Sei sulla pagina 1di 24

da non perdere

Reddito di cittadinanza: se ne parla oramai ovunque, ma(prima parte)

Home / Attualit / Reddito di cittadinanza: se ne parla oramai ovunque, ma(prima parte)

open in browser PRO version

Are you a developer? Try out the HTML to PDF API

pdfcrowd.com

Reddito di cittadinanza: se ne parla oramai ovunque, ma(prima parte)


open in browser PRO version

Are you a developer? Try out the HTML to PDF API

pdfcrowd.com

Davide

1 febbraio 2017 , 14:56

Attualit, Notizie dall'Italia, Opinione

8 Commenti

1,037 Viste

DI CARLO BERTANI
carlobertani.blogspot.it
Ogni volta che qualcuno dice di non credere alle fate, una Fata muore.
James Matthew Barrie Peter Pan 1902
Se ne parla, si scrive, si dibatte, si litigama ciascuno per proprio conto, avendo unidea del reddito di cittadinanza
diversa dagli altri, senza una vera base sulla quale confrontarsi.
Cercher, se ne sar in grado, di fornire qualche indicazione in merito avendo come faro per questa analisi gli scritti
di Domenico de Simone e le analisi del prof. Fumagalli dellUniversit di Pavia. Gli unici, a mio avviso, ad aver centrato
in pieno il problema, ossia che non si tratta di creare un nuovo assegno di disoccupazione, n una pensione riveduta e
corretta.
Per questa ragione, partiamo da lontano.
Qualche riferimento storico
Se spiccassimo un salto nella Mezzaluna Fertile circa 10.000 anni or sono siamo certi di quel che incontreremmo:
una albero di mele, selvatiche, poich allepoca non esisteva ancora la tecnica degli innesti.
Cerano, anzi, pi alberi di melee poi pere, susine, ciliegiee tutto il resto, che era a disposizione di chiunque le
raccogliesse: forse cera una rudimentale forma di propriet? Non importa, perch gli alberi di mele (o simili)
open in browser PRO version

Are you a developer? Try out the HTML to PDF API

pdfcrowd.com

abbondavano, ed erano superiori alle possibilit umane di raccolta. Quando non lo furono pi, si medit come
migliorarle: secondo Jared Diamond Armi, acciaio e malattie i primordi delle tecniche di miglioramento genetico
presero vita nei cessi a cielo aperto dei villaggi. Ognuno cercava, per s, i migliori frutti, le pi rigogliose piantine da
trapiantare: ecco la prima base della selezione genetica. In ogni modo, era disponibile un patrimonio di frutti per puro
diritto di nascita: bastava raccoglierli.
Saltiamo a pi pari qualche millennio ed atterriamo nelle Pianure Centrali nord-americane nellanno 1.500 D.C., cosa
troviamo? Un popolo, i Nativi, che cacciano il bisonte a piedi (il cavallo fu introdotto, anzi, probabilmente re-introdotto,
dagli europei) con larco e raccolgono verdure e frutta selvatiche. Una bella fatica, certo, ma le risorse erano a
disposizione di tutti e superiori al possibile consumo.
Di qua dellAtlantico, invece, i contadini potevano servirsi delle terre comuni, dove raccogliere verdure selvatiche, frutta,
miele selvatico, funghi e legna. Al tempo del leggendario Robin Hood, ad esempio, i ribelli (veri) sinstallarono proprio
nelle terre comuni, che i feudatari dellepoca non potevano controllare per mancanzadi controllori!
Appena la nobilt si riorganizz siamo sotto Luigi XIV presero il via le cartolarizzazioni, vale a dire la compravendita
di patenti di nobilt sulla base di cessione (vere o presunte) di terre: facilmente comprensibile dove i feudatari
andarono a scovare nuovi territori le nuove colonie erano ancora lontane ossia nelle terre comuni. Fine della
propriet comune di terre e beni agricoli: circa 4 secoli or sono. Le terre comuni furono lo stesso denominatore per le
rivoluzioni inglese e francese.
Da quel momento in poi, ogni forma di propriet comune stata perseguitata e/o derisa: da ultimo, abbiamo subito un
furto colossale, che ha riguardato le cosiddette privatizzazioni, ossia centinaia di miliardi di euro rapinati alla propriet
industriale pubblica e finiti in mano private. La crisi economica? Cercate (anche) da quelle parti (1).
Oggi, non pi possibile avere propriet che non appartengano a qualcuno: per pura curiosit, allisola di Tristan da
open in browser PRO version

