Sei sulla pagina 1di 28

Esercitazione 1: combustione

Corso di Centrali Termoelettriche e Nucleari e Regolazione

DAuria Vincenzo
Dicuonzo Ortensia
Masciandaro Silvia
Nallo Giuseppe Francesco
Vitali Vito
Zappatore Andrea

Contents
1 Introduzione

2 (a) Reazioni elementari e calori di reazioni associati


2.1 Risultati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.2 Metodo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

4
4
5

3 (b)Aria teorica ed effettiva necessaria per la combustione dei tre combustibili


6
3.1 Risultati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
3.2 Metodo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
4 (c) Composizione dei fumi in massa e volume
4.1 Risultati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.2 Metodo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

6
6
7

5 (d) Entalpie specifiche di aria e gas di scarico al variare della temperatura 9


5.1 Metodo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
5.2 Metodo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
5.2.1 Entalpia dellaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
5.2.2 Entalpia dei gas di scarico prodotti dalla combustione del carbone . . . 10
6 (e-g) Temperatura adiabatica di fiamma e potenziale andamento della
peratura dei fumi lungo il percorso
6.1 Ipotesi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6.2 Risultati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6.3 Metodo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6.3.1 Temperatura adiabatica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6.3.2 Andamento della temperatura dei fumi lungo il percorso . . . . .

tem.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

11
11
11
14
14
15

7 (f ) Portate lungo il percorso dei fumi


17
7.1 Risultati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
7.2 Metodo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
8 (h) Velocit medie lungo il percorso dei fumi
18
8.1 Risultati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
8.2 Metodo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
9 (i) Una metodologia per il calcolo delle cadute di
fumi
9.1 Metodo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
9.1.1 Ipotesi: . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
9.1.2 Perdite distribuite . . . . . . . . . . . . .
9.1.3 Perdite concentrate . . . . . . . . . . . . .

pressione lungo il percorso


.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

19
19
20
20
22

10 (j) Tempi di residenza dei fumi in camera di combustione


26
10.1 Risultati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
10.2 Metodo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
11 (k) Flussi termici scambiati per irraggiamento tra fumi e pareti
28
11.1 Risultati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
11.2 Metodo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28

possono!conoscere!i!kg!di!ossigeno!e!azoto!per!kg!di!combustibile.!
Se!!presente!azoto!nel!combustibile!va!conteggiato!nei!fumi:!!
la!massa!aggiuntiva!di!azoto!!nota!dalla!composizione!percentuale!in!peso!(si!fa!sempre!
riferimento!ad!un!kg!di!combustibile);!
conoscendo!il!peso!molecolare!!possibile!risalire!a!quante!moli!di!azoto!ci!sono!in!un!kg!di!
Introduzione
combustibile!e!moltiplicando!per!il!volume!molare!in!condizioni!normale!si!ottengono!i!
Nm3!di!azoto!da!fuel!presenti!nei!fumi!per!kg!di!combustibile.!

Unit!di!misura!

combustibile! !

Carbone!East! Olio!
Gas!
Kentucky!
combustibile! Naturale!
pesante!

carbonio!

%!in!peso!base!secca!

75.38!

86.2!

77.09!

idrogeno!

%!in!peso!base!secca!

5.31!

11.8!

21.66!

zolfo!

%!in!peso!base!secca!

0.89!

2.0!

0.0!

azoto!

%!in!peso!base!secca!

1.38!

0.0!

1.25!

Ceneri!(ash)!

%!in!peso!base!secca!

7.04!

0.03!

0.0!

Ossigeno!

%!in!peso!base!secca!

10.0!

0.0!

0.0!

Umidit!fuel!

%!in!peso!

8.0!

0.0!

0.0!

Table 1:
Se!il!combustibile!!umido!!necessario!ricalcolare!la!composizione!percentuale!in!peso!del!
combustibile.!

(a) Reazioni elementari e calori di reazioni associati

2.1

Applicando!il!procedimento!precedentemente!descritto!si!ritrovano!le!seguenti!composizioni!in!
volume!e!in!massa.!
!
a)#Reazioni#elementari#e#calori#di#reazioni#associati#
Risultati

Carbonio(
Carbonio
C + O2 CO2
C#+#O2##CO2#
Calore#formazione#reagenti#(kJ/mol)(

Calore#formazione#prodotti#(kJ/mol)#

Calore'di'reazione'(kJ/mol)'

C#

O2(

CO2(

0#(g)#

0#(g)#

=393.51#(g)#

2393.51'

Table 2: Calore di reazione: combustione di C

Idrogeno(

H2#+##O2##H2O#
Idrogeno
1
HCalore#formazione#reagenti#(kJ/mol)(
2 + 2 O2 H2 O

Calore#formazione#prodotti#(kJ/mol)#

Calore'di'reazione'(kJ/mol)'

H 2#

O2(

H2O(

0#(g)#

0#(g)#

=241.81#(g)#

2241.81'

0#(g)#

0#(g)#

=285.83#(l)#

2285.83'

Zolfo(
S#+#O2##SO2##
Calore#formazione#reagenti#(kJ/mol)(

4
Calore#formazione#prodotti#(kJ/mol)#

Calore'di'reazione'(kJ/mol)'

S#

O2(

SO2(

0#(g)#

0#(g)#

=296.83#(g)#

2296.83'

2(
Calore#formazione#reagenti#(kJ/mol)(
C#+#O
2##CO2#

2
Calore#formazione#prodotti#(kJ/mol)#

0#(g)#
0#(g)#
C#Calore#formazione#reagenti#(kJ/mol)(
O2(

=393.51#(g)#
2393.51'
CO
! Calore'di'reazione'(kJ/mol)'
2(
Calore#formazione#prodotti#(kJ/mol)#

#0#(g)#
C#

0#(g)#
O2(

=393.51#(g)#
CO2(

2393.51'
!

#Idrogeno(
0#(g)#

0#(g)#

=393.51#(g)#

2393.51'

Calore'di'reazione'(kJ/mol)'

H
Idrogeno(
# 2#+##O2##H2O#
Calore#formazione#reagenti#(kJ/mol)(
H
Idrogeno(
2#+##O2##H2O#

Calore#formazione#prodotti#(kJ/mol)#

Calore'di'reazione'(kJ/mol)'

HCalore#formazione#reagenti#(kJ/mol)(
#
O
H22#+##O2##H2O# 2(

H
! Calore'di'reazione'(kJ/mol)'
2O(
Calore#formazione#prodotti#(kJ/mol)#

0#(g)#
0#(g)#
HCalore#formazione#reagenti#(kJ/mol)(
O2(
2#

=241.81#(g)#
2241.81'
H
! Calore'di'reazione'(kJ/mol)'
2O(
Calore#formazione#prodotti#(kJ/mol)#

0#(g)#
0#(g)#
H 2#

0#(g)#
0#(g)#
O2(

=285.83#(l)#
=241.81#(g)#
H2O(

2285.83'
2241.81'
!

(
0#(g)#
0#(g)#

0#(g)#
0#(g)#

=285.83#(l)#
=241.81#(g)#

2285.83'
2241.81'

Zolfo(
(0#(g)#

0#(g)#

Table 3: Calore
di reazione: combustione 2285.83'
di H2
=285.83#(l)#

Zolfo(
S#+#O
(
2##SO2##
Zolfo
SZolfo(
+ O2 SO2
Calore#formazione#reagenti#(kJ/mol)(
S#+#O
2##SO2##

Calore#formazione#prodotti#(kJ/mol)#

Calore'di'reazione'(kJ/mol)'

SS#+#O
O2(
#
Calore#formazione#reagenti#(kJ/mol)(
2##SO2##

SO
! Calore'di'reazione'(kJ/mol)'
2(
Calore#formazione#prodotti#(kJ/mol)#

0#(g)#
0#(g)#
SCalore#formazione#reagenti#(kJ/mol)(
O2(
#

=296.83#(g)#
2296.83'
SO
! Calore'di'reazione'(kJ/mol)'
2(
Calore#formazione#prodotti#(kJ/mol)#

(0#(g)#
S#

0#(g)#
O2(

=296.83#(g)#
SO2(

2296.83'
!

Metano(
(0#(g)#

0#(g)#

=296.83#(g)#

2296.83'

Table 4: Calore di reazione: combustione di S


CH
Metano(
( 4#+#2#O2##CO2#+#2#H2O#
Calore#formazione#reagenti#(kJ/mol)(
CH
Metano(
4#+#2#O2##CO2#+#2#H2O#
Metano
CH
CH
O2( 2 + 2H2 O
4#4 + 2O2 CO
Calore#formazione#reagenti#(kJ/mol)(

Calore#formazione#prodotti#(kJ/mol)#

Calore'di'reazione'(kJ/mol)'

CH4#+#2#O2##CO2#+#2#H2O#

CO
H2O(
! Calore'di'reazione'(kJ/mol)'
2(
Calore#formazione#prodotti#(kJ/mol)#

=74.81#(g)#
0#(g)#
CH
O2(
4#
Calore#formazione#reagenti#(kJ/mol)(

=393.51#(g)#
=241.81#(g)#
2802.32'
CO
H2O(
! Calore'di'reazione'(kJ/mol)'
2(
Calore#formazione#prodotti#(kJ/mol)#

=74.81#(g)#
=74.81#(g)#
CH4#

0#(g)#
0#(g)#
O2(

=393.51#(g)#
=393.51#(g)#
CO2(

=285.83#(l)#
=241.81#(g)#
H2O(

2890.36'
2802.32'
!

