Sei sulla pagina 1di 7

REGNOUNITO

Quadrofisico

IlRegnoUnitohaquasi59milionidiabitanti

IlRegnoUnitounodeipaesipiindustrializzatidelmondo

Lacapitale Londra

LaGranBretagna formata
datreparti.

Pagina 1 di 7
Territorio
IlRegnoUnitoformatodallaGranBretagnaedallIrlandadelNord.

LaGranBretagnalisolapigrandedituttalEuropa.

LaGranBretagnabagnatadalMardIrlanda,dalLaManicaedalMaredel
Nord

divisaintreregioni:lInghilterra,ilGalleselaScozia.

LInghilterraformatadaunagrandepianura;soloanordsitrovaunacatena
montuosanonmoltoalta:iMontiPennini.

IlGallesunapenisolaquasituttamontuosa;lemontagnepiimportantisonoi
MontiCambrici.

LaScoziaoccupalapartesettentrionaledellisola.Hatrecatenemontuose:le
Highlandssettentrionali,iMontiGrampiani(BenNevis,1343m)ele
Uplandsmeridionali.

Aovestlacostamoltoirregolareeformadeifiordi,ciodeipuntidoveil
marepenetraperchilometriallinterno.LaScoziahaanchemoltiarcipelaghi
(gruppidiisole):ipiimportantisonoleisoleEbridi,leOrcadieleShetland.

LaGranBretagnahacinquefiumiimportanti:ilTamigi;ilTrent;ilSevern;il
Tyne;ilClyde.

IlfiumepilungoilSevern,maquellopiimportanteilTamigi,perch
attraversalacittdiLondraehaungrandeportochepermetteallenavidi
arrivarefinoincitt.

IlclimadellaGranBretagnaoceanico.Piovespessoeletemperaturesono
miti,conpocadifferenzatralestateelinverno.
Pagina 2 di 7
MoltisecolifalaGranBretagnaavevamoltissimeforeste;poigliuominihanno
tagliatomoltialberieoggiiboschisonopochi.Cisonoinvecetantipratie
pascoli.

IlRegnoUnitohacirca59milionidiabitanti.

Lalinguaufficialelinglese,mainGalles,ScoziaeIrlandasiparlaancheil
gaelico.Lareligionepidiffusaquellaanglicana.IlcapodellaChiesa
anglicanalareginadInghilterra.

LecittpiimportantisonoLondra,Birmingham,Liverpool,Manchester,
Glasgow,EdimburgoeBelfast.

Londralacapitale;unadellecittpigrandiemodernedelmondo.

InGranBretagnacisonomoltestradeeferrovie.Lepiimportanticolleganoil
suddellisolaconlaScoziaepartonodaLondraperarrivarefinoaEdimburgo.

Attivit produttive

IlRegnoUnitounodeipaesipiindustrializzatidelmondo

InpassatolaGranBretagnastatailpaesepiimportanteericcodelmondo.
Oranonpiilprimopaesedelmondo,mailRegnoUnitorestaunodegliStati
piimportantidellEuropa.

Settoreprimario:

Lagricolturamoltosviluppata;sicoltivanoilfrumento,lorzo,la
barbabietoladazucchero,lapatataeillino.Anchelallevamentoimportante,
soprattuttoquellodellepecoreedeibovini.

Settoresecondario:

Lindustriariccaesviluppata;cisonoindustriemeccaniche,aeronautiche,
cantierinavali,chimiche,dilavorazionedellalanaedellino.NelMardelNord
sonostatitrovatiilpetrolioeilgasnaturale,ancheseil25%dellenergiaviene
prodottaconlecentralinucleari.

Settoreterziario:

Pagina 3 di 7
Emoltosviluppatoedlavoroal75%deglioccupati.LaborsadiLondrala
terzadelmondodopoquelladiNewYorkediTokyo,elecittelebellezze
dellanaturaattiranomoltituristi.AnchemoltistudentivannoinGranBretagna
perimpararelalinguainglese.

