Sei sulla pagina 1di 2

Via San Francesco 11, 18038, Sanremo

C.F. 90061160082
e-mail: mappamondosanremo@libero.it
www.associazionemappamondo.it

Ai soci e simpatizzanti di “Mappamondo”

Cari Amici,

come ogni inizio anno desidero scrivere ai sostenitori della nostra Associazione per rinnovare il
nostro impegno nel difficile e necessario lavoro di integrazione, e fare con voi il punto su quanto
fatto e quanto in programma per i prossimi mesi.
Sicuramente ciascuno di noi ha potuto notare quanto la situazione si sia modificata in questi
ultimi tempi e quanto sia sempre più necessario e urgente un lavoro di corretta informazione!
Mi ha colpito, e lo voglio raccontare perché i mezzi di comunicazione ne hanno dato pochissimo
rilievo, l’avviso che il Vescovo della Diocesi di Agrigento insieme alla Caritas, hanno voluto
mettere nel presepe rivolto ai fedeli: si avvisavano i fedeli che i Re Magi per quest’anno non
sarebbero potuti arrivare a consegnare i loro doni a Gesù Bambino perché erano stati bloccati
alla frontiera insieme a tutti i migranti.
Il Direttore della Caritas ha spiegato il motivo di tale scelta come intento di informare i fedeli in
cosa consista effettivamente la politica dei respingimenti.
Credo questo debba farci riflettere al di là delle nostre differenti fedi, sull’urgenza della
formazione e della corretta informazione.

In questo senso “Mappamondo” continuerà il suo impegno, fiera anche dei piccoli traguardi
raggiunti in questi anni di lavoro, in ultimo l’apertura dello sportello “Migrapoint” ad Imperia,
inaugurato lo scorso dicembre.
A questo proposito sento proprio di dover ringraziare tutte le persone che si sono e si stanno
adoperando per l’Associazione, in modo gratuito e disinteressato.
Penso ai volontari che affiancano le operatrici negli sportelli, penso alle persone che hanno dato
la loro disponibilità per organizzare corsi di alfabetizzazione e attività con i ragazzi stranieri,
penso ai responsabili del direttivo, agli amici che si adoperano quando organizziamo qualche
evento, nella preparazione del momento, penso ai mediatori culturali, alcuni dei quali, si
spendono molto al di là delle loro ore di lavoro, svolgendo davvero una preziosa funzione di
mediazione con le loro comunità di appartenenza.
Desidero ringraziare di cuore tutti coloro che hanno dimostrato in questi anni di voler davvero
bene e tenere all’Associazione.
Sicuramente “Mappamondo” è stata, e spero lo possa essere ancor di più, occasione di crescita
culturale e anche professionale per alcuni, ma tengo molto a ricordare che il nostro lavoro, le
nostre finalità sono quelle del servizio: anzi, abbiamo proprio scelto di modificare il nostro
Statuto e divenire una organizzazione di volontariato a tutti gli effetti.
Anche se poi il volontariato lo si fa in molti modi, e nei propri ambiti!
A questo proposito segnalo subito una iniziativa che proporremo a partire dalla prossima
primavera: un corso di formazione per tutti coloro che svolgono volontariato con i cittadini
stranieri, in diversi contesti, proprio perché riteniamo la formazione inscindibile dal proprio
impegno..
Vi informeremo nel dettaglio prossimamente.
Speriamo che tra le cose che si realizzeranno per quest’anno, ci possa anche essere il tanto
atteso corso di formazione per i mediatori culturali, su cui abbiamo cercato da lungo tempo di
pungolare la Provincia e gli organi competenti, per dare l’opportunità di professionalizzare
seriamente come già avviene in altre province liguri, il lavoro del mediatore culturale su cui è
necessario investire più correttamente.

Abbiamo iniziato un percorso di confronto con la comunità romena residente nella nostra città e
pensiamo che questo possa portare ad un importante lavoro di collaborazione, conoscenza e
scambio, anche con qualche evento organizzato insieme.
Ci auguriamo di poter anche continuare a lavorare in collaborazione con altre realtà associative
del nostro territorio, perché fin dal nostro nascere abbiamo potuto constatare quanto sia molto
più utile e produttivo il lavoro in rete.
Questo è anche il motivo per cui “Mappamondo” partecipa al progetto che verrà proposto dal
CE.S.P.IM. alle scuole, in collaborazione con 11 Associazioni di volontariato della Provincia.
Perché la convivenza si impara sui banchi di scuola.
In conclusione, augurando a ciascuno di noi un anno sereno, all’insegna di quella pace che
parte dal cuore, così difficile da raggiungere, vi chiedo di continuare a sostenere il nostro lavoro,
nei modi che potrete, segnalando le vostre disponibilità ai nostri riferimenti e rinnovando anche e
soprattutto per questo 2010 la vostra adesione all’Associazione (10 €).

Grazie per l’incoraggiamento che sempre ci dimostrate!

Per l’Associazione
La Presidente
Prof. Antonella Squillace