Sei sulla pagina 1di 34

istituto a.t.

beck

Lansia
e il disturbo
da attacchi
di panico
A cura di
Antonella Montano
e Roberta Borz

Antonella Montano
Psicoterapeuta cognitivo-comportamentale,
Direttrice Istituto A.T. Beck, Roma e Caserta

Roberta Borz
Psicoterapeuta cognitivo-comportamentale,
Docente interno Istituto A.T. Beck, Roma e Caserta
istituto a.t. beck

Presentazione A chi di noi non mai successo di speri- Per lapproccio cognitivo-comporta-
mentare, almeno una volta nella vita, mentale il disagio emotivo, che accom-
sensazioni intense di ansia e paura, asso- pagna lattacco di panico, dipende dal
ciate talvolta alla convinzione di morire, contenuto dei pensieri negativi e cata-
impazzire, perdere il controllo, svenire, strofici sulle sensazioni fisiche, a cui le
anche in situazioni ordinarie o quoti- persone reagiscono con strategie e con-
diane? dotte disfunzionali.
Anche quando tutto sembra andare per
il verso giusto e le persone intorno a noi A partire dal modello cognitivo dellat-
ci dimostrano il loro affetto, abitiamo in tacco di panico, saranno descritte alcune
una casa confortevole, abbiamo un tecniche cognitivo-comportamentali per
lavoro gratificante, improvvisamente ci il trattamento dei disturbi dansia e,
pu accadere di percepire una profonda nello specifico, del disturbo da attacchi
e inaspettata sensazione di angoscia che di panico.
annulla tutti gli aspetti positivi della Sar spiegato, infine, cosa fare per man-
nostra vita, come una goccia di inchio- tenere i risultati raggiunti e prevenire,
stro che colora un bicchiere dacqua. cos, possibili ricadute. Nello specifico,
Nella nostra attivit clinica, abbiamo verranno descritti i principi chiave della
potuto constatare che nellultimo Mindfulness e come strutturato il pro-
decennio i pazienti che chiedono aiuto gramma MBSR (Mindfulness Based
per un disturbo dansia sono aumentati Stress Reduction), che rappresenta lo
esponenzialmente. Questo incremento si strumento pi efficace per promuovere
spiega facilmente, dal momento che lo una stabile e diversa modalit di
stress della vita di oggi non ci d tregua, gestione dello stress; lo stress, come
al contrario determina un inevitabile vedremo, contribuisce ad aumentare
innalzamento dei livelli di ansia, e con lansia e a innescare lattacco di panico.
questi anche delle sensazioni somatiche.
Paura di morire, di impazzire, di perdere Lo scopo di questi moduli dunque
il controllo delle proprie emozioni e poter essere di aiuto a tutti coloro che,
comportamenti, di uscire di casa da soli, di fronte alle sensazioni di impotenza e
di prendere un autobus, di viaggiare, angoscia derivanti dallattacco di panico,
ecc.: cos si manifesta lattacco di panico. vogliono prendersi cura di se stessi e
I seguenti moduli spiegheranno in cosa ritornare a essere padroni della propria
consiste il disturbo da attacchi di panico, vita, e non pi schiavi dei propri sin-
come affrontarlo e prevenire le ricadute. tomi.
Per prima cosa verranno descritte le due
emozioni che ne sono alla base, la paura
e lansia, poi come riconoscere i sintomi
e le manifestazioni dellattacco di
panico.

2
istituto a.t. beck

Modulo 1 Definizione della paura Il Disturbo da Attacchi di Panico (DAP)


uno dei disturbi dansia pi diffusi
losi, perch percepiti come improvvisi,
imprevedibili, incontrollabili o
e dellansia (apa, 2013).
Lansia Per comprendere cosa sono gli attacchi
comunque potenzialmente minacciosi.
Per semplificare: la paura la valuta-
e il disturbo di panico necessario iniziare con la
spiegazione della differenza delle due
zione immediata del pericolo e lansia
lo stato emotivo spiacevole che avver-
da attacchi emozioni che ne sono alla base: la paura
e lansia.
tiamo quando la paura attivata o
quando pensiamo a minacce o pericoli
di panico: La paura rappresenta il nucleo centrale
di tutti i disturbi dansia, in quanto
futuri.

inquadramento una risposta automatica di allarme che


si presenta quando si in pericolo.
Facciamo ora un esempio pratico della
distinzione tra paura e ansia. Una per-
generale La paura ha svolto e continua a svolgere
una funzione adattiva per la sopravvi-
sona che ha un estremo timore dei cani
sar ipervigile circa la possibilit di
venza umana e, per questo motivo, incontrarli e sperimenter un continuo
Definizione della paura e dellansia sarebbe difficile trovare qualcuno che stato di allerta, ad esempio ogni volta
non abbia mai sperimentato paura in che uscir di casa. Si sentir nervosa e
Quando lansia diventa un problema? una situazione di pericolo o minaccia. apprensiva al solo pensiero di dover
Il modello cognitivo dellansia La paura allerta e prepara lorganismo a attraversare un giardino o una strada in
rispondere alle potenziali insidie che cui potrebbe incontrare uno o pi cani.
In cosa consiste il disturbo da attacchi pu incontrare normalmente nella vita. Avr, dunque, pensieri del tipo: Sicura-
di panico? mente incontrer un cane, E se mi
Il modello cognitivo dellattacco Due esponenti di spicco nel campo, dovesse aggredire?, Aiuto, pericoloso,
di panico infatti, definiscono la paura come un Star male e non sapr cosa fare.
primitivo stato di allarme automatico Questa lansia. Quando la persona
Perch si sviluppa il disturbo
neurofisiologico che coinvolge la valuta- attraverser un giardino o una strada e
da attacchi di panico?
zione cognitiva di unimminente vedr effettivamente un cane che le si
Fattori di mantenimento del disturbo minaccia o pericolo alla sicurezza di un avviciner di corsa senza guinzaglio,
da attacchi di panico individuo (Clark & Beck, 2010). immediatamente sperimenter la paura,
Chi non sperimenta paura si espone a che la percezione di un imminente
Trattamento del disturbo da attacchi
pi pericoli e corre maggiori rischi. pericolo, quindi penser: Sta correndo
di panico
Di conseguenza, non possibile n verso di me! Mi sta abbaiando! Ora mi
auspicabile eliminarla del tutto. aggredisce! Devo scappare!. Questi pen-
Lansia un complesso sistema di sieri le provocheranno, dunque, forti
risposta a livello di pensieri, emozioni, emozioni di paura, con reazioni sul
sensazioni fisiche e comportamenti fisico, ad esempio tachicardia, respiro
allimminente minaccia o pericolo. corto, sudorazione, tremori e avr, di
Lansia viene attivata quando gli eventi o conseguenza, un comportamento di
le circostanze di cui ci preoccupiamo fuga, perch scapper.
vengono considerati altamente perico-

3
istituto a.t. beck | Modulo 1 | Lansia e il disturbo da attacchi di panico: inquadramento generale

Quando lansia diventa Come si fa a capire quando lansia 3. Persistenza continua della minaccia 5. Ipersensibilit agli stimoli
diventa eccessiva e disfunzionale? e del pericolo Nelle persone ansiose geneticamente
un problema? Quando necessario chiedere aiuto e Lansia persistente ed eccessiva porta le la paura e lansia sono elicitate da un
rivolgersi allo psicoterapeuta cognitivo- persone a pensare al futuro in modo range pi ampio di stimoli e/o da situa-
comportamentale? catastrofico, anticipando disgrazie, peri- zioni caratterizzate da unintensit di
Lansia diventa anormale quando un coli, minacce. Sono sempre in attesa che minaccia relativamente lieve (che
individuo presenta una o pi di queste avvenga la temuta tragedia. sarebbe percepita come innocua dagli
caratteristiche (Clark & Beck, 2010): Di conseguenza, la persona con ansia individui non ansiosi).
clinica pu avvertire un aumentato
1. Pensieri disfunzionali senso di apprensione soggettiva anche
Secondo la teoria cognitiva dellansia, la solo al pensiero che ci possa essere una
paura e lansia eccessiva derivano da potenziale minaccia, senza badare
unerronea valutazione di pericolo, alleventualit che si realizzi o meno, o
associato a una o pi situazioni, che non che si possa affrontare o meno.
risulterebbe confermata da unosserva- Infatti, gli individui ansiosi danno per
zione diretta agli occhi della maggior scontato che qualsiasi pensiero sorga per
parte delle persone. primo nella loro testa sia vero, e quindi
Lattivazione di pensieri esagerati sulla non sono in grado di valutare serena-
minaccia e gli errori di pensiero asso- mente e obiettivamente la probabilit
ciati determinano dunque una marcata che questo evento si possa verificare,
ansia e paura (seppur incongruenti, tendendo a sovrastimare la possibilit
come abbiamo detto, rispetto alla realt che accada.
oggettiva della situazione).
4. Falsi allarmi
2. Funzionamento compromesso Le persone possono provare una mar-
La paura e lansia interferiscono con cata paura o ansia eccessiva in assenza di
labilit di una persona a condurre una stimoli minacciosi oppure in presenza di
vita quotidiana produttiva e soddisfa- una minaccia minima.
cente. Lansia, infatti, compromette in Quindi, le risposte di attacco/fuga, che
maniera significativa la normale routine definiremo meglio nel secondo modulo
della persona, il suo funzionamento e che determinano lattivazione delle
lavorativo o scolastico, le attivit e le reazioni fisiche nellindividuo, si presen-
relazioni sociali. Inoltre, inficia a lungo tano a seguito di segnali (falsi allarmi)
andare anche il tono dellumore. che vengono percepiti e interpretati
come pericolosi, quando in realt sono
innocui o neutri.

