Sei sulla pagina 1di 9

Cronologia post tragedia Viareggio 29 giugno 2009

29

La notte insonne La tragedia

-

Alle 23.50 nella stazione ferroviaria di Viareggio esplode un carro

giugno

cisterna contenente 35.000 litri di gas di petrolio liquefatto (gpl) in seguito al suo deragliamento da un convoglio composto in tutto da

 

14

vagoni. Era partito dalla raffineria Sarpom di San Martino di

Trecate (Novara) ed era diretto a Gricignano (Caserta). Viaggiava a più di 90 chilometri all’ora essendo consentita una velocità fino a

100.

-

Sul luogo intervengono immediatamente le forze operative e il 118

della Versilia che organizza il trasporto dei feriti.

Viene istituita un’unità di crisi presso il Comune, presenti il responsabile della protezione civile regionale e l’assessore Giuseppe Bertolucci.

-

Nella notte vengono evacuate 1.115 persone mentre gli sfollati

sono almeno 300. Chi non può tornare nelle proprie case viene prov- visoriamente sistemato in albergo.

-

La Protezione Civile attiva 150 volontari che gestiscono la tendopo-

li

da 60 posti allestita davanti al Comune e per assistere il migliaio

di

persone evacuate dalla zona rossa che si estende per un km dal

luogo dell'esplosione.

-

La centrale operativa del 118 mette in atto il piano per le maxie-

mergenze: aumenta a 6 (più 2 dell’ordinario) le postazioni di ricezio- ne, invia in zona 2 automediche con medico e infermiere a bordo, 8 infermieri professionali di area critica e 1 medico. Due posti medici attrezzati vengono allestiti presso il Comune e il Commissariato di polizia. Anpas, Misericordia e Croce Rossa intervengono con un to- tale di 30 ambulanze. Nella notte arriva anche l’elicottero Pegaso2, abilitato al volo notturno.

-

Tra le 00:15 e le 1:30 giungono al Pronto Soccorso 39 feriti (di cui

38

ustionati): 25 codici rossi, 8 codici gialli, 6 codici verdi, 1 pazien-

te

giunge cadavere, per un totale di 40 arrivi.

-

Dopo il trattamento e la stabilizzazione, tra le 2:40 e le 6:00

vengono trasferiti in ambulanza o elicottero nei centri grandi ustionati o nei reparti di rianimazione, 23 feriti. Tra le 6:30 e le 15:00 vengono tra- sferiti altri 6 pazienti.

30

I giorno Il giorno dopo. Si contano i morti e i feriti

-

La mattina dopo si contano le vittime. Il primo bilancio è di 13

giugno

morti e di 39 feriti.

-

Il presidente della Regione, Claudio Martini con il sindaco Luca

Lunardini e il responsabile della Protezione civile nazionale Guido Bertolaso, e il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, concordano un primo piano di interventi.

 

-

I Vigili del fuoco mettono in sicurezza il luogo dell’incidente

predisponendo lo spostamento dei vagoni. Viene delimitata la zona rossa, in cui è vietato l’accesso.

Vengono allestite scuole, il Palazzetto dello sport e tendopoli per un totale di 1.000 posti letto per l’alloggiamento dei circa 1.000 evacuati.

-

1

II

giorno

 

-

Continuano le operazioni di rimozione dei convogli e di evacuazione

luglio

Chiesto lo stato

di

tutta l’area.

di

emergenza

 

Il presidente della Regione, Claudio Martini, chiede ufficialmente al Governo di dichiarare lo stato di emergenza nazionale per la città di Viareggio e di attivare in tempi brevi le risorse necessarie per gli interventi di ricostruzione.

-

 

2

III

giorno

-

Terminano le operazioni di rimozione dei vagoni.

luglio

Rimossi i vagoni e un tetto per tutti

 

Si smantellano le strutture da campo allestite dalla Regione: tutti sono alloggiati in edifici.

-

3

IV

giorno

-

Il presidente del Consiglio dei ministri adotta il decreto che dichiara

luglio

Stato di

 

lo

stato di emergenza fino al 31 dicembre 2009.

emergenza

 

- Continua l’assistenza alla popolazione evacuata.

