Sei sulla pagina 1di 24

Poste Italiane spa

Sped. abb. postale


DL 353/2003
(conv. in L.
27/02/2004 n. 46)
art. 1, comma 1
cn/fc/giornale locale
Redazione:
via del Seminario, 85
47521 Cesena
tel. 0547 300258
fax 0547 328812

Diocesi

Visita pastorale

6e7

Gioved
24 novembre 2016
anno XLIX (nuova serie)

numero 42 - contiene I.P.


euro 1,30

42

Settimanali cattolici

Speciale

I-V

Insediato il nuovo
Consiglio pastorale
diocesano

Il vescovo Douglas
a Sala di Cesenatico
e a San Giacomo

Assemblea
nazionale
nel 50esimo di vita

Sacro Cuore
Quattro pagine
di scuola e crescita

avvio dei lavori domenica 13 novembre, in ocL


casione della chiusura del

onsignor Regattieri
andr nelle parrocchie
M
guidate da don Luca Ba-

direttore Francesco Zatraccia un bilancio


Iallnotti
termine del suo man-

materna, elementare, media e liceo:


Snellecuola
quattro pagine cen-

Giubileo della Misericordia. Rester in carica 3 anni

iardi e da don Gian Piero


Casadei

dato alla presidenza della


Fisc

trali la vita e la passione


della Fsc

Editoriale
La gioia della misericordia

Papa Francesco il 20 novembre ha chiuso lAnno Santo straordinario

di Francesco Zanotti

iustizia e misericordia in Dio sono


una sola cosa. La misericordia
giusta e la giustizia
misericordiosa. E non si possono separare. E
quando Ges perdona Zaccheo e va a pranzo
con i peccatori, perdona la Maddalena,
perdona ladultera, perdona la Samaritana,
cosa , un manica-larga? No. Fa la giustizia di
Dio, che misericordiosa.
Prendo questo brano di papa Francesco tratto
dallintervista rilasciata a Tv2000 e andata in
onda domenica scorsa. Straordinaria questa
domanda su Ges come un manica-larga.
Non si contrappone mai il Pontefice. Pone
quesiti e lascia a noi la risposta. Proviamo
quindi a chiederci se Cristo uno che lascia
correre o uno che ama tutti, soprattutto gli
ultimi, i pi indifesi, i derelitti, quelli a cui pi
nessuno fa caso.
Luned scorso stata pubblicata la lettera
apostolica Misericordia et misera. Gi nel
titolo, di una forza dirompente, papa
Francesco fa intendere da che parte vuole
porsi la Chiesa. Rimasero soltanto loro due:
la misera (ladultera) e la misericordia (Ges
Cristo). Davanti a questa narrazione ci
sentiamo spiazzati, eppure tante volte
labbiamo ascoltata, ma forse mai
interiorizzata fino in fondo, metabolizzata,
fatta nostra, trasformata in carne, diventata
vita. Questa pagina di Vangelo scrive
Bergoglio pu a buon diritto essere assunta
come icona di quanto vissuto in questo Anno
Santo. La misericordia, infatti, non pu essere
una parentesi nella vita della Chiesa, ma
costituisce la sua stessa esistenza.
un fortissimo richiamo per tutti noi e per la
comunit cristiana. Per quanti soprattutto, e
noi senzaltro tra questi, aspettano un gesto di
tenerezza, di attenzione, di affetto, di sollievo.
Tutti abbiamo bisogno di consolazione si
legge ancora nella Misericordia et misera
perch nessuno immune dalla sofferenza,
dal dolore e dallincomprensione. Eppoi,
riconosciamolo con franchezza,
assolutamente vero quanto dice ancora il
Papa: fare esperienza della misericordia dona
gioia. Non lasciamocela portare via dalle varie
afflizioni e preoccupazioni.
la gioia del Vangelo, a volte smarrito dietro a
un rigorismo che il Papa venuto dalla fine del
mondo sta spazzando via ricordandoci la
Buona Notizia nella sua essenza originaria.
il suo rovesciamento, la rivoluzione della
tenerezza, quella attenta agli ultimi, agli
ultimi degli ultimi, perch sulla base delle
opere di misericordia (Mt 25, 31-46) che
saremo chiamati a rendere conto della nostra
vita terrena.
In questottica ha un senso pieno listituzione
della Giornata mondiale dei poveri che si
celebrer ogni anno prima della festa di Cristo
Re dellUniverso.

