Sei sulla pagina 1di 3

COUÈINTE DI PAII 7 - RACCONTI DI PAESI 7 -

03/07/2010 03/07/2010
eud Teresa Geninatti di Teresa Geninatti

Daou rifujou dopo 'na chita salita queuminèn a Dal rifugio, dopo una lieve salita cominciamo a
seundri, supérèn la diga eud Roselend é li soun scendere, superiamo la diga di Roselend a
contrafort eun chimeun armà sousténù da 'na contrafforti (in calcestruzzo), sostenuta da una
voouta qu'è séreut la gola doou Doron. volta che chiude la gola del Doron. Realizzato fra il
1955 e il 1962, lo sbarramento ha sommerso, con
Réalizaia tra lou 1955 é lou 1962, lou otre 185 milioni di metri cubi d'acqua, un antico
sbeurameunt ou i eu cueurtà, a to oltrë 185 alpeggio, attestato fin dal X secolo col nome del
milioun eud méteur cubou d'aiva, eun vieui alpéjo suo primo proprietario, Rozelindus, da cui il nome
geu atéstà a la fin doou X sécoul a to lou noum del luogo. Questa costruzione impressionante fa
doou soun prum propriétari Rozelindus, d'éisì lou parte delle quattro dighe idroelettriche del
noum doou post. Beaufortain, che alimentano la centrale della
Bâthie e quella del Girotte.

Sta coustrousioun eumprésiounantë è fait part


eud lë cat diguë idroélétriquë doou Beaufortin, Lungo la strada una costruzione attira la mia
quë ou alimeuntount la chèntral doou Bâthie é attenzione: all'estremità del lago vedo qualcosa,
seulla doou Girotte. accelero...pare una cappella romanica, purtroppo
è chiusa e non posso curiosare, così provo a
vedere se dalla finestrella riesco a intravedere
Lounc la vìi 'na coustrusioun è atireut la mia qualcosa, ma l'interno è troppo scuro...pazienza.
aténsioun, da l'aoutra part doou lac vèiou Scoprirò più tardi che questa bella chiesetta posta
carcoza...achélérou... è smieut 'na chapèla a protezione del lago, in realtà è una "copia" (anni
roumanica, beulaveun è i eust séraia, è peui nhint Sessanta del Novecento) esatta di quella
crieuouzì, preuvou a veurdà deudin da 'na originaria del villaggio sommerso.
feunéstrota, riésou a euntraveuddri queurcoza ma
lou deudin è i eust tro scu...pasiénsa.
Proseguendo attraversiamo la foresta di le
Bersene, incontriamo alcune frazioni e alla fine
Sai poi dopo quë sta bèla chapleutta butaia a ecco Beaufort o più precisamente Beaufort-sur-
prutésioun doou lac, eun réaltà è i eust 'na copia Doron (tra 1050 m e 2300m d'altitudine). Il
eud lh'an sèsanta doou Neuouseunt ésatta eud comune è la capitale del Beaufortin. Il comune di
seulla ouriginaria doou pais cueurtà dar z'aivë. Beaufort è composto da due villaggi, Beaufort,
Arêches e 11 piccoli frazioni.
J'alèn aventi, travérsèn la fourésta eud lë
Bersene, euncountrèn divèrsë freusioun é a la fin Non appena si comincia a passeggiare per la
écco Beaufort o piu préchizameunt Beaufort-sur- cittadina ci si accorge immediatamente del fatto
Doron. Lou coumun ou i eust la queupital doou che dispone di edifici unici: effettivamente il
Beaufortin é ou coumpreunt dui vilajou Beaufort, comune conta un numero considerevole di luoghi
Arêches é ounzë chit vilajou o chitë freusioun. e di monumenti invidiabili per un borgo di queste
dimensioni.
Apèina pasèn peur la sitadina ès n'acorzeut
imédiatameunt doou fato quë è i eu eud queu A proposito di edifici e costruzioni, merita
uniquë, éfétivameunt lou coumun ou counteut eun soffermarsi sulle case tipiche di questa zona. Gli
numér counsidérévoul eud post é eud "chalet" tradizionali sono caratterizzati da un
mounumeunt peur eun bourg dë stë diménsioun. pianterreno in pietra con due o tre stanze (spesso
A propozit eud queu é eud coustrusioun, è la zona più ampia era dedicata alla stalla e alla
mériteut sufreumasë sul queu tipiquë dë sta cucina, spesso nello stesso ambiente o in ambienti
dzona. Li shalé treudisiounal ou sount carateurizà contigui). Il piano successivo (primo piano) era
da eun pieun tèrèn eun pèra to dui o trai steunsië chiamato fienile ed era un unico ambiente tutto in
suveunt la steunsi piu greunda è i éreut dédicaia legno; spesso questo piano si trovava sullo stesso
aou bèou é a la cuzina, ad vì l'isteus eumbieunt o livello della pendenza, così da poter avere una
carqui vì eumbieunt vizin. Aou pieun d'euzeuri, lou porta allineata con il terreno, così da limitare la
prum pieun, è i eu cazi seupeur lou soulè é è i fatica nel riporre il fieno nel fienile. Ogni casa
éreut l'unic ambieunt tout eud bosc. Sto pieun ès riporta il nome dei proprietari originari e data di
treuveut soou pieun eud la peundeunsi doou tèrèn costruzione. Il tetto a doppio spiovente,
parèi da pouè avè 'na porta alinéaia aou tèrèn, nell'architettura tradizionale, era ricoperto da
limiteunt la fatiga eud pourtà lou fèn an toou tegole di legno, chiamate "ancelles", disposte su
soulé. tavole fissate ai travi portanti della struttura
esterna o, più semplicemente, trattenute da
Ogni queu ou eurporteut lou noum dlou soun grosse pietre, nelle abitazioni più antiche. Orami i
propriétari ouriginari é la data dla coustrusioun. tetti ricoperti da stoppia sono rarissimi.
Lou cueurt, ad dubi spiouveunt, ou i éreut
eurcuveurt da coup eud bosc chamà "ancelles", Da non dimenticare sono anche i granai, piccole
butaië su taoulë fisaië a li tra pourteunt da la costruzioni di legno nelle vicinanze delle casa
struttura éstérna o piu sémplichémeunt treuténuë principale, in cui si conservavano i vestiti della
da grosë pèrë eunt lë s'abitasioun piu vieuië. festa, i documenti importanti, ma anche grano,
Oramai li cuveurt eud ram o stopië ou sount farina e provviste di ogni genere. Si tratta di
rarisim. elementi architettonici che punteggiano di
frequente, ancora oggi, il paesaggio del
Da gnint désmeuntià ou sount li grané chitë beaufortain.
coustrousioun eud bosc, eunt le vizineunse eud la
queu princhipal, eundoua cou 's counsèrvount li Tutte da scoprire sono la chiesa di San Massimo,
vistì da fèsta, li doucumeunt eumpourtant, ma cô le cappelle delle frazioni, le vestigia di un antico
li sac eud greun, li sac eud farina, eul prouvistë castello risalente al XIII secolo, oltre al vecchio
d'ogni génèrë. Ès trateut d'élémeunt maniero di Randens (XVI sec.) che, attualmente,
arquitétonichi cou pountègiount euncoù euncui lou ospita il municipio.
paizajou doou Beaufortin.
Beaufortain costituisce una tappa importante del
Toutë da deuscruvì ou sount eul gèzie eud San percorso alla scoperta del barocco savoiardo, con
Masimo, eul chapèlë deul freusioun eul trachë ben cinque chiese, tra le quali anche la chiesa di
d'eun castèl risaleunt aou XIII sécoul oltrë a Arêches: la chiesa, intitolata a San Giovanni
n'aoutrou castèl, lou "Randens" (XVI sec.), quë battista, ha conservato il suo lucernario e la
atoualmeunt è i eust la sédë doou mounichipio. cupola originali. Da ammirare sono le ricche
decorazioni pittorica che ricoprono quasi
Beaufortain ou custituèit 'na tapa eumpourteunt interamente i muri interni della chiesa stessa.
an toou pércoueurs a la scoupérta doou baroc
seuvouiart, a to bin sinc gèzië . Tra sittë ès Aspettando la tappa di domani vorrei lasciare un
treuveut cô la gèzia Arêches: la gèzia è i eust testo savoiardo scritto da Lorèn Damé sul Mensile
intitoulaia a San Jouan Batista é è counseurveut "Intre-No. Informachon de depertot you l'on prede
lou soun luchèrnari ouriginal é la coupoula. Da vè francoprouvensal" (Marzo 2007). Aléguer a
ou sount eul riquë décourasioun pitoriquë quë eummeun.
ourcreuvount cazi intérameunt tuiti li mu dla
gèzia.

