Sei sulla pagina 1di 57

Let Ramesside

Complessi architettonici e fonti letterarie

Dispense per il corso Egittologia avanzato I


a.a. 2015/2016

docente: Paola Buzi


Egittologia e Civilt copta L-OR/02

Pianta generale del tempio di Karnak

Il settore pi antico del tempio di Karnak

Karnak. Il sacrario della barca dopo la ricostruzione di Thutmosi III

Karnak. La sala delle feste di Thutmosi III

Karnak. La prima corte e la sala ipostila

Karnak. Schema dei percorsi attraverso i quali sono stati portati via gli obelischi
giunti poi a Roma e Costantinopoli

Karnak. Il santuario orientale di Amon che ascolta le preghiere,


costruito intorno ad un obelisco unico

Karnak. Il tempio di Khonsu eretto da Ramesse III e porticato di Taharqa

Il compesso di Mut di Asheru.


a. Il tempio centrale; b. Il tempio di Ramesse III; c. Il tempio di Khonsupakrod (per mesu); d. Il
tempio su tumolo; e. La cappella tolemaica; f. Il tempio di Nectanebo II; g. Il tempio di
Kamutef; h. Cappella di sosta processionale; i. Il viale di crisosfingi dal X pilone

10

Il tempio di Mut di Ramesse III (a)


a confronto con il tempio dedicato dallo stesso sovrano nel tempio di Amon a Karnak (b)

11

Il tempio di Luxor

12

Il sacrario del tempio funerario di Seti I a Qurna.


A sinistra la cappella del padre terreno del re, Ramesse I (a), a destra quella del padre divino (b)

13

Il Ramesseo

Pianta e ricostruzione del tempio dedicato alla madre e alla moglie di Ramesse II
(secondo Desroches-Noblecourt)

14

Il tempio di Ramesse III


15

I.

Poema della battaglia di Qadesh

Il poema>> della battaglia di Qadesh uno dei testi letterari dell'Egitto


antico di cui ci giunto il maggior numero di copie, epigrafiche e monumentali, e anche su papiro: grazie a tale fortunata circostanza, il testo pu
ricostruirsi nella sua interezza. Le copie epigrafiche, incise sulle pareti di
alcuni dei pi importanti templi dell'Alto Egitto, costruiti da Ramesse n
o nei quali egli stato comunque attivo, sono pi o meno incomplete a
causa del diverso stato di conservazione dei monumenti su cui esse erano
tracciate e si caratterizzano anche per il fatto che il testo per lo pi accompagnato da scene figurate che lo illustrano o ne integrano la narrazione. Malgrado il numero piuttosto rilevante di tali duplicati - otto -, essi
1
sono tuttavia concentrati in due sole localit, Abydos e Tebe. Ma mentre
nella prima di queste due aree archeologiche si conservata un'unica copia,
a Tebe il testo si trova in tre diversi complessi templari, di cui due sorgono sulla riva destra (il tempio di Karnak e quello di Luxor) cd uno sulla riva sinistra, il Ramesseum, che, come ben noto, l'imponente tempio fu2
nerario di Ramesse n.
Ad Abydos, il testo del Poema inciso in magnifici caratteri geroglifici sulla parete nord-ovest del tempio di Ramesse II 3 accanto ai bassorilievi che illustrano la battaglia ed gravemente lacunoso.
A Karnak 4 si trovano due duplicati: il primo si trova nella sala ipostila
(faccia sud del muro sud) nella corte tra il terzo e il settimo pilone, mentre
il secondo si trova sulla faccia esterna della parete della corte tra il nono e
il decimo pilone.
r Il Poema non presente, per quanto ci possa apparire sorprendente, nel programma decorativo del tempio di Ramesse II ad Abu Simbel, dove invece si trova
una copia del Bollettino: cf. sotto l'elenco dei duplicati di quest'ultimo. Una stele con il testo del primo matrimonio ittita si trova fuori del tempio, a completare il
panorama dei rapporti con gli Ittiti di cui si tratta nel presente volume; cf. sotto.
2 Come noto il nome moderno del sito in cui sorgeva Tebe, residenza dei sovrani
del Nuovo Regno e sede di importanti complessi templari, Luxor, villaggio sulla
riva destra del N ilo, che comprende i templi di Karnak e Luxor, ma tale toponimo
- Luxor- non pu riferirsi al Ramesseum, il tempio funerario di Ramessc II, che si
trova al di l del fiume, sulla riva sinistra (Tcbe ovest). Per una descrizione aggiornata dei monumenti dell'arca tebana cf. S. Donadoni, Tebe, Milano 1999

PM VI, s. v.

4 PM II\ s. v.

61

I duplicati del tempio di Luxor 1 sono tre, a cui se ne pu aggiungere


un quarto che costituito per da una versione palinsesta praticamente in utilizzabile. Quelli in migliore stato di conservazione si trovano sul pilone
del tempio (qui si trova anche quello palinsesto), sulle pareti est e sud-est
della corte di Ramessc II e sulla parete ovest della corte di Amenhotep III.
La copia che si trova nel Ramesseum, molto lacunosa, incisa sulla faccia est del secondo pilone.
Alle copie epigrafiche e monumcntali, c quindi in caratteri geroglifici,
si aggiungono le versioni su papiro che sono in scrittura ieratica.
Le copie note si trovano scritte su tre papiri, il papiro Raif che si trova
2
ora al Museo del Louvre (inv. E 4892), il papiro Sallier III (BM ror 8 r) 3
ora al British Muscum e il Pap. Chester Bcatty III, verso, r/3, anch'esso al
British Museum. 4 In realt i papiri sono solo due c quindi due sono le copie che ci sono giunte per tale via: infatti il papiro Raif e il papiro Sallier
III facevano parte di un unico manoscritto che comprendeva tredici colorme, di cui la prima definitivamente perduta, mentre la seconda il Pap.
Raif: le altre undici costituiscono il papiro Sallier III. Ignoto il luogo di
provenienza del papiro, ma molto probabile che si tratti della zona mcn6
fita; datato all'anno 5 9 di Mencptah, figlio c successore di Ramcsse n,
corrispondente al 1204 a.C.
La grande composizione si articola sostanzialmente in tre parti: titolo,
elogio del sovrano, che un motivo ricorrente nella maggior parte dei testi qui raccolti, parte narrativa in cui sono descritti alcuni momenti della
battaglia c in cui si fingono il personale colloquio del sovrano con il dio
Amon e gli aspri rimproveri che Ramesse rivolge al suo esercito colpevole
di non averlo seguito nel momento del pericolo, !asciandolo solo di fronte al nemico.
Cf. nota precedente.
Cf. Th. Devria, Catalogue des manuscrits gyptiens ... du Louvre, Paris 1881,
pp. 200-202 (inv. E 4889 A errore per 4892); M. Bellion, Catalogue des mcmuscrits
hiroglyphiques et hiratiques et des dessins, sur papyrus, cuir ou tissu, publis ou
signals, Paris 1987 pp. 219 c 358. Una fotografia pubblicata nel Catalogo della
mostra Naissance de l'criture, Paris 1998, p. 268 nr. 210.
3 British Museum, Select Papyri in the Hieratic Character from the Collections of
the British Musettm 1, London 1841, tavv. 24-34; E.A.W. Budge, }acsimiles of Egyptian Hieratic Papyri in the British Museum, London 1923, p. 32; Bcllion, Catalogue
d es M anuscrits, ci t. p. 2 55.
4 Cf. A. Gardiner, Hieratic Papyri in the British Museum, pd Series, London
1935, tav. 9-10, pp. 23-24; Bellion, Catalogue des Manuscrits, cit., pp. 17 e p. 258.
Cos lo descrive A. Gardiner che pure lo aveva identificato c pubblicato: a fragmentary and abominabl y written duplicate discovercd long after thc appearance of
Kuentz's great cdition: cf. Gardincr, The Kadesh Inscriptions, cit., p. 2.
1

5 In base al colofone.

6 Si veda sopra.

Bibliografia. J.H. Brcasted, Ancient Records of Egypt: historiml Documents from


the Earliest Times to the Persian Conquest m, Chicago 1906, 294-351 (traduzione); A.M. Blackman, The Literature of Ancient Egyptians, London 1927, pp.
260-270 (traduzione); Ch. Kuentz, La bataille de Qadech: les textes (Pome de
Pentaouroo et Bulletm de Qadech) et !es bas-reliefs, Le Cairc 1928-1934: monumentale edizione che utilizza tutti i testi del Poema (compresi i Pap. Raif e Sallicr m) pubblicati in parallelo e che comprende anche la bibliografia, gi allora molto vasta, esistente fino al momento della sua pubblicazione; S. Donadoni, Storia
della letteratura egiziana antica, Milano 1957, pp. 254-262 (traduzione parziale);
R. O. Faulkncr, The Baule of Qadesh, MIDAIK 16 (1958), pp. 93-111; A.H. Gardiner, The Kadesh Inscriptions of Ramesses 11, Oxford 1960, pp. 1-27 (traduzione);
M. Lichtheim, Ancient Egyptian Literature 11, Berkeley - Los Angeles - London
1976, pp. 57-72 (traduzione); T. von der Way, Die Textiiberlieferung Ramses' II.
zur Qades-Schlacht, Hildesheim 1984; Cl. Lalouette, L'empire de Ramss, Paris
1985, pp. 114-126; H. Goedicke (ed.), Perspectives on the Battle of Kadesh, Baitimore 198 5; K.A. Kitchcn, Ramesside Jnscriptions Historical an d Biographical 11,
Oxford 1986, pp. 2-147 (testo geroglifico, d'ora in poi KRI); B.G. Davies, Egyptian Historicallnscriptions of the Ninethinth Dynasty, Jonsered 1997 (testo egiziano in trascrizione e traduzione); K.A. Kitchen, Ramesside Inscriptions: Translated
& Annotated, Oxford 1999, pp. 2-26 (traduzione, d'ora in poi RITA); E. Bresciani, Letteratura e poesia dell'Antico Egitto, Torino 2 1999, pp. 274-285 (traduzione).

Titolo
Inizio della vittoria 2 (che) il re dell'Alto e Basso Egitto UserMaat-Ra, il figlio di Ra, Ramesse Mery-Amon 3 (possa essere do1

Una selezione ristretta.

hJty-'m nbtw <<inizio della vittoria o, se si preferisce, del trionfo>>, espressione


forse pi consona ai toni della propaganda regale di et ramesside. hJty-'m correntemente usato come titolo, dove ovviamente si conservato, dei testi letterari
su papiro. Come osserva giustamente A. Gardincr, The Kadesh lnscriptions, ci t., p.
14, ci non significa che il Poema fosse originariamente redatto su papiro: per possibile che tale espressione si trovasse sul papiro in ieratico da cui stata copiata la versione in scrittura geroglifica poi incisa sui monumenti: accadeva infatti
normalmente, nel l 'Egitto antico, che gli scribi preparassero le iscrizioni da incidere o scolpire sulla pietra traendole da modelli scritti su papiro c in ieratico. Il passaggio dall'una all'altra scrittura era infatti cos usuale da non presentare alcun
problema. In questo caso credo che lo scriba che ha scritto il Poema>> abbia voluto dare l'impressione di ricavarlo da un papiro, dove in effetti sarebbe stato pi
logico pensare che un testo di questa lunghezza c complessit dovesse trovarsi e
che quindi il trasferimento sulla pietra si ponesse come un fatto secondario. Si noti
che in effetti noi possediamo due versioni del Poema su papiro, ci che per ha
un altro significato (v. sopra).
2

3 questo il modo con cui viene menzionato il sovrano in tutti i testi raccolti nel
presente volume e che comprende: a) il nome di intronizzazione, preceduto dall'espressione re dell'Alto e Basso Egitto, che Uscr-Maat-Ra; b) dal nome di

~m

n
tato di vita in eterno) ha compiuto nella terra di Khatti, 1 di Naharina, nella terra di Arzawa/ in Pedes, in Derdeny, 3 nella terra di
Mesa, nella terra di Qerqesh e di Luka, in Karkemish (e) Kedy,
nella terra di Qadesh, nella terra di Ikeret 4 (e) Meshenet.

la sua potenza come (quella di) Montu


nel suo momento.
Egli bello di aspetto come Atum: 2
ci si rallegra nel vedere la sua bellezza.
Egli grande di vittorie su tutti i paesi stranieri:
non c' uno che gli assomigli
quando comincia a combattere.
una solida fortezza che protegge il suo esercito,
il suo scudo nel giorno del combattimento.
Non ha uguali quando afferra il suo arco,
ed pi forte di centinaia di migliaia
che uniti marcino contro di lui.
uno che entra nella moltitudine
con il cuore pieno della sua potenza;
il suo cuore saldo nel momento in cui deve colpire,
come la fiamma nel momento in cui divora.
Il suo cuore saldo come quello
di un toro selvaggio nell'arena;
non si cura (neppure) di tutte le terre riunite;
(non si conoscono) mille uomini
che stiano saldi di fronte a lui.
Quanto (alle schiere) di centinaia di migliaia (di uomini),
esse diventano deboli nel vederlo,
lui, il signore del terrore,
il cui grande urlo di guerra risuona
nel cuore di tutte le terre.
Egli grande di dignit,
la sua forza eccelsa come quella di Sutekh. 3
Nel cuore degli abitanti dei paesi stranieri

Elogio del sovrano


Ecco, 5 Sua Maest 6 un giovane 7 signore valoroso,
senza uguali.
Le sue braccia sono forti, il suo cuore saldo,
nascita, che rispetta la tradizione dinastica riprendendo quello del fondatore della
XIX dinastia, preceduto dall'espressione <<figlio di Ra, che Ramesse (<<il dio Ra lo
ha generato>>) seguito dall'epiteto Mery-Amon, che lascio non tradotto, che significa <<amato dal (dio) Amon, la grande divinit tebana e imperiale.
I Al titolo segue il lungo elenco degli alleati degli Ittiti, menzionati per primi, che
Ramesse ha affrontato nella battaglia che si svolta davanti alle mura di Qadesh. Si
noti che alcuni di essi sono preceduti dalla parola <<terra (tJ in egiziano), senza
che sia ben chiara la ragione di tale diverso trattamento. Il fatto che, ad esempio, si
dica <<la terra di Khatti>> non significa affatto che Ramesse si sia recato a combattere nella terra degli Ittiti c cos vale in tutti gli altri casi. Per la loro identificazione
si rimanda a Gardiner, The Kadesh Inscriptions, cit., pp. 57-59. I nomi sono scritti
naturalmente in scrittura geroglifica, ma in una grafia speciale che veniva impiegata per rendere in egiziano i nomi stranieri
2 lrtw nel testo egiziano corrispondente al babilonese Arzawa.
3 Vi accordo nel riconoscere nel popolo qui menzionato quei Dardani di cui
parla O mero nell'Iliade: la loro localizzazione incerta ma va probabilmente ricercata nella parte occidentale dell'Asia Minore.
4 Ugarit,

la moderna Ras es-Shamra.

5 La disposizione in versi vuoi solo suggerire una possibile struttura metrica di al-

cune parti del Poema>> che manifestamente articolato in un'alternanza di parti


liriche e di parti narrative: non vi sono per prove che le ose stessero effettivamente cos, neppure nelle due copie su papiro, che spesso conservano indicazioni
di una struttura in versi.
6 Preferisco tradurre con il presente, perch l'elogio del sovrano prescinde, a mio
parere, dall'impresa specifica che stava per aver inizio: pu valere in ogni caso come presente storico.
7 N eli' anno quinto del suo regno Ram esse II aveva circa venticinque anni; si calcola infatti che ne avesse una ventina al momento della sua ascesa al trono. Si trattava
certamente di un giovane signore se l'et del faraone viene rapportata all'enorme
durata del suo regno (pi di sessantasei anni) e della sua vita (pi di ottantasei), ma,
come si gi osservato, la vita media nell'Egitto antico oscillava tra i trentatr e i
trentasei anni per cui Ramesse II non pu considerarsi giovanissimo nel momento
in cui guida la campagna siriana del suo esercito.

I Montu una divinit guerriera che faceva parte del pantheon te bano: l'espressione <<Montu nel suo momento coglie il dio nel momento appunto in cui attacca i
nemici ed a lui che il sovrano viene paragonato mentre si accinge a guidare il suo
esercito in battaglia.

Il grande dio creatore nella cosmogonia eliopolitana.

Seth dio dinastico durante la XIX dinastia, durante la quale due sovrani, Sethy 1,
padre di Ramessc II, c Sethy II, ne portano il nome, che significa quello del dio
Seth. Il nome del dio scritto regolarmente Sutekh in questo periodo storico.
N ella teologia egiziana il dio della confusione per il suo carattere tifonico.
3

come un leone selvaggio nella valle della selvaggina.

