Sei sulla pagina 1di 75

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco

Regionale Naturale Bosco delle Querce di Seveso e Meda

Fondazione Lombardia per lAmbiente


Largo 10 Luglio, 1 - Seveso
www.flanet.org

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

Gruppo di lavoro

Responsabile del progetto: Riccardo Falco


Segreteria tecnico scientifica: Valentina Bergero
Monitoraggio erpetofauna: Oscar Donelli
Monitoraggio avifauna: Mattia Brambilla
Monitoraggio teriofauna: Stefano Aguzzi

Direttore del Parco: Massimiliano Fratter

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

Sommario.
MONITORAGGIO DELLA TERIOFAUNA............................................................................................................... 0
1.1 Il monitoraggio mediante fototrappolaggio ................................................................................................ 1
2. Monitoraggi ................................................................................................................................................... 4
2.1 Individuazione delle sotto-aree ............................................................................................................... 4
2.2 Sessioni di campionamento ..................................................................................................................... 5
3. Risultati .......................................................................................................................................................... 5
3.1 Risultati per stazione di campionamento ................................................................................................ 5
3.2 Risultati generali .................................................................................................................................... 23
4. Conclusioni .................................................................................................................................................. 30
5.Bibliografia.................................................................................................................................................... 32
MONITORAGGIO DELLERPETOFAUNA ............................................................................................................ 35
6

Premessa ................................................................................................................................................. 36

Attivit svolta e parametri rilevati ........................................................................................................... 37


7.1

Aree di controllo .............................................................................................................................. 37

7.2

Metodiche di controllo .................................................................................................................... 39

7.2.1

Modalit di controllo degli Anfibi ............................................................................................ 39

7.2.2

Modalit di controllo dei Rettili ............................................................................................... 39

7.3

Frequenza di controllo ..................................................................................................................... 40

7.4

Specie potenzialmente presenti ...................................................................................................... 40

7.4.1

Anfibi........................................................................................................................................ 40

7.4.2

Rettili........................................................................................................................................ 42

7.5
8

Dati utilizzati .................................................................................................................................... 44


Risultati ................................................................................................................................................ 45

8.1

Considerazioni ................................................................................................................................. 47

8.2

Caratteristiche ambientali aree umide ............................................................................................ 48

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

Considerazioni finali e proposte gestionali ............................................................................................. 51

MONITORAGGIO DELLAVIFAUNA NIDIFICANTE ............................................................................................. 53


10. Introduzione .............................................................................................................................................. 54
11. Metodi ....................................................................................................................................................... 55
11.2 Attivit di campo ................................................................................................................................. 55
11.3 Elaborazione dei dati ........................................................................................................................... 56
12. Risultati ...................................................................................................................................................... 57
12.1 Anno 2015 ........................................................................................................................................... 57
12.2 Anno 2016 ........................................................................................................................................... 61
13. Confronto con dati pregressi ..................................................................................................................... 64
14. Discussione ................................................................................................................................................ 68
15. Conclusioni ................................................................................................................................................ 69
16. Bibliografia ................................................................................................................................................. 70
2

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

MONITORAGGIO DELLA TERIOFAUNA


a cura di Stefano Aguzzi

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

1.1 Il monitoraggio mediante fototrappolaggio


La caratteristica, che accomuna la maggior parte delle specie di Mammiferi, lelusivit. A volte
essa intrinseca di una determinata specie, come ad esempio il Gatto selvatico (Felis silvestris),
molto spesso, invece, una diretta conseguenza del disturbo antropico. Luomo, infatti, agisce
negativamente, nei confronti dei Mammiferi, in differenti modi come ad esempio la persecuzione
diretta e la riduzione degli habitat. Anche la semplice fruizione di aree verdi naturali o seminaturali
o la presenza di cani domestici, pu avere ripercussioni sulle abitudini di questi animali (Lenth et
al. 2006). Dopo una prima indagine teriologica nel Bosco delle Querce di Seveso Meda,
effettuata nel 2015 ed incentrata sul possibile impatto che la cittadinanza avrebbe avuto sulla
comunit di Mammiferi presenti nellarea naturalistica da poco aperta al pubblico, si pensato di
estendere la ricerca alle restanti porzioni del Parco, comprese quelle situate nel territorio
amministrativo di Meda. Anche in questo caso, per poter avere un quadro conoscitivo esaustivo e
consono alle finalit di questa indagine, stata utilizzata la metodologia del fototrappolaggio.
Luso di camera traps ormai ampiamente adoperato per verificare la presenza di specie criptiche
in determinati ambienti (Rovero et al. 2005;) oppure per stimare la densit di popolazione di
quelle specie la cui identificazione individuale possibile (Heilbrun et al. 2006), limitando al
minimo il disturbo degli animali. Le fototrappole sono state installate in sotto-aree, individuate a
seguito di unuscita preliminare. Per avere una copertura ottimale del territorio sono stati
impiegati otto dispositivi che sono stati posizionati su alberi o tra la vegetazione arbustiva
(Figura1.1.1).

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

Figura 1.1.1. Fototrappola posizionata su di un albero. Foto di S. Aguzzi.

Le fototrappole utilizzate appartengono al modello SG560K-8M (Figura 1.1.2), un minuscolo


sistema di fototrappolaggio fotografico e video dotato di sensore termico con sensibilit
regolabile, illuminatore a infrarosso integrato che funziona da flash IR in modo da effettuare foto o
video notturni in bianco e nero limitando il disturbo per gli animali. Il dispositivo in grado di
rilevare la differenza di temperatura, nello spazio circostante, dovuta al passaggio di animali a
sangue caldo. I filmati (in formato .avi) e le foto (in formato .jpg) vengono registrati su schede SD
con capacit minima di 8 Gigabyte. Lautonomia elevata e questo modello pu essere alimentato
da quattro o otto batterie AA. Le funzioni possono essere regolate per mezzo dellutilizzo di una
tastiera presente allinterno del dispositivo stesso.

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

Caratteristiche tecniche delle camera traps in


dotazione

Modello: SG560K -8M


Risoluzione foto: 8 megapixel
Risoluzione video: 640x480 px
Illuminazione notturna fino a 20 25 metri
Tempo di attivazione 1,2 s
Alimentazione: 8 batteria AA
Numero di Led: 38 completamente invisibili
Capacit di memoria: SD Card da 8 GB
Stampa su foto di data e ora
Immagini diurne a colori, notturne in bianco e nero
Dimensione: LxPxH mm 140x 80x 50 mm

Figura 1.1.2. Caratteristiche tecniche delle fototrappole.

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

2. Monitoraggi
2.1 Individuazione delle sotto-aree
Lindividuazione dei siti, in cui sono state posizionate le fototrappole, avvenuta in una prima fase
tramite analisi con sistemi GIS e, successivamente, validata mediante unuscita sul campo
preliminare alle attivit di monitoraggio. Le aree campione sono state scelte privilegiando le
porzioni di parco non indagate nel 2015 (Aguzzi 2016), oltre a quelle situate nel Comune di Meda
(Figura 2.1.1). Alcune fototrappole sono state utilizzate per monitorare i punti di passaggio tra il
Parco e il territorio circostante. Per chiarezza descrittiva, a ciascuna sotto-area stato assegnato
un codice seguito da un numero progressivo (bosco01, bosco02 ecc..). Sono stati utilizzati 8
dispositivi contemporaneamente che, in base alle esigenze ed alle problematiche a mano a mano
riscontrate, sono stati riposizionati in altre porzioni del parco in modo tale da avere una copertura
pressoch totale del Bosco delle Querce.

Figura 2.1.1. Siti di campionamento mediante il fototrappolaggio. In rosso quelli relativi allindagine 2015.

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

2.2 Sessioni di campionamento


La presente indagine iniziata il 19 febbraio 2016 e si conclusa il 30 giugno 2016. I dati ottenuti
sono stati archiviati in appositi fogli Excel in modo tale da facilitarne lanalisi. Nella fase di analisi
dei dati, un Evento inteso come il passaggio di un animale davanti la fototrappola o lo scatto a
vuoto della stessa (Forconi et al. 2009). Molto spesso gli animali stazionano sul sito per diversi
minuti e questo determina diverse foto o video dello stesso individuo. Animali della stessa specie
fotografati o filmati pi volte nella stessa stazione di rilevamento, durante un periodo di tempo di
30 minuti, sono considerati come un unico evento. Dopo questo intervallo di tempo, limmagine
successiva viene considerata arbitrariamente un nuovo evento (Kelly 2003; Silver et al. 2004). Per
ogni punto di contatto sono stati esaminati il numero totale di Eventi, il numero di Eventi Specie
target, di scatti a vuoto, di specie non considerate ai fini della ricerca e di disturbo antropico. In
base allesperienza maturata durante lindagine svolta nel 2015, sono considerate, in questo
nuovo lavoro, come target le seguenti specie di Mammiferi: Riccio europeo (Erinaceus
europaeus), Volpe (Vulpes vulpes), Faina (Martes foina) e Scoiattolo europeo (Sciurus vulgaris).
Non sono state considerate tali tutte quelle difficilmente identificabili da filmati o fotografie, come
la maggior parte dei Roditori e i Soricomorfi.

3. Risultati
3.1 Risultati per stazione di campionamento
Di seguito vengono riportati i risultati relativi a ciascun sito indagato.
Stazione bosco01
La stazione bosco01 si trova nella porzione pi settentrionale del Parco, ricompresa nel territorio
amministrativo del Comune di Meda (Figura 3.1.1). Il dispositivo stato posizionato lungo largine
del Torrente Certesa, in modo tale da verificare il ruolo di corridoio ecologico del corso dacqua ed
rimasto in funzione dal 25 febbraio al 12 aprile per un totale di 48 notti/trappola.
Successivamente a questultima data, la fototrappola stata posizionata in unaltra sotto-area a
causa dellabbondante presenza di Ortica (Urtica dioica) che ostacolava il passaggio della fauna
selvatica. Con laumentare delle dimensioni delle piante, infatti, diminuiva progressivamente il
numero di passaggi di Mammiferi di media taglia di fronte al dispositivo di rilevamento. Sono stati

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

registrati in totale 30 eventi differenti (Tabella 3.1.1), di cui 6 riconducibili a specie target. Tra
queste, sono state contattate la Volpe e la Faina (Figura 3.1.2).

Stazione bosco01

Figura 3.1.1. Ubicazione della stazione bosco01 allinterno del Bosco delle Querce.
6

Tabella 3.1.1. Distribuzione eventi nel sito bosco01.


Tipologia evento
Attivit antropiche
Scatto a vuoto
Specie target
Altra specie
Animale domestico
Indeterminato
Totale eventi

N. eventi
2
19
6
3
0
0
30

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

Figura 3.1.2. Volpe filmata nel sito bosco01.

Stazione bosco02
Questa stazione situata a qualche centinaio di metri da quella precedentemente trattata, nella
stessa area boscata (Figura 3.1.3). La fototrappola rimasta in funzione dal 19 febbraio al 6
maggio 2016 per un totale di 78 notti/trappola. Successivamente a questultima data, la
fototrappola stata posizionata in unaltra sotto-area a causa della fitta vegetazione sviluppatasi
intorno al dispositivo stesso. In totale sono stati registrati 60 eventi differenti, di cui 34
riconducibili a specie target (Tabella 3.1.2). La Volpe lunico Mammifero contattato in questa
sotto-stazione (Figura 3.1.4).

Stazione bosco02

Figura 3.1.3. Ubicazione della stazione bosco02.


Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco
delle Querce di Seveso e Meda

Tabella 3.1.2. Distribuzione eventi nel sito bosco02.


Tipologia evento
Attivit antropiche
Scatto a vuoto
Specie target
Altra specie
Animale domestico
Indeterminato
Totale eventi

N. eventi
1
17
34
1
4
3
60

Figura 3.1.4. Volpe a caccia di roditori nella sottostazione.

