Sei sulla pagina 1di 113

Indice

INDICE

Introduzione ...................................................................................................... 1
1.1

Premessa .................................................................................................... 1

1.2

Presentazione del lavoro svolto ................................................................. 2

1.3

Schema della tesi ....................................................................................... 3

Comportamento delle paratie in condizioni sismiche ....................................... 4


2.1

Accumulo degli spostamenti: teoria del blocco rigido .............................. 5

2.2

Calcolo spinta sulle opere di sostegno....................................................... 7

2.2.1 Metodo di Mononobe Okabe ............................................................... 7


2.2.2 Soluzione di Lancellotta ........................................................................ 9
2.2.3 Steedman e Zeng .................................................................................. 10
2.3

Analisi pseudostatiche ............................................................................. 13

2.3.1 Metodo dellestremo libero per il caso dinamico ................................ 13

2.4

Analisi dinamiche semplificate ............................................................... 14

2.5

Normativa ................................................................................................ 15

Modellazione in centrifuga ............................................................................. 17


3.1

Premessa .................................................................................................. 17

Pagina I

Indice

3.2

Principi di funzionamento ....................................................................... 19

3.2.1 Leggi di scala ....................................................................................... 19


3.2.2 Errori sperimentali ............................................................................... 22
3.2.3 Contenitori dinamici ............................................................................ 25
3.2.4 Sollecitazioni dinamiche ...................................................................... 26
3.3

Programma sperimentale ......................................................................... 26

3.4

Apparecchiatura sperimentale ................................................................. 27

3.4.1 Centrifuga di Cambridge ..................................................................... 27


3.4.2 Attuatore dinamico SAM ..................................................................... 28
3.4.3 Contenitori ESB ................................................................................... 29
3.5

Materiali .................................................................................................. 31

3.5.1 Sabbia................................................................................................... 31
3.5.2 Alluminio ............................................................................................. 31
3.6

Progetto dei puntoni inferiori .................................................................. 31

3.7

Strumentazione e taratura ........................................................................ 34

3.7.1 Trasduttori di momento flettente ......................................................... 34


3.7.2 Trasduttori di spostamento LVDT ....................................................... 36
3.7.3 Accelerometri piezoelettrici ................................................................. 36
3.7.4 Accelerometri MEMS .......................................................................... 37
3.7.5 Celle di carico ...................................................................................... 38
3.8

Sistema di acquisizione dati .................................................................... 40

3.9

Preparazione dei modelli ......................................................................... 41

3.10

Esecuzione della prova ............................................................................ 43

3.10.1

Prova SPW ....................................................................................... 43

3.10.2

Prova DPW....................................................................................... 44

3.10.3

Prova DPW2..................................................................................... 46
Pagina II

Indice

Elaborazione ed interpretazione dei dati sperimentali .................................... 48


4.1

Cedimenti del piano campagna e addensamento del modello ................. 49

4.2

Spostamenti orizzontali delle paratie....................................................... 51

4.3

Amplificazione delle accelerazioni ......................................................... 53

4.3.1 Variabilit spaziale delle accelerazioni................................................ 53


4.3.2 Sfasamento delle accelerazioni ............................................................ 56
4.4

Elaborazione dei risultati ......................................................................... 56

4.4.1 Prova SPW ........................................................................................... 56


4.4.2 Prova DPW2 ........................................................................................ 65
5

Modellazione numerica................................................................................... 75
5.1

Premessa .................................................................................................. 75

5.2

Codice di calcolo ..................................................................................... 75

5.3

Modello costitutivo .................................................................................. 78

5.3.1 Modello di Andrianopoulos ................................................................. 79


5.3.2 Parametri del modello costitutivo ........................................................ 81
5.3.3 Colonna monodimensionale ................................................................ 82
5.4

Descrizione del modello numerico .......................................................... 87

5.4.1 Geometria............................................................................................. 87
5.4.2 Fase statica ........................................................................................... 89
5.4.3 Fase dinamica ...................................................................................... 90
5.5
6

Interpretazione dei risultati ...................................................................... 90

Conclusioni ................................................................................................... 104

Bibliografia ........................................................................................................... 104

Pagina III

Capitolo 1. Introduzione

1 Introduzione

1.1 Premessa
La realizzazione di scavi profondi per la realizzazione di sottopassi stradali,
parcheggi, stazioni metropolitane e gallerie ha portato la ricerca in campo geotecnico
allo studio sempre crescente di opere di sostegno flessibile, ovvero paratie.
Il comportamento di tali opere in condizioni sismiche risulta comunque essere ancora
argomento di ricerca. Il monitoraggio di opere esistenti ha mostrato infatti lalta
vulnerabilit delle paratie soggette a sollecitazioni sismiche di media ed elevata
intensit durante le quali si sono osservati sia la rottura degli elementi strutturali
(paratie e ancoraggi) sia laccumulo di spostamenti permanenti elevati da parte delle
opere. La necessit di limitare i danni associati a tali spostamenti, quindi, rende di
cruciale importanza la comprensione del comportamento esibito dalle strutture di
sostegno in condizioni dinamiche e lo sviluppo di metodologie di progetto adeguate.
Lattuale progettazione di tale opere eseguita con metodi di calcolo semplificati i
quali, pur essendo intrinsecamente cautelativi, non forniscono alcuna informazione
sulle prestazioni dellopera qualora siano raggiunte le condizioni di equilibrio limite
nel sistema. Ad oggi, inoltre, non sono disponibili procedure analitiche per il calcolo
degli spostamenti delle opere di sostegno flessibili in condizioni dinamiche e la
modellazione numerica rappresenta, quindi, lunico strumento in grado di fornire
informazioni sul comportamento tensio-deformativo di queste opere.
Laffidabilit della modellazione numerica basata sulla scelta di un modello
costitutivo adeguato per la descrizione del comportamento del terreno sottoposto a
sollecitazioni cicliche e dinamiche. necessario dunque tarare i dati del modello
numerico adottato per valutare le capacit previsionali dello stesso. Poich i dati
Pagina 1

Capitolo 1. Introduzione

relativi al monitoraggio di opere in vera grandezza sono pochi, lo studio del


comportamento delle opere di sostegno flessibili in condizioni sismiche si basa
soprattutto sui risultati forniti da prove di laboratorio su modelli fisici in scala ridotta
eseguite in centrifuga.

1.2 Presentazione del lavoro svolto


Il presente lavoro di tesi ha come oggetto di ricerca lo studio del comportamento di
opere di sostegno flessibili in condizioni sismiche. In particolare lattivit di ricerca
stata indirizzata allo studio delle paratie ancorate con uno e due livelli di contrasto.
La ricerca si inserisce nel quadro generale del progetto MIUR PRIN 2007 mirato
allo studio del comportamento di scavi profondi, gallerie e fondazioni superficiali in
condizioni sismiche. Il progetto stato svolto in collaborazione con il prof. Gopal
Madabhushi presso il centro di ricerca Schofield dellUniversit di Cambridge il
quale dispone di una centrifuga geotecnica per lesecuzione di prove dinamiche in
scala ridotta. In particolare, nel periodo compreso tra Agosto 2010 e Gennaio 2011,
sono state svolte tre prove su coppie di paratie immerse in uno strato di sabbia
asciutta, di cui una prova con un solo livello di contrasto in testa e due prove con un
livello di contrasto aggiuntivo al fondo scavo. Le prove con due livelli di contrasto
sono state indirizzate ad analizzare linfluenza del solettone di fondo in condizioni
dinamiche. Il lavoro di tesi ha inoltre compreso la modellazione numerica della
prova con un solo livello di contrasto. Come osservato nel par 1.1., il confronto tra i
dati numerici e sperimentali indispensabile per accertare laffidabilit delle
previsioni numeriche. La modellazione numerica stata eseguita utilizzando un
modello costitutivo avanzato, in grado di prevedere le caratteristiche fondamentali
del comportamento dei terreni in condizioni dinamiche quali laccumulo di
deformazioni permanenti, la degradazione del modulo di taglio del terreno,
lincremento dello smorzamento isteretico e la variazione della struttura del terreno.

Pagina 2

Capitolo 1. Introduzione

1.3 Schema della tesi


La tesi suddivisa in cinque capitoli eccetto le conclusioni.
Nel capitolo 2 sono dapprima descritti gli aspetti fondamentali del comportamento di
opere di sostegno flessibili in condizioni sismiche mostrando i principali metodi di
progetto per il calcolo delle spinte sullopera. In seguito sono illustrati i metodi di
calcolo correntemente utilizzati per la verifica sismica delle paratie evidenziandone
le potenzialit e i limiti. Infine brevemente data unindicazione di normativa per
lattuale progettazione di tali opere.
Il capitolo 3 dedicato alla modellazione fisica in centrifuga. In una prima parte
sono descritti i principi di funzionamento e i principali aspetti della modellazione in
centrifuga mostrandone i problemi e le apparecchiature.

La seconda parte del

capitolo invece, dedicata alle prove in centrifuga realizzate nellambito di questo


lavoro.

Sono descritte le caratteristiche della centrifuga geotecnica disponibile

presso lo Schofield Centre, i materiali utilizzati, la strumentazione adottata per la


misura di alcune grandezze fisiche durante la prova e le procedure di taratura dei
trasduttori. Infine, sono riassunte le principali caratteristiche geometriche e fisiche
dei modelli realizzati.
Il capitolo 4 mostra i principali risultati ottenuti in centrifuga con particolare
riguardo ai fenomeni di amplificazione delle accelerazioni nello strato e alle
sollecitazioni indotte negli elementi strutturali. Sono inoltre valutati i cedimenti del
piano campagna e gli spostamenti delle paratie indotti nel corso della prova.
Il capitolo 5 infine, mostra i principali risultati dalla modellazione numerica
eseguita. Nella prima parte brevemente illustrato il codice di calcolo e il modello
costitutivo utilizzato. Sono poi illustrate le metodologie di taratura del modello
costitutivo eseguite con analisi semplificate di colonna monodimensionale. poi
descritta la geometria, le condizioni al contorno e le condizioni di carico per il
modello numerico utilizzato. Infine, sono illustrati i principali risultati numerici
eseguendo un confronto con i risultati ricavati dalla modellazione fisica in centrifuga.

Pagina 3

Capitolo 2. Comportamento delle paratie ancorate in condizioni sismiche

Comportamento delle paratie in condizioni sismiche

Le paratie sono opere di sostegno flessibili la cui stabilit garantita dalla


mobilitazione della resistenza passiva nel terreno al di sotto del fondo scavo e dalla
eventuale presenza di uno o pi vincoli, quali ad esempio puntoni e ancoraggi. La
resistenza flessionale gioca un ruolo fondamentale nellazione di sostegno, mentre il
peso proprio della struttura influenza in maniera trascurabile la stabilit dellopera.
Le paratie, diversamente da altre strutture di sostegno, vengono di norma realizzate
prima dellesecuzione dello scavo e interessano perci sempre il terreno in sito, per
spessori anche considerevoli. Di conseguenza, quasi sempre necessario portare in
conto la presenza di stratificazioni e, pi in generale, leterogeneit in direzione
verticale dei terreni interessati. Di norma, in questo tipo di opere non vengono
realizzati interventi di drenaggio e il dimensionamento viene eseguito portando in
conto esplicitamente le pressioni interstiziali e il loro effetto sulle azioni e sulle
resistenze dei terreni.
Nel passato, gran parte dellattivit di ricerca, sia sperimentale sia teorica, si
concentrata sulle opere di sostegno a gravit, la cui progettazione tipicamente
basata sullimpiego di metodi pseudostatici (dellequilibrio limite), nei quali gli
effetti del terremoto sono descritti attraverso la teoria di Mononobe-Okabe, o su
procedure semplificate per la valutazione degli spostamenti permanenti indotti dal
terremoto, derivate dal metodo di Newmark.

Queste ultime forniscono una

valutazione pi appropriata del comportamento dinamico dellopera rispetto ai


metodi pseudostatici, dal momento che consentono di tenere conto di tutti gli aspetti
essenziali dellazione sismica (ampiezza, durata e contenuto in frequenza).

Pagina 4

Capitolo 2. Comportamento delle paratie ancorate in condizioni sismiche

Il comportamento delle paratie differisce sostanzialmente da quello delle opere


a gravit, per alcuni motivi, elencati di seguito, che rendono meno immediata
lapplicazione dei metodi pseudostatici:

Le paratie sono opere di sostegno flessibili il cui equilibrio assicurato, in tutto


o in parte, dalla resistenza passiva del terreno situato al di sotto del fondo scavo.
Le evidenze sperimentali della validit della teoria di Mononobe-Okabe per la
determinazione della spinta passiva sono meno numerose di quelle relative alla
spinta attiva. Per valori di elevati, la teoria di Mononobe-Okabe, sovrastima
significativamente la resistenza passiva.

Soluzioni pseudostatiche pi

complesse sono quindi necessarie per il calcolo della resistenza passiva agente
nel terreno in condizioni dinamiche.

Le paratie sostengono terreni naturali e le loro dimensioni caratteristiche sono


tali da interessare la stratificazione del terreno in sito. A rigore, la teoria di
Mononobe Okabe non valida per terreni non omogenei. Inoltre, per terreni
stratificati anche incerta leffettiva distribuzione degli incrementi di spinta
attiva e dei decrementi di spinta passiva dovuti al terremoto.

In genere, per le paratie non sono realizzati drenaggi a tergo del muro. quindi
particolarmente importante leffetto delle pressioni interstiziali sulle spinte e
sulle resistenze, sia in condizioni statiche sia in condizioni sismiche. Tuttavia,
la valutazione delleffetto delle pressioni interstiziali sul comportamento
dinamico di unopera di sostegno unoperazione estremamente complessa, per
la quale non sembrano essere disponibili strumenti di analisi affidabili.

2.1 Accumulo degli spostamenti: teoria del blocco rigido


I metodi di analisi pseudostatici, pur fornendo una buona stima del coefficiente di
sicurezza dellopera in condizioni di stato limite, non danno alcuna informazione
sulle deformazioni associate alla rottura dellopera. Evidenze sperimentali hanno
mostrato che esiste un valore di accelerazione, detta accelerazione critica ac, oltre il
quale si sviluppa unaccelerazione relativa tra base e parete e si verifica un accumulo
di spostamenti.

Pagina 5

Capitolo 2. Comportamento delle paratie ancorate in condizioni sismiche

Tale comportamento, analogo a quello di un muro di sostegno, pu essere


descritto, almeno qualitativamente, mediante la teoria del blocco rigido di Newmark
(1965), successivamente estesa allanalisi sismica di opere di sostegno a gravit.
Si consideri lequilibrio dinamico di un blocco rigido di massa m (Figura 2.1)
soggetto allaccelerazione a(t) e alla spinta dinamica del terreno S(a). La resistenza
disponibile alla base del blocco, Tlim, interamente mobilitata quando laccelerazione
alla base raggiunge il valore critico ac:

 =  +
( )

(2.1)

Figura 2.1 Analisi del comportamento di un blocco rigido con la teoria di


Newmark

Se la resistenza Tlim costante, allora laccelerazione del blocco non pu assumere


valori maggiori di ac. Laccelerazione alla base del blocco in eccesso rispetto ad ac
determina uno scivolamento del blocco rispetto alla base e, quindi, uno spostamento
permanente ur. importante osservare che, negli istanti di tempo in cui a(t)
maggiore di ac, sia la forza di inerzia sia la spinta dinamica del terreno mantengono il
valore attinto per a = ac, e quindi le sollecitazioni nel blocco sono costanti: in
accordo con questo schema, la massime sollecitazioni nel blocco sono proporzionali
allaccelerazione critica, ossia alla resistenza disponibile Tlim.
Questo semplice schema pu essere esteso allanalisi di opere di sostegno flessibili,
a sbalzo o vincolate. In questo caso, laccelerazione critica orizzontale, ac, pu essere
Pagina 6

Capitolo 2. Comportamento delle paratie ancorate in condizioni sismiche

calcolata attraverso metodi pseudostatici dellequilibrio limite, cercando il valore del


coefficiente sismico kh in corrispondenza del quale la resistenza nel terreno a contatto
con la paratia completamente mobilitata.
Gli spostamenti permanenti della paratia possono quindi essere ricavati da
unintegrazione alla Newmark delle accelerazioni relative a(t) ac, dove a(t) la
storia temporale delle accelerazioni relativa ad un dato evento sismico.

2.2 Calcolo spinta sulle opere di sostegno


Al fine di calcolare le azioni dinamiche agenti sulle opere di sostegno, i metodi di
progetto e verifica comunemente adottati nella pratica progettuale introducono varie
ipotesi semplificative sulla natura del terreno, degli elementi strutturali e delle azioni
sismiche. Di seguito illustrato il metodo pi diffuso per il calcolo delle spinte sulle
opere di sostegno.
2.2.1

Metodo di Mononobe Okabe

Il metodo di Mononobe Okabe costituisce il metodo pi diffuso per il calcolo


delle spinte sulle opere di sostegno.

Pur basandosi su ipotesi fortemente

esemplificative, il metodo fornisce una buona stima dellazione esercitata dal terreno
sullopera.
Il metodo costituisce unestensione al caso dinamico della teoria di Coulomb per il
caso statico e, dunque, possiede le ipotesi semplificative gi presenti nella teoria di
Coulomb:

Gli spostamenti subiti dal muro sono elevati, il terreno a tergo della
paratia si trova in condizioni di stato limite attivo/passivo

La porzione di terreno a rottura delimitata da una superficie di


scivolamento piana lungo la quale interamente mobilitata la resistenza
del terreno

Le accelerazioni indotte nel terreno sono uniformi, il terreno assimilato


a corpo rigido.

Lultima ipotesi consente di considerare lazione sismica come una forza costante

agente nel baricentro del cuneo e di intensit pari a  =   in direzione

Pagina 7

Capitolo 2. Comportamento delle paratie ancorate in condizioni sismiche

orizzontale e  =   in direzione verticale (vedi Figura 2.2). I coefficienti  e

 tengono in considerazione la componente orizzontale e verticale dellazione


sismica imposta e sono generalmente dettati da normativa.

Figura 2.2 Calcolo della spinta attiva con il metodo di MononobeOkabe

Nelle ipotesi appena elencate, possibile calcolare la spinta


 del terreno in
condizioni di stato limite attivo tramite le equazioni di equilibrio:


 =    (1  )

(2.2)

dove il peso dellunit di volume del terreno,  il coefficiente sismico

verticale,  il coefficiente di spinta attiva del terreno e H laltezza totale del

muro. Il coefficiente di spinta attiva  definito dalla seguente relazione:


 =

 ( !)


)*+(,-.))*+ (,/0/1)
5
23)(.-4-0)23) (1/4)

(2.3)

 "# ! (%&!& )'&(

dove langolo di attrito del terreno, linclinazione del paramento interno del
muro rispetto alla verticale, langolo di attrito tra terreno e muro, i
linclinazione della superficie limite del terreno e linclinazione della risultante
della forza peso e delle forze di inerzia agenti sul cuneo, definita dallespressione

tan(9) =  (1  ), dove  il coefficiente sismico orizzontale.


osservare che lequazione

da

2.3 ammette soluzione solo per ; 9 < > 0.


Pagina 8

Capitolo 2. Comportamento delle paratie ancorate in condizioni sismiche

Analogamente, in condizioni di stato limite passivo, la spinta passiva del terreno


pari a:


? = ?   (1  )


(2.4)

dove ? il coefficiente di spinta passiva definito come:


? =

( &!)


)*+(,-.))*+ (,/0-1)
5
23)(./4-0)23) (1/4)

 "# ! (%!& )'(

(2.5)

Il metodo di Mononobe- Okabe si basa sullequilibrio a traslazione del cuneo di


spinta e dunque, non consente di individuare il punto di applicazione della spinta.
Nella pratica, la spinta attiva
 pu essere suddivisa in una componente statica


applicata ad una distanza dal piede pari a /3, e un incremento dinamico B



applicata a circa 0.6 dalla base del muro.