Egli fa spedizioni con valore:


quando torna, la festa lo precede.
Egli uno che non parla vantandosi,
che prepara piani utili,
che dispensa buoni precetti,
uno che si riconosce dalla prima risposta,
uno che salva la sua armata nel giorno del combattimento.
[ il grande protettore dei] suoi guerrieri col carro, I
uno che riconduce (in Egitto) i suoi seguaci,
uno che porta in salvo il suo esercito,
poich il suo cuore (saldo) come
una montagna di bronzo:
il re dell'Alto e del Basso Egitto
User-Maat-Ra, il figlio di Ra, Ramesse Mery-Amon
(possa essere dotato di vita).

quinto, il giorno nove del secondo mese della stagione di shemu.


Sua Maest si diresse verso la fortezza di Tjaru: 2 egli era possente come Montu nelle sue sortite. Tutti i paesi stranieri tremavano
di fronte a lui: i loro capi venivano recando tributi, i ribelli si umiliavano per il timore della potenza di Sua Maest. L'esercito avanz per le strettoie della strada, sicuro come se marciasse sulle strade dell'Egitto.
Dopo che (alcuni) giorni furono passati dopo questi avvenimenti, ecco, Sua Maest (vita, forza, salute) giunse a Ramesse MeryAmon (vita, forza, salute), la citt che nella Valle del Cedro. 3 Sua
Maest si diresse verso nord e giunse, Sua Maest, alle colline 4 di
[ ... ].Sua Maest camminava in testa (al suo esercito) come suo padre Montu, signore di Tebe: egli attravers la corrente dell'Oronte
con la prima divisione di Amon (possa egli rendere vittorioso il re
dell'Alto e Basso Egitto User-Maat-Ra, vita, forza, salute).
I

La battaglia
Verso Qadesh
Ecco, Sua Maest aveva preparato il suo esercito e i suoi guerrieri col carro e gli Sciardana 2 del suo bottino di guerra, che egli aveva riportato con la vittoria del suo forte braccio, forniti di tutte le
loro armi e dei piani di combattimento che erano stati dati ad essi.
Sua Maest mosse verso nord con la sua fanteria e i suoi guerrieri con il carro: egli diede un buon inizio al (suo) andare 3 nell'anno
I Qui c poi in seguito preferisco tradurre sempre guerrieri col carro piuttosto
che carrcria o carristi>> che mi sembrano espressioni troppo moderne.
2 Il nome di questi guerrieri stato accostato forse non a torto a quello dei Sardi;
se cos fosse, al tempo della battaglia di Qadesh essi non sarebbero ancora giunti
nelle loro sedi storiche: in questo passo si afferma infatti con chiarezza che essi sono stati catturati in una precedente impresa militare di Ramesse II c quindi utilizzati nell'esercito egiziano. In seguito essi fanno nuovamente la loro comparsa tra i
Popoli del Mare che cercano di invadere l'Egitto durante il regno di Ramesse III
(cf. G. Matthiae Scandone, Egitto e Sardegna. Contatti fra culture, Sassari 1988).
Nelle raffigurazioni della battaglia si riconoscono facilmente per il caratteristico
elmo sormontato da corna e per le armi: su di essi cf. da ultimo l'esaustiva monografia di G. Cavillier, Gli Shardana nell'Egitto ramesside, Oxford 2005.

3 ssp n.f tp wJt nfrt r mS' significa che grazie al sovrano la marcia dell'esercito era
iniziata nel modo migliore.

66

Sua Maest giunse alla citt di Qadesh ed ecco il vile caduto di


Khatti 5 aveva riuniti intorno a s tutti i paesi stranieri, fino ai confini del mare. Era venuta tutta la terra di Khatti e cos pure
Naharina insieme con Iretju e Derdeny
e Keshkesh e Mesa e Pedes e Irun 6 e Qerqesh
Cio della stagione estiva.
Su questa localit cf. Gardiner, The Kadesh lnsaiptions, cit., pp. r 5-r6, secondo
cui da identificare con la Sile degli scrittori classici, e sarebbe da localizzare tre
chilometri ad oriente della moderna al-Qantara; si veda anche G. Cavillier, Reconsidering the Site of Tjarw (once again), GM r8o (2oor), pp. 39-42.
3 Una citt che portava il nome di Ramessc II, che da tenere distinta da Pi-Ramessc Mery-Amon, la residenza regale nel Delta, e si trovava in Libano (la Valle
del Cedro), ma della quale non sappiamo altro.
4 Intendo tst con Gardiner, The Kadesh lnscriptions, cit., p. 16, come colline, zona collinosa, catena di colline>>: corrisponde bene al paesaggio del luogo in cui
avvenuta la battaglia.
5 <l vile caduto di Khatti uno dei titoli dispregiativi con cui Ramesse menziona
regolarmente il re ittita Muwatalli capo della coalizione anti-egiziana e suo avversario sul campo di battaglia: da notare che a partire dal trattato di pace (nr. 4) il so-
vrano ittita (allora Khattushili m) verr chiamato regolarmente il grande principe
di Khatti, come imponevano le mutate relazioni tra i due paesi.
6 Questo nome particolarmente interessante e problematico, perch stata avan
I

e Luka e Kizzuwatna e Karkemish e Ikeret e Kedy


e la terra di Nukhasha tutta quanta
e Meshenet e Qadesh.
Egli non trascur nessun paese straniero e niente di ci che viene portato da ogni terra lontana: tutti i prncipi, ognuno con la sua
armata, erano l con lui. La loro cavalleria era assai numerosa: non
c'era un numero simile alloro; essi coprivano le montagne e le valli
ed erano come le cavallette a causa del loro numero.
Egli (il principe di Khatti) non lasci oro e argento, niente, nella
sua terra: aveva preso con s ogni cosa e l'aveva data a tutti i paesi
stranieri per portarli a combattere con s.
Ecco, il vile caduto di Khatti con tutti i numerosi paesi stranieri
che erano con lui stava nascosto, essendo pronto, a nord-est della
citt di Qadesh.
Ecco, Sua Maest era solo in testa con il suo seguito 2 e la divisione di Amon stava marciando dietro di lui (mentre) la divisione
di Ra l stava attraversando la corrente (del fiume) nella prossimit
meridionale della citt di Shabtuna, alla distanza di r iter 4 dal luogo
in cui era Sua Maest. La divisione di Ptah era a sud della citt di
Aronama, mentre la divisione di Sutekh stava marciando sulla via. 5
Ecco, sua Maest fece un primo schieramento con le truppe scelI

zata l'ipotesi che si potesse identificare con Ilion (=Troia), ipotesi che per sembra doversi abbandonare: cf. Gardiner, The Kadesh Inscriptions, ci t. p. 58.
r Da notare che in questo secondo elenco degli alleati degli Ittiti si trovano menzionati popoli che non comparivano nel primo.
2 Le t t. suoi seguaci>>.
3 Nel testo Pra, che la forma neo-egiziana del nome del dio Ra, preceduto dall' articolo.
4 stato calcolato che la distanza di un iter corrispondesse circa a 10,5 chilometri:
per la discussione cf. Gardiner, The Kadesh Inscriptions, cit., p. 17. La minuziosa
indicazione della distanza tra le due divisioni, quella di testa guidata dal sovrano e
quella immediatamente seguente, certo dettata dalla preoccupazione, in chi ha
redatto il testo, di rendere ben chiara la situazione sul campo nel momento in cui
gli Ittiti hanno attaccato la divisione di Pra in assetto di marcia, mentre si accingeva ad attraversare il fiume: n quella di Amon, troppo avanzata, n quella di Ptah,
troppo arretrata, sono potute intervenire.
5 L'esercito egiziano (fanteria e guerrieri col carro) comprendeva probabilmente
ventimila uomini e, come in questo passo viene lucidamente descritto, era articolato in quattro divisioni di cinquemila uomini, ciascuna delle quali prendeva il nome
di una divinit: Amon, Ra, Ptah e Sutekh.

68

te

del suo esercito ed esse erano sulla riva della terra di Amurru.
Ecco, il vile principe di Khatti stava in mezzo all'esercito che era
con lui: egli non usciva a combattere per paura di Sua Maest. Ecco, egli fece andare moltissimi uomini e cavalli, numerosi come la
sabbia: essi erano tre uomini per (ogni) carro 2 ed erano equipaggiati
con ogni arma (idonea al) combattimento e si fece in modo che essi
stessero nascosti a nord-est della citt di Qadesh: ora essi vennero
allo scoperto dalla parte meridionale della citt di Qadesh e fecero
irruzione nell'armata di Ra, mentre essi erano in marcia, mentre essi
erano ignari, mentre essi non erano preparati a combattere: perci
l'esercito di Sua Maest fu sconfitto di fronte ad essi. Ecco, Sua
Maest si trovava a nord di Qadesh, sulla sponda occidentale dell'Oronte.
I

Allora si venne a dirlo a Sua Maest. Allora Sua Maest si lev


come (suo) padre Montu: egli afferr i suoi ornamenti da combattimento: egli si vest con la corazza ed era come Baal nel suo momento. Il grande cavallo l che portava Sua Maest era Vittoria in
Tebe>> della grande scuderia di Setep-en-Ra User-Maat-Ra MeryAmon: Sua Maest guidava al galoppo e penetr all'interno delle
schiere dei caduti di Khatti. Egli era solo e non vi era alcuno con
lui: allora Sua Maest si guard intorno 4 ed egli trov che lo circondavano 2 500 carri che stavano sui suoi fianchi con tutti i migliori
guerrieri dei caduti di Khatti e con i numerosi paesi stranieri che
erano con loro, con Arzawa, Mesa, Pedasa, Keshkesh, di Irun con
I Traduzione approssimativa: l'unico accenno nel Poema al corpo d'armata che
nelle didascalie verr menzionato come costituito dai Ne'arin, che hanno svolto un
ruolo decisivo nello scontro con gli Ittiti. Sembra evidente che si trattava di un contingente di truppe scelte che Ramesse ha formato prima della battaglia e che costituiva la sua riserva tattica e che intervenuto con assoluta tempestivit nel momento forse pi critico dello scontro colpendo gli Ittiti sul fianco; cf. sotto, nr. 3
2 I carri da guerra dell'esercito ittita portavano ciascuno tre uomini, mentre quelli
dell'esercito egiziano erano montati da due uomini soltanto: per la struttura dell'esercito ittita e le armi da esso impiegate si veda R.H. Bea!, I reparti e le armi dell'esercito ittita, in F. Pecchioli Daddi - M.C. Guidoni (edd.), La battaglia di Qadesh, cit., pp. 93-ro8.

3 In questo contesto sta per carro: <<Vittoria in Te be era uno dei due cavalli che erano aggiogati al carro di Ramesse 11.
4 Per questo passo seguo l'interpretazione di Gardiner,

op.cit., p. 19.

Che cosa sono per il tuo cuore questi Asiatici,


o Amon?
Vili, che non conoscono dio.
Forse non ti ho fatto monumenti numerosissimi?
(o non) ho riempito il tuo tempio con i miei prigionieri?
lo ho costruito per te il mio tempio di milioni di anni,
io ho dato a te i miei beni come tua dotazione.
Ho guidato a te tutte le terre riunite
per fare la tua offerta divina.
lo ho fatto in modo che ti venissero sacrificati
decine di migliaia di capi di bestiame
di ogni pascolo dolce e profumato:
non ho trascurato (alcuna) cosa (che fosse) buona
per completare le opere nel tuo santuario.
Ho costruito per te grandi piloni
innalzando io stesso per te le loro aste 2
e ho portato per te obelischi da Elefantina
e sono io che continuamente taglio pietre per te. 3
Io porto per te barche sul mare
per trasportare a te i tributi dei paesi stranieri.
Che cosa si dir se anche una cosa da poco accadesse
a colui che esegue la tua volont?
Possa fare del bene a chi conta su di te,
ch allora si agir verso di te con cuore amoroso.
lo ti ho invocato, padre mio Amon:
(mentre) sono in mezzo a una moltitudine che non conosco.
Tutti i popoli stranieri sono riuniti contro di me;
sono solo con me stesso,
non c' (nessun) altro con me.
La mia grande fanteria mi ha abbandonato,
non uno dei miei guerrieri col carro ha guardato verso di me:
quando io urlavo verso di loro

Khirebu, con Ugarit, Qadesh, Luka. Essi erano tre uomini per pariglia e formavano una sola unit.
I

L 'invocazione ad Amo n
Non c' nessun ufficiale 2 con me, 3
non c' nessun auriga,
non c' nessun soldato della fanteria,
nessuno scudiero.
Il mio esercito e i miei guerrieri col carro
sono in ritirata di fronte ad essi:
non uno tra di loro rimasto saldo
per combattere contro di essi
- disse allora Sua Maestche cosa davvero questo,
padre mio Amon?
Si d forse che un padre ignori suo figlio?
Oppure ci che io ho fatto
(l'ho fatto) senza di te?
Forse che io non mi muovo e non mi fermo
a una tua parola?
Non ho mai trasgredito gli ordini che tu mi avevi dato.
troppo grande il grande signore dell'Egitto
perch si lascino avvicinare gli stranieri
alla sua strada.
I

Lett.: cd erano radunati.

Sr significa propriamente <<nobile, magistrato>>: qui forse si riferisce agli gli uffi-

'
ciali eli grado pi elevato.
3 L'autore del testo fa qui parlare il sovrano in prima persona, mentre fino ad ora
ha usato la terza persona in un contesto annalistico, per cos dire: il passo si pu
collegare alla narrazione che precede, considerandolo come una specie di variante
stilistica che riflette in qualche modo i pensieri del sovrano che si vede circondato
dai suoi nemici; tale interpretazione, che quella del Gardiner, non incontra alcuna difficolt grammaticale: << ... formavano una sola unit (mentre) non c' nessun
grande con me .. ," Un'altra possibilit che tale espressione vada collegata con il
discorso diretto che subito segue e che segnalato dall'espressione <<disse allora Sua
Maest di cui sarebbe una semplice anticipazione: ed questa seconda interpretazione che personalmente preferisco, anche per ragioni di caratterestilistico per l'evidente continuit tra le due parti: <<disse allora Sua Maest avrebbe perci valore di
un semplice inciso.

S'intende Amon. La parola ntr <<dio non qui preceduta dall'articolo.


Si riferisce alle lunghe aste che venivano poste in facciata nel primo pilone dei templi egiziani, alle sommit delle quali si trovavano delle bandierine, come ben sappiamo dalle raffigurazioni di edifici di culto.
3 Cio <<per costruire i tuoi templi.
1

Trrrnr
nessuno mi ha dato ascolto
mentre io chiamavo.
Ho trovato che Amon migliore per me
di milioni di fanti e di centinaia di migliaia di guerrieri col carro,
di diecimila fratelli e figli che siano riuniti insieme.
Non c' lavoro di uomini numerosi (perch)
Amon pi utile di essi.
Io sono giunto qui, (cos) lontano, secondo il consiglio della tua
bocca, o Amon:
io non ho trasgredito la tua volont.
Ecco, io innalzo preghiere sui confini dei paesi stranieri
2
e la mia voce risuona nell'Heliopolis del Sud.
Io ho trovato che Amon venuto
appena l'ho chiamato.
Egli ha posto la sua mano su di me
e io sono esultante (per questo).
Egli grida dietro di me (come se fosse) faccia a faccia:
'Avanti! Io sono con te, io sono tuo padre,
la mia mano con te.
Io sono pi utile di centinaia di migliaia di uomini,
io sono il signore della vittoria,
uno che ama il valore'.
Trovai che il mio cuore era coraggioso
e il mio petto esultante.
Tutto ci che io ho fatto si realizzato.
Io ero come Montu:
Io colpivo alla mia destra,
e facevo prigionieri con la sinistra,
ed ero tra di loro come Sutekh nel suo momento.
Trovai che i 2500 carri in mezzo ai quali io mi trovavo
erano a mucchi davanti al mio cavallo.
Non uno tra di essi trovava la sua mano per combattere;
i loro cuori erano abbattuti nei loro corpi
per il terrore di me.
Le loro braccia erano deboli e non potevano colpire:
1

1
l

La battaglia prosegue
Ecco, il vile principe di Khatti stava in mezzo alla sua fanteria e
ai suoi guerrieri con il carro e stava guardando il combattimento di
Sua Maest che era solo. La sua fanteria non era con lui, non i suoi
guerrieri con il carro. Egli 1 era voltato indietro e tremante di paura. Allora fece venire molti dei capi, ognuno di loro con i suoi carri
ed equipaggiato con le sue armi da combattimento:
il principe di Iretu e quello di Mesa,
il principe di Irun e quello di Luka e quello di Derdeny,
il principe di Karkemish,
il principe di Qerqesh e quello di Khaleb
e i fratelli di quello di Khatti, riuniti in un sol luogo,
in totale mille carri che avanzavano verso il fuoco. 2
Io mi lanciai verso di loro: ero come Montu.
Io feci in modo che essi in un attimo gustassero il sapore
della mia mano.
Io facevo strage tra di essi (e li) trucidavo sul loro posto.
Ciascuno di essi gridava al suo compagno:
<<Non un uomo quello che tra di noi, (ma)
Sutekh grande di potenza, Baal in persona.
Non sono cose fatte da un uomo ci che egli fa,
ma cose fatte da uno che da solo
vince centinaia di migliaia,
senza la sua fanteria e senza i suoi guerrieri col carro.
r

Lett.: faccio.