(
=74.81#(g)#
=74.81#(g)#

0#(g)#
0#(g)#

=393.51#(g)#
=393.51#(g)#

=285.83#(l)#
=241.81#(g)#

2890.36'
2802.32'

(=74.81#(g)#

0#(g)#

=393.51#(g)#

=285.83#(l)#

2890.36'

Table 5: Calore di reazione: combustione di CH4

2.2

Metodo

I calori di formazione dei composti sono stati trovati consultando alcune tabelle. I calori
di reazione sono stati calcolati utilizzando la formula riportata di seguito, dove ni e nj sono
rispettivamente i coefficienti stechiometrici delle reazioni.
hreazione

N prodotti
X

(nj

Hf,j
)prodotti

j=1

N reagenti
X
i=1

(ni Hf,i
)reagenti

(b)Aria teorica ed effettiva necessaria per la combustione dei


tre combustibili

3.1

Risultati

b) Aria teorica ed effettiva necessaria per la combustione dei tre combustibili:

Atm
[kgaria/kgfuel]
Am
[kgaria/kgfuel]

Carbone East
Kentucky
10.08

Olio combustibile Gas naturale


pesante
14.02
17.19

14.11

18.23

18.91

Table 6: Aria teorica ed effettiva per i tre combustibili


I valori di aria teorica ed aria effettiva sono stati ricavati applicando le seguenti formule:

3.2

Metodo

Atm=0.11484C + 0.34204H+0.04302S-0.0431O
I valori
Amdi
=naria
Atmteorica ed aria effettiva sono stati ricavati applicando le seguenti formule:

Atm = 0.11484 C + 0.34204 H + 0.04302 S 0.0431 O

Per il calcolo dell Atm nel caso del Gas naturale la sono state utilizzate le percentuali in
massa:

Am = n Atm

1
!!
!
= 12
.01 * (CH
3 * C3 del
H 8 ) Gas
4 + 2 * C2 H
6 +caso
PerC il
calcolo
dellA
nel
naturale
la sono state utilizzate le percentuali in
tm
Z

massa:

1
H = 2.016(2 * CH 4 + 3 * C 2 H 6 + 4 * C3 H 8 ) !
Z

1
C = 12.01 (CH4 + 2 C2 H6 + 3 C3 H8 )
Z
E il peso molecolare Z e ottenuto attraverso la relazione:
1
H = 2.016 (2 CH4 + 3 C2 H6 + 4 C3 H8 )
Z
16.042 * CH 4 + 30.068 * C 2 H 6 + 44.094 * C 3 H 8 + 28.016 * N 2
!
Z=
100 attraverso la relazione:
E il peso molecolare Z e ottenuto
16.042 CH4 + 30.086 C2 H6 + 44.094 C3 H8 + 28.016 N2

Z residenza
=
j) Tempi di
dei fumi in camera di combustione
100

4
4.1

(c) Composizione dei fumi in massa e volume


Risultati

Carbone East
Kentucky

Olio combustibile
pesante

Gas naturale

Tempo di
Applicando
il procedimento
descritto
si ritrovano
le seguenti
in
permanenza
p
2.50 snella sezione 4.22.57
s
2.67composizioni
s
volume e in massa:
Procedimento
I tempi di residenza dei gas combusti sono stati calcolati attraverso la formula:

p =
Vf
6

Composizione! !
in!Volume![%]! !
Composizione!
Carbone!
Olio!
in!Volume![%]!

!
Prodotti!di!
combustione! Carbone!
Prodotti!di!
CO2!
12.44!
combustione!

Olio!
10.9!

!
Gas!
Naturale!
Gas!
9.58!
Naturale!

CO
2!
H2O!

12.44!
6.18!

10.9!
8.9!

H
2O!!
SO
2

6.18!
0.05!

SO
O2!2!

Composizione! !
in!Massa![%]! !
Composizione!
Carbone!
Olio!
in!Massa![%]!

Carbone!
18.46!

Olio!
16.49!

!
Gas!
Naturale!
Gas!
15.02!
Naturale!

9.58!
16.04!

18.46!
3.79!

16.49!
5.5!

15.02!
10.3!

8.9!
0.09!

16.04!
!!!!!!!!!!`!

3.79!
0.12!

5.5!
0.2!

10.3!
!!!!!!!!!!`!

0.05!
5.76!

0.09!
4.61!

!!!!!!!!!!`!
1.73!

0.12!
6.18!

0.2!
5.06!

!!!!!!!!!!`!
1.97!

O
N22!!

5.76!
75.72!

4.61!
75.52!

1.73!
72.68!

6.18!
71.2!

5.06!
72.73!

1.97!
72.77!

N
2!
Tab!.!

75.72!

75.52!

72.68!

71.2!

72.73!

72.77!

Tab!.!

!! ! !!"!!"#$

!"!!"!!"#$

Si!riportano,!anche,!i!!
!e!i! dei fumi in massa
!sviluppati!dalla!combustione!di!
Table
7: Composizione
e in volume
!"!!"!!"#$%&'($()*
!"!!"!!"#$%&'($()*
!! ! !!"!!"#$
!"!!"!!"#$
Si!riportano,!anche,!i!!
!e!i!
!sviluppati!dalla!combustione!di!
ogni!combustibile.! !"!!"!!"#$%&'($()* !"!!"!!"#$%&'($()*

Si ogni!combustibile.!
riportano di seguito anche i
!

N m3 di f umi
kg di combustibile

ed i

kg di f umi
kg di combustibile .

Combustibili!
Carbone!

!"!!"!!"#$
!! ! !!"!!"#$
!
!
!"!!"!!"#$%&'($!"#
!
!"!!"!!"#$%&'($()*
!"!!"!!"#$
!! !!"!!"#$
!
! 13.703!
10.37!
!"!!"!!"#$%&'($!"#
!"!!"!!"#$%&'($()*

Carbone!
Olio!

10.37!
14.75!

13.703!
19.15!

Olio!
Gas!naturale!

14.75!
15.01!

19.15!
18.8!

Gas!naturale!

15.01!

18.8!

Combustibili!

!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Tab.!

!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Tab.!
Table

8: Volume e massa di fumi per kg di combustibile


3
!importante!precisare!che!nel!caso!del!carbone!sono!stati!considerati!anche!i!Nm
!di!vapore!
3
sviluppati!dallumidit!presente!nel!combustibile!(nel!nostro!caso!80!g!),!che!non!partecipano!alla!
!importante!precisare!che!nel!caso!del!carbone!sono!stati!considerati!anche!i!Nm
!di!vapore!
sviluppati!dallumidit!presente!nel!combustibile!(nel!nostro!caso!80!g!),!che!non!partecipano!alla!
importante
precisare che nel caso del carbone sono stati considerati anche i Nm3 di vapore
reazione.!

sviluppati
dallumidit presente nel combustibile (nel nostro caso 80 g ), che non partecipano
reazione.!
!
alla reazione.
!

d)#Entalpie#specifiche#di#aria#e#gas#di#scarico#al#variare#della#
Metodo
d)#Entalpie#specifiche#di#aria#e#gas#di#scarico#al#variare#della#
temperatura#
Si considerano
le reazioni elementari di combustione dei costituenti del combustibile:
temperatura#
!
4.2

C + O2 CO2
! 1
H2Il!calcolo!si!!effettuato!utilizzando!le!formule!riportate!da!Annaratone.!Convenzionalmente!
+ 2 O2 H2 O
lentalpia!nulla!corrisponde!alla!temperatura!di!0C.!
S+
O2 SO2
Il!calcolo!si!!effettuato!utilizzando!le!formule!riportate!da!Annaratone.!Convenzionalmente!
Essendo
nota la composizione percentuale in massa dei vari combustibili possibile risalire
lentalpia!nulla!corrisponde!alla!temperatura!di!0C.!
I!range!di!temperatura!considerati!sono:!
alle composizioni percentuali dei gas di scarico sia in massa che in volume. Si riporta un
I!range!di!temperatura!considerati!sono:!
esempio
la combustione del carbonio per rendere chiaro il procedimento adottato. Si
per0`300C!per!laria,!
considerano:
0`1300C!per!i!gas!di!scarico.!
0`300C!per!laria,!
0`1300C!per!i!gas!di!scarico.!
i pesi
molecolari dei prodotti e dei reagenti della combustione;

il volume occupato da una mole di gas in condizioni normali (22,4 l).


