche, sociologiche, ideologizzanti e
via dicendo, ma i problemi
Karl R. Popper, Poscritto alla lo-
terre--terre quali quelli che riguar- Robert Adams Eewin Panofsky gica della scoperta scientifica, a cura
dano l'organizzazione di un cantie-
di W.W. Bartley III, il Saggiatore,
re, la ripartizione dei compiti al suo Il m u s e o perduto Rinascimento e rinascenze Milano, 1984, voi. I. pp. VIII-429,
interno, la provenienza e l'uso dei
materiali, gli strumenti e le tecniche Edizioni di Comunit, Milano nell'arte occidentale Lit. 50.000, voi. II pp. 182, Lit.
messe in opera, i costi umani ed eco- 35.000, voi. Ili pp. 232, Lit. 35.000.
nomici delle operazioni, insomma 1983 Feltrinelli, Milano 1984
tutte quelle cose pratiche che avreste pp. 255, Lit. 90.000 pp. 398, Lit. 60.000 Nel preparare l'edizione inglese
sempre voluto sapere (e che non avfe- della Logica della scoperta scientifica
te mai avuto coraggio di chiedere) pubblicata per la prima volta a Vien-
L'idea che abbiamo del passato, si sa, de- Questo celebre libro, apparso nel I960 e na nel 1934, Popper pens di corre-
non trovano soddisfacenti illustra-
zioni in lingua italiana.
ve sempre fare i conti con le assenze, con i in Italia nel 1971, affronta il problema del ri- darla di una serie di appendici volte
vuoti lasciati dalle testimonianze perdute. nascimento italiano come espressione di una a cotteggerne ed a svilupparne le te-
Al di l delle Alpi la situazione L'agile profilo di Adams una suggestiva cultura profondamente nuova, sostenuta da si. Di tali appendici, alcune vennero
invece molto diversa. In Francia guida all'integrazione di quelle assenze nella un inedito e cosciente richiamo ai modelli effettivamente incluse nella tradu-
per esempio c' una continuit di zione inglese, comparsa a Londra nel
storia dell'arte. Il corredo di illustrazioni trac- classici. La sua legittimazione come categoria
studi che porta dal monumentale ed 1959, ma altre assunsero una consi-
esemplare Dictionnaire raisonn de cia un percorso che va dai monumenti storiografica, condotta con una straordinaria
dell'antichit fino a quelli del XX secolo e ricchezza di dati e di intuizioni, passa attra- stenza tale che se ne progett una
l'arehitecture frangane di Viollet-le- pubblicazione separata sotto il titolo
Duc (1854/'68) alla Histoire de raggruppa copie, incisioni, disegni, fotogra- verso la messa a fuoco delle distanze che sepa- Poscritto alla logica della scoperta
l'Architecture di Auguste Choisy fe dei tanti capolavori scomparsi per disinte- rano il classicismo rinascimentale da quello scientifica: Venti anni dopo. Tutta-
(1899), ai manuali di archeologia resse, incuria, catastrofi naturali, furti, co- delle cosiddette "rinascenze": l'arte carolin- via, per varie ragioni, non fu possi-
medievale di Camille Enlart (1902) scienti e sistematiche distruzioni, restauri gia, la scultura francese del XIII secolo, il ri- bile portare a compimento il proget-
tante volte ristampati, gi gi fino a sconsiderati. Il commento, senza grandi pre- torno all'antico guidato da Federico II. Si to. Cos, al pari della prima opera di
Les Chantiers des Cathdrales di tese di scientificit, indulge ad un gusto gar- tratta di una problematica gi affrontata da Popper, I due problemi fondamen-
Pierre du Colombier (1953, 2 a ed. bato per l'aneddoto, per il retroscena insolito Panofsky in precedenti studi come quello sul- tali della teoria della conoscenza,
1973). Nei paesi anglosassoni c' il composta nel 1930-32 ma pubblica-
classico The Medieval Mason di
e curioso. Pur con qualche ingenuit e sem- la prospettiva (1927) e quello sulla pittura dei
plificazione d giudizio nella rassegna delle Paesi Bassi (1953). Purtroppo questa ristampa ta solo nel 1979, anche il Poscritto
Douglas Koop e J.P.Jones la cui pri- rimasto inedito fino ai primi anni
ma edizione del 1933 e che conti- cause che sono all'origine delle distruzioni, esce senza un'introduzione che, nel caso di
ottanta, quando un fedele allievo di
nua ad essere regolarmente ripubbli- questo museo perduto resta un affascinante classici come questo, auspicabile non solo Popper, W.W. Bartley III, si fatto
cato, c' Building in England down capitolo di una storia ancora in gran parte da per fare il punto sulla genesi dell'opera e sul- carico di curarne la pubblicazione
to 1540 di L.F. Salzman (1952) e scrivere. la storia della sua ricezione, ma anche per articolandolo in tre volumi separati:
The History of the King 's Works comprendere come, a distanza di pi di venti Il realismo e lo scopo della scienza;
(1963) di H.M. Colvin, fonti inesau- (e.p.)
anni, alcune delle sue tesi appaiano un po ' ri- L'universo aperto. Un argomento
ribili per la storia sociale dell'archi- gide e necessitino di una revisione. per l'indeterminismo; La teoria dei
tettura, ci sono i tanti libri di John quanti e lo scisma nella fisica.
Harvey e l'esauriente studio di John (e.p.)
Fitchen sulla costruzione delle volte Il grosso del primo volume, Il rea-
medievali (The Constructions of Go- lismo e lo scopo della scienza, co-
thic Cathedrals, 1961, poi ripubbli- stituito da una prefazione e da sette
cato anche in paperback). In Germa- capitoli divisi in due parti risalenti
nia c' Der Baumeister der Gotik agli anni cinquanta, ma variamente
(1956) ed recentemente uscito il rimaneggiati in seguito. Successiva-
prezioso repertorio di Binding e mente sono state aggiunte una pre-
Nussbaum che raduna dalle pi dif- fazione e alcune note bibliografiche
ferenti fonti (miniature, vetrate, del curatore, nonch un'introduzio-
sculture ecc.) le antiche immagini
delle attivit costruttive offrendo
vi! ne e altri paragrafi integrativi scritti
dallo stesso Popper. Ne risultato
una documentazione preziosa e un testo a pi strati, che porrebbe
sommamente utile (Mittelalterlicher certo non pochi problemi a chi rite-
Baubetrieb, 1978). nesse utile determinare con precisio-
ne l'evoluzione del pensiero poppe-
Di fronte a questa ampia disponi- riano.
bilit di testi l'assenza di scritti in Bechmann va in questa direzione. divino all'impresa, di dodici alberi Kimpel nei suoi studi sugli inizi e lo Nella prima parte, intitolata L'ap-
italiano quasi totale ed bene che Certo non siamo pi negli anni di alto fusto che avrebbero fornito le sviluppo della taglia in serie. proccio critico, Popper espone gli
nel 1982 sia stato tradotto il libretto '50 e nel "milieu" entrano anche travi necessarie alla nuova costruzio- In breve un modo diverso di af- aspetti fondamentali della sua con-
di Jean Gimpel sui costruttori delle molte altre cose cui un tempo gli ne, in una foresta non lontana frontare la storia dell'architettura cezione metodologica ed epistemo-
cattedrali e che ad esso si aggiunga- storici dell'arte concedevano solo dall'abbazia. Capiremo meglio l'ac- che pone l'accento non tanto sulla logica che tanto peso ha avuto nelle
no oggi queste Radici delle Catte- una relativa importanza, non solo la cento tutto particolare portato libert dell'artista che vola dove vicende filosofiche degli ultimi cin-
drali. Auguriamoci che non sia che situazione della tecnica e della tec- sull'episodio quando Bechmann ci vuole, ma sulle necessit e i condi- quantanni. Richiamandosi alla cri-
un inizio e che in futuro i nostri edi- nologia, ma quella della demogra- avr chiarito non solo la destinazio- zionamenti imposti dall'ambiente e tica humeana dell'induzione, egli
tori si cimentino in uno degli stan- fia, del clima, delle fonti di energia ne e l'utilizzazione di quei legni, sul modo di reagire ad essi. mostra che le asserzioni di portata
dard works cui si sopra accennato. e del loro sfruttamento. Cos, basan- ma anche il grado di sfruttamento universale, per esempio le pi co-
Naturalmente in questo libro sti-
II libro diviso in due parti, la dosi su Duby e Le Goff, Le Roy La- delle foreste nell'area parigina nel molante ed entusiasta ci sono delle muni leggi scientifiche, non possono
prima illumina l'ambiente in cui durie, Bertand Gille e Lefebvre des XII secolo, le difficolt per non dire pecche e delle sviste. Inopinatamen- venir verificate n confermate come
nacquero e crebbero le grandi chiese Noettes, su Viollet-le-Duc e sugli l'impossibilit di trovare alberi di al- te, e con singolare costanza, l'abate probabili dall'esperienza. Rifiuta
gotiche, la seconda i problemi della storici dell'architettura intesa nei to fusto in boschi largamente impo- Sugerio posto nel XIII secolo (alle quindi il verificazionismo e l'indut-
loto costruzione, i materiali e la loro suoi aspetti materiali, cui si accenna- veriti a causa della vicinanza di una pagine 57, 95 e 145 dell'edizione tivismo contrapponendo loto la fal-
lavorazione, le tecniche utilizzate, le va, Roland Bechmann tenta una grande citt e delle sue necessit francese). L'edizione italiana corre ai sificabilit (logica) e la corroborazio-
soluzioni propost? dagli architetti "ecologia dell'architettura". Le no- energetiche, cos come gli aumenti ripari, ma non abbastanza: una vol- ne. La prima, intesa come criterio di
gotici,i cantieri e la loro organizza- vit del suo approccio vengono an- proibitivi di costi che avrebbe com- ta (p. 157) troviamo correttamente demarcazione (non di significato),
zione. Il legame tra le due parti che dal fatto che egli non un nor- portato il trasporto degli alberi da indicata la data come XII secolo, al- dovrebbe consentire un'adeguata se-
sottolineato dal sottotitolo che suo- male studioso accademico con l'abi- regioni lontane ove le foreste erano trove la correzione troppo timida, parazione della scienza dalla metafi-
na: L'architettura gotica espressione tuale curriculum dietro le spalle, ma meglio conservate. fine del XII secolo (p. 60), nel terzo sica senza relegare quest'ultima nel-
delle condizioni dell'ambiente; ci un costruttore, un architetto prati- caso (p. 101) non c' traccia di corre- la sfera del privo di senso: un'asser-
Potr sembrare un caso banale,
pu sembrare un poco determinista cante che ha preso recentemente un zione. Nell'edizione italiana trovia- zione o una teoria non scientifica
ma un esempio tra i tanti che mo-
e vieux-jeu, ma in realt le cose non diploma di geografia, un ecologo mo poi delle modifiche inopportu- (ma non per questo insensata)
stra come solo attraverso l'interroga-
stanno cos. L'ambiente non pi il convinto che si interessa alla storia, ne: la bibliografia generale stata quando non di principio falsifica-
torio incrociato di testi e dati diversi
"milieu" di Taine da cui diceva alla antropologia, alla vicenda delle soppressa e spostata nelle note in bile, ossia quando non si pu indica-
e pertinenti a diverse discipline si
Cocteau gli artisti crescevano co- tecniche e dei rapporti tra gli uomini calce ai singoli capitoli (il ch com- re almeno un asserto su un possibile
riuscir ad avere un quadro articola-
me buone cipolle da un buon suolo. e la natura. La sua abilit sta nel far porta la perenta di pi di un titolo), fatto empirico che entri logicamente
to di una situazione, e a trovare ri-
in conflitto con essa. La corrobora- mossa possa giovargli. Infatti, se pur mettendo il fallimento della sua de- congiunto. della filosofia popperiana; con
zione, dal canto suo, una valuta- dichiarando insensato l'approccio finizione logico-formale di verosi- Di livello decisamente superiore l'idea, cio, che l'interesse tanto
zione del comportamento delle as- giustificazionista, continuiamo a ri- militudine, dichiara tranquillamen- appaiono invece i tre capitoli che della scienza quanto della filosofia
serzioni e delle teorie scientifiche di conoscere un senso alla contrapposi- te di poterne fare a meno essendo compongono la seconda parte del andrebbe visto "unicamente nei
fronte ai controlli empirici, e vorreb- zione metodologica induttivi- possibile accontentarsi della nozione primo volume. Sotto il titolo L'in- contributi che queste due discipline
be essere un modo, diverso dalla smo/deduttivismo, resta il proble- intuitiva di approssimazione alla ve- terpretazione propensionale della hanno portato" al "problema di
conferma induttiva, per "esprimere ma di elaborare una difesa pura- rit: si pu fare i difficili solo quan- probabilit, Popper sottopone ad comprendere il mondo, compresi
una preferenza razionale comparati- mente deduttiva del "metodo delle do in gioco la conferma induttiva? un'ampia ed approfondita rielabo- noi stessi e la nostra conoscenza ".
va" fra teorie in competizione senza audaci congetture e dei severi tenta- Dai tanto vituperati empiristi logici razione le sue vedute sull'argomen-
"far ricorso o alle 'certezze' soggetti- tivi di confutazione"; e sono state eravamo stati abituati ad una discus- to. L'obiettivo polemico sempre lo
ve o alla 'giustificazione' oggettiva addotte buone ragioni per supporre sione critico-razionale di altro livel- stesso: l'interpretazione soggettivi-
delle filosofie tradizionali" (Bar- che Popper non sia riuscito ad offrire lo. N Popper risulta pi persuasivo sta della probabilit come misura di
tley). nulla di simile. Se d'altro canto abo- quando, citando solo Kuhn e Laka- uno stato soggettivo di conoscenza
liamo o annacquiamo anche tale tos, accusa un'"intera letteratura" di insufficiente. Ma mentre, in prece-
Per Popper, n la ragione n essere precipitata nell'irrazionalismo
contrapposizione, la difesa poppe- denza, al soggettivismo era stata
l'esperienza possono essere conside- per non aver compreso che l'impos-
riana del "metodo deduttivo dei contrapposta una concezione ogget-
rate fonti infallibili della conoscen- sibilit di reperire nei risultati speri-
controlli" finisce per scadere ad tivista imperniata sull'interpretazio-
za, capaci di offrire una giustifica- mentali delle falsificazioni conclusi-
un'esercitazione retorica sulle ovvie ne delle probabilit come frequenze
zione certa delle nostre credenze. ve non sminuisce l'importanza di
virt di un corretto atteggiamento relative, ora anche il frequentismo
Per questo, oltre che sulla falsificabi-
lit, egli insiste con la medesima for-
za sul carattere puramente congettu-
rale e sempre rivedibile di ogni com-
ponente del discorso scientifico, per-
fino di quelle asserzioni che, descri- Sergio Quinzio Julien Ereund
vendo eventi cosiddetti osservabili,
dovrebbero fungere da pezze d'ap- La croce e il n u l l a La f i n e dello spirito europeo (riproduzione da Et Pais)
poggio della falsificazione delie teo-
rie. Neppure le pi elementari di ta- Adelphi, Milano 1984 Armando, Roma 1984 soprattutto questa dichiarata
li asserzioni sono del tutto prive di pp. 226, Lit. 15-000. pp. 135, ed. orig. 1980 vocazione cosmologica a prorompere
contenuto teorico, e quindi accetta- nei volumi secondo e terzo, nei qua-
bili o refutabili sulla base della sem- trad. dal francese di li Popper si abbandona liberamente
plice osservazione empirica. Esse
La solitaria meditazione teologica di
Fabrizio Ravaglioli, Lit. 8.000 a quello che lui stesso definisce un
non costituiscono un solido strato di "sogno" metafisico. Ne L'universo
roccia su cui erigere l'edificio delle Quinzio, un pensatore che unisce al rigore aperto, cerca di mostrare che il de-
scienze, e nel caso di un loro contra- dello studioso la partecipazione del credente, terminismo laplaciano insostenibi-
Un decennio di crisi incomincia a produr-
sto con le ipotesi teoriche non mai giunge ad un provvisorio approdo con que- le e che, inoltre, non imposto n
re i suoi primi materiali di sintesi, tra cui que-
possibile localizzare l'errore con cer- st'opera densa di riflessioni, aforismi, citazio- dalla fisica contemporanea (come
tezza. sto pamphlet, impudica apologia dell'euro-
ni: La croce e il nulla disegna il paesaggio in- generalmente riconosciuto), n da
centrismo e desolato lamento sulla sua disso-
Ma tutto ci non significa che quieto della tarda modernit, ormai compiu- quella classica. L'esito generale della
luzione. La crisi non , qui, n transitoria sua riflessione vuole essere, nella so-
