Sei sulla pagina 1di 1

Lega Pro R Girone B: 20a giornata

CLASSIFICA
SQUADRE

PT

VENEZIA
PORDENONE
REGGIANA
PADOVA
PARMA
GUBBIO
SAMBENEDETTESE
BASSANO
FERALPI SALO'
ALBINOLEFFE
SANTARCANGELO
LUMEZZANE
SUDTIROL
MACERATESE (-3)
ANCONA
TERAMO
FORLI'
MANTOVA
MODENA
FANO

39
38
37
36
36
34
31
30
29
26
24
22
22
21
20
19
19
18
16
16

PARTITE

RETI

20
20
20
20
20
20
20
20
20
20
20
20
20
20
20
20
20
20
20
20

11
11
11
10
10
11
8
7
8
6
5
5
5
5
4
4
4
5
3
3

6
5
4
6
6
1
7
9
5
8
9
7
7
9
8
7
7
3
7
7

3
4
5
4
4
8
5
4
7
6
6
8
8
6
8
9
9
12
10
10

26
34
26
29
30
25
26
32
26
22
20
12
16
18
15
23
20
17
11
10

16
22
18
19
21
21
22
27
21
21
21
15
20
20
23
28
30
30
21
22

PROMOSSE PLAYOFF PLAYOUT RETROCESSA

RISULTATI
FANO-SUDTIROL
FERALPI SALO'-SANTARCANGELO
FORLI'-VENEZIA
GUBBIO-PORDENONE
MACERATESE-ALBINOLEFFE
MANTOVA-ANCONA
PADOVA-SAMBENEDETTESE
PARMA-MODENA
REGGIANA-BASSANO
TERAMO-LUMEZZANE

0-0
2-0
1-0
1-0
0-0
3-2
1-0
3-1
1-1
1-1

PROSSIMO TURNO
GIOVED 29 DICEMBRE
MODENA-FERALPI SALO (ore 14.30) (0-1)
VENERD 30 DICEMBRE
ALBINOLEFFE-PADOVA (ore 14.30) (1-1)
BASSANO-TERAMO
(ore 14.30) (1-1)
LUMEZZANE-PARMA (ore 14.30) (0-1)
PORDENONE-FORLI (ore 14.30) (2-0)
SAMBENEDETTESE-MACERATESE (ore 14.30) (2-1)
SUDTIROL-GUBBIO
(ore 14.30) (0-1)
VENEZIA-MANTOVA (ore 16.30) (0-0)
ANCONA-REGGIANA (ore 18.30) (0-4)
SANTARCANGELO-FANO (ore 18.30) (2-0)

MARCATORI
12 RETI Arma (6, Pordenone).
10 RETI Mancuso (2, Sambenedettese).
9 RETI Minesso (5, Bassano).
8 RETI Calaio (2, Parma).
7 RETI Grandolfo (Bassano); Gerardi e
Guerra (1, Feralpi Salo); Bardelloni (4,
Forli); Ferretti (Gubbio); Altinier
(Padova); Nocciolini (Parma); Gliozzi
(Sudtirol).
6 RETI Marchi (1, Mantova); Russo (5,
Padova); Manconi (1, Reggiana);
Sansovini (1, Teramo).
5 RETI Ponsat (Forli); Casiraghi (3,
Gubbio); Berrettoni (Pordenone); Geijo
(Venezia).
4 RETI Gonzi (AlbinoLeffe); Frediani
(Ancona); Fabbro e Laurenti (Bassano);
Gucci e Masini (1, Fano); Ranellucci
(Feralpi Salo); Candellone e Valagussa
(Gubbio); Bacio Terracino e Barbuti (1,
Lumezzane); Colombi (1, Maceratese);
Caridi e Zammarini (Mantova); Baraye e
Evacuo (2, Parma); Cattaneo
(Pordenone); Guidone e Nole
(Reggiana); Bulevardi (Teramo).
3 RETI Anastasio, Cortellini, Mastroianni
e Virdis (1, AlbinoLeffe); Samb (Ancona);
Maistrello (Bassano); Capellini (Forli);
Quadri (2, Maceratese); Dettori e Favalli
(Padova); Mogos (Reggiana); Di Massimo
(2) e Sorrentino (Sambenedettese);
Cesaretti, Cori e Valentini
(Santarcangelo); Ilari e Jefferson
(Teramo); Marsura, Modolo, Moreo e
Pederzoli (2, Venezia).