12g di C + 32g di O2 44g di CO2
12g di C + 32g di O2 22.4N l di CO2
7

Conoscendo quanti grammi di carbonio sono presenti in un kg di combustibile (grazie alla


composizione percentuale), tramite una proporzione, si calcolano i kg di CO2 emessi per kg di
combustibile e i N m3 di CO2 emessi per kg di combustibile.
Tale metodo viene applicato per tutti gli altri costituenti elementari del combustibile.
Ma nei fumi sono presenti anche:
ossigeno, derivante dalleccesso daria (indispensabile per fare avvenire una combustione
completa);
azoto, inerte di reazione, presente nellaria usata come comburente.
kg di aria ef f ettiva
kg di combustibile
kg di aria in eccesso
kg di combustibile e la densit

Sono noti i

necessari per la combustione completa di ogni combustibile, i


dellaria in condizioni normali dellaria (1,293 kg/N m3 ).
3

di aria ef f ettiva
di aria in eccesso
Di conseguenza possibile ricavare i N m
e i Nm
kg di combustibile
kg di combustibile .
Ipotizzando che laria sia costituita dal 79% in volume di azoto e dal 21% in volume di
ossigeno si risale ai Nm3 di ossigeno e azoto per kg di combustibile nei fumi e tramite il peso
molecolare si possono conoscere i kg di ossigeno e azoto per kg di combustibile.
Se presente azoto nel combustibile va conteggiato nei fumi:

la massa aggiuntiva di azoto nota dalla composizione percentuale in peso (si fa sempre
riferimento ad un kg di combustibile);
conoscendo il peso molecolare possibile risalire a quante moli di azoto ci sono in un kg
di combustibile e moltiplicando per il volume molare in condizioni normale si ottengono
i Nm3 di azoto da fuel presenti nei fumi per kg di combustibile.

Entalpia#dellaria#
!

La!formula!di!Annaratone!per!il!calcolo!dellentalpia!dell!aria!:!
2

& t #
& t #
& t #
ha = 1003.8$
! + 26.5 * $
! + 102.97$
! !in!kJ/kg.!
"
% 1000 "
% 1000e" gas di scarico
5 (d)% 1000
Entalpie
specifiche
di aria

al variare della

temperatura

La!temperatura!t!!in!C.!
5.1 Metodo
!

La!formula!di!Annaratone!per!il!calcolo!dellentalpia!dei!fumi!:!
2

& t #
& t #
& t #
h g = (972.7 + 10.76u )$
! + (166.31 3.25u )$
! (27.98 2.443u )$
! !in!kJ/kg.!
% 1000 "
% 1000 "
% 1000 "

La!temperatura!!in!C.!

!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Fig.!
Figure 1: Entalpia dellaria in funzione della temperatura

Lumidit!varia!al!variare!del!combustibile.!

Entalpia#dei#gas#di#scarico#prodotti#dalla#combustione#del#carbone#
!

!
Fig.! in funzione della temperatura
Figure 2: Entalpia dei gas di scarico

Il!carbone!usato!nellimpianto!presenta!unumidit!dell8%!in!peso.!In!tal!caso,!nel!calcolo!
dellumidit!nei!fumi,!!stato!considerata!anche!la!percentuale!in!peso!di!idrogeno!contenuto!
9
nellumidit!del!combustibile.!

5.2

Metodo

Il calcolo si effettuato utilizzando le formule riportate da Annaratone. Convenzionalmente


lentalpia nulla corrisponde alla temperatura di 0C.
I range di temperatura considerati sono:
0-300C per laria,
0-1300C per i gas di scarico.
Lentalpia dei fumi influenzata dalla presenza di umidit, cio di vapore che si originato dalla
combustione dellidrogeno presente nel combustibile o dallacqua presente nel combustibile
umido.
La formula riportata di seguito permette di calcolare la percentuale in massa di umidit
conoscendo :
la percentuale i peso dellidrogeno nel combustibile H;
i m3 di aria teorica (Atm)necessari per la combustione stechiometrica;
lindice daria n.
u=
5.2.1

8.936H
nAtm + 1

Entalpia dellaria

La formula di Annaratone per il calcolo dellentalpia dell aria :



ha = 1003.8

t
1000


+ 26.5

t
1000

2


+ 102.97

t
1000

3
[kJ/kg]

La temperatura t in C.
5.2.2

Entalpia dei gas di scarico prodotti dalla combustione del carbone

La formula di Annaratone per il calcolo dellentalpia dei fumi :



hg = (972.7 + 10.76u)



2

3
t
t
t
+(166.31 3.25u)
(27.98 2.443u)
[kJ/kg]
1000
1000
1000

La temperatura in C.
Lumidit varia al variare del combustibile.
Il carbone usato nellimpianto presenta unumidit dell8% in peso. In tal caso, nel calcolo
dellumidit nei fumi, stato considerata anche la percentuale in peso di idrogeno contenuto
nellumidit del combustibile.

10

(e-g) Temperatura adiabatica di fiamma e potenziale andamento della temperatura dei fumi lungo il percorso

6.1

Ipotesi

evaporatore = 25% Pth


sh,rh = 45% Pth
eco = 25% Pth
economizzatore = 5% Pth
Superficie irraggiata in camera di combustione pari a quella di un parellelepipedo rettangolo dellaltezza di 65m e base 12m x 12m
ccombustibile = 1[kJ/kg]

6.2

Risultati

Si riportano nella seguente tabella i principali dati derivati dai calcoli effettuati:

11

e-g) Temperatura adiabatica di fiamma e potenziale andamento della


temperatura dei fumi lungo il percorso
!

Si riportano nella seguente tabella i principali dati derivati dai calcoli effettuati:
Carbone East
Kentucky
1500

Olio combustibile
pesante
1500

Gas naturale

!! (kW/m )!

440

440

440

!!"#$ (kg/s)

51.6

36.2

33.0

!!"#$ (kg/kg)

13.98

19.4

18.94

!!"#! (kg/kg)!

12.98

18.23

17.94

!! (kW)

32174

45772

49780

!!" (C)

1878

1888

1983

!!""!# (C)

1179

1195

1270

!!"#$!"% (C)

1116

1119

1136

!!""!#!$%"& (C)

1144

1158

1219

!!"#,!" (C)

772.2

776.8

812.8

!!"#"$%&,!" (C)!

325.7

324.8

325.1

!!"#$%& (C)

124.3

124.2

131.2

!!"#$%&,!" (C)!

120.5

121.5

128.9

!!"#$ (kW)

713

708

709

!!"#$ /!!" *100 (%)

47.5

47.2

47.3

!!"# (kW)

375

375

375

!!"_!" (kW)
!!"# (kW)!

675

675

675

375

375

375

!!"# (kW)

77.8

77.0

76.6

!!"#,!" (kW)!

75

75

75

!!"# /!!" *100 (%)

5.20

5.14

5.11

!!"#,!" /!!" *100 (%)

5.0

5.0

5.0

!!" !(!")
2

(!"!)

1500

Tab. n

Table 9: Risultati punti e), g)


Si riporta il grafico in cui si registra la temperatura dei fumi in punti particolari dellimpianto:

12

H i' = H i + cc (Tc T0 ) + Aca (Ta T0 ) !


in!cui:!

!Si
riporta il grafico in cui si registra la temperatura dei fumi in punti particolari dellimpianto:
! !rappresenta!il!potere!calorifico!inferiore!del!combustibile!
!!rappresenta!i!kg!daria!per!kg!di!combustibile!
!! = 80!!,!la!temperatura!a!cui!!preriscaldato!il!combustibile!
!! = 250!!,!la!temperatura!a!cui!!preriscaldato!il!comburente!
!! = 20!!,!la!temperatura!a!cui!sono!introdotti!combustibile!e!comburente!
!! !!il!calore!specifico!dellaria!mediato!tra!!! !e!!! !
!! !!il!calore!specifico!del!combustibile!mediato!tra!!! !e!!! !

In realt, si assunto !! = 1!!"/!", non disponendo di nessun dato a riguardo. Questa ipotesi non
influenza il risultato in maniera sensibile poich !! dello stesso ordine di grandezza di !! e
!! (!! !! ) il termine dellequazione con minor peso sul risultato.
Considerando la portata dei fumi riferita allunit di portata di combustibile Gfumi ed in condizioni
adiabatiche il calore introdotto anche esprimibile con la:

H i' = G fumicg (Tad T0 ),!da cui possibile ricavare la temperatura adiabatica di fiamma.

g) Andamento della temperatura dei fumi lungo il percorso


Tra i metodi per calcolare la temperatura duscita
Fig. ndalla camera di combustione, stato usato quello
di Annaratone, poichFigure
fornisce
valori
intermedi
rispetto
temperatura
3: Profili di temperatura
lungoalla
il percorso
fumi valutata col metodo di
Ipotesi
Orrok-Hudson
e quello di =Konakov.
!
25%!! !
!"#$%&#'%&!

!!

!!"_!" = 45%!!!! !
!!"#$#%&''()#*! = 25%!!!! !
!!"#$%& = 5%!!!! !
Superficie irraggiata in camera di combustione pari a quella di un parellelepipedo rettangolo
dellaltezza di 65m e base 12m x 12m
!!"#$%&'($()* = 1!"/!"!
!

Figure 4: Temperatura di uscita


camera di combustione
Fig. dalla
n

13

6.3
6.3.1

Metodo
Temperatura adiabatica

utile calcolare lentalpia specifica dei fumi alla temperatura adiabatica di fiamma. Nota la
temperatura dei reagenti, e supponendo una combustione completa, questultima definita
come la temperatura raggiunta dai prodotti di reazione nel caso in cui non vi sia scambio
termico con lambiente esterno.
Per calcolare questa grandezza si considera prima il calore introdotto in camera di com0
bustione, Hi , che pu essere esplicitato come:
0

Hi = Hi + [cc ]TTc0 (Tc T0 ) + A [ca ]TTa0 (Ta T0 )


in cui:
Hi rappresenta il potere calorifico inferiore del combustibile
A rappresenta i kg daria per kg di combustibile
Tc = 80C la temperatura a cui preriscaldato il combustibile
Ta = 250C, la temperatura a cui preriscaldato il comburente
T0 = 20C, la temperatura a cui sono introdotti combustibile e comburente
ca il calore specifico dellaria mediato tra T0 e Ta
cc il calore specifico del combustibile mediato tra T0
cc = 1[kJ/kg], non disponendo di nessun dato a riguardo.
il risultato in maniera sensibile poich cc dello stesso
cc (Tc T0 ) il termine dellequazione con minor peso sul

e Tc In realt, si assunto
Questa ipotesi non influenza
ordine di grandezza di ca e
risultato.