CioTcbe.

Essi non trovavano il coraggio di afferrare le loro armi.


Io feci che essi andassero a gettarsi nell'acqua,
come i coccodrilli vi si gettano.
Essi erano caduti gli uni sugli altri:
io stavo facendo strage tra di essi a mio piacimento.
Non vi era alcuno tra essi che guardasse dietro di s
e nessun altro che potesse fuggire.
Chi di loro era caduto non poteva rialzarsi>>.

Si intende il sovrano di Khatti.


Verso il combattimento, con un traslato simile al nostro.

73

Andiamo in fretta,
corriamo di fronte a lui,
cerchiamo di salvare le nostre vite, s che possiamo respirare>>.
Ecco, colui che si affrettava ad avvicinarsi a lui, I
diventava debole e la sua mano e tutto il suo corpo:
non riusciva ad afferrare l'arco e le frecce.
Si poteva vederlo lontano mentre era in fuga,
Sua Maest era dietro di essi come un falco.

Il discorso del Faraone al suo esercito


(Mentre) io 2 facevo strage tra di essi senza fermarmi, io alzai la
mia voce per chiamare il mio esercito dicendo:
<<State saldi, rendete saldo il vostro cuore, o miei soldati.
A v et e visto la mia vittoria, mentre ero solo,
ma Amon era il mio protettore e la sua mano era con me.
Com' vile il vostro cuore o miei guerrieri col carro:
e non vi sar tra di voi alcuno che sar degno di fiducia in futuro.
Non v' forse uno solo di voi
a cui non abbia fatto qualcosa di buono nella mia terra?
Non mi sono forse levato come signore
mentre voi eravate poveri?
Non ho fatto che voi foste prncipi
mediante le mie concessioni, ogni giorno?
Ho posto il figlio sopra i possedimenti del padre,
ho scacciato ogni male che fosse in questa terra.
Vi ho lasciato i vostri schiavi
e altri ve ne ho ridati che erano stati presi da voi.
Chiunque (mi) rivolgeva petizioni,
'lo faccio', ero solito dirgli ogni giorno.
Non c' un sovrano che abbia fatto per il suo esercito
ci che la Mia Maest ha fatto a vostro profitto!

Io ho fatto in modo che voi sedeste nei vostri villaggi,


senza che si facesse il servizio militare,
e i miei guerrieri con carro sono stati trattati allo stesso modo:
Io li ho rimandati alle loro citt, dicendo:
'io li trover come oggi nel momento di dare battaglia'.
Vedete, voi avete commesso un'azione vile, tutti insieme.
Non si levato un uomo tra di voi
per darmi la sua mano mentre io stavo combattendo.
Per quanto possa durare il ka di mio padre Amon,
fossi io in Egitto,
come il padre dei miei padri il quale non vide mai i Siriani
ed essi non hanno mai combattuto con lui,
e nessuno tra di voi dovuto ritornare
per riferire sul suo servizio nella terra d'Egitto! I
davvero una bella impresa quella di costruire molti
2
monumenti per Tebe, la citt di Amon!
Il delitto che hanno commesso la mia fanteria
e i miei guerrieri col carro pi grande di quanto si possa dire.
Vedete! Amon mi ha dato la sua vittoria
(mentre) la mia fanteria non era con me
e neppure i miei guerrieri col carro.
Egli ha fatto che ogni terra lontana vedesse
la mia vittoria e il mio forte braccio,
ed ero solo (perch) i miei prncipi 3 non erano dietro a me,
senza un guerriero col carro,
senza un soldato di fanteria,
senza un comandante. 4
I paesi stranieri che mi hanno visto pronunceranno il mio nome
lontano in paesi stranieri sconosciuti.

Ramesse II.
Dopo un breve brano alla terza persona, si passa nuovamente al discorso diretto:
in realt anche la frase precedente potrebbe essere intesa allo stesso modo, perch
spesso i sovrani egiziani parlano di s usando l'espressione <<Sua Maest.

r Come avreste dovuto fare se io fossi rimasto al sicuro in Egitto e fosse spettato a
voi riferirmi della sconfitta.
2 Significa che sarebbe stato molto meglio per Ramesse II starsene a Tebe piuttosto
che rischiare la vita sul campo di battaglia: la frase va vista come una prosecuzione
del pensiero espresso in quella precedente.
3 Come in altri passi del Poema, la parola egiziana, che significa letteralmente
grande, principe, qui sta ad indicare gli ufficiali di grado pi elevato: la traduzione generali sarebbe forse pi appropriata al contesto militare in cui essa viene
4 Dei numerosi reparti in cui si divideva l'esercito egiziano.
usata.

74

75

?T" HP ZII"
Se qualcuno sfugg alla mia mano tra di essi,
si erse guardando indietro
per vedere ci che io avevo fatto.
Se io fossi penetrato tra milioni di essi,
non sarebbero rimasti saldi i loro piedi, ma sarebbero fuggiti.
Chiunque tir nella mia direzione,
le sue frecce si dispersero (prima) di raggiungermi.
Quando Menna, il mio scudiero,
vide che mi circondava un grande numero di carri,
egli divenne debole e il suo cuore era vile (mentre)
una grande paura entr nel suo corpo.
Allora egli disse a Sua Maest:
'Mio buon signore,
tu sovrano possente,
tu, grande salvatore dell'Egitto nel giorno del combattimento,
noi siamo soli nel mezzo della battaglia:
ecco, ci hanno abbandonati, la fanteria e i guerrieri col carro.
Perch vuoi tu restare per salvarli?
Fa' in modo che restiamo incolumi, salvaci,
o User-Maat-Ra Setep-en-Ra!'.
Disse allora Sua Maest al suo scudiero:
'Sta' saldo, rendi saldo il tuo cuore, o mio scudiero!
Io sto per entrare tra di essi come colpisce il falco.
Io uccido, io massacro, io atterro.
In verit, che cosa sono per te questi codardi,
per milioni dei quali io non provo (alcun) interesse?'.
1

L 'attacco finale
Sua Maest diede inizio (all'attacco) velocemente
ed entr al galoppo nel mezzo della battaglia:
sei volte entr in mezzo a loro.
r La frase attribuita al sovrano non del tutto chiara: potrebbe in realt riferirsi ai
suoi soldati che lo hanno abbandonato nel momento del pericolo, oppure, se siriferisce, come pi probabile dato il contesto del colloquio con Menna, ai nemici,
pu significare che, malgrado il loro numero, il sovrano non si cura di essi: interesse>> tuttavia una traduzione non del tutto soddisfacente: significa evidentemente che il sovrano non prova emozioni nei loro confronti malgrado il numero
sterminato.

lo ero dietro a loro come Baal


nel momento della sua potenza.
Io uccidevo fra di loro
e non c'era inerzia in me.
Quando la mia fanteria e i miei guerrieri col carro
videro che ero come Montu
e che il mio braccio era possente,
e che mio padre Amon era con me e che egli mi concesse
che tutti i popoli stranieri fossero umiliati di fronte a me,
essi cominciarono ad avanzare isolatamente
per insinuarsi nell'accampamento al tempo della sera:
essi trovarono che i paesi stranieri nei quali ero entrato
giacevano prostrati nel loro sangue
anche tutti i valorosi guerrieri (della terra) di Khatti,
con i figli e i fratelli del loro sovrano.
Io feci che il campo della terra di Khatti diventasse bianco 1
(al punto che) non si trovava 2 un luogo dove camminare
a causa del loro numero. 3
Allora il mio esercito venne per onoranni,
con i loro visi [volti indietro]
per vedere ci che fu fatto da me.
I miei grandi vennero per esaltare il mio braccio possente,
e i miei guerrieri col carro ugualmente (vennero)
vantando il mio nome e dicendo:
Quale valoroso guerriero (sei tu)
che rendi saldo il cuore,
(tu che) hai salvato la tua fanteria
e i tuoi guerrieri col carro.
Tu sei il figlio di Amon, forte nelle tue braccia.
Tu hai distrutto la terra di Khatti
con la forza del tuo braccio,
r Passo discusso per la difficolt di rendere il verbo hj diventare bianco o simile.
L'interpretazione tradizionale, qui seguita, attribuisce il cambiamento del colore
del campo di battaglia al grande numero dei caduti: a causa delle vesti bianche la
terra sembrava diventata bianca al punto che non si trovava un luogo in cui camminare senza calpestare i corpi. Gardiner, The Kadesh lnscriptions, cit., p. 24 preferisce intendere <<diventare chiaro riferito al sorgere del sole, ma resta difficile
2 Lett. conosceva.
3 Dei caduti.
allora spiegare la frase seguente.

77

Io ho sconfitto milioni di paesi stranieri, da solo;


mentre ero su 'Vittoria in Tebe' e 'Mut soddisfatta',
i miei grandi cavalli.
Essi furono (tutto) ci che io ho trovato a mio sostegno
quando io, da solo, combattevo numerosi paesi stranieri.
Io stabilir che si faccia in modo che essi mangino in mia presenza, ogni giorno in cui io sia a Palazzo.
Essi erano ci che io trovai in mezzo ai nemici,
insieme al (mio) auriga 2 Menna, il mio scudiero,
con i miei servitori che erano presso di me,
miei testimoni del combattimento: ecco, io li trovai.
Desistette la Mia Maest dal (suo) ardire e dalla vittoria.
Io avevo rovesciato centinaia di migliaia (di uomini) uniti insieme.
Quando divenne bianca la terra, 3
io ordinai le linee nel combattimento:
io ero pronto alla lotta come un toro ardente.
Io mi levai tra di loro come Montu,
fornito degli ornamenti dell'ardire e della vittoria.
Io entrai tra le schiere combattendo,
come colpisce un falco.
E Colei 4 che stava sopra la mia testa
rovesci per me i miei nemici
e scagli il suo soffio ardente in faccia ai miei nemici.
Io ero come Ra quando appare al mattino:
i miei raggi bruciarono i corpi dei ribelli.
Ciascuno 5 di essi diceva al suo compagno:
'Fate attenzione, guardatevi, non avvicinatevi a lui.
Ecco, Sakhmet, la grande, che con lui.
Essa con lui sopra il suo cavallo,
la sua mano con lui.
Come qualcuno si muove per avvicinarlo,
un respiro di fiamma viene a bruciare il suo corpo'.

tu sei un guerriero valoroso senza pari,


un re che combatte per i suoi soldati il giorno della battaglia.
Tu sei grande di cuore, il primo sulla linea di combattimento.
Tu non ti sei curato di tutte le terre straniere,
riunite in un sol luogo.
Tu sei grande di vittorie di fronte al tuo esercito
e di fronte al mondo intero, non parlando con esagerazione,
proteggendo l'Egitto e sottomettendo i paesi stranieri.
Tu hai spezzato la schiena a Khatti, per sempre>>.

N uovo discorso di Ramesse II


(Cos) parl allora Sua Maest alla sua fanteria, ai suoi grandi come pure ai suoi guerrieri col carro:
Che cosa avete fatto, o miei grandi, o mia fanteria,
o miei guerrieri col carro che non avete combattuto!
Forse che un uomo non magnifica se stesso nella sua citt
quando egli andato e ha compiuto
qualche cosa di eccellente di fronte al suo signore?
Bella la fama (acquistata) per sempre attraverso il combattere:
un uomo rispettato fin dal passato
grazie al suo braccio valoroso.
Non ho io fatto niente di bene per ciascuno di voi, ch
voi mi doveste abbandonare
c io rimanere solo in mezzo ai nemici?
Davvero (pu dirsi) felice colui tra voi che visse
respirando l'aria mentre io ero solo!
Non sapevate nei vostri cuori
che io sono il vostro muro di ferro?
Che cosa si dir nei discorsi (degli uomini) quando
si udr che mi avete abbandonato
c io ero solo e non c'era alcuno con me,
e non venne nessun grande, nessun comandante, nessun soldato
ad offrir mi il suo braccio mentre io combattevo?
1

1 Passo difficile che pone diversi problemi grammaticali: il senso che pare possa cogliersi la pesante ironia di Ramesse II verso il suo esercito: e voi avete potuto
continuare a vivere sapendo che io ero solo! Davvero una bella vita la vostra!>>.

Mut soddisfatta il nome del secondo cavallo di Ramesse

z Le t t. <<carrista>>.

11.

3 Cio ali' alba.

4 Si tratta della dea-cobra Uadjct che il sovrano portava normalmente sulla fronte
raffigurata insieme a Nekhbet, dea-avvoltoio, sulla corona o su un diadema, qui
certamente sull'elmo da combattimento.
5 Lett. uno di essi.

79

Allora essi stettero lontano


e prestarono obbedienza con le loro mani di fronte a me.
Allora la Mia Maest prevalse contro di loro.
Io uccisi tra di loro e non mi riposai.
Essi si distesero di fronte ai miei cavalli,
e giacquero stramazzando in un sol luogo sul loro sangue>>.

La richiesta di armistizio
Allora il vile principe di Khatti invi (un messaggio) e rese omaggio al mio nome come a Ra, dicendo: Tu sei Sutekh, Baal in persona. Il terrore di te una torcia nella terra di Khatti>>. Allora egli
fece in modo che venisse un messaggero con una lettera nella sua
mano nel gran nome della Mia Maest per informare la Maest del
Palazzo (vita, forza, salute), di Ra-Harakhti, il forte toro amato da
Maat, il sovrano che protegge il suo esercito - posscnte il suo
braccio - un muro per il suo esercito il giorno del combattimento,
il re dell'Alto e del Basso Egitto
Uscr-Maat-Ra Setep-en-Ra (vita, forza, salute), il figlio di Ra,
leone dal forte braccio, Ramesse Mery-Amon,
possa egli vivere in eterno!
Dice il tuo servo c fa in modo che si conosca che tu sei il figlio
di Ra uscito dal suo corpo. Egli ti ha dato tutte le terre riunite in
un sol luogo: quanto alla terra d'Egitto c alla terra di Khatti, esse ti
appartengono, esse sono tue serve, esse sono sotto i tuoi piedi. Ra,
il tuo nobile padre, le ha date a te: non prevalere su di noi! Ecco:
grande il tuo potere e la tua forza pesante sulla terra di Khatti.
(forse) bello che tu uccida i tuoi servi e che il tuo volto sia selvaggio verso di essi c che tu non provi piet? Tt1 ieri hai passato la
giornata uccidendo centinaia di migliaia; tu sci venuto oggi e non
hai lasciato eredi. Non essere duro nelle tue azioni, re vittorioso,
(perch) la pace meglio del combattere. Dacci il respiro!

Risposta di Ramesse II
Allora la Mia Maest desistette, in vita e stabilit:
io ero come Montu nel suo momento,
(quando) avviene che attacchi.
Allora la Mia Maest fece che mi venissero portati tutti i coman-

8o

danti della fanteria e dei guerrieri col carro e i grandi, tutti riuniti
in un sol luogo per far loro ascoltare il consiglio che egli aveva inviato. Allora feci in modo che essi udissero le parole che mi aveva
inviato il vile principe di Khatti. Allora essi dissero a una sola voce:
'Bene pi che eccellente la pace, sovrano nostro signore!
Non c' biasimo nella pace quando tu l'abbia conclusa, perch
chi ti resister nel giorno dell'ira?'.
Allora la Mia Maest diede ordine di prestare ascolto alle sue parole e mi mossi in pace verso sud.

Ritorno trionfale in Egitto


Sua Maest torn in pace verso l'Egitto, insieme con la sua fanteria e i suoi guerrieri col carro ed ogni vita, stabilit e dominazione era con lui e gli di c le dee come talismano a protezione del suo
corpo, schiacciando per lui tutte le terre a causa del suo timore. La
potenza di Sua Maest protesse il suo esercito e tutti paesi resero
omaggio al suo bel volto, raggiungendo in pace l'Egitto a Pi-Ramesse Mery-Amon-Grande-di-Vittorie, restando nel suo palazzo
in vita c dominazione, come Ra nel suo orizzonte. Gli di di questa terra vennero a lui in adorazione dicendo: Benvenuto, benvenuto, nostro figlio amato, il re dell'Alto e Basso Egitto, Uscr-MaatRa Setep-en-Ra, il figlio di Ra, Ramessc Mery-Amon!>>. Essi diedero a lui milioni di feste-sedI sul trono di Ra, in eterno, mentre tutte le terre e tutti i paesi stranieri erano caduti c prostrati sotto i suoi
sandali, per l'eternit e per sempre.

Colofone

Questo scritto [ stato redatto] l nell'anno 9, secondo mese della stagione di shemu per 4 il re dell'Alto e Basso Egitto User-MaatI

La fcsta-sed era quella in cui il sovrano celebrava il giubileo.