Storia
La parte meridionale dell'isola, conquistata dall'imperatore Claudio, costitu la
provincia di Britannia (54 d. C.); il dominio romano si estese successivamente verso
ovest e verso nord.
Angli e Sassoni, venuta meno la difesa romana, invasero l'isola (VI sec.), costituendo
regni d'impronta germanica, presto cristianizzati per opera di monaci guidati
dall'abate Agostino (VI sec.), che fiss la prima sede episcopale a Canterbury.
I Danesi, dopo un secolo di incursioni, conquistarono il Paese nel 1013; nel 1066 vi
sbarcavano i Normanni di Guglielmo il Conquistatore, che diedero all'Inghilterra
ordinamento feudale.
Alla prima dinastia normanna succedette la dinastia angioina dei Plantageneti, con
Enrico II (1154-1189), che cumul vasti possessi nella Francia occidentale
(Normandia, Bretagna, Angi) e in Irlanda.
Gli insuccessi subiti dal figlio Giovanni Senzaterra ad opera dei Francesi diedero
occasione ai nobili laici ed ecclesiastici d'imporre al potere regale le restrizioni
contenute nella Magna Charta libertatum (1215) e nelle Provvisioni di Oxford
(1258); successivamente l'alleanza dei nobili con la borghesia cittadina impose alla
corona la convocazione del primo Parlamento (1265), distinto poi da Edoardo III
nelle due Camere dei Lords e dei Comuni (1284).
Annesso il Galles nel 1284, il regno d'Inghilterra fu impegnato nella guerra dei
Cent'Anni (1337-1453) contro la Francia, alla cui corona i Plantageneti aspiravano: al
termine del conflitto i possessi inglesi in Francia erano ridotti alla sola Calais, persa
definitivamente sotto Maria la Cattolica (1558).
Enrico VIII Tudor oper il distacco della Chiesa inglese da Roma, perfezionato dal
successore Edoardo VI con l'istituzione della Chiesa anglicana episcopale.
Sotto Elisabetta I (1558-1603) la distruzione dell'Invincibile Armata del re spagnolo
Filippo II sanc l'inizio del predominio marittimo dell'Inghilterra, che si espresse
anche nella fondazione della prima colonia in terra americana (Virginia).
L'ascesa al trono (1603) di Giacomo Stuart, erede della corona di Scozia e
d'Inghilterra, port all'unificazione personale dei due regni, mentre la sua politica di
repressione delle minoranze puritane e cattoliche aliment un flusso costante di
emigrazione verso le colonie nordamericane (fondazione della Nuova Inghilterra).
La soppressione delle libert tradizionali operate dal successore Carlo I suscit la
reazione del Parlamento (petizione dei diritti, 1628) e condusse alla guerra civile e al
crollo della monarchia.