 

- Il Comune istituisce un’unità di crisi comunale.

4

V

giorno

 

L’auditorium dell’ospedale Versilia è trasformato un camera ardente

luglio

La

camera

in

attesa che il Comune allestisca quella, ben più ampia, presso il

ardente

 

Palazzetto dello sport destinata ad ospitare migliaia di visitatori.

5

VI

giorno pensa a far

 

Il

presidente Martini chiede interventi di potenziamento della

luglio

Si

Agenzia ferroviaria nazionale di sicurezza, regole e controlli, personale e finanziamenti. Chiede anche velocità di attraversamento dei centri abitati a 30 km all’ora per i carichi pericolosi. e comunque

si

che non

accada

 

nuovamente

 

una limitazione rispetto ai 100 chilometri attuali.

6

VII

giorno

Sono 16.000 le persone che, in attesa dei funerali, visitano la camera ardente allestita presso il Palazzetto dello sport.

luglio

In

migliaia alla

 

camera ardente

 

7

VIII giorno

 

Allo stadio dei Pini si svolgono i funerali solenni di 15 vittime, a cui partecipano 30.000 persone. Sono presenti il presidente della Repubblica e le massime autorità dello Stato. La Regione è presente con il proprio gonfalone, con il presidente Martini, molti assessori e con il futuro presidente Enrico Rossi.

luglio

In

30.000 ai

 

funerali solenni

8

IX

giorno

Il

bilancio delle vittime è salito a 22, i feriti gravi sono 14, le

luglio

Cresce il

 

persone assistite dal Comune sono circa 50, alcune alloggiate in albergo e altre in sistemazioni autonome.

bilancio delle

 

vittime

   

9

X

giorno

 

Dagli elenchi del Comune risulta che i residenti in Via Ponchielli

luglio

Il

censimento

 

sono 63, quelli in via Porta Pietrasanta 16, i domiciliati in Via Ponchielli sono 4 e gli ospiti 3, per un totale di 86 persone.

degli abitanti

10

XI

giorno

Con la morte di Alessandro Farnocchia il conto delle vittime sale a

luglio

Ancora vittime

 

24.

12

XIII

giorno

 

Non ce la fanno Federico Battistini e Roberta Calzoni. Adesso i morti sono 26.

luglio

Ancora vittime

 

13

XIV

giorno

 

La giunta regionale stanzia 2 milioni e mezzo per interventi urgenti per superare l'emergenza a Viareggio. Due milioni sono immediatamente disponibili per le emergenze e 500mila vengono invece destinati ad un intervento straordinario di promozione

luglio

La Regione

 

stanzia 2,5

milioni per

Viareggio

 

turistica per rispondere alle preoccupazioni degli operatori, già toccati dalla crisi del settore.

16

XVII

giorno

 

Con la morte di Mauro Iacopini il conto delle vittime sale a 28.

luglio

Sono 28 i morti

17

XVIII

giorno

 

Claudio Martini incontra in Regione il presidente Gianfranco Baldini

luglio

L’incontro tra Martini e il

 

e

i rappresentanti del Comitato Assistenza vittime incidente ferrovia-

rio di Viareggio (Avif). Il comitato ha come obiettivo svolgere attività

Comitato

 

di

soccorso e di tutela delle vittime e delle loro famiglie, prestando

 

gratuitamente assistenza legale, medica e tecnica.

20

XXI

giorno

 

- Sale a 28 il numero delle vittime. Sono 70 i senza casa. - La Regione decide che chi va in affitto non paghi canone e alle

luglio

Gli

stanziamenti

   
 

regionali per chi

famiglie con disagio economico sono pagate anche acqua, luce e

è

fuori casa

 

gas.

 

Stabiliti i contributi per l’acquisto dei vestiti e di mobili e anche per chi è ospitato da amici o parenti.

-

25

XXVI

giorno

 

Il

censimento degli edifici danneggiati individua 13 aggregati, 41

luglio

I danni

 

edifici e 18 pertinenze, oltre alla distruzione della passerella

materiali

pedonale che passava sopra i binari.

 

In

particolare si contano: 5 edifici crollati, 13 con danno elevato, 6

con danno medio, 3 con danno basso, 14 con danno molto basso.