Apriamo i cuori
DOMENICA 20 NOVEMBRE:
PAPA FRANCESCO CHIUDE LA PORTA SANTA
DELLA BASILICA DI SAN PIETRO (VATICANO),
(FOTO SICILIANI-GENNARI/SIR

Termina il Giubileo e si chiude la Porta Santa. Ma la porta della misericordia


del nostro cuore rimane sempre spalancata. Cos ha scritto papa Francesco
nella lettera apostolica Misericordia et misera (testo integrale su
www.corrierecesenate.it) pubblicata luned scorso a conclusione del Giubileo
della misericordia.
Nella stesso testo, molto intenso, il Pontefice ha inserito due novit. Per tutti
i sacerdoti la facolt di assolvere quanti hanno procurato peccato di aborto,
ribadendo che laborto un grave peccato, perch pone fine a una vita
innocente. Francesco ha introdotto la celebrazione della Giornata mondiale
dei poveri, la domenica prima della festa di Cristo Re delluniverso.

Cesena

9 Cesena

Al lavoro
lOsservatorio
per leducazione

Longiano

10

Denis Ugolini
Una vita
per la politica

12 Pagina aperta 19

Il sindaco Battistini
interviene
sui disservizi postali

Don Giorgio
Il saluto di Boschetto
e Valverde

Opinioni

Millennials

Gioved 24 novembre 2016

Smartphone, lappetito immateriale

iamo sempre pi affamati di informazioni. Il percorso evolutivo dellumanit sta facendo registrare un salto inaspettato.
Dopo aver vissuto per millenni sotto la guida di istinti e di ideali dettati in gran parte dalla fame di cibo e di soddisfazioni
corporali, adesso lappetito degli esseri umani diventato pi immateriale. Luso compulsivo dei telefoni intelligenti ha
cambiato la lista delle nostre priorit. Le informazioni sono balzate al primo posto nelle esigenze di nutrimento, soprattutto per la
generazione dei millennials.
Si spiegherebbe in questo modo il multitasking, quella attitudine della contemporaneit che spinge uomini e donne, adolescenti e
anche bambini, a spostare freneticamente lo sguardo sullo schermo dello smartphone anche quando lattenzione dovrebbe essere
indirizzata altrove: alla guida di unautomobile, alla conversazione con il prossimo, alla lezione in classe, alla preghiera in chiesa.
Lapprendimento in questo contesto diventato una sfida completamente inedita e da reinventare, a partire dalle fondamenta, per
insegnanti e per discenti. Ne parla un nuovo libro uscito negli Usa e che sta facendo molto
discutere gli esperti di et evolutiva e di pedagogia. The Distracted Mind: Ancient Brains in
a High Tech World esplora le implicazioni comportamentali e anche scientifiche di questa
evoluzione. stato scritto da Adam Gazzaley, neurologo e professore alla University of
California e dallo psicologo e ricercatore Larry D. Rosen. Una delle conseguenze principali,

Luso compulsivo dei telefoni intelligenti ha cambiato la lista


delle nostre priorit. Le informazioni sono balzate al primo
posto nelle esigenze di nutrimento. Uomini, donne,
adolescenti, bambini spostano freneticamente lo sguardo sul
cellulare quando lattenzione dovrebbe essere indirizzata altrove