Pagina 4 di 7
O. Cromwell, capo delle milizie puritane, assunti poteri dittatoriali, riprese la politica
elisabettiana di potenza e di espansione coloniale (Atto di navigazione, 1651). Alla
sua morte, la restaurazione monarchica port al trono Carlo II (1660), durante il cui
regno furono emanati il Test Act, che interdisse ai cattolici i pubblici uffici, e
l'Habeas corpus (1679), a tutela della libert personale.
L'Atto di Unione del 1707 tra Inghilterra e Scozia sanciva la nascita della Gran
Bretagna, governata, a partire dal 1714, dalla dinastia degli Hannover. Nei decenni
successivi si accentu il carattere parlamentare del sistema politico britannico, con
l'azione del primo ministro dipendente dai voti dei due partiti presenti nelle
assemblee legislative, i whigs e i tories, rappresentanti della nobilt terriera e dell'alta
borghesia cittadina e mercantile.
Con lo scoppio della Rivoluzione e lo stabilirsi dell'egemonia francese, la Gran
Bretagna assunse la funzione di guida delle coalizioni antifrancesi sino alla sconfitta
di Napoleone, assicurandosi al Congresso di Vienna il possesso di Malta, delle Ionie,
di Helgoland, della Colonia del Capo, di Ceylon e di parte delle Antille.
Il formidabile sviluppo economico seguito alla rivoluzione industriale, avviatasi in
Gran Bretagna con notevole anticipo rispetto al resto del mondo occidentale, fece da
sfondo al lungo regno della regina Vittoria (et vittoriana, 1837-1901). La politica
imperialistica, inaugurata dal primo ministro conservatore B. Disraeli, port al
consolidamento e all'ampliamento dell'impero coloniale in Asia (Hong Kong, 1842),
in Oceania (Nuova Zelanda, 1840), in Africa (Natal, Africa australe, 1840; Egitto,
1882). Nel 1876 l'India fu elevata a impero, mentre nel 1878 l'Inghilterra acquistava
Cipro e con la vittoria contro i Boeri (1889-1901) il Transvaal e lOrange.
Agli inizi del XX sec. sarebbe stata accordata alle pi progredite colonie l'autonomia
gi concessa al Canada nel 1867 (Unione Australiana, 1901; Nuova Zelanda, 1907;
Unione Sud-Africana, 1910).
Il sorgere della potenza economica e militare della Germania indusse la Gran
Bretagna a una collaborazione politica con la Francia ('intesa cordiale' del 1904) e la
Russia, divenuta alleanza militare allo scoppio del primo conflitto mondiale (Triplice
intesa). Alla fine della guerra la Gran Bretagna accrebbe il proprio impero coloniale
con parte delle colonie tedesche d'Africa e del Pacifico e acquist posizione egemone
nel Medio Oriente.
Nel 1921 fu costretta da una sanguinosa insurrezione a riconoscere l'indipendenza
dell'Irlanda (ad eccezione dell'Ulster) e nel 1922 a rinunciare al mandato sull'Egitto,
pur conservando il diritto di presidiare il Canale.
Sulla spinta della crisi economica del '29 e della necessit di garantirsi un sistema
preferenziale di rapporti commerciali e finanziari, nuovi rapporti furono stabiliti con i
Dominions con la costituzione del Commonwealth.
La Gran Bretagna segu sino al 1939 una politica conciliativa verso la Germania, ma
le dichiar guerra dopo l'aggressione alla Polonia. Durante il secondo conflitto
mondiale, guidata da W. Churchill, ebbe grande influenza nel determinare l'azione
politico-militare degli Alleati nello scacchiere afroeuropeo e in quello asiatico, ma nel
dopoguerra la tradizionale preminenza sulla scena internazionale dovette cedere di
fronte all'affermarsi delle due superpotenze statunitense e sovietica.
Pagina 5 di 7
Dopo la fine del conflitto dovette concedere l'indipendenza a molte colonie e a vari
Paesi dell'Impero (India, Stati africani).
Promotrice con gli USA dell'ONU (1942), vi detiene un seggio permanente nel
Consiglio di Sicurezza.

La bandiera

La Union Jack il simbolo dell'unione delle nazioni all'interno della


Gran Bretagna. Essa la bandiera di una famiglia di nazioni, e
comprende la bandiera di ogni singolo stato membro: si tratta infatti di
tre bandiere in una, ossia tre nazioni, una famiglia. la Union Jack,
infatti, niente meno che un altro nome per dire "Union flag". Una trinit
di nazioni. Questa la famiglia principale alla quale appartiene
l'Inghilterra. L'Inghilterra non isolata, non insulare; essa parte di
una famiglia di nazioni.

Pagina 6 di 7
un disegno composito della Croce di San Giorgio, la bandiera
dell'Inghilterra,

la Croce di Sant'Andrea, la bandiera della Scozia,

e la Croce di San Patrizio, la bandiera dell'Irlanda,

Queste croci portano il nome del santo patrono di ogni singola nazione:
San Giorgio, patrono dell'Inghilterra, Sant'Andrea, patrono della Scozia
e San Patrizio, patrono dell'Irlanda.

Pagina 7 di 7