dobbiamo rassegnarci allo scettici- tamente nichilista, l dove essa solcata dalla
smo, all'abbandono di ogni pretesa congiuntura economica, n rimediabile im- stanza, il ripristino dell'idea, pro-
disperazione di chi non pu pi credere alla
conoscitiva. li punto di partenza dei passe politica. E, splenglerianamente, deca- pria della concezione ingenua del
salvezza. Se il nulla lo sbocco di un pensiero
nostri sforzi verso la conoscenza co- denza; fine della civilt europea ("la prima mondo, che vi sono eventi prevedi-
che affonda le sue radici nel logos greco, la
stituito dalle situazioni problemati- civilt di segno universale che il mondo abbia bili, o "determinati" (per esempio,
croce, come scandalo ma soprattutto come il mutare delle stagioni, o il funzio-
che in cui siamo costantemente im- conosciuto "), la quale si costitu, nel corso del
mersi e dalle quali cerchiamo di
apertura alla possibilit della redenzione, namento di un orologio) e altri che
lungo periodo che Ereund definisce "la Rina-
uscire. Escogitando soluzioni teori- invece il risultato pi fecondo del pensiero non sono n prevedibili n "deter-
scenza" e che in realt la modernit, pro-
che audaci, sottoponendole a con- ebraico. Ma ci che colpisce nel lavoro di minati" (per esempio, i capricci del
prio come civilt conquistatrice e dominatrice
trolli severi, accordando la nostra Quinzio, accanto al carattere assolutamente tempo o il comportamento delle nu-
dello spazio e che ora, colta da inspiegabile
preferenza (sempre provvisoria e re- non autoritario della sua sofferta proposta di vole proprio Nuvole ed orologi
sfinimento della volont e da impotenza ("gli il titolo di un suo altro saggio
vocabile) a quelle che, alla luce fede, l'aspetto di generale riflessione cultu-
dell'esperienza e di un"'onesta di- europei, sarebbero ancora capaci di sostenere sull'argomento). In questo modo,
rale offerto dalle sue pagine, cos da farne
scussione-critico-razionale ", risulta- una guerra? ") si lascia lentamente spogliare pur non volendo passare da spiritua-
un'opera di pensiero decisiva nel mondo at-
no essere le pi forti, le pi corrobo- dei suoi poteri. Ne sarebbero i sintomi pi lista, Popper si pronuncia per una
tuale.
rate, possiamo ragionevolmente spe- evidenti l'indebolimento dell'autorit, il so- teoria dell'universo aperto che do-
rare (pur senza raggiungere mai la (f.r.) cialismo, il "neo-cristianesimo selvaggio ", vrebbe costituite "una sorta di prole-
certezza) di selezionare le teorie me- trattati nei primi capitoli, i pi superficiali e gomeno al problema della libert e
glio rispondenti allo scopo fonda- irritanti. Di maggiore spessore, invece, l'ulti- creativit umane", il punto di par-
mentale della scienza: la formula- tenza per una legittimazione di que-
ma parte, in cui la crisi attuale tematizzata
zione di ipotesi descrittive ed espli- ste dimensioni della realt consegui-
come estremizzazione (e rovesciamento) dei ta su un piano puramente fisico e co-
cative sempre pi aderenti ai fatti,
alla realt costituisce infatti una del- caratteri pi specifici della modernit: la ra- smologico, prescindendo (come ti-
le tesi fondamentali di questa prima zionalizzazione e intellettualizzazione del pico della filosofia popperiana) da
parte del Poscritto l'affermazione > - o mondo, lo spirito tecnico e il convenzionali- ogni forma di discussione o di analisi
che esiste un mondo oggettivo asso- smo spinto all'estremo, il rivoluzionarismo del significato dei termini, nella fat-
lutamente indipendente dal sogget- inteso come infinita producibilit tecnica del tispecie delle parole "libert" e "ar-
to conoscente e che lo scopo della mondo. bitrio".
scienza dovrebbe essere visto non A questa critica del determinismo
nella costruzione di apparati concet- (m.r.)
si connette anche la trattazione della
tuali per l'organizzazione dell'espe- fisica quantistica compiuta nel terzo
rienza (strumentalismo), bens nella volume, La teoria dei quanti e lo sci-
formulazione di congetture volte a sma nella fisica, ove Popper intende
cogliere la verit intomo al mondo, contestare l'interpretazione corrente
o quanto meno ad approssimarsi ad della meccanica quantistica in nome
essa. non del determinismo come per
Nel complesso, il lettore si trova critico e di una seria discussione esperienze praticamente falsificanti viene in parte criticato ed sostituito lo pi avvenuto bens di un in-
di fronte a tesi e argomentazioni gi critico-razionale. Tanto varrebbe al- nello sviluppo della scienza, e nep- da una teoria di natura propensiona- determinismo oggettivista basato
ampiamente illustrate in molti dei lora accontentarsi del sobrio detto di pure scalfisce la gi ricordata nozio- le secondo la quale le probabilit sa- sulla gi ricordata teoria delle possi-
saggi successivi alla pubblicazione Bridgman che "il metodo scientifico ne puramente logica di falsificabi- rebbero misure di possibilit reali, bilit come propensit reali. Pi pre-
della Logica. L'aspetto di maggiore consiste nel servirsi della testa e fare lit. oggettive, ossia di tendenze fisiche, cisamente, Popper intende ricom-
novit sembra pertanto costituito da tutto il possibile". o propensit, a realizzate determina- porre la scissione fra indeterminismo
Nonostante queste proteste, sem-
alcune pagine rimaneggiate nel ti stati di cose. In ultima analisi Pop- da una parte e realismo o oggettivi-
N le sorti dell'epistemologia bra ragionevole supporre che i recen-
1979 in piena crisi della concezio- per viene a proporte (come per molti smo dall'altra, contestando i due as-
popperiana sembrano risollevate ti "frivoli attacchi" agli aspetti qua-
ne popperiana nelle quali si cita aspetti era gi stato fatto da Peirce) sunti che, a suo giudizio, sono alla
dalle ultime aggiunte al primo volu- lificanti dell'epistemologia poppe-
con favore l'affermazione di Bartley 1' "ipotesi fisica (o forse... metafsi- base dell'attuale "grande confusione
me del Poscritto, le quali hanno per riana siano dipesi non da fraintendi-
che tale concezione " soggetta a ca), analoga all'ipotesi delle forze quantistica", ulteriormente aggrava-
lo pi lo scopo, non sempre esplici- menti tanto banali, ma dalla indivi-
fraintendimenti a meno che non si ta dal tecnicismo e dallo specialismo
tamente dichiarato, di rispondete al- duazione delle reali insufficienze del newtoniane,... che ogni allestimen-
afferri prima" che, dal nuovo punto oscurantisti dei nuovi fisici: 1) l'idea
le devastanti critiche degli ultimi an- razionalismo critico, come per esem- to sperimentale (e, di conseguenza,
di vista, "il problema classico della che la teoria dei quanti abbia rag-
ni. Ci vale in modo particolare pet pio quella concernente la rilevanza ogni stato di un sistema) genera del-
giustificazione" delle nostre creden- giunto la verit completa e definiti-
l'Introduzione, 1982, dall'anda- metodologica della falsificabilit pu- le propensit che si possono talvolta
ze "deve effettivamente venir ab- va; 2) l'intrusione del soggetto nella
mento alquanto dogmatico o co- ramente logica. Cos anche queste controllare" mediante "controlli sta-
bandonato in quanto privo di sen- fisica, ossia la ben nota tesi, lapida-
munque poco persuasivo. ultime aggiunte non riescono a fu- tistici, cio osservazioni di frequenze
so" . Poich stato proprio Popper a riamente espressa nelle celebri paro-
Certamente Popper ha le sue ra- gare il sospetto che senza un serio relative".
mettere in ridicolo la tesi neoempiri- le di Heisenberg che "la concezione
gioni nel dichiarare, soprattutto in perfezionamento di certe nozioni Ci troviamo cos di fronte ad una
sta dell'insensatezza del discorso della realt oggettiva.. si dissolta...
polemica con un'infelice osservazio- chiave e dei loro reciproci rapporti posizione teorica che costituisce un
metafisico paragonandola ad un ten- nella cristallina chiarezza di una ma-
ne di Kuhn, di non essere mai stato (principio di falsificazione, corrobo- fondamentale punto di raccordo fra
tativo "di uccidere la metafisica lan- tematica che non rappresenta pi il
un "falsificazionista ingenuo" che razione e verosimilitudine) il reali- il realismo difeso nel primo volume
ciandole improperi", questa presa di comportamento delle particelle, ma
crede nella falsificabilit conclusiva smo metafisico di Popper non possa
del Poscritto e l'attacco al determini- piuttosto la nostra conoscenza di tale
posizione sul giustificazionismo non delle teorie (peccato magati che la che essere considerato un atto di fe-
pu non lasciare sorpresi. Ma quali smo ed all'interpretazione soggetti- comportamento". Di contro a tutto
protesta venga da un autore abba- de epistemologicamente vacuo, filo-
che siano le ragioni che hanno in- vista della meccanica quantistica questo, Popper tenta qui di elabora-
stanza disinvolto nel discutere le po- soficamente non sempre raffinato, e
dotto Sit Karl a passare a sua volta condotto negli altri due, e che pet di re un programma di ricerca metafisi-
sizioni altrui). Mi sembra per assai forse addirittura pericoloso per le
agli improperi, non mi pare che la pi si accorda alla perfezione con la co che, tenendo conto dei program-
difficile seguirlo quando, pur am- sorti di quel razionalismo cui stato
vocazione cosmologica e presocratica
mi precedenti, da Parmenide a Ein- del volume, infatti, sta un tema munisti e poi, dal '45 al '50, iscritto e dalla liberazione delle energie ne- democratiche (si pensi a von Hayek,
stein, Schrdinger, Born e Pauli, prettamente filosofico: l'individua- al Pei, dirigente Iti e docente di Filo- gative proprie di alcune sue compo- ma anche per molti versi a Nozick),
mira ad "esorcizzare lo spettro chia- zione del binomio individuali- sofia morale all'universit di Roma, nenti (tanto sul versante tronfiano l'autore propone una strategia fon-
mato 'coscienza' o 'l'osservatore' smo/eguaglianza (ritenuti, a ragio- filosofo, moralista, cultore, tra i pri- dell'"autonomia del politico" quan- data sul consenso e sul dialogo: an-
dalla meccanica quantistica" ed a ne, interdipendenti) come criterio mi in Italia, di scienze sociali, la sua to su quello negriano) sarebbe deri- che in una societ irrimediabilmente
mostrare che tale meccanica " una distintivo delle societ occidentali influenza sulla cultura politica ita- vata l'attuale "congiuntura nichili- conflittuale, caratterizzata dalla lot-
teoria altrettanto 'oggettiva'... della moderne rispetto a quelle tradizio- liana paragonabile secondo una stica" , e la possibile torsione di que- ta per il controllo di risorse scarse,
meccanica statistica classica". nali caratterizzate invece dal bino- felice espressione dell'introduzione ste in "cultura di destra": in partico- instaurando una comunicazione ga-
Se poi ci chiediamo la ragione di mio olismo/gerarchia. Di qui egli a un fiume carsico, sommerso ma lare la liquidazione della memoria e rantita dai principi di "razionalit,
questa decisa opzione per un univer- procede alla ricostruzione del per- attivo. Ora questo ritratto del giova- dell'identit (implicita nella dissolu- coerenza e neutralit".
so aperto, non determinato, concre- corso che, partendo opportunamen- ne Anselmo Grotti, tracciato dal zione della dialettica), e la lettura (m.r.)
tatasi in una proposta teorica tanto te dai Due trattati sul governo di punto di vista rigorosamente filoso- delle dinamiche della modernit en-
discutibile (e discussa) quanto sem- Locke e passando per la Eavola delle fico, ne tenta un sia pur sintetico tro le categorie perverse del post-
plice e coraggiosa, la risposta da ri- api di Mandeville e la teoria del va- profilo unitario, evidenziando le li- moderno, prodotto del cattivo in-
cercate nella netta e saldissima con- lore di Smith (la "Genesi"), approda nee di un pensiero duramente impe- treccio di sociologismo, neo-ricardi-
vinzione antiriduzionistica di Pop- a Marx, giudicato espressione del gnato nel tentativo di conciliare fede smo e soggettivismo gentiliano, fini- ADAM SMITH, Saggi filosofici,
per "che la creazione di una nuova "trionfo" dell'ideologia moderna. cristiana e societ industriale rebbero per configurare una nuova introduzione e note di Paolo
opera, come la Sinfonia in Sol mino- Le conclusioni sono, insieme, stimo- nell'ambito di una "filosofia dell'es- "apologetica del capitalismo" cos Berlanda, Angeli, Milano 1984,
re di Mozart, non pu essere previ- lanti e sconcertanti: se pare saggio sere" opposta sia all'inevitabile hy- come oggi esso . (m.r.) pp. 244, Lit. 19.000.
sta, in tutti i suoi dettagli, da un fi-
sico, o da un fisiologo, che studi mi- Il problema della presunta con-
nuziosamente il corpo di Mozart traddittoriet tra lo Smith della Ric-
specialmente il suo cervello e il chezza delle nazioni e quello della
suo ambiente fisico". Per Popper Teoria dei sentimenti morali ha pet
fa notare Bartley non vale il prin- troppo tempo distolto l'attenzione
cipio Ex nihilo nihil fit; e in effetti degli studiosi da questi Saggi, scritti
tutti i temi del Poscritto sono "corre- dal filosofo economista scozzese in
lati con l'assunto basilare che dal periodi molto diversi e sopravvissuti
nulla pu nascere qualcosa. Le teorie alla distruzione, da Smith stesso or-
scientifiche introducono nuove for- dinata in punto di morte. Questi
me nell'universo e non sono riduci- saggi hanno invece riscosso maggior
bili ad osservazioni... Il futuro non interesse in tempi recenti, proprio
contenuto nel presente o nel passa- per la luce che essi gettano sui pre-
to. C' indeterminismo nella fisica e supposti metodologici ed epistemo-
c' indeterminismo nella storia... logici del pensiero di Smith.
C' una genuina emergenza in bio- (m.g.)
logia. Il valore non riducibile al
fatto. La mente non riducibile alla
materia... La coscienza la punta di
diamante dell'evoluzione e i suoi
prodotti non sono determinati". PIERRE DELATTRE, Teoria dei si-
E attraverso il richiamo a tutti stemi ed epistemologia, Einau-
questi aspetti che Bartley attribuisce di, Torino 1984, pp. 96, ed.
alla concezione popperiana "un'im- orig. 1982, trad. dal francese di
portanza scientifica e una rilevanza Simona Morini, Lit. 9-500.
culturale che non ha pari nel pensie- Al centro del saggio di Delattre
ro filosofico contemporaneo". Si c' l'esigenza (duplice) di una ricon-
tratta di un giudizio assai impegna- ciliazione tra epistemologia e scienza
tivo sul quale si pu anche essere lar- (e dunque pi in generale tra scien-
gamente in disaccordo. Mi pare cer- ze esatte e scienze umane) e di una
to, comunque, che a Popper vada ri- ricomposizione del sapere. La teoria
conosciuto il grande merito di non dei sistemi si pone dunque, secondo
aver spinto la sua polemica antiridu- l'autore, come il luogo della ricerca
zionista e antideterminista fino al delle connessioni tra le discipline,
punto di misconoscere il fondamen- nella direzione di una "nuova sintesi
tale valore metodologico del ridu- delle conoscenze" che sappia indivi-
zionismo. "Inteso come una filosofia duare un linguaggio comune e che,
si pu leggere in una delle ag- diversamente dai grandi formalismi
giunte al secondo volume il ridu- matematici, disponga di regole di
zionismo fallimentare. Dal punto corrispondenza capaci di sottrarla
di vista del metodo, i tentativi volti all'indeterminatezza pratica. Lo stu-
ad ottenere delle dettagliate riduzio- dio dei concetti e delle metodologie
ni hanno condotto ad una serie di che stanno alla base dei diversi sape-
stupefacenti successi, ed anche i loro ri (analogia, causalit, finalit, in-
fallimenti sono stati molto fecondi tenzionalit ecc.) costituisce la base
per la scienza". Che non un rico- di una ricerca che, mirando ad una
noscimento da poco, soprattutto in ricomposizione del linguaggio scien-
bocca ad un indeterminista che, sen- tifico, neppure intende rinunciare
za voler cadere nel pragmatismo, in- alla complessit dei fenomeni.
dica ugualmente nella fecondit
scientifica un criterio decisivo per (fr.)
misurare il valore di un programma
di ricerca metafisico.

