Sei sulla pagina 1di 442

Comunicazione di processo

Allen Bradley - Ethernet IP

Mitsubishi Ethernet

Modbus TCPIP

Canale OPC

PROFIBUS FMS

S5 Ethernet Layer 4

S5 PROFIBUS FDL

S5 Programmers Port AS511

SIMATIC HMI
WinCC V7.2
WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema

Stampa della Guida in linea

02/2013

A5E32318641-AA

S5 Serial 3964R

10

SIMATIC S7 Protocol Suite

11

SIMATIC S7-1200, S7-1500


Channel

12

SIMATIC TI Ethernet Layer 4

13

SIMATIC TI Serial

14

SIMOTION

15

System Info

16

Diagnostica della
comunicazione

17

Avvertenze di legge
Concetto di segnaletica di avvertimento
Questo manuale contiene delle norme di sicurezza che devono essere rispettate per salvaguardare l'incolumit
personale e per evitare danni materiali. Le indicazioni da rispettare per garantire la sicurezza personale sono
evidenziate da un simbolo a forma di triangolo mentre quelle per evitare danni materiali non sono precedute dal
triangolo. Gli avvisi di pericolo sono rappresentati come segue e segnalano in ordine descrescente i diversi livelli
di rischio.
PERICOLO
questo simbolo indica che la mancata osservanza delle opportune misure di sicurezza provoca la morte o gravi
lesioni fisiche.
AVVERTENZA
il simbolo indica che la mancata osservanza delle relative misure di sicurezza pu causare la morte o gravi lesioni
fisiche.
CAUTELA
indica che la mancata osservanza delle relative misure di sicurezza pu causare lesioni fisiche non gravi.
ATTENZIONE
indica che la mancata osservanza delle relative misure di sicurezza pu causare danni materiali.
Nel caso in cui ci siano pi livelli di rischio l'avviso di pericolo segnala sempre quello pi elevato. Se in un avviso
di pericolo si richiama l'attenzione con il triangolo sul rischio di lesioni alle persone, pu anche essere
contemporaneamente segnalato il rischio di possibili danni materiali.

Personale qualificato
Il prodotto/sistema oggetto di questa documentazione pu essere adoperato solo da personale qualificato per il
rispettivo compito assegnato nel rispetto della documentazione relativa al compito, specialmente delle avvertenze
di sicurezza e delle precauzioni in essa contenute. Il personale qualificato, in virt della sua formazione ed
esperienza, in grado di riconoscere i rischi legati all'impiego di questi prodotti/sistemi e di evitare possibili pericoli.

Uso conforme alle prescrizioni di prodotti Siemens


Si prega di tener presente quanto segue:
AVVERTENZA
I prodotti Siemens devono essere utilizzati solo per i casi dimpiego previsti nel catalogo e nella rispettiva
documentazione tecnica. Qualora vengano impiegati prodotti o componenti di terzi, questi devono essere consigliati
oppure approvati da Siemens. Il funzionamento corretto e sicuro dei prodotti presuppone un trasporto, un
magazzinaggio, uninstallazione, un montaggio, una messa in servizio, un utilizzo e una manutenzione appropriati
e a regola darte. Devono essere rispettate le condizioni ambientali consentite. Devono essere osservate le
avvertenze contenute nella rispettiva documentazione.

Marchio di prodotto
Tutti i nomi di prodotto contrassegnati con sono marchi registrati della Siemens AG. Gli altri nomi di prodotto citati
in questo manuale possono essere dei marchi il cui utilizzo da parte di terzi per i propri scopi pu violare i diritti dei
proprietari.

Esclusione di responsabilit
Abbiamo controllato che il contenuto di questa documentazione corrisponda all'hardware e al software descritti.
Non potendo comunque escludere eventuali differenze, non possiamo garantire una concordanza perfetta. Il
contenuto di questa documentazione viene tuttavia verificato periodicamente e le eventuali correzioni o modifiche
vengono inserite nelle successive edizioni.

Siemens AG
Industry Sector
Postfach 48 48
90026 NRNBERG
GERMANIA

A5E32318641-AA
02/2013 Con riserva di eventuali modifiche tecniche

Copyright Siemens AG 2013.


Tutti i diritti riservati

Indice del contenuto


1

Comunicazione di processo........................................................................................................................13
1.1

Fondamenti della comunicazione................................................................................................13

1.2

Regole fondamentali per la progettazione delle connessioni......................................................14

1.3
1.3.1
1.3.2
1.3.3
1.3.3.1
1.3.3.2
1.3.3.3
1.3.3.4
1.3.3.5
1.3.3.6
1.3.3.7
1.3.4

Comunicazione di processo WinCC ...........................................................................................15


Comunicazione di processo WinCC ...........................................................................................15
Principio della comunicazione WinCC.........................................................................................15
Variabili esterne...........................................................................................................................17
Variabili esterne...........................................................................................................................17
Creazione di un nuovo collegamento..........................................................................................20
Progettazione di una variabile esterna........................................................................................21
Cambi di formato classificati per tipo di dati WinCC....................................................................23
Cambi di formato classificati per tipo di dati PLC........................................................................29
Principio del meccanismo BinWrite.............................................................................................37
Progettazione di una variabile con "BinWrite".............................................................................39
Indirizzi di porte nella connessione attraverso Ethernet..............................................................41

Allen Bradley - Ethernet IP.........................................................................................................................43


2.1

Canale WinCC "Allen Bradley - Ethernet IP"...............................................................................43

2.2

Assegnazione delle unit di canale.............................................................................................44

2.3

Tipi di dati supportati...................................................................................................................45

2.4
2.4.1
2.4.2
2.4.3
2.4.4
2.4.5
2.4.6
2.4.6.1
2.4.6.2
2.4.6.3
2.4.6.4
2.4.6.5
2.4.6.6
2.4.6.7
2.4.6.8
2.4.6.9
2.4.6.10

Progettazione del canale.............................................................................................................46


Progettazione del canale "Allen Bradley - Ethernet IP"...............................................................46
Come progettare un collegamento dell'unit di canale "Allen Bradley E/IP PLC5".....................47
Come progettare un collegamento dell'unit di canale "Allen Bradley E/IP SLC50x".................48
Come progettare un collegamento dell'unit di canale "Allen Bradley E/IP ControlLogix"..........49
Esempi: Percorso di comunicazione ..........................................................................................50
Progettazione delle variabili.........................................................................................................50
Progettazione delle variabili.........................................................................................................50
Indirizzamento.............................................................................................................................52
Sintassi per l'indirizzamento........................................................................................................53
Tipi di indirizzamento...................................................................................................................54
Esenti per l'indirizzamento...........................................................................................................55
Come progettare una variabile per l'unit di canale "Allen Bradley E/IP ControlLogix"..............56
Come progettare una variabile con accesso a bit per Allen Bradley E/IP PLC5 o SLC50x........57
Come progettare una variabile con accesso a bit per Allen Bradley E/IP PLC5 o SLC50x........58
Come progettare una variabile con accesso a parole per Allen Bradley E/IP PLC5 o SLC50x. .59
Come progettare una variabile di testo per Allen Bradley E/IP PLC5 o SLC50x........................60

Mitsubishi Ethernet.....................................................................................................................................61
3.1

Canale WinCC "Mitsubishi Ethernet"...........................................................................................61

3.2

Tipi di dati supportati...................................................................................................................62

3.3

Progettazione del canale.............................................................................................................63

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Indice del contenuto

3.3.1
3.3.2
3.3.3
3.3.4
3.3.4.1
3.3.4.2
4

Progettazione del canale "Mitsubishi Ethernet"...........................................................................63


Come progettare il collegamento dell'unit di canale "Mitsubishi FX3U Serie"...........................64
Come progettare il collegamento dell'unit di canale "Mitsubishi Q Serie".................................65
Progettazione delle variabili.........................................................................................................66
Progettazione delle variabili.........................................................................................................66
Progettazione di una variabile.....................................................................................................68

Modbus TCPIP...........................................................................................................................................71
4.1

Canale "Modbus TCP/IP"............................................................................................................71

4.2

Tipi di dati supportati...................................................................................................................72

4.3
4.3.1
4.3.2
4.3.3
4.3.3.1
4.3.3.2
4.3.3.3
4.3.3.4

Progettazione del canale.............................................................................................................73


Progettazione del canale "Modbus TCPIP".................................................................................73
Progettazione di un collegamento...............................................................................................73
Progettazione delle variabili.........................................................................................................75
Progettazione delle variabili.........................................................................................................75
Progettazione di una variabile con accesso a bit .......................................................................77
Progettazione di una variabile con accesso a parola..................................................................78
Come progettare una variabile di testo........................................................................................79

Canale OPC................................................................................................................................................81
5.1

Canale WinCC "OPC".................................................................................................................81

5.2

OPC Item Manager......................................................................................................................83

5.3

Panoramica dei tipi di dati WinCC supportati..............................................................................88

5.4
5.4.1
5.4.2
5.4.2.1
5.4.2.2
5.4.2.3
5.4.3
5.4.4
5.4.4.1
5.4.4.2
5.4.4.3
5.4.5
5.4.5.1
5.4.5.2
5.4.5.3

Client DA OPC WinCC................................................................................................................89


Funzionamento del client DA OPC WinCC.................................................................................89
Accesso ad una variabile WinCC con l'OPC Item Manager........................................................90
Accesso ad una variabile WinCC con l'OPC Item Manager........................................................90
Progettazione del canale OPC sul client DA OPC WinCC..........................................................91
Progettazione dell'accesso con l'OPC Item Manager..................................................................91
Accesso ad una variabile WinCC senza l'OPC Item Manager....................................................95
Uso di strutture sul client DA OPC WinCC..................................................................................97
Utilizzo di strutture sul client DA OPC WinCC.............................................................................97
Progettazione di strutture e variabili di struttura sul WinCC-OPC DA Server..............................98
Utilizzo delle strutture sul client DA OPC WinCC........................................................................99
Gestione degli errori in caso di comunicazione DA OPC disturbata.........................................101
Gestione degli errori in caso di comunicazione OPC disturbata...............................................101
WinCC come OPC DA Server...................................................................................................102
WinCC come client DA OPC.....................................................................................................104

5.5
5.5.1
5.5.2
5.5.2.1
5.5.2.2
5.5.3

Client WinCC OPC-XML............................................................................................................106


Funzionamento del client WinCC OPC-XML.............................................................................106
Accesso ad una variabile WinCC con l'OPC Item Manager......................................................107
Accesso ad una variabile WinCC con l'OPC Item Manager......................................................107
Progettazione dell'accesso con l'OPC Item Manager................................................................107
Accesso ad una variabile WinCC senza l'OPC Item Manager..................................................112

5.6
5.6.1
5.6.2
5.6.2.1
5.6.2.2

Client WinCC OPC UA..............................................................................................................114


Funzionamento del client WinCC OPC UA...............................................................................114
Accesso ad una variabile con l'OPC Item Manager..................................................................114
Accesso ad una variabile OPC con l'OPC Item Manager.........................................................114
Per configurare un certificato server procedere come indicato nel seguito:..............................115

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Indice del contenuto

5.6.2.3
5.6.3
5.6.3.1
5.6.3.2
6

Progettazione dell'accesso ad una variabile con l'OPC Item Manager.....................................117


Gestione degli errori in caso di comunicazione disturbata........................................................120
WinCC come server OPC UA....................................................................................................121
WinCC come client OPC UA.....................................................................................................123

PROFIBUS FMS.......................................................................................................................................125
6.1

Canale WinCC "PROFIBUS FMS"............................................................................................125

6.2

Tipo di dati della variabile..........................................................................................................126

6.3
6.3.1
6.3.1.1
6.3.1.2
6.3.1.3
6.3.2
6.3.2.1
6.3.2.2
6.3.2.3

Progettazione del canale...........................................................................................................127


Progettazione di un collegamento.............................................................................................127
Progettazione di un collegamento.............................................................................................127
Progettazione di un collegamento nella modalit di configurazione..........................................128
Progettazione del collegamento in runtime...............................................................................130
Progettazione delle variabili.......................................................................................................131
Progettazione delle variabili.......................................................................................................131
Progettazione dell'indirizzo della variabile nella modalit di configurazione.............................132
Progettazione dell'indirizzo della variabile in runtime................................................................133

S5 Ethernet Layer 4..................................................................................................................................135


7.1

Canale WinCC "SIMATIC S5 Ethernet Layer 4"........................................................................135

7.2

Tipo di dati della variabile..........................................................................................................136

7.3
7.3.1
7.3.2
7.3.3
7.3.3.1
7.3.3.2
7.3.3.3
7.3.3.4
7.3.3.5
7.3.3.6
7.3.4
7.3.4.1
7.3.4.2
7.3.4.3

Progettazione del canale...........................................................................................................137


Progettazione del canale "SIMATIC S5 Ethernet Layer 4"........................................................137
Progettazione del collegamento ...............................................................................................137
Progettazione delle variabili.......................................................................................................139
Progettazione delle variabili.......................................................................................................139
Indirizzo della variabile..............................................................................................................139
Progettazione di una variabile con accesso a bit .....................................................................140
Progettazione di una variabile con accesso a byte ..................................................................142
Progettazione di una variabile con accesso a parola................................................................143
Progettazione di una variabile di dati grezzi..............................................................................145
Parametri di sistema..................................................................................................................146
Parametri di sistema dell'unit di canale...................................................................................146
Modifica del nome di device......................................................................................................147
Modifica dei parametri di trasporto............................................................................................149

7.4
7.4.1
7.4.2
7.4.2.1
7.4.2.2
7.4.2.3
7.4.2.4

Appendice..................................................................................................................................150
Appendice..................................................................................................................................150
Costanti e codici d'errore interni................................................................................................150
Costanti e codici d'errore interni................................................................................................150
Codici di errore in caso di disturbi di collegamento...................................................................150
Segnalazioni iNA960 ................................................................................................................154
Segnalazioni SCI.......................................................................................................................154

S5 PROFIBUS FDL..................................................................................................................................157
8.1

Canale WinCC "SIMATIC S5 Profibus FDL".............................................................................157

8.2

Tipi di dati ed aree dati supportati.............................................................................................159

8.3

Particolarit del canale WinCC "SIMATIC S5 Profibus FDL"....................................................160

8.4

Progettazione del canale...........................................................................................................162

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Indice del contenuto

10

8.4.1
8.4.2
8.4.3
8.4.4
8.4.4.1
8.4.4.2
8.4.4.3
8.4.4.4
8.4.5
8.4.5.1
8.4.5.2
8.4.5.3

Progettazione del canale "SIMATIC S5 Profibus FDL".............................................................162


Unit di canale "FDL (CP5412/A2-1)".......................................................................................162
Progettazione di un collegamento.............................................................................................164
Progettazione delle variabili.......................................................................................................165
Progettazione delle variabili.......................................................................................................165
Progettazione di una variabile con accesso a bit .....................................................................165
Progettazione di una variabile con accesso a byte ..................................................................167
Progettazione di una variabile con accesso a per parola..........................................................168
Parametri di sistema..................................................................................................................170
Parametri di sistema dell'unit di canale...................................................................................170
Modifica del nome di device......................................................................................................171
Modifica del tempo di controllo in scrittura-lettura dei valori di processo..................................172

8.5
8.5.1
8.5.2
8.5.2.1
8.5.2.2
8.5.3
8.5.3.1
8.5.3.2
8.5.3.3

Funzioni speciali........................................................................................................................173
Funzioni speciali del canale "SIMATIC S5 Profibus FDL".........................................................173
Variabili di dati grezzi del canale "SIMATIC S5 Profibus FDL"..................................................173
Variabili di dati grezzi del canale "SIMATIC S5 Profibus FDL"..................................................173
Progettazione di variabili di dati grezzi......................................................................................173
Progettazione dei tipi di comunicazione....................................................................................175
Progettazione dei tipi di comunicazione....................................................................................175
Progettazione di una trasmissione di dati attiva........................................................................175
Progettazione di una trasmissione di dati passiva.....................................................................177

8.6
8.6.1
8.6.2
8.6.3

Esempio di progettazione del canale "SIMATIC S5 Profibus FDL"...........................................180


Esempio di progettazione del canale "SIMATIC S5 Profibus FDL"...........................................180
Progettazione dei blocchi di comunicazione nel sistema di automazione.................................180
Progettazione di un campo I/O..................................................................................................183

S5 Programmers Port AS511...................................................................................................................187


9.1

Canale WinCC "SIMATIC S5 Programmers Port AS511".........................................................187

9.2

Tipo di dati della variabile..........................................................................................................188

9.3
9.3.1
9.3.2
9.3.3
9.3.3.1
9.3.3.2
9.3.3.3
9.3.3.4

Progettazione del canale...........................................................................................................189


Progettazione del canale "SIMATIC S5 Programmers Port AS511".........................................189
Progettazione della connessione...............................................................................................189
Progettazione delle variabili.......................................................................................................191
Progettazione delle variabili.......................................................................................................191
Progettazione dell'indirizzo di una variabile...............................................................................191
Come progettare una variabile con accesso di bit per bit..........................................................194
Come progettare una variabile con accesso di byte a byte.......................................................195

S5 Serial 3964R........................................................................................................................................197
10.1

Canale WinCC "SIMATIC S5 Serial 3964R".............................................................................197

10.2

Tipo di dati della variabile..........................................................................................................198

10.3
10.3.1
10.3.2
10.3.3
10.3.3.1
10.3.3.2
10.3.3.3
10.3.3.4

Progettazione del canale...........................................................................................................199


Progettazione del canale "SIMATIC S5 Serial 3964R"..............................................................199
Progettazione della connessione...............................................................................................199
Progettazione delle variabili.......................................................................................................201
Progettazione delle variabili.......................................................................................................201
Progettazione dell'indirizzo delle variabili..................................................................................201
Come progettare una variabile con accesso di bit per bit..........................................................203
Come progettare una variabile con accesso di byte a byte.......................................................205

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Indice del contenuto

11

SIMATIC S7 Protocol Suite......................................................................................................................207


11.1

Canale "SIMATIC S7 Protocol Suite"........................................................................................207

11.2

Canale WinCC "SIMATIC S7 Protocol Suite"............................................................................208

11.3

Selezione delle unit di canale..................................................................................................209

11.4

Panoramica dei tipi di dati supportati.........................................................................................213

11.5
11.5.1
11.5.2
11.5.3
11.5.3.1
11.5.3.2
11.5.3.3
11.5.3.4
11.5.3.5
11.5.3.6
11.5.3.7
11.5.3.8
11.5.4
11.5.4.1
11.5.4.2
11.5.4.3
11.5.4.4
11.5.4.5
11.5.5
11.5.5.1
11.5.5.2
11.5.5.3
11.5.5.4

Progettazione del canale...........................................................................................................214


Progettazione del canale "SIMATIC S7 Protocol Suite"............................................................214
Come progettare il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite"..........................................................214
Unit di canale...........................................................................................................................215
Unit di canale del canale "SIMATIC S7 Protocol Suite"..........................................................215
Unit di canale "Industrial Ethernet (I+II)".................................................................................216
Unit di canale "MPI".................................................................................................................219
Unit di canale "Named Connections".......................................................................................221
Unit di canale "PROFIBUS (I+II)"............................................................................................224
Unit di canale "Slot PLC".........................................................................................................226
Unit di canale "Soft PLC".........................................................................................................228
Unit di canale "TCP/IP"............................................................................................................230
Progettazione delle variabili.......................................................................................................232
Progettazione delle variabili.......................................................................................................232
Come progettare una variabile con accesso di bit per bit..........................................................233
Come progettare una variabile con accesso di byte a byte.......................................................234
Come progettare una variabile con accesso per parola............................................................235
Come progettare una variabile di testo......................................................................................236
Parametro di sistema.................................................................................................................238
Parametri di sistema dell'unit di canale...................................................................................238
Servizi di lettura ciclici del controllore programmabile...............................................................239
Cos si progettano i parametri di sistema..................................................................................240
Come modificare il nome logico dell'apparecchio.....................................................................242

11.6
11.6.1
11.6.2
11.6.2.1
11.6.2.2
11.6.2.3
11.6.2.4
11.6.2.5

Funzioni speciali........................................................................................................................244
Funzioni speciali del canale "SIMATIC S7 Protocol Suite"........................................................244
Scambio dei dati con il blocco funzionale di S7 AR_SEND.......................................................244
Scambio dei dati con il blocco funzionale S7 di "AR_SEND"....................................................244
Schema e parametri di un blocco di dati...................................................................................245
Panoramica delle propriet relative alla variante AR_SEND.....................................................250
Variante AR_SENDfr di una variabile di archivio.....................................................................253
Esempio 1 per la struttura di un blocco dati : una variabile di archivio; ogni valore di processo
contiene il proprio contrassegno temporale...............................................................................254
11.6.2.6 Esempio 2 per la struttura di un blocco dati : una variabile di archivio; contrassegni temporali
equidistanti................................................................................................................................255
11.6.2.7 Esempio 3 per la struttura di un blocco dati : una variabile di archivio; ogni valore di processo con
il proprio contrassegno temporale.............................................................................................256
11.6.2.8 Esempio 4 per la struttura di un blocco dati : una variabile di archivio; ogni valore di processo con
il contrassegno temporale relativo (differenza temporale).........................................................257
11.6.2.9 Variante AR_SEND per pi variabili di archivio.........................................................................258
11.6.2.10 Esempio 5 per la struttura di un blocco dati : pi variabili di archivio; ogni valore di processo
con il proprio contrassegno temporale.................................................................................262
11.6.2.11 Esempio 6 per la struttura di un blocco dati : pi variabili di archivio; contrassegni temporali
equidistanti...........................................................................................................................264

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Indice del contenuto

11.6.2.12

Esempio 7 per la struttura di un blocco dati : pi variabili di archivio; ogni valore di processo
con il proprio contrassegno temporale.................................................................................266
11.6.2.13 Esempio 8 per la struttura di un blocco dati : pi variabili di archivio; valori di processo con il
contrassegno temporale relativo (differenza temporale)......................................................268
11.6.2.14 Variante AR_SEND per pi variabili di archivio (ottimizzate)...............................................270
11.6.2.15 Esempio 9 per la struttura di un blocco dati : pi variabili di archivio; ottimizzata................271
11.6.2.16 Come progettare una variante AR_SEND per una variabile di archivio...............................272
11.6.2.17 Cos si progetta una variante AR_SEND per pi variabili di archivio...................................275
11.6.3 Variabili di dati grezzi del canale "SIMATIC S7 Protocol Suite"................................................278
11.6.3.1 Variabili di dati grezzi del canale "SIMATIC S7 Protocol Suite"................................................278
11.6.3.2 Variabile di dati grezzi in forma di array di byte.........................................................................279
11.6.3.3 Cos si progetta una variabile di dati grezzi in forma di array di byte........................................281
11.6.3.4 Variabile di dati grezzi per funzioni BSEND/BRCV della comunicazione S7............................283
11.6.3.5 Come progettare una variabile di dati grezzi per le funzioni "BSEND/BRCV"...........................285
11.6.4
Ridondanza software................................................................................................................286
11.6.4.1 Ridondanza software................................................................................................................286
11.6.4.2 Variabili interne specifiche del collegamento della ridondanza software..................................288
11.6.4.3 Come progettare una ridondanza software...............................................................................292
11.6.4.4 Cos si elimina una ridondanza software in WinCC...................................................................295
11.6.4.5 Verifica dei parametri di avvio di WinCC...................................................................................295
11.6.4.6 Come leggere le segnalazioni di sistema di WinCC nell'Alarm Logging...................................296
11.6.4.7 Codici di errore in caso di disturbi di collegamento...................................................................296
12

13

SIMATIC S7-1200, S7-1500 Channel.......................................................................................................297


12.1

Canale "SIMATIC S7-1200, S7-1500 Channel"........................................................................297

12.2

Panoramica dei tipi di dati supportati.........................................................................................298

12.3
12.3.1
12.3.2
12.3.3
12.3.3.1
12.3.3.2
12.3.3.3
12.3.3.4
12.3.3.5

Progettazione del canale...........................................................................................................299


Progettazione del canale "SIMATIC S7-1200, S7-1500 Channel"............................................299
Progettazione di un collegamento.............................................................................................299
Progettazione delle variabili.......................................................................................................301
Progettazione delle variabili.......................................................................................................301
Come progettare una variabile con accesso di bit per bit..........................................................302
Come progettare una variabile con accesso di byte a byte.......................................................303
Come progettare una variabile con accesso per parola............................................................304
Come progettare una variabile di testo......................................................................................305

SIMATIC TI Ethernet Layer 4...................................................................................................................307


13.1

Canale WinCC "SIMATIC TI Ethernet Layer 4".........................................................................307

13.2

Tipo di dati della variabile..........................................................................................................308

13.3
13.3.1
13.3.2
13.3.3
13.3.3.1
13.3.3.2
13.3.3.3
13.3.3.4
13.3.4
13.3.4.1
13.3.4.2

Progettazione del canale...........................................................................................................309


Progettazione del canale "SIMATIC TI Ethernet Layer 4".........................................................309
Progettazione della connessione...............................................................................................309
Progettazione delle variabili.......................................................................................................311
Progettazione delle variabili.......................................................................................................311
Progettazione dell'indirizzo di una variabile...............................................................................311
Come progettare una variabile con accesso di bit per bit..........................................................313
Come progettare una variabile con accesso di byte a byte.......................................................314
Parametri di sistema..................................................................................................................316
Parametri di sistema dell'unit di canale...................................................................................316
Come modificare il nome Device...............................................................................................317

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Indice del contenuto

13.3.4.3 Come modificare i parametri di trasporto..................................................................................318


14

15

16

SIMATIC TI Serial.....................................................................................................................................321
14.1

Canale WinCC "SIMATIC TI Serial"..........................................................................................321

14.2

Tipo di dati della variabile..........................................................................................................322

14.3
14.3.1
14.3.2
14.3.3
14.3.3.1
14.3.3.2
14.3.3.3
14.3.3.4

Progettazione del canale...........................................................................................................323


Progettazione del canale "SIMATIC TI Serial"..........................................................................323
Progettazione della connessione...............................................................................................323
Progettazione delle variabili.......................................................................................................325
Progettazione delle variabili.......................................................................................................325
Progettazione dell'indirizzo di una variabile...............................................................................325
Come progettare una variabile con accesso di bit per bit..........................................................327
Come progettare una variabile con accesso di byte a byte.......................................................328

SIMOTION................................................................................................................................................331
15.1

Canale WinCC "SIMOTION".....................................................................................................331

15.2

Panoramica dei tipi di dati supportati.........................................................................................332

15.3
15.3.1
15.3.2
15.3.3
15.3.4
15.3.5
15.3.6
15.3.7
15.3.7.1
15.3.7.2
15.3.7.3

Progettazione del canale...........................................................................................................333


Progettazione del canale "SIMOTION"......................................................................................333
Esportazione di un progetto SIMOTION SCOUT .....................................................................333
Creazione di un progetto WinCC con il Simotion Mapper.........................................................334
Modifica di un progetto WinCC con Simotion Mapper...............................................................335
Modifica dei parametri di collegamento.....................................................................................337
Modifica dell'indirizzo di variabile..............................................................................................338
Progettazione dei parametri di sistema.....................................................................................338
Parametri di sistema dell'unit di canale...................................................................................338
Cos si progettano i parametri di sistema..................................................................................339
Come modificare il nome logico dell'apparecchio.....................................................................341

15.4
15.4.1
15.4.2

Diagnostica canale "SIMOTION"...............................................................................................343


Possibilit diagnostiche del canale "SIMOTION"......................................................................343
Descrizione delle registrazioni del log file..................................................................................343

System Info...............................................................................................................................................347
16.1

Canale "System Info".................................................................................................................347

16.2

Canale WinCC "System Info"....................................................................................................348

16.3

Panoramica delle informazioni supportate dal sistema.............................................................350

16.4

Differenze con gli altri componenti software..............................................................................355

16.5
16.5.1

Progettazione del canale...........................................................................................................356


Progettazione del canale "System Info"....................................................................................356

16.6
16.6.1
16.6.2
16.6.3
16.6.4
16.6.5
16.6.6
16.6.7

Esempi relativi all'analisi ed alla visualizzazione delle informazioni sul sistema.......................357


Esempi relativi all'analisi ed alla visualizzazione delle informazioni sul sistema.......................357
Progettazione di una variabile nel canale "System Info"...........................................................357
Visualizzazione dell'ora in un campo I/O...................................................................................358
Rappresentazione della memoria libera del drive con una visualizzazione a barre..................360
Rappresentazione del carico della CPU in una finestra di curva...............................................361
Progettazione di una segnalazione relativa alla memoria libera del drive.................................362
Visualizzazione di una segnalazione relativa alla memoria libera del drive..............................364

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Indice del contenuto

17

10

16.6.8
16.6.9
16.6.10
16.6.11
16.6.12

Visualizzazione dello stato della stampante in una visualizzazione di stato.............................365


Verifica dei parametri di avvio di WinCC...................................................................................367
Introduzione di una visualizzazione a barre..............................................................................367
Introduzione di un campo I/O....................................................................................................368
Attivazione di runtime................................................................................................................368

16.7
16.7.1
16.7.1.1
16.7.2
16.7.2.1
16.7.2.2
16.7.2.3
16.7.2.4
16.7.2.5
16.7.2.6

Funzioni speciali........................................................................................................................369
Utilizzo nei sistemi a pi stazioni e nei sistemi client.................................................................369
Utilizzo nei sistemi a pi stazioni e nei sistemi client.................................................................369
Esempio relativo al monitoraggio delle informazioni di sistema su pi server...........................369
Controllo delle informazioni di sistema di pi server su un client WinCC..................................369
Progettazione del primo server..................................................................................................370
Progettazione del secondo server.............................................................................................371
Importazione delle variabili sul client WinCC.............................................................................372
Progettazione della pagina di processo sul client WinCC.........................................................373
Attivazione del progetto.............................................................................................................374

Diagnostica della comunicazione.............................................................................................................377


17.1

Diagnostica di canali e variabili.................................................................................................377

17.2

Informazioni generali sull'identificazione di errori......................................................................378

17.3
17.3.1
17.3.2
17.3.3
17.3.4
17.3.4.1
17.3.4.2
17.3.4.3
17.3.4.4
17.3.4.5
17.3.4.6
17.3.4.7

Diagnostica dei canali................................................................................................................379


Diagnostica dei canali................................................................................................................379
Funzione "Stato dei collegamenti logici"....................................................................................379
Verifica di un canale con la funzione "Stato dei collegamenti logici".........................................379
Diagnostica del canale con Channel Diagnosis........................................................................381
Funzionamento della diagnostica del canale "Channel Diagnosis"...........................................381
Diagnostica di un canale con l'ActiveX Control.........................................................................382
Verifica di un canale con "Channel Diagnosis" come ActiveX Control......................................382
Diagnostica di un canale con "Channel Diagnosis"...................................................................383
Verifica di un canale con "Channel Diagnosis"..........................................................................384
Configurazione della funzione Trace di un canale.....................................................................385
Attivazione di runtime................................................................................................................386

17.4
17.4.1
17.4.2
17.4.3
17.4.3.1
17.4.3.2
17.4.3.3

Diagnostica del canale "System Info"........................................................................................387


Possibilit diagnostiche del canale "System Info".....................................................................387
Descrizione delle registrazioni del log file..................................................................................387
Accertare le cause di valori di variabile difettosi........................................................................388
Accertamento delle cause di valori di variabili difettosi.............................................................388
Verifica del canale e del collegamento......................................................................................389
Verifica di una variabile.............................................................................................................391

17.5
17.5.1
17.5.2
17.5.3
17.5.3.1
17.5.3.2
17.5.3.3
17.5.3.4
17.5.3.5
17.5.3.6

Diagnostica del canale "SIMATIC S7 Protocol Suite"...............................................................392


Possibilit diagnostiche del canale "SIMATIC S7 Protocol Suite".............................................392
Descrizione delle registrazioni del log file..................................................................................392
Accertare le cause di valori di variabile difettosi........................................................................395
Accertamento delle cause di valori di variabili difettosi.............................................................395
Verifica della progettazione del processore di comunicazione..................................................395
Verifica del processore di comunicazione in ambiente SIMATIC NET......................................396
Verifica della progettazione del collegamento e delle variabili..................................................397
Verifica del canale e del collegamento......................................................................................399
Verifica di una variabile.............................................................................................................401

17.6

Diagnostica del canale "SIMATIC S5 Profibus FDL".................................................................403

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Indice del contenuto

17.6.1
17.6.2
17.6.3
17.6.3.1
17.6.3.2
17.6.3.3
17.6.3.4
17.6.3.5
17.6.3.6

Possibilit diagnostiche del canale "SIMATIC S5 PROFIBUS FDL".........................................403


Descrizione delle registrazioni del log file..................................................................................403
Accertare le cause di valori di variabile difettosi........................................................................404
Accertamento delle cause di valori di variabili difettosi.............................................................404
Verifica della progettazione del processore di comunicazione..................................................405
Verifica del processore di comunicazione in ambiente SIMATIC NET......................................406
Verifica della progettazione del collegamento e delle variabili..................................................407
Verifica del canale e del collegamento......................................................................................409
Verifica di una variabile.............................................................................................................411

17.7
17.7.1
17.7.2
17.7.2.1
17.7.2.2
17.7.2.3
17.7.3
17.7.3.1
17.7.3.2
17.7.3.3
17.7.3.4

Diagnostica del canale "OPC"...................................................................................................413


Possibilit diagnostiche del canale "OPC"................................................................................413
Descrizione delle registrazioni del log file..................................................................................413
Descrizione delle registrazioni del log file..................................................................................413
Registrazioni relative al flag "INFO"..........................................................................................414
Registrazioni relative al flag "ERROR"......................................................................................415
Accertare le cause di valori di variabile difettosi........................................................................416
Accertamento delle cause di variabili difettose..........................................................................416
Verifica dei dati di progettazione...............................................................................................417
Verifica del canale e del collegamento......................................................................................418
Verifica di una variabile.............................................................................................................420

17.8
17.8.1
17.8.2
17.8.3
17.8.4
17.8.5
17.8.6

Qualit delle variabili.................................................................................................................422


Qualit delle variabili.................................................................................................................422
Quality Code di variabili.............................................................................................................424
Stato della variabile...................................................................................................................429
Monitoraggio di stato tramite lo stato delle variabili...................................................................430
Monitoraggio di stato tramite le azioni globali............................................................................432
Verifica di una variabile interna.................................................................................................433

Indice analitico..........................................................................................................................................435

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

11

Comunicazione di processo
1.1

Fondamenti della comunicazione

Introduzione
Per comunicazione si intende lo scambio di dati tra due partner di comunicazione.

Comunicazione
Ogni componente della rete in grado di comunicare con altri e di scambiare dati pu essere
un partner di comunicazione. In ambiente WinCC questi possono essere moduli centrali e di
comunicazione nel sistema di automazione (PLC) nonch processori di comunicazione nel
PC.
I dati trasmessi tra i partner di comunicazione possono avere scopi molti differenti. Nel caso
di WinCC servono per:
il controllo di un processo
il richiamo di dati da un processo
la segnalazione di stati imprevisti nel processo
l'archiviazione di dati di processo

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

13

Comunicazione di processo
1.2 Regole fondamentali per la progettazione delle connessioni

1.2

Regole fondamentali per la progettazione delle connessioni

Ciclo di acquisizione e tempo di aggiornamento


I cicli di rilevamento specificati nel software di progettazione per le variabili sono fattori
essenziali per i tempi di aggiornamento raggiungibili.
Il tempo di aggiornamento la somma risultante dal ciclo di rilevamento, dal tempo di
trasferimento e dalla durata di elaborazione.
Per ottenere tempi di aggiornamento ottimali, durante la progettazione attenersi a quanto
indicato qui di seguito.
Le aree dati devono essere possibilmente piccole ma sufficientemente grandi.
Le aree dati ad appartenenza comune devono essere definite come interdipendenti. Se si
configurano parecchie aree piccole anzich un'area grande, si migliora notevolmente il
tempo di aggiornamento.
Una selezione di cicli di regolamento troppo piccoli peggiora la performance. Impostare il
ciclo di acquisizione in base alla velocit di variazione dei valori di processo. da tener
conto del fatto che la variazione della temperatura di un forno, p. es., sostanzialmente
pi lenta rispetto al numero di giri di un azionamento elettrico.
Creare le variabili di una segnalazione o una pagina senza lacune in un'area dati.
Affinch le modifiche vengono riconosciute con sicurezza nel controllore, necessario che
siano presenti almeno per un ciclo di rilevamento.
Impostare la baudrate al valore pi alto possibile, al fine di garantire una trasmissione priva
di disturbi.
Pagine
Nelle pagine il possibile tempo di aggiornamento dipende sostanzialmente dal numero di dati
da rappresentare.
Al fine di ottenere dei tempi di aggiornamento possibilmente brevi, da osservare che si
dovrebbero progettare soltanto oggetti con cicli di rilevamento corti, necessari per un rapido
aggiornamento.
Curve
Se nelle curve con bit eccitati settato il bit collettivo "Campo di trasmissione curva", tutte le
curve il cui bit settato in questo campo verranno aggiornate sulla stazione WinCC.
Successivamente i bit verranno ripristinati.
Solo dopo avere ripristinato tutti i bit nella stazione WinCC, si potr di nuovo settare il bit
collettivo nel programma PLC.

14

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Comunicazione di processo
1.3 Comunicazione di processo WinCC

1.3

Comunicazione di processo WinCC

1.3.1

Comunicazione di processo WinCC

Introduzione
Da WinCC si pu accedere a variabili di processo (variabili esterne) in un sistema di
automazione. Prima di progettare la connessione di processo in WinCC, consigliabile
verificare con l'ausilio di una lista di verifica se sono soddisfatti i seguenti requisiti:
Il sistema di automazione deve essere dotato di un'interfaccia di comunicazione supportata
da WinCC attraverso un driver di comunicazione.
Tale interfaccia nel sistema di automazione deve essere progettata in modo che il
programma di controllo possa accedere all'interfaccia tramite le chiamate di
comunicazione. I parametri di progettazione per l'hardware di comunicazione devono
essere noti.
Gli indirizzi delle variabili a cui WinCC dovr accedere devono essere noti. Tenere presente
che gli indirizzi dipendono dal sistema di automazione utilizzato.
Nel sistema WinCC deve essere installato un corrispondente hardware di comunicazione
(processore di comunicazione, porta I/O standard COMx, ...). Per installare questo
hardware deve essere stato installato precedentemente anche il driver del sistema
operativo (driver hardware) fornito. Le impostazioni per hardware e software del processore
di comunicazione devono essere note.
In base al processore di comunicazione impiegato nel sistema WinCC pu essere richiesto
effettuare ulteriori impostazioni. Con Industrial Ethernet oppure PROFIBUS ad esempio
necessario creare un database locale. Anche questi parametri di collegamento devono
essere noti.
Per l'uso in Runtime deve essere inoltre stabilito un collegamento fisico tra WinCC ed il sistema
di automazione per poter accedere alle variabili esterne.

1.3.2

Principio della comunicazione WinCC

Introduzione
WinCC gestisce le sue variabili in modo centrale in una cosiddetta Gestione variabili. In questa
sede tutti i dati e tutte le variabili generati in un progetto ed archiviati nel database del progetto
sono rilevati e gestiti in runtime da WinCC.
Tutte le applicazioni, come ad es. Graphics Runtime, Alarm Logging Runtime oppure Tag
Logging Runtime (Global Script), devono richiedere i dati in forma di variabili WinCC dalla
Gestione variabili.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

15

Comunicazione di processo
1.3 Comunicazione di processo WinCC

Comunicazione tra WinCC ed il sistema di automazione (PLC)


Per comunicazione nella comunicazione industriale con WinCC si intende che le informazioni
sono scambiate attraverso variabili e valori di processo. Per rilevare i valori di processo, il
driver di comunicazione WinCC invia dei telegrammi di richiesta al PLC. Questo rispedisce i
valori di processo richiesti nei corrispondenti telegrammi di risposta al WinCC.

Innanzitutto, deve essere presente un collegamento fisico tra WinCC e sistema di


automazione. Le propriet di questo collegamento, come ad es. mezzo di trasmissione, rete
di comunicazione, stabiliscono le condizioni della comunicazione e sono richiesti per la
progettazione della comunicazione in WinCC.

16

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Comunicazione di processo
1.3 Comunicazione di processo WinCC

Driver di comunicazione
Un driver di comunicazione un componente software che stabilisce un collegamento tra il
sistema di automazione e la gestione variabili di WinCC, permettendo in tal modo
l'alimentazione dei valori di processo alle variabili WinCC. In WinCC sono disponibili molteplici
driver di comunicazione per il collegamento di diversi sistemi di automazione attraverso vari
sistemi bus.
Ogni driver di comunicazione pu essere integrato soltanto una volta in un progetto WinCC.
I driver di comunicazione in ambiente WinCC sono chiamati anche "Canale" e presentano
l'estensione "*.chn". Tutti i driver di comunicazione installati sul computer si trovano nella
sottodirectory "\bin" della directory d'installazione WinCC.
Un driver di comunicazione presenta diverse unit di canale per diverse reti di comunicazione.

Unit di canale
Ogni unit di canale costituisce l'interfaccia verso esattamente un driver hardware subordinato
e pertanto verso esattamente un processore di comunicazione nel PC. Ad ogni unit di canale
utilizzata deve essere perci assegnato il processore di comunicazione pertinente.
Per alcune unit di canale viene inoltre effettuata una progettazione supplementare nei
cosiddetti parametri di sistema. Per le unit di canale che lavorano sul livello di trasporto (Layer
4) del modello OSI, vengono stabiliti inoltre i parametri di trasporto.

Collegamento (logico)
Dopo che WinCC ed il sistema di automazione sono collegati fisicamente in modo corretto, in
WinCC servono un driver di comunicazione ed un'unit di canale pertinente per stabilire ovvero
progettare un collegamento logico verso il sistema di automazione. Attraverso questo
collegamento avviene lo scambio di dati in runtime.
In WinCC un collegamento consiste di un'assegnazione logica progettata di due partner di
comunicazione destinata all'esecuzione di un determinato servizio di comunicazione. Ogni
collegamento presenta due punti terminali che contengono anche le informazioni richieste per
l'indirizzamento del partner di comunicazione nonch altri attributi per stabilire il collegamento.
Un collegamento progettato sotto un'unit di canale con i suoi parametri di collegamento
specifici. In base al driver di comunicazione utilizzato anche possibile creare pi collegamenti
sotto un'unit di canale.

1.3.3

Variabili esterne

1.3.3.1

Variabili esterne

Premessa
Per avere accesso a determinati dati di un sistema di automazione, in WinCC sono richieste
le variabili. Queste variabili che si basano su un collegamento ad un sistema di automazione
sono chiamate variabili esterne. Le variabili che non dispongono di un collegamento al
processo sono chiamate, invece, variabili interne.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

17

Comunicazione di processo
1.3 Comunicazione di processo WinCC

Tipo di dati e cambio di formato


Per la progettazione di variabili esterne, oltre al nome della variabile deve essere definito anche
un tipo di dati e per alcuni tipi di dati anche un cambio di formato:
il tipo di dati determina il formato dati in WinCC. Con il cambio di formato viene definita la
conversione dal formato PLC al formato WinCC. Il cambio di formato vale per entrambe le
direzioni di trasmissione:
nel PLC: ad esempio per determinate funzioni (come valori temporizzatore / display BCD)
oppure in seguito all'informazione da indirizzare (ad es. indirizzo byte, indirizzo parola nel
blocco di dati oppure campo I/O).
in WinCC: ad es. per l'elaborazione di valori analogici oppure per calcoli.
Nel lavoro pratico, nella maggior parte dei casi prestabilito il formato dati PLC. In tal caso,
per selezionare il formato WinCC si hanno le seguenti possibilit:
Il formato dati WinCC pu corrispondere al formato PLC. A tale scopo viene selezionato
un cambio di formato che utilizza su entrambi i lati lo stesso formato e che considera il
segno iniziale in base al tipo di dati WinCC, ad es. "WordToSignedWord". Se ci non
ottenibile con il tipo di dati selezionato, il tipo dovr essere modificato in WinCC.
Il formato WinCC dipende dall'elaborazione dei valori in WinCC.
Per la selezione del tipo di dati e del cambio di formato, all'occorrenza devono essere rispettati
i seguenti punti:
Segno iniziale: deve essere considerato per il cambio? Durante l'esercizio possono
verificarsi anche valori di variabile negativi? (come ad es. nel caso di differenze di
regolazione in percentuale)
Campo di valori: I valori di variabili che si verificano durante l'esercizio rientrano nel campo
di valori di entrambi i formati oppure si dovr tenere conto di un possibile superamento del
valore in WinCC oppure nel PLC? In caso di superamento, un valore non potr essere
rappresentato sull'altro lato oppure potr comportare errori alla successiva elaborazione.
Cambi di formato diversi con lo stesso campo di valori: possibile che diversi cambi di
formato di un tipo di dati presentano lo stesso campo di valori, ad es.
"ByteToUnsignedDword" e "ByteToUnsignedWord" con campo di valori [0...127]. In tal caso
si dovr sempre verificare in che formato sono disponibili i dati del PLC e se tale formato
non spreca inutilmente risorse dovuto ad un sovradimensionamento. (ad es. DWord invece
di Word).
Se con il cambio di formato selezionato non viene coperto il campo di valori richiesto nel PLC,
in WinCC dovr essere cambiato il tipo di dati.
Nota
Una variabile di processo non correttamente progettata, ad es. a causa di un errore di
indirizzamento, pu causare un disturbo di comunicazione con il sistema di automazione.

18

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Comunicazione di processo
1.3 Comunicazione di processo WinCC

Tipi di dati WinCC e cambio di formato


La seguente tabella riporta quali tipi di dati WinCC supportano un cambio di formato.
Tipo di dati

Adatta formato

Variabile binaria

No

Valore a 8 bit senza segno

Valore a 8 bit con segno

Valore a 16 bit senza segno

Valore a 16 bit con segno

Valore a 32 bit senza segno

Valore a 32 bit con segno

Numero in virgola mobile a 32 bit IEEE 754

Numero in virgola mobile a 64 bit IEEE 754

Variabile di testo set di caratteri 8 bit

No

Variabile di testo set di caratteri 16 bit

No

Tipo di dati grezzi

No

Nota
Al cambio di formato badare al fatto che i dati trasmessi dal PLC devono essere interpretabili
da WinCC all'interno del cambio di formato selezionato. Se i dati non possono essere
interpretati da WinCC, avviene una registrazione di errore nel file "WinCC_sys_0x.log" nella
directory "..\Siemens\WinCC\Diagnose".

Scala lineare dei tipi di variabile numerici


Per i tipi di dati numerici pu essere effettuato un cambio di scala lineare. Il campo di valori di
una grandezza presente nel processo pu essere riprodotto linearmente su un determinato
campo di valori di una variabile WinCC.
Il processo pu richiedere ad esempio la specificazione di un valore nominale nell'unit [bar],
ma in WinCC tale valore deve essere inserito dall'utente in [mbar]. Con il cambio di scala
lineare il campo di valori nel processo [0 ...1] pu essere adattato al campo di valori [0 ...1000]
delle variabili WinCC.

Indicazioni di lunghezza delle variabili di testo


Per variabili del tipo di dati "Variabile di testo set di caratteri a 8 bit" e "Variabile di testo set di
caratteri a 16 bit" richiesta l'indicazione della lunghezza. Una variabile di testo che dovr
accettare pi avanti 10 caratteri, nel caso dei "caratteri a 8 bit" deve avere una lunghezza di
10, e nel caso dei "caratteri a 16 bit" una lunghezza di 20.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

19

Comunicazione di processo
1.3 Comunicazione di processo WinCC

Indirizzamento nel sistema di automazione


Le variabili WinCC devono essere assegnati ad un campo di dati nel PLC. Devono essere
indirizzati in un determinato modo nel PLC. Il tipo di indirizzamento dipende dal tipo di partner
di comunicazione.

1.3.3.2

Creazione di un nuovo collegamento

Introduzione
Variabili esterne possono essere create sempre solo sulla base di un collegamento verso un
PLC. Se questo collegamento richiesto manca, dovr essere creato in un primo passo.

Presupposti
Il processore di comunicazione richiesto ed il driver hardware pertinente sono installati.
Anche il driver di comunicazione desiderato installato, ad es. "SIMATIC S7 Protocol Suite".

Procedimento
1. Estendere la visione del driver di comunicazione nella "Gestione variabili".
2. Selezionare l'unit di canale desiderata, ad es. "PROFIBUS".
3. Selezionare nel menu di scelta rapida dell'unit di canale la voce "Nuovo collegamento...".

20

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Comunicazione di processo
1.3 Comunicazione di processo WinCC
4. Nel campo "Nome" sulla scheda Generale assegnare al collegamento un nome esclusivo
nel progetto.
5. Aprire tramite il pulsante di comando "Propriet" la finestra di dialogo "Parametri di
collegamento". Impostare i parametri richiesti per questo collegamento. Per informazioni
pi dettagliate, consultare la Guida / documentazione del rispettivo canale.
6. Chiudere tutte le finestre di dialogo, facendo clic sul pulsante "OK".

1.3.3.3

Progettazione di una variabile esterna

Introduzione
Per la creazione di una variabile si procede in modo simile per quasi tutti i tipi di dati.
Per alcuni tipi di dati devono essere per inoltre effettuate impostazioni specifiche (passi 5 7).

Presupposti
Il processore di comunicazione richiesto ed il driver hardware sono installati.
Il driver di comunicazione desiderato installato, ad es. "SIMATIC S7 Protocol Suite".
Sulla base di un'unit di canale (ad es. "PROFIBUS") gi stabilito un collegamento.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

21

Comunicazione di processo
1.3 Comunicazione di processo WinCC

Procedimento
1. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento desiderato la voce "Nuova
variabile". Si apre la finestra di dialogo "Propriet della variabile".

2. Nel campo "Nome" della scheda Generale assegnare un nome di variabile esclusivo nel
progetto WinCC, ad es. "WinCCVariable_01".
3. Nel campo "Tipo di dati" definire il tipo di dati per la variabile, ad es. "Numero in virgola
mobile a 64 bit IEEE 754".
4. Mediante il pulsante di comando "Seleziona" aprire la finestra di dialogo "Propriet della
variabile" per definire il campo di indirizzo della variabile nel PLC.
In caso di variabili binarie oppure di variabili a 8 bit, con canali che non supportano l'accesso
a bit/byte viene inizialmente visualizzata anche la finestra di dialogo "Bit-/Byte-Variable"
(Variabile bit/byte) e solo dopo la finestra di dialogo "Propriet della variabile".
Ulteriori informazioni sono riportate sotto "Principio del meccanismo BinWrite".
Chiudere le finestre di dialogo "Bit-/Byte-Variable" (Variabile a bit/byte) e "Propriet della
variabile" con il pulsante di comando "OK".
5. In caso di variabili numeriche WinCC propone un cambio di formato nel campo "Cambio di
formato".
All'occorrenza selezionare un cambio di formato diverso. La rappresentazione avviene
nell'ordine "X to Y", con X = formato WinCC e Y= formato PLC, ad es. "DoubleToDouble".

22

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Comunicazione di processo
1.3 Comunicazione di processo WinCC
6. Spuntare la casella di controllo "Scala lineare" per scalare una variabile numerica
linearmente. Indicare rispettivamente i limiti superiori ed inferiori per "Campo di valori di
processo" (nel PLC) e "Campo di valori della variabile" (in WinCC).
7. Nel caso di una variabile di testo viene attivato il campo "Lunghezza". Indicare in questa
sede la lunghezza della variabile di testo in caratteri.
8. Chiudere tutte le finestre di dialogo, facendo clic sul pulsante "OK".

1.3.3.4

Cambi di formato classificati per tipo di dati WinCC

Introduzione
Alla progettazione di variabili esterne, per tutti i tipi di dati numerici deve essere effettuato
anche un cambio di formato.
Il tipo di dati determina il formato dati sul lato WinCC. Con il cambio di formato viene definita
la conversione dal formato WinCC al formato PLC. Tale definizione vale per entrambe le
direzioni di trasmissione:
Selezionare nel seguente campo il tipo di dati WinCC desiderato. Nella tabella sottostante
sono riportati i cambi di formato e campi di valori rispettivamente possibili.

Tipo di dati WinCC


Tabella 1-1

Valore a 8 bit con segno

Cambio di formato "Valore a 8 bit con segno"

Campo di valori

CharToUnsignedByte

0...127

CharToUnsignedWord

0...127

CharToUnsignedDword

0...127

CharToSignedByte

-128...+127 (senza conversione)

CharToSignedWord

-128...+127

CharToSignedDword

-128...+127

CharToMSBByte

-128...+127

CharToMSBWord

-128...+127

CharToMSBDword

-128...+127

CharToBCDByte

0...99

CharToBCDWord

0...127

CharToBCDDword

0...127

CharToSignedBCDByte

-9...+9

CharToSignedBCDWord

-128...+127

CharToSignedBCDDword

-128...+127

CharToExtSignedBCDByte

-79...+79

CharToExtSignedBCDWord

-128...+127

CharToExtSignedBCDDword

-128...+127

CharToAikenByte

0...99

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

23

Comunicazione di processo
1.3 Comunicazione di processo WinCC
Cambio di formato "Valore a 8 bit con segno"

Campo di valori

CharToAikenWord

0...127

CharToAikenDword

0...127

CharToSignedAikenByte

-9...+9

CharToSignedAikenWord

-128...+127

CharToSignedAikenDword

-128...+127

CharToExcessByte

0...99

CharToExcessWord

0...127

CharToExcessDword

0...127

CharToSignedExcessByte

-9...+9

CharToSignedExcessWord

-128...+127

CharToSignedExcessDword

-128...+127

Tabella 1-2

Valore a 8 bit senza segno

Cambio di formato "Valore a 8 bit senza segno"

Campo di valori

ByteToUnsignedByte

0...255 (senza conversione)

ByteToUnsignedWord

0...255

ByteToUnsignedDword

0...255

ByteToSignedByte

0...127

ByteToSignedWord

0...255

ByteToSignedDword

0...255

ByteToBCDByte

0...99

ByteToBCDWord

0...255

ByteToBCDDword

0...255

ByteToAikenByte

0...99

ByteToAikenWord

0...255

ByteToAikenDword

0...255

ByteToExcessByte

0...99

ByteToExcessWord

0...255

ByteToExcessDword

0...255

Tabella 1-3

Valore a 16 bit con segno

Cambio di formato "Valore a 16 bit con segno"

Campo di valori

ShortToUnsignedByte

0...255

ShortToUnsignedWord

0...32767

ShortToUnsignedDword

0...32767

ShortToSignedByte

-128...+127

ShortToSignedWord

-32768...+32767 (senza conversione)

ShortToSignedDword

-32768...+32767

ShortToMSBByte

-127...+127

ShortToMSBWord

-32767...+32767

ShortToMSBDword

-32768...+32767

ShortToBCDByte

0...99

24

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Comunicazione di processo
1.3 Comunicazione di processo WinCC
Cambio di formato "Valore a 16 bit con segno"

Campo di valori

ShortToBCDWord

0...9999

ShortToBCDDword

0...32767

ShortToSignedBCDByte

-9...+9

ShortToSignedBCDWord

-999...+999

ShortToSignedBCDDword

-32768...+32767

ShortToExtSignedBCDByte

-79...+79

ShortToExtSignedBCDWord

-7999...+7999

ShortToExtSignedBCDDword

-32768...+32767

ShortToAikenByte

0...99

ShortToAikenWord

0...9999

ShortToAikenDword

0...32767

ShortToSignedAikenByte

-9...+9

ShortToSignedAikenWord

-999...+999

ShortToSignedAikenDword

-32768...+32767

ShortToExcessByte

0...99

ShortToExcessWord

0...9999

ShortToExcessDword

0...32767

ShortToSignedExcessByte

-9...+9

ShortToSignedExcessWord

-999...+999

ShortToSignedExcessDword

-32768...+32767

Tabella 1-4

Valore a 16 bit senza segno

Cambio di formato "Valore a 16 bit senza segno"

Campo di valori

WordToUnsignedWord

0...65535 (senza conversione)

WordToUnsignedByte

0...255

WordToUnsignedDword

0...65535

WordToSignedByte

0...127

WordToSignedWord

0...32767

WordToSignedDword

0...65535

WordToBCDByte

0...99

WordToBCDWord

0...9999

WordToBCDDword

0...65535

WordToAikenByte

0...99

WordToAikenWord

0...9999

WordToAikenDword

0...65535

WordToExcessByte

0...99

WordToExcessWord

0...9999

WordToExcessDword

0...65535

WordToSimaticCounter

0...999

WordToSimaticBCDCounter

0...999

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

25

Comunicazione di processo
1.3 Comunicazione di processo WinCC
Tabella 1-5

Valore a 32 bit con segno

Cambio di formato "Valore a 32 bit con segno"

Campo di valori

LongToSignedDword

-2147483647...+2147483647 (senza conversione)

LongToUnsignedByte

0...255

LongToUnsignedWord

0...65535

LongToUnsignedDword

0...2147483647

LongToSignedByte

-128...+127

LongToSignedWord

-32768...+32767

LongToMSBByte

-127...+127

LongToMSBWord

-32767...+32767

LongToMSBDword

-2147483647...+2147483647

LongToBCDByte

0...99

LongToBCDWord

0...9999

LongToBCDDword

0...99999999

LongToSignedBCDByte

-9...+9

LongToSignedBCDWord

-999...+999

LongToSignedBCDDword

-9999999...+9999999

LongToExtSignedBCDByte

-79..+79

LongToExtSignedBCDWord

-7999...+7999

LongToExtSignedBCDDword

-79999999...+79999999

LongToAikenByte

0...99

LongToAikenWord

0...9999

LongToAikenDword

0...99999999

LongToSignedAikenByte

-9...+9

LongToSignedAikenWord

-999...+999

LongToSignedAikenDword

-9999999...+9999999

LongToExcessByte

0...99

LongToExcessWord

0...9999

LongToExcessDword

0...99999999

LongToSignedExcessByte

-9...+9

LongToSignedExcessWord

-999...+999

LongToSignedExcessDword

-9999999...+9999999

LongToSimaticTimer

10...9990000

LongToSimaticBCDTimer

10...9990000

Tabella 1-6

Valore a 32 bit senza segno

Cambio di formato "Valore a 32 bit senza segno"

Campo di valori

DwordToUnsignedDword

0...4294967295 (senza conversione)

DwordToUnsignedByte

0...255

DwordToUnsignedWord

0...65535

DwordToSignedByte

0...127

DwordToSignedWord

0...32767

DwordToSignedDword

0...2147483647

26

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Comunicazione di processo
1.3 Comunicazione di processo WinCC
Cambio di formato "Valore a 32 bit senza segno"

Campo di valori

DwordToBCDByte

0...99

DwordToBCDWord

0...9999

DwordToBCDDword

0...99999999

DwordToAikenByte

0...99

DwordToAikenWord

0...9999

DwordToAikenDword

0...99999999

DwordToExcessByte

0...99

DwordToExcessWord

0...9999

DwordToExcessDword

0...99999999

DwordToSimaticTimer

10...9990000

DwordToSimaticBCDTimer

10...9990000

Tabella 1-7

Numero in virgola mobile a 32 bit IEEE 754

Cambio di formato "Numero in virgola mobile a 32 bit IEEE


754"

Campo di valori

FloatToFloat

+-3.402823e+38 (senza conversione)

FloatToUnsignedByte

0...255

FloatToUnsignedWord

0...65535

FloatToUnsignedDword

0...4.294967e+09

FloatToSignedByte

-128...+127

FloatToSignedWord

-32768...+32767

FloatToSignedDword

-2.147483e+09...+2.147483e+09

FloatToDouble

+-3.402823e+38

FloatToMSBByte

-127...+127

FloatToMSBWord

-32767...+32767

FloatToMSBDword

-2.147483e+09...+2.147483e+09

FloatToBCDByte

0...99

FloatToBCDWord

0...9999

FloatToBCDDword

0...9.999999e+07

FloatToSignedBCDByte

-9...+9

FloatToSignedBCDWord

-999...+999

FloatToSignedBCDDword

-9999999...+9999999

FloatToExtSignedBCDByte

-79...+79

FloatToExtSignedBCDWord

-7999...+7999

FloatToExtSignedBCDDword

-7.999999e+07...+7.999999e+07

FloatToAikenByte

0...99

FloatToAikenWord

0...9999

FloatToAikenDword

0...9,999999e+07

FloatToSignedAikenByte

-9...+9

FloatToSignedAikenWord

-999...+999

FloatToSignedAikenDword

-9999999...+9999999

FloatToExcessByte

0...99

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

27

Comunicazione di processo
1.3 Comunicazione di processo WinCC
Cambio di formato "Numero in virgola mobile a 32 bit IEEE
754"

Campo di valori

FloatToExcessWord

0...9999

FloatToExcessDword

0...9.999999e+07

FloatToSignedExcessByte

-9...+9

FloatToSignedExcessWord

-999...+999

FloatToSignedExcessDword

-9999999...+9999999

FloatToS5Timer

10...9990000

FloatToS5Float

+-1.701411e+38

Tabella 1-8

Numero in virgola mobile a 64 bit IEEE 754

Cambio di formato "Numero in virgola mobile a 64 bit IEEE


754"

Campo di valori

DoubleToDouble

+-1.79769313486231e+308 (senza conversione)

DoubleToUnsignedByte

0...255

DoubleToUnsignedWord

0...65535

DoubleToUnsignedDword

0...4294967295

DoubleToSignedByte

-128...+127

DoubleToSignedWord

-32768...+32767

DoubleToSignedDword

-2147483647...+2147483647

DoubleToFloat

+-3.402823e+38

DoubleToMSBByte

-127...+127

DoubleToMSBWord

-32767...+32767

DoubleToMSBDword

-2147483647...+2147483647

DoubleToBCDByte

0...99

DoubleToBCDWord

0...9999

DoubleToBCDDword

0...99999999

DoubleToSignedBCDByte

-9...+9

DoubleToSignedBCDWord

-999...+999

DoubleToSignedBCDDword

-9999999...+9999999

DoubleToExtSignedBCDByte

-79...+79

DoubleToExtSignedBCDWord

-7999...+7999

DoubleToExtSignedBCDDword

-79999999...+79999999

DoubleToAikenByte

0...99

DoubleToAikenWord

0...9999

DoubleToAikenDword

0...99999999

DoubleToSignedAikenByte

-9...+9

DoubleToSignedAikenWord

-999...+999

DoubleToSignedAikenDword

-9999999...+9999999

DoubleToExcessByte

0...99

DoubleToExcessWord

0...9999

DoubleToExcessDword

0...99999999

DoubleToSignedExcessByte

-9...+9

DoubleToSignedExcessWord

-999...+999

28

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Comunicazione di processo
1.3 Comunicazione di processo WinCC
Cambio di formato "Numero in virgola mobile a 64 bit IEEE
754"

Campo di valori

DoubleToSignedExcessDword

-9999999...+9999999

DoubleToS5Timer

10...9990000

DoubleToS5Float

+-1.701411e+38

1.3.3.5

Cambi di formato classificati per tipo di dati PLC

Introduzione
Alla progettazione di variabili esterne, per tutti i tipi di dati numerici deve essere effettuato
anche un cambio di formato.
Il tipo di dati determina il formato dati sul lato WinCC. Con il cambio di formato viene definita
la conversione dal formato WinCC al formato PLC. Tale definizione vale per entrambe le
direzioni di trasmissione:
Selezionare nel seguente campo il tipo di dati PLC desiderato. Nella tabella sottostante sono
riportati i cambi di formato e campi di valori rispettivamente possibili.

Tipo di dati PLC


Cambio di formato e campo di valori
Tabella 1-9

AikenByte

Cambio di formato "AikenByte"

Campo di valori

ByteToAikenByte

0...99

CharToAikenByte

0...99

DoubleToAikenByte

0...99

DwordToAikenByte

0...99

FloatToAikenByte

0...99

LongToAikenByte

0...99

ShortToAikenByte

0...99

WordToAikenByte

0...99

Tabella 1-10 AikenWord


Cambio di formato "AikenWord"

Campo di valori

ByteToAikenWord

0...255

CharToAikenWord

0...127

DoubleToAikenWord

0...9999

DwordToAikenWord

0...9999

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

29

Comunicazione di processo
1.3 Comunicazione di processo WinCC
Cambio di formato "AikenWord"

Campo di valori

FloatToAikenWord

0...9999

LongToAikenWord

0...9999

ShortToAikenWord

0...9999

WordToAikenWord

0...9999

Tabella 1-11 AikenDWord


Cambio di formato "AikenDWord"

Campo di valori

ByteToAikenDword

0...255

CharToAikenDword

0...127

DoubleToAikenDword

0...99999999

DwordToAikenDword

0...99999999

FloatToAikenDword

0...9,999999e+07

LongToAikenDword

0...99999999

ShortToAikenDword

0...32767

WordToAikenDword

0...65535

Tabella 1-12 BCDByte


Cambio di formato "BCDByte"

Campo di valori

ByteToBCDByte

0...99

CharToBCDByte

0...99

DoubleToBCDByte

0...99

DwordToBCDByte

0...99

FloatToBCDByte

0...99

LongToBCDByte

0...99

ShortToBCDByte

0...99

WordToBCDByte

0...99

Tabella 1-13 BCDWord


Cambio di formato "BCDWord"

Campo di valori

ByteToBCDWord

0...255

CharToBCDWord

0...127

DoubleToBCDWord

0...9999

DwordToBCDWord

0...9999

FloatToBCDWord

0...9999

LongToBCDWord

0...9999

ShortToBCDWord

0...9999

WordToBCDWord

0...9999

30

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Comunicazione di processo
1.3 Comunicazione di processo WinCC
Tabella 1-14 BCDDWord
Cambio di formato "BCDDWord"

Campo di valori

ByteToBCDDword

0...255

CharToBCDDword

0...127

DoubleToBCDDword

0...99999999

DwordToBCDDword

0...99999999

FloatToBCDDword

0...9.999999e+07

LongToBCDDword

0...99999999

ShortToBCDDword

0...32767

WordToBCDDword

0...65535

Tabella 1-15 Double


Cambio di formato "Double"

Campo di valori

DoubleToDouble

+-1.79769313486231e+308 (senza conversione)

FloatToDouble

+-3.402823e+38

Tabella 1-16 ExcessByte


Cambio di formato "ExcessByte"

Campo di valori

ByteToExcessByte

0...99

CharToExcessByte

0...99

DoubleToExcessByte

0...99

DwordToExcessByte

0...99

FloatToExcessByte

0...99

LongToExcessByte

0...99

ShortToExcessByte

0...99

WordToExcessByte

0...99

Tabella 1-17 ExcessWord


Cambio di formato "ExcessWord"

Campo di valori

ByteToExcessWord

0...255

CharToExcessWord

0...127

DoubleToExcessWord

0...9999

DwordToExcessWord

0...9999

FloatToExcessWord

0...9999

LongToExcessWord

0...9999

ShortToExcessWord

0...9999

WordToExcessWord

0...9999

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

31

Comunicazione di processo
1.3 Comunicazione di processo WinCC
Tabella 1-18 ExcessDWord
Cambio di formato "ExcessDWord"

Campo di valori

ByteToExcessDword

0...255

CharToExcessDword

0...127

DoubleToExcessDword

0...99999999

DwordToExcessDword

0...99999999

FloatToExcessDword

0...9.999999e+07

LongToExcessDword

0...99999999

ShortToExcessDword

0...32767

WordToExcessDword

0...65535

Tabella 1-19 ExtSignedBCDByte


Cambio di formato "ExtSignedBCDByte"

Campo di valori

CharToExtSignedBCDByte

-79...+79

DoubleToExtSignedBCDByte

-79...+79

FloatToExtSignedBCDByte

-79...+79

LongToExtSignedBCDByte

-79..+79

ShortToExtSignedBCDByte

-79...+79

Tabella 1-20 ExtSignedBCDWord


Cambio di formato "ExtSignedBCDWord"

Campo di valori

CharToExtSignedBCDWord

-128...+127

DoubleToExtSignedBCDWord

-7999...+7999

FloatToExtSignedBCDWord

-7999...+7999

LongToExtSignedBCDWord

-7999...+7999

ShortToExtSignedBCDWord

-7999...+7999

Tabella 1-21 ExtSignedBCDDWord


Cambio di formato "ExtSignedBCDDWord"

Campo di valori

CharToExtSignedBCDDword

-128...+127

DoubleToExtSignedBCDDword

-79999999...+79999999

FloatToExtSignedBCDDword

-7.999999e+07...+7.999999e+07

LongToExtSignedBCDDword

-79999999...+79999999

ShortToExtSignedBCDDword

-32768...+32767

Tabella 1-22 Float


Cambio di formato "Float"

Campo di valori

DoubleToFloat

+-3.402823e+38

FloatToFloat

+-3.402823e+38 (senza conversione)

32

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Comunicazione di processo
1.3 Comunicazione di processo WinCC
Tabella 1-23 MSBByte
Cambio di formato "MSBByte"

Campo di valori

CharToMSBByte

-128...+127

DoubleToMSBByte

-127...+127

FloatToMSBByte

-127...+127

LongToMSBByte

-127...+127

ShortToMSBByte

-127...+127

Tabella 1-24 MSBWord


Cambio di formato "MSBWord"

Campo di valori

CharToMSBWord

-128...+127

DoubleToMSBWord

-32767...+32767

FloatToMSBWord

-32767...+32767

LongToMSBWord

-32767...+32767

ShortToMSBWord

-32767...+32767

Tabella 1-25 MSBDWord


Cambio di formato "MSBDWord"

Campo di valori

CharToMSBDword

-128...+127

DoubleToMSBDword

-2147483647...+2147483647

FloatToMSBDword

-2.147483e+09...+2.147483e+09

LongToMSBDword

-2147483647...+2147483647

ShortToMSBDword

-32768...+32767

Tabella 1-26 S5Float


Cambio di formato "S5Float"

Campo di valori

DoubleToS5Float

+-1.701411e+38

FloatToS5Float

+-1.701411e+38

Tabella 1-27 S5Timer


Cambio di formato "S5Timer"

Campo di valori

DoubleToS5Timer

10...9990000

FloatToS5Timer

10...9990000

Tabella 1-28 SignedByte


Cambio di formato "SignedByte"

Campo di valori

ByteToSignedByte

0...127

CharToSignedByte

-128...+127 (senza conversione)

DoubleToSignedByte

-128...+127

DwordToSignedByte

0...127

FloatToSignedByte

-128...+127

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

33

Comunicazione di processo
1.3 Comunicazione di processo WinCC
Cambio di formato "SignedByte"

Campo di valori

LongToSignedByte

-128...+127

ShortToSignedByte

-128...+127

WordToSignedByte

0...127

Tabella 1-29 SignedWord


Cambio di formato "SignedWord"

Campo di valori

ByteToSignedWord

0...255

CharToSignedWord

-128...+127

DoubleToSignedWord

-32768...+32767

DwordToSignedWord

0...32767

FloatToSignedWord

-32768...+32767

LongToSignedWord

-32768...+32767

ShortToSignedWord

-32768...+32767 (senza conversione)

WordToSignedWord

0...32767

Tabella 1-30 SignedDWord


Cambio di formato "SignedDWord"

Campo di valori

ByteToSignedDword

0...255

CharToSignedDword

-128...+127

DoubleToSignedDword

-2147483647...+2147483647

DwordToSignedDword

0...2147483647

FloatToSignedDword

-2.147483e+09...+2.147483e+09

LongToSignedDword

-2147483647...+2147483647 (senza conversione)

ShortToSignedDword

-32768...+32767

WordToSignedDword

0...65535

Tabella 1-31 SignedAikenByte


Cambio di formato "SignedAikenByte"

Campo di valori

CharToSignedAikenByte

-9...+9

DoubleToSignedAikenByte

-9...+9

FloatToSignedAikenByte

-9...+9

LongToSignedAikenByte

-9...+9

ShortToSignedAikenByte

-9...+9

Tabella 1-32 SignedAikenWord


Cambio di formato "SignedAikenWord"

Campo di valori

CharToSignedAikenWord

-128...+127

DoubleToSignedAikenWord

-999...+999

FloatToSignedAikenWord

-999...+999

LongToSignedAikenWord

-999...+999

ShortToSignedAikenWord

-999...+999

34

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Comunicazione di processo
1.3 Comunicazione di processo WinCC
Tabella 1-33 SignedAikenDWord
Cambio di formato "SignedAikenDWord"

Campo di valori

CharToSignedAikenDword

-128...+127

DoubleToSignedAikenDword

-9999999...+9999999

FloatToSignedAikenDword

-9999999...+9999999

LongToSignedAikenDword

-9999999...+9999999

ShortToSignedAikenDword

-32768...+32767

Tabella 1-34 SignedBCDByte


Cambio di formato "SignedBCDByte"

Campo di valori

CharToSignedBCDByte

-9...+9

DoubleToSignedBCDByte

-9...+9

FloatToSignedBCDByte

-9...+9

LongToSignedBCDByte

-9...+9

ShortToSignedBCDByte

-9...+9

Tabella 1-35 SignedBCDWord


Cambio di formato "SignedBCDWord"

Campo di valori

CharToSignedBCDWord

-128...+127

DoubleToSignedBCDWord

-999...+999

FloatToSignedBCDWord

-999...+999

LongToSignedBCDWord

-999...+999

ShortToSignedBCDWord

-999...+999

Tabella 1-36 SignedBCDDWord


Cambio di formato "SignedBCDDWord"

Campo di valori

CharToSignedBCDDword

-128...+127

DoubleToSignedBCDDword

-9999999...+9999999

FloatToSignedBCDDword

-9999999...+9999999

LongToSignedBCDDword

-9999999...+9999999

ShortToSignedBCDDword

-32768...+32767

Tabella 1-37 SignedExcessByte


Cambio di formato "SignedExcessByte"

Campo di valori

CharToSignedExcessByte

-9...+9

DoubleToSignedExcessByte

-9...+9

FloatToSignedExcessByte

-9...+9

LongToSignedExcessByte

-9...+9

ShortToSignedExcessByte

-9...+9

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

35

Comunicazione di processo
1.3 Comunicazione di processo WinCC
Tabella 1-38 SignedExcessWord
Cambio di formato "SignedExcessWord"

Campo di valori

CharToSignedExcessWord

-128...+127

DoubleToSignedExcessWord

-999...+999

FloatToSignedExcessWord

-999...+999

LongToSignedExcessWord

-999...+999

ShortToSignedExcessWord

-999...+999

Tabella 1-39 SignedExcessDWord


Cambio di formato "SignedExcessDWord"

Campo di valori

CharToSignedExcessDword

-128...+127

DoubleToSignedExcessDword

-9999999...+9999999

FloatToSignedExcessDword

-9999999...+9999999

LongToSignedExcessDword

-9999999...+9999999

ShortToSignedExcessDword

-32768...+32767

Tabella 1-40 SimaticCounter


Cambio di formato "SimaticCounter"

Campo di valori

WordToSimaticCounter

0...999

Tabella 1-41 SimaticBCDCounter


Cambio di formato "SimaticBCDCounter"

Campo di valori

WordToSimaticBCDCounter

0...999

Tabella 1-42 SimaticTimer


Cambio di formato "SimaticTimer"

Campo di valori

DwordToSimaticTimer

10...9990000

LongToSimaticTimer

10...9990000

Tabella 1-43 SimaticBCDTimer


Cambio di formato "SimaticBCDTimer"

Campo di valori

DwordToSimaticBCDTimer

10...9990000

LongToSimaticBCDTimer

10...9990000

Tabella 1-44 UnsignedByte


Cambio di formato "UnsignedByte"

Campo di valori

ByteToUnsignedByte

0...255 (senza conversione)

CharToUnsignedByte

0...127

DoubleToUnsignedByte

0...255

DwordToUnsignedByte

0...255

36

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Comunicazione di processo
1.3 Comunicazione di processo WinCC
Cambio di formato "UnsignedByte"

Campo di valori

FloatToUnsignedByte

0...255

LongToUnsignedByte

0...255

ShortToUnsignedByte

0...255

WordToUnsignedByte

0...255

Tabella 1-45 UnsignedWord


Cambio di formato "UnsignedWord"

Campo di valori

ByteToUnsignedWord

0...255

CharToUnsignedWord

0...127

DoubleToUnsignedWord

0...65535

DwordToUnsignedWord

0...65535

FloatToUnsignedWord

0...65535

LongToUnsignedWord

0...65535

ShortToUnsignedWord

0...32767

WordToUnsignedWord

0...65535 (senza conversione)

Tabella 1-46 UnsignedDWord


Cambio di formato "UnsignedDWord"

Campo di valori

ByteToUnsignedDword

0...255

CharToUnsignedDword

0...127

DoubleToUnsignedDword

0...4294967295

DwordToUnsignedDword

0...4294967295 (senza conversione)

FloatToUnsignedDword

0...4.294967e+09

LongToUnsignedDword

0...2147483647

ShortToUnsignedDword

0...32767

WordToUnsignedDword

0...65535

1.3.3.6

Principio del meccanismo BinWrite

Introduzione
In WinCC non tutti i driver di comunicazione e le loro unit di canale supportano l'accesso
diretto di bit per bit o di byte per byte (in breve: accesso a bit/byte) su aree di indirizzamento
in un sistema di automazione chiuso. Usano invece il meccanismo BinWrite.

Accesso a bit/byte
Per unit di canale dei driver di comunicazione con accesso a bit/byte, il bit o byte desiderato
pu essere letto e scritto direttamente.
Nella seguente figura ad un bit x viene assegnato direttamente il valore =1 attraverso l'accesso
a bit/byte.
WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

37

Comunicazione di processo
1.3 Comunicazione di processo WinCC

Meccanismo BinWrite
I seguenti driver di comunicazione non supportano un accesso a bit/byte ed utilizzano per le
loro unit di canale invece il meccanismo BinWrite:
Modbus Serial
SIMATIC S5 Ethernet Layer 4
SIMATIC S5 Programmers Port AS511
SIMATIC S5 Serial 3964R
SIMATIC TI Ethernet Layer 4
SIMATIC TI Serial
Per la scrittura di un bit o byte, l'unit di canale legge prima l'intero data word attraverso il
meccanismo BinWrite. Nel word letto sono modificati successivamente i dati da indirizzare.
Dopodich non viene solo riscritto il bit o byte modificato, ma l'intera (!) parola.
Nella seguente figura ad un bit x viene assegnato il valore =1 con l'ausilio del meccanismo
BinWrite.

38

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Comunicazione di processo
1.3 Comunicazione di processo WinCC

Nota
Se un data word in un sistema di automazione cambia nel momento in cui WinCC ha letto
tale data word attraverso il meccanismo BinWrite (cfr. il "caso problematico" nella figura), la
modifica si perde nel sistema di automazione appena WinCC riscrive il data word.

1.3.3.7

Progettazione di una variabile con "BinWrite"

Introduzione
Per progettare una "variabile binaria" per un'unit di canale di un driver di comunicazione che
non supporta l'accesso a bit/byte, il meccanismo BinWrite deve essere attivato e configurato
attraverso una finestra di dialogo che normalmente non disponibile.

Presupposti
Il processore di comunicazione richiesto ed il driver hardware sono installati.
Il driver di comunicazione desiderato, che per non supporta l'accesso a bit/byte,
installato, ad es. "SIMATIC S5 Ethernet Layer 4".
Sulla base di una delle sue unit di canale gi stabilito un collegamento.

Procedimento
1. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento, per il quale si vuole creare una
nuova variabile, la voce "Nuova variabile". Appare la finestra di dialogo "Crea nuova
variabile".
2. Nella scheda Generale digitare nel campo "Nome" un nome di variabile esclusivo nel
progetto. Come tipo di dati selezionare "Variabile binaria", "Valore a 8 bit senza segno"
oppure "Valore a 8 bit con segno".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

39

Comunicazione di processo
1.3 Comunicazione di processo WinCC
3. Aprire mediante il pulsante di comando "Seleziona" la finestra di dialogo "Bit-/ByteVariable" (Variabile a bit/byte). (Per canali con accesso a bit/byte, attraverso questo
pulsante viene effettuata l'impostazione dell'area di indirizzamento nel sistema di
automazione.)

4. Spuntare la casella di controllo "Accesso a un bit" o "Accesso a un Byte" ed effettuare le


ulteriori impostazioni. Le informazioni visualizzate in questa finestra di dialogo dipendono
dal tipo di dati selezionato al passo 2.
5. Chiudere la finestra con "OK".

Nota
La finestra di dialogo si apre anche se si dimentica di attivare il meccanismo BinWrite per
una "Variabile binaria" oppure per una variabile a 8 bit. Se si prova a richiudere subito la
finestra "Crea nuova variabile" con "OK", viene visualizzata la segnalazione d'errore "Il
parametro d'indirizzo non valido". Confermare la finestra di dialogo con "S". In tal modo si
apre la finestra di dialogo "Bit-/ Byte-Variable" (variabile a bit/byte) e si potranno effettuare
le impostazioni mancanti.

