Sei sulla pagina 1di 3

Da: rosalinda maggenti <rosalindamaggenti@gmail.

com>
Oggetto: 4° invio: all'Avv.Zipolini Coordinatore del disciplinare - ordine avvocati - Lucca
Data: 01 luglio 2010 11.08.16 GMT+02.00
A: Avv Zipolini Romano Coordinatore del Disciplinare <avv.zipolini@tin.it>, presidenza@odcec.lu.it, revisori@odcec.lu.it, Carlo
Unti <carlounti@gmail.com>
Cc: procura.lucca@giustizia.it, info@ordineavvocati.lu.it, dna@giustizia.it, tribunale.lucca@giustizia.it, pg.cassazione@giustizia.it,
cnf@consiglionazionaleforense.it, professioni@angelinoalfano.it, direzione@cndcec.it, coordinamentoordini@cndcec.it,
redazione.internet@ansa.it, lucca.it@iltirreno.it, redazione.li@iltirreno.it, cronaca.lucca@lanazione.net
Bcc: fontanamariagrazia@interfree.it, luisof@iol.it, segreteria@odcec.lu.it

4) Si chiede all'Avv.Zipolini Coordinatore del disciplinare:

1) Secondo il codice deontologico e la legge che gli avvocati dovrebbero conoscere e osservare, le cause iniziate con falsi da PUBBLICI
UFFICIALI, non sono NULLE ?

2) " " " " " " le cause " " " "
non sono cause TEMERARIE ?

3) idem, tutto ciò non prevede un risarcimento dei danni e la punizione dei colpevoli ?

Se la legge obbliga ad agire per le cause di risarcimento utilizzando avvocati


Se siamo arrivati ormai oltre i 70 che si sono rifiutati di agire contro questi signori
Se anche gli ordini professionali fanno come gli struzzi..
Se gli ordini professionali rinunciano anche a dialogare con le vittime dei loro iscritti..
Se la Procura ha un precedente come Quattrocchi per cui il cittadino DIFFIDA..
Se il Tribunale ha giudici che pur in possesso dei documenti con i dati VERI, ha approvato i documenti TAROCCATI dei LORO pubblici
ufficiali, per cui il cittadino DIFFIDA..
Se gli Ordini professionali per anni hanno coperto questi signori, per cui il cittadino DIFFIDA..
Se Lei Avv. Zipolini, che si occupa del disciplinare, che dovrebbe AGIRE per ripulire l'Ordine, nemmeno risponde a queste mail..

I cittadini devono concludere definitivamente che la Toscana e Lucca in particolare


sono soggette ad organizzazioni di stampo mafioso e che ciò è conosciuto e tollerato dal Governo ?

I cittadini cosa devono fare, tollerare questo stato di cose ?

Se fosse così e come cittadini non ce lo auguriamo, l'Avv. Zipolini sbaglia !

R.M.

P.S. Avendone già la procura notarile, ho incaricato di seguire questa storia Carlo Unti già autore delle memorie depositate nelle cause.
Lo autorizzo fin d'ora ad agire come meglio crede anche a mio nome.
( carlounti@gmail.com )

rosalindamaggenti@gmail.com

------------------------------------

Inizio messaggio inoltrato:

Da: rosalinda maggenti <rosalindamaggenti@gmail.com>


Data: 30 giugno 2010 10.21.57 GMT+02.00
A: Avv Zipolini Romano Coordinatore del Disciplinare <avv.zipolini@tin.it>, presidenza@odcec.lu.it, revisori@odcec.lu.it
Cc: procura.lucca@giustizia.it, info@ordineavvocati.lu.it, dna@giustizia.it, tribunale.lucca@giustizia.it, pg.cassazione@giustizia.it,
cnf@consiglionazionaleforense.it, professioni@angelinoalfano.it, direzione@cndcec.it, coordinamentoordini@cndcec.it
Bcc: fontanamariagrazia@interfree.it, luisof@iol.it, segreteria@odcec.lu.it
Oggetto: 3° invio: Vs. iscritti: Avv.Orlandi Roberto-Pietrasanta (nella opposizione al fallimento Valco NON ha depositato le prove
come previsto dalla legge )

3) Le prove non depositate dai difensori Valco e Turendo SeT, dimostravano:

