Sei sulla pagina 1di 4

MOLTIPLICHIAMO

la nostra voce
bollettino elettronico di informazione del Sindacato dei Marittimi
www.sindacatomarittimi.eu Numero 4 - Anno I - Dicembre 2007

L’errore del Ministro Armatori italiani


L’insensibilità del Ministro Siamo al paradosso,
alla voce dei marittimi le vittime di scelte assurde
risveglia il bisogno di unità vengono ignorate, e si aiuta
dell’intera categoria chi ha generato il danno.

PAGINA 3 PAGINA 4

EDITORIALE
Lo scorso 3 dicembre a Genova il Ministro dei
Trasporti Alessandro Bianchi ha confermato la
Firmato il nuovo decreto
modifica al decreto del 2000 sui requisiti della
Cosa cambia con l’entrata in vigore del nuovo decreto ministeriale riguardo alle
gente di mare che riduce da 18 a 12 i mesi di na- qualifiche e abilitazioni per gli iscritti alla gente di mare
vigazione richiesti agli allievi per poter accedere
all’esame di abilitazione professionale di Stato.
Noi del Sindacato dei Marittimi avevamo in-
viato al Ministro un documento per informarlo
sulle conseguenze delle sue possibili decisio-
ni, ma il Ministro nel pieno della sua funzio-
ne ha deciso di non ascoltare noi marittimi.
Il Ministro non potrà dare come giustificazio-
ne alla sua decisione che questa sia collega-
ta alle direttive STCW, che come già detto in
passato stabiliscono limiti minimi sotto i quali
non si può andare ma lasciano agli Stati mem-
bri la possibilità di stabilire requisiti diversi.
E’ triste e deludente vedere un Ministro del-
lo Stato Italiano ignorare le richieste dei
lavoratori marittimi, dei cittadini italiani. Il SDM Sindacato dei Marittimi seppur ama- mo opportuno analizzare ora questo testo.
Noi daremo massima informazione al suo ope- reggiato dal comportamento del Ministro Che tutti i marittimi giudicano il lavoro del
rato cosicché tutti sappiano chi ha firmato de- dei Trasporti Bianchi, al quale abbiamo an- Ministro dei Trasporti Alessandro Bianchi non
creti che causeranno danni al settore marittimo. che inviato fax in merito, sino ad oggi non soddisfacente lo si evince facilmente, sia dal
Ancora una volta hanno vinto gli interessi eco- ha dato giudizi sul decreto appena firmato, forum che dalle mail che riceviamo, ma primo
nomici. Ancora una volta la vita umana è sta- ma visto che questo sta generando un malu-
ta calpestata. Comunque sia cari collegi non è more in tutti i lavoratori del settore ritenia- continua a pag. 2
finita. I dati sono chiari la poca esperienza sta
causando perdite di vita, disastri ambientali.

Teniamoli sotto controllo...