40

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Comunicazione di processo
1.3 Comunicazione di processo WinCC

1.3.4

Indirizzi di porte nella connessione attraverso Ethernet

Indirizzi porta utilizzati


CAUTELA
Comunicazione tramite Ethernet
Nella comunicazione a base Ethernet l'utente finale unicamente responsabile per la
sicurezza della propria rete di dati. Ad esempio, nel caso in cui delle aggressioni mirate
dovessero provocare un sovraccarico dell'apparecchio, non sar garantita la funzionalit.
Durante una connessione attraverso Ethernet, molto probabilmente possono essere richieste
delle specifiche relative agli indirizzi delle porte. Queste indicazioni sono richieste per la
configurazione di una firewall o di un router. Nella tabella sono riportati gli indirizzi delle porte,
che vengono utilizzati come standard dalle applicazioni WinCC.
Indirizzo porta
TCP/IP
Comunicazione S7

102

HTTP (comunicazione; trasferimento)

80

HTTPS (comunicazione; trasferimento)

443

Web Services (SOAP)

80 HTTP
443 HTTPS

OPC XML (CE come master OPC)

80 HTTP
443 HTTPS

InviaEMail

25

Trasferimento (tramite Ethernet; CE-Stub; PC-Loader; PC)

2308
in alternativa
50523

Archiviazione (tramite Ethernet) file CSV

139, 445

Modbus Ethernet

502

Allen-Bradley Ethernet CIP

44818

Allen-Bradley Ethernet CSP2

2222

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Indirizzo porta
UDP

137, 138

41

Allen Bradley - Ethernet IP


2.1

Canale WinCC "Allen Bradley - Ethernet IP"

Introduzione
Il canale "Allen Bradley - Ethernet IP" viene utilizzato per la connessione con sistemi di
automazione. La comunicazione avviene per mezzo del protocollo Ethernet IP.
A seconda dell'hardware di comunicazione in dotazione sono possibili le seguenti possibilit
di accoppiamento tramite le seguenti unit di canale:
Allen Bradley E/IP PLC5
Allen Bradley E/IP SLC50x
Allen Bradley E/IP ControlLogix

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

43

Allen Bradley - Ethernet IP


2.2 Assegnazione delle unit di canale

2.2

Assegnazione delle unit di canale

Introduzione
Per stabilire un collegamento di WinCC con una rete esistente o progettata, necessario
selezionare la rispettiva unit canale.

Assegnazione delle unit di canale


La seguente tabella mostra una assegnazione delle unit del canale "Allen Bradley - Ethernet
IP" alla rete e al sistema di automazione (AS).

44

Unit del canale

Rete di comunicazione

Lato AS

Allen Bradley E/IP PLC5

Ethernet IP

PLC-5 con interfaccia Ethernet

Allen Bradley E/IP SLC50x

Ethernet IP

SLC 500 con interfaccia Ethernet,


p.es. SLC 5/05

Allen Bradley E/IP ControlLogix

Ethernet IP

ControlLogix 5500

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Allen Bradley - Ethernet IP


2.3 Tipi di dati supportati

2.3

Tipi di dati supportati

Introduzione
Per un collegamento logico vengono definite le variabili richieste. I seguenti tipi di dati vengono
supportati dal canale "Allen Bradley - Ethernet IP":
Variabile binaria
Valore a 8 bit con segno
Valore a 8 bit senza segno
Valore a 16 bit con segno
Valore a 16 bit senza segno
Valore a 32 bit con segno
Valore a 32 bit senza segno
Numero in virgola mobile a 32 bit IEEE 754
Numero in virgola mobile a 64 bit IEEE 754
Variabile di testo set di caratteri a 8 bit
Variabile di testo set di caratteri a 16 bit

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

45

Allen Bradley - Ethernet IP


2.4 Progettazione del canale

2.4

Progettazione del canale

2.4.1

Progettazione del canale "Allen Bradley - Ethernet IP"

Introduzione
Per la comunicazione di WinCC con il sistema di automazione (AS), WinCC richiede una
connessione logica. Questa sezione mostra le modalit di progettazione del canale "Allen
Bradley - Ethernet IP".
Nell'impiego del protocollo TCP/IP per la connessione logica necessario specificare
l'indirizzo IP dell'AS. L'indirizzo IP composto da quattro valori numerici separati da un punto.
I valori numerici devono rientrare nella gamma di valori 0-255.
Nota
Comportamento timeout
Attraverso l'utilizzo del protocollo TCP/IP non vengono riconosciute subito le connessioni
interrotte. La risegnalazione pu durare fino a 1 minuto.

Controllori accoppiabili
Per i seguenti controllori Allen-Bradley si possono realizzare i seguenti accoppiamenti:
Allen-Bradley ControlLogix 5500
Allen-Bradley CompactLogix 5300
PLC-5 con interfaccia Ethernet
SLC 500 con interfaccia Ethernet, p.es. SLC 5/05
MicroLogix

Tipi di comunicazione abilitati


I seguenti tipi di comunicazione del canale "Allen Bradley - Ethernet IP" sono testati dal sistema
e rispettivamente abilitati:
Accoppiamento punto-punto:
Connessione multipunto dalla stazione WinCC con un numero qualsiasi di controllori.

Progettazione online
Non viene supportata la progettazione online del canale "Allen Bradley - Ethernet IP".

46

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Allen Bradley - Ethernet IP


2.4 Progettazione del canale

2.4.2

Come progettare un collegamento dell'unit di canale "Allen Bradley E/IP PLC5"

Introduzione
Per progettare una connessione di una unit canale "Allen Bradley E/IP PLC5" sono richieste
le azioni seguenti:
1. Progettazione di un collegamento
2. Progettazione di variabili

Requisiti
Il driver di comunicazione per il canale "Allen Bradley - Ethernet IP" installato e integrato
nel progetto.

Procedimento
1. Selezionare nel menu di scelta rapida dell'unit di canale "Allen Bradley E/IP PLC5" la voce
"Nuovo collegamento". Si aprir la finestra di dialogo "Propriet collegamento".
2. Digitare il nome del collegamento nella scheda "Generale".
3. Aprire con il pulsante di comando "Propriet" il dialogo "Parametri di collegamento Allen
Bradley E/IP".

4. Registrare l'indirizzo IP del modulo Ethernet IP del controllore. La porta utilizzata dagli
apparecchi Ethernet IP preconfigurata in modo fisso con 44818.
5. Registrare nel campo "Canale di comunicazione" il canale CIP del modulo Ethernet per il
controllore. In questo modo si stabilisce una connessione logica tra il modulo Ethernet e
l'unit PLC, anche se ambedue si trovano in diverse reti CIP.
6. Chiudere i dialoghi aperti con il pulsante di comando "OK".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

47

Allen Bradley - Ethernet IP


2.4 Progettazione del canale

2.4.3

Come progettare un collegamento dell'unit di canale "Allen Bradley E/IP SLC50x"

Introduzione
Per progettare una connessione di una unit canale "Allen Bradley E/IP SLC50x" sono
richieste le azioni seguenti:
1. Progettazione di un collegamento
2. Progettazione di variabili

Requisiti
Il driver di comunicazione per il canale "Allen Bradley - Ethernet IP" installato e integrato
nel progetto.

Procedimento
1. Selezionare nel menu di scelta rapida dell'unit di canale "Allen Bradley E/IP SLC50x" la
voce "Nuovo collegamento". Si aprir la finestra di dialogo "Propriet collegamento".
2. Digitare il nome del collegamento nella scheda "Generale".
3. Aprire con il pulsante di comando "Propriet" il dialogo "Parametri di collegamento Allen
Bradley E/IP".

4. Registrare l'indirizzo IP del modulo Ethernet IP del controllore. La porta utilizzata dagli
apparecchi Ethernet IP preconfigurata in modo fisso con 44818.
5. Registrare nel campo "Canale di comunicazione" il canale CIP del modulo Ethernet per il
controllore. In questo modo si stabilisce una connessione logica tra il modulo Ethernet e
l'unit PLC, anche se ambedue si trovano in diverse reti CIP.
6. Chiudere i dialoghi aperti con il pulsante di comando "OK".

48

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Allen Bradley - Ethernet IP


2.4 Progettazione del canale

2.4.4

Come progettare un collegamento dell'unit di canale "Allen Bradley E/IP


ControlLogix"

Introduzione
Per progettare una connessione di una unit canale "Allen Bradley E/IP ControlLogix" sono
richieste le azioni seguenti:
1. Progettazione di un collegamento
2. Progettazione di variabili

Requisiti
Il driver di comunicazione per il canale "Allen Bradley - Ethernet IP" installato e integrato
nel progetto.

Procedimento
1. Selezionare nel menu di scelta rapida dell'unit di canale "Allen Bradley E/IP ControlLogix"
la voce "Nuovo collegamento". Si aprir la finestra di dialogo "Propriet collegamento".
2. Digitare il nome del collegamento nella scheda "Generale".
3. Aprire con il pulsante di comando "Propriet" il dialogo "Parametri di collegamento Allen
Bradley E/IP".

4. Registrare l'indirizzo IP del modulo Ethernet IP del controllore. La porta utilizzata dagli
apparecchi Ethernet IP preconfigurata in modo fisso con 44818.
5. Registrare nel campo "Canale di comunicazione" il canale CIP del modulo Ethernet per il
controllore. In questo modo si stabilisce una connessione logica tra il modulo Ethernet e
l'unit PLC, anche se ambedue si trovano in diverse reti CIP.
6. Chiudere i dialoghi aperti con il pulsante di comando "OK".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

49

Allen Bradley - Ethernet IP


2.4 Progettazione del canale

2.4.5

Esempi: Percorso di comunicazione

Esempio 1:
Collegamento con un PLC che si trova nello stesso supporto moduli Allen-Bradley.
1,0
Numero

Significato

Indica un collegamento backplane.

Indica il numero di slot della CPU.

Esempio 2:
Collegamento con un PLC che si trova in altri supporti moduli Allen-Bradley. Due supporti
moduli Allen-Bradley sono collegati con Ethernet.
1,2,2,190.130.3.101,1,5
Numero

Significato

Collegamento backplane

Indica il numero di slot del secondo modulo Ethernet.

Indica un collegamento Ethernet.

190.130.3.101

Indirizzo IP di un altro supporto moduli AB della rete - in particolare il terzo modulo


Ethernet

Collegamento backplane

Numero di slot della CPU

2.4.6

Progettazione delle variabili

2.4.6.1

Progettazione delle variabili

Introduzione
In caso di un accoppiamento tra WinCC ed il sistema di automazione (AS) attraverso il canale
"Allen Bradley - Ethernet IP" in WinCC possono essere generate variabili di vari tipi di dati. I
tipi di dati consentiti vengono riportati in questo paragrafo.

50

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Allen Bradley - Ethernet IP


2.4 Progettazione del canale

Aggiornamento delle variabili


Nel caso in cui le variabili venissero intercettate all'interno di una pagina contemporaneamente
da un controllore, il canale "Allen Bradley - Ethernet IP" cercher di ottimizzare
l'aggiornamento. Ci riesce tuttavia soltanto nelle condizioni seguenti:
- le variabili si trovano nello stesso campo di indirizzamento.
- di variabili si trovano all'interno del campo di indirizzamento possibilmente vicine tra di
loro.
In caso di una mancata osservanza di queste raccomandazioni, non saranno da escludersi
grandi quantit di variabili con la conseguenza di percettibili differenze nell'aggiornamento
delle pagine. In determinate circostanze non vengono pi rispettati i cicli di rilevamento.
La miglior performance di collegamento raggiungibile rispettando le seguenti regole durante
la progettazione delle variabili:
aggiornamento di massimo 2000 variabili contemporaneamente.
unione delle variabili in possibilmente pochi campi di indirizzamento, meglio ancora uno
soltanto.

Tipi di dati consentiti


Per la progettazione delle variabili disponibile una scelta di tipi di dati consentiti.

Tipi di dati base


Tipo di dati

Spazio indirizzo bit

Bool

SInt

0-7

USInt

0-7

Int

0-15

UInt

0-15

DInt

0-31

UDInt

0-31

Real

String

Indirizzo

Tipi di dati consentiti

Array

SInt, USInt, Int, UInt, DInt, UDInt, Real

Arrays

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

51

Allen Bradley - Ethernet IP


2.4 Progettazione del canale

2.4.6.2

Indirizzamento

Indirizzamento
Una variabile, in WinCC ottiene un riferimento univoco tramite un indirizzo nel controllore.
L'indirizzo deve corrispondere al nome della variabile del controllore. L'indirizzo di una variabile
viene indicato mediante una sequenza di max. 128 caratteri.

Utilizzo dei caratteri per l'indirizzamento


I caratteri ammessi per l'indirizzo di una variabile sono:
Lettere (a-z, A-Z)
Numeri (0-9)
Underscore (_)
L'indirizzo di una variabile composto da un nome di variabile e da altre sequenze di caratteri
per una precisazione pi esatta delle variabili nel controllore.
Un nome di variabile deve avere le seguenti propriet:
Il nome della variabile pu iniziare con un trattino basso (underscore), ma non pu
terminare con lo stesso.
Non sono ammessi pi trattini bassi e spazi vuoti in successione.
L'indirizzo non deve superare una lunghezza massima di 128 caratteri.
Nota
I caratteri riservati all'indirizzamento delle variabili non devono essere utilizzati da nomi
di programmi e variabili o altro nell'indirizzo.
Di seguito sono elencati i caratteri riservati:
Carattere riservato

Funzione

Separazione tra elementi

Indicazione di una variabile del programma

Separazione per l'indirizzamento di array pluridimensionali

Riservato all'indirizzamento bit.

[]

Indirizzamento di elementi array o array

Variabili del controllore e del programma


Attraverso l'unit canale "Allen Bradley E/IP ControlLogix" si possono interrogare variabili dei
controllori (variabili globali del progetto) e/o variabili dei programmi (variabili globali del
programma). Le variabili del programma vengono dichiarate durante il nome di programma

52

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Allen Bradley - Ethernet IP


2.4 Progettazione del canale
all'interno del controllore e il nome reale della variabile. Le variabili dei controllori vengono
interrogate attraverso il loro nome.
Nota
Errori d'indirizzamento
Se i nomi delle variabili e i tipi di dati non coincidono, si verificano errori d'indirizzamento.
Nell'indirizzamento da osservare che il nome della variabile in WinCC all'interno del campo
di indirizzamento corrisponde con il nome della variabile all'interno del controllore. Accertarsi
che i tipi di dati corrispondono delle variabili in WinCC corrispondano con i tipi di dati all'interno
del controllore.
Nota
I Tags specifici al modulo, quali ad esempio dati di moduli di ingresso e uscita non possono
essere direttamente indirizzati. Utilizzare piuttosto all'interno del controllore un Aliastag.
Esempio: Local:3:O.Data non indirizzabile in WinCC
Se per Local:3:O all'interno del controllore si definisce l'alias "MyOut", possibile effettuare
un'indirizzamento dei dati con WinCC attraverso MyOut.Data.

2.4.6.3

Sintassi per l'indirizzamento

Regole di scrittura per indirizzamenti


Nelle tabelle seguenti sono definite modalit di scrittura per le singole possibilit di
indirizzamento.
Tabella 2-1

Accesso ad array, tipi di dati base ed elementi di struttura

Tipi di dati
Tipi di dati base
Arrays
Bit
Elementi della struttura

Tipo

Indirizzo

Variabile controllore

Nome della variabile

Variabile di programma

Nome programma:Nome variabile

Variabile controllore

Variabile array

Variabile di programma

Nome del programma: variabile array

Variabile controllore

Nome variabile/Numero bit

Variabile di programma

Nome programma:Nome variabile/numero bit

Variabile controllore

Variabile di struttura.Elemento di struttura

Variabile di programma

Nome del programma:Variabile di struttura.Elemento di struttura

Nota
Gli indirizzamenti di bit non sono ammessi per i tipi di dati Bool, Real e String e comportano
errori di indirizzamento.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

53

Allen Bradley - Ethernet IP


2.4 Progettazione del canale

Descrizione della sintassi


Di seguito sintetizzata una descrizione della sintassi.
(Nome programma:)Nome variabile([x(,y)(,z)]){.Nome variabile[x(,y)
(,z)])}(/Numero bit)
La presenza di "( )" indica che l'espressione opzionale e pu essere presente o meno.
La presenza di "{ }" indica che l'espressione opzionale e pu presentarsi un numero
qualsiasi di volte.
Il numero di caratteri di un indirizzo non pu superare il limite massimo di 128.

2.4.6.4

Tipi di indirizzamento

Elementi array
Gli elemeni di array mono, bi e tridimensionali nel controllore vengono indicizzati da un indice
nell'editor delle variabili, tramite la modalit di scrittura corrispondente. L'indirizzamento di un
array comincia con l'elemento 0. Per l'indirizzamento degli elementi sono ammessi array di
tutti i tipi base. In questo caso viene scritto o letto soltanto l'elemento interessato e non l'intero
array.

Bit e variabili di bit


L'accesso a singoli bit consentito per tutti i tipi di dati base, ad esclusione di Bool, Real e
String. L'indirizzamento di bit consentito anche per elementi array e di struttura. Per
l'indirizzamento di bit e variabili bit in tipi di dati base, in WinCC viene impostato il tipo di dati
Bool.
I numeri di bit a una cifra vengono indirizzati con "/x" oppure "/0x" (x = numero di bit). I numeri
di bit vengono indicati con un massimo di due cifre.
Nota
Col tipo di dati "Bool", nei tipi di dati SInt, Int e DInt, dopo la modifica del bit indicato l'intera
variabile verr riscritta nel controllore. In questo caso non avviene una verifica dell'eventuale
cambiamento di altri bit della variabile. Pertanto il controllore pu accedere alla variabile
indicata in sola lettura.

Strutture
Per creare tipi di dati personalizzati si utilizzano le strutture. Nelle strutture vengono
raggruppate variabili con tipi di dati diversi. Le strutture possono essere composte da tipi base,
array e altre strutture. In WinCC vengono indirizzati solo tipi di dati base come elementi delle
strutture e non intere strutture.

54

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Allen Bradley - Ethernet IP


2.4 Progettazione del canale

Elementi della struttura


Gli elementi delle strutture vengono indirizzati tramite il nome della struttura e il nome
dell'elemento di struttura desiderato. La scrittura di questo indirizzamento avviene mediante
la separazione dei due elementi con un punto. Gli elementi della struttura, oltre ai tipi di dati
base, possono essere anche array ed altre strutture. Come elementi di strutture sono ammessi
solo array monodimensionali.
Nota
Il livello di concatenazione delle strutture limitato dalla lunghezza massima di 128 caratteri
prevista per l'indirizzo.

2.4.6.5

Esenti per l'indirizzamento

Tabella esemplificativa per indirizzamenti


La tabella seguente indica le varianti d'indirizzamento fondamentali per le variabili del
controllore. Altre varianti d'indirizzamento sono possibili tramite combinazioni.
Tipo

Tipo

Indirizzo

Generale

Variabile controllore

Nome della variabile

Variabile di programma

Programma:Nome variabile

Accesso ad elemento di un
array bidimensionale

Variabile array[Dim1,Dim2]

Elemento di array struttura


(monodimensionale)

Variabile array[Dim1].Elemento struttura

Bit in elemento array tipo


base (bidimensionale)

Variabile array[Dim1,Dim2]/Bit

Array in struttura

Variabile struttura.Variabile array

Bit in elemento di un array in


sottostruttura

Variabile struttura.Struttura2.Variabile
array [Elemento]/Bit

Array

Struttura

Nota
Se si vogliono indirizzare variabili di programma, si deve anteporre all'indirizzo il nome del
programma nel controllore, separato dai due punti.
Esempio: Nome programma: variabile array[Dim1,Dim2]

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

55

Allen Bradley - Ethernet IP


2.4 Progettazione del canale

Accesso ad elementi array


Tipo

Indirizzo

Variabile controllore

Variabile array[Dim1]
Variabile array[Dim1,Dim2]
Variabile array[Dim1,Dim2,Dim3]

Variabile di
programma

Nome programma: variabile array[Dim1]


Nome programma: variabile array[Dim1,Dim2]
Nome programma: variabile array[Dim1,Dim2,Dim3]

2.4.6.6

Come progettare una variabile per l'unit di canale "Allen Bradley E/IP ControlLogix"

Introduzione
In questo paragrafo si mostra come progettare una variabile per l'unit canale "Allen Bradley
E/IP ControlLogix" sul campo di indirizzamento nel sistema di automazione (AS).

Requisiti
Il canale "Allen Bradley - Ethernet IP" deve essere integrato nel progetto.
necessario che sia configurata una connessione nell'unit canale "Allen Bradley E/IP
ControlLogix".

Procedimento
1. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento Ethernet IP la voce "Nuova
variabile". A questo punto viene aperta la finestra "Propriet della variabile".
2. Immettere nel campo "Variabile" il nome della variabile. Nel campo "Tipo di dati" impostare
il tipo di dati desiderato.
3. Aprire mediante il pulsante di comando "Seleziona" la finestra di dialogo "Allen Bradley
ControlLogix Variable".

56

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Allen Bradley - Ethernet IP


2.4 Progettazione del canale
4. Immettere nel campo "Indirizzo" l'indirizzo della variabile nel sistema di automazione.
Nota
Errori d'indirizzamento
Se i nomi delle variabili e i tipi di dati non coincidono, si verificano errori d'indirizzamento.
Nell'indirizzamento da osservare che il nome della variabile in WinCC all'interno del
campo di indirizzamento corrisponde con il nome della variabile all'interno del controllore.
Accertarsi che i tipi di dati corrispondono delle variabili in WinCC corrispondano con i tipi
di dati all'interno del controllore.
5. Chiudere i dialoghi aperti con il pulsante di comando "OK".

2.4.6.7

Come progettare una variabile con accesso a bit per Allen Bradley E/IP PLC5 o SLC50x

Introduzione
Nel presente paragrafo viene mostrato come progettare nel PLC una variabile per un accesso
di bit per bit all'area di indirizzamento.

Requisiti
Il canale "Allen Bradley - Ethernet IP" deve essere integrato nel progetto.
necessario che sia configurata una connessione nell'unit canale "Allen Bradley E/IP
PLC5" o "Allen Bradley E/IP SLC50x".

Procedimento
1. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento Ethernet IP la voce "Nuova
variabile". A questo punto viene aperta la finestra "Propriet della variabile".
2. Immettere nel campo "Variabile" il nome della variabile. Nel campo "Tipo di dati" impostare
il tipo di dati desiderato.
3. Aprire mediante il pulsante di comando "Seleziona" la finestra di dialogo "Allen Bradley
PLC/SLC Variable".

4. Selezionare nel campo "File" un campo di indirizzamento. Voci disponibili N, R, C, T, B, S,


I, O, D, A, ST.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

57

Allen Bradley - Ethernet IP


2.4 Progettazione del canale
5. Digitare il "numero del file", qualora dovesse differenziarsi dal numero di file proposto.
6. Digitare l'"elemento".
7. Dipendentemente dalla regolazione nel campo "File", inserire il "Bit" da indirizzare oppure
selezionare un valore per il "Bit (ottale)" o "Sub".
8. Chiudere i dialoghi aperti con il pulsante di comando "OK".

2.4.6.8

Come progettare una variabile con accesso a bit per Allen Bradley E/IP PLC5 o SLC50x

Introduzione
Nel presente paragrafo viene mostrato come progettare nel PLC una variabile per un accesso
di bit per bit all'area di indirizzamento.

Requisiti
Il canale "Allen Bradley - Ethernet IP" deve essere integrato nel progetto.
necessario che sia configurata una connessione nell'unit canale "Allen Bradley E/IP
PLC5" o "Allen Bradley E/IP SLC50x".

Procedimento
1. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento Ethernet IP la voce "Nuova
variabile". A questo punto viene aperta la finestra "Propriet della variabile".
2. Immettere nel campo "Variabile" il nome della variabile. Nel campo "Tipo di dati" impostare
il tipo di dati desiderato.
3. Aprire mediante il pulsante di comando "Seleziona" la finestra di dialogo "Allen Bradley
PLC/SLC Variable".

4. Selezionare nel campo "File" un campo di indirizzamento.


5. Digitare il "numero del file", qualora dovesse differenziarsi dal numero di file proposto.
6. Digitare l'"elemento".
7. Chiudere i dialoghi aperti con il pulsante di comando "OK".

58

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Allen Bradley - Ethernet IP


2.4 Progettazione del canale

2.4.6.9

Come progettare una variabile con accesso a parole per Allen Bradley E/IP PLC5 o SLC50x

Introduzione
Nel presente paragrafo viene mostrato come progettare nel PLC una variabile per un accesso
a parole all'area di indirizzamento.

Requisiti
Il canale "Allen Bradley - Ethernet IP" deve essere integrato nel progetto.
necessario che sia configurata una connessione nell'unit canale "Allen Bradley E/IP
PLC5" o "Allen Bradley E/IP SLC50x".

Procedimento
1. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento Ethernet IP la voce "Nuova
variabile". A questo punto viene aperta la finestra "Propriet della variabile".
2. Immettere nel campo "Variabile" il nome della variabile. Nel campo "Tipo di dati" impostare
il tipo di dati desiderato.
3. Aprire mediante il pulsante di comando "Seleziona" la finestra di dialogo "Allen Bradley
PLC/SLC Variable".

4. Selezionare nel campo "File" un campo di indirizzamento. Voci disponibili N, R, C, T, B, S,


I, O, D, A, e ST.
5. Digitare il "numero del file", qualora dovesse differenziarsi dal numero di file proposto. Per
l'impostazione "S" non possibile modificare il numero del file.
6. Digitare l'"elemento".
7. Selezionare uno dei valori per il campo "Sub", non appena viene visualizzato. Questo
dipende dall'impostazione nel campo "File".
8. Chiudere i dialoghi aperti con il pulsante di comando "OK".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

59

Allen Bradley - Ethernet IP


2.4 Progettazione del canale

2.4.6.10

Come progettare una variabile di testo per Allen Bradley E/IP PLC5 o SLC50x

Introduzione
Nel presente paragrafo viene mostrato come progettare nel PLC una variabile per un accesso
a parole all'area di indirizzamento.

Requisiti
Il canale "Allen Bradley - Ethernet IP" deve essere integrato nel progetto.
necessario che sia configurata una connessione nell'unit canale "Allen Bradley E/IP
PLC5" o "Allen Bradley E/IP SLC50x".

Procedimento
1. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento Ethernet IP la voce "Nuova
variabile". A questo punto viene aperta la finestra "Propriet della variabile".
2. Immettere nel campo "Variabile" il nome della variabile. Nel campo "Tipo di dati" impostare
il tipo di dati desiderato.
3. Aprire mediante il pulsante di comando "Seleziona" la finestra di dialogo "Allen Bradley
PLC/SLC Variable".

4. Selezionare nel campo "File" un campo di indirizzamento.


5. Digitare il "numero del file", qualora dovesse differenziarsi dal numero di file proposto. Per
l'impostazione "S" non possibile modificare il numero del file.
6. Digitare l'"elemento".
7. Selezionare uno dei valori per il campo "Sub", non appena viene visualizzato. Questo
dipende dall'impostazione nel campo "File".
8. Chiudere i dialoghi aperti con il pulsante di comando "OK".

60

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Mitsubishi Ethernet
3.1

Canale WinCC "Mitsubishi Ethernet"

Introduzione
Il canale "Mitsubishi Ethernet" preposto alla comunicazione tra una stazione WinCC e i
controllori Mitsubishi delle serie FX3U e Q. La comunicazione avviene per mezzo del protocollo
MELSEC Communication (protocollo MC).

Unit di canale
Il canale "Mitsubishi Ethernet" dispone delle unit di canale "Mitsubishi FX3U Serie" e
"Mitsubishi Q Serie".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

61

Mitsubishi Ethernet
3.2 Tipi di dati supportati

3.2

Tipi di dati supportati

Introduzione
Per un collegamento logico tra WinCC ed un controllore collegato, definire le variabili richieste.
I seguenti tipi di dati vengono supportati dal canale "Mitsubishi Ethernet":
Variabile binaria
Valore a 16 bit con segno
Valore a 16 bit senza segno
Valore a 32 bit con segno
Valore a 32 bit senza segno
Numero in virgola mobile a 32 bit IEEE 754
Numero in virgola mobile a 64 bit IEEE 754
Variabile di testo set di caratteri a 8 bit
Variabile di testo set di caratteri a 16 bit
Variabile di dati grezzi

62

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Mitsubishi Ethernet
3.3 Progettazione del canale

3.3

Progettazione del canale

3.3.1

Progettazione del canale "Mitsubishi Ethernet"

Introduzione
Per la comunicazione di WinCC con il sistema di automazione (AS), WinCC richiede una
connessione logica. Questa sezione mostra le modalit di progettazione del canale "Mitsubishi
Ethernet".
La connessione con un'AS avviene a scelta tramite TCP/IP o UDP/IP come protocollo di
trasporto. Durante la progettazione di una connessione logica per il canale "Mitsubishi
Ethernet" necessario indicare l'indirizzo IP e il numero di porta IP dell'AS e selezionare UDP
o TCP come protocollo di trasporto. L'indirizzo IP composto da quattro valori numerici
separati da un punto. I valori numerici devono rientrare nella gamma di valori da 0 a 255.
Nota
Comportamento timeout
Attraverso l'utilizzo del protocollo TCP/IP non vengono riconosciute subito le connessioni
interrotte. La conferma pu richiedere diverso tempo ed in funzione del sistema operativo.

Controllori Mitsubishi supportati


Per i seguenti controllori Mitsubishi possibile la progettazione di collegamenti logici:
Serie MELSEC FX3U
MELSEC System Q
Per la progettazione di collegamenti e variabili, viene seguita la medesima procedura prevista
per i controllori di entrambe le famiglie. La progettazione si differenzia soltanto nei tipi di indirizzi
utilizzabili per le rispettive famiglie di controllori. Inoltre il routing di informazioni viene
supportato soltanto dai modelli MELSEC System Q.

Progettazione online
Il canale "Mitsubishi Ethernet" supporta la progettazione Online di collegamenti e variabili.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

63

Mitsubishi Ethernet
3.3 Progettazione del canale

3.3.2

Come progettare il collegamento dell'unit di canale "Mitsubishi FX3U Serie"

Introduzione
Per la progettazione del canale "Mitsubishi Ethernet" sono richieste le seguenti operazioni:
1. Progettazione di un collegamento
2. Progettazione di variabili
Il presente capitolo descrive le modalit di progettazione del collegamento dell'unit di canale
"Mitsubishi FX3U Serie".

Requisiti
Il driver di comunicazione per il canale "Mitsubishi Ethernet" installato e integrato nel
progetto.
Nota
L'impiego dei controllori Mitsubishi richiede la configurazione dei collegamenti anche nel
controllore. Attenersi a quanto indicato nella relativa documentazione del produttore.

Procedimento
1. Aprire nell'editor "Gestione variabili" di WinCC Explorer la struttura menu per il driver di
comunicazione "Mitsubishi Ethernet".
2. Selezionare nel menu di scelta rapida dell'unit di canale "Mitsubishi FX3U Serie" la voce
"Nuovo collegamento". Si aprir la finestra di dialogo "Propriet collegamento".
3. Digitare il nome del collegamento.
4. Aprire tramite il pulsante "Propriet" la finestra di dialogo "Propriet collegamento".

5. Inserire l'indirizzo IP del controllore.

64

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Mitsubishi Ethernet
3.3 Progettazione del canale
6. Inserire la porta utilizzata per il collegamento TCP/IP.
Il campo di valori ammesso compreso tra 0 e 65535.
7. Selezionare il protocollo "TCP" o "UDP" da utilizzare.
Nota
Si raccomanda l'utilizzo del protocollo "UDP" preimpostato. Ci consente di migliorare il
comportamento timeout. Utilizzare il protocollo TCP soltanto se l'impiego di UDP non
possibile.
8. Indicare il N del PC.
Se non si intende inserire il N del PC, indicare il valore 255 oppure 0.
9. Selezionare la funzione "Crea collegamento" per la creazione del collegamento.
10.Chiudere le finestre di dialogo rispettivamente con "OK".

3.3.3

Come progettare il collegamento dell'unit di canale "Mitsubishi Q Serie"

Introduzione
Per la progettazione del canale "Mitsubishi Ethernet" sono richieste le seguenti operazioni:
1. Progettazione di un collegamento.
2. Progettazione di variabili.
Il presente capitolo descrive le modalit di progettazione del collegamento dell'unit di canale
"Mitsubishi Q Serie".

Requisiti
Il driver di comunicazione per il canale "Mitsubishi Ethernet" installato e integrato nel
progetto.
Nota
L'impiego dei controllori Mitsubishi richiede la configurazione dei collegamenti anche nel
controllore. Attenersi a quanto indicato nella relativa documentazione del produttore.

Procedimento
1. Aprire nell'editor "Gestione variabili" di WinCC Explorer la struttura menu per il driver di
comunicazione "Mitsubishi Ethernet".
2. Selezionare nel menu di scelta rapida dell'unit di canale "Mitsubishi Q Serie" la voce
"Nuovo collegamento". Si aprir la finestra di dialogo "Propriet collegamento".
3. Digitare il nome del collegamento.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

65

Mitsubishi Ethernet
3.3 Progettazione del canale
4. Aprire tramite il pulsante "Propriet" la finestra di dialogo "Propriet collegamento".

5. Inserire l'indirizzo IP del controllore.


6. Inserire la porta utilizzata per il collegamento TCP/IP.
Il campo di valori ammesso compreso tra 0 e 65535.
7. Selezionare il protocollo "TCP" o "UDP" da utilizzare.
Nota
Si raccomanda l'utilizzo del protocollo "UDP" preimpostato. Ci consente di migliorare il
comportamento timeout. Utilizzare il protocollo TCP soltanto se l'impiego di UDP non
possibile.
8. Indicare il N della rete.
Per default impostato il valore 0.
9. Indicare il N del PC.
Se non si intende inserire il N del PC, indicare il valore 255 oppure 0.
10.Selezionare la funzione "Crea collegamento" per la creazione del collegamento.
11.Chiudere le finestre di dialogo rispettivamente con "OK".

3.3.4

Progettazione delle variabili

3.3.4.1

Progettazione delle variabili

Introduzione
In caso di un accoppiamento tra WinCC ed il sistema di automazione mediante il canale
"Mitsubishi Ethernet" in WinCC possono essere generate variabili di vari tipi di dati.
Nei capitoli che seguono viene descritta la progettazione delle variabili.

66

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Mitsubishi Ethernet
3.3 Progettazione del canale

Tipi di indirizzi, campi di indirizzi e tipi di dati


Nella tabella sono riepilogati i tipi e i campi di indirizzi utilizzabili nell'ambito della progettazione
delle variabili e delle variabili strutturate. Viene inoltre indicato il sistema di automazione (AS)
che supporta il rispettivo tipo di indirizzo. In questo contesto "FX" sta ad indicare la serie
MELSEC FX3 U e "Q" la serie "MELSEC System Q".
Nota
Se si intende utilizzare un determinato tipo di dati WinCC, considerare il tipo di indirizzo
selezionato, p. es. il tipo di dati WinCC "Binario" non viene supportato dal tipo di indirizzo "D".

Tipo di indirizzo

Code

Campo di indirizzi

Rappresentazione Tipo di dati

AS supportato

Rel di ingresso

000000...001FFF

Esadec.
(FX:ottale)

Bit

FX, Q

Rel di uscita

000000...001FFF

Esadec. (FX:
ottale)

Bit

FX, Q

Indicatore

0...8191

Decimale

Bit

FX, Q

Latch Relay

0...8191

Decimale

Bit

Merker di errore

0...2047

Decimale

Bit

Rel del fronte

0...2047

Decimale

Bit

Link Relais

000000...001FFF

Esadec.

Bit

Registro di dati

0...12287

Decimale

Parola

FX, Q

Link Register

000000...001FFF

Esadec.

Parola

Temporizzatore
(scambio)

TS

0...2047

Decimale

Bit

FX, Q

Temporizzatore (OUTcoil)

TC

0...2047

Decimale

Bit

Temporizzatore (valore
attuale)

TN

0...2047

Decimale

Parola

FX, Q

Timer a ritenzione
(Contact)

SS

0...2047

Decimale

Bit

Timer a ritenzione (Coil) SC

0...2047

Decimale

Bit

Timer a ritenzione
(valore)

SN

0...2047

Decimale

Parola

Counter / contatto

CS

0...1023

Decimale

Bit

FX, Q

Counter / Coil

CC

0...1023

Decimale

Bit

Counter / valore attuale CN

0...1023

Decimale

Parola

FX, Q

Registro di
ampliamento

0...65535

Decimale

16 bit

FX, Q

Link Relais speciale

SB

000000...0007FF

Esadec.

Bit

Link Register speciale

SW

000000...0007FF

Esadec.

Parola

Merker di passi

0...8191

Decimale

Bit

Rel di ingresso
(diretto)

DX

000000...001FFF

Esadec.

Bit

Rel di uscita (diretto)

DY

000000...001FFF

Esadec.

Bit

Scheda "Indice"

0...15

Decimale

Parola

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

67

Mitsubishi Ethernet
3.3 Progettazione del canale
Tipo di indirizzo

Code

Campo di indirizzi

Rappresentazione Tipo di dati

AS supportato

Merker di diagnostica

SM

0...2047

Decimale

Bit

Registro di diagnostica

SD

0...2047

Decimale

Parola

3.3.4.2

Progettazione di una variabile

Introduzione
Il presente capitolo descrive la progettazione di un accesso variabili al campo di indirizzi di un
sistema di automazione (AS).

Requisiti
Il canale "Mitsubishi Ethernet" integrato nel progetto.
Nell'unit di canale "Mitsubishi FX3U Serie" o"Mitsubishi Q Serie" stato creato un
collegamento.

Procedimento
1. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento Mitsubishi Ethernet la voce "Nuova
variabile".
A questo punto viene aperta la finestra "Propriet della variabile".
2. Inserire il nome della variabile.
3. Impostare il tipo di dati desiderato.
4. Con il pulsante "Seleziona" aprire la finestra di dialogo "Propriet indirizzo".

5. Impostare il tipo di indirizzo.

68

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Mitsubishi Ethernet
3.3 Progettazione del canale
6. Indicare l'elemento dati corrispondente. Il valore dipende dalla progettazione del controllore.
7. Immettere eventualmente la lunghezza dei dati grezzi.
8. Chiudere la finestra di dialogo "Propriet indirizzo" con "OK".
Nel campo "Indirizzo" delle finestra di dialogo "Propriet della variabile" viene visualizzato
l'indirizzo delle variabili. L'indirizzo stato adeguato al formato di dati dell'AS.
9. Chiudere la finestra di dialogo "Propriet della variabile" con "OK".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

69

Modbus TCPIP
4.1

Canale "Modbus TCP/IP"

Introduzione
Il canale "Modbus TCPIP" stabilito per la comunicazione tra una stazione WinCC e i
controllori, che supportano Modbus attraverso Ethernet. La comunicazione avviene per mezzo
del protocollo Modbus TCP/IP.

Unit di canale
Il canale "Modbus TCPIP" dispone dell'unit di canale "Modbus TCP/IP Unit #1".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

71

Modbus TCPIP
4.2 Tipi di dati supportati

4.2

Tipi di dati supportati

Introduzione
Per un collegamento logico con un controllore ha allacciato vengono definite le variabili
richieste. I seguenti tipi di dati vengono supportati dal canale "Modbus TCPIP":
Variabile binaria
Valore a 16 bit con segno
Valore a 16 bit senza segno
Valore a 32 bit con segno
Valore a 32 bit senza segno
Numero in virgola mobile a 32 bit IEEE 754
Variabile di testo set di caratteri a 8 bit
Variabile di testo set di caratteri a 16 bit

72

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Modbus TCPIP
4.3 Progettazione del canale

4.3

Progettazione del canale

4.3.1

Progettazione del canale "Modbus TCPIP"

Introduzione
Per la comunicazione di WinCC con il sistema di automazione (AS), WinCC richiede una
connessione logica. In questo paragrafo si descrive la comunicazione con l'unit canale
"Modbus TCP/IP Unit #1". Alla configurazione vengono definiti tutti i parametri specifici per la
connessione.
Nell'impiego del protocollo TCP/IP per la connessione logica necessario specificare
l'indirizzo IP dell'AS. L'indirizzo IP composto da quattro valori numerici separati da un punto.
I valori numerici devono rientrare nella gamma di valori 0-255.
Nota
Comportamento timeout
Attraverso l'utilizzo del protocollo TCP/IP non vengono riconosciute subito le connessioni
interrotte. La risegnalazione pu durare fino a 1 minuto.

Tipi di comunicazione omologati con Modbus TCPIP


I seguenti tipi di comunicazione sono testati del sistema e rispettivamente abilitati:
Accoppiamento punto-punto
Connessione multipunto dalla stazione WinCC con un numero qualsiasi di controllori.
Nota
L'integrazione della stazione WinCC attraverso un ponte in una rete Modbus non
possibile, poich la stazione WinCC Station lavora come Modbus-Master.

Progettazione online
La progettazione online non viene supportata.

4.3.2

Progettazione di un collegamento

Introduzione
Per progettare il canale "Modbus TCPIP" sono richieste le operazioni seguenti.
1. Progettazione di un collegamento
2. Progettazione di variabili

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

73

Modbus TCPIP
4.3 Progettazione del canale

Requisiti
Il driver di comunicazione per il canale "Modbus TCPIP" installato e integrato nel progetto.

Procedimento
1. Aprire nell'editor "Gestione variabili" del WinCC Explorer la struttura menu per il driver di
comunicazione "Modbus TCPIP".
2. Selezionare nel menu di scelta rapida dell'unit di canale "Modbus TCP/IP Unit #1" la voce
"Nuovo collegamento". Si aprir la finestra di dialogo "Propriet collegamento".
3. Digitare il nome del collegamento.
4. Aprire tramite il pulsante di comando "Propriet" la finestra di dialogo "Propriet Modbus
TCPIP".

5. Selezionare alla voce "Tipo di CPU" il controllore Modicon allacciato. Sono disponibili le
CPU seguenti:
984
Utilizzare questo tipo di CPU per la CPU 984 (salvo CPU 984A, 984B e 984X).
Modicon Compact, Modicon Quantum, Modicon Momentum
Modicon Premium, Modicon Micro
6. Registrare nel campo "Server" l'indirizzo IP del controllore.
7. Registrare nel campo "Porta" la porta da utilizzare per la connessione TCP/IP. La porta
standard utilizzata dal Modbus TCP/IP la 502.
8. Se si utilizza un ponte, registrare nel campo "Indirizzo Slave decentrale" l'indirizzo Slave
del controllore remoto.
Se non viene utilizzato nessun ponte, sar necessario digitare come indirizzo il valore
default 255 o 0.
Nota
L'integrazione della stazione WinCC attraverso un ponte in una rete Modbus non
possibile, poich la stazione WinCC Station lavora come Modbus-Master.

74

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Modbus TCPIP
4.3 Progettazione del canale
9. Per scambiare la sequenza del registro a 16 bit in valori di processo a 32 bit selezionare
"Scambia parole di dati in valori di 32 bit".
10.Chiudere i dialoghi aperti con il pulsante di comando "OK".

4.3.3

Progettazione delle variabili

4.3.3.1

Progettazione delle variabili

Introduzione
In caso di un accoppiamento tra WinCC ed il sistema di automazione (AS) attraverso il canale
"Modbus TCPIP" in WinCC possono essere generate variabili di vari tipi di dati.
Nei capitoli che seguono viene descritta la progettazione delle variabili. Questa si distingue
dall'indirizzamento del campo di dati nel sistema di automazione e dal tipo di dati delle variabili
WinCC.

Aggiornamento delle variabili nel protocollo Modbus TCP/IP


Nel caso in cui le variabili venissero intercettate all'interno di una pagina contemporaneamente
da un controllore, il canale Modbus TCP/IP cercher di ottimizzare l'aggiornamento. Ci riesce
tuttavia soltanto nelle condizioni seguenti:
Le variabili si trovano nello stesso campo di indirizzamento.
Le variabili si trovano all'interno del campo di indirizzamento possibilmente vicine tra di loro.
In caso di una mancata osservanza di queste raccomandazioni, non saranno da escludersi
grandi quantit di variabili con la conseguenza di percettibili differenze nell'aggiornamento
delle pagine. In determinate circostanze non vengono pi rispettati i cicli di rilevamento.
La miglior performance di collegamento raggiungibile rispettando le seguenti regole durante
la progettazione delle variabili:
aggiornamento di massimo 2000 variabili contemporaneamente.
unione delle variabili in possibilmente pochi campi di indirizzamento, meglio ancora uno
soltanto.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

75

Modbus TCPIP
4.3 Progettazione del canale

Tipi di dati e campi di indirizzamento nel controllore


Nella tabella sono riepilogati i tipi di dati e i campi di indirizzamento che possono essere
utilizzati nell'ambito della progettazione delle variabili e delle variabili strutturate.
Campo nella CPU
Premium / Micro

Campo nella CPU 984,


Compact, Quantum,
Momentum

Tipo di dati

Coil
(Discrete Output)

%M

0x

Bit

Discrete Input

(%I) non realizzato da


Premium/Micro

1x

Bit

Registro Input

(%IW) non realizzato


da Premium/Micro

3x

Bit,
+/- Int, Int

Registro Holding
(Output)

%MW

4x

Bit 2),
+/- Int, Int,
+/- Double, Double,
Float, ASCII

Extended Memory
(disponibile solo nella CPU "Quantum/
Momentum")

--

6x

Bit 2),
+/- Int, Int,
+/- Double, Double,
Float, ASCII

Denominazione

1)

1)

A causa della povert del sistema del controllore esterno non possibile accedere agli ultimi x bit alla fine del campo
di indirizzamento.

2)

Per gli accessi in scrittura si raccomanda di osservare quanto segue:


nel tipo di dati "Bit" nei campi "4x", "6x" e "%MW" in seguito al cambiamento del bit specificato viene ritrascritta indietro
la parola intera nel controllore. In questo caso non avviene una verifica dell'eventuale cambiamento di altri bit della
parola. Pertanto il controllore pu accedere alla parola indicata in sola lettura.

Nella consueta modalit di conteggio bit (16 LSB - 1 MSB) applicata nei controllori della serie
984, Compact, Quantum e Momentum solo per queste CPU nel editor "Variabili" per il tipo di
dati si utilizza il "Bit". Esiste la seguente assegnazione delle posizioni dei bit:
Byte sinistro
Modalit di conteggio
nelle variabili

Byte destro
6

10 11 12 13 14 15 16

All'inserimento di numeri bit in altre posizioni all'interno di WinCC vale l'assegnazione bit di
WinCC (0 LSB - 15 MSB):
Modalit di conteggio delle
posizioni bit
In WinCC si progetta:

Byte sinistro
15 14 13 12 11 10

Byte destro
9

Questa modalit di conteggio globale altrettanto per controllori Modicon Premium e Modicon
Mikro
Rappresentazione di "Signed"
Il segnaposto "+/-" rappresenta i tipi di dati "Signed Int" e "Signed Double".

76

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Modbus TCPIP
4.3 Progettazione del canale

Vedere anche
Progettazione di una variabile con accesso a bit (Pagina 77)
Progettazione di una variabile con accesso a parola (Pagina 78)
Come progettare una variabile di testo (Pagina 79)

4.3.3.2

Progettazione di una variabile con accesso a bit

Introduzione
Nel presente paragrafo viene mostrato come progettare nel PLC una variabile per un accesso
di bit per bit all'area di indirizzamento.

Requisiti
Il canale "Modbus TCPIP" deve essere integrato nel progetto.
Nell'unit canale "Modbus TCP/IP Unit #1" necessario che sia disponibile una
connessione.

Procedimento
1. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento Modbus TCP/IP la voce "Nuova
variabile". A questo punto viene aperta la finestra "Propriet della variabile".
2. Immettere nel campo "Variabile" il nome della variabile. Impostare nel campo "Tipo di dati"
il tipo di dati "Variabile binaria".
3. Aprire tramite il pulsante di comando "Seleziona" la finestra di dialogo "Propriet variabile
Modbus TCPIP". Impostare nel campo "Area" in quale area dati del sistema di automazione
si trovano i dati. Si possono selezionare le aree 0x, 1x, 3x, 4x, e 6x.

4. Digitare nel rispettivo campo di indirizzamento, ad esempio "4x", l'indirizzo della variabile.
Il valore dipende dalla progettazione del controllore.
5. Digitare necessariamente l'indirizzo del bit nel campo "Bit". La possibilit di un inserimento
dipende sostanzialmente dalla selezione effettuata nel campo "Area gi".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

77

Modbus TCPIP
4.3 Progettazione del canale
6. Selezionare un valore per "File", se nel campo "Area" stato impostato il valore "6x
Extended Memory".
7. Chiudere i dialoghi aperti con il pulsante di comando "OK".
Nota
Dopo la chiusura della finestra di dialogo "Propriet variabili variabili Modbus TCPI/IP" nel
campo "Indirizzo" della finestra di dialogo "Propriet della variabile" viene indicato
l'indirizzo interno delle variabili nel controllore. Questo indirizzo pu distinguersi
dall'indirizzo indicato, poich il formato di dati adattato al sistema di automazione.

Vedere anche
Come progettare una variabile di testo (Pagina 79)

4.3.3.3

Progettazione di una variabile con accesso a parola

Introduzione
Nel presente paragrafo viene mostrato come progettare nel PLC una variabile per un accesso
a parole all'area di indirizzamento.

Requisiti
Il canale "Modbus TCPIP" deve essere integrato nel progetto.
Nell'unit canale "Modbus TCP/IP Unit #1" necessario che sia disponibile una
connessione.

Procedimento
1. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento Modbus TCP/IP la voce "Nuova
variabile". A questo punto viene aperta la finestra "Propriet della variabile".
2. Immettere nel campo "Variabile" il nome della variabile. Impostare nel campo "Tipo di dati"
il tipo di dati "Valore a 16 bit senza segno".

78

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Modbus TCPIP
4.3 Progettazione del canale
3. Aprire tramite il pulsante di comando "Seleziona" la finestra di dialogo "Propriet variabile
Modbus TCPIP". Impostare nel campo "Area" in quale area dati del sistema di automazione
si trovano i dati. Si possono selezionare le aree 3x, 4x e 6x.

4. Digitare nel rispettivo campo di indirizzamento, ad esempio "4x", l'indirizzo della variabile.
Il valore dipende dalla progettazione del controllore.
5. Chiudere i dialoghi aperti con il pulsante di comando "OK".
Nota
Dopo la chiusura della finestra di dialogo "Propriet variabili variabili Modbus TCPI/IP" nel
campo "Indirizzo" della finestra di dialogo "Propriet della variabile" viene indicato
l'indirizzo interno delle variabili nel controllore. Questo indirizzo pu distinguersi
dall'indirizzo indicato, poich il formato di dati adattato al sistema di automazione.

4.3.3.4

Come progettare una variabile di testo

Introduzione
Nel presente paragrafo viene mostrato come progettare nel PLC una variabile per un accesso
a parole all'area di indirizzamento.

Requisiti
Il canale "Modbus TCPIP" deve essere integrato nel progetto.
Nell'unit canale "Modbus TCP/IP Unit #1" necessario che sia disponibile una
connessione.

Procedimento
1. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento Modbus TCP/IP la voce "Nuova
variabile". A questo punto viene aperta la finestra "Propriet della variabile".
2. Immettere nel campo "Variabile" il nome della variabile. Impostare nel campo "Tipo di dati"
il tipo di dati "Variabile di testo set di caratteri 8 bit".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

79

Modbus TCPIP
4.3 Progettazione del canale
3. Aprire tramite il pulsante di comando "Seleziona" la finestra di dialogo "Propriet variabile
Modbus TCPIP".

4. Digitare nel campo di indirizzamento "4x", l'indirizzo della variabile. Il valore dipende dalla
progettazione del controllore.
5. Chiudere i dialoghi aperti con il pulsante di comando "OK".

80

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Canale OPC
5.1

Canale WinCC "OPC"

Introduzione
WinCC pu venire utilizzato come server OPC e come client OPC. Il canale "OPC"
l'applicazione client OPC di WinCC.
Il driver di comunicazione OPC pu essere utilizzato come client OPC DA, come client OPC
XML e come client OPC UA.
I seguenti componenti OPC vengono installati automaticamente:
Driver di comunicazione OPC
OPC Item Manager

Possibile utilizzo
WinCC come client OPC DA
Per utilizzare WinCC come client OPC DA, si deve inserire nel progetto WinCC il canale "OPC".
Per lo scambio dei dati, nel progetto WinCC del client WinCC OPC DA viene creato un
collegamento che serve per l'accesso alle variabili WinCC del server OPC DA.
Per semplificare la progettazione viene utilizzato l'OPC Item Manager. Un client WinCC OPC
DA pu accedere a pi server OPC DA. A tal fine, occorre creare un collegamento con ogni
server OPC. Cos si pu impostare il client WinCC OPC DA come stazione centrale di comando
e di sorveglianza.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

81

Canale OPC
5.1 Canale WinCC "OPC"

Nota
Il canale WinCC OPC attiva solo collegamenti ai server OPC che hanno lo stato
"OPC_STATUS_RUNNING".
Nota
Il canale "OPC"
Il nome di un "Collegamento non supporta Unicode. Tenere presente che i nomi di tutti i
collegamenti di un progetto devono essere nella stessa lingua. Nel Pannello di controllo del
computer impostare la tabella codici di questa lingua come lingua per i programmi non
Unicode.

82

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Canale OPC
5.2 OPC Item Manager

5.2

OPC Item Manager

Introduzione
Per accedere a una variabile di un server OPC, nel progetto WinCC del client WinCC OPC si
progettano un collegamento e una variabile WinCC. Per semplificare la progettazione viene
utilizzato l'OPC Item Manager. L'OPC Item Manager installato automaticamente con WinCC.
Nota
Canale "OPC"
Il nome di un "Collegamento non supporta Unicode. Tenere presente che i nomi di tutti i
collegamenti di un progetto devono essere nella stessa lingua. Nel Pannello di controllo del
computer impostare la tabella codici di questa lingua come lingua per i programmi non
Unicode.

Presupposti
Per poter utilizzare l'OPC Item Manager per la progettazione occorrono le seguenti condizioni:
Il server OPC un server OPC DA, OPC XML o OPC UA.
Sul server OPC progettata una variabile.
Utilizzando WinCC come server OPC, il progetto WinCC del server WinCC-OPC deve
essere attivato. In caso contrario l'OPC Item Manager non pu accedere al server WinCC
OPC.
Il computer del server OPC deve essere accessibile attraverso l'indirizzo IP oppure
attraverso HTTP.
Il server OPC deve comunque supportare la funzionalit del browser. In caso contrario sar
necessario progettare manualmente l'accesso alla variabile del server OPC.
Nota
Se OPC Item Manager aperto e in WinCC Explorer viene cambiata la lingua,
selezionando il pulsante "Sfoglia Server" non viene visualizzata alcuna variabile. Prima
di cambiare la lingua uscire da OPC Item Manager.

Compiti di OPC Item Manager


L'OPC Item Manager svolge le seguenti funzioni:
Selezionare il server OPC
Creare un collegamento
Selezionare una variabile
Aggiungere una variabile

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

83

Canale OPC
5.2 OPC Item Manager

Selezione del server OPC


Server OPC DA
Attraverso OPC-Item-Manager possibile chiedere la denominazione del server OPC-DA
accessibile in rete. I server DA OPC possono essere in funzione sullo stesso computer cos
come su computer dell'ambiente di rete collegato. Per ulteriori informazioni consultare la voce
"Client WinCC OPC DA".
Server XML OPC
Attraverso OPC-Item-Manager non possibile per chiedere la denominazione del server
OPC-XML. Il server OPC-XML viene aggiunto tramite il pulsante "Webserver OPC". Per
ulteriori informazioni consultare la voce "Client WinCC OPC XML".
Server OPC UA
Attraverso OPC-Item-Manager non possibile per chiedere la denominazione del server
OPC UA. Il server OPC UA viene aggiunto tramite il pulsante "Server OPC UA". Per ulteriori
informazioni consultare la voce "Client WinCC OPC UA".

Simboli del
OPC Item
Manager

Descrizione

Il computer nella rete non stato ancora analizzato riguardo ai server DA OPC installati.
Il computer non stato trovato nella rete oppure non stato possibile accedere al
computer.
Il computer nella rete stato analizzato riguardo ai server DA OPC installati.

84

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Canale OPC
5.2 OPC Item Manager
Simboli del
OPC Item
Manager

Descrizione

Il computer nella rete contiene i server DA OPC contrassegnati con l'icona OPC. Il
numero indica quale specificazione OPC DA viene attualmente utilizzata dal client
WinCC OPC DA.
\\<LOCAL>

Definisce il computer su cui stato avviato l'OPC Item Manager.


Definisce il server OPC-XML.

http://

Il server OPC-XML viene aggiunto tramite il pulsante "Webserver OPC".


Definisce il server OPC UA.

opc.tcp://

Il server OPC UA viene aggiunto tramite il pulsante "Server OPC UA".

Creare un collegamento
Per la creazione di un collegamento l'OPC Item Manager effettuer tutte le impostazioni
necessarie. Questa funzione non viene proposta se il collegamento con il server OPC gi
stato creato.

Selezionare una variabile


Nella finestra di dialogo di selezione delle variabili possibile selezionare una o pi variabili
del server OPC alle quali il client OPC WinCC dovr accedere. Con l'introduzione di condizioni
di filtro possibile limitare la visualizzazione nella finestra di dialogo di selezione delle variabili.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

85

Canale OPC
5.2 OPC Item Manager

Aggiungere una variabile

Nella finestra di dialogo "Aggiungi variabili" possibile definire il nome delle variabili WinCC
che accedono alle variabili del server OPC.
Il nome della variabile WinCC si compone di "Prefisso", "Nome" e "Suffisso". Il campo "Nome"
precompilato con la voce "ExampleTag". "ExampleTag" rappresenta il nome della variabile
WinCC del server WinCC OPC.
Per distinguere il nome della variabile WinCC sul client WinCC OPC dal nome della variabile
WinCC sul server WinCC OPC possibile assegnare un prefisso o un suffisso. Nella
progettazione di un monitoraggio di progetto necessario assegnare un prefisso o un suffisso.
In un progetto WinCC il nome della variabile pu essere assegnato una sola volta.
Esempio
Il nome della variabile WinCC sul server WinCC OPC DA "OPC_Server_Tag". Nel campo
"Prefisso" viene immesso "Client_" e nel campo "Suffisso" "_xyz". Nel progetto WinCC del
client WinCC OPC DA viene creata la variabile WinCC "Client_OPC_Server_Tag_xyz".
Se il nome della variabile sul server OPC contiene caratteri speciali, questi verranno sostituiti
da un carattere di sottolineatura "_", poich non tutti i caratteri speciali vengono supportati
dall'OPC Item Manager nel nome della variabile.
Con il pulsante "Completa" le variabili WinCC vengono inserite nel progetto WinCC del client
WinCC OPC DA. L'OPC Item Manager rileva automaticamente il tipo di dati, il nome e i
parametri per l'indirizzo della variabile WinCC.

86

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Canale OPC
5.2 OPC Item Manager

Vedere anche
Accesso ad una variabile WinCC con l'OPC Item Manager (Pagina 107)
Accesso ad una variabile WinCC con l'OPC Item Manager (Pagina 90)

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

87

Canale OPC
5.3 Panoramica dei tipi di dati WinCC supportati

5.3

Panoramica dei tipi di dati WinCC supportati

Panoramica dei tipi di dati WinCC supportati del client DA OPC WinCC e del server DA OPC WinCC
Variabili binarie
Valore 8 bit con segno
Valore a 8 bit senza segno
Valore 16 bit con segno
Valore a 16 bit senza segno
Valore 32 bit con segno
Valore a 32 bit senza segno
Numero in virgola mobile 32 bit IEEE 754
Numero in virgola mobile 64 bit IEEE 754
Variabile di testo set di caratteri 8 bit
Variabile di testo set di caratteri 16 bit
Tipo di dati grezzi
Tipi di struttura
Riferimento testo
Nota
Con tipo di struttura vengono supportati solo gli elementi di struttura, ma non la struttura
stessa. possibile per riprogettare la struttura. Per ulteriori informazioni consultare "Utilizzo
di strutture sul client DA OPC WinCC".
Se attraverso OPC-Item-Manager viene creata una variabile di testo, a quest'ultima viene
assegnata una lunghezza di 160 caratteri. Successivamente questa lunghezza potr essere
variata a piacere.

Vedere anche
Utilizzo di strutture sul client DA OPC WinCC (Pagina 97)

88

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Canale OPC
5.4 Client DA OPC WinCC

5.4

Client DA OPC WinCC

5.4.1

Funzionamento del client DA OPC WinCC

Introduzione
Il canale "OPC" non richiede un modulo di comunicazione separato. Il canale "OPC"
un'applicazione che utilizza tramite l'interfaccia software OPC un server OPC DA per accedere
ai dati di processo.
Per utilizzare WinCC come client WinCC OPC DA si deve inserire nel progetto WinCC il canale
"OPC".
Se viene stabilito un collegamento ad un server WinCC OPC DA, vengono scambiati i valori
delle variabili WinCC. Nel progetto WinCC del client WinCC OPC DA viene creato allo scopo
un collegamento che serve per l'accesso al server WinCC OPC DA.
In modo che il client WinCC OPC DA possa accedere a pi server OPC DA occorre creare
nel progetto WinCC un collegamento per ogni server OPC DA. Ulteriori informazioni sulla
diagnostica di canale e variabili si trovano in "Diagnostica".
Nota
Il canale WinCC OPC attiva solo collegamenti ai server OPC che hanno lo stato
"OPC_STATUS_RUNNING".
Nota
Canale "OPC"
Il nome di un "Collegamento non supporta Unicode. Tenere presente che i nomi di tutti i
collegamenti di un progetto devono essere nella stessa lingua. Nel Pannello di controllo del
computer impostare la tabella codici di questa lingua come lingua per i programmi non
Unicode.

Monitoraggio del collegamento


Nel client WinCC OPC DA sono integrati tre meccanismi per il monitoraggio dei collegamenti.
In tal modo possibile reagire tempestivamente a qualsiasi possibile disfunzione in rete oppure
a comportamenti errati di un server OPC DA
1. Se la durata dell'elaborazione di un richiamo DCOM dovesse superare il valore d'allarme
di 5 secondi, la variabile otterr lo stato "Errore di indirizzamento". Se la durata
dell'elaborazione supera il valore d'annullamento di 10 secondi, il collegamento con il server
OPC DA viene interrotto. Questa condizione viene visualizzata nella finestra di dialogo
"Stato di collegamento" di WinCC Explorer.
Nella specifica OPC DA 3.00 esiste l'opzione "Keep-Alive". Se il server OPC DA supporta la
specifica OPC DA 3.00, viene utilizzata questa opzione. Questa opzione determina
l'aggiornamento ciclico automatico del server OPC DA (richiamo di OnDataChange), anche

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

89

Canale OPC
5.4 Client DA OPC WinCC
nel caso in cui le variabili non siano state modificate. Se questi aggiornamenti regolari non
vengono effettuati, il client WinCC OPC DA interrompe il collegamento.
Una condizione analoga si verifica con un server OPC DA che supporta la specifica OPC DA
2.05a. Per controllare il collegamento con il server OPC DA, il client WinCC OPC DA interroga
ciclicamente ogni 10 secondi lo stato. Se l'indicazione di stato segnala un errore, il client
WinCC OPC DA interrompe immediatamente il collegamento.
Generalmente il client WinCC OPC DA interrompe il collegamento con il server OPC DA, nel
caso in cui il funzionamento non sia corretto. Il client WinCC OPC DA prova quindi
automaticamente ogni 10 secondi a ristabilire il collegamento.

Vedere anche
Utilizzo di strutture sul client DA OPC WinCC (Pagina 97)
Accesso ad una variabile WinCC senza l'OPC Item Manager (Pagina 95)
Progettazione dell'accesso con l'OPC Item Manager (Pagina 91)
Panoramica dei tipi di dati WinCC supportati (Pagina 88)
OPC Item Manager (Pagina 83)
Diagnostica di canali e variabili (Pagina 377)

5.4.2

Accesso ad una variabile WinCC con l'OPC Item Manager

5.4.2.1

Accesso ad una variabile WinCC con l'OPC Item Manager

Introduzione
Con un accoppiamento OPC di WinCC a WinCC lo scambio dei dati avviene a mezzo di
variabili WinCC. Mediante un collegamento OPC il client DA OPC WinCC accede alla variabile
WinCC "OPC_Server_Tag" del server DA OPC WinCC. Per semplificare la progettazione viene
utilizzato l'OPC Item Manager.

90

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Canale OPC
5.4 Client DA OPC WinCC

Presupposti
Due computer con progetti WinCC.
I due computer devono essere raggiungibili tramite il relativo indirizzo IP.

Procedimento per la progettazione


Nel progetto WinCC del client DA OPC WinCC sono necessarie le seguenti progettazioni:

Vedere anche
Progettazione dell'accesso con l'OPC Item Manager (Pagina 91)
Progettazione del canale OPC sul client DA OPC WinCC (Pagina 91)
Progettazione dell'accesso con l'OPC Item Manager (Pagina 107)

5.4.2.2

Progettazione del canale OPC sul client DA OPC WinCC

Introduzione
Utilizzando OPC per lo scambio dei dati occorre integrare nel progetto WinCC il canale "OPC".

Procedura
1. Nel client DA OPC WinCC fare clic nella finestra di navigazione del WinCC Explorer
sull'icona "Gestione variabili".
2. Selezionare nel menu di scelta rapida della "Gestione variabili" la voce "Aggiungi nuovo
driver". Si apre la finestra di dialogo "Aggiungi nuovo driver".
3. Selezionare il driver "OPC.chn" e fare clic sul pulsante di comando "Apri". Viene ora creato
il canale e il driver di comunicazione viene indicato nella gestione variabili.

Vedere anche
Progettazione dell'accesso con l'OPC Item Manager (Pagina 91)

5.4.2.3

Progettazione dell'accesso con l'OPC Item Manager

Introduzione
Nel presente capitolo viene mostrato come progettare con l'OPC Item Manager l'accesso alla
variabile WinCC "OPC_Server_Tag" del server DA OPC WinCC.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

91

Canale OPC
5.4 Client DA OPC WinCC

Presupposti
Progettare nel progetto WinCC del server DA OPC WinCC una variabile interna
"OPC_Server_Tag" del tipo di dati "Valore a 16 bit con segno".
Attivare il progetto WinCC del server DA OPC WinCC.
Aggiungere al progetto WinCC di client DA OPC WinCC il canale "OPC".
Nota
Canale "OPC"
Il nome di un "Collegamento non supporta Unicode. Tenere presente che i nomi di tutti i
collegamenti di un progetto devono essere nella stessa lingua. Nel Pannello di controllo del
computer impostare la tabella codici di questa lingua come lingua per i programmi non
Unicode.

Procedura
1. Nel client DA OPC WinCC, selezionare nel menu contestuale dell'unit di canale "OPC
Groups(OPCHN Unit#1)" la voce "Parametri di sistema". Si apre '"OPC Item Manager".

2. Fare clic nella finestra di selezione sul nome del computer da utilizzare come server DA
OPC WinCC.
Selezionare nella lista visualizzata la voce "OPCServer.WinCC".

92

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Canale OPC
5.4 Client DA OPC WinCC
3. Fare clic sul pulsante di comando "Browse Server".
Si apre la finestra di dialogo "Condizioni per il filtro".

4. Fare clic sul pulsante "Avanti".


Si apre la finestra di dialogo "OPCServer.WinCC ...".

5. Selezionare la variabile WinCC "OPC_Server_Tag".


Fare clic sul pulsante di comando "Aggiungi Items".
6. Se gi stato creato un collegamento con il server DA OPC WinCC, proseguire con il passo
6.
Se non ancora stato stabilito alcun collegamento verr visualizzato un messaggio.
Fare clic sul pulsante di comando "S". Si apre la finestra di dialogo "Nuovo collegamento".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

93

Canale OPC
5.4 Client DA OPC WinCC
7. Immettere per il collegamento il nome "OPCServer_WinCC". Fare clic sul pulsante "OK".
Si apre la finestra di dialogo "Aggiungi variabili".

8. Immettere "Client_" nel campo "Prefisso" e "_xyz" nel campo "Suffisso".


9. Selezionare il collegamento "OPCServer_WinCC".
Fare clic sul pulsante di comando "Crea".
10.Nella finestra di dialogo "OPCServer.WinCC ..." selezionare il pulsante "Indietro".
Fare clic nel dialogo "OPC Item Manager" sul pulsante di comando "Esci" per chiudere
l'OPC Item Manager.

Vedere anche
Progettazione del canale OPC sul client DA OPC WinCC (Pagina 91)

94

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Canale OPC
5.4 Client DA OPC WinCC

5.4.3

Accesso ad una variabile WinCC senza l'OPC Item Manager

Introduzione
Nei server OPC che non supportano la funzionalit di navigazione l'accesso deve venire
progettato manualmente. Viene mostrata la progettazione delle variabili WinCC sul client DA
OPC WinCC sull'esempio di un accoppiamento OPC WinCC-WinCC.

Nota
Nell'accedere ad una variabile WinCC senza OPC Item Manager, occorre progettare
manualmente l'ItemID. Nell'indirizzamento delle variabili di WinCC pu anche essere indicato
il nome simbolico del computer (prefisso server). Il ItemID ha la sintassi seguente: Prefisso
server::variabile WinCC. Se viene indirizza la variabile WinCC del progetto WinCC locale, il
prefisso del server viene omesso.
Nel progetto WinCC del client DA OPC WinCC sono necessarie le seguenti progettazioni:
1. Selezione della variabile WinCC "OPC_Var1" alla quale si accede.
2. Creare un collegamento
3. Progettazione della variabile WinCC "Client_OPC_Var1_xyz", che accede alla variabile
WinCC del server DA OPC WinCC.

Presupposti
Due computer con progetti WinCC.
Il computer deve essere raggiungibile tramite il suo indirizzo IP.
Progettare nel progetto WinCC del server DA OPC WinCC una variabile interna
"OPC_Var1" del tipo di dati "Valore 16 bit con segno".
Attivare il progetto WinCC sul server DA OPC WinCC.
Aggiungere al progetto WinCC di WinCC OPC DA Client il canale "OPC".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

95

Canale OPC
5.4 Client DA OPC WinCC

Nota
Canale "OPC"
Il nome di un "Collegamento non supporta Unicode. Tenere presente che i nomi di tutti i
collegamenti di un progetto devono essere nella stessa lingua. Nel Pannello di controllo del
computer impostare la tabella codici di questa lingua come lingua per i programmi non
Unicode.

Procedura
1. Selezionare sul client DA OPC WinCC nel menu di scelta rapida dell'unit di canale "OPC
Groups(OPCHN Unit#1)" la voce "Nuovo collegamento". Si apre il dialogo "Propriet
collegamento". Immettere nel campo "Nome" un nome per il collegamento.
2. Fare clic sul pulsante di comando "Propriet". Si apre un dialogo con il nome del
collegamento come titolo.

Con un accoppiamento con WinCC V 6 si deve immettere nel campo "Nome del server
OPC" il nome "OPCServer.WinCC".
3. Immettere nel campo "Avviare il server su questo computer" il nome del computer da
utilizzare come server DA OPC. Fare clic sul pulsante di comando "Testare server" per
testare il collegamento con il server DA OPC WinCC.
4. Selezionare nel menu di scelta rapida del Collegamento la voce "Nuova variabile". Si apre
la finestra di dialogo "Propriet della variabile".
5. Immettere nel campo "Variabile" il nome "Client:OPC_Var1_xyz". Impostare nel campo
"Tipo di dati" il tipo di dati "Valore 16 bit con segno".

96

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Canale OPC
5.4 Client DA OPC WinCC
6. Fare clic nel dialogo " Propriet della variabile" sul pulsante "Seleziona". Si apre la finestra
di dialogo "Propriet indirizzo".

Immettere nel campo "Nome dell'item" il nome della variabile WinCC del server DA OPC
WinCC. Non modificare la voce nel campo "Percorso accesso". Impostare nel campo "Tipo
di dati" il tipo di dati "Valore 16 bit con segno".
7. Chiudere tutti dialoghi aperti con i pulsanti di comando "OK".

5.4.4

Uso di strutture sul client DA OPC WinCC

5.4.4.1

Utilizzo di strutture sul client DA OPC WinCC

Introduzione
Le strutture vengono utilizzate per poter riunire un numero maggiore di diverse variabili e tipi
di variabili che formano un'unit logica. Cos possibile accedervi con un unico nome.
Le strutture non sono supportate dalla specifica OPC DA. Non quindi possibile creare tramite
OPC-Item-Manager, ma soltanto le singole variabili di una struttura. Se, sul client DA OPC
WinCC non si desidera rinunciare alle strutture, nel progetto WinCC del client DA OPC WinCC
devono essere progettate le strutture dati, alle quali poter assegnare i relativi nomi item delle
variabili server.

Presupposti
Due computer con progetti WinCC.
Il computer deve essere raggiungibile tramite il suo indirizzo IP.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

97

Canale OPC
5.4 Client DA OPC WinCC

Procedimento per la progettazione


Per l'utilizzo di strutture sul client DA OPC WinCC sono necessarie le seguenti operazioni di
progettazione:
Progettazione di strutture e variabili di struttura sul server DA WinCC OPC
Uso di strutture del progetto WinCC sul client DA OPC WinCC

Vedere anche
Utilizzo delle strutture sul client DA OPC WinCC (Pagina 99)
Progettazione di strutture e variabili di struttura sul WinCC-OPC DA Server (Pagina 98)

5.4.4.2

Progettazione di strutture e variabili di struttura sul WinCC-OPC DA Server

Introduzione
Nel presente capitolo viene mostrato come creare una struttura ed una variabile di struttura
nel progetto WinCC del server DA OPC. Questa progettazione necessaria per far accedere
il client DA OPC alla variabile di struttura.

98

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Canale OPC
5.4 Client DA OPC WinCC

Procedura
1. Selezionare sul server DA OPC WinCC nel menu di scelta rapida "Tipi di strutture" la voce
"Nuovo tipo di struttura". Si apre il dialogo "Propriet di struttura".
2. Fare clic sul pulsante di comando "Nuovo elemento" e creare una variabile interna
"OPCServer_Struct" del tipo di dati SHORT.

Chiudere il dialogo con il pulsante di comando "OK".


3. Fare clic nella finestra di navigazione sul "Segno pi" davanti all'icona "Gestione variabili".
Selezionare nel menu di scelta rapida della "Variabili interne" la voce "Nuova variabile".
Creare una variabile WinCC "Var" con questo tipo di struttura.
4. Nella finestra dei dati di WinCC Explorer viene visualizzata la variabile singola progettata
"Var" e la variabile di struttura "Var.OPCServer_Struct".
5. Attivare il progetto WinCC.

Vedere anche
Utilizzo delle strutture sul client DA OPC WinCC (Pagina 99)

5.4.4.3

Utilizzo delle strutture sul client DA OPC WinCC

Introduzione
Le strutture non sono supportate dalla specifica OPC DA. Le strutture non possono perci
essere create tramite OPC-Item-Manager. Nel presente capitolo viene riprogettata nel progetto
WinCC del client DA OPC WinCC la struttura utilizzata nel progetto WinCC del server DA OPC

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

99

Canale OPC
5.4 Client DA OPC WinCC
WinCC. Sul client DA OPC WinCC viene progettata una variabile WinCC che accede alla
variabile di struttura del server OPC WinCC.

Presupposti
Creare nel progetto WinCC del server DA OPC WinCC una struttura ed una variabile di
struttura "Var.OPCServer_Struct".
Attivare il progetto WinCC del server DA OPC WinCC.
Aggiungere al progetto WinCC di WinCC OPC DA Client il canale "OPC".
Nota
Canale "OPC"
Il nome di un "Collegamento non supporta Unicode. Tenere presente che i nomi di tutti i
collegamenti di un progetto devono essere nella stessa lingua. Nel Pannello di controllo del
computer impostare la tabella codici di questa lingua come lingua per i programmi non
Unicode.

Procedura
1. Selezionare sul server DA OPC WinCC nel menu di scelta rapida "Tipi di struttura" la voce
"Nuovo tipo di struttura". Si apre il dialogo "Propriet di struttura".
2. Cliccare sul pulsante "Nuovo elemento" e creare quindi una variabile esterna. Denominare
l'elemento nello stesso modo del progetto WinCC all'interno del server OPC-DA. Chiudere
il dialogo "Propriet di struttura" con il pulsante di comando "OK".
3. Se gi stato creato un collegamento al server OPC DA proseguire con il passo 6.
In caso contrario, selezionare la voce "Nuovo collegamento" nel menu di scelta rapida della
rispettiva unit di canale "OPC". Si apre il dialogo "Propriet collegamento". Immettere nel
campo "Nome" un nome per il collegamento.
4. Fare clic sul pulsante di comando "Propriet". Si apre un dialogo con il nome del
collegamento come titolo. Con un accoppiamento con WinCC V 6 si deve immettere nel
campo "Nome del server OPC" la ProgID "OPCServer.WinCC".
5. Immettere nel campo "Avviare il server su questo computer" il nome del computer da
utilizzare come server DA OPC WinCC. Fare clic sul pulsante di comando "Testare server"
per testare il collegamento con il server DA OPC WinCC. Chiudere il dialogo con il pulsante
di comando "OK".
6. Selezionare nel menu di scelta rapida del Collegamento la voce "Nuova variabile". Si apre
la finestra di dialogo "Propriet della variabile". Come tipo di dati, selezionare il nuovo tipo
creato di strutture.
7. Fare clic nel dialogo " Propriet della variabile" sul pulsante "Seleziona". Si apre la finestra
di dialogo "Propriet indirizzo".
Immettere nel campo "Nome dell'item" il nome della variabile di struttura del server WinCCOPC DA "Var.OPCServer_Struct". Non modificare la voce nel campo "Percorso accesso".
8. Chiudere i dialoghi aperti con i pulsanti di comando "OK".

100

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Canale OPC
5.4 Client DA OPC WinCC

Vedere anche
Progettazione del canale OPC sul client DA OPC WinCC (Pagina 91)
Progettazione di strutture e variabili di struttura sul WinCC-OPC DA Server (Pagina 98)

5.4.5

Gestione degli errori in caso di comunicazione DA OPC disturbata

5.4.5.1

Gestione degli errori in caso di comunicazione OPC disturbata

Introduzione
La procedura per verificare la comunicazione dipende da come viene impiegato WinCC.

WinCC viene impiegato come server DA OPC


Verificare per prima cosa sul client DA OPC WinCC per mezzo della diagnostica del canale
se possibile stabilire un collegamento con il server DA OPC. Ulteriori informazioni sulla
diagnostica del canale si trovano in "Diagnostica".

WinCC viene impiegato come client DA OPC


Verificare per prima cosa sul client DA OPC WinCC per mezzo della diagnostica del canale
se possibile stabilire un collegamento con il server DA OPC. Ulteriori informazioni sulla
diagnostica del canale si trovano in "Diagnostica".

Vedere anche
WinCC come client DA OPC ed il collegamento non viene stabilito. (Pagina 105)
WinCC come client DA OPC ed il collegamento viene stabilito. (Pagina 104)
WinCC come server DA OPC ed il collegamento non viene stabilito. (Pagina 103)
WinCC come server DA OPC ed il collegamento viene stabilito. (Pagina 102)
Possibilit diagnostiche del canale "OPC" (Pagina 413)

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

101

Canale OPC
5.4 Client DA OPC WinCC

5.4.5.2

WinCC come OPC DA Server

WinCC come server DA OPC ed il collegamento viene stabilito.


:LQ&&LPSLHJDWRFRPHVHUYHU23&
'$9LHQHVWDELOLWRXQFROOHJDPHQWR
PDLOYDORUHGHOOHYDULDELOLHUUDWR

9HULILFDUHODSURJHWWD]LRQHGHLQRPLGL
LWHPHGHLWLSLGLGDWLGHOFOLHQW23&
'$

,OQRPH
GHOO
LWHPHLOWLSRGL
GDWLFRLQFLGRQR"

1R

&RUUHJJHUHOHLPPLVVLRQL

/DYRFHQHO
FDPSR3HUF
DFFHVVRYXRWD"

(OLPLQDUHODYRFH

1R

6RQR
FRUUHWWHOH
LPSRVWD]LRQLGL
'&20"

1R

0RGLILFDUHODFRQILJXUD]LRQHVXOVHUYHU
:LQ&&'$23&
8OWHULRULLQIRUPD]LRQLVLWURYDQRQHOOD
GRFXPHQWD]LRQHGHOVLVWHPDRSHUDWLYR

0HWWHUVLLQFRQWDWWRFRQLO&XVWRPHU
6XSSRUWGL:LQ&&

9HULILFDUHVH
DGHVVRVL
YLVXDOL]]DLOYDORUH
FRUUHWWR

RUDSRVVLELOHXWLOL]]DUHLO
FROOHJDPHQWR23&SHULO
WUDVIHULPHQWRGHLGDWL

1R

9HULILFDUHLOFOLHQW23&
'$

102

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Canale OPC
5.4 Client DA OPC WinCC

WinCC come server DA OPC ed il collegamento non viene stabilito.


