Sei sulla pagina 1di 952
MARIO SPELUZZI MARIO TESSAROTTO DISEGNO MACCHINE TERZA EDIZIONE COMPLETAMENTE RIFATTA EDIZIONE ULRICO HOEPLI MILANO INDICE Carrroro I. — MATERIAL MECCANICI. Pag. 1, Generalita.. . Te 7 obi - 18 2. Leghe fertose. : 7 SAE ee ett BL Acclai . PRES ete PenShENSnSEESETEERE’=-’ 4. Leghe per alte temperature . is SUSE? 5. Trattamenti termici. 2 2 Seite D1 226 6. Ghee saPaeETEAEREseg EGE OR taAEnENadS fe 26-81 7. Ghisa malleabile Ie Eales Fe BERR BH Bronst 4.0, Cae bch eee TEESE Fs g284 9. Ottoni. - - Reece eet ESSE et a Se fas 3435 40. Materiail antifriione 22222202012 peat li iit 2. 35440 AL. Leghe leggere ed ultraleggere 2. se teen SIL 12. Leghe di zinco. ee ee beens Abd 13. Rivestimenti metallic... ee be Ate 44, Altri rivestimenti. i fe dhed3 45, Materiali metallicl - Legnaimi € compensati | | | | 45-46 16, Resine sintetiche - Gomma - Material per guarnizi 46-47 Caprrouo II. — RAPPRESENTAZIONE GRAFICA. 47, Limee di disegno se ee eee eee she 48. Seale di rappresentazione 19. Disposizione delle protezion! 20. I raceordi dell'esecuzione di un disegno » Dt. Se epee 22. Indicazione dei material oe Heeb 7 23. Della quotatura se 24. La quotatura in relazione alle lavorazionl. . | | eH 7 2. Indicazione delle qualita delle superfict. 26. Segni complementari.. 0... 00.0. tS e-eebee ote oe 27. Centrature ¢ riferimenti = Spine cllindriche . 1). 1 lt ee 28. Conicita e sua quotatura. se eee 20. Spine coniche . 2... sl tne Carirovo IH; — COSTRUZIONE DEGLI SVILUPPI. 30. Superfict coniche . 2... ete SEE ea eee 105-108 31. Superfiet cilindriche. |. senener aN aMaGu tas ota areheRe Move aearerenenas (. =] 32. Gomiti ed Innesti di tubi . eect e+ 109-114 38. Costruzione approssimata di sviluppi ai fasciam! speciall |... 2. 1k. M113 34, Sviluppi di altre superfici notevoli. 2... ee 116-118 1x Caritovo IV. — AVVERTENZE GENERALI DI DISEGNO. Pag. 85. Norme pratiche. . . Be ae ei eee settee bee 119-120 36. Flangiture 2 eee beeen es 120421 37. Formaggelle |. 2) 2. PEE ResUSt ots Estitt eementietc) 38. Avvertenze per il disegno di pezzi fust. |). RaNeNEteSeeSrePNDNeSeSarly SCT 7] 39. Zampe di appoggio delle macchine. . | | | | IPE tae oes ada 40, Avvertenze per il disegno di pezzi fucinati e stampatis | |) ) | 1) ++ 128-180 41. Scarichi di lavorazione . 2... RSet .U Fees ee) 180-431 nes + 182434 42. Soprametal Caritoro V. ~ RILEVAMENTO DEI PEZZ1 DAL VERO. 44. Generalita. . . .. . Se cece rece ob eto reachetaeis create 135 45. Esecuzione del rilevamento | | bee ees 135-438 48. Disegni d'assieme e formato dei fog... st) 188T4D CaviroLo VJ. — TOLLERANZE DI LAVORAZIONE - TOLLERANZE SPECIALI, 47, Tolleranze . 2. Seabee iat Star a eter Gel 143-144 48. Accoppiamenti . . . Reeoee eee eee betes tees Mas 49. Unita di tolleramza ISO. ll! Di. 146-147 50. Postzione delle tolleranze -' Uso del sisteni «Foro bate + e « Albero bases | | | | 147-137 Si. Valutazione delle tolleranze da assegnare ad un dato accopplamento .-. | | | 157-138 52. Sistema di tolleranze UNI «Foro base» e « Albero bases... . . 2. 158-159 58. Tolleranza generale di lavorazione - Quote tollerate risultanti.. |... . . 159-161 54. Quote tollerate equivalenti: conversion ey Fes 161-163 ‘55. Serle e catene di quote tollerate : sss 163-160 56. Quote tollerate di centratura o di coassialita | Lt 169-472 57. Tolleranze geometriche per meceaniea di precisione |) 1.21) l! 172-176 58. Griteri pratiei per la determinazione delle entita delle tolleranze |.) 2... 176-17, 59. Tolleranze di dimensioni linearh . 2... SE SC eel echo 177-178 60. Tolleranze di prodotti fusl. . . eee pEREReAaSaRenErEarenenetar’ 61. Tolleranze sugli stampati a freddo ed acaldos 2.122211 2111 areas 62, Tolleranze nei pezzi tranciati ed imbutiti. © es 188 63. Tolleranze di punzonatura. 2... le pene 188: 64, Tolleranze nei laminati, profilati e tubi. 2) Se eee 183, 65. Tolleranze nei prodotti in resine sintetiche |) 2222112222 II IT. 184 66. Tolleranze negli imbiettamenti e filettature 1.) |) 1. eee 184-186 CariroLo VII. — FILETTATURE - BULLONI E VITI - CHIODATURE COLLEGAMENTI FORZATI. 67, Filettature. 2... Peco ob eet Leese I87A9E 68. Collegamenito a prigioniero, |) 11). See s94-o14 69. Viti. 2... eee aE Eeh ee ci fesse. au-219 7. Bull edad 22222222 IIT TPITIILIiiiiit 2. 219-240 7A. Chiavi fisse ed estrattori |. 2 240-245 72. Dispositivi contro Pallentamento dei dadi e delie viti - Altet tipt di dadi e viti | | 245-251 78. Collegamenti fissi. ee es + 35t a. Chiodi. qe oi chet CE. S eto a8) 25. Chiodature. Paps Naas cenanurePaAaseneanaranae’ <=] 76. Collegamenti forzati. Dee ce ene te + M5B BBO: Canrmoo VIIL — STRUTTURE SALDATE E RECIPIENTI IN PRESSIONE PASSI DUOMO ~ TAPPI. 77. Saldature Speer etescaee ee eee sere - . 261-162 78. Costruzioni saldate sl ee Dee ee 262975 79. Caldaie, passi d'uomo e tapphs ls Dee ee 2B281 ALBERI ~ PERNI - COLLEGAMENTI MOBILI - IMBIETTAMENTI. Carrroxo IX. 80. Alberi, perni, spinotti. . . . ‘ : eoeeb 81. Peni e sospensioni per strumenti di precisione |. 1... ss 82. Organi smontabili per 1a trasmissione del moto rotatorio. . . . . 83, Imbiettamenti a chiavetta. . AoE ee eta iad ay 84. Imbiettamenti a linguetta. see 85. Collegamento a bietta trasversale ed a spine coniche. . - 22. TG 86. Accoppiamenti a profi scanalatl.. .. . ee eee 87. Imbiettamenti adenti.. 2... eee et 88, Collegamenti speclall . see Capitovo X. — GIUNTI PER ALBER. 89. Generalita 90. Glunti rigi : eee 91. Glunti elastici |... Scie cheat 92. Giunti articotati |) SL Io fecelschoa sob oe 93, Giumti speci eee eee Carrrove XI. — PULEGGIE - VOLANI ~ TAMBURI. 94. Puleggie. oe ach 85. Pulegae per cinghie teapeoial 7 96. Volani. 97. ‘Tambut Carrtovo XIL — OLIATORI E INGRASSATORI 98. Oliatori e ingrassatori. ©... pee ieee Perensies CapiroLo XII. — BRONZINE E SUPPORTI. 00, Generalities ese 100. Supporti. eee canes Caprtoro XIV, ~ CUSCINETTI A SFERE ED A RULLI~ APPLICAZIONI. 101, Cuscinetti a sfere ed arullh 2. ee 102, Applicazion’.. . . aa Garrrovo XV. — ORGANI DI TRASMISSIONE FLESSIBILI ED ARTICOLATL 108. Organ! i trannisione per fob @ entane. = ss a EGeS a 104, Funt metalliche oe eee 4105. Trasmissioni per eatene . 2... Ge TES ee Caprto.o XVL — ALBERT A GOMITO. 106, Generalita, 2... ee ee ae Heese Sbeb eee eee Capitovo XVII. - ECCENTRICI E TESTE A CROCE. 107, Eocentrich oe eee 408. Teste a eroce : Pag 283-285 285-286 287 287-205 296-302 302-304 304-308, 308-309 309-319 sat 321-928 329-832 333-342 343-347 349-352 352 352-355 355-357 359-362 ‘363-370 370-381, 383-407 407-418, 419 420-423, 493-494 495-492 443-445 445-454 xI Capito.o XVII. — CILINDRI - TESTE PER CILINDRI - ALBERT A CAMME BILANCIERI. Page 109, Gitindrl Pah eS eee : 455-461 410. Teste. 2 Soe SH See ei ecb SH 461 111, Alberi a cammes o.oo t es a 461-465 M2, Bilancieth ee eee 466-168 CapiroLe XIX. - PISTONE 113. Pistoni per pompe idrauliche . 2... : pee 469 114. Pistoni per macehine a vapore . - ae 469-471 115. Pistoni per motori Diesel lenti . Hse : ‘i ANB 446. Pistoni per motori veloct. . 2.) se 7 ee 473-488 147, Segmenti. eo acy ‘i 486-491 GartroLo XN. - BIELLE. 148. Bielle lente... eet Bee eee tate 493-499 119. Bielle veloci. |. aaeaey Dill ill lll. 22. 499-so6 120. Bielle special. - eee Besse oer eect eee 507-513, Garrrovo XXI. — TUBAZIONI - FLANGE - RACCORDI ~ PREMISTOPPA. 121, Tubasioni e raccordl. 2... 2. ee TEE eee See ee be aero: 422. Tobi di ghisa 2 ee SE aoe e ee eee 515-517 123. Tubl di acciato . eees petals beer Pll. le) simsae 124, Giundioni a flangia 2M. ee + 529-533 125, Giunzioni saldate, chiodate © varie SESE ey + 584-895, 126, Giunti a bieehiere e simili eee eRe eres es 536-598, 127. Altri tipi di ghunziont e raccordi - 2... peer ee 538-5455 128. Tuberie varie... 2. oe Dll 545-550 4129. Premistoppa. . . eee Beretta eee 551-561 130. Guarnizioni in gomma . . a: ast Let 561-566 Captrolo XXII. — ORGANI DI INTERCETTAZIONE PER FLUIDI 131. Vavale. - Rese eee Het bees eee pace CeCeGeseae? ee 367-581 132. Valvote ‘a saracinesea - SESH ee reseeisiee ee Dll 1 581-580 133, Valvole a spillo. . BPEL recGele ieceee eset ete tact 590 134. Valvole ai sicurezza — - ERR ES EEE teia-ieceeee Des 590-597 135. Rubinetti . SSeS Dolla ee ee. 57-800 198. Valvole di fondo. 2... + 7 Eero cs. 600-602 137. Casse fango. . eee Pore 11 602-604 138, Searieatore automatico di condensa | See I. 804-808 130. Valvole per motori a combustione interna... 2... ‘ Dl. t 609-614 CarrroLo XXIU. — GIRANTI DI TURBINE, DI POMPE, DI VENTILATORE E COMPRESSORI. 140. Girante a disco per turbina a vapore. 6. 2. ee = 613 141. Girante per turbina Pelton... . DILL lets s .. 65-616 142. Giranti per pompe. - . : DPIDDIDDD IID D2 oe esmeat 143. Pompa d’acqua per automobili |... 0... 7 Lo 621-626 144, Giranti di yentilatori e compressor te SESE eet tebe 625-628 Carrrowo XXIV. — ELICHE. 445. Bliche marines... 0. ee ee FC eesti 629-637 146. Eliche aeree. 2 se SE Eee Pees 687-643 xm i a Captrolo XXV. — GANGI ED ANGORE - LEVE DI COMANDO. 147, Gane. 6... Hee Heb eh 7 148, Aneore |. ei 7 i Peitiad 449, Levette al comando, ee. LL! Pope ciety Carrto.o XXVL — APPLICAZIONI VARIE. 150, Attacchi per trasmissioni flessibili, Raggi per moto... 2... a 151. Freno a tamburo e ceppi per autoveicolo.-. 2 fort 452. Frizione d’automobile ...... . . ee tee ae te 453. Sospensione anteriore per autocarro. | lll! 154. Mozzo d'elica per acrei. 2... f 7 4155. Respingente per carro ferroviarlo, Barra per timone. Portella per uso navale | | 156. Morsa - Morsetto ad espansione . i : 157. Polverizzatore per iniettore. . 2... poe eerste CaPrroLo XXVII. - APPARECCHIATURE ELETTRIGHE. 158, Isolatori in poreellana .. 2 2s ee 159. Morsetti e eapicorda per conduttori ~ Sospensioni per cavi elettrici, | | | 160. Carcassa e cappelli per motore eletirico.. .. 2... Carrrovo XXVIIL ~ ORGANI DI MACCHINE IN RESINE SINTETICHE. 4161. Generalita ed applicazion’ 6. eee Garrroto XXIX. — CALIBRE, 162. Calibri ssi... 2 ee I ee oe ee ee fot 463. Tolleranze ai esecuzione del calibsi 2222 T ITIL Tilt : 164. Micrometro. 2. 2 2 2 Pe ee ae eee : Carrrovo XXX. — INGRANAGGI E TRASMISSIONI. 165. Generalita. . - 7 See eb eect UCee 7 165. Materiali per ingranaggi - Eee Hehe eae 467. Ingranaggi cilindriel adenti aivitti | 22 2222222 T IIIT TS 168. Funzione evolvente ..... - Seo tet doie ee eat 169. Ingranaggi cilindrici a dentatura intema 2 2222) 22D I TTI I 2 170. Sistema Diametral Pitch e Circular Piteh .- L 471. Caleolo angoli di incidenza ¢ spessori . . S| Pe HEE eb 172. Misura Wildhaber dello spessére dei denti Ld : 173. Pompa ad ingranaggl » 2... ee eet 174. Ingranaggi per piccola meccanica se : 475. Angolo i pressione e numero minimo di denti al un ingranaggio | |)... 176. Correzioni delle dentature cilindriche a denti diritti... 2... 1. 177. Aumento dell'angolo di pressione . 2... 178. Diminuzione dell'altezza h del denti - Dentature Stub o ribassate . . | 479. Dentatura a cerchi spostati con altezza del dente ed interasse invariati (correzione VO della DIN). eee 180. Altre correziont con spastamento del cerchi di troncatura . 181. Dentatura a cerchi spostati con coefficienti di correzione d'addendum diversi per 4 pignone e per Ia ruota (ad interasse aumentato) eect 182. Considerazioni sugli interassi 2. 183, Ruote dentate fuse... : 184. Correzione degli ingranaggi ellindricl Interai ss. 185. Ingranaggi cilindrici a denti elicoidali - Generalita ss Pag. 645-646 646-652 653-654 654-656 657-861 662-865 665-666 667-870 670-677 677-678 679-884 684-688 688 997-702 702-706 708-709 195, 196. 197. 198. 199, 200. 201 202. 203. 204. 205. 206. 207. 208. 209. 210. 2. INDICE, - Ingranagal cllindriei a denti elicoidali per assi paralleli (a dentatura normale) , + Calcolo di una coppia ai modulo m, per Interasse e rapporto di trasmissione deter minati ¢ con § individuato di massima .... Dentature cilindriche a denti ellcoidall corrette. }. Ingranaggi cilindtici a denti elieoidali per assi sghembt - - Coppia vite senza fine-tuota cilindrica a denti elicoidali + Correzioni nella dentatura vite senza fine-ruata a filetto trapezoidale - Coppia viteruota ad evolvente. . sc seoittt Riduttori a vite globoidale . . - ae EE eae : Ingranaggi contel. Generalita ID! Ingranaygi coniel a denti dint |) Gorrezione delle ruote dentate coniche a denti diritti. |) ))) 1 Dentatura conica semplicemente obliqua...... 1... : rent Ingranaggl conici a denti elicoidali 1... eel Pah eiettet Dentatura spirale Gleason Sets te Reset Dentatura Klingelnberg . ; eter Ete eS aan Copia ipoide . . eet bel eh eect Ruote dentate per eatene | LI litt Ruote dentate per catene articolates lie Ruote dentate varie, Arpionismi . |. | | oY ESS oer Pb Giochi ¢ tolleranze. negli ingranaggi 22) ) | IY Pb ‘Tolleranze negli innestie nei giunti dentati 21) 2) tt ‘Tolleranze per gli ingranaggi fusi. . eee Toleranze nella coppla vite perpetuaruota a denti elicoidal |||). . Tolleranze nelle copple coniche. ee eee Here poe ‘Tolleranze negli ingranaggl per catene ss. ss Tolleranze nei piccoli ingranaggi per strumenti e simili | |)... ANALITICO 2 ee ee eb TABELLE: da tab. 1* a 46* - Materiali — tab. 61° e 62* - Tolleranze .. . - Pag. 787-791 791-793 793-800 ‘801-805 806-813 813-218 819-823 831-830 839-856 857-858 850-860, 361-874, 875-878, 879-880 880 881-884 884-888 888-804 806 1896-897 897-898 DIAGRAMMA REINECKER pet la corzezione d’addendum degii ingranaggi conici (alla fine del volume) xiv CAPITOLO I MATERIALI MECCANICI 1, Goneralita. Lreseeuzione accurata del disegno di ogni organo meccanico, intesa come interpretazione grafica del proporzionamento di massima o dei risultati dei caleoli di verifica, non é da sola sufficiente a garantire il buon successo di una machina 0 di un complesso di organi meccanici se non @ sempre accompagnata dalla giusta scelta del materiale da adottarsi nella costruzione, Tale concetto € di per sé insito negli stessi calcoli di verifica di resistenza di ogni ‘organo meceanico, in quanto il progettista deve scegliere in partenza il materiale da impiegare per im- postare le calcolazioni in relazione alle caratteristiche del medesimo; tali caratteristiche devono rispondere alla prestazione che si richiede al pezzo e sono quindi intimamente legate alla fun- tione affidatagli ed alle sollecitazioni meccaniche, termiche, chimiche, isolate 0 combinate a cui organo @ sottoposto. 7 Cosi, ad esempio, mentre per una biella di motore a scoppio & molto importante e fond mentale scegliere un tipo di acciaio da bonifica, tenace, di buon allungamento e di buona resi- stenza, per la costruzione di un recipiente destinato a prodotti chimici che esplichino un’ac- centuata azione corrosiva, sara da tenersi in somma considerazione la retistenza alla corrosione del materiale oltre alle sue caratteristiche di resistenza meccanica, in modo che risponda a tutte le necessiti di impiego con la massima sicurezza conseguibile, 1 materiali di cui il costruttore dispone presentano notevoli diversita strutturali ed atti- tudini varie a resistere al cimento a cui sono sottoposti durante il funzionamento degli organi i ogni macchina, La sola scelta del materiale, di cui deve essere costituito un organo di macchina per ri- spondere alle necessita di impiego, non & perd sufficiente a definire compiutamente il modo i costruzione se non viene individuato nel contempo il procedimento tecnologico atto alla rea- lizzazione del pezzo, procedimento che jnfluisce in modo notevole sul disegno esecutivo del me- desimo. Ne segue che il disegno di un pezfo non pud dirsi completo, e pereid atto ad essere ‘pas- sato all'esecuzione costruttiva, se non 8 accompagnato da tutte le indicazioni convenzionali che servono a precisare il materiale scelto, i trattamenti termici a cui deve esiere sottoposto, nonché l'indieazione del modo di ottenere il pezzo (ad esempio fuso in terra, in conchigiia, fucinato, stampato, ecc.). Gli organi meceanici possono infatti essere ricavati — per fusione in terra, in conchiglia, sotlo pressione, in depressione; — per juetatura 0 stampaggio a caldo; — per saldatura dé elementi ricavati da lamiere ¢ profilati; — per lavorazione meccanica da barre a sevione regolare (circolare, quadrata, rettangolare, ‘esagonale, ecc.) 0 da barre a sezione speciale mediante taglio, foratura, tornitura, fresatura, broceiatura, rettifica, ecc.; — per tranciatura ¢ imbulitura; — per agglomerazione di polveri metattiche (sinterizzazione) ¢ non metalliche. gi Cariroro I La scelta del procedimento tecnologico da seguire (una volta effettuata quella del tipo di materiale pid conveniente) dipende da tre ordini di circostanze, e cio’: disegno pil o meno com= plesso, rispondenza alle caratteristiche meccaniche, alle sollecitazioni ed all'economia di pro- duzione, Cosi, ad esempio, un assale di automobile non si ricavera da una fusione in aeciaio, ma mediante stampatura a caldo, mentre piccoli pezzi configurati secondo profi non facilmente oltenibili da lavorazione su macchine si ricavano generalmente, sempre che le sollecitazioni a ‘cui sono sottoposti lo consentano, per fusione. In Hinea del tutto generale, si pud osservare che: Per fusione sono ottenuti organi meccanici che non si possono realizzare solo con lavo- razione su macchine partendo da fucinati, stampati o trafilati per Ia complessita della loro con- figurazione in relazione agli spessori, sporgenze e loro dimensioni generali, ecc. (fusioni in ghisa, in acciaio, in ottone, in bronzo, in leghe, leggere). Un procedimento tecnologico di fusione, che oggigiorno si sta diffondendo, é dato dalla micro- fustone @ cera persa, sistema particolarmente adatto per realizzare piccoli pezzi da prodursi in ‘grandi serie: Ia conchiglia viene ottenuta da un modello in’cera che riproduce nei minimi parti- colari it pezzo da produrre, ancorché questo sia di forma molto complicata. Il procedimento consente di eliminate costose lavorazioni alle macchine utensili ¢ permette 44i ottenere una grande precisione, tale che in molti casi non é necessaria un'ulteriore lavora- dione delle superfici. Per microfusione si possono ottenere organi meccanici in acciai comuni e legati (come gli acciai inossidabili), in ottoni, bronzi, ecc., e si ha ta possibilita di fondere pezzi in leghe dificil~ mente lavorabili alle macchine utensili (leghe al cobalto, acciai rapidi, ecc.). La lungherza dei particolari microfusi non supers normalmente i 100 mm e le tolleranze sugli spessori raggiun- gibili sono dell’ordine di 0,07--0,2 mm in relazione alla forma dei getti: in linea generale le tolleranze di esecuzione sono dell'ordine -L0,3% sulle dimensioni lineari. Ul procedimento é largamente applicato per la produzione di particolari per armi da fuoco portatili, machine da cucire, macchine fotografiche, calcolatriei, einematografiche, piccoli in granaggi, palettature, boccagli e particolari diversi di turbine a gas ed a gas di scarico, Il peso dei gelti pud giungere da pochi grammi a 3-4 chilogrammi, con dimensioni massime che di solito non superano 1 300 mm e spessori minimi detl'ordine di 1 mm per piceoli pezzi, ordina- riamente 3 mm, Per fucinatura ¢ stampaggio a caldo si ricavano quegli organi, per Jo pitt in acciaio, che de- ono presentare particolari caratteristiche di resistenza e di orientamento delle fibre del mate- riale (come, ad esempio, gli assi a gomito, gli ingranaggi, ecc.) oppure pezzi aventi conformazione irregolare che sarebbe laborioso e quindi costoso ricavare dalle machine utensili, piccoli pezzi aventi forme che si prestano alla stampatura (ad esempio, bielle, bilancieri, ecc.). Pezzi in resine sintetiche vengono generalmente ottenuti per stampaggio a caldo ¢ sotto- posti in seguito — se necessario — a lavorazione meccanioa, Per saldatura si costruiscono strutture composte di elementi ricavati da lainiere e profilati, allo scopo di ottenere riduzione di peso rispetto a pezzi di analoga forma ottemuti di fusione, maggiore rigidita meccanica, sagomatura pid razionale, ece., come, ad esempio, incascenatuie, supporti, basamenti, ece. Con lavorazione meccanica a freddo da barre a sezione regolare si ricavano pezzi le eui forme siano direttamente ottenibili su macchine utensili (tornio, fresatrice, ece.) sulle quali si lavorano anche gli stampati e gli sbozzati di fucinatura. Direttamente per mezzo della fornitura in lastra su sagoma si ricavano da lamiere, corpi di rivolazione, come cuffie di protezione, involucri, ecc. 2 eee MATERIAL MECCANICI gi. Per tranciatura ed imbutitura a stampo si ottengono organi direttamente da lamiere e per successive operazioni di piegatura, foratura, ecc. Per sinterizzazione © agglomerazione-di polveri metalliche si ottengono piccoli pezzi fabbricati in serie come bronzine, cuscinetti, ecc. (materiall sinterizzati). 1 materiali pit impiegati nella costruzione di organi meccanici, sono, come & noto, quelli metallici; fra questi sono i seguenti 8) leghe ferrose: ghise ed acciai; b) leghe di rame: ottont e bronzi; ©) leghe.di allaminio ¢ di magnesio, note normalmente sotto la deno mente di deghe leggere ed ultra leggere; 4) metalli anti-frizione; ©) leghe allo zinco. Altri materiali da costruzione particolarmente importanti sono, i legnami naturali ed i com- pensati, specialmente usati nelle costruzioni aeronautiche. Una classe a st stante pure di vitale importanza @ infine quella delle. materie plasticke resine sintetiche, Di ognuno di questi gruppi di materiali diamo nelle tabelle che seguono Ie caratteristiche pit importanti, con riferimento alle tabelle dell'unificazione italiana (UNI) esistenti al riguardo, ri- portandovi le pitt comuni indicazioni di impiego ed i criteri di scelta utili al disegnatore. I dati caratteristici degli atciai e degli altri materiali metalici (specificati con sigle conven- zionall) si intendono rilevati secondo le norme UNI relative alle prove meceaniche e tecnologiche dei materiali (tabelle UNI n, 552-555, 565, 1955, 1956, 3212, 3219) alle quali si fa diretto rife- rimento, Per maggiore comaditi di consultazione ricordiamo il signifieato dei principali simboli rela- tivi alle prove meccaniche: R = carico unitario di rottura nella prova di trazione, espresso in kg/mm; ’ = carico unitario di snervamento (o limite di snervamento) nella prova di trazione, espresso ia kg/mm! Ay, Ag = allungamento percentuale, dopo rottura, nella prova di trazione, su provetta nor- male, rispettivarente lunga e corta; Ags = allungamento percentuale del tratto utile del provino misurato prima e dopo rot- tura, nella prova di trézione su provetta proporzionale corta; Ane allungamento pereentusle, nella prova di trazione, su provetta proporzionale junga; E modulo di elasticita normale (0 di Young) espresso in kg/mm?; K Tesilienza, o resistenza all’urto, su provetta intagliata (kgm/em*); K, = resilienza su provetta prelevata in senso trasversale (kgm/cm’); Hg = durezza Brinell (kg/mm*). La superficie dell'impronta é valutata in base al dia- metro medio di essa; Hzo = durezza Rockwell con penetratore a cono di diamante. (Numeri di durezza con- venzionali); Pr = carico totale massimo di rottura nella prova di flessione delle ghise, espresio in kg; R’ = carico unitario di rottura nella prova di flessione delle ghise, espresso in kg/mm*; t = freccia nella prova di flessione delle ghise, espressa in mm. § 23, Capiroto 1 2, Leghe ferrose, Le leghe del ferro col carbonio in cui il ferro di gran lunga predomina, quando siano fucina- bili, si chiamano acciai (); in caso diverso si chiamano ghise e vengono trasformate in pezzi ad uso industriale solo per fusione. In questi prodotti siderurgici il ferro @ assai spesso legato con altri elementi (generalmente in piccole percentuali) che ne migliorano sensibilmente le caratteristiche meceaniche (silicio, man- ganese, cromo, nichel, molibdeno, vanadio, ecc.). 