Sei sulla pagina 1di 30

PORTFOLIO

Stefano Silva
_FORMAZIONE _DATI PERSONALI

2016, Ottobre Laurea Magistrale in Architettura, orientamento Interni presso la Stefano Silva
facolt di Architettura del Politecnico di Milano
Tesi: Progettare sulle rovine Ampliamento del Castello di Villa Challant [09/12/1991] nato a Bollate, MI, Italia
Relatore: prof. Pier Federico Caliari
Nazionalit Italiano
2013, Settembre Laurea Triennale in Scienze dell'Architettura, presso la Scuola di
Architettura e Societ del Politecnico di Milano Indirizzo Via Sofonisba Anguissola,
20146 Milano
2010, Luglio Diploma di maturit scientica presso il Liceo Scientico Leone XIII
Milano, con voto di 90/100 Telefono +39 3455864852

E-mail stefano.silva@fastwebnet.it

_TIROCINI _LINGUE STRANIERE

2015 - 2016 Tirocinio presso Studio Rocca Architettura, Corso Sempione 8, Inglese Buono [B2]
Milano Spagnolo Suciente [B2]
Tema: progettazione architettonica di spazi pubblici, progettazione
di spazi interni di residenze private, arredo per una showroom di
tessuti.
_ASPIRAZIONI
2013, Aprile Tirocinio accademico presso Alpina S.p.A., Via Giuseppe Ripamonti
2, Milano
Tema: studio di dettagli costruttivi dallo stadio di progetto allo stadio Intendo iniziare appena possibile lattivit lavorativa. Non vedo lora di mettere in
esecutivo. pratica le conoscienze apprese durante gli studi e di imparare il lato pratico della
professione.

_PROGRAMMI
_HOBBIES

Esperto Photoshop, Autocad, Sketchup


Buono Illustrator, Archicad, 3DS max Frequentato il corso CCR (Corso di Chitarra Rock) presso la scuola di musica Rock
Base Indesign, Vray Guitar Academy, Via Ponte Seveso 27, Milano

contatto | I
PROGETTI UNIVERSIT
_MODERN ART MUSEUM PORTA GENOVA
L Parco Baden-Powell, Milano, Italia
T Museo e residenze
D
Il progetto consiste nella di riqualica un edicio preesistente situato nei
pressi della stazione di Porta Genova a Milano. Lintervento si compone del
rifacimento degli spazi interni e della costruzione di un ampliamento verso
sud per ospitare un museo di arte contemporanea. La composizione
architettonica nasce da un processo immaginario nel quale si completa la
forma a corte del fabbricato per poi scomporla e riassemblarla in una gura.
Allinterno allestita una mostra permanente di alcune opere di Igor
Mitoraj, dal quale si accede tramite una scalinata monumentale, una
mostra temporanea, un piccolo auditorium al piano interrato e degli atelier
per giovani artisti agli ultimi piani.
0 1 2 5 10

planimetria
modern art museum porta genova | 2
bookshop
bar
mostra temporanea [Thomas Ru]
0 1 2 5 10

piano terra
modern art museum porta genova | 3
mostra permanente di Igor Mitoraj
mostra temporanea [Alighiero Boetti]
mostra temporanea [Guido Anderloni]
mostra temporanea [Matteo Basil] 0 1 2 5 10

piano primo
modern art museum porta genova | 4
ateliers per giovani artisti
mostra temporanea [Tony Oursler]

0 1 2 5 10

piano terzo
modern art museum porta genova | 5
0 1 2 5 10

prospetti nord / sud


modern art museum porta genova | 6
0 1 2 5 10

A A

sezione A-A
modern art museum porta genova | 7
_SOCIAL HOUSING QUINTINO SELLA
L V Deposito Generale Militare, Novara, Italia
T Social housing
D
Il progetto, di edilizia sociale, si colloca allinterno di un area di intervento
che prevede la riqualica del complesso dellex V Deposito Generale
Militare, situato nel quartiere di SantAgabio, a Novara, in una zona di cerni-
era tra il polo industriale della chimica e il Canale Quintino Sella. Ledicio si
compone di appartamenti di vari tagli, proporzionati con le esigenze della
zona, e di grandi terrazze che assolvono la funzione di aree comuni per i
residenti. Le facciate sono trattate diversamente in base allirraggiamento
solare e alla forma del fabbricato. Il piano terra destinato ad attivit
pubbliche e commerciali.
0 1 2 5 10

piano terra
social housing quintino sella | 9
0 1 5 10

piani primo e secondo


social housing quintino sella | 10
0 1 2 5 10 Piano terzo Piano quarto Copertura

piante e vista prospettica


social housing quintino sella | 11
0 1 2 5 10

prospetto nord-est
social housing quintino sella | 12
0 1 2 5 10

A A

sezione A-A
social housing quintino sella | 13
impianto elettrico e dettaglo tecnicnologico
social housing quintino sella | 14
_AMPLIAMENTO DEL CASTELLO DI VILLA CHALLANT
L Challand-Saint Victor, Aosta, Italia
T Riqualicazione patrimono storico