4
istituto a.t. beck | Modulo 1 | Lansia e il disturbo da attacchi di panico: inquadramento generale

Lansia una condizione Caratteristiche fisiologiche Caratteristiche cognitive Caratteristiche emotive


multisfaccettata che presenta sensazioni fisiche pensieri emozioni
quattro caratteristiche principali:
aumento del battito cardiaco paura di impazzire agitato
dolore al petto paura di morire allarmato
pressione al petto paura di perdere il controllo angosciato
palpitazioni paura di non essere in grado di farcela ansioso
respiro accelerato paura di danno fisico atterrito
respiro affannoso paura di valutazioni negative da parte eccitato
sensazione di soffocamento degli altri frustrato
sudorazione ipervigilanza per la minaccia impaurito
vampate di calore pensieri, immagini o ricordi spaventosi impaziente
tensione muscolare percezioni di irrealt inquieto
rigidit perdita di obiettivit irritabile
tremori fini o a grandi scosse confusione isterico
brividi difficolt di ragionamento nervoso
vertigini restringimento dellattenzione oppresso
sensazioni di svenimento scarsa concentrazione preoccupato
stordimento distraibilit reattivo
debolezza scarsa memoria scioccato
fastidio allo stomaco spaventato
nausea Caratteristiche comportamentali suscettibile
diarrea comportamenti terrificato
bocca secca terrorizzato
addormentamento nelle braccia evitamento dei segnali o delle situa- teso
e nelle gambe zioni percepiti come minacciosi timoroso
formicolio nelle braccia e nelle gambe fuga
offuscamento della vista iperventilazione
ricerca di rassicurazione
ricerca di sicurezza
inerzia
congelamento
agitazione
irrequietezza
difficolt a parlare

5
istituto a.t. beck | Modulo 1 | Lansia e il disturbo da attacchi di panico: inquadramento generale

Il modello cognitivo Secondo il modello cognitivo dellansia si verifica una rivalutazione elaborativa secondaria la valutazione della propria
di Clark & Beck (2010), un determinato secondaria che non detto che sia in abilit di affrontare la minaccia perce-
dellansia evento che chiameremo stimolo atti- grado di correggere la valutazione della pita. Quando una persona pensa di
vante e che pu essere rappresentato da modalit primitiva di minaccia. essere vulnerabile, di non potercela fare
una sensazione fisica, un pensiero, Infatti, o si valuta con razionalit e in e mette costantemente in atto compor-
unimmagine o una situazione esterna, modo costruttivo il reale pericolo della tamenti alla ricerca di sicurezza
viene valutato inizialmente in modo minaccia e le proprie abilit per affron- (ad esempio, sedersi nel posto pi
rapido e involontario. Per gli individui tarla, oppure si innesca un ciclo di pen- esterno della fila, scegliere il corridoio
ansiosi questo stimolo attivante assume sieri legati alla percepita mancanza di meno affollato, ecc.) il suo set di vulne-
una valenza negativa perch percepito risorse e a preoccupazioni che non rabilit cognitiva viene automatica-
come un possibile pericolo. fanno altro che aumentare lo stato mente rinforzato. Nel tempo si trover
Lo stimolo attiva, cos, la modalit pri- ansioso. Questo il motivo per cui le a pensare di essere sempre meno capace
mitiva di minaccia, come mostrato nella persone reagiscono in modo diverso e adeguato ad affrontare le situazioni
fig. 1. Questa rigida, pervasiva e non ci allansia. Le differenze, infatti, dipen- temute. A seconda, quindi, dellesito
permette di vedere altro, se non la dono dal modo in cui viene valutata la della rivalutazione secondaria, si avr un
minaccia stessa. Tale modalit determi- minaccia e si giudicano le risorse perso- aumento o un decremento dei sintomi
ner la comparsa di sintomi ansiosi. nali per affrontare il pericolo. ansiosi, innescati dalla modalit primi-
Dopo lattivazione della minaccia, per, Un aspetto chiave della rivalutazione tiva di minaccia.

Aumento
sintomi ansiosi
Situazione: Attivazione della Rivalutazione
Modalit
segnale o stimolo modalit primitiva elaborativa
di orientamento
attivante di minaccia secondaria
Decremento
sintomi ansiosi

Sintomi ansiosi

Fig. 1 Modello cognitivo dellansia (adattato al modello di Clark & Beck, 2010)

6
istituto a.t. beck | Modulo 1 | Lansia e il disturbo da attacchi di panico: inquadramento generale

In cosa consiste Un attacco di panico caratterizzato da degli attacchi di panico. Ad esempio, il che, nonostante gli procuri un momen-
un aumento improvviso di paura o un soggetto comincia a evitare lesercizio taneo sollievo dallansia perch ha evi-
il disturbo da attacchi intenso disagio fisico e/o emotivo (la cui fisico, le situazioni temute o percepite tato il temuto pericolo, a lungo termine
di panico? insorgenza pu avvenire sia da uno stato come pericolose o minacciose o i con- porter un aggravamento del disturbo,
di calma che da uno stato ansioso) che testi non familiari (apa, 2013). oltre che una profonda insoddisfazione,
raggiunge il suo picco massimo in pochi autosvalutazione e tristezza per aver
minuti. Gli attacchi di panico, inoltre, si accom- perso unoccasione lavorativa e non
pagnano spesso a: essersi messo in gioco, e per la valuta-
Durante gli attacchi di panico la persona
zione della sua risposta ansiosa come
sperimenta quattro o pi dei seguenti Ansia anticipatoria
un nemico ineluttabile.
sintomi: una condizione caratteristica del
palpitazioni, cardiopalma o tachicardia disturbo da attacchi di panico in cui Agorafobia
sudorazione presente unansia molto elevata alla sola Dal greco, paura della piazza, viene
tremori fini o a grandi scosse idea di dover affrontare, in un futuro definita come ansia di trovarsi in luoghi
dispnea o sensazione di soffocamento pi o meno lontano, alcune situazioni o situazioni dai quali sarebbe difficile o
sensazione di asfissia temute (allontanamenti da casa, viaggi, imbarazzante allontanarsi, o nei quali
dolore o fastidio al petto guida, rimanere da soli, andare al potrebbe non essere disponibile aiuto nel
nausea o disturbi addominali cinema, al ristorante, presentare un caso di un attacco di panico o dei sintomi
sensazioni di svenimento, lavoro a un congresso, ecc.). del panico (per esempio, la paura di
sbandamento, instabilit o testa leggera Le persone, dunque, provano ansia anti- poter avere unimprovvisa tachicardia).
brividi o sensazioni di calore cipatoria di fronte alla possibilit di Lagorafobia ha principalmente per
parestesie, sensazioni di torpore affrontare situazioni temute o rispetto oggetto i luoghi pubblici e frequentati,
o formicolio alleventualit di avere un altro attacco ad esempio ristoranti, cinema, centri
derealizzazione o depersonalizzazione di panico, sperimentando cos la paura commerciali, grandi magazzini, aule, ecc.
paura di perdere il controllo o di della paura, ovvero il timore di ripro- I soggetti agorafobici possono evitare di
impazzire vare le sensazioni fisiche interne, perce- stare da soli o di trovarsi nelle situazioni
paura di morire pite come pericolose che precedente- in cui sono lontani da luoghi e persone
mente le hanno tanto spaventate. familiari; per questo motivo divente-
Inoltre, almeno uno degli attacchi di Lansia anticipatoria, inoltre, alla base ranno spesso dipendenti dalle mura
panico stato seguito, per almeno un dellevitamento, cio della tendenza a domestiche o costretti a uscire di casa
mese o pi, da uno o entrambi i sfuggire tutte le situazioni temute che solo se accompagnati. Alcuni esempi di
seguenti sintomi: caratterizza le persone con disturbo da situazioni temute sono: uscire da soli
Persistente preoccupazione o rimu- attacchi di panico e che ne determina la per andare in luoghi affollati o negozi a
ginio di avere un altro attacco di limitazione della vita sociale e lavora- far compere; viaggiare da soli nei bus,
panico in futuro o delle conseguenze tiva. Per esempio, un individuo con metropolitane, treni o aerei; prendere la
che un attacco di panico potrebbe ansia anticipatoria potrebbe vivere la macchina; camminare o sostare in spazi
avere: ad esempio, perdere il controllo, notizia di un imminente viaggio di vasti e aperti, come piazze e ponti;
avere un infarto, diventare pazzo, ecc. lavoro da effettuare da solo come intol- trovarsi in un luogo senza unuscita di
Significativo e disfunzionale cambia- lerabile. Potrebbe quindi inventare una sicurezza immediata, disponibile alla
mento nel comportamento a seguito malattia, un impedimento o una scusa vista.

7
istituto a.t. beck | Modulo 1 | Lansia e il disturbo da attacchi di panico: inquadramento generale

Il modello cognitivo Come abbiamo detto, gli attacchi di Due esempi della sequenza di panico:
panico si verificano quando gli individui
dellattacco di panico percepiscono alcune sensazioni corporee
Ero in piazza a seguire un concerto di
musica rock con degli amici. A un certo
e mentali, legate allattivazione
punto ho sentito una sensazione di confu-
fisiologica e di per s innocue, come
sione mentale e tutto intorno a me ha ini-
molto pericolose, cio le interpretano
ziato a girare. Era come se fossi distaccato
quali segnali di unimminente e
dal mondo e tutto fosse irreale. Ho ini-
improvvisa catastrofe (ad esempio,
ziato a pensare che queste sensazioni fos-
segno di morte o di pazzia, di un attacco
sero il segno di qualcosa di brutto che mi
cardiaco, ecc.).
stava capitando. Temevo di perdere il con-
trollo e di impazzire, senza riuscire pi a
Queste sensazioni scatenanti possono
tornare in me. Quindi, sono diventato
essere:
sempre pi ansioso, avevo sempre pi
tremori paura di perdere il controllo e ho comin-
alternanza di caldo e freddo ciato a respirare affannosamente. La con-
palpitazioni cardiache fusione nella mia testa aumentata
bocca secca sempre di pi. Pi non riuscivo a respi-
sudorazione rare, pi cercavo di prendere aria con la
respiro affannoso bocca. Ma non ci riuscivo e sono corso via
dolore o pressione al petto dalla folla.
tensione muscolare, ecc.
Ero in macchina in autostrada. A un
Se lo stimolo scatenante viene percepito certo punto ho sentito il cuore battere
come una minaccia incombente, la forte e ho iniziato a sudare, la bocca era
persona prover molta preoccupazione e secca e avvertivo unoppressione al petto.
ansia, e interpreter in maniera Temevo che stesse per accadere qualcosa
catastrofica le sensazioni mentali e di brutto e fossi in procinto di perdere il
somatiche che accompagnano questo controllo. Ero terrorizzato allidea di
stato emotivo. La persona, dunque, si potermi schiantare con la macchina, pen-
allarmer ulteriormente, contribuendo savo mi stesse venendo un infarto e che,
ad aumentare lintensit delle sensazioni da l a poco, avrei causato un incidente.
temute, fino ad innescare un circolo Ho pertanto deciso di accostare nella
vizioso culminante nel vero e proprio piazzola di emergenza e bere un po
attacco di panico (fig. 2). dacqua.

A pagina 33 descrivi il tuo caso


in modo da poterlo sottoporre
al tuo psicoterapeuta.

