Sei sulla pagina 1di 58

Periodico QuAdriMestrAle sPed. in A.P. 45% Art. 2 coMMA 20/B legge 662/96 - FiliAle di PisA - Aut. triB. di PisA n. 13/96 del 04/09/1996 - stAMPe A tAriFFA ridottA - tAssA PAgAtA - Aut. e.P.i. dir. FiliAle di PisA - n. A.s.P./32424/gB del 30/12/1997 - tAxe Percue - itAliA

P eriodico Q uAdriMestrAle s Ped . in A.P. 45% A rt . 2 c oMMA

ISSN 1974-9635

P eriodico Q uAdriMestrAle s Ped . in A.P. 45% A rt . 2 c oMMA

AssociAzione itAliAnA di scienzA e tecnologiA delle MAcroMolecole

AIM Magazine

B O L L E T T I N O A I M
B
O
L
L
E
T
T
I
N
O
A
I
M

Anno XXXIV • vol. 64 • n° 1/09

Aprile 2009

P eriodico Q uAdriMestrAle s Ped . in A.P. 45% A rt . 2 c oMMA

Frattografia di polimeri strutturali Proteine del sistema olfattivo come biosensori per aromi alimentari Armonie polimeriche. Polimeri e strumenti musicali Dizionario tecnologico dei materiali polimeri

www.aim.it

P eriodico Q uAdriMestrAle s Ped . in A.P. 45% A rt . 2 c oMMA
AIM Magazine D irettore responsabile Roberto Filippini Fantoni Via Corridoni, 68 – 24124 Bergamo Tel. e
AIM Magazine D irettore responsabile Roberto Filippini Fantoni Via Corridoni, 68 – 24124 Bergamo Tel. e
AIM Magazine D irettore responsabile Roberto Filippini Fantoni Via Corridoni, 68 – 24124 Bergamo Tel. e
AIM Magazine D irettore responsabile Roberto Filippini Fantoni Via Corridoni, 68 – 24124 Bergamo Tel. e

AIM Magazine

Direttore responsabile

Roberto Filippini Fantoni Via Corridoni, 68 – 24124 Bergamo Tel. e Fax 03519903693 E-mail: roberto.filippini@cyberg.it

Gabriele Mei Basell Poliolefine Italia SpA – Piazzale Donegani 12 – 44100 Ferrara Tel. 0532467540 – Fax 0532467780 E-mail: gabriele.mei@basell.com

Stefano Testi Pirelli Labs SpA – Viale Sarca 222 – 20126 Milano E-mail: stefano.testi@pirelli.com

Organigramma dell’Associazione Italiana di Scienza e Tecnologia delle Macromolecole (AIM) per il biennio 2008-2009

Presidente

Concetto Puglisi

ICTP-CNR, Via P. Gaifami 18, 95126 Catania

Tel. 0957338239 – Fax 0957338206 – E-mail: concetto.puglisi@cnr.it

Segretario

Daniele Caretti

Direttore eDitoriale

Eleonora Polo ISOF-CNR – Sezione di Ferrara c/o Dip. di Chimica – Università di Ferrara Via Borsari 46, 44100 Ferrara Tel. 0532455159 – Fax 0532240709 – E-mail: tr3@unife.it

Comitato eDitoriale

Mauro Aglietto Dip. di Chimica e Chimica Industriale Via Risorgimento 35 – 56126 Pisa Tel. 0502219269 – Fax 0502219260 E-mail: aglaim@dcci.unipi.it

Dal monDo Della sCienza

Pino Milano Dip di Chimica – Via S. Allende – 84081 Baronissi (SA) Tel. 089965365 – E-mail: pino@chem.unisa.it

polymers abroaD

Michele Potenza Agion Technologies Inc 60 Audubon Road – Wakefield, MA – 01880 USA Tel. +1 781224 7144 – Fax +1 781246 3340 E-mail: mpotenza@agion-tech.com

intelleCtual property monitor

Dip. Chimica Industriale e dei Materiali, Viale Risorgimento 4, 40136 Bologna Tel. 0512093686 – Fax 0512093688 – E-mail: daniele.caretti@unibo.it

Tesoriere

Ugo Caruso

Dip. Chimica “Paolo Corradini”, Compl. Univ. Monte S. Angelo, Via Cintia, 80126 Napoli Tel. 081674366 – Fax 081674367 – E-mail: ugo.caruso@unina.it

Responsabile editoriale

Mauro Aglietto

Dip. Chimica e Chimica Industriale, Via Risorgimento 35, 56126 Pisa

Te. 0502219269 – Fax 0502219260 – E-mail: aglaim@dcci.unipi.it

Membri del Consiglio Direttivo

Silvia Destri

ISMAC-CNR, Via E. Bassini 15, 20133 Milano Tel. 0223699738 – Fax 0270636400 – E-mail: s.destri@ismac.cnr.it

Paolo Lomellini

Polimeri Europa SpA, Via Taliercio 14, 46100 Mantova

Tel. 0376305399 – Fax 0376305639 – E-mail: paolo.lomellini@polimerieuropa.com

Riccardo Po’

Eni S.p.A. - Centro Ricerche di Novara – Istituto Donegani, Via G. Fauser 4, 28100 Novara

Tel. 0321447541 – Fax 0321447241 – E-mail: riccardo.po@eni.it

Eugenio Amendola IMCB-CNR – P.le Tecchio 85 – 80125 Napoli Tel. 0817682511 – Fax 0817682404 E-mail: amendola@unina.it

Giuseppe Colucci Basell Poliolefine Italia SpA – Piazzale Donegani 12 – 44100 Ferrara Tel. 0532467652 – Fax 0532467675 E-mail: giuseppe.colucci@basell.com

Beniamino Pirozzi

Dip. Chimica “Paolo Corradini”, Complesso Universitario Monte S. Angelo, Via Cintia, 80126 Napoli

Tel. 081674463 – Fax 081674300 – E-mail: beniamino.pirozzi@unina.it

Luigi Torre

Università di Perugia, Loc. Pentima Bassa 21, 05100 Terni

Tel. 0744492918 – Fax 0744492950 – E-mail: torrel@unipg.it

Roberto Rizzo Dip. BBCM – Università di Trieste Via L. Giorgeri 1 – 34127 Trieste Tel. 0405583695 – Fax 0405583691 E-mail: rizzor@units.it

Michele Suman Barilla Alimentare SpA – Via Mantova 166 – 43100 Parma Tel. 0521262332 – Fax 0521262647 E-mail: m.suman@barilla.it

attualità & Divulgazione

Michele Suman

polymers anD life

Michele Suman

Roberto Cavaton Marbo Italia SpA – Via T. Tasso 25/27 – 20010 Pogliano Milanese Tel. 02939611 – E-mail: r.cavaton@gruppomarbo.com

maCrotrivial

Eleonora Polo

lambiente

Eugenio Amendola

i biopolimeri

Roberto Rizzo

Dal monDo Della teCnologia

Riccardo Po’ Eni S.p.A. – Centro Ricerche di Novara – Istituto Donegani Via G. Fauser 4, 28100 Novara Tel. 0321447541 – Fax 0321447241 E-mail: riccardo.po@eni.it

i giovani

Sabrina Carroccio ICTP-CNR Viale A. Doria 6 – 95125 Catania Tel. 095339926 – Fax 095442978 E-mail: scarroccio@unict.it

Silvia Vicini Dip. di Chimica e Chimica Industriale Via Dodecaneso 31 – 16146 Genova Tel. 0103538713 – Fax 0103538733 E-mail: sivicini@chimica.unige.it

polimeri e … soCietà

Mariano Pracella IMCB-CNR – Via Diotisalvi 2 – 56126 Pisa Tel. 050511229 – Fax 050511266 – E-mail: pracella@ccii.unipi.it

pmi

Mario Malinconico ICTP-CNR – Via Campi Flegrei 34 – 80078 Pozzuoli(NA) Tel. 0818675212 – Fax 0818675230 E-mail: mario.malinconico@ictp.cnr.it

il monDo Di aim

Mauro Aglietto

Collaboratori

Anna Crestana

Gianluca Tell

in Copertina: Locandina XIX Convegno AIM, Milano 13-17 settembre 2009

AIM Magazine è un periodico quadrimestrale e i 3 numeri vanno in edicola a gennaio, maggio e settembre. Chiediamo a tutti i lettori che intendano inviare contributi di farli pervenire alla redazione improrogabilmente entro il 20 novembre, il 20 marzo o il 20 luglio. Il materiale che arriverà dopo queste date potrà essere preso in considerazione solo per il numero successivo.

AIM è su Internet!

La trovate a questo indirizzo: http://www.aim.it Cliccate sulle icone per raggiungere il mondo di AIM. Inoltre per un contatto diretto e ricevere informazioni in tempo reale sulle attività AIM in corso potete contattare la Segreteria amministrativa di AIM a Napoli a questo indirizzo E-mail: segr.amm@aim.it

Responsabile Giornate Tecnologiche

Franco Fattorini

Itaca Nova, Piazza Duomo 15, 22100 Como

Tel. 031272610 – Fax 0312757938 – E-mail: franco.fattorini@itacanova.it

Responsabili Commissione Giovani

Jenny Alongi

Politecnico di Torino Sede di Alessandria, Viale Teresa Michel 5, 15100 Alessandria

Tel. 0131229337 – Fax 0131229331 – E-mail: jenny.alongi@polito.it

Tiziana Benelli

Dipartimento di Chimica Industriale e dei Materiali, Viale Risorgimento 4, 40136 Bologna Tel. e Fax 051-2093688 – E-mail: tiziana.benelli@unibo.it

Responsabile Giornate per l’Ambiente

Mario Malinconico

ICTP-CNR, Via Campi Flegrei 34, 80078 Pozzuoli (NA)

Tel. 0818675212 – Fax 0818675230– E-mail: mario.malinconico@ictp.cnr.it

Responsabile Rapporti con Associazioni Industriali e Istituzioni

Responsabili Didattica

Maurizio Galimberti

Consulente Industriale, c/o Pirelli Pneumatici, Viale Sarca 222, 20126 Milano Tel. 0264423160 – Fax 0264425399 – E-mail: maurizio.galimberti.ex@pirelli.com

Attilio Cesàro

Dipartimento BBCM, Via L. Giorgieri, 1, 34127 Trieste

Tel. 0405583684 – Fax 0405583691 – E-mail: cesaro@units.it

Maurizio Toselli

Dipartimento Chimica Appl. e Scienza dei Mat., Viale del Risorgimento, 2, 40136 Bologna

Tel. 0512093207 – Fax 0512093220 – E-mail: maurizio.toselli@unibo.it

Scuola italiana “Mario Farina”

Roberta Bongiovanni

Dip. Sci. Mat. e Ing. Chim., C.so Duca degli Abruzzi 24, 10129 Torino

Tel. 0115644619 – Fax 0115644699 – E-mail: roberta.bongiovanni@polito.it

Scuole europee

Giovanni Camino

C. Cult. Ing. Mat. Plast., Politecnico di Torino, Viale T. Michel 5, 15100 Alessandria

Tel. 0131229318 – Fax 0131229331 – E-mail: giovanni.camino@proplast.it

Responsabile EUPOC Rapporti con EPF e IUPAC

Direttore responsabile AIM Magazine

Direttore Editoriale AIM Magazine

Giancarlo Galli

Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale, Via Risorgimento 35, 56126 Pisa Tel. 0502219272 - Fax 0502219260 - E-mail: gallig@dcci.unipi.it

Roberto Filippini Fantoni

Via Corridoni 68, 24124 Bergamo

Tel. e Fax 035-19903693 – E-mail: roberto.filippini@cyberg.it

Eleonora Polo

ISOF-CNR c/o Dip. di Chimica, Università di Ferrara, Via Borsari 46, 44100 Ferrara Tel. 0532455159 – Fax 0532240709 – E-mail: tr3@unife.it

Join AIM! Adesione all’AIM per il 2009 e per il 2010

Con delibera presa dal Direttivo AIM il 24.05.2005 a partire dal 2006 la quota per aderire all’AIM sarà soltanto biennale e pari a € 60. Il pagamento può essere effettuato tramite versamento sui c/c bancario o postale dell’AIM oppure tramite invio di assegno bancario come indicato qui di seguito:

sul c/c bancario n. 100000005184 del Banco di Napoli AG 1 (Cod. ABI 01010, CAB 03401), Piazza Bovio, Palazzo Borsa, 80138

Napoli (IBAN IT14 G010 1003 4011 0000 0005 184), intestato a: Associazione Italiana di Scienza e Tecnologia delle Macromolecole sul c/c postale n. 10267565 del Centro Compartimentale di Firenze intestato a: Associazione Italiana di Scienza e Tecnologia delle

Macromolecole a mezzo assegno bancario o circolare intestato: AIM da inviare a: Segreteria Amministrativa AIM: c/o prof. Ugo Caruso, Dipartimento

di Chimica “Paolo Corradini”- Università di Napoli “Federico II”, Via Cintia-Compl. Univ. Monte S. Angelo, 80126 Napoli carta di credito. Compilate il modulo che potete scaricare dal nostro sito web www.aim.it e speditelo, anche tramite fax (081 674367), a: Segreteria Amministrativa AIM, c/o prof. Ugo Caruso Dipartimento di Chimica “Paolo Corradini”- Università di Napoli “Federico II”, Via Cintia-Compl. Univ. Monte S. Angelo, 80126 Napoli

Edizione: Pacini Editore S.p.A. • Via A. Gherardesca • 56121 Ospedaletto (PI) • Tel. 050 313011 • Fax 050 3130300• www.pacinieditore.it

Finito di stampare nel mese di Maggio 2009 presso le Industrie Grafiche della Pacini Editore S.p.A.

I dati relativi agli abbonati sono trattati nel rispetto delle disposizioni contenute nel D.Lgs. del 30 giugno 2003 n. 196 a mezzo di elaboratori elettronici ad opera di soggetti appositamente incaricati. I dati sono utilizzati dall’editore per la spedizione della presente pubblicazione. Ai sensi dell’articolo 7 del D.Lgs. 196/2003, in qualsiasi momento è possibile consultare, modificare o cancellare i dati o opporsi al loro utilizzo scrivendo al Titolare del Trattamento: Pacini Editore S.p.A. -Via A. Gherardesca 1- 56121 Ospedaletto (Pisa). Le fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dall’art. 68, commi 4 e 5, della legge 22 aprile 1941 n. 633. Le riproduzioni effettuate per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da AIDRO, Corso di Porta Romana n. 108, Milano 20122, e-mail segreteria@aidro.org e sito web www.aidro.org.

