Sei sulla pagina 1di 28

DISSUASORE MOBILE A SCOMPARSA

PILOMAT PASS PM 220 600 A

MANUALE DINSTALLAZIONE
______________________________________________________

Pagina 1 di 28

AVVERTENZE PER LINSTALLATORE - OBBLIGHI GENERALI PER


LA SICUREZZA
1

ATTENZIONE! E importante per la sicurezza delle persone seguire


attentamente tutta listruzione. Una errata istallazione o un errato uso
del prodotto pu portare a gravi danni alle persone.

17

Per ogni impianto consigliato lutilizzo di almeno una segnalazione luminosa


(es: lampeggiatore integrato sulla testa del dissuasore) nonch di un cartello di
segnalazione, oltre al dispositivo citato al punto 16.

Leggere attentamente questo manuale prima di iniziare linstallazione del


prodotto

18

Per la manutenzione utilizzare esclusivamente componenti originali Pilomat S.r.l..

Conservare questo manuale in luogo noto e asciutto, per riferimenti futuri;


ogni singolo prodotto ha una matricola univoca; si consiglia di riportarla su
questo manuale e comunicarla allufficio tecnico Pilomat in caso di richiesta
dinformazioni.

19

Pilomat S.r.l. declina ogni responsabilit ai fini della sicurezza e del buon
funzionamento dellautomazione, in caso vengano utilizzati componenti
dellimpianto non di produzione o commercializzazione di Pilomat S.r.l.

I materiali dellimballaggio (plastica, polistirolo, ecc.) non devono essere


lasciati alla portata dei bambini in quanto potenziali fonti di pericolo.

20

Non eseguire alcuna modifica sui componenti facenti parte del sistema
dautomazione PILOMAT.

Questo prodotto stato progettato e costruito esclusivamente per lutilizzo


indicato in questo manuale; qualsiasi altro utilizzo non espressamente
indicato potrebbe pregiudicare lintegrit del prodotto e/o rappresentare fonte
di pericolo.

21

Linstallatore deve fornire al Cliente utilizzatore tutte le informazioni relative


allabbassamento manuale del dissuasore in caso di emergenza e consegnare il
libretto davvertenze allegato al prodotto.

Pilomat S.r.l. declina qualsiasi responsabilit derivata dalluso improprio o


diverso da quello per cui lautomatismo destinato.

22

Non permettere ai bambini o persone di sostare nelle vicinanze del dissuasore


durante il funzionamento.

Non installare lapparecchio in atmosfera esplosiva: la presenza di gas o fumi


infiammabili costituisce un grave pericolo per la sicurezza.

23

Tenere fuori dalla portata dei bambini radiocomandi o qualsiasi altro datore di
comando, per evitare che lautomazione possa essere azionata
involontariamente.

Linstallazione deve essere effettuata nellosservanza delle Norme vigenti e


della buona tecnica ed in particolare per quanto riguarda le sicurezze
antinfortunistiche - Pilomat S.r.l. non responsabile di danni a persone o
cose che potrebbero avvenire a seguito di installazioni con mancanza o
insufficienza di sicurezze antinfortunistiche.

24

Il transito sul dissuasore Pilomat, deve avvenire solo a dispositivo completamente


abbassato.

Pilomat S.r.l. non responsabile dellinosservanza della buona tecnica nella


installazione dei prodotti Pilomat e dei relativi accessori, nonch delle
deformazioni che dovessero intervenire nellutilizzo.

25

Lutente utilizzatore deve astenersi da qualsiasi tentativo di riparazione o


dintervento diretto e rivolgersi solo a personale qualificato ed autorizzato.

10

Prima di effettuare qualsiasi intervento sullimpianto, togliere lalimentazione


elettrica.

11

Linstallatore si deve premunire di inserire le protezioni contro i contatti


indiretti a monte della linea dalimentazione della stazione di gestione
Pilomat, in relazione alle norme vigenti e al sistema di distribuzione
dellenergia elettrica, in base al luogo dinstallazione.

26

Lautomazione tipicamente imballata su euro pallet; per la movimentazione


utilizzare trasportatori di pallet o muletti a norme e porre la massima attenzione
alla movimentazione.

