Sei sulla pagina 1di 12

PROIEZIONI ORTOGONALI

104

Il metodo della doppia proiezione ortogonale


Il metodo attualmente conosciuto come metodo delle proiezioni ortogonali (o
proiezioni ortografiche) inizialmente nacque come metodo di rappresentazione di
figure tridimensionali su due piani di riferimento ortogonali tra loro, denominati, per
convenzione, piano orizzontale (1) e piano verticale (2). Tale rappresentazione veniva
chiamata metodo della doppia proiezione ortogonale.

II diedro

I diedro

Loggetto da rappresentare viene


idealmente posto in uno dei quattro
diedri (normalmente il primo o il
terzo).
Loggetto viene proiettato da
distanza infinita ortogonalmente
ai due piani di proiezione 1 e 2
La rappresentazione piana viene
ottenuta assumendo 1 come piano
del disegno e ribaltando 2 attorno
alla linea di terra.

Linea di
terra (lt)
III diedro

IV diedro
Appunti di Disegno Tecnico Industriale

105

Rappresentazione del punto


Un generico punto P nello spazio individuato dalle sue proiezioni P e P. Prima del
ribaltamento i punti P, P e P si trovano tutti in uno stesso piano perpendicolare alla lt.
Durante il ribaltamento P si muove lungo tale piano. Segue che, a ribaltamento
avvenuto, P e P si trovano sulla stessa perpendicolare alla lt (linea di richiamo).

Linee di
richiamo

Appunti di Disegno Tecnico Industriale

106

Rappresentazione della retta


Una generica retta r nello spazio individuata dalle sue intersezioni t1r e t2r (tracce) con
i piani 1 e 2. Volendo determinare le rette r ed r proiezione di r sui due piani
osserviamo che la retta r passa per il punti t1r e per la linea di richiamo per t2r; la r
passa per t2r e la linea di richiamo per t1r.

Per semplicit, ma senza perdita di generalit, si qui considerata una retta le cui
intersezioni con i piani di proiezione giacciono nel primo diedro.
Appunti di Disegno Tecnico Industriale

107

Rappresentazione del piano


Un generico piano nello spazio individuato dalle sue intersezioni t1 e t2 (tracce) con
i piani 1 e 2. facile vedere che le due tracce del piano si intersecano in un punto V
appartenente alla linea di terra.

Appunti di Disegno Tecnico Industriale

108

Posizioni particolari del piano


Rappresentazione di generico piano obliquo rispetto ai piani 1 e 2. Quando diventa
parallelo alla lt, la rappresentazione degenera in due rette parallele ad essa.

Rappresentazione di generico piano


ortogonale a 1 e obliquo rispetto a 2. t1
obliqua rispetto ad lt; t2 ortogonale ad
lt.

Rappresentazione di generico piano


ortogonale a 2 e obliquo rispetto a 1. t2
obliqua rispetto ad lt; t1 ortogonale ad
lt.

Appunti di Disegno Tecnico Industriale

109

Condizioni di appartenenza. Appartenenza punto/retta


Vediamo ora come si affrontano i problemi di appartenenza nella rappresentazione in
doppia proiezione ortogonale, ossia quali condizioni devono verificarsi perch elementi
assegnati (punti, rette e piani) si appartengano fra loro.
Nel caso dellappartenenza punto/retta facile verificare che condizione necessaria e
sufficiente affinch un punto A appartenga ad una retta r che le due proiezioni del
punto (A e A) appartengano alle proiezioni omonime della retta (r e r).

Appunti di Disegno Tecnico Industriale

110

Appartenenza retta/piano
Condizione necessaria e sufficiente affinch una retta r giaccia su un piano che le sue
tracce T1r e T2r appartengano alle tracce t1 e t2 del piano.
In altri termini si ha che: retta e piano si appartengono se si appartengono i loro
elementi omonimi rappresentativi.

Appunti di Disegno Tecnico Industriale

111

Il metodo delle proiezioni ortogonali (UNI EN ISO 5456-1/2)


Direzione di
osservazione B

Il metodo delle proiezioni ortogonali


(o
proiezioni
ortografiche)
rappresenta unestensione del metodo
della doppia proiezione ortogonale.
Loggetto da rappresentare viene
proiettato su pi piani, di solito
ortogonali tra loro.
Su ciascun piano di proiezione si ottiene
una figura denominata vista. Una vista
quindi una proiezione parallela ed
ortogonale
associata
ad
una
determinata direzione.
La rappresentazione in proiezioni
ortogonali di un oggetto consiste nel
disegno di un numero di viste
necessario e sufficiente a garantire
la
corretta
interpretazione
delloggetto.