Stazione bosco03
Questo sito di campionamento il terzo situato nella porzione settentrionale del Parco (Figura
3.1.5). Esso si trova in vicinanza del Torrente Certesa, non lontano da unarea abitata. Il dispositivo
rimasto attivo dal 17 maggio al 20 giugno per un totale di 35 notti/trappola. Sono stati registrati
20 eventi di cui 4 riconducibili a specie target (Tabella 3.1.3) quali Riccio europeo e Volpe. (Figura
3.1.6).

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

Stazione bosco03
Figura 3.1.5. Ubicazione della stazione bosco03.

Tabella 3.1.3. Distribuzione degli Eventi nel sito bosco03.


Tipologia evento
Attivit antropiche
Scatto a vuoto
Specie target
Altra specie
Animale domestico
Indeterminato
Totale eventi

N. eventi
0
4
4
6
4
2
20

Figura 3.1.6. Riccio filmato nella sottostazione bosco03.


Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco
delle Querce di Seveso e Meda

Stazione bosco04
Questo sito di campionamento il quarto ubicato nella porzione di Bosco delle Querce ricompresa
nel territorio amministrativo di Meda (Figura 3.1.7). La fototrappola stata attiva il 19 febbraio ed
rimasta in funzione fino al 18 maggio per un totale di 80 notti/trappola. Il periodo prolungato di
attivit dovuto al fatto che, inizialmente, il dispositivo era mal funzionante; si deciso cos di
mantenere fissa la postazione fino a met maggio, quando a causa dellinfittirsi della vegetazione
stato deciso di spostarla. Sono stati registrati 56 eventi differenti di cui 19 riconducibili a specie
target quali Volpe, Faina e Riccio europeo (Tabella 3.1.4). Oltre allosservazione della Faina (Figura
3.1.8), interessanti sono i filmati di Volpe in orario diurno. Ci indica un basso disturbo antropico
in questa porzione del Bosco delle Querce, nonostante la presenza di infrastrutture molto
trafficate nelle vicinanze.

10

Stazione bosco04

Figura 3.1.7. Ubicazione del sito bosco04.

Tabella 3.1.4. Distribuzione degli Eventi nel sito bosco04.


Tipologia evento
Attivit antropiche
Scatto a vuoto
Specie target
Altra specie
Animale domestico
Indeterminato
Totale eventi

N. eventi
2
19
19
15
1
0
56

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

Figura 3.1.8. Faina filmata nel mese di aprile.

Stazione bosco05
Questo sito di campionamento si trova nella porzione di parco ricompresa nel territorio
amministrativo del Comune di Seveso (Figura 3.1.9). Il dispositivo stato posizionato in modo tale da
monitorare il passaggio di Mammiferi in unarea boscata molto vicina alla Strada Statale. La
fototrappola rimasta attiva dal 19 febbraio all 8 aprile per un totale di 50 notti/trappola. A seguito
dellindividuazione del dispositivo da parte di alcuni fruitori del parco, stato deciso di spostarlo in
unaltra sotto-area. Nel lasso di tempo in cui la fototrappola rimasta in funzione, essa ha registrato
286 eventi differenti di cui 88 riconducibili ad attivit antropiche e solamente 10 a specie target
(Tabella 3.1.5). Tra i Mammiferi, solo la Volpe stata censita in questa stazione (Figura 3.1.10).

Stazione bosco05

Figura 3.1.9. Ubicazione della sotto-area denominata bosco05.


Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco
delle Querce di Seveso e Meda

11

Tabella 3.1.5. Distribuzione eventi nel sito bdq05.


Tipologia evento
Attivit antropiche
Scatto a vuoto
Specie target
Altra specie
Animale domestico
Indeterminato
Totale eventi

N. eventi
88
153
10
4
29
2
286

12

Figura 3.1.10. Passaggio di Volpe registrato il 25 marzo 2016 .

Stazione bosco06
Questa stazione di campionamento si trova in prossimit di Via Vignazzola, ed stata individuata
per poter monitorare il passaggio di animali selvatici tra le due porzioni del Bosco delle Querce
(Figura 3.1.11). Il dispositivo rimasto attivo dal 20 aprile al 29 giugno per un totale di 71
notti/trappola. Sono stati registrati 267 eventi di cui 116 riconducibili ad attivit antropiche e
solamente 28 a specie target (Tabella 3.1.6). Questa stazione tra quelle dove il disturbo
antropico maggiore. Sovente stata registrata la presenza di cani lasciati liberi (Figura 3.1.12). La
Volpe risultata nuovamente il Mammifero pi frequente, mentre Riccio europeo e Scoiattolo
europeo sono molto pi sporadici (Figura 3.1.13).

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

Stazione bosco06

Figura 3.1.11.Ubicazione della sotto-area bosco06.

Tabella 3.1.6. Distribuzione eventi nel sito bdq06.


Tipologia evento
Attivit antropiche
Scatto a vuoto
Specie target
Altra specie
Animale domestico
Indeterminato
Totale eventi

N. eventi
116
79
28
24
18
2
267

Figura 3.1.12. Alcuni cani lasciati liberi nel parco.


Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco
delle Querce di Seveso e Meda

13

Figura 3.1.13. Lo scoiattolo europeo filmato nella stazione bosco06.

Stazione bosco07
Questo sito si trova nella porzione centrale dellarea naturalistica, pi precisamente, in prossimit
di uno dei due cavalcavia che collegano il parco allarea agricola situata oltre la Strada Statale
(Figura 3.1.14). Il dispositivo, installato alla base di un Biancospino (Crataegus spp.), rimasto
attivo dal 19 febbraio al 16 aprile per un totale di 58 notti/trappola ed ha registrato 712 eventi di
cui 373 riconducibili ad attivit antropiche, mentre 14 a specie target (Tabella 3.1.7). Tra i
Mammiferi, sono stati contattati solamente Riccio europeo e Volpe (Figura 3.1.15). Numerosi,
invece i filmati di Uccelli in alimentazione intorno alla fototrappola.

Stazione bosco07
Figura 3.1.14. Ubicazione della sotto-area bosco07.
Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco
delle Querce di Seveso e Meda

14

Tabella 3.1.7. Distribuzione delle differenti tipologie di evento nel sito bosco07.
Tipologia evento
Attivit antropiche
Scatto a vuoto
Specie target
Altra specie
Animale domestico
Indeterminato
Totale eventi

N. eventi
373
137
14
76
101
11
712

15

Figura 3.1.15. Passaggio di Riccio europeo di fronte alla fototrappola.

Stazione bosco08
Questo sito di campionamento si trova nella parte centrale della riserva naturale del Bosco delle
Querce (Figura 3.1.16). La fototrappola stata attivata il 20 aprile ed stata disattivata il 18
giugno 2016 per un totale di 60 notti/trappola. Sono stati registrati 85 eventi differenti di cui 14
riferiti a specie target quali Faina, Volpe e Riccio europeo (Tabella 3.1.8). La specie pi contattata
la Volpe. In data 2 maggio 2016 stata filmata una coppia di volpi in cerca di cibo (Figura 3.1.17).

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

Stazione bosco08

Figura 3.1.16.Ubicazione della sito di campionamento bosco08.

Tabella 3.1.8. Distribuzione dei differenti eventi nel sito bdq08.


Tipologia evento
Attivit antropiche
Scatto a vuoto
Specie target
Altra specie
Animale domestico
Indeterminato
Totale eventi

N. eventi
7
32
14
25
3
4
85

3.1.17. Coppia di Volpi filmate nel bosco.


Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco
delle Querce di Seveso e Meda

16

Stazione bosco09
Questo sito di campionamento situato in prossimit del secondo passaggio sopra la Strada
Statale (Figura 3.1.18). Installando una fototrappola nelle sue vicinanze si voluto verificare,
anche in questo caso, il suo eventuale utilizzo da parte della Fauna selvatica. Il dispositivo stato
attivato il 19 febbraio ed rimasto in funzione fino al 29 aprile per un totale di 71 notti/trappola.
Sono stati registrati 110 eventi differenti di cui 39 riferiti ad attivit antropiche e 9 a Mammiferi
selvatici (Tabella 3.1.9). Dai dati raccolti, questarea risulta poco frequentata dai Mammiferi
selvatici; sono state infatti contattate solo la Volpe e il Riccio europeo. Tra le altre specie di Fauna
selvatica rilevate, vanno menzionate il Picchio verde (Picus viridis) (Figura 3.1.19)., il Tordo
bottaccio (Turdus philomelos) e il Merlo (Turdus merula)

17

Stazione bosco09

Figura 3.1.18. Il sito di campionamento denominato bosco09.

Tabella 3.1.9. Distribuzione dei differenti eventi nel sito dindagine.

Tipologia evento
Attivit antropiche
Scatto a vuoto
Specie target
Altra specie
Animale domestico
Indeterminato
Totale eventi

N. eventi
39
37
9
18
4
3
110

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

Figura 3.1.19. Picchio verde osservato presso la sotto-area bosco09.

Stazione bosco10
Questo sito di campionamento situato nella porzione occidentale del Parco ed caratterizzato
da una componente vegetazionale prevalentemente arbustiva (Figura 3.1.20). Nelle sue vicinanze
sono presenti due ampie aree prative. Il dispositivo di fototrappolaggio stato attivato il 6 maggio
ed rimasto in funzione fino al 30 giugno 2016, per un totale di 56 notti/trappola. Sono stati
registrati 68 eventi differenti di cui 4 riferiti a specie target e 38 ad altre specie (Tabella 3.1.10).
Lunico Mammifero contattato tramite il fototrappolaggio il Riccio europeo (Figura 3.1.21).
Nonostante la mancata osservazione della Volpe, il rinvenimento di fatte in vicinanza del sito
conferma che la specie frequenta anche questarea del Bosco delle Querce.

Stazione bosco10

Figura 3.1.20. Ubicazione del sito bosco10 allinterno del Bosco delle Querce.
Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco
delle Querce di Seveso e Meda

18

Tabella 3.1.10. Distribuzione dei differenti eventi nel sito dindagine.


Tipologia evento
Attivit antropiche
Scatto a vuoto
Specie target
Altra specie
Animale domestico
Indeterminato
Totale eventi

N. eventi
1
21
4
38
3
1
68

19

Figura 3.1.21. Riccio europeo di fronte alla fototrappola nel sito bosco10.

Stazione bosco11
Questo sito di campionamento ubicato nella porzione meridionale dellarea naturalistica del
Parco (Figura 3.1.22). Il dispositivo di fototrappolaggio stato attivato il 25 febbraio ed rimasto
in funzione fino al 7 maggio 2016, per un totale di 73 notti/trappola. Sono stati registrati 213
eventi differenti di cui 45 riferiti a specie target e 114 ad altre specie (Tabella 3.1.11). Tra i
Mammiferi, sono stati contattati solamente Volpe e Riccio europeo (Figura 3.1.23).

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

Stazione bosco11
Figura 3.1.22. Ubicazione del sito bosco11.

Tabella 3.1.11. Distribuzione dei differenti eventi nel sito dindagine.


Tipologia evento
Attivit antropiche
Scatto a vuoto
Specie target
Altra specie
Animale domestico
Indeterminato
Totale eventi

N. eventi
2
41
45
114
7
4
213

Figura 3.1.23. Volpe in caccia.

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

20

Stazione bosco12
Questa sotto-area delimitata dal Torrente Certesa e da via Vignazzola. La scelta di questa sottoarea dipesa dalla volont di verificare i punti daccesso sia lungo un corridoio naturale, quale il
suddetto torrente, sia lungo una strada mediamente trafficata (Figura 3.1.24). Il dispositivo di
fototrappolaggio stato attivato il 25 febbraio ed rimasto in funzione fino al 6 maggio 2016, per
un totale di 72 notti/trappola. Sono stati registrati 222 eventi differenti di cui 60 riferiti a specie
target e 63 ad altre specie (Tabella 3.1.12 e Figura 3.1.25). Tra i Mammiferi, sono stati contattati
Volpe, Faina e Riccio europeo. Anche in questo caso, lo Scoiattolo europeo non sembra
frequentare la sotto-stazione.