Il colofonc si trova naturalmente solo nel papiro Sallier m (I I, 8- I I): cf. Kucntz,

La Bataille de Qadesh, cit., pp. 2o8-2o9; KRI II, p. ror (testo geroglifico) e Kitchen, RITA II, p. r4.
l [s5] ss pn: per l'integrazione seguo Kitchen KRI, II, p. IOI: ma vi sono altre possibilit come ir fatto oppure zpbr copiato>>: cf. Spalinger, The Transformation of
an Anciem Egyptian Narrative, ci t., p. I07.
4 Leggo n: cf. l'ampia discussione in Spalingcr, The Transformation of an Ancient
Egyptian Narrative, cit., pp. I07-I09

8r

Ra (vita, forza, salute), il figlio di Ra, Ramesse Mery-Amon (vita,


forza, salute), possa egli essere dotato di vita e per sempre come
suo padre Ra. [ giunto a compimento con successo]. Per il ka del
Capo degli scribi del tesoro del Faraone (vita, forza, salute), Amenem-inet,2 lo scriba del Tesoro del Faraone (vita, forza, salute),
Amen-cm-uia 3 e lo scriba del tesoro del Faraone [(vita, forza, sa6
lute) ... ]. 4 Fatto 5 dallo scriba Pentaur.

2.

Bollettino della battaglia di Qadesh

Cos giustamente integra Kitchen.


2 Il nome Amen-em-inet si trova all'interno del secondo titolo portato dal personaggio.
3 Si veda nota precedente.
4 Il nome del terzo personaggio andato perduto.
5 Nel senso di scritto, redatto non di composto come si riteneva un tempo.
Gli altri personaggi menzionati prima dello scriba Pentaur sono probabilmente
coloro sotto la cui guida il testo stato copiato dall'originale del regno d1 Ram esse
II: nella parte iniziale del papiro vi sono degli interventi migliorativi di altra mano.
1

6 Su Pentaur v. sopra, introduzione.

Il testo del <<Bollettino>> della battaglia di Qadesh vanta anch'esso numerosi duplicati che si trovano accanto al testo del <<Poema>> o al posto di esso in numerosi templi egiziani in cui Ramesse II stato attivo a vario titolo. A differenza di quanto accade al testo pi lungo, il <<Bollettino noto
solo per via epigrafica e monumentale, e quindi solo in caratteri geroglifici, mentre non ne esistono versioni librarie, e dunque in ieratico, circostanza questa che pu recare un contributo a comprenderne la reale natura, che resta per qualche aspetto ancora controversa. Il termine Bollettino>> che qui si conserva, come sopra, quello di Poema, del tutto convenzionale c si mantiene solo per non dovere ricorrere a fastidiose perifrasi.1
Mentre il Poema comporta ro duplicati (compreso un palinsesto di
cui ben poco si conservato), il Bollettino>> costituito da sette copie
che si distribuiscono tra il tempio di Abydos, quello di Luxor (tre copie),
il Ramcsscum (due copie) e Abu Simbcl, secondo scelte che non pi
possibile ricostruire. Si noti in particolare che nel tempio di Abu Simbel
non vi il testo del Poema ma solo quello del Bollettino, al contrario
di quello che forse era lecito attendersi.
Ad Abydos il Bollettino si trova sulla parete sud-ovest del tempio di
Ramesse II, mentre le tre copie di Luxor sono incise rispettivamente sul
pilone, sulla parete sud -est della corte di Ram esse II, sulla parete ovest
della grande colonnata. Nel Ramesseum sono sul primo pilone e sul muro
nord della seconda corte. Infine ad Abu Simbel il testo stato collocato
sulla parete nord.
Bibliografia. Per il testo si veda Ch. Kucntz, La bataille de Qadech: !es textes
(Pome de Pentaour et Bulletin de Qadech) et !es bas-reliefs, Le Caire 19281934, pp. 327-361 (dove si trova anche tutta la bibliografia precedente); S. Donadoni - E. Edel, Abou-Simbel. The Battle of Kadesh, Cairo s.d.; KRI, II, pp. 102124; Davies, Egyptian Historical lnscriptions, cit., pp. 86-96 (testo in trascrizione
con traduzione a fronte). Tra le traduzioni, molte delle quali seguono quelle del
Poema al quale pertanto si rinvia per maggiori riferimenti, oltre a quella di Davies qui sopra citata, si veda Kitchen in RITA 11, pp. 14-18; A.I-I. Gardiner, The
Kadesh lnscriptions of Ramesses 11, Oxforcl 1960, pp. 28-34 (traduzione e commento); A.J. Spalinger, Remarks on the Kadesh lnscriptions of Ramesses 11: The
1

Sulla questione cf. l'introduzione.

quando li vide. La sua potenza fiammeggi come fuoco contro di


essi. Egli non si cur di milioni di stranieri e li consider come (se
fossero) paglia. Allora Sua Maest entr nella schiera dci nemici di
Khatti insieme con i molti paesi che erano con essi, Sua Maest essendo come Sutekh il grande di possanza e come Sakhmet nel momento del suo furore. Sua Maest uccise tutto l'esercito del vile caduto di Khatti insieme con i suoi grandi capi e i suoi fratelli cos come tutti i grandi capi di tutti i paesi che erano venuti con lui: la sua
fanteria e i suoi guerrieri col carro erano caduti sulle loro facce gli
uni sugli altri e Sua Maest li uccise e li sgozz ai loro posti, mentre essi cadevano in disordine di fronte ai suoi cavalli: Sua Maest
era solo e non vi era alcuno con lui.
Allora Sua Maest fece in modo che l'esercito del nemico di Khatti si tuffasse sopra le loro facce, uno sull'altro, come il coccodrillo
si tuffa, nelle acque dell'Oronte.
<o ero dietro di essi come un grifone,
io sconfissi tutti i paesi stranieri da solo,
e la mia fanteria e i miei guerrieri col carro
mi avevano abbandonato e nessuno di essi
rimasto guardando indietro.
Per quanto io vivo eRa mi ama
e mio padre Amon mi loda,
per tutte le cose che la Mia Maest ha detto,
io le ho fatte in verit
alla presenza della mia fanteria e dei miei guerrieri col carro.
I

I Si passa dalla terza alla prima persona in un breve e conclusivo inno di autoesaltazione del Faraone.

3. Didascalie dei rilievi

I bassorilievi che accompagnano il Poema>> c il Bollettino>> non hanno


solo valore esornativo ma costituiscono indubbiamente un complemento
importante della rappresentazione della battaglia di Qadesh quale Ramesse II ha voluto trasmettere ai suoi sudditi, almeno a quella che gi abbiamo definito <<l'opinione pubblica interna, costituita dai militari, dai funzionari civili e dai sacerdoti, la sola che in effetti avesse accesso ad essi
non meno che ai due grandi testi incisi sulle pareti dei templi maggiori.
I temi sono ricorrenti e distribuiti secondo una pianificazione che non
agevole seguire I anche perch non sono sempre in perfetto stato di conservazione e in qualche caso vi sono tracce di ripensamenti c redazioni
palinsestc. Si possono raggruppare, seguendo l'edizione di Kuentz, a seconda delle localit in cui si trovano i tcmpli che li conservano, senza fare
distinzione tra Poema e Bollettino>> perch non si riesce a cogliere un
criterio di distribuzione delle raffigurazioni tra i due testi: in altre parole,
in apparenza non vi sono scene che accompagnano solo il Poema>> e scene che si riferiscono solo al Bollettino per quanto, come sopra si osservato, gli episodi narrati nell'uno e nell'altro non siano gli_stessi.
Ad Abydos sono raffigurati l'accampamento egiziano, la battaglia, l'ispezione e la registrazione del bottino di guerra. Nei tre duplicati di Karnak,
si trovano l'offerta del bottino alla locale triadc divina, la raffigurazione dell'accampamento c un testo palinsesto assai poco leggibile, scene alle quali
si aggiunge una versione pi completa costituita ancora dall'accampamento, dalla battaglia e dall'ispezione e registrazione del bottino.
A Luxor troviamo in un caso la raffigurazione dell'accampamento e della battaglia, mentre sulla parete occidentale del grande colonnato vi sono
quelle dell'accampamento, della battaglia, dell'ispezione del bottino, mentre dubbia rimane quella del rientro trionfale in Egitto.
Nelle tre scene figurate del Ramesseum, sulla riva sinistra del Nilo, in
un caso sono rappresentati l'accampamento e la battaglia, mentre in un altro troviamo solo la battaglia e in un terzo ancora l'accampamento. Infine
ad Abu Simbel, dove vi solo il Bollettino, troviamo la sequenza abituale costituita dall'accampamento, dalla battaglia e dall'ispezione e dalla
registrazione del bottino.
Anche le didascalie che regolarmente li accompagnano hanno un certo
I

Ma si veda ad esempio KRI,

II,

pp.

125-128.

valore integrandosi con le scene figurate, bench queste siano gi di per s


abbastanza eloquenti soprattutto perch si riferiscono ad episodi gi noti
grazie alla narrazione scritta. Del resto il confine tra il <<Bollettino>> e le didascalie appare piuttosto labile, se si accetta l'interpretazione che A. Gardiner d del <<Bollettino come di una didascalia pi estesa delle altre. Ma al
di l di questa interpretazione che appare eccessiva a causa della struttura
che il testo presenta, I non c' dubbio che le didascalie sono comunque
importanti perch rendono visibili c comprensibili aspetti degli eventi che
al sovrano importava di sottolineare nello spirito generale di propaganda
regale che i testi di Qadcsh riflettono.
Alcune delle didascalie hanno in realt scarsa importanza perch contengono solo il nome del sovrano, ovviamente racchiuso nei cartigli, dci
2
principi suoi figli, tra cui il primogenito allora erede al trono, che erano
al suo seguito, dei cavalli che hanno trainato il suo carro nel corso della
battaglia, o quello, infine, di principi c ufficiali ittiti non particolarmente
significativi dal punto di vista egiziano. Neppure queste, a dire il vero, sarebbero del tutto trascurabili, se non altro perch dimostrano l'enfasi che
Ramesse II ha voluto dare a certi aspetti degli eventi: tale la presenza dei
suoi figli appunto, ma tale potrebbe anche essere la menzione dei nomi
dei suoi cavalli, tema gi presente nel <<Poema>> per sottolineare la sua solitudine nel momento dci pericolo, o del leone vivo al suo seguito, emblema grandioso e visibile della regalit. In questo stesso contesto ideologico
rientrano brevi elogi del sovrano che soprattutto sottolineano il suo valore in guerra e, ancora una volta, la sua solitudine nel corso della battaglia.
Altre hanno maggiore importanza storica, come quella che illustra l'arrivo dei rinforzi destinati con il loro intervento a influire profondamente
sul corso della battaglia: i Ne'arin provenienti dal paese di Amurru avanzano in un ordinato schieramento costituito da fanteria c da guerrieri col
carro.
Bibliografia. W. Wreszinski, Atlas zur altagyptischen Kulturgeschichte n, Leipzig
1935, tavv. r6-25; Kuentz, La bataille de Qadech, cit., pp. 363-394 e tavv. XV-XLII;
Gardiner, The Kadesh Inscriptions, ci t., pp. 3 5-45 (i vi la bibliografia precedente);
A.J. Spalinger, Historical Observations on the Military Reliefs of Abu Simbel and
other Ramesside Temples in Nubia, JEA 66 (r98o), pp. 83-99; KRI, II, pp. 129-147
(traduzione); Kitchen, RITA, II, pp. r8-26 (traduzione).
I. La prima divisione di Amon d la vittoria a User-Maat-Ra
Setep-en-Ra, possa essere dotato di vita, nella quale il faraone si
trovava. L'accampamento impiantato.

La didascalia si riferisce alla raffigurazione della prima delle quattro

divisioni dell'esercito egiziano, quella con la quale si trovava Ramesse II,


nell'atto di impiantare il campo, sulla riva occidentale dell'Orontc, un po'
a nord della citt di Qadesh.

2~. ~l leone vivo che ha seguito Sua Maest Uccisore dei suoi
netTI! Cl>>.
2b. Portarlo alla presenza di Sua Maest.
Entrambe le didascalie si riferiscono al leone che avrebbe accompagnato Ramesse II in guerra e che in effetti rappresentato nei rilievi.

3 Il dio buono, possente di forza, grande di vittorie, colui che


massacra tutti i paesi stranieri, che fa una grande strage tra i loro
capi, il re dell'Alto e del Basso Egitto User-Maat-Ra Setep-en-Ra,
il fglio di Ra, Ramesse Mery-Amon, possa essere dotato di vita in
eterno.
Illustra una scena in cui il sovrano riceve notizie dai suoi ufficiali.

4 Il primo grande cavallo di Sua Maest Vittoria in Tebe>> appartenente alla grande stalla di User-Maat-Ra Setep-en-)\a amato
daAmon.I
L'iscrizione si riferisce a uno dei due cavalli del carro di Ramesse n.

5 Il sopraggiungere di un esploratore del Faraone (vita, forza,


salute) che reca (prigionieri) due esploratori del caduto di Khatti
alla presenza del Faraone (vita, forza, salute). Essi li bastonano per
far s che essi dicano dove si trova il vile caduto di Khatti.
Illustra la scena della cattura e della bastonatura della pattuglia ittita.

6a. Il giungere del porta-ventaglio del Faraone (vita, forza, salute) per dire ai fgli del re insieme con[ ... ] di Mut-neferet: 2 [non]
andate fuori dal lato occidentale dell'accampamento e lasciate la
battaglia. 3
Qui amato da Amon>> non parte del nome di Ramesse 11.
Deve trattarsi di una sposa secondaria di Ramesse II o di una concubina: non
altrimenti nota.
1

Cf. sopra.
Premono al padre: il successore sar Meneptah, tredicesimo nella lunga lista dci
figli del sovrano.
I

3 Perch i figli del sovrano non venissero coinvolti nello scontro in atto tra i Ne'arin e gli Ittiti che tentavano di entrare nell'accampamento egiziano.

T
i

6b. Il porta-ventaglio alla destra del re, lo scriba regale, gen[erale dell'esercito, primo guerriero col carro di] Sua Maest, Pra-herunamef.1
Entrambe le didascalie si riferiscono a due porta-ventaglio il primo dei
quali reca ordini ai figli del re mentre il secondo si trova su un carro in
corsa.

rinforzi egiziani dal paese di Amurru: i bassorilievi raffigurano uno schieramento di fanteria c di carri da guerra che in perfetto ordine si avvicina
all'accampamento egiziano pronto ad entrare in battaglia.

8. Il venire del visir per far affrettare l'esercito [ ... ]. stato detto ad essi: Avanti!, il Faraone (vita, forza, salute) vostro signore
sta in mezzo alla battaglia>>.
Didascalia di un carro lanciato a grande velocit. I

7 Il giungere dei Ne'arin 2 del Faraone (vita, forza, salute) dalla


terra di Amurru. Essi trovarono che l'armata dei nemici di Khatti
aveva circondato l'accampamento del Faraone (vita, forza, salute)
sul suo lato occidentale, mentre Sua Maest (vita, forza, salute) era
solo e il suo esercito non era con lui, mentre l'armata dei carri circondava[ ... ] i suoi guerrieri, mentre la divisione di Amon, in cui il
Faraone (vita, forza, salute) si trovava, non aveva ancora terminato
di allestire l'accampamento e la divisione di Ra e quella di Ptah
erano in marcia e il loro [ ... ] non era ancora arrivato dal bosco di
Robaui. 3 I Ne'arin fecero irruzione nell'armata del vile caduto di
Khatti mentre essi stavano entrando nell'accampamento del Faraone (vita, forza, salute) e i servitori di Sua Maest li uccisero e
non permisero che nessuno di essi fuggisse, poich i loro cuori
confidavano nella grande forza del Faraone (vita, forza, salute), loro buon signore, mentre egli era dietro di loro come una montagna
di bronzo e come un muro di ferro per sempre e in eterno.
La didascalia (che si ricostruisce quasi completamente grazie a versioni
in templi diversi, nessuna delle quali completa) si riferisce all'arrivo dci
1 Uno dei figli di Ramesse II che erano presenti sul campo di battaglia e che, bench fosse certamente giovanissimo, rivestiva gi importanti cariche militari: per i
titoli militari nel Nuovo Regno cf. A.R. Schulman, Military Rank, Title and Organization in the Egyptian New Kingdom, Berlin 19642 Per il significato di questo termine cf. Gardiner, The Kadesh lnscriptions, cit., p.
37 Il termine di origine semitica e ha un preciso riscontro in ebraico come plurale di una parola (ma con desinenza -in anzich -im) che significa giovane, vale
quindi i giovani, termine quanto mai ambiguo in questo contesto. Il problema
di capire il valore in egiziano di una parola che indica un corpo d'armata sicuramente egiziano che il Faraone, con una programmazione che si rivelata vincente,
ha collocato sulla costa e che, secondo una precisa scansione temporale, ha permesso di cogliere gli Ittiti sul fianco scoperto in un momento assai critico della
battaglia. Di esso fatta una fuggevole menzione nel Poema>>.

