Sei sulla pagina 1di 2

La Mandragola

E una commedia senza luce, una commedia amara in cui emerge la visione disincantata e sostanzialmente
pessimistica di Machiavelli, soprattutto in relazione a agli uomini ed alla loro slealt. Molti critici, tra cui il
prof. Guido Davico Bonino (ordinario per molti anni di Storia del teatro presso lUniversit degli Studi di
Torino) sottolineano come in questa commedia si possano ritrovare molte tematiche del Principe.
Le fonti :
Plauto per la beffa del giovane al vecchio, per la figura del parassita (Ligurio) e per il fatto che Ligurio in
certi momenti ricorda la figura del servus currens e del servus callidus.
Boccaccio per la tematica della beffa a sfondo sessuale, anche se lumorismo della Mandragola sinistro,
diabolico, diverso dalla bonaria comicit di molte novelle di Boccaccio.
I personaggi:
Ligurio: il personaggio pi completo, il parassita per eccellenza, scaltro, simulatore, duttile, capace di
adattarsi alla fortuna velocemente. Ad esempio quando necessario allimprovviso sostituire Callimaco la
sera del rapimento del garzonaccio propone subito fra Timoteo. E quindi una sorta di Principe che non
agisce nello Stato, ma in un microcosmo pi ristretto.
Callimaco: allinizio un personaggio molto energico, simile a Ligurio, ha lenergia dellinnamorato, ma
poi perde smalto e colore e se non ci fosse Ligurio il progetto non andrebbe a buon fine.
Nicia: un uomo sciocco e volgare, molto egoista e cinico, arriva al punto di sacrificare un uomo per un
proprio vantaggio. Eun dottore in legge ed colpito da Callimaco che parla un latino maccheronico, quindi
subisce il fascino di unapparente cultura.
Fra Timoteo: rappresenta la corruzione della Chiesa in ambito economico in quanto molto avido, ed in
ambito morale in quanto libidinoso.
Sostrata: un personaggio gretto ed egoista, legato ai soldi. Arriva al punto di sacrificare la figlia pur di
avere un erede, perch in caso contrario la figlia non riceverebbe leredit dellanziano marito.
Lucrezia: apparentemente lunica luce positiva della Commedia, quasi fino alla fine lunico personaggio
positivo. Probabilmente non ama Nicia, ma non vuole venire meno alle promesse coniugali, vuole rimanergli
fedele, dargli un figlio. E molto leale. Ma poi alla fine cambia completamente atteggiamento e questo suo
mutamento stato interpretato in vari modi:
-

era gi corrotta, sleale, ma la fortuna non le aveva mai offerto la possibilit di far emergere questo
aspetto del carattere
era buona, ma si corrompe con il procedere degli eventi, non solo colpita dal fascino di Callimaco,
ma soprattutto quando scopre la meschinit del marito e la malafede delle persone di cui si fidava,
ossia la madre ed il confessore
possiede anchessa una dote essenziale al Principe che la duttilit. Quando la fortuna, infatti, le
offre loccasione, lei la coglie e muta il suo comportamento, adattandolo ai tempi per non essere
travolta dagli eventi (vedi a questo proposito sul testo linterpretazione critica di Ferroni)

CONFRONTO MACHIAVELLI GUICCIARDINI su alcuni aspetti del loro pensiero

La fortuna

Il fine supremo
delluomo
La storia

Lo stile

MACHIAVELLI
arbitra del 50% delle azioni umane;
luomo virtuoso deve essere in grado
di porre ripari alla sua azione
Il bene dello Stato
E magistra vitae, fornisce esempi di
comportamento utilizzabili in ogni
epoca
Scrive un trattato organico,
procedendo in modo dilemmatico

GUICCIARDINI
Incombe sulla vita delluomo, che
deve comprendere con la discrezione
il modo migliore di agire a seconda
delle circostanze
Il bene individuale (linteresse
personale da perseguire)
Non ha senso individuare, seguire ed
utilizzare in circostanze diverse schemi
astratti e teorici
Ci troviamo di fronte ad un antitrattato, i Ricordi sono slegati tra loro,
sia logicamente che sintatticamente