Sei sulla pagina 1di 6

SU SU LEVA ALZA LE CIGLIA

TROMBONCINO
Su su leva alza le ciglia
non dormir che non dormio
e se hai caro el viver mio
apri li occhi e te resviglia.
Lassa il sonno et odi il canto
dun che va per te penando
e che affetto damor tanto
che per te va quinci errando
e s forte lamentando
che col strido te resviglia.
Su su leva
Tu riposi et io qua fora
per te fo pensier diversi
e lardor che cresce ognora
tenmi i spirti in duol sumersi
tal che con dolenti versi
forza m che te resviglia.
Su su leva
Deh cos veder potessi
toi begli occhi sonnolenti
come forsi or sono ammessi
al tue orecchie i miei lamenti
che con pi gioiosi accenti
fora l suon che te resviglia.
Lassa dunque o donna il somno
e piet ti svegli il core
ch mie forze pi non ponno
riparar a un tanto ardore
e se hai dramma in te damore
odi il canto e te resviglia.
Su su leva

BARTOLOMEO

MARCHETTO CARA 1470- 1525


Non tempo daspettare
Quando sha bonazza e vento
Non tempo daspettare
Quando sha bonazza e vento
Che si vede in un momento
Ogni cosa variare
Non tempo daspettare
Quando sha bonazza e vento
Se tu sali fa pur presto
Lassa dir che dire vuole
Questo noto e manifesto
Che non durano le viole
E la neve al caldo sole
Sle in acqua ritornare
Non tempo daspettare
Quando sha bonazza e vento
Ballo di Mantova
Il Ballo di Mantova, o Mantovana, pi comunemente conosciuto come
Fuggi, Fuggi, Fuggi da questo cielo, una popolare canzone del XVII
secolo. Sarebbe meglio dire che per che si tratti di pi canzoni, in quanto
le varianti sono molteplici, ma tutte basate sulla stessa melodia.
L'origine della canzone si fa risalire a Giuseppino del Biado, e il testo pi
diffuso quello di Fuggi, Fuggi, Fuggi da questo cielo a lui attribuita.
Testi pi diffusi:

Fuggi Fuggi Fuggi da questo cielo


Aspro e duro spietato gelo (x2)
Tu che tutto imprigioni e leghi
N per pianto ti frangi o pieghi
fier tiranno, gel de l'anno
fuggi fuggi fuggi l dove il Verno
su le brine ha seggio eterno.
Vieni vieni candida vien vermiglia
tu del mondo sei maraviglia (x2)
Tu nemica d'amare noie
D all'anima delle gioie
messagger per Primavera
tu sei dell'anno la giovinezza
tu del mondo sei la vaghezza.
vieni vieni vieni leggiadra e vaga
Primavera d'amor presaga (x2)
Odi Zefiro che t'invita
e la terra che il ciel marita
al suo raggio venga Maggio
vieni con il grembo di bei fioretti,
Vien su l'ale dei zefiretti.
Ballo di Mantova
Fuggi fuggi fuggi dal mondo bugiardo
suoi lacci distruggi non essere codardo (x2)
Guardati bene di con cadere in pene
che stan preparate per l'anime dannate
Han seguito il mondo fallace ed immondo
Fuggi fuggi fuggi dal mondo bugiardo
suoi lacci distruggi non essere codard Guarda guarda guarda ch'alfin non
ti colga
la morte non t'arda e la tua vita sciolga
E per un puoco di giacere in fuoco
abbi in eterno laggi nell'inferno
Fuggi dunque presto, pensa bene a questo.
Guarda guarda guarda ch'alfin non ti colga
la morte non t'arda e la tua vita sciolga. Presto presto presto non esser pi
tardo
e perdere il resto col mondo bugiardo

Vince chi fugge el mondo distrugge


ch'era un bel peccato a te mio vil ho dato,
Fuggi dunque omai, che pensi? che fai?
Presto presto presto non esser pi tardo e perdere il resto col mondo
bugiardo.
e perdere il resto col mondo bugiardo.
Fuggi Fuggi Fuggi dai lieti amanti
Fuggi fuggi fuggi dai lieti amanti
empia donna cagion de' pianti (x2)
che non gi per esser crudele,
ma per esser ingrata ed infedele
ogni core t'ha in orrore
fuggi fuggi fuggi ch chi ti mira
per te vive, piange e sospira.
Fuggi fuggi fuggi ch la vendetta
fare l'Inferno dell'error tuo aspetta (x2)
Ma de l'abisso l'ardente foco
sia del tuo male castigo s poco
Ah, qual ch'io ti desio
Fuggi fuggi fuggi via fiera peste
che il mondo tutto ai tuoi danni s'appreste.
Fuggi fuggi fuggi se fuggir nieghi
che cos il Cielo, diva, ti leghi (x2)
N mai possa pur muovere un passo
fatta di carne un rigido sasso
e infin ch'abbia la tua rabbia
Fugga fugga fugga chi brama pace
perch'ogni froda ascosa qui giace.

QUELLA BELLA E BIANCHA MANO ANTONIO CAPIROLI


Quella bella e biancha mano che m'accora e p sanarmi che per me non
trovo altre armi che la bella e bianca mano Quella bella e biancha mano
Se 'I mio foco ch' sepolto E mia f non te palesa Guarda el biancho e
nero volto Che vedrai la fiamma accesa Non chiamo altro a mia difesa Che
la bella e biancha mano
Quella bella e biancha mano Miser me che gli'occhi apersi Per mirar tanta
vagezza Che di e notte stan summersi I un mar de grande asprezza
Por mio cor non altro aprezza Che la bella e biancha mano Quella bella e
biancha mano
Ma do poi che amor m'a gionto Cun suoi inganni a un bel nodo Benedico
hora e il ponto Che me spinse ov' mi' godo E se io mor', morendo io lodo
Quella bella e biancha mano
Dolce amoroso foco - Franciscus Bossinensis
Dolce amoroso foco
che 'l cor m'accende ogn'hora
Per te cara signora
me strugge a poco a poco
Dolce amoroso foco
che 'l cor m'accende ogn'hora
A questa donna ardente
la prima tra la gente
Serr sempre servente
a darli festa e ioco
Dolce amoroso foco
che 'l cor m'accende ogn'hora
Ho fermo nel mio core
esser tuo servitore

E' ben che a tutte l' hore


Per te me strugga in foco
Dolce amoroso foco
che 'l cor m'accende ogn'hora
Damigella tutta bella
Versa versa quel bel vino
Fa che cada la rugiada
Distillata di rubino.
Ho nel seno rio veleno
Che vi sparse Amor profondo
Ma gittarlo e lasciarlo
Vo' sommerso in questo fondo.
Damigella tutta bella
Di quel vin tu non mi sazi
Fa che cada la rugiada
Distillata di topazi.
Ah che spento io non sento
Il furor de gli ardor miei
Men cocenti, meno ardenti
Sono ohim gli incendi etnei.
Nova fiamma pi m'infiamma
Arde il cor foco novello
Se mia vita non s'aita
Ah ch'io veggo un Mongibello!
Ma pi fresca ognor cresca
Dentro me siffatta arsura
Consumarmi e disfarmi
Per tal modo ho per ventura

Potrebbero piacerti anche