Sei sulla pagina 1di 136

.

Victoria Stilwell
BASTA!
Io o il CANE
Il vostro cucciolo vi sta facendo diventare matti? Il nuovo arrivato non
riesce ad abituarsi alla vita di casa? Di quanto esercizio fisico ha
bisogno la
razza che avete scelto? Perch dovete essere il "capobranco" a casa
vostra? Volete saperne di pi sul vostro animale domestico? Come
insegnargli a non
rosicchiare e mordere? Cosa fare se abbaia tutto il giorno,
importunando i vicini di casa? "Basta! Io o il cane" contiene tutte le
risposte alle domande
pi frequenti e le soluzioni ad hoc per gestire al meglio il proprio
animale; dimostra inoltre come l'addestramento non sia l'imposizione
della volont
del padrone, ma un paziente lavoro di comprensione e accudimento. Il
metodo del Rinforzo Positivo (R+) messo a punto da Victoria Stilwell
ha lo scopo di
insegnare al proprio cane il comportamento corretto in ogni situazione,
motivandolo attivamente: si basa su un approccio dolce e affettuoso nei
confronti
dell'animale, evitando il ricorso a qualsiasi forma di autoritarismo e
prevaricazione.

MONDADORI 2012
Dedico questo libro ai miei cari, mo marito Van e mia figlia
Alexandra. Sono fortunata ad avervi nella mia vita: vi amo moltissimo.
Titolo originale
It's Me or the Dog. How to bave the Perfect Pei
Traduzione di Roberta Denti
Revisione tecnica a cura di Daniela Cardillo, membro in Italia del team
internazionale "Victoria Stilwell Positively Dog Training"
Introduzione

Da piccola volevo con tutta me stessa un cane. Ricordo che, di notte,


lasciavo dei bigliettini sotto il cuscino di mio padre: "Per favore, pap,
posso avere un cane? Prometto che, se mi prendi un cane, far sempre
la brava". Mio padre non me lo regal mai. Mi aveva detto no per una
ragione seria, e non perch non amasse questi animali: in realt sapeva
che, una volta passata la novit, sarebbero stati lui e mia madre a
doversi occupare dell'animale. Poich entrambi lavoravano, la cosa era
semplicemente impraticabile. Ripensandoci, so che aveva ragione.
Negli ultimi quindici anni ho pi che recuperato il tempo perso: ho fatto
la dog sitter di professione, ho lavorato nei rifugi per cani e nelle case
con cani, e continuo a fare da consulente per diverse organizzazioni che
si occupano di cani abbandonati. Inoltre, ho preso in affidamento pi di
quaranta esemplari che erano troppo vecchi, troppo difficili o troppo
malati per riuscire a trovare facilmente una nuova famiglia.
Mentre crescevo, la cosa pi vicina all'avere un cane era fare visita ai
beagle che allevava mia nonna. La nostra passeggiata preferita era
portarli lungo i campi accanto al Tamigi. Di tanto in tanto facevano una
corsa in libert. Non mi dimenticher mai i quattro beagle che
scompaiono verso il tramonto, con le orecchie che sventolano, le
bocche aperte in un sogghigno, elettrizzati dalla caccia, mentre mia
nonna, senza alcun risultato, gridava loro di tornare indietro. Erano i
cani peggio addestrati che ci si possa immaginare ma quando, alla fine,
qualche ora dopo, ritornavano a casa da soli, sporchi, esausti ed euforici
erano le creature pi felici sulla faccia della terra.
Mia nonna stata una grande fonte d'ispirazione per me e ha
influenzato molto il lavoro che svolgo. Cresciuta in un ambiente
benestante e privilegiato, con quattro fratelli maggiori, mia nonna non
si mai conformata alle aspettative che suo padre aveva su come
dovesse comportarsi la sua bambina. Invece di indossare deliziosi
abitini, lei desiderava andare a cavallo, lavorare nei canili e riempirsi di
fango e sporcizia, com'era concesso fare ai fratelli. Quando il padre
mori mentre lei era ancora un'adolescente, mia nonna prosegu per la
sua strada.
Ben prima che io nascessi, a Londra allest uno dei principali saloni per
la cura del cane e poi divenne un'allevatrice di beagle.
I suoi cani, sebbene non fossero addestrati alla perfezione, non sono
mai stati viziati, anche se erano al primo posto tra i suoi affetti. E
avevano uno stile di vita a cinque stelle.

Benno stato il mio primo cane. Dico "mio" anche se non era
propriamente cos. Ero una giovane attrice di belle speranze e, come
molti attori, trascorrevo pi tempo servendo ai tavoli che non sui
palcoscenici.
Mia sorella lavorava come infermiera in uno studio veterinario e
integrava il proprio stipendio lavorando occasionalmente come dog
sitter. Al verde e alla disperata ricerca di uno straccio di vita normale,
accettai il suo consiglio e I Iniziai a promuovermi come dog sitter. Nel
giro di qualche giorno ricevetti una telefonata da parte dei padroni di
Benno.
Benno era un cucciolo di border collie che viveva in casa di due
avvocati molto impegnati. Persino allora mi sembrava strano come due
persone, che lavoravano tutto il giorno, avessero deciso di prendere con
loro un cucciolo, ma almeno avevano avuto il buon senso di ricorrere a
qualcuno che se ne occupasse mentre loro erano fuori casa.
Non dimenticher mai la nostra prima passeggiata nel Wimbledon
Common. Benno mi guard con un entusiasmo indescrivibile e non so
come ma i suoi occhi mi trasmisero un'energia che mi pervase subito.
Quel momento segn l'inizio del mio splendido rapporto con i cani
Un paio di mesi dopo aver iniziato il mio lavoro come dog sitter di
Benno, ogni giorno portavo a passeggio ormai una ventina di cani. Il
turno del mattino era composto da quelli che io chiamavo gli
"sbandati", un gruppo variopinto che rappresentava molte delle razze
pi comuni: Teddy, un cucciolo di labrador, era pi che felice di
rotolarsi in ogni pozza di fango che riusciva a trovare; Shanty, un
bearded collie epilettico, amava saltare le felci come un'aspirante
Giselle, mentre Wilbur, un boxer bianco che si atteggiava a duro del
gruppo, era sempre il primo a correre a nascondersi dietro le mie gambe
quando qualcuno degli altri cani si arrabbiava con lui.
Il turno del pomeriggio comprendeva invece gli "aristocratici": uno
schnauzer, Willie, e Archie, un west highland terrier, che guardavano
dall'alto dei loro nasi gli altri cani, mentre annusavano cautamente il
terreno intorno a loro. Comunque, Jessie, un pastore tedesco, il cui
proprietario era un famoso politico, metteva tutti al loro posto.
Con entrambi i gruppi ero solita camminare per ore lungo il Wimbledon
Common, circondata da queste meravigliose creature. I cani non
scappavano mai, anche quando li lasciavo liberi, n litigavano tra loro.

Non mi sono mai domandata perch non lo facessero. Solo quando


diventai un'addestratrice compresi come mai quei cani volessero stare
con me: ai loro occhi, io ero il loro leader e ascoltavano ogni cosa che
dicevo. Sapevano che con me le cose andavano bene e che, quando mi
presentavo per portarli fuori, sarebbero successe avventure piacevoli ed
eccitanti. Mi rispettavano perch li trattavo con estrema cura e rispetto
Si fidavano di me e sapevano che ero la loro protettrice.
Quei cani, con le loro manie e le diverse personalit, mi hanno
introdotto all'affascinante mondo del comportamento del cane.
Un giorno, nel parco di Common, incontrai un esperto di
comportamenti animali e iniziammo a chiacchierare. Gi allora stavo
sviluppando una crescente curiosit sulle ragioni per cui i cani si
comportavano in una determinata maniera e, da quel momento in poi,
cominciai a integrare le mie osservazioni con una serie di ricerche,
leggendo libri, frequentando seminari e corsi. Allo stesso tempo
lavoravo come volontaria portando a spasso i cani del Battersea Dogs'
Home (un rifugio per esemplari abbandonati), la mia prima esperienza a
contatto con i cani che avevano subito questa triste sorte. In seguito ho
lavorato anche con i centri di soccorso Greyhound e con altri rifugi
assistenziali. Nel 1999, quando dall'Inghilterra mi trasferii a New York,
il mio lavoro fece un salto di qualit. Inaugurai una scuola di
addestramento per istruire le famiglie con bambini su come addestrare
in maniera corretta ed efficace i propri cani. Lavorai con l'ASPCA, la
societ americana per la prevenzione delle crudelt sugli animali, e con
alcuni canili di Manhattan, oltre ad addestrare cani a New York, nel
New Jersey e in Pennsylvania. Dopo aver trascorso due anni a girare la
trasmissione Basta! io o il cane in Gran Bretagna, sono tornata negli
States e mi sono trasferita nel sud del Paese, in Georgia, dove oggi sono
responsabile di un'organizzazione che si occupa dell'addestramento dei
cani, e inoltre lavoro come consulente comportamentale per alcuni di
canili nella Georgia settentrionale.
Mio marito e io abbiamo preso in affidamento molti cani mentre
abitavamo a New York, esemplari presi dai canili municipali prima che
venissero soppressi. Ci siamo presi cura di quelli anziani e abbiamo
allevato i giovani, molti dei quali erano malati o avevano traumi causati
agli abusi subiti. In molti casi siamo stati in grado di riabilitare questi
cani e di trovare loro una nuova sistemazione. Siamo stati attenti a non
creare un legame troppo stretto con i nostri cani adottivi, in modo che

per loro fosse pi facile stabilire un rapporto con i loro nuovi padroni,
ma comunque separarsi da loro non stato facile. Ci mancava avere un
animale che fosse tutto nostro, ma gli impegni di lavoro continuavano a
portarci in giro e non eravamo in grado di offrirgli uno stile di vita
stabile e adeguato.
Oggi, dopo molti anni, siamo gli orgogliosi padroni di un labrador color
cioccolato, che abbiamo salvato: si chiama Sadie. I due aspetti
principali del mio lavoro, soccorrere i cani e addestrarli, sono
profondamente legati. Sapete che il 96% dei cani che finiscono per
essere abbandonati nei rifugi non ha mai ricevuto alcun tipo di
addestramento? L'anno prima di arrivare a New York, 67.000 cani e
gatti sono stati sistemati in tali strutture e 47.000 di questi sono stati
soppressi. un tragico spreco di vite.
La situazione oggi in qualche modo migliorata, grazie a padroni
sempre pi consapevoli della necessit di sterilizzare i propri animali
domestici, ma il numero di cani allevati continua a superare quello delle
persone disposte a occuparsene in modo corretto.
Ho un profondo rispetto per il cane domestico. Per migliaia di anni ha
coabitato con gli esseri umani e ha tollerato tutte le eccentricit del
"nostro" mondo. Quest'alleanza unica e indissolubile tra il cane e
l'essere umano ha reso il piccolo quadrupede una delle specie di
maggior successo in tutto il pianeta. I predecessori del vostro amico a
quattro zampe hanno garantito la sopravvivenza della specie
schierandosi al fianco dell'altra specie con il maggior potere di
proteggerli da una minaccia: l'uomo.
Dal tempo in cui doveva combattere una costante battaglia per la
sopravvivenza nella natura selvaggia a quello in cui pu dormire su un
comodo divano con un'offerta infinita di cibo e affetto, quanta strada
stata percorsa: questo s che un animale astuto!
Quando chiedo a un nuovo cliente che cosa cerca di ottenere
dall'addestramento, la risposta di rito che vuole insegnare al proprio
cane a essere obbediente. Il padrone vuole che il cane risponda ai
comandi, come "seduto", "resta" e "a cuccia", che sia educato a stare in
casa e che vada d'accordo con le altre persone e gli altri cani. In
generale, la gente pensa che l'addestramento dei cani si limiti a questo.
Al contrario, non sento quasi mai un cliente interessato a sapere come il
cane impara e comunica e di che cosa ha bisogno perch
l'addestramento abbia successo.

Eppure, il punto proprio questo: l'addestramento significa


comprendere come il vostro cane percepisce il mondo intorno a lui.
Solo usando questo tipo di conoscenza potrete comunicare meglio con
lui e creare un ambiente dove sia felice e abbia fiducia in se stesso per
affrontare la vita domestica. Comprensione e comunicazione:
semplice. Siamo talmente concentrati sul far sedere, mettere a cuccia e
far obbedire il cane quando lo chiamiamo che perdiamo di vista il vero
motivo del perch lo stiamo facendo.
Lo scopo di questo libro proprio quello di fornirvi una solida base di
conoscenza sulla quale costruire l'addestramento del vostro cane.
Consideratelo come un pratico supporto. Ovviamente, potete insegnare
al vostro cane "seduto" e "vieni" senza capire a fondo il suo
comportamento innato, Ma, prima o poi, vi capiter di imbattervi in un
problema o in una difficolt che richiede un approccio pi competente.
Se non capite perch si comporta in una determinata maniera, o non
riuscite a comunicare con lui in un linguaggio che lui possa
comprendere, allora non sarete in grado d risolvere il problema.
Inoltre, arrivati a questo punto molti padroni rispondono in uno di
questi due modi: si arrendono e ignorano la situazione oppure ricorrono
a severe punizioni che, inevitabilmente, peggiorano la situazione.
Alcune persone scelgono di andare avanti a vivere la propria vita con
un animale indisciplinato, accettando tutti i limiti che una simile
condizione impone loro. Altri invece non sanno pi dove sbattere la
testa e decidono di rinunciare alla compagnia del loro cane. Le cose non
devono per forza andare in questa maniera.
In qualit di addestratrice, ne ho viste davvero di tutti i colori: dal cane
che cercava di mangiare la parete ogni volta che il padrone lo lasciava
da solo in casa, a problemi di ordine pi comune, come rosicchiare le
scarpe, abbaiare in giardino e dare la caccia ai gatti. Avendo adottato
per un determinato periodo diversi cani, so molto bene quale prezzo gli
animali debbano pagare quando i loro padroni non possono o non
vogliono addestrarli nel modo corretto. Per questo motivo sono stata
felice di accettare di partecipare alla trasmissione televisiva Basta! io o
il cane e dimostrare come tecniche fondamentalmente semplici possono
davvero risanare situazioni all'apparenza senza speranza.
Nelle pagine di questo libro troverete dunque consigli su ogni aspetto
inerente alla cura del vostro cane, da che cosa dargli da mangiare a
come portarlo a spasso. Al tempo stesso troverete anche soluzioni, gi

provate e testate, per i tipi di problemi pi comuni che la maggior parte


dei proprietari di cani incontra prima o poi. Addestrare un cane non
significa imporgli la vostra volont: si tratta di fornirgli gli strumenti di
cui ha bisogno per vivere nel vostro mondo. I cani sono animali
meravigliosi, che non smettono mai di affascinarmi e di ispirarmi.
Concedetevi dunque del tempo per addestrare il vostro amico a quattro
zampe e sarete oltremodo ricompensati dall'amore, dall'affetto e dalla
meravigliosa compagnia che un cane sa portare nella nostra vita.
Le mie dieci regole d'oro per allevare e addestrare un cane
1 Pensare come il cane
Comprendete il modo in cui i cani imparano conoscendo le
caratteristiche tipiche della specie. I cani non sono esseri umani, ma
molte persone li trattano come se lo fossero.
2 Parlare come il cane
Imparate a comunicare in modo efficace nel suo linguaggio. I cani non
possono parlare in italiano o in nessun'altra lingua umana, voi invece
potete imparare a esprimervi come loro.
3 Assumere la leadership
Chi ha il controllo del vostro cane? Voi. Dovete essere sicuri della
vostra leadership. L'animale sar pi felice con un leader in gamba da
seguire.
4 Riconoscere i risultati positivi
Premiate il comportamento corretto. Le cose belle arrivano al cane
quando si comporta bene! Ignorate o correggete il comportamento che
non volete incoraggiare. Sembra semplice, ma molte persone fanno
l'opposto senza rendersene conto. Non ricorrete mai a punizioni severe.
5 Tempismo perfetto
Quando premiate o correggete il vostro cane, fatelo con il giusto
tempismo.
Se impiegate troppo a rispondere, i cani non assoceranno il premio o la
correzione a un'azione.
Dovete farlo entro un secondo dal suo comportamento.
6 Essere coerenti
Siate sempre coerenti: questo vale per ogni membro della famiglia.
Usate gli stessi ordini e concordate sulle regole della casa. Il cane pu o
non pu salire sul divano? I messaggi contraddittori confondono

l'animale e lo rendono ansioso perch non riesce a capire come


dovrebbe agire.
7 Conoscere il carattere
Il vostro cane un individuo con i suoi punti di forza e le sue
debolezze, simpatie e antipatie. Sia che si tratti di una razza pura sia di
una razza mista, esistono caratteristiche tipiche da prendere in
considerazione. Impara a conoscerlo bene.
8 Variare lo scenario
Offrite una variet di esperienze diverse per stimolare il cervello e i
sensi del vostro cane. Questi animali amano giocare e sono soggetti alla
noia, proprio come capita a noi. Non lo addestrate sempre nel solito
posto o usando la stessa posizione del corpo. Insegnategli ad ascoltarvi
e a rispondervi in ogni situazione.
9 Un apprendimento che dura tutta la vita
Iniziate ad addestrare il vostro cane sin da piccolo e continuate a
consolidare l'insegnamento per tutta la sua vita. Potete e dovete
insegnare a un cane anziano nuovi esercizi.
10 Essere pazienti
Facilitate l'apprendimento e la buona riuscita dell'addestramento del
vostro cane. Tenete sotto controllo il suo ambiente. Riponete al sicuro
le scarpe in modo che non le rosicchi. Quando state addestrando il
vostro cane, accettate il fallimento come parte del processo di
apprendimento. Perch un addestramento abbia successo, bisogna avere
pazienza.
PENSARE COME IL CANE
IMPARARE A CAPIRLO
Se volete addestrare il vostro cane, per prima cosa dovete vedere il
mondo dal suo punto di vista. I cani non sono esseri umani, ma molte
persone li trattano come se lo fossero e i problemi partono proprio da
qui. Anche se il vostro cane vive insieme agli umani in un mondo di
umani, i suoi istinti rimangono quelli propri di un cane.
Vi faccio un esempio: portate il vostro cane al parco; lui scorrazza in
giro per un po', annusando il terreno e poi si ferma e si rotola nell'erba.
Se vedete questa scena attraverso gli occhi umani, immaginate che il
cane si stia rotolando nell'erba per il puro piacere di farlo. Forse pensate
che abbia scoperto un nuovo modo per grattarsi la schiena. Entrambe le

interpretazioni possono essere in parte corrette, ma anche possibile


che si stia rotolando nell'erba per coprirsi con un particolare e allettante
odore (un effluvio che probabilmente voi non siete in grado di
percepire). Gli esperti non sono del tutto sicuri, ma si pensa che i lupi si
coprano di odori per consolidare il proprio status all'interno del branco
o per occultare il proprio quando vanno a caccia di prede.
Questo un semplice esempio di come si possa fraintendere il
comportamento del cane, in un caso che non ha un particolare impatto
sulla vostra relazione con lui. In molte altre circostanze, tuttavia,
fraintendere i segnali pu causare problemi pi seri. Capire come il
cane impara e percepisce il mondo vi fornir una solida base su cui
fondare il vostro addestramento e uno strumento per comunicare in
maniera efficace con il vostro animale domestico.

(foto)
Anche se il vostro cane vive insieme agli umani in un mondo di umani,
i suoi istinti rimangono quelli propri di un cane.
Il branco
I cani e gli esseri umani sono in grado di vivere cos bene insieme
perch, sotto alcuni aspetti, le due specie sono molto simili. Come noi, i
cani sono creature sociali. In natura il lupo, l'antenato del cane
domestico, vive in branchi composti da gruppi familiari allargati:
accudisce i suoi piccoli per un periodo relativamente lungo e comunica
con i membri del branco usando un'ampia gamma di segnali, espressi
sia in gesti sia in suoni.
Il branco strutturato in un ordine preciso o gerarchico con una coppia
dominante, composta da un maschio e una femmina in cima al gruppo e
da altri membri schierati per rango in base all'et, al sesso e alle abilit.
La comunicazione di vitale importanza per la sopravvivenza del
branco, perch consente ai membri di coordinare gli attacchi alle prede
e svolge un ruolo chiave nello stabilire i legami all'interno del gruppo.
In maniera altrettanto fondamentale, la comunicazione rinforza il senso
gerarchico in modo che ogni membro del branco conosca il proprio
posto nello schema sociale. Molte persone sbagliano quando pensano
che i cani, abbandonati a se stessi, litigherebbero senza tregua per il
controllo e il dominio. In realt, vero proprio il contrario. La violenza

un'eccezione nel comportamento del cane selvatico e del lupo; la


deferenza la norma. Di fatto, la gerarchia nei branchi mira
espressamente a prevenire la disgregazione generata dalle liti, oltre ad
assicurare che, in tempo di crisi, i pi forti sopravvivano a beneficio
dell'intera specie.
I motivi per cui dovete assumere la leadership
Quando portate a casa un cucciolo o un cane, questo diventa una parte
importante della vostra unit familiare. Il vostro cane, per stare bene, ha
bisogno di un leader e questo leader dovete essere voi. Voi siete la
guida del vostro cane nel bizzarro e meraviglioso ambiente domestico
in cui si trova. I cani saranno anche compagni dell'uomo ormai da
millenni, ma questo non rende loro pi facile vivere obbedendo alle
vostre regole senza una guida precisa. Quando voi siete il leader, il cane
segue le indicazioni che voi gli darete, che gli permetteranno di
adattarsi con maggiore serenit nella vostra casa.
Alcune razze per natura sono pi dominanti di altre, cos come lo sono
alcuni soggetti nella loro individualit. Ma tutti i cani sono pi felici e
si comportano meglio quando hanno una guida risoluta e chiari limiti da
rispettare. Se comprendono che tutte le cose belle della vita provengono
da voi - il cibo, i giocattoli, i premi, le carezze e l'attenzione e cos via saranno pi felici di ascoltarvi. Molte persone ritengono, a torto, che la
punizione sia il modo migliore per dimostrare al proprio cane chi
detiene il comando. In passato, gran parte dell'addestramento dei cani
era di stampo palesemente correttivo e faceva uso di dolorosi collari a
strozzo, per esempio, o dell'occasionale sculacciata. Picchiare un cane
sempre sbagliato, oltre a essere controproducente. Quando colpite un
cane, gli insegnate ad avere paura di voi, rovinate il vincolo di fiducia
che vi lega e indebolite la sua sicurezza. I cani insicuri sono quelli che,
con pi probabilit, reagiranno con un attacco aggressivo.
comprensibile: non gli avete dato altra scelta. Quindi, come potete
mostrare al vostro cane che siete voi il leader? Beh, proprio a questo
punto che capire il comportamento del cane diventa molto utile.
Tranquillit e autorevolezza
In qualit di leader, dovete mostrare tranquillit e autorevolezza.
Immaginate di essere l'amministratore delegato della vostra azienda. La

gente segue con maggior facilit un leader calmo e controllato. I cani


percepiscono ogni sfumatura del comportamento umano.
Quando siete agitati, ansiosi, nervosi e stressati, questi stati d'animo si
trasmettono ai vostri amici a quattro zampe. Proiettare un'immagine
tranquilla e sicura di s sar significativo per il vostro cane.
Attenzione
I cani amano l'attenzione e si deprimono quando sono isolati.
L'attenzione pu essere una potente ricompensa per alcuni cani, quindi
usatela con saggezza per rinforzare il comportamento corretto. Allo
stesso modo, ignorare Il vostro cane pu aiutarlo a tranquillizzarsi se
oltremodo vivace quando vi fa le feste. Aspettate che si calmi e poi
ricompensate la sua tranquillit con la vostra attenzione.
Creare un rapporto
Un buon rapporto si basa sulla comprensione, non sul dominio. Negli
Stati Uniti prevale ancora la tendenza alluso di metodi di
addestramento basati sul dominio, come dare strattoni con il guinzaglio
o impiegare il collare a strozzo perch i cani non tirino, il cos detto
alpha roll (azione in cui il cane messo a forza su di un lato per
sottometterlo), oppure altre dure punizioni come colpirlo e sgridarlo.
Questo tipo di addestramento si dimostrato non solo pericoloso (molte
persone finivano per essere morsicate), ma anche dannoso a livello
psicologico (la maggior parte del comportamento negativo causato
dall'insicurezza del cane e non dal fatto di essere sottomesso, quindi
usare punizioni severe non fa che aumentare e peggiorare il
comportamento sbagliato).
Purtroppo, in realt l'addestramento basato sul dominio insegna al cane
a rispondere in preda alla paura, guastando quell'importante legame tra
essere umano e animale. stato dimostrato che le punizioni severe
hanno un effetto dannoso sui bambini, ma lo stesso vale per i cani. I
metodi positivi di addestramento sono molto pi efficaci, in quanto il
cane risponder al proprio padrone perch lo vuole fare e non perch ha
paura.
Invece di inibire le naturali emozioni di un cane, i metodi positivi
possono cambiare la percezione dell'animale, incoraggiando un livello
pi profondo di comprensione sia nel cane sia nel conduttore. I risultati
saranno pi duraturi e cani e proprietari saranno pi felici.

Cibo
un prezioso strumento nell'aiutare a focalizzare l'attenzione del vostro
cane su di voi. Se il vostro animale motivato dal cibo, allora questo
pu essere usato come ricompensa durante l'addestramento. Alcuni cani
diventano molto protettivi quando si trovano vicino al cibo e questo pu
creare una serie di problemi all'interno di un ambiente domestico.
Limitate e controllate l'accesso al cibo e non lasciatelo sempre a
disposizione (ossia lasciare la pappa nella sua ciotola tutto il giorno cos
che il cane possa piluccarla); se il vostro cane ha rubato del cibo, non
sfidatelo a lasciarlo deporre, a meno che non costituisca un rischio per
lui, perch potrebbe scatenare una reazione aggressiva (vedi a p. 95).
Giocattoli
Molti cani sono motivati dai giocattoli e amano giocare. Non c' nulla
di meglio di divertirsi insieme al vostro cane per rinsaldare il rapporto
tra di voi.
I cinque sensi
Gran parte delle informazioni che il cane impara del mondo, le riceve
attraverso sensi. Come esseri umani, il nostro senso dominante la
vista. Viviamo in un mondo fortemente visivo, ma per i cani non la
stessa cosa. La quantit di esperienze che percepiamo attraverso i nostri
occhi, il cane la recepisce tramite il suo straordinario senso dell'olfatto.
L'unica volta che sono stata vicina a comprendere che cosa significhi
avere un olfatto pi sviluppato stato quando ero incinta. Nei primi
mesi di gravidanza mi si aperto un mondo completamente nuovo: era
incredibile essere in grado di sentire quasi qualsiasi odore. Ovviamente
c'era anche il rovescio della medaglia. Per un certo periodo sono andata
in giro indossando una mascherina sul viso nella speranza che un
determinato odore non mi facesse correre in bagno, ma sfortunatamente
riuscivo ancora a sentire il profumo delle salsicce grigliate a chilometri
di distanza. E questa solo una percentuale minima della capacit
olfattiva dei cani, che nelle loro cavit nasali hanno un numero di
recettori olfattivi superiore di 40 volte rispetto a noi. Anche la parte del
cervello del cane che elabora le informazioni olfattive molto pi
sviluppata della nostra. E voi pensate ancora che il vostro cane non
voglia starvi vicino quando cucinate e mangiate a tavola?

Provate a mettere il vostro cibo preferito sul bancone della cucina: non
mangiate per cinque ore e poi passateci accanto, senza assaggiarlo.
Pretendiamo che i nostri cani abbiano un incredibile controllo sui loro
impulsi, quando spesso noi esseri umani ne abbiamo ben poco.
Nelle loro cavit nasali i cani hanno un numero di recettori olfattivi 40
volte superiore a quello dell'uomo.
Olfatto
In natura il senso dell'olfatto estremamente sviluppato dei cani dona
alla specie un notevole vantaggio nello stanare le prede e identificare i
membri del proprio branco. Mentre noi valutiamo una situazione
basandoci sui nostri occhi, i cani esplorano nuovi territori annusandoli.
Quando salutano o incontrano altri cani, li annusano in zone che per noi
sono piuttosto imbarazzanti, zone dove si concentra l'odore. L'odore
trasmette ai cani un'incredibile quantit d'informazioni. Marcare il
territorio con l'odore, usando l'urina o lasciando depositi dalle
ghiandole sudorifere, situate tra le dita delle zampe, il modo in cui
questi animali comunicano e stabiliscono il proprio territorio.
Anche le sacche presenti nel retto dei cani producono un odore che
ricopre le feci. Quando lo portate a passeggio al parco, il vostro cane
usa il naso per individuare chi stato l prima di lui, forse un cane
dominante, una femmina in calore, un esemplare vecchio, un cane
malato o uno che ha gi incontrato. I cani sono in grado di sentire
l'odore delle femmine in calore a distanza di chilometri.
Vista
I cani vedono in maniera diversa rispetto agli esseri umani. Il nostro
campo visivo di circa 100 gradi. Se vogliamo vedere le cose ai lati,
dobbiamo spostare la testa; se vogliamo vedere le cose alle nostre
spalle, dobbiamo girarci. I cani hanno un campo visivo molto pi
ampio, che consente loro di vedere ai lati e all'indietro.
Nella famiglia dei levrieri, come per esempio i whippet o i greyhound,
il campo visivo pu essere addirittura il doppio del nostro. Anche se, in
alcune razze, la posizione degli occhi pu ridurre in parte quel campo
visivo, tutti i cani possiedono una migliore visione periferica rispetto
agli esseri umani.

Contrariamente a quanto si pensa, non vero che i cani non


percepiscono i colori, solo non li vedono bene come noi esseri umani, e
hanno difficolt a distinguere tra determinate sfumature, come il rosso e
il verde. In condizioni di scarsa luce, i cani vedono molto meglio di noi,
grazie a uno strato riflettente posto dietro gli occhi chiamato tapetum
lucidum: in natura questo consente ai cani di cacciare all'alba e al
tramonto, quando pi probabile che le prede siano in giro.
Tuttavia, quello che i cani riescono a vedere meglio il movimento. Un
cane riesce a percepire il minimo movimento, il che inoltre gli fornisce
notevoli vantaggi quando si tratta di stanare la preda. L'estrema
sensibilit dei cani nei confronti del movimento significa che i segnali e
i gesti manuali sono spesso molto pi efficaci nella fase di
addestramento rispetto ai comandi verbali, soprattutto se state
lavorando a una certa distanza. Da vicino i cani non vedono altrettanto
bene e hanno difficolt a distinguere un oggetto dall'ambiente
circostante. Se mettete un biscotto sul pavimento proprio davanti ai suoi
occhi, il vostro cane potrebbe avere difficolt a vederlo: far
affidamento sul suo naso per fiutarlo.
Udito
Quello del cane incredibilmente acuto. Le orecchie, grandi e mobili,
possono individuare da dove provengono i suoni in maniera pi precisa
rispetto agli esseri umani. I cani possono inoltre percepire i suoni a
distanze maggiori rispetto agli esseri umani e possono sentire i suoni a
una frequenza pi elevata, non udibili dalle orecchie umane: di
conseguenza, gli esseri umani non possono sentire il fischietto a
ultrasuoni usato per il cane.
I cani comunicano attraverso molteplici e diverse vocalizzazioni, come
abbaiare e guaire.
Gusto
I cani sono carnivori ma mangiano quasi di tutto, incluso quello che per
noi non cibo! Potremmo pensare che non abbiano un palato
particolarmente sofisticato, ma apprezzano la variet e si stancano
quando i cibi che si ritrovano davanti sono tutti dello stesso gusto e
consistenza. Potete rendere pi piacevole l'addestramento del vostro
cane offrendogli ricompense sotto forma di cibo in grado di stimolare le

sue papille gustative. I bocconcini di carne sono sempre molto


apprezzati, ma anche il formaggio pu essere altrettanto gradito.
Tatto
I cani non possono afferrare e maneggiare nuovi oggetti per esaminarli.
Similmente ai bambini, i cani mettono gli oggetti in bocca. Speciali
recettori sensoriali sotto forma di peli crescono intorno al muso, sotto la
mascella e sopra gli occhi. Si chiamano vibrisse o, pi comunemente,
baffi, e lo aiutano a raccogliere informazioni sull'ambiente attraverso il
tatto. Gli esseri umani esprimono il proprio affetto con il tatto, ma
questa non necessariamente una reazione naturale per il cane. I cani
devono essere educati, sin da quando sono cuccioli, a essere toccati e
accarezzati con gentilezza. Per i cuccioli, mordere mentre giocano
importante per imparare quanto sia forte il loro morso. Un cucciolo, se
separato troppo presto dal resto della cucciolata, come succede spesso
con i cuccioli dei negozi di animali, potrebbe non avere l'opportunit di
imparare quella che si chiama "inibizione al morso" e potrebbe essere
propenso a mordicchiare.
Conosci te stesso
Portare un cucciolo o un cane nuovo a casa non dovrebbe mai essere
una scelta fatta sull'onda dell'impulso. Prima di prendere una simile
decisione, dovete indagare a fondo le vostre ragioni. I cani non sono
solo un dono per Natale, ma per tutta la vita.
Far entrare nella propria vita un cucciolo comporta un considerevole
impegno e non facile comprendere, prima che succeda, quanto questo
rivoluzioni la vostra vita, come capita con la nascita di un bambino.
Quando ho preso il mio primo cucciolo vivevo a New York in un
appartamento al quarto piano senza ascensore nel cuore di Manhattan.
Da addestratrice sapevo che cosa aspettarmi, ma ciononostante stato
un bello sforzo fare su e gi da quelle scale due volte a notte perch il
cucciolo facesse la pip. E non era neppure particolarmente piacevole
portarlo a spasso con il buio sulla 46a strada! Se in passato, o da
piccoli, avete avuto dei cani, potreste gi avere qualche idea di cosa
comporti. Se non avete mai avuto un cane, vi conviene prendere in
considerazione gli argomenti qui elencati.
Sarete in grado di trascorrere abbastanza tempo con il vostro cane?

Una volta superata la fase in cui sono cuccioli, la maggior parte dei cani
pu essere lasciata da sola tra le quattro e le sei ore senza che la cosa
crei loro distress (termine tecnico per intendere lo stress negativo). Se
lavorate a tempo pieno e a casa non avete nessuno che possa prendersi
cura del vostro animale, state condannando una creatura essenzialmente
sociale a una vita all'insegna dell'ansia, della noia e della depressione, a
meno che non vi affidiate a un dog sitter o iscriviate il vostro cane a un
centro dog day-care (asilo per cani).
Il cane ha bisogno di esercizio fisico regolare
Questo significa un paio di passeggiate e una corsa decente ogni giorno.
I gatti si esercitano da soli. I cani, invece, non dovrebbero essere
lasciati vagabondare in giro senza la supervisione di un essere umano.
Deve essere addestrato
Anche l'animale all'apparenza pi docile pu diventare difficile senza
obbedienza di base. Per riuscirci, avrete bisogno di tempo e di molta
pazienza.
Deve essere stimolato
Proprio come noi esseri umani, anche i cani si annoiano quando non
ricevono stimoli, non si divertono e non giocano.
Avete figli?
Avete gi un cane o un altro animale domestico? Introdurre un nuovo
membro all'interno di una famiglia talvolta pu risultare difficile, in
particolare se nel vostro ambiente familiare non tutti sono entusiasti
quanto voi all'idea.
Quale razza scegliere
Quando sarete sicuri di essere pronti ad affrontare le sfide che comporta
l'arrivo di un cane nella vostra vita, la prossima domanda da porvi :
che tipo di cane scegliere? Da secoli gli esseri umani allevano in
maniera selettiva i cani, accentuando determinate peculiarit innate o
alcuni elementi dell'aspetto. Mentre tutti i cani hanno le loro
caratteristiche individuali, ogni razza tende ad avere dei tratti in
comune. Alcuni cani hanno bisogno di esercitarsi pi degli altri; certi
esemplari richiedono un maggior numero di cure. Alcune razze sono

per natura pi protettive, mentre altre sono pi sensibili ai rumori. Il


grande vantaggio di scegliere un cane di razza che saprete pi o meno
che cosa aspettarvi. Usate questo punto a vostro beneficio e fate
un'attenta ricerca prima di compiere la vostra scelta. Leggete libri e
riviste, consultatevi con gli allevatori e chiedete ai vostri amici delle
loro esperienze con i cani. Non scegliete un cane in base al suo aspetto
o perch una determinata razza di moda. Molta gente, che si
precipitata a prendere un delizioso cucciolo di dalmata dopo aver visto
101 cuccioli a macchie nere e bianche saltellare in un film della Disney,
Si ritrovata a possedere un cane che ha un notevole bisogno di fare
movimento.
In origine i dalmata erano allevati in qualit di cani da carrozza", ossia
per correre al fianco delle carrozze e mettere in fuga briganti e ladri.
Questi cani hanno bisogno di esercitarsi - e parecchio -e di essere
trattati con particolare e sapiente cura.
La scelta della razza giusta implica trovare quella adatta alla vostra
situazione. Se volete un cucciolo tranquillo e rilassato che sia un ottimo
compagno per i vostri figli, un terrier, una razza particolarmente attiva,
non sarebbe la scelta pi sensata. I labrador e i retriever hanno un buon
carattere e sono socievoli per natura, il che li rende la razza ideale per le
famiglie con figli. Tuttavia, anche loro hanno bisogno di fare molta
attivit. Se non siete pronti a dedicare parecchio tempo
all'addestramento e all'esercizio, allora non scegliete un cane da lavoro
come il border collie che rischia di fare il matto senza sufficienti
stimoli.
Paradossalmente i levrieri e i whippet, sebbene allevati per correre
molto veloci, non richiedono un considerevole esercizio. I cani da
difesa, come i pastori tedeschi, i rottweiler, i doberman, i chow-chow e
gli akita, sono animali intelligenti e fedeli, ma possono essere
oltremodo protettivi e tendono ad essere cani per una sola persona.
inoltre importante sapere che, pur prendendo in considerazione le
caratteristiche di una razza, ogni cane un individuo con personalit e
temperamento unici.
Caratteristiche da valutare
Taglia
Quanto diventer grosso il cane? E quanto manger?
Rumore

Alcune razze sono per natura pi inclini a latrare e abbaiare di altre.