HAROLD I. BROWN, La nuova fi-


losofia della scienza, Laterza, Ba-

Filosofia
l'invito a rovesciare l'approccio con- bris delle filosofie dell'assoluto, sia ri 1984, pp. 240, ed orig. 1977,
sueto, considerando il modello di
BRUCE A . ACKERMAN, La giusti-
all'empirismo pragmatico cui trop-
sviluppo occidentale come un'eccen- zia sociale nello stato liberale, Il trad. dall'inglese di Enrico Pro-
po spesso, secondo l'autore, lo si
trica eccezione anzich come la rego- voluto ridurre. Mulino, Bologna 1984, pp. 490, di, Lit. 23.000.
la, per altro verso l'esplicito appello (m.r.) ed. orig. 1980, trad. dall'inglese
Louis DUMONT, H o m o aequalis. d Stefano Sabbattini, Lit. La nuova filosofia della scienza
a liberarsi (conoscendola) dell'ideo-
1. Genesi e trionfo dell'ideolo- quella di Quine, Kuhn, Feyerabend
logia moderna non dissipa i residui 30.000.
gia economica, Adelphi, Milano e di altri bei nomi americani e ingle-
sospetti di una qualche nostalgia per
1984, pp. 347, ed. orig. 1977, si, non troppo noti in Italia. Si op-
il modello di societ tradizionale. COSTANZO PREVE, La teoria in Un gruppo di pionieri a bordo di
trad. dal francese di G. Viale, pone alla "immagine ortodossa"
(m.r.) pezzi, La dissoluzione del para- un'astronave, giunto in vista del della scienza che l'empirismo logico
Lit. 20.000. pianeta di destinazione, discute sul- ci ha lasciato in eredit, nelle classi-
digma teorico operaista in Italia
(1976-1983), Dedalo, Bari 1984, la migliore distribuzione dell'unica che formulazioni del Circolo di
Ancora, per molti versi, un libro pp. 95, Lit. 6.000. sostanza su di esso disponbile: la Vienna o nelle versioni pi liberali
sulla crisi: crisi, in questo caso, ANSELMO GROTTI, Saggio su Fe- manna. Con questa finzione Acker- dell'ultimo Carnap, di Hempel, di
dell'"ideologia moderna", di quella lice Balbo, Boringhieri, Torino Preve, studioso marxista impe- man, filosofo politico di formazione Nagel. Harold Brown esamina le
concezione del mondo fondata 1984, pp. 167, Lit. 19-000. gnato in un difficile tentativo di ri- giuridica, entra nel merito del recen- motivazioni profonde di questa op-
sull'emergere dell'economia come costruzione della filosofia del mate- te dibattito sulle possibilit di so- posizione e sostiene esse derivino dal
sfera autonoma e centrale, sull'indi- Pochi protagonisti del dibattito rialismo storico, si propone qui una pravvivenza dello Stato liberale e sul diverso ambito di presupposti filoso-
vidualismo e sull'eguaglianza. Du- culturale italiano del secondo dopo- sia pur sommaria interpretazione ruolo di una "teoria della giustizia" fici ed epistemologici entro cui cia-
mont, autore di un'opera sulle caste guerra manifestarono cos poliedrico delle vicende politiche e ideologiche nella sua legittimazione. Prendendo scuna delle due immagini della
in India (Homo hierarchicus) e di arco d'interessi e d'intervento e, in- dell'ultimo decennio (dalla solida le distanze sia da chi ritiene che solo scienza si formata. In particolare
uno studio sull'individualismo, ab- sieme, ricevettero cos limitato con- egemonia sociale e culturale della si- una pi equa redistribuzione delle individua nella versione humiana
bandona ora "le acque relativamen- tributo di analisi e commenti come nistra all'unit nazionale all'attuale risorse possa rilegittimare lo stato dell'empirismo classico e nella logica
te tranquille di una branca specifica Felice Balbo. Allievo di Augusto fase di crisi d'identit e di progetto) democratico (il neo-contrattualismo dei Principia MathematicoAi Russell
dell'antropologia sociale" per una Monti e di Gioele Solari, "anima assumendo come filo conduttore il di Rawls), sia da chi afferma l'intoc- e Whitehead i presupposti della
complessa traversata interdisciplina- propulsiva" della casa editrice Ei- "paradigma operaista" (definito co- cabilit di tutti i "diritti" e vede nel "immagine ortodossa" e delle sue
re nei territori della filosofa politica naudi, esponente di primissiiho pia- me "sintesi instabile di modernit e mito della giustizia sociale la pi difficolt. Il libro disomogeneo:
e della storia del pensiero. Al centro no del Movimento dei cattolici co- arcaismo"). Dalla sua dissoluzione, grave minaccia alle societ liberal-
(m.g.)
Libri di Testo
A scuola di lettura. Le nuove antologie
Esperimenti non pat sufficiente. Dobbiamo ag-
giungervi il criterio della gradualit
nel modo di leggerli. E in questo
mediamente di due o tre pagine; nel
caso per di qualche racconto (per
esempio, il racconto di A.E. Poe,
cui la scrittura ha parlato degli og-
getti, dell'uomo, degli eventi, del
linguaggio. L'attenzione attirata,
zioni del linguaggio, ma pi im-
plicita che esplicita. In contrasto con
una tendenza che ha dato di recente

didattici
aspetto che si registrano, tra le attua- Manoscritto trovato in una bottiglia) prima che sul contenuto e sulle cose, esiti vistosi anche nelle antologie per
li proposte didattiche, le distanze si toccano anche le dieci-dodici. Gli sulle mediazioni dei comunicare. Ri- la scuola media, questo non un li-
maggiori. Infatti sono pi d'una le autori sono di tutti i tempi, ma di spetto per agli obiettivi dell'educa- bro sulle teorie della comunicazione
di Lidia De Federicis strade percorribili per uscire dalla gran lunga prevalgono quelli degli zione linguistica nella scuola media n si confonde con una grammatica.
frammentariet, tipica delle prime ultimi secoli; settantuno sono italia- ci sono alcuni elementi importanti E soprattutto un libro per leggere,
letture scolastiche, e arrivare invece a ni, e tra questi compaiono i due di distinzione: per esempio, qui so- dove le pagine sono principalmente
una lettura che favorisca la crescita grandi dialettali dell'Ottocento, no in primo piano gli usi codificati occupate dai testi; ciascuno ha un
F. Civile, P. Floriani, C. Forti, A. apparato di esercizi (diversi secondo
Ricci, Leggere e scrivere, Loescher, i generi) ai quali delegata l'analisi,
Torino 1984, pp. 1068, Lit. 19-500. e quindi l'applicazione di concetti e
metodi interpretativi. Compaiono
Un gruppo di insegnanti medi e anche, ma con apprezzabile cautela,
universitari propone questa antolo- Mauro Laeng suggerimenti per la riscrittura dei
gia di letture destinata al primo ciclo pezzi o per la scrittura in proprio:
della secondaria superiore, l'attuale Letture dalla B i b b i a per esempio, dopo la lettura di un
biennio. Il progetto del libro nasce ilSilAa ci
dalla sperimentazione svolta a Pisa,
La Nuova Italia, Firenze 1984 r r I fi. ri'lY'r
ritratto giornalistico (quello di Fan-
fani visto da Pansa), lo studente
nel periodo 1980-82, in un semina- pp. 192, Lit. 8.500. invitato a costruire un discorso che
rio didattico coordinato da Piero riporti in sequenza fluente tutti gli
Floriani, presso l'istituto di italiano ""ri. elementi della linea politica di Fan-
della facolt di lettere. La raccolta di Letture dalla Bibbia desti- fani presentati dal giornalista
E noto che gli anni (o l'anno) di nata ai ragazzi delle scuole medie inferiori (un'operazione di riscrittura che im-
passaggio dalla scuola media al ciclo rappresenta in una certa misura un fatto nuo- plica un cambiamento di genere:
triennale, e terminale, della scuola dall'intervista all'esposizione discor-
vo. Gli apparati di presentazione dei testi so-
secondaria costituiscono la fase in siva); e poi ancora a delineare il ca-
cui l'insegnamento di italiano me- no ridotti all' essenziale: brevi capitoli intro-
rattere di un qualsiasi personaggio
no strutturato, e tanto pi esposto a duttivi per ciascun gruppo di brani (tratti va- della cronaca, utilizzando frasi tratte
incertezze, oscillazioni, casualit. riamente, da Genesi sino ai libri dei Profeti dai duoi discorsi (un'operazione di
Esso rischia di appiattirsi in un sem- minori, dal Vangelo alle Lettere di Paolo); scrittura personale).
plice prolungamento dell'attivit due inserti di quattro o cinque pagine con il- I fondamenti teorici sono enun-
gi prevista per la scuola media, do- lustrazioni e notizie storico-geografiche; al ciati in poche schede preliminari, tra
ve dal 1979 i programmi hanno in- termine del volume, alcuni esempi di prove le quali vale la pena di segnalare la
dicato tra gli obiettivi principali del- per la comprensione della lettura. Le infor- quarta, sulla metafora, per la chia-
la formazione lo sviluppo delle capa- mazioni fornite dai paragrafi introduttivi so- rezza didattica e la precisione con
cit comunicative, intese in senso cui toccato questo punto cruciale
ampio, e specificamente l'educazio- no esclusivamente storiche e bibliografiche.
della lingua e della retorica.
ne linguistica. Oppure si modella Il lavoro di Laeng sembra dunque nell'in- Quanto all'impostazione storica
sul triennio che segue e ne anticipa, sieme rivolto a favorire un rapporto diretto che ha caratterizzato spesso le anto-
in formule riduttive, la tradizionale con il testo biblico, fornendo il minimo di logie, bisogna ammettere che Legge-
impostazione storico-letteraria. contestualizzazione necessaria per la com- re e scrivere se ne allontana quasi
Quali sono dunque, visti pi da prensione. Ci costituisce la novit del libro: provocatoriamente. La datazione di
vicino, i probleme e le scelte con cui se infatti non sono mancate esperienze di ri- ciascun pezzo segnalata nella breve
l'antologia deve confrontarsi? Si duzione, adattamento, scelta dei testi biblici, nota che lo introduce; inoltre alcuni
tratta di stabilire anzitutto quale percorsi di lettura suggeriscono
insolito invece il tentativo di un avvicina-
funzione possa essere attribuita alla all'insegnante una eventuale linea
lettura in questa fascia scolare. Stia- mento testuale alla Bibbia, quale quello
perseguito da Laeng. di riflessione sulla storia, e in parti-
mo parlando naturalmente della let- colare sulla storia della lingua: ma il
tura scolastica, che viene fatta (per (f.d'a.) criterio di organizzazione dei mate-
dir cos) in laboratorio: lettura gui- riali decisamente scompiglia la suc-
data, per campioni, come addestra- cessione cronologico-logica che sta-
mento all'altra lettura, autonoma e ta per tanto tempo il segno distinti-
personale, che possibile soltanto vo del libro scolastico. Pu capitarci
universo quello degli attuali studenti delle
nell'esperienza extra-scolastica. Bi- Mario Ambel, medie inferiori fatto soprattutto di imma-
di trovare in una sezione, disposti
sogner definire una tipologia di te- sotto il titolo Come si parla degli
sti, decidere in che misura pu esse- Silvia Perrin Sapino gini e suoni, e in cui la parola scritta ha una eventi della storia collettica, i nomi
re opportuna la prevalenza di pagine cittadinanza ridottissima. di Cesare, A. Diaz, M. Montagnana,
letterarie, in che misura debbono es- Leggere per... Lo scopo perseguito indicando per cia- L. Bissolati, K. Paustovskij, E. Ca-
sere introdotte e rese esplicite anche scun testo le finalit dell'autore, e predispo- netti, J. Michelet, M. Harris, E. Le
le nozioni teoriche sulla comunica- S.E.I., Torino 1984, nendo esercitazioni orientate a diverse moti- Roy Ladurie, Omero, V. Hugo, G.
zione, sulla lingua, sul linguaggio Verga, G. Garda Marquez, C.
voi. I pp. 670, voi. II pp. 704, vazioni della lettura: leggere per capire, per
letterario. Lamb, V. Woolf. Prevale il metodo
riflettere sulla lingua, per scrivere. Non tra-
E ragionevole accettare, come da- dell'accostamento sorprendente, che
to di partenza, una comune consta- voi. Ili pp. 736, Lit. 15.000. scurato l'aspetto materiale e pratico del leg- tende a far riflettere sulle modalit
tazione: la maggior parte dei ragazzi gere. I tre volumi comprendono un percorso espressive di epoche diverse.
di 14-15 anni ha competenze di let- triennale sulla tecnica della lettura (ad alta
E, anche questo, un modo per re-
tura (e scrittura) ancora ristrette e Il titolo, Leggere per..., illustra il criterio voce - silenziosa), affrontato in sezioni auto- stituire l'opera al contesto storico e
perci ha bisogno di un lavoro sui portante dell'antologia: si tratta di chiarire nome, e con esercitazioni specifiche. vale la pena di discuterne, nel qua-
testi rivolto ancora a promuovere innanzi tutto le ragioni per cui si legge. E un dro di quella riflessione, che appe-
una semplice familiarit con l'uni- chiarimento di importanza essenziale in un (f.d'a.) na incominciata, su come costruite
verso della cultura scritta. nell'insegnamento un equilibrio tra
Tuttavia l'insegnamento nel bien- porzioni di lavoro sui testi e riferi-
nio non pu fondare su questo solo menti esterni, che guidino alle gran-
obbiettivo il suo carattere specifico. di scansioni epocali. Per ora limitia-
La lettura, e l'apprendimento di un delle capacit di connessione e astra- Belli e Porta. La letteratura, e spe- della lingua scritta, le forme istitu- moci a dire che quest'antologia sar
sapere linguistico-letterario, sono at- zione: pensiamo, per esempio, agli cialmente la letteratura italiana ca- zionali quindi, elaborate e consoli- funzionale soprattutto a un'attivit
tivit che si distendono nel tempo, usi possibili delle nozioni di autore e nonica, ha dunque una presenza date nel tempo, in cui si storica- didattica incentrata sui testi, ma non
lungo l'intero percorso formativo pubblico, o di sistema dei testi e di molto equilibrata e contenuta; la mente espresso un contenuto men- ristretta al solo aspetto retorico.
dello studente. Se vogliamo pensare modello culturale, o di storicit poesia inoltre quasi tutta raccolta tale.
ai cicli della scuola come alle fasi di dell'opera. nelle sezioni conclusive con una col- Perci la competenza che viene
un'unica sequenza, ci incontriamo La proposta didattica del gruppo locazione e un titolo (Usi particolari individuata come oggetto specifico
con il difficile problema di articolare pisano consiste di circa duecentocin- del linguaggio, p. 904) che ne sotto- dell'insegnamento nel biennio pu
e differenziare la trasmissione di quanta pezzi, distribuiti in quattro lineano la qualit di codice a parte, essere cos circoscritta: la lettura co-
competenze e capacit. E forse im- parti di ampiezza disuguale, ulte- sovraccarico di significati. me via di avvicinamento a procedure
possibile, in questo campo, pro- riormente suddivise in sezioni. I te- Scartando il modello gi molto formali complesse e a un repertorio
grammare un'esatta corrispondenza sti poetici sono poco pi di settanta; sfruttato dell'antologia di cultura di rappresentazioni (il paesaggio, il
tta i livelli dell'insegnamento e i i racconti riprodotti per intero sono generale, destinata a rincorrere gli personaggio, la malattia, il sogno, la
successivi momenti dell'et evoluti- una ventina; il resto comprende pas- argomenti d'attualit, e volendo battaglia, la morte, ecc.) che hanno
va, considerata anche nei suoi biso- si esemplari di una grande variet di evitare di ridurre i testi a essere sol- trasmesso l'esperienza individuale e
gni psichici e cognitivi. Graduare la tipi di scrittura, che vanno dall'epi- tanto i documenti di una tematica, collettiva, costituendosi in tradizio-
complessivit dei testi fornisce un sodio di romanzo al bollettino mili- gli autori hanno scelto risolutamente ne culturale e letteraria. La riflessio-
primo criterio di scelta, di cui certo tare all'articolo sportivo alla saggisti- un impianto linguistico: le quattro ne teorica, che fa da supporto al li-
indispensabile tener conto ma che ca. La lunghezza dei testi in prosa patti illustrano infatti i vari modi di bro, risale a Jakobson e alle sue fun-
IDEI LIBRI DEL MESE