3 Un bosco a poca distanza da Qadesh.

9 Il maggiordomo del Faraone (vita, forza, salute) mentre giunge per far affrettare la divisione di Ptah. detto ad essi: Avanti! il
vostro signore sta in mezzo la battaglia da solo.
La scena simile alla precedente.
IO. Il buon dio mentre colpisce i nove archi e massacra un milione (di nemici) nel volgere di un istante e mentre rende non esistenti i capi dei paesi stranieri caduti nel loro sangue, (mentre) non
vi era nessuno con lui, il re dell'Alto e del Basso Egitto, User-MaatRa Setep-en-Ra, il figlio di Ra, Ramesse Mery-Amon.
I I. Il buon dio, possente di forza, grande di vittorie, che sconfigge [ ... ], il re che sconfigge i suoi nemici solo con il suo braccio,
risoluto di cuore, [ ... ] che li rende abbattuti. Sua Maest ha fatto
[ ... ] i seguaci di Sua Maest quando si fermato a nord di Qadesh.
Allora egli si prontamente levato ed montato su <<Vittoria in
Tebc, il suo grande cavallo, ed ha fatto irruzione tra i nemici di
Khatti, ed era come una tempesta quando si scatena in cielo e il
suo potere era come il fuoco tra le stoppie, ed egli era possente come suo padre Montu.

Il buon dio, posscnte di forza, grande di vittorie, che sconfigge tutti i paesi stranieri, il re dell'Alto e del Basso Egitto, UserMaat-Ra Setep-en-Ra, il figlio di Ra, Ramesse Mery-Amon; il levarsi di Sua Maest quando si fermato a nord--ovest di Qadesh cd
egli ha fatto irruzione nell'armata del caduto di Khatti essendo solo con se stesso e nessun altro era con lui. Egli ha trovato che 2 500
I2.

I In questa, come nella seguente, messaggeri del Faraone raggiungono i corpi di armata rimasti indietro e li sollecitano a raggiungere il Faraone rimasto solo, cio
in serie difficolt di fronte all'attacco ittita.

93

carri in quattro schiere lo circondavano da ogni suo lato ed egli li


massacr facendone mucchi davanti ai suoi cavalli ed egli uccise
tutti i capi di tutti i paesi stranieri, i fratelli del caduto di Khatti insieme con i suoi grandi, la sua fanteria e i suoi guerrieri con il carro. Egli li atterr, caduti sulle loro facce ed egli fece s che essi si
immergessero gli uni sugli altri nell'acqua dell'Oronte. Sua Maest
li incalzava come un leone selvaggio che li massacrava al loro posto, mentre il caduto di Khatti guardava indietro, con le sue mani
alzate pregando il buon dio.
I tre passi che precedono sono le didascalie di tre diverse scene che raffigurano il sovrano in combattimento sul suo carro da guerra mentre lancia frecce dal suo arco.
I 3. Il vile caduto di Khatti mentre stava nel mezzo della sua
fanteria e i suoi guerrieri col carro, col volto girato all'indietro in
ritirata e sconfitto nel suo cuore. Egli non si mai fatto avanti per
combattere per paura di Sua Maest, quando ha visto che Sua Maest stava prevalendo su quelli di Khatti insieme con i capi di tutti i
paesi stranieri che erano venuti con lui che Sua Maest abbatteva
nel volgere di un momento. Sua Maest era come un falco divino.
Egli' ha rivolto lodi al dio buono dicendo: Egli come Sutekh
grande di possanza nel suo momento, (come) Baal in persona>>.

to

La didascalia si riferisce a una raffigurazione del re ittita ormai sconfitche volge le spalle alla citt di Qadesh.

14 Il grande primo cavallo di Sua Maest <<Mut soddisfatta>>


che appartiene alla grande stalla di User-Maat-Ra Setep-en-Ra, amato di Amon.

Didascalia sopra l'altro cavallo di Ramesse


I

II.

5. Il figlio del re del suo corpo, Hor-her-unamef.


Il figlio del re del suo corpo, Mery-Ra.
Il figlio del re del suo corpo, Sethy.

La didascalia si riferisce a tre figli di Ramesse u che hanno accompagnato il loro padre in guerra e che ora gli rendono omaggio.
1

Il re degli Ittiti.

94

I 6. Ricevere i prigionieri catturati dal forte braccio di Sua Maest quando egli ha sconfitto i nemici di Khatti con tutti i capi di
tutti i paesi stranieri che sono venuti con loro, quando Sua Maest
era solo c non vi era esercito con lui, dopo che Sua Maest ha comandato a tutti i comandanti della sua fanteria dicendo: portate i
prigionieri dal mio bottino quando io ero solo, e non vi era con me
la fanteria n i guerrieri col carro>>.

La didascalia accompagna le scene di presentazione del bottino al Faraone in trono e dei relativi conteggi nei quali sono compresi i cumuli delle mani dci nemici caduti.

----------

---------~--------~----------------------~

4 Trattato di pace tra Khattushili

III

e Ramesse

II

Datazione e verbale di consegna


L'anno 21, il primo mese della stagione di peret, il giorno 21,
sotto la Maest del Re dell'Alto e del Basso Egitto User-Maat-Ra
Setep-en-Ra, il figlio di Ra, Ramesse Mery-Amon, possa egli vivere in eterno e per sempre, amato da Amon-Ra, Harakhty, Ptah a
sud del suo muro, 2 signore di Ankh-Tawy, 3 Mut, signora di Isheru e Khonsu-Nefer-hotep, che appare sul trono di Horo dei viventi come suo padre Ra-Harakhty, per sempre e in eterno.
In questo giorno Sua Maest stava nella citt di Pi-Ramesse Mery-Amon facendo ci che loda suo padre Amon-Ra-HarakhtyAtum, signore delle Due Terre, quello di Heliopolis, e Amon di
(Pi-)Ramesse Mery-Amon e Ptah di (Pi-)Ramesse Mery-Amon e
Sutekh, grande di possanza, figlio di Nut, come essi hanno dato a
lui eternit in feste-sed, e perpetuit in anni di pace, ogni terra e
tutti i paesi stranieri essendo prostrati sotto i suoi piedi in eterno.
Il messaggero regale e vice comandante [dci guerrieri col carro
... ] e il messaggero [regale ... ] il [messaggero della] terra di [Khatti ... Tili]-tcshub c [il secondo messaggero] di [Khatti], Ra[mose, e
il messaggero di Karke ]mis h, Yapushili, vennero portando la tavoletta [d'argento che] il grande principe di Khatti, 4 Khattushili (m),
aveva inviato al Faraone (vita, forza, salute) per chiedere [pace con
la Maest del re dell'Alto e del Basso Egitto, User-Maat-Ra] Setepen-Ra, il figlio di Ra, Rames[se] Mery-Amon, possa egli essere dotato di vita in eterno e per sempre, come suo padre Ra ogni giorno.
I

Anche il testo del trattato di pace concluso nell'anno 2 I di Ram esse II,
corrispondente al I 2 59/I 2 58 a.C., tra il sovrano degli lttiti Khattushili III
e quello egiziano, ci giunto per parte egiziana per via epigrafica grazie a
2
due stele, una a Karnak 1 c l'altra nel Ramesseum: non si sono conservate n le copie su papiro, che certamente devono esserci state, n quella sulla tavoletta d'argento su cui era stato scritto il testo originale che fu consegnato su incarico del re ittita al sovrano egiziano c di cui si parla ampiamente nel testo del trattato stesso. Si tratta dell'unico trattato internazionale concluso dall'Egitto di cui ci sia giunto il testo. 3 Esso rispecchia fedelmente il testo originale in babilonese del quale sono state trovate due
tavolette negli archivi regali di Khattusha la capitale degli lttiti, come si
pu ricavare anche dal fatto che, a differenza di tutti gli altri documenti
raccolti nel presente volume, non contiene un inno in onore del faraone, 4
cosa che sarebbe stata inopportuna in un trattato che almeno nelle intenzioni era basato sull'affermazione della parit tra i due contraenti c sul principio della reciprocit delle clausole che esso conteneva.
Bibliografia. Breasted, Ancient Records of Egypt, cit., m, 367-391 (traduzione);
St. Langdon - A. Gardiner, The Treaty of Alliance between Hattusili, King of
Hittites and the Pharaoh Ramesses II of Egypt, JEA 6 (1920), pp. 179-205; J.A.
Wilson- A. Goetze, ANET, pp. 199-203; A.R. Schulman, Aspects of Ramesside
Diplomacy: The Treaty of Year 21, JSSEA 8 (1978), pp. 112-124; A.J. Spalinger,
Considerations on the Hittite Treaty between Egypt and Hatti, SAK 9 (1981), pp.
299-338; Bresciani, Letteratttra e poesia, cit., pp. 286-291 (traduzione); KRI 11, pp.
225-232 (testo in caratteri geroglifici); B.G. Davies Histori,al Inscriptions, cit., pp.
97-116 (testo in trascrizione e traduzione); Kitchcn, IUTA, 11, pp. 79-85 (traduzione); E. Edel, Der Vertrag zwischen Ramses II. von Agypten und Hattttsili III. von
Hatti, Berlin 1997 (monumentale edizione del trattato nella versione in babilonese
e in quella egiziana poste a confronto, con tutta la bibliografia precedente).

2
PM n\ p. 49 (2).
2 PM 11 , p. 152 (14).
3 Un precedente trattato con gli Ittiti siglato durante il regno di Shuppililiuma
menzionato nel trattato dell'anno 21: di esso non sappiamo altro al di fuori di tale
notizia.
4 Il Bollettino contiene un breve inno nella parte conclusiva.
1

Annotazione d'archivio
Copia 5 della tavoletta d'argento che il grande principe di Khatti,
Khattushili (m), ha inviato al Faraone (vita, forza, salute) per mezI A partire dall'anno 21 di Ram esse 11, data in cui il trattato stato concluso, la
grafia del nome di nascita del sovrano cambia leggermente: mentre prima era scritto R'-ms-s, con due s, ora diventa R'-ms-sw, con il bilittero sw finale.
2 Epiteto del Ptah menfita.
3 Menfi.
4 Da qui in poi il sovrano degli Ittiti non viene pi menzionato come il <<vile caduto di Khatti>> ma come il <<grande principe(= sovrano) di Khatti>> per ovvie ragioni
diplomatiche dettate dalle mutate relazioni tra i due paesi.
5 La redazione originale del trattato, scritta sulla tavoletta d'argento, che ovviamente non ci giunta, stata copiata su papiro e depositata negli archivi regali egiziani. La versione epigrafica in egiziano in realt la copia di tale copia.

97

_..-
zo del suo messaggero Tili-Teshub e il suo messaggero Ramose per
chiedere la pace con la Maest [del re dell'Alto e del Basso Egitt~
Uscr-Maat-Ra Sctep-cn-Ra] il fglio di Ra Ramesse Mery-Amon, 1l
toro dei sovrani che fa i suoi confni come egli vuole in ogni terra.

Trattato: preambolo
Trattato che il grande principe di Khatti, Khattushili (m), il valoroso, fglio di Murshili (n), il grande principe di Khatti, il valoroso, fglio del fglio di Shuppi[luliuma, il grande principe di Khatti], il valoroso, ha fatto sopra una tavoletta di argento per UserMaat-Ra Setep-en-Ra, il grande sovrano d'Egitto, il valoroso, .fglio
di Men-Maat-Ra, 1 il grande sovrano d'Egitto, il valoroso, fgho del
fglio di Men-Pehty-Ra, 2 il grande sovrano d'Egitto, il valoroso,
(cio) il grande trattato di pace e di fratellanza che far in modo che
[buona] pace e [buona fratellanza esisteranno tra noi] per sempre.

I precedenti
Al principio, dall'eternit, per quanto concerne .le rela~im:i d.el
grande sovrano dell'Egitto con il grande principe d1 Khattl- 1l dw
non ha permesso che esistessero ostili t~ tra di loro, ~er mezzo \d el.4
la stipulazione) di un trattato. 3 Tuttavia, al tempo d1 Muwatalh, 1l
grande principe di Khatti, mio fratello, egli combatt con [Ramcsse Mery-Amon] 5 il grande sovrano d'Egitto.

Pace e fratellanza tra Egitto e Khatti


(Ma) a partire da oggi, ecco Khattushili (m), il gra~~~ princip~
di Khatti, [stipula] un trattato per far s che siano stab1h 1 rapporti
il nome di intronizzazione di Sethy I.
il nome di intronizzazione di Ramesse I, fondatore della dinastia.
3 Il trattato a cui qui si fa riferimento stato certamente quello concluso al tempo
in cui re degli Ittiti era Shuppiluliuma citato pi oltre e che almeno formalmente
era ancora in vigore.
Muwatalli stato l'avversario di Ramesse II durante la battaglia di Qadesh.
4
Il nome del sovrano egiziano in lacuna: possibile, oltre a quella pr?p.osta, an5
che l'integrazione alternativa User-Maat-Ra Setep-en-Ra, senza .che VI s1ano elementi a favore dell'una o dell'altra; ovviamente il senso non cambta.

che Ra ha fatto e che Sutekh ha fatto per la terra d'Egitto con la terra di Khatti e per non permettere che vi siano ostilit tra di essi in
futuro. Khattushili (m), il grande principe di Khatti, ha vincolato
se stesso in un trattato con User-Maat-Ra Setep-en-Ra, il grande sovrano d'Egitto, a partire da oggi (in poi), per fare in modo che una
buona pace e una buona fratellanza esistano fra di essi per sempre.
Egli sar come un fratello per me ed egli sar in pace con me (perch) io sar come un fratello per lui e sar in pace con lui per sempre.
Da quando Muwatalli, il grande principe di Khatti, mio fratello,
ha raggiunto il suo fato,' Khattushili (m) ascese come grande principe di Khatti sul trono di suo padre. Guarda, io sono diventato (una
cosa sola) con Ramcsse Mery-Amon, il grande sovrano d'Egitto.
Noi [abbiamo costruito la nostra] pace e [la nostra] fratellanza- e
ci meglio rispetto alla pace precedente c alla fratellanza che vi
era (prima) sulla terra.
Guarda, io, il grande principe di Khatti, sono con [User-MaatRa Setep-en-Ra], 2 il grande sovrano d'Egitto, in una buona pace e
in una buona fratellanza. I fgli dei fgli del grande principe di Khatti sono in fratellanza e in pace con i fgli dei fgli di [Ramesse MeryAmon], il grande sovrano d'Egitto, godendo essi del nostro legame di fratellanza e di [pace].

Patto di non aggressione e conferma dei trattati precedenti


[La terra d'Egitto J con la terra di Khatti sono in pace e fratellanza come noi per sempre, e non vi saranno ostilit tra essi per sempre. Il grande principe di Khatti non attaccher la terra d'Egitto
per sempre, per portar via qualche cosa da esso. (A sua volta) UserMaat-Ra Setep-en-Ra, il grande sovrano d'Egitto, non attaccher
la terra [di Khatti per portar via qualche cosa d]a esso, per sempre.
Come l'immutabile trattato che vi fu al tempo di Shuppiluliuma,
[il] grande principe di Khatti, e come l'immutabile trattato che vi
fu al tempo di Muwatalli (n), il grande principe di Khatti, mio padre (sic!), 3 io lo rispetter. Guarda, Ramesse Mcry-Amon, il granCio morto.
2 Anche qui l'alternativa Ramesse Mery-Amon.
realt Khattushili m non era figlio di Muwatalli II ma suo fratello cf. de Martino, Gli Ittiti, ci t., p. 6 5.
1

3 In

99

de sovrano d'Egitto, lo rispetter, [la pace] che egli [ha fatto] con
noi da oggi in poi. Noi lo rispetteremo e ci comporteremo secondo queste clausole immutabili.

Alleanza militare
e mutua assistenza contro i nemici esterni e interni
Se un altro nemico viene contro la terra di User-Maat-Ra Setepen-Ra, il grande sovrano d'Egitto, egli scriver al grande principe
di Khatti dicendo: Vieni a me in alleanza contro di lui>>. Il grande
principe di Khatti agir [con lui] e il grande principe di Khatti sconfigger il suo nemico. Ora se il cuore del grande principe di Khatti non vorr andare (personalmente), allora egli far in modo che il
suo esercito e i suoi guerrieri col carro vadano (al suo posto) e sconfiggano 2 il suo nemico. Ora se Ram esse Mcry-Amo n, [il grande sovrano d'Egitto] si adira con i suoi servitori quando essi compiono
qualche crimine contro di lui cd egli muove per ucciderli - allora il
grande principe di Khatti agir con lui [per distruggere chiunque
nei cui confronti essi sono adirati].
Ora, se [un altro] nemico [viene] contro il [grande] principe [di
Khatti], allora User-Maat-[Ra] Setep-en-Ra, il [grande sovrano
d'Egitto, agir] e verr a lui come alleato, allo scopo di sconfiggere 3 il suo nemico. Ma se il cuore di Ramesse Mery-Amon, il grande sovrano d'Egitto, non vuole venire, allora egli [ ... e egli far in
modo che] il suo [esercito e i suoi guerrieri col carro] si affretteranno in risposta verso la terra di Khatti.
Ora se i servi 4 del grande principe di Khatti lo violassero, allora
Ram[csse] Mery-Amon [ ... invier al grande]prin[cipc di Khatti.
Il grande] prin[cip e di Khatti ... ] la terra di Khatti e la terra
[d'Egitto].