Alcune razze inoltre sono pi sensibili ai rumori.
Livello di attivit
Di quanto esercizio avr bisogno il cane? I cani da lavoro, allevati per
accudire le pecore, hanno bisogno di intensi momenti di attivit.
Indole
I terrier sono, per natura, prepotenti e tenaci. Gli spaniel, i setter e i
retriever generalmente hanno un'indole socievole e affettuosa.
Manto
Quanto tempo (e quanti soldi) dovrete investire nella cura del vostro
cane?
Punti deboli
A causa dell'intensiva selezione in consanguineit, alcune razze
soffrono di problemi congeniti. I dalmata, per esempio, possono soffrire
di problemi all'udito. I bulldog inglesi possono avere problemi
respiratori. I cavalier king Charles spaniel sono predisposti a malattie
cardiache.
Meticci
Scegliere un meticcio, a differenza di un cane di razza, per forza di
cose un salto nel buio. I meticci o gli incroci (nati da due cani di razza)
avranno le caratteristiche di razze diverse nella loro natura e potreste
non essere In grado di prevedere quale caratteristica prevarr sulle altre.
Potrebbe anche risultare difficile determinare quanto diventer grosso il
cane crescendo. La dimensione delle zampe di un cucciolo pu offrire
qualche indicazione in merito, ma non sempre una guida infallibile.
Il vantaggio per che molti meticci sono piuttosto versatili. Numeros
hanno un'aspettativa di vita particolarmente lunga e, a causa del pool
genetico misto, sono assai meno predisposti a soffrire di problemi
congeniti che risultano dall'intensa selezione in consanguineit.
Dove trovare un cucciolo
Vi consiglio di prendere sempre i cuccioli da fonti valide e affidabili.
Nel caso di cani di razza pura, questo significa rivolgersi direttamente
all'allevatore. Nessuna persona degna di tale nome venderebbe mai una
cucciolata a un negozio di animali. Mia nonna conosceva il nome di
ogni singolo beagle da lei allevato e si preoccupava di andare a trovarli
nelle loro nuove case.

Potete trovare un professionista di tutto rispetto chiedendo consiglio a


un'organizzazione nazionale, come in Italia l'ENCI, o contattando i club
di una determinata razza. In alternativa, domandate ai vostri amici di
raccomandarvene uno. Saprete di aver trovato un ottimo allevatore
quando sar lui o lei a farvi pi domande di quante non ne facciate voi.
Un bravo esperto vender un cucciolo solo a chi ritiene lo tratter in
maniera corretta, fornendogli le cure di cui ha bisogno; vorr sapere se
sarete in casa durante il giorno, se avete un giardino, se c' un parco
nelle vicinanze dove far esercitare il cane; vi fornir consigli
sull'addestramento e sul regime alimentare. Magari vorr venire a
trovarvi a casa. Solo quando sar convinto che sarete degli ottimi
padroni decider di vendervi il cucciolo. I cuccioli di meticci e di razze
incrociate, meno richiesti dei cuccioli di razza pura, sono pi difficili da
reperire nei negozi di animali ma comunque, anche in questo caso, non
consigliabile comprare un meticcio in questo modo, al pari di un
cucciolo di razza pura. Il cucciolo comprato in un negozio, nonostante
l'aspetto delizioso e irresistbile, potrebbe avere problemi di salute e
mostrare problematiche legate al cattivo modo in cui stato trattato.
Consultate invece gli annunci pubblicitari sulle riviste di settore o dal
veterinario e visitate il cucciolo nella sua casa prima di decidere di farlo
entrare nella vostra.
Contrariamente a quello che potrebbero dirvi i proprietari di negozi di
animali, molto pi probabile che i cuccioli dei negozi provengano dai
cosiddetti puppy mills (fabbriche di cuccioli). Nonostante siano stati
fatti diversi sforzi per limitarla, questa pratica ignobile prosegue ancora.
cani da salvare
Se siete alla ricerca di un cucciolo o di un cane adulto, un'alternativa
di visitare un canile, un rifugio per animali, un centro di soccorso e
adottare un cane abbandonato. I cani dei canili non godono di un'ottima
reputazione e molte persone ritengono siano troppo imprevedibili
oppure troppo segnati dai maltrattamenti subiti in passato per poterli
piazzare con successo in una nuova casa.
La realt ben diversa. I cani finiscono nei rifugi per diverse ragioni.
Una cucciolata non voluta potrebbe portare all'abbandono dei cuccioli; i
cani pi vecchi possono essere sistemati in un rifugio quando i loro
padroni sono troppo vecchi o malati per prendersene cura; i levrieri, che

in passato hanno gareggiato a livello professionale, potrebbero essere


presi in cura da un centro di soccorso per impedire che siano soppressi
quando finisce la loro carriera.
Com' ovvio, in generale i cuccioli trovano con grande facilit un'altra
casa, mentre per i cani pi anziani e difficili pu essere necessario
molto pi tempo. Se state prendendo in considerazione di dare una casa
a queste creature sfortunate, parlate con il personale del rifugio e
lasciatevi guidare dalle valutazioni che vi daranno sulle caratteristiche
di ogni cane e di che cosa hanno bisogno in termini di sostegno.
Un'ampia percentuale dei cani che si trova nei rifugi l per problemi
legati al loro comportamento; ossia comportamenti naturali per il cane
ma inaccettabili nella nostra societ. pi facile attribuire un problema
di questo tipo al carattere del cane di quanto non sia valutare come
lambiente da noi creato possa averlo influenzato negativamente. La
maggior parte dei problemi comportamentali si pu modificare con un
po' di tempo e comprensione.
Molti ritengono che i cani dei canili siano imprevedibili o troppo
segnati dai maltrattamenti subiti in passato per poterli piazzare con
successo in una nuova casa.
Ma la realt ben diversa.
Un caso emblematico
Lily, una femmina, un tipico cucciolo che, al pari di un bambino, ha
bisogno di essere costantemente stimolato e guidato dal suo gruppo di
esseri umani per una sana crescita. Invece si ritrova in una casa dove le
viene a mancare questo tipo di sostegno e in un ambiente che la isola a
livello fisico e mentale. Per fronteggiare la sua insicurezza, Lily
comincia a mostrare un comportamento disperato e alla continua ricerca
di attenzioni, che trasforma questo cucciolo da manuale in una presenza
indesiderata e in una minaccia costante.
Sforzandosi di comprendere il mondo umano, Lily non ha idea di
vivere sul filo del rasoio, fino a quando non si ritrova alle porte di un
rifugio locale. L entra in un ambiente bizzarro, dove sperimenta alti
livelli di stress in risposta ai nuovi luoghi, rumori e odori che la
circondano.
La sua routine cambia: la alimentano con un cibo strano, che lei non ha
voglia di mangiare; la sua nuova casa angusta e puzza di disinfettante;

percepisce la tensione che proviene dagli altri cani intorno a lei e deve
sopportare un afflusso continuo di facce nuove che passano davanti al
suo recinto. Per riuscire a sostenere tutte queste pressioni, Lily si
nasconde sotto una coperta che le d sicurezza per la sua
sopravvivenza; il suo vero comportamento inibito da questo ambiente
per lei alieno.
Tuttavia, la fortuna dalla sua parte: viene adottata da una nuova
famiglia.
Lily risponde bene alle nuove attenzioni e la famiglia, a sua volta,
soddisfatta della sua reazione. Il suo mondo cambia di nuovo, ma
questa volta l'ambiente pi tranquillo. La cuccia ha un buon odore e il
cibo gustoso. La tensione, accumulata nel periodo trascorso al rifugio,
inizia a sparire.
Per le prime settimane, quel torpore che l'ha protetta nel rifugio le
impedisce di mostrare la sua vera natura, ma presto la rinnovata
sicurezza risveglia i precedenti modelli comportamentali che diventano
una sfida per i nuovi padroni. I loro tentativi di controllarla finiscono
per confonderla e agitarla. Incapaci di gestire il "problema", i nuovi
padroni riportano Lily al rifugio. Questa volta non cos fortunata. I
potenziali nuovi padroni ritengono la sua imprevedibilit un serio
svantaggio e Lily viene soppressa con una puntura dal veterinario.
Questa non una storia strappalacrime, bens la realt per milioni di
cani ogni anno. Stando ai dati forniti dalla Humane Society of America,
nei canili americani, ogni anno, si sopprimono tra i 6 e i 10 milioni di
cani, di cui solo il 5% ucciso per ragioni mediche. In Gran Bretagna,
una nazione che ama molto questi animali, le cifre mostrano un netto
miglioramento, ma non c' motivo per sentirsi soddisfatti. All'incirca
20.000 cani indesiderati o randagi sono soppressi ogni anno, e sono
sempre 20.000 di troppo. Che cosa possiamo fare per aiutare i cani dei
rifugi presi in adozione ad adattarsi alle loro nuove vite?
Innanzi tutto i cani dei canili richiedono tempo e pazienza. Potete usare
il tipo di addestramento descritto nei capitoli successivi di questo libro
per affrontare certi tipi di problematiche comportamentali che i cani
presi In un canile possono manifestare. altrettanto importante e
necessario comprendere il motivo per cui si comportano in un
determinato modo, per vedere il mondo dal loro punto di vista. Questo
sempre indispensabile, ma diventa un fattore ancora pi decisivo
quando il cane stato maltrattato o abbandonato.

Sarete ripagati dei vostri sforzi. Una volta ritrovata la sicurezza, i cani
dei canili possono trasformarsi in quello che erano destinati a diventare:
un compagno felice e sano che merita il vostro tempo e il vostro
rispetto perche deve gestire tutte le pressioni che la vita umana gli
riversa addosso.
pi facile attribuire un problema di comportamento al carattere del
cane rispetto al considerare come l'ambiente che noi abbiamo creato lo
abbia influenzato negativamente.
Devo far sterilizzare il mio cane?
La risposta secca sarebbe "s", ma ci sono alcuni fattori da prendere in
considerazione. Come padroni, la scelta di far sterilizzare il vostro
animale una questione di grande importanza (attenzione, sterilizzare
vuol dire rendere sterili senza l'asportazione delle gonadi, le ghiandole
sessuali maschili e femminili; non confondete con la castrazione, che
invece vuol dire asportare testicoli od ovaie). Il vostro cane potrebbe
avere una vita pi sana e appagante, oltre a vivere pi a lungo e ad
avere un'indole pi equilibrata, senza farsi confondere dagli ormoni.
Comunque, ci sono opinioni diverse su quale sia l'et giusta per farlo e
se sia giusto castrare/sterilizzare un cane al fine di "curare" svariati
problemi legati a un comportamento negativo. Molte persone sono
restie a farlo perch la ritengono una scelta innaturale. Tuttavia, se non
avete intenzione di far riprodurre il vostro cane, che cos' pi
innaturale? Permettergli di soffrire per via degli istinti che non pu
soddisfare o rimuovere del tutto l'impulso? Qualunque sia la confusione
sul fatto di castrare/sterilizzare il vostro cane, e su quando farlo, non c'
alcun dubbio che sia la soluzione migliore per ridurre l'enorme
problema della sovrappopolazione di animali domestici che affligge
molti Paesi. Milioni di cani ogni anno sono portati nei canili e molti
sono soppressi perch manca lo spazio e solo poche persone sono
disposte ad adottarli. Forse potreste pensare che permettere al vostro
cane di partorire una sola cucciolata non faccia grande differenza.
Pensateci due volte. Se sistemaste tutti i cuccioli di quella cucciolata
nelle case di persone che la pensano allo stesso modo, e loro facessero
lo stesso, il vostro cane potrebbe essere responsabile della nascita di
200 cuccioli in un solo anno.

Se state decidendo di castrare o sterilizzare il vostro cane a causa di un


problema comportamentale, come per esempio l'aggressivit, dovete
sapere che questa soluzione non deve mai essere vista come una "cura"
di quel problema. La castrazione/sterilizzazione deve sempre essere
accompagnata da un serio progetto volto a modificare il carattere del
vostro cane e, in alcuni casi, questa operazione rischia di aggravare il
problema. Chiedete al vostro veterinario quale sia l'et migliore per
procedere con questo tipo di interventi.
Castrazione/sterilizzazione
vantaggi medici
Elimina il rischio di cancro ai testicoli nei maschi.
Abbassa l'incidenza di malattie della prostata nei maschi.
Riduce il rischio di adenomi perianali nei maschi, ossia i tumori che si
formano In et avanzata intorno al retto.
Nessuna possibilit di creare nuovi cuccioli che si aggiungono al
problema della sovrappopolazione (e randagismo)
degli animali domestici.
Elimina il rischio della piometra, un'infezione dell'utero potenzialmente
letale nelle femmine. Elimina il rischio di cancro all'utero nelle
femmine.
Elimina il ciclo di calore o il rischio di gravidanza nelle femmine,
riduce la possibilit che le femmine sviluppino il cancro alle mammelle
in et avanzata.
Vantaggi comportamentali
I maschi sono meno predisposti a vagabondare in giro. I maschi e le
femmine sono meno propensi a marcare il territorio con "urina".
Nei maschi si riduce il rischio di aggressivit sessuale e il
comportamento di monta. La rimozione del testosterone pu rendere
molti cani meno reattivi nei confronti di altri cani. Migliora l'attenzione
del cane verso i suoi proprietari.
Svantaggi medici
Se il cane castrato/sterilizzato troppo presto - per esempio prima della
pubert - aumenta il rischio che il cucciolo non maturi nella maniera
adeguata, ritardando la chiusura delle fasi di accrescimento nelle ossa
lunghe, aumentando di conseguenza il rischio di problemi ortopedici.

Aumenta il peso, dovuto a un maggior appetito e a un metabolismo


rallentato (questo problema pu essere risolto con esercizio regolare e
una dieta corretta). Un cane castrato/sterilizzato a volte pu sviluppare
un'alopecia responsiva all'ormone della crescita. Insorge un potenziale
rischio d'incontinenza in entrambi i sessi.
Svantaggi comportamentali
I cani castrati/sterilizzati prima della pubert possono mostrare
tendenze pedomorfche: comportamenti da cucciolo in et adulta, come
una maggior eccitabilit. Se i cani hanno la mania di montare qualsiasi
cosa, allora la castrazione/ sterilizzazione potrebbe non ridurre questo
tipo di comportamento, dato che non si tratta di un impulso motivato
solo dall'istinto sessuale. In alcuni casi, la mancanza di testosterone pu
ridurre i livelli di sicurezza nei cani e renderli pi aggressivi.
Sterilizzare una femmina aggressiva al fine di ridurre le sue reazioni
violente pu avere l'effetto contrario, dato che l'operazione riduce
notevolmente gli ormoni con propriet calmanti come il progesterone.
Parlare come il cane:
imparare a comunicare
Permettetemi di iniziare da un'ovviet: i cani non parlano italiano e, se
per questo, nemmeno inglese, francese, tedesco o spagnolo. Parlano "da
cane".
Perch un addestramento abbia successo, il segreto sta nell'imparare
come comunicare con il vostro cane in un modo che lui comprenda.
Non pu imparare la vostra lingua: siete voi a dover imparare la sua.
I cani sono bravissimi a comunicare. Non vi siete mai soffermati a
pensare a quanti termini diversi abbiamo per distinguere i versi che
fanno i cani: parole quali grugnire, ringhiare, guaire, mugolare,
abbaiare e ululare? Tutti questi suoni e vocalizzazioni vogliono dire
cose diverse nel linguaggio dei cani e gli stessi significati possono
cambiare a seconda del contesto e delle circostanze.
Poi ce il linguaggio del corpo. I cani comunicano con il suono, ma
anche i loro gesti e le loro posture possono esprimere molteplici
messaggi. Un sopracciglio sollevato, uno sbadiglio e una fronte
corrugata sono solo alcuni esempi dei modi in cui i cani segnalano i
propri sentimenti e le proprie intenzioni agli altri cani o esseri umani.

Imparare a parlare il linguaggio dei cani fondamentale per


comprendere il vostro animale domestico, in modo che possiate
soddisfare al meglio le sue necessit. Questo capitolo indaga la sfera
dei suoni e dei segnali che formano la base della comunicazione canina.
Con un po' di pratica, imparerete il loro linguaggio come foste
madrelingua!

Suoni e vocalizzazioni
I cani abbaiano. la loro natura, ma fanno anche un'ampia gamma di
altri suoni e in queste pagine vi spiego il loro significato.
Guaito
La prima forma di vocalizzazione in assoluto dei cani il guaito. I
cuccioli guaiscono per attirare l'attenzione della madre. Nei cani adulti
questo suono insistente, piuttosto acuto e fastidioso, usato parimenti
per attrarre la vostra attenzione. "Dammi da mangiare!", vuol dire.
"Portami fuori!". O semplicemente: "Sono qui, guardami!". Il guaito
pu anche indicare che il cane nervoso, spaventato o ansioso.
Mugolio
Quando il guaito cede gradualmente al pi penoso suono del mugolio,
allora pu essere il segnale di un disagio pi serio: i cani spesso
mugolano quando soffrono. Altrimenti, il mugolio pu semplicemente
essere il modo in cui il cane intensifica o aumenta il suo modo di
guaire, specialmente quando accompagnata dal gesto di sollevare la
zampa. Il cane ci dice: "Che cosa devo fare per ottenere la tua
attenzione?".
Gemito
Un gemito improvviso un urlo di dolore. Se per sbaglio pestate la
zampa o la coda di un cane, allora lui emetter un gemito per farvi
sapere che gli avete fatto male.
Ringhio
il suono che funge da campanello d'allarme per il cane, ma svolge
anche un importante ruolo nel modo in cui giocano i cuccioli. Una lotta
simulata il modo in cui i cuccioli sondano il terreno, capiscono quanto

in la possono spingersi e quanto sono forti, e spesso grugnire fa parte


del gioco. I cani pi grandi, quando giocano tra loro, regrediscono a
questo comportamento da cucciolo e potrebbero grugnire tra loro senza
per voler comunicare aggressivit. Il vostro cane, quando gioca con
voi, per esempio quando giocate a " tira e molla", potrebbe, anche in
questo caso, emettere un ringhio tremolante. Non significa che stia per
mordervi, fa solo parte della finta lotta a cui state giocando.
Quando un ringhio profondo e sostenuto, ed accompagnato da un
corpo teso, allora un chiaro ammonimento a stare alla larga: il
segnale di un incombente attacco. Il cane potrebbe sentirsi minacciato o
attaccato e sta dando a voi o a un altro cane la possibilit di evitare
ulteriori problemi prima che sia troppo tardi.
Ringhiare mostrando i denti
"Non mi hai sentito, vero?": quando l'avvertimento espresso con il
ringhio trascurato, la vocalizzazione si intensifica. Il ringhio aumenta
il livello d'intensit e inizia a vibrare un poco, facendosi meno
sostenuto. Il cane solleva le labbra e mostra i denti: allora significa che
l'attacco aggressivo imminente.
Ululato
Molte persone interpretano il sostenuto e mesto tono dell'ululato come
un suono che indica insofferenza. Mentre da un lato vero che i cani,
se lasciati da soli troppo a lungo, spesso ululano "dove sei, mio branco
umano?", l'ululato non significa necessariamente che il cane sia
infelice. L'ululato il suono pi forte che un cane sia in grado di
emettere e si pu udire per ampie distanze. In natura l'ululato usato
per segnalare la presenza di un cane agli altri membri del branco o per
allontanare i predatori. Alcuni cani, soprattutto i bassotti, sono pi
predisposti di altri all'ululato. I cani Ululano inoltre in risposta
all'abbaiata o all'ululato di un altro cane. E ovviamente tutti noi
sappiamo che alcuni cani amano ululare al suono del pianoforte
indipendentemente da quanto bravo sia il pianista!
Biascicamento
e la prima volta che sentite questo termine, ma se avete un cane,
probabilmente riconoscerete il suono del biascicamento quando lo
sentite. una sorta di suzione, un rumore legato alla masticazione che

il cane emette, quasi fosse un cavallo che mastica rummorosamente, o


come se stesse leccandosi i baffi, solo che fa questo rumore quando non
sta mangiando. Si tratta di un suono con un effetto calmante.
Alcuni cani "biascicano" quando fanno la festa agli esseri umani o altri
cani; altri lo fanno per mostrare di non rappresentare una minaccia.
Lamento
Molti cani emettono un lamento profondo, gutturale e borbottante
quando vengono accarezzati. Questo suono indica gioia e piacere.
Abbaiata
Abbaiare ha un peso importante nel modo di comunicare dei cani. A
seconda del contesto, questo suono acquista molteplici significati.
L'abbaiata pu essere usata per far risuonare un allarme i) un
avvertimento, pu essere una richiesta di attenzione o semplicemente
indica che il cane eccitato. I cani abbaiano per segnalare la loro
presenza agli altri cani che potrebbero non essere in grado di vederli;
per esempio, quel cagnaccio dall'altro lato del recinto. I cani inoltre
abbaiano in risposta ad altri cani che lo fanno o per marcare il loro
territorio. E, ovviamente, abbaiano quando sono annoiati e isolati.
Mentre un'eccessiva abbaiata pu indicare un problema, molto
importante che i cani siano in grado di abbaiare di tanto in tanto.
sbagliato aspettarsi che un cane trascorra la sua vita in silenzio. Quando
sono molto piccoli, i cuccioli non abbaiano. I tempi cambiano a
seconda del cane, ma di solito un cucciolo inizia ad abbaiare dall'et di
due mesi. Alcune razze inoltre abbaiano pi di altre. I maltesi sono
piuttosto vocali e cos pure gli Shetland collie. I bassotti sono anche
loro piuttosto predisposti ad abbaiare e per una buona ragione: in
origine, infatti, questa razza stata allevata per seguire nei buchi del
terreno i tassi, abbaiando quando li avevano trovati, in modo che i
cacciatori potessero identificare con precisione la loro posizione (il
nome della razza, dachshund, significa infatti "cane dei tassi" in
tedesco).
Il linguaggio del corpo
Il linguaggio del corpo di vitale importanza nella comunicazione del
cane. Datevi del tempo per osservare da vicino il vostro animale in

situazioni differenti e provate a decifrare cosa sta tentando di dirvi,


guardando il linguaggio del suo corpo.
I segnali tra i cani si scambiano pi in fretta di quanto noi umani
possiamo vedere, letteralmente in un battito di ciglia. Spesso i padroni
mi chiamano per dirmi che erano a passeggio con il cane lungo la strada
quando un altro cane che si stava avvicinando balzato in avanti con
fare aggressivo e senza alcun preavviso e senza che il loro cane avesse
fatto qualcosa. E viceversa: talvolta il cane del padrone a istigare
l'aggressione. Potrebbe sembrare che nulla abbia provocato quel
comportamento, ma in un nanosecondo quei due cani s sono scambiati
dei segnali e si sono soppesati a vicenda. Noi esseri umani siamo spesso
dei pessimi osservatori. I cani, al contrario, non si lasciano sfuggire
nulla. Persino un minimo movimento del sopracciglio pu voler dire
molte cose. Gli esseri umani fanno molto affidamento sulla
comunicazione verbale, eppure anche noi emettiamo parecchi messaggi
attraverso il nostro corpo. Nei laboratori di recitazione spesso agli
studenti viene richiesto di stare uno davanti all'altro e di cercare di
comunicare tra di loro usando solo le espressioni facciali. Un grande
attore pu mostrarti i propri sentimenti senza mai proferire una parola.
Provateci anche voi a casa con un amico. In questo capitolo descrivo
che cosa il vostro cane vuole dire con i mezzi che ha a disposizione.
Ogni parte del corpo agisce in combinazione con altre, quindi i segnali
non possono essere solo letti separatamente. Leggere i segnali del corpo
nel loro complesso vi comunicher che cosa sta provando il vostro
cane.
Nel cane le espressioni del muso possono essere quasi impercettibili, il
che spiega come mai spesso noi esseri umani non le notiamo e le
interpretiamo male. A complicare le cose la pratica di allevare i cani
in base all'aspetto, che ha enormemente condizionato la capacit di
questi animali di comunicare in maniera efficace tra loro e con noi.
Nasi appiattiti, pelle eccessivamente raggrinzita e code mozzate sono
solo alcuni esempi di come le nostre bizzarre nozioni di "bellezza"
canina abbiano compromesso la capacit del cane di esprimere se
stesso.
Orecchie

Iniziamo partendo dall'alto. Questo tipo di segnali sono pi facili da


distinguere nei cani con le orecchie a punta. I cani con le orecchie a
penzoloni, come i beagle e gli spaniel, le usano per trasmettere i
medesimi segnali, solo che questi sono pi difficili da cogliere. Le
orecchie drizzate verso l'alto significano prontezza, sicurezza e
consapevolezza. Se le orecchie sono ritratte all'indietro sulla testa, il
vostro cane mostra amabilit, sempre che sia accompagnata da una
vigorosa scodinzolata, da un corpo che si dimena e da un'espressione
facciale calma e rilassata. Tuttavia, le orecchie possono essere ritratte
all'indietro anche quando il cane nervoso. In questo caso, il gesto
inteso come azione pacificante che significa: "Sono nervoso, per favore
stammi alla larga!". Se cos fosse, esistono altri segnali che esprimono
nervosismo nel cane. La coda potrebbe essere tra le zampe, il corpo
rannicchiato, la zampa anteriore sollevata, gli occhi leggermente
socchiusi con le pupille dilatate o la bocca semiaperta mentre si lecca le
labbra.
Fronte
La fronte raggrinzita suggerisce aggressivit. Al contrario, la fronte
liscia, se accompagnata da altri segnali del corpo che indicano
rilassamento, significa che il cane tranquillo. Oppure, se notate altri
segnali che indicano insicurezza, come la coda abbassata o infilata tra
le zampe, una posizione rannicchiata o la schiena inarcata, potrebbe
essere un segno di sottomissione.
Sopracciglia
L'attore Roger Moore abilissimo nell'inarcare le sopracciglia. Idem
mio marito: gli basta inarcare leggermente il sopracciglio per
comunicare di essere scontento per qualcosa che ho detto o fatto. Ci
riesce ogni volta. Quando un cane sta cercando di dominare una
situazione o di asserire il proprio controllo, le sopracciglia sembrano
quasi saltarvi addosso mentre le spinge in avanti, fissandovi con aria di
sfida. Quando un cane calmo, le sopracciglia non sono pronunciate.
Occhi
Mettetevi davanti a un amico o a un membro della famiglia e
chiedetegli di fissarvi. Vi sentite un tantino a disagio? Come minimo vi
scapper da ridere. Quando un estraneo vi fissa, invece, la cosa di

solito piuttosto sconcertante. Lo fissate anche voi o distogliete lo


sguardo? Se entrambi continuate a fissarvi, con ogni probabilit c' in
atto una sorta di sfida. Lo sguardo fisso significa la stessa cosa nel
linguaggio del cane. Fissare un altro cane o un essere umano un
segnale di dominio o potrebbe indicare una sfida. Gli occhi sono
sbarrati e risoluti. Se lo sguardo accompagnato da altri segni di
aggressivit, come il pelo rizzato, la postura in avanti e il corpo
immobile, allora vi conviene fare attenzione e stare alla larga!
Comunque, un cane che vi sta fissando non significa necessariamente
che si stia mostrando aggressivo. Potrebbe solo voler dire che sicuro
di se stesso e attento. Il cane, quando insicuro, socchiude gli occhi e
distoglie lo sguardo da voi per mostrare di non costituire alcuna
minaccia. Anche il battito delle palpebre un altro importante segnale.
I cani spesso battono le palpebre per mostrarsi amichevoli. A volte,
tuttavia, le battono quando si sentono spaventati.
Bocca
Le labbra sono spesso usate per mostrare l'aggressivit. Un simile
segnale, come quando sollevano leggermente le labbra da un lato,
quasi impercettibile e potrebbe essere difficile da individuare.
Quando le labbra sono completamente contratte in avanti, questo indica
una forma pi risoluta di aggressivit. Quando le labbra sono tirate
indietro, invece, questo spesso indica una reazione aggressiva,
alimentata dalla paura. In entrambi i casi, i denti sono in bella vista. Un
mio amico aveva un cane che tirava indietro le labbra ed esponeva i
denti quando faceva affettuosamente le feste a qualche ospite. Forse il
cane semplicemente non sapeva che cosa stava provando, ma ho
sempre creduto che stesse sorridendo. Schioccare le labbra o leccarsele
con la lingua sono sempre segnali di una mancanza di sicurezza, di
stress o di paura, ma sono anche usati come gesti pacificatori. In
entrambi i casi, il muso si raggrinzisce mentre, quando il cane
rilassato, si presenta liscio.
Collo
Un cane sicuro di s terr il collo dritto e sollevato. Un cane pi
insicuro terr il collo abbassato e potrebbe esporre la gola a un cane pi
dominante. L'esposizione della gola significa: "Ehi, non sono una
minaccia. Ti affido una parte molto delicata del mio corpo. E allontano

da te i miei denti". Se questo gesto di sottomissione ha successo, allora


il cane pi dominante esporr anche lui la gola, in modo da dimostrare
che accetta la sottomissione e che anche lui non costituisce alcuna
minaccia.
Schiena
Mia nonna ha tenuto la schiena dritta fino al giorno in cui morta.
Aveva un ottimo portamento ma era anche una donna orgogliosa e
sicura di s e si comportava di conseguenza. La stessa cosa vale per i
cani. Una schiena dritta sinonimo di sicurezza in se stessi. Una
schiena inarcata significa che il cane insicuro e sottomesso.
Pelo
Quando un cane nervoso o spaventato, questo innesca una reazione a
catena di risposte fisiologiche che sollevano i peli sul retro del collo e
lungo la spina dorsale. L'effetto di far sembrare il cane pi grosso e
feroce. Il pelo sollevato significa: "Non scherzare con me. Sono pi
grosso e forte di te".
Coda
importante sia per l'equilibrio, sia per inviare segnali, per questo
un'autentica vergogna che l'usanza di mozzare la coda sia ancora
praticata. Come vi sentireste se vi tagliassero una parte importante del
vostro corpo, sulla quale fate affidamento per esprimere voi stessi?
Senza la coda un cane incapace di comunicare in maniera corretta, il
che significa che gli altri cani potrebbero perdere segnali di vitale
importanza. La coda uno dei principali indicatori dell'umore del cane.
Un cane sicuro di s terr la coda sollevata alta nell'aria. possibile che
questo consenta all'odore emesso dalle ghiandole anali di circolare pi
liberamente nell'aria e di avvisare della sua presenza. Una coda
abbassata o infilata tra le zampe significa che il cane impaurito e
sottomesso. Quando il cane scodinzola energicamente, di solito vuol
dire che contento, eccitato e amichevole. Una coda sollevata ma
mossa pi lentamente indica cauta confidenza. Una coda immobile e
dritta segnala un qualche tipo di problema. La coda immobile, estesa e
leggermente inarcata avverte: "Sparite, non sto scherzando!".
Zampe

Il mio gatto, quando in vena di coccole, balza in piedi e incomincia a


massaggiarmi la gamba con le zampe. Questo gesto gli piace perch
quello che faceva con la mamma per stimolarle le mammelle e farle
produrre pi latte. I cuccioli si comportano in maniera simile, mentre i
cani adulti toccano con la zampa una persona o un altro cane per
richiamare l'attenzione e come gesto di pacificazione. Una delle ragioni
per cui in genere facile insegnare a un cane a dare la zampa che il
gesto fa gi parte del suo vocabolario. Tuttavia, quando il cane
appoggia la zampa sul collo di un altro cane, questo un segno di sfida.
Di solito, se mette due zampe sul collo il preludio o a una lotta o a un
accoppiamento. Maschi e femmine, anche quando sono stati
castrati/sterilizzati, possono montare altri cani, mobili o, in maniera
ancora pi imbarazzante, la vostra gamba. Montare o fingere di
accoppiarsi non solamente un comportamento sessuale, ma pu anche
indicare che il cane vuole controllare o dominare un altro cane o un
essere umano. In quest'ottica, facile comprendere come mai tanti cani
non amano essere abbracciati. Noi esseri umani abbracciamo per
dimostrare affetto. Ma che cos' un abbraccio per un cane, se non due
grosse zampe piazzate sul collo? Gli state dicendo che gli volete bene,
lui per potrebbe pensare che stiate cercando di controllarlo.
Stomaco
La maggior parte dei cani ama farsi accarezzare la pancia e si rotoler
di buon grado sulla schiena per invitarvi a farlo. Questo inequivocabile
segno del corpo un gesto di sottomissione che il vostro cane ha
imparato da cucciolo. Mentre giocano alla lotta, i cuccioli si divertono a
immobilizzarsi a vicenda per terra, esercitandosi a usare i segnali
corporei di cui avranno bisogno da adulti. Mostrare all'avversario la
pancia mette il cane in una posizione di vulnerabilit, che significa: "Mi
fido abbastanza di te per mostrarti la mia parte pi delicata. Non
rappresento alcuna minaccia per te". Questo gesto, tuttavia, ha anche
un'altra accezione. La prima cosa che i cani selvatici o i lupi mangiano
di una preda, dopo averla uccisa, lo stomaco. Per ottime ragioni: le
interiora contengono le sostanze pi nutritive. Quando un cane nervoso
si sdraia sulla schiena per mostrarvi lo stomaco, non vi sta invitando a
toccarlo, ma a stare alla larga.
Inchino giocoso

Il cane, quando fa l'inchino giocoso, lo fa per invitarvi a giocare e come


dimostrazione di socievolezza. una postura molto caratteristica:
abbassa e si acquatta sulle zampe anteriori, distendendole sul
pavimento davanti al corpo. Il corpo sar inarcato e la coda ricurva o
scodinzolante. L'inchino spesso accompagnato da un paio di brevi
abbaiate. una postura molto simpatica, che talvolta il cane adotta
quando lo rimproverate.
Fiutare
I cani fiutano molto: il loro mezzo pi importante per esplorare il
mondo che li circonda. Talvolta, invece, un cane fiuter il terreno per
tranquillizzare un altro cane e mostrargli di non rappresentare una
minaccia. il suo modo di dire: "Sono pi interessato a questa zolla
d'erba che non a te".
Sbadigliare
Questo vi potrebbe sembrare un gesto facile da decifrare. Cos'altro
farebbe pensare uno sbadiglio se non stanchezza? Beh, non sempre
cos. Sbadigliare pu voler dire che un cane si sente stressato e nervoso;
pu essere usato come segnale calmante o per quietarsi. Lo facciamo
anche noi esseri umani in situazioni che ci fanno sentire a disagio.
Grattarsi
Cos come sbadigliare, anche grattarsi pu essere un'attivit di
sostituzione. Gli esseri umani si mangiano le unghie quando sono
ansiosi; i cani si grattano. Mi capita di vedere spesso i cani grattarsi
all'inizio di un addestramento.
Starnutire
In maniera simile, anche starnutire pu essere riconducibile allo stress e
all'ansia. I cani insicuri spesso starnutiscono quando incontrano un altro
cane o quando fanno le feste a un essere umano.
Stiracchiarsi
I cani si stiracchiano per le nostre stesse ragioni: per alleviare la
tensione muscolare quando si spostano da una posa sedentaria a un'altra
pi attiva. Ma possono anche stiracchiarsi come forma di distrazione o

come attivit di sostituzione in situazioni in cui non si sentono a loro


agio.
Immobilizzarsi
Il cane risponder a una minaccia in tre modi principali: scappando, che
in genere l'opzione pi sensata; lottando, se si sente all'altezza della
sfida; immobilizzandosi, nella speranza che la minaccia scompaia. Se
toccate un cane nervoso e lo sentite irrigidirsi o percepite la tensione
nel suo corpo, mangiate la foglia e allontanatevi. Se continuate ad
accarezzarlo, il prossimo passo del cane sar ringhiare, ringhiare
mostrando i denti e quindi mordere. Alcuni cani non si preoccupano
nemmeno di dare un avvertimento, ma passano direttamente al morso.
Il cane s'immobilizza anche quando individua qualcosa da lu percepito
come una preda: potrebbe trattarsi di uno scoiattolo in giardino o di un
uccellino. Il cane assumer una posizione di assoluta immobilit,
focalizzando tutta la sua attenzione su quella creatura.
Girare in tondo
Quando un cane gira in tondo su se stesso, questo gesto indica una
gamma d'intenzioni ed emozioni diverse. Di solito, i cani girano in
tondo prima di mettersi a dormire o a riposare. In natura, i cani
scelgono di dormire in luoghi nascosti tra l'erba alta e girare in tondo
serve ad appiattire l'erba per formare una comoda cuccia. Lo stesso
comportamento sopravvive nei nostri animali domestici. Girare in
tondo indica inoltre che un cane sta per evacuare: girer in tondo un
paio di volte e poi si accovaccer prima di defecare. In alcuni casi,
girare in tondo pu indicare ansia o eccitazione. Un cane, quando
capisce che arrivata l'ora della pappa, della passeggiata o del gioco,
pu iniziare a piroettare sul pavimento come se riuscisse a malapena a
contenersi. Tuttavia, quando gira in tondo lentamente, con una postura
rannicchiata e la testa bassa, sta esprimendo sospetto e disagio.
Segnali fraintesi
Ho gi parlato di come abbracciare il vostro cane possa essere da lui
frainteso, ma ci sono altri modi in cui capita di non capire che cosa un
cane stia cercando di dirci. Quando ero incinta, mi capitava che degli
sconosciuti per strada mi si avvicinassero, come se mi conoscessero, e,
senza chiedermi se potevano farlo, mi toccassero la pancia. In

apparenza, il fatto di portare nel grembo un bambino, sembrava dar loro


carta bianca per toccarmi. Adesso fanno lo stesso con la mia bambina.
piuttosto sconcertante quando perfetti sconosciuti ci toccano senza
alcun motivo apparente o senza che abbiamo chiesto loro di farlo.
Eppure, noi facciamo di continuo la stessa cosa con i cani. Senza
chiedere permesso, entriamo nel loro spazio personale, allunghiamo
una mano sulla loro testa, li guardiamo negli occhi e sorridiamo.
Pensiamo di dimostrarci amichevoli in questo modo. Invece, un cane
sensibile o nervoso l'interpreta cos: "Questo sconosciuto si sta
avvicinando a me. vicino, troppo, troppo vicino! La sua grossa mano
sta per arrivarmi sulla testa. Che cosa vuole fare? Mi sta toccando la
testa. Adesso mi acquatto e vediamo se va via. Negativo! Mi sono
acquattato e lui non ha recepito il messaggio. Mi sta toccando,
fissandomi e mostrandomi i denti. Va bene, adesso volto la testa
dall'altra parte. Continua a toccarmi. Ok. Adesso sposto lontano tutto il
mio corpo cos capisce che non rappresento una minaccia per lui e si
allontana. ancora qui. Adesso, inizio ad avere davvero paura. Sollevo
un po' il labbro, almeno cos gli faccio capire che non sono a mio agio.
Non ha compreso l'avvertimento! Va bene, allora forse capir con una
ringhiata: tutti sanno cosa significa. Grrrr! Non ha ancora capito. Basta,
adesso la mia pazienza si esaurita. Devo proteggermi nell'unico modo
che conosco. Ahi! Perch il mio padrone mi ha colpito? Non si reso
conto che ero nervoso e stavo cercando di far allontanare quell'uomo,
ma non mi ha ascoltato fino a quando non ho provato a morderlo?".
Nove volte su dieci i cani si prendono la colpa per questo tipo di
comportamento. Se avete un cane che nervoso in presenza di
sconosciuti e reagisce con aggressivit quando la gente gli si avvicina,
con ogni probabilit avr manifestato quei passivi segnali calmanti
finalizzati a tranquillizzare la situazione le prime volte che qualcuno di
nuovo gli si avvicinato, ma quei segnali sono stati ignorati. L'unica
cosa che ha funzionato stato intensificare l'avvertimento prima
ringhiando o scagliandosi contro la persona e poi cercando di morderla.
Adesso, ogni volta che si trova nella stessa situazione, salta subito alla
fase d'attacco. Non perder tempo a mostrarci tutti quei segnali passivi,
far direttamente quello che lui ha visto che funziona. Dal suo punto di
vista, solo il tentato morso ha riscosso successo nel tenere alla larga lo
sconosciuto.