8
istituto a.t. beck | Modulo 1 | Lansia e il disturbo da attacchi di panico: inquadramento generale

Gli attacchi di panico, dunque, sono il Dopo che avvenuto il primo attacco di Io lo interpreto come indice del fatto Questo a sua volta aumenta la mia ansia
risultato di interpretazioni catastro- panico, vi sono dei fattori che manten- che sto per avere un attacco di panico e innesca il circolo vizioso fino ad arri-
fiche di eventi fisici e mentali che ven- gono e alimentano il problema, che e quindi provo ansia. vare al panico.
gono erroneamente considerati come sono lattenzione selettiva ai sintomi Lansia mi porta a sperimentare ancora Tendo anche a concentrarmi sulla con-
segni di un imminente disastro. fisici, i comportamenti protettivi e levi- pi confusione mentale, oltre che una fusione mentale, bevo acqua e non
Le sensazioni fisiche, male interpretate, tamento, che verranno spiegati nel sensazione di irrealt e offuscamento prendo pi lautobus per stare meglio,
innescano il circolo vizioso che culmina secondo modulo (fig. 3). della vista. ma in realt questi tre fattori non fanno
nellattacco di panico (fig. 2). Io interpreto in modo catastrofico tutte altro che mantenere e peggiorare il mio
Un esempio del circolo vizioso dellat- queste sensazioni fisiche e temo di per- problema.
tacco di panico (fig. 4): dere il controllo, di impazzire e svenire.
Situazione: agosto, fa caldo, vado su un
autobus affollato e c mancanza di ossi-
geno. Siccome geneticamente sono
una di quelle persone ipersensibili
Stimoli scatenanti allanidride carbonica, mi si crea un sin- Stimoli scatenanti Confusione
esterni / interni esterni / interni mentale
tomo, quale, ad esempio, un po di con-
fusione mentale.

Minaccia percepita Minaccia percepita Sto per avere un attacco di panico

Ansia Ansia Ansia

Sto perdendo il controlo Confusione mentale


Interpretazione Sintomi Interpretazione Sintomi Sto per impazzire Sensazione di irrealt
erronea somatici / cognitivi erronea somatici / cognitivi Sto per svenire Offuscamento della vista

Attenzione selettiva Mi concentro sulla


Comportamenti confusione mentale
protettivi Bevo lacqua
Evitamento Evito lautobus

Fig. 3 Il circolo vizioso del panico di Clark Fig. 4 Esempio di circolo vizioso del panico di Clark
Fig. 2 Il circolo vizioso del panico di Clark (1986) con laggiunta dei fattori di mantenimento (1986) con laggiunta dei fattori di mantenimento (1986)

9
istituto a.t. beck | Modulo 1 | Lansia e il disturbo da attacchi di panico: inquadramento generale

Perch si sviluppa Le persone possono essere affette dal Si distinguono due categorie di fattori
disturbo da attacchi di panico per molte stressanti:
il disturbo da attacchi ragioni: per i propri tratti di personalit, fattori stressanti esterni quali la
di panico? per una vulnerabilit genetica allansia malattia o la morte di una persona
(c una considerevole evidenza empi- cara, la presenza di malattie in
rica in base alla quale lansia si trasmette famiglia, la propria malattia, problemi
familiarmente) o per uninsofferenza relazionali con il coniuge o i parenti,
allanidride carbonica che scatena i sin- problemi finanziari, perdita o pressioni
tomi del panico. sul lavoro, eventi incontrollabili e/o
imprevedibili, ecc.;
Nonostante le manifestazioni cliniche fattori stressanti interni che sono
del disturbo siano simili nei due sessi, rappresentati dal modo in cui siamo
le donne hanno una maggiore probabi- abituati ad affrontare un problema,
lit di sviluppare il disturbo rispetto agli dal nostro modo di pensare.
uomini, infatti viene diagnosticato con
una frequenza doppia nelle donne Lo stress, come mostrato nella fig. 5,
(apa, 2013). contribuisce ad aumentare lansia, fino
Il primo attacco di panico si pu verifi- al raggiungimento di una soglia che,
care per diverse ragioni, ma possiamo se superata, innesca lattacco di panico.
vedere dalla storia dei pazienti che
molto spesso coincide con un periodo
di tensione o di stress elevati. Attacco di panico
molto intenso
Lo stress un concetto molto vasto ma
ha anche unessenza molto semplice.
Lo stress si presenta a molti livelli
e nasce da varie cause. Attacco di panico Livello del panico

Stress Livello dansia


alterato dallo stress

Livello dansia

Fig. 5 Lo stress e lansia

10
istituto a.t. beck | Modulo 1 | Lansia e il disturbo da attacchi di panico: inquadramento generale

Fattori di mantenimento Come accennavamo dopo il primo alle situazioni temute per controllare la fisiche, come fare attivit sportiva,
attacco di panico, vi sono dei fattori che presenza di segnali che potrebbero inne- sessuale, bere sostanze eccitanti,
del disturbo da attacchi mantengono e alimentano il problema, scare lattacco di panico. o bevande calde e fredde, ecc.
di panico ostacolandone la soluzione. Ci produce labbassamento della soglia Le persone si trovano dunque a vivere
Vediamo questi e altri fattori, nello spe- di percezione di queste sensazioni e lau- allinterno di una propria comfort zone
cifico leffetto di coerenza con lemo- mento dellintensit soggettivamente che, col tempo, evitamento dopo evita-
zione, lemozione come informazione, percepita, facilitando cos lattivazione mento, diventa sempre pi ristretta.
la sensibilit allansia, lattenzione selet- del circolo vizioso del panico. Anche se c molta sofferenza,
tiva, i comportamenti protettivi, gli evi- comunque sopportabile perch cono-
tamenti, la distrazione e la fuga. Comportamenti protettivi sciuta; uscendo dalla comfort zone,
Includono i comportamenti messi in invece, si rischia di andare incontro
Effetto di coerenza con lemozione atto durante il circolo del panico al fine allignoto, allincontrollabile... allattacco
Si tratta di un fenomeno cognitivo in di prevenire la catastrofe temuta. di panico. Da qui la scelta del cerchio
cui i pensieri e le credenze tendono a Per esempio, se la persona inizia a come immagine dellopuscolo.
essere coerenti con lemozione attivata. temere che un capogiro possa essere il
Se la persona sta sperimentando ansia in segnale di uno svenimento imminente, Distrazione
una determinata situazione le saranno allora si sieder o si appogger a un Sono i comportamenti che le persone
accessibili e presenti alla mente solo gli sostegno per non collassare a terra. mettono in atto per distrarsi (che rap-
esempi e le prove che confermano la Oppure, se teme la sensazione della presentano, nei fatti, un evitamento
presenza di un pericolo o una minaccia. bocca secca, andr in giro con una botti- dellansia) nel momento in cui si preoc-
glia dacqua o con le medicine. cupano di poter avere un attacco di
Emozione come informazione panico. Per esempio, una persona che
Lo stato emotivo del momento funziona Evitamenti teme di dover affrontare un viaggio in
come fonte dinformazione, quindi se la Le persone con attacchi di panico evi- pullman perch convinta che avr un
persona in ansia conclude che ci deve tano tutte le situazioni che ritengono attacco di panico, quando sar sul pul-
essere per forza un pericolo. favorire il panico, ecco alcuni esempi: lman decider di parlare al telefono con
Le persone, infatti, deducono la pre- la metropolitana, il treno, un amico per tutta la durata del viaggio.
senza di un pericolo a partire da quello lascensore, i ristoranti, il traffico,
che provano, in questo caso dallansia. il cinema, ecc. Fuga
i luoghi chiusi senza finestre Quando le persone iniziano a percepire
Sensibilit allansia i luoghi da cui difficile raggiungere le sensazioni fisiche e/o mentali che
Rappresenta la particolare attitudine rapidamente unuscita o, in situazioni pensano innescheranno lattacco di
cognitiva che alcune persone hanno (per pi gravi, anche un medico o un ospe- panico, tendono a scappare dalla situa-
propria predisposizione) a sperimentare dale zione o dal luogo in cui si trovano (per
unintensa paura delle proprie sensa- vedere film dellorrore o drammatici esempio, fuggono immediatamente
zioni legate allattivazione fisiologica. uscire quando fa troppo caldo o dallaula, dal ristorante, dalla discoteca
troppo freddo nel momento in cui cominciano a speri-
Attenzione selettiva rimanere sole mentare i sintomi che potrebbe inne-
Vuol dire monitorare le proprie sensa- Molti evitano anche tutte quelle attivit scare lattacco di panico e far perdere il
zioni interne e porre speciale attenzione che li portano a provare sensazioni controllo delle proprie azioni).

11
istituto a.t. beck | Modulo 1 | Lansia e il disturbo da attacchi di panico: inquadramento generale

Trattamento Farmaci Psicoterapia


I farmaci delezione per il trattamento cognitivo-comportamentale
del disturbo da attacchi del disturbo da attacchi di panico sono La psicoterapia cognitivo-comporta-
di panico gli antidepressivi e le benzodiazepine. mentale risultata molto efficace per il
I primi, tra cui gli inibitori della ricapta- trattamento degli attacchi di panico.
zione della serotonina (ssri), riducono Il modello cognitivo afferma che non
gli attacchi di panico e possono essere la situazione in s a spaventare le per-
assunti per periodi pi lunghi in quanto sone, ma il modo in cui queste interpre-
non provocano dipendenza. tano quella determinata situazione.
Le benzodiazepine, invece, producono Non sono, quindi, gli eventi a provocare
degli effetti ansiolitici immediati ma, a quello che sentiamo, ma il modo in cui
lungo termine, possono causare dipen- li vediamo e li gestiamo, attraverso i
denza e sintomi di astinenza (quindi nostri pensieri (Beck, 2013).
vengono prescritte solo nella fase ini- Il pensiero influenza continuamente le
ziale della cura). Qualsiasi scelta farma- nostre reazioni corporee, quindi, il pen-
cologica va comunque effettuata in con- siero, ad esempio, di poter avere un
formit con le indicazioni del medico! attacco di panico induce uno stato di
ansia che, a sua volta, porter alla com-
parsa di ulteriori sintomi fisici e i pen-
sieri negativi (pag. 9) innescheranno il
circolo vizioso, andando a determinare
gli effetti sul nostro corpo.
Grazie alla psicoterapia cognitivo-com-
portamentale imparerai due tipi
di abilit:
1. Attraverso delle tecniche specifiche
apprenderai come correggere le tue
interpretazioni errate di pericolo e
minaccia;
2. Individuerai le tue risorse personali
per fronteggiare e usare efficacemente
le tecniche apprese.