Are you a developer? Try out the HTML to PDF API

pdfcrowd.com

Cunha (corona britannica) la propriet privata stata istituita nel 1999, senza che nessuno ne avvertisse il bisogno.
Anche ogni forma dautosufficienza ostacolata, almeno per ci che riguarda lo staccarsi dalle comuni reti di
rifornimento di beni: personalmente, coltivo lorto, le olive per lolio, raccolgo frutti da alberi abbandonati, funghi nel
bosco, faccio il sapone con lolio esausto ed ho costruito, da solo, un impianto per lacqua calda ma non per questo
posso dirmi autosufficiente.
I prelievi che lo Stato compie spesso in cambio di nulla sono eccessivi e moltiplicati da amministrazioni locali
fameliche: non minteressa fornire cifre sulla tassazione, perch sono tutte fasulle, basti pensare che ogni bene
gravato da imposte indirette per pi del 20%.
In questo scenario, parlare di reddito di cittadinanza sembra una nota stonata: chi non lavora non mangia un detto
antico che sembra incontrovertibile. Per avvicinarci a questo concetto dobbiamo fare sforzi immani, per non
convincerci da soli che stiamo progettando una pazzia. Eppure, non lo come vedremo in seguito anzi, pu
essere la salvezza per questo mondo veramente pazzo.
Il dilemma di un diritto
Se desideriamo cercare nel diritto qualcosa che giustifichi il reddito di cittadinanza, per prima cosa dobbiamo pensare
alla nostra nascita: siamo venuti al mondo senza sapere un perch per volere di un Dio o per la legge del karma,
non importa ma la prima domanda che, probabilmente, ci siamo posti stata: Qual la mia parte di tutto questo?
Io, sono arrivato a 49 anni per avere una casa di propriet: beninteso, col mutuo da pagare fino alla pensione.
Qual il senso di giustizia di una simile situazione? Che differenza c fra chi nasce con dieci case e chi con
nessuna? Nel reparto di Maternit sembravamo tutti uguali.

open in browser PRO version

Are you a developer? Try out the HTML to PDF API

pdfcrowd.com

Eppure, la discriminante della nascita ha posto un confine, un limite: e quando il limite era insuperabile? Non sei
nobile? Peccatouna vita di mti aspetta. Confida in Dio o nella prossima vita.
Non si tratta, qui, di riscrivere il dibattito filosofico di 25 secoli, ma di estrapolare un nuovo mezzo che consenta un
ulteriore passo in avanti (o la sopravvivenza) della nostra civilt: dopo aver abolito i privilegi del sangue, riflettiamo su
come far essere, almeno, garantiti quei neonati del reparto di Maternit.
Nei fatti, oggi, gi lo sono: nessuno, in Italia, muore di fame e nemmeno mancano i soldi per la ricarica del telefono o
per le sigarette: gran parte di questo compito spetta, ora, alle famiglie che non ce la fanno pi a reggere il peso di una
societ che produce tantissimo e non ha mezzi per acquistare gli stessi beni. Difatti, dove non c una famiglia alle
spalle, per molti non rimane che la Caritas ed i cartoni per opporsi al gelo.
Il guaio epocale: per parecchi decenni tutti gli incrementi di produttivit sono stati incassati dai capitalisti, i quali
oggi constatano una nuova crisi dei consumi, come avvenne nel 1929. Acceso il fuoco sotto la caldaia cinese,
incassati profitti e dividendi, ora che anche il mondo sembra andare stretto per lespansionismo economico cinese,
non si sa far altro che proclamare ai quattro venti lo scoppio di una crisi. Non dovrebbe essere il compito
delleconomia quello di risolverle?
Sapevamo da almeno un secolo che le macchine avrebbero centuplicato ogni prodotto con facilit, eppure siamo
rimasti legati ad un concetto medievale: chi non lavora non mangia, piuttosto si butta via il cibo, come fanno ogni
giorno i supermercati italiani.
La Costituzione che abbiamo appena difeso, allart. 4 recita:
La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo
diritto. Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilit e la propria scelta, una attivit o una
open in browser PRO version

Are you a developer? Try out the HTML to PDF API

pdfcrowd.com

funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della societ.