3. Aceiai. Gli acciai da costruzione e per utensili vengono, in linea generale, distinti in: a) avciai semplict 0 al carbonio; ») acciai legati 0 speciali. Questi ultimi, oltre al carbonio, contengono altri clementi la cui aggiunta conferisee agli aceiai particolare esaltazione delle caratteristiche meccaniche o di resistenza alla corrosione, al ‘ealore © particolari qualita magnetiche, ece. SIGNIFICATO DEI SIMBOLI DEGLI AGCIAL UNIFICATT. Gli acciai unificati sono contraddistinti da designazioni convenzionali che comprendono lettere « cifre disposte in un ordine predeterminato e tale da consentire Vindividuazione della composi- zione centesimale caratteristica di ogni acciaio. ‘Agli cfletti della simboleggiatura, gli acciai unificati sono divisi in classi, categorie © gruppi (UNI 3344), La classe A designa gli aeciai in base alle loro caratteristiche meccaniche & comprende la ca- tegoria degli acciai al carbonio ordinario. (¢) Oltze agit accial & impiegato anche il ferro praticamente puro ricavato in lamlere, profilati, traflati © tn gotti Son epecialt procedimentt-metallurgici (Armes) col qual non solo st ottene une grande unltormita del prodotto Sem escluslone delle seorie e delle ineldsioni gassose, ma si Ula enormemente Il contenuto degli elementt (come car~ Danio, silfclo, manganese, fosforo, solo, rame) che VI sono rei comun! ucelai. SI ottiene cos! un prodotto contenente £100,895 ai ferro puro solte forma di fertite, I) Lenore ai carbonlo essendo compreso fra 0,01--0,09% ed Hl contenuto {eg aitel elements fra 0,03-0,07, Questa purezsa di composizione eonteisce al ferra + Armco » ana grande resisters ‘ln corrosiones la resiatenaa a tranione (Ved} specchletto) ¢ un po’ Inferiore a quella che compete aglh accial oFdi- hari, mentee il Limite elastico leggermente superiore @ quello deglt acclal «i fabbricazione corrente. CARATTERISTICHE DEL FERRO +ABMCO+ DOPO LAMINAZIONE Lamiere Profath ¢ barre Resistenza a trazione R(ke/mm) . . . . pate 33 +35 Mee Allungamento % Ay ooo eee 28532 228 Limite dl snervamento s (kg/mm). : wim 20 +25 Contrarione C% — = wo} eee ee 6573 55 = 70 Durerza Brinell Hy (kg/mm)... a +00 0 = 100 Tl ferro + Arico viene implegato nella prodozione ai tubl saldat fesclami ai gasometri, recipientt Imbutiti: & pure usato come metatlo d'apporto relia saldatura al connetio ed allarco elettrico, (0) sezione primitive della provetta; w= serlone dopo rottura. MATERIALE MECCANICE §3. PROSPETTO DELLA SINBOLEGGIATURA DEGLI ACCIAT UNIFICATI 2 Acco desmmatt in base ata loro comporzione ehimia 1 1 u Mm ania cota al car. | Acct legatt (tenore al | Acciasfrtemente tegati ‘Accai af carbonio erdioari | oni special |cimcun elemento Tegnate | (teamed simens tn cleaento Tegunte wf oe 1” celal | Aosta Acca nurse... «| Agetet | Assia a sara struzione Lewwre aint | a | a | aq | c | ve} — v = Gipra cite in-| on | carco | carieo |tenore|tenore| tenare | tenore | ‘Tenore dicate sminimo | miniwo |'ahe | are | are ac ac ‘a | ae 190 | x00 |. X10 | x10 100 3 i & ear | cgi? | Sle — T 3) Fete tnteauee| — | — | — | — = | siepota | sintola | simtate 8) Eotere incatie ftementt | elementi | element! 2) agi seme : Tegantl | Tegantt | “legaatt 3} gone lagnitcatvy) signtteativs | slgnieativt 2 ale Eira octet | — | — | — J — ‘Tencet | Toner) | ‘Tenort ‘ict “tet ee etementt | lementt | element : hort agit les Tegentt_ | “logan gaat legal tment Tee ptmepent | pelnetpant | peimetpant | prlacipalt xa xf xe se 0 io" weer... | a0 | aw | aga | cw |eeries fuswso |xiocr |ux7s wie eas 1G No 11|Us0 we |xaocaa [UX Weis xu Ht S2ND 6 | Xa a0 Nbc tes) 3 xu La elasse B comprende sempre acciai designati in base alla loro composizione chimica ed ¢ composta da tre categorie: 1 Acciai al carbonio speciale; 2% Acciai legati con lenore di ciascun elemento legante <5%: 34 Acciai fortemente legaté con tenore di almeno un elemento legante maggiore del 5%. Chasse A. Comprende acciai al carbonio ordinari, utilizzati allo stato grezz0 di produzione, ciot nor~ malmente impiegati senza trattamento termico, o tutt'al pil normalizzati La categoria degli aeciai al eatbonio ordinari comprende tre grup 410 gruppo: Acciai commerciali. ~ Acciai senza prescrizioni di limiti per Ia loro composizione chimica, impiegati allo stato grezzo di laminazione; questi acciai sono contraddistinti da una sim- Doleggiatura costituita dalla lettera distintiva A, e dal numero indicativo 00. Esempio: A 00 = ac- 5 §3. Caritoro 1 ciaio al carbonio ordinatio commerciale. Segue la sigla UNI col numero della tabella di unifica- Zione in cui Vacciaio & considerato. 2° gruppo: Acciai comuni. ~ Questi acciai, senza limituzione di composizione chimica, sono individuati dalle loro caratteristiche meccaniche di resistenza © vengono usati normalmente allo stato grezzo di lamiinazione o al massimo normalizzati. La simboleggiatura di questi acciai com- prende: — la lettera distintiva A che identifiea gli acc — come 2° raggruppamento un numero indicativo corrispondente al-valore del carico minimo i rottura a trazione, in kg/mm. Esempio: A 37 = acciaio al carbonio ordinario comune con carico minimo di rottura ¢ trazione di 37 kg/mm®, Segue la sigla UNI col numero della tabella in cui Yacciaio & considerate. 3° gruppo: Acciai di qualita. - Questi acciai al carbonio ordinarii, hanno limitazioni per- centuali nell'impurezza da zolfo e fosforo e per alcuni impieghi anche per altri clementi; sono usati normalmente allo stato grezzo di laminazione o, su richiesta, normalizzati. La simboleggiatura & costituita da: — 1° raggruppamento: lettera distintiva Aq; — 2 raggruppamento: numero corrispondente al carico minimo i rottura a trazione espresso in kg/mmt. Esempio: Aq 42 —acciaio al earbonio ordinario di qualita con carico di rottura mi- ‘imo a trazione di 42 kg/mm. Segue la sigia UNT col numero della tabella in cui l'acciaio & con- siderato. 1 carbonio di tipo comune; Cuasse B. Questa classe di acciai comprende, come si é detto, gli acciat designati in base alla loro compo- sizione chimica suddivisi in tre eategorie. Categoria 18: Acciai al carbonio speciali. ~ In questa categoria sono compresi tutti gli acciai non legati la cui produzione é fatta in modo da ottenere una composifione chimica determinata con earatteristiche meccaniche definite dopo trattamento termico. 10 gruppo: Acciai al carbonio speciali da costruzione. ~ Questi acciai sono definiti dalla loro composizione chimica e dalle caratteristiche meccaniche e vengono impiegati dopo opportuno trat- tamento termico. La loro designazione comprende: -— 19 raggruppamento: lettera distintiva C (simbolo del carbonio); -— 2 raggruppamento: numero indicativo corrispondente a 100 volte il contenuto percentuale medio di carbonio (C). Quando questo numero sia maggiore di 20 esso deve essere arrotondato in modo che la sua ultima cifra risulti, di regola, una delle seguenti: 0, 2, 5, 8. Esempio: C9 acciaio al carbonio (da cementazione) con contenuto percentuale di carbonio pari a 0,09%. Altri esempi: € 20 = acciaio al carbonio speciale con contenuto in carbonio 0.2%; €98 = acciaio al carbonio specidle per molle con contenuto di carbonio pari a 0.08%. Segue, come al solito, la sigl UNI col numero della tabella in cui l'acciaio ¢ considerate. gruppo: Acciai al carbonio speciali da ulensill. - Questi aceiai sono definiti dalla loro composizione chimica, La designazione comprende: — 1° raggruppamento: lettera distintiva UC: — 2° raggruppamento: numero indicative corrispondente a 100 volte il contenuto percen- tuale medio di C. Quando questo numero sia maggiore di 20 esso deve essere arrotondato in modo che Ia sua ultima cifra risulti una delle seguenti: 0, 2, 5, 8. Esempio: U C 100 = accisio speciale al carbonio per utensili con contenuto di C pari a 1% Simboleggiatura completa: U C 100 UNI 2955 S (sperimentale). 6 Marentatt MEccaNte! $3. Categoria 2%: Acciai legati con tenore di ciascun elemento <5%,- In questa categoria sono rag- gruppati gli acciai legati contenenti elementi di Tega nelle percentuali sotto indicate: Manganese 21% Cromo = 025% Siticio 2 05% ‘Molibdeno 201% Nichelio 205 -% Vanadio 7B 0,05% Rame = 0,35% Zolto pid fosforo < 0.08% 19 gruppo: Acciai legati da costruzione. ~ Questi acciai sono definiti dalla loro composizione chimica e dalle caratleristiche meccaniche: essi vengono impiegati sempre dopo opportuno tratta- mento termico, La designazione comprende gruppi di cifre alternate con lettere secondo il se- guente ordine: — il 1° raggruppamento @ dato dal numero indicativo corrispondente 100 volte il contenuto percentuale medio di carbonio, Quando questo numero sia maggiore di 20 la seconda cifra di regola deve essere una delle seguenti: 0, 2, 5, 8. — il 2 raggruppamento & composto dalle lettere che costituiscono le sigle degli elementi ‘chimici in lega che caratterizzano Tacciaio: tali sigle sono quelle chimiche internazionali, ad ec- cesione degli clementi sotto elencati per i quali si usano i simboli metallurgici. Elemento | Simbolo chimlco internazionale} Slmbolo metallurgico Aluminio > Al A Ante J. N Az Cobalto. . Co K Cromo .. cr c Magnesio . . Mg G Manganese Mn M Molibdeno. . Mo D Nichelio . . Ni N Silicio . Si s Stagno | | | | Sn E Titanio . . Th T Zinco. . . Zn Z Zolfo. . . s F I In questo raggruppamento Ja simboleggiatura déve essere disposta come segue: — precedono le sigle che rappresentano 'elemento o gli clementi principali in lega, che ca- ratterizzano cioé In lega stessa e che concorrono alla designazione secondo quanto indicato per i 3 raggruppamento; — sequono le sigle che rappresentano altri elementi che, pur non considerati nelle cifre del 3° raggruppamento, infuiscono in modo sostanziale sulle proprieta caratteristiche dell'accialo. ‘Tra questi ultimi di regola non figurano le sigle degli elementi seguenti quando la loro percentuale @ inferiore a quella sottosegnata: Manganese << 1% Cromo < 0,25% Silicio << 05 % Molibdeno < 0,1 % Nichelio < 05 % Vanadio < 0,05% Rame << 0,35% $3. CaviroLo I 1 simboli devono succedersi secondo lordine decrescente delle percentuali dei singoli elementi rappresentati; a parita di tenore percentuale i simboli devono succedersi in ordine alfabetico: — il terzo raggruppamento é costituito da una o pitt cifre aMancate ognuna delle quali rap- presenta il prodotto della percentuale di ogni elemento ehimico fondamentale presente nell'acciaio per il moltiplicatore che gli spetta, secondo il seguente prospetto: Cobalto - Cromo - Manganese - | Alluminio - Fosforo - Molibdeno - Piombo Rame - Tantalio - Titanio - Vanadio Wolframio - Zirconio - Zolfo. Tale prodotto deve essere artotondato all'intero immediatamente inferiore quando Ia sua parte decimale ¢ dguale 0 minore di 0,5; deve essere arrotondato all'inteo immediatamente superiore quando la parte decimale & maggiore di 0,5, Questo terzo raggruppamento & formato prendendo in considerazione solamente i tenori per- centuali dell'elemento o degli elementi principali della Tega. Per differenziare meglio due acciai molto simili si pud prendere in considerazione qualche altro ‘elemento che di regola non lo dovrebbe essere. Se anche questo completamento non risultasse sulficiente si pud diminuire di una unita la cifra del primo raggruppamento. Esempi 40 C 4~ Acciaio al cromo avente Ia seguente composizione nominale caratteristica: carbonio 0,40%, cromo 1%. In realta questo accisio ha Ia seguente composizione limite: earbonio 0,36--0,43%%,, manganese 0,06--0,8%, silicio <0,35%, cromo 0,8 1,1%. Simboleggiatura completa: 40 4 UNI 2954. 15 NC II ~ Acciaio al cromo-nichelio avente Ia composizione nominale earatteristica: earbonio 0,15% nichelio 2,75%, eromo = 0.25%. La composizione limite €: carbonio 0,12-+0,17%, manganese 0,3+0,6%, nichelio 2,5 3,0%» cromo 0,6--0,9%, silicio <0,35%, Simboleggiatura completa: 15 NC 11 UNI 2953. 35 NCD 15 ~ Acciaio al eromo-nichelio-molibdeno avente Ia composizione nominale caratteristica: carbonio 0,35%, nichelio 3,75%, eromo 2 0,25%, molibdeno = 0,1%. La composizione limite ¢: carbonio 0,33+0,98%, manganese 0,5 +-0,8%, silicio <0,35%, nichelio 3,5-4,0%, cromo 1,6=1,8%, molibdeno 0,2-0,4%, imboleggiatura completa: 35 NCD 15 UNI 2954. 2° gruppo: Acciai legali da wlensili. ~ Questi acciai sono definiti dalla loro composizione chimica con designazione che comprende quattro raggruppamenti, come segue: — il 19 raggruppamento & costituito dalla lettera distintiva U; — il 2° raggruppamento é un numero indicative corrispondente @ 100 volte il contenuto per centuale medio di carbonio; — il 3° raggruppamento comporta i simboli che indicano gli clementi chimici in lega, come © gik detto per gli acciai da costruzione per il gruppo 1°. -— i 40 raggruppamento ¢ composto da una o pi cifre affiancate che corrispondono alle re- gole indicate per il 3° raggruppamento del gruppo 1° (acciai legati da costruzione). 8 MareRiaLt MEccaNict §3. Esempi U 40 W20 ~ Acciaio al wolframio per utensili avente la composizione nominale caratteristica: carbonio 0,35-+0,45, manganese <0,50%, cromo 1,00=1,15%, wolframio 1,8=2,3%, vanadio (facoltative) 0,3%, silicio < 1,00%. U 50 WC 20 — Acciaio al wolframio-cromo per utensili avente le composizione nominale carat teristica: earbonio 0,45+0,55%, manganese < 0,50%, cromo 0,8-=1,2%, wollramio 1,8-=2,3%, silicio = 1,00%, U 52 ND 65 — Acciaio al nichel-molibdeno per utensili avente la composizione nominale carat teristica: carbonio 0,45~=-0,60%, manganese 0,6--0,9%, cromo 0,6~1,0%, molibdeno 0,4-0,6%, nichelio 1,2+1,6%, silicio < 0,30%, U 49 NDC 166 ~ Acciaio al niche-molibdeno-cromo per utensili avente Ia composizione nominale caratteristiea: carbonio 0,35~-0,45%, manganese 0,5-:-0,8%, cromo 1,5--1,8%, molibdeno +0,8%, nichelio 3,5--4,5%, silicio <0,30%, Categoria 38: Acciai fortemente legati con tenore di almeno un elemento legante maggiore del 5%. © gruppo: Acciai forlemente legati da costruzione. — In questo gruppo sono compresi gli acciai resistenti alla corrosione (spesso indicati come acciai inossidabili), quelli resistenti al calore (noti anche come acciai refratiari) e gli acciai ad alto limite di scorrimento a caldo. Tutti questi acciai sono definiti dalla loro composizione chimica secondo la simboleggiatura, come segue: — il 19 raggruppamento ¢ rappresentato dalla lettera X; 2° raggruppamento & un numero corrispondente al contenuto medio di carbonio, se- condo le convenzioni gia dette (ad es. per il 1° raggruppamento della categoria 28, gruppo 1°), -~ il 8° raggruppamento é costituito da sigle indicanti gli elementi chimici in lega ottenuti © disposti secondo le regole gid indicate per il 1° gruppo della categoria 2%, — i 4» raggruppamento costituito da una o pit cifre affiancate ognuna delle quali & otte- uta moltiplicando per uno il rispettivo tenore percentuale presente negli acciai con arrotonda- mento all'intero immediatamente inferiore. Esempi: X 10 € 18 ~ Acciaio inossidabile al cromo, avente Ia comiposizione nominale caratteristica: € 0,1%, Cr 13%; Ia composizione limite ¢: carbonio 0,08--0,14%, manganese 0,3-+0,5%, cromo 12-14%, nichelio (facoltativo) 0,5%, silicio <0,3%. X 10 CA 4 ~ Acciaio inossidabile al cromo alluminio. avente la composizione nominale caratte- ristiea: C 0,1%, Cr 4%, Al 1%. La composizione reale é: carbonio <0,12%, manganese 5.05%, cromo 3,5 5%, silicio 0,5 <, alluminio 0,9=1,1%. X 10 CA 48 ~ Acciaio inossidabile al cromo alluminio, avente la composizione nominale carat- teristica: C 0,19, Cr 13%. La composizione dell’acciaio &: carbonio < 0,12%, manganese £0,6%, eromo 12-14%, silicio 0, X 10 GN 188 ~ Acciaio al eromo nichel (per getti resistenti alla corrosione). Composizione no- minale caratteristica: C 0.1%, Cr 18%, Ni 8%; composizione limite: carbonio <0,12%, man- ganese <1%, silicio 1%, eromo 17,5--20%, nichelio 7,5--10%. X 10 CND 188 ~ Acciaio al cromo-nichel-molibdeno (per getti resistenti alla corrosione). Com- posizione nominale caratteristica: C 0,1%, Cr. 18%, Ni 8%, Mo 3%. Composizione limite: carbonio $0,12%, manganese 1%, silicio <1%, eromo 17,5--20%, nichelio 7, molibdeno 2,5~-3,5%. $3 Carrtoto I 20 gruppo: Acciai fortemente legati da wlensili. - Questo gruppo comprende gli acciaé rapidi ¢ semirapidi, definiti dalla loro composizione chimica secondo la simboleggiatura che segue: intive UX; — il 1° raggruppamento & costituito dalle lettere — il 2 raggruppamento & un numero indicalivo corrispondente a 100 volte il contenuto per- centuale medio di carbonio, come gia pitt volte detto; — il 30 raggruppamento comprende i simbolt indicanti gli elementi chimici in lega, come si & gia detto per gli acciai della seconda categoria del gruppo 1°; — il 4° raggruppaménto & composto di una o pitt cifre ajfianeate, ognuna delle quali é otte- nuta moltiplicando per 1 il rispettivo tenore percentuale del componente la lega presente nell'ac- ciaio con arrotondamento all'intero immediatamente inferiore. Esempi: UX 75 W 18 ~ Acciaio al wolframio per utensili avente la composizione nominale caratteristica: €=0,75%, W 18%. La composizione reale deve essere compresa entro i seguenti limiti: car- 80%, manganese <0,30%, cromo 3,5--4,5%, wolframio 17-19%, vanadio silicio <0,35%, UX 80 WV 18 ~ Acciaio al wolframic-vanadio per utensili avente la composizione: earbonio 0,75-+0,85%, manganese <0,3%, cromo 3,5-=-4,5%, wolframio 17-19%, vanadio 1,8-2,2%» molibdeno 0,5--1%, silicio <0,35%. Composizione nominale caratteristica: C 0,8%, W 18%, (V 2%). UN 80 WK 185 — Accisio at wolframio-cobalto per_utensili avente 1a composizione: 0,75-=0,85%, manganese <0,3%, cromo 3,5--4,5%, wolframio 17--19%, vanadio 1 ‘molibdeno (facoltativo) 0,5%, cobalto 4,55,4%, silicio <0,35%, Composizione nominale caratteristica: € 0,8%, W 18%, K 5%. Acciai al carbonio. — Vengono ordinariamente classificati in acciai al carbonio e acciai al car- bonio di qualita, in relazione alla percentuale d'impurita (essenzialmente fosforo; negli acciai eo- muni é P + S <0,20+-0,18%, negli acciai di qualita P-++S < (0,10+0,05). Negli acciai al carbonio sono inevitabilmente presenti anche silicio e manganese in piecole percentuali: tale presenza ¢ con- nessa alla pratica produttiva. In relazione al contenuto di carbonio gli acciai semplici sono spesso classifieati nel modo seguente: Acciai doleissimi © 6 2. ee ee (C = 0,05% =0,10%) Bobet fee efter es eee reer (C = 0,12%-=0,18%) Semi dole 2. ve ee ee es (C= 0,25%+0,45%) ind soso ate bees C06 %+0,75%) Durissimi . 6... cee ee C= 0,9 %+1,38%) Dagli acciai comuni al carbonio per laminazione a caldo si ottengono profilati, barre, larghi piatti, tubi, di uso assai comune nelle costruzioni meccaniche ed edilizie (vedi tab. 1*) (). Le lamiere di acciaio sono distinte dall’unificazione italiana in due categorie: lamiere con spessore da 4a 30 mm e pit e lamierini neri ricotti aventi spessori da 0,6 a 3,8 mm. Le caratteristiche meceaniche delle lamiere laminate a caldo di acciai sempliel sono riassunte nelle tabelle 2* e 3* desunte dalle UNI 815-816 ¢ 2633; le lamiere sono commercialmente fabbri- cate fino allo spessore di 100 mm, nella larghezza media di 1500-3000 mm ¢ con Iunghezze fino a 8000 mm, Le earatteristiche dei lamierini wnificati sono riportate in tabella 3*. €) Le tabell dalla 1* alla 46° esclusa la & (contraddistinte con *), sono inserite alla One del volume, 10 MATERIALI MECCANICI § 3. ‘TaBELia 8 Scalé di calibri per fili di acciai PROSPETTO DI RAFFRONTO DI ALCUNE JAUGES 0 GAUGES USATE IN PAESI ESTERT Francia Tngbiliersa Stati Uniti @america Brown & Sharpe Armecenn Sia age a Wie o's Cage saoge | Standara | Wire Gruge | (B88) us. |" twas e de'Parie | Wire Gauge | priv. : Goverment | Wathburn en's [J. de Ps] | (Imperial) C American Wire | Standard | (SW. G) | stubs’ tron Wire ‘Gauge ca awe xe [piam. | xe[ piam. | x | pio | ne | iam. |e] nian. | xe] pram. ~| — |e SE eee eee eee ee eb ee =) a | OE eet eee sete [Peete St teal sae Beg ete ee [ete ee et Saco ee eee eae estefan fe ce art toot eg SS eta eee eee eee eee Stee Steed =} 2 fs} so fz}ayz} = ZS) aye =| = fw] soe |=} 2) =} = =} is =} = | | Boe |= eee =)i/e x | om | se | tam |= a =) = |e =) om | | ote |= ete =) = |e & | oar | 3 | ola |= =] =} 2/8 et tte ees etree mae Spr Showy | | as] one f= oe Fis} oas/5e) omar] — | = | = | 2° Jae eet Piaf owe |=) "1 = | = | ae | one] 3 eee bia| 947 |o7| osar| a | ose | = |. AP | 36 wo | oan Pia} ons || O27) 2 7 ate 2) | se | oxo | = = % B | cas a8 2) one) 7 | cn = | ozs) = u m | cne a8! 2) 02" =. a | chao *) wt | oaser| = B eae 3 bal oa = =| cau = w| caso | a 2 al 7 S| sare! n moze ia at | Gao) * ae a) oat = ma | oxiso| x ot Fa 2) ome) 2] | a | ots = 20| osiss| =| = | a] ef = 2 OM) ae xe| cs) | Shes F = = po eae fe bees = R = See Pode =}or fh) aS =} = ze | can é 7 = " = as | cant pa Zt 2 a oe | ogo | = . x | cae Bye | a= tas = =} 2/2) =] = ia) oa |= = 26 | afte | 26 | cao | enw || 28° |= = ae ae eee aye lo] eat [as B oie = io | ope |") EY * = a | one | ose || = aay 2H 38 eae =| = }-] — [=] = -|- ey 0,584 =-{-42 23 _ ett a =i eee = B | os | 38 =] 243 2 2 | su | 2 me il §3. Capiroro 1 suite Pa oie Teantiterre | Staci Usttl @Awertea 1 1 | 1, roma & Share peta Biningtam | "BAS! ote a secure | Weeteoe | eS) | us [erage Jeng vie Gage | Case 23) | ctasint | wilt wis ont Cie ee) ttn wee | SRTHmET | Maar SPR ane on eae wee cam | ao, ea os we) pian. | 5 xe] pum. | x | pam [xe] bam | x | bom HEELS a | oma | 20] os 22) ome| 2s | oat =] sie fa m | eats | 20 | care fan) ores | 31 =] =] <1 os |= wm | ome | io | oma (33! $88 | 2 Peete teeter io] $6 | | gee [Rp ome) Serial ele we] aa | 2 =) i] 3) ola w| ze | & 8] BR) ==] a) 8/2 wy aes | ee re ety a | am |e eee eee =) = |a} 8 j2 ese Bal al Ge =] S/R] Ble wom | ee ite fcc Spee ie ee ee Bl els) = = fig] ie lis] sae | is | ame | Rl tla] se =] =] 8] 4 epee] Ss) 8 reece SPE rE eet eee ee eee eee eS leetii =} ja} a sy Sfp we ys Siri ieee leer aan | 1s ZPo fel a2] a] ae |e am) w]e =|] =] 8) [= 8 | ae] S Sere eee lees iad oile aie ia =} a} om SE EeeeeeEe eget a| awe | = | am| 2) 2 Sead eiels ms a) ame) = =) Zales |e a | ame | 2 i| ses| a eee etl cr eer dak 2 Eos ta{tiant| w-| sau] 2 2] asm | ie faired eae a1 ls eels rela fenll 2] SR a 3] amo | 8 ee ee ee 3] ag] f See ae ee a ote oe gare (tar my oa one od bee Ep eile i i =]= lala l4]87] a] ae] f 7 c Siler fae fas meee 7 3 =| 2/2) % [2] ).a] se | = ri a =] = fas] Se 1G] sas PS] "|S i oad a nd re 7 3 =] = ]a] & a) em ft] 3 i Sy Ee oe eet e |ctaies ist iaets 7 - =| i]s a] aa | 2] : eae eee i ; =| = ae} ae [a] sam] 2] Fes = 3 =| =] 8] [a] rm | | 4 7 7 =| = |x| a |e) sam = a ie =] =] 8] 8 28) ian in eee =] = |B] [apy ass] 2 | se in in| sai =] =] By fe) 9 | Te Ff ee =| = |i] aw. Javlioawe | | an i | s090 =] =] 2) & fae}ine | = |S 7 ue | 3890 Set ee ee eee ee wo so | soa =] = [=] = [epee | se ie ae | 0 Spee octet et tae - ae] uses =) =]=] = Jasluse | @ a ee =} = 45) = pRlae P=] = fo} = |g ete 12 MATERIAL MECCANICT §3. Le lamiere bugnate di acciaio impiegate nelle costruzioni meccaniche, navali, ecc. come ele- menti strutturali, protettivi o decorativi o per pavimentazioni sono di solito in Aq 34 e sono prodotte con bugne, a losanga forata, a rombo 0 tonde, estese a tutta la superficie della lamiera ‘oppure a zone limitate, con bordi piani lisei. 1 formato normale & 1000%2000 mm, con spessori da 0,8 a4 mm circa: il formato massimo é di 1500x3000 mm. T nasiri d'aceiaio provengono da laminazione a freddo, hanno bassi tenori di carbonio (e ‘sono spesso percid commercialmente chiamati nastri di ferro); vengono forniti di durezze diverse fa seconda del loro stato (crudo, semicrudo, semidolce, dolce, doleissimo, doleissimo per stam- paggio profondo) per spessori da 0,2-1,5 mm. Le latte o bande stagnate (con spessore dell‘ordine dei decimi di mm e con protezione per mezzo di un velo di stagno) non sono state sinora oggetto di unificazione. Le lamiere debbono essere preferibilmente utilizzate in modo che li sforai agenti su di esse jano orientati secondo direzione parallela a quella che Je loro fibre acquistano nel processo di Jaminazione. 