Sei sulla pagina 1di 406

O

co
ih*

:0

[co

Digitized by the Internet Archive


in

2010 with funding from


University of Toronto

littp://www.archive.org/details/storiadeldirittoOOcali

STORIA
DEL

DIRITTO ITALIA:N^0
DI

CIELO CALISSE
H R

ORDINARIO NELLA

UNIVERSIT

DI PISA.

Volume Primo
LE FONTI.

Seconda edizione corretta ed ampliata.

v^^

U...

i,-^

-,

fi

FIRENZE,
G.

BARBRA, EDITORE.

FIRENZE. Tipografia Barbra

Compiute
e

Je

Alfaxi e Vextlri proprietari

formalit prescritte dalla Legge,

traduzione souo riservati.

diritti di riproduzio

Parte Prima.
EPOCA BIZANTINA.

1.

Durante

dell'impero

di

l'epoca bizantina, dalla caduta cio

occidente

(a.

476) fino alla invasione dei

Longobardi (a. 568), tra le fonti del diritto prevalgono


quelle romane, e potrebbe anzi dirsi che tengono esclusivamente il campo, se non fosse che a questa medesima epoca appartengono i primi atti legislativi delle
popolazioni germaniche in Italia, i quali per hanno
tutti

nel diritto

romano

il

principale,

e quasi

unico

elemento.

Nel breve ed agitato periodo della dominazione di


Odoacre (a. 476-493), non si hanno leggi, nel proprio
significato della parola, e neppure sentivasi bisogno di
averne, stante la conservazione di tutti gli ordinamenti pubblici romani e dello stesso diritto romano
privato, che era escluso soltanto dalle relazioni che

avevano fra s

barbari, restati fedeli alle proprie na-

zionali consuetudini. Se di qualche legge di

Odoacre si
deve intendere di qualche
provvedimento, che egli abbia preso per alcun interesse particolare: legge, per esempio, chiamato quanto
egli, nel 483, fece deliberare da un concilio romano, per
trova fatta menzione, ci

M. B.

CALlbSE.

I,

si

PARTE PRIMA.

)t

impedire corruzioni nella elezione pontificia.^ Una vera


si ha invece lungo il periodo ostrogotico
(493-554), per opera dei re barbarici. Ma non ebbe Jii
rata: perch, rivendicata l'Italia dall'imperatore, s.
torn al diritto romano, come a legge comune per
legislazione

quanti erano soggetti all'impero.


In questa prima epoca, dunque, la quale non ehcontinuazione del tempo romano e preparazione al me
dio evo, le

cie

classi,

cio che

quantunque siano

fonti del diritto,

essenzialmente romane,

secondo

gli

tutte

possono dividere in due speautori e lo scopo loro: in quelk;


si

barbari hanno adattato alle condizioni dei

loro nuovi regni, e nelle altre che sono emanate direttamente dall'imperatore. Le_prime si chiamano le
leggi romane dei barbari, fra le quali per l'Italia hanno
principale importanza gli editti ostrogotici. Le seconde
costituiscono il diritto romano propriamente detto, raccolto e riformato in questo tempo dall' opera legisla-

tiva di Giustiniano.

Capitolo

I. Le leggi romane

2.

V editto

tempo, fra

tutti

diritto italiano.

L'editto

1.

di

Teodorco.*

di Teodorico
i

monumenti

dei barbari.

il

primo, per ordine

di

legislativi nella storia del

L'epoca della sua formazione non per

414 e seg.
SCHUPFER, Man. di St.
del dir. ital, ed. 1895, pag. 32; Salvigli, Man. di et. del dir. ital.,
ed. 1899, pag. 45; Savigny, St. del dir. rom. nel vu e., trad. ital.
Bbunxer, Deuts. Bechtftgesch., ed. 1887, 1, 5-2;
Bollati, I, 377, e seg.
Gaudenzi, Gli ed. di Teodorico e di Atalarico ec, 1SS4; Die Eni8tt>hHir(szeit dea Edictum Theoder t Zeitschr. der Sav. Stitt. fur R. G.
VII, 29; Schupfer, L'editto di Teodorico, iu Atti della R. Acc.
*

M. G. H., Auct.

PERTir.E, Storia del dir. ital,

antiquiss. XII, 1894, pag.

I,

11

EPOCA BIZA^'TINA.

conosciuta con esattezza, e intorno ad essa perci si agcon varia probabilit di vero, divergenza di opi-

gira,

nioni.

Secondo una di queste, la compilazione dell" editto


non sarebbe avvenuta innanzi al 506, perch si asserisce che tra le sue fonti si deve porre anche la interpretatio,
rico,^'

il

commento

cio unito al breviario di Ala-

pubblicato in quell'anno

commento

e V editto v'

molta

(n. 8).

E invero

fra questo

ma ci

non basta

affinit,

per argomentare che i compilatori dell'uno si siano


serviti dell'altro, in quanto che da chi scriveva in Italia difficilmente si poteva sentire il bisogno di ricorrere,
per conoscere il diritto romano, a compilazioni straniere, e r affinit fra le due opere pu essere spiegata
col supporre che gli autori del commentario visigotico,
come quelli dell'editto ostrogotico, abbiamo attinto a
fonte comune, probabilmente ad un compendio di diritto
romano, destinato alla pratica e diffuso fra i giuristi del

Mancando quindi

secolo V.^

la necessit di

ammettere

che la interpretatio del breviario sia stata adoperata


per l'editto di Teodorico, manca ancora la ragione per
ritenere la formazione di questo non anteriore all'anno 506.

Da altri si cerca invece fissarne la data fra gli


anni 512 e 515,^ ragionando cos: l'editto non pu essere stato fatto fra gli anni 506 e 51 1, n dopo l'anno 515,
perch in ambedue questi periodi Cassiodoro ebbe

de' Lincei

Class, di se. mor., ser. IV, voi. Ili;

deW ed.

della promulfj.

di Teod.,

Atti

1'

uf-

Patetta, SuWanno

R. Acc.

delle se. di To1893. Ed. Bluhme, Mon. Germ., Leges, V; Padelletti, Fontea
iuris ital. m. avi, 1S77.

rino

iti

Fertile

cit.;

Brunnek, Grundzige der

deutsch. echtsgesch., 1901j

pag. 48.
2

Haenel, Lex rom.

Gaudenzi,

cit.

Wisigoih., 1849, pnar. xct.

PARTE PRIMA.

4
ficio di

questore, e certo che non fu opera sua T editto,

altrimenti

si

troverebbe fra

quello di Atalarico, avendo


tribuzioni anche

suoi atti,
il

come

vi si

questore fra

quella di scrivere le leggi.

trova

sue at-

le

Riman-

gono due ipotesi, cio che l' editto sia anteriore al 506,
ovvero appartenga ad un anno dal 512 al 515 ma la
prima esclusa, se non dall'anzidetto uso della inter2:)retatio, certo dal fatto che negli atti della questura
di Cassiodoro si trovano disposizioni, che furono poi incorporate nell'editto, il quale perci deve essere posteriore al tempo in cui per la prima volta egli fu questore
rimane dunque la seconda ipotesi come sola possibile,
e viene essa avvalorata dal fatto che l'editto ha in s le
prove di essere stato scritto dopo una guerra,^ la quale
fu quella combattuta nelle Gallio nel 510. Ma a questo
ragionamento si risponde che, pur essendo vero che
non debba l'editto attribuirsi ad alcuno di quegli anni
in cui Cassiodoro tenne la questura, non provato che
non possa essere anteriore al 506, cio alla prima questura di lui, perch le corrispondenze fra alcuni ca:

pitoli dell'editto e gli atti della cancelleria a

Cassiodoro

si

come

spiegano, meglio che

della cancelleria stessa cambiate poi in leggi


rirle nell'editto,

come

tempo

di

disposizioni
coli'

inse-

applicazioni che delle leggi del-

l'editto la cancelleria faceva a casi speciali, tanto che

talvolta esso vi espressamente richiamato. In quanto

poi alla guerra, cui l'editto par che

si riferisca, non
v'ha ragione alcuna per tenere che sia quella di Gallia
del 510, potendo essere un'altra qualunque delle molte
da Teodorico combattute, e potendo in ogni caso es-

sere stato posteriormente aggiunto

il

capitolo, che

fra gli ultimi, su cui la supposizione della guerra

fonda.
Gap. CXLVIII

si

EPOCA BIZANTINA.

L'opinione pi probabile rimane quella che attribuisce reditto all'anno 500,' facendo coincidere la sua
coir ingresso solenne di Teodorico in
cronache espressamente detto che in
quella occasione il re fece una legge, e non mancano ragioni per supporre che questa fosse propriamente l'editto. Si osserva, infatti, che Teodorico, entrando in Roma, pun di morte alcuni giudici, i quali,
corrotti per denaro, non rendean giustizia, e che nel
primo capitolo dell'editto si occupa appunto di questo
reato, e lo punisce egualmente colla pena capitale.
Giova ricordare anche l'altro fatto che in Roma Teodorico, festeggiando i suoi decennalia, cio il decennio
del suo regno, a contarlo del primo ingresso in Italia,
volle imitare ci che in simili occasioni avevano usato
fare gl'imperatori romani, e diede infatti giuochi, distribu annone, arring pubblicamente il popolo, assegn denari per la conservazione de' monumenti, e quindi
pubblic anche la sua legge, come Adriano aveva fatto
nei suoi quindecennalia per l'editto perpetuo, e come
pel suo codice aveva fatto nei tricennalia Teodosio.

pubblicazione

Roma.

Dalle

Si compone l'editto di 154 articoli, oltre il pro-I


3.
logo e l'epilogo, e contiene principalmente ci che sii

riferisce al diritto penale ed alla procedura,

scopo

come

erai

quale era volto, cio di reprimere i frequenti disordini, che si lamentavano nel
regno, e dar garanzie per la giusta applicazione delle
richiesto

dallo

al

leggi.

Le materie sono distribuite fra i vari articoli senza


ordine prefisso, n tutte sono di un tempo, perch l'editto
ebbe aggiunte posteriori alla sua prima compilazione.
L'autore ignoto,

ma

tutto fa supporre che sia stato

un romano, incaricato dal


*

ScuuPFER. Salvigli,

cit,

re.

Un

barbaro, per tacer

PARTE PRIMA.

non avrebbe avuto la profonda conoscenza del


romano, quanta nell'editto se ne dimostra. Le
sue fonti sono esclusivamente romane, le sentenze di
Paolo, i codici gregoriano ed ermogeniano e principalmente quello di Teodosio, oltre a qualcuno de' compendi
manuali allora in uso nelle scuole e nel foro.
Le disposizioni dell'editto si possono perci, nella massima parte, ricongiungere con altre simili del diritto
romano.* Lo stesso legislatore si richiama qua e l alle
d'altro,

diritto

eges^ cio alle costituzioni imperiali, che vuole siano


osservate, e nell'epilogo poi dichiara che l'editto

quanto

risultato di

egli ia voluto

ritto gi esistente, nella

giurisprudenza:

quce

iuris sanctimonia

eoo

il

raccogliere dal di-

doppia sua fonte


novellis

di legge e di

legihus

pr aliqua parte

ac veteris

collegirm^s.

non poteva, dunche ad alcuni casi giuridici, cio ai pi

Lleditto, di cosi breve contenuto,

que,

riferirsi

comuni

e interessanti nelle condizioni in cui

trovava

Per

l'Italia.

tutti gli altri,

per

la

allora

si

generalit

doveva essere osservato il diritto


romano, secondo la espressa dichiarazione che lo stesso
legislatore ne fa nel proemio.^
Per ai barbari, nei privati rapporti, non fu tolto
l'uso delle loro consuetudini. Ci non era contrario allo
stesso diritto romano, il quale lasciava che si reggessero col diritto proprio i barbari militanti per l' impero,
della vita giuridica,

e tale era la condizione giuridica degli Ostrogoti,

quali

perci non avevano obbligo di assoggettarsi alla legge

comune. Se ne trova dichiarazione nello stesso editto:*


*

Cfr.

2 Cfr.
3

ricliianii ai

cap.

Salva

iuris publici

devotione servandis.
*

Gap.

singoli capitoli nella cit. ed.

LUI, LXIX, LXXII, CXLIV,

XXXII:

Padelletti.

ec.

revereutia et legibiis omnibus ciinctorum

Barbaris, quos certuni est reipublic militare,

quoniodo potiierint et voluerint, faciendi damus liccutiam testamenti.

EPOCA BIZANTINA.

ma

"7

cosa, inoltre, che

che non

si accerta non solo pensando


sarebbe piegato a regolarsi secondo le leggi

si

dei vinti,

che mal

si

nei privati interessi, r elemento vincitore,


pieg ad accettarle, non ostante gli sforzi

pur nei pubblici ordigli Ostrogoti erano


giudicati nelle loro controversie da magistrati nazionali (comites Gothoriim), i quali neppur conoscevano
il diritto romano, tanto che, per istruirli in esso, quando
era necessario applicarlo nelle cause fra persone delle
due nazionalit, si poneva a loro fianco un giureconsulto romano.^ E Y uso di un doppio diritto fu la causa
per cui si rese necessaria una legislazione comune, dein contrario degli stessi suoi re,

namenti

ma

ricordando ancora che

stinata a regolare
gli Ostrogoti,

mente
4.

punti di collisione fra

Romani

non potendosi questi assoggettare

total-

al diritto degli altri.

Veramente

questo sarebbe stato

Teodorico. Egli avrebbe voluto ridurre


popolo, affinch,

unendo

la

civilt

dei

il

desiderio di

romano il suo
Romani colla

propria superiorit militare, potesse essere il fondamento sicuro del regno, il quale non poteva essere

che

romano,

vivendo

neir impero

per

imperiale

concessione.

A_questo scopo fu coordinata anche l'opera legislanon avrebbe potuto far leggi, essendo questa una prerogativa delFimperatore, che gli Ostrogoti, quando vennero in Italia, si
erano obbligati a rispettare. Ma doveva pur stabilire
le regole ch'egli reputava necessarie per il suo governo, e il far ci non era atto da legislatore, ma da
magistrato, quale Teodorico era, ed in grado supremo,
per l'Italia. Perci, come i magistrati romani emanavano
gli editti, contenenti, in conformit colla legge, le regole
tiva di Teodorico. Egli propriamente

Cfr.

Cod. Givst.,

I,

38, 1.

PARTE PRIMA.

per esercitare il loro ufficio cos Teodorico eman non


propriamente una legge, ma un editto anch'esso, concordante col diritto imperiale, non solo nelle particolari disposizioni, ma anche nello scopo generale. Si
gi detto che per Teodorico l'editto doveva essere un
mezzo per avvicinare i due popoli, romanizzando per
gli Ostrogoti, e non viceversa. Com'egli dichiara,* volle
;

coir editto allontanare le cause di conflitto fra barbari


e

Romani:

e poich l'editto stesso era, nella

massima

parte, derivato dal diritto romano, V uso di questo, al-

meno

nei casi di maggiore importanza, veniva ad esser

comune per tutti.


Non v' dubbio che per

fatto

Goti

come per

Romani

in-

distintamente doveva essere obbligatorio l'editto, senza


condizione qualsiasi scusasse dall'osserche ufficio

Era minacciata la pena della deportazione ai mache non ne avessero curato la rigorosa osservanza. Nei casi soltanto, ed erano i pi, pei quali Teditto
nulla aveva disposto, si faceva applicazione o del di-

varlo.

gistrati,

romano o delle consuetudini barbariche, secondo


che barbari o romani erano g' interessati.

ritto

Per tali suoi caratteri l'editto differisce sostanzialmente dalle altre leggi, che i barbari, in questa medesima epoca, hanno pubblicato pei Romani dei loro
stati (n. 8, 9). Queste come quello han comune il fondamento, che il diritto romano: ma mentre l'editto
di

Teodorico legge unica per

tutti,

le

altre leggi ro-

>
Querelai ad
nos pluiimae pervenerunt, intra
Nel proemio
provincias nonuullos legiim prrecepta calcare.... nos, cogitautes generalitatis quietem.... pra?sentia iussimus edicta pendere....
:

Nel proemio

Quae Barbari

Komauique sequi debeant super

expressis articulis edictis praesentibiis evidenter cognoscant.


Nell'epilogo: Quaj omnium Barbaronim sive Romanorum debet

servare devotio.

Qualche disposizione, che

si

ricollega

colla

condizione propria

dei barbari, si riferisce soltanto a questi: cfr. cap.

CXLV.

EPOCA BIZANTINA.

mane non valgono che per


per s

bari altre

cuno fra

i
Romani, avendone i barsenza accomunamento al-

distinte,

mentre

vinti e vincitori: e

l'editto, al di fuori

delle sue disposizioni, lascia che ciascuno usi

che

proprio per nazione,

gli

Romani

le leggi

il

diritto

invece date

ai

precedente diritto romano, e i re comandano che esse soltanto, che


sono una loro concessione, siano osservate pei tempi
dagli altri barbari aboliscono

il

avvenire.
5.

L'editto

Italia,

ma

ebbe grande diffusione, e non solo in


fuori, in Provenza ed altrove, ovunconquiste di Teodorico. Ed ebbe inoltre

anche

que giunsero le
una grande influenza sulla civilizzazione dei barbari,
ai

quali

fece conoscere molti principii del diritto ro-

mano, che

essi non avevano, e molti altri invece, che


erano loro propri, addolc, ovvero addirittura abol,
quando erano contrari agli ordinamenti ed alle tendenze dello Stato. Non fu dunque senza buon effetto
r opera legislativa di Teodorico, quantunque lo scopo
supremo, quello della unione fra i due popoli, non si
fosse poi da lui potuto conseguire.

Gli

2.

editti ostrogotici

minori.

Teodorico stesso fu autore, oltre che dell'editto


6.
principale, anche di altri editti minori. Negli atti della
cancelleria, a tempo della questura di Cassiodoro, ne
ricordato uno che fu pubblicato per la
il

Campania ed
Sannio, per reprimere l'abuso, che quivi par che

fosse

maggiore che altrove,

torit privata

'

di far

pignoramenti

di

au-

e tutti gli editti in generale di Teo-

dorico sono ricordati e confermati dal suo successore

Cassioo. Variar., IV, 10:

mitiquis., XII, 1S94.

ed.

Momius. nei Mjh, Germ., Auct.

PARTE PRIMA.

1(1

Aialarico.* Questi ancora eman pi editti, servendosi


dell'opera di Cassiodoro, che fu suo questore. Jmportante quello che mand in Roma per regolare la ele-

zione del pontefice, e che, fattolo prima leggere dal


prefetto urbano in senato, fece poi affiggere alle porte
di
si

San Pietro.- Importante ancora quello che


chiama editto di Malarico, che dallo stile

fra tutti
si

rivela

indubbiamente opera di Cassiodoro, e che, di carattere


esclusivamente penale, contiene in dodici articoli, oltre
disposizioni per reprimere gl'invasori dei
il prologo,
fondi altrui,

concubinari e

gli

autori di altri disordini

gravemente lamentati.
re seguenti continuarono a fare editti o leggi anma di carattere passeggero e diverso, secondo

cor

essi,

condizioni in che venne, per la guerra coi

le infelici

Bizantini, a trovarsi, sino poi a cadere,

il

loro Stato.

carattere legislativo, pu essersi riferita quella disposizione della prammatica sanzione di


Giustiniano, che conferma, in quanto non fossero contali atti, di

trari agli ordini nuovi, gli atti dei


fino a

Teodato, ed annulla

Come

anche ricordarsi

nomine

primi re ostrogotici

altri dei

re posteriori.

regno ostrogotico, possono

fonti di diritto pel

fornole della cancelleria conser-

le

vate da Cassiodoro,-^
le

gli

le quali

contengono principalmente

dei pubblici ufficiali, con notizie relative al-

deve adempiere, e sono


ampolloso e di linguaggio
figurato, come in quei tempi di decadenza era in uso,
assai preziose per la storia del diritto pubblico, il quale
da esse ancora una volta si prova come non fosse, presso
gli Ostrogoti, che diritto romano.
l'

ufficio

perci,

che ciascuno

quantunque

di essi

di stile

Edxci. Athalarici reyis,

Variar,

cit.,

IX, 15.

Variar,

cit.,

lib.

C,

VI, VII.

XII, cd. PaDELLETTI,

cit.

EPOCA BIZANTINA.
7.

Tale

era, nei

sommi

11

suoi capi, la condizione

del diritto ostrogotico in Italia. Esso segu

Come

la fortuna

tempi di Teodorico, poi diminu, in ultimo cadde, e non lasci traccia. Imperocch, fatta eccezione, se pur debba farsi,

del regno.

di

questo, esso s'innalz

qualclie disposizione di ordine

a'

particolare, certo

col regno stesso,


mediante la conquista bizantina. Non pu sostenersi
che, dopo l'introduzione in Italia del diritto di Giusti-

che

diritto

il

ostrogotico ebbe fine

niano, fosse lasciato agli Ostrogoti, quivi restati, l'uso


del loro diritto, e quello in particolare degli editti dei
loro re.

ancora

questi

si fa,

in vigore, in

vero, richiamo, come se fossero


un documento ravennate del 551,

quando Ravenna era gi da undici anni in potere dei


ma la prammatica sanzione, che rese obbligatorio per tutti il diritto giustinianeo, non era stata
in quell'anno ancora pubblicata, e probabilmente, innanzi ad essa, gli Ostrogoti, coi quali, perch ancora
potenti, Giustiniano aveva intrapreso trattati di pace,
conservavano le leggi proprie, come conservavano in
Bizantini:

Ravenna

stessa le loro chiese e

loro patrimoni,

che

poi perdettero, quando, per le vittorie di Narsete, ogni

tentativo di accordo fu abbandonato.

Ma

oltre a ci la

soggezione al diritto comune direttamente provata


dalle capitolazioni, che gli Ostrogoti facevano, e fra i
patti delle quali,

quando non preferissero abbandonare

r Italia, vi era quello di obbedire alle leggi dell'impe-

ratore: provata ancora da documenti, nei quali

si

vedono persone di nazione ostrogota attenersi al diritto romano, invocando anche il nome di Giustiniano:
ed finalmente provata anche dalle parole della stessa
prammatica sanzione, la quale dice Giustiniano di aver
ff.tto

nell'interesse di tutti

coloro che

delle parti occidentali dell'impero,

nium qui per

sono abitanti

ad utilitatem om-

occidentis partes Jiahitare noscuntur.

PARTE PRIMA.

1-^

3.

Leggi

romane

dei Visigoti e

Borgognoni.^

8. La pi importante delle leggi fatte dai barbari,


per uso dei Romani sottoposti alla loro dominazione,
quella senza dubbio dei Visigoti, conosciuta col nome
di breviario di Alarico, ma chiamata anche liher legum romanarum, corpus legum, lex Theodosii, lex
romana, liber theodosianus legis romanoe, e pi comunemente lex romana ^Visigothorum. Fu opera del
secondo fra i re visigoti di nome Alarico, if quale,* p'er
togliere l'incertezza e la confusione che si aveva nelTapplicazione del diritto romano, a causa delle troppo
numerose sue fonti, pens compendiarlo in ci che
v'era di pi importante per la pratica, e ne affid il
lavoro ad una commissione di giureconsulti, che lo esegu con metodo in sostanza non dissimile da quello poi
tenuto dai compilatori dei libri giustinianei.- Per fonti
si usarono tanto quelle che dai Romani si dicevano iiira,

quanto
i

leges

le

libri del

come

leges,

infatti, vi si

riassunsero

codice di Teodosio, che per tal mezzo fu nella

sua maggior parte conservato, e le novelle di TeodoYalentiniano III, Marciano, Magioriano e Severo: come iura vi si posero le istituzioni di Gaio, non
per nel loro originale, ma in un rifacimento, chiamato
liber Gai, adattato alla pratica e in uso nelle scuole romane fra il IV e il V secolo le sentenze inoltre di Paolo,
sio stesso,

Bbunner, 49, 50; Pf.rtilk, 11; Salvigli, pa?. 54; Savi307; ScHUPFER, pag. 38 e seg., 42 e seg. Ediz. Haexel, Lex
Wiftigoth., 1849; Bluhme, Lex rom. Burgund. in Mon. Germ.,
Legis, III; Salis, i(i. ivi, nuova ed.
2 Per i compilatori alariciani
non alterarono, come i giustinianei, i frammenti raccolti, n li spezzarono. Interi libri del Teo*

GNY,
rom.

I,

dosiano sono passati infatti nel Breviario. Soltanto stralciarono


dalle fonti antiche quelle parti che avevano cessato di essere corrispondenti colle reali condizioni della societ, principalmente nel
diritto pubblico.

EPOCA BIZANTINA.

13

alcune costituzioni tolte dai codici gregoriano ed ermoi quali, come lavori di privati, non facevano

geniano,

parte delle leges, bench di leges si componessero, e


finalmente un passo dei responsi di Papiniano. Tolta la
parte in cui si riport il Uber Gai, che, per essere stato
fatto collo

scopo

aveva bisogno

di

adattare l'originale alla pratica, non

di ulteriori schiarimenti; tutta l'opera fu

corredata della interpretatio, di un commento cio che,


ora riassumendo, ora parafrasando, chiariva i punti
oscuri, e che era lavoro anch'esso non dei compilatori

come pur

del breviario,

si

creduto,

ma

delle scuole

avevano, negli ultimi tempi dell' imperOj__per_k)ro compito principale 1' adattamento delle

romane,

le quali

antiche fonti alle nuove condizioni del diritto.

Compiuto

il

lavoro, fu dal re presentato, per l'ap-

di Guascogna:
dopo di che l'originale fu depositato nel regio tesoro,
ed una copia, per cura del conte Goiarico, ed autenticata dal cancelliere Aniano, ne fu spedita a ciascun
conte del regno, accompagnandola un regio decreto,
un comnionitorium, che comandava che d'allora in
poi, abbandonate tutte le altre leggi romane, si dovessero osservare quelle soltanto contenute nel codice.
Il quale rimase ulflcialmente in vigore, fino a che,
voltasi la politica dei re visigoti ad unificare fortemente
lo Stato, si volle togliere ogni differenza fra le due
nazionalit che lo componevano, e per tale scopo non
furono assoggettati i barbari ai Romani, come avrebbe
voluto fare Teodorico in Italia, ma, viceversa, l'elemento romano si volle che s'incorporasse con quello

provazione, all'assemblea nel 506 in Aire

barbarico. Perci Recesvindo, sulla


abol

aver
,.
i

9.

il

breviario,

il

quale, per,

vita,

come ora

re Gondebado (467-516),

Il

scritta ai suoi

si

met

del secolo VII,

continu altrove ad

dir.

Borgognoni

(n. 40),

fece

nel dare la leggo

promessa di damo

PARTE PRIMA.

una speciale anclie

ai suoi sudditi di stirpe

romana. E

questa fu la legge romana dei Borgognoni, conosciuta

nome

erroneamente

col

sum Papiani,

od anche semplicemente Papianus, per-

responsorum

di iber

o res^jon-

ch, essendo scritta, senza separazione alcuna, in un


solo codice col breviario di Alarico,

ossia Papiniano, con


si

credette che fosse

il

nome

di

Papiano,

un responso del quale questo


il

finiva,

principio della legge che in con-

tinuazione seguiva, la quale cos ne rest denominata.


Tutto ta credere che Gondebado stesso abbia effettuato
la

sua promessa, e che perci

meno

la legge sia anteriore al-

anno della morte di lui. Ma non cosa


certa, perch, oltre a non aversi notizia precisa della
et della legge, in un suo proemio si fa menzione, come
ne fosse autore, del figlio di Gondebado, cio Sigismondo,
al quale se si dovesse essa attribuire nella sua forma
originale, e non per una revisione soltanto, converrebbe
al 516,

darle al pi presto la data del 517.


Del contenuto, che si riferisce al diritto civile, al

penale ed alla procedura, una parte fu data dalla legge


Borgognoni, della quale s'imit anche l'or-

.speciale dei

dine e la denominazione dei pi fra


toli,

materia fu divisa
romane, quali, secondo

in cui la

di fonti

Teodosio,

le

ma

il

novelle. Gaio, Paolo,

quarantasette
si fece

consueto,
1

ti-

uso ancor a
il

codice di

codici di Gregorio

e di Ermogene, senza per poter dire con sicurezza assoluta se tali fonti siano state messe a profitto dai loro
originali, ovvero imitate sul breviario alariciano, a meno

che non si voglia ammettere che la legge romana dei


Borgognoni sia pi antica di questo; cio che sia anteriore al 506, desumendolo dal fatto che in essa si trovano riportati passi di diritto romano, che non si hanno
nel breviario.

quale per, come opera che era, per


pregio della sua compilazione, pi corrispondente
il
allo scopo, cui entrambe queste leggi erano destinate;
)11

EPOCA BIZANTINA.

15

quando nel 534, per la conquista de' Franchi, il regno


di Borgogna venne a fine, si diffuse, prevalendo alla
legge data dai Borgognoni, anche fra i Romani gi a
questo regno appartenuti, come fra quelli di altri luoghi ancora, ed ebbe per tutto il medio evo molta autorit. Cosi avvenne anche in Italia, sia per i contatti molteplici fra i due paesi, sia perch il breviario in s
chiudeva gran parte del diritto teodosiano, non mai
estinto in Italia. La conquista de' Franchi deve avergli
procurato al di qua delle Alpi nuova diffusione. Esso
fu inserto fra le loro leggi per ordine di Cariomagno e
di Pipino, il quale, essendo unicamente re d'Italia, non
avrebbe ci fatto, se anche quivi il breviario non avesse
avuta autorit. E in Italia se ne sono trovati vari codici; documenti italiani ricordano la legge teodosiana
^
all' Italia appartengono suoi commenti e compendi
le
quali cose tutte confermano come quivi il breviario,
anche dopo esser stato abolito in sua patria, continuasse
ad esser noto ed usato, come la principal fonte nella
quale erasi conservato il diritto antico, sempre vivo
;

nelle tradizioni inveterate e nella pratica degli affari.

Capitolo IL

Il

Diritto

romanc-

Il diritto romano fu prevalente nell'epoca bicome prevalente vi rimase l'idea dello stato
romano. Non era pi per il diritto romano nel clas-

io.

zantina,

Patetta,

Il breviario aariciano in Italia, in

Arcb. giuiid.

>

Bologna, 1891.
-

Braxdileone, Il dir. bizantino nelV Italia meridionale, in < Arch.


1886 Calissk, Udir, d Teodosio in Italia, Macerata, 1889

giurili.,

Ferrini, La glossa torinese


Istit.

Lomb.,

1884, ser.

Institutionenglosse, ec.
verid., in

e la

II,

jarafrasi del Pseudoteo/lo, iu

voi. 17;

Halle, 1870;

Rend. Acc. Lincei,

>

li,

Reudic.

Fittixg, Ueber die sog. Turiner


Il dir. rom. nelVItul.

Schupfer,
ISSO.

PARTE PRIMA.

16

parola, anzi non Io si potrebbe


con esattezza paragonare a quello di nessun periodo
precedente. Il diritto di Giustiniano, portato in Italia,
divenne quivi certamente il pi noto, e giunse a dominare di gran lunga qualunque altro ma accanto ad
sico senso di questa

esso, lasciando

pur

diritto barbarico, si
diritto

condo

romano, ed
le

considerare ogni influenza del


conservarono fonti pi antiche di
di

altre poi

ne sorsero posteriori, se-

condizioni in cui vennero a trovarsi le varie

parti d' Italia. Questa molteplicit di fonti, a cui si deve


anche aggiungere 1' altra delle consuetudini, che, sotto
l'impulso di tanti nuovi bisogni, si formavano fra il
popolo, fu la causa per cui il diritto romano prese in
quest'epoca alcuni nuovi caratteri, che, mentre lo distinguevano dall'antico, lo avviavano, con procedimento
analogo a quello che si aveva nella lingua, a trasformarsi
in quel diritto, che poi si disse il romano volgare.
IL Colla promulgazione, nel 554, della prammatica sanzione, che il titolo dato complessivamente
ad una serie di disposizioni per riordinare" lo stato dell'

Italia turbato dalla guerra, fu quivi introdotto e reso

il diritto romano,
quale era stato riordinato nelle pandette, nel codice e nelle novelle di Giustiniano.* Ci era stato gi fatto, come risulta dalla

obbligatorio

prammatica sanzione medesima, mediante un editto


{eclictale lvogramma)^ che Giustiniano aveva precedentemente mandato in Italia in anno incerto, forse nel 540
541, quando, caduta Ravenna e condotto prigioniero a
Costantinopoli

il

re ostrogoto,

si

consider compiuta la

conquista, non potendosi prevedere che Totila avrebbe,

sebben per poco,

ritolto

il

paese all'impero. Una con-

*
11: devono osservarsi anche in Italia iura.... leges.... eas
quas postea promulgavimus constitutiones.... ut, una facta republica,
legum etiam nostraium ubique pioletetur auctoritas. >

MORTARA

Prlncipii di

IL.),

Procedura

(XIII

Istituzioni di

Civile. Quinta edizione


Lire 2.

Ordinamento Giudiziario.

Terza edizione

ri-

2.

(XIV)

redHt((

y ORLANDO

(V.E.i, Principii
edizione riveduta (lY)

di

Diritto Costituzionale.

Se<^tn

2.

Principii di Diritto Amministrativo. Quinta edizione riveduta


3.
(XYIi

Istituzioni di Diritto Romano. Volume Primo:


lutroduzioue. - Diritto delle persone. - Le cose e i diritti sulle
4-.
.^ose. - Il possesso (XXVI-1)
Volume Secondo: Obbligazioni ed azioni. - Diritto eredi4.
tario. - Donazioni (XXVI-2)

PEROZZI

(S.),

__ ^_

Finanze. Xuora ediz.


(G.i, scienza delie
note hibliogro fiche a cura di KicCardo Dalt.a
2. 50

Sricca Salerno
con

ag'/iunte

"SUPINO

"

Volta (IH)

di

Istituzioni
edizione riveduta (IX;
(D.),

VALENTI

(G.),

Diritto

Commerciale.

Tredicesima

3.50

Principii di

Scienza Economica.

Terza edizione

3.
Volume Primo (VIII-Ii
WAUTRAIN CAVAGNARI (V.), Elementi di Scienza del2.
l'Amministrazione. Seconda edizione (XIII)

notevolmente accresciuta.

Serie pratica.

CODICE

DI

PROCEDURA CIVILE DEL REGNO

D'ITALIA,

illustrato con le principali decisioni delle Corti del Pegno. Xuova


edizione interownte rif'ntt.i e corri:d'>ta di un" Appendice delle

legislative

Ultime disposizioni

sull'Ordinamento Giudi-

50

2,

ziario. iJecinia tiratura

con la Giurisprudenza del primo quadriennio


Atti ufficiali, aggiuntevi le nuove Leggi di Pub-

CODICE PENALE,

1891-94: e gli
blica Sicurezza, luglio ISSi. Settima edizione

CODICE

DI

COMMERCIO DEL REGNO

decisioni delle Corti. Aggiuntovi la Legge e


Cittadinanza italiana. Decima edizione

NUOVO CODICE

DI

il

illustrato

3.

le

Eegolamento

PROCEDURA PENALE

illu-

con

strato colle decisioni delle Corti. Ottava edizione

CODICE CIVILE DEL REGNO D'ITALIA,

50

3.

D'ITALIA,

sulla

3.

illustrato con

Lavori preparatorii e corredato della Kelazione a Sua Maest


delle Norme di attuazione e di coordinamento. Disposizioni
3.
transitorie e Regolamento. Edizione 1914
i

CODICE COMPLETO DELLE ISTITUZIONI PUBBLICHE


DI BENEFICENZA, con gli atti parlamentari, riferenze, circolari,

duta

giurisprudenza e commenti pratici. Nuova edizione rive3.


messa al corrente

regoFONDIARIO,
lamenti, circolari, e la legge 6 maggio 1891, norme per la concessione dei mutui, tarifte e tabelle. Seconda edizione. ... 2. 50

CODICE DEL CREDITO

con tutte

le leggi,

{Segue)

LE LEGGI E REGOLAMENTI SULLA GIUSTIZIA AMMINISTRATIVA, illustrati con le deci^ioui del C-jnsiglio di
I

>tat.:-

dal

IS'c'u

al

1911

Lire 2.

CODICE POLITICO AMMINISTRATIVO.


del

Restio

d' Italia,

laocolre e ordinate. Edizione 1914

L'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA

50

Le principali Leggi
.

5.

IN ITALIA. Guida teo-

rico-pratica allo studio dell'ordinamento amministrativo

Regno. Nozioni

e giudiziario del
Organici; Carriera;
degli esami, ecc

l'iritti

Diritto amministrativo;

di

e doveri degli impiegati

Programma
4.

LEGGI COMPLEMENTARI DEL CODICE

DI COMMERCIO.
Tribunali di Commercio. Camere di Commercio. Borse e Mediatori,
Fiere e Mercati. Magazzini generali. Depositi franchi. Banche

3.50

d'emissione, ecc. ecc

CODICE DELLE SOCIET DI MUTUO SOCCORSO E


ASSOCIAZIONI CONGENERI. Legge 15 aprile 1886 con commenti. Raccolta delle disposizioni concernenti le Societ di Mutuo
Soccorso, Regolamenti, Statistiche, Note giurisprudenziali e dot-

Formulario

trinali.

3^

CODICE DEI PROBIVIRI. Legge

Regolamento

sui Probiviri nell'Industria, con Formulari^:, degli Atti inerenti al loro


funzionamento commentati coi lavori preparatorii, con la Legislazione, la r>ottriua e la Giurisprudenza
2.

LEGGE

REGOLAMENTO SUL MONTE PENSIONI

DEI
I. 50

MAESTRI ELEMENTARI esposti e commentati


GUIDA PRATICA NELLE PROCEDURE GIUDIZIARIE E
.

AMMINISTRATIVE
DELL' EMIGRAZIONE.

MANUALE

zioni, Discussioni.

3.
Storia.

Testo delle Leggi, Regolamenti e Giurispru-

denza

3.

CODICE POSTALE DEL REGNO D'ITALIA,


sulle Istituzioni

DI

Pubbliche

SOCCORSO,
di

Beneficenza

GUIDA PRATICA DEL CURATORE

DI

uso dei Ragionieri. Avvocati. Procuratori.


Periti, ecc

3.

RICORSO AMMINISTRATIVO.
in

tritii

I.
.

ricorsi

regolamento

sul bollo e
complementari

CODICE PENALE PER

50

3.-

provvedinienti delle au-

conrplete

rartronti, indice e leggi

3.

ad

Notai, Commercianti,

aminiiistrative

CODICE NOTARILE Legge


Disposizioni

FALLIMENTI,

Manuale pratico dei

via gerarcliica e contenziosa contro

creato con la
2.

MANUALE LEGALE DEL MEDICO CONDOTTO


IL

50

compilato per

cura del Ministero delle Poste e dei Telegrafi

MANUALE SUL DOMICILIO


Legge

Statistica, Rela-

sul notariato,
registro, con note,
4.

ESERCITO,

illustrato con le decisioni della Cassazione e del Tribunale Supremo, col Regolamento sui Tribunali Militari, la Bibliografia, la Legislazione comparata, la Relazione al Re e Indici analitici e sistematici; in

Appendice
la

le

Disposizioni

guerra del 1915

L'

sulla

Giustizia

militare emanate per


3.

50

Dirigere comniissioni e vaglia alia Dilla G. bAKbR.\, Editore, tlKENZE.

MANUALI BARBRA
XVII.

EPOCA BIZANTINA.
ferma

d ci

fatto che dalla

pu vedersi nel

sono abrogate tutte

prammatica

le leggi e tutti gli atti di Totila, cui

non si risparmia il titolo di tiranno e di nefandissimo,


mentre sono convalidati quelli dei suoi predecessori *
la ragione di questa differenza di disposizione pu es:

sere

fatto che, dalla

il

presa

di

Ravenna in poi, vigevano


dominava l'autorit im-

in Italia le leggi giustinianee, e

qualunque altra legge, tiranna


doveva essere qualunque altra autorit, che fosse sorta
periale, e quindi nulla

in contrario.

Ma dopo la pubblicazione delF editto, tutto and sossopra in Italia. E perci fu necessario, quando, dopo le
vittorie di Narsete, la si rioccup tutta e in modo definitivo, che si pubblicasse un nuovo atto, che
prammatica sanzione suddetta, per riordinare lo

del paese e

confermarvi

il

fu la

stato

diritto di Giustiniano, reso>

come sopra s detto, obbligatorio per tutti.


E la sua applicazione e rapida diffusione in

Italia

nuove prove pur fosse d" uopo, anche da


altri atti, quali sono, per esempio, i documenti dei primi
anni del medio evo,^ nei quali continuamente provato
Tuso del diritto romano, e quali sono alcune opere giuridiche, che pure allo stesso diritto si riferiscono, fra cui
interessante isoglossa torinese, composta probabilmente,
almeno nella sua parte originaria, ai tempi stessi di Giustiniano, e dopo certamente l'anno 543, trovandovisi ci:,ata una novella che ha questa data. La cura che l'autore
attestata, se di

one

nelle definizioni e nella spiegazione delle etimologie

ostra
(,

lo

scopo didattico,

scuola e la pratica,

il

lo

scopo cio di far noto, per


diritto, nel quale per

nuovo

autore medesimo apparisce poco esperto, cos dimo-

Ivi,

Nella raccolta

12.
:

Mariki, Papiri diplomatici, FaNtdzzi,

menti rave7inati.

M.

li.

Calt'^se.

I.

Afonii-

PARTE PRIMA.

18

strando che gli nuovo, mentre il contrario gli accade


per l'esposizione del diritto precedente, del quale si appalesa assai pi pratico, ed a cui d importanza talvolta
maggiore di quella che legalmente si potrebbe dopo la
pubblicazione della legislazione giustinianea.

Questo, per, non un fatto isolato. Ve ne sono


che dimostrano come a Giustiniano non riuscisse

12.

altri

sostituire

pienamente nella pratica

il

diritto proprio a

quello precedente, contenuto nel codice che nell'anno 438

aveva promulgato V imperatore Teodosio in oriente, e


il senato romano aveva accettato anche per l'Italia.
Perch la legislazione di Giustiniano avesse qui potuto
che

togliere ogni uso della teodosiana, antica, conosciuta,

riguardata come nazionale, intrecciata con tutti g' interessi, sarebbe occorso lungo tempo accompagnato da

manc,
dominazione bizantina non fu pacifica, e dopo
pochi anni fu nella maggior parte d'Italia abbattuta
dalla invasione longobarda. Si aggiunga a questo fatto
che il diritto teodosiano erasi mantenuto per le popolazioni romane della Gallia e della Spagna, dove 1* impero di Giustiniano non giunse, ma dove erano continue, specialmente per ragione di commercio, le relazioni
coir Italia; che la Chiesa era interessata alla conservazione del diritto teodosiano, perch nello stato giuridico
forte autorit nello stato. Tutto questo invece

perch

la

anterire a "Giustiniano essa aveva posto le basi della


propria costituzione e de* suoi privilegi che i libri didattici, i quali nelle scuole e nella pratica diffondevano
;

le

cognizioni del diritto, erano foitdati sul codice teo-

dosiano, tanto che,

come

si

detto della glossa tori-

nese, non riuscivano a staccarsene anche allora che

si

proponevano di seguire il diritto nuovo tutto questo


si ponga insieme, e si comprender come il diritto romano classico dovesse rimanere diffuso ed autorevole
in Italia anche dopo la introduzione dei libri di Giusti-^
;

EPOCA BIZANTINA.

l9

niano. Le prove di questo fatto, che sono anche le sue

conseguenze,

si

quando

in

siva,

manifestano meglio
Italia si

nell'

epoca succes-

fecero copie e compendi del

breviario alariciano, contenente,

come

si

detto,

il

di-

principalmente teodosiano, e quando le leggi longobarde, subendo l'influsso delle romane, trassero molti
principii dal diritto teodosiano medesimo, cos dimoritto

strandone la continuata esistenza (n. 75).


Tutto ci non deve, per, esser preso in senso
13.
cosi assoluto da far supporre che il diritto di Giusti-

niano non ponesse radici in

Italia.

Si

deve ricordare!

che, se la parte settentrionale di questa venne presto


in

potere dei Longobardi, nella centrale, invece, e so-

prattutto nella meridionale, la dominazione bizantina

mantenne per
durata

di

il

si

ebbe quella lunga

governo, che doveva dare stabilit

bizantino.

usato

secoli. Quivi, perci, si

al diritto

non soltanto rest noto ed


Giustiniano, ma naturalmente vi s'in-

quivi, infatti,

diritto di

trodusse anche la posteriore legislazione imperiale,

il

vero diritto greco-romano, quale fu elaborato specialmente nelle riforme legislative di Leone Isaurico (739),

Macedone (866) e Leone il filosofo (911). Cosi


come molti compendi di diritto bizantino si
siano fatti ed usati nelle provincie meridionali, e come
tracce numerose ne siano restate non meno nelle consuetudini locali, che nelle leggi delle succedute monarchie normanna e sveva. In SiciHa^_anzi_il. diritto romano e bizantino non fu fatto cadere in disuso neppure
Basilio
si

il

spiega

1
'

dalla dominazione degli rabi, perch questi conserva-

rono

le leggi

dei

popoli vinti, lasciando loro anche

propri tribunali, e perch alcune parti della

tempo pur

Sicilia, al

non ruppero le relazioni loro


aspettavano sempre quella liberazione, che ebbero poi dai Normanni.
degli Arabi,

coi Greci, da' quali

Parte Seconda.
EPOCA BARBARICA.

Nell'epoca

barbarica non prevalgono pi le


romano, ma dominano in loro vece quelle
germaniche, non altrimenti di ci che accade in quanto
alle istituzioni dello stato. L* elemento barbarico vinci14.

fonti di diritto

tore regge la societ.

rono

dell'Italia,

il

Quando

barbari s'impossessa-

loro diritto era tutto ancora nelle

consuetudini popolari, tramandate oralmente da padre


in figlio, spiegate dai vecchi ai giovani, applicate dai
il popolo partecipava. I mutamenti per che avvennero nei loro costumi, nel loro
grado di coltura ed anche nei loro bisogni ed interessi,
per la convivenza coli' elemento romano, portarono alla
necessit che le antiche consuetudini si tramutassero
in leggi scritte, senza per altro che ci togliesse al popolo di esserne sempre egli Fautore, se non pi colr insieme di quelle manifestazioni da cui trae vita la
consuetudine, con la libera e solenne approvazione nelle

tribunali, ai quali tutto

pubbliche assemblee.
Ci era secondo i concetti dello stato germanico. Ma
anche questi subirono mutamenti, che furono tutti nel
senso di accrescere la forza dello stato stesso, accentrando sempre pi poteri nel principe, che ne era rap*

EPOCA BARBARICA.

~^

aumentare la sua
presentante, e che veniva con ci ad
presso
rendersene
a
fino
popolo,
autorit di fronte al
conseguenze nella
che indipendente. Da ci vennero
accanto a quello
perch,
formazione ancora del diritto,
l'altro derianche
ebbe
si
popolo,
elle scaturiva dal
nella rivalit, che
e
sovrano,
del
potest
vante dalla
formarsi, il sopravfra i due dovette necessariamente
che disponeva,
regio,
diritto
pel
vento fu senza dubbio
popolare mandi mezzi che a quello

per farsi valere,


porsi tanto il dicavano Tra questi mezzi anche da
il principio
sanzionare
a
ritto romano, che era giunto
il diritto
quanto
sovrano,
del
volont
che sia e^^e la
dava
che
missione
il quale, per la nuova
della chiesa",

popolo,
curare cio il miglioramento del
dettar quelle
nel
indipendente
questo
lo rendeva da
assegnato. Di
lecro-i
che dovean guidarlo allo scopo
far penetrare
a
servi
regio
modo' che lo stesso diritto
e servi
canomci,
e
romani
principii
i
in quello popolare
miglioramento, non senza
suo
al
potentemente
perci
elemento nazionale barper contrasto da parte dell'
a poco sopraffatto.
poco
a
barico, che si sentiva
che le condizioni del dirisulta
dunque
ci
Da tutto
sono in tutto, come effetto a
ritto neir epoca barbarica
con quelle della societ lo
collegate
causa, conformi e
al principe, di

fra questi,

stessa lotta
stesso miscuglio di elementi, la
penetrazione e conseguente modifila stessa reciproca
di cose finisce nella
cazione. Quando questa condizione
anche pel diritto, che, al pari di essa,
societ, finisce

indipendenza,
leva sui vari elementi acquistando
questo avquando
ma
unit
caratteri propri e perci
cos anche
societ,
la
barbarica
pi

non
viene, come
cio
quella
in
in un" epoca nuova,
il diritto entrato
navita
e
scientifica
dignit
a
del suo risorgimento

si

zionale.

PARTE SECONDA.

22

Titolo Primo,
periodo longobardo.
15.

Non

altrimenti che gli altn po_po1i dei barbari,

anche i^Longobardi, venuti a contatto coi Romani, tramutarono in leggi scritte le loro antiche consuetudini.
Ci accadde per essi settantacinque anni dopo il loro
-ingresso in Italia (a. 643), senza per che T opera fosse
in un sol tempo compiuta, perch il, lavoro legislativo
si protrasse, mediante la partecipazione presavi da parecchi re, sino alla fne della dinastia nazionale, ed anzi

ebbe

suo ultimo compimento in tempi anche a questa

il

posteriori.

E non

non fosse per

altrimenti che agli altri barbari, se

la pi vasta proporzione, stante la stretta

vicinanza col diritto romano, posto, per l'uso dei vinti,

giornalmente a loro esempio, e stante Y autorit che


diritto

il

ecclesiastico, pe' ministri

giorno fra loro pi acquistava

gobandi-Che

il

diritto lor

pi di qualunque altro,

della

chiesa,

avvenne anche

ai

ogni

Lon-

proprio dovesse modificare, e

suoi antichi caratteri. Siccome

per negli elementi, che di ci erano causa, si conteneva la maggiore civilt. Tesser da loro penetrato fu
pel diritto longobardo non solo causa di vero progresso,
in confronto di altri diritti barbarici, ma fu causa ancora
che esso, in tal

modo

sviluppandosi,

reali condizioni dell' Italia, e cos,


di.

un

diritto

del tutto straniero,

si

adattasse alle

perduto

il

non da

altro intro-

carattere

dotto e conservato che dalla forza della conquista, potesse quivi acquistar consistenza, e durarvi lunganiente:
e invero le altre leggi barbariche, tranne che in tenui

tracce raccolte dalle leggi posteriori, scomparvero dall'

appena cess la causa che ve l'aveva portate:


longobarda invece dur tanto, e tanto vi si approfond,

Italia,

la

EPOCA BARBARICA.

23

che non spio soiDravvisse al popolo cui era appartenuta,


m_a vi ebbe scuole e trattazione scientifica, contrast

campo

romano, si protrasse
pu dirsi fino ali" iniziarsi
della codificazione, e rest sempre uno degli elementi
costitutivi, quantunque in proporzioni minori degli altri,
energicamente

il

al diritto

nella sua viva applicazione

dei vari diritti che


16.

si

sono avuti in

Italia.

,Cluesto_ periodo dunque della massima im-

portanza come nella politica, cosi nella storia giuridica


dMtalia. LB^iianqjuista longobarda fu rapida e tenace
e j[uantuaq^Lie non si stendesse su tutta l'Italia, pure
:

non

vi fu parte di questa, eccettuate le isole, che

non

sentisse le conseguenze della presenza di questi nuovi

modo con

padroni, sia pel


la penisola

cui erano distribuiti lungo

loro dominii, e sia

per

la loro politica con-

tinuamente aggressiva.
barbari venuti in Italia

i Longobardi fu-j
Romani. Essi ven-j
nero come nemici dell'impero, e tali in sostanza rimasero sempre. Furono anche nemici della chiesa, da
principio perch non cattolici^ pioijjiop^ la conversione,

Frp, tutti

r ono quell i che pi differivano dai

pfjcch^jcontrastati

dai papi nella loro aspirazione al

Ma-Qlire a qiiestg, vi era una


pi intima ragione che teneva un popolo diviso dall'altro, ed era il diverso grado della loro civilt. La_.pjapopossesso di tutta

Lazione

Italia.

romana aveva corso

tutto

il

periodo

dell" incivili-

mejito, quale era possibile nelle condizioni dell'antichit,

oratrovavasi in profonda decadenza, ci non aveva


scomparire certamente tutti i prodotti della civilt
passata, tanto che questa pot nuovamente rifiorire,
quando s' indebolirono quelle forze estranee che l'avevano tenuta oppressa. Al contrario, la popolazione barbarica era ancora sui primi passi del proprio incivilimento; si trovava in un grado di sviluppo assai arretrato
e se

fatto

in confronto dei

Romani;

e perci, essendo riuscita,

non

PARTE SECONDA.

24

ostante questa inferiorit, a conservare la propria esistenza mediante V uso monopolizzato della forza ed il

proposito tenace di non lasciare

le nazionali consuetuprodusse in Italia stessa una sovrapposizione di


elementi diversi, che forma la qualit caratteristica
di quest'epoca, e d la spiegazione de' fatti giuridici in
essa avvenuti.
Fra i quali qui non interessa osservare che quello
della formazione del diritto. Se i Longobardi si decisero

dini,

a mettere in scritto le vecchie consuetudini, ci fu principalmente per salvarle da corruzione e da abbandono,


il che avrebbe portato la perdita del diritto nazionale,
ed avrebbe perci comprom.esso la vita stessa della nazione. Questa, in ultimo, cadde politicamente, perdendo
la indipendenza. Per mentre gli Ostrogoti scomparvero
dinanzi alle sconfitte che ebbero dai Bizantini, i Longobardi sopravvissero a quelle loro inflitte dai Franchi
perch mentre i primi non erano mai stati in Italia
altro che soldati, di modo che la dissoluzione dell'eser^li_ altri,
cito doveva portar seco quella del popolo
senza lasciare il carattere militare, che era la loro difesa, si erano anche, e principalmente, attaccati alla
:

come proprietari e lavoratori, e in questa loro


seconda qualit poterono ben resistere alle loro sventure politiche e militari, divenendo un forte elemento
terra,

della popolazione italiana.

E poich non

si

staccarono

mai, per quanto fu possibile, dal loro diritto, anche questo dur per secoli,

prendendo un posto prinma dando a quepossono ancora rintracciare.


non

solo

cipale nella storia del diritto italiano,


sto caratteri che

si

23

EPOCA BARBARICA.

Capitolo
17.

I.

U editto

longobardo/

corpo delle leggi longobarde vien chiamato

Il

dai suoi stessi autori ed in ripetute occasioni col nome


di editto,^ come gi quello delle leggi ostrogotiche (n.4).

ragione che gli Ostrogoti ne avevano avuto,


dipendenza dall'impero, ora non esisteva pi.
I Longobardi regnano per diritto di conquista; le loro
disp^osizioni sono veramente leggi ^ e perci se, ci non

Per

la

cio la

pstantOj le chiamavano editti, ci deve spiegarsi come


una conseguenza del loro adattamento alle idee romane,

che trovavano prevalenti in Italia. In ci la legislazione


longobarda si discosta fin da principio dalle altre leggi
puramente .germaniche, le quali, per ragione della loro
formazione popolare nelle pubbliche assemblee, hanno
ordinariamente il nome di patti (n. 36). Certo, anche le

assemblee longobarde hanno il potere legislativo ma in


esse l'autorit regia in continuo aumento, e la parte
:

Fertile, 13; Salviati, cap.

Ili,

35; Schupfer,

lib. I, tit. I,

2.

e. I,

SAVlGXr,

14;

II,

Brunner,

53; Merkel, Gesch. des Langohar-

denrechts, trad. nel III voi. Savignt, cit.

Calisse, Diritto

e dir. longoh.,

ecces.

Roma, 1889; Del Giudice,

tracce di dir. rom, nelle leggi longoh., Milano, 1889; '^\'&l,

Le

del diritto longobardo, Torino, 1877;


dico,

Solmi, Diritto long,

Le fonti

e dir.

nor-

Modena, 1898; Tamassia, Le fonti deVed. di Kotari, Pisa, 1889;

KlEB, Edictus Rotari. 1898.


DI

Ed. Bluhme nei Man. Germ. Leg. IV; Padelletti,


Vesme nei Mon. hisi. patr., 1855: list. 1885.

cit.;

Baldi

Prasenteni vero dispositiouis nostrse ediotura, quem


studio etc. ^ Grim. princ. Superiore paRothari rex ....
gina huius edicti iegitur etc. Liutpr. princ.
in Langobardis edictum renovavit atque instituit.
E infatti i re longobardi chiamano anche leges le proprie
-

Beo

RoT. 386

propitio,

cum summo

disposizioni. Rot. princ.

Necessarium esse prospeximus pr;i?sen Leges, quas


cristiauus ac

tera corregere legem.

Liutpr. princ.

catholicus priuceps etc.

PARTE SECONDA.

26

principale nella formazione della legge vi presa dal re,

che a volte ne comparisce come unico autore. Anche


sotto questo riguardo perci notevole il nome di editto.
18.
Un' altra prova della rapidit con cui 1' elemento indigeno" pot far valere efficacemente la pro-

pria' superiorit sul vincitore,

questo,

dal

fin

suetudini,

primo porre

si

serv della lingua che

si

fatto che

mostr nel

proprie con-

in scritto le
si

parlava dai

vinti.*

La lingua originaria fu abbandonata, e le parole longobarde furono, non in grande numero, conservate
soltanto nei casi in cui il legislatore non aveva le corrispondenti nel latino, trattandosi di concetti o d'istituzioni che il diritto romano non aveva conosciuto, e

a cui perci non aveva dato nel linguaggio giuridico


una propria espressione. Per da osservarsi che tali
vocaboli restano raramente nella schietta loro forma
Pur dovendo esser notissimi ai barbari, si

barbarica.

aveva cura ordinariamente


Si
di

di

latinizzarli o

spiegarli.

spiegavano, facendo con parole latine la parafrasi


quelle longobarde, per farne bene intendere il si-

gnificato.- Si latinizzavano, col

dare

alle parole

barba-

riche la forma latina, introducendole cos nel linguaggio parlato, dal quale talvolta non sono pi uscite,
diventando proprie della lingua volgare ' ovvero col
tradurre letteralmente il vocabolo barbarico con uno
latino di nuova formazione.* Oltre a ci, accanto a que;

Brukxer, Die Sprache der Langoharden, 1895.


RoT. 147 ferq-idn, id est simileni; 1^9 faderjo, id
est quantum pater aut frater dedit 277 hastct, id est irato animo
'

Eseiiij)i

hobero, id est cnrtis ruptura; etc.

'278:

Esempi: Hot. H: barone, uomo libero; 15, gnutado ; 198: camcampione; Liutpr. iS: tretva, tregua; Rack. 14: ici/a. biffa, ec.
* Per es.,
arimannus,, id est exercitalis. Notevole che lo
stesso procedimento avvenne nella lingua tedesca per la recezione
di una quantit di parole latine, che dagli scrittori o da altri fu3

jdiio,

rono letteralmente germauicizzate.

EPOCA BARBARICA.
ste varie

forme

di

21

vocaboli, gi comparisce manifesto

nel linguaggio dell'editto l'avvicinarsi dell'italiano. Tutto

non sono
scambiano; frequenti perci sono le preposizioni che segnano
casi
medesimi
il
futuro formato coli' ausiliare habeo,
donde la posteriore forma del futuro italiano la formazione del periodo si allontana pur essa dal latino
classico, e talvolta gi vi s' inframezzano parole che
possono addirittura considerarsi italiane.^ La lingua dell' edittOj^ jt] somma, quella stessa che viene adoperata
nei documenti del tempo, salvo un maggiore o minor
grado di correttezza, secondo la capacit degli scrittori
lo

annunzia.

suffissi de' casi delle declinazioni

tenuti in conto,

ma

si

abbandonano

si

che allora era parlata dai Romani in


quali, perci, anche da questo fatto si vede
da principio esercitassero sullo sviluppo della

cio, la lingua

Italia,

come

fin

societ barbarica un'azione decisiva.


19.

Se^ essi

prendessero parte alla compilazione

non si pu con sicurezza aflermare. Rotari


da principio accenna ai vecchi, ai quali egli erasi rivolto per conoscere e raccogliere le consuetudini nazionali, e questi erano certamente longobardi
nella
fine nomina il notaio Ansoaldo, che doveva colla prodell'editto

pria firma autenticare le copie

dell' editto,

questi

egualmente, come dimostrano il nome e 1' ufacio, era


un barbaro. Sicch, se anche i Romani furono adoperati nella compilazione dell' editto, la loro parte dov
secondaria. Con

per altro non si


esclude che, specialmente nelle aggiunte fatte all'editto,
esser del tutto

P. es.,

il

ci

genitivo pi spesso che dalla inflessioue latina in-

dicato dalla prepos. de;

il

latino ab, avanti

l'ablativo, si

cambia

in ad, che sta per tramutarsi in da, ec.


2

P. es. Rachi,

8:

decernimiis

alicui de aiqua res fecerit, et

stibus roYorata fuerit, etc. >

ut si quis

ad scrivane puhlico

cartola

vinditionis

scripta, vel

ad

te-

|
1

PARTE SECONDA.

28

dove pi abbondanti sono


canonico, e continui

somiglianza

le

tracce di diritto

romano

richiami, con identit o con molta

di frasi, alle costituzioni imperiali, alla bib-

canoni ed

ai padri della chiesa jion si esclude


che abbiano, con maggiore autorit ed efficacia, partecipato alla sua compilazione anche persone scelte fra
Romani, e soprattutto ecclesiastici. Questi erano in

bia, ai

credito dei pi dotti in

fatto

di

avevano autorit, massime dopo

lettere

di

scienze,

conversione dei Longobardi al cattolicismo, nella corte e negli uffici, prestavano in molteplici occorrenze l'opera loro allo stato, e
la

giovavano affinch la nuova legislazione non


non riuscisse ad essi contraria, ma crescesse fecon-

di tutto si

solo

daiaJLalla ispirazione della chiesa.


Le suddette due parti, o periodi di formazione, sono

nettamente distinte nell'editto. L a prima quella di


Rotari, che primo scrisse le leggi, e le ordin: il ^condo periodo quello formato dalle leggi degli altri
re longobardi, che non sono se non la continuazione del
codice stesso di Rotari, fatta in forma di aggiunta o
d'interpretazione od anc he di corre zione.

20.

Rotari,

17 fra

re dei Longobardi, raccolte,

coll^aiuto dei vecchi, le patrie consuetudini, data loro

legge scritta per opera di consiglieri suqi^connon esclusa per forse, come si gi detto,
pubblic il suo editto in Pavia,
i quella ancora di romani
iranno 8 del suo regno, 38*^ dell' et sua, 76^ dalla jve;

forma

di

nazionali,

nuta del suo popolo in Italia, cio neir anno 643. Egli
dice, nel proemio, che sollecitudine pei sudditi suoi, affinch i ricchi non prevalessero, non soggiacessero i
poveri, e tutti cos potessero
la ragione per cui

si

menar

vita tranquilla, fu

persuase a scrivere

le leggi.

ci

EPOCA BARBARICA.

29

ma

osservando che altrettanto avevano gi


detto Teodorico pel suo editto (n. 4; e Giustiniano pel
suo codice,* viene in mente che Rotari non abbia ci ripetuto che per imitazione, tanto pi che, continuando,
egli aggiunge come, per lo scopo suddetto, abbia in
animo, colla legge che si fa a pubblicare, di emendare
tutte le leggi passate. La qual cosa non essendo possibile, non avendo anzi significato alcuno per lui, cui ogni
logge preesistente mancava, conferma che i compilatori dell' editto trascrivevano, anche senza darsene ragione, simili dichiarazioni die si trovavano nei gi esistenti codici, come di fatti l'anzidetta di Rotari si trova
integralmente in qualche parte rinnovata del diritto di
Giustiniano.- La vera ragione che indusse il re longobardo a dare al suo popolo un codice di leggi scritte, si
deve cercare in generale nelle mutate e pi progredite
condizioni del popolo stesso, le quali rendevano oramai
sar stato

inadatte e insufficienti le antiche consuetudini.

Composto r

editto,

il

re,

per dare ad esso

legge, lo sottopose, secondo

provazione

dell'

e di tutto

il

il

rito

efficacia d

nazionale, all'ap-

assemblea, composta dei grandi ufficiali


popolo in armi {cum primatos iudices
cunctosqtie felicssimiim exercitum nostrum) ^^W che
vuoldire con l'intervento dei Longobardi, ma con esclusione dei Romani, politicamente posti in condizione in-

non partecipando co' vincitori al governo dello


Approvato dall' assemblea, 1' editto fu divulgato
peTjutto il regno, mediante copie che dovevano esferiore,
stato.

sere autenticate,

come

testi ufficiali, dalla

firma del re-

gio notaio Ansoaldo.


21.

Da ci risulta che una prima ed essenziale

ferenza fra r editto

di

Rotari e

Condii, de ofo coi. fac, 3


Nov. VII, prefaz.

le le^rgi dei suoi

dif-

succes-

Xuv. LXXVIII e LXXXII.

PARTE SECONDA.

30

che T uno e gli altri si proposero.


il popolo suo di un codice di leggi
scntte, e fece opera nuova, richiesta dalle condizioni,
ia cui il popolo stesso si trovava i suoi successori invece, ebbero per scopo migliorare e completare il diritto gi scritto, in conformit dell' esperienza che se
ne veniva facendo, e dei nuovi principii che il progressori nello scopo,

R otar

volle dotare

sivo incivilimento introduceva nella societ longobarda.

E come conseguenza

di ci, si hanno fra i due gruppi di


non meno importanti differenze. L' una
che nell'editto di Rotari fu accolto il puro diritto

leggi altre due

dei Longobardi, di carattere schiettamente germanico,

come

si

vede specialmente nelle regole concernenti la

patria potest, la successione, la vendetta privata, la

pena pecuniaria, non senza per tracce degli elementi


che tn da antico aveano nel diritto dei Longobardi
trasfuso

popoli venuti con essi a contatto, quali fu-

rono principalmente

gli

nelle leggi successive^

Scandinavi ed
al contrario,

Sassoni

(n. 42)

ebbero assai pi

larga parte quegli elementi nuovi, acquistati sul suolo

romano, che erano causa delle modificazioni che in esse


avvenivano. L'^Ura differenza clie le leggi ji^steripri,
in conformit del loro carattere e del loro scopo, furono una serie di disposizioni diverse, prive _dL quelr ordinata distribuzione, che fu invece data alle materie
contenute nell* editto di Rotari. In questo infatti si
tenuto un sistema, che agevolmente si ravvisa, e pel
quale, prescindendo da qualche incertezza od irregolarit, si possono le materie trattate distinguere in generale secondo 1' ordine seguente
I (cap. 1-152) diritto penale^ con riguanlo- pai^-ticolare ai reati di carattere politico e a quelli contro 1" incolumit delle persone.
:

II

(cap.

53-206) jii ritto di famiglia, con con nessione

a quello successorio^ cps^ ripartito

EPOCA BARBARICA.

(cap.

153-177) enedit

31

matrimoniD e difesa dell' ordine


familiare, con repressione dei reati che ad esso si rih (cap. 178-223)

feriscono

e (cap. 224-226)
Ili

manomissioni.

(cap. 227-366) di^^itto

giudiziaria, e

precisamente

patrimoniale e sua tutela


:

a (cap. 227-358) propriet, contratti, reati contro


patrimonio
)
(cap. 359-366) procedimento.
IV (cap. 367-388) supplemento di cose diverse.
22.
Co n ragione l' editto di Rotari tenuto come
la migliore delle opere legislative dei barbari. Essa
si scosta dal carattere di una semplice compilazione,
e prende forma ed ordine a s, quale opera da ogni
altra indipendente
come si scosta pure dall' altro cal'altrui

rattere,
serie di

comune
nude

alle leggi barbariche, di

essere una

disposizioni, sorgendo, invece, a dar di

esse la ragione, a tentar definizioni, a svolgere prin-

che sono spesso di. unajiotevole elesi deve riconoscere l'influenza

cipii di diritto,

vatezza. Anclie in ci

romana, perch

alle altre leggi, non egualmente a


contatto della romanit, non avvenuto altrettanto.

questa sua ordinata sistemazione pu anche veuna ragione del non esser mai stato Y editto,

In

dersi

come ad altre leggi avvenuto, alterato nella sua


prima formazione dalle leggi posteriori, quantunque
queste ne modificassero, e talvolta assai sensibilmente,
i

principii.

Dichiarando

re che egli

si deciso a scriver le
specialmente per i deboli
e i poveri, affinch non soffrano oppressione
e chiudendo il suo editto coir ordinare che debba essere da

leggi pel

bene

il

di tutti,

ma

Nel proemio.

|
*

PARTE SECONDA.

32
tutti

suoi sudditi fedelmente osservato

*
;

izisulta evi-

dente come 1* editto stesso fosse una legge obbligatoria


per tutti, tanto, cio, pei Longobardi come pei Romani.
Da ci, per, non deriva la conseguenza che per gli uni
il diritto. Dove il leaveva una pubblica ragione che richiedesse il contrario, dove non era interessato un Longobardo, si lasciava che i Romani si
reggessero col diritto proprio, come con le antiche con-

conie per

gli altri fosse unificato

gislatore tacque, dove

non

si

suetudini della propria nazione continuavano a reggersi

sizioni

vincitori. Rotari non volle regolare con dispocomuni che una parte della vita giuridica del

suo popolo.

Il

resto lasci nello stato in cui era, salvo

che volle, in certo modo, provvedere anche al passato e


al futuro. Pel tempo passato egli prescrisse che T editto
non dovesse avere aflQcacia retroattiva se non parzialmente, dichiarando che le cause gi decise non dovessero essere riaperte, ma le altre, che si trovavano
tuttora in corso di giudizio, dovessero, invece, esser
riprese e continuate in conformit della nuova legge.'
E in quanto al futuro, Rotari previde che altre consuetudini potessero essere raccolte ed inserte nel codice,
il

quale perci egli non dichiar ultimato e chiuso,

ma

volle anzi che rimanesse aperto a tutte quelle aggiunte

e correzioni, che da lui stesso o dai suoi successori

si

sarebbero reputate necessarie.'

23.

2.

Aggiunte

re che lo seguirono approfittarono, espres-

samente dichiarandolo,*
detto, qual sia

'

386

il

di tale facolt. Infatti, gi si

carattere generale delle leggi de'suc-

hc-ec lex....

firmiter et inviolabiliter ab

subiectis custodiatur. >


*

all'editto.

Gbimoaldo, Proemio.

'

388.

omnibus nostris

386.

EPOCA BARBARICA.

33

cessori di Rotari
modificare in meglio il diritto longobardo precedente, portando all'editto aggiunte e correzioni. Incominci Grimoaldo nel 668. Coir approvazione
:

dell'assemblea, egli vofle togliere dall'editto ci che,


non essendo pi conforme agi' inciviliti costumi, vi

appariva come troppo severo ed ingiusto, e ci fece


con nove capitoli, ne' quali l'influenza di maggiore civilt trasparisce nell' aumentata efficacia del possesso
trentennale, nel diritto di rappresentanza concesso ai
nepoti, nelle successioni ai loro avi in concorrenza cogli

nella difesa pi valida data al vincolo coniugale.


Segu Liutprando, che dal 713 al 735 mostr una grandissima attivit legislativa, aggiungendo 153 capitoli,
zii,

volumina, e corrispondenti
assemblee nelle quali egli present, per l' approvazione, le sue proposte di legge. Il bisogno di questa produzione legislativa veniva a Liutprando da pi
cagioni. Una fu l'autorit che, durante il suo regno^
aveva acquistato la Chiesa fra i Longobardi, e della
quale egli era l'istrumento principale per piegare il
diritto alle massime da essa proclamate. Egli ci pone
come scopo dell'opera propria, dichiarando fin dal prindivisi in 15 gruppi, detti
alle varie

cipio di voler servirsi della facolt data

modificare

1'

da Rotari, per

editto nel senso di accostarlo alla legge di

Dio, secondo che questi ispira al suo cuore, e secondo


che necessario pel bene spirituale de' sudditi, e per
meritare la pace e la prosperit del suo regno. E a
questo suo concetto rest sempre fedele furono infatti
:

Liutprando, a cui talvolta ne fece domanda


direttamente il papa,* che introdussero nel diritto lon^
le leggi di

gobardo non pochi dei principii predicati dalla chiesa,


come si pu averne esempio a proposito dei testamenti
in vantaggio dell' anima,^ degl'impedimenti matrimo*

LiuTP., 33.

M. B.

Calissk.

I.

ivi^

PARTE SECONDA.

34

manomissioni col rito religioso,' del riconoscimento del primato pontificio,' dei privilegi concessi
agli ecclesiastici, delle pene contro gli avanzi dell' an-

niali,* delle

tico

paganesimo

restati fra

il

popolo,* e di molti altri

provvedimenti, tanto nelle istituzioni politiche e giudiziarie, quanto in quelle private della famiglia e della
propriet. D'altra parte, contribu ampiamente alla
legislazione di Liutprando anche il diritto romano, di
cui si hanno tracce sensibilissime, pur prescindendo
dall'abbondante imitazione di frasi e concetti, nelle riforme portate nei diritti successorii delle donne, nella
tutela dei minori, nella prescrizione, nel testamento,

neir ipoteca e in quasi ogni punto del diritto. In terzo


luogo, r opera legislativa di Liutprando trasse ragione

e materia dall' incremento che


torit dello Stato, dalla

andava prendendo

l'au-

sistemazione sempre migliore

pubbliche istituzioni, e in generale dallo sviluppo intellettuale ed economico del popolo. Per prova
di ci basta osservare il fatto che molte leggi di Liutprando non sono che sentenze, il che vuol dire che a
farle egli era provocato dai suoi sudditi stessi, che non
trovavano nelle leggi gi esistenti le norme a loro
necessarie, o sentivano il bisogno che queste fossero
modificate. Avveniva, perci, che nelle assemblee si
portassero al suo tribunale questioni, la cui soluzione
implicava o la interpretazione o la riforma di qualche
legge precedente, od anche la determinazione di qualche nuovo principio giuridico. Decisa la questione, si
toglieva tutto ci che era proprio del caso particolare,
di tutte le

poneva fra

e la

massima generale

non

di raro si dichiara essere stata

si

le leggi, nelle quali

questa

la

occasione

della loro formazione.^

i^i^ 9^ 23.

Ivi, 33.

Ivi, 33, 34.

Per csonipio, 127, 135, 136, 137, 138, 141.

ivi, 84, 85.

EPOCA BARBARICA.

35

Lo svolgimento dell'editto continu ancora, dopo


Liutprando, per altri due re, Rachi cio, che nel 746
aggiunse altri quattordici capitoli, e finalmente Astolfo,
che fu r ultimo legislatore della dinastia longobarda,
e che co' suoi nuovi ventidue capitoli, degli anni 750
e 754, introdusse alcune importanti riforme sulle manmn[ssipj3Ltestamentarie, sull'usufrutto vedovile e su
altri casi, che erano restati non preveduti. Che anche
queste ultime leggi facciano parte integrante dell'editto
dichiarato dai loro autori medesimi, dicendo Rachi
che con esse egli ha voluto correggere alcune disposizioni deir editto, che gli pareva ne avessero bisogno,
e ripetendo Astolfo che le sue leggi devono aumentare
composto dai suoi predecessori.*
il regno longobardo, come le istituzioni
e le speranze della nazione ebbero rifugio nel ducato
di Benevento cos accadde ancora del diritto, che, per
opera dei principi beneventani, pot avere un ulteriore
svolvimento. Arechi, subito dopo la caduta del regno,
pubblic diciassette capitoli, ed altri otto, dopo la met
del secolo seguente, se ne ebbero per opera di Adelchi.
Questi capitoli, secondo la mente dei loro autori, dovevano far parte dell' editto nel prologo infatti di Adelchi
si ricorda ancora una volta la facolt data da Rotari ai
suoi successori di correggere ed ampliare l' opera sua,
secondo che ne veniva il bisogno; si aggiunge che di
l'editto gi
24.

Caduto

si era giovato Arechi, il quale, imitando i


re della sua nazione, aveva migliorato l' editto coi ca-

tale facolt

che

aveva

fatto inserire

e si conchiude che
duca Adelchi,-.L_cuL. capiapprovati dall'assemblea, pur si vuole che siano

pitoli

vi

altrettanto vuol fare egli,


toli,

considerati

longobarda.

il

come parte integrante della legislazione


N a ci contradice il contenuto dei capi-

Rachi, Pro). II

Ast., Prol.

ii

I
-

f ARTE SECONDA.

36

toli stessi beneventani, il quale anzi in corrispondenza


con quello delle leggi dei re longobardi, cui di continuo
si richiama, e cui porta eziandio miglioramenti, con
modificazioni talvolta molto importanti, e tali sempre
che mostrano il progresso fatto dai sentimenti e dai bi-

sogni del popolo. Cos, per esempio, da Arechi abolita,


chiamandola empia, la legge di Rotari, che dichiarava
nemico della propria famiglia chi donava ad estranei la
sua parte del patrimonio domestico da Arechi stesso
si danno pi minute determinazioni, che prima non si
avessero, per valutare il guidrigildo, cio il prezzo da
pagarsi dall' omicida alla famiglia dell' ucciso o ad altri
pi non si vuole che, quando
in mancanza di questa
il marito divien servo di taluno, cui abbia per reato
fatto danno, avvenga altrettanto anche della moglie innocente, la quale rimane libera, ed al marito si deve
concedere dal padrone il tempo necessario, perch' egli
possa, lavorando, provvedere al sostentamento di lei
una legge di Adelchi fa vedere che il fisco non usava
pi del diritto, che le antiche leggi gli davano, di far
serve le donne libere, che si fossero maritate a servi,
e comanda che esse non vengano anzi divise mai dai
un' altra toglie l' inconveniente, per l' inloro mariti
nanzi lamentato, che ogni persona potesse scrivere,
come di fatto scriveva, i pubblici atti, e ne d auto:

In .questo modo T editto


longobardo non soltanto si manteneva sempre in vigore
nel popolo, ma veniva anche adattato al progressivo
mutamento delle sue condizioni. E poich ci avvenne
neir Italia meridionale, quivi, pi che nella settentrio^

rizzazione soltanto ai notari.

naie, che

pure ne era stata

la patria di origin_e^_reditto

lasci a lungo e vigorose le sue tracce.

EPOCA BARBARICA.

Capitolo IL

Fonti

37

minori

del diritto longobardo,


25.

Oltre le leggi inserte nell' editto, provvedimenti

anche

di altra natura furono emanati dai re longobardi,


uali per, per non essere stati sottoposti all'approvazione dell' assemblea, non erano veramente leggi, ed
i

non avevano, se non quella che poteva


autorit del sovrano, di cui erano ema-'
nazioni. Si chiamavano in generale capitiUa extra edic^
tum vagantia, in breve statuta, memoratoria, brevia,
iussiones, e non erano in sostanza che ordini che i re
davano su cose di lor competenza, od anche semplicemente progetti che si preparavano per l'assemblea, i
quali p otevano poi trasformarsi in vere leggi, se il popolo adunato li avesse approvati cos dice il re Astolfo
che egli, esaminando le istituzioni dei suoi predecessori, e alcune trovatene che non erano state unite alaltra efficacia

venir loro

dall'

editto, risolse di unirvele


all'adunanza del popolo.*
l'

egli, e

perci

le

present

Di tali atti restati fuori dell'editto


chi esempi. Si

ha

che una serie

rimangono parecde actoribus regis del 733,


norme date in sei capitoli agli am-

la noiitia

di

ministratori delle

Liutprando.

corti

regie,

probabilmente dal re

questo o a Grimoaldo attribuito il memoratorium de mercedibus magistri conimacinorum

una particolareggiata tariffa dei prezzi dei diversi


i magistri commacini^ cio i maestri muratori, che, conducendo seco gli esercenti anche de' mestieri affini, andavano fabbricando in pi di
una parte d' Italia di loro aveva dovuto fin da Rotari
ossia

lavori che facevano

Prol. II.

PARTE SECONDA.

38

occuparsi T editto, per stabilire la responsabilit dei

danni e degl'infortuni che nei loro lavori avvenissero.^


Di Rachi si hanno egualmente alcuni capitoli fuor dell'

editto, de' quali

uno d norme per la custodia dei


per la licenza di andare a Roma

confini del regno e

pellegrinando; un altro riguarda alcuni privilegi dei

persone addette

gasindi, ossia delle

regi

modo

alla corte del re

il

in

special

terzo contiene disposizioni

In quanto alle armature ed ai cavalli, di

che

manni, cio

esercito, do-

gli

uomini

liberi

componenti

vevano essere provveduti.^


26. Anche dei duchi di Benevento
alle leggi

da loro fatte

l'

si

gli

ari-

hanno, oltre

in continuazione dell' editto, al-

cuni atti di diritto pubblico, che sono trattati

Napoletani, cio le pactiones de lihuriis

fatti coi

cum Neapo-

Johannis
pacturn Sicardi. I contraenti
si assicurano a vicenda, con tali trattati, sulla libert
di passaggio per il loro territorio, sulla garanzia delle
litanis factoe, le pactiones Gregorii ducis et

considis neapolitani e

il

merci, sul rispetto alla propriet, sulla estradizione,


contro

le

invasioni dei Saracini, contro

il

traffico degli

importante una disposizione del patto di


Sicardo, colla quale si reprime il diritto di naufragio,
allora in voga in tutta Europa, stabilendosi che le persone dei naufraghi debbano rimaner libere di se, e si
debban loro restituire tutte le cose che altri, nell'occasione dell'infortunio, avesse loro involato. Una disposizione analoga nella legge udinese, contemporanea
a questa di Sicardo (n. 90).
Restano finalmente anche
capitoli, che sono ventotto, fatti fra Radelgiso e Siginolfo per la divisione del
ducato di Benevento, quando, nell'BSl, se ne stacc la
parte da cui fu formato il principato di Salerno.
schiavi

RoT.,

14-i,

Uh.

Rachi,

4,

13.

U.

EPOCA BARBARICA.

Tra

39

accessorie del diritto longobardo


conviene__porre anche le consuetudini popolari, delle
27.

le fonti

^g^uali. si__gi.

detto

come non

tutte fossero state scritte

Ael^codice, essendosi ci fatto soltanto per quelle che


si trovavano in relazione con que" pubblici interessi,
da' quali

il

legislatore

si

modo occupare.

volle in special

Altre restarono immutate, e continuavano ad essere


osservate tanto nei tribunali, quanto negli affari privati,

come

talvolta dichiarato dall' editto medesimo.

Per esempio, Liutprando dichiara che

vari prezzi del

guidrigildo sono stati stabiliti dalla consuetudine

al-

trove dice che, quantunque non sia scritto nell'editto,


pure per antica consuetudine il fisco ha sempre avuto

succedere ai servi manomessi per mezzo


quando muoiano senza discendenza la donazione, si trova scritto in altra legge, non valida se
non accompagnata dal launegildo, cio da un compenso qualsiasi da parte del donatario, perch, se ci
non dichiarato dall'editto, cos vuole la consuetudine,
secondo la quale si sempre giudicato similmente, in
mancanza della legge, i giudici hanno fatto sempre osservare la consuetudine per la quale il colono, che fa
acquisti mentre sta sul fondo altrui, deve su questo
stesso fondo lasciare le cose che ha comprato, contenta-ndosi di riceverne dal padrone il prezzo realmente
il

diritto di

del re,

sborsato.*

Da queste ultime

vede che anche

dichiarazioni del legislatore

giurisprudenza contribuiva alla


conservazione ed alla formazione del diritto. Gi si
detto che in gran parte le leggi di Liutprando altro
si

la

non furono che sentenze. E qiiesta relazione fra sentenza e legge tanto apparisce pi manifesta e pi efficace, se si osserva che si 1" una come l' altra erano
opera dello stesso potere dello Stato,
I,

133.

cio, dell'

assem-

PARTE SECONDA.

40

blea xjopolare, la quale colla potest legislativa congiungeva, almeno nelle cose pi gravi, anche la giudiziaria.

Titolo Secondo,
periodo franco.
28. Le istituzioni del tempo dei Franchi, e quella
massimamente dell' impero, che fu nella persona di
Carlomagno rinnovato V anno 800, produssero impor-

tanti effetti sulle condizioni del diritto. Gioiti pi popoli,

che non

si

avessero negli stati precedenti,

uniti sotto l'autorit imperiale,


diritti fossero posti gli

e ci

trovarono

si

fece che

uni accanto agli

molti

con pari
diritti po-

altri,

erano i
che fece, fra
le altre, sua attribuzione anche la formazione del diritto. Imperocch, se si riguarda ci che air autorit
imperiale veniva dal diritto romano, si trova per essa
sancito il principio che V imperatore sia fonte di legge,
per abdicazione che d' ogni suo antico diritto il popolo
se si considera ci che era dato all'impero
gli ha fatto
dall' elemento ecclesiastico, si viene al concetto che l'autorit dell'imperatore derivi da Dio, che sia egli perci indipendente dal popolo, e che debba, senz' altrui
partecipazione, dare quelle leggi che gli sembrano pi
convenienti alla missione di condurre il popolo stesso
verso il proprio miglioramento. Era dunque schiusa,
riconoscimento ed

polari,

ma

efficacia. Questi

sovr' essi

si

elev V impero,

nella potest dell'imperatore,

una nuova fonte

di diritto,

quale ne scatur copiosamente, pur non inaridendo


l'altra del diritto popolare, anzi fecondandola e rendendola migliore. E poich la base dell' impero era romana
il

e cristiana, ebbero

romano

nuova

e pi

vasta efficacia

e quello canonico. Della quale, oltre

il

diritto

ad esserne

EPOCA BARBARICA.
conseguenza
diritto

che

emanato

diritti

41

pi dei principii che formavano


dall'

imperatore, sentirono

nuovo

efYetto

an-

popolari, che ne furono spogliati di ci che

gi appariva in essi troppo antiquato. Di

medesimi

1"

il

diritti

non

modo che

questi

solo ne riportarono interno miglio-

ramento, ma perdettero le pi dure antinomie fra loro,


e incominciarono a prendere quei caratteri pei quali,
superato il periodo del contrasto maggiore fra i contrari
elementi, si doveva aprir la via alla costituzione di u
diritto nuovo ed unico, quale poi fu il diritto italiano.

Capitolo

I.

I capitolari.*

che emanava dal sovrano, e speciallo scopo che questi aveva


di guidare al progressivo miglioramento, morale e materiale, il popolo, non era legge propriamente detta,
perch tale nel tempo barbarico, come nell'antica Roma,
29.

mente

Il

dall'

diritto

imperatore, per

non poteva essere che

il diritto alla cui formazione anche il popolo partecipava. Juttavia, il diritto regio conseguiva nella pratica la efficacia della legge, per ragione
della prevalenza che la rinnovata monarchia aveva

preso sulle antiche istituzioni popolari. Parecchi fatti lo


e lo spiegano. Innanzi tutto non si avevano pi

provano

nello stato quei discendenti degli antichi capi popolari,

quali erano stati

proprio diritto
ai

sommi
*

duchi longobardi, che avevano per


e potenza
ora tutti, dai minimi

uffici

ufficiali,

erano divenuti impiegati, che

Fertile, 30; Salvigli,

p. II, e. 5

Schupfek, pag. 117

il

re

e seg.

Brun-ner, 54.

Gaudenzi, Capitolari nel

Digesto italiano, 1887; Patetta,

Sulla introduzione in Italia della

Collez.

di Ausegiso, Torino, 1890;

BoEETIUS, Die Capitularien im Langohardenreicli, Halle, 1864;

lo Stesso,

Beitriige zur Capitxdarienkritih, Lipsia, 1874.

Ediz.

Boretius-Krause

Padelletti,

cit.

nei

Mon. Germ., Leg.

sect. II,

1883

e seg.;

PARTE SECONDA.