Stazione bosco12

21

Figura 3.1.24. Ubicazione del sito bosco12 allinterno del Bosco delle Querce.

Tabella 3.1.12. Distribuzione dei differenti eventi nel sito dindagine.


Tipologia evento
Attivit antropiche
Scatto a vuoto
Specie target
Altra specie
Animale domestico
Indeterminato
Totale eventi

N. eventi
9
70
60
63
15
5
222

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

3.1.25. Femmina di Fagiano comune (Phasianus colchicus) filmata nel sito bosco12.

Stazione bosco13
Questa sotto-area situata in una piccola area boscata nella porzione occidentale del parco. La
scelta di questa sotto-area dipesa dalla volont di monitorare una zona mai indagata negli studi
precedenti (Figura 3.1.26). Il dispositivo di fototrappolaggio stato attivato il 6 maggio ed
rimasto in funzione fino al 30 giugno 2016, per un totale di 56 notti/trappola. Sono stati registrati
298 eventi differenti di cui 59 riferiti a specie target (Tabella 3.1.13). Tra i Mammiferi, sono stati
contattati Volpe, Riccio europeo e Scoiattolo europeo. (Figura 3.1.27). Il dispositivo utilizzato per
monitorare questa sotto-area lunico ad essere stato parzialmente danneggiato durante il
periodo dindagine.

Stazione bosco13

Figura 3.1.26. Ubicazione del sito bosco13 allinterno del Bosco delle Querce.
Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco
delle Querce di Seveso e Meda

22

Tabella 3.1.13. Distribuzione dei differenti eventi nel sito dindagine.


Tipologia evento
Attivit antropiche
Scatto a vuoto
Specie target
Altra specie
Animale domestico
Indeterminato
Totale eventi

N. eventi
28
147
59
25
37
2
298

23

3.1.27. Volpe filmata nel sito bosco13.

3.2 Risultati generali


Lo sforzo di campionamento, complessivamente, stato di 808 notti/trappola con un indice di
cattura pari a 38,12% e che risulta quindi abbastanza elevato. Il sito di campionamento con lindice
di cattura pi elevato quello denominato bosco13, mentre quello con lindice di cattura pi
basso il sito bosco10 (Tabella 3.2.1). In totale, durante questo studio, sono stati registrati 2427
Eventi differenti di cui 668 riconducibili ad attivit umane e 309 a specie target (Tabella 3.2.2).
Le specie di Mammiferi rilevate sono Riccio europeo, Volpe, Faina e Scoiattolo europeo. La sottoMonitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco
delle Querce di Seveso e Meda

area in cui stato registrato il maggior numero di contatti di Mammiferi selvatici quella
denominata bosco12 con 60 eventi differenti. Molto elevato risultato anche il numero di
contatti di Mammiferi nelle stazioni bosco13 e bosco11, tutte situate nel territorio
amministrativo di Seveso.

Tabella 3.2.1. Indici di cattura per sotto - area.

TOTALE
TRANSETTO NOTTI/TRAP
CATTURE
bosco01
bosco02
bosco03
bosco04
bosco05
bosco06
bosco07
bosco08
bosco09
bosco10
bosco11
bosco12
bosco13
TOTALE

48
78
35
80
50
71
58
60
71
56
73
72
56
808

6
34
4
19
10
28
14
16
9
4
45
60
59
308

INDICE
DI
CATTURA
12,50%
43,59%
11,42%
23,75%
20,00%
39,43%
24,13%
26,67%
12,68%
7,14%
61,64%
83,33%
105,36%
38,12%

Nonostante il disturbo antropico sia molto elevato nella parte centrale del Bosco delle Querce,
non sembra esserci una reale correlazione tra esso e la presenza di Mammiferi. Sono infatti
presenti sia siti molto disturbati, ma con una relativa abbondanza di contatti di specie target, sia
siti poco frequentati e con un basso numero di osservazioni di Mammiferi (Figura 3.2.1). Il basso
numero di contatti nella porzione di Parco ricadente nel territorio amministrativo del Comune di
Meda, per esempio, non imputabile ad un elevato disturbo antropico. Proprio la scarsa presenza
di persone in questarea influisce positivamente sul comportamento delle specie selvatiche. Non
stato infrequente, infatti, filmare esemplari di Volpe nelle ore centrali della giornata.

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

24

Tabella 3.2.2. Distribuzione degli Eventi nelle differenti categorie.


Tipologia evento

N.
eventi

Attivit antropica

668

Scatto a vuoto

776

Specie target

309

Altra specie

412

Animale domestico

226

Indeterminato
Totale eventi

39
2427

25

400
350
300
250
200

disturbo antropico

specie target

150
100
50
0

Figura.3.2.1. Numero eventi per sito di campionamento.

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

Tra le specie target censite, quella maggiormente contattata la Volpe (Tabella 3.2.3), che risulta
molto frequente sia nella porzione di parco ricompresa nel territorio amministrativo del Comune
di Meda sia in quella ricompresa nel Comune di Seveso. Dal confronto dei dati raccolti durante
questa indagine con quelli dello studio effettuato nel 2015 (Aguzzi 2016), si evince come la Volpe
frequenti tutto il territorio del parco (Figura 3.2.2). La sua presenza, come accennato
precedentemente, stata difatti confermata, attraverso il ritrovamento di fatte, anche nellunico
sito in cui non sono stati filmati esemplari. Durante il periodo di studio, come nel 2015, sono stati
osservati almeno due giovani dellanno; quindi confermata lavvenuta riproduzione della specie
allinterno del Bosco delle Querce. Unaltra specie molto diffusa il Riccio europeo. Anche questa
specie risulta frequentare sia la porzione settentrionale sia quelle centrale e meridionale del Parco
(Figura 3.2.3). Apparentemente, per, meno abbondante nella porzione settentrionale. Lo
Scoiattolo europeo e la Faina, invece, sono molto localizzati. Il primo, seppur presente con una
popolazione stabile, concentrato prevalentemente nellarea naturalistica e nelle sue vicinanze
(con una maggior frequenza nel sito bosco13), mentre la seconda risulta molto elusiva e frequenta
solo sporadicamente il parco (Figura 3.2.4 e Figura 3.2.5). Il 9 marzo 2016 stato individuato un
nido di Scoiattolo nellarea naturalistica (Figura 3.2.6).

26

Tabella 3.2.3. Numero di contatti per Specie Target.


Specie
Riccio europeo

N. contatti
70

Volpe

213

Faina

Scoiattolo europeo
Totale contatti

20
309

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

Figura 3.2.2. Osservazioni di Volpe durante il periodo dindagine. I dati relativi allanno 2015 sono
rappresentati in rosso. Le fatte di Volpe sono rappresentate da una stella.

27

Figura 3.2.3. Osservazioni di Riccio europeo durante il periodo dindagine. I dati relativi allanno 2015 sono
rappresentati in rosso.

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

Figura 3.3.4. Osservazioni di Faina durante il periodo dindagine. I dati relativi allanno 2015 sono presentati
in rosso.

28

Figura 3.3.5. Osservazioni di Scoiattolo europeo durante il periodo dindagine. I dati relativi allanno 2015
sono presentati in rosso. Il nido di Scoiattolo europeo rappresentato con una stella.

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

Figura 3.2.6. Nido di Scoiattolo europeo utilizzato per il riposo invernale nellarea naturalistica.

Se si considerano, infine, le altre categorie di eventi presi in esame, il sito denominato bosco11
quello in cui stato rilevato il maggior numero di contatti riferiti ad altri animali selvatici
(Avifauna), mentre il sito bosco07 quello con il maggior numero di contatti di Gatto domestico.
Tra le specie di Uccelli, la pi frequentemente filmata la Cornacchia grigia, ma sono stati ripresi
anche Picchio verde, Fagiano comune, Colombaccio (Columba palumbus) e diversi Passeriformi tra
cui Merlo, Tordo bottaccio, Cinciallegra (Parus major), Fringuello (Fringilla coelebs) e Frosone
(Coccothraustes coccothraustes) (Figura 3.2.7).

Fig.3.2.7. Frosone filmato sotto a un Biancospino nel sito bosco07.


Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco
delle Querce di Seveso e Meda

29

4. Conclusioni
Lutilizzo delle fototrappole nel Bosco delle Querce di Seveso - Meda ha rivelato uninsospettata
Comunit di Mammiferi, nonostante unapparente scarsa ricchezza in specie. Il Parco ospita al suo
interno, ad esempio, una buona popolazione di Scoiattolo europeo. La presenza di questa specie,
molto probabilmente, dovuta alla colonizzazione da parte di alcuni esemplari provenienti dal
Parco delle Groane, dove essa stata reintrodotta a partire dagli anni 80 (Gariboldi et al. 2004).
Sebbene i contatti tramite il fototrappolaggio siano esigui e maggiormente concentrati nellarea
naturalistica, questa specie non pu certamente essere considerata rara. Lo Scoiattolo rosso
infatti una specie arboricola che si sposta pi frequentemente a terra solo in determinati periodi
dellanno (come ad esempio, a fine estate inizio autunno per la ricerca di risorse trofiche quali
frutti, semi e funghi) e, quindi, la sua abbondanza e la sua distribuzione nel parco sono
sicuramente sottostimate. Di gran lunga pi diffusa dello Scoiattolo rosso risulta la Volpe. Essa
stata rilevata in tutte le aree del Parco e sembrerebbe utilizzare sia il Torrente Certesa sia la rete
stradale come corridoi per spostarsi da unarea allaltra. Dai dati raccolti, emerge che il Bosco delle
Querce coincide con lhome range di un nucleo familiare di volpi. Sono stati osservati, infatti, sia
esemplari adulti sia giovani. In aree urbane, non infrequente la presenza di territori di ridotte
dimensioni, come ad esempio in Inghilterra (Macdonald 1987). Una situazione analoga a quella
rilevata nellarea dindagine stata riscontrata presso lAltopiano di Seveso, dove un nucleo
familiare si stabilito nei terreni di Villa Dho e delle ville circostanti (Modesti e Aguzzi 2010). A
differenza di questultima popolazione, quella stabilitasi nel Bosco delle Querce sembrerebbe
avere abitudini anche diurne, specialmente nella porzione settentrionale, dove il disturbo
antropico praticamente inesistente. A differenza della Volpe, il Riccio europeo e la Faina
risultano apparentemente meno frequenti allinterno del parco. Il primo, rappresentato da una
buona popolazione nel territorio circostante, abituato a compiere spostamenti anche superiori
ai 1000 metri in una notte (Amori et al. 2008) e pu quindi essere stato sottostimato durante il
periodo di studio. La Faina, invece, una specie molto elusiva che utilizza il parco raramente sia
per gli spostamenti sia per la ricerca di risorse trofiche. E probabile, inoltre, che utilizzi il Torrente
Certesa come corridoio ecologico per spostarsi da una area verde a unaltra, limitando cos i
contatti con le attivit umane. Va precisato che, nel Comune di Seveso, la Faina sembra pi
comune nelle vicinanze del Parco delle Groane (Modesti e Aguzzi 2010). La diffidenza di questa
specie selvatica non imputabile ad un effettivo disturbo dovuto alle attivit antropiche nel parco,
Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco
delle Querce di Seveso e Meda

