Sei sulla pagina 1di 6

..

Milk

R ISERVATO

RISERVATO

COMERIO GIORGIO

pt. Mario mt. DE ANGELI Anna,


nato a Busto Arsizio (VA) il 03.02.1945

PROVVEDIMENTI DELL'AUTORIT' GIUDIZIARIA


Latitante
per estorsione (ART.629 C.P.)
La Procura della Repubblica di Bolzano il 22.02.2008 ha revocato il decreto di
sospensione dell'ordine di esecuzione per la carcerazione ed ha ripristinato l'ordine
medesimo n.674/2002 R.E.S. emesso il 22.02.2008. Il COMERIO Giorgio deve
espiare la pena di mesi 11 e giorni 18 di reclusione. Il prowedimento in carico alla
Squadra Mobile della Questura di Bolzano.
Breve biografia
Gi residente a Varese in Via Martin Luther King, 9, emigrato il 19.11.1980 per
Origlio (Svizzera), Villaggio del Sole. Divorziato da VEZZANI Caterina, si lega
sentimentalmente alla cittadina elvetica HANN Brigitte con la quale il 23.01.1983
espulso dal Principato di Monaco perch sospettato di traffici di armi con
l'Argentina, Nel 1984rientrain Italia stabilendosi a Varese da dove, il 07.03.1985,
emigra per l'Isola di Guernsey (GB).

RISERVATO
omissis

R ISERVATO
1/6

R ISERVATO

Nel Principato di Monaco era titolare della societ TEK SEA S.A. con sede a
Lugano, localit Ponte Caprasca, operante nel settore dellericerchenel campo delle
attrezzature e dei mezzi subacquei.
i

Cronologa degli eventi in cui risulta coinvolto


gennaio 1985 novembre 1989
Gennaio 1985: si apprende che il cittadino tedesco SIGALAS Mario, nato a
Stoccarda il 30.06.1952, in contatto con una non meglio indicata societ italiana per
far esplodere in aree sperimentali mine marine. Scopo del SIGALAS Mario quello
di vendere le mine in Italia. In tale attivit sarebbero state coinvolte le societ
straniere "Tek Sea" di Lugano e AVB Sita 7967 di Badwaldsee (D).
Luglio 1985: il Servizio collegato riferisce che la "Tek Sea", nota dal 1975, stata
costituita da COMERIO Giorgio, gi dimorante a Lugano, arrestato il 12.07.1984 a
Lugano, per truffa, frode allo Stato ed infrazione alla legge federale sul domicilio e la
dimora degli stranieri. Nel corso della perquisizione eseguita presso la sede della
societ e dell'abitazione sono stati rinvenuti documenti che collegano il COMERIO
a numerose Ambasciate estere con sede in Svizzera, in un'agenda statorilevatoil
nominativo del cittadino tedesco "CIGALAS" (detenuto in Germania) nonch alcuni
depliant riguardanti una "telemina" prodotta dalla Tek Sea e della quale stato
rinvenuto un prototipo in un'officina di Lugano la cui produzione per non mai
stata portata a termine a causa delle gravi difficoltfinanziariedella societ.
Settembre 1985: vieneriferitoche COMERIO Giorgio emigrato in Svizzera il 19
novembre 1980; laureato in ingegneria elettronica con varie specializzazioni nella
materia - conseguite in Italia e Svizzera -; azionista di maggioranza nel Principato di
Monaco di numerose societ immobiliari; presidente ed amministratore delegato della
societ Tek Sea S.A. specializzata nel settore delle ricerche nel campo delle
attrezzature e mezzi subacquei, con volume di affari annuo di circa 700mila dollari
USA; presidente ed amministratore delegato della societ "Poretti & Goggini" con
sede a Budano (Svizzera), specializzata nella costruzione di materiale tecnico ed
elettronico nel campo sottomarino, con un volume di affari annuo di 3 milioni di
franchi svizzeri; titolare di c/c presso l'Istituto di credito "SOCREDIT" dell'ing.
PESENTI Carlo presso il quale ha facilitazioni bancarie.
Settembre 1989: il Dipartimento della P.S. comunica che COMERIO Giorgio,
negli anni 1982-84 ha partecipato al progetto, successivamente migliorato, di una
mina subacquea telecomandata, venduta in numerosi esemplari all'Iran, tramite un
mediatore belga. Successivamente il prodotto sarebbe stato migliorato dalla "Tek
Sea". Il COMERIO anche il titolare della "COMERIO INDUSTRY Ltd",
omissis