42

n ominav a, sorvegliava, rimoveva, e faceva perci strumento de' suoi interessi e de' suoi voleri, senza che essi
potessero esimersi dall' eseguirne e farne eseguire i comandi. In secondo luogo, le assemblo non accoglievano
pi la massa degli uomini liberi, che, disseminata in
vasto territorio, trattenuta dagl' interessi locali, impedita dai pericoli e dalle spese dei viaggi, sempre pi
si disinteressava dalla partecipazione alle cose del governo ma, per la presenza quasi esclusiva di coloro
che tenevano ufficio, ed erano perci dal re dipendenti,
si erano trasformate in consigli, di cui il re stesso si gio:

vava per r accrescimento del proprio potere. vero


che i tribunali popolari rimanevano, ma sopra di essi
stava il tribunale aulico o regio, le cui sentenze, emanazione diretta della potest del sovrano, non solo non

potevano essere contradette, ma si ripetevano poi, nei


principii giuridici che contenevano, presso i tribunali
minori, ogni volta che l'analogia dei casi lo richiedesse.
L'intera costituzione si era dunque piegata sotto il
peso dell'autorit regia, che era giunta ad aprirvi molte
vie per dare efficacia alle sue disposizioni anche di carattere legislativo. Alle quali, oltre le cose anzidette,

non mancava da parte del re la sanzione. Egli ne garantiva la esecuzione aggiungendovi il hann o. Era questo una multa, ma da tutte le altre si distingueva pel
suo particolare carattere, in quanto che il re la imponeva non come vindice del turbamento che, col fatto
colpevole, si veniva a fare della pace pubblica, della
quale egli era il protettore ma come personalmente
offeso egli stesso, per la violazione di qualche comando
che egli aveva emanato, e che perci nel hanno, come
si detto, veniva ad avere una sanzione, che gli assicurava efficacia non inferiore a quella della legge. Altra
e non men importante causa del valore degli atti regi
si ebbe nelle speciali relazioni che il re veniva pren;

EPOCA BARBARICA.
dendo ogni giorno con un

43

numero sempre maggiore

suoi sudditi, quelle relazioni cio che poi

dei

furono feu-

sudAitLMji!Ii^lavano_al re colla fedelt, ossia


una particolare servit, in forza della
quale dovevano obbedirne i comandi il re a sua volta
dali.

colla, promessa di

dava ad essi i beneflcii, cio le terre in feudo, che poteva ritogliere nei casi d' infedelt, e con ci impediva
che agli ordini suoi_non si desse obbedienza.
Singolare in tutto ci T analogia che il diritto di
fonte imperiale presenta con quello onorario dei Romani,

quale neppure esso era legge, ma di questa praticamente conseguiva l'efficacia, mediante il potere del magistrato e dei mezzi di cui questi poteva disporre. N
il

l'

analogia finisce a riguardo solo del

ma

diritti,

allo

valore dei due

continua, e strettissima, in quanto anche

scopo della loro formazione ed al risultato del-

Come, infatti, il diritto pretonuovi elementi, che si erano sviluppati in Roma, tendeva a migliorare il diritto civile, col
toglierlo alla sua antica rigidit, e coli' avviarlo a potersi accomunare anche con altri, che non fossero i
l'azione da essi spiegata.

rio,

servendosi

soli cittadini

di

pi

di

cosi

il

civili principii,

diritto

imperiale,

alimentandosi

e questi riversando sulle

leggi de' popoli barbarici, le fece

rozze
progredire verso il

perfezionamento e l' unificazione del diritto, mediante


norme comuni per correggerne le naturali asprezze e
per adattarle alle nuove condizioni della societ.
30.
1 provvedimenti, sia
legislativi che amministrativi
di qualunque altra natura, che il re emanava
per sua autorit, si gi detto che comunemente eran

chiamati notitice, hrevia, decreta, anctoritates, edictania^quando tali provvedimenti diventarono la


(n. 25)
fonte del particolare diritto di cui il principe fu autore,
presero anche caratteristicamente un'altra denomina:

zione, e fu quella di capitoli e capitolari.

Il

nome era

PARTE SECONDA.

44

antico, trovandosi gi usato nell' editto longobardo

Liutprando
i

da Astolfo,

d^

quali per capitula intendono

per capitidare l'insieme

singoli articoli dell'editto, e

degli articoli, cio l'editto medesimo.*

MA il jSenso

de-

terminato di disposizione regia con efficacia legislativa


ne fu preso quando tali disposizioni furono realmente
possibili, collo svilupparsi cio del diritto regio, e

ci neir

epoca franca, quando

surrog

la

per-

la dinastia de* Carolingi

merovingica.

Lajnfluenza del linguaggio ecclesiastico probabilmente non vi fu estranea la chiesa chiamava capitoli
:

canoni dei concilii e


e

stici,

si

di

degl' istituti

ecclesia-

passaggio della parola dalle leggi canoniche

il

a quelle

regole

le

pu essere facilmente ammesso, quando

civili

pensi che queste non erano spesso che ripetizione


ci

che

le altre

avevano

era, nella legislazione

stabilito, e

come

in

pubblica, l'unione che lo stato

Posto

ci,

s'

intende come

che strettissima

tutta quanta la vita

manteneva

il

colla chiesa.

contenuto e

il

valore

debbano essere in piena corrispondenza


con quelli del diritto regio, che ne era il fondamento.
Il contenuto erane vastissimo, imperocch su tutte le

dei capitolari

civili e religiose, pubbliche e private, politiche e amministrative, giudiziarie e militari, commerciali e scolastiche, interne ed internazionali, stendeva
il re la sua autorit, e portava la sua opera rinnova-

materie,

trice. In
di

quanto

al valore,

capitolari

avevano carattere

legge generale, avevano cio capacit di stendersi,

senza riguardo a differenze di nazionalit o di altro, a


appartenenti all' impero, come generale per
tutti era l* autorit che li emanava, e che verso tutti
aveva comune V ufficio di esser guida al conseguimento
tutti gli

dei fini sociali.

LiuTf B., Epilogo

dell'

anno

Ast., Prologhi agli anni I e Y.

tPOCA BARBARICA.

4o

dovevano essere fatti noti e dovevano


consexiiansi. In quanto alla pubblicazione, si poteva
fare in pi modi
se v' era stata la dieta, se ne davano copie ai grandi intervenuti ad essa, che le portavano nei loro distretti, e quivi le pubblicavano, facendole leggere nelle chiese, nelle adunanze ed in altri
convegni del popolo ovvero il capo della cancelleria
I

capitolari

ne spediva copie autenticate ai maggiori funzionari,


laici ed ecclesiastici, i quali facevano altrettanto coi
loro subalterni, e questi cosi verso i minori, in modo
che a tutti se ne diramava la conoscenza o finalmente
s* incaricavano i messi regi di portare nei distretti, nei
quali dovevano compiere le loro annuali ispezioni, i
capitolari novellamente emanati. Per la loro conservazione, se ne depositava l'originale nell'archivio o
tesoro regio. Non v'eran per registri, non s'imitavano i commentarii degli archivi imperiali romani, e
quindi, oltre che ingombro, ne veniva impossibilit di
:

riscontro, e pericolo di dispersione

rono

neppur

moltissimi fu-

impepoteva pi ritrovare o ricordare, tanto da esser


costretta essa stessa a ricorrere alle collezioni che ne
infatti

capitolari che

la cancelleria

riale

furono fatte.
31.

Non

lari si

ostante

le loro

qualit comuni,

dividono in pi specie o gruppi.

capito*

Una prima

di-

visione deriva dalla natura delle loro disposizioni, ed


quella di capitolari ecclesiastici o secolari. Gli eccle-

contengono materie riguardanti le persone, pauffici od altri interessi della chiesa, e spesso
altro non sono che i canoni o i decreti emanati dai
concini
dai papi, che l' imperatore, nella sua qualit
siastici

trimoni, gli

di

protettore

della

fede,

inseriva fra le leggi civili

per dar loro la sanzione dell'autorit dello stato. Tutti


gli altri sono capitolari secolari o mondani, e potevano
a loro volta essere di pi specie ancor essi. Si distin-

PARTE SECONDA.

46

guono,
si

'

infatti, in

generali e particolari,

riferiscono a tutto V

secondo che

impero o ad una sola sua parte.

Pi importante la classificazione, derivata dailo scopo


che i capitolari si propongono, secondo la quale essi
sono
aggiunti alle leggi o da queste indipendenti.
I primi, i capitula legihus^ aclderKXa^ sono quelli che si
davano per aggiunta o per correzione di legge esistente,
sia che fosse una determinata legge popolare, come
quelli aggiunti alle leggi sassone, salica, bavara, ripuaria, longobarda, sia che si riferissero al complesso
di leggi diverse. Incorporandosi, come sue parti integranti, alla legge, ne prendevano i caratteri, e primo
quello di formare un diritto personale, non obbligatorio se non per coloro che di quella legge si erano dichiarati seguaci: per, nel secondo de' casi anzidetti,
cio se i capitolari riguardassero tutte in generale le
leggi
quelle che si avevano in un determinato paese,
come erano, per esempio, i capitolari italici, la loro efficacia si stendeva a tutti gli abitanti del paese stesso,
le cui condizioni giuridiche si volevano regolare. In secondo luogo, per dar loro maggiore efficacia, si sottoponevano ordinariamente tali capitolari all' assemblea
popolare, ed in tal modo diventavano legge propria-

ma ci non era necessario, e spesso la


presentazione loro aFassemblea non era se non comumente detta

nicazione, ovvero era anche surrogata dalla sottoscrizione, che se ne faceva fare ai grandi ufficiali del paese.

Tale indipendenza era effetto della autorit regia, che


portava la sua azione, libera da ogni altra ingerenza,
dovunque ne vedeva il bisogno: tanto vero che capitolari aggiunti al diritto romano, considerato anch'esso
in quest'epoca come diritto personale, non se ne hanno,
e per dichiarazione stessa dei legislatori/ perch te'

Edicf, piatense, 864, C. 20, ec;

BoBETICS,

I,

1-15.

EPOCA BARBARICA.
nuto come

4"?

persona alcuna non possa recar


miglioramento, sebbene appunto verso esso il legislatore
avrebbe avuto maggior libert di azione, non avendo
verso i Romani, pe' quali rappresentava il potere dogi'

diritto cui

imperatori antichi, quei vincoli

costituzionali

che

aveva verso barbari.


L' altro- gruppo dei capitolari, ca^itulajoer se scrih^nda^ composto di quelli che, senza aver relazione
con legge alcuna in particolare, sono dati per tutti i
sudditi, con valore territoriale, non personale. In .questi propriamente si mostrava il vero diritto regio, e
per mezzo di essi raggiungeva il suo scopo. Erano indii

pendenti dal voto popolare, traendo efficacia soprattutto,

come

si

detto, dal

hanno

e dal

giuramento

di

fedelt: ci per non escludeva che talvolta l'assem-

che dipendeva dal non esil potere regio e il diritto


popolare, or l'uno prevalendo ora l'altro, secondo la
qualit delle persone e secondo le condizioni del paese.
Di modo che, se avveniva talvolta, quando l'autorit
regia preponderava, che i suoi provvedimenti, anche
non approvati dal popolo, fossero da questo ritenuti
come legge ed applicati perfino nei tribunali popolari
nel caso contrario, avveniva ancora che il re chiedesse,
il popolo lo costringesse
a chiedere il voto dell'assemblea su ci che per s stesso ne avrebbe potuto
anche essere indipendente. Come il re era autore di
questi capitoli, cos poteva, o lo stesso che li aveva
pubblicati
un suo successore, dichiararli aboliti.
Tra i capitoli che non andavano a far parte di leggi
preesistenti, se ne avevano alcuni di un carattere speciale, detti capitula missorum, che riguardavano le relazioni fra il re ed i messi, cio quei magistrati che egli
periodicamente spediva nelle varie parti dello stato,
per avere informazioni sulla condotta dei suoi dipenblea vi fosse consultata.

Il

sere ben definita il confine fra

PARTE SECONDA.

48

denti e su quant' altro fosse di pubblico intt resse. Contenevano perci questi capitolari le istruzioni che si
davano ai messi per adempiere gli uffici di cui erano
incaricati; per esempio, la indicazione del come cono-

scere la variet delle leggi personali (n.51): ovvero

contenevano

date a domande
messi presentavano in relazione al
loro ufficio per esempio, che dovessero, trovandosi di
fronte al diritto romano, fedelmente applicarne le disposizioni:
potevano finalmente contenere anche le delegazioni di poteri, come allorquando s" incaricavano i
messi di risolvere qualche causa, che sarebbe stata di
competenza sovrana, o di bandir la leva, o di fare
qualche altro atto, che avrebbe ecceduto i loro natule soluzioni e le risposte

e a questioni che

rali poteri.

32.

Per

il

numero

dei capitolari e

per

loro pubblicazione e conservazione, presto


tire

per

il

si

il

modo

di

fece sen-

bisogno di farne alcune raccolte sistematiche,

ed al pericolo di smarrimento.
provvide in modo ufficiale, cio per opera
della potest pubblica. Come in Roma, innanzi ai tempi
teodosiani, cos ora fu T opera di persone private che
volle soddisfare al bisogno generalmente sentito. E si
ebbero varie raccolte, fra cui due che meritano una

sottrarli al disordine

ci

non

si

speciale attenzione.

La prima

fu quella dell'abate

segiso di Fontanelle, nella diocesi di Rouen,

An-

uomo

di

famiglia nobile e di strette relazioni colla corte dei Carolingi. Affetto pe' suoi principi,

amore per

la scienza,

desiderio del bene della chiesa e del popolo, dice egli

che furono le cause che lo indussero a por mano


lavoro, che egli termin nell'anno 827. Divise
capitolari raccolti in quattro libri, ponendo nel
quegli ecclesiastici di Carlomagno, nel secondo

al

suo

tutti

primo
quelli

pur tali di Lodovico, nel terzo quelli secolari di Carlomagno, e gli altri secolari di Lodovico nel quarto. Nel-

49

EPOCA BARBARICA.

r interno di. ciascan libro segui l'ordine cronologico. Ai


quattro libri aggiunse poi tre appendici, contenenti i
capitolari dei messi, ed altri che prima non aveva co^
i capitolari raccolti sono ventinove, e ci
mostra quante dispersioni gi fossero avvenute ai tempi
di Ansegiso, perch di quel tempo, al quale limit egli
la raccolta, molti pi capitolari si possiedono oggi,

nosciuto. Tutti

avendo pi che quadruplicato quel numero


edizioni.

ultime

le

stessa ragione della difficolt di avere

La

spiega come V opera di Ansegiso ottenesse molta


diffusione, trovandosene numerosi manoscritti, alcuni

testi

de' quali italiani,

che fa supporre V uso della colle-

il

zione anche in Italia, e spiega ancora

zione stessa

si

come

alla colle-

desse ben presto valore officiale

Lo-

dovico, dovendo ricordare capitolari suoi e di suo padre

Carlomagno, ne faceva la citazione secondo Ansegiso


Carlo il Calvo ne fece far copie per darle ai messi, in
sostituzione di antichi capitolari, che pi non era possibile rintracciare. E questa fortuna fu, se non pel resto, meritata dall' opera di Ansegiso per la fedelt con
;

cui riporta

testi,

le divisioni di

materia

al

salvo alcune piccole varianti,

un capitolare

in

come

due, per adattare la

disegno dell'opera sua stessa, dove tenne

distinta la parte ecclesiastica da quella laica.

Altrettanto non

nome

pu
met

si

capitolari che, sulla

dire dell' altra collezione di


del secolo

IX, apparve col

Benedetto Levita. Notizie prese dai prologhi,


che precedono T opera stessa, uno in prosa ed un altro
in verso, farebbero credere che l' autore fosse diacono
della chiesa di Magonza, e che, per ordine dell'arcivescovo Aucario, avesse continuato l'opera di Ansegiso,
aggiungendovi in tre libri, che cos vengono ad essere
i
libri 'IV, V, VI dell'opera intera, ed in quattro appendici, tutti quei capitolari che Ansegiso non aveva conosciuto, e che egli aveva di qua e di l rintracciato, cerdi

ila.

B.

Calisse.

I.

PARTE SECONDA.

50

eando specialmente nell'archivio magontino. E a' suoi


tempi fu creduto, ed ebbe autorit. La sua raccolta, invece, non^ che una falsificazione, appartenente a quel
gruppo delle falsificazioni franche del secolo IX, a cui
appartengono anche i capitoli di Angilramno e le false
decretali. Ci

si

fa evidente innanzi tutto dal materiale

che l'autore vuol far credere

stesso della raccolta,

tratto dai capitolari, ed al contrario preso alla rin-

fusa dalle fonti pi varie, dal codice di Teodosio, dal

breviario di Alarico,

dall'epitome

di

Giuliano,

dalle

leggi popolari, dalla bibbia, dai canoni e dai padri della

chiesa. Vi son poi notizie che scoprono per s

l'inganno,

come

quella che

Magonza per ordine

dell"

il

stesse

libro sia stato scritto in

arcivescovo Aucario, mentre

successore di questo, Rabano, non

lo conosce ancora,
ed esso al contrario notissimo in quel tempo stesso
per la Francia occidentale. E qui fu infatti la sua
patria, e la ragione era nello stato di disordine che
vi aveva la chiesa, il quale, avendo a s interessati
i laici, e non potendo perci essere allontanato per le
vie ordinarie, si cerc di rimuoverlo per altra via, col
far comparire come disposizioni di vecchi capitolari riil

non aventi perci bisogno di sanzione di re


parlamento alcuno, quelle riforme che si stimavano necessarie, sia contro abusi lamentati, sia per
trovati, e
di

crescere l'indipendenza del clero di fronte al potere


secolare. Era un immaginato diritto acquisito, a cui si
faceva ricorso, E non diversa ragione hanno avuto le
false decretali dette d" Isidoro, che coi falsi capitolari

hanno comune

il tempo, lo stile, le
fonti e
Questa raccolta non rimase sconosciuta all'Italia, specialmente per il credito che le
dette, fino a che non se ne dimostr la falsit, l'auto-

fors'

anco

la patria,

gli autori.

rit della chiesa.

Per

l'Italia,

delle altre parti dell'impero, in

trovandosi, nel mezzo


una speciale condizione

EPOCA BARBARICA.
politica,

non tanto us

pitolari,

quanto

33.

di quelle

Imperocch

5J

delle raccolte straniere de'ca-

che

in Italia,

le

la

furono sue proprie.


quale era costituita

regno autonomo, ed aveva, in paragone delle altre


nazioni, condizioni di civilt pi progredite;
quantunin

que, per esser parte dell'impero, dovesse esser


soggetta
anch'essa all'espandersi della legislazione derFvante

sovrano; tuttavia, per l'unione del-

dall' autoritc del

l'una cosa coir altra, ci


tale

da

anche

costituire,

avvenne

in

modo

speciale, e

un proprio

coi capitolari,

di-

ritto italico.

V'erano

infatti

capitolari generali,

quali,

avendo

valore su tutto l'impero, dovevano anche per


l'Italia

avere efficacia, perch o per s stesso li emanava


l'imperatore, e questi aveva anche sull'Italia la sovranit;

approvava l' assemblea generale, e a questa g" Itacome tutti gli altri popoli, e sia pur soltanto per
mezzo dei grandi ufiiciali, specialmente ecclesiastici,
prendevano parte. Tuttavia g' Italiani misaro innanzi
la pretesa, appunto per le loro speciali
condizioni giuli

liani,

'

ridiche e politiche, che

i detti capitolari dovessero


sottoassemblea propria del regno, affinch potessero quivi tenersi come legge. Carlomagno
si oppose,
ed a Pipino re d'Italia scriveva che non
dovesse tenere in conto le ragioni contrarie, e per tutto il
regno
facesse che si obbedissero i capitolari da lui emananti.'
Anche Lodovico il Pio, sull'esempio paterno, non
cedente. Ma quando si fu al momento in cui la
monarchia,
indebolita e combattuta, ebbe bisogno
dell'aiuto dei
grandi, diventati ormai feudatari, ci che prima
veniva
fermamente negato dov pur concedersi, e nell'
832
Lotario I dov proporre all'assemblea in Pavia
la re-

porsi

all'

visione di tutti

Gap,

MI,

ed.

capitolari, a cominciare

Padelletti.

da

quelli

di

'

PARTE SECONDA.

52

Carlomagno, e farne una


stitiitiones Papienses,^

scelta,

wqWq

che fu quella delle Consenza

dMdX]. furono allora

pi contrasto accettati molti dei capitolari generali,


trasformati per cosi in capitolari speciali per V Italia.
quali per altro

si

erano sempre avuti, e per opera

tanto di Carlomagno quanto dei suoi successori, nell'impero e nel regno d'Italia, cio di Pipino, Lodovico I,
Lotario, Lodovico

II

gli altri,

che continuarono que-

sta legislazione, sono fuori dell' epoca franca propria-

riguardavano gl'interessi
per
se scrihenda o legibus addenda i primi avean valore
territoriale per tutti i regnicoli, senza distinzione di
secondi doveano unirsi
i
nazionalit, ossia di diritto

mente

detta. Questi capitolari

particolari del regno, e potevano essere anch' essi


:

alle

varie leggi vigenti in Italia,

ma

difatto

al

solo

longobardo, perch al diritto romano gi si


detto come i capitolari non facessero aggiunte e molto

diritto

meno

correzioni, e in quanto alle altre leggi popolari,

ad esse aggiunti non erano speciali per


stendevano il loro effetto soltanto perch quelle leggi anche qui, pel principio della personalit, aveano vigore. Di modo che i capitala legibus
addenda propri dell' Italia sono quelli ad legem Langobardorum addita, che hanno valore soltanto per i
seguaci del diritto longobardo, e di questo formano veramente la continuazione e lo svolgimento. Come per
la conquista franca nel 774 non venne a fine il regno
dei Longobardi, ma soltanto se ne mut la dinasta e
in gran parte la costituzione, cosi anche il diritto longobardo continu, e lo stesso Carlomagno dichiara che
vuol migliorare 1' editto, sia per aggiungervi ci che
i

capitolari

l'Italia,

ma

vi

*
e HiBC sunt capitula quae dom. Lotharius lex, una cum consensu fidelium suorum excerpsit de capitulis Karoli avi sui ac Lu-

dovici genitoris sui.

EPOCA BARBARICA.
vi

53

ha trovato mancante, sia per determinare cose dubmodo che non si dia luogo ad arbitrio di giudici o

bie, in

a violenze di potenti. E infatti, se qui fosse il luogo di


esaminare ci che i capitolai franchi hanno portato
nel diritto longobardo, si vedrebbe che il tutto in perfetta corrispondenza collo scopo che per essi il legislatore
vi. introdotta una maggior tutela ed insi proponeva
:

sieme una maggiore vigilanza, come voleva lo spirito


di quel tempo, sopra gl'interessi della chiesa; vi si fecero riforme riguardanti l'amministrazione della giustizia, sia nei magistrati, sostituendo specialmente a
tutti gli uomini liberi gli scabini, sia nella procedura,
sia nel sistema di repressione dei reati pei provvedi;

menti

di interesse

privato molto

fece pel

si

buon ordine

matrimonio, per la
responsabilit individuale, per la costituzione della propriet e in generale si dettero disposizioni per adattare l'antico diritto longobardo alle mutate condizioni
della famiglia,

per

la dignit del

politiche e sociali.

Ora, come si erano fatte raccolte dei capitolari generali dell'impero, cos se ne fecero anche di questi
propri del regno d'Italia. Va innanzi a tutte le altre
il nome d JJ.a^itidareJtalicum, e che
appartiene alla seconda met del secolo X. opera
de' giuristi pavesi, e ne sar fatto cenno a suo luogo

quella che porta

(n. 88).

34.

C omun que

si

riguardino

capitolari, o diffusi

su tutto rimpero7~o determinati per una sua regione,


limitati ad uno scopo speciale, essi si vede sempre
che abbracciavano tutto il diritto, nel senso pi vasto
in che questo pu essere inteso. Erano legislativamente
ci che politicamente le stesse istituzioni imperiali, le
quali avevano in essi il mezzo principale di conseguire
lo

scopo a cui erano dirette, unificare la societ in quella


politica e morale, che era rappresentata dal-

armonia

PARTE SECONDA.

54

l'unione formatasi fra la chiesa e l'impero, senza, per,


togliere le autonomie particolari delle varie genti, che

aggruppavano. Perci, come si


sostituiscono pienamente al diritto preesistente, formato dalle varie leggi barbariche,
ma gli si pongono a lato, per aiutarne lo svolgimento,
per correggerlo, per supplirne le mancanze, per coordinarlo nella unit dello scopo finale e supremo. naturale dunque che i capitolari siano stati non solo la
fonte pi importante di diritto per l' epoca loro, ma
che i loro effetti si siano intesi a lungo anche nelle
epoche succedute, essendo essi stati una delle forze pi
neir impero stesso
detto,

capitolari

si

non

si

civilizzatrici della so^cielaT

aspetti, alle costituzioni

medievale,

simili,

sottovari

imperiali, che con lento

incessante lavoro compirono

1"

edificio

del diritto

ma
ro-

mano, introducendovi l'elemento della universalit,


della filosofia morale e finalmente anche del cristianesimo.

Capitolo
35.

rum),

II.

Le

leggi popolari.*

Popolari, od anche barbariche {leges harbarochiamano, in questa epoca, le leggi che sono

si

fatte dal popolo, nelle popolari

assemblee: questa

la

loro caratteristica differenza dai capitolari. Di tali leggi


la pi

importante per

Longobardi.

Ma come

l'

Italia quella

nell'

senza dubbio dei

impero erano raccolti pi

^ Fertile,
12; Salvigli, p. II, e. 4; Schupfer, pag. 45 e seg.
Brinxer, R. Gesch. cit., 37 e seg.
Lo stesso, Grundz'ge clt., 13; Davoud-Oghlou, Hist. de la
lgislat. dea ancieia Germains, Beri., 1845; Gaudekzi, Zrt legge salica
e gli altri dir. germanici, Bologna, 1884; Gexgler, Germanisehe Rechts-

dcnkmater, 1875; Stobbe, Geich. der deut. Uechtsquclen, Braunach., 1860.


Ediz, gcner.: Canciani,

Walter, Gorijm

Barharorum

{uria germanici

Mon. Germ. sono citate

leges antiqu(e, Yen.,

antiqui,

alle singole leggi.

1781-92;

BciL, 1824. Le ediz. nei

EPOCA BARBARICA,

55

popoli, senza che alcuno perdesse la propria esistenza

comune, cio ai casingole leggi popolari

giuridica; cos, accanto al diritto


pitolari generali, esistevano

1p.

e poich, per cagione delle relazioni che l'impero

aveva
stabilito fra i vari popoli, convennero massimamente
in Italia, centro dell'impero e della chiesa, non solo
in grande numero i Franchi conquistatori, ma tante
altre persone di diverse nazionalit cos furono quivi
introdotte e praticate anche le leggi anzidette, alcune
;

delle quali vi

acquistarono diffusione e saldezza no-

tevoli.

La fonte originaria

delle leggi popolari erano le an-

tempo

tiche consuetudini, che venivano di

messe

in

tempo

in scritto. Di questo fatto,

che si svolse dalla


seconda met del secolo V, quando cadde l' impero di
occidente, sino al principio del secclo IX, la causa fu

nuova civilt, colla quale


barbari vennero a trovarsi in contatto entrando nel

in generale la influenza della


i

romano. La loro societ ne fu tutta e profondamente cambiata.


La fine dell'impero fece passare il diritto di far leggi,
territorio

gi proprio soltanto dell' imperatore, in coloro che si


trovavano padroni delle provincie, gi state parte delE il bisogno di farne era grave
l' impero medesimo.
un popolo si trovava allora accanto all'altro, diversi
ambedue per costume, per interesse, per condizione
politica; si doveva stabilire ci che ai vinti si concedeva, ci che da essi si domandava si dovevano regolare, con ogni possibile precisione, le relazioni fra
vinti e vincitori, senza di che lo stato non avrebbe
avuto ordinamenti sicuri si doveva infine evitare che
il diritto puro dei vincitori non si corrompesse accanto
ai nuovi elementi, come sarebbe inevitabilmente avvenuto, se si fosse lasciato nello stato consuetudinario. Cosi scrissero le leggi loro i Longobardi, i Franchi
:

PARTE SECONDA.

56

ed

altri popoli. Altri invece, quali

pi settentrionali,

Carlomagno, perch il consolidarsi delle istituzioni monarchiche fu un'altra causa


per far scrivere le leggi, non solo a fine di ben deter^
minare i poteri della monarchia, la cui presenza alterava i puri ordinamenti barbarici ma anche affine di
reprimere, stendendo su tutti eguale autorit, gli abusi
di potere, che i forti potevano fare e facevano di fatto
a danno dei deboli. Questa ragione ricordata tanto da
Teodorico (n. 4), quanto da Rotari (n. 17), e Carlomagno, che tutto fu inteso all'incremento della autorit
imperiale, non trascur questo mezzo potentissimo, e
perci, oltre ad aver scritto numerose leggi esso stesso,
nell'anno 802, adunata un'assemblea ad Aquisgrana, vi
si occup della compilazione delle leggi dei vari popoli
componenti Y impero, ordinando che fossero rivedute
ed emendate quelle gi scritte, e che le non scritte
cos'i si ebbero o si migliorarono i vari
si scrivessero
le scrissero

per ordine

di

codici delle leggi barbariche, che

si

sono fino a noi con-

servati.

K deve dimenticarsi la importanza delle condizioni


economiche e religiose. Lo stato economico dei barbari
fu tutto rinnovato, dopo che essi ebbero preso possesso
delle terre romane. Il valore delle cose e il modo di
determinarlo cambiarono. Nuovi interessi sorsero. Ma
sopra tutto da osservarsi che il sistema delle pene,
che di regola erano tutte pecuniarie, dovette, pel nuovo
fatto,

mettersi anch' esso in relazione con concetti e con

regole che nelle antiche consuetudini non si avevano, e


ci fu una prima ragione per cui s' intese il bisogno

tramutar quelle in leggi scritte, le quali infatti, massime le pi antiche, non consistono se non in elenchi
di multe determinate per ogni singola specie di reato:
il diritto penale ed il processuale sono quelli che fordi

mano

la

massima parte

di tali

legislazioni.

barbari

EPOCA BARBARICA.

57

religione dai Romani, per

quale

ebbero inoltre la
molte nuove leggi si dovettero fare, che fu necessario
mettere in iscritto, non solo perch, essendo nuove,
non si trovavano nelle consuetudini popolari, come
quelle che riguardavano le relazioni dello stato colla
chiesa, o la speciale condizione degli ecclesiastici ed
ma ancora perch erano talvolta contraaltre simili
la

rie alle consuetudini

medesime, come accadeva

di quelle

che, per diffondere la religione nuova, vietavano e punivano, negli ultimi loro avanzi, gli antichi riti pagani.

Finalmente da ricordarsi che fra


duplice influenza dei
diffuse presto

Romani

barbari, sotto la

degli

ecclesiastici,

una cultura assai notevole

del loro antecedente stato, e ci dovette

si

in confronto

naturalmente

contribuire a far loro migliorare le proprie leggi, e

quindi assicurarle colla scrittura.


36. -^Quando si doveva scrivere

una legge, come

ancora quando la si doveva in qualsiasi modo correggere, si convocava Y assemblea popolare, presso la
quale risiedeva, colla sovranit, il supremo potere
legislativo. per questo che le leggi popolari prende-

vano

il

nome

dpatti, corrispondente a quello pi antico

per indicare che la loro efficacia derivava dal


vincolo concordemente contratto, mediante l'accettazione che ne aveva fatto il popolo, non altrimenti di
di eica,

quanto, nella forma e nella sostanza, indicava il nome


per le deliberazioni degli antichi comizi romani.

di lex,

L'altro nome,

meno

frequente, di iudicia

si

riferiva

che erano tratte dalle sentenze dei tribunali,


sempre per per mezzo dell' approvazione dell' assemblea, che era tribunale talvolta essa stessa: e gli altri
nomi ancora, che pur s'incontrano, di editti o decreti
sono imitazione del diritto romano, e palesano la tenalle leggi

denza del principe ad attribuirsi una parte sempre pi


importante nella formazione delle leggi.

PARTE SECONDA.

58

Quelle infatti veramente popolari,

come sono

le

pi

antiche, sono state iniziate dal popolo, e da esso por-

compimento

tate a

si dice che
Franchi e dei
cap delle loro trib (n. 47)
cosi dovette essere ancora della pi antica legge alamanna, che si sempre
conservata col nome di patto (n. 44)
e cosi ancora
delle prime leggi di quei popoli, che pi si sono conservati immuni da elementi stranieri. Ma altre leggi
vi sono, e sono quelle per lo pi dei popoli che maggiormente hanno inteso V influenza romana, alle quali
il
popolo ha partecipato in molto minor misura, e comunemente non per altro se non per avere approvato le proposte presentate dal re, a cui dovuta la
parte principale in quest'opera legislativa: in questo
modo si fatto l'editto longobardo (n.17), le cui leggi
sono personalmente attribuite ai re, e del popolo altro
non si ricorda se non V approvazione fattane nelle assemblee; per simil ragione Gondebado, autore della
legge dei Borgognoni (n. 40), poteva dire che la legge
deriva dalla regia decisione e dal consenso di tutti
(ex tractatu nostro et communi omnium voluntate),
come poteva ripetere Carlo il Calvo che essa fatta
per decreto del re e per Y approvazione del popolo {lex
consensu popiili fit et constitutione regis).

fu fatta

cosi della legge salica

per comune accordo

di tutti

37.

In

un modo o

nell' altro che si venissero a


antiche consuetudini, era sempre
dare agli uomini vecchi, che meglio degli

mettere

in iscritto le

sistema

il

potevano conoscerle, 1" incarico di raccoglierle ed


ordinarle. Perci a persone della nazione medesima, cui
le leggi si riferivano, era regolarmente affidato V uffialtri

cio di dictare legem, colla qual frase, imitata dalle leges


dictandf" del questore romano, s'intendeva il formolare
le proposte di legge, fondate sul patrio diritto, che si

dovevano far poi approvare dall'assemblea.

vecchi,

EPOCA BARBARICA.

59

antiqui homines, sono ricordati da Rotari, come


che egli consult per ridursi a memoria le padella legge sa^
trie consuetudini e formarne V editto
lica detto che il re Teodorico elegit viros sapientes,
qui legibus antiquis eruditi erant: per quella dei Frisi
gli

quelli

Carlomagno incaric

sapientes

Wlemaro

Sasmondo
come

ed indicava egli stesso la legge popolare

(n. 43),

quella che era a sapientibus composita.

Le

passare alla scrittura, erano volte in


naturalmente, quello detto volgare, donde
nacquero poi le lingue romanze, e sparso di parole barbariche, che si latinizzavano letteralmente, o a cui si
dava anche soltanto la desinenza latina, come altrove
si detto (n. 18). Anche questo fatto, il prendere cio le
leggi, nel

latino, rozzo

prime leggi

scritte

forma

latina, fatto

che generale per

tutte le leggi dei barbari, eccettuata solamente quella


degli Anglosassoni, che fu scritta nel dialetto nazionale,

prova

dell'

alla qualit

influenza

romana

sul diritto barbarico.

della lingua corrispondeva quella

ancora

della espressione dei concetti, povera tanto e di pi faticoso lavoro, quanto pi le leggi sono antiche ed originali, e spesso

non

altro contenente che analisi dei pi

minuti casi di reato, e lunga enumerazione

di

pene cornon

rispondenti, e di multe specialmente. Imperocch


vi

si

metteva tutto

il

diritto,

ma

quella parte di esso

soltanto che le circostanze richiedevano.

sempre
di

lasciato alle consuetudini, e

si

Il

pi era pur

veniva, per via

successive aggiunte, incorporando alla legge scritta,


togliersi controversia, o allontanare pe-

quando voleva
ricolo di

dimenticanza o corruzione. Le compilazioni

rimanevano quindi sempre aperte


una compiuta simaterie, era per mezzo assai adatto al

delle leggi barbariche


alle continuazioni,

il

che, se ostacolava

stemazione delle
continuo svolgimento e perfezionamento del diritto, che
altrimenti, chiuso in un codice, si sarebbe, a non lungo an-

PARTE SECONDA.

60

dare, reso disforme dalle condizioni del popolo, le quali,

per r incipiente stato di civilt di questo, rapidamente


si trasformavano. Questo sistema fu comune a tutte le
leggi barbariche,
si

ma

modo

in

diverso. In alcune,

come

veduto a proposito di quelle longobarde, le aggiunte

non alterano la primitiva compila^


pongono successivamente accanto, di
maniera che si pu conoscere tutto il cammino che, nel
suo svolgimento, il diritto ha seguito in altre invece,
nella borgognona per esempio (n. 40), ci che si aggiunge s' inserisce tra le leggi precedentemente scritte,
l dove r affinit della materia lo richiede, sia consersia ancor sopprimendo la pi antica legge con
vando,
cui la nuova ha relazione, per guisa che ne avviene
che le parti non si possano distinguere, e si aggiri nee le modificazioni

zione,

ma

le si

cessariamente r oscurit intorno alla storia della loro


formazione.
38.

Tutte

le leggi

di loro differenze

ed

popolari dei barbari hanno fra

affinit.

Le differenze sono date

dai caratteri a ciascuna di loro speciali, e consistenti

principalmente nella variet della forma, nella diversa


misura delle pene, nella maggiore o minore partecipazione del popolo, nel contenere il diritto puro nazioneir averlo pi o

nale

stranieri, nella

meno

modificato da elementi

estensione che esse han preso, nella

loro et, neir essere state fatte

spontaneamente

per

ordine avutone. Le affinit derivano dalla comunanza


della stripe, a cui tutti i popoli germanici appartenevano come i vari dialetti erano derivazioni da una
:

lingua originariamente comune, cos da comuni consuetudini discendevano i vari diritti, nei quali si ripetono, sostanzialmente eguali,

concetti della composi-

zione nei reati, della giustizia popolare, del patrimonio


vincolato alla famiglia, della prevalenza dell'agnazione
sulla cognazione, delle limitazioni alla propriet indi-

EPOCA BARBARICA.

61

viduale, della successione necessaria, e di quanto altro

caratteristico nel diritto barbarico pubblico e privato.

Un'altra ragione, ma questa non comune a tutte,


che presentano alcune leggi fra loro,
stata la influenza che 1' una ha reciprocamente esercitato suir altra. Il qual fatto pu essere avvenuto in
doppio modo o stato conseguenza del contatto che
hanno avuto fra loro popoli di diversa legge, come
accadde ai Longobardi, che molto ritennero, nelle leggi
dell' affinit,

proprie,

del

diritto

dei Sassoni,

perch insieme con

questi venuti e restati per un certo

tempo

in Italia;

ovvero derivato dall' essersi, quando si dovevano tramutare in legge scritta le consuetudini di un popolo,
presa ad esempio la legge che un altro popolo ave\a
gi scritto per s, e della quale perci necessariamente
qualche traccia si riteneva: cos possono spiegarsi le
forti tracce di diritto visigotico che si trovano nella
legge dei Bavari (n. 45).
Secondo questi vari caratteri di affinit e di differenze fra le leggi dei barbari si cercato di farne alcune classiflcazioni, le quali per giova avvertire che
non hanno se non una mediocre probabilit di essere

interamente giuste, tanto pi che deve anche osservarsi come sulle circostanze particolari della compilazione delle singole leggi spesso si stia nel dubbio, per la
mancanza di memorie e pel fatto che il poco che esse
di s stesse dicono non sempre immune dal falso, ed
poi alterato da successivi rimaneggiamenti che se
ne sono fatti.
Ad ogni modo, i gruppi, fra i quali le leggi popolari
si sogliono dividere, sono quattro
quello gotico, formato dalle leggi dei Visigoti e dei Borgognoni il gruppo
franco, a cui appartengono le leggi dei Salii, Ripuari,
Camavi e Turingi il gruppo sassone, che abbraccia le
:

leggi dei Sassoni, degli Anglo-Sassoni, dei Frisi, e

per

PARTE SECONDA.

62

molte analogie quella ancora dei Longobardi, sebbene


questa abbia qualit che la rendono da tutte le altre
indipendente (n. 19); finalmente il gruppo svevo, del
quale fanno parte la legge degli Alamanni e l'altra, da
questa derivata, dei Bavari.
39.
Le due leggi dei Visigoti e dei
G?"w_piJO gotico.
Borgognoni, che formano questo gruppo, hanno fra loro
molte affinit, le quali costituiscono altrettante loro

caratteristiche differenze dalle altre leggi dei barbari.

Piuttosto che limitarsi a raccogliere consuetudini, o dar

poche norme per i casi pi urgenti, questi popoli hanno


avuto il pensiero di formare una legislazione completa,
sufficiente a regolare tutte le necessit della loro vita
pubblica e privata. In particolar

modo

in queste leggi

notevole la forte impronta del diritto romano, che ebbe


agio a penetrarle pi profondamente che altre dei bar-

non

perch esse

vennero costituendo fra poma anche e pi specialmente perch i regni di quei due popoli si fondarono
mentre ancora si reggeva l' impero, e per concessione
bari,

solo

si

polazioni intimamente latinizzate,

anzi di questo,

il

cui diritto perci,

come

di stato

sovrano,

dovevano rispettare e in parte anche seguire. Questo carattere delle due leggi si appalesa tanto nel loro contenuto, quanto nella loro forma, e non fu certo esso
r ultima causa per cui nelle provincie meridionali della

che fecero parte dei due regni, il diritto romano


modo da farle restar distinte dalle
settentrionali, dove ebbe la prevalenza il diritto barbarico, costituendo cosi fra le une e le altre una differenza
di condizione giuridica, che si mantenne per secoli.
Gallia,

pot conservarsi in

40.

Sulla

Borgognoni
*

HURK,

storia,
si

in

particolare, della Legge dei

sta fra molta incertezza, per le scarse

Dareste, La logomlettejn Journal des savants,


Hist. de la

format, de

la lai boiirgujnonne in

luglio 1891;

Kev,

llist.

de

POCA BARBARICA.
notizie e percli le successive

63

modificazioni non sono

state tenute distinte dal testo primitivo, e di tutto cosi


si

fatto

nere che

non poca confusione. Per certo si pu riteprimo autore ne sia stato il re Gondebado

il

(474-516), a cui la legge stessa ufficialmente riferita,


e

da cui prese

nome, chiamandosi essa gondebacla,

il

come gondebadi si chiamavano coloro che ne erano seguaci. Fu composta di costituzioni anteriori e di quelle
che fece Gondebado medesimo, il quale per mezzo di
un decreto, prima constitutio, la diffuse e la rese obil regno, non solo pei Borgognoni,
ma anche pei Romani, nelle relazioni che potessero
avere coi Borgognoni medesimi, soltanto per quelle a
loro particolari permettendo Fuso del diritto romano.
L' epoca non pu stabilirsi in modo preciso. Per si
suppone che il codice debba essere posteriore al 499,
perch attribuito al solo Gondebado, mentre innanzi
a quell'anno egli aveva regnato non da solo, ma coi
fratelli. E se pu prestarsi fede alla notizia della prebligatoria per tutto

fazione, la quale dice

secondo anno

Tanno

che la legge fu pubblicata nel


si avrebbe precisamente

Gondebado,

di

501.^

Fatto

il

codice,

zione legislativa

non cess
egli,

in

Gondebado

produ-

la

a somiglianza degl" imperatori,

promulg novelle, ossia altre costituzioni, le quali per


non furono aggiunte al codice in serie cronologica, ma
vi furono inserite alterando in esso la prima fisonomia.
Altrettanto

si

fece di quelle dei re posteriori, e special-

tlroit frau^. et tr.

XIII, 1867

Zeumer, Zur Textkrtik und Gesch.

der Lex Burgundionum, in Neu. Archiv. > XXV, 259; Bluhme, prefaz.
alla sua ediz. della legge, nei Mon. Germ., Leg. III. Altre cdiz.:

De

Salis,

ivi,

Leg.

sect. I, t. 2,

1892; Valentin-Smith, La

loi

gomhette^

Paris, 1889-90.
*

ScuuPFER,

questa opinione.

cit.,

pag. 90 e scg. conferma

con

altri

argoiiieiiti

PARTE SECONDA.

64

mente di Sigismondo, successore di Gondebado, al quale


pur si trova attribuita la legge borgognotta, e che, se
non ne fu l'autore nella forma che rest definitiva, pu
ben credersi che con nuove disposizioni la rendesse pi
completa, secondo l'esigenze dello sviluppo sociale.
A questa incertezza della formazione storica corri-

sponde la mancanza di un sistema di distribuzione per


le materie poste nel codice, tanto pel contenuto, quanto
per r epoca loro. Vi si possono per raffigurare tre
gruppi: il primo, dal titolo 1 al 41, apparisce come
il pi antico, e forse formato
dalle costituzioni che
Gondebado conserv de' suoi predecessori; il secondo,
dal titolo 42 all' 88, posteriore, avendo forma migliore,
menzione di date, motivazioni, richiami alle leggi del
primo gruppo, che talvolta ne sono corrette, e potrebbe
essere la revisione fatta da Gondebado medesimo l' ultimo, dal titolo 89 alla fine, il pi confuso, non deve
aver sempre fatto parte della legge, ha elementi diversi, e pu essere stato specialmente il risultato delle
aggiunte di Sigismondo.
Caduto, nel 534, per la conquista de' Franchi il regno
di Borgogna, la sua legge, quantunque, perch di ariani,
combattuta dal clero, non perdette valore, ma rest
come legge personale degli appartenenti alla naziona:

borgognotta.

lit

41.

devono

Pi importante la legge dei Visigoti.^ Si


questa legge distinguere due periodi di for-

in

Bluhmr, Zur Textkritik dee Weatgothenrechta, Halle, 1872; Dahn,


WUrzburg, 1872; Gaudexzi, Un'antica compilat.
di dir. rom. e visig. con alcuni framm. delle leggi di Eurico, Bologna, 1886; RlNAUDO, Legge dei Visigoti, Torino, 1878; Tardip, Le$
Waitz,
legea Wiaigothorum^ ia NoUT. Rev. histor., > XV, 1891
Ahhandlungen zar deuttch. Ver/assunga und Rechttgeach., 1896; Zedmek,
Geacli. der Weatgoth. Oeeetzgehung, in Neu. Archiv., > XXIII, XXIV,
XXVI. Ed. Zeumkr, Legea WBgothorum antiquiorei, Hanuov., 1894.
^

Westgoth. Studien,

EPOCA BARBARICA.
corrispondenti a due

inazione,

65

sue diverse compila-

zioni.

La prima conosciuta col nome di antiqua, perch


con questa indicazione sono notati i capitoli che di essa
furono conservati od anche semplicemente ricordati
nella compilazione posteriore. L'ultima forma che V antiqua ha preso derivata da revisioni ed aggiunte fatte
alle disposizioni di

questi fu
t'

il

Isidoro,

precedenti legislatori.

vescovo

primo fra

che dice che sotto questo

di Siviglia,

re ebbero per la prima volta

mentre

11

re Eurico (466-483), per testimonianza di san-

Visigoti leggi

scritte,

erano governati con il diritto


consuetudinario. Ci confermato dalla corrispondenza
che le sue leggi hanno colle condizioni de' tempi che
immediatamente succedettero alla fine dell'impero di
occidente, e nelle quali Eurico dovette avere la principale cagione per dare un codice al suo popolo, sia per
l'aumento d' indipendenza che il suo Stato dovette conseguirne, e sia per la nuova condizione in cui veniva
a porsi tutta quanta la societ.*
E infatti questa legge, oltre ad essere la pi antica
fino

ad allora

fra tutte quelle

si

ne fu anche riguardata
di guisa che se pu supporsi che altri popoli ne prendessero motivo per porre
anch'essi le proprie consuetudini in scritto, per
certo che se ne giovarono, trovandosi tracce, pi o
de' barbari,

come un esempio da

imitarsi

meno notevoli, della legge visigotica in quella salica,


burgundia, longobarda e specialmente nella bavara.
Secondo la stessa testimonianza d' Isidoro di Siviglia
^

Ad

Euiico furono

attribuiti alcuni frammenti di leggi, scoNuovi frammenti deV ed. di Eurico, in Riv. Ital.
per le se. giur., VI, 1888. Per questa opinione non stata generalmente accettata, e piuttosto si ritiene che possano quei frammenti
riferirsi al diritto ostrogoto in Italia
cfr. Schupfek, cit., pag. TS
e seg.; P.atktta. in Arch. giurid., XXII, XXIII,
189S.
perti

da GaiideUE

jU.

h.

CAJLj.

I,

PARTE SECONDA.

66

Eurico avrebbe avuto revisione ed


aumento dal re Leovigildo (569-586), e similmente, se-

la legislazione di

condo altri, avrebbe fatto il figliuolo di questo, Reccaredo (586-601), che ne avrebbe avuto ragione nel mutamento della religione, che nel suo popolo avvenne,
dair ariana nella cattolica. Ma queste ed altre modificazioni, intorno a cui non pu aversi sicurezza di notizie, non alterarono profondamente la compilazione
originaria di Eurico, la quale rimase come codice fondache

le

mutate condizioni

questo non resero necessario

il

mutamento generale

mentale del regno,

fino a

di

anche della legislazione. I due fatti pi importanti, che


condussero a questo risultato, furono la sempre crescente autorit della chiesa e la fusione sempre pi
intima che a poco a poco avveniva fra le due parti
della

popolazione,

la

cos infatti

cio, e la romana.
doveva venir meno, e

barbarica,

Quindi, la duplicit del diritto

accadde sulla met del secolo VII, durante

regni di Chindasvindo (641-652) e Recesvindo (649-672).

E poich

dei

due

diritti

nessuno poteva

luto essere imposto air altro,


terzo, in conformit delle

ma

in

modo

asso-

doveva formarsene un

nuove condizioni del popolo

re suddetti dovettero pubblicare molte leggi,


e Recesvindo specialmente, che dichiar abolito il breviario alariciano (n. 8), e, riunendo colle proprie leggi

ambedue

quelle che potevano conservarsi dSiW aitiqua e le altre di Chindasvindo, fece il secondo codice visigotico,

quello che conosciuto col nome di legge dei Visigoti,


pubblicato nell'anno 654 e reso obbligatorio tanto pei
Visigoti come pei Romani. Questo codice, a differenza

precedente, che non ha divisione sistematica,


progressivamente numerati, diviso, a somiglianza del codice di Giustiniano, in dodici libri, che

di quello

ma
si

capitoli

suddividono in titoli, e questi in capitoli o costituche portano il nome dell'autor loro, come nei

zioni,

EPOCA BARBARICA.
codici romani,

antiqua
di

coli'

oppure

la indicazione,

altra di noviter

67

come

si

emendata, quando

detto, di
si

tratti

vecchie disposizioni riportate con qualche mutamento.


Ma non fin qui la compilazione della legge, che i re

posteriori vi riposero mano. Ad Ervige (680-687) specialmente ne attribuita una nuova ed ampliata redazione {Lece Wisigothorum Eringiana), ed Egica, sulla
fine

quel secolo, vi aggiunse alcune novelle, e fu

di

imitato da suo

figlio

Witica (701-710). Lo

stile del

co-

dice ampolloso e prolisso, frequenti sono le riflessioni

morali, lunghissime le motivazioni, le disposizioni hanno

forma

di

comando

migliore, per, di tutte le altre leggi

barbariche ne la lingua, come di tutte le altre pi


civile il suo contenuto, stante la forte imitazione del
diritto

romano

e dei canoni della chiesa. Perci fu tolto

ad esempio dalle legislazioni barbariche, di molte delle


quali fu certamente una fonte importante, e tanta autorit acquist presso il popolo, che esso sopravvisse
alla caduta del regno, nei luoghi che rimasero immuni
dal dominio degli Arabi, e fu ripristinato in quelli che
se ne liberavano, come avvenne, per esempio, in Cordova, per la quale Ferdinando III di Castiglia fece, nel
secolo XII, tradurre in castigliano il codice visigotico,
fuero de Cordoba, secondo le ultime revisioni che ne
erano state fatte.
42.

Gruppo

sassone.

pongono

in

prescindere dalla legge


in uso in Italia, si

non venne
questo gruppo la legge

degli Anglo-Sassoni, che

dei Sassoni stessi e

quella dei Frisii.

La

legge dei Sassoni^ anch'essa fra quelle le cui

origini sono avvolte nell' oscurit. Si disputa se

debba

Gaupp, RecM und Ver/assung der alteri Sachaen, 1837; Merkel,


Lex Saxonum, 1853; Richthofen, Zur lex Saxomim, 1868; Usixger,
Forischungen zur Lex Saxonum, 1867. Ed. Richthofen', nei Mon.
Gemi.
Letjcs, V.
*

7>

PARTE SECONDA.

68
ritenersi tutta di

una formazione, ovvero

vi si

debbano

riconoscere parti diverse per et e per caratteri, che


poi sarebbero state insieme aggregate. Questa seconda
per l'opinione a cui si deve far preferenza, perch
realmente, senza aver riguardo a distinzioni minori, la
prima parte della legge {lex Saxormm) sostanzialmente diversa da quella che segue. Si_ compone essa dei

primi venti capitoli, tutti di diritto penale, e contiene il


puro diritto sassone, senza traccia di quello dei Franchi
sicch deve essere stata scritta innanzi alla conquista
di Carlomagno. La seconda parte invece {lex Franco:

rum)

risente moltissimo del diritto franco, riscontran-

dovisi affinit

di disposizioni e di frasi colla legge ri-

puaria, e facendosi ad essa richiamo nella capitulatio


de partibus Saxonice (782) e nel capitulare saxoni-

cum

(797), nei

fine

del secolo YIII, prese per regolare la condizione

del paese

da

provvedimenti cio che Carlomagno, sulla


lui

conquistato

dopo questo

fatto,

dun-

que, dovrebbe porsi la compilazione di quest'altra parte


della legge. E la legge intera, quale poi si conservata,

pu essere stata ricomposta in obbedienza all'ordine


che, come gi s' detto, Carlomagno dette, dopo l'assemblea di Aquisgrana dell' anno 802, che tutte le leggi
popolari fossero corrette e scritte. In quanto alle sue
specialit, due cose sono sopra le altre notevoli. La

prima

che la parte pi antica fa noto lo stato sociale

del popolo,

non dimostrando l'esistenza che di due classi


unicamente tratta, e che pro-

di persone, delle quali

fondamente divide, dei


dire dei semiliberi, in

nobili cio e degli aldi, vale a

modo che

la classe

mediana

dei

semplici liberi par che non fosse ancora sviluppata.


La seconda che questa dei Sassoni la pi severa

dando comunemente, ed anche per reati di lieve importanza, la pena di morte.


Per il vedere che nella parte pi antica le pene sono

fra tutte le leggi popolari,

EPOCA BARBARICA.

69

pecuniarie, fa supporre che questo incrudelimento de-

continuo stato

rivi dal

trovava contro

avevano

di

guerra, in

Franchi, e

di fortificarvi la

dall'

clie

il

paese

si

interesse che questi

propria dominazione ed il crisi mostrarono a lungo

stianesimo, contro cui que' popoli

tanto vero che anche capitolari sassoni di


Carlomagno non sono meno severi, ed egli, per mitigarne secondo 1' opportunit la durezza, si riserba ampiamente il diritto di grazia.
ostinati

43.

La

legge

elei

Frisii

SchedaT Weser, diviso

fra lo

era propria del paese


in tre regioni dai corsi

intermedi della FU e della Lubiana, delle quali la parte


centrale era la dominante. Questa formazione del territorio corrisponde a quella della \QggQ. La parte pi

Frisionum, composta

lex

antica,

divisi in capitoli, contiene

ventidue titoli
o comuni,

di

norme generali

in cui ogni parte del paese segue il medesimo diritto; e d norme particolari, quando avviene
il contrario, nel qual caso accanto
alla regola, che si
osserva nel capoluogo, si pongono le varianti che si
hanno per le altre due regioni. Seguono le additiones
sapentum in dodici titoli, le aggiunte cio che vi

nei casi

fecero

gli

esperti

nelle

consuetudini

frisie,

Ylemaro

Sasmondo. Intorno all'epoca della legge si suppone


che la parte pi antica di essa sia quella costituita dal
diritto proprio del capoluogo, messo in iscritto quando
questo fu conquistato dai Franchi nel 734: in secondo
luogo verrebbero le varianti gi indicate per le dife

ferenze del diritto che la parte centrale aveva colle


altre della Frisia, e questo fatto starebbe in corrispon-

denza coir altro dell'avere Carlomagno sottoposto a s

critica

Patetta, La Lex Fridonum


del

testo,

in

XLIII, 1892. Ed. RiCHTHOFEN, in

studi sulla

R. Accad.

Meni, della

sua

delle

Mon. Germ.

>

origine e sulla

Se. di Torino, ^

Leges, III.

PARTE SECONDA.

70

paese intero nel 785: le additiones, come dice il nome


formano la parte pi recente della legge, e potrebbero essere state fatte in conseguenza delle disposizioni date da Carlomagno nella dieta di Aquisgrana, in
cui si occup della compilazione e revisione delle leggi di
tutti i suoi popoli. Non conviene per altro perder di vista
cbe in tutta la legge si trovano insieme uniti frammenti
il

stesso,

di lavori privati, atti legislativi, sia

derivanti dall'auto-

da quelli del re, e infine anche assiomi


scientifici, il tutto insieme combinato pi probabilmente
per compilazione privata, che per disposizione utflciale.
Ci viene confermato anche dal vedervisi, le une accanto alle altre, disposizioni per tempo e per carattere
tanto diverse, che sono assolutamente contraddittorie
come accade nel fatto, che per questa legge caratteristico, che, con i comandi che difi'ondono la religione
cristiana, si trovano conservate usanze che appartengono evidentemente al tempo del paganesimo, sanzionando perfino sacrifici umani ad espiazione degli Dei
il che non si potrebbe altrimenti spiegare se non colrit del popolo, sia

r anzidetta supposizione,

che la nuova compila-

cio

zione non abbia avuto carattere ufl^ciale, perch in

legge ordinata non presumibile che


nute, sotto l'impero della

nuova

si

una

siano mante-

religione, disposizioni

antiche, che questa apertamente condannava.


44.

Gri'.jjpo svevo. Nella

Germania meridionale,

propriamente nella Svevia e nelle regioni circostanti,


ebbe la patria la legge degli Alamanni} Un prologo
che r accompagna, e che comune anche alle leggi
Theodoricus rex Frande' Ripuari e dei Bavari, dice
corum cmn esset Catalaunis elegit viros sapientes....
e

Brunner, Ueher das Alter der Lex Alamannorum, in < Sitzungs>


Lehmann, Zur Textkritik nvd
1885
Entstehnngsgesch. dea alamann. Voksrechts, in Neu. Archiv., X, 469.
Ed. Lehmaxn, in < Mon. Gerra. Leges, V, 1,
'

berichte der Berlin, Acad.,

EPOCA BARBARICA.

71

legem Francorum et Alamannorum


Baioariorum. Ed aggiunge che ci che Teodorico non
pot fare, fu fatto da Ildeberto, e fu da Clotario perfeiussit conscribere
et

zionato

il

tutto poi rivide Dr.goberto, che fu

autore delle leggi suddette.

documento
anticlii,

attendibile,

Ma

il vero
questo prologo non

mancando

nei manoscritti pi

non essendo in corrispondenza con ci che

sa delle leggi cui

si

riferisce. Si resta perci nel

si

campo

delle congetture. Due periodi di diversa formazione si


possono per riconoscere con sicurezza nella legge alamanna. Il primo il Pactus Alamannorum, contenente
la pi antica legge, di epoca fra la fine del VI e il principio del secolo VII, composto per accordo di tutto il
popolo, come mostrato dallo stesso nome di pactus
(n. 36) e dalle

parole et sic convenite colle quali inco-

mincia. iTjcristianesimo gi

si

manifesta introdotto nel

popojo^ ed _ancora vigorosa !a unione di questo coi


Franchi, il che non si avrebbe se V et del pactus si
ritardasse notevolmente entro
la lece

il

secolo VII. Si ha poi

Alamannorum propriamente

dubbio posteriore

al

detta, che senza

pactus. sia pei principii giuridici

che contiene, sia per la forma, sia per le condizioni popaese colle quali consona. L'opinione pi probabile, e fondata sulle notizie date dai manoscritti,
che autore, se non unico, certo principale della legge
sia stato il duca Lanfredo, che govern dal 709 al 730,
quando fu vinto e morto da Carlo Martello, cos terminando la potenza del ducato alamannico, il quale gi
litiche del

riconosceva la supremazia dei re franchi, ma di fatto,


per la debolezza di questi, si reggeva indipendente, e
pot perci darsi una propria legge, sulla base del

pactus e delle patrie consuetudini. In alcuni manoscritti


si trova ancora l'altra notizia che la legge fu fatta a
tempo del re franco Clotario. Per spiegarla, se non si
yuol ammettere che possa essere erroneamente deri-

PARTE SECONDA.

72

vata da quello che

di un Clotario si dice nel prologo


pensato a Clotario II, re fra il 613 e
il 622, e si supposto che avesse questi fatto una prima
redazione della legge, che perci si disse Clotariana,
dando il nome di Lanfrediana alla nuova redazione, che
ne avrebbe fatta Lanfredo. Ma queste varie compilazioni, a cui dovrebbe aggiungersi la Carolino, fatta posteriormente, non sono giustificabili, se si esamina la
legge, la quale, per le condizioni del tempo a cui si riferisce, per lo stato politico del paese che ci rappresenta, e per la unita di formazione che appalesa, non

surriferito,

pu essere

si

riferita ai

tempi

di Clotario IL

sto potrebbe, invece, essersi fatto

il

Sotto di que-

j^^ctKs anzidetto,

ma

non si pu accertare. Che se con un Clotario, per


non respingere del tutto la menzione che se ne ha nel
prologo, si voglia mettere in relazione la legge, deve
intendersi Clotario IV, che fu contemporaneo del duca
Lanfredo: e se cos s'intendesse,

limiti dell'epoca della

meglio precisati, avendo Clotario IV regnato fra il 717 ed il 719.


La legge alamanna pu dividersi, in quanto al suo
contenuto, in tre parti. La prima, dal capitolo 1 al 23,
contiene le cau.sce ecclesice, potrebbe dirsi il diritto eclegge verrebbero assai

clesiastico, volto a favorire gl'interessi della chiesa, la

quale per altro aveva gi acquistato influenza nel paese


tempo del pactus, riconoscendosi in questo il rito
ecclesiastico per manomettere i servi, che in Italia non
fin dal

ebbe pieno riconoscimento se non ai tempi


prando. Laj^econda^parte, fra i capitoli 24 e

di

Liut-

44, si ri-

ferisce al diritto'pubblico, agli interessi dello stato, alle

causce quce

ad ducem pertinent:

scepe solent contingere in populo,

le

causce invece

g'

qum

interessi privati,

ultima parte fino al capitolo 98. Gli


che sono fra tutti 104, furono posteriormente aggiunti alla legge originale di Lanfredo, come

sono trattate

altri capitoli,

nell'

EPOCA BARBARICA.

73

altre aggiunte e modificazioni le furono fatte a

tempo

probabilmente per l'ordine di generale


revisione delle leggi che fu dato da Carlomagno.
45.
Affine, per contenuto e per forma, a quella
degli Alamanni la legge de' Bavari} che con essa
perci forma gruppo, ed ha comune quel prologo, che
si detto non poter essere documento attendibile. Un
carattere di questa legge la mescolanza di diversi
diritti, e la variet della forma che assume nelle varie
sue parti. 11 che se non argomento certo per poter
distinguere in determinati periodi la sua formazione, 1&
per per poterne vedere 1 vari elementi di cui si
composta. Vi^si ravvisa infatti un diritto nazionale, con
norme, qua e l disseminate, che sono originali, e a
dei Carolingi, e

questo

si

riferisce

nome

il

di

pactus^ col quale la legge

vien pure chiamata. Vi inoltre, e in grande misura,

predomina 1' alamannico, secondo


Lanfredo nel diritto pubblico prevale quello
franco, e ci in conseguenza della dipendenza della Baviera dal regno dei Merovingi
non scarso il visigotico, e la sua presenza si spiega con le relazioni che
Bavari avevano colle provincie della Gallia meridionale, gi appartenute al regno dei Visigoti, e dalle quali
pot venire ai redattori della e^gQ un testo della visigotica, non quale era stata riformata da Recesvindo
(n. 41), ma quale si aveva prima che la Gallia meriun

diritto forestiero

la legge di

dionale

analogie
le

si

staccasse dal regno.

coli'

due dinastie

e fra

tela e d'interessi.

Daa

due popoli

N finalmente

Gexgler, Beitrage zur


bairische

La legge contiene anche

editto longobardo, essendo state intime fra

Voksrecht,

in

Rechtur^esch.

le

relazioni di paren-

sottrasse alla in-

si

Bnyerns,

Pertz Archi>.,

Ueber die Entstehungszect der Lex Baiuv., in

1889; Mkrkel,
XI, 1858; Riezler,
Forch. zur deutsch.

XVI; Roth, Zar Gcsch. dee Baijr. Volksrechts, MUnchen, 1870.


Ed. Mebkel, nei Mon. Germ. ^ Leges, III,
Gescli.,

PARTE SECONDA.

74

liuenza del diritto ecclesiastico, percli vi

rono

si

trasporta-

le deliberazioni dei concilii relativi alla

condizione

del clero, il che tanto pi facilmente dov avvenire, in


quanto che una migliore sistemazione della chiesa bavara si ebbe appunto intorno al tempo in cai la legge
dov essere composta. Imperocch, se non T* dubbio
che le sue varie disposizioni appartengano a tempi di
non poco diversi, certo pure che la loro unione, nel
testo dell'unica legge dei Bavari, dov avvenire intorno
alla met del secolo YIII, perch regnavano ancora
Merovingi, ma gi potenti vi si vedono i maggiordomi;
e perch doveva esser gi fatta la legge alamanna di
Lanfredo, che ne fu imitata, ma non doveva governare
ancora in Baviera il duca Tassilone (anno 749), in quanto
che la legge, a cui egli fece aggiunta, dai contempoi

ranei attribuita ai suoi predecessori.

specialmente due decreti, che

Tali aggiunte sono


fiir.Tno fatti, in

seguito a deliberazioni delle assemblee,

nel 772 e nel 774, e con

Al quale

Bavari.

si

quali

si

completa

il

diritto dei

riferiscono ancora due capitolari

che nei primi anni del secolo IX eman Carlomagno,


per introdurvi nuove disposizioni e per dare istruzioni
ai

messi che inviava in Baviera.


Grupjpo franco.
Come
46.

i
Franchi furono il
popolo che ad ogni altro prevalse, sottoponendo al suo

impero

il

maggior numero

delle popolazioni

germani-

sua dominazione grande


parte dell'epoca barbarica; cos pi importanti e pi
diffuse di molte altre dovettero essere le sue leggi. Ma
che, e caratterizzando

non per questo


controversa, in

colla

loro storia meno oscura o meno


modo da poterne, su vari punti, far

la

cenno altrimenti che per mezzo

di

congetture.

Oline la legge salica, che la fondamentale, appar-

tengono al gruppo franco la legge dei Ripuari e quelle


dei Franchi Camavi e dei Turingi.

EPOCA BARBARICA.

75

La legge dei Turingi,^ detta anche


rini,
sti

degli Angli e Veperch propria della parte della Turingia che que^

popoli abitavano, intorno

all'

Unstrutt, alla Saal ed

ha moltissima affinila col diritto dei Franchi


Ripuari, stanziati in paese confinante, lungo cio il corso
medio del Reno. la pi breve fra tutte le leggi barbariche, ha la prima parte che si compone di venticinque
air Elster,

articoli tutti

mata
il

di

carattere penale, un' altra parte for-

di sei capitoli, riguardanti l'eredit {de alodibus),

furto,

l'incendio, l'uccisione del liberto, gli atti

di

violenza e cose minori {de 77iino7'ibus causis), ed appartiene, nella sua definitiva compilazione, all'epoca franca,
e

probabilmente

802,

all'

quando Carlomagno ordin

la

generale revisione delle leggi popolari.

nord dei Ripuari, nel paese che poi si disse Hamaun diritto partico^

land, cio dei Camavi, ebbe vigore


lare, noto col

nome

di

lex

Francorum Chamavormn

od anche eica quce se ad Amorem habet.- un diritto


formato dall'incontro delle leggi de' popoli che in quella
regione si trovavano confinanti, dei Ripuari cio a sud,
da un lato dei Frisii e dall'altro dei Sassoni. La legge,
che se ne ha in quarantotto articoli, non che una
notita

merrioratio

una relazione

cio che, in seguito

ad ordine ricevuto da Carlomagno, ne fecero i messi


regi col appositamente mandati.
Pi importante la legge dei Ripuari,^ ma molto
oscura e controversa in quanto alla sua compilazione.
^
Gaupp, Das alte Gesetz der Thiringer, 1834; RlCHTHOFEN, prefazione all'ediz. della legge nei Mon. Gerni. Legea, V.

2 YR01DEY.VZ, ludes sur la lex dieta Francorum Chainavorum,^^l\


ZoPFL, Die Eioa Chamavoruv, 1856; Ediz. Sohm, nei Mon. Gerni.

Legea, V.
3 Mayer, Zur Entstehung der Lex Rihuariorum
Miinchen, 1886;
EoGGE, Obaervationea de peculiari legia Rihuarice cum salica nexu, 1823;
Sohm, Ueber die Entstehung der lex Rihuaria, in Zeitschr. fiir RG.
V, 380 FiCKEB, Die Heimat der lex Eibuaria, in Mittheil. fiir usterr.
GF. Y, 52. Ediz. Sohm, nei Mon. Germ. > Leges, Y.
,

PARTE SECONDA.

76

possono distinguere due perodi, uno dei quali,


pi antico forse, contiene un diritto originale, e corrisponde alla prima parte della legge fino al capitolo 31
V altro, formante la
e a quella fra i capitoli 65 e 79
seconda parte, dal capitolo 32 al 64, prende invece tanto
Vi

si

dalla legge salica, che

pu considerarsi come una ridutempo

zione di questa. Per l'epoca appartiene certo al

de' re merovingi, e a suo riguardo qualche cosa di vero

potrebbe trovarsi nel prologo, che essa ha comune


cogli Alamanni e coi Bavari (n. 44), e che ne attribuisce la formazione a successive revisioni, da Teodorico, figlio di Clodoveo, a Dagoberto, dalla prima met
del secolo VI

a quella del VII. Imperocch non deve

esser certo posteriore a quest' epoca, traendosi da al-

cune sue disposizioni sufficiente argomento per ritenere


che, al tempo in cui si scriveva, non era ancora nella
corte dei Franchi incominciato, per parte dei maggiordomi, quel rivolgimento, che doveva prima togliere ai
re ogni autorit, per privarli poi, come conseguenza,
del trono. Ci non esclude che nei tempi posteriori vi
si siano fatte correzioni ed aggiunte. Alcune di queste
sono carolingiche, e si ha anche memoria di un capitulare legi rihuarce adcitum, che pot essere conse-

guenza degli emendamenti che, dopo Y assemblea gi


ricordata dell'anno 802, Carlomagno volle che s'introducessero in tutte quelle leggi popolari, che se ne conoscessero bisognose.
47.

La

fondamentale fra tutte le leggi dei Franchi


Essa la pi antica

quella dei Salii, la legge salica.^

1
Clement, Forsch. her das Rechi der Sai. Franken, Beri., 1876;
Gaudknzi, Salica legge, nel Dig. ital., > 1888; Gbiim, De hiatoria
Hartmann, Beitrage zur Entatehungagesch.
legis Salice^, Bonn, 1848
dea aal. Bechta, in e Forch. zur deiit. Gesch., > XYI, 609; Thonisorganiaation judiciaire, etc, de la loi aalique, Brux., 1882;
SEN,
Waitz, Daa alte Bechi der tal. Franken, 1846. Ed. Tarie e con molti
;

POCA BARBARICA.
legge scritta dei barbari, e soltanto

correnza

le

prime

leggi visigotiche,

77

le

fanno in ci con-

quando

si

ammetta

che loro autore sia stato il re Eurico (n. 41). Per le


notizie che si possono ricavare dai suoi prologhi ed
epiloghi e dalla variet dei numerosi suoi testi si pu,
in mezzo a controversie e dubbi, stabilire questo in
sostanza, che la legge fu da prima essenzialmente popolare, un _2Jc^!/5 per comune accordo conchiuso, secondo la costituzione germanica, nelle assemblee del
popolo che in questa prima compilazione della legge
furono accolte le antiche consuetudini, tanto che uomini
;

esperti furono incaricati di accertarle, recandosi ad inY_estigare

popolari

omnes causarum origines per le adunanze


che la stessa prima compilazione della legge

fu pi volte riveduta,

emendata, accresciuta, a comin-

ciar dagli antichi Merovingi fino a Carlomagno, secondo

che

si

richiedeva dal cambiamento delle condizioni nelle

veniva a trovare.
in cui per la prima volta la legge
fu nT55SB,nn iscritto, non conviene allontanarsi dalla
seconda met del secolo V. Con pi precisione si pu
dire che essa appartiene al tempo delle conquiste di
Clodoveo nella Gallia, le quali ne potrebbero essere
quali

il

popolo

In quanto al

si

tempo

state l'occasione principale: infatti,

come

confine del

regno la legge indica la Loira, e a questo punto i Franchi non giunsero se non dopo la vittoria di Clodoveo
contro Siagrio nel 486. ^Ia_d;_altra parte questa prima
legge conserva tracce di paganesimo, e non manifesta
alcuna influenza cristiana, il che prova essere essa anteriore alla conversione di Clodoveo e del popolo al cristianesimo, la quale avvenne nel 496. Per questo fatto
acquist maggiore ingerenza il clero, la monarchia si
testi a confronto l'uno

Hl'b, 1867;

con

akacleu. Gehraudi,

1898.

Pardessus, 1843: Merkel, 1850;


Behrexd, 1897; Gki'fkex, L. S. zum

l'altro,

Holder, 1880;

PARTE SECONDA.

78

avvicinamento fra i nuovi venuti e


Romani, e queste cause, unite ali" altra della maggiore espansione dei Franchi, in conseguenza delle vitconsolid, crebbe

l'

torie riportate sui Visigoti nei primi anni del secolo VI,

misero in Clodoveo la necessit di rivedere la legge


del suo popolo, e porla in corrispondenza col nuovo
stato di cose.

Le revisioni

succedettero poi

si

rose, protraendosi su di essa

nume-

lavoro legislativo fino

il

emendare
emendata, ora

air impero, sui primi del secolo IX, ora per


il

testo stesso della legge, lex salica

per portarvi modificazioni con

capitolari che

vevano essere aggiunti (n. 31).


La legge salica accompagnata da talune

le

do-

glosse,

ossia brevi spiegazioni letterali poste sui margini dei

conoscono col nome di malbergiche,


la sigla mail o malb. Si molto discusso sul valore di questa parola ma probabile la
opinione che essa sia abbreviazione di malloberyo, cio
assemblea o tribunale, volendosi con ci forse indicare
che le glosse contenevano la istruzione pratica per apcodici, le quali si

perch vi unita

plicare la legge ai vari casi giudiziali. Vi


perci, mescolate parole franche,

cessarono

di

tempo

nei codici per opera dei copisti.

Colla prevalenza che


la

trovano,

esser comprese, e furono solo corrotta-

mente conservate
mente per

si

quali col

le

restaurazione

Franchi presero, principaldell'

impero neir Europa ocuna grande diffusione

cidentale, la legge salica ottenne

ed autorit, entr come elemento, talvolta importante,


nelle compilazioni che furono fatte di molte altre leggi
barbariche, e fu in uso in Italia finch dur il sistema
della personalit, soltanto

rimanendo

alla legge longobarda, la quale,

d'

in

ci

inferiore

altra parte,

orale

superiore per l'abbondanza de' concetti giuridici, per


r ampiezza delle materie trattate e per la precisione
dello stile e della lingua.

EPOCA BARBARICA.

Capitolo
48.

III.

La

79

personalit della legge.

La_coesi.stenza

delle leggi popolari,

non rin-

chiusa ciascuna di esse nei confini del luogo di origine,

ma

una coli* altra sul terpur conservando la propria individualit in tanto fu possibile in quanto venne, nel
tempo carolingico, ad essere ampiamente applicato il
principio che si dice della, personalit della legge. Condiffuse tutte e mescolate T

ritorio dell' impero,


;

siste

questo principio in

ci,

che ogni persona, anzich

essere sottoposta al diritto del paese nel quale

si trova
a vivere, retta da uno suo proprio, che la segue per
ogni dove, e che per lo pi quello della nazione a cui
si appartiene, o quello che, per eccezione, si assume
per qualche particolare qualit. Di maniera che non il
domicilio, come accade nell'opposto sistema della te?^-

ritorialit della legge,

ma

la origine o lo stato della

persona il criterio per determinare qual sia il diritto,


secondo il quale questa deve regolarsi pel compimento
di

ogni suo atto giuridico.

Questo sistema ebbe

la sua pi diffusa applicazione


quando, come dice il vescovo
Agobardo, non era raro trovare un gruppo di cinque o
sei persone, fra le quali una non ve ne fosse, che avesse
comune con un'altra la legge.
Non per da credersi che anche pel tempo preal

tempo

C.

1;

dei Franchi,

Fertile, 6; Salvigli,

Savigny

(trad. ital.j,

I,

e. 2;
Schuppeb,
Brunner, 31.

p. II,

79;

Padelletti, Delle profe%8. di legge


<

Aich. Stor.

ita).,

prov. moden. e parm.,

>

carte

tit.

I,

ital.,

in

I,

mediev.

Salvigli, Nuovi studii


Atti e Meni, della Deput. di St. patria per la

sez. Ili, voi.

sulle prof, di legge, ia

nelle

XX, 431

lib.

ser.

HI,

v. 2,

1883; Schupfer, Una pro/ess. di

legge gota delVanno 769, in e Kiv. ital. per le se. giurid.,

Stodff, Etu.de sur le principe de la personnalit dea


invcuiona harbarea juaqu'au XII aicle, Paris, 1894.

loia

II,

1866;

depuis

le

PARTE SECONDA.

80

cedente non se ne avesse gi qualche indizio o conoDa taluno si voluto risalire fino ai tempi ro-

scenza.

mani, osservando che ai popoli da Roma assoggettati


erano in certi casi conservate le proprie leggi, e che in
Roma stessa i forestieri usavano di un diritto, che non
era quello de' cittadini per facile osservare in contrario che in questi fatti non si rinvengono quegli elementi che sono essenziali per la personalit del diritto,
come fu concepita nel medio evo, perch mancava in
:

Roma

la

manti

lo stato.

eguaglianza fra tutte le leggi dei popoli forLe pi non erano riconosciute, e se
talune venivano conservate, ci accadeva per concessione speciale, e per ragioni del tutto diverse da quelle

per

vivevano

le quali

le

une accanto

alle altre le leggi

Roma

era pur sempre runico che avesse carattere di universalit e di dominio, e il non volerne far partecipi tutti, facendo del
suo pieno godimento un privilegio dei cittadini, fu, pi
che il rispetto o la benevolenza verso altri, la causa
principale per cui si conservarono talvolta, e con molte
della societ medievale.

limitazioni,

Il

diritto di

diritti particolari,

dei quali, perci,

chi

usava avea meglio V aspetto di essere in qualche modo


fuor della legge, che di persona che di fronte alla dominante avesse altre leggi da far valere. Similmente
la condizione del forestiero era in Roma determinata
dal fatto che non lo si voleva partecipe di tutti i vantaggi della cittadinanza era una condizione d'inferiorit giuridica, tanto che il miglioramento non se ne
cerc mai nel dare al forestiero un pi libero uso del
:

suo particolare diritto,


allo stato dei cittadini,

ma

nell' avvicinarlo sempre pi


facendo a poco a poco cadere

tutte le limitazioni, che il diritto civile gli imponeva.


Ora tutto ci non conciliabile col concetto della personalit delle leggi medievali, per la quale tutte sono
in egual dignit, e tutte

vivono non per concessione di

EPOCA BARBARICA.

ma

altra che sovrasti,

per

1'

81

autorit che a ciascuna

deriva dalla natura sua stessa, e che tutte fra loro vicendevolmente si riconoscono e sanzionano.
49.

Neppure

pu ricercarsi V origine

del sistema

della personalit nelle antichit germaniche.


ci si affermato,

cepire

la

come una
fatto, comune

guenza del

considerazione

Da taluno

che

il

con-

qualit personale sia conse-

diritto

il

come a

per

alle popolazioni

germaniche,

trovano nei primordi della


civilt, che la societ risulta dalla unione delle persone,
indipendentemente dal territorio sul quale si trovano,
e che continuamente, per la vita nomade, cambiano,
senza che nella loro condizione ne derivi alcuna alterazione. Ci vero
ma non basta a spiegare la origine della legge personale applicata reciprocamente fra
tutte quelle che

si

popoli diversi.

La conservazione del diritto ai venuti nella dipendenza altrui, e il portar 1* individuo con s il suo proprio anche allontanandosi dalla comunit cuiappartiencj
non sono fatti che dalle ragioni suddette abbiano spiegazione. Ed oltre a ci ve ne sono altri in contrario. Se
i

barbari avessero conosciuto la personalit delle leggi,

l'occasione pi giusta per metterla in applicazione sa-

rebbe stata quella del loro stabilimento sulle terre romane, per non ripagare colla privazione della indipendenza giuridica tutti coloro di nazionalit diversa, che
si erano loro uniti nella peregrinazione, e li avevano
aiutati nella conquista. Eppure ci non avvenne, che il
popolo prevalente impose alle trib minori il proprio
diritto, come per l'Italia dimostra l'esempio dei Sassoni, i quali, per non sacrificare al longobardo il diritto

proprio, preferirono tornare dond' eran venuti,

perdendo
pidi,

il

frutto della vittoria.

Bulgari,

altri si

Sarmati,

erano uniti

M. B,

Calissb.

ai

I.

gli

partiti essi,

Svevi,

tutto
i

Ge-

Norici e quanti

Longobardi, lasciarono tutti


fi

le

PARTE SECONDA.

82

proprie leggi, per obbedire a quelle del popolo dominante.


50.

stema

II

diritto

non ha incominciato a volgersi al


se non quando 1 barbari

si-

della personalit,

si

stanziarono sui paesi dell'impero. Quivi trovarono il


diritto romano, il quale oppose tal resistenza alla soppressione che se ne sarebbe voluta fare, secondo che
si

faceva pei

diritti dei

popoli dipendenti da un altro,

che non fu potuto abolire, e di fatto sopravvisse (n. 70).


In ci si ebbe il primo germe della personalit, perch
da un lato vi erano i barbari, dall' altro i Romani, e
quelli

avevano un

diritto,

questi

un

altro,

criterio della distinzione sopra la differenza

fondato

il

della na-

Per tale personalit non era generale si


romano e a quello del popolo dominante, dal quale erano stati sopraffatti i diritti degli
altri popoli barbarici, che non ripresero autonomia, se
non quando la personalit si estese a tutte quante le
leggi. L' epoca in cui ci avvenne fu quella in cui gran
parte di Europa si trov unita nelf impero dei Carolingi, e nelle condizioni della quale perci si devono
zionalit.

limitava al diritto

cercare

le

ragioni della estensione del sistema perso-

nale, che dianzi era cos strettamente applicato. Qual-

che esempio, sempre presso

prima

Franchi, se ne ha anche

della costituzione dell'impero.

gi sanziona

il

La legge ripuaria

principio delle personalit

pei Fran-

sparsi per tutta l'Europa centrale, forse fu


un mezzo per aver sempre il godimento della propria
legge, assicurando altrettanto a chiunque venisse sul

chi,

gi

loro territorio.

Ma

al

tempo dell'impero, stante

la

riunione politica di molti popoli, non confusi in una


massa uniforme di sudditi, ma posti fra loro in tal relazione,

da poter ciascuno conservare

la propria spe-

ciale tsonomia, la estensione del carattere


:i

non

fu che

una

personale a

necessit. In

primo

EPOCA BARBARICA.

83

luogo, poich ai popoli aggregati all'impero non fu tolta

l'autonomia nazionale, anzi fu loro lasciata, pi o


estesamente, anche quella politica, tanto che in
continu ad avere

meno
Italia

regno longobardo, fu di ci conseguenza che non fosse loro tolta l' autonomia giuridica,
cio l'uso del proprio diritto. Secondariamente il cos
comportarsi fu anche ragione di sana politica, altrimenti,
con popoli che difficilmente si tenevano soggetti, come
per esempio i Sassoni, il voler imporre una legge unica,
che ai pi sarebbe stata straniera, avrebbe affrettato
colla separail dissolvimento dell' impero medesimo,
zione delle varie sue parti. Finalmente, posto che il diritto romano dovea pur conservarsi, si sarebbe creata,
col non conservare egualmente le leggi degli altri popoli, che nello stato non avevano condizione diversa da
quella dei Romani, una disuguaglianza di trattamento,
la quale, oltre ad esser anche di pericolo, avrebbe consi

il

tradetto al carattere politico e sociale dell'impero, desti-

nato ad unire

popoli senza danno de' loro particolari

interessi.
51.

Poich

ridico, esser

venne

ciascuno doveva, in ogni suo atto giudal diritto che gli era personale,

retto

di necessit

che questo dovesse per ogni persona


A tal fine si fece uso delle di-

accertarsi qual fosse.

chiarazioni di legge, professioiies iuris , che ciascuno

doveva fare

secondo cerTe norme


facevano per pubblica inchiesta,
come allora che ne erano incaricati i messi regi, 1 quali,
stabilite.

in talune occasioni e

Talvolta

si

giunti sul distretto loro assegnato,

adunavano

1'

assem-

convenuti domandavano la legge, secondo la quale ciascuno viveva: ^ tale fu, per esempio,
r inchiesta che, per ordine dell' imperatore Lotario, si
fece nell'anno 824 a Roma, dove i messi imperiali interblea, e a tutti

Es.,

Cai,it. miss,,

786

Boret,

I,

67.

PARTE SECONDA.

84

rogarono

per conoscere

diritto da ciascuno proper il caso in cui la dichiarazione della legge fosse provocata non dal comando
del principe, ma dalla necessit di compiere un qualche
atto giuridico, come se si fosse dovuto sostenere un giudizio,
far testimonianza, o dare il giuramento di fedelt
air imperatore, o celebrar matrimonio, o venire a contratti di qualunque natura si fossero. In questi e in
altri simili casi era preliminare la dichiarazione della
legge, secondo la quale gli atti si dovevano fare, e perci nei documenti notarili che queste professiones
iuris avevano per lo pi T occasione d' esser fatte,
come per essi che si sono conservate nei tempi posteriori in grande abbondanza.
52. Si disputato se nelle dichiarazioni si avesse
facolt di scegliere una legge qualsiasi, ovvero si fosse
obbligati a dichiararne necessariamente una piuttosto
che un' altra. E cosi realmente si deve ritenere./V'
innanzi tutto l'osservazione che, se si fosse avuta libert di scegliersi una legge, ci avrebbe^ in parte almeno, reso vano lo scopo di tutto il sistema della personalit, perch l'arbitrio dell'individuo avrebbe potuto
confondere ci che si voleva rimanesse distinto, il diritto
cio e la condizione giuridica de' vari popoli, il che era
voluto non pi nell'interesse degl'individui, che in quello
generale dello stato. Ma vi inoltre da osservare pi
tutti,

il

fessato.* Assai pi frequente era

particolarmente che il poter dichiarare qual diritto si


voglia una eccezione pe' figli illegittimi (n. 53), la quale
si sarebbe inutilmente stabilita, se ci fosse stato regola per tutii che quando avveniva il passaggio dal
diritto, che prima si aveva, ad un altro, conveniva nella
;

dichiarazione determinarne

il

motivo,

il

che egualmente

sarebbe stato inutile, se ognuno avesse potuto a suo


1

BoRRT,

I,

323.

EPOCA BARBARICA.
piacere mutarlo

85

che se si fosse compiuto un atto se-condo una legge che non era quella del suo autore,
latto stesso aveva in s un vizio che ne produceva l'annullamento, la qual cosa pure non si sarebbe concepita,
se si fosse avuta libert di scelta nelle dichiarazioni.
Questa mancava, e vi sMio prove numerose che il diritto, che ciascuno doveva professare, doveva es.ser
quello della nazione a cui si apparteneva. Si soleva in;

fatti da principio far la dichiarazione della legge indicando semplicemente la propria nazionalit {ex genere
Francorum etc), ovvero determinandola come quella
che gi era stata degli avi e quando si stabil, nella
pratica specialmente notarile, una formula comune e
costante di dichiarazione, accanto alla menzione del diritto si conserv F altra, come sua giustificazione, della
nazionalit
professus sum eoe natione mea lege vivere etc, mettendola anche in contrapposto con quelle
altre cause, per le quali il diritto stesso avesse potuto
subir cambiamento.^ Ed anche le leggi danno quello
dell'origine come criterio per conoscere il diritto che
ognuno ha da seguire ci trovasi gi, pel poco che occorreva, nelle leggi longobarde ^ estesamente ripe:

tuto nella legge ripuaria

della personalit abbia sicura


lo

prima in cui il sistema


menzione;^ Carlomagno

(n. 46), la

indica ai suoi messi per servirsene nelle loro inchie-

ste

*
;

53.

porgono

e le leggi stesse ne

altri

Alla regola del dover seguire

originario erano per date

il

esempi.^

proprio diritto

opportunamente talune ec-

'
Ego Mnihilda ex natione mea lege vivere video Langohardorum,
sed mine pr viro meo lege vivere videor salicha.

LiuTPE., 127, 153; Form.,

XXX,

Capii, miss.,

id.,

del

786: per singulos inq^uirant qualem haheant

legem ex nomine.
3

91.

3.

Cablo M.,

Capit. UaL.

U3.

-.

PARTE SECONDA.

86

Gczioni, elle toglievano

qualunque inconveniente fosse

potuto da quella regola derivare. Tali eccezioni, deter-

minate dalle condizioni particolari in cui una persona


poteva trovarsi, si possono ridurre tutte a due classi,
secondo che la nazionalit non si potesse bene accersecondo che dalla propria dovesse taluno allontare,
tanarsi, per ragione di un nuovo stato che veniva ad
acquistare.