:LQ&&LPSLHJDWRFRPHVHUYHU23&'$
1RQYLHQHVWDELOLWRDOFXQFROOHJDPHQWR

$SULWHO
HGLWRUGLUHJLVWUD]LRQH)DUHFOLFQHOPHQX5HJLVWUD]L
RQHVX&RQQHWWLDUHJLVWURLQUHWH,PPHWWHUHQHOFDPSR
1RPHFRPSXWHULOQRPHGHOFRPSXWHUVXFXLIXQ]LRQDLO
VHUYHU23&'$)DUHFOLFVXOSXOVDQWH2.

1R

,OFRPSXWHU
GLVSRQLELOHLQ
UHWH"

SRVVLELOH
FROOHJDUVLFRQLOUHJLVWURLQ
UHWHGHOVHUYHU23&'$"

1R

5XQWLPH
DWWLYRVXOVHUYHU
:LQ&&23&'$"

$VVLFXUDUVLFKHLO
FRPSXWHUVLD
GLVSRQLELOHLQUHWH

1R

$WWLYDUHLOSURJHWWR
:LQ&&

6
$SULUHLOWDVN
PDQDJHUVXOVHUYHU:LQ&&
23&'$6XOODVFKHGD3URFHVVL
DWWLYRLOSURFHVVR623&6(59
:LQ&&"

1R

6RQRFRUUHWWLLO
3URJ,'SURJHWWDWRH
LOQRPHVHUYHU
GHOO
DSSOLFD]LRQH
FOLHQW"

1R

&RUUHJJHUHOHLPPLVVLRQL

0RGLILFDUHODFRQILJXUD]LRQHVXOVHUYHU
:LQ&&'$23&
8OWHULRULLQIRUPD]LRQLVLWURYDQRQHOOD
GRFXPHQWD]LRQHGHOVLVWHPDRSHUDWLYR

1R

6RQR
FRUUHWWHOH
LPSRVWD]LRQLGL
'&20"
6

0HWWHUVLLQFRQWDWWRFRQLO&XVWRPHU
6XSSRUWGL:LQ&&

9HULILFDUHVHRUD
SRVVLELOHVWDELOLUHLO
FROOHJDPHQWRGLFRPXQLFD]LR
QH

RUDSRVVLELOHXWLOL]]DUHLO
FROOHJDPHQWR23&SHULO
WUDVIHULPHQWRGHLGDWL

1R
9HULILFDUHLOFOLHQW23&
'$

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

103

Canale OPC
5.4 Client DA OPC WinCC

5.4.5.3

WinCC come client DA OPC

WinCC come client DA OPC ed il collegamento viene stabilito.


:LQ&&YLHQHLPSLHJDWRFRPHFOLHQW23&'$
,OFROOHJDPHQWRYLHQHFUHDWRPDLOYDORUHGHOOD
YDULDELOHHUUDWR

6HLOVHUYHU23&'$
GRWDWRGLLQWHUIDFFLDEURZVHU
OHYDULDELOLGHOVHUYHU23&'$
YHQJRQRYLVXDOL]]DWHFRUUHWWDPHQWHLQ
23&,WHP0DQDJHU"

1R

$WWLYDUHLOSURJHWWR:LQ&&GHOVHUYHU
23&'$$YYLDUHODGLDJQRVWLFDGL
FDQDOH:LQ&&&KDQQHO'LDJQRVLVGDO
PHQXGLDYYLR$WWLYDUHODIXQ]LRQH
7UDFH

$SULUHQHOSURJHWWR:LQ&&GHOFOLHQW
23&'$OHSURSULHWGHOO
LQGLUL]]RGHOOD
YDULDELOH:LQ&&FKHDFFHGHDOOD
YDULDELOHGHOVHUYHU23&'$

1HOODILQHVWUDGL
GLDORJR3URSULHW
GHOO
LQGLUL]]ROHUHJLVWUD]LRQLQHLFDPSL
1RPHGHOO
LWHPH7LSRGL
GDWLVRQRFRUUHWWH"
1R

&RUUHJJHUHOHUHJLVWUD]LRQL

/H
LPSRVWD]LRQLGL
'&20VRQR
FRUUHWWH"

5LYROJHUVLDO&XVWRPHU6XSSRUWGL
:LQ&&

1R

0RGLILFDUHODFRQILJXUD]LRQHVXOFOLHQW
:LQ&&'$23&
8OWHULRULLQIRUPD]LRQLVLWURYDQRQHOOD
GRFXPHQWD]LRQHGHOVLVWHPD
RSHUDWLYR

&RQWUROODUHVHRUD
SRVVLELOHFUHDUHLO
FROOHJDPHQWRGL
FRPXQLFD]LRQH

2UDSRVVLELOHXWLOL]]DUHLO
FROOHJDPHQWR23&SHUOD
WUDVPLVVLRQHGHLGDWL

1R
&RQWUROODUHLO
VHUYHU23&'$

104

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Canale OPC
5.4 Client DA OPC WinCC

WinCC come client DA OPC ed il collegamento non viene stabilito.


:LQ&&LPSLHJDWRFRPHFOLHQW23&'$
1RQYLHQHVWDELOLWRDOFXQFROOHJDPHQWR

9HULILFDUHVXOFOLHQW23&'$QHOOD
ILQHVWUDGLGLDORJR3URSULHW
FROOHJDPHQWROHYRFLVXOODVFKHGD
&ROOHJDPHQWR23&

,OFRPSXWHU
GLVSRQLELOHLQ
UHWH"

1R

$VVLFXUDUVLFKHLOFRPSXWHUVLD
GLVSRQLELOHLQUHWH

&RLQFLGRQRLO
3URJ,'HLOQRPH
FRPSXWHU"

1R

&RUUHJJHUHOHLPPLVVLRQL

6RQR
FRUUHWWHOH
LPSRVWD]LRQLGL
'&20"

0HWWHUVLLQFRQWDWWRFRQLO
&XVWRPHU6XSSRUWGL:LQ&&

1R

0RGLILFDUHODFRQILJXUD]LRQHVXOFOLHQW
:LQ&&'$23&
8OWHULRULLQIRUPD]LRQLVLWURYDQRQHOOD
GRFXPHQWD]LRQHGHOVLVWHPD
RSHUDWLYR

9HULILFDUHVH
DGHVVRVLYLVXDOL]]DLO
YDORUHFRUUHWWR

RUDSRVVLELOHXWLOL]]DUHLO
FROOHJDPHQWR23&SHULO
WUDVIHULPHQWRGHLGDWL

1R
9HULILFDUHLOVHUYHU23&
'$

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

105

Canale OPC
5.5 Client WinCC OPC-XML

5.5

Client WinCC OPC-XML

5.5.1

Funzionamento del client WinCC OPC-XML

Introduzione
Il canale "OPC" non richiede un modulo di comunicazione separato. Il driver di comunicazione
OPC pu essere utilizzato come client OPC XML.
Per utilizzare WinCC come client WinCC OPC XML necessario inserire nel progetto WinCC
il canale "OPC".
Il server WinCC OPC XML mette a disposizione del client OPC XML i dati di processo OPC
come sito Web. L'accesso al sito Web attraverso Internet / Intranet avviene con HTTP. Se un
client WinCC OPC XML richiede dei dati, il servizio Web viene automaticamente avviato
attraverso il webserver.
Affinch il client WinCC OPC XML possa accedere a pi server OPC XML, necessario creare
per ogni server OPC XML un collegamento nel progetto WinCC.
Se viene stabilito un collegamento ad un server WinCC OPC XML, vengono scambiati i valori
delle variabili WinCC. Nel progetto WinCC del client WinCC OPC XML viene creato un
collegamento che serve per l'accesso al server WinCC OPC XML. Nel client WinCC OPC XML
non viene attivata la funzione di monitoraggio del collegamento.
Nota
Il canale WinCC OPC attiva solo collegamenti ai server OPC che hanno lo stato
"OPC_STATUS_RUNNING".
Nota
Canale "OPC"
Il nome di un "Collegamento non supporta Unicode. Tenere presente che i nomi di tutti i
collegamenti di un progetto devono essere nella stessa lingua. Nel Pannello di controllo del
computer impostare la tabella codici di questa lingua come lingua per i programmi non
Unicode.

Vedere anche
Panoramica dei tipi di dati WinCC supportati (Pagina 88)
OPC Item Manager (Pagina 83)

106

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Canale OPC
5.5 Client WinCC OPC-XML

5.5.2

Accesso ad una variabile WinCC con l'OPC Item Manager

5.5.2.1

Accesso ad una variabile WinCC con l'OPC Item Manager

Introduzione
In un accoppiamento OPC da WinCC a WinCC, i dati vengono scambiati attraverso le variabili
WinCC. Mediante un collegamento OPC, il client DA OPC WinCC accede alla variabile WinCC
"OPC_Server_Tag" del server WinCC-OPC-XML. Per semplificare la progettazione viene
utilizzato l'OPC Item Manager.

Presupposti
Due computer con progetti WinCC.
Entrambi i computer devono essere accessibili attraverso HTTP.

Procedimento per la progettazione


Nel progetto WinCC del WinCC-OPC-XML-Client sono necessarie le seguenti progettazioni:

Vedere anche
Progettazione del canale OPC sul client DA OPC WinCC (Pagina 91)
Progettazione dell'accesso con l'OPC Item Manager (Pagina 107)

5.5.2.2

Progettazione dell'accesso con l'OPC Item Manager

Introduzione
Nel presente paragrafo viene mostrato come progettare l'accesso alla variabile WinCC
"OPC_XMLServer_Tag" del server WinCC-OPC-XML con OPC-Item-Manager.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

107

Canale OPC
5.5 Client WinCC OPC-XML

Presupposti
Progettare nel progetto WinCC del server WinCC-OPC-XML una variabile interna
"OPC_XMLServer_Tag" del tipo di dati "Valore 16 bit con segno".
Attivare il progetto WinCC del server WinCC OPC-XML.
Aggiungere al progetto WinCC del WinCC-OPC-XML-Client il canale "OPC".
Nota
Canale "OPC"
Il nome di un "Collegamento non supporta Unicode. Tenere presente che i nomi di tutti i
collegamenti di un progetto devono essere nella stessa lingua. Nel Pannello di controllo del
computer impostare la tabella codici di questa lingua come lingua per i programmi non
Unicode.

108

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Canale OPC
5.5 Client WinCC OPC-XML

Procedura
1. Selezionare nel menu di scelta rapida del client WinCC-OPC-XML l'unit di canale "OPC
Groups(OPCHN Unit#1)" e la voce "Parametri di sistema". Si apre '"OPC Item Manager".

2. Cliccare sul pulsante "webserver OPC". Si apre ora la finestra di dialogo "Aggiungi
webserver OPC". Digitare nel campo "URL" la URL del server WinCC-OPC-XML nella
forma seguente: <http://<xxx>/WinCC-OPC-XML/DAWebservice.asmx>. In luogo di xxx
scrivere l'indirizzo IP oppure il nome del computer sul quale si utilizza il webservice OPCXML.

Chiudere il dialogo con il pulsante di comando "OK".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

109

Canale OPC
5.5 Client WinCC OPC-XML
3. Selezionare dalla lista visualizzata la voce "<http://<xxx>/WinCC-OPC-XML/
DAWebservice.asmx>". Fare clic sul pulsante di comando "Browse Server". Si apre la
finestra di dialogo "Condizioni per il filtro".

4. Fare clic nel dialogo "Condizioni di filtro" sul pulsante di comando "Avanti->". Si apre la
finestra di dialogo "http:// ...".

5. Nella finestra di dialogo "http:// ..." selezionare la variabile WinCC "XMLOPC_Server_Tag".


Fare clic sul pulsante di comando "Aggiungi Items".
6. Se gi stato stabilito un collegamento con il server WinCC-OPC-XML, procedere con
l'operazione 7. Se non stato creato un collegamento verr visualizzata un'opportuna
segnalazione.
Fare clic sul pulsante "S". Si apre la finestra di dialogo "Nuovo collegamento".

Immettere per il collegamento il nome "OPCXMLServer_WinCC". Fare clic sul pulsante


"OK".

110

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Canale OPC
5.5 Client WinCC OPC-XML
7. Si apre la finestra di dialogo "Aggiungi variabili".
Nel campo "Prefisso" inserire "XMLClient_" e nel campo "Suffisso" "xyz". Selezionare il
collegamento "OPCXMLServer_WinCC". Fare clic sul pulsante di comando "Crea".

8. Nella finestra di dialogo "http:// ..." fare clic sul pulsante "<- Indietro". Fare clic nel dialogo
"OPC Item Manager" sul pulsante di comando "Esci" per chiudere l'OPC Item Manager.

Vedere anche
Progettazione del canale OPC sul client DA OPC WinCC (Pagina 91)

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

111

Canale OPC
5.5 Client WinCC OPC-XML

5.5.3

Accesso ad una variabile WinCC senza l'OPC Item Manager

Introduzione
Nei server OPC che non supportano la funzionalit di navigazione l'accesso deve venire
progettato manualmente. Viene mostrata la progettazione delle variabili WinCC sul WinCCOPC-XML-Client sull'esempio di un accoppiamento OPC WinCC-WinCC.
Nota
Nell'accedere ad una variabile WinCC senza OPC Item Manager, occorre progettare
manualmente l'ItemID. Nell'indirizzamento delle variabili di WinCC pu anche essere indicato
il nome simbolico del computer (prefisso server). Il ItemID ha la sintassi seguente: Prefisso
server::<@>Variabile WinCC. Se viene indirizzata la variabile WinCC del progetto locale
WinCC, la ItemID avr la seguente sintassi <@>Variabile WinCC.

Procedimento per la progettazione


Nel progetto WinCC del WinCC-OPC-XML-Client sono necessarie le seguenti progettazioni:
1. Creare un collegamento
2. Progettazione delle variabili WinCC "XMLClient_OPC_Var1_xyz" sul WinCC-OPC-XMLClient, che accedono alla variabile WinCC del WinCC-OPC-DA-Server.

Presupposti
Due computer con progetti WinCC.
I computer devono essere accessibili attraverso HTTP.
Progettare nel progetto WinCC del server WinCC-OPC-XML una variabile interna
"XMLOPC_Server_Tag" del tipo di dati "Valore 16 bit con segno".
Attivare il progetto WinCC sul WinCC-OPC-XML-Server
Aggiungere al progetto WinCC del WinCC-OPC-XML-Client il canale "OPC".
Nota
Nel progettare variabili esterne nel canale OPC, nel dialogo "Propriet della variabile" non
deve essere modificata l'impostazione predefinita da WinCC del campo "Adatta formato".
Il tipo di dati della variabile del processo viene definita nel campo "Tipo di dati " del dialogo
"Indirizzo propriet".

112

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Canale OPC
5.5 Client WinCC OPC-XML

Procedura
1. Selezionare sul WinCC-OPC-XML-Client nel menu di scelta rapida dell'unit di canale
"OPC Groups(OPCHN Unit#1)" la voce "Nuovo collegamento". Si apre il dialogo "Propriet
collegamento". Immettere nel campo "Nome" un nome per il collegamento.
2. Fare clic sul pulsante di comando "Propriet". Come il titolo si aprono finestre di dialogo
comprendente il nome del collegamento.

Attivare la casellina di controllo "XML-DA-Server". In un accoppiamento al server XML OPC


WinCC necessario che nel campo "OPC-Server Name" sia registrata la URL del server
XML OPC WinCC. La URL ha la seguente sintassi: "http://<xxx>/WinCC-OPC-XML/
DAWebservice.asmx". Per xxx occorre utilizzare o l'indirizzo IP oppure il nome del
computer, sul quale si utilizza l'OPC-XML-Webservice.
3. Selezionare nel menu di scelta rapida del Collegamento la voce "Nuova variabile". Si aprir
la finestra "Propriet variabile".
4. Immettere nel campo "Variabile" il nome "XMLClient_OPC_Var1_xyz". Impostare nel
campo "Tipo di dati" il tipo di dati "Valore 16 bit con segno".
5. Fare clic nel dialogo " Propriet della variabile" sul pulsante "Seleziona". Si apre una finestra
di dialogo con il nome della variabile come titolo.

Immettere nel campo "Nome dell'item" il simbolo "<@>" ed il nome della variabile WinCC
del WinCC-OPC XML Server. Non modificare la voce nel campo "Percorso accesso".
Impostare nel campo "Tipo di dati" il tipo di dati "Valore 16 bit con segno".
6. Chiudere tutti dialoghi aperti con i pulsanti di comando "OK".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

113

Canale OPC
5.6 Client WinCC OPC UA

5.6

Client WinCC OPC UA

5.6.1

Funzionamento del client WinCC OPC UA

Introduzione
Il client WinCC OPC UA consente l'accesso ai dati di qualsiasi server OPC UA conformemente
alla specifica OPC Unified Architecture. OPC Unified Architecture (OPC UA) fornisce ulteriori
meccanismi, quali autenticazione e criptaggio, finalizzati alla sicurezza della comunicazione
tra i partner interessati.
Per utilizzare WinCC come client WinCC OPC UA inserire il driver di comunicazione OPC
(canale OPC) nel progetto WinCC. Non richiesta alcuna unit di comunicazione separata.
Per accedere ai dati di processo OPC di diversi server OPC UA, configurare un collegamento
a ciascuno di questi server nel progetto WinCC. I collegamenti si progettano utilizzando l'OPC
Item Manager di WinCC.
Nota
Con l'impiego del canale OPC come Client OPC UA, non viene attivata la funzione di
monitoraggio del collegamento.
Vengono creati soltanto i collegamenti ai server che segnalano lo stato "RUNNING".

5.6.2

Accesso ad una variabile con l'OPC Item Manager

5.6.2.1

Accesso ad una variabile OPC con l'OPC Item Manager

Introduzione
L'accoppiamento OPC di WinCC ad un server OPC UA comporta la rappresentazione dei dati
di questo server in una variabile di WinCC. Il Client OPC UA accede tramite un collegamento

114

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Canale OPC
5.6 Client WinCC OPC UA
sicuro alla variabile "OPC_UAServer_Tag" del server WinCC OPC UA. Per la progettazione
utilizzare l'OPC Item Manager.
Nota
Durante la progettazione possibile accedere soltanto a server dotati della funzione Browse
Support.
Nella progettazione necessario distinguere tra certificati client e certificati server. Una
comunicazione sicura viene garantita soltanto quando client e server riconoscono
reciprocamente i rispettivi certificati.
Questi ultimi sono correlati al relativo computer. Se si sposta, copia o duplica il progetto
WinCC in un altro computer, necessario ripetere la procedura per l'accredito reciproco dei
certificati.

Presupposti
Computer client con un progetto WinCC.
Entrambi i computer devono essere accessibili attraverso TCP.
Il firewall consente ad entrambi di comunicare con il server UA.

Procedimento per la progettazione


Nel progetto WinCC del client WinCC OPC UA, progettare quanto segue:
progettayione del canale OPC sul client WinCC OPC UA.
Configurazione di un certificato server valido.
Progettazione dell'accesso con l'OPC Item Manager.

5.6.2.2

Per configurare un certificato server procedere come indicato nel seguito:

Introduzione
In questa sezione viene illustrato come configurare un certificato server di un server OPC UA
per il client WinCC OPC UA.

Presupposti
Il server OPC UA deve essere attivato.
Il firewall consente ad entrambi di comunicare con il server UA.
Nel progetto WinCC del client WinCC OPC UA, deve essere stato inserito il canale "OPC":

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

115

Canale OPC
5.6 Client WinCC OPC UA

Procedura
1. Nel client WinCC OPC UA di WinCC, nel menu di scelta rapida dell'unit di canale "OPC
Groups(OPCHN Unit#1)", selezionare la voce "Parametri di sistema". Si apre '"OPC Item
Manager".

2. Fare clic su "Server OPC UA". Si apre ora la finestra di dialogo "Aggiungi server OPC UA".
Nel campo "Server URL" inserire l'indirizzo URL del server WinCC OPC UA nella forma
seguente:
<opc.tcp://Indirizzoserver OPC UA>
Selezionare le impostazioni di sicurezza desiderate. Inserire eventualmente i dati per
l'autenticazione.

Chiudere la finestra di dialogo con "OK".


3. Nella lista visualizzata selezionare la voce "<opc.tcp://Indirizzoserver OPC UA>".

116

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Canale OPC
5.6 Client WinCC OPC UA
4. Fare clic su "Browse Server".
Si apre una finestra di dialogo con una segnalazione di errore.
5. Chiudere questa finestra di dialogo.
6. Aprire Windows Explorer e, nel percorso di installazione di WinCC, passare alla cartella
"OPC".
7. Aprire la cartella "PKI/CA/".
stata inserita la cartella "rejected" con il certificato del server rifiutato.
8. Spostare questo certificato dalla cartella "rejected" alla cartella "certs".
Il certificato del server stato accreditato. possibile creare ora un collegamento sicuro
al server OPC UA.

5.6.2.3

Progettazione dell'accesso ad una variabile con l'OPC Item Manager

Introduzione
Nel presente paragrafo viene mostrato come progettare l'accesso alla variabile WinCC
"OPC_UAServer_Tag" del server WinCC OPC UA con OPC Item Manager.
Nota
Durante la progettazione possibile accedere solo a server che supportano la funzionalit
di browser.

Presupposti
Il server OPC UA deve essere attivato.
Il firewall consente ad entrambi di comunicare con il server UA.
Il certificato del server configurato.
Nel progetto WinCC del client WinCC OPC UA, deve essere stato inserito il canale "OPC":
Nota
Canale "OPC"
Il nome di un "Collegamento non supporta Unicode. Tenere presente che i nomi di tutti i
collegamenti di un progetto devono essere nella stessa lingua. Nel Pannello di controllo del
computer impostare la tabella codici di questa lingua come lingua per i programmi non
Unicode.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

117

Canale OPC
5.6 Client WinCC OPC UA

Procedura
1. Nel client WinCC OPC UA, selezionare nel menu contestuale dell'unit di canale "OPC
Groups(OPCHN Unit#1)" la voce "Parametri di sistema". Si apre '"OPC Item Manager".

2. Fare clic su "Server OPC UA". Si apre ora la finestra di dialogo "Aggiungi server OPC UA".
Nel campo "Server URL" inserire l'indirizzo URL del server WinCC OPC UA nella forma
seguente:
<opc.tcp://Indirizzoserver OPC UA>
Selezionare le impostazioni di sicurezza desiderate. Inserire eventualmente i dati per
l'autenticazione.

Chiudere il dialogo con il pulsante di comando "OK".

118

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Canale OPC
5.6 Client WinCC OPC UA
3. Nella lista visualizzata selezionare la voce "<opc.tcp://Indirizzoserver OPC UA>". Fare clic
su "Browse Server". Si apre la finestra di dialogo "Condizioni per il filtro".

4. Fare clic su "Avanti". Si apre la finestra di dialogo "opc.tcp:// ...".

5. Nella finestra di dialogo "opc.tcp:// ..." selezionare la variabile da creare, ad es.


"OPC_UA_Server_Tag". Fare clic su "Aggiungi item".
6. Se gi stato stabilito un collegamento con il server WinCC OPC UA, procedere con
l'operazione 7. Se non stabilito alcun collegamento, verr visualizzata la rispettiva
segnalazione.
Fare clic su "S". Si apre la finestra di dialogo "Nuovo collegamento".

Immettere il nome "OPCUAServer" per il collegamento. Fare clic su "OK".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

119

Canale OPC
5.6 Client WinCC OPC UA
7. Si apre la finestra di dialogo "Aggiungi variabili".
Inserire il testo "UAClient_" nel campo "Prefisso" e il testo "xyz" nel campo "Suffisso".
Selezionare il collegamento "OPCUAServer". Fare clic su "Fine".

8. Cliccare nella finestra di dialogo "opc.tcp:// ..." sul pulsante "Indietro".


Nella finestra di dialogo "OPC Item Manager" selezionare "Esci" per chiudere l'OPC Item
Manager.

5.6.3

Gestione degli errori in caso di comunicazione disturbata

Introduzione
La procedura per verificare la comunicazione dipende da come viene impiegato WinCC.

WinCC viene impiegato come server OPC UA


Verificare in primo luogo sul client WinCC OPC UA per mezzo della diagnostica di canale se
possibile stabilire un collegamento con il server OPC UA. Ulteriori informazioni sulla
diagnostica del canale si trovano in "Diagnostica".

120

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Canale OPC
5.6 Client WinCC OPC UA

WinCC viene impiegato come client OPC UA


Verificare in primo luogo sul client WinCC OPC UA per mezzo della diagnostica di canale se
possibile stabilire un collegamento con il server OPC UA. Ulteriori informazioni sulla
diagnostica del canale si trovano in "Diagnostica".

5.6.3.1

WinCC come server OPC UA

WinCC come server OPC UA e il collegamento viene stabilito.


:LQ&&YLHQHLPSLHJDWRFRPHVHUYHU
23&8$9LHQHFUHDWRXQFROOHJD
PHQWRPDLOYDORUHGHOODYDULDELOH
HUUDWRROHVRWWRVFUL]LRQLQRQ
IRUQLVFRQRGDWL

&RQWUROODUHODSURJHWWD]LRQHGHOO
,'
GHOQRGRHGHLWLSLGLGDWLGHOFOLHQW
23&8$

/
,'GHO
QRGRHLOWLSRGL
GDWLVRQRFRUUHWWL"

1R

&RUUHJJHUHOHUHJLVWUD]LRQL
QHOFOLHQW23&8$

/H
LPSRVWD]LRQLGL
'&20VRQR
FRUUHWWH"

1R

0RGLILFDUHODFRQILJXUD]LRQHVXOVHUYHU
:LQ&&8$23&
8OWHULRULLQIRUPD]LRQLVLWURYDQRQHOOD
GRFXPHQWD]LRQHGHOVLVWHPDRSHUDWLYR
,OJUXSSR6,0$7,&+0,GHYHGLVSRUUH
DGHVGLDXWRUL]]D]LRQHGLDYYLRHGL
DFFHVVRDOVHUYHU23&8$

5LYROJHUVLDO&XVWRPHU6XSSRUWGL
:LQ&&

9HULILFDUHVH
RUDYLHQH
YLVXDOL]]DWRLOYDORUH
FRUUHWWR

2UDSRVVLELOHXWLOL]]DUHLO
FROOHJDPHQWR23&SHUOD
WUDVPLVVLRQHGHLGDWL

1R

&RQWUROODUHLO
FOLHQW23&8$

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

121

Canale OPC
5.6 Client WinCC OPC UA

WinCC come server OPC UA e il collegamento non viene stabilito.


:LQ&&LPSLHJDWRFRPHVHUYHU23&8$
1RQYLHQHVWDELOLWRDOFXQFROOHJDPHQWR

$SULWHO
HGLWRUGLUHJLVWUD]LRQH)DUHFOLFQHOPHQX5HJLVWUD]L
RQHVX&RQQHWWLDUHJLVWURLQUHWH,PPHWWHUHQHOFDPSR
1RPHFRPSXWHULOQRPHGHOFRPSXWHUVXFXLIXQ]LRQDLO
VHUYHU23&8$)DUHFOLFVXOSXOVDQWH2.

1R

,OFRPSXWHU
GLVSRQLELOHLQ
UHWH"
6

$VVLFXUDUVLFKHLO
FRPSXWHUVLD
GLVSRQLELOHLQUHWH

1R

SRVVLELOH
FROOHJDUVLFRQLOUHJLVWURLQ
UHWHGHOVHUYHU23&8$"
6
6XOVHUYHU
:LQ&&23&8$
:LQ&&LQUXQWLPH"

$YYLDUH:LQ&&5XQWLPHVXO
VHUYHU:LQ&&23&8$

1R

6
$SULUH6HUYL]L
LQ*HVWLRQHFRPSXWHU
9HULILFDUHVHLOVHUYL]LR2SF8$
6HUYHU:LQ&&DYYLDWRRYLHQH
HVHJXLWR

1R

6HLOVHUYL]LRGHOVHUYHU
:LQ&&23&8$WHUPLQDWR
DYYLDUORPDQXDOPHQWH
$OWULPHQWLFRQWDWWDUHLO
&XVWRPHU6XSSRUW
GL:LQ&&

,FHUWLILFDWLGHO
VHUYHURGHOFOLHQW
VRQRLPSRVWDWLFRUUHWWD
PHQWH"

1R

&RUUHJJHUH
O
LPSRVWD]LRQH

0HWWHUVLLQFRQWDWWRFRQLO&XVWRPHU
6XSSRUWGL:LQ&&

9HULILFDUHVHRUD
SRVVLELOHVWDELOLUHLO
FROOHJDPHQWRGLFRPXQLFD]LR
QH

RUDSRVVLELOHXWLOL]]DUHLO
FROOHJDPHQWR23&SHULO
WUDVIHULPHQWRGHLGDWL

1R
9HULILFDUHLOFOLHQW23&
8$

122

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Canale OPC
5.6 Client WinCC OPC UA

5.6.3.2

WinCC come client OPC UA

WinCC come client OPC UA e il collegamento viene stabilito.


:LQ&&LPSLHJDWRFRPHFOLHQW23&8$
9LHQHVWDELOLWRXQFROOHJDPHQWRPDLOYDORUHGHOOH
YDULDELOLHUUDWR

6HLOVHUYHU23&8$
GLVSRQHGLXQ
LQWHUIDFFLD
EURZVHUQHOO
23&,WHP0DQDJHU
YHQJRQRYLVXDOL]]DWHOHYDULDELOLGHO
VHUYHU23&8$"

1R

$WWLYDUHLOSURJHWWR:LQ&&GHOFOLHQW
23&8$$YYLDUH:LQ&&&KDQQHO
'LDJQRVLVWUDPLWHLOPHQXGLDYYLR
$WWLYDUHODIXQ]LRQH7UDFH

$SULUHQHOSURJHWWR:LQ&&GHOFOLHQW
23&8$OHSURSULHWLQGLUL]]RGHOOD
YDULDELOH:LQ&&FKHDFFHGHDOOD
YDULDELOHGHOVHUYHU23&8$

1HOODILQHVWUDGL
GLDORJR3URSULHWLQGLUL]]R
OHLPPLVVLRQLQHLFDPSL1RPH
GHOO
LWHPH7LSRGLGDWLVRQR
FRUUHWWH"

6RQR
FRUUHWWHOH
LPSRVWD]LRQLGL
'&20"

1R

1R

&RUUHJJHUHOHLPPLVVLRQL

0HWWHUVLLQFRQWDWWRFRQLO&XVWRPHU
6XSSRUWGL:LQ&&

0RGLILFDUHODFRQILJXUD]LRQHVXOFOLHQW
:LQ&&8$23&
8OWHULRULLQIRUPD]LRQLVLWURYDQRQHOOD
GRFXPHQWD]LRQHGHOVLVWHPD
RSHUDWLYR

9HULILFDUHVH
DGHVVRVLYLVXDOL]]DLO
YDORUHFRUUHWWR

RUDSRVVLELOHXWLOL]]DUHLO
FROOHJDPHQWR23&SHULO
WUDVIHULPHQWRGHLGDWL

1R
9HULILFDUHLOVHUYHU23&
8$

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

123

Canale OPC
5.6 Client WinCC OPC UA

WinCC come client OPC UA e il collegamento non viene stabilito.


:LQ&&YLHQHLPSLHJDWRFRPH
FOLHQW23&8$
,OFROOHJDPHQWRQRQYLHQHFUHDWR

&RQWUROODUHVXOVHUYHU23&8$
QHOODILQHVWUDGLGLDORJR3URSULHW
GHOFROOHJDPHQWROHUHJLVWUD]LRQL
QHOODVFKHGD&ROOHJDPHQWR
23&

/
LQGLUL]]RGHO
VHUYHU23&8$HLO
QXPHURGLSRUWDVRQR
FRUUHWWL"

,OFRPSXWHU
GLVSRQLELOHQHOOD
UHWH"

1R

$VVLFXUDVLFKHLOFRPSXWHUVLD
GLVSRQLELOHQHOODUHWH

9HULILFDUHVHLO
1R
VHUYHU23&8$
VXSSRUWDO
LPSRVWD]LRQHGL
VLFXUH]]D
6

&RUUHJJHUHOH
LPSRVWD]LRQL

1R
,FHUWLILFDWLGL
1R
VHUYHUHFOLHQWVRQR
FRQILJXUDWLFRUUHWWDPHQWH"
&RUUHJJHUHOHUHJLVWUD]LRQL

/H
LPSRVWD]LRQLGL
'&20VRQR
FRUUHWWH"

5LYROJHUVLDO&XVWRPHU6XSSRUW
GL:LQ&&

1R

0RGLILFDUHODFRQILJXUD]LRQHVXOFOLHQW
:LQ&&8$23&
8OWHULRULLQIRUPD]LRQLVLWURYDQRQHOOD
GRFXPHQWD]LRQHGHOVLVWHPD
RSHUDWLYR

&RQWUROODUHVH
RUDSRVVLELOHFUHDUHLO
FROOHJDPHQWRGL
FRPXQLFD]LRQH

2UDSRVVLELOHXWLOL]]DUHLO
FROOHJDPHQWR23&SHUOD
WUDVPLVVLRQHGHLGDWL

1R
&RQWUROODUHLO
VHUYHU23&8$

124

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

PROFIBUS FMS
6.1

Canale WinCC "PROFIBUS FMS"

Introduzione
Il driver di comunicazione "PROFIBUS FMS" consente l'accoppiamento tra una stazione
WinCC e sistemi di automazione, ad esempio S5 o S7.
Il presente capitolo illustra
la progettazione della trasmissione dati con il canale "PROFIBUS FMS".
la progettazione di un collegamento e di una variabile.

Unit di canale
Il driver di comunicazione dispone di un'unit di canale. In tal modo data la seguente
possibilit d'impiego:
Unit di canale PROFIBUS FMS per SIMATIC NET PROFIBUS (modulo di comunicazione
CP 5613).
Nota
La progettazione del collegamento logico pu essere effettuata sia in modalit di
progettazione, sia in runtime. Entrambi i procedimenti verranno spiegati.
Con il canale "PROFIBUS FMS" soltanto WinCC pu richiedere i dati dai PLC collegati.
L'invio dal sistema di automazione non possibile.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

125

PROFIBUS FMS
6.2 Tipo di dati della variabile

6.2

Tipo di dati della variabile

Introduzione
Per un collegamento logico vengono definite le variabili richieste. Dal punto di vista WinCC si
potr accedere ai seguenti tipi di dati:
Variabile binaria
Valore a 8 bit senza segno
Valore a 8 bit con segno
Valore a 16 bit senza segno
Valore a 16 bit con segno
Valore a 32 bit senza segno
Valore a 32 bit con segno
Numero in virgola mobile a 32 bit IEEE 754
Variabile di testo set di caratteri 8 bit
Tipo di dati grezzi

126

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

PROFIBUS FMS
6.3 Progettazione del canale

6.3

Progettazione del canale

6.3.1

Progettazione di un collegamento

6.3.1.1

Progettazione di un collegamento

Introduzione
I sistemi di automazione devono essere collegati al PROFIBUS attraverso un processore di
comunicazione idoneo. Il protocollo PROFIBUS FMS deve essere supportato dall'hardware /
software.
Per i sistemi di automazione S5-115U, S5-135U e S5-155U viene utilizzato ad esempio il
processore di comunicazione CP 5431 FMS.
Nel sistema WinCC devono essere installati il modulo di comunicazione CP 5613 ed il software
SIMATIC NET.
Per la progettazione del collegamento si distinguono i seguenti casi:
Progettazione nella modalit di configurazione
Progettazione in runtime

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

127

PROFIBUS FMS
6.3 Progettazione del canale

6.3.1.2

Progettazione di un collegamento nella modalit di configurazione

Procedimento
1. Selezionare il collegamento ed aprire, attraverso l'opzione di menu "Propriet" nel menu
di scelta rapida, la finestra di dialogo "Propriet collegamento".
2. Fare clic sul pulsante di comando "Propriet". Si apre una finestra di dialogo con il nome
del collegamento come titolo.

3. Nel campo "Nome/Indice" digitare il nome o l'indice del collegamento logico.


Il nome / indice del collegamento logico deve essere progettato nella lista delle
comunicazioni (KBL) locale.
4. Se sono stati assegnati dei diritti di accesso per il collegamento logico, spuntare la casella
"con diritti di accesso".

128

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

PROFIBUS FMS
6.3 Progettazione del canale
5. Il pulsante "Attributi" apre la finestra di dialogo "Diritti di accesso":

6. Digitare adesso la password per il collegamento logico. Chiudere la finestra di dialogo con
il pulsante di comando "OK".
7. Impostare i parametri richiesti nel campo "Indirizzamento variabili". Chiudere la finestra di
dialogo con il pulsante di comando "OK".
Nota
Per la progettazione di nome o indice del collegamento, il sistema accede alla lista delle
comunicazioni che pu essere creata con SIMATIC NCM PC oppure STEP 7.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

129

PROFIBUS FMS
6.3 Progettazione del canale

6.3.1.3

Progettazione del collegamento in runtime

Procedimento
1. Selezionare il collegamento ed aprire, attraverso l'opzione di menu "Propriet" nel menu
di scelta rapida, la finestra di dialogo "Propriet collegamento".
2. Fare clic sul pulsante di comando "Propriet". Si apre una finestra di dialogo con il nome
del collegamento come titolo.

3. Nel campo "Lista dei collegamenti (lista relazioni comunicazione)" sono visualizzati i
collegamenti progettati dalla lista delle comunicazioni (KBL). Selezionare se il collegamento
deve essere inserito con il suo indice o il suo nome nel campo "Nome/Indice" dell'area
"Collegamento".
4. Se sono stati assegnati dei diritti di accesso per il collegamento logico, spuntare la casella
"con diritti di accesso".

130

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

PROFIBUS FMS
6.3 Progettazione del canale
5. Il pulsante "Attributi" apre la finestra di dialogo "Diritti di accesso".

6. Digitare adesso la password per il collegamento logico. Chiudere la finestra di dialogo con
il pulsante di comando "OK".
7. Impostare i parametri richiesti nel campo "Indirizzamento variabili". Chiudere la finestra di
dialogo con il pulsante di comando "OK".

6.3.2

Progettazione delle variabili

6.3.2.1

Progettazione delle variabili

Introduzione
L'indirizzo della variabile viene immesso in conformit alla struttura di indirizzo del protocollo
PROFIBUS FMS.
Per la progettazione degli indirizzi si distinguono i seguenti casi:
nella modalit di configurazione
in Runtime

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

131

PROFIBUS FMS
6.3 Progettazione del canale

6.3.2.2

Progettazione dell'indirizzo della variabile nella modalit di configurazione

Procedimento
1. Selezionare la variabile ed aprire, attraverso l'opzione di menu "Propriet" nel menu di
scelta rapida, la finestra di dialogo "Modifica variabile".
2. Sulla scheda "Generale" selezionare il tipo di dati desiderato per la variabile (ad es. valore
a 16 bit con segno).
3. Fare clic sul pulsante di comando "Seleziona". Si apre una finestra di dialogo con il nome
della variabile come titolo.

4. Nel campo "Nome/Indice" indicare il nome o l'indice della variabile nel sistema di
automazione remoto.
5. Se si tratta di una variabile strutturata (struttura o array), indicare inoltre nel campo
"Subindice" quale parte della variabile (componente di struttura oppure elemento di array)
deve essere letta o scritta.

132

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

PROFIBUS FMS
6.3 Progettazione del canale

Nota
Il nome ovvero l'indice, nonch il subindice devono corrispondere al nome o all'indice nella
lista degli oggetti del collegamento logico del rispettivo sistema di automazione remoto. In
caso contrario non sar possibile accedere in runtime alla variabile.

6.3.2.3

Progettazione dell'indirizzo della variabile in runtime

Procedimento
1. Selezionare la variabile ed aprire, attraverso l'opzione di menu "Propriet" nel menu di
scelta rapida, la finestra di dialogo "Modifica variabile".
2. Sulla scheda "Generale" selezionare il tipo di dati desiderato per la variabile (ad es. valore
a 16 bit con segno).
3. Fare clic sul pulsante di comando "Seleziona". Si apre una finestra di dialogo con il nome
della variabile come titolo.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

133

PROFIBUS FMS
6.3 Progettazione del canale
4. Nell'area "Elenco delle variabili remote" sono visualizzate le variabili a cui si potr accedere
attraverso il collegamento selezionato. Selezionare se la variabile deve essere indicata con
il suo indice o il suo nome nell'area "Variabile remota".
5. Selezionare adesso la variabile desiderata con doppio clic dallo "Elenco delle variabili
remote".
6. La variabile selezionata viene visualizzata nel campo "Nome/Indice" dell'area "Variabile
remota".
7. Se si tratta di una variabile strutturata (struttura o array), indicare inoltre nel campo
"Subindice" quale parte della variabile (componente di struttura oppure elemento di array)
deve essere letta o scritta.

134

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

S5 Ethernet Layer 4
7.1

Canale WinCC "SIMATIC S5 Ethernet Layer 4"

Introduzione
Il driver di comunicazione viene impiegato ad esempio per l'accoppiamento ai sistemi di
automazione SIMATIC S5-115U/H, SIMATIC S5-135U e SIMATIC S5-155U/H attraverso il
protocollo di trasporto ISO oppure il protocollo TCP/IP.
In base al protocollo di comunicazione utilizzato sono impiegati i seguenti partner di
comunicazione:
Protocollo di comunicazione

Lato WinCC

Lato SIMATIC S5

Protocollo di trasporto ISO

CP1612 (compatibile 3Com)


CP1613
CP1623

CP1430 TF

TCP/IP (secondo RFC1006)

CP1612 (compatibile 3Com)


CP1613
CP1623

CP1430 TCP

Con l'utilizzo di questo canale non serve un database locale.

Unit di canale
Il driver di comunicazione dispone di due unit di canale "CP1413-x" che permettono di gestire
un massimo di due CP 1612, CP1613 o CP1623. La funzionalit delle unit di canale identica.
Si distinguono unicamente per il differente nome logico dell'apparecchio dei due CP. Il CP1623
identico al CP1613, ma viene gestito tramite PCI-Express.
Per mezzo della terza unit di canale "TCP/IP" pu essere gestita la comunicazione attraverso
protocollo TCP/IP con un CP1612, CP1613 o CP1623.
Nei parametri di sistema di un'unit di canale pu essere modificato il nome logico
dell'apparecchio (nome di device). In tale sede anche possibile impostare i parametri per il
protocollo utilizzato.
Esistono le seguenti possibilit d'impiego:
Unit di canale "Trasporto S5 (CP 1413-1)" per le unit di comunicazione per SIMATIC
Industrial Ethernet (CP 1612/1613/1623).
Unit di canale "Trasporto S5 (CP 1413-2)" per le unit di comunicazione per SIMATIC
Industrial Ethernet (CP 1612/1613/1623).
Unit di canale "Trasporto S5 (TCP/IP)" per i moduli di comunicazione per SIMATIC
Industrial Ethernet (CP 1612/1613/1623).

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

135

S5 Ethernet Layer 4
7.2 Tipo di dati della variabile

7.2

Tipo di dati della variabile

Introduzione
Per un collegamento logico vengono definite le variabili richieste. Dal punto di vista WinCC si
potr accedere ai seguenti tipi di dati:
Variabile binaria
Valore a 8 bit senza segno
Valore a 8 bit con segno
Valore a 16 bit senza segno
Valore a 16 bit con segno
Valore a 32 bit senza segno
Valore a 32 bit con segno
Numero in virgola mobile a 32 bit IEEE 754
Variabile di testo set di caratteri 8 bit
Tipo di dati grezzi

136

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

S5 Ethernet Layer 4
7.3 Progettazione del canale

7.3

Progettazione del canale

7.3.1

Progettazione del canale "SIMATIC S5 Ethernet Layer 4"

Introduzione
Per la progettazione del canale "SIMATIC S5 Ethernet Layer 4" sono richieste le seguenti
operazioni.
1. Progettazione di un collegamento
2. Progettazione delle variabili
3. Progettazione dei parametri di sistema

7.3.2

Progettazione del collegamento

Introduzione
I parametri di collegamento sono pressoch identici per tutti i protocolli utilizzabili. Nel seguente
esempio viene descritta la comunicazione attraverso protocollo di trasporto ISO con un'unit
di canale "CP1413-x".
Con l'uso del protocollo TCP/IP, invece dell'indirizzo Ethernet viene indicato l'indirizzo IP del
sistema di automazione. L'indirizzo IP composto da quattro valori numerici separati da un
punto. I valori numerici devono rientrare nella gamma di valori 0-255.
Per un collegamento logico, WinCC stabilisce al livello di trasporto rispettivamente un
collegamento per la lettura (area "Funzione READ") e per la scrittura (area "Funzione WRITE").
Per cui nella finestra di dialogo vanno impostati i parametri di indirizzo per entrambe le funzioni.
Solo se entrambi i collegamenti sono stabiliti, il collegamento logico contrassegnato come
"stabilito".

Assegnazioni per la funzione READ


Lato WinCC

Lato SIMATIC S5

FETCH Attivo
(ordine "READ attivo")

READ Passivo
(ordine "READ passivo")

FETCH Passivo
(ordine "WRITE passivo")

WRITE Attivo
(ordine "WRITE attivo")

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

137

S5 Ethernet Layer 4
7.3 Progettazione del canale

Nota
Non possibile scrivere variabili binarie oppure variabili a byte nell'area dati del sistema di
automazione se i dati sono inviati attivamente dal sistema di automazione, cio se la funzione
READ nei parametri di collegamento impostata su "Fetch Passivo".
Un collegamento FETCH passivo ottiene lo stato "OK" soltanto dopo che stato inviato
almeno un telegramma dal sistema di automazione al WinCC.

Assegnazioni per la funzione WRITE


Lato WinCC

Lato SIMATIC S5

Ordine "WRITE Attivo"

Ordine "WRITE Passivo"

Procedimento
1. Selezionare il collegamento ed aprire attraverso il menu di scelta rapida la finestra di dialogo
"Propriet".
2. Sulla scheda "Generale" premere il pulsante "Propriet" e si apre la finestra di dialogo
"Parametri di collegamento".

138

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

S5 Ethernet Layer 4
7.3 Progettazione del canale
3. Digitare nel campo "Indirizzo Ethernet PLC" l'indirizzo della stazione del SIMATIC S5 sul
Bus Industrial Ethernet. Con l'uso del protocollo TCP/IP, in questa sede nel campo
"Indirizzo IP PLC" viene indicato l'indirizzo IP.
4. Specificare i parametri per la funzione READ nel sistema WinCC. Questi dipendono
dall'ordine utilizzato nel SIMATIC S5.
5. Quindi inserire nel campo pertinente "TSAP propria" il valore che alla progettazione del
CP1430 TF stato progettato nella rubrica "Parametro esterno" come "TSAP".
6. Equivalentemente inserire nel campo "TSAP di terzi" il valore che alla progettazione del
CP1430 TF stato progettato nella rubrica "Parametro locale " come "TSAP".
7. Immettere allo stesso modo i parametri "TSAP propria" e "TSAP di terzi" per la funzione
WRITE.

Nota
Nei campi riguardanti la voce "TSAP" non devono essere utilizzati spazi.

7.3.3

Progettazione delle variabili

7.3.3.1

Progettazione delle variabili

Introduzione
In caso di un accoppiamento tra WinCC ed il sistema di automazione tramite il canale
"SIMATIC S5 Ethernet Layer 4" in WinCC possono essere generate variabili di vari tipi di dati.
In basso verr descritto come progettare una variabile di questi tipi di dati.
Indirizzo della variabile
Progettazione di una variabile con accesso a bit
Progettazione di una variabile con accesso a byte
Progettazione di una variabile con accesso a parola
Progettazione di una variabile di dati grezzi

7.3.3.2

Indirizzo della variabile

Introduzione
L'indirizzo di variabile viene inserita in conformit alla struttura di indirizzo del SIMATIC S5.
In base al tipo di variabile l'accesso alle aree di memoria nel sistema di automazione avviene
a bit, a byte oppure a parola. Ad ogni ordine di scrittura, dalla memoria del sistema di

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

139

S5 Ethernet Layer 4
7.3 Progettazione del canale
automazione viene letta l'area di memoria indirizzata e vengono modificati i rispettivi bit o byte.
Successivamente l'area dati viene nuovamente riscritta nel sistema di automazione.
Nota
Modifiche apportate dal sistema di automazione in un'aera dati letta sono sovrascritte alla
riscrittura dell'area di dati.
Non possibile scrivere variabili binarie oppure variabili a byte nell'area dati del sistema di
automazione se i dati sono inviati attivamente dal sistema di automazione, cio se la funzione
READ nei parametri di collegamento impostata su "Fetch Passivo".

La progettazione dell'indirizzo di una variabile avviene in dipendenza del tipo di variabile:


In caso di variabili del tipo "binario" oppure "valore a 8 bit" si apre prima la finestra di dialogo
"Bits-/Bytes-Variable" (Variabile a bit/byte) in cui viene definito l'accesso a bit oppure a byte
all'area di memoria del sistema di automazione.
Quindi, nella finestra di dialogo "Propriet indirizzo" viene specificato l'indirizzo della
variabile nella memoria del sistema di automazione.
In caso di variabili orientate alle parole, nella finestra di dialogo "Propriet indirizzo" viene
specificato l'indirizzo della variabile nella memoria del sistema di automazione.
La finestra di dialogo "Bits-/Bytes- Variable" (Variabile a bit/byte) non si apre poich
l'accesso alla memoria del sistema di automazione avviene a parola.

7.3.3.3

Progettazione di una variabile con accesso a bit

Procedimento
1. Selezionare la variabile ed aprire attraverso il menu di scelta rapida la finestra di dialogo
"Propriet".
2. Sulla scheda "Generale" selezionare il tipo di dati "Variabile binaria".

140

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

S5 Ethernet Layer 4
7.3 Progettazione del canale
3. Fare clic sul pulsante di comando "Seleziona". Si apre la finestra di dialogo "Bit-/ByteVariable" (Variabile a bit/byte).

4. Definire con l'ausilio della casella di controllo se deve essere effettuato l'accesso a
determinati bit nell'area di memoria, cio se questi devono essere letti e scritti.
5. Nel campo di selezione, scegliere il tipo di indirizzamento della memoria del sistema di
automazione, ad es. "Parola" oppure "Byte".
6. Nel campo di selezione scegliere il numero del bit da modificare.
7. Premendo il pulsante "Seleziona" si apre la finestra di dialogo "Propriet indirizzo" in cui
viene specificato l'indirizzo di variabile nel sistema di automazione.

Nota
Nel caso del S5 i merker, ingressi ed uscite sono indirizzabili per byte, i blocchi di dati (DB,
DX) sono indirizzabili per parola.
Lo spunto della casella di controllo "Accesso a un Bit" influisce la visualizzazione nei campi
della finestra di dialogo "Propriet indirizzo".
In caso di variabili orientate alle parole, la finestra di dialogo "Bit-/Byte-Variable" (Variabile a
bit/byte) descritta non si apre perch l'indirizzo delle variabili e pertanto l'accesso alla
memoria PLC avviene per parola.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

141

S5 Ethernet Layer 4
7.3 Progettazione del canale

7.3.3.4

Progettazione di una variabile con accesso a byte

Procedimento
1. Selezionare la variabile ed aprire attraverso il menu di scelta rapida la finestra di dialogo
"Propriet".
2. Sulla scheda "Generale" selezionare il tipo di dati "Valore a 8 bit senza segno" oppure
"Valore a 8 bit con segno".
3. Fare clic sul pulsante di comando "Seleziona". Si apre la finestra di dialogo "Bit-/ByteVariable" (Variabile a bit/byte).

4. Definire con l'ausilio della casella di controllo se deve essere effettuato l'accesso a
determinati byte nell'area di memoria, cio se questi devono essere letti e scritti.
5. Nel campo di selezione come tipo di indirizzamento della memoria PLC viene indicato
soltanto "Parola".
6. Nel campo di selezione scegliere il numero del byte da modificare.
7. Premendo il pulsante "Seleziona" si apre la finestra di dialogo "Propriet indirizzo" in cui
viene specificato l'indirizzo di variabile nel sistema di automazione.

142

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

S5 Ethernet Layer 4
7.3 Progettazione del canale

Nota
Nel caso del S5 i merker, ingressi ed uscite sono indirizzabili per byte, i blocchi di dati (DB,
DX) sono indirizzabili per parola.
Lo spunto della casella di controllo "Accesso a un Byte" influisce la visualizzazione nei campi
della finestra di dialogo "Propriet indirizzo".
In caso di variabili orientate alle parole, la finestra di dialogo "Bit-/Byte-Variable" (Variabile a
bit/byte) descritta non si apre perch l'indirizzo delle variabili e pertanto l'accesso alla
memoria PLC avviene per parola.

7.3.3.5

Progettazione di una variabile con accesso a parola

Introduzione
Nella finestra di dialogo descritta di seguito verr specificato l'indirizzo della variabile nel
sistema di automazione.
In caso di variabili del tipo "binario" oppure "valore a 8 bit" si apre prima la finestra di dialogo
"Bits-/Bytes-Variable" (Variabile a bit/byte) in cui viene definito l'accesso a bit oppure a byte
all'area di memoria del sistema di automazione.
In caso di variabili orientate alle parole, la finestra di dialogo "Bit-/Byte-Variable" (Variabile
a bit/byte) non si apre perch l'indirizzo delle variabili e pertanto l'accesso alla memoria
PLC avviene per parola.

Procedimento
1. Selezionare la variabile ed aprire attraverso il menu di scelta rapida la finestra di dialogo
"Propriet".
2. Sulla scheda "Generale" selezionare il tipo di dati desiderato per la variabile (ad es. valore
a 16 bit con segno).

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

143

S5 Ethernet Layer 4
7.3 Progettazione del canale
3. Fare clic sul pulsante di comando "Seleziona". Si apre la finestra di dialogo "Propriet
indirizzo".

4. Sulla scheda "Indirizzo" selezionare nel campo "Area dati" se la variabile si trova nel blocco
di dati, nell'area merker, nell'area di immissione oppure di emissione.
5. Se la variabile si trova in un blocco dati, viene visualizzato inoltre il campo "N DB".
Immettere qui il numero del blocco dati.
6. Nel campo "Indirizzamento" viene inserito il tipo di indirizzamento. Normalmente si
potranno accettare i dati preimpostati.
7. Digitare l'indirizzo nel corrispondente campo (ad es. "DW").

Nota
In caso di variabili del tipo "binario" oppure "valore a 8 bit" i dati visualizzati in questi campi
della finestra di dialogo dipendono dalla selezione effettuata per "Accesso a bit/byte" nella
finestra di dialogo "Bits-/Bytes-Variable" (Variabile a bit/byte).
Se la variabile deve essere scritta in un'area dati orientata alla parola, l'indirizzo iniziale deve
trovarsi inevitabilmente nel byte sinistro e la lunghezza della variabile deve essere di numero
pari.

144

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

S5 Ethernet Layer 4
7.3 Progettazione del canale

7.3.3.6

Progettazione di una variabile di dati grezzi

Introduzione
Nella finestra di dialogo descritta di seguito verr specificato l'indirizzo di una variabile di dati
grezzi.
Nota
Se la variabile deve essere scritta in un'area dati orientata alla parola, l'indirizzo iniziale deve
trovarsi inevitabilmente nel byte sinistro e la lunghezza della variabile deve essere di numero
pari.

Procedimento
1. Selezionare la variabile ed aprire attraverso il menu di scelta rapida "Propriet" la finestra
di dialogo "Propriet della variabile".
2. Scegliere nella scheda "Generale" come tipo di dati la voce "Tipo di dati grezzi".
3. Aprire mediante il pulsante "Seleziona" la finestra di dialogo "Propriet indirizzo".

4. Nel campo "Area dati" selezionare se la variabile si trova nel blocco dati, nell'area merker,
nell'area di immissione o di emissione.
5. Se la variabile si trova in un blocco dati, viene visualizzato inoltre il campo "N DB".
Immettere qui il numero del blocco dati.
WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

145

S5 Ethernet Layer 4
7.3 Progettazione del canale
6. Nel campo "Indirizzamento" viene inserito il tipo di indirizzamento. Normalmente si
potranno accettare i valori preimpostati.
7. Inserire l'indirizzo dati nel campo sottostante. La denominazione di questo campo dipende
dalla voce nel campo "Indirizzamento" ad es. "DBW" per l'indirizzamento "Parola".
8. Immettere nel campo "Lungh." la lunghezza del blocco di dati grezzi in byte.
9. Nell'area "Tipo di dati grezzi" indicare di che tipo di variabile di dati grezzi si tratta.

7.3.4

Parametri di sistema

7.3.4.1

Parametri di sistema dell'unit di canale

Introduzione
Se si necessita di una configurazione che si discosta dalle impostazioni predefinite di WinCC,
si possono apportare tutte le modifiche del caso tramite la finestra di dialogo "Parametri di
sistema" dell'unit di canale.
I parametri di sistema sono pressoch identici per tutti i protocolli utilizzabili. Con l'utilizzo del
protocollo TCP/IP differisce soltanto il nome di device assegnato all'installazione.
Possono essere apportate le seguenti modifiche:
il nome di device
i parametri di trasporto
Nota
I parametri di sistema valgono per tutti i CP nel sistema di automazione.

Nome di device
La comunicazione tra WinCC ed il sistema di automazione avviene tramite nomi logici degli
apparecchi. Questi vengono assegnati all'installazione del modulo di comunicazione e sono
specifici per l'unit. Il nome di device rappresenta il nome logico dell'apparecchio. Di default,
per il protocollo di trasporto ISO il nome logico dell'apparecchio viene preimpostato con il nome
"/CP_H1_1:/ SCP", per il protocollo TCP/IP con "/TCP_IP:/SCP" .
Nota
In caso dell'utilizzo del protocollo TCP/IP deve essere verificato se il nome dell'apparecchio
in WinCC corrisponde al "Punto di accesso dell'applicazione" nella finestra di dialogo
"Imposta interfaccia PLC/PC". All'occorrenza dovr essere adattato il nome dell'apparecchio
in "Imposta interfaccia PLC/PC".

146

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

S5 Ethernet Layer 4
7.3 Progettazione del canale

Parametri di trasporto
Nei parametri di trasporto si definiscono impostazioni specifiche dell'unit di canale, ad
esempio la grandezza PDU, tentativi di ristabilire un collegamento, ecc.

7.3.4.2

Modifica del nome di device

Introduzione
Attraverso i parametri di sistema sono impostati i parametri dell'unit di canale, ad es. il nome
logico dell'apparecchio oppure i parametri di trasporto.
I parametri di sistema sono pressoch identici per tutti i protocolli utilizzabili.
Nel seguente esempio viene descritta la comunicazione attraverso protocollo di trasporto ISO
con un'unit di canale "CP1413-x".
Con l'utilizzo del protocollo TCP/IP differisce soltanto il nome di device assegnato
all'installazione.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

147

S5 Ethernet Layer 4
7.3 Progettazione del canale

Procedimento
1. Selezionare l'unit di canale ed aprire attraverso il menu di scelta rapida la finestra di
dialogo "Parametri di sistema".
2. Selezionare la scheda "Nome di device".

3. Con il mouse possibile selezionare adesso il nome dell'apparecchio raffigurato "in


grassetto" e facendo clic nel campo del nome dell'apparecchio questo potr essere
modificato.

Nota
Il nome di device viene specificato all'installazione del driver hardware. Soltanto se stato
assegnato un nome diverso in tale sede, il ch non consigliabile, si dovr modificare anche
qui il nome di device.

148

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

S5 Ethernet Layer 4
7.3 Progettazione del canale

7.3.4.3

Modifica dei parametri di trasporto

Procedimento
1. Selezionare l'unit di canale ed aprire attraverso il menu di scelta rapida la finestra di
dialogo "Parametri di sistema".
2. Selezionare la scheda "Parametri di trasporto".

3. Impostare un valore "Grand. PDU" identico a quello che stato progettato per il modulo di
comunicazione CP 1430.
4. Nel campo "Tentativi di collegamento" specificare il numero di tentativi di collegamento da
effettuare.
5. Nell'area "Durata delle ripetizioni di invio" selezionare il campo "Infinito".
6. Nel campo "Tempo ricon." inserire ad es. il valore 30 in modo che al massimo dopo 30
secondi l'utente sar informato sullo stato della variabile se il partner di comunicazione non
ha risposto entro questo intervallo di tempo (ad es. PLC in stato "Stop").

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

149

S5 Ethernet Layer 4
7.4 Appendice

7.4

Appendice

7.4.1

Appendice

Introduzione
Nell'appendice sono messe a disposizione ulteriori informazioni sul canale "SIMATIC S5
Ethernet Layer 4".

7.4.2

Costanti e codici d'errore interni

7.4.2.1

Costanti e codici d'errore interni

Introduzione
Nelle tabelle in basso sono riportati i codici d'errore e le costanti pi importanti. Tale
informazione si rivolge soltanto agli 'insider'. Per questo motivo il significato dei codici e delle
costanti non sar spiegato in dettaglio.
Codici di errore in caso di disturbi di collegamento
Segnalazioni iNA960
Segnalazioni SCI

7.4.2.2

Codici di errore in caso di disturbi di collegamento

Introduzione
Nel presente capitolo sono elencati i codici di errore pi importanti. Se si verifica un errore con
un codice di errore non contenuto nella tabella, rivolgersi alla hotline di WinCC.

Fehler_0002-INVALID_RQ
Blocco di richiesta difettoso.

Fehler_0004-NO_RESOURCES
Non ci sono risorse disponibili nel CP.

150

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

S5 Ethernet Layer 4
7.4 Appendice

Fehler_0006-UNKNOWN_REFERENCE
Riferimento OPEN indicato sbagliato.

Fehler_0008-BUFFER_TOO_SHORT
Buffer utente troppo corto.

Fehler_0010-BUFFER_TOO_LONG
Buffer utente troppo lungo.

Fehler_0012-ILLEGAL_REQ
"negot_options" indicate sono sbagliate.

Fehler_0014-REM_ABORT
Interruzione del collegamento da parte della stazione remota.

Fehler_0016-LOC_TIMEOUT
Timeout.

Fehler_0018-UNKNOWN_CONN_CLASS
Classe di collegamento sconosciuta.

Fehler_0020-DUP_REQ
Collegamento gi stabilito.

Fehler_0022-CONN_REJECT
Richiesta di collegamento rifiutata da remoto.

Fehler_0024-NEGOT_FAILED
Interruzione del collegamento "negot-option" difettosa.

Fehler_0026-ILLEGAL_ADDRESS
Indirizzo di trasporto difettoso.

Fehler_0028-NETWORK_ERROR
Bus o CP disturbato.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

151

S5 Ethernet Layer 4
7.4 Appendice

Fehler_0030-PROTOCOL_ERR
Errore di protocollo.

Fehler_0032-ILLEGAL_RB_LENGTH
Lunghezza del blocco di richiesta sbagliata.

Fehler_0784-E_NO_HW
Non stato trovato un hardware di comunicazione.
Modulo di comunicazione difettoso.
Modulo di comunicazione installato male.
Indirizzo di porta impostato sbagliato.

Fehler_0786-E_CNF
Driver configurato male oppure parametri non validi nel Registry.

Fehler_0787-E_BAUDRATE
Impostazione della velocit di trasmissione (baud rate) oppure del vettore di interrupt sbagliata.

Fehler_0788-E_HSA
HSA (Highest Station Address) impostato sbagliato.

Fehler_0789-E_TS
Il numero di utente locale impostato (TS_ADR) gi assegnato.

Fehler_0791-E_INT_NOT_PROV
Il vettore di interrupt (IRQ) impostato non disponibile sul modulo di comunicazione.

Fehler_0792-E_INT_BUSY
Il vettore di interrupt (IRQ) impostato gi occupato sul modulo di comunicazione.

152

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

S5 Ethernet Layer 4
7.4 Appendice

Fehler_0800-E_NO_FILE
Il driver di comunicazione selezionato non pu essere caricato; il file non stato trovato.
Driver di comunicazione installato male.

Fehler_0897-E_LOGDEV
Il device logico non definito nel Registry.
Driver di comunicazione installato male.
Voce nel Registry distrutta o cancellata.
Controllare con il programma 'Imposta interfaccia PLC/PC' l'impostazione del nome logico
dell'apparecchio.
Controllare sulla maschera 'Parametri di sistema-Device' l'impostazione del nome logico
dell'apparecchio.

Fehler_0898-E_L2DRIVER
Manca la voce "L2DRIVER" nel Registry.
Errore di modulo oppure modulo non installato correttamente.

Fehler_0900-E_L4DRIVER
Manca la voce "L4DRIVER" nel Registry.
Errore di modulo oppure modulo non installato correttamente.

Fehler_30000-EC_WATCHDOG
Errore di watchdog.

Fehler_30001-EC_PDUERROR
PDU inaspettata.

Fehler_30005-EC_ONLERROR
Errore al caricamento della S7-Online-DLL.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

153

S5 Ethernet Layer 4
7.4 Appendice

7.4.2.3

Segnalazioni iNA960

Segnalazioni iNA960 generali


OK_RESP

0x01

Ordine eseguito senza errori

OK_EOM_RESP

0x03

Blocco di dati ricevuto senza errori

OK_DECIDE_REQ_RESP

0x05

Ordine eseguito senza errori

OK_CLOSED_RESP

0x07

Interruzione del collegamento da parte dell'utente


locale

Segnalazioni iNA960 di errore


INVALID_REQ

7.4.2.4

0x02

Blocco di richiesta difettoso

NO_RESOURCES

0x04

Non ci sono risorse disponibili nel CP

UNKNOWN_REFERENCE

0x06

Riferimento OPEN indicato sbagliato

BUFFER_TOO_SHORT

0x08

Buffer utente troppo corto

BUFFER_TOO_LONG

10

0x0A

Buffer utente troppo lungo

ILLEGAL_REQ

12

0x0C

'negot_options' indicate sono sbagliate

REM_ABORT

14

0x0E

Interruzione del collegamento da parte della


stazione remota

LOC_TIMEOUT

16

0x10

Timeout

UNKNOWN_CONN_CLASS

18

0x12

Classe di collegamento sconosciuta

DUP_REQ

20

0x14

Collegamento gi stabilito

CONN_REJECT

22

0x16

Richiesta di collegamento rifiutata da remoto

NEGOT_FAILED

24

0x18

Interruzione del collegamento 'negot-option'


difettosa

ILLEGAL_ADDRESS

26

0x1A

Indirizzo di trasporto difettoso

NETWORK_ERROR

28

0x1C

Bus o CP disturbato

PROTOCOL_ERR

30

0x1E

Errore di protocollo

ILLEGAL_RB_LENGTH

32

0x20

Lunghezza del blocco di richiesta sbagliata

Segnalazioni SCI
Per la descrizione consultare il manuale d'uso "SINEC Communication Interface SCI" (A/5-15).

Segnalazioni SCI

154

SCP_OK

0x00

Nessun errore

SCP_INCONS

201

0xC9

'Minor device number' non 00

SCP_RESOURCE

202

0xCA

Richiesta della memoria DPRAM difettosa

SCP_CONFIG

203

0xCB

Errore nella configurazione (NUM_PROCS)

SCP_NOCONFIG

204

0xCC

Driver SCP non configurato

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

S5 Ethernet Layer 4
7.4 Appendice
SCP_PARAM

206

0xCE

Modalit sbagliata

SCP_DEVOPEN

207

0xCF

Open gi avvenuto

SCP_BOARD

208

0xD0

Board non inserito/riconosciuto

SCP_SOFTWARE

209

0xD1

Errore IRQ oppure software non trovato

SCP_MEM

210

0xD2

Memoria DPRAM insufficiente

SCP_MODE

211

0xD3

Procedura di download non ancora conclusa

SCP_LOADER

212

0xD4

Mancata risposta dal Loader

SCP_SIGNAL

213

0xD5

Processo connesso in modo asincrono

SCP_NOMESS

215

0xD7

Non entrato nessun messaggio per il processo

SCP_USERMEM

216

0xD8

Lunghezza buffer length_of_buffer troppo piccola

SCP_WINDOW

217

0xD9

Troppi richiami SEND

SCP_TIMEOUT

219

0xDB

Timeout su SCP

SCP_ATTACH

220

0xDC

Reset non eseguito/canale ancora attivo

SCP_ILLEGAL_REQUEST

221

0xDD

Request difettoso

SCP_ERECOVERF

223

0xDF

Buffer non ritirato con scp_receive

SCP_ECLOSED

224

0xE0

Tutti i buffer assegnati per collegamento

EUSERMAX

225

0xE1

SCP_EINTR

226

0xE2

SCP_BOARD_OPEN

231

0xE7

SCP_NO_WIN_SERV

233

0xE9

EPROTECT

234

0xEA

Licenza non trovata

Segnalazioni SCI
SCP_DB_FILE_DOES_NOT_EXIST

240

0xF0

SCP_DB_FILE_CLOSE_NOT_OK

241

0xF1

SCP_SEND_NOT_SUCCESSFUL

242

0xF2

SCP_RECEIVE_NOT_SUCCESSFUL

243

0xF3

SCP_NO_DEVICE_AVAILABLE

244

0xF4

SCP_ILLEGAL_SUBSYSTEM

245

0xF5

SCP_ILLEGAL_OPCODE

246

0xF6

SCP_BUFFER_TOO_SHORT

247

0xF7

SCP_BUFFER_1_TOO_SHORT

248

0xF8

SCP_ILLEGAL_PROTOCOL_SEQUENCE

249

0xF9

SCP_ILLEGAL_PDU_ARRIVED

250

0xFA

SCP_REQUEST_ERROR

251

0xFB

SCP_NO_LICENSE

252

0xFC

Ulteriori segnalazioni dell'Online-DLL sull'interfaccia SCP


E_TIMER_INIT

768

0x0300

E_INIT_COM

769

0x0301

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Richiamo WIN Settimer senza successo

155

S5 Ethernet Layer 4
7.4 Appendice
E_NO_HW

784

0x0310

Modulo MPI non trovato

E_HW_DEFEKT

785

0x0311

Problema con l'hardware

E_CNF

786

0x0312

Parametri di configurazione sbagliati

E_BAUDRATE

787

0x0313

Baud rate sbagliato/IntVector sbagliato

E_HSA

788

0x0314

HSA parametrizzato sbagliato

E_TS

789

0x0315

Indirizzo parametrizzato gi assegnato

E_OCC

790

0x0316

HW_Device gi assegnato

E_INT_NOT_PROV

791

0x0317

Interrupt non disponibile

E_INT_BUSY

792

0x0318

Interrupt occupato

E_SAP

793

0x0319

SAP deactivate: SAP non occupato

E_UNPLUGGED

794

0x031a

Non stata trovata nessuna stazione remota

E_SYNI

795

0x031b

Si verificato un Syni Error

E_AMPRO

796

0x031c

AMPRO 2 ha segnalato System Error

E_BUFFSIZE

797

0x031d

Non sono stati creati buffer di questa grandezza

E_NO_FILE

800

0x0320

File DLL/VxD non trovato oppure voci nel Registry


distrutte

E_NO_ENTRY

801

0x0321

Indirizzo non esistente nella DLL

E_VERSION

816

0x0330

Conflitto di versione tra SMC driver e SMC firmware

E_COMCNF

817

0x0331

Problema con la configurazione della porta COM

E_NO_SMC

818

0x0332

SMC non risponde (pi)

E_COMMBADID

819

0x0333

Porta COM non configurata

E_COMMOPEN

820

0x0334

Porta COM non disponibile

E_SMCBUSY

821

0x0335

Driver seriale viene utilizzato attualmente con altra


configurazione

E_SMCMODEM

822

0x0336

Non esiste ancora alcun collegamento verso un PC/


MPI Cable

E_SMCNOLEG

823

0x0337

PC/MPI Cable rifiuta ordine, manca la legittimazione


richiesta

E_ONLINE

896

0x0380

Errore interno all'interfaccia IOCTL

E_LOGDEV

897

0x0381

Device logico non nel Registry

E_L2DRIVER

898

0x0382

Voce L2DRIVER manca nel Registry

E_L4DRIVER

900

0x0384

Voce L4DRIVER manca nel Registry

E_SYSERROR

1023

0x03FF

Errore di sistema

Codici di errore specifici del canale

156

EC_WATCHDOG

30000

0x7530

Errore di watchdog

EC_PDUERROR

30001

0x7531

PDU inaspettata

EC_ONLERROR

30005

0x7535

Errore al caricamento della S7-Online-DLL

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

S5 PROFIBUS FDL
8.1

Canale WinCC "SIMATIC S5 Profibus FDL"

Introduzione
Il canale "SIMATIC S5 Profibus FDL" viene utilizzato per la comunicazione tra una stazione
WinCC ed un sistema di automazione SIMATIC S5. A tale scopo viene utilizzato il tipo di rete
PROFIBUS (Process Field Bus) ed il protocollo FDL (Field Data Link).
PROFIBUS la rete per quantit di dati piccole e medie. Con un massimo di 127 utenti
collegabili copre un largo spettro di compiti di automazione.

La lettura/scrittura di variabili attraverso il PROFIBUS, con l'utilizzo del protocollo FDL, viene
realizzata con l'ausilio di telegrammi di richiesta e di risposta. Il telegramma di richiesta viene
inviato da WinCC al controllore programmabile. Il PLC risponde con il telegramma di risposta.
Un collegamento FDL viene specificato dal punto terminale di collegamento locale e remoto
(Service Access Point).
Il presente capitolo illustra
la progettazione della trasmissione dati con il canale "SIMATIC S5 Profibus FDL"
la creazione di un progetto di esempio

Unit di canale FDL (CP5412/A2-1)


Indipendentemente dal processore di comunicazione utilizzato, CP 5613 oppure CP 5614,
esiste la possibilit di accoppiamento al SIMATIC S5 attraverso l'unit di canale "FDL (CP5412/

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

157

S5 PROFIBUS FDL
8.1 Canale WinCC "SIMATIC S5 Profibus FDL"
A2-1)". Questa unit di canale supporta un massimo di 24 collegamenti. Il funzionamento del
canale richiede la creazione di un'unit di canale e di un collegamento.

Service Access Point


SAP sono interfacce di dati locali all'interno di un utente PROFIBUS. Le interfacce SAP devono
essere configurate in WinCC e sul sistema di automazione. Con il Service Access Point viene
specificata un'identificazione esclusiva. Questa identificazione esclusiva richiesta per la
comunicazione tra WinCC e PLC.

Collegamento attivo
Un collegamento attivo chiamato anche collegamento Fetch. Per collegamento Fetch si
intende un collegamento in cui un partner attivo ritira dati da un partner di comunicazione. Il
partner di comunicazione da cui sono ritirati i dati chiamato partner passivo.

Collegamento passivo
Si ha un collegamento passivo quando il PLC attivo invia i dati al partner WinCC passivo in
modo asincrono senza telegramma di richiesta.

158

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

S5 PROFIBUS FDL
8.2 Tipi di dati ed aree dati supportati

8.2

Tipi di dati ed aree dati supportati

Introduzione
Nel caso di una comunicazione di SIMATIC S5 attraverso PROFIBUS FDL sono supportati
solo determinati tipi di dati ed aree dati.

Tipi di dati supportati


Tipo di dati WinCC

Tipo di dati SIMATIC S5

Variabile binaria

BIT

Valore a 8 bit con segno

Non disponibile nel SIMATIC S5

Valore a 8 bit senza segno

BYTE

Valore a 16 bit con segno

WORD

Valore a 16 bit senza segno

WORD

Valore a 32 bit con segno

DWORD

Valore a 32 bit senza segno

DWORD

Numero in virgola mobile a 32 bit IEEE 754

DWORD

Numero in virgola mobile a 64 bit IEEE 754

Non disponibile nel SIMATIC S5

Variabile di testo set di caratteri 8 bit

ARRAY OF BYTE

Variabile di testo set di caratteri 16 bit

Non disponibile nel SIMATIC S5

Tipo di dati grezzi

ARRAY OF BYTE

Accesso a variabili SIMATIC S5


L'accesso alle variabili SIMATIC S5 avviene a parola su blocchi di dati DB oppure su blocchi
di dati estesi DX. L'accesso pu avvenire in lettura e in scrittura.

Accesso ad una variabile SIMATIC S5 del tipo di dati BIT


L'accesso alle variabili SIMATIC S5 del tipo di dati BIT pu avvenire solo in lettura. Questa
restrizione vale per collegamenti attivi o passivi.

Accesso ad una variabile SIMATIC S5 del tipo di dati BYTE


L'accesso alle variabili SIMATIC S5 del tipo di dati BYTE pu avvenire solo in lettura.
Per la progettazione di una variabile a byte, come indirizzamento deve essere selezionato
"Byte sinistro" o "Byte destro" di un data word a 16 bit.

Accesso ad una variabile SIMATIC S5 del tipo di dati ARRAY OF BYTE


L'accesso alle variabili SIMATIC S5 del tipo di dati ARRAY OF BYTE pu avvenire solo in
lettura.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

159

S5 PROFIBUS FDL
8.3 Particolarit del canale WinCC "SIMATIC S5 Profibus FDL"

8.3

Particolarit del canale WinCC "SIMATIC S5 Profibus FDL"

Introduzione
In basso sono elencate le possibilit di comunicazione di WinCC attraverso il driver di
comunicazione per il PROFIBUS. Sono inoltre riportati tutti i tipi di dati supportati e le possibilit
che offrono in termini di cambio di formato.
Nota
Particolarit alla scrittura di variabili:
Alla progettazione in WinCC si dovr tenere presente che alla scrittura di pi variabili nell'area
dati del sistema di automazione ogni variabile viene trasmessa singolarmente.
Questo comportamento particolarmente importante per la scrittura di pi variabili con la
funzione "SetTagMultiWait" ad es. in uno script. Considerato che questa funzione eseguita
solo quando sar conclusa la trasmissione di tutte le variabili da consegnare, in caso di un
grande numero di variabili potranno risultare tempi di attesa notevoli.
Dovr essere verificato se richiesto l'utilizzo della funzione "Wait" per un grande numero
di variabili. In tal caso potrebbe essere consigliabile utilizzare una variabile di dati grezzi,
soprattutto se i dati si susseguono direttamente nell'area dati del PLC.

Cambio di formato
Un cambio di formato necessario quando richiesto un determinato campo di valori oppure
una conversione, ad es. da decimale a BCD ("valore a 8 bit senza segno" convertito in
"ByteToBCDWord"). Di default non viene eseguito nessun cambio di formato.
La seguente tabella elenca i tipi di dati WinCC supportati e le rispettive possibilit di cambio
di formato disponibili.

160

Tipo di dati WinCC

Cambio di formato

Variabile binaria

No

Valore a 8 bit con segno

Non disponibile nel S5

Valore a 8 bit senza segno

Valore a 16 bit con segno

Valore a 16 bit senza segno

Valore a 32 bit con segno

Valore a 32 bit senza segno

Numero in virgola mobile a 32 bit IEEE 754

Numero in virgola mobile a 64 bit IEEE 754

Non disponibile nel S5

Variabile di testo set di caratteri 8 bit

No

Variabile di testo set di caratteri 16 bit

Non disponibile nel S5

Tipo di dati grezzi

No

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

S5 PROFIBUS FDL
8.3 Particolarit del canale WinCC "SIMATIC S5 Profibus FDL"

Sul lato WinCC


Il driver di comunicazione SIMATIC S5 Profibus FDL supporta la comunicazione attraverso i
seguenti processori di comunicazione:
Processore di comunicazione

Tipo di bus

CP5613

PCI

CP5614

PCI

Sul lato PLC


Generalmente i controllori programmabili possono essere collegati ad una rete PROFIBUS in
due modi. Il collegamento pu essere realizzato attraverso un'interfaccia integrata sull'unit
centrale oppure attraverso specifici moduli di comunicazione.
Sistema

Modulo

S5-90U, S5-95U, S5-100U

CPU95U

S5-115U, S5-135U, S5-155U

CP5431 FMS/DP

Nota
In caso di accoppiamenti al S5-95U con L2-SS non sono possibili collegamenti Fetch poich
WinCC pu soltanto essere un partner passivo.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

161

S5 PROFIBUS FDL
8.4 Progettazione del canale

8.4

Progettazione del canale

8.4.1

Progettazione del canale "SIMATIC S5 Profibus FDL"

Introduzione
Le operazioni da eseguire per la progettazione del canale "SIMATIC S5 Profibus FDL" sono
riportate nel presente capitolo nonch nei capitoli successivi.
Il presente capitolo illustra come progettare il canale "SIMATIC S5 Profibus FDL".

Procedimento
1. Selezionare nel menu di scelta rapida della gestione variabili la voce "Aggiungi nuovo
driver". Si apre la finestra di dialogo "Aggiungi nuovo driver".

2. Selezionare il driver "SIMATIC S5 Profibus FDL.CHN" e fare clic sul pulsante di comando
"Apri". Viene ora creato il canale e il driver di comunicazione viene visualizzato nella
gestione variabili.