Tutti noi abbiamo uno spazio personale che ci circonda come una bolla.
Alcune persone possono entrare in quello spazio, altre no. A esclusione
di quelle persone piuttosto irritanti che hanno il vizio di avvicinarsi
parecchio quando parlano con qualcuno, incuranti del fatto che questa
persona stia cercando di mantenere le distanze, la maggior parte della
gente rispetta le regole dello spazio personale e non lo invader senza
essere invitata a farlo. Allora, perch mai noi invadiamo di continuo lo
spazio del nostro cane?
Questo comporta una notevole pressione, in particolare per un cane
nervoso, ma noi esseri umani continuiamo ad attribuire la colpa al cane
quando reagisce male. Forse non ci si dovrebbe mai avvicinare a un
cane? Ovviamente potete e dovreste essere in grado di farlo, ma in una
maniera precisa: invece di allungare la vostra mano sulla testa
dell'animale, chinandovi e fissandolo negli occhi, rimanete in posizione
eretta, tenete le braccia lungo i fianchi, con le nocche livolte verso il
cane e rimanete in questa posizione. Ditegli "ciao", guardatelo per un
attimo, poi distogliete lo sguardo. Guardatelo di nuovo e spostate lo
sguardo. Praticate un po' di linguaggio canino comunicando con lui
attraverso quei segnali passivi finalizzati a tranquillizzarlo. Permettete
al cane di decidere lui stesso se vi vuole venire a salutare o no. Se si
avvicina per annusarvi, leggetelo come un segno promettente. Se non lo
fa, allora ha deciso che oggi non ha voglia di conoscervi e dovete
rispettare la sua scelta. Spesso devo respingere degli sconosciuti per
strada che vogliono avvicinarsi e salutare i cani con cui sto lavorando.
Quando chiedo loro di non farlo, perch il cane un po' nervoso in
presenza di sconosciuti, mi rispondono: "Oh, non c' problema, io sono
bravissimo con i cani. Mi adorano". Se fossero davvero comprensivi e
bravi con i cani, allora si renderebbero conto del perch sia stato chiesto
loro di non avvicinarsi e rispetterebbero i desideri del padrone o
dell'addestratore.
Ogni cane diverso e reagisce alla sua maniera. Prima ho accennato al
fatto che quando un cane si sdraia sulla schiena e mostra la pancia,
questo non significa necessariamente che voglia giocare con voi. Se
non conoscete il cane o se il cane d'indole nervosa e si mette a pancia
all'aria quando lo salutate, lasciatelo stare. Alzatevi in piedi e
allontanatevi un poco, spostando la testa e distogliendo lo sguardo. In
un'occasione mi capitato di assistere a cos' successo quando un uomo
si avvicinato per salutare un cane che stava correndo libero nel cortile

di casa. L'uomo era uno sconosciuto per il cane. Il cane ha iniziato a


rannicchiarsi e a muoversi in cerchio con la coda infilata tra le zampe.
Mentre si acquattava verso il terreno, ha reclinato la testa e si girato
sulla schiena. L'uomo, credendo che il cane volesse giocare con lui, si
avvicinato e ha iniziato ad accarezzargli la pancia. Il cane si irrigidito
e prima ancora che l'uomo si accorgesse di quello che stava per
succedere, l'ha morsicato ed scappato via. L'uomo era sconcertato
perch era assolutamente sicuro che il cane volesse farsi accarezzare la
pancia e non riusciva a capire perch lo avesse morsicato, ma aveva
frainteso i segnali trasmessi e, di conseguenza, si beccato un bel
morso: eppure aveva avuto cani per tutta la sua vita. Un cane, quando s
sente a suo agio con voi o con altri, vi consentir di infrangere qualche
regola. Allora potrete abbracciarlo, accarezzarlo e coccolarlo a volont
perch avr capito che non rappresentate una minaccia per lui.

Cani a scuola:
educazione di base
Addestrare il vostro cane di fondamentale importanza perch instaura
linee di comunicazione che consentono a voi e a lui di capirvi a
vicenda; crea un forte legame tra voi e serve per infondere sicurezza
all'animale.
Molta gente pensa che un cane sicuro di s debba essere prepotente e
assertivo. La sicurezza molto diversa: un cane sicuro di s rilassato,
sveglio, felice e tranquillo. Non cerca di controllare voi o l'ambiente in
cui si trova a vivere. Al contrario, il cane sa che pu fare affidamento
su di voi per essere protetto e soddisfare le sue necessit: non solo
quelle fisiche, come essere alimentato e tenuto in esercizio, ma anche
essere stimolato, ricevere affetto e giocare.
L'addestramento non significa imporre al vostro cane modelli di
comportamento estranei alla sua natura. Non si tratta di spaventarlo o di
spezzare la sua forza di volont ma di fornirgli i mezzi per vivere nel
nostro mondo. Non dovreste accogliere in casa un cucciolo senza
educarlo a vivere in un ambiente chiuso. altrettanto importante
addestrare un cane a rispondere quando lo chiamate o a stare fermo
quando glielo chiedete. Un cane addestrato non solo si comporta
meglio, ma anche pi al sicuro.

I cani hanno tanta voglia di imparare: il loro cervello ha bisogno di


stimoli, proprio come il nostro. Investire tempo per educare e
addestrare il vostro cane lo aiuter per tutta la sua vita. Ci vuole tempo
e pazienza per farlo, ma non dev'essere una scocciatura.
L'addestramento dovrebbe essere un'esperienza positiva e costante,
un'opportunit per voi e per il vostro cane di divertirvi insieme.
Come il cane apprende
Prima di iscrivere il vostro cane a un corso di addestramento, ricorrete a
un addestratore personale o cominciate voi ad addestrarlo: dovete
capire come imparano i cani, perch, come gli esseri umani, i cani
apprendono il mondo che li circonda in molteplici modi.
Istinto
Parte della conoscenza del cane preprogrammata. Il cucciolo, appena
nato, si avvicina alla mammella della mamma per nutrirsi. Nessuno gli
ha insegnato a farlo. Il cucciolo d'istinto sa di dover mangiare per
sopravvivere. L'istinto predatorio molto forte nei cani adulti. Anche se
il vostro cane non deve andare a caccia per procacciarsi il cibo che gli
date, stato quell'istinto a permettere ai suoi antenati di rimanere in vita
e di assicurare la sopravvivenza della specie.
Allevamento
La selezione di razza ha aggiunto un nuovo aspetto al temperamento del
vostro cane. I retriever recuperano; i pointer puntano; i terrier scavano.
Gli esseri umani hanno accentuato alcuni aspetti del comportamento
naturale dei cani attraverso la riproduzione selettiva in modo da renderli
sempre pi utili all'uomo. Se il vostro cane un maltese, dovete
accettare che potreste non addestrarlo mai a riportarvi le cose:
semplicemente non nella sua natura farlo. Ogni cane un individuo,
ma se siete proprietari di un cane di razza pura, allora dovete conoscere
le caratteristiche e le tendenze comuni di quella razza.
Ambiente ed esperienza
Il cane dotato di alcune caratteristiche e istinti. Tuttavia, molto di
quello che impara del mondo lo apprende dall'ambiente.
I bambini imparano guardando i propri genitori e fratelli e copiando
quello che fanno. Lo stesso succede con i cuccioli. Non appena

nascono, i cuccioli si danno da fare per raccogliere informazioni sul


mondo attraverso gli altri cuccioli, la mamma e gli esseri umani che si
prendono cura di loro. Inoltre, imitano il comportamento degli altri
cuccioli e degli altri cani.
Il cucciolo, se allontanato troppo presto dalla mamma e dagli altri
cuccioli, perde un importante stadio dell'apprendimento. Tutto
quell'azzuffarsi e fare baruffa non semplicemente esuberanza o
vivacit: i cuccioli, quando giocano alla lotta, stanno imparando come
leggere i segnali, come inibire il proprio morso e come andare
d'accordo gli uni con gli altri.
Non appena portiamo un cucciolo a casa, nostra responsabilit
assicurarci che sperimenti cose positive e che viva in un ambiente in
grado di promuovere un apprendimento positivo. Dobbiamo gestire
l'ambiente per conto del nostro cane, socializzandolo in modo che non
abbia paura delle altre persone, esponendolo in maniera attenta e
controllata a una variet di esperienze in grado di stimolare i suoi sensi
e il suo cervello.
Condizionamento
Uno dei modi pi importanti in cui i cani imparano attraverso il
condizionamento, che funziona in due modi principali. Se infilo le mani
in una scatola e tiro fuori una deliziosa fetta di torta al cioccolato,
molto probabile che lo faccia ancora, perch il risultato della mia
azione stato assai piacevole. Come gli esseri umani, anche i cani
imparano che il loro comportamento implica delle conseguenze. Se le
conseguenze sono piacevoli, allora il cane sar propenso a ripetere
l'azione e viceversa. Per esempio, quando si siede voi lo ricompensate
con un bocconcino: la prossima volta che gli chiederete ancora di
sedersi, sar pi incline a farlo per via della piacevole ricompensa.
Immaginate di chiedergli di sedersi ma lui non obbedisce al segnale e,
per questo, non riceve ricompensa. Poi, gli chiedete ancora di sedersi,
lui lo fa e questa volta gli date la ricompensa. A un certo punto, il cane
comprender che sedersi quando gli viene chiesto di farlo molto pi
piacevole che non farlo. Questo si chiama condizionamento operante. Il
secondo tipo di condizionamento, conosciuto come classico, riguarda le
associazioni.
Nei tardi anni Settanta, quando ero una bambina, in televisione c'era
uno spot pubblicitario per un certo dolcetto che si presumeva facesse

venire l'acquolina in bocca. Lo spot era accompagnato da un motivetto


orecchiabile. Ogni volta che entravo in un negozio per comprare quel
particolare dolcetto, la mia bocca iniziava a produrre acquolina. Mi
succede ancora a distanza di trent'anni. Grazie alla campagna
pubblicitaria, il mio cervello associa la vista di quei dolci all'acquolina
in bocca. I cani fanno di continuo questo tipo di associazioni: il
tintinnio del guinzaglio significa che sta per andare a spasso; lo squillo
del campanello vuol dire che qualcuno sta per entrare dalla porta; la
vista del camice del veterinario si traduce in possibile dolore.
Come succede agli esseri umani, anche i cani imparano che i loro
comportamenti hanno delle conseguenze.
Il potere dell'addestramento positivo
Adesso che iniziate a capire come un cane impara, potete cominciare a
insegnargli le cose che deve sapere. Tutte le mie tecniche di
addestramento sono di tipo positivo e anche le vostre dovrebbero
esserlo. Uso ricompense per sostenere un comportamento positivo e per
consolidarne l'apprendimento. Ricorro a correzioni vocali per avvertire
il cane che non si comportato nel modo in cui avrebbe dovuto. Non
uso mai punizioni severe.
Gridare, strillare, urlare, colpire e picchiare sono assolutamente
inaccettabili. Sono comportamenti che non c'entrano nulla con
l'addestramento. Se attaccate violentemente un cane, a livello verbale o
fisico, gli insegnate la paura e la mancanza di rispetto. Non si fider di
voi. Al contrario, vi assocer a sensazioni negative. Voi diventerete la
fonte di sgradevoli esperienze.
Non avete bisogno di attrezzatura elaborata per addestrare un cane:
quello di cui avrete bisogno sono tempo e pazienza, e capacit di
divertirvi! Ogni addestramento si basa su una combinazione di comandi
vocali e segnali fisici. Entrambi sono necessari per addestrare in
maniera efficace un cane.
Questi animali ci guardano pi attentamente di quanto non ci ascoltino.
Per loro difficile comprendere le parole. In alcuni casi, per esempio,
quando siamo a met strada nel parco, potrebbero non sentirci in
maniera distinta. Ma saranno in grado di vedere un segnale manuale e
di comprenderne il significato.

Gridare, strillare, urlare, colpire e picchiare sono comportamenti


assolutamente inaccettabili, che non c'entrano nulla con
l'addestramento.
Tempismo
Qual il segreto della comicit? Il tempismo. Senza, il comico "muore"
sul palco. La comunicazione con il vostro cane di fatto dipende dal
tempismo perfetto. Potete spiegare a un bambino perch una sua azione
passata era sbagliata, dato che parlate la stessa lingua. I cani non
possiedono queste capacit linguistiche: loro semplicemente
assoceranno un comportamento con una ricompensa o con una
correzione, se il tempo trascorso tra le due azioni molto corto. Stiamo
parlando di un secondo! La vostra risposta deve arrivare un secondo
dopo il comportamento del cane. Per esempio, se non ricompensate il
cane non appena ha messo il sedere sul pavimento, potreste
ricompensarlo perch ha girato la testa piuttosto di premiare il
comportamento che avevate in mente, ossia che il cane si mettesse a
sedere. Le cose stanno precisamente in questo modo. Questo non
significa che dobbiate cacciargli in gola il cibo o dargli un giocattolo
nel giro di un secondo da quando si seduto. Intervenite per in
maniera tempestiva dicendo "bravo" prima di dargli qualsiasi altra
ricompensa. Non potete punire un cane perch ha fatto la pip sul
pavimento se non lo avete colto sul fatto. Cos come non potete punirlo
per aver mordicchiato il cuscino, se non lo avete sorpreso mentre lo
faceva. Spaccare il secondo importante anche per un'altra ragione: si
insegna al cane ad agire immediatamente e senza esitare quando viene
dato un comando. Lo aiuter a rispondere pi velocemente quando
avrete bisogno di usare un comando e il cane distratto o
emozionalmente preso.
Coerenza
Essere coerenti fondamentale quando si tratta di insegnare al vostro
cane come funziona quello strano universo domestico in cui si trova a
vivere. I cani vedono le cose in bianco e nero, mentre noi esseri umani
abbiamo molte sfumature. Il cane pu o no sedersi sul divano? Se un
membro della vostra famiglia consente al cane di sedersi sul divano e
un altro gli intima di scendere ogni volta che ci salta sopra, che
messaggio gli state mandando? I segnali contraddittori confondono i

cani e la continua confusione li rende ansiosi. La coerenza inoltre


basilare nella fase di addestramento. Tutti i membri del nucleo familiare
dovrebbero usare gli stessi comandi e gesti, ma soprattutto essere
d'accordo sulle stesse regole: e questo include anche chi li porta a
spasso, eventuali dog walker, dog sitter e chiunque si occupi del vostro
cane regolarmente. L'incoerenza uno dei problemi pi comuni che
riscontro quando do consigli ai miei clienti.
Luso della voce
Alcune persone mi dicono sempre di sapere che il loro cane li capisce
quando gli parlano. I cani sono animali molto percettivi e, ovviamente,
comprendono determinate cose che i loro padroni dicono. Ma non
capiscono le parole perch parlano la nostra lingua: le apprendono
perch associano certi suoni a certi risultati. Quando addestrate un cane
a portare a compimento un'attivit specifica, voi collegate il suono di
una parola a un particolare comportamento e rinforzate
quell'associazione lodandolo e ricompensandolo. Non appena il cane ha
imparato il comando, il suono di "seduto" si assocer nella sua mente al
fatto di mettere il sedere per terra. E poi, quando lo fa, succede
qualcosa di bello. Non significa che il cane comprende che cosa voglia
dire "seduto". Potreste associare il semplice atto di sedersi a qualsiasi
parola, per esempio "volare", se associate a quel comportamento quella
parola. per questa ragione che rischiamo di confondere i nostri cani
quando abbiamo insegnato loro il significato di "seduto" e poi diciamo
"seduto a terra" o "seduto, seduto, seduto". "Che cosa diavolo potr mai
significare 'seduto, seduto, seduto'?", penser il cane.
Tono e intensit
Avete mai sentito il termine "maternese"? Questo il modo in cui
spesso le mamme parlano ai loro bambini e noi ai nostri animali
domestici. La nostra voce ha un'impostazione molto acuta e parliamo
una sorta di linguaggio infantile. I bambini e i cani ne vanno matti.
Quando ci arrabbiamo o comminiamo una correzione, il nostro tono di
voce si fa pi profondo e minaccioso. I cani rispondono molto bene al
tono e all'intensit vocale.
Fate in modo che i vostri comandi e suggerimenti vocali siano brevi e
semplici, due parole al massimo.

L'uso dei gesti


I suggerimenti vocali possono essere abbinati a gesti fisici, oltre a poter
essere usati da soli. A mio parere, in questo modo i cani apprendono pi
rapidamente quello che stiamo cercando di insegnare loro. Per gli esseri
umani pi difficile essere coerenti con i gesti piuttosto che con le
parole. Decidete quale gesto userete per un comando specifico e non
cambiatelo. Le vostre mani devono dire la stessa cosa delle vostre
parole. Se puntate il dito verso il cane quando gli dite di sedersi e fate
lo stesso gesto anche quando gli chiedete di fermarsi, come pensate i
che sia in grado di capire che cosa fare? Fate in modo che i vostri gesti
siano discreti e contenuti: non necessario agitare le braccia.
Suggerimenti e gesti di uso comune
A me proprio non piace la parola "comando": non stiamo comandando i
nostri cani dall'alto, stiamo offrendo loro suggerimenti e gesti per
mostrare come vogliamo che si comportino. Di seguito trovate un
elenco delle parole e dei gesti che preferisco usare. Potete scegliere
qualsiasi termine o segnale a vostro piacimento: l'importante che siate
coerenti.
Vieni
Significato Torna da me quando sei distante.
Gesto Mi picchietto il petto o le gambe e giro il mio corpo nella
direzione in cui voglio richiamare il cane.
Seduto
Significato Metti a terra il sedere.
Gesto Mantengo la mano davanti al naso del cane, come se stessi per
dargli un bocconcino. Poi sollevo leggermente il polso.
Gi
Significato Sdraiati sulla pancia.
Gesto Inizio mettendo il palmo della mano per terra. A mano a mano
che l'addestramento prosegue, abbasso la mano, ma senza appoggiarla
direttamente a terra.
Su

Significato Alzati da una posizione sdraiata a una seduta.


Gesto Batto le mani e dico "su, su, su" con un tono alto e motivante.
In piedi
Significato Alzati da una posizione seduta e mettiti a quattro zampe.
Gesto Sollevo l'avambraccio con il palmo rivolto verso l'alto.
Stai fermo
Significato Non ti muovere fino a quando non ti ordino di farlo.
Gesto Allungo la mano davanti a me con il palmo rivolto all'infuori
verso il cane.
Ok
Significato Adesso puoi muoverti.
Nessun gesto manuale Solo un energico segnale vocale e un movimento
del corpo per motivare il cane.
Scendi
Significato Togli le zampe dal divano, dal bancone della cucina, dal
letto e cos via.
Gesto Indico dove voglio che vada il cane e sposto gli occhi verso il
luogo che sto indicando.
Guardami
Significato Concentrati sul mio volto. Dammi un contatto visivo.
Voglio la tua attenzione.
Gesto Sollevo la mano all'altezza dei miei occhi.
Seguimi
Significato Cammina accanto alla mia caviglia/fianco sinistro (o
destro). Fermati se mi fermo. Cammina quando cammino.
Gesto Mi do una pacca sul fianco sinistro (o destro), a seconda che mi
senta pi a mio agio nel far passeggiare il cane alla mia sinistra o
destra.
Stop
(usato quando si porta a passeggio il cane)
Signficato Fermati accanto a me.

Gesto: Metto la mano lungo il fianco, con il palmo rivolto verso il cane.
Andiamo
Significato Camminiamo insieme, puoi passeggiare leggermente pi
avanti di me o al mio lato, ma non mi tirare.
Nessun gesto manuale Solo un energico segnale vocale e fisico.
Lascia
Significato Togli il naso da un oggetto, persona, cane o pezzo di cibo.
Nessun gesto manuale.
Molla
Significato Lascia andare un oggetto dalla bocca.
Nessun gesto manuale.
Prendi
Significato Afferra un oggetto con la bocca.
Nessun gesto manuale.
Piano
Significato Prendi un bocconcino dalla mia mano con gentilezza.
Non strapparlo con furia. Nessun gesto manuale.
Ricompense
Che cosa pu motivare un cane a imparare? Una ricompensa. Dare una
ricompensa al vostro cane quando gli chiedete qualcosa lo stimoler a
farlo di nuovo. Tutti noi abbiamo bisogno di essere motivati. Che cosa
succederebbe se il vostro datore di lavoro non vi pagasse? Di sicuro
avreste meno voglia di lavorare. Pensate a che cosa motivi di pi il
vostro cane: le ricompense sotto forma di cibo funzionano bene con la
maggior parte dei cani. Altri validi premi sono giochi che squittiscono,
corde da tirare e palline da tennis, al pari di carezze, elogi, esercizi e
giochi. Variate gli stimoli usati nel corso dell'addestramento in modo
che non diventino noiosi. Il vostro cane, se non sa quale ricompensa
ricever la prossima volta, non perder l'interesse. Non ricompensate un
buon comportamento solo durante l'addestramento: fatelo sempre,
anche se non un comportamento che avete espressamente richiesto.
Ricordatevi che il cibo e i giochi sono le ricompense pi gradite per un

cane perch sono le cose che vogliono davvero. Alcuni cani sono
motivati dagli elogi, ma, a essere sincera, sono molto meno di quanto
non si possa pensare. Giocare con il vostro cane o portarlo a spasso
rappresentano entrambe valide ricompense per premiare il buon
comportamento. Il problema pi comune che spesso la gente
ricompensa un cane per il comportamento sbagliato senza rendersene
conto. Poniamo che il vostro cane abbai quando ne vede un altro: voi
pensate che abbia paura e gli date una carezza per cercare di calmarlo.
"Va tutto bene", gli dite. "Non succede niente di male". Adesso
osservate la stessa situazione dal punto di vista del cane: lui ha abbaiato
e voi avete rinforzato la sua azione, e l'emozione che si celava dietro
questa, dandogli la vostra attenzione. Risultato: la prossima volta che
vedr un cane, sar pi propenso ad abbaiare di nuovo. La gente spesso
fa un uso improprio delle ricompense (o delle correzioni) perch pensa
che i cani sappiano riconoscere la differenza tra un comportamento
buono e uno cattivo. Le cose invece non stanno cos. I cani associano
quello che hanno fatto pi di recente solo con una ricompensa o una
correzione. Per questa ragione il vostro tempismo dev'essere perfetto.
Se usate il cibo come ricompensa, offrite al vostro cane qualcosa che gli
piace molto e che non mangia spesso. Qualche bocconcino secco o
croccantino non sar sufficiente. Per un successo garantito, provate con
fettine di pollo, manzo o fegato e con cubetti di formaggio.
Razionate i premi
Una volta iniziato l'addestramento, non premiate il cane per ogni azione
con esito positivo. Ricordatevi di lodarlo sempre, ma intervallate
le ricompense. In questo modo, quello che gli date acquista valore e gli
consente di imparare pi in fretta. Se date sempre un premio al vostro
cane per un particolare tipo di comportamento, indipendentemente da
quanto bene lo porti a termine, il suo comportamento non potr mai
migliorare, dato che non gli avete comunicato quale sia stato il
migliore. Se il cane pensa di ottenere sempre una ricompensa, allora
potrebbe rifiutarsi di fare qualsiasi cosa che non la preveda. A quel
punto, non pi una ricompensa ma un regalo.
Il clicker

Molti addestratori usano il clicker e i cani spesso reagiscono bene al


rumore di questo tipo di oggetto. La cosa importante da ricordare, se
usate un clicker, di abbinare il suono "click" con una ricompensa.
Il click significa: "Hai fatto la cosa giusta!". Il clicker non va usato per
chiedere a un cane di fare qualcosa, ma per confermargli che sta per
essere ricompensato. Dovreste sempre "rinforzare" il clicker con una
ricompensa, in particolare sotto forma di cibo, la pi gradita.
Dare una ricompensa al vostro cane quando gli chiedete qualcosa lo
motiver a farlo di nuovo.
Correzioni
Una correzione non una punizione, ma il modo in cui dimostrate al
cane che ha fatto qualcosa che non vi piace o che non ha fatto qualcosa
che gli era stato chiesto,io uso principalmente le correzioni vocali.
Anche il tme out, ossia lasciare da solo il cane, pu essere una
correzione di grande efficacia. Tra tutti i rimedi vocali, il meno efficace
in assoluto "no". Sin da quando sono cuccioli e per il resto della loro
vita la maggior parte dei cani sente la parola "no" cos di frequente da
pensare che sia il proprio nome. Il tipo di correzione vocale che io uso
nell'addestramento sono i suoni: richiamano subito l'attenzione del cane
e la dirigono verso quello che ha fatto. Non urlate mai con un tono di
voce troppo elevato davanti a un cane. Supportate la correzione con un
premio se il cane ha risposto bene. Fate in modo che sia facile per lui
non sbagliare pi.
Ah! Ah!
Questo un suono stridulo e gutturale che uso per piccole infrazioni,
per esempio quando un cane ha messo le zampe sul bancone della
cucina. Se l'azione si ripete, posso intensificarne il tono e il volume.
Uso lo stesso suono in modo pi alto per infrazioni pi serie.
Oh! Oh!
Questa correzione vocale significa: "Non hai fatto quello che ti avevo
chiesto, quindi per ora ti levo la ricompensa. Continuer a chiedertelo
ancora e non ti dar la ricompensa fino a quando non farai quanto ti ho
chiesto". Accompagnate il suono rimuovendo dalla vista il premio.
Potete anche dire: "Peccato".

Ahi!
Guaendo, vogliamo dire al cane: "Smettila di afferrarmi con la bocca!
Mi fai male!".
Quando un altro cucciolo o un cane fa loro del male, i cuccioli e gli altri
cani emettono un guaito. La maggior parte dei cani reagir al guaito,
bloccando il comportamento.
Ricordate molto bene quanto segue: RICOMPENSATE il
comportamento che volete incoraggiare; CORREGGETE o ignorate il
comportamento che volete scoraggiare.
Consigli per l'addestramento
Iniziate quando il vostro cane piccolo e continuate per tutta la sua
vita. I cani normali possono cominciare a sette settimane d'et, quando i
loro cervelli sono sufficientemente sviluppati. Molte persone credono
che una volta che i cani hanno imparato quello che dovevano sapere,
l'addestramento pu dirsi concluso. Non cos. I cani possono, e
dovrebbero, imparare nel corso di tutta la loro vita.
Per l'educazione di base del cane si raccomandano tre sessioni tra i 5 e i
10 minuti al giorno. Ricordate per di relazionarvi con lui per tutto il
giorno.
Date il segnale solo una volta (es. "seduto"). Se ripetete il segnale pi e
pi volte, in realt state insegnando al vostro cane a sedersi alla quarta
o quinta volta che dite quella parola, e non alla prima! A me piace che i
miei cani rispondano ai segnali la prima volta che li comunico loro. Se
non lo fanno, non ricevono alcuna ricompensa.
Incominciate l'addestramento in un ambiente tranquillo: i cani imparano
pi in fretta quando hanno meno distrazioni intorno a loro. Non appena
inizia a rispondere bene all'addestramento, allora introducete il cane a
poco a poco in altri luoghi, io chiamo questa tecnica "variare lo
scenario". All'inizio addestrate il vostro cane in casa, usando stanze
diverse. Poi spostatevi nel cortile di casa, in strada, in macchina e nel
parco. Questo fa s che il cane risponda ovunque si trovi e non solo in
cucina.
L'addestramento dev'essere ben consolidato prima di poter funzionare
in luoghi dove sono presenti molteplici distrazioni. Gli addestratori lo
definiscono "proofing" e testano il successo del loro addestramento

chiedendo al cane di rispondere in situazioni dove succedono svariate


cose, per esempio gente che si ferma a parlare, palline lanciate in aria,
cani che corrono e via dicendo.
Variate la posizione del vostro corpo. Il cane dovrebbe rispondere
quando siete seduti, rannicchiati o in piedi, non solo quando siete in
piedi davanti a lui.
Iniziate da vicino e poi spostatevi gradualmente pi lontano. Aumentate
la distanza tra voi e il vostro cane.
L'addestramento dovrebbe essere divertente quanto un gioco. I cani si
annoiano facilmente, quindi dovrete adottare un modo energico ed
entusiastico per mantenere vivo il loro interesse. Tutte le sessioni
dovrebbero concludersi con una profusione di lodi.
Siate pazienti e accettate gli insuccessi cosi come i successi. Alcuni
imparano pi lentamente: in genere, per tre passi in avanti, se ne fa uno
indietro.
I cani stanchi non imparano. Il lavoro mentale pu essere pi faticoso
dell'attivit fisica.
Il segreto dell'addestramento positivo sta nell'evitare di manovrare a
livello fisico il corpo dell'animale. Il cane dovrebbe fare lo sforzo
mentale per comprendere come ottenere la ricompensa.
Come insegnare i comandi
Nei capitoli successivi vi mostrer come insegnare al vostro cane a
camminare, a seguirvi al piede, a mollare qualcosa dalla bocca, a dare
la zampa, a mettersi in posizione supina e cos via. Qui mi concentrer
su alcuni comandi di base per darvi un'idea di come funzioni il processo
di addestramento.
Il comando "seduto"
Un ottimo modo per iniziare insegnare al vostro cane a sedersi, perch
una postura naturale per lui. Tuttavia, accertatevi che per il vostro
cane sedersi sia confortevole. Se i suoi arti non sono in buone
condizioni e non riesce a stare seduto per lunghi periodi, insegnategli
qualcosa di diverso.
Che cosa fare

Munitevi di un bocconcino. Stringetelo tra il pollice, l'indice e l'anulare


con il palmo rivolto in alto.
Chiamate il vostro cane. I cuccioli imparano i loro nomi molto
rapidamente e dovrebbero avvicinarsi per investigare.
Mostrate al vostro cane di avere in mano un bocconcino. Tenetelo
davanti al suo naso e lasciate che lo annusi, lo lecchi, lo tocchi con la
zampa, ma non dateglielo.
In questa fase, non pronunciate un comando e non dite una parola.
A un certo punto, il vostro cane si sieder. Adesso dovete fare ricorso al
tempismo perfetto: cogliere l'azione e ricompensarla subito. Dategli il
bocconcino e lodatelo.
Ripetete la stessa procedura altre due volte. Aspettate l'azione, fissatela,
ricompensatelo e lodatelo.
Il passo successivo inserire il suggerimento vocale e il gesto. Quando
il vostro cane sta per sedersi, dite "seduto" e sollevate leggermente il
polso. Ripetete quest'azione tra le 5 e le 10 volte.
Infine, chiedete al vostro cane di "sedersi" usando la voce e il gesto
manuale prima ancora che abbia iniziato a farlo. Ripetete la stessa
sequenza tra le 5 e le 10 volte.
Se non si siede quando glielo chiedete, non ripetete il comando.
Allontanate dalla sua vista il bocconcino, spostandolo all'altezza delle
spalle e dite "Oh! Oh". Aspettate qualche secondo e poi riprovate.
Ricordate di lodare in abbondanza il vostro cane dopo ogni sessione.
Quando il cane ha imparato un comando in maniera approssimativa,
non dategli una ricompensa sotto forma di cibo ogni volta che lo
indovina. Dategliela ogni 2,3, 5 volte. Questo fa s che un cane impari
pi in fretta perch non mai sicuro di quando gli darete il premio. Non
interrompete completamente i premi e ricordate sempre di lodarlo in
abbondanza.
Il comando "a terra"
Dopo aver insegnato al vostro cane a sedersi, gli potete insegnare ,i
sdraiarsi a terra. Questo comando richiede un po' di pazienza. Per gli
esemplari di stazza grossa, come gli alani, sdraiarsi a terra e sollevarsi
molto stancante e vi conviene non chiederglielo troppo spesso.
Che cosa fare

Usate un bocconcino e mettete il vostro cane nella posizione seduta.


Mettete la vostra mano, con il bocconcino, sul pavimento con il palmo
rivolto in basso e lasciate che il cane l'annusi, ma senza lasciarglielo
prendere. In questa fase non dategli alcun comando vocale.
Il vostro cane incomincer a darsi da fare per capire come riuscire a
prendere il bocconcino dalla vostra mano. Non appena si sdraia sulla
pancia, dategli il bocconcino e lodatelo.
Ripetete la stessa procedura altre due volte. Aspettate l'azione,
coglietela, dategli il bocconcino e lodatelo.
Il passo successivo inserire il suggerimento vocale e il gesto manuale.
Nel momento in cui il vostro cane sta per sdraiarsi, dite "gi" e
abbassate la mano, con il palmo rivolto verso il basso, sul pavimento.
Ripetete quest'azione tra le 5 e le 10 volte.
Chiedete finalmente al vostro cane di mettersi "a terra" usando la voce e
il gesto manuale, prima che abbia iniziato a sdraiarsi.
Se sbaglia, dite "Oh! Oh!" e ripetete l'esercizio. Mettete in libert il
vostro cane dicendo "Ok" quando volete che si alzi di nuovo.
Il comando "guardami"
"Guardami" un comando importante, ma molta gente non pensa mai
di insegnarlo al proprio cane. Dovete essere in grado di richiamare
l'attenzione del vostro amico a quattro zampe quando siete in giro, se ci
sono bambini intorno o se sono presenti altri generi di distrazione che
potrebbero renderlo nervoso. In questo caso, seguite la stessa procedura
che usereste per insegnargli a sedersi, ma per prima cosa sistemate il
bocconcino davanti al suo naso, quindi sollevatelo fino ai vostri occhi,
tenendolo tra il pollice e l'indice: questo il segnale dato con la mano
(la maggior parte dei cani vi guarder negli occhi se accanto penzola un
appetitoso pezzo di pollo). Come nel caso di insegnare il comando
"seduto", ripetete l'esercizio fino a quando il vostro cane reagisce al
comando anche senza il bocconcino.
Il comando "resta"
Il segreto per insegnare al vostro cane a stare "fermo" di insegnare il
comando per gradi. Arrivateci in maniera graduale, allungando sia il
tempo sia la distanza. A differenza degli altri comandi, potete ripetere
"resta" senza per questo compromettere l'addestramento. Il motivo
che non state chiedendo al vostro cane di compiere una determinata

azione e di farla immediatamente. Al contrario, gli state chiedendo di


non fare assolutamente nulla.
Che cosa fare
Fate sedere il cane e rimanete in piedi davanti a lui.
Mettete il palmo della mano davanti al suo muso e dite "resta".
Aspettate un secondo e dategli la ricompensa.
Ripetete il comando e, in maniera graduale, allungate il tempo tra il
comando e la ricompensa fino a quando il vostro cane rimane fermo per
10 secondi.
Poi potete fare un passo indietro: se il cane si muove per seguirvi,
correggete il suo comportamento con un "Oh! Oh!" e provateci di
nuovo.
Aumentate lentamente la distanza tra voi. Tornate sempre dal cane e
non lodatelo n dategli la ricompensa fino a quando non sarete
fisicamente di nuovo vicini. Se lo lodaste da lontano, lo incoraggereste
ad avvicinarsi a voi, il che comprometterebbe quello che state cercando
di insegnargli.
Il comando "vieni"
il pi importante di tutti. Iniziate a insegnare al vostro cucciolo a
venire verso di voi quando lo chiamate non appena lo portate a casa.
Insegnategli ad avvicinarsi a voi in casa prima di farlo all'esterno.
Semplificate l'apprendimento cominciando da una breve distanza, circa
1 metro, per poi aumentarla. Assicuratevi di toccare il vostro cane
prima di lodarlo e ricompensarlo per essersi avvicinato: questo gli fa
capire che riceve il premio solo quando raggiunge la giusta vicinanza.
Naturalmente i cuccioli amano stare piuttosto vicini ai propri padroni.
Quando iniziate ad addestrarlo a venire da voi all'esterno, ricordatevi
sempre di questo punto. Toglietegli il guinzaglio e dategli il comando
in cortile o nel parco, se siete certi che sia sicuro farlo. Comunque,
prima o poi il vostro cane dimostrer un po' pi d'indipendenza: potr
capitarvi di essere al parco e, quando lo chiamerete, non risponder al
richiamo, perch distratto da altro.
Un ottimo sistema per insegnare il comando in modo divertente
quello di giocare a nascondino. I cani sono bravissimi in questo gioco e

si divertono molto. Nascondetevi da qualche parte in casa e ditegli di


venire da voi. Quando vi trova, lodatelo.