Sommario
Sommario

L’EditoriaLE

(E. Polo, S. Destri, W. . pag .. 3 La città chE ospita iL convEgno aiM
(E. Polo, S. Destri, W.
.
pag
..
3
La città chE ospita iL convEgno aiM
Una.Milano.nascosta.(W.
.
”.
4
poLyMErs and LifE
Forse.non.sapevate.che.….I.metalli.quali.elementi.essenziali.di.inarrivabili
Filippini
.
”.
7
poLyMErs abroad
Frattografia.di.polimeri.strutturali.(M.C.
.
”.
9
daL Mondo dELLa sciEnza
Proteine.del.sistema.olfattivo.come.biosensori.per.aromi.alimentari.(P.
.
”.
19
Nanogeneratori.piezoelettrici.(A.
.
”.
27
daL Mondo dELLa tEcnoLogia
Il.talco,.non.solo.come.benessere.del.corpo.(P. Ercoli
.
”.
30
MacrotriviaL
Armonie.polimeriche ..Polimeri.e.strumenti.musicali.(E.
.
”.
36
biopoLiMEri
Il.premio.Nobel.per.la.chimica.2008.(R.
.
”.
43
novità in rEtE
.
”.
47
congrEssi futuri
EPF.4 th .Summer.School.(XXX.Convegno-Scuola.AIM).“Bioplastic.and.Related.Materials”.
.
”.
48
”.
48
”.
48
”.
49.
iL Mondo di aiM
Le.origini.dell’Associazione.Italiana.di.Scienza.e.Tecnologia.delle.Macromolecole.
(intervista.a.S
..Russo,.lettera.di.A..De.Chirico).(R.
Filippini
.
”.
51
novità aiM in LibrEria
.
”.
54
aiM: L’attività EditoriaLE
.
”.
56
J oin AiM! A desione All ’AiM per il 2009 e per il 2010 La. quota.

Join AiM!

Adesione All’AiM per il 2009 e per il 2010

La. quota. per. aderire. all’AIM. è. biennale. e. pari. a. €. 60.

Il. pagamento. può. essere. effettuato. tramite. versamento. sui. c/c. bancario. o. postale. dell’AIM. oppure.

tramite. invio. di. assegno. bancario. come. indicato. qui. di. seguito:

•. sul. c/c. bancario. n 100000005184. del. Banco. di. Napoli. AG. 1. (Cod ABI. 01010,. CAB. 03401),.

..

..

Piazza. Bovio,. Palazzo. Borsa,. 80138. Napoli. (IBAN. IT14. G010. 1003. 4011. 0000. 0005. 184),. inte-

stato. a:. Associazione. Italiana. di. Scienza. e. Tecnologia. delle. Macromolecole

•. sul. c/c. postale. n 10267565. del. Centro. Compartimentale. di. Firenze. intestato. a:. Associazione.

..

Italiana. di. Scienza. e. Tecnologia. delle. Macromolecole

•. a.mezzo.assegno.bancario.o.circolare.intestato:.AIM.da.inviare.a:.Segreteria.Amministrativa.AIM,.

c/o. prof Ugo. Caruso,. Dipartimento. di. Chimica. “Paolo. Corradini”,. Università. di. Napoli. “Federico..

..

II”,. Via. Cintia,. Compl Univ Monte. S Angelo,. 80126. Napoli

..

..

..

•. carta. di. credito:. compilate. il. modulo. che. potete. scaricare. dal. nostro. sito. web. www. aim. it. e. spe-

ditelo,. anche. tramite. fax. (081. 674367). a:. Segreteria. Amministrativa. AIM,. c/o. prof. Ugo. Caruso.

Dipartimento. di. Chimica. “Paolo. Corradini”,. Università. di. Napoli. “Federico. II”,. Via. Cintia,. Compl ..

Univ Monte. S Angelo,. 80126. Napoli

..

..

novità AiM in libreriA!

  • I. soci. in.regola. con. la. quota. sociale. 2009-2010. possono. acquistare. a. prezzo.ridotto. (€. 40). la. nuova.

pubblicazione. AIM. “Dizionario. Tecnologico. dei. materiali. Polimerici” Il. volume. è. già. disponibile.

..

Informazioni. sul. volume. si. trovano. a. pagina. 54. di. questo. numero. di. AIM. Magazine.

Maggiori. dettagli. sul. nostro. sito. www.aim.it

L’EditoriaLE di Eleonora Polo, Silvia Destri, William Porzio A nche.questa.volta.si.è.compiuto.il.miracolo. ed.il.numero.è.venuto.fuori.come.il.coniglio. dal. cappello. dell’illusionista .. Ma.
L’EditoriaLE
L’EditoriaLE

di Eleonora Polo, Silvia Destri, William Porzio

A nche.questa.volta.si.è.compiuto.il.miracolo.

ed.il.numero.è.venuto.fuori.come.il.coniglio.

dal. cappello. dell’illusionista

..

Ma. qui. non.

abbiamo. fumo,. bensì. veri. contributi. scientifici ..

Ogni. numero. è. una. sfida,. perché. si. parte. quasi.

sempre. con. niente. o. quasi,. e. poi,. grazie. al. con-

tributo. preziosissimo. di. tanti. collaboratori. e. colla-

boratrici. che. non. mi. stancherò. mai. di. ringraziare,.

man. mano. la. rivista. comincia. a. prendere. forma.

Quest’anno. ci. aspetta. un. appuntamento. importan-

te:. al. Politecnico. di. Milano,. dal. 13. al. 17. settembre.

2009,.avrà.luogo.il.XIX.Convegno.Italiano.di.Scienza.

e.Tecnologia.delle.Macromolecole.(sito.web:.ismac.

gaia.is.it/pagine/pagina.aspx?ID=Convegno_

AIM001&L=IT).

  • I l. Convegno. dell’Associazione. Italiana. delle. Macromolecole. si. terrà. il. prossimo. settembre. a. Milano,.nuovamente.nella.città.dove.si.svolse.la.

prima. volta. trentacinque. anni. or. sono ..

È. doveroso. accennare. al. fatto. che. la. conoscenza.

macromolecolare. italiana. e. mondiale. ha. ricevuto.

un. decisivo. impulso. qui. a. Milano. fin. dai. primi.

anni. cinquanta. ed. è. culminata. con. l’attribuzione.

del.Nobel.per.la.chimica.al.prof ..Giulio.Natta,.che.

ha. creato. una. scuola. diffusasi. sia. in. Italia. sia. in.

Europa Non. è. un. caso. che. gli. enti. organizzatori.

..

del. convegno. siano. il. Politecnico,. dove. Natta.

operò,. l’Università. degli. Studi. di. Milano. dove.

molti. suoi. allievi. si. sono. formati. ed. i. più. giovani.

tuttora. lavorano,. l’Istituto. ISMAC. del. CNR,. fon-

dato. da. Natta. nel. 1968,. ed. infine. l’Università. di.

Milano. Bicocca ..

L’occasione. di. incontro. e. con-

fronto. degli. scienziati. italiani. macromolecolari.

con. alcuni. prestigiosi. ospiti. stranieri. sulle. tema-

tiche. più. rilevanti. della. scienza. delle. macromo-

lecole. offrirà. anche. qualche. momento. di. relax.

per. conoscere. questa. città,. certo. più. nota. per.

l’industria,.la.finanza.e.la.moda.che.non.per.l’arte.

e. la. storia,. nonostante. i. suoi. ventisei. secoli. di.

vita ..Queste.note.non.vogliono.presentare.la.città.

In. questa. edizione. il. Convegno. ritorna. alle. origini.

dato. che. si. tiene. proprio. nella. città. in. cui. ebbe.

luogo. il. suo. primo. antenato. nel. 1975 Per. ulteriori.

..

dettagli.sulle.origini.di.AIM.vi.rimando.all’intervista.

a.Saverio.Russo.e.alla.lettera.di.Aurelio.de.Chirico,.

pubblicate. in. questo. numero. alle. pagine. 51. e.

53,. e. passo. immediatamente. la. parola. alla. dott ..

Silvia. Destri,. referente. e. membro. del. Comitato.

Organizzatore. e. Scientifico,. e. al. dott

..

Porzio. sempre. di. ISMAC ..

William.

Buon. lavoro. a. tutti!. Buon. Convegno!

Eleonora Polo

compiutamente,. ma. rivelarne. aspetti. poco. cono-

sciuti,. dal. momento. che. dalla. fondazione. dovuta.

a.tribù.liguri.(VIII-VI.sec.a.C.).sono.passati.in.que-

sta. “terra. in. mezzo”. alle. acque. dei. fiumi. Olona. e.

Lambro.con.i.vari.affluenti.e.canali.(di.qui.il.nome.

celtico. Mit-lan).più.di. venti. etnie.differenti,.da. cui.

l’appellativo. meritato. di. etnodromo

..

Poiché. gli.

sviluppi. della. tecnica. e. dell’industria,. che. hanno.

caratterizzato. Milano. nei. secoli. XIX. e. XX,. sono.

noti. a. tutti,. vale. piuttosto. la. pena. di. scoprire.

Milano. città. di. “arte. celata”,. come. fece. Stendhal,.

sottotenente. di. Napoleone. e. scrittore,. che,. incu-

riosito. dal. fatto. che. le. facciate. dei. palazzi. di. ogni.

età. risultavano. più. modeste. degli. interni. (cortili),.

rimase. incantato. dalla. motivazione. del. poeta.

Carlo. Porta,. il. quale. spiegò. in. milanese. come. la.

mentalità. consolidata. volesse. che. l’interno. fosse.

dei. padroni. mentre. l’esterno. dei. villani ..

Non. verranno. considerati. i. monumenti. più. famosi.

che. si. possono. trovare. sulle. guide. turistiche. più.

diffuse,. bensì. scorci. particolari. che. si. colgono.

attraverso. mete. non. consuete. passeggiando. con.

sguardo. attento. e. curioso.

William Porzio, Silvia Destri

La città chE ospita iL convEgno aiM U nA M ilAno nAscostA di William Porzio P
La città chE ospita iL convEgno aiM
La città chE ospita iL convEgno aiM

UnA MilAno nAscostA

di William Porzio

P er. cominciare. davanti. al. Duomo. dietro. un.

palazzo. ottocentesco. sopravvive,. pratica-

mente.intatta,.la.loggia.dei.mercanti.o.antico.

Broletto. (costruito. nel. 1233. sul. cardo. della. città.

romana). che. costituiva. il. cuore. della. città. comu-

nale,.ove.si.amministravano.politica,.giustizia,.e.si.

praticava. il. commercio. (Fig 1).

..

Proseguendo. verso. sud-est. per. vie. ricalcanti. il.

cardo. romano,. si. passa. prima. per. la. Biblioteca.

Ambrosiana,. voluta. dai. Borromei,. poi. si. prosegue.

fino. al. Carrobbio. per. raggiungere. la. basilica. del.

patrono. Sant’Ambrogio,. centro. della. cristianità.

meneghina,. situata. in. un’area. romana. e. paleocri-

stiana Il. luogo. unico,. non. solo. per. i. cimeli. mille-

..

nari,. ma. per. la. magica. atmosfera,. merita. un’ac-

curata. visita,. includendo. i. chiostri. e. la. posterla..

(Figg 2,3) ..
(Figg 2,3)
..
La città chE ospita iL convEgno aiM U nA M ilAno nAscostA di William Porzio P

Figura 2: Sant’Ambrogio, visto all’interno dell’atrio di Ansperto.

La città chE ospita iL convEgno aiM U nA M ilAno nAscostA di William Porzio P

Figura 1: Piazza dei Mercanti con vera da pozzo del XV sec.

La città chE ospita iL convEgno aiM U nA M ilAno nAscostA di William Porzio P

Figura 3: Pusterla di sant’Ambrogio vista dall’esterno.

Figura 4: Interno di palazzo Atellani. Si. può. poi. passare. a. visitare. gli. interni. di. antichi.
Figura 4: Interno di palazzo Atellani. Si. può. poi. passare. a. visitare. gli. interni. di. antichi.

Figura 4: Interno di palazzo Atellani.

Si. può. poi. passare. a. visitare. gli. interni. di. antichi.

palazzi,. per. verificare. la. differenza. facciata-cortile,.

cominciando. da. Corso. Magenta. con. la. dimora.

degli. Atellani. del. XV. sec (Fig 4),. qui. vista. nella.

..

..

parte. seicentesca ..

Poco. lontano. si. incontra. il. palazzo. dei. conti.

Borromei. (XV. sec.). essenzialmente. integro. nono-

stante. i. bombardamenti. del.

1943-44. .

(Fig

..

5),.

con. arcate. gotiche. ed. affreschi. medievali. di. note-

vole. pregio In. corso. Venezia. si. incontra. palazzo.

..

Fontana-Silvestri. (XV. sec.). (Fig 6). e. più. in. là. in.

..

via. Cappuccini. il. parco. di. palazzo. Invernizzi. (XVIII.

sec.). famoso. per. la. colonia. di. fenicotteri. rosa. pre-

sente. da. oltre. venticinque. anni. (Fig 7).

..

Un. ulteriore. aspetto. insolito. è. legato. a. Milano. città.

delle. torri ..

Lo. storico. Galvano. Fiamma,. nel. XIV.

sec.,.affermava.di.averne.contate.più.di.centoventi,.

qui. se. ne. presentano. tre. sulla. quindicina. rimasta ..

La. più. antica. è. quella. del. museo. archeologico. in.

Corso.Magenta,.a.ventiquattro.lati,.costruita.a.con-

fine. della. cinta. muraria. del. I. sec e. voluta. dall’im-

..

peratore. Massimiano. nel. III. sec (Fig 8);. di. fianco.

..

..

si. può. scorgere. la. torre. del. circo. massimo. in. parte.

ricostruita. dai. Longobardi. nel. VI. sec (Fig 9)

..

..

..

Tornando. verso. il. Duomo,. proprio. a. fianco. della.

Loggia. dei. Mercanti,. si. incontra. il. palazzo. dei.

Figura 4: Interno di palazzo Atellani. Si. può. poi. passare. a. visitare. gli. interni. di. antichi.

Figura 5: Interno di palazzo Borromei (XV sec.).

Figura 4: Interno di palazzo Atellani. Si. può. poi. passare. a. visitare. gli. interni. di. antichi.

Figura 6: Interno di palazzo Fontana-Silvestri.

Figura 4: Interno di palazzo Atellani. Si. può. poi. passare. a. visitare. gli. interni. di. antichi.

Figura 7: Parco di palazzo Invernizzi con i fenicotteri rosa.

Figura 8: Torre e mura di Massimiano del III sec. Giureconsulti.dove.dal.XVI.al.XVIII. sec si.ammini- .. strava. la.
Figura 8: Torre e mura di Massimiano del III sec. Giureconsulti.dove.dal.XVI.al.XVIII. sec si.ammini- .. strava. la.

Figura 8: Torre e mura di Massimiano del III sec.

Giureconsulti.dove.dal.XVI.al.XVIII. sec si.ammini-

..

strava. la. giustizia,. con. l’imponente. torre. al. centro.

(Fig 10).

..

Questa.carrellata.di.luoghi.meno.conosciuti.ha.tra-

scurato,.per.brevità,.altri.percorsi.legati.alle.acque,.

ai. vari. canali. che. coperti. o. scoperti. entrano. e. cir-

colano.in.Milano.per.poi.allontanarsi.fino.a.Pavia.o.

verso. il. Ticino. (Navigli).

Diventa. inoltre. impossibile. menzionare. a. causa.

del. numero,. chiese,. musei. e. altri. luoghi. di. grande.

importanza. storica ..

In.particolare.le.tre.pinacoteche.meneghine,.Brera,.

Ambrosiana,.Poldi-Pezzoli,.ricche.di.tesori.pittorici.

unici,. e. il. Museo. della. Scienza. e. della. Tecnica,.

dedicato. a. Leonardo. da. Vinci. e. situato. nel. mona-

stero. olivetano. del. XVI. sec

..

di. via. San. Vittore.

(10000. oggetti. esposti),. costituiscono. un. conteni-

tore. culturale. e. scientifico. unico. in. Italia,. in. grado.

di. attrarre. visitatori. con. interessi. diversi ..