Pel primo caso

si

hanno

le

eccezioni de'

figli illegit-

timi e dei servi manomessi. Quelli innanzi alla

non avean padre, da cui riconoscere

la

legge
propria origine,

ed a cui riannodare il loro diritto, e si dov quindi


conceder loro che, quando non avessero potuto legalmente neppur riconoscere la propria madre, avessero
facolt di dichiararsi seguaci di un diritto qualsiasi. In
condizione analoga si trovavano i servi manomessi nati
alla vita giuridica colla manomissione, neppur essi avevano vincoli precedenti con alcuno dei vari diritti personali, e per stabilire perci quello che in avvenire
avrebbero dovuto avere, si davano, secondo la diversit
delle leggi, varie regole, ora volendosi che i liberti seguissero il diritto del padrone, ora quello secondo cui
era stata fatta la loro manomissione, ovvero che accettassero quello del popolo da cui derivavano o del:

l'

venivano a far parte.


si hanno le eccezioni per
donne che vanno a marito e per coloro che prendono

altro di cui

In quanto al secondo caso

le

lo stato ecclesiastico.

Fin dall'editto longobardo era detto che la moglie dolasciare la propria per seguire la legge del marito,'
e ci tanto pi dov esser confermato quando il sistema
della personalit ottenne in appresso maggiore esten-

veva

sione.

nella

nuova legge

LiUTPR., 127.

le

donne rimanevano da pri-

EPOCA BARBARICA.

ma

anche nella vedovanza

ma

zione di Lotario, la quale stabili

marito,

donne tornassero

le

87

venne poi una disposiche, dopo la morte del

alla legge della loro

na-

zione.^

Anche per gli ecclesiastici^ riconosciuto fin dalche mutavano la propria legge in quella romana,
perch con questa si reggeva la chiesa, di cui diventavano membri. Non era per questo per loro un obbligo,
numerosi essendo gli esempi di ecclesiastici viventi sel'editto

condo

la legge barbarica della

soltanto ai tempi longobardi,

propria nazione, e non

ma

sul principio pure delepoca franca,- nella quale per altro avvenne poi un
cambiamento, mediante un capitolare di Lodovico il Pio,
che rese obbligatorio, per ogni persona o cosa che apparteneva alla chiesa, 1' uso del diritto romano.
Oltre a questi casi, un altro ancora ve n' era nel quale
invece della propria si seguiva un' altra legge, quella,
l'

il fondo, che era oggetto delche si stava compiendo. Imperocch anche le


terre potevano avere una propria legge, indipendente
da quella delle persone che avevano diritti sovr' esse,

cio, a cui fosse vincolato

l'

atto

e perci costante

per qualunque mutamento che

Era

in

que-

primo possessore, che si


era congiunta col fondo, e non lo lasciava quantunque
esso passasse da una ad altra persona di condizione
diversa. Tutto ci era una conseguenza della personaste avvenisse.

lit del diritto.

personali,

la legge del

Infatti,

avendosi molteplicit

di

leggi

fondi differivano fra loro secondo la con-

dizione de" proprietari, quali avendo obblighi maggiori


e quali minori, e

modi

di

acquisto e mezzi di difesa

diversi, ond'era interesse, tanto pubblico

come

privato,

che un fondo, quando aveva preso una determinata

Capit. hai.,

Carlo M.,

U.
Capit.

ital.,

142.

PARTE SECONDA.

88

condizione giuridica, non venisse a mutarla e rimutarla


ne' successivi passaggi ad altri possessori. Perci, chi

faceva

relativamente ad un fondo

atti

si

serviva della

legge di questo, ancorch diversa dalla sua personale.


Per esempio, chi era molestato nei suoi diritti, chia-

mava

in difesa colui

da cui

cio r alienante, ovvero

gli

erano

stati trasmessi,

difendeva con i titoli che


questi gli aveva a tale scopo ceduto, e nell* un caso
e nell'altro, se egli non avesse avuto comune la legge
coir alienante stesso, avrebbe dovuto far svolgere il
si

giudizio colla legge di questo, che era


titoli, e

non

secondo

il

dell'antico,

alienazioni,

colla propria.

diritto
il

si

del

Il

pur quella dei

fondo non era perci difeso

suo attuale proprietario,

ma

quale, ne' casi specialmente di ripetute

perdeva dalla memoria e poteva anche

esser del tutto sconosciuto: rimaneva dunque che la


legge, che pel fondo si usava, fosse considerata come
di questo, e tale realmente diventava, accompagnandolo, fattane indivisibile, nei vari passaggi da
una ad un'altra persona.
54.
L' uso contemporaneo di leggi diverse aveva
per effetto che ad un medesimo negozio giuridico potessero aver parte persone seguaci di pi diritti, e che
perci fra questi sorgesse non solo l' incontro, ma ancora talvolta il conflitto, che era necessario prevedere,
come ancora dar le norme per poterlo risolvere.
Due principii reggono questa materia. 11 primo
che, per quanto fosse possibile, si dovevano contemporaneamente applicare tutti i diritti, che venivano ad
incontrarsi. E spesso era possibile realmente. Per esempio, se persone di legge diversa si fossero trovate a conchiudere un contratto fra loro, la legge individuale era
quella che determinava l'et legittima di ciascuna o le

propria

altre condizioni richieste per la capacit giuridica

fossero state

se

chiamate a far testimonianza o giura-

EPOCA BARBARICA.

89

mento, ciascuna faceva da testimonio o giurava, secondo le disposizioni della legge sua propria se avessero dovuto obbligarsi o cedere, per qualsiasi titolo, un
diritto reale, ciascuna egualmente riconosceva il suo
debito, cedeva la propriet, faceva la tradizione, secondo che la propria legge prescriveva.
Ma non sempre questo era possibile, e per tal caso
si aveva V altro principio che, quando di pi diritti uno
soltanto poteva usarsi nell'atto, devesse preferirsi quello
della persona che vi aveva l'interesse prevalente. Il
che poteva dar luogo a due altri casi subordinati
o
che la detta prevalenza si mantenesse in tutto il negozio giuridico, fino al suo esaurimento, ovvero che si
alternasse fra le varie persone, secondo le parti di cui
il negozio stesso si componeva. Esempi del primo caso
:

si

hanno nella tutela


tempo

perdutisi gi, al
ratteri,

cui legge perci


servirsi.*

funto,

cui diritti

essa relativi
si

In quella,

si

sempre quello

Nella successione

l'in-

del pupillo, della

tutore, chiunque egli fosse,

il

sempre

lui,

nella successione.

della personalit, gli antichi ca-

che ne facevano un diritto della famiglia,

teresse prevalente era

dovea

guardava

al detrasmettevano, e tutti gli atti ad


volevano regolati secondo la legge di
si

si

trattasse di successione testamentaria o di quella

esempi della ;^e valenza di un solo


hanno anche nei contratti e nei giudizi,

legittima.-

interesse

Altri

si

dove regolarmente si applica la legge di colui che si


obbliga,
che fa o d qualche cosa, o che chiamato
in giudizio. La sentenza data secondo la legge del
convenuto, e specialmente in caso di condanna che implichi pena se lo scopo per di questa non tanto il
castigo del colpevole, quanto il risarcimento del danno
:

'

Carlo M.,
Carlo M.,

Capit. tal, 143


ivi,

li.

Pip., ivi, 5, 6,

PARTE SECONDA.

90

a[trui arrecato, morale o materiale che questo sia, la


pena medesima prende norma dal diritto di colui cui si
deve dare soddisfazione, come accadeva nelle condanne
a pagare il banno o la composizione o il guidrigildo.
Il

secondo caso, quello cio che neir atto prevalgano,

sue parti, interessi diversi, si vede, per esemmatrimonio. Si adopra la legge del marito in
ci che personalmente lo riguarda, come nella obbligazione degli sponsali, nella garanzia che d di osser-

secondo

le

pio, nel

varla, nel

pagamento

del mefio, ossia prezzo per l'acqui-

si usava invece la legge del


mundoaldo, o tutore, della donna, quando questi trasferiva nel marito la sua potest, ossia nella cessione
del mundio, quando faceva la tradizione della donna
stessa, quando le pagava il faderfio, che era qualche
cosa pi del corredo, ma non ancora la dote si aveva
Analmente riguardo alla legge personale della donna,
in ogni caso che questa fosse per s stessa interessata
e responsabile, nell'adempimento, per esempio, dei doveri che la legge imponeva verso i parenti a quella
che si rimaritasse nello stato di vedovanza.
La regola che ogni persona usasse la legge
55.
propria aveva pure eccezioni, le cause delle quali si
possono ricondurre tutte a due capi o che la persona,
cioj avesse tal qualit da non potersi dare riconoscimento al suo diritto, o che vi fosse un pubblico inte-

sto della potest maritale

resse, dinanzi al quale

il

diritto dell'individuo

doveva

tacere.
Si

trovavano nel primo caso

partenenti alla chiesa, fra

le

forestieri e

non ap-

quali due classi di persone

esisteva nel medio evo affinit di condizione giuridica


di fronte alle leggi dello stato.

non era riconosciuto, e

tali si

Il

diritto dei forestieri

dovevano intendere

tutti

nazione non era aggregata all'impero.


Essi stavano sotto la pubblica protezione, e perci, se
coloro la

cui

EPOCA BARBARICA.

91

non era fatta in loro favore qualche speciale concessione, dovevano esser trattati colla legge di chi li proteggeva, che ordinariamente era il principe, sostituito
in certi casi dalla chiesa, senza per che con questo
mezzo essi conseguissero tutti i diritti propri dei cittadini. Fra gli esclusi dalla chiesa, erano presi di mira
in particolar modo gli Ebrei. Sotto 1* impero romano,
per cagione specialmente dei loro commerci, avevano
ottenuto alcuni privilegi, che furono confermati posteriormente,^ e fra

quali era quello che potessero, nelle

loro private relazioni, scegliersi arbitri fra


nari, ed applicare in tal

volte invece

correligio-

caso la legge loro propria.^

se ne

imponeva V

uso, per vangiuramento, per


esempio, clie fosse loro deferito, si voleva che lo dessero secondo il proprio rito, per esser sicuri che se ne

Altre

taggio di coloro con cui trattavano:

il

sentissero vincolati. ]Ma fuori di questi e di alcuni altri

erano soggetti alla legge del luogo a


appartenevano. Per i tempi pi antichi il loro
diritto comune era quello romano.^ In seguito ci non
fu regola costante, perch nei luoghi dove prevaleva
il diritto germanico si hanno indizi che questo doveva
anche per loro essere applicato.^ In un caso per o
in un altro, resta stabilito che il principio della personalit non giungeva con effetti giuridici agli Ebrei,
se non per altrui tolleranza, eccezionalmente, non per
in conseguenza la loro legge
diritto che ne avessero
non pu mettersi nel novero di quelle il cui uso era riconosciuto e giuridicamente elicace.
casi, gl'Israeliti

cui

Tkodor., Edit. 143; Carlo M., Gap. dejud., e. 6


Cod. Giusi., 8, de judceia et coelicolis (I, 9).

Cod. Gimt.,

''

Brunxer,

1.

cit.,

Boret.,

I,

259.

C.

35.

Non senza per opposizione da parte

altri,

che ritengono essere stato sempre

dearli

Ebrei.

il

romano

il

diritto

di

comune

PARTE SECONDA.

92
56. Pi

importanti sono i casi in cui la personasubiva limitazione per ragione di pubblici interessi.
Non conviene in primo luogo dimenticare che comune

lit

a tutti doveva essere quella parte di diritto, su cui


poggiava l'ordinamento dello stato, il diritto, cio, propriamente detto pubblico o costituzionale: se in ci si
fosse ammessa la personalit, lo stato stesso ne sarebbe
andato d' un tratto perduto. Egualmente la personalit
era molto limitata nel campo del diritto penale i reati
contro le istituzioni civili ed ecclesiastiche eran puniti
in tutti con egual modo; certi concetti fondamentali
del diritto penale, come quello della composizione ossia
compenso in denaro pei reati commessi, si estendevano,
per le condizioni generali della societ, a tutti anzi
in_^uesto campo si venne ben presto al concetto della
lex loci delieti commissi, di punire cio il reato colla
legge non del reo, ma del luogo dove era stato commesso, specialmente quando la qualit del luogo poteva essere una circostanza aggravante del reato medesimo. Un capitolare di Carlo il Calvo, per esempio,
puniva i falsificatori delle monete or col diritto romano ed ora col barbarico, secondo che l'uno o l'altro
prevaleva nel luogo del reato ^ i Sassoni punivano
:

furto colla legge

loro connazionali colpevoli di

luogo ove

lo

avevano commesso, quando

ci

del

era ac-

caduto fuori della loro patria - la legofe del luogo,


non la personale, era pure applicata quando si trattava di reati di spergiuro, di omicidio, e di rapina
violenza con danno altrui recato -.^ e in generale
:

questo criterio

si

giore gravit, che

Ed. ptstense
RiCHTHOFEN,

veniva a stabilire pei reati di magsi separavano per questo riguardo

dell'

864, cap. 13, 16, 20.

Ztir lex Saxonutn, p. 2.

Ciq). Hartstall, del

779. Borei.,

I,

49.

Marc,

Form.,

II, 37.

EPOCA BARBARICA.

9S

dai minori, ai quali soltanto restringe vasi V uso della

legge personale.
Altre limitazioni venivano alla personalit dall'esemI comandi di questa erano
che ne facevano parte, senza di-

pio e dall'azione della chiesa.

comuni a

tutti coloro

stinzione alcuna di diritto o di nazionalit

aveva essa

stessa un

proprio diritto, che doveva valere, egualmente senza riguardo di persone, in tutti i negozi che
a cose ecclesiastiche

si

riferissero: e di pi

combatteva

direttamente il principio della personalit, quando dall' uso di questo potevano venir conseguenze
contrarie
ai suoi donimi od ai suoi interessi. Ci poteva, per
esempio, accadere nel matrimonio, il quale, se fosse
stato contratto con altra legge che con quella che si
doveva, aveva, secondo i principii generali, in s un
vizio, che potea produrne l'annullamento: la chiesa si
volle opporre a questa conseguenza, per lei perniciosa,
della personalit, e lo fece ordinando nei concilii, fra
cui quello di Treviri dell' anno 895, che il matrimonio,
con qualunque diritto fosse stato contratto, dovesse

sempre

per valido.
egualmente dall'autorit imperiale partivano comandi, che, per il carattere e per
ritenersi

Come

dalla chiesa, cos

scopo della istituzione stessa imperiale (n. 29), facean


tutti, astraendo da qualunque riguardo di diversa condizione personale. Il diritto imperiale non era
lo

legge per

ma

esclusivo per questo o quel popolo,

tutti

riguar-

sovrapponeva quanti erano nell'impero aggregati. Di modo che anche sotto quest' aspetto
esso era, oltre che per l'origine, essenzialmente diverso
dai numerosi diritti popolari, che la personalit della
dava, e a tutti

si

legge faceva vivere rigogliosi a suo fianco. E finch il


principio della personalit fu in vigore, le due fonti di
diritto

non

barbarica

si

si

confusero fra di loro

ebbero

le leggi

per tutta Y epoca

popolari, e di fronte ad esse

PARTE SECONDA.

94

si svolse, con vita propria, il diritto regio, soprattutto


per mezzo dei capitolari, portandovi que' mutamenti di

cui gi
57.

si

fatto cenno.

Ci per non accadeva in tutto senza contrasto.

Gli elementi civilizzatori

il

diritto regio

li

traeva in gran

parte dalle dottrine della chiesa e dal diritto romano,


ond'era anche per questo, per la qualit cio del suo
contenuto, in opposizione col diritto popolare. Di pi,
air antico la
il nuovo diritto rappresentava di fronte

prevalenza della sovranit personale sulla tradizionale


costituzione de' popoli barbarici, fondata sulla sovranit
popolare o collettiva. Fu quindi cosa naturale che dalsorgesse, contro queste novit, la
l' elemento barbarico
resistenza, il cui effetto, oltre a vedersi nel fatto che
il diritto regio era collegato
e proporzionato strettamente colla prevalenza che il principe aveva preso sugli ordinamenti popolari, di guisa che dove questi meno
pi tardi cedettero, pi tardi o in minor grado pot
si vedeva ancora tanto nella rilutquello svilupparsi
tanza ad accettare gli atti sovrani di carattere legislativo, che dovevano perci essere continuamente ripetuti e sempre accompagnati da minaccia di pene, dal
hanno soprattutto quanto nella pretesa che, per poter
essere a tutti imposti, dovessero prima aver l'approvazione dell' assemblea. Infatti, nel regno italico i signori apertamente protestarono che i capitolari dovessero essere sottoposti all' assemblea nazionale, affinch
;

potessero acquistare valore di legge. Carlomagno si


oppose a questa domanda, e diede ordini a suo figlio

che non cedesse dinanzi alle prefacesse in tutto il regno obbedire


a quanto egli aveva comandato.* Anche Lodovico il Pio,
suir esempio paterno, non cedette. Ma pi tardi, quando

Pipino, re

d' Italia,

tese degl' Italiani,

a<pU.

ita.,

MI.

ma

EPOCA BARBARICA.
lo stato

fu indebolito, specialmente

95

per

le

successione e divisione nella stessa famiglia

guerre di
Carlo-

di

magno, ed il sovrano perci ebbe bisogno de' suoi sudditi, per averne aiuto nella lotta co' suoi rivali, dovette
accontentarne i desiderii, e conceder loro ci che prima
aveva negato. Neil' anno 832 furono da Lotario presentati air assemblea di Pavia i capitolari, incominciando
da quelli di Carlomagno, e non soltanto se ne chiese
in tal modo T approvazione, ma se ne fece una scelta,
per determinare quali dovessero aver vigore di leggi
nel regno.
sciuti col

capitolari cos scelti e raccolti sono cono-

nome

di costituzioni

pavesi,

ma

propriamente

Capitula quca Lotharius rex, una cum


consensu fidelium suorum, excerpsit de capitulis Karoli avi sui ac Ludovici genitoris sui.
Tutto ci dimostra come la sovranit popolare, raps'

intitolarono

presentata oramai soltanto dalla classe delle persone


il sapravvento, e come
tutto il sistema politico della monarchia romano-cripi ricche e potenti, riprendesse
stiana, inaugurata

da Carlomagno d'accordo colla chiesa,

entrasse in un periodo d'indebolimento, che poteva, procedendo, porla fino in pericolo di dissoluzione. Ci si
vide specialmente allora che

dall'

assemblea del regno

sovrano, ed anche a condannarlo, come accadde con Carlo il Grosso, che nell' anno 888 pose fine, per sempre, alla grande unit delsi

giunse a giudicare

il

impero carolingico. La monarchia non era, dunque,


per ora nel suo scopo supremo di sottoporre a s
tutto il popolo, assumendosi di fronte a questo una missione divina. La classe delle persone economicamente
le tolse seme politicamente potenti le insorse contro
l'

riuscita

pre pi

diritti

alter le sue relazioni col popolo

e cos'i

diede principio ad un nuovo ordinamento dello stato e

ad una nuova epoca storica, cio alla feudalit.

PARTE SECONDA.

96

Titolo Terzo,

periodo feudale.
Capitolo

Legislazione

feudale.

Per

1"
anzidetta ragione, cio per essere, dopo
impero carolingico, succeduto alla maggior potenza, che abbia avuto nel medio evo la monarchia, il
suo indebolimento maggiore, ed alla tendenza di accentramento universale lo smembramento di ogni autorit
e di ogni ufficio nelle mani dei feudatari avvenne egualmente che alla copiosa produzione legislativa dei capitolari seguisse la penuria della legislazione del tempo
feudale. Si aggiunga che, colla dissoluzione dell'impero,
manc, almeno in parte, lo scopo, a cui la precedente

58.

sciolto r

legislazione tendeva, di regolare le relazioni fra tanti

popoli diversi, per unirli tutti nelle istituzioni imperiali,

e in conseguenza diminu

leggi, stante la

denti dagli

altri,

anche

il

bisogno di far

di vari stati, gli uni

indipen-

quali da s medesimi, e con

provvedevano

nuovo

proprie condizioni. Per gli alrapporti giuridici, specialmente nel campo degl'in-

diritto,
tri

formazione
alle

teressi privati, le leggi gi esistenti, cio le leggi popo-

ed i capitolari, erano sufficienti, ovvero si venivano


lentamente trasformando collopera della consuetudine.
Di modo che all' autorit imperiale, la quale avea sempre, quantunque pi per diritto che di fatto, il potere

lari

far leggi che vincolassero tutti gli appartenenti alimpero, non rimaneva quasi altro oggetto su cui legiferare che quello che erale offerto dalle conseguenze
delle istituzioni feudali
conseguenze, che possono riguardarsi sotto due aspetti, cio nelle relazioni che
ne derivavano, e che conveniva regolare, fra sovrano

di
l'

97

EPOCA BARBARICA.
e feudatari, e nello st^to generale della societ,

il

quale

pur chiedeva provvedimenti, perch ordinariamente


era di disordine, violenza, insubordinazione da parte
dei potenti e a danno della giustizia e dei deboli. Intorno a questi due oggetti si aggirano principalmente
le leggi del tempo feudale, scarse, per, per le ragioni
anzidette, e quindi supplite dalle consuetudini, le quali

poi vennero raccolte,

e,

insieme colle leggi stesse, for-

marono quelle compilazioni, che si possono considerare


come i codici del diritto feudale.

1.

Leggi

feudali.^

I successori de' Carolingi, ora per propria auto^


ora per deliberazione dei grandi, di cui si attorniavano, ora colla partecipazione anche dell'assemblea popolare, furono autori di costituzioni, trattati ed altri atti

59.

ritj

legislativi, de' quali alcuni di grave importanza. E pi


ne fecero quegl' imperatori che, colla loro energia personale, riuscivano ad infondere nuovo vigore alle istituzioni imperiali, e cercavano di sollevar di nuovo l'impero al di sopra dei tanti vincoli, di che il feudalismo
lo aveva circondato. Infatti, se alcune disposizioni ci
restano di Guido e Lamberto, del II e del III Enrico,
pi numerose e pi importanti sono quelle degli Ottoni,

dai quali

appunto

si

tent richiamare

l'impero, sottoponendo

Non meno che

all'

antica potenza

signori feudali.

gli antichi

anche

capitolari,

le

co-

stituzioni imperiali, posteriori all'epoca dei Carolingi,

potevano avere, ed ebbero

infatti

per oggetto

le

pi

* ScHUPFER, cit., sez.


1, tit. 1, cap. 3; Salvigli, p. II, cap. 8
BoEHMER, Die Reichsgeselze voti 900 bis 1400, Francof., 1832; BouEGEOis, Le eapittdaire de Kiersy-siir-oiae, Paris, 1855 Fustel de Cou;

LANQES, Les articles de Kieray ili Nouv. Recherei!, etc.


Ed. nei Mon. Gerni, cit. Padelletti, cit.

>

Paris, 1891.

M. B.

Calisse.

PARTE SECONDA.

98

variate materie, cose


siastici, diritto

Ma

procedura, interessi eccle-

fiscali,

criminale, famiglia, patrimonio ed altro.

in conformit dei tempi,

pi esse

si

come

si

per

detto,

lo

riferivano a cose feudali, senza per for-

mare un ordinato complesso

di leggi, anzi

senza avere

fra di loro altra relazione, se non quella dell'aver co-

mune

l'oggetto delle disposizioni, vale a dire

feudo.

il

famoso capitolare,
che nell'anno 877 eman Carlo il Calvo nella dieta di
Kersy. Soddisfacendo i desiderii de' suoi vassalli, che
minacciavano non seguirlo nella guerra che allora egli
aveva, Carlo concesse che i feudi de' maggiori signori
fossero ereditari, e che non potessero esser loro tolti
se non per cause determinate e in seguito a regolare
Al diritto feudale appartiene gi

il

giudizio.

Tra
in

occupano un posto im1, le quali segnano


passato, ma erano pure

le costituzioni posteriori

portante quelle giudiziarie

di

qualche modo un ritorno

Ottone

al

rese necessarie dalle condizioni de' suoi tempi. Ottone,


infatti, diede

diziario.

Le

tato. Nelle

nuova autorit

e diffusione al duello giu-

leggi precedenti lo avevano, invece, limi-

cause pi gravi

lo

avevano

escluso, dicendo

esser cosa empia e stolta decidere colla spada

g'

inte-

chiaramente che
egli avrebbe del tutto vietato il duello come prova giudiziaria, se non glielo avesse impedito la contraria consuetudine del popolo suo ma pi che pu lo limita.^
feudali lo rimisero in onore, e la prova se
I costumi
ne ha nei suddetti capitoli di Ottone I, nel 967. Egli
stabili che per talune cause, e per quelle specialmente
ressi delle famiglie/ Liutprando dice

riguardanti
gatorio,

'

il

possesso delle terre,

il

duello fosse obbli-

quando venissero impugnati come

RoT. Ed., 164, 165, 166.

Liuti- R. Ed., 118.

falsi

docu-

EP^CA BARBARICA.
menti

clie

Romani ed

99

quest' obbligo dovesse estendersi anche ai

che questi per, come


ed i vecchi, potessero a s
stessi sostituire un rappresentante o campione, mentre tutti gli altri dovevano personalmente presentarsi
e combattere.^ Era il tempo della forza
la ragione si
riduceva a poter far valere di fatto i propri interessi
ed Ottone cerca di congiungere questo sentimento, che
non si poteva estirpare, colla conservazione della pubblica autorit, imponendo come legge ci che si sarebbe
egualmente fatto per la consuetudine e per l'indole

anche

le

ecclesiastici

agli

donne,

fanciulli

dei tempi.

Tra

le leggi feudali meritano ancora una parmenzione quelle che Corrado II pubblic sotto
Milano nel 1037, e che ebbero per scopo il porre i vas-

60.

tijnolare

minori in quella condizione di quasi indipendenza


i
maggiori, che questi avevano gi conseguita
verso il re, stabilendo che nessuno potesse esser pri-

salli

verso

vato del feudo, se non in conformit di ci che a tal


proposito prescrivevano le leggi, e in seguito a giudiche, come i vassalli maggiori potezio de' suoi pari
;

vano portare

imperiale

al tribunale

gli appelli

contro

privavano del feudo, altrettanto potessero fare i vassalli minori ai tribunali dei messi imche il feudo, alla morte dell' investito, pasperiali
sasse per diritto ai discendenti di lui, e in mancanza
che finalmente il signore non podi questi al fratello
tesse per qualsiasi titolo alienare il feudo, se prima non
ne avesse avuto l' acconsentimento del vassallo.
Tra gli altri imperatori, alcuni furono pur essi aule

sentenze che

li

tori di leggi, che, in

modo

giungono col feudo.


Ottone III, deplorando
*

pi o

le

Capit. {tal, ed. PADELr.ETTl,

meno

diretto,

violenze, che

GapUuhi

Ottons,

si

con-

sempre pi

PARTE SECOND*.

100

turbavano

la pubblica tranquillit,

attivit mostrino
siasi

tempo, tranne

vuole che maggiore

tribunali, facendo giustizia in quali

giorni

delle

maggiori solennit,

ch'egli stesso determina.^

Arrigo I, in una dieta tenuta a Strasburgo nel 1019,


avuto il consenso de' grandi feudatari, tra cui nomina
parecchi vescovi italiani, pubblic leggi sulla successione fra coniugi, sulla punizione da infliggersi a chi
per cupidigia di eredit avesse ucciso un parente, e
a chi avesse commesso omicidio dopo aver giurato la
tregua o fatto la pace in questi due casi, V accusato,
se avesse voluto scolparsi, doveva da s stesso fare il
duello, a meno che la et, o troppo vecchia o troppo
giovane, ovvero l'infermit non glielo avessero im:

pedito.-

Arrigo

II,

col consenso dell'assemblea, pubblic- leggi

nel 1047 e nel 1054, vietando agli ecclesiastici di far


personalmente giuramento in tribunale, punendo colla

morte

e la confisca gli autori

di

venetcii

di

altre

matrimonio colla
vedova di un parente, minacciando la pena capitale a
chi non tenesse il dovuto conto dell'autorit del sovrano.^ Di Lotario, nel 1136, importante la legge sulla
uccisioni a tradimento, proibendo

il

alienazione dei feudi.

Ma

specialmente g" imperatori di origine sveva, che


di restaurare la imperiale autorit, riacquistandole ci che i feudatari le avevano sottratto, e
provvedendo che ci pi non accadesse, dettero leggi

cercarono

importanti su molte materie, tra cui le feudali. Di FeI celebre la costituzione de regalihus, pubblicata nella dieta di Roncaglia del 1158, colla quale si de-

derico

Capituhim

Ott. Ili, in

Capiu

* Ca2ntula Ileinrici I, ivi.


'

Capiiula Heinricx

III, ivi.

xtal, ed. cit.

EPOCA BARBARICA,
terminano e sanzionano

le

101

prerogative sovrane, per

assicurarle contro le usurpazioni de' feudatari e de' co-

muni. Altre costituzioni sono di Federico li esse, per,


appartengono oramai ad un' epoca nuova, nella quale
la feudalit non certamente tramontata, ma la sovranit ne ha preso nuovamente l' impero, e sono nel
tempo stesso sorte vigorose le istituzioni democratiche, di modo che nuovi elementi s' intrecciano per determinare le condizioni della societ, che non pu pi
dirsi, come questa di cui ora si ti^atta, propriamente
:

feudale.

2.

Compilazioni

di diritto feudale.^

61.
I libri de' feudi, detti anche usus feiidorimis
consuetndines feudales, possono ritenersi come il mo-

numento massimo

del diritto feudale in Italia. Per,

ostante la loro autorit e diffusione,

non

si

incerti tanto

sull'autore quanto sull'epoca della loro

prima compila-

zione, risultando essi di elementi diversi, costituzioni,

sentenze, consuetudini, appartenenti a pi tempi, e


messi insieme per via di successive manipolazioni, ed
essendo lavoro che non ebbe carattere ufficiale, ma fu
del tutto lasciato all'iniziativa ed agli studi dei privati. Quel che certo che, almeno in parte, patria
dei libri feudorum fu Milano, che giuristi milanesi ne
furono i primi autori, e che 1' opera di questi fu poi

Co,

Fertile, 66; Salvigli, p. II, c. 9; Schupfee, sez. II, tit. I,


Ueher die Entstehung iind die alteste Bearhei-

3; Laspeyres,

der Libri feudorum, Beri., 1830; Lehmanx, die Enhtehung der


Libri feudorum, Rostock, 1891; Beavo^OT, Aesises de Jrusalm,Ftiing

ris,

1841; Mounier, Godefroi de BouiUon

et

es

Assises de Jrusalem,

Paris, 1874:. Per le consuetad. feud, di Sicilia, G annone,

Amari, ec,

e in

feudatari sotto la

Ragghia,
Capasso, Sul catalogo dei feudi e dei
domin, normanna, Napoli, ISTO.

particolare

PARTE SECONDA.
riveduta e riordinata in pi guise, fino a che venne ad
avere, nella scuola di Bologna, l'estensione e la forma
colla quale ci si conservata.

Da prima si volle fare autore dei libri feudorum,


almeno di una parte di essi, e precisamente del piccolo trattato col quale incomincia il primo libro, Gherardo il Nero Capagisti, console di Milano ai teupi di
Federico I: ma non notizia che sia sostenuta da argomenti sicuri. Un piccolo trattato anche al principio del
libro secoudo, ed formato da due lettere che Oberto
dall'Orto, pur dei tempi di Federico I, scrisse a suo tglio
Anselmo, giureconsulto bolognese, che gliene aveva
fatto domanda. Tanto al primo quanto al secondo trattato furono aggiunte, a

modo

d'

inserzioni e di appendici

ed in pi volte, divei*se altre materie, aggruppate, per


quanto sembra, intorno principalmente alle leggi feudali di tre imperatori, Corrado, Lotario e Federico I.

Quando e da chi sia ci stato fatto non si conosce. E


nemmeno si pu altrettanto detenninare a riguardo della
unione delle varie materie in un sol corpo, e della composizione di questo in due libri, che furono divisi, secondo il sistema di Giustiniano, in titoli e rubriche,
perch il tutto era abbandcnato all'opera privata degli
studiosi. Probabilmente per, come si detto, ci avvenne alla scuola di Bologna, dove il diritto feudale,
in questa collezione appunto che se ne veniva formando, ebbe insegnamento e glosse numerose e importanti,
e dove pei'ci, a somiglianza di quanto si era fi\tto pel
dUtto romano e pel canonico, dov stabilirsene una
lezione o testo, che a tutti gli altri prevalesse. Infatti,
una seconda sistemazione ne attribuita ad Ardizone,
elle sopra vi fece la sua summa feudorum, ed una
terza, che quella restata poi definitiva in due libri,
titoli e rubriche, si ritiene opera di Accursio, che se
ne serv per la sua glossa. Altri riordinamenti ne fu-

EPOCA BARBARICA.
reno

fatti in

Cuiacio, che

103

appresso, fino a quello in cinque libri di


non ebbe per autorit da potersi sosti-

tuire alle altre precedenti raccplte.

Quantunque

i libri dei feudi non avessero valore uilipure, per l'importanza loro intrinseca e per l'utiche se ne traeva, come ancora per 1' uso che se ne

ciale,
lit

faceva nelle scuole e nel foro, ebbero grande auto-

ma anche altrove, in FranGermania, per la quale nel secolo XVI ne fu fatta una traduzione in tedesco. Oltre
a ci, i libri de* feudi vennero ad avere quasi un carattere ufficiale, quando furono, a somiglianza delle
costituzioni imperiali, inserti nel corpus iuris civilis
per opera del giureconsulto bolognese Ugolino, della
prima met del secolo XIII: a questo si attribuisce
rit,

e non soltanto in Italia,

cia specialmente e in

l'averli collocati,

insieme con altre costituzioni degl'im-

peratori svevi, dopo le novelle di Giustiniano, forman-

done

la

state

decima

le

come appresso
62.

delle raccolte o collationes in cui

medesime

novelle

Altra

si

distribuite

erano

dai glossatori,

dir.

raccolta del diritto feudale

si

ha nelle

Assise di Gerusalemme, dette anclie Lettere del santo


sepolcro, perch presso di questo furono depositate. Fon-

dato il regno latino in Oriente sul finire del secolo XI,


re Goffredo fece raccogliere le consuetudini di tutti
vari popoli, che

il
i

erano uniti negli eserciti crociati,


e che formavano ora la popolazione del nuovo stato, per
dare a questo, sulle cose almeno pi importanti, una
stabile legislazione. Tutto fu fatto secondo i costumi
europei, scegliendo prima persone esperte a raccogliere
le consuetudini, accertando queste coi soliti mezzi d'interrogarne le adunanze popolari e specialmente, donde
il

nome

si

di assise,

quelle

giudiziarie,

poi all'approvazione dei grandi, e

sottoponendole

dando finalmente ad

esse, nel pubblicarle, la sanzione sovrana.

Fu cosa na-

PARTE SECONDA.

104

turale che da quegli elementi non risultasse che un


diritto feudale, tanto pi

dale era stato costituito

che tutti

che sul puro ordinamento feuregno novello. Era il diritto

il

Europei avevano comune, e perci era

gli

quello che meglio di ogni altro poteva adattarsi alla

E specialmente

loro mescolanza.

assise che detta alta corte,

feudale

ritto

posto

il

come

perch,

in quella

riproduce

si

tutto

il

parte delle
il

popolo

puro
si

di-

trov,

feudo a base di ogni ordinamento, diviso ne-

cessariamente

due

in

classi,

in

quella

sori dei feudi, e nel!' altra dei sottoposti

dei

posses-

e come, in

composero due giurisdizioni, ossia


per gli altri la bassa;
cos si divisero in due parti le assise stesse, prendendo il titolo dalle due corti, secondo che contenevano materie che coir una o coir altra di esse avevano
relazione di ci,

si

corti, pei nobili la corte alta, e

relazione.

Quando Gerusalemme
l'anno 1187, anche
sto originale

ai

Cristiani, nel-

perdettero nel loro tema, conservate nella pratica e nei tri-

bunali, furono di

restarono

perduta dai

fu

le assise si

nuovo poi raccolte per


e

crociati,

quella che ne fece Giovanni

d'Ascalona, nel 1266.

di

gli stati

che

migliore compilazione fu

la

d"

Ibelino, conte di Giaffa e

questo diritto avvenne che,

stato portato dagli Europei in Asia, cos coEuropei a poco a poco se ne ritraesse, seguendo le
vicende delle loro fortune guerresche. Dal centro della
Palestina si ridusse alla spiaggia, da questa pass alle
isole, a Cipro specialmente e a Negroponte, da dove
ancora fu sbandito, quando vi si pos il dominio musulmano. A Cipro per, innanzi che lo conquistassero i
Turchi, dominavano i Veneziani, i quali curarono che

come era
gli

le assise, dichiarate fin dal 1368 codice del

regno, fos-

nuovo sistemate ed anche tradotte

in italiano

sero
^el

di

1531

di

modo che

fin

col

vivere per la prete-

EPOCA BARBARICA.
zione datagli da

anche

una potenza

dall' Italia

era partito

105

italiana quel diritto, che


ai

tempi della sua for-

mazione.
Altrettanto fecero i Veneziani per le assise stesse in
Negroponte. Nell'anno 1421 furono approvate dal doge
Foscari come leggi del principato, e l si mantennero,
finch fu possibile il salvarle dalla dominazione musulmana, col nome fatto ad esse speciale di Assise di

Romania.
63.
Le due anzidette compilazioni contengono un

diverso sistema di diritto feudale. Nei libri feuclorum


contenuto

quello

che ha alquanto deviato dalla sua

prima non avesse,


importanza all'elemento patrimoniale e familiare, a scaoriginaria purezza, dando, pi che

pito di quello politico e militare.

il

sistema che, es-

sendosi formato in Italia e specialmente in Lombardia,

mentre V altro, pi rigido e puro,


Dove i Franchi prevalgono, ivi
quest' ultimo sistema ha prevalenza
e perci esso si
trova nelle assise di Gerusalemme, come, portatovi dai
Normanni, si trova ancora nell'Italia meridionale e in
Sicilia. Quivi le costumanze feudali sembra che siano
per la prima volta state determinate da Roberto Guiscardo. Il re Ruggiero le avrebbe confermate. Ma Guglielmo, detto il Cattivo, non le osserv, onde la insurrezione de' baroni, che, domandato inutilmente che si
si

ha

dice lombardo,
il

nome

di

franco.

tornasse alle antiche consuetudini, ricorsero alla violenza per liberarsi dall'oppressione che dicevano di
soffrire. Nel tumulto il codice, che si conservava nel
palazzo reale, and perduto, ed altro non se ne sa se
non ch'esso esistette, e che aveva il nome di defetari:

la qual parola, di origine araba,

quaderni o registri, dove

mente soltanto

non

altro significa che

gli usi feudali, e

pi probabil-

reciproci diritti feudali fra re e baroni, erano stati annotati.


i

PARTE SECONDA.

106

Oltre che in queste speciali raccolte,

il

diritto feu-

ordinariamente contenuto in tutte le legislazioni


di quest'epoca, come anche della posteriore, perch era
divenuto comune a tutta intera la societ. Tanto le
lale

costituzioni dei principati

come

gli statuti delle citt

non potevano non contenere elementi feudali, svolgendosi in mezzo a feudi la vita delle istituzioni, a cui si
riferivano le loro disposizioni. Ed egualmente diritto
feudale scaturiva di

continuo dalle sentenze dei tri-

non solo ci che era fissato


quanto ancora si formava nella consuetudine, che giunse in questo tempo a prendere nuovamente cos grande importanza, che necessario cercarne
con qualche precisione i caratteri e gli effetti.
bunali,

quali applicavano

nelle leggi,

ma

Capitolo IL

La

consuetudine.

64.
Tornato il diritto, quantunque non ancora pienamente, ad essere il prodotto immediato delle necessit sociali, le quali non avevano corrispondenza colle
leggi antiche, perch fatte per condizioni diverse, n potevano per le cause anzidette essere in tutto soddisfatte
il diritto stesso
da leggi nuove
non pot utilmente
avere altra fonte che la sua originaria, cio di nuovo
;

la

consuetudine.

Questa
cio fra

si

trovata

anche nel tempo precedente,

barbari, che portarono le proprie costumanze

in Italia, e quivi scrissero le

prime loro

leggi.

Ma

fra

r antica consuetudine e la nuova intercedono notevoli


differenze.
Il

piuto

aveva gi com-

diritto consuetudinario dei barbari


il

periodo della sua formazione


la

corrispondeva

una societ passata di modo che, non


loro venuta in Italia, esso incominci a

alle condizioni di

molto dopo

scomparire, trasformandosi nel diritto scritto, cio nelle

EPOCA BARBARICA.

107

leggi popolari. Al^ contrario, la consuetudine del

tempo

feudale di formazione contemporanea a questo, procede di pari passo collo svolgersi delle nuove condizioni
sociali, e

perci mette capo alla conseguenza opposta


si ebbe nel tempo anteriore, vale a dire

a quella che
che, in luogo

di scomparire davanti alle leggi scritte,


prevale ad esse, e fa che queste, in parte almeno, scompaiano. Queste nuove condizioni sociali, le quali pro-

vocano e giustiiieano il formarsi di nuove consuetudini,


sono principalmente quelle che derivano dalla feudalit.
Ci conferma come, in questo tempo, la consuetudine
sia un diritto formato essenzialmente dalle classi feudali, secondo gl'interessi che in queste si venivano svolgendo. Perci negli ordinamenti feudali convien cercare

modi e mezzi, pei quali


quali fossero
giungeva a dar vita a nuovo diritto.
i

la

consuetudine

Gli_usi popolari, la pratica giornaliera forniscono la

materia, cio
pone.

Il

le

pito de' pubblici


i

norme

di cui la

consuetudine

si

ricercarle, poi, lordinarle e sanzionarle


e

uffici,

comcom-

principalmente dei tribunali,


modo a questa formazione

quali partecipano in doppio

del diritto consuetudinario.

Ora

essi si

propongono

d'ac-

certare una consuetudine che esistente, o che tale si


afferma da chi vi ha interesse interrogano i testimoni,
:

le

persone anziane, degne

ed anche, se occorra,
ci

non basta,

si

va

ai

di

fede, esperte nel diritto,

tribunali dei luoghi vicini

se

tribunali superiori; finalmente,

per troncare dubbi o decidere fra opposte affermazioni,


si ricorre al giudizio di Dio. Invece, se si tratta di caso
nuovo, in modo che la consuetudine rispetto ad esso
non esiste, o non ancora legalmente compiuta, i giudici provvedono colla propria coscienza e dottrina iib>usus defecerit, inveniunt seatentiam, siae fraude.
secundum Deum. Cosi vien formata una regola di di:

ritto, la quale,

ripetuta in casi analoghi, giunge ad acqui^-

PARTE SECONDA.

108

stare tutti

per ragione

caratteri propri della consuetudine, che,


di

questa sua origine,

si

dice giudiziaria o

forense {ksks, laudamenta curice). Ma anche questa


consuetudine si pu dire di origine popolare, sia perch
alle discussioni ed ai giudicati dei tribunali il popolo
assisteva e partecipava, sia perch i loro componenti,

fossero scabini, pari, buoni uomini od altri simili, erano


di

nomina
65.

dell"

Altre

assemblea

locale,

differenze fra la consuetudine

che

si

forma nel tempo feudale e quella primitiva barbarica


si hanno per ragione delle condizioni, che si richiedono
per la sua legalit ed efficacia. I caratteri propri di
ogni consuetudine non le mancano certamente, quelli,
che gi erano stati determinati dai giureconromani, la diuturnit, l'attualit e la generalit
degli usi, dei quali essa risulta. Ma nel medio evo
si aggiunsero a questi caratteri essenziali alcuni altri
speciali, pe' quali la consuetudine, di cui ora discorso,
allontanandosi da quella romana, pot dividersi in pi
cio,

sulti

specie. Oltre ad essere, con criterio del tutto esterno,

regni

et loci, ossia

generale e locale, in relazione

l'estensione del territorio


\

al-

su cui aveva efficacia; la

consuetudine poteva essere bona et mala, perch vi


si richiedeva il carattere della ragionevolezza. Una
consuetudine irragionevole, nel comune significato di
questa parola, non concepibile, e infatti non la si
trova nel diritto romano ma nella consuetudine medievale poteva ben concepirsi il requisito della ragione:

volezza, perch a questa parola

si

dava un

significato

del tutto speciale, intendendosi con essa la corrispon-

denza

ai precetti della

triplice

modo veniva

ragione divina, la quale in un

considerata, potendo manifestarsi

come una triplice legge, con cui la consuetudine doveva sempre esser concorde. La prima legge quella
rivelata, cio data direttamente

da

Dio. L'altra quella

EPOCA BARBARICA.

109

formata dalla chiesa, cio la legge canonica, la quale,


essendo un mezzo necessario per la conservazione e
r adempimento della missione della chiesa medesima,
partecipa del carattere divino, che proprio di questa.
La terza legge quella che si chiama naturale, comune a tutti quanti gli uomini, perch deriva dai loro
naturali sentimenti, e si compone di certi principii che
tutti riconoscono giusti, e nella cui osservanza consiste la morale rettitudine delle umane operazioni;
Ora, siccome la natura dell' uomo derivazione da Dio,
le leggi che essa detta lo sono egualmente, formando
cos ancor esse una manifestazione od applicazione della
legge soprannaturale, alla quale la consuetudine deve

sempre conformarsi. Tale carattere


della consuetudine ecclesiastica

munic anche a quella


tutta la societ in

formazione del

civile,

fu proprio

ma

da prima

facilmente

si

data T autorit che

cosii

generale, e particolarmente sulla

diritto,

esercitava la chiesa.

Dalla distinzione della consuetudine in bona et

mala

deriv un'altra, che pure ebbe grande importanza, e fu

non probata. Il
romano neppur questa poteva conoscere, stante

quella della consuetudine in probata et


diritto

che nel popolo, autore della consuetudine, riposava il


supremo potere legislativo, e non altrimenti era pel
diritto barbarico.

Ma

accettata la suddetta teoria del

doversi avere nella consuetudine una ragionevolezza, di


cui

non

il

popolo era l'autore,

ma

Iddio;

si

dovette ve-

nire alla conseguenza che fosse necessario accertare


l'esistenza di quel requisito, affinch la consuetudine

avesse efficacia, e che l'accertamento se ne dovesse


fare per

mezzo

della

conferma avutane dalla chiesa,

od anche dal sovrano, a

cui,

secondo gl'insegnamenti

della chiesa stessa, l'autorit veniva delegata da Dio.

Fu quindi regola generale che


sero' essere

le consuetudini dovesapprovate, e fu messa in pratica per tutti

no
i

PARTE SECONDA.

luoghi e tempi, anche per quelli succeduti ai feudali

propriamente

detti,

da bolle

pontificie, diplomi

impe-

consuetudine non era approvata, e poteva darsi anche che


fosse espressamente disapprovata: per dire qualche
riali,

rescritti

esempio, in

sovrani.

Roma

In caso

nel 1122

il

consuetudine per la quale

la

contrario

papa
il

la

Callisto

disapprov

prefetto urbano eredi-

beni di quegli abitanti della citt Leonina che


i
morivano senza figli e senza testamento Eugenio IV
nel 1228 condann la consuetudine, viva in Ravenna, che
il popolo, alla morte dell'arcivescovo,
s'impadronisse

tava

dei

mobili a lui appartenenti

Ottone

viet quello

chiamava mos detestahilis in Italia improbusque non imitandus, cio di voler provare con semplice giuramento la verit di un documento contestato,

che

il

egli

che era causa

di

frequenti spergiuri: Federico

fece

naufraga, per
la quale persone e cose dei naufragati venivano, come
res nullmsl acquistate dal primo occupante. Il dovere
altrettanto della consuetudine del ius

la

consuetudine riportare V approvazione

dell'

autorit

anche vantaggiosa, in quanto che per essa si poterono impedire gli abusi, che facilmente, in caso diverso,
si sarebbero avuti, sia per la troppa potenza che in
quelle condizioni sociali talune persone giungevano ad
acquistare sulle altre, sia per gli errori che, stante la
fu

scarsezza generale di cultura,

La formazione del

vulgati.

si

sarebbero formati e diinoltre, fu con tal

diritto,

mezzo ricondotta sotto l'autorit immediata dello stato


della chiesa, mentre pel feudalismo si veduto quanto
tendesse

.a

sfuggire all'uno ed all'altra, colla conse-

guenza del rompersene


de' suoi

la unit e diminuirsi

la forza

elementi civilizzatori. Anche a questi, alle forze,

romanit e della chiesa, la necessit che la


consuetudine dovesse essere approvata riapr la via a
penetrare nel diritto, dalla cui formazione la pura reacio, della

EPOCA BARBARICA.

IH

zione feudale tendeva ad escluderle. Di maniera che,


nei caratteri stessi che sono propri della consuetudine

medievale si deve ravvisare il germe, la ragione delavere il diritto ripreso e continuato il cammino verso
il proprio miglioramento.
Per tutto questo che si detto, facilmente si
66.
comprende come la consuetudine del tempo feudale abbia dovuto avere maggiore efficacia che non abbia avuta
in precedenza.
Ordinariamente, la consuetudine mostra la sua efl'

flcacia nel supplire alla deficienza della legge.

Un

ca-

uhi lex deest, prcecellat consuetudo, et nidla consuetudo superponatur Ze^.* Questa
seconda proposizione, che la consuetudine non possa
prevalere aliar legge, corrispondeva alle condizioni giupitolo di Pipino dichiara

ridiche del principio del secolo IX,

sovrana s'imponeva a

quando

1"

autorit

riteneva come fonte


principale del diritto. Ma nel tempo feudale fra il principio su esposto e la realt delle cose non si ebbe pi
tutti, e si

corrispondenza piena, per le cagioni dianzi indicate


ed una conseguenza se ne vide anche nella consuetudine, la quale estese la sua efficacia oltre ai limiti antichi, giungendo a sovrapporsi alle leggi col creare a
:

nuove norme giuridiche, che ne presero il


questo fenomeno dovuto in gran parte Y ulteriore svolgimento del diritto. Le vecchie legislazioni,

loro fianco
posto.

che male

adattavano oramai alle mutate condizioni


ne furono modificate e se da ci
si ebbe sul principio la conseguenza che il diritto venisse a trovarsi in uno stato d' incertezza ed anche di
disordine, questa non fu che CQsa transitoria, perch
presto le consuetudini presero consistenza, secondo le
condizioni dei luoghi nei quali si venivano formando
si

della societ italiana,

Capit. {tal. cit., 35.

PARTE SECONDA.

112

prendendo consistenza, esse dettero origine a quei diche si possono dire volgari, perch risultavano
dall' opera popolare, non guidata da un legislatore, ma
prodotta dalla necessit di provvedere alla vita ordinaria, raccogliendo ovunque si trovavano, o Creando,
quando non esistessero, gli elementi giuridici che vi
occorrevano su questi diritti volgari si ripieg poi l'attivit legislativa o scientifica, per ordinarli, accertarli,
completarli, e cos finalmente, attraverso un lungo lavorio, ne uscirono le nuove legislazioni italiane.
Ci considerando, si comprende come debba ora mutarsi il diritto anche in un altro de' suoi caratteri, che
ritti

pel tempo passato gli fu essenziale, in quello cio che


gi si dichiarato come principio della personalit. Il
nuovo diritto, elaborato sui vecchi elementi dalla consuetudine, non pu esser personale, com' era quello dei
codici popolari dei barbari. Tanto se si prende in considerazione la causa fondamentale della consuetudine,
qual un interesse a cui si deve soddisfare con una

nuova regola

giuridica, quanto se

si

guarda

il

modo

forma, cio la ripetizione di atti conformi si vede come essa non possa dar vita ad un diritto personale, ma debba invece produrne uno che sia
col quale essa

si

si trovano nelle stesse condizioni,


scomparendo, dinanzi a queste, ogni differenza di nazionalit e di legge, e ricostituendosi pel diritto la qua-

comune a quanti

lit territoriale.

Ma

di

questo fatto convien trattare un poco pi par-

ticolarmente.

Capitolo

III.

La

territorialit del diritto.

Durante V epoca feudale si trovarono unite le


67.
cause che ricondussero il diritto, da quello della personalit, al principio della territorialit, il quale in que-

113

EPOCA BARBARICA.

st' epoca medesima incominci di nuovo a diffondersi,


quantunque conseguisse in appresso il suo compimento.
Le cause furono parecchie. Principalmente \i contribunPfatto che venne a mancare al sistema delle
leggi personali la causa da cui sorse, la molteplicit
cio delle nazionalit, in gran parte reciprocamente
autonome, dentro il medesimo stato. Da pi popoli, per
il lungo contatto, stava per risultare un popolo solo
da lingue diverse nasceva una lingua comune da costumanze le une alle altre straniere prendea vita un
costume nazionale; da interessi opposti ne derivavano
;

altri,

che tutti sentivano egualmente

terre possedute succedeva

alla variet delle

una patria per

tutti

le ri-

cedevano dinanzi air unit della fede


poteva rimanere la disparit del diritto ? doveva dalle
varie leggi scaturire una legge sola, non pi perci
personale, ma territoriale, cio stabilita per un determinato territorio e obbligatoria per quanti vi erano
valit religiose

domiciliati.

Tale trasformazione dov necessariamente accadere


grado per grado. I primi indizi si scorgono nello scambio che i vari diritti si fanno di regole a ciascun di essi
scambio timido e quasi diffidente da
gi particolari
prima che si va per sempre aumentando, perch ri:

specialmente dai bisogni degli affari giornache finalmente si tramuta in una decisa preponderanza dell" un diritto sull'altro. La influenza del diritto
romano si fece sentire su quei barbarici, che ne subichiesto

lieri;

rono profonde modificazioni, nei pubblici e nei privati


ma neppure fu scarsa quella che il diritto ro-

istituti

mano

ne ricevette, accogliendo principii, gi


esclusivamente propri de' barbari. Cos l'uno all'altro
si avvicinava, proseguendo, con maggiore rapidit ed
efficacia, in quell'opera di sostituzione di uno solo a pi
diritti, la quale, fin da luando le leggi potevano per
stesso

M. B.

Calisse.

I.

PARTE SECONDA.

114

la personalit vivere separate,

nelle

resse,

limitazioni a questa

nel^campo del

aveva avuto principio

portate per pubblico inte-

diritto pubblico e

penale special-

mente (n. 55) nella prevalenza che si doveva dare


ad una legge sopra un' altra, per dirimere un con;

provocato dal loro incontro in uno stesso negozio


(n. 54)
nel fatto che a persone di legge diversa poteva imporre una legge comune la condizione
della terra, di cui contrattavano (n. 53)
e finalmente
flitto

giuridico

nel diritto

emanato

tamente

riferiva (n. 30).

Ed

si

dal sovrano,

clie

a tutti indistin-

ancora concorsero a far che il ditendesse ad unificarsi e a rendersi con ci territoriale. Molto giov la cognizione diffusa delle varie
altre ragioni

ritto

leggi.

molte persone

proprio

il

ufficio

imponeva

di

esserne esperti, per applicare praticamente quella di


esse che fosse richiesta dalla qualit dei negozi giuridici. Fin da Liutprando dovevano i notai esser pronti
a compilare
il

gli atti

longobardo

secondo

(n. 71).

Gli

il

diritto

scabini,

romano

o secondo

componenti

singoli

mentre appartenevano a distinte nazionalit,


dovevano applicare ora V una ora l'altra delle leggi vi-

tribunali,

genti, sia istruendosi fra di loro, sia apprendendole sui


libri,

nei quali, per comodit della pratica,

le

varie

leggi erano unite. In questi libri, formolari, manuali,

compendi, le regole giuridiche si mescolavano, perch


cos gi accadeva nella pratica, e perch, affievolendosi la memoria dell' originaria loro distinzione, anche
materialmente vi si venivano a confondere. N si deve
trascurare la parte che al ristabilimento del diritto
territoriale ebbe il feudalismo. Perch, se vero che
il

diritto feudale, nelle sue particolari applicazioni, fosse

vario, frazionato,

multiforme, al pari della feudalit

medesima, tanto che ogni castello pu dirsi che avesse


un diritto vero altres che sul territorio, per quanto
;

115

EPOCA BARBARICA.

quale esso imperava, non

si voglia pensar limitato, sul


prendea cognizione delle diverse origini di chi Y abifossero o romani o barbari, e fra i barbari ci
tava
abitanti
fosse pur la maggiore variet di nazione, gli
a quei
tutti
sottoposti
vassalli,
del feudo non erano che
:

gli altri
doveri, e tutti aventi quei diritti, negli uni e
signore. Era
dei quali consistevano le loro relazioni col
territorialit ristretta al territorio feudale. Oltre

una
a

il

variet feudali non si perdeva mai di vista


comune, posto a fondamento del sistema intero
profeudi. La veste giuridica che vi assumeva la

ci, nelle

diritto

dei
signore, le cause
priet, la subordinazione dei vassalli al
immunit, le relazioni fra
di decadenza, il concetto delle
lo stato e

feudatari,

il

giuramento,

l'

onore, la milizia,

nei
eran tutte cose che, per quanto variamente regolate
di caratteri, dai
singoli feudi, avevano pur tutte unit

una legge vasta quanto la stessa societ


non personale. Alche deve pure
feudale
a^^giungersi che le persone non avvolte nella rete

quali derivava

feudale e di carattere

erano o

le plebi rustiche,

sempre maggiore

delle quali

veniva facendosi

la uniformit della condizione giuri-

sia nell'uso delle


dica, sia nelle relazioni coi proprietari,
per lo pi si
che
citt,
delle
terre ovvero gli abitanti
;

reggevano a diritto romano o erano coloro che seguidella


vano il diritto canonico, perch facean parte
il contratto
come
evidente

caso
chiesa. Nel primo
eguali, doagricolo, fondato su interessi generalmente
;

legge, che si povesse far scomparire le differenze di


N^egli altri due
terra.
della
lavoratori
tevano avere fra i
iT diritto
come
romano
quello
che
s
notare
basta
casi
universalit,
canonico avevano in s il carattere della
doveva manifestarsi, quanto pi s'inil quale tanto pi
che 1' avevano prima tenuto comcause
le
debolivano

anch'esso a fare alla


presso, e doveva quindi" concorrere
del diritto.
territoriale
retficacia
personalit subentrare

PARTE SECONDA.

116
68.

COS

avvenne.

II

per-

diritto si sciolse dalle

sone, e prese autorit sui territori,

quali

sui

dovette avvenire che una legge, quella che

si

perci

faceva

territoriale, sbandisse tutte le altre gi state personali,

determinandosi
locali, e

vano

le

prevalenza

una

di

condizioni

dalle

si

trova-

varie nazionalit. Tutjo ci fu evidentissimo

dove ben presto

in Francia,

romane

la

soprattutto dalla proporzione in cui

le

si

caratterizzarono per

provincie meridionali e

germaniche, tanto che

l,

lungo

il

secolo IX,

indizio sicuro della territorialit. In Italia

meno

fu pi lento e

distinto.

per
ha gi

le settentrionali

il

si

movimento

primi a perdere auto-

rit furono quivi quei diritti barbarici, che, penetrativi

per solo effetto della personalit nell' epoca carolingica, non lasciarono mai l'indole di diritti importati da
elementi di popolazione, e perci estranei allo
svolgimento della societ italiana. Tutto l'opposto accadde pel diritto longobardo, il quale, svoltosi in Italia,
si era reso adatto alle condizioni di questa (n. 16), e
perci, quando si fu al punto in cui sorse la necessit
che r un diritto dovesse cedere il campo ali" altro, si
deboli

trov in grado non solo di surrogarsi agli altri barbarici, ma ancora di sostenere, e spesso vitto riosam ente,
la lotta

con quello romano.

La durata di questa lotta ed il suo ultimo risultato


furono pur dipendenti dalle condizioni locali, e vari
perci secondo

le

varie regioni

d" Italia.

A Roma

e nel

suo distretto, ove sempre il diritto romano aveva dominato, la territorialit era ristabilita a favore di que^
altrettanto accadde
sto fin dal principio del secolo XI
a Venezia e neir Esarcato, ove la dominazione barba:

rica fu

meno che

altrove stabile ed influente. Xeir Italia

settentrionale invece, dove

Longobardi,

il

xiiritto di

aveva vissuto

il

regno dei

questi prevalse in generale sul

romano. Cos avvenne, per

la stessa ragione, in qual-

EPOCA BARBARICA.
che punto
in

modo

dell' Italia

assai pi

117

centrale, per esempio, a Lucca, e

ampio

e saldo in quelle parti del-

dove la nazionalit longobarda sopravvisse, e perci specialmente nelle dipendenze di


Benevento, i cui statuti mantengono per molto tempo
ancora la esplcita preferenza del diritto longobardo su
quello romano (n. 132). Imperocch nell'Italia meridiol'

Italia meridionale,

si mantenne pi a lungo
che altrove, essendovi stata confermata dai Normanni,
e neppure essendovi stata abolita dagli Svevi e dagli
Angioini, che la permisero per tutte le leggi partico-

nale la personalit delle leggi

lari,

finch

non venissero a

conflitto

con quelle gene-

rali dello stato.

Su questo argomento della ristabilita territorialit


conviene per osservare che, se un di ritto 1gli_exa ad
un altro il dominio, ci non avveniva in modo cosi assoluto, da escludere che quello prevalente non conservasse molto dell' altro che veniva soppresso. Un diritto che mantenga inalterati suoi antichi caratteri
il
diritto romano si fatto volgare
non si ha pi
(n. 10), come volgare si fatta la lingua latina; il longobardo si accostato alla romanit, prendendone tanti
e tanto importanti elementi (n. 74)
la pratica unisce
tutto, e vi aggiunge molto della consuetudine, resa necessaria dal nuovo indirizzo preso dalla societ e non
fatta ancora oggetto di nuova legislazione: di modo che
pu dirsi che i diritti antichi, nella lor propria forma,
non vivano se non per P opera dello studio e nella qua:

lit di diritti sussidiari.

Ed

ancora che il carattere di terche la legge torna a prendere, non assoluto se non in quanto si contrappone al principio gi
comune della personalit: perch, in quanto alla sua
(la osservarsi

ritorialit,

estensione di fatto, esso del tutto relativo, limitandosi al territorio soggetto ad

una sola giurisdizione. Di

PARTE SECO^DA.

118

modo che

Q^uanti feudi si

tanti erano

avevano

quest'epoca, e

in

diritti territoriali, limitati ai confini

dei

medesimi quando, nel!' epoca seguente dominarono comuni, i piccoli distretti comunali furono anche

feudi

il

campo

ancora,

riservato alla territorialit: quando, pi tardi


si

formarono

stati

pi ampi,

si

ebbe una mag-

giore sfera nella efficacia territoriale della legge,

la

quale pu dirsi che da comunale diventasse allora regionale: e quando finalmente

si

compose ad unit

la

nazione, nazionale divenne anche la legge, con efficacia

su tutto

il

territorio d" Italia,

il

che non fu conseguito

se non dal diritto che attualmente in vigore.


69.

Tutto questo movimento

del diritto,

dall'uno

air altro suo stato, fedelmente rispecchiato nelle dicliaraziopi che se ne facevano.

Venute queste

in

uso

e fattesi generali col principio della personalit (n. 51),

con questo stesso poi si affievolirono, e finalmente vennero a mancare. Da prima perdettero importanza, non
avendo pi uno scopo determinato da reali bisogni, poich alla grande e molteplice differenza fra le leggi era
succeduta una prevalente uniformit, di modo che le

rimanevano soltanto nelle tradizioni nonon altro che come ultime testimonianze di uno

dichiarazioni
tarili,

stato di cose destinato a scomparire.

le

ultime in-

prescindendo da quelle conservate soltanto nei


formolari senza pi corrispondenza colla realt, non
sono se non " effetto della resistenza che un diritto
opponeva contro quello da cui si sentiva sopraffatto, e
fatti,

perci dovevano pi stentare a dileguarsi del tutto,


dove pi intenso era V elemento che esse rappresentavano. Ts'on avean pi dunque lo scopo antico di far nota
quella legge, che fra molte si doveva osservare per
ciascuna persona ora servivano invece a rompere la
presunzione che si seguisse quella divenuta comune
servivano a dichiarare
nel luogo a cui si apparteneva
l

EPOCA BARBARICA.

119

reccezioiie dell'esistenza di un diritto speciale, in

mezzo

uno generale. Tali dichiarazioni, essendo eccezioni, dovevano essere provate, mentre nessuna prova si richiedeva per ci che era presunto,
che si seguisse cio la legge dominante, E in conseguenza
ancora queste dichiarazioni non erano pi miste, e non
era pi in esse tolta ogni libert di elezione. Non erano
pi niiste, in quanto che erano dichiarazioni di un diritto solo, di quello che era restato a lottare contro
l'altro che si faceva territoriale, di diritto longobardo,
per esempio, a Roma, di diritto romano nelle citt di
Lombardia non era pi in esse tolta ogni libert di
scelta, perch in tal caso neppur sarebbero state possibili, dal momeixto che ognuno avrebbe dovuto dichiarare il diritto della sua patria, mentre esse erano invece determinate dalla condizione speciale, poniamo
Tecclesiastica, in che taluno volontariamente si poneva.
Obbligo era oramai quello soltanto di seguire il diritto
comune, data facolt di allontanarsene, mediante la
alla

prevalenza

di

dichiarazione, a chi
lare

di

modo

si

trovasse in condizione partico-

che, potendo stare a ci che per regola

fatto dai pi, o potendo valersi della sua qualit per-

sonale, chi faceva in questi ultimi

tempi

la dichiara-

una legge diversa da quella comune, faceva


veramente un atto di scelta, tanto che, anche secondo
quali negli ultimi tempi
il linguaggio dei documenti,
sostituiscono eligere all' antico profiteri, pu dirsi che
meglio che una dichiarazione faceva la elezione di un
zione di

diritto.

PARTE SECONDA.

120

Titolo Quarto.

romano E DELLA CHIESA.

IL DIRITTO

Capitolo

I.

Continuazione

del diritto romano.*

La esistenza del diritto romano, come sem70.


pre in uso, per una parte del popolo, durante 1" epoca
barbarica, fu contestata nei tempi passati. Quantunque scrittori italiani, a cominciar da Muratori, e specialmente, nel secolo XVIII, Donato D' Asti e il matematico Guido Grandi, che ne polemizz col Tanucci,
la opinione che il diritto
dimostrassero il contrario
romano fosse caduto in abbandono per le invasioni barbariche fu sostenuta tenacemente, fino a che essa non
cadde dinanzi all'opera di Savigny sulla storia dello
stesso diritto nel medio evo. Oggi non pi questione
viva. Resta il fatto storico, che molti argomenti rischia;

rano e spiegano.
In favore della persistenza del diritto

romano stanno

innanzi tutto due sue qualit generali, cio la maggiore civilt che vi ei^a contenuta di fronte al diritto
barbarico, e Y essere usato dalla chiesa e quindi pro1

St.

Salvigli,

p.

II, e.

del dir. rom, nel m.

gioii

civile

nelle prov.

15; Schupfeb, sez. I, tit. I, 2; Savigky


D'AsTl, DelV uso e autorit della ra
cit.

<?.,

delV imp.

Epi$t. de Pandectis, Fir., 1727;

occid.,

Nap.,

1720,

Vindicioe pr sua

1751;

epistola

Grandi
de

Pan

1728; Tanucci, Epist. de Pandectis pisanis, Fir., 1731


Difesa seconda delVuso antico delle Pandette, ec.^Fir., 1129; Coxrat
Gesch. der Quellen und Literatur des rom. Rechts in fr'heren m. A.

dcctie, Pisa,

Lipsia,

m.

e.

m.

e.,

1889-90; Patetta, Contributi alla storia del diritto rom. nel


Bullett. di dir. rom., anno III. e IV; Per la storia del

nel

nella Kiv. ital. per le se. giurid.,

XII, 1891.

EPOCA BARBARICA.
tetto dalla sua autorit.

La

civilt

121

dei

Romani, tanto

pi sviluppata di quella degF invasori, non poteva essere governata dal diritto di questi, povero, incompleto, ignaro di tante istituzioni, di cui

gi da lungo

tempo

il

l'

altra

aveva

possesso. Altri barbari, cio

Borgognoni, si veduto come abbiano dato


ai Romani un codice sostanzialmente romano, diverso
dalle leggi di cui essi si servivano (n. 8, 9). Cosi non
Visigoti ed

fecero

Longobardi, e ci non

mettendo che

essi

si

abbiano lasciato

spiega se non
ai

Romani Y

am-

uso del

proprio diritto.

Imperocch, se

vero che

il

legislatore longobardo

comanda che tutti debbano essere soggetti all'editto


MI. 22), si pur notato che le leggi, barbariche non conintero diritto, e che quindi
non si era data particolare
disposizione, poteva accanto ad esse, anzi doveva aversi
un altro diritto, che pei Romani non poteva essere se
non quello romano. E ci accadeva talvolta anche allora che si aveva una disposizione longobarda, perch
r essere 1' editto obbligatorio per tutti, non faceva che

tengono la sistemazione

dell"

in tutti que'casi, pe' quali

tutti

indistintamente dovessero seguirne ciascuna di-

sposizione,

ma

soltanto che ciascuno vi

nella parte che lo riguardava

forma

si

ci risulta

conformasse
anche dalla

delle le-:gi, le quali ora sono a tutti rivolte,

quelle che incominciano si quis

come

homo, ed ora invece

sono esclusive per una parte del popolo solo, incominle parole si quis Langohardus ed anche si

ciando con

'/ffis Uomanvs. Non poi vero nemmeno cheli diritto


longobardo eseluda in modo assoluto la coesistenza di
altro diritto, perch la legge sugli stranieri, a torto in-

vocata contro
sti,

fra

il

diritto

romano, pur dicendo che queRomani, dovevano, se

quali non erano per

viventi nel regno, adattarsi alle leggi longobarde, ag-

giunge che

il

re poteva far loro concessione di conser^

PARTE SECONDA.

122

vare

1'

uso della legge lor propria

che cosa vietava


fatta in gene-

dunque che simile concessione si fosse


rale ai sudditi romani, quando per far

ci

si

avevano

tante e cosi potenti ragioni?


In secondo luogo, a difesa del diritto

romano stava

per pi ragioni, come si gi accennato, interessata alla sua conservazione. Ora, quantunque i
Longobardi, come noto, non siano stati per alcun
tempo seguaci della chiesa cattolica, n mai, neppur
dopo la conversione, le siano stati politicamente favola chiesa,

pure certo che non le tolsero i beni, i priviche essa aveva, il che sarebbe, almeno
in parte, necessariamente accaduto, se il diritto romano
fosse stato abolito. Di pi, certo che dovettero i Longobardi medesimi subire ampiamente la influenza della
chiesa, non solo per la ragione religiosa, ma perch
essa parlava spesso in nome e sosteneva molti interessi deir elemento indigeno dell' Italia, col quale i vincitori pur dovevan venire ad accordo.
Dalle ragioni generali passando agli argomenti
71.
che direttamente dimostrano la conservazione del diritto romano nel tempo longobardo, noi vediamo che
ci, fin da* tempi di Rotari, provato dal linguaggio del
legislatore, che pi di una volta tratta in particolare
della legge longobarda e delle persone che ad essa si
attengono, il che sarebbe stato per lo meno inutile, se
contemporaneamente non si fosse fatto uso di altra
legge. Meglio, per, ci dimostrato da talune disposizioni che si hanno nell'editto, e precisamente dalle
aggiunte che vi ha fatto Liutprando.
In queste detto che, qualora un Longobardo fosse
entrato nella vita ecclesiastica, i suoi figli dovevano
rimanere in quella legge che egli aveva, quando li grevoli;

legi, le leggi

RoT., 3GT.

EPOCA BARBARICA.

123

nero: ^ ci prova che, passando al nuovo stato, il Longobardo assumeva un altro diritto, cio il romano usato
dalla chiesa (n. 53), e che questo aveva tale vitalit
figli del chierico, se la legge,
da trarre a s anche
per difesa di quello nazionale, non lo avesse vietato.
Un' altra legge dispone che, se una donna longobarda,
vedova di un romano, fosse passata a nuovo matrimonio, senza chiedere il consenso dei suoi parenti, e senza
fare verso essi quegli atti che in tale occasione il diritto barbarico voleva, non doveva venir essa colpita da
quelle pene che, come longobarda, in tal caso avrebbe
incontrato, perch in conseguenza del suo matrimonio
era diventata romana, e col diritto romano doveva
perci essere governata'. Una terza h p-ge finalmente
notai, nel compilare gli atti di loro
stabilisce die
uftlcio, non dovevano attenersi ad altro diritto, che
a quello longobardo o a quello romano, secondo la
qualit delle persone, che a loro si presentavano.^ Da
ci si rileva non soltanto il legale riconoscimento del
diritto romano, ma ancora, contro chi in questa legge
ne vuol vedere la prima concessione,* la sua diffusione
i

e antica conoscenza. Infatti, se


fosse gi stato in uso,

il diritto romano non


non ne sarebbe venuto queir in-

conveniente, che fu occasione della suddetta disposicio che, confondendosi fra loro le

zione legislativa,
leggi,

ne venian fuori

atti

n romani n longobardi, sog-

getti a nullit e fonti di controversie.

come mezzo per


avrebbe
il

la facile

il

legislatore,

esecuzione dei suoi ordini,

caso potuto dire ai notai che, ignorando


romano, ne consultassero le persone esperte
dimostra che si trattava di un diritto vivo per una
in tal

diritto

ci

cit.,

LlUTPR., 153.

Trota, Delle eondiz. dei Romani


6.

LiUTPR., 127.
vititi

3 LiLTPR.,
91.
dai Long., 141 Peet.
;

PARTE SECONDA.

121

parte del popolo, altrimenti

rimandare

tosto dovuti

notai

Per questi argomenti, e per

che possono, con


sentenze
epoca longobarda, nei quali

egual risultato, trarsi dagli

da

altri

sarebbero piut-

ai libri di Giustiniano.

specialmente

si

allo studio delle fonti scritte, e

documenti

dell'

altri

atti notarili, dalle

evidentissimo V uso del diritto romano, si deve conchiudere che questo, presso i Longobardi, rimase in vigore,

con esclusione solo da quelle materie, che dovevano


unicamente esser regolate dal diritto barbarico (n. 56).
72. Sopravvissuto alla dominazione longobarda, il
diritto romano non solo non corse pericolo sotto quella
dei Franchi, ma ne fu anzi difeso e maggiormente diffuso. Colla istituzione dell" impero esso ebbe una via
di penetrare anche nel diritto pubblico, da cui era
crebbe in autostato costantemente tenuto lontano
rit con quella maggiore che acquist allora la chiesa,
;

della quale fu ufficialmente dichiarato proprio; colla


personalit della legge usci dallo stato di necessaria tolleranza, nel quale fino allora era giaciuto, e fu messo
alla pari cogli altri diritti,
di esercitare

per

sui quali cos ebbe

campo

pi efficacemente la propria influenza;

la giurisdizione

universale dell'imperatore, unita

a quella del papa, fu accolto nei tribunali, dove siedevano giudici in esso esperti, e secondo esso si conducevano processi e si emanavano sentenze. E della unione
1" impero, per difendere contro ogni penon meno che della continuata
romano,
ricolo il diritto
conoscenza di questo, si ha testimonianza solenne nelle
parole che nell' anno 847 Leone IV rivolse all' imperatore Lotario vestram fiagitamus clementiam, ut sicut
hactenus romana lex viguit absque universis procellis
et pr nullius persona hominis reminiscitur esse corrupta, ita mine suum robur propriumque vigorem
ohtineat. Qualunque sia stata la causa che mosse il

fra la chiesa e

EPOCA BARBARICA.
pontefice a far questa domanda,

tanto la dichiarazione che

perato

le jprocelle

del

il

125

in

diritto

essa evidente

romano aveva

tempo barbarico, quanto

su-

V in-

teressamento che la chiesa prendeva, e voleva che


prendesse anche l'imperatore alla conservazione di esso
per i tempi avvenire.
Qu^ti, col feudalismo, che ordinariamente si dice
essere stato non altro che il risultato d'istituti e d'in^
teressi barbarici, pu pensarsi che non abbiano favorito il diritto romano. Ma, oltre che questo si era talmente oramai rinvigorito, che non poteva pi temere
di essere sopraffatto, si devono contro quella supposizione osservare tre cose. La prima che anche nella
istituzione del feudo si riscontrano elementi romani, per

quanto trasformati, sia a riguardo del possesso fondiario, .sia nelle relazioni personali

la terra vincolata

ad un determinato scopo, la dipendenza di una persona


da un' altra, i diritti e i doveri connessi colle condizioni
economiche, l' esercizio dei poteri pubblici collegato col
diritto di propriet, son tutti elementi del feudo che
anche nel diritto romano hanno i loro precedenti. In
secondo luogo si deve osservare che ogni volta che lo
stato tent di rivendicare la pienezza della sua potest
di fronte al feudo che lo aveva indebolito, si appoggi
sempre sul diritto romano, sia perch lo stato allora
s' identificava coli" impero, e questo aveva base essenzialmente romana sia perch gli altri diritti esistenti
non gli avrebbero dato la forza necessaria, essendo
que" barbarici avversi al concentramento della potestc
pubblica nell'imperatore, e quello canonico sostenendo
contro di esso la superiorit della chiesa. Non restava
che il diritto romano e infatti, gli Ottoni, che primi
tentarono validamente di restaurare 1" autorit imperiale, dettero ogni favore alla romanit, fin disegnando
;

di

ristajilire

in

Roma

la

residenza degl'imperatori.

PARTE SECONDA.

126

Finalmente da notarsi come non su tutta la societ


si estendesse il feudo. I cittadini ordinariamente ne
furono immuni, e questi non soltanto per lo pi conservarono il diritto romano, ma cercarono di purificarlo dagli elementi barbarici che ancora lo attorniavano, per incominciare a farne il fondamento di quella
loro autonomia, che doveva poi metter capo alle libert
comunali, ^os

si

spiega

il

allorquando

che,

fatto

si

venne ristabilendo la territorialit del diritto, ci accadde prima e meglio nelle citt che nelle campagne,
e che quivi

residui

de' diritti

barbarici,

special-

mente del longobardo, fossero ancora visibili e numerosi quando nelle citt erano gi definitivamente scomparsi.

Concludendo^ qualunque periodo si guardi dell'epoca


il longobardo, il carolingico o il feudale, sem-

barbarica,

pre, e per varie ragioni, si trova esistente il diritto


romano^ che ha agito poderosamente sui diritti barbarici

spingendoli verso quel progresso, che le condizioni

in generale della societ, e in specie d'Italia, in quel

tempo richiedevano.
Capitolo

II.

Efficacia del diritto

romano.

Dell' efficacia

del diritto romano gi si avuta


accennare, in modo generale, gli effetti che
ne sono derivati su quello barbarico, in tutto il vario
corso del suo svolgimento. L* editto longobardo trasse
73.

occasione

di

romano gli elementi


romano fu quello per

dal diritto
Il

diritto

del suo perfezionamento.

cui

si

venne per la prima


fu una delle

volta al sistema delle leggi personali

cause per cui

le leggi

popolari

si

ridussero in iscritto,

e scrivendosi si migliorarono
il diritto regio vi ebbe
impulso a manifestarsi, e nuova abbondanza di materie
da regolare; restituendosi la territorialit, fu esso stesso
;

EPOCA BARBARICA.
che con

il

longobardo

si

127

disput la supremazia su queMa ora conviene

su quella delle regioni italiane.

sta

esaminare quesfazione del diritto romano


un poco pi particolarmente.

sul barbarico

L' editto longobardo ne fu tutto penetrato, e


ne sono evidenti, s esteriori, come inerenti
luppo interno della legislazione.^

Fin nel proemio

dell" editto di

Rotari

si

ha

le

tracce

allo svi-

tale no-

tevole corrispondenza colle parole che Giustiniano premette al suo codice, che subito si forma il sospetto

che questo abbia servito da modello all' altro. E il sospetto diventa certezza quando si osserva che, nello
stesso proemio, Rotari aggiunge
ob hoc necessavium
:

proxpeximus presentem corregere legem, quce


priores omnes renovet et emendai, et quocl deest adi^
ciat, et quod sv.perflimm est ahscidet. Queste precise
esse

leggono integralmente nella prefazione della


il
quale ben poteva cos
parlare, perch lo scopo della novella medesima era
di unificare varie precedenti disposizioni suir argomento
parole

si

novella VII* di Giustiniano,

della alienazione dei beni ecclesiastici. Del tutto inop-

portune erano, invece, le anzidette dichiarazioni per


Rotari, che non aveva alcuna legge anteriore da correggere, rinnovare, emendare. Il testo romano fu dunque copiato dai compilatori dell'editto, senza nemmeno
chieder ragione del suo significato
solo r uso dei libri delle leggi
bari,

ma

anche

1'

ilche dimostra non

romane da parte

dei bar-

autorit grande, e potrebbe dirsi quasi

superstiziosa, in che questi le tenevano.

Anche

il

titolo

che fu dato all' insieme delle leggi longobarde,


altrove detto che non ha pi la ragione che lo giu-

di editto,
si

stificava pel

tempo ostrogoto

(n. 17), e

non pu quindi

i^RL Giudice, Le tracce di diritto romano nelle leggi longobarde^


Milano, 1889; Schupfer, Manuale, pag. 100 e seg., 318 e seg.

PARTE SECONDA.

128

come una

altrimenti spiegarsi che

da

linguaggio romano.

cieca imitazione del

osservarsi ancora ci che Ro-

tari dice nella chiusa del suo editto. Affinch

gessero dubbi, n

si

commettessero

frodi,

il

non sorre vuole

si debba far uso di alcun esemplare del conon sia stato munito della firma del regio notaio Ansoaldo. Costui era un barbaro, come indica il
suo nome, e perch uffici pubblici non si davano allora
a Romani ma la istituzione di un notaio, ossia segre-

che non

dice, se

tario

ministro, a fianco del re, e

di collazionare

ed autenticare

le

1"

ufficio

a lui dato

copie dell'editto, sono

cose tolte al diritto romano, e pi propriamente alla


costituzione della corte imperiale.
74.

Ma assai pi profonda e pi

storia giuridica la efficacia che

il

importante per
diritto

la

romano ha

esercitato sui caratteri interni della legislazione longo-

garba, sul suo ampliamento e progresso. Se da povero,


qual venne in Italia, il diritto longobardo ha potuto a

poco a poco farsi capace di soddisfare a tutti i bisogni


della complessa societ italiana, ci esso dovette in
massima parte al diritto romano. Gli studi recenti dimostrano che questo faceva sentire la sua presenza,
sia come continuit dell'antico, sia per nuova conquista, in tutti i rapporti, anche tenui, che si svolgevano
nella societ,

specialmente nelle classi inferiori

di

questa. Qui baster accennare che il diritto pubblico,


e principalmente per ci che si riferiva all' aumento e
alla

determinazione della podest regia, tendeva ad

imitare quello

romano

ma

soprattutto nel

campo

dei

rapporti privati questo dimostrava la sua energia, e


produceva i suoi effetti maggiori. La successione te-

stamentaria, r ammissione delle donne alla eredit, la


i modi di acquisto della propriet, il ma-

prescrizione,

trimonio, la garanzia ipotecaria, la teoria delle obbligazioni, il possesso, r usufrutto, la tutela furono tutte

EPOCA BARBARICA.

129

minori, che le leggi bar-

materie, trascurando ora le


bariche ricevettero dalle romane, o sulF esempio di
queste migliorarono. I commentatori dell' editto pote-

vano continuamente riferirsi al diritto di Giustiniano,


perch ogni parte di quello poteva, in modo pi o
meno diretto, avervi corrispondenza. Sicch veramente
pu dirsi che i libri di Giustiniano siano stati una delle
fonti delle leggi scritte da' barbari.

Per, se vero ci che

si

gi osservato, cio che

romano, a cui contatto i barbari vivevano,


non era quello puro di Giustiniano, ma conteneva anche altri elementi, e soprattutto non pochi residui del
diritto teodosiano (n. 12); questo suo carattere deve
rispecchiarsi anche negli effetti che esso ha prodotto
il

diritto

sulla legislazione barbarica.


75.

la prova,

infatti

non sono pochi

come pu vedersi

gli

esempi che ne danno

dai seguenti che apparten-

gono all'editto longobardo.


Quivi riconosciuta nel marito la facolt di lasciare

una parte

ma

del suo patrimonio in usufrutto alla vedova,

perda se passa a seconde nozze. ^ Giustiniano, invece, aveva stabilito che


il contrarre nuovo matrimonio fosse per la donna un
motivo di farle perdere V usufrutto lasciatole dal marito defunto, soltanto nel caso che questi avesse espressamente dichiarato di volere cos.- La condizione di vedovanza non si presume dalla legge di Giustiniano,
mentre da quella di Astolfo presunta ed imposta.
Tale diversit di disposizione si spiega pensando all' influenza
che sul legislatore barbarico deve avere
avuto il codice teodosiano, nel quale si aveva una costituzione degl" imperatori Valentiniano, Teodosio ed
colla condizione che questa lo

'

Astolfo, 14.
Nov. XXII, e.
M. B.

32.

Calisse.

I.

PARTE SECONDA.

130

Arcadie, che disponeva nell'identico modo:* la poster


riore modificazione di Giustiniano

non

fu accolta dal re

longobardo, perch nella pratica giuridica italiana essa


non doveva essersi sostituita a ci che da tempo pi
antico era regola.
Celebrati gli sponsali, vale a dire compiuto Tatto solenne col quale fra il padre della donna e chi la chiede
per moglie si stringe la obbligazione di contrarre il matrimonio se questo poi non si effettua, colui che ne ha
colpa gravemente punito.- Si hanno, per, dei casi
;

nei quali

possono sciogliere

si

sponsali senza incorche la celebrazione del

gli

rere in pena.

Uno

matrimonio

ritardi senza giusto

di questi

motivo per un bienpadre della donna pu maritarla ad


altri, senza che il primo sposo abbia a querelarsene.
Cosi stabilisce T editto,^ cos stabilito da una costituzione di Costantino, che si trova nel codice di Giustiniano.* Si deve, per, osservare che in questo si
nio

si

in tal caso

fatta alla

il

medesima

posta, per

il

costituzione un' aggiunta

cio

si

legittimo scioglimento degli sponsali, la

condizione che il colpevole del ritardo sia presente nella


provincia in cui la donna si trova ora, questa condizione manca nell" editto, ma egualmente manca nella
:

costituzione di Costantino quale

desiano.

Da

questo, dunque,

si

si

legge nel codice teo-

deve concludere, e non

dal giustinianeo, attingeva la propria disposizione

il

re

dispone che

il

longobardo.
Questi, in altro

luogo

dell' editto,'

cacciatore debba tenersi garante pei danni che un ani-

male, da lui ferito e inseguito, possa arrecare: ci significa che dal momento del ferimento il cacciatore

V. 10,

ROTARi, 178.
ROTARI, 309.

e.

un.

RoTARi, 179, 192; Liutpr., 119.

* L.

2,

de sponsnilh. (V.

1),

EPOCA BARBARICA.
considerato

come proprietario

131

dell'animale colpito, fin-

ch non ne perda la traccia. Su ci s' era fatta questione fra giureconsulti romari, alcuni, fra cui Trebazio, essendo dell" opinione ora detta, altri, fra i quali
Gaio, pensando invece che il cacciatore non potesse
dirsi proprietario, se non dopo che si fosse realmente
impadronito dell' animale, ferito o morto, Giustiniano
segue la opinione di Gaio, troncando l'antica questione:^
se Rotari per la opinione contraria, questa un'altra prova che il diritto precedente Giustiniano non era
restato senza vita in Italia.

Altrettanto risulta dalla disposizione riguardante

matrimonio fra cugini. Giustiniano

il

permette ;' l'editto


longobardo lo vieta,^ come lo vietava una costituzione
imperiale inserita nel codice di Teodosio.* Altre prove
si traggono da documenti, ne' quali si manifesta qual era
lo

pratica giuridica italiana nel medio evo le


atti, le clausole adoperatevi, le espressioni giuridiche che vi si trovano, il numero de' testi-

d fatto la

forme degli

moni richiamano sempre

pi antico diritto romano,

il

del quale tante e cos varie qualit

potute conservare n conoscere,

se

non si sarebbero
non fossero tut-

tora esistite nel diritto romano in vigore.


76.

Il

quale, per tutte le cose anzidette, resta pie-

namente dimostrato come

fosse

menti, pur fra tutti prevalendo

composto
il

di

vari ele-

giustinianeo, e

come

esercitasse su tutta la societ, ed in particolare sulla


nuova legislazione barbarica, una potente influenza.

Questa la miglior prova della continuazione del diromano per tutto il medio evo, non solo come

ritto

ai Romani, ma come forza sociale i cui


non potevano essere impediti, e andavano anche

legge limitata
elletti

Ltituz. II,

LlUTPR., 33.

1,

13.

jstitug^

III,

i^

10, e.

10, 4.
1.

PARTE SECONDA.

132

quanto

al di l di

nuovi dominatori avrebbero voluto

creduto.