Per quanto riguarda il punto di applicazione della spinta passiva, osservazioni


sperimentali su modelli fisici in scala ridotta hanno mostrato che, per paratie con un
livello di ancoraggio, la risultante della distribuzione delle spinte SPE pu
considerarsi applicata a una distanza dal piede pari a circa il 20% della profondit di
infissione della paratia.
In quanto estensione della teoria classica di Coulomb al caso dinamico, il metodo
pseudostatico di Mononobe-Okabe soggetto a tutte le limitazioni della teoria di
Coulomb. Come nel caso dellanalisi statica di Coulomb, il metodo di MononobeOkabe sovrastima i valori della spinta passiva in condizioni dinamiche, SPE,
soprattutto per valori dellangolo di attrito tra parete e terreno E > ;2. Tale metodo
non pu, dunque, essere considerato cautelativo ai fini del dimensionamento o della
verifica di opere di sostegno flessibili, per le quali la stabilit della parete garantita
dalla resistenza offerta dal terreno posto a valle dellopera. Una soluzione analitica
per il coefficiente di spinta passiva KPE in presenza di azioni sismiche stata ricavata
da Lancellotta (2007), sulla base del teorema dellestremo inferiore della teoria della
plasticit: la soluzione intrinsecamente cautelativa.
2.2.2

Soluzione di Lancellotta

Si consideri un volume di terreno con superficie limite inclinata di un angolo i


rispetto allorizzontale, soggetto a una forza di volume verticale , dovuta alla

Pagina 9

Capitolo 2. Comportamento delle paratie ancorate in condizioni sismiche

gravit, e a una forza di volume orizzontale Kh dovuta allazione dinamica inerziale


(Kh positivo se diretto verso il terreno). Al fine di calcolare la spinta agente in
condizioni di stato limite passivo su un muro verticale di scabrezza ,si immagini di
trasformare la geometria del problema mediante una rotazione rigida , definita da:
9 = GH 

(2.6)

dove rappresenta langolo formato tra la forza di volume e la verticale in presenza


dellazione sismica. La spinta passiva agente sul muro pu quindi essere determinata
con riferimento ad uno schema ideale in cui il muro, inclinato di una angolo
rispetto alla verticale, interagisce con il terreno caratterizzato da una superficie limite
inclinata di un angolo < = < 9

rispetto allorizzontale.

La forza di volume

risultante, quindi, definita da un vettore agente nella direzione verticale e di


intensit  = (1 +   (in presenza di unaccelerazione verticale si ha  =
((1  ) +   ). In analogia con la procedura adottata per il calcolo della
spinta passiva agente in condizioni statiche (Lancellotta, 2002), possono essere
considerate due regioni di terreno, una in prossimit del muro, in cui lo stato
tensionale influenzato dalla scabrezza del muro, e una lontana da esso, in cui lo
stato tensionale coincide con quello di uno strato indefinito; le due regioni sono
divise da un ventaglio di discontinuit statiche. Determinando lo sfasamento tra i
cerchi di Mohr rappresentativi dello stato tensionale agente nelle due regioni in
condizioni di stato limite passivo, possibile ricavare unespressione in forma chiusa
per il coefficiente di spinta passiva KPE:
? = K

"#%

NOPQE + Q<H ; Q<H EST U !VWM

#M%

\] ( )

( )L#M #M ( )

(2.7)

dove:
2X = Q<H Y#MZ + Q<H [
2.2.3

#M

^ + E + (< 9) + 29

(2.8)

Steedman e Zeng

Come mostrato da Steedman e Zeng (1990), due sono i principali fattori che
influiscono sui fenomeni di amplificazione sismica di unonda che si propaga in un
banco di terreno indefinito: il contenuto in frequenza del terremoto e la frequenza

Pagina 10

Capitolo 2. Comportamento delle paratie ancorate in condizioni sismiche

naturale di vibrazione del banco, funzione delle caratteristiche di rigidezza del


terreno e quindi dello stato di addensamento, dello stato tensionale efficace e del
livello di deformazione indotto dal terremoto. Inoltre, la deformabilit del terreno
determina uno sfasamento tra le accelerazioni alla base e quelle alla superficie del
banco. Tali fattori influenzano dunque anche la spinta subita dalle opere di sostegno
in condizioni sismiche.

Figura 2.3 Cuneo di rottura secondo Mononobe Okabe interessato da


una sollecitazione armonica avente grande (a) e
piccolo (b)

La Figura 2.3a mostra un cuneo di terreno, in condizioni di stato limite attivo, che
interagisce con unonda di taglio armonica che si propaga in direzione verticale con

frequenza f e velocit vs, caratterizzata da una lunghezza donda _ = `# a molto


maggiore dellaltezza H del cuneo. In questo caso, la variazione dellaccelerazione
lungo laltezza del cuneo piccola, le forze di inerzia (per unit di massa) sono con
buona approssimazione costanti e il moto allinterno del cuneo in fase.
Nella Figura 2.3b rappresentato il caso in cui la lunghezza donda della
sollecitazione pi piccola dellaltezza del cuneo. Tale condizione pu verificarsi a
causa di una maggiore deformabilit del terreno o di una frequenza pi elevata per
londa di taglio. In questo caso, ad un dato istante di tempo t, elementi diversi del
cuneo di terreno sono soggetti ad azioni inerziali differenti e il loro moto non in
fase.

Quindi, ad ogni istante di tempo t, lipotesi di invarianza spaziale delle

accelerazioni non pi valida e la forza risultante delle azioni inerziali allinterno del

Pagina 11

Capitolo 2. Comportamento delle paratie ancorate in condizioni sismiche

cuneo determina un valore pi piccolo della spinta attiva SAE, rispetto a quello
previsto dallanalisi di Mononobe-Okabe.
Utilizzando un approccio pseudodinamico per la determinazione della spinta attiva
sulle opere di sostegno in condizioni sismiche, SAE, Steedman e Zeng (1990)
mostrano che il coefficiente di spinta KAE funzione del gruppo adimensionale
 b# ( _) ossia del rapporto tra il tempo necessario affinch londa si propaghi
per lintera altezza H della paratia,  b# , e il periodo T della sollecitazione dinamica.

La Figura 2.4 mostra i risultati forniti da Steedman e Zeng (1990) per valori del

coefficiente sismico pseudo statico Kh compresi tra il 30% e il 5%. Per  b# = 0
il valore di KAE calcolato dagli autori coincide con il coefficiente di spinta calcolato
con il metodo pseudostatico di Mononobe- Okabe. La Figura 2.4a mostra che la
differenza tra il coefficiente di spinta calcolato secondo i due metodi diventa
rilevante per paratie profonde, per bassi valori per il modulo di rigidezza a taglio o
per valori pi elevati dellaccelerazione sismica.

Figura 2.4 Coefficiente sismico di spinta attiva Kae al variare del


coefficiente sismico orizzontale Kh (a) e fattore di
amplificazione fa

Steedman e Zeng (1990) mostrano che anche i fenomeni di amplificazione delle


accelerazioni allinterno del banco di terreno influiscono sul coefficiente di spinta
dinamico.

Nella Figura 2.4b sono mostrati i risultati ottenuti dagli autori

introducendo lipotesi semplificativa che laccelerazione vari linearmente tra la base

e la superficie dello strato, ossia che risulti  (c = 0) = aW  (c = ), dove il


fattore di amplificazione fa una costante. Leffetto di un aumento del fattore di

Pagina 12

Capitolo 2. Comportamento delle paratie ancorate in condizioni sismiche

amplificazione simile, qualitativamente, ad un incremento del coefficiente sismico


Kh .

2.3 Analisi pseudostatiche


Nel dimensionamento delle opere di sostegno con analisi pseudostatiche, si assume
che il volume di terreno interessato dal sisma sia interessato da un accelerazione
costante nello spazio e nel tempo (par. 2.2.1). Le opere sono dunque dimensionate in
modo da resistere al sisma di progetto e non si hanno informazioni sul
comportamento dellopera una volta raggiunto lo stato limite.

In tali metodi

dunque fondamentale la scelta dellaccelerazione di progetto da considerare, la scelta


della massima accelerazione raggiunta durante il sisma comporta infatti un costo
dellopera troppo oneroso. Se le azioni di progetto sono invece riferite a terremoti
pi frequenti, allora i metodi pseudostatici non sono in grado di prevedere il
comportamento dellopera per terremoti pi intensi rispetto a quello di progetto.
Tuttavia, in ragione della loro relativa semplicit, le analisi pseudostatiche sono
ancora oggi ampiamente utilizzate nella pratica progettuale, nonostante i limiti
evidenti ad esse associati. Nel seguito illustrato il metodo di calcolo comunemente
utilizzato per le paratie con un solo livello di vincolo.
2.3.1

Metodo dellestremo libero per il caso dinamico

Il progetto o la verifica di paratie con un livello di vincolo pu essere effettuato


attraverso lestensione al caso dinamico del metodo dellestremo libero.
La Figura 2.5 illustra lo schema utilizzato nel calcolo. Le azioni agenti sulla
paratia sono il tiro nellancoraggio, T, la spinta passiva agente in condizioni
dinamiche a valle della paratia (SPE), calcolata secondo la relazione proposta da
Lancellotta (2007), e la spinta attiva dinamica agente a monte (SAE), calcolata in
accordo con la soluzione di Mononobe-Okabe. Le due spinte, (SAE) e (SPE),, possono

essere applicate ad una distanza pari rispettivamente a ( + e)/3 e e/3


dallestremit inferiore della parete. Il valore della profondit di infissione della
paratia, d, calcolato imponendo lequilibrio a rotazione intorno al punto di
applicazione del sistema di ancoraggio, ossia:

Pagina 13

Capitolo 2. Comportamento delle paratie ancorate in condizioni sismiche




? e  Y + e QZ =   Y QZ
f

(2.9)

dove s la profondit del punto di applicazione del vincolo. Quindi, il valore della
forza agente nel sistema di contrasto ricavato dallequilibrio a traslazione delle
azioni agenti sulla paratia:


 =  ( + e) ? e 




(2.10)

Note la profondit di infissione della paratia e la forza agente nel vincolo,


necessario progettare la paratia affinch gli elementi strutturali (paratia e
ancoraggio/puntello) siano in grado di sostenere le sollecitazioni ad essi applicate.
Infine, nei casi in cui il sistema di vincolo costituito da un ancoraggio, necessario
verificare che questo non ricada allinterno del cuneo di terreno in condizioni di stato
limite attivo.

Figura 2.5 Metodo dell'equilibrio limite per le paratie con un livello di


vincolo

2.4 Analisi dinamiche semplificate


Come gi accennato nel par. 2.3, la progettazione delle opere di sostegno flessibili
con analisi pseudostatiche assume che laccelerazione sia costante nello spazio e nel
tempo nel volume di terreno interessato dal sisma. Tale ipotesi non fornisce alcuna
informazione sul comportamento dellopera per valori maggiori di quello di progetto.
Metodi di analisi pi soddisfacenti dovrebbero consentire di studiare il
comportamento dellopera in corrispondenza di un evento sismico del quale sia nota
la storia temporale, per esempio in termini di accelerazioni al bedrock.

In

particolare, i metodi dinamici semplificati consentono di calcolare gli spostamenti


accumulati dallopera durante un evento sismico, mediante doppia integrazione della
Pagina 14

Capitolo 2. Comportamento delle paratie ancorate in condizioni sismiche

storia temporale delle accelerazioni che eccedono un dato valore di soglia ac,
determinato rispetto al cinematismo ipotizzato per il muro o la paratia. I metodi di
analisi dinamica semplificata sono basati sulla teoria del blocco rigido di Newmark
(1965), successivamente estesa allanalisi sismica di opere di sostegno a gravit.

2.5 Normativa
Come osservato nel Paragrafo2.3, nei metodi di analisi pseudostatica si assume che
il volume di terreno interessato dallopera sia soggetto a unaccelerazione costante,
nello spazio e nel tempo. L Eurocodice 8 prescrive che, in assenza di studi specifici,
il coefficiente sismico orizzontale Kh, da adottare nellanalisi pseudostatica di una
struttura di sostegno, sia calcolato secondo la relazione:
 =

Wg i

(2.11)

h j

Dove ag laccelerazione massima di riferimento relativa ai terreni di classe A (ad


esempio laccelerazione di picco su un affioramento roccioso), S un coefficiente di
amplificazione che comprende gli effetti dellamplificazione stratigrafica e
dellamplificazione topografica e r un fattore riduttivo delle azioni, funzione della
capacit dellopera di assorbire spostamenti senza subire danni. In altri termini, si
pu ritenere accettabile che, per brevi lassi temporali durante un evento sismico,
laccelerazione del terremoto sia maggiore del valore critico in corrispondenza del
quale si raggiungono le condizioni limite per il sistema, purch gli spostamenti
indotti nellopera siano accettabili e non inducano perdite di resistenza nel terreno o
negli elementi strutturali. Tuttavia, per le paratie, lEurocodice8 prescrive r = 1,
ossia si assume che il comportamento di queste opere sia fragile. Ovviamente, in
questa prospettiva si esclude anche la possibilit di effettuare analisi dinamiche
semplificate basate sulla teoria del blocco rigido di Newmark.
Per tenere conto della variabilit spaziale e temporale delle accelerazioni attese nel
volume di terreno significativo per lopera, la nuova normativa tecnica italiana per le
costruzioni (NTC, 2008) prescrive che, in assenza di studi specifici, il coefficiente
sismico orizzontale sia calcolato secondo la relazione:
 = kX

Wg
h

(2.12)

Pagina 15

Capitolo 2. Comportamento delle paratie ancorate in condizioni sismiche

dove i coefficienti k 1 e X 1 tengono conto, rispettivamente, della


deformabilit dei terreni interagenti con lopera e della capacit del sistema di subire
spostamenti senza cadute di resistenza. Il valore del coefficiente pu essere
ricavato a partire dallaltezza complessiva H della paratia e della categoria di
sottosuolo mediante il diagramma in Figura 2.6a (per la valutazione della spinta nelle
condizioni di equilibrio limite passivo deve porsi = 1).

Figura 2.6 Determinazione del coefficiente di deformabilit (a) e di


spostamento (b)

Il coefficiente , invece, pu essere ricavato dal diagramma in Figura 2.6b, in


funzione del massimo spostamento us che lopera pu tollerare senza riduzioni di
resistenza.

Pagina 16

Capitolo 3. Modellazione in centrifuga

Modellazione in centrifuga

3.1 Premessa
Lutilizzo dei modelli in scala ridotta per riprodurre fenomeni fisici consente di
ottenere pi rapidamente le informazioni relative all oggetto dinteresse studiato e,
inoltre, permette di controllare con maggiore affidabilit le condizioni al contorno e i
dettagli del problema in esame. La modellazione fisica in scala ridotta acquisisce
particolare rilevanza nellambito di fenomeni dinamici, come i terremoti, per i quali
la casualit e la difficile prevedibilit dellevento sismico rendono particolarmente
problematico il monitoraggio di prototipi reali. Affinch vi sia corrispondenza tra il
comportamento del modello e quello del prototipo, necessario soddisfare criteri di
similitudine e leggi di scala derivanti dallanalisi dimensionale del fenomeno fisico
considerato, ossia necessario capire come le osservazioni fatte alla scala del
modello possano essere ricondotte alla scala del prototipo. Se il comportamento
meccanico dei materiali lineare per i carichi applicati nel modello e attesi nel
prototipo, allora la determinazione delle leggi di scala risulta relativamente semplice.
Al contrario, notevoli difficolt intervengono se il comportamento del materiale
non lineare : in questo caso per definire correttamente le leggi di corrispondenza tra
modello e prototipo necessario considerare attentamente la natura e il
comportamento del fenomeno fisico in esame.

Pagina 17

Capitolo 3. Modellazione in centrifuga

Figura 3.1

Prove Triassiali Drenate su provini in sabbia densa della Sacramento River


Sand (Lee and Seed, 1967)

La Figura 3.1 riporta i risultati di alcune prove triassiali drenate realizzate su provini
in sabbia densa della Sacramento River Sand (Lee e Seed, 1967). Come si pu
osservare, il comportamento meccanico dei terreni, oltre ad essere fortemente non
lineare, mostra anche una chiara dipendenza dalla tensione media efficace, in termini
sia di rigidezza sia di resistenza. Ne deriva che per la modellazione fisica di sistemi
geotecnici molte delle difficolt associate alla determinazione delle leggi di scala
vengono meno se lo stato tensionale in punti corrispondenti nel modello e nel
prototipo lo stesso (Wood, 2004).
Questo appunto quanto viene realizzato in una centrifuga geotecnica dove un
modello in scala 1/N sottoposto ad un campo di accelerazione radiale che simula un
campo gravitazionale pari a N volte quello terrestre. Questo determina nel terreno
uno stato tensionale crescente con la profondit con una gradiente legato alla densit
del terreno e allintensit del campo di accelerazione Ng. Se nel modello viene
Pagina 18

Capitolo 3. Modellazione in centrifuga

usato lo stesso terreno del prototipo la tensione verticale alla profondit hm identica

a quella agente nel corrispondente prototipo alla profondit hp, se m = n (Bilotta

e Taylor, 2005). In definitiva, lidea alla base della modellazione in centrifuga che
il campo gravitazionale indotto allinterno del modello dallaccelerazione centrifuga
sia maggiore di quello terrestre in modo da compensare la riduzione dello stato
tensionale che si avrebbe a causa della scala scelta per le lunghezze.
Per quanto riguarda lo studio del comportamento di sistemi geotecnici in condizioni
dinamiche, la modellazione fisica su tavola vibrante, nella quale il modello
sottoposto al campo gravitazionale terrestre, costituisce unalternativa alla
modellazione fisica in centrifuga (Wood el al., 2002; Corigliano et al., 2008). In
questo caso, le dimensioni dei modelli sono relativamente grandi, quindi possono
essere pi facilmente eliminati alcuni effetti indesiderati presenti nei modelli di
dimensioni ridotte, come ad esempio i problemi associati alla dimensione delle
particelle.

Inoltre, il livello di disturbo derivante dalle dimensioni finite degli

strumenti di misura pi piccolo rispetto a quello rilevato nei modelli realizzati in


centrifuga, proprio in ragione del fatto che la dimensione relativa dei trasduttori e dei
modelli pi ridotta (Wood el al., 2002). Tuttavia limpossibilit di riprodurre nel
modello lo stesso stato tensionale agente nel prototipo, e quindi la sostanziale
diversit tra il comportamento esibito dal terreno allinterno del modello e quello
osservato nel prototipo, rendono particolarmente difficile la determinazione di
opportune leggi di scala per il problema (Wood, 2004; Iai et al., 2005).

3.2 Principi di funzionamento


3.2.1

Leggi di scala

Le leggi di scala che garantiscono la corrispondenza tra modello e prototipo possono


essere derivate a partire sia dallanalisi dimensionale sia dalle equazioni differenziali
che descrivono il fenomeno osservato (Fuglsang e Ovesen, 1988; Schofield, 1988).
In particolare Iai et al. (2005) individuano due principi fondamentali cui necessario
attenersi per una corretta modellazione fisica di problemi geotecnici: in primo luogo

Pagina 19

Capitolo 3. Modellazione in centrifuga

il comportamento del terreno nel modello deve simulare quello nel prototipo; in
secondo luogo, le leggi fondamentali della meccanica, ossia lequilibrio e il bilancio
di massa per lo scheletro solido e il fluido interstiziale, devono essere soddisfatte sia
nel modello sia nel prototipo. Per un terreno asciutto, questi due principi impongono
che sia soddisfatta lequazione di equilibrio:
Lp + g = uu

(3.1)

lequazione di congruenza:
dw = L du

(3.2)

d = Dd

(3.3)

e lequazione costitutiva:

sia nel modello sia nel prototipo.

z{ = (z z zff | |f |f )

Nelle equazioni 3.1, 3.2 e 3.3,


il

tensore

degli

sforzi;

w{ = (w w wff  f f ) il tensore delle deformazioni; }{ = (} } }f ) il
vettore degli spostamenti; D il modulo di rigidezza tangente; g laccelerazione di
gravit nel prototipo o laccelerazione centrifuga nel modello; la densit del
terreno e L un operatore differenziale definito da:

~{ =


0


0


0

0



(3.4)

Le leggi di scala per la modellazione fisica in centrifuga possono essere ricavate in


modo sistematico introducendo i fattori di scala per tutte le variabili che compaiono
nelle equazioni 3.1, 3.2 e 3.3 e imponendo che queste equazioni siano soddisfatte sia
nel modello sia nel prototipo. In particolare, i fattori di scala per le variabili che
compaiono nell equazione di equilibrio (2.1) sono definiti come:
(Mh)?

n = (Mh) ,
(M#V)?

n = (M#V),

(Vm)?

n{ = (Vm)
(\]\)?

nh = (\]\)

(3.5)

Pagina 20

Capitolo 3. Modellazione in centrifuga

n =

(]\)?

(#m"#VWMV)

n =

(]\]\)?

(VM#"M)

dove la notazione p e m si riferisce a prototipo e modello rispettivamente. Poich


lequazione (3.1) deve essere soddisfatta nel prototipo, deve risultare:
L p + g = uu

(3.6)

Sostituendo i fattori di scala definiti dalle equazioni (3.5) nellequazione (3.6) si


ottiene:


L n + n nh g = n  uu

(3.7)

Infine, imponendo che anche il modello soddisfi lequazione (3.1), si ha:

= n nh =

(3.8)

Come precedentemente osservato, la principale legge di scala nella modellazione in


centrifuga di problemi geotecnici deriva dalla necessit di assicurare che lo stato
tensionale nel modello e nel prototipo sia lo stesso (N = 1), in modo tale che anche il
comportamento del terreno, in termini sia di resistenza sia di rigidezza, sia lo stesso
(Kutter, 1995).