Questo calore deve essere completamente impiegato in aumento dellentalpia sensibile dei fumi:
0
Hi = Gf umi [cg ]TTad
(Tad T0 ).
0
Dalla equazione di bilancio conseguente possibile ricavare la temperatura adiabatica di
fiamma.
Gg [cg ]TTad
(Tad T0 ) = Hi + [cc ]TTc0 (Tc T0 ) + A [ca ]TTa0 (Ta T0 )
0
E risolvendo:
Tad = T0 +

Hi + [cc ]TTc0 (Tc T0 ) + A [ca ]TTa0 (Ta T0 )


Gg [cg ]TTad
0

Si noti che il procedimento iterativo, dal momento che il calore specifico a pressione
costante dei gas di scarico cg va valutato ad una temperatura media fra quella adiabatica e
quella di riferimento. Secondo Annaratone non si commettono errori eccessivi se si usa la
temperatura media aritmetica.
Se si sceglie come temperatura di riferimento T0 = 273.15K = 0C il risultato ottenuto
detto temperatura teorica di combustione.

14

Il modo idealizzato in cui la temperatura adiabatica di fiamma stata determinata fa s


che essa differisca dalla temperatura effettiva di equilibrio. Questultima, infatti, tiene conto
dei processi di dissociazione termica, che avvengono a temperature superiori a circa 1500C.
Si riporta di seguito un grafico che confronta le temperature adiabatiche e quelle di equilibrio, rappresentandole in funzione del rapporto di equivalenza, definito come

A
1
F stech

=
=
A
SR
F

Figure 5: Confronto fra Tad e T di equilibrio

6.3.2

Andamento della temperatura dei fumi lungo il percorso


Figure 5: Confronto fra Tad e T di equilibrio
Tra i metodi per calcolare la temperatura duscita dalla camera di combustione, stato usato
quello di Annaratone, poich fornisce valori intermedi rispetto alla temperatura valutata col
metodo di Orrok-Hudson e quello di Konakov.
Secondo Annaratone:
6.3.2 Andamento della temperatura dei fumi lungo il percorso
1000
tu = 20 +
1164
0.15
Tra i metodi per calcolare la temperatura
duscita
di combustione, stato usato
1 +camera
2.52hg dalla
qi
hg
quello di Annaratone, poich fornisce valori intermedi rispetto alla temperatura valutata col
in cui:
metodo
di Orrok-Hudson e quello di Konakov.
Secondo
hg lentalpia
specifica dei fumi alla temperatura teorica di combustione
Annaratone:
qi il carico termico superficiale, di 440 kW/m2, considerando come superficie irraggiata
quella di un parellelepipedo rettangolo dellaltezza1000
di 65m e base 12m x 12m.
tu = 20 +
0.15
2.52hg p1qi + 1164
hg
15
in cui:
hg lentalpia specifica dei fumi alla temperatura teorica di combustione
qi il carico termico superficiale, di 440 kW/m2, considerando come superficie irraggiata
quella di un parellelepipedo rettangolo dellaltezza di 65m e base 12m x 12m.

Per caratterizzare le altre temperature lungo il percorso dei fumi stato applicato un
bilancio energetico nelle diverse zone di interesse: tra lingresso ed il naso, nella regione dei
surriscaldatori e risurriscaldatori, alleconomizzatore, al preriscaldatore daria. I valori dei
calori specifici sono mediati nellintervallo di temperature considerato.
Per primo, si calcola il flusso termico ceduto dai fumi fino alluscita della camera di combustione:
.

naso = mf uel Gf umi cp,f umi (Tad Tnaso )


Questo costituito da due componenti: il calore ceduto allevaporatore, ed una parte di
quello ceduto al primo surriscaldatore. Dato che, per ipotesi, il flusso scambiato con levaporatore il 25% della potenza termica al focolare, e quello ceduto agli SH e RH il 45%,
sottraendo il flusso scambiato con levaporatore a quello scambiato fino al naso, si ottiene la
seconda parte di flusso termico da scambiare con SH e RH. Da un bilancio analogo al precedente si ottiene, quindi, la temperatura in uscita agli SH e RH, che coincide con la temperatura
in ingresso alleconomizzatore:
.

(2)

sh,rh = mf uel Gf umi cp,f umi (Tnaso Teco,in )


Nelleconomizzatore, per ipotesi, scambiata una potenza termica del 25% rispetto a quella
al focolare. Si ottiene quindi la temperatura allingresso del preriscaldatore daria applicando
un bilancio alleconomizzatore:
.

eco = mf uel Gf umi cp,f umi (Teco,in Tprerisc,in )


Sapendo che laria va preriscaldata da 20 C a 250 C, si calcola la potenza termica necessaria al suo preriscaldamento:
.

prerisc = mf uel Garia cp,aria (250 20)


da cui possibile ricavare la temperatura dei fumi in uscita al preriscaldatore, coincidente
con quella al camino:
.

prerisc = mf uel Gf umi cp,f umi (Tprerisc,in Tcamino )


In tabella sono anche riportate la potenza persa al camino, leggermente maggiore di quella
ipotizzata, e la temperatura al camino che si otterrebbe ipotizzando una potenza termica
dispersa del 5% rispetto alla potenza al focolare. La differenza relativa tra la temperatura al
camino calcolata in precedenza e quella calcolata e quella che si otterrebbe secondo le ipotesi
varia tra 1.8% e 3.0%.

16

7
7.1

(f) Portate lungo il percorso dei fumi


Risultati
f)#Portate#lungo#il#percorso#dei#fumi#
!
Portate!volumetriche!(Nm3/s)!
Carbone!East!
f)#Portate#lungo#il#percorso#dei#fumi#
!

Aria!effettiva!
CO2!
Portate!volumetriche!(Nm3/s)!
H2O!
Aria!effettiva!
N2!
CO2!
O2!
H2O!
SO2!
N2!
Ceneri!
O2!
Fumi!!
SO2!
Ceneri!
Table 10: Portate
Portate!massiche!(kg/s)!
Fumi!!
Aria!effettiva!
CO2!
Portate!massiche!(kg/s)!
H2O!
Aria!effettiva!
N2!
CO2!
O2!
H2O!
SO2!
N2!
Ceneri!
O2!
Fumi!!
SO2!
Ceneri!
Fumi!!

Kentucky!
517,99!
66,56!
Carbone!East!
Kentucky!
33,07!
517,99!
405,17!
66,56!
30,82!
33,07!
0,27!
405,17!
M!
30,82!
535,09!
0,27!
M!
volumetriche
Carbone!East!
535,09!
Kentucky!
669,77!
130,53!
Carbone!East!
Kentucky!
26,8!
669,77!
503,44!
130,53!
43,7!
26,8!
0,85!
503,44!
3,25!
43,7!
708,56!
0,85!
3,25!
708,56!

Olio!combustibile!pesante!
510,38!
58,2!
Olio!combustibile!pesante!
47,52!
510,38!
403,24!
58,2!
24,62!
47,52!
0,48!
403,24!
M!
24,62!
533,95!
0,48!
!
M!
lungo
il percorso dei fumi
Olio!combustibile!pesante!
533,95!
!
659,93!
114,31!
Olio!combustibile!pesante!
38,13!
659,93!
504,19!
114,31!
35,08!
38,13!
1,39!
504,19!
0,01!
35,08!
693,1!
1,39!
!
0,01!
!
693,1!
!

Gas!
naturale!
457,86!
47,45!
Gas!
naturale!
79,45!
457,86!
360!
47,45!
8,57!
79,45!
0!
360!
M!
8,57!
495,33!
0!
M!
Gas!
495,33!
naturale!
592,02!
93,18!
Gas!
naturale!
63,9!
592,02!
451,46!
93,18!
12,22!
63,9!
0!
451,46!
0!
12,22!
620,77!
0!
0!
620,77!