Per, non deve trarsi la conseguenza, che sarebbe


troppo assoluta, che nessun limite fosse imposto al diritto romano. Era pur necessario che questo si adattasse alle condizioni della societ barbarica, predomi-

nante in

Italia.

Perci esso era, innanzi tutto, fuori

dal diritto pubblico, essendo lo stato fondato esclusiva-

mente su ordinamenti barbarici, salvo che da essi venne


pi tardi, e in parte soltanto, a scostarsi la costituzione
imperiale, nella quale

Non era

riconosciuto

s'

introdussero elementi romani.

nemmeno

nel

campo

del diritto

penale, ricollegandosi questo col pubblico, ed essendo


i

Romani

assoggettati ai tribunali dei vincitori, fatta

per anche per questo caso eccezione pel tempo franco,


nel quale, secondo le regole della personalit della
legge (n. 48), i processi erano pur condotti col diritto
romano, come dimostrano quelli tenuti in Roma dagl'imperatori, nei quali i delinquenti furono condannati se-

condo la legge romana: nell'SOl infatti Carlomagno


condann a morte, come rei di lesa maest, coloro che
altrettanto neir 855 fece
si erano ribellati al papa
r imperatore Lodovico II, e pi tardi ancora ripet Ottone I. Restava aperto al diritto romano il campo delle
relazioni private, a cui riguardo per aveva, nel tempo
pi antico, efficacia soltanto pei Romani, e posteriormente soltanto allora che erane consentito l'uso dalle regole sulla personalit della legge. Efficacia certamente
limitata ma che pur bast a tener vivo il diritto romano, quando tutto ci che apparteneva alla romanit
come bast ancora a far s che,
si voleva che perisse
se meschino era il suo riconoscimento legale, tale per
non fosse la sua latente azione, per la quale, aiutato,
come si detto, dal pi elevato grado della civilt romana e dalla chiesa, pot resister da prima ad ogni
;

133

EPOCA BARBARICA.

invader poi il campo neattacco di contrari elementi,


pi preponderanza, fino
sempre
acquistare
quivi
mico, e
rivincita.
a che non giunse ad una completa

Capitolo

III.

li

diritto della chiesa.

Se

tanto ha potuto sullo sviluppo della legislaappartenente ad et


zione barbarica il diritto romano,
ottenuto
alla gente vinta, non pu non avervi
77.

passata ed

anche maggiori il diritto della chiesa, contemnella societ


poraneo e sostenuto da un' autorit, che

risultati

aumentava ogni giorno di diffusione e di credito.


stato
Anche il semplice contatto coi Romani sarebbe
numebarbarica
societ
nella
introdurre
ad

sufficiente
chiesa, essendosi con questa
rosi elementi del diritto della
conRomani stessi, per molteplici ragioni, strettamente
i

giunti.

bedue
stico,

ricchi

am-

Ed il diritto teodosiano e giustinianeo,


carattere ecclesiadi principii e di disposizioni di
per s medesimi produrre lo

avrebbero potuto

Ma, oltre a ci, vi Fazione diretta che


ed il papa
hanno esercitato le autorit ecclesiastiche,
proLongobardi
i
cio
quando
anzi tutto. Da prima,
della chiesa non
l'azione
l'arianesimo,
ancora
fessavano
prova le
essere efficace su di essi, e ne sono

stesso risultato.

poteva

non si trova traccia sicura


che il popolo si fu reso
dopo
Ma
canoniche.
difonti
principio del secolo VII,
cattolico, il che avvenne sul
profondamente penetrata
la sua legislazione fu tutta e
ne trasformarono molte
che
ecclesiastici,
da elementi
la chiesa attendeva
delle qualit originarie. E a ci
che era suo scopo
quanto
in
con deliberato proposito,
leggi, venisse
dalle
conseguenza
in
e
che dalla societ,
suoi principii
allontanato quanto non era conforme ai
leggi di Rotari, nelle quali

ed anche

ai suoi interessi.

Se, ci posto,

mezzi

si

1 modi e i
per portare le sue

domandasse quali erano

de' quali si serviva la chiesa

PARTE SECONDA.

134

massime

e le sue regole nelle leggi barbariche,

si

do-

vrebbe rispondere che erano vari, secondo che risulta


dall' esame delle leggi medesime.
An^i tutto da osservarsi che fra i compilatori di
queste si trovavano probabilmente persone ecclesiastiche, che in que' tempi avevano non di raro incarichi
ed uffici pubblici, che prendevano parte anch' esse alle
assemblee dove le leggi si facevano, che rappresentavano la classe allora di maggior cultura letteraria e
giuridica, che sole potevano aver pratica di quel linguaggio, formato di frasi e concetti della bibbia e
de' santi padri, di cui le leggi stesse fanno uso continuo. Se tale partecipazione degli ecclesiastici

mette,

si

vede subito una prima

via,

si

am-

per cui pot

chiesa introdursi nel diritto barbarico.


Non con probabilit, ma con certezza

si

la

conosce

un'altra di queste vie, che giovarono pel suo scopo alla


chiesa, ed che i compilatori delle leggi conoscevano
ed avevano a s dinanzi i canoni, forse in alcuna di
quelle antiche collezioni che si usavano in Italia nel secolo Vili. Talvolta il legislatore stesso dichiara che la

ragione delle sue nuove disposizioni che altrettanto


gi si trova scritto ne' canoni. Se ne ha esempio fin
neir editto longobardo cosi Liutprando, estendendo il
:

divieto di matrimonio fra cognati alla sorella della moglie, mentre era prima limitato alla moglie del fra-

che fra i due casi di cognazione egli non fa


pi distinzione, perch nemmeno dai canoni fatta
quia canones sic hbent de dubus sororibus sicut
et de duobi'.s fratribus.^ Ma pi frequenti tali esempi
tello, dice

divengono nei capitolari,


ragioni altrove

quali continuamente, per le

esposte, accoglievano, trasformandole

in leggi civili, le disposizioni canoniche.


Un altro caso, egualmente certo, che

Legge 32.

il

legisla,-

EPOCA BARBARICA.
tore,

il

quale accresceva

il

135

corpo delle leggi nelle an-

nuali assemblee del popolo, teneva conto di ci che


nel frattempo potevano aver stabilito altre assemblee,

quelle

della chiesa, cio_i concilii, e

quale

quando

ne accettava

le

riferivano allo stesso oggetto sul


egli era allora chiamato a provvedere. Anche

decisioni,

si

su ci deve ripetersi che, se gli esempi pi frequenti


appartengono al tempo carolingico, quando non di raro
le pubbliche assemblee erano contemporaneamente ecclesiastiche e secolari, qualche esempio non manca fin
Liutprando, volendo reprimere
dal tempo longobardo
:

taluni usi superstiziosi del suo popolo, imita, nelle disposizioni, nei concetti e fin nelle frasi, quanto pel

medesimo scopo aveva

fatto

un

concilio

poco innanzi

tenutosi in Roma.^

Finalmente non si deve dimenticare l'opera attivissima del pontefice. Questi si volge da s stesso al le^
gislatore, e, secondo le circostanze, lo esorta o gl'im^
pone d'introdurre nelle leggi civili qualche disposizione

La traccia di tale corrispondenza era naturalmente destinata a sparire: tuttavia qualche esempio se ne ha, e fin da' tempi dello stesso Liutprando,
11 quale, aggiungendo ai gi esistenti altri impedimenti
matrimoniali, dichiara di farlo per esortazione ricevutane dal papa: papa urbis Romae per suam epistili
lam nos adortavit, ut tale coniugium fieri nidiate^
ecclesiastica.

niis perTiitteremus^

papa

in

seguito

cess. Anzi crebbe

la

influenza del

per la unione che poi fu stretta


fra la chiesa e il rinnovato impero di occidente, e molte
leggi devono aver avuto in essa la prima loro causa:
un esempio se ne trova ancora ai tempi di Ottone I, il
quale dice di aver fatto le note sue leggi sul duello
^

Legge SI
Legge 33.

Concilio

romano

del

721,

PARTE SECONDA.

136

dopo averne avuto discussione col papa Giovanni XIII,


si mostr contrario.*
A tutte queste ragioni, che spiegano come. la chiesa
potesse avere influenza sul diritto barbarico, si devono
aggiungere le altre che rendevano i Longobardi disposti ad accogliere ci che da essa veniva loro profferto.
Prescindendo dal fatto che i Longobardi non potevano
tenersi lontani dalla chiesa, per la ragione che questa
era elemento sostanziale della societ in cui essi erano
penetrati, un doppio motivo li spingeva incontro ad
essa, cio il sentimento religioso e l'interesse politico.
Il primo, se non molto puro, fu
certo molto efficace
ne' Longobardi, sia per la tendenza al misticismo che
doveva avere il popolo non infiacchito da una civilt
decadente, sia per l'entusiasmo delle cose nuove, essendo essi nuovi per la religione cattolica, a cui da
poco si erano convertiti. L'interesse politico consigliava
Longobardi ad amicarsi il papato, che era in guerra
coi Bizantini, loro nemici, e che tutto poteva sui Romani, divenuti parte del regno. Fu una politica che non
riusc; ma certo che fu tentata; che in qualche momento parve dovesse riuscire ed uno de' mezzi o degli
effetti dovette anch'esserne la condiscendenza alle doche non

mande

della chiesa sulla modificazione, in senso cat-

tolico,

della legislazione nazionale. Motivi maggiori, a

tutti notissimi,

ebbero

Franchi

di tenersi

amico

il

pato, n, senza proprio danno, potevano alienarselo

pagli

che poi succedettero nell'impero: di guisa che


la ragione di stato, se non pi lo zelo della religione,
continu a tener aperto all'influenza papale il diritto
altri

civile.

78.

Essendo

tante le ragioni per cui la legisla-

zione barbarica fu sottoposta alla podest della chiesa,

Nel proemio: Padelletti,

cit.,

p. 438.

EPOCA BARBARICA.

137

numerosi e tenaci devono esserne stati gli effetti. In


generale, grado a grado uno spirito di ecclesiasticit si
distende sulle leggi, manifestandosi nei loro concetti

Per esempio, scopo


aveva detto esser quello di
mantenere la pubblica pace, reprimendo
violenti e
soccorrendo i deboli: ci conferma Rachi; ma si osservi in qual nuovo e diverso modo egli espone il condirettivi e nelle loro espressioni.

del fare le leggi Rotari

cetto sostanzialmente identico all'antico. Egli dice che

dum pravi homines ea


ad Bominum pertinent non considerant, magis

costretto a far leggi quia

quce

huius scecidi liicrum quam animarum siiarum re^


intendunt, et per humanam astutiam debi^
les et egenos opprimere non desistunt} N questa
una dichiarazione casuale o isolata: continuo, invece,
nelle leggi il ripetersi che esse sono fatte per allontanare gli uomini dal peccato. Lo dice, fra altri, nettamente Liutprando, dichiarando essere scopo de' suoi
provvedimenti che gli uomini in peccati onus deinceps
nequaqv.am procidantr Da questo concetto facile
passare agli altri che ne derivano. Per non peccare si
devono osservare i precetti divini; se le leggi, dunque,
non vogliono il peccato, devono conformarsi a questi

medium

e cosi dichiarano di voler fare

legislatori

Liutprando

aver introdotto nell'editto ea quce recta secomp)arueru7it\ ^ Rachi dall' aver fatto
nuove leggi d questa ragione Christi Jesu et Salvator is nostri adsidue nos convenit prcecepta compiere;'^
Astolfo ripete illa nos sedule convenit sancire ut omnipotenti Beo in omnibus piacere valeamus} Ma, per
dice di

cundum Deum

osservare la legge divina, necessario conoscerla, e


chi la fa conoscere, la interpreta, la applica la chiesa,

Prologo alle leggi del 746.


Prologo alle leggi del 72L

Prologo alle leggi del 755,

^
*

Piologo alle leggi del 717.


Prologo cit,

PARTE SECONDA.

138
la quale cosi si

torna a confermare come dovesse es-

ser quella che ispirava o provocava le modificazioni

che

diritto subiva.

il

E furono

numerose
pu

modificazioni

e importanti, delle

dirsi che restasse


ne fu trasformato il con-

quali nessuna parte del diritto

immune. Nel

diritto pubblico

cetto della sovranit, dei

fini

dello stato, delle relazioni

fra governanti e sudditi. Nel diritto penale e nella pro-

cedura

principii, banditi dalla chiesa, della respon-

sabilit individuale, della correzione del reo, della equit

buona

e della

fede,

chie istituzioni.

cambiarono profondamente

Anche

di

pi

1'

le

vec-

azione della chiesa

si

fece sentire nel diritto privato, che alla sua influenza,

meno, secondo

pi

casi,

direttamente ed efficace-

esercitata, dovuta la mitigazione della pote-

mente

st paterna, la introduzione del testamento, la manomissione ecclesiastica de" servi, la trasformazione del
concetto del matrimonio, colla conseguenza del muta-

mento

de' suoi riti, dell* aumento degl"

impedimenti, deldi sopra delle

r importanza data al consenso, messo al


antiche formalit.
sto che

E potrebbe

continuarsi.

Ma

da que-

come il'concetto
ragione suprema e comune delle

detto risulta abbastanza

si

stesso del diritto, la

leggi sia ormai quale la chiesa la intende e la insegna.


Il

vien concepito

diritto

cristianamente,

cio

come

espressione della volont divina, come applicazione alle


cose umane della legge sovrannaturale, la quale pra-

ticamente

si

manifesta

in

tre

modi, cio per mezzo

della rivelazione, contenuta nei libri sacri, per

mezzo

chiamata ad esserne interprete, e per mezzo della legge naturale, impressa


nel cuore dell" uomo, e tale perci che non pu essere,
delle leggi della chiesa, che

finch

si

mantenga pura, disforme dalla stessa divina


l" uomo
fattura. Per tutti questi tre

volont, di cui

modi

il

legislatore

medievale vuol tenersi sulla via

EPOCA BARBARICA.

139

sue leggi devono procedere concordi colle


divine,
opera sua deve esser guidata dalla chiesa, il
suo scopo deve esser quello di condurre tutti al bene,
secondo che viene richiesto dai fini naturali dell' uomo
del^di ritto

le

1_'

e della societ.

Tutto

ci,

modo troppo

naturalmente, non deve esser inteso in


Questi concetti, dovuti alla in-

assoluto.

avevano e dominavano nel diMa non erano i soli concetti


avevano avuto i Romani, che lo riguar-

fluenza ecclesiastica,

tempo

ritto del

si

barbarico.

che del diritto


davano specialmente come ragione di stato quelli che
ne avevano i barbari, ai quali pi che altro appariva
;

come espressione

delle facolt individuali;

rimanevano

tuttora in vigore, ed erano fecondi di applicazioni.

Da

nasceva un intreccio, che costituiva quella variet che propria delle istituzioni del medio evo, non
giunto ancora a trar fuori dai diversi elementi, che vi
si combattevano, una societ uniforme e pacifica.
tutti

Titolo Quinto,
la scienza del diritto.

La scienza del diritto nell'epoca barbarica non


mai da condizioni modeste: interessante tuttavia seguirne le fasi, perch queste si svolsero parallelamente e in relazione alle altre per le quali passava
il diritto medesimo.
79.

usci

Nel tempo in cui questo era tutto nelle consuetudini


massime dei vecchi, consisteva nel
ricordarle ed insegnarle ai giovani, per la loro applica-

popolari, lo studio,

zione nei giudizi e per tramandarle ai posteri.


il

tempo

di porle in iscritto,

un certo carattere

di

Venuto
scienza

penetr nella pratica giuridica, perch i compilatori,


che appunto sono detti sapienti e dotti (n. 37), non solo

PARTE SECONDA.

140

in certa guisa anche ordinare le


consuetudini sparse ed incerte; ma dovevano di pi
dar loro forma di legge scritta, voltarle in latino, arricchirle di quanto si era trasfuso nella barbarica dalla
societ romana e cristiana, e questo non era certo la-

dovean raccogliere e

voro

facile,

masero

che

le

evidenti,

siano adoperati
la legge,

si

tracce della fatica sostenuta vi ri-

quantunque non v'ha dubbio che

vi

si

migliori ingegni della nazione. Scritta

apri alla scienza un altro campo, e fu dop-

pio: quello da

un

lato di fare che la legge

nella scrittura la sua tomba,

ma

non avesse

seguisse l'ulteriore

svolgimento della vita popolare; l'altro, d'importanza


pi evidente e pi immediata, di applicare la legge
alla pratica de' casi ordinari, e questa era la scienza
dei notai, dei giudici, degli scabini, detti tutti perci

ora legmn doctores ed ora iuris magistri, e lo era


del re medesimo, quando,- nella sua qualit di giudice
supremo, risolveva dubbi, o autenticamente interpretava leggi esistenti. Tanto pi questo bisogno si sentiva, quanto pi la legislazione, progredendo, diventava
copiosa, ed accettava principii che non erano pi in corrispondenza cogli antichi allora conveniva alla scienza
togliere anche le antinomie fra un luogo e l'altro della
:

legge, sia cercando

il

modo

di

conciliarne le disposi-

quando ci non fosse possibile, dichiarando


quale fra esse doveva avere la preferenza. Simil comzioni, sia,

pito perci

si

accrebbe allora che sul vecchio diritto

si

.stese quello nuovo, copiosissimo e modificatore, dei caviitolari: e infatti nell'epoca franca che, sviluppan-

dosi da quanto in precedenza gi v'era, sorge


scienza del diritto, la quale continua poi per

una vera
l'

epoche

posteriori, mostrandosi tanto nelle opere, sempre dirette alla pratica, quanto nelle scuole, che, con quelle

collegate

come causa con

danno insieme

effetto,

ne ricevono e ne

la ragione e la storia.

POCA BARBARICA.

Capitolo

I.

Le

scuole di diritto/

Al^tempo dei Longobardi le scuole non peri80.


rono del tutto. Esse si rifugiarono nei monasteri e nei
vescovadi, servendo principalmente all'educazione del
clero, ma non negandola neppure agli altri. Era queuno dei tanti pesi che gravavano
per la ragione partiaveano posto per condizione i fondatori
sia per quella generale del carattere, che

sto dell'istruzione

sulla propriet ecclesiastica, sia

colare elle lo
di luoghi pii,

aveva il patrimonio della chiesa, di esser destinato alla


pubblica beneficenza, alla quale apparteneva non solo la
conservazione delle chiese, la cura degl'infermi, Tospitalit dei pellegrini,

questa

la

ma

ancora T istruzione del popolo.

ragione principale per cui

lo stato si disin-

teressava allora delle scuole, unita per anche all'altra che molti di quelli, che ora si considerano pubblici
1

lib.

I,

Fertile, 13, 44, 64; Salvigli, p. Il, e. 10, 16; Schupfer,


tit. II; Savigny, I, 261 e seg.
Ficker, Forsch. zur Beichs;

ud Eechtsgesch. Itaiens, Innsb., 1870, III,

110 eseg.; Fitting, Zur


M. A., Halle, 1875; Lo
stesso. Die Anfange der Bechtsschide zu Bologna, Berlin, 1888 Rivier,
La science du droit dans la prem. moiti du moyen ge, in Nouv.
Rev. histor. I, 1887 Salvigli, Vistruz. pubb. in Italia nei aec. Vili,
IX, X, in Riv. europ. XIV, 1879; Tarlazzi, La scuola di dir.
rom. in Bavenna e Bologna, in Atti etc. per la prov. di Romagna
1881-82; Ricci, Sulle origini dello studio ravennate, ivi, 1882; RiVALTA, Discorso sopra la scuola delle leggi romane in Bavenna ed il
Gesch. der liechtswissensch.

am Anfange

des

collegio de^ giureconsulti ravennati,

Ravenna, 1888

Schupfer, Le uni'
III, 1891
Lo
stesso, La scuola di Boma e la quest. irneriana, in Atti Accad.
Lincei 1897; Fatetta, Delle opere attribuite ad Irnerio della scuola
di Roma, in Bullett. dell' istit. di dir, rom. 1895; Merkel, Gesch,
des Langobardenrechts, trad. Bollati, append. voi. Ili, Savigny; BoRETIUS, Prcf/atio ad librum papiensem, in Mon. Germ. hist. Leges, IV
Talini, Di Lanfranco pavese e della cultura classica in Pavia
nel medio evo, in Arch. stor. lonib. 1877.
versit e

il

diritto,

in

Albori della vita italiana

PARTE SECONDA.

142

interessi, erano nel medio evo dallo stato, non ancora


bene sviluppato, lasciati alla iniziativa delle persone
private. E fra queste anche i laici, specialmente quelli

dedicati alla pratica del diritto, giudici e notai,

si

fa-

cevano, quand'avessero voluto, maestri di leggi, anche


per prepararsi i propri successori e conservare la tradizione giuridica. Per, se mancava T immediato go-

verno dei pubblici poteri sulle scuole, non che non


ne avessero cura, non le pregiassero, non ne traessero

La

vantaggi.

stessa corte dei re

longobardi

amava

ne serviva si ricorda che il re Cuniberto,


trattando col papa per far cessare lo scisma d'Aquidotti, e se

uomo

leia, gli

sped nel 698 Teobaldo,

leggi,

quale, probabilmente ecclesiastico, tal perizia

il

aveva certo acquistato

peritissimo in

nelle scuole che gli ecclesiastici

reggevano.

L'insegnamento ebbe un gran progresso ai tempi di


Carlomagno, che anche in questo vedeva un mezzo per
la universale civilizzazione, a cui ogni sua opera era
diretta. Egli si circond di uomini dotti, ed Alcuino, fra
tanti, e Paolo Diacono furono suoi famigliari; istitu
la scuola di palazzo, a cui egli stesso, per propria ed
altrui istruzione, interveniva; comand che almeno i
primi rudimenti di lettere fossero da tutti appresi e
dispose, facendo legge di ci che era uso, che tutti i
monasteri e i vescovadi tenessero aperte le scuole complete, mentre probabilmente ogni chiesa parrocchiale,
nel senso odierno di questa parola, e non nell'antico
pel quale equivaleva a diocesi, doveva avere le scuole
;

minori.
L'istruzione, che non fosse quella dei primi elementi,
divideva in due gruppi, detti l'uno il trivio e l'altro il quadrivio, perch quello era diviso in tre e questo in quattro rami d'insegnamento: i quali, essendo
si

per

il

primo

la

grammatica,

la rettorica

e la dialet-

EPOCA BARBARICA.
tica, e pel

143

secondo raritmetica, la geometria, la mu-

sica e l'astronomia, facevano che

il

corrispon-

trivio

desse air etica, ossia alle scienze morali,

il

alla fisica, cio alle scienze sperimentali.

per

devono intendere in signifimodo che in essi si comprendano

dei detti insegnamenti

cato assai vasto, in

quadrivio
titoli

si

molte discipline insieme, che abbiano caratteri

atflni:

cos che nella dialettica, ossia alla fine del trivio, era

insegnato anche

il

diritto,

il

quale, fin da quando cadde

l'impero romano, non aveva pi avuto scuole speciali.


Gli ordinamenti scolastici di Carlomagno ebbero,

dopo la di lui morte, lo stesso destino che gli altri ordinamenti suoi, furono cio travolti nelle tumultuose
vicende dei regni dei suoi successori, e in gran parte
perirono. L'opera dei privati, e specialmente degli ecclesiastici, torn a reggere la istruzione cogli antiquati
sistemi. Ma un progresso tuttavia si ebbe, e a poco a
poco si matur; sia perch l'impulso dato da Carlomagno non fu interamente perduto sia perch, fra le
circostanze favorevoli che si formarono nella societ,
;

in talune scuole l'attivit degl'insegnanti

si

specializz,

fama, ebbero frequenza di uditori, e finirono col richiamare nuovamente


su di s l'attenzione de' governanti, che, se non detsi

perfezion, ed esse salirono

in

tero loro subito e sempre il carattere ufficiale, le dotarono per di privilegi, che ne accrebbero la stabilit
ed il credito. Cos fecero gl'imperatori Ottoni, cos gli
Svevi pi tardi, e cos i pontefici. E questa , in generale, la origine delle pi celebri scuole, od universit di diritto in Italia.

Come

il

diritto,

prescindendo da quello della chiesa,


il romano o il longobardo,
divisero, e quali furono seguaci del-

era in Italia prevalentemente

anche le scuole si
uno e quali dell'altro, prendendo caratteri propri,
che interessa brevemente osservare.

l'

PARTE SECONDA.

144

81.

1.

--Scuola longobarda.

scuole di diritto longobardo

Di

si

hanno

in-

a Milano, a Mantova, a Verona.


a Pavia, alla capitale del regno, appartiene quella

dizi in

Ma

parecchie

che a tutte

citt,

le altre fu

superiore, e di cui sono restate

pi copiose ed importanti memorie.

Pavia gi aveva,

fino

tempi pi antichi,

da'

scuola di grammatica o del trivio, nella quale


s"

insegnava.

Ma aveva

premo tribunale

di

il

la

diritto

pi la curia palatina,

il

su-

dello stato, e questa fu un'altra cir-

costanza, che potentemente cooper perch in Pavia

che altrove. Si
l'insegnamento del di-

la scienza del diritto progredisse pi

gi osservato che lo

studio

tendevano essenzialmente alla pratica, e quindi


dovevano esser collegati strettamente colle istituzioni
giudiziarie, ove quella aveva maggior campo di essere
ritto

svolta.
sti
I

stessi,

titoli di

giudici erano

come

in

giureconsulti di allora, e que-

Roma

antica, erano gli insegnanti.

iudices, caiisiclici, rethores, co' quali nei do-

cumenti del tempo sono menzionati i componenti la


confermano questa loro molteplice e simultanea operosit.
In quanto all'epoca della scuola pavese, non pu
bene stabilirsene il principio, perch accaduto di essa
scuola,

come

delle altre antiche scuole legali, cio che, sorte

a poco a poco dalla pratica, le prime origini se ne


siano smarrite, e solo siano state oggetto di attenzione,

quando avevano acquistato gi nome. Le maggiori notizie


si hanno in un'opera

intorno allo studio legale in Pavia

che

gli

appartiene, cio nella Esposizione delle leggi

longobarde
cuni punti
fior.

(n. 87),
fissi,

e da questa

si

possono rilevare al-

intorno al tempo in cui

giureconsulti infatti vi

si

lo

vedono

studio stesso
divisi in

an-

EPOCA BARBARICA.

145

moderni, antiqui o veteres e moderni essendo chiamati nella esposizione, quando si riferiscono
le loro opinioni. Gli antichi appartengono al principio
tichi e in

perch hanno assistito ai giudizi di Leone


che tenne il vescovato dal 999 al
tra loro da distinguersi un'altra catego-

del secolo XI,

vescovo
1022:
ria,

di Vercelli,

ma

detta degli antiquissinii/- che, avendoli preceduti,

contemporanei di Ottone I, poco dopo


quando la scuola pavese sal in
moderni al contrario sono i contempcra-^

possono essere
la

met

del secolo X,

rinomanza.

nei dell'autore dell' esposizione,

giureconsulti cio della

seconda met del secolo XI. Tra


riscono

gli

uni e

gli altri fio-

giureconsulti pi noti della scuola di Pavia,

antiqui e i moderni, non


quanto per ragione dell' indirizzo scientifico da loro seguito: perch carattere
della scuola degli antichi, e molto pi degli antichissimi, era stato l'attenersi al diritto nazionale, e ren-

quali

si

dividono fra

tanto per ragione

derlo chiaro per


la

gli

dell' et,

mezzo d'interpretazioni

scuola dei moderni invece

si

e confronti, e

qualificava non solo

cognizione, ma per l'uso ancora del


romano, posto come confronto e come mezzo di
perfezionamento per quello longobardo. Bonfiglio infatti
posto fra gli antichi, mentre per tale non si designa
Guglielmo, suo contemporaneo, che degli antichi avversario, perch Bonfiglio, e non Guglielmo, teneva del
sistema antico, opponendosi alla diffusione del diritto

per

la migliore

diritto

romano su

quello longobardo.

nomi dei giuristi pavesi son dati in massima


parte dalla medesima esposizione. Il pi antico Valcauso
Gualcosio, dei primi del secolo XI, non ri82.

trovandosi nella collezione delle leggi longobarde, a

Espos. alla leg.

Id. a Grini. 2,

M. B.

1,

Calisse.

1,

di

Ottone

I.

a Liutpr., 90, 5.
I.

10

lui

PARTE SECONDA.

146

attribuita, quelle sui feudi


lico nel 1037.

Ed esso

emanate da Corrado

il

Sa-

infatti annoverato fra gli

an-

Questo Valcauso, che non deve confondersi con


nome, che si trova, nella qualit di
giudice palatino, menzionato nei documenti della seconda met del secolo XI, ebbe nel medio evo non buona
reputazione, essendo stato tenuto per falsario di leggi.
Accreditarono quest'opinione i glossatori della scuola
bolognese, Ugolino, Accursio e specialmente Odofredo,
che dice aver Valcauso usato di alterare i testi delle
leggi, affine di fare aver la vittoria a quel dei contendenti che meglio ne lo retribuiva.- Ma, se pure qualche cosa di vero v', si certo esagerato, e non mancavano per cosi fare le ragioni. Occasione ne aveva
dato Valcauso stesso, o meglio forse chi continu o rifece la sua collezione, coir introdurre in questa, simulando anche il linguaggio del legislatore, le proprie
tiqui.^

altro dello stesso

glosse e formole, e col mantenervi leggi abolite o di-

modo che le genuine e vigenti vi si confondevano: ragione poi pei Bolognesi ne pu essere stata
la rivalit col diritto longobardo, il disprezzo che per
questo avevano i romanisti, e l'amore invece che ne
aveva avuto Valcauso, che lo voleva conservar puro
da estranea mescolanza.
Rinomati sono egualmente i due giureconsulti Bonsusate, in

figlio e

Guglielmo, seguiti a Valcauso. Bonfiglio era gi*

dice palatino, fond una scuola, che nota col

nome

BonifiUi discipuli, e fu in scienza avversario di


Guglielmo, rinnovatore delle teorie degli antichi. La
scuola poi di Bonfiglio sostenne dispute continue con
Lanfranco, che fu il pi noto de" giureconsulti pavesi,
ed uno degli uomini piii grandi del suo tempo. Nacque
di

Espos. a Rot. 197.

Savigny,

lib.

IV, 109, 110.

EPOCA BARBARICA.

147

nel 1005. Suo padre era di quelli di Pavia qui iv.ra et


legcs civitatis asservabant, cio era giudice, e le sue

sentenze erano da tutti accettate. Fece istruire I,anfranco in scholis liberalum artium legum scecularium

ad siict3 morem

putrire : e questi ne ritrasse tanto grande


fama, da essere fin dalla prima giovent posto fra i
giureconsulti maggiori. Pass poi in Normandia, e vi

fond la scuola di Bec, dove i dotti accorrevano ad udirlo


de scecularihus et divinis literis tractantem. Di l,
con Guglielmo il conquistatore, si trasferi in Inghilterra, e quivi, dopo fatto arcivescovo di Canterbury,

mori nel 1080.


Giureconsulti pavesi furono finalmente anche Sigifredo, Bagelardo ed Ugone,^ oltre

ad alcuni altri di minor nome e di dubbia appartenenza.


Nella seconda met del secolo XII la scuola di Pavia
venne in decadenza per un insieme di ragioni che trasportavano, come sar detto, il centro degli studi giuridici nella pi grande delle scuole di diritto romano,
cio in Bologna.

83.

La

2.

Scuole

romane.

scuola di Pavia, pel carattere della citt

capitale del regno longobardo, per


origine,
(n.

86),

per

era scuola

nel

tempo

del

diritto

modi della sua


opere di questi
longobardo. Sentiva per

insegnanti

suoi

di diritto

le

e non vi si sottraeva, la influenza


romano. Paolo Diacono, che fu in corte a
Pavia, conosceva minutamente
libri di Giustiniano,
gi si veduto quanto si arricchisse il diritto lonliobardo di principii tolti dal diritto romano. Il quale,
come nelle leggi, cos ebbe forza di penetrare nella
stesso,

<'

>

Fsrns. a Rot.

15:3,

1; Oft.

I.

3,

U.

PARTE SECONDA.

14B

due tendenze, che dettero vita a due


gli uni, a cui, con Valcauso,
sette di giureconsulti
appartenevano in generale gli antiqui, stavano per
mantener puro il diritto patrio, e combattevano l'invasione delle leggi romane gli altri, fra i quali son
Guglielmo e Lanfranco, e con essi i moderni, si piegano
all'influenza romana, e se ne servono per spiegare, mediante il confronto, e per migliorare, mediante l'introscuola, e vi form

duzione di nuovi concetti e precetti giuridici,

il

diritto

longobardo. Cosi fatto specialmente dall'autore dell'

esposizione alle leggi longobarde,

mente usa

del diritto

il

quale continua-

romano come lex generalis,

continuamente perci si trova in discordia colle opinioni degli antichi. Ora certo che tanta efficacia il
diritto romano non avrebbe potuto avere, se in Pavia
stessa non ve ne fossero stati speciali conoscitori e insegnanti.
i

infatti,

soprattutto nella citata esposizione,

romano non sono vaghi, su conda manuali, o per averne inteso parlare da

richiami al diritto

cetti tolti
altri

ma

son tutti positivi, coir esatta citazione del


modo da far ve-

luogo corrispondente nelle fonti, in

dere che queste erano direttamente conosciute.


Diritto romano, ma in modo assai pi elementare,
si aveva anche nelle scuole minori, in quelle tenute
dai vescovi e dai monaci, essendo

una qualche sua co-

gnizione necessaria ai chierici, sia per la compiuta intelligenza dei canoni, sia per l'uso che la gente di chiesa
sia ancora per comprendere e conservare le
formolo degli atti, alla compilazione de' quali, nella vece
di notai, spesso i chierici erano allora chiamati.
Queste varie scuole per, pi o meno complete e per-

ne faceva,

non erano, come oggi direbbesi, ufficiali, ma


erano scuole private, lasciate libere da ogni sorveglianza
o regolamento della pubblica autorit, e solo sorrette e

fezionate,

rese notevoli dalla qualit degl' insegnanti e

dall' af-

EPOCA BARBARICA.
fluenza degli uditori. Nel che, del resto, non

149
si

faceva

di Roma, la quale, maestra


non senti bisogno alcuno di

che seguire la tradizione


del diritto alla umanit,

moltiplicare scuole sostenute dallo stato per Y insegna-

mento

medesimo: in tutto l'impero occidennon si aveva che a Roma, e


questa sola, come scuola di puro diritto romano, si man^
tenne per gran parte del medio evo.
84. Nel tempo della giurisprudenza classica l'insegnamento del diritto era dato in Roma dai grandi
giureconsulti, come professione a cui spontaneamente
si davano, e non per incarico che ne avessero dallo
stato. Nelle notizie che di essi si hanno, si trova sempre che partivano il lor tempo, quando non erano ocdel diritto

tale altra scuola ufficiale

cupati nei pubblici

uffici,

tra lo scrivere e l'insegnare,

ricordano come

opere cos i discepoli.


che da ogni parte si
traessero a Roma, per addottrinarsi, studenti in gran
folla. Ad organizzare ufficialmente le scuole, e fra le
altre quella di Roma, par che fosse primo Teodosio.^
Certo che, quando l'impero di occidente venne a
finire, i docenti diritto in Roma erano agli stipendi
del governo
infatti tali li mantennero gli Ostrogoti,
e di tutti

La fama

si

le

degl' insegnanti faceva

rilevandosi

ci

da un ordine del re Atalarico, che


si pagasse intero lo stipendio

volle che, tolti gli abusi,

sono posti

agi' insegnanti, fra cui

iicris expositores,'^

Segu Giustiniano, e da questo la scuola di Roma fu riconosciuta e confermata: una prima costituzione che

riguarda quella Omnem del 533, la quale assegna


scuole ufficiali alle due regice urhes, Roma cio e Cola

stantinopoli, senza che la dominazione ostrogotica, che


allora

reggeva V

Italia,

potesse essere legittimo im-

Cod. Teod.. XIV, 9, 3

Cassiod. Variar., IX, 21.

Cod. Just., XI, 18.

PARTE SECONDA.

50

V imperatore di

pedini ento a che

disposizioni relativamente a

ben pi preciso,
colla quale

si

si

Oriente prendesse

Roma:

il

secondo atto, e

ha nella prammatica sanzione

come per

l'innanzi, gli stipendi agl'insegnanti

affinch

giovani in questo,

discipline,

Ma

in

abbiano agio

Roma non and

riale

venne

come

in tutto

(n. 11),

dispone che siano continuati a pagare,

sostituita

di

come

diritto,

nelle altre liberali

esser bene addottrinati.^

a lungo che l'autorit impe-

da quella ecclesiastica, e

ci,

governo, cos anche per lo studio di


leggi fu causa di trasformazione. Negli atti della curia
il

si hanno indizi della esistenza della scuola di


romano, avendosi dalla curia stessa perfetta conoscenza delle leggi di Giustiniano, a cui di frequente
e con grande fedelt si richiamano i pontefici, trovan-

pontificia
diritto

dosi spesso nei detti atti suoi menzionati

legum docto-

e coloro qui leges veteres noventnt, e dichiarando

7'es

pi tardi Leone IV che in

Roma

il

diritto

romano

si

immune da qualsiasi influenza


(n. 72). E basta poi ripensare al-

era sempre mantenuto


di

elemento straniero

l'interesse, al bisogno anzi che la chiesa

aveva del

di-

romano, per persuadersi che per essa ne doveva


esser conservata la tradizione non solo scientifica, ma
anche scolastica.
Per questo medesimo interesse e questa conseguente ingerenza della chiesa contribuirono a far perritto

dere alla scuola di Roma l'antico suo carattere, imprimendogliene uno nuovo, prettamente ecclesiastico. Lo
studio del diritto civile, volendo rimanere indipendente,
dov cercare altra sede, la quale facilmente prese il

sopravvento su Roma, quando questa, per le guerre e


disordini che soffri verso la fine del secolo XI, venne
nel periodo della sua decadenza maggiore.
i

Cost. Oinncii, 7

Pragm. Sanctto,

22,

EPOCA BARBARICA.

151

guerre deirimperatore contro Gregorio VII


ed alle devastazioni de' Normanni sembra che alluda il
giurista bolognese Odofredo, quando dice che gli studi
legali per cagione delle guerre passarono da Roma a
Ravenna. Certo, la ravennate segu con fortuna alla
scuola romana. La sua esistenza, gi florida, attestata pel secolo XI, ma forse risale a tempi anche pi
remoti, essendo che Ravenna, come sede degli esarchi, si atteggiava a capitale di occidente, e nel suo
distretto, non avendovi mai avuto predominio i barbari, trovava il diritto romano tutto propizio, pi che
altrove, per conservarsi e svolgersi. In ogni modo,
le testimonianze sicure dello studio di Ravenna sono
pel secolo XI. In esso ebbe Pier Diamiani V occasione
per scrivere l'opera sui gradi della parentela, in quanto
che, come narra egli stesso, si trov presente agl'insegnamenti dei giuristi ravennati, e intese che nel computo dei gradi della parentela essi si allontanavano
dai canoni, per seguire il diritto romano, di cui faceper confutare le loro teorie, posto
vano professione
che si trovava di fonte ad avversari che ragionavano
scientificamente, ratiocinando, assumendo, colligendo;
Intatti alle

compose l'opera suddetta, esortandoli anche a non


vergognarsi di accettare le dottrine della chiesa, quantunque tenessero in gymnasio ferulam, fossero cio pur
egli

essi

maestri

di

dottrina ad

altri.

confermare

l'esi-

stenza della scuola di leggi in Ravenna si aggiunge,


come si detto, Odofredo, che in pi luoghi delle sue
glosse ne fa menzione,

in

dice che Bologna trasse da

trasporto che

si

le origini sue,

pel

fece dei libri di Giustiniano da questa

citt, come
venna da Roma.

a quella

specialmente ove

quello

Ravenna

gi le proprie

aveva derivato Ra-

PARTE SECONDA.

bZ

Capitolo IL
85.

mente

oselle

Le

opere giuridiche.

opere giuridiche

si

rispecchiano fedel-

caratteri delle scuole e le condizioni della giu-

risprudenza in generale di quest'epoca. Esse perci sono


volte essenzialmente alla pratica. E siccome a questa
nulla tanto interessava allora quanto T avere pronta
e chiara notizia delle leggi, che, per essere, in gran
parte almeno, antiche, voluminose, non adatte alla
cultura comune, non potevano comodamente venire
usate nei testi originari; il lavoro de' dotti si rivolgeva
tutto a far collezioni, compendi, commenti letterali,
manuali forensi. E questo era gi T indirizzo preso fin

tempo romano,

non avendo
avendo avuto riguardo le grandi collezioni imperiali, e simil metodo
di studio essendosi ordinato da Giustiniano, il quale,
affinch le discordie dei dotti e il cumulo delle loro opere
non oscurassero nuovamente il diritto, viet ogni originalit di ricerca sulle sue leggi, solo permettendone
traduzioni, chiose e sommari.
Anche per un altro riguardo si conosce la piena cordal

gli

ultimi giureconsulti

servito pi che alla pratica, a questa

rispondenza fra

le condizioni giuridiche

suoi prodotti scientifici.

air altro
dall'

il

unione

diritto
di

Come vivevano

romano

essi

negli

dell'epoca ed

e quello longobardo, e

usi

V uno accanto

come

della vita derivava

un

altro diritto, tutto pratico o consuetudinario che dir

si

possono distinguere
tre gruppi, gli uni essendo propri della giurisprudenza
longobarda, come frutto delle scuole che a questa appartenevano, e di Pavia principalmente; gli altri riferendosi al diritto romano, usciti dalle scuole ove questo
s'insegnava, e da Roma soprattutto e Ravenna; gli ultimi avendo direttamente per scopo il mettere in uso
voglia

cosi tra

lavori giuridici

si

EPOCA BARBARICA.
per chi ne aveva interesse

il

diritto,

153

quale dalle reali

condizioni della societ veniva allora richiesto.

1.

Opere

di

diritto longobardo.^

I primi tentativi che fa la scienza sono quelli dimettere ordine fra le fonti del diritto, e tanto pi
quando queste sono, copiose. Non crea ancora, ma raccoglie e sistema. Perci le prime opere giuridiche sono
le collezioni. Dell'editto longobardo ne fu fatta una
per ordine di Eberardo, marchese della Rezia e del
Friuli, fra gli anni 829 e 832, col titolo Capitula legis
regum langobar clorura, seu concordia de singulis caii,sis.- Essendo suo scopo quello di facilitare il riscontro
delle leggi, ut leges querentes facilius invenire queant
quod ci'.piunt, furono queste distribuite, da Rotari ad
Astolfo, in sessanta capitoli, secondo le materie, mantenendo poi per ciascun capitolo l'ordine cronologico
delle singole disposizioni. Siccome per l'editto ebbe

86.

retti a

continuatori nei successori dei re longobardi e poi

ne' carolingi (n. 23, 33),

avendovi

fatto aggiunte e cor-

rezioni Carlomagno, Pipino, Lodovico

Lodovico

Guido,

Arrigo

Pio,

il

Lotario,

Corrado ed Arrigo II; s'intese in seguito onche maggiore la necessit


di raccogliere tanto materiale ed ordinarlo, tanto pi
che le collezioni di Ansegiso e di Benedetto Levita, se
pur conosciute in Italia, come farebbero credere, per
11,

gli Ottoni,

quella almeno di Ansegiso,


la

contengono

(n.

32);

I,

manoscritti

non erano

italiani

che

del tutto adatte alle

sue condizioni, stante la legislazione particolare che per


l'Italia si era formata, indipendentemente dalle altre
parti dell'impero. Si ebbero perci in Italia altre rac

Op.

cit.

VIOLI, p. II, e.
-

nella

n.

1,

pag. 141:

10; ScHUPKEB,

VA. Bluume, uei

lib.

Fertile, 13, 44, 64; Sal^

I,

Mou. G. H.

tit.

2,

e.

2,

Xe^es, lY, 255,

2,

3.

PARTE SECONDA.

154

colte e revisioni delle antiche leggi:

una

fu quella clie

neir832 fece, sebbene per altro scopo, Lotario in Pavia


(n. 33); ma pi importante la collezione dovuta alla
scuola di Pavia stessa. Da uno certamente degli appartenenti ad essa, quantunque sia restato ignoto, fu
fatta, tra la fine del secolo X e i primi anni dell' XI,
una raccolta, per ordine di tempo, dei capitolari fino
allora emanati per l' Italia. Pi tardi vi si aggiunsero
gli altri che furono posteriormente pubblicati, fino a
II a mezzo il secolo XI. E tale raccolta
chiam capitulare italicum, per distinguerla dagli
altri capitolari propri o comuni ad altri paesi, ed anche semplicemente capitulare, per contrapposizione
all'editto che formava l'altra grande parte del diritto
italico in quel tempo (n. 33). Per la pratica fu opera utilissima, ma non fu scevra di difetti, fra' quali grave
quello di aver attribuito ad uno leggi che non gli appar-

quelli di Arrigo
si

tenevano, e d'esser caduta in ripetizioni e talvolta in


contradizioni eziandio. Poi si fece di pi, perch pei bisogni dell'insegnamento e della pratica, si volle corredare il testo insieme riunito, cio tanto dell'editto
quanto del capitolare, con formolo giudiziarie, ed anche con glosse, preludendo in questo modo al sistema,
che poi tennero intorno al diritto romano i primi giureconsulti bolognesi. Questa raccolta, che pur conserva

per

la

disposizione delle leggi l'ordine cronologico,

conosciuta col

nome

comunemente

di liber 2'^npiensis,^

di liber legis

Langobardoriim, o pi

ed appartiene alla
e Corrado il Salico,
del primo, ma non quelle che
fece il secondo sui feudi nell'anno 1037. Essendo un'opera
destinata alla pratica, gli autori non si tennero fedeli

prima met del secolo XI,


perch contiene le leggi

al testo

fra Arrigo

originale delle leggi,

Ed. BoRETius, Leijcs,

cit.,

ma

quelle disusate

IV, 289; Padklletti, Fontes,

non
cit.

EPOCA BARBARICA.

155

ripeterono, quelle che avevano disposizioni comuni cercarono di conciliare, di tutte emendarono errori e mi-

gliorarono la lingua, servendosi di un testo corretto per


uso dell* insegnamento, e perci detto la volgata pavese. Un'altra collezione del diritto longobardo, affine
al liber

papiensis

quella detta collectio

Valcausiana

glossata, perch attribuita a Valcauso, la quale vera-

mente ritrae dei caratteri di questo giureconsulto (n. 82),


rimanendo pi fedele all'originale, mantenendo le leggi
antiquate accanto alle vigenti, avendo formole che sembrano altre leggi, comparendo insomma pi tenace dell'

uso antico di fronte alle novit, che accadevano per

opera specialmente

coloro che accettavano la in-

di

tromissione del diritto romano.^ Tranne per quest'indizi generali, e tranne che il nome di Valcauso ricordato in alcuni versi che fanno proemio alla collezione,

hanno

prove pi sicure che possa esserne


E certo non lo stato di tutto, trovandosi fra le glosse che possono esser sue, altre che
-i sanno appartenenti ad altri giuristi. Il liber papiensis, quantunque non esente anch'esso pel sistema tenon

si

altre

stato egli l'autore.

nuto, dai difetti del capitulare

fu assai pi di questo
ed ottenne perci rapida diffusione

utile alla pratica,

anche per

le altre parti

come

locali,

si

.,

d'Italia,

vede dalle

perdendo

le

qualit

sigle tolte alle glosse, o in-

terpretate stranamente,- e dai nuovi casi sostituiti nei


formolari agli antichi,
alla
ritto

conoscenza ed

allo

ma

giovando nel tempo stesso

svolgimento scientifico del di-

longobardo.

87.

diritto

si

Il

liher papiensis

avanzava anche pi

'

Ed. "Walter, Corpus iuris gemi.,

La

I,

6S3; MiRATORf,

l. I.

S.,

I,

2.

che denotava gli antiqx, era spiequella di Valcauso, r o vai, per vaentes, ec.

sigla a, per esempio,

ata per asini, amentes

prova che lo studio del


che non occorresse per

PARTE SECONDA.

156

raccogliere ed ordinare semplicemente

le

leggi.

Esso

passava a commentarle colle glosse, e ad applicarle


alla pratica forense mediante le formole. A ci probabilmente prestavano occasione e materia le sentenze
dello stesso tribunale supremo residente in Pavia (n. 81),
della qual cosa pu vedersi una prova ancora nel fatto
che i casi dei formolari ricordano persone e luoghi di
Pavia stessa e del territorio, come il vescovo pavese,
In questo modo, pei giuil Ticino, San Siro e simili.
dicati del tribunale, per le dispute forensi, per gli studi
della scuola, si formarono, sul testo dell'editto e dei
capitolari, molte dottrine, le quali furono poi, come un
generale commentario delle leggi patrie, raccolte tutte
un lavoro speciale, che fu detto la expositio ad li-

in

bruni papiensem, analogamente alla interpretatio che,


a guisa pur di commento, accompagna il breviario di
Alarico (n. 8).^ Ignoto ne Fautore, e il tempo ne
incerto

ma, riferendosi

in essa le dispute dei pi noti

ne ritrae che deve appartenere, in


tempo, alla seconda met del secolo XI, ed

giuristi pavesi, se

quanto al
in quanto

al

carattere scientifico,

all'

ultimo periodo

dopo quelli nominati nella exposiscuola non ebbe altri giureconsulti di fama, e

della scuola: infatti,


tio, la

suo autore si serve del diritto romano come di lex


generalis per l'esame delle opinioni e l'interpretazione
de: testo, il qual sistema gi si veduto che fu proprio dell'ultimo dei periodi scientifici pei quali pass
il

scuola pavese. Anche maggiore l'influenza del diromano si palesa nei commenti posteriori, come
quelli attribuiti ad Aliprando ed Alberto, giudici del
'.a

ritto

marchesato di Este, sai primi del secolo XII: i quali


per probabile che compendiassero quanto sul diritto
longobardo si spiegava, fin dai loro tempi, nella scuola
1

Y. BoRKTius,

cit.,

Lff}''ii,

IV;

Padellktti, Fonfes,

cit.

POCA BARBARICA.

o"^

Bologna.^ La qual cosa confermata dall'essere queexpositio, alsto lavoro in relazione non gii, come la
al liber
l'antica raccolta delle leggi longobarde, ossia
posteriormente,
fatta
fu
ne
papiensis, ma all'altra che
di

sulla fine del secolo XI, e che conosciuta


lombarda:' La differenza di questa dalle

di

col

nome

collezioni

vi
precedenti nel metodo tenuto, che le leggi non
maggior
con
ma,
cronologicamente,
disposte
sono pi
vantaggio per la pratica, a libri e titoli secondo le ma-

terie trattate.

Pare che non

sia stata

opera

di

un

solo

pi giureconsulti, perch, secondo i vari


autore,
contenuto e di forma.
testi, si trovano molte varianti di
reputazione,
maggior
testi per hanno ottenuto

ma

di

Due

a cui
ed uno specialmente fra essi: il primo quello
perch rinvenuto
si d nome di lombarda cassinese,
ma stato anin un codice della badia di Montecassino,
l'altro, assai
aggiunte;
ed
revisioni
a
soggetto
esso
ch'

vulpi noto ed importante, quello della lombarda


scuole,
delle
uso
per
corretta
e
gaia, cio accomodata
diritto longobardo
e principalmente di Bologna, dove il
poi
veniva spiegato (n. 132). Ebbe da prima tre libri,
in
e
leggi,
di
composti
questi
e
quattro, divisi in titoli,
tal

forma

ritto

si

mantenne poi sempre come codice

del di-

longobardo.

88.
Dai lavori di sistemazione e di esegesi si pass
monografie o
finalmente a lavori giuridici indipendenti,
diritto, sempre
trattati su qualche punto speciale di

con intento

di

giovare principalmente alla pratica. No-

che
tevole fra tali lavori quello a cui Muratori^
primo lo pubblic, diede il nome di qucesUones ac

per

mo-

Aliprand und AlEd. AXSCHUTZ, Die Lomharda-Commentare des


Heildelb,, 1855: Siegel, Die Lornharda-Oommentiire, in Sitzungsber. der Wiener Akad. XI, 1862i
1

bertus,

Ed. Blubmk,

cit.,

Legee, IV, 607

PARTE SECONDA.

lo8

una

nita,^ perch

serie di

norme

pratiche, delle quali

talune risolvono controversie, specialmente di casi che


i
vari diritti hanno diversamente regolato {quct^stio de

romana;

lege

successio lege salica, lege

romana,

lege

long oliar da), ed altre sono avvertimenti {recordare quoniam, ec.) sul modo di condursi in casi che offrono

qualche difficolt di risoluzione. La successione, la pugna giudiziaria, la procedura sono le materie principalmente trattate, ma vi si considerano ancora casi
relativi alle obbligazioni, alla prescrizione, alla responsabilit

per danni recati e ad

altri principii di diritto.

Del tempo in cui la scuola longobarda di Pavia era

rimangono ancora alcuni brevi trattati su quemaggiormente interessanti la pratica. Sono no-

in fiore
stioni

tevoli alcuni di essi che

come sono

si

riferiscono alle successioni,^

da menzionarsi i formolari, e quello


in specie detto Chartulariumlongohardicum, ossia raccolta di formolo notarili, nelle quali notevole il confronto che fra le disposizioni dei diversi diritti vi si f\i
per i singoli atti, procedendo per con tal metodo che
il diritto longobardo ne sia la regola, e le varianti, che
altri diritti possono apportare a quanto da esso stabilito, compariscano come eccezioni, sulle quali richiamata l'attenzione di chi deve redigere l'atto.^
altres

9
89.

Opere

di diritto

romano.*

prodotti delle scuole di diritto

romano non

lianno in origine caratteri diversi da quelli del diritto

'

Rer.

I.

S.

I,

2,

163; Bluhme,

Legrcs, cit.,

IV, 590; Padklletti,

Fotes, cit., p. 463.

Padelletti, ivi, p. 492.


RoRETius, cit., Leges, IV; Padelletti,

cit., p.

Op.

e.

'^

tit. II,

cit.

Il,

1,

2 e seg.

pag. 141; Salvigli, p. II,

471.

15; Schupfer,

lib. I,

EPOCA BARBARICA.
Gii

lono-obardo.

si

osservato che. si

150

manteneva

l'in-!

dirizzo dato agli studi giuridici da Giustiniano, pel quale


lavori, che si facean sul diritto, non potevano essere
i
infatti,
se non poco pi che commenti ed analisi. E
analogamente al carattere di quelle opere che si erano

avute pel tempo bizantino, cio

al liber

Gai, alla in-

ed alla glossa
torinese (n. 8, 11); anche per l'epoca barbarica l'atsomme,
tivit scientifica de' romanisti si manifesta in
quale
la piglosse,
in
im'usina,^
detta
quella
come
terpretatio posta nel codice

di Alarico,

compendi ed esposizioni sistematiche,

stoiese,- in

fra

cui sono interessanti a ricordarsi le seguenti.


Exceptiones legum romanarum} Sono riassunti od
estratti del diritto di Giustiniano,

per uso della pratica,

autori
e quindi sviluppati a poco a poco per opera di
madai
presentata
che

definitiva,
forma
La
diversi.
noscritti, , a somiglianza delle istituzioni giustinianee,
libri, i quali si compongono di capitoli,

divisa in quattro

tranne che sessanqualche


che
materie,
di
distribuzione
questa
irregolarit, si ha
dei
secondo
nel
persone,
delle
tratta
si
libro
primo
nel
contratti, nel terzo dei delitti, e della procedura nel
quarto. Tempo ed autore ne sono incerti. L' opera fu

in

numero

sessantuno per

di

tanove ne ha

attribuita a

il

libro,

libro terzo, e nei quali, salvo

un giureconsulto Pietro, nominato

in

ta-

Francia meridionale.
all'altra che
preferirsi
da
per
Questa opinione non
luni

codici,

che

si

Ed. Heimbach. in

disse

della

Anecdota

II,

Lipsia,

1810; nuova

ed.

Patetta.
2

1885 ;
Ed. Chiappellt. in Meni. Accad. Ter. Ser. Ili, 37,
Nuovo esame del ms. pintoiese del cod. giust. in St. e Doc.

J>0 stesso.

VI.
IS-i: biOltre le op. gen. cit., e in particolare Schupper, p.
Ex. l. r.. Innsb., 1886;
CKER, Ueher die EntstehungaverhUltnisse der
Ed. Savigxy, cit., H,
FiTTiNG, Glosse zu den E. l. r., Halle, 1874;
di dir. rom. III, 1890.
321. Cfr. CoNRAT. in Biillett. dell' ist.
di St. e dir.
3

PARTE SECONDA.

160

patria delle eoxeptiones vuole che sia stata V Italia, e

precisamente Ravenna, specialmente perch

le fonti

usate del diritto romano sono esclusivamente giustinianee, e non anche teodosiane, e perch vi sono re-

miniscenze e richiami del diritto longobardo. Per Tet


vi sono indizi in favore del secolo XI. Contro T attribuzione a Ravenna si pu osservare che le exceptiones
mostrano sempre propensione per V autorit ecclesiastica e soggezione ai canoni, il che non avveniva in
quella scuola questa difficolt scomparirebbe se il giureconsulto Pietro, asserito autore dellopera, fosse, come
si pensato, il Damiani, che frequent la scuola raven:

nate senza seguirne l'indirizzo politico (n. 84).


Nella stessa incertezza si per un'altra opera, ano-

nima, detta comunemente Brachilogo, cio compendio


breve trattazione, ma che ebbe per titolo originale
quello corrispondente di suraraa novellarum o corpus
legum} Anch' essa, secondo il solito sistema, divisa
in quattro libri, nei quali si espone teoricamente il
diritto romano, in forma di istituzioni, con lingua corretta e con intelligente uso delle fonti. Per tali qualit
r opera pi interessante di questo periodo giuridico,
ma lo anche e pi perch l' autore, dovendo servire
ai bisogni del suo tempo, non riproduce il diritto puro
di Giustiniano, ma presenta il diritto romano quale
allora si aveva, modificato cio da tutte quelle cause,
le quali gi si

detto

come

dai suoi antichi caratteri.

lo

allontanassero in parte

Ci esclude la scuola bolo-

gnese, rigorosamente fedele a Giustiniano. Ma si deve


escludere anche la scuola francese di Orlans, a cui il
179 e seg.; Fickeb, Veher die Zeit und den
1871; FlTTING, Ueher die Heimat
und dns Alter dee sorj. 5., Beri., 1880; Nani, Bel B. iurla civlis, iu
Arch. giur.
XXV, 1880; Chiappelli, La glossa vatic. del B., iu
Riv. stor. ital. > II, 1885. Ed. Bocking, Beri., 1829.
^

SCHUPFER,

cit.,

p.

Ori der Entatehung dea B., Wieu,

161

EPOCA BARBARICA.
Brachilogo

mano

si

pur voluto attribuire, perch richiaquantunque non totale, del diritto

l'Italia l'uso,

giustinianeo e l'accenno a capitolari longobardi, e precisamente ad uno attribuito a Lodovico il Pio sul giu-

ramento

dei chierici. Stabilita

1"

incerti se patria del Brachilogo

Ma

venna.

pi probabilmente

rimane per
Roma o Raquesta seconda

Italia, si

debba
1)

fu

dirsi

scuola, perch l'et del lavoro deve porsi nel secolo XI,

quando la scuola romana era gi ii- iecadenza (n. 84),


e perch meglio in Ravenna che in Roma poteva aversi
la memoria e forse anche l'uso di regole longobarde, che
nel lavoro stesso compaiono. Lunghe dispute, per l'et,
la patria e l'autore, si sono recentemente fatte a proposito d due altre opere di diritto romano, cio le qucBstiones de iuris subtilitatibus e la summa Codicis} Le
qv.cestiones si finge dall'autore che siano fatte fra personaggi allegorici, su alcune importanti questioni di

specialmente privato. L'altra opera uno dei


diritto romano, fatta per uso delle
scuole, imitando, presso a poco, il sistema del codice
diritto,
soliti

compendi del

il suo
nome. Ambedue i
prima attribuiti alla scuola bolognese,
e precisamente ad Irnerio. Ma questa supposizione fu
validamente combattuta, e si accumularono, anche par-

da cui trasse

di Giustiniano,

lavori furono da

tendo da diversi
stile, dalle

indirizzi, molti

argomenti, tratti dallo

circostanze delle opere, dalla qualit de'prin-

per dimostrare che debbono


Roma. Ci porta seco che
esse non siano posteriori al secolo XI, sebbene sull'et
cipii giuridici contenutivi,

esser frutto della scuola di

SCHUPFER,

oit.,

p.

166 e seg.; Lo stesso, La srnola di Romu e


Acc. Lincei 1S9T; Patetta, Delle opere

la questione irneriana, in
attrib.

ad Irnerio

dir. roin.

1895;

della

Lo

Roma, in BuUett. dell' ist. di


La Summa Codicia, in Studi senesi

scuola di

stesso,

XIV, 1897. Ed. con introduzioni: Fittisg,


iierius, Berlin.,
il/.

1894;

Summa

Calisse.

-L

Quceat. de

i.

subt. des Ir-

Codicis Irnerius, Beri., 1894.


11

PARTE SECONDA.

102

pi che sul luogo di origine

opinioni siano discordi.

le

L'autore ignoto. Allo stato attuale della questione


l'appartenenza alla scuola romana ia pi dimostrata.

Non

propriamente opera scientifica apparteromano, ma di carattere


atfme, ed opera in ogni modo che raccoglie lo stesso
diritto per servire alla pratica, quella compilazione
90.

nente

di

alla scuola di diritto

norme

nome

giuridiche che

comunemente

conosciuta col

Legge romana udinese,^ per ragione del luogo


in cui fu da prima scoperta. Altri codici si trovarono
poi in Svizzera, a San Gallo e a Favaria, e ci fece che
di

quali attribuendo la legge


Rezia Curiense. La questione si
recentemente riaccesa, con nuovi campioni per ambe
le parti
ma la origine italiana della compilazione ha
finora per s i migliori argomenti. Non prova sicura
in favore della Rezia V essersi quivi ritrovati, nelle
badie di Favaria e San Gallo, due codici della legge
perch pu ben supporsi che vi siano pervenuti dall' Italia, per la cura che avevano
i
monaci di raccogliere, ovunque potessero, manoscritti, e perch quelli
in particolare di San Gallo e Favaria potevano avere
interesse a conoscere e possedere il testo di leggi italiane, giungendo fino ad essi la diocesi milanese, ed essendo essi stessi proprietari di beni nel Friuli. N
le opinioni si

dividessero,

all'Italia e quali alla

SCHUPFER,

Lincei ISSI;

cit.,

La

Ii9;

p.

Nuovi studi

romana

legge

sidla

I.

r.

1887
// testamento di Tello e la l.
Zur Frage nach der Entstehung und dem

ivi,

udinese, in

ivi,

.,
r.

.,

Atti Acc.

1882; Della
ivi,

1SS9;

r. .,

Wagner,

Geltungsgehiet der

I.

r.

.,

lY Vox Salis, Lex rom. curiensis, ivi, TI;


Zeumer, Ueber Heimath und alter der l. r. ratica curiensis, ivi, IV;
Zanetti, La legge romana retica-coirese o udinese, Milano, 1900;
Best A, Per la determinazione della et e della patria della cos detta
Lex romana rlur-tica curiensis, in Riv. ita), per le SC. giiirid. 1901.
Ed. Zeumer, in < Mou. G. H. > Lege, V.
in

Zeitschr.

fiir

R. G.

>

EPOCA BARBARICA.

163

pi valido l'argomento deiratFinit che la legge udinese ha con quella alamanna (n. 44), da cui era governata la Rezia Curiense, e coi capitoli che Remedio,

vescovo di Coir, aveva fatto, in materia esclusivamente penale, pei Romani di sua giurisdizione perch, se affinit vi sono, certo non meno che la legge
:

udinese contiene principii e disposizioni che nella alanell'altra di Remedio non si hanno, se pure non
vi si hanno contrari, come avviene, per esempio, a pro-

manna

posito del grado in cui la parentela forma impedimento

matrimonio, della chiamata alla successione legittima,


riti pagani e delle calunnie: ci non
potrebbe accadere, se la legge udinese avesse appartenuto al paese, nel quale le altre due, ad essa contemporanee, imperavano. In terzo luogo a persuadere
che la legge non sia stata scritta per la Rezia, v' l'osservazione che manca ogni corrispondenza fra le condizioni di questo paese e quelle che dalla legge risultano
in questa si hanno gi sviluppate le istituzioni feudali,
che i documenti retici al contrario dimostrano non
ancora col penetrate vi si accenna a vasto territorio
e a principi potenti, che hanno sopraffatto 1' autorit
'del re, mentre nella piccola Rezia n re vi era, all' epoca della legge udinese, n molti principi,
ma un
vi si parla, a proposito del diritto di
conte soltanto
naufragio, di navigazione, e non certo alla Rezia che
tale circostanza possa venire applicata.
Tutto invece concorre a far credere che patria della
legge sia stata l'Italia. La lingua in primo luogo: latino rozzo, pieno di elementi barbarici e gi contenente
frasi puramente italiane. Le istituzioni inoltre politiche
i milites nel senso di vassalli, i curiales
e giuridiche
al

della punizione dei

come impiegati

del fisco,

iu.dices

non

altro che

pub-

impiegati, con attribuzioni anche economiche, un


re di scarsa utilit, e intorno a lui signori, sempre pi

plici

PARTE SECONDA.

164

diritti. Finalmente le condizioni stesse del


paese un territorio vasto e bagnato dal mare, dove
in conseguenza poteva essere in uso il diritto di naufragio, e aver quindi ragione la proibizione della legge,

usurpanti
:

in corrispondenza di un' altra legge


di

Sicardo

dell' 837,

il

tre in ogni altra parte di

non era

in alcun

italiana,

patto

il

men-

quale pure ne fece divieto,

Europa

il

barbaro costume

modo combattuto.

Altra questione sorta intorno air epoca della for-

mazione della legge, da


secolo YIII, da altri lungo

chi

ponendosi alla

del

fine

IX, da altri ancora nel

il

X se-

colo. Ma la maggiore verosimiglianza per il secolo IX,


perch a ritardarla fino al X ostano le qualit paleografiche de"codici ritrovati, dalle quali emerge che furono scritti prima di questo secolo; ed a risospingerla
fino air Vili impedimento il contenuto della legge

stessa

puramente feudale, mentre nel secolo

YIII

il

feu-

dalismo non era ancora sviluppato.


feudale, in corrispondenza

Tolto questo carattere


colle reali condizioni di quel
cipii di diritto

diffuso in Italia

tempo, e

tolti

alcuni prin-

barbarico, specialmente del longobardo


;

la legge

udinese

come

si

detto,

un

rifacimento del breviario di Alarico, o meglio ha questo


breviario

come sua

infatti di cui si

fonte principale

compone,

dei ventisette libri

sedici sono tratti dal codice

sulle novelle imperiali posteriori al codice


sono composti altri cinque libri seguenti, ed al resto la
materia data da Gaio e da Paolo. Non fu un compendio
ufficiale, ma lavoro di un privato giureconsulto, se tale

teodosiano

a poca esperienza del diritto ne aggiungeva


minore neir arte dello scrivere e talvolta di
esprimere perfino con qualche chiarezza i propri concetti. tuttavia un documento importante, perch mostra lo stato del diritto in quel tempo, e fa ancora una
volta vedere come le fonti giustinianee, almeno nel-

pu

dirsi chi

altra anche

EPOCA BARBARICA.
l'Italia

settentrionale,

n uscir fuor delF uso

non avessero

165
fatto

le fonti del diritto

scomparire

romano ante-

riore.

3.

Le

formole e

documenti.^

Le formole sono modelli o schemi di atti giurida servire di guida agli scrittori de" documenti, pubblici e privati. Lo scriverle e il raccoglierle era richiesto
da" bisogni della vita pratica, specialmente per cagione
delle condizioni giuridiche del medio evo, quando il diritto
non era unificato n sottratto ad incertezze, e non si
aveva una speciale classe di persone, quale in appresso
fa quella dei notai, esclusivamente autorizzata alla formazione degli atti aventi carattere ufficiale. Come era
libera in Roma la compilazione degristromenti per qua^
lunque negozio giuridico, in modo che l'attendervi era
una delle principali occupazioni dei giureconsulti; cosi
libera rest ancora per la prima parte del medio evo,
nella quale ognuno poteva, per s e per altri, scridocumenti degli affari privati, il che era ufficio
vere
comunemente riservato alle persone di chiesa. La li91.

dici,

bert della compilazione degli atti giuridici


nel medio evo

si era per
scompagnata da quella che gi era stata

sua condizione e giustificazione, cio dalla profonda conoscenza del diritto. Quindi il bisogno di fermare materialmente in appositi modelli i risultati della sapienza
antica e della giornaliera esperienza, e questi appliai casi pei quali si era chiamati a redigere Tatto.

care

Ma

anche per questo elementare lavoro si richiedeva


qualche principio di sapere giuridico, e qualche buon
effetto ne doveva pur risentire la scienza del diritto.
1

tit.

I,

Fertile, 18; Salvigli, p.


e.

1,

3;

Brunker,

II,

cap. 6, 7; Schipfer. Jib.

"Da consultare le opere generali sulla diplomatica di

GiEY, Paoli.

I,

57, 53.

Bresslau,

PARTE SECONDA.

106
Infatti, le forinole

flcacia di

avevano innanzi tutto

rendere ben certo

suo pratico uso,

il

lo

scopo e Tef-

diritto, di sottrarlo, nel

ai pericoli di vizio e di nullit, e

que-

un vantaggio che da esse la giurisprudenza


ritraeva. In secondo luogo esse servivano a diffondere
dopo le invasioni, non
il diritto romano: i Germani,
usando ancora scrittura pei loro negozi, si rivolsero ai
Romani, che poterono cosi, per s e pei barbari, continuare a fare uso delle formole antiche, mantenendo con
esse i principii di diritto che vi erano contenuti, e che
tenacemente vi si conservarono, anche quando vi fusto era gi

rono accolti principii barbarici. Nelle formole inoltre


primi tensi aveva occasione a volgere sul diritto
tativi della scienza. I compihitori facevano arte dello
scriverle, usando stile tiorito, allegorie, reminiscenze
bibliche, considerazioni inorali, tanto pi che spesso
eran chierici, e gli atti erano spesso rivolti ad interessi ecclesiastici, che conveniva giustificare e rendere
i

mediante T applicazione ad essi di massime


Giovavano, di pi, le formole as'^ai .icconciamente ad abituare la riilessione ai principii generali, in quanto che esse si dovevano adattare a tutti
gli atti, e quindi non conveniva avervi di mira che il
conceito giuridico, astraendo completamente da tutte
accetti,

religiose.

quelle particolarit, dalle quali poi

singoli

o.tti

veni-

vano determinati. Finalmente era pure un lavoro scientifico raggiungere che vi si faceva istruzioni sul modo
di procedere nella formazione dell'atto, volgendo direttamente la parola a chi doveva esserne il compilatore, per metterlo in guardia di non commettere errori, e di non esporre quindi Y opera propria ad essere

impugnata o annullata.
grande anche l'importanza storica
Tratte
la

d;i libri

e da tradizioni, di cui

memoria, ritraenti

si

delle formole.
poi

la realt della vita,

ai

perduta
cui

bi-

EPOCA BARBARICA,

dovevano servire, esse

sogni

modo

leggi venissero

ci

167

fanno conoscere in qual

applicate ;_ci

danno notizie
vivevano nella pratica, senza che il
diritto scritto, che non comprendeva tutta intera la
materia giuridica, le avesse raccolte; ci rivelano fonti
le

d'istituzioni che

che sarebbero altrimenti ignorate ci fanno assistere,


qualche modo, al movimento giuridico, quale doveva
allora essere determinato "dalle speciali condizioni del
tempo. Per questo loro carattere, ancorch, come si
;

in

detto, r impronta scientifica non manchi, e quantunque


anche le scuole di diritto se ne siano occupate, le formolo non si possono decisamente attribuire a questa

a quella scuola,

hanno vita a

romano

diritto

al

o al barbarico

rappresentano la societ quale era


e quale si veniva ricomponendo fra le diverse tendenze
da cui era dominata.
92.
Le formolo, in corrispondenza cogli atti a cui
sono destinate, possono essere di pi specie. Si hanno
s, e

quelle pubbliche {regales),


larsi

documenti degli

sulle

uffici,

della cancelleria imperiale o le

formolo sono

le

giudiziarie

quali

devono compi-

diplomi, per esempio,


bolle pontificie. Altre

processuali,

istruire le parti interessate al giudizio ed


sul

fatte

per

magistrati

modo onde

si deve condurre il processo. Finalmente


formolo private (pagenses^) u- wodivWi, che

si

hanno

si

riferiscono agli atti

le

lari, e cio

d"

specialmente

interesse

puramente partico-

ai contratti.

Da

ci s'intende come le formolo dovessero essere


numerose e varie, sia per la quantit degli atti
a cui dovevano servire, sia per la diversit delle regole giuridiche, che dovevano applicare. Si soddisfece
quindi ad una vera necessit, quando si raccolsero e si

assai

ordinarono

la quantit dei

rono, e di cui forse

formolari che ne derivauna parte si conosce,

soltanto

mostra quanto questo bisogno fosse vivo e

diffuso.

PARTE SECONDA.

168

Le raccolte delle formole spettano per lo pi ai FranMa anche in Italia se ne hanno alcune di grande

chi.

importanza.
Le prime, quasi sempre di autore ignoto, sono conosciute con nomi diversi. Talvolta prendono, quando
possibile, il nome di chi le ha raccolte, e celebre
esempio ne danno le formole franche di Marcolfo monaco, da lui messe insieme, nella seconda met del
secolo VII, ad exercenda initia puerorum, e divise
in due libri, secondo la loro classificazione di pubbliche, prceceptiones regales, e private, chartce pagenses.
Altra volta sono indicate col nome del luogo ove furono scoperte, o pel quale vennero scritte, od al quale
si pu credere che il loro autore sia appartenuto
tali
sono le formole dette andecavenses da Angers, hituricenses da Bourges, arvernenses da Auvergne, senonenses da Sens, ed altre, quasi tutte sistemate fra la
seconda met del secolo YIII e la prima del IX, e contenenti diritto franco con profonda impronta per di
diritto romano. Ricevono finalmente il nome anche di
chi le ha trovate, o per la prima volta le ha pubblicate, e cos si hanno le formole che per tal ragione
jjortano il nome di hignonianej merheliane, lindeU"
hrogiane, sirmondice}
In Italia i formolari sono meno numerosi, e forse il
bisogno ne era minore, per la pi diffusa cultura giuridica, e per le tradizioni del tabellionato romano, le quali,
mantenendosi quivi pi che altrove vive e diffuse, facevano che alle giornaliere necessit si potesse per la
maggior parte provvedere con ci che si aveva dal
tempo romano, In ogni modo, come si detto, formolari italiani non mancano, e la loro importanza as:

Ed. EoziRE, Itecueil general dea formues usites dans Vempire

dee Francs, 1859-71


gerra. hist,

Zeumeb, Formulce merov,

Leges, sect. V.

et

karol. cevi, in

Mon.

EPOCA BARBARICA,

169

sai grande. Al tempo ostrogotico appartengono le formolo di Cassiodoro, quasi tutte di diritto pubblico, che
ha in esse, per quel tempo, una fonte preziosa (n. 6).Nei tempi posteriori si formarono le formole per la curia pontificia, raccolte nel Liher diurnus^ Si hanno
anche le formole longobarde, divise in doppia categoria, in processuali, cio, e notarili.

Il

carattere scien-

notevole, ed una loro particolarit che

tifico vi

contengono non tanto ci che doveva scriversi nel documento, quanto la istruzione di ci che dovevano dire
le parti o

notai o

giudici nella conclusione di

un

negozio giuridico o nello svolgimento di un processo.


L'epoca loro fra il X e il secolo XI. L'origine deve

cercarsene a Pavia. A questa scuola si veduto che


appartengono quelle che dichiarano il testo dell'editto,
e che, raccolte dal liber papiensis^ furono intercalate

a loro commento (n. 86), come an^


che formano il Chartidarmm (n. 88).^
fatte in modo
93.
I ^documenti sono le scritture
legale, che hanno eflacacia di dar vita ad un rapporto
giuridico e di formarne, per ogni occorrenza, la prova.
fra legge e legge

Cora

le altre

Questi sono

documenti

e negli affari

tre,

in senso

stretto,

quelli

che,

chiamano propriamente cfiar^


pubblici prendono i nomi di precetti,

nei rapporti privati,

si

diplomi, giudicati e simili.

comprende
ampio, che non hanno

La parola

scrittura

pi

documenti in senso pi
i caratteri suddetti, ma servono
piuttosto per preparare gli atti o per conservarne megenerica, e

moria:

tali

sono

le notitice.''

La grande divisione
blici e privati, e

'

anciie

il

dei

documenti

quella di

criterio della distinzione

Lib, VI, VII, delle Variar, di Cassiod., ed. cib,

Ed. SiCKEL, Vienna, 1889.

'

Ed. Padelletti,

cit.

Brunner, Charta und

notitia.

1877.

si

pubdeve

PARTE SECONDA.

ITO

cercare in tre elementi riuniti, cio nella qualit dell' oggetto contenuto,
se vi o manca la necessit che
ne sia autore un pubblico ufficiale, e quale ne sia la
efficacia in tutti gli effetti giuridici che ne possono conseguire. La forma nei documenti pubblici pi perfetta che nei privati, sia perch la solennit ne faceva
parte sostanzialmente, sia perch opera di persone, che
nei pubblici uffici vi erano esclusivamente destinate.
Prescindendo dalle deviazioni che se ne trovano nei

documenti privati, la forma tale che fa conoscere


tutto r organismo del documento, nel quale sono da
distinguersi due parti. La prima detta il prptocollo,
e contiene tutto ci che serve a dare certezza, pubblicit, autenticit al documento, come la data, la menzione del sovrano,

il

nome

de' testimoni, le

sottoscri-

chiama il testo, e si
riferisce alle particolarit che formano quel negozio
giuridico di cui il documento rappresenta l'attuazione
e conserva la prova: la narrazione dei fatti, le conzioni occorrenti. L'altra parte

cessioni che

si

danno,

si

patti che

scrizione delle cose che ne

si

stringono, la de-

formano l'oggetto,

le conpongono, sono tutti elementi del testo.


Clie_i documenti siano da porsi tra le fonti storiche del
diritto nessuno pu dubitare. Sono, anzi, le fonti pi
sicure, per conoscere quale in pratica fosse 1' applicazione della legge: fonti, perci, tali, che non soltanto
fanno manifesta quale la legge fosse per s stessa e
per tutte le consuetudini e le tradizioni che la circondavano e completavano, ma fanno assistere al reale
movimento della vita giuridica ed economica, ai cui
bisogni i documenti dovevano soddisfare. Fatti sui formolari, essi presentano una grande uniformit di concetti e di frasi, e rivelano continuamente la loro diretta derivazione dal diritto romano, che anche in essi
deve riconoscere una causa della sua conservazione e

dizioni che vi

si

EPOCA BARBARICA.

171

medio evo. Elementi barbarici vi si sono


per necessariamente introdotti, e la contemporanea
esistenza dei due diritti italiani, cio il romano e il longobardo, ha per secoli la pi sicura prova ed applicadiffusione pel

zione nei documenti.

Perquesta

loro importanza, si sono fatte raccolte


documenti. Le raccolte antiche, quelle cio
medievali, sono quasi esclusivamente monastiche, per-

anche

di'

ch negli archivi de' monasteri

conservavano i docuper memoria e per facilit di uso, se ne facevano copie od almeno sommari
in speciali registri. Le raccolte moderne non hanno che
menti

si

de" loro diritti, e quindi,

scopo scientitco, ed importanti pubblicazioni, incomindi Muratori, se ne sono fatte anche


in Italia, ora cercando ed ordinando i documenti apciando da quella

partenenti ad un luogo o ad un tempo, ^ ora pubblicando lo collezioni antiche, quali si sono conservate
nei codici.

* Tali sono, oltre alle AnCundtalts itaUct di Muratort,


1 Montimenti ravennnli del Faxtlzzi, il Codice diplomatico toscano del Brunetti, il Code: Lungolardf'j del PoRRO, il Codice diplomatico longo-

bardo del Trota ed


2
il

Fra

altri.

tutti gli antichi registri pubblicati in Italia

Regesto f'irjenm. ed. in 4

voi.

dalla

Soc.

di

importante
romana.

St. patria

Regesti pontificii .seno pubblicati priucipaluieute dalla scuola franKoma. 1 Regesti imperiali nei Mou. Gemi. Hist.

cese di

Parte Terza.
EPOCA DEL RISORGIMENTO.

94.

Uscito dall' epoca barbarica^

fuori di quel periodo nel quale

si

trov

diversi

il

diritto

elementi, da

doveva esser composto a nuova unit, non avevano


ancora trovato sistemazione, n in quanto al posto, n
in quanto alla misura a ciascun d'essi conveniente. 11
raggiungere tale sistemazione fu il risultato della lunga
e
lotta fra gli elementi, che si trovavano a contatto
dell' averla raggiunta fu conseguenza, come tutta la
trasformazione che a poco a poco avvenne della societ, cosi r avviamento del diritto a diventare propriamente italiano. La rinascenza nelle altre manifecui

stazioni,

letterarie, religiose,

artistiche, fu pi lenta,

matur pi tardi, ed per ci che nella storia civile


la fine del medio evo si protrae ancora di qualche tempo.
Ma nella storia giuridica un'epoca nuova decisamente
incomincia colle costituzioni comunali, che cambiano
sostanzialmente il diritto pubblico de' tempi precesi

denti, e colle scuole che fanno rifiorire

mano, restaurandone

la

nazione. Questo diviene

conoscenza,
il

lo

il

diritto ro-

studio e la domi-

pi potente fattore del diritto

italiano, anzi lo costituisce sostanzialmente esso stesso:


il

diritto

barbarico va scomparendo, e quello della

chiesa prende carattere di diritto particolare per talune materie e talune persone.

l'73

EPOCA. DEL RISORGIMENTO.


Il

nuovo

diritto

non pot esser unico per tutta

condizioni, specialmente poliItalia, per ragione delle


a tempi recenti. Ma la tensino
fu
questa
cui
in
tiche,'
sia perche
denza all'unit pot tuttavia intravedersi,
e
fondamento
detto,

si
come
il diritto romano fu,
legislazioni, sia perche fra
varie
delle
comune
sussidio

delineandosi alcuni caqueste vennero sempre meglio


le qualit partidiminuivano
ne
che
ratteri generali,
che
raccoglievano tutte sotto una impronta,
colari, e"le
si

pu dire nazionale.

diritto in queTale in generale la condizione del


quello delle
corrispondere
deve
essa
ad
e"
st'epoca,
o si rmnonuove
son
fonti del diritto, le quali infatti
sono nuove quelle per cui si forma-

vano anch' esse


rono
poi

diritti particolari,

nei tempi

principalmente

gli

statuti e

stati
posteriori, le legislazioni de" singoli

metodo di
per nuovo alito di vita, per nuovo
applicazione, per nuova prodi
scopo
nuovo
per
studio,
altre fonti, che gi
duzione scientifica, si rinnovano le
nelle quali
principalmente
quelle
da prima esistevano,
per, almeno per
senza
romano,
diritto
il
contenuto

italiani

un certo tempo

delle
e per taluni luoghi, l'esclusione
ecal diritto germanico e a quello

altre appartenenti
clesiastico. Anzi,

per imitazione ed influenza del

diritto

quelle eccleromano, anche queste fonti, e soprattutto


prendono nuovo aspetto, pi adatto alle musiastiche,

tate condizioni sociali.


Lo studio delle- fonti

si presenta quindi per tutta


da un lato conviene porre
determinato:
quest'epoca ben
generale, da un altro
carattere
ha
che
diritto
del
quelle

fra le varie differenze di


quello dei diritti particolari
in maggior conto, per la
tenere
conviene
questi quella
:

dividono in statuti e legislazioni pi vaste


indipendenza comusono caratteristici i primi della
principati e delle
singoli
dei
secon'le
le
nale, proprie
:

quale

'si

PARTE TERZA.

174

monarchie, che

si

sono succedute

fine del secolo XVIII,

in

Italia,

sino

alla

quando nuove condizioni sorsero

dalla rivoluzione e codificazione francese.

Titolo Primo.
PERIODO comunale.
95.

muni

La indipendenza
italiani,

quella che
il

port,

comuni

diritto di darsi

'

politica, a cui giunsero

fra le altre conseguenze,


stessi ottenessero

co-

anche

ed esercitassero

proprie leggi. K certo senza potere

non si sarebbe avuta quella libert, che era


comuni. Ma anche un'altra causa deve -ricercarsene, pi intima, derivante dalle condizioni stesse
giuridiche in cui si trov V Italia, in suU" uscire dall'epoca barbarica. Le fonti, che in questa avevano dominato, erano a poco a poco scadute di autorit e utilit, per tutte quelle ragioni per le quali si vide che al
posto del diritto scritto era tornata la consuetudine
(n. 64), ed alle quali si devono ora aggiungere i mutamenti prodotti dai governi comunali, onde la societ
si allontanava anche di pi da quello stato a cui corrispondevano le legislazioni passate. Le quali si pur
veduto che avevano gi lasciato ordinariamente la qualit personale, per ricostituire un diritto territoriale
(n. 67), che dai comuni stessi dovette avere nuovo motivo di formazione, stante che dentro il comune le differenze, che avevano dato origine alla personalit,
scomparivano rapidamente, e molti, al contrario, erano
gl'interessi che accomunavano i cittadini in un'unica
legge. Perci, la sovranit, che il comune venne ad
acquistare, fu la condizione ed il mezzo per la formazione del diritto comunale: ma la materia e la occalegislativo

la vita de'

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

175

sione a questo fu data dalle condizioni stesse in cui si


trovava il diritto, nel mezzo di quella societ rinnovata. Infatti, siccome la consuetudine risulta di tutte

quelle

norme pratiche colle quali un determinato pomancanza o in supplemento di leggi scritte, si

polo, in

governa; dov avvenire che, sebbene le consuetudini


avessero tutti comuni i caratteri essenziali gi noti
(n. 65), pure, in quanto alle loro particolarit, se ne
formassero tante, quante erano le variet di condizioni locali. Il che vuol dire che fra le condizioni proprie agli abitanti di un determinato luogo v* era anche

una consuetudine, cio un diper s speciale, diverso, nelle sue qualit, da

quella dell' avere essi


ritto,

E poich la comunanza delle condiuna causa per la quale poi si form il comune,
questo, quando sorse, trov gi esistente nella vita del
quello degli altri.

zioni fu

suo popolo un diritto, che poi, preso

il

carattere della ter-

per successive vicende, in legge


scritta, fu la parte pi salda della legislazione comunale.
La quale, per dare di s piena cognizione, vuol essere studiata sotto un doppio aspetto da prima, cio,
nelle condizioni generali o comuni che occorrono per
ritorialit, e cambiatosi,

la

sua legittima formazione e la sua efficacia; quindi

nella variet delle fonii a cui ha dato vita, secondo

luoghi e secondo

Capitolo

I.

gli

oggetti.

Formazione

del diritto

comunale.'
96.

Ildii'itto de" comuni,

sulta in
1

e.

i;

rino,
T.

modo

sorti

ad indipendenza,

ri-

principale e caratteristico dagli statuti.

Fertile, 67; Salvigli, p. II, e. 12; Schupfer, sez. II, tit. I.


(eysaz. stndUayin e i Giurec. di.l 8CC. XIV, To-

Orlando, Lh
issi.

Per

ScHi-PFKR,

numerosi lavori riguardanti statuti particolari,

cit. l'agjT.

?2'\ 3-23, 327.

PARTE TERZA.

176

per

Stabilire le regole
talit e

per

lo

svolgimento della propria vi-

l'esercizio dei propri diritti era,

facolt di tutte le corporazioni, e

come

, in

non altro che corpo-

sua prima condizione giuridica, il cosorger primo delle leggi comunali non
suscit quindi nessuna questione, tanto pi che esse
avevano la corrispondenza negli usi popolari: ma quando
la potenza delle citt crebbe, in modo che lo stato sent
il bisogno di ben regolare con esse le proprie relazioni,
razione

mune

anche

fu, nella

italiano.

il

Il

diritto,

che gi per altro esercitavano,

di darsi

leggi proprie fu tra quelli che lo stato, cio l'impero

principalmente, volle pi ponderatamente riconoscere,

non riconobbe

di fatto pienamente se non colla pace


Costanza nel 1183. Quivi fu non solo concesso ai comuni che continuassero, in ci che non ledesse diritti
maggiori, a governarsi colle loro consuetudini ma fu
ancora ingiunto ai vicari, che si ponevano nelle citt
per tutelare i diritti riservati all' imperatore, che secondo le consuetudini medesime dovessero risolvere le
questioni, che, in grado di appello, erano ad essi pre-

di

sentate.
In questo modo ottennero gli statuti il loro legale
riconoscimento e la loro giustificazione. Imperocch i

giureconsulti, fra

quali da porsi per tal caso anche

Bartolo, dicevano esser giustamente efficaci gli statuti,

perch derjvanti dall'autorit suprema legislativa, che


risiedeva neir imperatore sia che tal derivazione si
considerasse avvenuta per la esplicita concessione data
a' comuni del provvedere anche con leggi ai propri interessi, sia che s'inteiidesse necessariamente connessa
colla natura della legge generale, la quale poi vuol
essere con norme speciali applicata dai magistrati alla
;

variet delle condizioni locali.


