Sei sulla pagina 1di 45

Corso di Aggiornamento per Geometri su Problematiche Strutturali

Calcolo agli Stati Limite


Aspetti Generali
18 novembre 2005

Dr. Daniele Zonta


Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Strutturale
Universit di Trento
0461-882537 dzonta@ing.unitn.it
http://www.ing.unitn.it/~dzonta

Riferimenti Iconografici

[1] Massonet Ch., Save M., "Calcolo Plastico a rottura delle costruzioni",
Clup, 1980.
[2] Ballio G., Mazzolani M., "Strutture in acciaio", HOEPLI, 1987.
[3] Toniolo G. "Cemento armato. Calcolo agli stati limite (2/1)", 2a Ed.,
Zanichelli, 1995.
[4] Leonhardt F., Mnnig E., "C.a. & c.a.p.", Vol. I: "Le basi del
dimensionamento nelle costruzioni in cemento armato", Ed. di Scienza e
Tecnica, Milano, 1989.
[5] Leonhardt F., Mnnig E., "C.a. & c.a.p.", Vol. III: "Larmatura nelle
costruzioni in cemento armato; statica, tecnologia, tipologia", Ed. di
Scienza e Tecnica, Milano, 1989.
[6] Eurocodice 2 - Progettazione delle strutture di calcestruzzo, Parte 1-1:
Regole generali e regole per gli edifici, ENV 1992-1-1

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

1
Sommario
Sommario

Il metodo delle tensioni ammissibili


Limiti del metodo alle tensioni ammissibili
Il metodo semiprobabilistico agli SL nella normativa
italiana
La combinazione delle azioni
La resistenza dei materiali
SL per sforzo assiale nel cemento armato

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Verifica di
Verifica di una
una struttura
struttura
Verificare una struttura o un elemento strutturale
significa valutare se, per effetto di eventi (azioni)
che possono influire sul suo stato (di tensione, di
deformazione, di conservazione...), si possa
raggiungere una situazione:

inacettabile per la sicurezza (=pericolosa)


inacettabile per l'utilizzo (=non funzionale)

Questo stato di inacettabilit detto Stato Limite

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

2
Il metodo delle Tensioni Ammissibili
Nel metodo delle Tensioni Ammissibili questa verifica fatta
in termini di tensione
Si ritiene critico (=inacettabile) il raggiungimento della
tensione di snervamento della struttura fy (=si fa riferimento
ad uno stato limite elastico)
Si inserisce un coefficiente di sicurezza sulla resistenza del
materiale
I carichi sono considerati agenti con il loro valore nominale
nella combinazione pi sfavorevole
La tensione calcolata utilizzando un modello elastico

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Il metodo delle Tensioni Ammissibili

SR
f yk

(Fk )

n
f yk
Fk = Gk + i =1
Qki =

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

3
Limiti del metodo
Esempio 1:
delle Tensioni Ammissibili
1. Non tutte le condizioni critiche dipendono dalla
resistenza del materiale:
1. Deformazione
2. Equilibrio
3. Durabilit...
2. Anche quando la condizione critica dipende dalla
resistenza del materiale, non sempre dipende
dalla tensione (dipende dal meccanismo di
rottura).
3. Le combinazioni di carico previste dal metodo
delle TA non garantiscono un uguale livello di
sicurezza per tutte le condizioni critiche.

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Limiti di deformabilit

CNR 10011/85
le frecce degli elementi delle strutture edilizie devono essere
contenute quanto necessario perch non ne derivino danni alle
opere complementari in genere ed in particolare alle murature di
tamponamento e ai relativi intonaci.
Indicativamente:
travi di solai: la freccia dovuta al solo sovraccarico fq<L/400
travi caricate direttamente o indirettamente da muri o da pilastri:
la freccia totale f<L/500
sbalzi: si assume una luce pari a due volte la lunghezza dello
sbalzo
arcarecci e elementi inflessi dell'orditura minuta delle coperture:
freccia totale f<L/200

