Sei sulla pagina 1di 2

2/11/2016

JazzitaliaRecensioniMicheleFrancesconi:Pianofortecomplementareinstilepopjazz

Articoli

Recensioni
Altro

Eventi

Artisti

Lezioni

Gallery

New York

NEWS: Alessandra Mirabella 5tet: esce il 10 novembre l'album "Remember", tributo alla musica di Irving Berlin

Domani al Modo di
Salerno il Latin
Jazz di Horacio "El
Negro" Hernandez
con
Italuba
Quartet.
Tretterre
2016.
Tre Paesi ricchi di
storia, cultura e
tradizione,
tre
appuntamenti con
la grande musica
di qualit.
Incroci di jazz
puro,
musica
contemporanea e
suoni dalla forte
connotazione
geografica (latina,
africana) daranno
un tono di creativa
sperimentazione al
Bologna
Jazz
Festival 2016.
Umbria
Jazz
Winter
#
24,
Fresu,
McBride,
Truesdell
le
anticipazione del
programma 2016.
ParmaJazz
Frontiere Festival
2016: Visionari per
vocazione. Parte il
6 novembre la
21ma edizione del
festival diretto da
Roberto Bonati.
Spettacolarit,
coinvolgimento,
creativit,
originalit: sono i
tratti
che
contraddistinguono
ancora una volta la
rassegna musicale
"Aperitivo
in
Concerto" 2016
2017.
Jazz,
teatro,
canzone d'autore e
reading letterari
per
la
nuova
stagione de The
Empty
Space.
Debutto con il trio
di
Daniele
Pozzovio per la
sezione musica
Addio
a
Toots
Thielemans, il re
dell'armonica
cromatica si
spento all'et di 94
anni.
Cartellone
internazionale per
la settima edizione
del San Severo
Winter
Jazz
Festival che apre
ad ottobre con
Luis Perdomo.
David
Sanbord,
John
Pizzarelli,
Mike Stern, Peter
Cincotti, Freddy
Cole e molti altri i
protagonisti
di
novembre
e
dicembre al Blue
Note di Milano
Il Saint Louis,
Istituzione di Alta
Formazione
Artistica Musicale
autorizzata
dal
Miur a rilasciare
titoli accademici di
I e II livello, apre
le
iscrizioni al
prossimo
anno
accademico
2016/2017.
Click QUI per fare
pubblicita' su
Jazzitalia

Michele Francesconi
"Pianoforte complementare in stile pop jazz"
Quali sono stati gli elementi che ti hanno spinto a scrivere questo metodo?
Direi la necessit di dare una schematizzazione alla didattica, per quanto lo studio del jazz e della popular music debbano
necessariamente seguire dei percorsi dettati dalla creativit. C' da dire per che, oltre a chi suona per diletto, anche molti studenti
dei corsi superiori dei conservatori mostrano notevoli lacune nella grammatica di base, per cui ho pensato che un libro di questo tipo
potesse aiutarli a comprendere meglio alcuni elementi per accompagnarsi al pianoforte.
Quali sono gli aspetti che hai ritenuto di trattare in modo principale?
Il sistema che ho sviluppato si ispira a due criteri principali. In primo luogo, la praticit: l'intero metodo nasce dall'esperienza con gli
studenti e risponde alle loro esigenze, ai loro problemi sullo strumento. In secondo luogo, ho cercato di renderlo il pi sintetico
possibile, perch credo che la sintesi sia una delle risorse pi preziose da sfruttare nei processi di apprendimento. Queste
considerazioni mi hanno portato a dare al libro un taglio il pi possibile concreto e schematico e a concepirlo con un approccio da
accompagnatore arrangiatore (da qui trae il titolo pianoforte complementare) per distinguerlo da un tipo di studio, vastissimo, che
prenderebbe in esame la sfera gestuale legata all'improvvisazione. Il repertorio preso in esame si concentra esclusivamente
sull'accompagnamento basilare delle pop ballad e sull'armonizzazione delle song, terreno nel quale possibile elaborare la materia
armonica in maniera anche molto complessa.
Nel metodo vi sono due brevetti. Ce ne vuoi parlare?
Si tratta di due piccoli accorgimenti utili per lo studio. Il concetto di "nota perno" uno schema applicativo per disporre gli accordi in
modo coerente con la melodia del brano che si sta suonando; il secondo, invece, un metodo di scrittura che permette di appuntarsi
un voicing su una lead sheet facendo uso di lettere per scrivere le note suonate con la mano sinistra.
Quanto l'aspetto visivo delle posizioni e delle combinazioni di tasti ritenuto importante?
I disegni della tastiera che si trovano all'inizio servono pi che altro per imparare l'impostazione iniziale delle triadi e delle quadriadi.
In una fase successiva si ritiene che lo studente possa a poco a poco sviluppare delle basi minime di lettura e coordinazione per
affrontare l'armonizzazione dei brani.
Il libro rivolto anche ai musicisti classici. Cosa pu concretamente ottenere un pianista classico dallo studio di questo metodo?
Sicuramente i mezzi per codificare il siglato e iniziare a sganciarsi dalla partitura. Nel jazz o nel pop la scrittura della musica pi un
mezzo che un fine, perch il risultato finale lo si ottiene solo con l'orecchio, non avendo niente di definitivo da eseguire in maniera
prescrittiva.
Pensi possa adottarsi anche nei conservatori?
Mi auguro di si. Io tuttora insegno in tre conservatori e i miei studenti lo usano.
C' un programma di divulgazione previsto?
Durante la promozione con l'editore Volont abbiamo spedito il manuale a molti colleghi, e, nel caso lo trovassero utile, potrebbero
adottarlo, o quantomeno segnalarlo.

