Sei sulla pagina 1di 33

ISSN CARTA 2531-3266 DIGITALE 2499-5541

61213

edizione
NAZIONALE

Marted 13 dicembre 2016


ANNO 93 - N.344 - 1,30 IN ITALIA
www.corrieredellosport.it

9 771124 848403

CARICA NAPOLI
TUTTI A MADRID
Urna Champions, gli azzurri pescano il Real di Ronaldo
nuovo Pallone dOro. Tifosi gi pronti alla mobilitazione
La Juve trova il Porto. Allegri: Non c niente di facile
Euroleague: Roma col Villarreal, Borussia M. per i viola

Callejon (29 anni), Insigne (25) e Mertens (29): Napoli sogna

> BANDINELLI, BARILL, DE PAULI, GIORDANO, MARINI, PIERGIANNI E ZARA > DA PAGINA 9 A PAGINA 14

NAINGGOLAN PIEGA IL MILAN (1-0): SABATO CHE SFIDA ALLO STADIUM!

SCUDETTO
JUVE-ROMA
LOPINIONE

IN QUELLO STOP
LA DIFFERENZA
DI NAINGGOLAN
> di ALESSANDRO VOCALELLI <

a Roma si guadagnata, con pieno


diritto, il ruolo di principale antagonista della Juve. Sar uno spettacolo, sabato sera, con i Campioni che hanno vinto il derby e i giallorossi che hanno prontamente risposto,
battendo un Milan ordinato, attento e di
grande carattere. Ma pi brava stata la
Roma che, a differenza di Niang, sempre
meno calato nel ruolo del rigorista, ha
sfruttato forse lunica smagliatura nella
difesa avversaria Lintuizione di Spalletti,
con il 4-1-4-1 del secondo tempo e Nainggolan insistentemente tra le linee, stata
premiata nel cuore della ripresa: pi ancora del tiro, peraltro indovinato e preciso, stata straordinaria la preparazione.
Ci sono giocatori che aspettano il pallone per controllarlo, altri che pensano gi
a come sfruttarlo. E il belga uno di questi: il suo stop volante servito per aprirsi un varco nel cuore della difesa avversaria. Sorprendendo anche Donnarumma, che per un attimo ha perso il contatto con la porta.
Montella, fino a quel punto, aveva fatto il possibile e anche di pi, cercando di
guadagnare campo, mantenendo la distanza tra i reparti. La differenza, tra le altre, stata per netta, palpabile, nel lavoro e nelle caratteristiche dei centravanti.
Il Milan faticava a tenere il pallone, e per
questo inseguiva la profondit sulle fasce
o cercando Suso dentro al campo, mentre
la Roma si spesso e bene appoggiata a
un attaccante come Dzeko, che fa a spallate e riesce a essere decisivo anche quando gioca lontano dalla porta. Con queste
certezze la Roma va adesso in casa della
Juve di Allegri e di Higuain per lesame decisivo. Una svolta per il campionato. JuveRoma ancora qui.
RIPRODUZIONE RISERVATA

La gioia di Radja
Nainggolan
(28 anni) dopo
lo splendido gol
che piega il Milan
e riporta la Roma
a 4 punti dalla Juve

> I rossoneri partono bene, ma Niang


sbaglia un altro rigore. Nella ripresa
la svolta: Spalletti cambia modulo

> Decisivo ancora una volta il belga


che sfrutta unincertezza avversaria
i giallorossi ora secondi da soli a -4
> DUBALDO, MAIDA, PINNA E POLVEROSI > DA PAGINA 2 A PAGINA 5

Scossa Max: da oggi bianconeri sotto torchio per il big-match


> BONSIGNORE > A PAGINA 6

BATTUTO IL SASSUOLO 2-1

PARLA IL NUMERO 1 DEL BASKET

Messina ci dar
unItalia vincente

Kalinic, gol dautore


e la Fiorentina vola
Pallonetto e tacco: show

Petrucci: Il riscatto agli Europei

> RIALTI > A PAGINA 15

SERIE A 16 GIORNATA
Atalanta-Udinese
Bologna-Empoli
Cagliari-Napoli
Crotone-Pescara (g.sab.)
Inter-Genoa
Palermo-Chievo
Sampdoria-Lazio (g.sab.)
Torino-Juventus
IERI
Fiorentina-Sassuolo
Roma-Milan

1-3
0-0
0-5
2-1
2-0
0-2
1-2
1-3
2-1
1-0

di Francesco Volpe

CLASSIFICA

Juventus
Roma
Milan
Napoli
Lazio
Atalanta
Fiorentina
Torino
Inter
Chievo

39
35
32
31
31
28
26
25
24
22

Sampdoria
Udinese
Genoa
Cagliari
Sassuolo
Bologna
Empoli
Crotone
Pescara
Palermo

22
21
20
20
17
17
11
9
8
6

Nikola Kalinic, 28 anni

E un ragazzo di 71 anni che si


diverte ancora a giocare con
lo sport. E stato presidente del
Coni, commissario straordinario in Federcalcio e da quattro
anni tornato alla guida del
suo basket. Ma non ha nessuna intenzione di andare in pensione, anche se glielo consentirebbe persino la legge Fornero.
> A PAGINA 21

Gianni Petrucci, 71 anni

2
Corriere dello Sport
Stadio

marted
13 dicembre
2016

Roma-Milan 1-0

E LANTI JUVE
S, Nainggolan
fa bella la Roma

Il belga segna una rete da favola che lancia i giallorossi


Ora lo scontro diretto. Il Milan (rigore sbagliato) finisce ko
roma
4-2-3-1
Szczesny
Rdiger 
Manolas 
Fazio 
Emerson Palmieri 
Strootman 
De Rossi 
Bruno Peres 
(42 pt El Shaarawy) 
Nainggolan 
Perotti 
Dzeko 
All. Spalletti 

1 0
7
6,5
6
6,5
6,5
6
6
5,5
5,5
7,5
5,5
7
6,5

A disposizione: Alisson, Seck, Vermaelen, Juan Jesus, Mario Rui, Spinozzi, Gerson, Iturbe, Greco

MILAN
4-3-3

Donnarumma 6
Abate 
6
Paletta 
5,5
Romagnoli 
5
De Sciglio 
5,5
Pasalic 
6
(39 st Honda) 
sv
Locatelli 
5,5
Bertolacci 
6
(21 st Mati Fernandez) 
5
Suso 
6
Lapadula 
6
(26 st Luiz Adriano) 
5
Niang 
5
All. Montella 
5,5

A disposizione: Gabriel, G. Gomez,


Rodrigo Ely, C. Zapata, Antonelli,
Vangioni, Poli, Sosa, Plizzari

MARCATORI: 17 st Nainggolan
ARBITRO: Mazzoleni di Bergamo 5,5. Arbitri darea: Celi e Rizzoli. Guardalinee: Meli e Barbirati. Quarto uomo: Di Fiore.
AMMONITI: 18 pt Pasalic (M), 34 st Paletta (M), 39 st Rdiger (R).
NOTE: al 27 pt Szczesny (R) ha parato un rigore a Niang (M). Spettatori
paganti 23.243 per un incasso ai botteghini di 1.257.226. Abbonati 18.598
per una quota di 459.979. Angoli: 7-3 per la Roma. Recupero: pt 3; st 3.
di Alberto Polverosi
ROMA

La Juve non scappata, la


Roma la tiene ancora sottocchio e nella corsa verso lo scudetto (o anche solo per letichetta di anti-Juve) ha, per il
momento, allontanato il Milan. Lo ha battuto in una serata di calcio non entusiasmante, ma comunque una serata
da record, con la dodicesima
vittoria consecutiva allOlimpico. Tutti i problemi (e non erano pochi) della Roma sono stati risolti da Nainggolan, con un
sinistro da fuori area che ha deciso la partita, uno di quei gol
che nel corso di un campiona-

to pesano pi di tre punti. Ma


per arrivarci, la Roma ha faticato tanto e rischiato ancora di
pi quando Niang ha piazzato la palla sul dischetto per il rigore che Szczesny gli ha invece
deviato in angolo. Poteva girare la partita a favore del Milan,
invece ha invertito il corso ed
stata la Roma ad agguantarla con pi esperienza, pi convinzione e pi maturit. Vincere partite come questa fa pensare a una squadra non bella,
ma forte dentro.
POCO GIOCO. Nel primo tempo
la squadra di Spalletti ha giocato cos male da invogliare
il Milan, formazione notoria-

mente poco propensa al calcio


spettacolo, a rinunciare al suo
solito atteggiamento dattesa
per cercare la strada pi rapida per larea romanista. Di solito il Milan, quando chiamato
a costruire lazione, non si trova a suo agio, ma ieri sera aveva accesso al gioco grazie alla
Roma, disposta male in campo. Era senza ritmo, senza velocit e totalmente priva di intensit. Ma quello che colpiva
di pi era la scarsa precisione
nei passaggi: i tocchi e i lanci di
De Rossi, Bruno Peres, Perotti e
Nainggolan erano troppo spesso fuori misura. Avremmo capito se la partita si fosse giocata a cento allora, ma a quella
velocit sbagliare la misura era
difficile davvero. Erano scollati i reparti: da Manolas a Dzeko
cerano pi di 50 metri, De Rossi e Strootman erano staccati da Nainggolan, rimasto inchiodato per unora alla marcatura di Locatelli (per, quando se n liberato, ha lasciato il
segno). Al 45', solo Dzeko aveva impensierito per due volte
Donnarumma. Il Milan, invece, aveva individuato le linee su
cui giocare, il movimento del
suo tridente dattacco e leccellente qualit di Suso favorivano la sua manovra.
IL RIGORE. Montella immagi-

nava un altro tipo di partita, di


contenimento e ripartenza, invece la sua squadra ha avuto
la possibilit di mostrare una
tecnica finora nascosta. Oh,
niente di trascendentale, ma
lazione che ha portato al rigore, per esempio, stata veloce
e precisa: tocco di Bertolacci,
scatto di Lapadula, fuori tempo Manolas, uscita a valanga
di Szczesny che ha travolto il
centravanti. Solita discussio-

ne fra Niang e Lapadula, batto io, no batto io, lha spuntata


di nuovo il francesino e, come
era accaduto contro il Crotone,
anche stavolta se l fatto parare dal portiere. Oltre al rigore, un paio di volte Suso aveva
pizzicato la difesa della Roma
e solo un leggerissimo ritardo
di Niang e Lapadula aveva salvato Szczesny.
IL COLPO DI NAINGGOLAN. Il Mi-

lan aveva in campo 8 italiani, la


Roma uno solo (De Rossi) ma
nel finale del primo tempo ha
raddoppiato con El Shaarawy
al posto di Bruno Peres che si
era fatto male. Perotti andato a destra, El Shaarawy a sinistra. Ci voleva una giocata super per cambiare il corso della
partita e quella giocata arrivata con Nainggolan, al primo
vero spunto della sua partita.
E partito come un razzo su un
rinvio di testa di Manolas, Locatelli era fuori posizione e ha
favorito lo scatto del romanista: un tocco, due tocchi, sinistro piazzato dal limite dellarea, anche Donnarumma era
un po fuori e la palla si infilata a un centimetro dal palo.
CAMBI SBAGLIATI. Montella sta-

va preparando un cambio in
attacco con Luiz Adriano, ma
preso il gol ha tolto Bertolacci
per far entrare Mati Fernandez.
Solo dopo entrato anche Luiz
Adriano al posto di Lapadula.
Le sostituzioni, per, hanno
indebolito il Milan: Mati, Luiz
e alla fine Honda non hanno
portato niente alla causa. La
Roma, in una serata poco brillante, si preoccupata di conservare con forza quel suo tesoro di gol. La Juve non ancora scappata.
Riproduzione riservata

GOL STAGIONALI

Quello messo a segno ieri sera


contro il Milan il terzo gol
stagionale in campionato per
Nainggolan: il centrocampista
belga ha gi segnato al
Sassuolo e alla Lazio

Festa tutta giallorossa: pazza gioia fra Nainggolan, De Rossi, Dzeko, Perotti e Strootman GETTY IMAGES

LA PARTITA AI RAGGI X
ROMA
chiave tattica
La Roma comincia a
credere che non sia
necessario dare spettacolo
(stile-Napoli, per esempio)
per vincere le partite. Basta
crederci, restare dentro alla
gara, e colpire nel momento
decisivo. Cos sconfigge il
Milan, senza batterlo sul
piano del gioco, anzi. Ora
una squadra meno bella ma
pi matura.

la svolta
La svolta decisiva quella
mancata da Niang. Con la
Roma in difficolt sul
piano del gioco, il rigore
che il francese si fa parare
da Szczesny impedisce al
Milan di giocare come pi
gli piace: difendersi e
ripartire. La Roma
avrebbe attaccato e si
sarebbe scoperta. Invece
non succede.

MILAN
chiave tattica
Il Milan pensava alla solita
partita in casa delle grandi
(ma anche delle meno
grandi): stare dietro e
partire in contropiede.
Invece la Roma, non di
eccezionale bellezza,
spinge i rossoneri a
provarci. E una novit per
il Milan, che non se la cava
nemmeno male. Ma se
sbaglia i rigori sullo 0-0...

lerrore
Quello pi clamoroso di
Niang che nel primo
tempo sbaglia il rigore
sullo 0-0. Ce n un altro,
nella ripresa, che decide il
risultato. Si tratta di una
disattenzione, una
leggerezza dovuta forse
allinesperienza: Locatelli
si stacca da Nainggolan
nel momento esatto in
cui il belga va a segno.

LA MOVIOLA

Szczesny, niente giallo


sul rigore: gi... futuro
di Edmondo Pinna

Solito Mazzoleni insufficente,


raggiunge lapice quando non
ammonisce Szczesny sul
rigore, anticipando disposizioni che non hanno ancora
lok del nostro Settore tecnico.
Per uno che non ammonisce
quando c da ammonire, il
massimo.
Primo tempo

15 - Rdiger lancia Dzeko in


off side, arriva cos a gioco
fermo il fallo di Pasalic su
Nainggolan.
17 - Entrata decisa di De
Sciglio su Bruno Peres: manca
il cartellino giallo.
18 - Abate su Perotti e subito
dopo Pasalic su Emerson:
giallo per il croato, ne manca
uno.
26 - Szczesny esce e travolge
Lapadula che gli sposta il
pallone: rigore netto, non
arriva il giallo, Mazzoleni
anticipa il.... futuro, mettendo

in pratica una direttiva Uefa


non ancora entrata in vigore in
Italia. In sintesi: essendo stato
derubricato a giallo il rosso su
chiara occasione (in caso di
intervento onesto), se c solo
azione importante, il giallo
scala a... nulla.
37 - Nuova entrata di De
Sciglio su Bruno Peres, tocca il
pallone ma poi travolge il
giallorosso, sfortunato perch
il piede rimane sotto lavversario.
Secondo tempo

8 - Niang ferma Rdiger in


ripartenza: da giallo.
12 - Ancora Niang, stavolta su
Manolas: altro giallo mancato.
14 - Graziato anche Manolas
(fallo di mano).
23 - Lapadula-Manolas in
area rossonera, non c nulla.
37 - Rischia Paletta (gi
ammonito) su El Shaarawy,
quando allarga il braccio.
@edmondo_pinna
Riproduzione riservata

risolta la crisi, litalia riparte

Nasce il governo Gentiloni: c Lotti allo Sport


Il giuramento al Quirinale e il primo consiglio dei ministri. Il saluto di Renzi. Entro domani alle Camere per la fiducia
MALAG

Con Lotti
c continuit
Siamo contenti

Giovanni Malag, presidente


del Coni: Siamo contenti che
Lotti abbia preso la delega allo
Sport, in questi anni ci ha
sempre seguito e ha avuto
molta attenzione e sensibilit
verso il nostro mondo.
Speravamo che ci fosse
continuit visti i molti progetti
in piedi. Il mondo dello sport
molto grato a quello che ha
fatto in questi anni.

di Francesca Fanelli
ROMA

La campanella non ha suonato


nitidamente, ma il passaggio di
consegne tra Renzi e Gentiloni realt. Ieri sera nel Salone
delle feste del Quirinale i ministri del nuovo governo hanno prestato giuramento, poi in
serata primo consiglio dei ministri. Si volta pagina e in maniera veloce come chiesto da
Mattarella. La foto di gruppo, le
speranze, le parole: ora lItalia che deve ripartire. Lex premier ha fatto un regalo al suo
successore, la felpa di Amatrice che gli era stata donata dal
sindaco Sergio Pirozzi subito
dopo il terremoto di fine agosto. Diciotto ministri - di cui 12
confermati - cinque new-entry, cinque le donne. Ci mettiamo subito al lavoro sui problemi del Paese, cos il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni che oggi chieder la fiducia

Foto di gruppo dei ministri del governo Gentiloni (al centro) dopo il giuramento al Quirinale ansa

alle Camere per ottenerla entro domani.


TORNA LO SPORT. C il dicaste-

ro per il Mezzogiorno, non c


pi il ministro per le Riforme,
un altro dicastero, quello allo
Sport, viene scorporato dal ministero per i Beni Culturali e af-

fidato a Luca Lotti, che era sottosegretario con delega allEditoria nellesecutivo di Renzi:
delega che comunque mantiene insieme a quella sul Cipe,
il Comitato interministeriale
per la programmazione economica. Il nuovo ministro per lo
Sport, Luca Lotti, con Maria

Elena Boschi lesponente del


Pd pi vicino a Matteo Renzi, che lo chiam accanto a s
il 28 febbraio 2014. Toscano,
nato a Empoli, 34 anni, sposato, un figlio, Lotti si laureato
in Scienza dellAmministrazione a Firenze. Nel 2005, quando era consigliere comunale,

ha incrociato sulla sua strada


Matteo Renzi, allora presidente
della Provincia, e insieme i due
hanno condiviso lesperienza
dei meeting della Leopolda e
della rottamazione. Da quel
momento lui luomo-macchina dellorganizzazione renziana, tanto da venir definito
il braccio destro e il sinistro di
Renzi. Eletto alla Camera per
la prima volta nel 2013, dopo le
dimissioni di Bersani dalla segreteria del Pd, e la nomina di
Guglielmo Epifani come reggente, Lotti entra nella segreteria unitaria con lincarico di
responsabile per gli Enti Locali. Quando Renzi approda
a Palazzo Chigi, lo chiama tra
i sottosegretari alla presidenza. Ora con la nomina a ministro per lo sport potr partecipare al Consiglio dei ministri
con Maria Elena Boschi, neosottosegretario alla Presidenza
e prima volta per una donna.
Riproduzione riservata

cinque le donne

Ecco i diciotto ministri


Ecco il Governo Gentiloni.
La presidenza

PAOLO GENTILONI
Presidente del Consiglio
MARIA ELENA BOSCHI
Sottosegretario alla presidenza
SENZA PORTAFOGLIO

ANNA FINOCCHIARO
Rapporti con il Parlamento
MARIANNA MADIA
Pubblica Amministrazione
ENRICO COSTA
Affari Regionali
CLAUDIO DE VINCENTI
Coesione Territoriale e Mezzogiorno
LUCA LOTTI
Sport con deleghe su editoria e Cipe
CON PORTAFOGLIO

ANGELINO ALFANO
Esteri

MARCO MINNITI
Interno
ANDREA ORLANDO
Giustizia
ROBERTA PINOTTI
Difesa
PIER CARLO PADOAN
Economia
CARLO CALENDA
Sviluppo Economico
MAURIZIO MARTINA
Agricoltura
GIANLUCA GALLETTI
Ambiente
GRAZIANO DELRIO
Infrastrutture
BEATRICE LORENZIN
Salute
DARIO FRANCESCHINI
Cultura
VALERIA FEDELI
Istruzione
GIULIANO POLETTI
Lavoro

MARTED
13 DICEMBRE
2016

3
CORRIERE DELLO SPORT
STADIO

ROMA-MILAN 1-0

Il tecnico
giallorosso
si gode
tre punti
preziosi

SPALLETTI ESULTA
Solidi e caparbi
siamo cresciuti
Il Milan forte, siamo stati bravi noi a vincerla
La Juve? Servir equilibrio, altrimenti sar difficile
di Roberto Maida
ROMA

Un boato vero, finalmente, di un Olimpico forte e


rumoroso. E la Roma l,
ancora l, nonostante una
serata dove tutto ha funzionato a efficienza ridotta. Luciano Spalletti, rimasto immobile per la tensio-

Sono contento
perch abbiamo
concesso poco
e chiuso la porta
come nel derby
Con i bianconeri
abbiamo una chance
irripetibile
Chi temo? Anche
gli indisponibili
ne al fischio finale, stacca il
Milan al secondo posto, resta agganciato alla Juve nella settimana dello scontro
diretto ed entra a suo modo
nella storia: con dodici vittorie nello stadio di casa, incluso il derby giocato per
calendario in trasferta, ha
superato la striscia vincen-

te del Barone Liedholm, un


gentiluomo che sulla qualit di questa partita avrebbe avuto molto da ridire,
per competenza e affetto.
Se batter anche il Chievo,
prima di Natale, Spalletti
eguaglier il record assoluto, stabilito addirittura nel
1930 dalla neonata Roma
di Testaccio. In pi, ha conquistato la centocinquantesima vittoria da allenatore
romanista.
SODDISFAZIONE. E' insom-

ma una serata di felicit,


davanti a 42.000 persone
e una curva tornata vivace, anche se lo spettacolo
tecnico non stato all'altezza delle aspettative. Del
resto questa Roma, come
dimostra la giocata scacciapensieri di Nainggolan,
sta imparando a usare anche il fisico oltre alla tecnica. E si tiene in equilibrio,
visto che tra Lazio e Milan
non ha subito gol. Non era
facile battere il Milan, che
ormai siede al tavolo delle
grandi - racconta - ma sono
soddisfatto perch ho visto una squadra caparbia
che ha accettato una partita muscolare, magari meno
bella del solito. Nel complesso la Roma sempre ri-

masta compatta senza abbandonare la linea difensiva. Siamo stati bravi a portare a casa la partita, con la
solidit dei tre centrocampisti che sono cresciuti in
maniera esponenziale e
creando alcune occasioni
nelle quali siamo stati poco
lucidi. Sono contento anche perch stasera abbiamo concesso molto poco,

rigore a parte. Come nel


derby.
LA SFIDA. Ora la Juventus,
dove si decide molto: Per
noi come il Palio di Siena, si va sempre di rincorsa.
Dobbiamo prepararla bene
e ricordare che se a loro
concederemo mezza occasione, prenderemo due
gol. Dobbiamo per prima

cosa recuperare lo sforzo


di stasera e cercare di mantenere lequilibrio, perch i
bianconeri sono una squadra che ti punisce se sbagli.
In pi troveremo uno stadio caldo, come lo stato il
nostro questa volta dandoci una spinta importante. Il
cliente scomodo ma noi
abbiamo un'occasione fenomenale, irripetibile for-

Luciano Spalletti, 57 anni, abbraccia Vincenzo Montella (42) prima della partita BARTOLETTI

se. Chi temo? Tutti, anche


i giocatori che non saranno disponibili.
POLEMICA. E' anche una serata polemica dopo quanto
accaduto nel sottopassaggio durante l'intervallo, episodio documentato da immagini e audio. Dopo che
il milanista De Sciglio aveva ultimato l'intervista te-

levisiva del primo tempo,


Spalletti lo ha visto sussurrare una frase all'orecchio
di un dipendente del Milan ed intervenuto: Dillo anche me quello che stai
dicendo. Dillo anche a me
visto che hai gi stroncato
un giocatore. Il riferimento
era al contatto avvenuto pochi minuti prima con Bruno Peres, che ha mandato

il giocatore della Roma in


ospedale. Spalletti chiarisce: Ero un po' arrabbiato
perch non mi piace questa abitudine di parlare con
la mano sulla bocca. Bruno
Peres si fatto male dopo
uno scontro di gioco, non
da solo, e i giocatori del Milan protestavano per perdita di tempo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LA SQUADRA VERSO TORINO

Anche Bruno Peres ko, Salah in forte dubbio


ROMA - Lemergenza nella
Roma non finisce mai. Sabato a Torino contro la Juve,
in una delle partite pi attese della stagione (in 40 minuti ieri sono stati esauriti i
2100 biglietti messi a disposizione dal club bianconero
per i tifosi giallorossi), Spalletti dovr rinunciare ancora a qualche titolare. Ieri si
fermato anche Bruno Peres. Il difensore brasiliano
stato sostituito alla fine del
primo tempo per un trauma distorsivo alla caviglia. In
serata stato accompagnato a Villa Stuart per gli esa-

mi strumentali. Da escludere il suo recupero per Torino. Cos come molto difficile, secondo le previsioni
fatte subito dopo linfortunio in allenamento, il recupero di Salah.
A FEBBRAIO? Legiziano sol-

Mohamed Salah, 24 anni

tanto ieri ha cominciato a


correre a Trigoria. Alla Roma
ci sperano, ma le speranze di
averlo a disposizione contro
la Juve sono ridotte al lumicino. E pi probabile che lattaccante si riveda a febbraio
dopo la Coppa dAfrica, anche se c lultima partita del

AGGIUNGI PI POTENZA ALLA TUA PASSIONE.


SCOPRI IL NUOVO NUMERO DI AUTOSPRINT.
DAL 13 DICEMBRE, IN EDICOLA.

2016, il 22 contro il Chievo,


per la quale si faranno altre
valutazioni sullegiziano. I
dirigenti giallorossi ci ave-

Trauma alla caviglia


per il brasiliano
Grande attesa tra
i tifosi: gi esauriti
i 2100 biglietti
vano sperato, addirittura gi
per la sfida con la Juventus,
ma con il passare dei giorni
le speranze sono diminuite

sempre pi. Siamo arrivati a marted e solo ieri legiziano ha cominciato a correre. La decisione comunque
arriver in extremis. Quella
di Salah una grave perdita per la Roma, che nelle ultime partite ha perso incisivit in attacco. Sabato contro
la Juve potrebbe toccare ancora a El Shaarawy, che ieri
quando entrato in campo
non ha brillato. Senza Bruno
Peres serve un esterno offensivo e il Faraone il favorito.
Difficile anche il recupero di
Paredes, anche lui vittima di
una distorsione alla caviglia,

come Salah e Bruno Peres.


La speranza di poter avere largentino a disposizione almeno per la panchina.
TORNA TOTTI. Infine Francesco Totti. Il capitano torner a disposizione di Spalletti dopo aver smaltito lattacco influenzale che lo ha colpito domenica, causato... dai
figli. Totti ha giocato tante sfide contro la Juventus e potr
tornare utile anche partendo
dalla panchina, come accadr anche sabato.
g.du.

RIPRODUZIONE RISERVATA

IN QUESTO NUMERO
GRAZIE DI TUTTO, NICO
Il racconto della Grande Festa
dei Caschi dOro illuminata dalla
stella di Rosberg. Che show!

FIESTA TI TENTA
Esce allo scoperto la Ford Wrc
Plus. Ora il Mondiale Rally
attende la scelta di Ogier

UN ADDIO SENZA LOWE


Dopo Rosberg dalla Mercedes se
ne va anche Paddy Lowe sempre
pi vicino alla Williams.

EFFETTO MOTOR SHOW


Ledizione del grande ritorno
della rassegna bolognese si
chiuso col Memorial Bettega

LE MENTI... PIPERITE
Oltre agli ingegneri superstar
in F.1 ci sono tecnici bravi e
promettenti. Scopriamo chi sono
FIORIO SENZA VELI
Dal ritiro di Rosberg al contratto
per Senna in Ferrari fino a
Giovinazzi: Cesare si racconta

4
Corriere dello Sport
Stadio

Le Pagelle
ROMA
Nainggolan 7,5

I suoi strappi mettono in


difficolt la retroguardia
rossonera. Il solito dinamismo, ma questa volta anche
qualche errore. Nella ripresa per sale in cattedra e inventa un gol molto simile a
quello della scorsa settimana contro la Lazio. Un tiro
dal limite che inganna Locatelli e coglie di sorpresa
Donnarumma e che consente alla Roma di rafforzare il suo ruolo di anti Juve.
Szczesny 7

Strepitoso nel deviare il tiro


dagli undici metri di Niang.
E il secondo rigore che
para in questo campionato, dopo quello di Palladino del Crotone. Non era riuscito a evitare il fallo su Lapadula, che gli sposta allultimo il pallone e gli frana
addosso. Nella ripresa para
bene sul tiro di Balotelli. Seconda partita consecutiva
con la porta imbattuta.

ROMA-MILAN 1-0
di Guido DUbaldo

Dzeko infinito
Muro Szczesny
Fazio prezioso
Nainggolan ha unaltra marcia
Rdiger: una prova da applausi
il
migliore

7,5

Dzeko 7

Gli manca il gol ma uno


dei grandi protagonisti di
questa vittoria. Subito un
bel diagonale che impegna
Donnarumma. Poi va via a
Romagnoli sul filo del fuorigioco e sfiora il palo. Mette in difficolt lex romanista, fischiato dai tifosi giallorossi. Nella ripresa il portiere del Milan gli toglie un
altro gol. Ma lotta su ogni
pallone e aiuta la squadra
a salire: lotta, si sacrifica, diventa pericoloso anche con
le sue sponde.

Emerson Palmieri 6,5

Unaltra marcia rispetto a


Bruno Peres, difende e attacca. Funziona la catena
di sinistra che il brasiliano
compone con Perotti.

5,5

Andrea Bertolacci, 25 anni, lotta con Kevin Strootman (26)


El Shaarawy (42st) 5,5

Applaudito al suo ritorno


a San Siro da ex, ieri i suoi
vecchi tifosi lo hanno accolto con i fischi. Ci tiene a
fare bella figura, ma troppo lontano dalla porta.

Manolas 6

Rimedia anche agli errori


dei compagni con tempismo e autorevolezza. Nellazione del rigore per in
ritardo.
Strootman 6

Recuperato grazie al ricorso


vinto, ringhia agli avversari. Fa un lavoro oscuro, con
qualche fallo. Ma alla fine la
sua presenza si sente.
De Rossi 6

Primo tempo un po sotto


tono, meglio nella ripresa.
Sbaglia qualche passaggio,
ma recupera tanti palloni.