Qualcuno dovrà prendersi queste responsabi-
lità prima o poi. Per il momento come già fatto
in altre nazioni rendiamo noti a tutti i firmata-
ri di questi decreti, leggi. Dopo ogni dramma Roma, 29 novembre 2007, Costituzione Comitato Paritetico per il lavo-
si colpevolizza sempre l’equipaggio delle navi ro marittimo. Eccoli subito all’opera, ed eccoci anche noi immediatamen-
coinvolte, è ora che anche i politici si prendano te presenti a rilevare le loro strane dichiarazioni. Tolto i nomi che com-
le loro responsabilità, a cominciare dal Mini- pongono questo comitato, già a tutti noi noti e stranoti, vediamo ora di
stro Alessandro BIANCHI. Non possiamo per il affrontare alcuni passaggi contenuti in un altro loro comunicato, datato 29/11/2007.
momento che complimentarci con il Ministro Memorizzate bene la data perché sarà interessante vedere quanto tempo passerà anco-
Alessandro BIANCHI per quello che sta facen- ra prima che un punto specifico di questo comunicato venga soddisfatto. Ci auguriamo
do per noi marittimi (è sarcasmo ovviamente), e facciamo il tifo a questo comitato di essere tanto bravo e celere come dimostrato per
fargli i complimenti per dare lavoro ai maritti- il decreto Bianchi. Direte ma cosa c’entra questo comitato con il decreto? Niente, ma
mi filippini, complimentarci per non tutelare la le persone sono sempre le stesse, cambiano i nomi dei comitati non le persone che li
nostra tradizione marinara, per non tutelare i costituiscono e poi li formano, quindi è conseguenza logica che loro c’entrano sempre.
nostri giovani che frequentano l’Istituto Nauti- Leggiamo “Al riguardo, si ricorda che l’ultimo intervento normativo in tal senso risale al
co. Veramente un ottimo lavoro. Caro Ministro 1999 (Legge 522/99), in forza della quale consistenti crediti sono ancora vantati dalle
sarà osannato dagli armatori su questo non Società di navigazione e dai marittimi per i rimborsi dei corsi effettuati e che non han-
c’è dubbio, ma le auguriamo quando in futu- no trovato copertura nelle risorse ivi stanziate”, bene è stata scritta sul CCNL a luglio
ro ascolterà in televisione alcune notizie che la
sua coscienza si senta pulita, perché si ricordi continua a pag. 4
che avrà anche lei le sue responsabilità.
2 MOLTIPLICHIAMO
la nostra voce

FIRMATO IL NUOVO DECRETO

continua da pag. 1
Oppure
compito di un sindacato è essere obiettivo e giudicare le cose per ciò
che sono. Ricordate che la politica non sempre tiene conto di valori che • Titolo di comandante fino a 3000 GT
invece l’uomo non deve dimenticare. Rimaniamo delusi e offesi dal com- • Diploma nautico o laurea triennale scienze nautiche
portamento del Ministro, ma questo non ci deve impedire di dare un •
giudizio onesto su questo decreto. COMANDANTE SU NAVI FINO A 3000 GT
E’ ovvio che ognuno di voi giudicherà questo decreto secondo la
propria visione e idea, ma nostro compito è cercare di mostrar- • Titolo di 1° Ufficiale su navi inf. a 3000 GT
velo in modo semplice cosicché lo possiate giudicare al meglio. • Diploma nautico, laurea triennale in scienze nautiche
Per farlo prendiamo in esame la carriera di un futuro Ufficiale di Coperta, • 24 mesi di navigazione da 1° ufficiale su navi inf. 3000
perché come vedrete per la macchina la situazione cambia. Oppure
• Titolo 1° Ufficiale su navi sup. a 3000 GT
• Diploma nautico o laurea triennale scienze nautiche
• 6 mesi di navigazione da 1° ufficiale su navi sup. a 3000
ALLIEVO UFFICIALE
COMANDANTE (SU NAVI SUP. 3000 GT)
• 18 anni
• Diploma nautico, altro diploma + 500 ore, laurea triennale
• Titolo 1° Ufficiale su navi sup. 3000 GT
scienze nautiche
• Diploma nautico o laurea triennale scienze nautiche
• 12 mesi di navigazione su navi sup. a 3000 GT
2° e 3° UFFICIALE
Oppure
• Titolo di allievo • Titolo Comandante su navi inf. 3000 GT
• 12 mesi di navigazione • Diploma nautico o laurea triennale scienze nautiche
• 24 mesi di navigazione su navi sup. a 3000 GT
1° UFFICIALE (SU NAVI INF. a 3000 GT) di cui 12 da 1° Ufficiale

• Titolo di Ufficiale UFFICIALE VIAGGI COSTIERI (1° , 2°, 3°)


• Diploma nautico, laurea triennale scienze nautiche
• 12 mesi di navigazione da Ufficiale su navi fino a 3000 GT • 18 anni Diploma (qualsiasi)
• 36 mesi di navigazione su navi costiere
1° UFFICIALE (SU NAVI SUP. a 3000 GT)
COMANDANTE VIAGGI COSTIERI
• Titolo di Ufficiale
• Diploma nautico, altro diploma (con 500 ore), laurea trien- • Titolo di Ufficiale viaggi costieri
nale scienze nautiche • 20 anni
• 24 mesi di navigazione da Ufficiale su navi sup. 3000 GT • 12 mesi di navigazione su navi costiere