Altri giureconsulti, per,

gione politica, considerare

il

non

anche per racomunale come su-

vollero,

diritto

177

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

bordinato a quello imperiale, e quindi cercarono di


in altro modo la potest che i comuni
avevano di darsi gli statuti. E poich allora si voleva
giustificare

trovare la spiegazione di ogni questione nel diritto romano, chiesero a questo anche la risoluzione della proposta questione, e, a lor modo, la ebbero. Considerando
il diritto che il popolo dava a s stesso,
giureconsulto Alberico applicava ad essi la

come

gli statuti

tanto che

il

definizione del diritto civile

romano, ius propriuyn quod


e vedendo che, se;

quilibet sibi populus constituit

romane, il diritto che il popolo si coper ragione sua propria, senza bisogno di altrui approvazione, perch trae la sua ragion
di essere dall'esistenza stessa del popolo concludevano
che questa ragione medesima doveva valere per gli statuti, quali cosi avevano la propria giustificazione nel diritto che ogni popolo ha alla propria conservazione. Imperocch, osserva Baldo, come non sarebbe possibile il
governo di un popolo senza leggi, e come l'esistenza
condo

le teorie

stituisce valido

del popolo, e perci del suo governo, deriva dal diritto


delle genti, e

non da

altrui concessione

cos

anche

le

sue leggi, mezzo a lui necessario per vivere, sono valide ex propria naturali iustiia, senza aver bisogno
che altri venga a confermarle. Tanto pi che l'intervento di una potest superiore potrebbe soltanto esser
giustificato dalla necessit di richiamare al dovere gli
erranti ma non sono erranti, anzi sono ben viventi i
popoli che esplicano legittimamente le loro forze naturali, per conservazione della loro stessa natura, non
:

altrimenti di quello che, per necessit naturale, accade


negli esseri animati,

spiritu proprio et

non

si

formi

omne animai

sici'yt

anima

deve far luogo,

e,

ai bisogni del popolo,

Le quali

teorie, se

M. B.

CAL163B.

regitur a suo
dunque ad altrui intervento
quando gli statuti siano con-

non indigeni alio

directore.

non pu negarsi che abbiano, nella

I.

12

PARTE TERZA.

178

loro esposizione, un carattere di ragionamento pi forense che puramente giuridico, sono tuttavia importanti, non solo come indizio del sentimento generale che

sorgeva

in Italia,

che poco cio era pi tollerabile nelle

cose interne T intervento dell'autorit imperiale;

ma

anche perch rivelano una qualche arditezza e novit


di concetti in quanto al modo di concepire lo stato, ed
alle necessarie funzioni che esso deve compiere per
la propria

conservazione.
Kel fatto, la opportunit e la efficacia degli statuti
erano conseguenza della forza economica e politica che
i comuni avevano acquistato. Finch queste condizioni

durarono,

il

diritto statutario

crebbe e valse

quando

esse vennero a mancare, anche gli statuti decaddero,

cedendo luogo ad altre

97.

La

1.

legislazioni.

Fonti

degli statuti.

prima fonte degli statuti si deve cercare


Le quali, se era gi necessario che

nelle consuetudini.

venissero,

per

la

loro

importanza, sottratte ad ogni

pericolo d'incertezza nei tempi precedenti

(n. 64),

tanto

pi occorreva ci fare adesso, per quelle ragioni che


si detto aver dato alle consuetudini stesse un
nuovo sviluppo ed un pi vasto campo di applicazione
(n. 95). Senza rinunziare ai mezzi gi in uso, delle testimonianze, delle inchieste, il mezzo migliore, e che

gi

fu ordinariamente praticato, di render

certa la con-

suetudine fu quello di porla in iscritto. Anzi,

veva anche quando gi

fosse stata con altri

si

certata, per togliere dubbi, pericoli, e servire di


ai

casi

futuri.

scri-

modi ac-

norma

pi antichi esempi di consuetudini

messe in scritto sono offerti da Genova fin dalla seconda met del secolo X, da Pisa, che nel 1160 compil
il Consttutum usus pisance civitatis, da Milano nel

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

179

1216 colla raccolta delle Consuetudines mediolanenses.


Per da osservarsi che il fatto dell' esser messo in
scrittura
tudinario,

ranzia

ad

non toglieva a tal diritto il carattere consuema ne costituiva soltanto la prova e la ga-

si

scriveva, dice Baldo, la consuetudine

rohorationeyyi,

Invece,

il

quam ad

nuovo

diritto,

potms

novi iuris introductio7ie77i.


che, accanto alle consuetu-

introduceva nella vita dei comuni, era propriamente il diritto scritto, cio quello proveniente dall' opera diretta della pubblica autorit,
collo scopo di
provvedere ai nuovi bisogni, specialmente nel campo
dini,

s'

Si^dovevano, infatti, regolare,


comuni, le loro relazioni cogli

degl" interessi pubblici.

colla vita giuridica dei

antichi signori della citt, coi luoghi vicini, coll'impero,

occorreva dunque un nuovo diritto pubsi poteva ricorrere ad alcuno dei


diritti esistenti, appunto perch si trattava di trovar
regole nuove corrispondenti a nuovi bisogni.
In generale ci si faceva colle leggi. Per conviene
distinguere. Le leggi propriamente dette, cio le disposizioni emanate dall' assemblea popolare o dal consiglio generale o da altro potere pubblico che ne abbia
la facolt, sono ordinariamente fatte soltanto nei casi
gravi, il soddisfare ai quali eccederebbe la competenza
colla chiesa

blico, pel

quale non

dei magistrati.

Ma

essere sufficiente, e

in altri casi
i

loro atti

l'

autorit di questi pu

possono quindi essere

anch'essi una fonte degli statuti, quando

a stabilire

le

norme necessarie per

Brevi, od anche promissioni

Da

si

si

riferiscono

pubblici

chiamano

uffici;

tali atti.

provvide anno per anno, presentando


comune, quando prendeva possesso del suo ufficio, le condizioni colle quali
principio

si

e facendo giurare al capo del

doveva esercitarlo e infatti le pi antiche norme


governo comunale hanno la forma di giuramento
fatto dal console o dal podest, ed incominciano con
egli

di

PARTE TERZA.

180
iicro^

anzich con la parola statuimiis, che fu poi a


il popolo cosi acqui-

quella sostituita. La garanzia che

stava, che sarebbe stato governato con

le

norme

sta-

fondava nella personale obbligazione che il


suo capo ne aveva presa mediante il giuramento, ed era
perci tale che non durava se non quanto quegli rimaneva in ufficio. Un nuovo giuramento in conseguenza
si richiedeva al suo successore, al quale dovevano essere nuovamente esposte le regole, contenenti insieme
ai suoi diritti e doveri anche i modi del governare
le
quali regole in tale occasione e in conformit dell'esperienza che se n'era fatta, avevano modo di essere rivedute e migliorate. E per questa via, anno per anno, si
veniva formando il diritto pubblico del comune, con
evidente analogia al modo con cui si era formato il
diritto pretorio dei Romani, sorto anch'esso, anno per
anno, dalle norme che il pretore pubblicava nel suo
editto, che l'anno dopo venivano dal suo successore
emendate ed accresciute, e che finalmente, passando
bilite, si

dall'uno all'altro pretore, costituirono stabilmente


norme di quella suprema magistratura.
I

brevi, divenuti per tal

le

modo permanenti, si miE poich parecchi

sero, per le solite ragioni, in scritto.

erano gli ufficiali del comune, e il popolo stesso doveva poi prendere di fronte ad essi delle obbligazioni,
sanzionate pure da giuramento, si ebbero pi brevi in
uno stesso comune, il breve del popolo, de' consoli, del
podest, del consiglio, de' giudici ed altri.
Queste varie fonti, consuetudini, leggi, brevi, erano,

per

la origine e lo scopo,

reciprocamente autonome, e

perci distinte. Per, progredendo

lo

sviluppo del co-

anche coli' unirsi fra di loro, e la loro


unione costituisce veramente il diritto comunale, di cui

mune,

finirono

codici son gli statuti.


98.

In

questi

il

diritto

pubblico forma la parte

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

nuova ed anche

181

maggiore importanza. La vita pubblica del comune era quella che richiedeva i nuovi provvedimenti, che dovevano successivamente mutarsi e
di

perfezionarsi secondo le vicende di quella. Pel resto

bastava, ordinariamente, regolare le consuetudini vigenti, e

il

diritto

che ne scaturiva veniva indicato colle

parole di consuetudines, usus, mores, mentre statuto


pi propriamente si diceva ci che l'autorit legislativa

aveva decretato.
politiche,

come

il

dove, per condizioni


ha avuto poco svolgimento,

Infatti, nelle citt

diritto pubblico

in generale accaduto alle citt

ridionale, stante l'esistenza continua

dell'Italia
di

forti

me-

monar-

chie
la legge comunale designata col nome di consuetudini, pereli realmente non d'altro formata che
delle consuetudini nate dal diritto romano, bizantino,
longobardo, franco, ed altro non contenenti che diritto
;

privato

dove
comuni

mentre, viceversa,

il

nome

la vita politica rigogliosa,

di statuti

prevale

come avvenne

nei

dell'Italia settentrionale specialmente.

Perci nel diritto comunale si devono distinguere


due parti aventi caratteri diversi, secondo la loro doppia derivazione: est duplex ius municipale, dice Alberigo da Rosate, scriptum et non scriptum. Una prima
diversit di carattere si riferisce al loro contenuto: la
parte risultante dalle consuetudini riguarda il diritto
privato, e porta negli statuti i principii del diritto germanico, quali ancora si trovavano negli usi del popolo,
perch soltanto rrel campo del diritto privato, che non
intimamente connesso colle condizioni politiche di una

determinata societ, si poteva avere continuazione dei


diritti precedentemente esistiti: l'altra parte invece
contiene il diritto pubblico, e assai pi che dal germanico ha preso dal diritto romano, che, oltre ad essere
allora tornato in voga,

menti

rappresentava quegli ordinai nuovi volevano essere

politici antichi, dei quali

PARTE TERZA.

182
in

gran parte imitazione. In secondo luogo, fra

le

due

parti degli statuti vi differenza di fondamento, ossia


di giustificazione giuridica,

che V una ha la sua

effica-

cia pel fatto che esistono le condizioni necessarie alla

consuetudine, che questa cio sia rationabilis,

Iona,

approdata (n. 65), onde se ne chiedono continuamente


conferme; l'altra invece trae la sua forza dalla stessa
autorit politica che il comune ha conseguito, e in
virt della quale stabilisce ci che reputa conveniente
al governo di s stesso. Finalmente la parte degli
statuti propriamente detti molto pi sviluppata che
non r altra essa la prima a scriversi, si estendo
ad ogni bisogno della vita politica ed amministrativa
del comune, ed abbraccia interi libri delle leggi comuV altra invece delle consuenali, tutti a s dedicati
tudini, relativa al diritto privato, non comprende Finter legislazione, perch, avendo per fondamento il
diritto comune, fosse questo il romano o il germanico,
ad esso si riferiva, e quindi non aveva norme proprie
se non su quei punti speciali nei quali se ne discostava, e i quali soltanto era, dunque, conveniente di
scrivere, per conservarne memoria, per sottrarli a continui mutamenti ed a false interpretazioni. N era raro
consuetudini fosse lavoro
il caso che lo scrivere tali
:

di

qualche privato, reso poi

ufficiale col

venire accolto

nel libro della legge.


99.

Gli antichi elementi

si

vedono

modo pene-

in tal

trare negli statuti, e conservare quivi, nella differenza


dei caratteri che

imprimono

l'altro di essi prevale, quasi

alla

parte dove l'uno o


di quell'anta-

una traccia

gonismo, pel quale, nell'epoca precedente,


posti vicendevolmente in stato di
di aggiungersi

sempre
gli

am

si

dire

ad

essi

trovato in
il

si

rivalit.

trovarono

N manca

quel terzo elemento, che pur

mezzo

alla lotta degli altri, ve-

dirittodella chiesa.

Il

fatto stesso che la

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

183

consuetudine doveva essere, nel significato gi altrove


spiegato (n. 65), bo7a et ];)robata, apriva la via alla
chiesa di portare i suoi principi! nel diritto statutario.

Ed era massima stabilita che gli statuti non potevano


derogare alle sue leggi,di guisa che, sotto questo aspetto,
essi erano quasi sussidio del diritto canonico, alla cui
esecuzione prestavano talvolta anche la forza dell'aunon solo sono riaveva portato nel
ricevono sanzione anche

torit secolare: e infatti, negli statuti

spettati que' prineipii che la chiesa

campo

del diritto laico,

ma

aveva

vi

per ci che si rifeper esempio, punito il


lavoro festivo e il bestemmiare; v' conservata l'esenzione de' chierici da quei doveri, il cui esercizio la
chiesa dichiarava non conciliabile col ministero sacerquelli che la chiesa

riva ai propri interessi: vi

dotale

stabilito
,

vi concesso ai chierici stessi

il

loro foro privi-

legiato; v' riconosciuta perfino l'autorit del pontefice

che concerne interessi ecclesiastici, come


ha esempio nell' ordine che dette Clemente V di
togliere da tutti gli statuti la permissione delle usure
di ordinarvi ci

se ne

nei mutui, e nei regolamenti sulla inquisizione, la cui

inserzione negli statuti fu ordinata nel 1252 da Inno-

cenzo IV.
Tutto ci per non toglie che negli statuti non aleggi
spirito d'indipendenza, che sempre pi progredisce.

uno

alia chiesa i comuni sostenevano i propri


da un lato rispettavano ci che essa aveva
stabilito, per esempio i privilegi dei chierici, dall' altro tutelavano la propria sicurezza, come col rendere i
chierici, appunto perch non soggetti al diritto comune,
incapaci dei pubblici ufifci. Se la chiesa avesse messo
innanzi pretese non conciliabili colla sovranit del comune, si sarebbe esposta a non essere obbedita, come
avvenne infatti a Gregorio IX, quando dispose che le
leggi comunali dovessero venir tutte sottoposte all' au-

Anche di fronte

interessi, e se

PARTE TERZA.

184

torit ecclesiastica per esserne

esaminate. Tutto ci

un tempo

conseguenza e manifestazione ad

forma

di

quanto

la qualit caratteristica del diritto statutario, nel

quale si trovano bens, come sue fonti, i tre diritti,


romano, barbarico e canonico, ancora~visibilmente di-

ma

stinti;

nel

tempo

stesso questi tre elementi vi subi-

scono, costretti a star tutti insieme in una

legge ed a servire

un

ai bisogni di

ultima trasformazione e fusione.

diritto

Il

medesima

solo popolo, la loro

romano pre-

ma

penetra anche in quello


privato, per l'influenza specialmente de" nuovi studi,
ai quali erano educati anche coloro che venivano posti
a capo del governo comunale: le tradizioni barbariche
dominano nel diritto privato, ma non sfugge ad esse

vale nel diritto pubblico,

del tutto
in

il

mezzo a

i comuni formati
ed essendo ancora d'ogni lato

diritto pubblico, essendosi


stati barbarici,

circondati dagli stati feudali:

canoni della chiesa in-

ma devono alla
prendere quell'aspetto

fluiscono sopra ogni parte del diritto,


lor volta adattarsi anch'essi a

e quella

estensione, che dalle condizioni dell'epoca

loro consentito.

Per

che

il

il

diritto statutario, e quello

pi antico specialmente, rappresenta e dimostra quella

epoca storica

in

di pi diritti,
di

un

diritto,

cui

si

compiva

vedendovisi

la

trasformazione

passaggio dallo stato


che simultaneamente vivevano, a quello
fatto, nei suoi caratteri generali, unico e

de* diritti antichi,

il

nazionale.

100.

come

2.

Compilazione

degli statuti.

primi statuti appartengono

statuti comunali: perch,

come

corporazioni delle arti, dalle quali

al secolo

XII,

statuti propri delle

il

comune

fu

prece-

duto, possono trovarsene esempi anche in tempi anteriori.

Certo che non

si

aspett, per aversene, la pace

EPOCA DEL RISORGIMENTO.


di

185

Costanza, che ne dette facolt generale. Se

sta-

gli

non sono numerosi, limitandosi a


quelli di Pistoia, di Pisa, di Alessandria, di Genova e
ad alcuni altri, ci dipende dal non avere essi ancora
trovato la loro forma definitiva. Molte loro traccie,
tenui, ma sicure, devono per questo tempo rintractuti del secolo XII

ciarsene nei documenti, che gi attestano o decreti


fatti dal

popolo, o regolamenti di

suetudini approvate.

merosi, perch

il

Nel secolo
tempo in

cui

aveva raggiunto, economicamente


svolgimento. In quanto
statuti,

si

modo

al

magistrati, o con-

XIII poi diventano nula

comunale
il

suo

della formazione degli

deve distinguere fra comuni del tutto auto-

nomi, e quelli soggetti alla potest, pi o


di

vita

e politicamente,

un signore. Nei primi,

il

meno

efficace,

consiglio pubblico, o chi ne

era delegato, faceva la nomina degli Statutari, scegliendoli da ogni classe ed

anche da ogni fazione della

dava loro incarico


figgeva un termine, entro

quale dovevano aver adem-

citt,

di raccoglier la legge, e
il

pre-

conferito. Gli statutari erano


ordinariamente in numero di pi: qualche volta, per,
se ne nominava soltriivto uno, il che accadeva specialmente quando la cit' poteva usufruire dell'opera di
qualche stimato giureconsulto, a cui affidava la riforma
od anche la redazione dei propri statuti. Gli statutari
stessi potevano essere di due specie: alcuni temporanei, che perdevano l'ufficio appena lo avevano eseguito altri permanenti, incaricati di portare sempre
nello statuto quelle aggiunte o quei mutamenti che apparivano necessari. Questi secondi erano detti anche
riformatori. In ogni caso, gli statutari andavano in cerca
di consuetudini, facevano inchieste, invitavano i cittadini
a presentar loro proposte, tenevano nota di ci che si
veniva deliberando nei consigli, e neppure era raro il
caso, specialmente quando lo statuto dovea farsi iute-

piuto air incarico loro

PARTE TERZA.

186

ramente di nuovo, che prendessero ad imitare quello di


una fra le citt vicine, di quella specialmente che nella
regione era tenuta in maggiore considerazione. Di qui
venne la grande somiglianza che molti statuti hanno
fra di loro, e la comunanza di quei caratteri che distinguono gli statuti di un luogo da quelli che si sono
fatti in un altro: in Sicilia, per esempio, gli statuti di
Palermo, Catania e Messina sono stati presi a modello
massima parte degli altri comuni gli ordinamenti
di giustizia, ossia leggi di repressione contro i nobili
per difesa della democrazia, passarono da Bologna a
Firenze e a Pistoia, e dalla Toscana li ebbe poi Roma:
in Lombardia fecero testo gli statuti di Milano: quei
di Genova si diffusero per la Corsica, e simili esempi
si hanno per le altre parti d' Italia. Compiuto il lavoro,
gli statutari dovevano presentarlo al consiglio od anche al parlamento, per ottenerne Y approvazione, che
si faceva per scrutinio o per acclamazione.
Se invece la citt riconosceva l'altrui supremazia,
fosse quella di un signore o quella ancora di un altro
comune; ovvero, senza essere direttamente soggetta ad
altri, se dipendeva dal principe in modo da non avere
il diritto di darsi interamente per s stessa la
legge;
in questi casi dovevano, nella formazione degli statuti,
accordarsi gl'interessi del popolo con quelli di chi ne
aveva il dominio, evitando che fra loro nascesse conflitto. E ci si otteneva generalmente per doppia via.
faceva ne' modi soliti lo statuto, che era
il popolo
poi presentato per l' approvazione ed anche per la correzione al signore, a meno che questi non avesse fatto
rinunzia di tal suo diritto, come a riguardo di Ancona
fece Gregorio IX, che nel 1377 diede facolt a quegli
abitanti di far liberamente i propri statuti.* Ovvero
dalla

Thein'er, Codex diplom. dom. tcwp. S. S., II, G07.

EPOCA DEL RISORGIMENTO.


era

signore l'autore dello statuto, e

il

riservato, pi o

meno ampiamente,

derlo e approvarlo nel consiglio


di

diritto di

il

cos

187

popolo era

al

il

rive^

vecchio statuto

Torino, fino a che nel 1360 non ne cambi la dispo-

sizione

Amedeo

VI, era fatto dal conte,

come ne erano

altres fatte tutte le interpretazioni o riforme,

esso occorrevano.

Quando

il

che su

di

signore aveva pi luoghi

a s soggetti, dava, generalmente,

gli statuti sopra un


unico tipo, e questa fu un'altra delle cause per cui spesso
fra gli statuti si trovano tante affinit di carattere.

101.

Gli

statuti

da prima furono

scritti in latino,

riboccante per spesso di barbarismi e di voci dialettali


latinizzate, con stile povero di qualsiasi artificio, e tale

per

lo

pi che svela la imperizia e la fatica del compila-

tore. Nel secolo XIII s'incominciarono a scrivere ilvqI-

gare, e non solo quelli che

anche
vano:
tando

si

venivano componendo,

che, gi scritti in latino, adesso

ma

traducelo stile ancora a poco a poco se ne cambi, divenin ultimo artificioso, non di raro prolisso per

gli altri

si

ripetizioni e considerazioni d' indole generale, e talvolta

oscuro per impropriet di linguaggio o per affettazione


di dottrina da parte dello scrittore.

E non diversamente accadde da parte


In principio gli statuti

del metodo.

non erano che una serie

di re-

une appresso alle altre, a mano a mano


che, nei modi consueti, venivano stabilite, offrendo cos,
sotto quest'aspetto, una grande analogia coi capitolari
(n. 30), complesso di capitoli senza ordine alcuno nelle
materie trattate. Ma poich, mediante le aggiunte, le
interpretazioni e le riforme, il corpo delle leggi veniva
sempre a prendere maggiore estensione, e a farsi di

gole, poste le

meno facile uso ed intelligenza si ebbe la necessit di


portare nelle sue materie un qualche ordine di distri;

buzione.

La

quella dei

divisione,

libri, in

che comunemente

quattro o cinque

di

si

segui, fu

questi riparten-

PARTE

188

TERZA..

maggior parte degli statuti, presso a poco con


questa disposizione: il 1 libro contiene diritto pubblico,
le nomine e i doveri degli ufficiali, la forma dei consigli,
dosi la

le

garanzie dei

vrano e

diritti dei cittadini, le relazioni col so-

colle citt vicine,

ed altre simili cose

penale, minutissimo per

nel 2^

si

enumerante ogni singola specie di reati, con la pena per


ciascun di essi stabilita, in modo che in questa parte
gli statuti ritraggono molto del carattere delle leggi
barbariche popolari, di cui accettano altres non pochi
al libro 3^ appartiene il procedimento, deprincipii
questo assai minutamente, e contenente
anche
scritto
sotto le sue disposizioni, non altrimenti che il diritto
trova

diritto

il

lo pi,

penale, molti principii di diritto privato: si gi fatta


altrove l' osservazione che il reprimere con la sanzione

penale la lesione dell'altrui diritto o il dare a questo, per


sua difesa, la norma con la quale essere esercitato, sono
i
due aspetti sotto i quali le leggi antiche si occupano
degl" interessi privati. Il qual sistema poteva ancora
seguirsi negli statuti, perch gi

si

detto

che pel di-

non si aveva necessit di trattare se non


che derogava al diritto comune, o strettamente si col-

ritto privato

ci

legava cogl' interessi pubblici, come la condizione delle


persone, la difesa degl'interessi familiari, le relazioni
fra proprietari ed altre simili materie. Perci raramente, non mai, si trova negli statuti un libro intero
dedicato esclusivamente al diritto privato, ma ci che
a questo si atteneva era trattato qua e l, secondo che
riusciva opportuno.

Un

libro,

dicato agli straordinari,

per

vi

si

pi il 4, era deaccoglievano regole

lo

nuovamente aggiunte a quelle dei libri prenuove materie, come l'igiene,


la polizia, od altro. Quando seguiva ancora un 5 libro,
ci che non di tutti gli statuti, si vede spesso in esso
diverse, sia

cedenti, sia relative a

trattata la parte economica del diritto municipale, e

EPOCA

t)EL

RISORGIMENTO.

189

che naturalmente varia, o agrcola, o industriale, o


commerciale, secondo V indole del comune. I libri non
hanno altra divisione che quella degli articoli o capitoli
rubriche, contenenti le

Quando
glio

lo

norme

dei singoli casi.

statuto era stato approvato, o dal consi-

popolare o dal signore o dal sovrano, secondo

doveva essere pubblicato. A tale scopo veniva pubblicamente letto e spiegato di tempo in tempo al popolo,
ed una copia se ne teneva costantemente esposta nel palazzo pubblico, per chiunque volesse consultarlo, come
altre se ne tenevano custodite o in qualche chiesa od
casi,

in altro luogo sicuro,

per poter fare

riscontri ed evi-

tare dubbi od alterazioni.


Pubblicato, si doveva mettere in esecuzione. E la
regola generale era che, nell'applicarlo, se ne dovesse

sempre intendere il senso letterale. Sorgendo per dubbio


ed essendo necessaria una interpretazione, si faceva ricorso ora agli statutari, che l'avevano composto, ora al

signore od alla citt vicina, da cui


ai

dove

alle consuetudini,

questo
il

si

magistrati del comune, quando

il

romano,

il

dove

era ricevuto, quando

al consiglio

al diritto

canonico od anche

popolare,

comune, fosse
il

barbarico e

feudale, secondo le occorrenze.

Colla formazione dello

statuto non si era sodad ogni bisogno del comune, e non si era perci
arrestato il suo movimento legislativo. Gli statuti, simili
102.

disfatto

in ci del tutto ai codici delle leggi barbariche, erano sempre capaci di continue aggiunte e correzioni. E bisogno
ve n'era infatti, per l'accrescersi continuo de' nuovi usi
scritti, perle sviluppo della popolazione, per l'aumento
dei commerci, e soprattutto per le mutazioni incessanti
che avvenivano nel governo. Gli statutari erano permanentemente in ufficio, e quando qualche nuova regola veniva stabilita ed approvata, dovevano inserirla
nello statuto, sia entro il tempo, breve talvolta di pochi

PARTE TERZA.

190
giorni,

dallo

statuto

stesso determinato, sia in occa-

sione dell'annuale revisione, che in taluni luoghi se ne

faceva,

come reminiscenza, sebbene ne

fosse

cambiato

quando
anno per anno traevano efficacia dal giuramento, che ne
faceva il capo della citt. Da questa continua mobilit
derivavano certo i danni della incertezza, della confulo

scopo, della prima forma che ebbero

sione,

non

della incostanza nelle leggi comunali, e questa

fu r ultima fra le cause

perirono:
che

il

gli statati,

ma

diritlo,

per cui presto

comuni

d'altro lato ne veniva vantaggio, ed era

essendo trasformabile, poteva seguire

lo

sviluppo del popolo, ed adattarsi quindi alle sue condizioni nel continuo mutamento di queste, e cosi non
invecchiarsi mai

infatti gli statuti hanno avuto lunghissima durata, ed hanno servito pei comuni, tanto al
tempo della loro indipendenza, quanto allora che sog-

giacquero

al

dispotismo.

gli statuti abbracciano una


grandissima parte del diritto italiano, e somma la
loro importanza: sono stati la forma pi comune di
diritto locale dal secolo XII alla codificazione. Si lamenta quindi a ragione la mancanza della possibilit di
un loro studio completo, per le attuali loro condizioni,
essendo di un numero grandissimo, e giacendo per la
pi parte inediti, quantunque in questi ultimi tempi
siansi verso essi rivolti gli studi di molti, sia per la
loro intrinseca importanza, sia per l'amore della nazionalit italiana, che in queste fonti giuridiche ebbe
una meravigliosa manifestazione. D'altra parte una
pubblicazione generale degli statuti, ove fosse possibile, riuscirebbe d' imbarazzo pi che di vera utilit,
se fatta alla rinfusa e senza giusti criteri di classificazione. Anche questa difficile, ma non mancano negli statuti caratteri precisi, pe' quali sarebbe pur possibile convenientemente classificarli. Per distinguerli

Per questa stessa ragione

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

191

due gruppi generali sarebbe buon criterio quello,


comuni
indipendenti, e le loro disposizioni sono quindi coordinate in generale alle istituzioni Hbere ed alla difesa
dei diritti del popolo
e gli altri appartengono a comuni che riconoscono altrui supremazia, g* interessi
della quale vi sono tutelati, e vi sono posti in relazione
colla vita del popolo. Gli uni e gli altri si potrebbero
ripartire in due classi secondarie, prendendo di mira
la natura economica del comune, cio la sua vita medesima, con porre da un lato gli statuti dei comuni
rurali, dove si hanno regole minute sulla condizione
della propriet, sulla coltivazione delle campagne, e
dove perci predomina ancora un carattere del tempo
barbarico, che si riassume nel fare della propriet fontutti in

relativo al diritto pubblico, che gli uni sono dei

diaria la base di ogni considerazione delle persone; e


dall'altro lato porre

commercio, nei quali

gli

statuti dei

comuni

dediti al

mobile ha grande
di credito sono sviluppati, la nacure speciali, ed in generale vi
la ricchezza

importanza, gl'istituti
vigazione oggetto di
spira un sentimento di maggior libert e di tendenza
al rinnovamento sociale. Potrebbe ancora continuarsi
la classificazione, e farsi un terzo aggruppamento se-

condo

il carattere di originalit degli statuti medesimi,


distinguendo quelli che, essendo originali, sono stati
presi per modello degli altri, e questi, che formano la

maggioranza, che sono

stati,

pi o

meno

fedelmente,

imitati sui primi.

Per

la bibliografia degli statuti:

Bonaini, Alcuni appunti per

ad una hiUiografia degli Statuti italiani, in Ann. delle Univ.


tose. II, 1851; Berlax, Saggio billiograf. degli stai, ital., Venezia, 1858; Manzoni, Bibliografia statutaria, Bologna, 1876-79; La
Mantia, Ediz. e studi di stat. ital. nel sec. XIX, Torino, 1888
per
tibliogr. statutarie di speciali regioni, v. ScHCPfEK, cit., p. 328,

servire

nota.

PARTE TERZA.

192

Capitolo IL
103.

Oggetto

Come

del diritto comunale.

nuova vita

la

cittadina, nell'esuberanza

stendeva sopra ogni ramo


dell'umana attivit; cos le varie manifestazioni di questa erano tutte oggetto di regole, che presto si tramutarono in leggi, nella forma, ormai universalmente accettata, di statuti. In conseguenza, le leggi municipali
abbracciano argomenti di qualsiasi natura, da quelli
delle sue forze giovanili, si

della costituzione politica fino a quelli della polizia delle

campagne

e delle officine.

ganismo del comune era

Ma

non basta: siccome l'orpermetteva che nel

tale che

seno suo stesso vivessero altri enti, subordinati in ci


che si riferiva alla unit del comune medesimo, ma
indipendenti in ci che riguardava i loro particolari
interessi; cos avveniva che si avesse una moltiplicit
di statuti, ciascun ente o corporazione avendo il suo
proprio, i quali stavano fra loro e verso lo statuto generale del comune in quella stessa relazione che le
persone od istituti, a cui appartenevano. E poich nel
straordinario sviluppo la vita commerciale, ed anche essa ebbe, secondo la regola generale, i propri statuti; questi superarono, in corrispon-

comune prese uno

denza col loro oggetto, tutti gli altri statuti particolari,


e da tutti si distinsero per la loro vita caratteristica e
rigogliosa. Sicch, neir .esaminare le leggi municipali,
utile

mantenere

la distinzione fra gli statuti

commer-

ciali e tutti quegli altri che, per contrapposto,

sono chiamare statuti

104.

del

Il

1.

si

pos-

civili.

Statuti

civili.

pi importante fra questi quello della citt,


detto, ed al quale si riferi-

comune propriamente

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

193

scono principalmente tutte le gi esposte regole di formazione, di metodo e di riforme: il codice dello stato
comunale. Ma quando avvenne nel comune che la plebe,
aspirando al governo, si separ, finch non pot soprafdall'aristocrazia, che ne la voleva tenere lon-

farla,

il comune un altro comune plebeo;


anche questo ebbe, a somiglianza dell'altro, il proprio
statuto, che si disse del capitano del popolo. I compilatori ne erano presi fra la gente plebea, e perci il loro
lavoro era lontano, anche pi di quello degli statutari
del comune, da ogni pregio di composizione: facevano
statuti che non avevano, al dir di Odofredo, latinum nec
sententiam. Erano tuttavia pi che sufficienti a tenere
saldi i diritti che la plebe voleva per s difesi, n furono

tana, e form dentro

pi dispregi::'! il giorno che la plebe stessa giunse al


governo. In tutto ci vi continua analogia con quanto
faceva la plebe di Roma repubblicana, la quale, combattendo anch' essa per analoga ragione il patriziato,

faceva leggi a s proprie, contenute nella pi larga sfera


delle leggi generali e infatti, quasi a ricordo di questa
:

analogia, gli statuti plebei

si

trovano chiamati, come

plebe romana, plebisciti in contrapposizione agli statuti: Bonifacio Vili nel 1299 scrile deliberazioni della

veva

agli abitanti di Civita

Papale: ad gube r natio ne m

civitatis statuta et plebiscita falere valeatis}

Statuti a s particolari

avevano anche

dell'amministrazione comunale, e
sti

dovevano giurarli;

come a

non

vari

uffici

capi ad essi prepo-

solo gli uffici pi elevati,

dir quello dei consoli incaricati della giustizia,

ma anche i minimi, come quelli degli stimatori e dei


messi comunali. Alle volte questi statuti si univano
tutti in un solo volume, come il breve officialium communis senensis del 1250 altre volte si tenevano sepa;

Thein-eb.

M. B.

cit.,

I,

534.

Calisse.

I.

13

PARTE TERZA.

104
rati,

almeno

maggiore importanza, come fu


Mantova, statutum iudicis
quello consulum de placitis di Genova

quelli

di

dello statuto finanziario di

daciorum,

di

e di altri.

Statati

si

avevano anche per

le

corporazioni delle

quanto al tempo,
precedettero tutti gli altri li giuravano i consoli delle
arti, e contenevano le regole dirette allo scopo della
corporazione, ma dovevano anche essere approvati
dall'autorit pubblica, perch non sancissero privilegi
od altro che potesse esser contrario ai diritti del comune. Sotto quest' aspetto possono considerarsi come
civili anche gli statuti delle arti
ma il loro contenuto,
ed in parte anche il loro scopo, commerciale, e perci sono da ricordarsi altrove. Perfino le frazioni del
comune, le ville, il contado, avevano statuti propri, regolanti i doveri e i diritti degli ufQciali che il comune
vi poneva, la condizione degli abitanti, e in specie le
questioni di polizia campestre: anche questi dovevano
avere l'approvazione dell'autorit comunale.^
105.
La legislazione statutaria non si limitava al comune ed alle sue appartenenze. Nella lotta coi comuni,
dovendo signori feudali far concessioni anch'essi e riconoscere diritti alle pers'jne della loro signoria, afiSnch
non si alleassero cogl' inimici; dovettero essi pure dar
leggi scritte, che presero, pel costume generale dell' epoca,
nome e forma di statuti. Non si devono confondere con quegli statuti cittadini, ai quali occorreva
arti e dei mestieri, anzi questi,

in

il

beneplacito

di chi

aveva potest

sul

comune

(n. 100)

questi sono statuti propri delle signorie feudali, che

avevano per

fondamento

loro

l'autorit legislativa del

signore, e per causa la volont di lui stesso, che,

come

Schupper, Manuale,

sez. II,

Sugli statuti rurali e delle arti

tit. I, e. 4,

2 e

una copiosa

e. 5,

1,

bibliografia.

v.

che ne tratta ampiamente, aggiungendovi

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

195

ne era autore, cos aveva il diritto d'interpretarli, supplirli, cambiarli. Contenuto di tali statuti erano le regole date principalmente per accertare e garantire i
diritti del signore, ma con vantaggio anche delle genti
sottoposte, che cosi venivano sottratte al pericolo di
essere arbitrariamente governate. Con ci s' intende
come il carattere di questi statuti dovesse variare secondo la qualit delle persone a cui venivano diretti,
e secondo T estensione dei diritti del signore. Sotto il
primo aspetto, poteva il signore dar lo statuto ai suoi
vassalli, ovvero a quei che ne erano dipendenti per ragione del possesso delle sue terre, ovvero ancora agli
che gli erano, come discendenti gi dai suoi servi,

altri

personalmente vincolati: e secondo che degli uni


trattava o degli

altri,

diverso era

modo

il

il

si

con-

tenuto di ci che il signore poteva domandare. A riguardo poi dell'estensione dei diritti che al signore
competevano, per ragione della natura del feudo da lui
posseduto, v" era fra

gli statuti feudali

riet e quella relazione, che fra

quella stessa va-

gradi della gerarchia

feudale
di modo che lo statuto del feudatario maggiore poteva riguardare l'amministrazione della giustizia, il diritto perfino di morte, la milizia, il batter mo:

neta e via dicendo

gli altri a poco a poco digradavano,


a giungere a quello del meno potente signore di
feudo, che non aveva da regolare altro che la polizia
;

fino

rurale sui fondi a lui appartenenti.

Non erano per


i

diritti del

popolo,

in tali statuti del tutto dimenticati

ma

erano considerati

in

un modo

particolare. Essi erano riconosciuti e conservati sotto


forma di concessioni del signore, mentre la loro prima

radice stava in diritti che

il

popolo per s stesso aveva

avuto, prima assai di venire nell'altrui potest. Si trattava specialmente di servit prediali, essendo questa la

veste colla quale

si

conservavano ancora

gli

avanzi de-

PARTE TERZA.

196
gli antichi diritti

popolari, gi esercitati sulle terre

volta comuni ed ora fatte propriet del signore,

il

una

quale,

concedendo ci che non aveva potuto togliere, li tollerava come limitazione dei diritti da lui non sempre legittimamente acquistati.

Statuti

2.

commerciali/

106.
Fra tutte le corporazioni cittadine acquist
maggiore importanza economica, e quindi anche poli-

Anche

quella dei mercanti.

tica,

allora che

barbari

dominavano, e non pregiavano altre professioni che


non fossero quelle delle armi e dei pubblici uffici, le
popolazioni romane attendevano ai traffici, ritraendone
ricchezza ed importanza. Fin dai tempi longobardi il
legislatore dov riconoscere che la potenza economica
del commercio non era inferiore a quella fondata sulla
propriet immobiliare, e dov, per le relazioni collo
stato, equiparare le varie classi de' commercianti a
quelle corrispondenti dei proprietari.

Franchi

la corte

imperiale

si

Al tempo dei

forniva dei prodotti del

levante, sui mercati che aprivano gi

Veneti nelle citt

medesimo tempo le
citt marittime, egualmente per la ragione dei commerci, ponevano sicure le basi di lor prossima grandezza: venuta l'epoca delle crociate, giunse il commercio italiano a floridezza non mai prima avuta, e contribu
dell" Italia

allora

esso

tit. I,

settentrionale:

potentemente a fare che

si

le citt,

che tanto per

arricchivano, conquistassero la loro politica in-

Fertile, 66-68; Salvigli, p. II, e. 13; Schupfer, sez. II,


e. 5; "Wag^^er, Handbiich des Seerechts, I, ISSI; Goldschmidt,

Universalgesch. des Handehrechta,


leginL etat.

ita.,

I,

1891

Lattes,

Il dir.

188i; Gonetta, BihUograjia statutaria

arti e mestieri in Italia, 1891,


*

in quel

Astolfo, Edlno,

3.

comm.

nella

delle corpor. di

EPOCA DEL RISORGIMENTO.


dipendenza. _^per ci che nei comuni

197

commercio fu
ampie franchigie, sostenuto colle stesse forze economiche e militari del governo; ed_ per ci egualmente che gli statuti commerciali superarono per importanza tutti gli
altri, come quelli che aveano per oggetto materie che

sempre tenuto

erano causa della potenza cittadina.


li

confermava

il

in onore, dotato delle pi

L' autorit politica

perdevano il caratprivati, mentre neppure per 1* efficacia

e sanzionava, ond'essi

tere di statuti

erano da meno degli statuti propri della citt, a preferenza dei quali dovevano anzi essere applicati nelle cose
commerciali, contenendo un diritto speciale, che nelle
sue disposizioni faceva eccezione al diritto comune.

Le corporazioni mercantili rimasero spesso reciprocamente autonome, ma non fu raro il caso che si aggruppassero intorno a quella che fra di loro prevaleva,
di cui le altre erano in qualche modo ausiliari. Si
formava una confederazione, come fu, per esempio,
quella detta la Mercanzia in Firenze, la cui autorit
acquistava naturalmente dalla associazione delle forze
un aumento, che si manifestava anche nella importanza
dei suoi statuti, diretti sopra tutto a tutelare gl'interessi e lo sviluppo del proprio commercio. La ricchezza e la estensione che questo consegu nelle citt
e

comprendere come tali statuti devono escome sulla formazione del diritto
commerciale debbano aver avuto un'influenza che non
si limit air Italia, n del tutto scomparve anche nei
tempi succeduti, non ostante la diversit delle condizioni in cui il commercio venne a trovarsi.
Per questa stessa ragione si comprende come
107.
si debba dare sps.ciale considerazione agli statuti commerciali delle citt marittime. Il commercio sul mare
italiane fa

sere stati numerosi, e

fu la base della ricchezza


citt d' Italia, e le leggi

acquistata dalle principali

ad esso relative sono parte

PARTE TERZA.

108

sostanziale non solo del diritto italiano,


di tutti

ma

di

quello

popoli che nei tempi passati trafficarono per

ogni parte del Mediterraneo.

A^questo diritto si deve osservare che nulla pot


essere dato dall'elemento barbarico, che al commercio
barbari non si erano mai dedicati, e molto meno al
commercio di mare, sul quale non avevano mai steso
i

durevole dominazione: molti princpii poteva dare inil


diritto romano, tanto pel
commercio in generale, colla, sviluppata teoria delle
obbligazioni, quanto per quello speciale marittimo, pel
quale restarono famose nel medio evo le leggi Rodie, e
furono inoltre messe a profitto tutte le altre regole, revece, e realmente dava,

lative a giurisprudenza m.arittima, sparse nei titoli de

nautico fcenare, de exercitoria actione ed in altri del Digesto. Gli antichi principii doveano per essere adattati
alle nuove condizioni dell'epoca, formate dalle relazioni
commerciali fra popoli diversi, dalle regole speciali
della navigazione, dai nuovi rami di commercio che si
producevano, dalle franchigie godute da' commercianti
nei porti stranieri, e da altre cause ancora. E questo
fu il compito delle consuetudini
le quali prima formatesi mediante lunga esperienza e scambio di idee
e di usi fra popolo e popolo, e poi messe in scritto,
costituirono il diritto commerciale e marittimo dei nostri comuni, prendendo in esso, e specialmente nel
marittimo, una parte anche maggiore di quella che
ebbero nell'altra specie di statuti, che abbiam chiamato
civili. Como fra le citt marittime commercianti, quelle
che conseguirono una potenza maggiore furono Genova,
Pisa, Amalfi, Trani, Ancona, Venezia; cos anche i loro
statuti sono i pi degni ora di una speciale considerazione, come ai lor tempi furono quelli che ebbero il
:

pi vasto
gior

campo

somma

di

applicazione e

d'interessi.

si

stesero su

mag-

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

La

199

Amalfi fu tra quelle dell' Italia meridionale che, in causa del dominio bizantino, ebbero una
singolare fortuna, restando immuni dalla invasione di
citt di

tempo

barbari, e nel

stesso sciogliendosi

ben presto

dalla dominazione dei Greci, perch questi, tra per la

lontananza e tra pei nemici interposti, non vi poterono


pi di fatto esercitar signoria. Le loro relazioni conti-

nuarono per ad esser volte all'oriente, e cosi fu che, nei


commerci con Costantinopoli, Amalfi ebbe occasione di
giungere a quella potenza che l'avvicin alle pi grandi
citt. Le sue leggi marittime ebbero il titolo di Capituia et ordinationes curiae maritimce (corporazione
dei marinai) nohilis civitatis Amalphce, ma volgarmente si conoscono sotto il nome di Tavola^amalfitana}
Furono composte indubbiamente in tempi diversi e lontani fra di loro, e perci la unione e la forma che oggi
hanno fu loro data per opera privata. Contengono in
totale 66 capi, dei quali 21,

pi antichi, sono scritti

appartengono forse

in latino, e

45 sono in lingua volgare, e


del secolo XIII

o del

si

al secolo XII

gli altri

in dubbio se ritenerli

XIV. Perci non se ne po-

tuta stabilire con sicurezza la data, e le opinioni sono


assai varie, quali volendo che la legge sia pi antica
della unione di Amalfi col regno

venne nel
tardata

1131,

fin

dopo

quali
gli

di Sicilia,

il

che av-

pensando che debba essere

ri-

Svevi, sulla fine del secolo XIII.

E per alcuni articoli italiani si deve scendere anche


alla met del secolo XIV, poich vi si trovano accenni sicuri

di

diritto catalano

non anteriore a questo

tempo.
In quanto alla autorit della Tavola, essa fu estesa
Laband, Das Seerecht von Amalfi, 1864; Alianelli, La tavola
RaCIOPPI, La tabula e le consuetudini marittime d'Amalfi, 1879; Schupfer, Traili ed Amalfi, 1892; Laudati,
La tabula de Amalfa, Bari, 1894.
*

di Amalfi, Napoli, 1871

PARTE TERZA.

200

e durevole. Del diritto in essa contenuto

ebbe lunga
si trova
vigente tuttora nel secolo XVI, non solo per testimonianza di giureconsulti (Marino Freccia), ma anche per
in un atto del 1571
documenti
contraenti dichiarano di obbligarsi secondo le disposizioni della Tavola,
ed in un altro stipulato in Napoli nel 1603, per la vendita di un naviglio, si dice che il compratore si obbliga
secondo V uso et costumanza della tavola della costa
si

applicazione sulle spiagge napoletane, dove

de Amalfe}
Di epoca egualmente incerta sono gli ordinamenti
marittimi di Trani, ordinamenta et coisv.etudo maris,
dall'anno 1063 passandosi, per le date del 1183 e 1263,
per la prima data,
air anno 1363, ed anche al 1453
che indicata nel proemio stesso degli ordinamenti, ha
per s la maggioranza degli storici ed anche gli argomenti pi validi. Questi statuti, tranne che il titolo e
la data, sono scritti in volgare, che deve per ritenersi
traduzione di un pi antico originale latino. Fra le loro
disposizioni, raccolte dalle consuetudini gi in uso, hanno
importanza quelle sulla responsabilit delF equipaggio
del naviglio, in quanto specialmente si riferisce alla
perdita delle merci a causa di tempesta.
Non ebbero gli statuti marittimi di Trani n lunga
n vasta applicazione nell* Adriatico, perch quivi do:

Scoperta a Vienna nel 1843 da E. Gar, fu da questo pubbli Arcb. Stor. ital. Append. II, 8, p. 253-89. Seguirono

cata neir

altre ristampe, fino a quella del


I,

Camera. Mem.

stor.

poUt. d'Amalfi,

1876.

VoLPICELLA, Degli antichi ordinamenti marittimi di Ti'ani, Na1871; Aliaxeu.I, Sh la data degli ordinamenti marittimi di
Beltbami, Sugli ordinamenti marittimi della
Trani, Napoli, 1866
citt di Trani, Barletta, 1873; RaCIOPPI. Ordinam. e consuet. marittime di Trani, Napoli, 1879; Schtjpfeb. Trani ed Amalfi, cit,
2

poli,

Ediz. Pabdesscs,
conauetivlini

CoUection ec,

t.

Aliaxelli, Delle antiche

leggi marittime delle prov. napolet., Napoli,

1871,

EFOCA DEL RISORGIMENTO.

201

min, e cerc sempre di dominar maggiormente, come


la potenza politica, cos anche la legislazione marit-

tima dei Veneziani. Della quale


del 1255,

monumento

il

capitulare nauticum^

il

pi antico che sia restato:

ma

appartennero certamente in precedenza,


come quelle del doge Ziani, sui primi del secolo XIII, lo
statuto del Tiepolo del 1229 ed altre di cui il detto capitolare fu una riforma, secondo che dichiarato nel
suo stesso titolo utficiale: statuta et o^dinamenta super
navibus et lignis aliis, qum emendata reformata et
correcta fuerunt anno MCCLV. Altre riforme si succedettero ripetutamente in appresso, seguendosi con
tutte i grandi progressi che facevano i Veneziani nel
mare, ed aggiungendovisi sempre, con la continua esperienza, regole nuove, le quali si diffondevano nelle altre
leggi marittime dell'Adriatico, su cui Venezia preponderava. Merita a questo proposito di essere osservato
come delle legsri marittime veneziane subirono granaltre leggi le

demente

la

influenza

gli

statuti delle citt

commer-

cianti in Dalmazia.

Unica rivale tendeva ad esserle Ancona, che le sostenne contro la tanto famosa controversia della libert
ma lo statuto marittimo anconitano del
del mare
:

secolo XIV, rifatto poi e confermato nel

Clemente

XVI

dal

papa

VIII.

Incerte sono le origini delle leggi marittime di Pisa


e di Genova. Regole riguardanti

vigazione devono esservi state

il

commercio e la naprimo costituii'si

fin dal

delle relative curie o corporazioni:

ma

la loro

riduzione

a legge ordinata e scritta, nella forma almeno che per-

venuta

fino a noi,

tutum usus

non avvenne che pi tardi. Il Constied il breve curice maris

di Pisa del 1160,

della fine del secolo XIII, del 1298, e innanzi

hanno che

false ed oscure notizie,

come quella

non

si

dell'ap-

provazione che nel 1075 Gregorio VII avrebbe fatto

di

PARTE TERZA.

202

conferma che

leggi marittime pisane, e l'altra della

nel 1081 ne avrebbe fatto, con speciale diploma, l'im-

peratore Arrigo IV. La__flne della potenza politica di


Pisa segn la decadenza, come del suo commercio, cosi

ancora delle sue leggi sul mare


queste per hanno
avuto ampia influenza non solo nelle isole di Sardegna
e Corsica, ma anche sul littorale, fino a Marsiglia. Genova si resse anche pi a lungo colle consuetudini la
sua pi antica legge del 1154. Essa, per, dava sviluppo al suo diritto commerciale con i trattati che faceva nel levante, dove era diretto principalmente il
suo commercio. Le^sue colonie avevano statuti, e in
questi ancora erano contenute le parti della sua legislazione mercantile. Vi sono infatti le convenzioni coi re di
Gerusalemme, quelle cogl' imperatori di Costantinopoli,
i regolamenti della colonia di Acri, gli altri di quella di
Pera sul Bosforo, e quelli specialmente della colonia di
:

Caffa e dintorni, noti col

nome

di

officmm Gazarice,

pei Gazari, che erano gli antichi abitanti di quel litorale, e contenenti le leggi dal 1313 al 1344, oltre le suc-

cessive aggiunte e riforme fatte nel 1403 e nel 1441.

minori avevano pure i propri statuti maper lo pi i caratteri di quelli delle


citt maggiori. Il hreve X)ortus Kaleretani fu dato da
Pisa nel 1318 pel porto di Chiari; sentono la origine
pisana anche gli statuti di Sassari del 1316: l'influenza
genovese si palesa nelle leggi marittime della riviera:
Civitavecchia ebbe negli antichi statuti civili regole riguardanti il commercio di mare, sul quale ebbe poi

Le

citt

rittimi, ritraenti

uno statuto speciale dato dal pontefice, a somiglianza


che era stato dato in Ancona: ebbe i suoi
Gaeta, e in generale per le citt napoletane si provvide coi capitoli del grande ammiragliato Messina ebbe
facolt di compilare statuti sopra i suoi interessi marittimi, fin dai tempi del re Ruggiero: e cos dicasi di

di quello

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

203

tutte le altre citt che ebbero corporazioni di mercanti

commercio

rigoglioso.

Agli

statuti marittimi avvenne per ci che


non poteva avvenire per quelli civili, ^esti erano gelosamente custoditi dal comune, n sottostavano al contatto di elementi stranieri, e quindi conservavano il
carattere che ciascuno avea proprio il commercio invece metteva in intima e continua relazione popoli di
108.

legge diversa; nei porti stavano insieme confusi

legni

marinare, e anzich tenersi in quell'isolamento, nel quale i comuni politicamente vivevano,


si sentiva interesse a procurare, quanto pi fosse possibile, il vicendevole avvicinamento; ne venne quindi
che le leggi perdettero i caratteri propri pi spiccati,
presero tutte qualche principio delle a! ire, e si form
un diritto marittimo comune, che ebbe il suo codice
in quella raccolta che detta il Consolato del mare/
di tutte le cittc

il

cui carattere

testo del diritto

propriamente dall'essere

risulta

comune marittimo, fondato

il

sulle con-

Mediterraneo. Perci nella sua orinon pi di questo che di quel


di quello pi, che pi ha avuto parte nella
popolo,
formazione delle leggi marittime, come fu certamente
del popolo italiano. Per, non probabile che il consosuetudini di tutto

il

gine, nelle sue fonti,

lato sia stato scritto in Italia, anzi le migliori ragioni

sono per ritenerlo scritto in Barcellona, nel corso del


secolo XIV. Fu scritto nella lingua romanza, ma poi fu
tradotto nelle varie lingue dei popoli che lo adottarono,
e cos, nella prima met del secolo XVI, quando era

comune anche nei porti dell'Adriatico, se ne


ebbero traduzioni anche italiane.
diventato

*
ScHAVEE. i).>s Consulat dee Meeres in Genua in Zeitsch. fiir
Handclsrecht ^ XXXII; Das consulat dee Meeres in Pisa, Leipzig, 1888;

Neue AufschVnsse

iber

die

Anfdnge des Consxdats des Meeres, 1893;

Salvigli, Consolato di mare in

Digesto italiano

>,

PARTE TERZA.

204
iSel_

secolo seguente,

generalmente a tutte

il

consolato

si

era sostituito

le legislazioni speciali dei

porti

XVIII era ancora vi*


gente, tanto che se ne fecero anche commenti, fra cui quello del Casaregis.* Questa sua diffusione e durata
del Mediterraneo, e nel secolo

fanno prova tanto del bisogno che

il

commercio sen-

tiva di avere uno strumento unico di comunicazione e


di ordine, quanto che il consolato non contradiceva sostanzialmente a nessuna delle leggi speciali, che lo avevano preceduto, non avendo fra di esse fatto se non

r ufficio di una mutua transazione e compensazione, col


tener anche conto di ci che doveva modificarsene o
accrescersene, secondo il successivo progresso che il
commercio faceva. Esso rappresenta un felice tentativo
di dare una completa sistemazione al diritto marittimo.
Si compone di articoli, che complessivamente sono 297,

ma

de' quali 45 trattano di cose particolari,

nenti propriamente al consolato.


delle materie

si

pu ravvisar traccia

classica fra le persone, le cose

e le

giona innanzi tutto dei doveri e

non

atti-

Nella distribuzione
di quella

azioni: vi

diritti del

antica
si

ra-

padrone,

dei comproprietari, dei costruttori, del capitano, del-

l'equipaggio, dei caricatori, dei passeggieri; si passa


nolo, il carico, lo scarico e la conil
servazione delle merci, le avarie, il getto, la preda da
parte dei corsari, l'arenamento e qualunque altra causa

poi a regolare

che faccia perdere o deperire le mercanzie imbarcate


si termina provvedendo ai contratti, che a tali materie
:

si

riferiscono, alla loro esecuzione, alla responsabilit di

chi causa che

non vengano

effettuati.

Analoghi al consolato del mare sono i ruoli di Oleron, che contengono le norme comunemente accettate

da

tutti

popoli del litorale occidentale di Europa sul-

Firenze, 1737.

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

205

comune. Vi
consolato del mare: ma

l'Atlantico, pe' quali diventarono

il

diritto

si trovano grandi affinit col


questo fatto ben giustificato dalla comunanza che

stabiliva,

come

si

detto, fra

si

navigatori dei diversi

paesi, senza che faccia d'uopo ricorrere all'ipotesi che


1'

una raccolta

l'

altra.

sia

Negli

stata imitata dai

compilatori del-

commerciali italiani si trovano


che poi sono state accetpopoli, ed hanno accompagnato il comtate da tutti
jnercio verso quella universale importanza, che gli
ai nostri giorni riconosciuta. Per prima cosa se ne avvantaggi la civilt stessa, perch gli scambi commerciali furono il mezzo pel quale popoli lontani e diversi
incominciarono a mettersi in relazione ed a conoscersi
reciprocamente e perch i trattati, ossia convenzioni,
che si facevano per interessi commerciali fra gli stati,
gettando le basi del diritto internazionale, servivano a
109.

le origini di

statuti

molte

istituzioni,

sradicare tante inveterate consuetudini barbariche,


quella del diritto di naufragio, e a far

che

come

forestieri

trovassero ovunque sicurezza, se pur non trovavano

una nuova patria sulla terra straniera. Imperocch, per


proteggere le proprie colonie, furono appunto le citt
italiane che istituirono i consoli all'estero, magistrati
che, a somiglianza di quelli che si avevano in patria,
dovevano governare

la colonia,

facendo osservare

franchigie ad essa ottenute mediante

dicando colle leggi patrie

le

le

trattati, e giu-

controversie che nascevano

dura
da tutte le nazioni, anche oggi, come
durano, oramai per nei loro ultimi residui, le conseguenze delle antiche convenzioni sui litorali dell'Asia

fra

suoi abitanti. Questa giurisdizione consolare

e fiorisce, accolta

e dell'Africa,

Insieme alla giurisdizione consolare all'estero,

si

svolse anche nell'interno delle citta una particolare gi-

PARTE TERZA.

206

risdizione commerciale, lontana dalla lunga procedura

ordinaria e proclive a trattar

buona fede: ed anche

ci si

con criteri di
perpetuato fino a noi,

gli affari

soltanto da poco essendosi aboliti i tribunali speciali pel


commercio, ma le regole proprie della sua speciale giurisdizione rimanendo tuttora in vigore.
E se si guardano gl'istituti stessi del diritto commerciale, si devono riconnettere anch'essi, se non tutti
per r origine, certo almeno per le cause, coi nostri antichi statuti. Ne sono indizio anche i nomi di carattere
italiano che ad essi son dati. L'idea della lettera di
cambio non poteva sorgere in un commercio locale, per
quanto fosse stato vivo, ma aveva bisogno degli scambi
commerciali a grande distanza, quali appunto usavano
gl'Italiani, che perci furono i primi ad usare mezzo
cosi acconcio ai bisogni del commercio. Il lungo trafiSco,
e quello specialmente praticato sui mari, dov egualmente suggerire agl'Italiani per primi l'idea delle 5sicurazioni: gi nel breve portus Kallaritani ?,\ TO\di>

parola segurare, e nel corso del secolo XIV l'assicurazione stessa si trova chiamata contratto di rischio
de mare et de genti. Altrettanto deve dirsi delle asso^
la

dazioni,

di

mercantili

sempre nelle corporazioni


compagnie di commercio reggevano le
colonie, e in quanto al commercio terrestre nota la
compagnia detta in tutta Europa dei Lombardi, perch
formata d'Italiani, che in tutta Europa mercanteggiavano, ponendo le sedi nelle principali citt, dove si
hanno ancora quartieri dal titolo dei Lombardi, e ottenendo dai governi, che favorivano la compagnia, e facevano con essa direttamente i trattati, le pi ampie
franchigie. Lo sviluppo del commercio fece necessariamente sviluppare anche il credito, tanto nelle sue teorie,

fatto vissute

le

quanto nell'organismo dei suoi istituti. Gi nel sesi ha il banco di Venezia, le cui fedi di deposito

colo XII

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

come denaro

circolavano
lebre

il

banco

ne' pi lontani

San Giorgio

di

207

in

mercati: ceGenova, istituito

nel 1346, che resse le finanze dello stato, e fu

pale stromento della sua potenza politica non

il

princi-

meno che

commerciale, avendo l'amministrazione delle gabelle,


facendo per proprio conto o facilitando armamenti di
navi e lontane spedizioni, insignorendosi, mediante operazioni bancarie, di tutto

il

credito di altri luoghi, della

Corsica per esempio, che cosi rimanevano assoggettati


alla repubblica:

ricchezze

anche

banchieri di Firenze noto quante

come

fossero

sovventori

di stati stranieri bisognosi di denari,

la santa sede.
tuiti

accumulassero, e

banchi

per liberare

furono pure

il

di prestito,

monti

compresa

di piet, isti-

credito dall'eccesso delle

di origine

italiana,

usure,

prima nell'Umbria

Toscana, come se ne ha testimonianza da documenti


nazionali ed anche nell'essere state le dette istituzioni
cliiamate in Francia maisons des Lomhards.
in

110.

Da

tutto ci che

si

fin

qui

detto risulta

evidente che la legislazione comunale, a difi'erenza di


quella dell'epoca barbarica, non lasci, nel suo ricco
svolgimento,

atto

alcuno della vita sociale o alcun

punto dell'attivit popolare, in qualsiasi modo manifestata, senza occuparsene e darvi provvedimenti. I quali
erano i pi efTicaci e pi adatti che si potesse, perch
non partivano dalla mente di un legislatore, che si proponesse di provvedere ai bisogni del popolo: ma dal
popolo stesso nascevano, che, sentendo i bisogni propri,
trovava per soddisfarli quelle norme, che altri meglio
non avrebbe potuto trovare. E da questa intima connessione fra i sentimenti del popolo e la sua legge derivano i caratteri della legislazione comunale,: essa prese
i

difetti del

suo popolo, fra cui principali

mutabilit ed

il

geloso municipalismo:

dizioni di esso tolse

ancora

l'eccessiva

ma

suoi pregi, fra

dalle
i

con-

quali pri-

PARTE TERZA.

208

meggiano

compiato la trasformazione
un diritto nazionale, e dell'aver servito ai bisogni del suo tempo in modo da arricchire insieme
tempi futuri di sani principi! ed utili
istituzioni. Quando la vita popolare manc, venne meno
anche la sua legislazione, salvo in ci che ne fecero
quelli dell'aver

delle leggi barbariche

in

rivivere le leggi posteriori, le quali per ebbero altri


caratteri, in corrispondenza

dei

mutamenti avvenuti

nelle condizioni della societ.

Titolo Secondo.
PERIODO DELLE MONARCHIE.

Gli

rappresentano il diritto locale,


quale si veduto che essi corrispondono in tutte le sue fasi, rappresentata dai comuni. La esistenza per di questi, anche nel tempo della
loro massima autonomia, non escludeva quella di pi
vaste unioni politiche, delle quali essi facevano parte.
I comuni vivevano nell'impero, ed erano inoltre incor111.

come

statuti

la vita locale, alla

porati ne' vari stati

monarchia

costituiti nell'epoca
tri,

come

loro tolto la

di questi,

come

la

erano gi

comunale propriamente detta:

al-

di

si

comuni, aggregandoli a s, dopo aver


libert politica, e parte soltanto loro conquella interna, in quanto non era pericoai

losa all'esistenza ed

da quando

Alcuni

principati e poi le dominazioni straniere,

sovrapposero

servando

d' Italia.

siciliana e in parte la pontificia,

comuni

all'

autorit dello stato. Perci

fiorivano, e

fin

pi dopo che furono

caduti, vi erano altre legislazioni, corrispondenti alle


altre potest politiche legislazione imperiale da parte
degl'imperatori, e legislazione di re e principi pei vari
:

stati d' Italia.

Ne scaturiva un

diritto,

che ha retto

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

209

l'Italia stessa fino a che vi si potuto parlare ancora


d'impero, e fino a che tutta la grande variet d leggi

non stata raccolta nei codici, vale a dire


moderna, iniziata coi mutamenti giuridici

fino all'epoca

della fine del

secolo XVIII.

Per

la concisa esposizione delle fonti di

riodo storico, conviene far di esse


ria.

che

questo pe-

una doppia catego-

Da una parte
si

si ha V impero, dall'altra i principati,


vengono stabilendo in Italia. Quello pu esercitare

sua antica autorit solo ad intervalli,


subordinatamente alle circostanze
politiche dei tempi e dei luoghi; ma in ogni modo rimane sempre in possesso di un potere legislativo, le
cui disposizioni hanno carattere di legge generale. Al
contrario, gli stati particolari vengono di grado in
con

etflcacia la

sempre pi

rari,

grado aumentando i poteri propri, non sempre rico^


noscono la sovranit, sia pur astratta, dell'impero, e
in conseguenza vengono sui propri territori dando vita
a legislazioni, che traggono direttamente dal principe
la propria efficacia, e quindi obbligano indistintamente
quanti si trovano nella condizione di essere suoi sudditi. Da un Iato, per questi speciali caratteri, perci
da porsi la legislazione imperiale, e dall'altro da
porsi quella de' singoli stati che si sono avuti in Italia*

Capitolo

I.

Legislazione

imperiale.

112. Continuarono gl'imperatori, anche dopo l'epoca


emanar leggi con riguardo all'Italia, sia
direttamente per il regno italico, sia come parte dell'impero. La ragione del loro potere legislativo era
barbarica, ad

nell'indole stessa dell'autorit imperiale:

nella dieta

Roncaglia principii a ci relativi del diritto romano furono confermati, si ripet la massima quod
principi placuit legis habet vigorem, e s'invoc la legge
di

M. B.

Calisse.

I.

li

PARTE TERZA.

210

i Romani avessero tracon perpetua abdicazione, tutti i diritti gi del


popolo nella persona dell'imperatore. La dieta dell' impero quella del regno italico si continuava a convocare
per l'approvazione delle leggi, ma a modo pi che altro

regia, colla quale dicevasi che


sferito,

e con intervento soltanto dei grandi, laici


ed ecclesiastici, a cui, stante T onore in che eran tornati

di consiglio,

gli studi del diritto, si solevano aggiungere talvolta alcuni giureconsulti: cos infatti si fece a Roncaglia, dove

furono invitati

dottori di Bologna (n. 148).

In corrispondenza colla qualit dell'autorit

impe-

imperatori non hanno, come altrove si osservato (n. 30), nessuna limitazione di
oggetto. Le limitazioni vengono loro imposte dagli ostariale, le leggi

coli di fatto,

degli

sempre maggiori quanto pi

l'antica idea

andava praticamente perdendosi, pel sorgere contro ad essa di


stati indipendenti. Ci non tante, per un buon tempo
ancora, si trovano leggi imperiali sui pi svariati argomenti. Le pi importanti sui rapporti feudali furono
gi indicate (n. 60), e penetrano fin dentro l'epoca comunale ed anche la posteriore. Altre riguardano le relazioni colla chiesa, e come esempio pu citarsi il concordato di Worms, che mise fine alla lunga lotta, per
le investiture, fra la chiesa e l'impero; altre si riferiscono ai comuni, fra cui importante il trattato o
la pace di Costanza; ed altre ancora al diritto privato.
Parecchie di tali costituzioni furono emanate dagl'imperatori di stirpe sveva, specialmente da Federigo II:
dopo di loro, come decade rapidamente l'autorit imperiale, cos viene ad inaridirsi la corrispondente legislazione. Un tentativo per fermare questa decadenza
fu fatto da Arrigo VII, che pubblic anche leggi, le
quali per non ebbero durevole efficacia. Una sua costituzione del 1312 contro gli eretici non fu, non ostante
della sovranit universale degl' imperatori

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

211

SUO comando, inserita nel codice: un'altra che, per


testimonianza di Alberigo da Rosate, aveva egli in
il

animo di fare per abolir quella sul giuramento dei minori {Sacramenta puberum) di Federico I, non si sa
che pi la facesse, e certo non si conosce: altre due

eman contro i ribelli dell'impero, furono bens accolte nel corpus iuris, ma dopo la sua
morte, per opera personale di Bartolo, e come aggiunta alle novelle, formando una nuova collazione di
costituzioni, che

queste, che fu la

undecima

(n. 113).

Qopo questo ultimo

tentativo, la legislazione imperiale in Italia fu defini-

tivamente compiuta. Tuttavia vi sono costituzioni posteriori, che anche per l'Italia ebbero interesse, riguardata come parte dell'impero. Cos fu di quella detta la
Bolla d'oro di Carlo IV del 1356, che confid a sette
de' maggiori principi di Germania (elettori) il diritta
della elezione imperiale; e cos fu anche della legislazione penale che, data da Carlo V, ha preso comunemente il nome di Carolina, ed ha avuto valore nella
parte dell' Italia settentrionale direttamente aggregata
all'impero.*
113.

proposito delle leggi imperiali, pel tempo

in cui l'autorit dell'impero fu forte in Italia, cio fino

a parte del secolo XIV, interessante conoscere come


venissero esse pubblicate e rese esecutive.
Agli antichi sistemi di spedirne copie qua e l e di
farle leggere nelle

and sostituendo

adunanze popolari

e nelle chiese,

insegnare

si

nuove costituzioni imperiali, insieme alle leggi romane, dai dottori


delle universit ora sorgenti degli studi, dando ad essi
nel

tempo

civilis,
1

l'altro di far

le

stesso l'incarico di aggregarle al corpus iuris

nel luogo adatto per affinit di materia.

SCHUPFER,

sez. II, tit.

I,

e. 2,

Weiland, Constitutiones
27, 62
regum, 1893, 1896.
;

et

Cosi

Brunner, Grxindzge cit.,


acta puhUca imperatorum et

PARTE TERZA.

212
Federico

II,

avendo emanato nel 1220 alcune nuove co-

stituzioni, le sped agl'insegnanti diritto

cendone

a Bologna, di-

quatenus eas faciatis in vestris


scribi codicibus, et de cetero legatis solempniter^ tamquam perpetuis temporibus valituras.
la ragione

L'inserzione delle costituzioni imperiali fra

le leggi

paese era gi usata fin dalla


scuola di Pavia, che le aggregava al capitolare italico,
come fu fatto fino a quelle di Arrigo II, a mezzo il secolo XI (n. 86) ma ne era diverso il modo e lo scopo,
che in quanto al primo non si aveva se non l'opera
privata dei componenti la scuola pavese, e lo scopo
non era che di conservare e tenere insieme unite le
leggi, che si venivano pubblicando. Quando invece alla
scuola di Pavia si sostitu quella bolognese, e il capiformanti

il

diritto del

tolare italico fu sostituito coi libri del diritto giustinia-

neo, cambiarono tanto la causa quanto lo scopo della

inserzione in essi delle leggi imperiali, perch la prima

era nella volont e nel comando dell'imperatore, ed

il

secondo era qu.'-llr> di dare alle leggi stesse notificazione


ed efficacia. Il diventar parte dei libri romani era il titolo che dava forza esecutiva alle leggi dell' imperatore.
La distribuzione di queste entro il corpus iuris
civilis poteva farsi in doppio modo, o a guisa di novelle
come autentiche. Poste come novelle, dovevano aumentare il numero di quelle gi esistenti: e poich
queste erano state divise in nove collazioni o raccolte o
a somiglianza dei nove libri del codice che si spiegavano nelle scuole (n. 146); le novelle aggiunte forma-

libri,

la decima cio e l'undecima:


decima si attribuisce al giureconsulto Ugolino, che la
form dei libri feudali con le relative costituzioni di Federico I, di Federico II, di Corrado; l'undecima, formata da
due costituzioni di Arrigo VII del 1312, fu opera di Bartolo,
che vi fece commentari, ed altrimenti le illustr, per

rono altre due collazioni,


la

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

213

riconoscenza dei beneficii ricevuti da Carlo IV, nepote


di Arrigo. Se invece le costituzioni imperiali si inseri-

vano come autentiche, allora

si

stesse del

testo, fra le leggi

ponevano

fra

mezzo

il

codice, colle quali ave-

chiamava propriamente la
con questo nome si venne poi pi specialmente a denotare il sunto che, secondo il sistema
dei glossatori (n. 147), si faceva di una novella, per porlo
sotto quella legge del codice, che ne era corretta o cambiata, a scopo d'interpretazione ed a vantaggio della
scuola. Ora, siccome altrettanto si faceva con quelle
leggi imperiali, che avevano affinit di materia con
qualche costituzione del codice, anche a queste si diede
nome di autentiche. Due se ne trovano inserte nel
codice che sono di Federico I una, l'autentica Eahita,
contenente i privilegi concessi a chi si recava a studiare
a Bologna; 1" altra, l'autentica Sacramenta puberum,
riguardante l'efficacia che per mezzo del giuramento si
poteva dare ad obbligazioni che civilmente non l'avrebbero avuta. ^ Di Federico II ve ne sono undici, delle
quali alcune riguardano le relazioni colla chiesa, e sono
vano

relazioni. Autentica si

novella

ma

collocate

nei

de

titoli

hereticis; altre

si

ss.

ecclesiis,

de episcopis, de

riferiscono ad argomenti diversi, e

sono egualmente poste nei titoli aventi affinit di materia: cos al titolo de furtis l'autentica navigia,
vietante

il

diritto di naufragio, cio di appropriarsi le

cose de* naufraghi, allora e per molto

uso in Europa; in

(\yie\\o

fu inserta l'altra

omnes

che nei forestieri

il

tempo da

poi in

conmi'.nia de successionibus
peregrinai,

che riconosce antestamento, e quando


muoiano intestati d incarico al vescovo di far pervenire ci che hanno lasciato agli eredi loro, minacciata
ai

diritto di far

contravventori la pena del triplo e la perdita della

Coil, II, 28, 1; IV, 13, 15.

PARTE TERZA.

214

nel titolo qiice res pignori ohligari


trova Y autentica agricultores, colla quale
gli agricoltori sono protetti, e chi li danneggi punito colla pena del quadruplo del danno recato e colfacolt di testare

possimi

si

r incorrere nella infamia.^


L' ultimo degr imperatori,

le cui costituzioni

inserte nei libri giustinianei, fu,

costume poi cadde,

rigo VII. Tal

zione dell'autorit imperiale in

quando

fu al secolo

si

XIV,

come

si

sia

per

Italia,

furono

Ardiminue sia perch,


detto,
la

la ricostituzione, fatta nelle

scuole, del corpus iuris era ultimata oramai

il

testo

considerava come chiuso, ed anche le


i commenti nel medesimo tempo ne cessarono,
glosse
succedendo alla produzione originale i lavori di rior-

giustinianeo

dinamento

si

compendio

Capitolo IL

Legislazione

degli stati italiani.

'

114.

(n. 149).

carattere della legislazione propria a cia-

Il

di questi, dal

dipendente dalla condizione


grado cio e dalla natura dell'autorit

che vi aveva

il

scuno de' vari

stati italiani

principe, dalle loro relazioni coU'impe-

ro, co' feudatari,


di diritti

co'

comuni, dalla quantit e qualit

conservati dal popolo. Spesso, e specialmente

nei pi antichi principati,

il

potere legislativo era sorto

per concessione o per rappresentanza dell' imperatore,


era conseguenza dei diritti che nel principe erano
passati dai comuni o dai feudatari, a cui egli si era sovrapposto. Infatti il popolo, che prima ne era investito,
non si spogli totalmente del potere legislativo neppur
dopo che questo fu attribuito al sovrano, continuando

Cocl..

Vili, 17, 8.

I,

2,

12;

3,

2; 13; 33;

5,

4; 19; YI,

1,

18; 60, 10;

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

215

ad avervi qualche partecipazione per mezzo dei parlamenti, dei senati, dei consigli o di altre simili istitu-

meno ampiamente,
rappresentanza delle due
sue classi, di quella cio dei feudatari, laici od ecclesiastici, e dell'altra dei comuni. E questa partecipazione
zioni,

per

le quali

esso poteva, pi o

ingerirsi nel governo, colla

del popolo al far le leggi,

come ricordo

aveva avuto

del potere che gi ne

in

e conseguenza
maniera piena,

dur finch esso non fu del tutto sopraffatto dal principe, finch cio non si giunse ai governi assoluti: allora, come tutti i poteri si accentrarono nella persona
del sovrano, e come ogni altra persona fu esclusa
dal loro esercizio, cosi fu ancora del potere di far le
leggi, che non fu pi considerato se non come una necessaria attribuzione ed una naturale emanazione della
sovranit.

Lo scopo generale

di

questa varia legislazione ita-

liana fu doppio. L'uno fu di soddisfore agl'interessi dei


nuovi governi, che dovevano adattare a s le antiche
sostituirle

istituzioni,

con altre, se quelle non fossero

pi state conformi alle cambiate condizioni: dall'altro


lato si sentiva gi il bisogno di portare ordine fra la

tanta materia legislativa, accumulata per le varie fonti,


gli statuti specialmente e per gli atti di varia na-

per

tura che venivano emanati dai governi. Di guisa che


aveva in ci quasi il preludio a quanto doveva poi

si

compiuta maniera, 1* epoca successiva, poitendeva a sostituire la legge alle consuetudini ed

fare, in pi

ch

si

a togliere l'inutile, il vecchio, il contradita porre le varie parti del diritto in giusta proporzione fra loro; a tener conto dei principii generali,
ai privilegi;

torio

pi che dei casi particolari; a dare

al tutto

una forma

tutto sottrarre alle incertezze ed agli arbitrii individuali. Se a tanto per gi si manifestava

migliore, e

il

la tendenza, tutto

certamente non

si

raggiunse: non

PARTE TERZA,

216

ruppe interamente col passato, perch non vi fu


cambiamento di principii, e perch di pi
non si escluse la concorrenza delle altre fonti, degli statuti, dei canoni, del diritto romano, degli usi feudali,
la si

sostanziale

ma

soltanto furono esse obbligate a tenersi colle leggi

dello stato in quella relazione, che collo stato

tenevano

chiesa,

la

comuni,

feudi,

altre istituzioni a cui le leggi speciali

1.

Legislazione

le
si

medesimo

scuole e le

riferivano.

dell'Italia meridionale.

In nessun luogo forse la legislazione rispecchi


fedelmente le vicende politiche del paese, quanto
nei regni di Napoli e di Sicilia. Ogni nuova dominazione,
che quivi succedette, port nelle leggi qualche carattere
nuovo, improntato alle sue proprie qualit.*
Quando il paese fu conquistato dai Normanni, la le1

15.

cos

gislazione era moltiforme ed incerta: il diritto romano


viveva accanto al longobardo, gli usi feudali s'intrecciavano colle consuetudini delle citt, il diritto canonico si univa a ci che rimaneva dei diritti pi antichi.
E i Normanni, finch furon nuovi, lasciarono, seguendo
che ciascuno
il sistema della personalit delle leggi,
continuasse a governarsi secondo il diritto proprio alla
sua condizione. Quando per, compiuta la conquista,
ebbero fondato, con Ruggero I, il regno di Sicilia, posero mano anch' essi alla formazione di un diritto unico,
che non dovea distruggere i diritti particolari, ma do*

Pertilk 65; Salvigli,

tit. I,

e.

3,

p. II, sez. II, e. 12;

Schupfek,

sez. II,

1.

Grimaldi, Istoria delle leggi e magistrati del regno di Napoli, 174952; GlANNONE, Istoria civile del regno di Napoli, 1823; Pecchia, Storia civ. epolit.d. r. di N., 1777-96; Capone, Discorso sopra la storia

1854; La Mantia,
1866-74; Busacca, St. della

delle leggi patrie,

S(or. della legisl. civ. e crim. di

Sicilia,

legisl.

air ep. nostra, 1876.

di Sic. dai primi tempi fino

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

217

veva essere di fronte a questi un diritto comune, per ci


specialmente che si riferiva alla pubblica tranquillit,
all'amministrazione della giustizia e ad altri simili supremi bisogni dello stato. A^uesco scopo i re normanni
pubblicarono una serie di costituzioni, di cui fu formata

una raccolta col nome di Assisice regum regni Sicilice.


L'epoca complessiva ne cade fra gli anni 1 130 e 1 189, essendovi inserte le leggi di Ruggero I, del I e del II Guglielmo suoi successori. La pubblicazione ne avvenne,
secondo 1' uso germanico, col consenso dell' assemblea,
per

parte che si deve attribuire a Rugconvocata ad Ariano nel 1140. La partecipazione dell'assemblea, oltre ad essere indicata col
la quale,

gero

nome

la

fu quella

I,

stesso di Assise, dato alle leggi, accertata dal

prologo, che precede le costituzioni, e nel quale

volgendo

discorso ai nobili ed ai

il

prelati

il

re,

(proceres)

convenuti, li esorta ad osservare le costituzioni, a cui


d pubblicazione.
Il loro contenuto assai vario, sebbene non molto
ampio, non superando le 60 le costituzioni che si hanno
dei re normanni. In compenso hanno pregi di chiarezza e di utilit, per i quali poterono essere conservate anche fra le leggi pi progredite de' tempi succeduti.*
116.

Queste

furono date

Orlando,

Svevi, presso i
che consegu il so-

dagli

quali r accentramento di potere,

tempo

dei Normanni, 1844;


Assisarum regum regni Si'
cili<x fragmenta proponuntur, 1856; Capasso, Le leggi promulgate dai
re normanni nelV Italia meridionale, 1862; Perla, Le Assise dei re
di Sicilia, 1881; Ciotti-Grasso, Bel diritto pubh. sic. al tempo dei
Normanni, 1883; Braxdileone, 7i diritto romano iielle leggi normanne
*

Il j^otere

Merkel, Commentatio qua

legislativo

Lo stesso, Framm, di legisl. norm.


1886. Ecliz. in Merkel, BbandiCarcani, Constitutionea regum rtgni utriutque Sici'

sveve del regno di Sicilia, 1884;

di giurispr.

LEONE

cit.

Hai, 1786.

in

al

iuris siculi sive

biz.

nelV

Tt.

merid.,

PARTE TERZA.

218

vrano, come la maggiore stabilit di ordinamenti, che


si ebbe nello stato, portarono subito analoghe conse-

guenze nella legislazione, che fu arricchita, migliorata, avvalorata. Nel parlamento di Melfi del 1231,
Federico II pubblic le Costituzioni del regno di Sicilia} Lo scopo di tale pubblicazione fu quello di raccogliere in un corpo unico quante leggi erano state
(Ino a quel tempo emanate, sia da Federico stesso, sia
dai suoi predecessori normanni
e infatti, essendosi a
:

ciascuna legge conservato

trovano

Ruggero

il

nome

dell"

autore, vi

si

Guglielmo I e di Guglielmo II.


Nel venir raccolte, le leggi furono anche ordinate, non
riportandosi quelle abolite, togliendosi fra le une e le
altre ripetizioni o contradizioni, facendovi le aggiunte
che paravano opportune, e dando a tutta la materia
una sistematica distribuzione. Dei tre libri, che com-

pongono

di

il

codice,

I,

il

di

primo ha 100

titoli,

e tratta del

secondo ne contiene 48, e si riferisce


alla procedura, il terzo ne ha 60, e riguarda materie
penali e feudali alcune altre costituzioni vi sono aggiunte in forma di novelle. Autore di questa compilazione, la pi perfetta per quei tempi, fu Giacomo di
Capua, a cui non dovette mancare la cooperazione di
Pier delle Vigne. L' intendimento di Federico, che si
considerava investito della sovranit non solo, secondo
il concetto medievale, per divina delegazione, ma anche per la sua qualit di successore degli antichi imperatori romani, nelle leggi stesse espresso col ridiritto pubblico,

il

'
Raumer, Die Gesetzrjehinf) Fricdrichs FI in Xenpol, 1857; WixCKELMAKX, De regni Siculi administratione qualis fuerit regnanteFrid.il,
1859; CapasSO, Sulla storia esterna delle cost. del r. di Sicilia, 1869;
Del A^xchio, La legislazione di Fed. II imperatore, 1874; ClCCAGLIOXE, Le chiose di Andrea Bonella da Barletta alle costituzioni aicule, 1888. Ediz. Carcaxi cit.; Hcillard-Brholles, Hist. diplom.

Frid. II, voi. IV.

EPOCA DEL RISORGIMENTO.


chiamo che
basa il suo

vi si fa della

diritto di

legge regia, suUa quale egli

far leggi,

massima che
quantunque autore

tres nella

219

vi

come

dichiarato al-

aggiunge, cio che

il

prin-

non pu esserle
superiore, ma le deve, al par degli altri, rimanere soggetto. E la romanit spira ancora da altre parti: le costituzioni furono scritte in latino, fattene per traduzioni
cipe,

in

della legge,

greco pei parlanti questa lingua:

vi tenuto

come ius comune,

bon valere, ove

le costituzioni

le cui

il diritto romano
norme perci deb-

non dispongano diversa-

il diritto romano penetra


abbondante, specialmente nel diritto penale e nel privato. Questo non ha nel codice fridericiano una estesa
trattazione, perch, relativamente agl'ir/eressi privati,
si lasciarono vivere le varie leggi e consuetudini, che si
avevano da antico fra il popolo, a meno per che tali
interessi non si collegassero in qualche modo con quelli
pubblici, che in questo caso era pronta la norma della
legge la libert, per esempio, di matrimonio soffriva

mente

nelle costituzioni stesse

quando si trattasse di ereditiere di feudo,


non potevano prendere a marito forestieri, senza
licenza del re la libert dell' alienare e del possedere
era pure limitata nel caso che si trattasse di ordini religiosi, i cui beni, perch non formassero dannosa manomorta, dovevano nel termine di un anno esser convertiti, per vendita, in capitali mobili. E cosi dicasi
per altri casi ma tolti questi, le costituzioni fridericiane riguardano essenzialmente il diritto pubblico,
un' eccezione,

le quali

quello cio che

si

riferisce

alle

molteplici manifesta-

zioni della vita dello stato, e a tutte

opportunamente

provvede.
Perci, sia pe* suoi meriti intrinseci, sia perch in

fondamenti della costituzione dello


II ebbe lunghissima
durata, e fu oggetto di commenti di celebri giurecon-

essa sono posti


stato,

la

legislazione di Federico

PARTE TERZA.

220
sulti, fra cui si

Andrea

altri, la cui

117.

ricordano Andrea Bonello

Luca

d' Isernia,

di

di Barletta,

Penne, Matteo

d'Afflitto

ed

autorit fece testo nei tribunali.

Caduta

la

dominazione sveva,

gli

Angioini

continuarono, per l'Italia meridionale, la formazione


della legislazione, la quale per, dopo che

si

fu la Si-

continente (1282), avvenne che prendesse nelle due parti dell' antico regno,
ora due regni, una via diversa. Ci che fecero gli Ancilia

divisa politicamente

gioini, valse d'allora in poi

dal

esclusivamente pel regno

di

Napoli, dove essi, che venivano di Francia, portarono,


i capitoli e i capitolari (n. 30), senza
per altro togliere vigore alla legislazione precedente
di Federico ed alle locali consuetudini. Tanto pi che
a
i capitoli non si estesero a dar nuova sistemazione
tutto il diritto, ma trattarono principalmente di quelle
materie che era necessario ben regolare, per dare stabilit alla nuova e ancora combattuta dominazione, alle
materie, dunque, sopra tutto di diritto costituzionale, di
polizia, di ordinamento giudiziario, di finanze, di re-

all'uso dei Franchi,

pressione di reati ed altre somiglianti.


I Rapitoli conservati sono drca 300 fra

tutti, e

si

Rodevono aggiungere i

distribuiscono in varia misura fra Carlo

I,

Carlo

II,

Giovanna e Ladislao. Vi si
prendono il nome da Onorio IV. In forza
della sua alta sovranit sul regno, il papa, mentre il
berto,

capitoli che

re era assente, prigioniero degli Aragonesi, pubblic,


confermandoli con una bolla del 1285, vari capitoli,
tratti in parte dai gi esistenti e in parte nuovi, collo
scopo di avvantaggiarvi la chiesa e dare ai popoli
que' medesimi diritti che dal proprio governo ottene-

vano

Siciliani. Si

dovevano togliere

gli

abusi, de' quali

lamentava, restaurare le leggi del tempo


normanno, delle quali il popolo conservava sempre
desiderio, e fu fatto. Ma questi provvedimenti, essendo
il

popolo

si

EPOCA DEL RISORGIMENTO.


stati dati

quando

temeva che

si

le

221

popolazioni del con-

tinente seguissero nella rivoluzione quelle siciliane, ap-

pena

il

pericolo fu o

ritenne cessato, e

si

il

re Carlo

II

ebbe fatto ritorno nel regno, rimasero senza alcuna


efficacia, e neppure furono accolti fra le leggi dello
stato. La collezione dei capitoli angioini fu opera pri-

vata del secolo XVI. ^


della Gra n Corte e Corte _cli_ Xicaria, cosi
I Ri
detti dal nome dei tribunali a cui si riferivano, con-

sistQno__in

una raccolta

delle regole della pratica giu-

sentenze dei tribunali medesimi,


dalle leggi ad essi relative, da lavori privati, dagli usi
forensi, e composte cos in un tutto, nel quale gli ardiziaria, tratte dalle

gomenti furono distribuiti in 311 riti, ossia articoli,


senza per che fossero evitati i difetti di oscurit, frequenza di ripetizioni, mancanza di ordine. Tuttavia
l'opera, di cui ignoto l'autore, ebbe tanta autorit,
che dalla regina (Giovanna fu confermata come legge,
e rimase in vigore fino al secolo XVIII, mantenuta,
mediante successive aggiunte e modificazioni, sempre
in corrispondenza dei cambiamenti che avvenivano nell'ordinamento giudiziario e nella procedura.
Maestri razionali furono composti dal
1 Riti dei
giureconsulto Andrea d' Isernia, ai tempi del re Roberto, e
il

contengono

supremo

la pratica degli affari in uso

ufficio delle

presso

finanze dello stato. Sjcch riusc

un'op.era dL diritto finanziario, e sotto questo aspetto

degna di considerazione, per essere stata una delle


prime opere, che in tal materia si siano scritte. La
costante osservanza le confer efficacia di legge, ebbe
commentatori, e pot a lungo essere in uso, perch
^

Capitula regni utriusque Sicilve, rtua magncB curici vicarici

et

pragmaticce commentariis illustrata, Napoli, 1773.