MILAN
ABATE 6

Contrasta con successo prima Perotti e poi El Shaarawy. Il capitano rossonero


conferma di essere in buona forma. E lunico del reparto difensivo a non andare in affanno.
PASALIC 6

Dopo appena 19' viene


ammonito per un fallo su
Emerson. Il giovane croato
si intimidisce, attenua il suo
slancio per evitare guai peggiori. Dal 39'st gli subentra
Honda, che non incide quasi mai.
BERTOLACCI 6

Prova convincente e incoraggiante. Assist di grande


pregio per Lapadula che si
procura il rigore.
SUSO 6

Prevedibile quanto si vuole, lo spagnolo invita al gol,


con la sua solita veronica
che carica il sinistro a rientrare, prima Lapadula e
poi Niang. Il pallone viaggia con il contagiri, i due
attaccanti giungono regolarmente in ritardo allappuntamento davanti a Szczesny.

di Furio Fedele

Suso inventa
Niang spreca
Abate sicuro

Bertolacci: un assist perfetto


Lapadula si procura il rigore
il
migliore

Lapadula crea, Niang distrugge... Non avr mai calciato un rigore in Serie B ma
Lapadula appare, comunque, pi sicuro di Niang.

il
peggiore

Rdiger 6,5

Fazio 6,5

Nainggolan

Le Pagelle

Abate

LAPADULA 6

Attento in difesa, si propone anche in avanti con ordine e personalit. Suo il


cross per Dzeko che sfiora il gol. Da quando rientrato ha dato un grosso aiuto in difesa.
Sempre puntuale in difesa, non butta mai via un
pallone. Con linserimento dellargentino, il reparto
arretrato ha raggiunto equilibrio e solidit.

marted
13 dicembre
2016

Perotti 5,5

Spalletti punta su di lui, ma


largentino fatica a entrare
in partita. Con lingresso in
campo di El Shaarawy si sposta a destra. Resta in ombra.
Bruno Peres 5,5

Preferito in extremis a El

Bruno Peres

Strootman
in pressing
Emerson
promosso
Perotti non
regala lampi
Shaarawy, gioca alto, nella posizione che preferisce.
Nella fase difensiva non brilla, sbaglia tanto. Non al meglio, toccato duro di nuovo,
esce dal campo in barella.
riproduzione riservata

Dopo appena due minuti


neutralizza Dzeko, dimostrando di essere subito in
partita a differenza di gran
parte dei suoi compagni di
squadra. Nella ripresa si ripete di fronte al bosniaco.
Nainggolan lo punisce senza piet, ma il baby-portiere si fa sorprendere, non era
nella posizione migliore.
PALETTA 5,5

Lascia a Romagnoli la responsabilit di occuparsi


di Dzeko. Quando decide di
intervenire, lo fa su El Shaarawy rimediando lammonizione.
LOCATELLI 5,5

Non risparmia colpi pi o


meno proibiti su tutti i portatori di palla che appaiono nel suo raggio dazione. Nainggolan gli sfugge con troppa disinvoltura per andare a segnare il
gol dell1-0.

Duello tra Gianluca Lapadula, 26 anni, e Kostas Manolas (25)

tocopia dellattaccante che


si era messo in evidenza in
passato nello Shakhtar di
Lucescu.
NIANG 5

Secondo rigore consecutivo sbagliato. Adesso basta


cos... Fra laltro lattaccante

DE SCIGLIO 5,5

Costringe Bruno Peres alla


massima tensione. Il brasiliano subito sotto stress e
si fa male: Spalletti nel sottopassaggio, alla fine del
primo tempo, se la prende con il terzino milanista.

Spalletti 6,5

riproduzione riservata

DONNARUMMA 6

Lallenatore
Ripropone la stessa Roma che ha battuto la
Lazio, compreso lacciaccato Bruno Peres,
che non al meglio. Bisogna riconoscergli il
merito di aver creduto in Nainggolan nella
posizione di trequartista, quando sarebbe
stato prezioso in un centrocampo con gli
uomini contati. Ieri il belga ha realizzato un
altro gol decisivo, il terzo in campionato. La
Roma con lui in panchina vince la dodicesima partita di fila allOlimpico. Un fortino
nel quale coltivare le speranze di scudetto. E
anche la difesa da qualche partita pi
solida.

il
peggiore

ROMAGNOLI 5

Dzeko lo mette troppo spesso alla frusta. Fischiatissimo


dai romanisti, soprattutto
dopo che ha manifestato
la sua fede...laziale.
LUIZ ADRIANO (26'ST) 5

Luciano Spalletti, 57 anni BARTOLETTI

Subentra a Lapadula. Scelta discutibile: il brasiliano


gi da tempo la brutta fo-

francese ha sbagliato quattro dei sette rigori calciati


fra Ligue 1 e serie A.
MATI FERNANDEZ (21'ST) 5

Montella non azzecca i


cambi. Lex centrocampista viola uno di questi.

Romagnoli
soffre Dzeko
Luiz Adriano
non ingrana
Locatelli va
in difficolt
ARBITRO
MAZZOLENI 5,5

Rischia che la partita gli sfugga


di mano. Troppo inglese in alcune valutazioni dove era necessario il giallo.
riproduzione riservata

lallenatore
MONTELLA 5,5

Sbaglia tutti i cambi. vero che quando si


volta verso la panchina vede poco o nulla...
Ma, a maggior ragione, era meglio lasciare
tutti al loro posto. Luiz Adriano impresentabile, Lapadula doveva restare in campo
fino al fischio di chiusura. Si spera, dopo
due penalty consecutivi sbagliati, che
adesso Niang non sia pi il rigorista numero
1. Il secondo posto gli sfugge di mano. La
zona Champions a rischio perch il Napoli
in netta e prepotente rimonta. Solo il
mercato invernale pu aiutare il tecnico
milanista.
riproduzione riservata

Vincenzo Montella, 42 anni BARTOLETTI

Scommettiamo

a cura di
amedeo Paioli
www.corrieredellosport.it/scommesse

SERIE A

Sabato c Juve-Roma, occhio al Goal


Turno infrasettimanale di Premier League, lArsenal pu battere lEverton
Neanche il tempo di archiviare Roma-Milan che gi sale la JUVeNtUS - Roma
febbre del sabato sera. Meno 4 SeRie a, 17 gioRNata - SaBato oRe 20.45
al big match dello Stadium tra Palinsesto 26501, avvenimento 582 - Quote BetteR
i giallorossi e la Juventus, redu1x2 FiNaLe
DoPPia CHaNCe
goL/No goL
ce dallimperiosa rimonta sul
1
x
2
1x
x2
12
goL
NogoL
1.82
3.75
4.25
1.20
1.93
1.25
1.75
1.95
Toro. Spalletti prover a fermauNDeR/oVeR
1.5
uNDeR/oVeR
2.5
uNDeR/oVeR
3.5
re il Dream Team bianconero,
uNDeR
oVeR
uNDeR
oVeR
uNDeR
oVeR
sempre vittorioso in casa (8 su
3.70
1.25
1.90
1.80
1.33
3.05
8) in campionato. Per le quote
1x2+uNDeR/oVeR
2,5
Juve favorita a 1.82 ma, ipotiz1+uNDeR x+uNDeR 2+uNDeR
1+oVeR
x+oVeR
2+oVeR
zando i giallorossi a segno, oc4.35
4.75
8.50
2.80
11.0
7.00
chio allesito Goal offerto a 1.75.
1x2+goL/NogoL
In Premier League incombe il
1+goL
x+goL
2+goL
1+NogoL x+NogoL 2+NogoL
3.75
4.75
7.75
3.05
11.0
7.00
turno infrasettimanale, inaugurato stasera da una doppia sfida.
RiSuLtato eSatto
1-0
2-0
2-1
3-0
3-1
3-2
4-0
4-1
4-2
4-3
Il Leicester, battuto il City, pu
7.50
8.50 8.50
15.0
14.0
27.0
33.0 33.0 60.0
140
concedere il bis a spese del Bou0-1
0-2
1-2
0-3
1-3
2-3
0-4
1-4
2-4
3-4
rnemouth. LArsenal minaccia
12.0
23.0
14.0
62.0 39.0 45.0
170
120
140
200
0-0
1-1
2-2
3-3
4-4 aLtRo
seriamente limbattibilit inter11.0
7.00
14.0
66.0
275
23.0
na dellEverton.

M. Fernandez

PRoPoStA DI GIoco
La proposta di gioco vincente a
condizione che tutti gli esiti indicati
siano centrati
PArTiTE in gioco
Fulham-Rotherham Over 2,5 1.48
Everton-Arsenal

1.87

Bmouth-Leicester X2

1.53

Sheffield-Barnsley

1.65

Bristol-Brentford Under 2,5 2.10


...puntando 10 euro
Diego Perotti, Roma

si vincono 154,05 euro

LE quotE DELLE PARtItE DI oGGI


oRa
18:45
20:30
20:30
20:45
20:45
20:45
20:45
20:45
20:45
20:45
20:45
20:45
20:45
20:45
20:45
20:45
20:45
20:45
20:45
20:45
20:45
20:45
20:45
20:45
20:45
20:45
20:45
20:45
20:45
20:45
20:45
20:45
20:45
20:45
21:00

PaL
26501
26501
26501
26501
26501
26501
26501
26501
26501
26501
26501
26501
26501
26501
26501
26501
26501
26501
26501
26501
26501
26501
26501
26501
26501
26501
26501
26501
26501
26501
26501
26501
26501
26501
26501

aVV
5147
11662
32860
56
59
127
128
129
130
131
132
142
143
144
4532
11645
15276
15353
15355
15357
15358
34074
42844
42845
42846
42847
42849
42850
42851
42852
42853
42854
42857
42858
5152

MaN
FRACL
ITA2
BELC
ING1
ING1
ING2
ING2
ING2
ING2
ING2
ING2
ING2
ING2
ING2
SCO1
INGC
INGCF
INGCF
INGCF
INGCF
INGCF
SCO1
INGFT
INGFT
INGFT
INGFT
INGFT
INGFT
INGFT
INGFT
INGFT
INGFT
INGFT
INGFT
FRACL

PaRtite (PaLiNSeSto BetteR)


NANTES
MONTPELLIER
ASCOLI
ENTELLA
EUPEN
KORTRIJK
BOURNEMOUTH
LEICESTER
EVERTON
ARSENAL
BIRMINGHAM
IPSWICH
BLACKBURN
BRIGHTON
BRISTOL CITY
BRENTFORD
BURTON
HUDDERSFIELD
CARDIFF
WOLVERHAMPTON
NORWICH
ASTON VILLA
FULHAM
ROTHERHAM
LEEDS
READING
SHEFFIELD WED
BARNSLEY
ABERDEEN
MOTHERWELL
WALSALL
OLDHAM
STOURBRIDGE
NORTHAMPTON
HALIFAX
EASTLEIGH
MILTON K. DONS
CHARLTON
FLEETWOOD
SHREWSBURY
OXFORD
MACCLESFIELD
CELTIC GLASGOW
HAMILTON
BARROW
HARROGATE
WEYMOUTH
WHITEHAWK
MAIDSTONE
BOREHAM WOOD
TRURO
FOREST GREEN
NORTH LEIGH
SOUTH PARK
WINGATE & FINC.
WEALDSTONE
ROYSTON TOWN
DULWICH HAMLET
WOKING
EBBSFLEET
CHESTER
WITTON
DOVER
DARTFORD
LEISTON
BROMLEY
BRACKLEY
FYLDE
SOCHAUX
MARSIGLIA

1
2,25
2,50
2,30
2,40
3,85
2,25
3,70
2,00
2,60
2,30
2,25
1,40
2,15
1,65
1,43
2,25
7,25
2,45
2,05
1,78
1,55
1,09
1,50
2,55
2,50
6,50
2,25
2,75
2,15
2,05
1,23
1,40
3,50
2,75
3,50

x
3,10
3,00
3,30
3,35
3,75
3,05
3,30
3,50
3,15
3,20
3,25
4,85
3,25
3,70
4,40
3,20
4,75
3,30
3,30
3,45
3,85
9,50
4,15
3,75
3,30
4,85
3,75
3,50
3,75
3,50
6,25
4,45
3,60
3,60
3,25

2
3,10
3,05
2,75
2,90
1,87
3,20
1,97
3,35
2,60
3,00
3,00
6,50
3,25
4,80
6,50
3,00
1,33
2,60
3,25
4,05
5,25
18,0
5,25
2,25
2,55
1,35
2,55
2,20
2,75
3,10
8,00
6,00
1,85
2,20
2,00

u
1,60
1,62
1,93
1,95
2,07
1,55
1,65
2,10
1,70
1,70
1,80
2,45
1,70
1,90
2,15
1,73
2,35
2,00
1,83
1,80
1,88
3,25
2,15
2,10
1,95
2,60
2,35
2,10
2,15
2,15
2,50
2,35
2,35
2,15
1,73

o
2,15
2,15
1,75
1,75
1,67
2,30
2,10
1,67
2,05
2,05
1,92
1,48
2,05
1,80
1,62
1,95
1,50
1,70
1,83
1,88
1,80
1,30
1,60
1,65
1,73
1,42
1,50
1,65
1,60
1,60
1,45
1,50
1,50
1,60
1,95

g
1,90
1,85
1,60
1,62
1,63
2,00
1,92
1,60
1,80
1,82
1,73
1,70
1,85
1,80
1,80
1,75
1,75
1,55
1,68
1,78
1,85
2,15
1,70
1,55
1,58
1,62
1,45
1,55
1,53
1,52
1,88
1,65
1,47
1,50
1,80

Ng
1,80
1,85
2,10
2,15
2,15
1,73
1,80
2,25
1,90
1,90
2,00
2,05
1,87
1,90
1,90
1,90
1,90
2,20
1,98
1,85
1,80
1,62
1,97
2,20
2,15
2,05
2,45
2,20
2,25
2,25
1,75
2,00
2,40
2,30
1,88

1x
1,30
1,35
1,35
1,35
1,85
1,30
1,72
1,25
1,42
1,32
1,32
1,07
1,28
1,13
1,07
1,30
2,90
1,40
1,25
1,17
1,10
1,10
1,50
1,40
2,80
1,40
1,53
1,35
1,30
1,03
1,07
1,77
1,52
1,67

x2
1,53
1,47
1,50
1,53
1,23
1,55
1,22
1,70
1,40
1,53
1,55
2,75
1,60
2,05
2,60
1,55
1,04
1,45
1,62
1,85
2,20
6,25
2,30
1,40
1,42
1,06
1,50
1,35
1,57
1,63
3,55
2,60
1,23
1,37
1,23

12
1,30
1,35
1,25
1,30
1,25
1,30
1,27
1,25
1,30
1,30
1,28
1,13
1,28
1,22
1,16
1,25
1,12
1,25
1,25
1,23
1,19
1,02
1,16
1,20
1,25
1,12
1,20
1,23
1,20
1,23
1,06
1,14
1,22
1,22
1,25

marted
13 dicembre
2016

5
Corriere dello Sport
Stadio

roma-milan 1-0

Lanalisi
del tecnico
che cerca
subito
il riscatto
MBaye Niang si fa ipnotizzare da Szczesny ansa

Il contrasto tra Diego Perotti e Manuel Locatelli ansa

montella
Un ko immeritato
Fiducia nel Milan
Abbiamo giocato una grande gara, Roma fortunata
Pensiamo allAtalanta: vogliamo tornare in Europa
di Furio Fedele
ROMA

Vincenzo Montella non ci


sta. Il risultato dellOlimpico,
secondo il tecnico milanista,
stato bugiardo. Il Milan ha
fatto una grande partita, soprattutto nel primo tempo
- ha detto - Dopo 20 minuti
bloccati, siamo venuti fuori e

Il rigore sbagliato?
Niang quello
che li calcia meglio
ma forse... devo
rivedere il giudizio
Lo scudetto?
La Juve ha qualcosa
in pi rispetto
alle altre, noi siamo
solo allinizio
potevamo sbloccare il risultato. Abbiamo contenuto la
Roma, peccato per la sconfitta: penso che la squadra
non la meritasse. Siamo sulla strada giusta, i ragazzi erano dispiaciuti perch ci credono. Guardiamo alla prossima partita contro lAtalanta (a San Siro, sabato alle ore

18) con grande fiducia: con


una vittoria metteremmo
mezzo piede in Europa League, a questo punto della
stagione sarebbe un grande passo. Montella, quindi, ottimista: A oggi, non
ho ancora visto una squadra
che ha giocato meglio di noi.
Tutti i punti che abbiamo,
li abbiamo conquistati sul
campo. Stiamo crescendo
sia noi sia gli altri. Io so che
il Milan sono 3 anni che non
va in Europa, ma se dovessimo battere l'Atalanta, andremmo a pi 7 sulla sesta
e sarebbe un bel segnale.
AVANTI COSi. Montella cre-

de che il suo Milan possa e


debba ancora crescere. La
Roma difficile da affrontare e questa volta stata anche fortunata - ha puntualizzato - Nessuna squadra
ci ha ancora messo sotto sul
piano della forza. Siamo una
squadra giovanissima, manca un pizzico di esperienza. La Roma ha vinto con la
maturit dei suoi giocatori. Il cammino lungo ma
noi siamo a buon punto.
Sicuramente uno dei problemi di questo Milan rappresentato dai cambi. Nessuno di quelli praticati ieri
sera da Montella stato po-

sitivo. Ho chiesto tanto impegno a Lapadula e Bertolacci, hanno speso tanto ha spiegato lallenatore rossonero - Erano opzioni che
avevo preventivato, perch
erano stanchissimi. Hanno fatto una buona partita,
ma cominciavo a vederli in
calo. Comunque il Milan titolare schierato ieri sera da
Montella l'undici titola-

re pi giovane di questa Serie A con la media di 23 anni


e 343 giorni.
NIANG. Il francese ha sbaglia-

to il secondo rigore consecutivo. Quello contro il Crotone non aveva avuto conseguenze negative. Qui a
Roma costato la sconfitta. Ma Niang non deve sentirsi in colpa. Prima della

partita, parlando alla squadra, avevo detto che il rigorista sarebbe stato ancora MBaye, perch li calcia
bene - ha detto - Il secondo
rigorista era Lapadula. Mi
spiace per Niang, ma ci sta:
i rigori li sbaglia chi li tira.
Ma dopo questo errore forse devo migliorare le mie capacit di giudizio... Il prossimo chi lo tirer? C' tem-

Vincenzo Montella, 42 anni: si ferma a cinque la striscia di imbattibilit del Milan

po, vediamo. Gli assenti,


mai come in questa occasione, hanno sempre ragione:
Pasalic ha fatto una grande
partita, cos come Locatelli.
Kucka ha caratteristiche uniche nel nostro centrocampo,
ma stanno crescendo anche
gli altri. Il mercato? Mi concentro su quelli che ci sono
e che ci stanno dando grandi soddisfazioni. C' tempo e

anche distacco. Non ho voglia di perdere energie per


pensare a quello che succeder. Mi accontento di quelli
che ci sono. Ma non detto che, in questo caso, chi si
accontenta gode. Anzi...Sicuramente bisogner intervenire in maniera poderosa
a gennaio...
ANTI-JUVE. La sfida dellO-

getty images

limpico ha sentenziato chi


lanti-Juve in questo campionato? Montella appare abbastanza sicuro. La Roma
dispone di grandi giocatori,
il Napoli pu essere competitivo per lo scudetto Il Milan? N, siamo solo all'inizio, ma la Juve ha qualcosa di pi rispetto a tutte le
altre.
Riproduzione riservata

senza il versamento, trattativa fallita

Problemi tecnici, oggi i 100 milioni dei cinesi?


ROMA - E slittato, per problemi tecnici, a questa mattina il
versamento sul conto di Fininvest della seconda caparra di
100 milioni di euro che, in realt, era attesa entro la giornata di ieri. Questa operazione finanziaria consentirebbe lo slittamento del closing al 3 marzo per lacquisto del Milan da
parte della Sino-Europe Sports.

i motivi. I motivi del ritardo

vanno addebitati a problemi


tecnici nel trasferimento dei
fondi, legati anche alla differenza di fuso orario. Il mancato versamento della caparra-

bis farebbe fallire completamente la trattativa trasformando la prima caparra (sempre


di 100 milioni) in penale a favore di Fininvest. Da ambienti
vicino alla Sino Europe-Sports
si dice che sono state gi state
presentate le garanzie sullesistenza della somma in questione. Sulla questione intervenuto in maniera sibillina
anche Adriano Gallliani: La
caparra di 100 milioni? Mi occupo di Milan e non di Fininvest, non sono io che deve rispondere, ma so che domani (oggi) dovrebbe essere un
giorno molto molto importan-

te. Non un mistero che lad


non abbia esattamente in simpatia la cordata cinese.
LISTA. Intanto secondo quan-

to stato anticipato Il Sole 24


Ore in base a indiscrezioni
raccolte in Cina tra ambienti vicini al governo di Pechino, la famosa lista, quella per
la quale si attendono le autorizzazioni, sarebbe composta
esclusivamente da banche e
soggetti finanziari. Questo
lelenco che presenta oltre a
Yonghong Li e Haixia, nomi
gi certi, anche la Huarong
International, la Industrial

Bank, la Bank of Guangzhou,


la China Zheshang Bank. Queste ultime due entit, cio la
Bank of Guangzhou, la China

Caparra necessaria
per lo slittamento
del closing. Mercato
di gennaio senza
i nuovi investitori
Zheshang Bank, sono banche
controllate da una municipalit e da una provincia, quella
di Zheshang.

CLOSING. Quindi, seppur con

lennesimo ritardo, sembra che


la trattativa vada avanti. Il closing, previsto il 3 marzo, impone per il versamento di altri 320 milioni di euro a saldo
dei 520 milioni per la vendita
del club. A questa cifra bisogna aggiungere altri 220 milioni di debiti consolidati. Si attendono, fra laltro, anche precise garanzie (350-400 milioni
di euro) a proposito dellinvestimento su base quadriennale
per la campagna-acquisti. Sicuramente, dopo essersi defilati gi in estate, gli investitori
cinesi non parteciperanno alla

campagna acquisti di gennaio.


assemblea. La conferma del

versamento della caparra


bis dovrebbe avvenire prima
dellassemblea in programma
questa mattina alle 10.30 dove,
ha comunicato Finivest, in
considerazione del fatto che
gli organi sociali di AC Milan
sono e restano nella pienezza
del loro incarico, non intende
assumere alcuna deliberazione sui due argomenti allordine del giorno.
fur.fed.
Riproduzione riservata

6
Corriere dello Sport
Stadio

marted
13 dicembre
2016

juventus

da scudetto
Ecco Juve-Roma
primo match ball

doppio ex

Boniek: Grande
sfida, prevedo
un colpaccio
di Antonio Barill
inviato a Nyon

Zib Boniek, presidente della Federcalcio polacca, in


partenza per lItalia con il dirigente giallorosso Antonio
Tempestilli: vacanze romane,
senza perdere di vista il pallone. Sabato allo Stadium ci
sar la sfida tra Juve e Roma,
le sue vecchie squadre, ed
scontato chiedergli un commento: I bianconeri in Serie
A sono davanti a tutti: hanno
lo stadio di propriet, un fat-

Spalletti vince, sempre 4 i punti di distacco


Fuga rinviata per Allegri: scatta il piano
di Filippo Bonsignore
TORINO

Tutto come prima, distanze


invariate. Il regalo atteso dal
Milan non c' stato, cos la
Juve si presenter allo scontro diretto di sabato prossimo con la Roma con un vantaggio di quattro punti, rimasto stabile dopo una giornata
ricca di trappole. Un margine comunque rassicurante
per i bianconeri e che lascia
in ogni caso aperta la porta
per una fuga vera e propria
con un successo nella sfida
dello Stadium. Nulla cambia,
alla fine, per la squadra di Allegri che avr come obiettivo
i tre punti per scavare un solco ancora pi profondo nei
confronti della concorrente
pi temibile per lo scudetto. E che arriver all'incrocio tricolore con il vento in
poppa della vittoria nel derby e del sorteggio favorevole con il Porto per gli ottavi di
Champions League.
PREMIO MAX. La missione

Roma parte oggi con la ripresa degli allenamenti dopo


la giornata di riposo concessa
ieri da Massimiliano Allegri,
che in serata ricever il Premio di Allenatore dell'anno
dall'Ussi Subalpina, l'associazione dei giornalisti sportivi
piemontesi. Max otterr il riconoscimento per i successi
del 2016, per la seconda doppietta consecutiva scudetto-

Social Mandzukic
spegne le polemiche
Non rovinerete
il mio buon umore
dopo questo derby
coppa Italia. Ma l'anno non
ancora finito, c' la Roma
alle porte e poi c' da mettere le mani sul primo trofeo stagionale, la Supercoppa
in palio a Doha contro il Milan. E allora appuntamento
a Vinovo nel pomeriggio per
iniziare a preparare la sfida
contro la squadra di Spallet-

ti. Si riparte dalle tante note


positive suonate nel derby.
Prima fra tutte, Gonzalo Higuain, che ha messo la sua
doppia firma sulla stracittadina mostrandosi nuovamente sui livelli napoletani.
E poi ci sono Paulo Dybala,
che in una ventina di minuti
ha ricamato giocate decisive,
Pjanic che riuscito a incidere in una manciata di
minuti. Potr esserlo

Barzagli, che sta ritrovando la


forma e potrebbe clamorosamente tornare tra i convocati a un mese e mezzo dall'infortunio alla spalla sinistra.
MANDZO CHIARISCE. Una co-

pertina della stracittadina


della Mole andata anche a
Mandzukic: sia per l'ennesima grande prova offerta, applaudita pubblicamente da Allegri,

Cena
di auguri
a Torino

In alto da destra il presidente Andrea


Agnelli con Gigi Buffon e Gonzalo
Higuain durante la cena di auguri
del club; qui sopra la sala Lapresse

sia per la reazione al cambio


deciso dall'allenatore. SuperMario era apparso decisamente contrariato al ritorno
in panchina ma ieri attraverso i social ha chiarito il perch della sua reazione. Per
me la squadra viene prima di
tutto - si legge nel post affidato a Instagram - e ho sempre
voglia di aiutare la mia squadra a ottenere un buon risultato. Pertanto, sono rimasto
deluso di lasciare il campo
perch non potevo aiutare i miei compagni, mentre
il punteggio era ancora sfavorevole (1-1). Il mio buon

umore dopo un'altra importante vittoria non sar rovinato da coloro che stanno cercando di trovare qualcosa di
negativo, anche dopo i trionfi. Il caso sembra dunque
circoscritto e rientrato. Allegri nel post gara aveva giustamente anteposto gli interessi della squadra a quelli del
singolo (L'arrabbiatura ci
sta; l'importante che tutti
siano allineati sugli obiettivi
della squadra, altrimenti non
possono stare nel gruppo); il
croato sembra aver recepito.
Ora testa alla Roma.
Riproduzione riservata

In Serie A la Juve
davanti a tutti
ma i giallorossi
sento che possono
violare lo Stadium
turato largamente superiore
alle avversarie, una grande
organizzazione, un allenatore vincente, unottima squadra con la giusta cattiveria.
Hanno vinto cinque scudetti di fila e altri cinque ne vinceranno. E un ciclo lungo, il
loro, per la partita di sabato la vincer la Roma. Sento
che potr violare Stadium.
PRETENDENTI. Dettato il pro-

nostico sulla partita-scudetto, Zib analizza la Champions, soffermandosi sulle aspettative delle italiane:
La Juventus andata vicinissima a vincere la Coppa
due anni fa, nella finale di

Berlino contro il Barcellona. Ci riprover, ma le pretendenti sono tante. E alla


fine trionfa una sola. Il Napoli non stato fortunatissimo nel sorteggio: con il Real
Madrid, campione in carica, sar dura, ma lesito della doppia sfida tuttaltro che
scontato. Per me pu farcela a passare il turno. Voglio
dire una cosa su Gabbiadini: fortissimo, ma si vede
che ha paura, condizionato dallambiente: se andasse altrove, sarebbe decisivo.
VISIBILIT. Quanto allEuro-

pa League, lex bello di notte spende belle parole per


Roma e Fiorentina: Tutti
volevano evitare i giallorossi perch sono attrezzati per
vincere la competizione. Ma
anche la Fiorentina stimata e rientra tra le favorite: mi
fa molto piacere che le squadre italiane inizino a considerare lEuropa League perch vincere a livello europeo,
in qualsiasi coppa, d visibilit, attira calciatori, migliora
la dimensione internazionale. Le societ escono rafforzate. Sui viola si sofferma
poco dopo, in unaltra sosta
fra telecamere e block-notes:
La Fiorentina una squadra
che mi piace, perch ha un
gioco veloce e perch Paulo
Sousa un buon allenatore. Ogni volta che sembrano pronti a vincere tre partite in fila, per, si fermano.
Purtroppo il calcio cos.
Riproduzione riservata

MARTED
13 DICEMBRE
2016

9
CORRIERE DELLO SPORT
STADIO

CHAMPIONS LEAGUE

SORTEGGIO
CHAMPIONS

Ieri a Nyon stato Gullit


a pescare nellurna
e decidere il destino delle
sedici ammesse agli ottavi

JUVE IN PORTO
REAL-NAPOLI
UN KOLOSSAL
La sorte sorride ai bianconeri e mette
gli azzurri di fronte ai grandi di Spagna
di Antonio Barill
INVIATO A NYON

Sorride la Juventus, non ha


fortuna il Napoli: lurna di
Nyon suscita opposti stati
danimo nelle due italiane
in corsa per la Champions,
perch il Porto, avversario
bianconero, obiettivamente abbordabile, al di l
delle scaramanzie e del giusto rispetto - non dimentichiamo che ha eliminato
la Roma ai play off - mentre gli azzurri dovranno vedersela con i campioni del
Real Madrid in una sfida affascinante per scivolosissima, accolta in verit senza
tremori. In Europa League,
Roma e Fiorentina schivano
il pericolo Manchester United, per trovano nellurna squadre di ottimo livello, impossibili da sottovalutare: i giallorossi il Villarreal,
i viola il Borussia Mnchengladbach.
EVENTO. La cerimonia co-

mincia puntuale a mezzoggiorno, nella sede dellUefa affacciata sul lago Lemano. Il responsabile delle comunicazioni Pedro Pinto
d il benvenuto ai dirigenti venuti da tutta Europa sono soltanto sei, per, i
Paesi sono rappresentati in Champions - poi c il
saluto di Giorgio Marchetti, direttore delle competizioni, che presenta lex rossonero Ruud Gullit: saranno le sue mani, rovistan-

Tutte e due
le italiane
giocheranno
in trasferta
la partita dandata
Il Bayern Monaco
di Ancelotti
trova lArsenal
Per il Barcellona
c invece il PSG

do nellurna, a decidere il
destino delle squadre. Il
mio Milan - ricorda - vinse
due Champions di fila: un
evento eccezionale, oggi
pi difficile perch si giocano molte pi partite.
Lolandese, Pallone dOro
nel 1987, indica nel Borussia Dortmund la squadra
che pi lha sorpreso, quindi colloca il Real Madrid tra
le grandi favorite per il successo finale.
Pochi minuti
dopo, estraendo le palline,
affianca i blancos al Napoli che non mostra timore,
per certo non pu sentirsi tranquillo. Per gli azzurri, nemmeno il tempo di sospirare di solievo per aver
scongiurato il pericolo City
(Pep Guardiola affronter il
Monaco) ed ecco Cristiano
Ronaldo, neo Pallone dOro.
Per la Juve, al contrario,
un bel peso che scivola:
restano altri pericoli, certo,
ma lurna disegna Bayern
Monaco-Arsenal e cos evapora anche il rischio di un
incrocio con Carlo Ancelotti. Il Porto, avversario in
cui segretamente si confida dopo lassegnazione del
Benfica - altra rivale teoricamente abbordabile - al Borussia Dortmund, diventa
realt nel frullo successivo,
seguono quindi Bayer Leverkusen-Atletico Madrid,
Psg-Barcellona (sfida spettacolare, una costante delle ultime stagioni, due volte

SOLLIEVO.