30

bens al contesto altamente urbanizzato di tutto il territorio circostante. Lutilizzo delle


fototrappole si dimostrato assai utile, oltre che per il monitoraggio delle attivit antropiche,
anche per il monitoraggio di animali domestici che potrebbero avere un impatto sulle specie
selvatiche. In generale, gli animali studiati non sembrano risentire n della presenza di persone n
di quella di animali domestici. Nonostante diversi studi abbiano accertato, ad esempio, la
predazione su Scoiattolo rosso da parte di gatti domestici e, pi in generale, lelevato impatto di
questi animali su Uccelli e altri piccoli Vertebrati (Dickman 1996; Kays e DeWan 2004; Biancardi e
Do Linh San 2006), non sembra che la presenza di questi animali influisca cos negativamente sulla
Fauna selvatica presente. Il Bosco delle Querce ospita, ad esempio, una popolazione di topi
selvatici (Apodemus sp.) molto abbondante e che non sembra risentire della presenza dei gatti
domestici. Essa, proprio perch cos abbondante, costituisce unottima risorsa trofica per le volpi
(come dimostrato da numerosi filmati). Considerazioni analoghe a quelle effettuate nei confronti
dei gatti domestici, possono essere effettuate sui cani. Diversi studi hanno dimostrato come questi
animali possano arrecare disturbo diretto nei confronti di Ungulati e Piccoli Mammiferi e indiretto
nei confronti dei Carnivori con il continuo marcaggio del territorio o lo sfruttamento delle risorse
trofiche (Vanak e Gompper 2010). Anche in questo caso, per, gli animali selvatici presenti nel
parco non sembrano risentire marcatamente della loro presenza. E comunque consigliato
limitare, per quanto possibile, laccesso dei cani domestici alle aree maggiormente frequentate
dalla Fauna selvatica nel Parco. In conclusione, rispetto allelenco delle specie di Mammiferi
censite in passato nel Bosco delle Querce (Di Fidio 2000) e allo studio effetuato nel 2015 (Aguzzi
2016), lindagine non ha portato alindividuazione di nuove specie per il parco naturale. Il
monitoraggio di aree mai indagate, inoltre, aveva anche lobbiettivo di fornire dati sulla presenza
del Coniglio selvatico (Oryctolagus cuniculus), specie presente fino agli anni 90 con una
popolazione molto abbondante. Nonostante le prolungate indagini, questa specie purtroppo non
stata contattata ed quindi molto probabile che sia realmente estinta in questo parco, come gi
ipotizzato in passato. Probabilmente, il presentarsi di patologie molto aggressive (ad esempio la
Myxomatosi), il disturbo antropico e lassenza di altre popolazioni nelle vicinanze, che potessero
rinvigorire la popolazione presente, hanno portato alla scomparsa della specie dallarea studiata.
Eipotizzabile che in futuro il parco venga colonizzato anche da altre specie, alcune delle quali
alloctone. La presenza del Silvilago (Sylvilagus floridanus) in alcune aree verdi del Comune di
Seveso rende altamente probabile una sua colonizzazione nellimmediato futuro. Attualmente
Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco
delle Querce di Seveso e Meda

31

difficile, invece, ma comunque plausibile in futuro, linstaurarsi di unaltra specie ben pi


dannosa, ossia lo Scoiattolo grigio (Sciurus carolinensis). Questo scoiattolo americano un
competitore dello Scoiattolo rosso ed ha portato questultimo alla scomparsa in gran parte della
Gran Bretagna (Gurnell e Pepper 1993). Fenomeni simili si stanno verificando attualmente anche
in Irlanda e Italia (OTeangana et al. 2000; Wauters et al. 2005). In Lombardia maggiormente
presente sia nellEst che nellOvest milanese fino al Parco del Ticino, nelle Provincie di Varese e
Como e lungo il Parco Regionale del Fiume Lambro (Martinoli et al. 2010). E quindi necessario, in
futuro, continuare il monitoraggio dello Scoiattolo rosso nel parco e di eventuali specie alloctone.
Infine, sarebbe necessario effettuare unindagine specifica su Roditori e Soricomorfi, in modo tale
da caratterizzare la Comunit di Piccoli Mammiferi presenti nel Parco. Molte specie, infatti, sono
considerate buoni indicatori biologici, necessitando di ecosistemi complessi con nicchie ad elevata
produttivit (Contoli 1975). Uno studio simile potrebbe, quindi, aumentare il valore naturalistico di
questo parco naturale.

5.Bibliografia
Aguzzi, S. 2016. Monitoraggio della Teriofauna nellarea naturalistica del Parco Regionale Naturale
del Bosco delle Querce di Seveso e Meda. Relazione tecnica. Fondazione Lombardia per
lAmbiente.
Amori, G., Contoli, L. e Nappi, A. (a cura di) 2008. Mammalia II. Erinaceomorpha, Soricomorpha,
Lagomorpha, Rodentia. Fauna dItalia Vol. XLIV. Edizioni Calderini, Bologna.
Biancardi C. M. e Do Linh San E. 2006. Lcureuil roux. Editions Belin, Paris.
Boitani L., Lovari S. e Vigna Taglianti A. (a cura di) 2003. Mammalia III. Carnivora Artiodactyla.
Fauna dItalia Vol XXXVIII. Edizioni Calderini, Bologna.
Contoli L. 1975. Micromammals and enviroment in Central Italy: data from Tyto alba pellets. Boll.
Zool. 42: 223-229.
Contoli L. 1986. Sistemi trofici e corologia: dati su Soricidae, Talpidae e Arvicolidae dItalia predati
da Tyto alba. Hystrix 1: 95-118.
Dickman C. R. 1996. Overview of the impacts of feral cats on australian native fauna. Australian
Nature Conservation Agency, Camberra.
Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco
delle Querce di Seveso e Meda

32

Di Fidio M. 2000. Il Bosco delle Querce di Seveso e Meda. Regione Lombardia, Milano.
Forconi P., Di Martino V. e Forlini P. 2009. Mammiferi. Come studiarli con le fototrappole.
Associazione Smilax Onlus, Camerino (MC).
Gariboldi A., Belardi M., De Carli E., Farina F., Gentilli A., Pilon N. e Scali S. (a cura di) 2004.
Inquadramento ambientale, monitoraggio e indicazioni gestionali per la Fauna dei Siti di Interesse
Comunitario della Provincia di Milano. Boschi delle Groane (IT2050002). Relazione tecnica di
gestione (Fauna) Regione Lombardia e Provincia di Milano.
Gurnell J. e Pepper H. 1993. A critical look at conserving the British Red Squirrel (Sciurus vulgaris).
Mammal Review 23: 127-137.
Heilbrun, R. D., Silvy, N. J., Peterson, M. J. e Tewes M. E. 2006. Estimating bobcat abundance using
automatically triggered cameras. Wildlife Society Bulletin 34: 69-73.
Kays R. W. e De Wan A. A. 2004. Ecological impact of inside/outside house cats around a suburban
nature preserve. Animal Conservation 7: 1-11.
Kelly M. J. 2003. Jaguar monitoring in the Chiquibul Forest, Belize. Caribbean Geography 13:19-32.
Lenth, B., Brennan, M. e Knight, R.L. 2008. The Effects of dogs on wildlife communities. Natural
Areas Journal 28: 218-227
Macdonald D. W. 1987. Running with the fox. Hyman, London.
Martinoli A., Bertolino S., Preatoni D. G., Balduzzi A., Marsan A., Genovesi P., Tosi G. e Wauters L.
A. 2010. Headcount 2010: The multiplication of the Grey Squirrel introduced in Italy. Hystrix 21:
127-136.
Modesti A. e Aguzzi S. 2010. Individuazione dei corridoi ecologici in Localit Altopiano di Seveso
mediante il fototrappolaggio. Relazione tecnica. Ente Regionale per i Servizi allAgricoltura e alle
Foreste.
OTeangana D., Reilly S., Montgomery W. I. e Rochford J. 2000. Distribution and status of the Red
Squirrel (Sciurus vulgaris) and Grey Squirrel (Sciurus carolinensis) in Ireland. Mammal Review 30:
45-56.

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

33

Rovero, F., Jones, T. e Sanderson, J. 2005. Notes on Abbotts Duiker (Cephalophus spadix True
1890) and other forest antelopes of Mwanihana Forest, Udzungwa Mountains, Tanzania, as
revealed by camera - trapping and direct observations. Tropical Zoology 18: 13-23.
Silver S. C., Ostro L.E. T., Marsh L.K., Maffei L., Noss A. J., Kelly M. J., Wallace R. B., Gomez H. e
Ayala G. 2004. The use of camera traps for estimating Jaguar Panthera onca abundance and
density using capture/recapture analysis. Oryx 38: 148-154.
Vanak A. T. e Gompper M. E. 2010. Interference competition at the landscape level: the effect of
free ranging dogs on a native nesocarnivore. Journal of Applied Ecology 47: 1125-1232.
Wauters L. A., Tosi G. e Gurnell J. 2005. A review of the competitive effects of alien Grey Squirrels
on behaviour, activity and habitat use of Red Squirrels in mixed, deciduous woodland in Italy.
Hystrix 16: 27-40.

34

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

35

MONITORAGGIO DELLERPETOFAUNA
a cura di Oscar Donelli

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

Premessa

La conservazione degli Anfibi e dei Rettili assume particolare interesse per il mantenimento della
biodiversit, sia in relazione alla funzione che questi animali svolgono negli ecosistemi, sia
allimportanza e rarit degli habitat che di norma frequentano, come per esempio le zone umide e
le aree ecotonali. Inoltre il grave declino che negli ultimi decenni sta caratterizzando le popolazioni
di questi vertebrati, in particolar modo gli anfibi, dovuto principalmente alle modificazioni
ambientali apportate dalluomo, rende sempre pi urgente prevedere e pianificare interventi
finalizzati al miglioramento del loro stato di conservazione.
Di conseguenza risulta sempre pi utile censire le popolazioni presenti e i loro habitat, in particolar
modo in contesti quali il Parco Regionale Naturale Bosco delle Querce di Seveso ove risulta
possibile prevedere modalit di gestione e programmare interventi concreti volti tutelare le
popolazioni presenti e aumentarne la popolazione.
Il presente studio si pone inoltre come prosecuzione del progetto Bosco delle Querce: area
sorgente di Biodiversit nel quale era gi stato possibile svolgere una prima indagine
sullerpetofauna del Parco e ha consentito di redigere una check-list aggiornata soprattutto a
fronte della rimozione della recinzione dellarea naturalistica, ove non era permesso laccesso ai
fruitori del Parco e alla recente realizzazione di due nuove pozze artificiali finalizzate a favorire la
riproduzione della batracofauna e sostenere le specie meno rappresentate.
Lattivit di monitoraggio ha riguardato tutte le specie presenti nellarea di studio, sia quelle di
specifico interesse conservazionistico o particolarmente esigenti da un punto di vista ecologico, e
quindi buone indicatrici della qualit s.l. dellambiente, sia di quelle pi generaliste e/o ubiquitarie
come ad esempio Rana esculenta e Lucertola muraiola.
Nel presente documento sono riportate le metodologie e i dati raccolti, la descrizione e lecologia
delle specie potenzialmente presenti, nonch delle indicazioni concrete per migliorare le
caratteristiche ambientali dellarea al fine di garantire una maggiore possibilit per la
sopravvivenza delle popolazioni di anfibi e rettili presenti.

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

36

Attivit svolta e parametri rilevati

7.1

Aree di controllo

Lisolamento causato dalle diverse infrastrutture, in particolare la superstrada Milano-Meda, ha di


fatto compromesso la continuit ecologica del Parco con gli ambienti naturali e naturaliformi
presenti nel territorio rendendo larea difficilmente raggiungibile da animali che non abbiano una
buona mobilit come per esempio gli uccelli.
Come aree di controllo sono state prese in considerazione entrambe le zone del Parco, sia quella
completamente recintata e regolamentata da orari di accesso sita nel comune di Seveso, sia la
parte separata da via Vignazzola di fatto formalmente non accessibile anche se non delimitata da
recinzioni e ricadente nel comune di Meda.
Per quanto riguarda gli anfibi le attivit di censimento sono state concentrate specialmente presso
le cinque zone umide che sono presenti attualmente nel territorio del Parco, non sono state
tralasciate comunque (soprattutto durante i sopraluoghi notturni) le aree aperte, le zone di
sottobosco e i sentieri presenti nellarea protetta. Sono state controllate inoltre le aree di greto
del torrente Certesa; per un migliore riconoscimento le zone umide sono state mappate tramite
GIS e contrassegnate con lettera alfabetica.
Le attivit di censimento dei rettili hanno riguardato soprattutto le zone pi aperte e soleggiate,
nonch tutte le fasce ecotonali presenti nel Parco in quanto queste tipologie di ambienti sono
certamente le pi frequentate dai rettili, in particolar modo nelle prime ore del mattino, per
termoregolare.