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

4
Esempio:
Esempio 1:
Stato Limite di deformazione
Q

M QL 1 QL3 L
= = f =
W 4W 48 EJ 400

4W 8J 48 EJ EJ
Qlim, = = Qlim, f = 2
= 0.12 2
L hL 400 L L
h
16 per Fe 430
Qlim, f 3 E h L
= h
Qlim, 200 L 46 per Rck 300
L
Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Esempio:
Esempio 1:
Stato Limite di ribaltamento

b
Qh G
Q 2

h G b
G
MG
= = 2 1.5
M Q Qh
O
b/2

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

5
Instabilit dell'equilibrio

L = 3.10m A = 12.3cm 2 L
= = 198
N L80 8 i = 1.56cm i

N adm A
= adm N adm =
A
L 160 1230
Fe360 = 5.49 N adm = = 35850 N
5.49

190 1230
Fe430 = 6.32 N adm = = 36970 N
6.32

N
2 EA
N cr =
2

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Legge costitutiva degli


acciai da carpenteria

Fe510

Fe430
Fe360

[3]

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

6
Prova di Trazione

[2]

[2] [1]

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Legge costitutiva degli


acciai da carpenteria

Fe510

Fe430
Fe360

[3]

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

7
Comportamento
Esempio 1:plastico
di una struttura isostatica

L
Af y

x
F
L y L t x

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Comportamento
Esempio 1:plastico
di una struttura iperstatica
k1 F
F1 = F = F
k1 + k 2 3

k2 2 2 Af y
F2 = F = F
k1 + k 2 3
3
L Af y
2
L/2

x
F

EA 2 EA L L y L
k1 = k2 = y t x
L L 2 2

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

8
Esempio
Coefficienti 1:
di sicurezza
A = 1 20 = 314mm 2 Fe360 f y = 235MPa adm = 160MPa

3
Fadm = A adm = 50.24kN Fadm = A adm = 75.36kN
L L 2

FR = 2 Af y = 147.58kN
FR = Af y = 73.79kN L/2
FR fy FR 4 fy
= = = 1.47 = = = 1.95
x Fadm adm x Fadm 3 adm
F F

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

ComportamentoEsempio
plastico1:di una struttura
a livello di sezione

bh 2 bh 2
Me = f y = We f y Me = f y = Wp f y
6 4
[1]

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

9
Legge Momento-Curvatura
Esempio 1:
per diverse sezioni

bh 2
We =
6

bh 2
Wp =
4
[1]

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Legge Momento
Esempio 1:Curvatura
per un profilo HE

[1]

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

10
Esempio
Riserva plastica 1: profilo HE
di un

HE240 B

[1]

Wxe = 938cm3 W ye = 327cm 3

Wxp = 2S x = 2 527 = 1054cm3 be 2


W yp = 2 = 489cm 3
Wxp 4
= = 1.12 W yp
Wxe = = 1.50
W ye
MR f yWxp
= = = 1.64 MR f yW yp
M adm admWxe = = = 2.20
M adm admW ye

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Concetto Esempio 1: plastica


di cerniera

[1]

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

11
Concetto Esempio 1: plastica
di cerniera

[1]

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Effetto della
Esempioplasticit
1: sul
livello di sicurezza

[2]

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

12
Riserva plastica Esempio 1:
di una struttura iperstatica

Pl 16 M R 16 f yWxp
= = = = 2.18
Padm 12 M adm 12 admWxe

Pl 16 M R 16 f yW yp
= = = = 2.93
[1] Padm 12 M adm 12 admW ye

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Esempio
Meccanismo 1: di rottura
plastico

[1]

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

13
Esempio
Meccanismi 1: di rottura
plastici

[2]

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Esempio
Interazione 1:
taglio-momento

[2]

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

14
Esempio
Interazione 1:
taglio-momento

[2]

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Esempio 1:plastica
Pressoflessione

[2]

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

15
Esempio
Esempio1:

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

StatoEsempio 1:
Limite Elastico
L/2

My

My My

Qy L
M y = f y We My =
8

8 f y We
Qy =
L
=19.16 kN

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

16
Formazione Esempio 1:
della cerniera plastica

A
Wp = 2 0.4244
2 2

G
xG 15

p p
30

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Esempio
Formazione del 1:
meccanismo plastico
L/2