Libri di Testo EDIZIONI


ni oson a
Come gustare cultura di un dato paese e periodo?
L'autrice ben consapevole del pro-
minose antologie presenti sul merca-
to italiano. Ed il volume, che si pre-
testi non sono esclusivamente lette-
rari ma anche a contenuto storico-so- Sergej Nicolaevic Bulgakov
blema come appare dalla prefazio- senta infatti agile, rivestito di una ciale. Si tratta per lo pi di testi bre- Il prezzo
la letteratura ne, l dove si rimanda lo studente
alle conoscenze gi acquisite in altri
elegante brossura celestrina (250 pa-
gine; formato 21,5 x 13), contiene
vi, spesso passi tolti da testi ben pi
lunghi. Ogni testo seguito da pro- del progresso
campi; letteratura italiana, storia, fi- una serie di testi, raccolti sulla base poste di attivit per lo studente. Si
francese
Saggi (1897-1913)
losofia, ecc... E mi pare giustificato dei quattro temi romantici indivi- tratta di attivit di rilevamento (di
A cura di Pier Cesare Bori
che l'insegnante di lingua straniera, duati, che sono altrettante testimo- dati linguistici), di analisi e di valu-
che si trova a dover svolgere un pro- nianze del modo in cui gli intellet- tazione. Esse richiedono una prima Coerenza razionale ed esigen-
di Gabriella Pozzo gramma non certo minore rispetto a tuali della prima met dell'800 (ma lettura globale, una seconda analiti- za mistica, marxismo, ideali-
quello di letteratura italiana per un vi compreso anche Rousseau) han- ca, ed una terza lettura riassuntiva smo e ortodossia: lo straordi-
Giuliana Bertoni Del Guercio, numero inferiore di ore, economizzi no vissuto le lotte e le inquietudini volta a cogliere il significato com-
nario percorso intellettuale di
Thmes Romantiques, Principato, l dove ci possibile. Tuttavia un del loro tempo. La formula tale plessivo del brano.
un originale pensatore che ri-
Milano 1983, pp. 250, Lit. 8.000. peccato che i rimandi rimangano so- che, oltre che a sostituire la scelta del E quest'ultima, oltre all'impianto
vela un'immagine meno pre-
Offrire ad un pubblico malato di concetta della Russia degli an-
sfiducia nelle istituzioni, tarpato ni Venti.
nelle proprie capacit di progetta-
Dalla lettura
zione dal nulla istituzionale tale Opportuni rimandi chiaramente esplicita-
ti legano poi i testi letterari alle parti di rifles- E t i e n n e Gilson
il pubblico degli insegnanti della
scuola italiana offrire a questo sione teorica, permettendo all'insegnante di Introduzione
pubblico ricette rassicuranti, che per
esempio attraverso il manuale di sto- alla critica svolgere a vari livelli, da quello
mo della semplice comprensione
importantissi-
del testo, a
allo studio
ria letteraria lo tranquillizzino nei quello delle analisi pi complesse, la sua fun- di Sant'Agostino
confronti di un insegnamento no- di Claudia Peirone zione di guida e di orientamento degli allievi
zionistico, significa portarlo alla ras- 11 pi apprezzato medievalista
nel pccolo universo letterario proposto
segnazione, sospingerlo ulterior- del nostro secolo ricostruisce
dall'antologia. Antologia che peraltro si pre-
mente verso l'accettazione totale e la dottrina originaria del Pa-
acritica dei vuoti e ripetitivi riti ma- senta con un titolo che racchiude forse pro-
dre della chiesa latina in
nualistici. prio l'obiettivo pi difficile e ambizioso da
un'opera di rara acutezza e
Al contrario, offrire prodotti dove raggiungere oggi nell'insegnamento: quello
<K profondit, e insieme di facile
si privilegi il metodo rispetto alla di suscitare il piacere di leggere nei nostri stu-
lettura.
nozione, dove si promuova l'inter- denti abituati ormai alla velocit e alla passi-
vento attivo del lettore insegnan- vit della ricezione audiovisiva.
Silvia F e r r e t t i
te o allievo sul testo, e dove, a sua L'antologia II piacere di leggere, realizza- Paradossalmente nel contribuire al rag-
volta, il testo, in quanto portatore di
ta per iprimi due anni degli istituti superiori, giungimento dell'obiettivo di stimolare l'al- Il demone
valori e di implicazioni che sono di
pertinenza della storia, venga inseri- si presenta immediatamente come un testo lievo alla curiosit di leggere e alla lettura cu- della memoria
to nel contesto socio-culturale nel dotato di un solido impianto e di una struttu- riosa e piacevole, un 'antologia sempre, per S i m b o l o e t e m p o storico
quale stato prodotto, un atto di ra e precisa. Il libro suddiviso in undici "iti- sua definizione e costituzione, fortemente av- in Warburg, Cassirer,
coraggio che facendo leva sulle capa- nerari" di lettura, cio undici sezioni dedicate vantaggiata e svantaggiata nello stesso tem- Panofsky
cit critiche di insegnanti e allievi a vari temi (Personaggi, Messaggi, Il p u b b l i c o po: perch in essa c' infatti la letteratura ma
(imminente)
pu essere di aiuto per uscire da una e il potere, Modi della narrativa, Modi della non ovviamente il protagonista della lettera-
condizione psicologica di sfiducia, lirica, Tra privato e p u b b l i c o e cos via). Ogni tura e cio il libro, sia esso un romanzo, una Il tema fondamentale nelle ri-
per tentare nuovi percorsi. sezione si apre con una chiara introduzione, raccolta di novelle e d poesie. cerche di tre fra le pi impor-
Nel volume che qui si considera, con l'indice ragionato degli argomenti e dei L'antologia pu presentare e operare mec- tanti figure per la storia della
un testo di letteratura francese rivol- testi letterari proposti e si chiude con semplici cultura del Novecento.
canismi di smontaggio, dando alle singole
to ad un pubblico di scuola media
ed efficaci osservazioni critiche. Particolar- parti del libro analizzato un luogo, uno spa-
superiore, la curatrice, che anche
direttrice della sezione francese della mente utile appare anche l'indice storico-cro- zio interpretativo, un senso particolare. STUDI RELIGIOSI
collana, si cimenta con questo secon- nologico che permette di raccogliere in senso La lettura completa, paziente, d un testo
do tipo di prodotto. Vediamo come. temporale le opere riportate per argomenti di narrativa, oltre ad abituare gli allievi a Jean Delumeau
Al compilatore avvertito che scel- nelle varie sezioni, da quelle appartenenti al mantenere un ritmo di lettura costante, pu
ga questa seconda strada si pone un mondo classico a quelle contemporanee. aiutare anche a superare quello che , credo,
Cristianit
primo dilemma: l'autore si porr co- Il maggior pregio del libro mi pare consi- in ultima analisi, il pregio e nello stesso tem- e cristianizzazione
me autorit nell'insegnamento
sta nell'aver concretamente mantenuto le po il limite di una antologia come II piacere U n itinerario storico
dell'interpretazione letteraria, o in-
vece solleciter il lettore ad estrinse- promesse esposte dagli autori nelle pagine di di leggere: il fatto di costituirsi cio come una Introduzione di Daniele Menozzi
care la propria creativit interpretati- presentazione. Essi affermano che "l'impo- vera e propria grammatica del fatto letterario,
Un ampio quadro di analisi
va? La linea scelta dalla Bertoni Del stazione didattica dell' antologia si richiama a fortemente classificatoria, il pi possibile
storiche che abbracciano fe-
Guercio chiara e coerente con un metodo di tipo induttivo: ogni considera- esaustiva nel tentativo di collocare i fenomeni
nomeni diversi ma tutti decisi-
l'obiettivo pedagogico, prioritario zione critica dovrebbe scaturire dalla lettura e le produzioni letterarie (tra le quali gli au-
per la collana: dare strumenti di let- vi per l'interpretazione dello
dei testi, e non precederla". L'antologa in- tori comprendono opportunamente, ad
tura e di comprensione idonei a col- stato della cristianit tra Me-
fatti strutturata in modo progressivo: dalle esempio, anche il testo di una canzone)
locare il testo nel contesto al quale dioevo e Riforma/Controri-
sezioni di lettura (e anche qui: dalle pagine all'interno di un loro preciso e definito spa-
esso appartiene. Il testo, cio, visto forma.
letterarie accattivanti per il loro contenuto zio. La riprova di questo intento e di questa
come prodotto di una data persona,
dove l'attenzione si fissa soprattutto sui per- scelta di rigida classificazione si ha nella se-
in un dato tempo storico, in una da- A n d r Neher
ta forma di discorso, che si serve di sonaggi, a quelle che rispecchiano, in vari zione dedicata alla Letteratura sulla letteratu-
codici grammaticali, semantici e cul- modi, la realt sociale, a quelle, pi difficili, ra, una sezione povera e scarna che non rende L'Essenza
turali noti ai lettori del suo tempo. in cui presente la consapevolezza del gioco assolutamente ragione della capacit propria
letterario), fino alle sezioni teoriche degli della finzione letteraria di sfuggire a ogni del profetismo
Da un lato si offrono pertanto Introduzione di Renzo Fabris
strumenti di informazione, essenzia- strumenti e delle schede dedicate ai generi classificazione, di giocare con la realt e con
li per poter collocate le opere nel lo- letterari, alla retorica, alla metrica, alle va- se stessa e contemporaneamente di mantene- Le figure e i momenti centrali
ro contesto storico ( noto come riet linguistiche, ai metodi della critica lette- re saldamente legati a s i fili degli avveni- della vocazione profetica in
l'ignoranza dei fatti storico-culturali raria. menti storici. Israele: il profetismo biblico
sia un generatore di grossolani errori fra tradizione e vita, essenza
nello studente lasciato a se stesso); ed esistenza, citt degli uomi-
dall'altro, lo studente, con l'aiuto di
ni e citt di Dio.
domande-guida invitato ad attra-
versare il testo da solo, ad osservare lo quelli generici dati in sede di pre- classico, a collana terminata i volu- dato ai volumetti, la patte pi inno-
di persona l'uso linguistico fatto fazione e nella bibliografia finale e metti sostituiranno prevedibilmente vativa della collana. Emile Poulat
dall'autore. E qui, naturalmente,
attraverso la strategia delle doman-
non siano invece specifici, l dove del tutto l'antologia. Nelle intenzioni dell'autrice tale Chiesa
una data conoscenza viene richiesta Ecco il razionale dell'impianto approccio dovrebbe portare lo stu-
de, si pu vedere bene che una dire- nel corso della lettura. (che vale anche per gli altri volumi dente ad essere in grado di fare lavo-
contro borghesia
zione di lettura c'. Ma come si Ma vediamo pi nel dettaglio della collana). Si procede dal globale ri autonomi di analisi del testo. Da- Introduzione al divenire
lontani dalla memorizzazione di for- com' strutturato il volume. Innan- storico-sociale al locale letterario: il to il metodo proposto, l'obiettivo del cattolicesimo
mule preconfezionate e dalla recita- zitutto: che cos' Tbmes Romanti- testo. Ogni volume suddiviso in sembra davvero essere raggiungibile. contemporaneo
zione delle stesse mal digerite! Vale ques? Per servirci della definizione capitoli, corrispondenti al numero Purtroppo questa proposta di lettura
la pena di insistere su questo punto Prefazione di Maurilio Guasco
in negativo usata dalla curatrice il dei temi individuati. Ogni capitolo intensiva non affiancata all'interno
soprattutto tenendo conto del fatto volume in primo luogo non un'an- preceduto da una introduzione che del volume da proposte di lettura Un libro che ci aiuta a riscopri-
che questa la pratica pi comune tologia del Romanticismo (intesa nel individua i punti problematici dei estensiva, di testi integrali e non, re la storia politico-religiosa
nel campo dell'insegnamento della senso di raccolta dei pi significativi testi scelti, relativamente al conte- sotto forma di suggerimenti. Anche contemporanea. Un'appas-
letteratura straniera. passi di autori etichettati romantici). sto. Ogni testo a sua volta precedu- l'insegnante ne avrebbe tratto van- sionata e lucida lezione di me-
Un secondo problema che si pone La definizione in negativo, mi pare, to da una breve presentazione che taggio. Poich i volumi della collana todo.
a chi appronta manuali di letteratu- intende sottolineate, con chiaro in- colloca l'opera nella produzione saranno un prezioso strumento di la-
ra quello delle conoscenze presup- tento polemico, che il volume si dif- dell'autore, nel tempo storico in cui voro non solo per lo studente, ma
poste. Quanto si dovr presumere
che lo studente conosca della storia-
ferenzia dalle formule stantie adot-
tate per la compilazione delle volu-
stato prodotto, all'interno della
struttura del volume. Data l'ottica, i
anche per l'autoaggiornamento de-
gli insegnanti. MARIETTI
svolta. Per esempio, un medico violenze della medicina e psichiatria

La via italiana alla medicina esperto come Cosmacini riesce a tro-


vate degli aspetti scientifici positivi
persino nell'opera di Nicola Pende,
carceraria. Ne testimoniano i casi
giudiziari relativi agli Alti Forni e
Acciaierie di Terni; o la polemica
di Giorgio Bignami limitandosi a condannarlo per i suc- pubblicazione, da parte di alcuni tra
cessivi sviluppi, per l'adesione al re- i periti, dei materiali del caso D'An-
gime, per il manifesto della razza. gelo (un povero disgraziato tra tanti,
Malattia e medicina a cura di F. conclusioni di Robert Koch non si per esempio, quella del declino del- (Pi tardi, coerentemente, Pende af- crepato il 5 maggio 1903 in letto di
Della Peruta, Annali 7, Storia d'Ita- fondarono sulle indagini condotte in la scuola romana, che ancora ai tem- fermer di avere incontrato il padre- contenzione a Regina Coeli: "Rivista
lia, Einaudi, Torino 1984, pp. 1293, Egitto, le quali da sole non bastava- pi della prima guerra costituiva uno terno in persona e contribuir di fat- Sperimentale di Freniatria", 30,
Lit. 10.000. no dato il declino dell'epidemia di dei principali caposaldi della rete to alle crociate dei comitati civici e 1904).
Alessandria (p. 433). Da qui la mos- medico-scientifica europea. Come della peggiore De negli anni della Altri casi ancora consentirebbero
Ventiquattro capitoli in milletre- sa della spedizione governativa uffi- un segnale di arrembaggio, alla guerra fredda, facendo leva su im- una visione meno uniformemente
cento pagine potrebbero sembrare ciale, punteggiata di veri e propri met degli anni dieci lo scontro sulla magini come l'orco sovietico e le negativa di questo sviluppo, come
troppi per un primo giro d'informa- bollettini di guerra, fino a Calcutta, successione alla clinica medica dava madonne lacrimanti). ad esempio le ricerche sulla patolo-
zione e di analisi su Malattia e medi- dove fu infine isolato il vibrione in il via a una medicina fatta di schemi Una recensione a parte meritereb- gia del lavoro in galleria: quelle di
cina dal '700 a oggi: ma giunti al cultura pura). fumosi e pseudoscientifici, soprat- bero i capitoli che riguardano gli in- Angelo Mosso, svolte dietro incarico
termine del volume si deve ammet- Assai meno chiari restano invece tutto aperta a tutti i possibilismi te- fortuni sul lavoro (Roberto Roma- dei lavori pubblici durante lo scavo
tere che sono pochi, anzi pochissimi, altri casi, come quello della malaria, rapeutici, perci cara ai nascenti in- no), gli sviluppi pratici e teorici del dei Giovi, (La respirazione nelle gal-
di fronte alla folla di questioni im- lerie e l'azione dell'ossido di carbo-
portanti sinora sepolte sotto la pol- nio, 1900); o quelle dell'quipe to-
vere dell'italica incuria. rinese di Pertoncito, che dopo la