12
istituto a.t. beck

Modulo 2 Psicoeducazione Nel modulo precedente abbiamo spie-


gato che lansia ha svolto e svolge una
Lamigdala si formata, dunque, preco-
cemente nella storia di sviluppo del cer-
allansia.
Lansia Aspetti neurofisiologici
funzione adattiva per la sopravvivenza
umana e quindi risulta impossibile eli-
vello umano in quanto, regolando
lansia e la paura, si rivelata essenziale
e il disturbo dellansia: minarla completamente. Tra laltro
vivere senza ansia non sarebbe neanche
per la nostra sopravvivenza. Possiamo
immaginare lamigdala come una sorta
da attacchi il ruolo centrale auspicabile, in quanto chi non ha paura di centralina di allarme del nostro
di niente ha maggiori probabilit di tro- sistema di pericolo: si attiva quando
dellamigdala
di panico: varsi in situazioni pericolose!
Lobiettivo del trattamento cognitivo-
ci troviamo di fronte a una situazione
minacciosa.
strategie per comportamentale riportare lansia a
un livello pi basso allinterno della nor-
Lamigdala ci avvisa, quindi, di tutti i
pericoli di fronte ai quali potremmo tro-
il trattamento male variabilit dellesperienza umana.
Non si pu parlare di ansia, se prima
varci o ci troviamo gi. come se fosse
un termostato dei nostri livelli di paura.
non si parla dellamigdala, del suo fun- Lamigdala ha avuto e ha tuttora il com-
Psicoeducazione allansia. zionamento e della sua importanza per pito di favorire la comparsa di reazioni
Aspetti neurofisiologici dellansia: la nostra sopravvivenza. dallarme rapide di fronte a pericoli o
il ruolo centrale dellamigdala Lamigdala un piccolo nucleo a forma situazioni minacciose, che possono pre-
di mandorla che fa parte del sistema sentarsi in modo autonomo, indipen-
Lo stress limbico, che una delle aree pi antiche dentemente dai ragionamenti consape-
Il ruolo delliperventilazione del nostro cervello (fig. 6). voli, ed proprio grazie a questa
Il modello cognitivo dellansia e degli
attacchi di panico: approfondiamo
Ristrutturazione cognitiva degli esiti
temuti delle sensazioni fisiche
Scheda di lavoro per la rivalutazione
dei sintomi
Lesposizione enterocettiva
Lesposizione graduata in vivo
per gli evitamenti agorafobici

Sistema limbico

Amigdala

Fig. 6 Il sistema limbico e lamigdala (Treccani.it, Lenciclopedia italiana, Dizionario di medicina, 2010)

13
istituto a.t. beck | Modulo 2 | Lansia e il disturbo da attacchi di panico: strategie per il trattamento

velocit che ha potuto garantire la dapprima il talamo, rispettivamente patico, che fa parte del sistema nervoso Il ruolo dellamigdala infatti quello di
sopravvivenza degli esseri umani. visivo, uditivo e olfattivo (fig. 7). autonomo e che a breve descriveremo, attivare il nostro sistema nervoso simpa-
Molto spesso ti sar capitato di pensare Da qui, se linformazione viene perce- allo scopo di predisporre un attacco o tico, che fa parte del sistema nervoso
o dire a qualcuno che anche se capisci, pita come sconosciuta o minacciosa, una fuga. autonomo, chiamato cos perch indi-
sul piano teorico, che le tue paure sono trasmessa allamigdala che, in quanto Vediamo un esempio pratico. pendente dai nostri ragionamenti e dalla
irrazionali, quando ti trovi nelle situa- centralina dallarme, etichetta lo sti- Se una persona sta attraversando a piedi nostra volont.
zioni che consideri minacciose o perico- molo, riconoscendolo come pericoloso, un incrocio e vede improvvisamente Il sistema nervoso autonomo com-
lose non puoi fare a meno di provare sconosciuto o doloroso. una macchina che si dirige verso di lei posto da due vie, simpatico e parasim-
paura. come se lamigdala ti rapisse e Di conseguenza, attiva una serie di ad alta velocit, lamigdala si attiva per patico, che decorrono ai lati della
scattasse da sola. Questo quello che risposte automatiche allallarme appena innescare delle reazioni che la possano colonna vertebrale (fig. 8).
viene chiamato sequestro dellamig- individuato. Quindi, non appena il salvare dal pericolo (in questo caso, cor- Consistono in tutta una serie di innerva-
dala. Perch accade? I segnali prove- talamo rileva uno stimolo lo invia rere velocemente per attraversare lin- zioni che dal midollo spinale giungono
nienti dagli organi di senso, principal- allamigdala che, se lo riconosce come crocio in modo che non venga investita agli organi periferici. Il sistema nervoso
mente vista, udito e olfatto, raggiungono pericoloso, attiva il sistema nervoso sim- e possa salvarsi la vita). simpatico (sns) finalizzato a preparare

Sistema nervoso autonomo


Parasimpatico Simpatico
costrizione dilatazione
della pupilla della pupilla inibizione
della salivazione

stimolazione gangli
della salivazione simpatici

inibizione regione dilatazione


cervicale
dellattivit dei bronchi
cardiaca

costrizione stimolazione
dei bronchi dellattivit cardiaca
regione
toracica
inibizione
stimolazione della digestione
della digestione aumento
secrezione di adrenalina del rilascio
regione e noradrenalina
stimolazione lombare di glucosio
Talamo nelle ghiandole nel fegato
della cistifellea surrenali
regione
sacrale rilasciamento
della vescica
rilasciamento
contrazione del retto contrazione
della vescica del retto

Fig. 7 Il talamo (Treccani.it, Lenciclopedia italiana, Dizionario di medicina, 2010) Fig. 8 Il sistema nervoso simpatico e parasimpatico (Treccani.it, Lenciclopedia italiana, Dizionario di medicina, 2010)

14
istituto a.t. beck | Modulo 2 | Lansia e il disturbo da attacchi di panico: strategie per il trattamento

lorganismo ad attaccare o a fuggire da Tutte queste condizioni fisiche che, periferica a favore di quella centrale, ma ha lo scopo di rivalutare la minaccia,
una situazione di pericolo o minacciosa. come abbiamo detto, sono finalizzate percepiremo solo la freddezza delle prestare attenzione, aiutare a controllare
Il sistema nervoso simpatico, infatti, alla sopravvivenza, in realt vengono estremit delle mani e dei piedi. gli impulsi, risolvere i problemi, riflet-
dilata le pupille, per vedere pi in vissute come sgradevoli perch, a diffe- La reazione di paura innescata dal- tere sulle conseguenze delle nostre deci-
profondit, aumenta il battito cardiaco renza dei nostri progenitori che dove- lamigdala rappresenta, dunque, un sioni. Potremmo dire che il nostro cer-
per essere pi pronti allattacco o alla vano confrontarsi con pericoli reali di meccanismo fisiologico sofisticato, ma vello pensante. La corteccia prefrontale,
fuga, dilata i bronchi per aumentare la vita o di morte, adesso i pericoli sono immediato, che rende le persone con- per questi motivi, cruciale per il fun-
scorta di ossigeno che serve per correre, pi simbolici e non richiedono una centrate, energiche, attive e vigili zionamento sano e produttivo della per-
aumenta la tensione muscolare delle risposta di attivazione cos evidente da quando si trovano o pensano di trovarsi sona nella vita di tutti i giorni.
gambe per essere pi pronti a reagire. un punto di vista fisico. Quando lamig- di fronte a un pericolo o a una minaccia. La corteccia, essendo di sviluppo pi
Inoltre, inibisce lattivit digestiva dala ci rapisce senza che ci sia un reale Nel nostro cervello per abbiamo recente rispetto allantico sistema lim-
perch convoglia la circolazione san- pericolo, i nostri muscoli delle gambe unaltra parte molto importante che bico con lamigdala, ci distingue dai
guigna in distretti corporei pi impor- non saranno percepiti come pronti per rappresenta larea pi razionale e abile nostri progenitori che ragionavano solo
tanti per difendersi o attaccare, aumenta attivarsi ma come tesi e contratti, i di tutte: la corteccia (fig. 9). con lamigdala.
la secrezione delladrenalina da parte del nostri bronchi ci porteranno a iperven- Se oggi il vecchio prontamente sosti-
surrene per preparare lo stato di allerta, tilare, non capiremo il motivo della La corteccia, nello specifico quella pre- tuito dal nuovo, non cos per il sistema
stimola il rilascio del glucosio da parte nostra tachicardia o la attribuiremo ad frontale, che nello sviluppo evolutivo si limbico che invece continua, come ieri,
del fegato, per avere maggiore scorta di altre ragioni, non comprenderemo la formata in un secondo momento, a essere presente e a volte pure prepo-
zuccheri, e quindi di energia. cessazione della circolazione sanguigna coinvolta nella pianificazione esecutiva e tentemente.

Corteccia

Talamo Amigdala
visivo

Talamo

Amigdala

Fig. 9 La corteccia, il talamo e lamigdala (Treccani.it, Lenciclopedia italiana, Dizionario di medicina, 2010) Fig. 10 La prima via di elaborazione dellinformazione di pericolo

15
istituto a.t. beck | Modulo 2 | Lansia e il disturbo da attacchi di panico: strategie per il trattamento

Abbiamo spiegato precedentemente che Lo stimolo visivo del cane genera degli sistema veloce e sommario ha prodotto questa seconda modalit di elaborazione
i segnali provenienti dagli organi di impulsi alla retina che procede alle aree un falso allarme, la cancellazione della delle informazioni, che ci permette di
senso raggiungono dapprima il talamo visive del talamo e giunge velocemente, risposta di attacco o fuga (fig. 11). correggere eventuali falsi allarmi gene-
che invia un segnale allamigdala. attraverso un percorso diretto, allamig- Quindi, la corteccia coinvolta nella rati dalla prima via, pi veloce ma meno
Se, ad esempio, una persona che ha dala. La rappresentazione nel talamo memoria, nel ragionamento e nel giu- accurata. Impareremo, in questo modo,
paura dei cani ne vede improvvisamente molto sommaria ma permette la prepa- dizio pu correggere le strutture cere- a evitare le reazioni automatiche (che ci
uno, lamigdala si attiver immediata- razione o la generazione delle risposte di brali emozionali pi antiche e automa- fanno saltare troppo velocemente alle
mente e glielo far percepire come un attacco o fuga con il minimo ritardo. tiche, riducendo la possibilit di falsi conclusioni), e a rispondere con processi
cane di grossa taglia, pericoloso e pronto allarmi e quindi lesperienza soggettiva di giudizio e ragionamento che ci con-
ad attaccarla. La seconda via, pi lenta e pi detta- dellansia. sentiranno di generare pensieri alterna-
La prima forma di elaborazione fa, gliata, perfeziona la risposta automatica tivi pi efficaci e funzionali.
dunque, scambiare un falso allarme della prima via e valuta se corretta. Vediamo nel dettaglio come funzionano Ma quando si attiva il nostro sistema di
per un pericolo reale perch, spaventan- Unelaborazione pi lenta, attraverso i i due schemi di elaborazione prima allarme? Molto pi spesso di quanto
dosi alla vista del cane, percepito come vari livelli della corteccia, produce una descritti singolarmente (fig. 12): pensiamo. Soprattutto nellera moderna,
enorme e minaccioso, la sua mente classificazione pi dettagliata ed esatta Lobiettivo della psicoterapia cognitivo- che impone alle persone dei ritmi di vita
si offusca e non pi in grado di valu- dello stimolo che viene inviato allamig- comportamentale, e dellMBSR come frenetici e veloci, lamigdala viene sovra-
tare la situazione con lucidit e realismo dala permettendo il compimento del- prevenzione delle ricadute che vedremo stimolata per frequenza e durata per cui
(fig. 10). lattacco o della fuga oppure, se il in seguito, proprio quello di rafforzare diventa pi sensibile.