R ISERVATO
2/6

R ISERVATO

registrata a Malta il 02.03.1988, con sede a La Valletta, St. Christopeher Street, 54, di
cui direttore CRANCHI Cesare ed azionista Stefanie CAMILLERI.
Novembre 1989: il Dipartimento della P.S. ad integrazione di quanto gi riferito
comunica che l'attuazione del progetto di realizzazione delle mine subacquee
telecomandate era in una fase molto avanzata e che il volume di affari raggiungeva le
50 unit. La vendita di tali ordigni si era gi concretizzata con Paesi del Nord-Africa.
Novembre 1989: in esito alle informazioni comunicate dal Dipartimento della P.S. si
apprende che: COMERIO Giorgio ha costituito nell'isola di Guernsey (GB) la
societ "M.E.I. - Marine Electronic Industry Ltd" con sede in Victoria House,
Brock Road St. Peter Port, Guernsey (GB). Diretta emanazione della M.E.I. era la
COMERIO INDUSTRY Ltd" di Malta, i l cui capitale era detenuto al 99% dal
COMERIO ed i l restante 1% da CAMILLERI Stefania, mentre il direttore era
l'ing.CRANCHI Cesare, nato il 28.12.1945. La COMERIO INDUSTRY Ltd" era
azionista della ELOMAR S.r.l. di Bovisio Masciago (MI), attiva nella progettazione,
costruzione e vendita di prodotti per l'ausilio della navigazione e della esplorazione e
ricerca di natura ecologica e per scopi civili ed industriali. Tale societ nel settore
dell'engineering era licenziataria dell'inglese GEORADAR e dall'ottobre 1989
all'iniziale A.U. COLOMBO Pietro si erano affiancati CRANCHI Cesare e
COMERIO Giorgio. In tale contesto viene altres comunicato che gi nell'anno
1987 la COMERIO INDUSTRY Ltd aveva messo a punto la progettazione e la
realizzazione di un prototipo di siluro (o mina) teleguidato - che depositandosi sul
fondo del mare, a seguito di tele impulsi, sarebbe stato in grado di risalire in
superficie e colpire un determinato obiettivo. Il prototipo era il derivato di un analogo
progetto della Tek Sea per il quale, inizialmente, aveva mostrato interesse la Marina
Militare Argentina durante i l conflitto delle Falkland che per lo aveva ritenuto
irrealizzabile. A l pi recente prototipo avrebbero mostrato interesse i Pasdaran
iraniani, che ne avrebberorichiestoalmeno 60 esemplari imponendo alla societ una
fidejussione di 10 miliardi di lire. La realizzazione del progetto prevedeva l'acquisto
di una nave e susseguente trasformazione in nave-laboratorio da eseguirsi in un
cantiere maltese; la sperimentazione del prototipo; la produzione degli esemplari
richiesti a Malta o in Iran, ove la nave-laboratorio avrebbe dovuto approdare. In
seguito l'interesse degli iraniani sarebbe venuto meno per le cessate esigenze militari
connesse al conflitto con l'IRAQ. Per tale motivo l'acquisto della nav - individuata
nella M/N Jolly Rosso, ceduta dalla compagnia di navigazione Ignazio MESSINA
ad una societ greca - veniva annullato ed anche per la perdurante presenza del
natante nella rada di La Spezia ove era approdata per scaricare scorie industriali
tossiche provenienti dal Libano. In tale contesto anche la Libia si sarebbe mostrata
interessata alle telemine,richiedendone4 esemplari prive di testata esplosiva.