YOUTH LEAGUE

La baby Juve
contro lAjax
Roma-Monaco
Ieri, a Nyon, si sono svolti i
sorteggi della Youth League,
la Champions dei giovani.
Juventus e Roma saranno
impegnate nella fase play
off, in programma il 7 e 8
febbraio. I bianconeri,
secondi nella fase a gironi,
sono stati sorteggiati con
lAjax, i giallorossi, qualificati
dal Percorso Campioni
hanno pescato il Monaco.
GLI ACCOPPIAMENTI

Salisburgo-Manchester City,
Midtjylland-Benfica, ViitorulCopenaghen, ROMA-Monaco,
Rosenborg-Basilea, AltinorduAtletico Madrid, Maccabi
Haifa-Borussia Dortmund,
Ajax-JUVENTUS.

avversarie nei quarti e una


nei gironi) e Siviglia-Leicester. Sia Napoli che Juventus
giocheranno landata in trasferta, in quanto classificatesi al primo posto nel loro
girone.
Alle 13, via con
i sorteggi di Europa League. Anche qui divisione
delle urne tra prime e seconde classificate, mentre
le squadre scivolate dalla
Champions vengono divise tra teste di serie e non. Lo
spauracchio il Manchester
United e lurna decide che
toccher al Saint-Etienne:
sboccia cos la sfida tra i fratelli Pogba, la stella Paul tornato questanno ai Red Devils e Florentin, di qualche
anno pi grande, difensore
dei Verts e della Nazionale guineiana. La Roma dovr affrontare il Villarreal
dallanima italiana (Sansone, Soriano e Bonera) che
schiera anche lex rossonero Pato, la Fiorentina il Borussia MGladbach, precipitato dalla Champions League. Altre partite di rilievo:
Athletic Bilbao-Apoel, Anderlecht-Zenit, Gent-Tottenham e Paok-Schalke 04.
In sala, tra emozioni e speranze, tanta vicinanza per
i dirigenti di Fenerbahe e
Besiktas che portano sulla giacca un simbolo con la
bandiera turca listata a lutto in memoria delle vittime
dei recenti attentati.

FRATELLI.

RIPRODUZIONE RISERVATA

RANIERI
(Leicester)

ANCELOTTI
(Bayern)

Col Siviglia sfida


dura ma eccitante
Loro sono abituati
a questi match
in Europa e stanno
lottando in Liga
con Real e Bara
Sono i favoriti

Non vedo lora


di affrontare
lArsenal. Ho
fiducia nella mia
squadra, penso che
andremo nei quarti
Sar importante
far bene in casa

VLLER
(Bayer)

LAtletico Madrid
un avversario
difficile, ma gi
due anni fa
abbiamo saputo
tenergli testa
Siamo pronti
a ripeterci

LUIS ENRIQUE
(Barcellona)

Noi abbiamo fatto


per intero il nostro
dovere nel girone
di qualificazione
Le partite da
dentro o fuori
le conosciamo
bene, quindi...

MOTOGP A Motegi per consegnare il Casco dOro a Marquez, lui luomo dellanno
ESCLUSIVO La prima parte del nostro viaggio in Giappone nel mondo Honda
A TU PER TU Lorenzo Baldassarri e Romano Fenati
STORIE DI MOTO Le avventure di Pierfrancesco Chili
THE TEST Honda CRF 450 cross ed enduro

Dal 1976 Motosprint racconta il mondo della competizione agli appassionati delle due ruote.

10
CORRIERE DELLO SPORT
STADIO

MARTED
13 DICEMBRE
2016

NAPOLI

Il presidente del Napoli pronto


SORTEGGIO per giocare lesaltante sfida
CHAMPIONS di Champions: sogna grandi notti
e promette il rinforzo giusto

De Laurentiis: Sarri
prendo una punta!
Il nostro calcio sa di Barcellona, con il Real sar quasi
un piccolo derby. Chapeau al mio tecnico: bel lavoro
Savverte il soffio tiepido (o
forse bollente) della Storia e
sinchioda lo sguardo sul calendario: le hanno cerchiate dazzurro quelle date, il 15
febbraio ed il 7 marzo, e si rester sospesi nellaria, aspettando che arrivino. Ma noi
squadre di livello ne abbiamo
gi incrociate: vorrei ricordarvi come siamo usciti lultima volta dalla Champions.
E questi sette anni consecutivi in Europa sottolineano
lautorevolezza del Napoli e di
Napoli. E come ritrovarsi in
una nuvola soffice e perdersi ad alta quota, galleggiando tra le stelle dun football
che non ha eguali: benvenuti nel viaggio nellimmaginifico che per altri sessantaquattro giorni ancora vi condurr, ma seriamente, al Santiago Bernabeu, per vivere non
la favola ma un kolossal della propria esistenza (calcistica) a cui Aurelio De Laurentiis cerca di togliere un filo di
tensione. Peccato per linadeguatezza dello stadio, chiederemo scusa ai nostri ospiti, perch non credo sia possibile completare i lavori per
quel tempo.

nostro calcio, questa idea sarriana, unica nel suo genere,


sa tanto di Barcellona e pu
dare fastidio; e magari il Real
finir per temerci. Noi vorremo sfiancarli ma sono anche
convinto che siamo dentro ad
una sfida che per gli spagnoli potr diventare stancante.
Show must go on: ma siamo
arrivati ad uno dei punti pi
alti, perch di l c la Leggenda, e si entrer in una Cattedrale, e ci sar il blano e lazzurro, e verranno le vertigini a pensare cosa sia successo in questo Terzo Millennio
e cosaltro manchi a questo
Napoli - che perde Koulibaly: due settimane di stop,
poi la Coppa dAfrica - prima
di mettere la palla al centro.
Sul mercato sappiano cosa
ci serve: una punta vera, tradizionale. Nientaltro, perch
negli altri ruoli siamo coperti ed inutile acquistare calciatori solo per pochissime
partite. E chiss come star Milik, in quelle notti: per
ladrenalina scorre via veloce, pure per il polacco, che ha
twittato per farlo capire. E
per momenti e partite come
queste che giochiamo al calcio. Una grande sfida davanti a noi. Real, vi stiamo aspettando.

CARO REAL. Per ora, e durer

STOCCATINA AL PIPITA. E un

di Antonio Giordano
NAPOLI

due mesi ancora, si rester


nelle esperienze sensoriali ed
ognuno le vivr a modo suo:
poi, ma vada come vada, rimarr un successo, perch ci
sar un momento in cui sar
possibile raccontarlo e raccontarselo ch arrivato Cristiano Ronaldo, il Pallone
dOro, e la dimensione di Napoli s ingrossata fino ad arrivare ai marziani. Sar quasi un piccolo derby, perch il

Mondo che avvolge, mentre


intorno c latmosfera gaia e
magica dun dicembre che
per De Laurentiis il mese
del cinema, del cine-panettone, di Natale a Londra
- Dio salvi la Regina, mentre gi cominciano a scivolare i titoli di testa della Real
Casa, ch il Santiago Bernabeu, con il fascino per nulla
misterioso duna emozione
da vivere. Chapeau a Sarri.

Perch quando mi chiedete


di Higuain, del suo talento,
inevitabile pensare a quanto un calciatore di quel livello diventi condizionante: direi
che nella natura stessa della
sua forza, quindi che sia comprensibile che ci avvenga. Ed
limitante per una squadra
giocare per un solo giocatore. Quindi: tanto di cappello
a Sarri, per il lavoro svolto.

quelli che nascerebbero rituffandosi nellestate di Maurito Icardi, una sorta di amabilissima ossessione che De
Laurentiis doma scherzandoci su: Poteva

Aurelio De Laurentiis, 67 anni, presidente del Napoli MOSCA

esserci anche Wanda Nara, le


offrii una parte quando andai
a trattare suo marito. Chiss
che danni avrebbe combinato a Londra.
RIPRODUZIONE RISERVATA

MERCATO IERI E WANDA. E inu-

tile divagare (con la testa) in


questo lungo viaggio che trascina a Madrid, perch prima
altri appuntamenti saranno
in scaletta: il Torino, la Fiorentina, il 2017 denso di sfide e di
verit da costruirsi, anche (ri)
tuffandosi in quel mercato nel
quale inseguire un bomber
che scacci via qualsiasi tipo
di eventuale rimpianto, pure

Presentato
Natale
a Londra

Aurelio De Laurentiis e il figlio Luigi con i giocatori del Napoli e il


cast di Natale a Londra, il nuovo film prodotto dal presidente
De Laurentiis con Lillo e Greg, Nino Frassica e Paolo Ruffini: ieri
la presentazione ufficiale e la serata con la squadra MOSCA

LA CARICA DEI TIFOSI AZZURRI

Tutta la citt impazzita: si vola gi a Madrid


di Fabio Mandarini
NAPOLI

Una nutrita flotta di donne napoletane non


apprezzer granch il San Valentino 2017. Il
14 febbraio, eccezion fatta per le coppie unite
dalla stessa passione, andr in scena un vero
e proprio esodo di uomini con le sciarpe azzurre al collo, un biglietto per la Spagna in tasca e il cuore in fibrillazione: per il Napoli, certo. Amore mio, amore azzurro. Passione eterna di una citt intera che, guarda caso proprio
nei giorni dedicati agli innamorati, prover a
mandare in estasi mistica i quattromila tifosi
(almeno) che accompagneranno Hamsik e
compagni nella storia.
Lo stadio Santiago Bernabeu, il Real, Madrid: la meta pi prenotata d'Europa dalle ore
12.15 di ieri.

FOLLIA AL BUIO. E allora, la locura madrilena: to il giorno in cui cominceranno le vendite.


che giornata memorabile. Che parentesi indimenticabile, per il popolo azzurro e per tutti LE PREVISIONI. Questa volta, rispetto all'epoca
quelli in attesa di una rivincita e di una prima di Diego e del Buitre, le porte dello stadio savolta nel castello dei reali del calcio mondiale ranno aperte: i tifosi del Napoli, magari anche
i reduci del 16 settembre 1987,
da quasi 30 anni. Traffico web
saranno in ghingheri e deciin tilt: agenzie di viaggio e siti
samente pronti a far saggiare
specializzati presi d'assalto al I biglietti aerei
ai colleghi madridisti l'intenbuio, senza cio avere ancora per la Spagna sono
sit dell'urlo che li ha resi fala reale contezza di poter accedere al Bernabeu il 15 febbraio. andati subito a ruba mosi in tutte le citt dei Campioni. "The Champiooons", il
I biglietti per l'andata degli ot- Quelli per lo stadio
tavi di Champions, infatti, per arrivano a gennaio? primo obiettivo: poi, toccher
alla squadra tenere testa ai pail momento sono soltanto endroni d'Europa. Quantificare i
tit virtuali: si sa che prima o
poi saranno disponibili e che una serie di for- numeri della prevedibile invasione napoletatunati riuscir ad acquistarli, per material- na nella capitale spagnola, per, non ancora
mente non esistono certezze in merito. Sotto possibile: a ieri i due club non avevano preso
ogni aspetto: la quantit, il costo e soprattut- contatti formali per pianificare il sopralluogo

Noi che abbiamo sfidato il Real


in questo Napoli ci crediamo
FRANCESCO BAIANO

FRANCESCO ROMANO

CHE PREZZI. Il primo investimento dei tifosi az-

zurri, comunque, stato quello relativo ai biglietti aerei: i pi scaltri sono riusciti ad acquistare un diretto Napoli-Madrid-Napoli subito
dopo il sorteggio anche a 77 euro, ma gi un'ora dopo i prezzi dei voli erano triplicati. Sia via
internet, sia in agenzia. E presto per i pacchetti
charter+partita: se ne sapr di pi con l'inizio
della prevendita che potrebbe andare in scena
a gennaio 2017. Il conto alla rovescia partito.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Lesultanza
degli azzurri
dopo il gol
di Francini
al San Paolo
con il Real:
era il ritorno
dei
sedicesimi
e fin 1-1

IL PARERE DI CINQUE EX

OTTAVIO BIANCHI

e discutere della scorta, ma in genere le regole Uefa prevedono che agli ospiti sia riservato
il 5% della capienza. Quella del Bernabeu di
81.044 posti, e ci significa che al Napoli dovrebbero essere recapitati tra i 3.500 e i 4.000
biglietti. A cui bisogner aggiungere quelli acquistati in Spagna per altri settori.

ANSA

BRUNO GIORDANO

ALESSANDRO RENICA

Se la gara fosse domani Gli avversari sono forti La spinta del San Paolo Contenere allandata
Bisogna essere spavaldi
cinquanta e cinquanta ma fare calcoli non serve potr fare la differenza giocarsi tutto al ritorno per pensare allimpresa

Ottavio
Bianchi
73 anni
LAPRESSE

ROMA - Lultima volta che il Napoli


ha incrociato il Real era Ottavio
Bianchi a sedere sulla panchina
degli azzurri, con i quali vinse lo
scudetto proprio nella stagione
1986/87: Se giocassero in questi
giorni io direi cinquanta e
cinquanta perch il Napoli, se in
salute e va a mille, pu fare bene
con questo entusiasmo. Certo da
qui a quando si giocher potrebbe
succedere di tutto, un infortunio,
una squalifica piuttosto che un
calo di forma. Il San Paolo? Una
grande squadra non fa questi
calcoli, un calciatore che gioca nel
Real non pensa a questo, anzi si
galvanizza.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Francesco
Baiano
48 anni
GETTY IMAGES

ROMA - Francesco Baiano


subentr nella gara disputata al
Bernabeu: Sono fiducioso,
ovviamente il Napoli affronta il
club pi forte al mondo ma il Real
non abituato a correre dietro il
pallone e quindi il gioco del napoli
pu essere vincente. Il San Paolo
conta il giusto, avere il tuo
pubblico dalla tua parte sar
importante ma in campo si va in 11
contro 11. Anzi, certi campioni si
eccitano in contesti caldi come
quelli del San Paolo. E poi il Napoli
al Bernabeu andr per fare la
partita e non per fare calcoli. Se
poi arrivasse un pari non sarebbe
un dramma.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Francesco
Romano
56 anni
MOSCA

ROMA - Quel 30 settembre 1987, a


fianco di Maradona e compagni, cera
anche Francesco Romano: Anche il
Real pensava di potere incontrare
una squadra diversa. Affrontare il
Napoli oggi non una passeggiata, gli
azzurri stanno bene e giocano
altrettanto bene, si muovono a
memoria e sono consapevoli del
fatto che vincere con il Real una
possibilit per compiere il salto di
qualit. Il calore del San Paolo conta
tantissimo come cont in passato, la
spinta del pubblico partenopeo sar
determinante, lo dico per esperienza
personale. Infine dico che secondo
me al Bernabeu il Napoli si giocher
la partita, senza troppi calcoli.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Bruno
Giordano
60 anni
BARTOLETTI

ROMA - Bruno Giordano ha ancora


fresco in mente il ricordo di un San
Paolo stracolmo: Trentanni dopo...
un sorteggio tosto come lo fu per noi,
ma ce la giocammo alla grande nei
180 minuti. Che peccato per, proprio
adesso che il Napoli era passata da
prima! Per giocare queste partite
sempre stimolante, allora ci fu il
record di spettatori e io credo che il
San Paolo, nonostante tutto, non
influenzer una squadra come il Real,
abituata a certi palcoscenici. Al
Bernabeu bisogna contenere con
umilt per poi giocarsi tutto al ritorno.
Perch se vai in Spagna per fare la
partita rischi di tornare con le ossa
rotte. Ma pu succedere di tutto.

ROMA - Cera anche Alessandro


Renica, 136 presenze e 10 reti, in
quel Napoli che scrisse la storia e
sfior il miracolo sportivo: Chiaro
che unimpresa, ma penso che se il
Napoli ci prova anche con un pizzico
di presunzione, pu farcela.
Limportante non subire il blasone
e il timore reverenziale di un grande
club come il Real Madrid. Il San
Alessandro Paolo? Il Real abituato a giocare in
stadi difficili, quindi sono convinto
Renica
che conter soltanto la prestazione.
54 anni
Bisogna essere spavaldi, anche al
MOSCA
Bernabeu. Il Napoli non deve perdere
la propria identit e giocare come sa,
altrimenti saranno problemi!.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Pareri raccolti da Roberto Fazio

RIPRODUZIONE RISERVATA

MARTED
13 DICEMBRE
2016

11
CORRIERE DELLO SPORT
STADIO

NAPOLI

SORTEGGIO
CHAMPIONS

Era in campo
nel 1987 contro
Maradona, oggi
un dirigente
dei Galacticos

LE REAZIONI DA MADRID

Bale ancora out


e lincubo
del San Paolo

Vai, Real
chiudila
a Madrid
Butragueo: Il Napoli grande
Sarri un allenatore con i fiocchi
di Antonio Barill
INVIATO A NYON

di Enrico Marini
MADRID

Zidane tira un sospiro di sollievo, negli ottavi non sfider la Juventus. Immersi nel
Mondiale per club, staff e
giocatori non hanno ancora commentato l'esito del
sorteggio. Mentre la stampa iberica vede il Real favorito, anche se Marca teme il
ritorno nel San Paolo che definisce un vero e proprio inferno. Senza il lungodegente
Bale, e con tante partite nelle gambe - tra Mondiale per
club, Liga e Coppa del Re - il
Real potrebbe per perdere velocit nei contropiede e
mostrare quei pericolosi minuti di blackout che lo hanno relegato al secondo posto
del girone.

Emilio Butragueo, 53 anni, direttore delle relazioni istituzionali del Real LAPRESSE

e sbaglia chi d per scontato il nostro ruolo di favoriti: per superare il turno, dovremo
dare il meglio di noi stessi.

Lincrocio tra Napoli e Real Madrid accende


i ricordi di Emilio Butragueno. Fine anni Ot- LIVELLO. Tra i campioni azzurri, inevitabitanta, lui da una parte e Maradona dallaltra, le un approfondimento su Callejon: Siasimboli di una doppia sfida rovente che lur- mo contenti per il livello che ha raggiunto:
na di Nyon adesso rinnova: Ho ancora in cresciuto con noi e vederlo brillare a Namente latmosfera del San Paolo, lentusia- poli pu solo farci felici. Non lo indica per
smo dei tifosi azzurri che vivono il calcio in come lazzurro pi temuto, a dirla tutta eluun modo speciale: ci qualificammo, ma fu de la classicissima domanda evitando di fare
davvero dura. Andiamoci piano, per, con il un solo nome. E la squadra che funziona paragone tra me e Diego: lui lass, io mol- spiega - e che esalta il singolo giocatore: dovremo concentrarci sul grupto pi in basso.
po. S, sar un ottavo di finaSi aiuta con le mani per inle complicato, una gara con
dicare una differenza che for- Meglio limitare
molte difficolt come quella
se esiste, ma certo non mar- i rischi nella gara
che giocai io nell87.
cata come dice lui. Tra laltro
determinante a Napoli, dopo di ritorno. Callejon?
CONCORRENZA. Attorno, la letil vantaggio illusorio di Fran- Felici di vederlo
tura dellurna diversa. La
cini: il suo gol spense lillusio- brillare in azzurro
sensazione diffusa tra i rapne della rimonta dopo il 2-0
presentanti dei club eurospagnolo dellandata. Lamarcord dura pochi minuti, le domande plana- pei di Champions ed Europa League che
no sullattualit e il puntero che faceva so- il Real trovi una discesa. In Coppa non c
gnare Madrid lascia spazio al dirigente di niente di semplice - insiste El Buitre - e il discorso vale soprattutto contro le squadre itaoggi, rappresentante blanco a Nyon.
liane. Il Napoli, ripeto, ha un grande tecnico
RISCHI. Sar importante ottenere un buon e un'ottima rosa. Detto questo, noi siamo il
risultato al Bernabeu - sospira - per limitare Real Madrid e vogliamo raggiungere un bel
i rischi nella gara di ritorno. Gi questa pri- risultato per andare avanti. Avremo motivama osservazione lascia trasparire una grande zioni molto alte, cos come loro: punteremo
stima per il Napoli: sottolineando lopportu- al massimo davanti ai nostri tifosi per non
nit di sfruttare landata in casa per mettersi rischiare al ritorno al San Paolo.
al riparo da brutti scherzi, non infatti legata
Domanda finale su Alvaro Morata, tornasoltanto alla conoscenza della passione na- to in estate al Real attraverso lopcion de repoletana, capace di trasformare il San Pao- compra e accostato, nei mesi scorsi, anche
lo in una bolgia, ma alla consapevolezza di alla squadra azzurra: E' felice a Madrid, ardover fare i conti una squadra solida e ben riva da un infortunio ma per noi un giocaorganizzata: Il Napoli una grande squa- tore importantissimo, tenendo conto della
dra e Sarri un allenatore con i fiocchi. Non concorrenza che c nell'attacco del Real.
RIPRODUZIONE RISERVATA
esagero nel definire questa sfida equilibrata

OTTIMISMO REAL. Nel post partita di sabato sera lo stesso Zizou aveva ammesso di voler
evitare una sfida con i bianconeri, vuoi per il passato
con la Vecchia Signora o per
la caratura di una rivale che
solo due anni fa elimin in
semifinale il Madrid di Ancelotti campione in carica.
L'esito delle reazioni in terra spagnola invece quello
di un Real favorito con qualche se per il ritorno lontano
dal Bernabu. Mentre Zidane e i giocatori riposano nel
lussuoso hotel Royal Park
di Yokohama, Marca sottolinea la bont del sorteggio,
soprattutto per aver evitato
Juventus e Arsenal. Secondo As, invece, l'avversario
pi abbordabile per il Real
sarebbe stato il Leicester,
ma definisce gli ex-merengues Callejn e Albiol letteralmente degli scarti. Poca
eleganza che rischia di caricare ancora di pi gli "azzurri" di Spagna.
Il messaggio di Zinedine ai suoi sar sicuramente diverso, il francese consapevole dell'organizzazione tattica e dell'efficacia offensiva della squadra di Sarri.
Pur senza brillare, e nonostante i tanti infortuni, Zizou
ha iniziato bene la stagione,
come testimoniano i 6 punti
di vantaggio sul Barcellona.
In Champions per le merengues non sono apparse irresistibili, tre vittorie e altrettanti
pareggi: due contro il Borussia Dortmund e uno contro
il modesto Legia. E in difesa
il Real ha incassato almeno
un gol in 20 delle 24 uscite
stagionali e in Europa non
mai riuscito a mantenere la

Pallone dOro a CR7


il Signore dEuropa
E il quarto premio, gli spetta di diritto dopo i successi
con Real e Portogallo. Ha battuto Messi e Griezmann
Lha vinto lui. Non poteva essere altrimenti. Cristiano dOro Ronaldo. Si presentato
alla giuria con sottobraccio
la Champions, la Undecima
del Madrid, e lEuropeo, il primo nella storia del Portogallo: beh, ragazzi, avete dubbi?
E il quarto Pallone dOro che
finisce nella bacheca di una
delle due stelle (laltra la conoscete) del pianeta, il guappo pi vincente dellanno di
grazia 2016, il quasi trentaduenne felice che - a favore
dei fotografi - si appena fatto

vedere splendido splendente al Santiago Bernabeu con


una nuova fiamma, la modella spagnola Georgina Rodriguez, benedetta anche dal figlio del fuoriclasse, Cristiano
Jr. Dribblate le voci striscianti
su una presunta omosessualit, srotolato il tappeto rosso verso la serata di gala che
stasera a Parigi lo incoroner - ma ce nera bisogno? - tra
i pi grandi di tutti i tempi,
con quattro coppe in bacheca, una in meno di Messi, ma
una in pi di Cruyff, Platini e
Van Basten. Siamo di fronte
a una dittatura: la terza vol-

ta che Cristiano si porta via


il premio negli ultimi quattro anni.
Dal 2004 Cristiano una
presenza fissa. Ha vinto nel
2008, 2013, 2014 e - appunto - 2016: curiosamente, ma
nemmeno tanto, sono gli
anni in cui ha vinto anche
il titolo di miglior marcatore
della Champions League. Rispetto ad altre stagioni dorate, il 2016 non stato un anno
sfavillante, ma tant: a corredo dei due trofei, ci sono anche i 51 gol segnati in 55 partite tra club e nazionale. Non
c stata gara: Messi ha perso

(con lArgentina) la finale di


Copa America e (con il Barcellona) ha abbandonato la
Champions ai quarti.
LA SERATA. Stasera a Parigi -

a partire dalle 18.30 - la premiazione. Sul podio, a fare da


controfigure, anche il Messi pi palliduccio degli ultimi anni e Griezmann. Quella che va in onda la 61 edizione. Fino al 1995 venivano premiati solo giocatori
di nazionalit europea. Poi:
tana libera tutti. Dal 2010 il
Pallone DOro si fuso con il
Fifa World Player of the Year

porta inviolata, due dati incoraggianti per il Napoli.


FUTURO INCERTO. Come quel-

lo di Bale che, salvo miracoli


non ci sar nemmeno al San
Paolo. Il Gallese stato operato a Londra dopo la lesione
ai tendini della caviglia destra
e dovrebbe rimanere lontano
dai campi fino ad aprile. Per
altri motivi invece potrebbe
non essere del match James
Rodriguez. Il mercato di gennaio potrebbe essere un'opzione per cercare fortuna altrove, Juventus e Psg non si

Zidane concentrato
sul Mondiale
per Club: sperava
di evitare la Juve
e cos stato ma...
La stampa spagnola
teme la trasferta
per snobba gli ex
Callejon e Albiol
Rebus mercato
sono mai nascoste. Eppure
la bilancia pende ancora verso un James con la camiseta
blanca per almeno quattro
ragioni. La prima del club
che difficilmente si priver di
un giovane talento, soprattutto se fra pochi giorni il TAS
confermer lo stop agli acquisti fino a gennaio 2018. Il
secondo motivo che il "cafetero" solamente due anni
fa cost al Real la bellezza di
80 milioni di euro, e cederlo a stagione in corso provocherebbe non poche critiche.
Tanto pi che proprio la lunga assenza di Bale, potrebbe
trasformare James in una pedina fondamentale, almeno
questo quello che si augura
il presidente Perez che ha da
sempre un debole per il colombiano.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Cristiano
Ronaldo
esulta con
il trofeo dopo
aver vinto
gli Europei
con il suo
Portogallo:
il 28 maggio
aveva vinto
anche
la Champions
con il Real.
Per lui un 2016
da record che
pu chiudersi
anche con
il Mondiale
per Club

STASERA LA CERIMONIA A PARIGI

di Furio Zara

Gareth Bale, 27 anni GETTY

ANSA

LALBO RECENTE

Dal 2008 solo lui e Messi


Il Pallone doro fu istituito nel
1956 dalla rivista France
Football; dal 2010 al 2015 si
fuso con il Fifa World Player,
questanno invece i due premi
sono di nuovo distinti. Tre
italiani a vincerlo: Rivera,
Rossi e Cannavaro.
ALBO DORO RECENTE

2000: Figo (Portogallo)


2001: Owen (Inghilterra)

2002: Ronaldo (Brasile)


2003: Nedved (Rep. Ceca)
2004: Shavchenko (Ucraina)
2005: Ronaldinho (Brasile)
2006: CANNAVARO
2007: Kak (Brasile)
2008: C. Ronaldo (Portogallo)
2009, 2010, 2011, 2012:
Messi (Argentina)
2013, 2014: C. Ronaldo (Por)
2015: Messi (Argentina)
2016: C. Ronaldo (Portogallo)

per questioni di marketing.


Questanno, la rottura. Non
pi la Fifa a patrocinare il
premio, ma France Football,
la rivista francese che invent il trofeo, nel lontano 1956,
quando a trionfare fu linglese Stanley Matthews, che gi
aveva scavallato i quaranta:
altri tempi.
Hanno votato 173 giornalisti. Nella lista dei trenta lunico italiano Buffon. Magra
consolazione, che ci restituisce la fotografia di un calcio
- il nostro - assai impoverito.
Gli altri due reduci della serie A sono Higuain e Dybala,

Juve pure loro. Giusto per ricordare quando i Palloni dOro li vincevamo anche noi. Il
primo fu Rivera (1969), lultimo il Cannavaro Mondiale (2006), in mezzo anche
Paolo Rossi (1982) e Baggio
(1993). Per quello che - a livello mondiale - abbiamo prodotto, quattro Palloni dOro
italiani sono pure pochi. Anche stavolta nella foto di gruppo che chiuder il 2016 noi
siamo quelli dietro, nelle ultime file, nascosti dagli altri,
e hai voglia a metterti in punta di piedi per farti vedere.
RIPRODUZIONE RISERVATA

MARTED
13 DICEMBRE
2016

13
CORRIERE DELLO SPORT
STADIO

JUVENTUS

SORTEGGIO
S
N
O
I
P
M
A
H
C

Il vicepresidente
bianconero
allerta tutti:
Le partite
vanno giocate

IL DIRIGENTE PORTOGHESE

Gomes avverte
Finalmente
la rivincita...