Che cosa fare


Insegnategli a venire da voi quando siete fuori di casa, dandogli una
ricompensa extra. La maggior parte dei cani interpreta, a ragion veduta,
il vostro richiamo "vieni" come la fine del divertimento. Questo
succede perch ha capito che quando gli dite "vieni" di solito significa
che gli rimettete il guinzaglio e lo portate a casa. Modificate le sue
aspettative. Ditegli "vieni", dategli un bocconcino e lasciatelo di nuovo
libero di andare a giocare. Due ricompense al prezzo di una!
Non state semplicemente in piedi dicendo al vostro cane "vieni".
Rendete il tutto pi interessante camminando o correndo nella direzione
in cui volete che vada. I cani sono predisposti a cacciare e la maggior
parte di loro sar ben felice di prendere parte a questo gioco. Quando
gli date il comando, la vostra voce non deve essere aspra o severa.
Usate un tono di voce acuto ed eccitato. A me piace usare quel tipo di
suoni allegri e secchi che la gente adopera per stimolare i cavalli a
correre pi veloci.
Sfruttate la curiosit del vostro cane. Se non ve la sentite di correre,
sedetevi o sdraiatevi per terra. La maggior parte dei cani si affretter ad
avvicinarsi per scoprire perch vi siete sdraiati in quel punto.
Ricompensate abbondantemente il vostro cane per rassicurarlo che va
tutto bene.
Cercate di essere ragionevoli: il vostro cane non correr da voi se sta
giocando con altri cani. Aspettate che ci sia un momento di quiete
durante l'azione prima di dare il comando.
Non liberate mai per nessuna ragione il vostro cane se lento nel
rispondere al comando "vieni". Molti padroni diventano ansiosi o si
arrabbiano in questa situazione: sono in assoluto risposte emotive che
non dovreste mai mostrargli. Se lo allontanate quando alla fine si
avvicina, gli avete appena insegnato a non avvicinarsi quando lo
chiamate. Siate ottimi attori. Quando vi si avvicina, indipendentemente
da quanto tempo ci metta per farlo, lodatelo.
Non inseguite mai un cane quando volete che venga da voi. Tuttavia,
potrebbero capitare situazioni in cui non avrete altra scelta se non
quella di corrergli dietro. In questo caso, lasciate cadere a terra dietro di

voi i bocconcini mentre camminate, poi tornate verso il primo


bocconcino e sperate, qualora abbiate perso le sue tracce, che il suo
olfatto lo riconduca da voi.
Il comando "lascia"
Ci sono molte situazioni in cui questo comando si riveler di grande
utilit. Potrebbe trattarsi di un pezzo di cibo caduto sul pavimento o di
un bambino oppure anche di un altro cane.
Che cosa fare
Stringete il bocconcino tra le mani, lasciandone sporgere una parte in
modo che non sia facilmente accessibile al cane. Lasciate che lo annusi.
Non appena allontana il muso dal bocconcino, lodatelo e dategli quel
bocconcino.
Ripetete questi passi un paio di volte, quindi inserite il comando
"lascia".
Non appena esita o distoglie lo sguardo dal bocconcino, lodatelo e
dategli quel bocconcino.
La prossima fase usare due bocconcini: mettetene uno nella mano
aperta e ripetete i passi di prima, solo che questa volta ricompenserete il
vostro cane con il bocconcino che terrete nell'altra mano (chiusa).
Mettete quindi un bocconcino sul pavimento. Ripetete la procedura,
ricompensando il vostro cane con il bocconcino che avete in mano, non
con quello sul pavimento.
Infine, legate il vostro cane al guinzaglio e camminate con lui accanto
al bocconcino sul pavimento. Quando sta per avvicinarsi al bocconcino,
ditegli "lascia". Nel momento in cui si ferma o vi guarda, lodatelo e
ricompensatelo con il bocconcino che tenete in mano e non con quello
sul pavimento.
Continuate a ripetere l'esercizio con il cane al guinzaglio. Sistemate
altri oggetti sul pavimento, preferibilmente cose che vorreste lui non
toccasse, per esempio il bidone della spazzatura. Una volta che il vostro
cane risponde bene a questo comando in casa, potete iniziare a usarlo
anche all'esterno.
Modificare il comportamento
Molto di quello di cui ho trattato in questo capitolo riguarda
laddestramento di base, tuttavia c' un altro aspetto importante da

considerare nell'educazione di un cane: riguarda come modificare il suo


comportamento in modo che possa vivere bene nel nostro mondo. Nel
mio lavoro vedo molti cani difficili o, forse, dovrei dire padroni
difficili?
Nel 90% dei casi se un cane ha sviluppato un problema
comportamentale
perch non stato gestito o trattato nel modo corretto. Significa che al
cane non stato insegnato come affrontare lo stress che comporta
vivere in un ambiente domestico.
Ecco un piccolo esempio: Kirsty un cucciolo di cocker spaniel che ha
sviluppato una cattiva abitudine: le piace mordicchiare le scarpe. In
realt ha gi mangiato molte delle scarpe pi costose della sua padrona
e ha rosicchiato tutta la parte posteriore di un paio di calzature firmate
mentre la donna era al lavoro.
La soluzione a questo "problema" non l'educazione di base. Potete
insegnare a un cucciolo a non rosicchiare oggetti che non deve,
facendogli mordicchiare altre cose, ma non potete insegnargli a non
rosicchiare del tutto. I cuccioli, quando stanno mettendo i denti, hanno
un forte bisogno di rosicchiare. La povera Kirsty sta solo cercando di
dare un po' di sollievo alle sue gengive.
La soluzione molto semplice ed di tenere le scarpe fuori dalla
portata del cane. Chiudetele in un armadio, dove il cane non riesca a
prenderle. Le scarpe sono un oggetto che suscita un profondo richiamo
nei cani
Hanno il profumo dei loro padroni ma c' anche qualcosa di pi.
Kirsty ha rosicchiato le scarpe non solo per mitigare il dolore mentre
stava mettendo i denti, ma anche perch era inquieta e si sentiva sola
quando la sua padrona era al lavoro. La sua padrona deve comprare i
giochi giusti per i denti e deve prestarle molta pi attenzione.
La mancanza di attenzione la causa di molti problemi legati al
comportamento. Chi responsabile di questo?
Nei capitoli successivi tratter altri problemi comuni e suggerir come
risolverli. Qui dir soltanto che molte di queste aree di difficolt
possono essere prevenute prendendosi cura nella giusta maniera del
proprio cane e gestendo il suo ambiente. Osservatelo e notate quali
esperienze lo rendono nervoso e ansioso. Non sempre possibile od
opportuno rimuovere del tutto una fonte di stress dalla vita di un cane,

ma ci sono diversi modi sicuri in cui potete aiutarlo ad affrontare queste


situazioni.
Il cibo giusto
e la dieta corretta
Il detto "siamo quello che mangiamo" vale per i cani quanto per gli
esseri umani. Una dieta corretta mantiene il cane in salute e carico di
energia, facendo splendere il pelo e brillare gli occhi. Una cattiva dieta
pu rendere gli animali agitati, aggressivi e iperattivi, oltre a rischiare
di privarli di nutrienti necessari al loro benessere.
A volte noi esseri umani non sappiamo che cosa stiamo inserendo nel
nostro corpo, quindi come possiamo sapere che cosa stanno mangiando
o preferiscono mangiare i nostri cani? In commercio ci sono cos tanti
prodotti per animali domestici che risulta difficile scegliere quale sia il
pi indicato. Ma com' possibile riconoscere la differenza tra cibo
corretto e cibo sbagliato? Dovreste alimentarlo con cibo umido o
secco? O con un mix dei due? Oppure dargli il cibo che mangiate voi?
Quante volte al giorno? E in quali quantit? Bisogna aggiungere altre
vitamine alla sua dieta? E per quanto riguarda ossi e bocconcini?
Meglio un osso di pelle di bufalo o un osso di manzo?
Fate quindi la vostra scelta; credete di alimentare il vostro cane con un
cibo adatto, dal buon sapore e con un ottimo aspetto, che lui mangia di
gusto. Poi, un giorno, leggete un articolo sul giornale e scoprite che lo
avevate nutrito ogni giorno con l'equivalente di hamburger e patatine
fritte. A meno che non vi diate la briga di scoprire che cosa finisca nel
cibo del vostro cane, non saprete mai quanto cattivi possano essere
alcuni cibi per animali. La maggior parte dei prodotti delle marche pi
conosciute contiene ingredienti che studi scientifici hanno dimostrato
provocare effetti negativi a livello fisico e mentale. Non fatevi trarre in
inganno dal fatto che il vostro veterinario venda quel tipo di cibo:
spesso i veterinari sono pagati per tenere nei loro studi particolari
marche. In qualit di addestratrice, una delle prime domande che
rivolgo ai proprietari che cosa danno da mangiare ai propri cani.
Spesso quello che pu sembrare solo un problema di tipo
comportamentale legato anche alla dieta. E il cibo di scarsa qualit
pu aggravare molti problemi.

L'industria dei prodotti alimentari per animali domestici un grande


business. Per vendere il cibo per animali domestici i produttori
ricorrono agli stessi strumenti di persuasione che altre aziende usano
per promuovere i prodotti alimentari che consumiamo noi esseri umani:
un packaging attraente; un'ottima pubblicit e grande sostegno per il
marchio; un'ampia rete di distribuzione in modo da poterlo trovare
quasi ovunque, al supermercato, nel negozio di animali, nella drogheria
sotto casa; un prezzo competitivo e accessibile. Tutti questi fattori
concorrono a influenzare la vostra scelta e funzionano: per questo le
aziende li usano.
Una dieta corretta mantiene il cane in salute e carico di energia, facendo
splendere il pelo e brillare gli occhi.
Come leggere la lista degli ingredienti
Per legge i produttori devono dichiarare gli ingredienti contenuti nei
loro prodotti, tuttavia la stessa lista pu nascondere molteplici sostanze
nocive, se non siete in grado di leggerla correttamente. Molte marche
famose di cibo per animali domestici sono ricche di sostanze chimiche
o di altre componenti disgustose. Ricordate che il primo nome elencato
sulla scatola o sull'etichetta indica il principale ingrediente di quel
particolare cibo. Ecco una lista tipica: pollo, farina di sottoprodotto di
pollo, farina di grano, sorgo macinato, orzo macinato a grani interi,
grasso di pollo, farina di pesce e conservanti sintetici BHA e BHT.
Questa lista mi fa capire subito che tale cibo di scarsa qualit. Il pollo
il primo ingrediente e questo va bene: ma che cos' la farina di
sottoprodotto di pollo? E la farina di grano? Perch aggiungono il
grasso di pollo? E che cosa c'entra il pesce? te sigle BHA e BHT che
cosa rappresentano? Per rendere pi semplice la conoscenza degli
ingredienti, vi spiegher nel dettaglio il significato di alcuni di questi.
Pollo, agnello, manzo
Se il pollo, l'agnello o il manzo sono il primo ingrediente sulla lista,
sapete che il cibo contiene la giusta quantit della parte pulita di un
animale macellato. Ma davvero cos? Se un'ampia porzione del cibo
fatta con ottimi tagli di carne animale e il cibo costa poco, con ogni

probabilit una buona parte di quella carne sar composta in realt da


acqua.
Farina di pollo, manzo o agnello
Farina significa che la carne stata macinata o ridotta in piccole
particelle. La farina di ossi di agnello ricavata dagli ossi essiccati e
tritati. Sono sterilizzate cucinandole al vapore sotto pressione.
Sottoprodotti del pollo
Smettete di leggere, se siete schizzinosi. I sottoprodotti includono carne
del collo, piedi, uova non sviluppate e intestini, tra cui la carne degli
organi. Talvolta sono aggiunti anche la testa e il becco.
Le piume sono consentite, ma solo quelle che sono finite dentro durante
il processo. Buono a sapersi!
Sottoprodotti della carne
Consistono di parti di qualsiasi animale macellato non adatte al
consumo da parte degli esseri umani, tra cui teste, piedi, code, pelo,
legamenti, ossi, intestini, polmoni e via dicendo. La presenza di
sottoprodotti non significa necessariamente che il cibo sia cattivo.
Infatti, la carne degli organi una delle prime cose che un animale
selvatico mangia della sua preda: lo stomaco, gli intestini e tutto quello
che contengono sono estratti e divorati per primi. Tuttavia, la carne
degli organi delle prede selvatiche in genere fresca e nutriente, a
differenza di quella usata nel cibo per animali domestici. Noi
consumatori non abbiamo alcun modo di sapere se gli organi erano
malati prima di essere processati per l'industria alimentare.
Mais, glutine di mais e altri cereali
Il mais e i prodotti di mais sono difficili da digerire per alcuni cani. Il
mais comunque utilizzato nell'alimentazione sia degli esseri umani sia
degli animali domestici come proteina, additivo e dolcificante. Alcune
famose marche di cibo per animali elencano il mais come il primo
ingrediente, anche se il prodotto pubblicizzato come "manzo e orzo".
Il mais una proteina a basso costo e completa, ma non cos nutriente
come altri ingredienti. risaputo che il mais pu causare allergie, sia
negli esseri umani sia nei cani. Se notate che il vostro cane da qualche
tempo si gratta in maniera eccessiva, si lecca le zampe o continua ad

avere infezioni alle orecchie, la causa potrebbe essere l'eccesso di mais


presente nella dieta. Il mais pu anche provocare gonfiori, una
conseguenza molto sgradevole. Il grano pu causare ancora pi allergie
rispetto al mais. Persino i grani di cereali, se non sono stati processati a
sufficienza, possono provocare reazioni allergiche.
Idrolizzato di manzo
Questo il materiale recuperato dalle carcasse dei bovini. Il "materiale"
chimicamente recuperato usando enzimi. Non carne ma tutt'altro. Il
termine pu anche riferirsi al tessuto pulito e non decomposto.
Sottoprodotti di pollame idrolizzato
Si tratta di materiale ricavato dalle carcasse del pollame, tra cui teste,
piedi e viscere. Materiali fecali ed estranei non dovrebbero essere
presenti nei sottoprodotti di pollame, anche se risaputo che alcuni di
questi elementi possono inevitabilmente finire nel cibo durante la fase
di lavorazione. Tutto dipende dagli standard d'igiene dell'azienda: forse
questa informazione vi potr rassicurare.
Oli e grassi
Nel processo d trasformazione il grasso separato dalla carne usando
temperature e pressioni elevate, quindi spruzzato sul cibo alla fine del
processo per renderlo pi gustoso. Tuttavia, l'elevata temperatura delle
fasi di trasformazione pu distruggere gli amminoacidi essenziali delle
proteine della carne.
Additivi
Un'ampia variet di ingredienti extra aggiunta al cibo per animali
domestici: vitamine, minerali, antiossidanti, coloranti, conservanti... Le
vitamine e i minerali sembrano un'ottima fonte nutrizionale, ma la
ragione per cui devono essere aggiunti che spesso il processo di
trasformazione ha distrutto quelli presenti in origine negli ingredienti di
base: questo significa di fatto che state pagando questi ingredienti due
volte. I coloranti sono aggiunti per rendere pi allettante il cibo, non per
il cane, che non vede in maniera nitida i colori, ma per il suo padrone.
Gli antiossidanti, come il BHT e il BHA, e i conservanti, come
l'etossichina, sono sostanze chimiche che possono influenzare in
maniera nociva il comportamento del cane, cos come il "cibo

spazzatura" e le bevande gassate fanno male ai bambini. Questi


ingredienti sono presenti nel cibo per animali domestici per prolungarne
la scadenza. Che cosa contengono tali sostanze chimiche?
A questo punto, dovreste avere le idee pi chiare. Il cibo per cani di
buona qualit - e sul mercato sono presenti ottime marche - non solo
user ingredienti validi, come carne di alta qualit, ma sar anche stato
prodotto in modo tale da conservare il pi possibile i valori nutritivi
presenti negli ingredienti di base. Questo prevede che siano cucinati
lentamente a temperature basse e sottovuoto.
I nutrienti necessari
I cani sono carnivori, ma hanno bisogno di una dieta variata, con il
giusto apporto di proteine, vitamine, minerali, carboidrati e fibre.
Un cane adulto dovrebbe prendere dalle proteine solo il 20% circa delle
calorie totali assunte ogni giorno. Possono essere proteine di origine
vegetale o animale, ma non ne ha bisogno di una grande quantit. In
realt, una dieta iperproteica nei cani stata associata a livelli pi
elevati di aggressivit. I cuccioli e i cani pi anziani, tuttavia, nella loro
dieta hanno bisogno di una concentrazione maggiore di proteine, perch
contengono amminoacidi che sono fondamentali per crescere e
mantenere uno stato di benessere.
La ricerca scientifica dimostra che circa il 50% delle calorie quotidiane
assunte dal cane pu provenire dai carboidrati.
Le fibre sono un'altra voce importante nella dieta del cane. Le calorie
quotidiane assunte dal cane sotto forma di cibo con un'elevata dose di
fibre dovrebbero essere tra il 2,5% e il 4,5%. Le fibre aiutano a
prevenire le malattie come la diverticolite e possono contribuire a
gestire patologie quali il diabete e l'iperglicemia.
State attenti all'assunzione di grassi da parte del cane. Una dieta
normale pu contenere il 5,5% di grassi. Un eccesso i pu sicuramente
essere nocivo per alcune razze, come i cocker spaniel, che tendono a
soffrire di pancreatite. Per aiutarli a crescere, i cuccioli hanno bisogno
di una quantit maggiore di grassi nella loro dieta rispetto a quella dei
cani adulti.
Le sostanze nutritive essenziali includono vitamine e minerali. Se la
dieta non contiene una quantit sufficiente di queste sostanze, il cane
potrebbe mostrare segni di mancanza di vitamine o minerali. La scarsit
di sodio, per esempio, rende i cani eccessivamente irrequieti.

I cani devono poter sempre bere acqua. Fate attenzione alla ciotola
dell'acqua in estate, quando i cani bevono di pi.
Evitate il cibo dei supermercati e le marche pi commerciali e optate
invece per cibi naturali od organici, privi di sostanze chimiche e
conservanti. Molti di questi prodotti hanno una quantit piuttosto bassa
di proteine. Potete trovare i prodotti naturali in molte grandi catene e
nei negozi specializzati. Questi cibi possono sembrare pi costosi di
altri, ma contengono molte pi sostanze nutritive e soddisfano pi
facilmente il vostro cane, quindi non avete bisogno di somministrarne
grandi quantit.
In alternativa, potete alimentarlo con il cibo che mangiate voi. Faccio
molta attenzione al cibo con cui nutro i cani che ho in affidamento.
Oltre al cibo per cani di alta qualit, li alimento con pollo, manzo,
fegato, pasta, riso, patate e verdure cotte. Anche se mi rendo conto che
questo potrebbe richiedere un impegno maggiore rispetto a quanto sia
disposta a fare gran parte della gente, perlomeno fate in modo di offrire
al vostro cane il miglior cibo possibile.
Che cosa non deve mangiare
Alcuni cibi per esseri umani sono nocivi per i cani. Tra questi c' il
cioccolato: non date mai al cane il cioccolato destinato al comsumo da
parte degli esseri umani. In casi estremi, pu anche uccidere.
Gli ossi del pollame, come quelle del pollo, del tacchino e della
cacciagione, sono molto dannose: possono scheggiare o fare un buco
nell'intestino dei cani o provocare infezioni molto pericolose.
Se offrite al vostro cane il cibo per esseri umani, non dategli il fritto:
troppo grasso per loro. Dategli del cibo che avrete cucinato a fuoco
lento e bollito.
Io non alimento il mio cane con carne cruda, ma ci sono persone che
sostengono sia ottima. Per favore, fate le debite ricerche prima di
alimentare il vostro cane con una dieta a base di alimenti crudi.
Una dieta troppo ricca di proteine stata associata a livelli pi elevati di
aggressivit nei cani.
Bocconcini
Sul mercato ci sono numerose variet di bocconcini per cane, io uso
fette di pollo, manzo e fegato cotto. Un ossobuco un bocconcino

delizioso per un cane ed ottimo per i suoi denti. I cani amano molto
anche gli ossi di pelle di bufalo, tuttavia questo tipo di ossi pu
provocare diarrea; altri possono soffocare per averne ingerito dei
frammenti, io do un osso di pelle di bufalo al cane solo quando posso
sorvegliarlo. Gli ossi di nylon o quelli dentali sono ottime per
mantenere intatta l'igiene orale.
Umido o secco?
Molte persone preferiscono alimentare i propri cani con una dieta
esclusivamente a base di cibi secchi. Di solito si tratta di una scelta fatta
per comodit. Il cibo secco non ha un odore cos forte e non va a male
se rimane nella ciotola. Anche le feci dei cani che sono alimentati con
cibo secco sono meno puzzolenti. Poi c' da considerare che i cibi
secchi sarebbero in grado di mantenere in ottime condizioni i denti del
cane. Ma siete sicuri? Provate a pensarci: se mangiaste solo biscotti per
tutto il giorno, comunque dovreste lavarvi lo stesso i denti.
Nella mia esperienza, una dieta basata esclusivamente sul cibo secco
pu provocare problemi come pelle secca, eccesso di sete, dolori allo
stomaco, flatulenza e gonfiori. Il cane inevitabilmente sar propenso a
bere di pi e quindi a fare pi pip e, di conseguenza, potrebbe avere
pi "incidenti" in casa. Sulla questione della variet, molta gente pensa
che ai cani non dia fastidio mangiare la stessa cosa tutti i giorni. Non
sono assolutamente d'accordo su questo punto. In generale, i cani
mangerebbero qualsiasi cosa si trovassero davanti al naso, se avessero
sufficiente fame. Questo non vi consente di sapere se si stiano
effettivamente apprezzando quello che stanno mangiando o se quel cibo
faccia loro bene. Poniamo che alimentiate il vostro cane con lo stesso
cibo tutti i giorni. Che cosa succederebbe se gli offriste qualcosa di
diverso, magari un bocconcino o una fetta di pollo cotto? Sono pronta a
scommettere che vi farebbe chiaramente capire quanto preferiscano
gustare qualcosa di diverso. Se costringete il vostro cane a una dieta
monotona, lo state privandc dell'esplorazione sensoriale e del piacere.
Quante volte al giorno?
Ho scoperto che i cani stanno meglio quando sono alimentati due volte
al giorno: una volta al mattino e poi pi tardi nel corso della giornata,
sul finire del pomeriggio. I cuccioli fino a sei mesi hanno bisogno di un
pasto in pi a mezzogiorno. Se date da mangiare al vostro cane solo una

volta al giorno, questo pu causare iperattivit e gonfiori. Dividendo


l'assunzione quotidiana di cibo in due pasti, il vostro cane avr qualcosa
da aspettare con ansia nel corso della giornata. I cani hanno un orologio
biologico: sanno con precisione quando arrivata l'ora di cena. Mia
nonna dava sempre ai suoi cani il secondo pasto alle quattro del
pomeriggio. Quando si avvicinava l'ora, avrei giurato che quei beagle
fossero provvisti di cronometro. Non sono molto a favore della
cosiddetta "alimentazione libera", ossia lasciare il cibo a disposizione
per tutto il giorno. I pasti prestabiliti sono pi salutari per il tubo
digerente dei cani. Se il cibo sempre presente, l'apparato digerente del
vostro cane far gli straordinari tutto il giorno. I pasti prestabiliti inoltre
trasmettono il messaggio che siete voi a occuparvi del cibo. Questo
aumenta il vostro valore agli occhi del cane che, molto probabilmente,
sar pi obbediente ai vostri comandi. Dategli venti minuti per finire la
sua pappa e poi togliete dalla ciotola i resti.
Pulitela sempre dopo l'uso. Le ciotole sporche sono antigeniche e
possono .attirare le mosche.
In quale quantit?
l'obesit nei cani un problema serio quanto lo per gli esseri umani. I
cani sovralimentati sono soggetti alle stesse malattie che affliggono le
persone: sovrappeso, tra cui disturbi cardiaci, diabete e affaticamento
delle articolazioni. Per quanto riguarda la quantit di cibo da fornire al
vostro cane, si possono solo fare delle stime approssimative,
ovviamente, i cani pi piccoli hanno bisogno di meno cibo rispetto a
quelli grandi.
Anche le razze molto attive necessitano di pi calorie rispetto ai cani
che amano dormicchiare per gran parte della giornata. Non fidatevi
ciecamente di quello che raccomandano le linee guida dei produttori di
cibo per cani: il loro lavoro vendere di pi. Consultate invece i grafici
delle diverse razze per individuare la fascia di peso raccomandata per il
vostro cane. Pesatelo o fatelo pesare con regolarit. Per pesare un cane
di stazza grossa dovrete portarlo dal veterinario. Potete invece pesare da
soli un cane di taglia piccola: prendetelo in braccio e mettetevi insieme
sulla bilancia. Per scoprire quanto pesa, sottraete il vostro peso dal
totale. In alternativa dovete monitorare il vostro cane. Se si allena molto
ma continua a prendere peso, allora lo state sovralimentando. Se lascia
regolarmente un avanzo nella sua ciotola dopo venti minuti, allora gli

state offrendo troppo cibo. Se apatico e perde peso, o se affamato a


ogni pasto, il vostro cane potrebbe aver bisogno di una dose maggiore
di calorie.
Un cane ha il peso giusto quando potete tastare chiaramente le sue
costole ma senza vederle. Ricordate che una malattia o disturbi come i
vermi possono condizionare l'appetito del vostro cane. Un cane molto
affamato potrebbe ospitare dei parassiti, oppure solo un cucciolo
ingordo. Alcuni cani sono ghiottoni e tendono a essere degli autentici
maestri nel farci credere che stiano morendo di fame! Inoltre, fate caso
se l'unica cosa che il vostro cane aspetta con ansia durante la giornata
mangiare. Se non c' molto altro durante il giorno in grado di dargli
piacere, potete stare certi che sar fissato sul cibo.
Raccomando sempre una dieta diversificata, con cibo fresco e secco,
magari aggiungendo qualche verdura. Questo fornisce al cane una
variet di gusti e di consistenza.
Lezioni di buone maniere
Sfruttate l'ora dei pasti per mostrare al vostro cane che le cose piacevoli
succedono grazie a voi. Potete acquistare pi valore ai suoi occhi se
avete sotto controllo tutte le sue risorse piacevoli; e per la maggior
parte dei cani, il cibo il piacere pi importante! Ricordate che un cane
si applicher di pi per ricevere un bocconcino durante l'addestramento
quando ha fame, quindi evitate di addestrarlo subito dopo un pasto. Il
cane ama essere stimolato a livello mentale, quindi fatelo lavorare per
ottenere il cibo. Chiedetegli di sedersi e di stare fermo fino a quando la
ciotola non posata sul pavimento e poi lasciate che vada con il
comando "Ok". Questo gli insegna a concentrarsi su di voi davanti a
una forte distrazione ed un potente strumento per controllare i suoi
impulsi.
Alimentazione: problemi e soluzioni
Prima di affrontare qualsiasi problema legato all'alimentazione,
apparentemente collegato in origine a un fattore comportamentale,
assicuratevi di eliminare la possibilit di qualsiasi altra causa eventuale.
Il modo in cui si comporta il vostro cane pu essere influenzato da
qualcosa presente nella sua dieta, da una malattia, da una condizione di
cui non vi siete resi conto o da una medicina. Consultate sempre il

vostro veterinario su quali effetti collaterali possono avere i farmaci con


cui curate il vostro cane. Ecco alcuni dei principali problemi legati
all'alimentazione e la soluzione che propongo per cercare di risolverli.
Un altro modo per rendere divertente il momento dei pasti giocare a
nascondino con il cibo. Mettetelo in diversi posti della cucina: in questo
modo, il vostro cane deve darsi da fare sul serio per trovarlo. Non
crudelt ma solo un modo per stimolarlo a usare i sensi ed esprimere la
sua naturale indole di caccia.
Problema:: il cane fruga tra i rifiuti
Vi alzate da tavola, mentre state facendo colazione, per rispondere al
telefono e quando tornate scoprite che il vostro cane si pappato i resti
del pane mezzo mangiato. Peggio ancora: ci sono segni di morsi nel
burro...
Oppure state per andare a letto per una bella dormita, quando, proprio
sul punto di addormentarvi, dalla cucina sentite provenire un forte
schianto. Vi affrettate di corsa, temendo che un ladro sia entrato in casa,
e scoprite che il vostro ladruncolo a quattro zampe riuscito a
rovesciare il cestino della spazzatura e si sta felicemente ingozzando
con il suo contenuto.
Un giorno la vostra vicina di casa passa a farvi visita insieme alla figlia
di tre anni: date un biscottino alla piccola Mary che, tutta contenta, si
allontana per giocare con il cane. Un attimo dopo, Mary sta piangendo:
il biscotto stato quasi del tutto inghiottito dal vostro cane.
Soluzione : tenete il cibo lontano dalla portata del cane
Se il vostro cane ruba o fruga regolarmente tra la spazzatura alla ricerca
di cibo, la colpa non sua ma vostra. compito vostro occuparvi
dell'ambiente, in modo che il cane non abbia la possibilit di mangiare
quello che non gli consentito.
Pretendiamo che i cani abbiano un controllo eccezionale sui loro
impulsi, molto pi forte di quanto non sarebbe il nostro in circostanze
simili.
fermatevi un attimo a pensare quanto sia potente l'olfatto nei cani. Poi
immaginate che tipo di tentazione il cibo rappresenti per loro quando
lasciato in giro incustodito. I cani sono capaci di saltare sulle poltrone e
sui tavoli per accaparrarsi il cibo. Rovesceranno i bidoni della
spazzatura per arrivare al contenuto dall'odore cos invitante per loro.

Per voi, quello che c' nel bidone spazzatura, ma non cos per il
vostro cane. Se riesce ad arrivare alla spazzatura, rischia di mangiare
qualcosa, tipo un osso di pollo, che potrebbe fargli molto male.
Dunque: chiudete il bidone dei rifiuti e mettetelo in uno sgabuzzino o
scegliete un bidone che possa essere chiuso da un gancio. Non punitelo
n correggetelo mai quando entrate nella stanza e scoprite che si
sbafato tutta la pasta che era nel piatto. Il vostro cane non avrebbe la
minima idea del perch lo state punendo. Quando un cane strappa il
cibo dalle mani di un bambino, allora la questione si fa pi seria. I
bambini che non sono abituati ai cani potrebbero rimanere traumatizzati
dall'esperienza e addirittura ferirsi se il cane stato un po' avventato.
Inoltre, i bambini piccoli amano stuzzicare i cani con il cibo, senza
rendersi conto di quale tentazione questo rappresenti anche per
l'animale meglio addestrato. La prevenzione sempre preferibile in
questi casi. I bambini sono molto pi vicini in altezza ai cani rispetto
agli adulti, quindi il cibo che loro tengono in mano pi vicino al
pavimento, ossia al livello in cui alimentato il cane. Spiegate al vostro
amico o al bambino che, mentre c' in giro il cane, meglio mangiare il
biscotto seduti a tavola.
Se notate il vostro cane mentre sta per afferrare del cibo dalla mano di
qualcuno, usate il comando "lascialo" (vedi p. 80 su come insegnare
questo comando). Lo stesso comando un aiuto prezioso quando
portate a spasso il vostro cane e vedete una pattumiera sparpagliata sul
marciapiede od ossi di pollo abbandonate nel parco. Tuttavia, se il furto
successo senza che abbiate colto il vostro cane sul fatto, non c' nulla
che potrete fare in termini di punizione o di correzione. Potete
intervenire in maniera efficace sul comportamento di un cane solo un
secondo dopo compiuto il misfatto.
Problema: il vostro cane ha qualcosa in bocca che volete lasci andare
Cercate di essere attenti quando uscite a spasso i vostri cani, ma talvolta
non possibile individuare ogni tipo di rischio. Chiunque porti in giro i
cani nelle citt e nei parchi cittadini riconoscer la minaccia latente
degli avanzi di cibo abbandonati, ossi compresi. Quelli di pollo, per
esempio, possono essere fatali. Forse quello su cui il vostro cane ha
messo i denti non pericoloso come un osso di pollo, ma non volete
che lo mangi. Che cosa fare?

Soluzione: il gioco del "prendere e lasciare"


La maggior parte delle volte, quando un cane ha qualcosa in bocca,
dovete accettare il fatto che adesso quella cosa gli appartiene,
soprattutto quando si tratta di cibo. Persino un capobranco non
sfiderebbe mai un cane di rango inferiore per un pezzo di carne. Se il
cane si impossessato di un pezzo di pane, vi conviene lasciarglielo
mangiare. Se si tratta di un osso di pollo non potete per correre un
simile rischio. Cercate di tirare fuori l'osso dalla bocca del cane
spalancandogli le mascelle. I cani hanno mascelle molto forti e dovrete
fare estrema attenzione a non farvi mordere. Se avete tra le mani un
delizioso bocconcino - del pollo o del fegato cotto - forse riuscirete a
far mollare da solo l'osso al vostro cane. Tuttavia, perch funzioni,
dev'essere uno scambio in cui lui ci guadagni. Avete pi successo nel
convincere un cane a mollare qualcosa dalla bocca se lo avrete
addestrato sin da piccolo che lasciare gli oggetti pu essere divertente e
fonte di piacere.
Che cosa fare
Attrezzatevi con cinque o pi giocattoli che piacciono al vostro cane.
Provate a scegliere i suoi preferiti. Ogni giocattolo deve avere un valore
leggermente pi alto del precedente; ossia, deve risultare di maggior
interesse per il cane.
Il primo passo insegnare al vostro cane il comando "prendilo". Tra i
cinque oggetti, scegliete il giocattolo di minor interesse per lui.
Chiamatelo e mostrategli l'oggetto: quando inizia ad aprire la bocca per
afferrarlo, dite "prendilo". Poi, dopo che ha afferrato il giocattolo,
lodatelo.
Fatelo giocare un po' con l'oggetto, mentre corre e si diverte.
Adesso prendete un altro giocattolo un po' pi interessante per lui e
mettetelo nell'altra mano: chiamatelo e mostrategli l'oggetto. Un cane
d'istinto moller una cosa che percepisce come meno valida per
qualcosa di migliore. Non appena lascia l'oggetto, ditegli "lascialo". Poi
lodatelo. Dategli subito l'altro oggetto e ditegli "prendilo". Quando lo
fa, elogiatelo.
Poi fatelo giocare un po' con il secondo oggetto.
Ripetete il gioco "prendere e lasciare" fino a quando arrivate all'ultimo
oggetto. Accertatevi che sia una vera ricompensa per il cane, magari un
osso di pelle di bufalo.

Permettetegli di masticare per un po' l'osso, quindi tiratene fuori un


altro e ditegli "lascialo" per fargli mollare l'osso che ha in bocca, e poi
"prendilo" quando gli offrite il secondo osso. Questo gli insegna a
lasciare oggetti di valore e anche cose gustose.
Problema: il cane molto protettivo nei confronti del cibo
Il cibo garantisce la sopravvivenza, ma alcuni cani sono pi propensi di
altri a difendere il proprio pasto: ringhiano se vi avvicinate alla ciotola
e possono arrivare ad attaccarvi, mordendovi. Pu diventare un
problema serio se ci sono bambini in famiglia. Io dico sempre:
"Lasciate in pace
I cani quando mangiano". In ogni caso, se il vostro cane troppo
protettivo nei confronti del cibo, dovete porvi rimedio.
Soluzione: insegnate al vostro cane che voi siete la fonte del cibo e non
una minaccia
Uno dei modi migliori per gestire questo problema prevenirlo. Cerco
sempre di addestrare i cuccioli in modo tale che, ogni volta che mi
trovo vicino alla ciotola, succeda qualcosa di positivo. Quando nutro i
cuccioli, non preparo il cibo sul bancone della cucina per poi sistemarlo
nella ciotola davanti a loro. Metto invece una ciotola vuota sul
pavimento e mi siedo accanto. Poi comincio a versare il cibo nella
ciotola un po'alla volta. Il cucciolo, ovviamente, andr dritto filato
verso il cibo. Mentre mangia, rimango seduta accanto alla ciotola,
aggiungendo il cibo poco alla volta
. Questo insegna al cucciolo che io sono la fonte del cibo e non una
minaccia. Arriver quindi un momento In cui metter la ciotola del
cucciolo a terra con il cibo gi presente; ma per rinforzare il messaggio,
di tanto in tanto getto loro del cibo nella ciotola, per esempio un pezzo
di pollo. Se il problema dell'eccessiva protezione nei confronti del cibo
si manifesta in un cane adulto, potete agire in maniera simile per
insegnargli che non siete una minaccia per il suo cibo, ma che la vostra
presenza accanto alla ciotola significa che succeder qualcosa di
positivo. Mi raccomando: i bambini piccoli non devono mai praticare
questo addestramento.
Che cosa fare
Preparate il cibo come siete soliti fare.

Sistemate una ciotola vuota: il cane si avviciner, vedr che non


contiene nulla e vi guarder.
Mentre vi osserva, lodatelo e, da una certa distanza, lanciategli un po' di
cibo nella ciotola. Il cane lo manger. Poi lanciatene un po' di pi.
Ripetete l'azione fino alla fine del pasto.
Non provate a raccogliere la ciotola prima che abbia finito di mangiare.
Nel mese successivo, continuate a lanciare il cibo nella ciotola vuota a
ogni pasto. Durante la prima settimana, continuate a farlo da una certa
distanza. Avvicinatevi, quindi, in maniera graduale fino a quando sarete
in grado di stare in piedi accanto al cane. Lodatelo sempre quando vi
osserva e poi aggiungete del cibo nella ciotola.
Non forzate mai troppo in fretta un cane. Se in qualsiasi fase iniziasse a
mostrarsi troppo protettivo con il cibo, tornate indietro di un passo nel
vostro addestramento.
Provate ad avvicinarvi alla ciotola da diverse direzioni, tenendo sempre
del cibo nella vostra mano. In questo modo, variando la situazione,
aiuterete il vostro cane a sentirsi tranquillo se qualcuno si avvicina alla
ciotola da angolazioni diverse.
L'ultimo passo toccare il cane mentre versate il cibo nella ciotola.
All'inizio lo toccherete per un secondo, poi gradualmente arriverete a
fargli una piccola carezza. Potreste addirittura provare a toccare la
ciotola. Fate attenzione: toccatela come se lo aveste fatto per sbaglio,
mentre versavate il cibo.
Abituare il cane
A non sporcare in casa
Quando si educa un cucciolo, l'addestramento in casa una parte
fondamentale e, perch sia efficace, deve essere fatto in maniera
coerente. Inoltre, ricordate che quando si parla di addestramento in
casa, un approccio positivo d ottimi risultati. Che cosa intendo per
approccio positivo? Un comportamento che si concentri sul prevenire
gli incidenti, invece di aspettare che succedano. Dovete facilitare il
vostro cane a comportarsi bene, gestendo il suo ambiente e svolgendo
un ruolo attivo. Non dovreste mai dare la colpa al cane dei suoi errori.
Mio marito e io abbiamo preso in affidamento molti cani provenienti
dai canili, sia cuccioli sia adulti, portandoli in casa nostra e rieducandoli
in modo che potessero essere adottati da nuovi padroni. La prima cosa

che facciamo addestrarli in casa in maniera appropriata. E pi facile


addestrare un cucciolo anzich un cane adulto che da piccolo non ha
mai ricevuto una corretta educazione. Comunque, addestrare un cane
adulto, per quanto pi impegnativo, possibile.
Nelle pagine che seguono vi propongo una guida su come addestrare in
casa con successo un cucciolo o un cane adulto. Ci sono diversi modi
per riuscirci, a seconda delle circostanze e dell'et del cane. Insegnare al
cucciolo a sporcare sul giornale ottimo per i cuccioli che non sono
ancora stati vaccinati e che quindi non possono uscire all'aperto fino a
quando non saranno completamente protetti dalle infezioni. anche il
metodo migliore per chi vive in un appartamento e non ha un cortile.
Un'alternativa l'addestramento al trasportino.