12

Verificare che a monte dellimpianto vi sia un interruttore differenziale con


soglia da 0,03 A.

27

Lautomazione realizzata con grado di protezione uguale o superiore a IP 56 e


quindi pu essere stoccata in qualsiasi luogo anche esterno; comunque
consigliabile di eseguire lo stoccaggio in ambienti chiusi o comunque coperti.

13

La linea dalimentazione elettrica primaria alla stazione di gestione Pilomat


deve essere collegata direttamente a monte dell apposito interruttore
principale posto allinterno della stazione stessa; utilizzare cavi antifiamma a
norma. Il dimensionamento della linea d'alimentazione primaria deve essere
minimo 3x2,5mm ma comunque valutata dall'installatore in funzione del
dimensionamento dellinterruttore principale prima coitato e dalla distanza
dal punto di erogazione al fine di garantire una alimentazione corretta (230V
+/- 10% a PILOMAT in movimento).

28

Lautomazione non richiede la disponibilit di parti di ricambio; il magazzino della


Pilomat S.r.l. organizzato per linvio celere di qualsiasi ricambio che dovesse
essere richiesto.

14

Verificare che limpianto di messa a terra sia realizzato a regola darte e del
giusto valore di terra.

29

In caso di manutenzione e/o riparazione allautomazione, porre attenzione a non


effettuare comandi di sollevamento impropri; per evitare qualsiasi problematica
prima di procedere disabilitare il movimento del dissuasore tramite lapposito
interruttore posto nella stazione di gestione movimentazione.

15

Lautomazione dispone standard di una sicurezza costituita da un


pressostato dinversione in caso di contrasto di almeno 40 Kg. e comunque
necessario verificarne semestralmente la soglia dintervento secondo quanto
previsto dalle Norme.

30

Per paesi extra-CEE, oltre ai riferimenti normativi nazionali, per ottenere un livello
di sicurezza adeguato, devono essere seguite le Norme sopra riportate.

16

I dispositivi di sicurezza (Norma EN 12978) permettono di proteggere


eventuali aree di pericolo da rischi meccanici di movimento, come ad
esempio schiacciamento, convogliamento, cesoia mento e quindi sono da
valutare al momento della messa in opera.

31

Tutto quello che non previsto espressamente in queste istruzioni non


permesso.

Non gettare le batterie esauste nei rifiuti ma smaltirle utilizzando gli appositi
contenitori per consentire il riciclaggi. I costi di smaltimento sono gi stati pagati
dalla casa costruttrice.

Pagina 2 di 28

DICHIARAZIONE DI CONFORMIT DEL FABBRICANTE

(DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CEE - ALLEGATO II PARTE A)

Fabbricante:

PILOMAT S.r.l.

Indirizzo:

Via Zanica 17/P Grassobbio (BG) ITALIA.

Dichiara che:

Il dissuasore mobile a scomparsa mod. PM 220 600 AUTOMATICO


E costruito per essere incorporato in una macchina o per essere assemblato con
altri macchinari per costituire una macchina ai sensi della Direttiva 89/392/CEE e
successive modifiche 91/368/CEE, 93/44/CEE, 93/68/CEE;
E conforme ai requisiti essenziali di sicurezza delle seguenti altre Direttive CEE:
Sicurezza dei prodotti elettrici: 73/23/CEE 93/68/CEE.
Compatibilit elettromagnetica: 89/336/CEE 92/31/CEE 93/68/CEE 93/97/CEE
ed inoltre dichiara che non consentito mettere in servizio il macchinario fino a che
la macchina in cui sar incorporato o di cui diverr componete sia stata identificata e
ne sia stata dichiarata la conformit alle condizioni della Direttiva 89/392/CEE e
successive modifiche trasposta nella legislazione nazione dal D.P.R. n459 del
24 Luglio 1996.

Grassobbio (BG)
Il responsabile dellufficio tecnico
Sergio P.I. Toffetti

Pagina 3 di 28

DATI TECNICI PILOMAT 220/C-600 PNEUMATICO ACCIAIO 4 mm.