Nedved:
Sar dura
non mi fido
Mi spaventa che la Juventus
sia indicata gi come favorita
di Antonio Barill
INVIATO A NYON

Sorteggio positivo? Relativamente.... Lurna


stata benevola con la Juventus, ma il vicepresidente Pavel Nedved non si fida del Porto: E
pericoloso che tutti ci considerino favoriti: la
Champions una competizione particolare,
non bisogna mai sottovalutare gli avvversari. I
portoghesi hanno gi eliminato la Roma, sono
abituati a giocare grandi sfide perch ogni anno
partecipano alla competizione, hanno un grandissimo stadio dove si soffrir di sicuro. Poteva andarci peggio? Pu sempre andare peggio,
pu anche andare meglio, ma le partite diventano facili solo dopo averle vinte.
CRITICHE. La Furia ceca era in campo nellul-

timo incrocio dodici anni fa (Non me lo ricordavo...), adesso rivivr da dirigente la sfida. E da dirigente difende la squadra da critiche che giudica eccessive e immotivate: Sopra le righe, sinceramente non le capisco: sia
i giocatori che lallenatore e lo staff, attraverso
un grande lavoro e non senza difficot, hanno
fatto tutto ci che abbiamo chiesto: faccio loro
i complimenti, siamo soddisfatti, per dobbiamo continuare su questa strada e raccogliere
vittorie su vittorie. Cercando, naturalmente, di
migliorare ancora: sono arrivati giocatori nuovi, non abbiamo dei titolarissimi e spesso abbiamo cambiato formazione, ma stiamo trovando l'assetto che pi avanti ci dar ulteriori
sicurezze. Sorride: Sappiamo come e dove
migliorare, ma non va detto prima della partita con la Roma....
MERCATO. Gli ottavi sono lontani, la testa gi

alla partitissima di sabato: E presto per parlare di sfida decisiva per lo scudetto, per una
partita importante e la Juventus vuole vincere sempre. Dopo la Roma in campionato e il

INVIATO A NYON - Fernando


Gomes, dirigente del Porto, nasconde bene la preoccupazione: riempie di complimenti la Juventus, ma assicura che i Dragoes non
partono battuti, anzi rilancia con ostentata sicurezza,
spiega che hanno buone
chance di superare il turno:
Rispettiamo i bianconeri,
sappiamo bene quanto siano forti e quanti campioni
italiani e stranieri schierino,
innegabile che dovremo
vedercela con un top club.
La squadra di Allegri attacca e difende bene, direi che
quasi perfetta, ma il Porto
si presenter concentratissimo e in piena forma fisica
alla doppia sfida: abbiamo
le potenzialit per batterli,
ci piace pensare che possiamo riuscirci.

FIDUCIA. A dettare le parole


di Bibota - lo chiamano cos
perch due volte, da calciatore, vinse la Scarpa dOro non soltanto la fiducia che
nutre verso una squadra giovane e spigliata, n il dovere di caricare i suoi ragazzi
dopo un sorteggio non proprio amico, ma anche il desiderio di rivincita che si porta dietro da una vita. Era in
campo, infatti, nella finale
di Coppa delle Coppe giocata il 16 maggio 1984 a Basilea, vinta 2-1 dai bianconeri: La ricordo benissimo, fu
una grandissima partita, giocammo bene ma uscimmo
sconfitti: da trentadue anni
aspettiamo la rivincita. In
realt, le due squadre si sono
gi incrociate, per allinterno del girone di qualificazione, non pi in gare a eliminazione diretta.

Il dirigente ceco Pavel Nedved, 44 anni, vicepresidente della Juventus LAPRESSE

Milan in Supercoppa, sosta natalizia e poi sotto con il mercato. Nella sede dellUefa ci sono
anche i dirigenti dello Zenit, ma Pavel assicura
di non averci parlato: Mi sono fermato soltanto con quelli dello Sparta Praga.... Axel Witsel
comunque un obiettivo, in mediana previsto un profondo maquillage: Siamo stati competitivi alla grande con risultati di tutto rispetto, ma a gennaio partiranno giocatori importanti per la Coppa dAfrica e potrebbe essere
opportuno intervenire a centrocampo. La domanda va fatta a Marotta che potrebbe rispondere concretamente, credo tuttavia che la Juventus sia gi forte cos.
SORRISO. Gli chiedono se sorride per aver schi-

vato il Real: Sorrido per il derby vinto. Credo sia


stato molto importante per ribadire chi siamo,
lennesima prova di forza di una squadra che
difficilmente sbaglia le partite difficili: ci siamo
trovati sotto, ma siamo riusciti a ribaltare il risultato. Higuain strepitoso? Lo abbiamo preso
per quello. Ovviamente essendo uno dei nuovi giocatori ha bisogno di un po di tempo per
ambientarsi e trovare la giusta intesa con i compagni. Ci vuole solo tempo, la Juve crescer ancora. Domanda dobbligo su Mario Mandzukic, che ha preso male la sostituzione: Se lho
consolato? No perch ero squalificato e non
potevo andare negli spogliatoi. L'avrei fatto, ma
tutto tranquillo. Mario tra i calciatori pi in
forma, combatte sempre: mi piace tantissimo,
siamo molto contenti di averlo. Va via, lo insegue unultima domanda sul presunto vantaggio di giocare in trasferta landata con il Porto:
E indifferente: sono sempre due partite, anzi
quattro tempi. E per Max Allegri, che affida il
suo commento a twitter, indifferente lavversario: Non avevo ansie particolari perch so
che questa Juve pu giocarsela con chiunque:
a questo livello non esistono partite semplici.

PILASTRI. Ci sono due mesi

per prepararsi al meglio,


pianificare limpresa e continuare lavventura in quella Champions che Gomes ha
sollevato nel 1986-87, quando si chiamava ancora Coppa dei Campioni: Dobbiamo lavorare duro per essere pronti sia fisicamente sia
mentalmente e chiss che la
sessione invernale di mercato non ci porti qualche
rinforzo per accrescere lesperienza di un gruppo gi
ben dotato di talento. Ovviamente, bisogner anche
blindare i gioielli che suscitano linteresse delle grandi dEuropa: monitorati Jesus Corona e Yacine Brahimi, corteggiatissimo in particolare il ventunenne Andr

RIPRODUZIONE RISERVATA

Fernando Gomes, 60 anni

Silva che per Gomes, senza titubanze, sfila dal mercato: Speriamo di trattenerlo
a lungo: non solo far molto
bene nel Porto, ma sar uno
dei futuri pilastri della Nazionale portoghese.
RICORDO. Nella Juventus c
Alex Sandro, che al Porto ha
giocato dal 2011 al 2015, ac-

Era in campo nell84


per la finalissima
di Coppa delle Coppe
vinta dai bianconeri
Aspetto da anni
Juve fortissima
ma ci piace pensare
di poterla battere...
Abbiamo i mezzi
per andare avanti
quistato per 8,5 milioni di
euro dal Santos e ceduto al
cub bianconero per 26 milioni: una plusvalenza importante per i Dragoes ma
anche un investimento felice per la societ di corso
Galileo Ferraris, considerata
la crescita dellesterno brasiliano, ormai a un passo dalla
Seleao: Alex Sandro fortissimo, in Portogallo ha lasciato un bel ricordo e tanti
amici, perci sar un piacere ritrovarlo. Spero il meglio
per la sua carriera, gli auguro di ottenere tanti successi
con la Juventus. La Champions? Gli auguro di vincerla, ma non questanno: sono
trentadue anni che aspettiamo la rivincita.
a.ba.

RIPRODUZIONE RISERVATA

La festa
della Juve
dopo
la vittoria
nel derby
contro
il Torino

IL PARERE DI CINQUE EX

Palleggio, tecnica e qualit:


portoghesi sempre da temere
ANGELO DI LIVIO

MARCO DI VAIO

ALESSIO TACCHINARDI

Buon sorteggio, la Juve Avversario abbordabile A febbraio i bianconeri


non sottovaluta nessuno Champions da vincere saranno pi forti di ora

Angelo
Di Livio
50 anni
LAPRESSE

ROMA - Angelo Di Livio ha giocato


nella Juventus dal 1993 al 1999,
vincendo la Champions League
nella stagione 1995-96. Ecco
come lex esterno bianconero ha
commentato il sorteggio della
Juve contro il Porto: Sulla carta
il sorteggio stato molto
favorevole per la squadra di
Allegri, ma la societ bianconera
ha nella propria mentalit la
qualit di non sottovalutare mai
nessun avversario. Questo il
punto di forza della Juventus.
Certo, stato un sorteggio
buono, ma la strada per la vittoria
finale ancora lunga
e c tempo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Marco
Di Vaio
40 anni
SCHICCHI

ROMA - Marco Di Vaio, bianconero dal


2002 al 2004, ha commentato cos il
sorteggio Champions: Il sorteggio
stato sicuramente positivo, meglio
incontrare squadre pi abbordabili
che club come il Real Madrid o il
Bayern Monaco. Tanto, andando
avanti prima o poi quelle pi forti si
incrociano. La Juventus allaltezza
della situazione, pu tranquillamente
passare il turno. Occhio al Porto per,
forte in casa. La squadra bianconera
una delle accreditate alla vittoria
finale, ma bisogna vedere in che
condizione arriva a febbraio. Hanno
tanti cambi in rosa, i giocatori sanno
che la Champions una competizione da vincere.
RIPRODUZIONE RISERVATA

ROMA - Alessio Tacchinardi ha


giocato in bianconero dal 1994 al
2005, vincendo la Champions nel
1995-1996: Il Porto una squadra
fastidiosa, ma credo che sia stato il
sorteggio quasi migliore. Juve
fortunata, come due anni fa. I
bianconeri a febbraio saranno pi
forti di oggi. La prima fase non
stata esaltante, ma meglio partire
cos e crescere alla lunga che partire
Alessio
Tacchinardi forte e calare dopo, come il City. Per
ora non mi sembra di aver visto una
41 anni
squadra pronta per la vittoria finale,
LAPRESSE
anche se questo sorteggio pu
essere uniniezione di fiducia. Mi
aspetto qualcosa a gennaio, magari
qualcuno a centrocampo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

ANSA

FABRIZIO RAVANELLI

Gruppo di carattere
ma non sar facile

Fabrizio
Ravanelli
48 anni

ROMA - Fabrizio Ravanelli ha giocato


in bianconero dal 1992 al 1996,
vincendo la coppa nella sua ultima
stagione: E la differenza tra la mia
Juve e questa, scherza lex
attaccante. Poi, sul sorteggio: E
una partita da non sottovalutare,
perch in Champions non c nulla di
facile. E sempre complicato giocare
col Porto, una squadra tecnica, di
palleggiatori. Molte big stanno
faticando, per questo i bianconeri
possono giocarsi tutte le chance per
vincere la Champions. Anche arrivare
tra le prime quattro, per, mi sembra
un gran traguardo. Questa squadra
ha gran qualit e carattere, vive i
momenti di difficolt a testa alta.
RIPRODUZIONE RISERVATA

ANTONIO CABRINI

A questo punto sono


tutte sullo stesso livello

Antonio
Cabrini
59 anni
GETTY IMAGES

ROMA - Antonio Cabrini ha giocato


nella Juventus dal 1976 al 1989,
vincendo la Coppa Campioni nel
1984-1985. Ha commentato cos il
sorteggio: Ha evitato le squadre
pi forti, ma non vuol dire nulla.
Arrivati a questo punto, sono tutte
squadre di qualit, se la giocano
alla pari e, se c una differenza,
minima. Difficile dire se pu
arrivare fino in fondo, ancora
presto. In questa squadra rivedo la
qualit e il dna da vincente che
aveva la mia Juve. Quella una
caratteristica che la societ ha da
sempre.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Pareri raccolti da Francesco Guerrieri

14
CORRIERE DELLO SPORT
STADIO

MARTED
13 DICEMBRE
2016

EUROPA LEAGUE

SORTEGGIOUE

EUROPA LEAG

Le reazioni
delle due
italiane
dopo le urne
di Nyon

ROMA

Il Villarreal?
Buona squadra
per ci teme
Tempestilli: Hanno esperienza, gara dura
di Guido DUbaldo
ROMA

SALAH TORNA IN TEMPO.

La
Roma dovr fare ancora a
meno di Salah, che torner dalla Coppa dAfrica in
tempo per limpegno con
il Villarreal. Tempestilli non
si sbilancia sui temi di mercato: Sono considerazioni
che far Massara e se c da
intervenire la societ sar
pronta. Salah fondamentale come tanti altri. Questo
si vedr pi avanti.

I KO NEL PRELIMINARE

La stagione europea del


Villarreal iniziata sotto una
cattiva stella: gli spagnoli
sono stati eliminati nel turno
preliminare dal Monaco di
Jardim. Ko casalingo
allandata e nuova sconfitta
nel principato

Il Borussia?
Poteva andarci
molto meglio

Sousa: Sono costruiti per la Champions


di Francesca Bandinelli
FIRENZE

L'Europa League uno


degli obiettivi, insieme alla
Coppa Italia. Davanti a
un avversario importante
come il Borussia Monchengladbach noi non ci nascondiamo. L'urlo arriva direttamente da Nyon, all'unisono, da parte del direttore generale Andrea Rogg e
del consigliere Sandro Mencucci. Paolo Sousa, al termine della gara con il Sassuolo, aggiunge: Cercheremo di
fare male al nostro avversario ed essere noi stessi. Sar
una gara di altissima qualit, anche perch i tedeschi

Rog e Mencucci:
LEuropa League
e la Coppa Italia
LO STUDIO. Da ieri a Trigo- sono gli obiettivi
ria hanno cominciato a stu- della stagione
diare il Villarreal. Diciamolo chiaramente: la Roma
avrebbe preferito un altro
avversario. Tempestilli non
si spaventa: Affronteremo unottima squadra, ma
ogni partita fa storia a s.
Dobbiamo crescere e creare la mentalit da grande
squadra, per riuscire a essere ogni anno competitivi. Dobbiamo ambire a essere sempre nei posti alti,
sia in Italia che in Europa.

versario nel Villarreal. Gandini riconosce le difficolt dellavversario: Il sorteggio stato tosto, non
ero presente, gli spagnoli
sono una squadra ostica e
ho scoperto che Pato non
vede lora di incontrarmi,
mi ha massacrato sui social,
dovremo prenderli con le
molle. Ha dei problemi a livello tattico, speriamo di essere nelle condizioni mi-

Il Villarreal ha stabilito un
record vincendo per due volte
consecutive lIntertoto nel
2003 e nel 2004. Il primo
anno gli spagnoli hanno
avuto la meglio sullHeerenveen. Il secondo invece finale
vinta con lAtletico Madrid

cher la partita di ritorno


allOlimpico, questo lunico piccolo vantaggio uscito dal lurna. Tempestilli
pensa positivo: Dobbiamo prima pensare ai prossimi impegni di campionato, poi verr lEuropa League. Il tecnico ha preparato la squadra al meglio e il
campo dir la verit. Il Villarreal ha esperienza e una
buona squadra: non sar
una partita facile, ma anche i nostri avversari ci temono.
chester United era il primo
avversario da evitare, ma
subito dopo cerano gli spagnoli: Dobbiamo sempre
porci obiettivi e cercare di
conquistarli. Non facile
ma noi siamo strutturati per
fare del nostro meglio fino
in fondo.

Gandini: Pato
non vede lora
di incontrarmi...
Dobbiamo prenderli
con le molle

I TROFEI VINTI

IL VANTAGGIO. La Roma gio-

SECONDO OSTACOLO. Il Man-

La Roma contro il Villarreal, il sorteggio per la Roma


non stato fortunato. La
societ giallorossa a Nyon
era rappresentata da Tonino Tempestilli, mentre Umberto Gandini era a Roma
a poche ore dalla partita
contro il Milan. Non sar
facile contro gli spagnoli,
che hanno gi eliminato
una volta la squadra giallorossa dallEuropa. Gandini nel pomeriggio si era
scambiato i saluti via Twitter con Pato, che stato un
suo giocatore al Milan e che
a febbraio ritrover da av-

gliori quando li incontreremo. Lattaccante brasiliano


sta ritrovando la condizione migliore e sta dando evidenti segnali di ripresa.

FIORENTINA

RIPRODUZIONE RISERVATA

PARLA LA BANDIERA MARCOS SENNA

Una sfida affascinante


contro la leggenda Totti
di Andrea De Pauli
VALENCIA

Poteva andare decisamente meglio, come sa


bene il Napoli, che la scorsa stagione si ritrov fuori dallEuropa League proprio dopo aver
incrociato la propria rotta con quella del Sottomarino giallo. Anche perch Roma-Villarreal poteva essere perfettamente una sfida da
Champions, non fosse stato per il passaggio a
vuoto dei giallorossi nei preliminari con il Porto, e per il contemporaneo ammutinamento della
truppa iberica allallora allenatore Marcelino Garcia
Toral, costata leliminazione contro il Monaco. Sia-

mo destinati a vedercela con squadroni, com


accaduto lanno scorso quando abbiamo ritrovato il Napoli, il commento tuttaltro che
entusiastico del capo delegazione del Villarreal, Marcos Senna, grande protagonista, da
giocatore, della conquista dellEuropeo del

2008 con la Spagna. La sfida, comunque,


molto affascinante e avremo la possibilit di
vedere al Madrigal una leggenda come Totti.
Nonostante qualche passaggio a vuoto nel torneo,
che ha costretto gli spagnoli a rimandare la qualificazione solo allultima giornata, il Villarreal, in questo avvio di stagione, si sta confermando squadra solida, dallalto livello di competitivit: ultima conferma proprio ieri con il sonoro 3-0 rifilato allAtletico
di Simeone. Merito della saggia gestione del nuovo
allenatore Fran Escrib, che ha inserito nellormai
tradizionale 4-4-2, i nuovi acquisti Roberto Soriano
e Nicola Sansone, con questultimo che non sta facendo affatto rimpiangere il lungo degente Roberto Soldado. Oltre ai due italiani di Baviera, da tenere docchio Musacchio, i nazionali Mario Gaspar e
Bruno, i talentuosi Castillejo e Trigueros e il fulminante Bakambu. E attenzione pure allex milanista
Pato, che sta dando evidenti segnali di ripresa.
RIPRODUZIONE RISERVATA

erano stati costruiti per giocare la Champions: qualit


tecnica individuale e collettiva. Comunque, stato un
sorteggio difficile. Ci poteva andare anche molto meglio. La Fiorentina, insomma, va a testa alta. I numeri
non sono completamente
positivi, vero - vinto solo
uno degli ultimi otto confronti contro squadre tedesche, con il Bayern Mona-

45

I MILIONI INCASSATI

Quelli incassati dal Borussia


Moenchengladbach con le
cessioni eccellenti del
centrocampista svizzero
Granit Xhaka, passato
allArsenal, e del norvegese
Havard Nordtveit trasferitosi
al West Ham

12

POSIZIONE IN CLASSIFICA

La squadra tedesca ha pagato


lo sforzo europeo con risultati
modesti in Bundesliga. Il
Borussia soltanto dodicesimo in classifica: sabato
tornato alla vittoria dopo nove
giornate trascorse senza alcun
successo

co - ma anche il Borussia ai
sedicesimi di Europa League (o vecchia Coppa Uefa)
ha sempre finito con l'essere eliminato. A dare forza ai
viola sono anche i gol fin qui
realizzati: s, perch la Fiorentina una delle uniche
due squadre (con lo Zenit)
ad avere due giocatori con
almeno quattro gol all'attivo,
Kalinic e Babacar. Ci aspetta una partita stimolante ha continuato Rogg - contro
una squadra che arriva dalla Champions, ma abbiamo
dimostrato anche noi il nostro valore a livello europeo.
STIMOLO FONDAMENTALE .

Mencucci si spinge addirittura oltre: Intanto, il nome


del nostro avversario per
noi fiorentini a dir poco
impronunciabile. Battute a
parte siamo moderatamente soddisfatti di questo sorteggio. Ci aspetta una squadra di blasone e con una tifoseria importante. Per Firenze, affrontare un impegno
come questo significativo.
Ci servono le sfide competitive per stimolarci. Noi siamo
un po' strani: se non sentiamo la competizione, pi
difficile vedere tante persone allo stadio, anche se i nostri tifosi sono sempre molto presenti. Europa League
come obiettivo primario?
In questi termini, forse un
po' esagerato, ma di certo la
Coppa, al pari di quella Nazionale, uno dei nostri traguardi. Mencucci ci scherza
su: Poteva andare meglio,
ma anche peggio basti vedere il Saint Etienne che ha
pescato il Manchester United (con i fratelli Pogba avversari). Ci batteremo contro
un avversario di pari livello:
sar intrigante oltre che un
bello spettacolo vedere queste doppie sfide. Sono diversi anni che non incrociamo
squadre tedesche e siamo
preparati. L'obiettivo proseguire il pi a lungo possibile nella competizione: siamo arrivati due volte in semifinale, ma per arrivare fino in
fondo serve anche un pizzico di fortuna.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LA CARICA DI TRAORE

I tedeschi senza paura


Vogliamo gli ottavi
di Enzo Piergianni
BERLINO

E un buon sorteggio. Non conosco Firenze e


anche per i nostri tifosi sar un bel viaggio. La
Fiorentina forte, ma nellandata al Borussia
Park cercheremo di mettere le fondamenta per
il raggiungere gli ottavi. Lars Stindl, da buon capitano, stato il primo a parlare sul sito del Borussia. A ruota arrivato il commento della freccia nera Ibrahima Traor: I viola sono un avversario attraente. Non sar facile, ma vogliamo
andare avanti. Non siamo arrivati dalla Champions per cadere sul primo ostacolo. Un anno
fa , il Borussia non ebbe la consolazione dellEuropa League. Nel girone di Champions della Juventus, arriv quarto e fu eliminato del tutto. La
squadra pi o meno la stessa che strapp due
pareggi (0-0 e 1-1) ad Allegri, ma con il valore
aggiunto della maturazione del gruppo allena-

to da Andr Schubert. Il tecnico delle giovanili


chiamato a rimpiazzare Favre ha lanciato giovani talenti come i difensori Elvedi e Christensen,
il centrocampista Dahoud, la mezzala Thorgan
Hazard, fratello minore dellasso del Chelsea. La
societ ha fatto cassa (45 milioni) con le cessioni di Xhaka allArsenal e di Nordtveidt al West
Ham, ma tornato il campione del mondo Kramer e i veterani del calibro di Raffael e Stindl in
attacco e dellinstancabile svedese Wendt sulla
fascia mancina sono pi che mai sulla breccia.
Il modulo rimane il 4-4-2 con gli esterni di centrocampo pronti a potenziare la fase offensiva
con ripartenze micidiali, come le sgommate del
tedesco Hahn che hanno propiziato la vittoria
in casa del Celtic (2-0). Il dispendio di energie
in Champions stato scontato col 12 posto in
Bundesliga, dove il Borussia sabato tornato a
fare 3 punti dopo una depressione di 9 giornate lontane dalla vittoria.

marted
13 dicembre
2016

15
Corriere dello Sport
Stadio

Fiorentina-Sassuolo 2-1

Turbo Kalinic, la Fiorentina vola


Due gol strepitosi del croato, a Di Francesco non basta Acerbi. Magnanelli e Gazzola ko
FIORENTINA
4-2-3-1

2 1

SASSUOLO
4-3-3

Tatarusanu
7
Salcedo 
6
Gonzalo Rodriguez 
6
Astori 
6,5
Maxi Olivera 
6,5
Badelj 
6,5
Vecino 
6
Chiesa 
7
(49' st Milic) 
sv
Ilicic 
6,5
(24' st Tello) 
6
Bernardeschi 6
(41' st Sanchez) 
sv
Kalinic 
7,5
All. Sousa6,5

Consigli 
5,5
Gazzola 
6
(17 st Lirola)6
Cannavaro 
5,5
Acerbi 
6,5
Peluso 
5,5
Pellegrini 
6
Magnanelli 
6
(27 st Mazzitelli) 
6
Sensi 
6
(22 st Iemmello) 
5,5
Ricci 
6
Defrel 
5,5
Ragusa 
5,5
All. Di Francesco 
6

A disposizione: Lezzerini, De Maio,


Cristoforo, Hagi, Zarate, Perez.

A disposizione: Pomini, Pegolo,


Antei, DellOrco, Adjapong, Pierini,
Matri.

MARCATORI: 10 pt Kalinic (F), 40 pt Kalinic (F), 31 st Acerbi (S).


ASSIST: Badeli (F) e Chiesa (F) per Kalinic.
ARBITRO: Fabbri 5,5. Arbitri darea: Massa e Martinelli. Guardalinee:
Tasso e Mondin. Quarto uomo: Valeriani.
AMMONITI: Salcedo (F), Peluso (S), Astori (F) per gioco falloso. Kalinic
(F). NOTE: Spettatori paganti: 1895 per una quota di 43.715 euro. Abbonati
20.154 per una quota di 308.120 euro. Recupero pt 1, st 5.
di Alessandro Rialti
FIRENZE

Continua la serie positiva


della Fiorentina, adesso davvero in prossimit delle posizioni nobili della classifica.
Con tanta strada ancora da
percorrere ma, ora, ha sfatato anche il mistero-negativo
del Franchi. Vince la Fiorentina, ancora sul proprio terreno di gioco. Vince con lefficacia di Kalinic (doppietta)
con lispirazione di Badelj e
la freschezza di Chiesa. S il

ragazzino y y, che dopo


aver segnato il suo primo
gol in Europa con la maglia
viola della squadra di Sousa
(alla decima presenza complessiva), ieri ha collezionato
un assist decisivo per lo stesso Kalinic. Certo che il croato al dodicesimo gol. Per
uno che non dovrebbe essere un bomber non poco.
Kalinic esempio di grande
professionalit: pochi sorrisi e grande efficacia. Uno
che c sempre. Certo, cresce e cresce bene Chiesa. Ra-

gazzo di faccia tosta e di talento. Uno che si batte sempre e non si accontenta delle
giocate di classe. Ha unanima guerriera e si vede. E il
Sassuolo? Fulminato dalla
partenza choc dei viola, un
gol nei primi dieci minuti e
poi capace s di reazione, ma
con poca freddezza. Quando gli uomini di Di Francesco hanno provato a riprendere in mano la gara, davanti
alla non-impermeabilit dei
difensori viola, si sono arenati, anche perch Tatarusanu,
al di l di qualche sbavatura,
ha fatto il suo. Neppure Defrel ha saputo trovare il colpo giusto. E come si fossero tutti arenati davanti allo
svantaggio. Poi la scossa, alla
mezzora di colpo il Sassuolo
ha riaperto la gara. Ha segnato Acerbi su mischia e classico batti e ribatti. Con Astori che respinge e poi con la
conclusione che passa sotto
le gambe di Badelj. Ma dopo
il gol gli uomini di Di Francesco non trovano la freddezza per un altro colpo e Tello e Chiesa mancano il terzo gol. Alla fine festeggia il
Franchi come poche volte gli
successo. Un nuovo passo
avanti, dopo la qualificazione in Europa League. E la serie terribile in campionato
solo iniziata. Ora a Genova.
LA PARTITA. La Fiorentina
deve iniziare bene la lunga scalata, sperata, alla cima
della classifica. Sousa ha bisogno di dare un segnale forte, di convinzione. Ovviamente nonostante la gara in

la moviola

Salcedo-Sensi
non rigore
Regolare l1-0
di Kalinic
di Edmondo Pinna

Non fa disastri Fabbri, qualche


sbavatura per c.
primo tempo

Nikola Kalinic, 28 anni, 15 partite e 8 reti con la maglia della Fiorentina in questo campionato ANSA

Coppa e la gara di recupero


a Genova di gioved, sceglie
i titolari. Gli esclusi eccellenti sono Borja Valero e Babacar, entrambi indisponibili:
attacco febbrile per il senegalese e postumi di una contusione alla gamba rimediata
a Baku per lo spagnolo. Tello,
a destra, deve lasciar posto al
crescente Chiesa. Squalificato Tomovic (al suo posto Salcedo) e ancora indisponibile Toledo. Confermato Maxi Oliveira. Di Francesco ha ancora fuori Missiroli,
Berardi, Politano, Lertdchert,
Biondini e Duncan. Pure il
Sassuolo ha lurgenza di alimentare il proprio bottino

GOL IN CASA DI KALINIC

Primi due gol al Franchi di


Nikola Kalinic in questo
campionato, dopo i sei
realizzati in trasferta. La
prima di Kalinic stata la
prima rete segnata dalla
Fiorentina nel primo quarto
dora: era lunica squadra
ancora a secco in questo
intervallo di tempo. La Viola
imbattuta in casa da nove
incontri di campionato: 4
vittorie, 5 pareggi.

stagionale.
EPISODI. Al 2' buona puni-

zione di Ilicic di poco fuori.


Poi al 10' passa la Fiorentina.
Ancora punizione di Ilicic,
ribattuta dal muro del Sassuolo, intercettata da Badelj
che trova Kalinic di destro
al volo e mette dentro: 1-0.
Cancellato anche lultimo
tab, quello del gol in campionato che al Franchi stentava ad arrivare. Il Sassuolo
reagisce, Gonzalo Rodriguez
fatica e commette qualche
errore di troppo, con Salcedo troppo lezioso e poco efficace. Due i salvataggi da
manuale di Tatarusanu. Poi

il formidabile raddoppio.
Splendido affondo di Chiesa sulla fascia destra, cross al
centro e di tacco Kalinic segna. Come di tacco, a Udine, aveva segnato Babacar,
quasi una sorta di marchio
di fabbrica dei viola. Il Sassuolo reagisce, ma la Fiorentina pu aspettare per colpire ancora. Secondo tempo
di cambi, con Tello che non
sfrutta loccasione pi ghiotta per chiudere la gara. Infine
il gol di Acerbi, un colpo che
sveglia il Sassuolo e mette, di
colpo, paura ai viola. Sofferenza e carattere: la scalata
appena iniziata.

6 - Contatto Salcedo-Sensi in
area viola, abbastanza
rischioso quello alto (c un
braccio sulla schiena), ma il
viola per tocca prima il
pallone: non c rigore.
10 - Ok l1-0 di Kalinic (lo tiene
in gioco Cannavaro): sul lancio
di Badelj, in off side non
punibili Chiesa e Bernardeschi.
17 - Gran parata di Tatarusanu
su Acerbi, arriva anche la Gol
Line Tech, ma non ce n
bisogno: pallone sempre
dentro il campo.
41 - Occasione per Ricci, che
si ritrova il pallone dopo il tiro
di Gazzola: forse in linea con
Salcedo, la tv non aiuta.
Secondo tempo

20 - Peluso stende Chiesa,


vantaggio per Ilicic e poi giallo.
31 - Ok il gol di Acerbi, con una
curiosit: non avesse segnato,
non sarebbe stato rigore il
braccio di Astori, visto che il
pallone tirato con forza da
Pellegrini viene deviato dal
piede di Astori.

Riproduzione riservata

Il logo Spin Master e Spin Master Ltd. Tutti i diritti riservati.