Mp

Mp Qp L Qp L
p = = Mp Mp =
M
Wp 8W p p
8
Qp
TTpp =
Tp Qp 2
p = =
A 2A Tp

L
2 2
f y2 = 2p + 3 2p f y2 = Q p2 + 3 1
8W 2A
p
fy
Qp =
L


2

+ 3 1
2 =32.01kN
8W 2A
p

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

17
Esempio
Meccanismo 1: critico
post
L
Qu
a= 2
2
L(1+u)

Nu
Nu
L/2+/2

Nu
Nt = ft A

2 2 2 2
L L
a 2 = (1 + ) = 2 + 2 + 2
L L
( )
2 2 2 2 2 2 2

2a u
Qu =
L
Nt =254.16 kN
(1 + u )
2

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

TensioniEsempio 1: nel cls


ammissibili
Rck (kg/cm2) 150 200 250 300 350 400 450 500
Flessione o pressoflessione
60.0 72.5 85.0 97.5 110.0 122.5 135.0 147.5
Travi - solette - pilastri

Flessione o pressoflessione
54.0 65.2 76.5 87.7 99.0 110.2 121.5 132.7
Travi con soletta s>=5 cm

Fless. o pressofl. solette s<5 cm


42.0 50.7 59.5 68.2 77.0 85.7 94.5 103.2
Compress. media pilastri s>=25 cm

Compress. media pilastri s=20 cm 35.7 43.1 50.5 58.0 65.4 72.8 80.3 87.7

Compress. media pilastri s=15 cm 29.4 35.5 41.6 47.7 53.9 60.0 66.1 72.2

Compress. media pilastri s=10 cm 23.1 27.9 32.7 37.5 42.3 47.1 51.9 56.7

co 4.0 4.7 5.3 6.0 6.7 7.3 8.0 8.7

c1 (solo taglio) 14.0 15.4 16.8 18.2 19.7 21.1 22.5 24

c1 (taglio + torsione) 15.4 16.9 18.4 20.1 21.6 23.2 24.8 26.4

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

18
Comportamento al taglio delle travi in C.A.
VS
Formula di Jourawski =
Ib
Sezione omogeneizzata

m=Es/Ec
Ii , Si caratteristiche ideali
[3]
stato I non fessurato

Il massimo valore si raggiunge di norma V Si V


sulla corda baricentrica.
= =
I i b zb
Ii
con z= braccio della coppia interna
Si

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

La fessurazione della trave

[3]
[3]

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

19
Comportamento al taglio delle travi in C.A.

[3]
stato II fessurato

La tensione tangenziale rimane costante su V


tutta la zona fessurata del calcestruzzo.
=
zb

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Comportamento al taglio delle travi in C.A.

[4]

[4] [4]

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

20
Esempio 1:
Effetto della combinazione dei carichi

[2]

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Esempio 1:
Effetto della combinazione dei carichi

G
Q b
Qh G
2
A t

h G
G Qh
+ t
A W

O
b/2 W t Q
h

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

21
Esempio 1:
Effetto della combinazione dei carichi

N (g ) = 100kN
N (s ) = 200kN
N (w) = 120kN

N t = 450kN
[2]
N c = 50kN

N (g ) + N (s ) = 100 + 200 = 300 450 / 1.5


N (w) N (g ) = 120 100 = 20 50 / 1.5
1.25 N (w) N (g ) = 1.25 *120 100 = 50

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Esempio
Definizione 1: Limite
di Stato

Si definisce Stato Limite uno stato raggiunto il


quale, la struttura o uno dei suoi elementi
costitutivi, non pu pi assolvere la sua funzione
o non soddisfa pi le condizioni per cui stata
concepita.

Gli stati limite si suddividono in due categorie:


a) Stati Limite Ultimi, corrispondenti al valore estremo
della capacit portante o comunque al raggiungimento
di condizioni estreme;
b) Stati Limite di Esercizio, legati alle esigenze di
impiego normale e di durata.