Inoltre, il materiale utilizzato nella realizzazione del modello e

quello presente nel prototipo sono generalmente gli stessi (N = 1). Quindi, dalla

prima delle equazioni (3.8) deriva nh = 1n ossia, se il rapporto tra le lunghezze nel
modello e nel prototipo pari a 1/N, laccelerazione centrifuga nel modello deve
essere pari a N volte laccelerazione di gravit nel prototipo.

Come osserva Wood (2004), le deformazioni derivano dal rapporto tra le


variazioni di stato tensionale e il modulo di rigidezza del terreno (Eq. 3.3); poich, in
centrifuga, sia lo stato tensionale sia il modulo di rigidezza sono gli stessi nel
modello e nel prototipo, il fattore di scala per le deformazioni pari a N = 1. Gli
spostamenti risultano dallintegrazione delle deformazioni nello spazio e, quindi, il
fattore di scala per gli spostamenti, pari a n = n n = n, uguale al fattore di scala

per le lunghezze. Dalla seconda delle equazioni (3.8) deriva che, per la modellazione

in centrifuga di problemi dinamici, il fattore di scala per i tempi pari a n{ =

Pagina 21

Capitolo 3. Modellazione in centrifuga

Ln nh = n. Infine, i fattori di scala per le frequenze e per le velocit sono


rispettivamente pari a n = 1n V = 1n e n = n n V = 1.

La Tabella 3.1 riassume i principali fattori di scala per la modellazione geotecnica in


centrifuga, ricavati sotto lipotesi che il terreno usato nel modello e nel prototipo sia
lo stesso (N = 1).
Tabella 3.1 Fattori di scala per la modellazione in centrifuga

Grandezza

Fattore di scala
(modello/prototipo)
Lunghezza
1/N
Accelerazione
N
Densit
1
Tensioni
1
Deformazioni
1
Spostamenti
1/N
Frequenza
N
Tempo (effetti inerziali)
1/N
Tempo (consolidazione)
1/N2

3.2.2

Errori sperimentali

Wood (2004) e Bilotta e Taylor (2005) descrivono compiutamente i principali errori


di cui affetta la modellazione in centrifuga, derivanti sia da difformit tra il campo
gravitazionale terrestre e il campo di accelerazione centrifuga, sia da effetti associati
alla dimensione delle particelle di terreno. La trattazione che segue ripresa da
Bilotta e Taylor (2005).
Non linearit della variazione di tensioni verticali nel modello
Nella centrifuga, il campo di accelerazione inerziale, Ng, pari a 2r, dove la
velocit di rotazione angolare della centrifuga, r la distanza radiale del generico
volume di terreno dallasse di rotazione e N il fattore di scala del modello (Figura
3.2).

Pagina 22

Capitolo 3. Modellazione in centrifuga

Figura 3.2 Distribuzione delle tensioni indotte dal campo di accelerazione inerziale nel
modello e dal campo gravitazionale nel prototipo corrispondente

Questo comporta che, nel modello, laccelerazione varia linearmente con la


profondit e, quindi, possibile definire una distanza radiale efficace Re tale che

risulti nh =  U. Se la distanza radiale della superficie del modello dallasse di


rotazione della centrifuga Rt, la tensione verticale agente alla profondit z nel
modello pu essere determinata come:

z =  ({ + c)ec =  c({ + )

(3.9)

La tensione verticale agente nel prototipo alla profonditcm = nc pari a zm =

nc e, quindi, lerrore nella distribuzione delle tensioni pu essere calcolato come

= z zm .

Siano c =  = 2(  ) la profondit nel modello in

corrispondenza della quale le tensioni verticali nel modello e nel prototipo sono
uguali e c = 

la profondit cui situata la base del modello, possibile

dimostrare che lerrore minimo se si impone  = 2 3 ossia = V +

 3 , in tali condizioni si ha:

(3.10)

In base a questa regola, quindi, lesatta corrispondenza tra le tensioni nel modello e
nel prototipo si ha a una profondit pari a 2/3 dellaltezza del modello e il raggio
efficace definito come la distanza radiale dallasse di rotazione fino a una
profondit pari a 1/3 dellaltezza del modello. Generalmente si ammette che lerrore
Pagina 23

Capitolo 3. Modellazione in centrifuga

dovuto alla non linearit della distribuzione delle tensioni verticali nel modello sia
trascurabile se laltezza del modello inferiore a circa 0.1r (Wood, 2004).
Campo di accelerazione radiale nel modello
Laccelerazione inerziale indotta nel modello diretta verso il centro di rotazione
della centrifuga e, quindi, nei piani orizzontali del modello la direzione
dellaccelerazione varia rispetto alla verticale, lungo la larghezza del modello.
Questo implica che, nel modello, esiste una componente laterale di accelerazione che
deve essere considerata; buona norma, quindi, assicurarsi che gli eventi principali
avvengano nella regione centrale del modello, dove lerrore dovuto alla natura
radiale del campo di accelerazione piccolo. Generalmente si pu assumere che tale
errore sia trascurabile se la larghezza del modello inferiore a circa 0.1r (Wood,
2004).
Accelerazione di Coriolis
Un altro problema, causato dal fatto che il campo di accelerazione generato per
rotazione, costituito dallaccelerazione di Coriolis, che si sviluppa quando elementi
di terreno nel modello si muovono con velocit v nel piano di rotazione. questo il
caso, ad esempio, di problemi dinamici, dove il movimento orizzontale della base
vibrante generalmente parallelo al piano di rotazione. Laccelerazione di Coriolis,

ac, espressa dalla relazione  = 2 ` ossia pari al prodotto vettoriale tra la


velocit angolare della centrifuga, , e la velocit, v, di una massa in movimento nel

modello. Laccelerazione inerziale nel modello data da  =  . Generalmente

gli effetti associati alla presenza dellaccelerazione di Coriolis possono essere


trascurati se il rapporto ac / a inferiore a 0.1.
Dimensione delle particelle
La necessit che il materiale abbia le stesse propriet meccaniche, quali ad esempio
angolo di attrito e moduli di rigidezza sia alla scala del modello sia a quella del
prototipo, comporta che in centrifuga sia generalmente utilizzato lo stesso terreno
presente nel prototipo. Contrariamente a quanto avviene per le altre lunghezze,
quindi, le particelle di terreno non sono scalate del fattore N. La rilevanza di questo
aspetto ovviamente funzione del rapporto tra la dimensione significativa minima

Pagina 24

Capitolo 3. Modellazione in centrifuga

del problema in esame, s, e il diametro medio delle particelle, D50; secondo Ovesen
(1979), affinch gli effetti associati alla dimensione delle particelle siano trascurabili,
il rapporto s/D50 deve essere maggiore di 15.
3.2.3

Contenitori dinamici

Uno dei principali aspetti nella modellazione fisica di problemi dinamici costituito
dalla corretta riproduzione delle condizioni al contorno nel modello. Le condizioni
imposte dai bordi laterali del contenitore, infatti, possono influire sia sullo stato
tensionale sia sul campo di spostamenti e di deformazioni al suo interno (Campbell et
al., 1991). necessario osservare che sia la definizione delle condizioni al contorno
lungo i bordi del modello sia la scelta di una determinata sollecitazione dinamica da
applicare possono dipendere dal particolare fenomeno fisico dinamico da modellare.
Le prove sono state realizzate utilizzando contenitori del tipo ESB (Equivalent
Shear Beam), i quali sono realizzati con una serie di telai rettangolari di allumino
sovrapposti e connessi tra loro da strati di gomma per ottenere una rigidezza al taglio
confrontabile con quella del terreno al loro interno (Figura 3.7). I contenitori
simulano condizioni di deformazione e sollecitazione analoghe a quelle che si
avrebbero in uno strato di terreno di altezza finita ed estensione laterale indefinita e
sono progettati per avere la stessa rigidezza a taglio di un deposito di terreno
sottoposto ad un dato terremoto di progetto. Tuttavia, mentre la rigidezza del terreno
dipende dallindice dei vuoti, dallo stato tensionale efficace e dal livello di
deformazione indotto dalle sollecitazioni dinamiche, la rigidezza del contenitore
fissata.
Stato tensionale
In uno strato indefinito di terreno uniforme, sollecitato alla base da unaccelerazione
orizzontale, la distribuzione delle tensioni normali e tangenziali lungo la base
uniforme, mentre le tensioni normali e tangenziali su ogni piano verticale devono
essere uguali.

Lo stato tensionale del prototipo riprodotto nel modello con

lutilizzo di particolari fogli di alluminio (shear sheet) per il trasferimento degli


sforzi di taglio tra la base e le superfici laterali del contenitore.

Pagina 25

Capitolo 3. Modellazione in centrifuga

Condizioni geostatiche iniziali


Affinch le condizioni iniziali geostatiche del prototipo siano correttamente
riprodotte nel modello, necessario che le deformazioni laterali e le tensioni
tangenziali indotte nel modello prima della fase dinamica siano trascurabili. I bordi
del contenitore, quindi, devono essere sufficientemente rigidi da vincolare gli
spostamenti orizzontali del terreno al loro interno.
Secondo Zeng e Schofield (1996) tutti i requisiti sembrano essere soddisfatti dai
contenitori del tipo ESB.
3.2.4

Sollecitazioni dinamiche

Le sollecitazioni dinamiche applicate ai modelli nelle prove in centrifuga sono


segnali quasi sinusoidali, caratterizzati da una frequenza nominale a prevalente
contenuto energetico e ampiezza variabile. Lutilizzo di segnali quasi sinusoidali
consente lutilizzo di attuatori meccanici semplici e relativamente economici, in
grado di operare anche a grandi valori di accelerazione centrifuga, applicando al
modello sollecitazioni di ampiezza elevata e assegnata frequenza.
La relativa semplicit dei segnali di ingresso determina nel modello
comportamenti pi facilmente analizzabili, consentendo di rilevare peculiarit del
complesso fenomeno di interazione terreno-struttura che verrebbero invece
mascherate dalla variabilit intrinseca dei segnali reali. Inoltre lapplicazione in
successione di accelerazioni con ampiezze differenti e stessa frequenza consente di
evidenziare particolari fenomeni, quali ad esempio il successivo evolversi degli
spostamenti delle paratie per effetto dellincremento di amax.

3.3 Programma sperimentale


Il programma sperimentale ha previsto lesecuzione di tre prove sperimentali su
modelli fisici in scala ridotta volte a riprodurre il comportamento di coppie di paratie
ancorate immerse in uno strato di sabbia asciutta. Nella prima prova detta SPW,
single propped walls, il paratie sono vincolate con un solo livello di puntoni in testa.
Nella seconda prova detta DPW, double propped walls, le paratie sono vincolate con

Pagina 26

Capitolo 3. Modellazione in centrifuga

un livello aggiuntivo di puntoni situato a fondo scavo. La terza, DPW2, riproduce il


modello gi proposto nella prova DPW.

La Tabella 3.2 riporta i parametri

geometrici utilizzati e la Figura 3.3 mostra schematicamente la geometria del


modello.
Tabella 3.2 Dati geometrici per le prove in centrifuga

Prova

H [mm]

D [mm]

z [mm]

L [mm]

Dr (%)

SPW

150

50

400

200

~67%

DPW

150

50

400

200

~75%

DPW2

150

50

400

200

~70%

Laltezza totale delle paratie alla scala del prototipo 10m, la profondit di infissione
2.5m e laltezza di ritenuta 7.5m.

Figura 3.3 Modello utilizzato per la prova in centrifuga

3.4 Apparecchiatura sperimentale


3.4.1

Centrifuga di Cambridge

La centrifuga geotecnica di Cambridge consiste in una struttura traviforme di 10 m di


diametro, che ruota attorno ad un asse verticale posto al centro della trave stessa.
Alle estremit dei due bracci sono poste due piattaforme basculanti, su una delle
quali sono collocati il modello e lattuatore SAM mentre sullaltra il contrappeso.
Questo sistema consente di disporre il modello su una piattaforma perfettamente
orizzontale in quiete, che gradualmente allaumentare della velocit di rotazione
della centrifuga raggiunge la posizione verticale. In questo modo, se lattrito in

Pagina 27

Capitolo 3. Modellazione in centrifuga

corrispondenza delle cerniere di sostegno basso, la superficie della piattaforma in


ogni fase ortogonale alla direzione dellaccelerazione.

Sebbene la massima

accelerazione centrifuga consentita per la realizzazione delle prove dinamiche sia


100g, queste sono eseguite per un valore di accelerazione centrifuga pari a 50g.
3.4.2

Attuatore dinamico SAM

Le sollecitazioni dinamiche sono applicate tramite un attuatore dinamico SAM


(Stored Angular Momentum), costituito da due masse eccentriche poste in rotazione
con velocit angolare costante. Tale attuatore, mostrato in Figura 3.6, costituisce uno
strumento efficace per riprodurre terremoti ad unelevata accelerazione centrifuga.
Lenergia accumulata dallattuatore pu essere rilasciata collegando istantaneamente
le masse rotanti ad unasta solidale alla base del modello mediante una frizione
idraulica. La velocit angolare del volano determina la frequenza di oscillazione del
segnale in ingresso. La durata della sollecitazione viene controllata attraverso una
frizione che collega, tramite un alternatore, lalbero del motore a quello della tavola
vibrante su cui viene disposto il modello e che attivata attraverso un fluido ad alta
pressione immagazzinato in un accumulatore. Lampiezza del segnale pu essere
controllata spostando il perno della leva che collega il secondo albero alla tavola
vibrante.

In questo modo possibile imporre alla base del modello segnali

successivi approssimativamente armonici, di cui possibile controllare la durata, la


frequenza e lampiezza delloscillazione importa. A titolo di esempio la Figura 3.4
mostra la storia temporale delle accelerazioni e lo spettro di Fourier del primo
terremoto imposto alla base del modello nella prima prova.

Pagina 28

Capitolo 3. Modellazione in centrifuga

Figura 3.4 Accelerogramma e spettro di Fourier per EQ1 prova SPW

3.4.3

Contenitori ESB

Le prove in centrifuga sono state condotte utilizzando un contenitore ESB


(Equivalent Shear Beam) realizzato con una serie di telai rettangolari di una lega di
alluminio sovrapposti e connessi tra loro da strati di gomma.
Il contenitore utilizzato per entrambe le prove costituito da 10 telai rettangolari di
alluminio, ciascuno con sezione trasversale di 38.1 mm x 63.5 mm, intervallati da
strati di gomma di spessore variabile tra 4 mm e 6 mm. Le dimensioni interne del
contenitore sono 673 mm x 253 mm x 427 mm (Figura 3.7).

Pagina 29

Capitolo 3. Modellazione in centrifuga

(a)

(b)

Figura 3.5 Centrifuga geotecnica. Visione di uno dei bracci (a) e dell'asse
verticale centrale (b)

(a)

(b)

Figura 3.6 Attuatore dinamico SAM (a) e scatola di supporto per il


modello (b)

Figura 3.7 Contenitore Equivalent Shear Beam

Pagina 30

Capitolo 3. Modellazione in centrifuga

3.5 Materiali
3.5.1

Sabbia

I modelli sono realizzati utilizzando sabbia fine silicea standard, Leighton Buzzard
Sand 100/70, frazione E, asciutta e ricostituita al valore della densit relativa voluto.
La Tabella 3.3 riassume le caratteristiche meccaniche della sabbia.
Tabella 3.3 Caratteristiche meccaniche Leighton Buzzard Frazione E
D10 crit
D50
[mm] [mm] []
2.65 1.014 0.613 0.14 0.095 32
Gs

3.5.2

emax

emin

Alluminio

Il materiale utilizzato per la realizzazione delle paratie e dei puntoni una lega di
alluminio, Alluminio 6082, le cui principali propriet fisiche e meccaniche sono
riportate nella Tabella 3.4.
Tabella 3.4 Propriet meccaniche Alluminio 6082
E
fyk
fbk

[MPa] [MPa]
[kg/m3] [GPa]
2700
68.5 0.3 260
310

Le paratie sono modellate con piastre aventi dimensioni 200 mm x 245 mm x 6 mm,
mentre i puntoni hanno sezione trasversale di dimensioni pari a 5 mm x 10.5 mm per
la prova SPW e DPW e 10 mm x 10.5 mm per la prova DPW2.

3.6 Progetto dei puntoni inferiori


Lesecuzione della seconda prova ha previsto un secondo livello di puntoni a fondo
scavo.

I puntoni inferiori sono inattivi durante la fase di incremento

dellaccelerazione centrifuga, swing up, e sono attivati prima dellapplicazione dei


terremoti. In tal modo possibile simulare la presenza di un solettone di fondo nel
prototipo solo a scavo ultimato.
Il progetto definitivo del dispositivo di azionamento dei puntoni ha previsto la
sperimentazione di due diverse soluzioni:
Pagina 31

Capitolo 3. Modellazione in centrifuga

1) Cilindro idraulico
2) Congegno meccanico.

Cilindro idraulico
La prima metodologia consiste nella creazione di un cilindro idraulico contenente un
fluido (acqua o olio). Il cilindro connesso al puntone di fondo e a due tubi che
permettono lentrata e luscita del fluido dal cilindro e il movimento del puntone ad
esso connesso (Figura 3.8). Durante la fase dinamica il tubo di uscita sigillato
tramite una valvola mentre il fluido nel cilindro pressurizzato tramite il secondo
tubo. Il meccanismo permette la presenza di una tappo idraulico nel cilindro e
dunque il blocco del puntone ad esso connesso.

Figura 3.8 Cilindro idraulico

Il cilindro idraulico stato testato prima dellesecuzione della prova sia con acqua sia
con olio. Le operazioni di sigillatura sono state eseguite allinterno del fluido in
modo da evitare perdite. Durante le operazioni di prova, si sempre riscontrato un
effetto "molla" del cilindro, probabilmente dovuto alla presenza di piccole bolle
d'aria intrappolate all'interno dei tubi. Sebbene le chiusure siano ben sigillate, non
stato possibile eliminare totalmente il fenomeno e, anche la presenza di piccole bolle
d'aria, fa perdere la tenuta al pistone e non garantisce la condizione cercata. Per tale
motivo si dunque deciso di cambiare completamente il progetto del puntone di
fondo utilizzando piuttosto un congegno di tipo meccanico.

Pagina 32

Capitolo 3. Modellazione in centrifuga

Congegno meccanico
Il congegno meccanico comprende un cilindro, parte gialla della Figura 3.9, una cella
di carico e unasta filettata. Il cilindro connesso ad un tubo di aria in pressione.
Quando laria non in pressione, lasta filettata libera di muoversi allinterno della
cavit ovvero il puntone non attivo, sono permessi gli spostamenti orizzontali in
prossimit del fondo scavo. Quando laria in pressione, il cilindro viene spinto
allinterno sullasta filettata bloccandola meccanicamente e creando in tal modo un
puntone rigido.

Figura 3.9 Puntone inferiore, schema

(a)

(b)

Figura 3.10 Puntone inferiore. Particolare (a) particolare e (b)


disposizione all'interno del modello

Pagina 33

Capitolo 3. Modellazione in centrifuga

Il dispositivo stato provato prima dellesecuzione della prova e mostra un blocco


totale dei puntoni, tale da conferire al puntone la struttura rigida richiesta.

3.7 Strumentazione e taratura


Il modello stato monitorato nel corso della prova attraverso una serie di strumenti.
Tali strumenti devono avere particolari requisiti. Devono infatti essere miniaturizzati
per non interferire con i meccanismi di deformazione del terreno e resistenti per
sopportare

laumento

del

peso

proprio

durante

la

fase

di

incremento

dellaccelerazione centrifuga da 0 a 50g. La strumentazione deve inoltre essere in


grado di operare alle alte frequenze (50Hz) caratteristiche del sisma alla scala del
modello. Gli strumenti sono tarati prima di ogni prova nel loro campo di utilizzo,
collegandoli alle centraline in uso durante la prova e utilizzando il software Dasylab
9.0.

La strumentazione utilizzata finalizzata alla misura di deformazioni e

caratteristiche della sollecitazione nella paratia e nei puntoni, accelerazioni nei punti
interni del modello e sul suo contorno, spostamenti orizzontali e rotazioni delle
paratie, cedimenti del piano campagna.
3.7.1

Trasduttori di momento flettente

Il momento flettente delle paratie misurato attraverso 6 trasduttori di momento


flettente (strain gauge) incollati lungo la sezione centrale delle paratie (Figura 3.11).
Ciascun trasduttore costituito da 4 estensimetri (strain gauge) inseriti allinterno di
un ponte di Wheatstone in modo da registrare le sole deformazioni flessionali della
paratia.
La posizione dei trasduttori lungo la paratia riportata in Tabella 3.5.
Tabella 3.5. Posizione degli strain gauges lungo la paratia
Distanza degli strain gauges dalla sommit della paratia (mm)
SG 1
SG 2
SG 3
SG 4
SG 5
SG 6
33
60
87
117
145
173

Pagina 34

Capitolo 3. Modellazione in centrifuga

Figura 3.11 Posizione degli strain gauge

I trasduttori sono stati tarati prima di ogni prova. Le piastre sono state posizionate
orizzontalmente e incastrate allestremit inferiore con due morsetti collegati ad una
barra dacciaio (Figura 3.12). Le piastre sono dunque state caricate sulla sommit in
direzione ortogonale al piano dappoggio. Il carico stato applicato secondo due
diverse modalit:
1. Forza concentrata applicata della sezione centrale della paratia.
2. Carico uniformemente distribuito lungo la sezione trasversale della paratia

Figura 3.12 Procedura di taratura degli trasduttori

Il momento flettente agente in corrispondenza dei trasduttori stato calcolato


teoricamente attraverso lo schema di trave incastrata.
I valori dei coefficienti di taratura calcolati per le due condizioni di carico sono
simili. Per linterpretazione dei risultati si preferito considerare la taratura eseguita
con il metodo 2, essendo esso maggiormente rappresentativo dello schema teorico
utilizzato.