Come. curiosità. finale. si. segnala. il. ristorante. più.

antico. del. mondo,. dopo. quello. famosissimo. di.

Salisburgo,. una. taverna. di. origine. romana,. tra-

sformata. ufficialmente. in. locanda. nel. 1284. con. il.

nome.di.antica.Hostaria.del.Bagutto.(letteralmente.

ghiottone) ..Il.locale.è.un.po’.fuori.mano.e.quindi.è.

consigliabile.rimanere.in.centro.città,.dove.gustare.

tipiche. prelibatezze. lombarde,. ad. es

..

funghi. ed. ossobuco.

risotto. coi.

Si.ricorda.infine.che.nelle.pause.Milano.può.offrire.

qualche.scorcio.di.notevole.bellezza,.con.l’augurio.

a. tutti. i. numerosi. (si. spera). partecipanti. di. incon-

trarsi. in. un. convegno. molto. stimolante. e. vivace ..

Figura 8: Torre e mura di Massimiano del III sec. Giureconsulti.dove.dal.XVI.al.XVIII. sec si.ammini- .. strava. la.

Figura 9: Torre longobarda del VI sec.

Figura 8: Torre e mura di Massimiano del III sec. Giureconsulti.dove.dal.XVI.al.XVIII. sec si.ammini- .. strava. la.

Figura 10: Palazzo dei Giureconsulti (XVI sec.).

poLyMErs and LifE f orse non sApevAte che … di Roberto Filippini Fantoni Premessa Cominciamo ora
poLyMErs and LifE
poLyMErs and LifE

forse non sApevAte che

di Roberto Filippini Fantoni

Premessa

Cominciamo ora una serie di puntate sull’importanza dei metalli nel nostro organismo. Del resto la serie

più che cominciare continua perché in precedenti numeri avevamo parlato del sodio e del potassio e

dell’importanza del loro bilancio quantitativo per il buon funzionamento della nostra perfetta macchina

… per la sopravvivenza. Cominceremo a parlare di metalli forse meno noti, ma altrettanto importanti, e

dei loro effetti positivi o negativi sul nostro organismo in caso di carenza o abbondanza.

Dopo una premessa che ci fa capire quali sono i metalli di cui il nostro corpo ha assolutamente biso-

gno, pena il malfunzionamento o la comparsa di patologie alle volte anche molto gravi, vi parleremo

dell’importanza dello zinco per il buon funzionamento di quella macchina perfettamente coordinata

che è il nostro organismo.

i MetAlli qUAli eleMenti essenziAli di inArrivAbili cAtAlizzAtori stereospecifici: gli enziMi

Introduzione

Sono. parecchi. i. metalli. che. si. trovano. nel. nostro.

corpo,. partendo. dall’abbondanza. del. più. ovvio. e.

conosciuto. quale. il. calcio. per. arrivare. ad. uranio. e.

oro,. anch’essi. presenti. anche. se. in. quantità. infini-

tesimali ..Molti.di.essi.non.risultano.essere.indispen-

sabili,. altri. invece. sono. assolutamente. essenziali,.

pena. il. malfunzionamento. di. alcuni. organi. fino.

all’instaurarsi. di. patologie. anche. gravi. sino. ad.

arrivare. addirittura. al. decesso. nei. casi. di. carenze. o.

abbondanze. oltre. limiti. che. non. dovrebbero. essere.

mai. superati Per. le. carenze. si. può. provvedere. con.

..

specifici. integratori,. mentre. in. molti. casi. per. l’ec-

cesso. è. più. difficile. trovare. una. cura. adeguata.

In.Tabella.I.abbiamo.riportato.una.lista.di.questi.14.

indispensabili. metalli. ed. i. loro. valori. medi. assoluti.

in. peso. in. un. corpo. umano.

Il. chilogrammo. di. calcio. sembrerebbe. di. primo.

acchito. una. quantità. eccessiva. ma. i. 9. kg. medi. del.

nostro. scheletro. contengono. essenzialmente. fosfato.

di. calcio. in. misura. superiore. a. un. terzo. rispetto. al.

peso.delle.nostre.ossa.(3,5.kg) ..È.interessante.sape-

re. come. grazie. a. questo. metallo. le. ossa. possano.

contenere. dati. di. interesse. forense. e. archeologico ..

Per. quest’ultimo. la. presenza. di. calcio. è. essenziale,.

perché. rende. le. nostre. ossa. praticamente. indistrut-

tibili

..

Infatti. gli. scheletri. umani. e. degli. animali. si.

Metallo

Quantità

Metallo

Quantità

Calcio

1000.g

Stagno

20.mg

Potassio

140.g

Vanadio

20.mg

Sodio

100.g

Cromo

14.mg

Magnesio

25.g

Manganese

12.mg

Ferro

4200.mg

Molibdeno

5.mg

Zinco

2300.mg

Cobalto

3.mg

Rame

72.mg

Nichel

1.mg

Tabella I. I 14 elementi metallici che risultano essere essenziali per l’organismo umano.

conservano. per. milioni. di. anni. grazie. al. fatto. che. alcuni.batteri,.nelle.condizioni.di.assenza.di.ossigeno. che. ci. sono. nel. fango. sul.

conservano. per. milioni. di. anni. grazie. al. fatto. che.

alcuni.batteri,.nelle.condizioni.di.assenza.di.ossigeno.

che. ci. sono. nel. fango. sul. fondo. dei. laghi,. possono.

produrre.microsfere.di.fosfato.di.calcio.all’interno.dei.

tessuti. che. invadono,. conservando. così. per. i. posteri.

la. forma. del. tessuto. che. è. stato. invaso.

Pensiamo. a. quanto. l’esistenza. di. questo. fenome-

no. batteriologico. e. la. presenza. di. fosfato. di. calcio.

abbiano. potuto. influire. sulla. nostra. conoscenza.

della. storia. dell’uomo

..

Se. così. non. fosse. stato.

quasi. nulla. sapremmo. della. nostra. preistoria. e. ci.

sarebbero. restate. solo. le. costruzioni. più. robuste.

a. darci. qualche. indicazione. su. usi. e. costumi. della.

razza. umana ..

Dell’evoluzione. della. nostra. specie,.

dell’uomo. di. Neanderthal. e. di. tutti. i. suoi. simili. non.

sapremmo. proprio. nulla.

Dell’importanza. del. calcio. nel. nostro. organismo.

parleremo. più. dettagliatamente. in. altre. occasioni.

anche. se. tutti. sanno. che. in. certe. fasi. della. vita.

come. la. crescita,. la. gravidanza. e. l’allattamento. è.

assolutamente. indispensabile. garantire. un. adegua-

to. apporto. di. tale. metallo Quello. che. invece. pare.

..

non. sia. vero. è. il. fatto. che. un. maggiore. apporto. di.

zinco. si. è. registrata. abbondanza. di. casi. patologici.

La.scoperta.dell’effetto.di.carenza.di.zinco.sul.fatto-

re. di. crescita. fu. registrato. in. Iran. nel. 1968. quando.

un.medico,.tale.Ananda.Prasad,.incontrò.un.pazien-

te.di.21.anni.che.mostrava.peso.e.sviluppo.sessuale.

di. un. bambino. di. 10. anni Costui. si. alimentava. da.

..

sempre. quasi. esclusivamente. con. pane. azzimo,.

latte.e.patate ..Il.medico,.che.era.al.corrente.dell’esi-

stenza. di.problemi. di. crescita. negli. animali. a. causa.

della. carenza. del. metallo. in. questione,. collegò.

immediatamente.le.due.cose ..Per.essere.certo.delle.

sue.conclusioni.si.trasferì.in.Egitto.e.indagò.a.fondo.

la. questione. scegliendo. come. oggetto. di. studio.

un. certo. numero. di. giovani. esonerati. dal. servizio.

militare. a. causa. di. statura. e. peso. estremamente.

basse Con. un. test. doppio. cieco. (non. ne. erano. a.

..

conoscenza. né. i. pazienti. né. gli. infermieri. che. som-

ministravano. il. farmaco). in. cui. somministrava. sol-

fato.di.zinco.e.placebo.confermò.le.proprie.ipotesi.e.

nel.1972.pubblicò.i.risultati.della.ricerca.diventando.

così.uno.dei.guru.del.metabolismo.dello.zinco,.tan-

t’è. che. scrisse. un. libro. su. questo. argomento. (The

biochemistry of zinc)

..

Tra. le. altre. malattie. dovute.

  • calcio.possa.giovare.all’anziano.per.evitare.un.inde- alla. carenza. di. zinco. nel. libro. è. citata. l’acroderma-

    • bolimento.delle.ossa.e.fenomeni.come.l’osteoporo- tite. enteropatica,. una. malattia. genetica. fino. a. quel.

si Ma. veniamo. al. metallo. di. questa. puntata.

..

Lo zinco questo sconosciuto

Gli. elementi. metallici. hanno. diverse. funzioni. nel-

l’organismo,. ma. una. delle. più. interessanti. e. impre-

scindibili. è. legata. agli. enzimi. e. alle. proteine

..

Ed.

è. proprio. lo. zinco. uno. dei. principali. elementi. di.

coordinazione. nelle. molecole. degli. enzimi. essendo.

presente. in. un. centinaio. di. tali. strutture. moleco-

lari

..

Inoltre. è. parte. costituente. delle. innumerevoli.

proteine. che. agiscono. nella. trascrizione,. cioè. quel.

processo. che. dal. DNA. sintetizza. l’RNA.

Per. chi. si. interessa. di. polimeri. la. funzione. dei. com-

momento. considerata. fatale. per. i. neonati. ma. che.

oggi. viene. curata. attraverso. la. somministrazione. di.

idonee. quantità. di. sali. di. zinco.

Lo. zinco. si. assume. normalmente. in. dosi. che. varia-

no. in. funzione. del. tipo. di. alimentazione. ma. che.

comunque. stanno. tra. i. 5. e. i. 40. mg

..

Il. fabbisogno.

giornaliero. è. di. 7,5. mg. per. l’uomo. e. 5,5. mg. per. la.

donna Manzo,. agnello,. fegato,. ostriche,. aringhe. e.

..

buona. parte. dei. formaggi. sono. le. sostanze. più. ric-

che. di. tale. metallo Lo. zinco. si. trova. distribuito. in.

..

molti. organi. ma. ne. sono. particolarmente. ricchi. la.

prostata,. i. muscoli,. i. reni. e. il. fegato;. tra. le. sostan-

ze. secrete. dall’organismo. è. lo. sperma. quello. che.

  • posti.organo-metallici.nelle.polimerizzazioni.stereo- ha. un. contenuto. di. zinco. decisamente. molto. alto ..

specifiche. è. ben. nota. e. proprio. il. nostro. Magazine.

poco. tempo. fa. ve. ne. ha. raccontato. in. dettaglio. la.

storia. (vol

..

63,. n

..

1. del. gennaio-aprile. 2008)

..

La.

funzione. dei. metalli. al. centro. delle. macromolecole.

enzimatiche. è. analoga. anche. se. la. specificità. della.

sintesi. è. tremendamente. più. elevata,. come. più.

complesse. sono. le. strutture. della. base. organica.

dell’enzima. e. assolutamente. più. selettivi. e. specifici.

i. suoi. siti. reattivi Possiamo. dire,. con. una. metafora.

..

da. quattro. soldi,. che. i. catalizzatori. stereospecifici.

tipo. Ziegler-Natta. e. tutti. gli. altri. sorti. in. seguito,.

sono. da. confrontare. con. gli. enzimi. come. si. con-

fronterebbe. un. dilettante. allo. sbaraglio. con. un. pro-

fessionista. irraggiungibile.

Lo. zinco. è. presente. in. enzimi. le. cui. funzioni. enzi-

matiche. sono. basilari:. crescita,. sviluppo,. longevità.

e. fertilità. …. e. non. ci. pare. cosa. da. poco!

Nelle.regioni.in.cui.ci.si.ciba.con.alimenti.carenti.di.

Pertanto.diete.povere.di.zinco.danno.più.facilmente.

problemi. di. infertilità Visto. che. le. ostriche. ne. sono.

..

particolarmente. ricche. (130. mg/kg). ecco. perché.

Casanova,. pur. non. sapendolo,. riusciva. a. sostenere.

le.proprie.performance.amorose:.era.golosissimo.di.

tali. molluschi!

Se.le.donne.devono.fare.attenzione.ai.livelli.di.ferro.

per. gli. uomini. è. lo. zinco. il. metallo. da. tenere. sotto.

controllo. …. a. buon. intenditor. poche. parole!

Avviso

Per. aiutare. a. tenere. alto. il. livello. di. interesse. di.

questa. rubrica. invitiamo. i. lettori. che. disponessero.

di. notizie. strane. o. aneddoti. su. materiali. macromo-

lecolari. di. inviarli,. via. posta. elettronica,. al. curatore.

di. questa. rubrica. (roberto.filippini@cyberg.it).

poLyMErs abroad f rAttogrAfiA di poliMeri str UttUrAli Mirabel C. Rezende L’articolo che segue è frutto
poLyMErs abroad
poLyMErs abroad

frAttogrAfiA di poliMeri str UttUrAli

Mirabel C. Rezende *

L’articolo che segue è frutto dell’accordo tra l’AIM e l’ABPol (Associazione Brasiliana dei Polimeri),

accordo stilato all’inizio del 2006. Esso prevede, oltre a divulgazione di notizie relative al settore macro-

molecolare dei rispettivi due paesi, uno scambio di articoli una volta all’anno. Questo è il quarto anno

che si effettua questa operazione.

Questa volta la loro scelta è andata a un articolo su polimeri strutturali, un argomento, non ci vergo-

gniamo a dirlo, il nostro Magazine, non ha trattato molto nel corso dei suoi tanti anni di vita.

Tra gli articoli che la ABPol ci ha sottoposto per la traduzione questo che abbiamo scelto ci è sembrato

quello meglio strutturato e più compatibile con la nostra linea editoriale.

Oltre a darci interessanti informazioni tecniche – parlando anche di tecnologie di controllo decisamente

all’avanguardia – ci dà una certa garanzia sugli aeromobili che dovremo o potremo prendere e ci fa

pensare che la probabilità di un crash siano decisamente minime.

Il Comitato di Redazione

La sicurezza deve essere presa sul serio in tutte le aree, ma per alcune di queste, come è il caso dell’aviazione, questo

requisito deve raggiungere livelli prossimi alla perfezione. Insieme alla sicurezza, altre preoccupazioni devono esistere,

quali quelle economiche e ambientali e per questo, quando si pensa a materiali che devono comporre un sistema di

sostentamento di carichi applicati ad aerei, vengono fatti sforzi continui perché la leggerezza e l’alta resistenza conti-

nua garantiscano un’adeguata crescita sostenuta, con basso consumo energetico e alto livello di affidabilità.

La materia elaborata dalla prof.ssa dott. Mirabel C. Rezende del CTA, Sao José dos Campos, delucida con grande

precisione come sia possibile monitorare e prevedere possibili falle nei compositi polimerici strutturali utilizzati nelle

aeronavi e perché siano necessarie analisi sofisticate come la frattografia, anche avendo come limiti le capacità degli

analisti e dei laboratori (prof Silvio. Manrich)

..

Le. industrie. aeronautica. e. spaziale. sono. i. grandi.

promotori. dello. sviluppo. dei. compositi. strutturali.

in. quanto. necessitano. di. componenti. di. bassa.

densità. e. che. soddisfino. ai. severi. requisiti. della.

resistenza. meccanica. in. servizio

..