26

XXVII giorno Scopri Viareggio

Da oggi e fino al 7 agosto su quotidiani e magazine esce la campa- gna da 500.000 euro finanziata dalla Regione Toscana per sostene-

luglio

e

la Versilia

 

re

l’economia balneare della città. “Viareggio, Versilia, vacanza” e

 

“Scopri Viareggio e la Versilia” i messaggi lanciati.

27

XXVIII giorno Quasi un mese

Cresce l’attesa per la nomina di un Commissario per la ricostruzione. Potrebbe essere nominato il sindaco, oppure il

luglio

senza

 

presidente della Regione.

commissario

 

Sarà necessario attendere altri 9 giorni per avere il decreto ufficiale. Nel frattempo la Regione formula alla Protezione civile nazionale proposte per i finanziamenti ai cittadini colpiti dall’esplosione.

28

XXIX

giorno

 

A

un mese dall’esplosione, da Roma neppure un euro per Viareggio.

luglio

Riunione a

Riunione con Regione, Provincia di Lucca e Comune di Viareggio alla Protezione civile nazionale, ma manca anche la quantificazione precisa dell'entità dello stanziamento governativo. Si parla della

Roma ma

 

nemmeno un

 

euro

possibilità di erogare una prima tranche di quindici milioni di euro.

29

XXX

giorno

 

Da un paio di settimane sono disponibili i 2 milioni di euro che la Regione ha stanziato per Viareggio. Per utilizzarli è però necessario che il Comune di Viareggio fornisca agli uffici regionali l'elenco dei cittadini che si trovano in stato di necessità ma finora niente è stato consegnato al settore regionale competente.

luglio

Fondi

 

disponibili ma

 

non

spendibili

 

30

XXXI giorno

 

Il Consiglio regionale, con un’apposita legge stanzia 500.000 euro per Viareggio.

luglio

Mezzo milione

dal Consiglio

 

regionale

 

5

1

mese

In

Regione arriva la bozza di ordinanza con la quale il presidente del

agosto

e

7 giorni

Consiglio delega il presidente della Regione Toscana Claudio Martini quale commissario straordinario per Viareggio. Il presidente della Regione dà subito la sua disponibilità ad assumere l’incarico. Occorrerà attendere altri 17 giorni perché la decisione diventi operativa.

Martini

 

commissario?

10

1

mese e

Emanuela Menichetti è la ventinovesima vittima: muore al centro grandi ustionati di Pisa Cisanello.

agosto

12 giorni

 

Muore anche

 

Emanuela

 

11

Le prime

 

Ottenuta l’autorizzazione dalla Procura di Lucca, le prime squadre di tecnici di Regione, Provincia di Lucca e Comune di Viareggio sono entrate nell'area posta sotto sequestro per avviare i primi sopralluoghi negli edifici lesionati.

agosto

squadre al

lavoro

22

Martini

 

Viene pubblicato il decreto che nomina Claudio Martini commissario

agosto

commissario

straordinario per gli interventi urgenti e la ricostruzione di Viareggio dopo il disastro ferroviario del 29 giugno, che finora è costato la vita

 

a

28 persone. E’ l’inizio ufficiale della sua attività per la

ricostruzione. Ha un mese di tempo per redigere il Piano per la ricostruzione.

24

La prima

 

Prima ordinanza del Commissario Martini che istituisce il Comitato

agosto

ordinanza del

Istituzionale composto dal Sindaco e dal Presidente della Provincia

commissario

di

Lucca, è invitato a partecipare anche il Prefetto. L’ordinanza

Martini: nasce

definisce i primi adempimenti dei diversi soggetti, le scadenze, le

il

Comitato

risorse a disposizione per la ricostruzione. L’ordinanza stanzia 15 milioni di euro ma in mancanza dei fondi statali, le uniche ad essere utilizzate sono le risorse regionali. Occorrerà attendere quasi due mesi per poter materialmente disporre dei fondi statali.

istituzionale

27

La prima

 

La prima decisione è una lettera al Ministero delle finanze per chiedere la sospensione del pagamento delle imposte per tutti i residenti nella “zona rossa” per il periodo di un anno. La seconda un provvedimento che prevede una serie di contributi per gli imprenditori danneggiati dall’esplosione. Il Comitato si riunirà 8 volte sotto la guida di Claudio Martini prima del passaggio di consegne ad Enrico Rossi.

agosto

riunione del

Comitato

 

istituzionale

29

 

agosto

Le vittime salgono a 31

Con la morte al Cisanello di Pisa di Martina Galano le vittime salgono a 31.