Furia Pordenone
Baby Conti al 93
fa felice il Gubbio

SABATO 24 DICEMBRE 2016 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Reggiana, adesso una vera crisi


Niente primato, Colucci si dimette
1La contestazione
e il pareggio con
il Bassano dietro
alla clamorosa
scelta del tecnico
REGGIANA-BASSANO
1-1
MARCATORI Cesarini (R) al 35, Maistrello (B) al 46 s.t.
REGGIANA (4-3-1-2) Perilli 5,5; Ghiringhelli 5,5, Span 6,5, Sabotic 7,
Pedrelli 5; Calvano 6 (dal 13 s.t. Maltese 5,5), Bovo 6, Nol 5; Cesarini 7;
Marchi 5 (dal 41 s.t. Rozzio 5,5), Falcone 5 (26 s.t. Manconi 6,5). (Narduzzo,
Giron, Angiulli, Lombardo, Rizzi, Bonetto, Mecca, Guidone). All. Colucci 5.
BASSANO (3-5-2) Rossi 6; Soprano 6
(dal 36 s.t. Maistrello 7), Pasini 6,
Bizzotto 6,5; Formiconi 6, Falzerano 6,

Laurenti 5,5 (dal 41 s.t. Candido s.v.),


Minesso 6, Lancini 6; Grandolfo 5,5
(dal 48 s.t. Cavagna s.v.), Fabbro 6.
(Bastianoni, Tronco, Mazzon, Bortot).
All. DAngelo 6.
ARBITRO Pasciuta di Agrigento 6.
NOTE paganti 673, abbonati 5.243,
incasso di 20.408 euro. Ammoniti
Soprano, Laurenti. Fabbro, Marchi e
Nol. Angoli 1-6.

Ezio Fanticini
REGGIO EMILIA

atale al veleno per la


Reggiana. Non riesce a
riscattare la batosta
contro il Parma, si fa rimontare
dal Bassano nel recupero, vede
svanire il primato nella conte
stazione e a fine partita Leo
nardo Colucci si dimette a sor
presa: Non sono pi lallena
tore della Reggiana. Lo faccio

per il bene della Reggiana, de


vo lasciare tranquilli i ragazzi e
ho anche problemi a casa.
Uno sfogo inatteso, che ha
spiazzato la societ, decisa a ri
cucire lo strappo. Ho parlato
con Colucci, abbiamo piena fi
ducia in lui ha detto il patron
Mike Piazza stata una parti
ta abbastanza frustrante, ma la
squadra in forma e il nostro
progetto va ben oltre i risultati
sul campo. Il d.s. Andrea
Grammatica: Questa una
follia, anche per la squadra: so
no tutti con Colucci.
POST DERBY La societ vuole
evitare il clamoroso ribaltone
natalizio, favorito dalle scorie
del derby col Parma, che ha
frantumato il feeling coi tifosi.
Mister e squadra avete umilia

