Sei sulla pagina 1di 5

1.

Guarda qui e qui specchiati,


2. secolo stupido e arrogante,
3. che hai abbandonato la strada segnata
4. sin qui dal pensiero rinascimentale
5. e materialistico, e torni sui tuoi passi,
6. ti vanti della tua svolta allindietro,
7. la addirittura la chiami progresso.
8. Tutti gli ingegni, di cui una sorte sciagurata
9. ti ha fatto padre, sono intenti ad adulare
10. il tuo atteggiamento bamboccesco, bench
11. a volte, tra di loro, si facciano
12. beffe di te. Io non andr sotto terra
13. con tal vergogna;
14. ma piuttosto il disprezzo nei tuoi confronti
15. che ho rinchiuso nel cuore,
16. lavr mostrato il pi apertamente possibile;
17. anche se so che la cancellazione dalla
18. memoria schiaccia chi troppo biasima il proprio tempo.
19. Di questo male, che sar in comune
20. tra me e te, finora me ne rido molto.
21. Vai sognando la libert, e tuttavia vuoi
22. che il pensiero sia di nuovo servo, quel pensiero
23. per cui, solo, risorgemmo dalla barbarie,

24. e per cui solo si pu crescere in civilizzazione,


25. che unica tra tutte guida
26. il destino comune al meglio.
27. Perci ti ha dato fastidio la verit
28. sulla sorte amara e sul mondo infelice
29. che la natura ci ha assegnato. Per questo motivo,
30. da vigliacco, hai voltato le spalle alla luce
31. che ci ha mostrato queste cose; e, mentre fuggi,
32. chiami vile chi segue quella via,
33. e definisci magnanimo solo chi,
34. astuto o stolto, illudendo gli altri o se stesso,
35. eleva il genere umano fin sopra le stelle.
36. Un uomo di condizioni modeste e salute
37. cagionevole, nobile ed elevato danimo,
38. non definisce n reputa se stesso
39. ricco di beni o di vigore fisico,
40. e non si mette ridicolmente in mostra
41. tra la gente per la vita lussuosa
42. o per il suo bellaspetto;
43. ma senza vergogna si mostra privo
44. di forza fisica e di beni materiali, e chiama
45. apertamente le cose col loro nome, e stima
46. le sue cose in modo aderente alla verit.
47. Non penso che sia un essere

48. magnanimo ma sciocco chi,


49. destinato a morire, educato attraverso le sofferenze,
50. afferma: Sono nato per essere felice
51. e riempie con il suo nauseante orgoglio
52. fogli su fogli, promettendo in terra,
53. a genti che unonda di tempesta,
54. una pestilenza, un terremoto
55. possono distruggere in modo che
56. ne sopravviva a stento il ricordo,
57. un destino sublime
58. e straordinarie felicit,
59. che il cielo stesso ignora.
60. Uno spirito nobile quello
61. che ha il coraggio di sollevare
62. i propri occhi mortali contro
63. il destino comune, e che con parole oneste
64. e sincere e senza nulla togliere alla verit,
65. e confessa il male che ci stato assegnato,
66. e la nostra condizione meschina e fragile;
67. una natura nobile quella che mostra s
68. coraggiosa e forte nella sofferenza, e che non
69. aggiunge alle sue sciagure n gli odi
70. n le violenze tra simili, che sono ancora
71. pi gravi del resto, dando la responsabilit

72. alluomo del suo dolore, ma d la colpa


73. alla natura che davvero colpevole, e che
74. per gli uomini madre per il parto e matrigna
75. per come ci tratta. Lumanit definisce
76. questa come nemica;
77. e pensando di essere, com vero, unita
78. e schierata contro di lei,
79. ritiene tutti gli uomini confederati tra loro
80. e tutti li stringe in un abbraccio
81. con vera partecipazione, offrendo
82. ed aspettando un valido e rapido aiuto
83. nelle alterne difficolt e nelle sofferenze
84. della comune lotta. E crede che sia stolto
85. armare la propria mano per le offese delluomo,
86. e gettare un tranello e tramare un danno contro
87. il proprio vicino, cos come sarebbe stupido,
88. in un campo di battaglia circondato dai nemici,
89. nel momento pi feroce dellassalto,
90. dimenticando i nemici, intraprendere
91. con i commilitoni duri battibecchi
92. e disseminare la fuga o tirare colpi di spada
93. tra i propri guerrieri.
94. Quando considerazioni di questo tipo
95. saranno, come lo sono state in passato,

96. evidenti a tutti; e quando il terrore che per primo


97. un gli uomini contro la natura malvagia
98. in una catena di solidariet,
99. quando il discorso pubblico
100.

onesto e retto sar

101.

in parte recuperato dal vero sapere,

102.

allora la giustizia e il senso di piet avranno

103.

unaltra radice che non lottusa fede,

104.

sulle cui fondamenta la mentalit del popolo

105.

solita star in equlibrio come pu stare

106.

chi ha il proprio appiglio nellerrore.