Pensi ad un possibile seguito per una seconda edizione?


Credo che la mia avventura editoriale si debba fermare qui. Questo libro comunque il frutto del lavoro di oltre vent'anni come
docente e, dal mio punto di vista, per quanto possa essere ampio l'argomento, un discorso concluso, e spero coerente con
l'impostazione che mi ero prefissato. In futuro vorrei dedicarmi ai miei progetti artistici, anche se personalmente non ho mai ritenuto
la didattica come qualcosa di disgiunto da un percorso di ricerca, anzi, spesso attraverso gli allievi ho imparato delle cose... queste
parole per non le ho dette io, ma un signore molto pi importante di me in un manuale del 1911.

Jazzitalia sbarca in
Russia! Tradotti in

http://www.jazzitalia.net/recensioni/pianofortecomplementare.asp#.WBmg7PnhDIU

1/2

2/11/2016
cirillico alcuni
articoli esclusivi.

JazzitaliaRecensioniMicheleFrancesconi:Pianofortecomplementareinstilepopjazz
Marco Losavio per Jazzitalia
Mipiace

Condividi Piacea7persone.Di'chetipiaceprimadituttiituoiamici.

Ultimi aggiunti:
ASCANI
Riccardo (chitarra)
BALLANTI
Marco (chitarra)

CHECCHINI Igor
(batteria)

CIUFFREDA
Daniele (chitarra)
DEL
PEZZO Massimo
(batteria)
ESPOSITO
Gianluca (sax)

FRASCAROLI
Andrea (piano)
JESSIE &
THE HOT NUTS
(gruppo)
LOPEZ
Diego (batteria e
percussioni)
MENZELLA
Gianfranco (sax)
MORONE
Franco (chitarra)
PAISSA
Roberto (chitarra)
PIOVESAN
Sebastian (basso e
contrabbasso)

SANTANGELO
Giuseppe (sax)

VENDRAMIN
Graziella (voce)

VERGALITO
Gianluca (chitarra)

Articoli correlati:
09/11/2014 My Soul (Leo Pianoforte) Alceste Ayroldi
06/04/2014 Cristina Zavalloni e Radar Band: "Cristina Zavalloni ha la capacit di elaborare continuamente nuove
concessioni alla creativit, compone musica, scrive testi e canta in varie lingue. Sul palco si muove con
grande naturalezza esplorando il movimento corporeo in una gestualit che segue l'ispirazione del
testo..." (Viviana Falcioni)
12/01/2009 Quintorigo Play Mingus (Quintorigo)
15/08/2008 Recital Trio (Recital Trio)

Video:

TST Funk Beppe Di Benedetto 5tet

Beppe Di Benedetto 5tet Tst Funk Music by Beppe Di BenedettoBeppe Di Benedetto TromboneEmiliano
Vernizzi Tenor SaxophoneLuca Savazzi PianoSt...
inserito il 23/11/2011da beppedibenedetto5tet visualizzazioni: 2633

Finger Breaker (J. R. Morton) Luca Filastro (HD Video)


Piano: Luca Filastro (18 anni)Riprese: Giorgio Congiusta (18 anni)...
inserito il 05/12/2010da mrxarcimboldo visualizzazioni: 2734

HonkY Tonk Train Blues Luca Filastro (HD Video)

Pianoforte: Luca Filastro + cd (versione di Emerson)Riprese: Giorgio Congiusta...


inserito il 03/12/2010da mrxarcimboldo visualizzazioni: 2592

" Dialogues With Standards " Michelangelo Decorato Pianoforte Tommaso


Vivaldi Sax Alto
Presentazione presso Chiostro Conservatorio G.Verdi di Milano 26 Agosto 2010Maggiori Info:
www.TommasoVivaldi.com...
inserito il 26/10/2010da TommasoVivaldi visualizzazioni: 2887

Bill Evans: tutta la musica in un 'tocco'

...
inserito il 15/02/2010da azionecreativa visualizzazioni: 2489

Oscar Peterson On The Sunny Side Of The Street


Omaggio all'indimenticabile poeta del pianoforte....
inserito il 25/08/2009da CA121164 visualizzazioni: 1667

C.Corea & G.Rubalcaba Duet scenes, shadows and particles


Recorded at the Blue Note, NYC...
inserito il 05/06/2007da andreaspaziale visualizzazioni: 1374

Inserisci un commento
Questa pagina stata visitata 58 volte
Data pubblicazione: 01/11/2016

Home| Articoli| Comunicati| Io C'ero| Recensioni| Eventi| Lezioni| Gallery| Annunci


Artisti| Saranno Famosi| Newsletter| Forum| Cerca| Links|Sondaggio| Cont@tti

http://www.jazzitalia.net/recensioni/pianofortecomplementare.asp#.WBmg7PnhDIU

2/2