Criterio di movimentazione
Cilindro movimentato
Trattamento cilindro movimentazione

Pneumatico
Acciaio FE37 spessore 4 mm.
Vernice polvere poliestere colore
standard
grigio
antracite
metallizzato
(opzional: colori a scelta nella scala RAL)
Diametro cilindro movimentato
220 mm.
Corsa cilindro movimentato
600mm.
Parte superiore cilindro (testa)
Alluminio anticorodal cementato
Trattamento pare superiore cilindro
Vernice polvere poliestere colore
grigio chiaro RAL 9006
Tempo di salita
10 sec.
Tempo di discesa
3 sec.
Grado di protezione
IP 67
Fascia adesiva rifrangente
Standard altezza 55 mm.
Temperature desercizio
- 10C + 50C
Peso complessivo con pozzetto
Kg. 100
Manovra manuale di abbassamento
Si
Resistenza urti senza deformazione
5.000 joule
Resistenza allo sfondamento
60.000 joule
Misure massime pozzetto a murare
445 x 445 x 902 H
Lunghezza standard tubazione di 10 mt.
collegato

Pagina 4 di 28

DATI TECNICI PILOMAT 220/CL-600 PNEUMATICO INOX 4 mm.


Criterio di movimentazione
Cilindro movimentato
Trattamento cilindro movimentazione

Pneumatico
Acciaio inox AISI 304 sp. 4 mm.
Vernice polvere poliestere colore
standard
grigio
antracite
metallizzato
(opzional: colori a scelta nella scala RAL o
trattamento di satinatura)
Diametro cilindro movimentato
220 mm.
Corsa cilindro movimentato
600mm.
Parte superiore cilindro (testa)
Alluminio anticorodal cementato
Trattamento pare superiore cilindro
Vernice polvere poliestere colore
grigio chiaro RAL 9006
Lampeggiatore integrato nella testa
Si
Velocit di sollevamento
10 sec.
Velocit di abbassamento
3 sec.
Grado di protezione
IP 67
Fascia adesiva rifrangente
Standard altezza 55 mm.
Temperature desercizio
- 10C + 50C
Peso complessivo con pozzetto
Kg. 100
Manovra manuale di abbassamento
Si
Resistenza urti senza deformazione
5.000 joule
Resistenza allo sfondamento
60.000 joule
Misure massime pozzetto a murare
445 x 445 x 902 H
Lunghezza standard tubazione di 10 mt.
collegato
Note: il modello CL si differenzia dal modello C (base) per il cilindro in acciaio
inox e per il lampeggiatore integrato nella testa.

Pagina 5 di 28

SCHEMA DI POSA DISSUASORE


PILOMAT PASS 220 600 AUTOMATICO CON POZZETTO
1) Accertarsi che il punto di posa del dissuasore PILOMAT PASS non venga a trovarsi in
zona dimpluvio; laddove per esigenze si dovesse incorrere in detta situazione
necessario riparare parzialmente il dissuasore PILOMAT PASS con un canalino
drenante, munito di grigliato di copertura.
2) Effettuare uno scavo (con mini-scavatore, o manualmente) sino ad una profondit di
1,10 m. circa; la sezione, deve avere un lato di 0,80 m. circa.
3) Assicurarsi che il terreno abbia un buon assorbimento dacqua (provare immettendo
circa 40 litri dacqua e valutare che lo svuotamento avvenga in un tempo inferiore di 30
minuti); in caso contrario realizzare lo scarico dellacqua piovana tramite una
tubazione diametro 60 mm. raccordata alla rete fognaria o in alternativa raccordata ad
un pozzetto (munito di sistema di svuotamento come per esempio elettropompa) di
profondit maggiore del tubo cementizio che raccolga e scarichi l'acqua piovana.
4) Immettere ghiaia (grana a diametro 8 20 mm. circa) per uno spessore di 20 cm. circa,
avendo cura di ben compattarla per evitare ritiri di assestamento futuri.
5) Posare il pozzetto metallico completo di controtelaio avendo cura di posizionarlo a
piombo, tenendo conto che il livello superiore del controtelaio stesso deve essere pi
alto di circa 10 mm rispetto alla quota di calpestio (per limitare lingresso di acqua
piovana nel pozzetto).
6) A pozzetto in opera, posare una guaina flessibile 40 mm dallapposita connessione
presente nel pozzetto, alla stazione di gestione movimentazione (per il collegamento del
dissuasore alla stazione di gestione).
7) Immettere calcestruzzo tuttintorno al pozzetto, fino a circa -10 cm. dalla quota di
calpestio (quota da valutare in funzione del tipo di finitura del manto stradale),
accertandosi che le zanche a corredo del pozzetto siano opportunamente posizionate.
A calcestruzzo maturato, eseguire la finitura del manto stradale con lo stesso tipo di
materiale.
8) Posare le eventuali altre tubazioni dal punto di posa della stazione di gestione
movimento al punto di posa degli apparati aggiuntivi (es. lanterne semaforiche spire
induttive lettore di tessere ecc.), predisporre lallacciamento elettrico e di messa a
terra.