Leo Colucci, 43 anni, alla prima


stagione nella Reggiana LAPRESSE

to la citt: vergognatevi lo
striscione della curva sud. Non
servita la mossa di Colucci
che ha cambiato 6/11 della
squadra piegata dai cugini. La
Reggiana parsa ancora stor
dita, di fronte a un Bassano ri
maneggiato, ma deciso ad
uscire dalla crisi (non vince da
8 partite). Nonostante le diffi
colt e una clamorosa palla gol
sprecata da Ghiringhelli al 28,
i granata sono passati nel fina
le grazie a un contropiede rifi
nito da Manconi per Cesarini.
Gol da primato, ma al 2 di re
cupero Maistrello ha anticipa
to Rozzio e insaccato di testa.
IL GIALLO Nel momento nega
tivo anche la notizia di una lite
tra alcuni giocatori e un giova
ne, in una discoteca cittadina,
due settimane fa. Il giovane so
stiene di essere stato picchiato
e di aver riportato la lussazione
di una spalla. Querela pronta.
Abbiamo preso provvedimen
ti seri, in base al regolamento
interno ha detto Grammatica.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Calai carica il Parma Venezia, k.o. e rabbia Padova, decide Russo


Un altro derby felice Il Forl in gran forma Samb stesa su rigore
PARMA-MODENA

3-1

MARCATORI Calai (P) al 15, Giorgino (P) al 34, Giorico (M) al 38,
Corapi (P) su rigore al 41 p.t.
PARMA (3-4-3) Zommers 6; Canini 6, Lucarelli 6,5, Saporetti 6,5;
Mazzocchi 6,5, Giorgino 7, Corapi 7, Nunzella 6,5; Baraye 7 (dal 43 s.t.
Guazzo s.v.), Calai 7,5 (dal 32 s.t. Evacuo s.v.), Nocciolini 7 (dal 18 p.t.
Scavone 6,5). (Coric, Fall, Benassi, Messina, Ricci, Simonetti, Miglietta,
Mastaj, Melandri). All. DAversa 7.
MODENA (3-5-1-1) Manfredini 6; Popescu 5,5, Accardi 6, Aldrovandi
5; Calapai 6, Salifu 5 (dal 1 s.t. Loi 5,5), Giorico 6, Schiavi 6, Basso 5,5;
Tulissi 5,5 (dal 40 s.t. Olivera s.v.); Diakite 5,5 (dal 1 s.t. Bajner 4).
(Costantino, Cossentino, Sakaj, Ravasi, Olivera, Minarini, Besea,
Zucchini, Remedi, Caselli). All. Capuano 5.
ARBITRO Zanonato di Vicenza 6.
NOTE paganti 737, abbonati 9.193, incasso di 51.845 euro. Espulso
Bajner al 32 s.t.; ammoniti Aldrovandi, Scavone, Tulissi e Schiavi.
Angoli 1-6.

FORL-VENEZIA

1-0

MARCATORE Capellini al 21 s.t.


FORLI (4-3-2-1) Turrin 7; Adobati 7, Cammaroto 7,5, Conson 7,5,
Sereni 7; Alimi 7,5, Capellupo 8, Spinosa 7 (dal 38 s.t. Vesi s.v.);
Tentoni 6,5 (dal 43 s.t. Martina Rini s.v.), Capellini 7,5; Bardelloni 6,5
(dal 31 s.t. Tonelli 6,5). (Semprini, Baschirotto, Franchetti, Croci,
Ferretti, Di Rocco, Tura, Piccoli, Parigi). All. Gadda 7.
VENEZIA (4-3-3) Facchin 6; Fabris 6 (dal 39 s.t. Edera s.v.), Domizzi
6,5, Modolo 6, Garofalo 5,5; Malomo 5,5 (dal 22 s.t. Tortori 5,5),
Pederzoli 5,5, Soligo 6; Moreo 6 (dal 35 s.t. Ferrari s.v.), Geijo 6,
Marsura 6,5. (Sambo, Vicario, Luciani, Galli, Acquadro, Cernuto,
Stulac, Fabiano). All. Inzaghi 6.
ARBITRO Balice di Termoli 6.
NOTE paganti 353, abbonati 514, incasso di 6.328 euro. Ammoniti
Adobati, Garofalo, Domizzi, Alimi e Capellini. Angoli 3-3.
FORLI Il Forl spazza via anche il Venezia capolista, ottiene la terza

al Modena cadere sotto i colpi di un Calai ispiratissimo: un gol, un


assist e un passaggio che ha propiziato il rigore su Baraye. E proprio
come a Reggio Emilia alla squadra di DAversa bastato un tempo per
portare a casa tre punti pesantissimi: in due gare il Parma passato
da -8 a -3 dalla vetta, complici scivoloni e mezzi passi falsi delle prime
(k.o. per Venezia e Pordenone, pari per la Reggiana).