Pagina 35

Capitolo 3. Modellazione in centrifuga

3.7.2

Trasduttori di spostamento LVDT

Lo spostamento delle paratie e del piano campagna stato misurato attraverso


trasduttori di spostamento LVDT (linear variable differential transformer).

Il

dispositivo costituito da tre bobine solenoidali avvolte attorno ad un cilindro


centrale collegato ad un asticella (Figura 3.13).

Il movimento dellasticella

trasferito al cilindro centrale provocando una variazione del segnale in uscita. I


trasduttori utilizzati sono in grado di rilevare spostamenti dellordine della frazione
di micron e, a seconda della frequenza di alimentazione del solenoide primario,
restituiscono una buona misura di spostamenti anche durante la fase dinamica.
La struttura di sostegno degli LVDT costituita da una staffa posta
longitudinalmente sui bordi del contenitore a cui sono fissati i trasduttori tramite
angolari metallici (Figura 3.13).

(a)

(b)

Figura 3.13. Trasduttore di spostamento LVDT (a) e blocchi di supporto


(b)

La taratura degli LVDT stata eseguita fissando il corpo del trasduttore e imponendo
spostamenti noti al nucleo interno. Dalla correlazione tra i segnali prodotti dallo
strumento e gli spostamenti imposti, misurati mediante un micrometro, si determina
la costante di taratura del LVDT.
3.7.3

Accelerometri piezoelettrici

Le accelerazioni allinterno dello strato di sabbia e della scatola sono state misurate
utilizzando accelerometri D.J. Birchall tipo A/23. Le dimensioni degli accelerometri
sono approssimativamente di 1 0mm di diametro e 20 mm in lunghezza con un peso
di 5g (Figura 3.14).

Pagina 36

Capitolo 3. Modellazione in centrifuga

(a)

(b)

Figura 3.14 (a) accelerometro piezoelettrico e (b) sua disposizione


allinterno del modello

Il campo di linearit degli accelerometri piezoelettrici compreso tra 20Hz e 2kHz, il


quale comprende il contenuto in frequenze dei terremoti utilizzati durante la prova
(30Hz < f < 500Hz).
La taratura degli accelerometri stata eseguita mediante un apposito dispositivo che
fornisce unaccelerazione sinusoidale di frequenza e ampiezza costante pari ad 1g.
3.7.4

Accelerometri MEMS

Le accelerazioni orizzontali della testa della paratia sono state misurate con lutilizzo
di accelerometri MEMS (Micro Electro Mechanical System) prodotti da Analog
Devices. Il dispositivo ha una frequenza di risonanza di 24kHz e un errore massimo
del 5%. Le dimensioni dei MEMS sono 5 mm x 5 mm x 2 mm (Figura 3.15). Tali
dispositivi sono in grado di misurare sia le accelerazioni dinamiche imposte durante
la prova che le accelerazioni statiche dovute allaumento della gravit.

(a)

(b)

Figura 3.15 (a) accelerometro MEMS e (b) sua posizionamento sui


puntoni superiori

Pagina 37

Capitolo 3. Modellazione in centrifuga

La taratura degli strumenti stata eseguita con lo stesso dispositivo utilizzato per gli
accelerometri piezoelettrici. Date le dimensioni dei MEMS, stato necessario
incollare laccelerometro MEMS ad un accelerometro piezoelettrico (ACC4).
Conoscendo la risposta dellaccelerometro MEMS ad un accelerazione unitaria,
stato possibile ricavare la costante di taratura.
3.7.5

Celle di carico

Le forze assiali nei puntoni sono misurate con celle di carico miniaturizzate prodotte
dai tecnici del Centro di Ricerca Schofield. Le celle di carico sono posizionate nella
sezione centrale dei puntoni (Figura 3.16). Le celle di carico sono costituite da una
vite cava con 5mm di diametro esterno e 3mm di diametro interno. Due estensimetri,
strain gauges sono attaccati lateralmente alla vite mentre due resistori fittizi sono
stati posizionati sul cavo, in modo da formare un ponte di Wheatstone. Gli strain
gauges hanno un fattore di trasduzione (gauge factor) pari a 2.15. La taratura
delle celle di carico stata eseguita sia in trazione che in compressione, prima e dopo
ogni prova. Lasticella collegata ad una base sulla quale sono stati applicati una
serie di pesi noti (Figura 3.17). Dalla correlazione tra i pesi applicati e i segnali
prodotti dallo strumento, si determina la costante di taratura della cella di carico.

(a)

(b)

Figura 3.16 Cella di carico miniaturizzata: (a) particolare e (b) suo posizionamento nei
puntoni

Pagina 38

Capitolo 3. Modellazione in centrifuga

(a)

(b)

(c)

Figura 3.17 Taratura delle celle di carico in compressione (a) e (b) e in trazione (c)

Le costanti di taratura ricavate dopo la prova hanno restituito valori molto differenti
da quelli precedenti sia in segno che in valore, pur utilizzando la stessa metodologia
di taratura.
Per lesecuzione della terza prova sono dunque state utilizzate celle di carico
Omegadyne con fondo scala di 1kN e dimensioni pari a 25 mm di diametro e 19 mm
di lunghezza (vedi Figura 3.18). Le celle di carico sono state avvitate nella sezione
di mezzeria per i puntoni superiori e leggermente decentrati per i puntoni inferiori
per garantire lalloggio del congegno meccanico.

Pagina 39

Capitolo 3. Modellazione in centrifuga

(a)

(b)

Figura 3.18 Celle di carico Omegadyne. (a) particolare e (b)


posizionamento allinterno dei puntoni

La taratura delle celle di carico stata eseguita in trazione applicando una serie di
pesi noti attraverso unasta metallica (Figura 3.19). Dalla correlazione tra i pesi
applicati e i segnali prodotti dallo strumento si determina la costante di taratura della
cella.

Figura 3.19 Taratura delle celle di carico Omegadyne

3.8 Sistema di acquisizione dati


Lacquisizione dei segnali che provengono dai trasduttori effettuata con il software
CDAQS (Centrifuge Data AcQuisition System), in grado di minimizzare il rumore
derivato dallinterferenza elettrica del sistema di attuazione (SAM). Il sistema di
acquisizione dotato di 32 canali, dei quali 8 riservati al segnale che proviene dagli
accelerometri piezoelettrici, 4 dagli accelerometri MEMS, 4 dagli LVDTs e 16 dai
segnali che provengono dagli strain gauges. La frequenza di campionamento del

Pagina 40

Capitolo 3. Modellazione in centrifuga

segnale di 4Hz durante la fase statica di volata e di 4kHz durante lapplicazione


degli eventi sismici. La risoluzione di campionamento di 16bit.

3.9 Preparazione dei modelli


La deposizione della sabbia nel modello avvenuta attraverso lutilizzo di una
tramoggia automatica.

Ci assicura la creazione di un modello omogeneo e

relativamente sciolto. La densit relativa controllata dallaltezza di caduta e dal


diametro del foro allestremit del contenitore della sabbia i quali devono essere
opportunamente tarati.

(a)

(b)

Figura 3.20 (a) Tramoggia per la deposizione della sabbia e (b)


particolare del contenitore

Durante la deposizione sono disposti gli accelerometri alle quote prestabilite, lungo
la sezione centrale del contenitore.

I cavi sono fissati al bordo della scatola

utilizzando nastro adesivo.


Raggiunto il livello di 230 mm per SPW, 245 mm per DPW e 200 mm per DPW2, le
paratie sono state deposte nello strato di sabbia depositato. Al fine di avere il
minimo disturbo le paratie sono state posizionate infiggendole nella sabbia di 30 mm
per la prima prova (SPW) e 45 mm per la seconda (DPW). Nella terza prova DPW2,
per ridurre laddensamento della sabbia in prossimit delle paratie, queste sono state
posizionate dopo aver inserito i quattro puntoni provvisori nelle paratie. In tal modo
le paratie sono state posizionate allesatta quota di 200 mm e si potuto assicurare il
parallelismo delle stesse.

Pagina 41

Capitolo 3. Modellazione in centrifuga

Tra le paratie e le pareti della scatola lasciata unintercapedine per permettere alle
paratie di spostarsi nella direzione dellaccelerazione sismica imposta, senza attrito
con le pareti laterali della scatola.
Per impedire lingresso della sabbia durante la deposizione, stato utilizzata una
striscia di gomma flessibile incollata alla parete del contenitore e alla paratia dal lato
interno dello scavo. Nella terza prova per evitare leffetto irrigidente della gomma, si
preferito utilizzare fogli di plastica ripiegati a fisarmonica che si estendono per
lintera altezza della paratia.
Al termine del riempimento, il piano campagna viene livellato e la sabbia in eccesso
tra le paratie viene eliminata utilizzando un aspirapolvere fino al fondo scavo.

(a)

(b)

Figura 3.21 Immagine del modello (a) in fase di scavo e (b) a scavo
terminato

Al termine dello scavo, gli accelerometri esterni sono incollati al bordo esterno del
contenitore, la staffa di supporto degli LVDT fissata al bordo superiore della
scatola e una webcam fissata al bordo superiore della scatola per registrare ci che
avviene internamente allo scavo. Il modello dunque pesato al fine di calcolare la
densit relativa dello strato di sabbia depositato, e infine montato su uno dei bracci
della centrifuga insieme allattuatore dinamico e al contrappeso posto allaltra
estremit.
I cavi elettrici sono dunque connessi a due centraline poste sulla centrifuga e
viene verificato il corretto funzionamento della strumentazione.

Pagina 42

Capitolo 3. Modellazione in centrifuga

Viene dunque misurata la quota del piano campagna a partire dalla sommit del
contenitore lungo alcune sezioni del modello.

3.10 Esecuzione della prova


Le prove SPW, DPW e DPW2 sono state tutte eseguite su una coppia di paratie
ancorate immerse in uno strato di sabbia asciutta. Il modello stato sottoposto a
cinque eventi sismici di stessa frequenza (50Hz alla scala del modello) ed intensit
variabile. La durata di ciascun evento pari 0.4s alla scala del modello.
3.10.1 Prova SPW
La prova SPW stata eseguito su una coppia di paratie con un livello di ancoraggio
in testa. Il terreno utilizzato ha un peso dellunit di volume d= 15,18 kN/m3, che
corrisponde a un indice dei vuoti e= 0,745 e ad una densit relativa Dr= 67%.
Durante questa prova sono stati usati 32 trasduttori di cui 8 accelerometri
piezoelettrici miniaturizzati, 12 strain gauges, 4 LVDT, 4 accelerometri MEMS e 4
celle di carico. Lo schema del modello e la disposizione dei trasduttori sono mostrati
in Figura 3.22.

Pagina 43

Capitolo 3. Modellazione in centrifuga

Figura 3.22 Schema della prova SPW

La Tabella 3.6 mostra le caratteristiche degli eventi sismici applicati. Le grandezze


sono riportate sia alla scala del modello sia alla scala del prototipo.
Tabella 3.6 Caratteristiche degli eventi sismici per la prova SPW
sisma

modello

prototipo

f (Hz) amax (g) f (Hz) amax (g)


EQ1

50

8.90

0.18

EQ2

50

12.10

0.24

EQ3

50

8.90

0.18

EQ4

50

15.20

0.30

EQ5

50

22.30

0.45

3.10.2 Prova DPW


La prova DPW stata eseguito su una coppia di paratie con un livello di ancoraggio
in testa e un livello di ancoraggio a fondo scavo. Il terreno utilizzato ha un peso
dellunit di volume d= 15,48 kN/m3, che corrisponde ad un indice dei vuoti e= 0,71

Pagina 44

Capitolo 3. Modellazione in centrifuga

e ad una densit relativa Dr= 75%.

Durante questa prova sono stati usati 32

trasduttori di cui 8 accelerometri piezoelettrici miniaturizzati, 12 strain gauges, 4


LVDT, 4 accelerometri MEMS e 4 celle di carico. Lo schema del modello e la
disposizione dei trasduttori sono mostrati Figura 3.23

Figura 3.23 Schema della prova DPW

La Tabella 3.7 mostra le caratteristiche degli eventi sismici applicati. Le grandezze


sono riportate sia alla scala del modello sia alla scala del prototipo.
Tabella 3.7 Caratteristiche degli eventi sismici per la prova DPW
sisma

modello

prototipo

f (Hz) amax (g) f (Hz) amax (g)


EQ1

50

8.86

0.18

EQ2

50

12.20

0.24

EQ3

50

8.92

0.18

EQ4

50

15.30

0.30

EQ5

50

22.30

0.45

Pagina 45

Capitolo 3. Modellazione in centrifuga

3.10.3 Prova DPW2


La prova DPW2 riproduce la prova DPW. Il terreno utilizzato ha un peso dellunit
di volume d= 15,31 kN/m3, che corrisponde ad un indice dei vuoti e= 0,73 e ad una
densit relativa Dr= 70%. La Tabella 3.8 mostra le caratteristiche degli eventi
sismici applicati. Le grandezze sono riportate sia alla scala del modello sia alla scala
del prototipo.
Lo schema del modello quello rappresentato in Figura 3.24.

Figura 3.24 Schema della prova DPW2

Pagina 46

Capitolo 3. Modellazione in centrifuga

Tabella 3.8 Caratteristiche degli eventi sismici per la prova DPW2


sisma

modello

Prototipo

f (Hz)

amax (g)

f (Hz)

amax (g)

EQ1

50

8.90

0.18

EQ2

50

12.00

0.24

EQ3

50

8.83

0.18

EQ4

50

15.24

0.30

EQ5

50

22.20

0.45

Pagina 47

Capitolo 4. Elaborazione ed interpretazione dei dati sperimentali

4 Elaborazione ed interpretazione dei dati sperimentali

In questo capitolo sono mostrati i principali risultati ottenuti dalle due prove in
centrifuga eseguite su coppie di paratie immerse in uno strato di sabbia asciutta.
Come illustrato nel capitolo 3, la modellazione fisica in centrifuga riproduce nel
modello lo stato tensionale in sito; successivamente, attraverso un attuatore
dinamico, sono applicati cinque terremoti di diversa intensit.
Lelaborazione ed interpretazione dei dati sperimentali forniti dalla modellazione
fisica in centrifuga, consentono di ottenere informazioni sul comportamento della
struttura, del terreno e dellinterazione terreno-struttura.
Lelaborazione dei dati stata indirizzata dapprima allo studio del comportamento
delle paratie in condizioni sismiche, valutando i cedimenti, le rotazioni, le
deformazioni e le caratteristiche delle sollecitazioni indotte nellopera. Sono poi stati
valutati i fenomeni di amplificazione delle accelerazioni allinterno dello strato di
sabbia.
I risultati sono riportati alla scala del prototipo, eccetto dove specificato, e filtrati
ad una frequenza di 600Hz (12Hz alla scala del modello) per eliminare le oscillazioni
alle alte frequenze dovute ai modi di vibrare dellattuatore dinamico successivi al
primo.
I risultati della prova DPW non sono stati analizzati in quanto non rappresentativa
del modello teorico ipotizzato. Nel corso della prova DPW si infatti riscontrata una
perdita daria nel collegamento tra i il tubo dellaria e il compressore. Tale problema
tecnico si riscontrato in uno solo dei tubi inferiori ovvero il modello ha perso la
condizione di simmetria cercata.

Pagina 48

Capitolo 4. Elaborazione ed interpretazione dei dati sperimentali

4.1 Cedimenti del piano campagna e addensamento del modello


La superficie del piano campagna stata misurata prima e dopo lesecuzione di
ogni prova. Le misure sono state eseguite con un righello a partire dal bordo del
contenitore in diverse sezioni lungo il modello. Il cedimento del piano campagna
stato calcolato dalla differenza dei valori misurati prima e dopo lesecuzione della
prova. Il cedimento risulta essere pressoch costante nel modello con un valor medio
di riferimento pari a wm. La densit relativa finale infine stata calcolata come
differenza in volume della sabbia a partire dai cedimenti misurati.

Tale stima

fornisce un limite superiore per leffettivo stato di addensamento della sabbia al


termine delle prove.
La Tabella 9 riporta per le prove eseguite la densit relativa (Dr,i(f)), lindice dei
vuoti (ei(f)) e il peso per unit di volume (i(f)) allinizio (i) e alla fine (f) delle due
prove.

Tabella 9 Densit relativa, indice dei vuoti e peso specifico calcolati


allinizio e al termine di ogni prova
Prova

Dr,i (%)

SPW
DPW2

67
70

i
wm
f
Dr,f (%)
ef
(kN/m3) (mm)
(kN/m3)
0.74 15.19
6.75
75.4
0.71 15.48
0.73 15.31
3.75
75.3
0.71 15.48
ei

interessante osservare che nella prova con un solo livello di contrasto, SPW, il
cedimento medio al termine della prova pari a 337.5 mm alla scala del prototipo
mentre nella prova con due livelli di contrasto, DPW2, risulta essere di 187.5 mm.
La prova DPW2 ha dunque un cedimento medio che corrisponde all80% del
cedimento medio misurato nella prova SPW. Tale comportamento probabilmente
dovuto alla presenza del secondo livello di contrasto posto a fondo scavo, il quale in
fase dinamica impedisce cinematicamente le rotazioni della paratia attorno al
puntone superiore e, di conseguenza, riduce il cedimento in superficie.
Il cedimento del piano campagna stato inoltre monitorato con trasduttori di
spostamento LVDT.

Lutilizzo dei trasduttori ha permesso di avere la storia

temporale dei cedimenti nel corso della prova. I trasduttori sono stati fissati ad un
supporto solidale alla scatola e lasticella dei trasduttori posta ortogonalmente al

Pagina 49

Capitolo 4. Elaborazione ed interpretazione dei dati sperimentali

piano campagna. In particolare nella prova SPW sono stati utilizzati due trasduttori,
LVDT3 e LVDT4, per la misura dei cedimenti in campo libero e a tergo della paratia
rispettivamente (Figura 3.22).

Nella prova DPW2 stato utilizzato un solo

trasduttore, LVDT4, il quale stato posto dietro la paratia sinistra (Figura 3.24).
La Figura 4.1 mostra le storie temporali di spostamento misurate durante la fase
dinamica dagli LVDT per entrambe le prove. Le misure sono alla scala del modello.

Per G = 0Q il cedimento quello registrato al termine della fase di accelerazione


centrifuga ed pari rispettivamente a 0.7 mm e 1.31 mm per LVDT3 e LVDT4 nella
prova SPW ed a 0.33 mm per LVDT4 nella prova DPW2.

Per

G = GW il

cedimento massimo e corrisponde al cedimento misurato al termine della prova.


Nella Figura 4.1 sono inoltre indicati i cedimenti calcolati tramite le misure con
righello, i cedimenti misurati dai trasduttori negli stessi punti e il valore medio di
riferimento utilizzato nel calcolo della densit relativa.
0

Prova SPW

Letture manuali
campo libero
vicino paratia

-1

Trasduttori
campo libero (LVDT3)
vicino paratia (LVDT4)

u [mm]

-3

-5
-5.5
-6

-6.75
-7

Valore medio di riferimento

0.5

1.5

2.5

3.5

t [s]

(a)

Pagina 50

Capitolo 4. Elaborazione ed interpretazione dei dati sperimentali

Prova DPW2
-1

-2

u [mm]

-3
-3.75
-4

Valore di riferimento

-5

-6
Lettura manuale
vicino paratia
Trasduttore
vicino paratia (LVDT4)

-7

0.5

1.5
t [s]

2.5

(b)
Figura 4.1 Cedimenti del piano campagna vicino la paratia (d1) e in
campo libero (d2) e con l'utilizzo di trasduttori per la prova
SPW (a) e DPW2 (b)

4.2 Spostamenti orizzontali delle paratie


Lo spostamento orizzontale delle paratie stato monitorato con trasduttori di
spostamento LVDT posti a varie profondit della paratia. I trasduttori sono stati
appesi con dei blocchetti di alluminio resi solidali alla scatola e lasticella dei
trasduttori posizionata ortogonalmente alla paratia. A titolo esemplificativo la
Figura 4.2 mostra la storia temporale degli spostamenti orizzontali della paratia
destra durante i cinque terremoti nella prova SPW.