N.B.: tutte le tubazioni devono essere posate nel pieno rispetto delle norme vigenti.

Pagina 6 di 28

Pagina 7 di 28

Pagina 8 di 28

Pagina 9 di 28

Pagina 10 di 28

Pagina 11 di 28

Pagina 12 di 28

Pagina 13 di 28

Pagina 14 di 28

Pagina 15 di 28

Pagina 16 di 28

Pagina 17 di 28

DATI TECNICI STAZIONE DI GESTIONE SPCL1


Circuito elettronico di gestione

A microprocessore con software specifico


per la gestione dei dissuasori PILOMAT Mod. SP1E
Compressore /Gruppo pneumatico di movimento 1
Contenitore per stazione gestione SP
Da parete
Dimensione contenitore
400 x 400 x 200
Grado di protezione
IP 55
Temperature desercizio
-10C + 50C
Alimentazione stazione gestione
230V. + 10% - 50/60Hz
Interruttore di protezione
MTT 1P+N 6A - 6KA
Trasformatore di servizio
24V. 25 VA
Classe di resistenza del dissuasore (vita media) 2.000.000 manovre +/- 10%
Frequenza lavoro classe resistenza del 200 manovre giorno +/- 10%
compressore di movimentazione
vita media: 200.000 manovre +/- 10%

DATI TECNICI STAZIONE DI GESTIONE SPCL2


Circuito elettronico di gestione

A microprocessore con software specifico


per la gestione dei dissuasori PILOMAT Mod. SP1E
Compressori /Gruppi pneumatici di movimento
2
Contenitore per stazione gestione SP
Da parete
Dimensione contenitore
400 x 600 x 200
Grado di protezione
IP 55
Temperature desercizio
-10C + 50C
Alimentazione stazione gestione
230V. + 10% - 50/60Hz
Interruttore di protezione
MTT 1P+N 6A - 6KA
Trasformatore di servizio
24V. 25 VA
Classe di resistenza del dissuasore (vita media) 2.000.000 manovre +/- 10%
Frequenza lavoro classe resistenza dei 200 manovre giorno +/- 10%
compressori di movimentazione
vita media: 200.000 manovre +/- 10%

DATI TECNICI STAZIONE DI GESTIONE SPCL3


Circuito elettronico di gestione

A microprocessore con software specifico


per la gestione dei dissuasori PILOMAT Mod. SP1E
Compressori /Gruppi pneumatici di movimento
3
Contenitore per stazione gestione SP
Da parete
Dimensione contenitore
400 x 600 x 200
Grado di protezione
IP 55
Temperature desercizio
-10C + 50C
Alimentazione stazione gestione
230V. + 10% - 50/60Hz
Interruttore di protezione
MTT 1P+N 6A - 6KA
Trasformatore di servizio
24V. 25 VA
Classe di resistenza del dissuasore (vita media) 2.000.000 manovre +/- 10%
Frequenza lavoro classe resistenza dei 200 manovre giorno +/- 10%
compressori di movimentazione
vita media: 200.000 manovre +/- 10%