1

Sito internet e email per dialogare con il Commissario

Il

commissario Martini istituisce un sito internet su cui pubblica tutti

settembre

gli atti e le informazioni utili a cittadini e imprese e si dota di un indirizzo email per dialogare con tutti gli interessati.

8

Martini chiede

Il

commissario Martini scrive una lettera al vice presidente della

settembre

più sicurezza

Commissione Europea e responsabile per la politica dei trasporti Antonio Tajani, e al ministro dei trasporti Altero Matteoli per chiedere norme capaci di impedire il ripetersi di tragedie come quella di Viareggio.

nei trasporti

9

Una legge

Martini scrive a Barlusconi per chiedere una legge speciale per Viareggio come quella adottata per Linate dopo il disastro aereo del 2001 per risarcimenti alle famiglie colpite. La legge per il momento non è stata né proposta né approvata.

settembre

speciale per

Viareggio

14

Intesa

Un gruppo di lavoro tecnico con Ferrovie, Enti locali e Regione valuterà il da farsi nell’area dell’esplosione. E’ questo il frutto dell’intesa raggiunta tra il commissario Martini e l’amministratore delegato del gruppo Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti.

settembre

Commissario –

FS

17

Altre agevolazioni per gli imprenditori danneggiati

Oltre al rimborso dei danni subiti previsto dall’ordinanza del 25 agosto, una nuova ordinanza del commissario prevede che agli imprenditori vada anche un contributo per le spese di trasloco.

settembre

21

Pronto il Piano per la ricostruzione

Rispettando i tempi previsti il commissario licenzia il Piano per la ricostruzione di Viareggio. Martini stima che serviranno al massimo 32 milioni di euro e chiede alla Protezione civile nazionale ulteriori stanziamenti.

settembre

22

L’ok di

Una completa condivisione delle linee contenute nella prima stesura del Piano per la ricostruzione delle zone colpite dall'esplosione: è

settembre

Bertolaso

questo il giudizio di Bertolaso sul documento predisposto da Martini

e

da lui illustrato a Roma.

Il

Piano sarà ufficialmente approvato il giorno successivo.

13

Via libera all’accordo con le FS

L’accordo con Ferrovie prevede la soppressione dei binari 9 e il 10, l’arretramento di circa 20 metri all’interno dell’area ferroviaria del traliccio dell’alta tensione e la realizzazione di un muro divisorio di sicurezza dotato di barriere antirumore. Dopo le necessarie verifiche verrà firmato il 22 marzo 2010.

ottobre

15

Iniziano i colloqui con le famiglie

Iniziano i colloqui con le circa 30 famiglie, i professionisti e gli imprenditori che hanno subito danni in seguito all’esplosione per valutare l’entità dei danni subiti e conoscere le loro scelte circa la ricostruzione o la delocalizzazione.

ottobre

19

Arrivano i primi milioni statali

La Banca d’Italia rende disponibili i primi fondi statali. Si tratta di 15 milioni di euro.

ottobre

16

Disponibili 6,3 milioni per i contributi

Si avviano le procedure per concedere 6,3 milioni di euro a coloro che hanno subito danni. Hanno 90 giorni per presentare le domande.

novembre

9

Martini chiede a Moretti i primi risarcimenti

Il commissario Martini scrive a Moretti sollecitando l’intervento delle Assicurazioni di Trenitalia e Gatx a dare avvio agli interventi di risarcimento del danno.

dicembre

22

Dopo quasi sei mesi la trentaduesima vittima

Poco prima di Natale, a quasi sei mesi dalla tragedia se ne va Elisabeth Guadalupe Silva: è la trentaduesima vittima della tragedia della stazione.

dicembre

Tasse sospese per i colpiti

Il presidente del Consiglio dei ministri firma l’ordinanza con cui concede la sospensione del pagamento dei tributi e dei mutui da parte dei danneggiati dall’esplosione.