Speuteunt la tapa d'eummeun, vou lasou eun tèst La fin dou ten.
seuvouiart éscrit da Lorèn Damé soou Ménsil
"Intre-No. Informachon de depertot you l'on prede
francoprouvensal" (Mars 2007). Aléguer a Y ére un demar matin, i faseut eunà tsalour
eummeun. qu'atofeut, la méma depoui un èn: pa eunà
gota de plodze depoui él tèn, I feseut arà
trés mei que l'atèndion, depoui qu'o
z-enformachò o no z-avion deut
quìeunà météorita grossa comèn la leunà
La fin dou ten. l'aleut "rèncountrar" la Tèrra; de l'atèndion
dzin pour... Nôroun avenir ol ére dza érit
Y ére un demar matin, i faseut eunà tsalour depoui lontèn; depoui que l'Africa l'ére
qu'atofeut, la méma depoui un èn: pa eunà devenuà un mouél de indre a cosa dou solèi
gota de plodze depoui él tèn, I feseut arà trot fort, depoui que la Russià l'ére devenuà
trés mei que l'atèndion, depoui qu'o un glachér a cosa de la poluchoun(...).
z-enformachò o no z-avion deut
quìeunà météorita grossa comèn la leunà
l'aleut "rèncountrar" la Tèrra; de l'atèndion
dzin pour... Nôroun avenir ol ére dza érit La fine del mondo
depoui lontèn; depoui que l'Africa l'ére
devenuà un mouél de indre a cosa dou solèi
trot fort, depoui que la Russià l'ére devenuà Era un martedì mattina, faceva un caldo che
un glachér a cosa de la poluchoun(...). soffocava, lo stesso da più di un anno: neanche
una goccia d'acqua da quel tempo, erano orami
tre mesi che l'aspettavamo, da quando le
informazioni ci avevano detto che un meteorite
grosso come la luna avrebbe "incontrato" la Terra;
l'attenzione per il nostro...futuro c'era già stata da
molto tempo; da qundo l'Africa era diventata un
mucchietto di cenere a causa del sole troppo forte,
dopo che la Russia era diventata un ghiacciaio a
causa dell'inquinamento (...).