Guardare in faccia la droga


Molti capitoli si occupano della strage del San Gottardo consentiro-
storia medica, politico-economica e no di scavare il Sempione senza una
socio-culturale delle epidemie ed sola vittima del micidiale Ancylosto-
endemie che hanno marcato a fuoco ma. Ma un discorso a parte merite-
le tappe del nostro sviluppo: dal di Carlo Ferraris rebbe soprattutto la neuropsichiattia
vaiolo (Ugo Tucci), al colera (Anna in era fascista, saltata a pie pari nel
Lucia Forti Messina), alla malaria Claude Olievenstein, Il destino del tossico- incorsi: proprio il caso di dire: "chi senza volume; e non tanto per gli epifeno-
(Paola Corti), alla pellegra (Alberto mane, traduzione italiana di Miriam De Ber- (questo) peccato scagli la prima pietra ". Ben meni sin troppo noti (l'elettroshock
De Bernardi), al tifo (Luigi Faccini), nard, Ed. Boria, Roma 1984, pp. 205, Lit. diverso l'atteggiamento di Olievenstein di Cerletti e Bini), ma soprattutto
alle malattie veneree (Giorgio Gat- che, gi dalle prime pagine di questa sua ope- per i retroscena dello sviluppo. Ci
15.000.
tei), alla tubercolosi (tre capitoli per vale ad esempio per la discussione,
ra, con estrema umilt ma con una chiarezza
i successivi periodi storici, di Chiara presto soffocata, sull'accorpamento
Borro Saporiti, Tommaso Detti e esemplare, ci insegna a non commettere un
delle cattedre di neurologia e di psi-
Domenico Preti), alla vita quotidia- raro trovare un 'opera che dia una de- simile peccato. Umilt che deriva, come la chiatria, con cui il regime demanda-
na in tempo di epidemia (Paolo Sor- scrizione, se non esaustiva, almeno indicativa sua esperienza clinica, dai pi di ventimila va alla componente medico-organi-
cinelli), a malattia e demografia (Er- della personalit del tossicomane, di quali casi osservati dai tredici anni di vita della Co- cistica la definizione e il controllo
cole Sori). Ne emerge una ricapitola- siano le relazioni con l'immagine materna e munit di Marmottan, e dalla convinzione della devianza. Anche qui lo stile di
zione scientificamente rigorosa di paterna, quali le relazioni con quello che gli che, nonostante tanta osservazione, non si lavoro fascista medier abilmente tra
una vicenda spesso feroce di sfrutta- psicanalisti chiamano "oggetto interno ". Di ancora detta la parola fine al problema. E sostenitori come il Mingazzini e op-
mento e miseria, di prevaricazioni e questo lo si sente dalle prime righe, da come positori come il De Sanctis, che per-
come, almeno indicativamente, si possa dire
interessate astuzie dei vari poteri, di descrive il percorso del suo testo: "sarebbe deva la cattedra di psicologia. Ne te-
abbagli, imbrogli e proposte volta che, date quelle costanti di personalit, ci si
una contraddizione ", ci ricorda, "cercare un stimonier la successiva opera dello
per volta ingenue o strumentali dei pu trovare di fronte ad un tossicodipenden- stesso De Sanctis, prima trombato,
loro delegati in ambito medico e te, oppure che, dato un soggetto tossicodi- modo stabilizzato e strutturato per esprimere
poi promosso a pi alti destinati,
scientifico (ma si veda oltre). pendente, ci si trova di fronte a determinate la perturbazione e l'instabilit, concentrate che col suo prestigio sosterr attiva-
N sfugge alla analisi il corollario strutture della personalit. In altre parole solo in intervalli di instabile equilibrio ". mente il regime e il suo duce sulla
delle virt proposte per il popolo raro trovare una descrizione della "clinica" Gi nel primo capitolo, il cui significativo scena scientifica internazionale.
pi o meno fedele e rassegnato: la del tossicomane; e con tale termine, usato se- titolo "Protocollo ", l'a. descrive le difficolt Un discorso a s spetterebbe ai ca-
prudenza nel giudizio sulle cause condo le pi pure tradizioni della medicina, da lui incontrate e le ragioni che l'hanno por- pitoli che si occupano dei luoghi di
dei mali, da attribuire a legge di na- s usa intendere lo specifico "patologico " di tato a dover inventare la clinica dei tossicodi- cura, dei curanti e dei curati: quelli
tura o a proprie colpe ed errori; la un organo oppure di uno specifico sistema di pendenti, delle difficolt e dei trabocchetti cio di Aurora Scotti, Paolo Frascani
giustizia nel riconoscere a Cesare cura ("clinica oculistica " = tutta la patologia che s'incontrano in una simile operazione. e Domenico Preti, su diversi aspetti
quel che di Cesate, subordinando
dell'occhio: "clinica medica" - tutte le affe- Un esempio per tutti. In qualunque stato pa- e periodi dello sviluppo ospedaliro;
le proprie esigenze a quelle delle
zioni curabili con solo medicine). tologico, per quanto difficile sa l'assemblag- quello di Maria Luisa Berti, sulla col-
classi agiate, dello sviluppo, della
gio dei sintomi per giungere alla diagnosi, i locazione e sul ruolo del medico in
guerra; la forza nella sopportazione questo, a mio avviso, il maggior pregio una difficile fase transitoria (dalla
e nella rimozione, essenziali non so- dell'opera di Olievenstein. Infatti la prima criteri di spazio e di tempo sono di per s de-
restaurazione all'unit); quello di
lo all'ordine costituito, ma anche al- volta che viene fatto il tentativo di definire i terminati: per esempio, in una qualche affe- Ada Lonni, sui confronti della medi-
la stessa medicina, per i suoi scopi zione il dolore viene prima della febbre, in
parametri clinici del tossicodipendente, senza cina coi magistrati, da un lato, con i
scientifici e didattici; infine ov- una qualche altra il pallore dopo lo sveni-
dover ricorrere alle classiche analogie psichia- ciarlatani, dall'altro. Qui, chiara-
viamente la temperanza nel man- mento, e cos via. Anche in reperti pi "og-
triche. Si pu ben dire che perla prima volta mente, accanto alle vicende della ge-
giare, nel bere, nel vestire, nell'abi-
il tossicodipendente non definito come lo gettivi", quali il valore della pressione arte- stione dei luoghi di cura, che sono
tare, come conviene a essere inferiori
psicotico, per quel determinato tratto della riosa, o quello della glicemia, sono rapporta- esaminate a fondo, restano aperte
pi prossimi all'animale, o all'ante-
personalit, oppure come un'ossessivo per bili, spazio temporalmente secondo la lo- altre questioni importanti, come
nato selvaggio, che non all'uomo ci-
gica clinica, ai sintomi presentati dal soggetto quella dei rapporti tra medicina e re-
vile. quell'altro, come un isterico od un perverso,
in esame. ligione dall'unit agli anni '20. In-
Con una tale storia dietro le spal- per quel determinato atteggiamento che si fatti il tono bcero di molte polemi-
le, l'utopia igienista che si svilup- osserva con una costanza sospetta. Un simile Non cos, invece, o meglio non sempre che, il taglio granghignolesco di cer-
per nello Stato unitario non potr riduttivismo, a mio avviso, oltre a denunciare cos, nel caso della tossicodipendenza ove il ti scontri, come quello sul caso Mur-
che bordeggiare ambiguamente nel l'inconsistenza di talune descrizioni che vor- ri, non impediscono graduali e si-
sintomo che il paziente presenta non quasi
mare delle troppe contraddizioni rebbero essere oggettive, denunciano il disa- gnificativi avvicinamenti. Il gi cita-
(Claudio Pogliano). Pi tardi, la mai automaticamente rapportabile alla sua
gio di certi ricercatori che, non avendo la pos- condizione di tossicodipendente. Come scrive to Marchiafava, per esempio, in epo-
medicina tardo-positivistica, pur se- ca pre-concordataria poteva essere
gnata da un forte impegno culturale sibilit di avere una chiara idea della clinica Olievenstein, citando Michel Serres (pag. 10)
specifica, tentano di ridurla ad un quadro senatore del Regno e allo stesso tem-
e sociale, ma travagliata da una pro- "Il reale si nasconde tra i possibili, i possibili
po medico ufficiale di Benedetto
fonda crisi di ruolo, non potr effi- psicopatologico pi familiare, vuoi nevrosi, si nascondono sotto il reale ". L'arte del clini- XV. A un suo collega laico della fa-
cacemente contrastare offensive pur psicosi o perversione che sia. Errore metodo- co sar allora pienamente espressa solo quan- colt romana poteva essere affidata
resistibili come quella di un Agosti- logico questo in cui tutti coloro che si sono in- do potr dirimere il dubbio che un determi- dalla Chiesa una materia delicata co-
no Gemelli, e tanto meno opporsi teressati del problema una volta o l'altra sono nato fatto clinico ricada sotto la "legge reale " me quella delle stimmate di tale
alle accorte commistioni proposte in Francesco Forgione, in arte Padre
regime fascista. Cos l'ultimo capito- Pio da Pietralcina, nel tentativo di
lo di Giorgio Cosmacini si ferma sul guadagnare un credito di oggettivit
fraterno e interessato abbraccio tra che i pi tardivi epigoni di ambo le
idealisti, positivisti e neoscolastici; o dove il rendiconto veridico e com- teressi farmaceutici e non. Ne testi- controllo psichiatrico (Francesco De parti giudicheranno superfluo (si ve-
se si preferisce, tra gerarchi, clinici e pleto sugli anni caldi delle scopette moniano sui giornali e giornaletti Peri), la criminologia medica (Renzo dono pi sopra i cenni al caso Pen-
preti. scientifiche rischia di non essere mai dell'epoca gli attacchi violenti e Villa), l'antropometria e l'antropo- de).
Ma quest'opera, appare tanto pi scritto. Troppi documenti infatti ri- scorretti di Achille Sciavo, fondatore logia nelle varie applicazioni, in par-
importante se la si guarda come un sultano ora dispersi, o nascosti chiss dell'ominima ditta, contro uno stu- ticolare il problema nord-sud (Ber- Infine quasi una recensione a par-
punto di partenza, anzich di arrivo, dove; la tradizione orale oramai dioso eminente come Ettore Mar- nardino Farolf). Questi scritti chia- te meritano i due primi capitoli, che
dato il molto che resta da fare per ri- quasi svanita; infine il carrierismo o chiafava, i cui contributi in diversi riscono le articolazioni dello svilup- affrontano i principali nodi dello
costruire i nessi tra storia interna e la paranoia di alcuni dei protagonisti settori della patologia dalla mala- po medico a fronte di una gamma sviluppo medico nel 1700 (Elena
storia esterna. Alcuni casi sono ab- italiani e non hanno celato, o ria alle affezioni neurologiche di pi sempre pi ampia di esigenze, for- Brambilla) e nella prima met
bastanza chiari, come ad esempio riscritto, o fatto riscrivere a proprio difficile caratterizzazione erano nendo una solida base pet gli ulte- dell'Ottocento (Giorgio Cosmacini).
quello del colera: qui infatti doveva uso e consumo molte delle vicende universalmente conclamati. Tale riori approfondimenti in materia. Leggendo quest'ultimo ci sapisce co-
passare inosservata la scoperta in cui si intrecciavano interessi scien- "nuova medicina", ben presto rotta Anche qui, infatti, molti aspetti re- me i vuoti dei tempi di transizione
dell'agente infettivo da parte di Fi- tifici, accademici, economici e poli- a molte infamie nel ventennio, e poi stano poco noti: per esempio, con siano sin troppo egevolmente occu-
lippo Pacini (1854), per poter atten- tici. Del testo gli stessi inglesi a mez- nel secondo dopoguerra, poco a po- l'eccezione da poli di sviluppo a pati da una "fantasia" di proposte e
dere sino al 1882 l'anno della Tri- za bocca lo ammettono per alcuni co si approprier di buona parte del- nord meglio studiati, poco sappia- di modelli, fondati soprattutto sulle
plice il responso della vera scien- aspetti del ruolo sostenuto da Ross. le strutture scientifiche e didattiche, mo di una serie di importanti con- capacit teatrali e manageriali dei
za, quella di Guglielmo e di Bi- Parlando poi di crisi della medici- con i risultati che sappiamo. Ma flitti interni alla scienza ufficiale, protagonisti. Qui il lettore meno ac-
smarck, vittoriosa nella corsa coi na positivistica, altre significative all'apparenza non ancora chiara la chiamata a pronunciarsi ora sulla corto va messo sull'avviso: il Cosma-
francesi. (Un minimo appunto: le storie restano ancora da raccontate; percezione delle origini di questa nuova patologia da lavoro, ora sulle cini infatti, come ogni storico di ri-
spetto, ha sviscerato cos a fondo i GIOVACCHINI, PETER L., Freud
Monetarismo
Medicina
suoi personaggi da innamorarsene per il clinico pratico, Boringhie-
perdutamente (ci vale per Rasori, e ri, Torino 1984, pp. 252, Lit.