8.4.2

Unit di canale "FDL (CP5412/A2-1)"

Introduzione
Il driver di comunicazione "SIMATIC S5 Profibus FDL" contiene soltanto l'unit di canale "FDL
(CP5412/A2-1)".
Attraverso l'unit di canale "FDL (CP5412/A2-1)" viene eseguita la comunicazione tra WinCC
ed il controllore programmabile SIMATIC S5. All'interno dell'unit di canale possono essere

162

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

S5 PROFIBUS FDL
8.4 Progettazione del canale
creati un massimo di 24 collegamenti. Per ogni collegamento progettato devono essere
impostati parametri di collegamento specifici. Ogni variabile progettata deve essere definita
da parametri di variabile.
Nota
Il nome dell'unit di canale "FDL (CP5412/A2-1)" legato al driver di comunicazione,
"SIMATIC S5 Profibus FDL.CHN", ed indipendente dal processore di comunicazione
utilizzato. Come processori di comunicazione possono essere utilizzati ad es. CP5613 e
CP5614.

Parametri di variabile
Per ogni variabile progettata devono essere indicati i seguenti parametri di variabile:
Area dati (ad es. DB)
Numero di blocco dati
Indirizzamento (ad es. "Byte sinistro")
Indirizzo iniziale (ad es. DL 0, se per indirizzamento stato selezionato "Byte sinistro")

Parametri di collegamento
Per ogni collegamento progettato devono essere impostati i seguenti parametri di
collegamento:
l'indirizzo di stazione del PLC
la priorit
per la funzione di lettura e per la funzione di scrittura devono essere indicate i SAP (Service
Access Point) propri ed esterni
Per la funzione di lettura deve essere progettato inoltre se il collegamento deve essere attivo
oppure passivo. In caso di collegamento in lettura attivo, i valori sono richiesti dalla stazione
WinCC. In caso di collegamento passivo la trasmissione dei valori alla stazione WinCC viene
inizializzata dal PLC.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

163

S5 PROFIBUS FDL
8.4 Progettazione del canale

8.4.3

Progettazione di un collegamento

Presupposti
Il canale "SIMATIC S5 Profibus FDL" deve essere integrato nel progetto.

Procedimento
1. Aprire il menu di scelta rapida dell'unit di canale "FDL (CP5412/A2-1)". Selezionare il
comando "Nuovo collegamento".
2. Inserire nel dialogo "Propriet di collegamento" il nome del collegamento.

3. Nella finestra di dialogo " Propriet di collegamento" fare clic sul pulsante "Propriet". Si
apre la finestra di dialogo "Parametri di collegamento". Questa finestra di dialogo permette
di configurare il collegamento.

164

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

S5 PROFIBUS FDL
8.4 Progettazione del canale
4. Digitare nel campo "Indirizzo di stazione PLC" l'indirizzo esclusivo del sistema di
automazione.
5. Il pulsante di opzione "Priorit" deve essere impostata sempre su "Low" per un
collegamento FDL.
6. La funzione della stazione WinCC viene specificata attraverso i campi "OS attiva, WinCC
partner attivo" oppure "OS passiva, WinCC partner passivo". Attivare il pulsante di opzione
richiesto.
7. Nei campi "SAP propria" ed "SAP di terzi" immettere gli indirizzi SAP progettati per l'accesso
in lettura e in scrittura. Il campo di valori SAP compreso tra 2 e 54.
8. Chiudere tutte le finestre di dialogo aperte con i pulsanti di comando "OK".
9. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento la voce "Nuova variabile". Si apre
la finestra di dialogo "Propriet della variabile". Progettare la variabile.
10.Chiudere tutte le finestre di dialogo aperte con i pulsanti di comando "OK".

8.4.4

Progettazione delle variabili

8.4.4.1

Progettazione delle variabili

Introduzione
In caso di un accoppiamento tra WinCC ed il sistema di automazione tramite il canale
"SIMATIC S5 Profibus FDL" all'interno di WinCC possono essere generati i tipi di dati binario,
byte e parola. In basso verr descritto come progettare una variabile di questo tipo di dati.

8.4.4.2

Progettazione di una variabile con accesso a bit

Introduzione
Nel presente paragrafo verr progettata una variabile per un accesso a bit sull'area di indirizzo
nel PLC.
Nota
L'accesso a bit su una variabile avviene solo in lettura.

Presupposti
1. Il canale "SIMATIC S5 Profibus FDL" deve essere integrato nel progetto.
2. Nell'unit di canale "FDL (CP5412/A2-1)" deve essere creato un collegamento.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

165

S5 PROFIBUS FDL
8.4 Progettazione del canale

Procedimento
1. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento la voce "Nuova variabile". Si apre
la finestra di dialogo "Propriet della variabile".

2. Nel campo "Nome" della scheda "Generale" digitare il nome della variabile, ad es.
"binVar1". Impostare nel campo "Tipo di dati" il tipo di dati "Variabile binaria".
3. Aprire mediante il pulsante di comando "Seleziona" la finestra di dialogo "Propriet
indirizzo". Impostare nel campo "Area dati" in quale area dati del PLC si trovano i dati. Se
attivata l'area dati "DB" immettere nel campo attivato "N DB" il numero del blocco dati.

4. Immettere nel campo "D" l'indirizzo di byte e nel campo "Bit" l'indirizzo di bit. La
denominazione del campo sinistro dipende dai dati immessi nel campo "Area dati" ad es.
"D" per l'area dati "DB" e per il tipo di dati della variabile "Variabile binaria".
5. Chiudere tutte le finestre di dialogo aperte con i pulsanti di comando "OK".

Nota
La voce "Bit" nel campo "Indirizzamento" non pu essere modificata, poich stata definita
tramite il tipo di dati "Variabile binaria" della variabile WinCC.

166

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

S5 PROFIBUS FDL
8.4 Progettazione del canale

8.4.4.3

Progettazione di una variabile con accesso a byte

Introduzione
Nel presente paragrafo verr progettata una variabile per un accesso a byte sull'area di
indirizzo nel PLC.
Nota
L'accesso a byte su una variabile avviene solo in lettura.

Presupposti
1. Il canale "SIMATIC S5 Profibus FDL" deve essere integrato nel progetto.
2. Nell'unit di canale "FDL (CP5412/A2-1)" deve essere creato un collegamento.

Procedimento
1. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento la voce "Nuova variabile". Si apre
la finestra di dialogo "Propriet della variabile".

2. Nel campo "Nome" della scheda "Generale" digitare il nome della variabile, ad es.
"byteVar1". Impostare nel campo "Tipo di dati" il tipo di dati "Valore 8 bit senza segno".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

167

S5 PROFIBUS FDL
8.4 Progettazione del canale
3. Aprire mediante il pulsante di comando "Seleziona" la finestra di dialogo "Propriet
indirizzo". Nel campo "Area dati" impostare l'area dati del PLC. Il driver di comunicazione
"SIMATIC S5 Profibus FDL" supporta soltanto le aree dati DB e DX. Se attivata l'area
dati "DB" immettere nel campo attivato "N DB" il numero del blocco dati.

4. Nel campo "Indirizzamento" si potr scegliere tra "Byte sinistro" e "Byte destro".
5. Immettere nel campo "DL" l'indirizzo di byte. La denominazione di questo campo dipende
dalla voce nel campo "Indirizzamento" ad es. "DL" per l'indirizzamento "Byte sinistro".
6. Chiudere tutte le finestre di dialogo aperte con i pulsanti di comando "OK".

8.4.4.4

Progettazione di una variabile con accesso a per parola

Introduzione
Nel presente paragrafo verr progettata una variabile per un accesso a parola sull'area di
indirizzo nel PLC.
Nota
L'accesso per parola su una variabile avviene in lettura e/o in scrittura.

Presupposti
1. Il canale "SIMATIC S5 Profibus FDL" deve essere integrato nel progetto.
2. Nell'unit di canale "FDL (CP5412/A2-1)" deve essere creato un collegamento.

168

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

S5 PROFIBUS FDL
8.4 Progettazione del canale

Procedimento
1. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento la voce "Nuova variabile". Si apre
la finestra di dialogo "Propriet della variabile".

2. Nel campo "Nome" della scheda "Generale" digitare il nome della variabile, ad es.
"wordVar1". Impostare nel campo "Tipo di dati" il tipo di dati "Valore a 16 bit senza segno".
3. Aprire mediante il pulsante di comando "Seleziona" la finestra di dialogo "Propriet
indirizzo". Impostare nel campo "Area dati" in quale area dati del PLC si trovano i dati. Se
attivata l'area dati "DB" immettere nel campo attivato "N DB" il numero del blocco dati.

4. Immettere nel campo sottostante l'indirizzo di parola. La denominazione di questo campo


dipende dalla voce nel campo "Indirizzamento" ad es. "DW" per l'indirizzamento "Parola".
5. Chiudere tutte le finestre di dialogo aperte con i pulsanti di comando "OK".

Nota
La voce "Parola" nel campo "Indirizzamento" non pu essere modificata, poich stata
definita dal tipo di dati "Valore a 16 bit senza segno" della variabile WinCC.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

169

S5 PROFIBUS FDL
8.4 Progettazione del canale

8.4.5

Parametri di sistema

8.4.5.1

Parametri di sistema dell'unit di canale

Introduzione
Se si necessita di una configurazione che si discosta dalle impostazioni predefinite di WinCC,
si possono apportare tutte le modifiche del caso tramite la finestra di dialogo "Parametri di
sistema" dell'unit di canale.
Possono essere apportate le seguenti modifiche:
il nome di device
il tempo di controllo in scrittura-lettura

Nome di device
La comunicazione tra WinCC ed il sistema di automazione avviene tramite nomi logici degli
apparecchi. Questi vengono assegnati all'installazione della scheda di comunicazione e sono
specifici per l'unit. Il nome di device rappresenta il nome logico dell'apparecchio. Di default
questo campo preimpostato con "/CP_L2_1:/SCP".

Tempo di controllo in scrittura-lettura


Il tempo di controllo in scrittura-lettura descrive il tempo di attesa massimo in secondi per le
risposte di scrittura/lettura del PLC. Se entro l'intervallo di tempo specificato non avviene una
risposta del PLC, il collegamento viene interrotto. Di default questo campo preimpostato con
un tempo di attesa di 30 secondi.
Nota
I parametri di sistema valgono per tutti i CP in quel sistema di automazione.

170

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

S5 PROFIBUS FDL
8.4 Progettazione del canale

8.4.5.2

Modifica del nome di device

Presupposti
Il canale "SIMATIC S5 Profibus FDL" deve essere integrato nel progetto.

Procedimento
1. Selezionare nel menu di scelta rapida dell'unit di canale la voce "Parametri di sistema".
Si apre il dialogo "Parametri di sistema".

2. Immettere nel campo "Nome di device" il nome del punto di accesso. Questo nome deve
corrispondere all'impostazione effettuata sotto Windows attraverso "Start"
"Impostazioni"
"Pannello di controllo"
"Imposta interfaccia PLC/PC".
3. Chiudere la finestra di dialogo aperta con il pulsante di comando "OK".

Nota
Le modifiche saranno attive solo dopo un riavvio di WinCC.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

171

S5 PROFIBUS FDL
8.4 Progettazione del canale

8.4.5.3

Modifica del tempo di controllo in scrittura-lettura dei valori di processo

Presupposti
Il canale "SIMATIC S5 Profibus FDL" deve essere integrato nel progetto.

Procedimento
1. Selezionare nel menu di scelta rapida dell'unit di canale la voce "Parametri di sistema".
Si apre il dialogo "Parametri di sistema".

2. Immettere nel campo "Tempo di attesa max." il valore richiesto in secondi. Pu essere
immesso un valore tra 1 e 3600 secondi. Questo campo preimpostato con un valore di
default di 30 secondi.
3. Chiudere la finestra di dialogo aperta con il pulsante di comando "OK".

Nota
Le modifiche saranno attive solo dopo un riavvio di WinCC.

172

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

S5 PROFIBUS FDL
8.5 Funzioni speciali

8.5

Funzioni speciali

8.5.1

Funzioni speciali del canale "SIMATIC S5 Profibus FDL"

Introduzione
Il canale "SIMATIC S5 Profibus FDL" comprende alcune funzioni speciali, la cui funzionalit
verr descritta nel presente capitolo.

8.5.2

Variabili di dati grezzi del canale "SIMATIC S5 Profibus FDL"

8.5.2.1

Variabili di dati grezzi del canale "SIMATIC S5 Profibus FDL"

Introduzione
Una variabile del tipo "Tipo di dati grezzi" corrisponde ad un telegramma di dati.
Le variabili di dati grezzi servono per la trasmissione di blocchi di dati utente dal/al sistema di
automazione.
Una variabile di dati grezzi utilizzata da SIMATIC S5 Profibus FDL pu avere una lunghezza
massima di 220 Byte.

Variabile di dati grezzi in forma di array di byte


Una variabile di dati grezzi in forma di array di byte viene trattata come una normale variabile
di processo, che viene indirizzata per mezzo dell'indirizzo di blocco dati e della lunghezza (ad
es. DB 100, DW 20, lunghezza 40 byte).

Scrittura di variabili di dati grezzi mediante script


Se una variabile di dati grezzi che supera la lunghezza progettata in WinCC viene scritta in
S5 con uno script VB il processo di scrittura si interrompe.
In questo caso scrivere la variabile di dati grezzi utilizzando uno script C con la funzione
"SetTagRaw". Questa funzione permette di indicare la lunghezza della variabile da scrivere.

8.5.2.2

Progettazione di variabili di dati grezzi

Presupposti
1. Il canale "SIMATIC S5 Profibus FDL" deve essere integrato nel progetto.
2. Nell'unit di canale "FDL (CP5412/A2-1)" deve essere creato un collegamento.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

173

S5 PROFIBUS FDL
8.5 Funzioni speciali

Procedimento
1. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento la voce "Nuova variabile". Si apre
la finestra di dialogo "Propriet della variabile".
2. Nel campo "Nome" della scheda "Generale" digitare il nome della variabile, ad es.
"Var1_raw_byte". Nel campo "Tipo di dati" impostare il tipo di dati "Tipo di dati grezzi".

3. Aprire mediante il pulsante di comando "Seleziona" la finestra di dialogo "Propriet


indirizzo".

4. Spuntare la casella di controllo "Dati grezzi".


5. Immettere nel campo "Lunghezza" la lunghezza (in byte) del blocco di dati grezzi.
6. Impostare nel campo "Area dati" in quale area dati del PLC si trovano i dati. Se attivata
l'area dati "DB" immettere nel campo attivato "N DB" il numero del blocco dati.
7. Impostare nel campo "Indirizzamento" il tipo di indirizzamento. Per il tipo di dati "Tipo di
dati grezzi" della variabile WinCC sono possibili le voci "Byte sinistro", "Byte destro" e
"Parola doppia".
8. Immettere nel campo sottostante il valore dell'indirizzo iniziale. La denominazione del
campo dipende dai dati immessi nei campi "Area dati" e "Indirizzamento", ad es. "DW" per
l'area dati "DB" e per l'indirizzamento "Parola".
9. Chiudere tutte le finestre di dialogo aperte con i pulsanti di comando "OK".

174

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

S5 PROFIBUS FDL
8.5 Funzioni speciali

8.5.3

Progettazione dei tipi di comunicazione

8.5.3.1

Progettazione dei tipi di comunicazione

Introduzione
Un collegamento FDL pu essere progettato in modo che WinCC si presenti come partner
attivo o passivo.
Se WinCC viene progettato come partner attivo, sar la stazione WinCC a richiedere i valori.
Se WinCC viene progettato come partner passivo, la trasmissione dei valori alla stazione
WinCC viene inizializzata dal PLC.

8.5.3.2

Progettazione di una trasmissione di dati attiva

Introduzione
Nel presente paragrafo verr progettata una trasmissione di dati attiva sull'area di indirizzo nel
PLC.
Nota
Per la progettazione di pi collegamenti si dovr badare al fatto che un SAP pu essere
assegnato soltanto una volta.

Presupposti
1. Il canale "SIMATIC S5 Profibus FDL" deve essere integrato nel progetto.
2. Nell'unit di canale "FDL (CP5412/A2-1)" deve essere creato un collegamento.
3. Gli indirizzi SAP assegnati dal PLC devono essere noti.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

175

S5 PROFIBUS FDL
8.5 Funzioni speciali

Procedimento
1. Nel menu di scelta rapida del collegamento selezionare la voce "Propriet". Si apre la
finestra di dialogo "Propriet di collegamento".

2. Aprire tramite il pulsante di comando "Propriet" la finestra di dialogo "Parametri di


collegamento".

3. Nel campo "Indirizzo di stazione PLC" sulla scheda "Collegamento" inserire l'indirizzo di
stazione del PLC.
4. Nell'area "Funzione READ" devono essere effettuate le seguenti impostazioni:
5. Attivare l'opzione "OS attiva, WinCC partner attivo".
6. Immettere nel campo "SAP propria" l'ID SAP della stazione WinCC.
7. Immettere nel campo "SAP di terzi" l'ID SAP del PLC.
8. Nell'area "Funzione WRITE" devono essere effettuate le seguenti impostazioni:
9. Immettere nel campo "SAP propria" l'ID SAP della stazione WinCC.

176

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

S5 PROFIBUS FDL
8.5 Funzioni speciali
10.Immettere nel campo "SAP di terzi" l'ID SAP del PLC.
11.Chiudere tutte le finestre di dialogo aperte con i pulsanti di comando "OK".

8.5.3.3

Progettazione di una trasmissione di dati passiva

Introduzione
Nel presente paragrafo verr progettata una trasmissione di dati passiva sull'area di indirizzo
nel PLC.
Nota
Per la progettazione di pi collegamenti si dovr badare al fatto che un SAP pu essere
assegnato soltanto una volta.

Presupposti
1. Il canale "SIMATIC S5 Profibus FDL" deve essere integrato nel progetto.
2. Nell'unit di canale "FDL (CP5412/A2-1)" deve essere creato un collegamento.
3. Gli indirizzi SAP assegnati dal sistema di automazione devono essere noti.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

177

S5 PROFIBUS FDL
8.5 Funzioni speciali

Procedimento
1. Nel menu di scelta rapida del collegamento selezionare la voce "Propriet". Si apre la
finestra di dialogo "Propriet di collegamento".

2. Aprire tramite il pulsante di comando "Propriet" la finestra di dialogo "Parametri di


collegamento".

3. Nel campo "Indirizzo di stazione PLC" sulla scheda "Collegamento" inserire l'indirizzo di
stazione del PLC.
4. Nell'area "Funzione READ" devono essere effettuate le seguenti impostazioni:
5. Attivare l'opzione "OS passiva, WinCC partner passivo".
6. Immettere nel campo "SAP propria" l'ID SAP della stazione WinCC.
7. Immettere nel campo "SAP di terzi" l'ID SAP del PLC.
8. Nell'area "Funzione WRITE" devono essere effettuate le seguenti impostazioni:
9. Immettere nel campo "SAP propria" l'ID SAP della stazione WinCC.

178

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

S5 PROFIBUS FDL
8.5 Funzioni speciali
10.Immettere nel campo "SAP di terzi" l'ID SAP del PLC.
11.Chiudere tutte le finestre di dialogo aperte con i pulsanti di comando "OK".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

179

S5 PROFIBUS FDL
8.6 Esempio di progettazione del canale "SIMATIC S5 Profibus FDL"

8.6

Esempio di progettazione del canale "SIMATIC S5 Profibus FDL"

8.6.1

Esempio di progettazione del canale "SIMATIC S5 Profibus FDL"

Introduzione
Nell'esempio che segue l'utente progetter un campo I/O nel Graphics Designer ed assegner
i valori richiesti ai blocchi di comunicazione nel sistema di automazione.

8.6.2

Progettazione dei blocchi di comunicazione nel sistema di automazione

Introduzione
Nel presente capitolo l'utente progetter i blocchi funzionali standard OB 21 (L2ANLAUF)
nonch OB 1 (L2SNDRCV) nel sistema di automazione.
Per l'accoppiamento SIMATIC S5 attraverso PROFIBUS FDL, il traffico di dati gestito per
default attraverso i seguenti blocchi.
All'interno dell'esempio sono utilizzati i seguenti numeri SAP:
WinCC

Controllore programmabile (PLC)

Numero SAP per la funzione READ 12

11

Numero SAP per la funzione


WRITE

Blocchi
Funzione

Blocco

Per l'avviamento OB 20, 21, 22

FB-L2ANLAUF (FB 9)

Per l'esercizio ciclico OB 1

FB-L2SNDRCV (FB 10)

Come blocchi dati di lavoro interni per entrambi i


blocchi funzionali (FB)

DB-L2DBVC3 (DB 10)


DB-L2DBVC4 (DB 11)
DB-L2DBVC5 (DB 12)

Blocchi di avviamento
Nei blocchi di avviamento sono specificati i parametri di comunicazione, sono connessi i
blocchi dati di lavoro ed sincronizzato il processore di comunicazione. Queste operazioni
sono eseguite ad es. attraverso il richiamo del blocco funzionale FB9 L2ANLAUF.

180

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

S5 PROFIBUS FDL
8.6 Esempio di progettazione del canale "SIMATIC S5 Profibus FDL"

Blocco ciclico
Nel FB ciclico viene gestito il traffico di telegrammi. Telegrammi ricevuti sono inseriti nei blocchi
dati di destinazione. Nel caso del verificarsi di un errore, il telegramma viene annullato e viene
generata una segnalazione di errore. I telegrammi da inviare sono specificati dall'utente
analogicamente ai blocchi di comunicazione standard. A trasmissione conclusa avviene la
segnalazione di risposta.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

181

S5 PROFIBUS FDL
8.6 Esempio di progettazione del canale "SIMATIC S5 Profibus FDL"

Presupposti
Nel sistema di automazione devono essere disponibili i blocchi di comunicazione
SYNCHRON, CONTROL, SEND e RECEIVE.

Procedimento
1. La generazione di un blocco di avviamento (OB 20, 21, 22) con il software STEP5 avviene
"Blocco STEP5"
"nel file di programma".
per mezzo dell'opzione di menu "Editor"
Come nome del blocco programma nell'esempio viene utilizzato "L2ANLAUF".
2. Devono essere preimpostati i seguenti parametri:
Numero d'interfaccia (SSNR) del CP (ad es. del CP5431)
Indirizzo PROFIBUS (RADR) del processore di comunicazione CP 5613 nel computer
WinCC. Questo numero deve essere esclusivo nell'intera rete.
Parametri di collegamento dei tipi di ordine utilizzati, questi sono ad es. i parametri RVC4
(per la scrittura) nonch RVC5 (per la lettura), che indicano gli indirizzi SAP della
stazione WinCC. Questi SAP sono specificati alla creazione del collegamento in WinCC.
Numeri d'ordine (ANR4 e ANR5) impostati per il processore di comunicazione durante
la progettazione dei collegamenti FDL.
Numeri dei blocchi dati di lavoro, DBX4 (per la scrittura) e DBX5 (per la lettura)

3. La generazione di un blocco OB 1 (esercizio ciclico) con il software STEP5 avviene per


mezzo dell'opzione di menu "Editor"
"Blocco STEP5"
"nel file di programma".
Come nome del blocco programma nell'esempio viene utilizzato "L2SNDRCV".

182

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

S5 PROFIBUS FDL
8.6 Esempio di progettazione del canale "SIMATIC S5 Profibus FDL"
4. La comunicazione con WinCC avviene ad es. attraverso il processore di comunicazione
CP5431 ed il blocco funzionale FB10 L2SNDRCV. Quando WinCC deve inviare e
richiedere dati, a tale scopo vanno specificati solo due parametri di trasferimento rilevanti.
Questi sono i parametri DBX4 (per la scrittura) nonch DBX5 (per la lettura) che indicano
i numeri dei due blocchi dati di lavoro del tipi di ordine utilizzati. Questi SAP sono specificati
alla creazione del collegamento in WinCC.

5. Caricamento del programma STEP5 nel controllore programmabile.


Con il software STEP5 ci avviene attraverso l'opzione di menu "Oggetto"
"Blocchi"
"Trasferisci"
"File-PLC". Nel campo "Selezione" selezionare l'opzione "tutti i
blocchi" per caricare tutti i blocchi precedentemente creati nel sistema di automazione.

8.6.3

Progettazione di un campo I/O

Introduzione
Nel presente paragrafo l'utente progetter un campo I/O.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

183

S5 PROFIBUS FDL
8.6 Esempio di progettazione del canale "SIMATIC S5 Profibus FDL"

Presupposti
Il canale "SIMATIC S5 Profibus FDL" deve essere integrato nel progetto.

Procedimento
1. Selezionare nel menu di scelta rapida dell'unit di canale "FDL (CP5412/A2-1)" l'opzione
"Nuovo collegamento" e creare un collegamento con il nome "TestFDL".
2. Il pulsante di comando "Propriet" permette di configurare i parametri di collegamento.
Nel campo "Indirizzo di stazione PLC" immettere l'indirizzo di stazione del sistema di
automazione.
Un collegamento FDL pu essere progettato in modo che WinCC si presenti come partner
attivo o passivo. Se WinCC viene progettato come partner attivo, sar la stazione WinCC
a richiedere i valori. Se WinCC viene progettato come partner passivo, la trasmissione dei
valori alla stazione WinCC viene inizializzata dal sistema di automazione.
Chiudere tutte le finestre di dialogo aperte con i pulsanti di comando "OK".
3. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento la voce "Nuova variabile". Si apre
la finestra di dialogo "Propriet della variabile".

4. Nel campo "Nome" specificare il nome della variabile "FDLWord1_Test". Impostare nel
campo "Tipo di dati" il tipo di dati "Valore a 16 bit senza segno".

184

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

S5 PROFIBUS FDL
8.6 Esempio di progettazione del canale "SIMATIC S5 Profibus FDL"
5. Aprire mediante il pulsante di comando "Seleziona" la finestra di dialogo "Propriet
indirizzo". Impostare nel campo "Area dati" in quale area dati del PLC si trovano i dati. Se
attivata l'area dati "DB" immettere nel campo attivato "N DB" il numero del blocco dati.
Immettere nel campo "DW" l'indirizzo di byte.

6. Chiudere le finestre di dialogo aperte con i pulsanti di comando "OK".


7. All'interno del Graphics Designer l'oggetto Smart "Campo I/O" deve essere integrato in una
pagina.
8. Collegare il "Campo I/O" con una variabile progettata.
9. Attivare il progetto azionando il tasto "Attiva runtime" sulla barra degli strumenti oppure
tramite la voce "Attiva runtime" nel menu "File". In runtime tutti i cambiamenti della variabile
progettata sono visualizzati nel "Campo I/O".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

185

S5 Programmers Port AS511


9.1

Canale WinCC "SIMATIC S5 Programmers Port AS511"

Premessa
Il driver di comunicazione "SIMATIC S5 Programmers Port AS511" viene utilizzato per la
connessione seriale attraverso un'interfaccia TTY verso il sistema di automazione SIMATIC
S5.
Il presente capitolo illustra
la progettazione della trasmissione dati con il canale "SIMATIC S5 Programmers Port
AS511".
la progettazione di un collegamento e di una variabile.

Unit di canale
Il driver di comunicazione dotato di un'unit di canale, per poter utilizzare una porta COM
per la connessione seriale.
Esiste la seguente possibilit di applicazione:
unit di canale S5-AS511 per la comunicazione seriale attraverso un protocollo "specifico
Siemens".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

187

S5 Programmers Port AS511


9.2 Tipo di dati della variabile

9.2

Tipo di dati della variabile

Premessa
Per un collegamento logico vengono definite le variabili richieste. Dal punto di vista WinCC si
potr accedere ai seguenti tipi di dati:
Variabile binaria
Valore a 8 bit senza segno
Valore a 8 bit con segno
Valore a 16 bit senza segno
Valore a 16 bit con segno
Valore a 32 bit senza segno
Valore a 32 bit con segno
Numero in virgola mobile a 32 bit IEEE 754
Variabile di testo set di caratteri 8 bit
Tipo di dati grezzi

188

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

S5 Programmers Port AS511


9.3 Progettazione del canale

9.3

Progettazione del canale

9.3.1

Progettazione del canale "SIMATIC S5 Programmers Port AS511"

Premessa
Per progettare il canale "SIMATIC S5 Programmers Port AS511" sono richieste le operazioni
seguenti:
Progettazione di un collegamento
Progettazione delle variabili

9.3.2

Progettazione della connessione

Premessa
L'allacciamento di processo attraverso la connessione seriale possibile con il sistema di
automazione SIMATIC S5. Nel sistema di automazione viene utilizzato il processore di
comunicazione AS 511.
In WinCC non richiesto un gruppo di comunicazione supplementare. La comunicazione viene
realizzata o attraverso l'interfaccia TTY di un PG 760 oppure attraverso una delle porte COM
esistenti nel sistema. In questo caso richiesto inoltre un convertitore di interfaccia V.24/V.28
<---> TTY supplementare.
Per la connessione seriale consentita una velocit di trasmissione fino a 19200 Baud.
Con la seguente procedura possibile assegnare una delle interfacce seriali del PC ai driver
AS511-NT.
Nota
Durante la comunicazione tra WinCC e un sistema di automazione S5 attraverso il canale
"AS511", in AS non possono essere trasmessi, creati o cancellati alcuni blocchi di dati. Non
neanche consentito comprimere la memoria dell'S5. Questa limitazione risulta
dall'indirizzamento assoluto della memoria in S5. Qualora fossero richieste delle modifiche,
occorre separare la connessione da WinCC.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

189

S5 Programmers Port AS511


9.3 Progettazione del canale

Procedimento
1. Selezionare nell'unit di canale "S5-AS511" il collegamento ed aprire, attraverso l'opzione
di menu "Propriet" nel menu di scelta rapida, la finestra di dialogo "Propriet
collegamento".
2. Fare clic sul pulsante di comando "Propriet". Si apre la finestra di dialogo "Parametri di
collegamento".

3. Selezionare nel campo "Interfaccia" la connessione per l'accoppiamento seriale.

190

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

S5 Programmers Port AS511


9.3 Progettazione del canale

9.3.3

Progettazione delle variabili

9.3.3.1

Progettazione delle variabili

Premessa
In un accoppiamento tra WinCC e l'AS attraverso il canale "SIMATIC S5 Programmers Port
AS511" possibile creare variabili di diversi tipi di dati all'interno di WinCC. Ci viene descritto
dettagliatamente al paragrafo seguente.
Nota
Gli indirizzi delle variabili vengono sottoposti ad un controllo di plausibilit in WinCC. Se si
utilizza un indirizzo, non esistente in AS, verr settato lo stato "Errore di indirizzamento".
Nel blocco dati DB o DX possibile accedere in scrittura e in lettura solo fino all'indirizzo 255.
I tempi non possono essere descritti.

9.3.3.2

Progettazione dell'indirizzo di una variabile

Premessa
L'indirizzo della variabile viene immesso in conformit alla struttura di indirizzo SIMATIC S5.

Procedimento
1. Selezionare la variabile e aprire quindi attraverso il menu a discesa rapida la finestra di
dialogo "Propriet".
2. Sulla scheda "Generale" selezionare il tipo di dati desiderato (ad es. valore a 8 bit con
segno).
3. Fare clic sul pulsante di comando "Seleziona". Si apre la finestra di dialogo "Propriet
indirizzo".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

191

S5 Programmers Port AS511


9.3 Progettazione del canale
4. Selezionare la scheda "SYSVAR".

5. Definire con un clic su un campo di selezione se la variabile deve trasmettere il tipo di


controllore ("Tipo PLC"), lo stato attuale ("Stato PLC") o altri dati ("Dati PLC").

192

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

S5 Programmers Port AS511


9.3 Progettazione del canale
6. Solo dopo aver selezionato "Dati PLC", successivamente occorre cliccare la scheda
"Indirizzo", per definire l'indirizzo S5 delle variabili.

7. Selezionare nel campo "Area dati", se la variabile si trova in un blocco dati, in un blocco
dati ampliato, in un campo di registro, in un campo di immissione o uscita.
8. Se la variabile si trova in un blocco dati, viene indicato anche il campo "N DB". Inserire
qui il numero del blocco dati.
9. Nel campo "Indirizzamento" viene specificato il tipo di indirizzamento. Normalmente
possibile applicare l'assegnazione preliminare.
10.Digitare l'indirizzo nel rispettivo campo (p. es. "DW").
L'accesso ad aree di memoria nel PLC spesso pu avvenire solo in byte o a parole. Per le
variabili binarie e a "8 bit", oltre al dialogo "Propriet indirizzo", si apre la finestra di dialogo
"Variabile Bit/Byte", che permette di modificare singoli bit nella memoria del PLC. Ad ogni

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

193

S5 Programmers Port AS511


9.3 Progettazione del canale
ordine di scrittura viene letto dalla memoria del PLC l'area di memoria indirizzata e vengono
modificati i rispettivi bit o byte. Poi l'area dati viene nuovamente riscritta nel PLC.
Nota
Le modifiche che sono state effettuate dal PLC in un campo di dati letto, vengono trascritte
in caso di una ri-scrittura del campo dati.
Dipendentemente dal tipo di variabile possibile accedere alla memoria del PLC o a bit
oppure a byte.
Gli indirizzi delle variabili vengono sottoposti ad un controllo di plausibilit in WinCC. Se si
utilizza un indirizzo, non esistente in AS, verr settato lo stato "Errore di indirizzamento".
Nel blocco dati DB o DX possibile accedere in scrittura e in lettura solo fino all'indirizzo 255.
I tempi non possono essere descritti.

9.3.3.3

Come progettare una variabile con accesso di bit per bit

Procedimento
1. Selezionare la variabile e aprire quindi attraverso il menu a discesa rapida la finestra di
dialogo "Propriet".
2. Selezionare nella scheda "Generalit" il tipo di dati "Variabile binaria".
3. Fare clic sul pulsante di comando "Seleziona". Si apre la finestra di dialogo "Variabile Bit/
Byte".

194

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

S5 Programmers Port AS511


9.3 Progettazione del canale
4. Attivare la casellina di controllo "Accesso a un bit" e specificare quindi l'indirizzamento del
bit.

5. Fare clic sul pulsante di comando "Seleziona". Si apre la finestra di dialogo "Propriet
indirizzo".
6. Selezionare nel campo di selezione il tipo di indirizzamento della memoria PLC.
7. Selezionare nel campo di selezione il numero del bit da modificare.

9.3.3.4

Come progettare una variabile con accesso di byte a byte

Procedimento
1. Selezionare la variabile e aprire quindi attraverso il menu a discesa rapida la finestra di
dialogo "Propriet".
2. Selezionare nella scheda "Generalit" il tipo di dati "Valore a 8 bit senza segno" oppure
"Valore a 8 bit con segno".
3. Fare clic sul pulsante di comando "Seleziona". Si apre la finestra di dialogo "Variabile Bit/
Byte".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

195

S5 Programmers Port AS511


9.3 Progettazione del canale
4. Attivare la casellina di controllo "Accesso a un byte" e specificare quindi l'indirizzamento
del byte.

5. Fare clic sul pulsante di comando "Seleziona". Si apre la finestra di dialogo "Propriet
indirizzo".
6. Selezionare nel campo di selezione il tipo di indirizzamento della memoria PLC.
7. Selezionare nel campo di selezione il numero del byte da modificare.

196

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

S5 Serial 3964R
10.1

10

Canale WinCC "SIMATIC S5 Serial 3964R"

Premessa
Il driver di comunicazione "SIMATIC S5 Serial 3964R" viene utilizzato per l'accoppiamento tra
una stazione WinCC ed un sistema di automazione SIMATIC S5.
Il presente capitolo illustra

la progettazione della trasmissione dati con il canale "SIMATIC S5 Serial 3964R".

la progettazione di un collegamento e di una variabile.

Unit di canale
Il driver di comunicazione dotato di un'unit di canale, per poter utilizzare una interfaccia
COM per la connessione seriale.
Esiste la seguente possibilit di applicazione:
unit di canale S5-RK512 (3964R) per la comunicazione seriale attraverso il protocollo
3964R o 3964.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

197

S5 Serial 3964R
10.2 Tipo di dati della variabile

10.2

Tipo di dati della variabile

Premessa
Per un collegamento logico vengono definite le variabili richieste. Dal punto di vista WinCC si
potr accedere ai seguenti tipi di dati:
Variabile binaria
Valore a 8 bit senza segno
Valore a 8 bit con segno
Valore a 16 bit senza segno
Valore a 16 bit con segno
Valore a 32 bit senza segno
Valore a 32 bit con segno
Numero in virgola mobile a 32 bit IEEE 754
Variabile di testo set di caratteri 8 bit
Tipo di dati grezzi

198

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

S5 Serial 3964R
10.3 Progettazione del canale

10.3

Progettazione del canale

10.3.1

Progettazione del canale "SIMATIC S5 Serial 3964R"

Premessa
Per progettare il canale "SIMATIC S5 Serial 3964R" sono richieste le operazioni seguenti.

10.3.2

Progettazione della connessione

Premessa
L'allacciamento di processo attraverso la connessione seriale possibile con il sistema di
automazione SIMATIC S5. Nel sistema di automazione viene utilizzato il processore di
comunicazione CP 544 oppure una seconda interfaccia seriale innestabile sul gruppo CPU
(vano i moduli SI2).
In WinCC non richiesto un gruppo di comunicazione supplementare. La comunicazione viene
realizzata attraverso interfacce COM disponibili come standard nel sistema.
Per la connessione seriale consentita una velocit di trasmissione fino a 19200 Baud.
Nota
In una trasmissione attiva di SIMATIC S5 con il tipo d'ordine "Pseudowrite" la lunghezza del
telegramma non deve superare 64 parole.

Procedimento
1. Selezionare il collegamento ed aprire, attraverso l'opzione di menu "Propriet" nel menu
di scelta rapida, la finestra di dialogo "Propriet collegamento".
2. Fare clic sul pulsante di comando "Propriet". Si apre la finestra di dialogo "Parametri di
collegamento".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

199

S5 Serial 3964R
10.3 Progettazione del canale
3. Selezionare la scheda Seriale 3964R.

4. Selezionare nel campo "Interfaccia" l'interfaccia di comunicazione (COM1 o COM2) per


l'accoppiamento seriale.
5. Impostare la velocit di trasferimento dei dati nel campo "Baudrate" della finestra "Parametri
di procedura" al valore utilizzato. La priorit in caso di un conflitto di inizializzazione
(contemporanea richiesta di trasmissione di WinCC e del sistema di automazione) viene
impostata nel campo "Priorit".
La priorit deve assolutamente essere impostata con un valore diverso da quello di
SIMATIC S5.
6. Nel campo "Dati di procedura" selezionare il protocollo di trasmissione "3964" oppure
"3964R". I valori standard dei dati di procedura (quali ad esempio ritardo di riconoscimento,
ritardo caratteri, ecc.) dovrebbero essere modificati solo in casi eccezionali. A tal fine
necessario accertarsi che corrispondano con i parametri nel sistema di automazione.

200

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

S5 Serial 3964R
10.3 Progettazione del canale
7. Selezionare la scheda Opzioni.

8. Nella scheda Opzioni possibile disattivare il controllo lifebeat e sopprimere la formazione


di collegamento automatica.

10.3.3

Progettazione delle variabili

10.3.3.1

Progettazione delle variabili

Premessa
In un accoppiamento tra WinCC e l'AS attraverso il canale "SIMATIC S5 Serial 3964R"
possibile creare variabili di diversi tipi di dati binari e byte all'interno di WinCC. In seguito si
descrive come progettare una variabile di questo tipo di dati.

10.3.3.2

Progettazione dell'indirizzo delle variabili

Premessa
L'indirizzo della variabile viene immesso in conformit alla struttura di indirizzo SIMATIC S5.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

201

S5 Serial 3964R
10.3 Progettazione del canale

Procedimento
1. Selezionare la variabile e aprire quindi attraverso il menu a discesa rapida la finestra di
dialogo "Propriet".
2. Sulla scheda "Generale" selezionare il tipo di dati desiderato (ad es. valore a 8 bit con
segno).
3. Fare clic sul pulsante di comando "Seleziona". Si apre la finestra di dialogo "Propriet
indirizzo".

4. Selezionare nel campo "Area dati", se la variabile si trova in un blocco dati, in un blocco
dati ampliato, in un campo di registro, in un campo di immissione o uscita.
5. Se la variabile si trova in un blocco dati, viene indicato anche il campo "N DB". Inserire
qui il numero del blocco dati.
6. Nel campo "Indirizzamento" viene specificato il tipo di indirizzamento. Normalmente
possibile applicare l'assegnazione preliminare.
7. Digitare l'indirizzo nel rispettivo campo (p. es. "DL").

202

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

S5 Serial 3964R
10.3 Progettazione del canale

Nota
possibile accedere solo in lettura ai campi di indirizzamento ingressi, uscite, tempi e
contatori. possibile accedere in lettura e scrittura ai blocchi dati (DB, DX).
Non utilizzare indirizzi di parole dati pi grandi di 255. A causa di una propriet del sistema
RK 512 sono consentiti solo indirizzi di parole dati da 0 fino a 255.
s possibile progettare indirizzi pi grandi, tuttavia, hanno la conseguenza di falsificazioni
dei dati su tutte le variabili progettate in questa connessione.

L'accesso ad aree di memoria nel PLC spesso pu avvenire solo in byte o a parole. Per le
variabili binarie e a "8 bit", oltre al dialogo "Propriet indirizzo", si apre la finestra di dialogo
"Variabile Bit/Byte", che permette di modificare singoli bit nella memoria del PLC. Ad ogni
ordine di scrittura viene letto dalla memoria del PLC l'area di memoria indirizzata e vengono
modificati i rispettivi bit o byte. Poi l'area dati viene nuovamente riscritta nel PLC.
Nota
Le modifiche che sono state effettuate dal PLC in un campo di dati letto, vengono trascritte
in caso di una ri-scrittura del campo dati.
Dipendentemente dal tipo di variabile possibile accedere alla memoria del PLC o a bit oppure
a byte.

10.3.3.3

Come progettare una variabile con accesso di bit per bit

Procedimento
1. Selezionare la variabile e aprire quindi attraverso il menu a discesa rapida la finestra di
dialogo "Propriet".
2. Selezionare nella scheda "Generalit" il tipo di dati "Variabile binaria".
3. Fare clic sul pulsante di comando "Seleziona". Si apre la finestra di dialogo "Variabile Bit/
Byte".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

203

S5 Serial 3964R
10.3 Progettazione del canale
4. Attivare la casellina di controllo "Accesso a un bit" e specificare quindi l'indirizzamento del
bit.

5. Fare clic sul pulsante di comando "Seleziona". Si apre la finestra di dialogo "Propriet
indirizzo".
6. Selezionare nel campo di selezione il tipo di indirizzamento della memoria PLC.
7. Selezionare nel campo di selezione il numero del bit da modificare.

Nota
Nel caso di S5 i marker, ingressi e uscite sono indirizzabili a byte, mentre i blocchi dati (DB,
DX) a parole.
possibile accedere ai campi di indirizzamento ingressi, uscite, tempi e contatori solo in
lettura. possibile accedere in lettura e scrittura ai blocchi dati (DB, DX).

204

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

S5 Serial 3964R
10.3 Progettazione del canale

10.3.3.4

Come progettare una variabile con accesso di byte a byte

Procedimento
1. Selezionare la variabile e aprire quindi attraverso il menu a discesa rapida la finestra di
dialogo "Propriet".
2. Selezionare nella scheda "Generalit" il tipo di dati "Valore a 8 bit senza segno" oppure
"Valore a 8 bit con segno".
3. Fare clic sul pulsante di comando "Seleziona". Si apre la finestra di dialogo "Variabile Bit/
Byte".
4. Attivare la casellina di controllo "Accesso a un byte" e specificare quindi l'indirizzamento
del byte.

5. Fare clic sul pulsante di comando "Seleziona". Si apre la finestra di dialogo "Propriet
indirizzo".
6. Selezionare nel campo di selezione il tipo di indirizzamento della memoria PLC.
7. Selezionare nel campo di selezione il numero del byte da modificare.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

205

S5 Serial 3964R
10.3 Progettazione del canale

Nota
Nel caso di S5 i marker, ingressi e uscite sono indirizzabili a byte, mentre i blocchi dati (DB,
DX) a parole.
possibile accedere ai campi di indirizzamento ingressi, uscite, tempi e contatori solo in
lettura. possibile accedere in lettura e scrittura ai blocchi dati (DB, DX).

206

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.1

11

Canale "SIMATIC S7 Protocol Suite"

Indice del contenuto


Il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" serve per la comunicazione tra una stazione WinCC ed
i controllori programmabili di SIMATIC S7. La comunicazione pu avvenire attraverso diversi
tipi di rete e di protocolli.
Il presente capitolo mostra le modalit per
come progettare il canale, i diversi collegamenti e le variabili
come creare un progetto di esempio
come utilizzare le funzioni speciali del canale quali la funzione AR_SEND, variabili di dati
grezzi e ridondanza software

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

207

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.2 Canale WinCC "SIMATIC S7 Protocol Suite"

11.2

Canale WinCC "SIMATIC S7 Protocol Suite"

Modalit di funzionamento
Il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" viene impiegato per l'accoppiamento con i controllori
programmabili SIMATIC S7-300 e SIMATIC S7-400.
A seconda dell'hardware di comunicazione in dotazione sono disponibili le seguenti possibilit
di accoppiamento tramite le seguenti unit di canale:
Industrial Ethernet ed Industrial Ethernet (II): per la comunicazione tramite un processore
di comunicazione (ad. es., CP 1612; CP1613) con SIMATIC NET Industrial Ethernet.
MPI: per la comunicazione tramite l'interfaccia interna MPI di un dispositivo di
programmazione (ad es. PG 760/PC RI45), tramite un processore di comunicazione MPI
o un modulo di comunicazione (ad es. CP 5511, CP 5613).
Named Connections: serve per la comunicazione con STEP 7 mediante un collegamento
simbolico. Questi collegamenti simbolici vengono progettati per mezzo di STEP 7 e sono
necessari, p. es., per una comunicazione a prova di guasto con il PLC S7-400 in
collegamento con la ridondanza in sistemi ad alta frequenza.
PROFIBUS e PROFIBUS (II): per la comunicazione tramite un processore di
comunicazione (ad. es. CP 5613) con SIMATIC NET PROFIBUS.
Slot PLC: per la comunicazione con uno slot PLC, (ad. es., WinAC Pro) montato
direttamente nel computer WinCC come scheda PC.
Slot PLC: per la comunicazione con un software PLC, (ad. es., WinAC Basis) installato
direttamente nel computer WinCC come applicazione.
TCP/IP: per la comunicazione in rete tramite il protocollo TCP/IP.
Per ulteriori informazioni relative alla diagnostica di canale e variabili consultare la voce
"Diagnostica della comunicazione".

Informazioni dettagliate su come procedere


Communication Manual: qui si trovano ulteriori informazioni con esempi esaurienti per la
progettazione dei canali. Questo manuale scaricabile al sito "www.siemens.com/automation/
csi_de_WW/product".
Nel campo di immissione in alto a destra inserire il numero di ordinazione
"6AV6392-1CA06-0AA0" del Communication Manual: Fare clic sul pulsante "Trova" per
avviare la ricerca del manuale.

Vedere anche
Variabili interne specifiche del collegamento della ridondanza software (Pagina 288)
Progettazione del canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" (Pagina 214)
Panoramica dei tipi di dati supportati (Pagina 213)
Selezione delle unit di canale (Pagina 209)
Diagnostica di canali e variabili (Pagina 377)

208

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.3 Selezione delle unit di canale

11.3

Selezione delle unit di canale

Premessa
Per creare un collegamento in trasmissione dati deve venire effettuata per una rete esistente
o progettata una selezione di:
un'unit di canale del canale
un processore di comunicazione idoneo per la stazione WinCC
un modulo di comunicazione idoneo per un dato controllore programmabile
Il presente paragrafo fornisce una panoramica sulle diverse possibilit di variazione.
Per WinCC sono a disposizione due tipi diversi di processori di comunicazione:
I processori di comunicazione per il cosiddetto Hardnet. Sono dotati di microprocessori
propri e alleviano il carico della CPU del computer. possibile far funzionare
simultaneamente due protocolli (servizio multiprotocollo).
I processori di comunicazione per il cosiddetto Softnet. Questi non dispongono di
microprocessori propri. Pu venire fatto funzionare solo un protocollo alla volta (servizio
monoprotocollo).

Assegnazione dell'unit di canale


La seguente tabella indica come sono coordinate le unit di canale del canale "SIMATIC S7
Protocol Suite" con la rete ed il controllore programmabile.
un'unit di canale
del canale

Rete di comunicazione

Controllore programmabile
(PLC)

MPI

MPI

S7-300 e S7-400

PROFIBUS + PROFIBUS (II)

PROFIBUS

S7-300 e S7-400

Industrial Ethernet + Industrial


Ethernet (II):

Industrial Ethernet

S7-300 e S7-400

TCP/IP

Industrial Ethernet
con TCP/IP

S7-300 e S7-400

Named Connections

Industrial Ethernet o
PROFIBUS

Sistemi ad alta frequenza S7-400

Slot PLC

"Bus soft K" (interno)

Interno al PC

Soft PLC

"Bus soft K" (interno)

Interno al PC

MPI
Per la comunicazione con i controllori programmabili S7-300 e S7-400 tramite MPI a
disposizione nel canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" l'unit di canale "MPI".
La rete MPI corrisponde sostanzialmente alla rete PROFIBUS con parametri predefiniti e
limitazioni relative al numero di utenti che vi possono partecipare nonch alla velocit di
trasferimento. Nella comunicazione tramite MPI vengono utilizzati gli stessi processori e moduli

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

209

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.3 Selezione delle unit di canale
di comunicazione che vengono impiegati per la rete PROFIBUS. Vengono utilizzati anche gli
stessi protocolli di comunicazione.
Collegamenti per la comunicazione dei controllori programmabili
La comunicazione dei controllori programmabili S7-300 o S7-400 tramite una rete MPI pu
effettuarsi a mezzo dell'interfaccia MPI interna del PLC o a mezzo di un modulo di
comunicazione idoneo. La tabella indica i componenti consigliati.
System

CPU o modulo di comunicazione (consigliati)

S7-300

CPU 31x
CP 342-5
CP 343-5

S7-400

CPU 41x
CP 443-5 est.
CP 443-5 Basic

Processori di comunicazione per WinCC


La seguente tabella indica dei processori di comunicazione consigliati per collegare una
stazione WinCC con la rete MPI. Per ogni computer WinCC pu venire impiegato solo un
processore di comunicazione per la comunicazione MPI. Ogni scheda comprende anche il
software per il driver idoneo per il rispettivo protocollo di comunicazione.
Processore di comunicazione (WinCC)

Struttura/Tipo

CP 5613

Scheda PCI/ Hardnet

CP 5511

Scheda PCMCIA/ Softnet

CP 5611

Scheda PCI/ Softnet

PROFIBUS
Per la comunicazione con i controllori programmabili S7-300 e S7-400 tramite il PROFIBUS
sono a disposizione nel canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" le unit di canale "PROFIBUS"
e "PROFIBUS II".
Le unit di canale supportano la comunicazione tramite moduli Hardnet e Softnet

Collegamenti per la comunicazione dei controllori programmabili


La comunicazione dei controllori programmabili S7-300 o S7-400 tramite una rete PROFIBUS
pu effettuarsi a mezzo dell'interfaccia interna del PLC o a mezzo di un modulo di
comunicazione. La tabella indica i componenti consigliati.

210

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.3 Selezione delle unit di canale
System

CPU o modulo di comunicazione

S7-300

CPU 31x
CP 342-5
CP 343-5

S7-400

CPU 41x
CP 443-5 est.
CP 443-5 Basic

Processori di comunicazione per WinCC


La seguente tabella indica dei processori di comunicazione consigliati per collegare una
stazione WinCC con il PROFIBUS. Le unit di canale "PROFIBUS" supportano la
comunicazione tramite schede Hardnet e Softnet. In una stazione WinCC possibile utilizzare
da uno a due di questi moduli. Ogni processore di comunicazione comprende anche il software
per il driver idoneo per il rispettivo protocollo di comunicazione.
Processore di comunicazione (WinCC) Struttura/Tipo
CP 5613

Scheda PCI/ Hardnet

CP 5511

Scheda PCMCIA/ Softnet

CP 5611

Scheda PCI/ Softnet

Industrial Ethernet e TCP/IP


In WinCC nel canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" sono a disposizione diverse unit di canale
per la comunicazione tramite Industrial Ethernet:
Unit di canale "Industrial Ethernet" e "Industrial Ethernet (II)" per protocollo "ISO" con
funzioni S7
Unit di canale "TCP/IP" per protocollo "ISO-on-TCP" con funzioni S7
Le unit di canale supportano la comunicazione tramite moduli Hardnet e Softnet.

Moduli per apparecchiature programmabili


Per la comunicazione dei controllori programmabili S7-300 o S7-400 tramite un Industrial
Ethernet con protocollo "ISO" o "ISO-on-TCP", questi vengono dotati di un modulo di
comunicazione idoneo. La tabella indica i componenti consigliati.
System

Modulo di comunicazione
per Industrial Ethernet

Modulo di comunicazione
per protocollo TCP/IP

S7-300

CP 343-1

CP 343-1 TCP

S7-400

CP 443-1

CP 443-1 TCP
CP 443-1 IT

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

211

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.3 Selezione delle unit di canale
Processori di comunicazione per WinCC
La comunicazione di una stazione WinCC-Station con l'Industrial Ethernet con protocollo "ISO"
o "ISO-on-TCP" avviene tramite i processori di comunicazioni consigliati, indicati nella tabella.
Ogni processore di comunicazione prevede anche il software per il driver idoneo per il rispettivo
protocollo di comunicazione.

212

Processore di comunicazione (WinCC)

Struttura/Tipo

CP 1612

Scheda PCI/ Softnet

CP 1613

Scheda PCI/ Hardnet

CP 1512

Scheda PCMCIA/ Softnet

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.4 Panoramica dei tipi di dati supportati

11.4

Panoramica dei tipi di dati supportati

Premessa
Nella progettazione di una variabile, il tipo di dati ed il cambio di formato vengono definiti in
base al formato dei dati nel PLC.
La tabella indica i tipi di dati supportati dal canale e l'applicazione dei cambi di formato.

Tipi di dati supportati


Tipi di dati

Cambio di formato

Variabile binaria

no

Valore 8 bit con segno

Valore a 8 bit senza segno

Valore 16 bit con segno

Valore a 16 bit senza segno

Valore 32 bit con segno

Valore a 32 bit senza segno

Numero in virgola mobile 32 bit IEEE 754

Variabile di testo set di caratteri 8 bit

no

Tipo di dati grezzi

no

Per ulteriori informazioni sul cambio di formato consultare il paragrafo "Comunicazione".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

213

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.5 Progettazione del canale

11.5

Progettazione del canale

11.5.1

Progettazione del canale "SIMATIC S7 Protocol Suite"

Premessa
In questo paragrafo viene mostrato come progettare il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite".
1. Installazione del canale
2. Selezione dell'unit di canale
3. Progettazione di un collegamento
4. Progettare una variabile
Progettazione dei parametri di sistema
Per ulteriori informazioni sulla diagnostica del canale, dei collegamenti e delle variabili,
consultare la voce "Diagnostica della comunicazione".

Vedere anche
Parametri di sistema dell'unit di canale (Pagina 238)
Progettazione delle variabili (Pagina 232)
Unit di canale del canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" (Pagina 215)
Diagnostica di canali e variabili (Pagina 377)

11.5.2

Come progettare il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite"

Introduzione
In questo paragrafo viene mostrato come installare il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite".
1. Installazione del canale
2. Selezione dell'unit di canale
3. Creazione di un collegamento
4. Creazione di una variabile
5. Progettazione dei parametri di sistema per un'installazione che si discosta dallo standard
WinCC

214

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.5 Progettazione del canale

Premesse:
Il processore di comunicazione installato.
Il driver del hardware installato.
I cavi di collegamento con il PLC sono stato disposti.

Procedura
1. Selezionare nel menu di scelta rapida della Gestione variabili la voce "Aggiungi nuovo
driver". Si apre una finestra di selezione.
2. Selezionare il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite.chn" e chiudere il dialogo con il pulsante
di comando "OK". Viene ora creato il canale ed il driver del canale e le rispettive unit di
canale vengono visualizzate nella Gestione variabili.
3. Selezionare l'unit di canale desiderata e selezionare nel menu di scelta rapida la voce
"Nuovo collegamento".
4. Inserire nel dialogo "Propriet di collegamento" il nome del collegamento. Chiudere il
dialogo con il pulsante di comando "OK".
5. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento la voce "Nuova variabile". Si apre
la finestra di dialogo "Propriet della variabile".
6. Definire nella scheda Dati generali il nome ed il tipo di dati della variabile.
Come opzione si pu definire nella scheda Limiti/Stampa un valore iniziale ed un valore
sostitutivo per la variabile.
Se si desidera avere una descrizione dettagliata della progettazione delle variabili del
collegamento di una determinata unit di canale, allora si chiuda il dialogo e si prosegua
con il tema "Progettazione delle variabili" all'interno della rispettiva unit di canale.
7. Aprire mediante il pulsante di comando "Seleziona" la Finestra di dialogo "Indirizzo
Propriet". Impostare l'area di indirizzamento dei dati desiderati.
8. Chiudere i dialoghi aperti con il pulsante di comando "OK".
9. Se l'installazione del sistema WinCC e del hardware di comunicazione di dotazione si
discosta dallo standard, allora si dovranno ancora impostare i parametri di sistema sui valori
non predefiniti. Per ulteriori informazioni consultare la voce "Parametri di sistema".

11.5.3

Unit di canale

11.5.3.1

Unit di canale del canale "SIMATIC S7 Protocol Suite"

Premessa
Nei capitoli che seguono viene descritta la progettazione delle unit di canale e di un
collegamento relativo. Sono possibili pi collegamenti all'interno della stessa unit di canale.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

215

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.5 Progettazione del canale

Vedere anche
Unit di canale "TCP/IP" (Pagina 230)
Unit di canale "Soft PLC" (Pagina 228)
Unit di canale "Slot PLC" (Pagina 226)
Unit di canale "PROFIBUS (I + II)" (Pagina 224)
Unit di canale "Named Connections" (Pagina 221)
Unit di canale "MPI" (Pagina 219)
Unit di canale "Industrial Ethernet" + "Industrial Ethernet (II)" (Pagina 216)

11.5.3.2

Unit di canale "Industrial Ethernet (I+II)"

Unit di canale "Industrial Ethernet" + "Industrial Ethernet (II)"


Modalit di funzionamento
L'unit di canale "Industrial Ethernet" serve per l'accoppiamento di WinCC con i controllori
programmabili S7 tramite Industrial Ethernet. La comunicazione possibile tramite i moduli di
comunicazione (CP), per il controllore programmabile S7-300 p. es. tramite CP 343-1, per
S7-400 p. es. tramite CP 443-1.
In WinCC possibile utilizzare diversi processori di comunicazione, ad es., il processore CP
1613. Tramite l'unit di canale "Industrial Ethernet (II)" possibile accedere ad un secondo
processore di comunicazione. Dato che la comunicazione avviene tramite il protocollo di
trasporto "ISO", non necessario progettare il collegamento logico nel database locale.
La funzione e le progettazioni per queste unit di canale sono identiche.

Termini tipici delle unit


processore di comunicazione
Un processore di comunicazione (CP) un modulo tramite il quale avviene la comunicazione
tra il computer WinCC ed una determinata rete.
Protocollo di trasporto "ISO"
Il trasporto ISO uno strato del modello di riferimento ISO-OSI ed offre dei servizi per la
trasmissione di dati tramite collegamenti. Lo strato di trasporto assume funzioni relative al
comando del flusso di dati, alla composizione dei blocchi e all'acquisizione.
Il protocollo definisce la struttura per quanto concerne il contenuto del traffico di dati sulla linea
fisica. Definisce fra l'altro il tipo di funzionamento, la procedura per stabilire il collegamento, il
salvataggio dei dati o la velocit di trasferimento.
Industrial Ethernet
Industrial Ethernet la sottorete pi efficiente nell'ambiente industriale. Si presta a livello di
controllo di processo e a livello cellulare e permette lo scambio di grandi quantitativi di dati su
lunghe distanze e tra un gran numero di utenti.

216

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.5 Progettazione del canale
L'Industrial Ethernet normalizzato come rete di comunicazione aperta secondo lo standard
IEEE 802.3. I suoi pregi sono la velocit, un'estensibilit semplice da realizzare e l'apertura,
inoltre a prova di guasto e diffuso in tutto il mondo. I lavori di progettazione sono
estremamente ridotti.

Vedere anche
Progettazione delle variabili (Pagina 232)
Come progettare un collegamento dell'unit di canale "Industrial Ethernet" (Pagina 217)

Come progettare un collegamento dell'unit di canale "Industrial Ethernet"


Premessa
Per la comunicazione di WinCC con il PLC, WinCC necessita oltre all'unit di canale anche di
un collegamento logico. Quando si installa un collegamento logico vengono definiti tutti i
parametri specifici.
Per la comunicazione dei controllori programmabili S7 viene utilizzato un modulo di
comunicazione, ad es., il modulo CP 343-1 per S7-300 o il modulo CP 443-1 per S7-400.
In WinCC viene utilizzato un processore di comunicazione del tipo, p. es., CP 1613. Tramite
l'unit di canale "Industrial Ethernet (II)" possibile accedere ad un secondo processore di
comunicazione.
Per ulteriori informazioni sulla diagnostica del canale, dei collegamenti e delle variabili,
consultare la voce "Diagnostica della comunicazione".

Requisiti
Il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" deve essere integrato nel progetto.

Procedura
1. Selezionare nel menu di scelta rapida dell'unit di canale "Industrial Ethernet" la voce
"Nuovo collegamento". Si apre il dialogo "Propriet collegamento".
2. Immettere nella scheda Dati generali come nome del collegamento p. es. "Test_Ind_Eth".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

217

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.5 Progettazione del canale
3. Aprire con il pulsante di comando "Propriet" il dialogo "Parametri di collegamento Industrial Ethernet".

4. Digitare nel campo "Indirizzo Ethernet" l'indirizzo della stazione del controllore
programmabile sul bus.
5. Digitare nel campo "Numero di rack" il numero del rack dove si trova la CPU da indirizzare.
6. Digitare nel campo "N di posto connettore" il numero di slot della CPU nel rack menzionato.
7. Attivare la casella di controllo "Invia/ricevi blocco di dati grezzi", se tramite il collegamento
devono venire trasmessi blocchi di dati BSEND/BRCV. Con la casella di controllo attivata
anche il campo "Risorsa di collegamento" pu venire editato. Immettere per la risorsa di
collegamento il valore esadecimale. La risorsa di collegamento viene assegnata da STEP
7 alla progettazione del collegamento nel PLC.
8. Chiudere i due dialoghi aperti con il pulsante di comando "OK".

Nota
Utilizzando un S7-300 o S7-400 con un modulo di comunicazione esterno deve venire
indicato il numero di rack/posto connettore della CPU.
Se il numero di rack o di posto connettore indicato errato non verr stabilito il collegamento
in trasmissione dati !

Vedere anche
Progettazione delle variabili (Pagina 232)
Come progettare il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" (Pagina 214)
Diagnostica di canali e variabili (Pagina 377)

218

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.5 Progettazione del canale

11.5.3.3

Unit di canale "MPI"

Unit di canale "MPI"


Modalit di funzionamento
L'unit di canale "MPI" serve per l'accoppiamento di WinCC con i controllori programmabili
SIMATIC S7-300 e S7-400 tramite MPI.
Ci in WinCC pu effettuarsi tramite
l'interfaccia interna MPI dei dispositivi programmatori, p. es. PG 760/PC RI45
un processore di comunicazione, p. es. CP 5613 (scheda PCI)
Si presta anche il cosiddetto modulo MPI (scheda ISA), ancora molto diffuso, ma che non
pi reperibile sul mercato. stato sostituito dai processori di comunicazione.
Nel PLC avviene l'accoppiamento tramite l'interfaccia MPI della CPU o un modulo di
comunicazione corrispondente.

Termini tipici delle unit


MPI
MPI significa Multi Point Interface e si tratta di un collegamento in trasmissione dati che
consente la partecipazione di pi utenti. Il collegamento con la rete di comunicazione avviene:
nel PLC tramite l'interfaccia MPI della CPU o un modulo di comunicazione
in WinCC tramite l'interfaccia MPI, p. es. di un dispositivo programmatore o un processore
di comunicazione (scheda di rete).
processore di comunicazione
Un processore di comunicazione (CP) un modulo tramite il quale avviene la comunicazione
tra il computer WinCC ed una determinata rete.

Vedere anche
Progettazione delle variabili (Pagina 232)
Come progettare un collegamento dell'unit di canale "MPI" (Pagina 219)

Come progettare un collegamento dell'unit di canale "MPI"


Premessa
Per la comunicazione di WinCC con il PLC, WinCC necessita oltre all'unit di canale anche di
un collegamento logico. Quando si installa un collegamento logico vengono definiti tutti i
parametri specifici.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

219

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.5 Progettazione del canale
Nei controllori programmabioli S7-300 e S7-400 viene utilizzata o l'interfaccia interna MPI,
oppure un modulo di comunicazione come p. es. CP 342-5 (SIMATIC S7-300) o CP 443-5
(SIMATIC S7-400).
Se WinCC installato su un PG 760/PC RI45, pu venire utilizzata l'interfaccia interna MPI,
altrimenti deve venire installato il modulo MPI. Come alternativa possibile anche usare un
modulo di comunicazione, p. es. CP 5511 (scheda PCMCIA).
Per ulteriori informazioni sulla diagnostica del canale, dei collegamenti e delle variabili,
consultare la voce "Diagnostica della comunicazione".

Requisiti
Il driver (di comunicazione) "SIMATIC S7 Protocol Suite" deve essere integrato nel progetto.

Procedura
1. Selezionare nel menu di scelta rapida dell'unit di canale "MPI" la voce "Nuovo
collegamento". Si apre il dialogo "Propriet collegamento".
2. Immettere nella scheda Dati generali come nome del collegamento "Test_MPI".
3. Aprire con il pulsante di comando "Propriet" il dialogo "Parametri di collegamento - MPI".

4. Digitare nel campo "Indirizzo stazione" l'indirizzo della stazione del controllore
programmabile sul bus.
5. Il campo "ID segmento" attualmente non viene supportato. Il valore deve rimanere
impostato su "0".
6. Digitare nel campo "Numero di rack" il numero del rack dove si trova la CPU da indirizzare.
7. Digitare il "N di posto connettore" della CPU nel rack menzionato.

220

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.5 Progettazione del canale
8. Attivare la casella di controllo "Invia/ricevi blocco di dati grezzi", se tramite il collegamento
devono venire trasmessi blocchi di dati BSEND/BRCV. Con la casella di controllo impostata
attivato anche il campo "Risorsa di collegamento". Immettere per la risorsa di
collegamento il valore esadecimale. La risorsa di collegamento viene assegnata da STEP
7 alla progettazione del collegamento nel PLC.
9. Chiudere i due dialoghi aperti con il pulsante di comando "OK".

Nota
Utilizzando un S7-300 o S7-400 con un processore di comunicazione esterno deve venire
indicato il numero di rack/posto connettore della CPU.
Se il numero di rack o di posto connettore indicato errato non verr stabilito il collegamento
in trasmissione dati !
Utilizzando un S7-300 deve venire immesso, all'accoppiamento tramite l'interfaccia interna
MPI della CPU, per il numero di rack/posto connettore = 0.

Vedere anche
Progettazione delle variabili (Pagina 232)
Come progettare il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" (Pagina 214)

11.5.3.4

Unit di canale "Named Connections"

Unit di canale "Named Connections"


Modalit di funzionamento
Questa unit di canale serve per installare un collegamento simbolico progettato tramite STEP
7. In tal modo WinCC pu accedere a collegamenti ridondanti e non ridondanti per mezzo di
un nome di collegamento simbolico. I collegamenti simbolici sono necessari, p. es., per una
comunicazione a prova di guasto con il PLC S7-400 in collegamento con la ridondanza in
sistemi ad alta frequenza.
I nomi di collegamento simbolici vengono progettati in STEP 7 con l'applicazione NETPRO.
Per tale operazione i nomi dei collegamenti, i parametri di collegamento ed i nomi delle
applicazioni vengono salvati in un database (*.XDB). Questo database viene memorizzato
automaticamente dal tool PLC/OS Engineering "Mapper" nella directory di progetto relativa di
WinCC, esso pu per anche non trovarsi in questa directory, se p. es. non viene utilizzato il
tool "Mapper".
Nota
Nel sistema WinCC vi pu essere un solo file XDB per ogni utente della comunicazione. Per
questo non ammesso copiare un file XDB ed utilizzarlo su pi computer WinCC.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

221

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.5 Progettazione del canale
possibile attivare questo database in WinCC nei seguenti modi:
Se il file XDB non si trova nella directory di progetto (se, per esempio, non viene utilizzato
il tool "Mapper"), deve venire indicato, prima di avviare WinCC, sulla scheda STEP 7
Progettazione il percorso ed il nome del file XDB nell'applicazione "Imposta interfaccia PG/
PC" (pannello di controllo).
Dopo l'avvio di WinCC il file XDB viene letto ed importato da questa directory esterna, se non
esiste alcun file nella directory di progetto. Questo modo di procedere vantaggioso quando
pi progetti devono utilizzare lo stesso database, memorizzato centralmente.
Se viene utilizzato il tool "Mapper", allora il file XDB verr copiato automaticamente da
questo nella directory di WinCC. All'avvio di WinCC e all'apertura del progetto vengono letti
i dati dal canale S7 per venire importati nel data base del registro di Windows.
Potr quindi venire progettato in WinCC un collegamento, assegnando ad un nome di
applicazione selezionato uno dei nomi di collegamento simbolici.
Nota
Il nome dell'applicazione e del collegamento possono venire immessi anche manualmente,
se p. es. per i nomi di collegamento simbolici non disponibile un file XDB oppure se il
progetto deve venire trasmesso su un altro computer. Vi da prestare attenzione che la
notazione del nome progettata in STEP 7 sia corretta, poich nella modalit CS il nome non
viene verificato.

Termini tipici delle unit


processore di comunicazione
Un processore di comunicazione (CP) un modulo tramite il quale avviene la comunicazione
tra il PLC ed una determinata rete.

Vedere anche
Progettazione delle variabili (Pagina 232)
Come progettare un collegamento dell'unit di canale "Named Connections" (Pagina 222)

Come progettare un collegamento dell'unit di canale "Named Connections"


Premessa
Per la comunicazione tramite un collegamento simbolico di WinCC con il PLC S7-400, WinCC
necessita oltre all'unit di canale anche di un collegamento logico.
All'installazione di un collegamento logico verr assegnato ad un nome selezionato di
applicazione uno dei nomi di collegamento simbolici riportati nel campo "Nome del
collegamento".
I nomi di collegamento simbolici ed i nomi delle applicazioni vengono progettati in STEP 7.

222

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.5 Progettazione del canale
Per ulteriori informazioni sulla diagnostica del canale, dei collegamenti e delle variabili,
consultare la voce "Diagnostica della comunicazione".

Requisiti
Il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" deve essere integrato nel progetto.

Procedura
1. Selezionare nel menu di scelta rapida dell'unit di canale "Named Connections" la voce
"Nuovo collegamento". Si apre il dialogo "Propriet collegamento".
2. Immettere nella scheda Dati generali come nome del collegamento p. es. "Test_NC".
3. Aprire con il pulsante di comando "Propriet" il dialogo "Parametri di collegamento - Named
Connections".

4. Digitare nel campo "Nome dell'applicazione" il nome dell'applicazione progettata in STEP


7. Come preassegnazione risulta la voce "WinCC".
5. Digitare nel campo "Nome del collegamento" il nome di collegamento simbolico progettato
in STEP 7.
6. Chiudere i due dialoghi aperti con il pulsante di comando "OK".

Nota
Il nome dell'applicazione e del collegamento possono venire immessi anche manualmente,
se p. es. per i nomi di collegamento simbolici non disponibile un file XDB oppure se il
progetto deve venire trasmesso su un altro computer. Vi da prestare attenzione che la
notazione del nome progettata in STEP 7 sia corretta, poich nella modalit CS il nome non
viene verificato.

Vedere anche
Progettazione delle variabili (Pagina 232)
Come progettare il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" (Pagina 214)

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

223

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.5 Progettazione del canale

11.5.3.5

Unit di canale "PROFIBUS (I+II)"

Unit di canale "PROFIBUS (I + II)"


Modalit di funzionamento
L'unit di canale serve per l'accoppiamento di WinCC con i controllori programmabili SIMATIC
S7-300 e S7-400 tramite una rete PROFIBUS.
Nei controllori programmabili S7 viene utilizzato un modulo di comunicazione, ad. es., il modulo
CP 342-5 per S7-300 o il modulo CP 443-5 per S7-400.
In WinCC viene utilizzato un processore di comunicazione del tipo, p. es., CP 5613.
Tramite l'unit di canale "PROFIBUS II" possibile accedere ad un secondo processore di
comunicazione. In questo modo, possibile ottenere il massimo numero dei collegamenti.

Termini tipici delle unit


PROFIBUS
Il PROFIBUS un sistema di comunicazione aperto a livello cellulare e di campo, indipendente
dalla marca, e disposto per un massimo di 127 utenti. Il PROFIBUS si basa sulla norma
europea EN 50170, Volume 2, PROFIBUS. Come procedimento di accesso il PROFIBUS
utilizza il cosiddetto Token Passing con Master-Slave subordinato.
processore di comunicazione
Un processore di comunicazione (CP) un modulo tramite il quale avviene la comunicazione
tra il computer WinCC ed una determinata rete.

Vedere anche
Progettazione delle variabili (Pagina 232)
Come progettare un collegamento dell'unit di canale "PROFIBUS" (Pagina 224)

Come progettare un collegamento dell'unit di canale "PROFIBUS"


Premessa
Per la comunicazione con il PLC, WinCC necessita oltre all'unit di canale anche di un
collegamento logico. Quando si installa un collegamento logico vengono definiti tutti i parametri
specifici.
Nei controllori programmabili S7 viene utilizzato un modulo di comunicazione, ad. es., il modulo
CP 342-5 per S7-300 o il modulo CP 443-5 per S7-400.
In WinCC viene utilizzato un processore di comunicazione del tipo, p. es., CP 5613. Tramite
l'unit di canale "PROFIBUS II" possibile accedere ad un secondo processore di
comunicazione.

224

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.5 Progettazione del canale
Per ulteriori informazioni sulla diagnostica del canale, dei collegamenti e delle variabili,
consultare la voce "Diagnostica della comunicazione".

Requisiti
Il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" deve essere integrato nel progetto.

Procedura
1. Selezionare nel menu di scelta rapida dell'unit di canale "PROFIBUS" la voce "Nuovo
collegamento". Si apre il dialogo "Propriet collegamento".
2. Immettere nella scheda Dati generali come nome del collegamento "Test_PROFIBUS".
3. Aprire tramite il pulsante di comando "Propriet" la finestra di dialogo "Parametri di
collegamento - PROFIBUS".

4. Digitare nel campo l'"Indirizzo stazione" del controllore programmabile sul bus.
5. Il campo "ID segmento" attualmente non viene supportato. Il valore deve rimanere
impostato su "0".
6. Digitare il "Numero di rack" dove si trova la CPU da indirizzare.
7. Digitare il "N di posto connettore" della CPU nel rack menzionato.
8. Attivare la casella di controllo "Invia/ricevi blocco di dati grezzi", se tramite il collegamento
devono venire trasmessi blocchi di dati BSEND/BRCV. Con la casella di controllo impostata
attivato anche il campo "Risorsa di collegamento". Immettere per la risorsa di
collegamento il valore esadecimale. La risorsa di collegamento viene assegnata da STEP
7 alla progettazione del collegamento nel PLC.
9. Chiudere i due dialoghi aperti con il pulsante di comando "OK".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

225

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.5 Progettazione del canale

Nota
Durante la messa in servizio della comunicazione PROFIBUS, possono verificarsi disturbi
nel PROFIBUS, se il processore di comunicazione viene collegato al PROFIBUS con il
WinCC-PC acceso. Si consiglia quindi di spegnere il computer nel caso in cui viene eseguito
il collegamento al PROFIBUS. Altrimenti, nel bus possono verificarsi numerosi token (in base
alle norme PROFIBUS) che provocano disturbi al bus.
Utilizzando un S7-300 o S7-400 con un modulo di comunicazione esterno deve venire
indicato il numero di rack/posto connettore della CPU.
Se il numero di rack o di posto connettore indicato errato non verr stabilito il collegamento
in trasmissione dati !

Vedere anche
Progettazione delle variabili (Pagina 232)
Come progettare il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" (Pagina 214)

11.5.3.6

Unit di canale "Slot PLC"

Unit di canale "Slot PLC"


Modalit di funzionamento
L'unit di canale "Slot PLC" serve per la comunicazione di WinCC con fino a quattro slot PLC
(WinAC Pro) installati nel computer WinCC. Dato che gli slot PLC sono dotati di un'interfaccia
integrata, non occorre un ulteriore hardware di comunicazione per il collegamento tra WinCC
e slot PLC.

Vedere anche
Progettazione delle variabili (Pagina 232)
Come progettare un collegamento dell'unit di canale "Slot PLC" (Pagina 226)

Come progettare un collegamento dell'unit di canale "Slot PLC"


Premessa
Per la comunicazione con le schede PLC installate, WinCC necessita oltre all'unit di canale
anche di un collegamento logico. Quando si installa un collegamento logico vengono definiti
tutti i parametri specifici.

226

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.5 Progettazione del canale
Per ulteriori informazioni sulla diagnostica del canale, dei collegamenti e delle variabili,
consultare la voce "Diagnostica della comunicazione".

Requisiti
Il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" deve essere integrato nel progetto.
Quando vengono progettate pi Slot PLC necessaria la versione 3.4 di Slot PLC.

Procedura
1. Selezionare nel menu di scelta rapida dell'unit di canale "Slot PLC" la voce "Nuovo
collegamento". Si apre il dialogo "Propriet collegamento".
2. Immettere nella scheda Dati generali come nome del collegamento p. es. "Test_SPLC".
3. Aprire con il pulsante di comando "Propriet" il dialogo "Parametri di collegamento - Slot
PLC".

4. Nel campo "Indirizzo stazione", digitare l'indirizzo della stazione per lo Slot PLC sul bus
Soft K.
5. Digitare nel campo "N di posto connettore" il numero di slot dello Slot PLC.
6. Attivare la casella di controllo "Invia/ricevi blocco di dati grezzi", se tramite il collegamento
devono venire trasmessi blocchi di dati BSEND/BRCV.
7. Con la casella di controllo impostata attivato anche il campo "Risorsa di collegamento".
Immettere per la risorsa di collegamento il valore esadecimale. La risorsa di collegamento
viene assegnata da STEP 7 alla progettazione del collegamento nel PLC.
8. Chiudere i due dialoghi aperti con il pulsante di comando "OK".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

227

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.5 Progettazione del canale

Nota
I parametri di collegamento "Indirizzo stazione" e "N di posto connettore" nel caso in cui
siano installati pi Slot PLC devono essere identici ed iniziare a partire dal "N di posto
connettore" "3".

Vedere anche
Progettazione delle variabili (Pagina 232)
Come progettare il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" (Pagina 214)

11.5.3.7

Unit di canale "Soft PLC"

Unit di canale "Soft PLC"


Modalit di funzionamento
L'unit di canale "Soft PLC" serve per la comunicazione di WinCC con un software PLC, (ad.
es., WinAC Basis) installato nel computer WinCC. Per la comunicazione tra WinCC e l'unit
di canale Soft PLC, non occorre un ulteriore hardware di comunicazione .

Vedere anche
Progettazione delle variabili (Pagina 232)
Come progettare un collegamento dell'unit di canale "Soft PLC" (Pagina 228)

Come progettare un collegamento dell'unit di canale "Soft PLC"


Premessa
Per la comunicazione con l'unit di canale Soft PLC, WinCC necessita, oltre all'unit di canale,
anche di un collegamento logico. Quando si installa un collegamento logico vengono definiti
tutti i parametri specifici.
Per ulteriori informazioni sulla diagnostica del canale, dei collegamenti e delle variabili,
consultare la voce "Diagnostica della comunicazione".

228

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.5 Progettazione del canale

Requisiti
Il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" deve essere integrato nel progetto.

Procedura
1. Selezionare nel menu di scelta rapida dell'unit di canale "Soft PLC" la voce "Nuovo
collegamento". Si apre il dialogo "Propriet collegamento".
2. Immettere nella scheda Dati generali come nome del collegamento p. es. "Test_SOFTPLC".
3. Aprire con il pulsante di comando "Propriet" il dialogo "Parametri di collegamento - Soft
PLC".

4. Nel campo "Indirizzo stazione", digitare l'indirizzo della stazione dell'unit di canale Soft
PLC sul bus Soft K.
5. Nel campo "N di posto connettore", digitare il numero dello slot. Il numero dello slot viene
progettato dalla configurazione hardware dell'unit di canale Soft PLC ed necessario per
l'utilizzo di pi unit di canale Soft PLC negli stessi computer WinCC.
6. Attivare la casella di controllo "Invia/ricevi blocco di dati grezzi", se tramite il collegamento
devono venire trasmessi blocchi di dati BSEND/BRCV.
7. Con la casella di controllo impostata attivato anche il campo "Risorsa di collegamento".
Immettere per la risorsa di collegamento il valore esadecimale. La risorsa di collegamento
viene assegnata da STEP 7 alla progettazione del collegamento nel PLC.
8. Chiudere i due dialoghi aperti con il pulsante di comando "OK".