2

P. Caravitje

Commentaria super

rega Xeapolis, Venezia,

160L

ritibus

magnce

curce vicariot

PARTE TERZA.

222

sempre aperta a quanto sulla materia in essa


contenuta si veniva di tempo in tempo riformando.*
18. In Sicilia governavano frattanto gli Aragonesi,
chiamativi al tempo della guerra contro gli Angi. E le
rest

leggi che, coU'intento di riordinare

continuo stato

il

paese, turbato dal

rivoluzione e dalle prepotenze dei feu-

emanarono,

datari, essi

del

di

Regno di Sicilia,

si

dissero costituzioni o capitoli

e se ne ebbero dal re

Giacomo (1286-

1295) infino al re Alfonso (1416-1458), sotto

il quale l'isola
torn ad essere politicamente unita al continente.^
Al tempo degli Aragonesi si riflett sulla legisla-

^"n uovo carattere del governo, e ci si vede


anche esteriormente nella corrispondenza fra la duplizione

cit della fonte del diritto e quella del potere legisla-

tivo.

era no prammatiche e capitoli, e la differenza

fra gli uni e le altre

tiche

si

considerevole. Nelle

pramma-

mostra l'autorit del governo, perch erano

deliberazioni, con efficacia di legge, che

si

emanavano

dal re, in seguito al voto del proprio consiglio collate-

rale

nei capitoli invece

rimane traccia

dell"

autorit

legislativa delle assemblee nazionali, essendo provve-

dimenti che

il

re prendeva ad istanza delle radunanze

baroni, delle rappresentanze dei comuni e sopra


tutto del parlamento. Questi capitoli hanno doppia

dei

forma, perch, avendo bisogno, per ottenere efficacia


di leggi, dell'approvazione sovrana, questa poteva esser
loro data in forma o di rescritto o di decreto, secondo
^ Pi tardi furono chiamati i Riti
della r. camera sommana, perch un ufficio di questo uome fu sostituito alla antica curia de' mae-

stri razionali.

Ed. liitus

nium in

editi,

ncern

r.

cani, sunimarice regni

XeapoUa, nunc pri-

Nap., 1689.

^ Gregorio, Introduz. allo studio del dir.


pubbl. siciliano, Palermo, 1830; Clarexza, Storia del dir. siculo, Catan., 1840; Orlando,
/ capitoli del regno di Sicilia, Palermo, 1866. Ediz. Muta, Gapitida
regum regni Sicilice, Pai., 1608-18; Testa, Capitula regni Sicilice,
qu(B ad hodiernum diem lata sunt, Pai., 1741.

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

223

che il re o non faceva che porre il suo placet alla domanda od alla proposta di una legge, che gli veniva
presentata, ovvero, accolta pur la domanda, ne pubblicava il contenuto in forma di comando, come se fosse
sorta per sua personale iniziativa.
La relazione suddetta fra capitoli e prammatiche
continu ad aversi anche al tempo del governo straniero, dal regno di Ferdinando il Cattolico sino al pede' Borboni.

riodo

Soltanto

la

proporzione fra loro

venne mutata, perch, tendendo sempre pi il governo


air assolutismo, le prammatiche, che erano frutto del
potere governativo, ingagliardirono e moltiplicarono,
ed 1 capitoli, che erano ricordo di diritti popolari, si
fecero pi deboli e sempre pi rari.

L e pramm atiche

si

stesero su tutto

il

campo

della

avendo avuto autorit di pubblicarle eziandio i vicer. Anche in esse prevale il diritto pubblico,
ligio naturalmente agl'interessi ed ai nuovi caratteri
del governo. Le materie private continuano ad esser
legislazione,

trattate in generale coi \ari diritti ereditati dal tempo


al conpassato, e specialmente col diritto comune
trario le materie finanziarie, V amministrazione della
:

giustizia, la polizia, gli

ordinamenti

fiscali, la

repres-

sione dei reati ed altri gravi argomenti erano oramai


tutti

oggetto delle prammatiche, che si pubblicavano


e che si accumularono perci in tal

giornalmente,

quantit, da renderne indispensabile

una raccolta

si-

ebbero tanto per le


prammatiche di Napoli, quanto per quelle siciliane in
ordine crononologico, poi per distribuzione di materie. Per le napoletane s' incominci a far collezioni
separate dai capitoli nel 1575,^ seguendone poi molte
stematica.

P.

racc olte infatti

Caravit^ Pragmaticce

illustrata!,

ec. in

si

unum

congestce, miroqxie ordine

1575. Seguono altre ediz. con aggiunte.

'ARTE TERZA.

224

fino

quella del

Giustiniani,

principio

sul

del

se-

colo XTX.^

Per la Sicilia si ha la raccolta che, incominciando


prammatiche di M. Antonio Colonna (1583),^ vien

dalle

condotta, con successive aggiunte,

sino

alla

fine

del

secolo XVIII (1636-1800), e nella quale le materie sono


divise per libri, e neir interno di ciascun libro seguito

l'ordine cronologico. Incompiuta restata la raccolta


critica, che, sugli ultimi del secolo

suddetto (1791-1793),

ne stava facendo il De Blasi.^


Dinanzi all' estendersi delle prammatiche, i capitoli
perdevano campo. Essi presero anzitutto il nome di
grazie, per indicare meglio la loro nuova qualit,
dipendendone la formazione dal favore col quale il governo accoglieva le domande, che gli giungevano dai
seggi di Napoli e dal parlamento di Sicilia, sul quale
ancora era giunto a prevalere. Perch vero che la
concessione di

tali grazie, dalle

quali

si

formavano

era la condizione che il parlamento poneva


neir accordare il donativo ma era non di meno in potere del governo stesso il fare che praticamente questo diritto del parlamento non avesse efficacia perch,
oltre a far ricorso, come ad estremo rimedio, anche
all'aperta violazione delle prerogative parlamentari,
usava poi 1' arte, giovandosi della viziosa composizione
del parlamento stesso, che aveva tre camere, corricapitoli,

spondenti a tre diverse classi del popolo, nobili, eccle1

Napoli 1803-1806:

XV

volumi. Cfr.

dio delle pramm. del regno di Napoli, 1777


Edicta ec, Kap., 1777.
2

De
;

Jorio, Introd. allo

stu-

A. Yario, Pragmaticce,

ScibeCCA, Costituz. prammat. del regno di Sicilia fatte sotto il


del vicer M. A. Colonna^ 1583: continuata per

felicissimo governo

voi.,

l'ultimo nel 1800 per cura di Nicastro.

Pragm. sanctiones regni Sicilice, quas iussu Ferd. Ili Borhonii


nunc primum ad Jdem ec, recensuit ec, Palermo, 1791-93: arriva
3

al 1579.

EPOCA DEL RISORGIMENTO.


siastici,

225

borghesi, ed aventi perci interessi che facil-

mente venivano a conflitto, e facendo che le domande


dell'una camera non fossero concordi a quelle delle
altre, in modo che aveva aperta la via a scegliere

meno gli recavano imbarazzo.


prammatiche, cos si sono fatte raccolte
anche dei capitoli. Per quelli di Napoli fu raccoglitore
Agnello de Bottis nel 1588 * per gli altri di Sicilia fu
fatta, a cura della deputazione del regno, una collequelle di esse che

Come

delle

met

zione dal Testa sulla

del secolo XVIII. ^

Terza fonte di diritto, dopo le prammatiche ed i capitoli, furono per questo tempo nelF Italia meridionale
quei provvedimenti, che prendevano di autorit propria
i re
ed i vicer, in forma di rescritti, decreti, lettere
circolari, regolamenti, sopra ogni punto della legislazione che avesse avuto bisogno di dichiarazione, di aggiunta
di altro. Si conoscono comunemente col nome
di dispacci, ed anche di questi furono fatte raccolte,
che appartengono per al tempo posteriore.
119.
Imperocch sotto il dominio borbonico questa
fonte dei reali dispacci prese una estensione anche
maggiore, provvedendosi con essi presso che a tutto
il governo dello stato. Non
erano vere leggi, perch
mancava loro il carattere della generalit, ed avevano
invece quello di disposizioni date particolarmente per
quel caso: nella pratica per avevano efficacia
questo
di legge, non solo pel caso particolare pel quale erano
stati emanati, ma anche per gli altri ai quali potevano

per analogia applicarsi. E moltiplicandosi tali dispacci


continuamente, si fecero anche di essi raccolte, prive
per di carattere ufficiale. Pel regno di Napoli si ha
*

V. inoltre l'ediz. Capitula regni utriusque Sicilice ec. del 1773)

citata.
*

Raimondetta, Regni capitula novissime accuratiori

impressa ec. Venezia, 1573; Testa, Capitula ec. del 1741,

M. B.

Calisse.

I.

diligentd
cit.

15

PARTE TERZA.

226

quella del Gatta (1773-77), che la divise, secondo le

ma-

ponendo nella prima i dispacci che


hanno per oggetto cose ecclesiastiche, formando V alterie, in tre parti,

tra con quelli che riguardano materie


terza radunando

gli altri

che

si

civili,

riferiscono al

e nella
diritto

nota col
nome di siculce sanctiones (1750-55), dovuta al Gervasi, giudice nel tribunale della S. R. Coscienza, che vi

penale.^ Per la Sicilia

si

ha

la raccolta che

distribu le materie secondo titoli cui

dava nome dalla

materia stessa in ciascuno contenuta, e che corredava


di cenni storici e di indici. Quantunque opera privata,
consegu tanta autorit, che veniva citata negli atti
stessi del governo.*

Tutte le altre fonti di diritto rimanevano intanto


sempre immutate, di maniera che si venne formando,
nel campo della legislazione, tanto vasta e confusa abbondanza di materia, che era difficile, se non impossibile, potervisi coscientemente regolare. Nessuno aveva
mai abolito il diritto longobardo il diritto romano era
sempre ius cotmcne, e cos quello canonico nelle sue speciali materie; erano sempre in vigore le consuetudini
delle citt e gli usi dei feudi; le leggi normanne, sveve,
;

s' intrecciavano, con strano innesto,


dentro
con quelle spagnuole, austriache, borboniche
quelle stesse leggi si agguppavano le prammatiche con
le costituzioni, i capitoli con i dispacci, i regolamenti

angioine, aragonesi

ufficiali

con

le

opere private

tenze, le interpretazioni,

gli usi del

foro, le sen-

commenti aggiungevano a

tutto confusione e discordia inestricabile. Carlo III, che


fu tra i principi riformatori del suo tempo, volle porre

rimedio a tanto disordine, ed ebbe in ci compagni e


continuatori dell'opera sua il figlio Ferdinando e il mi*

Regali dispacci

Gatta,
-

nelli

quali

si

contengono ec. dal

raccolti e per materie disposti, Napoli,

Palermo, 1750-55, voi. VI.

dott.

D. Diego

1773-77, voi. XI.

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

22t

mstro Tanucci. E a molto si riusc furono repressi gli


abusi feudali, la procedura fu semplificata, le finanze
furono messe per miglior via, proteggendo insieme il
commercio e mitigando le pubbliche gravezze, si istituirono nuovi tribunali con pi giusta ripartizione delle
competenze, si portarono nel diritto penale molte delle
riforme, che la nuova scuola reclamava: ma erano
provvedimenti parziali, che perci, pure essendo benefici, non troncavano il male dalla sua radice. S' intravide qual poteva essere il rimedio, e si pens ad attuarlo con una generale codificazione ma alla grande
impresa non erano maturi i tempi, e mancavano per
la sua riuscita quelle condizioni, che furono date soltanto
dai grandi avvenimenti dell' epoca moderna.
:

120.

2.

Legislazione

A fondamento

degli Stati della chiesa.*

della legislazione pontificia ri-

romano e il diritto canoquale negli stati della chiesa ha sempre avuto


incontrastato dominio sopra ogni altro diritto, mentre
masero
nico,

in ogni

tempo

il

diritto

il

importanza conservata nel tempo stesso a quello rofatto che quivi la legislazione avesse, specialmente nelle materie procedurali e civili, de' pregi che
si desiderano inutilmente per altre. Per alle suddette
due fonti principali dovevano coordinarsi quelle altre
minori, da cui la legislazione pontificia era pure costituita. Si avevano fra queste in primo luogo, stante il
largo campo che per lungo tempo il dominio papale
lasci alle autonomie locali, gli statuti, sia comunali,
sia baronali, i quali regolavano tutti i bisogni particolari, coir unica condizione di non esser contrari alle
la

mano ha

Fertile,

La Mantia,
rino, 1884.

1.

e;

Salvigli,

Storia della

1.

c, cap. 28

legial, italiana, I.

Roma

Schupper, 1. c, 4;
e Stato romano, To-

PARTE TERZA.

228

massime canoniche,
tici dello stato.

alle leggi generali, ai diritti poli-

Perci, anche dopo che fu spenta ogni

libert nella vita comunale,

il

diritto

statutario con-

sempre ad essere copioso, altro carattere non


avendo che quello di legge particolare, adatta ai bisogni del luogo, dair autorit politica non solo rivetinu

duta, corretta,

approvata,

ma

talvolta data diretta-

mente, come legge emanante dalla sovranit, che


valeva a provvedere ai bisogni dei vari luoghi dello
stato: cos, sia per esempio, nel 1594 Clemente Vili
dette ad Ancona lo statuto del commercio, e nel 1742
Benedetto

XIV

lo

dette a Civitavecchia, con lievissime

modificazioni dal primo.

Come

comuni e i possedimenti feudali negli staavevano un diritto per s proprio le Provincie dello stato, e ne erano fonte i provvedimenti
i

tuti, cos

legislativi

emanati, sotto

il

nome

di editti e costituzioni,

dai governatori, rettori, legati ed altri preposti al go-

verno provinciale od anche direttamente dal sovrano.


Si pubblicavano queste costituzioni nei parlamenti, che
ciascuna regione dello stato aveva per s, e riguardavano per lo pi questioni di diritto pubblico, applicazione e interpretazione di leggi, pubblica sicurezza,
finanze, regolamenti commerciali e via dicendo. Se ne

hanno pel Patrimonio


le altre

delle

per

provincie,

Marche, per

la diffusione

in tutto
121.

quanto

ma

in Tuscia,

per

la

Romagna

per

soprattutto sono importanti quelle

la raccolta che ne fece TAlbornoz, e


ed efficacia che, per essa, ottennero

lo stato.

L'Albornoz, mandato

dai papi, che risiedevano

Avignone, a restaurare la loro autorit nello stato


romano, ove intendevano far ritorno, poich ebbe sottomesso comuni e baroni, ed ebbe dato nuovo ordine
al governo, pose mano ancora al riordinamento della
legislazione. La trov intralciatissima per la moltitudine

in

EPOCA DEL RISORGIMENTO.


delle costituzioni fatte dai rettori

delle

229
province, di

molte delle quali, per la vecchiezza, neppure si ricordava Fautore, e per V altra non meno grande delle co-,
stituzioni emanate dai pontefici, di cui pure gli originali
erano per lo pi andati perduti e perci, nominata una
commissione di giureconsulti, le esamin tutte, tolse
quelle inutili od abrogate, vi aggiunse nuovi provvedimenti, quali erano richiesti dalle condizioni de' suoi
tempi, e il tutto ordin in un nuovo volume, che divise in sei libri nel primo pose i documenti degli uffici
ed incarichi da lui sostenuti, come legato e vicario
generale del pontefice nel secondo colloc le costituzioni relative all' amministrazione, alla giustizia, alla
:

ai comuni
quelle riguardanti cose ecclesiaformarono il terzo il quarto fu dedicato al diritto penale negli ultimi due si tratt della procedura,
lasciato il sesto particolarmente agli appelli. Questo
volume, cui fu dato il titolo di Liber constitutionum
s. matris ecclesice e pi comunemente di Constitutiones MarchicB Anconitane^, perch i decreti dei legati
delle Marche gli dettero il pi della sua materia; fa
pubblicato nel parlamento tenuto a Fano dal 29 aprile
al 1 maggio del 1357, e il diritto in esso contenuto divenne fin d'allora obbligatorio-per tutti, annullate tutte
le altre costituzioni in esso non comprese, come ancora tutte quelle disposizioni dei locali statuti, che fossero state ad esso contrarie.
L'opera dell' Albornoz fu resa utilissima dalle circostanze dell'epoca, in quanto che riport la certezza
ed il rispetto delle leggi l dove prima non si aveva
che confusione ed arbitrio, stante l'anarchia che aveva
invaso lo stato, durante la lontananza della Santa Sede
da Roma. Perci fu tenuta la raccolta egidiana, cosi
detta dal nome dell'Albornoz, in sommo onore anche nei
tempi posteriori i legati della Marca la tennero sem-

milizia,

stiche

PARTE TERZA.

230

pre in vigore, facendovi

di

revisioni, fino a quella del

mano

in

mano

l'ultima, colla data del 1544; n le

mentatori, ed

papi

generale dello stato,

le

opportune

mancarono com-

diedero carattere

fin

le

cardinale di Carpi, che fu


di legislazione

da Sisto IV nel 1478, ripetuta

e confermata poi dai suoi successori.*

appartenenti ad una singola parte dello


devono ricordare quelle ancora che davano
taluni principi, feudalmente soggetti alla chiesa, pei
paesi da loro governati. Cos una propria legislazione
ebbe il ducato di Urbino, composta dei provvedimenti
dati dai suoi duchi, che furono, in parte, anche confermati dal governo pontificio, quando torn in possesso
del ducato, e che vennero poi raccolti e distribuiti per

Fra

le leggi

stato, si

ordine di materie, arricchiti di commenti e di indici,


prima nella parte riguardante solo le cose civili, e in
seguito complessivamente nell'opera che ha il titolo
di Constitutiones ducatus Vrhini.122. Finalmente vi erano le leggi, che pel governo

emanavano i pontefici. Il loro


nome comune era pur sempre quello di costituzioni,

dello stato in generale

ma

poi nell'applicazione,

prendevano quelli speciali di


motupropri ed altri,

bolle, brevi, editti, notificazioni,

conforme alla loro speciale qualit. Tutte le materie di


governo sono trattate in cosiffatta legislazione, da quelle
che riguardano la vita stessa dello stato, fino a quelle
che si riferiscono ai pi minuti regolamenti di polizia
^

Beasdi, Le

qornoz, 1888

Constitutiones S. M. Ecclesiae

Wurm,

Card. Albomoz der

ziceite

del card. E. Al-

Begr'nder der Kir-

Paderbon, 1892; Ermixi, Gli ordinamenti j}olitici ed am Costit. ^gidiana> >, 1893.
Ediz. da quella di Jesi del 1471 alla romana ^gidlance Consti-

chenutaates,

ministrativi nelle

tutioies recognitcB
^

ac novissime impresse^, 1543.

Constitutiones dacatus Urhini, a Solone ex coin. de Campello col-

lectct et

adnotationibus illustrata,

p. 545,

n. 72,

Roma, 1709.

Cfr.

Schipfek,

1.

e,

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

una

locale.

non

immensa perci

serie

231

di atti, fra

dato altro ordine che quello cronologico

sono disposte cronologicamente

quali
e in-

grandi raccolte
dei bullaria, i regesti o registri, che si conservano negli archivi, e le collezioni dei bandi od avvisi, che si
mettevano giornalmente al pubblico.
fatti

L'autorit

legislativa del

le

non tollerava

pontefice

parlamenti regionali non servivano, in quanto alle leggi, che alla loro promulgazione.
Il potere del sovrano era
assoluto, e a sostenerlo si
faceva concordare il diritto canonico col romano, da
questo traendo fuori la legge regia, che trasferisce nel
sovrano tutti i supremi diritti, da quello ricavando il
principio dell' autorit derivante da Dio, ed avente perci il dovere di dar leggi al popolo, secondo che Dio
altrui partecipazione.

ha tracciato

stesso

3.

coi precetti divini.

Legislazione

di

Piemonte

Sardegna.^

I vari stati, che vennero a poco a poco


123.
ad
aggrupparsi nella monarchia di Savoia, ebbero, prima

che ci accadesse,

le

loro leggi particolari, consistenti,

al solito, nei diritti locali

formati dagli statuti, e in quelli

generali risultanti dalle costituzioni dei principi, che furono quei di Acaia pel Piemonte, i Paleologo pel Monferrato,
i

re di

che

si

marchesi propri per Saluzzo,

ceva altrettanto anche per

giudici e poi

Spagna per la Sardegna. Di mano


procedeva alla unificazione dello

in

mano per

stato,

la legislazione,

si

fa-

riunendo

le

leggi precedenti e coordinandole fra di loro.

Cos fece

ramo

Amedeo

di Acaia,

Vili, quando, per la estinzione del


pot riunire alla Savoia il Piemonte, ove

Fertile, 1. e; Salvigli, 1. e, e. 26; Scuupfeb, ]. e, 2;


Pis, Storia delVantica legislazione del Piemonte, Torino, 1833.
*

Sclo-

PARTE TERZA.

232

trov una legislazione disforme e confusa. Quivi non


erano in precedenza mancati tentativi di riordinamento
e unificazione nelle leggi, e
di Pietro

II,

erano anzi,

si

che govern fra

il

1263 e

il

fin

dal

tempo

1268, pubbli-

venivano uniformemente

cati alcuni statuti, coi quali

regolate le pi importanti materie, collo scopo princi-

palmente di assodare il potere sovrano e garantire la


pace pubblica contro le autonomie feudali e le violenze
de' tempi disordinati, al che fu poi anche meglio intesa
l'opera legislativa di Amedeo VI, detto il Conte Verde,
tuttavia, poich non
cogli statuti pubblicati nel 1379
era ci bastato a togliere dalla legislazione pienamente
la diversit e il disordine, Amedeo Vili pose mano ad
una generale revisione, dichiarando esso stesso che le
leggi precedenti aveano bisogno di esser corrette ed
ampliate, per la efficace repressione dei delitti, per
la spedita decisione delle cause, per il pacifico stato
di tutti. E perci, mediante una commissione di laici
e di ecclesiastici, egli procedette alla riforma, e pubblic i decreti, che presero il suo nome. La raccolta
ne fu divisa in cinque libri. Il primo fu dedicato alle
:

cose di religione, e vi
tolleranza verso

zioni fra questi e

si

tratt del culto cattolico, delia

seguaci di altre credenze, delle relai

cattolici, dei reati

e di simili altri argomenti.


le

pubbliche magistrature,

Il

le

libro

contro la religione

secondo riguard

incombenze dei consigli

che circondavano il principe, i regolamenti sulle assemblee generali, la cura delle finanze ed altre materie politiche, amministrative e giudiziarie. Nel libro
terzo

si

parl dei diritti e dei doveri dei signori feugiustizia, alla propriet, ai privi-

quanto alla
che avevano, e

dali, in

provvide inoltre alla condizione


i pupilli, le vedove od altri, a
cui si diede opportuna tutela, o fossero anche le plebi
in generale, di cui si regolarono le arti, e si cur la

legi

si

dei deboli, fossero questi

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

233

tranquillit con ordinamenti di polizia. Ci che


ferisce ai proventi

per

fiscali,

quinto finalmente

si

tasse

alle

pubblici fu materia

atti

del

dettero

si ri-

od emolumenti

libro quarto

norme per

limitare,

nel
in

proporzione dello stato delle persone, le spese che


si facevano per vestire, per nozze, per conviti e per
altre circostanze solenni. Cosi
de_creti,.

a Chambry
legge

composto

il

volume dei

pubblicato nell'adunanza 'generale tenuta

fu

ai

generale,

17 di giugno del 1430.

ma

non toglieva

Ebbe valore
come

efiflcacia,

di

fu

espressamente dichiarato dal legislatore, ai diritti lon agli statuti, n alle particolari consuetudini di tutta intera una regione, qualora non vi fosse
conflitto di disposizioni. Molto meno i decreti di Amedeo Vili derogavano alle leggi ecclesiastiche, le quali
anzi ne venivano espressamente confermate, tanto nelle
loro generali disposizioni, quanto in quelle particolari
sui privilegi dei chierici, sulle competenze del foro eccali, cio

clesiastico e su altre simili cose. Ci era corrispondente

all'indole

dei

voler imitare

tempi
il

e del principe,

che dichiarava

di

legislatore divino, di far leggi per la

gloria di esso, e che si estendeva in ammonimenti


perch fosse conservata pura la fede, si tenesse vita
cristiana,

si

praticassero

le virt

morali, e cos

si

otte-

nesse da Dio la conservazione della pace e la prosperit dello stato. Fu questo Amedeo Vili che si ritir
poi dal governo, e che, fattosi monaco, fin coli' esser
eletto pontefice, col

nome

di Felice

V, nel concilio di

Basilea.*
124.

L'opera di Amedeo Vili

ebbe continuatori nei

principi a lui succeduti, che vi aggiunsero costituzioni,


vi portarono
*

Nani,

GU

cambiamenti, secondo che se ne presentava


statuti di Pietro II, conte di Savoia, Tor.,

Amedeo IV conte di Savoia,


Amedfo Vili, Fir., 1856,

stesso, Statuti delVanno 1379 di

CiBRAEio, Degli statuti di

1880; Lo
ivi,

1881;

PARTE TERZA.

234

l'opportunit, ed accrebbero cos materia alla raccolta

generale che fu fatta

di tutte le costituzioni, intitolata

Decreta Sabaiulice clucalia tam veler quam nova ad


iustitiam et rempiiblicam guhernandam} Anche altre
collezioni e riordinamenti di leggi si ebbero in seguito
da altri principi, come da Emanuele Filiberto nel 1560,
da Carlo Emanuele I nel 1615, da Vittorio Amedeo I
nel 1632: ma tutte rimasero superate, e perci esautorate, da quella che fece Vittorio Amedeo 11.^
Assodato ed ampliato con lunghe guerre lo stato, ed
erettolo a monarchia, col possesso prima della Sicilia e
poi della Sardegna, Vittorio Amedeo II si volse al miglioramento interno dello stato stesso, e fra le sue opere
dirette a questo scopo da ricordarsi, oltre alla devoluzione di molti feudi al demanio, alla repressione delle
prepotenze baronali, alla formazione dei catasti, alle
limitazioni dei fedecommessi e delle primogeniture, la
riforma e il riordinamento generale ch'ei fece della legislazione. Alla commissione di ci incaricata egli, mediante un'ordinanza, tracci netto il suo intendimento
e lo scopo a cui si doveva aver mira: le leggi dove-

vano avere precisione di dettato e forma di comando


doveva esserne tolto tutto il superfluo e 1* incerto
grande studio si doveva porre ad evitare ripetizioni e
;

Torino 1477. Appresso furono ristampati nelle pi ampie colnota seguente.

lezioni, citate nella

BoRELLi, Editti antichi e nuovi de^ sovrani principi della r. Casa


Seguirono le raccolte del Bailly e del
.Jolly, fino a quella del DrBOix, Raccolta jcr ordine di materie delle
^

di Savoia ec, Tor., 1680.

leggi, editti

del CoTTlN.

ec, Tor.,

Sola,

decreta antiqua, nova

Pel Monferrato

1818-1873, colia continuazione del Muzio e


Comment. ad universa sereniss. SahatidicB ducum
et

novissima, Tor., 1625.

Decreta

civilia

marchia; Montisferrati, Tor., 1571

et

criminalia antiqua

Saletta, Decreti antichi

et

nova

nuovi

Monferrato, 1675.

civili e misti del

Per Saluzzo Stylus marchionalis seu


Saluciarum ohservandce ec, Ter., 1598.
:

legea

in tribunal, marchici

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

235

non si doveva lasciar campo all'arbitrio


di chi era chiamato ad applicare le leggi, e specialmente in materia penale; tutto si doveva porre in corcontradizoni

rispondenza coi principii naturali della giustizia e dell'equit; l'intera materia doveva essere acconciamente
distribuita, sotto le corrispondenti rubriche, nelle varie
parti dell'opera. La quale ebbe sei libri: trattavasi nel
primo materia religiosa; il secondo si aggirava sulla
giurisdizione e competenza dei tribunali; nel terzo

si

parlava della procedura civile, di quella penale nel


quarto; il quinto conteneva materie varie, atti notarili,
successioni, fedecommessi, enfiteusi, vendite, tutele,
ipoteche ed altro 1' ultimo riguardava materie finanziarie, specialmente a riguardo dei diritti demaniali e
;

delle relazioni coi feudi.

Queste leggi cosi raccolte ed ordinate si chiamarono


Costituzioni, e furono per la prima volta pubblicate nel 1723, ma nel 1729 se ne fece una seconda
edizione, per emendare la prima in quelle parti, che si
erano conosciute difettose. Secondo l'indole del tempo,
anche queste leggi non furono date che dalla volont
sovrana, la quale apertamente si dichiarava che, dipendendo da Dio, non poteva essere coartata da legge
veruna. Tuttavia, pure in corrispondenza delle condizioni di allora, l'efficacia di queste leggi non era assoluta, nel senso che altra, fuor d'esse, non si potesse
riconoscere che anzi, come diritto comune, rimaneva
sempre quello romano, e rimanevano anche in vigore
le

Py.

diritti

locali, degli

quanto non

si

statuti e delle consuetudini, in


trovassero contrari alle leggi generali.

Carlo Emanuele 111 fece una revisione dell'opera


paterna, e alquanto modificata la ripubblic nel 1770,

doppia lingua, in italiano cio e in francese. Ed era


questa la legislazione ancora dello stato, quando, alla
fine di quello stesso secolo, sopravvennero i grandi avin

PARTE TERZA,

236

venimenti, pei quali

si

mutarono anche

le

condizioni

del diritto.

Non

si estendeva per questa legislazione alSardegna. Quivi si era formata, sotto i vari
governi, una legislazione propria, le cui ultime tracce
non vi si sono spente se non coU'introduzione del-

125.

l'isola di

l'odierno codice italiano. Da prima governavano nel^


risola capi locali, chiamati giudici, i quali vi si man^

tennero anche a tempo della dominazione pisana e


genovese, e sotto i quali anche il diritto era locale,
formato cio dai singoli statuti, col diritto romano per
compimento: imperocch in Sardegna non si era avuta
invasione di barbari. Nella seconda met del secolo XIV
era giudice di Arborea Mariano IV, che pubblic, ordinate e riformate, le leggi del suo stato: ma la sua
opera, non essendo riuscita perfetta, fu ripresa dalla
sua figlia Eleonora, che gli succedette nel governo, e
da questa fu condotta a cos buon fine, che riusc una
delle legislazioni migliori del suo tempo, e merit quindi
di essere accolta in tutta l'isola e mantenutavi poi
molto a lungo. Il cod.ic_e_dL Eleonora fu pubblicato il
d^di Pasqua del 1395, ebbe nome di Carta de logu,
cio diritto o statuto locale, fu

diviso in

198 articoli,

comprese ogni modificazione portata al diritto comune, in quanto specialmente alla giustizia penale,
alle consuetudini che reggevano le relazioni patrimoe

niali fra

coniugi, alle successioni, ai contratti pi in

uso, agli ordini di amministrazione e polizia.^

Segu il governo straniero, e sotto questo non solo


Carta de logu non fu abolita, ma fu invece estesa a
tutta quanta l' isola, fatta eccezione delle citt pi importanti, alle quali per privilegio si lasci I' uso dei

la

Del Vecchio G. E., Eleonora d'Arborea e la sua legislaz., MiMameli de' Mannelli, Le costituzioni di Eleonora giudid'Arborra intitolate Carta de' Logu >, Roma, 1805.

lano, 1872;
cessa

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

237

propri statuti. Cos fu stabilito nel parlamento che

si

Aragona, in Cagliari nell'anno 1421. Nan fu p.er questa la sola fonte


del diritto per quest' epoca, che vi furono anche, in
tenne,

coli"

intervento del re Alfonso

tutto corrispondenti

prammatiche

a quelle di

e dei capitoli

le

di

Sicilia, le fonti delle

prime derivanti dal po-

tere legislativo del sovrano, di cui erano ordini diretti

secondi provenienti dall'antico potere legislativo degli

stamenti, ossia stati od ordini formanti


nazionale, sulla cui proposta

il

governo

li

parlamento
emanava. Ne

il

deriv la solita conseguenza deireccessiva copia

di leggi,

e perci della confusione e del disordine, e quindi

sogno

di farne raccolte

ordinate e corrette

il

il

bi-

che, per

deliberazione del parlamento e consenso del governo,

realmente ebbe

effetto.

Nel 1645

si

pubblic la raccolta

dei capitoli, divisi in otto libri, e questi composti di ti-

entro i quali fu mantenuto 1' ordine cronologico,


incominciando dai capitoli del parlamento del 1421 sino
a quelli del 1633: i libri sono preceduti dai decreti di
convocazione del parlamento ed approvazione de' suoi
primi tre hanno anche il corredo di un imatti, ed
portante commentario.^ Le prammatiche, divise in
cinquantun titolo, furono pubblicate, con T approvazione datane da Filippo IV fino dal 1633, soltanto nell'anno 1680,- e questa raccolta ebbe valore ufficiale,
perch il medesimo re, nell'atto stesso dell'approvarla,
ordinava che le prammatiche dovessero osservarsi come
erano state quivi corrette e disposte, e che in loro conformit si dovessero terminare tutti i giudizi e fare tutti
gli atti, anche se esse non si trovassero in tutto corrispondenti colla forma che avevano avuto per lo innanzi.
toli,

ri,

Dexart, Capitala

site

acta

curiarum regni Sardinice, Caglia-

1645.
'

Vico, Leyea y Pragnuiticas rettles del Reyno de Sardina, comy comenladas, Cagliari, 1680.

puestaa, gloaadas

238

t>ARTE TERZA.

La dominazione

non cambi

dei principi di Savoia

Sardegna. La Carta
de logu rimase in vigore, come diritto proprio dell'isola,
e soltanto le si aggiunsero i provvedimenti, che veniva

le condizioni della legislazione in

dando il governo per tutti i nuovi bisogni a cui conveniva soddisfare, e che perci servivano di completamento al diritto locale. Anche di questi ordinamenti
dispacci
carte reali si fecero raccolte la pi importante quella a cui si pose mano per ordine di Carlo
Emanuele III, e che comprese, ripartite in venti titoli,
tutte le leggi date per la Sardegna dai principi di Sa:

voia, dal 1720 al 1774.*

altro

mutamento

venne, sino air introduzione del codice

quivi av-

di Carlo Felice

nel 1827.

4.

Legislazione

di

Lombardia e Venezia.^

Anche per la

Lombardia possono i vari periodi


corrispondenza coi suoi vari governi. Per la floridezza che quivi raggiunsero i comuni,
importantissimo rimase sempre il diritto statutario, che
non perdette il suo valore neppur dopo che furono sorte
126.

legislativi mettersi in

le

tirannie dei Visconti e degli Sforza. Se non che gli

dovevano essere messi in corrispondenza con


nuovo governo e con le mutate condizioni
politiche, e questo scopo si raggiungeva in due modi,
statuti

gl'interessi del

o col fare cio che

gli statuti, in

ogni loro riforma, ri-

cevessero l'approvazione del principe, e nulla, senza il


consenso di questo, vi si potesse introdurre di nuovo
;

Sanna,

mando

Editti, pregoni ed altri provvedim., ec.

di S. R.

M.

il

re

Vittorio

Amedeo

riuniti

per

co-

III, Cagliari, 1775.

2 Fertile, 68; Salvigli, 1. e, cap. 27, 28; Schupfeb, 1. e,


pag. 363 e 541; Sclopis, cit., II, p. 2, e. 6; Verri, De ortu et prgressu iuris mediolan., Mil., 1747; Valsecchi, Bibliografia analitica

della legislazione della repuh. di Ven., 1871-77.

EPOCA DEL RISORGIMENTO.


ovvero coir inserirvi
creti

costituzionij

gli ordini che, sotto


il

principe

239
il

emanava

nome

di

de-

pel governo

generale dello stato, e perci anche per uniformare ai


suoi interessi le leggi locali. Questi decreti hanno tutti
per loro scopo precipuo rassodamento e la conserva-

ma-

zione della tirannia, e quindi contengono quelle


terie a preferenza che a ci

ricongiungono, materie
di diritto pubblico e soprattutto le penali, nel rigore
si

Lombardia acquistarono non


La^pubblicazione se ne faceva per
mezzo dei banditori, e copie dei decreti s' inviavano
a tutti i podest, affinch subito li facessero trascri-

delle

quali

signori di

lodevole celebrit.

vere nel volume a ci destinato, ed


porte del pubblico palazzo. Per tutto

non

signoria ducale

si

affiggere
il

tempo

alle

della

fecero collezioni ordinate dei

emanavano dal governo, e perci se ne


accumularono tanti, che manc la possibilit di poterli

decreti che

si

conoscere ed applicare rettamente. Volle provvedere


r ultimo duca, Francesco II Sforza, ma gli manc prima
la
il

vita, e lasci cos da compier V opera a Carlo V,


quale nel 1541, colla partecipazione di senatori mi-

lanesi esperti nel diritto, la fece pubblicare col titolo


di

Constitutiones

domimi mediolanensis.^ Furono

quivi

riunite tutte le leggi dei signori di ]\Iilano, che erano

numerosissime e disordinate, se ne fece una revisione


generale, si misero in migliore corrispondenza fra di
loro, si abrogarono tutte quelle altre che non eran state
comprese nella collezione, e questa si divise in quattro
libri, dedicati il primo alle magistrature, il secondo alla
procedura civile e a quella penale il quarto, e il terzo
a materie di diritto privato. Questo codice doveva servire per diritto comune allo stato, lasciata al diritto*

riusc

Una precedente
praticamente

di G. Verri.

raccolta, a

utile.

tempo

Altra ediz.

si

di Luigi XII, nel 1512,

fece nel 1747 col

non,

commento

PARTE TERZA.

240

romano ed
plemento e

agli statuti

una

efficacia soltanto

com-

di

susssidio. Un' altra raccolta delle costitu-

zioni milanesi,

ma

di indole

totalmente privata, vide

ed ebbe il titolo di Antiqua ducum


mediolanensmm decretai L'interesse a raccogliere
tali costituzioni, anche dopo mutata^ la forma d governo, spiegato dal fatto che esse, in ci che non ne
veniva espressamente abrogato, rimanevano sempre
in vigore, perch i nuovi governi non introducevano un
nuovo sistema di legislazione, ma conservavano l'antica, portandovi le opportune aggiunte e modificazioni.
Di. queste erano un' ampia fonte, ai tempi del governo
austriaco-spagnuolo, i provvedimenti giornalieri dei re
e dei governatori, che si chiamavano comunemente le
gride, e i quali, col semplice ordine della data della
loro pubblicazione, venivano raccolti nel ^r/^Zflr^o, nella
collezione cio delle gride medesime emanate da ciascun
la luce

nel

1654,

governatore.^

Era
le

in uso che tali provvedimenti, relativi a tutte

materie,

blico,

si

ma

specialmente a quelle

di

pub-

diritto

facessero dopo aver avuto l'avviso del con-

siglio collaterale, se trattavasi di

o quello del senato, se

si

cose amministrative,

trattava di affari giudiziari.

Ed

anzi i decreti stessi del senato, nei limiti della propria competenza, erano pur essi fonte di diritto, e perci
si raccolsero e ordinarono, come nell'opera intitolata Or-

dines excelienti ss imi senatus mediolanensis del 1743,


e nell'altra che dei decreti del senato mantovano fece
il giureconsulto Surdo di Casale, sulla fine del secolo XVI.
Questi decreti del senato, le antiche costituzioni e le or-

dinanze, che partivano dal governo, continuarono ad


*

BoiTETTO e BbaCherio, In regio palatio apud fratres Malatesta.

Inoltre: Morbio, Codice visconteo sforzesco, Milano, 1846.


2

Compendio di

tutte le

gride

et

ordini ec,

dario generale delle gride ec, Milano, 1688.

Milano, 1609

Gri-

241

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

essere le fonti della legislazione lombarda anche sotto


della
la dominazione austriaca, sino agli avvenimenti
rivoluzione francese.
127.

Carattere

singolare, distinto da quello delle


ha la legislazione

legislazioni degli altri stati italiani,

Venezia. Essa non sub gravi scosse, n repentini o


profondi cambiamenti, ma si svolse a poco a poco da s
di

medesima, non mai per influenza straniera, sempre

in-

vece pel naturale progresso del popolo, il cui carattere quindi vi fedelmente rispecchiato. I fuggiaschi
che si ricoverarono, a tempo delle prime invasioni bardiritto
bariche, sulle isole della laguna, vi portarono il
base
la
form
bizantino,
romano, che, insieme a quello
si ressero,
abitanti
que'primi
cui
con
consuetudini,
delle

e da cui poi

si

svilupparono

le leggi del

nuovo

stato. In

diritto, fosse o nelle consuetu-

questa sua prima et, il


die na^cean dal popolo,' nelle leggi, che i comizi
popolari deliberavano, o nelle promissioni dei magiosservare
strati, cio nelle regole che giuravano di
regolamenti
ossia
capitolari,
nei
97),*
o
(n.
governando
dini,"

era un diritto
dei consigli ed altri uffici dello stato
per necessit incerto ed oscuro, e per ci ben presto
chiarirlo ed ordinarlo.
si 'venne alia determinazione di
sulla
si ha indizio che incominciasse il doge Morosini,
non
se
sa
si
non
certezza
met del secolo XII, ma con
;

pubblic la
del doge Orio Mastropiero, il quale nel 1181
promissione dei maleficii, cio la legge da osservarsi
quale,
nella determinazione e repressione dei reati,- la
Dandolo,
Enrico
doge
dal
1195
nel
corretta
e
riveduta

rimase per lungo tempo in vigore pi-esso

Veneziani.

IX, 1853; Foui


Eaiz. Lazzari, neh' Arch. Stor. ital. toni.
L'ultima
CARD, Venezia, 1853; Romania, Storia di Venezia, II, 430.
)romi8pi
promissione di L. Manin nel 1789: Musatti, Storia della
.v)oe ducale, Venezia, 1883,
2 Ediz. E. Teza, Bologna, 1863.

M. B.

Calisse.

1.

16

PARTE TERZA.

242

Lo stesso doge Dandolo pubblic statuti, ossia leggi, di


materia civile. Ben pi innanzi si spinse il doge Iacopo
Tiepolo, che riordin tutto quanto il campo della legislazione, e la dot di codici completi nel diritto penale,
nel civile e nella procedura. In quanto al primo, torn
a pubblicare nel 1232 la promissione dei maleficii, corretta e aumentata. Pel diritto civile, pubblic nel 1242
gli statuti civili, composti di cinque libri, con disposizione di materie per non ben chiara, trattando il primo
di cose ecclesiastiche e procedura, il secondo delle doti e
tutele, il terzo delle societ e di altre comunioni di beni,
il quarto conteneva il diritto ereditario, e l'ultimo quello
delle obbligazioni. Lo scopo, dichiarali legislatore stesso
nel proemio, fu quello di togliere dal diritto la confusione, la quale era giunta a tanto, che neppure i giudici
sapevano spesso come determinarsi il lavoro fu commesso a quattro cittadini, i quali, dopo che l'ebbero
compiuto, lo sottoposero al doge, e questi, avutone il
Yoto del consiglio, gli die pubblicazione ed efficacia di
:

legge. Nel 1244

il

Tiepolo pubblic finalmente

tuti dei giudici delle petizioni,

nei quali

gli

si

sta-

occupo

delle cose di procedura.

L'opera del Tiepolo rest come

il

fondamento

legislazione veneta, e quant" altro in questa

si

della

fece non

ebbe se non il carattere di aggiunta o riforma ad essa,


sia per mantenerla in relazione col variare delle condizioni dei tempi, sia per coordinarle tutte le altre leggi,
che si venivano facendo. Le quali eran copiose, ed emanavano non soltanto dai dogi, ma anche dal maggior
consiglio, dal consiglio dei pregadi, da quello dei diec
e della quarantia e da altre magistrature minori
quali uffici, come possessori dell' autorit sovrana ne
:

delle loro attribuzioni, avevano tutti, entro


medesimi limiti, il potere legislativo. Ci non ostante
queste nuove leggi, quando venian raccolte, si riferi-

limiti

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

243

vano sempre, come si detto, agli statuti del Tiedimostravano anche coi titoli che loro si da-

polo, e lo

vano. Infatti la raccolta, che ne fece nel 1346 il doge


Andrea Dandolo, ebbe il nome di sesto, perch si ri-

tenne quale aggiunta


il

ai

cinque

libri del

Tiepolo,

come

sesto di Bonifacio YIII ai cinque libri delle decretali

gregoriane: tutte le posteriori raccolte poi ebbero il


di correzioni, per indicare che eran poste a mo-

nome

dificare

opportunamente

il

corrispondenza, correttori

che erano

istituiti

codice del Tiepolo,


si

e,

per

dissero quei magistrati,

precisamente con

lo

scopo di met-

tere in armonia le vecchie leggi colle nuove, elimi-

nando

le

abrogate ed inserendo

luoghi opportuni

ai

nuovamente emanate. Questo lavoro di miglioramento e adattamento faceva che si rinnovassero


quelle

anche

le

edizioni

delle

leggi,

e se

ne ebbero

infatti

parecchie, a cominciare da quella del 1477 sino al secolo XVIII,* delle quali parte furono fatte per pubblico incarico,

e parte furono quelle

che,

privata, all'ordine cronologico sostituirono

per opera
il

sistema-

esponevano per intero le leggi, quali ne davano estratti od indici alcune abbracciavano tutto il
pubblicato nella legislazione, altre scindevano la materia, come avvenne regolarmente, dopo il 1751, pel ditico

quali

ritto penale,

che fu raccolto e pubblicato a parte dal


criminali del serenis-

diritto civile, col titolo di leggi

simo dominio veneto.

128.
Oltre che nel modo della sua formazione, la
legislazione veneta improntata a caratteri particolari
anche in quanto al suo contenuto ed alla sua efficacia.

Quando non avesse avuto una disposizione chiara o del


si doveva provvedere,
non si seguiva il sistema allora comune di far ricorso

tutto corrispondente al caso cui

Novnaimum

statutoritm ac venetarum legum volum,\en., 1729.

PARTE TERZA.

244

romano, ma si doveva interpretare o supplire


la legge mediante l'analogia e col criterio della naturale
equit, il che portava per conseguenza che grande poal diritto

tere discrezionale fosse lasciato

ai magistrati, tanto nelle


che in quelle penali :* per questa ragione Bartolo diceva che i Veneziani giudicavano manu regia et

cose

civili,

arhitrio suo. Ci era reso necessario anche da un altro

pur scostandosi
prendevano
di mira
casi particolari, ma si aggiravano intorno ai
principii generali, e vietavano, per non essere alterate
carattere delle leggi venete,

le quali,

dai metodi allora generalmente seguiti, non


i

malamente intese, ogni sussidio di commenti e di


E se si guarda il loro contenuto, pur si vedono

glosse.

perch da
per non essere stato il terri-

diversit colla generalit delle altre leggi

un

lato le leggi venete,

torio

dominato mai dai barbari, non hanno molti

di

quei

principii germanici, che per ogni altra parte d' Italia

erano cos frequenti e cos saldi; dall'altro lato hanno,


per corrispondenza egualmente delle condizioni politiche dello stato, alcuni principii che altrove non si trovano,
non sono almeno con tanta ampiezza applicati
se ne ha un esempio nel rigore contro gli ecclesiatici,
i
cui privilegi non si volevano liconoscere, i cui patrimoni non si voleva che formassero manomorta, e la cui
ingerenza si cercava di tener sempre, quanto pi era
possibile, lontana dagli affari dello stato.
Sicch, come speciale fu la condizione politica di Venezia in mezzo agli stati italiani, speciale fu pure la
condizione del suo diritto, la quale mantenne, come
suoi caratteri, fino a che Venezia
l'altra, inalterati
stessa non perdette, per la conquista francese, la pro:

pria indipendenza.
*

rimangono fuori degli statuti una quantit grande di


emanate dai vari uffici, e raccolte in registri, libri d'oro,
Cfr. Schupfer, cit, pag. 371.

Qiiiuili

dsposizioui
filze ec.

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

Legislazione

5.

245

degli stati minori,

129.
In Toscana, nei ducati di Modena, Parma e
Piacenza e in Liguria la legislazione si svolse in modo
uniforme, per mezzo delle fonti comuni degli statuti

formano il primo
comuni sono famosi in Toscana
gli^statuti di Firenze, cui Dante rimproverava la eccessiva instabilit, che molti comuni presero a modello,
e che nel 1415 furono oggetto di rinnovamento, per opera
e dei decreti governativi. Gli statuti

periodo, a

tempo

dei

del giureconsulto Paolo di Castro, che

Anche

li

ordin in cinque

hanno
importanza speciale, per la florida e lunga potenza politica ed economica che queste citt conseguirono. Il
territorio genovese fu pure retto dagli statuti, sia nel
gli statuti formarono pure
civile che nel criminale
libri.

molteplici statuti di Pisa e di Siena

la

base del

diritto, fino al secolo

XVIII, nei ducati di

Modena, Parma, Piacenza e nelle altre piccole signorie


vicine.

Quando

sui

comuni

dominazioni straniere,
cos

nemmeno

in

si

costituirono

gli

statuti,

principati o le

come non

altrove,

ma

soltanto

questi stati furono aboliti,

furono resi soggetti al governo, che li teneva coordinati al proprio interesse. Con ci si viene al secondo
periodo della legislazione, nel quale, oltre che
cambiano nel modo suddetto il carattere,

tuti

accanto ad essi una nuova e non

gli
si

sta-

apre

meno

copiosa fonte
governo, date giornalmente, secondo i bisogni che le reclamavano, e conosciute coi vari nomi di decreti, provvisioni, capitoli,
di diritto, costituita dalle leggi del

band, ordinanze e simili. Tali leggi dettero i granduchi di Toscana, non molte n ottime i Medici (15321737), ma copiose invece e di generale riforma per ogni
pubblico interesse

Lorenesi, e specialmente Pietro

PARTE TERZA.

246

Leopoldo. Veri legislatori male

potrebbero dire i duFrancesi e gli


i
Spagnuoli in Liguria, il cui scopo principale era sempre quello di tutelare g" interessi del governo, ond'
chi estensi e

che

Farnese,

si

Austriaci,

gli

loro provvedimenti, mutabili e disordinati,

feriscono a cose di giurisdizione, alla pubblica


nistrazione,

al diritto

si ri-

ammi-

penale, alle finanze e materie

puramente private alle disposizioni degli statuti, e in mancanza di esse a quelle del
diritto romano, vigente sempre come diritto comune.
Dair accumulamento di tante leggi segu ingombro
simili,

lasciate quelle

nel diritto, e per esso incertezza, confusione, arbitrio

ed

non

altri difetti, ai quali

diante

il

nologico,

poteva ovviare che me-

si

sistema delle collezioni ad ordine crosistematico. Se ne ebbero a Genova, per Mo-

solito

dena* ne fu fatta una raccolta nel 1544, altre per Parma


e Piacenza si fecero nel 1560 e nel 1596, e per la Toscana si sono avute quelle del lavanti e del Cantini. Il

primo riun

le leggi

toscane dal 1471

al

1736: l'altro,

nell'opera Legislazione toscana raccolta e illvstrata,pubblic quelle dal 1532, quando incominci il governo

Alessandro de' Medici, fino all'anno 1755. Queste racnon erano sufficienti a raggiungere pienamente lo scopo, e talvolta anzi sono di tempi posteriori a quelli ai quali avrebbero potuto praticamente
di

colte tuttavia

giovare

sicch le leggi

rimanevano

affastellate, e altro

ordine o altro sistema di conservazione non avevano,


se non quello che si dava loro nei pubblici archivi, dove,

anno per anno, erano radunate nei fogli medesimi sui


quali, in forma di bandi o di avvisi, venivano pubbli*

seren.,
-

Provisioni, gride, ordini

decreti

Modena, 1755.
Firenze 1800-180S; Codice

1736 al 1786, Siena,


ze, 1T6-1860.

1788;

da osservarsi negli Stati di

della

Leggi

toscana

legislazione

bandi della

S. A.

ec, dal

Toscana, Firen-

EPOCA DEL RISORGIMENTO.


cale

cos si

ha

il

247

gridario di Modena, cosi la collezione

dei bandi toscani dal 1700 al 1803, e cosi altre raccolte,

conservate oggi negli archivi di stato.


Tal condizione di cose faceva sentire

il

bisogno che

governo stesso provvedesse a semplificare ed ordinare la legislazione, ed i provvedimenti che a tale scopo
furono presi danno il carattere dell' ultimo periodo, per
il quale la formazione del diritto pass, innanzi di giungere alla codificazione. E tali provvedimenti ebbero
varia riuscita, dove facendo raggiungere, pi o meno
pienamente, lo scopo a cui eran volti, dove rimanendo
allo stato di disegni o tentativi, tra per la difficolt
dell' opera in s stessa, e tra per le condizioni non anil

cora favorevoli della societ.


Per Modena lo scopo fu raggiunto mediante le costituzioni di Francesco III di Este.^ Per la Toscana si
ebbero molte riforme legislative, specialmente ai tempi
Leopoldo, ma un codice di tutta la legislazione, per
quanto si vagheggiasse e vi si ponesse mano, non fu
potuto recare ad effetto.
di

Titolo Terzo,
il
130.

Fin

diritto comune.

dalle

prime leggi che

si

sono venute pub-

blicando in Italia, dopo la fine dell'impero romano, si


dovuto per tutte osservare che esse non fanno oggetto delle loro disposizioni se
ritto,

non alcune parti

quelle cio che era necessit regolare

in

del di-

modo

nuovo, conforme alle condizioni politiche e sociali dei


tempi. Per le altre parti, per tutti i casi che il legislatore non

aveva presi

Salvigli,

La

in considerazione, si lasciava

legid. di Francesco III,

Modena, 1898.

che

PARTE TERZA.

248
si

facesse ricorso ad un diritto preesistente, di efficacia

genejrale^ a tutti noto, che

dLproYYedere, e che perci

a tutti i casi dava modo


si diceva diritto comune,

in contrapposizione del diritto particolare, che

si

quanto

aveva

persone che in
quanto al territorio, e le cui disposizioni comparivano
come eccezioni o correzioni al diritto pi vasto, a cui
efficacia

sia. in

limitata,

alle

riferivano.

esser comune non era permanenIl carattere di


temente proprio di un solo diritto, ma ora ad uno apparteneva ed ora ad un altro, secondo le condizioni del

tempo

e del luogo, in cui

si

svolgeva

particolare. Per, fra tutti era

il

diritto

la

legislazione

romano

quello

che appariva pi adatto a rivestire tale qualit. Se gi


di fronte al diritto longobardo esso era considerato legge
generale, come di fatto lo considerava la scuola di Pavia tanto pi ci avvenne nel tempo del risorgimento,
;

il

quale, per ci che

attiene alla storia giuridica,

si

rappresentato principalmente della maggiore prgxar,


lenza, scientifica e pratica, che il diritto romano consegue.

Prevalenza, per, non significa esclusione assoluta


Il diritto romano domina, ma none

degli altri diritti.


solo.

Anche

quantunque

agli altri,

in minori

propor-

pu, in certi casi, spettare la qualit di diritto


comune, ossia al diritto barbarico e pi a quello della
zioni,

chiesa

conviene, dunque, tenerne conto, sia esami-

nando quando che


cando quali relazioni
diletto

stabiliscano fra essi stessi e

il

romano dominante.
Capitolo

131.

casi s'incontrino, sia ricer-

tali
si

I.

Quando

rimase per

Il

diritto barbarico.

barbari scrissero

essi diritto

comune

le loro leggi (n. 35),

quello contenuto nelle

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

249

consuetudini popolari, dalle quali, all'occorrenza,

si

at^

tngevano le nuove disposizioni, e a cui si lasciava il


regolare quanto non era stato particolarmente considerato.

Il

campo

di

questo dmtto venne sempre pi

restringendosi, pel crescere delle^ leggi

scritte e pi

per la decadenza generale di quanto era barbarico, a


poco a poco che la societ italiana si avviava verso
il suo risorgimento.
Le_cause di questa decadenza fu^
rono parecchie. Importante fu la trasformazione avvenuta nella popolazione, nella quale all' antica e netta
di razze venne sostituendosi una sempre
ampia uniformit, per la reciproca fusione degli

distinzione

pi

elementi originari, per con diminuzione


barico, tanto
di

meno numeroso,

cadendo perci

colla

gli stati

principii

di quello

bar-

preponderanza

Anche politicamente

quello romano.

trasform, venendo a fine


e

la

societ

si

fondati dai barbari,

giuridici su cui si basa-

vano, e mancando a tutte le loro tradizioni ed istituzioni il sostegno del pubblico potere. A ci si aggiunga

che il diritto de' barbari non aveva in s ste_s_scL_la


potenza di estendersi e svilupparsi in corrispondenza
della richiesta che ne facevano tanti nuovi interessi,
specialmente economici: esso era il prodotto, il rappresentante, il custode di una forma di societ oramai
passata, e perci, compiuta la sua missione, doveva
necessariamente decadere.
Per, se i vari diritti barbarici scomparvero, per
quello longobardo si gi osservato (n, 16) che ebbe
a suo sostegno un forte nucleo di popolazione, sparso

qua

e l, in certi punti, quasi

colonie,

del

territorio

conseguenza non si pu di esso dire che


sia scomparso: ne rimasero tracce, talvolta assai notevoli, e conservatesi a lungo. Quando, per le ragioni
altrove esposte (n. 07), il diritto torn da personale ad
essere territoriale, in vari luoghi la legge che s'impose

d'Italia. In

PARTE TERZA.

250
alle altre, e

divenne dominante, fu quella

bardi, sostenuta dalle antiche

battuta,

per

la

specialit

Longonon comcondizioni locali, da

tradizioni

delle

de'

che altrove facevano invece trionfare


diritto romano.

quelle ragioni
il

132.

La

sopravvivenza del

diritto

longobardo al-

l'epoca barbarica, colla concorrenza fatta a quello romano per la qualit di diritto comune, provata da

pi

primo luogo, esso sopravvive

in molte
specialmente consuetudinarie. Come nell'epoca precedente il diritto romano aveva trovato rifugio, contro la dominazione di
quello barbarico, principalmente nella vita privata del
popolo vinto; cos ora, dominando il romano, il longofatti.

In

istituzioni di carattere privato,

bardo segue a sua volta


dalla vita pubblica, e

la

negli

medesima
usi

delle

sorte,

scompare

fanliglie

nei

caratteri della propriet fondiaria trova sopra tutto

punto per resistere e vivere, E quando ci avveniva,


romano doveva cedere. Di ci fa testimonianza
Andrea Bonello, il quale scrisse sulle differenze fra il
diritto romano e il longobardo un breve trattato, da
servire unicamente di guida ed aiuto per la pratica
forense, perch, com' egli dice, si vedeva nel fatto che
il
il

diritto

avvocati assai dotti nelle leggi romane erano, nel trattare le cause, vinti facilmente da persone mediocri, le

non facevano che allegare a proposito le leggi


longobarde.* Secon dariamente, la locale prevalejiza del
quali

diritto

longobardo sul romano viene attestata anche da

dichiarazioni legislative. Per esempio, gli statuti di Be-

nevento del 1230 dichiarano sussidiario il diritto romano, tale cio che si debba ricorrere ad esso soltanto
Commentarium super legibus Langohardonim, sive Ubellus de difiuris romani et longobardi, Yen,, 1537, colle glosse di Carlo
Tocco Volpicella, Bella vita e delle opere di Andrea Bonella di
'

l'frentiis

di

Barletta, Napoli, iS72.

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

251

manchi, insieme colla disposizione dello statuto,


anche quella della legge longobarda. nota anche la
costituzione di Federico II, colla quale viene stabilito
se

che, in difetto di leggi proprie del regno, si debba osservare il diritto longobardo in tutti i luoghi dove questo ha preso la prevalenza sul romano.^ E finalmente,
il fatto della non scarsa importanza conservata a lungo
dal diritto longobardo dimostrata dall'ampiezza del

lavoro scientifico, che vi

si

scuola di Bologna

(n. 145)

longobardisti. Qui

il

la

intorno formato. In que-

per, fu grande e visibile la influenza romana.

sto,

diritto

forma sistematica, che

detta la

Lombarda

il

La

centro anche degli studi

longobardo fu insegnato, e

gli si

dette nella

collezione

dovette esser fatta per uso


avere un testo ordinato e cor-

(n. 87),

della scuola, bisognosa di

retto, come lo avevano quivi stesso le cattedre di diritto


romano. Alla scuola bolognese appartengono anche i
commenti di Ariprando ed Alberto - e come il metodo
:

adoprato era quello della glossa (n. 149),


cos questa servi anche per illustrare il diritto longobardo e come, ancora, le varie glosse dei romanisti
dettero luogo a lavori di riassunto e coordinamento,
scientifico quivi

che nella pratica

le

sostituirono, cos

avvenne anche

delle glosse dei longobardisti, le quali ebbero ci che fu

romano Accursio (n. 150) in Carlo di Tocco.


Sul principio del secolo XIII, questo giureconsulto, in-

pel diritto

segnante a Bologna, form V apparatus della glossa


lombarda, cio la riunione sistematica e critica di tutte
le glosse longobarde, la quale acquist autorit grandissima, essendo praticamente in uso non in modo diverso che la legge medesima/' Meridionali furono, an*

tus,

Consti I II tioncs regni Sicilice,

cit.,

lib. I,

e.

52.

AxsCHUTZ, Die Lomharda-commentare dea Ariprand und AlberHeidelb., 1855; Siegel, Die Lomharda-cominentare, Vienna, 1862.
5 La prima ediz. della lombarda glossata da
Carlo di Tocco fu
'

PARTE TERZA.

252

che in appresso, i commentatori del diritto longobardo,


perch nell'Italia meridionale, per le ragioni gi dette
(n. 16), questo ebbe la pi lunga e pi ampia durata:
le loro opere sono, secolo per secolo, la conferma di
questo fatto, attestato anche espressamente. La badia
di Monte Cassino garantiva, nel 1267, ad alcune sue
terre la conservazione del diritto longobardo; Andrea
di Barletta affermava che, per inveterata consuetudine,
questo avea forza di derogare al romano, e Andrea
d' Isernia, dicendo che non tutti vivevano nel reame
di Sicilia a diritto longobardo, perch il romano si seguiva a Napoli, ad Aversa e in parte a Salerno, veniva
a confermare che quello era in alcuni luoghi

il

diritto

della maggioranza.

XIV attestato vivo ancora 1" uso del


longobardo da Baldo, e professioni se ne trovano perfino nell" Italia settentrionale, anzi a Bergamo
non fu espressamente abolito che da uno statuto della
met del secolo XV, mentre in questo stesso tempo
le prammatiche napolitano (n. 104) ed i riti della gran
corte (n. 103) fanno ancora considerazione per quelli
che vivono a legge longobarda, tanto che a tenore di
Pel secolo

diritto

vuole che alle donne venga sempre dato il


le cose erano molto cambiate nel secolo se-

questa

si

tutore.

guente. Lo dimostrano alcuni atti beneventani compisecondo le norme longobarde e Matteo degli Afflitti, commentando le costituzioni di Federico II, parla

lati

della legge longobarda come tuttora viva ai suoi tempi


ed efficace a derogare al diritto romano nei tribunali
infatti di Carlo V accadevano casi eguali a quelli che
Andrea da Barletta lamentava, cio che oscuri causidici vincessero i dotti in diritto romano, per la sola
:

a Venezia nel 1537

Leges

Langobardomm

cuni

argutissimis glossis

D. Cn-oU de Tocco. Quindi V ajyparatus rien riprodotto nelle successive edizioni.

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

253

onde il Ferretti,
leggi longobarde
ravennate ed uditore, ai tempi appunto di

cognizione delle
giurista

Carlo V, nel Principato Ulteriore, torn a scrivere nel


1541 un trattato sulle discordanze fra i due diritti, ed

un altro de regulis iuris Langobarclorum fu pubblicato


a Venezia nel 1599.^ E^ancora per entro al secolo XYII
giudici degli Abruzzi dovevano conoscere il diritto
i
longobardo, perch si presentava loro occasione di doverlo applicare
anzi neppure nel secolo seguente se
ne erano dissipate le ultime reliquie, n se ne era mai
;

avuta espressa abrogazione,


di diritto, la

di

modo

che, di fatto

come

legge longobarda, sia pur nascosta fra

le

gole degli Appennini e fra la gente di campagna, la

quale ne ha ancora oggi fortissime traccio nei suoi speciali costumi, deve dirsi che continu ad esser viva,

a quando avvenne la introduzione delle leggi frana quando non giunse il diritto ad avere
sua ultima formazione nell'epoca moderna.
In conseguenza di tutto ci era inevitabile
133.
contatto fra i due diritti, romano e longobardo.- Que-

fino

cesi, ossia fino

la

il

fortemente osteggiato dai romanisti. In tutte


opere essi dimostrano il pi grande disprezzo
pel diritto longobardo: Odofredo dice che non \eggQ
n ragione, ma un insieme di regole, che i re barbari
avean composto per propria utilit Luca di Penna
sdegna di ricordare le leggi longobarde, come irragionevoli, bestiali, feccia piuttosto che diritto, e facea voti
perch fossero abolite Andrea d' Isernia chiama la legislazione longobarda diritto asinino; e ancora pi tardi
in simil modo la trattano De Luca e Gravina. Tanta
sto era

le loro

V. ancora: Rendblla,

Napoli, 1609.
inter ius
2

/ji

reliquias iuris langobardi proloquiunif

Inedita l'opera di B,

roman.

et

longob. Cfr.

Da Morcone, De

Schupfer,

1.

Salvigli, DelV uso della Lomlarda presso

risii del sec.

XIY,

Torino, 1898.

differentiia

e, p. 214.
i

glossatori e

gi*

PARTE TERZA.

254
ostilit

avea causa non

solo nella evidente inferiorit

ma

del diritto longobardo,

pur nel

vasi facilmente sradicarlo, onde

fatto che

non pote-

pi acerbi contro esso

sono i giureconsulti dell'Italia meridionale, dove pi


diffusamente e con maggiore tenacia che altrove esso
manteneva, in certe materie, la propria autonomia.
Dal che poi avvenne che lo stesso diritto romano

non

fu

ch

sempre immune

dalla influenza longobarda, per-

miravano principalmente alla


non tener conto d'inveterate con-

giureconsulti, che

pratica, non poterono

non era possibile interamente abolire.


venne quasi ad una transazione, formando
unione del duplice elemento nuove istituzioni giu-

suetudini, che
In tali casi
colla

si

ridiche, taluna delle quali, sopravvissuta, giunta an-

che a penetrare nei diritti moderni tale, per esempio,


i l co nsi glio
d i^faniiglia, formato dalla gi"urisprudenza
:

col prendere dal diritto romano la istituzione del tutore unico e da quello longobardo la partecipazione di
tutti

Ma

familiari alla tutela di

un loro appartenente.
non potersi del

oltre a ci, un'altra ragione del

tutto trascurare le leggi o le consuetudini longobarde

era che queste

si

tuzioni feudali.

congiungevano non

di

raro colle

isti-

feudi avevano, senza dubbio, perduta

importanza politica del tempo precedente, avendone


monarchie e comuni in pi guise limitati e sottomessi
gli antichi poteri. Continuavano, per, ad esistere, e,
sott' altra forma, riprendevano anzi autorit, fatti al-

la

che compensava con nuovi diritti il sostegno e il decoro che ne riceveva: la potest politica
era diminuita, ma nel feudo si manteneva, se pure

leati del trono,

non era accresciuta, un'ampia potest su terre e persone. Il carattere familiare e patrimoniale prevaleva
su quello politico ma appunto questo fatto riuniva in
:

certo

modo

il

feudo

al diritto

longobardo, allontanan-

dolo invece del franco, secondo

il

quale

il

feudo stesso

EPOCA DEL RISORGIMENTO.


non avrebbe dovuto esser altro che

mente

255

istituzione rigida-

politica e militare.

sistema feudale lombardo prevale in Italia, onde


sono le istituzioni longobarde, relative air ordinamento
della famiglia ed al governo della propriet fondiaria,
Il

che nella classe dei feudatari rimangono vive e difese,


si deve anche osservare come generalmente di sangue barbarico fossero i nobili, che per la
conservazione delle antiche tradizioni hanno naturalmente pi interesse che gli altri. Ora, le questioni feudali venivano anch'esse dinanzi ai giureconsulti, che
tanto pi che

lon molto, e non senza sforzo, potevano chiederne al

romano, mentre il longobardo era pi adatto a


il longobardo non propriamente dell'editto,
ma quale a poco a poco si era venuto formando sotto
la pressione di giornalieri bisogni, che era chiamato a
diritto

risolverle;

soddisfare.
^el

centro degli studi romanisti, a Bologna, anche

diritto feudale trov

il

il

suo scientifico riordinamento.

Come, per la influenza del diritto romano, si era sistemato il testo delle leggi longobarde, s' intese bisogno
di fare altrettanto colle leggi

libri

feudorum

(n. 61)

fattane da Bologna,
la

forma

e consuetudini feudali
furono iniziati per richiesta
:

quivi poi ebbero dai glossatori

N questo soltanto: i glossatori meglosse, come quelle di Fillio, anche al

definitiva.

desimi fecero

ne fecero riassunti, qua! la summa


ovvero trattarono, con monografie, materie ad essa attinenti, quali sono le opere
di Ugo e di Roffredo da Benevento sul duello giudi-

diritto feudale
di

Iacopo di Ardizone

ziario.

Pi tardi,

trattatisti fecero pel diritto feudale

opere sistematiche e voluminose, come per il diritto


romano e per quello canonico. Il contatto reciproco
non si poteva evitare, e qui perci si ripete quel che
poc'anzi

si

detto, cio che

il

diritto

romano non

riu-

PARTE TERZA.

256

sciva^ sempre a tenersi immune, e i suoi cultori, ponendo insieme elementi di diversi diritti, davano vita
a nuove dottrine. Per esempio, tale fu, a proposito

deijfeudi e delle istituzioni

affini,

quella sulla duplicit

del dxDminio che fu distinto in diretto ed utile

dottrina

ma

che trova la sua radice


nel concetto che della propriet aveva, come gli altri barbarici, il diritto longobardo, del quale cos vien
ignota

al diritto

romano,

confermato come anche dalle


vesse

modo

e ragione di

istituzioni

conservarsi,

feudali rice-

non ostante

il

predominio romano, e non ostante che le condizioni


della societ si fossero oramai allontanate tanto da
quelle in mezzo a cui aveva esso avuto vita e sviluppo.

Capitolo IL
134.

Il_diritto

Il

diritto canonico.

della chiesa, che nel precedente pe-

aveva avuto tanta importanza (n. 77), non


poteva certamente perderla in questo del risorgimento,
colle cui origini coincide il tempo della potenza maggiore che il papato abbia toccato. La_n uova e vigorosa
diffusione del diritto romano e il mutato indirizzo della
riodo storico

\ita sociale dovettero senza dubbio limitare

il

campo

anche
condusse ad una nuova

della sua applicazione, e far nascere contrasti


violenti

ma, se

ci finalmente

sistemazione di rapporti fra i due diritti, romano e canonico (n. 138), non tolse a questo efficacia, n turb il
suo svolgimento.
Nel pi antico medio evo le fonti del diritto canonico si erano accumulate le une colle altre, senza per
trovare un definitivo ordinamento. Lasciando a parte
quelle fonti che

fondamentale

dicono di diritto divino, fra cui la


Vangelo, le altre, la consuetudine,

si
il

la tradizione, le opinioni di quegli scrittori ecclesiastici

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

257

che furono dichiarati padri e dottori della chiesa, prodi non contrastata efficacia.

ducevano norme canoniche

Ma
dej^

ancora pi questo effetto

si

aveva

in

conseguenza

decreti dei concili! e delle costituzioni dei pontefici.

due principali fonti del diritto canohanno prodotto la massima


parte per i tempi pi antichi, pur non guardando se
non ai concilii generali, che sono i soli che possano
far leggi per tutta la chiesa. Di questi furono celebrati otto in Oriente, due cio a ISicea, quattro a Costantinopoli, dei quali quello dell' anno 869 fu V ultimo, uno ad Efeso e un altro a Calcedonia: e tredici,
senza quello incompiuto vaticano del 1870, se ne sono
avuti per T Occidente, cinque cio lateranensi, due a
Lione, e poi uno a Vienna, Pisa, Costanza, Basilea,
Queste sono
nico.

le

decreti conciliarli ne

Firenze e Trento.

concilii particolari, cio nazionali

regionali o diocesani,
zioni forza di legge

per

ottengono nelle loro disposile contrade per le quali sono

fatti.

La^ seconda fonte del diritto della chiesa for-

mata

dalle costituzioni pontificie, analoghe,

per taluni

loro caratteri, alle costituzioni degl' imperatori romani.

Da esse

derivala la parte pi

ampia

e pi

impor-

tante del diritto l?anonico, dai primi tempi dopo Tet

barbarica fino al concilio di Trento. Possono essere


di

pi specie. Se si__gu^rda all'oggetto di cui trattano,

dommatiche, quando dideve credere od operare dai fedeli,


ovvero disciplinari, guando si riferiscono ai riti, alla
giurisdizione, ai benefizi o ad altre simili cose spettanti
al governo esteriore della chiesa. Per ragione della loro
efficacia, si distinguona in universali, valide cio per
tutta la chiesa, ed in particolari o proprie di una sola
parte di essa. Importante criterio di classificazione
aiiche la forma che le costituzioni possono prendere.
Secondo questa, si hanno ij'escntti, cio risposte scritte
le

costituzioni possono essere

chiarano ci che

M. B.

si

Calisse.

-r

I.

17

PARTE TERZA.

258

a tergo del documento che li ricliiede i demediante sentenza;


le epistole, forma generica ed ordinaria delle costituzioni emanate per propria e spontanea volont del
pontefice, le quali in tal. caso si, dividono a loro volta
in encicliche, se dirette a modo di circolare, ad un notevole gruppo di vescovi
in chirografi, se portano
la firma originale del pontefice
in bolle e brevi, se
a piedi

risoluzioni di controversie

creti,

con maggiore o minore solennit di forme, secondo la importanza dell'atto, o la


considerazione della persona a cui sono dirette o altra
simile circostanza. Gli atti della curia, cio della cancelleria apostolica, delle sacre congregazioni e degli
altri uflci che coadiuvano il pontefice neir esercizio
del suo ministero, sono produttivi anch' essi di norme,
sono fatte dagli

uffici,

quando siano accompagnate dai necessari revengono a far parte del diritto canonico. Alla
cui formazione possono finalmente contribuire anche
le quali,

quisiti,

le leggi civili, quelle cio

che derivano dallo stato, per

regolare le sue relazioni colla chiesa. Secondo perci

prendono carattere diverso


che le riguardano: prevalendo Ia.liiesa,
esse hanno lo scopo di sanzionarne i canoni, aggiungendovi la conferma civile, come hanno fatto in parte
le costituzioni degli imperatori romani e pi i capitolari dei Franchi trovandosi in pari condizione i due
poteri, le leggi prendono carattere di reciproche concessioni, e cos sono infatti i pi dei concordati avendo
la qualit di tali relazioni,
le stesse leggi

invece la supremazia

lo

stato,

suoi provvedimenti

sono diretti a regolare la condizione che fatta alla


chiesa, e tali son quelli che si hanno negli stati moderni.
135.

tosto_
bito

il

Dalla

molteplicit di queste fonti nacque ben

di materia, e quindi venne subisogno di ordinarla e se mplificarla Per la pra-

sovrabbondanza

259

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

da tempo antico composte collezioni dei camaggior semplicit, cronologiche, e poi


sistematiche. Fra le cronologiche, trascurando quelle
pi antiche orientali, non scevre tutte di elementi
non genuini, si devono per V occidente ricordare le

tica furono

noni, prima, per

seguenti

Is^i^^rjscaj

antica versione italica di colle-

zioni orientali, fatta nel corso del secolo

la

dioni-

siana, composta dal monaco Dionisio, detto exiguus,

contemporaneo
colo

Cassiodoro,

di

cio vissuto fra

VI, la quale un con

il

il

se-

canoni de' concilii

anche le costituzioni de' papi, fino ad Anastasio II,


morto nel 498, e fu di grande autorit, avendo avuto
la massima diffusione fino al secolo ^n\l: Vadriana,
che fu da Adriano papa presentata a Carlomagno, nel
riceverlo solennemente in San Pietro, quando per la
prima volta ei venne in Roma, e che non se non
una continuazione di quella di Dionisio, coli' aggiunta
canoni posteriormente venuti: le decretali d'Isisono una falsificazione, collegata con
r altra dei falsi capitolari di Benedetto Levita (n. 32),
composta nel secolo IX, nella Francia occidentale, collo

de'

doro, le quali

scopo

di far

foi'ina

credere che

le

idee di supremazia e di ri-

ecclesiastica, che allora

si

avevano, trovassero

in atti legislativi del passato quell'appoggio, che nel

presente non si poteva loro procurare. Tuttavia, non


essendosene, se non assai pi tardi, scoperta la falsit,
la sua autorit fu grandissima, finch non venne aj)ren-

dere per s sola

il

campo

la collezione sistematica di

Graziano. Nacque Graziano in Chiusi, e fu benedettino in


Bologna, dove fior, secondo qualche antica memoria, ai

tempi

di

Iacopo glossatore

prima met

(n. 150), e

certamente nella

del secolo XII. Alla sua opera, cui nell' uso

nome semplicemente

di Becretum, egli aveva


Concordantia discordantium canonum,
per far manifesto il disegno scientifico che ne r^veva

prevalse
dato

il

il

titolo di

PARTE TERZA.

260

formato, cio di raccogliere tutta quanta la materia

sparsa nelle precedenti collezioni, per toglierne quanto


era superfluo od antiquato e conciliarne le parti dila prima riguarda le
scordi. E^ la divise in tre parti
:

persone e

fonti del diritto, le

gli uffici, e

contiene 101

distinzioni, \sdi cscnnsi in canoni; nella seconcla,

vasta e la pi importante, riunita tutta la sosi compone di 36 cause, le quali

la j)i

stanza del diritto, e

si dividono in questioni e queste in canoni; la terza,


avente come la prima soltanto canoni e distinzioni,
e di queste non pi clie cinque, tratta della liturgia.
Straordinaria fu la fama che consegui il decretoi^sso

fu

paragonato

al digesto, del

quale aveva imitato T or-

dine esteriore, sia nella triplice partizione

(n.

148), sia

nelle rubriche, corrispondendo le cause ai libri, le distinzioni

menti

ai

titoli,

canoni

alle singole leggi o

fram-

fu pubblicamente insegnato a Bologna e a Pa-

rigi: fu accolto nei tribunali, ed ebbe,

non altrimenti

che i testi romani, glosse, commenti e cultori speciali.


Per il diritto canonico progrediva ancora, massime
essendo quello il tempo in cui la chiesa, e per essa il
papato, pareva che dovesse realmente trasformarsi in
monarchia universale. Da Alessandro III a Bonifacio YIII
la legislazione

canonica tocc

il

culmine della sua

fe-

condit e della sua diffusione, e perci, apparendo insufficiente l'opera di Graziano, si fecero altre collezioni
di canoni, e

non pi per opera privata,

ma

per pub-

blica autorit, datone l'incarico dal pontefice medesi-

mo. Cos fece Gregorio IX con Raimondo di Pennafort,


che nel 1230 die compiuta la collezione affidatagli, la
quale il pontefice mand, per la pubblicazione e F insegnamento, a Bologna e a Parigi, dichiarando, secondo
il linguaggio imitato da Giustiniano, che essa sola dovesse osservarsi nei tribunali e nelle scuole, e che altre
collezioni non dovessero farsi senza licenza della sede

EPOCA

LiEL

261

RISORGIMENTO.

apostolica. Tale raccolta ebbe

antonomasia, fu'eguagliata

il

titolo di decretali

al codice,

per

a cui somiglianza

era composta di costituzioni, titoli e libri, e di questi


ebbe cinque, nei quali la materia era distribuita come,
per uso della memoria, fu indicato col verso iudex,
iudicium^ clerus, connuhia, crimen. Bonifacio Vili non
volle rimanere inferiore a Gregorio IX, e in una nuova
raccolta ordin, nel 1298, tutte quelle costituzioni che
:

erano posteriormente sopravvenute, comprese anche


proprie, e le die nome i sesto, cio a dire la continuazione, con un sesto libro, dei cinque libri della
compilazione gregoriana non per da credersi che
sia composta di un solo libro, che ne ha cinque ancor
le

essa, fra

distribuita come nelle


E con non diverso metodo furono

quali la materia

decretali di Gregorio.

composte anche

le cosi

dette clementine, la raccolta

cio di altre costituzioni, che

ordinato che

si

Clemente

nel 1313

aveva

facesse e che fu pubblicata nel 1317 da

Giovanni XXII.
Le costituz ionLche non furono accolte nelle tre collezioni qui sopra citate, si tennero, analogamente alle
novelle del diritto romano, come atti legislativi separati, e si chiamarono perci extravagaates, perch vagavano fuori di qualunque raccolta. Tali furono quelle
che pubblic Giovanni XXII nel 1325, e tali quelle ancora dei pontefici seguenti sino a Sisto IV; le prime si
chiamano extravagantes Johannis XXII e le altre
ex trai' ag ante s comunes, ordinate anche queste in cin-

que libri, titoli e capitoli.


Queste varie collezioni, dal decreto di Graziano alle
estravaganti, furono considerate come parti di un solo
codice, di una intera legislazione, e quindi, insieme
unite, formarono il Corpus iuris canonici, come il Corpus iuris civilis era formato dalla unione delle varie
opere legislative

di Giustiniano.

Gregorio XIII ne fece

PARTE TERZA.

262

una generale revisione per mezzo di una commissione detta dei Correctores romani, il cui lavoro
mise capo all'edizione romana, cio- all' edizione che

fare

ufficialmente fa testo, pubblicata in

Roma

1582.*

nel

che seguirono la formazione del Corpus iuris furono raccolte, per ordine cronologico, nei Bullaria, de' quali prende il nome di Bullarium magnum quello generale, contenente gli atti

Le

costituzioni

pontificie

successivamente de' vari pontefici.


136.

L'efficacia

comune,

del diritto canonico,

fu varia secondo

tempi,

come

diritto

luoghi e le materie

a cui si aveva riguardo. In quanto al tempo, essa fu


certamente massima nel medio evo, quando neppure
veduto
il diritto romano potea farle contrasto, e si
infatti a suo luogo come, dai Franchi in poi, le leggi
della chiesa fossero in gran parte il fondamento e il
complemento di quelle barbariche. Anche per nell'epoca posteriore, quantunque limitata e talvolta combattuta, l'autorit delle leggi ecclesiastiche rimase im-

portante nella relazione con quelle civili gli statuti non


potevano derogare ad esse, anzi per giudicare della
bont di questi si veduto che si prendeva il criterio
:

della loro corrispondenza colle leggi della chiesa (n. 99),


dalle quali in certo

modo potrebbe anche

dirsi

che sca-

turissero, in quanto che le consuetudini, che ne erano

dovevano essere approvate, per avere


anche dall'autorit ecclesiastica. E le leggi
ancora dei principi riconoscevano nel diritto canonico la

la fonte (n. 97),

validit,

qualit di diritto

comune

le costituzioni di

Amedeo

Vili

* Edizione critica, dopo le altre che ne hanno aperta la via,


questa: Friedberg, Corpus iuris canonici editio lipsiensis ec, Lipsia, 1879-81.
2 Bull, magnum.... usque ad Bened. XIII, 1727 e seg.
Bularii
;

rom. continuatio, Roma, 1838 e seg.


e seg.

Editio ocupletior, Torino, 1857

EPOCA DEL RISORGIMENTO.


lo

ammettevano espressamente

263

(n. 123), e nei

documenti

meridionale frequente la clausola che si rinuncia omni iuri canonico, non altrimenti che a quello
dell'Italia

civile e a quello longobardo. Certo


i

per che non in

luoghi eragli consentita eguale autorit.

tutti

Massima era

questa l dove la chiesa poteva pi direttamente e sicuramente dominare le istituzioni civili, ossia, pi che altrove, negli stati ad essa appartenenti, nei quali preva-

leva anche

romano, quando questo avesse avuto,


un principio contrario (n. 120). Negli
a,ltri luoghi molto dipendeva dalle condizioni politiclie,
dalla qualit delle relazioni fra lo stato e la chiesa, onde
avveniva che, col variare di queste, si vedesse qua
al diritto

nel caso speciale,

consentito ed accettato quello che altrove era negato


e combattuto.

materia, cui

soprattutto poi

si

le leggi ecclesiastiche

aveva riguardo
o le

alla

civili si rife-

rivano, per determinare la loro relazione. In alcune,

strettamente attinenti all'ordine civile, l'ingerenza del diritto canonico non era in alcun modo consentita. In altre, che potean toccare interessi anche
in quelle

della chiesa, spirituali o temporali, diretti o

che fossero,

le leggi civili

vano i principii del


esempio a riguardo

univano

indiretti

coi propri e difende-

canonico, come se ne ha
regime della propriet ecclesiastica, delle decime, della tregua di Dio, del divieto
delle usure, delle immunit concedute ai chierici e di
molti altri argomenti. Finalmente in altre materie, le
disposizioni relative alle quali erano essenzialmente didiritto

del

pendenti dai principii che la chiesa professava come


dogmi, era, salvo eccezioni, rimessa al diritto canonico
ogni autorit, limitandosi le leggi civili a dar loro la
sanzione secolare cosi era, per esempio, a proposito
del matrimonio, tanto per g' impedimenti, quanto per
:

il

rito

per

da seguirsi nella celebrazione, quanto ancora


caratteri dell'atto, e per quello soprattutto della

PARTE TERZA.

264

indissolubilit; cosi era

ancora per

sonale di chi avsse professato

la condizione

per-

per
materie che ratione rei, quando vi era l'elemento del
ratione personce, quando trattavasi di ecpeccato,
clesiastici, erano riserbate al foro clericale, al qual proposito famoso l'esempio dei tribunali d'inquisizione
dei quali le leggi civili non facevano che accettare i
i

voti religiosi

cosi

le

comandi e

le

autorit laiche non erano che strumenti di

esecuzione.
Coi nuovi principii, a cui sono ispirate le legislazioni
moderne, e con quello specialmente fondamentale della

separazione della chiesa dallo stato,

il

diritto

canonico

ha dovuto interamente cedere il campo alla legge civile. Questa ha regolato, indipendentemente, quegli
nei quali era possibile prendere di vista il solo
elemento civile, come, per esempio, nel matrimonio:
per gli altri, nei quali la relazione colla chiesa era elemento essenziale, ha dato norme speciali, come per la
condizione del pontefice, per gli enti religiosi, per il
loro patrimonio e per tanti altri simili argomenti, che
sono r oggetto delle leggi propriamente dette ecclesiastiche, attualmente vigenti.
istituti,

Capitolo
137.

III.

Il

Come, nel tempo

romano non

diritto

romano/

delle leggi personali,

il

di-

conservasse vivo neir uso della


maggior parte della popolazione, ma avesse influenza
grandissima su tutta intera la vita giuridica italiana,
ritto

fu

solo

si

gi detto altrove (n. 70).

Col ristabilimento della

territorialit della legge, esso, favorito dall'elemento


^

e.

Fertile, 63

Salvigli, p.

2; Brcgi, Le cause intrinseche

Palermo, 1886; Vanni,


Urbino, 1887.