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

37

38

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

7.2

Metodiche di controllo

La ricerca stata svolta nei mesi compresi tra aprile e settembre 2016, in accordo con la fenologia
delle specie studiate, questo per far coincidere i censimenti con il periodo riproduttivo e postriproduttivo delle diverse specie potenzialmente presenti.
Le coordinate geografiche di tutte le specie contattate, su base Gauss-Boaga, sono state rilevate
con GPS portatile Garmin E-Trex; sono stati rilevati alcuni parametri ambientali, quali la forma, le
dimensioni e la profondit approssimativa degli invasi, la vegetazione igrofila e circostante delle
diverse zone di controllo; inoltre, sono stati controllati lo stato di conservazione e gli eventuali
fattori di minaccia. Tutti i dati sono stati archiviati in un database che stato poi utilizzato per le
elaborazioni cartografiche mediante GIS (ESRI ArcMap).
I censimenti sono stati effettuati durante le ore diurne per quel che riguarda i rettili mentre per gli
anfibi sono stati effettuati sia durante le ore diurne che notturne.

7.2.1 Modalit di controllo degli Anfibi


Per gli Anfibi sono stati effettuati censimenti mirati attraverso la relativa ricerca in siti di
potenziale riproduzione; la tipologia di censimento scelta permette di rilevare le specie di Anfibi
Anuri (rospi, rane, raganelle) ed Urodeli (tritoni), qualora presenti, senza ricorrere a metodi che
possano risultare cruenti e invasivi per gli animali (cattura con trappole, ecc.).
I rilievi sono iniziati durante il mese di aprile per poter eseguire il rilevamento delle ovature e delle
fasi larvali; sono stati eseguiti inoltre dei controlli notturni per poter meglio individuare le specie
che presentano attivit spiccatamente notturna.
Le larve e i giovani neometamorfosati sono stati censiti esclusivamente a vista, mentre gli adulti
sono stati rilevati sia a vista che al canto, per un miglior risultato sono stati utilizzati inoltre dei
richiami vocali.

7.2.2 Modalit di controllo dei Rettili


Per i Rettili, i censimenti sono stati effettuati tramite il metodo della ricerca attiva lungo percorsi
prestabiliti e divagando ai lati in particolare in prossimit di fasce ecotonali ed in zone
potenzialmente pi idonee alle attivit di termoregolazione e/o di foraggiamento.
Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco
delle Querce di Seveso e Meda

39

In tali aree di indagine, i censimenti sono stati implementati nel periodo di maggior attivit dei
Rettili (primavera ed estate); ogni rilievo stato svolto in momenti in cui le temperature sono
risultate essere stabili e non troppo elevate e quindi in condizioni idonee per rilevare la presenza
delle specie sul campo; queste condizioni sono state riscontrate nei mesi estivi nella fascia della
giornata inclusa da circa le ore 10 sino a mezzod e dalle ore 15 sino al tramonto.

7.3

Frequenza di controllo

Lattivit di controllo sono state svolte nel corso del 2016 con cadenza mensile; le uscite di campo
sono iniziate a met di aprile proseguendo poi fino alla seconda settimana del mese di settembre
ad esclusione del mese di agosto. Nella seguente tabella vengono riportati i periodi di
monitoraggio in funzione del mese considerato.

mese

mattino

aprile

pomeriggio

notturno

40
maggio

giugno

luglio

settembre

7.4

Specie potenzialmente presenti

Si riporta di seguito la descrizioni e le esigenze ecologiche delle specie potenzialmente presenti


nellarea di studio per poter meglio comprendere le successive proposte di gestione.

7.4.1 Anfibi
Rospo smeraldino: Bufo balearicus
La colorazione caratteristica di questa specie presenta macchie irregolari verdastre, su un fondo
chiaro; la lunghezza massima di una dozzina di centimetri nelle femmine adulte, mentre i maschi
Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco
delle Querce di Seveso e Meda

sono leggermente pi piccoli. Il Rospo


smeraldino prevalentemente notturno.
Frequenta ambienti molto diversi fra loro
prediligendo aree aperti ed raro in zone
boschive; lo si pu trovare in aree quali
risaie e pozze temporanee ma anche
ambienti

relativamente

asciutti

(brughiere, parchi urbani, giardini, orti), in


prossimit o all'interno dei centri abitati; si
reca all'acqua solo nel periodo della
riproduzione. Nelle serate primaverili prive
di vento, facile udire il canto dei maschi simile ad un monotono ma armonioso trillo che ricorda il
richiamo di un grillo. Si riproduce deponendo dei sottili nastri di uova per poi lasciare le pozze e
riprendere la vita terricola. Le raccolte d'acqua temporanee, prive di predatori, sono usate spesso
come siti riproduttivi: a volte tuttavia la scelta non accurata e tutte le uova e/o i girini possono
trovarsi all'asciutto, vanificando la riproduzione. In Lombardia una specie presente in ambiente
planiziale e collinare, normalmente non frequenta aree al di sopra dei 200 metri di quota.

Raganella italiana: Hyla intermedia


Di piccole dimensioni (lunghezza totale c.a. 5 cm), con pelle liscia, inconfondibile per il colore
verde uniforme delle parti superiori, con striscia scura sui fianchi. l'unica specie di Anfibio delle
nostre zone che conduce una vita pressoch arboricola, aiutandosi nell'arrampicata con le dita
terminanti con un disco adesivo.
Nel maschio la pelle della gola appare grinzosa per la presenza del sacco vocale; il canto pu
essere emesso anche al di fuori del periodo riproduttivo. Nel periodo riproduttivo gli adulti si
portano negli stagni, fossi e risaie e le femmine depongono alcune centinaia di uova raccolte in
masserelle della dimensione di una noce; la riproduzione avviene in acque basse e ben soleggiate.
In Lombardia vive dal livello del mare fino ad oltre 2000 metri di quota.

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

41

Rana agile: Rana dalmatina


Questa specie appartiene al "gruppo" delle Rane rosse che si distingue da quello delle Rane verdi
per la colorazione di fondo marroncina, dovuta al fatto che questi Anuri conducono una vita
prevalentemente terrestre, mimetizzandosi tra le foglie e nel sottobosco. I maschi sono i primi a
raggiungere l'acqua (talvolta all'inizio di febbraio) e gli ultimi a lasciarla (met aprile), in quanto
potendo fecondare pi femmine si fermano pi a lungo sul luogo di riproduzione. Ogni femmina
depone generalmente in acque ferme 600/2000 uova in masserelle sferiche inizialmente compatte
che si gonfiano in seguito per assorbimento, raggiungendo anche i 15 cm di diametro. Le ovature
tendono poi a staccarsi dal fondo per raggiungere la superficie, formando ammassi circolari
galleggianti. Essendo relativamente resistente all'aridit, la Rana agile presente quasi ovunque in
Lombardia, sia nelle zone di pianura che nelle aree prealpine.

Rana esculenta: Pelophylax kl esculentus


La lunghezza massima di una decina di centimetri, solitamente questa specie presenta una
colorazione verde, ma con esemplari dal dorso bruno o giallastro. In Lombardia, come in tutta la
pianura Padana, sono presenti entit sistematiche diverse: il loro riconoscimento sul campo non
agevole e uno studio tassonomico risulta particolarmente complesso. Rappresentano gli anfibi pi
comuni e pi diffusi in tutti gli ambienti adatti sia di pianura che di collina, essenzialmente
acquatiche, il loro canto presenta un'ampia variet di risonanti gracidii ed i "cori" che sono emessi
nelle calme serate primaverili ed estive dalle raccolte d'acqua rappresentano un'importante
componente del paesaggio della pianura. La cattura delle rane verdi per l'utilizzo alimentare
regolamentata da leggi regionali.

7.4.2 Rettili
Ramarro: Lacerta bilineata
Il Ramarro occidentale il pi grande ed il pi appariscente fra i Sauri lombardi, gli adulti si
riconoscono facilmente per la colorazione di fondo verde smeraldo; l'ornamentazione pu, al
contrario, variare notevolmente da individuo ad individuo. I giovani mostrano una colorazione del
dorso decisamente pi nocciola con fianchi giallo-verdastri. Nella stagione degli amori, sia i maschi
Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco
delle Querce di Seveso e Meda

42

che le femmine, sfoggiano un'evidentissima gola blu. Gli adulti raggiungono una lunghezza totale
di 30-45 cm, i maschi hanno generalmente dimensioni maggiori e sono riconoscibili dalle femmine
per la testa pi massiccia e per i pori femorali delle cosce molto rilevati. I ramarri frequentano
prevalentemente le zone aperte e soleggiate: margini di boschi, siepi, bordi di strade e sentieri,
brughiere alberate. In Lombardia lo si trova praticamente ovunque in aree planiziali e
pedemontane mentre le presenze diventano piuttosto rare in aree montane. una specie
esigente, che risente pesantemente delle alterazioni ambientali e dell'inquinamento, soprattutto
legato agli insetticidi; in molte aree pi intensamente coltivate perci in forte diminuzione o a
rischio di estinzione.

Lucertola muraiola: Podarcis muralis


La Lucertola muraiola sicuramente il rettile pi abbondante e pi diffuso della Lombardia; questo
piccolo sauro frequenta ambienti molto diversi: centri abitati, ruderi, siepi, scarpate stradali, zone
soleggiate e perfino boschi e zone umide. Sia la colorazione che l'ornamentazione sono
estremamente variabili: uniche costanti sono la reticolatura scura del dorso e la gola sempre
colorata. I maschi, di solito hanno dimensioni maggiori. Gli adulti hanno una lunghezza totale
compresa fra 16 e i 23 cm. La Lucertola muraiola una specie diurna, attiva regolarmente da
marzo a ottobre, ma che pu essere osservata all'aperto anche in pieno inverno se le condizioni
sono favorevoli. Sverna all'interno di fessure dei muri, sotto i sassi, in gallerie di roditori, ecc.
Questa lucertola decisamente opportunista dal punto di vista alimentare: infatti in grado di
nutrirsi del tipo di preda, di volta in volta, pi abbondante.

Biacco: Hierophis viridiflavus


Il Biacco il pi comune serpente italiano, o per lo meno quello che frequenta il maggior numero
di ambienti diversi. In pianura, dove ampiamente distribuito, possibile incontrarlo sia lungo i
fiumi, che nelle brughiere, nei prati, lungo le siepi o nei boschi; in montagna risale fino a circa
1600m di quota. Spesso entra anche nei centri abitati. un serpente estremamente agile, veloce
ed un ottimo arrampicatore. Si tratta di una specie completamente innocua, anche se,
disturbata, pu mordere per difesa. La colorazione del dorso variabile con bande alterne
Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco
delle Querce di Seveso e Meda

43

giallastre
sono

verdastre;

noti

esemplari

completamente
(melanici).

Gli

neri
adulti

possono raggiungere una


lunghezza totale di circa
200 cm anche se di solito
si incontrano esemplari
generalmente

di

dimensioni
(entro

inferiori
150

cm).

Il

maschio e la femmina
non

sono

facilmente

distinguibili tra loro.