Table 11: portate massiche lungo


il percorso dei fumi
!
Nelle!tabelle!sopra!indicate!vengono!raccolti!i!risultati!ottenuti!al!fine!di!specificare!le!portate!massiche!e!
volumetriche!di!interesse!di!aria!e!fumi!lungo!il!percorso!dellimpianto.!!In!particolare,!!necessario!far!
!
riferimento!ai!punti!b)!e!c)!dellelaborato!al!fine!di!comprendere!la!metodologia!utilizzata.!!
Nelle tabelle
10 ed 11 vengono raccolti i risultati ottenuti al fine di specificare le portate
massiche Nelle!tabelle!sopra!indicate!vengono!raccolti!i!risultati!ottenuti!al!fine!di!specificare!le!portate!massiche!e!
e volumetriche di interesse di aria e fumi lungo il percorso dellimpianto.
In!generale!,!!necessario!calcolare!la!portata!di!combustibile!introdotto!allinterno!dellimpianto.!Per!fare!
volumetriche!di!interesse!di!aria!e!fumi!lungo!il!percorso!dellimpianto.!!In!particolare,!!necessario!far!
ci,!!sufficiente!prendere!in!considerazione!la!potenza!al!focolare!dellimpianto!(1500!MW)!e!i!relativi!
riferimento!ai!punti!b)!e!c)!dellelaborato!al!fine!di!comprendere!la!metodologia!utilizzata.!!
potere!calorifici!dei!vari!combustibili.!Quindi!,!secondo!la!definizione!stessa!di!potenza!al!focolare!si!
7.2 Metodo
ottengono!le!varie!portate!come!:!
In!generale!,!!necessario!calcolare!la!portata!di!combustibile!introdotto!allinterno!dellimpianto.!Per!fare!
ci,!!sufficiente!prendere!in!considerazione!la!potenza!al!focolare!dellimpianto!(1500!MW)!e!i!relativi!
In particolare, necessario far riferimento ai punti b) e c) dellelaborato al fine di compren!
= !! /!! !
potere!calorifici!dei!vari!combustibili.!Quindi!,!secondo!la!definizione!stessa!di!potenza!al!focolare!si!
dere la metodologia
utilizzata. In generale , !"#$
necessario
calcolare la portata di combustibile
ottengono!le!varie!portate!come!:!
introdotto allinterno dellimpianto. !Per fare ci, Portata!combustibile!(kg/s)!
sufficiente prendere in considerazione la
Carbone!East!Kentucky!
51,6!calorifici dei vari combustibili.
potenza al focolare dellimpianto
(1500 MW)
e i relativi
!!"#$
= !! /!potere
!!
Olio!combustibile!pesante!
Quindi , secondo la definizione stessa di potenza al focolare si36,2!
ottengono le varie portate come
!
Portata!combustibile!(kg/s)!
Gas!naturale!
33!
:
Carbone!East!Kentucky!
51,6!
!
Olio!combustibile!pesante!
36,2!
Pt
.
Relativamente!allaria!comburente,!viene!quindi!moltiplicata!la!portata!di!combustibile!per!laria!effettiva,!
mf uel =
Gas!naturale!
33!
Hi
volumetrica!e!massica,!per!ottenere!le!relative!portate!dinteresse.!
!
Relativamente!allaria!comburente,!viene!quindi!moltiplicata!la!portata!di!combustibile!per!laria!effettiva,!
volumetrica!e!massica,!per!ottenere!le!relative!portate!dinteresse.!

17

riferimento!ai!punti!b)!e!c)!dellelaborato!al!fine!di!comprendere!la!metodologia!utilizzata.!!
In!generale!,!!necessario!calcolare!la!portata!di!combustibile!introdotto!allinterno!dellimpianto.!Per!fare!
ci,!!sufficiente!prendere!in!considerazione!la!potenza!al!focolare!dellimpianto!(1500!MW)!e!i!relativi!
potere!calorifici!dei!vari!combustibili.!Quindi!,!secondo!la!definizione!stessa!di!potenza!al!focolare!si!
ottengono!le!varie!portate!come!:!

!!"#$ = !! /!! !
!
Carbone!East!Kentucky!
Olio!combustibile!pesante!
Gas!naturale!

Portata!combustibile!(kg/s)!
51,6!
36,2!
33!
!

Table 12: Portate di combustibile


Relativamente!allaria!comburente,!viene!quindi!moltiplicata!la!portata!di!combustibile!per!laria!effettiva,!
volumetrica!e!massica,!per!ottenere!le!relative!portate!dinteresse.!
Relativamente allaria comburente, viene quindi moltiplicata la portata di combustibile per
laria effettiva, volumetrica e massica, per ottenere le relative portate dinteresse.
Nel caso delle varie componenti presenti nei fumi necessaria anche il relativo valore di
densit , calcolabile, in condizioni normali, come :
0 = 1.293

nAtm + 1
nAtm + 0.071865H

Nel!caso!delle!varie!componenti!presenti!nei!fumi!!necessaria!anche!il!relativo!valore!di!densit!,!

dove
1.293 indica la densit dellaria in condizioni normali , n il relativo eccesso daria
calcolabile,!in!condizioni!normali,!come!:!
preso come riferimento , Atm laria teorica massica di combustione utilizzata e H il con!"!" + 1
tenuto di idrogeno nel combustibile.
Le densit sono
quindi espresse
come kg/Nm3.
!! = 1.293
!
!"
+
0.071865

!
!"
Ancora una volta, prendendo come riferimento le composizioni massiche ricavate nei punti
!
precedenti
possibile definire , sia la portata massica che quella volumetrica dei vari composti
in uscita
attraverso
i gas di scarico. Pi precisamente, la portata massica viene ottenuta
dove!,!1.293&indica!la!densit!dellaria!in!condizioni!normali!,!n!!il!relativo!eccesso!daria!preso!come!
moltiplicando
i kg
del relativo componente chimico al kg di combustibile utilizzato per la
riferimento!,!A
tm&!laria!teorica!massica!di!combustione!utilizzata!e!H!!il!contenuto!di!idrogeno!nel!
3
combustibile.!Le!densit!sono!quindi!espresse!come!kg/Nm
.!!!
portata
di combustibile iniettata. Nel caso della portata
volumetrica necessario moltiplicare
la portata
massica cos ricavata per la densit indicata nellultima formula di riferimento di
Ancora!una!volta,!prendendo!come!riferimento!le!composizioni!massiche!ricavate!nei!punti!precedenti!!
questopossibile!definire!,!sia!la!portata!massica!che!quella!volumetrica!dei!vari!composti!in!uscita!attraverso!i!gas!
paragrafo. E indispensabile presentare un breve commento riguardo al calcolo della
portata
volumetrica. Come specificato, tale calcolo stato definito nelle condizioni normali di
di!scarico.!Pi!precisamente,!la!portata!massica!viene!ottenuta!moltiplicando!i!kg!del!relativo!componente!
chimico!al!kg!di!combustibile!utilizzato!per!la!portata!di!combustibile!iniettata.!Nel!caso!della!portata!
densit. Tuttavia, lungo il percorso dei fumi, si riscontrano alti gradienti di temperatura a cui
volumetrica!!necessario!moltiplicare!la!portata!massica!cos!ricavata!per!la!densit!indicata!nellultima!
seguono
altrettanto elevate variazioni di densit. Motivo per cui utile fare riferimento ad un
formula!di!riferimento!di!questo!paragrafo.!!
calcolo di densit anche in condizioni differenti da quelle normali. Riferendoci ad alti livelli di
E!indispensabile!presentare!un!breve!commento!riguardo!al!calcolo!della!portata!volumetrica.!Come!
temperatura,
possiamo sfruttare lipotesi di gas perfetto e ricavare una generica relazione per
specificato,!tale!calcolo!!stato!definito!nelle!condizioni!normali!di!densit.!Tuttavia,!lungo!il!percorso!dei!
correlare
la densit ad una fissata temperatura con quella ricavata in condizioni normali. Tale
fumi,!si!riscontrano!alti!gradienti!di!temperatura!a!cui!seguono!altrettanto!elevate!variazioni!di!densit.!
relazione
viene di seguito indicata sar sfruttata nel paragrafo successivo relativo al calcolo
Motivo!per!cui!!utile!fare!riferimento!ad!un!calcolo!di!densit!anche!in!condizioni!differenti!da!quelle!
delle velocit
dei fumi lungo il percorso.
normali.!Riferendoci!ad!alti!livelli!di!temperatura,!possiamo!sfruttare!lipotesi!di!gas!perfetto!e!ricavare!una!
generica!relazione!per!correlare!la!densit!ad!una!fissata!temperatura!con!quella!ricavata!in!condizioni!
T0
normali.!!Tale!relazione!viene!di!seguito!indicata!!sar!sfruttata!nel!paragrafo!successivo!relativo!al!calcolo!
T = T0
T
delle!velocit!dei!fumi!lungo!il!percorso.!

!!
(h) Velocit medie lungo!il
percorso
dei fumi
!
! = !!!
!

8.1 h)#Velocit#medie#dei#fumi#lungo#il#percorso#dei#fumi#
Risultati
!
!
Carbone!
Olio!
Gas!

Velocit!fumi!(m/s)!
26,7!
27,2!
26,8!
!

Per!quanto!riguarda!la!metodologia!usata!nel!calcolo!delle!velocit!lungo!il!percorso!dei!fumi!si!!deciso!di!
Table 13: Velocit medie dei fumi
suddividerlo!in!pi!tratti!come!elencati!nelle!tabelle.!Tale!scelta!!dovuta!essenzialmente!ad!un!alto!
gradiente!di!densit!lungo!il!percorso,!da!cui!ne!deriva!una!diretta!dipendenza!sulla!velocit!dei!fumi.!
!
!
!

18

8.2

Metodo

Per quanto riguarda la metodologia usata nel calcolo delle velocit lungo il percorso dei fumi
si deciso di suddividerlo in pi tratti come elencati nelle tabelle. Tale scelta dovuta
essenzialmente ad un alto gradiente di densit lungo il percorso, da cui ne deriva una diretta
dipendenza sulla velocit dei fumi.
Densit!fumi!(kg/Nm3)!
Camera!di!combustione!
Densit!fumi!(kg/Nm3)!
Naso!
Camera!di!combustione!
Ingresso!Economizzatore!
Naso!
Ingresso!Preriscaldatore!
Ingresso!Economizzatore!
aria!
Ingresso!Preriscaldatore!
Camino!
aria!