Come si nota, larticolo suddiviso in due sezioni: la prima dove si parla chiaramente di lavoro, mentre nella seconda i
concetti sono pi sfumati: attivit, funzione che concorrano al progresso materiale o spirituale.
La prima parte richiederebbe una riflessione: oggi, la Repubblica non in grado di riconoscere quel diritto, n riesce a
promuoverlo.
Il motivo semplice: siamo in mezzo a lupi famelici, che sarrabattano con qualsiasi boccone per calmare la loro
fame. Prova ne sia che, recentemente, persino la Corte di Cassazione ha dichiarato legittimo un licenziamento
soltanto perch consentiva allazienda pi profitti.
Molti nemici, poco onorevoli
La miscela esplosiva dei nemici composta dai membri dei consigli damministrazione industriali, bancari,
assicurativi, ecc gente che ha molto potere sui media e, nonostante non siano in numero esorbitante, trovano nel
denaro uno strumento per languire le coscienze univoco e determinante.
Difatti, la pi comune obiezione al reddito di cittadinanza sempre nessuno pi lavorerebbe oppure (Elsa Fornero
dixit) gli italiani si farebbero solo pi dei grandi piatti di pastasciutta: messaggi semplici ed intuitivi, contro
argomentazioni che passano dalla filosofia alleconomia, che necessitano di un pubblico attento e responsabile.
Vorremmo chiedere a questa gente dove troveranno posti di lavoro quando una sola fabbrica con poniamo cento
dipendenti passer dal produrre 10.000 telefonini il mese a sfornarne 100.000 grazie a nuove macchine (Marx ha
dimostrato che non tutti andranno a costruire nuove macchine: solo una piccola parte, scritto nella storia stessa del
capitalismo). Sono in grado dassicurarci un incremento dei posti di lavoro pari a 10 volte? Eppure, questa la storia
open in browser PRO version

Are you a developer? Try out the HTML to PDF API

pdfcrowd.com

del fordismo, delle macchine, lo sappiamo bene.


Il grande ostacolo, prima che tecnico od economico, si chiama etica del lavoro, come immaginarsi di parlare di
abolizione della schiavit in un mercato dellantica Roma: le sassate erano certe.
Il senso comune di etica del lavoro risale a Marx ed Heidegger, mentre De Simone ne d una lettura diversa, direi pi
mediatica, ossia lesaltazione del lavoro come forma nobile di risposta alle avversit del mondo naturale, qualcosa a
met fra Stakanov che forgia lacciaio e Mussolini che miete il grano: notate che le due figure sono molto simili,
portano identico messaggio lavorare giusto e bello. Appartengono, inoltre, agli stessi anni, quando i rispettivi regimi
mostravano nel lavoro la risposta ai vari nemici esterni ed interni.
Perch nessuno ripropone, oggi, simili esempi? Perch sarebbero degli insuccessi pubblicitari, garantito.
Eppure, il lavoro ci mostra anche oggi la sua forma etica (o di esaltazione) nelluomo con il casco giallo in testa che
avvita un bullone in una torre di trivellazione, oppure in una donna in camice bianco che osserva una provetta
cambiano i modelli, gli schemi seguono i tempi, ma lo scopo il medesimo.
Il lavoro ha bisogno di pubblicit per sopravvivere, giacch il lavoro obbligatorio una sorta di pena, con fine pena
intorno, oramai, ai settantanni: come recepiscono il lavoro a voucher i giovani? Come una dannazione, una pena
necessaria per vivere. Non certo questo il lavoro immaginato in Costituzione, e ci confortano i Latini che usavano
due termini distinti: labor ed opus.
Gran parte delle responsabilit di tutto ci risiedono nella vendita di loro stessi che hanno preferito operare i
sindacati, per i succosi trenta denari che ben conosciamo. Per questa ragione, non ci si deve infilare nei
ragionamenti sindacati/confindustria/finanza n immaginare sussidi di disoccupazione perch questi mezzi sono
viziati allorigine da una scelta obbligata, quella del lavoro. Bisogna rilanciare, perch ne abbiamo tutto il diritto: non
open in browser PRO version