R ISERVATO
3/6

R ISERVATO

Maggio 1991
Servizio collegato comunica di avere appreso che il cittadino siriano-libico Maged
Shaker Mustafa Dribika, residente a Marbella (Spagna) era coinvolto con Comerio
Giorgio, nato il 03.02.1942. nel traffico internazionale di armi.
Il Ministero degli Affari Esteri comunica che i cittadini italiani COMERIO Giorgio,
GIUNTA Giuliana e lo statunitense MAZEREKU Rocco Jack si erano presentati
presso le pi alte Autorit del Siena Leone proponendo, a nome della societ "Ocean
Disposai Management" (O.D.M.), di trasformare alcune isole rocciose a sud di
Freetown in un mega centro turistico ed industriale nel settore nautico con un
investimento di 70 milioni di dollari USA. Nel messaggio del M.A.E. viene
ipotizzato che la "proposta d'investimento" possa coprire il tentativo di smaltimento
illegale di rifiuti tossici, facilmente dissimulabile con l'avvio dei cantieri di lavoro, da
abbandonare dopo lo stoccaggio dei rifiuti.
Marzo 1995 - dicembre 1997
Marzo 1995: i l Sostituto Procuratore della Repubblica presso la Pretura di Reggio
Calabria chiede, nell'ambito di indagini condotte su un presunto traffico di sostanze
radioattive, la collaborazione del SISDe a fornire ogni utile notizia su COMERIO
Giorgio, titolare della COMERIO INDUSTRY Ltd di Malta.
Maggio 1995: viene consegnato al suddetto magistrato (tramite il Comando ROS dei
Carabinieri di Reggio Calabria) un appuntoriepilogativosulle risultanze d'archivio
del COMERIO.
Novembre 1995: il rapporto redatto da "Legambiente" sulle emergenze ecologiche e
criminali connesse alla produzione, raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani ed
industriali dal titolo "Rifiuti radioattivi: i l caso Italia" denuncia l'esistenza di un
progetto di smaltimento di rifiuti radioattivi nelle acque del Mediterraneo, confermato
dalla coincidenza del ritrovamento dei piani trovati in possesso di un ingegnere
italiano, tale Giorgio COMERIO, nonch dei punti di affondamento o
autoaffondamento, di alcune "carrette" del mare, verosimilmente trasformate in veri
e propri "depositi" di rifiuti.
Dicembre 1995: si ottengono informazioni sulla Ocean Disposai Management
(O.D.M.) riconducibile al COMERIO. La societ con sede nell'isola di Tortola
(Isole Vergini Britanniche) nonrisultadisporre di uffici commerciali a Garlasco (PV)
ed sconosciuta alla Camera di Commercio. I l COMERIO Giorgio residente a
Guernsey (GB), 16 A Cornet Street St. Peter Port e, dal 1993, dimora saltuariamente
a Garlasco in Via Della Costa, 14, in una vecchia cascina con annesso fondo agricolo.

Omissis

RISERVATO
4/6

ISERVATO

A tale indirizzo ha sede anche il circolo ricreativo - riservato ai soli soci - "Club del
Croquet Ticino" costituito il 01.06.1994 del quale presidente GIUNTA Giuliana ,
nata a Parabiago il 28.01.1949. Il 15 maggio 1995 i locali del "Club"sono sottoposti
a perquisizione dal Corpo Forestale dello Stato, su disposizione delle Procure di
Reggio Calabria e Matera. L'operazione, finalizzata all'acquisizione di prove relative
allo smaltimento di rifiuti tossici e radioattivi nel mare Adriatico, Oceano Pacifico e
Indiano, si conclude con il sequestro di copioso materiale documentale che viene
inviato al Coordinamento Provinciale del Corpo Forestale dello Stato di Brescia (si
allega copia di un articolo di stampa apparso sul quotidiano dell'epoca "La Provincia
pavese" dal titolo "Rifiuti nucleari in mare".
1