Da quanto si capisce questo decreto ha aperto che abbiamo avanzato l’idea di una accademia dante devi fare altri 12 mesi.
la carriera di Ufficiale della Marina Mercantile simile a quella degli Stati Uniti, che aperta a E’ chiaro quindi che il decreto serve al solo sco-
sezione coperta a tutti i vari diplomi, ponendo tutti, avrebbe allineato al livello di laurea sia po di favorire l’Accademia del Mare con il risul-
dei requisiti ma non limiti. i diplomati nautici che non, formando in 4 o tato che un decreto che poteva essere fatto in
Molti colleghi infatti, hanno interpretato il 5 anni degli Ufficiali completi e pronti poi a modo corretto, strumentalizzato non è riuscito
decreto, pensando che questo lasci ai soli di- svolgere il proprio lavoro e fare una carriera in invece ad riorganizzare in modo appropriato la
plomati nautici il vertice della carriera, ma modo continuativo. carriera del nostro settore.
così non è. Infatti se vero che le sole 500 ore Rimaniamo però fermi sulla convinzione che Questo decreto ha solo diminuito il periodo da
non permettono il raggiungimento del grado sia sbagliato aver diminuito l’esperienza richie- Allievo da 18 a 12 mesi, per il resto anche se
di Comandante, è vero che chi avrà il diploma sta di navigazione effettiva ad inizio carriera. sulla carta sembra aver aperto a tutti i titoli di
di laurea triennale potrà arrivare al massimo Riconosciamo che poi sono richiesti 24 mesi studio, o che il livello culturale sia aumentato,
della carriera. L’Istituto Tecnico Nautico non per passare Primo e altri 12 per passare Co- questo risultato non si avrà. Forse inizialmente
perderà la sua importanza, che come da noi mandante (anche se è stata tolta la navigazio- ci sarà un picco, insomma un pò come capita
sempre detto e scritto al Ministro, rimane l’ac- ne fuori gli stretti) quindi nella realtà dei fatti con le accademie militari, si butteranno su
cesso naturale al settore marittimo (sempre se con la vecchia legge erano un totale di 48 mesi questa del mare in cerca di lavoro e non per
non faranno altre mosse politiche per distrug- di navigazione da fare tra Allievo e titolo da Ca- vocazione (che non arriva all’improvviso dopo
gerlo), ma è scandaloso pensare che con 500 pitano, esattamente come oggi. un qualsiasi diploma) ma finita l’illusione e
ore si allineano le preparazioni di scuole diver- Per capirci prima con 48 mesi di cui 12 fuori conoscendo poi la realtà, saremo al punto di
se. Speriamo almeno che ai nostri giovani del gli stretti facevi l’esame per conseguire il Tito- partenza, con un risultato certo, molte vere
Nautico l’Italia riconosca poi almeno posti o lo da Capitano con il quale potevi fare il Primo vocazioni finiranno perché magari bocciate in
punti in più per accedere a questa Accademia. Ufficiale o il Comandante, oggi lo stesso esame partenza dall’Accademia. Per molti diplomati
Ricordiamo sempre che noi non eravamo com- lo fai con 36 mesi di navigazione ma puoi fare
pletamente contrari a questa apertura, tanto solo il Primo Ufficiale e per diventare Coman- continua a pag. 3
MOLTIPLICHIAMO
la nostra voce 3

