Sei sulla pagina 1di 3

IL BILANCIO DI ESERCIZIO

Il capitale sociale che risulta formato dai conferimenti dei soci solo una parte del patrimonio della
societ.
Quando nasce la societ il capitale coincide col patrimonio solo in questo momento.
Una volta iniziata entrano a far parte elementi attivi e passivi che modificano il patrimonio sociale.
Il bilancio di esercizio serve a rappresentare periodicamente la situazione patrimoniale della societ
con riferimento al giorno di chiusura dellanno sociale.
In una societ di capitali questo documento importantissimo in quanto indica ai terzi landamento
della gestione sociale.
Dalle risultanze del bilancio della societ derivano inoltre conseguenze rilevanti per la societ stessa
per i singoli soci e per i terzi. Principalmente :
Lentit della quota di utili da distribuire
Lentit della quota di utili da destinare a riserva
Lindicazione dellammontare massimo nellemissione di obbligazioni
Lobbligo eventualmente di ridurre il capitale in seguito a perdite
LA NUOVA NORMATIVA SECONDO LE DIRETTIVE CEE
Il nuovo schema di bilancio cosi come le voci che lo compongono e le modalit di determinazione
di queste attualmente costituito da tre prospetti e cio:
Lo stato patrimoniale
Il conto economico
La nota integrativa
Lo stato patrimoniale il documento nel quale viene esposta attraverso lelencazione analitica
dellattivo e del passivo la situazione patrimoniale della societ quale risulta dallattivit svolta
nellesercizio precedente.
Il conto economico il documento che rappresenta il risultato economico dellesercizio ossia lutile
conseguito o la perdita sofferta.
La nota integrativa il documento costituente parte del bilancio il quale contiene indicazioni che
servono a illustrare e a spiegare determinati dati presentati sinteticamente dallo stato patrimoniale e
dal conto economico nonch alcuni dati di derivazione extracontabile.
Il bilancio redatto in base a dei principi che sono di prudenza e della continuit della gestione,
della competenza, della valutazione separata delle voci, della costanza di applicazione nel tempo dei
criteri di valutazione.
STRUTTURA DELLO STATO PATRIMONIALE E DEL CONTO ECONOMICO. CRITERI DI
VALUTAZIONE
Nellassetto della disciplina del bilancio desercizio la clausola generale e i principi di redazione
sono preordinati a una normativa rigorosa e dettagliata la quale fissa con regole precise:
La struttura dello stato patrimoniale e del conto economico
Il contenuto dello stato patrimoniale
Il contenuto del conto economico
I criteri di valutazione
Con lattuale normativa sono stati introdotti schemi a struttura unificata di stato patrimoniale e di
conto economico, la cui adozione obbligatoria, pur essendo ammesse alcune limitate variazione

riguardo sia alle modalit di aggregazione dei valori sia alle modalit di rappresentazione delle
classi.
Lo schema di stato patrimoniale disciplinato dal nuovo testo dellart.2424 del codice civile
presenta la forma a sezione contrapposte.
Le attivit sono iscritte secondo la destinazione economica tenuto conto del vincolo operativo
impresso ai singoli elementi patrimoniale nelleconomia dellazienda. Le passivit sono iscritte
secondo la natura dei valori con riguardo alla loro provenienza.
Lo schema del conto economico una sequenza scalare di conti distinti in aree ben definite
attraverso cui si giunge alla determinazione del risultato netto di esercizio.
I criteri di valutazione mirano a evitare che le attivit vengano stimate per un valore superiore a
quello effettivo e risultino in tal modo alterati i risultati della gestione sociale e la vera situazione
patrimoniale della societ.
LA NOTA INTEGRATIVA E GLI ALLEGATI DEL BILANCIO
La nota integrativa costituisce con lo stato patrimoniale e il conto economico uno dei tre documenti
di cui consta il bilancio desercizio della societ per azione. Il contenuto delle nota integrativa
stabile dellart.2427 del c.c. e da altre disposizioni ad alcune delle quali abbiamo avuto occasione di
fare riferimento nellelencare i criteri di valutazione.
Gli allegati del bilancio che deve restare depositato in copia presso la sede sociale durante i 15
giorni precedenti lassemblea affinch i soci possano prenderne visione sono la relazione sulla
gestione e la relazione del collegio sindacale.
Gli amministratori devono corredare il bilancio di una relazione sulla situazione della societ e
sullandamento della gestione.
Il collegio sindacale al quale gli amministra devono comunicare il bilancio con la relazione almeno
30 giorni prima di quello fissato per lassemblea e deve a sua volta riferire allassemblea sui risultati
dellesercizio sociale e sullattivit svolta nelladempimento dei propri doveri e fare le osservazioni
e le proposte in ordine al bilancio e alla sua approvazione.
LA RISERVA LEGALE
Nel passivo dello stato patrimoniale della societ per azioni sotto la voce del patrimonio netto
devono essere iscritte le singole riserve di capitale che hanno la funzione di rafforzare la consistenza
del patrimonio in caso di future perdite.
Lart. 2430 del c.c. impone di costituire una riserva legale deducendo dagli utili netti annuali una
somma corrispondente almeno alla ventesima parte di essi fino a che la riserva non raggiunga il
20% del capitale sociale; stabilisce altresi che questa venga reintegrata qualora diminuisca per
qualsiasi ragione.
BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA
Per le s.p.a. di minori dimensioni la legge prevede una forma di bilancio abbreviato. Possono
avvalersi di questa possibilit le aziende che non abbiano superato:
3.125.000 euro di attivo totale dello s.p.
6.250.000 euro di ricavi di vendite e prestazioni
50 dipendenti occupati in media durante lesercizio

PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE E DI PUBBLICAZIONE DEL BILANCIO


Il procedimento di formazione del bilancio formato da diverse valutazioni che dopo la sua
approvazione deve essere reso pubblico.
Deve essere comunicato dagli amministratori con la relazione al collegio sindacale almeno 30
giorni prima di quello fissato per lassemblea che deve discuterlo. Il collegio sindacale deve a sua
volta redigere la propria relazione sui risultati dellesercizio e sullattivit svolta nelladempimento
dei propri doveri; analoga relazione viene presentata dal soggetto incaricato dal controllo contabile.
Il bilancio deve quindi restare depositato in copia insieme alla relazione degli amministratori dei
sindaci e del soggetto incaricato del controllo contabile nella sede della societ durante i 15 giorni
che precedono lassemblea e finch non sia approvato e i soci possono prenderne visione.
E poi sottoposto allassemblea ordinaria che deve approvarlo affinch diventi esecutivo.
Entro 30 giorni dallapprovazione una copia del bilancio corredata dalla relazione sulla gestione
dalla relazione del collegio sindacale dalla relazione del soggetto incaricato del controllo contabile e
dal verbale di approvazione dellassemblea deve essere a cura degli amministratori depositata
presso lufficio del registro delle imprese.
DISTRIBUZIONE DEGLI UTILI AI SOCI
Lassemblea che approva il bilancio delibera la distribuzione degli utili tra i soci.
La quota di utile spettante a ciascun socio prende il nome di dividendo.
Non possono essere pagati dividendi sulle azioni se non per utile realmente conseguiti.