1 lamierini dolci ed extra doici per stampaggio a freddo ed imbutitura profonda ed extra pro- fonda (al tornio ed al martello), sono distinti in generale dal numero indice della profondita di im- butitura raggiungibile (prova Ericksen mediante sfera det g 20 mm su lamierino avente lo spessore i 1 mm), Tale profondita varia da 5 a 11 mm su materiale normalizzato, con R = 30-40 kg/mm? ed allungamento A, = 22-30%. I lamierini in acciaio semplice da stampaggio a freddo aventi spessori da 0,3 a 1 mm escluso sono unificati secondo UNI 3145 ¢ sono distinti dalle sigle C7 ({, II, If, IV) rispettivamente per: stampaggio medio, stampaggio profondo, stampaggio profondissimo e stampaggio profondissimo con difficolta particolari. Dimensioni e tolleranze secondo UNI 3146. (vedi tab. 4°). Si rilevi che ‘in questa tabella @ indicata non solo la prova di piegamento, ina anche la prova di imbutitura se~ condo Ericksen (UNI 3037). Gli acciai per nastri in acciaio semplice laminati a caldo sono unifi- cati secondo UNI 3143: le dimensioni normali c le tolleranze sono indicate in UNI 3144. T nastri i acciaio al carbonio laminati a freddo, prodotti con acciai a basso tenore di carbonio per ridu- zione di spessore da un laminato a caldo sono forniti allo stato: crudo (duro), semierudo (semiduro), mezzo dolee, dolce, doleissimo, doleissimo per stampaggio, secondo UNI 3351. Per tubi normali si impiegano acciai al carbonio secondo UNI 663 (vedi tab. 5*); per strut- ture saldate si usano acciai al carbonio legati secondo UNI S116 (vedi tab. 6. Per chiodi da ribadire si usa il tondo greggio di laminazione secondo UNI CUM V/21 (vedi tabella 7*). Per V'acciaio semplice in vergella 0 bordione, cio’ tondi laminati a ealdo da 95,2 ag 16 mm generalmente utilizzati per Ta trafilatura e di regola forniti in rotoli, si impiegano gli acciai di cui alla UNI 3033. Tali acciai al earbonia, sono dei consueti tipi commereiali, comune e di qualita: vergella e bordione vengono, di solito, forniti allo stato grezz0 di laminazione in rotoli di peso tra 30 ¢ 90 kg. Il filo comune d'acciaio (detto filo di ferro) & ottenuto per trafilatura a freddo ed impiegato per applicazioni correnti (legature, imballaggi, usi agricoli) oppure per la fabbricazione di prodotti derivati come punte, broceame; reti metalliche, fli spinati ecc.; & fornito di solito allo stato crudo, dolce o ricotto (vedi UNT 3598), nudo (lucido, nero, biauco) o rivestito (zincato, ramato, stagnato, verniciato ecc.). Il diametro dei fili é stabilito da varie scale (Jauges e Gauges) in uso presso pacsi stranieri 0 secondo UNI 467. La tabella 8 riporta il prospetto di raffronto fra le pitt importanti ¢ conosciute scale straniere. I trafilati di aceiaio in barre (semplice, speciale al carbonio, 0 legato) sono ottenuti mediante stiriamento a freddo attraverso ad una matrice, con conseguente incrudimento che conferisce al materiale laminato a caldo particolari éaratteristiche di finitura superficiale e tolleranze di dimen- sioni pit strette. Normalmente i materiali sono forniti allo stato crudo con tolleranze: h 11 (trafilato comune) ed h 8 (trafilato di precisione). T trafilati che hanno subito trattamento termico (di rinvenimento, ricottura, bonifica, ec.) 1B $3. Carrroto 1 sono forniti soltanto con tolleranza h Lt (vedi UNI 3139), Le barre vengono di regola fornite in lunghezza commerciale da 2,5 a 4 m. Le qualita di uso corrente di acciaio al carbonio, fornito allo stato crudo o ricotto, sono indicate in UNI 3596. Le caratteristiche degli acciai al carbonio per barre trafilate di uso corrente sono indicate in UNI 3596; le caratteristiche meceaniche degli acciai al carbonio (ordinarii e speciali) in barre tra- filate destinate ad applicazioni con particolari esigenze sono riassunte in UNI 3597. Gli acciai al carbonio non possiedono una penetrazione di tempera molto elevata, percid non sono impiegat’ per grossi pezzi notevolmente sollecitati, anche se del tipo cosi detto «calmato» che ha maggior pe- netrazione di tempra, ma a parita di durezza, una resilienza pit bassa. Fra gli altri prodotti siderurgici per impieghi particolari vanno anche citati: gli acciai al car onio casi detti non invecchianti (tuttora non unificati) impiegati per imbutitura profonda (per bos- Soli) © per focolai di caldaie e parti che devono resistere all'invecchiamento. Sono in generale acciai normalizzati ‘con .R = 34-42 kg/mm; Ag = 25%+-30%; K = 18-24 kgmjemt e dopo invecchiaménto K = 8-14 kgm/em*; tipi speciali per trafilati ad alta resistenza, molto tenaci, normalizzati, raggiungono R = 45-55 kg/mm?, 5 —= 23 kg/mm*; Ay = 24% con contenuto di cearbonio 0,20% +-0,25%, Nella produzione di traflati s'impiegano acciai al carbonio (non unificati) che si distinguono generalmente in base alla composizione chimica, pitt che in relazione alla resistenza; questa, per materiale normalizzato, vale R = 50--100 kg/mm? ed i contenuti in carbonio ed in manganese valgono rispettivamente. 0,40+0,90% e 0,35--0,65%, La tabella UNI S 3543 comprende aeciai semplici al carbonio ad alto li in prodotti laminati a caldo (semilavorati, profilati, barre e larghi piatti), Tali acciai contengono quantita di elementi in lega la cui scelta @ lasciata alla liberta del fab- bricamte con I'unico vincolo per il contenuto di carbonio e per le impurita (zolfo pit fosforo). Acciai dello stesso tipo per strutture saldate, sempre in prodotti Jaminati a caldo, sono riportati in UNI 3544. 1 lamierini magnetiei per macchine clettriche (non unificati) sono normalmente divisi in tre per dinamo (spessore attorno a 0,5 mm) con perdita massima di 3,6--2,6 watt/kg, per mac- chine rotanti con basse perdite nel ferro (legati al silicio, spessore dell'ordine 0,5--0,35 mm) con perdita di 1,6--1,3 watt/kg ¢ lamierini speciali con spessore 0,4-+0,35 mm a bassissima perdita (1=1,3 watt/kg) per trasformatori. Si impiegano allo stato ricotto, ed ¢ prescritto normalmente il yhumero di piegamenti consentiti (10-8 a seconda dei tipi per lamierini dinamo, 2 per lamierini i trasformatori). Fra gli acciai semplici al carbonio unificati sono compresi gli acciai da fucinare (tabelta UNI 673 come da tabella 9°), Circa il loro impiego conviene ricordare che essi hanno una modesta penctrazione di tempera. Gli acciat specialé da cementazione (tabella 10* da UNI 2953) comprendono gli acciai al car- onio e gli acciai al cromo-nichel. Gli acciai al carbonio (C 10, C 15) presentano, rispetto agli acini speciali, due caratteristiche che ne limitano Timpiego: @) elevata velocita critica di raffreddamento, che rende impossibile di temperare in pro- fondita pezzi di spessore notevole; 2) fragilita assai maggiore di quella di acciai di pari durezza legati con elementi special. Negli acciai legati da costruzione le aggiunte di nichel, cromo e molibdeno aumentano in misura notevole i valori caratteristici R ed s ed elevano la resistenza all'usura, la resilienza, la pe- netrazione di tempera, consentono un trattamento termico relativamente semplice con minore tischio di deformazione e rotture; negli acciai da cementazione, il « cuore » sotto lo strato cemen- tato ha pure una resistenza molto clevata, La fabbricazione di questi acciai richiedeva perd durante la guerra, un forte consumo di ele- menti leganti di provenienza estera 0 comunque di difficile approvvigionamento; sono percid stati studiati e messi a punto acciai cosiddetti autarchici ¢ di sostitusione da impiegarsi in luogo dei Precedenti, che in generale rispondono alle normali esigenze d'impiego. ite di snervamento, 4 Marentant meccanrcr 43. E utile rilevare che la scelta di un acciaio pregiato deve essere fatta con molta attenzione in relazione alle caratteristiche che si vogliono conferire al pezzo, alle sue dimensioni, al costo di produzione, ecc.; Ia scelta di un acciaio di sostituzione deve essere ancora pitt oculata dosando Dpportunamente i trattamenti termici in relazione alle caratteristiche costruttive del pezzo. Cid alo scopo di evitare difficolté od insuccessi (rotture 0 eecessivo cimento del materiale dovuto a tensioni interne provocate da diverso regime di velocita di riscaldamento ¢ raffreddamento netle varie zone del pezzo per variazioni notevoli nello spessore, ece.). Infine & necessario esaminare ac- Guratamente le attitudini dell'acciaio scelto a resistere alle sollecitazioni dinamiche. La valuta- Gione del cimento a fatica consiglia spesso di modificare il disegno della forma del pezzo per quanto riguarda la distribuzione del materiale, il tipo di raccordi, Ia distribuzione di fori, intagli, loro on xtawma aanaenla 3 metla ai eliminare ogni enncentrazione di sforzi su sezioni che costi- §3. Caritoto 1 denominati mangano-silicios), acciai al cromo o ai nichel-cromo-molibdeno. Gli acciai legati pre- sentano il vantaggio di una migliore temprabilita, particolarmente utile nel caso di molle di di- ‘mensioni relativamente grandi. Cosi, ad esempio, oltre gli 8 mm di diametro, gli acciai per molle al carbonio possiedono un potere temprante insufliciente per sviluppare nel cuore le caratteristiche meccaniche che acquistano in superficie mediante la tempra. Gli acciai speciali al cromo-vanadio ed al nichel-cromo-molibdeno temprati presentano, sotto questo aspetto, una costanza di proprieta superiore agli acciai al silicio-manganese ('), La prestazione degli acciai per molle viene grandemente migliorata curando la uniformita della loro superficie, T'assenza di decarburazione ed eliminando ogni benché minima serepolatura ‘superficiale. La pallinatura esalta le proprietd meccaniche degli acciai per molle specialmente nei iguardi della resistenza prolungata a fatice. La pallinatura induce (*) una sollecitazione residua di tensione nella zona sottostante alla su- perficie pallinata ed una sollecitazione residua di compressione nello strato superficiale pallinato, Ne segue un aumento notevole nella resistenza alla sollecitazione a fatica, con effetto maggiore sull'acciaio duro ¢ bonificato. I! sistema & largamente impiegato per il trattamento delle molle ad slica, a batestra ¢ di organi meccanici molto sollecitati (assi a gomito, bielle, barre di torsione, grossi ingranaggi, parti di armi, ece.). Le molle per impieghi speciali che lavorano, ad esempio in ambienti corrosivi, ad alta ed a basa temperatura, non si costruiscono in acciaio al carbonio od in acciai legati, ma in monel, aeciai inossidabili, ece. (. Negli acciaf resistenté alla corrosione ed al calore (tabella 13+) Vaggiunta di elementi speciali conferisce na particolare resistenza a quel complesso di fenomeni distruttivi che si iniziano alla superlicie di un organo metallico attaccato sia dalla azione dell'atmosfera temperatura ambiente, ssia dall’ossidazione ad alta temperatura o da liquidi o gas particolarmente aggressivi (acidi, acqua mare, soluzioni saline calde, ce.) 0 per effetto di correnti impresse, ed infine da una o pid di tall azioni (). Si distingue di solito 1a corrosione dei materiali metalliei a contatto con soluzioni in corrosione per microelementi galvanici e corrosione per macroclementi galvanici. A tali fattori corrosivi si devono aggiungere gli effetti di sollecitazione dovuti a sfor2i applicati alla struttura od all’organo meccanico in modo continuo od intermittente, a carattere statico 0} pure ripetuto, del tipo delle soltecitazioni a fatica. Ne bisogna sottovalutare I'effetto delle solleci- tazioni dovute a tensioni interne quali incrudimenti ¢ dilatazioni termiche, che possono cooperare con i varii fattori di corrosione di cui sopra. La corrosione per correnti impresse pud verificarsi quando un elemento metallica a contatto ‘eon una soluzione o con un solido umido é pereorso da corrente elettrica la eui origine é fuori del -corpo stesso, come avviene normaimente per le correnti disperse che seguano un circuito parallelo al cireuito principale che dovrebbero percorrere. In generale le correnti impresse che provocano fenomeni di corrosione sono correnti continue, benché anche le correnti alternate possano provocare gli stessi fenomeni e modificare 'andamento () H. G. Keevson: Aciers aw onsbone ef aciers speciouz pour restorte formés chau. + Revue du Nickel», 194%, 2° trimestrs, p. 27-28; Semines: The applleations of Nickel Alloy Matetals, « Metal Industry 5,25 novembre 1940, DP. ABI-4545"E. 7. Berewen: Alloy Spring Stel. «Trans. of the ASME», vol. 40, 1948, p. 365-280. (1) Ais J. 0.: «Product Enginesting , nov. 1950; Forrr 0.: « Automobiitechnische Zeitschrift», vol. 45, 1. 12, 25 glugno 1942, pagg, 921-925; Suor’ Pekwino: American Wheetabrot Corp, Mishawaka, Tn” diana’ U.S.A, 1947 con ampia bibliografa; A. G. Loran: Le + Shot Peentng’ des ressoris en acier. «Revue Generale de Mécanique, ottobre 1960, ‘page. 0) G. V. Prexwat: Monel Metal Springs for high Temperature « Inco», vol. VIII, n. 3 (International Nicket Go, Ine., N. ¥.): H.C, R, Cantson; Stainless Stes for Springs, » Produet Englnecring », XVII, magglo 1947, PARR. 103-106'e giugno 1947, pagg. 153-156; , F, Waist: New uses Jor Cobaithave Spring Alloy. +Metal Progress Aicembre: 1948, pags. 88-810, () The corrosion Handbook. Pubblicato sotto Wiley and Sons, Ine., New York, Chapman and Hall ity and Protection, Edwards Arnold & Co., Londra,’ 1997; Rurren F.: Korvoelons Tabellen mefascher Werkstoff, Soringer, Wien, 1952: CA. Zapven: Stained Stel. Am, So. for Metals, 1040; H. H. Untia™ The-Gorrovion HandBok- Wiley & Sons, New York, ‘auspici della Electrochemical Soe., Corrosion Diviston, John Ltd, London, 1948; V. R. Evans: Metalfe Corrosion, Past 16 Mareriatt MECCANICI 53. della corrosione provocato da correnti continue, specialmente se le corren pongono alle correnti continue. La corrosione spontanea di materiali metallici é dovuta a formazione di microclementi galva- niet, perche la soluzione od elettrolita si scinde sino ad un certo punto in joni positivi e negativi. Gli ioni caricati positivamente (di solito idrogeno) nella soluzione conduttiva perdono Ie loro ea- riche elettriche, che vengono cedute al metallo od alla Jega che passa in soluzione o sta corroden- dosi. Accumulando cariche elettriche, il metallo funziona come un anodo e gli ioni idrogeno, che le perdono, rappresentano un catodo. Si forma cosi una pila elettrica che abbandona gli ioni quando si chiude il circuito, proprio come in una pila a secco Io zinco si consuma quando la pila si scarica (). Nel fenomeno della corrosione il passaggio dell'elettricita pud aver luogo in pile localizzate, che si formano in determinate zone di una superficie metalliea, oppure tra due metalli differenti o tra un metailo ed un sale. Le dimensioni delle zone anodiche e catodiche, come pure la distanza che Je separa, sono molto piccole (minimo 0,1 mm). Le occlustoni, segregazioni, fasi precipitate, eterogencita struttu- rali e eristallografiche, bande di scorrimento, ossia eterogeneit’ microscopiche del materiale me~ tallico, ovvero porosita, erieche (cio® discontinuita microscopiche degli eventuali_stati rico- prenti come ossidi, rivestimenti metallici, ecc.) determinano la formazione di micro-clementi galvanici. La formazione di macro-elementi galvanici ¢ dovuta ad eterogeneita macroscopiche del materiale (per incrudimento con segregazione, inclusion macroscopiche, interruzione di strati su- perficiali, ece.) 0 derivanti dall'accoppiamento di materiali metallici diversi, oppure per eteroge- neita della soluzione dovute, ad esempio, a condizioni fisiche diverse (temperatura, velocita) op- pare a diflerenze di composizione chimica, di pH dei gas disciolti nella soluzione. Tale eteroge- neitd pud essere causata © mantenuta dai sedimenti, dallelfetto delossigeno atmosferico su zone varie del materiale metallico, ccc. Naturalmente le condizioni di attacco possono variare a seconda delle condizioni a cui tro- vasi esposto il materiale (bagnato, immerso, colpito dalla soluzione corrosiva) ¢ dalle condizioni fisiche della soluzione stessa Le caratteristiche meccaniche degli acciai resistenti alla corrosione ed al calore devono essere attentamente esaminate per vagliare se rispondono alle esigenze delle sollecitazioni a cui sono sot- toposti nelle condizioni di impiego, tenendo conto fra queste anche di quelle detivanti dalla tempe- ratura e prendendo percid in considerazione il valore del coefficiente di dilatazione (come avviene ad esempio, per le torri di grande altezza per uso chimico). Non si deve trascurare l'influenza di eventuali fenomeni galvanici quando si impiegano metalli diversi posti a contatto in una soluzione corrosiva, né lazione del vuoto, che pud privare il materiale deli’ossigeno dell'ambiente, richiesto per mantenere la sua passivita, in quanto Possigeno esercita un'azione favorevole sul comporta- mento degli acciai inossidabili in ambienti molto corrosivi. Dal punto di vista del disegno delle ap- parecchiature ed organi meceanici sottoposti a corrosione, & bene ridurre la possibilita di un'even- tuale localizzazione della corrosione in zone a configurazione tormentata, tasche, cavita, ece., ridu- cendo nel contempo al minimo indispensabile le saldature ed intervenendo con trattamenti termici appropriati @) allo scopo di ridurre le tensioni interne e ripristinare le doti di passivita del metallo di apporto, Le operazioni di stampaggio 0 di laminazione a freddo non diminuiscono generalmente la resistenza alla corrosione, Si deve infine considerare Veventuale influenza del materiale sul pro- dotto in lavorazione (specialmente nelle industrie alimentari) per evitare la contaminazione do- vuta ad impurita metalliche che si trasferiscono nelle soluzioni in trattamento. Il nichel ed il cromo sono i principali agent passivanti dei cosiddetti acciai inossidabili, che comunemente si distinguono in due classi, quelli contenenti solo cromo quale unico principale ete- alternate si sovrap- (0) Yedt Biaxcna Gy: La corrostone dei meta. «Att del Collegio degit Ingogneri al Milano », n. 5-6, 1956, p. 165. (°) Boss, Hi: Some Effect of Welding Cyeles on Heat Corrosion-Resisting Steels. + Metallurgia , 1947, XXXVI, 197-144, 198-300 uy $3. Caprrone 1 mento di lega e quelli contenenti nichel € eromo; in entrambt i casi possono essere presenti altri clementi aggiuntivi (), come il manganese, il silicio, il molibdeno, il titanio, eee. I cromo é Velemento di lega fondamentale per produrre la passivazione degli acciai inossida- Dili, ossia la proprieta peculiare di resistere all'arragginimento ed alla corrosione, Siccome le con. joni ossidanti favoriscono Ja passivazione, i mezzi ossidanti provocano nelle leghe ferro-cromo luna resistenza particolarmente elevata, mentre agenti fortemente riducenti (come gli acidi clori rico ¢ fluoridrico) provocano immancabilmente attacco. Gli joni negativi del cloro esplicano una caratteristica azione distruttiva degli acciai al cromo. 1 nichel é Velemento di lega anch'esso di grande importanza, in quanto eleva la resistenza alla corrosione degli acciai a cui & aggiunto assieme al cromo rispetto alle soluzioni neutre di clo Furi ed agli acidi con deboli capacita ossidanti, Esso inoltre migliora notevolmente le caratteri- stiche ‘meceaniche e di saldabilita. Ni motibdeno estende in generale il campo di passivazione ¢ migliora la resistenza alla corro- sione specialmente agli acidi solforico e solforoso ed alle soluzioni neutre di cloruri, compresa Vacqua marina. Il silicio, im tenori alti, migliora la resistenza all'ossidazione alle alte temperature. Liaggiunta di fitanio e di niobio negli acciai inossidabili austenitic evita 'attacco intergranu- Jare, come avviene con la riduzione del contenuto in carbonio, impedendo la precipitazione di Particelle di carburo di eromo durante il risealdamento (ad esempio per saldatura) ed il raffred- damento. Con miglior criterio tecnico gli acciai inossidabili possono essere divisi in base alla loro com- Posizione chimica ed al comportamento nei trattamenti termici in tre grandi gruppi principall: — acciai al cromo, temperabili, od acciai martensitici, ‘acciai al cromo non temperabili, 0 ferritic, — acciai al nichel- we 10008 2. 1,8541,7 > . » » » M5... 123-139 > ‘Tali carichi diminuiscono Der Ie leghe all'alluminio senza nichel (come in tabella 13%), meno per le leghe ferro-cromo-alluminio contenenti cobalto (come il Kanthal). Le modalita di esecuzione delle prove di scorrimento viscoso, con la determinazione dell'al- lungamento plastico che il materiale subisce nel tempo a earieo ¢ temperatura costanti, per acciai e leghe (ad es. nichel-cromo ¢ simili) resistenti ad alta temperatura sono indicate in UNI 3272. Per getli che devono resistere a caldo si usano acciai speciali al carbonio ed al cromo-mo- libdeno: tre tipi di acciai di questo genere sono riportati in UNI 3608, Esistono molti altri acciai per getti ¢ resistenti a caldo, specialmente per applicazioni riguardanti gli impianti di raffinazione del petrolio. Fra gli acciai speciali, per i quali non v'é finora aleuna norma di unificazione, si devono ri- cordare gli acciai per magneti permanenti. Sono in generale acciai al cromo, al tungsteno (6% 8%) 0 al cobalto (10%--35%) nei quali & notevolmente esaltata la forza coercitiva, Servono per la costruzione di campi magnetici molto intensi. Si usano a tale scopo anche le leghe ferrose com- plesse al Ni (25%+30%), Al (9% =13%), Co (5% +10%) o pits semplici al Ni (24%+28%) € Al (12%+10%) note sotto il nome di Alni, che sono perd lavorabili con difficelta. Successivi miglioramenti alle leghe Alni sono stati introdotti incladendovi il ecbalto (acciaio Alnico) e pitt recentemente gli acciaiy Alcomax (I, If, TIT, IV) del tipo anisotropo (*). Queste leghe hanno una forza coercitiva di 700-770 Oersted, pari a 10 volte la forza coercitiva degli acciai al ‘tungsteno e Ia conservano fino a temperature d’esercizio di 200-250 °C. Non sono lavorabili alle macchine utensili e di solito la giunzione ai gioghi nei magneti viene ottenuta mediante bulloni, altraverso fori ottenuti con anime direttamente inserite nella fusione, per brasatura (°) con attrez~ zature ad induzione-ad alta frequenza, operazione resa possibile per le piccole perdite di magne- tismo, Le dimensioni dei magneti sono state motto ridotte, soprattutto in considerazione delle minori lunghezze richieste, con sensibilissima diminuzione di peso e volume, a eui corrisponde anche una perdita minore per effetto della minor superficie. ©) E, J. Brannon ©) K. Hoseurra ea vol, 62 B, pp. 163-70. ©) B.' Hansen: Induction Bracing Methods applied to Permanent Magnets. « Metalargia pp. 3656, lecrical Resistance Healing Materials, «Revue du Nickel», 0. 4, 1988. MeCasio: Cause of Anisotropy in Permanent Maynet Alloys. » Proc. Physical Soe. », 1949, 1949, vou. 40, 21 $34. CarrtoLo I Non sono unificati gli acciai ad alto tenore di michel (30-48%) legato al ferro od al ferro- cobalto (Co fino al 17%) che hanno bassissimo coefficiente di dilatazione (acciai Invar, Nilo) im- ti per questa loro proprieta nei pendoli di orologi, termostati, calibri di grande precisione, ¢ strumenti scientifici Acciai al carbonio per getti con particolari caratteristiche magnetiche sono unit da tabelle UNI 3593 S. Acciai per gelti. Gti acciai semplict per getti sono unificati secondo UNI 3157-3158 (tabella 17*). Gli acciai speciali per gelti resistenti al calore, all'usura, ed alla corrosione (!) sono unificati secondo UNI 3159-3160-3161 (in applicazione sperimentale; vedi tabella 184), Leghe per alte temperature. I continui progressi nella costruzione delle turbine a gas di scatico, turbine a combustione in- terna e dei reattori hanno condotto all'impiego di materiali aventi elevate caratteristiche mecca- niche a calde per un lungo periodo di tempo. Questi materiali @ devono resistere a temperature dell'ordine di 750--850°C, sono sotto- posti a cimenti meccanici assai diversi secondo I'impiego (camere di combustione, ugelli, paletta- ture, dischi di turbine, ece.) e devono avere spiccate qualita di resistenza alla corrosione da parte ‘dei gas. Essi devono conservare il pid a lungo possibile Ia loro resistenza malgrado Veffetto di de- formazione plastica del reticolo cristallino dovata al'alta temperatura, L’alterazione della strut- ‘tura dei materiali si manifesta essenzialmente cot noto fenomeno dello scorrimento, per cui si usa esprimere la resistenza meceanica di questi materiali speciali considerando @) non solo Ia loro pro- prieta a temperatura ambiente o ad alta temperatura di riferimento (ai solito 650 © 860°C) ma anche la loro resistenza allo scorrimento a temperatura elevata dopo 100, 200, .. . 