Vedere anche
Progettazione delle variabili (Pagina 232)
Come progettare il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" (Pagina 214)

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

229

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.5 Progettazione del canale

11.5.3.8

Unit di canale "TCP/IP"

Unit di canale "TCP/IP"


Modalit di funzionamento
L'unit di canale "TCP/IP" serve per l'accoppiamento di WinCC con i controllori programmabili
SIMATIC S7-300 e S7-400 tramite un Industrial Ethernet con protocollo "ISO-on-TCP
Transport".
Questo protocollo corrisponde allo standard TCP/IP con l'estensione RFC 1006. Questa
estensione necessaria poich impedisce il blocco dei dati durante la comunicazione con il
protocollo TCP/IP.
Nel controllore programmabile S7-300 la comunicazione avviene tramite un modulo di
comunicazione, ad esempio CP 343-1 TCP, in S7-400 tramite CP 443-1 TCP o CP 443-1 IT.
In WinCC viene utilizzato un processore di comunicazione del tipo CP 1613.
Dato che la comunicazione avviene tramite il protocollo di trasporto ISO-on-TCP, non
necessario progettare il collegamento logico nel database locale.

Termini tipici delle unit


processore di comunicazione
Un processore di comunicazione (CP) un modulo tramite il quale avviene la comunicazione
tra il computer WinCC ed una determinata rete.
Protocollo di trasporto ISO
Il trasporto ISO uno strato del modello di riferimento ISO-OSI ed offre dei servizi per la
trasmissione di dati tramite collegamenti. Lo strato di trasporto assume funzioni relative al
comando del flusso di dati, alla composizione dei blocchi e all'acquisizione.
Il protocollo definisce la struttura per quanto concerne il contenuto del traffico di dati sulla linea
fisica. Definisce fra l'altro il tipo di funzionamento, la procedura per stabilire il collegamento, il
salvataggio dei dati o la velocit di trasferimento.
Industrial Ethernet
Industrial Ethernet la sottorete pi efficiente nell'ambiente industriale. Si presta a livello di
controllo di processo e a livello cellulare e permette lo scambio di grandi quantitativi di dati su
lunghe distanze e tra un gran numero di utenti.
L'Industrial Ethernet normalizzato come rete di comunicazione aperta secondo lo standard
IEEE 802.3. I suoi pregi sono la velocit, un'estensibilit semplice da realizzare e l'apertura,
inoltre a prova di guasto e diffuso in tutto il mondo. I lavori di progettazione sono
estremamente ridotti.

230

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.5 Progettazione del canale

Vedere anche
Progettazione delle variabili (Pagina 232)
Come progettare un collegamento dell'unit di canale "TCP/IP" (Pagina 231)

Come progettare un collegamento dell'unit di canale "TCP/IP"


Premessa
Per la comunicazione di WinCC con il PLC, WinCC necessita oltre all'unit di canale anche di
un collegamento logico. Quando si installa un collegamento logico vengono definiti tutti i
parametri specifici.
Nel controllore programmabile S7-300 la comunicazione pu avvenire tramite un modulo di
comunicazione, ad esempio CP 343-1 TCP, in S7-400 tramite CP 443-1 TCP o CP 443-1 IT.
In WinCC viene utilizzato un processore di comunicazione del tipo CP 1613.
Per ulteriori informazioni sulla diagnostica del canale, dei collegamenti e delle variabili,
consultare la voce "Diagnostica della comunicazione".

Requisiti
Il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" deve essere integrato nel progetto.

Procedura
1. Selezionare nel menu di scelta rapida dell'unit di canale "TCP/IP" la voce "Nuovo
collegamento". Si apre il dialogo "Propriet collegamento".
2. Immettere nella scheda Dati generali come nome del collegamento "Test_TCP".
3. Aprire con il pulsante di comando "Propriet" il dialogo "Parametri di collegamento - TCP/
IP".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

231

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.5 Progettazione del canale
4. Digitare nel campo "Indirizzo IP" l'indirizzo di protocollo Internet del controllore
programmabile sul bus.
5. Digitare nel campo "Numero di rack" il numero del rack dove si trova la CPU da indirizzare.
6. Digitare nel campo "N di posto connettore" il numero di slot della CPU nel rack menzionato.
7. Attivare la casella di controllo "Invia/ricevi blocco di dati grezzi", se tramite il collegamento
devono venire trasmessi blocchi di dati BSEND/BRCV. Con la casella di controllo impostata
attivato anche il campo "Risorsa di collegamento". Immettere per la risorsa di
collegamento il valore esadecimale. La risorsa di collegamento viene assegnata da STEP
7 alla progettazione del collegamento nel PLC.
8. Chiudere i due dialoghi aperti con il pulsante di comando "OK".

Nota
Utilizzando un S7-300 o S7-400 con un modulo di comunicazione esterno deve venire
indicato il numero di rack/posto connettore della CPU.
Se il numero di rack o di posto connettore indicato errato non verr stabilito il collegamento
in trasmissione dati !

Vedere anche
Progettazione delle variabili (Pagina 232)
Come progettare il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" (Pagina 214)

11.5.4

Progettazione delle variabili

11.5.4.1

Progettazione delle variabili

Premessa
Nei capitoli che seguono viene descritta la progettazione delle variabili. Essa diversa a
seconda del tipo di accesso all'area dati nel PLC o a seconda del tipo di dati delle variabili
WinCC.
Per ulteriori informazioni sulla diagnostica del canale, dei collegamenti e delle variabili,
consultare la voce "Diagnostica della comunicazione".

232

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.5 Progettazione del canale

Vedere anche
Come progettare una variabile di testo (Pagina 236)
Come progettare una variabile con accesso per parola (Pagina 235)
Come progettare una variabile con accesso di byte a byte (Pagina 234)
Come progettare una variabile con accesso di bit per bit (Pagina 233)

11.5.4.2

Come progettare una variabile con accesso di bit per bit

Premessa
Nel presente paragrafo viene mostrato come progettare nel PLC una variabile per un accesso
di bit per bit all'area di indirizzamento.

Requisiti
Il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" deve essere integrato nel progetto.
In un'unit di canale, p. es. "Industrial Ethernet", deve venire creato un collegamento, p.
es. "Test_Ind_Eth".

Procedura
1. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento "Test_Ind_Eth" la voce "Nuova
variabile". Si apre la finestra di dialogo "Propriet della variabile".
2. Immettere come nome della variabile "ETH_Var1_bit" nel campo "Nome". Impostare nel
campo "Tipo di dati" il tipo di dati "Variabile binaria".
3. Aprire mediante il pulsante di comando "Seleziona" la Finestra di dialogo "Indirizzo
Propriet". Impostare nel campo "Area dati" in quale area dati del controllore
programmabile si trovano i dati. Se attivata l'area dati "DB", immettere nel campo attivato
"N DB" il numero del blocco di dati.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

233

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.5 Progettazione del canale
4. La voce "Bit" nel campo "Indirizzamento" non pu venire modificata, poich stata definita
tramite il tipo di dati "Variabile binaria" della variabile WinCC.
5. Immettere nei due campi in basso l'indirizzo di byte e di bit. La descrizione del campo
sinistro dipende dai dati immessi nel campo "Area dati" p. es. "D" per l'area dati "DB" e per
il tipo "Variabile binaria".
6. Attivare la casella di controllo "Quality Code", se si tratta di una variabile con Quality Code
da utilizzare in WinCC. Allo scopo per occorre che il codice venga approntato anche nel
PLC. La casella di controllo attivata solo se selezionata l'area dati "DB".
7. Chiudere i due dialoghi aperti con il pulsante di comando "OK".

Vedere anche
Come progettare il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" (Pagina 214)

11.5.4.3

Come progettare una variabile con accesso di byte a byte

Premessa
Nel presente paragrafo viene mostrato come progettare nel PLC una variabile per un accesso
di byte a byte all'area di indirizzamento.

Requisiti
Il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" deve essere integrato nel progetto.
In un'unit di canale, p. es. "Industrial Ethernet", deve venire creato un collegamento, p.
es. "Test_Ind_Eth".

Procedura
1. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento "Test_Ind_Eth" la voce "Nuova
variabile". Si apre la finestra di dialogo "Propriet della variabile".
2. Immettere come nome della variabile "ETH_Var2_bit" nel campo "Nome". Impostare nel
campo "Tipo di dati" il tipo di dati "Valore 8 bit senza segno".

234

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.5 Progettazione del canale
3. Aprire mediante il pulsante di comando "Seleziona" la Finestra di dialogo "Indirizzo
Propriet". Impostare nel campo "Area dati" in quale area dati del controllore
programmabile si trovano i dati. Se attivata l'area dati "DB" immettere nel campo attivato
"N DB" il numero del blocco di dati.

4. La voce "Byte" nel campo "Indirizzamento" non pu venire modificata, poich stata
definita tramite il tipo di dati "Valore 8 bit senza segno" delle variabili WinCC.
5. Immettere nel campo in basso l'indirizzo di byte. La descrizione del campo dipende dai dati
immessi nel campo "Area dati" p. es. "DBB" per l'area dati "DB" e per il tipo "Valore 8 bit
senza segno".
6. Attivare la casella di controllo "Quality Code", se si tratta di una variabile con Quality Code
da utilizzare in WinCC. Allo scopo per occorre che il codice venga approntato anche nel
PLC. La casella di controllo attivata solo se selezionata l'area dati "DB".
7. Chiudere i due dialoghi aperti con il pulsante di comando "OK".

Vedere anche
Come progettare il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" (Pagina 214)

11.5.4.4

Come progettare una variabile con accesso per parola

Premessa
In questo paragrafo viene mostrato come progettare una variabile per un accesso per parola
all'area di indirizzamento nel PLC.
Anche per variabili con una lunghezza di 4 byte ("Parola doppia") e pi vale questo modo di
procedere .

Requisiti
Il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" deve essere integrato nel progetto.
In un'unit di canale, p. es. "Industrial Ethernet", deve venire creato un collegamento, p.
es. "Test_Ind_Eth".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

235

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.5 Progettazione del canale

Procedura
1. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento "Test_Ind_Eth" la voce "Nuova
variabile". Si apre la finestra di dialogo "Propriet della variabile".
2. Immettere come nome della variabile p. es. "ETH_Var3_word" nel campo "Nome".
Impostare nel campo "Tipo di dati" il tipo di dati "Valore 16 bit senza segno".
3. Aprire mediante il pulsante di comando "Seleziona" la Finestra di dialogo "Indirizzo
Propriet". Impostare nel campo "Area dati" in quale area dati del controllore
programmabile si trovano i dati. Se attivata l'area dati "DB" immettere nel campo attivato
"N DB" il numero del blocco di dati.

4. La voce "Byte" nel campo "Indirizzamento" non pu venire modificata, poich stata
definita tramite il tipo di dati "Valore 16 bit senza segno" della variabile WinCC.
5. Immettere nel campo in basso dell'indirizzamento il valore numerico dell'indirizzo. La
descrizione del campo dipende dai dati immessi nel campo "Area dati" p. es. "DBW" per il
tipo "Valore 16 bit senza segno".
6. Attivare la casella di controllo "Quality Code", se si tratta di una variabile con Quality Code
da utilizzare in WinCC. Allo scopo per occorre che il codice venga approntato anche nel
PLC. La casella di controllo attivata solo se selezionata l'area dati "DB".
7. Chiudere tutte le finestre di dialogo aperte per mezzo del pulsante "OK".

Vedere anche
Come progettare il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" (Pagina 214)

11.5.4.5

Come progettare una variabile di testo

Premessa
Nel presente paragrafo viene descritto come progettare una variabile di testo.
Per una variabile di testo WinCC supporta nel canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" solo il tipo
stringa S7, composto da una parola di comando ed i dati utili veri e propri della stringa:

236

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.5 Progettazione del canale
Per la progettazione di una variabile di testo in WinCC, deve venire indicato l'indirizzo della
parola di comando che si trova nella memoria del PLC davanti ai dati utili. Il primo byte
della parola di comando contiene la lunghezza progettata massima della stringa, il secondo
byte la lunghezza attuale.
Per la creazione della struttura di dati in WinCC, va notato che la lunghezza della variabile
di testo progettata deve essere superiore di 2 byte rispetto alla parola di comando. Se la
struttura dati delle variabili di testo viene creata direttamente nell'area di memorizzazione,
sar necessario sovrascrivere i dati seguenti.
Convertendo la versione PCS7 da V4.01 a V5.0 SP1 deve venire effettuata una nuova
mappatura, poich nelle versione anteriori a V5.0 nella progettazione delle variabili di testo
veniva indicato l'indirizzo dei dati utili, mentre a partire dalla versione V5.0 deve venire
indicato l'indirizzo della parola di comando.
Nella lettura la parola di comando viene letta insieme ai dati utili e la lunghezza attuale
viene interpretata nel secondo byte. Alle variabili di testo di WinCC vengono trasmessi solo
i dati utili conformi alla lunghezza attuale contenuta nel secondo byte di comando.
Nella scrittura viene identificata la lunghezza reale della stringa (segni "\0") e il byte di
comando con la lunghezza attuale viene inviato al PLC insieme ai dati utili.

Requisiti
Il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" deve essere integrato nel progetto.
In un'unit di canale, p. es. "Industrial Ethernet", deve venire creato un collegamento, p.
es. "Test_Ind_Eth".

Procedura
1. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento "Test_Ind_Eth" la voce "Nuova
variabile". Si apre la finestra di dialogo "Propriet della variabile".
2. Immettere come nome della variabile "ETH_Var3_Text" nel campo "Nome". Impostare nel
campo "Tipo di dati" il tipo di dati "Variabile di testo set di caratteri 8 bit". Immettere nel
campo "Lunghezza" la lunghezza della variabile in byte.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

237

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.5 Progettazione del canale
3. Aprire mediante il pulsante di comando "Seleziona" la Finestra di dialogo "Indirizzo
Propriet". Impostare nel campo "Area dati" in quale area dati del PLC si trovano i dati. Se
attivata l'area dati "DB" immettere nel campo attivato "N DB" il numero del blocco di dati.

4. La voce nel campo "Indirizzamento" pu venire cambiata solo in "Byte" o "Parola", poich
queste voci vengono definite dal tipo di dati "Variabile di testo set di caratteri 8 bit" della
variabile WinCC.
5. Immettere nel campo in basso dell'indirizzamento il valore numerico dell'indirizzo. Qui deve
venire indicato l'indirizzo della parola di comando. La descrizione di questo campo dipende
dalla voce nel campo "Area dati" p. es. "DBW" per l'indirizzamento "Parola".
6. Attivare la casella di controllo "Quality Code", se si tratta di una variabile con Quality Code
da utilizzare in WinCC. Allo scopo per occorre che il codice venga approntato anche nel
PLC. La casella di controllo attivata solo se selezionata l'area dati "DB".
7. Chiudere tutte le finestre di dialogo aperte per mezzo del pulsante "OK".

Vedere anche
Come progettare il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" (Pagina 214)

11.5.5

Parametro di sistema

11.5.5.1

Parametri di sistema dell'unit di canale

Premessa
Se si necessita di una configurazione che si discosta dalle impostazioni predefinite di WinCC,
si possono apportare tutte le modifiche del caso tramite il dialogo "Parametri di sistema"
dell'unit di canale.
possibile modificare:

238

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.5 Progettazione del canale
il nome logico dell'apparecchio
l'utilizzo dei servizi di lettura ciclici nel PLC

Nome logico dell'apparecchio


La comunicazione tra WinCC ed il controllore programmabile avviene tramite nomi logici degli
apparecchi. Questi vengono assegnati all'installazione della scheda di comunicazione e sono
specifici per l'unit. Questo campo viene preimpostato con una voce specifica per l'unit, p.
es. "MPI" per l'unit di canale "MPI".

Utilizzare servizi di lettura ciclici in PLC


Si pu definire se devono venire utilizzati i servizi di lettura ciclici del PLC S7 (chiamati anche
servizi ciclici delle variabili). In questi servizi di lettura ciclici le variabili da leggere ciclicamente
vengono raggruppate in singole richieste ed inviate al PLC. Il PLC invia i dati richiesti una
prima volta subito dopo la ricezione della richiesta e poi sempre una volta scaduto il tempo di
ciclo.
Nei servizi di lettura ciclici attivati possibile eseguire anche il trasferimento delle modifiche.
Il trasferimento dei dati avviene solo durante la modifica dei valori. La funzione deve essere
supportata dal PLC.
Nota
I parametri di sistema sulle schede di registro SIMATIC S7 e le unit possono essere impostati
in base all'unit e quindi per ogni unit di canale del canale stesso.

Vedere anche
Come modificare il nome logico dell'apparecchio (Pagina 242)
Cos si progettano i parametri di sistema (Pagina 240)
Servizi di lettura ciclici del controllore programmabile (Pagina 239)

11.5.5.2

Servizi di lettura ciclici del controllore programmabile

Premessa
Nei parametri di sistema del canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" possibile stabilire se
necessario utilizzare i servizi di lettura ciclici del PLC S7 (definiti anche servizi di variabili ciclici).
In questi servizi di lettura ciclici le variabili da leggere ciclicamente vengono raggruppate in
singole richieste ed inviate al PLC. Il PLC invia i dati richiesti una prima volta subito dopo la
ricezione della richiesta e poi sempre una volta scaduto il tempo di ciclo. Quando i dati richiesti
non sono pi necessari, p. es. ad un cambio di pagina, il servizio di lettura ciclico nel PLC
viene di nuovo cancellato da WinCC.
Di solito i servizi di lettura ciclici dovrebbero venire utilizzati nel PLC. Per questo la casella di
controllo corrispondente nei parametri di sistema dell'unit di canale attivata in maniera

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

239

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.5 Progettazione del canale
predefinita. Tale impostazione deve venire modificata solo se i servizi ciclici non devono venire
utilizzati.
possibile utilizzare anche i trasferimenti delle modifiche solo nei servizi di lettura ciclici
attivati. il trasferimento dei dati nel PLC avviene solo durante la modifica dei valori ed un'unica
volta per ogni ciclo del PLC. La funzione deve essere supportata dal PLC.
Il carico del PLC e della comunicazione PLC-OS viene alleviato dai servizi ciclici e dalla
trasmissione delle modifiche, perch in tal modo si evita che degli ordini di lettura vengano
inviati continuamente al PLC ed elaborati nel PLC.
Nei servizi di lettura aciclici le variabili da leggere vengono raggruppate in una singola richiesta
ed inviate al PLC. Il PLC invia i dati richiesti una sola volta. La formazione di ciclo per la richiesta
viene effettuata da WinCC.
Numero di servizi di lettura ciclici in una CPU
Il numero di servizi di lettura ciclici dipende dalle risorse disponibili nel PLC S7. In tal senso
per un S7-300 sono ammessi un massimo di 4 servizi di lettura ciclici, per un S7-416 o 417
un massimo di 32 servizi. Tale numero si riferisce a tutti gli utenti che partecipano alla
comunicazione con il PLC, cio se con un PLC S7 sono in comunicazione pi sistemi WinCC,
questi dovranno suddividersi le risorse del PLC. Se stato superato il numero massimo di
servizi, un servizio di lettura ciclico ulteriore verr rifiutato. WinCC dovr quindi richiedere tali
dati tramite servizi di lettura aciclici e procedere direttamente con la formazione del ciclo.
Richiesta di variabili esterne in script
Dopo la selezione di una pagina l'uso dei servizi di lettura ciclici non influisce sul primo
aggiornamento, se la pagina selezionata non contiene degli script che richiedono variabili
esterne tramite la funzione "GetTagWord()". Se selezionando una pagina vengono eseguiti
degli script con "GetTagWord()", allora una progettazione non fatta ad arte di questi script pu
provocare che dopo un cambio di pagina sul canale vengano riportate continuamente nuove
richieste di variabili. Se in uno script si necessitano variabili esterne, allora opportuno
immettere per queste come evento trigger "Variabile".

11.5.5.3

Cos si progettano i parametri di sistema

Introduzione
In questo paragrafo viene mostrato come progettare i parametri di sistema del canale
"SIMATIC S7 Protocol Suite".
Il dialogo "Parametri di sistema" costituito da due schede:
Scheda SIMATIC S7
Scheda Unit
I parametri di sistema sulle schede di registro SIMATIC S7 e le unit possono essere impostati
in base all'unit e quindi per ogni unit di canale del canale stesso.
Le schede sono identiche per tutte le unit di canale del canale S7. Per questo nell'esempio
viene utilizzata il dialogo per l'unit di canale "MPI".

240

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.5 Progettazione del canale
Le modifiche apportate ai valori di parametro diventano efficaci solo dopo il riavvio di WinCC.
Nota
Copiando il progetto su un altro computer le impostazioni della scheda Unit vengono
mantenute, mentre le impostazioni della scheda SIMATIC S7 non verranno mantenute.

Requisiti
Il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" deve essere integrato nel progetto.

Procedura
1. Selezionare nella Gestione variabili il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite". Aprire tramite
il menu di scelta rapida del canale desiderato il dialogo "Parametri di sistema".
2. Selezionare la scheda SIMATIC S7. Attivare la casella di controllo "tramite PLC" e "con
trasmissione modifiche", se la formazione del ciclo alla lettura delle variabili attivata e se
la trasmissione delle modifiche deve essere attivata. In tale operazione vengono utilizzati
i servizi ciclici del PLC, se ve ne sono disponibili. Per ulteriori informazioni consultare
"Servizi di lettura ciclici del PLC".

3. Attivare nell'area "Controllo dei segni di attivit" la casella di controllo "Attiva", se si deve
utilizzare tale funzione. Digitare nel campo "Intervallo" il valore in secondi per l'intervallo di
tempo per l'invio dei telegrammi dei segni di attivit.
Digitare nel campo "Tempo di controllo" il valore in secondi per il controllo della risposta di
ritorno di un telegramma dei segni si attivit.
4. Attivare nell'area "Controllo di stop CPU" la casella di controllo "Attiva", se WinCC deve
contrassegnare la comunicazione come disturbata in caso di stato di stop della CPU S7.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

241

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.5 Progettazione del canale
5. Selezionare la scheda Unit. Nel campo "Nome logico dell'apparecchio" viene visualizzato
un nome che dipende dal processore di comunicazione installato. opportuno cambiare
tale nome solo se all'installazione del processore di comunicazione in uso stato
selezionato un altro nome. Per ulteriori informazioni consultare il tema "Modifica del nome
logico dell'apparecchio".

6. Attivare la casella di controllo "Imposta automaticamente": se all'avvio del runtime il nome


dell'apparecchio deve venire impostato automaticamente; se per questo tipo di
comunicazione installato solo un processore di comunicazione.
7. Attivare la casella di controllo "Scrittura con priorit", se gli ordini di scrittura devono venire
elaborati prioritariamente rispetto agli ordini di lettura.
8. Chiudere il dialogo con il pulsante di comando "OK".

Vedere anche
Come modificare il nome logico dell'apparecchio (Pagina 242)
Servizi di lettura ciclici del controllore programmabile (Pagina 239)

11.5.5.4

Come modificare il nome logico dell'apparecchio

Introduzione
La comunicazione con S7 avviene tramite nomi logici degli apparecchi. Questi vengono
assegnati all'installazione del processore di comunicazione e sono specifici per l'unit.
In funzione del processore di comunicazione installato si sono affermate determinate
preimpostazioni per i nomi degli apparecchi, cos come sono riportati in basso nella tabella
"Nomi preimpostati degli apparecchi".
Le schede sono identiche per tutte le unit del canale S7, per questo nella descrizione viene
utilizzata il dialogo per l'unit di canale "MPI".

242

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.5 Progettazione del canale

Nomi preimpostati degli apparecchi


Unit di canale

Nome preimpostato dell'apparecchio

Industrial Ethernet

CP_H1_1:

Industrial Ethernet (II)

CP_H1_2:

MPI

MPI

Named Connections

VM/

PROFIBUS

CP_L2_1:

PROFIBUS (II)

CP_L2_2:

Slot PLC

SLOT_PLC

Soft PLC

SOFT_PLC

TCP/IP

CP-TCPIP

Requisiti
Il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" deve essere integrato nel progetto.
In un'unit di canale, p. es. "MPI", deve venire creato un collegamento.

Procedura
1. Selezionare nella Gestione variabili l'unit di canale desiderata.
2. Aprire tramite il menu di scelta rapida il dialogo "Parametri di sistema".
3. Selezionare la scheda Unit.
4. Impostare nel campo "Nome logico dell'apparecchio" un nome di apparecchio. Si pu
selezionare una voce della casella di scelta del campo oppure immettere manualmente un
nome nuovo.
I nomi possibili degli apparecchi vengono identificati mediante il tool "Imposta interfaccia
PG/PC" (pannello di controllo). Se esso non installato, verr visualizzato solo il nome
dell'apparecchio attualmente impostato. Se si definisce un altro nome logico
dell'apparecchio, verr fornita una segnalazione di avviso.
opportuno ricorrere all'immissione manuale solo se nella stazione di destinazione viene
utilizzata una scheda di comunicazione non installata nel sistema di progettazione.
5. Chiudere il dialogo aperto con il pulsante di comando "OK".

Nota
I nomi logici degli apparecchi devono venire applicati dall'impostazione dell'apparecchio con
l'ortografia esatta. Per esempio nei nomi logici preimpostati degli apparecchi di "Industrial
Ethernet" e "PROFIBUS" alla fine del nome vi sono due punti.
Le modifiche apportate ai valori di parametro diventano efficaci solo dopo il riavvio di WinCC.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

243

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali

11.6

Funzioni speciali

11.6.1

Funzioni speciali del canale "SIMATIC S7 Protocol Suite"

Premessa
Il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" comprende alcune funzioni speciali, la cui funzionalit
verr descritta nel presente capitolo.

Vedere anche
Ridondanza software (Pagina 286)
Variabili di dati grezzi del canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" (Pagina 278)
Scambio dei dati con il blocco funzionale S7 di "AR_SEND" (Pagina 244)

11.6.2

Scambio dei dati con il blocco funzionale di S7 AR_SEND

11.6.2.1

Scambio dei dati con il blocco funzionale S7 di "AR_SEND"

Premessa
Il blocco funzionale di S7 "AR_SEND" serve, nell'AS S7-400, a trasmettere i valori di processo
in archivi dei valori di processo.

Modalit di funzionamento
Per trasmettere i valori di processo dal controllore programmabile in un archivio dei valori di
processo di WinCC, nel "S7-400" del controllore programmabile disponibile il blocco
funzionale integrato SFB 37 "AR_SEND".
Un Blocco AR_SEND pu fondamentalmente alimentare una variabile di archivio con dati. Se
viene utilizzato il sottonumero AR_ID, possibile alimentare pi variabili di archivio. Quando
viene utilizzato il Blocco AR_SEND, i valori di processo non vengono inviati singolarmente
nell'archivio, ma vengono raggruppati nel controllore programmabile e trasmessi sotto forma
di pacchetti. Si ottiene cos una riduzione del carico della rete utilizzata.
In un controllore programmabile, possibile utilizzare una quantit di Blocchi AR_SEND a
seconda della potenza della CPU (ad esempio, massimo 32 blocchi AR_SENDper una CPU
da 416 MHZ). Ogni blocco AR_SEND viene assegnato di nuovo ad un AR_ID. Utilizzando il
sottonumero, si aumenta il numero dei dati di processo trasmissibili poich ad ogni AR_ID
possibile assegnare fino a 4095 sottonumeri.
In pratica, il numero delle variabili di archivio viene limitato a seconda del blocco AR_SEND
tramite la lunghezza massima delle aree dati da trasmettere. Per ulteriori informazioni, fare

244

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali
riferimento all'argomento "Schema e parametri relativi alla struttura del blocco dati" nella
descrizione del parametro "Numero dei valori di processo".
AR_ID ed il sottonumero AR_ID determinano l'assegnazione tra i dati nel controllore
programmabile e le variabili di archivio e, durante la progettazione della struttura dati nel blocco
di dati, vengono impostati con altri parametri.
Tale assegnazione viene progettata in WinCC, mentre gli altri parametri vengono analizzati
separatamente.
Tuttavia necessario prima eseguire la progettazione dell'SFB 37 e creare lo schema della
struttura del blocco dati"AR_SEND" nel controllore programmabile, in modo da generare la
progettazione di tali valori in WinCC. Per ulteriori informazioni sulla progettazione del blocco
funzionale "AR_SEND" , fare riferimento alla documentazione relativa al controllore
programmabile "S7-400".

Sommario della variante "AR_SEND"


Variante:
AR_SEND per ...

Numero delle variabili di


archivio comandate da
processo per ogni
AR_SEND

Utilizzo

una variabile di
archivio

Una

Per la trasmissione di valori di processo per una


variabile di archivio, dove i valori di processo
possono venire letti anche ad intervalli molto
brevi.

pi variabili di
archivio

In corrispondenza con i
sottonumeri AR_ID

Per la trasmissione dei valori di processo in pi


variabili di archivio, in modo da potere leggere i
valori di processo anche in intervalli di tempo
minimi.

pi variabili di
In corrispondenza con i
archivio (ottimizzato) sottonumeri AR_ID

Per alimentare ciclicamente con valori quante pi


variabili di archivio possibili con un valore
ciascuna per un dato momento.

Vedere anche
Variante AR_SEND per pi variabili di archivio (Pagina 258)
Cos si progetta una variante AR_SEND per pi variabili di archivio (Pagina 275)
Come progettare una variante AR_SEND per una variabile di archivio (Pagina 272)
Variante AR_SEND per pi variabili di archivio (ottimizzate) (Pagina 270)
Variante AR_SENDfr di una variabile di archivio (Pagina 253)

11.6.2.2

Schema e parametri di un blocco di dati

Premessa
Per la trasmissione dei dati con il blocco funzionale "AR_SEND", i dati da trasmettere vengono
forniti al controllore programmabile sotto forma di uno o pi blocchi di dati. La struttura di un

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

245

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali
blocco di dati dipende da diversi parametri, ad esempio, dalle varianti AR_SEND utilizzate,
dall'utilizzo di un contrassegno orario oppure dal tipo di dati relativo ai valori di processo.
I parametri utilizzati nel blocco di dati vengono descritti come di seguito. L'impostazione relativa
ai singoli valori del parametro viene eseguita nel blocco dei dati del controllore programmabile
e con la parametrizzazione del blocco funzionale "AR_SEND".
In WinCC, la parametrizzazione viene verificata con l'analisi del blocco di dati. Se WinCC rileva
errori nella struttura del blocco di dati oppure se la progettazione delle variabili di archivio non
corrisponde con i dati ricevuti, viene inserita una voce nel registro della diagnostica di WinCC
con la struttura seguente:
"Data, ora, 1003080, 4, user nome, computer nome, NRMS7PMC, PdeReceive: Unknown
parameter AR_SEND from connection nome del collegamento ...+ ulteriori informazioni
relative alla descrizione dell'errore"
Se le segnalazioni di sistema WinCC vengono progettate nel Sistema di segnalazione, tale
voce della diagnostica attiva un'ulteriore segnalazione di strumentazione e controllo dell'OS
con il numero 1003080. Nel commento relativo a tale segnalazione, necessario trovare il
testo relativo alla voce di registro.

Struttura del blocco di dati


Ogni blocco di dati consiste di un'area header e di un'area dei dati utili:
Il header contiene informazioni sui valori di processo ed il loro ciclo, nonch eventualmente
un contrassegno orario.
L'area dei dati utili contiene i valori di processo veri e propri.
Uno o pi blocchi di dati formano l'area dati da trasmettere.

Nota
Nella rappresentazione dei blocchi di dati ogni riga rappresenta due byte. I valori di processo
possono essere lunghi uno o pi byte, a seconda del tipo di dati. Per ulteriori indicazioni
consultare nella descrizione del parametro la voce "Numero dei valori di processo".

246

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali

Descrizione dei parametri


Tipo di header
Il tipo di header definisce il tipo di informazioni contenute nel header.
Tipo di
header

Data e ora

Sottonumero AR_ID

Header senza contrassegno orario

Header senza sottonumero AR_ID

Header con contrassegno orario

Header senza sottonumero AR_ID

Header senza contrassegno orario

Header con sottonumero AR_ID

Header con contrassegno orario

Header con sottonumero AR_ID

Nota
Con i tipi di header 0 e 8, i byte relativi al contrassegno orario vengono omessi nell'header.
Poich tali byte non restano riservati nel blocco di dati, l'header viene di conseguenza
abbreviato a circa 8 byte.

Sottonumero AR_ID
Effettua il coordinamento tra dati utili del PLC e le variabili di archivio di WinCC e viene
progettato in due punti:
In WinCC alla progettazione delle variabili di archivio comandate da processo
Nel PLC quando viene stabilita l'area dei dati utili da trasmettere
I sottonumeri sono rilevanti solo nel tipo di intestazione 8 o 9. I valori validi per i sottonumeri
sono compresi nell'intervallo tra 1 e 4095. In WinCC, il parametro viene indicato sotto forma
di un valore esadecimale (1 - 0FFF).

Data e ora
Il contrassegno orario contiene la data e l'ora in formato BCD SIMATIC S7. L'indicazione del
giorno della settimana non viene interpretata in WinCC.
Nota
Il sistema di automazione S7 non dispone della commutazione ora legale/ora solare. Nel
PLC, l'ora solare locale deve essere impostata sempre come ora di sistema. La correzione
del contrassegno orario dall'ora solare all'ora legale, o viceversa, avviene WinCC tramite la
DLL normalizzata. Quindi le applicazioni WinCC presentano l'ora corretta e l'identificazione
ora legale od ora solare pertinente. Per cui, ad esempio, in Tag Logging vengono applicate
nell'archivio l'ora e l'applicazione corrette.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

247

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali
Ciclo
Ciclo, nel quale vengono letti i valori di processo. Questo parametro un fattore per le unit
di tempo indicate alla voce Unit (Area). Lunghezza dei dati: Parola doppia.
Es.:
"Ciclo" = 10 ; "Unit(Area)" = 4 significa: ciclo di lettura dei valori di processo = 10 secondi

Unit (Tipo)
Definisce il tipo di informazione temporale e si riflette sul parametro "Numero dei valori di
processo".
Nr.

Significato

I valori di processo vengono letti equidistanti.


Il momento di avvio indicato nel contrassegno orario del header ed assolutamente
necessario. Per l'intervallo tra i valori di processo valgono le unit di tempo di "Unit (Area)"
ed il fattore "Ciclo".

Ogni valore di processo ha un contrassegno orario.


Un contrassegno orario indicato eventualmente nel header non viene interpretato. La
struttura corrisponde al contrassegno orario nel header con una lunghezza di 8 byte.

Ogni valore di processo ha una differenza di tempo relativa in unit di tempo con una
lunghezza dei dati di 2 parole.
Il tempo assoluto equivalente alla somma del contrassegno orario nell'Header (=tempo
iniziale) e della differenza temporale relativa impostata con l'"Unit(Area)". L'indicazione del
contrassegno orario nel header assolutamente necessaria.

Ogni valore di processo contiene un sottonumero AR_ID.


Per il valore di processo vale il contrassegno orario registrato nel header. L'indicazione del
contrassegno orario nel header assolutamente necessaria.

Unit (area)
Indica la grandezza delle unit di tempo utilizzate con l'unit (tipo) = 1 o 3.
Nr.

Significato

riservato

riservato

Millisecondi

Secondi

minuti

Ore

Giorni

Tipo di dati dei dati di processo


I valori di processo vengono memorizzati direttamente in formato S7.

248

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali
Nr.

Tipo di dati S7

Tipo di dati WinCC

BYTE

BYTE

WORD

WORD

INT

SWORD

DWORD

DWORD

DINT

SDWORD

REAL

FLOAT

Numero dei valori di processo


A seconda della voce in "Unit (Tipo)", nell'area dati trasmessa pu essere contenuto un
determinato numero di valori di processo. Il numero limitato dalla lunghezza massima di 16
kByte dell'area dati da trasmettere.
Con l'uso delle funzioni S7 "AR_SEND" e "BSEND/BRCV" per la comunicazione con il PLC
S7-400, necessario tenere presente i limiti delle risorse, ad es., la quantit massima dei dati
che pu essere trasmessa contemporaneamente in un determinato momento con le funzioni
AR_SEND e/o BSEND/BRCV dal PLC in WinCC limitata a massimo 16 kByte.
Nota
Per questo parametro "Numero dei valori di processo", con la variante AR_SEND "Pi variabili
di archivio" applicabile la seguente restrizione:
I blocchi di dati delle diverse variabili di archivio devono iniziare sempre ai limiti della parola.
Quindi, necessario specificare un numero uniforme di valori di processo ( = Byte) con la
combinazione "Tipo di dati valori di processo"= 0 (BYTE) e "Unit (tipo)" = 1 (valori di processo
con intervalli temporali equidistanti) per il parametro "Numero valori di processo". Tale
limitazione applicabile solo a questa variante AR_SEND ed a questa combinazione di tipo
di dati e di "Unit(Tipo)".
Esempio
1x BSEND con un max. di 16 kByte
o 1x AR_SEND con 8 kByte + 1x BSEND con 8 kByte
o 1x AR_SEND con 10 kByte + 1x AR_SEND con 2 kByte + 1x BSEND con 4 kByte
Unit
(Tipo)

Significato per il numero dei valori di processo

Lettura equidistante dei valori di processo:


Possono venire quindi trasmessi 8000 valori di processo del tipo di dati WORD o INT o
4000 valori del tipo di dati DWORD, DINT o REAL.

Valori di processo con contrassegno orario:


Ogni elemento dell'area dei dati utili composto da un contrassegno orario (8 byte) ed un
valore. Possono venire quindi trasmessi 1600 valori di processo del tipo di dati WORD o
INT o 1333 valori del tipo di dati DWORD, DINT o REAL.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

249

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali
Unit
(Tipo)

Significato per il numero dei valori di processo

Valori di processo con differenza di tempo:


Ogni elemento dell'area dei dati utili composto da una differenza di tempo (4 byte) ed un
valore. Possono venire quindi trasmessi 2666 valori di processo del tipo di dati WORD o
INT o 2000 valori del tipo di dati DWORD, DINT o REAL.

Il valore di processo comprende il sottonumero AR_ID (AR-SEND con pi variabili ottimizzato)


Nel Tipo 4 ogni valore di processo costituito da una parola con il sottonumero AR_ID
(campo valori: 1 - 0x0FFF) ed un valore. L'area dei dati utili costituita quindi da un array
di valori di processo preceduto dal sottonumero AR_ID. Si possono cos trasmettere 3992
valori di processo come WORD o INT o 2660 valori come DWORD, DINT o REAL.

Nota
I sottonumeri AR_ID indicati nei blocchi di dati devono essere progettati tutti in WinCC. WinCC
blocca l'interpreatzione dei dati utili non appena viene identificato un sottonumero non
progettato.
I blocchi di dati delle diverse variabili di archivio devono iniziare sempre ai limiti della parola.
Quindi, con il tipo di dati BYTE e "Unit (Tipo)" = 1 (valori di processo con intervalli temporali
equidistanti) relativo al parametro "Numero valori di processo" necessario indicare un
numero uniforme di valori di processo (=Bytes). Tale limitazione applicabile solo a questa
variante AR_SEND ed a questa combinazione di tipo di dati e di "(Tipo)Unit".

Vedere anche
Cos si progetta una variante AR_SEND per pi variabili di archivio (Pagina 275)
Come progettare una variante AR_SEND per una variabile di archivio (Pagina 272)
Variante AR_SEND per pi variabili di archivio (ottimizzate) (Pagina 270)
Variante AR_SEND per pi variabili di archivio (Pagina 258)
Variante AR_SENDfr di una variabile di archivio (Pagina 253)

11.6.2.3

Panoramica delle propriet relative alla variante AR_SEND

Premessa
Le tabelle mostrano esempi di base relativi alle propriet ed ai possibili valori dei parametri
per le diverse varianti AR_SEND.
Nelle tabelle vengono rappresentate tutte le combinazioni possibili.

250

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali
Le colonne "Tipo di header" fino a "Tipo di dati dei valori di processo" vengono specificate a
seconda dell'ordine corrispondente nell'header.
Nota
Durante la progettazione dei blocchi funzionali "AR_SEND" e della struttura dei dati nel blocco
dati del controllore programmabile, AR_ID ed il sottonumero di AR_ID vengono impostati con
i valori relativi agli altri parametri.

Variante relativa ad una variabile di archivio


Esempio /
Propriet

Es.N.

Header- Data / Ora


tipo
(contrasseg
no orario
nel header)

Fattore
di
ciclo

Unit
(Tipo)

Unit
(area)

Sotton.
AR_ID

Tipo dati
dei valori
di p.

max.
Struttura del
numero
valore di
valori di p. processo
nell'es.

ogni valore
di processo
(byte) con il
proprio
contrasseg
no orario

non
disponibile

0
1; 2
3; 4; 5

3200
1600
1333

Contrassegn
o orario a 8
Byte
+ valore di
processo a
1 byte

Valori di
processo
con
contrasseg
no orario
equidistant
e

rilevante

>=1

da 3 a 7

0
1; 2
3; 4; 5

16000
8000
4000

Valore di
processo ad
1 parola

ogni valore
di processo
(parola)
con il
proprio
contrasseg
no orario

non
rilevante

0
1; 2
3; 4; 5

3200
1600
1333

Contrassegn
o orario a 8
Byte +
valore di
processo a
1 parola

ogni valore
di processo
con
differenza
temporale

rilevante

>=1

da 3 a 7

0
1; 2
3; 4; 5

5332
2666
2000

Differenza
temporale a
8 byte
+ valore di
processo a
1 byte

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

251

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali

Variante per pi variabili di archivio


Esempio /
Propriet

Es.N.

Header- Data / Ora


tipo
(contrasseg
no orario
nel header)

Fattore
di
ciclo

Unit
(Tipo)

Unit
(area)

Sotton.
AR_ID

Tipo dati
dei valori
di p.

max.
Struttura del
numero
valore di
valori di p. processo
nell'es.

ogni valore
di processo
(byte) con il
proprio
contrasseg
no orario

non
disponibile

da 1 a
4095

0
1; 2
3; 4; 5

3200
1600
1333

Contrassegn
o orario a 8
Byte
+ valore di
processo a
1 byte

Valori di
processo
con
contrasseg
no orario
equidistant
e

rilevante

>=1

da 3 a 7

da 1 a
4095

0
1; 2
3; 4; 5

16000
8000
4000

Valore di
processo ad
1 parola

ogni valore
di processo
(parola)
con il
proprio
contrasseg
no orario

non
rilevante

da 1 a
4095

0
1; 2
3; 4; 5

3200
1600
1333

Contrassegn
o orario a 8
byte
+ valore di
processo a
1 parola

ogni valore
di processo
con
differenza
temporale

rilevante

da 3 a 7

da 1 a
4095

0
1; 2
3; 4; 5

5332
2666
2000

Differenza
temporale a
8 byte
+ valore di
processo a
1 byte

Variante per pi Variabili di archivio - ottimizzate


Esempio /
Propriet

Es.N.

ogni valore 9
di
processo
contiene
un
sottonumer
o AR_ID

252

Header- Data / Ora


tipo
(contrasseg
no orario
nel header)

Fattore
di
ciclo

Unit
(Tipo)

Unit
(area)

Sotton.
AR_ID

Tipo dati
dei valori
di p.

max.
Struttura del
numero
valore di
valori di p. processo
nell'es.

1; 2
3; 4; 5

3992
2660

rilevante

Sottonumero
ad 1 parola
+ valore di
processo a 1
parola

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali

Vedere anche
Variante AR_SEND per pi variabili di archivio (ottimizzate) (Pagina 270)
Variante AR_SEND per pi variabili di archivio (Pagina 258)
Variante AR_SENDfr di una variabile di archivio (Pagina 253)

11.6.2.4

Variante AR_SENDfr di una variabile di archivio

Premessa
Con questa variante possibile alimentare una variabile di archivio con i valori di processo.
Tale variante pu essere utilizzata anche in versioni precedenti di WinCC (anteriori alla V5.0).

Propriet di questa variante:


Il tipo di header deve essere 0 o 1, cio senza sottonumero AR_ID e con/senza
contrassegno orario.
Il sottonumero AR_ID dell'header non viene utilizzato.
In WinCC, il nome della variabile di archivio non contiene alcun sottonumero AR_ID, poich
vengono trasmessi solo i valori di processo relativi ad una variabile di archivio.

Esempio di struttura dell'area dati


L'area dati da trasmettere costituita da un blocco di dati.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

253

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali

Vedere anche
Esempio 4 per la struttura di un blocco dati : una variabile di archivio; ogni valore di processo
con il contrassegno temporale relativo (differenza temporale) (Pagina 257)
Esempio 3 per la struttura di un blocco dati : una variabile di archivio; ogni valore di processo
con il proprio contrassegno temporale (Pagina 256)
Esempio 2 per la struttura di un blocco dati : una variabile di archivio; contrassegni temporali
equidistanti (Pagina 255)
Esempio 1 per la struttura di un blocco dati : una variabile di archivio; ogni valore di processo
contiene il proprio contrassegno temporale (Pagina 254)
Panoramica delle propriet relative alla variante AR_SEND (Pagina 250)

11.6.2.5

Esempio 1 per la struttura di un blocco dati : una variabile di archivio; ogni valore di processo
contiene il proprio contrassegno temporale

Premessa
In questo esempio vengono trasmessi i valori di processo relativi ad una variabile di archivio.
Il contrassegno orario nell'header non disponibile e quindi il numero di byte corrispondenti
non viene riservato. Per questo motivo, ogni valore di processo (1Byte) contiene un
contrassegno orario inserito prima (8Byte).
Il tipo di dati relativo al valore di processo "BYTE".

254

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali

Struttura del blocco di dati all'interno del blocco di dati

Vedere anche
Schema e parametri di un blocco di dati (Pagina 245)

11.6.2.6

Esempio 2 per la struttura di un blocco dati : una variabile di archivio; contrassegni temporali
equidistanti

Premessa
In questo esempio vengono trasmessi i valori di processo relativi ad una variabile di archivio.
Il contrassegno orario equidistante di un secondo viene creato con il parametro "Ciclo" =1 e
"Unit (campo)" = 4 ( = secondi).
Il tipo di dati relativo al valore di processo "WORD".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

255

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali

Struttura del blocco di dati all'interno del blocco di dati

Vedere anche
Schema e parametri di un blocco di dati (Pagina 245)

11.6.2.7

Esempio 3 per la struttura di un blocco dati : una variabile di archivio; ogni valore di processo
con il proprio contrassegno temporale

Premessa
In questo esempio vengono trasmessi i valori di processo relativi ad una variabile di archivio.
Il contrassegno orario indicato eventualmente nell'header non rilevante. Quindi, ogni valore
di processo (1parola) contiene un contrassegno orario inserito prima (8Byte).
Il tipo di dati relativo ai valori di processo "SWORD".

256

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali

Struttura del blocco di dati all'interno del blocco di dati

Vedere anche
Schema e parametri di un blocco di dati (Pagina 245)

11.6.2.8

Esempio 4 per la struttura di un blocco dati : una variabile di archivio; ogni valore di processo
con il contrassegno temporale relativo (differenza temporale)

Premessa
In questo esempio vengono trasmessi i valori di processo per una variabile di archivio con un
contrassegno orario.
Utilizzando il parametro "Unit(tipo)" = 3, ogni valore di processo contiene una differenza
temporale relativa (4 Byte) rispetto al contrassegno orario nell'header. L'unit della differenza
temporale, espressa in secondi, viene impostata con il parametro "Unit(Area)" = 4.
Il tipo di dati relativo al valore di processo "DWORD".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

257

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali

Struttura del blocco di dati all'interno del blocco di dati

Vedere anche
Schema e parametri di un blocco di dati (Pagina 245)

11.6.2.9

Variante AR_SEND per pi variabili di archivio

Premessa
Con questa variante possibile trasferire i valori di processo in una o pi variabili di archivio.
Per ogni variabile di archivio viene assegnato un sottonumero AR_ID e creato un blocco di
dati nell'area dati da trasmettere.
Per ogni sottonumero AR_ID possono venire trasmessi "x" valori di processo. Per ulteriori
informazioni, fare riferimento all'argomento "Schema e parametri relativi alla struttura del
blocco dati" nella descrizione del parametro "Numero dei valori di processo".
Il contrassegno orario per ogni singolo valore di una variabile di archivio viene applicato
dall'area dati trasmessa o formato con questa a seconda dell'"Unit (tipo)" e "Unit (area)"
indicate, ed inoltrato all'archivio dei valori di processo di WinCC.

258

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali

Propriet di questa variante:


Il tipo di header deve essere 8 o 9, (con/senza contrassegno orario e con sottonumero
AR_ID).
Per ogni sottonumero AR_ID deve essere stato stabilito un blocco di dati nell'area dati
trasmessa.
Il sottonumero AR_ID in ogni blocco di dati deve essere superiore a zero.
In WinCC, il Nome della variabile di archivio contiene un sottonumero AR_ID.
Nota
I sottonumeri AR_ID indicati nei blocchi di dati devono essere progettati tutti in WinCC. WinCC
blocca l'interpreatzione dei dati utili non appena viene identificato un sottonumero non
progettato.
I blocchi di dati delle diverse variabili di archivio devono iniziare sempre ai limiti della parola.
Quindi, necessario specificare un numero uniforme di valori di processo ( = Byte) con la
combinazione "Tipo di dati valori di processo"= 0 (BYTE) e "Unit (tipo)" = 1 (Valori di
processo con intervalli temporali equidistanti) per il parametro "Numero valori di processo".
Tale limitazione applicabile solo a questa variante AR_SEND ed a questa combinazione
di tipo di dati e di "Unit(Tipo)".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

259

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali

Esempio di struttura dell'area dati


L'area dati da trasmettere costituita da uno o pi blocchi di dati, a seconda del numero di
variabili di archivio da alimentare.

260

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

261

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali

Vedere anche
Esempio 8 per la struttura di un blocco dati : pi variabili di archivio; valori di processo con il
contrassegno temporale relativo (differenza temporale) (Pagina 268)
Esempio 7 per la struttura di un blocco dati : pi variabili di archivio; ogni valore di processo
con il proprio contrassegno temporale (Pagina 266)
Esempio 6 per la struttura di un blocco dati : pi variabili di archivio; contrassegni temporali
equidistanti (Pagina 264)
Esempio 5 per la struttura di un blocco dati : pi variabili di archivio; ogni valore di processo
con il proprio contrassegno temporale (Pagina 262)
Panoramica delle propriet relative alla variante AR_SEND (Pagina 250)

11.6.2.10 Esempio 5 per la struttura di un blocco dati : pi variabili di archivio; ogni valore di processo
con il proprio contrassegno temporale
Premessa
In questo esempio vengono trasmessi i valori di processo relativi a pi variabili di archivio.
I blocchi di dati delle diverse variabili di archivio sono posizionati uno dopo l'altro all'interno del
blocco di dati. In ogni blocco di dati viene registrato un altro sottonumero AR_ID.
Il contrassegno orario nell'header non disponibile e quindi il numero di byte corrispondenti
non viene riservato. Per questo motivo, ogni valore di processo (1Byte) contiene un
contrassegno orario inserito prima (8Byte).
Il tipo di dati relativo al valore di processo "BYTE".

262

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali

Struttura del blocco di dati all'interno del blocco di dati

Vedere anche
Schema e parametri di un blocco di dati (Pagina 245)

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

263

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali

11.6.2.11 Esempio 6 per la struttura di un blocco dati : pi variabili di archivio; contrassegni temporali
equidistanti
Premessa
In questo esempio vengono trasmessi i valori di processo relativi a pi variabili di archivio. I
blocchi di dati delle diverse variabili di archivio sono posizionati uno dopo l'altro all'interno del
blocco di dati. In ogni blocco di dati viene registrato un altro sottonumero AR_ID nell'header.
Il contrassegno orario equidistante di un secondo viene creato con il parametro "Ciclo" =1 e
"Unit (campo)" = 4 ( = secondi).
Il tipo di dati relativo al valore di processo "WORD".

264

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali

Struttura del blocco di dati all'interno del blocco di dati

Vedere anche
Schema e parametri di un blocco di dati (Pagina 245)

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

265

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali

11.6.2.12 Esempio 7 per la struttura di un blocco dati : pi variabili di archivio; ogni valore di processo
con il proprio contrassegno temporale
Premessa
In questo esempio vengono trasmessi i valori di processo relativi a pi variabili di archivio. I
blocchi di dati delle diverse variabili di archivio sono posizionati uno dopo l'altro all'interno del
blocco di dati. In ogni blocco di dati viene registrato un altro sottonumero AR_ID.
Il contrassegno orario indicato eventualmente nell'header non rilevante. Quindi, ogni valore
di processo (1parola) contiene un contrassegno orario inserito prima (8Byte).
Il tipo di dati relativo ai valori di processo "SWORD".

266

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali

Struttura del blocco di dati all'interno del blocco di dati

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

267

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali

Vedere anche
Schema e parametri di un blocco di dati (Pagina 245)

11.6.2.13 Esempio 8 per la struttura di un blocco dati : pi variabili di archivio; valori di processo con
il contrassegno temporale relativo (differenza temporale)
Premessa
In questo esempio vengono trasmessi i valori di processo per una variabile di archivio con un
relativo contrassegno orario.
I blocchi di dati delle diverse variabili di archivio sono posizionati uno dopo l'altro all'interno del
blocco di dati. In ogni blocco di dati viene registrato un altro sottonumero AR_ID.
Utilizzando il parametro "Unit(tipo)" = 3, ogni valore di processo contiene una differenza
temporale relativa (4 Byte) rispetto al contrassegno orario nell'header. Per ogni variabile di
archivio, l'unit della differenza temporale, ed anche i singoli blocchi di dati, vengono impostati
con il parametro "Unit(Campo)".
Il tipo di dati relativo al valore di processo "DWORD".

268

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali

Struttura del blocco di dati all'interno del blocco di dati

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

269

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali

Vedere anche
Schema e parametri di un blocco di dati (Pagina 245)

11.6.2.14 Variante AR_SEND per pi variabili di archivio (ottimizzate)


Premessa
Questa variante serve per quelle applicazioni con le quali devono venire trasferite, in un
determinato momento, il maggior numero possibile di variabili di archivio con un valore di
processo ciascuna. L'area dati trasmessa consister di un solo blocco di dati ed ogni valore
di processo sar costituito da un sottonumero AR_ID e dal valore che segue.
In questo blocco di dati, il tipo di dati equivalente per tutti i valori di processo delle variabili
di archivio.

Propriet di questa variante:


Il tipo di header deve essere 1 o (con contrassegno orario e senza sottonumero AR_ID).
I sottonumeri AR_ID nei relativi valori di processo nel blocco dati devono essere superiori
a zero. Il sottonumero AR_ID dell'header non viene utilizzato.
Il parametro "Unit (Tipo)" deve essere 4, cio il valore di processo contiene il sottonumero
AR_ID.
Il parametro "Unit (Area)" deve essere 0, cio il contrassegno orario nel header vale per
tutti i valori di processo e non vi sono tempi relativi.
In WinCC, il Nome della variabile di archivio contiene un sottonumero AR_ID.
Nota
Se in un valore di processo contenuto un sottonumero AR_ID per il quale non esiste alcuna
variabile di archivio di WinCC, ci causa una registrazione nel Registro di diagnostica di
WinCC. I restanti valori di processo continuano a venire elaborati.

270

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali

Esempio di struttura dell'area dati


L'area dati da trasmettere costituita da un solo blocco di dati.

Vedere anche
Panoramica delle propriet relative alla variante AR_SEND (Pagina 250)
Esempio 9 per la struttura di un blocco dati : pi variabili di archivio; ottimizzata (Pagina 271)

11.6.2.15 Esempio 9 per la struttura di un blocco dati : pi variabili di archivio; ottimizzata


Premessa
In questo esempio vengono trasmessi i valori di processo per pi variabili di archivio con il
contrassegno orario ottimizzato. Il contrassegno orario applicabile a tutte le variabili di
archivio.
Ogni valore di processo viene posizionato prima del sottonumero AR_ID appropriato.
Il tipo di dati relativo al valore di processo "WORD".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

271

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali

Struttura del blocco di dati all'interno del blocco di dati

Vedere anche
Schema e parametri di un blocco di dati (Pagina 245)

11.6.2.16 Come progettare una variante AR_SEND per una variabile di archivio
Premessa
Lo scambio dei dati per mezzo della funzione AR_SEND pu effettuarsi con diverse varianti.
Per la variante "Una Variabile di archivio" viene utilizzato solo l'AR_ID, e non il sottonumero
AR_ID.
Il sottonumero AR_ID determina il coordinamento tra i dati del controllore programmabile e
delle variabili di archivio, e viene impostato con altri parametri durante la progettazione dei
blocchi di dati e del blocco funzionale di SFB 37 "AR_SEND".
In WinCC tale coordinamento avviene nelle propriet delle variabili comandate da processo.
Questo coordinamento rappresenta l'unica progettazione necessaria in WinCC e viene
descritto in questo paragrafo.

272

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali
Per gli altri parametri, non necessaria alcuna progettazione in WinCC, poich tali parametri
vengono utilizzati automaticamente.
Nota
Per utilizzare questa variante solo con l'AR_ID, necessario progettare il tipo di header 0 o
1. Il sottonumero AR_ID viene impostato su ZERO.
Con questa variante possibile utilizzare tutte le variabili di archivio progettate con la versione
5.0 (o superiore) di WinCC, poich non contengono alcun sottonumero AR_ID.
Con la versione WinCC 5.1 Hotfix 4 (o superiore) possibile assegnare ai nomi delle variabili
di archivio (circa le variabili comandate dal processo) un alias oppure utilizzare il nome interno
creato dal sistema. Quest'ultimo comprende, a partire dalla versione V5.1 HF4, il nome della
variabile dati grezzi assegnata, anzich l'ID dati grezzi. Nei progetti migrati in una versione
5.1 HF4 (o superiore), possono essere utilizzati ulteriomente i nomi delle variabili di protocollo
nel formato originale oppure possono essere convertiti. Per convertire, aprire una volta la
finestra di dialogo Propriet della variabile comandata dal processo, quindi chiuderla
salvandola. Non deve essere assegnato alcun alias.
Se in un progetto con la funzione "AS OS Transfer" vengono rimappate tutte le variabili
esterne, occorre convertire una volta il nome della variabile di archivio sulla nuova struttura.
Quindi la nuova struttura rimane inalterata.

Requisiti
Nel controllore programmabile necessario eseguire la progettazione del blocco funzionale
"AR_SEND" e della struttura del blocco dati che di solito viene effettuata con la seguente
procedura.
Il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" deve essere integrato nel progetto.
In un'unit di canale, p. es. "Industrial Ethernet", deve venire creato un collegamento, p.
es. "Test_Ind_Eth".
Nell'editor "Tag Logging" deve essere progettato un archivio dei valori di processo.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

273

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali

Procedura
1. Selezionare nel canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" il collegamento tramite il il quale deve
avvenire la trasmissione dei dati. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento
la voce "Nuova variabile". Si apre la finestra di dialogo "Propriet della variabile".
2. Immettere come nome della variabile "Var_raw_arsend" nel campo "Nome". Il nome deve
comprendere massimo 24 caratteri. Nella progettazione delle variabili comandate dal
processo, il nome della variabile dati grezzi diventa parte del nome della variabile di
archivio, per cui la lunghezza di tale nome ne risulta limitata.
Impostare nel campo "Tipo di dati" il tipo "Tipo di dati grezzi". Aprire mediante il pulsante
di comando "Seleziona" la Finestra di dialogo "Indirizzo Propriet".

3. Attivare la casella di controllo "Dati grezzi". Selezionare nell'area "Tipo di dati grezzi" come
tipo "Accoppiamento dati di archivio". Chiudere tutte le finestre di dialogo aperte per mezzo
del pulsante "OK".
4. Aprire l'editor "Tag Logging" e selezionare nel menu di scelta rapida di un archivio dei valori
di processo la voce "Nuova variabile comandata da processo". Si apre la finestra di dialogo
"Propriet variabile controllata da processo".

5. Aprire con il pulsante di comando "Seleziona" una finestra di selezione e selezionare la


variabile di dati grezzi che deve servire per alimentare le variabili di archivio. In questo
esempio questa "VAR_raw_arsend". Chiudere il dialogo con il pulsante di comando "OK".

274

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali
6. Impostare nel campo "DLL di normalizzazione" la voce "nrms7pmc.nll". Azionare il pulsante
di comando "Opzioni". Si apre la finestra di introduzione dei dati.

7. Immettere l'AR_ID come valore esadecimale. Il valore viene preassegnato dalla


progettazione nel PLC.
Disattivare la casella di controllo "Sottonumero", poich in questa variante AR_SEND non
viene utilizzato alcun sottonumero.
Chiudere il dialogo con il pulsante di comando "OK".
8. Nel campo "Nome interno della variabile" viene visualizzato il nome interno della variabile
di archivio creato dal sistema. Esso contiene il nome assegnato della variabile dati grezzi
e l'AR_ID. Nel campo "Nome della variabile di archivio"pu essere definito per questa
variabile di archivio, all'occorrenza, un alias. Qualora non venga immesso alcun alias, sar
utilizzato il nome interno della variabile di archivio per la gestione nell'archivio dei valori di
processo e nell'indirizzamento della variabile di archivio in WinCC.
9. Chiudere il dialogo con il pulsante di comando "OK".
10.Salvare le modifiche e chiudere il Tag Logging.

11.6.2.17 Cos si progetta una variante AR_SEND per pi variabili di archivio


Premessa
Lo scambio dei dati per pi variabili di archivio pu essere eseguito con diverse varianti tramite
la funzione AR_SEND.
Variante "Pi variabili di archivio", se la trasmissione dei valori in pi variabili di archivio
deve essere eseguita con pi valori in punti temporali diversi.
Variante "Pi variabili di archivio - ottimizzate", se la trasmissione dei valori nella gran parte
delle variabili di archivio possibili deve essere eseguita con un solo valore in un determinato
punto temporale.
In queste due varianti, viene utilizzato AR_ID ed il sottonumero di AR_ID.
Il sottonumero di AR_ID determina il coordinamento tra i dati del controllore programmabile e
delle variabili di archivio, e viene impostato con altri parametri durante la progettazione dei
blocchi di dati e del blocco funzionale di SFB 37 "AR_SEND".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

275

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali
In WinCC tale coordinamento avviene nelle propriet delle variabili comandate da processo.
Questo coordinamento rappresenta l'unica progettazione necessaria in WinCC e viene
descritto in questo paragrafo.
Per gli altri parametri, non necessaria alcuna progettazione in WinCC, poich tali parametri
vengono utilizzati automaticamente.
Nota
Per utilizzare il sottonumero AR_ID deve essere progettato un header del tipo 8 o 9.
Le variabili di archivio progettate a partire dalla versione 5.0 di WinCC non dispongono di
alcun sottonumero AR_ID e quindi possono essere utilizzate solo nella variante "Una
variabile".
Con la versione WinCC 5.1 Hotfix 4 (o superiore) possibile assegnare ai nomi delle variabili
di archivio (circa le variabili comandate dal processo) un alias oppure utilizzare il nome interno
creato dal sistema. Quest'ultimo comprende, a partire dalla versione V5.1 HF4, il nome della
variabile dati grezzi assegnata, anzich l'ID dati grezzi. Nei progetti migrati in una versione
5.1 HF4 (o superiore), possono essere utilizzati ulteriomente i nomi delle variabili di protocollo
nel formato originale oppure possono essere convertiti. Per convertire, aprire una volta la
finestra di dialogo Propriet della variabile comandata dal processo, quindi chiuderla
salvandola. Non deve essere assegnato alcun alias.
Se in un progetto con la funzione "AS OS Transfer" vengono rimappate tutte le variabili
esterne, occorre convertire una volta il nome della variabile di archivio sulla nuova struttura.
Quindi la nuova struttura rimane inalterata.

Requisiti
Nel controllore programmabile necessario eseguire la progettazione del blocco funzionale
"AR_SEND" e della struttura del blocco dati che di solito viene effettuata con la seguente
procedura.
Il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" deve essere integrato nel progetto.
In un'unit di canale, p. es. "Industrial Ethernet", deve venire creato un collegamento, p.
es. "Test_Ind_Eth".
Nell'editor "Tag Logging" deve essere progettato un archivio dei valori di processo.

276

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali

Procedura
1. Selezionare nel canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" il collegamento tramite il il quale deve
avvenire la trasmissione dei dati. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento
la voce "Nuova variabile". Si apre la finestra di dialogo "Propriet della variabile".
2. Immettere come nome della variabile "Var_raw_arsend" nel campo "Nome". Il nome deve
comprendere massimo 24 caratteri. Nella progettazione delle variabili comandate dal
processo, il nome della variabile dati grezzi diventa parte del nome della variabile di
archivio, per cui la lunghezza di tale nome ne risulta limitata.
Impostare nel campo "Tipo di dati" il tipo "Tipo di dati grezzi". Aprire mediante il pulsante
di comando "Seleziona" la Finestra di dialogo "Indirizzo Propriet".

3. Attivare la casella di controllo "Dati grezzi". Selezionare nell'area "Tipo di dati grezzi" come
tipo "Accoppiamento dati di archivio". Chiudere tutte le finestre di dialogo aperte per mezzo
del pulsante "OK".
4. Aprire l'editor "Tag Logging" e selezionare nel menu di scelta rapida di un archivio dei valori
di processo la voce "Nuova variabile comandata da processo". Si apre la finestra di dialogo
"Propriet variabile controllata da processo".

5. Aprire con il pulsante di comando "Seleziona" una finestra di selezione e selezionare la


variabile di dati grezzi che deve servire per alimentare le variabili di archivio. In questo
esempio questa "VAR_raw_arsend". Chiudere il dialogo con il pulsante di comando "OK".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

277

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali
6. Impostare nel campo "DLL di normalizzazione" la voce "nrms7pmc.nll". Azionare il pulsante
di comando "Opzioni". Si apre la finestra di introduzione dei dati.

7. Immettere l'AR_ID come valore esadecimale. Il valore viene preassegnato dalla


progettazione nel PLC.
Attivare la casella di controllo "Sottonumero". Immettere il sottonumero AR_ID come valore
esadecimale. Il valore viene pure preassegnato dalla progettazione nel PLC.
Chiudere il dialogo con il pulsante di comando "OK".
8. Nel campo "Nome interno della variabile" viene visualizzato il nome interno della variabile
di archivio creato dal sistema. Esso contiene il nome assegnato della variabile dati grezzi
e l'AR_ID e il sottonumero AR _ID. Nel campo "Nome della variabile di archivio"pu essere
definito per questa variabile di archivio, all'occorrenza, un alias. Qualora non venga
immesso alcun alias, sar utilizzato il nome interno della variabile di archivio per la gestione
nell'archivio dei valori di processo e nell'indirizzamento della variabile di archivio in WinCC.
9. Chiudere il dialogo con il pulsante di comando "OK".
10.Salvare le modifiche e chiudere il Tag Logging.

11.6.3

Variabili di dati grezzi del canale "SIMATIC S7 Protocol Suite"

11.6.3.1

Variabili di dati grezzi del canale "SIMATIC S7 Protocol Suite"

Premessa
Una variabile del tipo "Tipo di dati grezzi" corrisponde ad un telegramma di dati a livello di
trasporto. Il contenuto della variabile di dati grezzi non definito e quindi l'interpretazione
dei dati trasmessi pu venire effettuata solo dal trasmettitore e dal ricevitore. Per questo
tipo di dati in WinCC non viene effettuato alcun cambio di formato. La lunghezza massima
di 65535 byte.
In WinCC si distinguono due tipi di variabili di dati grezzi: variabile di dati grezzi per uso
libero dell'utente e variabile di dati grezzi per lo svolgimento di funzioni S7.

278

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali

Variabile di dati grezzi per uso libero dell'utente


Le variabili di dati grezzi per uso libero dell'utente servono per trasmettere blocchi di dati utente
tra WinCC e PLC e manipolano solo i dati utili. Si distingue:
Variabile di dati grezzi in forma di array di byte
Variabile di dati grezzi per funzioni BSEND/BRCV

Variabile di dati grezzi per lo svolgimento di funzioni S7


Queste variabili di dati grezzi hanno un header specifico di canale e in genere vengono
utilizzate dal sistema di segnalazione e dal sistema di rilevamento dei dati di processo in
WinCC.
Esse non verranno descritte ulteriormente, poich si tratta di variabili e di funzioni interne di
canale.

Vedere anche
Variabile di dati grezzi per funzioni BSEND/BRCV della comunicazione S7 (Pagina 283)
Variabile di dati grezzi in forma di array di byte (Pagina 279)

11.6.3.2

Variabile di dati grezzi in forma di array di byte

Introduzione
Le variabili di dati grezzi in forma di array di byte servono per trasmettere blocchi di dati utente
tra WinCC e PLC e manipolano solo dati utili.
Nel canale una variabile di dati grezzi in forma di array di byte viene trattata come una normale
variabile di processo, che viene indirizzata per mezzo dell'indirizzo e della lunghezza dell'area
dati (p. es. DB 100, DW 20, lunghezza 40 byte).
La lunghezza dei dati grezzi limitata ad un blocco di dati da trasmettere e deve essere
possibile trasmetterla totalmente con una PDU (Protocol Data Unit). La lunghezza massima
dei blocchi di dati che possono venire trasmessi dal driver di comunicazione si basa sulla
lunghezza della PDU risultata al momento di stabilire il collegamento, detraendo le
informazioni header e supplementari. Per le lunghezze usuali per SIMATIC S7 risulteranno
quindi le seguenti lunghezze massime:
S7-300: lunghezza della PDU 240 byte; lunghezza del blocco dati max. 208 byte
S7-400: lunghezza della PDU 480 byte; lunghezza del blocco dati max. 448 byte
Se devono venire trasmessi blocchi di dati pi grandi, allora deve venire effettuata una
composizione dei blocchi di dati. Questa composizione dei blocchi viene realizzata nel PLC
tramite il software S7, in WinCC per mezzo degli script.

Progettazione di una variabile di dati grezzi in forma di array di byte


Le variabili di dati grezzi per la trasmissione di blocchi di dati vengono progettate come dati
grezzi del tipo "Invia/ricevi blocco" con un indirizzo ed un'indicazione della lunghezza.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

279

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali
La seguente figura mostra un esempio di progettazione per un'area dati lunga 40 byte nel
blocco di dati 100 a partire dal data word 20:

Lettura di una variabile di dati grezzi in forma di array di byte


La lettura della variabile di dati grezzi non differisce dalla lettura di una variabile di processo
"normale". Il blocco di dati corrispondente viene richiesto al PLC e dopo la ricezione dei dati
viene trasmesso all'utente.
Una trasmissione avviene sempre su iniziativa di WinCC. Non possibile effettuare tramite
una variabile di dati grezzi una ricezione dati sporadica o pilotata da evento su iniziativa del
PLC.

Scrittura di una variabile di dati grezzi in forma di array di byte


La scrittura della variabile di dati grezzi non differisce dalla scrittura di una variabile di processo
"normale". Dopo l'invio del blocco di dati e la ricezione di un'acquisizione positiva da parte del
PLC, il blocco di dati viene applicato all'immagine del Data Manager.

Vedere anche
Cos si progetta una variabile di dati grezzi in forma di array di byte (Pagina 281)

280

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali

11.6.3.3

Cos si progetta una variabile di dati grezzi in forma di array di byte

Premessa
In questo paragrafo viene mostrato come progettare una variabile di dati grezzi del canale
"SIMATIC S7 Protocol Suite" in forma di array di byte.
La progettazione identica per tutte le unit di canale del canale. A titolo di esempio viene
utilizzata l'unit di canale "MPI" ed il suo collegamento.

Requisiti
Il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" deve essere integrato nel progetto.
In un'unit di canale, p. es. "MPI", deve venire creato un collegamento.

Procedura
1. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento la voce "Nuova variabile". Si apre
la finestra di dialogo "Propriet della variabile".
2. Immettere come nome della variabile p. es. "Var1_raw_byte" nel campo "Nome". Impostare
nel campo "Tipo di dati" il tipo "Tipo di dati grezzi".
3. Aprire mediante il pulsante di comando "Seleziona" la Finestra di dialogo "Indirizzo
Propriet".
4. Attivare la casella di controllo "Dati grezzi". Selezionare nell'area "Tipo di dati grezzi" come
tipo "Invia/ricevi blocco". Le indicazioni dei campi dell'area "Descrizione dell'indirizzo" e del
campo a fianco della casella di controllo "Dati grezzi" dipendono da questa impostazione.
5. Immettere nel campo "Lunghezza" la lunghezza del blocco di dati grezzi (in byte).

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

281

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali
6. Impostare nel campo "Area dati" in quale area dati del PLC si trovano i dati. Se attivata
l'area dati "DB" immettere nel campo attivato "N DB" anche il numero del blocco di dati.
Il campo "Cpu" non attivato con un collegamento dell'unit di canale "MPI".

7. Impostare nel campo "Indirizzamento" il tipo di indirizzamento. Per il tipo di dati "Tipo di
dati grezzi" della variabile WinCC sono possibili le voci "Byte", "Parola" e "Parola doppia".
8. Immettere nel campo in basso il valore dell'indirizzo dell'inizio. La descrizione del campo
dipende dai dati immessi nei campi "Area dati" e "Indirizzamento", p. es. "DBB" per l'area
dati "DB" e per l'indirizzamento "Byte".
9. Chiudere tutte le finestre di dialogo aperte per mezzo del pulsante "OK".

Nota
La lunghezza dei dati grezzi limitata ad un blocco di dati da trasmettere e deve essere
possibile trasmetterla totalmente con una PDU (Protocol Data Unit). La lunghezza massima
del blocco di dati che pu venire trasmesso dal driver di comunicazione si basa sulla
lunghezza della PDU risultata al momento di stabilire il collegamento, detraendo le
informazioni header e supplementari. Per le lunghezze usuali per SIMATIC S7 risulteranno
quindi le seguenti lunghezze massime:
S7-300: lunghezza della PDU 240 byte, lunghezza del blocco dati max. 208 byte
S7-400: lunghezza della PDU 480 byte, lunghezza del blocco dati max. 448 byte
Se viene immessa una lunghezza errata, l'ordine di lettura o di scrittura viene rifiutato con un
avviso.

282

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali

11.6.3.4

Variabile di dati grezzi per funzioni BSEND/BRCV della comunicazione S7

Introduzione
Le variabile di dati grezzi per funzioni "BSEND/BRCV" servono per trasmettere blocchi di dati
utente tra WinCC e PLC e manipolano solo dati utili.
Per mezzo di questo tipo di dati grezzi possono venire utilizzate le funzioni "BSEND/BRCV"
della comunicazione S7. Queste funzioni sono disponibili nei seguenti sistemi di automazione:
S7-400
S7-300
CPU319-3 PN/DP da V2.5
CPU317-2 PN/DP da V2.6
CPU315-2 PN/DP da V3.1
Per i controllori S7-300 si consiglia una versione del firmware V3.x o superiore.
WinAC RTX 2010
L'iniziativa della trasmissione dei dati viene sempre presa dal partner che invia, quindi tramite
le funzioni "BSEND/BRCV" pu venire effettuata anche una trasmissione di blocchi di dati
pilotata da evento o sporadica.
Per motivi di risorse opportuno mantenere basso il numero delle variabili di dati grezzi
BSEND/BRCV.
Limitazione delle risorse nell'uso delle funzioni S7 "AR_SEND" e "BSEND/BRCV" per la
comunicazione con S7-400
La quantit massima di dati che pu venire inviata in un dato momento simultaneamente con
le funzioni AR_SEND e/o BSEND/BRCV dal PLC a WinCC limitata a 16 kByte.
Esempio
1x BSEND con un max. di 16 kByte
1x AR_SEND con 8 kByte + 1x BSEND con 8 kByte
1x AR_SEND con 10 kByte + 1x AR_SEND con 2 kByte + 1x BSEND con 4 kByte
Nota
Se un blocco di dati di un ordine di scrittura stato trasmesso al PLC senza per essere
stato ancora eliminato o senza essere stato completamente eliminato dal buffer di
ricezione, un ordine di scrittura successivo verr rifiutato con una segnalazione d'errore.
Con una segnalazione d'errore di questo tipo, gli ordini di scrittura con una R_ID > 0x8000
0000 vengono inseriti in una coda di attesa specifica del collegamento, e dopo 6 secondi
verr ritentato l'ordine di scrittura.
Il coordinamento temporale della trasmissione dipende dall'utente e se ne deve tenere
conto negli ordini di scrittura con intervalli pi brevi.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

283

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali

Progettazione di un collegamento PBK per l'utilizzazione delle funzioni "BSEND/BRCV"


L'utilizzazione delle funzioni "BSEND/BRCV" pu effettuarsi solo a mezzo di un "collegamento
a progettazione fissa", un cosiddetto collegamento PBK (comunicazione di modulo
programmata). Per progettare un collegamento a progettazione fissa occorre indicare nei
parametri di collegamento una risorsa di collegamento (Esadecimale: 10 ... DF). La risorsa di
collegamento viene assegnata da STEP 7 alla progettazione del collegamento nel PLC. Il
collegamento deve essere progettato nel PLC come punto passivo terminale del collegamento.
Con un collegamento a progettazione fissa possono venire svolti anche ordini di lettura e di
scrittura "normali". Se a mezzo del collegamento vengono trasmesse aree di dati molto grandi,
allora i blocchi di dati verranno trasmessi in pi PDU. Per motivi di performance pu essere
opportuno quindi creare per le funzioni "BSEND/BRCV" un collegamento apposito.

Progettazione della variabile di dati grezzi per le funzioni "BSEND/BRCV"


Le variabili di dati grezzi per la trasmissione di blocchi di dati "BSEND/BRCV" vengono
progettate come dati grezzi del tipo "BSEND/BRCV" con una "R_ID". La lunghezza dei dati
risulta implicitamente dalla quantit dei dati inviati o ricevuti.

Parametro "R_ID"
Per la funzionalit "BSEND/BRCV" deve venire immessa con un numero esadecimale una
R_ID lunga 32 bit. La R_ID viene assegnata alla progettazione nel PLC e serve per
differenziare pi trasmissioni di blocchi di dati a mezzo di un collegamento. I richiami di invio
e di ricezione verranno indicati al sottosistema di comunicazione subordinato (SIMATIC Device

284

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali
Driver) sempre con riferimento a questa R_ID. Una variabile di dati grezzi quindi sempre
coordinata ad una R_ID univoca.

Invio di una variabile di dati grezzi "BSEND/BRCV"


L'invio di una variabile di dati grezzi "BSEND/BRCV" si effettua come la scrittura di una
"normale" variabile di processo. Dopo l'invio del blocco di dati e la ricezione di un'acquisizione
positiva da parte del PLC, il blocco di dati viene applicato all'immagine del Data Manager.

Ricezione di una variabile di dati grezzi "BSEND/BRCV"


I dati grezzi "BSEND/BRCV" vengono inviati sporadicamente al canale su iniziativa del PLC.
Non quindi possibile leggere esplicitamente le variabili di dati grezzi S7.
I meccanismi del BSEND/BRCV non comprendono funzioni per la sincronizzazione. Se nella
fase di avviamento nessun utente si ancora connesso per ricevere i dati, i blocchi di dati
inviati dal PLC vengono rigettati nella pagina di ricezione. L'utente deve quindi provvedere egli
stesso alla sincronizzazione ed abilitare, p. es., la direzione di invio sul PLC impostando un
flag in un data word.

Vedere anche
Come progettare una variabile di dati grezzi per le funzioni "BSEND/BRCV" (Pagina 285)

11.6.3.5

Come progettare una variabile di dati grezzi per le funzioni "BSEND/BRCV"

Premessa
In questo paragrafo viene mostrato come progettare una variabile di dati grezzi per le funzioni
"BSEND/BRCV" del canale "SIMATIC S7 Protocol Suite".
La progettazione identica per tutte le unit di canale del canale. A titolo di esempio viene
utilizzata l'unit di canale "MPI" ed il suo collegamento.

Requisiti
Il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" deve essere integrato nel progetto.
In un'unit di canale, p. es. "MPI", deve venire creato un collegamento.

Procedura
1. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento la voce "Nuova variabile". Si apre
la finestra di dialogo "Propriet della variabile".
2. Immettere come nome della variabile nel campo "Nome" p. es. "Var2_raw_bsend".
Impostare nel campo "Tipo di dati" il tipo "Tipo di dati grezzi".
3. Aprire mediante il pulsante di comando "Seleziona" la Finestra di dialogo "Indirizzo
Propriet".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

285

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali
4. Attivare la casella di controllo "Dati grezzi". Selezionare nell'area "Tipo di dati grezzi" come
tipo "BSEND/BRCV". La visualizzazione dei campi dell'area "Descrizione dell'indirizzo"
ora disattivata.
5. Immettere nel campo "R_ID" il valore esadecimale della ID. La R_ID viene assegnata alla
progettazione nel PLC.