Quante volte al giorno?


Un cucciolo di otto settimane pu resistere una o due ore prima di
dover fare i propri bisogni, sempre che sia sveglio ma in fase di riposo.
Quando ha tre mesi, il periodo di controllo dovrebbe allungarsi a 2/3
ore: come regola generale, si aggiunge un'ora per ogni mese di et del
cucciolo. L'esercizio fisico, l'eccitazione, i pasti o svegliarsi da un
pisolino riducono questo intervallo. Quando iniziate per la prima volta
ad addestrare in casa un cucciolo, indipendentemente dal metodo che
sceglierete, ricordate che in media un cucciolo ha bisogno di fare i suoi
bisogni otto volte al giorno. Se lasciate il cibo a disposizione del cane
per tutto il giorno, la frequenza dei suoi bisogni aumenter e sar pi
difficile insegnargli una routine. Se invece controllate il suo accesso al
cibo, le evacuazioni saranno pi regolari. Indipendentemente dal
numero delle volte in cui alimentate ogni giorno il vostro cane, lasciate
il cibo nella ciotola per venti minuti soltanto. Se in quel lasso di tempo
il vostro cane non ha mangiato nulla, togliete la ciotola e non offritegli
altro cibo fino al prossimo pasto. In questo modo il vostro cane
imparer che deve mangiare la pappa quando la mettete nella ciotola.
Se controllate il suo accesso al cibo, le evacuazioni del vostro cane
saranno pi regolari.
Insegnare a sporcare sul giornale

Se avete un cucciolo molto piccolo che non ancora stato vaccinato, e


non avete modo di usufruire di un cortile privato, la scelta migliore
abituarlo a farla sul giornale. Molte persone ci provano usando la carta
del giornale; tuttavia, questa non assorbe l'urina a sufficienza e i cani di
piccola taglia e con il pelo lungo tendono a bagnarsi, dopo aver fatto
pip, perch Si abbassano a terra, io preferisco usare speciali tappetini
assorbenti che potete acquistare nei negozi per animali, dotati inoltre di
un particolare odore che spinge i cuccioli a farci sopra la pip. Quindi
fate attenzione! In alternativa, spostate il cucciolo dal foglio di giornale
non appena ha fatto i bisogni per evitare che lasci tracce di urina in giro
per casa. La maggior parte dei cani tende a voltarsi e ad annusare quello
che ha fatto, quindi dovrete beccarlo subito. In qualsiasi caso, sia che
stiate o meno usando la carta da giornale o i tappetini assorbenti,
accorciate il pelo del vostro i .cane intorno alla zona rettale e pulitelo
con regolarit per rimuovere l'eccesso di sporco.
Dove collocare il giornale
Esattamente come non permettereste ad un bambino di andare carponi
in giro per la casa senza una supervisione, in particolare un bambino
che non indossa il pannolino, cos, in fase di addestramento, dovete
confinare un cucciolo in un'area delimitata. Se non lo fate, allora siete
in cerca di guai. Scegliete una stanza con un pavimento facile da pulire:
in molti casi sar la cucina. Sistemate l'area e rendetela a prova di
cucciolo: rimuovete qualsiasi oggetto collocato in basso che il cucciolo
potrebbe danneggiare o rosicchiare. Fate particolare attenzione ai fili
elettrici e scollegate qualsiasi elettrodomestico con le prese a livello del
pavimento, per prevenire il rischio di elettrocuzione. Aprite solo le
finestre poste in alto, in modo che il cucciolo non possa scappare fuori
o cadere da un piano alto, per sbaglio o perch ha visto un gatto o
qualche altra allettante tentazione. Usate un sistema di cancelletti o di
recinzioni da bambini per trattenere il cucciolo nella zona sicura, ma
non isolatelo dal resto della famiglia in una stanza lontana dietro una
porta chiusa. Il cucciolo dovrebbe potervi vedere, sentire e fare parte
della famiglia. Iniziate a rivestire tutta la zona sicura con i tappetini
assorbenti e osservate dove il cucciolo preferisce andare. Presto trover
il luogo che preferisce e l'odore continuer a riportarlo nello stesso
punto. Ai cani non piace sporcare la propria cuccia, quindi con ogni
probabilit sceglier un'area lontana da dove dorme e mangia. Una

volta che ha scelto il suo luogo, potete iniziare a spostare i tappetini


assorbenti, togliendone uno ogni due giorni fino a quando ne
rimangono solo due. Se il vostro cucciolo dotato di una buona mira,
potreste riuscire nell'impresa con un solo tappetino. Tuttavia, spesso i
cuccioli sentono i tappetini assorbenti sotto le zampe e sistemano il
sedere dall'altra parte sul pavimento, quindi un'area pi ampia spesso
pi funzionale. Ricordatevi di cambiare con regolarit i tappetini
assorbenti.
Ricompense
Il vostro cucciolo deve sapere che ogni volta che fa i bisogni sul
tappetino o sul giornale (o fuori casa) sar lodato e ricever deliziosi
bocconcini. Dovete lodarlo non appena ha finito. Ditegli "bravo" e
dategli una favolosa ricompensa, come un pezzetto di pollo. In questa
fase, riservate la ricompensa speciale a base di pollo solo quando
evacua con successo, piuttosto di premiarlo per qualsiasi
comportamento positivo. Cos facendo, state creando un'associazione
positiva tra una ricompensa e l'evacuazione dei suoi bisogni che
avviene davanti ai vostri occhi, sia sul giornale sia fuori di casa.
La situazione
Il cucciolo si avvicina al giornale.
Mentre fa i bisogni, ditegli con molta calma "fai la pip" o qualsiasi
cosa vi sentiate di dire, basta che ogni volta siano esattamente le stesse
parole.
Non appena finisce, lodatelo dicendogli "bravo" e poi dategli un
bocconcino di pollo. Giocate con lui.
Tutti in famiglia dovrebbero fare la stessa cosa, ogni volta che vedono
il cucciolo fare i suoi bisogni.
Correzioni
Non correggete mai il vostro cane se vi imbattete nei risultati di un
incidente senza esserne stati testimoni diretti. Se non lo cogliete sul
fatto, inutile correggerlo. I cani sono in grado di associare la
correzione di un comportamento solo a distanza di un secondo da
quando ha avuto luogo. Se trovate sul pavimento un bisogno e punite il
vostro cane, in realt lo state punendo per essersi avvicinato a farvi la
festa. Molti proprietari mi raccontano di sapere che il loro cane ha fatto

qualcosa di male perch ha l'aspetto colpevole appena entrano dalla


porta. Beh, magari si sente in colpa ma solo perch ha paura del modo
in cui vi comporterete nei suoi confronti. Il vostro cane ha percepito le
espressioni negative del vostro corpo. Per quanto lui ne sappia, non ha
fatto nulla di sbagliato. Basta un'unica correzione fuori luogo per
rendere ansioso un cucciolo ogni volta che entrate in casa. Nella sua
mente voi siete arrabbiati con lui perch vi si avvicina, non per il
disastro che ha lasciato sul pavimento. In questo modo il cane inizier a
perdere la fiducia in voi perch non sapr quando sar punito senza
motivo la prossima volta. Ricordate che punire un cucciolo o un adulto
mettendogli il naso dove ha combinato qualcosa sbagliato: non
impara nulla se non che voi siete fonte di esperienze spiacevoli. Se
cogliete il vostro cucciolo mentre sta evacuando in casa e non sul suo
tappetino assorbente, dite "Ah!" con tono perentorio, sollevatelo mentre
sta facendo pip (si fermer) e portatelo sul tappetino (oppure, dopo che
gi uscito un paio di volte, potete portarlo fuori). Aspettate che finisca
e lodatelo, dandogli come ricompensa un pezzetto di pollo: state
iniziando a mostrargli che fare i bisogni nel posto giusto conduce a
grandi cose.
Addestramento al trasportino
L'addestramento al trasportino molto pi usato negli Stati Uniti che
non in Gran Bretagna. Si tratta inoltre di un addestramento pi comune
per la gente che vive in appartamento in citt. Il trasportino un ottimo
aiuto per l'addestramento in casa, sempre che sia usato in maniera
corretta; diventa invece un problema quando i proprietari lo utilizzano
come una zona dove punire il cane e dove il cucciolo pu essere
confinato se ha fatto qualcosa di sbagliato, o come un mezzo per evitare
che l'animale rosicchi i mobili quando il padrone fuori casa.
Il vostro cane, se lo isolate in un trasportino per gran parte della
giornata mentre siete al lavoro, andr letteralmente fuori di testa quando
tornate a casa alla sera e lo liberate. Voi che cosa fareste se foste
rinchiusi in una piccola gabbia per otto ore?
L'addestramento con il trasportino sfrutta il fatto che i cani sono
animali puliti, che non amano dormire dove hanno sporcato. In questo
modo, il trasportino aiuta il cucciolo ad avere un controllo maggiore
della vescica, incoraggiandolo ad aspettare di uscire dal trasportino per
fare i propri bisogni. vostro dovere capire quando il vostro cane ha

bisogno di liberarsi e portarlo fuori subito o spostarlo sul tappetino


assorbente. Il trasportino una gabbia chiusa fatta di plastica o di rete
metallica, grande quanto basta perch un cucciolo o un cane possa stare
in piedi, girarsi e sdraiarsi. Se fosse pi grande, il cane sceglierebbe
un'area in fondo al trasportino per fare i suoi bisogni. Potete scegliere di
comprare un trasportino grande, bloccandone una parte durante la fase
di addestramento, oppure usare una successione di trasportini,
aumentandone la dimensione a mano a mano che il vostro cucciolo
cresce.
Se decidete di usare il trasportino, dovete impiegarlo solo come
strumento finalizzato a insegnargli a non sporcare in casa. Una volta
che il vostro cucciolo ha imparato a sporcare dove deve, allora potete
metterlo via e dargli una cuccia normale. Oppure, se al vostro cane
piace il trasportino, assicuratevi che la porta sia sempre aperta cos da
permettergli di entrare e uscire a suo piacimento. Un cucciolo controlla
solo parzialmente la vescica. Se lo lasciate troppo a lungo nel
trasportino, lo forzerete a sporcare la sua cuccia e questo non giusto.
Se continuamente costretto a sporcare la cuccia, il vostro cane
potrebbe non imparare mai a non sporcare in giro per casa perch, a un
certo punto, non gli interesser pi dove la fa. Un cane inoltre ha
bisogno di essere fisicamente attivo e di socializzare con la famiglia,
non costretto in una gabbia per lunghi periodi.
Una volta ho fatto da consulente a una famiglia che teneva Skippy, una
cucciola di jack russell, rinchiusa nel trasportino nove ore al giorno. I
jack russell sono d'indole attiva e, come tutti i terrier, tendono a essere
prepotenti. Essere confinata in uno spazio cos ridotto rendeva Skippy
talmente frustrata che, quando finalmente veniva liberata dal trasportino
alla fine della giornata, diventava una furia incontrollabile, rivolgendo
gran parte della sua aggressivit contro il cane pi anziano della
famiglia. Questo un tipico esempio di come usare in maniera scorretta
questo accessorio.
Abituare il cucciolo a usare il trasportino
A me piace usare il trasportino con la porta aperta. Se non sono
presente per supervisionare la situazione, allora la chiudo. Un cucciolo
ha bisogno di un paio di giorni per sentirsi a suo agio nel trasportino,
quindi dovrete introdurlo lentamente. Se lo fate in maniera corretta, il

trasportino diventa un luogo dove al cucciolo piace stare, come fosse


una tana: lo sentir come un posto caldo, comodo e pieno dei suoi
giochi preferiti. Talvolta do i pasti al cucciolo nel trasportino per i
insaldare l'idea che si tratta di un luogo dove succedono cose belle.
Quando gli presentate per la prima volta il trasportino, lasciatelo entrare
per esplorarlo. Dopo che il vostro cucciolo l'ha perlustrato per bene,
chiudete la porta per un secondo e poi riapritela, lodandolo tantissimo.
Gettate nel trasportino un gustoso bocconcino, lasciate che il cucciolo
lo recuperi, poi chiudete la porta per 30 secondi. Quando la riaprite,
fategli ancora i complimenti. Ripetete questo esercizio fino a quando il
vostro cucciolo non sar felice di trascorrere nel trasportino cinque
minuti. Quindi lasciate la porta aperta e ricominciate il giorno dopo.
Poco alla volta arriverete al punto in cui il cucciolo entra ed esce da
solo ed felice nel trasportino, con la porta aperta e chiusa. Quando
state addestrando al trasportino il vostro cucciolo, non lasciatelo chiuso
dentro per pi di 3 ore alla volta. Potrebbe anche succedere che lui
scelga di rimanerci dentro pi a lungo, se la porta aperta. Alcuni
cuccioli o cani non si abituano mai all'addestramento nel trasportino e
diventeranno ansiosi quando li rinchiudete dentro. Se notate che il
vostro cane mugola, abbaia, rosicchia la rete, gratta o fa la pip, allora
questo significa che il trasportino non lo strumento adatto da usare.
Non significa che il vostro cane non pu essere addestrato a non
sporcare in casa: ho addestrato molti cani a non fare i bisogni in giro
per casa senza usare il trasportino.

Come predisporre gli spazi


Quando addestro in casa un cucciolo o un adulto, gli concedo una zona
sicura tutta per s. Nel mio caso la cucina. Uso un recinto per bambini
In modo che il cane non possa accedere alle altre zone della casa. L'area
completamente a prova di animale, quindi lo posso lasciare
tranquillamente in questo ambiente senza doverlo controllare. In un
angolo c' il trasportino e la ciotola della pappa collocata vicino. Se lo
sto addestrando a sporcare sul giornale, sistemo i tappetini assorbenti a
una certa distanza dal trasportino. Se non sto addestrando un cucciolo a
sporcare sul giornale, ma lo porto direttamente fuori, non metto alcuna
carta nella zona sicura e il trasportino semplicemente il posto dove
dorme. Lascio il trasportino aperto, in modo che il cucciolo possa

entrare e uscire a suo piacimento, ma non quando gli sto insegnando a


tenere sotto controllo la vescica. Poi chiudo la porta per brevi periodi,
nel corso della giornata, quando non sono presente per supervisionarlo.
Sto fuori per pi di un'ora alla volta, lascio il cucciolo libero. Una volta
cresciuto, potr trattenere i suoi bisogni per un periodo pi lungo e
trascorrere un tempo maggiore nel trasportino. Dato che i piccoli hanno
bisogno di stare vicino ai propri padroni, soprattutto all'ora di andare a
dormire quando pi facile che si sentano vulnerabili, tengo un
trasportino anche nella camera da letto. In questo modo posso sentire se
il cucciolo ha bisogno di fare i suoi bisogni di notte e al tempo stesso, il
cane si sente al sicuro al mio fianco. Dopo circa una settimana sposto il
trasportino notturno dalla camera da letto nel corridoio. Qualche tempo
dopo, faccio a meno del secondo trasportino e il cucciolo dorme in
cucina. Sono necessarie un paio di settimane per fare questo passaggio.
Di notte il trasportino vicino ma tocca a me portare il cucciolo a fare
pip una o due volte per notte, nel caso abbia bisogno. Crescendo, il
cucciolo svilupper un miglior controllo della vescica e dormir per
tutta la notte senza aver alcun bisogno di evacuare.
Addestrare il cucciolo a fare i bisogni fuori di casa
In questo caso importante rispettare una routine. Potete seguire per
esempio il programma che trovate nella pagina a fianco per
l'addestramento a sporcare sul giornale durante il periodo in cui il
cucciolo non ancora stato vaccinato contro le infezioni. Invece di
portarlo a fare una passeggiata, accompagnatelo sul giornale. Sei
settimane di addestramento in casa, senza incidenti? Il vostro cane ha
imparato a non sporcare in casa. Se avete un cortile potete far uscire il
vostro cane a intervalli regolari od ogni volta che vi rendete conto che
ha bisogno di evacuare. Non fate, invece, uscire il cucciolo da solo
perch cos facendo vorr tornare in casa per stare con voi. Uscite con
lui, elogiatelo e dategli un bocconcino quando fa i suoi bisogni. Se
vivete in un appartamento, addestrare un cane a fare i bisogni fuori
potrebbe essere un po' pi difficile perch non sarete in grado di
rispondere in maniera altrettanto tempestiva.
6.30:: naturalmente i cuccioli hanno bisogno di evacuare non appena si
svegliano. Portatelo a fare una passeggiata o accompagnatelo fuori. Di
solito, far pip e forse anche il resto. Giocate con lui per un po' e poi
supervisionatelo per tutto il tempo, se fuori dalla sua zona sicura,

o mettetelo nella zona sicura se non siete in grado di controllarlo.


8:30: date al cucciolo il suo primo pasto.
Lasciate il cibo nella ciotola per 20 minuti e poi portatelo fuori dopo
che ha finito. Dovrebbe fare la pip e forse anche il resto. Giocate con
lui per un po' e poi supervisionatelo per tutto il tempo, se fuori dalla
sua zona sicura o mettetelo nella zona sicura se non siete In grado di
controllarlo.
10:30: portatelo ancora fuori per fare la pip. Giocate con lui per un po'
e poi supervisionatelo per tutto il tempo se fuori dalla sua zona sicura
o mettetelo nella zona sicura se non siete in grado di controllarlo:
13:00: date al cucciolo il suo secondo pasto. Portatelo fuori. Dovrebbe
fare la pip e forse anche il resto. Portatelo a fare una bella passeggiata
solo dopo che ha fatto pip. Giocate con lui per un po' e poi
supervisionatelo per tutto il tempo, se fuori dalla sua zona sicura, o
mettetelo nella zona sicura se non siete in grado di controllarlo.
16:00: meglio dare da mangiare al cucciolo a quest'ora piuttosto che
nel tardo pomeriggio. Dopo il pasto, portatelo fuori. Dovrebbe fare la
pip e forse anche il resto. Giocate con lui per un po'e poi
supervisionatelo per tutto il tempo, se fuori dalla sua zona sicura, o
mettetelo nella zona sicura se non .lete in grado di controllarlo.
18:00: portatelo ancora fuori per fare la pip. Giocate con lui per un po'
e poi supervisionatelo per tutto il tempo, se fuori dalla sua zona
sicura, o mettetelo nella zona sicura se non siete in grado di
controllarlo.
21:00: portatelo ancora fuori. Il cucciolo deve evacuare prima di andare
a letto, quindi dovrebbe fare sia la pip sia il resto. Limitate l'acqua
dopo la passeggiata, a meno che non faccia molto caldo. In questo caso,
dategli cubetti di ghiaccio, che gli permettono di assimilare lentamente
l'acqua.
Mentre vi attenete a questo programma, potete anche usare il
trasportino diverse volte al giorno. I cuccioli hanno bisogno di riposare
molto, ma fate attenzione a non abusare del trasportino.
Quando i cuccioli iniziano a controllarsi di pi, potete iniziare a ridurre
le volte in cui lo portate fuori. Un cane adulto in media ha bisogno di
evacuare quattro volte al giorno.
Il vostro cane far i suoi bisogni a orari diversi della giornata. Non ci
sono regole su quando deve farla, ma prendete nota di quando succede,

in modo da poter prevedere in futuro quando sar il momento.


Riducendo a due i pasti quotidiani, cambieranno anche gli orari in cui il
vostro cane deve andare di corpo.
Abituate il cucciolo a uscire
Se cominciate insegnando al vostro cucciolo a sporcare sul giornale,
quando uscite portate con voi un po' di carta sporca con il suo odore.
Mettete la carta sporca, insieme a quella pulita, per terra. Scegliete
un'area relativamente isolata e tranquilla, accanto a una parete, a un
lampione o in una zona specifica nel vostro cortile. Lasciate che il
cucciolo vada in giro e annusi la carta. Ditegli "fai pip" con un tono di
voce sommesso e gentile. Quando lo fa, lodatelo e dategli un pezzetto
di pollo o un bocconcino simile. Con il tempo, diminuite la dimensione
della carta fino a quando non ne avr pi bisogno. Ricordate che la
sensazione della carta o del tappetino sotto le zampe molto diversa da
quella del cemento o dell'erba, sia in termini di temperatura sia di
consistenza. Per abituare il vostro cane al cemento o all'erba, prendete
una mattonella di cemento o un vassoio pieno d'erba e mettetelo sotto la
carta o il tappetino nella sua zona sicura.
Raccogliete i bisogni!
obbligatorio portare con voi una scorta di sacchettini, quando uscite,
in modo da raccogliere i bisogni del vostro cane. Potete comprare
sacchetti speciali profumati o usare versioni biodegradabili. Oppure
potete optare per la carta da cucina. Quando facevo la dog walker c'era
un luogo nel parco di Wimbledon Common chiamato "l'angolo della
cacca". Quest'area delimitava la zona del parcheggio. La gente arrivava
in macchina, faceva uscire il cane e, prima di portarlo a fare una
passeggiata, gli faceva fare i suoi bisogni. E quasi nessuno li
raccoglieva. I bambini, quando andavano a giocare al parco dopo la
scuola, dovevano fare lo slalom in un terreno minato da escrementi di
cani per arrivarci. Non raccogliere i bisogni del proprio cane in un'area
pubblica incivile e dannoso per tutte le persone che usano quell'area.
Non ci sono scuse. Raccogliete sempre i bisogni del vostro cane!
Portate con voi una scorta di sacchettini, quando uscite, in modo da
raccogliere i bisogni del vostro cane.

Preparatevi agli inconvenienti


Cercate di essere tolleranti con gli incidenti del caso. Ne capiteranno ed
importante essere pazienti e non rovinare tutto l'ottimo lavoro
che avete fatto arrabbiandovi.
Per il cane, qualsiasi traccia di urina in casa, che non sa stata pulita a
fondo, rappresenta un invito a farla di nuovo nello stesso punto. Dovete
usare un detergente biologico per rimuovere gli enzimi presenti
nell'urina in modo che l'odore non persista.
Problemi nellabituare a non sporcare in casa
Uno dei "problemi comportamentali" pi frequenti che riscontro nei
cani, in particolare in quelli i cui padroni vivono in appartamento,
l'evacuazione scorretta. Si tratta di un problema che porta la gente
sull'orlo di una crisi di nervi e che riduce i cani all'isolamento.
Eppure, provate a pensarci per un attimo. Perch chiamiamo
evacuazione scorretta un problema comportamentale? L'evacuazione
necessaria per la salute perch rimuove i rifiuti e le tossine del corpo.
un processo assolutamente naturale. Siete voi, e non il vostro cane, a
giudicare se abbia fatto i suoi bisogni nel luogo giusto o in quello
sbagliato. Una delle prime domande che faccio ai miei clienti
descrivere come i loro cani sono abituati a evacuare. Posso imparare
molto della salute mentale e fisica di un cane da cosa, come e quando
va di corpo. Rimarreste sorpresi da quanto spesso una simile analisi mi
consente di avere un quadro pi chiaro di un altro problema,
apparentemente non collegato.
Siete voi, e non il vostro cane, a giudicare se abbia fatto i suoi bisogni
nel luogo giusto o in quello sbagliato.
Problema: incidenti da parte di un cane abituato a non sporcare in casa
Bench abituato a non sporcare in casa, il vostro cane ogni tanto sporca
in giro. forse ha dimenticato il suo addestramento?
Soluzione: risolvere la causa alla base
Se gli incidenti sono poco frequenti, la spiegazione pi plausibile che
non eravate vicini al cane quando ha avuto bisogno di uscire. Se lo
lasciate da solo per lunghi periodi - e non dovreste farlo -prima o poi
avr bisogno di evacuare. In simili circostanze, anche a un cane bene
addestrato capiter un inconveniente. Non rimproveratelo: non capir

perch lo state punendo. Inoltre, la colpa vostra, non sua. Se gli


incidenti succedono con maggior frequenza, le possibili cause possono
essere molteplici. Ecco le pi comuni.
Malattia
Il cane potrebbe aver preso un'infezione, aver mangiato cibo avariato o
potrebbe esserci qualche altra causa fisica. Se notate un repentino
cambiamento nel modo in cui il vostro cane evacua, dovreste portarlo
dal veterinario al pi presto, se possibile portando con voi un campione
delle feci.
Paura
Pu far perdere agli esseri umani il controllo delle proprie funzioni
corporali, ma ho visto succedere la stessa cosa con i cani. Alcuni esperti
sostengono che, evacuando, il cane si alleggerisce in modo da poter
scappare pi facilmente da un eventuale pericolo. Anche quelli che
soffrono di un'intensa ansia da separazione sporcheranno in reazione
allo stress. Un segno rivelatore quando un cane fa la cacca o la pip
proprio davanti alla porta dove lo avete rinchiuso. Leggete a p. 167 le
soluzioni su come trattare questo tipo d'ansia.
Sottomissione
Anche urinare come effetto di sottomissione un disturbo comune ed
un importante segno nella comunicazione dei cani. Il cane pi
sottomesso far la pip per deferenza davanti a un cane pi dominante e,
cos facendo, comunicher di non rappresentare una minaccia. Al
tempo stesso, i cani potrebbero urinare quando uno sconosciuto li
accarezza. Come sempre, noi esseri umani spesso fraintendiamo e
rischiamo di rispondere con rabbia quando un cane fa la pip in questo
modo. Il che non fa che peggiorare la situazione. Se il vostro cane fa la
pip quando voi o qualcun altro gli fate la festa, non arrabbiatevi e
correggetelo. Alleviate invece la tensione, dicendogli semplicemente
"ciao". Poi ignoratelo fino a quando non si calmato e non si sente a
suo agio in presenza vostra o di qualcun altro. Siate prudenti nel fargli
le feste e lodatelo quando calmo e non fa la pip. Fate in modo che
tutti i membri della vostra famiglia e i vostri ospiti si comportino allo
stesso modo. Se correggete un cane in questa situazione, rischiate di

spaventarlo al punto che non sar pi in grado di fare la pip davanti a


voi, quando lo portate a spasso.
Eccitazione
Quando un cane sovraeccitato e quando fa la festa a un essere umano
o a un altro cane, ma pu anche capitare durante un gioco movimentato:
ancora una volta, non reagite in maniera eccessiva e non fatene una
tragedia.
Et
icani anziani talvolta perdono il controllo della vescica o diventano
incontinenti. Serve un esame dal veterinario se il vostro cane sta
invecchiando e inizia a essere incontinente.

Problema: non riuscite ad addestrare il vostro cane a fare i bisogni fuori


di casa
Il vostro cucciolo ha pranzato. Capite che ha bisogno di liberarsi.
Prendete il guinzaglio e lo portate fuori a fare una passeggiata. Venti
minuti dopo, non ha ancora evacuato. Pensate che questa volta non ne
abbia bisogno e lo riportate a casa. Non appena varcate la soglia di
casa, il vostro cane la fa...
Soluzione: rompete lo schema
I cani sono nella condizione di maggior vulnerabilit quando stanno
evacuando ed per questa ragione che scelgono i on molta attenzione il
luogo dove farlo. Se vivete in una citt frenetica, il vostro cucciolo
potrebbe non sentirsi a suo agio a fare i suoi bisogni all'esterno.
Potrebbe sentirsi pi sicuro in casa. Dovete interrompere
quest'abitudine, insegnandogli che si merita la divertente passeggiata,
solo dopo aver evacuato, fate sentire il vostro cane pi a suo agio,
portandolo in un luogo tranquillo e sicuro per evacuare e non appena
l'ha fatto, gratificatelo con esperienze positive. Quando ha finito il
pasto, portatelo fuori e aspettate che faccia i suoi bisogni. Se non
produce nulla dopo 10 minuti, riportatelo a casa e poi tornate di nuovo
fuori. Ripetete quest'azione fino a quando il vostro cane non evacua
fuori di casa. Quando lo fa, lodatelo, dategli un bocconcino e portatelo
a fare una passeggiata. Se serve un'intera giornata, fatevene una

ragione. Rompete lo schema una volta e non dovrete romperlo di


nuovo. Una volta mi capitato di dover gestire una cucciola di 6 mesi
che non voleva fare i bisogni all'esterno. Ho trascorso 9 ore a portarla
fuori e poi a casa. Fuori, a casa, fuori, a casa. A un certo punto ha
capito il messaggio e l'ho inondata di lodi. Dopodich, lei e i suoi
padroni non hanno pi avuto alcun problema.
Problema: marcare il territorio
Il vostro cane sta segnando i mobili o altre aree della vostra casa con il
suo odore.
Soluzione: castrate/sterilizzate il vostro cane o ricominciate
l'addestramento in casa
Delimitare il territorio rappresenta uno strumento di comunicazione
fondamentale per i cani. Segnano il territorio in modo che gli altri cani
possano ricavare importanti informazioni su di loro. Anche le femmine
in calore indicheranno la propria disponibilit in questo modo. Il vostro
cane solleva la zampa per fare pip? astuto, perch lascia il suo
"biglietto da visita" all'altezza del naso! L'atto di calciare indietro le
zampe posteriori contribuisce a diffondere l'odore dell'urina, oltre a
rilasciare il sudore dalle ghiandole delle zampe posteriori. Il messaggio
lasciato dal cane questo: "Sono un cane non castrato, sono alto mezzo
metro, ho grossi denti e una coda pelosa bianca. Mi piacciono il pollo,
gli ossi e rincorrere le palline. State lontani dal mio pezzo di terreno".
Delimitare il territorio pu diventare un problema quando un cane
vuole farlo anche in casa. Questo di solito capita con i cani che non
sono stati castrati/sterilizzati. Di norma, i cani, dopo essere stati
castrati, non segneranno pi il territorio con l'urina e le femmine
sterilizzate non sentiranno pi la necessit di annunciare il periodo di
calore. Tuttavia, se un cane maschio si abituato a delimitare il
territorio per un lungo periodo, allora la castrazione potrebbe non
risolvere il problema. In questo caso, dovete tornare ad addestrarlo in
casa. Ricominciate da zero l'intero processo.
Camminare insieme:
tecniche dallenamento
L'esercizio fisico costituisce un potente antidoto allo stress per tutti gli
animali. Portare regolarmente a camminare e a correre il vostro cane

migliorer notevolmente la sua vita. Ovviamente, ci sono molti modi in


cui potete allenare il vostro cane e ve li illustrer in un altro capitolo.
Tuttavia, qui mi concentrer sulle passeggiate perch rappresentano una
parte molto importante della routine quotidiana. Una lunga passeggiata
ogni giorno fondamentale per il vostro cane.
Per quale motivo? Osservate la situazione dal punto di vista del cane.
Una passeggiata non solo lo allena a livello fisico, ma gli fornisce un
ambiente diverso in grado di stimolare la sua mente e i suoi sensi. A
differenza del lupo o del cane selvatico, il cane addomesticato vive in
un ambiente privo di stimolazioni sensoriali, quantomeno di quel
genere che tanto gli piace.
Portare a spasso il vostro cane il modo ideale per fornirgli nuove e
piacevoli esperienze. anche una formidabile ricompensa durante il
processo di addestramento. Condividendo la responsabilit con tutta la
famiglia farete in modo che il vostro cane riceva l'attenzione e il tempo
che merita.
Quanto esercizio fisico necessario?
Tutti i cani adulti hanno bisogno di essere portati fuori ogni giorno per
tre brevi passeggiate di 10 minuti l'una, in modo che possano compiere
le loro funzioni ( orporali. Oltre a queste, hanno bisogno di fare una
bella corsa o passeggiata nel parco o in qualche altro spazio sicuro e
all'aperto. La quantit di esercizio fisico necessaria per il vostro cane
dipende dall'et e dalla razza. I cuccioli non dovrebbero essere allenati
troppo quando le loro ossa e muscoli sono ancora in fase di sviluppo.
Per esempio, si raccomanda di non iscriverli a lezioni di agility, dove
potrebbero dover saltare ostacoli, fino a quando non avranno compiuto i
18 mesi d'et. Anche i cani pi anziani non dovrebbero essere sottoposti
a un eccessivo esercizio fisico. Questo non significa confinarli a una
vita sedentaria, ma solo rallentare un poco il ritmo, in particolare se il
vostro animale ha problemi con le articolazioni, come capita se ha una
certa et. La quantit di esercizio fisico necessaria varia in base alle
diverse razze.
La taglia da sola non un'indicazione sufficiente. I cani di taglia
piccola, allevati principalmente come cani da compagnia, come i
cavalier king Charles spaniel, non hanno bisogno di intense sessioni di
allenamento, anche se richiedono un buon esercizio e stimolazione

sensoriale. I terrier, nonostante anche loro siano di taglia piccola, sono


molto pi attivi. Anche i cani da lavoro, allevati per la loro resistenza
fisica, come i collie, capaci di badare al gregge tutto il giorno senza
stancarsi, hanno bisogno di pi esercizio rispetto ad altre razze.
Adattate la routine di allenamento del vostro cane in base all'attivit per
cui stato selezionato, sia che si tratti di inseguire, cacciare, riportare o
badare al gregge.
La qualit altrettanto importante della quantit. Portare a correre il
vostro cane nella stessa area del parco ogni giorno risulter monotono
sia per lui sia per voi. Frequentate zone diverse del parco o andate
altrove. Variate il percorso per arrivarci: piccoli cambiamenti possono
fare una notevole differenza in termini del piacere provato dal vostro
cane durante l'uscita. Quanti nuovi deliziosi odori da annusare!
Ci sono un paio di modi per capire se il vostro cane non sta ricevendo la
giusta dose di esercizio fisico. Se sta ingrassando significa che ha
bisogno di essere portato fuori pi spesso e pi a lungo. Se inizia ad
avere comportamenti indesiderati, forse non riceve abbastanza stimoli. I
cani inattivi possono manifestare un comportamento distruttivo o
esprimere la propria ansia e frustrazione rosicchiando, sporcando o
abbaiando in maniera eccessiva. I cani lasciati soli per lunghi periodi
come consuetudine non possono essere biasimati se scaricano la propria
noia e solitudine sul divano. Rosicchiare attenua lo stress: la stessa
cosa di quando noi ci mangiamo le unghie. Lasciare il vostro cane in
cortile tutto il giorno senza portarlo fuori sbagliato quanto lasciarlo in
casa. Il cortile all'inizio pu anche essere un luogo pi stimolante della
cucina, ma dopo qualche tempo diventer un'altra stanza della casa. Se
il vostro cane trascorre lunghe giornate a casa da solo, valutate se
affidarlo a un dog walker o portarlo in un centro di assistenza diurna
per cani (dog day-care).
Come portare a spasso il cane |
Accertatevi che il collare e il guinzaglio siano della giusta dimensione,
in modo da avere sempre il controllo del vostro cane quando lo portate
a passeggio.
Tenetelo sempre al guinzaglio, fino a quando non arrivate al parco o in
qualche altra area dove ritenete sia sicuro lasciarlo correre libero; fatelo
per lui e per le altre persone e cani intorno a voi. Rispettate il fatto che
alcune persone non amano i cani o ne hanno paura, soprattutto se li

vedono liberi senza guinzaglio. Inoltre, persino un cane ben addestrato


non in grado di resistere a forti tentazioni. Un momento al vostro
lato e un secondo dopo sotto una macchina perch ha visto uno
scoiattolo attraversare la strada. Ho assistito a scene simili.
Riflettete con cura anche prima di lasciare libero il vostro cane vicino a
una fonte d'acqua. Ogni anno accadono tragici episodi: cani che cadono
in un fiume o sono portati via dalla corrente marina e i loro padroni
affogano nel tentativo di salvarli.
Portate con voi una scorta di sacchetti di plastica per raccogliere i suoi
bisogni.
Accertatevi che il vostro cane abbia le medagliette di riconoscimento
con i dati aggiornati legate al collare, nel caso lo smarriate o ci sia un
incidente. In Italia obbligatorio inserire il microchip sotto la pelle dei
propri cani: una procedura semplice e relativamente indolore che si fa
dal veterinario. Consiste in un dischetto inserito sotto la pelle del cane,
d solito tra le spalle, che fornisce al cane un esclusivo codice a barre.
Se si perde, smarrendo collare e medagliette, il codice a barre vi
permetter di ritrovarlo.
Se state passeggiando in un'area poco illuminata, indossate un
indumento catarifrangente e mettete accessori dello stesso tipo sul
collare e sul guinzaglio del vostro cane. Questo aiuter gli automobilisti
a vedervi.
Quando fa molto caldo, meglio portare a passeggiare il vostro cane al
mattino presto e alla sera. I cani assorbono rapidamente il caldo perch
sono pi vicini all'asfalto bollente. I cani che trascorrono molto tempo
in casa potrebbero presentare cuscinetti delle zampe pi sensibili e pi
predisposti alle escoriazioni. Camminate dal lato ombreggiato della
strada. Portate con voi una bottiglia d'acqua in modo da poterlo
dissetare, qualora ne avesse bisogno.
Non lasciate che il vostro cane beva dalle pozzanghere: potrebbero
contenere antigelo, che ha un sapore dolciastro molto appetibile per i
cani, ma che anche in piccole dosi pu risultare letale.
Evitate le zone dove sospettate siano stati impiegati insetticidi o
sostanze chimiche, dal momento che anche questi potrebbero avere
effetti potenzialmente nocivi sul vostro cane.
Se gela, pulitegli le zampe dopo la passeggiata per eliminare ogni
residuo di sale raccolto dalla strada. In questo modo eviterete che il
vostro cane lo ingerisca, quando si lecca le zampe.