FIRMATO IL NUOVO DECRETO


L’ERRORE DEL
continua da pag. 2 decreto su misura ad una scuola e non chieda
invece a questa di adeguarsi alla legge. Da altro
MINISTRO DEI
del nautico, l’articolo 3 e 4 della nostra Costi-
tuzione non verrà totalmente garantito. Molti
canto lo Stato lo chiede invece a noi cittadini.
Dal decreto poi si nota quante “falsità” sono TRASPORTI
dopo 5 anni di studi nautici non avranno più
la possibilità di mettersi alla prova e vedere se
state dette sia dagli armatori che dai tre sinda-
cati confederali. Si perché, non dimentichiamo ALESSANDRO
BIANCHI
poi quella vocazione fosse motivata. le tante critiche fatte in passato da questi si-
Fino ad oggi c’era una autoselezione, da oggi gnori sugli Istituti Tecnici Nautici. Eppure que-
sarà tutto sotto una regia ben studiata. sto decreto, almeno in questo non possiamo
Ora in molti vi state chiedendo perché par- criticarlo, riconosce ai diplomati nautici la pre-
liamo della sezione coperta e non di macchi- parazione di arrivare al comando senza avere
na? Ebbene perché invece per la macchina a il triennio di laurea. Questo smentisce tutte le Colleghi, grazie per le tante mail di sti-
differenza della coperta c’è qualcosa di molto passate dichiarazioni delle persone sopra ci- ma nei nostri confronti e vi chiediamo
diverso. La sezione macchina, la carriera degli tate. Il Nautico è, e rimane, la vera culla della scusa per eventuali nostri errori nel
Ufficiali di macchina non riporta nei requisiti le leadership dello Stato Maggiore di una nave, e gestire la situazione, ma crediamo che
stesse indicazioni, cioè parla delle 500 ore ma non solo. Da considerare poi altra dichiarazione per esserci costituiti nel gennaio 2007,
poi negli articoli successivi non parla dei titoli fatta spesso dagli armatori, mancano Ufficiali. quello che era nelle nostre possibilità
di studio. Questo vorrebbe dire che questi dovrebbero è stato fatto.
preferire i ragazzi provenienti dal nautico, per Abbiamo presentato al Ministro Ales-
UN CAPOLAVORO QUESTO DECRETO, NON il semplice fatto che hanno un percorso forma- sandro Bianchi tutti i dati utili per
A CASO ABBIAMO SCRITTO PRIMA ANALISI, tivo più celere di quello fortunatamente previ- prendere una scelta responsabile, ma
PERCHE’ OCCORRE ANCORA TEMPO PER DE- sto per gli altri studi. LI CONTROLLEREMO non siamo stati ascoltati.
CIFRARLO, INFATTI SEMBRA LASCIARE STRA- Altra questione che non ci trova d’accordo è Il Ministro Bianchi snobbando vergo-
DE BUIE CHE VEDRETE CI DARANNO DELLE l’aver sminuito il personale di macchina. En- gnosamente la nostra associazione ha
SORPRESE IN FUTURO. trambe le sezioni dovrebbero avere stessi re- commesso il suo più grave errore, ha
quisiti, ovviamente tenendo presente la diver- tradito la fiducia che i marittimi pone-
Il decreto in linea generale poteva veramente sità di lavoro. Insomma un triennio di laurea vano in lui, ci ha trattato per l’ennesi-
portare migliorie al settore trasporti marittimi, doveva essere richiesto anche per la sezione ma volta come cittadini di serie B, anzi
sia in termini di aumento di professionalità e macchina. Questo potrebbe accentuare una peggio, come se non esistessimo.
preparazione, che nel rimettere in movimento vecchia rivalità (al dire il vero molto infondata Però il Ministro sta generando suo
moltissimi posti di lavoro. e stupida) tra le due sezioni. Anche in questo malgrado una situazione molto perico-
Il Ministro ha però mancato l’appuntamento si vede la prova che il decreto è stato scritto in losa sia per Lui che per gli armatori. I
commettendo l’errore di adeguare il decreto base a leggi di mercato. Infine bisogna fare un marittimi cominciano a cercare l’unità
all’Accademia e non far adeguare l’Accademia ragionamento su cui iniziare a lavorare. della categoria.
ad un decreto. E’ l’unico punto veramente in- Questo decreto non IMPONE l’Accademia ai di- Non abbiamo perso, stiamo costruen-
spiegabile di tutta la vicenda. Sembrerebbe plomati del Nautico, quindi non impone agli ar- do la base per un futuro cambiamen-
aprire il settore a tutti, ma questo anche se matori di non imbarcare diplomati nautici che to, stiamo togliendo a queste persone
possibile influirà pochissimo a livello di posti non siano di Accademia. In questo il Ministro ogni alibi, li stiamo smascherando agli
di lavoro, forse giusto chi frequenta scienze Bianchi ha commesso altro imperdonabile er- occhi di tutti.
nautiche potrebbe cercare di sfruttare la situa- rore, e cioè non aver tenuto in considerazione Chi ha creduto che prendendo le di-
zione. l’idea presentata dal SDM di imporre un nume- stanze dal SDM questo fallisse, ha nel-
La cosa più grave di questo decreto è aver tolto ro di Allievi “normali” da imbarcare sulle navi la realtà gettato benzina sul fuoco. Da
la possibilità ai giovani di avere a disposizione italiane (vedi nostra proposta Tonnage Tax). oggi grazie al vostro appoggio il SDM
un periodo adeguato per fare esperienza solle- Questa “piccola dimenticanza” genererà un continuerà con ancora più impegno il
vati da responsabilità che invece prenderanno monopolio di posti di lavoro, non dimentichia- suo lavoro, perché chiesto da voi lavo-
troppo presto. mo che imbarcare allievi dell’accademia, vuol ratori.
Le 500 ore di corso sminuiscono il prestigio dire pagarli il 70% della paga base riportata sul
del Nautico, non stiamo parlando di prendere CCNL, insomma capite da soli cosa accadrà...
la patente nautica per portare un gommone, Ci potrebbero essere le basi per aprire una
questione su questo monopolio, e vi assicu-