1) che la Valco MAI è stata insolvente


2) che i pubblici ufficiali Terigi Marco e Simonetti Ilaria hanno precise responsabilità
3) che il fallimento Valco è stato organizzato e coperto da diverse persone
4) che il fallimento Valco non ha motivo di esistere
5) che i responsabili devono risarcire i danni da loro provocati
6) che per iniziare cause a Lucca occorrono avvocati che siano controllati nel loro operato (Vedi invio 1)
7) che se gli avvocati della difesa avessero agito secondo il codice deontologico, nessuna causa avrebbe avuto inizio,
potendo vedere immediatamente fin dal primo atto di sequestro che era tutta una montatura !
Il primo atto nella causa di revoca dell'Avv.Pecorini chiede la condanna al pagamento dei danni del Terigi in solido col FALLIMENTO
e siamo nel 1999..

Se gli avvocati dei pubblici ufficiali si fossero comportati secondo il loro codice deontologico, nemmeno avrebbero iniziato le azioni
contro la Valco,
Carlo Unti non avrebbe subito un processo penale (assolto), la Turendo SeT non sarebbe stata rovinata da Simonetti e Abate con
l'approvazione dei giudici..
e non serve ribattere che i giudici hanno appprovato e la Procura ha archiviato: hanno chiuso tutti e due gli occhi e peggio
approvando
richieste basate su documenti taroccati presentati da pubblici ufficiali (Commercialisti-revisori dei conti) e avvocati (Paolo Cattani-
Giovanni Cattani-Abate Renato)
e su "difese" TAROCCATE non depositando le PROVE dei falsi e a favore Valco e Turendo, e questi sono Vs. iscritti !

Se i giudici,compreso il presidente del tribunale Ferro, tutti messi a conoscenza dei fatti fin dal deposito dei primi documenti,
avessero fatto il loro dovere niente sarebbe successo..

la Turendo SeT non sarebbe stata attaccata da Simonetti Ilaria e l'Avv.Abate Renato Vs. iscritto con motivazioni fasulle etc etc
LO STATO cioè i cittadini non avrebbe pagato i costi di giudici procura etc.

Se la Procura di Lucca avesse controllato i documenti e non archiviato con falsi (Quattrocchi) tutto ciò non sarebbe avvenuto.

Se la legge NON imponesse di avere avvocati e NON rifiutasse le prove depositate da Valco i giudici avrebbero chiuso tutto da anni

Se gli ORDINI PROFESSIONALI avessero un senso e non solo la copertura di associati come sembrerebbe, basterebbe il codice
deontologico ad eliminare le mele marce e subito..

Gli ordini degli avvocati e dei commercialisti di Lucca per anni hanno avuto le prove dei fatti: hanno archiviato !
collegando il loro operato con quello dei loro protetti, con l'operato dei giudici, del Quattrocchi etc. non si può non avere
una immagine della situazione paurosa per i cittadini: IMPOSSIBILITA' di avere giustizia.
Ricordiamo che ad esempio Terigi Marco ancora risulta pubblico ufficiale in altri fallimenti, Giuntoli giudice delegato etc..
Sarebbe un ottimo esercizio mettere le mani nei fallimenti dove risultano i nomi coinvolti in vario modo in questa storia che, pur
essendo modesta come importi, ha visto una rete di protezione complessa.

Da chiacchiere raccolte fra avvocati si ha ancora un'immagine della Procura certamente non all'altezza.
Vedremo se la SUA nomina cambierà le cose all'interno dell'ordine !

Attendo sue nuove, magari fissi un appuntamento per parlare di questi fatti e cercare una soluzione che non sia la totale
copertura di reati da parte dell'ordine, assicuro buona educazione da parte mia.

R.M.

PS. I comportamenti di pubblici ufficiali,avvocati,Quattrocchi,giudici sono estremamente gravi vista l' impossibilità di difesa per i
cittadini,
per questo motivo si ritiene DOVERE e OBBLIGO diffonderne quanto più possibile i particolari (documenti).
Non farlo equivarrebbe a coprire i personaggi e i loro metodi.