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

22
Esempi diEsempio 1:
Stato Limite Ultimo

- perdita di equilibrio di una parte o dell'insieme della


struttura, considerata come corpo rigido;
- rottura localizzata della struttura, per azioni statiche;
- collasso per trasformazione della struttura o di una sua
parte in meccanismo;
- instabilit per deformazione;
- rottura localizzata della struttura per fatica;
- deformazione plastica o di fluage, o fessurazione o
scorrimento di giunti che conducano ad una modifica
della geometria, tale da rendere necessaria la
sostituzione della struttura o di sue parti fondamentali;
- degrado o corrosione che rendano necessaria la
sostituzione della struttura o di sue parti fondamentali.
[1]

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Esempi diEsempio 1:
Stato Limite Ultimo

[2]

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

23
Esempio
Esempi di Stati 1: di Esercizio
Limite

- deformazioni eccessive;
- fessurazioni premature o eccessive;
- degrado o corrosione;
- spostamenti eccessivi (senza perdita
dell'equilibrio);
- vibrazioni eccessive.

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Affidabilit strutturale

Lo stato di sicurezza di una


struttura pu essere definito in R
relazione ad una capacit R e una
domanda S. La struttura affidabile Z>0
quando
S =0
Z=R-S<0 R-
Z=
R e S sono variabili aleatorie.
Z<0
Z detta funzione stato limite.
Il problema di base dell'affidabilit
strutturale calcolare la probabilit s
di collasso cio la probabilit per
cui Z<0.

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

24
Basi Esempio
probabilistiche
1:
della verifica di resistenza

[1]

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Probabilit di collasso PF
Se la resistenza R deterministica:

P F = P (R < S )= f S ( s ) ds = 1 - F S ( R )
R

Se la sollecitazione S deterministica:
S
P F = P (R < S )= f R ( r ) dr = F R ( S )

Se R e S sono entrambi aleatori:

s
PF =
0

f S ( s ) f R ( r ) dr ds =
0
F
0
R ( s ) f S ( s ) ds

oppure:


PF =
f R ( r ) f S ( s ) ds dr = f R ( r ) [1 - F S ( r ) ] ds
0 r 0

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

25
Indice di affidabilit

Se le variabili aleatorie R e S hanno distribuzioni normali, la variabile


aleatoria Z = R-S avr anchessa una distribuzione normale con:

Z m = Rm Sm ; z = 2
R + 2
S

Viene definito indice di affidabilit il coefficiente di variazione della


funzione stato limite Z:
Zm Rm S m
= =
z 2
R + 2
R

Si dimostra che direttamente legato alla probabilit di collasso


attraverso:
PF = ( ) = 1 ( )

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Quadro normativo
DM 16 gennaio 1996 EC0 : Basis of Structural Design
Norme tecniche relative ai criteri generali per la verifica di
sicurezza delle costruzioni e dei carichi e sovraccarichi EC1 : Actions on structures
AZIONI

Cir. 4 luglio 1996, n. 156 EC2 : Design of concrete structures


Istruzioni per l'applicazione delle "Norme Tecniche..."
EC3 : Design of steel structures
OPCM 20 marzo 2003, n. 3274
Primi elementi in materia di criteri generali per la EC4 : Design of composite structures
classificazione sismica del territorio nazionale e di normative
tecniche per le costruzioni in zona sismica EC5 : Design of timber structures
Legge 1086/71 EC6 : Design of masonry structures
CA e ACCIAIO

Norme per la disciplina delle opere di conglomerato


cementizio armato, normale e precompresso ed a struttura
EC7 : Geotechnical design
metallica
DM 16 gennaio 1996 EC8 : Design of structures for earthquake resistance
Norme tecniche per il calcolo, lesecuzione ed il collaudo
delle strutture in cemento armato, normale e precompresso EC9 : Design of alluminium structures
e per le strutture metalliche
Parte I: Cemento Armato
Parte II: Acciaio
CNR 10011/85
MURATURA

DM 20 novembre 1987 Costruzioni in Acciaio: Instruzioni per il calcolo,


Norme tecniche per la progettazione, esecuzione e collaudo l'esecuzione, il collaudo e la manutenzione
degli edifici in muratura e per il loro consolidamento

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

26
Implementazione dei concetti probabilistici

C.2.1. APPLICAZIONE DEI CONCETTI PROBABILISTICI


Il raggiungimento di uno stato limite pu essere provocato dall'intervento
concomitante di vari fattori di carattere aleatorio derivanti dalle incertezze
relative:
- alle resistenze dei materiali impiegati rispetto ai valori assunti dal progettista, e
ci anche in relazione alle effettive condizioni realizzate in sito ed ai parametri
che influiscono sullo stato limite considerato (carichi di lunga durata, fatica,
fragilit, etc.);
- all'intensit delle azioni dirette, indirette e di natura chimico-fisica ed alla
probabilit della loro coesistenza;
- alla geometria della costruzione;
- alla divergenza tra gli effetti realmente indotti dai carichi e quelli calcolati.