Garanzia per la successione al trono di Khatti


... ]la vita, 1 allora [egli] dice: <<lo andr verso il mio 2 fato>>Ramesse [Mery-Amon], il grande sovrano d'Egitto, possa essere
dotato di vita [ ... ] la [terra di] Khatti [ ... ] fa in modo che sia fatto
[ ... ] i l~ro [ .. ) ed essi agiscono in modo che egli sia fatto signore
per ~ss1 (stess1), [per] fare in modo che User-Maat-Ra Setep-en[Ra, Il] grande sovrano d'Egitto, resti in silenzio [con] la sua bocca
[p~r] sem~re. Or~ q~ando (?)egli [viene(?) ... c distrugge] la terra
[d1] Khattl ed egh [ntorna ... il grande principe di Khatti c ugualmente ... ]

Lett.: uccider.
2 Si veda nota precedente.
3 Vedi sopra.
4 Cio i sudditi: la clausola che segue, molto frammentaria nel testo egiziano, contiene un patto di mutua assistenza contro i nemici interni: per la sua ricostruzione
cf. Edel, Der Vertrag, cit., pp. 37 41. 45
1

IOO

Estradizione dei rifugiati nei due paesi


_[Se. una _rerson~ di alto rango 3 d'Egitto fugge presso il grande
pnnCipe d1 Khattl] oppure una citt [di que]le che appartengono
al!~ terre di Ramesse Mery-Amon, il grande sovrano d'Egitto, ed
ess1 v~ngon~ ~al grande principe di Khatti, 4 il grande principe di
Khattl non h ncever, ma il grande principe di Khatti li rimander
indict~o a Uscr~Maat-Ra Setep-en-Ra, il grande sovrano d'Egitto,
loro s1gnore, [vlta, forza], salute.
Se un uomo o due uomini, che non si conoscono, 5 fug[gono]
~dalla. ter:a ~'Egitto] ed essi vengono alla terra di Khatti per essere
1 serv1ton d1 un'altra persona- essi non devono essere lasciati nella
terra di Khatti, ma essi devono essere riportati (indietro) a Ramesse Mery-Amon, il grande sovrano d'Egitto.
Se una persona di alto rango 6 fugge dalla terra di Khatti e [viene da_D,ser[-Ma~t]-Ra Setep-en-Ra, il [grande sovrano] d'Egitto, 0
una cltta o un d1stretto o [ ... ] di quelle che appartengono alla terra
1 Il testo di questa clausola molto frammentario: per la sua restituzione cf. Edel,
Der Vertr~g, clt., p. 41; Il contenuto per chiaro: il sovrano egiziano si impegna
ad app?ggrare l'erede al trono ittita che sar designato da Khattushili m quando
eglr sara prossrmo ad andare verso il suo fato, cio a morire.
2 Suo nel testo.

3 Wr

n Kmt vale propriamente Un grande d'Egitto>>.


4 Cio passi al nemico.
5 iw.w bw rb.tw.w che non si conoscono, sconosciuti, ignoti>>.

Il testo ha w' rmt 'J lett. Un uomo grande>> che corrisponder al wr n Kmt delle
righe precedenti.

IOI

Sutekh [della ci]tt di[ ... ];


[Sutekh della citt di ... ] sa;
Sutekh della citt di Sakhipina;
Antaret I della terra di Khatti;
il dio di Zitkharriya;
il dio di Karzis;
il dio di Khalpantalias;
la dea della citt di Karahna;
la dea di Seri;
la dea di Ninive;
la dea di Zin[ ... ];
il dio [di] Nenatta;
il dio [di Ku]litta;
il dio di Khebat;
la regina 2 del cielo;
gli di signori del giuramento;
la dea signora del cielo, signora del giuramento;
Iskhara, la sovrana;
le montagne e i fiumi della terra di Khatti;
gli di della terra di Kizzuwatna;
Amon, Ra e Sutekh;
gli di e le [dee]; 3
le montagne e i fiumi della terra d'Egitto;
il cielo e la terra;
il grande mare;
i venti e le nuvole.

di Khatti, ed esse vengono da Ramesse Mery-Amon, il grande sovrano d'Egitto, User-Maat-Ra Setep-en-Ra, (allora) il grande sovrano d'Egitto non li ricever, ma Ramesse Mery-Amon, il grande
sovrano d'Egitto, li rimander indietro al grande principe [di Khatti] ed essi non saranno lasciati (in Egitto).
Ugualmente se un uomo o due uomini, che [non] si conoscono,
fuggono e vengono nella terra d'Egitto per essere servi di altri, (allora) User-Maat-Ra Setep-en-Ra, il grande sovrano d'Egitto, non
permetter che essi restino (in Egitto), ma egli li rimander indietro al grande principe di Khatti.

Testimoni del trattato


Ora per quanto concerne queste clausole del trattato che il grande principe di Khatti ha fatto con Ra[messe Mery]-Amon, il grande sovrano [d'Egitto - esse] sono state poste per iscritto sopra
questa tavoletta d'argento.
Per quanto concerne queste clausole mille di e dee tra quelli
2
che appartengono alla terra di Khatti insieme con mille di e dee
tra quelli che appartengono alla terra d'Egitto, essi saranno con me
come testimoni che [ascoltano] queste clausole:
I

Ra, signore del cielo;


Ra della citt di Arinna;
Sutekh, signore del cielo;
Sutekh di Khatti;
Sutekh della citt di Arinna;
Su[ tekh] della citt di Zippalanda;
[S]utekh della citt di Pietiyarek;
Sutekh della citt di Khisaspa;
Sutekh della citt di Sarissa;
Sute[kh della citt di Aleppo];
Sutekh della citt di Likhsina;
Sutekh [della citt di Hu]r[ma];
[Su]tekh [della ci]tt di [ ... ];
I

Lett. mille di e cio di maschi e dee femmine>>.

Cf. nota precedente.


102

Maledizione e benedizione
Per quanto concerne le clausole che sono (scritte) su questa tavoletta d'argento per la terra di Khatti e per la terra d'Egitto: per
quanto riguarda chi non le osserver- mille di della terra di Khatti e mille di della terra d'Egitto distruggeranno la sua casa e la sua
terra e i suoi servi.
I

Forse per Astarte.

Vi~ne qui usato il termine tJ hmt nswt <<sposa regale>>, titolo ufficiale delle regine
egiziane.
3 Lett.: <<gli di maschili e [femminili]>>.
2

103

Per chi osserver queste clausole che sono scritte su questa tavoletta d'argento - sia ittita o egiziano - e non le trascurer - mille
di della terra di Khatti e mille di della terra d'Egitto lo renderanno prospero e vivo, con la sua famiglia e la sua terra e i suoi servi.

Clausola aggiuntiva a tutela degli estradati r


Se un uomo fugge dalla terra d'Egitto, o due o tre, ed essi giungono dal grande principe di Khatti- (allora) il grande principe di
Khatti li prender e li restituir a Uscr-Maat-Ra Setcp-en-Ra, il
grande sovrano d'Egitto.
Per quanto concerne l'uomo che verr portato a Ramessc McryAmon, il grande sovrano d'Egitto, il suo crimine non verr usato
contro di lui; la sua casa, le sue mogli c i suoi figli non .verranno
distrutti; lui [non] verr [ucciso]; i suoi occhi, orecchie, bocca o
piedi non verranno martoriati; nessun crimine gli verr contestato.
U gualmcnte se un uomo fugge dalla terra di Khatti, uno o due o
tre, cd essi vengono da Uscr-Maat-Ra Setep-en-Ra, il grande sovrano d'Egitto - allora Ramesse Mery-Amon, il [grande] sovrano
[d 'Egitto], li prender e li mander indietro al grande principe di
Khatti. Tuttavia, il grande principe [di Khatti] non [user il loro]
crimine contro di loro, e la sua [casa], le sue mogli e i suoi figli non
[saranno distrutti] cd egli non sar ucciso; c nessuno colpir le sue
orecchie, i suoi occhi, la sua bocca o i suoi piedi, e nessun crimine
gli sar contestato.

Sigilli
Ci che vi nel mezzo della tavoletta d'argento nella sua parte anteriore: una figura con l'immagine di Sutekh [che abbraccia] un'immagine del grande principe di Khatti, circondato da un'iscrizione
sul bordo che dice: Il sigillo di Sutekh, sovrano del ciclo, sigillo
I Questa importante clausola concernente la tutela degli estradati manifestamente fuori posto venendo dopo l'enumerazione degli di testimoni, le maledizioni e
le benedizioni che concludono il trattato. difficile pensare che si tratti di una clausola aggiunta dopo la sua prima redazione scritta: pi probabile che in una fase
della sua elaborazione sia stata omessa per errore e poi recuperata>> dagli scribi.

104

del trattato che Khattushili (m), il grande principe di Khatti il v _


loroso, il figlio di Murshili (n), il grande principe di Khatti, i val~
roso, ha fatto>>.
Ci che dentro il contorno della figura: <l [sigillo di Sutekh,
sovrano del cielo>>].
[Ci che si trova] sull'altro lato: la figura di un'immagine femminile della dea di [Khatti] che abbraccia l'immagine femminile della [principessa] di Khatti, circondata da un'iscrizione sul bordo
che dice: Il sigillo di Ra della citt di Arinna, signore della terra; il
sigillo di Padukhcpa, I la principessa della terra di Khatti, la figlia
della terra di Kizzuwa[ tna], il [ ... della citt] di Arinna, signora
della terra e serva della dea>>.
[Ci che si trova] all'interno del contorno della figura: Il sigillo
di Pra di Arinna, signore di tutta la terra>>.
I

La regina di Khatti, ben nota dalla corrispondenza ittito-egiziana.

5. Il primo matrimonio ittita

Bibliografia. Ch. Kuentz, La Stle du Mariage de Ramss II, ASAE


25
2
pp. 181-238 (testo geroglifico c traduzione); G, Lefebvrc, Une version b (I? d5)
'l
d

A,
a
e
la ste e u marzage, SAE 25 (1925), pp. 34-45 (traduzione) S Do regee
J

nauon 1 - J.
Cerny, Abou Stmbel:Stele du Marzage, Ca1ro 1960 (testo gero~lifico); KRI n,
.
233-256 (testo geroglifico); K!tchen, RITA II, pp. 86-~9 (traduzwne); Davies, Ji~
toncallnscnptzons, pp, I I7-143 (trascnzwne c traduzwnc); P. Davoli_ N.M, Ahmcd, On Some Monuments from Kiman Fares (Medinet el-Fayyum), SEP 3 ( 2006 ),
pp. 83-85.
v

Il primo matrimonio ittita di Ramesse n ha avuto luogo nell'anno 34 del


sovrano egiziano, corrispondente al 1256 a.C. L'evento testimoniato da
numerosi documenti epigrafici che dimostrano l'importanza che il sovrano attribuiva a tale evento: copie si trovano (andando da nord verso sud)
nei templi di Karnak, Elefantina, Abu Simbel, Amarah W est e Aksha. Recentemente un frammento di un suo duplicato stato identificato nei Kiman Fares, nel Fayyum, dove si trovano i resti dell'antica capitale della regione, Shedet, e dedicato a Sobek, lo <<shedita>>, il dio patrono della citt e
dell'intera regione. I A queste si aggiunge una versione pi corta che stata incisa su una stele in alabastro spezzata in tre parti nel tempio della dea
2
Muta Karnak.
A Karnak, la stele del primo matrimonio si trova sulla facciata sud del
massiccio est del rx pilone, 3 mentre a Elcfantina sono stati ritrovati solo
quattro blocchi riutilizzati in epoca tarda. 4 Ad Abu Simbella stele si trova all'esterno del tempio. 5 Due copie infine sono state rinvenute in due
altri templi nubiani, ad Amarah W est 6 e ad Aksha. 7 In totale, contando
le versioni pi o meno complete, quella abbreviata e il frammento di Shedet, sette sono ora le versioni note di questo importante monumento, diffuso tra il Fayyum a nord e la Nubia.
I Il frammento di grandi dimensioni (cm 130 x 136 x 78) in granito nero conserva
l'angolo superiore sinistro del monumento con parte della titolatura di Ramesse II
seguito dall'espressione: amato da Sobck lo Shedita, che assicura la collocazione
della stele nel tempio locale del dio. A destra sono raffigurati, volti verso sinistra,
la (futura) regina Maat-Hor-Neferu-Ra, seguita dal Khattushili m: editio princeps
del frammento in P. Davoli - N.M. Ahmed, On Some' Monuments from Kiman
Fares (Medinet el-Fayyum), SEP 3 (2oo6), nr. 5, pp. 83-85, tavv. xxm-xxvi. notevole il fatto che ha la medesima provenienza un frammento della stele della
Benedizione di Ptah>> (cf. S. Donadoni, Un frammento di stele ramesside dai Kiman Fares, in J Cervello Autuori- A.J. Quevedo Alvarez (edd,), ,.. ira buscar lena, cit., pp. 99-102) che posteriore ad esso e contiene una breve menzione del
matrimonio (cf. sopra). Le dimensioni originarie della stele sono state calcolate
nell'editio princeps (p. 84) in circa tre metri. Si tratta certamente del primo matrimonio perch il frammento associato alla stele della <<Benedizione, mentre le
dimensioni porterebbero ad escludere che si trattasse della versione abbreviata,
2 G. Lefebvre, Une version abrege de la stle du mariage, ASAE 25 (I925), pp.
34-45.
3PMII,p.59(54).
4PMv,p.225,
5PMvii,p.98(8).
6 PM VII, p. I 59 (3),
7 Si tratta eli un unico blocco; cL KRI II, p. 233 (S).

ro6

/'

'

A. VERSIONE ESTESA

Didascalie
r. Ogni protezione e ogni vita dietro di lui. I
Parole pronunciate da Sutekh, grande di possanza [ ... ]
2
3 La grande sposa regale, Maat-Hor-Neferu-Ra, figlia del grande principe di Khatti.
4 Parole pronunciate dal grande principe di Khatti: Io sono venuto di fronte a te per adorare la tua bellezza nel sottomettere i paesi stranieri, poich tu sei davvero il figlio di Sutekh ed egli ha decretato per te 3 la terra di Khatti e io sono privato di tutti i miei
beni. La mia figlia maggiore di fronte ad essi per presentarli al
tuo volto. Buono tutto ci che tu hai decretato per noi, mentre io
sono sotto i tuoi piedi per sempre e in eterno con tutta la terra di
Khatti. Quando tu appari sul trono di Ra, ogni terra sotto i tuoi
piedi per sempre.
2.

r I nr.i 1-4 sono le didascalie che accompagnano le raffigurazioni nella parte superiore della stele, dove vi la principessa ittita e, dietro di lei, il padre, Khattushili
m, colti eli fronte a Ramesse II. La stessa scena vi anche sul frammento eli Shedet.
La presenza del sovrano ittita durante la presentazione della figlia al Faraone non
deve indurre a pensare che realmente Khattushili m si sia recato in Egitto per accompagnare la figlia. Sappiamo dalle consuete fonti diplomatiche ittite che in realt un viaggio in Egitto del re ittita era in programma c potrebbe anche essere realmente avvenuto ad esempio in occasione del secondo matrimonio, ma la cosa non
affatto sicura: sulla questione cf. Kitchen, Il faraone trionfante, ci t., pp. 126-128.
2 hmt nswt wrt grande sposa regale il titolo ufficiale della sposa principale del
Faraone, cio della regina d'Egitto. Ci dimostra che la principessa ittita entrata
nella Corte egiziana al massimo livello possibile; sul piano diplomatico era una conferma della parit tra i due paesi.
3 Cio ti ha assegnato per decreto la sovranit sulla terra di Khatti.