Are you a developer? Try out the HTML to PDF API

pdfcrowd.com

facile comprenderlo.
Anzitutto, dal fordismo in poi, cosa cambiato? Con linvenzione del telaio meccanico, della pressa, del torniocosa
mutato?
Lingegno umano ha creato macchine che sostituivano, meglio e pi in fretta, parte del lavoro manuale. Chi ne stato
lartefice?
E quasi impossibile fornire questa risposta, lunica che abbia senso le generazioni precedenti, senza distinzione
fra lavoro e capitale.
Oggi, questa eredit, a chi appartiene?
Ai successori: a noi, ai nostri figli e nipoti, non al Fondo dinvestimenti di Vattelapesca, il quale sta alla finestra, osserva
chi genera i pi succosi profitti, investe i suoi capitali (frutto di unanomala e sbilanciata ripartizione fra profitti e salari) e
soddisfa, cos, i propri adepti, che ringraziano con Rolex dOro e sontuose prebende chi sadopera per questo
mercimonio.
Perch, ragazzi cari, per ogni fondo che sarricchisce c un intero quartiere che precipita nella povert: questa
gente che non fa assolutamente nulla dei veri mangiapane a tradimento come la giuria di Miss Italia, solo l per
misurare fianchi e petti, nientaltro!
Lindice di Gini cresce sempre, ci racconta che la sperequazione dei redditi aumenta ogni giorno che passa, eppure
parlare di una misura che porterebbe maggior equit sociale, consumi pi livellati su beni necessari e meno spreco
vista come la peste. Per loro, indubbio: per questa ragione lo accusano dogni male!

open in browser PRO version

Are you a developer? Try out the HTML to PDF API

pdfcrowd.com

Conclusioni (prima parte)


Qualcuno obietter che ho sprecato tempo e spazio per dei concetti ovvi: buon per lui se questa la sua opinione, ma
non sono certo che le cose fossero cos chiare per tutti. Il reddito di cittadinanza un diritto dovuto, per lincapacit
degli economisti ad indicare unalternativa, valida nel tempo, alla spirale impazzita automazione-produzione-consumorifiuti.
La sola via duscita per la societ umana una re-distribuzione dei redditi: ogni altro rimedio conduce inevitabilmente
a guerre, sangue e disastri infiniti.
Quando lo capiranno?
Mai, risponde qualcuno. Non sarei cos certo.
La notizia che la Cina sta spostando lobiettivo del proprio apparato produttivo verso il mercato interno significa solo
una cosa: le esportazioni languono rispetto ai tempi doro, quando qualsiasi bene veniva acquistato, in Occidente,
solo per i bassissimi prezzi dacquisto. E un segnale (per qualcuno) preoccupante, non certo per i disastrati europei
ed americani, ai quali detto fuori dai denti di quanto e come mangiano i cinesi non importa una mazza.
Per questa ragione anche gli apparati iniziano ad interessarsi, ad introdurre nel dibattito sui media la nuova parola, il
nuovo termine Reddito di cittadinanza, a non considerarlo pi un tab, anche se gli studi ed i dibattiti datano oramai
da almeno un secolo, mentre la codificazione ufficiale nella storia delleconomia del 1795.
Hanno paura, una paura dannata che i rendimenti dei fondi dinvestimento precipitino per mancanza di domanda: allora
abbozzano, chinano la testa, soltanto un pochino. E solo carit pelosa: non illudiamoci.

open in browser PRO version

Are you a developer? Try out the HTML to PDF API

pdfcrowd.com

Nella seconda parte proseguiremo, ampliando i concetti qui espressi ed incrociandoli con le varie proposte e le
indicazioni in merito di economisti, politici, giornalisti, scrittori, ecc.
Non cediamo, per, ricordiamo che non si pu monetizzare il diritto alla sopravvivenza: un nostro diritto, non una
carit dello Stato. Anzi, dovrebbe essere il suo compito primario.

Carlo Bertani
Fonte: http://carlobertani.blogspot.it
Link: http://carlobertani.blogspot.it/2017/01/reddito-di-cittadinanza-se-ne-parla.html
31.01.2017

(1) http://comedonchisciotte.org/lo-stato-delle-privatizzazioni/

Condividi
Etichette

Facebook
ART. 4

Twitter

COSTITUZIONE

Google +

LinkedIn

DOMENICO DE SIMONE

FUMAGALLI

Pinterest
MARX

MEZZALUNA FERTILE

REDDITO DI CITTADINANZA

UNIVERSIT DI PAVIA

open in browser PRO version

Are you a developer? Try out the HTML to PDF API

pdfcrowd.com

Pubblicato da Davide

Precedente

Attentato in Qubec: il SITE


Intelligence Group si schiera
contro Trump

Articoli correlati

Attentato in Qubec: il SITE


Intelligence Group si schiera contro
Trump

Mandare in stampa
1 febbraio 2017 , 0:10

Zero Hedge: Negli Stati Uniti in


Corso una Rivoluzione Colorata
31 gennaio 2017 , 20:15

1 febbraio 2017 , 6:55

open in browser PRO version

Are you a developer? Try out the HTML to PDF API

pdfcrowd.com

8 Commenti

Consiglia

ComeDonChisciotte

Condividi

Accedi

Ordina dal meno recente

Partecipa alla discussione...