1000 ore. La re- sistenza a fatica (), alla corrosione ed ossidazione ad alta temperatura non definiscono in modo completo le caratteristiche di questi materialise non si tiene conto della loro saldabilita, fucina- Dilita o fusibilita, lavorabilita a freddo, ecc., qualita tutte che ne individuano la possibili piego nei varii campi di applicazione. Secondo le pid moderne tendenze questi materiali si suddividono in tre gruppi: Gruppo A. — Comprende gli acciai inossidabili di tipo austenitico con buona resistenza a ‘caldo, lavorabili alle macchine utensili, ed impiegabili per temperature inferiori a 650°C (*), con contenuto sino al 70% di ferro. Questi acciai hanno.clevato contenuto di nichel ¢ eromo eon ag- €) Clr, Date on Corrosion and Heat Resistand Stels and Alloys, Wrought ard Cust, +A.S.TM.», Special Technical Publication, n. 52/A, magglo 1950, €) Conk F. Hu: Metals as High Temperatures. Waverly Press. Baltimore, 1950; GRANT N. Jo, FREDERICKSON ALF, Tavion M. E.: A Summary of Heat Restaent Alloy from 1200% F to 1800 F. « Iron Age», Vol. 6, 18 marzo, 8 aprile 19 aprile 1948; Pren. L. B., Auten N. P. and Conway C. G.: Sympostum of High Temperature Steet and Alloys for Gas Turbines. «ron and Steel Tass, febbraio 2951; Onaven D. A. and Hannis G, T.: Symposium of High Temperature Steels and Alloys for Gas Turbines. «ron and Steel Inst», 1951; "Kinay H. W.: Manajacture of Gos Turbine Blades. vMetal Treatment », tebbralo 1952, pag. 61. @) Sixornieo W.: Les essas de fluage ef leur rBle dane la construction des (urbines & gar, «Revue Technique Sulzer, n. 4, 1848, pag. 21-94; "Tavascr B.: Sulla delerminacione det limite a iscosilé det meal. « Ricerche: dl Ingegneria’, gennalo-febbralo 1936, pag. 8; Nowwaw 5, Mott: Limiting Creep and Desfgn Stresses, « Metal Progress», otfobre 1956, pag. 406 B. « Metal Progress», novembre 1951, pag. 80.3. () Fevrnan Pa: Fatigue in Metais, A'trticl Survey of recent Research and Theortes. Iron and Steel», ottobre 1048, pag. 421; “Evans C. T. Jr.: High Temperatures Alloys for Dynamic Loading. « ron Age», giugno 1944; Rex- owns E. E., Finmewa J. W. and HE, Waare: Heal Resistand Alloys for Gas Use in Jel Engines. « Journ. Aeron. See», dicembre 1947, ©) Ouvan D. A. and Hanns G. Ta: High Creep Sirenght Austenitic Steets for Gas Turbines. + Engineering », 120 giugno 1947, pegg. 822-536, 22 MATERIALI MECCANICE ga giunte di molibdeno, tungsteno, titanio, columbio: appartengono a questo gruppo Te note leghe 547, 19/9 DL, Columbio, Gamma, Timken 16-25.6, G 18 B (). Gruppo B. — Comprende leghe lavorabili alle machine utensili la eui resistenza alle alte temperature pud essere migliorata mediante trattamenti termici opportuni, con impiego fino 790-740 9C. Fanno parte, ad esempio, di questo gruppo i seguenti tipi di leghe i Nimonic 80 (*), Inconel X @), Inconel ¥, Hastelloy B, Multimet, K 42 B. Grappo C, — Comprende leghe ai cobalto con altti elementi speciali; non sono lavorabili alle machine utensili e sono impiegate per ricavare di fusione palette di turbine a gas. Sond’ com- prese in questo gruppo: le varie stelliti della Haynes, il Vitallium, le leghe X 40, 73, 73 J, eve impiegate per temperature di 850--875 °C con una certa preferenza () per una maggior vita nelle prove di lunga durata rispetto alle leghe del gruppo B, tuttora preferite dall'industria inglese. Nella tabelia 19* sono riportate le principali caratteristiche @®) di questi materiali. [Ai prevedenti tipi di materiali si devono aggiungere, come stadii successivi di sviluppo, ma- teriali:non metallici, costituiti da miscele refrattarie ¢ noti come maferiali ceramicé e Ie combina- ioni di metalli e materiali ceramiel ottenuti col metodo delle polveri (sinterizzazione) e denomi- nate cermets(), I materiali ceramici sono esternamente fragili e molto sensibili agli sbalzi di tempe- ratura, caratteristiche negative che ne limitano grandemente I'uso malgrado siano superiori alle superleghe per resistenza meccanica a caldo resistenza all'ossidazione. I cermets sono meno fra- ili, resistono bene agli sbalzi di temperatura, ma poco agli urti ed all’ossidazione: profonde inda- Gini sono in corso (specialmente in America) per migliorare questi nuovi tipi di materiali che si presume possano essere notevolmente migliorati. Gli aceiai per ulensili unificati secondo UNI 2955 in applicazione sperimentale sono raggrup- pati ordinariamente con diretto riferimento ai tipi prodotti da varie acciaierie nazionali in, tab. 20%. Gli acciai per utensili al carbonio non contengono alcun elemento di lega in percentuali tali da influenzarne le proprieta: questi acciai sono molto puri ed omogenei ed atti ad assumere con Ia temn- pera una durezza superficiale vitrea, pur conservando il cuore tenero. Il contenuto massimo di ‘carbonio per ottenere una durezza sufficiente & 0.45%; al disopra di 1,6% di carbonio gli utensili risultano troppo fragil. Riscaldamento e tempera di questi acciai devono essere eseguiti con scru- polosita per evitare i difetti pit comuni (per bassa temperatura, per surtiscaldamento, decarbura- zione o cattiva scelta della temperatura di tempra in relazione al contenuto di carbonio). Quasi tutti gli acciai legati per utensili contengono pit elementi di lega, i quali non sommano le loro specifiche propricta, ma Je esaltano in seguito alla loro mutua azione. Ad esempio il silicio ‘aumenta la durezza dell'acciaio, ma anche la sua fragilita; percid gli acciai al carbonio per uten- sili, devono contenere percentuali basse di silicio, perché altrimenti con la ricottura si corre il rischio di avere formazione di grafite rendendo inutilizzabile il materiale. TI manganese produce una maggiore capacita di tempra: il suo contenuto & modesto in aceiai ad elevato contenuto di carbonio per il pericolo di formazione di cricche con la tempera in acqua. Gili acciai indeformabili all'1% di carbonio, temperabili in olio, hanno un contenuto in manganese di 1+2%, Il manganese favorisce il surriscaldamento. () M. G. Forrana‘e W. B, Lasuay: Mechanism of the rapid ozidation of high femperature high strenght alloys ‘containing molybdenum. «Trans. Amer. Soe, Metals», 1949, XLI, p. 12134263. {@) The Nimonie Série of Alloys, Their Application to Gas Turbine Design, «The Mond Nickel Company», London, 1950;" Hirencocx J. 0.1 Le leghe Nimonie per turbine « gos ¢ per altre applicasiont industriail, Revue de Ia Société Belge det Ingenious et Industriel», n. 9, 1954. @) Inconel X-~ High Strength, High Temperature Alloy. «The International Nickel Co. », New York, 19495 Inco- el - An Accoun of its Properies, Typical Uses and Fabrication. Hi, Wiggin © Ce, London, 1849; «Il Nickels, n. 45, agosto 1953, pag. 1. () Swamy W. O. and Marres H. L.: Insestiment Castings. Their Advantages ane Llmifaions. « Machine Des ign 6, magglo 1948, pag. 51-97. @) Krereix T. Ac: Machining Turbine Blades. + Aiceratt Production , novembre-dicembre 1947, «Machinist » ¢ 26 giugno 1948, pag. 235-237. (@) Stewitta Re Cermels New High Temperature Materials. « Jet Propulsion », Vol. 25, n. 7, July 1955, 23 § 5-6. CaritoLo 1 Quatche osservazione di carattere generale pud spiegare alcune apparenti anomalie che a volte si constatano su acciai della stessa composizione chimica e trattati nello stesso modo riguardo alla penetrazione di tempera, attibudine al sovrariscaldamento, inveechiamento, fucinabilita, ecc. Queste ifferenze vengono spesso attribuite al processo di fabbricazione dell’acciaio ed alla sua purezza; ben- ‘chi la pureza abbia grande importanza, essa non & fattore determinante, tanto che la diversita di ‘comportamento si pud avere in due acciai della stessa composizione ¢ della stessa purezza. La spic~ gazione del fenomeno va ricereata nella maggiore o minore attitudine allingrossamento del grano Gell'aceiaio quando viene riscaldato ad alta temperatura, che si rileva con la prova di Mc Quaid Ehn. Non si deve confondere la finezza della grana dell'acciaio allo stato di impiego, che naturalmente ‘si desidera assai fine, con il grano definito dalla prova di Mc Quaid Ehn, che & tutt‘altra cosa. ‘Altro particolare rilievo merita ia diversa penetrazione di tempera fra gli acciai al carbonio © li acciai legati; essa porta, come conseguenza, una netta diversita nelle caratteristiche meccaniche ‘4 cuore sui pezzi di grandi dimensioni, nei quali il centro potra anche risultare non temprato negli acciai al carbonio. “Tutto old premesso, sara bene ripetere che la scelta di un acciaio deve essere fatta con grandé cculatezza, tenendo conto di tutte le condiioni imposte dall'impiego a cui é destinato in modo Ga avere un largo margine di sicarozza, Si tenga inoltre presente che i dati relativi alle caratteri stiche meccaniche, rilevati su provette di collaudo, sono applicabili per pezzi di piccole dimensioni Non sara mai ripetuto a sufficienza che nel caso di organi meccanici di grossa sezione ¢ bene atte nersi ai valori pitt bassi di resistenza a rottura, carico di snervamento, ecc., in funzione della massa del pezzo ¢ della penetrazione di tempera dell'acciaio scelto. 6. Ghise. Le ghise comuni 0 meccaniche impiegate nella costruzione di organi di machine vengono pro- dotte al cubilotto o al forno rotativo, e per affinazione le ghise di qualtid con eventuali aggiunte allo scopo di migliorarne le caratteristiche meccaniche. In particolare, limpiego di rottami d'acciaio ‘opportunamente dosati (sino al 50%), il perfezionamento nei metodi per raccogliere ed eliminare le seorie, il progresso nella messa a punto ¢ nelle applicazioni dei procedimenti di aggiunta, ecc., hhanno permesso di ottenere ghise di qualita sempre migliore. Sempre piu esteso é 'impiego di ghise fuse al forno elettrico per Ia pitt esatta dosatura delle materie prime di earica, per la possibilita di eventuali corvezioni per anomalie di marcia, ecc. Nel processo di affinazione degli acviai ¢ nella fu- sione di getti si estende ogni giorno Timpiego di pani di ghisa appositamente prodotti, compatti ed esenti da scorie, di composizione particolare secondo lo scopo per cui sono impiegati- lire alle ghise di affinazione per la fabbricazione di acciai, si hanno ghise in pani per rifu- sione della ematite (normali, a basso od alto tenore di. manganese), ghise bianche per eilindri, spe- ciali per malleabili, ecc. A titolo indieativo si pud ricordare che, mentre allinizio delia segonda guerra mondiale, si avevano ghise con carichi di rottura massimi attorno ai 31 kg/mm*, nel 1941 Te norme inglesi introducevano una ghisa speciale con R — 36 kg/mm# e nel 1948 una ghisa di qualita (B.S. 1451) con carico minimo di rottura R= 51 kg/mm’. Tl carbonio é presente nella ghisa sotto due forme: cementite o carburo di ferro (carbonio combinato) nelle ghise bianche; 0 come grafite (carbonio fisso) che & in grande prevalenza nelle ghise mere aventi non oltre il 4.2% di C. ‘Le ghise possono contenere tutte le strutture trovate negli acciai trattati: Ia matrice perlitica Gghisa é uguale, nella natura e nella proprieté, a quella di un acciaio,a medio tenore di car- ponio, Qualehe volta si pud osservare della perlite libera a struttura molto soffiee, « gommosa » come anche dei earburi liberi che sono molto duri ed abrasivi. ‘La grafite pud assumere una grande varieta di forme che, in uno con la sua distribuzione, provoca in gran parte le varie proprieta delle ghise. Le ghise grigie contengono, allo stato greggio 4i fusione, grafite lamellare: la ghisa malleabile non contiene — allo stato greggio — grafite libera, rma allo stato combinato (cementite); il trattamento di ricottura fa depositare il earbonio in nodult non omogenei piuttosto che in singole lamelle. 26 Marentatt meccaNict 5.6. La forma della grafite (lamellare, nodulare, aciculare o sferoidale) caratterizza rispettivamente la ghisa grigia, la ghisa malleabite e la ghisa sferoidate Le ghise grigie di impiego ordinario in fonderia contengono il carbouto (~3,4%) essenzial- mente sotto forma di grafite ed aceanto al ferro — come altro costituente principale — i silicio, in proporzione dell',5+3,5%: esse presentano una frattura grigia 2 grana pit o meno grossa. Si distinguono spesso in ghisa normale, ghisa siliciosa e ghisa grigia scura, Nella tabella 23% sono rias- sunte le caratteristiche meccaniche dei tipi correnti di ghisa grigia ordinaria (da UNI 668 a 670), Le ghise grigie, ordinariamente impiegate nella costruzione di macchine (spesso aghise a grana fine e ghise a grana grossa) hanno composizioni diverse a seconda dell'uso 2 cut sono destinate, variando in esse il tenore in Si, Mn, P, e tiducendosi al minimo la percentuale di zolfo ule del 0,02 +0,06%) data la sua dannosa influenza. Lo zolfo rende infatti le ghise dure ¢ poco fluide durante la colata ed aumenta il valore della contrazione. In particolare, Faggiunta di nichel come legante rende pitt tenace e pitt resistente la strut- tura della matrice, stabilizzando Ia grafite ed agendo come un riduttore di tempra senza ingros- sarne apprezzabilmente la struttura, come fa il silicio. Oltre alle proprieta meccaniche, nella scelta delle ghise ¢ particolarmente della ghisa grigia, @ da tener in conto la Iavorabilita, in quanto le ghise non legate possono contenere negli spessori sottili carburi duri e negli spessori grossi ferrite dolce e gommosa, La pratica dell’inoculazione delle ghise si é andata largamente sviluppando, in quanto con- sente di controllare Ia struttura della grafite, mediante V'aggiunta all'uscita del tubilotto © nella siviera di leghe al silicio (ferro-silicio, siliciuro di calcio, ecc.) in piccola quantita, Gli effetti del- Yinoculazione sono in proporzione diretta con la resistenza meccanica della ghisa, nel senso di sultare pit vantaggiosa quanto maggiore € it carico di rottura della. ghisa. L'inoculazione previene la formazione di grafite dendritiea, che facilita il grippaggio delle parti lavorate in contatto di strisciamento fra di loro. Molto spesso i getti vengono impiegati allo stato naturale senza ulteriore trattamento ter- mico, ma comunque le ghise grigie possono vantagglosamente essere: a) ricolfe, per decomperre il carbonio combinato ed addolcire nettamente il materiale; la temperatura di ricottura & normalmente compresa fra 780-900 °C, cioe sopra il punto di grafi- tizzazione; b) stagionate, a bassa temperatura (500-650 °C) per un‘ora ogni: 25 mm di spessore, allo seopo di eliminare le tensioni dovute al raffreddamento del getto nelle staffe. Segue un raffredda- mento lento in forno; ©) indurite, per mezzo del riscaldamento alla fiamma, o per induzione, allo scopo’ di otte- nere superfici pit’ resistenti allusura. II trattamento é riservato alle ghise al nichel, ed & di solito seguito da un rinvenimento a 200--350°C che ne aumenta notevolmente la resistenza meccanica, Le ghise bianche sono dure, fragili,¢ pratieamente non lavorabili alle macchine utensili; esse contengono dal 25% +4,5% di C e da 0,5% =1,5% di Si; la loro frattura ¢ completamente bianca, Ieggermente tendente al grigio; ia esse il carbonio ¢ completamente combinato sotto forma di ce- mentite in assenza di gratite. Si distinguono normalmente: Ia ghisa bianca normale (2,5%--3% di Gi 1% di Si) impiegata per ticavarne ghisa malleabile e Ia ghisa Bianca raggiata (3,5%--4,5% di C; 0,5%+1,5% di Si). Ea ghisa bianca puo essere ottenuta eolando in conchiglia una ghisa che normalmente sarebbe grigia, infiuendo sulla velocita di raffreddamento; la ghisa cosi ottenuta viene chiamata ghisa hianca temprata od in conchiglia e presenta una grande durezza, L'impiego della ghisa bianca & particolarmente legato alla sua possibilita di presentare una notevole resistenza all'abrasione (in organi non soggetti ad urti); la ghisa biancs a struttura per- litica ha durezza Brinell 350--400. Le ghise bianche a struttura martensitica (al 45% di Ni e 2% i Cr) raggiungono durezza Brinell 550-600 e vengono normalmente migliorate mediante rinve- nimento (4-10 ore) a 200-+235 °C per eliminare le tensioni interne. Si usa spesso la colata in conchiglia per affinare la grana (raffreddamento rapide) ed aumen- 27 56. Caritoro 1 tame la resistenza all’abrasione. Si impiega per le mascelle dei frantoi, corazzature di mulini a palle od a martelli, classificatori di materiali, alimentatori di minerali, pompe per fanghi ed im- pianti di flottazioné, eilindri, per Ia laminazione a caldo ed a freddo dell'acciaio e dei metalli non ferrosi, ecc. Nota per la sua buona fluidita é la ghisa Ni-Hlard, che si presta alla fusione di pezzi anche variamente sagomati; se il tenore di carbonio scende sotto il 3% si ha la ghisa Ni-Hard ad alta resistenza, impiegata quando le condiziont di sollecitazione sono pit severe, ia particolare per quanto riguarda gli urti. In tabslla 25* sono riportate le caratteristiche di questa ghisa, definita Ni-Hlard normale, I getti in Ni-Hard resistono bene all'abrasione sino a 480-500 °C e vi sono esempi di appli- cazione (boccole, piastre di rivestimento) sino a 800°C, purehé non vi siano rapide alternanze di riscaldamento e raffreddamento. La lavorazione a freddo pud essere fatta solo con utensili a carburi (tornitura e foratura): di solito la finitura é fatta alla mola, Non si presta alla saldatura, che deve essere eseguita solo in casi di emergenza, a gas 0 con elettrodi dello stesso materiale, con preriscaldamento del pezzo 8 815-370 0C e susseguente trattamento dopo la saldatura per eliminare le tensioni interne. La ghisa malleabile @ ottenuta con speciali procedimenti di ricottura della ghisa bianca trasformando la cementite in- carbonio di ricottura ed eliminandola completamente. Le ghise ad elevata resistenza meccanica sono state largamente perfezionate in questi ultimi anni migliorando la matrice del metallo e In forma della grafite mediante aggiunte pid appro- priate di elementi correttivi che consentono tenori di carbonio di 2,8-+3,2%, molto favorevoli per la colabilita. Ghise Meehanite, . Queste ghise sono a matrice essenzialmente perlitica o sorbo-perlitiea, in cui la grafite & dispersa uniformemente ¢ finemente, Nelle ghise mechanite le dimensioni e la distribuzione della grafite sono controllate mediante inoculazione di siliciuro nella ghisa'liquida. Questo accorgimento e Vopportuna dosatura dei materiali in carica consente di ottenere nel getto la matrice di fondo perlitica, cosicché la struttura & prossima a quella di un acciaio al 0,85% di carbonio, ossia molto compatta e ad clevata resistenza. La mechanite ha il vantaggio, rispetto alla ghisa comune, di conservare eguale durezza ¢ resi- stenza anche in parti sottil, che nella ghisa comune sono pid dure ¢ meno lavorabili. I getti di mechanite possono essere saldati ad arco ed alla flamma: sono suscettibili di trattamento termico (ricottura di lavorabilita, ricottura per eliminare le tensioni interne, tempera e rinvenimento). Tipi speciali di meehanite sono resistenti al calore, con piccolo ingtossamento, contrariamente a quanto avviene per le ghise comuni e con resistenza a trazione ¢ limite elastico pressoche inva- riati fino a 400°C circa, Alltri tipi di meehanite sono paiticolarmente indicati per getti resistenti all'usura ed alla cor- rosione (vedi tabella 24*), . Nella tabella 25* sono riassunte le caratteristiche (non unificate) ai alcuni tipi di normale im- piego di ghise resistenti all usura, per canne di cilindri di motori, per anelli elastici, volani molto sol- lecitati, ece. Ghise al Ni-Cr vengono impiegate per cilindri di laminatoi (anche temperate in conchi- glia) e per organi sottoposti a forte usura, come, ad esempio, le ruote per le vetture tranviarie. Ghise sferoidali. La ghisa sferoidale di recente introduzione (!) ha notevolissimo interesse tecnico, perché & un materiale che associa alla fluidita, colabilita ¢ Javorabilita della ghisa la tenacia e la duttilita degli acciai, Liaggiunta di nichel-magnesio ha come effetto una particolare alterazione della struttura () Cit: Nadwiar Tron @ Bibliography. « American Foundrymen », 18 luglo 1950, p. 64-66, ¢, Ibidem, 19 gennaio 1951, pag. 43-44; Dowouo C, Ku: Produstone dela grafe nodulare con il magnesfo.« American Foundryman +, vol. XV, febbrate i940, pag, 20-97; Scarrux: Nodular Cast Iron. Heat Treatment and Physteal Properties. « Iron and Steel XXIH, m, 10-11-13, 1990, pag. 379-382; Eaaan? Compara growth of gray tron versus nodular Won when eyellcally ‘heated (0 1650° F. +Foundey s, Aleombre 1050, pag. 06 © S088. 28 MATERIALI MECCANICL 36. della ghisa, modificando la grafite grossolanamente dispersa in particelle minute suddivise nella matrice metallica; tale forma € particolarmente favorevole per esaltare le caratteristiche mecca- niche del metallo anche in presenza di elevato tenore di carbonio (3,3-3,8%). La ghisa sferoidale pud presentare tutti i tipi normali di struttura (!) della ghisa grigia allo stato greggio di fusione: perlitica, ferritica, aciculare, austenitica La semplice ricottura della normale ghisa sferoidale a matrice perlitica produce strutture {ervitiche che consentono un allungamento del 15-20% ed innalzano il earieo di rottura a 45-52 kg/mm, Con la normalizzazione ed it rinvenimento si sono raggiunti carichi di snervamento ‘s = 82 kg/min® ed R = 89 kg/mm? con A = 2%, Questa ghisa trova largo impiezo nella (*) fab- bricazione di macchinario agricolo, machine utensili, altregzature industriali, industria automo- bilistica ferroviaria per particolari dagli spessori minori (2,53 mm) ai maggiori (70-200 mm) Essa viene impicgata in quattro tipi diversi contrassegnati 63-45-2; 5642-5; 42-32-15 ¢ 60-45-15; i tre valori numeric indicano rispettivamente il carico di rottura, il earico di snervamento (in kg/mm?) e Vallungamento percentuale. Il modulo elastico della ghisa sferoidale & F =: 18000 kg/mm. La resilienza della ghisa sferoidale @ inferiore a quella dell'acciaio fuso, ma molto superiore a quelia delle ghise grigie. La resistenza a fatica @ ottima ed oscilla fra 44% e 49% del carico di rottura, raggiungendo valori pitt alti allo stato grezzo che allo stato ricotto, La ghisa sferoidale ha potere di smorzamento delle vibrazioni inferiore a quello delle ghise grigie, ma nettamente su- periore allneciaio fuso. La colabilita @ nettamente superiore a quella delle ghise malleabili e dell'acciaio, per cui la sferoidale si presta bene anche per getti complicati; inoltre essa é sensibite ai normali trattamenti termici, che ne possono migtiorare notevolmente le caratteristiche meccaniche e tecnologiche. La produzione di getti im sferoidale deve essere fatta partendo da ghise che assicurino la riuscita del processo di nodulizzazione, con una composizione compresa entro i seguenti limitis Carbonio tot. 3245, SU15+25 Mn x06 © $2005 P <0,10 La ghisa dovrebbe essere praticamente esente da impurezze come Cr, V, Ti, Pb, ecc. a meno di non ricorrere a& accorgimenti speciali per neutralizzarne Veffetto dannoso sulla sferoidizzazione sulla resistenza meceanica del getto. Le ghise a matrice ferritica vengono impiegate per particolari in sostituzione della ghisa mal- leabile e delY'acciaio dolce stampato, per corpi di saracinesche ad alta pressione, tubi centrifugati per pressioni elevate, ece. Le ghise a matrice pei ‘i ingranaggi. Le ghise sferoidali temperate vengono usate ad esempio nel campo del macchinario tessile per particolari che devono avere forté durezza superficiale. (!) 1 tipi maggiormente impiegati sono quelli a struttura perlitica ed a struttura ferritica: ta struttura perlitica si ottiene direttamente dalla fusione, mentre la struttura ferritica é ottenuta in seguito a trattamento termico. Le ghise sferoidali sono saldabili con qualche difficolta con elettrodi in nichel-ferro: si deve avere lavvertenza di interessare al riscaldamento zone il pit possibile ristrette, in inodo da com= promettere il meno possibile le caratteristiche meceaniche del materiale. ‘o-erritica hanno sempre maggior applicazione per ta produzione (2) Monuoeu H.: Nodular graphite structures, «B.CLR.A. Tals, Research and Development, vol. Hf, 1950, pag. 291-298, (C) State M. ¢ Store B. f.: Producing ductile iron, ¢ Foundry +, vol. 78, luglio 1950, pag. 80-83. Gaurowar . b Duvitetron Jor heaoy machinery. «1m Age +, ‘26, 3 agoste 1950, pagg. 75-78) ‘Laveen: Ductile Iron in Zight sections. + Tron Age », 1930, 16 agosto; Monnove H.