Sei sulla pagina 1di 4

6 Danze in ritmo bulgaro

Dedicate alla pianista Harriet Cohen e collocate nella parte finale del 6 libro, le
"Sei Danze in ritmo bulgaro" l'ultima serie di brani del Mikrokosmos.
Come il nome della raccolta rivela, le danze si basano su una serie di ritmi, per
lo pi asimmetrici, che sono comuni nella musica popolare bulgara; tuttavia le
melodie, per quanto chiaramente assimilabili ad un carattere folklorico, sono
completamente originali.
Pi in particolare, il cosiddetto "ritmo Bulgaro " (anche detto aksak, parola
turca che significa "zoppicante"), indicato comunemente in partitura da una
frazione dove il numeratore multiplo, un sistema ritmico in cui la musica,
eseguita in un tempo molto veloce, si basa sulla reiterazione ininterrotta di una
matrice ritmica composta da elementi binari e ternari.
A mo' di esempio, si riportano di seguito i tempi di ognuna delle 6 Danze:
Danza 1 (n.148): 4 + 2 + 3/8 (=9/8)
Danza 2 (n.149): 2 + 2 + 3/8 (=7/8)
Danza 3 (n.150): 2 + 3/8 (=5/8)
Danza 4 (n.151): 3 + 2 + 3/8 (=8/8)
Danza 5 (n.152): 2 + 2 + 2 + 3/8 (=9/8)
Danza 6 (n.153): 3 + 3 + 2/8 (=8/8)
Le "Danze" sono probabilmente i lavori pi tecnicamente impegnativi della
collezione didattica bartokiana; sfidano il pianista a risolvere problemi sia di
ordine interpretativo che timbrico oltrech di colore; non meno importante per
l'esecutore la capacit di mettere in risalto il singolare connotato ritmico dei
brani, che elemento tipico del linguaggio popolare bulgaro.
___________________
La Danza 1 (n.148) strutturalmente si basa su una architettura A,B, A + coda,
in tonalit di Mi Frigio/Lidio (dalla cui somma deriva il Cromatismo Polimodale
bartokiano); il ritmo di 9/8 cos organizzato:
Il Tema della parte A (batt.4) basato sul Mi pentatonico (considerando Do
come nota di passaggio) o Frigio, con un ritmo sincopato; dopo un A (variato, in
Do, batt.14-17), comincia il Tema B (batt.22); la ripresa del Tema A (riproposto
con nuovi elementi ritmici e contrappuntistici) a batt.32. La Coda composta
da elementi scalari in Mi Frigio. Ogni Tema propone uno schema ritmico diverso
dall'altro; la disposizione di crome e semiminime all'interno della misura di 9/8
continuamente variata, venendo a creare una ricchezza ritmica sorprendente.
____________________
Il Tema iniziale della Danza n.2 (n.149) in Do Pentatonico minore, con la mano
destra che fa da eco agli interventi della sinistra; secondo l'Autore, questo un

