Sei sulla pagina 1di 1

LA RIFORMA

la Repubblica LUNED 17 OTTOBRE 2016

Guida al referendum

13

PER SAPERNE DI PI
www.camera.it
www.senato.it

5. Le nuove leggi
Il procedimento legislativo. Nel nuovo articolo 70
un fiume di parole per differenziare le due Camere

LAVINIA RIVARA

PERCH S
ROBERTO BIN

Un testo lungo
ma solo cos
si semplifica

SPECIALE
REFERENDUM
Su Repubblica.it
lo speciale sul
referendum, con
le posizioni del S
e del No e i punti
della riforma
costituzionale su
cui saremo
chiamati a votare
il 4 dicembre
prossimo

l sistema bicamerale paritario con la riforma costituzionale si trasforma in


differenziato e il Senato partecipa in maniera diversa da oggi alla formazione delle
leggi, a seconda della loro tipologia. Si passa cos dal procedimento legislativo attuale
ad almeno quattro diversi. Ecco perch larticolo 70 della Costituzione passa da 9 a oltre
400 parole, e perch uno dei pi criticati dal fronte del No. Il sistema bicamerale resta
solo per le leggi costituzionali o di loro attuazione, referendum, minoranze linguistiche,
leggi elettorali, ineleggibilit e insindacabilit, trattati Ue, ordinamento degli enti locali.
Per le altre leggi si passa al procedimento monocamerale partecipato: la Camera
approva il testo da sola, ma palazzo Madama pu deliberare di discuterlo (entro 10 giorni
e su richiesta di almeno un terzo dei senatori). Dopodich ha 30 giorni per formulare le
sue proposte, che Montecitorio pu accogliere o respingere. Per le leggi di finanza
pubblica si applica il procedimento monocamerale di bilancio: il Senato obbligato a
discuterle ma deve presentare le sue proposte alla Camera (che ha lultima parola) entro
15 giorni. Infine il monocamerale rinforzato si usa solo per atti del governo che
intervengono su competenze regionali: in quel caso se il Senato approva modifiche a
maggioranza assoluta la Camera potr respingerle solo con la stessa maggioranza.
RIPRODUZIONE RISERVATA

COSTITUZIONE VIGENTE
ROMA. Il fronte del No ha calcolato che larti-

colo 70 della Carta passa da 9 a oltre 400


parole. Non un paradosso, professor Roberto Bin, per una riforma che vuole semplificare liter legislativo?
La brevit attuale sar anche esteticamente apprezzabile, ma la causa della confusione del nostro sistema legislativo. Oggi
tutte le leggi sono eguali: importantissime,
discusse per anni, possono essere cambiate o
derogate dal comma nascosto in qualsiasi
leggina successiva. Il nuovo testo sar lungo
e brutto ma serve a distinguere con precisione le 14 leggi che restano bicamerali dalle altre. Per farlo bisogna
individuarle una per
una.
Per certi suoi colleghi questo articolo scritto cos male da somigliare a
un decreto milleproroghe.
Il loro senso estetico sar inappagato, ma si dovevano individuare con preciUNIVERSIT DI FERRARA sione le competenze
Roberto Bin
del Senato. Lappaprofessore di diritto
rente complessit
costituzionale
del nuovo testo proalluniversit
duce minore comdi Ferrara
plessit nella sua applicazione.
Si passa da uno a
quattro procedimenti legislativi diversi.
Non si rischia di complicare il sistema e
creare conflitti di competenza tra Camera
e Senato?
Questa una favola. Gi oggi ci sono tanti procedimenti legislativi diversi, alcuni introdotti da riforme costituzionali (su amnistia e indulto e altro). I conflitti sono assai rari. La riforma prevede essenzialmente due
procedimenti, le leggi bicamerali e le altre,
sulle quali il Senato pu chiedere di esprimersi entro 30 giorni. Conflitti interpretativi? Potranno esservi divergenze di interpretazione, come ne sorgono a migliaia nei lavori parlamentari. un allarme pretestuoso.
Non sono troppo brevi i termini dati al Senato per intervenire, considerando che i
senatori-consiglieri non staranno tutta la
settimana a Roma?
Ma quello che avviene in Belgio, Francia, Germania, dove le autonomie sono rappresentate nella seconda Camera. Bisogner
rendere efficiente lorganizzazione dei lavori, magari guardando allesperienza altrui.

RIPRODUZIONE RISERVATA

ALLARME PRETESTUOSO

Non vero che si rischiano


conflitti di competenze tra le
due Camere, gi oggi ci
sono procedimenti diversi

PERCH NO

GAETANO AZZARITI

Sar un caos
era meglio
abolire il Senato

COSTITUZIONE MODIFICATA

ART. 70
La funzione legislativa esercitata collettivamente
dalle due Camere.