Corteccia Corteccia

Talamo Amigdala Talamo Amigdala


visivo visivo

Fig. 11 La seconda via di elaborazione dellinformazione di pericolo Fig. 12 Le due vie di elaborazione dellinformazione di pericolo

16
istituto a.t. beck | Modulo 2 | Lansia e il disturbo da attacchi di panico: strategie per il trattamento

Ci troviamo di fronte, infatti, nel corso ricerca di cibo, un orso spunta da dietro gono, ad esempio, normalmente il pro- Nella figura successiva (fig. 14) viene
della nostra giornata, a stimoli visivi, un albero e sta per aggredirci: picco! Noi prio lavoro e conducono regolarmente rappresentata la reazione di stress pro-
situazioni o eventi che innescano le scappiamo e il nostro sistema ritorna la propria vita. In alcuni momenti della lungata (stress cronico), in cui le per-
stesse reazioni neurofisiologiche che si allo stato di equilibrio. giornata, quando sono esposte a stimoli sone perdono labilit di accedere facil-
attiverebbero nel momento in cui minacciosi o che percepiscono come mente alla corteccia, quindi al loro
dovessimo trovare di fronte a noi un Il nostro funzionamento quotidiano tali, si attiva lamigdala e, di conse- cervello pensante, e, di conseguenza,
animale pericoloso come un leone, dovrebbe essere come quello rappresen- guenza, viene innescata la modalit di non riescono a ragionare lucidamente,
perch vengono percepite come una tato in questo grafico (fig. 13). attacco-fuga. Superato levento che ha hanno difficolt a mantenere latten-
minaccia. La linea di base indica una condizione innescato lattivazione dellamigdala, la zione e la concentrazione su quello che
Immaginiamo di essere dei cacciatori stabile e continuativa caratterizzata da corteccia pu nuovamente operare al accade intorno a loro e non riescono
della preistoria e di andare in giro alla calma e riposo durante la maggior parte suo livello ottimale. Questo il funzio- pi a risolvere i problemi. come se
ricerca di cibo. Vediamo un serpente e la della giornata. Quando le persone si tro- namento della normale reazione di lhardware del cervello fosse riprogram-
risposta di stress innescata immediata- vano in questa condizione di calma la stress (fig. 13). mato con un software di pericolo e
mente: picco! Poi ci rendiamo conto che corteccia lavora in maniera efficiente e Quando per questo allarme viene atti- minaccia.
solo un bastoncino di legno, non un dunque riescono a prestare attenzione vato tante volte, le persone diventano
serpente. Senza alcun pericolo, tutte le agli stimoli e a chi sta intorno a loro. reattive, impulsive e non riescono pi a
reazioni tornano indietro. Pochi giorni Sono concentrate, prendono decisioni in prendere decisioni lucidamente poich
dopo, sempre andando a caccia alla modo chiaro, risolvono problemi, svol- sono confuse e disorientate.

Normale reazione di stress

Sistema limbico Sistema limbico

Funzionamento Funzionamento
ottimale della ottimale della
corteccia prefrontale corteccia prefrontale

Picco Picco

Fig. 13 Normale reazione di stress (adattato da Race, 2014) Fig. 14 Reazione di stress cronico (adattato da Race, 2014)

17
istituto a.t. beck | Modulo 2 | Lansia e il disturbo da attacchi di panico: strategie per il trattamento

La presenza costante di stimoli percepiti La societ in cui viviamo impone uno


come minacciosi o pericolosi, che scate- stile di vita frenetico e richiedente sotto-
nano risposte di attacco-fuga, come ponendo le persone a continue pressioni
abbiamo detto sopra, determina una (fisiche ed emotive).
sovrastimolazione del sistema limbico Ciascuno di noi, infatti, si confronta
e quindi dellamigdala. ogni giorno con lalto numero di
richieste che la famiglia, il lavoro e la
Alcuni esempi degli stimoli quotidiani societ pongono nei diversi ambiti della
ai quali le persone sono esposte sono: vita e che contribuiscono ad aumentare
ricevere molte mail il carico di stress individuale.
rispondere a molte mail
ricevere molte telefonate e sms Lalimentazione squilibrata, lassunzione
stare molto tempo al telefono, di sostanze eccitanti come tabacco, caf-
soprattutto nel cuore della notte feina, alcool e droghe, il tempo trascorso
guardare per lungo tempo in auto per raggiungere il posto di
la televisione lavoro, gli eventi traumatici, la vita quo-
stare per lungo tempo davanti al PC tidiana e, soprattutto, la quantit e qua-
passare tanto tempo con i videogiochi lit del sonno non sempre adeguate, si
dover eseguire molti compiti aggiungono in modo significativo alle
contemporaneamente diverse fonti di stress e hanno un
avere un capo o un lavoro molto impatto molto negativo sulla vita delle
richiedente persone. Tutto ci predispone lorga-
parlare in pubblico nismo a una maggiore attivazione del-
essere bloccati nel traffico lamigdala e, dunque, a una maggiore
pensare alla lista di cose da fare vulnerabilit allansia.
discutere con il proprio partner
o datore di lavoro
preoccupazioni economiche
non dormire abbastanza
non mangiare in modo sano
condurre una vita poco regolare
ascoltare o leggere notizie di disastri
naturali e cronaca nera
essere in ritardo
perdere qualcosa

18
istituto a.t. beck | Modulo 2 | Lansia e il disturbo da attacchi di panico: strategie per il trattamento

Lo stress Lo stress la malattia pi diffusa ai corpo, in quanto migliora la termorego- Stress ed esercizio fisico
giorni doggi. Basti pensare che in Ame- lazione, aiuta la riparazione tessutale, Lesercizio fisico aumenta il tono del-
rica il 42% degli adulti riporta un favorisce lazione del sistema immuni- lumore e diminuisce il livello di stress.
aumento del proprio livello di stress e il tario, stimola la plasticit sinaptica Lesercizio e lattivit fisica aumentano
36% riferisce che tale livello rimasto (alla base di funzioni come lapprendi- inoltre lindice di massa corporea, ridu-
invariato negli ultimi cinque anni mento e la memoria). cono il rischio di malattie cardiovasco-
(apa, 2013). Il sonno, inoltre, contribuisce a ridurre i lari, potenziano lapparato muscolare,
Come abbiamo spiegato precedente- livelli di adrenalina e cortisolo, ovvero affinano le funzioni cognitive, alleviano
mente, la vita di tutti i giorni ci espone a gli ormoni dello stress e, durante le fasi la depressione, migliorano lo stato di
molti stimoli e situazioni stressanti, ma profonde, viene prodotto in grandi salute in generale e riducono lo stress.
anche il nostro modo di pensare, i nostri quantit lormone della crescita (gh) Lesercizio fisico anche correlato con
comportamenti e le nostre abitudini, la cui funzione principale stimolare laumento dei livelli di endorfine nel
come il sonno inadeguato, lesercizio lo sviluppo dellorganismo umano, cervello, ovvero di quelle sostanze che
fisico limitato, lalimentazione scorretta, promuovendo laccrescimento e la ripa- inducono piacere e benessere negli indi-
possono incidere ulteriormente, aumen- razione cellulare di quasi tutti i tessuti vidui.
tando lo stress e, di conseguenza, lansia. corporei. Chi pratica attivit fisica in maniera
Quando le persone non dormono per regolare e costante riferisce di sentirsi
Stress e sonno un numero adeguato di ore, durante il di buon umore, pi energico e meno
Dormire poco e male aumenta lo stress. giorno sperimentano dunque stan- stressato. Al contrario, praticare attivit
Le ore di sonno necessarie per non spe- chezza muscolare, difficolt di concen- fisica raramente (per esempio una volta
rimentare sonnolenza diurna o altri trazione, irritabilit, indebolimento a settimana) o la sua assenza totale,
effetti indesiderati sono 4-5 ore a notte, della memoria. insieme allalimentazione scorretta e alla
ovvero il periodo che viene definito La deprivazione di sonno, di conse- mancanza di sonno, una delle cause
sonno nucleare, costituito essenzial- guenza, compromette gravemente la principali di alti livelli di stress.
mente dal sonno profondo a onde lente salute, contribuendo anche allaumento Ricorda, quindi, di svolgere unattivit
(gli stadi 3 e 4 del sonno) e, in una certa di peso fino allobesit, allipertensione, fisica, anche leggera, ma regolare, come
misura, dal sonno rem (Horne, 1988). alla sonnolenza con attacchi di sonno lo yoga. Basta anche una camminata di
La National Sleep Foundation, inoltre, improvvisi durante la giornata. 30 minuti al giorno per sentirsi meglio.
in un report sullo stress in America pub- Questi possono mettere a rischio la
blicato nel febbraio 2014, mostra che gli nostra vita e quella degli altri; basti pen-
adulti che dormono meno di 8 ore a sare alle conseguenze che pu avere un
notte riportano maggiori sintomi di attacco di sonno alla guida!
stress: si sentono pi irritabili, arrabbiati
e confusi; sperimentano perdita di inte-
resse, motivazione ed energia; perdono
la pazienza pi facilmente e riferiscono
laumento dei litigi con figli e/o partner;
fanno meno esercizio fisico.
Il sonno svolge infatti unimportante
funzione ristorativa per il cervello e il

19
istituto a.t. beck | Modulo 2 | Lansia e il disturbo da attacchi di panico: strategie per il trattamento

Stress e alimentazione Il ruolo Liperventilazione (cio respirare con


Lalimentazione incide sia a livello fisico una frequenza e/o con una profondit
che psicologico sulla nostra salute. delliperventilazione eccessiva rispetto alle esigenze dellorga-
Mangiare bene non serve solo a ricosti- nismo) una componente della rea-
tuire le riserve energetiche e strutturali, zione di attacco o fuga che gioca un
ma anche a influenzare i sistemi di rego- ruolo molto importante nel determinare
lazione generale dellorganismo (sistema i livelli di attivazione nel corpo e contri-
nervoso, immunitario, endocrino). buisce ad aumentare lansia.
La routine frenetica di tutti i giorni Lincremento della frequenza degli atti
porta spesso le persone a consumare i respiratori, mediante inspirazioni ed
pasti male e frettolosamente. espirazioni molto rapide, produce delle
Lalimentazione salutare, al contrario, modificazioni fisiologiche e dei sintomi
prevede che si effettuino numerosi pic- che possono spaventare.
coli pasti nel corso della giornata, suddi- Questi peggiorano o si aggiungono a
videndo la propria alimentazione quoti- quelli gi sperimentati durante gli
diana in 4-5 diversi momenti, saziandosi attacchi di panico, nonostante non siano
senza, per, riempirsi. dannosi e scompaiano appena si smette
Questo ha lo scopo di mantenere il fisico di iperventilare.
attivo ed efficiente, piuttosto che appe-
santito o in debito di energie. Liperventilazione produce uno squili-
Unalimentazione sana, bilanciata, ricca brio nei rapporti tra ossigeno e anidride
di frutta e verdura, di legumi, cereali carbonica, riducendo notevolmente
integrali e fibre, e povera di grassi, zuc- questultima, condizione nota come ipo-
cheri raffinati, carni rosse e formaggi, capnia.
pu essere il tuo miglior alleato per
ridurre lo stress, e di conseguenza
lansia, e per il tuo benessere!