@edmondo_pinna
Riproduzione riservata

16
Corriere dello Sport
Stadio

marted
13 dicembre
2016

inter

La mano di Pioli si sente e si vede, la vittoria contro il Genoa


ha dato entusiasmo e consistenza alle ambizioni nerazzurre

verso leuropa
impresa inter
ora e possibile

Da Suning potrebbe anche arrivare un regalo a gennaio


sul mercato, intanto lagente di Gabigol rincara la dose
MILANO - Una vittoria per tornare a sognare la rimonta.
Dopo il successo sul Genoa,
infatti, in casa nerazzurra
tornato il sorriso, ma soprattutto tornato l'ottimismo di
poter risalire quanto prima in
classifica. Insomma, l'obiettivo
Champions non stato ancora abbandonato, anzi. Certo ci
vorr un'impresa pi o meno
da ricordare, visto che per coltivare qualche ambizione, a fine
campionato, sar obbligatorio

superare quota 70 punti. Nello scorso torneo, nonostante


l'avvio sprint, l'Inter ne mise
assieme solo 67, quindi molti
meno degli 80 accumulati dalla
Roma terza alla fine. Ora, Icardi e compagni sono a 24 in 16
giornate, per una media di 1,5 a
partita. Obbligatorio uno scatto per alzare il ritmo ad almeno
2,2: vorrebbe dire chiudere a 72

punti, comunque senza certezze. Ad ogni modo, le speranze nerazzurre non si poggiano soltanto sul successo, per
la verit assai faticoso, dell'altra
sera. Altri elementi hanno fatto aumentare la fiducia. Tanto
per cominciare, c' un calendario che fino a tutto gennaio
sembra offrire ghiotte opportunit. In pi, la condizione fi-

sica in crescita, anche il lavoro


psicologico di Pioli comincia a
dare i suoi frutti. Con il Genoa,
infatti, i nerazzurri sono tornati
a esibire la capacit di soffrire.
Senza compattezza e unit non
sarebbe stato possibile. Venerd scorso, il tecnico aveva portato la truppa a pranzo subito
dopo l'allenamento, ieri sera,
invece, c' stata la cena di Na-

Servizi di Pietro Guadagno

Il calendario

Riproduzione riservata

incroci offrono all'Inter


l'occasione per infilare una
serie positiva. Anche perch, di
fatto, siamo all'ora o mai pi.
Nel senso che se i nerazzurri
non cominceranno a correre
ora, tanto vale riporre subito
ogni speranza. A proposito del
calendario, il 2016 si chiuder
con la trasferta in casa del
Sassuolo e poi il match interno
con la Lazio, l'unico vero
scontro diretto fino alla gara
con la Juve (5 febbraio). Il
nuovo anno scatter a Udine,
ultimo appuntamento del
girone di andata, per proseguire
con Chievo (San Siro), Palermo
(fuori) e Pescara (San Siro). In
tutto 6 partite che l'Inter deve
affrontare con l'obiettivo di
ottenere il massimo, 18 punti.
Tollerabile solo un mezzo passo
falso.

MILANO - Appena arrivato


Pioli ha subito affermato che
la testa a comandare sulle
gambe. La sensazione che
all'epoca non abbia voluto
sottolineare la precaria
condizione fisica di Icardi e
compagni. La realt raccontava ben altro. E se il derby,
grazie alla forza dei nervi e alle
motivazioni, ha solo nascosto i
problemi. In Israele, in Europa
League, invece, l'autonomia
ridotta tornata nuovamente
sotto gli occhi di tutti. E' vero
che l'Inter anche debole
mentalmente e cos le gambe
finiscono per girare ancora
meno di quanto potrebbero.
Tanto pi che la condizione
deficitaria era una delle
critiche sollevate a De Boer,
che non vi ha mai posto
rimedio. E, infatti, tra le
richieste rivolte a Pioli, sin dai

Riproduzione riservata

Ranieri: Leicester, devi ripeterti


Bisogna giocare bene, senn tutti dimenticheranno quel 4-2 col City
Neanche il tempo di godersi
gli elogi per lincredibile lezione di calcio inflitta al Manchester City, quel 4-2 (ma fino a
pochi minuti dal termine era
un rotondo 4-0) che ha messo in discussione il Guardiolismo versione Premier, che
il Leicester di Claudio Ranieri torna in campo. I campioni dInghilterra sono impegnati in trasferta sul campo
del Bournemouth, avversario insidioso ma tutto sommato alla portata se le Foxes
giocano come sanno. E cio
con umilt, intelligenza e tanta grinta, la ricetta dello scorso anno. Chiaro che poi servono anche i colpi di qualit
e in quel senso la vena ritrovata di Jamie Vardy - autore
di una tripletta contro il City
ma a secco da inizio stagione
prima di sabato - un tocca-

sana. Cos come la prestazione dellacquisto record, Islam


Slimani. Il bomberone algerino questanno ci ha messo un
po a carburare, ma ha saputo
seminare zizzania nella difesa del City, segnalandosi per
generosit ed altruismo. Con
il Vardy ritrovato offre una dimensione in pi al Leicester
che diventa cos molto pi pericoloso anche contro difese
schierate e non solo con le ripartenze. Ottime nuove anche
dallinfermeria, dove prossimo al rientro il portiere Kasper
Schmeichel. In sua assenza,
Ron-Robert Zieler si destreggiato bene, ma il danese di
un altro pedigree. Torna anche Drinkwater da squalifica.
LEICESTER. Ranieri va cauto.
Abbiamo avuto una prestazione del genere anche perch contro il Porto in Champions ho fatto il turn over, infatti solo Wes Morgan stato

La societ

Allenamenti pi intensi
e il mini-ritiro a Marbella:
adesso tutti faticano

premier, oggi in campo contro il bournemouth

di Gabriele Marcotti
LONDRA

Marcelo Brozovic, 24 anni, festeggia con i compagni il secondo gol segnato al Genoa getty

La condizione

Escluso lo scontro diretto


con la Lazio, allorizzonte
gare facilmente gestibili
MILANO - Salire in corsa sulla
panchina di una squadra in crisi
non mai semplice. Se poi il
debutto nel derby con il Milan,
a cui seguono le sfide con
Fiorentina e Napoli, allora
pensare di riuscire a ribaltare
immediatamente la situazione
assume l'aria di un'impresa
titanica. E, infatti, l'inizio di
Pioli non stato dei pi
incoraggianti. Ingeneroso
addebitargli colpe dirette,
tuttavia 4 punti in quel trittico
non hanno fatto altro che
confermare la "malattia"
dell'Inter. Quello stesso
calendario adesso offre altre
prospettive. Il primo assaggio
stato la sfida interna con il
Genoa, vinta non senza qualche
affanno, ma sulla carta il
meglio deve ancora venire. Per
intendersi, non il caso di dare
nulla per scontato, i prossimi

tale con gli sponsor in un albergo di Piazza delle Repubblica,


stasera, infine, ci sar la festa
ristretta soltanto alla squadra.
Tante occasioni per stare insieme e per cementare il gruppo.
Non detto che baster, ma se
Suning, a gennaio, facesse un
regalo... Intanto Ribeiro, agente
di Gabigol, a Espn sbotta: Ora
si veramente rotto, a gennaio sar a Milano per risolvere
la situazione.

ha la possibilit di agganciare
- almeno per 24 ore - il Chelsea di Conte in vetta alla classifica. I Gunners, lanciatissimi, infatti fanno visita allEverton. I padroni di casa sono
in caduta libera: appena una
vittoria nelle ultime gare. Domani in campo il resto della
Premier League.
Riproduzione riservata

Il tecnico del Leicester Claudio Ranieri parla con i suoi ansa

titolare nelle due gare - spiega


- Quindi devo valutare bene se
fare cambi e quali cambi fare.
Squadra che vince non si cambia? Io non la penso cos. Anzi,
per me pi difficile cambiare una squadra che fa fatica.
In difesa squalificato Simpson, al suo posto sulla corsia
destra probabile il rientro di
Hernandez. Fondamentale per noi fare bene contro

il Bournemouth e poi il prossimo fine settimana contro


lo Stoke - aggiunge Ranieri Altrimenti tutti dimenticheranno la gara con il Manchester City. Il Bournemouth
unottima squadra che gioca
con qualit e fa girare bene il
pallone.
ARSENAL. Nellaltra gara in pro-

gramma questa sera lArsenal

PREMIER LEAGUE (16 giornata)


- Oggi: ore 20.45 Everton-Arsenal
(Sky Sport 1 HD), BournemouthLeicester (Sky Sport 3). Domani:
ore 20.45 Sunderland-Chelsea (Sky
Sport 1 e Sky Sport Mix), ore 21 Manchester City-Watford (Sky Sport 3).
CLASSIFICA: Chelsea 37; Arsenal
34; Liverpool 31; Manchester City 30;
Tottenham 27; Manchester United
24; Watford 21; West Bromwich,
Everton, Southampton 20; Stoke
19; Bournemouth 18; Burnley 17; Leicester 16; Middlesbrough, Crystal
Palace 14; West Ham 13; Hull, Swansea 12; Sunderland 11.

primi colloqui, c' stata quella


di aumentare l'intensit degli
allenamenti. Era impossibile
cambiare subito registro, dopo
un mese, per, gli effetti dei
nuovi metodi cominciano a
vedersi. Cos, pur soffrendo,
ma sotto altri aspetti, l'Inter
riuscita a tenere testa al
Genoa, una delle squadre che
corrono di pi e a pi alto ritmo
in serie A. La situazione
destinata a migliorare ancora.
Tra poco ci sar la sosta
invernale e subito dopo il
mini-ritiro a Marbella (2-7
gennaio) utile per mettere le
basi atletiche per la seconda
parte della stagione. E,
volendo, l'eliminazione
dall'Europa League consentir
a Pioli di programmare
settimane complete di
allenamenti alla Pinetina.
Riproduzione riservata

Da fine anno il marchio


comparir sulle maglie
e in cassa forze fresche
MILANO - Magari non subito a
inizio gennaio e magari ci vorr
anche una dimostrazione della
squadra, nel senso qualche
vittoria di seguito sarebbe il
modo ideale per fa scattare la
molla, ma tutt'altro che da
escludere (anzi...) un regalo di
Suning per Pioli. Un regalo,
vorrebbe dire qualche rinforzo
all'organico, soprattutto se
venisse considerato in grado di
fare subito la differenza. Per la
verit, da questo punto di
vista, il club nerazzurro parte
svantaggiato, perch la
priorit nella finestra invernale
sar quella di vendere, per
sfoltire la rosa ma anche per
fare cassa per il fair-play
finanziario. Il margine per
muoversi, come gi emerso,
potrebbe saltare fuori. Anche
perch entro fine anno il
marchio Suning apparir sulle

maglie da allenamento, alla


Pinetina o al centro Facchetti:
avverr con regolare contratto
di sponsorizzazione, quindi
con conseguente versamento
nelle casse nerazzurre. E
qualche novit potrebbe
arrivare pure dalla Cina, grazie
all'asse con Alibaba, che
detiene il 20% di Suning.
Tornando agli eventuali
rinforzi, in cima alla lista c' un
terzino e i nomi al momento
sono quelli di Criscito e
Darmian. Attenzione, per, a
quello che potrebbe accadere a
centrocampo. Si dovesse
trovare, infatti, una sistemazione a Kondogbia, magari
grazie ad uno scambio, allora si
aprirebbe lo spazio anche per
un rinforzo in mediana. Intanto
a gennaio Palacio dovrebbe
andare al Boca Juniors
Riproduzione riservata

In Breve
mondiale per club

Domani Kashima-Nacional
SUITA (Giappone) - Il Real sbarcato in
Giappone. Circa 300 tifosi ad attendere
le merengues allaeroporto di Tokyo. Tredici ore di volo prima di svolgere il primo
allenamento nel tardo pomeriggio di ieri.
La squadra di Zidane giocher la semifinale gioved mattina alle ore 11.30 contro i
messicani del Club America, che nel turno
precedente ha sconfitto i sudcoreani dello
Jeonbuk 2-1. Domani alle 11.30 in programma laltra semifinale tra Kashima e
Atletico Nacional. Alle 8.30 Jeonbuk-Mamelodi per il quinto e sesto posto.

liga, posticipo (15 giornata)

Villarreal, 3-0 allAtletico


Nel posticipo della quindicesima giornata
di Liga, il Villarreal, avversaria della Roma
nei sedicesimi di Europa League, ha vinto 3-0 contro lAtletico Madrid di Diego Simeone, grazie alle reti di Trigueiros al 28
del primo tempo, Dos Santos 10 minuti
dopo e Roberto Soriano al 93. Con questa vittoria la squadra di Escrib supera i
colchoneros e aggancia la Real Sociedad
a 26 punti. Ecco il programma completo
della 15 giornata:
VENERD: Malaga-Granada 1-1.

SABATO: Osasuna-Barcellona 0-3, Real SociedadValencia 3-2, Las Palmas-Leganes 1-1, Real MadridDeportivo La Corua 3-2.
DOMENICA: Eibar-Alaves 0-0, Celta-Siviglia 0-3;
Espanyol-Sporting Gijon 2-1, Betis Siviglia-Athletic
Bilbao 1-0.
IERI: Villarreal-Atletico Madrid 3-0.
CLASSIFICA: Real Madrid 37; Barcellona 31; Siviglia
30; Real Sociedad, Villarreal 26; Atletico Madrid 25;
Athletic Bilbao 23; Eibar, Espanyol 22; Celta Vigo, Malaga, Las Palmas 21; Alaves e Betis Siviglia 18; Leganes
15; Deportivo La Corua 13; Valencia, Sporting Gijon
12; Granada 9; Osasuna 7.

oggi e domani su premium

Francia, Coppa di Lega


ROMA - Premium trasmetter in esclusiva oggi e domani gli ottavi di finale della Coppa di Francia. Ecco il programma:
oggi Sochaux-Marsiglia, ore 21 su Premium Sport; domani Bordeaux-Nizza,
ore 18.45 su Premium Sport 2 e Psg-Lille,
ore 21.05 su Premium Sport.

appena retrocesso in brasile

Internacional, ecco Zago

Lex difensore della Roma Antonio Carlos Zago riparte dallInternacional di Porto Alegre. La squadra appena retrocessa in seconda divisione brasiliana per la
prima volta nella sua storia.

MARTED
13 DICEMBRE
2016

17
CORRIERE DELLO SPORT
STADIO

LAZIO

PROBLEMA LAZIO

Keita in Africa
cercasi soluzione

Ancora due partite, poi giocher la Coppa col Senegal


di Daniele Rindone
ROMA

Ultime due partite con Keita: ci sar domenica contro


la Fiorentina, ci sar contro
lInter a S.Siro il 21 dicembre. E poi? Partir, raggiunger il ritiro del Senegal, parteciper alla Coppa dAfrica che si disputer in Gabon
dal 14 gennaio al 5 febbraio
2017. Lassenza dellattaccante costringer Inzaghi ad attuare un piano di emergenza. Ci sono soluzioni interne,
ci sono soluzioni di mercato.
Non sar unassenza indolore,
sar unassenza pesante. Keita ha segnato 4 gol in 14 partite, stato decisivo anche da
assistman. A Genova, contro
la Samp, entrato carico, ha
corso e rincorso, ha organizzato azioni fulminee, ha servito un pallone doro a Immobile (purtroppo sprecato). Ha
aiutato in difesa, si sacrificato, ha dimostrato di tenerci tantissimo. Che far la Lazio senza Keita? La domanda
sorge spontanea e la risposta

non pu essere posticipata, il


tempo stringe, la pausa invernale alle porte.
LA SOLUZIONE INTERNA. La pri-

ma soluzione interna scontata, prevede lavanzamento


di Lulic in attacco, da esterno.
Inzaghi a Genova ha utilizzato il 4-4-1-1 con il bosniaco a

Un sostituto
dal mercato solo
con una cessione
In caso contrario
Lulic far lesterno
sinistra e Milinkovic alle spalle di Immobile. Il nodo esiste
perch Luis Alberto e Kishna
finora non si sono dimostrati
pronti. Lo spagnolo ai margini, ha giocato soltanto 27
minuti, non convocato da
un mese. Ritardi di condizione, scelte tecniche e infortuni lhanno allontanato sempre di pi dal campo. Luis Alberto, nellultimo weekend,

tornato in Spagna, a Siviglia,


ha postato foto su Instagram.
Oggi come oggi difficile credere che possa recuperare
terreno, conquistare Inzaghi,
inserirsi nel gruppo e dimostrare di essere al top. In rosa
c Kishna, lolandese titubante. S rialzato dopo lennesimo stop fisico, questanno
ha giocato solo 124 minuti (frutto di 3 presenze). Ha meritato pi fiducia di tutti il baby Lombardi.
Quando ha giocato s reso sempre
utile e pericoloso,
ci riuscito segnando, fornendo assist,
procurando rigori,
attaccando pericolosamente.
IL MERCATO. Ulti-

me due gare con


Keita. E poi inizier il mercato. La finestra di gennaio arriver al momento giusto, pu
valere come grande chance
per rinforzare la Lazio, per co-

prire il vuoto lasciato dal senegalese. Per chiudere un acquisto servir una cessione,
questo assodato. Sul mercato pu finire Luis Alberto,
ma stato pagato 4 milioni di
euro, la societ non pu perdere linvestimento e ha biso-

gno di soldi da reinvestire. Ad


agosto, per rimpiazzare Candreva e garantire unalternativa a Keita (era in bilico), il
diesse Tare ha pensato a Caf
del Ludogorets. La posizione
del brasiliano cambiata ed
cambiato il suo costo: ha ottenuto il passaporto bulgaro,
diventato comunitario, valutato 12 milioni di euro. La
soluzione low cost sempre
la stessa, porta in Spagna, sulle tracce di Alessio Cerci. Ad
agosto sera candidato pure
lui, sognava di riabbracciare
lamico Immobile (in coppia
hanno fatto faville a Torino).
Cerci ha recuperato da un infortunio a un ginocchio, s ripreso dopo unoperazione, si
sta allenando, cerca sistemazione. Su di lui
tornato il Bologna, alla fine
del mercato estivo gli aveva fatto svolgere le visite
mediche, ma non
sera convinto ad
acquistarlo. I con-

tatti sono stati riallacciati. Cerci sotto contratto con lAtletico Madrid sino al 2018, pu
essere acquisito in prestito, a
costo zero. Da tempo non rientra nei piani degli spagnoli. E rispuntato il nome di Kamil Grosicki, lala polacca
del Rennes, valutato circa
5 milioni di euro.
RIPRODUZIONE RISERVATA

2018 4
SCADENZA CONTRATTO

Diao Keita Bald, questo il suo


nome completo, ha un
contratto con la Lazio che
scade a fine stagione 2017-18.

GOL

Il 21enne senegalese alla


quarta stagione in biancoceleste. In questo campionato
ha realizzato 4 gol.

18
CORRIERE DELLO SPORT
STADIO

MARTED
13 DICEMBRE
2016

PESCARA

Pescara nei guai


i tifosi attaccano

IN EDICOLA

Un Guerino super:
dai colpi di mercato
ai re del dribbling

La protesta in occasione della cena natalizia


Calci alle auto dei calciatori e dei dirigenti
di Paolo Renzetti
PESCARA

SERIE A
CLASSIFICA
JUVENTUS 39 16 13 0 3 35 14
ROMA
35 16 11 2 3 36 16
MILAN
32 16 10 2 4 27 20
NAPOLI
31 16 9 4 3 32 15
LAZIO
31 16 9 4 3 29 17
ATALANTA
28 16 9 1 6 25 20
FIORENTINA 26 15 7 5 3 24 17
TORINO
25 16 7 4 5 32 22
INTER
24 16 7 3 6 24 21
CHIEVO
22 16 6 4 6 16 16
SAMPDORIA 22 16 6 4 6 20 22
UDINESE
21 16 6 3 7 22 24
GENOA
20 15 5 5 5 17 17
CAGLIARI
20 16 6 2 8 23 37
SASSUOLO
17 16 5 2 9 21 28
BOLOGNA
17 16 4 5 7 14 22
EMPOLI
11 16 2 5 9 7 24
CROTONE
9 16 2 3 11 14 30
PESCARA
8 16 1 5 10 13 29
PALERMO
6 16 1 3 12 11 31
Genoa-Fiorentina si recupera gioved
15/12, ore 20 (dal 27 pt sullo 0-0).
17 GIORNATA
Sabato 17 dicembre
EMPOLI-CAGLIARI
MILAN-ATALANTA
JUVENTUS-ROMA
Domenica 18 dicembre
SASSUOLO-INTER
CHIEVO-SAMPDORIA
NAPOLI-TORINO
PESCARA-BOLOGNA
UDINESE-CROTONE
GENOA-PALERMO
LAZIO-FIORENTINA

ore 15
ore 18
ore 20.45
ore 12.30
ore 15
ore 15
ore 15
ore 15
ore 20.45
ore 20.45

Cena di Natale indigesta ieri


sera per i giocatori del Pescara. I biancazzurri e i dirigenti adriatici hanno infatti trovato ad attenderli fuori
dal Porto Turistico, dove era
stato programmato il classico scambio di auguri con
quasi 400 ospiti, un centinaio di tifosi che hanno manifestato la loro delusione
per i risultati negativi della
squadra con cori e striscioni (su uno era scritto "Vergognatevi"). Al loro arrivo
Massimo Oddo e i suoi ragazzi sono stati apostrofati in malo modo dagli ultr
che non hanno risparmiato nessuno. Prima delle 21,
all'arrivo di quasi tutti i calciatori (i pi fortunati erano arrivati in leggero anticipo, sfuggendo alle contestazioni, e riuscendo ad entrare nel padiglione ex Cofa) ci
sono stati i momenti di maggiore tensione con alcune
auto dei calciatori accerchiate e prese a calci da alcuni tifosi che hanno inveito contro i giocatori. Qualche minuto dopo i tifosi si
sono spostati dall'ingresso
del Porto Turistico al parcheggio interno della strut-

tura accendendo alcuni fumogeni e facendo esplodere nel piazzale dei petardi. A
quel punto si reso necessario l'intervento degli uomini delle forze dell'ordine
che hanno fatto allontanare i tifosi che si sono portati all'esterno della struttura,
prima di allontanarsi senza
che si verificassero episodi
di violenza.

Sebastiani: Siamo
delusi noi per primi
per questi risultati
ma il campionato
non gi finito
La societ andr
sul mercato per
servono giocatori
convinti di sposare
questo progetto

TENSIONE. I

giocatori e i
membri dello staff biancazzurro, piuttosto scossi e tirati
in volto sono poi entrati nel
salone del Marina di Pescara per partecipare alla cena
di Natale. Il presidente del
Pescara Daniele Sebastia-

ni ha parlato poco dopo di


quello che si era verificato
qualche minuto prima all'esterno. Siamo tutti delusi e
noi per primi dei risultati e
posso capire i tifosi che sono
stati sempre al nostro fianco
e che si aspetterebbero altri
risultati. Io dico - ha detto
Sebastiani - che per non
si pu pensare a dicembre
che il campionato sia finito. Mancano tre gare del girone di andata e tutto il ritorno e dobbiamo sperare
che le cose possano cambiare, anche perch la zona
salvezza a due passi. Certo per che occorre vincere
e fare risultato. Voglio anche dire che la societ andr
sul mercato per rinforzare
la squadra, ma ci vorranno
giocatori convinti del progetto e di venire a Pescara.
Contro il Bologna domenica all'Adriatico i biancazzurri non potranno sbagliare. La sconfitta di Crotone li
ha fatti scivolare al penultimo posto, proprio alle spalle dei calabresi, con due sole
lunghezze di vantaggio sul
Palermo. Fallire anche la
gara contro gli emiliani significherebbe staccarsi anche di 5-6 punti dalla zona
salvezza.
Gieffepress

Massimo Oddo, 40 anni, allenatore del Pescara ANSA

Il Pescara fermo a 8: in Serie A


nessuna squadra con otto (o
meno) punti dopo 16 giornate
ha mai evitato la retrocessione.

Il Pescara ha sbagliato tutti i


tre rigori avuti a disposizione in
questo campionato, primato
negativo in questa Serie A.

PUNTI: MARCIA DA B

RIGORI SBAGLIATI

UNA STAGIONE TORMENTATA

Palermo, fanalino di coda dellEuropa

Solo 6 punti in 16 gare: record negativo nel Vecchio Continente. Ma il tifo resiste
di Paolo Vannini
PALERMO

Il Palermo attuale la peggior


squadra dEuropa con una delle tifoserie pi appassionate del
mondo. La crisi infinita vissuta dai rosanero brucia di pi
se si pensa che ancora domenica, a fronte di numeri imbarazzanti (in casa questanno il
Palermo non ha fatto neppure un punto e non vince dal 15
maggio scorso, quando si salv contro il Verona), bastato il nome di Corini e labbassamento dei prezzi a far arrivare al Barbera 21.000 spettatori (solo a San Siro e a Torino
ce nerano di pi). Che, nonostante la sfiducia ormai totale
in Zamparini, hanno esposto

Contro il Chievo
erano in 21.000
Mai in 116 anni
nove sconfitte
di fila in casa
striscioni, cantato e sostenuto
la squadra fino allultimo istante, subissandola poi di fischi
per lennesima prestazione deludente, dopo al contrario avere sportivamente reso omaggio
allavversario Pellissier, salutato da una standing ovation
al momento
della sostituzione nonostante avesse fatto gol (il
100 in A) ai
rosa.
PRIMATI TRISTI. La scon-

fitta con il
Chievo stata
una vera batosta psicologica perch,
dopo larrivo
di Corini e la
prova voliti-

spareggio per sperare ancora.

IL CONFRONTO
SPAGNA
(DOPO 15 GIORNATE)

SPORTING GIJON 12
GRANADA 9
OSASUNA 7

INGHILTERRA
(DOPO 15 GIORNATE)

SWANSEA 12
HULL CITY 12
SUNDERLAND 11

GERMANIA
(DOPO 14 GIORNATE)

WOLFSBURG 10
AMBURGO 10

va di Firenze, si pensava che


squadra e ambiente potessero scuotersi. Invece la spaventosa lista di primati negativi si
allungata. Con la vittoria del
Crotone, adesso il Palermo
da solo in fondo alla classifica (lultima volta era stata alla
26 giornata del 2012/13). Sei
punti dopo 16 giornate sono
il minimo storico per il club,
ma anche un umiliante record
continentale. Nessuna squadra
nelle maggiori 5 leghe europee
ha conquistato meno punti e
meno vittorie dei rosa, in Spagna lultima della classe
lOsasuna
che a 7 (e
con una
giorna-

INGOLSTADT 9
DARMSTADT 8
FRANCIA
(DOPO 17 GIORNATE)

CAEN * 15
NANTES * 13
LORIENT 12

* Caen e Nantes 1 gara in


meno
ITALIA
(DOPO 16 GIORNATE)

CROTONE 9
PESCARA 8
PALERMO 6

ta in meno) e in Germania anche lIngolstadt, fino a qualche settimana fa accomunato


al Palermo per lincapacit di
fare punti interni, si svegliato battendo addirittura la capolista Lipsia. Fa senso pensare che una squadra che ha
sempre fatto del rapporto con
il proprio stadio una delle armi
principali abbia infilato una
striscia di sconfitte cos lunga:
al Barbera il Palermo ha perso 8 volte di fila e persino nelle due gare stagionali di Coppa Italia al 90 non era riuscito
a superare lavversario, peraltro
di B. Ad agosto batt il Bari solo
ai supplementari, pochi giorni fa stato estromesso dallo
Spezia ai rigori. Il numero
di gol prodotti
in casa si spera
faccia intervenire la societ
in sede di campagna di riparazione: 3 in
tutto, due con
Nestorovski e
uno con Chochev. Inutile
dire che simili
numeri negativi non trovano
riscontro nella
storia rosane-

Eugenio Corini, 46 anni, allenatore del Palermo LAPRESSE

ro: mai in 116 di vita il Palermo aveva perso 9 volte di fila,


mai aveva fatto scena muta sul
proprio campo cos a lungo,
mai aveva vinto una sola partita sulle prime 16 in un campionato. Si spera ora almeno di
frenare questa deriva prima di
toccare record assoluti: il mas-

simo di sconfitte consecutive in


A del Brescia 1994/95 con 15
(nei gironi a 20 squadre della
Triestina con 11), a 9 sconfitte
interne di seguito arriv il Pescara 4 anni fa e proprio contro gli abruzzesi il Palermo giocher la prossima gara interna
il 22 dicembre, una specie di

A COSA AGGRAPPARSI. Il quadro


dei numeri desolante ma Corini non intende abbattersi, anche se, come capita sempre agli
allenatori che subentrano, sta
rendendosi conto con i propri occhi dei problemi della
rosa e dei singoli che la compongono. Di uno si gi accorto: mancanza di continuit (a
una prova che fa sperare ne segue una disarmante, in questi
anni successo decine di volte) e personalit. Molti giocatori soffrono il Barbera e la composizione multietnica con alcuni stranieri che ancora non
parlano bene la lingua complica le cose. Difficilmente adesso potr contare sul pubblico
tradito dallinsipida partita con
il Chievo. Per riportarlo a credere nella salvezza, ci vorranno
risultati e acquisti mirati. Lultima chance di riscatto anche
per Zamparini, responsabile
principale di un simile sfacelo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

USSI PUGLIA

Premiati Tavecchio e il ct Ventura


BARI - Arriva la notte degli Oscar. Prestigioso appuntamento di gala dell'Ussi Puglia.
Premi d'eccezione per Carlo Tavecchio,
presidente della Figc e Giampiero Ventura,
barese di adozione, commissario tecnico
della Nazionale. Nella splendica cornice
dell'Hotel BorgoEgnatia di Savelletri
(stasera dalle 20) riceveranno il Premio Ussi
Puglia-Finsita Holding Vito Tisci , presidente
del settore giovanile e scolastico della Figc,
Luciano Vinella, imprenditore di successo,
Raffaele Lorusso, segretario nazionale della
Federazione della Stampa, Annalisa
Monfreda, direttore di Donna Moderna e
Starbene, Aldo Melpignano, leader internazionale in campo turistico, Domenico Celi,
arbitro di serie A, Nicola Berardino, giornalista della Gazzetta dello Sport.
RICONOSCIMENTI

Gli altri riconoscimenti andranno a Fabio


Poli, per il racconto sportivo "Gli Eroi

Silenziosi", ai giornalisti Bruno Conte e


Marco Lezzi, alla carriera. Paolo Ruscitto
ricever la targa Under 35 intitolata Gianluca
Guido mentre Marco Giuliani sar premiato
per il web. Targa speciale a Nicola Lanzillotta, manager di slancio imprenditoriale.
Alla manifestazione, organizzata dal Gruppo
pugliese giornalisti sportivi presieduto da
Antonio Guido, parteciperanno Miriam e
Alessandro Vinella in rappresentanza di
Finsita Holding, Francesco Albergo coordinatore AssoPetroli e Stefano Giampaolo,
licenziatario del marchio Borrelli. Ospiti
d'onore il presidente dell'Ordine dei
giornalisti di Puglia Valentino Losito, Elio
Sannicandro presidente regionale del Coni,
Bepi Martellotta presidente regionale
dell'Assostampa, Carlo Brienza, direttore di
sede e Attilio Romita caporedattore del Tg3
Puglia. Presenteranno la serata i giornalisti
Franco Cirici e Barbara Cirillo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Dai grandi colpi di mercato in arrivo a gennaio allintervista esclusiva al ct azzurro Gian Piero Ventura,
dallo speciale sulla finale
di Supercoppa a Doha tra
la Juve e il Milan (in programma il 23 dicembre)
allinchiesta sulle ali pi
forti in Europa e nel mondo, dalla moda dei calciatori con i tatuaggi ai soldi
spesi dallInter nelle nove
rivoluzioni tecniche scattate dopo il 2010, dallanno
del Triplete di Mourinho.
In edicola vi aspetta
un Guerin Sportivo ricco
di sorprese: 180 pagine,
uno sguardo attento anche al calcio internazionale (come nella tradizione
della storica rivista), le rubriche di Italo Cucci e Roberto Beccantini, la storia
a puntate del campionato.
Servizi esclusivi, lamarcord
con Pierino Prati, il rilancio
dei Rangers Glasgow (retrocessi nel 2012 in quarta serie per irregolarit finanziarie), il titolo vinto in
Brasile dal Palmeiras dopo
ventidue anni di attesa, la-

genda con tutti gli appuntamenti di calcio italiano


e straniero da seguire davanti alla tv durante le festivit natalizie, le interviste a Francesca Piccinini
(regina del volley) e allattrice Euridice Axen, protagonista sul set di The Young
Pope e grande tifosa della Roma.
Da non perdere poi il
dossier sul Mondiale del
2022 in Qatar: gli investimenti, i nuovi stadi, i preparativi, una macchina organizzativa che gi entrata in azione.
RIPRODUZIONE RISERVATA

In Breve
CAVIGLIA KO: SALTA EMPOLI?