in (bianco e ) nero
ancor pi per Tommasini); quindi,
35.000.
viene a mancare una illustrazione
piena dei condizionamenti e ritardi
derivanti dal loro successo che sono Giovacchini, professore di psi-
stati pagati con l'arbitrariet e la ge- chiatria presso l'Illinois College of di Gian Luigi Vaccarino
nericit di alcuni modelli medici, fi- Medicine, ha pubblicato questo li-
CLAUDIA ALLASIA, "Teorie e mo-
no ai nostri giorni. Inoltre, l'analisi bro frutto di un seminario sugli
interna dello sviluppo dei modelli di del corpo", La Nuova Italia Riccardo Patboni, Moneta e mo- Bretagna e degli Usa e il cui espo-
scritti freudiani, dedicando una par-
medici si ferma praticamente a que- Scientifica Roma, 1984, Lit. ticolare cura nel chiarire le difficolt netarismo. Da Keynes a Friedman, nente pi conosciuto e pi ascoltato
sto punto, a parte i cenni gi citati a 7.000. che la lettura del testo pu presenta- Il Mulino, Bologna 1984, pp. 324, senza dubbio Milton Friedman
proposito dell'ultimo capitolo: resta te, le contraddizioni e incongruen- Lit. 20.000. si fonda su tre presupposti che, se
il buco dei primi cinquant'anni del- L'autrice si propone di sostituire ze, ma anche, con un paziente lavo- veri, rappresentano una smentita ra-
lo stato unitario. Qui la scena italia- all'idea di corpo il concerto di perso- ro di scavo, portando alla luce mate- La dottrina monetarista che, dicale alla teoria keynesiana, e tolgo-
na si complica per l'intreccio di filo- na e cerca di ricostituire l'unit io- riali preziosi e talvolta inosservati, com' noto, ha guadagnato un'in- no pressoch ogni legittimit alle
ni indigeni e importati, in particola- corpo individuando i principali fat- soprattutto per quel che riguarda lo fluenza profonda sulla condotta del- politiche di sostegno alla produzio-
re per le tensioni tra i paradigmi del- tori che la compongono. Presenta studio degli stati psichici primitivi. la politica economica della Gran ne e all'occupazione. Il primo ri-
la patologia cellulare virchowiana, le g u a r d a l e il s e t t o r e " r e a l e "
versioni ammodernate dei vecchi dell'economia, e afferma che quan-
modelli umorali, sostenute dai pri- do i capitalisti e i lavoratori hanno
mi sviluppi della biochimica, infine aspettative mediamente corrette ri-
quegli schemi pi ampi che accolgo- o sotto la "legge immaginaria". Solo dopo al sempre attivo e angosciante senso di man- guardo all'inflazione futura, il livel-
no elementi socio-antropologici ma aver risolto questo dubbio potr essere impo- canza. lo della produzione e quello
spesso decadono nel generico. stata una efficace terapia del caso. Orbene, il tossicomane, per le ragioni che dell'occupazione sono al loro equili-
A questo punto ovviamente si pone la do- Olievenstein cos convincentemente descrive brio "naturale". Tutta la disoccupa-
D'altra parte la materia affidata a
manda del "cosa fare " per i tossicodipenden- nel capitolo "L'Infanzia del tossicomane", zione statisticamente rilevata per-
Elena Brambilla appare oramai siste-
ci volontaria, e una crescita (o una
mata. Finalmente si comprende co- ti. Il libro di Olievenstein non d ricette; anzi non ha potuto costituirsi una solida struttura
riduzione) ulteriore della domanda
me dopo molti secoli di medicina da tutta la sua opera traspare la sua convin- psichica, ma possiede un patrimonio emotivo di beni e servizi (in termini nomina-
nominalistica, personalistica e cor- zione che non esiste "una" terapia. L'aiuto dominato da un 'evoluzione psichica li) in ultima analisi ha effetto solo
porativa, rapidamente emergano le che si pu dare al tossicodipendente la con- dell'identit, e la successione delle costruzio- sui prezzi e non sulla produzione e
coordinate di un operare e di un teo- tinua e costante comprensione del suo caso; ni che consentono di rinforzare l'identit, di sull'occupazione. Gli altri due ri-
rizzare moderno: nella professione,
perch ogni soggetto unico ed esclusivo e cos incerta natura che non pu sentire piena- guardano invece il settore monetario
nella ricerca, nella didattica, nell'in-
rapportabile ad altri analoghi solo in una de- mente di appartenere, dal punto di vista dell'economia, cio la domanda e
tervento pubblico. Leggete per ulti-
finizione teorica. Ma c' da chiedersi: esiste emotivo, all'uno od all'altro sesso con la con- l'offerta di moneta. La moneta che
ma questa analisi esemplare. Il tour
veramente una soluzione definitiva alla tossi- seguente angoscia terrifica, del non sentirsi viene tenuta da singoli e societ (la
de force che ne risulta appare quasi
codipendenza? C' veramente la possibilit contenuto o legato n dall'uno, n dall'altro domanda di moneta) sta in un rap-
incredibile, sino a offuscare la fama
porto stabile con il reddito nomina-
dei grandi numi di un ideale empi- di eliminare la sofferenza del soggetto tossi- n dall'uno, n dall'altro genitore. le, e non dipende in modo rilevante
reo storico-medico mondiale. codipendente? Io credo, con Olievenstein, Cos, per il nostro autore, si osserva que- come avviene invece secondo
La riflessione sui problemi di oggi che questo sar possibile solo dopo che il sog- Keynes dal tasso di interesse sui
sta stretta correlazione tra tossicodipendenza
attraverso il fdtro di questa Storia, e getto si sar reso consapevole che l'uso della titoli.
di quella ancora da scrivere, un ed atteggiamenti androgini.
droga non la fuga nel nulla, nell'"anenke ",
esercizio necessario e utile, anche se Da tutto questo deriva la spiegazione Ci significa, in termini empirici,
nel fantasticato universo dell'assenza di ogni
spesso penoso e difficile. Sin troppo dell' atteggiamento ossessivo che hanno i tos- che ii rapporto tra il reddito nomi-
breve appare ancora la distanza tra il angoscia, d ogni senso di mancanza, ma la ri- nale e la quantit di moneta presen-
sicodipendenti gi pi o meno stabilizzati
medicinam cum lacte bibamus dei cerca inconsapevole di negare la perdita della te nel sistema che per il fatto di
nei confronti della droga; atteggiamento
secoli andati e il ferreo nepotismo fusione totale con una figura materna ideale. essere posseduta da qualcuno per-
che appare, nel suo aspetto esteriore, simile
delle corporazioni attuali; dagli ci stesso una quantit "domanda-
Si potrebbe cos dire che prima di dare as- alla ricerca del sesso. Sia nell'una che nell'al-
schemi eclettici di un Tommasini ta" , rapporto che viene denomi-
suefazione, la droga d un'illusione": l'illu- tra esperienza vi sar la ricerca dell'altro se nato tecnicamente "velocit di circo-
all'odierno possibilistico avallo di
ogni prassi di non provata efficacia; sione di poter rientrare in quell'utero dal stesso: "donde l'aspetto volontaristico che lazione della moneta", una costan-
dalle dure offensive di controriforma quale il tossicodipendente si era sentito esclu- contraddistinguer il procedere del tossico- te e non una variabile come per Key-
nell'Ottocento (per esempio, dopo dere all'atto della nascita. Con la sensazione mane... verso la ricerca, nello specchio, di nes. Infine, l'ultimo presupposto
la modifica dell'allucinante regola- che offre il buco, il flash, si torna alla fusione una doppia identit, di alcuni ritrovamenti (questo condiviso anche da Keynes e
mento cavouriano sulla prostituzio- totale, all'unit con la figura materna che reperibili pi o meno attivamente in una co- da molti keynesiani) che la quan-
ne e sul controllo delle malattie ve- non annullamento dell'Io, ma riconquista presenza bisessuale ". Questa co-presenza do- tit di moneta presente nei sistema
neree) ai modi con cui si sabotata e d qualcosa di precedentemente perduto. vrebbe avere la funzione di neutralizzare la il risultato di una creazione (di
poi attaccata la legge 180. Chi legge separazione delle parti. Ma questa "sar con- un'"offerta") di moneta che nelle
Nel sostenere questa tesi, Olievenstein ri- sue determinanti fondamentali
i grovigli e pateracchi assistenziali
prende il mito dell' androginia; cio, il mito temporaneamente fruttuosa, consentir di in-
creati durante la prima guerra, e so- esogena. Con ci si intende dire che
prattutto durante il fascismo, capir della coesistenza, nello stesso essere, dei ca- tra-percepire, e frustrante, perch non pu questa quantit viene determinata
meglio il nostro stile di lavoro: pri- ratteri maschili con quelli femminili. L'an- incorporare veramente se non una costruzio- dalle autorit monetarie (Banca cen-
vatizzazione dei profitti, socializza- drogino, in tutte le culture in cui compare, ne dell'immaginario ". trale e Tesoro), tenuto conto delle
zione delle perdite, e al diavolo chi rappresenta un profondo desiderio di unit e Insomma, tutto il testo si snoda sui tre bi- caratteristiche istituzionali del siste-
ha bisogno e diritti. Al limite del di completezza: non a caso le antiche statue a nari indicati da Lacan: l'immaginario, il sim- ma bancario.
folklore, i pressanti telegrammi dei lui dedicate, rappresentavano la saggezza e la bolico, il reale. Tutta la comprensione che Questi tre presupposti, presi con-
professori-imprenditori al senatore virt. Anche Freud, avvicinandosi in questo a giuntamente, implicano la teoria
Olievenstein ha del problema, e che deriva da
Marchiafava, per fargli sperimentare quantitativa della moneta in senso
Platone, avanza l'ipotesi che la precedente alcuni lustri di attivit sul campo, stato tra-
nuovi miracolosi rimedi sul papa stretto. Infatti: 1) la produzione e
agonizzante (siamo al 1922), scopro- unit perduta viene pallidamente ritrovata sfuso in queste circa duecento pagine. Essa "si
nella spinta delle tendenze sessuali. Ma vi l'occupazione si determinano indi-
no le origini delle nostre simone, articola sull'ascolto della sofferenza e della pendentemente dalla quantit di
come quella di un antico ateneo che nostalgia: la relazione d'amore, l'unione dei volont di trasgressione del tossicomane e po- moneta, in base alle sole forze "rea-
oggi svende il nome e l'immagine di sessi tende a ripristinare la perduta unit. La ne il problema di una clinica in movimento: li" dell'economia, il che significa
Morgagni alla pubblicit farmaceu- tanto decantata complementariet solo un una clinica che respiri e viva, che vada dal che la quantit di moneta neutra-
tica. Molti oggi, a leggere queste pa- vago, temporaneo e, il pi delle volte anche particolare, il tossicomane, al globale del fe- le, e che una politica monetaria di
gine, dovrebbero tremare, nel vede- insoddisfacente, tentativo di ritrovare il per- nomeno, la tossicodipendenza e la sua espan- credito facile non pu influire in
re per analogia smascherate le pro- duto. Il sesso non , dunque, solo il tentativo modo durevole a sostegno
sione " come in modo cos completo dice nella
prie mistificazioni. di un 'urgenza narcisistica all'unit, ma anche dell'occupazione; d'altra parte, 2) il
sua avvertenza all'inizio del volume, la sua
Ma in Malattia e medicina, mal- una necessit vitale di trovare una via d'uscita curatrice. livello dei prezzi in equilibrio di-
grado tutto, non vi n pessimismo pende dalla quantit di moneta of-
n sconforto. A pi riprese si deli- ferta dalle autorit, il che significa
neano anche positivi sviluppi, emer- che il potere d'acquisto della mone-
gono figure di provata solidit cultu-
rale e scientifica, di limpide creden- quindi e illustra le teorie che hanno Le opere di Freud sono trattate in
ziali etiche, di generoso impegno provocato una maggiore considera- successione non cronologica ma se-
politico, e si analizzano motivi e zione dell'attivit corporea e senso- condo le successive fasi di formazio-
modi delle loro sconfitte. Come riale, contribuendo all'attuale inte- ne dei concetti nell'intento di deli-
hanno scritto di recente Delia Eriges- resse per il corpo e per le sue forme neare lo sviluppo della teoria delle
si Castelnuovo e Michele Risso (A espressive: la psicotecnica di Stani- pulsioni in modo sistematico. E una
mezza parete, Tqrino, 1982): "Il slavskij e la biomeccanica di Mejer- utile traccia per un percorso da com-
progresso della medicina lento e chold, il teatro povero di Grotowski piersi direttamente sul testo freudia-
difficile (...). Il problema della in- e la danza moderna, i gruppi d'in- no al cui valore, oltre che tecnico-
giustizia della miseria, della violen- contro americani e la psicosintesi, la scientifico, letterario, con il piacere
za, percorre la storia". Agli artefici bioenergetica, la comunicazione che se ne ricava, l'autore stesso invi-
di Malattia e medicina, siamo debi- non-verbale, un'antica arte marziale ta a non rinunciare.
tori non solo di un'opera scientifica e l'espressione corporea. (a.v.
e letteraia solidamente costruita, Il libro si
ben scritta, minuziosamente curata; conclude con una domanda: sono
ma anche per la restituzione di co- sintomi di profonda inquietudine
spicua parte di una memoria storica,
quelli che hanno attribuito al corpo
essenziale ad affrontare i problemi
un'importanza eccezionale?
di oggi. (a.v.)
ta dipende dalla sua quantit per al pensiero monetario di Keynes e e non esogena, della quantit di mo- alla prova dei fatti, il rispetto dei cri- netarismo sul piano della teoria mo-
ci appunto questa teoria viene det- dei post-keynesiani, all'interno del neta. Per operare il controllo della teri monetaristi nella conduzione netaria. Del resto Parboni, assai giu-
ta "teoria quantitativa". quale egli opera una decisiva rivalu- quantit di moneta, ad esempio allo delia politica monetaria si rivelato stamente, non manca di mettere in
L'inflazione , dunque, causata tazione del Rapporto Radcliffe del scopo di ridurne la creazione a fini secondo Parboni o impratica- rilievo anche le debolezze delle teo-
da una creazione "eccessiva" di mo- 1959. anti-inflazionistici, occorre anzitutto bile, o privo di senso. rie non monetariste, soprattutto per
neta da pane delle autorit moneta- La seconda parte del libro contie- scegliere un aggregato monetario da Il successo dei governi conservato- quanto riguarda l'analisi del modo
rie, ove per eccessiva si intende una ne una verifica empirica delle princi- controllare tra le varie attivit che, in ri i n g l e s e e s t a t u n i t e n s e di funzionare del settore "reale"
crescita dell'offerta di moneta che, pali tesi del monetarismo che di- misura maggiore o minore, presen- nell'abbattere l'inflazione non costi- dell'economia, che il nodo cruciale
pet via del secondo e del primo pre- scendono dai suoi tre presupposti tano la caratteristica di "moneta". tuisce perci una conferma della teo- di ogni spiegazione dell'inflazione
supposto, porta ad un eccesso di do- fondamentali. li primo capitolo di Se la moneta esogena, questo pro- ria monetarista, ma si spiega in base alternativa a quella monetarista (si
manda nominale di beni e servizi questa parte illustra gli aspetti gene- blema che si pone concretamente a processi economici che possono es- vedano a questo proposito le consi-
sulla produzione "naturale" che d rali del monetarismo, mentre quelli solo allorch viene adottata una po- sere interpretati solo con il ricorso ad derazioni svolte nell'introduzione e
luogo ad una crescita continua dei successivi entrano maggiormente nel litica anti inflazionistica di tipo mo- un apparato analitico di derivazione nel cap. terzo della pane seconda). E
prezzi. Una riduzione merito delle verifiche empiriche. Per netarista ha un rilievo puramente keynesiana e post-keynesiana. An- sono queste debolezze che hanno
dell'inflazione si pu ottenere, per- quanto riguarda l'instabilit della pratico: pi utile controliae che se accenni in questo senso non portato molti keynesiani di imposta-
ci, solo con una riduzione domanda di moneta, Parboni con- quell'aggregato che pi stretta- mancano qua e l, questa spiegazio- zione pi radicale a profetizzare au-
dell'offerta di moneta, un compito clude nel capitolo quinto che mente correlato con il reddito nomi- ne non rientra evidentemente nel te- menti disastrosi della disoccupazio-
che spetta alle autorit monetarie il quadro d'insieme prospettato nale in base all'esperienza passata. E ma del libro, che resta fondamental- ne per effetto delle politiche anti in-
(ossia, in definitiva, ai governi) e dall'esperienza storica, soprattutto questo il modo con cui la questio- mente una rassegna critica del mo- flazionistiche adottate negli Stati
non alle parti sociali (le quali, da s, Uniti e in Gran Bretagna, che non si
non sono in grado di sostenere auto- sono poi verificati nei fatti.
nomamente un processo inflazioni-
stico). E poich la moneta "neutra- Il libro, nel suo complesso, ric-
le" a parte la possibilit, solo
transitoria, di aspettative erronee
Paolo Sylos Labini Marcello Messori (a cura di), chissimo di riferimenti assai puntua-
li in un campo in cui la letteratura
sull'inflazione futura la riduzio- Le forze dello s v i l u p p o e J o s e p h Alois Schumpeter ormai sterminata, e si presenta per-
ne dell'inflazione per via monetaria ci come un utile strumento sia per
avr bens qualche effetto negativo del declino il Mulino, Bologna 1984 gli studiosi, ai fini di approfondi-
sulla produzione e sull'occupazione, menti ulteriori, sia per gli studenti
ma solo di entit limitata e di breve Laterza, Bari 1984, pp. 392, Lit. 18.000. di economia, come guida critica alle
durata: alla fine l'una e l'altra torne- pp. XIV+ 290, Lit. 18.000. questioni pi controverse della poli-
ranno al loro livello "naturale". tica monetaria. Trattandosi di una
Il libro di Parboni ha come scopo La figura di Schumpeter tornata all'at- rassegna, il lettore non pu aspettar-
di mostrare che queste tesi moneta- Il libro, che intende studiare le relazioni tenzione anche dei non specialisti per la ricor- si un impianto rigorosamente coe-
ristiche sull'inflazione e sulla disoc- renza, avvenuta l'anno scorso, del centenario rente sul piano della teoria. Tutta-
tra innovazioni, mutamenti nelle forme di
cupazione che si vorrebbero con- della nascita da alcuni anni al centro di via, una migliore organizzazione del
mercato e distribuzione del reddito, costitui- materiale e dell'esposizione sarebbe
fortate anche dai risultati delle poli- una ripresa d'interesse tra gli economisti. Co-
tiche economiche adottate dalle am- sce una ideale continuazione delle preceden- stata possibile e avrebbe giovato alla
ti, fondamentali, pubblicazioni di Sylos Labi- me mostra nella sua densa introduzione Mar-
ministrazioni in carica negli Stati chiarezza e all'efficacia della tesi
Uniti e in Gran Bretagna non ni: da Oligopolio e progresso tecnico, ai Pro- cello Messori autore di numerosi ed origi- dell'autore, e una maggiore preci-
hanno in realt molto fondamento, blemi dello sviluppo economico, al pi recen- nali contributi di teoria monetaria e relativi sione teorica su alcuni punti cruciali
n sul piano della teoria, n su quel- te Il sottosviluppo e l'economia contempora- all'economia italiana questo revival pare sarebbe stata la benvenuta. Ad
lo pratico. Argomenti centrali del li- nea. Interesse costante di Sylos Labini sem- per travisare l'elaborazione dell'autore au- esempio, non sempre ben chiaro
bro sono, infatti, la critica al secon- pre stato quello di superare la staticit della striaco ed amputarne i momenti pi origina- che cosa Parboni intenda precisa-
do e al terzo presupposto del mone- teoria dell' equilibrio economico generale, li: la teoria monetaria, l'interazione tra ciclo e mente per "endogenit della mone-
tarismo, cio alla pretesa stabilit trend, l'endogenit del processo di sviluppo. ta": talvolta egli si riferisce al pro-
che assume a problema principe della teoria
della domanda di moneta e La ricorrente marginalizzazione di Schumpe- dotto della quantit di moneta per
economica l'ottima allocazione delle risorse, la velocit di circolazione, e afferma
all'esogenit della sua offerta. Il pri- ter, e la parzialit dei recuperi, hanno la loro
mo tema abbastanza familiare agli per concentrare invece l'attenzione sui temi che se la quantit insufficiente, la
del mutamento tecnologico e dello sviluppo spiegazione, almeno in parte, nell'essere velocit crescer ossia si ridurr la
studiosi di teoria monetaria, in
quanto stato al centro della contro- economico. L'autore stato quindi portato a Schumpeter scienziato sociale nel senso pi domanda di moneta (p. 170). Al-
versia tra monetaristi e keynesiani ritornare ai classici Smith (per il nesso merca- ampio del termine. Egli non si limita cio a trove (p. 169) egli parla di "forte as-
fin dal primo tentativo di Friedman to-innovazioni) e Ricardo (per la relazione tra giustapporre approcci disciplinari differenti sociazione nel tempo tra l'andamen-
(che del 1956) di riformulare in distribuzione del reddito e accumulazione), ma propone una scienza unificata. Merito to del reddito e l'andamento dello
termini moderni la teoria quantitati- ma soprattutto a Marx e Schumpeter (unici non piccolo di questo libro dunque quello stock di moneta" come conseguenza
va. autori in cui sviluppo e ciclo sono parte di un di restituirci, nell'accurata scelta antologica, del fatto che "ogni livello di reddito
La parte prima del libro ricostrui- uno Schumpeter integro nella sua ricchezza. nominale si crea sempre un ammon-
processo unico, e la cui analisi della concen-
sce le posizioni teoriche in campo, La messa a disposizione di numerosi testi qui tare di mezzi di pagamento adegua-
trazione delle attivit produttive e della tru- to" . Ci implica la stabilit della do-
che sono rappresentate principal- stificazione utile per la comprensione delle tradotti per la prima volta lo rende uno stru-
mente secondo Parboni da tre manda, ed perci il prodotto o di
moderne economie industrializzate). L'inte- mento indispensabile. una "endogenit" della quantit of-
scuole: quella di Keynes e dei post-
keynesiani, per i quali la domanda grazione con il contributo di Keynes relati- ferta" (secondo la tesi di Kaldor che,
(r.b.) tuttavia, Parboni critica), o di una
di moneta dipende in modo rilevan- vamente all'analisi della domanda effettiva,
te dal tasso di interesse a lungo ter- dello stato e dei sindacati consente poi una politica monetaria accomodante da
mine (in modo tanto pi rilevante originale analisi delle variazioni della produt- parte dell'autorit, il che, per
quanto pi basso il tasso) e per i tivit, dell'inflazione e della relazione tra perfettamente compatibile con la
quali, soprattutto, la domanda nel prezzi e distribuzione del reddito, come an- teoria esogena ortodossa dell'offerta
suo complesso presenta una forte in- di moneta, inclusa la teoria (anche
che l'introduzione del concetto disaggio "ot-
stabilit a causa del mutare delle se non la politica) monetaristica. Ma
timo" di proftto e una nuova diagnosi della tutto ci nulla toglie ai meriti
aspettative; la scuola neokeynesiana, crisi degli anni '30. (r. b. )
per la quale la domanda di moneta dell'opera, che sono tanto maggiori
dipende moderatamente dal tasso di in quanto si tratta di un contributo
interesse (a breve o a lungo termine) critico, assai raro nel campo econo-
e assai di pi dal reddito, mentre la mico in questi tempi.
relazione nel suo complesso molto
stabile; la scuola monetarista, infi- quella pi recente, sembra pi con- ne viene liquidata dai monetaristi,
ne, che si differenzia dalla preceden- sono alla visione keynesiana-radclif- in tutta coerenza, dei resto, con il lo-
te per il fatto di ritenete del tutto fiana di estrema instabilit e di scar- ro presupposto fondamentale.
ininfluente o assai poco influente il sa affidabilit ai fini del controllo Ma se la moneta endogena, ossia
tasso di interesse. monetario, che non a quella mone- se la crescita del reddito nominale STORIA D'ITALIA
Dal punto di vista dell'instabilit taristica di stabilit, di facile previ- determina anche, in misura consi-
sione e di possibilit di controllo. stente e indipendentemente
diretta da Giuseppe Galasso
che Parboni ritiene centrale, an-
che sulla base dell'esperienza pratica I capitoli pi interessanti della se- dall'assenso delle autorit, una cre-
pi recente le due ultime scuole conda parte sono tuttavia a mio scita delle attivit finanziarie che
presentano, secondo l'autore, pi avviso quelli relativi alla critica svolgono in senso lato la funzione di
somiglianze che differenze, accen- del presupposto monetarista sul ca- "moneta", allora: o il controllo
tuate anche dal fatto che entrambe rattere esogeno dell'offerta di mone- dell'aggregato prescelto privo di volume undicesimo
fanno ricorso, nel metodo di analisi ta. Esso implica, infatti, che ci sia efficacia perch le sue funzioni ven-