Carbone!
0,184!
Carbone!
0,28!
0,184!
0,379!
0,28!
0,662!
0,379!

Olio!
0,177!
Olio!
0,26!
0,177!
0,364!
0,26!
0,639!
0,364!

Gas!
0,161!
Gas!
0,258!
0,161!
0,335!
0,258!
0,608!
0,335!

0,662!
0,998!

0,639!
0,961!

0,608!
0,899!

Camino!
0,998!
0,961!
0,899!
!
!
Table 14: Densit lungo il percorso dei fumi
!
!
Si Si!!deciso!di!mantenere!la!velocit!quanto!pi!costante!possibile!lungo!il!percorso,!pertanto!sono!state!
deciso di mantenere la velocit quanto pi costante possibile lungo il percorso, pertanto
scelte!dei!ragionevoli!valori!di!sezione!di!passaggio!a!tal!fine.!Le!varie!sezioni!vengono!quindi!ricavate!
Si!!deciso!di!mantenere!la!velocit!quanto!pi!costante!possibile!lungo!il!percorso,!pertanto!sono!state!
sono state scelte dei ragionevoli valori di sezione di passaggio a tal fine. Le varie sezioni
invertendo!la!formula!che!definisce!la!portata!massica!dei!fumi!per!ogni!combustibile!e!per!il!relativo!tratto!
scelte!dei!ragionevoli!valori!di!sezione!di!passaggio!a!tal!fine.!Le!varie!sezioni!vengono!quindi!ricavate!
vengono
quindi ricavate invertendo la formula che definisce la portata massica dei fumi per
di!interesse.!
invertendo!la!formula!che!definisce!la!portata!massica!dei!fumi!per!ogni!combustibile!e!per!il!relativo!tratto!
ogni combustibile
e per il relativo tratto di interesse.
di!interesse.!
!

G
= !"#!
vA
!!"
fg =
!!" = !"#!

!
!
!
!

9
9.1

Sezione!di!passaggio!(m2)!
Camera!di!combustione!
Sezione!di!passaggio!(m2)!
Naso!
Camera!di!combustione!
Ingresso!Economizzatore!
Naso!
Ingresso!Preriscaldatore!
Ingresso!Economizzatore!
aria!
Ingresso!Preriscaldatore!
Camino!
aria!

Carbone!
144!
Carbone!
95!
144!
70!
95!
40!
70!

Olio!
144!
Olio!
98!
144!
70!
98!
40!
70!

Gas!
144!
Gas!
90!
144!
69!
90!
38!
69!

40!
27!

40!
26!

38!
26!

Camino!

27!

26!

26!

Table 15: Sezioni di passaggio lungo il percorso dei fumi

(i) Una metodologia per il calcolo delle cadute di pressione


lungo il percorso fumi
Metodo

Nellanalisi delle perdite di carico lungo il percorso fumi si fa riferimento, come di consueto,
alla distinzione fra perdite di carico concentrate, dovute a cambiamenti di sezione o direzione,
e perdite di carico distribuite, dovute allattrito fra fluido e parete. Si delineano di seguito i
metodi e le correlazioni utilizzati per il calcolo.

19

9.1.1

Ipotesi:

nel calcolo delle propriet si considera la pressione sempre pari a quella atmosferica: gli
scostamenti da questo valore infatti, pur essendo importanti ai fini del dimensionamento
dei ventilatori e del progetto delle strutture, non sono tali da comportare variazioni
significative nelle propriet termodinamiche dei fluidi. Inoltre lerrore commesso porta
ad una sovrastima delle perdite di pressione, ed il calcolo pertanto da considerarsi
cautelativo.
La variazione di temperatura invece determinante ed necessario tenerne conto in
maniera adeguata. A questo scopo possibile valutare le propriet alla temperatura
media del tratto.
9.1.2

Perdite distribuite

Tali perdite sono presenti anche in condotti liberi a sezione costante.


I parametri necessari a caratterizzarle sono i seguenti:
Velocit e viscosit del fluido, e diametro (reale o idraulico) del condotto, di cui si tiene
conto mediante il numero adimensionato di Reynolds
Re =

vDh

laddove Dh ,il diametro idraulico del condotto, calcolato come Dh =


la sezione del condotto e P il perimetro bagnato.

4A
P .

A rappresenta

Rugosit relativa della parete,


=

d
D

Lunghezza del condotto.


La relazione generale per il calcolo delle cadute di pressione dovute a perdite distribuite la
seguente:
pf = f

L u2
.
Dh 2

In questa sede lanalisi si applica ai gas di scarico di un impianto termoelettrico. Risulta


perci conveniente ricondursi alle In that case condizioni normali di densit. Annaratone
propone a questo scopo la seguente formula:
p = 1.855f

L G2 T
,
Dh p0 1000

laddove f rappresenta il friction factor, di cui si parler pi avanti. Si comprende che


questa formulazione vantaggiosa dal momento che la temperatura lungo il percorso dei fumi
variabile, mentre facile stimare con sufficiente accuratezza la densit dei gas di combustione
in condizioni normali con la seguente:

20

294

10 Fluid Dynamics

In that case
1
1
= 2 loge
+ 1.735.
2

(10.14)

For values of the product Re within 70150 and 10002500, follows not a very
well-defined rule. Karmann and Nikuradse suggested curves that are tangential to
the only curve relative to the smooth pipe
and to +
the1various curves (as a funcnA
tm
the 1.293
rough pipe.
tion of ) relativeto

0 =
Putting the equations suggested nA
by Karmann
and Nikuradse on a diagram, and
tm + 0.071865H
following the criteria above as far as the conditions for smooth or rough pipes, we
nella quale A_tm
rappresenta
laria teorica
di combustione,
obtain
a well-known diagram
in the literature
that we chose not espressa
to introducein
in [kgaria/kgfuel].
favor of Moodys
diagram
is equally famous.
Moodys
diagram is shown
La principale criticit
relativa
alla which
formulazione
generale
presentata
legata alla determiin Fig. 10.2. In the case of turbulent flow (this is the only case of interest to us),
nazione del friction the
factor,
Esso dipende
daldiagram
numero
di beReynolds,
dalla
from Moodys
can also
computed through
therugosit relativa e
values off . obtained
equation
authored by Colebrook:
dal regime di moto following
(laminare
o turbolento).
Per il calcolo si pu far riferimento a diagrammi
!
quali quello di Moody, di seguito riportato.
In esso2.51il "friction factor compare in ordinata,
1

=
2
log
. e quella dalla
(10.15)
e
mentre la dipendenza dal numero di Reynolds
3.7in+ascissa
rugosit superficiale

Re
fornita in modo parametrico.
= 0.3

0.200
0.2

0.1

0.100
0.090
0.080
0.070
0.060

0.05
0.03
0.02

0.050

0.01

0.040

0.005

0.030

0.002
0.001

0.020

0.010
0.008
0.007
0.006

oot

Laminar flow

0.015

0.0005

sm

0.0002
0.0001
0.00005
0.00002
0.00001
0.000
005

h tu

be

Turbulent flow (Re > 3000)

0.005
103

3 4 5 67 8 9

104

3 4 5 6 7 89

105

3 4 5 6 7 89

106

3 4 5 6 7 89

107

3 4 5 6 7 89

108

Re

Fig. 10.2 Moodys diagram for the friction factor

Figure 6: Diagramma di Moody


In alternativa di pu ricorrere a correlazioni quale quella di Colebrook, di seguito riportata:


1

2.51
= 2log

+
.
3.7 Re f
f
Si noti che f compare in forma implicita: il calcolo richiede pertanto un procedimento
iterativo.
Nel calcolo delle propriet necessarie al calcolo del friction factor in problemi di tipo non
solo fluidodinamico ma termofluidodinamico, in cui cio ci sono significative variazioni di
temperatura del fluido nei vari tratti del circuito fumi, necessario tenere conto della variazione
delle propriet lungo il tratto di lunghezza L considerato. Un modo semplice per farlo
valutare le propriet alla temperatura media aritmetica fra ingresso ed uscita, che nel caso dei
gas di combustione non comporta errori rilevanti.

21

9.1.3

Perdite concentrate

Le perdite di carico concentrate sono dovute a variazioni di sezione, sbocchi, curve, derivazioni
e simili. La formulazione generale la seguente:
u2
,
2
laddove k un coefficiente di perdita adimensionato che dipende dal tipo di singolarit. Il
circuito fumi di un generatore di vapore ad irraggiamento di grande taglia presenta praticamente tutte le possibili tipologie di perdite concentrate, pertanto si sceglie di fare direttamente
riferimento allo schema della centrale nella trattazione. Il procedimento che si segue nella pratica progettuale legato a considerazioni dello stesso tipo: si riconducono le situazioni reali
di impianto a casi sperimentali ben correlati, sempre mantenendosi in condizioni cautelative.
I punti di seguito elencati fanno riferimento alla numerazione delle zone in cui si verificano
perdite distribuite definita nella figura seguente.
ploc = k

2"

3"

4"
5"
6"

1"
7"

8"
9"
10"

11"

Figure 7: Schema dellimpianto con evidenziati i punti rilevanti ai fini del calcolo delle perdite
distribuite
22

di /di! = 0 which finally leads to = 0.5.