omaggio alla figura di Beethoven "che ha rivelato a noi tutti il significato della
forma progressiva".
Lo schema strutturato in un A, B, A var., B var.1, B var.2 + coda; il Tema B a
batt.16 ed composto da una serie scalare che in seguito si frammenta e si
trasforma in un A variato (batt.27). A batt.45 l'andamento scalare
accompagnato da Triadi (B var.2); la Coda perlopi una ripresa del ritmo
ostinato iniziale.
_______________________
La Danza n.3 (150) un 2+3/8 (=5/8) nel quale vengono utilizzate tutte le
combinazioni ritmiche possibili di semiminime e crome; l'elemento binario
composto sia da 2 crome che da 1 semiminima; l'elemento ternario da
semiminima puntata, croma e semiminima, tre crome e semiminima e croma.
La tonalit, pur il brano finendo con una semplice triade di La maggiore
(disposta in quarta e sesta), inizia con un Mi Lidia di Dominante (Mi maggiore
con il Sol # e il Re naturale). Gli aspetti pi notevoli del brano, oltre quello
ritmico, riguardano la presenza di scale sia semidiminuite che cromatiche ed il
moto contrario del secondo Tema (apparso per la prima volta a batt.5) a
batt.31-42; la ripresa del Tema iniziale, a batt.89, proposta questa volta in La
(batt.79) ed in pianissimo.
_______________________
Bartk parla della Danza n.4 (n.151) come di un affettuoso omaggio musicale a
George Gershwin, che il compositore magiaro incontr a New York nel 1928:
"...(questo brano) scritto nello stile di George Gershwin, soprattutto per
quanto riguarda il tono, il ritmo e il colore! Da suonare in Tempo Moderato, ma
in modo vitale, frizzante e accentuato, con il feeling di una folksong
americana..."
La scansione ritmica 3+2+3 ricorda in effetti passaggi del Concerto in Fa e dei
Preludi per Pianoforte del compositore americano.
La struttura di questa Danza sembra seguire una forma-rond, con variazioni
ritmiche e melodiche; A, B, A, C, D, E, A variato; i temi che si susseguono
perlopi di 4 battute in 4 battute.
Il Tema principale basato su una scala pentatonica (anemitonica) in Old
Hungarian Style.
__________________________
Nella Danza n.5 (n.152), vivace e leggera, riconoscibile una struttura A, B, C,
A; al suo interno insistono elementi che richiamano le folksong rumene suonate
dalle cornamuse (cfr. Sonatina), come gli ostinati di Tonica-Dominante e la
presenza di un pedale di accompagnamento.
La tonalit iniziale La Lidia di Dominante, la scansione ritmica di 2+2+2+3
ricorda il primo tempo della Sonata per 2 Pianoforti e Percussione ed appare in
diverse forme:

Il Tema principale viene esposto sia alla mano destra che alla mano sinistra, e
da batt.7 si alternano battute in legato contrapposte ad altre in staccato
puntato:
L'interessante elemento bitonale in semitono (La, Sib, batt.31) alla sinistra
(incrocio con la destra), assume accentuazioni diverse a mano a mano che si
susseguono le battute in 9/8;
Il finale del brano composto da due note, Sol# e Do#, che sono
rispettivamente la Sensibile e la Terza della tonalit iniziale (La).
_________________________
Nella Danza n.6 (n.153), la pi lunga dei sei brani (97 battute), il tema vivace
e luminoso, e il ritmo pieno di energia. Il Tema, in particolare, composto da
movimenti accordali scollegati da una chiara funzione armonica che li leghi; le
triadi e le diadi accentate ruotano attorno ad una sequenza ritmica di una nota
in ottava, che si basa su quel ritmo ostinato 3+3+2 comune alla musica Araba.
Qui si esprime nella sua pi totale chiarezza il concetto di pianismo percussivo,
gi visto nell'Allegro barbaro e nel primo tempo della Sonata.
Il motivo accordale si muove su una tonalit riferibile a Mi Lidia/Frigia ed ha una
struttura ternaria A, B, A. Il brano contiene, combinandoli fra di loro, tutti gli
elementi caratteristici della creazione bartokiana: le note ripetute, la modalit,
il cromatismo, il folklore, stilemi contrappuntistici e serrate omoritme. Uno dei
punti nodali della composizione quel bridge verso la ripresa del Tema (prima
in Do, e poi in un luminoso Mi maggiore) che vede un inerziale ribattuto di Do
per 7 battute (56 note uguali!). Altro elemento non meno importante il finale:
le ultime 3 battute si compongono di un radiante accordo di Mi maggiore,
seguito da un arabesco tra le note di si e re naturale; non solo un indizio della
relativa scala di Mi Misolidio, ma anche testimonianza dell'intervallo archetipico
in Bartk, quella terza minore che segna tutti i momenti importanti nelle
composizioni del musicista magiaro:
l'intera seconda parte del secondo tempo della Sonata per 2 Pianoforti e
Percussione (e il suo finale):

e anche

Il Concerto per Orchestra (finale)

ed, infine, le ultime battute della Danza bulgara presa in esame

E tac.