La. costante.

necessità. di. riduzione. del. peso. nelle. aeronavi. e.

nelle. strutture. spaziali. ha. continuamente. dato.

impulso. alla. tecnologia. di. trasformazione. dei.

composti. strutturali

..

Questo. aumento. d’utilizzo.

è. associato. alla. riduzione. di. peso,. con. maggiori.

valori. di. resistenza. alla. fatica. e. alla. corrosione. in.

relazione. all’alluminio,. alla. facilità. di. ottenimento.

di. pezzi. con. geometrie. complesse. e. alla. flessibi-

lità. del. progetto. nella. concezione. delle. strutture.

di. forma. integrata,. riducendo. così. il. numero. dei.

componenti. imbarcati. sull’aereo.

Poiché. molti. degli. elementi. strutturali. utilizzati. nel.

settore. aerospaziale. presentano. dimensioni. con-

siderevoli,. i. compositi. polimerici. rappresentano.

un. caso. di. particolare. rilevanza. tra. i. materiali. di.

ingegneria. non. convenzionali,. specialmente. per.

applicazioni. strutturali. di. uso. aeronautico.

Dall’avvento.delle.fibre.di.vetro,.di.aramidi.e.di.car-

bonio,. l’industria. aeronautica. ha. utilizzato. questa.

tecnologia. nella. fabbricazione. di. pezzi. per. aerona-

..La.Figura.1.illustra.l’uso.dei.materiali.composi- vi

*. Divisão. de. Materiais,. IAE/CTA. –. São. José. dos. Campos. (SP),. Brasil

a) DIstrIbuzIone % gLobALe DeL peso: boeIng 777 b) DIstrIbuzIone % gLobALe DeL peso: AIrbus A380

a) DIstrIbuzIone % gLobALe DeL peso: boeIng 777

a) DIstrIbuzIone % gLobALe DeL peso: boeIng 777 b) DIstrIbuzIone % gLobALe DeL peso: AIrbus A380

b) DIstrIbuzIone % gLobALe DeL peso: AIrbus A380

a) DIstrIbuzIone % gLobALe DeL peso: boeIng 777 b) DIstrIbuzIone % gLobALe DeL peso: AIrbus A380

c) DIstrIbuzIone % gLobALe DeL peso: eMbrAer 170

a) DIstrIbuzIone % gLobALe DeL peso: boeIng 777 b) DIstrIbuzIone % gLobALe DeL peso: AIrbus A380

Figura 1: Percentuale globale dei materiali utilizzati nella

fabbricazione delle aeronavi (gentilmente concesso da

Embraer). a) Distribuzione della percentuale globale del

peso: BOEING 777. b) Distribuzione percentuale globale

del peso: AIRBUS A380. c) Distribuzione percentuale

globale del peso: EMBRAER 170.

ti,. in. sostituzione. di. quelli. metallici,. delle. aeronavi.

Boeing. 777,. Airbus. A-380. e. dell’Embraer. 170 ..

Con. l’evoluzione. tecnologica. i. materiali. polimerici.

ad. alta. resistenza. strutturale. hanno. cominciato. a.

guadagnare.spazio.in.questo.segmento,.potendosi.

osservare. una. crescita. di. questi. materiali. nella.

fabbricazione.delle.aeronavi.in.quanto.oggi.ci.sono.

progetti. di. nuove. aeronavi. per. le. quali. si. prevede.

fino. al. 50%. in. peso. di. materiali. compositi.

La. Figura. 2. illustra. l’uso. dei. materiali. compositi.

nell’aeronave. EMB. 170.

Lo. sfruttamento. delle. proprietà. di. un. componente.

in. una. aeronave. dipende. dalla. regione. in. cui. lo.

stesso. sta. operando

..

Per. esempio,. l’aumento. di.

resistenza. statica. è. utile. soprattutto. nelle. regioni.

di. elevata. intensità. di. carico,. come. ad. esempio.

nell’ala In. regioni. di. carico. moderato. la. rigidità. è.

..

il. criterio. principale. del. progetto. mentre. la. densità.

del. materiale. è. importante. in. qualsivoglia. parte.

dell’aereo.

L’industria.aeronautica.esige.un.controllo.molto.rigo-

roso. nella. selezione. dei. materiali. che. sono. utilizzati.

nel. progetto. e. nella. fabbricazione. dei. componenti,.

avendo. come. base. i. dati. conosciuti. dei. differenti.

carichi.coinvolti.durante.le.diverse.fasi.di.operazione.

dell’aeronave Nella. Figura. 3. si. possono. osservare. i.

..

principali.carichi.coinvolti.in.un’aeronave.operante.

Come.da.illustrazione,.la.fusoliera.di.una.aeronave.

può. essere. divisa. in. tre. sezioni. principali:. anterio-

re,. centrale. e. posteriore

..

I. carichi. predominanti.

durante.un.volo.usuale.sono.i.carichi.aerodinamici.

che. causano. flessioni. e. torsioni. nella. fusoliera,.

nelle. ali. e. negli. impennaggi

..

I. carichi. risultanti.

possono. creare. regioni. di. trazione,. compressione,.

curvatura. e. taglio Durante. lo. spostamento. a. terra.

..

si.generano.carichi.dinamici.provenienti.dalle.irre-

golarità.del.suolo,.trasferiti.alla.fusoliera.dell’aereo.

per. mezzo. del. carrello. e. in. questo. caso. le. cari-

che. inerziali. sono. predominanti Pertanto. risulterà.

..

necessaria. un’analisi. dettagliata. dei. diversi. mate-

riali. e. dei. processi. coinvolti. nella. progettazione. e.

nella. fabbricazione. delle. diverse. parti. dell’aereo,.

adottando.differenti.criteri ..La.Figura.4.presenta.le.

principali.proprietà.che.devono.essere.considerate.

durante. un’analisi. per. la. selezione. dei. materiali.

che. si. dovranno. adottare. in. fase. di. progettazione:.

la.resistenza.alla.trazione,.il.modulo.di.elasticità,.la.

resistenza. a. falla. e. alla. crescita. di. cricche,. la. resi-

stenza. alla. corrosione. sotto. tensione. e. fatica.

Attualmente. il. mercato. dell’aviazione. risulta. esse-

re. più. competitivo. e. aggressivo. e. le. compagnie.

aeree. cercano. in. ogni. momento. la. riduzione. dei.

costi. operazionali. con. il. miglioramento. e. la. ridu-

zione. della. manutenzione,. associata. con. l’alta.

affidabilità. operazionale. dell’aeronave.

Nonostante. i. vantaggi. che. i. materiali. compositi.

presentano. e. che. motivano. la. loro. utilizzazione.

nell’industria. aerospaziale,. questa. classe. di. mate-

riali. ha. come. svantaggio,. comparandoli. con. i.

metalli,. la. suscettibilità. ai. danni,. perdendo. molto.

della.propria.integrità.strutturale.quando.ciò.acca-

de I. danni. possono. presentarsi. durante. la. trasfor-

..

mazione. della. materia. prima,. la. fabbricazione. del.

pezzo,. la. manipolazione,. il. trasporto,. l’immagazzi-

namento,. la. manutenzione. o. in. servizio.

I. danni. sono. causati. in. forme. diverse. da. discon-

tinuità. delle. fibre,. da. porosità,. da. delaminazioni,.

aree.povere.o.ricche.di.resina.oppure.in.operazioni.

che. coinvolgano. abrasioni,. erosioni,. impatti. con.

grandine,.pietre.e.volatili ..Non.sempre.i.danni.sono.

visibili.ma.possono.comunque.ridurre.la.resistenza.

del. componente. in. modo. significativo

..

Quando. i.

componenti. che. sono. danneggiati. sono. esposti. a.

effetti. ambientali. quali. la. temperatura,. l’umidità.

0

MAterIALe coMposIto neLL’AeronAve eMb170 pannELLo sandwich Vetro/epossidica Carbonio/epossidica LaMinato soLido Vetro/epossidica Carbonio/epossidica Figura 2: Vista esplosa

MAterIALe coMposIto neLL’AeronAve eMb170

pannELLo sandwich Vetro/epossidica Carbonio/epossidica LaMinato soLido Vetro/epossidica Carbonio/epossidica
pannELLo sandwich
Vetro/epossidica
Carbonio/epossidica
LaMinato soLido
Vetro/epossidica
Carbonio/epossidica

Figura 2: Vista esplosa dell’aeronave EMB-170, che mostra i componenti fabbricati in compositi strutturali avanzati

(per concessione della Embraer).

fusoLiEra supEriorE

stabiLizzatorE vErticaLE

aerodinamica carrELLo • Impatto con volatili • Pressione aerodinamica partE frontaLE pressurizzazione e carichi aerodinamici trazione
aerodinamica
carrELLo
• Impatto con
volatili
• Pressione
aerodinamica
partE frontaLE
pressurizzazione e carichi
aerodinamici
trazione
• Carico statico e
dinamico
• Sforzo principale:
• Carico statico e dinamico
• Sforzo principale:
aLa intra-dorsaLE
fusoLiEra infEriorE
• Carico statico e dinamico
stabiLizzatorE orizzontaLE
aLa Extra-dorsaLE
pressione
• Carico statico e
dinamico
• Sforzo principale:
tiMonE di coda
• Impatto con
volatili
• Pressione
aerodinamica
compressione
• Carico statico e dinamico
• Sforzo principale:
• Carico statico
e dinamico di
atterraggio
• Carico statico e dinamico
• Sforzo principale:
• Carico statico e dinamico
• Raffiche laterali
pressurizzazione e carichi
aerodinamici

Figura 3: Principali carichi coinvolti nell’operazione di una aeronave (per concessione della Embraer).

e/o. la. radiazione. ultravioletta,. potrebbe. esserci. un.

aumento.significativo.della.degradazione.delle.loro.

proprietà. fisiche. e. meccaniche.

A.causa.dell’utilizzo.di.compositi.avanzati.su.pezzi.o.

componenti.di.grande.responsabilità.strutturale.e.di.

alto.costo,.diventa.necessario,.dopo.lo.studio.anali-

iEri dell’ala rivestimento inferiore dell’ala rivestimento della fusoliera Efficienza Oggi DOmani rivestimento superiore Rigidità alla frattura
iEri dell’ala rivestimento inferiore dell’ala rivestimento della fusoliera Efficienza Oggi DOmani rivestimento superiore Rigidità alla frattura
iEri
dell’ala
rivestimento inferiore dell’ala
rivestimento della fusoliera
Efficienza
Oggi
DOmani
rivestimento superiore
Rigidità alla frattura
Nuove leghe 7xxx, MMC
Resistenza meccanica,
tolleranza al danno,
fatica, densità
Nuove leghe 2xxx, Al-Li
Tolleranza al danno, fatica,
curabilità, densità, saldabilità
Al-Mg-Sc
Nuove leghe 6xxx,
Glare
CarattEristiChE impEgnatE

Figura 4: Evoluzione dei materiali utilizzati nei rivestimenti di aeronavi.

iEri dell’ala rivestimento inferiore dell’ala rivestimento della fusoliera Efficienza Oggi DOmani rivestimento superiore Rigidità alla frattura
iEri dell’ala rivestimento inferiore dell’ala rivestimento della fusoliera Efficienza Oggi DOmani rivestimento superiore Rigidità alla frattura
iEri dell’ala rivestimento inferiore dell’ala rivestimento della fusoliera Efficienza Oggi DOmani rivestimento superiore Rigidità alla frattura

Figura 5: Stabilizzatore orizzontale danneggiato. Le regioni evidenziate con tratti si riferiscono all’area da riparare.

tico. del. danno,. l’utilizzo. di. riparazioni. strutturali. sui.

La. Figura. 5. esemplifica. un. caso. reale. di. danno.

componenti. danneggiati,. ricostituendo. al. massimo.

in. un. componente. aeronautico,. uno. stabilizzatore.

le. condizioni. strutturali. di. progetto. del. pezzo. e. por-

verticale.danneggiato.in.volo.a.causa.di.uno.scon-

tandolo. nuovamente. alle. condizioni. d’uso Questa.

..

tro.con.un.volatile,.mostrando.la.gravità.del.danno.

  • condotta.ha.lo.scopo.di.ridurre.il.costo.di.produzio- provocato. dall’impatto Questo. è. il. tipico. caso. di.

..

ne.di.un.altro.pezzo.(materia.prima.e.manodopera).

un.componente.primario.che.ha.bisogno.di.essere.

per. la. sua. sostituzione. e. per. la. permanenza. a. terra.

dell’aeromobile. nel. caso. dell’industria. aeronau-

tica Pertanto,. valutare. le. variabili. e. le. limitazioni.

..

sottoposto.a.un.processo.di.riparazione.strutturale ..

In. questi. casi. il. processo. di. valutazione. di. routine.

coinvolge. l’ispezione. visiva. dell’area. e. l’ispezione.

coinvolte. nelle. tecniche. di. riparazione. strutturale. è.

di. importanza. fondamentale. per. assicurare. che. la.

riparazione. raggiunga. l’obiettivo.

per. mezzo. di. tecniche. non. distruttive,. per. esem-

pio. ultrasuoni,. che. permettono. di. scoprire. dela-

minazioni. a. seguito. di. quanto. evidenziato. dalle.

regioni. fessurate Questo. tipo. di. danno. è. tipico. di. . . materiali. compositi. polimerici,. preparati. con.

regioni. fessurate Questo. tipo. di. danno. è. tipico. di.

..

materiali. compositi. polimerici,. preparati. con. l’uso.

di. pre-impregnati. in. quanto. la. propagazione. del.

danno. avviene. preferibilmente. attraverso. gli. strati.

dei. pre-impregnati,. provocando. delaminazioni,.

rotture. di. fibre. e. micro-fessurazioni. nella. matrice.

della. resina In. questi. casi. la. regione. danneggiata.

..

è. valutata. e,. in. caso. si. possa. realizzare. la. ripa-

razione,. il. materiale. è. rimosso. per. lisciatura. e. il.

componente. è. riparato.

Considerando. la. crescente. utilizzazione. di. com-

positi. avanzati. in. pezzi. o. componenti. di. grande.

responsabilità. strutturale,. generalmente. di. costo.

elevato,. si. rende. necessario. un. dettagliato. studio.

analitico. delle. aree. danneggiate. o. dei. detriti. risul-

tanti.dall’incidente,.in.modo.da.valutare.le.possibili.

cause. del. danno. o. dell’incidente,. proponendosi. di.

arrivare. a. rispettare. i. requisiti. di. sicurezza. in. volo,.

di. verificare. la. possibilità. di. riparare. i. componenti.

e/o.dare.orientamenti.relativi.all’ottimizzazione.dei.

progetti. o. della. manifattura. dei. componenti.

Frattografia

La. frattografia. è. uno. dei. principali. mezzi. utilizzati.

nel. processo. di. analisi. a. seguito. di. danni. o. falle ..

Consiste. nell’identificare. gli. aspetti. frattografici. e.

stabilire. le. relazioni. tra. la. presenza. o. assenza. di.

questi. aspetti. con. la. sequenza. degli. eventi. della.

frattura,. riuscendo. ad. arrivare. alla. determinazione.

del. carico. e. delle. condizioni. di. sforzo. al. momento.

della. formazione. della. falla La. frattografia. confer-

..

ma. o. rimuove. i. sospetti. che. possono. cadere. sulle.

modalità. con. cui. è. avvenuta. la. falla Questa. area.