NeriChiaramantesi 5 ore fa

a proposito delle possibili forme di reddito di cittadinanza segnalo questo interessantissimo link di yanis varoufakis in
cui si propone qualcosa che va oltre
concepire il profitto in generale come proprieta' comune di cui tutti sono detentori di una quota
questo perche' siamo nell'epoca dell'automazione e naturalmente come e' evidente se fra qualche tempo la maggior
parte delle attivit produttive sara' affidata ai robot non si sa chi si comprera' le merci
visto che poi si dovrebbero spendere un sacco di soldi per programmare i robot in modo che vadano al
supermercato a fare la spesa con il loro stipendio
quindi l'economista greco introduce un tema che probabilmente diventera' sempre piu' di attualita' cioe' qual e' il vero
scopo e la dovuta destinazione del profitto
molti segnali indicano che il vecchio capitalismo della proprieta' privata e del profitto individuale si avvia alla
obsolescenza
https://yanisvaroufakis.eu/201...
open in browser PRO version

Are you a developer? Try out the HTML to PDF API

pdfcrowd.com

Rispondi Condividi
Roberto Giuffr > NeriChiaramantesi un'ora fa

Se si avverer ci che dice Samir Amin, un bel po' di persone saranno gasate. Molte altre sterilizzate.
Le oligarchie europee hanno affermato che a loro servono solo il 25% degli attuali cittadini europei. Degli altri
non sanno che farsene. Fonte (prof. Alain Parguez).
Eppure gi nell'immediato sarebbe cos facile accontentare tutti rimodulando il valore del denaro, e
permettendo a tutti di arrivare a fine mese lavorando 24 ore al max, 3 giorni. E gli altri 3 lavora un'altra
persona. Entrambi avrebbero 4 giorni per la propria vita, famiglia, interessi.
E col tempo ridurle ancora di pi o inventare impieghi realmente utili. Nessuna anziano o donna incinta oggi in
Italia ha aiuto. Dagli uno studente, una ragazza che li aiuti nei lavori in casa.
E il rinnovamento di tutte le strade e le infrastrutture?
E la formazione ed educazione perpetua?
Io sto studiando neuroscienze a quasi 45 anni, ma tanti altri vorrebbero poter studiare cose nuove.
La gente che ci governa composta da psicopatici. Stanno male loro dentro, e gli darebbe fastidio vederci
felici.
Quando stai male, intorno vuoi solo persone che stanno peggio, per poterti sentire normale.
1

Rispondi Condividi

SanPap 3 ore fa

dal Sito del Comune di Roma


Costruire il nuovo Piano Sociale Cittadino attraverso la partecipazione e la consultazione dei romani, su tutti i territori.
E questo lobiettivo di #RomaAscoltaRoma, la campagna lanciata dal Campidoglio per giungere alla redazione di un
Piano che manca nella capitale da 13 anni. LAssessora alla Persona, Scuola e Comunit solidale Laura
open in browser PRO version

Are you a developer? Try out the HTML to PDF API

pdfcrowd.com

Baldassarre ha partecipato ieri al primo appuntamento a Ostia, presso la Sala Consiliare del X Municipio in piazza
della Stazione Vecchia, 2.
Quindici incontri pubblici per scrivere il programma di azione dellamministrazione capitolina a favore dei soggetti pi
fragili e discutere dei temi su cui deve svilupparsi una comunit solidale: povert, inclusione, questione Rom,
politiche educative e scolastiche, violenze, disabilit, dipendenze patologiche, casa, gravi marginalit, minori,
famiglie, anziani.
Il presupposto che il benessere della collettivit non vada misurato in termini esclusivamente economici, ma debba
essere declinato in relazione alla qualit della vita dei cittadini che lamministrazione pubblica ha il dovere di
promuovere.
Pertanto saranno i romani stessi a farsi interpreti dei bisogni e delle richieste della comunit, mediante le Azioni di
consultAzione che Roma Capitale metter a disposizione:
Incontri di ascolto: per la prima volta verranno coinvolti cittadini e associazioni nella scrittura del Piano Sociale
Cittadino, con lorganizzazione di 15 incontri pubblici.
Ogni incontro sar dedicato a una specifica tematica e ospitato a rotazione da uno dei 15 Municipi .....
vedi altro