Attrezzatura da passeggiata
Quando lavoravo come dog sitter dovevo essere un bello spettacolo.
Ogni giorno uSCVO con i cani che mi erano stati affidati, carica di
guinzagli, collari, cavezzine, pettorine, sacchetti con i bocconcini e per
i bisogni.
Per non citare il kit di primo soccorso e i cappottini per i cani a pelo
raso, nel caso facesse freddo.
Lattrezzatura per portare a passeggio il cane offre un'ampia variet di
proposte, dai guinzagli e collari standard ad altri dispositivi pensati per
fornire ai padroni soluzioni rapide. A noi esseri umani piacciono le
soluzioni rapide. Sia che si tratti del prodotto detergente che promette
di sostituire il nostro olio di gomito o del collare a strozzo ideato per
insegnare al cane a non tirare, siamo molto attratti da simili soluzioni,
apparentemente semplici che non richiedono sforzo.
In molti casi, per, c' un prezzo da pagare. Nell'addestramento del
cane, il prezzo il cane a pagarlo. La catena a strozzo insegna al vostro
animale a non tirare facendogli male. Solo gli addestratori molto esperti
sono In grado di usare questo tipo di collare senza far del male al cane.
Io sono un'addestratrice con esperienza eppure il collare a strozzo non
mi piace assolutamente.
Tipi di guinzaglio
Guinzagli di nylon o di cotone
Sono proposti in un'ampia variet di colori, larghezze e lunghezze. La
taglia del vostro cane sar determinante per la larghezza del guinzaglio
che sceglierete: quelli larghi sono pi adatti per i cani pi grandi e
pesanti. La lunghezza un'altra variabile. Il guinzaglio, se
eccessivamente corto, sar troppo stretto e teso e stimoler il vostro
cane a tirare di pi; se troppo lungo, non potrete controllarlo a dovere,
io uso un guinzaglio lungo un po' meno di 2 metri per portare a spasso i
cani nei luoghi pubblici.
Guinzagli di pelle
Possono essere lisci, arrotolati o intrecciati per una resistenza extra.

La pelle diventa pi dura quando si bagna e rischia di indebolirsi


quando si secca. Potreste non rendervi conto di questo fino al giorno in
cui il guinzaglio si spezza.
I cani amano rosicchiare la pelle e alcuni di loro potrebbero cercare di
addentare il guinzaglio mentre li portate a passeggio.
Guinzagli a catena
Dato che il metallo non ha un buon sapore come il cotone, il nylon o la
pelle, questi guinzagli sono spesso usati per scoraggiare i cani dal
saltare e dal rosicchiarli mentre vengono portati a passeggio. Tuttavia,
possono farvi male alle mani e rischiano di scivolarvi via, il che
significa che non sono il mezzo pi sicuro o comodo da usare. Vi
conviene insegnare al vostro cane a non rosicchiare il guinzaglio e
comprarne uno pi comodo.
Guinzagli estensibili
Pensato per offrire al vostro cane un po' pi di libert, il guinzaglio
estensibile disponibile in diverse lunghezze (i pi diffusi sono quelli
da 4 e 9 metri).
importante che scegliate il guinzaglio giusto per la stazza del vostro
cane. Di solito, il peso massimo raccomandato riportato sulla
confezione o sul guinzaglio. I modelli estensibili pi corti rischiano di
spezzarsi se usati con un cane di stazza grossa. Dato che il guinzaglio
estensibile riduce il controllo che avete sul cane, non usatelo per portare
a passeggio un cane su strade dove c' traffico o in zone densamente
popolate. Preferisco insegnare a un cane che camminare al mio fianco
meglio che camminarmi davanti. Con i guinzagli estensibili questo non
possibile.
Guinzagli elastici
Al pari di quelli estensibili, anche i guinzagli elastici sono pensati per
offrire maggior libert di movimento al vostro cane. Sono disponibili in
diversi modelli e materiali. Alcuni ricordano il filo arricciato del
telefono. Non ne ho mai usato uno durante il mio lavoro di
addestramento. I guinzagli elastici rischiano di estendersi pi di quanto
non debbano fare, il che potrebbe essere pericoloso se il vostro cane fa
un improvviso balzo in avanti. preferibile insegnare al vostro cane a
camminare in maniera corretta usando un guinzaglio normale.

Guinzagli a scorrimento
Il guinzaglio a scorrimento presenta un anello a un'estremit. Quando il
guinzaglio passa attraverso l'anello, si sdoppia in un collare a
scorrimento, un modello che consente un controllo ridotto e pu
strozzare il cane, quando fa un balzo improvviso. Le uniche volte in cui
li uso, durante l'addestramento, con cani particolarmente sensibili o
aggressivi, che non amano gli si tocchi la testa.
Tipi di collare
Collari a fibbia piatta in nylon o cotone
A mio parere, un collare a fibbia piatta in nylon o cotone il migliore
in assoluto. La pelle tende a indurirsi quando si bagna. I collari in nylon
o cotone durano a lungo, sono lavabili, si asciugano in fretta e in genere
sono meno ruvidi sulla pelle del cane. Il cotone di solito pi morbido
del nylon. La fibbia preferibile a una chiusura automatica in plastica,
che rischia di rompersi se il cane fa un balzo improvviso. La larghezza
del collare dipende dalla stazza del vostro animale. In generale, un
collare dovrebbe essere con una superficie piatta abbastanza larga da
distribuire in maniera equilibrata la pressione. Per esempio, un retriever
ha bisogno di un collare spesso all'incirca 3 centimetri. Se il vostro cane
tira, allora un collare arrotolato non sicuro quanto uno liscio perch la
pressione distribuita su una superficie minore del collo.
Catene e collari a strozzo
Come posso dirlo in maniera... garbata? Li detesto! La ragione per cui
non li uso che ho visto troppi cani finire dal veterinario a causa di un
collasso tracheale perch i loro padroni non sapevano come usare in
maniera corretta il collare e li hanno strattonati con troppa forza. In
origine le catene ,) strozzo erano usate solo dagli addestratori che
comprendevano come il timing e un giusto livello di correzione fossero
importanti perch funzionassero in maniera efficace. Le catene a
strozzo, nonostante il loro uso scorretto abbia causato un certo numero
di morti, sono ancora disponibili per tutti, senza istruzioni allegate. Se
un cane ha la mania di tirare, nemmeno il fastidio di una trachea
compressa lo far desistere. A differenza di un collare normale, la
catena a strozzo molto pericolosa se lasciata sul cane senza

supervisione, dal momento che gli anelli su entrambe le estremit


possono facilmente incastrarsi a qualcosa e il cane rischia di
strangolarsi nel tentativo di liberarsi.
Collari con le punte
Questo modello dovrebbe essere pi delicato di quello a strozzo perch
la pressione della correzione divisa in maniera pi equilibrata sul
collo del cane. Fanno male? Assolutamente s. Se non mi credete,
mettetevi il collare con le punte intorno al braccio e dategli un bello
strattone. Anche questo tipo di collare non mi piace.
Martingale
La martingala un collare con un doppio anello, che si restringe e
allarga a seconda di quanto teso il guinzaglio. Si tratta di un'ottima
scelta per i greyhound, i whippet e i borzoi, le cui teste sono della stessa
dimensione o pi piccole del collo. I collari a martingala si stringono
intorno al collo per evitare che la testa del cane scivoli fuori, ma non
abbastanza da strozzarlo. Anche i collari con superfcie piatta
abbastanza larga sono un'ottima soluzione per queste razze.
Pettorine
Funzionano molto meglio con i cani piccoli che hanno colli pi delicati
e che altrimenti soffrirebbero davvero, strattonati al guinzaglio con un
collare standard. Le pettorine si sistemano intorno al corpo e
distribuiscono in maniera equilibrata la pressione. Tuttavia, alcuni cani
tirano pi forte quando indossano una pettorina perch amano la
sensazione di sostegno che provano appoggiandosi su qualcosa. In
questo caso, potete optare per una pettorina no-pull (vedi p. 135).
Come abituare il vostro cucciolo al collare e al guinzaglio
Quando portate a casa per la prima volta il vostro cucciolo, dovete
sapere che potrebbe non aver mai provato che cosa si sente ad avere un
collare intorno alla gola. Quasi sicuramente non sar mai stato portato a
passeggio al guinzaglio. Simili restrizioni saranno per lui sconosciute e
bizzarre. La gola una zona molto vulnerabile del corpo del cane. Il
suo istinto di proteggerla. Inoltre molti cani non amano la sensazione
di avere qualcosa intorno alla testa, perch rappresenta una vera e
propria invasione del loro spazio personale.

Per prima cosa, mostrategli il collare. Metteteglielo solo per qualche


secondo. Cercate di non infilarglielo dalla testa, ma slacciatelo e poi
allacciatelo dalla parte bassa del collo. Non stringetelo troppo; lasciate
che gli penzoli allentato intorno alla gola. Lodatelo e dategli una
ricompensa. Quindi toglietelo. Gradualmente iniziate a lasciare il
collare sul cucciolo per periodi sempre pi lunghi, usando feedback
positivi, fino a quando si abitua a portarlo. Ogni volta stringete un po'
di pi il collare fino al punto in cui non rischia di scivolargli via dalla
testa. Alcuni cani ci mettono pi tempo ad abituarsi al collare rispetto
ad altri. Una volta che il vostro animale si abituato al collare,
lasciateglielo su. Il prossimo passo introdurlo al guinzaglio.
Allacciatelo al collare e chiamate il cucciolo per nome. Lodatelo e
dategli un bocconcino quando si avvicina. Esercitatevi a mettergli e
togliergli il collare, ricompensandolo se si comporta in maniera
tranquilla. Questo abitua il cucciolo all'idea del guinzaglio. Ricordatevi
di abituare sempre un cucciolo al collare e al guinzaglio prima di
portarlo fuori casa. Una volta che si trova all'esterno, sar bombardato
da tutta una serie di cose nuove. Non lasciate che il collare e il
guinzaglio facciano parte di quell'esperienza travolgente. Sar gi molto
occupato con tutte le altre novit.
Come insegnare al vostro cane a passeggiare al guinzaglio
Insegnare al vostro cane a passeggiare in maniera corretta al guinzaglio
una parte fondamentale del suo addestramento. Se non gli insegnate
come farlo, vi tirer e le vostre passeggiate quotidiane si
trasformeranno in una lotta costante per detenere il controllo. Per voi
questo potrebbe significare solo una leggera torsione del braccio,
mentre il vostro cane potrebbe riportare seri danni alla gola. Ma se i
cani tirano, lo stesso fanno le persone. Tutti abbiamo visto gente
strattonare i cuccioli al guinzaglio, mentre le povere creature ansimano
e rischiano di strozzarsi. Ogni volta che vedo una scena simile, mi si
stringe il cuore.
Iniziate a insegnare al vostro cane come passeggiare insieme a voi, non
appena si abitua al collare e al guinzaglio. Esercitatevi in giro per casa e
nel cortile, prima di portarlo per strada o al parco, dove ci saranno pi
distrazioni. molto importante iniziare questo tipo di addestramento il
pi presto possibile. Innanzi tutto, pi semplice insegnare a un
cucciolo come passeggiare nel modo corretto al guinzaglio di quanto

non lo sia correggere un cane pi grande, una volta che vi ha trascinato


in giro per mesi.
In secondo luogo, i cuccioli crescono. Se avete un cane di taglia grossa,
una volta che avr consolidato il suo modo sbagliato di passeggiare,
potrebbe essere cos grosso da tirarvi e trascinarvi nel traffico. Alcuni
addestratori consigliano ai padroni di rafforzare il loro status di
capobranco, camminando sempre avanti quando portano a passeggio il
cane, io non sono d'accordo con questa pratica. I cani hanno quattro
zampe e noi ne abbiamo due. Il loro ritmo naturalmente pi rapido del
nostro. Passeggiare bene al guinzaglio diverso da seguire
obbedientemente il padrone. Prima di potergli insegnare questo, dovete
abituarlo a camminare senza tirare, a muoversi quando vi muovete voi e
non nella direzione scelta da lui e a fermarsi quando lo fate voi.
Il guinzaglio come un filo del telegrafo: trasmette le vostre sensazioni
direttamente al cane. Se siete tesi, il vostro cane lo percepir. Molte
persone afferrano il guinzaglio e subito lo stringono forte in modo da
strattonare il cane verso di loro. Questo fornisce al cane un'immediata
scusa per opporre resistenza e qualcosa contro cui tirare. In breve
tempo vi ritroverete a combattere per il controllo e comunicherete al
vostro cane lungo il guinzaglio teso quanto questo vi dia fastidio e vi
renda ansiosi.
Che cosa fare
Il vostro obiettivo insegnare al vostro cane a camminare con il
guinzaglio allentato. Quindi incominciate in questo modo.
Legate il vostro cane al guinzaglio e camminate con lui in giro per casa
o nel cortile. Lodatelo e dategli un bocconcino quando vi cammina a
fianco. I cuccioli amano seguire i loro padroni, perci dovrebbe essere
propenso a muoversi nella direzione scelta da voi.
Non appena strattona forte il guinzaglio o tira, fermatevi. Rimanete
immobili, mantenete la calma e aspettate che smetta di strattonare.
Quando smette e il guinzaglio allentato e lui alza lo sguardo su di voi,
lodatelo, dategli una ricompensa e riprendete a camminare.
Un'alternativa
Un altro metodo che potete provare cambiare direzione. Se tira,
semplicemente giratevi e camminate nella direzione opposta. Quando vi
girate, abbassatevi leggermente e motivate il vostro cane a seguirvi

dicendogli "andiamo" con un tono di voce alto. Lodatelo quando vi


segue. Ripetere questo esercizio insegner al vostro cucciolo a non
tirare. Imparer inoltre che passeggiare al guinzaglio non fa male,
perch non appena sente stringersi il collare sulla gola, voi vi fermate e
camminate nell'altra direzione. Non cedendo agli strattoni, evitate di
rinforzare il suo comportamento.
Quando portate il vostro cane fuori all'aria aperta, proseguite
l'addestramento. Potete stringere un poco il guinzaglio per motivarlo a
camminare al vostro fianco, quando attraversate una strada trafficata.
Ricordatevi sempre di lodarlo se cammina bene. Spesso i padroni non
prestano attenzione quando i loro cani si comportano bene. Se il vostro
cane si sta comportando come volevate che facesse, fategli sapere
quanto siete soddisfatti.
Ricordate che ogni membro della famiglia deve rispettare lo stesso tipo
di addestramento e usare gli stessi comandi, quando porta fuori il cane.
Spesso i padroni non prestano attenzione ai loro cani quando si
comportano bene.
Facciamo un giretto!
Quando portare a spasso il cane entrato a far parte della vostra routine
quotidiana, il vostro cane attender con smania e preguster questa
parte della giornata. A mano a mano che si avvicina l'ora del giretto, il
vostro cane noter ogni singolo gesto che indica che l'uscita
imminente. Magari siete soliti alzarvi sempre in piedi, allungare i
muscoli e mettervi le scarpe; forse vi mettete le chiavi in tasca.
Qualunque cosa facciate di solito per prepararvi a un'uscita, il vostro
cane recepir il messaggio addirittura prima che la vostra mano sfiori il
guinzaglio o che pronunciate quella parola speciale che inizia con la "a"
(andiamo). L'uscita uno dei momenti pi importanti della giornata di
un cane, che esprimer il suo entusiasmo con un comportamento
eccitato. Alcuni cani girano in tondo, altri abbaiano, alcuni corrono
avanti e indietro verso la porta. In natura i capibranco mostrano un
comportamento altrettanto eccitato prima di mettersi in fase di caccia.
Si pensa che questo li aiuti a riscaldarsi e a rinforzare il loro senso di
appartenenza al branco. Il vostro cane ovviamente si far prendere
dall'entusiasmo quando capisce che sta per uscire. Ma dovete fare in
modo che questo non diventi un problema nella gestione del cane.

Che cosa fare


Prima di mettergli il guinzaglio fate sedere il vostro cane. Non
permettetegli di saltellare. Se lo fa, aspettate fino a quando non avete la
sua attenzione e chiedetegli di sedersi ancora, e poi mettetegli il
guinzaglio.
Una volta sistemato il guinzaglio, molti cani iniziano subito a tirare in
direzione della porta. Non permettete al vostro cane di farlo. Se tira,
fermatevi. Aspettate fino a quando avrete la sua attenzione prima di
muovervi.
Quando arrivate alla porta, chiedete al vostro cane di sedersi. Poi aprite
leggermente la porta. Se il vostro cane si lancia alla carica, chiudetela
di nuovo. Ripetete l'esercizio fino al momento in cui potete spalancare
la porta mentre il cane rimane seduto e fermo.
Uscite dalla porta. Se tira, fermatevi e aspettate fino a quando il
guinzaglio si allenta di nuovo.
Come insegnare al vostro cane a camminare al piede
Una volta che il vostro cane cammina bene con il guinzaglio, potete
insegnargli a a camminare al piede. un perfezionamento del
precedente insegnamento. Quando state portando a passeggio il vostro
cane, non dovreste imporgli di camminare al piede per tutto il tempo.
Ma si tratta di un comando molto utile quando state camminando per
strade affollate, dove ci sono molte distrazioni o potenziali pericoli, o
quando il vostro cane libero nel parco e volete che torni a camminare
al vostro fianco per qualsiasi motivo. Insegnate al vostro cane a
camminare al piede prima al guinzaglio, poi fatelo da libero.
Come funziona
Scegliete il lato dove vi risulta pi comodo avere il vostro cane. Per me
il lato sinistro.
Adesso immaginate una scatola invisibile attaccata sul lato sinistro
della vostra gamba.
Camminate normalmente con il vostro cane; quando entra in quella
scatola immaginaria, non appena le sue spalle sono accanto al vostro
fianco sinistro, lodatelo e dategli un bocconcino.

Aggiungete quindi un suono e un gesto all'azione immaginaria. Quando


il vostro cane entra nella scatola, datevi una pacca sul fianco sinistro e
dite "al piede".
Quando cambiate direzione, colpitevi il fianco e dite "al piede" nel
momento in cui vi girate.
L'alternativa
Mettete il vostro cane al guinzaglio.
Poi lasciate cadere il braccio sul lato, con il palmo rivolto all'indietro.
Il vostro cane sar portato per natura a indagare. Quando vi tocca il
palmo con la mano, ditegli "bravo" e dategli un bocconcino. Ripetete
l'esercizio pi volte.
Variate un poco l'esercizio: tenete in fuori la mano per qualche secondo
e poi spostatela.
Ogni tanto uso il comando "tocca", ma posso anche non usare alcuna
parola. Quando il vostro cane vi tocca il palmo ogni volta che abbassate
la mano, aggiungete il comando "al piede" e datevi una pacca sulla
gamba sinistra (o destra).
Se sto addestrando cani molto piccoli ad andare al piede, talvolta uso un
bastoncino in modo da non dovermi chinare cos in basso. Avvolgo del
materiale sulla parte bassa del bastoncino per aumentarne il volume
cos che sia pi facile vederlo per il cane. Il cane, invece di toccarmi la
mano con il naso quando si avvicina per obbedire, tocca l'estremit del
bastoncino.
Momenti di libert
I cani hanno bisogno di fare esercizio fisico, ma meritano anche un po'
di libert. Senza guinzaglio il vostro cane pu esplorare il mondo
seguendo il proprio ritmo e in qualunque direzione lo porti il suo naso.
Probabilmente annuser in giro, felice di ricercare ogni odore allettante,
o magari gli verr voglia di correre come un matto dappertutto.
Lasciare libero il vostro cane gli d l'opportunit di fare un
bell'esercizio aerobico. Un buon allenamento ottimo per alleviare lo
stress e lo far sentire molto pi soddisfatto quando sar tornato a casa.
Il comando "vieni" deve aver raggiunto un buon livello di validit,
prima di togliergli il guinzaglio e confidare che torni prontamente da
voi.

Per l'insegnamento di questo comando, andate a p. 74. Quando vi siete


accertati di essere in una zona sicura, potete lasciare il vostro cucciolo
libero nel parco e usare l'occasione come opportunit per rinforzare
l'insegnamento del comando "vieni". Le aree recintate all'interno di un
parco sono il luogo ideale per farlo.
Un buon allenamento ottimo per alleviare lo stress e lo far sentire
molto pi soddisfatto quando sar tornato a casa.
In automobile
Per portare ad allenare il vostro cane pi lontano, spesso avrete bisogno
di fare un viaggio in macchina. Abituate il vostro cane alla macchina
sin da quando piccolo, se pensate che lo porterete spesso in auto.
Usate ricompense e l'addestramento positivo per comunicargli il
messaggio che il veicolo un bel posto dove stare. All'inizio, fate
conoscere la macchina al vostro cane quando ferma. Dategli da
mangiare sia da dentro l'abitacolo sia da fuori. Giocate con lui e dategli
i giocattoli quando seduto all'interno. Portatelo a fare brevi gite, prima
di tenerlo a lungo nell'abitacolo. Usate sempre i corretti strumenti di
ritenuta dentro la macchina. Potete fargli indossare una pettorina, usare
un trasportino o mettere una grata. Qualunque soluzione scegliate,
introducetelo per gradi agli strumenti di contenimento.
Non lasciate mai e poi mai un cane da solo in macchina quando fa
caldo. I cani assorbono il caldo molto rapidamente e possono
facilmente morire per un collasso provocato da un colpo di calore.
Problemi legati all'esercizio fisico
molto importante affrontare i problemi legati all'esercizio fisico, in
particolare al modo di camminare. Se il vostro cane non cammina al
guinzaglio nel modo corretto non vi divertirete a portarlo fuori, e lo
stesso capiter agli altri membri della famiglia. Come risultato le uscite
saranno pi brevi e meno frequenti. Questo non corretto nei confronti
del vostro cane.
Problema: tira al guinzaglio
Sicuramente questo uno dei problemi pi comuni, quando si tratta di
portare a passeggio un cane. talmente facile insegnare a un cane a

camminare nel modo corretto ed un vero peccato quando la gente non


lo fa. All'inizio potr richiedervi un po' di tempo ma i cani che tirano si
stancano presto di fermarsi e cambiare direzione di continuo e, una
volta imparata la lezione, di rado viene dimenticata. Se il vostro cane
proprio non vuole smettere di tirare, allora dovrete prendere dei
provvedimenti. Quando stavamo registrando la prima puntata della
trasmissione Basta! Io o il cane, abbiamo fatto visita a una famiglia
proprietaria di un bobtail di nome Blue. I bobtail sono animali di taglia
grossa e Blue non aveva in pratica mai ricevuto alcun addestramento su
come camminare al guinzaglio. Dovevate vedere come tirava, caspita se
tirava! In un'occasione Blue ha quasi trascinato il suo padrone su una
strada trafficata. I cani grandi quanto Blue e abituati ormai da tempo a
tirare hanno bisogno di un approccio diverso.
Soluzione: usate collari a cavezza e pettorine
In generale non sono a favore di attrezzature da soluzione facile ma la
pettorina no-pull uno dei miei rimedi preferiti per risolvere il
problema di un cane che non smette di tirare.
A differenza delle pettorine normali, il guinzaglio attaccato sotto il
collo del cane, invece che sulla schiena. Due fettucce, imbottite per
evitare eventuali abrasioni, si avvolgono intorno alle zampe. Il cane,
quando tira in avanti, sente quasi di essere sollevato da terra, e quindi si
ferma.
Nel caso di Blue non ho usato una pettorina, anche se esistono per i
cani della sua taglia. Ho utilizzato invece un collare a cavezza. Questo
tipo di collare funziona allo stesso modo delle imbracature sul cavallo.
Una volta che il cavallo le indossa, potete guidarlo in giro molto
facilmente perch in questo modo controllate la sua testa. Il collare a
cavezza composto da un passante per il naso, disegnato per essere
indossato in maniera comoda, e non troppo stretta, intorno al muso e
una fettuccia che si lega dietro le orecchie in cima al collo. Il guinzaglio
attaccato a un anello sotto il mento o a uno laterale. In questo modo
controllerete il cane dalla testa e non dal collo. Il resto del corpo seguir
ovunque vada la testa. Il collare a cavezza non una museruola. Il
vostro cane dovrebbe essere in grado di aprire la bocca, mordere,
vomitare, mangiare bocconcini e bere acqua con indosso il collare. La
fettuccia intorno al naso non dovrebbe essere troppo stretta perch pu

provocargli abrasioni e perdita di pelo intorno al naso. Non lasciate mai


un collare a cavezza su un cane senza una supervisione.
Io uso il collare a cavezza perch non sottopone ad alcuna pressione il
collo, una zona molto sensibile. Non c' bisogno di alcuno strattone: il
cane semplicemente non pu tirare. Non appena tira in avanti, la testa
automaticamente si sposta di lato. Tuttavia, quando usate il collare a
cavezza non date mai strattoni, n applicate qualsiasi altro tipo di
correzione con il guinzaglio. Uno strattone potrebbe fargli male alla
testa. Molti cani potrebbero dimenarsi e opporre resistenza nel
momento in cui provate a mettergli il collare a cavezza perch la
sensazione di pressione intorno alla testa e al muso molto diversa da
quella esercitata dal collare. Per questo motivo importante
desensibilizzare il vostro cane al collare a cavezza, facendo succedere
cose positive quando glielo infilate. Dedico mezza giornata a mettere
delicatamente il collare a cavezza sul cane e a toglierlo, prima ancora di
avventurarmi fuori per portarlo a fare una passeggiata. Ogni volta che
metto il collare a cavezza, il cane riceve un delizioso bocconcino e tante
lodi. Dopo aver fatto pratica, mettendolo e togliendolo, gli attacco il
guinzaglio e passeggio insieme a lui per uno o due minuti per casa,
ignorando eventuali comportamenti negativi e ricompensandolo, se
tranquillo. Alcuni cani cercheranno di levarsi il collare a cavezza
grattandosi il muso con la zampa, scuotendo la testa e rotolandosi per
terra. Per altri, invece, la pressione risulter immediatamente rilassante.
Questo perch spesso la mamma prende in bocca il muso del cucciolo
per riportarlo alla cuccia e la sensazione del collare a cavezza molto
simile. I collari a cavezza, bench sicuri, comportano comunque alcuni
svantaggi, che conviene prendiate in considerazione: possono scivolare
facilmente dal naso se il cane si dimena troppo, quindi meglio tenere
un guinzaglio di scorta attaccato al collare normale fino a quando il
cane smette di opporre resistenza. Talvolta il collare a cavezza pu
provocare ansia in certi cani. Se il vostro, quando gli mettete questo
collare, si rifiuta di camminare, ansima eccessivamente, fa la pip o
mostra qualsiasi altro segno di ansia dopo un paio di giorni che lo usate,
allora dovrete trovare un'altra soluzione. Un altro tipo di collare
l'antistrappo Haiti: simile al collare a cavezza, ma la museruola non
regolabile e rimane invece pi allentata intorno al muso.
Nel caso di Blue, sono riuscita a risolvere due anni di passeggiate
strattonate dal cane in breve tempo, usando il collare a cavezza. Ogni

volta che tirava, rinforzavo l'azione di spostamento della testa generata


dal collare, emettendo un suono forte per motivarlo e distrarlo, seguito
dal comando "andiamo". E quando Blue camminava tranquillo al mio
fianco, l'ho riempito di lodi.
Problema: si rifiuta di camminare
State portando il vostro cane a fare una passeggiata. Sembra eccitato
all'idea. Gli mettete il guinzaglio e uscite; dopo aver fatto poca strada, il
vostro cane si siede e non c' verso che si muova. Cercate di
persuaderlo con le buone, magari gli date anche un bocconcino
(sbagliato!). Si alza, fa qualche passo, poi si ferma e si rimette a sedere.
Soluzione: riprendete il controllo della situazione
Prima di risolvere questo problema, dovete escludere qualsiasi fattore
fisico che possa essere la causa del comportamento. La maggior parte
dei cani ama andare a passeggio. Se il vostro cane all'improvviso si
rifiuta di camminare, potrebbe essere malato o sofferente. Il
marciapiede potrebbe essere troppo caldo o freddo per le sue zampe; o
magari c' qualche altro cane nei paraggi che lo rende ansioso.
I cuccioli sono spesso piuttosto esitanti le prime volte che escono a fare
una passeggiata. Dovete abituarli a poco a poco ai nuovi panorami e
suoni. Non strattonate mai un cucciolo per farlo alzare, quando
seduto. Cos facendo, finite solo per aggiungere dolore alla paura che
gi sta provando. Se siete in grado di scartare tutte le cause menzionate
qui sopra, allora il problema riguarda una questione legata al controllo.
Una volta mi sono trovata in una situazione simile con un maltese
femmina. Ho esaminato tutti gli scenari possibili e sono arrivata alla
conclusione che il cane semplicemente voleva averla vinta.
Che cos'ho fatto? Quando si seduta, mi sono girata dandole le spalle e
mi sono seduta anch'io. Direttamente sul marciapiede. Nel centro di
Manhattan. Siamo rimaste l per un'ora fino a quando il cane si stufato
e mi si avvicinato. L'ho lodata un sacco e abbiamo proseguito
l'addestramento.
Problema: scappa
Nella maggior parte dei casi, quando cani scappano e non tornano
indietro quando li chiamate, lampante che il comando "vieni" abbia
bisogno di essere ulteriormente insegnato. Quando il vostro cane

scappa, allontanandosi dal vostro raggio visivo, potreste provare un


profondo stato d'ansia. Nessuno vuole perdere il proprio cane o vederlo
correre incontro a un pericolo.
Soluzione: dipende dalle situazioni
Se vi trovate in un'area sicura e non c' alcun modo per cui il vostro
cane rischi di farsi male, la cosa peggiore che possiate fare corrergli
dietro. Questo trasforma la fuga in un gioco d'inseguimento. Emettete
invece forti suoni per distrarlo, e non appena si gira per vedere di che
cosa si tratti, sdraiatevi per terra. Nella maggior parte dei casi il cane
torner per indagare. Non appena ritorna, lodatelo e dategli una
ricompensa, indipendentemente da quanta ansia e rabbia vi abbia
provocato. Se dovete rincorrere il vostro cane, cercate di stargli dietro
senza dargli l'idea che lo stiate inseguendo. Lasciate cadere a terra una
serie di bocconcini mentre correte. Se scompare del tutto dalla vostra
vista, tornate al primo bocconcino e aspettate per vedere se il suo naso
lo riporta da voi.
Problema: insegue
Tutti i cani sono predisposti a inseguire: cos che cacciano in natura.
Tuttavia, alcune razze si divertono pi di altre a farlo. Inseguire un
istinto predatorio. Ciononostante, nel cane domestico quest'azione
praticata pi per l'eccitazione che non per l'uccisione della preda. I cani
daranno la caccia a gatti, uccelli e scoiattoli senza avere la minima idea
di che cosa fare nel caso li catturassero. Se il vostro cane sta
inseguendo uno scoiattolo, dovete accettare il fatto che per lui sar
molto difficile obbedire al comando di tornare da voi. In quel momento,
che cosa rappresenta una maggior attrattiva per lui, voi o lo scoiattolo?
Mi spiace per voi, ma la risposta : lo scoiattolo.
Soluzione: gestite l'ambiente
Se avete tra le mani un cane ossessionato dall'inseguire scoiattoli o
gatti, dovrete portarlo a passeggio al parco usando un guinzaglio
estensibile. Altrimenti, trovate una zona sicura e delimitata all'interno
del parco e lasciatelo libero di sfogare il suo istinto. Questo gli
consentir di alleviare Lo stress che prova ogni volta che vede uno
scoiattolo o un gatto, senza riuscire a prenderlo.

Problema: comportamento aggressivo al guinzaglio


Il vostro cane un animale amabile che non farebbe male a una mosca.
amichevole con gli altri cani al parco e va d'accordo anche con le
persone. Poi, un giorno, mentre lo state portando a passeggio, si scaglia
contro un altro cane o una persona, apparentemente senza alcun
preavviso. Il giorno dopo, lo fa di nuovo. Che cosa sta succedendo?
Soluzione: distrazione e condizionamento
Non reale aspettarsi che i nostri cani siano socievoli con tutti i cani e
le persone che incontrano. Del resto, anche a noi succede che certi
estranei ci facciano sentire a disagio, non vero? In circostanze normali
un cane, quando ne incontra un altro che gli incute timore, scappa via,
ma, quando al guinzaglio, non pu farlo. Potrebbe invece tentare una
dimostrazione di aggressivit per vedere se riesce a spaventare l'altro
cane. Se il cane "cattivo" si allontana, il vostro cane penser che la sua
esibizione di forza abbia funzionato ed pi verosimile che reagisca
alla stessa maniera la prossima volta che si trover in una situazione
simile. Se il vostro cane continua a comportarsi in questo modo, state
attenti alle possibili fonti di problemi. Se vedete un altro cane sulla
vostra strada, cambiate direzione e mettete della distanza tra voi.
Distraete il vostro cane per attirare la sua attenzione. Fate un rumore,
chiedetegli di sedersi e di guardarvi. Fate alcuni esercizi di obbedienza
con lui perch rimanga concentrato su di voi.
Non appena il cane passato e il vostro non ha mostrato segni di
comportamento aggressivo, dategli una fantastica ricompensa. Quando
percepite una buona risposta da parte del vostro cane, potete iniziare a
ridurre gradualmente la distanza tra lui e gli altri cani.
Problema: fa il matto in macchina
C' un posto favoloso per portare a passeggio il vostro cane, ma per
arrivarci dovete prendere la macchina. Il problema che, ogni volta che
mettete il vostro cane in auto, lui inizia ad abbaiare come un dannato.
Non riuscite a sentire i vostri pensieri e, di certo, non siete in grado di
concentrarvi sulla strada.
Soluzione: scoprite la causa e affrontatela nella maniera adeguata
Anche Blue, il bobtail con la mania di tirare al guinzaglio, faceva il
matto quando saliva sulla macchina. Non appena lo caricavano, Blue

iniziava ad abbaiare. Il suo costante abbaiare stava facendo impazzire i


padroni. La prima cosa che ho dovuto fare stato scoprire il motivo di
questo suo comportamento. Ho chiesto al padrone di mettere Blue in
auto. Lui l'ha fatto e Blue si messo ad abbaiare. Poi ho chiesto al
padrone di accovacciarsi in modo che il cane non potesse vederlo e di
entrare in macchina. Piegato in due e a quattro zampe, il padrone ha
raggiunto la parte anteriore della macchina. Blue, che aveva abbaiato
non appena era stato messo in auto, ha fatto silenzio fino a quando il
padrone non si seduto al posto di guida. Allora Blue ha ripreso ad
abbaiare con foga. Ho chiesto quindi al padrone di ripetere la sequenza,
ma questa volta di entrare dal lato passeggero e di spostarsi dall'altro
lato. Blue rimasto in silenzio. Questo mi ha fatto capire che Blue
abbaiava per abitudine e non per uno stato d'ansia. Quando faceva
silenzio, era perch non riusciva a vedere il padrone.
La consueta sequenza degli eventi -Blue viene messo in macchina, Blue
vede il padrone salire al posto del guidatore era cambiata e mancavano i
normali indizi che scatenavano la sua reazione, cos come per gli esseri
umani, anche i cani hanno dei rituali. Quando si tratta di una cattiva
abitudine, sta a voi cambiare lo scenario. Nel caso di Blue, variare la
situazione ha significato che non poteva rispondere ai normali indizi e
sono stata in grado di rinforzare il suo buon comportamento,
ricompensandolo quando era calmo.
Se il vostro cane fa il matto in macchina, le ragioni potrebbero essere
molteplici.
Magari associa l'auto con la passeggiata e abbaia perch eccitato
all'idea. Spezzate quest'abitudine aspettando un po' prima di uscire dalla
macchina, quando arrivate alla vostra destinazione. In questo modo, il
solo atto di entrare nella macchina si dissocia nella mente del cane dalla
passeggiata che lo aspetta.
Potrebbe sentirsi male o a disagio in macchina. Alcuni cani soffrono il
mal d'auto. Abituatelo gradualmente ai viaggi su quattro ruote, quando
un cucciolo, e usate un'adeguata imbracatura o mezzo di ritenuta per
evitare che sia sballottato, quando frenate o curvate.
Forse sta inseguendo quello che vede fuori dal finestrino. Le macchine
vanno veloci. Tuttavia, il cane vede dal finestrino una serie di oggetti
che si muovono rapidi. Tenetelo in un trasportino dove non rischia di
farsi distrarre dal paesaggio.