D
Il castello di Villa Challant, prima dimora della famiglia pi
inuente della Valle dAyas dalla quale prende il nome, si
presenta oggi in stato di abbandono e degrado. Il progetto, che
intende sperimentare un approccio diverso alla valorizzazione
del patrimonio architettonico minore, si pone lobbiettivo di
ridare immagine ed importanza al sito. Esso, tramite un
processo di ampliamento che ricorda quello che caratterizza la
linea evolutiva di molti castelli, crea una nuova architettura che
mescola il nuovo con il vecchio senza escluderlo.
0 1 2 5 10 0 1 2 5 10

ampliamento del castello di villa challant | 16


0 1 2 5 10

piano terra
ampliamento del castello di villa challant | 17
0 1 2 5 10

prospetto ovest
ampliamento del castello di villa challant | 18
1 2 5 10

distribuzione interna / sezione A-A


ampliamento del castello di villa challant | 19
0 1 2 5 10

B B

piano -2 / sezione B-B


ampliamento del castello di villa challant | 20
0 1 2 5 10

prospetto est
ampliamento del castello di villa challant | 21
PROGETTI TIROCINIO
.0
+0
.0
.0

+0
+0

+0.0
+0.5
.2
+1

+1.2
+1.2
+0.5
+0.5
+0.0
VIA B. RICAS

7
Cea
OLI
C
A
D
_BONATI&BENEGGI SHOWROOM B
E
E
L Via Enrico Toti 4, Milano, Italia
T Showroom
A
B
D F
Lintervento, realizzato da Archi System S.r.l. (Via Milano 9, Ceriano Laghetto, MB) su progetto F
di Studio Rocca (Corso Sempione 8, Milano), prevede la conversione di un appartamento a A
showroom per la vendita di tessuti. Nella fase di progettazione mi sono occupato del disegno B Tavoli A
G
esecutivo dei principali elementi di arredo, porta tirelle, porta carte, porta mazzette e varie C Mazzette (nestre) B
Tirelle C
combinazioni di esse a secondo delle necessit e dei vincoli spaziali. Il concetto alla base di ogni Doppio tirelle e mazzette D
arredo si fonda sullutilizzo di quattro elementi base: I montanti tubolari, i traversi (tubolari B A Triplo tirelle e mazzette E
aventi la stessa sezione dei montanti), i ripiani e i canotti, i quali permettono di cambiare la C Carte F
posizione dei traversi in modo pi semplice e senza alcun danno estetico. Mazzette G

ml 18,60

D F

C E G

assonometrie e schemi cotruttivi degli arredi & pianta showroom


bonati&beneggi showroom | 23
dettaglio tecnico
bonati&beneggi showroom | 24
_CONCORSO PIAZZA CASTELLO
L Piazza Castello, Milano, Italia
T Intervento paesaggistico urbano

D
Il progetto stato realizzato dallo Studio Rocca in vista del concorso per la
riorganizzazione post Expo Gate di Piazza Castello e del Foro Bonaparte,
proposta a Milano il 18 aprile 2016. Il Comune intende dare, con questo
progetto, una nuova vita a Piazza Castello, reinterpretando lantica struttu-
ra di piazza darmi per adattarla alle molteplici funzioni di una moderna
piazza darti nella quale trovare una sintesi formale tra gli spazi monumen-
tali della citt storica e il paesaggio verde che si sviluppa alle spalle del
Castello Sforzesco. In questo modo si vuole valorizzare uno dei luoghi pi
famosi e visitati di Milano per renderlo ancora pi bello, pi aperto e fruibili
da parte dei cittadini e dei turisti.

Il progetto sviluppato dallo Studio Rocca con la mia collaborazione unisce il


Foro Bonaparte e Piazza Castello in un unico ambiente pedonale allinterno
del quale posta una sinuosa sagoma, centro della composizione, la cui
forma riprende lo storico simbolo di Milano: il Biscione. Al di sopra di questo
elemento compositivo, prevalentemente ricoperto da vegetazione, scorre
un rigagnolo daqua, richiamo allabbondanza di acqua della citt, che sfocia
in una cascatella dalla forma teatrale. A coronare i bordi della gura invece,
delle sedute in cemento dalla forma organica orono possibilit di sosta ai
turisti. La testa del Biscione ospita un info-point presso il quale possibile
avere accesso ad informazioni varie sulla citt e su ci che circonda il
visitore. Procedendo verso il Castello si incontrano numerose aree attrezza-
te le cui funzionalit e caratteristiche sono descritte nelle legende delle
successive tavole.