8 marzo

Moretti e le

L’amministratore delegato del gruppo Ferrovie dello Stato, Mauro

2010

assicurazioni:

Moretti, scrive al commissario per comunicargli che, in accordo con Gatx, ha dato mandato alla sua compagnia assicuratrice di trattare con i familiari delle vittime per concedere – sia pur senza ammissione di responsabilità – i primi rimborsi. Anche la compagnia assicuratrice di Gatx farà altrettanto.

rimborsare si

può

11

Aggiornato il Piano per la ricostruzione:

mancano 6,8

Il commissario approva il definitivo aggiornamento del Piano degli interventi. Prevede necessità per 27,27 milioni di euro. Le disponibilità di cassa ammontano a 20,45 milioni. Il commissario chiede che siano stanziati i 6,82 milioni mancanti.

marzo

milioni

 

24

Primo report

Secondo il primo report del commissario a metà marzo risultano spesi per la ricostruzione delle zone colpite e per la gestione del post disastro 2,84 dei 27,7 milioni di euro necessari per gli interventi previsti dal Piano stilato dal commissario straordinario per la ricostruzione di Viareggio. Si tratta di 1,49 milioni di risorse regionali e di 1,35 di fondi commissariali.

marzo

sulle spese

effettuate

16

Mancano 6,8

Il Dipartimento della Protezione civile, di fronte alla richiesta di 6,8 milioni, suggerisce al commissario di interessare direttamente il Ministero dell'economia e delle Finanze. Il 27 maggio il commissario Rossi chiede al ministro di rendere disponibile l'importo mancante. Il 31 maggio li chiederà anche a Berlusconi.

aprile

milioni?

Chiedere a

Tremonti

21

I primi sette indagati per la strage

La Procura di Lucca annuncia di aver iscritto nel registro degli indagati (fin dal dicembre scorso) i primi sette nomi. Dovrebbe trattarsi dei tecnici che facevano parte della catena di controllo alla quale era stato sottoposto il carro che deragliando causò la strage.

aprile

23

Le prime

Il via libera agli interventi di demolizione di tre edifici oggetto di delocalizzazione e lo stanziamento di 1,5 milioni di euro per le operazioni di bonifica delle aree che ospitavano i dismessi binari 9 e 10: sono queste le decisioni contenute nelle prime ordinanze firmate dal nuovo commissario per la ricostruzione Enrico Rossi, entrato in carica in seguito alla sua elezione a presidente della Regione Toscana.

aprile

ordinanze del

nuovo

commissario

Enrico Rossi

4

Scambio di consegne tra Martini e Rossi

Si tiene a Viareggio lo scambio di consegne tra il commissario Martini e il neo commissario Rossi. Sottolineato il rispetto dei tempi previsti per la ricostruzione, gli oltre 14 milioni di euro (su 27) già impegnati, di cui 3,8 materialmente erogati e i primi 26 cantieri per la ricostruzione già aperti nell’area del disastro.

maggio

31

Rossi chiede a Berlusconi 6,8 milioni

Il commissario Rossi ha scritto a Berlusconi e ai parlamentari toscani per chiedere lo stanziamento dei 6,82 milioni di euro che ancora mancano per completare la ricostruzione dell’area del disastro di Viareggio.

maggio

2

Sono tedeschi i nomi dei primi indagati

Sono di tre tedeschi dell’officina di Hannover che inviò a quella italiana le ruote e gli assi del carro cisterna che deragliando e facendo esplodere il contenuto di gas causò la strage, i nomi dei primi indagati resi noti dalla Procura di Lucca.

giugno

3

La Camera stanzia 10 milioni per le vittime

La Camera dei deputati ha approvato all’unanimità la legge che

giugno

stanzia 10 milioni di euro per i familiari delle vittime della strage.

Il

presidente del Senato si è impegnato a sottoporla al voto di

Palazzo Madama prima dell’anniversario. Ad oggi non lo ha ancora fatto.