..

di. studi. ebbe. in. Purslow,. Sohn. e. Hu. i. principali.

studiosi. e. ricercatori. (Purslow,. 1986;. Sohn,. Hu,.

1995).

Questo. mezzo. è. la. chiave. per. determinare. la.

sequenza. degli. eventi. occorsi. durante. il. processo.

di. falla. e. per. identificare. lo. stato. delle. tensioni. in.

gioco. nel. momento. della. falla.

Altri. fattori. come. le. condizioni. ambientali,. difetti.

dei. materiali. e. altre. anomalie. che. possono. contri-

buire. all’inizio,. propagazione. e. termine. della. frat-

tura. possono. anch’essi. essere. valutati. attraverso.

la. frattografia.

Normalmente. questa. area. di. ricerca. utilizza. diver-

se. tecniche. tra. le. quali. l’osservazione. visiva,.

l’ottica. macroscopica. seguita. dalla. microscopia.

ottica,. dalla. microscopia. elettronica. a. scansione.

e,. in. alcuni. casi,. dalla. microscopia. elettronica. a.

trasmissione ..

L’osservazione . deve. considerare.

attentamente. non. soltanto. l’identificazione. e. la.

documentazione. della. morfologia. della. falla,. ma.

anche. le. informazioni. che. aiutino. a. determinare. le.

cause. della. falla ..

Pertanto. si. dovranno. effettuare.

tre. operazioni. base:. 1). classificazione. del. tipo. di.

falla;.2).mappatura.della.cricca;.3).analisi.chimica.

della. superficie. di. frattura.

La.prima.classificazione.del.tipo.di.falla.conduce.a.

due. definizioni:. falle. interlaminari. e. translaminari ..

Questa. classificazione. aiuta. molto. in. quanto. si.

possono. utilizzare. differenti. metodi. per. studiare.

meglio. ogni. differente. tipo. di. falla Le. falle. interla-

..

minari,. cioè. le. delaminazioni,. sono. meglio. analiz-

zate. lungo. la. direzione. di. propagazione. della. cric-

ca.utilizzando.la.microscopia.ottica,.mentre.le.falle.

translaminari,. dove. avviene. la. rottura. delle. fibre,.

sono. meglio. analizzate. attraverso. la. microscopia.

elettronica. a. scansione.

Determinare. la. direzione. di. propagazione. della.

cricca. è. un. compito. tra. i. più. significativi. della.

frattografia La. tecnica. raccomandata. per. la. map-

..

patura. della. cricca. usa. la. minor. estensione. possi-

bile. per. raggiungere. l’obiettivo Questo. è. dovuto.

..

alla. limitazione. della. prospettiva. che. si. ottiene.

con. l’aumento. dell’estensione,. così. da. perdere. la.

visione. della. falla. come. un. tutt’uno Così. si. evita.

..

di. caratterizzare. la. frattura. basandosi. solo. sulle.

informazioni. di. una. piccola. area. non. rappresen-

tativa L’analisi. chimica. della. superficie. di. frattura.

..

può. essere. necessaria. nel. caso. in. cui. si. voglia.

determinare. la. sequenza. degli. eventi. di. frattura ..

Con.ciò.si.può.determinare.il.punto.di.origine.della.

frattura. e. identificare. le. anomalie. che. diedero. ori-

gine. all’evento.

Con. un. pezzo. fratturatosi. durante. il. servizio. la.

responsabilità. iniziale. dell’investigatore. è. quella. di.

documentare.la.superficie.di.frattura,.sia.con.foto-

grafie.quanto.con.macrofoto,.come.con.microfoto-

grafie. ottiche In. questo. stadio. le. informazioni. cri-

..

tiche.importanti.possono.essere.assicurate.localiz-

zando.tutti.i.tipi.di.frattura.occorsi.in.quanto.le.loro.

localizzazioni. sono. dovute. ad. anomale. condizioni.

di. servizio. o. di. produzione. il. che. dà. all’investiga-

tore. un’idea. di. quali. siano. state. le. responsabilità.

primarie. dell’evento,. quale. sia. stata. la. sequenza.

degli. avvenimenti. e. che. fattori. potrebbero. essere.

intervenuti.all’inizio.o.durante.la.falla ..Dopo.la.defi-

nizione. del. tipo. di. falla. generatasi. viene. la. parte.

più. onerosa. del. processo. che. consiste. nell’esame.

dettagliato.della.frattura.attraverso.analisi.macro.e.

microscopiche Queste. analisi. richiedono. che. l’in-

..

vestigatore. utilizzi. specifiche. tecniche. fotografiche.

per.determinare.la.direzione.della.frattura,.il.modo.

in. cui. si. generò. e. le. condizioni. ambientali. durante.

le. quali. si. sviluppò

..

Per. le. fratture. translaminari.

l’enfasi. viene. data. alla. frattura. delle. fibre. mentre.

nella. frattura. interlaminare. è. la. resina. che. riceve.

più. attenzioni.

Se. l’origine. della. frattura. sarà. identificata. il. passo.

successivo. sarà. determinare. quali. condizioni. ano-

male.esistono.nella.regione.di.origine.della.stessa ..

Se.un.difetto.è.sospettato.o.addirittura.evidenziato,. allora. si. dovranno. eseguire. esami. come. quello. dell’analisi. chimica. della. superficie. allo. scopo. di. determinare.

Se.un.difetto.è.sospettato.o.addirittura.evidenziato,.

allora. si. dovranno. eseguire. esami. come. quello.

dell’analisi. chimica. della. superficie. allo. scopo. di.

determinare. con. precisione. quanto. accaduto.

Frattografia di compositi strutturali

  • I. materiali. compositi. polimerici. stanno. diventando.

ogni. volta. più. importanti. nelle. applicazioni. indu-

striali,. principalmente. nell’industria. aeronautica.

dove. sono. necessarie. proprietà. di. alta. resistenza.

  • e. bassa. massa. specifica

..

Siccome. i. compositi.

vengono. utilizzati. per. la. fabbricazione. di. parti.

strutturali. molto. critiche,. quali. gli. stabilizzatori.

orizzontali. e. verticali. e. nel. rivestimento. delle. ali,. il.

loro.comportamento.meccanico.deve.essere.com-

preso.appieno ..Per.questo.le.loro.proprietà.devono.

essere.molto.ben.caratterizzate,.come.avviene.con.

  • i. materiali. più. usuali. –. i. metalli

..

Stando. così. le.

cose,. si. fa. uno. sforzo. molto. grande. per. estendere.

all’area. dei. materiali. compositi. le. conoscenze. dei.

risultati. ottenuti. nell’area. dell’analisi. delle. falle. dei.

metalli.

Per. il. ramo. di. analisi. di. falle. è. diventato. pertanto.

imperativo. lo. sviluppo. di. tecniche. e. osservazioni.

specifiche. per. i. materiali. compositi. e. non. soltanto.

le. analisi. previste. per. i. materiali. metallici. come. si.

faceva. nel. recente. passato.

Oltre. a. ciò. i. progetti. di. strutture. in. materiali. com-

positi. richiedono. una. conoscenza. dettagliata. del.

comportamento. della. falla. del. materiale. e. dei.

modi. di. formazione. di. cricche. del. componente,.

conoscenze. ottenute. con. l’esame. post-mortem. dei.

componenti. che. si. sono. fallati.

Nell’analisi. delle. falle. nei. compositi. non. solo. è.

importante. mettere. in. relazione. la. frattografia. con.

il. meccanismo. di. frattura. ma. è. anche. necessario.

avere. l’abilità. di. descrivere. ognuno. degli. aspetti.

caratteristici. senza. equivoci. e. capire. il. significato.

di. ognuno. di. questi. in. modo. da. poter. determinare.

in. maniera. precisa. il. modo. di. frattura,. la. direzione.

generale. di. propagazione. della. cricca. e. l’origine. e.

sequenza. delle. falle. strutturali.

È. importante. notare. che. i. differenti. tipi. di. falle.

sono. relazionate. con. il. tipo. di. matrice. e. di. fibre. e.

con. la. relazione. di. adesione. e. interfaccia. esistenti.

tra.questi.elementi ..Le.Figure.6.e.7.mostrano.viste.

relative. alla. valutazione. dell’interfaccia. in. compo-

sti. strutturali.

Le.falle.nei.compositi.possono.essere.descritte.dai.

Se.un.difetto.è.sospettato.o.addirittura.evidenziato,. allora. si. dovranno. eseguire. esami. come. quello. dell’analisi. chimica. della. superficie. allo. scopo. di. determinare.

Figura 6: Interfaccia fibra/resina nel piano di falla di un

laminato secco carbonio/epossidica. Nella parte centrale

della figura si osserva l’effetto dello sradicamento della

fibra.

Se.un.difetto.è.sospettato.o.addirittura.evidenziato,. allora. si. dovranno. eseguire. esami. come. quello. dell’analisi. chimica. della. superficie. allo. scopo. di. determinare.

Figura 7: Vista che rivela una fibra ricoperta da resina

mostrando una buona interfaccia. In questo caso la falla

del laminato non è avvenuta nell’interfaccia, bensì nella

matrice.

bricazione,. sequenza. di. accatastamento. dei. vari.

strati,. processo. di. cura. o. impatti. che. avvengono.

  • meccanismi.di.danno.che.sono.avvenuti.nella.frat- nel.corso.della.vita.di.servizio ..Con.la.progressione.

tura Questi. possono. essere. identificati. attraverso.

..

del. carico,. l’accumulo. dei. danni. o. delle. falle. locali.

la. rottura. delle. fibre,. le. cricche. della. matrice. o. la.

delaminazione. interlaminare La. rottura. delle. fibre.

..

esistenti. nel. laminato. provocano. la. falla. finale. del.

composito ..La.falla.catastrofica.raramente.avviene.

e.la.cricca.della.matrice.dipendono.dalle.proprietà.

per. responsabilità. della. falla. iniziale. o. della. falla.

  • di.resistenza.dei.costituenti.mentre.la.delaminazio- del. primo. strato La. falla. iniziale. di. uno. strato. può.

..

  • ne.può.essere.causata.da.anomalie.in.corso.di.fab- essere. pronosticata. attraverso. l’applicazione. di. un.

criterio. di. falla. appropriato. o. attraverso. la. teoria. della.falla.del.primo.strato ..La.predizione.della.sus- seguente. falla. richiede. l’aver. inteso. i.

criterio. di. falla. appropriato. o. attraverso. la. teoria.

della.falla.del.primo.strato ..La.predizione.della.sus-

seguente. falla. richiede. l’aver. inteso. i. modi. di. falla.

  • e. i. modi. di. propagazione. delle. falle. nel. laminato.

L’esame. della. superficie. fratturata. o. dei. compo-

nenti. fallati. attraverso. tecniche. di. microscopia.

permette. di. determinare. l’evoluzione. degli. eventi.

che. creano. il. danno. e. delle. condizioni. che. sono.

coinvolte. nel. processo. di. falla

..

Attraverso. il. rile-

vamento. dei. dettagli. si. può. tentare. di. ricostruire.

di. taglio. interlaminare. genera. delaminazioni Allo.

..

stesso.modo.strutture.fini.caricate.a.compressione.

generalmente. fallano. per. curvatura. o. per. crescita.

di. delaminazioni. lungo. le. interfacce. interlaminari.

deboli.

Si. è. anche. verificato. che. avverse. condizioni.

ambientali. causassero. una. significativa. riduzio-

ne. della. resistenza. dei. compositi In. questo. caso.

..

l’esaminatore. deve. stare. attento. alle. caratteristi-

che. delle. falle. che. si. sono. formate. a. temperature.

  • la.sequenza.delle.rotture.determinando,.per.esem- o. condizioni. di. umidità. fuori. da. quelle. specificate.

pio,. il. luogo. dove. si. origina. una. cricca. e. quale. o.

quali.siano.le.cause.che.ne.provocarono.l’inizio ..In.

questo.modo.sarà.possibile.arrivare.a.una.migliore.

comprensione. dei. modi. e. delle. direzioni. di. propa-

gazione. delle. cricche,. quali. sono. i. tipi. di. falle. pre-

senti.e.si.avrà.una.miglior.facilità.ad.identificare.le.

condizioni. di. carico. coinvolte.

per. il. pezzo. in. questione.

Strutture. in. materiali. compositi. possono. cedere.

prematuramente. a. causa. di. vari. tipi. di. possibili.

danni ..Questi.possono.essere:.cricca.longitudinale.

o. “splitting”,. cricca. trasversale,. rottura. di. fibre,.

danno. al. nucleo,. assorbimento. di. acqua,. vuoti,.

porosità,.scollamento.e.delaminazione ..Molte.volte.

  • A.causa.della.costruzione.anisotropica.dei.compo- sono.originati.da.errori.di.progetto.oppure.durante.

siti. i. danni. possono. verificarsi. in. vari. modi I. tipi. e.

..

  • i. modi. di. questi. danni. sono. direttamente. relazio-

nati. all’orientamento. delle. fibre. e. con. la. direzione.

dell’applicazione.del.carico ..I.modi.di.frattura.pos-

sono. essere. di. tipo. interlaminare,. intralaminare. e.

translaminare.

La. superficie. di. frattura. è. la. principale. fonte. di.

riferimenti. per. la. determinazione. della. causa. della.

falla In. essa. c’è. registrata. in. forma. dettagliata. la.

..

storia. dei. danni. oppure,. in. qualche. sua. parte. che.

contiene. le. evidenze. del. carico,. gli. effetti. coinvolti.

  • e. la. qualità. del. materiale.

L’analisi. dell’origine. della. frattura. può. rivelarci. se.

essa. è. causata. da. qualche. situazione. speciale. di.

danno. avvenuti. in. loco,. come. impatti,. strumenti.

utilizzati. o. altro ..

Quando. si. è. determinata. l’ori-

gine. di. una. frattura,. si. dovrà. dare. un. particolare.

risalto. all’identificazione. della. causa. della. falla ..

Differentemente. da. quanto. avviene. nei. metalli,.

l’origine.della.falla.nei.compositi.non.si.limita.a.un.

piccolo.punto.ma,.dipendendo.dalla.grandezza.del.

pezzo,. può. arrivare. ad. aree. di. diametro. di. alcuni.

pollici Come. regola. generale,. pezzi. che. presenta-

..

no. grande. aree. di. origine. delle. fratture. o. punti. di.

origine,. definiti. facilmente. come. danni. successivi.

alla. falla,. sono. stati. normalmente. sottoposti. a.

carichi. eccessivi. su. tutta. la. struttura. fino. alla. falla.

totale. del. pezzo Un’altra. condizione. è. quella. che.

..

presenta.il.punto.originale.della.falla.piccolo.e.ben.

localizzato,. come. intagli. o. porosità,. in. modo. che.

la. falla. si. forma. la. maggior. parte. delle. volte. al. di.

sotto. del. carico. massimo. sopportabile. dal. pezzo.

Ogni.tipo.di.carico.al.quale.è.sottoposta.la.regione.

fratturata. genera. un. tipo. specifico. di. superficie. di.

frattura ..Come.esempi.possiamo.citare.che.il.cari-

co. a. trazione. genera. effetti. come. lo. sradicamento.

delle.fibre.(fibre.pull-out).(Fig ..6),.mentre.il.carico.

la. fabbricazione. o,. infine,. durante. l’utilizzazione. in.

servizio.

