Sei sulla pagina 1di 3

Lettura complementare Unit 7: come va?

Nuovo Espresso 2

Sistemi medici alternativi


Con questa locuzione ci si riferisce a sistemi strutturati di teorie e di pratiche mediche che si sono evoluti
indipendentemente o parallelamente all'affermazione della medicina scientifica occidentale. Questi sistemi
rappresentano differenti approcci 'filosofici' alla gestione della salute e della malattia.
Le medicine tradizionali sono dunque per definizione molto diverse le une dalle altre. Ogni comunit ha infatti risposto
alla sfida di mantenere la salute e di combattere le malattie sviluppando un proprio autonomo sistema medico (da quelli
africani a quelli orientali o a quelli, per es., dell'America Meridionale).
Tra le etnomedicine che risultano essere pi popolari in Occidente vi quella cinese e quella ayurvedica di tradizione
indiana.
La medicina tradizionale cinese ha radici in una sistematica struttura teorica per la diagnosi e la terapia. La filosofia della
medicina tradizionale cinese si basa sui concetti di yin e yang, che esprimono l'idea di fenomeni opposti ma
complementari che esistono in uno stato di equilibrio dinamico. Questi due concetti si fondono all'interno del Tao
raffigurato in un simbolo molto noto: quello del cerchio suddiviso in due met sinusoidali. In questo contesto lo yin (la
met di colore nero, con il seme bianco al suo interno) rappresenta il principio femminile, mentre lo yang (la met bianca
con il seme nero) rappresenta il principio opposto e complementare, ovvero quello maschile. La visione filosofica della
medicina cinese si completa con la teoria dei cinque elementi (o fasi, o movimenti): legno, fuoco, terra, metallo, acqua.
Gli interventi terapeutici della medicina cinese si fondano sul ricorso a erbe medicinali, a tecniche manipolative (tui na)
e all'agopuntura. Quest'ultima forse l'aspetto pi noto in Occidente. L'agopuntura si basa sull'inserimento di
piccoli aghi in vari punti del corpo per stimolare gli impulsi nervosi. Ci dovrebbe promuovere il bilanciamento di energia
vitale (Qi) che i terapeuti cinesi ritengono muoversi attraverso il corpo lungo specifici canali chiamati 'meridiani'. Vi sono
dodici meridiani principali che corrispondono ad altrettante funzioni principali od organi del corpo.

L'ayurveda un'antica disciplina indiana che si fonda sull'idea dell'equilibrio tra anima, corpo e spirito. La parte
terapeutica basata sulla diagnosi dei tre umori corporei (i dosha), vta, pitta e kapha, ognuno costituito dai cinque
elementi basilari (etere, aria, fuoco, terra, acqua), il cui equilibrio corrisponde alla salute fisica. Le terapie sono sia di tipo
spirituale (lo yoga, la meditazione trascendentale), sia basate sulle erbe, i minerali, i massaggi con oli; particolare
attenzione data al cibo, considerato anch'esso come una medicina.
Un esempio non orientale di medicina tradizionale il curanderismo praticato dalle comunit ispano-americane
soprattutto nel Sud-Ovest degli Stati Uniti. Esso include varie tecniche quali la preghiera, le erbe medicinali, i rituali di
guarigione, i massaggi. Ai curanderos (guaritori) si affiancano i cosiddetti yerberos (esperti di erbe), le parteras (che sono
levatrici) e i sobadores (che usano il massaggio e la manipolazione)

L'omeopatia, descritta per la prima volta alla fine del Settecento da Samuel Hahnemann, e la naturopatia
introdotta alla fine dell'Ottocento da Benedict Lust.
Lomeopatia un sistema medico secondo il quale le malattie possono essere trattate con dosi infinitesimali di
farmaci in grado di produrre gli stessi sintomi della malattia che si intende guarire. Si basa sul principio della 'similitudine'
(similia similibus curentur) e su quello delle 'diluizioni seriali' dei medicamenti. In base al primo le sostanze che causano
dei sintomi nelle persone sane possono curare quegli stessi sintomi nelle persone malate. Per esempio, a un soggetto
che soffre d'insonnia viene somministrato un rimedio a base di caff (Coffea cruda). Per evitare possibili effetti tossici
viene utilizzata la tecnica delle diluizioni seriali (detta anche 'potenza'). Le potenze sono in genere diluizioni 1 a 10 (D,

Lettura complementare Unit 7: come va? Nuovo Espresso 2


decimali) o 1 a 100 (C, centesimali), nelle quali una parte di sostanza viene diluita in 9 parti di diluente (oppure in 99
parti) e successivamente dinamizzata, ovvero agitata con forza (secondo un procedimento chiamato 'succussione')

La naturopatia si fonda su una filosofia che non si identifica con una specifica terapia. Essa si ispira a princip
vitalistici e si basa sulla teoria secondo cui il corpo sarebbe un meccanismo che si autoregola, capace di mantenersi in
uno stato di salute e di benessere attraverso un'azione preventiva e l'adozione di corretti stili di vita.

Interventi sulla relazione mente-corpo


Con questa espressione ci si riferisce a tecniche ritenute in grado di migliorare la capacit della mente di influenzare i
sintomi e le funzioni corporee. Questo insieme di pratiche si focalizza sulle possibili interazioni tra il cervello, la mente,
il corpo e sulle modalit con le quali fattori emozionali, mentali, spirituali e comportamentali possono influenzare la
salute dell'individuo. L'approccio di queste tecniche tende a favorire in ciascun individuo l'autoconoscenza e l'autocura.
In questa area possono rientrare lo yoga, la meditazione, l'autoipnosi o tecniche il c ui meccanismo non nemmeno
remotamente compreso (per es., la preghiera per intercessione). Altri esempi noti di terapie di questo tipo sono il

biofeedback

e la floriterapia. La prima una strategia terapeutica e riabilitativa tendente a regolare,


attraverso un controllo cosciente, alcune funzioni fisiologiche normalmente inconsce (quali la respirazione, il battito
cardiaco, la pressione sanguigna), che sono monitorate mediante specifiche apparecchiature elettroniche. Nel caso della
floriterapia (in particolare dei fiori di Bach, che devono il loro nome a Edward Bach) viene assunto che occorre
ricercare la causa scatenante di una malattia in uno stato mentale disarmonico, del quale il paziente deve prendere
coscienza. I fiori, secondo questa teoria, contengono la forza vitale della pianta dalla quale provengono e questa forza
viene impressa nell'acqua attraverso l'esposizione al sole. Vi sono 38 diversi tipi di fiori ritenuti utili per sintomi che
vanno dalla paura all'incertezza, dalla solitudine allo scoraggiamento, ecc. I fiori di Bach sono raccolti in una giornata di
sole e messi in acqua per tre o quattro ore al sole. Sono poi assunti oralmente.

Terapie manipolative
In questa categoria rientrano pratiche quali l'osteopatia e la chiropratica, che sono modelli terapeutici
formalizzati che trattano il sistema muscolo-scheletrico, sul quale intervengono con tecniche manipolative per
diagnosticare e trattare anormalit della struttura e delle funzioni.

Fonte: Treccani- Enciclopedia della Scienza e della Tecnica sito: www.treccani.it

Lettura complementare Unit 7: come va? Nuovo Espresso 2