successo in Francia
Inappropriato trasmettere un video
di ragazzi Down nella pubblicit
un video dal titolo Dear Future Mom
(Cara futura mamma), realizzato da
CoorDown (Coordinamento nazionale delle
associazione di persone con sindrome Down),
in cui alcuni ragazzi disabili raccontano idealmente a
una mamma che attende una figlia con sindrome di
Down come potr essere la vita della sua creatura.
Nel video si rincorrono volti sorridenti che, senza fare
mistero delle difficolt che devono affrontare,
spiegano che si pu essere felici e condurre
unesistenza serena, fatta di relazioni e di
indipendenza. La cosa non era piaciuta gi nel 2014 al
Consiglio Superiore dellaudiovisione (Csa) di Francia
che aveva definito inappropriato trasmettere quel
video negli spazi pubblicitari. In realt lintendimento
del Csa era quello di evitare che quelle immagini
andassero a turbare la coscienza di donne che, nel
rispetto della legge, fanno scelte diverse di vita,
ricorrendo allaborto dopo aver avuto notizia della
sindrome Down.
Il Consiglio di Stato francese il 10 novembre,
interpellato sulla decisione del Csa ha deciso che il
video non potr essere diffuso in tv come pubblicit
progresso anche se ne ha riconosciuto il contributo
positivo alla lotta contro la stigmatizzazione delle
persone con disabilit.
La sentenza ha affermato, da un lato, di ritenere che la
visione positiva della vita di giovani con sindrome di
Down abbia un obiettivo di interesse generale, ma ha
anche aggiunto che il Consiglio superiore
dellaudiovisione ha agito correttamente nel dichiarare
inappropriato quel video rispetto al regolamento in
vigore in Francia sugli spazi pubblicitari televisivi che
devono rispettare linteresse generale.
Da parte di CoorDown la replica stata immediata: Il
Csa perde di vista il fatto che difendendo il diritto di
scelta di alcune donne nega la libert di espressione
alla persone con sindrome Down, una libert sancita
anche dalla Convenzione Onu sui diritti delle persone

La fotografia

Alla vigilia della conclusione del Giubileo della Misericordia, sabato 19


novembre a San Pietro, papa Francesco ha nominato 17 nuovi cardinali che
provengono da 11 nazioni diverse. Ai neoporporati il Pontefice ha
consegnato berretta e anello. (Foto Siciliani-Gennari/Sir)
con disabilit.
Leggo questa notizia mentre allingresso di un centro de La Nostra
Famiglia assisto a un via vai di mamme e pap con bimbi disabili
in braccio o sulle carrozzine. Spettacolo che lascia senza parole per
la bellezza e la tenerezza che comunica. Colpisce la distanza tra una
sentenza e la realt. Coordown continuer la sua battaglia contro la
sentenza e sta raccogliendo firme a sostegno. Queste mamme e
questi pap con i loro bimbi disabili che entrano ed escono da una
casa, luogo dove qualcuno li prende a cuore, stanno combattendo
la stessa battaglia.
Ai bordi della cronaca si scoprono dei no a una cultura che
vorrebbe i disabili iscritti nellelenco di quelli che infastidiscono
perch bussano alla porta della coscienza magari attraverso un
video che potrebbe comparire negli spazi pubblicitari.
triste vedere cancellato lappello, spontaneo e gioioso, a una
mamma a rivedere la sua scelta di rinunciare a una vita che,
nonostante lannunciata sindrome Down, sar bellissima e
illuminer altre vite. triste, che questo accada in un Paese fondato
su libert, uguaglianza e fraternit.
Paolo Bustaffa

