Sei sulla pagina 1di 2

Pagina 1 di 2

SCHEDA Ripristino di pilastri e travi in c.a. in asciutto RIP A1M


INTERVENTO senza integrazione delle armature

PROTOCOLLO INDICATIVO*
previa verifica dello spessore di carbonatazione con soluzione a base di fenoftaleina

1 Asportazione del cls 2 Pulitura dei ferri mediante


ammalorato attorno spazzolatura, sabbiatura
ai ferri darmatura e o pistola ad aghi fino a
per almeno 1 cm lucentezza metallica.
dietro

3 Pulitura del supporto 4 Passivazione dei ferri con


tramite spazzolatura Repar Monosteel
e idratazione a rifiuto passato a pennello sui
della superficie ferri darmatura.
(satura a superficie
asciutta).

5 Rialcalinizzazione 6 Ricostruzione della


del calcestruzzo struttura con malta
mediante Consilex tixotropica Repar TIX HG
SAN passato a con spessori non
spruzzo su tutta la superiori a 30 mm per
superficie. ciascuna fase di
lavorazione.

7 Finitura delle 8 Trattamento di finitura


superfici con rasante * protettiva delle superfici
Repar SM collocato * esposte mediante pittura
con cazzuola anticarbonatativa
americana. PROTECH WAC da
effettuarsi dopo 10 giorni
a 20C dal
completamento della
precedente fase.
* vedi: ulteriori descrizioni delle fasi operative.
** trattamento eventuale.

C/da Calcasacco SS 113 km 218+700 90018 Termini Imerese (PA)


tel. 091.8113890 fax 091.8112780 e-mail: nta@ntanet.it web: www.ntanet.it
LA CREATIVIT AL SERVIZIO DELLINGEGNERIA
Pagina 2 di 2
RIP A1M

ULTERIORI DESCRIZIONI DELLE FASI OPERATIVE

1 Preparazione dei supporti mediante scopertura delle geometrie strutturali, asportazione del calcestruzzo
degradato sino alla messa in evidenza della struttura litica del conglomerato accertatamente sano e
compatto, da accettarsi con prove per la verifica della carbonatazione tramite soluzione di indicatore
chimico (es. fenoftaleina).
2 Preparazione dei ferri darmatura comunque esposti, mediante sabbiatura, spazzolatura o pistola ad aghi
protratte sino a quando le superfici dei ferri risultino chiare e pulite, con la corretta lucentezza metallica.
3 Pulitura del supporto tramite spazzola per asportare sedimenti, granuli di ruggine o calcestruzzo, e
successivo lavaggio del supporto con acqua corrente per eliminare eventuali polveri o quantaltro
annidatosi nei pori del calcestruzzo durante le precedenti lavorazioni. Trattamento superficiale di
depolverizzazione e saturazione con acqua, dei supporti risultanti che, allatto delle successive
ricostruzioni dovranno risultare nella condizione satura a superficie asciutta.
*N.B. Per condizione "satura a superficie asciutta", si intende lo stato di un supporto che, bagnato
precedentemente, ha assorbito completamente l'acqua che vi stata applicata, sino ad asciugarsi in
superficie. In questo modo il supporto non sottrae acqua al materiale applicato e la superficie non presenta
veli d'acqua che possono interporsi fra i due materiali, pregiudicandone l'adesione.
4 Protezione anticorrosiva dei ferri darmatura comunque esposti, mediante applicazione, a pennello
(singola passata), della specifica micromalta cementizia monocomponente, addizionata con inibitori di
corrosione, REPAR MONOSTEEL, per un consumo prevedibile : 0,1 kg/m entro 7 ore dalla pulizia al fine
di evitare la riossidazione (ruggine) dei ferri darmatura.
>> non sussiste alcun problema per le eventuali sbordature del prodotto.
5 Rialcalinizzazione dei supporti risultanti, e delle superfici adiacenti e contigue, mediante applicazione a
spruzzo della specifica soluzione minerale, alcalina, reattiva, incolore, CONSILEX SAN, per un consumo
prevedibile di circa 0,2 litri/m2.
>> da effettuare nella condizione satura a superficie asciutta. Lapplicazione avviene in ununica
soluzione, o in pi mani (per consolidamenti pi profondi) e non comporta attese per gli interventi
successivi.
6 Ricostruzione delle geometrie asportate e/o mancanti, mediante applicazione a cazzuola, (o mediante
gunitatura, nelleventualit di estese superfici), della specifica malta strutturale reoplastica, tixotropica,
fibrorinforzata, impermeabile, a ritiro controllato REPAR TIX HG, posta in opera in pi passate, per un
consumo prevedibile di circa 19 kg/cm*m2.
>> ciascun strato di applicazione non dovr eccedere lo spessore di mm 30.
>> si consiglia di applicare il rasante cementizio tra il 2 ed il 3 giorno di stagionatura della malta
tixotropica per garantire la migliore adesione tra i due materiali.
7 Regolarizzazione delle superfici (e/o eventuale rivestimento continuo, omogeneizzante) mediante
applicazione a frattazzo dello specifico rasante cementizio strutturale, tixotropico, REPAR SM, per un
consumo prevedibile di circa 6 kg/m2 (spessore 3mm).
>> attendere lavvenuto indurimento (min. 10 gg. a 20C) prima di applicare le pitture di finitura protettiva.
8 Trattamento di finitura protettiva delle superfici esposte mediante applicazione, a pennello, rullo o
spruzzo, di pittura anticarbonatativa, traspirante, a base di resine acriliche in emulsione acquosa
PROTECH WAC per un consumo prevedibile 0,25 kg/m2.
>> da effettuare dopo circa 10 giorni minimo a 20C dal completamento della fase precedente.
>> numero minimo di mani consigliate = 2

C/da Calcasacco SS 113 km 218+700 90018 Termini Imerese (PA)


tel. 091.8113890 fax 091.8112780 e-mail: nta@ntanet.it web: www.ntanet.it
LA CREATIVIT AL SERVIZIO DELLINGEGNERIA