Sei sulla pagina 1di 6

PER LA SETTIMANA 1 AVVENTO A

Traccia commento Lc
21,25-36
Ormai tempo, dice San
Paolo nella seconda lettura,
ormai tempo di svegliarci
dal sonno perch la nostra
salvezza vicina.
Noi cristiani abbiamo il
dovere della speranza e il
dovere
di
non
lasciarla
spegnere mai- Purtroppo la
nostra societ e con lei noi stessi, permette il
precipitare di tante cose. Scompaiono i valori,
scricchiolano le sicurezze, sprofondano le
certezze, e, quel che peggio, nessuno ha
voglia di guardare al di l dell'oggi.
La diagnosi e le cause di questo fenomeno
di incoscienza collettiva sono state formulate da
Cristo. I nostri cuori si sono appesantiti e in essi
non c' pi alcuna speranza se non nelle cose
che ci possono soddisfare ora e subito,
soprattutto se non ci costano fatica.
La liturgia di questo Avvento che iniziamo
ci ricorda che c' un Dio che mantiene la sua
parola. Tra i tanti sconquassi che ci costringono
ad incassare la testa tra le spalle e chiudere gli
occhi, c' qualcuno che ci invita a sollevare il

capo e a scorgere l'aurora della salvezza e della


liberazione ormai vicina.
La domanda allora : dove andremo a
finire,
ma
da
dove
incominciamo.
Paradossalmente si incomincia dalla fine ed
significativo che la prima domenica dell'anno
liturgico ci parli della fine del mondo per farci
capire che siamo incamminati verso un
principio. Nel deserto del mondo spunta un
germoglio, il germoglio della speranza.
E il Signore non ci presenta le certezze
che oggi molti vorrebbero. Ci presenta germogli
che aiutano a crescere e che noi siamo
incaricati di far fiorire. E i germogli spuntano
anche fra i deserti del mondo, affiorano perfino
fra le rovine, si affacciano fra le crepe del
terreno pi ingrato. L, dove si sono spaccati i
massi delle certezze pi tradizionali, pu essere
nascosto un seme: la speranza quella che
dobbiamo coltivare, la speranza per non essere
condannati a non sperare pi.
IL CAGNOLINO
Un medico era assillato da un paziente che aveva una
gran paura di morire. "Come sar quel momento, dottore?
Che mi succeder?"
Il dottore apr la porta della stanza per andarsene e..il
cagnolino del malato entr di
gran carriera. Abbaiando e

scodinzolando di gioia, salt sul letto e sommerse mani e


volto del padrone di affettuosit.

Il dottore disse: "sar proprio cos. Qualcuno aprir la


porta e... sar proprio cos!"

PREGHIAMO
CON I SALMI

PREGHIAMO
CON LA
CHIESA

Il Signore
bont e
misericordia

Ascoltaci, Signore

Dal profondo a te
grido, o Signore;
Signore, ascolta la
mia voce.
Siano i tuoi orecchi
attenti alla voce
della mia supplica.

Perch crediamo
con tutte le
nostre forze in
una vita pi
piena al di l
della morte.

Se consideri le
colpe, Signore,
Signore, chi ti pu
resistere? Ma con
te il perdono: cos
avremo il tuo
timore.

Perch le
ricerche degli
uomini di
scienza siano
tesi a migliorare
la vita.

Io spero, Signore.
Spera lanima mia,
attendo la sua
parola.
Lanima mia
rivolta al Signore
pi che le sentinelle
allaurora.
Pi che le sentinelle
laurora, Israele
attenda il Signore,
perch con il
Signore la
misericordia e
grande con lui la

Perch chi
spiritualmente
morto ritrovi il
gusto della vita
e della vita nella
fede.
Dio ci ha creato
per la vita e non
per la morte.
Perch crediamo
e speriamo in

AL MATTINO
AL MATTINO
Ti adoro mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi
Ti adoro mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi
creato, fatto cristiano e conservato in questa notte. Ti offro le azioni
creato, fatto cristiano e conservato in questa notte. Ti offro le azioni
della giornata: fa che siano tutte secondo la tua santa volont e per la
della giornata: fa che siano tutte secondo la tua santa volont e per la
maggior tua gloria. Preservami dal peccato e da ogni male. La tua
maggior tua gloria. Preservami dal peccato e da ogni male. La tua
grazia sia sempre con me e con tutti i miei cari. AMEN
grazia sia sempre con me e con tutti i miei cari. AMEN
ALLA SERA
ALLA SERA
Ti adoro mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi
Ti adoro mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi
creato, fatto cristiano e conservato in questo giorno. Perdonami il
creato, fatto cristiano e conservato in questo giorno. Perdonami il
male che oggi ho commesso e, se qualche bene ho compiuto,
male che oggi ho commesso e, se qualche bene ho compiuto,
accettalo. Custodiscimi nel riposo e liberami dai pericoli. La tua
accettalo. Custodiscimi nel riposo e liberami dai pericoli. La tua
grazia sia sempre con me e con tutti i miei cari. AMEN
grazia sia sempre con me e con tutti i miei cari. AMEN

LA PAROLA DEL PAPA


Domandiamoci:
come il nostro cuore? Ho un cuore aperto o un cuore
chiuso? Aperto o chiuso verso Dio? Aperto o chiuso verso il
prossimo? Sempre abbiamo in noi qualche chiusura nata dal
peccato, dagli sbagli, dagli errori.
Non dobbiamo avere paura!
Apriamoci alla luce del Signore, Lui ci
aspetta sempre per farci vedere meglio,
per darci pi luce, per perdonarci. Non
dimentichiamo questo! Alla Vergine Maria affidiamo il
cammino quaresimale, perch anche noi, come il cieco
guarito, con la grazia di Cristo possiamo venire alla luce,
andare pi avanti verso la luce e rinascere a una vita nuova.
elaborazione del portale www.graficapastorale.it