vittoria consecutiva senza subire reti e lascia la squadra di Inzaghi


con tanta rabbia in corpo. Non la nasconde il tecnico: Sono successe
cose strane anche stavolta. Cos difficile tenere tranquilli i ragazzi.
Ci faremo sentire nelle sedi opportune. Il riferimento a qualche
contatto dubbio nellarea di casa che secondo il Venezia sarebbe stato
da punire con il rigore. Un sentimento condiviso dal portiere Facchin
che, senza giri di parole, in sala stampa ha attaccato: Ci facciamo un
mazzo tutta la settimana, siamo stanchi di farci prendere in giro.

LA PARTITA Nel primo tempo monologo del Parma, allinizio con un


inedito 3-4-3, che DAversa ha dovuto variare in un 3-5-2 dopo il
primo gol, quando si infortunato Nocciolini mentre porgeva lassist
a Calai (alla prima vera azione dattacco): controllo perfetto e girata
imprendibile. Il raddoppio al 34, quando lo stesso Calai ha rubato
palla servendo Giorgino per la deviazione vincente. Il Modena ha
avuto il torto, soprattutto nel primo tempo, di abbassarsi troppo ad
aspettare un Parma scatenato nei suoi uomini migliori. Sul 2-0
comunque Giorico aveva subito riaperto la partita con un tiro dalla
distanza deviato da Lucarelli. Dopo 3 per Calai ha infilato un
corridoio impossibile per Baraye che stato cinturato da Aldrovandi:
rigore trasformato da Corapi. Nella ripresa il Parma ha controllato un
Modena che, con i cambi di Capuano, ha aumentato il possesso palla
ma di fatto non mai stato pericoloso.
Sandro Piovani

LE PROTESTE Le proteste del Venezia sono riferite a episodi nel finale


(un presunto mani in area e un atterramento di Ferrari), quando con
la forza della disperazione ha buttato palloni in area scatenando
mischie furibonde, con il Forl costretto a chiudersi in area. Daltra
parte cera da proteggere il gol segnato da Capellini, uomo del match
come domenica ad Ancona, che ha concluso unazione iniziata da
Spinosa a sinistra, con Bardelloni che di tacco ha appoggiato a
Capellini: il tiro ha trovato un paio di deviazioni che hanno spiazzato
Facchin. I romagnoli hanno anche fallito qualche veloce contropiede.
Oltre alle proteste il Venezia ha creato un paio di occasioni clamorose
sull1-0, con Geijo che ha visto il tiro respinto da Turrin e poi Moreo
calciare sul palo, oppure nel recupero sempre con Geijo che da pochi
passi ha messo fuori da buona posizione. Per il Venezia una sconfitta
che non compromette il primato, per il Forl un balzo per la salvezza.
Gavino Cau

PARMA I derby fanno bene al Parma. Dopo la Reggiana, toccato

PADOVA-SAMBENEDETTESE

1-0

MARCATORE Russo su rigore al 16 p.t.