Stop ai comportamenti sbagliati:


insegnategli a vivere nel vostro mondo
Molta gente d per scontato che il cane, essendo un animale socievole,
possieda gi le capacit di cui ha bisogno per vivere felicemente in
compagnia degli esseri umani. Le cose non stanno cos. Le doti sociali
di un cane, che prende dalla madre e dai fratelli, sono pensate per
aiutarlo a vivere in un branco di cani. Ma il cucciolo, una volta separato
dai fratelli, ha bisogno di imparare come vivere nella vostra casa.
I nostri animali domestici sono il risultato di secoli e secoli di
domesticazione. Tuttavia, quando portate un nuovo cucciolo a casa, o
persino un cane adulto, non detto che riconosca automaticamente la
vostra casa come un luogo familiare e confortevole, dove sentirsi a suo
agio. compito vostro mostrargli che pu rilassarsi e stare al sicuro nel
suo nuovo ambiente.
Come riuscirci? Uno dei modi creare un ambiente positivo, nel quale
il suo bisogno di affetto e di stimolazione possa essere soddisfatto.
L'educazione di base fornisce un ottimo sistema di riferimento per farlo.
Tuttavia, da solo non basta. Dovete anche introdurre il nuovo membro
della vostra famiglia alle altre persone, agli altri bambini e cani, oltre
che ai suoni, scenari, odori, consistenze e ai diversi luoghi che
costituiranno il suo nuovo mondo. compito vostro facilitare questa
fase d'inserimento.
Linserimento di un cucciolo
Un attimo prima, il vostro cucciolo sta giocando con i suoi fratelli e
dormendo rintanato al loro lato, e quello dopo si ritrova a dormire
da solo in un luogo nuovo, che i suoi sensi gli dicono essere molto
diverso da qualunque cosa lui abbia mai conosciuto prima. Molti
cuccioli si inseriscono rapidamente nelle loro nuove case; altri invece
impiegano un po' pi di tempo. Ma persino per i cuccioli pi sicuri di s
ed estroversi le prime notti sono un tantino difficili.
La prima settimana faccio sempre dormire il nuovo cucciolo nella mia
Stanza. Una volta che si inserito un po', sposto la sua cuccia o
gabbietta nel corridoio. Dopo all'incirca una settimana, di solito, il
cucciolo abbastanza felice per dormire da solo in cucina. Attenzione a
non stancare troppo il vostro cucciolo durante le sue prime settimane. I
cuccioli, come i bambini piccoli, hanno bisogno di fare lunghi riposini

perch si stanno ancora sviluppando e crescendo. Al tempo stesso, il


vostro cucciolo sar in una fase in cui assorbe ampie quantit di
informazioni riguardo alla sua nuova casa e il lavoro mentale pu
risultare pi estenuante dell'attivit fisica. Non insolito per gli
allevatori di cani vivere in zone rurali. Se avete comprato il vostro cane
da un allevatore, che vive in una zona tranquilla e remota, e voi vivete
in periferia o in centro citt, pensate alla differenza che fa per il vostro
cane. Lui ha trascorso le sue prime settimane d vita vedendo solo
qualche persona ogni giorno e sentendo solo poche macchine per la
strada. l'unica cosa che conosce. Adesso, tutto d'un tratto s ritrova in
un ambiente ben pi affollato e rumoroso. compito vostro introdurlo
al nuovo ambiente in maniera controllata in modo che impari a vivere
con fiducia nel suo nuovo mondo.
Socializzazione
I cuccioli piccoli sono, per indole, molto curiosi e accolgono le nuove
esperienze e creature in maniera aperta e amichevole. Come i neonati e
i bambini piccoli, i cuccioli sono programmati a esplorare il mondo che
li circonda. Se avessero troppa paura a farlo, non imparerebbero mai.
Giocare alla lotta con i fratelli o praticare il morso per impararne la
forza sono solo un paio di modi in cui i cuccioli apprendono quel tipo
di informazioni che li aiuter a interpretare segni e segnali quando
crescono. Tuttavia, quando un cucciolo compie all'incirca 16 settimane,
succede qualcosa a quella sua irrefrenabile curiosit. In natura, questa
l'et in cui la mamma di un cucciolo comincia a tenerlo a distanza e a
incoraggiarlo a cavarsela da solo. Se in quelle circostanze un cucciolo
rimanesse amichevole, aperto e curioso, probabilmente non
sopravviverebbe a lungo. Dopo sedici settimane i cuccioli accolgono le
novit in maniera molto pi prudente, persino con timore e diventano
sospettosi di quello che non hanno conosciuto in precedenza. Un
cucciolo, quando molto piccolo, vede le nuove esperienze come
qualcosa di assai positivo e piacevole fino a quando la sua esperienza
non lo persuade del contrario. Dopo sedici settimane, la situazione si
capovolge.
Ci significa che avrete una finestra di tempo relativamente breve per
inserire il vostro cucciolo al suo nuovo mondo. Ovviamente, potete
introdurre alle novit anche i cuccioli che hanno pi di sedici settimane.
Dovreste farlo e, quando le circostanze cambieranno, sarete costretti a

farlo. Tuttavia, avrete molte pi chance di evitare problemi in futuro se


lo avrete gi esposto, in maniera controllata, a tante nuove situazioni ed
esperienze durante le prime settimane di vita, quando la sua curiosit
naturale ancora molto vivida. Superato il periodo critico, andreste
contro corrente. Tale processo di inserimento conosciuto come
socializzazione. Non state facendo un favore al vostro cucciolo
isolandolo dal mondo nelle prime settimane dopo averlo portato a casa.
Anche se gli state dedicando molta attenzione, un cucciolo ha bisogno
di incontrare nuove situazioni. Questo non vuol dire che dovete
sovraccaricarlo di sensazioni ed esperienze diverse, ma mostrargli il
tipo di cose che incontrer su base quotidiana semplicemente in virt
del fatto che vive nel vostro mondo di esseri umani.
A che cosa si deve abituare il vostro cucciolo?
Il vostro tocco
I cani sono animali affettuosi, ma hanno bisogno di imparare che,
quando lo toccate, non rappresentate una minaccia. Gli individui che
sono stati maltrattati durante i primi mesi di vita rimangono timorosi di
essere maneggiati dagli esseri umani perch hanno avuto brutte
esperienze.
Altre persone, bambini compresi
Un cucciolo imparer rapidamente a riconoscere il suo nuovo gruppo
composto da esseri umani. Apprender a riconoscere i loro odori e il
suono della loro voce. Ma deve anche imparare che la gente che viene a
farvi visita e gli estranei che incontra per strada non costituiscono una
fonte di minaccia.
La macchina
Molti proprietari fanno poco per preparare il cane a viaggiare in
macchina e, tuttavia, si aspettano che si comportino bene sin dalla
prima volta in cui vengono trasportati da qualsiasi parte.
Il veterinario
Svolgo numerosi incontri negli studi dei veterinari e incoraggio sempre
i padroni a portare con s i cuccioli in modo da abituarli all'ambiente e
agli odori di una clinica. I cuccioli ricevono bocconcini e sono liberi di
giocare, quindi associano stare dal veterinario con cose positive.

Altri cani
Fino al momento in cui lascia la sua cucciolata, l'esperienza del vostro
cucciolo, in termini di altri cani, con ogni I probabilit si limiter alla
sua famiglia pi stretta. Una volta che completamente protetto dalle
vaccinazioni, dovete introdurlo a situazioni in cui possa interagire con
altri cani.
Attrezzatura di base: collare, guinzaglio e strumenti per la sua cura
Inseriteli per gradi.
Ambienti
Introducete il vostro cane a quanti pi luoghi diversi possibili,
cominciando dalle varie stanze della casa, spostandovi quindi nel
cortile e da l alla strada e al parco. Non andate sempre e solo nello
stesso parco. Variate le vostre destinazioni e i percorsi per arrivarci.
Se da un lato non dovreste bombardare il vostro cane con troppe
esperienze nuove in un colpo solo, dall'altro accertatevi che le sue
prime settimane di vita contengano tante cose diverse. Usate bocconcini
e giocattoli per insegnargli ad associare queste nuove esperienze al
piacere. Per esempio, il vostro cucciolo incomincer a recepire il
messaggio che succedono cose positive quando ci sono i bambini o
quando si trova in macchina. Osservate il vostro cane quando fa nuove
esperienze e prendete nota delle sue reazioni. Non fate caso a qualsiasi
comportamento negativo e premiate invece una reazione composta.
Sembra banale buon senso ma molta gente fa l'esatto contrario.
Facciamo un semplice esempio: state passeggiando con il vostro cane,
quando passa un camion dei vigili del fuoco, con le sirene a tutto
volume. Lui si acquatta e inizia ad abbaiare. Vi affrettate a
tranquillizzarlo, dicendogli: "Povero piccolo. Il suono ti ha dato fastidio
alle orecchie? Va tutto bene. solo il camion dei vigili del fuoco".
Provate a pensarci per un minuto. Adesso ricordatevi che il cucciolo
non capisce l'italiano. Potreste spiegare a un bambino tutto riguardo al
camion dei vigili del fuoco e il motivo per cui devono fare tanto
rumore, in modo da contribuire a far superare al bambino la paura. Ma
il cane non capisce il significato delle parole che dite. Capisce invece
che lo avete ricompensato per essersi acquattato e aver abbaiato. La
ricompensa avvenuta tramite la vostra attenzione e il tono morbido

della voce. La prossima volta che passer un camion dei vigili del
fuoco, il vostro cane sar pi propenso a comportarsi allo stesso modo
della prima volta. Voi invece dovreste ignorare il suo comportamento.
Siate presenti in qualit di protettore del vostro cane, ma non rinforzate
un comportamento nervoso.
Proviamo a immaginare una situazione diversa: siete fuori a passeggio
con il vostro cucciolo, quando passa un camion dei vigili del fuoco a
sirene spiegate. Il vostro cucciolo non fa una piega; continua invece a
trotterellare allegro al vostro fianco. Non vi soffermate a pensarci e
proseguite verso il parco. Invece, avreste dovuto premiare il suo
comportamento controllato.
Quando i cuccioli incontrano situazioni nuove e reagiscono in maniera
calma, molti padroni non notano in alcuna maniera il loro
comportamento. E perch mai? Invece, ricompensate sempre il
comportamento che volete incoraggiare. In questo modo aumenterete la
fiducia del vostro cane perch capir, in maniera chiara, come vi
aspettate che si comporti.
Ogni cane un individuo a s stante. Tuttavia, le razze tendono a
condividere precise caratteristiche. I border collie, allevati per
rispondere ai fischi e ai segnali vocali quando badano al gregge, sono
molto sensibili ai suoni e potrebbero trovare un ambiente rumoroso o
rumori improvvisi pi stressanti di altri tipi di cane. I cani da guardia,
come il pastore tedesco, possono essere pi protettivi nei confronti
degli estranei e di altri cani. Qualunque sia la caratteristica mostrata dal
vostro cane, questo periodo di socializzazione un processo di
apprendimento da parte di entrambi. Dovete farvi uno schema di come
il vostro cane reagisce in situazioni diverse in modo da gestire il suo
ambiente nella maniera adeguata.
Come toccare il cane
Abituare un cane a essere toccato molto importante. Questo crea un
legame affettivo tra voi e il vostro animale domestico, ma pu anche
consentirvi di gestirlo in tutta sicurezza in situazioni come le visite dal
veterinario, dove diverse parti del suo corpo saranno stimolate e
toccate. La maggior parte della gente non ha bisogno di essere
incoraggiata a coccolare e ad accarezzare il proprio cucciolo. Ricordate
per che questo tipo di carezze non rientra nel repertorio di
comportamenti naturali del cane. Anche se, di tanto in tanto, il cane

user la zampa, molto pi verosimile che si metta qualcosa in bocca


per esplorarla e scoprire di cosa si tratta. Magari si strofina in maniera
affettuosa il muso su di voi o trova confortevole sedersi o sdraiarsi in
modo che il suo corpo tocchi il vostro, ma questo molto diverso dal
percepire d'istinto come una sensazione piacevole le vostre carezze e
coccole.
La toeletta rappresenta un'opportunit per introdurre il cane al vostro
tocco. Stesso discorso vale per il massaggio. Proprio come per gli esseri
umani, i cani trovano il massaggio molto tranquillo e rilassante. Potete
premere i pollici su entrambi i lati della sua spina dorsale e compiere
delicati circoli fino in fondo; potete toccargli le orecchie; facendo molta
attenzione, potete anche massaggiargli la pelle tra i polpastrelli delle
zampe.
Insegnare a essere indipendente
Il cane dipende completamente dal suo gruppo umano per tutte le cose
essenziali: cibo, riparo, esercizio, compagnia, stimolazione e protezione
dal pericolo. Tuttavia, questa non una ragione valida per trattarlo
come un bambino. Le persone che trattano i propri cani come fossero
dei bambini finiscono per avere animali troppo attaccati a loro, insicuri
e ansiosi. Il vostro cane vi segue ovunque andiate. Per voi, questa la
prova della sua devozione. Ma non cos: semplicemente il vostro cane
non in grado di cavarsela lontano da voi. Il vostro cucciolo, per
natura, tender a seguirvi. La cosa non deve sorprendervi. Voi siete la
fonte di tutte le cose belle della sua vita. Tuttavia, una volta che si
sistemato nella sua nuova casa, dovreste incominciare a incoraggiarlo a
essere pi indipendente. Questo non significa che avr meno bisogno di
voi, ma solo che non si affider pi in maniera cos totale su di voi per
la sua sicurezza emotiva.
Un cane indipendente non un cane che fa quello che gli piace ogni
volta che ne sente il desiderio; invece un cane abbastanza sicuro di s
da permettervi di sparire per un certo periodo. Non vi star alle costole
tutto il tempo, n se la prender se chiudete la porta del bagno.
Alcuni modi per incoraggiare la sua autonomia
Evitate di rispondere sempre immediatamente alle sue richieste di
attenzione. Prestategli attenzione alle vostre condizioni. Se viene a
sedersi accanto a voi, spostatevi. Se vi tocca con la zampa e mugola,

ignoratelo. Non crudelt o rifiuto da parte vostra. semplicemente un


modo di fornirlo delle capacit fondamentali per stare al mondo.
Fatelo lavorare per conquistare la vostra attenzione, praticando con lui
un po' di educazione di base.
Continuate a stimolarlo con il gioco e l'esercizio.
Non permettetegli di seguirvi ovunque e ogni volta che lo vuole.
Chiudete la porta alle vostre spalle.
Se il vostro cane oltremodo esuberante quando vi fa le feste dopo una
vostra assenza, ignoratelo fino a quando non si calma e poi
ricompensatelo per il suo comportamento composto. Se saltella,
giratevi dall'altra parte.
Da solo in casa
Un cane oltremodo attaccato al proprio padrone somatizzer molto i
periodi di separazione. Il vostro cane non ha alcun modo di sapere
quanto starete via e se mai tornerete. Insegnargli a essere pi
indipendente lo aiuter ad affrontare ogni vostra assenza in maniera
molto pi sicura.
Che cosa fare
Renderete le cose molto pi difficili per il vostro cane se, quando ve ne
andate, gli fate mille moine. Non ditegli: "Ci vediamo dopo, non star
via tanto, te lo prometto!", mentre gli accarezzate le orecchie. Tenete
invece un atteggiamento pi distaccato, distogliendo la vostra
attenzione da lui, una ventina di minuti prima di uscire. E fate lo stesso
quando tornate a casa. Non dite: "Oh! Ti sono mancato?", quando vi
salta addosso. Mostrategli invece che il vostro ritorno non una cosa
cos importante. Eravate usciti e adesso siete tornati.
Lasciatelo in una zona sicura con i giochi e altre cose per tenerlo
impegnato: gli oggetti a forma di cubo, che potete riempire di
bocconcini, lo terranno occupato per un po' (vedi p. 179).
I cani sono molto sensibili ai cambiamenti nel loro ambiente. Quindi,
che cosa succede di solito quando uscite? Spegnete la radio e la
televisione? Anche le luci? Se lo fate, il vostro cane scoprir che il suo
piccolo mondo cambiato all'improvviso, passando da un ambiente
luminoso e pieno di suoni confortevoli a un luogo silenzioso e scuro.
Inoltre, voi non ci siete. In questo caso, potete fare molto per attenuare
lo stress provocato dalla vostra assenza, gestendo l'ambiente del vostro

cane. Lasciate le luci accese quando uscite di casa. Fate lo stesso con la
radio o la televisione. Spesso seleziono un canale di notizie alla
televisione, in modo che il cane possa sentire delle voci, oppure lascio
un sottofondo di musica. Qualsiasi pezzo di musica ripetitivo e non
troppo dinamico funziona bene. Ai miei cani faccio ascoltare Mozart,
Bach e la musica celtica.
Fate in modo di non stare via per periodi troppo lunghi. Un cane adulto
non dovrebbe essere lasciato solo per pi di 4/6 ore al massimo.
Cani adolescenti
S, anche i cani sperimentano l'adolescenza ma, per fortuna, nel loro
caso si misura in mesi e non in anni. Intorno all'et di 6 mesi, proprio
quando vi state compiacendo del fatto che il nuovo membro della vostra
famiglia si sia inserito bene, sia stato ampiamente addestrato e abbia
smesso di mordicchiare ogni cosa che gli capitava sotto tiro,
all'improvviso vi accorgete che il vostro cane ha uno sviluppo mentale
tutto suo. Finora stato un bravo cane, che ha sempre risposto quando
lo chiamavate, mentre adesso al parco si allontana sempre un po' di pi
e se la prende comoda a tornare.
Tra i 6 e gli 8 mesi, prima che il vostro cane diventi completamente
adulto, dovete intensificare l'addestramento, l'esercizio fisico e la
stimolazione.
Il comportamento che talvolta si riscontra nei cani adolescenti non il
segnale che il vostro ha dimenticato quello che gli stato insegnato, o
che sta solo mostrando la sua vera natura. Si tratta di un'altra fase
dell'apprendimento, com' l'adolescenza per gli esseri umani.
Mantenete in attivit e stimolate il vostro cane adolescente, e
incoraggiate la sua indipendenza attraverso l'addestramento: in breve
tempo sarete ricompensati con un esemplare maturo e sicuro di s.
Accertatevi di castrare/sterilizzare il vostro cucciolo prima che gli
ormoni sessuali possano condizionare il suo comportamento. La
castrazione/ sterilizzazione pu contribuire a calmare un cane
adolescente (vedi p. 32).
Tutti amano i cuccioli, sia che li trattino nella maniera corretta o no.
Tuttavia, molti cani che si trovano al canile sono adolescenti perch i
loro padroni hanno scoperto che il dolce cucciolo affettuoso
all'improvviso cresciuto ed diventato pi diffcile da gestire. I cani

non sono un articolo usa e getta o un problema da scaricare su qualcun


altro perch ce lo risolva, se non siamo pronti a investire il tempo per
allevarli come si deve. I cani meritano tutto il nostro impegno.
Il rapporto con i bambini
Secondo i dati forniti dalla Humane Society of the United States, il 50%
dei bambini stato morso da un cane prima dei 12 anni. In questa
percentuale il numero pi elevato di incidenti riguarda i bambini sotto i
5 anni. La maggior parte dei morsi da parte dei cani per non viene
denunciata, quindi le cifre potrebbero essere molto pi alte. In
Inghilterra ogni anno si registra una media di 200.000 episodi del
genere: da un terzo fino a met delle vittime di questi morsi sono i
bambini, spesso colpiti al volto, ma solo una piccola percentuale
richiede un trattamento medico. La maggior parte di incidenti causata
da cani conosciuti dal bambino, addirittura dal proprio cane o da quello
di un amico. Queste cifre indicano che c' ancora molto lavoro da fare
nell'insegnare ai bambini come comportarsi in compagnia dei loro
amici a quattro zampe e, ovviamente, viceversa. Il morso pu causare
un problema serio e costituire un trauma, soprattutto per i pi piccoli: il
bambino che stato morsicato rischia di perdere la fiducia non solo nei
confronti del cane che l'ha attaccato ma anche di tutti quelli che
incontrer nel corso della sua vita. compito vostro, in qualit di
genitori, fare in modo che vostro figlio sappia che cosa fare e quale
atteggiamento tenere. I bambini sono particolarmente a rischio per
molteplici ragioni: si muovono veloci e la rapidit stimola l'istinto
predatorio del cane; le loro voci sono pi acute e un simile tono di voce
non solo meno autorevole ma eccita e spaventa i cani. A questo
aggiungete il fatto che i bambini sono piccoli e quindi pi vicini al
raggio visivo di questo animale e al pavimento, la zona dove si nutre il
cane. Spesso un bambino stuzzicher un cane sul cibo o esplorer il suo
corpo tirandogli la coda.
Regole per i genitori
Non cedete mai alle suppliche di un bambino che dice di volere un
cane, a meno che non siate pronti a occuparvene voi stessi. Sarete voi
infatti il principale responsabile, sia che si tratti o no del cane di vostro
figlio. Dopo i 6 anni i vostri figli saranno abbastanza maturi per
condividere parte delle responsabilit e avere un cane insegner loro

molte cose, tra cui occuparsi di un animale e trattarlo con rispetto. Ma


attenti a non cascarci: sarete voi a fare il grosso del lavoro.
Scegliete un cane o una razza adeguata per la vostra famiglia. Per
esempio, se volete un cane facile per la famiglia, non prendete un
terrier.
Non lasciate mai un bambino piccolo da solo con un cane.
Insegnate ai vostri figli come si accarezza un cane nel modo giusto
(vedi p. 155).
Insegnate loro come si riconoscono i segnali che indicano che un cane
pronto a mordere, tra cui: orecchie appiattite e all'indietro, labbra
dischiuse, occhi che fissano con grandi pupille, denti in bella vista o
labbra frementi, pelo sollevato sulla schiena, corpo teso e irrigidito,
coda immobile o che si muove lentamente. Dite ai vostri figli di non
avvicinarsi a qualsiasi cane mostri questi segnali.
Insegnate ai vostri figli a trattare i cani con gentilezza e rispetto, nello
stesso modo in cui loro vorrebbero essere accuditi.
Addestrate il vostro cucciolo a rimanere calmo quando ci sono bambini.
Insegnategli l'inibizione al morso, se ha la tendenza a mordere.
Castrate/sterilizzate il vostro cane.
Regole da insegnare ai vostri figli
Non toccate mai un cane che non conoscete.
Se conoscete il cane, chiedete prima il permesso al padrone.
Anche quando avete il permesso, non invadete lo spazio vitale di un
cane. Consentite al cane di avvicinarsi a voi e di annusare il palmo della
vostra mano. Se non vuole avvicinarsi e farvi le feste, lasciatelo stare.
Non avvicinatevi a un cane da dietro. Non accarezzate un cane
direttamente sulla testa: potrebbe percepirlo come una minaccia.
Massaggiategli, invece, la pancia.
Non fissate mai un cane e non avvicinate il vostro volto al muso di un
cane. Quando accogliete un cane, guardatelo di sfuggita e poi
distogliete lo sguardo. Guardatelo di nuovo e distogliete lo sguardo.
Questi segnali calmanti sono molto importanti perch mostrano al cane
che non rappresentate una minaccia.
Non stuzzicate un cane con il cibo o i giocattoli.
Non avvicinatevi a un cane legato o lasciato alla catena in giardino.
Avvisate subito un adulto se vedete un cane aggirarsi da solo per il
vostro quartiere. Non toccatelo.

Non toccate un cane quando sta mangiando.


Non toccate un cane quando sta dormendo: potreste sorprenderlo e farlo
spaventare, e lui potrebbe reagire senza pensare e mordervi.
Non gridate e non scappate davanti a un cane. Se un cane vi si avvicina
e avete paura, rimanete immobili e allontanatevi lentamente con le
braccia incrociate.
Ricordatevi che il vostro cane un animale e non un bambolotto di
pezza. Alcuni cani non amano essere abbracciati. Siate gentili con il
vostro cane. Non fate giochi violenti con il vostro cane.
L'arrivo di un neonato
Da molti anni do consigli ai futuri genitori su come preparare il proprio
cane all'arrivo di un neonato. Ho dovuto aspettare la nascita di mia
figlia Alexandra per mettere in pratica i miei suggerimenti e mostrare ai
miei animali che il piccolo fagotto tra le mie braccia era solo una
meravigliosa aggiunta alla nostra famiglia. In qualit di addestratrice di
cani e consulente comportamentale, pensavo di avere tutte le risposte.
Come madre, ho scoperto che c'era molto pi da fare per aiutare i miei
cani a sentirsi a loro agio vicino a mia figlia e per darmi una mano ad
affrontare l'enorme responsabilit di essere una mamma novella. Ecco,
qui di seguito, la guida perfetta su come preparare il vostro cane
all'arrivo di un nuovo bambino, dedicata a tutti i futuri genitori.
La preparazione consiste nel far sentire a suo agio e al sicuro il vostro
cane davanti ai cambiamenti che il vostro bambino porter nella vita
familiare.
Alcuni cani non hanno mai visto un bambino, tantomeno hanno vissuto
insieme nella stessa casa. Come reagisce il vostro cane nei confronti di
altri bambini che strillano? Che cosa fa quando vede corrergli davanti
un bambino? Diventa sovraeccitato o rimane calmo? Il suo corpo si
irrigidisce quando un bambino si avvicina troppo, cercando di fargli le
feste? Osservare le reazioni del vostro cane in presenza d bambini vi
fornir un'indicazione su che cosa aspettarvi quando arriver vostro
figlio. Noi tutti sappiamo che il senso dell'olfatto nel cane molto pi
sviluppato del nostro. Un cane in grado di individuare l'odore del
sudore umano in una concentrazione milioni di volte pi bassa rispetto
a quella che serve a noi umani. Il vostro bambino emaner un odore
allettante per l'olfatto del cane: introducetelo quindi agli odori del

bambino, permettendogli di esplorare i prodotti per neonato dal dolce


profumo.
Quando il bambino nasce e siete ancora in ospedale, chiedete a un
amico o a un membro della famiglia di portare a casa una coperta in cui
stato avvolto vostro figlio. Consentite al cane di annusare la coperta e
chiedete a questa persona di lodarlo quando lo fa, di dargli un delizioso
bocconcino e di permettergli di annusarla ancora. Dovreste ripetere
quest'azione per un certo numero di volte, fino a quando portate a casa
il bambino.
Il pianto di un neonato rende ansiosa una mamma ma pu anche
influenzare l'umore del cane. Prima del grande giorno, introducete il
vostro cane ai suoni del bambino. Tutte le mie future mamme ricevono
un CD di quindici minuti su cui registrato il pianto di un bambino, da
diffondere dalle tre alle quattro volte al giorno, per una settimana, a
volume basso in modo che il cane possa a malapena sentirlo. Mentre il
CD gira, fate in modo che il vostro cane sperimenti cose positive: fatelo
giocare, accarezzatelo e premiatelo. Se il cane sembra a suo agio,
aumentate gradualmente il volume fino a quando sar molto alto. Se, in
qualsiasi momento, il cane mostra segni di stress, abbassate il volume
fino al precedente livello che gli risultava gradito per un paio di giorni e
finch il cane rilassato.
Proseguite quindi con lo stesso procedimento. Potete provare la stessa
cosa su voi stessi. Mentre una registrazione non pu riprodurre il pianto
particolare di vostro figlio, nel giro di qualche settimana prima della
sua nascita il vostro cane si abituer a un suono che presto ascolter
molto spesso.
Mostrate al vostro cane l'aspetto e la consistenza di un bambino:
comprate una bambola di dimensioni reali e permettetegli di toccare
con il naso i suoi piedi. Lodatelo e premiatelo. Avvolgete la bambola in
una coperta e camminate in giro per la casa con la bambola in braccio.
Appoggiate la bambola su un braccio, come per darle da mangiare, e
con l'altra mano accarezzate il vostro cane. Lui comincer ad associare
la vicinanza del bambino alle cose positive che gli capitano. Usate
bocconcini per premiarlo, quando si comporta in maniera tranquilla,
oppure dategli il suo gioco preferito o giocate con lui, quando tenete tra
le braccia la bambola. Portare a spasso il cane vi aiuter a mantenervi in
forma, durante la vostra gravidanza; tuttavia, a questo punto il vostro
cane deve imparare a camminare accanto a un passeggino. Se il vostro

cane tira al guinzaglio, prendete un'altra persona che lo porti a


passeggio mentre voi spingete la carrozzina. Reclutate un addestratore
privato o portate il vostro cane a una lezione di addestramento, in modo
che impari a camminare accanto a un passeggino. Pi farete pratica in
questo momento, pi facile sar dopo. Se non avete mai fatto alcun
addestramento di base con il vostro cane e avete scarso controllo su di
lui, iscrivetelo a una lezione di addestramento o reclutate un
addestratore privato perch lavori con lui.
Quando arriver il bambino, sar molto pi semplice vivere insieme a
un cane che risponde bene ai comandi e che comprende che saltarvi
addosso inaccettabile quando avete un bambino in braccio.
Pianificate, qualche mese prima del parto, dove sistemare il vostro cane
quando dovrete andare in ospedale. Quando tornate a casa, dedicate del
tempo a salutarlo, mentre un membro della famiglia si occupa di tenere
in braccio il bambino. Una volta finiti i saluti, sedetevi sul divano con
vostro figlio in braccio e introducete il cane al nuovo membro della
famiglia. Mantenete il corpo rilassato per tutto il tempo e lodate il
vostro cane quando si comporta bene.
Dal momento in cui portate a casa un beb, e fino a quando non ha
almeno tra i 6 e gli 8 anni, un bambino non dovrebbe mai essere
lasciato da solo con qualsiasi cane, indipendentemente da quanto ben
educato e addestrato sia l'animale.
Un nuovo cane in famiglia
Molti dei miei clienti si rivolgono a me quando incontrano difficolt nel
sistemare un cane nuovo in una famiglia dove ci sono gi uno o pi
cani. Per il momento, semplifichiamo le cose: avete gi un cane e
volete prenderne un altro. Che cosa dovreste aspettarvi? E come potete
sistemare il nuovo cane in famiglia mantenendo felici entrambi i vostri
cani?
I cani si fanno ottima compagnia ma non potete semplicemente uscire,
andare a prendere un altro cane, lasciare i due da soli e aspettarvi che
vadano automaticamente d'accordo. Il vostro nuovo cane avr bisogno
dello stesso addestramento e della stessa attenzione che avete dedicato
all'altro. Prendere un secondo cane non la giusta soluzione se il vostro
cane annoiato e isolato. D'altra parte, talvolta un cane pi anziano
costituisce una tale fonte di divertimento e stimoli per uno pi giovane

che il nuovo esemplare non si rivolger a voi per soddisfare quelle


esigenze e, di conseguenza, sar pi difficile addestrarlo.
Molte persone decidono di prendere un nuovo cane quando quello che
gi hanno sta diventando vecchio. A volte, la presenza di un cucciolo o
di un cane pi giovane fornir a quello pi anziano una rinnovata gioia
di vivere e una fresca fonte di stimolazione. Tuttavia, l'euforia
ipercinetica di un cucciolo rischia anche di sottoporre a uno stress
eccessivo un cane pi anziano, che possiede livelli molto pi bassi di
energia. Ricordate che, a seconda della razza, variano i livelli di
esercizio fisico necessario. Sarebbe meglio se il vostro nuovo cane
avesse livelli di energia simili a quelli dell'altro cane.
Al tempo stesso, assicuratevi che il vostro nuovo cucciolo venga da una
buona casa e che gli sia stato insegnato a essere socievole nel modo
adeguato. Un cucciolo che non ha ricevuto la corretta dose di
esperienze formative non sar in grado di leggere i segnali che il vostro
cane sta lanciando, e, in questo modo, saranno pi probabili eventuali
scontri tra di loro. Tutti i cani hanno una personalit distinta e non
sempre possibile prevedere come se la caveranno due animali insieme,
persino se della stessa razza. Voi potete fare molto per facilitare questo
processo, ma non sempre sarete sicuri che le cose si risolveranno per il
meglio. Ai cani non consentito scegliere nuovi amici o compagni e
talvolta la cosa semplicemente non funziona. Alcune razze sono
d'indole pi esclusiva e hanno pi difficolt a condividere i propri
esseri umani con altri cani. Inoltre, se il vostro cane ha gi dimostrato di
avere problemi con gli altri cani, non pensateci nemmeno a prenderne
un altro: portare la fonte del problema nella vostra casa non curer certo
il comportamento del vostro animale.
Un posto per il nuovo arrivato
Introducete il nuovo arrivo in maniera calma e controllata. I cuccioli
sono deliziosi e tutti amano dedicare loro molta attenzione. Allo stesso
tempo, i cuccioli richiedono cure maggiori perch devono essere
alimentati e portati fuori pi spesso. Non esagerate quando arriva il
nuovo cucciolo: mostrate al vostro cane che ancora importante ai
vostri occhi e che non stato soppiantato dal nuovo arrivato. Per quanto
sia possibile, cercate di trattare entrambi i cani alla stessa maniera.
Lodate e premiate il vostro vecchio cane, quando calmo in presenza
del cucciolo.

I cani possono essere molto protettivi nei confronti delle loro risorse,
tra cui cibo, giocattoli, territorio, attenzione da parte degli umani:
gestite l'ambiente domestico in modo che entrambi abbiano meno
possibilit di competere per queste risorse; trascorrete del tempo da soli
con tutti e due; mantenete il controllo sui giocattoli e usateli come
ricompense nelle sessioni di addestramento o nei momenti individuali
di gioco; premiate il vostro vecchio cane con un bocconcino succulento,
quando si comporta bene in presenza del nuovo arrivato e dedicategli
un po' meno attenzione quando il cucciolo non nella stanza. Questo
gli insegner che le cose positive gli capitano quando c' in giro il
cucciolo, che rappresenta una fonte di divertimento e di piacere.
Problemi sociali
La genetica e la selezione sono responsabili di una piccola percentuale
dei problemi sociali riscontrati nei cani. Nella maggior parte dei casi
un problema, come abbaiare in eccesso o avere paura del veterinario,
pu essere attribuito a una o due cause.
Una delle fonti principali dei problemi comportamentali nei cani
l'isolamento. I cani non sono fatti per vivere da soli, pi di quanto non
lo siamo noi esseri umani. Un cane, quando viene lasciato troppo a
lungo da solo, soffre di una serie di emozioni negative: noia,
frustrazione, ansia e tristezza.
L'altra causa comune dei problemi comportamentali la scarsa
socializzazione. I cuccioli che non sono stati introdotti, sin dalla tenera
et, a nuove esperienze quando crescono tendono a confrontarsi con
situazioni nuove in preda alla paura e alla mancanza di sicurezza.
sempre meglio prevenire i problemi, gestendo e occupandovi in
maniera adeguata del vostro animale sin dal primo giorno. Quanto pi
spesso un cane ripete un comportamento negativo, tanto pi radicata si
far l'abitudine. Comunque, molti problemi possono essere risolti.
Dovete solo armarvi di pazienza e di tempo. Ricordate che la maggior
parte dei problemi dei cani non ha nulla a che vedere con loro: sono
problemi di noi esseri umani.
Problema: abbaia in cortile
Il vostro cane abbaia incessantemente in cortile. I vostri vicini si
lamentano. Cercate di dire al vostro cane di stare tranquillo, ma lui non

smette di abbaiare. un'autentica seccatura e temete di ricevere una


denuncia.
Soluzione: scoprite la causa e trattatela in maniera adeguata
Abbaiare una forma fondamentale di comunicazione per il cane.
Spesso episodi isolati sono semplicemente la reazione verso qualcosa
che ha visto, per esempio uno scoiattolo, un uccello, un altro cane. Se
invece il cane abbaia in eccesso, la prima cosa che dovete fare
scoprire la causa che lo fa abbaiare incessantemente. La maggior parte
dei cani che abbaia in cortile lo fa perch non riceve abbastanza stimoli
e l'esercizio fisico di cui ha bisogno. Invece di portarlo fuori per una
bella passeggiata, il cane viene lasciato in cortile a divertirsi da solo. Si
sente annoiato e isolato. La soluzione qui ovvia: ha bisogno di
divertirsi di pi e di ricevere maggiore attenzione. Dunque: lunghe
passeggiate, lezioni di agility, molta compagnia. A volte i cani si
abituano ad abbaiare perch i loro padroni li premiano quando lo fanno.
Il vostro cane abbaia in cortile, lo inseguite e lo corrompete con un
bocconcino perch vi segua in casa. Un bell'inseguimento e un
bocconcino? ovvio che il cane lo far di nuovo.
Che cosa fare
Quando il vostro cane abbaia, non ditegli di stare tranquillo. Potrebbe
sembrare che vi stiate unendo a lui. Fate un rumore per distrarlo e poi
aspettate di catturare la sua attenzione. Se vi risponde ed calmo,
premiatelo.
Se il vostro cane abbaia per richiamare la vostra attenzione, giratevi e
non prestategli attenzione. Aspettate che smetta.
Quando tranquillo, premiate il silenzio con la vostra attenzione.
Ricompensate il comportamento tranquillo, non quando abbaia.
Una volta ho fornito la mia consulenza al proprietario di due Shetland
collie, che abbaiavano cos tanto che il vicino di casa era furibondo. Il
padrone abitava in una grande casa vicino a un campo da golf, dove
amava portare a passeggio i cani. Per raggiungerlo il padrone doveva
attraversare il cortile con i cani e passare da un cancello in fondo. I
cani, non appena vedevano il proprietario con il guinzaglio e fino a
quando arrivavano al campo da golf, abbaiavano come dannati. Gli
Shetland collie tendono ad abbaiare spesso, ma questi due davvero
erano estenuanti.

La mia soluzione stata spezzare l'intera sequenza "andare a fare una


passeggiata" in piccoli passi. Abbiamo iniziato con il padrone seduto su
di una poltrona; gli ho quindi chiesto di alzarsi, come se stesse per
andare a prendere il guinzaglio. I cani hanno iniziato ad abbaiare, allora
gli ho chiesto di sedersi di nuovo. I cani hanno fatto silenzio. Abbiamo
ripetuto questo esercizio pi volte, fino a quando il padrone stato in
grado di alzarsi e andare a prendere il guinzaglio, mentre i cani
rimanevano in silenzio.
Ho affrontato nello stesso modo ogni momento della sequenza che
faceva scattare la reazione sonora dei cani: mettere il guinzaglio,
avvicinare la mano alla porta, aprire la porta, uscire dalla porta verso il
cortile, camminare a met strada nel cortile, raggiungere il cancello,
aprire il cancello. In ogni momento, se i cani abbaiavano, venivano
riportati in casa e l'intero processo ricominciava da zero. C' voluta
un'ora prima che gli Shetland collie arrivassero al cancello senza
abbaiare: non un lasso di tempo molto lungo per spezzare una simile
abitudine. La strategia ha funzionato perch il cattivo comportamento
non stato rinforzato da alcuna attenzione. I cani sono stati
ricompensati con una passeggiata solo quando erano calmi.
Collari anti abbaio
Il collare anti abbaio o alla citronella un'altra di quelle soluzioni
rapide che noi esseri umani amiamo tanto. un collare provvisto di una
scatoletta, sistemata sotto la mascella del cane. Quando il cane abbaia,
la scatoletta si abbassa e rilascia uno spray alla citronella direttamente
sul suo naso. Ovviamente, come per miracolo, il cane smetter di
abbaiare. Lo spray alla citronella tremendo per il cane. Ma il collare
anti abbaio non risolve il problema: solo uno strumento di controllo.
Per i cani una potente fonte di stress. Come vi sentireste se non vi
fosse concesso di parlare?
In tutta la mia carriera da addestratrice ho usato un collare anti abbaio
solo una volta, in circostanze davvero estreme. I cani che abbaiano in
appartamento sono un vero problema. Il mio cliente, quando mi ha
chiamato, aveva appena ricevuto una notifica di sfratto perch i suoi
due bassotti abbaiavano tutto il giorno. Ho usato il collare solo per un
giorno, mentre il padrone si dava da fare per farsi revocare lo sfratto.
Nel frattempo, ho trovato un dogwalker che poteva portare i cani a un
centro di assistenza per animali (dog day-care) quando il padrone era al

lavoro. Il giorno dopo, i cani avevano uno stile di vita nuovo di zecca.
Con una maggior stimolazione e compagnia, non erano pi annoiati e
isolati, il motivo principale per cui abbaiavano.
Questo il tipico esempio di un padrone che non forniva abbastanza
stimoli ai propri cani. Il padrone, malgrado fosse fuori casa tutto il
giorno, e tutti i giorni, era arrabbiato con i suoi cani e li incolpava per
aver ricevuto una notifica di sfratto. Gli ho fatto capire in fretta che era
lui la causa del comportamento fastidioso dei suoi cani. Non volevo
usare il collare anti abbaio, ma, altres, non volevo che quei bellissimi
esemplari finissero in un canile.
Problema: salta addosso alle persone
Ogni volta che entrate nella stanza, il vostro cane si precipita a farvi le
feste, saltandovi addosso. Voi non ci fate molto caso, del resto il vostro
cane semplicemente felice di vedervi. Ma l'altro giorno ha accolto alla
stessa maniera il vostro amico, che non ama i cani. Forse la risposta
sarebbe di incontrare il vostro amico da un'altra parte la prossima volta.
Soluzione: nessuna attenzione
Dovete insegnare da subito al vostro cane che saltare addosso alla gente
inammissibile. Potrete anche raccontarvi che a voi non interessa, ma
proprio vero? E allora, quando state indossando il vostro abito preferito
e siete sul punto di uscire e il vostro cane vi salta addosso e le sue
unghie strappano la vostra gonna migliore o le sue zampe lasciano
macchie di fango sui vostri pantaloni? La cosa non vi piace, giusto? I
cani non conoscono vie di mezzo: non potete insegnare loro che saltare
addosso a volte va bene e altre no. Non si tratta solo di buona
educazione canina o di risparmiare il conto della lavanderia.
Se il vostro cane fa il matto ogni volta che qualcuno entra a casa vostra,
potreste finire per stare alla larga da situazioni simili, solo a causa
dell'imbarazzo. Inoltre, un conto se il vostro cocker spaniel vi salta
addosso, un altro se facesse lo stesso con un bambino piccolo:
rischierebbe di fargli male o di spaventarlo sul serio. La soluzione di
non prestare alcuna attenzione al vostro cane quando salta addosso o
quando compie qualsiasi altro folle gesto nell'accogliere le persone.
Nessuna attenzione. Giratevi e non guardatelo, non parlategli e non
toccatelo. Aspettate fino a quando si sia calmato e abbia messo le
quattro zampe a terra, poi premiate il suo comportamento tranquillo.