ROMA. Larticolo 70 uno dei pi contestati

La funzione legislativa esercitata collettivamente dalle due Camere per le leggi di revisione della
Costituzione e le altre leggi costituzionali, e soltanto per le leggi di attuazione delle disposizioni
costituzionali concernenti la tutela delle minoranze linguistiche, i referendum popolari, le altre forme di consultazione di cui allarticolo 71,
per le leggi che determinano lordinamento, la legislazione elettorale, gli organi di governo, le funzioni fondamentali dei Comuni e delle Citt metropolitane e le disposizioni di principio sulle forme associative dei Comuni, per la legge che stabilisce le norme generali, le forme e i termini della
partecipazione dellItalia alla formazione e allattuazione della normativa e delle politiche dellUnione europea, per quella che determina i casi di
ineleggibilit e di incompatibilit con lufficio di
senatore di cui allarticolo 65, primo comma, e
per le leggi di cui agli articoli 57, sesto comma,
80, secondo periodo, 114, terzo comma, 116, terzo comma, 117, quinto e nono comma, 119, sesto
comma, 120, secondo comma, 122, primo comma, e 132, secondo comma. Le stesse leggi, ciascuna con oggetto proprio, possono essere abrogate, modificate o derogate solo in forma espressa e da leggi approvate a norma del presente comma.
Le altre leggi sono approvate dalla Camera
dei deputati.
Ogni disegno di legge approvato dalla
Camera dei deputati immediatamente
trasmesso al Senato della
Repubblica che, entro dieci giorni, su
richiesta di un terzo dei suoi componenti,
pu disporre di esaminarlo. Nei
trenta giorni successivi il Senato della
Repubblica pu deliberare proposte di
modificazione del testo, sulle quali la
Camera dei deputati si pronuncia in
via definitiva. Qualora il Senato della
Repubblica non disponga di procedere
allesame o sia inutilmente decorso il
termine per deliberare, ovvero quando
la Camera dei deputati si sia pronunciata
in via definitiva, la legge pu essere
promulgata.
Lesame del Senato della Repubblica
per le leggi che danno attuazione
allarticolo 117, quarto comma, disposto
nel termine di dieci giorni dalla
data di trasmissione. Per i medesimi
disegni di legge, la Camera dei deputati pu non
conformarsi alle modificazioni
proposte dal Senato della Repubblica
a maggioranza assoluta dei
suoi componenti, solo pronunciandosi
nella votazione finale a maggioranza
assoluta dei propri componenti.
I disegni di legge di cui allarticolo 81,
quarto comma, approvati dalla Camera
dei deputati, sono esaminati dal Senato
della Repubblica, che pu deliberare
proposte di modificazione entro quindici
giorni dalla data della trasmissione.
I Presidenti delle Camere decidono,
dintesa tra loro, le eventuali questioni
di competenza, sollevate secondo le
norme dei rispettivi regolamenti.
Il Senato della Repubblica pu, secondo
quanto previsto dal proprio regolamento,
svolgere attivit conoscitive,
nonch formulare osservazioni su atti
o documenti allesame della Camera dei
deputati.

della riforma. Ma archiviando il bicameralismo paritario non era inevitabile, professor Gaetano Azzariti, articolare e differenziare il procedimento legislativo?
Il difetto maggiore non nella articolazione (in verit molto confusa) delle competenze legislative tra Camera e Senato, ma nel
non essere riusciti a dare un ruolo costituzionale alla seconda Camera. A questa sono assegnate funzioni legislative che coinvolgono le
materie pi diverse, spesso estranee agli interessi degli enti territoriali. Inoltre, anzich
adottare un criterio semplice per distinguere
le competenze legislative come peraltro era nel disegno di
legge originario del
governo - si sono voluti, incomprensibilmente, moltiplicare i
modi di formazione
delle leggi. Ci far
aumentare la confusione e la litigiosit
anche costituzionale: non ne abbiamo
proprio bisogno. Pe- UNIIVERSIT DI ROMA
raltro la riforma non Gaetano Azzariti
si preoccupa minima- professore di Diritto
mente del reale pro- costituzionale
blema che investe la alluniversit La
legislazione italiana, Sapienza di Roma
che non dato tanto
dal bicameralismo
paritario, quanto dalla cattiva fattura delle
leggi e dalla difficile attuazione delle stesse.
Unoccasione perduta.
I termini dati al Senato per intervenire sui
provvedimenti, compresi quelli di bilancio, le sembrano congrui?
Ma chi pu pensare che qualche sindaco
e alcuni consiglieri regionali, oltre ai 5 senatori di nomina presidenziale, possano realmente svolgere tutte le funzioni che il testo della
riforma assegna al Senato? Non solo legislativi, ma anche assai complessi compiti di verifica e controllo. evidente che si pensa ad un
organo da porre ai margini e sostanzialmente impotente. Ma allora era meglio abolirlo
del tutto e adottare la pi limpida e radicale
delle soluzioni, quella monocamerale.
Ma lobiettivo di semplificare il sistema sar centrato?
Tanto poco sar semplificato il sistema
che lo stesso articolo 70 prevede una misura
per risolvere le questioni di competenza. Si
confessa cos che non sar per nulla facile stabilire a chi spetti fare che cosa.

RIPRODUZIONE RISERVATA

OCCASIONE SPRECATA

La riforma non si preoccupa


affatto del vero problema,
che la cattiva fattura delle
leggi. Unoccasione sprecata

Repubblica Nazionale 2016-10-17