PADOVA (3-5-2) Bindi 6; Sbraga 6,5, Emerson 6,5, Russo 7; Madonna
6, Mazzocco 6, Filipe 6 (dal 35 s.t. Gaiola s.v.), Dettori 6,5, Favalli 6;
Altinier 6 (dal 24 s.t. Alfageme 6), Neto Pereira 7 (dal 44 s.t.
Germinale s.v.). (Favaro, Tentardini, Monteleone, Boniotti,
Marcandella). All. Brevi 7.
SAMBENEDETTESE (4-3-3) Aridit 6; Tavanti 6, Mori 6, Radi 5,5 (dal
39 s.t. Pezzotti s.v.), Di Pasquale 5,5; Lulli 6, Berardocco 6, Damonte
5,5 (dal 13 s.t. Di Massimo 6,5); Mancuso 6, Sorrentino 6, Candellori 6
(dal 30 s.t. Tortolano s.v.). (Pegorin, Di Filippo, Zappacosta, Mattia,
Vallocchia). All. Palladini 6.
ARBITRO Schirru di Nichelino 6.
NOTE paganti 1.994, pagavano anche gli abbonati, incasso di 12.686
euro. Espulso il tecnico Palladini al 44 s.t.; ammoniti Candellori, Mori,
Tavanti, Radi, Filipe, Dettori, Berardocco, Alfageme, Di Massimo e Di
Pasquale. Angoli 1-12.
PADOVA un Padova da dieci, manca ancora la lode per i punti

persi nellandata, ma i veneti hanno dimostrato scalando la classifica


di poter essere protagonisti fino alla fine. Dieci come le vittorie, dieci
come il numero di maglia del suo trascinatore Neto Pereira. Non un
caso che il Padova abbia fatto fatica col brasiliano fuori per un
problema a un ginocchio. Basta cos un rigore al 16 per battere e
distanziare la Samb, con larbitro che vede una trattenuta in area di
Di Pasquale su Russo: lo stesso difensore, al sesto gol stagionale, non
sbaglia. E pensare che due mesi e mezzo fa fu proprio la gara persa a
San Benedetto del Tronto ad aprire la crisi del Padova, con Brevi a un
passo dallesonero: da quel giorno la sua squadra ha macinato 26
punti. Abbiamo sofferto, ma la squadra sta crescendo. Sono
contento, ma il campionato si decider da fine febbraio a marzo. Chi
sbaglier meno sar in testa dir a fine gara.
MANCATO RADDOPPIO Dopo il vantaggio di Russo il Padova non
riuscito a raddoppiare qualche minuto pi tardi con Altinier. La
Sambenedettese si vista di pi nel secondo tempo con Mancuso e
Di Massimo che ha dato vivacit allattacco, senza per essere incisiva
dalle parti di Bindi, nonostante i 12 corner battuti. Nel finale
lespulsione dellallenatore Palladini per proteste e il mancato 2-0 del
Padova, con Aridit che ha respinto su Germinale e Mazzocco.
Andrea Moretto

La Feralpi fa 100
Mantova da brividi Il solito Sansovini
Maceratese pari:
Fano, troppo poco
Gerardi e Guerra: Caridi fa doppietta non basta al Teramo in casa non funziona Sdtirol ordinato:
Santarcangelo k.o. Ancona, che beffa Leonetti, gol e addio AlbinoLeffe, un palo il pareggio va bene

GUBBIO

FERALPI SAL

MANTOVA

TERAMO

MACERATESE

FANO

PORDENONE

SANTARCANGELO

ANCONA

LUMEZZANE

ALBINOLEFFE

SDTIROL

MARCATORE Conti al 48 s.t.