Pagina 18 di 28

STAZIONE DI GESTIONE SPCL1

Pagina 19 di 28

STAZIONE DI GESTIONE SPCL2

Pagina 20 di 28

STAZIONE DI GESTIONE SPCL3

Pagina 21 di 28

SETTAGGIO DIP-SWITCH
DIP SWITCH IN POSIZIONE OFF

DIP SWITCH IN POSIZIONE ON

COMANDO CON RISALITA AUTOMATICA *


1 COMANDO PASSO PASSO
COMANDI ESTERNI ABILITATI
2 COMANDI ESTERNI ESCLUSI
LOOP DI SICUREZZA ABILITATI
3 LOOP DI SICUREZZA ESCLUSI
PRESSOSTATO ABILITATO
4 PRESSOSTATO ESCLUSO
* = funzione da abilitare solo se presenti nellimpianto i loop di sicurezza

DIP SWITCH 1:
posizione da definire in funzione dellesigenza e della configurazione dellimpianto (se non vengono utilizzati i loop di
sicurezza DEVE essere posizionato in ON)

Posizione OFF = COMANDO CON RISALITA AUTOMATICA: il dissuasore normalmente in posizione alta - a
seguito di comando si porta in posizione bassa quando il veicolo transitato dal varco controllato (e quindi
impegna e poi libera i dispositivi di sicurezza) il dissuasore si riporta in posizione alta se il veicolo non dovesse
transitare, il dissuasore si riporta in posizione alta automaticamente dopo 30
Posizione ON = COMANDO PASSO PASSO: il dissuasore a seguito di un primo comando, da posizione alta si
porta in posizione bassa a seguito di un ulteriore comando si porta in posizione alta

DIP SWITCH 2: (normalmente posizione OFF)

Posizione OFF = COMANDI ESTERNI ABILITATI: i comandi di movimentazione dissuasore attestati ai morsetti
17-18 sono operativi
Posizione ON = COMANDI ESTERNI ESCLUSI: i comandi di movimentazione dissuasore attestati ai morsetti 1718 sono esclusi con questo interuttore il tecnico allatto dellintervento pu escludere temporaneamente i comandi
esterni ed utilizzare lapposito pulsante (P1-START) posto sul circuito stesso per eseguire dei comandi di prova -

DIP SWITCH 3: (normalmente posizione OFF)

Posizione OFF = LLOP DI SICUREZZA ABILITATI: la funzione loop di sicurezza abilitata e quindi deve essere
installato sia il rilevatore induttivo nellapposito zoccolo ad innesto rapido CN7 e i due loop induttivi attestati ai
morsetti 21-22-23 (se abilitato senza i citati accessori il PILOMAT non si alza in quanto le sicurezze risultano
costantemente in allarme)

Posizione ON = SPIRA INDUTTIVA ESCLUSA: la funzione sopra descritta esclusa e quindi le sicurezze
antinfortunistiche sono escluse ( responsabilit dellinstallatore mettere in opera le sicurezze antinfortunistiche e
portare linterruttore in posizione OFF).

DIP SWITCH 4: (normalmente posizione OFF)

Posizione OFF = PRESSOSTATO ABILITATO: nella fase di sollevamento (per i primi 6 secondi), in caso
commutazione del pressostato (peso che grava sul PILOMAT) il PILOMAT si ferma ed inverte immediatamente la
marcia riportandosi in posizione bassa; nella parte finale del sollevamento, il pressostato commuta (circa 2,5 bar) e
comanda lo stop della fase di sollevamento (il compressore continua a funzionare per circa 30 portando il circuito
fino alla pressione di 4 bar)-

Posizione ON = PRESSOSTATO ESCLUSO: la funzione sopra descritta esclusa; lo stop di salita avviene per
time out (il tempo di time out pu variare in base alla programmazione della eprom installata nel circuito elettronico
di gestione)
Pagina 22 di 28

MORSETTIERA DI COLLEGAMENTO CIRCUITO SP1E (COD. S0313B)