44

7.5

Dati utilizzati

Come dati pregressi sono stati consultati:

Studio sulle componenti faunistiche nel Bosco delle Querce - Lipu - 1997

Rilievo e proposte gestionali dellerpetofauna nel Parco Naturale Bosco delle Querce di
Seveso e Meda Donelli - 2009

Bosco delle Querce: area sorgente di biodiversit FLA - 2011

Segnalazioni personale FLA (Riccardo Falco)

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

Risultati

45

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

Come si pu osservare dalla mappa, pur presentando il Parco delle buone qualit ambientali e
diversi habitat potenzialmente idonei alla presenza di erpetofauna, le specie delle quali stato
possibile rilevare la presenza sono solamente 3: due specie di anfibi e una di rettili.
Nella seguente tabella si riporta un raffronto tra i risultati relativi ad attivit di censimento svolto
nella medesima area di studio in anni differenti.
LIPU

Donelli

FLA

FLA

1997

2009

2011

2016

Rospo smeraldino

Rospo smeraldino

Raganella

Raganella

Rana esculenta

Rana esculenta

Rana esculenta

Biacco

Biacco

Biacco

Lucertola muraiola

Lucertola muraiola

Lucertola muraiola

Trachemys sp.

Trachemys sp.

Rana esculenta

Natrice dal collare

Lucertola muraiola

46

Per quanto concerne gli Anfibi emerge:


1- presenza costante di Rana esculenta negli anni (1997-2016);
2- assenza della Raganella. Dal 2011 la specie che in passato era stata censita anche se con
modestissimi numeri, non stata pi rilevata;
3- ritorno del Rospo smeraldino: la specie censita nel 1997, non era pi stata segnalata.
Per i rettili il dato negativo riguarda il Biacco, la cui presenza era stata confermata fino al 2011 e a
seguito dei rilievi effettuati nel 2016 sembra non essere pi presente nellarea. Al contrario risulta
positiva la mancanza di segnalazioni relative a esemplari di Trachemys sp. in quanto specie
alloctona e che spesso vanifica il successo riproduttivo degli anfibi.

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

8.1

Considerazioni

Come si ben evidenzia dalla mappa di distribuzione la specie pi presente risultata la Lucertola
muraiola; la distribuzione mostra che le presenze sono maggiormente concentrate nelle aree
perimetrali del Parco. Ci probabilmente dovuto al fatto che le zone centrali sono maggiormente
disturbate dalle attivit antropiche ma ancor pi presentano meno ambienti ecotonali. La specie,
presente praticamente in qualsiasi tipo di habitat in Lombardia, non pu essere considerata come
indicatrice di buona qualit ambientale.
La Natrice dal collare, segnalata nel 1997, non stata successivamente pi rilevata; il dato
riguardava un esemplare trovato nei pressi del torrente Certesa. Probabilmente tale segnalazione
da ritenersi relativa ad un esemplare in spostamento in virt del fatto che ad esclusione della
pozza C non vi sono aree umide idonee alla presenza della specie.
Il mancato ritrovamento di esemplari di Biacco, specie presente in passato, molto probabilmente
attribuibile sia alla scarsa consistenza della popolazione (pochissimi individui), sia alla mancanza di
connessioni tra il Parco e ambienti naturali e/o naturaliformi adiacenti allarea di studio.
Pur presentando il Parco habitat potenzialmente idonei al Ramarro (Lacerta bilineata), non sono
stati rilevati esemplari di questa specie (come peraltro verificatosi anche negli studi implementati
in precedenza). Probabilmente, analogamente a quanto indicato per il Biacco, lassenza della
specie da imputarsi alla scarsa presenza nel contesto territoriale di aree naturali o naturaliformi
idonee alla specie e alla mancanza di elementi in grado di garantire unadeguata connessione
ecologica.
La specie di anfibi maggiormente presente la comune Rana esculenta; dato positivo che le
nuove pozze realizzate recentemente sono state da questa specie utilizzate anche come sito di
riproduzione e apparentemente le riproduzioni di questanno sembrano essere parecchio
numerose soprattutto nella pozza E di nuova realizzazione. Lunica area umida non utilizzata la
pozza B ma questo era abbastanza prevedibile in quanto posizionata in area di sottobosco e quindi
poco adatta ad una specie che predilige aree ben soleggiate.
La Rana esculenta si riprodotta anche nella pozza A pur essendo completamene in cemento e
questo dimostra come questa specie si riesce a riprodurre anche negli ambiente fortemente

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

47

antropizzati o degradati e infatti sono state rilevate presenze anche nei pressi del torrente Certesa
nella zona del Parco sita in comune di Meda.
stato rilevato a distanza di parecchi anni un esemplare di Rospo smeraldino. Sono stati
implementati di conseguenza pi rilievi in condizioni ottimali (serate di pioggia con assenza di
vento), finalizzati a verificare la consistenza reale della popolazione di questa specie che non
hanno per avuto esiti positivi. quindi ipotizzabile che la specie sia presente attualmente nel
parco con pochi esemplari. Il dato comunque da ritenersi positivo e, date le tipologie di habitat
presenti nel Parco, induce a sperare che nei prossimi anni si verifichi un incremento della
popolazione di questo rospo.
La Raganella sembrerebbe attualmente non pi presente nel Parco; probabilmente lesiguit della
popolazione (i dati raccolti nei precedenti studi segnalavano la presenza di pochi esemplari), unita
al fatto che la specie sia molto esigente dal punto di vista ambientale, hanno pregiudicato la
conservazione della specie nellarea.
Potenzialmente larea potrebbe ospitare anche popolazioni di Rana rossa in funzione del fatto che
attualmente sono presenti diverse aree boschive e che almeno una pozza e situata in queste zone
del Parco; il fatto che anche in passato non sia mai stata rilevata fa pensare che sia molto
improbabile che questa specie possa riuscire, anche in futuro, a colonizzare spontaneamente il
territorio del Bosco delle Querce.

8.2

Caratteristiche ambientali aree umide

Si riporta le caratteristiche ambientale e lo stato di conservazione delle diverse aree umide


presenti nel territorio del Parco per una migliore comprensione delle proposte gestionali.
A- si tratta di un

piccolo stagno interamente costruito in cemento, non vi presenza di

vegetazione acquatica. Nella prima fase della stagione era completamente in secca a causa di
lavori di manutenzione; inoltre la presenza di ittiofauna, immessa a scopo ricreativo, non lo rende
idoneo agli anfibi. Tuttavia la Rana esculenta riuscita ugualmente a riprodursi in questa pozza;
fortunatamente non sono presenti individui di Trachemys come riscontrato in passato.
B- Piccola pozza in area boschiva, resta poco illuminata a causa della copertura della vegetazione
arborea e arbustiva circostante. Ricoperta da vegetazione e poco profonda tende con il tempo a
Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco
delle Querce di Seveso e Meda

48

riempirsi di resti vegetali e sedimento che tendono a ridurne ulteriormente la profondit. In


questa pozza non sono mai stati individuati di anfibi.

49

C- sicuramente larea umida di maggiori dimensioni presente del Parco, circondata da diversa
vegetazione ripariale, aree a canneto ed presente inoltre vegetazione acquatica; durante la
stagione ha subito un abbassamento del livello dellacqua che comunque non ha pregiudicato la
conservazione e la permanenza degli anfibi; si adatta molto bene alla presenza di batracofauna.
Nei pressi di questa area sono presenti modeste depressioni del suolo che si riempiono di acqua
piovana creando di fatto altre piccole zone umide. In queste la permanenza dellacqua per non
garantita durante tutta la stagione riproduttiva degli anfibi e gi nella seconda parte della
primavera risultano in secca. Durante i sopraluoghi notturni sono stati osservati diverse individui di
Rana esculenta in fase di accoppiamento.
D- Una delle due aree umide di nuova realizzazione, non molto profonda e attualmente non
presenta vegetazione acquatica, abbastanza riparata da vegetazione arborea che in parte ne
compromette lilluminazione; ben si adatta alla presenza di anfibi. Nella seconda parte della

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

primavera e nel periodo estivo il monitoraggio di questa pozza risultato difficoltoso in relazione
alla presenza di un albero sradicato che ha ricoperto quasi interamente la pozza stessa.
E- Si tratta anche in questo caso di una pozza di recente realizzazione sita in prossimit della
precedente (D). Si differenzia per una maggiore profondit e risulta pi soleggiata. Tali fattori
unitamente alla presenza di vegetazione acquatica la rendono particolarmente adatta ad ospitare
anfibi.

50

Sebbene le acque a scorrimento non favoriscono certamente la presenza di anfibi che utilizzano
acqua ferme come siti di riproduzione, si ritenuto opportuno estendere larea di campionamento
anche presso gli argini del torrente Certesa. Ci a permesso di rilevare (al canto) esemplari di Rana
verde nel tratto del parco sito nel comune di Meda.

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

Considerazioni finali e proposte gestionali

Come si pu osservare dalla carta di distribuzione, la comunit erpetologica del Bosco delle
Querce risulta scarsamente articolata (poche specie) e caratterizzata da specie banali e
tendenzialmente poco specializzate.
Laggiornamento delle checklist realizzato nel 2016, fatta eccezione per la segnalazione di rospo
smeraldino, ha inoltre riscontrato un ulteriore impoverimento della fauna a scapito soprattutto
della componenti rettili.
Le possibili cause sono imputabili a:
1. mancanza/scarsit di corridoi ecologici in grado di connettere il Parco con altre aree
naturalistiche importanti (come per esempio il Parco delle Groane) che possano fungere da
aree sorgenti e garantire fenomeni di naturale colonizzazione;
2. eccessivo isolamento da aree naturaliformi anche di modeste dimensioni dovuto alla
presenza di infrastrutture e vie di comunicazione che rendono il Parco unisola difficilmente
raggiungibile da specie dotate di scarsa mobilit;
3. gestione della maggior parte delle aree fortemente improntata alla fruizione.
Oggi il Parco presenta una buona componente vegetazionale, con aree boscate ben strutturate (ex
area naturalistica), presenza di zone aperte non falciate circondate da arbusteti (zona del prato
delle farfalle), fattori che hanno di certo migliorato la potenzialit di presenze per alcune specie di
batracofauna e di rettili.
Inoltre la realizzazione di nuove aree umide ha sicuramente migliorato la situazione,
incrementando la presenza di habitat idonei alla riproduzione degli anfibi che per sembra limitata
alla Rana verde e ad una esigua popolazione di Rospo smeraldino.
La rimozione della recinzione che delimitava larea naturalistica da ritenersi positiva soprattutto
per i fruitori del Parco che in questo modo possano conoscere questa importante zona e
osservarne le aree umide; di fatto non sono state riscontrate particolari problematiche o
mutamenti nella composizione della comunit in seguito allapertura dellarea naturalistica anche
se si ravvisa che non di rado i cani vengono lasciati scorrazzare liberi. In merito si evidenzia come
tale comportamento rechi di fatto disturbo alla fauna: durante le attivit di censimento diurno si

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

51

potuto infatti verificare che non di rado i cani lasciati liberi si immergono nelle acque dellarea
umida di maggiori dimensioni (area C).
Anche se durante lo svolgimento dellindagine non sono stati osservati individui di Trachemys sp.,
sarebbe opportuno listallazione di adeguata cartellonistica per ovviare alla ormai consolidata
abitudine di molte persone che per liberarsi di queste testuggini, precedentemente acquistate, le
rilasciano in aree umide, stagni e lanche causando notevoli problemi e vanificando spesso il
successo riproduttivo degli anfibi.
Sarebbe opportuno prevedere un costante monitoraggio delle aree umide per verificare la
permanenza delle acque e in alcuni casi controllare la colonizzazione da parte della vegetazione
acquatica al fine di renderle maggiormente idonee alle presenze di anfibi.
Per la pozza nei pressi dello chalet del Parco (pozza A) visto che si sono osservati parecchi girini, si
potrebbe pensare allistallazione di piccole rampe che possano agevolare la fuoriuscita dei giovani
neometamorfosati.
Al fine di incrementare la ricchezza di specie di Anfibi nel Parco, potrebbe essere valutata
lopportunit di programmare azioni di reintroduzione e ripopolamento mediante traslocazione di
ovature fecondate e/o di girini nelle pozze pi idonee. Questi interventi potrebbero interessare il
Rospo smeraldino ed eventualmente la Rana dalmatina entrambi specie che sono presenti in aree
naturalistiche non molto distanti, inoltre il Rospo smeraldino una specie presente in altri parchi
urbani lombardi con le medesime caratteristiche ambientali.
La stessa valutazione potrebbe essere fatta per i Rettili; in tal caso si potrebbe prevedere un
progetto di traslocazione del ramarro (Lacerta bilineata) essendo anche questa una specie
presente in altri parchi urbani lombardi con caratteristiche simili.
opportuno ricordare che i progetti di traslocazione di anfibi e di rettili autoctoni in Lombardia
devono essere preventivamente autorizzati dalla Regione ed eseguiti in base alle normative vigenti
in materia di conservazione della natura.
Infine per garantire la conservazione della comunit di rettili necessario mantenere le fasce
ecotonali ed evitare il taglio dei rovi soprattutto nelle aree marginali ove stato osservato il
maggior numero di Lucertole muraiole, evitando o limitando il pi possibile lo sfalcio dei prati nelle
immediate vicinanze.
Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco
delle Querce di Seveso e Meda