17

 

L’amministratore delegato del gruppo Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti, scrive una lettera ai presidenti di Camera e Senato e al commissario per rendere noto che le assicurazioni hanno liquidato i primi indennizzi. Si tratta di 7 milioni relativi a 4 deceduti e di 700.000 euro relativi a 7 feriti.

giugno

Ecco i primi indennizzi

21

Si allunga la lista degli indagati

La Procura della Repubblica di Lucca annuncia che sono 18 gli iscritti nel registro degli indagati e che la lista potrebbe allungarsi. Il giorno precedente l’amministratore delegato del gruppo Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti, aveva affermato che anche il suo nome avrebbe potuto comparire nel registro degli indagati.

giugno

23

 

A

quasi un anno dalla tragedia nell’area colpita sono in corso i lavori

giugno

Il quadro ad oggi

da parte dei proprietari di abitazioni e imprese, molte famiglie sono in affitto, alcune hanno acquistato nuove case altrove. Resta da definire l’esatta sistemazione urbanistica della zona e da formalizzare il passaggio da FS a Comune dell’area occupata dai binari dimessi. Ecco il quadro nel dettaglio.

 

La situazione

Il commissario continua a sostenere le spese di affitto per 22 famiglie e a fornire contributi mensili ad altre 3. La spesa per loro è di 15.700 euro al mese. Per altre 15 famiglie si sono spesi 88.000 euro per pagare gli alberghi o fornire contributi a chi si era trovato una sistemazione autonoma. Per pagare beni di prima necessità si sono investiti 62.000 euro.

dei residenti…

 

… e quella delle imprese

Il

Commissario continua a sostenere l’affitto di fondi per 4 imprese

in sostituzione di quelli danneggiati. Ad oggi ha investito a questo scopo 20.000 euro. Per l’acquisto di materiali, attrezzature e scorte per 23 imprese danneggiate sono stati destinati 860.000 euro di cui 650.000 già erogati.

Il quadro delle abitazioni…

Per 53 edifici è stata richiesta la ristrutturazione / ricostruzione. Finora sono stati ammessi a contributo 48 immobili e stanziati 4,7 milioni di euro. Sono 5 quelli per i quali l’istruttoria è ancora in corso.

Sono 48 i cantieri aperti con vari stati di avanzamento dei rispettivi lavori.

e quello dei cantieri

I trasferimenti

Sono 15 le unità immobiliari che verranno trasferite per un investimento di 3,7 milioni di euro, di cui 1,4 già erogato. Dei 9 proprietari 4 hanno già acquistato un nuovo immobile altrove, 2 hanno firmato il preliminare d’acquisto, 3 non hanno ancora trovato una soluzione.

La

Per rifare utenze e servizi in via Ponchielli sono stati stanziati 350.000 euro. Il primo lotto dei lavori è ultimato e si sta predisponendo il secondo.

risistemazione

delle strade…

e quella

Sono in corso da parte del Comune di Viareggio le procedure per l’approvazione della variante urbanistica che ridefinirà l’assetto dell’area che avrà un’area a verde con pista ciclabile (il cui costo è di 1,2 milioni di euro, già nella disponibilità delle casse commissariali) e, se finanziato, il sottopasso ferroviario, per il momento senza disponibilità di fondi. E’ stato predisposto dal Comune di Viareggio il progetto per la ricostruzione degli edifici a uso pubblico lato monte di via Ponchielli, in sostituzione degli edifici privati oggetto di delocalizzazione.

dell’area

 

La situazione

La situazione

finanziaria: le

necessità …

e le

Dei 19 milioni ad oggi disponibili (16,5 di risorse statali, 2 dal bilancio regionale, 0,5 da Consiglio regionale) ad oggi sono stati impegnati circa 15 milioni di euro, di cui 11,6 milioni già erogati al Comune di Viareggio.

disponibilità

Ad oggi nelle casse del commissario, al netto dei fondi già destinati, ci sono circa
Ad oggi nelle casse del commissario, al netto dei fondi già destinati,
ci sono circa 5 milioni di euro mentre sono in corso le procedure per
richiedere 1 milione e 450.000 euro.
Restano da
finanziare
Per completare la ricostruzione restano da finanziare 6,82 milioni di
euro, più volte richiesti al Governo.