L'obiettivo delle verifiche di sicurezza di mantenere la probabilit di


raggiungimento dello stato limite considerato entro il valore prestabilito in
relazione al tipo di costruzione preso in esame, alla sua influenza sulla
incolumit delle persone ed alla sua prevista durata di esercizio.

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Implementazione dei concetti probabilistici

Il metodo qui adottato, prevede:


a) l'introduzione dei "valori caratteristici" per tutte le grandezze delle quali si vuole
mettere in conto il carattere aleatorio, e in ogni caso per:
- le resistenze che definiscono le propriet meccaniche dei materiali;
- l'intensit delle azioni;
b) la trasformazione di tali valori caratteristici in "valori di calcolo" adeguati allo
stato limite considerato, mediante l'applicazione di coefficienti parziali.
c) Le dimensioni geometriche di norma sono assunte deterministiche.

Le resistenze caratteristiche dei materiali sono, per definizione, i frattili di ordine


0,05 delle rispettive distribuzioni statistiche.
Il valore caratteristico delle azioni permanenti il frattile di ordine 0,95 ovvero
quello di ordine 0,05 delle relative distribuzioni statistiche, a seconda che i
valori rilevanti ai fini della sicurezza siano quelli pi elevati ovvero quelli pi
bassi.

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

27
Esempio 1:
Valore caratteristico di resistenza

[1]

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Il metodo agli Stati Limite

S d Rd

Rk
S Sk
R

fk
S (Fd ) R
m
Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

28
Esempio
Caratteristiche 1:
meccaniche

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Esempio
Resistenza di 1:
calcolo

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

29
Esempio
SLU: stato limite1:elastico

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Esempio
SLU: stato limite1:plastico

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

30
Esempio allo
Combinazioni 1: SLU

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Esempio allo
Combinazioni 1: SLU

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

31
Esempio agli
Combinazioni 1: SLE

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Esempio
Coefficienti 1:
di Combinazione

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

32
SL di fessurazione

4.3.1.6. Scelta degli stati limite di fessurazione.


Nel prospetto 7-I sono indicati i criteri di scelta dello stato limite con riferimento alle esigenze sopra
riportate.
PROSPETTO 7-I
Armatura
Gruppi di Condizioni Combinazione Sensibile Poco sensibile
esigenze ambiente di azioni
Stato limite wk Stato limite wk
Poco frequente ap. fessure w2 ap. fessure w3
a quasi decomp. o
aggressivo w1 ap. fessure w2
permanente ap. fessure
Moderatamente frequente ap. fessure w1 ap. fessure w2
b quasi
aggressivo decompress. ap. fessure w1
permanente
ap. fessure
Molto rara e formaz. w1 ap. fessure w2
c
aggressivo fessure
frequente decompress. ap. fessure w1

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Calcestruzzo:
Resistenza cubica Rc e cilindrica fc

[4]

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

33
Calcestruzzo:
Resistenza cubica e cilindrica

[4]

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Calcestruzzo:
Legge costitutiva

[3]
Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

34
Calcestruzzo:
Dipendenza dalla velocit di carico

[3]
Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Calcestruzzo:
Dipendenza dal grado di maturazione

[3]
Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

35
Calcestruzzo:
Legge costitutiva

[3]
Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Calcestruzzo:
Resistenza a trazione fct

[4]

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

36
Calcestruzzo:
Prova a trazione brasiliana f'ct

[4]

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Calcestruzzo:
Resistenza per flessione fctf

[4]

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

37
Calcestruzzo:
Resistenza biassiale

[4]

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Resistenze di calcolo

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

38
Modelli semplificati per il calcestruzzo

-%
[3]

a) modello parabola-rettangolo.
0.83Rck
b) modello triangolo-rettangolo. 0.85 f cd = 0.85
m
c) modello stress block.

