Sei sulla pagina 1di 3

LA SCUOLA DI ATENE

Affresco
Autore: Raffaello Sanzio
Data di produzione: 1509-1511
Dimensioni: 500 x 770 cm
Dove si trova: Stanza della Segnatura, Musei Vaticani, Citt del Vaticano

Storia dellopera
La storia di questo lavoro risale al momento in cui a capo della Chiesa cera il papa Giulio II,
il quale, a differenza dei propri predecessori, scelse di insediarsi nelle stanze superiori
dei Palazzi Apostolici.
Data la novit, gli ambienti non erano adatti ad ospitare un pontefice e necessitavano di un
forte restauro: cos Giulio II convoc un gruppo di artisti, e nel 1508 tra questi cera anche
Raffaello Sanzio.
Rimasto affascinato dallo stile dei lavori del Sanzio, il papa ordin immediatamente di
distruggere tutto il lavoro fatto fino a quel momento, e ci significava eliminare
completamente lopera di un altro importante artista,Piero della Francesca.
La Stanza della Segnatura, dove poi Raffaello and a realizzare proprio la Scuola di Atene,
probabilmente era destinata a diventare una biblioteca oppure uno studio privato di Giulio II.
Nel 1527, lanno in cui ci fu il Sacco di Roma ad opera dei lanzichenecchi, questo bellissimo
affresco rimase irrimediabilmente danneggiato, insieme ad altri lavori, ma ancora dopo, questi
danni vennero ricoperti da successive pitture del Seicento.

Il tema dellopera
Riguardo il tema non sappiamo se sia stato scelto volontariamente da Raffaello oppure sia
stato frutto delle direttive di Giulio II, ma una cosa certa: ci fu un intenso ed accurato studio
prima della realizzazione effettiva dellaffresco, infatti sono rimasti diversi cartoni che
testimoniano levoluzione di questo lavoro, come ad esempio quello
conservato allAmbrosiana.(Milano)
I soggetti rappresentati allinterno della composizione dellopera sono i filosofi pi conosciuti e
popolari della storia, impegnati a discutere tra loro, davanti ad un edificio appartenente al
mondo classico (proprio come nello Sposalizio della Vergine,altra opera di Raffaello).
Il grande numero di protagonisti presente in questo lavoro pu essere suddiviso in gruppi
ancora pi piccoli, sparsi allinterno dellambiente grazie alla presenza della grande scalinata
in primo piano.
La divisione la seguente:

La maggior parte dei filosofi e studiosi si trovano alla sinistra ed alla destra dei
protagonisti centrali.

Un gruppo si trova in primo piano sulle scale di sinistra, e probabilmente sono gli
studiosi e pensatori legati al mondo della natura e dei fenomeni relativi.
Altro gruppo si trova sulle scalinate in primo piano a destra, il cui campo di studi si
pensa sia legato al mondo della geometria.

Il senso di tutto laffresco conoscibile solo ponendolo in relazione a tutti gli altri lavori
presenti allinterno della stanza, ed in particolare mettendolo a confronto con la Disputa del
Sacramento che si trova proprio sulla parete di fronte; se da una parte la Scuola di
Atene mette in risalto la facolt dellanimo umano di poter conoscere il Vero grazie agli studi
di scienza e filosofia (prima dellavvento del Cristianesimo), dallaltra parte la Disputa del
Sacramento non fa altro che dare primaria importanza alla fede e alla teologia, dove il Vero
raggiungibile solo attraverso Dio.
La presenza di cos tanti pensatori del mondo classico in questa composizione presente nella
stanza della segnatura, non fa altro che dimostrare di come luomo avesse conquistato la
realt che lo circondava attraverso la cultura ed i suoi studi, diventando un punto
fondamentale e di congiunzione tra lantichit ed il successivo avvento del Cristianesimo. In
sintesi rappresenta il complesso ed inscindibile rapporto tra la cultura e la religione.
Larchitettura ha un ruolo fondamentale allinterno della composizione: alle spalle del folto
gruppo di studiosi si erge un antico tempio che ricorda il progetto della Basilica di San
Pietro del Bramante, dimostrando ancora una volta il forte interesse da parte di Raffaello in
altri campi artistici.
Ai lati del grande tempio sono presenti due grandi colonne, di cui quella a sinistra ha le
fattezze di Apollo con in mano una lira, e quella a destra invece raffigura Minerva con un
elmo, lancia e scudo.
Sotto a ciascuna divinit sono riportate alcuni bassorilievi a loro collegati: sotto Apollo
ritroviamo due scene, ovvero una Lotta di ignudi e Tritone che rapisce una nereide, che
rispettivamente stanno ad indicare la violenza ed il desiderio sensuale; i bassorilievi presenti
sotto alla figura di Minerva, purtroppo, non sono molto chiari.
Queste piccole scenette presenti sotto le colonne sono molto interessanti, poich quelle
presenti sotto Apollo rappresentano quei vizi legati allistinto animale delluomo che
possono essere facilmente domati attraverso la ragione; per quanto riguarda il
significato delle scenette sotto Minerva, la questione ancora oggetto di discussione, ma
probabilmente hanno un significato simile ai bassorilievi che si trovano sotto ad Apollo.
I personaggi presenti nella composizione: sono ben cinquantotto studiosi e filosofi, i
quali hanno per le fattezze di artisti ed intellettuali contemporanei di Raffaello, esaltando un
legame tra la classicit e la contemporaneit
Ecco lelenco dei principali personaggi presenti nella scena:
1.
Platone (con leffigie di Leonardo da Vinci)
2.
Aristotele (con leffigie di Bastiano da Sangallo)
3.
Socrate
4.
Senofonte
5.
Eschine
6.
Alcibiade
7.
Zenone
8.
Epicuro (con leffigie di Fedra Inghirami)
9.
Federico Gonzaga
10.
Averro
11.
Pitagora
12.
Bellezza e bont (con leffigie Francesco Maria della Rovere)
13.
Eraclito (con leffigie di Michelangelo Buonarroti)
14.
Diogene
15.
Euclide (con leffigie di Bramante)
16.
Zoroastro (con leffigie di Baldassarre Castiglione)
17.
Tolomeo
18.
Apelle (con leffigie di Raffaello Sanzio)
19.
Protogene (con leffigie del Sodoma o di Perugino)
Oltre a quelli presentati nellelenco, ci sono anche altre figure ancora oggetti di studio e le cui
identit contemporanee sono in discussione. Tra questi ricordiamo:

Zenone di Cizio

Telauge

Alessandro Magno
Antistene o Senofonte
Parmenide o Senocrate o Aristosseno
Diogene di Sinope
Pllotino
Claudio Tolomeo