Morsetto 1-2= collegamento eventuale pulsante demergenza per togliere lalimentazione 220V al sistema
Morsetto 3-4-5= collegamento semaforo (230V.) *
Morsetto 6-7-8= compressore pneumatico Morsetto 9-10= collegamento elettrovalvola
Morsetto 11-12= collegamento pressostato
Morsetto 13= comune finecorsa buzzer lampeggiatore PILOMAT
Morsetto 14= collegamento finecorsa PILOMAT basso (predisposizione per gestione semaforo)
Morsetto 15= collegamento buzzer intermittente (predisposizione)
Morsetto 16= collegamento lampeggiatore integrato nella testa del PILOMAT
Morsetto 17-18= ingresso N.A. per comando movimentazione
Morsetto 19-20= 24 VDC per utenze (500ma max).
Morsetto 21-22-23= collegamento dei due loop di sicurezza (opzionale con aggiunta rilevatore ML24/1)
*= se limpianto dotato di semaforo indispensabile installare il finecorsa di
rilevazione PILOMAT basso (art: FCAZ220)

PULSANTI COMANDO
PULSANTE P1 (START): il pulsante START comanda il sistema e segue la funzione impostata dal DIP 1
escludendo i comandi esterni con il DIP 2, il pulsante START resta abilitato.
PULSANTE P2 (PROG): il pulsante PROG relativo alla funzione di programmazione dei parametri
dimpianto (programmazione eseguita in azienda e quindi da non modificare).
I parametri impostati sono residenti in modo permanente nella eprom e quindi in
caso di sostituzione del circuito elettronico, la eprom deve essere spostata
nel nuovo circuito, restando cos operativi i parametri reimpostati.
PULSANTE P3 RESET: il pulsante RESET per effettuare un restart della eprom in caso di variazione
della programmazione o di blocco della eprom a seguito di eventi straordinari
(sovratensioni o similari).
INTERUTTORE SERVICE: linterruttore SERVICE esclude le funzionalit di tutte le uscite (bloccando quindi
tutte le funzionalit in campo) ed da utilizzare in caso di manutenzione della
stazione di gestione per evitare dei comandi accidentali con conseguente salita
del PILOMAT.

Pagina 23 di 28

POSA PILOMAT 220 IN POZZETTO IN OPERA


La sequenza di posa del PILOMAT PASS 220 600 automatico in un pozzetto gi in opera
la seguente:

Si consiglia di effettuare la posa ad opere murarie concluse e con larea nelle immediate vicinanze pulita
da sabbia ghiaia ed impurit tipiche delle opere murarie

Svitare le 8 viti di blocco PILOMAT presenti nel pozzetto -

Portare il PILOMAT nelle immediate vicinanze del pozzetto e toglierlo dallimballo -

Posare il gruppo tubazioni pneumatiche e cavo lampeggiante (presente solo nella versione CL) nella
tubazione gi in opera dal pozzetto alla stazione di gestione, avendo cura di bloccare la guaina di
contenimento del gruppo tubazioni nellapposito ferma-guaina posto nel pozzetto (far coincidere il
riferimento azzurro della guaina con il ferma-guaina) -

Togliere la corona del PILOMAT e avvitare due golfari con filetto M6 (vedere foto) per poter sollevare il
PILOMAT (con mezzo meccanico o manualmente)

Inserire il PILOMAT nel pozzetto fino al totale inserimento, avendo cura che la guaina del gruppo
tubazioni non venga schiacciata

Avvitare il PILOMAT al pozzetto utilizzando le 8 viti precedentemente svitate

Avvitare la corona precedentemente tolta sul PILOMAT

Eseguire i collegamenti lato stazione di gestione (vedi paragrafo successivo) -

Pagina 24 di 28

ALLACCIAMENTI STAZIONE DI GESTIONE SPCL

Alla stazione di gestione SPCL devono arrivare i seguenti allacciamenti:

ALIMENTAZIONE 230V 50/60HZ


-

alimentazione 230V = connettere a monte dellinterruttore di protezione.


Messa a terra = connettere nellapposito punto di terra contrassegnato.

PILOMAT SERIE 220


-

tubazione mandata aria = collegare il tubo diametro 8mm allapposita connessione.