GUBBIO (4-3-3) Narciso 7; Kalombo 6,5
(dal 31 s.t. Burzigotti s.v.), Marini 6,
Rinaldi 6, Zanchi 6; Valagussa 6,5 (dal
38 s.t. Bergamini s.v.), Croce 6,
Casiraghi 6; Ferretti 6, Candellone 6 (dal
44 s.t. Conti 7), Ferri Marini 6. (Volpe,
Pollace, Petti, Marghi, Costantino,
Musto, Tavernelli). All. Magi 6,5.
PORDENONE (4-3-1-2) Tomei 6; Parodi
6, Stefani 6, Ingegneri 6, De Agostini 6;
Misuraca 6,5, Burrai 7, Suciu 6,5; Cattaneo 6,5 (dal 33 s.t. Pietribiasi s.v.); Arma
5, Berrettoni 6. (DArsi, Marchi, Raffini,
Pellegrini, Filinsky, Broh, Buratto, Azzi,
Gerbaudo, Martignago). All. Tedino 6.
ARBITRO Dionisi di LAquila 5.
NOTE paganti 408, abbonati 675,
incasso di 7.539 euro. Ammoniti Zanchi
e Ferri Marini. Angoli 7-4.
GUBBIO (Pg) Bello il Pordenone,

cinico il Gubbio che dopo aver rischiato


nel primo tempo, piazza la zampata
vincente al 93 con il diciottenne Conti
che infligge ai friulani la terza sconfitta
esterna. Tedino recrimina con larbitro:
Qualcuno che piange sempre ora sar
contento. E non mi riferisco al Gubbio.
Gli episodi contro sono stati fin troppo
evidenti. In particolare il tecnico punta
lindice sul rigore al 25 prima concesso
(fallo di Valagussa su Misuraca) e poi
non dato, e il gol annullato a Ingegneri
al 41. Magi ha chiesto alla difesa di
giocare alta ed riuscito cos a mettere
14 volte in fuorigioco Arma e compagni.
Euro Grilli

29

MARCATORI Gerardi all8, Guerra al 34


p.t.
FERALPI SAL (3-5-2) Livieri 6;
Gambaretti 6,5, Aquilanti 7, Allievi 6,5;
Parodi 6,5, Settembrini 7, Staiti 6,5,
Maracchi 6, Ruffini 7 (dal 21 s.t. Turano
6); Gerardi 7 (dal 44 s.t. Bizzotto s.v.),
Guerra 6,5 (26 s.t. Romero 6). (Murati,
Caglioni, Ranellucci, Gamarra, Dav,
Boldini, Luche, Codromaz). All. Asta 7.
SANTARCANGELO (3-5-2) Nardi 6;
Paramatti 6,5, Adorni 6, Sirignano 6;
Posocco 5,5 (dal 6 s.t. Valentini 6), Gatto
5,5, Dalla Bona 6,5 (dal 36 s.t. Mancini
s.v.), Ungaro 5,5, Rossi 5; Merini 5 (dal 14
s.t. Cesaretti 5), Cori 5,5. (Gallinetta,
Santini, Ronchi, Urso, Gulli, Alonzi,
Danza). All. Marcolini 6.
ARBITRO Annaloro di Collegno 6,5.
NOTE spettatori 500 circa; paganti,
abbonati e incasso n.c. Ammoniti
Aquilanti, Cori e Dalla Bona. Angoli 1-4.

MARCATORI Caridi (M) al 3, Ricci (A) al


9, Moment (A) al 38, Caridi (M) al 40,
Marchi (M) su rigore al 48 s.t.
MANTOVA (4-2-3-1) Bonato 6; Gargiulo
5 (dal 42 s.t. Cristini s.v.), Siniscalchi 6,5,
Carini 6, Bandini 6; Boccalari 6,5 (dal 15
s.t. Regoli 4), Raggio Garibaldi 6;
Zammarini 6, Di Santantonio 5,5 (dal 30
s.t. Ruopolo 6), Caridi 8; Marchi 6,5.
(Maniero, Errera, Romeo, Menini,
Laplace). All. Graziani 6.
ANCONA (4-3-3) Scuffia 5; Daffara 5,
Moi 5,5, Ricci 6,5, Forgacs 6; Agyei 6,
Zampa 6, Gelonese 6; Bariti 6, Moment
6 (dal 44 s.t. Samb s.v.), Frediani 6,5.
(Rossini, Barilaro, Malerba, Djuric,
Kostadinovic, Bambozzi, Montagnoli,
Tassoni, Battaglia, Voltan). All. Brini 6.
ARBITRO Zufferli di Udine 5.
NOTE paganti 201, abbonati 1.412,
incasso di 9.203 euro. Ammoniti Zampa,
Bandini e Bariti. Angoli 4-8.

