Sei sulla pagina 1di 2

IL MURO

Intro: (*) DO/LA-/DO/LA-/DO/LA-/SOL/LA-/SOL/LA-

DO SOL LA-
Portavi la chitarra sulle spalle come un fucile
DO SOL LA-
Cantavi le canzoni inglesi che la gente non sapeva
SOL LA-
Dicevi: il mondo, domani cambier.
DO SOL LA-
Qualcuno tamava, la gente non ti capiva
DO SOL LA-
Pensava al pane e alle code sulle strade
SOL LA- (*)
Dove il gelo fermava anche gli orologi.
DO SOL LA-
Portavi la chitarra sulle spalle come un fucile
DO SOL LA-
Pronto a sparare quattro note da sbagliare un sol
SOL LA-
Quella notte scura, non cera nessuno
SOL LA-
Facile pensare a un altro mondo.
DO LA-
Il tuo corpo divent unacrobata
DO LA-
E quel salto gi nel vuoto fin
DO LA-
Ma quella notte qualcuno spar
SOL LA-
Nella mano stringevi una pietra
SOL LA-
Una pietra venuta dal muro
SOL LA- (*)
Dal muro dellEst.
DO SOL LA-
Ora il mondo cambiato, la gente ci passa in quel posto
DO SOL LA-
Ma se guardi per terra in mezzo a quei sassi
SOL LA-
C ancora una pietra che porta una storia.
DO SOL LA-
Chi ti raccolse al mattino dice che negli occhi avevi il gelo
DO SOL LA-
La chitarra era ancora avvolta al tuo corpo
SOL LA-
Quella notte intorno, non cera nessuno
SOL LA-
Facile pensare a un altro mondo.
DO LA-
Il tuo corpo divent unacrobata
DO LA-
E quel salto gi nel vuoto fin
DO LA-
Ma quella notte qualcuno spar
SOL LA-
Nella mano stringevi una pietra
SOL LA-
Una pietra venuta dal muro
SOL LA- (*)
Dal muro dellEst.
DO LA-
Il tuo corpo divent unacrobata
DO LA- DO/LA-/SOL/LA-/SOL/LA-
E quel salto gi nel vuoto fin
DO LA-
Il tuo corpo divent unacrobata
DO LA- DO/LA-/SOL/LA-/SOL/LA-
E quel salto gi nel vuoto fin.

Finale: (*)