Pagina 51

Capitolo 4. Elaborazione ed interpretazione dei dati sperimentali

40
LVDT1

u [mm]

30
20
10
0
-10
0

40

80 t [s]

120

160

Figura 4.2 Storia temporale degli spostamenti orizzontali della paratia.


LVDT1 prova SPW

evidente che il segnale del trasduttore non indica il solo spostamento permanente
della paratia ma risulta essere la somma di due componenti: lo spostamento proprio
della paratie e loscillazione elastica del supporto.

Laccumulo di spostamenti

permanenti, che si ha nelle paratie durante i transitori dinamici, un processo

governato prevalentemente dalle basse frequenze (f101 Hz); al contrario, le


oscillazioni elastiche del sistema di sostegno sono caratterizzate da frequenze pi
elevate, prossime a quella naturale di vibrazione del sistema stesso. Per eliminare la
componente elastica di oscillazione del sistema, i segnali sono dunque stati filtrati ad
una frequenza di 0.75Hz. La Figura 4.3 mostra il confronto tra il segnale filtrato e
non filtrato.
40
LVDT1
LVDT1 filtrato

u [mm]

30
20
10
0
-10
0

40

80

120

160

t [s]

Figura 4.3 Confronto tra il segnale restituito da LVDT1 e il segnale


filtrato per la prova SPW

Pagina 52

Capitolo 4. Elaborazione ed interpretazione dei dati sperimentali

4.3 Amplificazione delle accelerazioni


La propagazione delle accelerazioni nel modello funzione dello stato di
addensamento della sabbia, della frequenza naturale dello strato nonch della
frequenza del segnale imposto.
In questo paragrafo sono mostrati i fenomeni di amplificazione osservati allinterno
dello strato di sabbia durante le prove in centrifuga; in particolare sono indagati gli
effetti associati allo stato di addensamento del terreno, alla presenza dello scavo ed
allampiezza delle sollecitazioni dinamiche applicate. Tali fenomeni sono di seguito
descritti in termini della massima accelerazione, amax, e dellintensit di Arias, Ia, dei
segnali registrati.
4.3.1

Variabilit spaziale delle accelerazioni

Le Figura 4.4 (a) e (b) mostrano rispettivamente la massima e la minima


accelerazione misurata in superficie in condizioni di campo libero (ACC2) in
funzione della massima accelerazione registrata alla base del modello (ACC4)
durante ogni evento sismico per entrambe le prove.

La Figura 4.4 (c) mostra

lIntensit di Arias calcolata per le storie di accelerazioni misurate da ACC2 e ACC4


per tutti i terremoti.

Pagina 53

Capitolo 4. Elaborazione ed interpretazione dei dati sperimentali

0.45
accelerazione massima

0.4

(a)

SPW (Dr = 67%)


DPW2 (Dr = 70%)

1:1

1:1
EQ5

EQ5

EQ5

0.35
asup[g]

(b)

accelerazione minima EQ5

EQ4
EQ2
EQ3

EQ4
EQ4

EQ4

0.3
EQ2 EQ2
EQ1
EQ3EQ3

EQ1

EQ2
EQ1EQ3

0.25
EQ1

0.2
0.1

0.2

0.4 -0.1

0.3

-0.2

-0.3

-0.4

abase [g]

abase[g]
16

EQ5

Iasup [m/s]

12
EQ5

EQ4
EQ2
EQ3
EQ1

1:1
EQ4

EQ2
EQ1
EQ3

(c)
0
0

4
6
Iabase [m/s]

Figura 4.4 Confronto tra le accelerazioni massime (a) e minime (b) alla
base e massima in superficie in condizioni di campo libero .
Confronto tra lintensit di Arias in superficie e alla base in
condizioni di campo libero (c).

In accordo con la teoria di propagazione delle onde monodimensionali in uno strato


indefinito, le accelerazioni in superficie risultano essere amplificate rispetto alle
accelerazioni alla base dello strato.

Il rapporto tra le accelerazioni massime in

superficie ed alla base pressoch lineare per entrambe le prove con


unamplificazione massima del 40% (SPW-EQ5). Se il confronto viene eseguito in
termini di Intensit di Arias, Figura 4.4 (c), i fenomeni di amplificazione risultano
molto pi evidenti con amplificazioni in superficie sempre maggiori del 100% con
un valore massimo del 153% (DPW2 EQ1).
Come mostrato da Conti (2010), la densit relativa ed il contenuto in frequenza
delle accelerazioni di input al modello variano fortemente lamplificazione
dellaccelerazione massima in superficie. Dato che entrambe le prove svolte sono

Pagina 54

Capitolo 4. Elaborazione ed interpretazione dei dati sperimentali

state eseguite per un valore simile di densit relativa e storie di accelerazioni con
stesso contenuto in frequenza, in tale lavoro di tesi non stato possibile analizzare la
variazione delle accelerazioni in superficie in funzione della densit relativa della
sabbia e del contenuto in frequenza dellaccelerazione imposta.
In Figura 4.5 stato eseguito un confronto tra le accelerazioni in superficie
misurate in campo libero ed a tergo della paratia. Le Figura 4.5 (a) e (b) riportano
rispettivamente la massima accelerazione in campo libero e a tergo della paratia in
funzione dellaccelerazione misurata alla base. Le Figura 4.5 (c) e (d) mostrano il
confronto in termini di Intensit di Arias.
0.5
accelerazione in campo libero

(a)

(b)

accelerazioni sulla paratia


EQ5

SPW (Dr = 67%)


DPW2 (Dr = 70%)

1:1
EQ5

1:1

EQ4

0.4
asup[g]

EQ5

EQ5
EQ2
EQ4
EQ2
EQ3
EQ1
EQ3
EQ1

EQ4
EQ4
0.3

EQ2
EQ2EQ1
EQ3EQ3
EQ1

0.2
0.1

0.2

0.4 0.1

0.3

0.2

16

0.4

16

EQ5

12
EQ5

EQ4
EQ2
EQ3
EQ1

1:1
EQ4

EQ2
EQ1
EQ3

Iasup [m/s]

12
Iasup [m/s]

0.3
abase [g]

abase[g]

EQ5
1:1
8
EQ4
EQ2
EQ1
EQ3

(d)

(c)
0

0
0

4
6
Iabase [m/s]

4
6
Iabase [m/s]

Figura 4.5 Confronto tra accelerazioni in superficie in condizioni di


campo libero (a) e in prossimit dello scavo (b). Confronto tra
lintensit di Arias in superficie e alla base in condizioni di
campo libero (c) e in prossimit dello scavo (d)

Pagina 55

Capitolo 4. Elaborazione ed interpretazione dei dati sperimentali

Dalle Figura 4.5 (a) e (b) si nota anche in tal caso che la relazione tra accelerazioni
massime in superficie e alla base risulta pressoch lineare. Per valori maggiori di
0.3g le accelerazioni a tergo delle paratie sono maggiori delle accelerazioni misurate
in campo libero. Se il confronto viene eseguito in termini di Intensit di Arias
invece, le amplificazioni sono analoghe a quelle riscontrate per le condizioni di
campo libero.
4.3.2

Sfasamento delle accelerazioni

La propagazione delle onde allinterno dello strato di sabbia dipende dal campo di
frequenze del segnale in ingresso, dal modulo di rigidezza a taglio della sabbia (G) e,
dunque, dal livello di deformazione indotto (). In particolare, lo sfasamento tra le
accelerazioni imposte alla base del modello e quelle misurate in superficie, aumenta
al diminuire di G, quindi allaumentare del terremoto.

Lo sfasamento B; tra le accelerazioni misurate in due punti del terreno calcolato

come:

B; = 2aMm BG

(4.2)

dove BG il tempo necessario affinch londa si propaghi tra i due punti considerati

e aMm la frequenza nominale del segnale in ingresso.

4.4 Elaborazione dei risultati


In questo paragrafo sono discussi i risultati relativi alle prove eseguite in
centrifuga. In particolare sono evidenziati i fenomeni riguardanti il comportamento
tipico delle paratie ancorate ricavando gli spostamenti orizzontali, le rotazioni e le
sollecitazioni indotte nella paratia.

Sono inoltre stati evidenziati i fenomeni di

amplificazione sismica delle accelerazioni nello strato di sabbia.


Nella prova SPW le celle di carico presenti nei puntoni non hanno funzionato
correttamente; non stato dunque possibile misurare la forza assiale nei puntoni.
Per la descrizione dettagliata delle prove si rimanda al capitolo 3.
4.4.1

Prova SPW

La prova SPW stata eseguita su una coppia di paratie con un livello di contrasto
in testa posto ad una distanza pari a 7.5mm dalla sommit delle paratie.

Il terreno

Pagina 56

Capitolo 4. Elaborazione ed interpretazione dei dati sperimentali

utilizzato ha un peso dellunit di volume d= 15.18 kN/m3, che corrisponde ad un


indice dei vuoti e= 0.745 e ad una densit relativa Dr= 67%.
Il modello stato sottoposto a cinque terremoti di stessa frequenza, f = 1Hz,
intensit variabile e di durata pari a 20s alla scala del prototipo. La Figura 4.6
mostra le storie temporali e gli spettri di Fourier delle ampiezze dei segnali in
ingresso applicati alla base del modello (ACC1).

La massima accelerazione

orizzontale imposta di 0.304g per il sisma EQ5.


Storia di accelezioni alla base

Spettro di Fourier
0.1
A (g)

amax = 0.225g

0.2
0
-0.2 amin = -0.220g
-0.4
0
5
10

15

20

25

30

10

10

10

10

10

0.1
A (g)

amax = 0.246g

0.2
0
-0.2
amin = -0.250g
-0.4
0
5
10

0.05

15

20

25

0.05
0

30

0.1
A (g)

a (g)

amax = 0.235g

0.2
0
-0.2 amin = -0.237g
-0.4
0
5
10

15

20

25

0.05
0

30

0.2 amax = 0.270g


0
-0.2 amin = -0.277g
-0.4
0
5
10

A (g)

0.1

15

20

25

0.05
0

30

0.1
A (g)

amax = 0.304g

0.2
0
-0.2 amin = -0.297g
-0.4
0
5
10

15
t (s)

20

25

30

0.05
0

f (Hz)

Figura 4.6 Prova SPW. Storie temporali di accelerazioni e spettri di


Fourier dei segnali imposti (ACC1)

Momenti flettenti
I momenti flettenti delle paratie sono stati misurati con estensimetri disposti lungo
la sezione di mezzeria della paratia (si veda il Par. 3.7.1). La Figura 4.7 mostra la
distribuzione dei momenti flettenti della paratia al termine della fase di accelerazione
Pagina 57

Capitolo 4. Elaborazione ed interpretazione dei dati sperimentali

statica e di ciascun sisma (permanenti). La Figura 4.8 mostra invece linviluppo dei
massimi momenti flettenti misurati durante ciascun terremoto (transitori).
0

0
statico
EQ1
EQ2
EQ3
EQ4
EQ5

Paratia sinistra

Paratia destra
1

z[m]

z [m]

10

10

-40

-80

-120
M[kNm/m]

-160

-200

-200

-160

-120
M [kNm/m]

-80

-40

Figura 4.7 Momenti flettenti al termine di ogni sisma (permanenti)

Paratia destra
1

z[m]

z[m]

Paratia sinistra
1

10

10
0

-50

-100
M[kNm/m]

-150

-200

-200

-150

-100
M[kNm/m]

-50

Figura 4.8 Momenti flettenti massimi durante i sismi (transitori)

Pagina 58

Capitolo 4. Elaborazione ed interpretazione dei dati sperimentali

I momenti flettenti nelle due paratie al termine della fase statica sono praticamente
simmetrici con valori massimi pari a circa 90kNm/m., mentre durante la fase
dinamica si presenta unasimmetria nella distribuzione delle sollecitazioni, dovuta
allasimmetria della sollecitazione imposta al modello. Le sollecitazioni residue
misurate al termine dei terremoti risultano avere valori di circa 161.5kNm/m per la
paratia sinistra e 148.5kNm/m per la paratia destra mentre, durante la fase dinamica,
si registrato momenti flettenti massimi pari a 205.3kNm/m per la paratia sinistra e
193.7kNm/m per la paratia destra. In particolare, il momento flettente al termine del
primo terremoto maggiorato rispetto al momento flettente in condizioni statiche del
60% per la paratia sinistra e del 50% per la paratia destra. Durante i terremoti
successivi, EQ2, EQ3, EQ4 ed EQ5, il momento flettente ha valori simili a quelli
raggiunti al termine del primo terremoto, incrementando leggermente da EQ2 a EQ5
fino ad un massimo incremento del 70% rispetto ai valori statici (EQ5 per la paratia
sinistra).
Infine, il rapporto tra i valori dei momenti flettenti residui e quelli di picco
compreso tra il 75% (EQ5 paratia destra) e il 90% (EQ3 paratia destra).
da osservare che il momento flettente permanente della paratia resta pressoch
costante nei terremoti successivi al primo con un massimo incremento del 0.1%
rispetto al primo terremoto. I momenti flettenti massimi misurati durante i terremoti
hanno invece valori che dipendono dallampiezza dellaccelerazione massima
imposta fino ad un incremento massimo di circa il 22% per EQ5 rispetto ad EQ1. La
Tabella 10 riporta i valori massimi e minimi dellaccelerazione alla base e sul piano
campagna per i cinque terremoti applicati e lintensit di Arias relativa ad ogni storia
temporale.

Tabella 10 Valori dell'accelerazione massima (amax) e dell'intensit di


Arias alla base (ACC4) e sul piano campagna (ACC2)
EQ
1
2
3
4
5

amin(g)
-0.218
-0.244
-0.230
-0.269
-0.300

ACC4
amax(g)
0.231
0.257
0.250
0.288
0.317

Ia(m/s)
2.693
3.571
2.996
4.331
5.897

amin(g)
-0.273
-0.318
-0.308
-0.328
-0.418

ACC2
amax(g)
0.226
0.275
0.266
0.315
0.361

Ia(m/s)
5.573
7.565
6.173
9.259
14.807

Pagina 59

Capitolo 4. Elaborazione ed interpretazione dei dati sperimentali

Spostamenti orizzontali delle paratie


Gli spostamenti orizzontali delle paratie sono stati misurati con trasduttori di
spostamento LVDT, i quali sono stati appesi alla scatola con dei blocchetti di
alluminio.

Nella prova SPW sono presenti due trasduttori sulla paratia destra,

LVDT1 e LVDT2, ad una distanza rispettivamente di 75 mm e 127 mm dalla


sommit della paratia. Nelle Figura 4.9 (a) e (b) sono riportate le storie temporali
degli spostamenti orizzontali della paratia misurati dai due trasduttori. I segnali sono
stati filtrati alla frequenza di 37.5Hz per eliminare le oscillazioni legate al supporto
(si veda il Par. paragrafo 4.2). Le Figura 4.9 (c) e (d) mostrano le storie temporali
delle accelerazioni in campo libero misurate alla base (ACC4) e sulla superficie
(ACC2) del modello.

Pagina 60

Capitolo 4. Elaborazione ed interpretazione dei dati sperimentali

80
LVDT1
u [mm]

60
40

Du = 7mm

20

Du = 4,5mm

Du = 9mm

Du = 2mm

Du = 3mm

(a)

0
0

40

80

120

160

t [s]
80

u[mm]

Du = 15mm

LVDT2

60

Du = 7mm
Du = 10mm

40

Du = 5mm

Du = 16mm

20
(b)
0
0

40

80

120

160

t [s]
0.4
ACC sup
a[g]

0.2
0
-0.2
(c)
-0.4
0

40

80

120

160

t [s]
0.4
ACC base
a[g]

0.2
0
-0.2
(d)

-0.4
0

40

80

120

160

t [s]

Figura 4.9 Distribuzione degli spostamenti orizzontali della paratia


destra durante i cinque eventi sismici. Spostamento in testa
alla paratia (a) e in mezzeria (b). Accelerazione alla base (c) e
in superficie (d)

da notare che la storia temporale degli spostamenti misurati da LVDT2 (Figura


4.9 (b)) risulta avere picchi marcati allinizio di ogni terremoto. Tale comportamento
non indicativo degli spostamenti permanenti della paratia ma da imputare alle
Pagina 61

Capitolo 4. Elaborazione ed interpretazione dei dati sperimentali

oscillazioni proprie del supporto, seppure il segnale sia stato filtrato alle alte
frequenze. Non stato dunque possibile separare totalmente le oscillazioni proprie
del trasduttore dallo spostamento orizzontale della paratia.

Ad ogni modo,

possibile ricavare lo spostamento finale al termine di ogni fase come media dei valori
negli ultimi istanti temporali.
interessante notare che, nel corso degli eventi sismici applicati, si registra un
accumulo di spostamenti permanenti positivi (verso linterno dello scavo) fino ad un
valore massimo di 25.5 mm e 53.0 mm per LVDT1 e LVDT2 rispettivamente. Tale
configurazione corrisponde ad una rotazione rigida delle paratie attorno al puntone
superiore (Figura 4.10).
80

u [mm]
80 60 40 20 0
70 50 30 10

0
1
2

lvdt1
paratia destra

lvdt2

fondo scavo

u [mm]

4
5

z [m]

60

6
7
8

40

9
10

20

LVDT1
LVDT2

40

80

120

160

t [s]

Figura 4.10 Storia temporale degli spostamenti orizzontali della paratia


destra in fase dinamica

Dalle storie temporali degli spostamenti inoltre evidente che durante ogni

terremoto si accumulano spostamenti incrementali permanenti B}, il cui valore


massimo di 15mm (LVDT2 durante EQ5).

interessante notare come

lincremento di spostamento registrato per il terremoto EQ4 risulti essere minore


rispetto a quello registrato durante EQ2 per entrambi i trasduttori sebbene

Pagina 62

Capitolo 4. Elaborazione ed interpretazione dei dati sperimentali

laccelerazione massima e lintensit di Arias siano maggiori in EQ4 piuttosto che in


EQ2 (Tabella 10).

Sfasamento delle accelerazioni


La Figura 4.11 mostra la storia temporale di momenti flettenti della paratia destra
misurati dagli SG2, SG3 e SG5 posti a distanza di 60 mm, 97 mm e 145 mm dalla
sommit della paratia alla scala del modello.
60

M[kNm/m]

40
20

SG5
SG3

SG2

-20
-40
-60
0

10

15
tempo [s]

20

25

30

40

0.4
SG5

0.2

0
SG2

-20

a[g]

M[kNm/m]

20

-0.2
ACC4
ACC2

-40

-0.4
SG3

-60

-0.6
10

11

12

13

14

15

tempo [s]

Figura 4.11 Prova SPW Storie temporali dei momenti flettenti misurati
dagli strain gauges SG2, SG3 e SG5. Confronto con
accelerazione alla base (ACC4) e sul piano campagna (ACC2)

evidente che le sollecitazioni misurate risultano essere in fase tra loro e risultano
avere una frequenza di oscillazione pari alla frequenza nominale del segnale
applicato alla base (1Hz). Dopo aver verificato che le storie temporali dei momenti
flettenti nella paratia sono in fase con la storia di accelerazioni imposta,
interessante eseguire un confronto tra la storia temporale dei momenti flettenti della
paratia e le accelerazioni in campo libero.

Pagina 63

Capitolo 4. Elaborazione ed interpretazione dei dati sperimentali

La Figura 4.12 mostra la storia temporale dei momenti flettenti misurati da SG3
nella paratia destra (a) e sinistra (b). Le accelerazioni sono positive se rivolte verso
destra mentre sono negative se rivolte verso sinistra.

M[kNm/m]

t1
40
20
0
-20
-40
-60

t2

SG3 Paratia destra

(a)

M[kNm/m}

20
SG3 Paratia sinistra

0
-20
-40

(b)

-60

0.4

ACC4
ACC3
ACC2

a[g]

0.2
0
-0.2
-0.4

(c)

accelerazioni in campo libero

-0.6
10

11

12

13

14

15

tempo (s)

Figura 4.12 Confronto tra il momento flettente misurato nella paratia


destra (a), paratia sinistra (b) e storia temporale di
accelerazioni in campo libero (c)

Dalla Figura 4.12 si nota che, quando laccelerazione ha un minimi, per G = G , il


terreno accelerato verso sinistra ovvero i momenti flettenti della paratia sinistra
sono massimi mentre i momenti flettenti della paratia destra sono minimi.

Al

contrario, per G = G , le accelerazioni hanno valori massimi ovvero il terreno


accelerato verso destra ed i momenti flettenti nella parata destra sono massimi

mentre i momenti flettenti della paratia sinistra sono minimi. Tale comportamento
conferma chele storie temporali dei momenti flettenti delle paratie sono in fase con le
storie temporali di accelerazione misurate dagli accelerometri disposti nel modello.