¢ Graxt J. W.: da ghise nodular: loro proprtet ed appl faciont. «Proc, Inst. Brit: Foundrymen », vol. 41, 1947-47, A2O-AS1; Evenert A. Bu: Some properice and apples {ions of sphevoidat grophiie-cast tron. + Tost. Brit! Foundrymen s, Paper 63, giugno 1850; + Foundry ‘Trade Journ », 1950, vol, LNNNIN, 7-04, 95-01, dlse, 97-102. (@) Gir. Darea M. Chavy Ru, Gnitizar Ju: £ tootlamentilermici delle ghise ferrtiche @ grafte sferldele. Con- wrese Internazionale df fonderia, Parigh, 19-27 settembre 1953, 29 36. Caritoto 1 i Queste ghise resistono notevolmente di pitt al'accrescimento per effetto di temperatura anche rispetto alla ghisa a grafite lamellare. La resistenza all'aequa di mare fe rende utili per particolari di machine au: stria navale (pompe e loro gitanti, carcasse, ect.) Ghise speciali vengono prodotte con aggiunta di Ni ¢ Cr (ad esempio Ni-Resist sferoidali) per ottenere getti ad alta resistenza meccanica 0 particolarmente resistenti al calore © per conferire al getto elevata durezza superficiale. Le ghise Ni-Resist sferoidali (vedi tabella 24*) contengono dal 18 al 30% di nichel e vengono prodotte in diversi tipi, con tenori variabili di elementi leganti a seconda delle caratteristiche de- siderate, In Italia non vi é ancora alcuna unificazione al riguardo. Queste ghise vengono normal- mente ricotte (a 620-675 °C) dopo colata o lavorazione meccanica (ricottura di distensione) per climinare Ie tensioni interne; I'esperienza consiglia di effettuare tale trattamento dopo la sgrossa- tura di macchina, Nei getti a spessore sottile 0 colati in conchiglia la durezza supera spesso i 190 Brinell per ec- cesso di carburi, per cui la lavorabilita & ridotta e !'allungamento risulta inferiore al 10%, Una ri- eottura di addoleimento a 925-1040 °C, seguita da raffreddamento uniforme rende it materiale piii lavorabile per effetto della sferoidizzazione dei carburi. Queste ghise a matrice austenitica non induriscono con il trattamento termico: la tempera in olio da 925--1010°C ne aumenta notevol- mente Ja resistenza meccanica ¢ Vallungamento, senza apprezzabile variazione di durezzs. ‘Ad una buona resistenza generale all'usura si assomma in alcuni tipi buona resistenza all’ero- sione e corrosione in acqua di mare, in soluzioni alealine ed acide deboli. La resistenza a caldo & buona fino a 650°C per i tipi D3 e D4 e sino a 700°C per il tipo D2B. L’aggiunta di nichel e molibdeno @ largamente impiegata per ottenere ghise perlitiche a R = 36 kg/mm* allo stato greggio di colata, suscettibili di assumere una grande durezza con trat- tamento termico senza tempra troppo severa, e per la fabbricazione delle ghise aciculari (R = 41 kgmm#) allo stato greggio di colata e sino a 55-60 kg/mm dopo rinvenimento. Nella ghisa aci- culare (brevetto Mond Nickel ¢ Co.) il nichel ¢ il molibdeno evitano la decomposizione dell’auste- nite alla temperatura di formazione della perlite e provocano la trasformazione della zona inter- media (@ circa 400 °C) dando luogo alla formazione di aghi di ferrite, Si ottiene cosi una ghisa con elevato carico di rotturs, buona resilienza e durezza Brinell che pud ginngere sino a 340 senza compromettere la lavorabilita. Le ghise aciculari (Ni 2--4%, Mo= 1%) sono largamente impie- gate per conchiglie e stampi per leghe leggere, per alberi a camme, alberi a gomito, comandi per macehine tessili, ecc. liarie nel’indu- Altre ghise spectali Si producono inoltre molte varieta di ghise con caratteristiche particolari (vedi Tab. 25¢): ricordiamo le ghise resisienti al calore al Cr, a basso tenore di Cr (Cr = 1,5%+1,7%) € ad alto tenore di Cr (Cr = 14% 17% sino a Cr = 27%~-30%), al Ni-Cr (per storte, crogiuoli, parti di forni, cassette, ecc.) per temperature da 900 °C sino a 1100 °C con contenuti in Cr= 27% +30% e N= 1% 13%, L'adozione di ghise speciali resistenti al ealore € dovuta al fatto che i getti di ghisa ordinaria sottoposti a riscaldamenti ripetuti ad elevata temperatura aumentano di volume (sino a 40--50%), con forte diminuzione della resistenza meccanica ¢ della durezza mentre si ha una forte scagliatura basa resistenza all’ossidazione. Molto nota la ghisa Ni-Resist (v. tabella 24+) per temperature sino a 810--820 °C, Alla stessa famiglia appartengono altri tipi di ghisa Ni-Resist (austenitica) con minor contenuto in Ni e Cr, molto resistenti alla corrosione ed all’usura, Anche diverse ghise mechanite (HA, HB, HR, HD, SC, HE) sono resistenti al calore a temperature diverse secondo la composizione. Le ghise antiacide normali sono ad alto e medio tenore di silicio (Si 16% Le ghise al nichel © al rame sono resistenti agli alcali. 7%). 30, MATERIALT MEGCANTGI § 6-7. Per le ghise di qualita speciali si adottano trattamenti termici del tutto simili a quelli im- piegati per gli acciai allo scopo diz 19) anifullare le tensioni interne (mediante ricottura); 3%) aumentare la lavorabilita dei getti (mediante ricottura); 30) indurire la superficie (mediante nitrurazione); 4) aumentare 1a resistenza alla trazione e la durezza (mediante tempera e rinvenimento). 7. Ghisa malleabile. Con Ia denoininazione di malleabile nel senso ristretto della parola, si vorrebbe definire un materiale che pud essere lavorato al martello. La ghisa malleabile non ha questa qualita e deve intendersi invece come un materiale ferroso ato alla produzione di getti che possono sopportare sollecitazioni e deformazioni elastiche anche notevoli, ma non di natura impulsiva. La malleabilizzazione della ghisa ha lo scopo di diminuire il contenuto di carbonio della ghisa 0 di trasformare il carbonio combinato in earbonio di ricottura, per cui, nei due casi, si ottiene tun materiale duttile e tenace. Si ha cosi la possibilita di sfruttare la seorrevolezza, colabilita, ecc., della ghisa bianca per ottenere getti sottili (2-5 mm) e complicati, trasformando poi la struttura del metallo colato mediante opportune trattamento termico. La malleabilizzazione delle fusioni in ghisa si ottiene mediante un trattamento termico, impropriamente detto di ricottura prolungata, in forni appositi; a seconda del modo di operare si ottiene: 4) Ia ghisa malleabite bianca (od europea) per ricottura di 60-120 ore a 1000-1050 °C is ambiente ossidante determinato da miscele di ossido di ferro (calamina, ematite), provecando in atmosfera controllata una decarburazione per uno strato di 4-5 mm e sino a 8-9 mm con doppio ciclo di ricottura, per cui il materiale risulta addolcito e tenace. Secondo la composizione iniziale ed il particolare cielo termico seguito la matrice metallica pud essere ferritiea, perlitica, sorbitica con diverse caratteristiche di resistenza ¢ diversi aspetti della frattura; ¥) Ia ghisa matteabile nera (od americana) per ricottura in atmosfera il pid possibile neutra fa temperatura di 900-1000 °C, in modo che, senza subire aleuna decarburazione, la cementite si trasforma in ferrite ed it carbonio in grafite floceulare. Secondo it particolare ciclo termico seguito, Ia matrice metallica pud essere ferritica, perti- tica con diverse earatteristiche di resistenza; pitt precisamente la zona esterna ¢ fertitica per una profondita di 1-3 mm, la zona intermedia per uno spessore 3--7 mm é ferritico-perlitica, Ia zona a cuore oltre 7 mm @ perlitica con carbonio di ricottura. La ghisa malleabile bianca ad alta resistenza (GMB 45) pud presentare la perlite sotto forma globulare o lamellare secondo il trattamento termico eseguito: Ia maggiore uniformita della strut tura a perlite globulare conferisce al materiale una elevata lavorabilita ¢ favorisee i trattamenti di tempera (vedi Tab. 26*), La ghisa malleabile bianca & suscettibile di bonifica per migliorare la struttura del cuore ed aumentare resistenza ed allungamento per essere sottoposta a tempra superficiale; & facilmente lavorata all'utensile nella zona ferritica; Ia saldabilita € ottima (specialmente se la decarbura- zione @ molto spinta). La ghisa malleabile nera pud essere trattata termicamente e pud essere indurita superficial- mente; & poco saldabile, ma facilmente lavorabile all'utensile, Per organi meccanici resistenti all'usura ¢ richiedenti la massima rigidezza, vengono mallea- bilizzati getti di ghisa a frattura ancora bianca, ma al limite di passaggio al grigio. Le ghise malleabili sono unificate (UNI 3779 S); ie caratteristiche risultano dalla tabella 26%. Le ghise malleabili hanno un vastissimo campo di applicazione ¢ permettono di sostituire it 31 g 78. CaritoLo 1 bronzo anche in getti complicati e diffcil, in parti di macchine, rubinetterie, parti di appa- recchi elettrici, minuterie, ece. Le ghise malleabili bianche sono largamente impiegate nell'industria automobilistica per par- ticolari vari, come seatole guida, sospensioni, mozzi per moto, tamburi per auto, eve 8. Bronzi. Sono leghe in prevalenza di rame e stagno a cui vengono spesso aggiunti altri clementi, come zinco, piombo, alluminio, nichel, ece. Si distinguono cosi in: bronzé al solo slagno, fosforosi o meno; bronzi allo zinco, at piombo, e bronzi all'alluminio, 1 bron2i sono in genere usati per la produzione di pezzi fusi e per lavora- ione plastica di profilati, barre, lamiere, nastri, ece. I bronai all’alluminio sono impiegati sia in fonderia, sia per lavorazione a ealdo, A questa famiglia di leghe appartiene anche it metallo Monel di cui si dir& avanti, Le carat teristiche dei pit noti tipi di bronzo per fonderia sono riassunte nella tabella 27*, in conformita alle tabelle UNI 1698-1701: il modulo elastico E oscilla sui 900010000 kg/mm*, F bronzi allo stagno (tabella 27*) con elevata percentuale di stagno, sono normalmente usati per parti sottoposte a forte attrito, come cuscinetti per perni di banco, specchi di saracinesche (B20), con ¢ senza aggiunta di fosforo (0,2--0,4%). I bronzi B 14 sono impiegati per parti solle- citate a forte usura (cuscinetti molto sollecitati, ingranaggi, apparecchi idraulici per alte pres sioni) con e senza aggiunta di fosforo. T bronzi B 10 normali ¢ con fosforo vengono usati per parti di macchine i generale, arma- ture, ingranaggi, valvolame, boccole, apparecchiature elettriche, conduttori per radio-antenne, Jinee telegrafiche, molle di richiamo per gli equipaggi degli apparecehi di misura, ecc. Molto simile al B10 @ il bronzo commercialmente denominato Bronzo Caro (91,8% Cu, 7,9% Sn, 0,30% P), lavorabile a caldo ed a freddo, impiegato allo stato crudo (R= 60-80 Kg/mm?, A = 103%, Hy = 150200) € ricotto (R= 45 kg/mm?, 4 = 60%, H, = 92). Oltre ai tipi unificati di bronzi allo stagno, si impiegano bronzi al nichel con aggiunte sino al 4% per getti colati in terra allo scopo di migliorarne le caratteristiche meccaniche, favorire la te- ruta a pressione ¢ la resistenza alla corrosione, con aumento deciso del modulo di elasticita ed eli minazione quasi totale di ogni microporosita. Questi bronzi speciali hanno notevole interesse per la produzione di piccoli accessori per impianti a vapore surriscaldato, (E nota ta tendenza di adot- tare temperature del vapore sempre pitt elevate). Quando l'aggiunta di nichel oltrepassa il 4% le leghe possono essere sottoposte al trattamento di invecchiamento, con grande vantaggio per quei pezzi che devono conservare 1a loro durezza ad elevata temperatura, Bronzi allo stagno (Sn 4--5%) ‘con alte percentuali di nichel (Ni 15-50%) sono impiegati per vaivole da vapore per temperature di esereizio di 350+450°C (coperchi, otturatori e parti sollecitate adeguatamente sopportate). I bronzi allo zinco (tabella 27*) sono impiegati in generale per parti di machine e per fusioni ‘complicate con pareti sottili; in particolare i BZN 4 ¢ BZN 2 sono impiegati per tubazioni, flange © parti da saldare a forte. Il cosi detto Bronzo Ammiragliato ha composizione assai prossima al BZN 4 ed é spesso in- icato come bronzo 88/10/2 contenendo il 9,5~-10,5% di stagno, 1,5+-2% di zinco, 1% di nichel, 0,5% di piombo, 88% di ame ¢ 0,15% di altri elementi (come impurezze). Tra i bronzi con zinco per fonderia sono da ricordare i bronzi al manganese (non unificati in Italia); queste leghe ad alta resistenza (4570 kg/mm?) hanno un allungamento del 20-12%), Hi contenuto in manganese varia da 0,5 a 34%, con 12% di nichel ¢ 1+6% di alluminio, se~ condo T'unificazione inglese ed americana. Sono molto resistenti alla corrosione, si prestano per fu- sioni complesse, ma non devono essere impiegati per temperature di esercizio superiori a 80°C. T bronzi al manganese sono impiegati per cliche navali, nell'industria automobilistica ed aviatoria, € spesso in sostituzione della ghisa malleabile: richiedono buona pratica di fonderia. 32 MArERtAnt MeccaNtc: 88 I bronzi al piombo (tibella 28*) sono impiegati come materiale antifrizione da rivestimento ¢ per getti sollecitati fortemente a pressione ed usura. Liaggiunta di nichel ai bronzi al piombo migliora la resistenza alla corrosione particolarmente all'acqua di mare; tali bronzi(?) sono usati per parti di macchine di navi, corpi di vatvole, co- perchi per condensatori, ecc. L'aumento della percentuale di Ni (fino al 5%) ai bronzi allo stagno ne migliora notevolmente le caratteristiche meccaniche, anche a temperatura elevata, oltre che la resistenza alla corrosione. Bronzi di tale tipo vengono impiegati per condutture di vapore surriscaldato, palette di tur- bine a vapore, steli di valvole, anelli contenitori, gabbie di cuscinetti a sfere, patti di armi, ecc. Come nei bronzi allo stagno, il nichel affina la dimensione del grano cristaliino, aumenta il limite elastico, ispessisce la lega e disperde il piombo; lo stagno agisce in modo analogo ed & per- tanto vantaggiosa la presenza di entrambi in tenori opportuni. Sono in commercio particolari bronzi legati al nichel per cuscinetti, con contenuto di nichel fino, al 5% (vedi ad esempio la spe- cificazione ASTM BI 44-49-3A) le cai caratteristiche sono suscettibili di netto miglioramento me- diante ricottura di 5~-10 ore a 290°C. A questo tipo di leghe appartengono i bronzi americani Né-Vee, usati allo stato naturale e dopo trattamento termico per applicazioni ferroviarie, in mo- tori Diesel per impieghi pesanti. Questi bronzi resistono bene allusura, all'acqua di mare € sono prodotti con aggiunta di zinco e/o piombo, in varii tipi, di sempre maggior diffusione. Il metallo Monel (Ni 68%, Cu 29%, Fe 2%, Mn 1%) @ un cupro-nichel (con esclusione di piombo, stagno, antimonio) avente caratteristiche meccaniche assai elevate che dipendono al- tresi, in modo preponderante, dalla sua lavorazione a caldo'e a freddo (R= 55-65 kg/mm*, H, = 120200 kg/mm, modulo elastico E = 17500-18000 kg/min*). 1] Monel & molto duttile, resiste bene alle alte temperatuie ed alla corrosione provocata dall'acqua marina, per eui @ im= piegato per palette di turbine a vapore, valvole, tubi per condensatori, recipienti per decappaggio, pompe per soluzioni saline 0 debolmente acide, ec. Ht Monel @ saldabile alla fiamma ossi-acetilenica ed all'arco per spessori di almeno 2 mm; ess0 inoltre pud essere sottoposto a saldature dolei, all'argento e consente la saldatura forte. ‘Recenti progressi nell"impiego di getti di Monel per piccole valvole e rubinetti a vapore sur- riscaldato sono stati compiuti fondendo il Monel S con 3,5-+4% di silicio, che resiste bene anche all'azione di acque dolei per l'alimentazione di caldaie. Buoni risultati di anche il Monel K al 2,75% di alluminio per servizio a temperature sino a 450 °C. I Monel possono essere fucineti o stampati non solo per piccoli particolari, ma anche fucinati al maglio od alla pressa in pezzi di notevoli dimensioni seguendo determinati accorgimenti per impedire 'attacco intergranulare da parte dello zolfo dei combustibili nei forni durante il riscal- damento (*). Notiamo ancora che vi sono molte Varieta di cupro-nichel per applicazioni speciali, ad esempio 5 cupro-nichel 95/5 usato per parti di armi; il cupro-nichel 90/10 impiegato per tiranti di caldaie di locomotiva; il cupro-nichel 60/50 noto comunemente con nome di costantana per costruzione Gi reostati, copie termoelettriche, come il tipo 55/15 Ferry. Il cupfo-nichel 70/30 & largamente impiegato per la sua straordinaria resistenza () all'acqua mare (tubi € piastre di condensatori, serbatoi ed agitatori per industria chimica, condutture aacqua marina), ¢ nelle raffinerie di petrolio (corpi di valvole ed attrezzature varie). Il cupro-nichel 30/70. pud essere fucinato e facilmente saldato € brasato. Nella famiglia dei cupro-nichel si devono annoverare le alpacche; il nome di alpacca (*) viene () Brrewwo R.: Alloys for Marine Propellers: Resistance to Cauilation-Erosion. «Trans. Inst. Engineers and Shipbuilders in Seotland », 1946, XC, 203-230; Mond. Nickel Co,, Ltd.: Nickel Bronze in Marine Engineering. Pubbil- ‘eanlone D.14, 1995; J. Ri. Moston: Pilling Retiatance of Metale urier Cavitetion Conditions. « Trans A.SAEE. », 59 (1887), 9.3805 Produsione def get in Monet ed in nickel puro. ell Nickel », n. 48, fedbralo 1954, pag. 1. ‘Olt: Fucinatura del Monet, del Nickel « dette Inconel. « I Nickel», 'h- 62, pag. 1, givgno 1956. @) Tasey A. W., UNaenrono R. L.: The Efleet of the 1ron Content of Cupre-Nickel on ils Corrosion Restslance ‘in Seawater. « Proc. Aner. Soe. Testing Biaterials», 1845, XLV, 981-612; Guusenr P. T., May Riz Materials for Use in Ships Condensers and Other Seawater-Carryng Systems. «Trans. 1. Mar. EB. 1960, X11, 201-20 () Vantox JS. Nickel Silver Castings. « Foundry 4, vol. 72, novembre 1951, pagg. 92-98 © 254-258, 33 g 10. Caritoro | I metalli bianchi a base di stagno, con alto tenore di stagno (80-90%) sono in generale pitt duri di queli a base di piombo, presentano maggior compattezza, maggiore resistenza alla compressio~ ne e sono fra i migliori antifrizione per cuscinetti molto caricati e sottoposti all'azione di urti. ‘Allo scopo di ridurre il consumo di stagno sono stati studiati e messi a punto metalli antifrizio- ne di sostituzione al piombo, con aggiunte di cadmio e nichel; essi hanno buone qualita autolubri- ficanti, perd minor resistenza a compressione, minor allungamento; peraltro il loro costo minore, Gii antifrizione al piombo-stagno sostituiscono le leghe allo stagno per l'impiego in cusei- netti mediamente caricati. Le caratteristiche dei pitt usati metalli antifrizione sono riportate nella tabella 34*, che con- corda con le tabelle UNI 2184 ¢ 2185. Oltre ai metalli bianchi unifleati in tabella, ricordiamo i bronei allo stagno (tabella 27*) ed i bronzi al piombo (tabella 28*). Altri metalli ant 4a) le leghe ol piombo-rame (dette anche metallorosa) (Pb 24% 28%, Cu 70% -=74%y il resto ed eventualmente con aggiunta di Sn 2%=3%, Zn, Ni, ecc.), di forte durezza superficiale, impie- gate per rivestimenti sottili di bronzine molto caricate specialmente di motori di aviazione ¢ da trazione: Valto grado di durezza superficiale richiede l'indurimento della superficie dell'albero; DLA metalti antifrizione: alta grafte, in cui la grafite (sotto forma colloidale) é incorporata nel metallo del rivestimento per sfruttarne Je proprieth autolubrificanti ¢ la caratteristica di as- sorbire olio e di trattenerlo sulla superficie di scorrimento in modo da diminuire il coefficiente di attrito del cuscinetto e quindi la sua temperatura di esercizio; ©) i metalli antifrizioné all’argento per elevati earichi, forti velocita di rotazione degli alberi ed elevate temperature di esercizio; © i cuscinetti antifrisione in resine sinletiche ed autolubrificantis ©) i cuscinetti in bronzo speciale sinterizzato, autolubrificant 1) A cuscinetti in tega leggera. 1 euscinetti in bronzo sinterizzato sono prodotti secondo i procedimenti impiegati nella metal- lurgia delle polveri, che permettono di incorporare nel metallo dal 10 al 30% in volume di olio lu- brificante, L’olio assorbito dalla porosita del materiale fluisce in modo capillare alla superficie terna di scorrimento mano mano che il gradiente di temperatura tende aumentare ¢ forma uno strato lubrificante che si conserva a lungo, senza necesita di provvedere al suo rinnovamento senza fuoruseita laterale di olio. Durante il periodo di riposo T'olio viene riassorbito dalla porosita delle boccole, I cuscinetti autolubrificanti di questo tipo sono ottenuti direttamente a misura senza nessuna lavorazione meccanica di finitura, che sarebbe dannosa provocando Ia parziale ottura- zione dei meati esistenti nel metallo. Queste boccole con o senza aggiunte di grafite trovano buon impiego per sopportare alberi poco caticati, a bassa velocitt od a funzionamento intermittente, particolarmente nell'industria automobilistica, motonautica, tessile, ¢ nelle applicazioni per mac- chinario elettrodomestico, ecc. Recenti sviluppi nella tecnica della produzione dei metalli antifrizione per cuscinetti a guscio @'acciaio sottile per motori a combustione interna hanno permesso un netto miglioramento usando come rivestimento elettrolitico dei metalli bianchi e del piombo-rame un sottilissimo strato; di indio (cuseinetti cosiddetti indiumizzati). Come @ noto, l'indio é un metallo molto tenero che si deposita allo stato speculare conferendo al cuscinetto (di banco, di biella) una superficie a bassis- simo toefficiente di attrito, La deposizione deve avvenire quando il cuscinetto @ a misura e questo non deve essere pit ritoccato, né con operazioni di aggiustaggio a mano, né con barenatura, Si tenga presente che Ia scelta del tipo del metallo antifrizione per cuscinetti deve essere fatta tenendo conto del carico specifico agente, della velocita di rotazione dell'albero, della tempera- tura di esercizio e, per l'antifrizione al Pb-Cu, della durezza superficiale dell'albero. ‘Aleune indicazioni al riguardo sono riassunte nella stessa tabella 34*, 36 MareRIALt MccaNIct gin 11, Leghe leggere ea ultraleggere. Si indicano sotto questo nome le leghe di alluminio ¢ magnesio che, legate fra di loro e con altri clementi, formano una numerosa serie di leghe da fonderia e da lavorazione plastica larga- mente impiegate in sostituzione delle leghe ferrose in tutti i eampi delle costruzioni meccaniche ed in particolare dell'industria automobilistica ed aviatoria, specialmente a motivo della loro legge- rezza. Il peso specifico delle leghe leggere non supera i 3 kg/dm*, Si possono distinguere: leghe allo stato di pani e leghe allo stato di getti. Leghe @alluminio per gett. Le leghe leggere primarie allo stato di pani, destinati ad essere rifusi per la produzione di getti, sono ottenute da alluminio di prima fusione (UNI 3020) 0 da alluminio speciale (UNI 3021) con l’ag- igiunta di leghe madri (UNI 3022) i elementi metallici di conveniente purezza, con esclusione di rottami, ritagli e scarti se non provenienti dalla stessa lavorazione interna. Tali leghe sono in- dicate con la lettera G. Agli effetti della marcatura, della definizione telegrafica, ecc., di una lega, Ia sua designazione convenzionale pud essere sostituita dal corrispondente contrassegno indicato nell'unificazione UNI relativa alla lega stessa, Secondo UNI 3039 i simboli convenzionali che indicano i principali costituenti le leghe sono indicati nel prospetto seguente: semis | Samar | Sit, | mimo | Suan | Simo Alluminio =| aL A | Nicnet N Antimonio. Sb B Piombo Pb P Berillio Be i Rame Cu c Catto co K Sitio si s Cromo | oe R | _ Stagno Sn E Ferro Fe F Titanio Ti T Magnes us |G Vanadio v v Manganese Mn M Zinco Zn Zz oltre all‘alluminio: Vindicazione convenzionale @ fatta aggiungendo alla sigla caratteristica della categoria © della qualita il simbolo dell’alluminio — Al — seguito da quello di differenziazione del tipo, sotto forma di percentuale. Esempio: Gs Al Cu 10, Ge Al Si 13, In relazione a quanto sopra, ne segue che, ad esempio, la lega GAISi13 pud essere con- trassegnata: G-AS 13 ela lega G AI Mg 10 si pud indicare: G-AG10 Lo stato di fornitura dei getti comprende oltre alla designazione del metodo di ottenimento (G, Gs, Ge, Gp) anche gli eventuali trattamenti termici a cui i getti devono essere sottoposti secondo le definizioni di cui al seguente specchiétto. a7 gi. CariroLo T ‘Simbolo ‘ae metodo Definislone a ealata G Getto (generico), allo stato grezzo, Gs Getto colato in sabbia, allo stato grezz0. Ge Getto colato in conchiglia, allo stato grezz0. Gp Getto colato a pressione, allo stato grezzo. ‘Simbolo det tattamento Defastone T Tempra di soluzione, con raffreddamento in acqua (10-30 °C). oa Tempra di solusione dipendente da raffreddamento nella forma di sabbia. ‘Te ‘Tempra di soluzione dipendente da raffreddamento nella forma di metallo (conehigtia). TD ‘Tempra di soluzione, con raflreddamento in acqua boltente (60-100 °C). To ‘Tempra di soluzione, con raffreddamento in otlo. Ta ‘Tempra di soluzione, con raffreddamento in aria soffit. N Invecchiamento naturale, dopo tempra di soluzione comunque ottenuta. A Invecchiamento ariificiale a temperatura maggiore a 50°C, dopo tempra di soluzione comunque ottenuta s Stabilizzazione dimensionale. R Ricottura, B Bonifica, ossia tempra di soluzione seguita da invecchiamento naturale od artificiale (indicazione generics). Per completare Ia simboleggiatura dei dati di fornitura, si fa seguire al simbolo di ogni tratta- nento tetmico un gruppo di cifre disposte sotto forma di frazione, al cui numeratore corrisponde la temperatura del trattamento termico in °C divisa per 10 ed al denominatore corrisponde la durata del trattamento espressa in ore, Nel seguente prospetto si sono riportate, alcune indicazioni, @ titolo esemplificativo: si rilevi come, nelle prime due colonne, la prima si riferisce alla simboleg- giatura generica ed alla simboleggiatura abbreviata la seconda. La terza colonna riporta la sim- Doleggiatura completa atta ad individuare in modo inequivocabile i trattamenti termici ¢ la loro durata per un determinato getto in relazione alla sua massa, superficie, ec. it tempo di tratta- mento essendo variabile da getto a getto. I getti devono essere sbavati e presentare superfici pulite, unite e lisce, ¢ nom vi devono es- sere difetti di ritiro, inclusioni, riprese, cretti ed altri difetti superficiali od interni tali da pre- giudicarne Fuso. La riparazione dei difetti di fusione & ammessa per getti colati in sabbia ¢ previa autorizza- zione del commnittente. Le modalita di prova sui getti sono stabilite dalle stessa UNI 3039, ‘Nella tabella 35* si riportano le denominazioni e le caratteristiche meccaniche delle leghe di alluminio sotto forma di getti. Leghe Walluminio da tavorasione plastica. Le leghe leggere destinate alla lavorazione plastica mediante deformazione a caldo od freddo con procedimento meccanico sono indicate con la lettera P. 38 MAareRtALt MECCANICE gu SIMBOLEGGIATURA DEI TRATTAMENTI TERMIC] PER GETTI IN LEGA LEGGERA ‘Stmnboteg.