Sei sulla pagina 1di 1

16 Dicembre 2016 QuiSalento Anno XVI, n.

16 16-31 Dicembre 2016


Laura Mangialardo recensisce
La tua sopravvivenza di Stefano Zuccal
Stefano Zuccal evidentemente fa riferimento a Piero Ciampi nello stile dei
suoi scritti e forse anche in una scia di vita. Scrittore, cantautore, poeta,
sembra di rivedere l'autore romano che si arrangiava tra musica e poesia. La
tua sopravvivenza un libro diario, una serie di pensieri divisi tra prosa e
poesia in cui, senza troppi misteri, il richiamo a Piero Ciampi viene ripreso
come un'infatuazione artistica. Riflessioni intense, brevi e lapidee incidono le
pagine. Un promemoria di pensieri vissuti che Stefano Zuccal butta l, sul
foglio, per non dimenticare: Una lettere per voce che contempla la scrittura
solo in quanto atto totale. Stefano Zuccal appunta su questi fogli i suoi
pensieri, le sue osservazioni, senza necessariamente seguire un filo. A
supporto delle sue parole, lo scrittore consiglia al lettore alcuni brani musicali,
da accompagnamento, probabilmente. Riferimenti che si trovano, in qualche
modo anche all'interno delle pagine.
Alla fine del libro c' la postfazione di Livio Romano che in una frase
descrive, parlando della visione del maschio dei tempi moderni, il sentimento
che deriva dalla lettura dello stesso lavoro di Zuccal. Romano infatti scrive:
Sono loro, le donne, che lo stanano dal suo narcisistico, accidioso
isolamento, dal suo cupio dissolvi, che ha il sapore del no future della
generazione punk dei fine Settanta. E ancora, come non essere d'accordo
con Romano quando scrive che per quanto si cerchi di analizzare un lavoro
senza considerare la sua biografia, in questo caso viene naturale farlo? Pur
non conoscendo la vita personale di Zuccal, infatti, ma semplicemente
considerando quanto pu venirne fuori dall'immagine (in senso lato) di
copertina, sembra di trovare un riscontro biografico nelle pagine interne.
Anche l'esercizio di scritture, che comunque dimostra uno studio attento, non
nasconde il percordo dell'autore che spazia tra la musica e la prosa.