Sei sulla pagina 1di 3

Abbiamo visto gli effetti che la PAC ha comportato, utilizzando la politica di mercato.

Abbiamo visto 2 elementi di grande importanza come la spinta dei PECO e del WTO.
Critiche alla PAC
Ha generato dei vantaggi e svantaggi sia per i produttori che i consumatori.
Produttori: vantaggi, li abbiamo gi visti; come svantaggi invece deriva dal fatto che
lagricoltore, tutto sommato, non agiva in nome e per conto del suo savoir faire, ma solo in
funzione di quello che era garantito: lattivit agricola non era intrapresa da grandi agricoltori,
specializzati nella produzione di mais ad esempio.
Consumatori: premessa, con la PAC avevamo un unico mercato con un unico prezzo, quindi
Vantaggio: possibilit di poter acquistare pi variet di prodotti, grazie allapertura dei
mercati.
Svantaggio: prezzo elevato rispetto al mercato comunitario;
Vediamo allora le critiche.
La prima PAC aveva creato una distribuzione (del finanziamento derivante dalla politica di
mercato) non equa. Al 20% dei beneficiari finito l80% degli aiuti.
Esempio quello di Benetton e Assicurazioni Generali. Le aziende erano poche, ma che
hanno beneficiato tanto. Perch? Perch il sostegno era legato alla quantit, quindi
maggiori quantit = maggiori aiuti, ma per avere maggiori quantit bisogna essere di
maggiori dimensioni.
I ricchi sono diventati pi ricchi, ma i poveri sono rimasti poveri

Un secondo svantaggio legato al fatto che gli interventi strutturali sono stati limitatissimi,
e non hanno certo risposto a quanto voleva la WTO (cio ridurre il protezionismo).

La PAC fino a quel momento stata troppo settoriale: a Bruxelles pensavano solo allattivit
agricola. Oggi invece pensano che lattivit Agricola settoriale e legata al contesto
territoriale. Il settore agrario, oggi, considerato come contesto incluso (LIST)
o Inoltre, il FEOGA stato un fondo che non era inserito in un contesto attuo allo sviluppo
complessivo: era troppo autonomo e isolato rispetto agli altri fondi strutturali dellUE
come per esempio
o FESR; FSE (f.do sociale europeo per lo sviluppo sociale, istruzione ecc); BEI (banca
europea degli investimenti); FEP (fondo europeo per la pesca)
Se non c una visione dinsieme, non possibile creare una politica che apporti
miglioramenti nelle strutture.

Scarsa attenzione allambiente: unesternalit estremamente negativa portata dalla PAC

Prima di poter rivedere gli obiettivi della nuova PAC, rilancia su 4 obiettivi importanti guardando
al passato:
Mercato unico: in precedenza, nonostante fosse gi previsto, aveva avuto delle difficolt di
attuazione
Moneta unica: si pensava che si potesse crescere di pi con una moneta unica
Bilancio unico: inserire nel bilancio, in modo integrato, tutti i fondi, in modo da renderli
parte di un contesto di bilancio, in modo di sapere cosa, dove e come porta beneficio.
Programmazione unica pluriennale: un punto fondamentale. Lagricoltura andava visto in
un contesto pi ampio. Era quini necessario anche saper programmare a medio lungo
termine: era ben pi importante una politica di visione dinsieme su un programma di pi
anni.

o
o
o

Dagli anni 88 al 92 comincia a perfezionarsi il mercato unico, inteso per come


mercato unico europeo, quindi mercato che garantisse la libera circolazione di
persone, merci, capitali. Si completa nel 93
Unione monetaria, anche se oggi non del tutto implementata
Dal 2000 al 2006 c un allargamento consistente della CE
Strategia Lisbona Goteborg. Negli anni 2007-2013 si individua la necessit di
decentrare la politica comunitaria. Cio come abbiamo visto, il prezzo era deciso
unico per tutti i prodotti e paesi, che tuttavia ha portato a gravi problemi. LUE
individua allora la necessit di programmi decentrati, cio che la politica tenesse in
considerazione le necessit delle regioni (decentramento). Quindi, a causa delle
diversit e peculiarit dei prodotti e aree, necessaria una programmazione che
parta dal basso (bottom-up). Era come se ogni stato nazionale facesse la lista della
spesa delle necessit che avevano.
Vedremo poi che gli stati hanno passato la programmazione alle regioni.
Oggi abbiamo una PSR che si basa su programmi settennali per regione.
Strategia Europa 2020 Horizon 2020

Se vogliamo cambiare la PAC, dobbiamo prendere dei nuovi riferimenti diversi da quelli
precedenti.
Intorno agli anni 2000, facciamo riferimento non a come fissare i prezzi, ma:
Al fatto che il contesto rurale quello pi importante: cio io comunit europea devo tenere in
considerazione che:
Sviluppo rurale: Lagricoltura vive in un ambiente rurale, ma in questo ambiente gli
agricoltori non sono gli unici, ma hanno unattivit che deve essere integrata nel
contesto territoriale. Quindi non pi sola agricoltura, ma agricoltura e artigianato,
piccola media industria, servizi
Ambiente e beni pubblici: considerato che nel passato gli agricoltori hanno inquinato
lambiente, oggi considerato un elemento importante richiesto dal consumatore di
beni alimentari e/o dal turista (inteso in senso lato). Lambiente deve essere rispettato
sia perch nel contesto territoriale c la produzione di alimenti, sia perch un bene
pubblico a disposizione della societ
Qualit alimentare: food safety
Liberalizzazione dei mercati (WTO): non si poteva non tenere conto della pressione
per la liberalizzazione dei mercati
Allargamento dellUE ad Est: se consideriamo laumento di numero, i nuovi paesi
erano prevalentemente agricoli, quindi il bilancio sarebbe diventato insufficiente.