| Simboteggiatura | Simboleggiatara Fl ‘enesiea | abbreviata completa Signifiato ‘Tempra di soluzione da 530 °C dopo 4 ore di pre~ 753; Pee ter jeer riscaldo con raffreddamento in acqua a 10-30 °C. : 08 “Tempra in olio da 500 °C dopo 8 ore ai preriseal- oS tee To50/8 S25I5 | Go a regime e stabilizzazione a 260°C per 5 ore. res | TeS23 | Te S23/4 Getto temprato per effetto di conchigtia metal- fica e stabilizzato a 230°C per 4 ore. ‘Tempra da 530°C dopo preriscaldo di 2 ore a re- gime ¢ raffreddamento in acqua a 103-30 9C, se- guita da invecchiamento artificiale a 160 °C per 12 ore e successiva stabilizzazione a 230 °C per 4 ore. BS | 753 Alo S23 | T53/2 A16/12 823/4 ‘Tempra da 500°C dopo 4 ore di preriscaldo con B | 150N 50/4 N raffreddamento in acqua a 10-30, seguita da invecchiamnento naturale. pee ‘Tempra da 530 &C dopo 4 ore di preriscaldo con B | 753 a16 | 75/4 At6/12 | raffreddamento in acqua a 10=-300C, seguita da | invecchiamento artificiale a 160° per 12.ore, | ‘Tempra da 500°C in acqua bollente dopo preri- p B_ | T50 410} “T50/4 A10/12| scaidamento ai 4 ore a regime, seguita da invec- j hiamento artificiale a 100°C per 12 ore. R | R35 | Rast Ricottura a 350°C per 4 ore a regime. 1 semilavorati vengono classificati a seconda della lavorazione plastica subita nelle seguenti categorie principali: — se sotto forma di laminali: sigla Pl; — se sotto forma di estrusi: sigla Pe; — se sotto forma di fucinati (in stampo aperto): sigla PL ; — se sotto forma di slampati (in stampo chiuso): sigla Ps; — se sotto forma di trajilati: sigla Pt. Le leghe vengono divise in fépi caratterizzati dall clemento preponderante nella Jega oltre allalluminio ed i tipi vengono individuati con le sigle Pl, Pe, ece., seguite dal simboto del'allu- minio, a sua volta seguito dall'elemento che caratterizza il tipo di lega. Ad es.: Pf~ Al Cu- Pt Al Si. ‘Tutti i tipi di lega sono suddivisi in generi caratterizzati dal numero che indica la percentuale teorica dell'elemento che determina il tipo di lega; se la sola percentuale dell'elemento determi- ante il tipo non @ sufficiente ad individuare il genere di lega, questa deve essere specificata pospo- endo alla percentuale predetta i simboli degli elementi che ne caratterizzano il genere. Ad es. PI- AISi 0,4 Mg - cioé lega alluminio-silicio-magnesio contenente il 0,4% di silicio. T contrassegni convenzionali che indicano i principali elementi costituenti le leghe sono quelli ii clencati nella precedente tabella riguardante le leghe leggere da fonderia. Lo stato di fornitura 39 gi Cariroto 1 SIMBOLEGGIATURA DEI TRATTAMENTI TERMICI PER SEMILAVORATI DA LAVORAZIONE PLASTICA Dustonazions convewnowaue | Strmoxsoctatuma DEL rRATTAMENTO (oS Reece ee eee eee Stosterearo compen | contrastogno | _Geneicn Completa Panes maczs | R Rane | nicotto per 4 ore a regime a 1 too"? Po-aitg 5 poacis | Hp Hp | Greaao at extrusion Praime2.s rracas — | Hao 140 Inerito at 40%. Praicas4 sinimrg | Pracas sie | TS TanitN | tempea « 500%C dopo pret | ‘ealdo & regime della éurata | LL ora, seguita da invecchia. mente naturale PEAIS| 12 Mgcuni | Pr-as 12 GCN’ | TA. THO} A 16/10 Risealdamento a 500°C per 1 ‘re, seguito da temprae da iivecchtamento artiflale + 160°C per 10 ore. pLaicud Mgim = | PacaGM | THN ‘Ts0/l HN ‘Tempra in acqua a partire da | "500°%C dopo preriseaidamento fe repime ai Tora segulto da | Gna stiratura ‘del ‘materiae (orale Male PLAISIO,5 Mg peasosG | THar6 ‘70/2 1.60 A 16/12 | Tempra in acqua (10°: ‘partite da 500 °C dopo prerl- Fealdamento di due ore a re- fime, traflatura a freddo con H™ "so teguita da inveectia- ‘mento artife'ale da” 100°C per 12 ore a regime, PLaIsi1agiin | PhAsiGM | TA16H20 | T53/2 As6jioH20 | Tempra a partire, da 530 °¢ ‘dnpo risealdo di 2 ore a rogi- ime, seguita da javecchlamen- to aticlae a 160 per 10 ore, con inerudimento finale H 20. Praca 45 Mein | PLAGGSGM | THOBN — | Ts0/1 F106 “Tempra da 600 °C dopo un‘ora ‘ll preriscaldo regime, se- fuita da una stiratura del materiale eon ineradimento ddl 6% ed. lnveesblamento fnaturale Bale. 4i ogni semilavorato in relazione ai procedimenti di trasformazione plastica a freddo od a caldo impiegati, & indicato facendo seguire i simboli delie categorie di cui si ¢ detto, ¢ dopo l'indicazione della lega, i simboli degli eventuali trattamenti termici e Vindicazione del grado di incrudimento conseguente ad una eventuale lavorazione plastica a freddo. 1 simboli dei trattamenti termici sono li stessi impiegati per le leghe da fonderia di cui alla precedente tabella, alla quale va solamente aggiunto il simbolo O per indicare che non vi é stato alcun trattamento del semilavorato. ‘La simboleggiatura completa dei trattamenti termici si esprime ~ come per le leghe da fon- deria —facendo seguire al simbolo di ogni trattamento termico un gruppo di cifre disposte in forma di frazione, il cui numeratore indica la temperatura del trattamento termico in °C diviso per dieci mentre it denominatore indica la durata del trattamento stesso espressa in ore 40 aaa aan MATeRIALt MECCANICE gut I gradi di incrudimento del materiale allo stato di fornitura conseguente ad una eventuale lavorazione plastica a freddo dei semilavorati viene indicata con Ia sigla H seguita da un numero di due cifre, che indica il grado percentuale di incrudimento. Si deve rilevare che questa simbo- leggiatura @ assai pitt precisa di quella di un tempo usata secondo una scala empirica e generica di denominazione (1/4 crudo, mezzo crudo, 3/4 crudo). Ad esempio, un laminato di AIMn 1,2 incru- dito del 60% viene indicato con la designazione completa Pl- Al Mn 1,2 H60, 0 se vogliamo im- piegare it contrassegno Pl- AIM 1,2-H 60. Il materiale grezzo di estrusione viene indicato con la sigla Hp. Nella tabella alla pagina precedente sono riportati a maggior chiarimento ¢ a titolo di esempio, varie designazioni convenzionali complete di leghe leggere da lavorazione plastica. Le leghe allo stato semilavorato devono essere esenti da difetti interni (inclusioni, segrega- tioni, ecc.) ed esterni (scorie, paglie, bolle, ecc.) tali da pregiudicare la Invorazione o causare in- convenienti nel loro uso. La tabella 36* riguarda Valluminio 99% ¢ 99,5% per lavorazione plastica. Le tabelle 37*, 38%, 39*, 40* si riferiscono a semilavorati in leghe d'alluminio per lavora- zione plastica, La tabella 41* riporta i dati caratteristici delle pid note leghe leggere per pistoni di motori @ ¢ombustione interna che costituiscono una categoria speciale in relazione alle particolari esigenze ai impiego. Nelle tabelle sono indicati: 1a composizione chimiea, le caratteristiche meccaniche, la denomi- nazione commerciale dei vari tipi a seconda dei prodotti, nonché i eriteri generali di impicgo. Per le leghe di magnesio (in via di unificazione) note sotto il nome di Elektron sono anche indicati i valori dei carichi unitari di rottura a trazione ed al taglio (vedi tabella 42%), La scelta della lega pitt adatta ad ogni singolo impiego deve essere fatta caso per caso, non solo tenendo conto del fattore economico, ma anche dei pericoli di corrosione quando l'organo meccanico (getto, laminato, fucinato, ecc.) pud essere sottoposto a particolari agenti che espli- chino azione corrosiva (acqua di mare, soluzioni saline, eve.) scegliendo in questi casi leghe atte a resistere direttamente 0 provvedendo all’opportuna protezione delle superfici esposte mediante speciali trattamenti chimici e verniciature di esperimentata efficacia (¢ cid particolarmente dicasi per le leghe di magnesio) di cui é fata ampia trattazione in opere specializzate sull’argomento ('). Si deve tener presente, specialmente per i manufatti ediliaii (serramenti, finestre, elementi decorativi) che le caratteristiche fisiche dell'atmosfera come la temperatura, l'umidita relativa, la presenza di gas nocivi e di nebbia influiscono in modo notevole sui fenomeni di corrosione, parti- colarmente per materiali esposti al'aria libera. 12, Leghe di zinco. In questi ultimi anni hanno avuto larga applicazione leghe di alluminio-zinco, a base di zinco iperpuro (titolo 99,99%), gli note col nome commerciale di leghe Zama ed oggi unificate. La tabella 43* riporta le caratteristiche prineipali di queste leghe medio-fondenti impiegate per getti, e raramente come bussole antifrizione per cuscinetti poco caricati ed a basa tempe- ratura, Queste leghe sono diamagnetiche, resistono agli agenti atmosferici, all’acqua dolce, ai ‘combustibili liquidi, ai Iubrificanti minerali, al gas illuminante; con particolari trattamenti super- ficiali protettivi si pud aumentarne Ia resistenza anche all'azione corrosiva dell'acqua di mare. ‘Tali leghe possono essere impiegate con successo nella préduzione di organi meccanici poco sollecitati, tenendo presente che non si pud superare una temperatura di 120°C, che si deve evitare di-apportare discontinuita, come intagli sul corpo del pezzo e che Vinquinamento del materiale base durante la fusione con altre leghe di uso corrente contenenti piombo e stagno altera profondamente Je propricta, la resistenza all'invecchiamento ed alla corrosione- intercristallina. () Gtr. Paxseat: La fonderia dettaltuminio. Hoepli, 1842, Milano; U. Prazi: Geni teenologiet sul magnesio e sue tage. Soe. A. Cogne, 19905 R.. GuastALLA: Le laghe legpere edule tggere nel campo navale. Fabbeiea al automo: Dill Hota Fraschinl, Sexlone fonderla, senza Ind, i date, AL § 1213, Caprrovo I {Queste leghe sono sempre fuse sotto pressione, possono essere colorate a scopo decorativo e con- sentono applicazione di tutti i tipi di rivestimenti galvanici normali (nichelatura, cromatura, eee. 1 procedimenti di verniciatura, sia a freddo, sia in forno con vernici a base di resine sintetiche (cottura con temperatura a 100--200 °C) assicurano una protezione praticamente durevole. Queste leghe Zn-Ai sono saldabili con una certa facilita sia per fusione (saldatura autogena), sia per brasatura (saldatura dolce con piombo e zinco), sia per saldatura elettrica, ‘Le leghe pit usate sono la ZA4 ela ZA4C1, che ha maggior resistenza meccanica e du- reaza leggermente superiore della prima: Ie fusioni riescono anche con pareti sottili, hanno su- perfici estemne molto liscie e buona stabilita dimensionale. 13, Rivestimenti metallici. Indichiamo con questa denominazione i depositi metallici ottenuti in modi diversi (per im- mersione a caldo, a sprazzo, per elettrodeposizione) su superfici gregge 0 lavorate di manatatti, sia allo scopo di proteggerli dall'azione di elementi dannosi 0 variamente corrosivi, sia per otte- here superfici particolarmente dure, sia per conferire loro un aspetto rilucente o una finitura de- corativa e protettiva. Particolare importanza riveste Vapporto di material duri (cromo) per il ipristino di pezzi usurati o sotto misura per riportarli alle dimensioni desiderate. T metalli ordinariamente impiegati a scopo di rivestimento sono lo zinco, il rame, il eadmio, il nichel ed il cromo; a questi si deve aggiungere Vindio per il trattamento dei metalli antifri- zione, che costituisce un'applicazione del tutto particolare. ‘La zincatura viene ottenuta sia per immersione di leghe ferrose dopo decappaggio(tubi, grondaie, lamiere ondulate, recipienti in pressione, apparecchiature elettriche, marine, ecc.), sia per spruzz0 mediante opportune pistole. La zincatura elettrica é pit costosa, ma da una finitura migliore. E stata largamente sviluppata una nuova tecnica di rivestimento di leghe leggere per depo- sizione di strati sottili di materiali fervosi (ghisa, acciai al earbonio e legato) mediante particolari sistemi di spruzzatura a caldo che consentono di ottenere un rivestimento che si incorpora inti- ‘mamente con le leghe leggere. Tl procedimento € particolarmente utile per la produzione in leghe d'alluminio di cilindri d'aviazione e di motori raffreddati ad aria, teste di motori di motocicletta, tamburi di freni per automobili ed autocarri, scambiatori di calore, ecc. Mediante la caloriz-azione si impregna ad alta temperatura la superficie di un metallo con alluminio, in modo da conferire una discreta resistenza alla corrosione ¢ pit. specialmente alla scagliatura a ealdo (ad esempio in particolati di caldaie a vapore). Con procedimenti galvanici si ottengono la ramatura, la cadmiatura, Vargentatura, 1a doratura ¢ In elettrodeposizione di platino, indio, antimonio, ecc. ¢ di leghe come Tollone, il bronzo nichel, cobalfo, ecc., a scopo di finitura superficiale, (Per esempio parti di strumenti scientifici) La ramatura elettrolitica & impiegata per proteggere sui pezzi sottoposti a cementazione le zone che non devono essere cementate e ha largo impiego come sottofondo per le successive ope- razioni di nichelatura e cromatura. ‘La cadmialura elettrotitica ¢ molto usata per la protezione contro la eorrosione in strumenti chirurgici, viterie, molle, particolari minuti di meceanica fine, ecc. La nichelatura e la cromatura sono di gran lunga i depositi elettrolitiet pit diffusi ¢ pitt co- nosciuti nelle loro applicazioni, e possono essere cosi distint 19) i depositi decorativi, relativamente sottili, di spessore inferiore ai 10 ws su metalli co- anuini (leghe ferrose, rame, zinco, materie plastiche); 2) depositi a caratiere industriale con spessori maggiori per conferire un'eccellente ¥é stenza alla corrosione () anche a temperature elevate; () Cuasmmau: Ja feaue des dépéte eectroiytiques épais de nickel & haule température, «Revue da Nickel», ottobre 1016, page, EEAA, atu: Les depits eectalyiques sur Calumintum et ses alliages. «Comptes Rendus de V’Ae. de France 24990, Tome 190, pag. 805; Baur: Le nikelage de Taluminium. «Revue de Aluminium », 60, mars-aveit 1934, pagg. 2565-2370, 42 MArERIALT MECCANICE g 13. 39) depositi spessi sino a qualche millimetro per la riparazione od il riporto in quota di organi meccaniei usurati o mal lavorati (cromatura 0 nichelatura a spessore) Gli spessori normali dei depositi di nichel ¢ cromo variano da 1 q (nichelatura leggera) sino 2.50 p quando si desidera una nichelatura eccezionalmente accurata, Si tenga presente che Ia velocita di deposizione del niche! in bagni riscaldati ed agitati con densité di corrente 5-7 amp/dm? pud raggiungere i 50 fora. La preparazione dei pezzi per la nichelatura ha grande i zione (1). La tecnica della nichelatura lucida differisce alquanto dalla nichelatura opaca, che rie tuna suceessiva operazione di lucidatura prima della eventuale cromatura (). I deposito di cromo duro, avviene di solito sul metallo-base (in generale acciaio, o ghiisa, allu- tminio) allo seopo di conferire a determinate superfici particolare resistenza all'usura, alla corro- sione © migliorare il coefficiente di attrito. Lo spessere dello strato di eromo varia da 10-100 y. Per la buona conservazione e durata dei rivestimenti elettrodepositati & necessaria un’ottima adesione all’oggetto, piccola porosita per conferire una buona resistenza alla corrosione, buona tuniformita di spessore in relazione alle condizioni di impiego ed all’usura a cui ¢ sottoposto: norme particolati sono stabilite in unificazioni estere (Inglese B.S. 1224-1945, Americana ASTM AES n. A 166, B 142, Francese A91-101) per il controllo di ogntino di questi requisiti Particolare importanza decorativa presenta la nichelatura delle leghe dalluminio, La croma- tura delle leghe leggere ed in special modo la eromatura dura a spessore (s = 50-300 4) & di grande attualita per la costruzione di cilindri di motori a scoppio: presenta sinora motevoli diff colt di esecuzione, La cromatura porosa (proceso elettrochimico Van der Horst e derivati o per godronatura della superficie di supporto) di cilind?i in acciaio, o in ghisa od in leghe leggere e di segmenti, & um proceso molto impiegato per ottenere un’ottima resistenza all’usura accoppiata ad una buona lubrifica- zione, resistenza al calore ed ai prodotti della combustione. La lavorazione meccaniea di finitura delle superfici cromate esige Vimpiego di mole ed attrezzature speciali. La deposizione di stagno (stanitizzazione) & impiegata per ridurre il periode di rodaygio ed adattamento delle fasce elastiche dei pistoni ai cilindri nei motori a combustione interna, Processi particolari permettono di ottenere la nichelatura su oggetti non conduttori (materie plastiche, legno) a scopo decorativo o protettivo per impedire T'assorbimento di umidita, e eon- ferire resistenza all'abrasione (caso delle eliche in legno per aerei da turismo), La placcatura metallica & costituita da un rivestimento protettivo prodotto per laminazione a freddo ed a caldo, per bollitura, saldatura 0 fusione di lamiere in acciaio che allo stato finale presentano un sottile strato superficiele non poroso ¢ fortemente aderente. Si impiegano come materiali di rivestimento il rame, Vottone, i monel, Valluminio, Vargento, gli acciai inossidabili (come il 18/8), il nichel. L'impiego degli acciai-comuni placcati, pud essere vantaggioso e consigliabile, oltre che dal Jato economico, quando @ necessario aumentare la conducibilita termica 0 Ia durezza superficiale, per sfruttare una miglior saldabilita, una buona resistenza all'usura con contemporanea dutti- lita, ece. I placcati hanno lo’ svantaggio di tendere a deformarsi sotto V'azione del calore quando i materiali di cui sono formati hanno coefficienti di dilatazione troppo diversi fra loro. La placcatura corrente & su una sola faccia (lamiere, tubi, tondi); si pud perd eseguire anche la placeatura doppia. Gli spessoti sono superior’ a 1,2 mm con percentuali di placcatura di 10+12%; normaimente si hanno da noi placcati sotto i 4 mm di spessore. Nella lavorazione meccanica dei placeati & necessario usare particolari accorgimenti per non provocarne i deterioramento. Per le leghe leggere ad elevata resistenza, come il duralluminio ed il superduralluminio, 1a protezione contro la corrosione — ad esempio all’acqua di mare — pud essere ottenuta placcando portanza per la riuscita dell’opera~ ede ottobre 1954, n. 52, pag. 1. ‘Electroplating ana Metal Finishing s, settembre-ottobre 1953; + Nickels, 1 50, glu x0 1054, a 43 § 13-14. Carirono 1 i nastro 0 1a lamiera con uno strato di alluminio puro (Litolo 99,99%) © di lega del tipo al sili- ciuro di magnesio, con uno spessore pari a circa il 5% dello spessore totale. Gli organi di durallu- minio placeati possono essere sottoposti agli stessi trattamenti termici del duralluminio non placeato. 14, Altzi rivestimenti protettivi. Oltre alia vernicialura (a spruzzo, alla nitrocellulosa, all’otio, ecc.) vengono normalmente im- picgati per proteggere le leghe ferrose dall’azione degli agenti atmosferici diversi procedimenti ad attacco chimico superficiale in bagni appositi atti a produrre, dopo opportuno decappaggio, peli cole aderenti a struttura cristallina di fostati complessi, stabili ed insolubili che vengono successi- vamente oliati, verniciati o laccati, Questi metodi moderni sostituiscono assai convenientemente il vecchio procedimento di brunitura dei ferrosi, inapplicabile nel!'industria meccanica € costitui- scono il sistema pitt vantaggioso per la protezione antiruggine di bulloni, viti, lamiere, profilati © particolari varii nellindustria automobilistica, utensileria, macchinario, arredamento, ece. Di solito si distingue In fosfatazione normale (ad immetsione) € la fosfatazione aceelerata che pud essere ad immersione (bonderizzazione ad immersione), a spruzz0 (bonderizsazione a spruzz0), ‘oppure elettrolitica (eletirogranodizcazione). La bonderizzazione da luogo ad uno strato fosfatico con minore valore protettivo di quello ottenibile con Ia fosfatazione normale, ma ha il vantaggio di presentare una superficie migliore per la fissazione di vernici ¢ lacche. Nl trattamento di parkerizzazione non € che una fostatazione eseguita con speciali. prodotti Parker. 