Cagliari, Borriello a rischio


CAGLIARI - (g.a.) Come se gi non bastassero gli altri assenti per infortunio e un momento non particolarmente brillante dal punto di vista psicologico dopo la pesante sconfitta subita domenica al SantElia contro il Napoli,
Rastelli rischia di perdere per la trasferta di Empoli anche
Borriello. Lattaccante partenopeo ieri pomeriggio rimasto a riposo e si dedicato alle terapie dopo la distorsione
alla caviglia destra rimediata prima della mezzora della
ripresa della sfida contro gli azzurri. I primi accertamenti ai quali la punta si sottoposta ieri mattina non hanno
evidenziato particolari lesioni, se non un gonfiore diffuso sullarticolazione. In ogni caso, salvo leventuale semaforo rosso del medico sociale, se il giocatore dovesse migliorare e dare la sua disponibilit, Massimo Rastelli potrebbe convocarlo anche se non al top della condizione.
Rastelli potrebbe affidarsi a Melchiorri, Sau e Farias che
garantiscono pericolosit, qualit ed efficacia a tutto il reparto offensivo. Il tecnico potr recuperare in pieno non
solo Farias ma anche Di Gennaro che ha scontato il suo
turno di squalifica domenica.

UNDER 17

Spezia campione dinverno


Lo Spezia in casa non va oltre il pari con lEmpoli, secondo nel girone A, mantenendo cos inalterate le distanze e si fregia del simbolico titolo di campione dinverno.
Nel girone B, tris esterno dellAtalanta che chiude il girone di andata al primo posto. Colpo della Roma che vince di misura a Perugia e scavalca il Palermo agganciando la testa del girone C.
I RISULTATI (13 giornata) - Girone A: Carpi-Sassuolo 0-1; FiorentinaNovara 1-0; Pro Vercelli-Trapani 2-2; Sampdoria-Juventus 0-1; SpeziaEmpoli 0-0; Torino-Genoa 1-1; Virtus Entella-Pisa 1-1. Classifica Spezia
30; Empoli 25; Juventus, Novara 24; Genoa, Torino, Sassuolo, Fiorentina
23; Pro Vercelli 19; Sampdoria, Trapani 11; Pisa 7; Carpi 6; Virtus Entella 3.
Girone B: Cesena-Internazionale 0-2; Chievo Verona-Bologna 0-3;
Cittadella-Atalanta 0-3; Milan-Lazio 3-0; Spal-Verona 0-0; UdineseCagliari 0-0; Vicenza-Brescia 3-4. Classifica: Atalanta 31; Milan 29;
Bologna, Internazionale 28; Brescia 25; Cesena 24; Lazio 20; Cagliari,
Verona 16; Vicenza, Chievo Verona 12; Udinese 10; Spal 7; Cittadella 2.
Girone C: Ascoli Picchio-Napoli 1-1; Avellino-Citt di Palermo 1-1; BariBenevento 2-1; Crotone-Ternana 0-2; Latina-Frosinone 0-1; PerugiaRoma 1-2; Salernitana-Delfino Pescara 0-0. Classifica Roma 34; Citt
di Palermo 33; Napoli 23; Ternana, Ascoli Picchio 21; Delfino Pescara
20; Bari 19; Crotone 18; Frosinone 15; Perugia 14; Salernitana 13; Latina
12; Benevento 11; Avellino 2.

DONNE, TORNEO DI MANAUS

Le azzurre in finale in Brasile


MANAUS - Dopo la bella vittoria allesordio contro la Russia, la Nazionale femminile concede il bis contro la Costa
Rica con lo stesso risultato della gara precedente (3-0, gol
di Gabbiadini, Piemonte e Mauro), e conquista la finale
per il primo e secondo posto al Torneo Internazionale di
Manaus con un turno di anticipo: le avversarie saranno le
padrone di casa del Brasile, che le azzurre incontreranno
nella terza gara del quadrangolare, in programma domani, prima di affrontarle poi nella finale del 18 dicembre.

MARTED
13 DICEMBRE
2016

19
CORRIERE DELLO SPORT
STADIO

FUMATA BIANCA

Pisa, bilancio ok: via libera ai Corrado


Il Cda approva lesercizio 2016. Adesso la nuova societ
di Aldo Gaggini
PISA

E stata unoperazione pi lunga del previsto, ma alla fine


dopo tre ore di lavoro, lapprovazione del bilancio al 30
giugno ha imboccato la strada giusta ed arrivata la fumata bianca tanto attesa. A met
dei lavori era stato lo stesso
Lorenzo Petroni a informare
il presidente della Lega Andrea Abodi sullandamento
senza intoppi dellassemblea
dei soci alla quale ha partecipato anche il revisore unico

Antonio Moretti. E pi tardi


lo stesso Abodi, tramite i social network, ha ufficializzato la felice conclusione dellassemblea che chiude un capitolo e favorisce lapertura di
una fase nuova nella vita della societ nerazzurra.

vanni Corrado che si assumer lonere di guidare la societ


insieme ai soci Viris Spa e Uni-

Abodi informato
costantemente
dellassemblea
MOMENTO CRUCIALE. Lap- I Petroni verso
provazione del bilancio era luscita di scena
un passaggio fondamentale
cos come lo sar la successiva certificazione per arrivare
al trasferimento delle quote
da Carrara Holding al gruppo
Ma.gi.co di Giuseppe e Gio-

gasket Spa. Ampie rassicurazioni ha avuto ancora una volta il presidente Abodi sul felice proseguimento dei collo-

qui tra i tecnici delle due parti


che stanno predisponendo la
messa a punto del contratto di
cessione del pacchetto azionario che dovr essere suddiviso in base a percentuali
ancora da decidere in pieno.
STIPENDI. Unoperazione da
effettuare nel pi breve tempo possibile per non perdere alcuna scadenza ha detto
lo stesso Corrado nei giorni
scorsi: il 16 dovranno essere
corrisposti gli stipendi ai tesserati e versati i relativi contributi, una scadenza dalla quale

non si potr derogare per non


incorrere nelle penalizzazioni in classifica. La volont dei
Corrado di far presto si scontra con la burocrazia e le disposizioni di legge, ma pare
ormai certo che il Pisa sia destinato a finire nelle sue mani.
Per loro, che avrebbero voluto prendere il Parma, si apre
la strada del calcio da gestire con criteri imprenditoriali e allavanguardia. I Petroni
usciranno di scena con dignit, bloccati dalla disavventura giudiziaria in cui incappato lex presidente agli arre-

Gennaro Gattuso, 38 anni, allenatore del Pisa LAPRESSE

sti domiciliari dal luglio scorso per una presunta evasione


fiscale aggravata. Senza questo intoppo, forse, la storia del
Pisa avrebbe potuto avere un
altro percorso dopo che il famoso patto di Gallarate ave-

BARI
Capradossi freme
Ora tocca a me
di Giovanni Mazzilli
BARI

Guidato da Montella nei giovanissimi nazionali della Roma,


allenato da Tovalieri negli Allievi nazionali, affidato alle sapienti cure di De Rossi nella
Primavera giallorossa. Poi la
stima di Spalletti, la considerazione di Stellone e l'apprezzamento di Colantuono. Per
Elio Capradossi si sta aprendo un mondo nuovo. Al suo
primo anno da professionista
ha gi referenze importanti da
mettere nel suo curriculum.
In prestito dalla Roma con cui
ha vinto uno scudetto Primavera, il giovane centrale sabato prossimo contro l'Avellino,
complice le squalifiche di Cassani e Di Cesare e l'infortunio
di Moras, scender in campo
da titolare per la terza volta in
questa stagione. La prima in
casa col Benevento, la seconda
poi a Brescia. Sempre in coppia con Tonucci con cui divider la responsabilit di arginare la voglia di gol degli irpini. Poi due spezzoni di partita

SERIE B
CLASSIFICA
H. VERONA
34 18 10 4 4 35 22
BENEVENTO*1 32 18 9 6 3 25 11
SPAL
32 18 9 5 4 28 20
FROSINONE 32 18 9 5 4 24 19
PERUGIA
29 18 7 8 3 23 15
CITTADELLA 28 18 9 1 8 28 23
CARPI
28 18 7 7 4 19 15
VIRTUS ENTELLA 26 17 6 8 3 25 19
BARI
24 18 6 6 6 18 17
SPEZIA
23 18 5 8 5 15 15
NOVARA
22 18 6 4 8 20 20
BRESCIA
22 18 5 7 6 21 26
SALERNITANA 21 18 4 9 5 21 21
LATINA
20 18 3 11 4 20 23
PISA
20 18 4 8 6 7 10
TERNANA
20 18 4 8 6 19 23
ASCOLI
19 17 4 7 6 17 21
CESENA
19 18 4 7 7 19 17
PROVERCELLI 18 18 3 9 6 14 23
VICENZA
18 18 4 6 8 12 24
AVELLINO
17 18 4 5 9 11 24
TRAPANI
12 18 1 9 8 11 24
*= Punti di penalizzazione.
Ascoli-V.Entella si recupera oggi (ore
20.30)

19 GIORNATA
Venerd 16 dicembre
TRAPANI-FROSINONE
Sabato 17 dicembre
BARI-AVELLINO
CITTADELLA-PISA
LATINA-BRESCIA
NOVARA-CESENA
PRO VERCELLI-SPAL
SALERNITANA-CARPI
SPEZIA-PERUGIA
TERNANA-VICENZA
Domenica 18 dicembre
BENEVENTO-ASCOLI
Luned 19 dicembre
H. VERONA-V. ENTELLA

ore 20.30
ore 15
ore 15
ore 15
ore 15
ore 15
ore 15
ore 15
ore 15
ore 17.30
ore 20.30

COGLIERE L'ATTIMO. Un'occa-

sione da non perdere. Partiamo dal bel punto conquistato a


Pisa - esordisce il ventenne difensore - importante perch ci
consente di affrontare l'Avellino con serenit e convinzione.
Un match sicuramente difficile
per le tante assenze a cui ulti-

Le voci insistenti
di mercato? Io da
qui non mi muovo
Ma sarebbe bello
avere pi spazio
mamente dobbiamo fare fronte. Allo stesso tempo per un
match stimolante che ci permetter di compattarci per disputare una grande partita in
cui l'unico obiettivo la vittoria. Mai messo in discussione n dai tecnici, n dai compagni, n dai tifosi, ma chiuso dall'esperienza e dalla per-

sonalit di Moras e Di Cesare


che sabato gli faranno posto.
Mi dispiace per due compagni dai quali sto apprendendo
le basi del calcio professionistico. Ho l'occasione di scendere in campo e far di tutto per
farmi apprezzare. Ma soprattutto per aiutare la squadra ad
ottenere il massimo. Qualche giorno fa si erano diffusi
voci di divorzio tra Capradossi e il Bari. Lo scarso impiego,
si diceva, stava suggerendo alla
Roma di riprendersi il ragazzo
al termine del girone di andata per vederlo in campo di pi
altrove. Sciocchezze - dice Non c' niente di vero. Mai mi
mai passato per la mente di
abbandonare Bari. Quello che
mi preme focalizzare la mia
attenzione su queste ultime
tre partite. Prematuro parlare di altro.
AZZURRINO. Quarantasette pre-

senze nelle nazionali giovanili.


A breve anche l'Under 21. Tanto azzurro che non ha consentito a Colantuono di valutarne
le effettive potenzialit. Gio-

care con la maglia dellItalia


un onore, un privilegio. Considero questo mio primo approccio al professionismo del
tutto positivo. Allenarmi con
giocatori che hanno fatto grandi carriere mi ha fatto aprire la
mente. Non ho giocato molto,
ma non mi lamento. Tutto finalizzato alla crescita, anche
se spero di avere pi spazio.
RIPRODUZIONE RISERVATA

NUOVO ORGANIGRAMMA. Il passo successivo allacquisizione

Ascoli-Entella
il recupero
vale doppio
di Andrea Ferretti
ASCOLI

Agli infortunati Perez, Lazzari,


Bianchi e Hallberg si aggiungono due squalificati (Mignanelli e Gatto). Da ci che resta
mister Aglietti tirer fuori l'undici che stasera affronta l'Entella nel recupero che completa il mosaico della B.
TURNOVER FORZATO. Il turno-

Il difensore in prestito dalla Roma al Bari Elio Capradossi, 20 anni LAPRESSE

GIUDICE SPORTIVO

Gasparetto (Spal) 3 giornate fuori


MILANO - Il giudice sportivo della Lega Serie
B ha adottato i seguenti provvedimenti
disciplinari in base ai referti arbitrali delle
partite della 18 giornata dandata del
campionato. Sono 17 i calciatori squalificati,
tutti per un turno ad eccezione di Gasparetto della Spal, fermato per tre giornate.
CALCIATORI SQUALIFICATI - Squalifica per
3 giornate a Gasparetto (Spal); una giornata
di stop a Coppolaro (Latina), Lollo (Carpi),
Palumbo (Ternana), Rocca (Latina), Valiani
(Bari), Altobelli (Pro Vercelli), Bellomo

(Vicenza), Cassani (Bari), Di Cesare (Bari),


Gatto (Ascoli), Martinelli (Brescia),
Mignanelli (Ascoli), Mora (Spal), Pellizzer
(Virtus Entella), Soddimo (Frosinone), Tuia
(Salernitana).
AMMENDE - Avellino 3.000 euro Vicenza
2.500 , Ascoli 1.500 . Ammenda di 1.500
euro a Bianco e Catellani (Carpi) e Granoche
(Spezia). Ammonizione con diffida al
tecnico del Latina, Vincenzo Vivarini.
Ammonizione al tecnico del Carpi Fabrizio
Castori.

ver stavolta lo decide il giudice


sportivo che ha appiedato due
giocatori che contro il Latina
erano in diffida ed hanno rimediato il giallo decisivo. L'allenatore sembra intenzionato
a confermare la difesa a quattro con Almici e Felicioli sulle fasce, Augustyn e Mengoni
centrali. A centrocampo difficile rinunciare a Carpani e Addae davanti alla difesa, quindi un terzetto (Orsolini, Cassata, Giorgi) dietro l'unica punta Cacia. Chiss per Aglietti
non opti per le due punte dando via libera dal primo minuto a Favilli come supporto di
bomber Cacia. Dobbiamo
fare una grande partita per
cancellare il 2-2 di sabato - le
parole del mister - oppure andremo di nuovo a terra. Non
recuperiamo nessuno e in pi
abbiamo pure due squalificati. Spero non subentri l'ansia
da vittoria al Del Duca, anzi il
fattore campo deve diventare vincente: quel muro di tifosi a pochi metri dal campo
un grande aiuto.

COLPO DOPPIO. Aglietti non lo

IL PERSONAGGIO

Perugia, un leader per la A


Guberti sempre pi determinante nei piani di Bucchi
di Clero Bertoldi
PERUGIA

Ci voleva proprio lui, Stefano


Guberti, a portare laffondo vincente. Nella giornata in cui i grifoni, come allinizio del torneo,
hanno sprecato un buon numero di palle gol, lex romanista
ha iscritto il suo nome, a caratteri cubitali, sulla vittoria molto importante che ha regalato il
5 posto e tiene i grifoni incollati alla parte alta della classifica.
I compagni lo hanno festeggiato dentro e fuori dal campo. Lapidaria la battuta di Massimo Volta, il centrale difensivo:Vedere segnare Stefano di
testa, come vedere la neve a
Perugia. Gi, perch la stranezza non che Guberti, 32
anni, abbia segnato - al suo
terzo gol in campionato (lanno scorso dopo il suo rientro
aveva siglato una sola rete) ma che lo abbia fatto con una
incornata che non , propriamente, una delle sue specialit.

Anche se lallenatore, Cristian


Bucchi, lo sollecita a tirare fuori dal bagaglio tecnico, di cui
in possesso in quantit superiore alla media della categoria, anche questi colpi. Stefano un caprone - ha spiegato,
ridendo, il tecnico - perch lui
preferisce aspettare sempre la
palla tra i piedi. Invece quando taglia, come in occasione
del gol, quando mi sembrato
di vedere Van Basten, prende
alla sprovvista pure gli avversari. In questo modo pu rappresentare unarma in pi per
noi, soprattutto in partite nelle
quali i nostri avversari pensano solo a difendersi.
BOMBER. Gli attaccanti in ge-

nerale stanno regalando belle


soddisfazioni, anche se lattacco biancorosso non tra i pi
prolifici: 6 gol Di Carmine, 5 Nicastro, 3 Guberti, 2 Bianchi...
Siamo stati bravi, con Guberti
- sottolinea lallenatore - a dare
il colpo vincente riconquistan-

do la vittoria che ci mancava al


Curi. Gli avversari hanno preso
coscienza della nostra forza e
si difendono. E non facile per
noi trovare gli spazi. Il taglio di
Stefano risultato provvidenziale, come il cross al bacio di
Belmonte.
Bucchi tiene in grande considerazione Guberti sia per le
sue doti tecniche, sia per la sua
esperienza maturata in grandi
club quali Samp, Roma, Torino. Per cui, pur utilizzandolo
come esterno, pi spesso a sinistra (ma anche a destra), gli
concede libert di convergere
al centro e gli chiede, in fase di
non possesso palla, di muoversi da trequartista. Daltro canto uno che ha i suoi piedi, pu
giocare dovunque. E pu fare
pi che il protagonista, il mattatore. Insomma Stefano rafforza sempre di pi la sua leadership. Dovremo valutare
anche questa situazione - ha
affermato, in sintesi, lallenatore - perch in certi momen-

RIPRODUZIONE RISERVATA

LA GARA RINVIATA PER IL SISMA

Il giovane difensore della Roma pronto


a subentrare sabato a Moras e Di Cesare
in cui ha sempre manifestato
sicurezza e personalit.

va sancito il passaggio dellintero pacchetto azionario dalle mani di Fabrizio Lucchesi a


quelle di Fabio Petroni.

della societ da parte di Ma.gi.


co, sar la nomina del consiglio di amministrazione: Giuseppe Corrado sar il presidente con Vittorio Calissi di
Unigasket come vice, ma resta da sciogliere il nodo relativo allimprenditore pisano
Andrea Madonna che molto
probabilmente accetter di
far parte della nuova compagine sociale anche in considerazione del ruolo che ha avuto per il felice esito della trattativa. Tempi ristretti anche per
quanto riguarda la ristrutturazione della societ che proceder per gradi secondo una
scaletta ben precisa. Di sicuro, per, il Pisa non si far trovare impreparato sul mercato di gennaio, perch lobiettivo minimo di mantenere la
categoria condizione indispensabile per programmare al meglio il futuro.

ti della partita larbitro ha bisogno di parlare con un rappresentante della squadra che gli
sia vicino.... Non stato, daltronde, un protagonista delle
promozioni di Bari e Siena? E
non c due senza tre...
RIPRODUZIONE RISERVATA

SERVIZIO SANITARIO REGIONE TOSCANA


ESTAR - Estratto bando di gara
In esecuzione della Delibera n. 419 del 09/11/2016 ESTAR
indice, ai sensi del D. Lgs. 50/2016, una procedura aperta
per la conclusione di una convenzione per la fornitura di n.
10 fuoristrada per lAzienda Usl Toscana Nord Ovest, area
Apuo-Versiliese, articolata in n. 1 lotto (CIG 6866924CF0).
Le offerte dovranno pervenire telematicamente, nel rispetto
delle modalit specificate nella documentazione di gara entro
e non oltre le ore 13.00 del giorno 12/01/2017 (termine perentorio) al seguente indirizzo: https://start.e.toscana.it/estar.
Per informazioni tel. 0584.6059509 fax 0584.6059501.
DIPARTIMENTO ACQUISIZIONI ECONOMALI E ARREDI
F.to Dott. Antonio Ricc

dice, ma sa bene che in caso


di vittoria il suo Ascoli salirebbe a quota 22, agganciando
all'11 posto Brescia e Novara.
Una situazione che non fa che
accrescere il rammarico per il
gol subto allo scadere contro
un Latina mai domo ma comunque ridotto in 9. AscoliEntella ha un solo precedente
in B (1-0 lo scorso torneo deciso da Antonini) ma ben 4 in
C, vecchi per di oltre 40 anni:
3 vittorie dell'Ascoli e un pari.
GieffePress

COS IN CAMPO (20.30)


ASCOLI
4-2-3-1
1 Lanni
39 Almici
3 Augustyn
5 Mengoni
14 Felicioli
8 Carpani
19 Addae
11 Orsolini
29 Cassata
10 Giorgi
21 Cacia
All. Aglietti

V. ENTELLA
4-3-1-2
22 Iacobucci
19 Iacoponi
5 Ceccarelli
13 Benedetti
3 Keita
4 Belli
8 Troiano
30 Moscati
14 Tremolada
9 Caputo
26 Masucci
All. Breda

A disp. per lAscoli: 22 Ragni, 23 Cinaglia,


2 Pecorini, 13 Gigliotti, 16 Paolini, De Angelis, 18 Manari, 7 Jaadi, 30 Favilli. Per lEntella: 1 Paroni, 23 Sini, 28 Baraye, 6 Gerli,
7 Costa Ferreira, 11 Palermo, 10 Cutolo, 25
Mota Carvalho, 29 Ammari. Indisponibili:
Lazzari, Bianchi, Jallow, Hallberg, Perez
(A); Beretta (E). Squalificati: Mignanelli,
Gatto (A); Pellizzer (E). Diffidati: Addae,
Carpani, Mengoni (A); Ceccarelli (E). Arbitro: Serra di Torino. Guardalinee: CaliariFiore. Quarto uomo: Camplone. Prezzi:
68,50, 43,50, 18,50, 12 . Ultime - Aglietti
avanza Giorgi sulla trequarti Cacia unica
punta. Tremolada vince il ballottaggio con
Ammari. Tv: Sky Calcio 1.

20
Corriere dello Sport
Stadio

marted
13 dicembre
2016

Lega Pro

Auteri: Il Matera?
Dar spettacolo

il programma salentino

Il Lecce tifa
per l1-1: dopo
tenter la fuga

Oggi (14.30) il recupero contro la Juve Stabia


Il tecnico lucano: Daremo tutto, ma la data...
di Francesco Calia
Matera

Il recupero della discordia. La


partita sospesa al 37' del primo
tempo, tra Matera e Juve Stabia,
diventata un caso. La nebbia, che ha impedito il proseguo dell'incontro, si infittita al
momento dell'annuncio della
data del recupero, decisa dalla
Lega. Questo pomeriggio, nel
cuore di un mese strabordante di gare, con le due squadre
impegnate ogni tre giorni tra
campionato e coppa Italia, verr completata la sfida tra i lucani di Gaetano Auteri e i campani di Gaetano Fontana. Nonostante le rimostranze, le due
squadre, dalle ore 14.30, scenderanno in campo al "XXI Settembre Franco Salerno". Una
gara attesissima, un big match.
Chi vince raggiunge il Lecce in
testa al girone C e potr ambire
al titolo di campione d'inverno.
Si ripartir dall'1-1 firmato
da Iannini e Capodaglio. La
scelta del recupero la contesto
apertamente - esordisce Auteri - mi aspettavo che ci fosse un nuovo percorso, fatto di
maggiore equit e soprattutto
di buon senso. Invece cos non
. Obbligano noi e la Juve Stabia ad affrontare una partita
senza senso, inserita in una settimana nella quale finalmente

avremmo potuto lavorare per


sette giorni di fila. Non conviene a nessuno. Qualcuno ci ha
detto che le partite si recuperano entro i primi quindici giorni, ma nel passato quante partite sono state recuperate anche oltre questo termine? La
Lega, tra l'altro, stravolge i cam-

Sulla formazione
tanti dubbi: Tempi
ridotti per preparare
una gara importante
devo pensarci
pionati alla fine, togliendo o restituendo punti alle squadre.
Auteri ne ha per tutti, anche per il presidente Gravina:
Sono veramente arrabbiato,
perch cos facendo rischiamo di andare incontro a infortuni. Arriviamo da un ciclo di
cinque partite disputate in due
settimane. Serviva pi buon
senso. Lo dico anche al presidente Gravina. Con rispetto
ed educazione verso tutti, ma
anche con senso del dovere.
Voglio che si sappia che chi ha
deciso la data del recupero ha
commesso un grave errore.
Sulla gara, tanti dubbi di
formazione: Abbiamo avuto tempi ridotti per preparar-

la. Sar tutta un'altra partita rispetto a quella di due settimane fa. I biancazzurri sono in
piena salute. Auteri vuole prendere il meglio dai suoi ragazzi
per provare a vincere ancora.
E magari, ci si aspetta di ritrovare al "XXI Settembre Franco Salerno" il pubblico delle
grandi occasioni, nonostante
l'ora scarsa da disputare: La
squadra fa sempre bene, merita un pubblico che la segua con
costanza e con numeri in crescendo. Credo che per quello
che stiamo dimostrando, stiamo facendo moltissime buone cose. Non crediamo di essere inferiori a nessuno. Favorite o no, in campo sappiamo
regalare uno spettacolo importante. Sar impossibile vedere in campo Infantino, Papini
e Di Lorenzo, acciaccati. Spazio, dunque, agli stessi undici
impegnati a Monopoli.
Lps

Matera-JuveStabia (14.30,
riprende dal 37 pt)

MATERA (3-4-3): 22 Alastra; 28


Ingrosso 5 De Franco 3 Mattera; 13
Meola 21 Armellino 8 Iannini 27 Casoli;
20 Carretta 29 Negro 10 Strambelli. A
disp.: 1 Bifulco, 12 D'Egidio, 2 Scognamillo, 36 Gigli, 6 Piccinni, 19 Sartore,
26 Dellino, 4 De Rose, 7 Louzada, 9
Infantino. All.: Auteri.
JUVE STABIA (4-3-3): 22 Russo; 2

Cancellotti 18 Morero 5 Atanasov 14


Liotti; 24 Mastalli 4 Capodaglio 17 Salvi;
10 Marotta 9 Del Sante 11 Sandomenico. A disp.: 1 Bacci, 26 Borrelli, 13 Camigliano, 20 Petricciuolo, 21 Esposito,
19 Izzillo, 8 Zibert, 29 Ripa, 7 Kanoute,
23 Lisi, 27 Rosafio, 30 Montalto. All.:
Fontana.
Arbitro: Amoroso di Paola (VecchiMaiorano).

CREMONESE (4-3-1-2): Ravaglia


5,5; Salviato 5,5 Polak 5,5 Marconi 6
Gemiti 5,5; Scarsella 6,5 (29 st Perrulli
6) Pesce 6,5 Belingheri 6 (23 st Cavion
5,5); Maiorino 6 (29 st Scappini 5,5);
Brighenti 6,5 Stanco 7. A disp.: Bellucci,
Galli, Procopio, Stanghellini, Ruci, Haouhache,Lame,Ferretti.All.: Tesser 6,5.
LIVORNO (3-5-2): Mazzoni 7; Rossini
6,5 Borghese 6 Gasbarro 7; Jelenic 6,5
(44 st Toninelli sv) Marchi 6,5 Luci 6
Ferchici 5,5 (19 st Venitucci 7) Lambrughi 6,5; Maritato 5,5 Cellini 5 (23
st Murilo 7,5).A disp.: Falcone,Bergvold,
Gemmi, Morelli, DellAgnello, Gonnelli,
Mendes. All. Foscarini 7.
ARBITRO: Balice di Termoli 6,5.
Guardalinee: Cecchi e Cantiani.
MARCATORI: 4 pt Lambrughi (L), 17
pt Stanco (C), 46 pt Brighenti (C), 22

di Massimo Malfatto
Cremona

La marcia del Livorno non si ferma


pi, non perde da nove giornate e
espugna lo Zini. Terza vittoria esterna della formazione di Foscarini cinica e spietata, e tre punti fondamentali per raggiungere lArezzo al terzo
posto in classifica. Al primo affondo
il Livorno in vantaggio: Jelenic crossa
rasoterra per Lambrughi bravo ad infilare Ravaglia. Seconda rete stagionale per il centrocampista labronico.