107

Data e titolatura di Ramesse II

i cui consigli hanno successo,


uno il cui cuore sa discernere,
uno che amministra la terra con i suoi piani,
il re dell'Alto e del Basso Egitto, User-Maat-Ra Setep-en-Ra,
il figlio di Ra, signore delle apparizioni,
Ramesse Mery-Amon, possa essere dotato di vita.
Inizio di questo eccellente monumento,
per rendere grande la possanza del signore dal forte braccio,
e per esaltare il suo coraggio e vantare la sua vittoria,
e le grandi meraviglie e i segreti,
che vengono in esistenza per il signore delle Due Terre.
Ra nel suo corpo pi di ogni (altro) dio.
Uno che esce dal corpo con il valore decretato per lui,
il re dell'Alto e Basso Egitto, User-Maat-Ra Setep-en-Ra,
il figlio di Ra, il signore delle apparizioni, Ramesse Mery-Amon,
possa egli essere dotato di vita.
(Egli un) sovrano vigile, un re valoroso,
figlio di Sutekh, amato di Montu,
stella della terra, luna d'Egitto,
sole della terra che splende per essi,
disco solare che illumina la gente (comune).
Possano essi I vivere nel vederlo.
Duraturo di anni e grande di regalit,
ricco di giubilei e abbondante in miracoli.
I (suoi) alimenti hanno inondato le Due Terre,
e la sua ricchezza l'Alto e il Basso Egitto.
Il cibo nelle sue mani
e l'abbondanza sotto i suoi piedi/
le provviste sono sotto i suoi sandali.
Il suo nome buono nei cuori degli di,
uno amato nel popolo:
essi 3 gioiscono quando lo vedono come Ra,
quando egli splende all'orizzonte,

Anno 34 sotto la Maest di: I


Horo(-vivente): Toro possente, amato di Maat, [possessore] di
giubilei come suo padre Ptah-Tatenen;
.
Le due Signore: uno che protegge l'Egitto e che sotto[ mette 1 paesi stranieri, il Re dell'Alto] e del Basso Egitto, U ser-Maat-Ra Setepen-Ra;
il figlio di Ra: Ramesse Mery-Amon, [possa essere dotato] di vita,
Ra generato [dagli di], quello che ha dato[ origine] alle Due
Terre
H;ro d'oro, ricco di anni, grande di vittorie, uno che si impadronisce di tutte le terre con il suo coraggio e la sua forza, uno che ricordato dai paesi stranieri lontani per le sue vittorie, mentre la paura di lui in tutti i cuori per sempre,
il Re dell'Alto e Basso Egitto: User-Maat-Ra Setep-en-Ra,
il figlio di Ra: Ramesse Mery-Amo n, possa essere dotato di vita.

Elogio del sovrano


Signore dell'Egitto e sovrano del deserto
il sovrano delle Due Terre come Atum,
un muro di pietra nei pressi dell'Egitto,
uno che salva il suo esercito e protegge i suoi guerrieri col carro,
il protettore della terra, lo sposo d'Egitto,
che lo rende forte verso ogni terra,
bello di volto e bello nella corona-kheperesh,
vigile nelle corone dell'Alto e del Basso Egitto:
egli ha unito le Due Terre in pace come suo padre Horo-Tatenen,
Ra lo ha posto sopra il suo trono
per proteggere questa terra secondo la sua volont,
grande il suo nome e splendida la sua titolatura,
non vi alcun dio simile a lui,
scelto nel parlare,
Segue la titolatura completa di Ramesse II, s~gno evidente del~a sole~nit che egli
intendeva conferire al testo epigrafico. In cors1vo le des1gnazwm che ncevcvano nel
protocollo egiziano i singoli nomi. Il nome il figlio di Ra>> ripetuto due volte.
I

ro8

Cio la gente comune.


Cio sotto il suo dominio.
3 Cio <<il popolo con concordanza a senso.
I

!09

~-

Il re dell'Alto e del Basso Egitto User-Maat-Ra Setep-en-Ra,


il figlio di Ra, Ramesse Mery-Amon,
possa essere dotato di vita.
(Egli ) uno possente di trono, nobile di scettro,
la sua regalit unita con la gioia,
il suo nome esaltato ed egli ha raggiunto il cielo come Ra.
(Egli uno che stato) creato la prima volta,
uno che buono di consigli e benefico di istruzioni,
uno che d forma al soffio (della vita),
efficace nel far vivere.
uno che d forma al soffio, effettivo nel far vivere,
il re dell'Alto e del Basso Egitto, User-Maat-Ra Setep-en-Ra,
il figlio di Ra, Ramesse Mery-Amon,
possa egli essere dotato di vita.
Ora Sua Maest (vita, forza, salute) il sovrano dei nove archi,
e il grande signore di tutte le terre.
Il cielo ha tremato e la terra ha sobbalzato,
quando egli ha regnato (con) la regalit di Ra.
Egli ha assunto le corone di Atum,
c gli uri del signore dell'universo sono sulla sua testa,
e le insegne di Horo e di Sutekh sono riunite nel suo corpo,
la loro vittoria e i loro possessi sono con lui.
Egli ha catturato il Sud e il Nord,
l'Occidente e l'Oriente, (che gli) sono sottomessi.
Seme divino di ogni dio, generato da ogni dea,
egli stato allevato da Khnum, signore di Busiris,
nel grande palazzo di Heliopolis,
il re dell'Alto e del Basso Egitto, User-Maat-Ra Setep-cn-Ra,
il figlio di Ra, Ramesse Mery-Amon,
possa egli essere dotato di vita.
Egli stato portato in esistenza dalla Ogdoadc,
che lo ha modellato come Khepri,
quando egli appare come Shu e Tefnut
nelle braccia di H oro-T atenen,
per fondare l'Egitto cos come stato decretato,
I

Espressione che comprende tutti i nemici dell'Egitto.


IIO

e per unire la terra con i templi,


il re dell'Alto e del Basso Egitto User-Maat-Ra Setep-cn-Ra,
il figlio di Ra, il signore delle apparizioni, Ramesse Mery-Amon,
possa egli essere dotato di vita.
Immagine vivente di Ra,
discendente di quello che vive in Heliopolis.
Il suo corpo d'oro, le sue ossa d'argento
e tutte le sue membra di ferro,
il figlio di Sutekh e il guerriero di Anat,
toro possente come Sutekh, quello di Ombo,
falco divino che ama il popolo, dio grande fra gli di,
uno che protegge l'Egitto e che custodisce le Due Terre,
e che fa i suoi confini secondo i suoi desideri.
Ogni terra in pace e non vi ribellione contro di lui,
uno che vigile in tutte le sue campagne,
uno che torna da esse dopo che il suo attacco stato vittorioso,
il re dell'Alto e del Basso Egitto, User-Maat-Ra Setep-en-Ra,
il figlio di Ra, Ramesse Mery-Amon, possa essere dotato di vita.
Il possessore del cibo e degli alimenti per l'Egitto,
e dell'abbondanza per il genere umano e gli uomini tutti. I
L'acqua e il vento vengono da Sekhet 2
e tutte le piene del Nilo portano nutrimento e vesti.
Le cose buone furono fatte, e le provviste,
e ogni albero fiorisce per lui,
il re dell'Alto c del Basso Egitto, U ser-Maat-Ra Setep-en-Ra,
il figlio di Ra, Ramesse Mery-Amon, possa essere dotato di vita.
(Egli ) uno che utile per il Sud e che amato dal Basso Egitto,
ogni volto gioisce nel guardarlo,
la sua bellezza nel corpo come l'acqua e l'aria,
il suo amore come il pane e le vesti,
(egli che ) il padre e la madre di tutta questa terra,
la luce del sole per le Due Rive.
Tutti nelle Due Terre sono uniti come (se fossero) uno (solo),
dicendo a Ra quando sorge:

Lett. la gente comune>>, come sopra pi volte.

Sekhet significa <<campagna>>: dunque qui sta ad indicare la dea dei campi.
I I I

Concedi a lui l'eternit nella regalit,


possa egli splendere per noi come tu stesso.
Rendilo giovane per noi come la luna,
e possa egli fiorire come le stelle in cielo,
concedi a lui l'eternit come tuo figlio Sutekh
che nella barca di Milioni (di anni),
il re dell'Alto e Basso Egitto User-Maat-Ra Setep-en-Ra,
il figlio di Ra, Ramesse Mery-Amon,
possa egli essere dotato di vita.
Ra vivente, bello dell'oro, elettro degli di,
(egli uno che) riempie le Due Terre
delle vittorie del suo forte braccio,
ricco dei lavori delle sue mani,
figlio primogenito di Ptah-Tatenen,
che ha generato gli uomini per lui,
il re dell'Alto e del Basso Egitto, il signore delle Due Terre,
User-Maat-Ra Setep-en-Ra, il figlio di Ra,
Ramesse Mery-Amon, possa egli essere dotato di vita.
Per quanto concerne questo buon dio,
il figlio di Atum, l'erede di Ra,
l'augusta immagine di quello che in Heliopolis,
ci accaduto per lui, essere un corpo solo con lui.
Egli splende nell'orizzonte ogni giorno,
per ascoltare tutte le petizioni (che vengono rivolte) a lui.
Egli gli dice ogni volta che sorge:
Che cosa desideri? Io lo far per te>>.
Allora egli parla nel cuore [ ... ]
ed egli si esprime (in modo che) udito in cielo.
(Egli uno) che splende di amore[ ... ]
La sua testa in ciclo come i piani del dio stesso,
1
largo di cuore come Colui che a sud del suo muro,
ed egli saggio come la Maest di Thot,
il re dell'Alto e del Basso Egitto User-Maat-Ra Setep-en-Ra,
il figlio di Ra, Ramesse Mery-Amon,
possa egli essere dotato di vita come Ra.
r Colui-che--a-sud-del-suo-muro un comune epiteto del dio Ptah di Menfi.
112

Uno che percettivo come Sia, 1


e si preoccupa dei corpi come Ra, signore del cielo.
il terrore di lui che rende grande la gente,
e il rispetto di lui pacifica le montagne.
La terra in festa per le sue vittorie,
poich egli ha battuto tutte le terre con la sua forza
il re dell'Alto e del Basso Egitto, User-Maat-Ra Se:ep-en-Ra,
il figlio di Ra, Ramesse Mery-Amon,
possa egli essere dotato di vita.

I precedenti storici e la guerra con gli Ittiti


Allora i principi e i grandi di ogni terra udirono questo piano segreto di Sua Maest, piegandosi nel terrore, mentre il timore di Sua
Maest era nei loro cuori. Essi resero onore alla sua potenza, in
adorazione del suo bel volto. Venuta meno era [ ... ] completamente, mentre essi gli offrivano i loro figli, i grandi capi di Retenu 2 e
delle sconosciute terre inaccessibili, per placare il cuore del toro
possente, e per chiedergli la pace, il re dell'Alto e del Basso Egitto
User-Maat-Ra Setep-en-Ra, il figlio di Ra, Ramesse Mery-Amon,
possa egli essere dotato di vita.
Essi furono privati dei loro beni, che furono tassati con tributi
per ogni anno. I loro figli stavano di fronte ai loro tributi, adorando e onorando il suo nome, il re dell'Alto e del Basso Egitto U serMaat-Ra [Setep-en-Ra, il figlio] di Ra, Ramesse Mery-Amon, possa egli essere dotato di vita.
Allora tutti i paesi stranieri piegarono le loro teste ai piedi di questo dio buono, che ha fatto i suoi confini secondo i suoi desideri
senza che alcuno potesse opporsi tranne che questa terra di Khatti
a causa del fatto che essa non ha imitato questi capi.
Cos parl Sua Maest: Come mio padre Atum mi loda per sempre come sovrano delle Due Terre, e come io splendo come il disco solare quando splende come Ra, e come il cielo sta saldo sui
suoi quattro supporti, cos io raggiunger i confini della terra di
r Gioco di parole su Sia <da percezione.
Qui designa la fascia siro-palestinese.

113

Khatti. Essi saranno rovesciati sotto i miei piedi per sempre, il re


dell'Alto e del Basso Egitto User-Maat-Ra Setep-en-Ra, il figlio di
Ra, Ramesse Mery-Amon, possa egli essere dotato di vita.
Io far in modo che essi si ritirino dal campo di battaglia cos che
essi debbano cessare di vantarsi nella loro terra. Io so che mio padre Sutekh mi ha assegnato la vittoria sopra ogni terra. Egli ha reso
potente il mio forte braccio fino all'alto del cielo e il mio potere
per l'estensione della terra, il re dell'Alto e del Basso Egitto UserMaat-Ra Setep-en-Ra, il figlio di Ra, Ramesse Mery-Amon, possa
egli essere dotato di vita.
Allora egli mobilit il proprio esercito e i propri guerrieri col
carro e li invi verso la terra di Khatti. Egli la sconfisse con il suo
proprio impeto di fronte a tutto l'esercito, ed egli fece per se stesso
un nome eterno in esso, il re dell'Alto e del Basso Egitto U serMaat-Ra Setep-en-Ra, il figlio di Ra, Ramesse Mery-Amon, possa
egli essere dotato di vita.
Essi ricordarono le vittorie del suo forte braccio e le gesta della
sua mano. Egli non diede loro tregua e il suo potere era tra di loro
come una fiamma ardente. Nessun principe pot rimanere sul suo
trono, ed essi non poterono sollevare lo spirito dei loro popoli, il
re dell'Alto e del Basso Egitto, User-Maat-Ra Setep-en-Ra, il figlio
di Ra, Mery-Amon, possa egli essere dotato di vita.
Ora, dopo che essi ebbero passato numerosi anni, la loro terra
andava in rovina ed era sconvolta e in tumulto anno dopo anno ad
opera della potenza del grande dio vivente, il signore delle Due Terre, il re dell'Alto e del Basso Egitto, User-Maat-Ra Setep-en-Ra, il
figlio di Ra, Ramesse Mery-Amon, possa egli essere dotato di vita.
Allora il grande principe di Khatti invi per pacificare Sua Maest, per rendere grande il suo potere e per esaltare la sua forza, dicendo: Cessa la tua ostilit e deponi la tua inimicizia; permettici
di respirare il soffio della vita, re possente, perch tu sei veramente
il figlio di Sutekh. Egli ti ha assegnato la terra di Khatti. N o i pagheremo tributi secondo il tuo desiderio, e noi li recheremo al tuo
nobile palazzo. Ecco, noi siamo sotto i tuoi piedi, re possente. Agisci verso di noi secondo quanto stato disposto da te, il re dell'AlI

Cos in egiziano: si intende che il sovrano degli Ittiti invi una ambasceria.
I

14

to e del Basso Egitto, User-Maat-Ra Setep-en-Ra, il figlio di Ra,


Ramesse Mery-Amon, possa essere dotato di vita.
Allora il grande principe di Khatti invi I per pacificare Sua Maest anno dopo anno, il re dell'Alto e del Basso Egitto User-MaatRa Setep-en-Ra, il figlio di Ra Ramesse Mery-Amon, come Ra, ma
egli mai prest loro ascolto.
Allora, in seguito, essi videro la loro terra in queste misere condizioni sotto la grande potenza del signore delle Due Terre, il re
dell'Alto c del Basso Egitto, User-Maat-Ra Setcp-en-Ra, il figlio di
Ra, Ramesse Mery-Amon, possa essere dotato di vita.

La pace e il matrimonio
Allora il grande principe di Khatti cos parl al suo esercito c ai
suoi nobili: Guardate queste cose: la nostra terra devastata, il
nostro signore Sutekh adirato con noi. Il cielo non versa pioggia
per noi, c tutti i paesi stranieri sono (nostri) nemici, combattendo
contro di noi uniti insieme. Noi dobbiamo prendere tutti i nostri
beni con la mia figlia maggiore alla loro testa, e noi dobbiamo portare i doni regali al dio buono in modo tale che egli possa assicurarci la pace e permetterei di vivere, il re dell'Alto e del Basso Egitto, User-Maat-Ra Setep-en-Ra, il figlio di Ra, Ramesse MeryAmon, possa egli essere dotato di vita.
Allora egli fece in modo che fosse inviata la sua figlia maggiore
con doni augusti davanti a lei, oro, argento e molto bronzo, servi e
cavalli senza limiti, bestiame, capre e pecore a decine di migliaia, i
doni che essi hanno portato per il re dell'Alto c del Basso Egitto
User-Maat-Ra Setep-en-Ra, il figlio di Ra, Ramesse Mery-Amon,
(possa egli essere dotato di vita), erano senza limiti. Allora, qualcuno venne per informare Sua Maest dicendo: Ecco, il grande
principe di Khatti ha inviato sua figlia maggiore con molti grandi
doni, essi coprono [la strada] che essi percorrono nel loro [venire],
la principessa 2 di Khatti e i grandi nobili della terra di Khatti li stanno portando. Essi hanno attraversato molte montagne e strade difI

Cf. nota precedente.

tJ wrt n f:;ltJ <<la grande di Khatti>> in egiziano.

115

~~---~-----~-..,..-~

ficili, ed essi hanno raggiunto i confini di Sua Maest. Permetti che


l'esercito e i nobili vadano a riceve di, re dell'Alto e del Basso Egitto,
User-Maat-Ra Setep-en-Ra, il figlio di Ra, Ramesse Mery-Amon,
possa essere dotato di vita.

gioia e i loro cuori felici per il re dell'Alto e del Basso Egitto, UserMaat-Ra Setep-en-Ra, il figlio di Ra, Ramesse Mery-Amon, possa
egli essere dotato di vita.