In the second instance the cross-section widens, the value of is obtained from
curve B of Fig. 10.16. If the fluid enters in a tank in a similar way, we can consider
that di /di! = 0, thus = 1. In that case all the kinetic energy of the fluid is lost.
In both instances the velocity to consider in (10.43) is the one in the reduced
cross-section. In general (here the equation can also be used with a duct with a nonThe Babcock & Wilcox Company
circular cross-section), factor for abrupt reduction of the cross section is given by
!
"
For applications requiring a uniform
velocity
1. Restringimento di sezione
in corrispondenza
del
naso:
ci sidistripu
del
Acomplement
bution directly
after the
turn,
a
full
or riferire a diagrammi
=
0.5
1

(10.47)
!
normal arrangement
turning vanes
Fig.il 12b)
tipo di quello di seguito riportato,
tenendoof presente
per
che
naso si comporta pi come
A (see
is required. However, for many applications, it is suf-

un diaframma che come ficient


un vero
e aproprio
restringimento.
Pu in
pertanto essere necessario
to use
reduced number
of vanes, as shown
! for the
where
A
stands
for
the
smaller
and
A
greater
cross-section.
Fig.
12c.
moltiplicare il valore trovato per un coefficiente correttivo.
For nonuniform flow fields, the arrangement of
turning vanes is more difficult to determine. Many
times, numerical modeling (see Chapter 6) and flow
testing of the duct system must be done to determine
di'
the proper vane locations.

1.0
0.8

di

0.6
0.4
0.2
0.0
9 Bend loss for round pipe, in terms of velocity heads.

curve A (sudden decrease of the cross-section area)


curve B (sudden increase of the cross-section area)
0

0.1

0.2

0.3

0.4

0.5

0.6

0.7

0.8

di/di'

Fig. 10.16 Factor for sudden variations of the cross-sectional area


lling turning vanes. With rounding or beveling,
Figurethe
8: Perdite concentrate nel caso di restringimento di sezione
erall size of the duct can become large; however,
h turning vanes, the compact form of the duct is
eserved.
2. Curva dopo il naso: assimilabile tratta di una curva a 90 con superficie esterna del
A number of turning vane shapes can be used in a
condotto
squadrata.
Il coefficiente di perdita pu essere calcolato in base a diagrammi come
ct. Fig. 11 shows four different
arrangements.
Segnted shaped vanes arequello
shown riportato
in Fig. 11a,di
simple
seguito.
ved thin vanes are shown in Fig. 11b, and concenc splitter vanes are shown in Fig. 11c. In Fig. 11c,
vanes are concentric with the radius of the duct.
. 11d illustrates simple vanes used to minimize flow
paration from a square edged duct.
The turning vanes of identical shape and dimenn, Fig. 11b, are usually mounted within the bend
an elbow. They are generally installed along a line
section of the duct and are placed from the inner
ner to the outside corner of the bend. Concentric
ning vanes, Fig. 11c, typically installed within the
nd of the turn, are located from one end of the turn
the other end.
The purpose of the turning vanes in an elbow or turn
o deflect the flow around the bend to the inner wall
he duct. When the turning vanes are appropriately
signed, the flow distribution is improved by reducflow separation from the walls and reducing the
mation of eddy zones in the downstream section of
bend. The velocity distribution over the downstream
ss-section of the turn is improved (see Fig. 12), and
pressure loss of the turn or elbow is decreased.
The main factor in decreasing the pressure losses
d obtaining equalization of the velocity field is the
mination of an eddy zone at the inner wall of the
n. For a uniform incoming flow field, the largest
ect of decreasing the pressure losses and establisha uniform outlet flow field for a turn or elbow is
hieved by locating the turning vanes closer to the
Fig. 10 Loss for 90 deg (1.57 rad) bends in rectangular ducts.
ner curvature of the bend. (See Figs. 11d and 12c.)

Figure 9: Perdite concentrate nel caso di curva a 90 (1)


Steam 41 / Fluid Dynamics

Per i punti 4,7 e 10 si possono fare considerazioni analoghe. Si nota che il punto 4,
corrispondente al componente ash hopper (utilizzato per separare parte delle ceneri dai
fumi), include un restringimento di sezione oltre al cambio di direzione.
23

3. Surriscaldatori secondari e risurriscaldatori: in questo caso la perdita di tipo flow


across a tube bank. Si noti che qui vanno modificate anche le perdite di carico distribuite, in
base alla
v2
[P a]
2
Con riferimento alla velocit massica G ed alla densit dei fumi in condizioni normali, _0,
Annaratone suggerisce la seguente:
p = fd fb N

p = 1.83fd fb N

G2 T
[P a],
0 1000

nella quale si gi fatta lipotesi (2).


Il coefficiente f_d, che tiene conto degli effetti di imbocco, interviene solo se il numero
di ranghi attraversati minore di N=10, nel qual caso pu essere ricavato dal diagramma
seguente.
316
10 Fluid Dynamics
1.25

inline
staggered

1.20

fd

1.15
1.10
1.05
1.00

6
number of rows

10

Fig. 10.24 Factor fd for the pressure drop trough a tube bank

Figure 10:
Fig. 10.25 Arrangement with

flue gas

sl

st
Nel caso di inline
disposizione
in linea (in-line arrangement) il coefficiente
f_b pu dconveniente
tubes
0
essere determinato come prodotto fra fe , i cui valori si determinano in base ai grafici seguenti.
Si noti che in tal modo due grafici sono sufficienti a caratterizzare un ampio numero di configurazioni, evitando cos la necessit di usare grafici distinti per ogni aspect ratio.

of Re. Figure 10.27 shows a layout with staggered tubes instead, and the diagram in
Fig. 10.28 helps to determine the arrangement factor.
Note that except for special situations, sl /do , st /do , and Re being equal, the values of fa in staggered arrangements are always higher than those relative to inline
tubes. On the other hand, as we know, the staggered arrangement implies higher
overall heat transfer coefficients.
The criteria for adopting one over the other arrangement was already discussed
in Sect. 8.13 by highlighting the parameters to consider in order to evaluate the
problem correctly and to simultaneously take both heat transfer and pressure drops
into account. Certain constructive and running requirements notwithstanding, it is
a question of adopting the optimal 24
solution for a specific project. In the flue gas
passage in a boiler, there are always sudden changes of direction and sometimes
even throttling that cause localized pressure drops. Sect. 10.2 provides assistance in
defining these drops according to cautionary criteria and by analogy. More specific
information cannot be provided, but generally these pressure drops are relatively

40

10

20

SL
PL = SL/D

6
4

PT = ST /D

106

0.1

0.1

8:23 PM

105

PT = PL
1
(PT 1)/(PL 1)

10

PL = 1.25

0.6
0.4

4/14/11

ReD,max

104

103

ST

10

1.50
2.0

Page0.2
452

2.5

0.1
0.06 1
10

102

103

104

105

106

ReD,max

102
1.8

1.2
1.0

SD = ST

10
=

10

10 3

105
0.6 0.8 1

PT /PL

PT = 1.25

100

ax
,m

10 4

0.4

10

10

105

1.4

Re

SD

1.6

452

FIGURE 7.14 Friction factor and correction factor ! for Equation 7.57. In-line tube bundle
arrangement
[16]. (Used
Figure 11:
Chapter 7 ! External
Flowwith permission.)

CH007.qxd

nal and transverse pitches, PL ! SL/D and PT ! ST /D, respectively, are equal. The correction factor ", plotted in the inset, is used to apply the results to other in-line arrangements.
Similarly, Figure 7.15 applies to a staggered arrangement of tubes in the form of an equilateral triangle (ST # SD), and the correction factor enables extension of the results to other

1.5
2.0

2.5

101
101

102

103

104

105

106

ReD,max

FIGURE 7.15 Friction factor and correction factor ! for Equation 7.57. Staggered tube
Figure 12:
bundle arrangement [16]. (Used with permission.)

Si noti che il parametro Red,max calcolato per tubi in linea con la


ST number appearing in Figures 7.14 and
staggered arrangements. Note that Vthe
Reynolds
V
max =
7.15 is based on the maximum fluid velocity SVTmax. D
mentre per tubi a quinconce con la
ST
V
2(ST D)
Pressurized water is often available at elevated temperatures and may be used for space heating or industrial process applications. In such cases it is customary to use a tube bundle in
25 air is passed in cross flow over the tubes.
which the water is passed through the tubes, while
Consider a staggered arrangement for which the tube outside diameter is 16.4 mm and the
longitudinal and transverse pitches are SL ! 34.3 mm and ST ! 31.3 mm. There are seven
rows of tubes in the airflow direction and eight tubes per row. Under typical operating conditions the cylinder surface temperature is at 70"C, while the air upstream temperature and

EXAMPLE 7.6

Vmax =

The Babcock & Wilcox Company


For applications requiring a uniform velocity distribution directly after the turn, a full complement or
normal arrangement of turning vanes (see Fig. 12b)
is required. However, for many applications, it is sufficient to use a reduced number of vanes, as shown in
Fig. 12c.
For nonuniform flow fields, the arrangement of
laddove i simboli assumono
significato
nelle
figure. Many
Si noti che i grafici presentati
turningil vanes
is moreindicato
difficult to
determine.
times,
numerical
modeling
(see
Chapter
6)
and
Le considerazioni appena
fatte si applicano anche ai punti 5 eflow
6.
testing of the duct system must be done to determine
8. Si tratta di una curva,
ma stavolta
il lato esterno fatto in modo da accompagnare i
the proper
vane locations.