Problema: abbaia agli estranei


Il vostro cane abbaia a chiunque entri dalla porta. Ormai sono giorni
che non ricevete la posta e iniziate a sospettare che il postino stia
saltando di proposito casa vostra.
Soluzione: insegnate al cane che gli estranei sono una bella cosa
Provate a pensare dal punto di vista del cane: il postino entra dalla
porta, il cane abbaia, il postino indietreggia. Nella mente del cane
stato il suo abbaiare ad averlo allontanato. La prossima volta che il
postino arriva, il cane abbaier di nuovo. I cani abbaiano agli estranei
per molteplici ragioni: magari stanno difendendo il loro territorio o
proteggendo le loro risorse (una delle quali siete voi). Forse sono
ansiosi o nervosi. La soluzione insegnare al vostro cane che gli
estranei possono rappresentare una novit interessante. Questa tecnica
chiamata "desensibilizzazione" e pu essere impiegata per modificare
molti tipi di comportamenti indesiderati. Leggete nella pagina
successiva come fare.
Che cosa fare
Non permettete al vostro cane di accogliere le persone sulla soglia di
casa.
Mettete una ciotola con dei bocconcini di pollo accanto alla porta o
appendete un sacchettino con i bocconcini sulla maniglia della porta.
Quando gli ospiti arrivano a casa vostra, dite loro di ignorare il cane
mentre lavorate con lui facendo alcuni esercizi di obbedienza.
Ricompensatelo con un pezzo di pollo.
Dite ai vostri ospiti di lanciare del pollo in direzione del vostro cane,
ma non guardatelo.
Non incoraggiate altri contatti tra gli ospiti e il vostro cane, fino a
quando non si sia abituato alla loro presenza.
Se il vostro cane si avvicina a un ospite, chiedetegli di offrirgli un
bocconcino senza alcun contatto visivo. meglio se, nel farlo, l'ospite
esprime un comportamento rilassato.
Se il cane rilassato e fa uno sforzo per interagire con il vostro ospite,
allora potete permettere al vostro ospite di rispondere in maniera
composta.

Se il vostro cane inizia di nuovo a comportarsi male, dite "Ah" ad alta


voce e spostatelo dalla stanza.
Dopo qualche minuto, fatelo tornare.
I cani imparano questa lezione piuttosto in fretta: ospiti uguale pollo!
Quando state cercando di modificare il comportamento di un cane, fate
in modo che non possa ripetere le cattive abitudini. Se si tratta di ansia
di separazione, questo non facile perch non potete stare con il cane
ogni minuto della giornata o della settimana.
Problema: ansia da separazione
Non potete lasciare da solo il vostro cane nemmeno per un minuto. Si
mette a ululare se fate il bagno; mordicchia il suo cesto quando uscite di
casa. Iniziano a capitargli piccoli incidenti.
Soluzione: addestramento fondato sull'indipendenza e lavoro sui
segnali
Quanto tempo sia necessario per risolvere questo problema dipende da
quanto forte l'ansia del vostro cane. Se moderatamente agitato, lo
potete risolvere in fretta. I casi pi seri richiedono maggior impegno.
Ansia moderata
Seguite il consiglio dato per l'addestramento basato sull'indipendenza a
p. 150.
Il cane prova il livello pi intenso di ansia da separazione quando state
per andarvene, quindi distanziatevi da lui e, venti minuti prima di
uscire, prestategli meno attenzione.
Accertatevi che faccia abbastanza esercizio fisico, un ottimo antidoto
allo stress per gli animali. Inoltre, un cane stanco pi difficile che si
agiti, perci allenatelo bene prima di uscire di casa.
Organizzatevi con un dog sitter o dog walker che venga a casa vostra,
se dovete assentarvi spesso.
Ansia estrema
Una volta sono stata consultata dalla proprietaria di un labrador che non
sapeva pi dove sbattere la testa. Il cane soffriva di uno dei casi pi
acuti di ansia da separazione che avessi mai visto. Ogni volta che la
signora si preparava a uscire, il cane dava fuori di matto. Quando la

donna usciva, il cane cercava di mangiare la parete. Ma la padrona gli


era molto affezionata ed era alla disperata ricerca di una soluzione. I
cani non sono stupidi e noi siamo creature abitudinarie. Questo rende
facile per loro individuare i segnali che indicano che stiamo per uscire
di casa. Vi truccate, prendete le chiavi e la borsa. Abbiamo lavorato
sulla tecnica di desensibilizzazione, inibendo qualsiasi indizio che il
cane percepiva dalla padrona. Lei si vestiva e poi si spogliava diverse
volte nel corso della giornata; ogni volta il cane si aspettava che uscisse
di casa, ma lei non l'ha mai fatto. Si truccava e rimaneva in casa; si
lavava i denti, andava a fare qualcos'altro, poi faceva finta di lavarsi di
nuovo i denti; metteva la borsa nel sacco della spazzatura e lo portava
fuori casa; poi rientrava. La volta dopo, metteva la borsa in una borsa
per la spesa e la portava fuori casa. Poi rientrava di nuovo.
Gradualmente, abbiamo aumentato il tempo che trascorreva fuori di
casa, passando da 30 secondi a 1 minuto, e quindi a 3 minuti. Dopo due
settimane la padrona era in grado di uscire per 10 minuti (ve l'avevo
detto che si trattava di un caso estremo). Allo stesso tempo ho chiesto
alla padrona di spruzzare un leggero profumo sulla porta quando stava
per entrare nella stanza dove aveva lasciato il cane. Ogni volta che
rientrava, spruzzava il profumo ed entrava dalla porta. Con il tempo, il
cane ha iniziato a capire che quel profumo significava che la sua
padrona stava per rincasare. E questo significava che poteva spruzzare
il profumo prima di uscire. L'alone di profumo serviva quindi da
elemento rassicurante per il cane. L'intero processo di
desensibilizzazione ha richiesto sei settimane di lavoro. Per la padrona,
che voleva tenere il suo cane, stato uno sforzo ben ripagato.
Problema: il vostro cane geloso del vostro nuovo amore
I vostri giorni da single sono finiti e avete incontrato l'amore della
vostra vita. Il problema che il vostro cane sembra pensarla in modo
diverso e ve lo sta facendo capire in maniera fin troppo chiara. Poi, un
giorno, il vostro compagno dice le parole che temevate: "Basta! Io o il
cane". Che cosa fate?
Soluzione: insegnate al vostro cane che il vostro nuovo compagno una
bella cosa
Uno dei miei clienti aveva un weimaraner che diventato molto
irrequieto quando l'uomo ha trovato una nuova fidanzata: abbaiava e si

scagliava contro la ragazza ogni volta che la coppia si faceva le coccole


e si baciava. Quando il padrone mostrava qualsiasi segno d'affetto o
d'attenzione nei confronti della ragazza, il cane tentava di morderla. Poi
le ha fatto pip sul cappotto. I cani sono gelosi degli esseri umani? Non
lo so. Di sicuro possono reagire molto male quando percepiscono di
non ricevere l'attenzione che vogliono dal loro padrone. Quando fa la
pip sui vestiti del "rivale" il cane non sta consapevolmente compiendo
un'azione cattiva, ma sta inviando un messaggio: "Metto il mio odore
sul tuo. Questa casa mia". Abbiamo lavorato per mostrare al cane che
la fidanzata era una bella cosa. Ho appeso un sacchettino con del pollo
fuori dalla porta della stanza e, ogni volta che la ragazza entrava, gli
lanciava un pezzo di pollo, evitando il contatto visivo. L'uomo, quando
allungava la mano per toccare la sua ragazza, con l'altra accarezzava e
dava da mangiare al cane. Anche la ragazza ha dato da mangiare al
cane. Con il tempo sono riuscita a far avvicinare la coppia quanto
voleva sul divano, senza che il cane reagisse male.
Problema: il cucciolo morde
Il vostro cucciolo mordicchia ogni cosa gli capiti a tiro, compresa la
vostra mano. Talvolta vi d delle belle morsicate. Crescendo, la
smetter o pi probabile che un giorno morda qualcuno?
Soluzione: se mordicchia e morde, smettete di giocare con lui
Sin da subito molto importante distinguere tra il normale
"mordicchiare" di un cucciolo e un morso vero e proprio. Molta gente
pensa che mordicchiare sia la stessa cosa di mordere. Non cos.
Mordicchiare il modo in cui i cuccioli esplorano l'ambiente e consente
loro di individuare la forma e la consistenza delle cose. Anche i cuccioli
e i cani si mordicchiano quando giocano. Quest'azione, pur essendo
normale, va scoraggiata quando il cane piccolo perch non cresca
pensando che dare una bella mordicchiata al vostro braccio con i denti
da adulto sia normale. Un cucciolo che mordicchia troppo potrebbe non
essere rimasto abbastanza a lungo con la cucciolata per imparare
l'inibizione al morso. O forse si tratta solo di un cane esuberante. Se il
caso questo insegnategli che mordicchiarvi fa male!
Che cosa fare

Lasciate che il vostro cucciolo giochi e mordicchi i suoi giocattoli, ma


non appena vi mordicchia dite in tono secco e brusco "Ahii" o emettete
un urlo: "Ahii!". L'urlo il tipo di feedback che riceverebbe da un altro
cane.
Se continua, dite ancora "Ahii" e lasciate la stanza o ignoratelo per un
attimo.
Tornate e ricominciate a giocare.
Ripetete l'azione finch il vostro cucciolo sviluppa una presa pi
morbida. Ricordatevi che il morso interrompe il gioco.
Problema: un cane adulto morde
Il vostro cane ha compiuto il crimine canino per eccellenza mordendo
una persona. Questo significa che dovrete farlo abbattere?
Soluzione: modificate il comportamento del cane
La prima cosa da stabilire se si sia trattato di un morso o no. Se non
avete assistito all'incidente, dovete dare un'occhiata alla ferita. Se non ci
sono segni o danni, ma la persona denuncia di essere stata morsicata,
non un morso ma un pizzico. C' una bella differenza. Che cos' il
morso di un cane? Potreste pensare che sia una domanda bizzarra ma
un cucciolo o un cane che comprende la forza del suo morso - ossia,
che ha un morso "inibito" -raramente morder un altro membro del suo
gruppo umano, a meno di non essere stato seriamente provocato o di
provare dolore. Potrebbe scattare o cercare di mordere, ma non
affonderebbe i denti, causando una ferita che perfora la pelle. Se il
vostro cane scatta e non vi morde, non perch non vi abbia preso ma
perch non intendeva farlo, voleva solo darvi un avvertimento. Il morso
di un cane una ferita che perfora la pelle. Se un cane adulto morde, si
tratta di un comportamento serio che rischia di far etichettare il cane
come aggressivo, dominatore o territoriale e molti altri aggettivi ben
peggiori. Quando un cane morde, la gente tende a pensare o che
l'animale semplicemente cattivo di natura o che sta cercando di
esercitare la sua autorit attraverso l'aggressivit, io vi leggo qualcosa
di molto diverso.
Vedo un cane in preda a una profonda insicurezza che sta cercando di
riprendere il controllo della situazione in cui si trova. L'aggressivit
una parte importante della sopravvivenza di un cane in natura. Senza
quell'istinto, il cane sarebbe ucciso e mangiato. Un certo livello di

aggressivit normale nei cani. un prodotto generato dalla paura: il


cane sente di doversi difendere da una minaccia. Per risolvere questo
problema, dovete scoprire la ragione di questo suo comportamento. Di
che cosa ha paura? Sta cercando di proteggere voi? La vostra casa? La
vostra macchina? nervoso perch in passato ha subito un trauma che
gli ha causato del dolore? Quando era cucciolo non gli stato insegnato
a dovere a essere socievole e non comprende che gli esseri umani e gli
altri cani non rappresentano una minaccia per lui?
Se il vostro cane ha morsicato una persona o un altro cane,
apparentemente senza alcun preavviso, probabilmente perch, in
passato, ha imparato che ringhiare non era sufficiente per scacciare
qualunque cosa lo spaventasse e quindi ha elaborato di passare "subito
al morso" perch funziona.
La soluzione al problema esporre gradualmente il cane alla persona,
cane o qualsiasi cosa sia fonte della sua paura. Non rispondete mai a
un'aggressione con un'altra aggressione: peggiorate soltanto le cose.
Desensibilizzare un cane agli stimoli della paura un processo lungo e
lento. Dovete gradualmente condizionare il vostro cane sul fatto che la
presenza dello stimolo che lo spaventava adesso gli fa capitare cose
belle: riceve bocconcini deliziosi, gioca al suo gioco preferito o succhia
il suo osso preferito, ogni volta che la cosa che lo spaventa presente.
Con il tempo comincer a rilassarsi e i suoi livelli di stress scenderanno.
Potrebbero essere necessari settimane, se non mesi. Avrete bisogno
dell'aiuto di un addestratore qualificato che usi metodi positivi. Anche
dopo questo tipo di trattamento bene notare come, dopo che un cane
ha morsicato, sar pi probabile che lo faccia di nuovo se messo nella
stessa condizione di stress. compito vostro gestire l'ambiente del
vostro cane in modo che non percepisca di nuovo quello stimolo nello
stesso modo.
L'aggressivit un comportamento complesso da capire e da affrontare.
Assicuratevi che non ci siano altre cause fisiche che predispongano il
vostro cane a un comportamento aggressivo.
Una volta sono stata consultata per valutare un labrador che era stato
erroneamente diagnosticato come aggressivo da un veterinario
comportamentalista. In verit, al cane era stato somministrato un
antistaminico per curare un prurito alla pelle; uno degli effetti
collaterali di quel farmaco l'irritabilit. Il cane soffriva inoltre di

dolorosi gonfiori alle zampe e la medicina che prendeva per curare quel
tipo di disturbo aveva effetti collaterali simili.
Problema: Il vostro cane ha paura degli uomini con la barba
Quando ne vede uno, si rannicchia, poi si allontana, acquattandosi sotto
il tavolo? Prima ci scherzavate su ma adesso sta diventando un
problema: il vostro vicino di casa ha la barba, come vostro fratello.
Soluzione: insegnate al vostro cane che in presenza di uomini con la
barba succedono cose belle
Ho gi spiegato come potete preparare un cane all'arrivo di un nuovo
bambino, ascoltando una registrazione con il pianto di un neonato (vedi
p. 156). Potete usare una tecnica simile per far superare al vostro cane
la sua paura per gli uomini con la barba. Questi metodi di
desensibilizzazione funzionano trattando la paura attraverso una
graduale esposizione alla medesima. Premiate il cane quando
tranquillo in presenza della fonte della sua paura. In questo caso,
provate a indossare una barba finta e chiedete ai vostri amici di fare lo
stesso. Lodate e ricompensate il vostro cane ogni volta che mantiene la
calma.
Altre paure e fobie
Il vostro cane ha forse paura del veterinario? Indossate lo stesso camice
del veterinario e premiate il vostro cane quando calmo in presenza
vostra e di altre persone vestendo lo stesso capo.
Il vostro cane ha paura dei fuochi artificiali? Attrezzatevi con un CD
con effetti sonori e fatelo partire, all'inizio, a volume molto basso,
riempiendo il vostro cane di lodi, e dandogli un bocconcino quando
rimane calmo. Aumentate gradualmente il volume, lodandolo e
premiandolo ogni volta che mantiene la calma. Se si agita, ripetete
l'esercizio.
Alcuni cani possono curare la loro fobia dei temporali in questo modo,
ma per molti non funziona. Si pensa che i cani, in particolare quelli con
il manto pi lungo e che vivono in case con i tappeti, possano percepire
l'elettricit statica di un temporale molto prima del suo arrivo. In questo
modo ricevono delle piccole scosse, soprattutto su un pavimento con il
tappeto. Questa teoria potrebbe spiegare come mai molti cani si
rifugiano in bagno e si nascondono dietro il lavandino o il wc, dove la

vicinanza con le tubature li ancora a terra, riducendo in questo modo


quelle spiacevoli sensazioni. Se il vostro cane prova una fobia per i
temporali, potrebbe avere bisogno di prendere delle medicine. Il vostro
veterinario sar in grado di consigliarvi quali. Qualunque cosa succeda,
permettete al vostro cane di trovare il suo personale rifugio e lasciatelo
stare l in pace. Non forzatelo a uscire.
Siate sempre sensibili al fatto che la paura e le fobie devono essere
affrontate con pazienza e prudenza. Non forzate mai il vostro cane: lui
sta provando un'emozione reale.

Gioco e ricreazione:
come divertirvi insieme
Il vostro cane una vostra responsabilit. La sua vita dipende
letteralmente da voi, ma non dovrebbe mai rappresentare un peso. Il
gioco rinsalda il legame tra di voi ed un ottimo modo per farvi
rilassare.
Quando mostro ai padroni come insegnare ai loro cani i comandi di
base, di solito sono molto seri mentre si esercitano con i comandi tipo
"seduto" e "resta". Quando arriviamo a "rotola", le cose cambiano
parecchio: all'improvviso tutti ridono e la situazione molto divertente,
anche se l'addestramento dovrebbe essere sempre cos.
Noi esseri umani facciamo una netta distinzione tra lavoro e
divertimento. Per i cani diverso. Se rendete l'addestramento un
momento positivo e allegro, il lavoro pu diventare una forma di gioco
per lui. Siate giocosi quando lavorate con il vostro cane e potrete
addestrarlo mediante il gioco.
La maggior parte dei cani molto motivata dal cibo, di conseguenza i
bocconcini rappresentano ricompense molto efficaci per ottenere un
buon comportamento e avere successo durante l'addestramento.
Tuttavia il cibo non l'unico premio che funziona: anche i giocattoli e i
giochi sono ottime ricompense. Par lavorare il vostro cane per una cosa
che gli d immenso piacere lo mantiene mentalmente attento e
stimolato.
Attivit

Camminare o correre nel parco un ottimo allenamento per il vostro


cane, ma non l'unico modo in cui potete garantire al vostro animale
l'esercizio fisico di cui ha bisogno. C' un'ampia gamma di altre attivit
che uniscono esercizio fisico a specifici compiti, in modo che il vostro
cane non si limiti solo a ricevere un eccellente allenamento ma, nello
stesso tempo, impari anche a fare cose nuove.
Gli esseri umani hanno selezionato cani per secoli perch portassero a
termine compiti specifici per loro. Seguite l'istinto e scegliete giochi ed
esercizi che riflettano l'indole gi presente nella natura del vostro cane.
Non mi riferisco solo a insegnare ai retriever a riportare: sto parlando di
attivit come seguire le tracce per i bracchi, sessioni simulate di riporto
per pointer e labrador e di radunata del gregge per i border collie. I cani
allevati specificamente per lavorare in acqua, come il chesapeake bay
retriever, il cane d'acqua portoghese e il terranova spaniel d'acqua,
amano molto nuotare. Questo tipo di attivit vi fornisce l'opportunit di
intensificare il livello dell'addestramento e di allenare sul serio il vostro
cane. I cani non sono animali stupidi: sono in grado di portare a termine
compiti estremamente sofisticati. Provate solo a pensare a che cosa
riesce a fare un cane guida, che non nato con quelle capacit, ma gli
sono state insegnate con l'addestramento. Se vi limitate a insegnare al
vostro cane a sedersi, non saprete mai che cos' in grado di fare.
Lezioni di agility
I cani piccoli e vivaci, come i jack russell terrier, amano
particolarmente l'agility, che consiste di percorsi a ostacoli diversi che il
cane si trova a dover affrontare e superare: assi da ribaltare, cerchi da
saltare, tunnel da attraversare e via dicendo. Queste lezioni sono un
ottimo esercizio, in grado di stimolare notevolmente le capacit mentali
del cane.
Ilflyball
C' un'attivit agonistica molto adatta per i cani da lavoro come i collie:
il flyball presenta al cane una serie di salti da affrontare prima di
raggiungere una piattaforma, dove addestrato a premere un pedale che
rilascia una pallina. L'animale deve quindi riportare la pallina al
padrone.
Il gioco un ottimo modo per rilassarvi e divertirvi insieme.

Giochi
Un ottimo gioco, dalle molteplici finalit, nascondino. Potete giocarci
insieme per rinsaldare l'addestramento del comando "vieni".
Nascondetevi da qualche parte in casa e dite al vostro cane di "venire"
da voi. Lodatelo a profusione e premiatelo quando vi trova. Potete
anche nascondere i bocconcini o parte del pasto in luoghi diversi della
cucina o della zona in cui solito consumarli, perch si guadagni il
pranzo. Non crudelt: i cani devono darsi da fare in natura per
procacciarsi il cibo e giocare a questo gioco, di tanto in tanto, fornisce
all'animale una stimolazione sensoriale in pi.
Una versione pi raffinata di nascondino il gioco delle tre scatolette:
usate tre scatolette o tazze capovolte, nascondete un bocconcino sotto
una di queste, mescolatele un po' e fate annusare al cane dove si trova il
bocconcino. Gli potete insegnare a indicare la giusta scatoletta o tazza
con la zampa.
Un altro gioco l'inseguimento. I cani sono predisposti per natura a
inseguire le cose che si muovono: questo il modo in cui stanano la
preda. Giocate all'inseguimento in giardino. Fatevi inseguire: un
ottimo modo per scaricare la tensione, ma smettete subito se vi
accorgete che il vostro cane si sta sovraeccitando. Non stuzzicate mai
un cane quando state giocando al gioco dell'inseguimento o, comunque,
in qualsiasi altra situazione.
Il tira e molla un altro famoso gioco da fare con i cani. C' un acceso
dibattito sul fatto se sia consigliabile o no praticarlo. Alcune persone,
infatti, ritengono che possa rendere il cane aggressivo e pi protettivo
nei confronti dei suoi giocattoli; altri credono che costituisca un'ottima
esperienza per rinsaldare il legame tra cane e padrone; inoltre, sarebbe
perfetto per far scaricare energia al cane. Concordo con entrambe le
opinioni. Mi piace giocare al tira e molla con un cane perch
un'ottima ricompensa ed un modo facile per tenerlo in esercizio,
tuttavia non proseguirei con il gioco se notassi che il cane si
sovraeccita. Inoltre, gioco sempre in un ambiente controllato con gli
appositi accessori per il tira e molla con il cane, in grado di sostenere la
considerevole pressione delle mascelle di questo animale.
Stabilisco delle regole per il gioco: pratico il tiro alla fune fino a
quando dico "molla"; il cane molla la presa e lascia il gioco. La

ricompensa che gli do per questo un altro round di tiro alla fune. Se
ringhia e si dimostra sovraeccitato, il gioco finisce una volta per tutte.
Giocattoli
I giocattoli migliori per i cani sono sia indistruttibili sia interattivi;
quelli indistruttibili sono fatti di gomma molto resistente che non si
rompe in mille pezzetti.
Giocattoli imbottiti
Vanno bene, ma richiedono una supervisione perch i cani possono
facilmente spaccare il materiale e mangiarne il contenuto. Un cane non
dovrebbe mai essere lasciato incustodito con qualcosa che pu essere
ridotto a pezzetti o strappato.
Giocattoli di gomma
I miei preferiti sono i giocattoli di gomma, disponibili in forme diverse
e provvisti di buchi. Sono una soluzione eccellente per tenere
impegnato e far felice un cane per ore, soprattutto quando dovete
uscire. Riempio il giocattolo con diversi bocconcini - burro di arachidi
o pollo - e lo infilo in freezer per un paio d'ore, prima di darlo al cane.
In questo modo il ripieno dura pi a lungo e offre una deliziosa
sensazione alle gengive del cane. Questi giocattoli sono perfetti anche
per aiutare i cuccioli durante la fase di dentizione. Oltre alla sensazione
fisica, il cane deve usare il cervello per scoprire come tirare fuori tutti
quei deliziosi bocconcini dal giocattolo.
Il cubo
Anche il cubo un giocattolo molto amato dai cani. Riempitelo con
cibo secco o bocconcini e guardate il vostro cane mentre cerca di tirare
fuori il cibo, spingendo il cubo per il pavimento con il naso.
Giochi che squittiscono
Sono molto divertenti. Se avete dubbi sul fatto che al vostro cane
piaccia sentire il rumore del giocattolo, dategli un gioco che squittisce a
forma di osso per un po' di tempo e poi controllate quale parte ha
mordicchiato di pi.
Altri giocattoli

I giocattoli come i frisbee o le sempre popolarissime palline da tennis


sono un ottimo modo per inserire nella routine un po' di allenamento
extra. Voi potete rimanere fermi e il cane si diverte a correre avanti e
indietro. Assicuratevi prima di aver insegnato al vostro cane il comando
"porta" (vedi pp. 182-183) o potrebbe succedere che rincorra la pallina
per poi sistemarsi da qualche parte a farsi una mordicchiata in pace.
I cani tendono a consumare molto rapidamente le palline da tennis.
Come insegnargli qualche "giochetto"
Alcune persone ritengono che insegnare ai cani a fare "i numeri da
circo" sia umiliante per l'animale ma, per quanto riguarda il cane,
chiedergli di mettersi "seduto" non molto diverso da dirgli "rotola".
Entrambi sono dei comandi. Insegnare al vostro cane a fare delle
esibizioni solo un'estensione dell'addestramento di base fondato
sull'obbedienza. Quest'esercizio inoltre rinsalda il vostro legame perch
lavorate e giocate insieme. Prima di insegnare al vostro cane un nuovo
numero, prendete in considerazione la sua anatomia e le sue
caratteristiche fisiche. Per esempio, gli alani sono troppo grossi per
rotolarsi; mentre meglio non chiedere ai cani che soffrono di problemi
alle articolazioni di stare seduti a lungo per imparare a dare la zampa.
Rendete l'addestramento divertente per il vostro cane: brevi sessioni
della durata compresa tra i 5 e i 10minuti, tre volte al giorno, sono
meglio di quelle pi prolungate.
Dare la zampa
Preferisco usare il comando "piacere" piuttosto di "zampa". Il gesto che
uso per accompagnare il comando una mano a forma di coppa.
Che cosa fare
Mettete il vostro cane seduto e sistemate un bocconcino sul suo naso.
Il vostro cane, d'istinto, sollever la zampa per cercare di far cadere il
bocconcino dal naso. Quando lo fa, ditegli "bravo" e lasciategli il
premio.
Dopo aver ripetuto questi passaggi cinque volte, cominciate a inserire
nell'azione il comando "piacere" o "zampa". Ditelo nell'istante in cui il
vostro cane sta per sollevare la zampa e accompagnate il comando con
il gesto della mano a forma di coppa.
Ripetete questi passaggi altre cinque volte.

Adesso potete mettere da parte il bocconcino sul naso e continuare a


praticare il comando. Se il vostro cane non solleva la zampa, quando gli
chiedete di farlo, dite "Oh! Oh!" e rimuovete il bocconcino dalla sua
vista.
Quando il cane solleva troppo spesso la zampa, potete far scivolare
sotto la vostra mano, quando la zampa sollevata. Non stringete la
zampa ma sorreggetela leggermente.
Finite sempre la sessione di addestramento su una nota positiva.
Rotolare
Questo un "numero" che potete insegnare ad un cane quando ha
imparato bene il comando "a terra". Il gesto un dito che disegna un
cerchio.
Che cosa fare
Mettete il vostro cane seduto e poi dategli il comando "a terra".
Rannicchiatevi accanto a lui, vicino alla testa, e mettete un bocconcino
sotto il suo naso.
Passate il bocconcino sopra il suo naso.
Il cane, d'istinto, rotoler mentre cerca di seguire il bocconcino.
Quando lo fa, ditegli "bravo" e dategli il bocconcino.
Dopo aver ripetuto questi passaggi cinque volte, cominciate a inserire
nell'azione il comando "rotola". Ditelo nell'istante in cui il vostro cane
sta per rotolarsi e accompagnate il comando con il gesto del dito che
disegna cerchi.
Ripetete questi passaggi altre cinque volte.
Adesso potete iniziare a chiedergli "rotola" senza far sorvolare il
bocconcino sul naso. Lodatelo e ricompensatelo quando risponde in
maniera corretta. Quando non lo fa, dite "Oh! Oh!" e rimuovete il
bocconcino dalla sua vista.
Finite sempre la sessione di addestramento su una nota positiva.
Insegnare al vostro cane
a fare certi "numeri da circo" fa parte dell'addestramento di base.
Riportare un oggetto
Adeguatevi al cane: se insegnate al vostro retriever a riportare, perch
quello per cui questi cani sono stati selezionati, tuttavia persino gli
esemplari di questa razza non vi riporteranno quello che gli state

lanciando se non lo giudicano interessante. Ci sono molte maniere per


insegnare a un cane a riportare, ma quella che vi illustro a p. 183 una
delle mie preferite.
Non avete bisogno di un'attrezzatura sofisticata per addestrare un cane.
Avrete bisogno di tempo e pazienza. E di una buona dose di
divertimento!
Che cosa fare
Iniziate mostrando al vostro cane un giocattolo o qualche altro oggetto
di suo gradimento, ma a cui non sia troppo legato.
Non appena il vostro cane mette la bocca sul giocattolo, dite "prendilo".
Giocate un po' con lui.
Dopo qualche minuto, chiedetegli di mollare il giocattolo nella vostra
mano, usando il comando "lascia".
Quando lo rilascia, lodatelo.
Poi lanciate il giocattolo per terra a una breve distanza. Non appena lo
afferra con la bocca, ditegli "prendilo" e lodatelo di nuovo.
Quindi, tornate a giocare con lui.
Dopo qualche minuto, chiedete al vostro cane di mollare il giocattolo
usando il comando "lascia". Dovrebbe lasciarlo nella vostra mano.
Quando lo fa, lodatelo e premiatelo.
Ripetete la sequenza, lanciando il giocattolo sempre pi lontano ogni
volta che giocate. Ecco che cos': un gran bel gioco!
Quando il vostro cane diventa bravo a giocare a questo gioco, usate
giocattoli o oggetti di maggior valore per lui e che, di conseguenza,
pi propenso a riportare.
Un cane non mai troppo vecchio per imparare cose nuove: continuate
a insegnare e ad addestrare il vostro cane per tutta la sua vita. Variate lo
scenario con scenari, ricompense e giochi diversi.
Problemi legati al gioco
Il pi grande problema per la maggior parte dei cani che non c' mai
abbastanza gioco nella loro vita. Un'ottima sessione di gioco vale
milioni di passeggiate (tuttavia, non usatela come scusa per evitare la
passeggiata al parco!). Divertitevi con il vostro cane: fa bene sia a voi
sia a lui.

Problema: protettivo nei confronti dei giochi


Il vostro cane ha il suo gioco che squittisce preferito e non permette a
nessuno di avvicinarsi. Se cercate di afferrarlo per giocare a riportarlo,
comincia a ringhiare.
Soluzione: custodite voi i giochi del vostro cane
Ricordate che i giocattoli sono una delle risorse del cane e hanno un
grande valore per lui: normale che sia protettivo nei loro confronti, in
particolare quando ci sono due cani in casa, nel qual caso il suo atto
protettivo potrebbe facilmente finire in una lotta. La soluzione
ricordargli chi il leader del gruppo. Siete voi a dover custodire i
giocattoli del vostro cane e a non consentirgli di avere il giocattolo che
promuove il suo atteggiamento protettivo. Occupatevi di tutti i suoi
giocattoli e dateglieli come ricompensa durante le sessioni di
addestramento. Fatelo lavorare per le sue esperienze piacevoli.
Indirizzi utili
Victoria Stilwell
sito ufficiale www.positively.com
Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani www.fnovi.it
Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani www.anmvi.it
Ministero della Salute www.salute.gov.it
Corpo Forestale dello Stato
Nucleo Investigativo per i Reati in Danno agli Animali
www.corpoforestale. it
Associazione di Studi Etologici e Tutela della Relazione con gli
Animali
Etologia applicata, zooantropologia e benessere animale www.asetra.it
Associazione Istruttori Educatori Cinofili Italiani
Educatori e istruttori cinofili professionisti www.aieci.org
L.A.V. Lega Anti Vivisezione
www.lav.it
E.N.P.A.
Ente Nazionale Protezione Animali www.enpa.it
O.I.P.A.
Organizzazione Internazionale Protezione Animali www.oipa.org
VSPDTTrainerSearch
www.positively.com/trainers

Membri in Italia del team internazionale "Victoria Stilwell Positively


Dog Training"
dottoressa Daniela Cardillo
www.greendogs.it
dottor Giorgio Guglielminotti Garmot
www. ilcaneanorma. it

Ringraziamenti
Tante persone hanno reso possibile questo libro e voglio ringraziarle
tutte.
Per prima cosa, voglio ringraziare i miei genitori, che hanno lavorato
cos sodo per farmi avere il meglio dalla vita: il mio defunto padre,
Malcolm Stilwell, che sarebbe stato cos orgoglioso, e mia madre,
Vernie Stilwell, che mi ha insegnato che la passione e la
determinazione vanno a braccetto. Un ringraziamento va a mia sorella,
Nicola, che mi ha dato l'idea che fare la dog sitter fosse un modo
divertente per guadagnarsi da vivere, e a mio cognato, Alan, per essersi
sempre premurato che non mi prendessi troppo sul serio. A mia nonna,
che non c' pi, Estelle Hepworth, perch mi ha insegnato a rispettare e
a prendermi cura di tutti gli animali. Mille grazie ai miei suoceri, Rita e
Van, per il loro incrollabile supporto e saggezza, e a tutta la mia
famiglia dall'altro lato dell'Oceano. Ho la fortuna di avere una
splendida famiglia sia in Inghilterra sia in America.
Vorrei ringraziare anche i miei amici pi cari: Alex, Monica e Nathan,
che mi hanno ricordato il motivo per cui amo tanto l'Inghilterra; Helen
ed Elio, che riempiono le nostre vite con la musica e un sacco di risate;
Catherine e Tini (siete stati un ottimo sostegno), ed Emily, che mi ha
insegnato che cosa voglia dire essere forti in barba alle avversit;
Cathy, Alistair e Thomas, che mi dimostrano perch l'amicizia cos
importante.
Poi vorrei ringraziare il mio socio nell'addestramento, Garry Gross, che
mi ha insegnato questo mestiere, mi ha aiutato a sviluppare la mia
passione e mi tiene sempre "sul chi vive"; e il dottor Berman del Park
East Animal Hospital di New York per aver creduto in me.
Molte grazie alle persone che hanno reso possibile la trasmissione
televisiva Basta! Io o il cane. Grazie a tutto l'eccezionale team di Shed

Media; a Channel 4 per aver creduto nel progetto e ad Animal Planet


per averlo realizzato.
Grazie ai miei agenti Geraldine Woods e Jon Roseman: mi sento molto
fortunata ad aver trovato un simile sostegno. A Liz Wilhide, Denise
Bates e a tutte le persone della Collins, a Smith & Gilmour per lo
splendido progetto grafico e a Mark Read per le sue meravigliose foto.
A tutti quelli di Hyperion per averci creduto. stato un autentico
divertimento lavorare con voi a questo libro: grazie per aver dato un
senso ai miei scarabocchi.
Un ringraziamento a tutte le famiglie che hanno partecipato al
programma e ci hanno fatto entrare in casa loro. Vi sono riconoscente.
E per ultimi, ma assolutamente non meno importanti, vorrei ringraziare
tutti i cani che sono entrati nella mia vita. Voi mi avete insegnato tutto
quello che so e mi avete ispirato, grazie alla vostra incrollabile fedelt e
fiducia. Voi rendete il mondo un posto migliore e mi impegner per
renderlo un luogo migliore anche per voi.
Harper Collins ringrazia le seguenti persone per avere gentilmente
concesso di ritrarre i loro cani: A-Z Animals e Brakabreeze Hawke
(Trog) e Tara, Louise Dyer e Alfie, Jinnie Chalton Ena e Tosca, Brian
Foster e Lizzie, Jacqui Hurst e Digby, Bryony James e Barney, Emma
Johnson e Bella, Michael Ruggins e Max, Alex Smith e Jess, Marcia
Stanton e Doris e Jo-Jo, Fiona Worthington e Pepper, Marcus Yorke e
Loopy. Si ringraziano inoltre Mayhew Animal Home e Pet Planet
(www.petplanet.co.uk) per aver fornito gli articoli fotografati nel libro.