Fondamenti di Elementi
Calcolo agli Strutturali
Stati Limite - Aspetti2Generali
- Muratura

Acciai per CA

[3]

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

39
Acciaio in barre liscie

Tipo di acciaio Fe B 22 k Fe B 32 k
2
Tensione caratteristica di snervamento fyk N/mm 215 315
2
Tensione caratteristica di rottura ftk N/mm 335 490
Allungamento As % 24 23
Piegamento a 180 su mandrino avente diametro D 2 3
Si devono usare barre di diametro compreso tra 5 e 30 mm.

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Acciaio in barre ad aderenza migliorata

Prospetto 2-I
Fe B 38 k Fe B 44 k
Tipo di acciaio
Tensione caratteristica di snervamento fyk N/mm2 375 430
Tensione caratteristica di rottura ftk N/mm2 450 540
Allungamento As % 14 12
Per barre fino a 12 mm Piegamento a 180 3 4
ad su mandrino avente
aderenza diametro D
migliorata
aventi (*): oltre 12 mm Piegamento e 6 8
fino a 18 mm raddrizzamento su
mandrino avente
oltre 18 mm diametro D 8 10
fino a 25 mm
oltre 25 mm 10 12
fino a 30 mm
(*) Il diametro quello della barra tonda liscia equipesante

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

40
Modello per lacciaio

= 0.01 [3]
Modello perfettamente elastico-plastico

f yk f sd
f sd = yd = sd = 0.01
s Es

Fondamenti di Elementi
Calcolo agli Strutturali
Stati Limite - Aspetti2Generali
- Muratura

Pilastri: meccanismi di collasso

[3] [4]

pilastro tozzo
[4]
pilastro snello

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

41
Ipotesi di base per i calcoli di resistenza

[3]
1. Le sezioni traslano e ruotano rimanendo piane (Bernoulli): = 0+y.
2. Perfetta aderenza tra calcestruzzo e acciaio darmatura: s = c.
3. Resistenza a trazione del calcestruzzo trascurabile: fct = 0 ; Ect 0.
4. Legami costitutivi - del materiale:

- calcolo elastico legge di Hooke: c = Ec c, s = Ess.


- calcolo non lineare diagrammi - semplificati.

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Pilastri in cemento armato:


deformazione elastica
N

[3] Ec Ac (1 + n )
1


Es
n= Ai = Ac + nAs
Ec

N s = n c
[3] c =
Ai
Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

42
Pilastri in cemento armato
SLU

N
0.85 f cd Ac (1 + s )
[3]

yd 0.2%

N Rd = 0.85 f cd Ac + f yd As = 0.85 f cd Ac (1 + s )

f yd As
[3] s =
0.85 f cd Ac

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Esempio

Ac = 30 30 = 900cm 2 Rck 300 FeB44 k


As = 414 = 615mm 2 = 0.6%

adm = 9.75MPa f ck = 0.83Rck = 0.83 30 = 24.9 MPa

s ,adm = 260 MPa 0.83Rck 0.83 30


f cd = = = 15.56 MPa
m 1. 6
N N
c = = 0.7 adm = 6.825 MPa f yk 430
Ai Ac + nAs f yd = = = 373.9 MPa
m 1.15
Ai = Ac + nAs = 99225mm 2

N adm = 0.7 adm Ai = 1


N Rd = 0.85 f cd Ac + f yd As =
= 0.7 adm Ac + n0.7 adm As = 1.25
= 614 + 63 = 677 kN = 952 + 230 = 1182 kN

= 1.74

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

43
Staffatura dei pilastri

[5]

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Pilastri: riprese e sovrapposizione

[5]

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

44
Pilastri cerchiati

f cc = f c + c hr

N Rd = An ( f c + c h ) + As f yd
2 Vw
w = h w =
[5]
w Vn

c
N Rd = An f c 1 + w + s
2

f yd As f yd Aw
s = w =
f cd An f cd An

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

Conclusioni

Grazie per l'attenzione!

Domande?

Calcolo agli Stati Limite - Aspetti Generali

45

Potrebbero piacerti anche