Dipendendo. dall’assetto. interno. i. compositi. pre-

sentano.differenti.proprietà.fisiche ..Questo.implica.

nel. progetto. una. perfetta. sequenza. di. accatasta-

mento. degli. strati. e. di. orientamento. delle. fibre,.

visto.che.una.semplice.deviazione.di.5°.nell’orien-

tamento. dei. rinforzi. può. ridurre. drasticamente.

–. fino. del. 54%. –. la. resistenza. del. prodotto. finale.

Altri. effetti. dovuti. a. inadeguata. manipolazione. di.

questo. tipo. di. materiale. si. possono. osservare. nel.

campo. delle. tensioni. interne. dove. viene. facilitato.

il. sorgere. e. la. propagazione. di. cricche. e. falle. dei.

pezzi

..

Una. sequenza. errata. nell’accatastamento.

degli. strati. può. diventare. un. problema. quando.

avvenga. un’espansione. termica,. visto. che. le. pro-

prietà. degli. strati. sono. anisotropiche,. che. può.

generare.tensioni.residue.interne.durante.il.proces-

so. di. fabbricazione. del. pezzo. o. durante. l’utilizzo.

Per. i. compositi. di. fibra. continua. le. proprietà. che.

debbono. essere. conferite. per. determinare. che.

non. ci. siano. discrepanze. sono:. modulo. di. Young,.

resistenza.base.dei.laminati,.sensibilità.agli.intagli,.

stabilità. a. flessione;. condizioni. di. tensione. interna.

termica. o. residua. e. alterazioni. dovute. alla. sen-

sibilità. ai. cambiamenti. ambientali

..

Gli. errori. più.

comuni. commessi. nel. progetto. e. nella. trasforma-

zione. dei. compositi. durante. il. processo. di. accata-

stamento. degli. strati. sono:. mancanza. o. eccesso.

di. strati;. orientamento. angolare. improprio;. tipo. di.

trama. delle. fibre. dello. strato.

Errori. nell’accatastamento. degli. strati. e. nell’orien-

tamento. delle. fibre,. nella. formulazione. chimica.

della.matrice.polimerica.e.nella.“cura”.della.resina.

possono. anch’essi. contribuire. alla. formazione. di.

una. prematura. falla. nel. pezzo

..

I. principali. fattori.

che. contribuiscono. alla. formazione. di. falle. pre-

mature. sono:. specifiche. incorrette. dei. materiali,. non. corretto. accatastamento. del. materiale. –. cioè. numero,. orientamento. e.

mature. sono:. specifiche. incorrette. dei. materiali,.

 

non. corretto. accatastamento. del. materiale. –. cioè.

numero,. orientamento. e. sequenza. di. accatasta-

numero,. orientamento. e. sequenza. di. accatasta-

mento;. contenuto. di. fibra. e. matrice,. inadeguata.

percentuale. di. vuoti,. spessore. dello. strato. indi-

viduale. e. allineamento. inadeguato. delle. fibre,.

impropria. composizione. della. resina;. incompleto.

grado.di. “cura”.della.resina,.contaminanti,.elevata.

ritenzione. di. umidità;. posizionamento,. grandezza.

  • e. poca. qualità. dei. dettagli,. fori,. ecc.;. installazione.

dei. bulloni,. adesivi. non. adeguati.

Qualsiasi. variazione. nelle. condizioni. di. servi-

zio. che. influisca. significativamente. sulla. risposta.

meccanica. del. laminato. o. sulle. proprietà. chimi-

 

che. dei. componenti. del. composito. può. condurre.

che. dei. componenti. del. composito. può. condurre.
  • a. una. prematura. falla Le. principali. variazioni. che.

..

inducono. falle. nei. compositi. sono:. temperatura,.

composizione. chimica. dell’ambiente. e. situazioni.

di. carico. estreme.

 

La. Figura. 7. mostra. l’interfaccia. fibra/resina. di. un.

laminato. secco. carbonio/epossidica. a. temperatu-

ra. ambiente,. dove. si. osserva. un. buon. ancoraggio.

della.resina.nelle.fibre ..In.questo.caso.il.composito.

presenta. una. regione. di. ancoraggio. della. matrice.

nella. fibra. assai. ben. definita,. caratteristica. essen-

ziale. per. ottenere. i. migliori. risultati. di. resistenza.

al. taglio. interlaminare. nelle. prove. meccaniche ..

È. attraverso. questa. interazione. fibra/resina. che.

le. tensioni. sono. trasferite. dalla. resina. alla. fibra.

quando. il. laminato. è. sollecitato. da. un. carico. a.

 

flessione

..

L’analisi. meticolosa. di. questa. regione.

 
 

(Fig

..

7). rivela. che. le. fibre. sono. coperte. da. uno.

Figura 8: A) Vista generale di una superficie di frattura.

strato. fine. di. resina,. suggerendo. che. il. taglio. è.

B) Dettaglio delle zone di transizione tra trazione (a),

  • avvenuto.preferibilmente.nella.regione.della.matri- flessione (b) e compressione (c).

ce.polimerica,.al.contrario.di.una.falla.che.si.forma.

nell’interfaccia. fibra/resina,. evidenziata. dal. fatto.

che. il.rinforzo. si. mostra. liscio. e. senza.residui. della.

matrice. polimerica.

Il.dominio.della.frattografia.dei.compositi.permette.

di.identificare.i.differenti.sforzi.che.hanno.agito.sul.

componente Questa. possibilità. di. identificazione.

..

ci. fornisce. condizioni. e. mezzi. per. determinare. la.

causa. del. danno. e. per. definire. misure. correttive. e.

preventive. nel. processing,. nella. manutenzione. e.

nella. riparazione. dei. compositi.

La. Figura. 8. illustra. una. frattura. con. due. regioni. di.

transizione La. prima. transizione. si. nota. tra. l’area.

..

di. trazione. (a). e. l’area. di. flessione. (b)

..

Questa.

di. flessione. (b). e. di. compressione. (c). che. ricopre.

tutta. la. superficie. del. campione,. eccetto. i. bordi.

dove. si. trovano. gli. effetti. di. trazione. e. flessione.

La. sofisticazione. dell’analisi. frattografica. ha. come.

limite. la. capacità. dell’analista. e. delle. risorse. labo-

ratoriali Come. esempio. portiamo. l’identificazione.

..

di. uno. dei. più. importanti. aspetti. frattografici. dei.

compositi. che. sono. i. riferimenti. di. linee. radiali.

frequentemente.trovati.in.superfici.di.frattura.a.tra-

zione.su.fibre.al.carbonio ..L’osservazione.di.questo.

aspetto,. chiamato. “linee. radiali”,. dà. la. possibilità.

di. determinare. l’origine. della. falla. e. la. direzione. di.

  • zona.di.transizione.è.osservata.dalla.parte.superio- propagazione. della. cricca. attraverso. la. fibra. il. che.

re. delle. fibre. per. poter. visualizzare. una. regione. di.

trazione. e. una. di. flessione A. partire. da. un. punto.

..

critico,. dove. la. flessione. diventa. più. severa,. la.

transizione. è. costituita. da. una. fessura,. una. cricca.

molto. profonda. e. la. parte. in. trazione. è. separata.

dalla. parte. in. flessione. pura

..

La. seconda. transi-

zione. avviene. in. modo. assai. più. sottile. tra. la. zona.

porta. alla. formulazione. del. concetto. di. Falla. di.

Fibra.Attribuibile.Direttamente.(DAFF) ..Usando.la.

DAFF. è. possibile. tracciare. il. cammino. di. frattura.

per. aree. significative. di. falla. e,. con. un. numero.

significativo. di. aree,. determinare. nel. componente.

del. composito. la. direzione. generale. di. frattura. per.

trazione.

Figura 9: Vista della superficie di frattura con zone di sradicamento delle fibre. Si può osservare
Figura 9: Vista della superficie di frattura con zone di sradicamento delle fibre. Si può osservare

Figura 9: Vista della superficie di frattura con zone di

sradicamento delle fibre. Si può osservare che la resina

aderisce ai lati delle fibre, indice questo di una buona

interfaccia.

Figura 9: Vista della superficie di frattura con zone di sradicamento delle fibre. Si può osservare

Figura 10: Indicazione della direzione di propagazione

della falla attraverso le fibre.

Questa .regione, .la .cui .superficie .presenta .aspetti.

classici . di . trazione, . fornisce . preziose . informa -

zioni . su . come . si . sono . originate . e . propagate . le.

cricche. .

In . questa . regione . di . frattura . da . trazione.

è . possibile . applicare . la . DAFF . in . modo . da . deter-

minare . la . direzione . di . propagazione . delle . cric -

che . e, . in . tal . modo, . determinare . da . dove . la . falla.

si . è .

Come . si . può . osservare . la . falla.

si . propaga . dai . bordi . verso . l’interno . del . campio -

ne, . nel . senso . che . va . dalla . regione . di . trazione . a.

quella .di

.La .Figura .8 .(a) .mostra .che .la.

falla . da . trazione . si . genera . solamente . da . un . lato.

del . campione . essendo . questo . il . luogo . di . origine.

della . frattura.

Un. fattore. che. si. genera. nella. parte. di. pura. tra-

zione. è. lo. sradicamento. delle. fibre. –. l’effetto. pull-

out..

Questa. evidenza. è. illustrata. in. Figura. 9,. nei.

siti. indicati. dalle. frecce

..

Un. fenomeno. che. deve.

essere. osservato. è. la. presenza. di. resina. aderita.

lateralmente.alle.fibre,.indizio.questo.di.una.buona.

interfaccia. rinforzo-matrice.

Nella . Figura . 10 . le . frecce . mostrano . l’applica -

zione . della . DAFF, . indicando . la . direzione . nella.

quale . la . cricca . si . propaga . nelle .

fibre. .

Si . perce -

pisce . l’aspetto . raggiato . alla . sommità . delle . fibre.

e . con . chiarezza . nel . punto . di . origine . della . falla.

della . fibra.

Spostandosi. di. più. verso. l’interno. del. campione.

si. osserva. la. regione. di. transizione. tra. la. trazione.

pura.e.la.flessione.pura ..Questa.transizione.ha.ini-

zio.nella.trazione.delle.fibre.e.passa.attraverso.una.

regione. nella. quale. le. fibre. presentano. aspetti. di.

Figura 9: Vista della superficie di frattura con zone di sradicamento delle fibre. Si può osservare

Figura 11: Zona di inizio della transizione dalla regione

di trazione (a) verso la regione di trazione/flessione (b).

trazione. e. flessione. simultanee. e. che. si. verificano.

alla. sommità ..

Questa. transizione. trazione-trazio-

ne/flessione. è. mostrata. in. Figura. 11.

L’analisi. dettagliata. della. regione. di. trazione/

flessione. mostra. aspetti. indicativi. del. cammino.

percorso. dalla. cricca. alla. sommità. delle. fibre La.

..

Figura. 12. indica,. attraverso. le. frecce,. le. linee. di.

propagazione. della. falla,. così. come. l’aspetto. della.

trazione/flessione. alla. sommità. delle. fibre.

Figura 12: Vista della regione con fibre in transizione da trazione (a) a flessione (b). Le
Figura 12: Vista della regione con fibre in transizione da trazione (a) a flessione (b). Le

Figura 12: Vista della regione con fibre in transizione da

trazione (a) a flessione (b). Le frecce indicano la direzio-

ne di propagazione della cricca.

A.partire.da.questo.punto.e.incamminandoci.verso.

l’interno. del. laminato. le. fibre. tornano. a. presentare.

solo. l’aspetto. della. flessione

..

Questo. è. eviden-

ziato. dalla. differenza. di. inclinazione. e. di. rugosità.

alla. sommità. delle. fibre,. alle. volte. perfino. con.

differenze. di. cavità. e. concavità. sempre. sulla. loro.

sommità.

considerazioni finali

Nell’area . dei . danni . ai . compositi, . nonostan -

te . l’importanza . dell’argomento, . pochi . autori.

hanno .affrontato .queste .tematiche .e .i .vari .lavori.

presentano . oltretutto . differenti . tipi . di . approc -

cio. .

Si . osserva . anche, . attraverso . opportune.

ricerche, . che . sono . pochi . i . lavori . disponibili.

nel . settore . dell’investigazione . dei . danni . nei.

compositi . aeronautici . e . spaziali, . soprattutto . in.

Brasile. .

Forse . questa . constatazione . è . il . riflesso.

della . ristrettezza . di . questa . area, . nella . quale . gli.

studi .e .i .risultati .sono .resi .disponibili .agli .organi.

governativi . legati . ai . settori . di . ricerca . e . di . emis -

sione .di .sentenze .relativi .ad .incidenti .del .settore.

aerospaziale.

Nel. frattempo,. studi. di. frattografia. di. compositi.

strutturali. stanno. facendo. nuova. luce. su. molti.

aspetti. fondamentali. e. stanno. contribuendo. a.

una. miglior. comprensione. dell’origine. di. quanto.

si. trova. nelle. superfici. di. frattura. di. composti.

polimerici.con.fibra.continua ..Questi.lavori.hanno.

contribuito. a. delucidare. la. causa. della. falla. finale.

nelle . strutture . di . materiali . compositi,. crean -

do. un’esperienza. nazionale. per. quanto. riguarda.

l’analisi. delle. superfici. di. frattura. e. dei. danni.

ringraziamenti

Ringrazio.per.la.collaborazione.nei.lavori.che.hanno.

coinvolto. la. frattografia. dei. compositi. e. esalto.

la. competenza. dei. ricercatori. Edson. Cocchieri.

Botelho . della . FEG/UNESP-Guarantiguetá;.

Geraldo. Maurício. Cândido. e. Leandro. Augusto.

Lemos. Franco. della. Divisão. de. Materiais/IAE/

CTA;. Rogério. de. Almeida. Silva. e. Sergio. Mayer. da.

Embraer.

bibliografia

Franco. LAL

..

méricos

Análise fractográfica de compósitos poli-

estruturais. .

Dissertação. (Engenharia.

Aeronáutica.e.Mecânica),.Instituto.Tecnológico.de.

Aeronáutica. 2003.

Mayer. S .. Influência do condicionamento ambiental na

resistência à tração de laminados de compósitos

poliméricos reparados

..

Dissertação. (Engenharia.

Aeronáutica.e.Mecânica),.Instituto.Tecnológico.de.

Aeronáutica. 2003 ..

Purslow.D

..Comment

on “Fractography of unidirectional

graphite-epoxy as a function of moisture, tempera-

ture and specimen quality”

..

J. Materials. Science.

Letter. 1989;5:617.

Purslow.D

fractography without a SEM – the

failure analysis of a CFRP I –

Composites.

1984;15:43-8.

Purslow. D .. Matrix fractography of fibre-reinforced epoxy

composites..

Composites. 1986;17:289-303.

Purslow. D ..

Matrix fractography of fibre-reinforced

thermoplastics, Part 1. Peel

Composites.

1987;18:365-74.

Purslow. D .. Matrix fractography of fibre-reinforced ther-

moplastics, Part 2. Shear

Composites,. v ..

1988;19:115-26.

Purslow. D .. Matrix fractography of fibre-reinforced ther-

moplastics, Part 3. Tensile, compressive and flex-

ural

Composites. 1988;19:358-66.

Purslow. D ..