7 La fosfatazione non esplica aleuna azione sulle caratteristiche mecca penetrazione nella superficie metallica anche in parti profilate ed in ca spessore del rivestimento sia minimo (11,5 ). La fosfatazione ad immersione avviene di solito in bagni a caldo (95-98 °C): si usano anche ‘trattamenti a freddo (20-35 °C), particolarmente utili nel trattamento dello zitico e sue leghe, malgrado la durata del processo (variabile col grado di finitura delle superfici metalliche) sia Jeggermente pit lunga rispetto al trattamento a ealdo Il processo a spruzzo con irrorazione continua sotto pressione dei liquidi di trattamento sul materiale da luogo a rivestimenti particolarmente uniformi, fini e sottili, molto adatti per l'an- coraggio di vernici. La elettrogranodizzazione (proposta dall’American Chemical Paint Co.) @ una fosfatizzazione elettrolitica per deposito rapido (in pochi minuti) di rivestimento fosfatico su materiali ferrosi sottoposti ad una corrente alternata ‘dopo immersione in una soluzione a 604-70 °C di fostato di zinco accelerata con nitrato di sodio, € buona, benché lo Depositi anodici variamente colorati si ottengono sulle leghe leggere sia a scopo decorativo sia per conferire inaggior durezza superficiale (ad esempio sul metallo di pistoni per motori a com bustione interna). Si forma in questo modo una pellicola assai dura di ossido d’alluminio che pub essere ottenuta anche mediante processi di ossidazione chimica, che danno perd luogo ad uno spes- sore di ossido di 1-3 u troppo sottile per poter garantire la protezione del metallo in ambienti particolarmente aggressivi. L’ossidazione anodica produce una trasformazione elettrochimica alla superficie del metallo e non é un deposito di sostanze contenute in un bagno. La struttura dello strato di ossido € praticamente inalterabile fino a 400°C; Jo spessore varia col trattamento ed & Gi solito di 18-25 4, potendosi raggiungere anche 200’, con strato duro e compatto. Liossidazione anodica conferisce al metalto forte isolamento elettrico, elevata conducibilita termica, buona resistenza alla corrosione, proprietd questa che ha molto facilitato V'introduzione delle leghe leggere in varie applicazioni industriali e marine, Si deve rilevare che le operazioni per () Voat: W. Macnu: Ja fosfaticsatione det metal, Hoeplt, Milano, 1955. AL § 144 MareRiatt Meee: il trattamento anodico sono pit semplici quando vengono eseguite su parti con superficie lisce e con grana compatta: Io stato fisico superficiale dei pezzi fusi in conchiglia é pertanto pitt favo- revole che non quello di pezzi fusi in terra, Il trattamento va eseguito st organi finiti di ogni lavorazione meccanica ed é ostacolato da uuite da altri metalli (in particolare se di rame 0 di ottone). are importanza ha nell'industria chimica, sanitaria, ece., il procedimento di smaltatura largamente impiegato su Inmicre, recipienti, vasche, in acciaio ¢ ghisa, autoclavi, giranti di pompe, ecc., dopo decappaggio ed ossidazione, per proteggerli dall’attacco di seidi e soluzioni saline. La migliore smaltatura viene faite a due strati, di cui il superiore (cosiddetto dé copertura) deve pe- netrare nello strato sottostante di smalto protettivo antiossido, pitt adesivo e cedevole per evi- tare le screpolature dello smalto, Il trattamento & eseguito a caldo a 850--1000 °C. In casi particolari, nellindustria chimica e cartaria, si impiega In ebanilatura come rivesti- mento protettivo di recipienti, cilindri per la parte umida di continue, ecc. La ricopertura in gomma od in resine sinletiche viene usata agli stessi scopi a seconda delle esigenze. 15, Materiali non metalliei, Legnami ¢ compensa 1 pitt usati sono: fegno, materie plasticke sintetiche, gomuna, mnateriati per guarnizioni, cuoio. I legno allo stato naturale ‘0 sotto forma di compensato, € poco usato nella costrazione delle macchine per la sua limitata resistenza, poca omogencita e per le sua combustibilita. Un certo impiego @ riservato al legno nelle machine per le industrie molitorie, agricole e tessili e talora nella costruzione delle carrozzerie, per la sua facile lavorabilita e per la sua deformabilita elas Nell'industria meceanica if legno é generalmente impiegato per la costruzione di modelli da fonderia che sono ricavati da legnami di essenza dolce come il cirmolo, l'ontano nero, l'abete +0850, I'acero, il melo,e pid raramente da legni di essenze pid forti come il moce € il rovere. La nomenclatura dimensionale degli assortimenti Iegnosi di produzione nazionale @ ripor- tata in UNI 3517. Le prove che si eseguono per determinate le caratteristiche fisico-meccaniche del legno, essenzialmente a carattere comparativo, sono indicate in UNI 3252-3266. Nelle costruzioni acronautiche il legno & impiegato nelle sue qualita pitt pregiate, come é chiaramente indicato nelle tabelle 44* e 45% (per i campensati). Le caratteristiche meccaniche dei legnami pitt usati e dei cémpensati riguardo alla produ- zione nazionale, sono riassunti nelle tabelle 44+ ¢ 45*, Nella tabella 44* i valori dei carichi di rot- tura a trazione ed a compressione ed il valore del modulo elastico sono riferiti a provini ricavati parallelamente alle fibre, secondo valori medi per materiali privi di difetti ed essiccati natural- ‘mente allaria, Tali valori possono scostarsi anche del ++30% a seconda del peso specifico del legno e del suo grado.di umidita, 1 valori che si riferiseono ai legnamni cosi detti miglierati ¢ compensatt impregnati di resine, sone quelli stabiliti dalle norme di accettazione dell’Aeronautica militare. Recentemente & stato possibile migliorare grandemente le qualita del legno con particolari processi detti appunto di miglioramento, che sono un perfezionamento ulteriore del sistema di fabbricazione dei compensati ad incollaggio (a base di caseina), La tecnica moderna del compensato ha sostituito all'incollaggio a freddo alla caseina, quello effettuato con resine ureo-formaldeidiche che consentono di aumentare non solo la resistenza del- Yincollaggio, ma di acerescere la resistenza stessa del prodotto sfogliato ed incollato, introducendo in esso sostanze che, a proceso avvenuto, conferiscono al prodotto una notevole rigidezza e resi- stenza per efletto dei leganti impiegati. Si hanno cosi legnami migliorati per travature, centine, dliche, fasciami ed ossature di imbarcazioni, ingranaggi, cuscinetti per laminatoi, ecc. con resi- stenza alla trazione di 12-20 kg/mm?, alla compressione di 2030 kg/mm, resilienza di 70-120 kgemjem®, durezza Brinell 16-24, con peso specifico di 1,114 kgidm*, Questi materiali vengono utilmente impiegati per la costruzione di pulegge per cinghie tra- § 1516. Carrtoro 1 pezoidali, articoli per tessitura ed ingranaggi per trasmissioni silenziose, anche nel caso di lubri ficazione non abbondante: possono funzionare anche a bagno d’olio ed immersi in acqua o solu- ioni acquose, senza deterioramento, perché poco assorbenti. Si possono eseguire ingranaggi con modulo piccolo (0,5-1,5 mm) sino ai moduli massimi (16-20 mm) con larghezza di dente da 5 a 100 mm ed oltre. Tali ingranaggi possono essere accoppiati con ingranaggi metalli denti a Mlessione & di 18,5+20 kg/mm’, : il earieo di rottura dei 16. Resine ntetiche - Gomma - Materiali per guarnizioni - Materiali isolanti. Si indicano con Ja denominazione generale di resine sinletiche le materie plastiche apparte- nenti ad una serie di resine artificiali a struttura macromolecolare che hanno in generale buon potere isolante elettrico, buona resistenza alla corrosione, resistenza a temperatura moderata (normalmente fino a 50--60°C ed eccezionalmente sino a 150°C), notevole resistenza alla tra- zione ed alfurto. Grandissima é Ia varieta delle resine sintetiche, normalmente distinte in relazione alla loro costituzione chimica; si hanno cosi resine fenoliche, ureiche, acriliche, viniliche, ece., che da sole od opportunamente mescolate con adatti materiali inerti o di riempimento (segatura di legno, carta, fibre tessili, ecc,) dimno Inogo ad ung grande serie di prodotti con caratteristiche mecca~ niche, termiche, eleitriche, ecc., assai diverse fra di loro, Nella tabella 46 é riportata la classifi- cazione delle resine sintetiche secondo UNI $93, $94 e 3647. Si suole distinguere le materie plastiche in fermoplastiche e termoindurenti: le prime divengono molli per effetto di risealdamento ed induriscono con il raffreddamento, mentre le seconde stampate a ealdo per fusione induri- scono in modo definitivo. Le materie plastiche termoindurenti sono molto impiegate nella costruzione di apparecchia- ture elettriche, e radio-elettriche, nelle costruzioni edili ed aeronautiche, nelle industrie chimiche, ecc., € si prestana nelle costruzioni meccaniche per fabbricare carcasse, volantini, maniglie, in- ‘granaggi poco sollecitati, cuscinetti ¢ boceole, Le prove sulle materie plastiche termoindurenti sono riassunte in UNI 3625-3646. Le caratteristiche dei materiali fenolici da stampaggio ¢ la loro classificazione sono indicate in UNI 3647. Gomma: viene usata per guarnizioni di tenuta quando la temperatura di esereizio non é tale da comprometterne la durata: a questo riguardo migliori prestazioni si hanno per la gomma sin- tetica insolubile nel‘olio minerale. Le guarnizioni in gorima sono in genere a forma di anelli toroidali o variamente sagomati, ricavati spesso dalle lastre di gomma (gomma ¢ tela, gomma-tela con armatura di rinforzo metallico, ecc.). Per sospensioni elastiche ed antivibranti, ece., si impiega gomma avente mescola di partieclare composizione. In tessuto gommato disposto a strati sono formate le cinghie trapezoidali giunti flessibili tipo Hardy. ed i dischi dei Guarnizioni: si distinguono in pratica, a seconda della temperatura di esercizio, in guarni- zioni per alta e bassa temperatura, Fra le prime sono da comprendersi le guarnizioni in améantile sola 6 armata, le guarnizioni in amianto con rivestimento e bordatiira in rame (ad esempio, per teste di motori a combustione) e le guarnizioné in rame ricotio, in aliuminio, ece. Per premistoppa sono usate guarnizioni in cordone di amianto grafitato o sevato, a seconda della temperatura di esercizio, con o senza anima metallica in metalli tener Guarnizioni di tipo speciale si impiegano per il rivestimento delle suole di freni a ceppi € frizioni in generale sotto forma di nastri, anelli piani o conici formati da amianto impregnate con resine sintetiche (Ferodi). Spesso vengono incorporati anche fili ed inserzioni metalliche (zinco, ottone), allo scopo sia i agevolare 1a dispersione del calore, sia per ridurre lo stridio dei freni sugli autoveicoli ridu- 46 Mareriati steccanrer $16. cendo contemporaneamente il logorio del tamburo, La durezza di queste guamnizioni varia da 150 a 200 Brinell; la temperatura massima di esercizio pud raggiungere 1 500°C. Lo spessore delle guarnizioni & di solito compreso fra 5-20 mm, secondo i tipi e le applicazioni. Sono jn generale da preferirsi i materiali sotto forma di stampati rigidi (suole, anelliy con buon coefficiente di attrito (f= 0,30--0,35) atti a resistere a pressioni specifiche del!'ordine di 10-12 Kg/em® (per i freni), 1,8-3 kg/om* (per le frizioni). Nel caso di impieghi gravosi bisogna assicurarsi che il coefficiente di attrito non diminuisea eocessivamente @ caldo. Per guarnizioni di tenuta a bassa temperatura, e particolarmente nel caso di guarnizioni per tenuta d'olio su superflei piane, viene impiegata la carla in fogli dello spessore di 0,3--0,8 mm spesso spalmati di un sottile strato di pasta adesiva speciale resistente all'azione dell'olio, ben- zina, acqua, ece., con cui si spalmano anche guarnizioni di amiantite, per temperature sino a 250°C. Liamianto in lastre soffici o pressate, in filo o cordoni viene impiegato per guarnizioni, iso- lamenti ¢ rivestimenti ad alta temperatura, Materiali isolanti. Nelle costruzioni elettriche si impiegano come isolanti carta, carta impregnata, mica © pro- dotti derivati noti sotto varii nomi e fortemente dielettrici come Ia porcellana ed il vetro © le resine fenoliche (bakeliti) per isolatori e basette, il celoron ed il tessuto di vetro stratificato ed im- pregnato con resine sintetiche. Per 'isolamento di fili si impiegano rivestimenti in gomma, tubetti in plastica, fili verniciati, smaltati od ossidati anodicamente a seconda delle necessita di applica zione ¢ della differenza di potenziale in giuoco. 47 CAPITOLO IL RAPPRESENTAZIONE GRAFICA 17, Linee di disegno. 11 disegno di un organo meccanico 0 di un complesso di organi meccanici viene eseguito me- e linee che riproducono la conformazione esterna delle sezioni e con linee ausiliarie atte ad se rete — gli assi di simmetria, le tracce dei piani di sezione, oppure — se curve — ad esempio, le circonferenze primitive degli ingranaggi, ecc. ‘Secondo le vigenti prescrizioni UNI (UNIM 7) la grossezza delle linee viene definita dal loro spessore come segue: linee sottilissime da 1/10 mm e 2/10 mm contraddistinte col n. 1 ¢ 2 » sottili da 4/10» " end » medie da 6/10 » * > 6 + grosse da 8/10» * » 8 » grossissime da 10/10» » » mn 10 In relazione a tali spessori i gruppi di linee 2, 4, 6, 8 10 comprendono: 1a) Linee continue: per a rappresentazione di parti in vista; b) Linee a tralfo: per la rappresentazione di parti nascoste; ©) Linee a tratlo e punto: per Vindicazione degli assi di simmetria, circonferenze primi- tive degli ingranaggi, linee di traccia dei piani di sezione, ed in genere per Vindicazione delle linee non reali; 4) Linee continue sottit’: per le indicazioni accessorie ed ausiliarie (come linee di misura, parti rappresentate a titolo di riferimento, posizioni estreme di parti mobili, tralettorie di organi in moto) oltre che per la rappresentazione convenzionale delle filettature.” La tabella 47 riproduce appunto 1a UNIM 7, al cui riguardo si rileva che Ia fettera posta a fianco di ciascuna linea dei vari gruppi, indica il tipo della linea (continua, a tratti, ecc.) mentre il numero ne indica le grossezza. Nell'esecuzione di ogni disegno si deve curare che la grossezza della linea impiegata sia ap- propriata alla natura ed alla grandezza dell'organo disegnato in modo che le varie parti risultino della massima chiarezza ed evidenza, conservando lo stesso gruppo (leggi lo stesso spessore di linea) nelle diverse proiezioni di un medesimo oggetto. In casi particolari per i quali si richiedessero linee diverse da quelle previste, ad esempio, per schemi elettrici, schemi di tubazioni, ecr. le conven- zioni adottate devono essere chieramente specificate con una nota o con opportuni richiami. E qui @ utile far presente che, eseguendosi i disegni tecnici nella grande maggioranza dei casi a matita, non si richiede normalmente una cosi grande varieté di spessori che conviene invece nella rappresentazione grafica in penna e che in tinea generale il disegno & esequilo senza esagerare nella grossezea delle linee, Si rileva ancora che i disegni di organi meceanici si eseguiscono normalmente senza dare alein risallo alle cosiddette linee in luce e in ombra, salvo casi specialissimi.. 49 ‘Tangita 47 UNIM Disegni tecnici Tipi ¢ grossezze delle line Grossezze delle linee es vn 3 oe 6 8 tO Gruppi di linee tes pa 03 Line enti Ceres 4) Lines media Cerpne a 4 os bok Pt Eu 2 a see growieinn (arppe 107 + 10 Eee a ee og pean aes eaenenert 2 cool 1 = W numa gente a distr al ewcens tee iain te grnteaa approminatia dt nr encanh Coe nes oye guppies yore eporoptins la natura 46 ala on satrmiato dogo yavics del aoe sata, in odo exe I vate pu 5 Le tne «tra tips b drone neers vate pa ava init in clean ervp (as exons 2 paris sigan sere dar cate se 1 ange Yeni a evepiecone Ripraurione enteriele dat UNT RAPPRESENTAZIONE. GRAFICA § 17-18-19. I gruppi di line stabiliti dalla UNIM7 sono di solito sufficienti per le rappresentazione completa di ogni particolare o di un insieme di organi di machine: all'occorrenza perd si pos- sono impiegare altri tipi di linee (a tratto e due punti, a tratti di diversa lunghezza, ecc.) purché venga indieato nel disegno il loro particolare significato, i | disegni a mano libera come schizzi, schizzi quotati, ecc., devono essere eseguiti con linee di grossezza uniforme € corrispondenti al tipo di ogni gruppo. 18. Seale di rappresentazione. 1 disegni, specialmente quelli dei particolari, vengono eseguiti — sempre che sia possibile — in grandezza naturale 0, come si dive spesso, al vero, raggiungendo cosi grande chiarezza ed evidenza dei tratti, facilita di disposizione delle misure ed un agevole controllo del proporzionamento adottato. Quando perd si devono rappresentare complessi meccanici 0 particolari di grandi dimension‘ si ricorre alla rappresentazione in scala, riportandone cio? le dimensioni in opportuna scala di ridu- tione, Le scale normalmente usate sono le seguenti: 1/2, 1/25 1/5, 1/10, 3/10, 1/20, 1/50, 1/100. Si usi raramente la scala 1/2, perché essa falsa il disegno e le proporzioni delle aree non sultano cosi evidenti come si ottiene con le altre scale. Per rappresentare i particolari costruttivi di elementi di piccole dimensioni, specialmente se soggetti a lavorazione di precisione o richiedenti quotature complesse che non sarebbe facile i= portare in un disegno al vero, si ricorre alla rappresentazione in scala maggiore della grandezza naturale, adottando le scale 2/1, 5/1, 0/1, sia per tutto il disegno, sia per Ia parte che interessa illustrare pid chiaramente. Qualunque sia la scala seelta per la rappresentazione dj un organo o di un complesso meceanico, essa deve essere sempre indicata in modo chiaro ed evidente nel disegno. E inteso inoltre che, qua lungue sia Ia seala di rappre- sentazione, i valori delle quote riportate net disegno sono sempre > come meglio si vedra — ‘quelli reali che competono alt or- ano rappresentato, 19, Disposizione delle proie- zioni. Normalmente per le rap- presentazioni che costituiseono a votesont i disegni tecnici si usa la proie- ‘Fig. 1. ~ Metodo di rappresentazione in pr Sion urtsganiie? 7 conogonalt: plant di rappresentazione. Il pezzo od il complesso meceanieo, di cui si deve ese- guire il disegno costruttivo, si rappresenta nella sua posizione normale di funzionamento, immo- hile nello spazio ed idealmente circoscritto da sei piant di proiezione ortogonali ira loro opportu- namente orientati rispetto all‘oggetto (!) e costituiti dalle sei facce di un cubo, sulle quali le forme dell'oggetto possono essere proiettate (vedi fig. 1). 1 Ossia in modo che le quote risultino reall e mal proiettate. 51 § 9. Cariroro II Cosi dell'oggetto si possono avere sei proiezioni, di cui due su piani orizzontali (E, F) ¢ quattro su piani verticali (A, B, C, D); non @ naturalmente detto che siano sempre necessarie Band OF aN ite ol basso proiezioni per caratterizzare in modo completo la forma dell’oggetto. I piani verticali posteriore A ¢ l'ante- riore G sono detti piani di prospelto o viste di fronte © normalmente vengono scelti’ per rappresentare T'oggetto nella sua forma ‘pit espressiva; i piani laterali destro-B e sinistro D-si chiamano piani di profilo; i piani oriz~ zontali E, F sono detti piani di pfanta e rappresentano rispettivamente la pianta del- Voggelto visa dal di sollo ¢ quella vista dal at sopra. ‘and oF PAOLO _D| PANO OI PROSPETTO Pano 0 PROF _—B ‘Bano PROSAETTO. C vate do dato vis da sino vi do rabo Generalmente per la rappresentazione di un oggetto sono sufficienti le proiezioni sui piani A, B (0 D), F, @ cioe: una proiezione di prospet- to (A), una di profilo (B) (0 D), ed una di pianta (F), Se noi immaginiamo di aprire o, meglio, di adagiare in un unico piano le face det cubo (che abbiamo supposto circoserivere Voggetto) ribal- tando ognuna d'esse di 90° sul piano del foglio (che coincide col piano di prospetto A), rilevia- mo che i piani di proiezione assumono le_po zioni indicate in fig. 2, dalle quali discende di- 7 cl at mi al eh emma S12 tes SCE sar fy rettamente la deduzione importantissima che la posizione relaliva delle varie proiezioni non & arbitraria. In altri termini, fissata 1a posizione di un oggetto (v. fig. 2) € disegnatone sul piano poste- 52 RRAPPRESENTAZIONE GRAFICA §19. riore il prospetto, alla sua destra si-rappresentera il profilo dell’oggetto visto da sinistra, a sinistra il profilo dell'oggetto visto da destra, in basso 1a pianta dell‘oggetto visto dall'alto, in alto Ia Pianta dell'oggetto visto dal basso ('). Ne segue che — prima di rappresentare un oggetto — & assolutamente necessario stabilire quali sono le proiezioni necessarie per identificarlo costruttivamente nel modo pitt semplice e completo, disponendole poi nell’ordine logico di cui si detto ¢ vicine alla proiezione principale ed in modo che gli assi di simmetria comuni alle varie proiezioni risultino Puno sul prolungamento dell’altro (v. fig. 3). In casi particolari, quando non vi sia pericolo di false interpretazioni del disegno ed a scopo semplificativo, per viste ausiliarie, sono ammessi ribaltamenti su piani diversi da quelli assunti \ ig, 5, ~ Rappresntazion paraale in vista ed in Hie, A = Rappreventazione Si un npo tabularefad stents Rangiete fe vite OF prompetto eal Feaeo! 1 aoe taser $a Kise eiialtste oi come fondamentall, In fig. 4 1a sezione trasversale dl Prospetto. fusto del bilanciere @ ribaltata sulla stessa vista; nel ‘supporto ad angolo di fig. 5 le proiezioni di pianta delle flangie di attacco sono direttamente ribaltate sul piano di vista (v. figg. 4 © 5). Nel ribaitamento di langie come nel caso sopra citato viene fatto comumemente con tines ello stesso spessore del disegno, ma poiche eid pud generare confusione nella lettura quando vi siano pid viste ribaltate, si usa disegnare i ribaltamenti con line pit sottili, di spessore circa meté di quello adottato nel disegno. Vedere ad esempio la fig. 697. F opportuno che la vista di fronte o vista principale sul piano di prospetto A rappresenti l'og- getto nella posiione normale di ‘atiizzarione @ fanzionamento; a tale prolezione a attribugce i maggior contenuto espressivo ¢ si da la disposizione pii vantaggiosa delle altre viste. Nel caso i oggett, per i quali non ce una determinata posizione i uilizzazione, & da preferire la rap- presentazione rifrita alla posisione di execurione. Le varie viste devono essere convenientemente racrolte e disposte vicino alla vista principale, cn gli assi di simmetria comuni posti I'uno sul prolungaimento dell’altro, come si & detto, In casi eccezionali ¢ per convenienza pratica di disegno, 0 per pezzi molto lunghi, ¢ ammesso. disporre qualche vista in modo diverso di quanto esposto nelle regole precedenti sulle reciproche posizioni delle proiezioni, In questo caso (vedi fig, 6) si deve indicare la direzione della proiezione con una freccia ed una lettera e riportare sopra alla proiezione l'indicazione « Vista da...» @). Se in una delle viste una parte di un oggetto riultasse di scoreio, & ammesso, per motivi di chiarezza, il ribaltamento sul piano del disegno in modo da avere una proiezione normale. In (0) Nel sistema di rappresentazione americano viene riportata a destra del pezzo non gia Ja proiezione di quanto sl vede guardandolo da sinstra, ma la vista del pezzo guardato da destra: e cost dicasl per profilo di sinistra © per le plants ‘Trattast di una convensione che, in Europa, @ segulta talvolta solo per proleztonl parzil 53 § 19-20, Cartroro IL questo caso (vedi fg. 7) conviene indicare con opportuno arco di cerchio (linea soltile a tratto ¢ Fonte) Ia rotazione subita dal punto pit rappresentativo delle parti ribaltate: in fig. 7 tale punto 2 it centro dell'alloggiamento sferico, posto a destra del'asse del bilanciere. Pig. 6. — Disposisione particolate delle viste Fig. 7. — Prolerfone sibaitata, Le linee di contorno non visibili, quando si ritenga opportuno ¢ necessario indicarle per mag- giore chiarezza, si rappresentano in linea a tratti sottli ‘Linterruzione della rappresentazione viene indjeata con una linea a tratto ¢ punto (vedi fig, 8). L'intersezione di superfici viene rappresentata in vista da linee sottili e continue. Naturalmente si omet- : tono nel caso in cui V'intersezione @ sostituita da super- fici raccordate. < ‘Le superfici piane in vista, che sono, ad esempio, Je facce di un prisma quadro, di una piramide o di un piatto ricavato od appartenente ad un corpo cilindrico 8, = Interruzione di una vista. Fig. 10. — Viste parziali i_un pezzo. possono essere indicate, per maggior ehlarezza con due linee diagonali sottil, continue (ved fg. 9). ‘Quando si rappresenta una vista parziale di un pezzo, questa viene limitata da una linea a tratto e punto (vedi figg. 9 € 10). 20. I raccordi nell’esecuzione di un disegno. B opportuno seguire un ordine determinato nel tracciamento delle varie linee, allo scope di conseguire nel modo pit rapido e semplice i migliori risultati. S'inizia il disegno di'un pezzo trae Ciandone gli assi di simmetria; su questi si porteranno col compasso, a partire dal centro, i tratt indicanti Je varie posizioni delle Wnee ed i centri dei raggi, tracciando con linee sottili le lines orizzontali e verticali passanti per tali punti; quando non trattasi di circonferenze indieanti fori © perni in vista, ma di archi di circonferenza che rappresentano raccordi fra due lince, si seghano f Gintri di raccordo pure essi a tratto sottile; dagli archi si parte poi tangenzialmente con Ia linea 54 RAPPRESENTAZIONE GRAFICA § 20-21, definitiva restando facile e perfetta la congiunzione degli estremi del tratto curvo con i seginenti rettilinei; le tracce sottili che non interessano nel disegno vengono quindi cancellate. Nel caso in cui si debba effettuare un raccordo di raggio R fra due segmenti formanti angolo gid tracciati, si pud rieorrere ad uno dei tre metodi indicati nelle figg. 11 a, 5, ¢. 