6. Chiudere i due dialoghi aperti con il pulsante di comando "OK".

11.6.4

Ridondanza software

11.6.4.1

Ridondanza software

Premessa
La ridondanza software una possibilit economica per monitorare parti del sistema rilevanti
ai fini della sicurezza e non in funzione del tempo a mezzo di un collegamento ridondante di
due controllori programmabili S7-300 o S7-400.
Nota
La ridondanza software di questo canale da un punto di vista funzionale non corrisponde alla
ridondanza H-Layer di SIMATIC S7-400 H.

286

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali
La funzione richiede progettazioni in PLC e in WinCC.

Lato AS
Stabilendo un collegamento ridondante con due controllori programmabili, in caso di guasto
di un PLC, potr subentrare per il monitoraggio l'altro PLC. Il monitoraggio pu effettuarsi su
tutto il processo o anche solo su una parte.
Sui due controllori programmabili installato, oltre al pacchetto utente, il pacchetto di
programmi per la ridondanza software. Questo pacchetto di programmi non fa parte della
fornitura di WinCC. La sincronizzazione dei dati richiede un accoppiamento di ridondanza tra
i controllori programmabili tramite MPI, PROFIBUS-DP o Industrial Ethernet; possono venire
utilizzati anche i collegamenti in trasmissione dati esistenti.
WinCC
L'accoppiamento di ridondanza pu venire progettato solo tra collegamenti della stessa unit
di canale. Al momento della progettazione viene progettato solo un collegamento, il cosiddetto
collegamento principale. Il collegamento di riserva viene creato mediante il Dynamic Wizard
"Impostazione del collegamento ridondante".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

287

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali
Il Wizard crea anche le variabili interne specifiche del collegamento ed uno script. In tal modo
viene comandata nel runtime la commutazione tra i collegamenti e vengono attivate le
segnalazioni relative.
Nel runtime in caso di disturbo i collegamenti vengono commutati automaticamente tramite lo
script. Tale commutazione pu venire effettuata per anche manualmente senza script,
descrivendo le variabili interne specifiche del collegamento "@<nome del
collegamento>@ForceConnectionAddress".
IL PLC2 richiede un secondo collegamento a progettazione fissa solo se in WinCC devono
venire utilizzati dei dati che provengono dalla parte non ridondante del PLC2.
L'uso della ridondanza software non significa che i collegamenti a progettazione fissa possano
venire usati solo per la ridondanza. Si pu continuare ad usare ogni singola variabile anche
senza ridondanza.

Vedere anche
Cos si elimina una ridondanza software in WinCC (Pagina 295)
Come progettare una ridondanza software (Pagina 292)
Variabili interne specifiche del collegamento della ridondanza software (Pagina 288)

11.6.4.2

Variabili interne specifiche del collegamento della ridondanza software

Introduzione
Il comando dei collegamenti ridondanti viene effettuato tramite variabili interne specifiche del
collegamento. Queste variabili vengono create mediante il Dynamic Wizard "Impostazione del
collegamento ridondante" e vengono raggruppate in un gruppo di variabili "@<nome del
collegamento>" nel relativo collegamento.
Tramite queste variabili si pu identificare lo stato del collegamento e pu venire comandata
la messa in opera del collegamento. In tal modo si possono realizzare anche altre applicazioni,
p. es. accedere a pi PLC tramite un collegamento. Se per queste variabili devono venire
utilizzate senza l'impiego della ridondanza software, allora si dovranno creare manualmente.
Formato del nome
Il nome di una variabile interna specifica del collegamento composto dal nome del
collegamento relativo e da un identificatore:
"@<nome del collegamento>@<identificatore>"
Per contrassegnare il nome del collegamento vi viene anteposto il segno "@". All'identificatore
tale segno viene anteposto come carattere separatore rispetto al nome del collegamento.
Esempio: "@CPU_3@ConnectionState"
<nome del collegamento> = CPU_3
<identificatore> = ConnectionState

288

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali

Nota
Le variabili interne specifiche del collegamento sono conteggiate come variabili esterne (per
ogni collegamento otto variabili esterne).
Il Data Manager di WinCC consente l'accesso a variabili esterne solo se il collegamento
corrispondente pronto. Le variabili interne specifiche del collegamento possono per venire
lette e scritte indipendentemente dallo stato del collegamento.
Nel runtime i valori attuali di una parte delle variabili interne specifiche del collegamento
possono venire richiamate con il tool "WinCC Channel Diagnosis". A collegamento principale
selezionato, le variabili vengono visualizzate nella colonna "Counters". Inoltre sussiste per
tutte le variabili la possibilit di visualizzazione, nella Gestione variabili del WinCC Explorer,
del valore attuale delle variabili come tooltip della variabile.

Sommario delle variabili


Per le variabili interne specifiche di collegamento della ridondanza software sono disponibili i
seguenti identificatori:
ConnectionState
Significato

Stato del collegamento


Tramite questa variabile possibile identificare lo stato del collegamento.
Tipo
DWORD
Accesso
leggendo
Preassegnazione 0 = "disturbato"
Valori
0 = Collegamento disturbato
1 = Collegamento pronto
2 = Collegamento ridondante (solo con ridondanza in sistemi ad alta
frequenza)

ConnectionError
Significato

Tipo
Accesso

Causa dell'errore
La variabile comprende una causa dell'errore che descrive il motivo
dell'interruzione del collegamento. Preimpostazione = 0, cio collegamento
non ancora stabilito o nessun errore. In caso di messa in opera del
collegamento la variabile viene di nuovo caricata con 0 (nessun errore).
L'interpretazione del codice di errore specifica del canale. Il canale S7
memorizza qui il codice di errore del SIMATIC Device Driver.
DWORD
leggendo

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

289

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali
Preassegnazione 0 = "nessun errore"
Valori
0 = nessun errore
<> 0 = Codici di errore S7

ConnectionErrorString
Significato

Causa dell'errore sotto forma di stringa


La variabile comprende una causa dell'errore sotto forma di stringa che
descrive il motivo dell'interruzione del collegamento. La stringa viene
emessa nella lingua di impostazione attuale. Preimpostazione = "", cio
collegamento non ancora stabilito o nessun errore. Nel canale S7 i seguenti
testi vengono riportati in "inglese" indipendentemente dalla lingua
impostata.
Tipo
TEXT8 [128]
Accesso
leggendo
Preassegnazione "" = "nessun errore"
Valori
"No Error" = nessun errore
"Error hhhh" = Errore hhhh verificato (hhhh = codicie di errore S7
esadecimale)

ConnectionErrorCount
Significato

Contatore per gli errori di collegamento


Il valore di questa variabile aumenta di 1 ad ogni interruzione di
collegamento. In caso di superamento il conteggio riprende da 0.
Tipo
DWORD
Accesso
leggendo
Preassegnazione 0

ConnectionEstablishMode
Significato

Tipo
Accesso

290

Modalit di messa in opera del collegamento


Con questa variabile possibile impostare la modalit di messa in opera
automatica del collegamento. In caso di disturbo il canale S7 tenta ogni 4
secondi di ristabilire il collegamento. Se in questa variabile viene inserito il
valore = 0, allora dopo un disturbo il collegamento non verr ristabilito
automaticamente ogni 4 secondi, bens rimane scollegato.
DWORD
sovrascrivendo

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali
Preassegnazione 1
Valori
Sovrascrivere una variabile causa le seguenti azioni:
0 = modalit di messa in opera del collegamento manuale
Azione: disattivazione della messa in opera automatica del collegamento
0 = modalit di messa in opera automatica del collegamento
Azione: attivazione della messa in opera automatica del collegamento

ForceConnectionState
Significato

Stato del collegamento preferenziale


Tramite questa variabile possibile comunicare al canale lo stato del
collegamento preferenziale. In "caso normale" questa variabile ha il valore
1, cio il canale tenta di stabilire il collegamento (eventualmente
ciclicamente ogni 4 secondi circa). Inserendo in questa variabile uno 0 il
canale effettuer uno scollegamento.
Tipo
DWORD
Accesso
sovrascrivendo
Preassegnazione 1
Valori
Sovrascrivere questa variabile causa le seguenti azioni:
0 = Stato del collegamento preferenziale: Collegamento scollegato
Azione: quando sussiste il collegamento, provvedere per l'interruzione del
collegamento
1 = Stato del collegamento preferenziale: Collegamento stabilito
Azione: quando il collegamento interrotto, provvedere per stabilire il
collegamento

ForceConnectionAddress
Significato

Selezione dell'indirizzo di collegamento


Questa variabile stabilisce quali indirizzi di collegamento devono essere
utilizzati per stabilire il collegamento.
Tipo
DWORD
Accesso
sovrascrivendo
Preassegnazione 0
Valori
Se impostata la modalit di messa in opera del collegamento
"automatico", allora il collegamento verr stabilito automaticamente con
l'indirizzo corrispondente.
Sovrascrivere questa variabile causa le seguenti azioni:
0 = collegamento con parametri di collegamento progettati
Azione: Se @ForceConnectionAddress era precedentemente su 1,
provvedere all'interruzione del collegamento.
1 = Collegamento tramite parametri di collegamento alternativi
Azione: Se @ForceConnectionAddress era precedentemente su 0,
provvedere all'interruzione del collegamento.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

291

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali

AlternateConnectionAddress
Significato

Indirizzo di collegamento alternativo


In questa variable possibile immettere la stringa dell'indirizzo di
collegamento alternativo. La stringa la stessa visualizzata anche in
WinCC Explorer come parametro di collegamento. La stringa specifica
del canale. All'avviamento del sistema (runtime) nel canale S7 viene inserito
qui come preimpostazione l'indirizzo progettato. Se non stato ancora
progettato un indirizzo, allora nel canale S7 viene inserito il testo "Illegal
Address".
Esempio di un'indicazione di indirizzo per un PLC S7 con indirizzo di
stazione 3 tramite MPI: "MPI,3 0,,0,0,02"
Tipo
TEXT8 [255]
Accesso
sovrascrivendo
Preassegnazione "..." = "indirizzo progettato
Valori
Sovrascrivere questa variabile causa le seguenti azioni:
- Se durante il processo di scrittura si modifica l'indirizzo, nell'impostazione
"Collegamento tramite parametri di collegamento alternativi" viene
effettuata un'interruzione del collegamento.
- Se impostata la modalit di messa in opera del collegamento
"automatico", allora il collegamento verr stabilito automaticamente con
l'indirizzo corrispondente.

11.6.4.3

Come progettare una ridondanza software

Premessa
In questo paragrafo viene mostrato come progettare in WinCC la ridondanza software per i
collegamenti del canale "SIMATIC S7 Protocol Suite". La funzione richiede anche una
progettazione nel PLC, la cui descrizione per qui non viene riportata.

Requisiti
1. Il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" deve essere integrato nel progetto.
2. In un'unit di canale di questo canale deve essere stato creato un collegamento per il quale
progettare il collegamento ridondante.

292

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali

Procedura
1. Attivare nei parametri di avviamento del computer i moduli "Global Script Runtime", "Alarm
Logging Runtime" e "Graphics Runtime".
Per ulteriori informazioni su questo argomento consultare il tema "Verifica dei parametri di
avviamento".
2. Leggere le segnalazioni di sistema di WinCC importandole nell'Alarm Logging. Fra queste
segnalazioni di sistema si trovano le segnalazioni relative alla ridondanza software.
Per ulteriori informazioni consultare il tema "Lettura delle segnalazioni di sistema di WinCC
nell'Alarm Logging".
3. Aprire una pagina nel Graphics Designer. Selezionare nella finestra "Dynamic Wizard" il
registro "Funzioni di sistema". Avviare con un doppio clic il Dynamic Wizard "Impostazione
del collegamento ridondante".

4. Nella finestra di dialogo "Benvenuti" viene spiegata brevemente la procedura del Wizard.
Azionare con il pulsante di comando "Avanti" la finestra di dialogo "Imposta opzioni".
5. Selezionare il collegamento che deve fungere da collegamento principale ed azionare il
pulsante di comando "Avanti".
Il Wizard genera ora le variabili interne specifiche del canale e le memorizza in un gruppo
di variabili "@" alla voce collegamento principale.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

293

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali
6. Immettere nel campo "Parametro" l'indirizzo del PLC con il quale deve venire stabilito il
collegamento di riserva.
AAttivare la casella di controllo "Commutazione automatica" in modo che tramite il Wizard
possa venire creato uno script per la commutazione automatica del collegamento.
azionare il pulsante di comando "Avanti".
Nella figura rappresentata a titolo di esempio la ridondanza di un collegamento MPI con
due controllori programmabili.

7. Nel dialogo "Fine" vengono visualizzate ancora una volta tutte impostazioni effettuate. Con
il pulsante di comando "Indietro" possono venire apportate ancora delle modifiche.
Azionare il pulsante di comando "Completa".
Il Wizard genera ora uno script e lo salva alla voce "@.<nome del collegamento>.pas" nella
directory "C-Editor \ Azioni \ Azioni: <nome del computer>" dell'editor "Global Script".

Nota
Nella seguente procedura viene utilizzato il Wizard "Impostazione del collegamento
ridondante". Questo Wizard crea, con il completamento dell'operazione 6 della procedura,
variabili interne specifiche del canale. Se il Wizard viene annullato a questo punto, ovvero
se non si esce dal Wizard con il pulsante di comando "Completa", le variabili rimarranno
comunque.

Vedere anche
Come leggere le segnalazioni di sistema di WinCC nell'Alarm Logging (Pagina 296)
Verifica dei parametri di avvio di WinCC (Pagina 295)

294

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali

11.6.4.4

Cos si elimina una ridondanza software in WinCC

Introduzione
In questo paragrafo viene mostrato come eliminare di nuovo in WinCC la ridondanza software
per i collegamenti del canale "SIMATIC S7 Protocol Suite". La funzione prevede anche una
progettazione nel PLC, la cui commutazione su collegamenti non ridondanti per non viene
descritta in questa sede.

Requisiti
Il progetto WinCC deve venire disattivato.

Procedura
L'eliminazione di una ridondanza software viene effettuata con due operazioni:
Eliminazione del gruppo di variabili "@<nome del collegamento>" incl. la variabile che si
trova nel "Gestione variabili"
Eliminazione dello script "@<nome del collegamento>.pas" in "Global Script".
Procedura
1. Selezionare per primo nella Gestione variabili il collegamento progettato come
collegamento principale della ridondanza software. Esso contiene un gruppo di variabili
"@<nome del collegamento>" con le variabili interne specifiche del collegamento della
ridondanza software. Eliminare questo gruppo di variabili.
2. Eliminare lo script per l'azione "@<nome del collegamento>.pas". Aprire l'editor C "Global
Script". Verranno visualizzati diverse sottodirectory.
3. Selezionare la directory "Azioni \ Azioni : <nome del computer>". Eliminare nella finestra
dei dati lo script "@<nome del collegamento>.pas" del tipo "Azioni".
4. Chiudere l'editor "Global Script".

11.6.4.5

Verifica dei parametri di avvio di WinCC

Procedura
1. Selezionare in WinCC Explorer la voce "Computer".
2. Aprire il menu di scelta rapida e selezionare l'opzione "Propriet".
3. Si apre la finestra di dialogo "Propriet Lista dei computer". Azionare il pulsante di comando
"Propriet".
4. Si apre la finestra "Propriet computer"
5. Selezionare la scheda Avvio e controllare le voci contenutevi. All'occorrenza, potranno
essere attivati o disattivati moduli Runtime oppure essere inserite altre applicazioni nella
lista di avvio.
6. Chiudere le finestre di dialogo aperte.
WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

295

SIMATIC S7 Protocol Suite


11.6 Funzioni speciali

11.6.4.6

Come leggere le segnalazioni di sistema di WinCC nell'Alarm Logging

Premessa
In questo paragrafo viene mostrato come leggere le segnalazioni di sistema di WinCC nel
progetto.

Procedura
1. Aprire Alarm Logging.
2. Aprire nel menu "Strumenti" con la voce "Segnalazioni di sistema WinCC" la finestra di
dialogo "Segnalazioni di sistema WinCC".
3. Attivare nel campo "Crea segnalazioni di sistema" il pulsante di opzione "crea solo nuove
segnalazioni di sistema".
4. Premere il pulsante "crea" e chiudere la finestra di dialogo al termine della procedura.
5. Salvare le modifiche e chiudere l'Alarm Logging.

11.6.4.7

Codici di errore in caso di disturbi di collegamento


Documentazione del codice d'errore

296

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7-1200, S7-1500 Channel


12.1

12

Canale "SIMATIC S7-1200, S7-1500 Channel"

Introduzione
Il canale "SIMATIC S7-1200, S7-1500 Channel" consente la comunicazione tra una stazione
WinCC e i sistemi di automazione S7 1200 o S7 1500. La comunicazione avviene tramite il
protocollo TCP/IP.
Nota
Durante la progettazione nel Portale TIA, per i blocchi di dati non pu essere progettato
nessun "Optimized block access", altrimenti possono verificarsi errori di lettura dalla banca
dati.
possibile eseguire una modifica della progettazione del sistema di automazione solo nel
Portale TIA.

Unit di canale
Il canale "SIMATIC S7-1200, S7-1500 Channel" dispone dell'unit di canale "TCP/IP".

Processori di comunicazione consigliati


Si consigliano i seguenti processori per la comunicazione tra una stazione WinCC e il sistema
di automazione S7 1200 o S7 1500:
CP 1612
CP 1613
CP 1512

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

297

SIMATIC S7-1200, S7-1500 Channel


12.2 Panoramica dei tipi di dati supportati

12.2

Panoramica dei tipi di dati supportati

Introduzione
Nella progettazione di una variabile, il tipo di dati ed il cambio di formato vengono definiti in
base al formato dei dati nel sistema di automazione (AS).
La tabella indica i tipi di dati supportati dal canale e l'applicazione dei cambi di formato.

Tipi di dati supportati

298

Tipi di dati

Cambio di formato

Variabile binaria

no

Valore 8 bit con segno

Valore a 8 bit senza segno

Valore 16 bit con segno

Valore a 16 bit senza segno

Valore 32 bit con segno

Valore a 32 bit senza segno

Numero in virgola mobile 32 bit IEEE 754

Numero in virgola mobile a 64 bit IEEE 754

Variabile di testo set di caratteri 8 bit

no

Tipo di dati grezzi

no

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7-1200, S7-1500 Channel


12.3 Progettazione del canale

12.3

Progettazione del canale

12.3.1

Progettazione del canale "SIMATIC S7-1200, S7-1500 Channel"

Introduzione
Per la comunicazione di WinCC con il sistema di automazione (AS), WinCC richiede una
connessione logica. In questo paragrafo sono descritte le modalit di progettazione del canale
"SIMATIC S7-1200, S7-1500 Channel".
Nell'impiego del protocollo TCP/IP per la connessione logica necessario specificare
l'indirizzo IP dell'AS. L'indirizzo IP composto da quattro valori numerici separati da un punto.
I valori numerici devono rientrare nella gamma di valori 0-255.
Nota
Comportamento timeout
Attraverso l'utilizzo del protocollo TCP/IP non vengono riconosciute subito le connessioni
interrotte. La risegnalazione pu durare fino a 1 minuto.

Sistemi di automazione accoppiati


possibile realizzare accoppiamenti per i seguenti sistemi di automazione SIMATIC:
S7 1200
S7 1500

Progettazione online
La progettazione online non viene supportata.

12.3.2

Progettazione di un collegamento

Introduzione
Per progettare il canale "SIMATIC S7-1200, S7-1500 Channel" sono richieste le operazioni
seguenti:
1. Progettazione di un collegamento
2. Progettazione di variabili

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

299

SIMATIC S7-1200, S7-1500 Channel


12.3 Progettazione del canale

Requisiti
Il driver di comunicazione per il canale "SIMATIC S7-1200, S7-1500 Channel" installato
e integrato nel progetto.
Il progetto SIMATIC progettato e disponibile nel sistema di automazione (AS).

Procedura
1. Aprire nell'editor "Gestione variabili" del WinCC Explorer la struttura menu per il driver di
comunicazione "SIMATIC S7-1200, S7-1500 Channel".
2. Selezionare nel menu di scelta rapida dell'unit di canale "TCP/IP" la voce "Nuovo
collegamento". Si aprir la finestra di dialogo "Propriet collegamento".
3. Digitare il nome del collegamento.
4. Aprire tramite il pulsante "Propriet" la finestra di dialogo "Nuovo collegamento".

5. Digitare l'indirizzo IP dell'AS.


6. Selezionare un "Punto di accesso" o inserirne uno.

300

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7-1200, S7-1500 Channel


12.3 Progettazione del canale
7. Se si intende immettere una password per la protezione d'accesso, fare clic su "Opzioni".
Nota
Una protezione d'accesso possibile solo per il sistema di automazione S7 1500.

8. Immettere la password per la protezione d'accesso.


9. Chiudere i dialoghi aperti con il pulsante di comando "OK".

12.3.3

Progettazione delle variabili

12.3.3.1

Progettazione delle variabili

Introduzione
In caso di un accoppiamento tra WinCC ed il sistema di automazione (AS) attraverso il canale
"SIMATIC S7-1200, S7-1500 Channel" in WinCC possono essere generate variabili di vari tipi
di dati.
Nei capitoli che seguono viene descritta la progettazione delle variabili. Questa si distingue
dall'indirizzamento del campo di dati nel sistema di automazione e dal tipo di dati delle variabili
WinCC.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

301

SIMATIC S7-1200, S7-1500 Channel


12.3 Progettazione del canale

12.3.3.2

Come progettare una variabile con accesso di bit per bit

Introduzione
Nel presente paragrafo viene mostrato come progettare nel sistema di automazione (AS) una
variabile per un accesso di bit per bit all'area di indirizzamento.

Requisiti
Il canale "SIMATIC S7-1200, S7-1500 Channel" deve essere integrato nel progetto.
Nell'unit canale "TCP/IP" necessario che sia disponibile un collegamento.

Procedura
1. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento la voce "Nuova variabile". A questo
punto viene aperta la finestra "Propriet della variabile".
2. Digitare il nome delle variabili. Impostare nel campo "Tipo di dati" il tipo di dati "Variabile
binaria".
3. Aprire mediante il pulsante di comando "Seleziona" la Finestra di dialogo "Indirizzo
Propriet". Impostare l'area dati in cui si trovano i dati del sistema di automazione. Se
attivata l'area dati "DB", immettere nel campo attivato "N DB" il numero del blocco di dati.

4. La voce "Bit" nel campo "Indirizzamento" non pu venire modificata, poich stata definita
tramite il tipo di dati "Variabile binaria" della variabile WinCC.
5. Immettere nei due campi in basso l'indirizzo di byte e di bit. La descrizione del campo
sinistro dipende dai dati immessi nel campo "Area dati" p. es. "D" per l'area dati "DB" e per
il tipo "Variabile binaria".
6. Attivare la casella di controllo "Quality Code", se si tratta di una variabile con Quality Code
da utilizzare in WinCC. A tal fine per occorre che il codice venga approntato anche nel
sistema di automazione. La casella di controllo attivata solo se selezionata l'area dati
"DB".
7. Chiudere i dialoghi aperti con il pulsante di comando "OK".

302

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7-1200, S7-1500 Channel


12.3 Progettazione del canale

12.3.3.3

Come progettare una variabile con accesso di byte a byte

Introduzione
Nel presente paragrafo viene mostrato come progettare nel sistema di automazione (AS) una
variabile per un accesso di byte a byte all'area di indirizzamento.

Requisiti
Il canale "SIMATIC S7-1200, S7-1500 Channel" deve essere integrato nel progetto.
Nell'unit canale "TCP/IP" necessario che sia disponibile un collegamento.

Procedura
1. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento la voce "Nuova variabile". A questo
punto viene aperta la finestra "Propriet della variabile".
2. Digitare il nome delle variabili. Impostare nel campo "Tipo di dati" il tipo di dati "Valore 8 bit
senza segno".
3. Aprire mediante il pulsante di comando "Seleziona" la Finestra di dialogo "Indirizzo
Propriet". Impostare l'area dati in cui si trovano i dati del sistema di automazione. Se
attivata l'area dati "DB" immettere nel campo attivato "N DB" il numero del blocco dati.

4. La voce "Byte" nel campo "Indirizzamento" non pu venire modificata, poich stata
definita tramite il tipo di dati "Valore 8 bit senza segno" delle variabili WinCC.
5. Immettere nel campo in basso l'indirizzo di byte. La descrizione del campo dipende dai dati
immessi nel campo "Area dati" p. es. "DBB" per l'area dati "DB" e per il tipo "Valore 8 bit
senza segno".
6. Attivare la casella di controllo "Quality Code", se si tratta di una variabile con Quality Code
da utilizzare in WinCC. A tal fine per occorre che il codice venga approntato anche nel
sistema di automazione. La casella di controllo attivata solo se selezionata l'area dati
"DB".
7. Chiudere i dialoghi aperti con il pulsante di comando "OK".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

303

SIMATIC S7-1200, S7-1500 Channel


12.3 Progettazione del canale

12.3.3.4

Come progettare una variabile con accesso per parola

Introduzione
Nel presente paragrafo viene mostrato come progettare nel sistema di automazione (AS) una
variabile per un accesso per parola all'area di indirizzamento.
Anche per variabili con una lunghezza di 4 byte ("Parola doppia") e pi vale questo modo di
procedere .

Requisiti
Il canale "SIMATIC S7-1200, S7-1500 Channel" deve essere integrato nel progetto.
Nell'unit canale "TCP/IP" necessario che sia disponibile un collegamento.

Procedura
1. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento la voce "Nuova variabile". Si apre
la finestra di dialogo "Propriet della variabile".
2. Digitare il nome delle variabili. Impostare nel campo "Tipo di dati" il tipo di dati "Valore 16
bit senza segno".
3. Aprire mediante il pulsante di comando "Seleziona" la Finestra di dialogo "Indirizzo
Propriet". Impostare l'area dati in cui si trovano i dati del sistema di automazione. Se
attivata l'area dati "DB" immettere nel campo attivato "N DB" il numero del blocco dati.

4. La voce "Byte" nel campo "Indirizzamento" non pu venire modificata, poich stata
definita tramite il tipo di dati "Valore 16 bit senza segno" della variabile WinCC.
5. Immettere nel campo in basso dell'indirizzamento il valore numerico dell'indirizzo. La
descrizione del campo dipende dai dati immessi nel campo "Area dati" p. es. "DBW" per il
tipo "Valore 16 bit senza segno".

304

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC S7-1200, S7-1500 Channel


12.3 Progettazione del canale
6. Attivare la casella di controllo "Quality Code", se si tratta di una variabile con Quality Code
da utilizzare in WinCC. A tal fine per occorre che il codice venga approntato anche nel
sistema di automazione. La casella di controllo attivata solo se selezionata l'area dati
"DB".
7. Chiudere i dialoghi aperti con il pulsante di comando "OK".

12.3.3.5

Come progettare una variabile di testo

Introduzione
Nel presente paragrafo viene descritto come progettare una variabile di testo.
Per una variabile di testo, WinCC supporta nel canale "SIMATIC S7-1200, S7-1500 Channel"
solo il tipo stringa S7, composto da una parola di comando ed i dati utili veri e propri della
stringa:
Per la progettazione di una variabile di testo in WinCC, deve venire indicato l'indirizzo della
parola di comando che si trova nella memoria del sistema di automazione (AS) davanti ai
dati utili. Il primo byte della parola di comando contiene la lunghezza progettata massima
della stringa, il secondo byte la lunghezza attuale.
Per la creazione della struttura di dati in WinCC, va notato che la lunghezza della variabile
di testo progettata deve essere superiore di 2 byte rispetto alla parola di comando. Se la
struttura dati delle variabili di testo viene creata direttamente nell'area di memorizzazione,
sar necessario sovrascrivere i dati seguenti.
Nella lettura la parola di comando viene letta insieme ai dati utili e la lunghezza attuale
viene interpretata nel secondo byte. Alle variabili di testo di WinCC vengono trasmessi solo
i dati utili conformi alla lunghezza attuale contenuta nel secondo byte di comando.
Nella scrittura viene identificata la lunghezza reale della stringa (segni "\0") e il byte di
comando con la lunghezza attuale viene inviato al PLC insieme ai dati utili.

Requisiti
Il canale "SIMATIC S7-1200, S7-1500 Channel" deve essere integrato nel progetto.
Nell'unit canale "TCP/IP" necessario che sia disponibile un collegamento.

Procedura
1. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento la voce "Nuova variabile". A questo
punto viene aperta la finestra "Propriet della variabile".
2. Digitare il nome delle variabili. Impostare nel campo "Tipo di dati" il tipo di dati "Variabile di
testo set di caratteri 8 bit". Immettere nel campo "Lunghezza" la lunghezza della variabile
in byte.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

305

SIMATIC S7-1200, S7-1500 Channel


12.3 Progettazione del canale
3. Aprire mediante il pulsante di comando "Seleziona" la Finestra di dialogo "Indirizzo
Propriet". Impostare l'area dati in cui si trovano i dati del sistema di automazione. Se
attivata l'area dati "DB" immettere nel campo attivato "N DB" il numero del blocco dati.

4. La voce nel campo "Indirizzamento" pu venire cambiata solo in "Byte" o "Parola", poich
queste voci vengono definite dal tipo di dati "Variabile di testo set di caratteri 8 bit" della
variabile WinCC.
5. Immettere nel campo in basso dell'indirizzamento il valore numerico dell'indirizzo. Qui deve
venire indicato l'indirizzo della parola di comando. La descrizione di questo campo dipende
dalla voce nel campo "Area dati" p. es. "DBW" per l'indirizzamento "Parola".
6. Attivare la casella di controllo "Quality Code", se si tratta di una variabile con Quality Code
da utilizzare in WinCC. A tal fine per occorre che il codice venga approntato anche nel
sistema di automazione. La casella di controllo attivata solo se selezionata l'area dati
"DB".
7. Chiudere i dialoghi aperti con il pulsante di comando "OK".

306

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC TI Ethernet Layer 4


13.1

13

Canale WinCC "SIMATIC TI Ethernet Layer 4"

Premessa
Il driver di comunicazione "SIMATIC TI Ethernet Layer 4" serve per l'accoppiamento tra una
stazione WinCC e un sistema di automazione SIMATIC TI505 attraverso Industrial Ethernet.
La comunicazione viene realizzata attraverso il protocollo di trasporto ISO.
Il presente capitolo illustra
la progettazione della trasmissione dati con il canale "SIMATIC TI Ethernet Layer 4".
la progettazione di un collegamento e di una variabile.

Unit di canale
Dispone di due unit di canale, per utilizzare al massimo due CP 1613. La funzionalit dell'unit
di canale identica. Questo si distingue soltanto dai nomi logici differenti delle due unit CP
1613.
Il nome logico dell'apparecchio pu essere modificato attraverso i parametri di sistema della
rispettiva unit di canale. Qui anche possibile impostare i parametri per il protocollo di
trasporto ISO.
Sono disponibili le possibilit di applicazione seguenti:
unit di canale 505-Ethernet (CP 1413-1) per i gruppi di comunicazione SIMATIC Industrial
Ethernet (p. es. CP 1613).
unit di canale 505-Ethernet (CP 1413-2) per i gruppi di comunicazione SIMATIC Industrial
Ethernet (p. es. CP 1613).

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

307

SIMATIC TI Ethernet Layer 4


13.2 Tipo di dati della variabile

13.2

Tipo di dati della variabile

Premessa
Per un collegamento logico vengono definite le variabili richieste. Dal punto di vista WinCC si
potr accedere ai seguenti tipi di dati:
Variabile binaria
Valore a 8 bit senza segno (viene supportato solo attraverso l'indirizzamento VMS)
Valore a 8 bit con segno (viene supportato solo attraverso l'indirizzamento VMS)
Valore a 16 bit senza segno
Valore a 16 bit con segno
Valore a 32 bit senza segno
Valore a 32 bit con segno
Numero in virgola mobile a 32 bit IEEE 754
Tipo di dati grezzi

308

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC TI Ethernet Layer 4


13.3 Progettazione del canale

13.3

Progettazione del canale

13.3.1

Progettazione del canale "SIMATIC TI Ethernet Layer 4"

Premessa
Per progettare il canale "SIMATIC TI Ethernet Layer 4" sono richieste le operazioni seguenti.

13.3.2

Progettazione della connessione

Premessa
L'allacciamento di processo attraverso Industrial Ethernet possibile con il sistema di
automazione SIMATIC TI505 . Nel sistema di automazione si utilizza il gruppo di
comunicazione CP 1434 TF. La comunicazione viene realizzata attraverso il protocollo di
trasporto ISO.
Nel sistema WinCC si utilizza il gruppo di comunicazione CP 1613. Dato che la comunicazione
avviene tramite il protocollo di trasporto ISO, non necessario progettare il collegamento
logico nel database locale.
Per una connessione logica WinCC nella funzione di trasporto stabilisce rispettivamente un
collegamento per la lettura (READ) e un collegamento per la scrittura (WRITE). Solo se sono
stati stabiliti ambedue i collegamenti anche la connessione logica verr identificata come
stabilita.

Parametri per la funzione READ


Nella progettazione del collegamento vengono definiti i parametri per la funzione READ nel
sistema WinCC. Questi dipendono dall'ordine utilizzato in SIMATIC TI.
Pagina WinCC

Pagina SIMATIC TI

FETCH attiva
(ordine "READ attiva")

READ passiva
(ordine "READ passiva")

ETCH passiva
(ordine "WRITE passiva")

WRITE attiva
(ordine "WRITE attiva")

Parametro "TSAP-ID propria" e "TSAP-ID estranea" per la funzione WRITE


Pagina WinCC

Pagina SIMATIC TI

Ordine "WRITE attiva"

Ordine "WRITE passiva"

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

309

SIMATIC TI Ethernet Layer 4


13.3 Progettazione del canale

Procedimento
1. Selezionare il collegamento ed aprire, attraverso l'opzione di menu "Propriet" nel menu
di scelta rapida, la finestra di dialogo "Propriet collegamento".
2. Fare clic sul pulsante di comando "Propriet". Si apre la finestra di dialogo "Propriet
collegamento".

3. Digitare nel campo "Indirizzo Ethernet PLC" l'indirizzo della stazione SIMATIC TI nel Bus
Industrial Ethernet.
4. Definire a questo punto i parametri per la funzione READ nel sistema WinCC. Questi
dipendono dall'ordine utilizzato in SIMATIC TI.
5. Registrare successivamente nel rispettivo campo "TSAP-ID propria" il valore progettato
nella progettazione di CP 1434 TF nella rubrica "Parametri remoti" come "TSAP".
6. Registrare in maniera analoga nel campo "TSAP-ID estranea" il valore progettato nella
progettazione di CP1434 TF nella rubrica "Parametri locali" come "TSAP".
7. Registrare rispettivamente i parametri "TSAP-ID propria" e "TSAP-ID estranea" per la
funzione WRITE.

310

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC TI Ethernet Layer 4


13.3 Progettazione del canale

13.3.3

Progettazione delle variabili

13.3.3.1

Progettazione delle variabili

Premessa
In un accoppiamento tra WinCC e l'AS attraverso il canale "SIMATIC TI Ethernet Layer 4"
possibile creare variabili di diversi tipi di dati all'interno di WinCC. In seguito si descrive come
progettare una variabile di questo tipo di dati.

13.3.3.2

Progettazione dell'indirizzo di una variabile

Premessa
L'indirizzo della variabile viene immesso in conformit alla struttura di indirizzo SIMATIC TI505.

Procedimento
1. Selezionare la variabile e aprire quindi attraverso il menu a discesa rapida la finestra di
dialogo "Propriet".
2. Sulla scheda "Generale" selezionare il tipo di dati desiderato per la variabile (ad es. valore
a 16 bit con segno).
3. Fare clic sul pulsante di comando "Seleziona". Se si tratta di una variabile del tipo "Binario"
o "8-Bit", a questo punto si apre la finestra di dialogo "Variabile Bit/Byte". Attivare la
rispettiva casellina di controllo "Accesso a un Bit/Byte", nel caso in cui si dovesse accedere
in scrittura ai dati nella memoria AS.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

311

SIMATIC TI Ethernet Layer 4


13.3 Progettazione del canale
4. Fare clic sul pulsante di comando "Seleziona". Si apre la finestra di dialogo "Propriet
indirizzo".

5. Selezionare nel campo "Adress Type", dove si trova la variabile nel sistema di automazione.
A seconda del tipo di indirizzo selezionato, possono essere richieste ulteriori specifiche (ad
esempio nel campo "Elemento parti" del tipo di indirizzo "V-Variable Memory").
6. Nel campo "Read-Only Variable" possibile impedire una descrizione della variabile di
WinCC.
Nota
Non sono supportate variabili di struttura.
Per la descrizione dei tipi di indirizzo, consultare la documentazione tecnica della SIMATIC
TI505.
L'accesso in scrittura ai campi di memoria in AS pu avvenire nel canale "TI Ethernet Layer
4" solo a bit oppure byte. Per le variabili binarie e a "8 bit", oltre al dialogo "Propriet indirizzo",
si apre la finestra di dialogo "Variabile Bit/Byte", che permette di definire l'accesso in scrittura
ai bit o byte. Ad ogni ordine di scrittura viene letto dalla memoria dell'AS l'area di memoria
indirizzata e vengono modificati i rispettivi bit o byte. Poi l'area dati viene nuovamente riscritta
nell'AS.
Nota
Le modifiche che sono state effettuate dall'AS in un campo di dati letto, vengono trascritte in
caso di una ri-scrittura del campo dati.
Dipendentemente dal tipo di variabile possibile accedere alla memoria dell'AS o a bit oppure
a byte.

312

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC TI Ethernet Layer 4


13.3 Progettazione del canale

13.3.3.3

Come progettare una variabile con accesso di bit per bit

Premessa
L'accesso in scrittura ai campi di memoria in AS pu avvenire nel canale "TI Ethernet Layer
4" solo a bit oppure byte. Per le variabili binarie e a "8 bit", oltre al dialogo "Propriet indirizzo",
si apre la finestra di dialogo "Variabile Bit/Byte", che permette di definire l'accesso in scrittura
ai bit o byte. Ad ogni ordine di scrittura viene letto dalla memoria dell'AS l'area di memoria
indirizzata e vengono modificati i rispettivi bit o byte. Poi l'area dati viene nuovamente riscritta
nell'AS.
Nota
Le modifiche che sono state effettuate dall'AS in un campo di dati letto, vengono trascritte in
caso di una ri-scrittura del campo dati.

Procedimento
1. Selezionare la variabile e aprire quindi attraverso il menu a discesa rapida la finestra di
dialogo "Propriet".
2. Selezionare nella scheda "Generalit" il tipo di dati "Variabile binaria".
3. Fare clic sul pulsante di comando "Seleziona". Si apre la finestra di dialogo "Variabile Bit/
Byte".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

313

SIMATIC TI Ethernet Layer 4


13.3 Progettazione del canale
4. Attivare la casellina di controllo "Accesso a un bit" e specificare quindi l'indirizzamento del
bit.

5. Fare clic sul pulsante di comando "Seleziona". Si apre la finestra di dialogo "Propriet
indirizzo".
6. Selezionare nel campo di selezione "Address Type" il tipo di indirizzamento della memoria
PLC.
7. Selezionare nel campo di selezione sottostante il numero dell'elemento da modificare.

Nota
Per la descrizione dei tipi di indirizzo, consultare la documentazione tecnica della SIMATIC
TI505.

13.3.3.4

Come progettare una variabile con accesso di byte a byte

Premessa
L'accesso in scrittura ai campi di memoria in AS pu avvenire nel canale "TI Ethernet Layer
4" solo a bit oppure byte. Per le variabili binarie e a "8 bit", oltre al dialogo "Propriet indirizzo",
si apre la finestra di dialogo "Variabile Bit/Byte", che permette di definire l'accesso in scrittura
ai bit o byte. Ad ogni ordine di scrittura viene letto dalla memoria dell'AS l'area di memoria

314

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC TI Ethernet Layer 4


13.3 Progettazione del canale
indirizzata e vengono modificati i rispettivi bit o byte. Poi l'area dati viene nuovamente riscritta
nell'AS.
Nota
Le modifiche che sono state effettuate dall'AS in un campo di dati letto, vengono trascritte in
caso di una ri-scrittura del campo dati.

Procedimento
1. Selezionare la variabile e aprire quindi attraverso il menu a discesa rapida la finestra di
dialogo "Propriet".
2. Selezionare nella scheda "Generalit" il tipo di dati "Valore a 8 bit senza segno" oppure
"Valore a 8 bit con segno".
3. Fare clic sul pulsante di comando "Seleziona". Si apre la finestra di dialogo "Variabile Bit/
Byte".
4. Attivare la casellina di controllo "Accesso a un byte" e specificare quindi l'indirizzamento
del byte.

5. Fare clic sul pulsante di comando "Seleziona". Si apre la finestra di dialogo "Propriet
indirizzo".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

315

SIMATIC TI Ethernet Layer 4


13.3 Progettazione del canale
6. Selezionare nel campo di selezione "Address Type" il tipo di indirizzamento della memoria
PLC.
7. Selezionare nel campo di selezione sottostante il numero dell'elemento da modificare.

Nota
Per la descrizione dei tipi di indirizzo, consultare la documentazione tecnica della SIMATIC
TI505.

13.3.4

Parametri di sistema

13.3.4.1

Parametri di sistema dell'unit di canale

Premessa
Se si necessita di una configurazione che si discosta dai modelli predefiniti di WinCC, si
possono apportare tutte le modifiche del caso tramite il dialogo "Parametri di sistema" dell'unit
di canale.
Singolarmente possibile modificare quanto segue:
il nome Device
i parametri di trasporto

Nome di Device
La comunicazione tra WinCC ed il controllore programmabile avviene tramite nomi logici degli
apparecchi. Questi vengono assegnati all'installazione del gruppo di comunicazione e sono
specifici per l'unit. Il Device Name rappresenta il nome logico dell'apparecchio. Come
standard al nome logico dell'apparecchio viene assegnato primariamente il nome "/CP_H1_1:/
SCP".

Parametri di trasporto
Nei parametri di trasporto si definiscono impostazioni specifiche all'unit di canale, ad esempio
la grandezza PDU, tentativi di ristabilire un collegamento, ecc.
Nota
I parametri di sistema valgono per tutte le CP in AS.

316

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC TI Ethernet Layer 4


13.3 Progettazione del canale

13.3.4.2

Come modificare il nome Device

Premessa
L'allacciamento di processo attraverso Industrial Ethernet possibile con il sistema di
automazione SIMATIC TI505 . Nel sistema di automazione si utilizza il gruppo di
comunicazione CP 1434 TF. La comunicazione viene realizzata attraverso il protocollo di
trasporto ISO.
Nel sistema WinCC si utilizza il gruppo di comunicazione CP 1613. Dato che la comunicazione
avviene tramite il protocollo di trasporto ISO, non necessario progettare il collegamento
logico nel database locale.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

317

SIMATIC TI Ethernet Layer 4


13.3 Progettazione del canale

Requisiti
Il canale "SIMATIC TI Ethernet Layer 4" deve essere integrato nel progetto.

Procedimento
1. Selezionare l'unit di canale e aprire quindi attraverso il menu a discesa rapida la finestra
di dialogo "Parametri di sistema".
2. Selezionare la scheda "Nome di Device".

3. A questo punto con il mouse possibile selezionare il nome logico dell'apparecchio


rappresentato in "grassetto" e modificarlo nel campo del nome tramite un clic col mouse.
Al nome logico dell'apparecchio al momento dell'installazione del driver hardware come
standard viene assegnata primariamente la voce "/CP_H1_1:/SCP". Solo se qui stato
definito un altro nome, cosa tuttavia non sensata, anche qui sar necessario cambiare il
nome dell'apparecchio.

13.3.4.3

Come modificare i parametri di trasporto

Premessa
L'allacciamento di processo attraverso Industrial Ethernet possibile con il sistema di
automazione SIMATIC TI505 . Nel sistema di automazione si utilizza il gruppo di
comunicazione CP 1434 TF. La comunicazione viene realizzata attraverso il protocollo di
trasporto ISO.

318

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC TI Ethernet Layer 4


13.3 Progettazione del canale
Nel sistema WinCC si utilizza il gruppo di comunicazione CP 1613. Dato che la comunicazione
avviene tramite il protocollo di trasporto ISO, non necessario progettare il collegamento
logico nel database locale.

Requisiti
Il canale "SIMATIC TI Ethernet Layer 4" deve essere integrato nel progetto.

Procedimento
1. Selezionare l'unit di canale e aprire quindi attraverso il menu a discesa rapida la finestra
di dialogo "Parametri di sistema".
2. Selezionare la scheda "Parametri di trasporto".

3. Impostare il valore "Grand. PDU" al valore progettato anche sul CP 1434 TF.
4. Definire nel campo "Tentativi di collegamento" quanti tentativi di collegamento devono
essere effettuati.
5. Selezionare nel campo "Durata delle ripetizioni di invio" il campo "Infinito".
6. Registrare nel campo "Tempo ricon." il valore 30, per essere informati al pi tardi dopo 30
s circa lo stato della variabile, nel caso in cui il partner di comunicazione non dovesse
rispondere entro questo periodo (ad esempio AS in condizione "Stop").

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

319

SIMATIC TI Serial
14.1

14

Canale WinCC "SIMATIC TI Serial"

Premessa
Il driver di comunicazione "SIMATIC TI Serial" viene utilizzato per l'accoppiamento seriale tra
una stazione WinCC ed un sistema di automazione SIMATIC TI505.
Il presente capitolo illustra
la progettazione della trasmissione dati con il canale "SIMATIC TI Serial".
la progettazione di un collegamento e di una variabile.

Unit di canale
Il driver di comunicazione dotato di un'unit di canale, per poter utilizzare una porta COM
per la connessione seriale.
Esiste la seguente possibilit di applicazione:
unit di canale "505 Serial Unit #1" per la comunicazione seriale, o attraverso il protocollo
TBP oppure il protocollo NITP.
Nota
possibile utilizzare parecchie connessioni logiche (attraverso diverse porte COM)
mediante una unit canale.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

321

SIMATIC TI Serial
14.2 Tipo di dati della variabile

14.2

Tipo di dati della variabile

Premessa
Per un collegamento logico vengono definite le variabili richieste. Dal punto di vista WinCC si
potr accedere ai seguenti tipi di dati:
Variabile binaria
Valore a 8 bit senza segno (viene supportato solo attraverso l'indirizzamento VMS)
Valore a 8 bit con segno (viene supportato solo attraverso l'indirizzamento VMS)
Valore a 16 bit senza segno
Valore a 16 bit con segno
Valore a 32 bit senza segno
Valore a 32 bit con segno
Numero in virgola mobile a 32 bit IEEE 754
Tipo di dati grezzi

322

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC TI Serial
14.3 Progettazione del canale

14.3

Progettazione del canale

14.3.1

Progettazione del canale "SIMATIC TI Serial"

Premessa
Per progettare il canale "SIMATIC TI Serial" sono richieste le operazioni seguenti.

14.3.2

Progettazione della connessione

Premessa
L'allacciamento di processo attraverso la connessione seriale possibile con il sistema di
automazione SIMATIC TI505. Nel sistema di automazione viene utilizzato all'interfaccia seriale
sul gruppo CPU.
In WinCC non richiesto altrettanto un gruppo di comunicazione supplementare. La
comunicazione pu essere realizzata attraverso una porta COM disponibile come standard
nel sistema.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

323

SIMATIC TI Serial
14.3 Progettazione del canale

Procedimento
1. Selezionare il collegamento ed aprire, attraverso l'opzione di menu "Propriet" nel menu
di scelta rapida, la finestra di dialogo "Propriet collegamento".
2. Fare clic sul pulsante di comando "Propriet". Si apre la finestra di dialogo "Propriet
collegamento".

3. Selezionare nel campo "Porta seriale" l'interfaccia di comunicazione (p. es. COM1, COM2
oppure una porta progettata) per l'accoppiamento seriale.
4. Selezionare il campo "Identifica automaticamente", nel caso in cui la velocit di
trasferimento dei dati e il protocollo utilizzato dal controllore debbano essere
automaticamente riconosciuti attraverso l'unit di canale.
5. Oppure impostare nei campi "Baudrate" e "Protocollo" la velocit di trasferimento dei dati
utilizzata, nonch il protocollo impiegato.
6. Selezionando il campo "Request ottimizzate" possibile ottimizzare la trasmissione dei
dati, per poter trasferire anche parecchie variabili con un solo ordine.
7. Selezionando il campo "Disattiva collegamento" viene disattivato il collegamento logico.
Ci per esempio opportuno alla messa in funzione, per interrompere temporaneamente
un collegamento.

324

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC TI Serial
14.3 Progettazione del canale

14.3.3

Progettazione delle variabili

14.3.3.1

Progettazione delle variabili

Premessa
In un accoppiamento tra WinCC e l'AG attraverso il canale "SIMATIC TI Serial" possibile
creare variabili di diversi tipi di dati all'interno di WinCC. Ci viene descritto dettagliatamente
al paragrafo seguente.

14.3.3.2

Progettazione dell'indirizzo di una variabile

Premessa
L'indirizzo della variabile viene immesso in conformit alla struttura di indirizzo SIMATIC TI505.

Procedimento
1. Selezionare la variabile e aprire quindi attraverso il menu a discesa rapida la finestra di
dialogo "Propriet".
2. Sulla scheda "Generale" selezionare il tipo di dati desiderato (ad es. valore a 16 bit con
segno).
3. Fare clic sul pulsante di comando "Seleziona". Se si tratta di una variabile del tipo "Binario"
o "8-Bit", a questo punto si apre la finestra di dialogo "Variabile Bit/Byte". Attivare la
rispettiva casellina di controllo "Accesso a un Bit/Byte", nel caso in cui si dovesse accedere
in scrittura ai dati nella memoria AS.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

325

SIMATIC TI Serial
14.3 Progettazione del canale
4. Fare clic sul pulsante di comando "Seleziona". Si apre la finestra di dialogo "Propriet
indirizzo".

5. Selezionare nel campo "Adress Type", dove si trova la variabile nel sistema di automazione.
A seconda del tipo di indirizzo selezionato, possono essere richieste ulteriori specifiche (ad
esempio nel campo "N dell'elemento dati" del tipo di indirizzo "V-Variable Memory").
6. Nel campo "Read-Only Variable" possibile impedire una descrizione della variabile di
WinCC.

Nota
Le variabili di struttura vengono supportate nei campi di indirizzamento V, K, X, Y e C.
Per la descrizione dei tipi di indirizzo, consultare la documentazione tecnica della SIMATIC
TI505.
L'accesso in scrittura ai campi di memoria in AS pu avvenire nel canale "TI Serial" solo a bit
oppure parole. Per le variabili binarie e a "8 bit", oltre al dialogo "Propriet indirizzo", si apre
la finestra di dialogo "Variabile Bit/Byte", che permette di definire l'accesso in scrittura ai bit o
byte. Ad ogni ordine di scrittura viene letto dalla memoria dell'AS l'area di memoria indirizzata
e vengono modificati i rispettivi bit o byte. Poi l'area dati viene nuovamente riscritta nell'AS.
Dipendentemente dal tipo di variabile possibile accedere alla memoria dell'AS o a bit oppure
a byte.

326

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC TI Serial
14.3 Progettazione del canale

14.3.3.3

Come progettare una variabile con accesso di bit per bit

Premessa
L'accesso in scrittura ai campi di memoria in AS pu avvenire nel canale "SIMATIC TI Serial"
solo a bit oppure byte. Per le variabili binarie e a "8 bit", oltre al dialogo "Propriet indirizzo",
si apre la finestra di dialogo "Variabile Bit/Byte", che permette di definire l'accesso in scrittura
ai bit o byte. Ad ogni ordine di scrittura viene letto dalla memoria dell'AS l'area di memoria
indirizzata e vengono modificati i rispettivi bit o byte. Poi l'area dati viene nuovamente riscritta
nell'AS.
Nota
Le modifiche che sono state effettuate dall'AS in un campo di dati letto, vengono trascritte in
caso di una ri-scrittura del campo dati.

Procedimento
1. Selezionare la variabile e aprire quindi attraverso il menu a discesa rapida la finestra di
dialogo "Propriet".
2. Selezionare nella scheda "Generalit" il tipo di dati "Variabile binaria".
3. Fare clic sul pulsante di comando "Seleziona". Si apre la finestra di dialogo "Variabile Bit/
Byte".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

327

SIMATIC TI Serial
14.3 Progettazione del canale
4. Attivare la casellina di controllo "Accesso a un bit" e specificare quindi l'indirizzamento del
bit.

5. Fare clic sul pulsante di comando "Seleziona". Si apre la finestra di dialogo "Propriet
indirizzo".
6. Selezionare nel campo di selezione il tipo di indirizzamento della memoria PLC.
7. Selezionare nel campo di selezione il numero del bit da modificare.

Nota
Nel caso S5 i marker, ingressi e uscite sono indirizzabili a byte, mentre i blocchi dati (DB,
DX) a parole.

14.3.3.4

Come progettare una variabile con accesso di byte a byte

Premessa
L'accesso in scrittura ai campi di memoria in AS pu avvenire nel canale "SIMATIC TI Serial"
solo a bit oppure byte. Per le variabili binarie e a "8 bit", oltre al dialogo "Propriet indirizzo",
si apre la finestra di dialogo "Variabile Bit/Byte", che permette di definire l'accesso in scrittura
ai bit o byte. Ad ogni ordine di scrittura viene letto dalla memoria dell'AS l'area di memoria

328

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMATIC TI Serial
14.3 Progettazione del canale
indirizzata e vengono modificati i rispettivi bit o byte. Poi l'area dati viene nuovamente riscritta
nell'AS.
Nota
Le modifiche che sono state effettuate dall'AS in un campo di dati letto, vengono trascritte in
caso di una ri-scrittura del campo dati.

Procedimento
1. Selezionare la variabile e aprire quindi attraverso il menu a discesa rapida la finestra di
dialogo "Propriet".
2. Selezionare nella scheda "Generalit" il tipo di dati "Valore a 8 bit senza segno" oppure
"Valore a 8 bit con segno".
3. Fare clic sul pulsante di comando "Seleziona". Si apre la finestra di dialogo "Variabile Bit/
Byte".
4. Attivare la casellina di controllo "Accesso a un byte" e specificare quindi l'indirizzamento
del byte.

5. Fare clic sul pulsante di comando "Seleziona". Si apre la finestra di dialogo "Propriet
indirizzo".
6. Selezionare nel campo di selezione il tipo di indirizzamento della memoria PLC.
7. Selezionare nel campo di selezione il numero del byte da modificare.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

329

SIMOTION
15.1

15

Canale WinCC "SIMOTION"

Premessa
Il canale "SIMOTION" collega una stazione WinCC con un sistema di automazione SIMOTION.
La comunicazione avviene con il protocollo TCP/IP tramite Industrial Ethernet.
SIMOTION una piattaforma di sistema per soluzioni di automazione e azionamento nelle
quali il controllo del movimento e i compiti tecnologici occupano una posizione di primaria
importanza.
Il sistema modulare SIMOTION costituito dal sistema di engineering SIMOTION SCOUT e
da un sistema runtime comune a diverse piattaforme hardware.
Per accedere ai dati di un progetto SIMOTION SCOUT in WinCC, esportare il progetto da
SIMOTION SCOUT. Poi creare un progetto WinCC con il Simotion Mapper utilizzando i file
esportati.
Determinate modifiche della configurazione del sistema di automazione SIMOTION possono
essere progettate in un secondo momento in WinCC, ad es. la modifica di un indirizzo IP. Le
altre modifiche devono essere sempre progettate in SIMOTION SCOUT, poi esportate di
nuovo e trasferite con il Simotion Mapper.
Nota
Per progettare il canale "SIMOTION" in WinCC necessario conoscere bene il sistema di
engineering SIMOTION SCOUT e la progettazione di WinCC.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

331

SIMOTION
15.2 Panoramica dei tipi di dati supportati

15.2

Panoramica dei tipi di dati supportati

Premessa
Nella progettazione di una variabile, il tipo di dati ed il cambio di formato vengono definiti in
base al formato dei dati nel sistema di automazione.
La tabella indica i tipi di dati supportati dal canale e l'applicazione dei cambi di formato.

Tipi di dati supportati

332

Tipi di dati

Cambio di formato

Variabile binaria

no

Valore 8 bit con segno

Valore a 8 bit senza segno

Valore 16 bit con segno

Valore a 16 bit senza segno

Valore 32 bit con segno

Valore a 32 bit senza segno

Numero in virgola mobile 32 bit IEEE 754

Variabile di testo set di caratteri 8 bit

no

Tipo di dati grezzi

no

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMOTION
15.3 Progettazione del canale

15.3

Progettazione del canale

15.3.1

Progettazione del canale "SIMOTION"

Premessa
Questo capitolo mostra le modalit di progettazione del canale "SIMOTION".
Nota
Per progettare il canale "SIMOTION" necessario conoscere bene il sistema di engineering
SIMOTION SCOUT e la progettazione di WinCC.
Per eseguire la progettazione del canale "SIMOTION" procedere come segue:
1. Esportare il progetto SIMOTION SCOUT da SIMOTION SCOUT.
2. Creare un progetto WinCC con il Simotion Mapper.
3. Aprire il progetto WinCC.
4. Progettare i parametri di sistema.
Per ulteriori informazioni sulla diagnostica del canale, del collegamento e delle variabili,
consultare il capitolo "Diagnostica del canale 'SIMOTION'".

15.3.2

Esportazione di un progetto SIMOTION SCOUT

Premessa
In questo paragrafo viene descritto come esportare variabili e definizioni di segnalazioni da
SIMOTION SCOUT.

Presupposti:
Si ha dimestichezza con il sistema di engineering SIMOTION SCOUT.
Si ha accesso al progetto SIMOTION SCOUT da esportare.

Procedura
1. Aprire in SIMOTION SCOUT il progetto SIMOTION SCOUT da esportare.
2. In "Strumenti" selezionare la voce "Esporta dati OPC...".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

333

SIMOTION
15.3 Progettazione del canale
3. Per l'esportazione selezionare la versione "SIMATIC NET V6.4", l'estensione desiderata
ed almeno l'opzione "Allarme/evento OPC".
Nota
Versioni di esportazione diverse da "SIMATIC NET V6.4" non vengono elaborate da
Simotion Mapper.
4. Selezionare la cartella di destinazione.
5. Selezionare l'interfaccia di comunicazione.
Il progetto viene esportato.
6. Se si utilizza un routing, indicare le informazioni del routing.
Il progetto SIMOTION SCOUT stato esportato. I file "OPC_Data.sti" e "OPC_AE.xml" sono
salvati nella cartella di destinazione.

15.3.3

Creazione di un progetto WinCC con il Simotion Mapper

Introduzione
In questo paragrafo viene mostrato come creare un progetto WinCC con il Simotion Mapper
da un progetto SIMOTION SCOUT esportato.
Nota
Se gi stato creato un progetto WinCC per una versione precedente del progetto
SIMOTION SCOUT, in caso di trasferimento vengono modificati solo i parametri SIMOTION.
Tutte le altre progettazioni del progetto WinCC rimangono invariate, ad es. l'archiviazione.

Presupposti:
Si ha accesso ai file di esportazione "OPC_Data.sti" e "OPC_AE.xml" del progetto
SIMOTION SCOUT.
Si in possesso dei diritti di accesso alla cartella di installazione di WinCC.
Nota
Nell'ambiente di programmazione SIMOTION SCOUT il filtraggio delle variabili da
esportare pu essere eseguito con l'ausilio delle tabelle Watch. Si consiglia di utilizzare
queste tabelle per consentire che il numero delle variabili nel progetto WinCC rimanga
limitato. Per maggiori informazioni sulle tabelle Watch, consultare la Guida in linea a
SIMOTION SCOUT.

334

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMOTION
15.3 Progettazione del canale

Procedura
1. Avviare il programma "SimotionMapper.exe nella cartella di installazione di WinCC.
2. Fare clic su "Apri". Navigare alla la directory con i file "OPC_Data.sti" e "OPC_AE.xml"..
I dati vengono letti e visualizzati nel Simotion Mapper.
3. Selezionare nell'Esplora del Simotion Mapper i gruppi e le variabili necessari nel progetto
WinCC.
4. Selezionare "Crea nuovo progetto WinCC".
5. Per modificare il "Nome del collegamento WinCC", fare clic sui nomi visualizzati e inserire
il nuovo nome.
6. Definire il "Primo numero di segnalazione TA" per l'allarme tecnologico. Selezionare un
valore idoneo ad evitare collisioni con le segnalazioni di altri canali di comunicazione. Il
valore standard 100.
A partire dal numero indicato, Simotion Mapper crea una segnalazione per ogni
collegamento Simotion e sei segnalazioni campione.
7. Fare clic su "Avvia mapping". Selezionare la cartella di destinazione per il progetto WinCC.
Viene creato il progetto WinCC. La barra di avanzamento mostra la percentuale di
completamento dell'operazione.
8. Chiudere il Simotion Mapper.
Il progetto WinCC stato creato e pu essere aperto ed elaborato in WinCC.
Nota
Per utilizzare il progetto WinCC creato necessario impostare i parametri di sistema del
canale "SIMOTION" in WinCC.

15.3.4

Modifica di un progetto WinCC con Simotion Mapper

Introduzione
Il presente paragrafo mostra l'inserimento, con l'ausilio di Simotion Mapper, di un progetto
SIMOTION SCOUT esportato in un progetto WinCC preesistente. Il medesimo progetto
Simotion pu essere utilizzato pi volte in un progetto WinCC.
Nota
Se gi stato creato un progetto WinCC per una versione precedente del progetto
SIMOTION SCOUT, in caso di trasferimento vengono modificati solo i parametri SIMOTION.
Tutte le altre progettazioni del progetto WinCC rimangono invariate, ad es. l'archiviazione.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

335

SIMOTION
15.3 Progettazione del canale

Presupposti:
Si ha accesso ai file di esportazione "OPC_Data.sti" e "OPC_AE.xml" del progetto
SIMOTION SCOUT.
Si in possesso dei diritti di accesso alla cartella di installazione di WinCC.
Nota
Nell'ambiente di programmazione SIMOTION SCOUT il filtraggio delle variabili da
esportare pu essere eseguito con l'ausilio delle tabelle Watch. Si consiglia di utilizzare
queste tabelle per consentire che il numero delle variabili nel progetto WinCC rimanga
limitato. Per maggiori informazioni sulle tabelle Watch, consultare la Guida in linea a
SIMOTION SCOUT.

Procedura
1. Aprire il progetto WinCC da elaborare.
2. Avviare il programma "SimotionMapper.exe nella cartella di installazione di WinCC.
3. Fare clic su "Apri". Navigare alla la directory con i file "OPC_Data.sti" e "OPC_AE.xml"..
I dati vengono letti e visualizzati nel Simotion Mapper.
4. Selezionare nell'Explorer del Simotion Mapper i gruppi e le variabili necessari nel progetto
WinCC.
5. Selezionare la funzione "Aggiungi al progetto aperto".
6. Per aggiungere nuovamente un gruppo o una variabile in precedenza creati, modificare il
"Nome del collegamento WinCC" facendo clic sul nome visualizzato.
7. Se non si intende trasferire alcuna segnalazione, gruppo o variabile di un determinato
collegamento, rimuovere la selezione che precede la voce "Nome del collegamento
WinCC".
8. Stabilire se le variabili debbano essere sovrascritte.
9. Definire il "Primo numero di segnalazione TA" per l'allarme tecnologico. Selezionare un
valore idoneo ad evitare collisioni con le segnalazioni di altri canali di comunicazione. Il
valore standard 100.
A partire dal numero indicato, Simotion Mapper crea una segnalazione per ogni
collegamento Simotion e sei segnalazioni campione.
Nota
Non modificare un "Primo numero di segnalazione TA" gi inserito nella mappatura. In
caso contrario potrebbero verificarsi errori imprevedibili nelle segnalazioni.
10.Fare clic su "Avvia mapping". Selezionare la cartella di destinazione per il progetto WinCC.
Il progetto SIMOTION SCOUT viene inserito nel progetto WinCC aperto. La barra di
avanzamento mostra la percentuale di completamento dell'operazione.
11.Chiudere il Simotion Mapper.
Il progetto SIMOTION SCOUT stato inserito in WinCC e salvato con le impostazioni indicate.

336

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMOTION
15.3 Progettazione del canale

15.3.5

Modifica dei parametri di collegamento

Premessa
Questo capitolo mostra come modificare i parametri di collegamento dell'indirizzo di rete
SIMOTION.
Nota
Modificare solo i parametri di collegamento riportati. Non creare nessun nuovo collegamento
per il canale "SIMOTION". Collegamenti creati in modo errato possono causare errori nel
comando del sistema di automazione. Per progettare nuovi collegamenti osservare la
descrizione nel capitolo "Progettazione del canale "SIMOTION" (Pagina 333)".

Requisiti
Il driver di comunicazione SIMOTION integrato nel progetto WinCC.

Procedura
1. Aprire nell'editor "Gestione variabili" la struttura directory per il driver di comunicazione
"SIMOTION".
2. Selezionare nel menu di scelta rapida dell'unit di canale "Simotion" la voce "Propriet".
3. Nella finestra di dialogo aperta fare clic su "Propriet".
Si apre la finestra di dialogo "Parametri di collegamento - SIMOTION".

4. Modificare i parametri di collegamento dell'indirizzo di rete SIMOTION nei relativi campi.


5. Chiudere le finestre di dialogo aperte rispettivamente con "OK".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

337

SIMOTION
15.3 Progettazione del canale

15.3.6

Modifica dell'indirizzo di variabile

Premessa
Questo capitolo mostra come modificare un indirizzo di variabile nel canale "SIMOTION".
Nota
Per modificare l'indirizzo di variabile nel canale "SIMOTION" sono necessarie ottime
conoscenze sull'impiego di pointer ANY. Se l'indirizzo di variabile inserito errato non verr
eventualmente stabilito il collegamento in trasmissione dati.

Requisiti
Il canale "SIMOTION" integrato nel progetto WinCC.
Nell'unit di canale "Simotion" stato creato un collegamento a delle variabili.

Procedura
1. Selezionare nel menu di scelta rapida della variabile da modificare la voce "Indirizzamento".

2. Modificare l'indirizzo della variabile.

15.3.7

Progettazione dei parametri di sistema

15.3.7.1

Parametri di sistema dell'unit di canale

Premessa
Se si necessit di una configurazione che si discosta dalle impostazioni predefinite di WinCC,
eseguire le impostazioni nella finestra di dialogo "Parametri di sistema".
possibile modificare i seguenti parametri di sistema:
Nome logico dell'apparecchiatura.
Utilizzo dei servizi di lettura ciclici.

338

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMOTION
15.3 Progettazione del canale

Nome logico dell'apparecchiatura


WinCC e l'AS comunicano tramite nomi logici dell'apparecchiatura che vengono assegnati
durante l'installazione del processore di comunicazione nell'AS.

Utilizzo dei servizi di lettura ciclici


Nei servizi di lettura ciclici dell'AS le variabili da leggere ciclicamente vengono raggruppate in
singole richieste ed inviate all'AS. L'AS invia i dati richiesti una prima volta subito dopo la
ricezione della richiesta e poi sempre una volta scaduto il tempo di ciclo.
Nei servizi di lettura ciclici attivati possibile eseguire anche la trasmissione in caso di
modifiche. Se l'AS supporta la trasmissione in caso di modifiche, i dati vengono trasmessi solo
in caso di modifica dei valori.

15.3.7.2

Cos si progettano i parametri di sistema

Premessa
In questo paragrafo viene mostrato come progettare i parametri di sistema del canale
"SIMOTION".
Il dialogo "Parametri di sistema" costituito da due schede:
Scheda "SIMOTION"
Scheda "Unit"
Nota
Se si copia il progetto su un altro computer vengono mantenute le impostazioni nella
scheda "Unit" mentre quelle nella scheda "SIMOTION" vengono cancellate.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

339

SIMOTION
15.3 Progettazione del canale

Requisiti
Il canale "SIMOTION" integrato nel progetto WinCC.

Procedura
1. Selezionare nella Gestione variabili il canale "SIMOTION". Aprire tramite il menu di scelta
rapida dell'unit di canale "Simotion" la finestra di dialogo "Parametri di sistema".
2. Selezionare la scheda "SIMOTION".

3. Per attivare la lettura ciclica delle variabili e la trasmissione in caso di modifiche selezionare
"tramite AS" e "con trasmissione in caso di modifiche".
Nota
Le funzioni "Gestione ciclo", "Sorveglianza della funzionalit vitale" e "Controllo Stop CPU"
non vengono supportate dal controllo azionamento SINAMICS. Il canale "SIMOTION"
ignora pertanto le relative impostazioni per collegamenti con controlli azionamento
SINAMICS. Se la rispettiva funzione viene supportata da AS viene stabilito dal canale
durante la creazione del collegamento.
4. Se necessario attivare la funzione "Controllo lifebeat".
Indicare in secondi l'intervallo per l'invio di telegrammi di attivit.
Indicare in secondi il tempo di controllo per il controllo del ritorno della risposta ad un
telegramma di attivit.
5. Se si desidera che WinCC contrassegni la comunicazione come disturbata quando la CPU
SIMOTION si trova in stato di STOP occorre attivare il controllo Stop della CPU.

340

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMOTION
15.3 Progettazione del canale
6. Selezionare la scheda "Unit".
Per "Nome logico dell'apparecchiatura" compare di default "S7ONLINE". Se
nell'installazione del processore di comunicazione impiegato stato scelto un altro nome,
il nome dell'apparecchiatura deve essere cambiato.

7. Per impostare automaticamente il nome dell'apparecchiatura all'avvio del runtime attivare


l'opzione "Imposta automaticamente".
8. Per elaborare gli ordini di scrittura con una priorit pi elevata rispetto agli ordini di lettura
attivare "Con priorit di scrittura".
9. Chiudere la finestra di dialogo con "OK".
Nota
Le modifiche alle impostazioni verranno applicate solo dopo il riavvio di WinCC.

15.3.7.3

Come modificare il nome logico dell'apparecchio

Premessa
WinCC e SIMOTION comunicano tramite nomi logici dell'apparecchiatura. Questi nomi
vengono assegnati al momento dell'installazione del processore di comunicazione.

Requisiti
Il canale "SIMOTION" integrato nel progetto.
Per l'unit di canale "Simotion" stato creato un collegamento.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

341

SIMOTION
15.3 Progettazione del canale

Procedura
1. Selezionare nella Gestione variabili l'unit di canale "Simotion".
2. Con il menu di scelta rapida aprire la finestra di dialogo "Parametri di sistema".
3. Selezionare la scheda "Unit".
4. Impostare nel campo "Nome logico dell'apparecchiatura" un nome per l'apparecchiatura.
Si pu selezionare una voce nella lista oppure inserire un nome nuovo.
I nomi dell'apparecchiatura vengono identificati mediante il tool "Imposta interfaccia PG/
PC". Il tool si richiama nel pannello di controllo. Se esso non installato, verr visualizzato
solo il nome dell'apparecchiatura attualmente impostato.
Se si definisce un altro nome logico dell'apparecchiatura, verr visualizzato un avviso.
Inserire quindi un nome solo se sulla stazione di destinazione viene utilizzato un processore
di comunicazione che non installato sul sistema di progettazione.
5. Chiudere la finestra di dialogo con "OK".
Nota
Le modifiche alle impostazioni verranno applicate solo dopo il riavvio di WinCC.

342

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMOTION
15.4 Diagnostica canale "SIMOTION"

15.4

Diagnostica canale "SIMOTION"

15.4.1

Possibilit diagnostiche del canale "SIMOTION"


Per la diagnostica e l'identificazione d'errore del canale "SIMOTION" e delle sue variabili
vengono offerte le seguenti possibilit:

verifica della progettazione del processore di comunicazione


oltre alla verifica del punto di accesso possibile testare per mezzo dell'applicazione "Imposta
interfaccia PG/PC" il processore di comunicazione. possibile ugualmente verificare il
processore di comunicazione in ambiente SIMATIC NET.

verifica della progettazione di collegamento e variabili


Possibili errori possono essere dovuti ai parametri di sistema e di collegamento progettati.
Valori di variabile difettosi possono essere dovuti anche ad un indirizzamento errato nel
sistema di automazione.

Diagnostica del canale per mezzo di "Channel Diagnosis"


Per mezzo di "Channel Diagnosis" possibile interrogare in runtime lo stato del canale e del
collegamento. Gli errori vengono visualizzati per mezzo di "Error Codes".

Diagnostica delle variabili del canale


Nella gestione delle variabili possibile interrogare in runtime il valore attuale, il Quality Code
attuale e l'ultima data di modifica delle variabili.

15.4.2

Descrizione delle registrazioni del log file

Premessa
Nel file log vengono registrate attraverso il canale importanti modifiche di stato ed errori. Le
registrazioni supportano l'analisi di disturbi di comunicazione.
Ogni registrazione nel file contiene un contrassegno di data ed un contrassegno orario a cui
segue il nome del flag e la descrizione.

Esempio di una voce nel registro:


2009-10-28 12:10:11,467 INFO Log starting ...
2009-10-28 12:10:11,483 INFO | LogFileName : D:\SIEMENS\WINCC\Diagnostica
\Simotion_01.LOG
2009-10-28 12:10:11,483 INFO | LogFileCount : 3
WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

343

SIMOTION
15.4 Diagnostica canale "SIMOTION"
2009-10-28 12:10:11,483 INFO | LogFileSize : 1400000
2009-10-28 12:10:11,483 INFO | TraceFlags : fa000000
2009-10-28 12:10:11,498 INFO SIMOTION channel DLL started!
2009-10-28 12:10:11,498 INFO SIMOTION channel with own cycle creation!
2009-10-28 12:10:11,967 INFO Connection "D445": StartRegisterEvVariable for
dwVariableCount = 89
2009-10-28 12:10:11,967 INFO Connection "D445": RegisterEvVariable for Variable
"@D445@CheckSum"!
...
2009-10-28 12:10:11,983 INFO Connection "D445": EndRegisterEvVariable
2009-10-28 12:10:12,436 INFO S7DOS release: @(#)TIS-Block Library DLL Version R8.0.0.0REL-BASIS
2009-10-28 12:10:12,436 INFO S7DOS version: V8.0 / 0
2009-10-28 12:10:12,436 INFO SIMOTION version: V6.0 / Sep 15 2009 / 08:06:43
2009-10-28 12:10:12,436 INFO SIMOTION channel unit "Simotion" activated!
2009-10-28 12:10:12,451 ERROR Cannot connect to "SINAMICS_Integrated": Errorcode
0xFFDF 42C2!
2009-10-28 12:10:12,451 ERROR Cannot connect to "D445": Errorcode 0xFFDF 42C2!

Descrizione delle registrazioni pi importanti relative al flag "INFO"

344

Testo della segnalazione

Significato

LogFileName : C:\ Siemens\ WinCC\


Diagnostica\ "nome_canale".LOG

Nome del log file con l'indicazione del percorso

LogFileCount : "n"

Numero dei log file del canale

LogFileSize : "x"

Grandezza dei singoli log file in byte

TraceFlags : c4000000

Visualizzazione dei flag utilizzati dalla funzione Trace in


numeri esadecimali

SIMOTION channel DLL started!

Segnalazione di avvio

SIMOTION channel DLL terminated!

Segnalazione terminale

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

SIMOTION
15.4 Diagnostica canale "SIMOTION"

Descrizione delle registrazioni pi importanti relative al flag "ERROR"


Testo della segnalazione

Significato

Cannot connect to <connectionname>:


Errorcode 0x0000 7<xxx>!

Errore di comunicazione
Subito dopo l'attivazione di WinCC non stato possibile
stabilire la comunicazione con SIMOTION.
<connectionname> = nome del collegamento
<xxx> 1...fff
Tutti gli altri codici di errore sono stati ricevuti dal canale
come risultato di un richiamo di funzione di S7DOS, di un
livello inferiore o di AS.

Connectionerror <nnn>
<connectionname>:
Errorcode 0x0000 7xxx!

Errore di comunicazione
Dopo l'attivazione di WinCC non stato possibile stabilire la
comunicazione con SIMOTION. Il collegamento stato
interrotto.
<nnn> = numero di connessioni interrotte per questo
collegamento
<connectionname> = nome del collegamento
<xxx> 1...fff
Tutti gli altri codici di errore sono stati ricevuti dal canale
come risultato di un richiamo di funzione di S7DOS, di un
livello inferiore o di AS.

Channel API error: errorstring

Errore dell'API di canale


La stringa d'errore 'errorstring' viene trasmessa dal canale
al WinCC Explorer. A seconda della gravit dell'errore, la
stringa viene segnalata in una casella di avviso. Per la
descrizione delle stringhe di errore vedi i testi di errore API.

Max. count of API errors reached - API


logbook deactivated

Errore dell'API di canale


In base all'errore e alla funzione gli errori relativi
all'interfaccia API possono verificarsi ciclicamente. Per non
saturare il file Registro con queste segnalazione d'errore,
l'emissione degli errori API viene annullata dopo 32
segnalazioni.

Cannot write storage data!


Cannot read storage data / use default
data
Storage data illegal or destroyed / use
default data!
No storage data / use default data!

Segnalazioni d'errore generali di canale

Devicename in unit "unitname" changed


from "old devicename" to "new
devicename"

Segnalazione di inizializzazione

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

345

SIMOTION
15.4 Diagnostica canale "SIMOTION"

Nota
I codici di errore del canale "SIMOTION" corrispondono a quelli del canale "SIMATIC S7
Protocol Suite". Per la descrizione dei codici di errore vedere il capitolo "Codici di errore in
caso di disturbo di collegamento" nella guida per il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite".
SIMOTION segnala inoltre il codice di errore0x000 7301 se la verifica della coerenza non
riuscita. La causa della segnalazione d'errore consiste nel fatto che la checksum dei dati
esportati da SIMOTION SCOUT registrata per l'AS non corrisponde pi alla checksum
nell'apparecchiatura collegata.

346

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

System Info
16.1

16

Canale "System Info"

Contenuto
Il canale "System Info" consente di analizzare informazioni di sistema quali l'ora, la data, le
capacit dei drive e mette a disposizione funzioni tipo timer e contatori.
Il presente capitolo mostra le modalit per
la progettazione del canale, del collegamento e delle variabili
la visualizzazione di informazioni di sistema semplici in una pagina di processo
l'uso delle informazioni di sistema per attivare e visualizzare una segnalazione
la rappresentazione grafica di informazioni di sistema
la visualizzazione di informazioni di sistema di pi server in un sistema a pi stazioni.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

347

System Info
16.2 Canale WinCC "System Info"

16.2

Canale WinCC "System Info"

Procedura
Il canale "System Info" consente di analizzare informazioni di sistema quali l'ora, la data, le
capacit dei drive e mette a disposizione funzioni tipo timer e contatori.
Le possibili applicazioni sono le seguenti:
Visualizzazione dell'ora, della data e del giorno della settimana nelle pagine di processo
Attivazione di eventi tramite l'analisi di informazioni di sistema contenute negli script.
Visualizzazione del carico della CPU tramite una curva.
Visualizzazione e controllo delle capacit ancora disponibili nei drive dei diversi server di
un sistema basato su client.
Controllo delle capacit disponibili e attivazione di una segnalazione.
Il canale non deve essere dotato di alcun hardware, poich pu accedere direttamente alle
informazioni di sistema del PC sul quale installato. Il funzionamento del canale richiede la
creazione di un collegamento. Pi collegamenti sono possibili, ma da un punto di vista
funzionale non sono necessari.
Per ulteriori informazioni relative alla diagnostica di canale e variabili consultare la voce
"Diagnostica della comunicazione".
Nota
Le variabili di processo richieste per il canale "Informazioni di sistema" sono esenti da licenza.
Le variabili non vengono incluse pertanto nel conteggio delle licenze.
Non possedendo diritti di Administrator in Windows 2003 Server, come utente principale
necessario essere membro del gruppo "Utente monitor sistema", per poter utilizzare il canale
"System Info".

Communication Manual
qui si trovano ulteriori informazioni con esempi esaurienti per la progettazione dei canali.
Questo manuale viene offerto su Internet per il download:
http://support.automation.siemens.com/
Cercare il numero d'ordine:

348

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

System Info
16.2 Canale WinCC "System Info"
A5E00391327

Vedere anche
Utilizzo nei sistemi a pi stazioni e nei sistemi client (Pagina 369)
Esempi relativi all'analisi ed alla visualizzazione delle informazioni sul sistema (Pagina 357)
Progettazione del canale "System Info" (Pagina 356)
Differenze con gli altri componenti software (Pagina 355)
Panoramica delle informazioni supportate dal sistema (Pagina 350)
Diagnostica di canali e variabili (Pagina 377)

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

349

System Info
16.3 Panoramica delle informazioni supportate dal sistema

16.3

Panoramica delle informazioni supportate dal sistema

Introduzione
Nella finestra di dialogo "Informazioni di sistema" possibile definire tramite il campo
"Funzione" quale informazione di sistema assegnare ad una variabile WinCC. Nel campo
"Formato" l'utente potr definire il formato di rappresentazione.