Il viaggio e l'arrivo della principessa


L'arrivo ai confini della delegazione ittita
e l'incontro con quella egiziana
Allora Sua Maest prov gioia nel suo palazzo rallegrandosi dopo aver appreso di questa misteriosa decisione che non era affatto
nota in Egitto. 1 Egli invi il suo esercito e i suoi nobili per ricever2
li prontamente, il re dell'Alto e del Basso Egitto User-M~at-Ra
Setep-en-Ra, il figlio di Ra, Ramesse Mery-Amon, possa egli essere dotato di vita.

La figlia del grande principe di Khatti viaggi verso l'Egitto, e


l'esercito, i guerrieri col carro e i nobili la seguirono ed essi erano
mischiati con l'esercito e i guerrieri col carro di Khatti -le truppetuhir e la fanteria- il re dell'Alto e del Basso Egitto, il signore delle Due Terre, User-Maat-Ra Setep-en-Ra, il figlio di Ra, il signore
delle apparizioni, Ramesse Mery-Amon, possa egli essere dotato
di vita, e i suoi guerrieri col carro e tutto il popolo della terra di
Khatti uniti con la gente dell'Egitto. Essi mangiavano e bevevano
insieme ed essi erano come una cosa sola, come fratelli, senza avversione gli uni verso gli altri, in pace e fratellanza l'uno con l'altro secondo il consiglio del dio stesso, il re dell'Alto e del Basso
Egitto, User-Maat-Ra Setep-en-Ra, il figlio di Ra, il signore delle
apparizioni, Ramesse Mery-Amon, possa egli essere dotato di vita.
Allora i grandi capi di ogni terra attraverso cui essi passarono voltarono i loro visi e si ritirarono diventando deboli, quando essi videro il popolo della terra di Khatti unito con l'esercito del re, il re
dell'Alto e del Basso Egitto, il signore delle Due Terre, il sovrano,
possente dal forte braccio, uno che protegge l'Egitto, User-MaatRa Setep-en-Ra, il figlio di Ra, il signore delle apparizioni Ramesse
Mery-Amon, possa egli essere dotato di vita.
Allora uno diceva all'altro 2 tra questi grandi capi: Per quanto
vero ci che Sua Maest dice [ ... ] ... [ ... ] la maest di Sutekh.
Come sono grandi, questi [miracoli] che noi abbiamo visto con i
nostri occhi, che ogni terra con lui come vassalla ed esse sono un
unico cuore insieme con [l'Egitto] del re dell'Alto e del Basso
Egitto, User-Maat-Ra Setep-en-Ra, il figlio di Ra [Ramesse] Mery-Amon, possa egli essere dotato di vita.
Quella che era sola, la terra di Khatti, ecco in suo possesso
come l'Egitto, anche il cielo sotto il suo sigillo e fa tutto secondo
I

Il miracolo: l'inverno diventa estate


Allora Sua Maest prese consiglio nel suo cuore, dicendo: Come essi potranno viaggiare, quelli che io ho inviato, chi va ~o~ messaggi a Djahy in giorni di pioggia e nella neve che cade m mver~
no?. Allora egli fece grandi offerte a suo padre Sutekh e fece a lm
una supplica: Il cielo nelle tue mani e la terra sotto i tuoi piedi.
Tutto ci che tu hai comandato venuto in esistenza, cos ugualmente possa tu non mandare la pioggia, il vento freddo e l.a neve,
finch i miracoli che tu hai destinato per me possano raggmngermi il re dell'Alto e del Basso Egitto, User-Maat-Ra Setep-en-Ra,
il fi~lio di Ra, Ramesse Mery-Amon, posse egli essere dotato di vit~.
Allora suo padre Sutekh ud tutto ci che gll era stato detto: rl
cielo si pacific c i giorni d'estate si verificarono durante l'inverno. 3
Il suo esercit e i suoi nobili uscirono, i loro corpi essendo pieni di
I Naturalmente ci non era affatto vero: il matrimonio fu concluso dopo una lunga serie di trattative tra le due cancellerie.
2 Il fatto che Ramesse II mandi una delegazione egiziana al confine per ricevere gli
Ittiti ribadisce in maniera visibile i rapporti di parit tra i due paesi.

3 Il miracolo (l'inverno si trasformi in estate) che il Faraone chied~ e .~ttien: dal


dio della tempesta, Sutekh, ribadisce il suo speCiale rapporto con gh de1 ma e. anche e soprattutto un segno dell'alta considerazione in cui egli teneva la dclcgazwne
ittita e in primo luogo la principessa che veniva da lontano.

II6

I La fratellanza tra i due paesi ora un fatto reale e non solo una clausola scritta
sul trattato di pace: Ramesse II non manca di sottolineare questo fatto importantis2 Lett.: al suo compagno>>.
simo nelle relazioni tra Egitto e Khatti.

!7

ci che stato da lui decretato, il re dell'Alto e del Basso Egitto,


User-Maat-Setcp-en-Ra, il figlio di Ra, Ramesse Mery-Amon, possa egli essere dotato di vita>>.
Quando [ ... ] arriv a Pi-Ramcsse Mery-Amon, egli [fece] una
celebrazione dei grandi prodigi di valore e di possanza nell'anno
34, terzo mese della stagione di pere t, il re dell'Alto e Basso Egitto,
User-Maat-Ra Setep-en-Ra, il figlio di Ra, Ramessc Mery-Amon,
possa egli essere dotato di vita.

Allora l'esercito e i guerrieri col carro e i nobili della corte ... [(per)
il re dell'Alto e del Basso Egitto User-Maat-Ra Setep-en-Ra], il
figlio di Ra Ramesse Mery-Amon, possa egli essere dotato di vita.
Allora la terra di Khatti e questa forte terra erano come servi [ ... J
erano come servi[ ... ] vennero[ ... ] o[ ... ] allora essi poterono [giungere] in questa terra di Khatti, senza avere la paura nei loro cuori,
a causa delle vittorie di Sua Maest (vita, forza, salute).
B. VERSIONE BREVE

L'incontro con Ramesse II


Allora la figlia del grande principe di Khatti, che era arrivata viaggiando verso l'Egitto, fu portata alla presenza di Sua Maest, una
grande quantit di doni erano al suo seguito, senza limiti e di ogni
tipo. Allora Sua Maest vide che essa era bella di volto, la prima tra
le donne, e i Grandi la adorarono come una dca. I Fu un grande e
misterioso evento, una splendida meraviglia come non era stata mai
conosciuta prima, c che non era stata tramandata di bocca in bocca, e non era stata ricordata negli scritti degli antenati. 2
La figlia del grande principe di Khatti era giunta, viaggiando verso l'Egitto (dal) re dell'Alto e Basso Egitto, U scr-[Maat-]Ra [Setep-en-Ra, il figlio di Ra, Ramesse Mery-Amon, possa essere dotato di vita]. Essa era amabile per il cuore di [Sua] Maest ed egli l'ha
amata pi di ogni altra cosa prima - un successo e una vittoria che
suo padre Ptah-Tatenen ha decretato per lui, il re dell'Alto e del Basso Egitto, User-Maat-Ra Setep-en-Ra, il figlio di Ra, Ramcsse MeryAmon, possa essere dotato di vita.
[Il suo nome fu fatto cos]: la sposa regale [Maat-Hor]-Neferu[Ra], possa ella vivere, la figlia del grande principe di Khatti, e la
figlia della [grande regina di Khatti]. Essa fu resa felice nel palazzo,
nella casa regale, seguendo il sovrano ogni giorno, mentre il suo
nome veniva annunciato alla [terra intera ... ] le grandi ville [nel]
suo nome, i suoi 3 [servi] dall'Alto e dal Basso Egitto.

Horo(-vivente): Toro possente amato da Maat, signore dei giubilei come suo padre Ptah-Tatenen;
le Due Signore: colui che protegge l'Egitto, colui che sottomette
i paesi stranieri, Ra che gli di hanno generato, colui che ha fondato le Due T erre;
H oro d'oro: ricco d'anni, grande di vittorie;
il re dell'Alto e Basso Egitto: User-Maat-Ra Setep-en-Ra,
il figlio di Ra: Ramesse Mery-Amon, possa essere dotato di vita.
Elogio del sovrano 2
(Egli un) sovrano figlio di Tatenen come Atum,
(uno che) governa le Due Terre con la sua regalit
come il Signore dell'Universo,
(uno che) conquista tutte le terre con il valore e la vittoria,
Il re dell'Alto e del Basso Egitto User-Maat-Ra Setep-en-Ra,
il figlio di Ra, Ramesse Mery-Amon,
possa essere dotato di vita.
Figlio di Anat, 3 toro come Sutekh,
Montu figlio di Montu,

In effetti le regine egiziane venivano identificate con la dea Hathor.


L'enfasi con cui il Faraone descrive l'incontro con la sua sposa fa ritenere che la
soddisfazione che egli esprime non sia solo una formula di circostanza.
3 Di lei.

r Oltre all'articolo di Lefebvre pubblicato su ASAE 25 (1925), citato sopra, il testo


geroglifico si trova in KRI n, pp. 256-257; la traduzione in RITA n, pp. 96-99.
2 Abbreviato rispetto a quello precedente ne contiene per i temi principali.
3 Anat una divinit guerriera originaria della fascia siro-palestinese entrata a pieno titolo nel pantheon egiziano come paredra di Seth: ha goduto di particolare
considerazione in et ramesside, come si vede anche dalla sua menzione in questo
testo: cf. B.S. Lesko, The Great Goddesses of Egypt, Oklahoma 1999, p. 266.

II8

119

. """f.

colui che sottomette i nove archi,


sovrano valoroso, uno che veglia come Akhty,
sole della Terra, luna d'Egitto,
disco splendente per il popolo (d'Egitto):
essi vivono vedendo i suoi raggi,
ricco di anni, grande di regalit,
grande di giubilei, numeroso di prodigi,
benefico per il Sud, amato dal Nord,
(uno che) fa vivere le Due Terre con i suoi alimenti,
il re dell'Alto e del Basso Egitto, User-Maat-Ra Setep-en-Ra,
il figlio di Ra, Ramesse Mery-Amon,
possa essere dotato di vita.

Ra gli ha detto, ogni volta che egli risplende:


Che cosa desideri? Io lo far!>>.
Ecco, le sue parole sulla terra
sono ascoltate in cielo,
tutto ci che egli ha detto,
il signore del tempo,
il re dell'Alto e del Basso Egitto, User-Maat-Ra Setep-en-Ra,
il figlio di Ra, Ramesse Mery-Amon,
possa essere dotato di vita.
Alle sue invocazioni si risponde dalla barca di Milioni (di anni)
e alle sue richieste (si risponde) con gioia.
Quelli del Sud navigano verso Nord,
quelli del Nord navigano verso Sud,
l'Occidente e l'Oriente si sottomettono,
i paesi stranieri ribelli vengono in pace,
i loro grandi sono sotto i suoi sandali,
(Quanto alla) terra di Khatti, i nemici dell'Egitto,
essa in suo controllo, come (fossero) servi,
tutti insieme d'accordo come Ta-Mery,
il re dell'Alto e del Basso Egitto, User-Maat-Ra Setep-en-Ra,
il figlio di Ra, Ramesse Mery-Amon,
possa essere dotato di vita.

Ecco, Sua Maest era il sovrano dei Nove Archi, il grande signore
di tutte le terre. Ha tremato il cielo, ha tremato la terra tutta, quando egli ha assunto la [sovranit] di Ra, il re dell'Alto e del Basso
Egitto, User-Maat-Ra, il figlio di Ra, Ramesse Mery-Amon, possa
essere dotato di vita.
Seme divino di tutti gli di,
generato da ogni dea,
egli stato allevato per Ba-neb-Djed
nel grande palazzo di Heliopolis.
(Appena) egli uscito dal corpo (della madre),
stato decretato per lui il valore,
le due parti di Horo e di Sutekh I
sono state unite per lui.
La sua carne d'oro,
le sue ossa d'argento
e tutte le sue membra di ferro.
Ecco, quanto a questo dio buono,
figlio di Atum, erede di Ra,
egli splende all'orizzonte ogni giorno,
per ascoltare tutte le sue richieste,
il re dell'Alto e del Basso Egitto, User-Maat-Ra Setep-en-Ra,
il figlio di Ra, Ramesse Mery-Amon,
possa essere dotato di vita.
I

Cio l'Alto e il Basso Egitto.

L 'arrivo della principessa


I loro grandi inviarono (ambasciatori) per placare Sua Maest,
dopo che egli 2 ebbe udito della possanza del suo nome. Egli fece
in modo che fosse inviata la sua figlia maggiore e molti ed abbondanti doni erano di fronte ad essa, oro, argento, bronzo in abbondanza, schiavi e cavalli senza limiti, buoi, capre ed arieti a decine di
migliaia, e i beni della sua terra, senza limiti, per il re dell'Alto e
del Basso Egitto, User-Maat-Ra Setep-en-Ra, il figlio di Ra, Ramesse Mery-Amon, possa essere dotato di vita.
I

120

S'intende degli Ittiti.

Il re degli Ittiti.
121

_,..
L 'incontro con Ramesse I I

6. Stele della benedizione di Ptah

Quando la figlia del grande principe di Khatti fu introdotta alla


presenza di Sua Maest, ecco, essa era bella per il cuore di Sua Maest. Allora Sua Maest fece s che venisse formulato il suo nome come sposa regale (e cio): Maat-Hor-Neferu-Ra, la figlia del grande
principe di Khatti, la figlia della grande regina di Khatti.
Ecco, dunque, un miracolo misterioso, mai conosciuto (prima)
avvenuto in Egitto. stato suo padre Ptah-Tatenen che lo ha decretato, come trionfo in suo nome.
Allora la terra di Khatti unita era sotto i piedi di Sua Maest, il
re dell'Alto e del Basso Egitto, User-Maat-Ra Setep-en-Ra, il figlio
di Ra, Ram esse Mery-Amo n, possa essere dotato di vita.
I

La pace nel Vicino Oriente


Dopo di ci, se un uomo o una donna voleva recarsi in Siria per
affari, essi potevano giungere fino alla terra di Khatti senza timore
nei loro cuori, a causa delle grandi vittorie di Sua Maest.
r Di Ramesse n.

....

La stele della Benedizione di Ptah ci giunta in un buon numero di


copie epigrafiche (quindi in scrittura geroglifica) in assai diverso stato di
conservazione. In realt della Benedizione esistono due versioni, una a
nome di Ramesse n e una a nome di Ramesse III che si trova in una sola
copia nel suo tempio funerario a Medinet Habu. I testi sono sostanzialmente uguali ma in quello di Medinet Habu il nome di Ramesse II regolarmente sostituito da quello di Ramesse m: non si tratta di usurpazione ma di adattamento a un diverso destinatario. Per il resto vi sono alcune
varianti non essenziali, ci che giustifica la pubblicazione sinottica che ne
ha dato Kitchen nelle Ramesside Inscriptions. I
Quelle a nome di Ramesse II si trovano rispettivamente ad Abu SimbeV a Karnak sul nono pilone, 3 ad Amarah W est 4 e ad Aksha, dove si
conservato un solo blocco. 5 A questi duplicati noti da tempo se ne aggiunto di recente uno nuovo, consistente in un piccolo frammento, proveniente dai Kiman Fares, 6 molto importante perch dimostra, insieme
con il frammento della stele del (primo) matrimonio, che tale documento
aveva una diffusione anche molto pi a nord di quanto finora potessimo
pensare. 7 La stele della Benedizione>> rientra a pieno titolo nel <<dossier
di Qadesh, perch contiene una citazione del primo matrimonio ittita di
Ramesse II, come si pi volte osservato.
Bibliografia. J. Cerny - E. Edel, Abou Simbel: Dcret de Ptah, Cairo 1960 (testo
geroglifico); KRI, II, pp. 2 58-28 r (testo geroglifico); Kitchen, RITA (traduzione),
II, pp. IOI-I09.

Datazione e titolatura del sovrano


L'anno 3 5, il primo mese della stagione di peret, il giorno 13, sotto la Maest di: 8
rKRirr,pp.258-28r.

zPMvii,p. Io6.

3PMII,p.59(55).

4PMvii,p.I59(2).

5 Cf. J. Vercoutter, Preliminary Report of the Excavations at Aksha by the FrancoArgentine Archaeological Expedition 1961, Kush IO (I 962), pp. I09- I I6, tavv. 3 sa-b.

Cf. S. Donadoni, Un frammento di stele ramesside dai Kiman Fares, in J. Cervello Autuori- A.J. Quevedo Alvarez (edd.), ... ira buscar lena, cit., pp. 99-102.
7 Per la stele del matrimonio v. sopra, nr. 5.
8 Quella che segue ancora una volta la titolatura completa di Ramesse II, segno

123