1 +4/® ‘Nella figura 11a, x trovato in 0; il punto @'incontro dei prolun- ee ee ® 7s imenti dati e tracciata Pig. 11. ~ a, b, , Modi di tracsiatura di wn raccordo ad arco di cerchio. Ia bisettrice 0,-O,, si conducano per i punti di raccordo assegnati le perpendicolari N alle semirette 0, A e 0, B. Il punto del loro inerocio O @ il centro del eerchio di raggio R che appartiene all'arco di raccordo richiesto. Nel caso della fig, 11 si é proceduto segnando, parallelamente alle rette A e B da raccordare con raggio R ed alla distanza R, due segmenti paralleli alle rette date ehe si incontrana in O, centro del g del raccordo; invece nel caso 11c ill raccordo fra due ® Pig. 12, — Metodi Gi tracciatura di raccordi Fig. 13, - Altet esempi di tracciatura di raccoral ad. ‘ad arco di cerchio. arco a cerchio. segmenti perpendicolari ¢ definito unicamente con apertura del compasso uguale a R ¢ centro sulla bisettrice ottenuto come indieato in figura. Nelle figg. 12 e 13 sono indicate alcune semplici costruzioni geometriche per il corietto trac- ymento di raccordi ad arco di cerchio. 21. Sezioni, Le proiezioni di cui si é detto al paragrafo 19 rappresentano, nei vari piani, 1a configurazione esterna del oggetto che di per sé stessa non pud caratterizzare, dal punto di vista costruttivo © dimensionale, tutti i particolari dell'oggetto stesso (spessore delle parcti, nervature, andamento di condotti ed in generale lavorazioni di superfici interne). necessario pertanto rappresentare Poggetto sezionandolo secondo uno o pin piani paralleli © normali ai piani fondamentali di proiezione, in modo da poter rappresentare la configurazione interna del pezzo e quotare cost le dimensioni delle particolarita non esternamente visibili, Cosi, ad esempio, dovendosi quotare i vari spessori di un pistone, basta sezionarlo per mezzo 4i un piano assiale, come indica la fig. 14 che, per facilita di comprensione, lo rappresenta in prospettiva. 55 gt. Garitora II Si denomina sezione longitudinale Ia sezione effettuata con un piano passante per 'asse lon- gitudinale del pezzo e parallelo al piano di prospetto, mentre & detta sezione trasversale la sezione fatta.con piano passante per T'asse trasversale normale al precedente e parallelo al piano di pro- filo, e sezione orizzontale 0 pianta sezionata la sezione giacente in un piano parallelo ai piani di pianta, Le figg. 15a, ,c, portano tre esempi rispettivamente di sezione longitudinale, trasversale, ed orizzontale di un corpo di valvola se~ condo le tracce A-A, BB, C-t. E importante notare che i piani di sezione devono sempre essere ‘contrassegnati (di solito con lettere che si riportano nella sezione cor~ rispondente) e particolarmente quando Ia forma. del pezzo renda ne~ cessario eseguire sezioni secondo una linea spezzata A-B (vedi figu- ra 16) in modo da far passare la sezione nella zona che interessa precisare ed evitando, nel contempo, di dare due o pit distinte sezioni, I piani di sezione sono cioé individuati mediante la Joro traccia nel disegno in linea a tratto e punto, contraddistinta ai suoi estremi con lettere maiuscole eguali; pitt speditamente le estremita delle trac- ce dei piani di sezione possono essere indicate a tratto pieno. Anche i tratti di intersezione delle tracce dei piani di sezione sono segnati a linea a tratto e punto ingrossata: per maggior chiarezza i varii punti della traccia delle sezioni vengono spesso contrassegnati con lettere maiuscole diverse e progres- fig. 17. suas Fig. 15. — Reppresenta- senate ie, Fig. 16. ~ Sezione assiale parte in vista parte ig, 18. ~ Sesione asia © Exlone, dun ‘corpo ‘ello saute a plants al salvo, SE Succondo per bento Le sezioni sono disposte rispetto alloggetto seguendo gli stessi criterii indicati per le proie- zioni: per evitare eccessivo ingombro si pud adottare la disposi ne di fig. 18. Si rilevi che in questo caso, non essendosi seguite le norme riguardanti la posizione delle sezioni, il senso della proiezione é indicato mediante frecce apposte ad ogni estremo della traccia dei piant di sezione, Nelle figg. 19 e 20 sono riportati altri due esempi di sezioni sfalsate ottenute secondo piani 56 JRAPPRESENTAZIONE. GRAFICA gal ‘concorrenti 0 paralleli: si rilevi che le due {reece apposte alle linee che indicano a sezione sono i per sé superfiue, in quanto Ia sezione é correttamente disposta rispetto alla pianta e non po- trebbe essere interpretata in altro modo: le freece sono state poste per‘attirare V'attenzione, se- condo una consuetudine che va, giustamente, scomparendo. Quando si seziona un pezzo secondo piani diversi da quelli usuali di proiezione e si porta fuori dal pezzo la sezione, si deve indicare la trac- <2 cia det piano di sezione ¢ riportarne Vindicazione nella sezione ribaitata per la maggior chiarezza del disegno e quindi per agevolarne Tinterpreta- ee or et ae a I L i | } eee f le te o,f a4 Ss Fig. 17. = Sesione un gamit hugo Vase. Fig 18. ~ Disposisione patticotare dt seion tione, Cosi, ad esempio, & stato effettuato in fig, 21, nella quale sono indicate le sezioni A-A ¢ B-B relative ad un supporto a sedia ¢ cosi pure in fig. 22 dove appare la sezione A-B di un sup- porto a braccio inclinato. Altro esempio applicative di queste norme sulle proiezioni e sezioni @ indieato in fig. 23 Se il pezzo richiede sezioni secondo superfici cilindriche, le singole sezioni vengono disegnate sviluppate e con I'indicazione secondo fig. 24. Quando nel piano di sezione viene a giacere lasse di perni, alberi, bulloni, chiodi, ribattini, spine, razze, sfere, rulli, nervature, denti, chiavette, biette, si suppone jaa Ome non avvenuta T'ntersezione: cid equivale a dire che detti organi non si rappresentano mai sezionati, a meno che non presentino particolarita ¢o- struttive assolutamente eceezionali (ad esempio bulloni o ribatti beri cavi, eve.) che impongano di, meter in luce Ia forma della loro sezione interna ¢ sg.19,-Seronestaeta & BvoT#ione a cui SiSin ‘Gta erate, HEvORO evere sotto Per maggiore chiarezza, 0 per ri- sparmio di spazio, le sezioni possono esse- re ribaltate in posto, come si é gia visto in fig. 4 ¢ come si vede ancora, ad e- oe statsata MPI im Ng. 25, Tig. 20, Sezione sfaleata 1 eontorno della hicledlindricl a gradiai, zione 2 a linea sottile avi, ab Pig. 21. ~ Vista e seviont ps ‘supporto. 57 gal. Carrtoro TI continua, & naturaliente inteso che Ja sezione rappresenta solo In parte delloggetto situata sul piano secante. Le sezioni di piccolo spessore, ad esempio nel caso di profilati, possono essere annerite com pletamente, lasciando un sottile spazio bianco tra gli elementi sezionati adiacenti | ees (rea 2. “sezione con ‘Tutte le superfici di sezione, che giac- ‘iste e sezioni ciono cio’ nel 0 nei piani sezionati, sono parziali di an ‘tratteggiate mediante linee continue e sot- ‘particolare ‘ili, formanti con Tasse del pezz0 0 le Ti- i nee di contorno un angolo di 458, 0 co- } munque compreso fra 30° ¢ 60°, come si | pud vedere in tutti gli esempi riportati. Dalle stesse figure si rileva che I'in- ‘ tervallo fra i tratti deve essere scelto in j funzione della grandezza della superficie da tratteggiare ed @ il piu largo com- patibile con la chiarezza del disegno. Il tratteggio va interrotto in corri- spondenza alle iserizioni od eventuali altre indicazioni messe sul disegno (vedi fig. 27). Il tratteggio di parti contigue apparte- enti a pezzi diversi hanno differente in- clinazione (od intervallo) vedi fig. 23. Per interrompere le sezioni si usano Jinee di rottura continue ed irregolari, co- : me si vede in fig. 22 ed in fig. 294, 5. Quando le superfici han- 7 no una grande ampiezza il wpio drop: ¥ tratteggio pud essere ridot- cee to, sen ehiarezsa del tse Hamza fo vr gro non viene compromes- sa, alla zona adiecente al suo contorno. i La rappresentazione di parti adiacenti ad un pezzo sezionato deve essere esegui- ta con linea sottile ¢ non deve mai sovrapporst al di- segno del pezzo (vedi figu- ra 30). Le parti che si trovano davanti al piano di sezione devono essere rappresen- tate, se necessario, con linea sottile 2 tratto e punto (vedi fig. 31). Le figg. 32, 33 ¢ 34 riportano alouni esempi di errori assai comuni ¢ Ja rap- presentazione corretta La fig. 85 mostra invece un esempio di sezione giustamente rappresentata. Per pezzi simmetrici spesso si usa proiettare sullo stesso piano mezza vista ¢ mezza sezione, come nel caso del segmento di innesto per tubi indicato in fig. 36, in modo da riassumere in un ‘unico disegno tutte le indicazioni che si avrebbero eseguendo una vista ed una sezione completa, 58 RapPneseNTazione Gnarica gt E utile osservare che in un pezzo sezionato longitudinalmente bisogna indicare oltre alle linee di contorno, che compelono alla sezione, anche le linee degli spigoli vivi ¢ delle linee di contorno che giacciono su piani in semplice vista, Nella fig. 37a mancano appunto queste linee, mentre la 95, ~ Sexioni ribaltate in poste. CT Fig. 20, ~ Sezioni di profilati. Ser. FF Svituppate $01.00 Seitupgita 5e1.8-8 Sviluppara LLL Vig. 24. ~ Seziont cilindriche sviluppate Pig. 27. ~ Interruzione del tratteggio Tuna patta dvelica in cofrispondenza di un'iserizione. fig. 37 5 mostra Jo stesso pezzo, rappresentato corretiamente meta in sezione e meta in vista, In quest'ultima proiezione le linee’ punteggiate sono superflue, perché in realt& ingombrano la parte in vista, togliendo limpidezza al. disegno. Se un pezzo presenta una dimensione molto rilevante N rispetto alle altre, di regola non lo si seziona jungo Ia dimen- sione maggiore, ma si opera una sezione parziale, interrom- pendo la sezione con una linea irregolare che indica appunto tuna sezione interrotta, come si vede in fig. 38 che rappre- senta una testa di biella , oo Se un pezzo mantione costante la sua conformazione, come avviene, ad esempio, per un albero a diametro costan- te e presenta notevole Iunghezza, si disegna i pezzo inter- rompendone la rappresentazione, mentre si indicano Te se- zioni terminali di rottura, come in fig. 39; del tutto analo- gamente per un ferro ad L, come in fig. 40. Sy Lazzrrrrrzzzz7 BY = Serioni di parti contigue. 39 Cartroco 11 Pig. 33. ~ Ray 4) vista pari [Dasha Ripe 058 Fig. 92. — er Java a squadra: ¢) rappresentasone errata: é) rappresen- ‘Supporto con base © fusto nervatt:«) rappresen- slob? erat») reppresentasions cotta itarione di una rota dentata a razze. ‘esatta; 0) sezione assiale errata; c) corretta, Fig. 34. ~ Rappresentazione di un collegemento a. bullone passante: '2) disegno errato; 8) corretto, RAPPRESENTAZIONE GRAFICA gat. Altra avvertenza importante per non provocare errori di interpretazione & quella di non timi- lare mai la porsione sezionala con liriee di vista del perzo (fig. 41 a), interrompendo invece la ‘sezione in modo chiaro visibile, come in fig. 41 6, fuori dalla Tinea di vista Tale norma é stata anche osservata in fig. 42. Quando il piano di rappresentazione non in- Fig. 35, ~ Rappresenta- zine di wa manopola ‘i comando in planta ed ‘in sezione asaiale. Fig, 98. = Testa dl bella rappre- ‘sentata’ di prospetto in vista € fot serione parziale in corrispon- denza di ut bullone di collega- ee Trg, 20, ~ Rappresentazione, par- ToS Vata e parte in anion di sh Tateots A ibosso a tee “te, tao. ig. 38, Ragpresntavione dl an Hone convenstonale dele feetare ") iappresentaione erat 8} cohttar a peter terseca l'oggetto, come nel caso della ghiera conica in duc pezei di cui alla fig. 43, il piano di traccia A-B, ribaltato sul piano del foglio, deve contenere la vista (in questo caso assiale) di uno dei due pezzi. (Si fa rilevare che deta ghiera é parzialmente quotata dovendo trattare pit avanti il delicato argomento). 61 ga. CaritoLo TL tro esempi di rappresenta- Questa regola é stata anche osservata in fig. 44 che mostra qq RAPPRESENTAZIONE ORAFICA ». Indieazione dei materiali. Le parti sezionate dei disegni si contrassegnano, come si & visto negli esempi riportati, me- Giante tratteggio a linee sottili, adottando opportune convenzioni per identificare i materiali di ci @ composto il pezzo. I tratteggi convenzionali che individuano i diversi materiali secondo UNIM 19 sono rias- sunti nella tabella 48 nella quale si trova anche lindicazione del colore convenzionale da adot- tare quando (assai raramente ogi) si colorano le sezioni nei disegni che non sono destinati alla riproduzione. Nei tratteggi la distanza fra una linea e Valtra varia da mm 1 a mm 5 a seconda della mag- giore o minore estensione della superficie tratteggiata, tenendo le linee inclinate a 459 sull’oriz~ zontale ed invertendo Vinclinazione quando si sezionano due parti contigue ¢ distinte; il trat- teggio deve essere sempre eseguito in tutte le sezioni con linee inclinate di 45° a destra (v. fig. 46). Nella rappresentazione i un aassieme 0 complessivo in sezione, do- ve V'inclinazione del tratteggio ver~ rebbe ad essere, in due pezzi conti- gui, nello stesso senso, si cerchera di variare Ja distanza fra le linee det tratteggio in modo da dare al pezzo pit piceolo un tratteggio pit fitto che non al pezzo contiguo maggiore comunque sempre in modo da met- tere in evidenza le singole parti Nel caso di parlicolari rappresen- tati isolatamente con disegni che debbono sempre portare Vindicazione dettagliata (0 con sigle o per esteso) del materiale di cui ¢ composto P'or- ano disegnato, si usa per lo pitt in- icare le sezioni col tratteggio sem- plice a linea continua sottile qualun- que sia it materiale impiegato per la costruzione del pezzo. Qualora fosse necessario distinguere materiali diversi per cui & presetitto un solo tipo di tral teggio convenzionale (come per il rame, bronzo ed ottone), bisogna specificare i singoli materiali mediante apposite diciture od usando opportune sigle convenzionali, Le sigle pitt usate allo scopo sono quelle indicate nella tabella 49; per i materiali conside- rati nelle tabelle di unificazione si impiegano le sigle € le designazioni normalizzate. Fig 46, ~ Reppresenta- Hone dfn compo a val ‘ola: le sesion! sono indi Cate mediante trattegglo inclinato a oe 29, Della quotatura. La quotatura di un disegno meccanico mira allo scopo di definire in modo chiaro ed inequi- voeabile tutte le dimensioni (quote) di un pezzo per renderne possibili la costruzione ed il controllo, Le quote devono essere collocate sul disegno in modo chiaro, leggibile e rispettando le norme generali di unificazione ehe seguono. Oltre a tali quole costrultive, vi sono anche le cosiddette quote cinematicke che provengono dalle condizioni d'impostazione teoriea del problema funzionale della machina ed hanno impor- tanza concettuale, ma non costruttiva. Sono tali, ad esempio, i diametri primitivi di ingranaggi, le distanze interassiali dei supporti di banco di un motore, ecc. Le quote in generale vengono in- dicate in mm e frazioni decimati di mm e devono corrispondere al valore della dimensione reate det 63 Tapetta 48 Disogni tecnict ni: trattoggi & 3 3 é = S Indice RRAPPRESENTAZIONE. GRAFICA § 22.23. TaBErLa 49 Sigle por l'indicazione dei materiali sui diseg: ELEMENTI ‘Elemento Sigle Sige Elemento Sigla Argento... | Ag | cu Fostoro (Phosphorus) . | P ‘atuminico | S| at Fe Plombe \. Pb ‘Asseniooe 2211] As Mdrogeno (iidrogeaum) | HE Patino Dif ope Ore (Auram fy] aw Mercurio (Hydrergyrium)) Hg. || Solfo - | 3 Baro...) | Ba Potasto(Katiam) = | ntimoni (stv « | 3b Berio. | fi] Be Lito S| Slide. se st Bismuto Bt Mangariese Mn | Stagno: if sa Garbonto 2212) Molders 22} mo titan 22) 2) ) om Cadesto Lit} ea Atoto (Nitrogenuay’ | | oN Vanadio |: v Gi 222i] @ Soaie (Natrium) | | Na Tungsten ( Wain] W Gobate 212! Co Nido oo Zinc Zn Gromo G Ossigeno ° Magnesio Mg LEGNAMT Lepname Sigte Legeame Sigle Legname ‘Sige Abele eee Ab | Carpio... 2... | Grp | Mogano....... | Mog heacia Lt ea | Ebamo SS E> | Nowe. DILL] No aero. 221] Ace Bucatpto 222225) Bue |) oxume Oem Betula | fy] Be Faggio crud”: 22) Fae | ome. | | | om Castagno Gast |) Raggio oveporato |] Fae |) Ontane 2222222) Ont Sete fii] car | pease 2S Br || Pino domesitco” °°: | Pinam Gimoto 22225) Gir ff Gunes”. 22S ne PPOs = Pp. Gompensato :.. || cmp |) Larlee.'. xar | Tae DIDI] te Le denominasionl estore dat logaaml non vengono abbreviate, MATERIALI METALLIGT Materlale Sigle ‘Materlale Sigla ‘Materiale Sig ‘Anfrzione antt [Ghia ss. cn ot Argentann'o Packiong’ | gm} Metaiooe ° 3. | tha ‘Thio Bronto te Nicheleromo |) 21] Nice Tm Costantana 22S] cot Per i materill considerati nelle tabelle ai uniiieazione dovranno venire impiegate le sigle © le designaziont nor- mallzzate. MATERIAL NON METALLICI Materiale Sigla Materlale Sigla ‘Materiale Sigta “Amianto amt | Ebanite +. | Bbn ] Roce greea | Pose: ‘Anilantite Dit, amte Pomp 220i) om Pelee) pn Avorio LL | awe ft Fustagno’ 2202) rst fh Pano 0202S) Pam Bachetite Di] gen] ret i] et aramia Do) opet Celtuloide : cen | Gatatts Lit] cat |) Racca’ Dil) Rae Canapa Cap | Gomma | 22! 2S Gm | Resina siatetien’ 2!) Rs Gototane 22222) ar Gomma tacea’ |) 2) | Gm | sete Li] sete eae Got | Gommaetela | <5!) Gmte | Sughero 2252221) Sat Cotone cot | Grante Gt | Smatto : Smt Cristallo... ctf gua tt Ju Spas 2) Soe rine animale Gena | rego 22S) ig Stocco” 22S Ste rine vegetele Gray | Linotexim Dit] tm | tessuto fl) tes Carta : ct pean 2212) Mien | tratede 22) 1 te Cartacioto (Leatheraia) | Ctouo | Micanive Di] get vettametde Dl) Cartons... | Gta | Mastice |) 22S | mst | vento. 2222) ovt Cartopresto’ ©! 2 1) tp | ovata 2222! ove | vero lot ver Gio ll] Gao Per indicare un materiale di imitasione si fa precedere Ia sigla del materiale tmitato dalla lettern£ (minuseol0). Esemplo: (Pll = finta pel 65 § 23. Caprroto 1 pezzo (greggio, finito 0 sgrossato) qualunque ne sia la seala di rappresentazione. Se vi sono quote che non corrispondono alla scala del disegno (come pud avvenire in caso di successive modifiche di un pezz0 di cui non sia stato rifatto il disegno) esse devono essere solfolineate in modo chiaro e visibile. I piani esterni, nonché i piani di mezzeria e quelli cui appartengono superfici lavorate, ect. det~ Velemento quotato, costituiscono le basi di riferimento effettive e vengono individuati mediante seg- enti sottili di richiamo: la distanza fra detti segmenti viene materializzata da una linea ausiliaria sottile detta linea di misura, e terminante con due freece che pongono bene in evidenza jl tratto cui si riferisce la misura stessa (vedi fig. 48). © @ _o ~~ << cee Fig, 47. ~ Apposione delle freee di Fibula RE etre lle ince “i misura’ «) modo corretio: Fig. 48, ~ Linge gt misura ‘rec modi a evitars © ince df iterimento. Le linee di misura devono essere disposte parallelamente alla direzione secondo la quale va ef- fettuata la misura e di regola risultare normali alle linee di riferimento, le quali devono sopravan- zare leggermente le linee di misura, Le linee di misura devono riferirsi esclusivamente a dimen~ sioni che nel pezzo risultano parailele al piano del disegno ¢ qyindi non riguardare parti viste ai scorcio, ‘Quando due linee di traccia sono concorrenti, esse devono essere prolungate leggermente al di la del loro punto di intersezione (vedi fig. 49 a, 6). Le frecee di estremita devono risultare sottili ed appuntite, come appare nella fg. 47a © 0 @ eee fee oro z rece 1 ' | | Pig. eo. ~ testlone tefvaeginaei a ® ole a cordopeae Heese dau fee ai Fig. 49 - Quotazione di pezzi a superiici concorrentl misure, hon come erroneamente indicato nelle figg. 47 b,c. In particolare Ia fig. 47 (a sinistra) mostra le proporzioni consigliate per le dimensioni delle frecee. Liscrizione del valore numerico della quota & normalmente fatta ponendo la misura poco sopra Ia linea; tuttavia vi & ancor oggi I'uso — peraltro sempre pit raro — di interrormpere la linea di quota per collocare il valore numerico (vedi fig. 50a, 2). Le linee di misura devono normalmente essere collocate esternamente alla rappresentazione del pezzo e possibilmente non attraversare zone sezionate, né intersccare le linee ausiliarie, né in- contrarsi fra loro; eid per evitare confusioni nella lettura del disegno (vedi fig. 51 a). Da queste orme consegue che Ie quote minori si pongono pit! vicine al pezzo che non Je quote maggiori, Je quali risultano pertanto pit lontane dalla figura, come & agevole vedere in fig. 5b. Le quole non devono di regola essere mai scrille in corrispondenza delle mezzerie 0 in modo da ingombrare le sezioni (vedi fig. 52) e devono risultare disposte ordinatamente e con metodo, evi- tando le ripetizioni di quote sulla medesima rappresentazione. 66 JRAPPRESENTAZIONE GRAFICA § 23. Le quote devono definire, agli effetti costrattivi, in modo complelo Coggetto, per cui_si deve evilare che da quelle apposte sul disegno si debbano ricavarne altre per somma o per differenza, in quanto per produrre materialmente il pezzo disegnato, l'operaio deve essere posto in grado di non dover eseguire alcun calcolo numerico (vedi figg. 53 a, 6). Dialtra parte, come sui disegni non € mai necessario quotare Julle fe possibili dimensioni, cost si deve evitare che st un disegno non appaia alcuna quota, | (ax, l T ea Wig. ol. - Quotatura wun oggetto meccanico: a) disposisione non corretts dei segmenti richiamno e delle linee di misura; 2) mododi Fig, 62. — a) Quotatura er. quotatura razionale. ata; 6) corretta, Allo scopo di migliorare Ia chiarezza dellindicazione della quota, si ricorre talora a segmenté i richiamo inclinati, come si vede in fig. 54; questo artificio risulta particolarmente utile per Yindividuazione di diametri in disegni complessivi, in cui vi siano due o pit pezzi montati. Fig. 54. Quotaiura’ a let ne ante. seg- enti ata ‘hianio elt. nati Le Fig, 65.~ a) Esemplo dl quotatura shaglata : ) eon ans 61 § 23. Caprroto IT Quando si disegnano due o pit pezzi montati si devono tenere il pill possibile di ‘quote relative a ciascun pezzo ed inoltre conviene sempre raggruppare distintamente le quote che si riferiscono alle parti interne e quelle relative alle parti esterne, come si vede in fig. 55. Le quote, in carattere uniforme e leggibile (tipo normografo) ed alte da 2 a 5 mm, normal- mente devono essere scritte in modo da essere leggibili dalla base 0 dal lato destro del disegno. Pig. 56. - Esempio ai tt © chlamo di quote. 6 6 ai Maa Fig. 59, ~ Iserisione di quote lineasl ed angolart nel quattro Fig. 97, - Bsemplo df rk ‘quadrantl gi um cerchio, cafe af quote: Sot che Erecce sono state soatitute ‘Goa semplich put Pig. 61. ~ Tecrizione di quote relative’ a diametri di cit- conferenze con richianio “al: 1S ig. 60, — Baempo art a teat eet Pee eee 4 wot ey p< Quando il segmento di richiamo @ troppo corto per con- _ ae ee ee tie eee te eet eee arta ee eee rr come in fig. 56, con frecce disposte esternamente al segmento namente ed intemamente al at misura, peu ‘Se si devono riportare pi quote successivamente © man- ‘ea lo spazio per poterle scrivere sulla linea di misura, si pud far uso di punti anziché di frecos ¢ Hportare le quote all'esterno con un breve tratto di riferimento alla zona misurata (vedi fig. 57). T valori di quote angolari devono avere cifre rivolte come indica, nel varii possibili casi, la ‘figura 58. Se vi sono linee di misura inctinate verso sinistra o verso destra rispetto alla verticale, le relative quote devono avere la base rivolta verso la sinistra 0 verso la destra del disegno evi- tando, non appena sia possibile, di-mettere linee di misura inclinate a sinistra o a destra nei set- tori aventi Vangolo di circa 30° (tratteggiati in fig. 59). In tig. 60 & indicato un esempio di quotatura eflettuata secondo le norme sopra dette, 68