Frattanto la nebbia sempre pi fitta e visibilit che peggiora. Reagisce


la Cremonese con Scarsella che da
buona posizione calcia a lato. Il pareggio per arriva in mischia grazie
a una zampata di Stanco che sorprende Mazzoni. Gioca meglio e con
lucidit la formazione di Tesser e va
vicina al raddoppio con un perentorio colpo di testa di Stanco che manda la palla sul palo interno ma non
in rete. C solo una squadra in campo, quella grigiorossa che costruisce
diverse occasioni da rete. Prima un
miracolo di Mazzoni ad anticipare
Stanco solo in area, poi grossa occasione per Maiorino che si presenta solo davanti al portiere ma calcia
fuori. Stanco ancora di testa costringe Mazzoni in angolo. Livorno peri-

di Luca Esposito
Castellammare Di Stabia - La Juve Stabia
sogna lo sgambetto al Matera e l'aggancio al
Lecce. Gli stabiesi arrivano al confronto in terra
lucana con qualche certezza in pi, derivata
dalla vittoria ottenuta sull'Akragas, domata 1-0
grazie alla rete di Kanoute, al termine di
un'ottima prestazione corale, nel corso della
quale la formazione campana con pazienza ha
scardinato la difesa siciliana. Oggi, alle ore
14.30, la Juve Stabia dovr fronteggiare il
Matera, che ha nell'idea di gioco proposta da
Auteri il suo punto di forza. Occorrer sfoderare,
dunque, la classica partita perfetta per avere la
meglio su una compagine attrezzata come
quella lucana.
In occasione dell'ultima conferenza stampa
il tecnico Gaetano Fontana ha preannunciato
l'obiettivo da raggiungere al "XXI Settembre":
la vittoria. I minuti da giocare saranno meno
rispetto a una partita normale e non si esclude
alcun tipo di scenario. La prima parte di gara

Inzaghi ringrazia Ferrari


Venezia di nuovo sul trono
Albinoleffe-Venezia 

0-1

ALBINOLEFFE (3-5-2): Nordi 6; Zaffagnini 6 (46 st


Ammirati sv) Gavazzi 6 Magli 6; Gonzi 5,5 Agnello 6,5 Guerriera 6 (40 st Minelli sv) Giorgione 6 Di Ceglie 5,5 (33 st
Nichetti sv); Mastroianni 5,5 Virdis 5,5. A disp. Cortinovis,
Mondonico, Scrosta, Dondoni, Ravasio, Mandelli. All. Alvini 6
VENEZIA (4-3-3): Facchin 6,5; Baldanzeddu 5,5 (23 st
Tortori 6) Modolo 6 Domizzi 6 Galli 6,5; Fabris 6,5 Stulac
5,5 Bentivoglio 6 (34 st Ferrari 7); Moreo 6 Geijo 5,5 (27 st
Acquadro sv) Marsura 6. A disp. Vicario, Luciani, Cernuto,
Pellican, Pederzoli, Malomo, Sambo, Soligo, Edera. All.
Inzaghi 6,5
ARBITRO: Pagliardini di Arezzo 6,5
Guardalinee: Mariottini e Gnarra
MARCATORE: 38 st Ferrari
AMMONITI: Virdis, Zaffagnini; Baldanzeddu, Bentivoglio,
Geijo.
NOTE: Partita posticipata di 15 per ritardo nellarrivo allo
stadio del Venezia, il cui pullman rimasto bloccato nel
traffico. Spettatori 700 circa. Angoli 5-2 per lAlbinoleffe.
Recupero, 0 pt, 4 st.
di Mario Ricci
Bergamo

E lex di turno Nicola Ferrari a sbloccare limpasse con


lAlbinoleffe ed a lanciare il Venezia in testa alla classifica. Il
gol arriva a 7 dalla fine di una partita equilibrata, giocata a
scacchi dai due allenatori. Il Venezia comincia a carburare,
Geijo prova su cross di Marsura, palla sul fondo. Facchin (19)

coloso nei minuti finali con un colpo di testa di Ferchici che impegna
Ravaglia in angolo. In tempo di recupero la giocata eccezionale di Brighenti che parte dalla sinistra si accentra in area e calcia sul primo palo
sorprendendo Mazzoni.
La ripresa inizia in uno stadio avvolto dalla nebbia. Un tiro di Maiorino fuori precede il pareggio del Livorno grazie ad una azione personale di Gasbarro che salta un paio di difensori ed infila Ravaglia con un gran
tiro allincrocio dei pali. Foscarini inserisce Murilo e il neo-entrato subito mette in rete in mischia su un traversone di Venitucci. Lultima occasione per Brighenti con un tiro da
fuori area respinto da Mazzoni.
Riproduzione riservata

il Giudice sportivo

IL POSTICIPO DEL GIRONE B

rimanda al mittente Virdis,. Giorgione non vede Guerriera


(30), e manda alto. Lo stesso Guerriera reclama un rigore
(34), Fabris prova il tiro (39), troppo debole. Stessa musica
nella ripresa. Al 14 Marsura prova con un destro, palla deviata sullesterno rete. Tre minuti ed ecco Bentivoglio: tiro
sballatissimo. Non meglio un colpo di testa di Fabris. Virdis
cerca un rigore guadagna unammonizione per simulazione.
Agnello spara un siluro dalla distanza costringendo Facchin
a volare per deviare la palla sul palo. Entra anche Ferrari,
Venezia a 4 punte nel finale, Marsura la mette in mezzo,
Moreo da buona posizione non inquadra la porta. Al 38,
per, Galli scende a sinistra crossa, Moreo prolunga, Ferrari,
di contro balzo impallina Nordi.
Infopress

LE CLASSIFICHE

GIRONE A: Alessandria 46; Cremonese 36; Arezzo e


Livorno 33; Piacenza 29; Lucchese (-1) e Como 28;
Renate 26; Giana, Viterbese e Olbia 24; Pistoiese e Siena
23; Carrarese 22; Pro Piacenza, Tuttocuoio e Pontedera
18; Lupa Roma 13; Racing Roma 11; Prato 9.
GIRONE B: Venezia 38; Pordenone 37; Reggiana 33; Padova 32; Gubbio 31; Parma e Sambenedettese 30; Bassano
28; Albinoleffe e Feralpi 25; Santarcangelo 21; Lumezzane
e Ancona 20; Sudtirol 18; Teramo 17; Maceratese (-3) 16;
Mantova 15; Fano 14; Modena e Forl 13.
GIRONE C: Lecce 38; Matera e Juve Stabia 35; Foggia 34;
Cosenza 29; V. Francavolla e Andria 26; Unicusano (-1) 25;
Catania (-7) e Siracusa 24; Monopoli 22; Casertana (-2) 20;
Paganese 19; Taranto 18; Melfi (-1) e Akragas 17; Reggina,
Messina e Vibonese 15; Catanzaro 14.

Gaetano Auteri, 55 anni, allenatore del Matera Lapresse

Fontana elabora un mini turnover

Livorno, il blitz vale il terzo posto


st Gasbarro (L), 27 st Murilo (L)
AMMONITO: Stanco (C)
NOTE: spettatori tremila circa. Angoli
8-5 per la Cremonese. Recupero, pt
1, st 3.

Tre settimane fa il magone e


le preoccupazioni seguite al
ko casalingo col Matera: ora la
speranza che la fine di questo
2016 e l'avvio dell'anno nuovo
coincidano con l'inizio della
grande fuga. Se Pasquale Padalino continua a mantenere
la tradizionale prudenza guardando solo all'impegno da affrontare subito, tra i tifosi comincia a concretizzarsi la speranza che, se si supera l'ostaco-

La Juve Stabia

Il posticipo del girone a

Cremonese-Livorno  2-3

di Elio Donno
Lecce

Cori razzisti
il Foggia paga
con 6.000 euro

Firenze - I provvedimenti del giudice sportivo dopo le gare dello scorso


weekend. Squalifica per due gare:
Moscardelli (Arezzo); Ponsat (Forl);
Maccabiti (Mantova). Squalifica per
una gara: Nicco (Alessandria); Agyei
(Ancona); Solini (Arezzo); Sala (Catania); Videtta (Pontedera); Sarzi Puttini (Sudtirol); Bruno e Obeng (Melfi);
Esposito e Pinto (Monopoli); Geroni
(Olbia); Alcibiade (Paganese); Canini
(Parma); Piccoli Neuton (Pistoiese);
Burrai (Pordenone); Napoli e Pavan
(Renate); Bangu (Reggina); Sabato
Rocco (Vibonese); Dierna Emilio (Viterbese). Ammende - 6.000 euro
al Foggia per cori razzisti verso un
giocatore avversario.

SIENA,VIA COLELLA (Infopress) - Il


Siena ha esonerato il tecnico Giovanni
colella e il suo vice Moreno Greco. In
panchina va Cristiano Scazzola, che
oggi diriger il primo allenamento.
SERIE D - GROSSETO, ESONERATO SANNA (p.p.) - Lallenatore Marco
Sanna ed il secondo Pietro Rubino
sono stati esonerati dal Grosseto. La
decisione stata presa dalla societ
dopo la sconfitta con il fanalino di
coda Ghivizzano Borgo a Mozzano e
giunge al termine di una lunga querelle tra staff tecnico e societ. Per il
momento non si conosce il nome del
successore.

disputata il 26 novembre scorso, sospesa per


nebbia al 37' sul risultato di 1-1, avr sicuramente insegnato molto agli stabiesi su come
prendere le giuste misure al Matera.
nella facolt di Fontana provare a
riproporre la stessa formazione che aveva
iniziato la partita due settimane fa, anche se il
tecnico potrebbe cambiare qualche uomo,
considerate le fatiche accumulate nell'ultima
settimana, con tre impegni a distanza
ravvicinata e il match contro il Taranto da
disputare tra quattro giorni. Possibilit di
turnover, dunque. Atanasov e Liotti in odore di
titolarit, rispetto all'ultima partita. Potrebbero
esserci nuovamente Mastalli a centrocampo
oltre a Del Sante in attacco. Ancora panchina
per Kanout. Indisponibile per infortunio
Liviero, mentre Amenta, proprio ieri, ha
rescisso il contratto con i giallobl. In terra
lucana attesa una folta delegazione del tifo
stabiese, pronta a sostenere Marotta e
compagni.
Lps

Il recupero di Matera
osservato speciale
anche da Padalino
che in caso di parit
sar in vetta da solo
lo Andria di sabato prossimo,
ci possa essere davvero un primo concreto tentativo di allungare staccando gli avversari.
Ma gli occhi saranno puntati
questo pomeriggio su Matera
per quei residui 53' ancora da
giocare tra la formazione lucana e la Juve Stabia con la segreta speranza che sino alla fine
non si schiodi il risultato dal
punteggio di 1-1 fissato all'atto della sospensione per nebbia. Se questo sar il risultato
di Matera, il Lecce affronter
l'ultima partita dell'andata ad
Andria nella posizione di solitario battistrada e dopo potr
tentare una fuga concreta con
una serie di scatti perch, clas-

sifica alla mano, le squadre da


affrontare nelle prime giornate del ritorno potrebbero essere superate sempre che la formazione giallorossa confermi
il ritmo vivace e la determinazione che ne sta caratterizzando gioco e risultati.
Padalino respinge decisamente siffatti discorsi, e continua a tenere sulla corda i suoi
uomini, ma tra i tifosi opinione diffusa che, se si supera nel migliore dei modi il test
Andria, il campionato dei giallorossi potrebbe davvero registrare una svolta. Padalino ha
a disposizione tutti gli effettivi
e, con Caturano che ha ripreso a segnare con continuit e
Mancosu che, pur con lavoro
anonimo, si muove con un rullo compressore, anche l'assalto
che sar tentato dagli andriesi nell'ultimo derby del girone
d'andata dovrebbe essere respinto. Il tecnico e il ds Meluso
intanto hanno vinto la pi difficile scommessa: il recupero
di Doumbia, che per un gesto
di insofferenza avuto sul finire della stagione, non sembrava pi bene accetto alla curva.
Le ultime prestazioni del francese, l'applauso da lui rivolto
ai tifosi (e da questi ricambiato) mentre veniva sostituito,
hanno premiato l'arguzia e la
diplomazia di ds ed allenatore col recupero di un giocatore che per le accelerazioni che
garantisce e l'imprevedibilit che ne caratterizza l'azione, pu essere determinante
nella corsa verso la serie B.
Riproduzione riservata

marted
13 dicembre
2016

Lintervista

21
Corriere dello Sport
Stadio

BASKET
Il presidente federale, che sar
rieletto sabato, a cuore aperto
sui temi caldi del momento

ORA VOGLIO
UNITALIA
VINCENTE

PETRUCCI

Ho ricevuto un basket in buona salute


e gli ho dato visibilit: ci mancano solo
i risultati sportivi. Ho fiducia in Messina
di Francesco Volpe
ROMA

E un ragazzo di 71 anni che si


diverte ancora a giocare con lo
sport. E stato presidente del
Coni, commissario straordinario in Federcalcio e da quattro anni tornato alla guida
del suo basket. Ma non ha
nessuna intenzione di andare in pensione, anche se glielo
consentirebbe persino la legge Fornero. Sabato sar candidato unico allAssemblea elettiva della Fip, a Roma. Si prepara ad un altro quadriennio
di battaglie, non solo... sul parquet. Di questo e di altro ci ha
voluto parlare. Sentiamolo.
Presidente Petrucci, lei si ripresenta da candidato unico: che segnale per il movimento?
Un segnale normale. E vedo
gi due o tre giovani dirigenti che potrebbero ereditare il
ruolo.
Parliamo del Preolimpico di
Torino: avete speso 2,5 milioni per organizzarlo e Rio
rimasta un sogno...
Quando non arriva il risultato la colpa di tutti. Mi sono
interrogato spesso sulle eventuali mancanze della federazione. Qualcuna lho trovata.
Facile per parlarne dopo. La
Fip ha fatto tutto quello che
poteva fare: gran pubblico,
entusiasmo alle stelle, ascolti televisivi buoni. E mancato
solo il risultato. Da presidente
del Coni parlavo tanto di cultura della sconfitta, da n.1 federale fatemela applicare. E
comunque ringrazio il Governo per il sostegno che ci ha garantito. La cosa pi bella nella
vita la rivincita, spero arrivi
nel prossimo Europeo. Dobbiamo crederci. Storicamente
nel basket dopo grandi delusioni arrivano spesso grandi
vittorie. Conta il campo, non
le chiacchiere
Ecco, non le sembra che nel
basket di oggi di chiacchiere se ne facciano sin troppe?
Perch uno sport popolare. La popolarit di uno sport
porta a discuterne. E quello che invidio al calcio: non
si parla solo delle partite, ma
anche e soprattutto del mercato. La sua forza il Bar dello Sport.
Cosa resta di positivo dellultimo quadriennio?
La ritrovata visibilit. Oggi,
tra Sky e Rai, ogni giorno si
pu vedere una partita. Un
segnale importante. Eppoi
i centri tecnici federali, una
bella novit che abbiamo riproposto. Per, ci tengo a dirlo, non avevo ereditato una federazione in difficolt. Servivano solo dei ritocchi, che
penso di aver fatto.
Da qui al 2020 sogna...?

I risultati sportivi. Puoi avere una bellissima casa, ma se


non hai nulla da metterci dentro Credo in Messina e in
questi giocatori. La cosa principale stata la conferma del
c.t. So che per lui un grosso
sacrificio. E lo fa a titolo gratuito, noi gli paghiamo solo i
rimborsi spese.
Dallautunno del 2017 per
ci saranno le qualificazioni
mondiali, con finestre durante la stagione dei campionati e della NBA. Come
far Messina a conciliare Nazionale e San Antonio?
Laccordo attuale vale solo
fino agli Europei, poi dovremo risentirci. Il suo sogno
diventare il primo italiano allenatore capo di una squadra
NBA e io gli auguro di riuscirci. Sin qui lha fatto solo occasionalmente
La Fiba ha garantito che
lEurolega non far problemi a liberare i nazionali per
le qualificazioni. E vero?
LEurolega ha gi chiarito
che permetter a tutti di rispondere alle convocazioni.
Nessuna organizzazione pu
essere cos folle da negare alle
proprie affiliate i migliori giocatori per le nazionali.
Lei da sempre un difensore
degli italiani, mentre i club
oggi chiedono 6 stranieri liberi e Milano addirittura 7.
Come pensa di rendere la
Serie A pi italiana?
Partiamo dal presupposto
che esistono delle leggi cui
dobbiamo sottostare: quelle
dellUnione europea. Ai club
ho gi detto che prioritario
sentire la Giba, lassociazione dei giocatori. Lo faremo
dopo lAssemblea, poi decideremo in Consiglio federale. Sono ottimista, non si arriver allo scontro, siamo tra
persone ragionevoli, con Proli ho un ottimo rapporto. Credo in un accordo che accontenti tutti
Chi ha un futuro nella NBA?
Gentile in primis, ma non
solo.
Non crede sia arrivato il momento di mettere ordine nel
mercato del basket con finestre stile calcio?
E uno dei discorsi aperti.
Dopo lAssemblea, ci confronteremo con Egidio Bianchi, presidente della Lega, e
Ario Costa, che rappresenta
le societ di Serie A nel CF, su
questo e altri argomenti. Vorrei che la Lega avesse pi deleghe
Non teme che il posto fisso di
Milano in Eurolega e i relativi ritorni economici stiano
squilibrando il campionato?
Difficile correggere questa situazione. Se c chi pu investire per arrivare a compete-

re ad alto livello, non lo si pu


impedire. Nel calcio cos e
sta pian piano accadendo anche nel basket. In Grecia non
si esce dal dualismo Olympiakos-Panathinaikos, in Israele
il Maccabi Tel Aviv domina
dai tempi di Moshe Dayan.
E nellevoluzione delle cose,
anche se limpresa del Leicester nel calcio ricorda che pu
sempre scapparci la sorpresa
Le donne del basket stanno
vivendo un momento felice,
ma il campionato ha visibilit prossima allo zero
Oggi abbiamo due belle realt. le nazionali giovanili maschili e femminili sono terze nel ranking europeo dopo
Francia e Spagna, che per
hanno numeri dieci volte superiori ai nostri. E le seniores
di Andrea Capobianco si sono
qualificate per gli Europei vin-

LA SCHEDA

Presidente Coni
dal 1999 al 2013
E sindaco del
Circeo dal 2012

Gianni Petrucci, 71 anni


Gianni PETRUCCI nato a
Roma il 19 luglio 1945. E
laureato in Scienze politiche
con specializzazione in Diritto
del lavoro. Dopo aver lavorato
presso la segreteria generale
del Coni, ha cominciato la sua
carriera di dirigente sportivo
da segretario della Federbasket (1997-85), chiamato
dallallora presidente Enrico
Vinci. E stato presidente del
Coni per quattro mandati
consecutivi, dal 28 gennaio
1999 al 14 gennaio 2013. Ha
guidato da presidente la
Federbasket dal 1992 al 1999
ed stato rieletto nel 2013,
dopo aver lasciato la carica di
numero 1 del Foro Italico. Ha
lavorato anche allinterno
della Federcalcio, da
segretario generale, da
commissario dellAssociazione italiana arbitri (AIA) e,
tra il 2000 e il 2001, da
commissario straordinario.
Malgrado sia tifoso dichiarato
della Lazio, stato anche per
sei mesi vicepresidente
esecutivo della Roma. Dal
2012, eletto con una lista
civica, sindaco di San Felice
Circeo, comune costiero in
provincia di Latina. Sposato
con Raffaella, padre di
Matteo (giornalista Sky) e
Niccol.

cendo il loro girone. Dobbiamo investire a pi non posso sulla femminile, sta dando grandi risultati. Imitiamo
il volley, che ne ha saputo
fare un traino. Il campionato? Le colpe non sono della
Lega, sono di tutti. Le giocatrici stanno uscendo, vuol dire
che qualcosa si fa, ma la popolarit dei movimenti femminili, anche negli altri sport,
legata soprattutto ai risultati delle nazionali.
Lei s battuto per la nuova
distribuzione dei contributi
del Coni: la soddisfa?
Malag stato bravo. Il calcio
deve rendersi conto che non
finanzia pi lo sport italiano
come ai tempi del Totocalcio.
Deve rientrare nel gioco delle
percentuali come le altre federazioni. E la pi popolare,
ma non significa che debba
avere un sistema diverso di
finanziamento. Mi consente
una disamina storica?
Prego...
Quando c stata la crisi del
Totocalcio, ero presidente del
Coni. Trattammo con Berlusconi, Letta e Tremonti e ottenemmo un contributo fisso di 450 milioni di euro per
lo sport. Assicurammo al calcio una fetta di 80 milioni per
la fase di transizione. Poi il finanziamento dello Stato si
ridotto per la crisi e scendemmo da 80 a 60. Da allora per
cambiato tutto e la fase di
transizione finita. Lho detto
anche a Tavecchio. Le scommesse non sono propriet del
calcio, i club di Serie A o lNBA
non devono dare alcuna autorizzazione. Eppoi si scommette tantissimo sui campionati esteri, su cui la Figc non
pu accampare diritti. Il meccanismo dei contributi ormai
devessere lo stesso per tutti.
Complimenti a Malag perch stato un bravo architetto. Non era facile.

Il presidente Gianni Petrucci, 71 anni, con Ettore Messina, 57, c.t. della Nazionale tra il 1992 e il 1997 e dallo scorso anno CIAMILLO

La Nazionale
AllEuropeo per
riscattare la beffa
del Preolimpico
Poi discuteremo
del futuro col c.t.
Progetti
Sugli italiani
la soluzione si
trover. Finestre
per il mercato?
Discorso aperto
Le donne
Il femminile sta
dando risultati: ci
investiremo di pi
Solo la Nazionale
pu far da traino

I contributi Coni
Le regole devono
valere anche per
il calcio, che ormai
A fronte dei tagli al calcio, ci non finanzia pi
sono federazioni che incas- lo sport italiano
sano milioni e non producono nulla da anni
Non parliamo di tagli. Lanno scorso la Figc hanno avuto 5 milioni extra del tesoretto che era nella disponibilit
di Malag, questanno riuscita a far abolire la mutualit. Oggi cosa d il calcio allo
sport italiano? Paga pi tasse?
Ovvio, chi pi ricco paga pi
tasse. Noi siamo riusciti a recuperare i soldi della mutualit (900.000 euro; ndr) grazie
allintervento di Lotti e avremo un milione lanno nel
triennio 2017-19. E un contributo che destineremo interamente alle societ di Serie A per limpiantistica sportiva e lattivit giovanile
Quanto alle federazioni...
improduttive?
Sono certo che, chiusa la

Il campione
Il mio atleta del
2016 Paltrinieri,
un ragazzo che
tutti vorrebbero
avere come figlio

commissione contributi, Malag sapr riequilibrare alcuni parametri...


Pare che il Malag I labbia soddisfatta
E stato bravo. Lo conosco
da tanti anni, siamo amici di
famiglia. Il padre Vincenzo
subentr a me da vice-presidente della Roma. Giovanni
ha portato risultati e una bella immagine, avr il mio voto
al 100%. Oggi solo un pazzo
potrebbe candidarsi contro
di lui.
Pi difficile fare il sindaco
del Circeo, il presidente del
Coni o quello della Federbasket?
Il sindaco. Che vive di contributi fissi, mentre il presidente di una federazione sportiva pu sempre inventarsi
qualcosa. Di sicuro alla Comunali 2017 non mi ricandider, anche se San Felice Circeo una bella realt. Non si
possono fare due cose assieme assieme, eppoi il sindaco
deve vivere nella realt che
amministra.
Qual stata per lei limpresa o latleta del 2016?
Gregorio Paltrinieri. Lho conosciuto, ha seguito la nostra
Nazionale. Il classico ragazzo che tutti vorrebbero avere
come figlio. Una bella persona, come la sua fidanzata. Un
campione che vince e non fa
il fenomeno.
Cosa chiede per lo sport italiano nel 2017?
Che Milano ottenga lorganizzazione del Congresso
del Cio del 2019. Abbiamo
un Coni vincente, il pi forte
del mondo. Sono ottimista.
E per il Paese?
Meno divisioni, la malattia
dellItalia. Appena uno va al
potere si cerca di distruggerlo. E il nostro tarlo.
Riproduzione riservata

MERCATO E SERIE A

Gentile tratta
con il Pana
Avellino beffata
ROMA - Alessandro Gentile sta
trattando con il Panathinaikos
(domenica era ad Atene), la
squadra con cui pap Nando vinse la Coppa Campioni nel 2000.

CANT- AVELLINO 75-74

(28-17, 38-37, 47-57).


RED OCTOBER CANT: Acker 6 (1/2,
0/2, 2 r.), Chinellato ne, Parrillo 0 (1 r.),
Lagan ne, Pilepic 4 (0/5, 1/4, 3 r.),
Callahan 5 (1/1, 1/3, 4 r.), Kariniauskas
2 (1/2 da due, 0 r.), Darden 9 (4/10,
0/1, 6 r.), Quaglia ne, JaJuan Johnson
35 (10/15, 3/4, 14 r.), Waters 14 (2/6,
2/4, 1 r.). All. Bolshakov
SIDIGAS AVELLINO: Zerini 3 (1/2 da
tre, 1 r.), Ragland 22 (5/11, 2/7, 4 r.),
Green 5 (1/1, 1/4, 2 r.), Leunen 7 (2/2,
1/6, 6 r.), Cusin 2 (0/1 da due, 4 r.),
Severini 0 (0/1 da due, 1 r.), Randolph
14 (1/1, 4/7, 3 r.), Obasohan 7 (2/3,
0/1, 2 r.), Fesenko 14 (6/9 da due, 8
r.), Thomas 0 (0/4, 0/1, 4 r.), Parlato
ne. All. Sacripanti
ARBITRI: Filippini, Aronne, Grigioni 5,5.
NOTE -Tiri liberi: Cant 16/18, Avellino
13/15. Cinque Falli: nessuno. Percentuali al tiro: Cant 26/59 (7/18 da tre,
8 ro, 24 rd), Avellino 26/61 (9/28 da
tre, 11 ro, 27 rd).
Il migliore: Johnson
DESIO - (Carlo Tagliagambe/

Ass) Prosegue la metamorfosi di Cant: non la penna di


Kafka, ma il fischietto di coach
Bolshakov pare aver letteralmente trasformato il quintetto brianzolo, che piega 75-74
Avellino al termine di una gara
dalle mille emozioni. Protagonista assoluto JaJuan Johnson,
che chiude con 35 punti a referto e 14 rimbalzi. Gli ultimi

JaJuan Johnson, 27 anni ciamillo

tre minuti vedono il botta e risposta tra Johnson e Ragland:


il canturino strappa (65-64) e
lirpino ricuce (68-70) a 2 15
dal termine. Quindi Ragland
si divora il pallone della vittoria mentre Waters freddo nel
conquistare il fallo e i tiri liberi
che valgono il pari (74-74). Infine il sorpasso, a un secondo
e 97 centesimi dal suono della sirena con Darden.

SERIE A (11 giornata) Classifica:


Milano 20; Reggio E., Venezia 16;
Avellino, Caserta 14; Capo dOrlando,
Brindisi 12; Sassari, Torino 10; Pistoia, Trento, Varese, Cant 8; Pesaro 6;
Cremona 4.
CHAMPIONS LEAGUE,
OGGI SASSARI E VENEZIA

CHAMPIONS LEAGUE (9 giornata, oggi) Girone B: ore 18.30, Pinar


Karsiyaka (Tur)-VENEZIA. Classifica:
Le Mans (Fra), Venezia 12; Karsiyaka
(Tur) 10; Saratov (Rus), Kataya (Fin) 8;
Oradea (Rom) 6; Yuzhny (Ucr) 2. Girone E: ore 20.30, SASSARI-Sloznok
Olaj (Ung). Classifica: Besiktas (Tur)
14; Ludwigsburg (Ger), Aek (Gre) 10;
Partizan (Ser), Zielona Gora (Pol) 8;
SASSARI, Charleroi (Bel) 6; Sloznok
Olaj (Ung) 2.

22
Corriere dello Sport
Stadio

marted
13 dicembre
2016

FORMULA 1

Si lavora per riavere un italiano in F.1


LULTIMO
IRIDATO

LULTIMO
VINCITORE

LULTIMO
IN GARA

lULTIMA
RISERVA

Sono trascorsi ben


63 anni dall'ultimo
titolo conquistato da
un pilota italiano.
Alberto Ascari si
aggiudic due allori
iridati alla guida della
Ferrari nel 1952 e
1953. Prima di lui,
l'ultimo italiano
campione del mondo
era stato Nino Farina
con l'Alfa Romeo nel
primo Mondiale
(1950).

Da pi di dieci anni
un nostro pilota non
vince una gara di F.1.
In particolare, sono
trascorse ben 204
gare dal successo di
Giancarlo Fisichella
con la Renault nel GP
Malesia 2006.
L'ultima vittoria di
un ferrarista italiano
stata ottenuta da
Michele Alboreto nel
GP Germania 1985.

Si da poco concluso
il quinto Mondiale di
fila senza un italiano
in gara: un intervallo
lungo ben 98 gran
premi. Gli ultimi
nostri connazionali
impegnati nella
massima formula
sono stati nel 2011
Jarno Trulli (foto) al
volante della Lotus e
Vitantonio Liuzzi con
lHrt.

L'ultimo italiano in
F.1 come terzo pilota
stato Raffaele
Marciello nella
Sauber 2015.
Cresciuto nella
Ferrari Driver
Academy, ha
dichiarato di non
sperare pi nella F.1
(assurdo dover
pagare 10 milioni per
correre) e di
guardare alle
competizioni GT.