52

MONITORAGGIO DELLAVIFAUNA NIDIFICANTE


a cura di Mattia Brambilla

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

10. Introduzione
Grazie alla sua particolare sensibilit ai cambiamenti ambientali, lavifauna rappresenta un
indicatore di primaria importanza per valutare gli effetti delle variazioni nellambiente. Lo studio
dellavifauna costituisce infatti uno strumento particolarmente importante per valutare non solo
la comunit ornitica in quanto tale (elemento faunistico comunque di primaria importanza), ma
anche lo stato di salute complessivo dellambiente. Molte specie di uccelli sono ottimi indicatori
di condizioni ecologiche peculiari e le informazioni relative alla loro presenza o abbondanza
possono offrire un aiuto determinante per comprendere lo stato di conservazione e la funzionalit
ecologica di un determinato ecosistema (Bock e Jones 2004, Sergio et al. 2005, Andreotti 2006).
In particolare, nelle aree soggette a variazioni importanti nella composizione degli ambienti
naturali (siano esse alterazioni o riqualificazioni) o nella pressione antropica diretta e indiretta,
monitorare lavifauna (ed in particolare quella nidificante) pu consentire una rapida valutazione
degli effetti delle variazioni ambientali o delle attivit umane, basata su un taxon che ha
comprovata efficacia di indicatore e che risulta facilmente monitorabile (Haila 1985, PadoaSchioppa et al. 2006).
54

Il Bosco delle Querce di Seveso e Meda rappresenta unarea dalle caratteristiche ambientali del
tutto particolari. La sua origine recente (quantomeno da un punto di vista naturalistico), gli
interventi di rinaturazione e riqualificazione, lisolamento rispetto ad altre aree boscate e la
massiccia presenza di fruitori che quotidianamente frequentano il parco, rendono larea soggetta
ad una molteplicit di fattori in grado di interferire sulle componenti biologiche e sullavifauna in
particolare. Ultimo tra questi fattori, lapertura al pubblico dellarea naturalistica, sino a due anni
fa interdetta al libero transito dei visitatori, che potevano accedervi solo in occasione di visite
guidate o per ragioni di studio.
Lo scopo del presente lavoro pertanto quello di valutare lattuale composizione e caratteristiche
della comunit ornitica nidificante nel Bosco delle Querce, con particolare riferimento allarea
naturalistica, alla luce della recente apertura al pubblico e degli interventi di gestione e
riqualificazione proseguiti in questi ultimi anni, e alla porzione sita in comune di Meda, sinora poco
indagata.
Gli obiettivi specifici del lavoro svolto per la presente azione di studio dellavifauna sono pertanto:

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

- definizione delle specie nidificanti, con particolare interesse per larea naturalistica e per larea di
Meda;
- stima della consistenza delle popolazioni delle specie pi rappresentative;
- confronto tra situazione pregressa e attuale per larea naturalistica e valutazione dei possibili
impatti della sua apertura al pubblico, utilizzando la presenza e abbondanza di specie nidificanti
legate al bosco.

55

Coppia di germani reali Anas platyrhynchos nel Certesa.

11. Metodi
11.2 Attivit di campo
Sono state svolte uscite complete su tutta larea protetta a inizio estate 2015 e in primavera-inizio
estate 2016. A queste osservazioni sistematiche, si sono aggiunte segnalazioni derivate da
osservazioni casuali raccolte dallo scrivente nei periodi marzo-luglio 2015 e aprile-maggio 2016.
I censimenti sul campo hanno rispecchiato la metodologia impiegata in progetti precedenti svolti
sulla stessa area del Bosco delle Querce. Il censimento stato pertanto svolto percorrendo
percorsi opportunamente predisposti in modo da attraversare tutta larea considerata dal
progetto, con un rilevamento completo di tutte le specie e di tutti gli individui presenti. La tecnica
utilizzata si pone quindi a met tra il metodo del mappaggio (territory mapping) e quello dei
transetti lineari (linear transects) e risulta particolarmente utile nel caso di studi di comunit
Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco
delle Querce di Seveso e Meda

condotti su aree non particolarmente estese, come in questo caso, in cui sia auspicabile stimare in
termini assoluti la consistenza delle popolazioni nidificanti di tutte o di alcune specie.
I percorsi sono stati individuati attraverso appositi sopralluoghi di campo e poi seguiti
sistematicamente durante le uscite dedicate al censimento dellavifauna. I dati sono stati raccolti
attraverso una suddivisione in settori dellarea da censire, in modo da agevolare anche la
successiva visualizzazione cartografica.

11.3 Elaborazione dei dati


Tutti i dati sono stati accuratamente georeferenziati. In base alle osservazioni simultanee e ai
numeri rilevati nel corso delle diverse uscite, stato stimato il numero di territori (quindi
verosimilmente di coppie nidificanti) all'interno del Parco Naturale. Tale stima stata quindi
utilizzata per un confronto con la situazione pregressa, secondo quanto riportato da Brambilla et
al. (2011) nel precedente studio sull'avifauna del Parco e di altre aree verdi del comune di Seveso.

56

Sentiero nellarea naturalistica, Seveso.


Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco
delle Querce di Seveso e Meda

La porzione meridionale dell'area sita in comune di Meda.

57

12. Risultati
Sono stati raccolti complessivamente 500 dati relativi a contatti con specie ornitiche nel Parco
Naturale, relativi ad un totale di oltre 900 individui censiti.

12.1 Anno 2015


Porzione di Meda
Il numero di specie censite nel 2015 risente della data relativamente tardiva in cui (per motivi
indipendenti dallo scrivente) si sono potuti svolgere i rilevamenti.

Specie

nome scientifico

numero

Germano reale

Anas platyrhynchos

12

Sparviere

Accipiter nisus

Colombaccio

Columba palumbus

Rondone comune

Apus apus

Balestruccio

Delichon urbicum

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

Specie

nome scientifico

Cornacchia grigia

Corvus cornix

Cinciallegra

Parus major

Codibugnolo

Aegithalos caudatus

Scricciolo

Troglodytes troglodytes

Pettirosso

Erithacus rubecula

Merlo

Turdus merula

10

Capinera

Sylvia atricapilla

10

Fiorrancino

Regulus ignicapilla

Pigliamosche

Muscicapa striata

Fringuello

Fringilla coelebs

tot. individui contattati

numero

65

58

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

59

Cavit nido di picchio rosso maggiore Dendrocopos major nel settore in comune di Meda.
Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco
delle Querce di Seveso e Meda

Porzione di Seveso

Uccelli

Scientifico

numero

Airone cenerino

Ardea cinerea

Germano reale

Anas platyrhynchos

10

Sparviere

Accipiter nisus

Gallinella d'acqua

Gallinula chloropus

Colombaccio

Columba palumbus

Gufo comune

Asio otus

Rondone comune

Apus apus

Picchio verde

Picus viridis

Picchio rosso maggiore

Dendrocopos major

Balestruccio

Delichon urbicum

Cornacchia nera

Corvus corone

Cornacchia grigia

Corvus cornix

15

Taccola

Corvus monedula

Gazza

Pica pica

Cinciallegra

Parus major

16

Codibugnolo

Aegithalos caudatus

Scricciolo

Troglodytes troglodytes

Pettirosso

Erithacus rubecula

12

Merlo

Turdus merula

41

Capinera

Sylvia atricapilla

17

Pigliamosche

Muscicapa striata

Verzellino

Serinus serinus

Fringuello

Fringilla coelebs

Sterpazzolina comune

Sylvia cantillans cantillans

tot. individui contattati

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

151

60

12.2 Anno 2016


Porzione di Meda

Specie

nome scientifico

numero

Balestruccio

Delichon urbicum

Balia nera

Ficedula hypoleuca

Capinera

Sylvia atricapilla

12

Cinciallegra

Parus major

12

Codibugnolo

Aegithalos caudatus

Codirosso comune

Phoenicurus phoenicurus

Colombaccio

Columba palumbus

Cornacchia grigia

Corvus cornix

20

Fiorrancino

Regulus ignicapilla

Fringuello

Fringilla coelebs

Gallinella d'acqua

Gallinula chloropus

Gazza

Pica pica

Germano reale

Anas platyrhynchos

15

Lu grosso

Phylloscopus trochilus

Martin pescatore

Alcedo atthis

Merlo

Turdus merula

Pettirosso

Erithacus rubecula

Picchio rosso maggiore Dendrocopos major

Rondone comune

Apus apus

19

Scricciolo

Troglodytes troglodytes

Sparviere

Accipiter nisus

Storno

Sturnus vulgaris

tot. individui contattati

128

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

61

Porzione di Seveso

Specie

nome scientifico

numero

Airone cenerino

Ardea cinerea

Balestruccio

Delichon urbicum

40

Ballerina gialla

Motacilla cinerea

Bigiarella

Sylvia curruca

Capinera

Sylvia atricapilla

74

Cardellino

Carduelis carduelis

Cinciallegra

Parus major

59

Codibugnolo

Aegithalos caudatus

10

Codirosso spazzacamino

Phoenicurus ochruros

Colombaccio

Columba palumbus

15

Cormorano

Phalacrocorax carbo

Cornacchia grigia

Corvus cornix

94

Cornacchia nera

Corvus corone

Cuculo

Cuculus canorus

Fiorrancino

Regulus ignicapilla

Fringuello

Fringilla coelebs

24

Gallinella d'acqua

Gallinula chloropus

Gazza

Pica pica

Germano reale

Anas platyrhynchos

Gheppio

Falco tinnunculus

Ghiandaia

Garrulus glandarius

Lu bianco

Phylloscopus bonelli

Lu verde

Phylloscopus sibilatrix

Merlo

Turdus merula

73

Parrocchetto dal collare

Psittacula krameri

Pettirosso

Erithacus rubecula

22

Picchio rosso maggiore

Dendrocopos major

10

Picchio verde

Picus viridis

Piccione domestico

Columba livia f. domestica

Pigliamosche

Muscicapa striata

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

62

Specie

nome scientifico

numero

Rondine

Hirundo rustica

Rondone comune

Apus apus

19

Rondone maggiore

Apus melba

11

Scricciolo

Troglodytes troglodytes

Sparviere

Accipiter nisus

Storno

Sturnus vulgaris

19

Verzellino

Serinus serinus

tot. individui contattati

548

Una pispola golarossa Anthus cervinus stata inoltre osservata nel Bosco delle Querce, nella
porzione di Seveso, in data 15/04/2016 (Mirko Galuppi com. pers.).

63

Alba sulla porzione sud-occidentale dell'area sita in comune di Seveso.