| IL DUCATO DI MILANO |
dei mercati monetari e finanziari, ai una vera e propria relazione di cau- gono sostituite da altri aggregati non
principi dell'equilibrio neoclassico salit che va dalla quantit di mone- soggetti a controllo; oppure le auto-

| dal 1535 al 1796 |


(gli stessi che, applicati al settore ta al reddito nominale, nel senso che rit monetarie si trovano nella neces-
"reale" dell'economia, stanno a fon- quantit di moneta (controllata sit di ampliare molto lo spettro de-
damento del primo presupposto di dalle autorit monetarie) che deter- gli aggregati da includere nella defi-
cui s' detto all'inizio). Di qui la mina un certo reddito nominale, e nizione di "moneta" da sottoporte a
conclusione di Parboni, secondo cui non viceversa. A questo proposito controllo, perdendo, per, grave- H di Domenico Sella e Carlo Capra H
la r i f o r m u l a z i o n e neoclassica nel capitolo secondo Parboni, dopo mente nel grado di efficacia dei con-
dell'originaria teoria della domanda aver passato in rassegna i tentativi di trolli. In pratica, l'elusivit della de-
di moneta di Keynes, iniziata da To- verifica empirica, giunge alla con- finizione di moneta stata uno dei
bin e prima anora da Hicks, i due clusione che l'indagine econometri- motivi per i quali le autorit mone-
massimi esponenti della scuola neo- ca non riuscita a dimostrare in mo- tarie statunitensi dall'inizio del
keynesiana, avrebbe aperto la strada do convincente che la moneta sia 1983 hanno deciso di abbandonare i = Pagine XII - 684 con 20 tavole fuori testo.
alla teoria quantitativa nella versio- esogena. E l'esperienza pratica dei controlli della quantit di moneta,

UTET
ne di Friedman. Com' ovvio, le controlli monetari (capitoli quarto e pur continuando a fissare degli
ptefetenze dell'autore vanno invece sesto) conferma la natura endogena, obiettivi di riferimento. Dunque,
Economia
di un volume della bella collana
"Studi NIS Economia" curata da
Sandro Vercelli, e che ha gi pubbli-
lisi separata ed indipendente; piut-
tosto, viene svolta una teoria della
"produzione in complesso", cui poi
Le tre generazioni
cato pregevoli lavori quali quelli di