Tubazione ritorno aria = collegare il tubo diametro 6mm allapposita connessione.
cavo lampeggiatore (solo versione CL)= connettere il filo rosso al morsetto 13 ed
il filo nero al morsetto 16.

COMANDI DI MOVIMENTAZIONE
-

Eventuale comando da pulsantiera selettore o ricevitore esterno = collegare


il contatto neutro di comando normalmente aperto ai morsetti 17 e 18 collegare
lalimentazione 24VDC per il ricevitore radio ai morsetti 19 20.

LOOP DI SICUREZZA
-

Loop di sicurezza = per rendere operativi i loop di sicurezza deve essere installato
il rilevatore induttivo nellapposito zoccolo ad innesto rapido CN7 e i due loop
induttivi connessi ai morsetti 21-22-23 (in caso di utilizzo di un unico loop
connetterlo ai morsetti 21 23).

MANOVRA DI ABBASSAMENTO MANUALE DEMERGENZA


In caso di mancanza energia elettrica o guasto, possibile effettuare labbassamento
del PILOMAT tramite la seguente operazione:
-

Portarsi sulla stazione di gestione ed aprire il portello della stessa.


Aprire lapposito rubinetto per abbassamento manuale demergenza (vedere foto stazione
di gestione) ruotandolo di 90 in senso orario; attendere tutta la fuoriuscita dellaria dal
circuito pneumatico ed il conseguente abbassamento totale del PILOMAT.
Chiudere il rubinetto riportandolo nella posizione iniziale e richiudere il portello della
stazione di gestione.
Pagina 25 di 28

STAZIONE DI GESTIONE SPCL1


STAZIONE DI GESTIONE SPCL3

Pagina 26 di 28

PROCEDURA DI MANUTENZIONE ORDINARIA SEMESTRALE PER


DISSUASORE MOBILE A SCOMPARSA PILOMAT PASS 220:

La sequenza standard di manutenzione ordinaria semestrale deve essere la seguente:


Pulizia del pozzetto con aspirazione dei materiali depositati
Pulizia degli scarichi di drenaggio acqua posti sul fondo del pozzetto Pulizia e lubrificazione della guida centrale di scorrimento
Verifica (ed eventuale sostituzione) delle guarnizioni di battuta inferiore
Verifica ed eventuale sistemazione di eventuali perdite aria nel pistone
Verifica generale di corretto serraggio della viteria del dissuasore
Pulizia generale del cilindro movimentato ed eventuali ritocchi di verniciatura Verifica del gruppo pneumatico ed eventuale sistemazione di eventuali perdite aria
Verifica ed eventuale taratura della funzionalit del pressostato di sicurezza (2,3 bar)
Eseguire la prova dellinterruttore magnetotermico differenziale posto a monte dellimpianto con
apposito strumento (loop tester) sia per quanto riguarda lisolamento che la continuit.
Eseguire la prova del valore (resistenza di terra) e della continuit di terra, con apposito
strumento (loop tester).

INOLTRE SE PRESENTI NELLIMPIANTO, ESEGUIRE LE SEGUENTI VERIFICHE:


Verifica di funzionamento della/e lanterne semaforiche
Verifica di funzionamento dei loop di sicurezza
Verifica di corretto funzionamento della procedura di mancanza energia elettrica
Verifica di funzionamento del ricevitore radio di comando
Verifica di funzionamento dellanalizzatore acustico abbassamento emergenza
Verifica di funzionamento dellattivatore GSM di comando remoto Controllo visivo dellapparecchiatura elettronica di gestione movimentazione (esempio: contatti
rel sfiammati morsetti ossidati ecc.)

Pagina 27 di 28

Timbro del Rivenditore:

Le descrizioni e le illustrazioni del presente manuale non sono impegnative. La PILOMAT srl si riserva il diritto, lasciando inalterate le
caratteristiche essenziali dellapparecchiatura, di apportare in qualunque momento e senza impegnarsi ad aggiornare la presente
pubblicazione, le modifiche che essa ritiene convenienti per miglioramenti tecnici o per qualsiasi altra esigenza di carattere costruttivo o
commerciale.

Pagina 28 di 28