Rispondi Condividi
clausneghe 3 ore fa

Non ho bisogno di partire dalla "mezzaluna fertile" per capire quello che mi capitato, da ormai lunghi anni, ossia
perdere il lavoro, ero tornitore meccanico manutentore di 5 livello (specializzato) quando l'azienda dove lavoravo ha
chiuso i battenti, come si dice.
Soprattutto capire che n il sindacato n lo stato (volutamente minuscolo) hanno o avrebbero mosso un dito, per me.
Infatti sono anni che tiro avanti, con sempre maggiore fatica, devo dire, dividendo il magro stipendio di mia moglie e
integrandolo, quando va bene con lavoretti estemporanei, tipo giardiniere, imbianchino e via dicendo, mi vendo a
sette euro l'ora..che un posto di lavoro serio introvabile come una chimera, per me che non sono una "risorsa"
della Bodlracca.
Ma per dignit non chiedo nulla ai farabutti dei servizi sociali, non faccio scenate e non minaccio suicidio. Mi arrangio
open in browser PRO version

Are you a developer? Try out the HTML to PDF API

pdfcrowd.com

e "tire inanc" nel contempo accrescendo il mio odio contro lo stato e tutti i suoi servi, fino all'ultimo burocrate
comunale, a volte fantasticando sul quando e come potr ucciderli, altro che resa. Ho sessanta anni, si noti, con
ventisette anni di contributi versati,che sarebbero soldi miei, ma che lo stato non mi restituisce.
Devo aspettare i 65 se mai ci arriver, per poter accedere a una seppur misera pensione e intanto....campa cavallo
che l'erba cresce..
2

Rispondi Condividi

Papaconscio un'ora fa

L'etica del lavoro finita da molto tempo, ma un reddito di cittadinanza universale e incondizionato, da solo, non
basta; esso va accompagnato ad una fiscaliit monetaria, in uno stato sovrano. Un conto corrente per ogni codice
fiscale. Le idee di Auriti e di Bella, oltre a quelle di De Simone, sono da studiare e valutare, ma le idee di Fumagalli e
Gallino non sembra escano dal solito paradigma del lavoro. Io che ho perso il lavoro da alcuni anni, con diciassette
anni di contributi che l'Inps ha usato per pagare i contratti di solidariet ai cassintegrati, con tanti sacrifici ho
comprato un pezzo di terra che coltivo a grano, cereali, olive, mandorle, legumi. Un reddito di cittadinanza universale
ed incondizionato mi permetterebbe di sviluppare la mia attivit, acquistare alberelli da piantare, concimi, ecc. E
invece devo trascinare i piedi in cerca di voucher. Ma quando penso a certe risoluzioni strategiche....

Rispondi Condividi
PietroGE un'ora fa

Da quello che si legge tra le righe uno potrebbe pensare al comunismo che ritorna con altro nome e altre bandiere.
Socializzare il profitto gi lo si fa con le tasse e il sussidio di disoccupazione esiste in tutti i Paesi industrializzati
europei. In Italia il problema il lavoro nero per cui la gente prenderebbe il sussidio e poi andrebbe a lavorare in nero.
La diminuzione dell'orario di lavoro con lo slogan : 'lavorare meno, lavorare tutti' la si tentata negli anni '90 ed
fallita. Il tema aumento enorme della produttivit tramite automazione, computer AI ecc. con conseguente
diminuzione del lavoro e quindi del reddito un tema ristretto ad una classe di Paesi industrializzati che coprono s e
o il 10% della popolazione mondiale e che gi oggi sotto assedio da parte dei milioni che vorrebbero una parte di
open in browser PRO version

Are you a developer? Try out the HTML to PDF API

pdfcrowd.com

quella ricchezza. Voglio vedere cosa dice Bertani nella seconda parte prima di commentare.

Rispondi Condividi
Bugiardo1975 un'ora fa

Se, come afferma la teoria di olduvai, la civilt industriale durer meno di 100 anni, dal 1930 al 2030, per esaurimento
del petrolio, il reddito di cittadinanza sarebbe un ottimo modo, non da solo ovviamente, insieme ad altre misure
sociopolitiche, per transitare in maniera relativamente indolore al nuovo medioevo. In mancanza, medioevo sar
ugualmente, ma tra sangue e tribolazioni.