ha spiegato Gazzaley, riguarda la


capacit di discernere e gestire gli
obiettivi di alto livello. Nel
multitasking, secondo gli autori del
libro, si soffre un degrado di
prestazioni che pu avere un impatto
in ogni aspetto della nostra
conoscenza: dalla sfera emotiva a
quella decisionale fino al processo di
apprendimento. Fuori dalla
metafora, il multitasking rischia di
essere controproducente in molte
attivit del mondo reale, come la
scuola, il lavoro e la sicurezza sulla
strada. Ma soprattutto linterazione
con il prossimo a risentirne
maggiormente. Non tutti sono
daccordo, ovviamente. Secondo
alcuni ricercatori, il multitasking, e
cio la capacit di svolgere pi
compiti contemporaneamente,
unattitudine positiva per
lapprendimento. Il problema, si
legge nel libro, sta per nelle
interferenze. Loverload di
informazioni ci costringe a scegliere
continuamente linput sul quale
concentrare la nostra attenzione per
scegliere linformazione da
memorizzare nella memoria di
lavoro. Il flusso costante di stimoli,
non sempre rilevanti, che proviene
dallo schermo luminoso dello
smartphone finisce per costruire un
muro di interferenze limitando
memoria e capacit di attenzione.
Secondo Gazzaley, inoltre, linedito
appetito di informazioni e
lattitudine a distrarsi
continuamente con i messaggi dal
telefono, potrebbero essere fra le
cause dellaumento esponenziale
delle sintomatologie legate alla
sindrome dellansia e del panico,
soprattutto fra gli adolescenti. Gli
esperimenti e gli studi compiuti da
Gazzaley e da Rosen non lasciano
adito a dubbi. Il fenomeno entrato
a far parte dellevoluzione
dellumanit e dobbiamo imparare
in fretta a farci i conti, nelle scuole
come nelle relazioni interpersonali.
I due studiosi consigliano di adottare
tecniche di meditazione e di
concentrazione su obiettivi isolati.
Spegnere i telefoni, focalizzare
lattenzione su uno scopo di alto
livello, limitare le interferenze: sono
obiettivi che paradossalmente pi
facile raggiungere in una scuola o in
una universit. Il terreno primo e
ultimo della deregulation
lambiente domestico.
Anche i genitori pi apprensivi per i
livelli di attenzione dei figli non
rinunciano a rispondere al telefono
quando invece il loro tempo
dovrebbe essere dedicato
completamente alle relazioni
familiari.
Rino Farda

Vita della Diocesi

Gioved 24 novembre 2016

NOTIZIARIO DIOCESANO

Douglas Regattieri vescovo da 6 anni


Celebrazione in Cattedrale luned 28 novembre alle 20,30
Ricorrendo il sesto anniversario della ordinazione episcopale del
nostro vescovo Douglas, avvenuta nella Basilica Cattedrale di
Carpi il 28 novembre 2010, luned 28 novembre alle 20,30 in
Cattedrale a Cesena monsignor Regattieri presieder la Messa.
Sar occasione per far festa e ringraziare il Signore per il dono
della persona e del servizio episcopale reso alla Chiesa e alla
Diocesi
Linvito a partecipare rivolto a tutti i fedeli, per favorire la
comunione ecclesiale e lunione nella preghiera.

Veglia di Avvento per adolescenti e giovani


In Cattedrale a Cesena, sabato 26 novembre alle 20,45
Sabato 26 novembre alle 20,45 in Cattedrale a Cesena gli
adolescenti e giovani sono particolarmente invitati alla Veglia
diocesana di preghiera per iniziare l'Avvento insieme con il
vescovo Douglas.
Tutti i sabati di Avvento (3, 10 e 17 dicembre, dalle 21) in
Cattedrale si svolger la preghiera dell'Ufficio vigiliare, presieduta
dal vescovo Douglas.

Presbiterio in ritiro spirituale


In Seminario a Cesena con suor Maria Gloria Riva
Sacerdoti, diaconi e religiosi della Chiesa di Cesena-Sarsina in
ritiro spirituale. Lappuntamento per gioved 1 dicembre alle
9,15 in Seminario a Cesena. Suor Maria Gloria Riva, madre
superiora delle monache dellAdorazione eucaristica, proporr
una riflessione sul tema dellanno pastorale, con particolare
riferimento alle fragilit del presbitero.

Giornata del Ringraziamento


Celebrazione in Cattedrale domenica 27 novembre
La 66 Giornata nazionale del Ringraziamento Tu fai crescere
lerba per il bestiame e le piante che luomo coltiva per trarre cibo
dalla terra (Salmo 104, 14) sar ricordata in Diocesi con la
celebrazione di domenica 27 novembre alle 10 in Cattedrale a
Cesena.