della sociobiologia
segue una analisi delle singole parti
Goodwin sull'analisi dinamica e di come elementi cruciali del quadro.
ANDREA GUARDONI, Le politi- Tonveronachi su Keynes. Prendendo La seconda parte espone il modello
che tecnologiche delle imprese le mosse da una distinzione tra l'uso statico, affrontando il tema dibattu-
industriali. L'analisi dell'am- della parola causa nei modelli eco- to dei fondamenti microeconomici d Alfredo Milanaccio
nomici e causalit tra fatti del mon- di domanda e offerta aggregata. La
biente scientifico tecnologico,
do reale, Filippi si concentra preva- terza parte d il giusto rilievo agli
Giuffr, Milano 1984, pp. 167, lentemente sullo studio del primo C.J. Lumsden, E.O. Wilson, Il Questa la versione per un pi
aspetti finanziari della determina-
Lit. 12.000. termine. L'autore definisce relazio- zione dell'interesse, della specula- fuoco di Prometeo. Le origini e lo vasto pubblico di un precedente te-
ne causale una relazione che riguardi zione e del finanziamento. Al mo- sviluppo della mente umana, Mon- sto, per specialisti (Genes, Mind and
L'autore, docente di Economia eventi relativi a sistemi diversi e ca- dello dinamico (quarta parte), segue dadori, Milano 1984. Introduzione Culture. The Coevolutionary Pro-
delle aziende industriali presso ratterizzata da asimmetria tra gli infine una analisi dei problemi di di A. Oliverio, traduzione di D. Zi- cessi, dU giovane biofisico canadese
l'universit Bocconi, partendo dalla eventi stessi. Particolare attenzione politica economica, che mostra come noni (edizione orig. Promethean Fi- C.J. Lumsden, e di E.O. Wilson, or-
diffusa consapevolezza che la politi- viene dedicata ai contributi di Si- il riduzionismo dell'interpretazione re, Harvard University Press, Cam- mai notissimo anche in Italia, che
ca dell'innovazione decisiva nel mon (criticando l'identificazione tra neoclassica di Keynes sia all'origine bridge, Mass. 1983), pp. 271, Lit. continua ad essere impropriamente
determinare il successo o l'insuccesso ordinamento causale e relazione delle difficolt contemporanee, (r.b.) 16.000. considerato come il creatore della so-
delle imprese, sostiene l'indispensa- ciobiologia.
bilit della formulazione di una po- L'abilit di divulgatore ad alto li-
litica tecnologica (acquisizione/ces- vello di Wilson (gi ampiamente
sione di brevetti, know-how, impre- comprovata da On Human Nature,
se; scelta delle tecnologie da svilup- Michele Salvati estensione del 27 capitolo di Socio-
pare). Tale politica richiede la cono- biology. The New Synthesis), si con-
scenza delle opportunit tecnologi- E c o n o m i a e politica in centra qui su uno dei temi pi affa-
che presenti nel sistema scientifico, scinanti e controversi della scienza
ma perch l'opportunit si trasformi Italia dal dopoguerra ad oggi contemporanea: la possibilit di co-
in reale innovazione necessaria struire una teoria convincente della
l'esistenza di una domanda di mer- Garzanti, Milano 1984 co-evoluzione generico-culturale del
cato insoddisfatta o soddisfattibile: pp. 190, Lit. 10.000 comportamento sociale umano. Le
la tesi che "un approfondito studio teorie genetico-evolutive e generico-
sui bisogni costituisce Tasse portante culturali (il plurale d'obbligo
di tutta l'attivit innovativa". Il li- Michele Salvati sviluppa organicamente particolare, alle occasioni mancate del pe- perch si contano ormai a dozzine)
bro si conclude sulle metodologie in questo volume un'interpretazione dello riodo (1964-73) che Salvati imputa l'incep- possono essere considerate a pieno
operative per la previsione dell'evo- titolo, storico e logico, come la terza
sviluppo economico italiano dal dopoguerra parsi dell'accumulazione: per le difficolt del
luzione tecnologica, affermando che generazione degli studi e delle ricer-
ad oggi. Il titolo stesso del libro suggerisce il nostro sistema politico-sociale a darsi un as- che sociobiologiche. Una sommaria
nella pratica la sorveglianza dell'am-
biente tecnologico affidata ad ap- taglio interdisciplinare e la tesi centrale setto congruente con le domande di un paese ricostruzione delle tre generazioni
procci empirici, scarsamente struttu- dell'autore. La spiegazione della "lunga cre- capitalistico industrialmente avanzato (la sociobiologiche pu essere utile per
rati. Stante ci era utile dedicare un scita" (1948-63) come della "lunga crisi" "manutenzione straordinaria"). Scritto con la collocare meglio il posto che occupa
capitolo alle politiche di diffusione (1974-83) risiede non soltanto in fattori eco- consueta maestria e chiarezza espositiva, te- Ilfuoco di Prometeo.
delle informazioni e innovazioni nomici in senso stretto, ma anche e soprattut- sto che si sa personale e provocatorio, voluta- La prima generazione sociobiolo-
tecnologiche. to in fenomeni sociali, culturali e politici. In mente accessibile al vasto pubblico. (r.b.) gica, attiva soprattutto negli anni
(a. e.) '60 per merito di studiosi inglesi e
scozzesi (V.C. Wynne-Edwards,
Dizionario W . D . Hamilton, J. Maynard Smith,
R.L. Trivers e altri) una sorta di fe-
NICHOLAS KALDOR, Equilibrio, di e c o n o m i a politica condo incrocio fra biologia delle po-
distribuzione e crescita, a cura di polazioni ed etologia comparata (ma
Ferdinando Targetti, Einaudi, voi. 8: D o m a n d a Offerta non estesa alla specie umana) e si
Torino 1984, pp. LXXXVIII + concentra sul problema focale
323, ed. orig. I960, 1978, 1979,
diretto da Giorgio Lunghini con la dell'evoluzione dei comportamenti
trad. dall'inglese di Aldo Cbian- collaborazione di Mariano D Antonio, altruistici. La seconda generazione,
che certamente ha in Wilson e nella
cone, Nicol De Vecchi, Nanni Boringhieri, Torino 1984, pp. 183, Lit. 20.000 sua monumentale e discussa "nuova
Negro, Giancarlo Pala, Studio sintesi" il suo punto di forza ma che
Editoriale Esse, Lit. 45.000. altrettanto certamente non si esauri-
Giunge con questo volume, l'ottavo, a Crescita, Crisi (7). Ogni voce, dopo una pri-
sce nel solo Wilson (si devono ricor-
met delle voci previste il nuovo Dizionario ma definizione del concetto data nell'intro-
Formatosi in ambiente neoclassi- dare almeno D.P. Barash, R.D. Ale-
di economia politica edito da Boringhieri e duzione, si struttura in una prima parte che xander, P.L. van den Berghe e R.
co, la conversione di Kaldor a Key-
nes successiva alla Teoria Generale. curato da Lunghini (l'editore torinese aveva espone l'uso della categoria nei diversi perio- Dawkins), si caratterizza soprattutto
Egli per subito discepolo origina- gi pubblicato a met degli anni cinquanta di della storia dell'analisi economica, ed una per la prudente estensione dei prin-
le. Fondamentale la sua ricerca sul- un testo dall'identico titolo curato da Clau- seconda parte dedicata alla discussione con- cipi sociobiologici al comportamen-
la teoria della crescita, del ciclo e dio Napoleoni). Varr forse la pena ricordare temporanea. In questo volume, Marco Dardi to sociale anche di Homo sapiens.
della distribuzione, in cui il molo al lettore le voci gi uscite: Capitale, Lavoro, tratta della "domanda " sottolineando le dif- Dalla seconda met degli anni '70,
chiave svolto dalla dinamica Terra (1 voi.); Consumo, Reddito (2); In- ficolt incontrate dalla teoria nel conciliare la sessualit, i legami famigliari,
dell'investimento, e le cui fonti teo- analisi della domanda ed analisi della spesa. l'aggressivit, la divisione del lavo-
vestimento, Occupazione (3 ); Economia
riche sono il Trattato della moneta ro, la religione, la comunicazione e
monetaria internazionale, Finanza pubblica Ter quanto riguarda C'offerta", Ferdinando
di Keynes e i classici. Il libro curato altre aree comportamentali sono
(4); Interesse, Moneta (5); Distribuzione Targetti dedica particolare attenzione alla state attentamente esaminate nei lo-
da Targetti (che ha premesso una
esauriente biografia intellettuale ed del reddito, Rendita, Scambio (6); Credito, moderna teoria del sovrappi. (r.b.) to significati evolutivi.
una bibliografia degli scrittoti di Lo sviluppo logico di tali studi,
Kaldor) il primo di una raccolta di ma anche la presa in considerazione
saggi in tre volumi: il primo tratta, di alcune critiche ai limiti e alle rigi-
appunto, di "equilibrio, distribu- dit concettuali della sociobiologia
zione e crescita", e verr seguito da causale), di Hicks (per segnalarne in-
coerenze) oltre che ai modelli dina- di seconda generazione, hanno por-
un secondo su occupazione, interes- tato alla definizione di modelli co-
se e moneta, economia del benesse- mici (negando che la asimmetria
temporale sia sufficiente a costituire evolutivi bio-culturali, cio alla so-
re, e da un terzo sui problemi dello ciobiologia di terza generazione. In
sviluppo e dell'economia internazio- nessi causali). (r.b.)
alcuni di questi modelli e 11fuoco
nale. Da segnalare, oltre agli scritti di Prometeo ne un esempio bio-
polemici contro le teorie marginali- logia e cultura evolvono congiunta-
ste della distribuzione, della crescita mente in un doppio circuito di re-
e dell'equilibrio, due importanti VICTORIA CHICK, La macroeco- troazione, e la mente ne il tramite
saggi, l'uno su "le cause del basso n o m i a d o p o Keynes, Il Mulino, centrale.
saggio di sviluppo economico del Bologna 1984, pp. 581, ed. orig. Come viene ricostruito da Lum-
Regno Unito" (nel quale il fattore 1983, trad. dall'inglese di Gian- sden e Wilson questo doppio feed-
fondamentale della crescita sono le back, che ritenuto caratteristica
carlo Gozzi, Lit. 40.000.
esportazioni manifatturiere), e l'al- esclusiva e distintiva della specie Ho-
tro sui "conflitti tra obiettivi econo- Questo volume l'ideale comple- mo, dal lontano progenitore Austra-
mici nazionali". mento alla lettura dell'opera fonda- lopithecus Afarensis all'attuale Ho-
(r.b.) mentale di Keynes, di cui ripercorre mo Sapiens Sapiens, lungo un intri-
problematicamente la struttura. Di cato percorso che dura da quattro
lettura non facile, uno di quei rari milioni di anni?
libri in cui le questioni controverse Da un iato, il genoma umano in-
della macroeconomia keynesiana fluenza il modo in cui si forma la
FRANCESCO FILIPPI, Modelli eco-
non vengono eluse o banalizzate ma mente. Non tutti gli stimoli senso-
nomici e analisi causale, La Nuo- affrontate nella loro complessit.
va Italia Scientifica, Roma 1984, riali vengono percepiti, alcuni ven-
Nella prima parte la Chick rileva gono trattenuti, altri ignorati. Il mo-
pp. 158, Lit. 19.000. giustamente l'originalit del meto- do in cui vengono elaborate le infor-
do di Keynes. La sua teoria macroe- mazioni o il modo in cui le informa-
Si tratta (come i libri di Chiodi e conomica non costruita aggregan- zioni vengono immagazzinate e ri-
Niccoli segnalati in questo numero) do le singole parti, soggette ad ana- chiamate, i diversi tipi di memoria,
Dall'astrofisica alla cosmologia
sono risultati di processi a base bio- tanti (infatti, sfrondato dalle descri-
logica detti regole epigenetiche. zioni non sempre completamente
Per esempio, un neonato di dodici pertinenti dei processi mentali in
ore di et reagisce con mimiche di- Homo erectus e in Homo abilis o
verse alla sommistrazione di soluzio- della vita nei villaggi degli indios di Tullio Regge
ni che contengono i quattro sapori Yanomamo, il modello co-evolutivo
fondamentali (dolce, amaro, salato e scolasticamente neo-darwiniano), Jayant Nariikar, La struttura le nane e giganti tosse, i quasar, la condensate teorie particolari senza
acido). La soluzione dolce viene ac- ma il merito del libro consiste dell' universo, Einaudi, Torino struttura delle galassie, le radiosor- dover interrompere il discorso prin-
cettata con segni evidenti di piacere, nell' aggiungere un mattone, anche 1984, traduzione di Gianluigi Mai- genti. Il testo corredato da alcune cipale.
la soluzione amara viene respinta per un pi largo pubblico, di un nardi, pp. VI-285, Lit. 18.000. fotografie non di eccelsa qualit e La discussione pi propriamente
con forti espressioni di disgusto. Il edificio un programma di ricerca non attualissime. Non appaiono le cosmologica prende le mosse da al-
sapore dolce associato nella mente per la spiegazione genetico-culturale Il tema cosmologico rimane sem- ultime immagini del VLA (Very Lar- cune considerazioni storiche, ridotte
del neonato di dodici ore (per il qua- del comportamento sociale umano pre di attualit e continua a suscitare ge Array). Similmente il testo risale al minimo, per dedicarsi al modello
le sono dunque escluse influenze che ha tempi di costruzione or- interesse in lettori di tutte le catego- al 1977. Avrebbe dunque bisogno di standard di Friedmann ed alle sue
culturali) con alimenti a forte carica mai indilazionabili. rie. Il libro di Nariikar ha intenti di- aggiornamenti e revisioni per tenere generalizzazioni ed estensioni. In
energetico-nutrizionale; il sapore Indilazionabili perch l'alternati- vulgativi. Si rivolge, infatti, a lettori dietro allo sviluppo tumultuoso particolare, viene esaminata a fondo
amato filogeneticamente associato va secondo l'efficace espressione che non posseggono una cultura dell'astrofsica contemporanea. la teoria della creazione continua di
a sostanze velenose o potenzialmen- dei due autori consiste in societ scientifica specifica. Si presuppone, Ho trovato abbastanza indovinati Hoyle, cui lavor lo stesso autore du-
te nocive. L'esistenza di particolari che continueranno a vivere grazie tuttavia, che abbiano una certa co- ed utili i riquadri in cui vengono rante vari anni di ricerca. Non do-
regole epigenetiche che orientano lo vrebbe, dunque, stupirci il ritrovare
stimolo sensoriale gustativo dimo-' nel libro dettagli di una teoria cui
strata dal fatto che le mimiche diffe- stato infetto un colpo durissimo dal-
renti sono state mostrate anche in la scoperta della radiazione fossile
neonati gravemente decerebrati, in nel 1965. L'autore si dedica, infine,
neonati di primati non umani e in ad altre cosmologie eterodosse; quali
embrioni in utero. la teoria di Dirac sulle "coincidenze
Le differenze fra culture (ritenute dei grandi numeri". Per quanto vi-
dagli antropologi culturali ostacolo sta con sospetto dalla maggioranza
insormontabile per i modelli di spie- dei cosmologi questa teoria non
gazione dei comportamento umano manca di spunti interessanti ed ori-
forniti dalla sociobiologia) non con- ginali. Secondo Dirac il rapporto al-
traddistinguono l'esistenza delle re- tissimo tra attrazione gravitazionale
gole epigenetiche perch queste si e quella elettrostatica, tra protone
manifestano attraverso la costante ed elettrone, non una costante
interazione con i differenti ambienti universale, ma dipende dal tempo.
fisici e culturali che gli individui in- E, anzi, una misura diretta in unit
contrano. Lumsden e Wilson pren- atomiche, del tempo trascorso dal
dono in esame una dozzina di tratti big bang fino ad oggi.
culturali che hanno sicuramente una
base biologica, che vengono preferiti Finita la cosmologia, Nariikar si
universalmente ad altri perch alle dedica a soggetti particolari, quasi in
spalle si trova una predisposizione foggia di appendici al testo vero e
(predisposizione, non determinazio- proprio. Dedica un capitolo alla gra-
ne) genetica. Dall'innalzamento di vitazione ed alla relativit generale.
barriere comportamentali contro Forse sarebbe stato meglio lasciare
l'incesto alla classificazione dei colo- per ultima la cosmologia.
ri, dalle espressioni facciali all'ansia Il libro termina con la visione fi-
dei bambini in presenza di estranei, nale, particolare e personale di Nar-
viene mostrata l'esistenza dell'inte- iikar su vati soggetti, in una sezione
razione genetico-culturale. E che i chiamata L'universo e la freccia del
processi di apprendimento non pos- tempo. Ho l'impressione che questo
sano che essere di questo tipo, cio materiale sia stato aggiunto in epoca
genetici e culturali insieme, e non o posteriore. Esso ripete in parte moti-
puramente genetici o esclusivamen- vi ed idee gi espresse nella panora-
te culturali, dimostrato per esclu- mica iniziale, oltre ad idee eterodos-
sione. Nell'apprendimento pura- se dell'autore, speculazioni para-
mente genetico, di fronte ad una va- scientifiche ed ipotesi varie.
riet di scelte gli individui ne prefe- Il libro contiene un breve glossa-
rirebbero sempre e soltanto una. rio della terminologia corrente con
Neil'apprendimento esclusivamente richiami alle definizioni pi utili.
culturale, senza alcun orientamento Non possiede un indice analitico ve-
predisposto dalle regole epigeneti- ro e proprio.
che, tutte le opzioni di scelta sareb- L'impressione globale quella di
bero egualmente preferite e trasmes- un libro molto chiaro, ma dichiara-
se, arbitrariamente, a caso. Il valore tamente con intenti di rapida lettura
per la sopravvivenza di un simile e con una visione panoramica dei
non-modello di apprendimento sa- soggetti. Serve a chi vuole assorbire
rebbe bassissimo e in molti casi di in breve tempo le nozioni essenziali
segno negativo. Dunque non resta, del soggetto. Lo trovo alquanto
per la nostra specie, che la trasmis- schematico e con una certa enfasi su
sione e l'apprendimento in cui geni posizioni eterodosse che non hanno
e culture interagiscono; vengono avuto una fortuna paragonabile a
preferite certe scelte rispetto, ad al- quella del big-bang. Non viene d'al-
tre, e queste preferenze sono orien- tra parte discusso il modello infla-
tate dalla presenza di determinati zionario, non ancora concepito nel
apparati sensoriali, cio dalla strut- 1977. Per queste ragioni mi auguro
tura biologica. che il libro venga revisionato ed ag-
alla 'coscienza' dei loro membri e al- noscenza della matematica e fisica di giornato sia nel contenuto sia sulla
Come avviene la seconda retroa- la 'volont di Dio'. Una simile arcai- tipo liceale. La prima parte del libro grafica.
zione, dalla cultura ai geni? Pren- ca procedura potrebbe anche, grazie contiene una breve introduzione
dendo a prestito dagli archeologi il ad una straordinaria fortuna, portar- storica ed una rapida carrellata attra-
modo di classificare i tipi-base di ci nella maniera pi diretta e tran- verso tutta l'astrofisica. L'intenzio-
manufatti, Lumsden e Wilson defi- quilla ad un mondo stabile e intera- ne, di per s lodevole, quella di

Abbonatevi
niscono come "cultur-geni" i tipi- mente giusto. Ma pi probabilmen- considerare la cosmologia come un
base di comportamenti, di concetti e te, continuer a perpetuare il con- corollario ed una conseguenza natu-
di processi mentali. I cultur-geni so- flitto e a trascinare senza soste rale di una vasta messe di risultati di
no distribuiti in modo differenziato l'umanit lungo quello che, al me- carattere astrofisico. Pet sapere come

a questo mensile
all'interno delle popolazioni e sono glio, un sentiero tortuoso e pieno fatto e come sar il destino
predisposti dalle regole epigeneti- di dolore" (pag. 232). dell'universo in grande dobbiamo
che; se, per esempio, un modo di La chiarezza espositiva di Lum- pur conoscerne le parti.
formulare e di comunicare concetti sden e Wilson, presente sia nelle L'introduzione storica somma-
presenta un vantaggio adattativo ri- patti narrative del libro, sia nell'illu- ria. Non si fa cenno,parlando del
spetto ad altri modi di formulare e strazione della struttura concettuale paradosso di Olbers, del fatto che il
comunicare concetti, avr molte pro-
con 35.000 lire
di base, impedisce anche qualsiasi primo a proporre tale paradosso sia
babilit di diffondersi maggiormen- interpretazione conservatrice di que- stato invece lo svizzero di Cheseau-
te, presenter una idoneit comples- sto esempio di sociobiologia di terza se, nel 1798, e cio circa 25 anni pri-
siva superiore di generazione in ge- generazione, ci che invece avve- ma di Olbets. La spiegazione del pa-

un anno di libri
nerazione, ma con quel modo di nuto con indignate reazioni dello radosso per abbastanza chiara e
concettualizzare si diffonderanno stesso Wilson in passato. Ben pi convincente.
maggiormente anche i geni degli in- che nell'evoluzionismo bio-sociale, La rapida rassegna di noti risultati
dividui che ne sono portatori. il pensiero di destra si accompagna

e di letture
di astrofisica finisce dopo un centi-
Il nucleo essenziale del modello coerentemente con il potente, ben naio di pagine. Vengono toccati ar-
co-evolutivo di Lumsden e Wilson finanziato e attuale creazionismo. gomenti standard quali l'evoluzione
tutto qui: uno specialista si accor- stellare, il diagramma di Hertz-
ger che non presenta novit ecla- sprung, Russell, i buchi neri, le stel-
|0FL L'BRI DEL MF SE

ADELPHI
LEONORA
CAPPELLI
distribuzione P D E
Father Jake's
E. M. Forni

PAIATIN
CARRINGTON IL lirro DEL SEYTOIEYTO
saggio di antropologia filosofica.
Il cornetto acustico Biblioteca Cappelli
n. 3 1 . pp. 288. L. 10 0 0 0
Biblioteca Adelphi, pp. 192,
L. 16.000 C. Ciorello/R. Goodwill/
Le avventure di una Alice novan- I. Manrini/R. Thom
tanovenne sopravvissuta al sur- MTASTROF
realismo. teoria delle catastrofi e modelli catastrofici,
a c u r a di P. Meldini.
E.M. CIORAN Cappelli/Indiscipline,

La tentazione
n. 3 6 . p p . 9 6 . L. 6 . 5 0 0
313 West 4th
di esistere CORRADO COVONI New York, NY 10036 EDIZIONI L A V O R O
Atti delle giornate di studio
Biblioteca Adelphi, pp. 224, F e r r a r a . 5 - 7 maggio 1983.
Phone 212 . 245 1707
L. 16.000 a cura di A. Folli.
N U C / S t u d i o f.c.. p p . 4 1 6 . L. 2 5 . 0 0 0
Il libro pi perfetto di un maestro
della lucidit.

MARINA CVETAEVA Andr Gorz


Il poeta e il tempo