Rispondi Condividi
GioCo 16 minuti fa

Il problema secondo me un po' diverso. Il lavoro possiamo tranquillamente crearlo, non necessario che ci piova
addosso dal cielo. Ma per crearlo devono esserci i presupposti che sono quelli di una collettivit che difende le
ragioni e il diritto al lavoro. Lavoro che non necessariamente timbrare il cartellino, creare una apparecchiatura per il
riscaldamento dove in effetti non possibile l'acquisto, non diverso da coltivare insalata nel proprio orto e non
che non sia "lavoro", se l'attivit non ad uso esclusivo del nostro beneficio.
Cio se volge a favore della comunit.
Il fatto che sia pagato, per noi ha una dimensione sola: denaro. Questo satanico, non mai, mai prima di quest'era
infernale, stato cos, che se non vieni pagato allora non un lavoro. Il principio di solidariet cruciale per ogni
collettivit ed subordinato all'adesione di un progetto, che il singolo fa proprio per salvaguardare il bene collettivo
come e pi della sua vita perch la garanzia di un futuro suo e della sua collettivit, questo e solo questo segna il
passaggio all'et adulta. La sfiducia nella collettivit esattamente l'accettazione che il denaro sia la sola forma
lecita di restituzione per un lavoro. Ma quello un dogma per i servi. Solo i servi si fanno pagare, perch questo
permette di lavorare senza che la loro stirpe si mescoli a quella dei padroni. Non sempre possiamo evitare di essere
servi di qualcuno, ma porca merda almeno ammettiamo che la forma di pagamento pi vile e rozza che si possa
concepire!
Senn poi ci tocca ripetere che "l'uomo cattivo per natura" o stupidate del genere, che sono vere ma solo se
open in browser PRO version

Are you a developer? Try out the HTML to PDF API

pdfcrowd.com

aggiungiamo che "l'occasione fa l'uomo ladro", non che "l'uomo cerca di essere ladro" come di solito si traduce la
cattiveria che portiamo dentro.

Rispondi Condividi

SEMPRE SU COMEDONCHISCIOTTE

Attentato in Qubec: il SITE Intelligence Group si


schiera contro Trump

La stretta di Trump sullimmigrazione? Chiedete a


Obama

21 commenti 14 ore fa

9 commenti un giorno fa

Cataldo Contesto l'utlizzo del termine "complottismo"

sotis Mobilitazione contro Trump ...ne parlano i nostri

parlerei di informazione alternativa, o


controinformazione, riprendersi il linguaggio la

giornalai che si trovano al 77 posto nella libert di


stampa. Bravi! ottimi giornalisti! Ho visto

Straniero in terra straniera

Zero Hedge: Negli Stati Uniti in Corso una


Rivoluzione Colorata

34 commenti 2 giorni fa

gianni beata lei che e' ottimista , io invece sono

sicuro che le cose andranno a peggiorare sempre piu'


fino ad avere il disastro , disastro che

Iscriviti

d Aggiungi Disqus al tuo sito web

7 commenti un giorno fa

AlbertoConti ci puoi scommettere

Privacy

Cerca nel sito


Cerca
Cerca

open in browser PRO version

Are you a developer? Try out the HTML to PDF API

pdfcrowd.com

Utenti
Nome Utente

Entra

Ricordami

Hai perso la password?

Cerchiamo Collaboratori

open in browser PRO version

Are you a developer? Try out the HTML to PDF API

pdfcrowd.com

Recenti

Popolari

Commenti

Etichette

Reddito di cittadinanza: se ne parla oramai ovunque, ma(prima parte)


1 febbraio 2017 , 14:56

Attentato in Qubec: il SITE Intelligence Group si schiera contro Trump


1 febbraio 2017 , 6:55

Mandare in stampa
1 febbraio 2017 , 0:10

Zero Hedge: Negli Stati Uniti in Corso una Rivoluzione Colorata


31 gennaio 2017 , 20:15

Il cattivo precedente di Trump


31 gennaio 2017 , 14:28

Se ne parla nel Forum


Diritto d'autore
open in browser PRO version

Are you a developer? Try out the HTML to PDF API

pdfcrowd.com

Lombardia soffocata dallo smog


UK - dopo Brexit accordi bilaterali
Non la Nato, ma la Sinistra "Obsoleta"
Il ritorno del fascismo
Guerre Stellari
Gideon Levy: Uccidili, sono un bersaglio facile
America first. Impossibile senza ipocrisia,senza Nato e guerre,senza consenso dei poteri occidentali
TI - 27 sindaci per la Riforma III delle imprese
Tuor: all'ordine del giorno l'uscita dell'Italia dall'euro