IL GIORNO
DEL
SIGNORE
Vieni, vieni Signore. Allora come il lampo cos sar la tua venuta
Domenica 27 novembre (Anno C)
1 Domenica di Avvento
Is 2,1-5; Salmo 121
Rm 13,11-14a
Mt 24,37-44

err il Figlio. certo, ma nessuno sa


quando, nemmeno lo stesso Figlio
delluomo che pure ha ricevuto tutto
dal Padre. un insegnamento grande
perch ogni sapere non possesso, ma
sempre e solo dono del Padre. La nuova e
straordinaria via di conoscenza quella di
ricevere ogni sapienza da Dio, come puro
dono. Come ai tempi di No, un uomo che
costruisce un transatlantico sullasciutto,
certo che sarebbe venuto il diluvio. Tutti gli
altri non si accorsero di nulla, non
sapevano, perch non lavevano ricevuto da
Dio. Neppure No sapeva il quando, ma si
fidava di Dio e si prepar allevento.
La fede non ha una visibilit clamorosa; non
data dai luoghi o dai modi; una
condizione nuova data dallintimo di una
vita totalmente nuova. questo che separa
due uomini nello stesso campo e due donne
alla mola. Ges non teme neppure
limbarazzante paragone del ladro che viene
di notte e conta proprio sullassenza della
nostra vigilanza. La vigilanza ininterrotta
data da chi comunque si fa trovare pronto e
lo chi vive davanti a Dio ogni momento
della vita. La notizia non che questo
altissimo, ma che ci dato come dono
perch tutto il tempo stato liberato e lo

Spirito di Dio ci abita


ininterrottamente. un dono grande
nel giorno in cui inizia un nuovo
anno per la Chiesa.
LAvvento certo. E ora, dopo Ges,
sappiamo anche quando: in ogni
frammento di tempo della nostra
vita.
Angelo Sceppacerca
Tempo del primo avvento
Tempo del secondo avvento
Sempre tempo davvento.
Oh, se sperassimo tutti insieme
sperassimo con le pietre
e gli alberi e il grano sotto la neve;
sperassimo con tutte le viscere
con tutta la mente e il cuore
Lui solo sperassimo.

La Parola
di ogni giorno
luned 28
novembre
san Giacomo
della Marca
Is 2,1-5; Sal 121;
Mt 8,5-11
marted 29
san Saturnino m.
Is 11,1-10; Sal 71;
Lc 10,21-24
mercoled 30
santAndrea ap.
Rm 10,9-18; Sal 18;
Mt 4,18-22
gioved
1 dicembre
santEligio
Is 26,1-6; Sal 117;
Mt 7,21.24-27

Vieni, vieni, vieni, Signore


vieni da qualunque parte del cielo
o degli abissi della terra
o dalle profondit di noi stessi
(ci non importa) ma vieni!
Allora come il lampo cos
sar la sua venuta.

venerd 2
santa Viviana
Is 29,17-24; Sal 26;
Mt 9,27-31

E lo Spirito e la sposa dicano: Vieni!


e chi ascolta dica: vieni!
Allora Egli non avr neppure da dire
eccomi, vengo perch gi viene.
(da una ballata
di David Maria Turoldo)

sabato 3
san Francesco
Saverio
Is 30,19-21.23-26;
Sal 146; Mt 9,35-3810,1.6-8

A MESSA DOVE

Messe feriali
a Cesena
7.00 Cattedrale, Cappuccine,
Cappella dellospedale
7.30 Basilica del Monte
7.35 Chiesa Benedettine
8.00 Cattedrale, San Paolo,
Addolorata
8.30 Madonna delle Rose,
San Rocco, SantEgidio,
cappella del cimitero,
Santo Stefano, Case Finali,
9.00 Suffragio, Addolorata
9.30 Osservanza
10.00 Cattedrale
18.00 Cattedrale, Madonna
delle Rose, San Domenico,
San Paolo, Osservanza,
San Rocco, SantEgidio
18.30 San Pietro, San Bartolo,
Santa Maria della
Speranza, Cappuccini
20.00 Ponte Pietra,
Gattolino, Tipano
20.30 San Giovanni Bono,
San Pio X