Some fundamental aspects of composites

Composites. 1981;12:241-7.

Purslow. D .. The effect of environmental on the compres-

sion strenght of notched CFRP – a fractographic

 

Composites. 1984;15:112-20.

Silva. RA ..

Processamento de compósitos metal/fibra-

estudo de interface..Tese.(Engenharia.Aeronáutica.

e.Mecânica),.Instituto.Tecnológico.de.Aeronáutica.

2003.

Sohn. M-S,. Hu. X-Z ..

Comparative study of dinamic

and static delamination behaviour of carbon

fibre/epoxy composite laminates

..

1995;26:849-58.

Composites.

daL Mondo dELLa sciEnza p roteine del sisteMA olfAttivo coMe biosensori per AroMi AliMentAri Introduzione di
daL Mondo dELLa sciEnza
daL Mondo dELLa sciEnza

proteine del sisteMA olfAttivo coMe biosensori per AroMi AliMentAri

Introduzione

di Paolo Pelosi *

ne. olfattive. in. biosensori. è. legata. alla. ricerca. di.

  • Il.nostro.olfatto,.come.quello.degli.altri.animali,.com- strategie. per. generare. un. segnale. elettrico. come.

presi. gli. insetti,. fa. uso. di. proteine. che. riconoscono.

le.molecole.odorose.legandole.in.maniera.specifica.

e. reversibile Queste. appartengono. essenzialmente.

..

a.due.classi,.i.recettori.di.membrana. 1,.2. e.le.proteine.

conseguenza. del. legame. con. un. odore Infatti,. la.

..

maggior. parte. dei. biosensori. utilizza. enzimi,. la. cui.

reazione.è.facilmente.evidenziabile.e.trasformabile.

in.un.evento.elettrico,.sia.direttamente,.se.si.tratta.

  • solubili.leganti.gli.odori.(OBP:.odorant-binding.pro- di. un. enzima. di. ossido-riduzione,. o. per. mezzo. di.

tein). 3,.4 ..Perché.non.utilizzare.le.stesse.proteine.per.

un. sistema. artificiale. di. misura. degli. odori?

L’idea. certamente. non. è. nuova,. né. originale,. ma.

finora. non. è. stata. mai. presa. in. seria. considerazio-

ne Il. motivo. probabilmente. è. duplice.

..

Da.una.parte,.le.OBP.sono.state.finora.considerate.

proteine. poco. importanti,. svolgenti. una. funzione.

accessoria. nell’olfatto L’interesse. è. rimasto. foca-

..

lizzato.sui.recettori.di.membrana,.ritenuti.le.uniche.

proteine. in. grado. di. riconoscere. i. vari. odori Alle.

..

OBP. è. stato. attribuito. un. ruolo. secondario,. non.

specifico,. di. trasporto. delle. molecole. odorose.

verso. i. recettori. di. membrana

..

L’idea,. quindi,. che.

siano. i. recettori. di. membrana. gli. elementi. respon-

sabili. del. riconoscimento. delle. diverse. strutture.

chimiche. degli. odori. indicava,. come. immediata.

e. logica. conseguenza,. appunto. queste. protei-

ne. come. i. migliori. sensori. che. potessero. essere.

impiegati. in. un. naso. artificiale

..

Purtroppo,. non.

è. sempre. possibile. copiare. la. natura,. o. almeno.

le. soluzioni. che. adotta. un. sistema. biologico. non.

sono. sempre. facilmente. trasferibili. ad. un. appa-

recchio. elettronico

..

I. recettori. di. membrana,. in.

particolare,. sono. proteine. dalla. struttura. molto.

delicata,. che. ha. bisogno. del. doppio. strato. lipidico.

della. membrana. cellulare. per. restare. inalterata. ed.

attiva Basti. pensare. che. la. cristallizzazione. di. una.

..

proteina. di. membrana. rappresenta. un. obiettivo.

estremamente. impegnativo. e. solo. recentemente.

sono. stati. ottenuti. i. primi. successi.

Un’altra. difficoltà. nella. utilizzazione. delle. protei-

sistemi.più.complessi.che.riconducano.alla.fine.ad.

un. passaggio. di. elettroni.

Ora. le. cose. sono. cambiate,. o. stanno. cambiando.

rapidamente,.e.si.guarda.con.concreta.fiducia.alla.

possibilità. di. utilizzare. le. OBP. come. sensori. per.

odori ..

Infatti,. i. risultati. più. recenti. della. ricerca.

biochimica.e.fisiologica.hanno.dimostrato,.per.ora.

solo. negli. insetti,. che. sono. le. OBP. gli. elementi. in.

grado.di.riconoscere.i.diversi.odori,.piuttosto.che.i.

recettori.di.membrana ..Inoltre,.metodi.ottici,.basa-

ti. soprattutto. su. misure. di. fluorescenza,. hanno.

raggiunto. livelli. di. sensibilità. compatibili. con. le.

applicazioni. desiderate. e. possono. essere. utilizzati.

per. il. rilevamento. della. formazione. di. complessi.

fra. proteina. e. ligando.

struttura delle proteine leganti gli odori

È. opportuno. descrivere. brevemente. le. OBP. per.

comprendere.come.queste.proteine.possano.costi-

tuire. ottimi. candidati. nella. messa. a. punto. di. bio-

sensori. per. sostanze. odorose Due. elementi. sono.

..

particolarmente. importanti. per. questi. scopi:

1). le. OBP. rappresentano. una. grande. famiglia. di.

proteine,. ciascuna. con. una. diversa. specifici-

tà. di. legame,. condizione. indispensabile. per.

poter. creare. sistemi. a. più. sensori,. in. grado. di.

discriminazione;. inoltre,. esse. sono. suscettibili.

di. modifiche,. mediante. tecniche. di. biologia.

molecolare,. offrendo. la. possibilità. di. generare.

proteine. con. la. stessa. architettura,. ma. specifi-

cità. di. legame. mirate. a. qualsiasi. esigenza;

* . Dip di. Chimica. e. Biotecnologie. Agrarie,. Università. di. Pisa,. E-mail:. ppelosi@agr.unipi.it

..

2). la. struttura. compatta. delle. OBP. rende. que- ste. proteine. estremamente. stabili. al. calore,. ai. solventi.

2). la. struttura. compatta. delle. OBP. rende. que-

ste. proteine. estremamente. stabili. al. calore,.

ai. solventi. ed. alla. degradazione. proteolitica,.

facendo. di. queste. proteine. molecole. ideali. per.

funzionare. in. condizioni. ambientali. estreme.

Le. OBP. sono. piccole. proteine. che. si. trovano.

nello. spazio. “perirecettoriale”,. cioè. in. prossimità.

dei. recettori. olfattivi,. i. quali. sono. localizzati. sulla.

membrana.dendritica.dei.neuroni.olfattivi ..Le.OBP.

sono. state. descritte. sia. nei. vertebrati. che. negli.

insetti,. tuttavia. si. tratta. di. due. classi. di. proteine.

strutturalmente. molto. diverse ..

Le. OBP. dei. vertebrati,. la. prima. delle. quali. fu. iden-

tificata. nella. mucosa. nasale. bovina. 3 ,. sono. singole.

catene. polipeptidiche. di. 150-160. amminoacidi,.

rallentarne. notevolmente. l’evaporazione Il. muco,.

..

per. la. sua. natura. morbida,. ma. spessa. allo. stesso.

tempo,. offre. una. protezione. meccanica. alle. cilia.

dei. neuroni. olfattivi,. ammortizzando. le. eventuali.

sollecitazioni,. e. contemporaneamente. provvede. a.

mantenere. un. ambiente. acquoso. intorno. alle. pro-

teine.che.si.trovano.sia.sulla.membrana.che.all’in-

terno. dello. stesso. muco,. come. appunto. le. OBP ..

Un. sistema. artificiale. di. misura. degli. odori,. che.

faccia. uso. di. proteine,. deve. tener. conto. anche.

di. questa. esigenza,. cioè. mantenere. un. ambiente.

acquoso. intorno. alle. proteine,. adottando. la. stessa.

strategia. o. altri. tipi. di. soluzioni ..

Negli.insetti,.per.esempio,.il.risultato.di.mantenere.

l’acqua. intorno. ai. neuroni. olfattivi. viene. raggiunto.

con. una. strategia. diversa,. ma. altrettanto. efficien-

ripiegate.nella.tipica.struttura.del.β-barrel. 5-7 ..Questo.

te

..

I. dendriti. dei. neuroni. olfattivi. sono. racchiusi.

motivo.strutturale.è.composto.da.otto.foglietti.beta.

in. un. astuccio. di. cuticola. (il. sensillo). all’interno.

antiparalleli. ed. un. corto. segmento. di. α-elica. in.

del. quale. si. trova. la. linfa. sensillare,. contenente.

prossimità.della.estremità.carbossilica. 8 ,.e.si.trova.

principalmente. OBP. come. componenti. proteiche ..

in.tutte.le.proteine.della.grande.superfamiglia.delle.

Dei.microscopici.pori.sulla.parete.del.sensillo.per-

lipocaline. 9

Il. nome. di. “lipocaline”. indica. proteine.

mettono.l’ingresso.delle.molecole.odorose,.mentre.

a.forma.di.calice.con.proprietà.leganti.verso.mole-

non. permettono. l’uscita. dell’acqua,. grazie. alla.

cole. lipofile Infatti. la. maggior. parte. delle. lipoca-

..

line. legano. composti. idrofobici,. facilitandone. la.

traslocazione. nei. fluidi. biologici. acquosi

..

Fra. le.

lipocaline. più. studiate. troviamo. la. retinol-binding.

protein,. che. trasporta. il. retinolo. nel. sangue. e. la.

β-lattoglobulina. del. latte,. la. cui. funzione. specifica.

non. è. ancora. stata. chiarita.

È.interessante.notare.come.sia.proprio.la.struttura.

tridimensionale. ad. accomunare. i. membri. di. que-

sta. superfamiglia,. i. quali. a. volte. hanno. in. comune.

meno.del.10%.dei.residui.amminoacidici ..È.chiaro.

che. questa. struttura,. per. la. sua. semplicità,. com-

sua. alta. tensione. superficiale Nella. Figura. 1. sono.

..

riportati. schematicamente. la. sezione. dell’epitelio.

olfattivo. nei. mammiferi. e. di. chemiosensilli. negli.

insetti.

Le. OBP. degli. insetti. sono. un. po’. più. corte. di.

quelle. dei. vertebrati. (120-140. residui). ed. hanno.

una. struttura. composta. per. la. maggior. parte. di.

α-eliche Ambedue. le. classi. di. proteine. posseggo-

..

no. una. tasca. idrofobica. all’interno,. dove. possono.

trovar. posto. molecole. organiche. di. dimensioni.

diverse ..

La. Figura. 2. mostra. la. struttura. tridimensionale. di.

  • pattezza.e.stabilità,.si.è.rivelata.una.scelta.vincen- una. OBP. di. mammifero,. quella. del. maiale. 10 ,. e.

te. nell’evoluzione. ed. è. stata. quindi. utilizzata. per.

uno. svariato. numero. di. funzioni. diverse ..

di. una. di. insetto,. quella. della. farfalla. del. baco. da.

seta,. Bombyx mori. 11

..

È. evidente. l’aspetto. molto.

  • Le.OBP.sono.appunto.una.sottoclasse.delle.lipoca- diverso. delle. due. classi. di. proteine,. che. tuttavia.

line. e. con. queste. condividono. la. semplicità. strut-

turale. e. l’eccezionale. stabilità Quest’ultimo.requi-

..

sito.è.di.fondamentale.importanza.per.un.uso.delle.

proteine. come. biosensori,. che. si. trovino. esposti.

ad. ambienti. diversi. in. termini. di. temperatura,. pH,.

presenza.di.solventi,.ecc ..D’altra.parte,.si.potrebbe.

dire. che. proprio. per. questa. loro. caratteristica. le.

OBP. sono. state. poste. dalla. natura. all’interfaccia.

fra. un. ambiente. esterno,. potenzialmente. nocivo,. e.

le. delicate. strutture. dei. neuroni. olfattivi.

  • A. questo. proposito,. un. altro. elemento. importante.

nella.protezione.dei.neuroni.olfattivi.è.costituito.dal.

muco. nasale,. quello. strato. acquoso. e. denso. che.

ricopre. il. tessuto. olfattivo Le. lunghe. catene. delle.

..

condividono. lo. stesso. nome Le. OBP. degli. insetti,.

..

a. differenza. di. quelle. dei. vertebrati,. sopra. descrit-

te,. sono. costituite. essenzialmente. da. domini. di. α-

elica ..Anche.in.questo.caso,.la.struttura.racchiude.

una. cavità. legante. per. odori. e. feromoni. 4,. 12,. 13 ..

A.parte.le.funzioni.simili.che.le.due.classi.di.protei-

ne. dovrebbero. svolgere. nella. percezione. olfattiva.

di. mammiferi. ed. insetti,. un. importante. elemento.

che. accomuna. le. OBP. riguarda. l’eccezionale.

stabilità. alla. temperatura,. ai. solventi. ed. alla.

degradazione.proteolitica ..Probabilmente.è.proprio.

questa. stabilità. che. ha. determinato,. insieme. con.

la. semplicità. strutturale,. il. grande. successo. delle.

lipocaline. e,. in. misura. minore,. anche. delle. OBP.

  • glicoproteine.presenti.nel.muco,.con.le.loro.nume- di.insetti ..Per.fornire.un’idea.di.quanto.queste.pro-

rose. ramificazioni. di. oligosaccaridi,. provvedono.

  • a. trattenere. una. grande. quantità. di. acqua. ed. a.

teine. siano. refrattarie. ad. agenti. fisici. e. chimici,. si.

può. ricordare. che. esse. (sia. quelle. dei. mammiferi.

0

Figura 1: Rappresentazione schematica del sistema olfattivo nei vertebrati (a sinistra) e negli insetti (a destra).
Figura 1: Rappresentazione schematica del sistema olfattivo nei vertebrati (a sinistra) e negli insetti (a destra).

Figura 1: Rappresentazione schematica del sistema olfattivo nei vertebrati (a sinistra) e negli insetti (a destra). I

dendriti dei neuroni olfattivi (dei quali è riportata una immagine al microscopio elettronico a scansione, ottenuta nel

bovino) sono immersi in uno spesso strato di muco nei vertebrati e nella linfa sensillare negli insetti. Muco e linfa

sensillare offrono protezione meccanica alle terminazioni nervose ed allo stesso tempo provvedono a mantenere un

ambiente acquoso in prossimità dei recettori olfattivi. Sia nel muco nasale dei vertebrati che nella linfa sensillare degli

insetti sono presenti alte concentrazioni di proteine solubili leganti odori e feromoni (OBP).

Figura 1: Rappresentazione schematica del sistema olfattivo nei vertebrati (a sinistra) e negli insetti (a destra).

Figura 2: Esempi tipici di strutture tridimensionali di OBP di vertebrati e di insetti. A sinistra la struttura della OBP di

maiale, che, come tutte le OBP dei vertebrati, presenta una architettura a “β-barrel”, costituita da nove segmenti di

foglietti beta ed una corta alfa-elica. All’interno è visibile una molecola di timolo. A destra la “pheromone-binding pro-

tein” della farfalla del baco da seta, Bombyx mori, con all’interno una molecola del feromone specifico, il bombicolo.