------------------------------------

Inizio messaggio inoltrato:

2) Da: rosalinda maggenti <rosalindamaggenti@gmail.com>


Data: 29 giugno 2010 09.21.07 GMT+02.00
A: Avv Zipolini Romano Coordinatore del Disciplinare <avv.zipolini@tin.it>
Cc: procura.lucca@giustizia.it, info@ordineavvocati.lu.it, dna@giustizia.it, tribunale.lucca@giustizia.it, pg.cassazione@giustizia.it,
cnf@consiglionazionaleforense.it, professioni@angelinoalfano.it
Bcc: fontanamariagrazia@interfree.it, luisof@iol.it
Oggetto: 2° invio: Vs. iscritti: Avv.Paolo e Giovanni CATTANI (Terigi Marco) + Avv.Abate Renato(Simonetti Ilaria - Valco -
Turendo Serv.Tur.)

Avv. Zipolini Romano,


La normale educazione imporrebbe una risposta, almeno.

Spero che all'ordine degli avvocati di Lucca si usi aprire le mail e leggerle, questa non è spam
e lei rappresenta l'ordine forense a Lucca in questo caso.

Attendo sue nuove, magari fissi un appuntamento per parlare di questi fatti e cercare una soluzione che non sia la totale
copertura di reati da parte dell'ordine, assicuro buona educazione da parte mia.

R.M.
------------------------------------
1) Inizio messaggio inoltrato:
Da: rosalinda maggenti <rosalindamaggenti@gmail.com>
Data: 23 giugno 2010 16.03.41 GMT+02.00
A: Avv Zipolini Romano Coordinatore del Disciplinare <avv.zipolini@tin.it>, procura.lucca@giustizia.it, info@ordineavvocati.lu.it,
dna@giustizia.it, tribunale.lucca@giustizia.it, pg.cassazione@giustizia.it, cnf@consiglionazionaleforense.it,
professioni@angelinoalfano.it
Cc: fontanamariagrazia@interfree.it, luisof@iol.it
Oggetto: Terigi Marco - Simonetti Ilaria - (Valco - Turendo Serv.Tur.)

------------------------------------

Intendo iniziare cause per danni contro questi Pubblici ufficiali nelle operazioni in oggetto, sono passati anni 1998-2010:

Oltre 70 Vs. iscritti si sono rifiutati di agire contro questi signori Terigi e Simonetti (avv. Paolo e Giovanni Cattani-Presidente della
Fondazione CRLucca e Abate Renato)
con vari motivi che sintetizzo cosi:

..se vado contro loro e i giudici che non li hanno contrastati non lavoro più su Lucca...
..unica soluzione è una denuncia penale ma con la situazione del Tribunale di Lucca..
..ci vorrebbe un avvocato molto lontano da Lucca, anzi dalla Toscana...
..no, non posso suggerire nessuno, preferisco distaccarmi da queste cose..

nessuno ha contestato la documentazione che dimostra come su Lucca operi una vera associazione mafiosa
(V. definizione dei Carabinieri), che forte delle proprie posizioni intimorisce le controparti.

Alcuni commercianti hanno affermato che su consiglio dei loro avvocati si sono dovuti ritirare da cause
che avevano come controparti gli stessi nomi sopra citati, pur avendo dei crediti ben documentati.

Questa è una tipica situazione che si verifica nelle regioni del sud.

Io NON intendo cedere a queste intimidazioni !

Le chiedo che, in qualità di Presidente dell'Ordine si assuma in prima persona


la mia difesa per iniziare azioni decise contro i soggetti che falsificando atti giudiziari hanno condotto al fallimento la Valco,
hanno distrutto l'attività della Turendo Serv.Tur. e sfrattata malgrado un regolare contratto.

Tutto ciò falsificando atti giudiziari.

Questa mail sarà inserita in rete, per un fatto di trasparenza, cosi come tutte le comunicazioni che avro' con gli Ordini professionali
dei commercialisti e altri.

Attendo una Sua risposta in merito.

Chiaramente se Lei mi indicherà un avvocato disponibile ad agire che La sostituisca e che agisca
collegato/controllato da Lei in modo da agire sulla base del Vs. codice deontologico, sarà bene accetto.

Questa mia in quanto non è giustificabile un continuo scaricabarile di responsabilità.


Distinti saluti.

Rosalinda Maggenti
rosalindamaggenti@gmail.com

Interessi correlati