Pagina 64

Capitolo 4. Elaborazione ed interpretazione dei dati sperimentali

4.4.2

Prova DPW2

La prova DPW2 stata eseguita su una coppia di paratie con un livello di contrasto
in testa ed uno a fondo scavo posti rispettivamente a 7.5 mm e 150.0 mm dalla
sommit delle paratie. I puntoni inferiori sono inattivi durante la fase di incremento
dellaccelerazione centrifuga, swing up, e sono attivati prima dellapplicazione dei
terremoti.
Il terreno utilizzato ha un peso dellunit di volume d= 15.31 kN/m3, che
corrisponde ad un indice dei vuoti e= 0.73 e ad una densit relativa Dr= 70%.
Il modello stato sottoposto a cinque terremoti di stessa frequenza, f = 1Hz,
intensit variabile e di durata pari a 20s alla scala del prototipo. La Figura 4.13
mostra le storie temporali e gli spettri di Fourier delle ampiezze dei segnali in
ingresso applicati alla base del modello (ACC1).

La massima accelerazione

orizzontale imposta di 0.321g, raggiunta per il sisma EQ5.

Pagina 65

Capitolo 4. Elaborazione ed interpretazione dei dati sperimentali

Storia di accelezioni alla base

Spettro di Fourier
EQ1

15

20

25

A (g)
15

20

25

10

10

10

10

10

0.05
0

30

A (g)

a (g)

0.1

15

20

25

0.05
0

30

0.1
EQ4

15

20

25

0.05
0

30

0.2

amax = 0.321g

EQ5

A (g)

0.2
0
-0.2
amin = -0.309g
-0.4
0
5
10

EQ3

amax = 0.274g

0.2
0
-0.2 amin = -0.274g
-0.4
0
5
10

EQ2

amax = 0.241g

0.2
0
-0.2
amin = -0.217g
-0.4
0
5
10

0.1

amax = 0.239g

0.2
0
-0.2
amin = -0.230g
-0.4
0
5
10

0.05
0

30

A (g)

0.2 amax = 0.215g


0
-0.2
amin = -0.228g
-0.4
0
5
10

A (g)

0.1

15
t (s)

20

25

30

0.1
0

f (Hz)

Figura 4.13 Prova DPW2. Storie temporali di accelerazioni e spettri di


Fourier dei segnali imposti (ACC1)

Momenti flettenti
La Figura 4.14 mostra la distribuzione dei momenti flettenti sulla paratia al termine
della fase di accelerazione statica e di ciascun sisma (permanenti). La Figura 4.15
mostra invece linviluppo dei massimi momenti flettenti misurati durante ciascun
terremoto (transitori).

Pagina 66

Capitolo 4. Elaborazione ed interpretazione dei dati sperimentali

Paratia sinistra
1

z [m]

z [m]

Paratia destra

1
statico
EQ1
EQ2
EQ3
EQ4
EQ5

10

10
0

-50

-100
M [kNm/m]

-150

-200

-200

-150

-100
M [kNm/m]

-50

-50

Figura 4.14 Prova DPW2. Momenti flettenti al termine di ogni sisma


(permanenti)

Paratia sinistra

Paratia destra

z [m]

z [m]

10

10
0

-50

-100
M [kNm/m]

-150

-200

-200

-150

-100
M [kNm/m]

Figura 4.15 Prova DPW2. Momenti flettenti misurati nel corso degli
eventi sismici (temporanei)

I momenti flettenti nelle due paratie al termine della fase statica sono praticamente
simmetrici con valori massimi pari a circa 80kNm/m, mentre in fase dinamica si

Pagina 67

Capitolo 4. Elaborazione ed interpretazione dei dati sperimentali

presenta unasimmetria nella distribuzione delle sollecitazioni dovuta allasimmetria


della sollecitazione imposta al modello. Le sollecitazioni residue massime risultano
avere valori di circa 148.3kNm/m per la paratia sinistra e 138.3kNm/m per la paratia
destra mentre durante la fase dinamica si registrato momenti flettenti massimi pari a
186.2kNm/m per la paratia sinistra ed a 177.2kNm/m per la paratia destra.
Il momento flettente in fase dinamica risulta essere dunque maggiorato rispetto al
momento flettente misurato in fase statica con incrementi massimi del 85% per la
paratia sinistra (EQ2) e del 97% per la paratia destra (EQ4).
Infine, il rapporto tra i valori dei momenti flettenti residui e quelli di picco
compreso tra il 72% (EQ5 paratia destra) e l 88% (EQ3 paratia destra).
Per completezza di trattazione, la Tabella 11 mostra le accelerazioni massime e
minime raggiunte in ogni fase dinamica imposta e lintensit di Arias relativa.

Tabella 11 Accelerazioni massime e minime e intensit di Arias alla base


(ACC4) e in superficie (ACC2) in condizioni di campo libero
per ogni evento sismico
ACC4

ACC2

EQ

amin(g)

amax(g)

Ia(m/s)

amin(g)

amax(g)

Ia(m/s)

-0.212

0.218

2.08

-0.281

0.269

5.27

-0.240

0.225

2.65

-0.294

0.277

6.51

-0.233

0.215

2.11

-0.280

0.262

5.15

-0.264

0.266

3.28

-0.326

0.302

7.96

-0.314

0.289

4.79

-0.375

0.354

11.76

La Figura 4.16 mostra un confronto tra i momenti flettenti statici e residui misurati
per la prova con un solo livello (SPW) e con due livelli di contrasto (DPW2).

Pagina 68

Capitolo 4. Elaborazione ed interpretazione dei dati sperimentali

z [m]

DPW2
SPW

Paratia destra

statico

residuo

statico

residuo

z [m]

Paratia sinistra

10

10
0

-50

-100
-150
M [kNm/m]

-200

-200

-150

-100
M [kNm/m]

-50

Figura 4.16 Confronto tra il momento flettente statico e residuo per


paratia destra e sinistra

Durante la fase statica, le due prove hanno le stesse condizioni di vincolo. Il


puntone inferiore infatti inattivo. I momenti flettenti misurati al termine della fase
statica dovrebbero dunque essere simili. Dalla Figura 4.16 si nota che il momento
flettente residuo misurato nella prova con un solo livello di contrasto (SPW)
sempre maggiore rispetto a quello misurato per DPW2 (circa il 20%). La densit
relativa del terreno nella prova SPW inferiore rispetto alla densit relativa della
prova DPW2. Tale differenza probabilmente dovuta alla modalit di preparazione
del modello. Le sollecitazioni della paratia dipendono dallo stato di addensamento in
prossimit della paratia il quale varia in dipendenza della modalit di riempimento
della scatola.

Sfasamento delle accelerazioni


La Figura 4.17 mostra la storia temporale di momenti flettenti della paratia destra
misurati dagli SG2, SG3 e SG5 posti a distanza di 60 mm, 97 mm e 145 mm dalla
sommit della paratia alla scala del modello. Durante la fase dinamica SG2 non ha
funzionato correttamente.

Pagina 69

Capitolo 4. Elaborazione ed interpretazione dei dati sperimentali

Come gi evidenziato nella prova SPW, le sollecitazioni misurate risultano essere


in fase tra loro e con laccelerazione imposta e risultano avere una frequenza di
oscillazione pari alla frequenza nominale del segnale di input (1Hz).
60

M[kNm/m]

40
20

SG5
SG3

SG2

-20
-40
0

10

15
tempo [s]

20

25

30

60

0.4

40

0.2

20
0
0

a[g]

M[kNm/m]

SG5

SG3

-0.2

-20

ACC4
ACC2

-40

-0.4
10

11

12

13

14

15

tempo [s]

Figura 4.17 Prova DPW2 Storie temporali dei momenti flettenti misurati
dagli strain gauges SG2, SG3 e SG5. Confronto con
accelerazione alla base (ACC4) e sul piano campagna (ACC2)

Verificato anche in tal caso che i momenti flettenti sono in fase con le accelerazioni
imposte, interessante osservare come variano le sollecitazioni strutturali nel sistema
paratie e puntoni. Nella prova DPW2 stato possibile inoltre eseguire un confronto
con la forza assiale misurata nei puntoni.
Le Figura 4.18 (a) e (b) mostrano la forza assiale misurata rispettivamente nel
puntone superiore (LC1) ed inferiore (LC2) nel corso del terremoto EQ1. La Figura
4.18 (c) mostra la storia temporale dei momenti flettenti in mezzeria alla paratia
destra e sinistra (SG3) mentre la (d) mostra le accelerazioni misurate in campo libero
alla base (ACC4) e sul piano campagna (ACC2).

Pagina 70

Capitolo 4. Elaborazione ed interpretazione dei dati sperimentali

t2

t1

EQ1

200

F [kN]

160
120
80
LC1

40

(a)

200

(b)
LC3

F [kN]

160
120
80
40

M [kNm/m]

0
-20

SG3 sinistra
SG3 destra

(c)

ACC2
ACC4

(d)

-40
-60
-80
0.4

a [g]

0.2
0
-0.2
-0.4
10

11

12

13

14

15

t [s]

Figura 4.18 Prova DPW2 Terremoto EQ1. Forza di compressione nel


puntone superiore (a) e inferiore (b). Momento flettente
misurato nelle paratie (c) e storia temporale di accelerazioni in
campo libero (d)

Allo stesso modo di come osservato per la prima prova, si ha che i momenti
flettenti sono in fase con laccelerazione imposta. interessante osservare che i

Pagina 71

Capitolo 4. Elaborazione ed interpretazione dei dati sperimentali

puntoni superiori hanno dei massimi sia quando le accelerazioni sono massime sia
quando sono minime mentre i puntoni inferiori registrano valori massimi quando
laccelerazione imposta minima (terreno accelerato verso sinistra). Questo implica
che la forza assiale nei puntoni superiori varia con una frequenza doppia rispetto alle
accelerazioni mentre nei puntoni inferiori ha la stessa frequenza dellaccelerazione
imposta.

Forze assiali nei puntoni


La Figura 4.19 mostra la forza assiale misurata dalle celle di carico poste nei
quattro puntoni (due superiori e due inferiori) durante i cinque terremoti. Valori
positivi di forza corrispondono ad una forza di compressione nel puntone.

Per G = 0Q, la Figura 4.19 mostra le forze assiali nei puntoni al termine della fase

di accelerazione statica, i cui valori sono circa uguali a 260kN per i puntoni superiori
(LC1 e LC2) e prossimi al valore nullo per i puntoni inferiori (LC3 e LC4).

Pagina 72

Capitolo 4. Elaborazione ed interpretazione dei dati sperimentali

EQ1

600

EQ3

EQ2

EQ4

EQ5

N [kN]

400

200
LC2
LC1

(a)

600
LC3
LC4

(b)

N [kN]

400

200

0.4
ACC2

a [g]

0.2
0
-0.2
-0.4
0

40

80
t [s]

120

Figura 4.19 Prova DPW2. Incrementi di forza assiale misurate durante i


terremoti nei puntoni superiori (LC1 e LC2) e inferiori (LC3 e
LC4) e storia delle accelerazioni in superficie (ACC2)

Per G > 0Q , i puntoni inferiori sono attivati ovvero la struttura ha un livello di


contrasto aggiuntivo a fondo scavo.
inferiori iniziano a caricarsi

Come mostrato in Figura 4.19c, i puntoni

e le celle di carico

registrano una forza di

Pagina 73

Capitolo 4. Elaborazione ed interpretazione dei dati sperimentali

compressione positiva. In particolare al termine del primo terremoto, le celle di


carico LC3 e LC4 registrano una forza pari a 59.88kN e 8.71kN rispettivamente. La
forza di carico nei puntoni superiori risulta essere invece pari a 419.55kN per LC1 e
406.97kN per LC2.
Nel corso delle successive fasi dinamiche, da EQ2 a EQ5, la forza di compressione
nei puntoni superiori resta costante mentre si nota un incremento graduale della forza
registrata nei puntoni inferiori fino ad un massimo di 202.17kN per LC3 e 160.41kN
per LC4. Tale comportamento probabilmente dovuto al fatto che, in fase dinamica,
la paratia tenderebbe a ruotare attorno al puntone superiore ma la presenza del
secondo livello di contrasto a fondo scavo impedisce cinematicamente gli
spostamenti.
interessante osservare che la forza assiale registrata da LC4 sempre minore
rispetto a LC3. Ci dovuto al meccanismo di attivazione del puntone il quale non
ha funzionato correttamente per il puntone inferiore anteriore.
La Tabella 12 mostra le forze assiali di compressione misurate al termine della fase
statica e di ogni evento sismico.

Tabella 12 Prova DPW2. Forza assiale nei puntoni in fase statica ed al


termine degli eventi sismici
Statico
EQ1
EQ2
EQ3
EQ4
EQ5

LC1 (kN)
259.73
419.38
417.21
423.80
426.37
428.35

LC2 (kN) LC3 (kN) LC4 (kN)


257.36
-0.74
5.93
406.95
59.75
8.77
407.19
58.81
8.21
417.97
78.21
32.47
426.07
112.46
54.80
422.99
202.17
160.41

Pagina 74

Capitolo 5. Modellazione numerica

5 Modellazione numerica

5.1 Premessa
La modellazione numerica, allo stesso modo della modellazione fisica in
centrifuga, consente di riprodurre i fenomeni fisici studiati ma, a differenza di
questultima, ha il vantaggio di poter eseguire un gran numero di analisi e modellare
geometrie anche molto complesse. Nel presente lavoro di tesi sono state realizzare
una serie di analisi numeriche per la validazione dei risultati ottenuti con la
modellazione sperimentale in centrifuga.

In particolare il confronto tra i dati

sperimentali e la modellazione numerica stato eseguito in termini di accelerazioni


allinterno del deposito di sabbia, spostamenti delle paratie e sollecitazioni negli
elementi strutturali.
La modellazione numerica stata eseguita utilizzando il codice di calcolo delle
differenze finite FLAC (Itasca, 2005).

5.2

Codice di calcolo

Il codice di calcolo FLAC (Fast Lagrangian Analysis of Continua) un programma


commerciale basato sul metodo delle differenze finite e sviluppato per la
modellazione di problemi geotecnici sia in campo statico sia in condizioni
dinamiche.

La flessibilit nella modellazione della geometria del problema, la

disponibilit di elementi strutturali e lelevato numero di modelli costitutivi


implementati, rendono FLAC idoneo alla modellazione di praticamente tutti i
problemi piani riguardanti il comportamento meccanico dei terreni e delle strutture
con essi interagenti. Inoltre, FLAC fornisce allutente la possibilit di introdurre

Pagina 75

Capitolo 5. Modellazione numerica

nuovi modelli costitutivi, implementati in apposite subroutine attraverso un


linguaggio di programmazione (FISH) proprio del codice numerico.
Il codice di calcolo FLAC, anche per i problemi in campo statico, risolve le
equazioni di equilibrio dinamico di un mezzo continuo:

1
V

+ 

(5.1)

dove la densit di massa,  la componente i-esima del vettore posizione, } 

la componente i-esima del vettore velocit,  la componente dellaccelerazione di


gravit (forza di volume) lungo la direzione i, z la generica componente del

tensore degli sforzi. La risoluzione del sistema, per essere possibile, necessita di un
legame costitutivo che descriva il materiale, espresso nella forma:
z = (z , w , )

(5.2)

dove M() la forma funzionale della legge costitutiva, k un parametro che tiene

conto della storia di carico ed w la componente generica del tensore delle velocit
di deformazione, espressa dalla:


w =  ( 1 + )

(5.3)

Il codice di calcolo FLAC, come in generale tutti i metodi alle differenze finite e
agli elementi finiti, traduce il sistema di equazioni differenziali che governano il
problema in un sistema di equazioni algebriche scritte in termini delle variabili di
campo (ad esempio tensioni e spostamenti) definite in punti discreti dello spazio. Il
dominio fisico di riferimento discretizzato attraverso una griglia (mesh) composta
da elementi quadrilateri (zone, nella terminologia del programma) suddivisi in due
coppie sovrapposte di triangoli, e configurata in modo da modellare contatti
stratigrafici e morfologie superficiali anche complesse e irregolari. I vertici degli
elementi costituiscono i nodi della griglia, in corrispondenza dei quali sono risolte le
equazioni del problema; le variabili di campo non sono definite allinterno degli
elementi.

Pagina 76

Capitolo 5. Modellazione numerica

Figura 5.1 Algoritmo di integrazione nel tempo adottando dal codice di


calcolo FLAC

FLAC utilizza un algoritmo esplicito di integrazione nel tempo per la soluzione


delle equazioni che governano il problema.

Una rappresentazione schematica

dellalgoritmo mostrata nella Figura 5.1. Ad ogni passo di calcolo vengono risolte
le equazioni di equilibrio dinamico per determinare velocit e spostamenti, a partire
dalle tensioni e dalle forze imposte ai nodi della griglia; successivamente, le velocit
di deformazione sono ricavate dalle velocit e quindi, attraverso le equazioni
costitutive, si ottengono i valori aggiornati delle tensioni. Lipotesi di base
dellapproccio esplicito consiste nel fatto che, durante ciascuna fase rappresentata nei
riquadri, le grandezze vengono ricavate a partire da altre grandezze che si ammettono
costanti durante loperazione. Ad esempio, i valori delle velocit di deformazione
sono considerati fissi durante il calcolo delle tensioni mediante le leggi costitutive
ossia si assume che le nuove tensioni calcolate non influiscano sui valori assunti per
le velocit. Tale ipotesi pu apparire poco accettabile dal punto di vista fisico
poich, se si ha una variazione dello stato tensionale in un nodo, questa influisce sui
nodi ad esso adiacenti, modificandone la velocit di deformazione. Tuttavia, se
lintervallo di tempo t corrispondente al ciclo di calcolo sufficientemente piccolo,
linformazione non pu fisicamente passare da un elemento allaltro durante
quellintervallo e, di conseguenza, elementi contigui non possono effettivamente
Pagina 77

Capitolo 5. Modellazione numerica

influenzarsi reciprocamente durante il periodo di calcolo. Seguendo tale approccio,


non necessario ricorrere ad un processo iterativo per il calcolo delle tensioni a
partire dalle deformazioni in un elemento, anche se lequazione costitutiva
fortemente non lineare; di contro, poich il t richiesto generalmente molto
piccolo, necessario un gran numero di passi di integrazione e, di conseguenza, i
tempi di calcolo possono essere anche molto elevati. Questa condizione implica che

la velocit di propagazione dellinformazione nel dominio computazionale (B BG)


sia sempre maggiore della velocit di propagazione nel dominio fisico (C). Poich la
massima velocit di propagazione, nel dominio fisico, corrisponde alla velocit di
propagazione delle onde di volume nel mezzo, il massimo valore dellintervallo
temporale che pu essere utilizzato durante lanalisi (BGj ) pu essere calcolato
secondo la relazione:

BGj = <H, b? BW

(5.4)

dove A la superficie del subelemento triangolare e BW la dimensione


massima dellelemento.

Dimensione degli elementi


Per la risoluzione dei problemi dinamici, importante la valutazione della
dimensione media dellelemento utilizzato nellanalisi.

Dato che la soluzione

numerica dipende dal contenuto in frequenza dellonda incidente e dalla velocit di


propagazione delle onde, per un accurata modellazione della propagazione
necessario che sia:

B 

(5.5)

dove B rappresenta la dimensione media degli elementi della griglia e la lunghezza


donda associata alla frequenza dominante della sollecitazione dinamica applicata.

5.3 Modello costitutivo


Il modello costitutivo da utilizzare nella modellazione numerica deve essere in
grado di cogliere le caratteristiche fondamentali del comportamento dei terreni in
condizioni dinamiche. Tale scelta garantisce la validit e laffidabilit dei risultati
numerici ottenuti.

I modelli costitutivi elasto-plastici solitamente utilizzati dai


Pagina 78

Capitolo 5. Modellazione numerica

programmi di calcolo non sono generalmente in grado di descrivere laccumulo di


deformazioni irreversibili e di sovrappressioni interstiziali associate a sollecitazioni
dinamiche di elevata frequenza.
Le evidenze sperimentali disponibili mostrano che, tra le caratteristiche della risposta
ciclica/dinamica dei terreni, di particolare rilievo appaiono: (i) la non linearit; (ii)
lirreversibilit e la non linearit incrementale; (iii) il comportamento isteretico; (iv)
la dipendenza dalla storia tensionale. Il modello costitutivo deve dunque essere in
grado di soddisfare tali requisiti.
Nel presente lavoro stato adottato il modello costitutivo sviluppato da
Andrianopoulos et al. (2010), e successivamente implementato nel codice di calcolo
alle differenze finite FLAC (Andrianopoulos et al., 2009).