Le OBP degli insetti, a differenza di quelle dei vertebrati, sono costituiti prevalentemente da domini di alfa-elica.

che. quelle. degli. insetti). possono. essere. scaldate. fino. a. 70-80°C. senza. perdere. la. loro. struttura. tri-

che. quelle. degli. insetti). possono. essere. scaldate.

fino. a. 70-80°C. senza. perdere. la. loro. struttura. tri-

dimensionale ..Inoltre,.queste.proteine,.anche.dopo.

essere.state.bollite.per.diversi.minuti,.riacquistano.

Solo. recentemente,. però,. è. stato. dimostrato. che.

queste. proteine. sono. essenziali. per. un. corretto.

funzionamento. del. sistema. olfattivo La. strada. più.

..

ovvia,. anche. se. decisamente. impegnativa,. per.

  • la.loro.struttura.e.la.loro.funzionalità.quando.ripor- valutare. se. una. proteina. sia. essenziale. a. qualche.

tate. a. temperatura. ambiente

..

Anche. in. seguito.

a. completa. denaturazione. e. riduzione. dei. legami.

disolfuro,. le. proteine. riacquistano. spontaneamen-

te. la. loro. conformazione. attiva. non. appena. ripor-

tate. nelle. condizioni. fisiologiche

..

Similmente,. la.

presenza. di. alte. concentrazioni. di. solventi,. come.

funzione.fisiologica.è.quella.di.bloccarne.la.sintesi ..

Questo. è. stato. fatto. per. una. OBP. di. Drosophila,.

denominata. LUSH,. creando. dei. moscerini. tran-

sgenici,. nei. quali. il. gene. codificante. per. LUSH.

era. stato. eliminato

..

Il. risultato. è. stato. chiarissi-

mo:. i. moscerini. transgenici. non. riescono. più. a.

  • etanolo.ed.altri.alcooli,.non.produce.effetti.irrever- percepire. il. feromone. maschile. vaccenil. acetato ..

sibili. sulla. struttura. di. queste. proteine.

È. superfluo. sottolineare. come. queste. caratteri-

stiche. di. stabilità. siano. importanti. nella. scelta.

di. proteine. da. utilizzare. in. biosensori. che. siano.

costantemente. esposti. ad. agenti. fisici. e. chimici.

La funzione fisiologica delle obp

Il. problema. principale. legato. alle. OBP. è. sempre.

stato. quello. della. funzione. fisiologica

..

Ci. si. è.

sempre. chiesti,. senza. tuttavia. fornire. una. risposta.

soddisfacente,.quale.fosse.il.posto.delle.OBP.nella.

catena. degli. eventi. che. trasforma. l’informazio-

ne. chimica. codificata. nelle. molecole. odorose. in.

segnali. elettrici. ed. alla. fine. in. risposte. compor-

tamentali. 13,. 14

..

Si. è. sempre. ragionato. che,. ana-

logamente. alla. trasmissione. dei. segnali. nervosi,.

mediati. dai. neurotrasmettitori,. le. molecole. degli.

odori. dovessero. interagire. direttamente. con. i.

recettori. olfattivi. di. membrana,. senza. la. necessità.

di. invocare. l’aiuto. di. altre. proteine.

Tuttavia. le. OBP. sono. proprio. lì,. frapposte. fra. le.

molecole. degli. odori. portate. dall’aria. esterna. ed. i.

recettori. di. membrana. ai. quali. dovrebbero. legarsi,.

Reinserendo. il. gene. nel. patrimonio. genetico. dei.

moscerini.transgenici,.è.stato.possibile.recuperare.

la. risposta. al. feromone. 15 .

Un. altro. esperimento, . sempre . effettuato . con.

Drosophila,. ha. dimostrato. che,. non. solo. le. OBP.

sono.essenziali,.ma.rappresentano.proprio.i.senso-

ri. specifici. in. grado. di. discriminare. i. diversi. odori ..

Un. gruppo. di. ricerca. giapponese. ha. osservato.

che. due. specie. di. Drosophila,. la. D. simulans. e. la.

D. sechellia,. mostravano. comportamenti. molto.

diversi. verso. gli. odori. di. una. pianta,. due. acidi.

grassi,. l’esanoico. e. l’ottanoico

..

La. prima. specie.

evita. tali. odori,. mentre. la. seconda. ne. è. attratta. e.

ci.va.a.deporre.le.uova ..Dopo.aver.sospettato.quali.

fossero. i. geni. responsabili. di. tale. comportamento,.

in. pratica. codificanti. due. OBP,. gli. autori. di. questo.

lavoro. hanno. scambiato. i. geni. fra. le. due. specie Il.

..

risultato. straordinario. è. stato. che. questa. volta. la.

D. simulans.veniva.attratta.dall’odore.dei.due.acidi.

grassi,. mentre. la. D. sechellia. ne. veniva. respin-

ta. 16

..

È. importante. notare. che. fra. le. due. specie.

c’era. stato. uno. scambio. di. OBP,. non. dei. recettori ..

Quindi,. non. sono. i. recettori. a. riconoscere. i. diversi.

  • quasi.a.rallentarne.o.addirittura.a.bloccarne.il.pas- odori,. ma. sono. le. OBP.

saggio Certamente. non. possono. essere. ignorate,.

..

tanto. più. che. le. OBP. sono. molto. abbondanti. sia.

nel. muco. dei. vertebrati. che. nella. linfa. sensillare.

degli.insetti ..Anche.se.non.ci.sono.dati.quantitativi.

attendibili. per. il. muco,. sappiamo. che. nella. linfa.

sensillare.degli.insetti.le.OBP.possono.raggiungere.

concentrazioni. fino. a. 10. mM!. È. opportuno. anche.

Questo. risultato. naturalmente. porta. importanti.

conseguenza. nella. chimica. dei. biosensori

..

Se.

vogliamo.costruire.biosensori.per.particolari.odori,.

allora.conviene.andare.a.cercare.quali.OBP.legano.

gli. odori. che. ci. interessano,. non. i. recettori Ora,.

..

se. non. è. pensabile. immobilizzare. dei. recettori. di.

membrana. su. piastrine. di. silicio. o. su. altre. matrici.

  • considerare.che.la.sintesi.di.queste.enormi.quanti- artificiali. e. sperare. che. funzionino. anche. in. assen-

tà. di. proteine. (tra. l’altro. le. OBP. vengono. distrutte.

e. ricostruite. con. grande. rapidità). rappresenta.

un. notevole. dispendio. di. energia. per. un. insetto,.

spesso. costretto. a. vivere. al. limite. del. consumo.

energetico.(alcuni.insetti.addirittura.non.si.nutrono.

durante. la. loro. vita. da. adulti).

Quindi,.le.OBP.sono.importanti,.perché.sono.molto.

costose,. e. debbono. necessariamante. interagire.

con. le. molecole. odorose,. perché,. a. causa. della.

loro.altissima.concentrazione,.in.pratica.riempiono.

il. percorso. che. gli. odori. dovrebbero. compiere. per.

arrivare. fino. ai. recettori. di. membrana.

za. della. membrana. citoplasmatica,. è. ragionevole.

pensare. che. le. OBP. poste. nelle. stesse. condizioni.

mantengano. la. loro. attività,. anche. perché. le. OBP,.

oltre. ad. essere. proteine. solubili,. sono. forse. fra. le.

più. stabili. che. conosciamo.

L’ultimo. tassello. alla. comprensione. del. modo.

d’azione. delle. OBP. è. stato. posto. ancor. più. recen-

temente. con. un. elegante. lavoro,. dove. è. stato.

dimostrato. che. non. è. neppure. necessario. che. le.

molecole. degli. odori. arrivino. ai. recettori. olfattivi ..

Gli. stessi. autori. che. avevano. precedentemente.

dimostrato. che. LUSH. era. essenziale. per. la. perce-

zione. del. feromone. maschile. hanno. scoperto. che. quando. il. feromone. si. lega. a. LUSH,. la. proteina.

zione. del. feromone. maschile. hanno. scoperto. che.

quando. il. feromone. si. lega. a. LUSH,. la. proteina.

subisce. una. piccola. modifica. conformazionale ..

Ora,. gli. autori. sono. riusciti. a. costruire. un. mutante.

di. LUSH. che,. in. assenza. del. feromone,. assumeva.

la.conformazione.della.proteina.nativa.complessa-

ta. con. il. feromone Una. volta. inserito. questo. gene.

..

nel.moscerino,.hanno.notato.che.i.neuroni,.che.nei.

moscerini. naturali. rispondevano. al. feromone,. in.

questo. mutante. erano. in. un. continuo. stato. attivo,.

anche. se. in. assenza. totale. del. feromone. 17

..

Ciò.

chiaramente. dimostra. che. non. è. il. feromone. tra-

sportato.dalla.proteina.che.attiva.il.recettore,.ma.è.

la.OBP.che,.una.volta.legato.il.feromone,.trasmet-

te. l’informazione. (non. la. molecola). al. recettore. di.

membrana.

Questi. lavori. molto. recenti. hanno. chiaramente.

spostato. l’attenzione. di. chi. è. interessato. a. produr-

re. biosensori. per. odori. dai. recettori. alla. OBP. ed.

hanno.portato.queste.proteine.in.primo.piano.nella.

percezione. olfattiva ..

un biosensore utilizzante le obp

A. questo. punto. si. può. cominciare. a. pensare. con-

cretamente. a. biosensori. che. contengano. le. OBP.

come. elementi. per. il. riconoscimento. dei. diversi.

odori ..

Tuttavia,. rimane. ancora. un. problema. da.

risolvere:. come. ottenere. un. segnale. che. ci. indichi.

la. presenza. di. un. legante. all’interno. della. pro-

teina?. Certamente,. la. formazione. del. complesso.

OBP/legante. non. comporta. passaggi. di. elettroni,.

né.reazioni.chimiche.di.alcun.genere ..Non.è.quindi.

possibile. accoppiare. un. tale. sistema. a. biosensori.

di. tipo. amperometrico

..

Restano,. tuttavia,. altre.

strade. per. rivelare. l’ingresso. di. molecole. organi-

che. all’interno. della. cavità.

Una. di. queste. fa. uso. delle. cosiddette. “bilan-

ce. al. quarzo”. o. sensori. di. tipo. piezoelettrico ..

Essenzialmente,. si. tratta. di. cristalli. di. quarzo. sui.

quali. viene. immobilizzata. la. proteina. legante

..

È.

noto.che.la.frequenza.di.oscillazione.di.un.cristallo.

di. quarzo. è. molto. costante. e. può. essere. misurata.

con.altissima.precisione.(per.questo.tali.oscillatori.

vengono.utilizzati.negli.orologi) ..Inoltre.la.frequen-

za. di. vibrazione. dipende. dalla. massa. del. cristallo.

stesso ..

Di. conseguenza,. è. possibile. misurare. le.

variazioni. di. frequenza. causate. dall’aumento. di.

massa,. seppure. minimo,. che. si. verifica. quan-

do. una. molecola. di. odore. si. lega. alla. proteina ..

zione. del. feromone. maschile. hanno. scoperto. che. quando. il. feromone. si. lega. a. LUSH,. la. proteina.

Figura 3: Principio della misura del “binding” mediante

l’uso di sonde fluorescenti. Ligandi fluorescenti spesso

presentano spettri di emissione diversi a seconda che si

trovino in soluzione o all’interno della tasca idrofobica

di una proteina. Per esempio, l’N-fenil-1-naftilammina

emette un debole segnale intorno a 480 nm se eccita-

to alla lunghezza d’onda di 337 nm. Quando si trova

all’interno di una proteina, come una OBP, questo stesso

composto produce un segnale molto più intenso con un

massimo di emissione ad una lunghezza d’onda più

bassa (407 nm). È così possibile valutare la frazione di

sonda fluorescente che si trovi all’interno della proteina e

calcolare la costante di dissociazione del complesso.

Se.il.sistema.è.così.sensibile.da.rivelare.le.minime.

quantità. di. odoranti. che. si. legano. alle. proteine,.

ancor. più. sarà. sensibile. alle. variazioni. di. umidità.

che. si. possono. verificare. in. un. ambiente. che. non.

sia. strettamente. controllato.

Un’altra. via. per. monitorare. l’entrata. di. molecole.

organiche. nella. tasca. idrofobica. di. proteine. come.

le. OBP. è. quella. di. sfruttare. la. fluorescenza. di. par-

ticolari. composti. che. presentano. affinità. per. la.

proteina

..

Una. delle. sonde. fluorescenti. più. usate.

con. le. OBP. è. l’N-fenil-1-naftilammina. (1-NPN) ..

Questo. composto,. eccitato. alla. lunghezza. d’onda.

di. 337. nm,. produce. uno. spettro. di. emissione. con.

un. massimo. intorno. a. 480. nm

..

Se. il. ligando. si.

trova. all’interno. di. una. proteina,. quindi. general-

mente. in. un. ambiente. idrofobico. (questo. è. sem-

pre. il. caso. delle. OBP),. il. massimo. di. emissione.

si. sposta. intorno. a. 405-410. nm. e. la. sua. intensità.

aumenta.notevolmente,.a.volte.anche.di.due.ordini.

di. grandezza Nella. Figura. 3. è. riportato. lo. spettro.

..

di. emissione. dell’1-NPN. in. soluzione. e. legato. ad.

Sembrerebbe. semplice,. ma. ci. sono. dei. problemi ..

una. OBP

..

In. questo. caso,. l’intensità. del. picco. a.

Il. primo. riguarda. l’apparecchiatura. per. misurare.

407. nm. fornisce. una. misura. della. concentrazione.

queste. variazioni. di. frequenza,. che,. anche. se. non.

della. sostanza. fluorescente. legata. alla. OBP

..

È.

molto. ingombrante. e. complessa,. non. può. essere.

possibile. anche,. effettuando. una. titolazione. della.

adattata. alle. esigenze. di. semplicità,. economicità.

proteina. con. la. sonda. fluorescente. calcolare. la.

e. miniaturizzazione. richieste. da. un. biosensore ..

costante. di. dissociazione. del. complesso

..

Questo.

L’altra. difficoltà. è. legata. proprio. al. tipo. di. misura ..

sistema. si. presta. naturalmente. anche. a. monitora-

re. l’entrata. di. altre. sostanze. non. necessariamente. fluorescenti. all’interno. della. proteina In. tal. caso,. .. basterà.

re. l’entrata. di. altre. sostanze. non. necessariamente.

fluorescenti. all’interno. della. proteina In. tal. caso,.

..

basterà. mettere. insieme. proteina,. sonda. fluore-

scente. e. sostanza.da.analizzare Quanto.maggiore.

..

sarà. l’affinità. di. questa. sostanza. per. la. proteina,.

tanto. più. essa. sarà. in. grado. di. spiazzare. la. sonda.

fluorescente. dal. complesso,. con. conseguente.

diminuzione. dell’intensità. del. picco. a. 407. nm ..

una applicazione nel campo della qualità alimen-

tare

come. sopra. riportato,. ma. anche. perché. è. possi-

bile. modificarle. a. piacere. nel. sito. di. legame,. pur.

mantenendo. lo. stesso. scheletro. strutturale,. per.

adattarle. alle. esigenze. di. specificità. richieste.

Oggi. è. molto. facile. ed. economico. costruire. pro-

teine. nelle. quali. uno. o. più. degli. amminoacidi.

presenti. nella. proteina. nativa. sono. stati. sostituiti.

con. altri .