Panoramica delle informazioni di sistema supportate dal canale "System Info"

350

Funzione

Tipo di dati

Formato

Anteprima

Data

Variabile di testo
set di caratteri 8 bit

GG.MM.AAAA

21.10.1999

GG.MM.AA

21.10.99

MM-GG-AAAA

10-21-1999

MM-GG-AA

10-21-99

MM/GG/AA

10/21/99

Giorno

Valore a 16 bit
senza segno

GG

1...31

Mese

Valore a 16 bit
senza segno

MM

1...12

Anno

Valore a 16 bit
senza segno

AAAA

2000

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

System Info
16.3 Panoramica delle informazioni supportate dal sistema
Funzione

Tipo di dati

Formato

Anteprima

Giorno

Valore a 16 bit
senza segno

Testo: 1 per
luned fino a
7 per domenica

1...7

Variabile di testo
set di caratteri 8 bit

Testo: Lu,Ma,Me,
Gi,Ve,Sa,Do

Lu ... Do

Ora

Variabile di testo
set di caratteri 8 bit;
lunghezza = 10 byte

HH:MM:SS
HH:MM
HH:MM AM,PM

23:45:37
23:45
23:45 PM

lunghezza = 12 byte

HH:MM:SS

23:45:37 PM

Ora

Valore a 16 bit
senza segno

HH

0...23

Minuto

Valore a 16 bit
senza segno

MM

0...59

Secondo

Valore a 16 bit
senza segno

SS

0...59

MiIlisecondo

Valore a 16 bit
senza segno

MSC

0...999

Contatore

Valore a 32 bit
con segno

ZZZZ

0...9999

Carico della CPU

Numero in virgola
mobile
32 bit IEEE 754

Carico totale in %
Inattivit in %
Processo in %

0...100%

Temporizzatore

Valore 32 bit
con segno

TTTT

0...9999

Memoria principale

Numero in virgola
mobile
32 bit IEEE 754

Libera in kB
Libera in %
Libera in Byte

0...n kB
0...100%
0...n B

Memoria libera
del drive
(drive locali)

Numero in virgola
mobile
32 bit IEEE 754

Libera in MB
Libera in %

0...n MB
0...100%

Controllo della
stampante

Valore a 32 bit
senza segno

Grado di riempimento del


Disco rigido dello spooler
Stato della stampante
Stato dei lavori
Area memoria del disco spooler
libera in kB
Aree del disco PRT_OUT
libere in kB
Grandezza della
directory dello spooler in kB
Grandezza della directory PRT_OUT
in kB

0...n %

Occupato in kB
Occupato in %
Disponibile in kB

0...n kB
0...100%
0...n kB

Stato del
file di swap

Numero in virgola
mobile
32 bit IEEE 754

0...n
0...n
0...n kB
0...n kB
0...n kB
0...n kB

Contatore
Questa funzione pu venire impiegata negli script per particolari elaborazioni di testo.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

351

System Info
16.3 Panoramica delle informazioni supportate dal sistema

Temporizzatore
Selezionando questa funzione vengono aggiunti i campi "Limiti da" e "a" alla finestra di dialogo
"Informazioni di sistema".
Ad ogni secondo il valore del timer aumenta o diminuisce. Il valore iniziale e finale nei campi
"Limiti da" e "a" determineranno in quale senso verr effettuata la modifica. Se il valore iniziale
minore di quello finale, il valore del timer verr aumentato. Se il valore iniziale maggiore
di quello finale, il valore del timer verr diminuito.
Se in runtime vengono iscritti dei valori nel campo I/O collegato con il timer, il valore iniziale
ed il valore attuale del timer verranno impostati su questo valore. Esempio: il timer progettato
da 0 a 60. Scrivendo uno "0" in runtime il timer viene resettato.
Effettuando una disattivazione viene ripristinato il valore iniziale progettato originariamente.

Carico della CPU


Nei computer a multiprocessori per i formati "Carico totale in %" e "Inattivit in %" deve essere
indicato il numero della CPU, iniziando da "0".
In caso di pi istanze di un processo per il formato "Processo in %" deve venire indicato anche
il numero di istanza.

Memoria libera del drive


Possono venire identificate solo le capacit libere di dischi rigidi locali o dei drive.

Controllo della stampante


Nelle stampanti di rete, per i formati "Stato della stampante"e "Stato dei lavori" necessario
specificare nel campo "Stampante" anche il nome del server. Per utilizzare queste informazioni
di sistema, la stampante impiegata deve supportare queste informazioni sullo stato.
Per fare valutare lo stato della stampante, tenere conto di quanto segue:
Il port monitor responsabile del trasferimento dello stato della stampante allo spooler. In
base alla porta stampante selezionata, vengono installate diverse Port-Monitor-DLL. Dei
port monitor forniti da Windows soltanto "TCPMON.DLL" pu trasmettere lo stato della
stampante attraverso la porta TCP/IP. La "LOCALMON.DLL" attraverso la porta LPT non
trasmette lo stato della stampante.
Lo stato della stampante viene rilevato soltanto dopo l'invio di un ordine di stampa, ma non
in caso del polling dello stato alla porta.
Per i formati "Aree libere del disco PRT_OUT" e "Grandezza della directory PRT_OUT" il
percorso nel campo "Directory" viene identificato automaticamente dal canale.
Codici di errore per il formato "Stato della stampante"

352

Stato

Codici di errore

PRINTER_STATUS_PAUSED

0x00000001

PRINTER_STATUS_ERROR

0x00000002

PRINTER_STATUS_PENDING_DELETION

0x00000004

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

System Info
16.3 Panoramica delle informazioni supportate dal sistema
Stato

Codici di errore

PRINTER_STATUS_PAPER_JAM

0x00000008

PRINTER_STATUS_PAPER_OUT

0x00000010

PRINTER_STATUS_MANUAL_FEED

0x00000020

PRINTER_STATUS_PAPER_PROBLEM

0x00000040

PRINTER_STATUS_OFFLINE

0x00000080

PRINTER_STATUS_IO_ACTIVE

0x00000100

PRINTER_STATUS_BUSY

0x00000200

PRINTER_STATUS_PRINTING

0x00000400

PRINTER_STATUS_OUTPUT_BIN_FULL

0x00000800

PRINTER_STATUS_NOT_AVAILABLE

0x00001000

PRINTER_STATUS_WAITING

0x00002000

PRINTER_STATUS_PROCESSING

0x00004000

PRINTER_STATUS_INITIALIZING

0x00008000

PRINTER_STATUS_WARMING_UP

0x00010000

PRINTER_STATUS_TONER_LOW

0x00020000

PRINTER_STATUS_NO_TONER

0x00040000

PRINTER_STATUS_PAGE_PUNT

0x00080000

PRINTER_STATUS_USER_INTERVENTION

0x00100000

PRINTER_STATUS_OUT_OF_MEMORY

0x00200000

PRINTER_STATUS_DOOR_OPEN

0x00400000

PRINTER_STATUS_SERVER_UNKNOWN

0x00800000

PRINTER_STATUS_POWER_SAVE

0x01000000

Codici di errore per il formato "Stato dei lavori"


Stato

Codici di errore

JOB_STATUS_PAUSED

0x00000001

JOB_STATUS_ERROR

0x00000002

JOB_STATUS_DELETING

0x00000004

JOB_STATUS_SPOOLING

0x00000008

JOB_STATUS_PRINTING

0x00000010

JOB_STATUS_OFFLINE

0x00000020

JOB_STATUS_PAPEROUT

0x00000040

JOB_STATUS_PRINTED

0x00000080

JOB_STATUS_DELETED

0x00000100

JOB_STATUS_BLOCKED_DEVQ

0x00000200

JOB_STATUS_USER_INTERVENTION

0x00000400

JOB_STATUS_RESTART

0x00000800

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

353

System Info
16.3 Panoramica delle informazioni supportate dal sistema

Nota
I codici di errore dei formati "Stato della stampante" e "Stato dei lavori" corrispondono ai valori
del file "Winspool.h" referenziato in Visual C.

354

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

System Info
16.4 Differenze con gli altri componenti software

16.4

Differenze con gli altri componenti software

Introduzione
Anche con gli ActiveX Control di WinCC possibile analizzare e visualizzare alcune
informazioni di sistema del canale "System Info".
Una differenza fondamentale rispetto agli ActiveX Control data dal fatto che nel canale
"System Info" le informazioni di sistema sono assegnate ad una variabile WinCC. L'ulteriore
analisi (p.es. segnalazioni, valori limite) pu venire effettuata pi volte e viene poi progettata
singolarmente. Gli ActiveX Control sono destinati ad un uso prestabilito e possono venire
impiegati anche in sistemi a pi stazioni o basati su client.
Tra ActiveX Control ed il canale sono da segnalare differenze per le seguenti informazioni di
sistema:

Ora
Per visualizzare l'ora WinCC dotato dell'ActiveX Control "WinCC Digital/Analog Clock
Control". Questo Control consente di rappresentare l'ora anche in forma analogica. Il Control
non richiede il canale "System Info", neanche nei casi in cui viene impiegato con le opzioni del
sistema di controllo di processo. Con il Control possibile rappresentare l'ora di un client
WinCC sulla pagina di processo del client. Con il canale "System Info" ci non possibile,
perch il canale rappresenter sempre l'ora di sistema del server.

Memoria libera del drive


Per visualizzare la memoria libera del drive WinCC dotato dell'ActiveX Control "IX
Diskspace". Questo ActiveX Control consente di rappresentare anche la memoria libera dei
drive collegati in rete e offre ulteriori possibilit di progettazione, per esempio definire diversi
valori limite direttamente nel Control.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

355

System Info
16.5 Progettazione del canale

16.5

Progettazione del canale

16.5.1

Progettazione del canale "System Info"

Introduzione
Questa sezione mostra le modalit di progettazione del canale "System Info".

Procedura
1. Selezionare nel menu di scelta rapida della Gestione variabili la voce "Aggiungi nuovo
driver". Si apre una finestra di selezione.
2. Selezionare il canale "System Info.chn" e chiudere la finestra di dialogo. Viene creato il
canale e nella gestione delle variabili viene indicato il driver del canale.
3. Selezionare l'unit di canale relativa "System Info" ed aprire il menu di scelta rapida.
Selezionare il comando "Nuovo collegamento".
4. Inserire nel dialogo "Propriet di collegamento" il nome del collegamento. Chiudere la
finestra di dialogo.
5. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento la voce "Nuova variabile". Si aprir
una finestra di dialogo.
6. Definire il nome ed il tipo di dati delle variabili.
Volendo usare degli esempi relativi a questo canale, chiudere la finestra di dialogo e
proseguire con il punto "Come progettare una variabile".
7. Aprire con il pulsante "Seleziona" la finestra di dialogo "Informazioni di sistema".
Selezionare la funzione desiderata ed il formato. Nel campo "Tipo di dati" verr visualizzato
il tipo correlato della variabile WinCC.
8. Chiudere le finestre di dialogo aperte.

356

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

System Info
16.6 Esempi relativi all'analisi ed alla visualizzazione delle informazioni sul sistema

16.6

Esempi relativi all'analisi ed alla visualizzazione delle informazioni sul


sistema

16.6.1

Esempi relativi all'analisi ed alla visualizzazione delle informazioni sul sistema


Questa sezione mostra le diverse modalit di rappresentazione e di analisi delle informazioni
di sistema fornendo alcuni esempi.

Vedere anche
Visualizzazione dello stato della stampante in una visualizzazione di stato (Pagina 365)
Progettazione di una segnalazione relativa alla memoria libera del drive (Pagina 362)
Rappresentazione del carico della CPU in una finestra di curva (Pagina 361)
Rappresentazione della memoria libera del drive con una visualizzazione a barre
(Pagina 360)
Visualizzazione dell'ora in un campo I/O (Pagina 358)
Progettazione di una variabile nel canale "System Info" (Pagina 357)

16.6.2

Progettazione di una variabile nel canale "System Info"

Introduzione
Questa sezione mostra le modalit di progettazione delle variabili nel canale "System Info".
Queste variabili verranno utilizzate negli esempi.

Presupposti
Installare il canale "SystemInfo.chn".

Tabella dei tipi di dati utilizzati


I tipi ed i formati delle variabili utilizzati negli esempi relativi al canale "System Info" sono
rappresentati nella tabella riportata qui di seguito.
esempio

Informazione di
sistema

Nome della
variabile

Tipo di dati

Campo I/O Ora

Sysinfo_Time

Variabile di testo
Ore: Minuti:
set di caratteri 8 bit Secondi
(HH:MM:SS)

Barra,
Memoria libera
Segnalazio del drive
ne
(Drive: C)

Sysinfo_Drive_C

Numero in virgola
mobile
32 bit IEEE 754

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Formato

Numero 0-100%
(Libera in %)

357

System Info
16.6 Esempi relativi all'analisi ed alla visualizzazione delle informazioni sul sistema
esempio

Informazione di
sistema

Nome della
variabile

Tipo di dati

Formato

Curva

Carico della CPU

Sysinfo_CPU

Numero in virgola
mobile
32 bit IEEE 754

Numero 0-100%
(Carico totale in %)

Stato della
stampante

Controllo della
stampante

Sysinfo_Printerst
ate

Valore a 32 bit
senza segno

Numero 0-n (hex)


(Stato della stampante)

Procedura
1. Selezionare nel menu di scelta rapida della relativa unit di canale "System Info" l'opzione
"Nuovo collegamento" e creare un collegamento con il nome "Testinfo".
2. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento la voce "Nuova variabile".
3. Digitare nella finestra di dialogo "Propriet della variabile" il nome della variabile. Scegliere
nella tabella dei tipi di dati utilizzati il nome della variabile adatto per l'esempio e immetterlo
nel campo "Nome". In base alla tabella impostare nel campo "Tipo di dati" il tipo di dati
relativo.
4. Aprire con il pulsante "Seleziona" la finestra di dialogo "Informazioni di sistema". Scegliere
nella tabella l'informazione di sistema ed il formato di rappresentazione adatto per l'esempio
ed impostarli nella finestra di dialogo.
5. Chiudere le due finestre di dialogo aperte.

Vedere anche
Progettazione di una segnalazione relativa alla memoria libera del drive (Pagina 362)
Progettazione del canale "System Info" (Pagina 356)
Visualizzazione dello stato della stampante in una visualizzazione di stato (Pagina 365)
Rappresentazione del carico della CPU in una finestra di curva (Pagina 361)
Rappresentazione della memoria libera del drive con una visualizzazione a barre
(Pagina 360)
Visualizzazione dell'ora in un campo I/O (Pagina 358)

16.6.3

Visualizzazione dell'ora in un campo I/O

Presupposti
Progettare una variabile "Sysinfo_Time" del tipo di dati "Variabile di testo set di caratteri a 8
bit". Questa variabile deve essere assegnata all'informazione di sistema "Ora" con il formato
di rappresentazione "HH:MM:SS".

358

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

System Info
16.6 Esempi relativi all'analisi ed alla visualizzazione delle informazioni sul sistema

Procedura
1. Avviare il Graphics Designer ed aprire una pagina.
2. Inserire nella pagina un campo di I/O. Selezionare nella paletta degli oggetti in "Oggetti
Smart" l'oggetto "Campo I/O". Si apre il dialogo "Configurazione campo I/O".

1. Digitare nel campo "Variabile" il nome "Sysinfo_Time".


2. Selezionare l'aggiornamento "1 s".
3. Impostare il tipo di campo "Emissione". Chiudere la finestra di dialogo.
4. Selezionare l'opzione "Propriet" nel menu di scelta rapida del campo I/O per aprire la
finestra di dialogo "Propriet dell'oggetto".
5. Nella scheda Propriet selezionare la voce "Emissione/Introduzione". Impostare l'attributo
"Formato dati" su "Stringa".
6. Chiudere il dialogo e salvare la pagina.
7. Tramite la barra degli strumenti del Graphics Designer attivare Runtime.

Nota
opportuno selezionare sempre miratamente il ciclo di refresh, dato che si riflette sul carico
del computer. A titolo di esempio non conviene aggiornare la visualizzazione dell'ora ogni
250 ms.

Vedere anche
Attivazione di runtime (Pagina 368)
Introduzione di un campo I/O (Pagina 368)
Progettazione di una variabile nel canale "System Info" (Pagina 357)

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

359

System Info
16.6 Esempi relativi all'analisi ed alla visualizzazione delle informazioni sul sistema

16.6.4

Rappresentazione della memoria libera del drive con una visualizzazione a barre

Presupposti
Progettare una variabile "Sysinfo_Drive_C" del tipo di dati "Numero in virgola mobile a 32 a bit
IEEE754". Questa variabile deve essere assegnata all'informazione di sistema "Memoria libera
del drive", al drive "C" ed al formato di rappresentazione "Libero in %".

Procedura
1. Avviare il Graphics Designer ed aprire una pagina.
2. Inserire una visualizzazione a barre nella pagina. Selezionare nella tavolozza degli oggetti
"Standard" alla voce "Oggetti Smart" l'oggetto "Barra". Si aprir la finestra di dialogo
"Configurazione della barra".

1. Digitare nel campo "Variabile" il nome "Sysinfo_Drive_C".


2. Selezionare l'aggiornamento "5 s".
3. Impostare il valore massimo su "100", quello minimo su "0". Chiudere la finestra di dialogo.
4. Selezionare l'opzione "Propriet" nel menu di scelta rapida della visualizzazione a barre
per aprire la finestra di dialogo "Propriet dell'oggetto".
5. Nella scheda Propriet selezionare la voce "Asse" Impostare l'attributo "Cifre dopo la
virgola" su "0".
6. Chiudere il dialogo e salvare la pagina.
7. Tramite la barra degli strumenti del Graphics Designer attivare Runtime.

Nota
opportuno selezionare sempre miratamente il ciclo di refresh, dato che si riflette sul carico
del computer. A titolo di esempio non conviene aggiornare la visualizzazione della memoria
libera del drive ogni secondo.

360

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

System Info
16.6 Esempi relativi all'analisi ed alla visualizzazione delle informazioni sul sistema

Vedere anche
Attivazione di runtime (Pagina 368)
Introduzione di una visualizzazione a barre (Pagina 367)
Progettazione di una variabile nel canale "System Info" (Pagina 357)

16.6.5

Rappresentazione del carico della CPU in una finestra di curva

Presupposti
Progettare una variabile "Sysinfo_CPU" del tipo di dati "Numero in virgola mobile a 32 a bit
IEEE754". Questa variabile deve essere assegnata all'informazione di sistema "Carico della
CPU" ed al formato di rappresentazione "Carico totale in %".

Procedura
1. Avviare il Graphics Designer ed aprire una pagina.
2. Inserire una visualizzazione a curve nella pagina. Selezionare nella tavolozza degli oggetti
"Controls" l'oggetto "WinCC Online Trend Control". Si aprir la finestra di dialogo "Propriet
di WinCC Online Trend Control".

1. Nella scheda Generale digitare nel campo "Titolo finestra" il nome "Curve1".
2. Selezionare nel campo "Alimentazione dati" l'opzione "Variabili online".
3. Selezionare la scheda Curve ed aprire con il pulsante "Selezione" la finestra di dialogo
"Configurazione delle variabili".
4. Digitare il nome della variabile "Sysinfo_CPU" e selezionare il tempo di ciclo "2 s". Chiudere
la finestra di dialogo.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

361

System Info
16.6 Esempi relativi all'analisi ed alla visualizzazione delle informazioni sul sistema

1. Chiudere la finestra di dialogo "Propriet di WinCC Online Trend Control" e salvare la


pagina.
2. Tramite la barra degli strumenti del Graphics Designer attivare Runtime.

Nota
opportuno selezionare sempre miratamente il ciclo di refresh, dato che si riflette sul carico
del computer. A titolo di esempio non conviene aggiornare la visualizzazione del carico della
CPU ogni 500 ms.

Vedere anche
Attivazione di runtime (Pagina 368)
Progettazione di una variabile nel canale "System Info" (Pagina 357)

16.6.6

Progettazione di una segnalazione relativa alla memoria libera del drive

Presupposti
Progettare una variabile "Sysinfo_Drive_C" del tipo di dati "Numero in virgola mobile a 32 a bit
IEEE754". Questa variabile deve essere assegnata all'informazione di sistema "Memoria libera
del drive", al drive "C" ed al formato di rappresentazione "Libero in %".

Procedura
1. Avviare l'Alarm Logging e creare una nuova segnalazione introducendo nella finestra delle
tabelle in basso una nuova riga.
2. Aprire la finestra di dialogo "Segnalazione singola" tramite l'opzione "Propriet" del menu
di scelta rapida del campo della nuova segnalazione.
3. Nella scheda Testi nel campo "Testo di segnalazione" digitare "Posizione di memoria" e
nel campo "Punto del disturbo" digitare "Disco fisso". Chiudere la finestra di dialogo.

362

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

System Info
16.6 Esempi relativi all'analisi ed alla visualizzazione delle informazioni sul sistema

1. Aprire la finestra di dialogo "Estensioni" con il comando di menu "Strumenti / Estensioni".


All'occorrenza attivare la casella di controllo "Controllo del valore limite". Chiudere la
finestra di dialogo.
2. Nella finestra di navigazione dell'Alarm Logging selezionare "Controllo del valore limite" e
tramite l'opzione "Nuovo" del menu di scelta rapida aprire la finestra di dialogo "Propriet".
Digitare nel campo "Variabile da controllare" il nome "Sysinfo_Drive_C".

1. Attivare la casella di controllo "Una segnalazione per tutti i valori limite". Nel campo "Numero
di segnalazione" digitare il numero della segnalazione appena creata. Chiudere la finestra
di dialogo.
2. Selezionare nella finestra di navigazione "Controllo del valore limite". Selezionare quindi
nella finestra dati la voce "Sysinfo_Drive_C". Tramite l'opzione "Nuovo" del menu di scelta
rapida aprire la finestra di dialogo "Propriet". Attivare il pulsante d'opzione "Limite inferiore"
e digitare nel campo "Valore limite o variabile" il valore "30".
3. Chiudere la finestra di dialogo. Salvare e chiudere l'Alarm Logging.

Vedere anche
Progettazione di una variabile nel canale "System Info" (Pagina 357)
Visualizzazione di una segnalazione relativa alla memoria libera del drive (Pagina 364)

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

363

System Info
16.6 Esempi relativi all'analisi ed alla visualizzazione delle informazioni sul sistema

16.6.7

Visualizzazione di una segnalazione relativa alla memoria libera del drive

Requisiti
Una variabile "Sysinfo_Drive_C" del tipo di dati "Numero in virgola mobile a 32 a bit
IEEE754". La variabile deve essere coordinata con l'informazione di sistema "Memoria
libera del drive", con il drive "C" ed il formato di rappresentazione "Libero in %".
Un testo di segnalazione ed il valore limite inferiore per il controllo del valore limite di questa
variabile.
Nei parametri di avviamento del computer deve essere impostato l"Alarm Logging Runtime".

Procedura
1. Avviare il Graphics Designer ed aprire una pagina.
2. Inserire una finestra di segnalazione nella pagina. Nella tavolozza degli oggetti "Controls",
selezionare l'oggetto "WinCC Alarm Control" e posizionarlo nella pagina.
Chiudere la finestra di dialogo per la configurazione rapida senza immettere altri dati.
3. Con un doppio clic sul Control inserito aprire la finestra di dialogo "Propriet di WinCC
Alarm Control ".
4. Selezionare nella scheda Blocchi di segnalazione nel campo "Tipo" la voce "Blocchi di testi
utente". Attivare nel campo "Selezione" le caselle di controllo "Testo di segnalazione" e
"Punto del disturbo".

364

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

System Info
16.6 Esempi relativi all'analisi ed alla visualizzazione delle informazioni sul sistema
5. Passare alla scheda Riga di segnalazione. Nel campo "Blocchi di segnalazione disponibili"
selezionare le voci "Testo di segnalazione" e "Punto del disturbo" e con il pulsante "Freccia
destra" applicarle nel campo "Elementi della riga di segnalazione". Chiudere la finestra di
dialogo.

6. Salvare la pagina.
7. Tramite la barra degli strumenti del Graphics Designer attivare Runtime.

Vedere anche
Verifica dei parametri di avvio di WinCC (Pagina 367)
Attivazione di runtime (Pagina 368)
Progettazione di una variabile nel canale "System Info" (Pagina 357)

16.6.8

Visualizzazione dello stato della stampante in una visualizzazione di stato

Introduzione
Il presente esempio illustra una possibile analisi delle informazioni di sistema "Controllo della
stampante" sulla base del formato di rappresentazione "Stato della stampante". Un'ulteriore
analisi dello stato della stampante o anche dei lavori potrebbe essere eseguita, ad esempio,
progettando segnalazioni attivate da singoli bit dello stato della stampante o dei lavori.
WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

365

System Info
16.6 Esempi relativi all'analisi ed alla visualizzazione delle informazioni sul sistema

Presupposti
Progettare una variabile "Sysinfo_Printerstate" del tipo di dati "Valore a 32 bit senza segno".
Questa variabile deve essere assegnata all'informazione di sistema "Controllo della
stampante" con il formato di rappresentazione "Stato della stampante".
Per utilizzare questa informazione di sistema, la stampante impiegata deve supportare
queste visualizzazioni di stato.

Procedura
1. Avviare il Graphics Designer ed aprire una pagina.
2. Inserire una visualizzazione di stato nella pagina. Selezionare nella tavolozza degli oggetti
alla voce "Oggetti Smart" l'oggetto "Visualizzazione di stato". Si apre la finestra di dialogo
"Configura visualizzazione di stato".

1. Digitare nel campo "Variabile" il nome "Sysinfo_Printerstate".


2. Selezionare l'aggiornamento "1 s".
3. Nella colonna "Stato" selezionare il valore "0". Assegnare a questo stato un'immagine
dall'area "Seleziona immagine" che rappresenta ad esempio una stampante. A tale scopo
selezionare l'immagine desiderata, trascinarla con il mouse sulla riga "0" e depositarla nella
colonna "Immagine di base". Se l'area "Seleziona immagine" non contiene immagini o non
contiene quella desiderata, con il pulsante "Sfoglia..." si ha la possibilit di aprire una
finestra di selezione.
4. Con il pulsante "Aggiungi" si possono aggiungere, a scelta, altre posizioni di bit ed
assegnare, a sua volta, a questi stati un'altra immagine.

366

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

System Info
16.6 Esempi relativi all'analisi ed alla visualizzazione delle informazioni sul sistema
5. Chiudere il dialogo e salvare la pagina.
6. Tramite la barra degli strumenti del Graphics Designer attivare Runtime.
In Runtime una stampante in stand-by viene visualizzata dall'immagine assegnata nel passo
5 allo stato "0". In caso di errore della stampante non compare nessuna immagine se non
stato eseguito il passo 6. Se nel passo 6 sono state assegnate immagini alle altre posizioni di
bit, esse vengono visualizzate rispettivamente.
Nota
opportuno selezionare sempre miratamente il ciclo di refresh, dato che si riflette sul carico
del computer. A titolo di esempio non conviene aggiornare la visualizzazione dell'ora ogni
250 ms.

Vedere anche
Progettazione di una variabile nel canale "System Info" (Pagina 357)
Attivazione di runtime (Pagina 368)

16.6.9

Verifica dei parametri di avvio di WinCC

Procedura
1. Selezionare in WinCC Explorer la voce "Computer".
2. Aprire il menu di scelta rapida e selezionare l'opzione "Propriet".
3. Si apre la finestra di dialogo "Propriet Lista dei computer". Azionare il pulsante di comando
"Propriet".
4. Si apre la finestra "Propriet computer"
5. Selezionare la scheda Avvio e controllare le voci contenutevi. All'occorrenza, potranno
essere attivati o disattivati moduli Runtime oppure essere inserite altre applicazioni nella
lista di avvio.
6. Chiudere le finestre di dialogo aperte.

16.6.10

Introduzione di una visualizzazione a barre

Procedura
1. Avviare il Graphics Designer ed aprire una pagina.
2. Selezionare nella tavolozza degli oggetti "Standard" alla voce "Oggetti Smart" l'oggetto
"Barra".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

367

System Info
16.6 Esempi relativi all'analisi ed alla visualizzazione delle informazioni sul sistema
3. Inserire la visualizzazione a barre nella pagina. Puntare con il mouse nel punto dell'area
di lavoro dove posizionare la visualizzazione a barre, tenere premuto il tasto del mouse e
portare la selezione alla grandezza desiderata.
4. Rilasciando il tasto del mouse si aprir la finestra di dialogo "Configurazione della barra.
Digitare il nome di una variabile WinCC ed impostare l'aggiornamento ed i limiti. Inoltre nel
campo "Orientamento della barra" possibile determinare come orientare la barra
visualizzata.
5. Chiudere la finestra di dialogo.

16.6.11

Introduzione di un campo I/O

Procedura
1. Avviare il Graphics Designer ed aprire una pagina.
2. Selezionare nella tavolozza degli oggetti "Standard" alla voce "Oggetti Smart" l'oggetto
"Campo I/O".
3. Inserire il campo I/O nella pagina. Puntare con il mouse nel punto dell'area di lavoro dove
posizionare il campo I/O, tenere premuto il tasto del mouse e portare la selezione alla
grandezza desiderata.
4. Rilasciando il tasto del mouse si aprir la finestra di dialogo "Configurazione del campo I/
O". Digitare il nome di una variabile WinCC ed impostare l'aggiornamento e il tipo di campo.
Inoltre nel campo "Carattere" possibile determinare con quale tipo di carattere
visualizzare i valori.
5. Chiudere la finestra di dialogo.

16.6.12

Attivazione di runtime

Presupposti
Prima di attivare runtime deve essere stata definita un pagina iniziale.

Procedura
1. Salvare e chiudere tutti i file aperti negli editor aperti.
2. Selezionare WinCC Explorer.
3. Attivare il progetto azionando il tasto "Attiva" sulla barra degli strumenti oppure tramite la
voce "Attiva" nel menu "File".

368

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

System Info
16.7 Funzioni speciali

16.7

Funzioni speciali

16.7.1

Utilizzo nei sistemi a pi stazioni e nei sistemi client

16.7.1.1

Utilizzo nei sistemi a pi stazioni e nei sistemi client

Introduzione
Nei sistemi a pi stazioni e basati su client il canale "System Info" pu venire impiegato per
elaborare su un client le informazioni di sistema di un server. In tal modo in un sistema basato
su client possibile controllare pi server su un client WinCC.

Vedere anche
Controllo delle informazioni di sistema di pi server su un client WinCC (Pagina 369)

16.7.2

Esempio relativo al monitoraggio delle informazioni di sistema su pi server

16.7.2.1

Controllo delle informazioni di sistema di pi server su un client WinCC

Introduzione
Questo esempio mostra come avviene il controllo di due server su un client WinCC. Le
informazioni di sistema da controllare, quali la memoria libera del drive, il carico della CPU,
vengono rappresentate su una pagina di processo del client WinCC.
Sono necessarie le seguente progettazioni:
Progettazione del primo server
Progettazione del secondo server
Importazione delle variabili sul client WinCC
Progettazione della pagina di processo sul client WinCC
Attivazione del progetto

Presupposti
Il server ed il client WinCC devono essere collegati ad una rete Windows.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

369

System Info
16.7 Funzioni speciali

Vedere anche
Attivazione del progetto (Pagina 374)
Progettazione della pagina di processo sul client WinCC (Pagina 373)
Importazione delle variabili sul client WinCC (Pagina 372)
Progettazione del secondo server (Pagina 371)
Progettazione del primo server (Pagina 370)

16.7.2.2

Progettazione del primo server

Introduzione
Questa sezione mostra le modalit di progettazione sul primo server, necessarie per l'esempio
in oggetto.
1. Progettazione delle variabili del canale "System Info" per visualizzare la memoria libera del
drive ed il carico della CPU.
2. Creazione di un package.

Tabella dei tipi di dati utilizzati


I nomi ed i formati delle variabili utilizzati in questo esempio relativo al canale "System Info"
sono rappresentati nella tabella riportata qui di seguito.
Variabile

Funzione

Tipo di dati

Formato

Sysvar_1_Drive_
C

Memoria libera
del drive

Numero in virgola mobile


32 bit IEEE 754

Numero 0-100%

Sysvar_1_CPU

Carico della CPU

Numero in virgola mobile


32 bit IEEE 754

Numero 0-100

Procedura
1. Creare un progetto a pi stazioni "Testinfo_1" sul primo server. Installarvi il driver "System
Info.chn".
2. Selezionare nel menu di scelta rapida della relativa unit di canale "System Info" l'opzione
"Nuovo collegamento" e creare il collegamento "Connection1".
3. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento l'opzione "Nuova variabile".
4. Nella finestra di dialogo "Propriet delle variabili" digitare il nome della variabile
"Sysvar_1_Drive_C". Impostare nel campo "Tipo di dati" la voce "Numero in virgola mobile
a 32 bit IEEE 754".
5. Aprire con il pulsante "Seleziona" la finestra di dialogo "Informazioni di sistema". Impostare
nel campo "Funzione" la voce "Memoria libera del drive", nel campo "Drive" la voce "C" e
nel campo "Formato" la voce "Libero in %". Chiudere le due finestre di dialogo aperte.
6. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento l'opzione "Nuova variabile".

370

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

System Info
16.7 Funzioni speciali
7. Nella finestra di dialogo "Propriet delle variabili" digitare il nome della variabile
"Sysvar_1_CPU". Impostare nel campo "Tipo di dati" la voce "Numero in virgola mobile a
32 bit IEEE 754".
8. Aprire con il pulsante "Seleziona" la finestra di dialogo "Informazioni di sistema". Impostare
nel campo "Funzione" la voce "Carico della CPU" e nel campo "Formato" la voce "Carico
totale in %". Chiudere le due finestre di dialogo aperte.
9. Creare un package. Nella finestra di navigazione selezionare "Dati del server" ed aprire il
menu di scelta rapida. Selezionare l'opzione "Crea". Confermare la segnalazione di
completamento riuscito.

Vedere anche
Progettazione del secondo server (Pagina 371)

16.7.2.3

Progettazione del secondo server

Introduzione
Questa sezione mostra le modalit di progettazione sul secondo server, necessarie per
l'esempio in oggetto.
1. Progettazione delle variabili del canale "System Info" per visualizzare la memoria libera del
drive ed il carico della CPU.
2. Creazione di un package.

Tabella dei tipi di dati utilizzati


I nomi ed i formati delle variabili utilizzati in questo esempio relativo al canale "System Info"
sono rappresentati nella tabella riportata qui di seguito.
Variabile

Funzione

Tipo di dati

Formato

Sysvar_2_Drive_
C

Memoria libera
del drive

Numero in virgola mobile


32 bit IEEE 754

Numero 0-100%

Sysvar_2_CPU

Carico della CPU

Numero in virgola mobile


32 bit IEEE 754

Numero 0-100

Procedura
1. Creare un progetto a pi stazioni "Testinfo_2" sul secondo server. Installarvi il driver
"System Info.chn".
2. Selezionare nel menu di scelta rapida della relativa unit di canale "System Info" l'opzione
"Nuovo collegamento" e creare il collegamento "Connection2".
3. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento l'opzione "Nuova variabile".
4. Nella finestra di dialogo "Propriet delle variabili" digitare il nome della variabile
"Sysvar_2_Drive_C". Impostare nel campo "Tipo di dati" la voce "Numero in virgola mobile
a 32 bit IEEE 754".
WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

371

System Info
16.7 Funzioni speciali
5. Aprire con il pulsante "Seleziona" la finestra di dialogo "Informazioni di sistema". Impostare
nel campo "Funzione" la voce "Memoria libera del drive", nel campo "Drive" la voce "C" e
nel campo "Formato" la voce "Libero in %". Chiudere le due finestre di dialogo aperte.
6. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento l'opzione "Nuova variabile".
7. Nella finestra di dialogo "Propriet delle variabili" digitare il nome della variabile
"Sysvar_2_CPU". Impostare nel campo "Tipo di dati" la voce "Numero in virgola mobile a
32 bit IEEE 754".
8. Aprire con il pulsante "Seleziona" la finestra di dialogo "Informazioni di sistema". Impostare
nel campo "Funzione" la voce "Carico della CPU" e nel campo "Formato" la voce "Carico
totale in %". Chiudere le due finestre di dialogo aperte.
9. Creare un package. Nella finestra di navigazione selezionare "Dati del server" ed aprire il
menu di scelta rapida. Selezionare l'opzione "Crea". Confermare la segnalazione di
completamento riuscito.

Vedere anche
Importazione delle variabili sul client WinCC (Pagina 372)

16.7.2.4

Importazione delle variabili sul client WinCC

Introduzione
Questa sezione mostra le modalit di progettazione sul client WinCC, necessarie per l'esempio
in oggetto.
1. Caricamento del package del progetto del primo server.
2. Caricamento del package del progetto del secondo server.

Presupposti
Per eseguire l'esempio devono essere disponibili i package di due progetti orientati ai server.
server

Progetto

Nome del package

Testinfo_1

Testinfo_1_<nome_computer>

Testinfo_2

Testinfo_2_<nome_computer>

Procedura
1. Creare nel client WinCC un progetto orientato al client "mc_info".
2. Nel menu di scelta rapida dei Dati del server selezionare l'opzione "Carica". Si apre il
dialogo "Apri".
3. Selezionare il computer sul quale si trova il progetto del primo server "Testinfo_1".
4. Selezionare il package "Testinfo_1_<nome_computer>.pck" nella directory
"<nome_progetto> \ <nome_computer> \ packages".

372

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

System Info
16.7 Funzioni speciali
5. Azionare il pulsante "Apri" e una volta aperto il package confermare la segnalazione.
6. Caricare il package "Testinfo_2_<nome_computer>.pck" del secondo server. Ripetere i
passi da 2 a 5 con le impostazioni ed i nomi per il secondo progetto in base alla tabella
"Premessa".

Vedere anche
Progettazione della pagina di processo sul client WinCC (Pagina 373)

16.7.2.5

Progettazione della pagina di processo sul client WinCC

Introduzione
Questa sezione mostra le modalit di progettazione sul client WinCC, necessarie per
l'emissione delle informazioni di sistema dei server su una pagina di processo di un client
WinCC.
1. Progettazione per visualizzare le informazioni di sistema del primo server.
2. Progettazione per visualizzare le informazioni di sistema del secondo server.

Presupposti
L'esecuzione di questo esempio richiede che nel progetto del client siano caricati i package
dei progetti orientati ai server.
Nome del package

Progetto

Variabile

Testinfo_1_<nome_computer>

Testinfo_1

Sysvar_1_Drive_C

Testinfo_1_<nome_computer>

Testinfo_1

Sysvar_1_CPU

Testinfo_2_<nome_computer>

Testinfo_2

Sysvar_2_Drive_C

Testinfo_2_<nome_computer>

Testinfo_2

Sysvar_2_CPU

Procedura
1. Avviare il Graphics Designer sul client WinCC e creare una pagina "p_serverinfo".
2. Inserire nella pagina un campo di I/O. Selezionare nella paletta degli oggetti in "Oggetti
Smart" l'oggetto "Campo I/O". Si apre il dialogo "Configurazione campo I/O".
3. Azionare il pulsante per selezionare le variabili. Si aprir la finestra di dialogo "Variabili".
4. Selezionare la variabile "Sysvar_1_Drive_C" del progetto del primo server "Testinfo_1". A
tale scopo aprire la struttura delle directory sotto il nome del package
"Testinfo_1_<nome_computer>". Chiudere la finestra di dialogo.
5. Nella finestra di dialogo "Configurazione del campo I/O" selezionare un aggiornamento di
"5 s".
6. Impostare il tipo di campo "Emissione". Chiudere la finestra di dialogo.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

373

System Info
16.7 Funzioni speciali
7. Inserire un secondo campo I/O nella pagina ed effettuarne la progettazione per la variabile
"Sysvar_1_CPU" dello stesso progetto. Ripetere i passi da 2 a 6 con le relative impostazioni
della tabella "Premessa".
8. Ripetere i passi da 2 a 7 per la progettazione delle variabili del progetto del secondo server
"Testinfo_2".
9. Chiudere tutte le finestre di dialogo e salvare la pagina.

Nota
opportuno selezionare sempre miratamente il ciclo di refresh, dato che si riflette sul carico
del computer. A titolo di esempio non conviene aggiornare la visualizzazione della data ogni
secondo.

Vedere anche
Attivazione del progetto (Pagina 374)

16.7.2.6

Attivazione del progetto

Introduzione
Questa sezione mostra le modalit di attivazione dei progetti sui server e sul client WinCC.
1. Creazione di una pagina iniziale nel progetto del server "Testinfo_1" ed attivazione del
progetto.
2. Creazione di una pagina iniziale nel progetto del server "Testinfo_2" ed attivazione del
progetto.
3. Definizione della pagina iniziale nel progetto del client WinCC "mc_info" ed attivazione del
progetto.

Procedura
1. Selezionare il Graphics Designer nella finestra di navigazione nel progetto "Testinfo_1" sul
server 1 e creare una nuova pagina tramite il menu di scelta rapida.
2. Definire questa pagina come pagina iniziale. Selezionare allo scopo nel menu di scelta
rapida della pagina la voce "Definisci come pagina iniziale".
3. Attivare il progetto con l'icona "Attiva" della barra degli strumenti.
4. Selezionare il Graphics Designer nella finestra di navigazione nel progetto "Testinfo_2" sul
server 2 e creare una nuova pagina tramite il menu di scelta rapida.
5. Definire questa pagina come pagina iniziale. Selezionare allo scopo nel menu di scelta
rapida della pagina la voce "Definisci come pagina iniziale".
6. Attivare il progetto con l'icona "Attiva" della barra degli strumenti.

374

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

System Info
16.7 Funzioni speciali
7. Selezionare il Graphics Designer nella finestra di navigazione nel progetto "mc_info" sul
client WinCC. La finestra dei dati visualizza la pagina di processo "p_serverinfo".
8. Definire questa pagina come pagina iniziale. Selezionare allo scopo nel menu di scelta
rapida della pagina la voce "Definisci come pagina iniziale".
9. Attivare il progetto con l'icona "Attiva" della barra degli strumenti.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

375

Diagnostica della comunicazione


17.1

17

Diagnostica di canali e variabili


Nel presente capitolo viene descritta la diagnostica dei canali e delle loro variabili, nonch
delle variabili interne. Questa diagnostica pu essere applicata, p. es., in caso di disturbi di
comunicazione o di valori di variabili inattesi.

Vedere anche
Possibilit diagnostiche del canale "SIMATIC S5 PROFIBUS FDL" (Pagina 403)
Quality Code di variabili (Pagina 424)
Monitoraggio di stato tramite le azioni globali (Pagina 432)
Monitoraggio di stato tramite lo stato delle variabili (Pagina 430)
Verifica di una variabile interna (Pagina 433)
Diagnostica dei canali (Pagina 379)
Informazioni generali sull'identificazione di errori (Pagina 378)
Possibilit diagnostiche del canale "OPC" (Pagina 413)
Possibilit diagnostiche del canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" (Pagina 392)
Possibilit diagnostiche del canale "System Info" (Pagina 387)

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

377

Diagnostica della comunicazione


17.2 Informazioni generali sull'identificazione di errori

17.2

Informazioni generali sull'identificazione di errori


In genere un disturbo o un errore che si verifica mentre si stabilisce il collegamento in
trasmissione dati viene riconosciuto per primo in runtime.
Oggetti dinamizzati tramite variabili WinCC che non possono essere alimentati con valori di
processo attuali, nella pagina di processo vengono rappresentati inattivi. Possono essere, ad
es., campi I/O, oggetti slider o viste bar graph.
Se non tutte le variabili WinCC di un collegamento presentano un disturbo, ci indica che la
fonte dell'errore deve essere una singola variabile WinCC. In tal caso opportuno verificare,
ad es., l'indirizzamento delle variabili nonch la loro notazione quando vengono usate in
Graphics Designer.
Se tutte le variabili WinCC di un collegamento presentano un disturbo, ci indica che l'errore
deve risiedere nel collegamento stesso.
Nei seguenti capitoli viene descritto con quali misure e mezzi possibile localizzare la fonte
dell'errore.

378

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Diagnostica della comunicazione


17.3 Diagnostica dei canali

17.3

Diagnostica dei canali

17.3.1

Diagnostica dei canali


Per la diagnostica dei canali e dei rispettivi collegamenti sono a disposizione:
La funzione "Stato dei collegamenti logici"
WinCC "Channel Diagnosis"

Vedere anche
Verifica di un canale con la funzione "Stato dei collegamenti logici" (Pagina 379)
Funzione "Stato dei collegamenti logici" (Pagina 379)
Funzionamento della diagnostica del canale "Channel Diagnosis" (Pagina 381)

17.3.2

Funzione "Stato dei collegamenti logici"


Con la funzione "Stato dei collegamenti logici" WinCC offre la possibilit di visualizzare in forma
semplice lo stato attuale di tutti i collegamenti progettati. L'indicazione dello stato possibile
solo in runtime.
La funzione viene avviata in WinCC Explorer per mezzo del menu "Strumenti".
Nota
Informazioni dettagliate sullo stato di collegamento sono possibili con "WinCC Channel
Diagnosis".

17.3.3

Verifica di un canale con la funzione "Stato dei collegamenti logici"

Introduzione
Nel presente capitolo viene mostrato come possibile visualizzare con la funzione "Stato dei
collegamenti logici" lo stato attuale di tutti i collegamenti progettati.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

379

Diagnostica della comunicazione


17.3 Diagnostica dei canali

Presupposti
Progettare un canale e creare una variabile nel canale stesso.

Procedura
1. Attivare runtime attraverso la barra degli strumenti di WinCC Explorer.
2. Selezionare sulla barra dei menu di WinCC Explorer nel menu "Strumenti" la voce "Stato
dei collegamenti". Si apre la finestra di dialogo "Stato - Collegamenti logici".

1. Nel campo "Aggiornamento" possibile selezionare un aggiornamento ciclico, spuntando


la casella di controllo omonima. All'occorrenza anche possibile aggiornare la
visualizzazione manualmente tramite il pulsante di comando "Aggiorna".
2. I collegamenti progettati sono visualizzati nella colonna "Nome". La colonna "Stato" indica
lo stato del collegamento in oggetto.
3. Verificare le registrazioni della colonna "Stato". L'indicazione "Smantellato" pu indicare
un errore nella progettazione o di hardware.
Per ulteriori informazioni consultare "Diagnostica canale" del relativo canale.

380

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Diagnostica della comunicazione


17.3 Diagnostica dei canali

17.3.4

Diagnostica del canale con Channel Diagnosis

17.3.4.1

Funzionamento della diagnostica del canale "Channel Diagnosis"

Introduzione
La funzione di WinCC "Channel Diagnosis" d all'utente di WinCC l'opportunit di visionare
rapidamente in runtime lo stato dei collegamenti attivi. "Channel Diagnosis" fornisce da una
parte informazioni di stato e diagnostiche delle unit di canale e dall'altra funge da interfaccia
utente per configurare l'emissione della diagnostica:
Emissione di informazioni di stato/statistiche della comunicazione, ad es., nella pagina di
processo
Emissione di testo nel file Registro per l'analisi dei disturbi e l'eliminazione degli errori
tramite il Service
Emissione di testo nel file Trace per supportare la Hotline nella localizzazione dei problemi
di comunicazione
possibile inserire il modulo diagnostico in una pagina di processo come ActiveX Control
oppure avviarlo come applicazione indipendente tramite il menu di avvio Windows. Vengono
visualizzate solo le informazioni di stato dei canali che supportano la diagnostica.
La diagnostica di una variabile di un canale si trova nella descrizione della diagnostica specifica
del canale.

File Registro
Per ogni canale WinCC progettato "Channel Diagnosis" crea un file Registro con il nome
<Nome_canale.log>. Vi vengono emesse informazioni ed errori importanti. Il contenuto dei
testi dipende dai canali.
La creazione del file ed i testi emessi non sono configurabili.
Il file Registro contiene, ad es., segnalazioni iniziali e terminali, informazioni sulla versione,
informazioni su errori di comunicazione.
Ogni registrazione nel file consiste in un contrassegno della data e orario, nel nome del flag
ed in una descrizione. Subito dopo l'immissione dati, il file viene sempre salvato per garantire
il massimo delle informazioni disponibili, ad es. in caso di caduta di tensione.

File Trace
Per ogni canale WinCC progettato possibile creare anche un file Trace con il nome
<Nome_canale.trc>, in cui vengono emesse ulteriori informazioni ed errori. L'uso del file Trace
selezionabile in runtime. All'attivazione di tale funzione avviene una segnalazione nella quale
l'utente viene avvisato che il tempo di esecuzione dell'accoppiamento ne viene influenzato.
Ogni registrazione nel file Trace riceve un contrassegno orario a cui seguono il nome del flag
e la descrizione.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

381

Diagnostica della comunicazione


17.3 Diagnostica dei canali
Se la funzione Trace attivata, tutte le emissioni del registro verranno iscritte anche nel file
Trace.
L'emissione di testo nel file Trace serve per supportare la Hotline nella localizzazione dei
problemi di comunicazione.
Nota
Le emissioni nei file Trace e Registro sono esclusivamente in inglese.
Entrambi i file sono memorizzati nella directory "Diagnostica" della struttura delle directory
WinCC.
I valori attuali dei contatori (Counter) non vengono emessi in questi file.

Vedere anche
Diagnostica di un canale con l'ActiveX Control (Pagina 382)
Verifica di un canale con "Channel Diagnosis" come ActiveX Control (Pagina 382)
Diagnostica di un canale con "Channel Diagnosis" (Pagina 383)
Verifica di un canale con "Channel Diagnosis" (Pagina 384)
Configurazione della funzione Trace di un canale (Pagina 385)
Attivazione di runtime (Pagina 386)

17.3.4.2

Diagnostica di un canale con l'ActiveX Control

Introduzione
possibile anche visualizzare le informazioni di stato di un canale in una pagina di processo
per mezzo dell'ActiveX Control "WinCC Channel Diagnosis Control".
L'ActiveX Control disponibile nella tavolozza degli oggetti "Controls" del Graphics Designer
e viene inserito fisso in una pagina. Esso consente all'utente, ad es., di creare una pagina di
processo diagnostica, richiamando in runtime lo stato della comunicazione e altre informazioni
senza dover configurare di nuovo l'insieme quando serve.

17.3.4.3

Verifica di un canale con "Channel Diagnosis" come ActiveX Control

Introduzione
Nel presente capitolo viene mostrato come progettare la diagnostica di un canale tramite
l'ActiveX Control "WinCC Channel Diagnosis Control".

382

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Diagnostica della comunicazione


17.3 Diagnostica dei canali

Presupposti
Progettare un canale e creare una variabile nel canale stesso.

Procedura
1. Avviare il Graphics Designer ed aprire una pagina.
2. Inserire l'ActiveX Control "WinCC Channel Diagnosis Control" nella pagina. Selezionare a
tale scopo nella tavolozza degli oggetti "Controls" l'ActiveX Control, inserirlo nella pagina
e portarlo alla grandezza desiderata.
3. Salvare la pagina.
4. Tramite la barra degli strumenti del Graphics Designer attivare Runtime.
5. Selezionare la pagina nella quale stato inserito l'ActiveX Control. Nella finestra di
applicazione di "Channel Diagnosis" compaiono sulla scheda "Channels/Connection" le
informazioni di stato relative ai canali.
6. Passare alla scheda "Configuration". Selezionare uno dei canali indicati e configurare quali
indicazioni d'errore devono essere registrate nel relativo log file.
7. Per ulteriori informazioni relative all'attivazione della funzione Trace consultare il punto
"Configurazione della funzione Trace di un canale".

Nota
"Channel Diagnosis" mostra solo informazioni di stato dei canali che supportano la
diagnostica del canale.

Vedere anche
Configurazione della funzione Trace di un canale (Pagina 385)

17.3.4.4

Diagnostica di un canale con "Channel Diagnosis"

Introduzione
La diagnostica del canale "Channel Diagnosis" pu essere avviata anche indipendentemente
da WinCC come applicazione tramite il menu di avvio di Windows.
In tal modo "Channel Diagnosis" sempre disponibile senza dover dipendere dalla selezione
di una pagina di processo, come avviene con l'uso di "WinCC Channel Diagnosis Control". Le
informazioni di stato vengono visualizzate da "Channel Diagnosis" solo quando WinCC si trova
in runtime.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

383

Diagnostica della comunicazione


17.3 Diagnostica dei canali

17.3.4.5

Verifica di un canale con "Channel Diagnosis"

Introduzione
Nel presente capitolo viene mostrato come avviare la diagnostica del canale "Channel
Diagnosis" come applicazione tramite il menu di avvio di Windows.

Presupposti
Progettare un canale e creare una variabile nel canale stesso.

Procedura
1. Selezionare nel menu di avvio di Windows nel menu "Simatic/WinCC/Tools" la voce
"Channel Diagnosis".
2. Si apre la finestra di applicazione di "Channel Diagnosis". Se nessun progetto WinCC si
trova in runtime, nella finestra comparir la segnalazione "No connection to WinCC".
3. Attivare runtime con la barra degli strumenti di WinCC Explorer.
4. Selezionare la pagina nella quale stato inserito l'ActiveX Control. Nella finestra di
applicazione di "Channel Diagnosis" compaiono sulla scheda Channels/Connection le
informazioni di stato relative ai canali.
5. Passare alla scheda Configuration. Selezionare uno dei canali indicati e configurare quali
indicazioni d'errore devono essere registrate nel relativo log file.
6. Per ulteriori informazioni relative all'attivazione della funzione Trace consultare il punto
"Configurazione della funzione Trace di un canale".

Nota
"Channel Diagnosis" mostra solo informazioni di stato dei canali che supportano la
diagnostica del canale.

Vedere anche
Configurazione della funzione Trace di un canale (Pagina 385)
Attivazione di runtime (Pagina 386)

384

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Diagnostica della comunicazione


17.3 Diagnostica dei canali

17.3.4.6

Configurazione della funzione Trace di un canale

Introduzione
Nel presente capitolo viene mostrato come configurare e attivare in runtime la funzione Trace
di un canale. Nel file Trace vengono registrate informazioni supplementari di stato e di errore
relative alla comunicazione.
Nota
L'emissione di testo nel file Trace serve per supportare la Hotline nella localizzazione dei
problemi di comunicazione. Non segue quindi una descrizione per un'ulteriore analisi del file.

Presupposti
Progettare un canale con il rispettivo collegamento e la rispettiva variabile.
Attivare il progetto WinCC.

Panoramica dei flag predefiniti


Flag

Significato

Fatal Error

Errore critico (ad es. richiesto l'intervento dell'utente)

Error

Errore (ad es. errore di telegramma)

Warning

Allarme (ad es. un'avvertenza riguardo ad errore del totale di controllo)

Informazione

Informazione (ad es. richiamo di funzione)

Success

Esecuzione riuscita (ad es. terminazione di un richiamo di funzione)

Check User Flags

Abilita all'uso le caselle di controllo degli "User Flags"

Procedura
1. Avviare la diagnostica del canale WinCC "Channel Diagnosis" tramite il menu di avvio.
2. Selezionare nella scheda Configuration il canale desiderato.
3. Attivare nel campo "Flags" le visualizzazioni di stato e d'errore da emettere nel file Trace.
Per il significato dei flag generali consultare la tabella "Panoramica dei flag predefiniti".
4. Spuntare la casella di controllo "Check User Flags" se gli "User Flag" devono essere emessi
nel file Trace. Il numero ed il significato degli "User Flags" dipendono dai canali.
5. Spuntare le caselle di controllo per gli "User Flags" desiderati. Con i pulsanti "Set" o "Reset"
possibile impostare o ripristinare tutti gli "User Flags".
6. Spuntare nel campo "Trace File" la casella di controllo "Enable". In tal modo vengono
attivate anche le altre caselle di questo campo.
7. Inserire nel campo "max. Files" il numero massimo di file Trace.
8. Definire nel campo "max. Size" la grandezza massima dei singoli file Trace.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

385

Diagnostica della comunicazione


17.3 Diagnostica dei canali
9. Attivare il campo "Overwrite", se i file Trace esistenti devono essere sovrascritti nel
procedimento ciclico una volta raggiunto il numero massimo e la grandezza massima dei
file.
10.Azionare il pulsante "Save" per salvare le impostazioni ed attivare le modifiche.

17.3.4.7

Attivazione di runtime

Presupposti
Prima di attivare runtime deve essere stata definita un pagina iniziale.

Procedura
1. Salvare e chiudere tutti i file aperti negli editor aperti.
2. Selezionare WinCC Explorer.
3. Attivare il progetto azionando il tasto "Attiva" sulla barra degli strumenti oppure tramite la
voce "Attiva" nel menu "File".

Vedere anche
Verifica di un canale con "Channel Diagnosis" (Pagina 384)

386

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Diagnostica della comunicazione


17.4 Diagnostica del canale "System Info"

17.4

Diagnostica del canale "System Info"

17.4.1

Possibilit diagnostiche del canale "System Info"


Per la diagnostica del canale "System Info" e di una variabile di questo canale vi sono le
seguenti possibilit:

Diagnostica del canale per mezzo di "Channel Diagnosis"


Per mezzo di "Channel Diagnosis" possibile interrogare in runtime lo stato del canale e del
collegamento. Errori verificatisi vengono visualizzati per mezzo dei cosiddetti "Error Codes"

Diagnostica delle variabili del canale


Nella gestione delle variabili possibile interrogare in runtime il valore attuale, il Quality Code
attuale e l'ultima data di modifica delle variabili.

Vedere anche
Verifica di una variabile (Pagina 391)
Verifica del canale e del collegamento (Pagina 389)

17.4.2

Descrizione delle registrazioni del log file

Introduzione
Nel log file vengono registrate attraverso il canale importanti modifiche di stato ed errori. Per
mezzo di tali registrazioni possibile effettuare un'ulteriore analisi di un disturbo di
comunicazione.
Ogni registrazione nel file contiene un contrassegno di data ed un contrassegno orario a cui
segue il nome del flag e la descrizione.

Esempio di una voce nel registro:


2000-03-10 12:00:21,050 INFO Log starting ...
2000-03-10 12:00:21,050 INFO | LogFileName : C:\Siemens\WinCC\Diagnostica
\SYSTEM_INFO_01.LOG
2000-03-10 12:00:21,050 INFO | LogFileCount : 3
2000-03-10 12:00:21,050 INFO | LogFileSize : 1400000
2000-03-10 12:00:21,050 INFO | TraceFlags : fa000001
2000-03-10 12:00:21,050 INFO start timer

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

387

Diagnostica della comunicazione


17.4 Diagnostica del canale "System Info"
2000-03-10 12:00:21,360 ERROR Illegal tag type! tag: "Format_0" correct type: "Variabile di
testo con caratteri a 8 bit"!

Registrazioni relative al flag "INFO"


Testo della segnalazione

Significato

Log starting ...

Segnalazione di avvio

LogFileName : C:\ Siemens\ WinCC\


Diagnostica\ "nome_canale".LOG

Nome del log file con l'indicazione del percorso

LogFileCount : "n"

Numero dei log file del canale

LogFileSize : "x"

Grandezza dei singoli log file in byte

TraceFlags : fa000001

Visualizzazione dei flag utilizzati dal canale in numeri


esadecimali

Avvio timer

Segnalazione di avvio

Registrazioni relative al flag "ERROR"


Testo della segnalazione

Significato

Illegal tag type! tag: "variabile" correct type:


"tipo_dati"!

Tipo di dati non valido di una variabile


variabile = Nome della variabile con il tipo di dati non
valido
tipo_dati = Tipo di dati corretto

17.4.3

Accertare le cause di valori di variabile difettosi

17.4.3.1

Accertamento delle cause di valori di variabili difettosi


Se in runtime compare un valore di variabile inatteso, procedere come segue per accertarne
la causa:
1. Verificare il canale ed i collegamenti
2. Verificare le variabili del canale

Vedere anche
Verifica di una variabile (Pagina 391)
Verifica del canale e del collegamento (Pagina 389)

388

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Diagnostica della comunicazione


17.4 Diagnostica del canale "System Info"

17.4.3.2

Verifica del canale e del collegamento

Introduzione
Nel presente capitolo viene mostrato come verificare in runtime il canale "System Info" ed il
relativo collegamento

Presupposti
Progettare nel canale "Informazione di sistema" un collegamento ed una variabile.
Attivare il progetto WinCC.

Panoramica degli indicatori di avanzamento del processo


Icona

Descrizione
Canale / Collegamento pronto senza limitazioni
Canale / Collegamento pronto con limitazioni
Canale / Impossibile una dichiarazione sullo stato del collegamento
Canale / Collegamento disturbato

Procedura
1. Avviare la diagnostica del canale WinCC "Channel Diagnosis" tramite il menu di avvio.
2. Si apre la finestra di applicazione di "Channel Diagnosis". Sulla scheda Channels/
Connections vengono visualizzate nell'area sinistra le informazioni di stato relative ai canali
installati e ai rispettivi collegamenti.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

389

Diagnostica della comunicazione


17.4 Diagnostica del canale "System Info"

1. Verificare le icone davanti al nome del canale "System Info" ed al collegamento. Lo stato
del collegamento o del canale corretto se la rispettiva voce spuntata con un segno
verde anteposto. Per il significato delle icone consultare la tabella "Panoramica degli
indicatori di avanzamento del processo".
2. Se il nome del canale non spuntato con un segno verde anteposto, selezionare nella
finestra sinistra il collegamento. Verificare nella finestra destra le registrazioni dei counter
"Address Error" "Size Error" e "Type Error". Le registrazioni forniscono un'indicazione
riguardo ad errori accertati.
3. Verificare il logfile specifico del canale. Aprire a tale scopo con un editor di testo il file nella
directory "Siemens \ WinCC \ Diagnostica". Verificare le registrazioni pi recenti con il flag
"ERROR". La relativa descrizione si trova in "Descrizione delle registrazioni del logfile".
4. Se non dovesse essere possibile localizzare l'errore anche dopo la verifica del log file,
attivare la funzione Trace e mettersi in contatto con il Customer Support.
Per ulteriori informazioni consultare il punto "Configurazione della funzione Trace di un
canale".

Vedere anche
Configurazione della funzione Trace di un canale (Pagina 385)
Descrizione delle registrazioni del log file (Pagina 387)
Verifica di una variabile (Pagina 391)

390

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Diagnostica della comunicazione


17.4 Diagnostica del canale "System Info"

17.4.3.3

Verifica di una variabile

Introduzione
Se una variabile esterna in runtime non indica il valore atteso, possibile verificare la variabile
con il seguente procedimento.

Presupposti
Progettare nel canale "Informazione di sistema" un collegamento ed una variabile.
Attivare il progetto WinCC.

Procedura
1. Selezionare in WinCC Explorer nella gestione variabili il canale "Informazione di sistema".
2. Selezionare nella finestra dei dati la variabile esterna da verificare. Aprire allo scopo la
struttura delle directory finch nella finestra dei dati viene visualizzata la variabile.
3. Portare il puntatore del mouse sulla variabile da verificare. Si apre una descrizione
comando con il valore attuale della variabile, il Quality Code e la data dell'ultima modifica.
4. Verificare il Quality Code. Se viene indicato il valore "80", il valore della variabile corretto.
Per una descrizione degli altri valori consultare il punto "Quality Code di variabili".
5. Se il Quality Code non "80", selezionare la variabile nella gestione variabili ed aprire
tramite la voce "Propriet" del menu di scelta rapida la finestra di dialogo "Propriet della
variabile".
6. Verificare se sulla scheda Limiti/Stampa sono progettati i valori per il limite superiore ed
inferiore, il valore iniziale e sostitutivo. Tali valori possono influenzare l'indicazione
7. Se il valore della variabile viene influenzato da un valore progettato, disattivare il progetto
e modificare i valori limite o sostitutivi.

Nota
La visualizzazione di valore di variabile, Quality Code ecc. ha luogo solo in runtime.

Vedere anche
Quality Code di variabili (Pagina 424)

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

391

Diagnostica della comunicazione


17.5 Diagnostica del canale "SIMATIC S7 Protocol Suite"

17.5

Diagnostica del canale "SIMATIC S7 Protocol Suite"

17.5.1

Possibilit diagnostiche del canale "SIMATIC S7 Protocol Suite"


Per la diagnostica e l'identificazione d'errore del canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" e di una
variabile di questo canale vi sono le seguenti possibilit:

verifica della progettazione del processore di comunicazione


oltre alla verifica del punto di accesso possibile testare per mezzo dell'applicazione "Imposta
interfaccia PG/PC" il processore di comunicazione. possibile ugualmente verificare il
processore di comunicazione in ambiente SIMATIC NET.

verifica della progettazione di collegamento e variabili


Possibili errori possono essere dovuti ai parametri di sistema e di collegamento progettati.
Valori di variabile difettosi possono essere dovuti anche ad un indirizzamento errato in PLC.

Diagnostica del canale per mezzo di "Channel Diagnosis"


Per mezzo di "Channel Diagnosis" possibile interrogare in runtime lo stato del canale e del
collegamento. Errori verificatisi vengono visualizzati per mezzo dei cosiddetti "Error Codes"

Diagnostica delle variabili del canale


Nella gestione delle variabili possibile interrogare in runtime il valore attuale, il Quality Code
attuale e l'ultima data di modifica delle variabili.

Vedere anche
Verifica di una variabile (Pagina 401)
Verifica del canale e del collegamento (Pagina 399)
Verifica della progettazione del collegamento e delle variabili (Pagina 397)
Verifica del processore di comunicazione in ambiente SIMATIC NET (Pagina 396)
Verifica della progettazione del processore di comunicazione (Pagina 395)

17.5.2

Descrizione delle registrazioni del log file

Introduzione
Nel log file vengono registrate attraverso il canale importanti modifiche di stato ed errori. Per
mezzo di tali registrazioni possibile effettuare un'ulteriore analisi di un disturbo di
comunicazione.

392

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Diagnostica della comunicazione


17.5 Diagnostica del canale "SIMATIC S7 Protocol Suite"
Ogni registrazione nel file contiene un contrassegno di data ed un contrassegno orario a cui
segue il nome del flag e la descrizione.

Esempio di una voce nel registro:


1999-04-01 12:00:24,524 INFO Log starting ...
1999-04-01 12:00:24,524 INFO LogFileName : C:\Siemens\WinCC\Diagnostica
\SIMATIC_S7_Protocol_Suite_01.LOG
1999-04-01 12:00:24,524 INFO LogFileCount : 3
1999-04-01 12:00:24,524 INFO LogFileSize : 1400000
1999-04-01 12:00:24,524 INFO TraceFlags : c4000000
1999-04-01 12:00:24,524 INFO S7 channel DLL started!
1999-04-01 12:00:26,096 ERROR Illegal tag address "nCPU3_1"!
1999-04-01 12:00:27,428 INFO S7DOS release: @(#)TIS-Block Library DLL Versione
C5.0.17.3-REL5,0,17,47,3-BASIS
1999-04-01 12:00:27,428 INFO S7DOS versione: V5.0 / 0
1999-04-01 12:00:27,428 INFO S7CHN versione: V5.0 / Mar 1 1999 / 22:36:40
1999-04-01 12:00:27,428 INFO S7 channel unit "Industrial Ethernet" activated!
1999-04-01 12:00:27,468 ERROR Cannot connect to "CPU_4": Errorcode 0xFFDF 42C2!
1999-04-01 12:00:27,538 INFO S7 channel unit "MPI" activated!

Descrizione delle registrazioni pi importanti relative al flag "INFO"


Testo della segnalazione

Significato

LogFileName : C:\ Siemens\ WinCC\


Diagnostica\ "nome_canale".LOG

Nome del log file con l'indicazione del percorso

LogFileCount : "n"

Numero dei log file del canale

LogFileSize : "x"

Grandezza dei singoli log file in byte

TraceFlags : c4000000

Visualizzazione dei flag utilizzati dalla funzione Trace in


numeri esadecimali

S7 channel DLL started!

Segnalazione di avvio

S7 channel DLL terminated!

Segnalazione terminale

S7 channel unit "unitname" activated!

Unit di canale attivata

S7 channel unit "unitname" deactivated!

Unit di canale disattivata

S7DOS version: versionsstring

Informazione sulla versione

S7CHN version: versionsstring

Informazione sulla versione

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

393

Diagnostica della comunicazione


17.5 Diagnostica del canale "SIMATIC S7 Protocol Suite"

Descrizione delle registrazioni pi importanti relative al flag "ERROR"


Testo della segnalazione

Significato

Cannot connect to "connectionname":


Errorcode 0xhhhh ffff!

Errore di comunicazione
Subito dopo l'attivazione di WinCC non stato possibile
stabilire la comunicazione con i corrispondenti controllori
programmabili. Se il collegamento stato stabilito almeno
una volta, in caso di disturbo verr emessa la seguente
segnalazione.
nnn = numero di connessioni interrotte per questo
collegamento
connectionname = nome del collegamento
hhh = prima indicazione d'errore in caratteri esadecimali
S7DOS / SAPI-S7
ffff = seconda indicazione d'errore in caratteri esadecimali
S7DOS / SAPI-S7

394

Connectionerror nnn "


connectionname":
Errorcode 0xhhhh ffff!

Errore di comunicazione
Dopo l'attivazione di WinCC non stato possibile stabilire la
comunicazione con i corrispondenti controllori
programmabili. Il collegamento stato stabilito almeno una
volta senza errori.

Channel API error: errorstring

Errore dell'API di canale


La stringa d'errore 'errorstring' viene trasmessa dal canale
al WinCC Explorer. A seconda della gravit dell'errore la
stringa viene segnalata o meno con una casella di avviso.
Per la descrizione delle stringhe di errore vedi i testi di errore
API.

Max. count of API errors reached - API


logbook deactivated

Errore dell'API di canale


In base all'errore e alla funzione gli errori relativi
all'interfaccia API possono verificarsi ciclicamente. Per non
saturare il file Registro con queste segnalazione d'errore,
l'emissione degli errori API viene annullata dopo 32
segnalazioni.

Cannot write storage data!


Cannot read storage data / use default
data
Storage data illegal or destroyed / use
default data!
No storage data / use default data!

Segnalazioni d'errore generali di canale

Devicename in unit "unitname" changed


from "old devicename" to "new
devicename"

Segnalazione di inizializzazione

Max. logbooksize reached - Logbook


deactivated

Segnalazione, quando il log file supera la lunghezza


massima.
L'emissione di registro provvista di un controllo della
lunghezza. Raggiunta la lunghezza indicata, il registro viene
disattivato. La segnalazione viene emessa solo se la
lunghezza massima di file viene raggiunta all'emissione
della segnalazione. Se il file viene editato con un editor o la
lunghezza massima di file viene ridotta nel file INI, non verr
emessa alcuna segnalazione!

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Diagnostica della comunicazione


17.5 Diagnostica del canale "SIMATIC S7 Protocol Suite"

17.5.3

Accertare le cause di valori di variabile difettosi

17.5.3.1

Accertamento delle cause di valori di variabili difettosi


Se in runtime compare un valore di variabile inatteso, procedere come segue per accertarne
la causa:
1. Verificare la progettazione del processore di comunicazione
2. Verificare il processore di comunicazione in ambiente SIMATIC NET
3. Verificare la progettazione di collegamento e variabili
4. Verificare il canale ed i collegamenti
5. Verificare le variabili del canale

Vedere anche
Verifica di una variabile (Pagina 401)
Verifica del canale e del collegamento (Pagina 399)
Verifica della progettazione del collegamento e delle variabili (Pagina 397)
Verifica del processore di comunicazione in ambiente SIMATIC NET (Pagina 396)
Verifica della progettazione del processore di comunicazione (Pagina 395)

17.5.3.2

Verifica della progettazione del processore di comunicazione

Introduzione
In questo capitolo viene mostrato come verificare un processore di comunicazione con il
programma "Interfaccia PG/PC". Nel presente esempio viene utilizzato il tipo "CP 5613" per
la comunicazione PROFIBUS.

Presupposti
Installare il CP 5613.
Installare il relativo driver di comunicazione.
Configurare il CP 5613.

Procedura
1. Fare clic sull'icona "Imposta interfaccia PG/PC". Si apre la finestra di dialogo "Imposta
interfaccia PG/PC".
2. Verificare la registrazione del punto di accesso. Il punto di accesso "CP_L2_1:" per
l'accoppiamento del profibus viene inserito automaticamente all'installazione del CP 5613.
Selezionare nel campo di selezione la registrazione relativa a questo punto di accesso.
Tramite il pulsante "Propriet" si apre il dialogo "Propriet - CP5613_5614(PROFIBUS)".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

395

Diagnostica della comunicazione


17.5 Diagnostica del canale "SIMATIC S7 Protocol Suite"

1. Verificare le registrazioni sulla scheda PROFIBUS.


2. Selezionare la scheda Stato operativo. Tramite il pulsante "Test" possibile eseguire un
test funzionale del CP 5613. Nel campo di emissione posto in basso viene visualizzato
l'esito. A seconda dell'esito del test, tramite il pulsante "Riavvio" possibile attivare la
reimpostazione ed il riavvio del CP 5613.
3. Chiudere tutte le finestre di dialogo aperte con il pulsante "OK".

Vedere anche
Verifica della progettazione del collegamento e delle variabili (Pagina 397)
Verifica del processore di comunicazione in ambiente SIMATIC NET (Pagina 396)

17.5.3.3

Verifica del processore di comunicazione in ambiente SIMATIC NET

Introduzione
In questa sezione si indica come verificate un processore di comunicazione con il programma
"Impostare stazione PC" del software SIMATIC NET.
In questo esempio relativo al canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" viene utilizzato il tipo"CP
5613" per la comunicazione PROFIBUS.

396

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Diagnostica della comunicazione


17.5 Diagnostica del canale "SIMATIC S7 Protocol Suite"

Presupposti
Installare il CP 5613.
Installare il software SIMATIC NET. In ambiente Windows 2000 necessaria la versione
a partire da V6.0 SP5, in ambiente Windows XP la versione a partire da V6.1.
Configurate il CP 5613 in ambiente SIMATIC NET.

Procedura
1. Selezionare nel menu di avvio di Windows all'opzione "SIMATIC / SIMATIC NET /
Impostazioni" l'opzione di menu "Impostare stazione PC". Si apre il dialogo "mensola di
configurazione Impostazione stazione PC".
2. Verificare la registrazione del punto di accesso. Selezionare a questo scopo nella finestra
di navigazione la directory "Punti di accesso". Nella finestra dati vengono visualizzati i punti
di accesso esistenti. Il punto di accesso "CP_L2_1:" per l'accoppiamento del profibus viene
inserito automaticamente all'installazione del CP 5613. Selezionare questo punto di
accesso nella finestra dati. Tramite l'opzione di menu "Propriet" del menu di contesto
aprire il dialogo "Propriet di CP_L2_1:".
3. Verificare la registrazione nel campo "Parametrizzazione di interfaccia correlata". Nel caso
del CP5613 in una rete PROFIBUS dovrebbe essere selezionata la
registrazione"CP5613_5614(PROFIBUS)" .
4. Aprire nella finestra di navigazione nella directory "Gruppi costruttivi" la sottodirectory
"CP5613/CP5614".
5. Selezionare la directory "Diagnosi rete" . Tramite il pulsante "Test" possibile eseguire un
test funzionale del CP 5613. Nel campo di emissione viene visualizzato l'esito. A seconda
dell'esito del test, tramite il pulsante "Riavvio" possibile attivare nella directory "Generale"
la reimpostazione ed il riavvio del CP 5613.
6. Verificare nella directory "Utenti Bus" la lista degli utenti collegati al PROFIBUS. Sulla base
della visualizzazione possibile determinare la funzione e lo stato della propria stazione
nonch degli altri utenti collegati.
7. Chiudere la finestra di dialogo.
8. Qualora si dovesse avere constatato un errore nella progettazione del processore di
comunicazione, si possono apportare modifiche nella progettazione esclusivamente con
utensili della SIMATIC NET. Per ulteriori informazioni si consulti SIMATIC NET.

Vedere anche
Verifica della progettazione del collegamento e delle variabili (Pagina 397)

17.5.3.4

Verifica della progettazione del collegamento e delle variabili

Introduzione
Nel presente capitolo viene mostrato come verificare i parametri di sistema e la progettazione
del collegamento e delle variabili. Nel presente esempio viene utilizzato il processore di
comunicazione "CP 5613" per la comunicazione PROFIBUS.
WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

397

Diagnostica della comunicazione


17.5 Diagnostica del canale "SIMATIC S7 Protocol Suite"

Presupposti
Installare il CP 5613.
Installare il relativo driver di comunicazione.
Configurare il CP 5613.
Progettare nel canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" un collegamento ed una variabile.
Attivare il progetto WinCC.

Procedura
1. Selezionare in WinCC Explorer nella gestione variabili il canale "SIMATIC S7 Protocol
Suite". Selezionare nella finestra dei dati l'unit di canale "PROFIBUS". Selezionare nel
menu di scelta rapida dell'unit di canale la voce "Parametri di sistema". Si apre la finestra
di dialogo "Parametri di sistema - PROFIBUS".
2. Verificare sulla scheda Unit la voce nel campo "Nome dell'apparecchio logico". Per il punto
di accesso l'impostazione predefinita "CP_L2_1:". Il punto di accesso stato assegnato
al momento dell'installazione del processore di comunicazione nel computer al CP 5613.
Chiudere la finestra di dialogo.

398

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Diagnostica della comunicazione


17.5 Diagnostica del canale "SIMATIC S7 Protocol Suite"
1. Selezionare nella gestione delle variabili nella finestra di navigazione l'unit di canale
"PROFIBUS". Selezionare nella finestra dei dati il collegamento da verificare. Aprire tramite
la voce "Propriet" nel menu di scelta rapida la finestra di dialogo "Propriet di
collegamento".
2. Aprire tramite il pulsante di comando "Propriet" la finestra di dialogo "Parametri di
collegamento - PROFIBUS".
3. Verificare le impostazioni sulla scheda Collegamento. Chiudere le finestre di dialogo aperte.
4. Selezionare nella finestra di navigazione il collegamento verificato. Selezionare nella
finestra dei dati la variabile da verificare. Aprire tramite la voce "Propriet" nel menu di
scelta rapida la finestra di dialogo "Propriet di collegamento". Verificare i valori nei campi
"Tipo di dati" e "Cambio di formato".
5. Aprire mediante il pulsante di comando "Seleziona" la Finestra di dialogo "Indirizzo
Propriet". Verificare le impostazioni per l'indirizzamento della variabile nel PLC.
6. Chiudere tutte le finestre di dialogo aperte con il pulsante "OK".

Vedere anche
Verifica del canale e del collegamento (Pagina 399)

17.5.3.5

Verifica del canale e del collegamento

Introduzione
Nel presente capitolo viene mostrato come verificare in runtime il canale "SIMATIC S7 Protocol
Suite" ed il relativo collegamento.

Presupposti
Installare un processore di comunicazione nel computer WinCC, p.es. per la
comunicazione PROFIBUS il CP 5613.
Installare il relativo driver di comunicazione.
Configurare il CP 5613.
Creare un progetto STEP7.
Progettare nel canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" un collegamento ed una variabile.
Attivare il progetto WinCC.

Panoramica degli indicatori di avanzamento del processo


Icona

Descrizione
Canale / Collegamento pronto senza limitazioni
Canale / Collegamento pronto con limitazioni

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

399

Diagnostica della comunicazione


17.5 Diagnostica del canale "SIMATIC S7 Protocol Suite"
Canale / Impossibile una dichiarazione sullo stato del collegamento
Canale / Collegamento disturbato

Procedura
1. Avviare la diagnostica del canale WinCC "Channel Diagnosis" tramite il menu di avvio.
2. Si apre la finestra di applicazione di "Channel Diagnosis". Sulla scheda Channels/
Connections vengono visualizzate nell'area sinistra le informazioni di stato relative ai canali
installati e ai rispettivi collegamenti.

1. Verificare le icone davanti al nome del canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" ed il


collegamento. Lo stato del collegamento o del canale corretto se la rispettiva voce
spuntata con un segno verde anteposto. Per il significato delle icone consultare la tabella
"Panoramica degli indicatori di avanzamento del processo".
2. Se il nome del canale non spuntato con un segno verde anteposto, selezionare nella
finestra sinistra il collegamento. Verificare nella finestra destra le registrazioni dei counter
"First Error Code" e "Last Error Code". Le registrazioni forniscono un'indicazione riguardo
ad errori accertati. possibile consultare la Guida rapida tramite il menu di scelta rapida
della visualizzazione dei valori.
3. Selezionare sulla scheda Configuration le visualizzazioni di stato e di errore che devono
venire emesse nel logfile. Selezionare allo scopo il canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" e
configurare le visualizzazioni d'errore. Una descrizione si trova al punto "Configurazione
del logfile di un canale".

400

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Diagnostica della comunicazione


17.5 Diagnostica del canale "SIMATIC S7 Protocol Suite"
4. Verificare il logfile specifico del canale. Aprire a tale scopo con un editor di testo il file nella
directory "Siemens \ WinCC \ Diagnostica". Verificare le registrazioni pi recenti con il flag
"ERROR". La relativa descrizione si trova in "Descrizione delle registrazioni del logfile".
5. Se non dovesse essere possibile localizzare l'errore anche dopo la verifica del log file,
attivare la funzione Trace e mettersi in contatto con il Customer Support.
Una descrizione si trova alla voce "Attivazione della funzione Trace per un canale".