Sabato e vigilie
15.00 Formignano,
Cappella cimitero Cesena
15.30 Macerone (Lieto Soggiorno)
17.00 Case Finali,
Capp. ospedale Bufalini
Luzzena (1 sabato mese),
Bora (2 sabato mese)
17.30 Santuario del Suffragio
Santuario dellAddolorata
18.00 Cattedrale, San Domenico,
Santo Stefano, San Paolo,
San Rocco, Osservanza,
Villachiaviche,
Madonna delle Rose,
San Mauro in Valle,
Diegaro, Borello,
Torre del Moro,
San Giorgio, San Vittore
18.30 Convento Cappuccini,
San Pietro, SantEgidio,
Santa Maria della Sper.
Bulgarn
19.30 Tipano
20.00 Ruffio, Calisese,
Pioppa, Pievesestina,
Ponte Pietra, San Pio X,
San Giovanni Bono,
Ronta, Bulgaria,
Gattolino

Messe festive
7.00 Cattedrale
7.30 Santuario dellAddolorata,
Cappuccine, Martorano,
Calabrina, Ponte Pietra,
Villachiaviche
8.00 Basilica del Monte,
San Pietro, San Pio X,
Santa Maria della Sper.
San Mauro in Valle,
San Giovanni Bono,
Calisese, Torre del Moro,
Madonna del Fuoco,
Macerone, Borello
8.30 Cattedrale, San Rocco,
Case Finali, Tipano,
Gattolino,
San Cristoforo, Roversano
8.45 San Giuseppe (Cesena
corso Comandini),
San Martino in Fiume
9.00 Chiesa Benedettine,
Santo Stefano,
San Bartolo, San Paolo,
San Domenico, Diegaro,
Pievesestina, SantEgidio,
Capannaguzzo,
Ponte Pietra, Bagnile,
Santa Maria Nuova,
San Vittore, San Carlo,
Ruffio, Bulgaria
9.30 Cappella del cimitero,
Santuario dellAddolorata,
Madonna delle Rose,
Osservanza, Villachiaviche,
Montereale, San Tomaso
9.45 Bulgarn
10.00 Cattedrale, Case Finali,
San Rocco, San Pietro,
Santa Maria
della Speranza, Ronta,
Torre del Moro, Carpineta,
Cappuccini, San Pio X,
SantAndrea in B.,
10.30 Santuario del Suffragio,
Casalbono
11.00 Santuario Addolorata,
Basilica del Monte,
Osservanza,
San Domenico
Santo Stefano,
San Paolo,
San Bartolo, Villachiaviche,
SantEgidio,
San Giovanni Bono,
Calabrina, Calisese,

11.10
11.15
11.30

15.00
17.00
18.00
18.30
19.00

Gattolino, San Giorgio,


Madonna del Fuoco,
San Mauro in Valle,
Pievesestina, Pioppa,
Ponte Pietra, Bulgaria,
Borello, San Carlo,
San Vittore, Tipano,
Macerone, Capannaguzzo
Torre del Moro
Madonna delle Rose,
Diegaro, Martorano
Cattedrale, San Pietro,
Istituto Lugaresi,
San Rocco, Case Finali,
Santa Maria della
Speranza, San Pio X
Cappella del cimitero
Cappella ospedale Bufalini
Cattedrale,
San Domenico, Osservanza
Convento Cappuccini,
San Pietro, SantEgidio
San Bartolo, Villachiaviche

Comuni del
comprensorio
Bagno di Romagna
ore 17,30 (sabato);
11,15 / 17,30
San Piero in Bagno:
chiesa parrocchiale
ore 18 (sabato);
8 / 11 / 17.
Chiesa San Francesco:
10 / 15,30
Ospedale Angioloni:
ore 16 (sabato)
Selvapiana: 11,15
(20,30 sabato);
Acquapartita: 9
Valgianna: 10
Bertinoro
Santa Maria Nuova: 9,
10,30 (19 sabato)
Cesenatico
Sabato: 16,30 Boschetto,
San Giuseppe;
17,30 Conv. Cappuccini,
Santa Maria Goretti;
18 San Giacomo;
18,30 Valverde,
20 Sala;
20,30 Santa Maria Goretti