MOLTIPLICHIAMO
ma comunque di arrivare a fare una guardia su
navi mercantili. Era preferibile e di questo sia- riamo che studieremo bene il tutto. (per certe
mo certi, pensare ad una vera e propria Acca-
demia, aperta a tutti ma che formasse Ufficiali,
cose non serve il Ministero dei Trasporti, e non
è detto che altri non ci ascolteranno).
la nostra voce
Messa a parte la nota relativa al decreto, non a cura dell’Ufficio Stampa del Sindacato dei Marittimi
magari riconoscendo a chi veniva dal Nautico
dei posti o punteggi iniziali per favorirne l’in- si può comunque dimenticare un comporta-
mento di distacco di questo Ministro nei nostri Direttore responsabile
gresso. Solo così si avrebbe avuto un aumento
di professionalità, preparazione e prestigio, ma confronti e nei confronti dei marittimi. La sua Mauro Marino
non crediamo che lo scopo e l’obiettivo di que- intenzione manifesta è comunque allontanare
sto decreto fosse esattamente questo. i lavoratori marittimi da ogni contesto decisio- Il presente bollettino elettronico di informa-
Dobbiamo augurarci che chi verrà in futuro nale. Di questo noi tutti dobbiamo prendere zione del Sindacato dei Marittimi è diffuso
voglia veramente lavorare per arrivare al risul- atto. Speriamo che ora dopo aver dato tutto gratuitamente via internet attraverso le pa-
agli armatori, ci dia qualcosa anche a noi lavo- gine del sito www.sindacatomarittimi.eu.
tato sopra esposto. Per farlo dovrà essere libe-
ro di decidere, non dovrà avere limiti o subire ratori, perché fino ad oggi abbiamo assistito ad
aiuti alle imprese armatoriali e non alle fami- Pubblicato in data 15/12/07
pressioni esterne al suo compito. Solo in Italia
purtroppo assistiamo ad uno Stato che fa un glie italiane.
4 MOLTIPLICHIAMO
la nostra voce

TENIAMOLI SOTTO CONTROLLO...