Vedere anche
Configurazione della funzione Trace di un canale (Pagina 385)
Descrizione delle registrazioni del log file (Pagina 392)
Verifica di una variabile (Pagina 401)

17.5.3.6

Verifica di una variabile

Introduzione
Se una variabile esterna in runtime non indica il valore atteso, possibile verificare la variabile
con il seguente procedimento.
Nel canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" possibile utilizzare anche variabili interne specifiche
di collegamento. Per verificare queste variabili pu venire utilizzato anche questo
procedimento.

Presupposti
Installare un modulo di comunicazione nel computer WinCC, p. es. per la comunicazione
MPI il CP 5613.
Installare il relativo driver di comunicazione.
Configurare il CP 5613.
Creare un progetto STEP7.
Progettare nel canale "SIMATIC S7 Protocol Suite" un collegamento ed una variabile.
Attivare il progetto WinCC.

Procedura
1. Selezionare in WinCC Explorer nella gestione variabili il canale "SIMATIC S7 Protocol
Suite".
2. Selezionare nella finestra dei dati la variabile esterna da verificare. Aprire allo scopo la
struttura delle directory finch nella finestra dei dati viene visualizzata la variabile.
3. Portare il puntatore del mouse sulla variabile da verificare. Si apre una descrizione
comando con il valore attuale della variabile, il Quality Code e la data dell'ultima modifica.
4. Verificare il Quality Code. Se viene indicato il valore "80", il valore della variabile corretto.
Per una descrizione degli altri valori consultare il punto "Quality Code di variabili".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

401

Diagnostica della comunicazione


17.5 Diagnostica del canale "SIMATIC S7 Protocol Suite"
5. Se il Quality Code non "80", selezionare la variabile nella gestione variabili ed aprire
tramite la voce "Propriet" del menu di scelta rapida la finestra di dialogo "Propriet della
variabile".
6. Verificare se sulla scheda Limiti/Stampa sono progettati i valori per il limite superiore ed
inferiore, il valore iniziale e sostitutivo. Tali valori possono influenzare l'indicazione
7. Se il valore della variabile viene influenzato da un valore progettato, disattivare il progetto
e modificare i valori limite o sostitutivi.

Nota
I valori attuali delle variabili interne specifiche di collegamento possono venire richiamati in
runtime con una rappresentazione pi dettagliata con "WinCC Channel Diagnosis". A
collegamento principale selezionato le variabili vengono visualizzate nella colonna "Counter".
La visualizzazione di valore di variabile, Quality Code ecc. ha luogo solo in runtime.

Vedere anche
Quality Code di variabili (Pagina 424)

402

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Diagnostica della comunicazione


17.6 Diagnostica del canale "SIMATIC S5 Profibus FDL"

17.6

Diagnostica del canale "SIMATIC S5 Profibus FDL"

17.6.1

Possibilit diagnostiche del canale "SIMATIC S5 PROFIBUS FDL"


Per la diagnostica e l'identificazione d'errore del canale "SIMATIC S5 PROFIBUS FDL" e di
una variabile di questo canale vi sono le seguenti possibilit:

verifica della progettazione del processore di comunicazione


oltre alla verifica del punto di accesso possibile testare per mezzo dell'applicazione "Imposta
interfaccia PG/PC" il processore di comunicazione. possibile ugualmente verificare il
processore di comunicazione in ambiente SIMATIC NET.

verifica della progettazione di collegamento e variabili


Possibili errori possono essere dovuti ai parametri di sistema e di collegamento progettati.
Valori di variabile difettosi possono essere dovuti anche ad un indirizzamento errato in PLC.

Diagnostica del canale per mezzo di "Channel Diagnosis"


Per mezzo di "Channel Diagnosis" possibile interrogare in runtime lo stato del canale e del
collegamento. Errori verificatisi vengono visualizzati per mezzo dei cosiddetti "Error Codes"

Diagnostica delle variabili del canale


Nella gestione delle variabili possibile interrogare in runtime il valore attuale, il Quality Code
attuale e l'ultima data di modifica delle variabili.

Vedere anche
Verifica di una variabile (Pagina 411)
Verifica del canale e del collegamento (Pagina 409)
Verifica della progettazione del collegamento e delle variabili (Pagina 407)
Verifica del processore di comunicazione in ambiente SIMATIC NET (Pagina 406)
Verifica della progettazione del processore di comunicazione (Pagina 405)

17.6.2

Descrizione delle registrazioni del log file

Introduzione
Nel log file vengono registrate attraverso il canale importanti modifiche di stato ed errori. Per
mezzo di tali registrazioni possibile effettuare un'ulteriore analisi di un disturbo di
comunicazione.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

403

Diagnostica della comunicazione


17.6 Diagnostica del canale "SIMATIC S5 Profibus FDL"
Ogni registrazione nel file contiene un contrassegno di data ed un contrassegno orario a cui
segue il nome del flag e la descrizione.

Esempio di una voce nel registro:


2000-05-03 14:43:48,733 INFO Log starting ...
2000-05-03 14:43:48,733 INFO | LogFileName : d:\Siemens\WinCC\Diagnostica
\SIMATIC_S5_PROFIBUS_FDL_01.LOG
2000-05-03 14:43:48,733 INFO | LogFileCount : 3
2000-05-03 14:43:48,733 INFO | LogFileSize : 1400000
2000-05-03 14:43:48,733 INFO | TraceFlags : fa017fff

Descrizione delle registrazioni relative al flag "INFO"


Testo della segnalazione

Significato

Log starting ...

Segnalazione di avvio

LogFileName : C:\ Siemens\ WinCC\


Diagnostica\ "nome_canale".LOG

Nome del log file con l'indicazione del percorso

LogFileCount : "n"

Numero dei log file del canale

LogFileSize : "x"

Grandezza dei singoli log file in byte

TraceFlags : fa017fff

Visualizzazione dei flag utilizzati dalla funzione Trace in


numeri esadecimali

17.6.3

Accertare le cause di valori di variabile difettosi

17.6.3.1

Accertamento delle cause di valori di variabili difettosi


Se in runtime compare un valore di variabile inatteso, procedere come segue per accertarne
la causa:
1. Verificare la progettazione del processore di comunicazione
2. Verificare il processore di comunicazione in ambiente SIMATIC NET
3. Verificare la progettazione di collegamento e variabili
4. Verificare il canale ed i collegamenti
5. Verificare le variabili del canale

404

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Diagnostica della comunicazione


17.6 Diagnostica del canale "SIMATIC S5 Profibus FDL"

Vedere anche
Verifica della progettazione del collegamento e delle variabili (Pagina 407)
Verifica di una variabile (Pagina 411)
Verifica del canale e del collegamento (Pagina 409)
Verifica del processore di comunicazione in ambiente SIMATIC NET (Pagina 406)
Verifica della progettazione del processore di comunicazione (Pagina 405)

17.6.3.2

Verifica della progettazione del processore di comunicazione

Introduzione
In questo capitolo viene mostrato come verificare un processore di comunicazione con il
programma "Interfaccia PG/PC". Nel presente esempio viene utilizzato il tipo "CP 5613" per
la comunicazione PROFIBUS.

Presupposti
Installare il CP 5613.
Installare il relativo driver di comunicazione.
Configurare il CP 5613.

Procedura
1. Fare clic sull'icona "Imposta interfaccia PG/PC". Si apre la finestra di dialogo "Imposta
interfaccia PG/PC".
2. Verificare la registrazione del punto di accesso. Il punto di accesso "CP_L2_1:/SCP" per
l'accoppiamento del profibus viene inserito automaticamente all'installazione del CP 5613.
Selezionare nel campo di selezione la registrazione relativa a questo punto di accesso.
Tramite il pulsante "Propriet" si apre il dialogo "Propriet - CP5613_5614(PROFIBUS)".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

405

Diagnostica della comunicazione


17.6 Diagnostica del canale "SIMATIC S5 Profibus FDL"

1. Verificare le registrazioni sulla scheda PROFIBUS.


2. Selezionare la scheda Stato operativo. Tramite il pulsante "Test" possibile eseguire un
test funzionale del CP 5613. Nel campo di emissione posto in basso viene visualizzato
l'esito. A seconda dell'esito del test, tramite il pulsante "Riavvio" possibile attivare la
reimpostazione ed il riavvio del CP 5613.
3. Chiudere tutte le finestre di dialogo aperte con il pulsante "OK".

Vedere anche
Verifica della progettazione del collegamento e delle variabili (Pagina 407)
Verifica del processore di comunicazione in ambiente SIMATIC NET (Pagina 406)

17.6.3.3

Verifica del processore di comunicazione in ambiente SIMATIC NET

Introduzione
In questa sezione si indica come verificate un processore di comunicazione con il programma
"Impostare stazione PC" del software SIMATIC NET.
In questo esempio relativo al canale "SIMATIC S5 PROFIBUS FDL" viene utilizzato il tipo"CP
5613" per la comunicazione PROFIBUS.

406

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Diagnostica della comunicazione


17.6 Diagnostica del canale "SIMATIC S5 Profibus FDL"

Presupposti
Installare il CP 5613.
Installare il software SIMATIC NET. In ambiente Windows 2000 necessaria la versione
a partire da V6.0 SP5, in ambiente Windows XP la versione a partire da V6.1.
Configurate il CP 5613 in ambiente SIMATIC NET.

Procedura
1. Selezionare nel menu di avvio di Windows all'opzione "SIMATIC / SIMATIC NET /
Impostazioni" l'opzione di menu "Impostare stazione PC". Si apre il dialogo "mensola di
configurazione Impostazione stazione PC".
2. Verificare la registrazione del punto di accesso. Selezionare a questo scopo nella finestra
di navigazione la directory "Punti di accesso". Nella finestra dati vengono visualizzati i punti
di accesso esistenti. Il punto di accesso "CP_L2_1:" per l'accoppiamento del profibus viene
inserito automaticamente all'installazione del CP 5613. Selezionare questo punto di
accesso nella finestra dati. Tramite l'opzione di menu "Propriet" del menu di contesto
aprire il dialogo "Propriet di CP_L2_1:".
3. Verificare la registrazione nel campo "Parametrizzazione di interfaccia correlata". Nel caso
del CP5613 in una rete PROFIBUS dovrebbe essere selezionata la
registrazione"CP5613_5614(PROFIBUS)" .
4. Aprire nella finestra di navigazione nella directory "Gruppi costruttivi" la sottodirectory
"CP5613/CP5614".
5. Selezionare la directory "Diagnosi rete" . Tramite il pulsante "Test" possibile eseguire un
test funzionale del CP 5613. Nel campo di emissione viene visualizzato l'esito. A seconda
dell'esito del test, tramite il pulsante "Riavvio" possibile attivare nella directory "Generale"
la reimpostazione ed il riavvio del CP 5613.
6. Verificare nella directory "Utenti Bus" la lista degli utenti collegati al PROFIBUS. Sulla base
della visualizzazione possibile determinare la funzione e lo stato della propria stazione
nonch degli altri utenti collegati.
7. Chiudere la finestra di dialogo.
8. Qualora si dovesse avere constatato un errore nella progettazione del processore di
comunicazione, si possono apportare modifiche nella progettazione esclusivamente con
utensili della SIMATIC NET. Per ulteriori informazioni si consulti SIMATIC NET.

Vedere anche
Verifica della progettazione del collegamento e delle variabili (Pagina 407)

17.6.3.4

Verifica della progettazione del collegamento e delle variabili

Introduzione
Nel presente capitolo viene mostrato come verificare i parametri di sistema e la progettazione
del collegamento e delle variabili.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

407

Diagnostica della comunicazione


17.6 Diagnostica del canale "SIMATIC S5 Profibus FDL"

Presupposti
Installare il CP 5613.
Installare il relativo driver di comunicazione.
Configurare il CP 5613.
Progettare nel canale "SIMATIC S5 PROFIBUS FDL" un collegamento ed una variabile.
Attivare il progetto WinCC.

Procedura
1. Fare clic nella finestra di navigazione di WinCC Explorer sul "Segno pi" davanti all'icona
"SIMATIC S5 PROFIBUS FDL". Selezionare nel menu di scelta rapida dell'icona
"FDL(CP5412/A2-1)" la voce "Parametri di sistema". Si apre il dialogo "Parametri di
sistema".

1. Verificare la registrazione nel campo "Nome di device". Per il punto di accesso


l'impostazione predefinita "CP_L2_1:/SCP". Il punto di accesso stato assegnato al
momento dell'installazione del processore di comunicazione nel computer al CP 5613.
Chiudere la finestra di dialogo.
2. Fare clic sul "Segno pi" davanti all'icona "FDL(CP5412/A2-1)". Selezionare nel menu di
scelta rapida del collegamento da verificare la voce "Propriet". Si apre il dialogo "Propriet
collegamento".
3. Fare clic nel dialogo " Propriet della variabile" sul pulsante "Propriet". Si apre la finestra
di dialogo "Parametri di collegamento".

408

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Diagnostica della comunicazione


17.6 Diagnostica del canale "SIMATIC S5 Profibus FDL"

1. Verificare le impostazioni sulla scheda Collegamento. Chiudere le finestre di dialogo aperte.


2. Fare clic sul "Segno pi" davanti all'icona del collegamento. Selezionare nel menu di scelta
rapida della variabile da verificare la voce "Propriet". Si apre la finestra di dialogo
"Propriet della variabile". Verificare le registrazioni nei campi "Tipo di dati" e "Cambio di
formato".
3. Fare clic nel dialogo " Propriet della variabile" sul pulsante "Seleziona". Si apre la finestra
di dialogo "Propriet indirizzo". Verificare le impostazioni.
4. Chiudere tutte le finestre di dialogo aperte con il pulsante "OK".

Vedere anche
Verifica del canale e del collegamento (Pagina 409)

17.6.3.5

Verifica del canale e del collegamento

Introduzione
Nel presente capitolo viene mostrato come verificare in runtime il canale "SIMATIC S5
PROFIBUS FDL" ed il relativo collegamento.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

409

Diagnostica della comunicazione


17.6 Diagnostica del canale "SIMATIC S5 Profibus FDL"

Presupposti
Installare il CP 5613.
Installare il relativo driver di comunicazione.
Configurare il CP 5613.
Creare un progetto STEP5.
Progettare nel canale "SIMATICS5 PROFIBUS FDL" un collegamento ed una variabile.
Attivare il progetto WinCC.

Panoramica degli indicatori di avanzamento del processo


Icona

Descrizione
Canale / Collegamento pronto senza limitazioni
Canale / Collegamento pronto con limitazioni
Canale / Impossibile una dichiarazione sullo stato del collegamento
Canale / Collegamento disturbato

Procedura
1. Avviare la diagnostica del canale WinCC "Channel Diagnosis" tramite il menu di avvio.
2. Si apre la finestra di applicazione di "Channel Diagnosis". Sulla scheda Channels/
Connections vengono visualizzate nell'area sinistra le informazioni di stato relative ai canali
installati e ai rispettivi collegamenti.

410

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Diagnostica della comunicazione


17.6 Diagnostica del canale "SIMATIC S5 Profibus FDL"
1. Verificare le icone davanti al nome del canale "SIMATIC S5 PROFIBUS FDL" ed al
collegamento. Lo stato del collegamento o del canale corretto se la rispettiva voce
spuntata con un segno verde anteposto. Per il significato delle icone consultare la tabella
"Panoramica degli indicatori di avanzamento del processo".
2. Se il nome del canale non spuntato con un segno verde anteposto, selezionare nella
finestra sinistra il collegamento. Verificare nella finestra destra le registrazioni dei counter
"State", "Error Count", "Error Reason", "Send" e "Receive". Le registrazioni forniscono
un'indicazione riguardo ad errori accertati.
3. Verificare il logfile specifico del canale. Aprire a tale scopo con un editor di testo il file nella
directory "Siemens \ WinCC \ Diagnostica". Verificare le registrazioni pi recenti con il flag
"ERROR". La relativa descrizione si trova in "Descrizione delle registrazioni del logfile".
4. Se non dovesse essere possibile localizzare l'errore anche dopo la verifica del log file,
attivare la funzione Trace e mettersi in contatto con il Customer Support.
Per ulteriori informazioni consultare il punto "Configurazione della funzione Trace di un
canale".

Vedere anche
Configurazione della funzione Trace di un canale (Pagina 385)
Descrizione delle registrazioni del log file (Pagina 403)
Verifica di una variabile (Pagina 411)

17.6.3.6

Verifica di una variabile

Introduzione
Se una variabile esterna in runtime non indica il valore atteso, possibile verificare la variabile
con il seguente procedimento.

Presupposti
Installare il CP 5613.
Installare il relativo driver di comunicazione.
Configurare il CP 5613.
Creare un progetto STEP5.
Progettare nel canale "SIMATIC S5 PROFIBUS FDL" un collegamento ed una variabile.
Attivare il progetto WinCC.

Procedura
1. Selezionare in WinCC Explorer nella gestione variabili il canale "SIMATIC S5 PROFIBUS
FDL".
2. Selezionare nella finestra dei dati la variabile esterna da verificare. Aprire allo scopo la
struttura delle directory finch nella finestra dei dati viene visualizzata la variabile.
WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

411

Diagnostica della comunicazione


17.6 Diagnostica del canale "SIMATIC S5 Profibus FDL"
3. Portare il puntatore del mouse sulla variabile da verificare. Si apre una descrizione
comando con il valore attuale della variabile, il Quality Code e la data dell'ultima modifica.
4. Verificare il Quality Code. Se viene indicato il valore "80", il valore della variabile corretto.
Per una descrizione degli altri valori consultare il punto "Quality Code di variabili".
5. Se il Quality Code non "80", selezionare la variabile nella gestione variabili ed aprire
tramite la voce "Propriet" del menu di scelta rapida la finestra di dialogo "Propriet della
variabile".
6. Verificare se sulla scheda Limiti/Stampa sono progettati i valori per il limite superiore ed
inferiore, il valore iniziale e sostitutivo. Tali valori possono influenzare l'indicazione
7. Se il valore della variabile viene influenzato da un valore progettato, disattivare il progetto
e modificare i valori limite o sostitutivi.

Nota
La visualizzazione di valore di variabile, Quality Code ecc. ha luogo solo in runtime.

Vedere anche
Quality Code di variabili (Pagina 424)

412

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Diagnostica della comunicazione


17.7 Diagnostica del canale "OPC"

17.7

Diagnostica del canale "OPC"

17.7.1

Possibilit diagnostiche del canale "OPC"


Per la diagnostica e l'identificazione d'errore del canale "OPC" e di una variabile di questo
canale vi sono le seguenti possibilit:

verifica della progettazione di collegamento e variabili


Possibili errori possono essere dovuti ai parametri di sistema e di collegamento progettati.
Valori di variabile difettosi possono essere dovuti anche ad un indirizzamento errato in PLC.

Diagnostica del canale per mezzo di "Channel Diagnosis"


Per mezzo di "Channel Diagnosis" possibile interrogare in runtime lo stato del canale e del
collegamento. Errori verificatisi vengono visualizzati per mezzo dei cosiddetti "Error Codes"

Diagnostica delle variabili del canale


Nella gestione delle variabili possibile interrogare in runtime il valore attuale, il Quality Code
attuale e l'ultima data di modifica delle variabili.

Vedere anche
Verifica di una variabile (Pagina 420)
Verifica del canale e del collegamento (Pagina 418)
Verifica dei dati di progettazione (Pagina 417)

17.7.2

Descrizione delle registrazioni del log file

17.7.2.1

Descrizione delle registrazioni del log file

Introduzione
Nel log file vengono registrate attraverso il canale importanti modifiche di stato ed errori. Nei
seguenti capitoli verranno trattate solo le registrazioni pi importanti. Per mezzo di tali
registrazioni possibile effettuare un'ulteriore analisi di un disturbo di comunicazione.
Bisogna distinguere due generi:

INFO

ERROR

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

413

Diagnostica della comunicazione


17.7 Diagnostica del canale "OPC"

Collegamento sistematico di una registrazione

Esempio di voci nel registro


2000-03-24 10:43:18,756 INFO Log starting ...
2000-03-24 10:43:18,756 INFO | LogFileName : C:\Siemens\WinCC\Diagnostica\OPC.LOG
2000-03-24 10:43:18,756 INFO | LogFileCount : 3
2000-03-24 10:43:18,756 INFO | LogFileSize : 1400000
2000-03-24 10:43:18,756 INFO | TraceFlags : fa000007
000-03-24 10:43:18,756 INFO Process attached at 2000-03-24 09:43:18,746 UTC
2000-03-23 10:46:18,756 INFO Process detached at 2000-03-2410:46:18,746UTC
2000-03-27 13:22:43,390 ERROR ..FOPCData::InitOPC CoCreateInstanceEx- ERROR
800706ba
2000-03-27 13:22:43,390 ERROR - ChannelUnit::SysMessage("[OPC Groups (OPCHN Unit
#1)]![OPC_No_Machine]: CoCreateInstance for server "OPCServer.WinCC" on machine
OPC_No_Machine failed, Error=800706ba (HRESULT = 800706ba RPC_S_SERVER_UNAVAILABLE (Il server RPC non disponibile.))")

Vedere anche
Registrazioni relative al flag "ERROR" (Pagina 415)
Registrazioni relative al flag "INFO" (Pagina 414)

17.7.2.2

Registrazioni relative al flag "INFO"

Introduzione
Ogni registrazione nel file contiene un contrassegno di data ed un contrassegno orario a cui
segue il nome del flag e la descrizione.

Esempio di voci nel registro


2000-03-24 10:43:18,756 INFO Log starting ...
2000-03-24 10:43:18,756 INFO | LogFileName : C:\Siemens\WinCC\Diagnostica\OPC.LOG
2000-03-24 10:43:18,756 INFO | LogFileCount : 3

414

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Diagnostica della comunicazione


17.7 Diagnostica del canale "OPC"
2000-03-24 10:43:18,756 INFO | LogFileSize : 1400000
2000-03-24 10:43:18,756 INFO | TraceFlags : fa000007
000-03-24 10:43:18,756 INFO Process attached at 2000-03-24 09:43:18,746 UTC
2000-03-23 10:46:18,756 INFO Process detached at 2000-03-2410:46:18,746UTC

Descrizione delle pi importanti voci del registro

17.7.2.3

Testo della segnalazione

Significato

Log starting ...

Segnalazione di avvio

LogFileName : C:\ Siemens\ WinCC\


Diagnostica\ "nome_canale".LOG

Nome del log file con l'indicazione del percorso

LogFileCount : "n"

Numero dei log file del canale

LogFileSize : "x"

Grandezza dei singoli log file in byte

TraceFlags : fa000007

Visualizzazione dei flag utilizzati dalla funzione Trace


in numeri esadecimali

Process attached at 2000-03-24


09:43:18,746 UTC

Il canale stato caricato dal data manager di WinCC.

Process detached at
2000-03-2410:46:18,746 UTC

Il canale stato scaricato dal data manager di WinCC.

IOPCChnShutdown::ShutdownRequest was
called... Reason: system going down"
IOPCChnShutdown::ShutdownRequest

Il progetto WinCC del server WinCC OPC stato


disattivato. Ai client WinCC OPC viene richiesto di
scollegarsi dal server WinCC OPC.

Registrazioni relative al flag "ERROR"

Introduzione
Ogni registrazione nel file contiene un contrassegno di data ed un contrassegno orario a cui
segue il nome del flag e la descrizione. Per il flag "Error" la descrizione costituita da: testo
della segnalazione, Error Code e testo della segnalazione d'errore. Non per ogni Error Code
disponibile una segnalazione d'errore.

Esempio di voci nel registro


2000-03-27 13:22:43,390 ERROR ..FOPCData::InitOPC CoCreateInstanceEx- ERROR
800706ba
2000-03-27 13:22:43,390 ERROR - ChannelUnit::SysMessage("[OPC Groups (OPCHN Unit
#1)]![OPC_No_Machine]: CoCreateInstance for server "OPCServer.WinCC" on machine
OPC_No_Machine failed, Error=800706ba (HRESULT = 800706ba RPC_S_SERVER_UNAVAILABLE (Il server RPC non disponibile.))")

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

415

Diagnostica della comunicazione


17.7 Diagnostica del canale "OPC"

Descrizione delle pi importanti voci del registro


Error Code

Testo della segnalazione


d'errore

Possibili cause

c0040004

Il server non supporta la


conversione tra
"canonicalDatatype" e
"requestedDatatype"

Accesso alla variabile WinCC del server OPC non


riuscito.
La conversione possibile, ma non riuscita.
La variabile WinCC non disponibile sul server
oppure il tipo di dati progettato non corrisponde.

c0040007

Nome non disponibile nello


spazio del server

Il server restituisce il codice di errore quando il client


OPC accede con un nome di variabile non disponibile
nello spazio del server.
Esempi: sfoglia, leggi variabile, scrivi variabile,
inserisci variabile in una Subscription.

00000001

AddItems

L'accesso alla variabile WinCC del server OPC


fallito. La variabile WinCC non presente sul server
oppure il tipo di dati progettato non corrisponde.
Tipo di dati variabile WinCC server OPC = Tipo di dati
variabile WinCC client OPC.

80004005

Could not resolve Server Name Il computer utilizzato come server WinCC OPC non
disponibile in rete.
Il server WinCC OPC al quale accede il canale "OPC"
non presente.

80040154

Class not registered

80070057

Parametro non corrispondente La variabile WinCC non presente sul server OPC
oppure il tipo di dati progettato non corrisponde.

800706ba

Il server RPC non disponibile Impossibile trovare in rete il computer sul quale
avviare il server OPC.

Il server WinCC OPC non registrato correttamente


nel sistema.
Il progetto WinCC del server WinCC OPC non
attivato.

17.7.3

Accertare le cause di valori di variabile difettosi

17.7.3.1

Accertamento delle cause di variabili difettose


Se in runtime compare un valore di variabile inatteso, procedere come segue per accertarne
la causa:
1. Controllare i dati della progettazione
2. Verificare i collegamenti
3. Verificare le variabili del canale

416

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Diagnostica della comunicazione


17.7 Diagnostica del canale "OPC"

Vedere anche
Verifica di una variabile (Pagina 420)
Verifica del canale e del collegamento (Pagina 418)
Verifica dei dati di progettazione (Pagina 417)

17.7.3.2

Verifica dei dati di progettazione

Presupposti
Un computer come client WinCC OPC con progetto WinCC.
Nel progetto WinCC del client OPC deve essere integrato il canale "OPC".
Progettare una variabile WinCC nel progetto WinCC del server OPC.
Progettare un collegamento ed una variabile WinCC, che comunichi con la variabile del
server, sul client OPC.
Attivare il progetto WinCC sul server OPC e sul client OPC.

Procedura
1. Sul client OPC fare clic nella finestra di navigazione di WinCC Explorer sul "Segno pi"
davanti all'icona "OPC". Fare clic sul "Segno pi" davanti all'icona "OPC Groups(OPCHN
Unit#1)".
2. Selezionare nel menu di scelta rapida del collegamento da verificare la voce "Propriet".
Si apre il dialogo "Propriet collegamento". Fare clic sulla scheda Collegamento OPC.
3. Verificare nel campo "OPC Server Name" la ProgID del server OPC.
In caso di accoppiamento con un server dotato di WinCC a partire da V 5.0 deve essere
immesso "OPCServer.WinCC".
In caso di accoppiamento con un server WinCC V4.x deve essere immesso "OE.Groups".
4. Nel campo "Avvia server su questo computer" deve essere immesso il nome del computer
che viene impiegato come server OPC. Fare clic sul pulsante di comando "Testa server"
per testare il collegamento con il server OPC. Chiudere la finestra di dialogo aperta.
5. Fare clic sul "Segno pi" davanti all'icona del collegamento. Selezionare nel menu di scelta
rapida della variabile da verificare la voce "Propriet". Si apre la finestra di dialogo
"Propriet della variabile".
6. Nel campo "Tipo di dati" deve essere impostato lo stesso tipo di dati come per la variabile
sul server OPC.
7. Fare clic nel dialogo " Propriet della variabile" sul pulsante "Seleziona". Si apre la finestra
di dialogo "Propriet indirizzo".
8. Verificare le registrazioni nei campi "Nome dell'item" e "Tipo di dati". Il "Nome dell'item"
deve corrispondere al nome della variabile del server OPC. Il tipo di dati deve corrispondere
al tipo di dati delle variabili sul server OPC.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

417

Diagnostica della comunicazione


17.7 Diagnostica del canale "OPC"
9. Verificare il logfile specifico del canale. Aprire a tale scopo con un editor di testo il file nella
directory "Siemens \ WinCC \ Diagnostica". Verificare le registrazioni pi recenti con il flag
"ERROR". La relativa descrizione si trova in "Descrizione delle registrazioni del logfile".
10.Se non dovesse essere possibile localizzare l'errore anche dopo la verifica del log file,
attivare la funzione Trace e mettersi in contatto con il Customer Support.
Per ulteriori informazioni consultare il punto "Configurazione della funzione Trace di un
canale".

Vedere anche
Configurazione della funzione Trace di un canale (Pagina 385)
Descrizione delle registrazioni del log file (Pagina 413)
Verifica del canale e del collegamento (Pagina 418)

17.7.3.3

Verifica del canale e del collegamento

Introduzione
Nel presente capitolo viene mostrato come verificare in runtime il canale "OPC" ed il relativo
collegamento

Presupposti
Un computer come client WinCC OPC con progetto WinCC.
Nel progetto WinCC del client OPC deve essere integrato il canale "OPC".
Progettare una variabile WinCC nel progetto WinCC del server OPC.
Progettare un collegamento ed una variabile WinCC, che comunichi con la variabile del
server, sul client OPC.
Attivare il progetto WinCC sul server OPC e sul client OPC.

Panoramica degli indicatori di avanzamento del processo


Icona

Descrizione
Canale / Collegamento pronto senza limitazioni
Canale / Collegamento pronto con limitazioni
Canale / Impossibile una dichiarazione sullo stato del collegamento
Canale / Collegamento disturbato

418

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Diagnostica della comunicazione


17.7 Diagnostica del canale "OPC"

Procedura
1. Avviare la diagnostica del canale WinCC "Channel Diagnosis" tramite il menu di avvio.
2. Si apre la finestra di applicazione di "Channel Diagnosis". Sulla scheda Channels/
Connections vengono visualizzate nell'area sinistra le informazioni di stato relative ai canali
installati e ai rispettivi collegamenti.

1. Verificare le icone prima del collegamento OPC. Lo stato del collegamento corretto se la
rispettiva voce spuntata con un segno verde anteposto. Per il significato delle icone
consultare la tabella "Panoramica degli indicatori di avanzamento del processo".
2. Se il nome non spuntato con un segno verde anteposto, selezionare nella finestra di
sinistra il collegamento. Verificare nella finestra di destra le registrazioni dei counter
"AddItemFailures", "Server Status", "Last Error" e "Last Error Name". Le registrazioni
forniscono un'indicazione riguardo ad errori accertati.
3. Verificare il logfile specifico del canale. Aprire a tale scopo con un editor di testo il file nella
directory "Siemens \ WinCC \ Diagnostica". Verificare le registrazioni pi recenti con il flag
"ERROR". La relativa descrizione si trova in "Descrizione delle registrazioni del logfile".
4. Se non dovesse essere possibile localizzare l'errore anche dopo la verifica del log file,
attivare la funzione Trace e mettersi in contatto con il Customer Support.
Per ulteriori informazioni consultare il punto "Configurazione della funzione Trace di un
canale".

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

419

Diagnostica della comunicazione


17.7 Diagnostica del canale "OPC"

Vedere anche
Configurazione della funzione Trace di un canale (Pagina 385)
Descrizione delle registrazioni del log file (Pagina 413)
Verifica di una variabile (Pagina 420)

17.7.3.4

Verifica di una variabile

Introduzione
Se una variabile esterna in runtime non indica il valore atteso, possibile verificare la variabile
con il seguente procedimento.

Presupposti
Un computer come client WinCC OPC con progetto WinCC.
Nel progetto WinCC del client OPC deve essere integrato il canale "OPC".
Progettare una variabile WinCC nel progetto WinCC del server OPC.
Progettare un collegamento ed una variabile WinCC, che comunichi con la variabile del
server, sul client OPC.
Attivare il progetto WinCC sul server OPC e sul client OPC.

Procedura
1. Selezionare in WinCC Explorer nella gestione variabili il canale "OPC".
2. Selezionare nella finestra dei dati la variabile esterna da verificare. Aprire allo scopo la
struttura delle directory finch nella finestra dei dati viene visualizzata la variabile.
3. Portare il puntatore del mouse sulla variabile da verificare. Si apre una descrizione
comando con il valore attuale della variabile, il valore Quality e la data dell'ultima modifica.
4. Verificare il valore Quality. Se viene indicato il valore "C0", il valore della variabile corretto.
Per una descrizione degli altri valori consultare il punto "Quality Code di variabili".
5. Se il Quality Code non "C0", selezionare la variabile nella gestione variabili ed aprire
tramite la voce "Propriet" del menu di scelta rapida il dialogo "Propriet della variabile".
6. Verificare se sulla scheda Limiti/Stampa sono progettati i valori per il limite superiore ed
inferiore, il valore iniziale e sostitutivo. Tali valori possono influenzare l'indicazione
7. Se il valore della variabile viene influenzato da un valore progettato, disattivare il progetto
e modificare i valori limite o sostitutivi.

Nota
La visualizzazione di valore di variabile, Quality Code ecc. ha luogo solo in runtime.

420

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Diagnostica della comunicazione


17.7 Diagnostica del canale "OPC"

Vedere anche
Quality Code di variabili (Pagina 424)

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

421

Diagnostica della comunicazione


17.8 Qualit delle variabili

17.8

Qualit delle variabili

17.8.1

Qualit delle variabili

Introduzione
WinCC contiene due indicatori di qualit che consentono di valutare la qualit delle variabili.
Questi due indicatori sono lo stato della variabile ed il Quality Code.
Lo stato della variabile viene formato in WinCC ed informa sulla qualit delle prescrizioni di
progettazione all'interno dell'OS. Lo stato della variabile informa inoltre sullo stato del
collegamento verso il partner di comunicazione di WinCC. Questo pu essere o un sistema
di automazione o un computer server.
Il Quality Code contiene le stesse informazioni dello stato della variabile. Oltre a queste
informazioni il Quality Code riporta informazioni sulla qualit dei partner che rilevano o
elaborano variabili. Partner possibili sono:
Sistemi di automazione
Sistemi di automazione con apparecchiature di campo
Server OPC
Server OPC con sistemi di automazione subordinati
Il Quality Code viene inoltrato nella catena di elaborazione. Se in un punto della catena di
elaborazione sono presenti pi di un Quality Code per una variabile, verr inoltrato il codice
pi scadente.

422

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Diagnostica della comunicazione


17.8 Qualit delle variabili
Il Quality Code fornisce informazioni sulla qualit di una variabile, indipendentemente dal fatto
dove stato generato questo codice.

Struttura a cascata del Quality Code


L'esempio di un sistema di automazione con apparecchiatura di campo collegata illustra la
struttura a cascata del Quality Code.
Il sistema di automazione legge i Quality code generati dall'apparecchiatura di campo.
Attraverso una logica di valutazione, i Quality Code presenti contemporaneamente per la
stessa variabile vengono valutati in base a delle priorit. Il Quality Code con lo stato pi
scadente viene assegnato alla variabile. Questo Quality Code deve essere memorizzato in un
modulo di dati direttamente dietro il valore appartenente alla variabile.
La logica di valutazione pu essere eseguita con i moduli canale della PCS7-Library. Se non
disponibile la PCS7-Library, si dovr proiettare autonomamente la logica di valutazione nel
sistema di automazione.

Attraverso uno dei driver di comunicazione, WinCC legge in Runtime le variabili


dall'apparecchiatura di automazione, incluso il corrispondente Quality Code. Per ogni variabile
viene generato uno stato della variabile nella gestione dati. Questo contiene ad es. violazioni
dei limiti di misura progettati nonch lo stato dell'accoppiamento tra WinCC e il controllore
programmabile.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

423

Diagnostica della comunicazione


17.8 Qualit delle variabili
Attraverso la logica di valutazione nella gestione dati viene generato il Quality Code dallo stato
della variabile della gestione dati e dal Quality Code del sistema di automazione. Anche in
questo caso viene inoltrato il codice con lo stato pi scadente e memorizzato come Quality
Code di WinCC. Per variabili che non possiedono un Quality Code nel sistema di automazione,
il Quality Code corrisponde sempre allo stato della variabile.

17.8.2

Quality Code di variabili

Introduzione
Il Quality Code serve per verificare lo stato e la qualit di una variabile. Nel Quality Code
visualizzato sintetizzata la qualit dell'intera trasmissione ed elaborazione del valore della
variabile in oggetto. possibile quindi riconoscere, fra l'altro, dal Quality Code se il valore
attuale un valore iniziale o sostitutivo.
I Quality Code vengono indicati con criterio di priorit. Se si presentano contemporaneamente
pi codici, verr indicato il Quality Code pi scadente.

Valutazione dei Quality Code


I Quality Code possono essere valutati in diversi modi:
Valutazione con script VB
Valutazione con script C
Valutazione attraverso la finestra dinamica
Valutazione attraverso l'evento "Quality Code-Modifica variabile" di un campo I/O
Nota
Per includere l'intera trasmissione valore ed elaborazione valore nel Quality Code per le
variabili di processo, il sistema di automazione collegato deve supportare il Quality Code
stesso. Nella progettazione delle variabili nel PLC si deve tenere presente la capacit di
memoria necessaria per il Quality Code. Ad esempio, in un PLC della famiglia S7, per il
Quality Code necessario un ulteriore byte aggiunto al valore di processo. Per evitare di
commettere errori, questo byte deve essere tenuto presente nella progettazione di una
variabile, ad esempio al termine di un modulo dati.

424

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Diagnostica della comunicazione


17.8 Qualit delle variabili

Rappresentazione dei Quality Code nelle pagine di processo


Alla visualizzazione dei valori di variabili in oggetti grafici con collegamento al processo il
Quality Code pu avere effetto sulla rappresentazione. Se il Quality Code presenta il valore
0x80 (Good) oppure 0x4C (valore iniziale) la visualizzazione del valore della variabile non
appare inattiva. Con tutti gli altri valori la visualizzazione sbiadita. Inoltre con gli oggetti
indicati di seguito, a seconda del WinCC-Design impostato, viene visualizzato un triangolo
giallo di avvertenza:
Campo I/O
Barra grafica, 3D-bar
Casella di controllo, pulsante d'opzione
Visualizzazione raggruppata, Visualizzazione di stato
Oggetto Slider

Struttura
Il Quality Code presenta la seguente struttura binaria:
QQSSSSLL
Q: Qualit
S: Sottostato della qualit
L: Limiti. Questo valore opzionale.
Nota
I Quality Code riportati nella tabella "Qualit" sono valori di base dei livelli di qualit.
Utilizzando il sottostato ed il limite, sopra il corrispondente livello di qualit si formano valori
intermedi.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

425

Diagnostica della comunicazione


17.8 Qualit delle variabili

Qualit
I primi due caratteri indicano la qualit delle variabili.
Q Q S S S S L L
2 2 2 2 2 2 2 2
7

Bad - The value is not useful

0 0 - - - - - -

Uncertain - The quality of the value is less than normal, but the value may still
be useful.

0 1 - - - - - -

Good (Non-Cascade) - The quality of the value is good. Possible alarm


conditions may be indicated by the sub-status.

1 0 - - - - - -

Good (Cascade) - The value may be used in control.

1 1 - - - - - -

Sottostato
La qualit da sola non sufficiente. I sottostati suddividono le singole qualit. Il Quality Code
codificato in binario. Per analizzare il Quality Code, il valore deve essere trasformato in
notazione esadecimale.

Quality Code delle variabili


I Quality Code realizzati sono riportati nella seguente tabella. La tabella inizia con il Quality
Code pi scadente e termina con il migliore Quality Code. Il migliore dei Quality Code presenta
la priorit pi bassa possibile ed il Quality Code pi scadente la massima priorit. Se nella
catena di elaborazione di una variabile si presentano contemporaneamente diversi stati, verr
trasmesso il codice con lo stato pi scadente.
Codic Qualit
e (hex)

426

Q Q SSSSL L

0x23

Bad

Device passivated - Diagnostic alerts inhibited

0 0 1 0 0 0 1 1

0x3F

Bad

Function check - Local override

0 0 1 1 1 1 1 1

0x1C

Bad

Out of Service - The value is not reliable because the block is


not being evaluated, and may be under construction by a
configurer. Set if the block mode is O/S.

0 0 0 1 1 1 - -

0x73

Uncertain

Simulated value - Start

0 1 1 1 0 0 1 1

0x74

Uncertain

Simulated value - End

0 1 1 1 0 1 - -

0x84

Good
(NonCascade)

Active Update event - Set if the value is good and the block
has an active Update event.

1 0 0 0 0 1 - -

0x24

Bad

Maintenance alarm - More diagnostics available.

0 0 1 0 0 1 - -

0x18

Bad

No Communication, with no usable value - Set if there has


never been any communication with this value since it was
last "Out of Service".

0 0 0 1 1 0 - -

0x14

Bad

No Communication, with last usable value - Set if this value


had been set by communication, which has now failed.

0 0 0 1 0 1 - -

0x0C

Bad

Device Failure - Set if the source of the value is affected by a


device failure.

0 0 0 0 1 1 - -

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Diagnostica della comunicazione


17.8 Qualit delle variabili
Q Q SSSSL L

Codic Qualit
e (hex)
0x10

Bad

Sensor Failure

0 0 0 1 0 0 - -

0x08

Bad

Not Connected - Set if this input is required to be connected


and is not connected.

0 0 0 0 1 0 - -

0x04

Bad

Configuration Error - Set if the value is not useful because


there is some inconsistency regarding the parameterization
or configuration, depending on what a specific manufacturer
can detect.

0 0 0 0 0 1 - -

0x00

Bad

non-specific - There is no specific reason why the value is


bad. Used for propagation.

0 0 0 0 0 0 - -

0x28

Bad

Process related - Substitute value

0 0 1 0 1 0 - -

0x2B

Bad

Process related - No maintenance

0 0 1 0 1 0 1 1

0x68

Uncertain

Maintenance demanded

0 1 1 0 1 0 - -

0x60

Uncertain

Simulated value - Set when the process value is written by


the operator while the block is in manual mode.

0 1 1 0 0 0 - -

0x64

Uncertain

Sensor calibration

0 1 1 0 0 1 - -

0x5C

Uncertain

Configuration Error

0 1 0 1 1 1 - -

0x58

Uncertain

Sub-normal

0 1 0 1 1 0 - -

0x54

Uncertain

Engineering Unit Range Violation - Set if the value lies outside


of the set of values defined for this parameter. The Limits
define which direction has been exceeded.

0 1 0 1 0 1 - -

0x50

Uncertain

Sensor Conversion not Accurate

0 1 0 1 0 0 - -

0x4B

Uncertain

Substitute (constant)

0 1 0 0 1 0 1 1

0x78

Uncertain

Process related - No maintenance

0 1 1 1 1 0 - -

0x4C

Uncertain

Initial Value - Value of volatile parameters during and after


reset of the device or of a parameter.

0 1 0 0 1 1 - -

0x48

Uncertain

Substitute value - Predefined value is used instead of the


calculated one. This is used for fail safe handling.

0 1 0 0 1 0 - -

0x44

Uncertain

Last Usable Value - Whatever was writing this value has


stopped doing so. This is used for fail safe handling.

0 1 0 0 0 1 - -

0x40

Uncertain

Non-specific - There is no specific reason why the value is


uncertain.

0 1 0 0 0 0 - -

0xE0

Good
(Cascade
)

Initiate Fail Safe (IFS) - The value is from a block that wants
its downstream output block (e.g. AO) to go to Fail Safe.

1 1 1 0 0 0 - -

0xD8

Good
(Cascade
)

Local Override (LO) - The value is from a block that has been
locked out by a local key switch or is a Complex AO/DO with
interlock logic active. The failure of normal control must be
propagated to a function running in a host system for alarm
and display purposes. This also implies "Not Invited".

1 1 0 1 1 0 - -

0xD4

Good
(Cascade
)

Do Not Select (DNS) - The value is from a block which should


not be selected, due to conditions in or above the block.

1 1 0 1 0 1 - -

0xCC

Good
(Cascade
)

Not Invited (NI) - The value is from a block which does not
have a target mode that would use this input.

1 1 0 0 1 1 - -

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

427

Diagnostica della comunicazione


17.8 Qualit delle variabili
Q Q SSSSL L

Codic Qualit
e (hex)
0xC8

Good
(Cascade
)

Initialization Request (IR) - The value is an initialization value


for a source (back calculation input parameter), because the
lower loop is broken or the mode is wrong.

1 1 0 0 1 0 - -

0xC4

Good
(Cascade
)

Initialization Acknowledge (IA) - The value is an initialized


value from a source (cascade input, remote-cascade in, and
remote-output in parameters).

1 1 0 0 0 1 - -

0xC0

Good
(Cascade
)

OK - No error or special condition is associated with this value. 1 1 0 0 0 0 - -

0xA0

Good
(NonCascade)

Initiate Fail Safe

1 0 1 0 0 0 - -

0x98

Good
(NonCascade)

Unacknowledged Critical Alarm - Set if the value is good and


the block has an unacknowledged Alarm with a priority greater
than or equal to 8.

1 0 0 1 1 0 - -

0x94

Good
(NonCascade)

Unacknowledged Advisory Alarm - Set if the value is good and


the block has an unacknowledged Alarm with a priority less
than 8.

1 0 0 1 0 1 - -

0x90

Good
(NonCascade)

Unacknowledged Update event - Set if the value is good and


the block has an unacknowledged Update event.

1 0 0 1 0 0 - -

0x8C

Good
(NonCascade)

Active Critical Alarm - Set if the value is good and the block
has an active Alarm with a priority greater than or equal to 8.

1 0 0 0 1 1 - -

0x88

Good
(NonCascade)

Active Advisory Alarm - Set if the value is good and the block
has an active Alarm with a priority less than 8.

1 0 0 0 1 0 - -

0xA8

Good
(NonCascade)

Maintenance demanded

1 0 1 0 1 0 - -

0xA4

Good
(NonCascade)

Maintenance required

1 0 1 0 0 1 - -

0xBC

Good
(NonCascade)

Function check - Local override

1 0 1 1 1 1 - -

0x80

Good
(NonCascade)

OK - No error or special condition is associated with this value. 1 0 0 0 0 0 - -

Limite
I limiti possono suddividere ancora i Quality Code. I limiti sono opzionali.
Q Q S S S S L L

428

O.K. - The value is free to move.

0 0

Low limited - The value has acceded its low limits.

0 1

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Diagnostica della comunicazione


17.8 Qualit delle variabili
High limited - The value has acceded its high limits.

1 0

Constant (high and low limited) - The value cannot move, no matter what the
process does.

1 1

Quality Code nella comunicazione con OPC


In una comunicazione attraverso il canale "OPC" i Quality Code non supportati da OPC
vengono convertiti.

17.8.3

Quality Code in WinCC

Quality Code secondo OPC

0x48

0x40

0x4C

0x40

0x5C

0x40

0x60

0x40

0x80...0xD4

0xC0

0xD8

0xC0

Stato della variabile

Introduzione
Lo stato della variabile di singole variabili WinCC pu essere sorvegliato in Runtime. Lo stato
della variabile contiene tra l'altro violazioni dei limiti di misura progettati nonch lo stato
dell'accoppiamento tra WinCC e controllore programmabile.
Il Quality Code fornisce informazioni sulla qualit di una variabile, indipendentemente dal fatto
dove stato generato questo codice. Viene preso in considerazione lo stato dell'intera
trasmissione di valore ed elaborazione di valore.
Se nel sistema si verifica ad es. una violazione del range di misura al limite inferiore, nel Quality
Code viene segnalato "0x55". Questa violazione del range di misura potr essersi verificata
sia nella gestione dati di WinCC sia nell'apparecchiatura di campo. Con lo stato della variabile
si potr rilevare se la violazione del range di misura si verificata in WinCC oppure gi prima
dell'inoltro del valore a WinCC.
Se lo stato della variabile segnala ad es. con il codice 0x0010 una violazione del limite, vuol
dire che stato superato in difetto il limite progettato in WinCC. Se lo stato della variabile non
segnala nessuna violazione del valore limite, vuol dire che il Quality Code inoltrato a WinCC
conteneva gi la violazione del limite.

Valutazione dei Quality Code


I Quality Code possono essere valutati in diversi modi:
Valutazione con script C
Valutazione attraverso la finestra dinamica
Valutazione attraverso l'evento "Quality Code-Modifica variabile" di un campo I/O

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

429

Diagnostica della comunicazione


17.8 Qualit delle variabili

Flag di stato WinCC


Gli stati delle variabili sono riportati nella seguente tabella.
Nome del flag

Valor
e

Significato

0x000 Nessun errore


0
DM_VARSTATE_NOT_ESTABLISH
ED

0x000 Collegamento con il partner non stabilito


1

DM_VARSTATE_HANDSHAKE_ER
ROR

0x000 Errore di protocollo


2

DM_VARSTATE_HARDWARE_ERR 0x000 Modulo di rete difettoso


OR
4
DM_VARSTATE_MAX_LIMIT

0x000 Superato il limite superiore verso l'alto


8

DM_VARSTATE_MIN_LIMIT

0x001 Superato il limite inferiore verso il basso


0

DM_VARSTATE_MAX_RANGE

0x002 Superato il limite di formato verso l'alto


0

DM_VARSTATE_MIN_RANGE

0x004 Superato il limite di formato verso il basso


0

DM_VARSTATE_CONVERSION_E
RROR

0x008 Visualizzazione Errore di conversione (in


0
combinazione a Superato il limite di formato verso xxx )

DM_VARSTATE_STARTUP_VALUE 0x010 Valore di inizializzazione delle variabili


0

17.8.4

DM_VARSTATE_DEFAULT_VALUE

0x020 Valore sostitutivo delle variabili


0

DM_VARSTATE_ADDRESS_ERRO
R

0x040 Errore di indirizzamento nel canale


0

DM_VARSTATE_INVALID_KEY

0x080 Variabile non trovata / non disponibile


0

DM_VARSTATE_ACCESS_FAULT

0x100 Accesso alla variabile non ammesso


0

DM_VARSTATE_TIMEOUT

0x200 Timeout / Nessuna segnalazione di risposta dal canale


0

DM_VARSTATE_SERVERDOWN

0x400 Server non disponibile


0

Monitoraggio di stato tramite lo stato delle variabili

Introduzione
possibile controllare in runtime lo stato di singole variabili WinCC deducendone di
conseguenza lo stato del collegamento relativo.
La progettazione del monitoraggio avviene nel Graphics Designer su una propriet di un
oggetto. Per il monitoraggio si presta, p. es., la propriet "Testo" di un testo statico.

430

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Diagnostica della comunicazione


17.8 Qualit delle variabili
Per la propriet desiderata viene aperto nel menu di scelta rapida della colonna "Dinamica"
tramite la voce "Finestra dinamica" il dialogo "Campi di valori dinamici".

Qui si effettuano le seguenti impostazioni:


La variabile da monitorare
Per il valore della variabile: l'assegnazione di campo di validit e visualizzazione di stato
L'attivazione dell'analisi di stato delle variabili
Per lo stato: l'assegnazione di campo di validit e corrispondente testo di stato
In runtime nell'oggetto progettato viene visualizzato uno dei testi di stato registrati in
corrispondenza con lo stato attuale della variabile.

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

431

Diagnostica della comunicazione


17.8 Qualit delle variabili

17.8.5

Monitoraggio di stato tramite le azioni globali

Introduzione
Una possibilit di monitoraggio di stato di una variabile viene offerta dalle funzioni
interne"GetTagState" e "GetTagStateWait" nell'editor Global Script. A differenza delle funzioni
"GetTag" e "GetTagWait" queste forniscono oltre al valore di una variabile anche il valore
relativo allo stato. Questo valore di stato pu venire analizzato attivando diversi eventi. Tramite
questo stato possibile anche dedurre lo stato del collegamento relativo.
Nell'azione globale il valore di stato della variabile da monitorare viene identificato per mezzo
della funzione "GetTagState" adatta al tipo di variabile. Per ogni tipo di variabile disponibile
una tale funzione. Il valore di stato 0 indica un collegamento in trasmissione dati esente da
disturbi. Questo stato ora pu venire analizzato in qualsiasi modo.

esempio
Nel presente esempio viene monitorata una variabile WinCC del tipo "Valore a 16 bit con
segno". Per identificare questa variabile viene utilizzata la funzione "GetTagSWordState". Il
primo parametro di funzione il nome della variabile WinCC da monitorare. Il secondo
parametro indica dove scrivere lo stato identificato.

Lo stato della variabile viene emesso nella variabile interna BINi_E_CONNECTION. Il valore
di questa variabile in caso di errore viene impostato su TRUE. Per l'analisi del disturbo la
variabile pu venire utilizzata, per esempio, per attivare un allarme o per mostrare una finestra
di segnalazione.

432

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Diagnostica della comunicazione


17.8 Qualit delle variabili

17.8.6

Verifica di una variabile interna

Introduzione
Se una variabile interna in runtime non visualizza il valore atteso, possibile verificare la
variabile con il seguente procedimento.

Presupposti
Progettare una variabile interna.
Attivare il progetto WinCC.

Procedura
1. Selezionare in WinCC Explorer nella gestione variabili la voce "Variabili interne".
2. Selezionare nella finestra dei dati la variabile da verificare. Aprire allo scopo la struttura
delle directory finch nella finestra dei dati viene visualizzata la variabile.
3. Portare il puntatore del mouse sulla variabile da verificare. Si apre una descrizione
comando con il valore attuale della variabile, il Quality Code e la data dell'ultima modifica.
4. Verificare il Quality Code. Se viene indicato il valore "80", il valore della variabile corretto.
Per una descrizione degli altri valori consultare il punto "Quality Code di variabili".
5. Se il Quality Code non "80", selezionare la variabile nella gestione variabili ed aprire
tramite la voce "Propriet" del menu di scelta rapida la finestra di dialogo "Propriet della
variabile".
6. Verificare se sulla scheda Limiti/Stampa sono progettati i valori per il limite superiore, per
il limite inferiore o il valore iniziale. Tali valori possono influenzare l'indicazione
7. Se il valore della variabile viene influenzato da un valore progettato, disattivare il progetto
e modificare i valori limite o sostitutivi.

Nota
La visualizzazione di valore di variabile, Quality Code ecc. ha luogo solo in runtime.

Vedere anche
Quality Code di variabili (Pagina 424)

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

433

Indice analitico
come ActiveX Control, 382
Verifica, 379

Ridondanza software, 286


eliminare in WinCC, 295
progettare in WinCC, 292
Variabili interne specifiche del collegamento, 288

Aggiungere una variabile, 83, 91


Aggiungi nuovo driver, 162
AR_SENDAR_SEND-FunktioninWinCC , 244
Area dati, 159
Array di byte, 173
AS511, 187

B
Barra grafica
Esempio per System Info, 360
Blocco, 180
Blocco ciclico, 180
Blocco di avviamento, 180

5
505-Ethernet (CP 1413-x)
Unit di canale, 307

A
Accesso a bit , 140
S5 Ethernet Layer 4, 140
S5 Profibus FDL, 165
Accesso a bit/byte, 37
Accesso a byte , 142
S5 Ethernet Layer 4, 142
S5 Profibus FDL, 167
Accesso di bit per bit, 37, 232
CCS7PlusChannel, 302
S5 AS511, 194
S5 Serial 3964R, 203
S7 Protocol Suite, 233
TI Ethernet Layer 4, 313
TI Serial, 327
Accesso di byte a byte, 232
S5 AS511, 195
S5 Serial 3964R, 205
S7 Protocol Suite, 234
SIMATIC S7-1200, S7-1500 Channel, 303
TI Ethernet Layer 4, 314
TI Serial, 328
Accesso di byte per byte, 37
Accesso per parola, 232
S7 Protocol Suite, 235
SIMATIC S7-1200, S7-1500 Channel, 304
Adatta formato, 17
Adatta formato WinCC, 17

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

C
Cambio di formato, 29, 160
Campo di valori, 29
Campo I/O
Esempio per S5 Profibus FDL, 183
Esempio per System Info, 358
Canale, 15, 135, 197, 208, 418
Diagnostica dei canali, 379
Esempio per S5 PROFIBUS FDL, 180
Funzione Statocollegamentologico, 379
Mitsubishi Ethernet, (Vedere Mitsubishi Ethernet)
PROFIBUS FMS, 125
Progettazione SIMATIC S5 PROFIBUS FDL, 162
SIMATIC S5 Ethernet Layer 4, 135
SIMATIC S5 Programmers Port AS511, 187
SIMATIC S5 Serial 3964R, 197
SIMATIC S7 Protocol Suite, 208
SIMATIC TI Ethernet Layer 4, 307
TI Serial, 321
Verifica, 389, 399, 409, 418
Canale , 125
Canale OPC, 413
Possibilit diagnostiche, 413
Progettare il canale OPC sul client DA OPC
WinCC, 91
Canale SIMATIC S5 PROFIBUS FDL, 403
Possibilit diagnostiche, 392
Canale SIMATIC S7 Protocol Suite, 392
Possibilit diagnostiche, 392
Canale SIMOTION, 331
Diagnostica, 343
Parametri di sistema, 338, 339, 341

435

Indice analitico

Progettazione, 333, 334, 335, 337, 338


Tipi di dati, 332
Canale System Info, 387
Possibilit diagnostiche, 387
Carico della CPU, 350
Esempio per System Info, 361
CCS7PlusChannel
Progettazione di una variabile con accesso bit per
bit, 302
Channel Diagnosis, 381
Channel DiagnosisCanale
Verifica, 382, 384
Channel DiagnosisChannelDiagnosis
DiagnosticacanaleconChannelDiagnosis, 382,
383
Channel DiagnosisFile Trace, 381
Client OPC DA, 89
Funzionamento del client WinCC OPC DA, 89
Client OPC UA, 114
Funzionamento del client WinCC OPC UA, 114
Client OPC XML, 106
Funzionamento del client WinCC OPC XML, 106
Collegamento, 15, 418
Collegamento attivo, 157
Collegamento passivo, 157
Creare un collegamento, 83
Creare un nuovo collegamento, 20
Progettazione, 164
Verifica, 389, 399, 409, 418
Verifica della progettazione del collegamento,
397, 407
Comunicazione, 13
Accesso a bit/byte, 37
Adatta formato, 17
Adatta formato WinCC, 17
Cambio di formato, 29
Campo di valori, 29
Classificare il cambio di formato per tipo di dati
PLC, 29
Classificare il cambio di formato per tipo di dati
WinCC, 23
Collegamento, 15
Comunicazione di processo WinCC , 15
Comunicazione tra WinCC ed il sistema di
automazione, 15
Creare un nuovo collegamento, 20
Driver di comunicazione, 15
Fondamento, 13
Indicazioni di lunghezza delle variabili di testo, 17
Indirizzamento nel sistema di automazione, 17
Meccanismo BinWrite, 37
PowerTag, 17

436

Principio del meccanismo BinWrite, 37


Principio della comunicazione WinCC, 15
Progettazione di PowerTag, 21
Progettazione di una variabile con BinWrite, 39
Propriet collegamento, 20
Propriet della variabile, 21
Scala lineare dei tipi di variabile numerici, 17
Tipi di dati WinCC, 17
Tipo di dati, 17, 29
Tipo di dati PLC, 21, 29
Unit di canale, 15
Variabile a bit/byte, 39
Comunicazione di processo WinCC , 15
Comunicazione OPC, 101, 120
Gestione degli errori in caso di comunicazione DA
OPC disturbata, 101
Gestione degli errori in caso di comunicazione
OPC UA disturbata, 120
Comunicazione WinCC, 15
Principio, 15
Contatore, 350
Controllo della stampante, 350
Esempio per System Info, 365
Controllo lifebeat canale S5Serial3964R
Controllo lifebeat , 199
Controllore programmabile (PLC), 160
CP1434 TF, 317, 318
Criteri di filtraggio, 91

D
Data, 350
Data e ora, 245
Dati di progettazione, 417
Diagnostica
Canali, 343
Diagnostica canale, 381
Canale con, 382, 384
Canale con la funzione Statocollegamentilogici,
379
Canale OPC, 413
Canale SIMATIC S5 PROFIBUS FDL, 403
Canale SIMATIC S7 Protocol Suite, 392
Canale System Info, 387
Channel Diagnosis, 381, 382, 383
Configurare la funzione Trace di un canale, 385
Diagnostica canale come applicazione Windows,
383
Diagnostica canale con, 381, 382
Diagnostica dei canali, 379
esempio, 432
File log, 387, 392, 403, 413

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Indice analitico

Flag ERROR di una registrazione nel file Registro,


387, 392
Flag Info di una registrazione nel file Registro, 387,
392, 403, 413
Flag predefinito della funzione Trace, 385
Funzione, 379
Monitoraggio dello stato delle variabili con le
azioni globali, 432
Monitoraggio dello stato delle variabili nella
finestra dinamica, 430
Panoramica delle indicazioni di stato, 389, 399,
409, 418
Parametri di collegamento, 407
Parametri di sistema, 407
Parametri di sistema-PROFIBUS, 397
Possibilit diagnostiche, 387, 392, 403, 413
Propriet - CP5613, 395, 396, 405, 406
Stato dei collegamenti logici, 379
Verifica dei dati di progettazione, 417
Verificare il canale, 389, 399, 409, 418
Verificare il collegamento, 389, 399, 409, 418
Verificare la progettazione del processore di
comunicazione, 395, 396, 405, 406
Verificare la variabile, 391, 401, 411, 420
Verificare una variabile interna, 433
WinCC Channel Diagnosis, 389, 399, 409, 418
Driver di comunicazione, 15, (Vedere il canale)
Driver di comunicazione PROFIBUS FMS
PROFIBUSFMS , 125

E
esempio, 432

F
File log, 387, 392, 403, 413
File Registro, 381
Flag ERROR, 387, 392
Flag INFO, 387, 392, 403, 413
Flag predefinito, 385
Funzione AR_SEND in WinCC
Esempio per struttura del blocco di dati, 254, 255,
256, 257, 262, 264, 266, 268, 271
Panoramica delle propriet relative alle varianti,
250
Progettazione di una variante per pi variabili di
archivio, 275
Progettazione di una variante relativa ad una
variabile di archivio, 272
Schema e parametri di un blocco di dati, 245

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Variante per pi variabili di archivio, 258


Variante per pi Variabili di archivio (ottimizzate),
270
Variante relativa ad una variabile di archivio, 253
Funzione speciale, 173
Funzione StatodeicollegamentilogiciStato dei
collegamenti logici, 379
Funzione Trace, 385
Configurare, 385

I
il collegamento, 215
Progettazione, 217, 219, 222, 224, 226, 228, 231
Indirizzo della variabile, 311
TI Ethernet Layer 4, 311
Indirizzo variabili, 139
PROFIBUS FMS, 125, 126, 132, 133
S5 Ethernet Layer 4, 135
TI Serial, 321
Informazioni di sistema
Esempio, 364
Informazioni di sistema supportate, 350
Sommario, 350
Interfaccia TTY, 187

M
Meccanismo BinWrite, 37
Principio, 37
Memoria del drive, 350
Esempio per System Info, 360
Memoria libera del drive, 350, 355
Mitsubishi Ethernet, 61
Controlli supportati, 63
Progettazione dei collegamenti, 63, 64, 65
Progettazione delle variabili, 63, 66, 68
Tipi di dati, 62, 66
Tipi di indirizzi, 66
Unit di canale, 61, 64, 65
variabile, 68
Monitoraggio del collegamento, 89

N
Nome di device, 146, 170
Modifica, 171
Nome di Device, 316
TI Ethernet Layer 4, 316
Nome logico dell'apparecchio, 238
modifica, 242

437

Indice analitico

Nuovo collegamento, 91

O
OPC
Accesso ad una variabile, 90
Aggiungere una variabile, 83, 91
Creare un collegamento, 83
Criteri di filtraggio, 91
Diagnostica canale, 413
Funzionamento del client WinCC OPC DA, 89
Funzionamento del client WinCC OPC UA, 114
Funzionamento del client WinCC OPC XML, 106
Gestione degli errori in caso di comunicazione
OPC disturbata, 101, 120
Interrogazione del ProgID, 83
Nuovo collegamento, 91
OPC in WinCC, 81
OPC Item Manager, 83
OPC1, 95, 112
OPCServer.WinCC-(DPC_4001), 91
Panoramica delle funzioni dell'OPC Item
Manager, 83
Progettare il canale OPC sul client DA OPC
WinCC, 91
Progettare l'accesso ad una variabile WinCC con
l'OPC Item Manager, 91
Progettare l'accesso ad una variabile WinCC
senza l'OPC Item Manager, 95, 112
Progettare una struttura, 98
Progettare una variabile di struttura, 98
Propriet indirizzo, 95, 112
Selezionare una variabile, 83
Struttura Propriet , 98
Strutture sul client DA OPC WinCC, 97
Tipi di dati WinCC supportati, 88
Tipi di dati WinCC supportati Panoramica, 88
Uso di strutture sul client DA OPC WinCC, 99
WinCC come client DA OPC, 101
WinCC come client OPC DA, 81
WinCC come client OPC UA, 120
WinCC come client OPC XML, 81
OPC Item Manager, 83, 91
Panoramica delle funzioni dell'OPC Item
Manager, 83
OPC UA
Accesso ad una variabile, 114
OPC XML
Accesso ad una variabile, 107
OPC1, 95, 112
OPCServer.WinCC-(DPC_4001), 91
Ora, 350, 355

438

Esempio per System Info, 358


Ora legale / Ora solare, 245

P
Pagina di processo
Esempio per System Info, 373
Parametri di collegamento, 15, 137, 162, 164, 175,
177, 215, 407
PROFIBUS FMS, 125
S5 AS511, 187, 189
S5 Ethernet Layer 4, 135
S7 Protocol Suite, 208
SIMATIC S5 Serial 3964R, 197
TI Ethernet Layer 4, 307, 309
TI Serial, 321
Unit di canale, 309
Parametri di sistema, 15, 146, 338, 339, 341, 407
S5 Ethernet Layer 4, 135
S5 Profibus FDL, 157
TI Ethernet Layer 4, 307, 316, 317, 318
Unit di canale, 316, 317
Parametri di sistema-PROFIBUS, 397
Parametri di trasporto, 15, 146
SIMATIC S5 Ethernet Layer 4, 146
SIMATIC TI Ethernet Layer 4, 316
TI Ethernet Layer 4, 316
Parametro di sistema, 238
Progettazione, 240, 242
SIMATIC S7 Protocol Suite, 208
Possibilit diagnostiche, 387, 392, 403, 413
Canale OPC, 413
Canale SIMATIC S5 PROFIBUS FDL, 403
Canale SIMATIC S7 Protocol Suite, 392
Canale System Info, 387
Processore di comunicazione, 395, 396, 405, 406
Verificare la progettazione del processore di
comunicazione, 395, 396, 405, 406
PROFIBUS FMS, 125
Indirizzo della variabile, 132, 133
Parametri di collegamento, 127
Progettazione delle variabili, 131, 132, 133
Tipi di dati, 126
Unit di canale PROFIBUS-FMS, 127, 128, 130
Progettazione
TI Ethernet Layer 4, 309
Variabile, 311
Progettazione con accesso bit per bit
Variabile, 313
Progettazione con accesso byte per byte
Variabile, 314

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Indice analitico

Progettazione delle variabili


TI Ethernet Layer 4, 311
Progettazione di una variabile con accesso bit per bit
TI Ethernet Layer 4, 313
Progettazione di una variabile con accesso byte per
byte
TI Ethernet Layer 4, 314
ProgID, 83
Interrogazione del ProgID, 83
Propriet - CP5613, 395, 396, 405, 406
Propriet collegamento, 20
Propriet della variabile, 21, 165, 167, 168, 173
Esempio per S5 Profibus FDL, 183
Propriet di collegamento, 164, 175, 177
Propriet indirizzo, 95, 112, 165, 167, 168, 173
Esempio per S5 Profibus FDL, 183
Punto del disturbo, 362

Q
Quality Code di variabili, 422, 424

R
Registrazione nel file Registro, 387, 392, 403, 413
Rete, 13

S
S5 AS511, 189
Definizione di una variabile con accesso byte per
byte, 195
Indirizzo variabili, 191
Progettazione, 189
Progettazione delle variabili, 191
Progettazione di una variabile con accesso bit per
bit, 194
Tipi di dati, 188
S5 Ethernet Layer 4, 135
Codici di errore in caso di disturbi di collegamento,
150
Costanti e codici d'errore interni, 150
Indirizzo variabili, 139
Nome di device, 146, 147
Parametri di collegamento, 137
Parametri di sistema dell'unit di canale, 146
Parametri di trasporto, 146, 149
Progettazione, 137
Progettazione delle variabili, 139
Progettazione di una variabile con accesso a bit,
140

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Progettazione di una variabile con accesso a byte ,


142
Progettazione di una variabile con accesso a
parola, 143
Segnalazioni iNA960 , 154
Segnalazioni SCI, 154
Tipi di dati, 136
Variabile di dati grezzi, 145
S5 Profibus FDL, 157
Accesso a variabile S5 , 159
Accesso ad una variabile S5 del tipo di dati
ARRAY OF BYTE, 159
Accesso ad una variabile S5 del tipo di dati BIT,
159
Accesso ad una variabile S5 del tipo di dati BYTE,
159
Aggiungi nuovo driver, 162
Area dati, 159
Blocco, 180
Blocco ciclico, 180
Blocco di avviamento, 180
Cambio di formato, 160
Collegamento attivo, 157
Collegamento passivo, 157
Diagnostica canale, 403
Esempio, 180, 183
Funzione speciale, 173
Modifica del nome di device, 171
Modifica del tempo di controllo in scrittura-lettura,
172
Nome di device, 170
Parametri di collegamento, 162, 164, 175, 177
Parametri di sistema, 171, 172
Parametri di sistema dell'unit di canale, 170
Parametri di variabile, 162
Particolarit del canale, 160
Progettare il canale SIMATIC S5 Profibus FDL,
162
Progettazione dei blocchi di comunicazione, 180
Progettazione del tipo di comunicazione, 175
Progettazione delle variabili, 165
Progettazione di trasmissione dati attiva, 175
Progettazione di trasmissione dati passiva, 177
Progettazione di un collegamento, 164
Progettazione di una variabile con accesso a bit,
165
Progettazione di una variabile con accesso a byte ,
167
Progettazione di una variabile con accesso a
parola, 168
Progettazione di una variabile di dati grezzi, 173
Progettazione SIMATIC S5 Profibus FDL, 162

439

Indice analitico

Propriet della variabile, 165, 167, 168, 173


Propriet di collegamento, 164, 175, 177
Propriet indirizzo, 165, 167, 168, 173
Service Access Point, 157
Tempo di controllo in scrittura-lettura, 170
Tipo di dati, 159
Tipo di dati supportato, 159
Unit di canale FDL (CP5412/A2-1), 157
Variabile di dati grezzi in forma di array di byte,
173
S5 Serial 3964R, 197
Progettazione, 199
Progettazione delle variabili, 201
Progettazione di una variabile con accesso bit per
bit, 203
Progettazione di una variabile con accesso byte
per byte, 205
Tipo di dati della variabile, 198
S7 Protocol Suite, 208
Ridondanza software, 286
Codici di errore in caso di disturbi di collegamento,
296
Diagnostica canale, 392
Eliminare una ridondanza software in WinCC,
295
Esempio per struttura del blocco di dati
AR_SEND, 254, 255, 256, 257, 262, 264, 266,
268, 271
Modifica del nome logico dell'apparecchio, 242
Panoramica delle propriet relative alla variante
AR_SEND, 250
Parametro di sistema, 238
Progettazione, 214
Progettazione dei parametri di sistema, 240
Progettazione di ridondanza software, 292
Progettazione di un collegamento, 217, 219, 222,
224, 226, 228, 231
Progettazione di una variabile con accesso a
parola, 235
Progettazione di una variabile con accesso bit per
bit, 233
Progettazione di una variabile con accesso byte
per byte, 234
Progettazione di una variabile di dati grezzi in
forma di array di byte, 281
Progettazione di una variabile di dati grezzi per le
funzioni BSEND/BRCV, 285
Progettazione di una variante AR_SEND per pi
variabili di archivio, 275
Progettazione di una variante AR_SEND per una
variabile di archivio, 272
Progettazione di variabile testo, 236

440

Scambio dei dati con FB S7ProtocolSuite:varianti


AR_SEND , 244
Schema e parametri di un blocco di dati con la
funzione AR_SEND, 245
Servizi di lettura ciclici, 239
Tipo di dati, 213
tipo di dati supportati, 213
Unit di canale, 209, 215
Variabile di dati grezzi, 278
Variabile di dati grezzi in forma di array di byte,
279
Variabile di dati grezzi per funzioni BSEND/BRCV,
283
Variabili interne specifiche del collegamento della
ridondanza software, 288
Variante AR_SEND per pi variabili di archivio,
258
Variante AR_SEND per pi variabili di archivio
(ottimizzate), 270
Variante AR_SENDfr di una variabile di archivio,
253
Segnalazione
Esempio per Informazioni di sistema, 364
Esempio per System Info, 362
Serie MELSEC FX3U, (Vedere Mitsubishi Ethernet)
Serie MELSEC Q, (Vedere Mitsubishi Ethernet)
Service Access Point, 157
Servizi di lettura ciclici, 239
SIMATIC S5 Profibus FDL, 157
Funzione speciale, 173
S5 Profibus FDL, 157
Variabile di dati grezzi, 173
SIMATIC S5 Programmers Port AS511, 187
SIMATIC S5 Serial 3964R, 197
SIMATIC S5 Serial 3964R , 199
SIMATIC S7 Protocol Suite, 208
SIMATIC S7-1200, S7-1500 Channel
Progettazione, 299
Progettazione del collegamento, 299
Progettazione di una variabile con accesso a
parola, 304
Progettazione di una variabile con accesso byte
per byte, 303
Progettazione di variabile testo, 305
Tipo di dati, 298
SIMATIC TI Ethernet Layer 4, 307
Canale, 307
Parametri di trasporto, 316
Sistema InfoSystemInfo
Utilizzoinunsistemaapistazioni , 369
Sistemi multiutente, 369
Utilizzo di canale , 369

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Indice analitico

Stato della variabile, 422, 429, 430, 432


Monitoraggio dello stato delle variabili con le
azioni globali, 432
Monitoraggio dello stato delle variabili nella
finestra dinamica, 430
Struttura
Progettare una struttura, 98
Strutture sul client DA OPC WinCC, 97
Utilizzare il client DA OPC WinCC, 99
Struttura Propriet , 98
System Info, 348
Configurazione del campo I/O, 358
Configurazione della barra grafica, 360
Configurazione di visualizzazione di stato, 365
Diagnostica canale, 387
Differenze con gli altri componenti software, 355
esempio, 357, 358, 360, 361, 362, 365, 370, 371,
372, 373, 374
Informazioni di sistema supportate Panoramica,
350
Memoria libera del drive, 350
Panoramica delle informazioni supportate dal
sistema, 350
Progettazione, 356
Punto del disturbo, 362
testo della segnalazione, 362
Tipi di dati utilizzati, 357, 370
Variabile da monitorare, 362

T
Tempo di controllo in scrittura-lettura, 170, 172
Modifica, 172
Temporizzatore, 350
testo della segnalazione, 362
TI Ethernet Layer 4, 307
Accesso di bit per bit, 313
Accesso di byte a byte, 314
Indirizzo della variabile, 311
Nome di Device, 316
Parametri di collegamento, 307, 309
Parametri di sistema, 307, 316, 317, 318
Parametri di trasporto, 316
Progettazione, 309
Progettazione delle variabili, 311
Progettazione di una variabile con accesso bit per
bit, 313
Progettazione di una variabile con accesso byte
per byte, 314
Tipi di dati, 308
Tipo di dati, 308
TI Serial, 321

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA

Indirizzo della variabile, 325


Indirizzo variabili, 325
Parametri di collegamento, 323
Progettazione, 323
Progettazione delle variabili, 325
Progettazione di una variabile con accesso bit per
bit, 327
Progettazione di una variabile con accesso byte
per byte, 328
Tipi di dati, 322
Tipi di dati, 17, 136
PROFIBUS FMS, 125, 126
S5 Ethernet Layer 4, 136
TI Ethernet Layer 4, 308
Tipo di comunicazione, 175
Progettazione, 175
Tipo di dati, 17, 88, 213, 298, 350
Cambio di formato, 29
Mitsubishi Ethernet, 62, 66
S5 AS511, 188
S5 Profibus FDL, 159
S5 Serial 3964R, 198
S7 Protocol Suite, 213
SIMATIC S7-1200, S7-1500 Channel, 298
TI Ethernet Layer 4, 308
Tipi di dati utilizzati, 350, 357
Tipi di dati WinCC supportati, 88
Tipi di dati WinCC supportati Panoramica, 88
Tipo di dati PLC, 17
Cambio di formato, 29
Tipo di dati WinCC, 17, 23
Cambio di formato, 23, 29
Tipo di dati WinCC, 23
Tipo di indirizzo
Mitsubishi Ethernet, 66
Tipo di variabile numerico, 17
Scala lineare, 17
Trasmissione dei dati, 175
Progettazione di trasmissione dati attiva, 175
Progettazione di trasmissione dati passiva, 177
Trasmissione delle modifiche, 239

U
Unit di canale, 15, 135, 162, 209
505 Serial Unit #1, 321
505-Ethernet (CP 1413-x), 307
FDL (CP5412/A2-1), 162
Industrial Ethernet, 216
Mitsubishi Ethernet, (Vedere Mitsubishi Ethernet)
MPI, 219
Named Connections, 221

441

Indice analitico

Parametri di collegamento, 309


Parametri di sistema, 146, 170, 316, 317
Parametro di sistema, 238
PROFIBUS, 224
PROFIBUS-FMS, 127
S5-AS511, 187, 189
S5-RK512 (3964R), 197
Selezione per canale SIMATICS7ProtocolSuiteS7
Protocol Suite:selezione delle unit di canale,
209
Slot PLC, 226
Soft PLC, 228
TCP/IP, 230
Trasporto S5 (CP1413-x), 137
Trasporto S5 (TCP/IP), 137
Unit di canale "Soft PLC", 228
Progettazione di un collegamento, 228
Unit di canale FDL (CP5412/A2-1), 157, 162
Unit di canale Industrial Ethernet, 216
Progettazione di un collegamento, 217
Unit di canale MPI, 219
Progettazione di un collegamento, 219
Unit di canale Named Connections, 221
Progettazione di un collegamento, 222
Unit di canale PROFIBUS, 224
Progettazione di un collegamento, 224
Unit di canale Slot PLC, 226
Progettazione di un collegamento, 226
Unit di canale TCP/IP, 230
Progettazione di un collegamento, 231

V
Variabile, 17, 139, 357, 420, 422
Aggiungere una variabile, 83
Esempio per System Info, 357, 372
Esterna, 17
Indicazioni di lunghezza delle variabili di testo, 17
Indirizzamento di variabili esterne nel sistema di
automazione, 17
OPC Item Manager, 91
PowerTag, 17
Progettare l'indirizzo delle variabili, 201
Progettare l'OPC Item Manager, 91, 95, 112
Progettare PowerTag, 21
Progettazione, 131, 132, 133, 139, 165, 311, 325
Progettazione con accesso a bit , 140
Progettazione con accesso a parola, 143, 168
Progettazione con accesso bit per bit, 203, 313,
327
Progettazione con accesso byte per byte, 205,
314, 328

442

Progettazione della scala lineare, 21


Progettazione dell'accesso a bit, 165
Progettazione dell'accesso a byte , 142, 167
Progettazione di una variabile con BinWrite, 39
Progettazione di variabile di testo, 21
Progettazione di variabile esterna, 21
Qualit, 422
Quality Code, 422, 424
Selezionare una variabile, 83
Stato, 422, 429
Verifica, 391, 401, 411, 420
Verifica della progettazione delle variabili, 397,
407
Verificare una variabile interna, 433
Variabile a bit/byte, 39
Variabile da monitorare, 362
Variabile di collegamento, 98
Progettare una variabile di struttura, 98
Variabile di dati grezzi, 173, 278
in forma di array di byte, 173, 279
per funzioni BSEND/BRCV, 283, 285
Progettazione, 173
progettazione in forma di array di byte, 281
Variabile di testo, 17, 232
Progettazione, 21, 236
Variabile S5, 159
Accesso a variabile S5 , 159
Accesso ad una variabile del tipo di dati Byte,
159
Accesso ad una variabile S5 del tipo di dati
ARRAY OF BYTE, 159
Accesso ad una variabile S5 del tipo di dati BIT,
159
Variabili, 232
Progettazione con accesso a parola, 235
Progettazione con accesso bit per bit, 233
Progettazione con accesso byte per byte, 234
Visualizzazione di stato, 389, 399, 409, 418
Esempio per System Info, 365

W
WinAC Basis, 228
WinAC Pro, 226
WinCC
Come client DA OPC, 101
come client OPC DA, 81
Come client OPC UA, 120
come client OPC XML, 81
OPC in WinCC, 81, 101, 120
WinCC Channel Diagnosis, 389, 399, 409, 418

WinCC: Comunicazione
Manuale di sistema, 02/2013, A5E32318641-AA