SAL (Bs) La Feralpi Sal rompe il

MANTOVA Limprevedibilit del calcio

digiuno dopo 4 giornate regalandosi un


Natale sereno. Successo storico per la
squadra del presidente Pasini, il numero
100 tra i professionisti dalla fondazione
che risale al 2009. Contro il
Santarcangelo (vittorioso 3-1 allandata)
gara chiusa in poco pi di mezzora. In
gran spolvero gli attaccanti: Gerardi, al
rientro dalla squalifica, ci ha messo 8
per sbloccare il risultato con una
splendida azione personale. Pregevole il
raddoppio di Guerra al 34 con un
mancino dal limite allincrocio.
g.t.

si palesa al 93. Sotto di un gol a 10 dal


termine e sulle gambe, il Mantova trova
la terza vittoria di fila in casa, con rigore
decisivo di Marchi e riporta lAncona
nella mischia playout quando sentiva il
successo esterno. Secondo tempo da
cardiopalma. Un guizzo di Caridi porta
avanti il Mantova al 3, il colpo di testa di
Ricci dal primo corner pareggia i conti.
Lex Moment firma il sorpasso al primo
pallone, ancora Caridi (58 reti nel
Mantova a 36 anni) restituisce speranza
ai locali, che al 93 rivedono la luce.
Matteo Bursi

MARCATORI Sansovini (T) al 10,


Leonetti (L) al 48 s.t.
TERAMO (4-3-1-2) Rossi 6; Altobelli 6,5,
Speranza 6, Capitanio 5,5, DOrazio 5,5;
Bulevardi 5,5, Carraro 6,5 (dal 33 s.t.
Steff 5), Ilari 6; Di Paolantonio 6;
Fratangelo 5,5 (dal 1 s.t. Sansovini 7),
Croce 6 (dal 24 s.t. Petrella 6). (Calore,
Caidi, Manganelli, Karkalis, Petermann,
Mantini, Cesarini, Forte). All. Zauli 6.
LUMEZZANE (4-3-3) Pasotti 6,5;
Rapisarda 6, Tagliani 6, Sorbo 5,5,
Bonomo 6; Calamai 6, Arrigoni 6,5,
Varas 5,5 (dal 13 s.t. Speziale 5,5); Bacio
Terracino 6 (dal 36 s.t. Leonetti 6,5),
Barbuti 5,5, Russini 6,5 (dal 38 s.t.
Magnani s.v.). (Fiory, Allegra, Brusac,
Genevier, Gentile). All. De Paola 6.
ARBITRO De Angeli di Abbiategrasso
5,5.
NOTE paganti 1.170, abbonati 514,
incasso non comunicato. Ammoniti
Bulevardi e Capitanio. Angoli 4-3.

MACERATESE (4-3-1-2) Forte 6;


Marchetti 6, Gattari 6, Perna 6,5,
Ventola 5,5; Mestre 5 (dal 1 s.t. Franchini
5), Malaccari 6, De Grazia 5,5; Turchetta
6; Colombi 5,5 (dal 45 s.t. Broli s.v.),
Petrilli 5 (dal 20 s.t. Palmieri 5).
(Moscatelli, Gremizzi, Bondioli, M.
Massei, Allegretti, A. Massei, Bangoura,
Ramadani, Cannoni). All. Giunti 5,5.
ALBINOLEFFE (3-5-2) Nordi 6;
Zaffagnini 6, Gavazzi 6, Magli 6,5;
Guerriera 6, Agnello 5,5, Di Ceglie 6,
Nichetti 6, Anastasio 6; Mastroianni 5
(dal 28 s.t. Moreo 5), Minelli 6 (dal 33
s.t. Virdis 5). (Cortinovis, Mondonico,
Scrosta, Dondoni, Ravasio, Ammirati,
Mandelli). All. Alvini 6.
ARBITRO Tursi di Valdarno 5.
NOTE spettatori 600 circa; paganti,
abbonati e incasso non comunicati.
Espulso Ventola al 42 s.t.; ammoniti
Marchetti, Anastasio, Guerriera, Agnello,
Moreo e De Ceglie. Angoli 6-6.