Giovinazzi, la Ferrari a un passo


Terzo pilota nel 2017: manca solo la firma. E Marchionne lo vuole titolare alla Sauber
di Fulvio Solms

Un pilota italiano in Formula 1: sembra semplice e invece una montagna da scalare. Parliamo di uno strano
mondo, strutturato sulla matematica ma che nonostante
il dominio tecnico di un fortissimo marchio tedesco riuscir nel 2017 a non mettere
neanche piede in Germania.
Scatta lanalogia con lItalia. Dici Ferrari e potrebbe
bastare, poi dici anche Pirelli
e Brembo e molto altro, senza dimenticare la Toro Rosso
che opera pur sempre a Faenza, eppure lAci ha tribolato un anno perch lItalia
e Monza restassero nel calendario. E siamo pure reduci da cinque stagioni senza
aver mai visto in gara un pi-

Intanto perdere
Wehrlein potrebbe
garantire alla Manor
motori Mercedes
gratis per il 2017
lota italiano. Ora c Antonio
Giovinazzi, talentuosissimo
guaglione pugliese che per,
dopo aver mostrato quanto
vale in GP2, rischia di vedere la Formula 1 col binocolo.
In un tardivo
arrivano i nostri, qualcuno
oggi si muove per dargli una
mano. Le porte che possono
aprirsi davanti a Giovinazzi
sono due: il minimo sindacale di essere terzo pilota, opquasi fatta.

pure guidare da titolare. Terzo pilota uno strano ruolo,


da quando non ci sono pi i
collaudi liberi: guidi sporadicamente in qualche test, fai
tanto simulatore e nessuno
se ne accorge. Magari si libera un posto e chiamano un
altro, come accadde a Davide Valsecchi nel 2013 alla
Lotus, con Raikkonen bloccato dalla schiena incriccata. Se sei riserva alla Ferrari, per, la cosa ha un sapore molto pi dolce.
Questa la prima opzione
a disposizione di Giovinazzi, al momento. Il posto da
riserva della coppia VettelRaikkonen vicinissimo, anche se il manager Enrico Zanarini fa comprensibilmente il vago: Ci sono meccanismi che non dipendono da
me, incastri che devono andare al loro posto... Insomma
devo fare il bravo ragazzo e
saper aspettare. Vero che i
contatti siano tanti - oltre alla
Ferrari anche Red Bull, Renault e forse McLaren hanno
parlato con lui di Giovinazzi - ma intanto il terzo ferrarista del 2016, Jean Eric Vergne, praticamente fuori, ci
che permette al guaglione di
essere praticamente dentro.
La distanza ormai piccolissima: i centimetri che separano penna e contratto da
sottoscrivere.
Il vero obiettivo. Non que-

sto per lobiettivo finale. Diverse componenti italiane


della Formula 1 vorrebbero che il ragazzo prendesse
parte ai gran premi. A tener-

i numeri pirelli

Verstappen da record
ha fatto 78 sorpassi

Il pilota pugliese, 22 anni, in GP2 con il Prema Power Team

La Pirelli ha diffuso ieri i


numeri del Mondiale stilati
secondo i suoi accertamenti:
numeri interessanti come
quelli relativi ai sorpassi
effettuati, o anche solo
curiosi cone la quantit di
cibi serviti e la pasta cotta
nel corso della stagione nella
sua hospitality (15.600
pasti, 900 chili di pasta). I
dati pi tecnici finiscono per
far giganteggiare la figura di
Max Verstappen, e di
conseguenza grazie al suo
talento anche la Red Bull:
lolandese, infatti, il pilota
che pi di ogni altro ha
effettuato sorpassi nel corso
del Mondiale. In tutto 78
sorpassi (60 con la Red Bull,
18 con la Toro Rosso con cui
aveva effettuato i primi 4
GP), e la squadra specialista
in questa speciale classifica

quella dei bibitari austriaci


(61 sorpassi con Ricciardo,
60 con Verstappen, 15 con
Kvyat). Ad averne effettuati
di pi in un gran premio
stato per Lewis Hamilton:
18 nel GP Cina (in cui part
ultimo e concluse settimo).
Mentre ad aver superato di
pi nelle fasi di partenza,
nellintera stagione, stato
Fernando Alonso: ben 41
sorpassi. La Pirelli ha anche
emesso uninteressante
statistica relativa ai test di
gomme in vista del 2017: ad
aver provato di pi in
assoluto stato Pascal
Wehrlein con la Mercedes,
per 3.248 chilometri. Ci che
oggi fa valutare alla squadra
campione del mondo di
promuoverlo titolare al posto
di Rosberg.

ci per primo lo stesso Sergio Marchionne che, anche


in chiave 2018 e con i contratti di Vettel e Raikkonen in
scadenza a fine 2017, vede la
Red Bull applicare una sua filosofia e vuole replicare: perch spendere decine di milioni sul mercato quando i
campioni si possono produrre in casa? Marchionne
convinto che si possa fare
con gli ingegneri, figurarsi
con i piloti visto che esiste

team penultimo classificato: in questa posizione stata


infatti scalzata dalla Sauber,
che in Brasile ha preso due
preziosissimi punti grazie a
Felipe Nasr (messo a piedi
dopo aver perso lo sponsor,
ch qui la riconoscenza non
di casa).
Ma una monoposto svizzera con motore Ferrari (laltra di Marcus Ericsson) resta libera. Ecco il treno su cui
potrebbe saltare Giovinazzi,

spinto da un aiuto economico della Ferrari (in forma di


sconto alla Sauber sui motori), dellAci Team Italia che
ha nel pugliese la sua punta
avanzata, della Pirelli e di altri attori italiani coinvolti nel
Mondiale.
Tutti insieme per riportare una maglia azzurra alla
guida di una Formula 1. Ma
possibile che sia cos difficile?

Giovinazzi vincitore a Sepang, sul podio con Sirotkin (sin.) e Nato

Antonio Giovinazzi premiato ai Caschi dOro di Autosprint fuggiano

la scheda

Ventidue anni, 5 vittorie in GP2


Antonio Giovinazzi nato il 14
dicembre 1993 a Martina
Franca (Taranto). Ha perso
diversi anni correndo in
categorie non adatte a lui ma
poi ha avuto la fortuna di
trovare un ricchissimo
sponsor nellindonesiano
Ricardo Gelael (la catena di

fast food KFC), padre del suo


compagno di squadra e
carissimo amico Sean. Nel
2016 ha corso nella GP2 con il
Prema Power Team vincendo
cinque gare e concludendo al
secondo posto (primo Pierre
Gasly, accademia Red Bull,
anchegli alla Prema).

pure unaccademia dedicata


(la FDA, Ferrari Driver Academy).
Il ritiro di Rosberg potrebbe non creare alcun effetto
domino favorevole a Giovinazzi: la Mercedes dovrebbe prendere Pascal Wehrlein dalla Manor e ripagarla
con motori gratis per il 2017.
Ci consentirebbe allex Marussia di sopravvivere nonostante abbia perso il bonus
di 15 milioni che spetta al

Riproduzione riservata

Riproduzione riservata

NUOTO

Pochi azzurri ma record di medaglie


Paltrinieri, 1500 dargento. Pellegrini e Silvia Di Pietro le migliori della spedizione
di Paolo de Laurentiis
ROMA

Una curiosa espressione di Paltrinieri sul podio lapresse

Si chiude senza loro pi atteso il Mondiale di vasca corta di


Windsor, in Canada. Gregorio
Paltrinieri, campione olimpico,
resta dargento nei suoi 1.500
dominati dal discusso coreano Park: squalificato nel 2014
(18 mesi per testosterone), deludente a Rio, si presentato in
Canada tirato a lucido vincendo 200-400 e 1.500 e nuotando - subito dopo la finale della
gara pi lunga - anche la finale dei 100 stile libero chiusa in
47... Morini, allenatore di Paltrinieri e Detti, laveva twittato nei giorni scorsi: Uno cos
non ci dovrebbe essere. Fatto
sta che cera e il suo rendimento stato a dir poco stupefacente. Nessun problema per
Greg e Gabri - aggiunge Morini - siamo ripartiti piano dopo
Rio e siamo un po indietro. Rispettiamo i programmi stabili-

ti: dal 2 gennaio a testa bassa,


non prima. E giusto rifiatare.

non sono andati sul podio. La


qualit non manca.

LORO DI FEDE. Il gruppo azzur-

SCELTE. Si poteva fare qual-

ro torna con una sola medaglia


doro, quella storica di Federica Pellegrini nei 200 stile libero
(lunica vittoria che le mancava). La Divina non si risparmiata neanche in staffetta, anzi
ha dato limpressione di essersi
anche divertita e ora potr gestire i prossimi appuntamenti
come meglio crede, alternandosi tra i suoi 200 e i ritrovati
100 (quinta in Canada).
POCHI MA BUONI. La mini-spe-

dizione italiana (11 elementi) centra per il record di medaglie per un mondiale in vasca corta: 7, una in pi rispetto
a Doha 2014. Fatta eccezione
per il giovani Carini (comunque in grado di migliorarsi nei
200 delfino) gli altri 10 sono andati tutti in finale e solo Detti e
Dotto (oltre allo stesso Carini)

cosa di diverso? Col senno di


poi volendo s, ma il gruppo ristretto stata una scelta precisa ed normale lamarezza

Morini sereno:
Nessun problema
per Greg e Detti,
siamo ripartiti
piano dopo Rio
degli esclusi in una selezione
che non avvenuta rispettando tempi limite oggettivi. E allora si pu sostenere che Orsi
nella velocit avrebbe meritato una possibilit, che Magnini
non avrebbe sfigurato nei 200
stile libero, cos come la giovane Quadarella negli 800.
Ma davvero una goccia

nel mare, perch il vero obiettivo restano i Mondiali estivi di Budapest e l ci saranno
- finalmente - selezioni certe,
con tempi da fare obbligatoriamente ad aprile. Il modo migliore per abituare tutti a gareggiare bene quando serve.
MIGLIORE IN CAMPO. Troppo fa-

cile dire Federica Pellegrini e


allora, per essere meno banali, applausi per Silvia Di Pietro,
argento nei 50 stile libero, prima italiana sotto al muro dei
24: scesa in acqua 18 volte
in questi Mondiali, a dimostrazione del fatto che - volendo si pu alzare lasticella.
VERIFICA. Venerd e sabato
primo appuntamento in vasca lunga per il nuoto italiano
con gli assoluti invernali in programma a Riccione: ci saranno
tutti. Unaltra tappa verso Budapest 2017.
riproduzione riservata

il medagliere

Ungheria dietro gli Usa


LE finali DI DOMENICA

UOMINI - 100 sl: 1. Bilis (Lit)


46.58, 2. Shioura (Jap) 49.59, 3.
DOrsogna (Aus) 46.70, 4. Pieroni (Usa) 46.88, 5. DOTTO 46.95.
1500 sl: 1. Park 14:15.51; 2. PALTRINIERI 14:21.94; 3. Wojdak 14:25.37.
200 dorso: 1. Kawecki (Pol)
1:47.63, 2. Pebley (Usa) 1:48.98,
3. Kaneko (Jap) 1:49.18. 50 rana:
1. Van der Burgh (Saf) 25.64, 2.
Stevens (Slo) 25.85, 3. Lima (Bra)
25.98... 7. SCOZZOLI 26.18. 4x100
mista: 1. Russia 3:21.17, 2. Australia 3:23.56, 3. Giappone 3:24.71.
DONNE - 50 sl: 1. Kromowidjojo
(Ola) 23.60, 2. DI PIETRO 23.90,
3. Kennedy (Usa) 23.93, 4. Ottesen (Dan) 24.00, 5. FERRAIOLI
24.04. 200 rana: 1. Renshaw (Gbr)
2:18.51, 2. Wog (Can) 2:18.52, 3.
Tutton (Gbr) 2:18.83. 100 farfalla:
1. Hosszu (Ung) 55.12, 2. Worrell

(Usa) 55.22, 3. Ikee (Jap) 55.64.


4x50 sl: 1. Canada 1:35.00; 2.
Olanda 1:35.37, 3. ITALIA (Di Pietro, Ferraioli, Pezzato, Pellegrini)
1:35.61 RI. 4x100 mista: 1. Usa
3:47.89, 2. Canada 3:48.87, 3. Australia 3:49.66... 7. ITALIA (Scalia, Carraro, Di Pietro, Pellegrini)
3:53.58.
Medagliere

Nazione O A B tot.
USA
8 15 6 29
Ungheria 7 2 2 11
Russia
6 5 3 14
Sudafrica 4 1 0 5
Corea del Sud
3 0 0 3
Giappone 2 3 11 16
Canada 2 3 3 8
Olanda
2 3 1 6
Australia 2 2 7 11
Germania 2 1 0 3
ITALIA
1 4 2 7

marted
13 dicembre
2016

23
Corriere dello Sport
Stadio

CONI

Corviale ora ha il suo


Campo dei Miracoli

In Breve

I testimonial Florenzi, Maddaloni e la Bianchi tra bambini e famiglie


di Erika Primavera
Roma

Si chiama Campo dei Miracoli e il nome gi


dice tutto. Di fronte ai campetti, mezzo cielo
nascosto dal Serpentone, un chilometro di cemento armato che ospita le vite spesso complicate di oltre seimila persone. Ma se aggiungi
lo sport, gratuito, e un luogo dove crescere insieme, nella legalit, il risultato diventa "un'opportunit pi unica che rara".
Qui, nel cuore del Corviale, Coni e Lottomatica aggiungono un altro tassello a Vincere da
Grandi, l'iniziativa che dona letteralmente lo
sport alle periferie delle citt italiane, dal Quarto Oggiaro di Milano allo Zen di Palermo. Anche nel quartiere a sud-ovest di Roma, dunque, i ragazzi potranno giocare a calcio, praticare ginnastica ritmica, fare atletica e provare
a palleggiare con il calcio freestyle. Tutto all'interno della struttura che assomiglia a un'oasi
nel deserto, gestita dalla Ssd Calciosociale fondata nel 2005 e che ieri ha ospitato per il battesimo bambini chiassosi, tante famiglie e testimonial come il calciatore della Roma, Alessandro Florenzi, il maestro di judo Gianni Maddaloni e l'ex farfalla della ritmica, Elisa Blanchi.
Un'oasi scomoda, che qualcuno un anno fa
ha cercato di distruggere dandole fuoco. Ma il
gruppo del presidente Massimo Vallati, invece di impaurirsi e scoraggiarsi, ha fatto naLottomatica e scere Radio Impegno,
Coni, a Roma un'emittente che trasmette tutti i giorni da
un altro
mezzanotte alle 8.30
tassello
del mattino per tenere sempre accesa la ledel progetto
galit.
Vincere
Vincere da Granda grandi
di, partito il 23 aprile 2015, ha coinvolto finora oltre 800 tra
Malag:
bambini e ragazzi dai
Un aiuto
5 ai 14 anni, snodanal sociale
dosi in quattro tappe
Le aziende
in tutta la Penisola,
cui oggi si sommano
ora puntano
il Corviale e Rosarno,
sul nostro
in provincia di Reggio
mondo
Calabria. Tutte le attivit verranno seguite da tecnici federali
e da campioni olimpici che saranno al fianco
di bambini e ragazzi durante i corsi delle varie discipline. Inoltre, sono previsti percorsi e
attivit specifiche per i giovani con disabilit.
Un'esperienza sportiva, educativa ed emotiva a 360 gradi per chi vive in contesti territoriali e sociali difficili.
Questa una scelta vincente che mi rende
felice - spiega il presidente del Coni, Giovanni
Malag - Con queste attivit diamo un senso
alla nostra voglia di dare una mano al sociale e siamo riusciti a convincere le aziende che
ci danno fiducia a puntare sul nostro mondo
con grande sensibilit. Di questo siamo orgogliosi. E la soddisfazione anche quella di Fabio Cairoli, presidente e ad di Lottomatica Holding, per il quale l proseguimento di Vincere

vai sul nostro sito


corrieredellosport.it

VIDEO SERIE A
Le interviste
ai protagonisti
dei posticipi

MOTO

Copioli nuovo presidente della FMI


roma- Giovanni Copioli, 55 anni, il nuovo presidente della Federmoto (FMI). Succede a Paolo Sesti,
in carica dal 1996 e nominato presidente onorario.

BOXE

LeBron James produce un docu su Ali


Il calciatore Alessandro Florenzi, Fabio Attilio Cairoli di Lottomatica e il presidente del Coni, Giovanni Malag tra i ragazzi al Corviale ANSA

da Grandi conferma l'importanza della collaborazione tra pubblico e privato, grazie a cui
vogliamo far vivere lo sport come strumento
di inclusione sociale.
Negli stessi minuti in cui si festeggiava lo
sport, al Corviale arrivata la notizia della nomina di Luca Lotti come ministro dello Sport.
Una carica che negli ultimi anni era stata ricoperta soltanto attraverso l'attribuzione di deleghe, con l'ex premier Matteo Renzi ultimo
proprietario. Per Malag una bella notizia.
Siamo contenti, una persona che in questi
anni ci ha sempre seguito con molta attenzione. Avere continuit con il precedente Governo era la nostra speranza, visti i tanti progetti che abbiamo in piedi. Il mondo dello sport
molto grato a ci che ha fatto Lotti in questi
anni, credo sia un giudizio obiettivo.
Di continuit il numero uno del Coni aveva parlato anche commentando l'avvicendamento tra Renzi e Paolo Gentiloni alla guida
dell'Esecutivo. Non cambier molto - aveva
detto intervenendo a La Politica nel Pallone
su Gr Parlamento - a prescindere dal nome
del presidente del Consiglio. Gentiloni e' una
persona attenta e sensibile alle istanze dello sport, ed sempre stato molto disponibile
verso i nostri progetti.

Bebe Vio
stasera
conduce
Le Iene
Stasera su Italia
1 (ore 21.10),
nuovo appuntamento con Le
Iene Show.
Eccezionalmente
al fianco di Ilary
Blasi, Frank
Matano e
Giampaolo
Morelli, alla
conduzione ci
sar Bebe Vio,
campionessa
paralimpica a Rio
2016 e neovincitrice della Coppa
del Mondo.

Slalom di Coppa Europa a Obereggen


BOLZANO - Oggi slalom di Coppa Europa ad Obereggen appuntamento dei migliori slalomisti del mondo. Ci saranno il campione del mondo in carica Jean-Baptiste Grange, Julien Lizeroux, nono dellattuale classifica Fis, e Michael Matt, sesto domenica nello
slalom di Coppa del Mondo in Val dIsere e secondo
del primo slalom di Coppa del Mondo della stagione
a Levi. Sulla carta sono Francia, Austria, Norvegia e
Svizzera le squadre favorite per il trionfo a Obereggen.

Riproduzione riservata

Previsioni meteo

14.00

6.45
9.55
10.00
11.05
11.50
13.30
14.00
15.00
16.30
16.40

7.50
8.30
10.00
10.55
11.00
13.00
13.30
13.50
14.00
16.30
18.00
18.15
18.30
18.50
19.40
20.30
21.10
23.05

11.55
12.25
12.45
13.15
13.40
14.00
14.50
15.10
15.15
16.00
16.40
18.25
18.55
20.00
20.10
20.40
21.15
23.25

1.00
1.00

BILIARDO SCOTTISH OPEN 2016

2A GIORNATA

Eurosport

FREESTYLE COPPA DEL MONDO

AROSA: SKI CROSS Eurosport 2


CALCIO SERIE B 2016/2017
ASCOLI - ENTELLA (RECUPERO
13A GIORNATA) Sky Supercalcio
CALCIO PREMIER LEAGUE
BOURNEMOUTH - LEICESTER CITY
(16A GIORNATA)
Sky Sport 3
CALCIO PREMIER LEAGUE EVERTON - ARSENAL
Sky Sport 1
CALCIO COUPE DE LA LIGUE SOCHAUX - MARSIGLIA
Pr. Sport
BASKET NCAA CLEMSON - SOUTH
CAROLINA STATE
Sky Sport 2
HOCKEY NHL NY RANGERS CHICAGO
Fox Sports

RETEQUATTRO
6.05
6.35
8.30
9.30
10.40
11.30
12.00
13.00
14.00
15.30
16.50
18.55
19.35
19.55
20.30
21.15
23.40

LOS ANGELES - La superstar del basket LeBron


James sar il produttore esecutivo di un
documentario della Hbo sulla vita e la carriera di
The Greatest, Muhammad Ali. Ad annunciarlo
stata la stessa Hbo, precisando che regista
dellopera sar Antoine Fuqua, gi autore sul
grande schermo di opere sul pugilato come
Southpaw e Training Day. Da parte sua James
ha spiegato, con una nota, di essersi fatto
coinvolgere nel progetto perch Ali un
personaggio che trascende il mondo dello sport e
ha usato la propria fama per rendere le persone
migliori, mostrando la strada a tutti gli atleti e alla
gente di ogni razza e genere venuta dopo di lui,
incluso me stesso. Anche la famiglia dellex
campione del mondo dei pesi massimi, morto il 3
giugno scorso allet di 74 anni, partecipe in
modo attivo nella realizzazione del progetto.

SCI

RAITRE

21.00

LIVESCORE
Premier League
e recupero di B
in tempo reale

OGGI - Ore 18.20 TQQ a Roma (g, 7 corsa, m. 1600 aw) Jackpot:
Quart 7.477,54 , Quint 4.253,75 . Favoriti: 3-1-6-9-5. Sorprese: 8-2-4. Inizio convegno alle 14.40. Tv: diretta UnireSat. Corse
anche a Milano (t, 13), Pontecagnano (t, 15.15), Trieste (t, 15.25),
Montegiorgio (t, 15.35).
IERI - TQQ a Pornichet: Tris 1-14-8, 2.120,70 per 18 vincitori; Quart
1-14-8-13, n.v; Quint 1-14-8-13-3 e 1-14-8-13-4, n.v.

RAIDUE

20.45

VIDEO E FOTO
Serata al cinema
con De Laurentiis
per tutto il Napoli

Pisa - La Razza Latina ha ceduto al Team Valor anche la sua quota della 3 anni Responsibleforlove, deludente da favorita nelle Oaks su terreno quasi impraticabile e poi solo terza alla ricomparsa autunnale. La saura stata gi trasferita in Inghilterra da Marco Botti: potrebbe essere destinata al Dubai Carnival
oppure raggiungere gli States per proseguire la carriera oltre Atlantico.
addio swinburn - A 55 anni morto prematuramente Wally Swinburn: fu il fantino di Shergar, vinse tre
Derby di Epsom e un Arc de Triomphe.

RAIUNO

20.45

OSTIA - Scatta oggi a Ostia lo Yonex Italian International 2016. Il torneo, tra i primi 10 in Europa, si svolger
presso il PalaPellicone fino a venerd e vedr la partecipazione di 348 atleti, provenienti da 42 nazioni e
5 continenti. Oggi la manifestazione sar aperta dai
tabelloni di qualificazione, che vedranno debuttare
nel torneo di casa, gli azzurri. Nel singolare maschile scenderanno in campo Matteo Bellucci, Fabio Caponio, Rudolph Dellenbach, Giovanni Greco, Lukas
Osele, Wisnu Haryo Putro e Kevin Strobl. Silvia Garino e Lisa Iversen saranno chiamate allimpegno in tre
tabelloni, nel singolare femminile, insieme nel doppio femminile e in coppia rispettivamente con Kevin Strobl e Wisnu Haryo Putro nel doppio misto. Nel
doppio maschile i due sparring delle squadre nazionale, Indra Bagus Ade Chandra e Wisnu Haryo Putro.

Responsibleforlove tutta americana

DIRETTE

20.30

A Ostia scatta lo Yonex International

IPPICA

La TV di oggi
20.00

BADMINTON

Media shopping
Telefilm Detective Monk
Telenovela Cuore Ribelle
Fiction I Cesaroni 3
Rubrica Ricette allitaliana
Notiziario TG4 - Meteo.it
Telefilm Un detective in corsia
Telefilm La signora in giallo
Real Tv Lo sportello di Forum
Telefilm Flikken - Coppia in giallo
Film Uccider Willie Kid
Notiziario TG4
Notiziario Dentro la Notizia Meteo.it
Soap opera Tempesta damore
Attualit Dalla vostra parte
Film Danni collaterali
Film Legittima difesa

16.50
18.45
20.00
20.30
21.25
23.30

Attualit Unomattina
Notiziario TG1
Rubrica Storie Vere
Attualit Tempo & Denaro
Variet La prova del cuoco
Notiziario TG1
Attualit La vita in diretta
Real Tv Torto o ragione?
Notiziario TG1
Notiziario TG1 Economia Che tempo fa
Attualit La vita in diretta
Gioco Leredit
Notiziario TG1
Gioco Affari tuoi
Prima tv Miniserie La mafia uccide
solo destate
Attualit Porta a Porta

CANALE CINQUE
6.00
7.55
8.00
8.45
10.55
11.00
13.00
13.40
14.10
14.45
16.10
17.10
18.45
19.55
20.00
20.40
21.10
23.30

Notiziario Prima pagina Tg5


Notiziario Traffico - Meteo.it
Notiziario TG5 Mattina
Attualit Mattino Cinque
Notiziario TG5 - Ore 10
Real Tv Forum
Notiziario TG5 - Meteo.it
Soap opera Beautiful
Telenovela Una vita
Talk show Uomini e Donne
Telenovela Il segreto
Attualit Pomeriggio Cinque
Gioco Caduta libera
Notiziario TG5 Prima Pagina
Notiziario TG5 - Meteo.it
Attualit Striscia la Notizia
Novit Talent show Little Big Show
Attualit Matrix

Telefilm Le sorelle McLeod


Telefilm Un ciclone in convento
Rubrica TG2 Lavori in corso
Notiziario TG2 Flash
Attualit I Fatti Vostri
Notiziario TG2 Giorno
Rubrica TG2 Costume e Societ
Rubrica TG2 Medicina 33
Attualit Detto fatto
Telefilm The Good Wife
Attualit Rai Parlamento Tg
Notiziario TG2
Notiziario Rai TG Sport - Meteo 2
Telefilm Blue Bloods
Telefilm N.C.I.S.
Notiziario TG2 - 20.30
Film The Eagle
Variet Sbandati

ITALIA UNO
8.05
10.05
12.05
12.25
13.05
13.45
14.40
15.10
15.40
16.10
16.35
17.25
18.30
19.25
20.20
21.10
0.35

Telefilm Everwood
Telefilm Dr. House
Rubrica Cotto e mangiato
Notiziario Studio Aperto - Meteo.it
Notiziario sportivo Sport Mediaset
Cartoni animati I Simpson
Telefilm The Big Bang Theory
Sit com 2 Broke Girls
Telefilm Due uomini e mezzo
Sit com Baby Daddy
Telefilm How I Met Your Mother
Telefilm Friends
Notiziario Studio Aperto - Meteo.it
Telefilm C.S.I. NY
Gioco Cultura Moderna
Variet Le Iene Show 2016
Ultimi episodi I Stagione Prima tv free Telefilm Mr. Robot

CONDIRETTORE
STEFANO BARIGELLI
CAPIREDATTORI
GIULIANO RIVA,
ALBERTO DALLA PALMA

Notiziario Meteo 3 - TG3


Attualit Chi lha visto? 12,25
Attualit Quante Storie
Documentario Il tempo e la Storia
Attualit TG3 Fuori TG
Notiziario TG Regione - TG3
Rubrica TGR Leonardo
Rubrica TGR Piazza Affari
Telefilm Il Commissario Rex
Documentario Aspettando Geo
Documentario Geo
Attualit #cartabianca
Notiziario TG3 - TG Regione
Variet Blob
Attualit Gazebo Social News
Prima tv Soap opera Un posto al sole
Attualit Politics - Tutto politica
Doc. Rischiatutto - La Storia

Redazione ROMA
00185 - Piazza Indipendenza
11/b. Tel. 06 49921 Fax 06 4992690
Redazione BOLOGNA
40127 - Via del Litografo 4
Tel. 051 6007201/
Fax 051 6027037
Redazione MILANO
Via Buonarroti 153 - Monza
Tel. 039 2029895
Fax 039 833459
Redazione NAPOLI
80133 - Vico San Nicola della
Dogana 9
Tel. 081 7643944

LA 7
6.00 Notiziario Meteo - Traffico Oroscopo
7.00 Attualit Omnibus - News (Diretta)
7.30 Notiziario TG La7 - Meteo
7.55 Attualit Omnibus (Diretta)
9.40 Attualit Coffee Break (Diretta)
11.00 Attualit Laria che tira (Diretta)
13.30 Notiziario TG La7
14.00 Attualit TG La7 Cronache
14.20 Attualit Tagad (Diretta)
16.30 Telefilm Ironside
17.15 Telefilm Ironside
18.00 Telefilm Josphine, ange gardien
20.00 Notiziario TG La7
20.35 Attualit Otto e mezzo (Diretta)
21.10 Attualit Di Marted (Diretta)
0.00 Notiziario TG La7
0.10 Attualit Otto e mezzo (Replica)

DIRETTORE RESPONSABILE
ALESSANDRO VOCALELLI

STAMPA
ROMA Societ Tipografico,
Editrice Capitolina S.r.l.
Via dei Mille, 1; Via Giacomo
Peroni, 280
BOLOGNA Mediastampa S.r.l.
Via del Litografo 4

Il prezzo del quotidiano 1,30.


In abbinamento obbligatorio in Abruzzo e Umbria con il Messaggero a 1,20; in
abbinamento obbligatorio a Cosenza e provincia con La Gazzetta del Sud a 1,20.
In abbinamento facoltativo con:
Holly & Benji a 12,90; Erotica leros a fumetti a 11,99; Dvd Mai Dire Story a 9,99; Dvd
Zero a Zero a 9,99 ciascuno; Cd 883 a 9,99 ciascuno; Fumetto I Cavalieri dello Zodiaco a
4,99 ciascuno; Yattaman Cult Collection a 10,99 ciascuno; Doctor Strange a 1,99; Poster
Lazio ad Amatrice a 2,99; Giochi di Societ a 6,99; Calendario Ufficiale S. S. Lazio a
9,90; Moleskine A. S. Roma a 18,90; Plaid Juventus a 11,90; Plaid Roma a 11,90.
Ad ogni prodotto collaterale va aggiunto il costo del giornale.

CAGLIARI LUnione Sarda S.p.A.


Centro Stampa Via Omodeo 5 09030 Elmas
MESSINA Societ Editrice Sud
S.p.A. - Via Uberto Bonino, 15/C
MONZA (MI) Monza Stampa
S.r.l. Via Buonarroti, 153
BENEVENTO Qualiprinters
S.r.l. Zona Industriale Contrada
Olivola

DIFFUSIONE: Rivendita, tel.


06 4992491. Trasporti, tel.
06 4992493. Contabilit
distributori, tel. 06 4992236
PUBBLICITA: Concessionaria
esclusiva per lItalia e per
lestero: SPORT NETWORK
s.r.l. Uffici: Milano 20134, via
Messina, 38 - tel. 02 349621 fax 02 34962450. Roma 00185
- P.zza Indipendenza, 11/B - tel.
06 492461 - fax 06 49246401.
ESTERO, ufficio abbonamenti,
Roma, tel. 06 4992312. Una
copia arretrata 2,60 c/c
postale n. 29367000. Sped. abb.
post. D.L. 353/2003 (conv. in L.
27/02/2004 n. 46 art. 1, comma
1, DCB) Roma
PREZZI DI VENDITA ALLESTERO:
Baleari 2,50; Croazia Kn 19;
Germania 2,20; Londra 2,00;
Malta 2,50; Monaco Pr. 2,00;
Slovenia 2,00; Svizzera Fr. S.
3,00; Svizzera Tedesca Fr. S.
3,00; Svizzera Tic. Fr. S. 3,00.
ABBONAMENTI: ITALIA, 7
numeri, annuo 320,00,
semestrale 164,00; 6 numeri,
annuo 286,00, semestrale
146,00; annuale 1 giorno
50,00, semestrale 25,00.
Spedizione con servizio postale.
RESPONSABILE TRATTAMENTO
DATI (D.LGS 196/2003 )
ALESSANDRO VOCALELLI
CORRIERE DELLO SPORT s.r.l.
P.za Indipendenza 11/b
Roma 00185

Reg. e Trib. Roma N. 210


dell8 ottobre 1948
Certificati ADS n. 8048
e n. 8049 del 6-4-2016