20
istituto a.t. beck | Modulo 2 | Lansia e il disturbo da attacchi di panico: strategie per il trattamento

Un livello lieve di iperventilazione Di seguito (fig. 15) rappresentato il Come puoi riconoscere la presenza
produce: ruolo delliperventilazione allinterno delliperventilazione? Stai respirando
vertigini del circolo vizioso dellattacco di panico eccessivamente se:
sensazione di testa leggera (descritto nel modulo 1): respiri troppo velocemente (a riposo
sensazione di stordimento pi di 14 respiri al minuto)
sensazione di irrealt e di stranezza del respiri troppo profondamente
proprio corpo (si espande molto la cassa toracica e
sensazione di confusione poco la pancia)
perdita di giudizio critico Stimoli scatenanti
sospiri o sbadigli pi degli altri
esterni / interni boccheggi e/o ansimi a bocca aperta
Un eccesso di respirazione pi mantieni la bocca aperta o fai respiri
prolungato o vigoroso produce: profondi quando devi svolgere delle
intorpidimento Minaccia percepita
attivit
bocca e gola secche respiri eccessivamente quando fai
sensazione di formicolio alle mani, troppe cose e/o troppo in fretta
piedi, viso respiri eccessivamente dopo aver
sudorazione Ansia fumato, aver bevuto troppi alcoolici
tachicardia e/o caff
tintinnii alle orecchie
tremori Interpretazione Sintomi
sensazioni di irrealt, panico e paura erronea somatici / cognitivi

Un eccesso respiratorio ancora pi


vigoroso e prolungato pu causare:
crampi muscolari
forti dolori e tensioni toraciche
rigidit ad artiglio di mani e piedi
sensazione di mancanza daria (tale
sensazione tra le pi temute e pu Attenzione selettiva
indurre a respirare ancora pi profon- Comportamenti
damente peggiorando i sintomi) protettivi
Evitamento
Iperventilazione

Fig. 15 Ruolo delliperventilazione come fattore


di mantenimento nel circolo vizioso del panico
di Clark (1986)

21
istituto a.t. beck | Modulo 2 | Lansia e il disturbo da attacchi di panico: strategie per il trattamento

Il modello cognitivo Il caposaldo della terapia cognitivo- gono erroneamente considerati come Durante il percorso di psicoterapia
comportamentale dei disturbi emotivi, segni di un imminente disastro. capirai che lansia aumenta quando ti
dellansia e degli e dunque anche dellansia, : Il modo in Lansia si associa ai sintomi fisici (ten- concentri sulle sensazioni del corpo e
attacchi di panico: cui pensi influisce sul modo in cui sione muscolare, aumento del battito sui pensieri catastrofizzanti e il tuo tera-
senti. cardiaco, vertigini, sudorazione, nausea, peuta ti equipagger di strumenti adat-
approfondiamo debolezza, sensazione di soffocamento) tati ad hoc per te per affrontare e gestire
Le persone, soprattutto durante episodi che vengono male interpretati (in modo la tua ansia.
di ansia intensa con conseguente attiva- erroneo e catastrofico) e producono un
zione fisiologica incontrollabile, non ulteriore aumento del livello dansia,
riescono a comprendere che i loro pen- innescando un circolo vizioso che cul-
sieri influenzano i loro stati danimo e mina nellattacco di panico (fig. 3).
che giocano unimportante funzione di
mediazione tra la situazione e l'emo- Per la psicoterapia cognitivo-comporta-
zione con la conseguente reazione fisio- mentale il tuo coinvolgimento attivo e
logica e tra la situazione e il comporta- determinante nella nascita e nella persi-
mento (fig. 16), come verr spiegato stenza dellattacco, che frutto di un
successivamente. processo continuamente rinforzato da
Nel modulo 1 abbiamo visto che ogni molti aspetti, su cui hai pi controllo di
stimolo esterno o interno, che percepisci quanto tu non creda. Dal momento che
come minaccioso, produce ansia. la tendenza a usare le proprie emozioni
Gli attacchi di panico, dunque, sono il come fonte di informazione e valuta-
risultato di interpretazioni catastro- zione costituisce un meccanismo fonda-
fiche di eventi fisici e mentali che ven- mentale nei disturbi dansia, il vero pro-
blema il modo in cui interpreti la tua
stessa ansia, cosa ripeti a te stesso
quando sei in ansia. Probabilmente avrai
pensieri del tipo Se mi sento ansioso,
allora ci deve essere un pericolo.
Emozione Se pensi che avverr una catastrofe e che
Reazione fisiologica non sarai in grado di affrontarla, le sen-
sazioni di ansia e paura si intensifiche-
Pensiero crea ranno.

Comportamento

Fig. 16 Il modello cognitivo di Beck (2013)

22
istituto a.t. beck | Modulo 2 | Lansia e il disturbo da attacchi di panico: strategie per il trattamento

Ristrutturazione I pensieri catastrofizzanti fanno s che le Quando provi delle sensazioni fisiche
persone con attacchi di panico interpre- che interpreti come pericolose devi
cognitiva degli esiti tino erroneamente i sintomi dellansia e iniziare a pensare che possono
temuti delle sensazioni li vedano come dei reali pericoli. dipendere da:
Presta attenzione a cosa pensi nel una risposta fisiologica, non perico-
fisiche momento in cui diventi ansioso e alle losa, allaumento dellansia
sensazioni fisiche che provi, perch una reazione normale allo stress
potrebbero essere dovute ad altri fattori la conseguenza di un esercizio fisico
(stanchezza, troppa caffeina, stress, aver la fatica
mangiato troppo, aver dormito poco, gli effetti collaterali della nicotina, del
ecc.). caff, dellalcool o dei farmaci
unaccresciuta vigilanza alle sensazioni
Prova a chiederti: corporee
Prima di focalizzare lattenzione su forti emozioni quali rabbia, sorpresa o
quella parte del corpo, ero consapevole eccitazione
delle sensazioni fisiche? il verificarsi casuale di processi biolo-
Quando ho focalizzato lattenzione gici interni benevoli (ad es. prossimit
sulle sensazioni, cosa accaduto? del ciclo mestruale, mal di pancia, ecc.)
Ho notato sensazioni di cui non ero
mai stato consapevole, concentrando
lattenzione su alcune parti del corpo?
Ci potrebbe aver contribuito allattiva-
zione e al mantenimento del circolo
vizioso?

Se in una situazione ansiogena avverti


dei sintomi fisici molto forti e pensi Sto
diventando pazzo, sostituisci questo
pensiero con Sto solo sperimentando
sintomi fisici forti, non ho alcuna
ragione di ritenere che sto impazzendo.
Oppure, se pensi Sto per avere un
infarto, sostituiscilo con solo il bat-
tito del mio cuore, gi altre volte stato
accelerato.

23
istituto a.t. beck | Modulo 2 | Lansia e il disturbo da attacchi di panico: strategie per il trattamento

Scheda di lavoro Pensa alle sensazioni fisiche che ti gene- La maggior parte delle persone ha diffi-
rano forte ansia e che innescano il cir- colt a generare spiegazioni alternative
per la rivalutazione colo vizioso del panico. sulle sensazioni fisiche maggiormente
dei sintomi Elencale (fig. 17) e per ciascuna di esse temute.
descrivi molto chiaramente gli esiti cata- Il tuo psicoterapeuta ti aiuter a indivi-
strofici pi temuti (perder il controllo, duare le diverse possibilit e ipotesi che
impazzir, diventer trasparente, ecc.). spieghino le tue sensazioni fisiche e
Utilizza la tabella per scrivere alcune insieme potrete indagare la validit di
spiegazioni alternative rispetto al motivo ciascuna di esse, raccogliendo evidenze
per cui sperimenti una variet di sensa- e prove a favore e contro.
zioni fisiche che ti fanno sentire ansia
o panico.

Specifica la sensazione Elenca alcune spiegazioni Quanto credi a ogni Quanto credi a ogni Efficacia della
fisica che sperimenti alternative delle sensazioni spiegazione quando spiegazione quando spiegazione
(ad esempio tachicardia, difficolt non sei ansioso? sei ansioso? nel contrastare
respiratorie, nausea ecc.) (0 - 100)* (0 - 100)* lansia
e gli esiti temuti (0 - 100)**

Tachicardia Ho bevuto troppi caff 75 50 50


Morir di infarto Sono nel periodo mestruale
Ho fumato molte sigarette

** 0 = Non credo assolutamente a questa spiegazione, 100 = Credo assolutamente a questa spiegazione
** 0 = Questa spiegazione non ha assolutamente alcun effetto positivo sullansia, 100 = La spiegazione pienamente efficace nel rimuovere lansia

Fig. 17 Adattata da Clark & Beck (2010)

24
istituto a.t. beck | Modulo 2 | Lansia e il disturbo da attacchi di panico: strategie per il trattamento

Lesposizione Durante il percorso di psicoterapia sento ansioso. Sperimentare che non si


cognitivo-comportamentale per il trat- producono le conseguenze temute
enterocettiva tamento del disturbo da attacchi di (pazzia, collasso, morte, ecc.) fa dimi-
panico, una fase importante quella che nuire la forza dei pensieri catastrofici.
prevede lesecuzione degli esperimenti
comportamentali per linduzione dei Oltre agli esperimenti effettuati durante
sintomi in seduta. le sedute, una componente importante
Ricorda per che solo il tuo psicotera- del trattamento lesecuzione degli eser-
peuta ti potr fornire gli strumenti cizi a casa, anche nei giorni in cui la per-
necessari per gestire lansia e superare sona pu sentirsi particolarmente
le difficolt che incontrerai durante ansiosa o propensa al panico.
lesposizione.

Gli esercizi di esposizione enterocettiva


inducono delle sensazioni corporee
simili a quelle che si manifestano spon-
taneamente in caso di ansia e che ven-
gono evitate a tutti i costi perch consi-
derate pericolose, con lo scopo ultimo di
imparare a rimanere con esse.
Se, per esempio, la reazione fisica che ti
spaventa di pi la tachicardia, il tuo
psicoterapeuta sceglier degli esercizi
enterocettivi in grado di indurti laccele-
razione del battito cardiaco, per metterti
nelle condizioni di affrontare un epi-
sodio di tachicardia e superarlo senza
ricorrere allevitamento o alla fuga.