5.3.1

Modello di Andrianopoulos

Il comportamento del terreno soggetto a sollecitazioni dinamiche intense governato


dallaccumulo di deformazioni permanenti, dalla degradazione del modulo di taglio
del terreno, dallincremento dello smorzamento isteretico e dalla variazione della
struttura del terreno. Tali fenomeni richiedono modelli costitutivi complessi che
possano prevedere la variazione di tali parametri.
Il modello sviluppato da Andrianopoulos (2010), basato sul modello originariamente
proposto da Papadimitriou et al (2001), soddisfa tutte le esigenze di cui sopra. Il
modello costituito da tre superfici a cono aperto con apice nel centro degli assi: (i)
la superficie di stato critico, sulla quale si sviluppano deformazioni a tensione
costante e variazione volumetrica nulla; (ii) la superficie di stato limite, sulla quale
giace la tensione al picco e (iii) la superficie di dilatanza, o di transizione di fase, la
quale indica il segno delle deformazioni volumetriche plastiche durante il processo di

carico. La forma delle tre superfici mostrata nel piano [, ] in Figura 5.2 (a) dove

= zW zj il deviatore e = (zW + 2zj )3 la pressione media efficace. Le tre


curve sono unicamente definite nel piano dal valore del coefficiente angolare
( ,  ,  ) tramite le relazioni:

 =  + 
 =  + 

(5.6)
(5.7)

Pagina 79

Capitolo 5. Modellazione numerica

= U Uj = U # + _ln ()

(5.8)

dove = 0.5(|| + ) mentre  .  ,  , # U _ sono costanti del modello, di


cui le ultime tre associate alla posizione della superficie di stato critico nello spazio

[U ], e le prime due associate allevoluzione delle superfici di stato e di

dilatanza rispetto alla superficie di stato critico (costante), in funzione del parametro

di stato (per < 0 il materiale esibisce un comportamento dilatante, per > 0 si


ha un comportamento contraente, mentre = 0 corrisponde alla condizione di stato
critico).

(a)

(b)

Figura 5.2 Superfici del modello nel piano q-p (a) e nel piano
deviatorico (b)

Lestensione delle tre superfici a condizioni di carico multi assiali mostrata


graficamente nella Figura 5.2b, che riporta la forma di tali superfici nel piano
deviatorico (ortogonale allasse idrostatico), definito in termini del tensore di
obliquit = dove = il tensore deviatorico delle tensioni, il

tensore degli sforzi efficaci e I il tensore identit. Le tre superfici dipendono

dallangolo di Lode, 9 , secondo la relazione:

,, = (9, O),,

(5.9)

dove ,, definisce lapertura delle tre superfici lungo la direzione individuata
dallangolo di Lode, in funzione dellapertura in condizioni di compressione
triassiale, ,, , e della costante c, definita dal rapporto tra la pendenza della

Pagina 80

Capitolo 5. Modellazione numerica

superficie di stato critico in estensione  e in compressione triassiale  , ossia


O =   . La funzione (9, O) definita dallequazione
(9, O) = -


&



/
 (f


&





cos (39)^

(5.10)

dove langolo di Lode definito in termini del tensore obliquit coniugato  , ossia
la proiezione del tensore obliquit sulla superficie di stato limite attraverso
cos(39) =

ff

 

(5.11)

dove J2 e J3 sono rispettivamente il secondo e il terzo invariante del tensore  .


5.3.2

Parametri del modello costitutivo

Il modello costitutivo di Andrianopoulos caratterizzato da 13 costanti, le quali


sono state ricavate a partire dalle prove di laboratorio realizzate da Visone (2008).
Tali costanti e i relativi valori utilizzati nelle analisi sono indicate in Tabella 5.1

Tabella 5.1 Parametri del modello utilizzato e valori adottati


Parametro
U#W
_








Descrizione
posizione CSL
posizione CSL
resistenza a stato critico in TXC
resistenza a stato critico in TXE
coeff. per la superficie di stato limite (picco)
coeff. per la superficie di dilatanza
costante del modulo di taglio
decadimento del modulo di taglio
decadimento del modulo di taglio
coeff. di Poisson
costante di dilatanza
costante del modulo plastico
costante dellindice di tessitura (fabric)

Valore
0.825
0.037
1.346
0.867
3.457
1.041
800
0.5 [0.75]
0.00025
0.3
1
50000
30000

Le costanti  e  definiscono la pendenza della superficie di stato critico nel

piano [, ] degli invarianti di tensione, le costanti _ e UOQ rappresentano lindice

dei vuoti in condizioni di stato critico, per = W e individuano la posizione della

superficie di stato critico nel piano [U, H]. Le costanti  e  definiscono la

dipendenza delle superfici di stato limite e di dilatanza dal parametro di stato ;. Le

Pagina 81

Capitolo 5. Modellazione numerica

costanti B e definiscono la rigidezza del materiale a piccole deformazioni mentre le


costanti  e  definiscono la curva di decadimento del modulo di rigidezza a taglio.

5.3.3

Colonna monodimensionale

La capacit previsionale del modello e laccuratezza dei parametri adottati sono


stati verificate preliminarmente con analisi numeriche semplificate. In particolare,
stato studiato il comportamento di una colonna monodimensionale alla cui base sono
applicate le storie di accelerazioni applicate in centrifuga alla base della scatola.
Questa procedura consente di verificare se il modello costitutivo adottato riesca a
cogliere il comportamento del terreno in condizioni di campo libero e, quindi, di
verificare lattendibilit dei risultati numerici. Le accelerazioni calcolate in tal modo
sono state confrontate con le accelerazioni misurate dagli accelerometri disposti
lungo la verticale in campo libero (ACC4, ACC3, ACC2).
Per la scelta dei parametri da utilizzare nelle analisi numeriche di colonna
monodimensionale sono inoltre state eseguite analisi di sensibilit del risultato. In
particolare stata analizzata linfluenza della (i) dimensione degli elementi, (ii)
dellintervallo temporale BGj e (iii) di alcuni parametri del modello (a1, h0, A0).
La Figura 5.3 mostra la mesh finale adottata per lanalisi.

In accordo con

lequazione 5.5 le dimensioni degli elementi sono compatibili con il contenuto in


frequenza delle accelerazioni misurate in centrifuga mentre lintervallo temporale

BGj di 4 10 Q in accordo con lequazione 5.6.

La simulazione ha compreso una fase statica iniziale nella quale definito lo stato
tensionale allinterno della colonna. Tale fase necessaria in quanto la risposta del
materiale in fase dinamica dipende dallo stato tensionale efficace. Durante la fase
statica, gli spostamenti dei nodi alla base della colonna sono vincolati in entrambe le
direzioni, mentre i nodi lungo i due contorni laterali sono bloccati in direzione
orizzontale. Il coefficiente di spinta a riposo imposto pari a  = 1 Q<H;j

mentre la fase di incremento dellaccelerazione centrifuga non stata simulata ma


stata imposta direttamente unaccelerazione pari a 50g.
Dopo linizializzazione dello stato tensionale geostatico allinterno della colonna
monodimensionale sono rimossi sia i vincoli imposti alla base della griglia sia quelli
applicati lungo i contorni laterali. I nodi situati alla stessa quota lungo i lati della

Pagina 82

Capitolo 5. Modellazione numerica

griglia sono vincolati in modo da avere gli stessi spostamenti; ai due nodi posti in
corrispondenza del contorno inferiore invece, sono applicate in direzione orizzontale
le storie temporali delle accelerazioni misurate in centrifuga alla base dei modelli
(ACC1), mentre la componente di velocit in direzione verticale posta pari a zero.

Figura 5.3 Schema della colonna monodimensionale per la validazione


del modello costitutivo

Analisi dei risultati


Come specificato nel paragrafo 5.3.3, prima di effettuare le analisi numeriche
totali, sono state effettuate analisi di sensibilit del risultato sul modello di colonna
monodimensionale. I risultati sono stati confrontati con i valori di accelerazione
misurati in campo libero durante le analisi in centrifuga. La Tabella 5.2 mostra i
valori utilizzati per le analisi svolte.

Pagina 83

Capitolo 5. Modellazione numerica

Tabella 5.2 Analisi di colonna monodimensionale


Parame
tri
dmax
mesh

tcr

a1

h0

A0

Valore
50mm
30mm
1x10-7s
4x10-7s
8x10-8s
0.5
0.75
1<j<2
a1=0.75
2 < j < 17
a1=0.5
30000
50000
100000
0.5
1
1.5

La Figura 5.4c mostra le storie temporali delle accelerazioni misurate in centrifuga


dallaccelerometro ACC4 alla base del modello durante il terremoto EQ1 della prova
SPW. Le Figura 5.4 (a) e (b) mostrano il confronto tra le accelerazioni calcolate in
superficie e le accelerazioni misurate in centrifuga (ACC2) al variare della
dimensione degli elementi della mesh utilizzata (a) e dellintervallo temporale (b). I
valori sono riportati alla scala del modello. Nellintervallo di valori analizzato si
nota che il risultato non varia utilizzando un tempo di calcolo inferiore o una
dimensione degli elementi minore. Per evitare tempi di calcolo molto lunghi ma
garantire laccuratezza del risultato stato dunque scelto dmax=50mm e tcr = 4x10-7
s.

Pagina 84

Capitolo 5. Modellazione numerica

accelerazione in superficie

dmax= 30mm

a [m/s2]

(a)

dmax = 50mm

100

Dati sperimentali

-100

accelerazione in superficie

Dtcr= 1x10-7s

(b)

Dtcr= 4x10-7s

100

Dtcr= 8x10-8s

a [m/s2]

Dati sperimentali

-100

accelerazione alla base

Dati sperimentali
Dati numerici

(c)

a [m/s2]

100

-100

0.32

0.33

0.34
t [s]

0.35

0.36

Figura 5.4 Confronto tra le storie temporali delle accelerazioni alla base
(c) e in superficie al variare della dimensione degli elementi
(a) e dellintervallo temporale (b).

Allo stesso modo, in Figura 5.5 sono confrontate le storie temporali in superficie al
variare di alcuni parametri del modello costitutivo. In particolare sono riportate le
storie temporali in superficie al variare della costante di decadimento del modulo di
taglio a1 (Figura 5.5a), della costante del modulo plastico h0 (Figura 5.5b) e della
costante di dilatanza A0 (Figura 5.5c).

Pagina 85

Capitolo 5. Modellazione numerica

200

a1 = 0.5

accelerazione in superficie

a1 = 0.75 base
a1 = 0.5 superficie
Dati sperimentali

100
a [m/s2]

(a)

a1 = 0.75

0
-100
-200
200

accelerazione in superficie

h0 = 30000

(b)

h0 = 50000
h0 = 100000
Dati sperimentali

a [m/s2]

100
0
-100
-200
200

accelerazione in superficie

A0 = 0.5

(c)

A0 = 1
A0 = 1.5
Dati sperimentali

a [m/s2]

100
0
-100
-200
200

accelerazione alla base

Dati sperimentali
Dati numerici

(d)

a [m/s2]

100
0
-100
-200
0.32

0.33

0.34
t [s]

0.35

0.36

Figura 5.5 Confronto tra le storie temporali delle accelerazioni alla base
(d) e in superficie al variare della costante di decadimento del
modulo di taglio a1(a), costante del modulo plastico h0 (b) e
costante di dilatanza A0 (c)

Dalle Figura 5.5 (b) e (c) risulta evidente che, nellintervallo di valori considerato,
il risultato non varia al variare dei parametri h0 e A0. La Figura 5.5 (a) mostra invece

Pagina 86

Capitolo 5. Modellazione numerica

la dipendenza della risposta dalla costante di decadimento del modulo di taglio, a1.
Per valori di a1 crescenti, la massima accelerazione misurata in superficie aumenta.
Infatti, per a1=0.75, la massima accelerazione risulta essere pari a 0.42g mentre per
a1=0.5 risulta 0.30g. Tale comportamento associato al fatto che, per valori di a1
crescenti, la rigidezza G del materiale decade pi rapidamente ovvero la curva di
decadimento G- pi ripida.

Se vengono utilizzati nel modello valori di a1

maggiori di quelli effettivamente esibiti dal materiale, il modello sovrastima il


modulo di rigidezza a taglio G e non riesce a cogliere correttamente il decadimento
del modulo di rigidezza con la deformazione mobilitata.

5.4 Descrizione del modello numerico


Nellambito del presente lavoro di tesi la simulazione numerica stata effettuata
solo per la prova con un unico livello di contrasto, prova SPW. Le analisi sono state
eseguite con uno schema bidimensionale, in condizioni di deformazione piana. La
simulazione riproduce la geometria del modello fisico realizzato in centrifuga.
Lapplicazione dei carichi viene riprodotta in due fasi: fase statica e fase dinamica.
La fase statica viene riprodotta incrementando laccelerazione gravitazionale da 0 a
50g con passi di carico graduali. Successivamente, vengono applicate le cinque
storie temporali di accelerazione misurate in centrifuga alla base dei modelli.
5.4.1

Geometria

La Figura 5.6 mostra la mesh utilizzata per la modellazione numerica.

La

larghezza del dominio pari a 675 mm, corrispondente alla larghezza del contenitore
e laltezza 400mm, equivalente alla profondit dello strato di sabbia nei modelli
fisici. La profondit e la larghezza dello scavo sono rispettivamente 150 mm e 200
mm, mentre laltezza totale delle paratie 200 mm.

Pagina 87

Capitolo 5. Modellazione numerica

Figura 5.6 Mesh utilizzata per la simulazione numerica relativa alla


prova SPW. Scala del modello.

Il puntone si trova ad una profondit di 18.75 mm sebbene nelle prove in centrifuga


sia stato collocato a 7.5 mm. Analisi parametriche preliminari hanno infatti mostrato
un migliore accordo della soluzione numerica con i dati sperimentali per una
profondit del puntone maggiore di quella reale. Ci probabilmente dovuto alle
dimensioni finite delle cerniere utilizzate nel modello fisico per sorreggere il
puntone, le quali non assicurano la puntualit del sistema di contrasto. La mesh
costituita da 650 elementi la cui dimensione massima di 50x30 mm nella parte
inferiore del dominio e la minima 20x12.5 mm in prossimit delle paratie. La
discretizzazione adottata per la mesh, valutata sulla base di uno studio parametrico
preliminare, deriva dal compromesso tra la necessit di ridurre i tempi di calcolo
relativi alle analisi numeriche e la possibilit di descrivere compiutamente il
fenomeno di interazione tra il terreno e le paratie, in condizioni sia statiche sia
dinamiche.
Gli elementi strutturali paratie e puntelli sono stati modellati mediante elementi beam
con un modello costitutivo elastico lineare isotropo. La Tabella 5.3 riporta i valori
adottati per le grandezze geometriche (area della sezione trasversale A, momento di

Pagina 88

Capitolo 5. Modellazione numerica

inerzia I), meccaniche (modulo elastico E) e fisiche (densit di massa ) degli


elementi strutturali. Le grandezze sono riportate alla scala del modello.

Tabella 5.3 Grandezze geometriche, meccaniche e fisiche per gli


elementi strutturali (scala del modello)
Elemento

E [kN/m2]

I [m4/m]

A[m2/m]

[t/m3]

Paratia

6.85x107

1.8x10-8

6x10-3

2.752

Puntone

6.85x10

3.94x10

-9

4.28x10

-4

2.752

Analogamente a come stato fatto per le analisi numeriche su colonna


monodimensionale, sono state eseguite delle analisi di sensibilit sul risultato per il
lintero modello.

Lincertezza dei risultati pu infatti dipendere da fattori (i)

numerici quali il numero di passi temporali da eseguire durante lincremento


dellaccelerazione gravitazionale da 0 a 50g, il numero di iterazioni da effettuare per
ogni passo e la mesh utilizzata; (ii) geometrici, quali la profondit del puntone,
linterfaccia terreno-struttura e il peso elementi strutturali; e dalle (iii) caratteristiche
del terreno, quali la densit relativa della sabbia e la rigidezza del terreno G0. Le
analisi preliminari svolte hanno permesso di individuare la migliore combinazione di
parametri tale da approssimare al meglio il comportamento sperimentale di
centrifuga.
5.4.2

Fase statica

La simulazione della fase dinamica preceduta da una fase iniziale statica nella
quale laccelerazione di gravit incrementata dal valore iniziale di 1g fino al valore
finale di 50g. Nel corso di tale fase vengono imposti spostamenti nulli alla base del
dominio mentre lungo i contorni laterali sono bloccati solo gli spostamenti
orizzontali. Allinizio dellanalisi il volume di scavo ancora non stato rimosso e lo
stato tensionale iniziale risulta essere definito dal coefficiente di spinta a riposo
= 1 Q<H;j con ;j = 32.

Dopo aver fissato lo stato tensionale iniziale in tutti i punti del dominio, gli elementi
interni allo scavo vengono eliminati simultaneamente. Tale procedura riproduce
fedelmente la fase di scavo della modellazione sperimentale eseguita ad 1g. Al
termine dello scavo laccelerazione gravitazionale viene incrementata da 0 a 50g con
Pagina 89

Capitolo 5. Modellazione numerica

successivi passi di carico, cos come avviene nella sperimentazione in centrifuga. Il


numero di passi definito con analisi preliminari come specificato nel par. 5.4.1. Al
termine della fase statica sono poi applicate ai nodi alla base del modello le storie di
accelerazioni misurate in centrifuga.

5.4.3

Fase dinamica

Al termine della fase statica, prima dellinizio della fase dinamica, sono state
eliminate le condizioni al contorno imposte e applicate delle nuove condizioni al
contorno. La fase dinamica necessita infatti di condizioni al contorno differenti per
poter modellare la presenza del contenitore ESB. Tuttavia, se il contenitore non
influisce in modo significativo sul fenomeno osservato, ovvero le accelerazioni
lontano dalla paratia sono le accelerazioni in condizioni di campo libero, i contorni
possono essere modellati semplicemente imponendo che gli spostamenti dei nodi del
contorno destro e sinistro siano uguali.
Le analisi di colonna monodimensionale, di cui al par. 5.3.3, svolte in condizioni di
campo libero, mostrano che i dati sperimentali sono in buon accordo con le analisi
numeriche. Ci implica che, per le analisi svolte, la presenza del contenitore non
sembra influire significativamente sulla risposta del terreno.
In tutte le analisi svolte quindi, non stata modellata la presenza del contenitore
ESB e i contorni laterali della mesh sono tra loro vincolati in modo da subire gli
stessi spostamenti.
Per la fase dinamica sono dunque stati imposti ai nodi alla base del dominio i
cinque eventi sismici applicati durante le prove in centrifuga.

Le storie di

accelerazione sono state preventivamente corrette da errori di baseline, in modo che


al termine di ogni terremoto lo spostamento alla base del modello risulti sempre
nullo.

5.5 Interpretazione dei risultati


La simulazione numerica della prova SPW stata effettuata utilizzando la mesh
mostrata in Figura 5.6 dove sono indicati anche il posizionamento del puntone e

Pagina 90

Capitolo 5. Modellazione numerica

degli accelerometri nel modello numerico. La geometria del modello fisico e la


posizione dei trasduttori indicato nel par. 3.10.1.
La densit relativa della sabbia stata posta uniforme e pari a 67%, la quale
corrisponde ad un peso per unit di volume d = 15.19kN/m3 e un indice dei vuoti
e=0.745. Teoricamente, a causa della modalit di infissione delle paratie nel modello
(par. 3.9), lo stato di addensamento in prossimit delle paratie nel modello fisico
potrebbe risultare maggiore.

Analisi parametriche preliminari hanno comunque

mostrato un migliore accordo con i dati sperimentali per un valore costante della
densit relativa nel modello.

Accelerazioni nello strato di sabbia


Le accelerazioni nello strato di sabbia sono riportate in relazione alla loro posizione
e confrontate con le accelerazioni misurate nel modello fisico alla stessa quota. Le
Figura 5.7, 5.9 e 5.11 mostrano le storie temporali di accelerazioni misurate in
prossimit dello scavo per i terremoti EQ1, EQ2 ed EQ3 rispettivamente.

In

particolare (a) mostra la storia temporale di accelerazioni al di sotto del fondo scavo,
(b) e (c) le accelerazioni dietro la parata sinistra, in sommit e al piede
rispettivamente e (d) la storia temporale di accelerazioni imposta alla base.
Le Figure 5.8, 5.10 e 5.12 mostrano le storie di accelerazioni in condizioni di
campo libero per EQ1, EQ2 e EQ3 rispettivamente. In tal caso le figure mostrano le
storie temporali di accelerazioni in campo libero rispettivamente alla base (c), a met
dello strato (b) e in sommit (a). I valori sono alla scala del prototipo.
Dallanalisi dei risultati possibile osservare che le accelerazioni calcolate in
superficie con il modello numerico sono leggermente differenti da quelle misurate in
centrifuga. Tale comportamento probabilmente dovuto alla scelta delle costanti del
modello adottate.