continua da pag. 1 Wikipedia perché non si dica che lo sostiene Adesso scusateci un momento, ma cari colle-
il SDM “Per tutti gli anni 1980 e buona parte ghi come comunicate a terra quando arrivate
2007, riscritta ora il 29/11/2007, vedremo degli anni 1990 l’armamento italiano ha pun- nei porti stranieri? Come gestite la caricazio-
quando anche noi lavoratori saremo presi in tato, per motivi essenzialmente economici, ne della nave? se non sappiamo l’inglese!
considerazione da questo Stato. Gli armatori all’utilizzo di forza lavoro straniera a bordo Eppure le navi dell’armatore che ha firmato
e la triade fanno finta di interessarsi al pro- delle proprie navi mercantili, finendo così da questo comunicato vanno tutte in Africa, co-
blema, speriamo che saranno però efficenti un lato per trascurare la lunga tradizione ma- municano a gesti? Ma oltretutto sulle navi da
come lo sono stati per avere firmato il loro rinara italiana, dall’altro per chiudere le porte crociera delle compagnie più famose al mondo
bel decreto e i vari sgravi. Non ci piace tanto e disincentivare all’accesso delle professioni volete negare che ci sono marittimi italiani?
il fatto “ancora vantati dalle Società di navi- marittime le giovani generazioni nazionali. Alla Il Dott. Parlato più volte ha sottolineato che
gazione” prima di tutto vengano rimborsati i lunga “l’andar per mare” è diventato un lavoro sono molti i marittimi italiani che lavorano
LAVORATORI, e ricordiamo a CGIL/CISL/UIL che poco ambito, uno di quei lavori che “gli italiani per compagnie estere, ma insomma fateci ca-
loro dovrebbero tutelare i LAVORATORI prima non vogliono più fare”.” Lo dice l’Accademia del pire come sta la situazione, basta dire falsità.
che gli armatori, che lo fanno già bene da soli. Mare su Wikipedia, NON NOI DEL SDM, ed è E poi, affermate che siamo messi male in ingle-
Ma ecco il vero punto forte. Esattamente esattamente il contrario da quanto detto dalla se, ma tutti avete applaudito al nuovo decreto
come da loro scritto “Nel corso della prima triade e Confitarma che sotengono, ripetia- che risolve questa grave mancanza con sole 80
riunione, le partì costituenti hanno concorda- molo perchè importante, “per fornire un fat- ORE? Secondo la vostra scala di valutazione,
to sulla necessità di rendere lo strumento da tivo contributo allo sviluppo della formazione un raffreddore è mortale.
subito operativo, per fornire un fattivo contri- nel settore marittimo, la cui carenza è stata
buto allo sviluppo della formazione nel settore individuata come una delle cause della usci- QUINDI CARI SIGNORI ORA BASTA. I MARIT-
marittimo, la cui carenza è stata individuata ta dal mercato del lavoro di alcune categorie TIMI NON SONO PIU’ DISPOSTI A QUESTA
come una delle cause della uscita dal merca- di marittimi”. La formazione non ha generato STRUMENTALIZZAZIONE DA PARTE DEI TRE
to del lavoro di alcune categorie di marittimi, la carenza di Ufficiali, la carenza è nata come SINDACATI CONFEDERALI E PEGGIO DAGLI
ad esempio per mancata conoscenza della dice bene l’Accademia perchè gli armatori ARMATORI. NON POTETE USARCI PER GIUSTI-
lingua inglese”. Ma ci prendete per poveri in anni passati hanno fatto scelte sbagliate. FICARE LE VOSTRE DECISIONI, DELLE QUALI
idioti? Ma chi ha causato questa mancanza? Ma andiamo avanti, dicono “ad esempio per SIETE GLI UNICI RESPONSABILI.
Vediamo cosa dice l’Accademia del Mare su mancata conoscenza della lingua inglese”.