TERAMO Contro il Lumezzane

MACERATA LAlbinoLeffe rimaneggiato

recupero di nuovo decisivo per il


Teramo, ma stavolta in negativo, dopo il
punto in extremis con la Feralpi. A segno
due subentrati. Il gol di Sansovini, su
assist di Carraro, ha illuso gli abruzzesi e
ha fatto cadere limbattibilit del
Lumezzane dopo 325. Ma a gelare il
Teramo ci ha pensato Leonetti, di testa,
su punizione causata da un ingenuo fallo
di Steff. Per Leonetti, che a gennaio
dovrebbe lasciare il Lumezzane, un gol
dal profumo di addio.
Gaetano Lombardino

interrompe la serie nera pareggiando


con una Maceratese ancora in difficolt
in casa. Emozioni concentrate nel primo
tempo. Marchigiani per due volte vicini al
vantaggio: al 19 con un colpo di testa di
Turchetta e con un suo assist non
sfruttato da De Grazia. Ospiti pericolosi
invece al 27, quando stato Magli a
colpire un palo dopo una deviazione
sotto porta, poi con un tiro debole di
Mastroianni in area. Nella ripresa, tra la
noia, lespulsione di Ventola.
Mauro Giustozzi

FANO (3-5-2) Andrenacci 6; Zigrossi 6,


Zullo 6, Ferrani 6; Cazzola 6 (dal 34 s.t.
Lanini s.v.), Schiavini 5,5 (28 s.t. Gualdi
s.v.) Bellemo 6, Gabbianelli 6, Taino 6;
Masini 5,5, Gucci 5,5. (Menegatti, Di
Nicola, Borrelli, Sassaroli, Ingretolli,
Capezzani, Camilloni). All. Cusatis 6.
SDTIROL (4-3-3) Marcone 6; Tait 6, Di
Nunzio 6, Bassoli 6, Sarzi Puttini 5,5;
Furlan 6, Obodo 6,5, Cia 6 (dal 42 s.t.
Vasco s.v.); Ciurria 6, Gliozzi 5,5 (dal 30
s.t. Sparacello s.v.), Spagnoli 5,5 (dal 17
s.t. Tulli 6). (Piz, Martinelli, Fink, Brugger,
Torregrossa, Packer). All. Viali 6.
ARBITRO Bertani di Pisa 6.
NOTE paganti 145, abbonati 981, incasso
non comunicato. Ammoniti Ciurria,
Masini, Zigrossi e Di Nunzio. Angoli 3-4.
FANO (Pu) A un Fano scarsamente

incisivo non bastata la generosit per


venire a capo di un Sdtirol ordinato. In
una sfida povera di spunti, lunica palla
gol capitata a Masini (tiro per troppo
angolato), a chiusura di una mezzora in
cui il pressing alto ha inibito la squadra
di Cusatis e consegnato le chiavi della
partita agli ospiti. La crescita del Fano
ha prodotto un secondo tempo
dattacco, che per ha partorito solo un
tiro sporco di Gabbianelli, fuori di poco:
la classifica resta molto deficitaria, alla
luce anche dei risultati delle rivali. Il
Sdtirol, che non andato oltre un paio
di iniziative di Ciurria, si accontentato
di un pari che comunque alza la
deficitaria media esterna.
Andrea Amaduzzi