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

13. Confronto con dati pregressi


Nel corso del progetto svolto nel 2009-2011, le specie osservate nel Parco Naturale Bosco delle
Querce (porzione di Seveso) erano 66, di cui 21 nidificanti (Brambilla et al. 2011). I rilevamenti
erano stati svolti

nel corso di tutto lanno e pertanto il numero di specie censite

complessivamente non paragonabile con quello ottenuto nel corso del presente studio, che ha
considerato la sola stagione riproduttiva, e che ha visto presenti nella porzione di Seveso 38
specie, di cui 28 nidificanti certi, probabili o possibili (rilevando quindi un incremento nel numero
di specie che nidificano in questa porzione del Parco). Per le specie di bosco o bosco aperto, viene
ripresa la stima della consistenza della popolazione nidificante del 2010 (Brambilla et al. 2011) e
confrontata con la stima attuale.
Specie

Stima della consistenza della popolazione nidificante


2010

Capinera

2016

almeno 23 coppie

Cincia mora

una possibile coppia

Cinciallegra

una ventina di coppie

Cinciarella

una coppia

Codibugnolo

2-6 coppie

Codirosso comune

una coppia

30-40 coppie

una trentina di coppie


64

2-4 coppie

Fiorrancino

2-4 coppie

Fringuello

10 coppie

15-20 coppie

Ghiandaia

almeno una coppia

2-3 coppie

Gufo comune
Merlo

almeno una coppia


almeno 20 coppie

35-40 coppie

Pettirosso

una coppia

c. 12-13 coppie

Picchio verde

due coppie

2 coppie

Picchio muratore
Picchio rosso maggiore
Pigliamosche

una possibile coppia


2-3 coppie

3-4 coppie

una possibile coppia

1-2 coppie

Scricciolo
Sparviere

6-9 coppie
una coppia

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

1-2 coppie

Integrando le informazioni ricavate nel corrente studio con quelle fornite dai lavori precedenti
(Brambilla et al. 2011, Casale et al. 2012), possibile redigere una check-list complessiva delle
specie osservate allinterno del Bosco delle Querce, che annovera ora 83 specie:

Specie

Fenologia

Germano reale Anas platyrhyncos

SB*

Quaglia Coturnix coturnix

M, B?

Fagiano Phasianus colchicus

SB

Cormorano Phalacrocorax carbo

Nitticora Nycticorax nycticorax

Airone cenerino Ardea cinerea

S, M

Falco pecchiaiolo Pernis apivorus

Sparviere Accipiter nisus

SB

Astore Accipiter gentilis

Poiana Buteo buteo

Gheppio Falco tinnunculus

SB*

Gallinella dacqua Gallinula chloropus

SB*

Gabbiano reale Larus michahellis

Piccione domestico Columba livia

SB*

Colombaccio Columba palumbus

SB, M, W

Tortora selvatica Streptotelia turtur

M, B?

Tortora dal collare Streptopelia decaocto

SB

Parrocchetto dal collare Psittacula krameri

Irr

Cuculo Cuculus canorus

Gufo comune Asio otus

SB

Civetta Athene noctua

SB*?

Rondone comune Apus apus

M, B*

Rondone maggiore Apus melba

Rondone pallido Apus pallidus

Martin pescatore Alcedo atthis

Irr?

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

65

Specie

Fenologia

Upupa Upupa epops

Torcicollo Jynx torquilla

M, B?

Picchio verde Picus viridis

SB

Picchio rosso maggiore Dendrocopos major

SB

Allodola Alauda arvensis

Rondine Hirundo rustica

M, B*

Balestruccio Delichon urbica

M, B*

Prispolone Anthus trivialis

Pispola golarossa Anthus cervinus

Ballerina bianca Motacilla alba

SB, M, W

Ballerina gialla Motacilla cinerea

SB*, M, W?

Scricciolo Troglodytes troglodytes

SB, M, W

Passera scopaiola Prunella modularis

M, W

Pettirosso Erithacus rubecula

SB, M, W

Usignolo Luscinia megarhynchos

M, B?

Codirosso spazzacamino Phoenicurus ochruros

SB*, M, W

Codirosso comune Phoenicurus phoenicurus

M, B? (B*)

Saltimpalo Saxicola torquatus

Merlo Turdus merula

SB, M, W

Cesena Turdus pilaris

M, W?

Tordo bottaccio Turdus philomelos

Tordo sassello Turdus iliacus

M, W

Tordela Turdus viscivorus

Capinera Sylvia atricapilla

M, B

Bigiarella Sylvia curruca

Sterpazzolina comune Syvlia cantillans cantillans

Beccafico Sylvia borin

Lu bianco occidentale Phylloscopus bonelli

Lu verde Phylloscopus sibilatrix

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

66

Specie

Fenologia

Lu piccolo Phylloscopus [collybita] collybita

Lu grosso Phylloscopus trochilus

Regolo Regulus regulus

M, W

Fiorrancino Regulus ignicapillus

M, B?

Pigliamosche Muscicapa striata

M, B

Balia nera Ficedula hypoleuca

Codibugnolo Aegithalos caudatus

SB

Cincia bigia Parus palustris

Irr?

Cincia mora Parus ater

SB?, W?

Cinciarella Parus caeruleus

SB, W

Cinciallegra Parus major

SB

Picchio muratore Sitta europaea

SB

Rampichino comune Certhia brachydactyla

Averla piccola Lanius collurio

Ghiandaia Garrulus glandarius

SB

Gazza Pica pica

SB

Taccola Corvus monedula

Irr

Cornacchia grigia Corvus cornix

SB

Cornacchia nera Corvus corone

SB

Storno Sturnus vulgaris

SB, M, W

Passera d'Italia Passer [italiae] italiae

SB

Passera mattugia Passer montanus

SB

Fringuello Fringilla coelebs

SB, M, W

Verzellino Serinus serinus

M, B

Verdone Carduelis chloris

SB, M, W

Cardellino Carduelis carduelis

SB, M

Lucherino Carduelis spinus

M, W

Frosone Coccothraustes coccothraustes

M, W?

Migliarino di palude Emberiza schoeniclus

M, W?

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

67

14. Discussione
I rilevamenti condotti nellambito del presente studio hanno consentito di aggiornare il quadro
conoscitivo sullavifauna del Bosco delle Querce (cf. Casale et al. 2012). In particolare, sono state
censite nuove specie per larea protetta (gufo comune, bigiarella, sterpazzolina comune,
cornacchia nera, cui si aggiunge la pispola golarossa rilevata da M. Galuppi al di fuori dei
censimenti standardizzati), mentre altre, che in precedenza non risultavano nidificanti, lo sono
attualmente (fiorrancino, scricciolo).
La presenza della sterpazzolina comune (sottospecie nominale Sylvia c. cantillans) risulta
particolarmente interessante, dal momento che si tratta di un taxon esclusivo della regione
italiana (Brambilla et al. 2008a) e presente nelle regioni centrali e meridionali (Brambilla et al.
2006), che risulta nidificante raro in Oltrep pavese e in altre aree dell'Appennino settentrionale
(Brambilla et al. 2008b). L'osservazione nel Bosco delle Querce va ricondotta verosimilmente ad un
individuo in dispersione; l'ambiente ricco di arbusti della porzione occidentale del parco
rappresenta indubbiamente un habitat idoneo alla sosta di questa specie e di altri silvidi come la
capinera (che vi nidifica regolarmente) e la bigiarella (rilevata invece durante la migrazione).
68

Landamento demografico delle specie nidificanti nellarea in comune di Seveso, includente larea
naturalistica, vede ora lassenza di cincia mora, cinciarella, codirosso comune e picchio muratore,
nidificanti possibili o probabili nel 2010 e non riconfermati nel 2015-2016. Tutte queste specie
erano segnalate con singole coppie, insediate in porzioni esterne allarea naturalistica. Le altre
specie legate ad ambienti di bosco o bosco aperto risultano invece stabili o, nella maggior parte
dei casi, in aumento. Il trend positivo mostrato dalle specie forestali (in senso lato, essendo
specie prevalentemente generaliste e adattabili ad ambienti vari con sufficiente presenza di
elementi arborei) va ricondotto allulteriore maturazione dei boschi dellarea, di recente
costituzione, che risulta in unaccresciuta idoneit per le specie legate al bosco. Questo trend
suggerisce anche che lapertura dellarea naturalistica alla fruizione non abbia avuto, al momento,
ripercussioni negative sullavifauna del Parco. Sparviere, gufo comune, picchio verde, picchio rosso
maggiore e ghiandaia, ad esempio, hanno nidificato nellarea naturalistica nel biennio di studio, e
notevole stato lincremento di pettirosso e scricciolo nella stessa area.
La porzione in comune di Meda, per le sue dimensioni relativamente ridotte, ospita mediamente
un po meno specie di quella sita in Seveso. Tuttavia, non mancano specie relativamente
Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco
delle Querce di Seveso e Meda

interessanti anche in questo settore settentrionale, dove risultano nidificanti (accertati o probabili)
sparviere, picchio rosso maggiore, scricciolo, codirosso comune, pettirosso e fiorrancino. Sul
torrente sono nidificanti germano reale e gallinella dacqua ed stato osservato anche il martin
pescatore.

15. Conclusioni
I rilevamenti svolti nel biennio 2015-2016 hanno consentito di rilevare un incremento nel numero
di specie nidificanti nella porzione di Parco Naturale in comune di Seveso in generale e nell'area
naturalistica in particolare. Questo risultato va collegato da un lato alla progressiva maturazione
del bosco e agli ulteriori interventi di rinaturazione effettuati negli ultimi anni, e dall'altro alla
verosimile mancanza di effetti negativi legati all'apertura al pubblico dell'area naturalistica.
All'interno della stessa, il disturbo legato alla vicina superstrada rappresenta comunque l'elemento
pi critico e verosimilmente impatta maggiormente della presenza di visitatori lungo i sentieri.

69

Airone cenerino in sosta su un cedro nei pressi dello chalet, Seveso.

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

16. Bibliografia
Andreotti, A. 2006. Zone di Protezione Speciale: un nuovo approccio nel considerare le aree
protette per la tutela degli uccelli selvatici. In Palumbo G (ed) LEuropa della Natura Rete Natura
2000: uno strumento per proteggere la biodiversit. LIPU BirdLife Italia: 51-57.
Bock, C.E. & Jones, Z.F. 2004. Avian habitat evaluation: should counting birds count? Front. Ecol.
Environ. 2: 403410.
Brambilla, M., Casale, F., Falco, R. & Crovetto, G.M. 2011. La comunit ornitica nel sistema delle
aree protette del Comune di Seveso: avifauna nidificante, migratrice e svernante. Relazione
tecnica. Fondazione Lombardia per l'Ambiente.
Brambilla, M., Florenzano, G. T., Sorace, A., & Guidali, F. 2006. Geographical distribution of
Subalpine Warbler Sylvia cantillans subspecies in mainland Italy. Ibis 148: 568-571.
Brambilla, M., Quaglierini, A., Reginato, F., Vitulano, S., & Guidali, F. 2008b. Syntopic taxa in the
Sylvia cantillans species complex. Acta Ornithologica 43: 217-220.
Brambilla, M., Vitulano, S., Spina, F., Baccetti, N., Gargallo, G., Fabbri, E., Guidali, F. & Randi, E.
2008a. A molecular phylogeny of the Sylvia cantillans complex: cryptic species within the
Mediterranean basin. Molecular Phylogenetics and Evolution 48: 461-472.
Casale, F., Brambilla, M., Falco, R. & Crovetto, G.M. 2012. Avifauna del Bosco delle Querce.
Comune di Seveso e Fondazione Lombardia per l'Ambiente.
Haila, Y. 1985. Birds as a tool in reserve planning. Ornis Fennica, 62: 96-100.
Padoa-Schioppa, E., Baietto, M., Massa, R. & Bottoni, l. 2006. Bird communities as bioindicators:
the focal species concept in agricultural landscapes. Ecological Indicators, 6 83-93
Sergio, F., Newton, I. & Marchesi, L. 2005. Top predators and biodiversity. Nature, 436, 192.

Monitoraggio dellerpetofauna, avifauna e teriofauna del Parco Regionale Naturale Bosco


delle Querce di Seveso e Meda

70