Questi esperimenti forniscono la prova


che le sensazioni fisiche di per s non
conducono automaticamente al panico -
Anche quando sono ansioso, aumen-
tare il mio battito cardiaco correndo per
le scale non aumenta il mio livello
dansia- e permettono di scoprire che il
modo in cui vengono interpretati i sin-
tomi determina se lansia esita in panico
- Quando so che il mio cuore batte
forte a causa dellesercizio fisico, non mi

25
istituto a.t. beck | Modulo 2 | Lansia e il disturbo da attacchi di panico: strategie per il trattamento

Lesposizione Lesposizione graduata in vivo per gli intensa e prolungata, sia allinterno della
evitamenti agorafobici una fase fonda- seduta che tra una seduta e laltra.
graduata in vivo mentale della terapia cognitivo-compor- Potrete implementare insieme, inoltre,
per gli evitamenti tamentale per il disturbo di panico. un piano dintervento che preveda luti-
Anche in questo caso il tuo psicotera- lizzo di tecniche di gestione dellansia
agorafobici peuta sapr prepararti e guidarti in che ti possano preparare alle sedute di
questa fase del trattamento che, solita- esposizione.
mente, determina unintensa paura, Possono anche essere utilizzate delle tec-
anche prima che lesposizione stessa niche come il rilassamento muscolare
abbia inizio, per laspettativa di star progressivo, la respirazione controllata o
male, per la paura della paura. la meditazione.

Durante lesposizione graduata in vivo Queste tecniche, per, non interven-


lo psicoterapeuta aumenta progressiva- gono direttamente sullattacco di
mente il livello di ansia a cui la persona panico, n lo curano, ma mirano solo a
si esporr, in modo che possa realizzare ridurre lo stress (che contribuisce ad
di essere in grado di gestire situazioni aumentare lansia) nelle situazioni quo-
ansiogene a lungo evitate. tidiane pi diverse e a bloccare o inibire
Affrontare la situazione temuta senza la tendenza a iperventilare (che spesso
fuggire, infatti, fa aumentare la paura precede o peggiora lattacco di panico).
che per una volta raggiunto il suo In tal modo, verrai condotto, passo
picco massimo, si stabilizzer per poi dopo passo, a superare paure che sem-
ridimensionarsi. bravano insormontabili e capirai che,
Ricorda che se non fuggi o eviti lesposi- evitando i tuoi piccoli rituali rassicu-
zione, la reazione ansiosa potr toccare ranti, non avrai comunque la crisi, anzi
un picco, ma poi si ridurr spontanea- aumenterai la tua reale autonomia.
mente e ti ritroverai a fronteggiare le
situazioni temute senza provare pi
paura o panico.

Lesposizione solitamente ha una durata


massima di 90 minuti, in quanto dovrai
rimanere nella situazione sufficiente-
mente a lungo da constatare la spon-
tanea riduzione del livello ansioso (nello
specifico dai 30 ai 60 minuti).
Potrai stabilire con il tuo psicoterapeuta
il numero di sedute settimanali che
dovrai effettuare, in modo che lesposi-
zione risulti frequente, moderatamente

26
istituto a.t. beck

Modulo 3 La prevenzione Una significativa percentuale di persone


che ha sofferto di attacchi di panico pu
Nella fase del trattamento cognitivo-
comportamentale dedicata alla preven-
delle ricadute
La prevenzione ricadere nel disturbo dopo una fase di
remissione, pi o meno lunga, dai sin-
zione delle ricadute il tuo psicoterapeuta
ti aiuter a:
delle ricadute tomi ansiosi, ad esempio dopo un
periodo molto stressante.
1. Rivedere e rafforzare ci che avrai
imparato durante il percorso di psicote-
nellansia Le ricadute determinano ovvie implica-
zioni sulla gi compromessa qualit di
rapia, con particolare attenzione a ci
che si dimostrato pi efficace per te.
e nel disturbo vita delle persone, in cui il disagio psico-
sociale, lavorativo e, a lungo andare, 2. Rileggere i file di auto aiuto che ti
da attacchi anche economico si perpetua e peggiora. sono stati dati nel corso della terapia e
ascoltare le tracce audio di registrazioni
di panico La psicoterapia cognitivo-comporta-
mentale lintervento che ha fornito la
di parti di sedute.
3. Identificare i comportamenti protet-
maggiore dimostrazione di efficacia nel tivi o gli evitamenti che possono predi-
La prevenzione delle ricadute trattamento dei disturbi dansia e, in sporti maggiormente allattivazione del
particolar modo, del disturbo da circolo vizioso dellinterpretazione cata-
La Mindfulness e il programma MBSR attacchi di panico.
per prevenire le ricadute nellansia e strofica delle sensazioni corporee.
Lefficacia clinica della psicoterapia
negli attacchi di panico cognitivo-comportamentale confer- 4. Imparare a riconoscere i momenti in
Il programma MBSR (Mindfulness mata dalle alte percentuali di risoluzione cui lattenzione selettiva sui fenomeni
Based Stress Reduction) (superiori anche alla farmacoterapia) del corpo provoca un aumento dellin-
e rappresenta un fattore protettivo per tensit delle sensazioni percepite.
le ricadute a lungo termine. 5. Individuare i pensieri disfunzionali,
spesso espressi sotto forma di pensieri
Abbiamo spiegato che gli attacchi di automatici, che possono attivarsi in pre-
panico si possono manifestare con la senza di alcuni sintomi fisici e che
sola percezione di sintomi somatici (per potrebbero scatenare nuovamente
esempio la tachicardia) o in presenza di lansia e lattacco di panico (ovvero la
situazioni e luoghi in cui il soggetto spe- convinzione che le sensazioni percepite
rimenta gli attacchi di ansia e le sensa- possano causare conseguenze fisiche e
zioni corporee temute. mentali drammatiche).
Per evitare di sperimentare un ulteriore
attacco di panico, quindi, abbiamo visto 6. Imparare ad accettare e ad accogliere
come le persone rinforzano la condotta in modo non giudicante le sensazioni
di evitamento dei contesti (luoghi e fisiche, pensieri ed emozioni, e promuo-
situazioni) in cui si sono verificati e vere una modalit aperta e recettiva
delle sensazioni enterocettive o degli dellesperienza interiore mediante la
specifici contenuti di pensiero che ven- pratica del programma MBSR.
gono associati allattacco di panico.

27
istituto a.t. beck | modulo 3 | La prevenzione delle ricadute nellansia e nel disturbo da attacchi di panico

Dal momento che il tentativo di con- La Mindfulness La Mindfulness (meditazione di consa-


trollo che le persone mettono in atto per pevolezza), nello specifico il programma
evitare gli eventi interni e i sintomi non e il programma MBSR MBSR, negli ultimi anni, stata inte-
fa altro che intensificarne la portata, la per prevenire le ricadute grata nella terapia cognitivo-comporta-
fase di prevenzione delle ricadute ha mentale. Il presupposto di base della
lobiettivo di ridurre levitamento espe- nellansia e negli attacchi pratica Mindfulness nel disturbo da
rienziale. Questo consiste nella mancata di panico attacchi di panico che in situazioni di
disponibilit da parte della persona a ansia e panico la tendenza delle persone
rimanere in contatto con particolari quella di interpretare le sensazioni cor-
esperienze personali come sensazioni poree in chiave catastrofica e fare previ-
fisiche, emozioni, pensieri, ricordi. sioni negative su ci che potr avvenire.
LMBSR in questa fase pu favorire il
Gli evitamenti sono un importante fat-
raggiungimento di uno stato di distan-
tore di mantenimento dellattacco di
ziamento dalle sensazioni fisiche, pen-
panico, soprattutto perch non danno
sieri ed emozioni, e di concentrazione
modo alle persone di sperimentare che
non giudicante sul presente.
lansia non porta alla catastrofe!
Lobiettivo duplice: dirigere la propria
Per mantenere e migliorare i risultati
attenzione sul momento presente inten-
maturati nel percorso del trattamento
zionalmente e con accettazione e distan-
dovrai acquisire una nuova modalit di
ziarsi dai pensieri catastrofici riguar-
relazionarti alla tua esperienza interna,
danti possibili eventi negativi del futuro.
attraverso un nuovo atteggiamento
verso i pensieri catastrofici, le sensazioni
stato dimostrato che lMBSR pro-
fisiche e le situazioni vissute, accettan-
muove un nuovo modo di approcciare
doli e tollerandoli.
alle proprie sensazioni fisiche, pensieri
Laccettazione e laccoglienza non giudi-
ed emozioni acquisendo consapevolezza
cante delle tue sensazioni fisiche, pen-
della loro natura fluttuante e transitoria.
sieri e emozioni, e la promozione di una
In questo senso, si prender consapevo-
modalit aperta e recettiva della tua
lezza di come il dolore, le attivazioni
esperienza interiore verranno sviluppate
fisiologiche dellansia o dellattacco di
mediante la pratica del programma
panico non sono immutabili o perma-
MBSR.
nenti.

Abbiamo spiegato nei moduli prece-


denti che, nel disturbo da attacchi di
panico, lattenzione selettiva verso i sin-
tomi somatici (ad esempio, sensazione
di svenimento, di sbandamento, di testa
leggera, ecc.) e la catastrofizzazione delle
conseguenze temute (per esempio il

28
istituto a.t. beck | modulo 3 | La prevenzione delle ricadute nellansia e nel disturbo da attacchi di panico

timore di impazzire) determinano lin- Nel modulo 2 abbiamo spiegato che Nel modulo 2 abbiamo spiegato inoltre
staurarsi di un circolo vizioso, in cui si liperventilazione una componente come lo stress influisca fortemente sui
attivano dei pensieri (del tipo Se ho della reazione di attacco/fuga che gioca disturbi dansia. Il programma MBSR si
queste sensazioni e provo queste emo- un ruolo molto importante nel determi- dimostrato efficace nella riduzione
zioni vuol dire che sto per impazzire!) nare i livelli di attivazione nel corpo e dello stress e nel miglioramento del
che portano a un potenziamento contribuisce ad aumentare lansia. benessere generale dellindividuo.
estremo dellansia. Il respiro , quindi, strettamente legato La pratica della consapevolezza, infatti,
Attraverso il programma MBSR nei ai nostri stati mentali. insegna alle persone a prendersi cura di
disturbi dansia la persona acquisisce se stesse e a vivere in modo pi sano,
consapevolezza dei propri stati interni e La pratica della Mindfulness sviluppa la imparando ad adattarsi alle circostanze
un nuovo modo di rapportarsi alle sen- capacit di portare lattenzione sul della vita e a riconoscere e gestire le
sazioni fisiche e agli stati mentali, impa- respiro, promuovendo la respirazione numerose fonti di stress quotidiane.
rando a stare nel momento presente con consapevole che ti consentir di perce-
quello che c. pire le sensazioni fisiche piacevoli che
produce, come il fresco dellaria che si
La pratica della consapevolezza aiuta ad avverte nellinspirazione, il calore del-
accogliere le sensazioni fisiche come un lespirazione, il torace e laddome che si
segnale separato dal loro contenuto gonfiano e sgonfiano, ...
emotivo, attraverso losservazione della Ricorda, per, che la Mindfulness non ti Riduce i livelli di ansia
sensazione sgradevole o dolorosa (per propone di allontanare o eliminare le e stress insegnando
esempio sede, intensit, frequenza) in sensazioni, i pensieri e le emozioni sgra- Modifica latteggiamento a osservare in modo
maniera distinta dalle componenti emo- devoli, ma stimola ad adottare unatten- verso le sensazioni fisiche, non giudicante
tive associate (per esempio impazienza, zione consapevole al momento presente, i pensieri e le emozioni e a rimanere in contatto
paura, ansia). Unosservazione conti- allaccogliere senza giudicare lespe- con le sensazioni
nuativa e non giudicante delle sensa- rienza del qui e ora qualunque essa sia, fisiche temute
zioni correlate allansia, senza mettere in positiva o negativa.
atto tentativi di fuga o comportamenti Lefficacia dei trattamenti Mindfulness
di evitamento, riduce la reattivit emo- nei disturbi dansia si basa su alcuni
tiva sollecitata dalle sensazioni fisiche meccanismi cognitivi dazione (fig. 18). Aiuta ad accettare
temute. i sintomi fisici e
i pensieri catastrofici
La pratica Mindfulness aiuta a capire senza cercare di
che le sensazioni fisiche e i sintomi modificarli o evitarli
ansiosi non sono problematici, non
sono il rispecchiamento di una realt
minacciosa, ma che la fonte principale
di disagio e sofferenza il tentativo
senza fine di controllare ed evitare
i sintomi.
Fig. 18 Meccanismi cognitivi alla base dellefficacia della Mindfulness