II

Vista da A
Vista da C
Direzione di
osservazione C

Direzione di
osservazione A

Vista da B

III
Appunti di Disegno Tecnico Industriale

112

Sistemi di proiezione del primo e del terzo diedro.


Esistono due metodi di proiezione nelle proiezioni ortogonali: il metodo del primo diedro (o
europeo o della torcia elettrica) ed il metodo del secondo diedro (o americano, o della
macchina fotografica). Dividendo lo spazio tridimensionale con due piani ortogonali si
individuano quattro diedri, come indicato in figura.
I diedro
Supponiamo
ora
che
losservatore si trovi a destra
del piano verticale (piano di
IV diedro
proiezione).
Se loggetto posizionato nel
primo diedro, esso si trova tra
losservatore ed il piano di
proiezione. La proiezione che ne
risulta secondo il metodo
europeo.

Direzione di
osservazione

Se loggetto si trova nel terzo


diedro, il piano di proiezione
ad essere tra losservatore e
loggetto. La proiezione che ne
risulta secondo il metodo
americano.

II diedro

III diedro
Appunti di Disegno Tecnico Industriale

Piano di
proiezione
113

Disposizione delle viste secondo il metodo europeo.


La rappresentazione secondo il metodo delle proiezioni ortogonali prevede innanzitutto la
scelta e la rappresentazione di una vista principale. Tale scelta arbitraria, ma di solito si
sceglie come vista principale quella pi rappresentativa (alla quale associato il maggior
numero di informazioni). Quindi le altre viste si dispongono in relazione alla vista principale
(vista da sinistra a destra della principale, vista dal basso in alto, vista da destra a
sinistra, vista dallalto in basso, vista da dietro a destra della vista da sinistra).
Alto

Dietro

Sinistra

Basso

Destra
Principale
Basso

Destra

Principale

Sinistra

Dietro
Simbolo del metodo
europeo (o del
primo diedro)

Alto

Appunti di Disegno Tecnico Industriale

114

Disposizione delle viste secondo il metodo americano.


Anche nel metodo americano il primo passo consiste nella scelta e nel disegno della vista
principale. Successivamente le viste si dispongono nel modo indicato in figura (vista da
sinistra a sinistra della principale, vista da destra a destra, vista dallalto in alto,
vista dal basso in basso, vista da dietro a sinistra della vista da sinistra).

Alto
Alto
Dietro

Sinistra

Destra
Principale

Dietro

Sinistra

Principale

Destra

Basso

Simbolo
del
metodo
americano (o del terzo
diedro)

Appunti di Disegno Tecnico Industriale

Basso

115

Disposizione delle viste secondo il metodo delle frecce.


Nel metodo delle frecce le viste possono essere disposte liberamente. Anche in questo
caso si inizia con il disegno della vista principale. Quindi attorno ad essa si posizionano delle
frecce ciascuna indicante le diverse direzioni di osservazione. A ciascuna freccia si associa
una lettera minuscola; la stessa lettera, maiuscola, riportata sulla vista corrispondente. Le
viste cos identificate possono essere disposte indipendentemente dalla vista principale.
A

a
c

a
c

D
d

Principale
b

b
E

Appunti di Disegno Tecnico Industriale

116

Viste ausiliarie.
In alcuni casi necessario disegnare una vista di un oggetto su di un piano inclinato. Un
piano inclinato perpendicolare ad uno dei due piani di proiezione ma inclinato rispetto ai
due piani adiacenti.
In pratica una vista su un piano inclinato (vista ausiliaria) una vista rispetto ad una
direzione di osservazione diversa da quelle standard (alto, basso, sinistra, destra e
dietro).
Vista dal basso

X
Vista principale

Vista da sinistra

Vista ausiliaria (da


X)

Appunti di Disegno Tecnico Industriale

117

Quali linee si rappresentano in una vista ?


Le linee principali che si rappresentano in una vista sono gli spigoli e i contorni
delloggetto.
Gli spigoli rappresentano quei segmenti (rettilinei o curvilinei) dove due superfici
delloggetto si incontrano formando uno spigolo vivo (senza continuit in tangenza).
I contorni rappresentano quei segmenti (rettilinei o curvilinei) che, in una determinata vista,
delimitano loggetto o parti di esso.