Non approfonderemo tutte le politiche della PAC, solo alcune (Mac Sharry, Agenda 2000 e ?)
Riforma Mac Sharry
Nel 1986 inizia lUruguay Round.
Il GATT era costituito da un gruppo di Paesi che cresce negli anni (per arrivare appunto negli
anni 86 a circa 150). Si trattava di un accordo che diventava tale dopo diversi Round. Questi
round si chiamavano perch erano itineranti nel mondo. Nell86 alla punta dellEst. I referenti
si ritrovano per accordarsi sulle tariffe degli scambi commerciali.
Succedeva spesso che, sempre in ambito di prodotto agricolo (perch per gli altri prodotti gli
accordi erano pi veloci), laccordo era di pi difficile raggiungimento, perch bastava che ci
fosse un Paese che metteva il veto e gli accordi dovevano ricominciare.
Al fine di evitare questa forma di veto, nel 94 (e diventa operativo a Ginevra) stata
istituita una Istituzione a livello mondiale, cio la WTO (organizzazione mondiale del
commercio).
Mac Sharry era il commissario (LIST)
Cera una forte opposizione dalla wto, dallindustria agroalimentare; le multinazionali invece
erano favorevoli ecc ecc (vedi diapositiva).

Partiamo dal contesto: la prima pac aveva fatto s che i redditi agricoli, che sono stati sostenuti
ma non pi di tanto di fatto (specialmente delle piccole imprese), ha creato sperequazione
(VEDI DIAPOSITIVE 6+7)
Se vero quei punti (6+7), allora come obiettivo dobbiamo avere:
Mantenere un numero di agricoltori sufficienti per garantire la conservazione del territorio e
dellambiente.
Ma perch allora, dato che abbiamo uno sviluppo tecnologico?
come dire: cerchiamo di mantenere lagricoltore anche in aree svantaggiate facile
abbandonare la montagna, la Sila, aree di contesti lagunari, cio laddove c scarsa
risorsa naturale.
Si voleva mantenere lagricoltore guardiano dellambiente
Controllo della produzione
Significa che, se nella comunit europea, un prodotto x (ad esempio il latte) troppo, allora
devo pensare a delle quote di produzione. Il prezzo garantito se viene rispettata la quota.
Il controllo ha come obiettivo di stabilizzare il prezzo in modo valido
Incoraggiare lagricoltura in modo estensivo: cio incoraggiare lagricoltura fatta in modo
estensiva (quindi non con la richiesta di maggior produttivit in poco spazio): questa
agricoltura permetteva di non inquinare lambiente, che permetteva anche di tenere in
considerazione le eccedenze; quindi produrre beni di qualit senza elementi inquinanti
(fertilizzanti)
Tiene in particolare considerazione la necessit di orientare lagricoltura al mercato reale,
quindi cercare di sviluppare la competitivit.
Seguire i principi di unicit del mercato, preferenza comunitaria e solidariet finanziaria
Utilizzare al meglio il bilancio comunitario

Finalmente, nel 1965, viene approvata la riforma Mac Sharry.


Andr a considerare il settore dei seminativi (che stato il primo OCM) e altri settori.
Come scopo abbiamo:
Adeguare i prezzi istituzionali al livello di quelli mondiali:
va tenuto presente la diversit di paesi, elementi e caratteristiche produttive di ogni area
- 3 anni per i cereali
- Subito per i semi oleosi
- Subito per la proteaginose
- Riduzione del 15% del prezzo della carne bovina
- Riduzione della quota latte cio la quota che era stata destinata per esempio
allItalia era di x tonnellate. Questa quota era ripartita con le imprese che
producevano latte, e per tali quote era garantito il prezzo, oltre no.
Parte dei terreni destinati forzatamente al riposo: leccedenza era tale da creare la
politica cd. Del setterside cio la messa a riposo dei terreni. Veniva concesso un
quantum per ettaro non coltivato. Si arrivati a un punto di finanziare la NON
ATTIVIT AGRICOLA. Almeno il 20% dei territori era stato messo a riposo. Come
giustificazione stato anche la tutela ambientale
In che consiste la peculiarit della riforma?
Consiste nello slegare laiuto comunitario dalla quantit di prodotto. La garanzia di reddito
allagricoltore dato dalla compensazione.
La riduzione dei prezzi (istituzionali comunitari), e quindi i minori redditi, dovevano essere
compensati attraverso unerogazione diretta (premio o quantum), per ettaro di superficie
coltivata. LAIUTO IN FUNZIONE DELLETTARO COLTIVATO, anche per quelli messi a riposo.
Nel caso invece di allevamento, il premio era legato al capo allevato.