Sei sulla pagina 1di 2

FUNZIONE PUBBLICA

ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO


DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA
ALLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO
AL PRESIDENTE DELLARAN
AL PREDIDENTE DELL ANCI
AL PRESIDENTE DELLUPI

Le scriventi OO. SS. esprimono forte inquietudine e grande preoccupazione per


lintervento massiccio e spesso fuori misura effettuato a campione dagli ispettori
della ragioneria dello stato ai sensi del comma 5 art. 60 del d. lgs. 165; gli ispettori,
infatti, stanno effettuando verifiche ispettive presso gli enti locali (segnalazioni ci
sono pervenute dal Lazio, Piemonte e Lombardia) focalizzando la propria attenzione,
anche sulla contrattazione integrativa. Il loro intervento, a nostro parere, tende a
demolire la contrattazione in particolar modo tramite lutilizzo dei pareri formulati
unilateralmente dallAran.
Con riferimento ad alcuni rilievi queste strutture nazionali hanno gi
risposto, vedasi note unitarie del 16 novembre 2005 sulle p.o. e 11 maggio 2006
relativa alla decurtazione del fondo ex art. 15 CCNL 1.4.1999 relativamente al
passaggio del personale ATA.
Le scriventi OO.SS. ritengono che il servizio ispettivo della ragioneria debba
fermarsi alla valutazione ed alla verifica delle compatibilit economiche previste dal
CCNL, contratto decentrato integrativo, disposizioni legislative e non entrare nel
merito della distribuzione del fondo, atto tipicamente pattizio riservato alla
trattativa decentrata, al fine di evitare indebita incursioni sulla contrattazione
integrativa decentrata.
Ma al di l degli aspetti tecnici che pure sono sostanziali nellambito della
contrattazione, per quanto ci segnalano le RSU e le strutture territoriali si trovano a

fronteggiare un soggetto terzo, non previsto quale attore contrattuale, che mette in
atto azioni fortemente intimidatorie nei confronti della dirigenza al solo fine di
recuperare dai lavoratori le cifre a loro parere illegittimamente percepite; in tal modo
le amministrazioni disdicono i contratti, unilateralmente dispongono il recupero di
somme, tanto che sono in atto contenziosi di tipo legale e conflitti con dichiarazioni di
sciopero.
Non riteniamo opportuno in questa sede ricordare che gli articoli 49 del d. lgs
165/01 e 9 del CCNL 22.1.2004 dispongono che laddove insorgano controversie in
sede di contrattazione, linterpretazione delle norme sia possibile soltanto in accordo
con le OO.SS. sottoscrittrici del CCNL, (fonti contrattuali) disponendo, altres, le
modalit ed i tempi entro i quali effettuare linterpretazione autentica della norma e
risolvere la controversia.
Le scriventi OO.SS. infine, chiedono:
un incontro con il Dipartimento della Funzione Pubblica;
allAran, AllAnci ed allUpi di esprimere il proprio parere in merito;
un intervento immediato della ragioneria nei confronti degli ispettori, ci
per porre fine al contenzioso diffuso e ristabilire le regole e le norme
contrattuali.
Il perdurare di questa situazione costringer le scriventi OO.SS. ad
intraprendere tutte le iniziative sindacali a difesa della contrattazione perch
risulterebbe del tutto evidente la volont precisa di annullare, surrettiziamente, il
secondo livello di contrattazione.
Distinti saluti.

FP CGIL

FPS CISL

(CRISPI)

(ALIA)

UIL FPL
(FIORDALISO)