La

II, e. 19;

della

Sohupfer,

sez. II, tit. I,

universalit del dir. romano,

universalit del

dir,

rom.

e le sue cause,

EPOCA DEL RISORGIMENTO.


latino della popolazione e

nuova

dalle

qualit proprie

265
della

veniva svolgendo, riguadagn generalmente la predominanza perduta da prima per le


invasioni barbariche e poi per la diffusione delle istituzioni feudali. Le cause di questo fatto furono in parte
quelle stesse che nel tempo precedente avevano assicurato la esistenza del diritto romano, e in parte cause
nuove.
Le^due supreme istituzioni della societ, la chiesa
e r impero, avevano accolto il diritto romano. Quella,
nata in esso, mantenutasi essenzialmente romana, ricevendone garanzia per tutti i suoi privilegi, lo aveva
sempre riconosciuto come diritto vigente, fino a che
non s'incontrasse con contrarie disposizioni delle leggi
canoniche: l'impero lo avea pure accettato, sia perch
vi^trovava quel carattere di universalit, che era prprio della sua missione, sia perch ne prendeva la giustificazione del potere supremo, e talvolta assoluto, che
reclamava su tutte le altre istituzioni sociali. Di modo
che ove giungeva la potest politica dell' impero, ivi
il diritto romano trovava applicazione
e favore. I giureconsulti, per determinare quali paesi debbano riconoscerne r autorit, prendono appunto per criterio la
loro appartenenza all'impero, se pur non giungono a
quello della qualit di cristiani, in quanto che anche la
chiesa seguiva il diritto romano, e dove giungeva la
cristianit, ivi, virtualmente almeno, tendeva ad arcivilt

che

si

rivare r autorit imperiale, la cui

non conosceva

suprema missione

n altri. In^ questo


modo il diritto romano prendeva anche carattere di
diritto internazionale, essendo le altre leggi civili limilimiti di territorio

tate a regolare soltanto le relazioni fra le persone di

una medesima nazione.


Accanto a questi motivi
avevano altri speciali per

di

carattere generale, se ne

la diffusione del diritto ro-

PARTE TERZA.

266

in Italia. La nuova societ, che quivi si veniva


formando, era essenzialmente di civilt latina, e perci
il diritto romano le si adattava pienamente, non solo
perch si ricongiungeva alle memorie ed istituzioni antiche, che ora risorgevano colla vita comunale e cogli
studi rinnovati; ma ancora perch, con la sua ampia
capacit, poteva dar norme per i tanti nuovi bisogni
che si venivano manifestando, sia nel combattere gli
avanzi della barbarie, sia nel far progredire rincominciato risorgimento. N ci basta. Eravi, di pi,
r altra e principale ragione che V Italia era divenuta
per le sue scuole
il centro del risorto diritto romano
le citt venivano in fama, e crescevano in popolazione e floridezza; da esse uscivano quanti erano, o

mano

come podest,

come

giudici, o

come

statutari, chia-

mati ad aver parte importante nel governo comunale, le cui leggi, in conseguenza, essi piegavano ai
pure a quelle
principii del diritto da loro imparato
scuole facevano ricorso i principi, o per trarne conper istituirne altre simili nelle proprie
siglieri,
citt, come ve lo facevano gli stranieri, per apprenderne quella sapienza che portavano poi in patria,
per applicarla al miglioramento della loro legisla;

zione.

Per tutto questo complesso

di fatti,

quali

limitarono al tempo del rinascimento degli

non

si

studi giu-

ma continuarono nelle loro conseguenze Ano a


tempi non lontani, il diritto romano fu posto in grado di
dare, col rinnovato suo splendore e colla sua massima
ridici,

diffusione,

il

carattere all'epoca intera, e di essere,

come legge generale

comune, non

della giurisprudenza in Italia,

ma

solo

la

il

fondamento

ragione del

ri-

sorgere di essa nei paesi pi culti di Europa. Tutto


lo sviluppo del diritto, fino a quello oggi vigente, ha
soggiaciuto air influenza romana. Ora, se questa era

EPOCA DEL RISORGIMENTO.


cosi grande, a che

si

degli altri diritti, che

riduceva

contemporaneamente esistevano,

sia di carattere generale,

non

267

la eflcacia e la utilit

che locale? Tale questione

ma

anche nella pratica ebbe importanti conseguenze, che occorre indicare.


138.
E innanzi tutto convien vedere quali relafu solo teorica,

zioni

si

stabilissero fra

il

diritto

romano

e quello della

chiesa.
si pur ora
romano fu una

Di questa

pel diritto

ripetuto che

il

suo favore

delle cause che lo

sostenuto e fatto prosperare.

Ma

le

avevano

cose dovevano del

tutto mutare, appena del favore della Chiesa l'altro


non ebbe pi bisogno, e prese dinanzi ai canoni la posizione di un rivale nel dominio della societ. Questo
contrasto rendevano inevitabile varie ragioni. Ve n' era
una polit ica, poich il diritto romano fu preso a sostegno dagl' imperatori, che volevano emancipare la potest dello stato dalla chiesa, mentre questa, nella
contraria aspirazione, era sostenuta naturalmente dal
diritto canonico. Vi si aggiunse una ragione economica.

nuovi interessi, sopra tutto commerciali, delle classi


si affidava allora il progresso sociale, non trovavano nelle norme canoniche
sufficiente corrispondenza, perch, vincolate col domma,
queste non avevano la capacit di rapido adattamento
che il commercio richiede, ed ispirate sempre da un
principio di morale religiosa non potevano cedere a
tutte le esigenze degli affari terreni: la tenacit con
I

borghesi, che erano quelle cui

cui

il

diritto della chiesa difese

immunit

e privilegi,

che sottraevano al commercio cose e persone; la difficolt che ebbe sempre a riconoscere onesti gl'interessi del denaro, de' quali il commercio non pu fare
a meno, sono esempi che provano la verit della pre-

cedente affermazione. Invece, del tutto diverso era il


diritto romano. Per lo sviluppo da lungo tempo con-

PARTE TERZA.

268

seguito in ogni sua parte, e in quella

massimamente

egualmente da tempo
antico acquistata, di adattarsi progressivamente ai bisogni giuridici che si vengono formando; esso pot secondare le richieste della nuova societ, diventando
un elemento di forza ivi stesso da dove il diritto canonico veniva allontanato. N manc finalmente una
delle obbligazioni, colla capacit,

ragione pi generale, derivante dall'indole stessa della


di abbandono del pasnuovo, e perci meno
favorevole ai canoni, uniti con quello, che al diritto
romano, per cui era l'avvenire. un sentimento che
in pi modi si manifesta. Anche Dante non favorevole ai canonisti, biasimando quelli che sono troppo
dediti allo studio delle decretali. Verso il diritto romano, invece, tutti accorrono. Faceva cos'i anche il
clero, e perfino i monaci disertavano i chiostri per apprendere legge civile nelle pubbliche scuole. E la conseguenza di tutto questo non pot altro essere che
l'antagonismo fra i due diritti, quello della chiesa, che
si vedeva togliere il dominio fin allora incontrastato,
e quello romano, che di tutto approfittava per giungere alla sua piena emancipazione.

societ: la, tendenza de'

tempi

sato e di aspirazione verso

il

Gli effetti pratici ditale stato di cose si videro nei di-

che l'autorit ecclesiastica fece relativamente allo


Da prima furono i concilii
che lo proibirono ai chierici, considerandolo come uno

vieti

studio del diritto romano.*

studio di secolari,
^

La questione

utile

per quegli

stata in Tario senso

aff'ari

soltanto dei

trattata da molti. Fra

principali: Gaillv.^i^b., Le pape Honorius Ill.etle droii

ciriV,

Lyon, 1881;

a propoa de la bidle Super specida, in Nouv. Revue histor. ec. >


De Monlon, Vglise et le droit roman, Paris, 1887; FouEKiF.R, Vglise et le droit romain au XI II siede cit. in Nouv. Revue ec. ,
1890; DiGARD, La papaut et l'tude du droit romain au XIII siede
Tardif,
1881;

projyos de la fausse bulle d'Innocent IV, in


tes >, 1898.

< Bibl.

de

l'c.

des char-

EPOCA DEL RISORGIMENTO.


quali gli ecclesiastici

209

non devono occuparsi

cos,

il

concilio di Tours, dell'anno 1163, volendo impedire che,

sub occasione scientice spirituales viri munclanis rur~


sus actionibus iivolvantu\ decret ut nulli omniio,
post votimi religionis, ad leges mundanas legendas
permittatur ecoire} Ci confermarono i papi. Onorio III
eman nel 1219 la bolla Super specula, nella quale, dopo
aver lamentato che per gF interessi secolari erano trascurati

doveri dello stato ecclesiastico, ripet le di-

sposizioni deir anzidetto concilio, e di pi dispose che

non dovesse

mano

in

alcun

modo

insegnarsi

il

diritto

ro-

perch quivi era il


centro degli studi teologici, e perci grande l'affluenza
de' chierici. Se^u Innocenzo IV. Nel 1254, colla bolla Dolentes (sulla cui autenticit per si elevano forti dubbi)
lamentando che le precedenti disposizioni non abbiano
avuto effetto, le rinnova, le munisce di sanzioni penali,
e ne aumenta anche la estensione, vietando l'insegnanella universit di

Parigi,

mento del diritto romano in molti


che non se ne ottenesse dispensa

altri luoghi,

meno

dal papa, e col patto

sovrano locale acconsentisse. Per l'Italia si tace.


glossatore Giovanni d'Andrea pareva strano che
non si studiasse il diritto romano a Perugia, mentre
ne era libero lo studio a Roma
dunque, anche per
l'Italia qualche divieto si deve esser fatto; e^sejjuesto a Roma non si trova, ci viene spiegato dal fatto
che quivi la diretta preponderanza dell' autorit ecclesiastica bastava ad impedire quegl' inconvenienti,
che altrove richiedevano pi energici provvedimenti.
Ma il ripetersi continuo di questi dimostra la loro
che

il

Ma

al

Non ostante la ostilit della chiesa il diritto


romano progrediva, e l'avversarlo maggiormente altro

inefficacia.

non era che preparare


1

C.

3,

X, Xe

la

completa esclusione

clerici (III, 50).

dei ca-

PARTE TERZA.

270

noni dalla vita giuridica della societ. Perci


del conflitto cessarono,

almeno
talvolta

di essi,
il

quantunque

non nascondessero

disprezzo verso

quale prese un altro

modo

il

di

le

asprezze

romanisti, o taluni

la loro

animosit e

della

diritto

chiesa.

combattimento

Il

non pi

guerra aperta ad un avversario invincibile ma la


concorrenza ad esso, cercando di munirsi degli stessi
mezzi de' quali V altro era forte. E cos fu che il centro stesso degli studi romanisti lo diventasse anche
dei canonisti
a Bologna si oppose cattedra a cattedra,
testo a testo, commento a commento
e a Bologna il
diritto canonico ebbe, pu dirsi, il suo compimento,
perch quivi fu Graziano autore del Decretum, quivi
furono ufficialmente inviate le codificazioni di Gregorio IX, Bonifacio Vili e Clemente V, qui mediante
la glossa se ne fece praticamente Y applicazione pi
ampia. Il papato volle mostrare la massima potenza,
a cui allora era giunto, proprio nel dare al diritto canonico una sistemazione ed una autorit non diversa
n inferiore a quella del diritto romano, e deve dirsi
che vi sia riuscito. Il diritto romano, d' al troiKlCj^ inla

cominci, dopo un certo tempo, a sentire la decadenza del proprio studio, e trov allora vantaggioso
che il diritto canonico, se non poteva pi esserne il
forte difensore, come nel!' antico medio evo, gli divenisse una forza alleata, mediante un reciproco accordo,
che di fatto riusci ad esso favorevole, e ne conferm
la qualit di legge generale o comune. Imperocch,
come la chiesa, pur attribuendosi una potest illimitata, riconosce dinanzi a s una potest civile, che
ha tutto un campo suo proprio
cos la legislazione
ecclesiastica, pur non sentendosi a nessuna cosa estranea, ammette che esista una legislazione civile, ampia
ed autonoma per tutto ci che le appartiene. Tale
fu il diritto romano, regolato, per, praticamente in
;

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

271

modo da non eccedere la sua competenza, invadendo


quella della chiesa. Da un lato, infatti, non si pera porsi in contradizione aperta con
che il diritto canonico
suppone e custodisce, e che sono in sostanza i principii dommatici, sui quali la chiesa riposa. In secondo
luogo gli si sottraggono alcune materie che questa conni etta..clie.ji'enga

alcuni principi! fondamentali,

come esclusivamente soggette alla sua


modo connesse

sidera

speciale

giurisdizione, perch in qualche


ficio

non pu cedere ad
accade pel matrimonio, per la

spirituale di cui

cizio: cos

coli' uf-

altri

l'eser-

efficacia dei

per la condizione civile de' chierici, pel giurae per altro. Sono due condizioni, come si vede,
che praticamente dovevano riuscire assai limitatrici,
e l'averle il diritto romano subite spiega il fenomeno,
di cui si parler altrove, cio che, mentre esso era a
capo del progressivo movimento sociale, fin, specialvoti,

mento

mente

in

Italia,

coli"

forme

alle

139.

esserne superato, e

coli'

essere

come cosa antiquata, non pi con-

quindi riguardato

tendenze del tempo.

Quantunque

non

cos gravi,

non mancavano

tuttavia le questioni anche sulla relazione da stabilirsi


fra

il

romano

o fossero
In

diritti particolari, fossero gli statuti,

le legislazioni regionali.

quanto

statuti

agli

domandava

si

eflScacia le loro disposizioni,

se

avessero

quando fossero contrarie

comune cio, in caso di conflitto, a qual


dovesse dare la prevalenza.
Que' giureconsulti che giustificavano la esistenza dei
diritti locali colla permissione datane dall'impero o colr esercizio, da parte dei loro autori, di una giurisdizione di grado subordinato a quella dell'impero medesimo (n. 96), venivano naturalmente alla conseguenza
che contro il diritto imperiale, quale era il romano,
al diritto

parte

si

non potevano

essi disporre in

modo

efficace.

queste

PARTE TERZA.

272
conclusioni

ragioni,

lari

scientifica

come

giureconsulti eran tratti da loro particoscientifiche o politiche.

che

la perfetta espressione

della giustizia,

scripta, alla quale chi derogasse

che non

si

Era j)er ragione

romano veniva considerato

diritto

il

la ratio

non poteva far cosa

dovesse riprovare, come contraria alla giu-

medesima, anzi alla ragione. Motivi politici


cevano poi difendere nella superiorit assoluta del
stizia

romano

ritto

principio

il

della

sovranit

fadi-

imperiale

contro r emancipazione che tendevano a prenderne


comuni e signore derivato dall' impero, il diritto romano non poteva essere derogato da chi aveva poe servendo esso ai supremi interessi
test inferiore
:

della societ, ossia a quelli cui era destinato l'impero

medesimo, non poteva venir sopraffatto da leggi che


erano richieste soltanto da interessi particolari. Queste teorie, tranne alcune modificazioni, sono comuni ai
pi de' giureconsulti, che facevano del diritto romano
lo speciale

avanti.

oggetto dei loro

Non mancarono,

studi,

dal

secolo XIII in

per, opinioni contrarie, che

pretendeva sostenere egualmente sul!' autorit dei


era chi, partendo dal principio che il
romani.
diritto civile quello che ciascun popolo stabilisce per
si

testi

s stesso, considerava esser tale la legislazione statu-

taria: e siccome

si

giureconsulti antichi avevano sen-

prevalere al diritto delle genti,


concludeva che sul romano, riguardato veramente

tenziato dover

allora

come un

il

civile

diritto delle genti o internazionale, si

alle disposizioni, anche se


ad esso contrarie, degli statuti (Alberico da Rosate).
Altri faceva richiamo al diritto di natura, e ragionava

dovesse dare la preferenza

per legge naturale, cui non"si pu contradire, 1


popoli, come gl'individui, hanno la propria esistenza,
cos

ma condizione necessaria
che non si pu togliere
perch i popoli esistano che abbiano leggi, senza le
:

273

EPOCA DEL RISORGIMENTO.


non

quali la vita sociale

hanno per proprio

si

pu mantenere

dunque,

diritto naturale la facolt di darsi

leggi, quali loro convengono, e non si pu pretendere


che queste, per la loro validit, si trovino sempre concordi con un diritto generale o comune, altrimenti si
sottoporrebbe a condizione la esistenza stessa de' po-

Sono ragionamenti anche questi, come si vede,


romano non avrebbe, secondo il
suo spirito, permessa alcuna contradizione alle sue
regole; il diritto civile non era quello de' singoli munipoli.

artificiosi. Il diritto

cipii,

ma

dello stato

la idea

nit avrebbe consentito quello

romana

della sovra-

sminuzzamento che

al-

lora se ne faceva, riconoscendo indipendenza di potest


legislativa ai comuni.

Eppure questi

di fatto la

possede-

vano, e la ragione non ne eraje non che essi avevano


conseguito una potest politica, che in pi modi, non
escluso quello della forza, sapevano difendere ed esercitare. Soltanto

quando

comuni decaddero,

e sopra di

essi si ricostitu la potest dello stato, gli statuti

non

poterono allora pi contradire alla legge generale, ma


vissero, sempre pi limitati, entro quel campo che da
questa fu loro concesso.
Il diritto romano, per, se pur non poteva impedire qualche contradizione ai suoi principii da quello
locale, vi conservava sempre una importante influenza,
che in pi modi si manifestava. Esso, in primo luogo,
era fontedegli statuti, che ne attingevano regole per
Inoltre era ordinariamente il
il proprio svolgimento.
mezzo per la interpretazione delle leggi particolari, il
che era compito de' giuristi e de' magistrati, i quali, appresa la giurisprudenza nelle scuole romanistiche, ave-

vano tendenza

e ragione d' introdurre principii

medesime, che

romani

erano chiamati a
compilare o a correggere o ad applicare. Finalmente nel
romano si aveva il diritto sussidiario, vale a dire che si
in quelle

Jf.

5.

leggi

Calisse.

I.

essi

18

PARTE TERZA.

274

faceva richiamo ad esso per tutti que' casi nei quali gli
statuti tacevano. Certamente, ci non era sempre posche dettero tanto alimento
trovava accumulata una quantit di elementi barbarici, di cui pur si doveva tenere gran conto.
Si formarono, di pi, tanti interessi nuovi, sopra tutto
commerciali, che il diritto romano non aveva conosciuto, e non poteva perci regolare, per quanto suoi
sibile.

Nelle consuetudini,

agli statuti,

si

cultori si sforzassero

di

piegarlo a tutte le richieste

nuova societ. Quindi necessariamente gli statuti


dovevano in qualche parte scostarsi dai principii romani: e poich questa era una conseguenza de' bisogni
realmente sentiti, si vede in ci la ragione per cui,
della

qualora tal caso di conflitto accadesse, la parte che

doveva prevalere fosse quella del diritto locale.


140.
Altrettanto si deve dire per le legislazioni

degli stati italiani, che

si

sovrapposero

ai

comuni.

Ma

qui occorrono altre osservazioni. Le anzidette legislazioni trattano tutte di preferenza il diritto pubblico,
perch esse avevano per scopo principale il riordina-

mento

politico della societ, ricostituendo la unit e la

forza dello stato sulle divisioni feudali e municipali del


diritto privato era generalmente trascudopo un primo periodo di energia legislativa, segu un altro di rilasciatezza, corrispondente
a quello della decadenza anche politica d'Italia, per
le preponderanze straniere e l'eccesso dell'assolutismo
nei governi. In conseguenza, que' diritti che si era incominciato a rendere subordinati, e che forse, se il movimento della riforma legislativa fosse durato colla intensit che ebbe in principio, sarebbero stati privati della
efficacia di legge vigente, come poi accaduto nel se-

medio evo.

Il

rato. Di pi,

colo
il

XIX

diritto

fosse,

il

ripresero estensione e forza, e innanzi a tutti

romano, il quale diventa, anche pi che gi non


fondamento della universale giurisprudenza, sia

EPOCA DEL RISORGIMENTO.


scieatiffajlue pratica.

275

diritto longobardo, quello feu-

Il

non formano oramai che eccezioni, entro un campo speciale, sempre pi limitato. Il diritto
canonico vuol salvi i suoi principii dommaticij vuole a
dale, gli statuti

ma

s riservate talune speciali materie,

nel resto lascia

giurisprudenza romana la guida di tutti gli altri


interessi, e se ne serve anche e lo accredita. E il diritto romano si diffonde principalmente nel campo dealla

g-r

interessi privati, sui

quali,

come

si

poca

detto,

ingerenza spiegavano le leggi. Esso rivive, senza contrasto. Lo. dichiara anche Machiavelli, descrivendo lo
stato del diritto, quale egli vedeva
dice che le leggi
civili altro non sono che le sentenze de' giureconsulti
:

antichi, le quali, ridotte in ordine ed interpretate,


ai

giureconsulti presenti

il

modo

di giudicare.

danno

E quando,

pi tardi, rilevarono voci contro lo stato della^giurisprudenza, e se ne chiese la riforma, che dovea poi
compiersi nel secolo XIX, l'accusa che le si faceva era

che fosse essenzialmente romana, cio non adatta alle


condizioni di una societ tanto diversa dall' antica.
Il diritto pubblico, oggetto principale delle nuove
leggi, era molto meno di quello privato obbediente al

romano. Questo, tuttavia, non gli era estraneo. Sono


romani alcuni concetti essenziali della sovranit, quale
da' nuovi stati intesa: per esempio. Federico II gi
si detto che si richiama alla lex regia per giustificare la sua potest, e non diversamente fanno tutti
gU altri sovrani, che nell'imperatore romano hanno o
credono d' avere il modello del principe assoluto. Lo
stato doveva essere governato co" ricordi romani per
:

esempio,

Machiavelli, dettando le regole della politica da seguirsi affinch lo stato prosperi, non fa altro
il

tempo romano, e co' discorsi su Tito


commenta, ne dichiara necessaria
imitazione pel bene de' suoi tempi. E cos accade

che

riferirsi

al

Livio lo espone, lo
la

PARTE TERZA.

276

anche in

altri

rami

di diritto.

Ne

offre continui

esempi

penale la pena che dicevasi legale era quella


che si trovava stabilita nelle leggi romane; le costituzioni egidiane si richiamano alla legge Cornelia de
i
criminalisti scrivono di
sicariis, e non sono le sole
diritto penale, e ne trattano nei tribunali le cause semil

diritto

pre a base di testi romani e cos le cose continuarono fino a che non sorse la violenta reazione, cui
diede principio Beccaria, che nella servile obbedienza
alle leggi di Giustiniano trov la prima causa de' mali
;

lamentati.
141.

Per, sarebbe un errore

il

credere che sia

forma
comune, governava ora tutta la vita
giuridica. Gi si detto come, attraverso le consuetudini, si fossero insinuati ne' nuovi diritti non pochi
elementi barbarici, che non era possibile estirpare si
proprio
e

nome

il

diritto di Giustiniano quello che, sotto

di diritto

detto ancora

come dovessero sorgere regole nuove,

per corrispondere

ai

bisogni

nuovi della societ

si

detto finalmente

come

neva del

longobardo e feudale e la influenza

diritto

il

contatto con ci che rimail diritto romano


abbandonando interamente

del diritto canonico abbiano costretto

a formare nuove teorie,


le

antiche

utile

il

consiglio di famiglia,

il

duplice dominio

diretto, la legislazione matrimoniale,

la enfi-

ne sono, fra tanti altri, notevoli


esempi. Accade, quindi, un riscontro fra tempi diversi
come nell'antico medio evo il diritto romano si allontana dalla sua purezza originaria, e, per mezzo principalmente della consuetudine, diventa in parte un dicos
ritto nuovo, che si chiama romano volgare (n. 10)
ora, mutate le condizioni della societ, lo stesso diritto torna ad adattarsi ad esse, e prende caratteri
nuovi, che, innestati sulle leggi antiche, danno a queste la possibilit di esser tuttora leggi vigenti. In que-

teusi feudalizzata

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

277

seconda fase, la trasformazione del diritto romano


prettamente italiana, onde si pu dire un diritto
romano italianizzato tanto vero che venuta, per
reazione allo studio esclusivamente pratico, la tendenza
scientifica di ricondurre il diritto romano alla purezza
delle sue fonti, questa non si svilupp in Italia, ma
sta

fu

dovette cercare ne' paesi stranieri pi favorevoli con-

E poich questo adattamento

dizioni.

mano
fu,

ai

come

del diritto ro-

sentimenti ed agl'interessi della societ non

medio evo,

nel

ma

il

risultato delle popolari con-

scienziati, che con tale


ne coltivavano lo studio si comprende la importanza straordinaria, non solo scientifica
ma anche politica e sociale, che prese, fin dagl'inizi
del risorgimento, la scienza del diritto, e che per essa
si comunic alle scuole ed a tutta la classe dei giu-

suetudini,

fu l'opera degli

indirizzo e scopo

risti.

Titolo Quarto,

la scienza del diritto.

Dalla

seconda met del secolo IX, quando


ordinamenti di Carlomagno deperivano e la
societ, sconvolta dalle guerre fra i successori di lui,
cadeva in preda al feudalismo, le condizioni della cultura nazionale divennero anche pi meschine che non
142.

cio gli

fossero gi state, e la scienza del diritto ne senti

pur

essa le conseguenze. Appena, per, incominci a

ma-

di nuova vita, e potrebbe


per aver un punto determinato
ebbe principio contemporadi tempo da cui muovere
neamente un lento risorgere degli studi giuridici, con
prevalenza sempre pi visibile ed e flicace_ del diritto

nifestarsi

qualche indizio

dirsi intorno

al

1000,

PARTE TERZA.

278

romano. La scuola

di

migliore, lo^trattava

Pavia (n. 81), nel suo momento


come legge generale a Ravenna
:

aveva sede onorata (n. 84) e qua e l veniva


formandosi quel movimento, che doveva poco dopo asessa

sicurargli incontrastato e glorioso dominio.

A questo risultato poco o nulla hanno contribuito


cause esteriori. Non se ne potrebbe, infatti, dar merito alla chiesa, la quale favor certamente, come si
pi volte detto, il diritto romano, ma poi fu spinta
da'TblTnteressi ad un atteggiamento contrario, e piuttosto che agevolarne lo studio cerc d'impedirlo^

meno pot questo avere


sene

fatti

dubbio, e
fu

iniziatori
gli

g'

Nem-

origine e sviluppo per esser-

imperatori.

svevi soprattutto,

quando ne ebbero compresa

lo
1'

Anch'

essi,

favorirono

utilit

per

senza

ma

ci

loro

fini

dopo cio che il diritto romano stesso era tornato a studiarsi e a divulgarsi. I romanisti, dei quali
Federico Barbarossa si circondava, erano gi i succesfra i giureconsulti pi insigni furono
sori d' Irnerio
non meno guelfi che ghibellini Bologna, centro di quepolitici,

avversa che amica alla parte impeFederico II fini con avversare la scuola boloriale
gnese, e questa ci non ostante continu a prosperare
egli eresse quella di Napoli, e non pot tuttavia, per
quanto lo cercasse, metterla in grado di esser emula
dell' altra. Le prime universit non furono dello stato,
e ci basta a mostrare che non fu la volont imperiale la causa del rinvigorito studio del diritto romano.
Anche i comuni ne furono fautori: ma similmente lo
furono quando le scuole erano gi accreditate e frequentate, gi capaci, cio, di dare quei vantaggi morali ed
economici, ai quali aspiravano le citt che se ne facevano sede.
Eliminate queste cause, che possono dirsi esterne,
per spiegare il risorgimento meraviglioso dello studio
sto studio, fu pi
;

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

279

romano, le cause intrinseche, che hanno


realmente avuto la capacit di produrre tanto effetto,
si devono ricercare nelle condizioni stesse della sodel diritto

facevano che quel diritto potesse, meglio


ogni altro, secondarne gl'interessi, sia per essere
allora la societ tutta rivolta a far rinascere, contro
ciet, le quali

di

la barbarie, la romanit, sia


-

per

bisogni, a cui le leggi esistenti

la soddisfazione di quei
si

mostravano non ade-

quate. Le cause in sostanza che hanno dato al diritto

romano tanto ringiovanimento


esso, come

di

stesse per le quali

forze,

diritto

sono quelle

comune, and

tanto innanzi, per diffusione ed efficacia, al diritto canonico e pi ancora a quello longobardo (n. 118). E que-

modo col quale il risora riguardo della istituzione delle scuole, nelle quali veniva impartito il suo
insegnamento, quanto de' metodi di studio e delle opere
scientifiche che ne furono il prodotto.
ste cause

medesime spiegano

gimento se ne

il

effettu, tanto

Capitolo

I.

Le

scuole di

143. Sentendosi necessit

di

intorno al quale la vita sociale

diritto.^

ben conoscere

il

diritto,

avvolgeva, e venendo
allettamento al suo studio dai vantaggi, che praticamente se ne ritraevano; coloro che insegnavano nelle
antiche scuole di grammatica (n. 80), e meglio ancora
quei che professavano la vita forense, i cosi detti msi

risperiti, legumdoctoresj causidici, iudices,

modo

volgevano

mente al diritto romano, e


quanto ne apprendevano comunicavano agli altri, che

in special

la

loro

ne volevano udire gl'insegnamenti.

quali

non erano

Fertile, 60; Salvigli, p. II, e. 16, 17, 18; Schupfeb, sez. II,
cap. 1; Savigny, t. I; Coppi, Le Universit italiane nel medio evo, 3' ed. 1886; Denifle, Die Universitiiten dea mittel Alter bis
iiOO, Berlino, 1885; Schupfbb, Le Universit, e il diritto, Milano, 1891,
*

tit.

II,

PARTE TERZA.

280

pochi, considerato anclie che allora, per la scarsezza


dei libri,

rinsegnamento orale era quasi

l'unico

mezzo

quanto pi valeva un maestro, tanto pi vedeva intorno a s crescere la corona de' suoi uditori, senza che da alcuna
autorit avesse incarico ufficiale d' insegnare e molto

per

la diffusione della dottrina: sicch

meno

stipendio. Si

formava

cos

una classe

di

persone,

unite fra loro da intendimenti comuni, le quali posero

qua e l per l'Italia le prime basi di quelle che poi dovevano essere le universit degli studi.
Da prima non fu questo il loro nome. Nella origine si
dissero non altro che scuole; il nome di studio venne
dopo, e gi indica una qualche stabilit e notoriet
presa dalla scuola. Degli studi alcuni diventarono poi
e si dissero generali, e furono quelli che accoglievano
quanti volessero frequentarli, ancorch stranieri, e 1

avevano universale riconoscimento, in modo


che davano a chi ne era fornito la facolt d'insegnare
e di aver uffici in qualsiasi luogo. Tale autorit non
acquistavano gli studi se non in due modi. Il primo,
che il pi antico, altro non era che la consuetudine,
cui diplomi

supponeva gi acquistata dallo studio la ceonde vi si accorreva da ogni parte, e in ogni


parte per conseguenza se ne diffondevano gli effetti.
L'altro, di et posteriore, era repentino, vale a dire
che d'un tratto per suo mezzo uno studio poteva acquistare la qualit di generale, ancorch non cominclasse ad esistere che nello stesso momento: questo
modo era la concessione o del papa o dell" imperatore,
di una cio delle due autorit supreme, che potevano
la quale
lebrit,

dare

ai loro atti efficacia universale.

Le pi antiche scuole non sorsero in tal modo, ma


indipendentemente da ogni favore di pubblica potest,
per virt delle condizioni, gi indicate, de' tempi e
de' luoghi. La loro prima costituzione non fu perci sq

EPOCA DEL RISORGIMENTO.


non quella
si

di

una

societ, che a

281

poco a poco s'ingrand,

perfezion, prendendo ad esempio le altre corpora-

non esclusi i comuni stessi, quali allora si avevano. Infatti, come ogni altra corporazione, cosi lo studio aveva i propri statuti, fatti e riveduti da commissioni
zioni,

a tale scopo elette

mente

aveva un capo,

cio

il

rettore, egual-

breve durata, responsabile, circondato da consigli, speciale e generale, analogamente al


elettivo, di

potest del comune: e

come

corporazioni avevano

le

entro s gruppi minori, fossero quelli delle arti inferiori rispettivamente alla maggiore, o fossero anclie le
divisioni del

vano

comune medesimo

gnanti, quanto fra

cos negli studi

si

ave-

non tanto fra insestudenti, che si aggruppavano in

simili associazioni

speciali,

nazioni, secondo cio la patria a cui

appartenevano,

sempre per rimanendo generale l'autorit del rettore,


giurisdizionale e disciplinare. E potrebbe osservarsi
ancora, per continuare il confronto fra comune ed universit, che come in quello la costituzione era dove
dove democratica, cosi in questa talvolta
erano gli studenti che formavano la corporazione, e
ne avevano perci il governo, fino ad eleggere il rettore ed i maestri; e talvolta la corporazione era formata soltanto da questi, con partecipazione degli stuesempio del primo
denti a fruirne g' insegnamenti
caso si ha in Bologna {uiiversitas scholarmm), pel segentilizia e

condo lo Parigi (nniversitas m agisti' or um).


Giunta la costituzione della scuola al suo compimento,
incominci a prendere il nome di universit, il quale
non significa in alcun modo che debba in essa aversi
l'insegnamento di ogni parte della scienza, come di fatto
non vi si ebbe nelle origini e per lungo tempo da poi
ma indica soltanto la sua qualit giuridica, cio l'essere essa una corporazione (uiiversitas), legalmente
riconosciuta e formata da tutti coloro che insieme vi si
;

PARTE TERZA.

282

univano, per insegnare da una parte e per imparare


dair altra.
144.

L'autonomia degli studi

di diritto,

loro formarsi quanto nei loro regolamenti,

tanto nel

non

si

man-

tenne a lungo. In un secondo periodo, che incomincia


largamente col secolo XIV, le scuole sono per lo pi
istituite per opera di autorit esterna, cio del papa,
come si detto, o dell'imperatore. Questi, secondo
l'esempio di Giustiniano e di Carlomagno, non poteva
considerare

come

ufficio

a s estraneo la direzione

di

quella cultura, che doveva essere immediata preparazione ai pubblici uffici. Da sua parte la chiesa non po-

teva rinunciare a simile privilegio, che aveva avuto per


il medio evo: anzi, doveva ora cercare di usarne
maggiormente, per tentar d' impedire il gi minacciato
distacco della scienza dalla teologia e poi anche dalla

tutto

fede. Quindi

si

spiega

come

le

pi delle universit, o

nelle loro origini o in appresso, abbiano avuto in fa-

vor proprio un atto pontificio, a cui erano uniti non


E fu questa la via per la quale s'incominci a trarre le universit verso la qualit, che

pochi privilegi.

poi divenne loro abituale, d'istituti governativi, di universit di stato.

Ne

esempio

la scuola di Napoli, isti-

con tale carattere, da Federico IL Ma anche nelle


altre, con successo pi o meno fortunato, si tent di
portare la trasformazione. Gi qualche cosa di simile
avevano fatto i comuni, perch la piena libert, di cui
gli studi godevano, li esponeva al pericolo di disordini
e di abbandoni, che si volevano evitare. Pi mezzi si
usavano. Ai professori di maggior nome si faceva offerta di stipendio, per attrarli nella citt propria, onde
tuita,

si

rendevano dipendenti, e

si

acquistava

il

diritto di

nominarli, sorvegliarli, punirli, quando non avessero


corrisposto allo scopo per cui erano stati chiamati.
privilegi, che

si

davano

agli studenti,

avevano pure un

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

283

corrispettivo nell' obbligo che questi assumevano, con

giuramento, di non portare altrove l'universit e di


far nascere turbolenze in paese
anche ci avvicinava le scuole al pubblico potare. Molto pi ci accadde, quando, finite le libert comunali, ne furono
dai governi degli stati succeduti abolite o assoggettate
le istituzioni. Questa seconda fu la sorte delle univermolte perirono, venendo meno insieme colla vita
sit
libera della citt che le aveva possedute
altre restarono, ma non altro che come istituti ufficiali, rigidamente ed in ogni loro parte soggetti a quanto le leggi

non

gunrda la distribuper l'Italia, facilmente si vede


come esse corrispondano per numero e per giacitura
agli antichi stati italiani ed alle loro capitali. Se pi
d'una se ne trova in questi stati, come accade perla
Toscana ed in maggiore proporzione per lo stato pontificio, ci si spiega pensando che quivi la unione politica di tutte le parti sotto un solo centro non avvenne
che tardi e non sempre compiutamente, onde poterono
esse, anche dopo perduta l'autonomia, conservare gli
studi che gi erano giunti in fiore nel precedente pepi, come si detto, scomparvero. A Verriodo. iNIa
celli, a Brescia, a Lucca, ad Arezzo, a Fermo, ad Ascoli,
a Vicenza, a Reggio ed altrove fiorirono studi di cui
poco pi che la memoria si conserva, perch queste
citt non poterono sostenerli, e quelli soltanto delle
citt pi importanti, se pure non delle sole capitali,
furono poi sostenuti dagli stati.
Fra queste seconde, fra le scuole, cio, che, sorte
e fiorite per propria virt, hanno poi continuato la vita
anche ne' tempi mutati per la qualit loro data di istituti dello stato, deve annoverarsi la pi illustre di tutte
per esse stabilivano.

Infatti, se si

zione delle universit

le scuole giuridiche italiane, la

universit di Bologna,
che fu veramente la culla del rinnovamento degli studi

PARTE TERZA.

284
giuridici, e fu

il

centro maggiore da cui questi

si dif-

fusero per i paesi civili.*


145. -^ Le origini, antichissime, ne sono avvolte nella
si pu con certezza asserire che anche in Bologna lo studio delle leggi siasi svolto dalle
precedenti scuole medievali e dai collegi dei giudici.

oscurit. Tuttavia

Retori, periti nelle arti, causidici, giudici


i

si

chiamano

suoi primi insegnanti, e ci ne dimostra la deriva-

almeno il nesso coir ufficio del giudicare e


cogF insegnamenti che nelle vecchie scuole s'impartivano. Si hanno anche non dubbie traccie di una cultura giuridica precedente la fama che poi acquist lo
studio bolognese. E di pi, le prime e spesso le uniche
notizie per i suoi pi antichi maestri, compreso Irnerio, si hanno dai documenti che ricordano i placiti,
ossia i giudizi a cui essi presero parte. Si trovava,
dunque, a questo riguardo Bologna nella stessa condizione delle altre citt, che possedevano fin dal medio
evo le scuole episcopali e la magistratura. Ma Tesser
poi la scuola bolognese giunta _a tanto che tutte le altre ne furono oscurate, mostra che per il suo sviluppo
vi devono essere state speciali ragioni. La prima sta
nel merito dei suoi insegnanti, i quali, favoriti anche
da circostanze estrinseche, come quella della buona posizione geografica di Bologna, della sua floridezza comzione

Ampia

bibliografia speciale in

Schupper,

cit.

pag. 4ST. Fra

pi recenti: Ricci, I primordi dello studio di Bologna, Bologna, 1888;


Chiappelli, Lo studio bolognese nelle sue origini e nei suoi rcqyporti

con la scienza preirneriana, Pistoia, 1888; Fittin'G, Die Anfange der


BevVm, 1888; Leokhakd, Die Universitat Bo-

Jiechtsschule zu Bologna,

logna im M. A., Leipzig, 1888; Rivier, i'L^njrersi de Bologne et la


premiere renaissance juridique, in Nouv. Revue histor. XII, 1888;
Tamassia, Bologna e le scuole imperiali di diritto, in Arch. giiirid. >

XL, 1888; Schupfeb, Le


se.

luor.

Ace. Lincei

origini della

YI, 1889; lo

Univ. di Bologna, in

stesso,

pubblicazioni intorno allo studio di Bologna, in

Studi
<

critici

Mem.

su recenti

Riv. stor. ital.

1889.

^5

EPOCA DEL RISORGIMENTO.


merciale, deirappoggio avuto dal

modo

fecero per doppio

non

comune

clie la loro

e dai principi,

scuola diventasse

primo, ma, per allora, l'unico centro della


L' uno fu di raccogliere e rendere
utile la eredit di tutti gli elementi della civilt italiana
ed in particolare il frutto di tutte le scuole e tendenze
solo

il

cultura giuridica.

scientinche, che fino allora

si erano avute: la scuola di


Bologna infatti si collega indissolubilmente colle scuole
di Pavia (n. 81) e di Ravenna (n. 84) e colla influenza
cbe poteva venire dalla cultura bizantina. Con Ravenna
non solo era vicinissima, ma aveva comune anche la

regione, V antico esarcato, nella quale la sostitu


citt principale

come

era naturale quindi, quando furono

mutate le fortune delle due citt, il passaggio da Ravenna a Bologna di quanto tien dietro alla fortuna migliore, e fra questo anche della frequenza degli studenti,
onde una scuola sorge in fama. Il glossatore Odofredo
ricongiunge espressamente, come effetto a causa, la

prima origine

della nuova via presa dalla scuola di Bologna coir essere stati trasportati in questa citt da Ra-

venna

libri di

Giustiniano;

gli

furono di uso frequente a Bologna

scritti
;

dei

Ravennati

definizioni, opinioni,

decisioni parecchie sono passate dalle opere della scuola

Ravenna nelle glosse bolognesi; una tradizione voleva che Irnerio avesse insegnato a Ravenna, prima
che a Bologna; gli ordinamenti scolastici furono comuni
di

all'una scuola e all'altra; e finalmente ebbero


l'altra

in

comune

la

1'

una e

qualit caratteristica di essere

scuole di diritto romano, per quanto studiato con sistema diverso. D' altra parte Bologna ebbe legami colla

scuola di Pavia: le collezioni di diritto longobardo, che


quivi s'iniziarono, ebbero il loro ultimo compimento

a Bologna, mediante la compilazione della lombarda


(n. 87), fatta testo di pubblico insegnamento; Le dottrine dei pavesi erano conosciute e ricordate dai^los-

PARTE TERZA.

286

satori
una leggenda dice che Irnerio, nei suoi primi
insegnamenti, ebbe a compagno Lanfranco (n. 82); ed
il metodo stesso, che rese celebre la scuola di Bologna,
;

altro non era se non quello in sostanza della scuola di


Pavia verso il diritto longobardo, illustratone per mezzo
di

glosse soprattutto

(n. 8C),

e di confronti di passi pa-

compendi, commentari ed altri lavori di somigliante natura. N. mancarono su Bologna influenze di


Toscana. Quivi, dove tutto il rinascimento ebbe rapida
diffusione, dove presto i commerci salirono a grande
floridezza, e si form un centro politico importante per
essere la regione frapposta fra il papa e l'imperatore
contendenti, non pot non svolgersi con fortuna lo studio del diritto, e non ne mancano indizi, notissimo fra
quali il fatto del testo delle pandette da tempo
i
antico posseduto da Pisa. Ora, questi remoti indizi di
studio di diritto romano in Toscana^ si ricollegano
spesso con Bologna. Quivi fu noto il testo pisano. A Bologna insegnarono giuristi toscani, Pepo, il pi antico,
Burgundione, dotto nel greco, Graziano, il fondatore
ralleli,

della

nuova scuola

studio bolognese

si

de' canonisti. Le origini stesse dello


congiungono colla Toscana, in quanto

che Irnerio fu giudice ne* tribunali della contessa Mada questa dicesi che avesse eccitamento a fondare una scuola. Finalmente non si possono trascurare
tilde, e

le relazioni fra la

dica bizantina.

scuola bolognese e la cultura giuri-

Anche

in questo terzo caso la

identifica con Irnerio le

prime

leggenda

origini della scuola, e fa

che esso abbia studiato a Costantinopoli leggende sono


pur quelle che lo studio bolognese sia stato fondato
dall' imperatore Teodosio II, che da Costantinopoli sia
venuto il testo delle pandette pisane, o sia stato tro:

Chiappelli

en Toscane au

XI

L.,

Recherches sur Vtat des

gitele,

in

ttides

Nouv. Kev. histor.

de droit roman

1896.

EPOCA DEL RISORGIMENTO.


vate in Amalfi, luogo soggetto

ma

nel loro fondamento

ali"

2b7

influenza bizantina:

comune adombrano

tutte abbastanza chiaramente il fatto delle relazioni, che dovettero intercedere fra quanto v'era in Italia di scienza
giuridica orientale ed il formarsi dello studio bolognese. 11 fatto stesso che Bologna era nel paese dove

dominazione bizantina aveva avuto il suo centro,


deve persuadere che tutte le tradizioni non potevano
esser rotte, come non potevano essere senza influenza
e il lungo uso del diritto bizantino, che si ebbe nell'Italia meridionale, e gli scritti che la cultura giuridica
aveva quivi prodotti, o che vi erano stati, insieme alle
la

leggi, portati dall'oriente.

146.

Questi riallacciamenti,

logna aveva con

le

clie la

di Boimpedi-

scuola

scuole precedenti, non

le

rono di prendere un carattere tutto per s speciale


e nuovo, nel quale consiste l'altra ragione, per cui essa
venne a tanta celebrit. Anzi, dalle scuole precedenti
essa si distinse nettamente, e le ragioni di tal distinzione mostrano il perch a Bologna pi che altrove
dovesse meglio prosperare le studio del diritto romano.
A Pavia questo si trovava di fronte la tradizione longobarda, che doveva oramai essere abbandonata: a Roma
si sentiva premuto dalla prevalenza ecclesiastica, dalla
quale si doveva emancipare: in Toscana la politica eccessivamente guelfa della contessa Matilde lo avrebbe
tratto lontano dalla via sulla quale si era messo, cio
di favorire l'impero ed esserne favorito: quindi, caduta

Ravenna, non rimaneva che Bologna, dove, libero il


campo da tradizioni e pressioni, il nuovo studio poteva
liberamente svilupparsi sotto la imperiale protezione

E infatti, lo studio del diritto romano fu tale, che


questo ne rimase rinnovato. Fu separato in primo luogo
lo studio del diritto

da quello della dialettica, della retprima gli erano date a

torica e di altre discipline, che

PARTE TERZA.

288

compagne: fu reso indipendente dalle esigenze della


non interpretandolo pi n modificandolo per

pratica,

ai bisogni di questa, ma esponendolo in tutta


sua purezza, quale era usato dai giureconsulti romani:
si torn indietro cosi parecchi secoli, e non si tenne pi
conto di quel diritto romano volgare, che nel medio evo
aveva prevalso nella societ e nelle scuole neppure
si tenne pi conto dei compendi, dei manuali o di al-

piegarlo
la

nei quali fino allora

tri simili lavori,


si

era studiato

ma

non

giustinianeo, e

torn alle

si
si

il

diritto

fonti, al

ebbe altra cura che

romano

puro testo
di

conoscer

questo perfettamente e d'illustrarlo. Tanta novit ed


arditezza di metodo, accoppiata all'ingegno potente

ed acuto dei primi giuristi bolognesi, dov necessaria-

mente produrre
dere

il

logna.

diritto

Ed

non mai conosciuti,


che apprenpoteva altrove che a Bo-

risultati fino allora

e infondere nelle

menti

di tutti l'opinione

romano non

si

allora, poich del diritto

universale

il

desiderio e

il

bisogno,

romano si era fatto


avvenne che a Bo^

logna accorressero in folla uditori da ogni parte d'Eu^


ropa, e che la sua scuola salisse a tanta importanza,
che anche il papa e l'imperatore ne dovettero fare il
conto dovuto. Specialmente l'imperatore, che vi aveva
trovato un potente alleato per le sue rivendicazioni
politiche, aveva interesse a farla prosperare, e infatti
ad una concessione di Federico Barbarossa dovette essa
suoi pi antichi e pi importanti privilegi. Per suo
riguardo Federico I eman, nel 1158, alla dieta di Roni

caglia,

una

costituzione,

l'autentica Habita

(n.

113),

quale tanto agli studenti che, per amore della


scienza, lasciati gli agi domestici, andavano peregri-

colla

in terra straniera, quanto agl'insegnanti, che


con la dottrina illuminavano tutto il mondo, si dava
speciale protezione, in modo che chiunque avesse loro

nando

recato danno era condannato a risarcirli del quadruplo,

EPOCA DEL RISORGIMENTO.


ed

289

magistrati, che ayessero trascurato di dare ese-

a questo precetto, erano privati della loro

cuzione

stato necessario
appartenenti alla uni-

dignit e colpiti d'infamia. Se fosse

chiamare

in giudizio alcuno degli

versit, questi

suo maestro, o
tale scopo

aveva
il

il

diritto di

vescovo della

una speciale

aver per giudice o il


dava per

citt, a cui si

giurisdizione. Altri privilegi,

principalmente ad assicurare un tranquillo e comodo soggiorno, furono dati dal comune, e in ultimo,
dopo che il contrasto co' romanisti fu cessato, se ne
ottennero altri anche da parte della chiesa.
147.
Cosi la scuola fioriva. Ed il suo esempio non
rimaneva senza imitatori, che fu causa ancor esso che
intesi

lungo

secoli XIII e

XIV

gli

studi di diritto

plicassero in Italia, quantunque non

sempre con

si

molti-

vitalit,

nuovo impulso ai gi esistenti, sia formandosene de" nuovi. Talvolta avvenne che emigrassero da
Bologna maestri e studenti, per questioni col comune,
per epidemie o per altre simili ragioni, e andassero
nelle citt vicine, o in quelle che facevano loro offerte
migliori, per fondarvi od ingrandirvi lo studio. Alcuni
di questi, cos fondati, non ebbero durata, come fu di
quelli di Vicenza, di Arezzo, di Firenze: altri invece
prosperarono, come fu di quel di Padova intorno al 1222,
di quello di Siena un secolo dopo, di quello di Pisa
nel 1338, quando Bologna fu colpita da interdetto da
Benedetto XII. ^ Altra volta, invece, le scuole giuridiche erano istituite o restaurate dai principi, prensia dandosi

RoXDON'l, Ordinamento

vicende principali delV antico studio

1884; Gloria, Documenti della r. Universit di


Padova, 1222-131S, Venezia, 1884; Id., 131S-1405, Padova, 1888;
Zdekauer, Lo studio di Siena nel rinascimento, Milano, 1894; Fa.BRONi, Historia Academioe pisana', Pisa, 1791-95. Ampia bibliografia
sui vari studi italiani in Schupfer, pag. 468, n. 61. Cfr., inoltre
gli Annuari delle Universit dell'anno accademico 1899-900.

fiorentino,

il.

Firenze,

B.

Calisse.

I.

19

PARTE TERZA.

290

dendo anche ad esempio quella


la prima origine delle universit
tive, le quali

s'

Bologna.

di

di stato

intende facilmente

Tale fu

o governa-

come debbano

es-

sere state posteriori a quelle sorte senza dipendenza


Il primo
esempio ne dato da Napoli. Fond quivi la universit
Federico II nel 12^A, perch si era inimicato con Bologna, e perch intendeva che anche la istruzione, specialmente quella che preparazione e condizione per
uffici, dovesse essere diretta dallo stato: con
i pubblici
questo concetto introdusse anche una novit, la quale
fu che nella universit dovessero trovar sede tutte le
scienze, e non soltanto Tuna o l'altra, come fin allora
si era fatto: quasi tutti gli studi generali non erano
stati nel loro inizio che scuole di diritto, e di diritto soltanto romano; poi vi si aggiunsero, per naturale sviluppo, anche gli altri rami della giurisprudenza, e spe-

dai pubblici poteri o per opera dei comuni.

cialmente il diritto canonico quindi la medicina, che


ebbe pur essa antichi studi, fra cui notissimo quel di
Salerno; e quindi ancora, successivamente, le altre discipline. Fondazioni ufficiali ebbero ancora altri studi,
come quello di Roma nel 1303: e allora avvenne che
;

gli studi

pi antichi, cambiate

litiche in

mezzo

alle quali

col trovarsi in condizione

le

ragioni sociali e po-

avevano prosperato,

meno

finissero

favorevole de' nuovi,

ai

chiedendo il sovrano riconoscimento dall'imperatore o dal papa. Una


bolla pontificia segna il principio o il rinnovamento di
quasi tutte le universit italiane, come anche delle
quali perci vollero essere

parificati,

diplomi imperiali non mancano, ma sono


straniere
pi rari, ed anche ricercati di meno, sia perch in nessun caso si escludeva la ingerenza della chiesa, sia per:

ch, dal secolo

XIV

in poi, l'autorit imperiale fu, so-

prattutto in Italia, in continuo decadimento. Cos, per i


secoli dal Xlll al XV, si moltiplicarono gli studi supe-

EPOCA DEL RISORGIMENTO.


in Italia ossia le universit, delle quali

rieri

$91

sono so-

pravvissute quelle soltanto che nelle condizioni delle


loro citt e dello stato trovarono ragioni per essere a
preferenza di altre favorite e conservate.

Capitolo IL

1.-1

ILmetodo

148.

giuristi/

glossatori.-

scientifico,

reconsulti del rinascimento,

adoperato dai primi giurisente

tutta l'influenza

delle varie cause, che produssero le


diritto

nuove scuole del


romano. Esso era volto unicamente alla pi per-

fetta conoscenza dei libri giustinianei.

Di questi
tuzioni,

il

si

avevano

digesto,

il

alla scuola di

Bologna le istima con una


queir epoca e degli

codice e le novelle,

forma che fu tutta caratteristica di


studi che ne facevano oggetto. I]_digesto

si conosceva
chiamate literce.
litera vetus o communis o antiqua, la quale

in parecchie lezioni, o testi

Y era la

diversi,

comprendeva

i testi pi antichi di quello pisano


o torentino, o altrimenti da questo diversi: la Utem pisana

era appunto la lezione delle pandette conservate a


la litera vulgata o bonionensis era il testo

Pisa

-^

Fertile, 61. 62; Salvigli, p. II, e. 15; Schcpfeb, sez. II,


2; Savigxy. lib. Ili, IV, V; Paxciroli, De daris legum
interpretihus libri IV, Yen., 1637; Tibaboschi, Storia della Ietterai,
ital, Mod., 1781-86; Brcgi, Disegno di una storia letteraria del
me^
1

tit.

II, e.

dio evo ai tempi nostri, Padova, 188S.


2

Del Vecchio

A.,

Di Lnerio

Tamassia, Odo/redo, Studio

della

sua scuola, Pisa, 18G9;


Atti e mem. per l

stor. giuridico, in

di Romagna 1893-9-t
E. Besta,
opera di Emerio, To1896; per pi ampia bibliografia quivi e Schupfer, 491, u. 63.
^ Sul testo delle pandette conservate
anticamente in Pisa fu
fabbricata la leggenda della loro scoperta in Amalfi, quando nel
1135
Pisani s' impadronirono di questa citt. Certo che erano
custo-

prov.
rino,

PARTE TERZA.

292

combinato su

tutti gli altri, e reso

sere adattato agli usi della scuola.

aveva poi una

uniforme per esIl

digesto stesso

divisione, conservatasi a lungo nei

tempi

posteriori, secondo la quale se ne facevano tre parti:

il

digestum vetus, dal principio al titolo 2 del libro XXIV;


Y infortiatum da questo punto a tutto il libro XXXVIII;
il digestum novKAn, dal libro XXXIX alla fine. Molto
si discusso, e non si concordi, sulla origine e sulla
causa di tale partizione generalmente si segue T opinione dei glossatori medesimi, attestata da Odofredo,
cio cbe i libri legali, nell'essere trasportati da Ravenna
a Bologna, non venissero tutti insieme a conoscenza
d' Irnerio, ma la parte di mezzo gli si facesse nota dopo
le altre, e perci egli la chiamasse infortiatum, cio a
dire parte per la quale veniva accresciuta l'altra gi
acquistata alla scienza. Per, ammesso anche che que:

sta sia r origine della parola infortiatum, e che la suddetta opinione fosse quella che correva a Bologna, questo fatto stesso mostra che la divisione del digesto non

da attribuirsi ad Irnerio, perch essa era tanto nota


a Ravenna, che vi aveva prodotta la divisione materiale del digesto stesso in pi volumi, onde il secondo

venne nelle mani d' Irnerio separato dagli altri e alcun


tempo dopo questi. Il motivo pel quale una divisione
si sia da antico fatta, pu vedersi nella mole stessa
dite con cura quasi superstiziosa, e

che grande ne fu

1'

autorit.

Furono portate a Firenze sul principio del sec. XV. Per le varie
opinioni e questioni v. ZdekaueKj SulV origine del manoscritto pisano
sua fortuna nel medio evo, Siena, 1890;
due sottoscrizioni nel ms. pisano delle pandette
giustinianee, Roma, 1891; BcONAMlCI, Sulla storia del me. pisano delle
Di una opinione del prof. F. P.
lo stesso
pandette, Bologna, 1890
intorno alla storia del ms. fiorentino, ivi, 1898; Patetta, SulV introdelle pandette giustinianee e la

lo stesso,

Xota

sidle

duzione del digesto a Bologna e sulla divisione bolognese in quattro


nella Riv. ital. per le se. giur. XIY, 1892; Cfr., anche

parti,

Savigny,

cit.,

YI, 117.

EPOCA DEL RI?0RG1MENT0.


(lei

che

digesto,

perch

si

lo

293

all' uso
ma
quei determinati libri

rendeva non comodo

sia essa poi

fatta a

par che non possa meglio spiegarsi, che richiamandosi all'ordine degli studi stabilito da Giustiniano*
e rispettato per tutto il medio evo. Nelle scuole si dovevano spiegare dalla voce del maestro, durante i
e titoli

primi tre anni, 23

libri del digesto,

a cui, per la stretta

relazione di argomento, furono aggiunti


toli del libro 24,

e questi

formarono

prima parte, il digestnm vetus, i


s'intende come siano pi numerosi

due primi

ti-

insieme la
cui manoscritti cosi
tutti

di quelli delle altre

due parti e pi corretti e studiati, come s' intende ancora perch il digestum vetus fosse fra i libri ordinari,
fra quelli cio sui quali si facevano le lezioni ordinarie,
nelle ore mattutine, dai professori migliori. Ma i libri
che dovevano essere oggetto d' insegnamento non era
necessario che fossero i primi 23, bastando che tanti
se ne spiegassero fra i primi 36, ai quali si aggiunsero
gli altri due seguenti, per ragione di relazione di materia: di guisa che erano 38 i libri su cui l'insegnamento
obbligatorio poteva aggirarsi, e le loro edizioni, in confronto di quelle contenenti soltanto i primi 23 coi due

avevano una parte di pi, la quale,


portava aumento, si sarebbe detta
sui non spiegati di questi libri si eseriiifortiatum
citavano da s medesimi gli studenti nel quinto anno
di corso. I rimanenti 12 libri, che non erano oggetto
necessario d' insegnamento, formavano il digestum novum, cio a dire la parte ultima del digesto.
libri ordinari, e che si
II codice, che era pure fra
studiava nel quinto ed ultimo anno di corso, era stato
nella forma un poco alterato, sia per diminuzione, che
per aumento la diminuzione si aveva in quanto agli
titoli del libro 24,

per

la ragione che
:

Costit.

Oiincm del 53:3, premessa al Digesto.

PARTE TERZA.

294
ultimi tre libri,

invece

si

aveva

non

quali, trattando di diritto pubblico

pi in vigore, non venivano

letti nelle

scuole; l'aumento

nelle autentiche, negli estratti cio di

quelle novelle, che, modificando le disposizioni del codice, si inserivano in questo,

chiedeva

(n.

sistemazione.

113).

le

dove F argomento

lo ri-

novelle ebbero una nuova

testo che pi ne fu conosciuto ed usato

11

medio evo,
tome Juliani:

Anche

fu quello

nel

ma

compendiato

di Giuliano,

V epi-

bolognesi ebbero anche la raccolta

ufficiale, colla antica traduzione in latino delle novelle


greche, che dissero o continuarono a dire l'autentico.

Non

tutte per le novelle furono oggetto dei loro studi,

che le ridussero a minor numero, omettendo quelle


che non avevano pi pratica importanza, e le altre, che
avevano conservato, divisero in nove parti o raccolte,
che chiamarono collazioni, ed alle quali altre due ne
aggiunsero, formate con costituzioni dei nuovi imperatori di occidente (n.

Tutte queste
dice, le novelle,

113).

fonti, le istituzioni, le

componevano

il

pandette,

esse compresa tutta la legalis sapientia di


se vi

si

aggiungano

(n. 61) e

quelli

di

la

lombarda

diritto

il

co-

ra in
quel tempo,

co7;^zi5 ^X^^-^.^ed

(n. 87),

canonico

libri dei feudi

(n. 135). Jl

corpus

iuris era diviso nei volumina, che erano cinque

tre

corrispondevano alle tre parti del digesto, il quarto


conteneva il codice nei nove libri in uso, il quinto com-

prendeva tutto
codice,

le

il

resto, gli

ultimi tre libri

cio

del

novelle, le leggi feudali e le istituzioni, e

non avendo un nome speciale per la variet


materia contenuta, era chiamato, in significato
speciale, il Yolume.

perci,
della

149.

Su_questi testi

si

esercitava

lo studio dei

giu-

strumento era la glossa.


Certo dovettero a ci concorrere parecchie cause, fra
cui principalmente la imitazione del metodo delle scuole

reconsulti bolognesi,

e loro

EPOCA DEL RISORGIMENTO.


precedenti,

la

derivazione

295

della scuola

giuridica da

quella di grammatica, l'ossequio ai

regolamenti giuche avevano proibito che, con troppo liberi


commenti, si alterasse il senso delle sue disposizioni,
la necessit di conoscere il testo nella pi pura forma
stinianei,

che

si

fosse potuto. Dalla glossa presero

nome

il

di

primi maestri in diritto romano, e prese


la sua qualit caratteristica il primo periodo di questa
scienza risorta: non gi che fosse allora introdotto per

glossatori

la

prima volta

il

metodo

di glossare

testi, che,

pur

tacendo delle glosse fuori del campo della scienza giuridica, si gi detto che esse furono gi usate per le
opere tanto delle scuole del diritto romano (n. 89),
quanto di quelle del diritto longobardo (n. 86) ma per
la prima volta si adoperarono allora le glosse per la
diretta intelligenza delle fonti romane, e tale ne fu
r impiego da trarne tanto splendidi risultati.
In origine la glossa, sinonimo di verbum, Imgua,
vox, non era che breve spiegazione di una parola difficile ad intendersi, mediante altra parola corrispondente qui il punto di unione fra la scuola di grammatica e quella giuridica. I giuristi per andarono pi
oltre, perch fecero servire la glossa, pi che a dilucidare vocaboli oscuri, a rendere piano e intelligibile
a tutti il senso di una legge, di un principio giuridico,
di un passo qualsiasi del testo, senza tuttavia farne
un commento propriamente detto, perch, nel suo pi
modesto scopo, la glossa, almeno in origine, si fermava
alla letterale esposizione. A questa duplicit di carattere corrispondeva anche una doppia forma della glossa,
che quella diretta a dar la spiegazione di un vocabolo,
essendo brevissima, si poneva sotto il vocabolo stesso
cui si riferiva, fra le linee del testo, e si diceva glossa
interlineare : l'altra, pi lunga, si scriveva a fianco del
passo che interpretava, sul margine, ed era perci detta
;

PARTE TERZA.

206
glossa marginale.

vari autori poi ponevano sotto le

glosse la propria sigla, ossia le iniziali del loro

nome

od altro segno convenzionale, con lo scopo di tener distinto da quello degli altri il proprio lavoro. Imperocch la glossa, nella sua forma progredita, giunse a
contenere quel che di meglio essi sapevano conchiudere
dai loro studi e quanto esponevano nelle, loro lezioni,
onde il sistema in queste tenuto fin col passare, in
compendio, nelle glosse, che ne furono allontanate dalla
semplicit del loro primo carattere. Alla letterale interpretazione del testo si aggiunse, per renderla completa, l'esame delle varianti^ che poteva esso avere
nelle diverse edizioni;
paralleli, con

si

il

confronto con

luoghi

una medesima
potevano confermare o dilucidare il

questione giuridica,
si studiava

punto che

zioni discordi,

fece

passi cio che, trattando

si

vedeva

che se avessero avuto risoluin tal caso se le

antinomie po-

tessero conciliarsi, o se Y un passo dovesse avere deci-

preferenza sull'altro; di modo che la glossa


prendere l'aspetto di un vero commento,
specialmente se vi si aggiungevano ancora le somme,
o riassunti generali, i casi per dimostrare T applica-

samente

la

fu condotta a

zione della regola,

hroecardi, ossia principii teoretici

che se ne potevano ricavare,


scussioni di casi giuridici.

le

Quando

qucBstioties^ cio dila glossa, cos fatta

estendeva tanto da abbracciare tutta una


trattazione giuridica, dicevasi apparatiis: tale fu, per
esempio, il lavoro del giurista Bulgaro intorno al titolo
complessa,

del digesto
150.

si

Be regni is

La_scuola dei

iuris.

glossatori incominci nella se-

Il primo che si ricordi che


abbia incominciato a studiare ed insegnare secondo il
nuovo stile, fu Pepone, vivo, come apparisce da un do-

conda met del secolo XI.

cumento, nel 1076. Ma dice Odofredo che Pepone non


acquist fama, nullius nominis fuit, e che il vero fon-

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

297

datore della scuola fu Irnerio, lume di tutti i glossatori succeduti, dai quali perci fu onorato col titolo

lucerna iuris. Scarse sono le notizie d' Irnerio, e gi


detto come la leggenda lo identifichi colle origini
della scuola, che tanto egli illustr, ed ora lo faccia comdi
si

pagno dei

giuristi pavesi, ora consigliere della contessa

Matilde, ora studente a Costantinopoli, ora insegnante


a Ravenna (n. 145). Il certo che le sue memorie compariscono nei documenti dal 1113 al 1125, e che deve
essere egli realmente considerato come il fondatore
della scuola, per la subitanea altezza

scienza, e per
alle

il

numero

di uditori

sue lezioni. Alla teoria accoppi

a cui elev la
che seppe trarre

la pratica,

avendo

esercitato nel foro, e sostenuto pi volte pubblici


Il

uffici.

suo lavoro scientifico fu volto principalmente

alle

ma

poche ne rimangono, e queste non conosciute per lo pi se non per


glosse sopra ogni parte del testo:

r uso

pel ricordo fattone dai suoi successori.

Tra questi vengono in primo luogo


quattro dottori, cos detti per essersi tutti e quattro trovati insieme, come consiglieri di Federico I, alla dieta di Roncaglia, nel 1158, dove, sulla base del diritto romano,
sostennero i diritti dell' impero contro comuni italiani.
Essi furono Bulgaro, Martino, Iacopo ed Ugo, e non
v" dubbio che non rappresentino il periodo pi splendido della scuola. Si devono aggiunger loro Giovanni e
Rogerio, discepoli entrambi di Bulgaro, e maestro quegli
di Azone e di Ugolino. Di Azone, che fu in rapporti d' ini

timit con Arrigo VI, rest celebre la

Somma

al

codice

ed alle istituzioni, la quale super tutti i somiglianti lavori gi fatti, e si riput necessaria non meno che il
testo stesso del corpus iuris, tanto che per essere accolto nel collegio dei

tra

forensi correva

il

giudici conveniva possederla, e


proverbio chi non ha Azzo, non
:

vada a palazzo. Ugolino pure venne

in

gran fama,

sostenne pubblici

sua

della

citt,

uffici,

in quest'

anno

opere sono

specialmente

di

ambasciatore

tenuto autore della decima colla-

zione delle novelle

e al

PARTE TERZA.

298

(n. 113),

per

l'

e mori nel 1233, o

almeno

ultima volta rammentato

sue

le glosse alle tre parti del digesto, al codice

volume

(n. 148), le

somme

del digesto e del codice,

distinzioni, questioni, controversie fra glossatori {dis-

sensiones dominorum), aggiunte alla


e la

somma

ai libri feudali.

somma

di

Azone

Due lombardi furono Pia-

centino e Yacario, restati famosi per le scuole da essi


fondate all'estero. Vacarlo pass in Inghilterra, e vi
fond la scuola di Oxford Piacentino and in Francia,
;

e fu

il

fondatore della scuola a Montpellier, dove mori

nel 1192. Di Burgundione, morto nel 1194, si tiene memoria perch, avendo acquistato, coir andar pi volte
a Costantinopoli, conoscenza del greco, dette la tradu-

zione latina dei passi greci contenuti nel digesto

An-

selmo da Orto si ricorda per avere a lui Umberto suo


padre diretto le lettere sugli usi dei feudi (n. 61): meridionali son Calalo di Tocco, restato celebre per Yapparatus (n. 149) alla lombarda (n. 87), e Roffredo di Benevento, che segui 1' emigrazione da Bologna ad Arezzo
(n. 147), e prese parte importante alle controversie tra
il papa e Federico II.
Ma tutti i glossatori furono per fama superati da
Accursio, che ebbe il merito q l'accortezza di riepilogarne tutto il lavoro prodotto. Fu toscano, nato intorno
al 1182, nel territorio di Firenze, studi

ed insegn a
Bologna, e dopo quarantanni d' insegnamento si ritir
a vita tranquilla, per ultimare la sua glossa. da porsene la morte intorno al 1260. Questa glossa, che distinta

da tutte

le altre

iaria, la raccolta
le

pel

nome

di

compendiata

glosse precedenti, e delle

Accursiana o ordi-

e sistematica di tutte

somme ancora

lavori dei passati giureconsulti

di

e degli altri

guisa che, sotto

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

299

questo aspetto, fu molto utile alla pratica, la quale,


mal sapendo aggirarsi fra tanta produzione scientifica,
quanta se ne era da un secolo e mezzo accumulata, acquist nell'opera di Accursio ci di cui avea bisogno, in
sostituzione di tutte le altre opere che l'avevano prece-

duta.

in ci

appunto

la

causa della fama straorsi accrebbe anche

dinaria a cui l'Accursio arriv, e che

pi dopo la sua morte. Nel 1306 Bologna, considerando


quanto il suo studio fosse stato illustrato e reso pi

prospero da Accursio, nella cacciata che allora fece dei


Ghibellini eccettu, con legge speciale, i discendenti di
lui, che a quelli appartenevano
Firenze nel 1396 gli
decret un monumento, che per non fu poi fatto
nei tribunali la glossa accursiana si tenea come legge,
secondo il detto quidquid non angore it glossa nec
agnoscit curia, e come testo si tenea nelle scuole,
messe da parte, non solo le opere degli altri dotti,
:

ma

le fonti

stesse dei libri giustinianei. Per, accanto

a questa utilit per la pratica

applicazione del di-

non mancavano difetti nell'opera dell' Accursio


non sempre le glosse da lui scelte e conservate erano
le migliori, come non sempre quelle che egli escluse
erano meritevoli di essere dimenticate
inoltre non
riesce sempre a rappresentare il vero sentimento delche compendia, e non d, quando riferisce
l' autore
ritto,

opinioni diverse,
i

bisogni

la

decisione precisa fra esse,,

dell'uso pratico avrebbero richiesto.

da osservarsi che

come

Ma

poter dare un
giudizio sicuro sull'opera dell'Accursio, tanto perch
occorrerebbe, per farlo, la conoscenza piena delle fonti,
d' altro lato

difficile

sulle quali egli condusse il suo lavoro, e la maggior


parte delle quali o restano tuttora inedite o sono anche
perdute quanto perch, nelle successive copie della
sua glossa fatte dagli amanuensi, sono state lasciate o
alterate le sigle che distinguevano le glosse raccolte,
;

PARTE TERZA.

300
di

maniera che manca per

lo

pi

il

mezzo per cono-

scere se siano o di antichi giureconsulti, che Accursio


riporta, o di Accursio stesso, che con la glossa propria

confermi o combatta la opinione altrui, o sciolga la


questione innanzi a lui agitata.
151.
Con Accursio la scuola dei glossatori deve

considerarsi Anita. Glosse

per

lo

si

fecero

ancora,

ma

prive

pi di originalit, di acutezza e di qualunque di

quegli altri meriti, che gi avevano avuto.

figli

stessi

Francesco, Cervotto e Guglielmo, tutti doc^


tores legum, non seppero far meglio che i casi per illuOdofredo, che pur fra gli ultimi
strazione del testo
glossatori ha gran nome, lo deve non certo alla bont
delle opere sue, ma all'interesse storico che queste
hanno, per le notizie e gli aneddoti che egli vi ha

di Accursio,

raccolto sulle scuole di diritto e sulla vita dei glossatori,

essendo di un contemporaneo dei fatti narrati,


hanno ancora oggi importanza, quantunque non poche
Andrea da
la critica ne abbia relegate tra le favole
Barletta, dei tempi di Federico II, comment la lombarda (n. 87) Rolandino Passagerio fu pubblico lettore di arte notarile, alla quale appartengono anche i
le quali,

suoi scritti, fra cui celebre la

Summa

artis notarice,

ebbe grandi onori


in vita, e mor nel 1300. Alberto da Gandino fu repula

tato

Rolandina

cos

eccellente

come

da

lui

detta

penalista, tanto

nella pratica,

sua opera, che ne fu il risultato, intitolata Be malefciis. Acquist fama anche Guglielmo
Durante, detto Speculator, grazie alla sua opera Speculum iudiciale, vasta ed ordinata esposizione de' sistemi processuali. Gli altri giureconsulti sono tutti di
minor nome, e a^siuw>la, da Accursio in poi,^rain piena
decadenza. L'opera dell'Accursio stesso ne prova, che
essa non fu la prima causa, ma fu invece da principio
r effetto dell'aver la scienza perduto la sua antica vige-

quanto per

la

EPOCA DEL RISORGIMENTO.


ria.

Dopo per che

fu

venuta

301

in uso, contribu anch'essa,

anche pi rapidamente, la scuola dei glossatori. 11 merito loro principale


e il motivo della loro eccellenza era stato quello di aver
portato direttamente il loro studio sulle fonti, e in modo
tale da riuscire, non ostante la scarsezza dei mezzi di
cui disponevano, ad una quasi sempre perfetta intelligenza del testo, giovando cos indirettamente anche alla
pratica, che dal rifiorire di quello studio traeva profitto,
elevandosi a dignit di scienza. Dopo Accursio invece
fu sostituito alle fonti lo studio della glossa, donde la
decadenza inevitabile, pi per, giova ripeterlo, che per
colpa diretta della glossa accursiana, per altre cause,
tanto esterne, quali le mutate condizioni politiche, che
alienavano gli animi dagli studi, quanto interne, fra cui
principalmente lo svigorimento di forze, per impossibilit di continuare in quel metodo, che oramai, da tanto
la glossa accursiana, a far declinare,

tempo

usato,

aveva dato

cui era capace.

Il

tutti quei migliori risultati di

volerlo condurre pi innanzi ancora

fece cadere nell'esagerazione e nel vizio. Per dimostrar

basta ricordare il sistema che si seguiva per conoscere quale opinione, fra quelle radunate sopra un
punto da Accursio, dovesse tenersi per vera: partendo
dal principio che l'opinione di Accursio dovesse prevaci,

lere alle altre,

modo

si

faceva, quando non

si

poteva

in altro

conoscerla, la presunzione che fosse questa Y ul-

meno che non


quidam cUcunt, le

tima, a

fosse preceduta dalle parole alii


quali le davano, piuttosto che di

regola, carattere di eccezione

ovvero non

si

trovasse,

fra le opinioni precedenti, altra che dovesse anche al-

ultima preferirsi, come pi favorevole all'equit, al


matrimonio, alla chiesa. Metodo del tutto materiale,
escludente perfino la possibilit del libero giudizio, e da
non poter venir pensato se non in tempi di decadenza
grave, succeduti ad altri che si dispera di potere egua-

l'

PARTE TERZA.

302
gliare.

Non era avvenuto altrimenti

in

Roma, dopo

lo

splendore della giurisprudenza classica. Anche allora,


posto da parte ogni criterio scientifico, si and alla
ricerca della verit con mezzi meccanici
fra i quali
somigliantissimo a quello qui sopra esposto fu il mezzo
dato per conoscere quali, fra le costituzioni imperiali,
;

dovevano esser tenute ed osservate come leggi generali, cio che tali si dovessero le costituzioni stesse ritenere, quando fossero state proposte in senato, o avessero il nome di editto, o vi si dicesse che ad omnes

pertinebant, o portassero altri simili caratteri esterni,


in tutto alieni da ogni giuridica e libera riflessione.*
Tutto ci, per altro, fa conoscere come le necessit della pratica
tifiche.

fiorito

dovessero vincere

le tendenze scienera nata ed aveva


scopo anzitutto del restaurare nelF uso

La scuola
per

lo

dei

delle scuole e del foro

glossatori

il

diritto di Giustiniano.

Ma

tal

era pienamente adatto alle condizioni ed agi' interessi del tempo ? No, certamente quindi Tabbandono
diritto

del testo e la prevalenza della glossa, perch questa,

interpretando,

traeva

nuovi bisogni della realt


del testo, la decadenza
della scuola de' glossatori, che ne aveva fatto suo programma, e il sostituirsi ad essa di una nuova serie di
quindi, per

1"

lo

ai

abbandono stesso

giuristi, i quali, pur sempre restando fedeli al diritto


romano, non intendevano di limitarsi a conoscerlo qual
esso gi era stato, ma si proponevano di trarne un di-

ritto vivo, quale

bisogni della societ italiana chiede-

vano dal secolo XIV

Cod. Justlu.,

I,

u,

in appresso.

3.

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

2.-1
152.

l^a

303

commentatori.*

nuova scuola incomincia appunto

nella

seconda met del secolo XIII Accursio fra 1' una e


r altra. Si disse de' commentatori, o dei dialettici, o
de' pratici, o dei bartolisti, per i suoi vari caratteri,
che la distinguono nettamente dalla scuola precedente
de' glossatori. Infatti, essa rappresenta una reazione
contro la glossa. E volendosi perci, anzi, per le ragioni
sopra dette, dovendosi cambiare la via finora tenuta
nello studio del diritto, se ne presentavano due dinanzi ai nuovi giureconsulti, senza per che fosse in
loro potest lo scegliere 1' una piuttosto che l' altra.
Una di queste due vie sarebbe stata quella indicata
ma a
dal rinnovamento letterario del secolo XIV
quel grande movimento intellettuale i giureconsulti
rimasero estranei, per la tenacia delle tradizioni e per
:

la necessit

adattarsi alle utilit giornaliere

di

non

poterono seguirlo, perch non poterono rinnovarsi a


quel modo che poi riusc ai loro successori della giurisprudenza eulta e perci non rimase loro, che abbandonavano la glossa, che riprendere la via pi antica, quella della scolastica, introducendo negli studi
;

del diritto

il

metodo

dialettico o

logico,

il

quale, gi

essendo antiquato, non pot dare che frutti di decadenza, per quanto si cercasse di celar questa coli" arcio coir abuso delle forme esteriori del raziociQualche traccia se ne ha gi negli ultimi glossatori,

tificio,

nio.

Brcgi, Alcune osservazioni

sul

periodo storico dei postgloasatori

in Italia, Bologna, 1881; Cni.?PELLi,

XIV, XV, XVI,

La polemica
1881

contro

legisti dei

Vidalin, Battole

et

ha

homtnes illustres de son siede, Paris, 1856. Sui vari giureconsulti

si

eec.

hanno monografie,
pag. 515.

in

Arch. giurid.

>

delle principali fra le quali v. nota iu

Schlpfeb,

PARTE TERZA.

304

poich

s'

intende che dovette esservi fra

un periodo
]\Ia
i

di lento

passaggio

ora ci diventa sistema

dall'

le

due scuole

antica alla nuova.

air artificio del ragionare

giureconsulti dedicano ogni cura, e chi pi vi sottiliz-

zava, dividendo e suddividendo, ponendo premesse e

traendone pi o meno logicamente conseguenze, facendo casi ora strani, ora insolubili e sempre sofistici,
creando obbiezioni per lo scopo di aver materia al discorso chi meglio ci faceva era pi riputato, e meglio
credeasi che approfondisse la scfenza. Ed invece^da
questa era un discostarsi sempre pi perch, in tal
sistema, si teneva come verit quello che risultava
dalla combinazione artificiale del ragionamento, senza
pi curarsi, non che della corrispondenza colle fonti legislative, ma neppure del sano criterio giuridico.
Ed anche esternamente i segni della decadenza si
appalesarono subito. La prolissit invade tutti gli scritti
dei giureconsulti, non meno che le lezioni degl'insegnanti, donde l'altro male che non si aveva tempo a
;

spiegare se non una parte della scienza, e tanto pi


piccola, quanto pi di valentia credeva dimostrare

il

La prolissit per era abbandonata, e le si


sostituiva, se non pure il silenzio, il pi breve discorso,
quando cadeva in argomento una materia diticile. noto

professore.

il

giudizio di Cuiacio sui commentatori: verbosi in re

facili, in difficili

muti, in angusta diffusi. Accoppian-

mancanza di cultura letteraria,


rozzezza della lingua e la volgarit dello
stile. Ci si fa sempre pi grave e visibile, quanto pi
si abbandona ogni studio di
si entra nel nuovo sistema

dosi a tutto questo la

ne consegu

la

prende cura alcuna dell'esattezza non


solo delle notizie storiche, ma neppure delle osservazioni
etimologiche e grammaticali le scienze afl3ni sono neglette e tutto questo par che sia cosa col metodo stesso
collegata, quando si vede Gino da Pistoia, elegante jioeta.

eloquenza

non

si

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

305

non essere meno degli altri inelegante giureconsulto, e


quando si ode Baldo, certamente dei migliori, raccomandare che non si volesse volgere lo studio a dar
forma al discorso bastava stemperare nei sillogismi
e nei dilemmi i concetti oramai a tutti noti, e intorno
agglomerarvi casi, coi quali, pretendendo di spiegare
un principio di diritto, si giungeva bene spesso al ri:

saltato contrario, a gettar cio nel pensiero confusione


e incertezza.

Sarebbe stato inutile, in mezzo a tanta copia


opere giuridiche, delle quali si disse che formavano multorun camelorum onus, rintracciare il testo
su cui si erano ammassate, non tanto per la materiale
difficolt, quanto perch si riteneva non potersene ora153.

di tali

mai trarre
l'

autorit.

formano

altro di

Le

nuovo

o di utile. Quindi l'abuso del-

citazioni dei

nomi

delle

opere altrui

la base dello studio, della interpretazione, del

Anche in ci gli ultimi glossatori precedetnuovi giuristi. Presso quelli gi si era venuto
introducendo l'uso di tenersi per vero quanto altri,
che avesse acquistato autorit nella scienza, aveva asgiudizio.

tero

serito, e nel caso

che

si

trovassero opinioni contrarie,

accettava che aveva per s maggior numero


di seguaci. Questo sistema era gi stato iniziato in favore specialmente di Accursio, le cui opinioni solevano
quella

si

considerarsi quasi legge, quando fosse


cisa disposizione legislativa,

si

mancata una pre-

fosse potuto supplirla

con la consuetudine. In seguito per le cose peggiorarono ancora. Imperocch per Accursio vi poteva ancora
essere una giustificazione, stante che l'autorit riconosciutagli era conseguenza dell'avere egli riassunto tutto
il lavoro dei glossatori, i quali essendo stati maxima?
scientice et aiictoritats viri,

non

si

presumeva che il
non come per

testo potesse altrimenti interpretarsi, se

essi si era gi fatto: chj^ fosse ricorso al testo


M. B.

Calisse.

I.

per dichia20

PARTE TERZA.

306

rarlo con una propria opinione, avrebbe mostrato di pretendere di sapere su quel punto pi di quanto ne avean
saputo gli antichi maestri, e questo, in tempi di decadenza, non era cosa da potersi pi ammettere. Ma poi
si pass a dare la preferenza, gi data solo ad Accursio,
anche ad altri giuristi: por esempio, in qualche statuto

diceva che, quando fra due glosse di Accursio si trovasse contraddizione, allora doveva accettarsi quella
di esse, per la quale si era dichiarato Dino. Molto pi
si

si fece per Bartolo. Il giurista Giasone diceva di lui


ut terrestre numen colui et cuius vestigia adoravi;
e il detto, che allora correva, nemo bonus iurista nisi
hartolista dimostra come non dell' esame dei testi si
facesse il fondamento pel proprio giudizio, ma questo
si asservisse interamente all'opinione altrui, e non sem:

pre, ci eh' era peggio, di giuristi quale fu Bartolo. Si

aggiunga che questo accettare opinioni o dell'uno o delaltro avveniva spesso per ragioni per nulla riguardanti il diritto, e perci non poteva che accrescere
ancora di pi 1' allontanamento della scienza dai suoi
sani criteri. Ne deriv infatti quel sistema che si chiam

l'

della

comunis opinio,

e pel quale

si

presumeva che la
numero

verit fosse da quella parte che aveva maggior


di seguaci.

rale che al

dovevano appunto con

giudici nei tribunali

tal criterio risolvere le

controversie

medesimo sistema

si

era perci natu-

dessero

gli

avvocati,

raccogliendo, quanto pi potevano, altrui opinioni, non


per discuterle, ma per numerarle, e portarle in tribu-

non altrimenti si faceva nella scuola, non ad altro oramai destinata che
a preparare causidici, e dove altro oggetto non aveva
l'insegnamento che ripetere quanto da altri prima, e
spesso in miglior modo, si era gi detto.
Il diritto romano offre anche su questo punto una
significante somiglianza di eventi. Quando fu divenuta

nale schierate a propria difesa

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

307

troppo abbondante, sebbene splendidissima, la produzione giuridica, anche in Roma si cerc la verit nella

maggioranza degli autori. Per la disposizione stessa


il magistrato non doveva giudicare pi secondo il suo criterio, ma doveva attenersi a quella opinione che aveva per s la maggioranza dei giurecondella legge,

a cui tale autorit era stata riconosciuta, e in caso


che due diverse opinioni avessero parit di sostenitori,
quella doveva accettare che era stata accolta da Pasulti,

piniano. Cos in
allora

tempo

di

Roma avvenne, perch anche l era


decadenza, sicch alle medesime cause

vedono corrispondere, nei due periodi storici, i meil che, per vero, un ammaestramento
effetti
per la giurisprudenza pratica di oggi non molto lusingliiero, in quanto anche oggi tesi legali e sentenze si
sostengono, molto pi volentieri che col ragionamento
si

desimi

giuridico, coU'autorit dei giudicati,

quali fanno pro-

pendere la decisione per quella parte, dalla quale


si trovano in maggioranza.
154.

Se

essi

nei giureconsulti succeduti ai glossatori

trovano tanti

si

quanti ne sono stati qui sopra enumerati, non conviene per credere che non abbiano
difetti,

avuto meriti verso la scienza del diritto. Si deve anzi


osservare che lo sfavore verso di essi fu accresciuto
dal fatto che si trovavano in mezzo ad una societ rinnovata, senza che riuscissero ancora ad adattarvisi pienamente, poich non volevano abbandonare le secolari
tradizioni.

La

societ

medio evo,

si

spogliava

di tutto ci clie

era

tendeva a prendere vita nuova


in ogni manifestazione della sua attivit: 1 giuristi invece continuavano a ragionare sempre coi sistemi e
colla lingua del medio evo, immobili su quella forma
che esso aveva dato alla scienza, e questa non ad altro
riconducendo che al diritto romano. Dov dunque ripercuotersi contro di loro un'ondata della generale
stato

il

PARTE TERZA.

308

tempesta, che si moveva contro tutte le istituzioni medievali, a cominciare dall'autorit politica della chiesa
e dair impero sino agli usi della vita privata
e con
:

accrebbe certamente l'opposizione che, sotto altri lati, i giuristi di allora era ben giusto che trovassero nella societ pi civile. Si deve inoltre osservare che le condizioni del paese non erano pi, come
per r addietro, favorevoli ai giureconsulti ed in geneci

si

rale

agli

studi

la

sostituzione

delle

tirannie ai go-

verni comunali, la ingerenza sempre pi grave dello


stato nelle scuole, la decadenza del commercio, che gi

incomincia a trovare altre vie fuori d' Italia, il centro


anche della politica europea che dall' Italia si sposta,
l' impero diventa quasi esclusivamente germapapato perde autorit, e le monarchie straniere
sono pi vaste che i principati italiani tutti questi
fatti tolsero, in parte non piccola, ai giureconsulti la
importanza che gi avevano avuta, quando dirigevano
la vita pubblica, ed in Italia erano anche una gloriosa
espressione del sentimento nazionale. Questo viene sacrificato dinanzi all'invadente regionalismo, ed merito de' giureconsulti medesimi se non vi si sottrassero
pienamente, ma, nel modo che fu loro possibile, cercarono ancora di rintracciarlo ed esserne interpreti.
Imperocch, fatta pure astrazione da ci che pu diminuire le accuse contro i giuristi dei secoli XIII e
XIV, essi ebbero anche meriti certi verso la forma-

perch
nico,

il

zione di un diritto nazionale.