29
istituto a.t. beck | modulo 3 | La prevenzione delle ricadute nellansia e nel disturbo da attacchi di panico

Il programma MBSR Il programma MBSR fonde lesperienza Il programma MBSR prevede: Il programma MBSR ti aiuter a:
delle tecniche di meditazione con alcuni
(Mindfulness Based aspetti teorici della terapia cognitivo-
un incontro di gruppo in cui viene ridurre lo stress
spiegato il corso e uno individuale
Stress Reduction) comportamentale.
conoscitivo. inclusa la somministra-
coltivare concentrazione e pazienza
stato verificato che il programma
zione di test che permettono di valu- riconoscere le emozioni, sentendole e
MBSR, ideato e sviluppato da Jon localizzandole nel corpo, imparando
tare la situazione attuale dei parteci-
Kabat-Zinn, riduce la frequenza degli ad accoglierle, piuttosto che a rifiutarle
panti, in base ad alcuni parametri,
attacchi di panico e del comportamento
quali ansia, depressione, rimuginio,
evitante nel disturbo da attacchi di osservare e comprendere le modalit di
ecc. Tali test vengono somministrati reazioni automatiche ai pericoli e alle
panico (Miller, Fletcher, Kabat-Zinn,
anche alla fine del programma per
1995), diminuisce lo stress e migliora il minacce per trasformarle in risposte
valutare eventuali miglioramenti funzionali
benessere emotivo (Shapiro, Schwartz,
Bonner, 1998; William, Kolar, Reger, pratiche guidate quali: imparare a gestire in maniera efficace
Pearson, 2001). 1. il body scan (la scansione corporea il livello di ansia
consapevole)
Il programma MBSR ha lobiettivo di 2. lo yoga (stretching dolce e non giudicare lesperienza interiore,
sviluppare la capacit di osservazione e movimenti corporei accessibili ma imparare a osservarla e accettarla
distanziamento dagli stati mentali, sen- a tutti) per quello che
soriali ed emotivi, e aumenta la consa- 3. la meditazione seduta sviluppare la capacit di mantenere il
pevolezza e la capacit di gestione delle 4. la meditazione camminata focus sul presente, senza giudizio e con
emozioni negative. accettazione anche verso le sensazioni
pratica informale (attenzione consape-
vole alle attivit quotidiane) fisiche, i pensieri e le emozioni
Il programma MBSR si articola in 8 set-
timane. Si tratta di un protocollo di discussioni di gruppo, condivisione e aprirsi ai sintomi fisici e alle situazioni
addestramento intensivo alla medita- commenti con gli altri partecipanti senza mettere in atto fughe difensive o
zione di consapevolezza, strutturato in sulle esperienze di pratica strategie disfunzionali e dannose
8 incontri di gruppo settimanali di circa trasmissione di conoscenze teoriche avere maggiore accesso alle proprie
due ore ciascuno e di una giornata di sullo stress e su tematiche legate alla risorse interiori e qualit per prendersi
meditazione intensiva, chiamata gior- promozione del benessere generale cura di se stessi, per entrare in contatto
nata del silenzio. dellindividuo, quali pilota automatico, con la propria naturale fonte interiore
alimentazione, sonno, assertivit, ecc. di cura e guarigione

esercizi da svolgere in classe e a casa


per promuovere la consapevolezza
nella vita di tutti i giorni, quali diari,
materiale di psicoeducazione, metafore
e fiabe su vari temi
pratica quotidiana facilitata dallausilio
di audio e cartacei (cd e tracce mp3)

30
istituto a.t. beck

Lansia e il disturbo Modulo 1 Modulo2 Modulo 3


Lansia rappresenta un complesso Lamigdala favorisce la comparsa di rea- La psicoterapia cognitivo-comporta-
da attacchi di panico sistema di risposta alla modalit di peri- zioni dallarme rapide che possono pre- mentale rappresenta un fattore protet-
Riassunto dei moduli colo e minaccia. Questa risposta viene sentarsi quasi in modo autonomo e tivo per le ricadute nel disturbo di ansia
attivata quando gli eventi o le circo- indipendente dai ragionamenti consape- e di attacchi di panico.
stanze che incontriamo vengono consi- voli. La Mindfulness, e il programma MBSR,
derati pericolosi, imprevedibili e incon- Liperventilazione produce delle modifi- nella fase di prevenzione delle ricadute,
trollabili. Lansia una condizione cazioni fisiologiche che aumentano i favorisce il raggiungimento di uno stato
multisfaccettata che presenta caratteri- livelli di attivazione nel corpo, peggio- di distanziamento dalle sensazioni
stiche fisiologiche, cognitive, comporta- rano lansia e si aggiungono ai sintomi fisiche, pensieri ed emozioni, e di con-
mentali ed emotive. sperimentati durante gli attacchi di centrazione sul presente.
Lattacco di panico definito come un panico. La pratica Mindfulness aiuta a capire
breve e circoscritto episodio di ansia Per la psicoterapia cognitivo-comporta- che le sensazioni fisiche e i sintomi
intollerabile, caratterizzato da spiccate mentale lansia aumenta quando ti con- ansiosi non sono problematici, ma che
manifestazioni neurovegetative ed emo- centri sulle sensazioni del corpo e sui la fonte principale di disagio e soffe-
zioni di apprensione, paura o terrore per pensieri catastrofizzanti, per questo renza il tentativo senza fine di control-
una catastrofe imminente o un pericolo motivo mira a modificare il modo in cui lare ed evitare i sintomi.
mortale. interpreti la tua stessa ansia mediante Il programma MBSR un protocollo di
Gli attacchi di panico sono il risultato di lindividuazione di spiegazioni alterna- addestramento intensivo alla medita-
interpretazioni catastrofiche di eventi tive alle sensazioni interne. zione di consapevolezza che riduce la
fisici e mentali che vengono erronea- Gli esercizi di esposizione enterocettiva frequenza degli attacchi di panico e le
mente considerati come segni di un inducono delle sensazioni corporee condotte di evitamento disfunzionali.
imminente disastro. Le sensazioni simili a quelle che si manifestano spon-
fisiche male interpretate innescano un taneamente in caso di ansia, per mettere
circolo vizioso che culmina nellattacco le persone nelle condizioni di affrontare
di panico. i sintomi temuti e di superare lepisodio,
Il primo attacco di panico si verifica senza ricorrere a mezzi di evitamento o
spesso durante un periodo di stress ele- fuga.
vato, in quanto lo stress (psicologico e/o Lesposizione graduata in vivo per gli
fisico) contribuisce ad aumentare lansia evitamenti agorafobici aumenta gra-
fino al raggiungimento di una soglia dualmente il livello di ansia in modo che
che, se superata, innesca lattacco di la persona possa realizzare di essere in
panico. grado di gestire situazioni a lungo evi-
Oltre ai trattamenti farmacologici, il tate, senza sfuggirle, e fronteggiarle
gold standard per il disturbo da attacchi senza provare panico.
di panico la psicoterapia cognitivo-
comportamentale.

31
istituto a.t. beck

Bibliografia American Psychiatric Association. Rovetto, F. (2003). Panico. Origini, dina-


(2013). Diagnostic and statistical manual miche, terapie. Milano: McGraw-Hill.
of mental disorders (5th ed.). Arlington:
American Psychiatric Publishing. Shapiro, S. L., Schwartz, G. E., & Bonner,
G. (1998). Effects of mindfulness-based
Beck, J. S. (2013). La terapia cognitivo- stress reduction on medical and preme-
comportamentale. Edizione Italiana a dical students. Journal of Behavioral
cura di A. Montano. Roma: Astrolabio- Medicine, 21(6), 581-599.
Ubaldini Editore.
Wells, A. (1997). Trattamento cognitivo
Clark, D. A., & Beck, A. T. (2010). Cogni- dei disturbi dansia. Milano: McGraw-
tive Therapy of Anxiety Disorders. Science Hill.
and Practice. New York: Guilford Press.
Williams, K. A., Kolar. M. M., Reger, B.
Horne, J. (1988). Why We Sleep. Oxford: E., & Pearson, J. C. (2001). Evaluation of
Oxford University Press. a Wellness-Based Mindfulness Stress
Reduction intervention: a controlled
Miller, J. J., Fletcher, K., & Kabat-Zinn, J. trial. American Journal of Health Promo-
(1995). Three-year follow-up and clinical tion, 15(6), 422-432.
implications of a mindfulness medita-
tion-based stress reduction intervention
in the treatment of anxiety disorders.
General Hospital Psychiatry, 17(3), 192-
200.

Montano, A. (2007). Mindfulness.


Guida alla meditazione di consapevo-
lezza. Una terapia per tutti. Salerno:
Ecomind.

National Sleep Foundation (2014). How


much sleep do you really need? In: Stress
in America. Washington, DC: American
Psychological Association.

Race, K. (2014). Mindful Parenting.


Simple and Powerful Solutions for Rai-
sing Creative, Engaged, Happy Kids in
Todays Hectic World. London: St. Mar-
tins Griffin.

32
istituto a.t. beck

Descrivi il tuo caso

33
Direttore
Dott.ssa Antonella Montano
antonellamontano@istitutobeck.it

piazza San Bernardo 109, 00187 Roma


telefono 06 4819817
fax 06 4828665

via Gioberti 54, 00185 Roma


telefono 06 44703820
fax 06 49382241

www.istitutobeck.com