Una taratura del modello costitutivo pi approfondita

permetterebbe comunque di ottenere le costanti che meglio rappresentino il


comportamento fisico di centrifuga. Per tutti gli altri accelerometri disposti nel
modello le accelerazioni calcolate numericamente sono in perfetto accordo con
quelle misurate in centrifuga.
Complessivamente, le accelerazioni calcolate sono in accordo con quelle misurate
in centrifuga per tutti i terremoti applicati al modello. dunque evidente che il
Pagina 91

Capitolo 5. Modellazione numerica

modello costitutivo adottato in grado di riprodurre il comportamento esibito dal


terreno, per tutti i livelli di deformazione indotti durante gli eventi sismici della
prova SPW.

0.4
0.2
a [g]

num
sperim

accelerazione sotto il fondo scavo


(ACC8)

(a)

0
-0.2
-0.4
0.4
0.2

a [g]

(b)

accelerazione dietro paratia sinistra, sommit


(ACC5)

0
-0.2
-0.4
0.4

a [g]

0.2

accelerazione dietro paratia sinistra, fondo scavo


(ACC6)

(c)

accelerazione alla base


(ACC1)

(d)

0
-0.2
-0.4

0.4

a [g]

0.2
0
-0.2
-0.4
10

11

12

13

14

15

t [s]

Figura 5.7 Prova SPW. Terremoto EQ1.


Storie temporali di
accelerazioni: (a) al di sotto del fondo cavo; (b) in superficie
dietro la paratia sinistra; (c) dietro la paratia sinistra allaltezza
del fondo scavo e (d) alla base.

Pagina 92

Capitolo 5. Modellazione numerica

0.4

num
sperim

(a)

a [g]

0.2

accelerazione in campo libero in superficie


(ACC2)

-0.2
-0.4
0.4

(b)

accelerazione in campo libero a met dello strato


(ACC3)

a [g]

0.2
0

-0.2
-0.4
0.4

accelerazione in campo libero alla base


(ACC4)

a [g]

0.2

(c)

-0.2
-0.4
10

11

12

13

14

15

t [s]

Figura 5.8
Prova SPW. Terremoto EQ1.
Storie temporali di
accelerazioni in condizioni di campo libero: (a) in superficie;
(b) a met dello strato; (c) alla base.

Pagina 93

Capitolo 5. Modellazione numerica

0.4
0.2
a [g]

num
sperim

accelerazione sotto il fondo scavo


(ACC8)

(a)

0
-0.2
-0.4
0.4
0.2

a [g]

(b)

accelerazione dietro paratia sinistra, sommit


(ACC5)

0
-0.2
-0.4
0.4

a [g]

0.2

accelerazione dietro paratia sinistra, fondo scavo


(ACC6)

(c)

accelerazione alla base


(ACC1)

(d)

0
-0.2
-0.4

0.4

a [g]

0.2
0
-0.2
-0.4
10

11

12

13

14

15

t [s]

Figura 5.9
Prova SPW. Terremoto EQ2.
Storie temporali di
accelerazioni: (a) al di sotto del fondo cavo; (b) in superficie
dietro la paratia sinistra; (c) dietro la paratia sinistra allaltezza
del fondo scavo e (d) alla base.

Pagina 94

Capitolo 5. Modellazione numerica

0.4

a [g]

0.2

accelerazione in campo libero in superficie


(ACC2)

num
sperim

(a)

0
-0.2
-0.4
0.4
0.2

a [g]

(b)

accelerazione in campo libero a met dello strato


(ACC3)

0
-0.2
-0.4
0.4

accelerazione in campo libero alla base


(ACC4)

a [g]

0.2

(c)

0
-0.2
-0.4
10

11

12

13

14

15

t [s]

Figura 5.10 Prova SPW. Terremoto EQ2. Storie temporali di


accelerazioni in condizioni di campo libero: (a) in superficie;
(b) a met dello strato; (c) alla base.

Pagina 95

Capitolo 5. Modellazione numerica

0.4
0.2
a [g]

num
sperim

accelerazione sotto il fondo scavo


(ACC8)

(a)

0
-0.2
-0.4
0.4
0.2

a [g]

(b)

accelerazione dietro paratia sinistra, sommit


(ACC5)

0
-0.2
-0.4
0.4

a [g]

0.2

accelerazione dietro paratia sinistra, fondo scavo


(ACC6)

(c)

accelerazione alla base


(ACC1)

(d)

0
-0.2
-0.4

0.4

a [g]

0.2
0
-0.2
-0.4
10

11

12

13

14

15

t [s]

Figura 5.11 Prova SPW. Terremoto EQ3. Storie temporali di


accelerazioni: (a) al di sotto del fondo cavo; (b) in superficie
dietro la paratia sinistra; (c) dietro la paratia sinistra allaltezza
del fondo scavo e (d) alla base.

Pagina 96

Capitolo 5. Modellazione numerica

0.4

a [g]

0.2

accelerazione in campo libero in superficie


(ACC2)

num
sperim

(a)

0
-0.2
-0.4
0.4
0.2

a [g]

(b)

accelerazione in campo libero a met dello strato


(ACC3)

0
-0.2
-0.4
0.4

accelerazione in campo libero alla base


(ACC4)

a [g]

0.2

(c)

0
-0.2
-0.4
10

11

12

13

14

15

t [s]

Figura 5.12 Prova SPW. Terremoto EQ3. Storie temporali di


accelerazioni in condizioni di campo libero: (a) in superficie;
(b) a met dello strato; (c) alla base.

Momenti flettenti
La Figura 5.13 mostra i momenti flettenti misurati nella paratia sinistra al termine
della fase statica e dei primi tre terremoti applicati e quelli calcolati nella simulazione
numerica. La Figura 5.14 mostra la stessa distribuzione per la paratia destra.

Pagina 97

Capitolo 5. Modellazione numerica

PARATIA SINISTRA
0
numerico

statico
EQ1
EQ2
EQ3

sperimentale

-2

z [m]

-4

-6

-8

(a)

(b)

-10
0

50

100
150
M [kNm/m]

200

50

100
150
M [kNm/m]

200

Figura 5.13 Distribuzione dei momenti flettenti sulla paratia sinistra in


fase statica e al termine dei primi tre terremoti: numerica (a) e
sperimentale (b)
PARATIA DESTRA
0
statico
EQ1
EQ2
EQ3

numerico

sperimentale

-2

z [m]

-4

-6

-8

(a)

(b)

-10
-200

-150 -100
-50
M [kNm/m]

-200

-150 -100
-50
M [kNm/m]

Figura 5.14 Distribuzione dei momenti flettenti sulla paratia destra in


fase statica e al termine dei primi tre terremoti: numerica (a) e
sperimentale (b)

Pagina 98

Capitolo 5. Modellazione numerica

evidente notare che per la paratia sinistra la distribuzione dei momenti flettenti
calcolata numericamente in accordo con i momenti flettenti misurati in centrifuga
dagli strain gauge. Al contrario, per la paratia destra, le sollecitazioni calcolate sono
pi grandi di quelle misurate. Infatti le massime sollecitazioni misurate durante i
terremoti risultano essere 137kNm/m, 143kNm/m e 148kNm/m per EQ1, EQ2 ed
EQ3 rispettivamente mentre le sollecitazioni calcolate sono di 198kNm/m,
212kNm/m e di 191kNm/m per EQ1, EQ2 e EQ3 rispettivamente.
Lazione esercitata dai cavi degli strain gauge lungo la sezione centrale della
paratia potrebbe influenzare lentit delle sollecitazioni misurate dai trasduttori ma la
differenza evidente solo nella paratia destra.

Forza assiale nel puntone


Le Figure 5.15 , 5.16 e 5.17 mostrano la forza assiale calcolata nel puntone (a) al
termine del terremoto EQ1, EQ2 e EQ3 rispettivamente. Sono inoltre mostrate le
storie di accelerazione in superficie dietro la paratia sinistra (b) e alla base (c)
calcolate numericamente e misurate in centrifuga. Non stato possibile confrontare
la forza assiale nei puntoni calcolata con i valori misurati in centrifuga a causa del
problema riscontrato con le celle di carico durante la prova SPW (vedi par 3.7.5).
evidente che, per tutti e tre i terremoti, la storia temporale della forza assiale nel
puntone ha la stessa frequenza delle accelerazioni misurate nel modello.
La forza assiale nei puntoni in fase statica cresce linearmente fino ad un massimo
valore di 82kN/m. Durante il primo terremoto la forza nel puntone aumenta fino al
massimo valore di 133kN/m che corrisponde ad un incremento del 62% rispetto alla
fase statica. Durante i successivi terremoti, la forza resta costante con valori massimi
di 137kN/m e 130kN/m per EQ2 ed EQ3 rispettivamente.

Pagina 99

Capitolo 5. Modellazione numerica

140

(a)

num
sperim

t = t2

t = t1

F [kN/m]

130

120

110

0.4

(b)

accelerazione superficie dietro paratia sinistra


(ACC5)

a [g]

0.2
0
-0.2
-0.4

0.4

(c)

accelerazione alla base


(ACC1)

a [g]

0.2
0
-0.2
-0.4
10

11

12

13

14

15

t [s]

Figura 5.15 Prova SPW EQ1. Storia temporale della forza assiale nel
puntone (a), delle accelerazioni in superficie vicino la paratia
(b) e delle accelerazioni alla base del modello.

Pagina 100

Capitolo 5. Modellazione numerica

140

(a)

t = t2

t = t1

num
sperim

F [kN/m]

130

120

110

(b)

0.4

accelerazione superficie dietro paratia sinistra


(ACC5)

a [g]

0.2
0
-0.2
-0.4

(c)

0.4

accelerazione alla base


(ACC1)

a [g]

0.2
0
-0.2
-0.4
10

11

12

13

14

15

t [s]

Figura 5.16 Prova SPW EQ2. Storia temporale della forza assiale nel
puntone (a), delle accelerazioni in superficie vicino la paratia
(b) e delle accelerazioni alla base del modello.

Pagina 101

Capitolo 5. Modellazione numerica

140

(a)

num
sperim

t = t2

t = t1

F [kN/m]

130

120

110

(b)

0.4

accelerazione superficie dietro paratia sinistra


(ACC5)

a [g]

0.2
0
-0.2
-0.4

(c)

0.4

accelerazione alla base


(ACC1)

a [g]

0.2
0
-0.2
-0.4
10

11

12

13

14

15

t [s]

Figura 5.17 Prova SPW EQ3. Storia temporale della forza assiale nel
puntone (a), delle accelerazioni in superficie vicino la paratia
(b) e delle accelerazioni alla base del modello.

Tensioni orizzontali
La Figura 5.18 mostra la distribuzione delle tensioni orizzontali sulla paratia sinistra
(a) e destra (b) calcolate al termine della fase statica e dei tre terremoti. Nella stessa
figura sono riportate le distribuzioni di tensioni orizzontale in condizioni di stato
limite attivo e passivo calcolate utilizzando la teoria di Lancellotta utilizzando un

Pagina 102

Capitolo 5. Modellazione numerica

angolo di attrito del terreno =32 e un angolo di attrito al contatto paratia terreno
pari a =12.
Si nota che le tensioni orizzontali a monte della paratia al termine dei terremoti
sono maggiori rispetto alle tensioni orizzontali calcolate al termine della fase statica
mentre a valle si ha un incremento notevole della tensioni orizzontali fino a
mobilitare

quasi

interamente

la

resistenza

passiva

al

termine

di

EQ3.

Complessivamente, lo stato tensionale nel terreno pi lontano dalle condizioni di


stato limite. Lincremento delle tensioni orizzontali nel terreno, e labbassamento del
baricentro della distribuzione delle tensioni di contatto a valle, determinano un
incremento permanente delle sollecitazioni negli elementi strutturali al termine del
terremoto. Lincremento della forza assiale al termine del primo terremoto, come gi
visto nel paragrafo precedente, associato in parte allincremento della tensione
orizzontale a monte della paratia destra e, in parte, al fatto che gli spostamenti del
sistema paratie puntone tendono a mobilitare la resistenza passiva del terreno a
monte della paratia sinistra, in corrispondenza del sistema di contrasto. Questo
costituisce una sostanziale differenza rispetto a quanto osservato nelle prove su
paratie vincolate, dove il comportamento delle due pareti durante levento sismico, se
disposte sufficientemente lontane luna dallaltra, sostanzialmente indipendente.

Pagina 103

Capitolo 5. Modellazione numerica

0
paratia sinistra

(a)

(b)

paratia destra

-1
statico
EQ1
EQ2
EQ3

-2

-3

z [m]

-4

-5

-6

-7
fondo scavo

fondo scavo

-8

-9

-10
-200

-100

0
sh [kPa]

100

200 200

100

0
sh [kPa]

-100

-200

Figura 5.18 Tensioni orizzontali negli elementi a contatto con la paratia


sinistra (a) e destra (b) al termine della fase statica e dei tre
eventi sismici applicati

Pagina 104

Conclusioni

Conclusioni

Il presente lavoro ha trattato lo studio del comportamento di opere di sostegno


flessibili soggette ad azioni sismiche. Il lavoro stato svolto con lesecuzione di
prove dinamiche in scala ridotta svolte in centrifuga presso il centro di ricerca
Schofield dellUniversit di Cambridge e la modellazione numerica eseguita con un
codice di calcolo alle differenze finite. Lattivit di ricerca ha permesso di valutare
la risposta di paratie con uno e due livelli di contrasto in condizioni dinamiche.
La modellazione fisica ha compreso tre prove su coppie di paratie immerse in uno
strato di sabbia asciutta, di cui una prova con un solo livello di contrasto in testa e
due prove con un livello di contrasto aggiuntivo al fondo scavo. Le prove con due
livelli di contrasto sono state indirizzate ad analizzare linfluenza del solettone di
fondo in condizioni dinamiche.

La modellazione numerica stata eseguita

utilizzando un modello costitutivo avanzato, in grado di prevedere le caratteristiche


fondamentali del comportamento dei terreni in condizioni dinamiche. In particolare,
il confronto tra i dati numerici e sperimentali ha permesso di valutare laffidabilit
delle previsioni numeriche.

Considerazioni
In riguardo ai risultati ricavati nel capitolo 4 e 5 sono ora illustrate le considerazioni
tratte dalle prove eseguite in centrifuga e dalle analisi numeriche svolte.
La modellazione fisica in centrifuga stata indirizzata allo studio del comportamento
delle paratie con uno e due livelli in contrasto. Dai risultati ottenuti, evidente che
la presenza del secondo livello di contrasto a fondo scavo limita gli spostamenti in
fase dinamica rendendo la struttura complessivamente pi rigida. In particolare i

Pagina 104

Conclusioni

cedimenti in superficie e gli spostamenti della paratia risultano essere ridotti rispetto
alla prova con un solo livello di contrasto.
interessante osservare i valori registrati dalle celle di carico poste nei puntoni. In
fase dinamica, la forza di compressione nei puntoni superiori resta infatti costante
mentre si nota un incremento graduale della forza registrata nei puntoni inferiori.
Tale comportamento dovuto al fatto che, in fase dinamica, la paratia tenderebbe a
ruotare attorno al puntone superiore ma la presenza del secondo livello di contrasto a
fondo scavo impedisce cinematicamente gli spostamenti limitando anche i cedimenti
in superficie.
La modellazione numerica ha invece confermato le capacit previsionali del modello
costitutivo di Andrianopoulos nonostante le discrepanze osservate a causa di una
scelta poco adeguata delle costanti di taratura del modello e della densit relativa
della sabbia.

Sviluppi futuri
Nellambito del lavoro di tesi svolto la modellazione fisica su paratie ancorate stata
eseguita in uno strato di sabbia asciutta, alla base della quale sono state imposte
sollecitazioni dinamiche sinusoidali con ampiezza variabile.

Una corretta

valutazione del comportamento di opere di sostegno flessibili in condizioni sismiche


dovrebbe essere svolta in relazione a terremoti reali i quali sono caratterizzati da
valori di frequenza contenuti in un intervallo di valori.
Inoltre il caso ideale di sabbia asciutta ha semplificato lesecuzione delle prove in
centrifuga ma non risulta essere realistico.

Durante lesecuzione di uno scavo

profondo, la presenza di acqua allinterno dello scavo varia sostanzialmente il


comportamento dellopera. La modellazione di paratie ancorate immerse in uno
strato di sabbia satura, seppure di pi difficile esecuzione, permetterebbe la
valutazione della risposta dinamica del terreno anche in presenza di acqua.
La modellazione numerica invece stata eseguita solo riguardo alla prova con un
solo livello di contrasto per i primi tre terremoti. La modellazione eseguita per i
successivi terremoti imposti permetterebbe la valutazione della risposta dinamica
prevista dal modello per deformazioni indotte maggiori. Inoltre sarebbe interessante

Pagina 105

Conclusioni

effettuare la modellazione in relazione alla prova con il doppio livello di contrasto


per valutare leffettiva affidabilit del modello anche con geometrie differenti.
Ladeguata taratura e la scelta delle costanti da adottare nel modello dovrebbe inoltre
essere studiata in maggior dettaglio considerando le varie combinazioni possibili.
Ci permetterebbe di avere uno strumento di progettazione adeguato in grado di
prevedere il comportamento delle opere di sostegno flessibili anche per geometrie,
vincoli e condizioni al contorno complesse.

Pagina 106

Bibliografia

Bibliografia

Andrianopoulos K. I.; Papadimitriou A. G.; Bouckovalas G. D. (2009). Explicit


integration of bounding surface model for the analysis of earthquake soil
liquefaction. Int. J. Num. Anal. Meth. Geomech. (in press).

Andrianopoulos K. I.; (2006) Ph.D. Dissertation, Geotechnical Division N.T.U.A.

Andrianopoulos K. I.; Papadimitriou A. G.; Bouckovalas G. D. Implementation of a


bounding surface model for seismic response of sands. School of Civil Engineering,
Geotechnical Division, National Technical University of Athens, Greece

Bilotta E.; Taylor N. (2005). Modellazione geotecnica in centrifuga. Hevelius


Edizioni.

Burali dArezzo F.; Ulas Cilingir, Madabhushi S. P. G. (2010). Dynamic centrifuge


tests, ReLUIS Project Retaining Walls, Data Report of Test SPW, SC-CUTS-1002R00. Relazione tecnica, Cambridge University, England.

Burali dArezzo F.; Ulas Cilingir, Madabhushi S. P. G. (2010). Dynamic centrifuge


tests, ReLUIS Project Retaining Walls, Data Report of Test DPW, SC-CUTS1003-R00. Relazione tecnica, Cambridge University, England.

Campbell D. J.; Cheney J. A.; Kutter B. L. (1991). Boundary Effects in Dynamic


Centrifuge Model Tests. In Centrifuge 91, pp. 441448.

Pagina 104

Bibliografia

Conti R.; Madabhushi S. P. G. (2008). Dynamic centrifuge tests, ReLUIS Project


Retaining Walls, Data Report of Test CW6, SC-CUTS-0714-R00. Relazione
tecnica, Cambridge University, England.

Conti R.; Madabhushi S. P. G. (2008). Dynamic centrifuge tests, ReLUIS Project


Retaining Walls, Data Report of Test PW2, SC-CUTS-0712-R00. Relazione
tecnica, Cambridge University, England.

Conti (2010)

Modellazione fisica e numerica del comportamento di opere di

sostegno flessibili in condizioni sismiche. Tesi di Dottorato. Universit degli studi


di Roma Tor Vergata.

Corigliano M.; Lai C. G.; Borg R. C.; Pavese A. (2008). Large-scale shaking table
testing of geotechnical models. In XII Ciclo di Conferenze di Meccanica e
Ingegneria delle Rocce, MIR, pp. 145178, Torino, Italy.

Itasca (2005). FLAC Fast Lagrangian Analysis of Continua. v.5.0. Users Manual.

Kramer S. L. (1996). Geotechnical earthquake engineering. Prentice-Hall.

Lancellotta R. (2002). Analytical solution of passive earth pressure. Geotechnique,


52(8), 617619.

Lee K. L.; Seed H. B. (1967). Drained strength characteristics of sands. J. Soil Mech.
And Found. Div., ASCE, 93(6), 117141.

NTC (2008). Approvazione delle nuove norme tecniche per le costruzioni. Gazzetta
Ufficiale della Repubblica Italiana. n. 29 del 4 febbraio 2008 - Suppl. Ordinario n.30
(in Italiano).

Pagina 105

Bibliografia

Ovesen N. K. (1979). The scaling law relationship - Panel Discussion. In Proc. 7th
Eur. Conf. Soil Mech. Found. Eng., volume 4, pp. 319323, Brighton.

Wood D. M.; Crewe A.; Taylor C. (2002). Shaking table testing of geotechnical
models. International Journal of Physical Modelling in Geotechnics, 2, 113.

Wood D. M. (2004). Geotechnical modelling. Spon Press, London.

Zeng X.; Schofield A. N. (1996). Design and performance of an equivalent-shearbeam container for earthquake centrifuge modelling. Geotechnique, 46(1), 83102.

Pagina 106