fumi nel loro percorso, e pertanto la perdita di carico associata minore.

b) Aria teorica ed effettiva necessaria per la combustione dei tre combustibili:


9 Bend loss for round pipe, in terms of velocity heads.

Atm

Carbone East
Kentucky
10.08

Olio combustibile Gas naturale


pesante
14.02
17.19

lling turning vanes. With rounding or beveling,


[kgariathe
/kgfuel]
erall size of the duct can become large; however,
A
14.11
18.23
18.91
m
th turning vanes, the compact form of the duct
is
eserved.
[kgaria/kgfuel]
A number of turning vane shapes can be used in a
ct. Fig. 11 shows four different arrangements. Segnted shaped vanes are shown in Fig. 11a, simple
rved thin vanes are shown in Fig. 11b, and concenc splitter vanes are shown in Fig.
11c. di
In aria
Fig. teorica
11c,
I valori
ed aria effettiva sono stati ricavati applicando le seguenti formule:
e vanes are concentric with the radius of the duct.
g. 11d illustrates simple vanes used to minimize flow
Figure 13:
Atm=0.11484C + 0.34204H+0.04302S-0.0431O
paration from a square edged duct.
The turning vanes of identicalAshape
and
m=n A
tm dimenn, Fig. 11b, are usually mounted
within the benddaria: le cadute di pressione in questo componente vanno calcolate in
9.
Preriscaldatore
an elbow. They are generally installed along a line
a correlazioni
e dati forniti dal costruttore. Annaratone stima questo contributo pari a
section of the duct andbase
are placed
from the inner
Per
il
calcolo
dell
Atm nel caso del Gas naturale la sono state utilizzate le percentuali in
ner to the outside corner
of
the
bend.
Concentric
circa 400-600 Pa.
ning vanes, Fig. 11c, typically installed within the
massa:
nd of the turn, are located from
end of the turn
11. one
Sbocco:[]??
the other end.
In conclusione,
necessario osservare
1 che le perdite di pressione associate ai fasci tubieri
The purpose of the turning vanes
in an elbow or turn
!!
!
=to12the
.01lunga
* (CHwall
+ 2 * C 2 H 6 + 3 * Csulle
4 predominanti
3 H 8 ) altre,
o deflect the flow around
the bend
inner
sono
diC gran
tanto
che nella pratica progettuale possibile
Z
he duct. When the turning vanes are appropriately
effettuare
il
carico
solo
sulle
prime,
tenendo
conto
poi
delle seconde con una maggiorazione
signed, the flow distribution is improved by reduc1
flow separation from del
the walls
and
reducing
the
5-10%
!
(2 * CHtrovato.
H = 2sul
.016valore
4 + 3 * C 2 H 6 + 4 * C3 H 8 )
mation of eddy zones in the downstream
section
of
Zla stima delle cadute di pressione associate al pasSi
noti
che
nel
quadro
esposto
manca
bend. The velocity distribution over the downstream
ss-section of the turn issaggio
improved
(see
Fig. 12),ed
andallo sbocco in atmosfera. Ci dovuto al fatto che lanalisi del circuito
camino
Enel
il is
peso
molecolare
Z e ottenuto attraverso la relazione:
e pressure loss of the turn or elbow
decreased.
fumi troncata
subito
The main factor in decreasing
the pressure
lossesdopo il preriscaldatore daria. Non si tiene pertanto conto neanche delle
d obtaining equalization
of the velocity
field
is the
16.042
* CH
068 * C 2 H 6 + 44ed
.094ai* C
* N2
perdite
associate
ai
filtri
sistemi
di.016
trattamento
fumi.
4 + 30 .elettrostatici
3 H 8 + 28
!
Z =inner wall of the
mination of an eddy zone at the
100
n. For a uniform incoming flow field, the largest
ect of decreasing the pressure losses and establisha uniform outlet flow field for a turn or elbow is
hieved by locating the turning vanes closer to the
Tempi
residenza
dei
fumi in camera di combustione
Fig. 10 Loss for 90 deg (1.57 rad) bends in rectangular ducts.
ner curvature of the bend. (Seej)Figs.
11ddi
and
12c.)

10

10.1

(j) Tempi di residenza dei fumi in camera di combustione


Risultati

Steam 41 / Fluid Dynamics

Tempo di
permanenza p

Carbone East
Kentucky

Olio combustibile
pesante

Gas naturale

2.50 s

2.57 s

2.67 s

Table 16: Tempi di residenza dei fumi in camera di combustione


Procedimento
I tempi di residenza dei gas combusti sono stati calcolati attraverso la formula:

V
p =
Vf

26

10.2

Metodo

I tempi di residenza dei gas combusti sono stati calcolati attraverso la formula:
p =

V
.

Vf
!
ConsiderandoV!=
= 501212
50 12 12
7200!!
convertendo lalaportata
deidei
fumi
nellenelle condizioni
Considerando
= =7200
[m3 ]! ee convertendo
portata
fumi
Considerando
! camera
= 50 12
12 = 7200!!
e convertendo
la portata dei fumi nelle
condizioni
della
di
combustione
attraverso
la
relazione:
della camera di combustione attraverso la relazione:
condizioni della camera di combustione attraverso la relazione:
T p
Tcc P0
V f = V f 0 Tcccc p00
Vf = Vf,0
T0 Pcc
V =V T p
f

f0

cc

T0 pnormali
I valori in condizioni
(0C 1atm) sono riportati in tabella 17:
cc
I valori in condizioni normali (0C 1atm) sono riportati in tabella:
I valori in condizioni normali (0C 1atm) sono riportati in tabella:
Carbone East
Olio combustibile
Gas naturale!
Carbone
East
Olio combustibile
Gas naturale!
Kentucky
!
pesante!
Kentucky
!
pesante
!
!"!!"#$
553.6
533.82!
493.83
!"!!"#$!
!
!
553.6
533.82!
493.83
!
Table 17: Portate volumetriche dei fumi in condizioni normali
La portata volumetrica dei fumi stata ottenuta moltiplicando i Nm 3fumi/kgfuel (ottenuti nel
La portata
fumi stata ottenuta moltiplicando i Nm 3fumi/kgfuel (ottenuti nel
punto
c) pervolumetrica
la portata dideicombustibile.
La punto
portata
volumetrica
fumi stata ottenuta moltiplicando i Nm 3fumi/kgfuel (ottenuti
c) per
la portata didei
combustibile.
nel punto
c)
per
la
portata
di
combustibile.
Ipotizzando:
Ipotizzando:
Ipotizzando:
pcc=patm
patm
pcc =
cc=p
atm
pT
cc=Tad (calcolata nel punto e) attraverso il metodo Annaratone)
Tcc=Tad (calcolata nel punto e) attraverso il metodo Annaratone)
Tsono
Tad ottenute
(calcolata
nel punto
e) [attraverso
il condizioni
metodo Annaratone]??
cc =state
le seguenti
portate
dei fumi nelle
della camera di
sono
state
ottenute
le
seguenti
portate
dei
fumi
nelle
condizioni
della camera di
combustione:
sono state
ottenute
le
seguenti
portate
dei
fumi
nelle
condizioni
della camera di combustione:
combustione:
Carbone East
Olio combustibile
Gas naturale
Carbone
East
Olio combustibile
Gas naturale
Kentucky
pesante
!
Kentucky
pesante
!!"#$
2873.45
2798.15
2698.89
!!!"#$
!
2873.45
2798.15
2698.89
!
Table 18: Portate dei fumi nelle condizioni della camera di combustione

27

11
11.1

(k) Flussi
termici scambiati per irraggiamento tra fumi e
(
pareti (
k)#Flussi#termici#scambiati#per#irraggiamento#tra#fumi#e#pareti#
Risultati
#
#

Carbone##

Olio#

Gas#Naturale#

Flusso#(kW/m2)#

183.6#

243.5#

315.4#

TableProcedimento(
19: Flussi termici scambiati per irraggiamento fra fumi e pareti

11.2

I#flussi#sono#stati#calcolati#utilizzando#la#seguente#formula.#Sono#stati#adottati#valori#di# pari#a#0.75,#0.95#e#1#

Metodorispettivamente#per#carbone,#olio#e#gas#naturale.#

I flussi sono statiE#stata#assunta#una#T


calcolati utilizzando
la seguente formula. Sono stati adottati valori di pari
p##=#Tsat#+#50#(C)##con#Tsat#=#347#C##(#T#di#saturazione#a#p=160#bar,#tipica#pressione#di#
esercizio#di#impianti#di#questo#tipo)#e#T
a 0.75, 0.95 e 1 rispettivamente
per carbone, olio
e gas naturale.
u#pari#alla#temperatura#di#uscita#calcolato#col#metodo#di#Orrok.#
stata assunta una Tp = Tsat + 50C,con Tsat = 347C ( T! di saturazione
a p=160 bar,
!
!! pari alla !temperatura
!
tipica pressione di esercizio di impianti di questo tipo) e Tu
di uscita
!! = 5.77 !

#
calcolato col metodo di Orrok.
100
100
"
#



#
Tp 4
Tu 4
Qr = 5.77

100
100

28

Potrebbero piacerti anche