I

glossatori

quando, colla loro acutezza e col loro

avevano ottenuto lo scopo propostosi, altro in


sostanza non avevano fatto che conoscere il diritto romano, quale era stato sei secoli innanzi. Questi sei secoli passati non avevano valore per essi; Giustiniano
era legislatore per essi vivente ancora; la societ non
avea forza di richiamare sopra i suoi attuali bisogni

studio,

309

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

e quindi sarebbe
r attenzione dei nuovi giureconsulti,
avviamento ad un diritto pro=5tato vano sperarne l'
invece, sia pur
priamente nazionale. I commentatori
giuridica, e che
acutezza
minore
di
dotati
che fossero
proloro sofismi e colle interminabili

m-ombrassero coi
lissit il campo della

scienza, anzi forse per questa


levarsi assai in alto, non perdi
stessa
loro impotenza
che vuol dire i bisodettero mai di vista la pratica, il
i loro studi
adattare
dovettero
gni della vita, e quindi
principii
i
combinare
e
richiedeva,
questa
a ci che
loro. appunto nelle
antichi colle esigenze del tempo
giureconsulti che s'incontrano, per tro-

opere

di tali

var modo
le le<^-i

di

volta
mettersi in armonia, per la prima

romane

colle leggi statutarie,

riche7canoniche

ossia

si

barba-

feudali,

cerca di trar fuori scienti-

diritto, di cambiare
ficamente dal vecchio un nuovo
che fino ad allora era
quello
italiano
diritto
in
cio
inesclusivamente romano. questo che deve

stato

la pratica,
si suol dire che, mediante
di splencommentatori hanno avuto dei momenti
alla
anche
s'innalzava
loro interpretazione

tendersi quando
i

dore La
poich il diritto romano
creazione di un diritto originale,
condizioni della nuova soalle
adatto
sempre
non era
lo riducevano con nuove teociet, ed essi tuttavia ve
furono importantissime, e
quali
delle
rie non poche
istituzioni giuridiche, che
nuove
formare
a
vennero
con ci s' intende annon si sono pi abbandonate. E
scuola, sebbene
questa
di
giureconsulti
cora come i
ottenuto tanta
scientificamente in decadenza, abbiano

ma qualunque
i glossatori,
goduto. Le loro
mai
ha
non
altra scuola
da
il loro metodo era
opere facean testo come legge,
pi
paesi
nei
ma
Italia,
in
solo
tutti seguitato, e non

autorit, quanta
di

civili d'

155.

non

solo

giuristi

Europa.
^
, ..
doveva, e non del tutto a
11 metodo, che poi

PARTE TERZA,

310

torto, essere tanto biasimato,

mos

si

disse precisamente

il

opere erano quali


l'indirizzo della scuola doveva produrre. La glossa letterale e l'analitica sono abbandonate. Si ha ora lo sviluppo degli axparatus e delle somme (n. 149) quelli,
ampliandosi, danno origine ai vasti ed organici commenti, onde uno de' nomi della scuola da queste derivavano i trattati, ond' anche trattatisti furono detti
succeduti ai glossatori. Fra i quali giui giureconsulti
reconsulti se ne ebbero alcuni che, non ostante gli accennati difetti, e per cagione dei pregi ora detti, acquistarono grande fama.
Gino da Pistoia (1270-1336) fa tra i primi e tra i migliori della nuova scuola, ed ebbe, per causa del suo
valore personale e pel sussidio che gli veniva da pi
ampi studi, vivezza e originalit nelle sue opere, quali
sono le letture, ossia commenti tratti dalle lezioni sopra il codice e il digesto, i consigli e qualche piccolo
trattato. Alberico da Rosate (m. 1354) ha egualmente le
lecturce sui libri giustinianei, e con queste, come anche
colie qucestiones e cogli altri lavori suoi, giov molto alla
pratica, tanto che veniva per antonomasia chiamato il
gran pratico, ed tuttora interessante per le notizie storiche che raccolse. Ma il principe di tutti questi giureconsulti, che si lev ad una fama straordinaria, fu Bartolo
degli Alfani, nato in Sassoferrato intorno al 1314 e morto
giovane ancora nel 1357. Fu il capo della scuola. Discepolo di Gino a Perugia e di Raniero da Forl (m. 1358),
a venti anni fu fatto dottore in Bologna, insegn quivi
stesso brevemente, e poi anche a Pisa e a Perugia. Sostenne pubblici uffici, fra cui quello di andare ambasciatore di Perugia a Carlo IV, del quale divent consigliere, e da cui ottenne non pochi privilegi, come di
avere lo stemma gentilizio, di legittimare propri scolari, di concedere dispensa di et ed altri simili. Per

costume

italiano,

italicus.

le

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

311

l'iconoscenza di tutto questo, e non per incarico esplicito che ne abbia avuto, Bartolo inser nel corpus iuris,

come undecima

collazione di novelle, alcune costitu-

zioni dell'avo dell" imperatore, Enrico VII di

Lussem-

Le_sue opere sono, secondo il solito,


letture per uso della scuola, commenti a tutte le parti
del corpus iuris, consigli, questioni e trattati quasi su
tutti i punti del diritto, avendone di diritto pubblico,
burgo

(n.

di diritto

non

113).

Ma se

penale, di diritto privato e di procedura.

dissimili

per

la

forma e

lo

scopo, sono, per

qua-

le

intrinseche, le opere di Bartolo certamente assai


superiori a quelle di tutti gli altri commentatori egli
lit

piega di nuovo

lo studio sulle fonti,

rito d' indagine,

come mostrano

sulle

animato da spi-

confronti che faceva

pandette pisane, ha originalit

viva-

di concetti,

non abbandona mai il collegamento


pratica. Dimodoch in Bartolo apparve,

cit di esposizione, e

delle teorie colla

meglio che negli

altri, la

del diritto antico in

un

trasformazione che gi

diritto

conforme

ai

si detta
tempi, e su

poggia principalmente la fama che a lui tocc, pi


che a qualunque altro giureconsulto. Le sue opinioni ebbero forza di legge fino in Spagna e in Portogallo nelTuniversit di Padova si fond una cattedra per la lettura
di Bartolo, e quest'esempio fu imitato dalle altre universit, e ancora nel 1616 si ripeteva per Napoli: bartolisti
ci

si

dissero

mos

giureconsulti della scuola di cui egli fu primo

ornamento

il

metodo ne

fu dappertutto accolto

iialicus, nato cio e perfezionato in Italia: e

come

non
non

si

credeva che si potesse esser giureconsulto, se


si
fosse seguace di Bartolo, nemo iurista nisi sii hartolista. Ma non per questo egli privo dei difetti, che gi
si detto esser propri di questo periodo della giurisprudenza, e che apparvero, dopo di lui, pi spiccati
ancora nei suoi continuatori. Acquist fra questi una
fama grandissima Baldo degli Ubaldi, nato a Perugia

PARTE TERZA.

312

nel 1327. Gi uditore di Bartolo, insegn a Bologna, a


Perugia, a Pisa, a Firenze, a Padova, a Pavia fu, olvenne
tre che romanista, insigne in diritto canonico
;

adoperato nei pi gravi affari pubblici de* suoi tempi,


e specialmente nelle contese cui davan luogo gli scismi,
che allora avvenivano nella chiesa; lasci opere di commento sui testi romani sopra tutto, ma anche sui canoni scrisse consigli, e fece trattati su materie di procedura ed altre. Mor nel 1400. La sua famiglia dette
anche altri giureconsulti, sebben di nome pi modesti
e pi modesti egualmente, ma pur ricchi di pregi,
ebbe a darne ancora per qualche tempo la scuola, fra
cui meritano di essere ricordati Luca da Penna, dottore nel 1345, Bartolomeo Saliceto (1330-1412), Raffaele
Fulgosio (1367-1472), Paolo di Castro (m. 1441), Ma;

riano e Bartolomeo Socino senesi, Filippo Decio, Giasone del Maino. Ma_ intorno ^ questi ultimi e ad altri

splendeva in

gi

con tanta forza V umanesimo

Italia

rinato, che furono vani

loro conati per

mantenere an-

cora in onore una scuola, che aveva vissuto la sua vita


naturale, e furono essi medesimi attratti verso un indirizzo nuovo di studi, che doveva per una terza volta
far mutare aspetto, ringiovanendola, alla giurispru-

denza dominante.
3.
156. __
lia

Gii

Quando, dopo

quel movimento

il

umanisti.^

secolo XIV, incominci in Ita-

di riforma nelle lettere, nelle arti,

nel pensiero, nei costumi, che


^

si

suol indicare col

Dal Re, / precursori italiani di ttna nuova scuola


Buon'amici, Il Poliziano
nel sec. XV, Roma, 1878

romano

risti Y.

et

les

di diritto
giurecon-

1863 Hach, Cujns, les GloaBartolistes, Paris, 1883. Per mouografie sui vari giu-

sidto e della letteratura nel diritto, Pisa,

sateurs

nome

ScHUPFEB,

cit.,

pag. 607, n. 83.

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

umanesimo,

313

apparvero, nel confronto, gente


rozza e "barbara, tanto pi che erano essi gli unici che
si sottraevano al generale e profondo rinnovamento
della societ. I grandi avvenimenti del secolo XV e
XVI resero anche pi evidente simile condizione di
cose. L' Italia aveva perduto quasi interamente le antiche libert politiche, caduta nella soggezione di tiranni e di stranieri; il commercio pi vasto era passato ad altre nazioni, stante la scoperta da esse fatta
di nuove vie marittime
quindi era venuto meno ci
che aveva gi formato la principale occupazione dei
pi, gli affari pubblici e il commercio, e gli animi, non
ancora snervati n abituati all'ozio, si volsero, in compenso, con accresciuta alacrit agli studi. Ai quali
veniva eccitamento anche da altre parti
le grandi
di

giuristi

questioni religiose avevano aperto l'adito alla libera


discussione, con che

si

veniva alla emancipazione dal

principio di autorit, di cui

caduta dell'impero

tanto

di oriente

avea

si

era abusato:
fatto

la

rifugiare in

numerosi Greci, portanti quivi seco tesori di libri


spargendo la conoscenza della loro lingua la inven-

Italia

zione della stampa aveva reso possibile la diffusione


dei libri in forma corretta, e messo perci tutti in grado

apprendere pi agevolmente e da s medesimi ci


che prima non si poteva apprendere, con incomodo maggiore, che dagli altrui insegnamenti.
L" impulso che ebbero gli studi per queste varie cause,
di

aggiunse l'essersi perfezionata la lingua


necessariamente avere effetto anche
sulla giurisprudenza. Non gi che i cultori di questa
anzi l'ostacolasi piegassero al nuovo indirizzo, che
rono ma furono i nuovi studi medesimi, che, facendo
alle quali si

italiana, dovette

loro oggetto
storia,

le

ricerche sull'antichit, la

andarono incontro

filosofia, la

alla giurisprudenza, e nel con-

tatto la fecondarono, e le diedero

avviamento diverso.

TAUTE TERZA.

314
Di questo fatto

tempo.

ebbero

si

da quando

indizi precursori assai

per

manifest la tendenza al rinnovamento di tutta la cultura sociale, incominciarono,


per parte dei pi forti ingegni, a muoversi attacchi
contro i giureconsulti. Il primo fu Dante, che rimprove-

rava

;ElLn

ai giuristi

si

rimaner troppo

il

al di sotto della

specu-

lazione oggettiva della verit, limitati a dar consigli e


giudizi secondo la letterale espressione della legge, se

pur non secondo

loro interessi.^

Non

li

risparmiava Pe-

trarca, accusandoli di venalit e d'imperizia a volgere


il

sussidio delle altre scienze a far progredire

consumando tutta
stessi creati

il

la loro vita in vani cavilli

diritto,

da loro

Boccaccio sosteneva che la giurisprudenza

aveva cessato di essere una scienza ^ e con acrimonia


anche maggiore combattevano i giuristi quei dotti, che
furono i veri fondatori dell' umanesimo. Ambrogio Traversari, detto Camaldolese (1386-1439), ^rivendo a un
:

suo amico, che intraprendeva


denza,

gli

gli studi della

giurispru-

dice che lodava questo suo divisamente,

ma

a patto che, abbandonati gl'ignavi commentatori, la


cui imperizia li faceva talvolta persino non pi intelligibili, volgesse l'animo suo ai giureconsulti antichi, altrimenti ne avrebbe riportato inevitabile danno per gli

studi di pi elevata
Filelfo, e

cultura.

Maffeo Yegio diceva

Non

altrimenti opinava

di studiare

il

diritto ro-

mano, non per quei commenti dai quali era

stato, piut-

tosto che illustrato, reso oscuro e confuso;

ma per

starvi l'eleganza, di cui l'antica sapienza vi


rivestita: perci

si

gu-

compariva

adirava contro Triboniano, e

lo

apo-

strofava, accusandolo di avere, nella compilazione dei


digesti, sacrificato alla pratica utilit delle leggi tanti

capolavori degli antichi giureconsulti romani, ed ag*

De

Ep. fam., IV, 20.

De

vionarch., b. II,

geneal. Deor.,

e.

XIV,

11.

4.

EPOCA DEL KlSOKGlMEiNTO.

315

giungeva che del male commesso or quegli sentiva la


pena, perch, mentre aveva creduto di rendere pi
chiaro e pi semplice il diritto, non conservandovi che
poco compendio dei giureconsulti pi grandi, ora gli
accadeva di vederlo ingombrato tutto e oscurato dalle
barbare futilit dei commentatori. Cosa rimarchevole,
in quanto che questa la prima volta che si osa ribellarsi alla autorit di quel corpus iuris, che da secoli
era venerato cme quello che conteneva l'ultima perfezione della sapienza giuridica, e la cui conoscenza
era posta come meta suprema agli studi degl'ingegni
migliori. Il_rimprovero che si porta alla compilazione

giustinianea ora fatto in

nome

eleganza letteraria
con ci aperta
per portarvi la riflessione critica ed indipendente anche per lo studio del diritto, il quale da ci viene posto
sopra una via del tutto per lo innanzi sconosciuta.
157.
E invero si hanno subito nuovi fatti che die dell'

amore

all'

antichit

ma

dell'

la via

mostrano come
tichi. Uii^ secolo

si

facesse gi divorzio dai metodi an-

innanzi

migliori ingegni

aborrivano

dallo studio del diritto, e la storia letteraria ricca di

esempi dell" abbandono che si faceva di esso, per darsi


a studi pi gentili ora invece i letterati, i poeti medesimi, educati squisitamente al gusto dei classici, sono
quelli che con amore si danno anche alle discipline
giuridiche, fecondandole col sussidio del loro ingegno,
:

nutrito di tutti
di letterati,

gli studi liberali.

che studiano

_j;utta

libri giuridici

una schiera

baster citare

Lorenzo Valla morto nel 1457, che quanto fu acre nel


combattere i giuristi commentatori, altrettanto fu acuto
investigatore del diritto

romano

classico, sul quale iniche furono poi continuati


con tanto successo: Pomponio Leto (1428-1498), discepolo del Valla, da cui apprese T amore per l'antichit
classica, e ne continu gli studi anche sul diritto, a
zi gli studi storici e filosofici,

PARTE TERZA.

316

riguardo del quale fu il primo a far tentativo di ricoAngelo Poliziano


struirne in qualche parte la storia
:

(1454-1494), che studi, per ragione letteraria, le fonti

del diritto romano, nelle cui leggi diceva che era riposta tutta l'efficacia della lingua latina. E tratto da
questi suoi studi, egli era giunto a concepire il disegno di fare una recensione delle diverse lezioni dei
e comporne un testo unico
manc la vita, innanzi che potesse
portare a compimento il lavoro.
La correzione dei testi, fatta con ben pi vasti crilibri del diritto

emendato:

teri e
i

ma

romano,

gli

mezzi ben pi potenti di quelli che avevano avuto


un altro fatto che, dovuto anch' esso al

glossatori, fu

rinnovamento scientifico dell' epoca, doveva preparare


tempi migliori per lo studio del diritto. E per l'amore
che si aveva all'antichit classica, non si stette con-

ma si cerc di conoscere
poteva di giureconsulti precedenti Poliziano stesso fece conoscere per primo la parafrasi delle
istituzioni di Teofilo, Valla conobbe ed utilizz le sentenze
frammenti
di Paolo, dal breviario di Alarico si trassero
di Gaio, il codice teodosiano si mise a confronto con
quello giustinianeo, e cos si venivano esplorando tutte
le altre fonti, delle quali poi furono fatte edizioni lungo
il corso del secolo XYI.
Gli studi dovevano sentirne grande vantaggio, oltre
che per la maggiore sicurezza e chiarezza di ci che
era loro fondamento, anche per la estensione che ebbero maniera di prendere: in quanto che non si fermarono pi al diritto privato, ma, spaziando sulle
tenti ai libri di Giustiniano,

quanti pi

si

opere giuridiche, fecero loro oggetto il diritto pubblico,


altra parte di esse; non consistettero pi
nella sola esegesi, ma si volsero ancora alla sintesi ed
alle trattazioni generali; per scopo non ebbero pi quello

come ogni

di servire

principalmente

alla Piratica,

ma

l'altro pi

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

Sl'y

elevato di formare una scienza propriamente detta,


volgendo a vantaggio del diritto anche i risultati che si

avevano

dallo studio della storia, della filologia e delle

antichit.

glossatori

avevano egualmente volto

il

loro

studio alla interpretazione scientifica del testo, e per-

mentre spregiano i commentatori, hanno


stima e fanno lode de" glossatori, pur separandosene
con differenze profonde. Le quali sono date non solo
dall'avere gli umanisti uno scopo pi vasto, unendo
ci gli umanisti,

alla ricerca

letteraria,

puramente

ma pur

giuridica anche quella storica e

mentre

dal fatto che,

glossatori

si

arrestavano a Giustiniano e lo veneravano, gli altri,


invece, ne decompongono l'opera, e cercano di richiamare a vita i pi antichi elementi, cio il diritto classico, dalle cui reliquie trassero i commissari di Giustiniano

compilazioni.

le loro

Questi

caratteri, che la nuova scuola, inaugurata dagli umanisti, ebbe come segni distintivi dalle
precedenti, si trovano ben determinati per la prima
volta nelle opere del giureconsulto, la cui comparsa
segna il punto di separazione dalla scuola dei com158.

mentatori. Questi l'Alciato. Nacque nel 1492 in Alzate, presso Milano, coltiv gli studi storici e letterari,
e questi volse a far

comunis opinio,
ma, il commento

progredire

diritto.

il

la prolissit e la

Combatt

la

ineleganza della for-

limitato a singoli passi,

opponendo

la

libert della discussione, la concisione e la forbitezza

del linguaggio,

tutto

il

il

diritto, in

distintamente

sistema

modo

le parti,

riguardare nel suo insieme


poterne conoscere e trattare

di

di

ma

nel

tempo

stesso scoprire

legami fra V una e l' altra di queste, donde poi risulta


r unit della scienza.
Perci le sue opere, sebbene per numero ed estensione di gran lunga inferiori a quelle dei giuristi suoi
contemporanei, pure son

tali,

per

le

dette loro qualit

PARTE TERZA.

318

intrinseche, che lo fanno rinnovatore e capo di scuola.


Egli scrisse a ventun anno una dissertazione sulle parole
greche adoperate nei digesti, alla quale dovette lo splendido esordio della sua carriera scientifica: comment,
secondo il nuovo sistema, le pandette, e die luce ad
altre opere, coi titoli di Paradoxa, Parerga, Emhle-

mata, nelle quali tutte mirava sempre al raggiungimento della meta prefissa. L'Italia lo perde presto, perch nel 1518 fu chiamato ad insegnare ad Avignone, e
da ci avvenne che ei trapiantasse il nuovo metodo in
Francia, dove ebbe sviluppo rapido e luminoso.
In Italia non accadde altrettanto. L'Alciato ebbe
certamente seguaci di valore, ma furono pochi: Scipione Gentili (1563-1616), Lelio Torelli, a cui si deve
pandette fiorentine nel 1553; Emilio
da Colle, Turamini senese, Giulio
Pacio e qualche altro. I pi, quelli che costituivano ancora la classe dei giureconsulti, seguitavano nel vecchio
indirizzo, e combattevano il nuovo. La causa principale
di questa loro tenacia era sempre quella dello stare
intenti a giovare sopra tutto alla pratica, la quale non
poteva d'un tratto rinnovarsi da quanto era antica tradizione delle scuole e de' tribunali. A questa si possono
aggiungere, come cause secondarie, la reazione, che nei
giuristi doveva aver provocato il disprezzo esagerato,
col quale li avevano trattati gli umanisti, ed il sospetto,
che tutte le novit allora portavano con s, di essere
cio collegate col movimento protestante, onde avevano, se non decisamente contraria, certo diffidente almeno la chiesa romana. N si deve in ultimo trascurare
r osservazione che il sistema, da tanto tempo seguito e
diffuso dall'Italia in tutta Europa, aveva assicurato ai
giuristi la supremazia su tutte le classi sociali, e dava
loro il mezzo, nella qualit di forensi, di poter lucrare
col mezzo della scienza: poteva venir paressi accolto
la edizione delle

Ferretti,

Ippolito

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

319

favorevolmente quel rinnovamento, che li avrebbe in


gran parte spogliati dei vantaggi ottenuti? Si continu
quindi per la vecchia strada della comunis opinio,

mos

dell'analisi casistica, del

quale, se

italicus

insomma, per

la

tribunali continuarono ad essere affollati, la

scienza del diritto doveva certamente scapitare. Senza


arricchirla, le

agglomeravano intorno opere volumi-

si

nose, dirette all'applicazione pratica dei principii giuridici, mediante regole fisse pi che con ricerche dot-

Perci

trinali.

si

mirava a ben determinare quelle

numero strettamente necessario, farle


a memoria mediante combinazioni mnemoniche,

regole, ridurle al

ritenere

per

il

che finiva

unitc e dignit nella scienza, e

il

diritto

meglio diventava un'arte, di cui s'imparava meccanicamente 1" uso, senza intendimento n possibilit di rin-

novarla

e farla progredire.

commenti, furono
secoli

XVI

Come prima

in voga, in questo

le

glosse e poi

nuovo periodo

dei

e XVII, quei mezzi di studio e d'interpreta-

zione pe' quali

si

riassumevano

principii

giuridici, e

faceva che subito potessero essere applicati a casi


pratici: tali erano i loci, che si cercava di ridurre
sempre a pi stretto numero, e nei quali erano condensi

sate, in

forma

di

sentenze,

le

regole fondamentali tratte

dal corpus iuris e dalle opere dei giureconsulti;

Con-

dove tutti, e avvocati e giudici, trovavano ci che loro occorreva


per sostenere o combattere una tesi, per giudicare in
un modo o in un altro; le comunes opiniones, raccolto

silia, ossia soluzioni dei casi legali,

delle opinioni dei dotti

mularia,

le caictelce

ritto

gli

specula,

le

observationes practiccp,

i forpel retto uso del di-

applicato alla formazione degli atti notarili, le

decisiones, gli aforismi, le concordanze, le soluzioni


di conflitti ed altri lavori di somigliante natura.
159.

rano

Non

ostante

ai giureconsulti

di

molti difetti, che

si

rimprove-

questo periodo, non manca-

PARTE TERZA.

320

essi anche pregi, e i loro studi non furono


per la scienza. Alcuni di essi si ricordano ancora con onore: Alberico Gentili (1550-1611)
scrisse i Bialogi sex de veteribus iuris interpretihus,

roiio

senza

per ad
utilit

ne' quali difende la tradizione giuridica italiana, esalta


la glossa e

commenti,

e le novit considera

non conMenoc-

facenti all'acquisto della scienza solida ed utile.

fama ai suoi contemporanei, specialmente per avere ne' suoi trattati


raccolto lo stato del diritto, qual era ai suoi tempi, in
modo da renderne facile la pratica Antonio Fabro di
Savoia (1557-1624), vissuto in Piemonte, si sciolse dal
formalismo, dalla soggezione air altrui autorit, e nelle
sue opere, De erroribiis pragmaticoriim. De coniecturis,
Codex fbrianus, die prova di originalit e indipendenza: il cardinale G. B. De Luca (1614-1687) compose,
per uso del foro, al quale aveva lungamente appartechio di Pavia (1532-1607) prevalse in

nuto, lavori enciclopedici, quali

il

Theatrum

veritatis

Dottor volgare, dov' egli mostra, oltre alla dottrina


vastissima, uno spirito indipendente dalle tradizioni scoe

il

un ragionevole progresso,

il che
conservasse a lungo considerevole il cardinale Mantica (1584-1614), Domenico
Aulisio, Merendo da Forl con altri ancora di nome minore, furono anch' essi giureconsulti che usciron fuori
della schiera comune dei pratici. N devono dimenti-

lastiche ed aperto ad
gli

valse che la sua autorit

si

carsi gli altri che trattarono parti speciali della giuri-

sprudenza, quali furono


Casaregis (1737), e
cio (1554-1616).

commercialisti Stracca (1578),

penalisti Claro (1525-1575), Farina-

le

ragioni per cui anche da siffatta

scuola la giurisprudenza si avvantaggi, furono varie.


Innanzi tutto non fu pei giuristi, per quanto lo avversassero, totalmente inutile V
la

forma

umanesimo. Fu migliorata

delle opere loro, e la concisione con eleganza

e chiarezza non fu pi pregio ignoto per

gli

scrittori

EPOCA DEL RISORGiMENTO.

32

di materie giuridiche
all' autorit dei dotti s mantenne rispetto, e si continu a farne uso, ma senza che
ci impedisse la libert di esaminare e di appigliarsi al
partito che pi pareva ragionevole: non si lasci lo studio minuto dei casi n dei singoli passi del diritto romano,
ma si venne pure ad iniziare la sintesi, e monografie e
trattati furono frequenti nelle opere giuridiche di questo
tempo. Anzi il rinnovamento portato dagli umanisti negli studi del diritto, e continuato per le grandi ricerche
:

storiche e giuridiche del Panvinio, Sigonio, Ughelli, Ti-

raboschi, Muratori, ebbe,

fin

da questo tempo, sebbene

modo di eccezione, valorosi campioni fra tutti basti


rammentare G. Vincenzo Gravina (1664-1718), dei dina

torni di Cosenza, insegnante diritto canonico e civile,


il

quale volse la potenza del suo ingegno e la vastit

della sua erudizione a ricercare la derivazione storica

romano, mediante la sua ceOrigines iuins civilis in tre libri,


primo, de ortu et progressu iiiris civilis^

del diritto patrio da quello

lebre opera delle


de' quali

il

dedicato alla storia esterna del diritto, dalle antichit

romane al suo tempo; il secondo, de iure naturali^


gentium et XII tabularum^ tratta la storia interna,
esponendo

principii generali del diritto e la loro ap-

plicazione nella variet delle leggi;

senatusconsultis , espone

il

terzo, de legibus

pubbliche istituzioni civili e penali, a tempo del governo repubblicano e dell' impero. Questo era un avviarsi decisamente a studiare
et

le

il diritto romano sotto un nuovo aspetto, filosofico anche e sociale, da poter esser utile al diritto nazionale,
come mezzo pel suo perfezionamento, e non pi come
fine a s stesso. Tale indirizzo proprio anche delle
opere di carattere giuridico di G. B. Vico, quantunque
egli si elevi maggiormente verso le ragioni generali o

filosofiche del diritto. Ma se questo si veniva cos sempre meglio svincolando dalla cieca reverenza al testo

M.

-B.

Calissf,

21

32

PARTE TERZA.

romano, rendendo possibile da un


filosofica e dall' altro la

forme

lato la speculazione

sistemazione

di

ai bisogni dei vari paesi, ossia di

un diritto conun diritto na-

tutto ci deve riconoscersi che fu megrande e principale dei giureconsulti pratici di


questo, non meno che del periodo precedente. Forse lo
avevano fatto inconsciamente certo non avevano a tal

zionale italiano

rito

preciso risultato,

come a

propri
i
che cos avvenisse fu conseguenza necessaria
del voler essi a tutte le applicazioni della vita, a tutte
le questioni pratiche trovare i principii giuridici e le
risoluzioni pronte col sussidio del diritto romano e di
tutto il vasto materiale, che vi si era formato attorno
studi.

loro scopo, diretto

Ma

tempo dei glossatori in poi. Avvenne un connubio,


una fusione fra la teoria e la pratica questa ne fu, non

dal

ma

solo aiutata,
scientifico

nobilitata e improntata di carattere

quella ne perdette le qualit astratte,

si

rese accessibile ed utile a tutti, fu penetrata da quanto


vi

era di vivo nella societ, e quindi ne deriv un diritto

adatto per

le

condizioni reali della societ, vale a dire

italiano.

che port tutto un rinnovamento nella scienza

Il

giuridica.

diritto

Il

romano non

solo

non

si

accett pi

colla cieca devozione, quale dovevasi alla ratio scripta

non

solo

si

fece discussione sui libri, gi incensurabili,

di Giustiniano, e

furono essi posti a confronto colle opere


ma si giunse ancora a ritenere

dei giuristi anteriori;

che

il

diritto

romano non

fosse pi per s stesso suffine dovesse formare e applicare uno


quello avesse la sua base, che gli con-

ciente, e che se

nuovo, che in
servasse il valore di diritto comune o sussidiario, ma
che pure essenzialmente ne differisse, abbandonandone
da un lato quanto non fosse pi corrispondente alle condizioni tanto diverse della societ, e dall' altro supplen-

dolo con nuove istituzioni, per soddisfare appunto ai

EPOCA DEL RISORGIMENTO.


cambiati bisogni

sociali.

323

Per questo concetto e per querinomanza le opere dei giure-

sto scopo ebbero meritata

consulti italiani del secolo XVIII, quali furono, fra altri,

TAveranio (1662-1738) cuiaciano, che scrisse le Interpretationes mris, e il Richeri, autore della Universa
civilis etcriminalis iurisprudentia,^Mhh\\cdiid,nQ\ 1774.
Ij)ratici bartolisti tenevano per sempre il campo
ma
oramai nuovi orizzonti si mostravano, e un segno notevolissimo se ne ebbe anche nell'opera che scrisse il
Muratori Sui difetti della giurisprudenza, dove le leggi
romane, quali allora erano intese, sono apertamente
combattute, come non pi corrispondenti ai tempi
:

mutati.

Tutto ci accenna, come si detto, alla formazione


diritto che gi si pu dir nazionale, il cui svolgimento, favorito dai giureconsulti di vedute pi ampie,

di

un

anche di cause esterne, fra le quali principale


che nel frattempo, sulle ruine dell' impero, dei

fu effetto

quella

comuni

dei principati,

si erano venuti formando gli


ciascuno colla sua propria individualit,
e ciascuno perci colla propria legislazione. E da
ci

stati europei,

avvenne un

altro fra i pi importanti cambiamenti, che


esterna del diritto conosca. Fin ora come il
diritto romano era stato universale, cos carattere
di
la storia

universalit
la

aveva avuto anche

sede era in

gli altri

paesi.

Italia, e

che

la

sua scienza,

di cui

di qui

Ora tanto Tuna

s'irraggiava per tutti


cosa quanto l'altra ven-

nero a finire: ogni paese incominci a formarsi, sia


pure su quello romano, il diritto che pi gli era confacente, e pel quale perci non sentiva pi il
bisogno
di ricorrere al di l dei propri confini, ma
unicamente
in s stesso cercava ci che doveva essere
oggetto e
ispirazione delle proprie leggi, dando cosi a que'ste
un
carattere nazionale. Anzi per r Italia le cose
neppure
fermarono qui, perch, come essa politicamente
non

si

tARTE TERZA.

324

ma

ebbe pi, in gran parte, una vita propria,


getta alla dominazione degli stranieri

fu sog-

per questo,
ogni organismo dopo

come per

cosi

la decadenza naturale di
esuberante attivit, l'Italia anche nel campo delle scienze
giuridiche si pieg, per non senza contrasto, alla autorit straniera, e furono le scuole francesi, olandesi, tedesche quelle che vennero a contrastare il primato alla

scuola italiana, e giunsero finalmente a privamela.

160.

Al

-- Gli stranieri.

romano era stata


comune anche fuori

diritto

cacia di diritto
si

4.

riconosciuta
d' Italia.

fu all'epoca delle invasioni barbariche,

avevano

paesi che

mantennero

fatto parte dell'impero

effi-

Quando
l'antico

ne ricevettero molti principi! per


mezzo specialmente del diritto canonico. Ma non potea
anzi accadirsi allora che il diritto romano dominasse
deva il contrario, essendo limitata la sua efficacia ai

diritto, e gli altri

rapporti privati fra

modo

vinti, solo in piccola parte,

di eccezione, accogliendolo

diritti

minanti, rimanendo spesso abbandonate


tiche, e in qualche luogo

le

e a

barbarici do-

sue fonti an-

neppur mancando

di

esser

dichiarato espressamente abolito.

Ma

ben diversa la condizione del diritto romano


d' Europa, quando si fu al tempo del suo risorgimento. La creazione dell' impero di occidente gli
apr la via per essere in ogni luogo ricevuto, sia perch
in quello riunivansi politicamente molti popoli prima
fu

nei paesi

fra loro separati, sia perch, facendo suo

mano, r impero stesso comunicavagli


tere di universalit.

il

il

diritto ro-

proprio carat-

far correre poi al diritto

romano

causa il rinnovamento dei suoi


e principalmente l'autorit quivi acqui-

la via cosi apertagli, fu

studi in Italia,
stata dalle scuole di leggi.

Da queste

esso fu trapian-

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

325

tato in grande parte di Europa, per cause, per, ed

maniere diverse. Una fu clie, quasi per figliazione,


derivarono dalle italiane alcune universit straniere,
come quella di Montpellier fondata dal Piacentino e
l'altra di Oxford aperta da Vacarlo (n. 150), nelle quali
insegnavasi il diritto giustinianeo coi metodi che si usavano a Bologna, anzi col mezzo dei lavori, delle glosse,
che quivi si facevano, e talvolta per bocca eziandio
in

degli stessi professori. Altrove

fama sempre che

il

diritto

romano, sulla

ne veniva,

fu rimesso in
onore per altra via, e per disposizione cio del potere
sovrano
cos accadde in Spagna, dove fu richiamato
dall' Italia

da Alfonso di Castiglia nel secolo XIII, e cosi


accadde ancora in generale nei paesi formanti parte
dell'impero, perch fu principio comune che il diritto
in vita

romano avesse efficacia di legge imperiale, consideranil nuovo impero come continuazione dell'antico. Di

dosi

pi, e principalmente,

il

diritto di

Giustiniano

si

dif-

largamente dall' Italia al di l delle Alpi per


mezzo degli studenti, che da ogni paese accorrevano
nelle scuole italiane, e quindi rimpatriando portavano
gli appresi insegnamenti, e li propagavano non solo teoricamente, ma ancora facendone pratica applicazione,
perch gli addottorati in legge si erano sostituiti oramai
fuse

popolari nei tribunali e nei consigli delle pubLa camera imperii, ossia il tribunale

ai giudici

bliche autorit.

supremo dell' impero, nel 1495 ebbe appunto l' ordinamento che i suoi membri dovessero essere per met
dottori, e dovessero applicarvi
diritto

comune: con

ci

il

il

diritto imperiale e

trionfo del diritto

il

romano

veniva sanzionato anche in Germania.*


*

Il

fatto della cos detta recezione del diritto

stato oggetto di

mania

romano

numerosi ed importanti studi. Fra

in
i

Gerprin-

SCHMIDT, Die Reception dee rum. Recda in DeutscMancf, RoModdekmann, Die Reception dee rOm. Rechts, Jena, 1875
stock, 1868
cipali

PARTE TEKZA.

326

Da

questi

seguiva

fatti

nei secoli del rinasci-

clie,

ma con conseguenza
non dissimile, la ripetizione di quanto era
gi avvenuto al tempo delle invasioni barbariche. Allora dai popoli germanici era portato in Italia il diritto barbarico, che quivi veniva a porsi a fianco del diritto romano, che vi era vigente ora, per la medesima
mento,

avesse

si

in

modo

diverso,

in sostanza

strada a ritroso,
manici, e quivi
di

modo che

trecciano, e

il

diritto

romano passa

come prima, i medesimi elementi s'indanno vita a nuovo diritto. Ed da osserora,

varsi ancora che

il

diritto

romano, quale

adesso in Germania e negli


si

nei paesi ger-

incontra col diritto proprio di questi

s*

altri paesi,

s'

introduceva

era quello che

era venuto formando nella scienza e nella pratica ita-

liana

le

universit francesi conservarono le tradizioni

ed usavano
e poi

metodi

di quelle italiane

commenti furono

nioni di Bartolo gi
alla legge

in

si

Spagna

accolti

detto

le glosse

da per tutto;

prima
le opi-

che furono equiparate


in Ger-

e in Portogallo (n. 152;

cercavano professori italiani, e il mas italicus,


il sistema analitico, vi era sempre predominante.
161. Giunse, per, pure il giorno in cui questo predominio italiano cess, e fu quello in cui l'Alciato pass
ad insegnare in Francia (n. 155), per invito ricevutone
dal re Francesco I. La scuola da lui quivi fondata, ispii^ata air umanesimo, diffuse, da Bourges suo centro, un
nuovo sistma di studiare il diritto romano sistema,
che, traendo vantaggio da tutti quei caratteri che erano

mania

si

propri delle scuole sottoposte all'influenza degli umanisti, consisteva in sostanza nel!' applicare al diritto il
sussidio

delle

scienze

Karlowa,

storiche

e filologiche e purifi-

TJeber die Reception dea rom. Eechta in Beutachland, 1878;


Franhlik, Beitrcige zur Gesch. der Reception dea rom. Rechta in DeutachWilmans, Die Reception dee rom. Rechta und
land, Hannov., 1883
die aociae Frage der Gegemcart, Berlin, 1890.
;

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

327

massa che gli si era sovrapposta di glosse


commenti, riconducendolo al suo originario splenr
dor. E siccome il sistema contrario, generalmente
cario dalla
e

era

adoperato,

il

mos

italicus,

cos

mos

disse questo nuovo, per contrapposizione

galUcv.s
al

primo

si

per ragione del luogo ove ebbe sviluppo. E la lotta fra


due sistemi s' impegn subito, prima in Francia, poi
anche altrove, ed a quello pi ragionevole e progredito rimase alia fine la vittoria.
Capo della scuola francese, derivata dall' Alciato, fu
i

Iacopo Cuiacio, nato a Tolosa nel 1522, morto a Bourges


nel 1590. Nel 1566 insegnava a Torino, e
sto solo fatto fu legato coli' Italia,

ma

non per queanche per T au-

torit che vi

ottenne nella scuola eulta della giurinata e di qui portata da un


italiano in Francia, non era meno italiana che francese,
sebbene francese, in grazia dei grandi giureconsulti che
la Francia ebbe in questo tempo, la si volesse sempre
tenere e chiamare. Con Cuiacio T amore e V acutezza
sprudenza,

la quale, quivi

della investigazione storica e filologica sui testi del diritto

romano progred

anche contro l'opera

tant' oltre,

che

si

ricomposero,

di alterazione e

soppressione fatta
nella compilazione giustinianea, molte opere dei giureconsulti classici. Intorno a questi si aggirava V ingegno e l'opera di Cuiacio, in quanto che egli partiva
dal concetto

che dai commissari

di

Giustiniano fosse

stata mutilata e corrotta la giurisprudenza romana, e


a questa opera di distruzione egli voleva contrapporre

propria di ricostruzione. E non di raro ci riesce


giureconsulti, Papiniano, Ulpiano, Paolo ed
altri dell' et aurea del diritto romano riacquistano

la

gli antichi

nuova vita per lui, che ne cerca i frammenti, li ricompone, li commenta. La sua opera maggiore quella
dei XXYIII libri ohservationum atque emendationum.
Non altrimenti avevano fatto i glossatori. Ma questi si

PARTE TERZA.

828

erano fermati a Giustiniano. Ora, con


di cui la scienza dispone, si

veste giustinianea

ritrova

si

va pi
il

diritto

nascosto. Certo, Y insegnamento


del testo

ne scapit

ma

la

mezzi migliori

in l, e sotto la

che ne era stato

dommatico o positivo

indagine su

di esso rivolta

coir intento storico progredisce alacremente, ed perci che nella scienza giuridica la scuola cuiaciana rappresenta un periodo di straordinario splendore. Soleva
dirsi che se il diritto romano si fosse in ogni altro luogo
perduto, sarebbe bastata la scuola francese a conservarlo e farlo riapparire luminoso nel mondo.
Cuiacio, infatti, fu fondatore di una scuola. Non gli
mancarono oppositori, e non poteva essere diversamente, giacch i cuiaciani si ribellavano contro secolari tradizioni, e non portavano utilit diretta ai bisogni della pratica. Erano, pu dirsi, idealisti, e perci i
pratici trovarono, come sempre, la via facile ad attaccarli. Pur lasciando ora l'Italia, dove i bartolisti,
come si detto, continuavano a dominare, in Francia
furono oppositori a Cuiacio due grandi giureconsulti,

Donello (1527-1591) e Otomano (1525-1590). Ambedue


contrastarono in Cuiacio 1" indirizzo troppo teorico e
critico, chiedendo che il diritto dovesse essere studiato
in

modo da corrispondere

ma

alla soddisfazione degl" inte-

secondo un concetto
quanto che il Donello voleva
che a quest'interessi si adattasse il diritto romano,
analogamente a ci che facevano in Italia i bartolisti ;
r Otomano invece proponeva che si abbandonasse il diritto romano, e si formasse un nuovo diritto nazionale,'

ressi della societ

Tuno diverso

ci fecero

dall'altro, in

traendolo dagli elementi costitutivi della societ francese, come ancora da ci che potevano dettare la scienza
filosofica e la esperienza degli affari. Ernesta fu la idea
che alla fine trionf. Ma non per allora, che in quel contrasto la vittoria rimase a Cuiacio, che ebhe una splen-

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

329

dida scuola d'illustri giureconsulti.

Fra questi ebbero


Molineo (Dumoulin), il Brissonio, il Duareno, Dionisio Godofredo e suo figlio Iacopo (1587-1652),
a cui spetta il celebratissimo commento teodosiano.

maggior fama

162.
fico,

per

il

Non

ostante, per, questo splendore scienti-

decade col secolo XVII, sia


tumultuose vicende politiche e religiose da cui

la scuola dei cuiaciani


le

fu avvolta la Francia, ma pi pel consolidarsi del sentimento nazionale, che cercava di manifestarsi anche
nel campo giuridico con un diritto suo proprio, abban-

donando perfino

la tradizionale lingua latina. Gli effetti

se ne videro in

due grandi giureconsulti, che ancora

Il^omat (1625-1696) scrisse in francese la sua opera sulle Leggi civili nel loro ordine
naturale, e formolo del diritto un sistema, tratto non
ebbe

la Francia.

ma dalle ordinanze dei


re francesi e dalla giurisprudenza. L' altro fu Pothier

pi soltanto dalle leggi romane,

il quale se da un lato si ricollega ai cuiaopera intitolata Pandectce iustinianece in


ordinem redactce; dall'altro uno de' fonda-

(1699-17'72),

ciani, coir

novum

tori del diritto

moderno francese

varie materie giuridiche. Quanto

co' suoi trattati sulle

Pothier esercitasse
influenza sulla compilazione del codice di Napoleone,
che pu dirsi l'ultimo risultato di questa lotta contro
i cuiaciani, cosa notissima.
il

Intanto, cos esulando dalla Francia, la scienza del

romano poneva sede in Olanda, e vi splendette


nuova gloria. L' Olanda, acquistata di recente la in-

diritto
di

dipendenza

veniva a trovarsi allora nel pieno


sue forze, ed avendo alacremente favorito
studi, ebbe anche grandi giureconsulti, alcuni dei
politica,

fiorire delle
gli

quali ottennero

fama universale,

e superarono quelli
per chiarezza di metodo, per proesposizione, per aver ben congiunto gli studi

delle altre nazioni,

priet di

generali colle pratiche applicazioni al

diritto

locale.

PARTE TERZA.

330

Furono

detti

hirisconsulti

elegantiores.

h^

scuola

olandese pu riannodarsi fino con Ugo Grozio, il fondatore del diritto internazionale. Ma, per gli studi pro-

priamente del

diritto romano, essa ebbe per suo capo


\innio (1588-1657), il cui commentario alle istituzioni
sta-to per lungo tempo usato utilmente nelle scuole
anche d" Italia. Seguirono, fra altri, il Noodt (1647-1725),
il

il

Voet (1647-1714), ambedue autori

di

commentari

alle

pandette, che non solo hanno avuto accoglienza in ogni


paese, e sono stati

non possono, per

pi

comunemente

utilit degli studi,

adoprati,

ma

neppure oggi ve-

nir trascurati.
si devono pure importanti monografie
devono poi in particolar modo ricordarsi

Agli Olandesi
storiche, e

Thesauri, vale a dire raccolte enciclopediche,


ov* essi ordinatamente esponevano, a modo di dizionaloro

rio

altrimenti,

risultati conseguiti dalla scienza, in

aveva avuto.
Dopo r Olanda, venne la volta della Germania nel primato delle scienze giuridiche. Anche in Germania si
era diffuso Y umanesimo, che aveva avuto nella riforma
anzich un ostacolo, come era accaduto in Italia, un
impulso a propagarsi. Gli effetti ne furono non diversi
da quelli che se ne erano avuti in Italia, che ne venne
diminuzione di fama pei giureconsulti pratici e dialettutto lo sviluppo che fin allora

tici,

reazione

al

principio abusato dell'autorit, deca-

denza generale del mos

meE con questo nuovo

italicus, favore invece al

todo nuovo, assai pi scientifico.

il

Germania a voler
carattere di straniero; Si

la critica; si

domanda che venga, come

indirizzo degli studi s'incomincia in

togliere al diritto

porta sul testo

romano

comune, riformato, per renderlo pi semplice e


pi chiaro, e specialmente pi conforme agl'interessi
del paese; con che implicitamente s'incomincia anche
^ vagheggiare la formazione di un diritto nazionale.

diritto

EPOCA DEL RISORGIMENTO.

331

com* era accaduto in Italia, in Francia, in Spagna. Questa tendenza ebbe nel Carpzovio e nel Conring i suoi
pi validi sostenitori; avendo

il

primo fatta

zjone, e con ci la dimostrazione, del

l'esposi-

diritto

allora vigente, e l'altro avendo, colla sua opera

tedesco

De

ori-

gine iuris germanicij storicamente dichiarato come il


diritto romano non era stato ricevuto in Germania in
modo cosi assoluto, da sostituirsi integralmente e durevolmente al diritto nazionale.

movimento scientifico non grandeggi in Gerjnodo da superare quello degli altri pa^si,
se non dal principio del secolo XIX, parallelamente^ al
risveglio del sentimento nazionale, dopo la compresPei'

mania,

il

in

sione napoleonica.

Il

secolo

XIX

il

tempo

de' grandi

giureconsulti tedeschi, che, per opera specialmente della


scuola storica, donarono al diritto romano un nuovo

splendore ed_ anche il tempo nel quale finalmente,


dopo una lunga peregrinazione pe' paesi stranieri, torn,
con metodo nuovo, ad essere il suo studio riacceso in
Italia, che ancora una volta ne ottenne aumento di cul:

tura e soddisfazione del sentimento nazionale.

Parte Quarta.
EPOCA MODERNA.

Il j)ei'ioilo di passaggio fra l'epoca precedente


moderna, corrispondente a quella parte della seconda met del secolo XVIII nella quale si venne preparando la grande rivoluzione, ha, in quanto allo stato

163.

e la

delle fonti del diritto, molti punti di analogia con quel

tempo antico, quando, cessata la esuberante produzione della giurisprudenza e della magistratura romana, si sent il bisogno del raccoglimento, e
periodo di

luogo

s'inizi, in

ed ordinare

il

di

produrre,

il

lavoro del semplificare

gi prodotto.

Neirun periodo,

infatti,

come

nell'altro

ha molte-

si

plicit eccessiva di fonti: gl'imperatori colle


stituzioni,

magistrati coi loro editti,

loro responsi, le leggi antiche

loro co-

giureconsulti coi

mantenute

in

senatoconsulti, le consuetudini portavano nel

vigore,

campo

del

romano quello stesso imbarazzante e inestricaammasso di materiali giuridici, che si rinnov sul

diritto
bile

limitare dell'epoca moderna, quando contemporanea-

mente vigevano

e s'intrecciavano

diritti

comuni,

le

leggi dei principi, gli statuti, le consuetudini, i giudicati


dei tribunali, le opinioni dei giureconsulti. La pratica
nial

sapeva

indirizzarsi,

il

giudice

rimaneva dubbioso,

333

POCA MODERNA.

la scienza non poteva elevarsi ad originalit, nessuno


conosceva la via sicura della legge, come nessuno poteva esser sicuro sui propri diritti, che ogni pretesa,
ogni questione, ogni avvocato trovava sempre un principio, un'opinione su cui sostenersi.
A tali inconvenienti, che erano eguali pei due tempi

fra cui posto


Il

il

confronto,

primo danno veniva da

opinio

(n. 153),

si

cercarono eguali rimedi.

ciucila

che dieeasi comunis


legge data alle

dall'autorit cio di

opere dei giuristi: e come a ci provvide in Roma la


legge delle citazioni, che limit a cinque il numero dei
giureconsulti, i cui responsi potevano avere efficacia in
giudizio; cos nella legislazione

italiana

come ne dettero primo esempio

Vittorio

vi

si

ovvi,

Amedeo

II

Ferdinando Borbone,* prescrivendo che l'autorit dei


dottori, interpreti e commentatori dovesse essere sbandita dal foro, tanto per gli avvocati, che non dovean pi
citarla, quanto pei giudici, che pi non dovevano farne
criterio per le loro decisioni. EJji quanto alle altre fonti,
dalle quali il diritto era costituito, si venne ad ordinarne
la materia in speciali collezioni, per le quali il superfluo
fosse tolto, r oscuro spiegato, eliminato

e tutto

il

il

contraddittorio,

resto sistematicamente disposto, in

modo che

potesse ognuno agevolmente ritrovare ci che pel suo


caso gli occorreva. E siccome con ci si soddisfaceva a
bisogno universalmente e fortemente sentito, i privati

prevennero l'opera

Roma,

dello stato; e perci,

come

gi in

cos nei vari paesi d'Italia le ufficiali sistema-

zioni del diritto, ossia

codici,

fatte senza partecipazione

furono precedute da quelle

della pubblica autorit.

vero che, aperta la via al nuovo indirizzo legislativo,


non tardarono ad aversi le sistemazioni del diritto
date dallo stato; ma ancora queste dovettero, per suc

Cosi. piem.. lib. Ili, tit. 22, 9.

-Legge

del 1774.

PARTE QUARTA.

334
cessivi gradi,

svilupparsi e perfezionarsi,

innanzi di

giungere ad essere veramente codici, nel senso proprio


di questa parola.
164.
Si possono distinguere a tal proposito tre pe-

primo quello delle gi dette raccolte private,


pur dando una sistemazione a tutta la materia
legislativa, non ne aboliscono per le fonti, di modo
che non hanno l'efficacia d'impedire che i medesimi
inconvenienti si ripetano pel tempo futuro: rappresentano una sosta, quasi per riprendere forza a continuare come pel passato, e non altro. Nel secondo periodo si va pi presso alla codificazione, appartenendo
ad esso i codici della fine del secolo XVIII, che hanno
aperto la via ai posteriori del XIX, differendone per
sostanzialmente, in quanto che cercavano ancora una
conciliazione col passato, non disconoscendo il diritto
comune, e lasciando, nelle materie puramente locali,
ancora in vita gli statuti. Le costituzioni piemontesi
riodi.

Il

le quali,

(n. 124),

per esempio, sono fra codici

siffatti,

perch,

posta pure per prima l'osservanza di ci che era in


esse contenuto,

ammettevano

in secondo luogo gli sta-

tuti locali, e quindi le decisioni dei magistrati, e final-

mente

il diritto comune, nulla impedendo, inoltre, che


alcuna di queste fonti secondarie diventasse la prin-

quando ci fosse consentito, per privilegio o


per altro motivo, dalla volont del sovrano. I codici
propriamente detti invece, dai quali caratterizzato
cipale,

il

terzo periodo, aboliscono tutto T altro diritto, e in

quello che, per eliminazione dell' antiquato e del su-

perfluo e per introduzione del nuovo, viene in essi si-

stemato, richiedono impero esclusivo, in guisa che ne

n privilegio, n qualit

di persona, n
una speciale disposizione
di legge, possa recarvi, non che mutazione, ma neppure momentanea sospensione della loro efficacia.
diritto locale,

altra ragione qualsiasi, fuori di

EPOCA MODERNA.

335

Non diversamente disponeva Giustiniano intorno

al

suo codice, che dichiarava in ceternum valiturum. Ma,


qui terminando 1" analogia, fra la codificazione giustinianea e quella de' tempi moderni intercede profonda
ch^Giustiniano, tenendo pur
e sostanziale differenza
conto delle condizioni de" tempi suoi, raccoglie quanto
avean prodotto, e cos) salvandolo dalla dii passati
spersione, lo pone monumento a tutti i tempi futuri
la codificazione moderna invece, pur facendo considerazione dagli ammaestramenti del passato, si stacca da
questo, ed inizia un' epoca nuova. Essa , dopo la proclamazione dei diritti dell'uomo, la pi grande conseguenza
del rinnovamento sociale, che si compiuta nell' et
:

moderna.

E questa

la ragione per la quale in passato,

quannon si pot giungere ad una vera


codificazione. Bisognava prepararvi la societ, dandole

tunque

la si tentasse,

coscienza di s stessa e desiderio

di

raggiungere

il

pro-

prio destino, e togliendole quegli ostacoli che a tale rag-

giungimento si opponevano al primo scopo fu volto tutto


grande lavoro dei filosofi dei secolo passato, che furono
gli autori morali della rivoluzione
al secondo giov la
rivoluzione stessa, rivendicando i diritti dell'uomo, contro gli abusi dell' assolutismo e del privilegio, che ne
ebbero quel colpo per cui son per sempre giaciuti.
:

il

Capitolo

165.

1.

Le

La

scuole giuridiche.

scuola del diritto naturale.^

L'idea di una legge

umana, debba
gli

I.

costituire

un

che, dettata dalla natura


diritto

comune per

tutti

uomini, senza essere soggetta a mutare secondo


*

NiER,

Salvigli, p.

De

II,

e.

23; Schupeer,

Vinjluence de la philosophie

lib.

II, tit, II, e. 2;

du XVIIl sitde sur

le

Lermi-

la legiala'

PARTE QUARTA.

336

sempre avuta. I Romani poun altro diritto quod naturatio Inter omnes homines constituit: e di questa

condizioni dei tempi,

nevano accanto
ralis

si

al civile

ragione naturale o facevano applicazioni nel diritto lor


proprio, come allora che dicevano che naturali ratione
l'occupazione causa di acquisto della propriet o ne
;

facevano confronti, per dimostrare

il

carattere tutto

particolare del loro diritto

civile, riconoscendo, per


che la schiavit, da questo voluta, era una
istituzione cantra nattiram, la quale vuole tutti gli
uomini eguali fra loro o finalmente, per incivilire e
moralizzare il diritto particolare a Roma, ne traevano

esempio,

anche principii generali, qual era quello, fra gli altri,


che non sia lecito fare ci che torna a danno dei buoni
costumi. Per in queste stesse applicazioni si vede quale
fosse il concetto del diritto naturale pei Romani
non
fu mai in essi V idea che da tal diritto potesse trarsi
tutta una serie di massime e di disposizioni, da formarne una legislazione che, immutabile in s e consona
ai sentimenti umani, fosse superiore ai diritti parti:

facevano che il diritto


voce della natura, perch per essi il diritto altro in sostanza non era che la
ragione di stato, cio il mezzo col quale doveva questo provvedere alla propria conservazione e al proprio
sviluppo. Fu la filosofia che fece conoscere ai giureconsulti r idea di un diritto superiore allo stato, conforme
alle naturali qualit dell' uomo. Ma il diritto civile non
vi si assoggett mai, e soltanto lo consider come sussidiario per que' casi nei quali faceva ricorso ad esso,
o quando, per buona disposizione delle condizioni socolari

anzi, nel contrasto, essi

civile prevalesse, soffocando la

du XIX, Paris, 1833; JoyaU, La philosophie en


France "pendant la revolution, son injuence sur les institutions politi-

tion et la sociahilit

ques

et

juridiqucs, Paris, 1892; RlVAliTA, Diritto naturale

Bologua, 1898.

e poeititw,

337

EPOCA MODERNA.

prestava a riceverne qualche principio. Sicch


e inil diritto naturale non ebbe che limitata
diretta influenza sulla legge, rimanendo suo proprio
campo la filosofia, la quale tanto meno pot vedere attuate le sue teorie, quanto pi lo stato veniva cercando
ciali, si

in

Roma

rimedi alla propria decadenza coir accrescere il dispotismo e spegnere gli ultimi residui delle libert ed energie individuali.

concetto di un diritto di natura si conobbe anche nel


medio evo. Vi contribu il diritto romano, e infatti nella
legge longobarda se ne vede fatta la stessa applicazione

die in quello gi
zione

ma

in

si

faceva, relativamente alla occupa-

modo

assai pi vasto ed efficace vi con-

tribu la chiesa, per cui opera, per,

il

diritto naturale

una profonda trasformazione. Dal campo filosofico


pass in quello teologico, e ne fu posta a base la mo-

sub

rale cristiana, per la quale esso a sua volta divent la


base e la giustificazione di tutte le regole ed istituzioni
delle leggi positive.

recte
e

Rex, diceva Isidoro

agendo vocatur, altrimenti non

pu lecitamente privarsi

tiranno,

del potere ed anche, ove sia

o^ni precetto della legge umana^


principio Tommaso di Aquino, deve, per

necessario, della vita

poneva come

di Siviglia,

re,

essere giusto, trovarsi in corrispondenza colla legge nala consuetudine


turale, che di quella il fondamento
per esser fonte di diritto doveva esser bona (n. 65),
:

cio corrispondente ai precetti della natura, i quali si


estrinsecavano per mezzo di quelli divini e della chiesa.

Donde

si

vede

lo

speciale carattere di questo diritto

naturale del medio evo. Non pu esser dato dalla sola


ragione umana, perch questa pu, per molte cause^
allontanarsi dal vero e dal giusto si deve attingere l
:

dove errore non


1

possibile, e

dove quindi esso

si

RoT., 319.

M. B.

Calisse.

22

ma-

PARTE QUARTA.

338

nifesta quale realmente in s

l'

vale a dire, il diritto


confonde coi principii rivelati da Dio alcoi precetti, che nel nome divino, emana
chiesa. Quindi si comprende la ragione per cui do-

natura
uomo, e

di

la

si

vette anche

lo

stato assoggettarsi a questa idea di

un

quanto che ne fu posto fuori

di

diritto superiore, in

fondamento, anzi fuori della societ umana, cio


nella potest soprannaturale a cui tutti soggiacciono.
Questo concetto domin nel medio evo, e ancora nella
Monarchia di Dante si legge che il diritto non che
una manifestazione della divina volont, dalla quale se
esso

il

si discosta non pi diritto, ma ingiustizia e tirannia.


Eppure, questo stesso concetto contribu pi tardi a
far sorgere e fortificare la tirannia dello stato: imperocch, posto il principio che la sovranit delegata da Dio, e che essa, nel compiere ogni suo ufficio,
deve prender criterio dalla legge divina, ne deriv la
conseguenza che soltanto verso Dio il sovrano sia responsabile degli atti suoi, e che di nulla debba render

conto agli uomini, sia individualmente, sia come for-

marci la umana societ. RespvMica uni Beo^prceterea


rediit rationem nemini proclam G. B. Vico, e in ci
r assolutismo trov la sua pi rigida e potente espressione.

Venne, come noto, la reazione, la quale tocc anil diritto ponendolo


sopra un nuovo fondamento,
che fu quello che form la ragione ed il carattere della
Scuola detta propriamente del diritto naturale.
La preparazione ne fu lunga, e g' indizi del
166.
nuovo concetto che doveva aversi del diritto si possono
che

trovare in et lontana,

fin

dal priTicipio

del rinasci-

ravvisano facilmente negli scrittori filosofi


e giuristi, i quali per, procedendo, si allontanavano,
col trarre sempre nuove conseguenze ed applicazioni,
(lai loro predecessori, tanto che gli ultimi, sebbene lo-

mento.

Si

POCA MODERNA.
gicamente congiunti

coi

primi,

339

giungono a principii

avean posto.
deve annoverarsi Giambattista Vico
(1670-1740), ingegno originale e indipendente, n adatto
al tempo e al luogo in cui visse, e che perci non lo
conobbe. Egli nella sua opera De uiiiversi iuris uno
principio et fine, completata dall'altra sui Principii di
scienza nuova intorno alla comune natura delle nazioni, ricerca e dimostra l'esistenza di un diritto eterno,
del tutto contrari agli altri che questi

Fra

tali scrittori

ideale, superiore alle

umane

vicissitudini, che

si

svolge

medesimi ritornanti, in
vii't di una forza che regola tutta quanta 1" umanit.
11 germe dunque di un diritto naturale, da cui trarre
le norme di una giustizia universale, gi si trova in
Vico, e ne prova anche il fatto che, quando la scuola
del diritto naturale si fu sviluppata, sulle sue opere
per

cicli storici,

sempre su

fu volto con pi fervore lo

stuma quella

gloria che

il

studio, e gli

fu

suo tempo non

data pogli

aveva

interamente conceduto. Per Vico molto lontano da


quei sentimenti, co" quali poi il diritto naturale fu inegli ancora legato da una parte al medio evo,

teso

pone a fondamento Fidea della provvidenza,


mente umana, se non aberri, non pu
discordare, avendo in essa il suo principio e il suo punto
e perci

dalla quale la

con essa congiungendosi tutte le particouomini come delle nazioni, dal


loro sorgere fino, attraverso la immutabil via del progredir prima e poi del decadere, alla loro estinzione.
Pi chiaro e pi determinato si mostra il concetto
del diritto naturale negli scrittori di diritto pubblico e
specialmente internazionale. Loro intento era quello di
portare nella coscienza pubblica e nel diritto la condanna
delle guerre, che insanguinavano l' Europa per motivi

di ritorno, e

lari esistenze sia degli

religiosi

vano

il

per interessi delle famiglie regnanti. ^Pone-

principio che la guerra non fosse giusta, se non

PARTE QUARTA.

340

per risarcimento di un levenendo a determinare in


che consistesse questa legittimit, la cui lesione poteva
giustificare la guerra, la trovavano nella conformit
alla giustizia naturale, a quelle norme cio che, avendo
la natura umana per loro sorgente, costituiscono quel
diritto che per esse chiamato naturale, e di cui perci altro pi legittimo non si pu avere per T uomo.
Fra tali scrittori da porsi Alberico Gentili da San Gifatta per propria difesa o

gittimo diritto leso

nesio (1550-1608),

il

quindi,

quale, vissuto al

tempo

delle lotte

religiose, cerc libert fuori di patria: fu professore

ad

Oxford, e col suo libro De iure belli tratt questo punto


concetti sopra accennati,
esponendo quando sia giusta la causa della guerra,
come debba questa condursi, quali conseguenze ne possano derivare. Questa opera del Gentili precluse la via
air altra pi nota ancora De iure belli ac pacis di Ugo
di diritto internazionale coi

Grozio, olandese (1583-1645),


il

il

quale

si

considera come

fondatore della nuova scuola del diritto naturale.

Ricercando, per giungere al fine, di combattere la ingiustizia e la frequenza delle guerre, qual fosse questo diritto, egli lo trova nei dettami della retta ragione,

conosce se V operar dell' uomo sia in corin discordanza colla legge naturale, se
sia quindi giusto o ingiusto, e perci se sia ancora da
Dio, come autore della natura, comandato o vietato.
DLfroi^te a questo diritto naturale vi , come sua deri-

pei quali

si

rispondenza

il quale dal primo deve trarre


precisamente da quel precetto del diritto naturale che obbliga di stare ai patti, e fu un
espressamente o tacitamente posto fra gli uopatto,
mini, quello di unirsi in societ, e sottoporsi perci a
quelle autorit e a quelle leggi che, per l'esistenza della
societ medesima, si sarebbero riconosciute necessarie.
Ora in queste teorie si vede realmente il passaggio dalla

vazione,

il

diritto civile,

la sua forza, e

EPOCA MODERNA.

341

Il medio evo vi si sente


porre Dio a fondamento del diritto naturale
ma d'altro lato la ragione umana che vien presa in
considerazione, e facendola autrice del diritto e della
societ, le si viene in sostanza a sottoporre quanto

scuola medievale alla nuova.

ancora

col

regola ed istituzione di tutta T umanit

diceva che, se

si

stesse, la sua teoria sarebbe restata


e

lo stesso

Grozio

potesse ammettere che Dio non esi-

egualmente vera

immutata.
Di__maniera che, venire da questi principii alle con-

ragione umana dovesse esser posta in


che la rivelazione dovesse essere sbandita dal <jampo giuridico che in questo dovesse esser
portato soltanto il diritto naturale, composto di norme
positive, tratte dalle condizioni essenziali della natura

seguenze che

luogo di Dio

la

e tali perci da essere immutabili ed univerche qualsivoglia istituzione sociale non dovesse
conservarsi se non corrispondente a tal diritto, e che
in caso contrario dovesse farsene distruzione per mezzo
anche della rivoluzione; il trarre tutto questo dai principii posti, sia pur senza coscienza di tali conseguenze,
da Ugo Grozio, non era pi se non un lavoro di logiche
deduzioni. E di questo s' incaricarono gli scrittori a lui

umana,

sali;

succeduti, e in
167.

modo

L^ filosofia

speciale

filosofi

del secolo XVIII.

allora, tratta a s

quanto fosse

proprio della natura umana, si era impadronita anche


del diritto; e come voleva rinnovare la societ, cosi

anche di questo cercava la rinnovazione, e la proponeva sulla base del diritto naturale, ricostruendo il tipo
deiruomo primitivo, libero da quanto la societ gli avea
posto artificialmente intorno, e cercando in tale stato
di natura i suoi sentimenti e bisogni, per comporre su
questi il nuovo diritto universale.
Rer_^rocedere a tale ricostruzione si pose per criterio la osservazione dei fatti. Si esaminano le varie

PARTE QUARTA.

342

condizioni degli uomini, guardando questi in ogni tempo


e luogo

non

nei risultati ottenuti

si

tiene conto di ci

che qualit particolare di un individuo o di un altro, di una o di un'altra societ; si raccoglie soltanto
ci che a tutti comune, ci che si vede costante-

mente, e che perci deve tenersi come essenziale della


natura dell'uomo la quale cos viene a farsi conoscere
quale in s stessa, non quale pu essere alterata
dalle condizioni accidentali. A queste qualit naturali
corrispondono certe leggi, per conservarle, per renderne possibile l'esercizio e lo sviluppo: queste leggi,
unite e ordinate, formano quel diritto naturale, a cui
;

qualsiasi altro

non pu mai contradire.

novit di questo concetto consiste in

Lia

mentre

ne* sistemi precedenti, la

ci, che,

natura umana

si

cer-

cava soltanto neir elemento della ragione o della coscienza, la quale a sua volta veniva confrontata colla
legge divina, interpretata dalla chiesa

viene essa, senza curare


autorit,

altrui

ma

ora, invece,

sue relazioni col sopran-

studiata in s medesima,

naturale,
di

le

del libero

col

sussidio

raziocinio,

dalla scienza e guidato dalla osservazione

non

sorretto

de" fatti.

Il

medio evo guardava 1' uomo nella sua finalit d' oltre
tomba; ora lo si guarda essenzialmente ed esclusivaniente come formante 1" umano consorzio. Il concetto

uomo il credente
che un fenomeno natualtri che costituiscono la

teologico del diritto considerava nell'


in Dio

rale,

ora non

si

vede

in lui

collegato con tutti gli

natura

fisica.

Questi principii ebbero rapida diffusione. Penetrarono nel popolo, e formarono la pubblica opinione. Le
'-pere stesse,

propugnano, prendono lingua e


li
chiamando ed allettando tutti alla dialtra parte esse trovavano ben disposto
spirito pubblico, perch, mentre tutta la
che

l'orma popolare,

scussione

a riceverle

d'

lo

EPOCA MODERNA.

343

vecchia societ cadeva in ruina, esse si facevano tutrici de' nuovi sentimenti, che dovevano dar carattere

Centro di questa diffusione fu


V Italia vi partecip ampiamente, come

alla societ rinnovata.


la Francia.

Ma

dimostrarono
168.

le

conseguenze che presto vi si videro.


possono principalmente ri-

Tali conseguenze

dursi a tre capi. Xell'ordine religioso e filosofico fu abbandonata la rivelazione, la ragione umana fu posta a fon-

damento
nella

Kant

del diritto, e quindi

filosofia
il

nome

col

di

si

pass

al

sistema noto

razionalismo, che ebbe in

suo principale campione. In conseguenza di ci

tutto fu subordinato alle regole della ragione

umana,

le

quali sono universali e immutabili, e consistono in so-

stanza nel tutelare contro ogni violazione quei diritti,


che la natura ha posto nell* uomo infatti, per lo stesso
:

Kant

il

diritto

non

che l'insieme delle condizioni per

le quali, nella societ, la libert dell'

j^edimento
congiunto,

all'

uno non

esercizio della libert degli

come causa ed

im-

Ci

effetto, colla teoria, carat-

teristica di questa scuola, del contratto sociale.

form per mezzo


conseguimento di

sia

altri.

L'uomo

una convenzione la societ, pel


fini che non poteva raggiungere colle
sole sue forze, ma non abdicando, n lo avrebbe potuto, a quei diritti che formano la essenza della sua
natura, e che perci devono essere dalla societ rispettati e garantiti. Praticamente, come ultimo risultato
di questi principii, si ebbe la proclamazione dei cUritti dell' uomo.
di

Nel campo politico

l'

opera innovatrice della scuola


all' abolizione di presso che

del diritto naturale port

tutte le istituzioni medievali. Feudalit, privilegi, diritti

primogeniture e fedecommessi, assolutismo nel governo, ingerenza della chiesa sullo stato furono tutte
di

istituzioni a cui si

mosse guerra

fatale: o fondate sulla

autorit divina, o introdotte dalla conquista, o formate

PARTE QUARTA.

344

sovrapporsi di una classe di uomini ad un'altra,


proclamava che esse erano istituzioni non conformi
pe]^

diritto di natura, tali, cio,


si

doveano ad ogni costo

che pel trionfo

abolire.

pi considerare come superiore all'uomo,


derivato, avente per unico scopo
e sociale di lui.

deve

ma come

suo

il

ostacolo all'esercizio delle

uomo ed

al loro sviluppo, secondo


che la natura ha loro assegnato. Questo fu lo

facolt innate
fine

si

bene individuale
La sua azione deve tendere a far scom-

parire tutto ci che di

il

questo

di

Lo stato non

si

al

dell*

scopo per cui l'uomo lasci la originaria assoluta sua


libert per unirsi in societ, e fondarvi lo stato

que-

non altro deve perci essere l'ufficio dello stato


stesso, abbandonando quanto di diverso o di contrario
sto e

avesse, nel corso della sua vita, attratto a s.

questa necessaria trasformazione

E poich

trovava resistenza

negl'interessi preesistenti, dalle teorie della scuola

si

venne per necessit di logica al fatto della rivoluzione.


Sejnalmente si gnarda alle condizioni del diritto,
s'intende come questo debba avere lo stesso ufficio che
si assegna allo stato. Da un lato deve essere concorde
colle leggi naturali, nel senso

sopra indicato; dall'altro

deve essere adatto a far conseguire all'uomo il suo fine


sociale. Perci fu preso a combattere il diritto romano,
avente ovunque efficacia di diritto comune. Questo era,
specialmente fuor d" Italia, quanto di opposto poteva
pensarsi al diritto naturale, rappresentando il frutto
della conquista,

I'

autorit straniera sovrappostasi ai

popoli soggiogati, la soppressione violenta delle leggi a


'luesti popoli pi confacenti; diritto vecchio, fatto per
<ociet del tutto diversa dall'attuale, svolto per pi che

da dodici

secoli

allontanatasi
cipi! di

mediante l'opera

sempre pi

natura. In

riflessa della scienza,

colle sue sottigliezze dai prin-

modo analogo

fu

combattuto

il

diritto

canonico, rappresentante di quella autorit che, vin-

EPOCA MODERNA.

345

colata al soprannaturale, veniva dichiarata la pi con-

nuovo indirizzo, puramente umano, che la sodovea prendere. La legislazione degli stati allora
esistenti doveva per lo meno essere purificata da quanto,
ed era il pi, aveva ricevuto dalla ragione politica, datraria al
ciet

gl'interessi dei privilegiati, dalla societ costituita sulla

disuguaglianza. Conveniva, dunque, riformare tutto

sostituendo

diritto,

le

il

antiche con altra legge, tratta

dai precetti naturali, di

modo

che,

quando

la si fosse

tutta ordinata, non fosse pi mutabile, e potesse, anzi

dovesse, per la sua conservazione, esser chiusa in un

ordinato sistema, a tutti noto e da nessuno tangibile

nacque l'idea della codificazione del diritto, nel


seno assoluto nel quale poi venne concepita ed ap-

cosi

plicata.

ir,9.

2.

Tutte

La scuola del diritto storico.^


le

conseguenze a cui era giunta

la

scuola del diritto naturale provocarono reazione, per

quanto non durevole in ogni sua parte. Contro la proclamata eguaglianza dei diritti essenziali dell'uomo, si
fecero risorgere le antiche disuguaglianze sociali. Contro gli effetti politici della rivoluzione si ebbe la restaurazione de' vecchi stati e de' vecchi sistemi di go-

Europa. E cos contro il modo di concepire


contro la conseguenza della sua codificazione reag una nuova scuola, che di questa neg la
possibilit, e quello pose su nuovo fondamento. Questa
fu la scuola storica, alla cui determinazione d!te origine la disputa, che fu, dopo lo scioglimento dell'impero
napoleonico, vivacemente fatta in Germania sulla op-

verno

il

in

diritto e

I.

scient.

giurid.

Vanni, / giuristi della scuola storica, nella Riv. di filos.


1885 Brugi, / romanisti della scuola storica, nel CiiCf
;

1883.

PARTE QUARTA,

346

portunit e possibilit di codificare

il

diritto nazionale.

Le^e

tendenze furono nel 1814 rappresentate e sostenute dli due celebri campini, il Savigny, oppositore, ed
il Thibaut in favore del codice. Questi ai principii della
scuola del diritto naturale univa, eccitandolo, il sentimento patriottico della Germania, finalmente liberata dalloppressione straniera e in nome degli uni e
:

dell'altro

domandava,

cessit di

un

diritto

un codice unico per

collo scritto intitolato Sulla ne-

comune
tutti

civile

per

la

Germania,^

paesi tedeschi, con riguardo

dettami della ragione accordati coi costumi germacon eliminazione di ogni diritto straniero, compreso come tale ancora il romano, a cui anzi negava
ogni corrispondenza col carattere e coi sentimenti dei
Tedeschi. Rispose il Savigny colla celebre pubblicazione Bella vocazione dell'epoca nostra per la legislazione e la giurisprudenza,' che contiene il programma
ai

nici, e

della scuola storica.


il

diritto,

Ne

fondamento

il

principio che

anzich avere un carattere astratto, asso-

dato dalla natura riguardata ne' suoi caratteri


immutabili, superiori alla vicenda degli eventi umani,
sia in intima relazione e legato, come effetto a causa,
luto,

con l'indole determinata


delle

di

un popolo,

e colla variet

condizioni nelle quali questo viene successiva-

mente a trovarsi. Come presso ogni popolo, per procedimento necessario e quasi incosciente, vengono a formarsi la lingua e la specialit dei costumi; cosi vi si
forma il diritto, in conformit dei suoi sentimenti e dei
suoi interessi particolari. Ci non basta certamente perch il diritto si completi, e prenda forma di leggi al:

l'

[QmQ\-io_^ncUurale, dato dalla coscienza del popolo,

da cui scaturisce

la consuetudine, ordinata,

Heidelberg, 1814.
Heidelberg, 1814;

rist.

1828-1840.

come ora

EPOCA MODERNA,
si
si

347

detto, colle condizioni nelle quali

il

popolo stesso

trova, conviene aggiungere quello formale o poliche opera del legislatore, il quale d la forma

tico,

positiva al diritto, e lo rende efficace, dopo che gliene


preparata la via dai giuristi, cio dalle persone che,

mediante lo studio, danno al diritto l' elemento tecnico


o scientifico, per salvarlo dal disordine in cui cadrebbe
se rimanesse sempre abbandonato agli usi popolari, e
per conferirgli qualit di scienza, non altrimenti di
quanto fanno per la lingua grammatici. Il diritto per
questa scuola dunque dato dalla storia di ciascun popolo, e nella storia sono le ragioni del suo formarsi e
i

modo piuttosto che in un altro,


secondo le condizioni del luogo nel quale si compie il
suo svolgimento.
Fra questi tre elementi il legame continuo e necessario. Il primo indica il bisogno giuridico a cui si
deve provvedere, e fornisce insieme la materia, che,
ordinata, viene poi tramutata nel diritto positivo. Gli
altri due, completandosi a vicenda, devono sempre
mantenersi in relazione col primo, cio col sentimento
e con r interesse del popolo, da ci traendo la propria
efficacia e la propria giustizia. Per, la proporzione fra
poi modificarsi in un

questi stessi elementi del diritto varia, second le contempo e del luogo ora predomina la forma

dizioni del

della consuetudine,

come

fu nel

tempo barbarico; ora

grande importanza l'opera degl'interpreti del


diritto e de" giudici, come fu nell'inizio del rinascimento
giuridico; ora su tutto prevale la legge, emanazione
diretta della potest politica, come si vide dopo che gli
stati ebbero restaurato i propri poteri. Sicch il diritto
un fatto storico non soltanto a riguardo della sua origine, ma ancora nella variet delle sue manifestazioni.
sale a

170.

Cos

concepito

fra le due scuole

non

si

il

diritto,

era inevitabile che

trovasse via

di conciliazione,

PARTE QUARTA.

348

ma che dovessero sovra ogni punto giungere a contrarie conseguenze. Quella del diritto naturale dichiarava esser questo universale, astratto, immutabile
l'altra lo faceva speciale per ogni popolo, sottoposto
alle condizioni esterne, agitato da continuo movimento,
quantunque non arbitrario, perch fra ci che precede
e che segue v' sempre il nesso di causa ed effetto:
l'ima lo derivava da uno stato precedente la societ,
;

e la scuola

storica

poneva

la

societ a presupposto

della formazione e della garanzia di esso: la

concepiva come capace


unico, razionale,

di

prima

lo

esser foggiato in un sistema

comune per

tutti,

perci tale da

potersi sistemare nel codice; la seconda

non vedeva

questa possibilit, ed in conseguenza era avversaria


della codificazione.

Savigny,

infatti,

combatteva, come

si

detto, con-

tro la proposta di Thibaut, dicendo che, dal

che

il

diritto

ha uno svolgimento

momento

storico, porlo in

un

codice non altro che arrestarne la vita, impedendo

che esso continui a modificarsi sotto l'impulso delle


esterne condizioni: il diritto codificato non corrisponde
alla realt di s stesso, perch, mentre continua a progredire, il codice non che la rappresentazione dello
stato giuridico di un determinato momento, che rapidamente passa: non corrisponde neppure agl'interessi
della giustizia, percli per necessit si crea l'arbitrio
del magistrato, ponendosi innanzi a questo un sistema
di diritto che non pu non lasciare molti casi impreveduti, i quali crescono continuamente, quanto pi la
societ

si

sti

allontana da quel

momento

in cui

il

codice

non portasse la codificazione queinconvenienti, si aggiungeva che non era allora op-

fu fatto.

Anche

se

portuna, richiedendo tale investigazione storica e tale


cognizione di tutta la scienza giuridica, quale allora
non poteva aversi in alcun modo: di guisa che, se an-

POCA MODERNA.
che

codice

il

34^

fosse fatto, sarebbe riuscito, dicevasi,

si

come il francese e gli altri su quesarebbe perci danneggiata, anzi che


fatta progredire, la scienza. E se pur finalmente si fosse
del tutto imperfetto,
sto modellati, e

si

avuta attitudine alia compilazione

di

un codice tedesco

generale, in questo Savigny concludeva, in contradizione al Thibaut, che

come

diritto

si

sarebbe dovuto porre

il

diritto

massima parte il romano, non


straniero, ma come diritto divenuto na-

esistente, e perci

in

zionale per l'uso di secoli.


171.

Contro

queste idee della scuola storica,

la

quale ebbe uno splendido svolgimento anche fuori di

Germania, non mancata

che

la critica. Si osservato

ed in parte anche errata, la importanza


data alla consuetudine. Storicamente non vero che
esagerata,

il

diritto siasi

mento,

sempre formato mediante un procedi-

di cui la

la legge

consuetudine sia stata

il

pu considerarsi soltanto come

principio.
la

forma del

quale perfezioni e sanzioni la consuetudine


dettami della scienza: alle volte cos; altre volte

diritto, la
i

il

La

contrario. Questo secondo caso, anzi, frequente.


storia dimostra che pi volte

posto

al

popolo,

anche

in

diritto stato

il

im-

contradizione de' suoi co-

stumi e dei suoi voleri, sia per opera di conquistatori,


sia pel sovrapporsi di una classe dominante, sia per
volont di principe assoluto. Da questi fatti poteva
prescindere la scuola del diritto naturale, che in tutte
le

contingenze sociali non vedeva che cause che avela purezza del diritto non poteva, per,

vano guastato

prescinderne la scuola storica, che in quelle contingenze vedeva la causa efficiente del diritto stesso, e

non poteva perci salvarsi dalla accusa di errore ed


anche di contradizione. Di pi, la idea di una coscienza
comune o popolare vagamente formolata, un'astrazione che costituisce un nesso fra la scuola storica e

PARTE QUARTA.

So

Come questa

quella precedente del diritto naturale.

aveva subito

le

influenze delle dottrine anteriori, onde

per quanto volesse sciogliersi da ogni principio

fin,

non positivo e non dimostrato,


del tutto astratto la natura
ipotesi,

figurarsi in

col

umana

modo

e col concepire la

non dimostrata, e non dimostrabile, del con-

tratto sociale; cos la scuola storica, partendo pure da

ammettere come fonte del


comune, che in sostanza non che

contrari principii, giunse ad


diritto la coscienza

umana natura, salvo che, in luogo del ricercarla col


prescindere dai fatti sociali, viene cercata nella corrispondenza con questi, che ne determinano la variet
la

delle manifestazioni.

tali

difetti

della dottrina che

la

scuola storica

propugnava, devono aggiungersi le ragioni politiche le


quali, anche in Italia, non permettevano che potesse
ripudiarsi quanto si era acquistato dopo la rivoluzione.

la codificazione del

pi

si

E
rica

diritto era fra

gli

acquisti che

sperimentarono vantaggiosi.

perci le dimostrazioni contrarie della scuola sto-

non furono

ascoltate. In questo

dette la battaglia, perch

men

pi

punto essa per-

codificazione

la

si

diffuse,

presto, in ogni paese, tanto che form epoca

form cio la epoca


ha avuto generalmente
nei codici la sua ultima sistemazione. Cos fu anche per
r Italia, che, non meno di altri paesi e pi forse del bisogno, ha seguito alacremente l'esempio della Francia.
nella storia esterna del diritto,

moderna, nella quale

Capitolo IL

172.
le

I.

il

diritto

La codificazione.

codici italiani del secolo XVIII.

Sebbene l'Italia non

novit filosofiche avessero

sione,

fosse

il

il

campo

nel quale

centro della loro espan-

pure anche qui ne arrivavano

le

conseguenze, e

EPOCA MODERNA.

351

nuovi principii t si dififondevano, superando gli ostacoli formati dalle condizioni stesse del paese e pi dalle
i

arti della reazione. Non mancarono scrittori che si schierarono trai fautori dell'universale rinnovamento, e non
furono di poco nome. Basti ricordare Beccaria (1735-1793),
che nella sua opera Dei delitti e delle pene, ispiran-

dosi ai nuovi principii filosofici, cerc di ricondurre a

questi

il

diritto penale, liberandolo

da quanto

di

giudizi, di barbarie, di arbitrio, di diseguaglianza vi

vano portato

preave-

autorit delle leggi romane, la

la cieca

sottomissione della morale alla coercizione giuridica,


la tirannia dei governi,

l'ignoranza delle plebi: Filan-

gieri (1752-1788), che nella

sua Scienza della legislarinnovar questa in ogni punto, partendo dal principio che oltre alla bont relativa, data
cio dalla corrispondenza colle condizioni de' tempi e
de' luoghi, deve aversi nella legge una bont assoluta,
costante, immutabile. E questa ricercando, fa della legislazione un sistema compiuto e razionale, derivato
zione

propose

si

di

dalla origine della civile societ, diretto a dare al po-

polo la felicit, mediante l'eguaglianza politica,

sorgimento economico,

il

ri-

ordine familiare, la tutela giuridica, l'educazione universale: Spedalieri, che scrisse


il

l'

suo libro Bei diritti

vi accett e

dell'

propugn

circa lo stato di natura e

done da un lato che

come pi
lo

gli

uomo per

incarico di Pio VI,

le idee filosofiche de'

l'

il

tempi suoi

contratto sociale, deducen-

uomo ha

il

diritto di

governare

giovi la societ, e che l'autorit che in ci

contrariasse sarebbe tirannica, e si potrebbe anche


la rivoluzione debellare, ma cercando, dall' altro

con

lato, di

dizioni

coordinarle coi principii religiosi e colle tradella chiesa

Romagnosi (1761-1835), seguace


mente

degli enciclopedisti, che, potendo colla vasta sua

abbracciare tutte

trovandone

il

le

scienze sociali, tutte le coordin,

legame, e riducendole

ai

comuni prin-

PARTE QUARTA.

352

che pur sempre mettono capo nella natura del-

cipii,
l'

uomo.
Il

popolo non rimaneva estraneo alla corrente inno-

yatrice, anzi era chiamato a parteciparvi tanto dagli

che propugnavano il rinnovamento sociale,


quanto dai governi che i nuovi principii volevano o
fiduciosi
dubbiosi sperimentare. Infatti nella seconda
met del secolo XVIIl fu generale da parte dei governi
la tendenza a riformare lo stato secondo i nuovi postulati degli scrittori di cose giuridiche e sociali, ed in
taluni luoghi furono riforme audaci, ampie, superiori
anche a ci che in quel momento costituiva la capacit del riceverle. Quindi non tutte furono utili n duscrittori

revoli.

Ora, fra i voti degli scrittori e di quella parte del


popolo che seguiva il nuovo movimento d'idee, vi era,
e in modo principale, che si riordinasse lo stato della
legislazione, mediante una chiara e compiuta compilazione di leggi, che dovesse da tutti essere con eguaglianza e sincerit obbedita.
soddisfare,

si

ebbero in

E questo voto volendosi

Italia

primi tentativi dei

codici.
173.

Vi

posero

mano

nel!' Italia

meridionale

boni, dove era, pi che altrove, ingente


fonti, e intralciata

il

perci la legislazione

delle

115).

Un

regno in un solo
sul principio del secolo XVII,

tentativo di riordinare tutte


codice era stato gi fatto,

(n.

Bor-

numero

le leggi del

da Carlo Tapia, che aveva voluto imitare nell'opera


sua l'ordine tenuto nel codice di Giustiniano, e aveva
stabilito di darle, in onore di Filippo III allora regnante,
il nome di Codice Filippino: l'opera per non ottenne la
sovrana approvazione, e fu pubblicata soltanto come lavoro privato, col titolo di ius regni. Il disegno fu ripreso
da Carlo III, che nel 1751 nomin una commissione,
dandole incarico di fare il codice. Il Cirillo, che era fra

EPOCA MODERNA.
i

353

commissari, ne fa l'estensore; l'opera ebbe XII

libri,

a somiglianza del codice giustinianeo, e fu scritta prima


in latino, e poi tradotta in italiano, il che mostra quanto
i commissari fossero lontani
dall' aver ben compreso la
natura delF incarico a loro affidato il lavoro di essi
infatti, riuscito imperfetto, non fu sanzionato, si pubblic
privatamente nel 1789, e cadde presto in dimenticanza.
Non si fu pi felici in quanto al codice di commercio,
che incontr la medesima sorte, n pi felici furono i
tentativi su tal proposito ripetuti da Ferdinando IV,
che, troppo lentamente procedendo, fu sorpreso e travolto dalla rivoluzione, mentre era ancora sui disegni
:

e sui dubbi.

Negli stati della chiesa


ciali,

ma

si

fecero molte riforme spe-

alla codificazione generale

non

si

pens mai

seriamente.

Invece vi si diede arditamente opera, sebbene nep^


pur qui felicemente, in Toscana. Francesco di Lorena
si pose in animo di ricomporre tutta la materia legislativa del granducato, e formarne un codice che dovesse servire, come ufficialmente

petuo

si

disse, di editto per-

statuto generale della Toscana, ad imitazione

di quello fatto dai principi di

Savoia in Piemonte. L'in-

Pompeo Neri, segrereggenza, che aveva le qualit


adatte a tanta impresa: eppure non vi riusc, perch
carico ne fu affidato nel 1745 a

tario del consiglio di

tempo non ne era ancora maturo, e i


come i disegni del sovrano, rimasero per

il

interrotti. Li riprese

1786 pot pubblicare

fiducioso Pie.tro
il

suoi

lavori,

forza di cose

Leopoldo, e nel

codice penale, che segn un in-

contrastato progresso, di cui le conseguenze non si sono


pi perdute. Volle provvedere anche al resto della le-

per tale scopo nomin nel 1787 una giunta


presieduta dal Vernaccini, uditore di Rota ma la morte
a questo sopravvenuta si un agli altri ostac