Cerca per Etichette

Aleppo Angela Merkel Atene Barack Obama brexit Casa Bianca CIA Cina clinton crisi democrazia Donald

Trump Facebook FBI

Grecia Grillo guerra Hillary Clinton hitler ISIS Israele Italia M5S
Matteo Renzi. migranti Nato Obama ONU povert Putin referendum Renzi Roma Russia Siria Stati
Uniti Trump Tsipras Ucraina Usa Virginia Raggi Wall Street Wikileaks
Francia google

Archivio
Archivio Seleziona mese

open in browser PRO version

Are you a developer? Try out the HTML to PDF API

pdfcrowd.com

Ultimi commenti
Stodler C' poco da commentare. Grigoriu fa semplicemente la cronaca della morte di...
Mandare in stampa 1 minuto fa

Esquivl "simpatizzante di Donald Trump, di Marine Le Pen e dellesercito israeliano"...


Attentato in Qubec : il SITE Intelligenc e Group si schiera contro Trump 6 minuti fa

GioCo Il problema secondo me un po' diverso. Il lavoro possiamo tranquillamente...


Reddito di cittadinanza: se ne parla oramai ovunque, ma(prima parte) 12 minuti fa

Bugiardo1975 Se, come afferma la teoria di olduvai, la civilt industriale durer meno di...
Reddito di cittadinanza: se ne parla oramai ovunque, ma(prima parte) 56 minuti fa

PietroGE Da quello che si legge tra le righe uno potrebbe pensare al comunismo che...
Reddito di cittadinanza: se ne parla oramai ovunque, ma(prima parte) 57 minuti fa

Papaconscio L'etica del lavoro finita da molto tempo, ma un reddito di cittadinanza...


Reddito di cittadinanza: se ne parla oramai ovunque, ma(prima parte) 1 ora fa

Toussaint Caro Gix, ma quando mai? Lei ha scritto: ""... spesso vedo che maneggia...
Attentato in Qubec : il SITE Intelligenc e Group si schiera contro Trump 1 ora fa

Roberto Giuffr Se si avverer ci che dice Samir Amin, un bel po' di persone saranno gasate....
Reddito di cittadinanza: se ne parla oramai ovunque, ma(prima parte) 1 ora fa

clausneghe Non ho bisogno di partire dalla "mezzaluna fertile" per capire quello che mi...
Reddito di cittadinanza: se ne parla oramai ovunque, ma(prima parte) 2 ore fa

open in browser PRO version

Are you a developer? Try out the HTML to PDF API

pdfcrowd.com

SanPap dal Sito del Comune di Roma Costruire il nuovo Piano Sociale Cittadino...
Reddito di cittadinanza: se ne parla oramai ovunque, ma(prima parte) 2 ore fa

Siamo su Facebook

@Seguici su Twitter

Reddito di cittadinanza: se ne parla oramai ovunque, ma...(prima parte) - https://t.co/jF85KRWS9H https://t.co/KNWuGTY5C2


5 ore fa

open in browser PRO version

Are you a developer? Try out the HTML to PDF API

pdfcrowd.com

Attentato in Qubec: il SITE Intelligence Group si schiera contro Trump - https://t.co/7McQQJ5jnX https://t.co/PnoRhRDqdl
13 ore fa

Mandare in stampa - https://t.co/LUIMH8wc8B https://t.co/xMn8Qt0scj


20 ore fa

Pubblicati per data


febbraio: 2017
L

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

Gen

Il sito non si assume alcuna responsabilit per gli articoli ed il materiale pubblicato
I contenuti sono pubblicati senza periodicit, dai rispettivi autori.
Copyright Comedonchisciotte.org 2017 - Crediti & Copyrights
Utilizzando i servizi di comedonchisciotte.org accetti la nostra Netiquette
il Disclaimer, le Condizioni d'uso e di partecipazione e la politica dei Cookies
Questo sito, come gli altri, usa i cookies per offrirti una esperienza di navigazione migliore e per statistiche anonime. Proseguendo la
I contenuti
di questo
sito sono distribuiti
Licenza sui
CC cookies
4
navigazione, dichiari di esserne
consapevole
e di accettarlo
Ulteriori con
informazioni
OK, chiudi questo avviso

open in browser PRO version

Are you a developer? Try out the HTML to PDF API

pdfcrowd.com