Aprile .1.996: il dossier di "Legambiente" dal titolo: "L'intrigo radioattivo" evidenzia


le attivit della societ "Ocean Disposai Management" (O.D.M.) e del suo
principale artefice, Giorgio COMERIO. La societ oggetto d'inchiesta della
Procura della Repubblica di Reggio Calabria in quanto sospettata di essere al centro
dei traffici illegali di rifiuti radioattivi.
Aprile 1997: si acquisiscono informazioni sulla societ bergamasca "Evergreen
S.r.l." e sui progetti di stoccaggio di rifiuti tossici e nocivi con il sistema denominato
"C02 the free fall penetrators", consistente nello stivaggio di scorie in ogive
d'acciaio ermeticamente sigillate, da seppellire in fondali marini di natura argillosa. Il
sistema elaborato dalla collegata Ocean Disposai Management Ine (O.D.M.), con
sede a Tortola, Isole Vergini Britanniche, presso l'Omar Hodge Building in
Wickhams Kay Road Town e uffici direzionali a Lugano, rappresentata in Italia da
COMERIO Giorgio. Il sistema "C02 the free fall penetrators" ricalca il progetto
finanziato dall'OSCE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo
Economico) denominato "DODOS ", relativo all'individuazione di tecniche sicure
per lo smaltimento di scorie radioattive, successivamente abbandonato, (vicenda
comunicata al CESIS e, per conoscenza, al Ministero dell'Interno - Gabinetto Segreteria Speciale -e al SISMi).
2

16 dicembre 1997: trasmesso al CESIS e, per conoscenza, al Ministero


dell'Interno - Gabinetto - Segreteria Speciale - e al SISMi un appunto - collazionato
su notizie acquisite da fonti aperte - su COMERIO Giorgio, intenzionato a

Nata il 28.01.1949 a Parabiago (MI), dimorante in Tunisia, titolare del passaporto nr. A830527 rilasciato il 12 maggio
2004 a Tunisi arnnunistratore della Societ a responsabilit limitata, con capitale di 1.000 dinari tunisini,
denominata St AVTON S.a.r.l. Il 12.06.2003 COMERIO Marta Lina Maddalena, nata il 20.06.1970 a Milano, ha
denunciato al Commissariato di P.S. Monforte Vittoria (M) lo smarrimento del foglio complementare e del libretto di
circolazione dell' autovettura di propriet della Giunta Giuliana.
E DODOS (Deep Ocean Data Operatng), un sistema in cui in passato hanno investito diversi paesi europei, Stati
Uniti, Australia, Canada e Giappone. Quarantaquattro contenitori con sei chili di scorie vengono inseriti in un cilindro
di venticinque metri che cos confezionato pesa duecentottanta tonnellate.

OiniSSiS

'RISERVATO
5/6

R ISERVATO

ricollocare le proprie attivit economiche a Panama, si teme che tale manovra possa
celare propositi relativi ad illecite attivit di smaltimento di rifiuti tossici.
Gennaio 2007 aprile 2008,
Nel corso di attivit informativa diretta nei confronti di un'organizzazione criminale
transnazionale, volta, a verficare il coinvolgimento di cittadini italiani nella fornitura
di imbarcazioni destinate all'immigrazione clandestina dal Nord Africa. E' emerso il
ruolo di rilievo di un cittadino italiano residente in Tunisia successivamente
identificato in COMERIO Giorgio, il quale sarebbe stato coinvolto anche in un
presunto traffico di stupefacenti ed armi.
Le acquisizioni informative sul COMERIO sono state riferite al Dipartimento della
P.S. ed al Comando Generale dell'Arma dei Carabinieri e, per conoscenza, al DIS e
all'AISE. Nella comunicazione stato evidenziato che i l COMERIO, a Biserta,
(Tunisia), conosciuto come DE ANGELI Giorgio {cognome della madre). In tale
Paese, a Biserta: amministratore della CNT - Costructions Navales Tunisiennes,
con cantiere per lavorazioni meccaniche in vetroresina; ha interessi nella societ
AVIONAV S.a.r.l. (di cui amministratore GIUNTA Giuliana (vedasi nota 1))- che
avrebbe ottenuto dal governo tunisino concessioni per la produzione di elicotteri-;
dispone di un cantiere per la costruzione di barche e gommoni nella localit mineraria
di Zaribah.

omssis
R
6/6

ISERVATO