Armatori italiani: il grande bluff


Ormai in Italia è da anni che assistiamo ad un Rumeni, oggi che la Romania è in Europa, assi- imprenditori, non missionari), ma la cosa inve-
fenomeno inverosimile, e cioè la santificazio- stiamo ad un fenomeno molto preoccupante. ce deludente è vedere uno Stato incapace di
ne o il richiamo morale, da parte di persone, Gli Europei aprono scuole in India, Filippine e i prendere scelte autonome.
o peggio Associazioni o Enti che tutto possono cinesi aprono agenzie in Romania e paesi vicini Ad esempio, invece che andare a promuovere
fare, tranne che dare insegnamenti. per prendere manodopera per le loro navi. nelle scuole medie l’Istituto Tecnico Nautico
In parallelo, a livello politico vediamo dare Per risolvere il problema della mancanza a li- e questo mestiere, preferiscono seguire stra-
aiuti economici e non, alle persone che hanno vello ormai mondiale di Ufficiali molti Stati de facile e comode, non curanti dei danni che
causato danni alla economia italiana e causato compresa l’Italia stanno abbassando la richie- queste stanno già causando. Il compito di dare
disoccupazione in un settore particolare, come sta di esperienza per diventare Ufficiali, stanno garanzie ai cittadini italiani è dello Stato non
quello dei trasporti marittimi. aprendo questo settore anche a persone che degli armatori. I marittimi in Italia sono stati
Siamo al paradosso, le vittime di scelte assurde sino a 10 minuti prima, non sapevano neanche sempre considerati cittadini di serie B, basti
vengono ignorate, e si aiuta chi ha generato il cosa fosse una nave. Il risultato? E’ davanti agli pensare che non possiamo votare quando
danno. Si arriva a fare una Tonnage Tax (a livel- occhi di tutti, anche se non vogliamo vederlo. siamo a bordo, ma oggi si registra una rottura
lo europeo) per riportare gli armatori ad usare E così assistiamo ad un aumento di collisioni, molto grave. Molti marittimi stanno perdendo
una bandiera comunitaria, dimenticando che a moltissimi errori dovuti alla poca esperien- il senso di appartenenza a questo Stato, e la
questi hanno navi con bandiere di comodo, per za, e tutto questo solo per soddisfare richieste colpa di questo è TUTTA dei politici. C’è poi chi
non assoggettarsi a leggi che il più delle volte economiche. approfitta della situazione per tutelare i propri
potrebbero salvare vite umane. Un atteggia- Una buona, anzi ottima formazione senza interessi. In Italia da oggi con qualsiasi tipo di
mento così lo si doveva punire, NO PREMIARE. esperienza, diventa totalmente inutile. Pos- diploma e un corso di allineamento di 500 ore
Per più di 20 anni non hanno imbarcato giova- siamo aumentare i corsi all’infinito, ma se non e 12 mesi di navigazione, si diventerà Ufficiali,
ni Ufficiali, al solo scopo di abbassare le uscite vogliamo accettare che governare una nave per capirci è quasi più facile che prendere la
dovute al costo del personale, OGGI chiedono non è un gioco, che chi fa questo mestiere ha patente per guidare un auto, ma soprattutto
a noi marittimi più professionalità, sostenendo responsabilità grandissime sia a livello di vite ha meno limitazioni.
che la causa di tutto questo grande problema, umane che per danni all’ambiente, allora non Grazie a politici, associazioni sindacali, gli ar-
alla fine siamo noi lavoratori, non idonei a que- avremo mai miglioramenti. Chi firma leggi, non matori mascherati da salvatori curano molto
sto lavoro. Chiedono agli Stati aiuti, più forma- dovrebbe mai dimenticare queste scene. bene i propri interessi, arrivando quasi para-
zione e poi si scopre che aprono Accademie a Oggi in Italia, armatori con insieme anche as- dossalmente ad essere loro le vittime (delle
Manila per formare Ufficiali per la marina eu- sociazioni sindacali, mascherandosi dietro un loro stesse azioni). Mentre noi marittimi oltre
ropea, invece che investire forze e denaro qui alone di umanità continuano a tutelare i loro ai danni subiti in questi anni, oggi siamo anche
da noi. Mentre prima sulle navi si trovavano interessi, questione del tutto normale (sono sotto processo.