Appunti di Disegno Tecnico Industriale

118

Linee in vista e linee nascoste


In una vista non tutti gli spigoli ed i contorni delloggetto risultano visibili, in quanto alcuni di
essi possono essere nascosti da altre parti delloggetto.
Secondo la norma UNI 3968, gli spigoli ed i contorni nascosti si possono rappresentare
con linea a tratti grossa o a tratti fine.
Secondo la EN ISO 128-24 sia spigoli che contorni nascosti vanno rappresentati con
linea a tratti fine. La rappresentazione degli spigoli e dei contorni nascosti si rende
necessaria quando senza di essa il disegno non sarebbe comprensibile.
Rappresentazione senza spigoli e
contorni nascosti

Rappresentazione con spigoli e


contorni nascosti

Appunti di Disegno Tecnico Industriale

119

Spigoli fittizi (convenzionali)


Le superfici degli oggetti reali spesso non si intersecano formando uno spigolo vivo, ma
mantengono una certa continuit in tangenza. In questi casi si dice che le superfici sono
raccordate. Non essendoci spigolo, non vi sono, teoricamente, linee in vista. In alcuni casi ci
rende difficile linterpretazione del disegno, per cui si possono utilizzare gli spigoli fittizi (o
convenzionali), rappresentati con linea fine che non tocca i contorni.

Rappresentazione teorica

Oggetto con spigoli non


raccordati

Rappresentazione teorica
(poco chiara)

Oggetto
con
raccordati

spigoli

Spigoli convenzionali

Rappresentazione
convenzionale (pi chiara)

Appunti di Disegno Tecnico Industriale

120

Assi di simmetria
Gli assi di simmetria di una figura devono essere rappresentati con linea mista fine. Nel
caso della circonferenza (infiniti assi di simmetria) si rappresentano per convenzione due assi
ortogonali (normalmente verticale ed orizzontale). Ove presenti gli assi di simmetria devono
essere sempre rappresentati.

Figura assialsimmetrica. Si rappresenta lasse di


rivoluzione nella vista longitudinale e due assi
ortogonali nella vista trasversale

Rappresentazione di assi di cerchi e di altre figure


simmetriche

Appunti di Disegno Tecnico Industriale

121

Oggetti simmetrici (UNI EN ISO 128-30)


Se una figura possiede uno o due assi di simmetria, consentito rappresentarne soltanto
met od un quarto. Gli assi di simmetria devono essere allora contrassegnati da due tratti
brevi paralleli.

Appunti di Disegno Tecnico Industriale

122

Viste parziali e viste interrotte (UNI EN ISO 128-30)


Quando un oggetto molto grande e si vuole mettere in evidenza una parte soltanto di esso
si pu ricorrere ad una vista parziale. La parte rappresentata delimitata (ancora una volta
secondo la UNI 3968) da linee fini irregolari. La vista interrotta consiste invece
nellescludere, per motivi di spazio, una parte poco significativa delloggetto dalla
rappresentazione.

Vista parziale

Vista interrotta

Appunti di Disegno Tecnico Industriale

123

10

Viste locali (UNI EN ISO 128-34)


Quando si ha necessit di evidenziare una parte di un oggetto, se la rappresentazione non
risulta ambigua, possibile sostituire ad una vista completa la vista di un particolare
con linea continua grossa, collegandola alla vista principale con una linea mista fine.

Vista locale

Vista principale

Appunti di Disegno Tecnico Industriale

124

Ribaltamenti
Le parti di un oggetto che, un una vista, risulterebbero rappresentate di scorcio,
possono essere ribaltate, in maniera da venire rappresentate nella loro grandezza
effettiva. Si indica con linea mista fine la traiettoria che subiscono i punti della parte
ribaltata.
Vista
dal
ribaltata (ok)

basso

Vista principale
Vista
dal
basso
effettiva (da evitare)

Vista
dallalto
ribaltata (ok)

Vista principale

Appunti di Disegno Tecnico Industriale

125

11

Particolarit di rappresentazione (UNI EN ISO 128-34)


Si riportano qui alcune particolarit di rappresentazione nelle proiezioni ortogonali.

Piani realizzati su parti


cilindriche. Si disegnano le due
diagonali con linea continua fine.

La rappresentazione di elementi
ripetitivi
simmetrici
pu
essere semplificata riportando,
per alcuni, solo gli assi di
simmetria.

A (3:1)
Per rappresentare pi
chiaramente particolari
piccoli si pu ricorrere
ai dettagli.

Appunti di Disegno Tecnico Industriale

126

Scelta delle viste (UNI EN ISO 128-30)


La scelta delle viste (incluse le sezioni) deve essere fatta in base ai seguenti principi:

Limitare il numero al minimo necessario e sufficiente a definire completamente


loggetto senza ambiguit;

Evitare, per quanto possibile, la rappresentazione di contorni e spigoli nascosti.

Evitare la ripetizione non necessaria di particolari.

Due viste sono sufficienti, la terza inutile.

Una vista sufficiente, le altre due sono inutili.

Appunti di Disegno Tecnico Industriale

127

12