Festivi:7,30 Bagnarola;
8 Santa Maria Goretti,
San Giacomo;
8,30 Sala, Boschetto;
9 Cappuccini,
San Giuseppe;
9,15 San Pietro;
9,30 Valverde;
9,45 Cannucceto;
10 Villalta;
10,30 Cappuccini,
San Giuseppe;
11 San Giacomo,
Boschetto, Sala;
11,15 Bagnarola,
Santa Maria Goretti;
17,30 Cappuccini;
18 San Giacomo
Civitella di Romagna
Giaggiolo: 9,30
Civorio: 9
Gambettola
chiesa SantEgidio abate:
8,30 / 10 / 11,15 / 17.
Consolata: 19 (sabato);
7,30 / 9,30

Mercato Saraceno
10.00; Ciola: 8,30
Linaro: 11,15;
Monastero
di Valleripa: 9;
Montecastello: 11
Montejottone: 8.30
Montepetra: 8.30
Piavola: prefestiva sabato
ore 18 (San Giuseppe),
9,30 chiesa parrocchiale;
Pieve di San Damiano
11,30;
San Romano: 11;
Taibo: 10
Montiano
ore 20 (sabato); 9.
Montenovo:
ore 18 (sabato), 10,30
Roncofreddo
Sorrivoli: 11,15;
Diolaguardia: 9;
Gualdo: 18 (sabato), 11;
Bacciolino: 9,30

Sarsina
Concattedrale: 7 / 9 /
11 / 17; Casa di Riposo:
ore 16 (sabato);
Tavolicci: 10,30 (liturgia
della Parola con Eucar.);
Ranchio: 20 (sabato), 11;
Sorbano: 9.30;
Turrito: 17 (sabato), 10;
San Martino in Appozzo: 9
(liturgia della Parola con
Eucaristia); Quarto:
10,30; Pieve di Rivoschio:
15,30; Romagnano:
11,15; Pagno: 16
(seconda dom. del mese).
Verghereto
ore 16 (sabato), 9,15;
Balze (chiesa parr): 11,15;
Montecoronaro: 9,45;
Montecoronaro orat. Ville
(al sabato): 16;
Alfero: 17 (sab.); 11,15;
Pereto: 10;
Riofreddo: 10;
Corneto: 11

Gatteo
ore 20 (sabato);
9 / 11
SantAngelo: 18,30
(sabato); 9,30, 11;
Casa di riposo: 8,45.
Istituto don Ghinelli: 18,30
(sabato), 7,30
Gatteo Mare: Sabato 16;
Festivi 8 / 10 / 11,15
Longiano
Sabato:18 Santuario
SS. Crocifisso;
18,30 Crocetta;
20,30 Budrio
Festivi: ore 7,30 Santuario
SS. Crocifisso;
8 Budrio; 8,30 LongianoParrocchia; 9,30 Budrio,
Santuario SS. Crocifisso;
9,45 Balignano;
10 Badia, Montilgallo;
11 Budrio, LongianoParrocchia, San Lorenzo in
Scanno;
11,15 Crocetta;
18 Santuario Crocifisso

DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911

Queste cose vi scriviamo, perch la vostra gioia sia piena (1Gv 1,4)
Direttore editoriale
Piero Altieri
Direttore responsabile
Francesco Zanotti
Vicedirettore
Ernesto Diaco
Membro della
Federazione
Italiana
Settimanali
Cattolici
Associato
allUnione
Stampa
Periodica
Italiana

Testata che fruisce


di contributi di cui
allart. 3 comma 3 della
legge n. 250 del 7/8/1990
Giornale locale ROC
(Registro degli operatori
di comunicazione)

Redazione, Segreteria e Amministrazione


via del Seminario, 85,
47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258,
fax 0547 328812,
www.corrierecesenate.it
Conto corrente postale n. 14191472
E-mail: redazione@corrierecesenate.it
Abbonamenti
annuo ordinario euro 48;
sostenitore 70 euro;
di amicizia 100 euro;
estero (via aerea) 100 euro.
Settimanale dinformazione
Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 Iscrizione al Registro nazionale
della stampa n. 4.234
Editore e Propriet
Diocesi di Cesena-Sarsina
Stampa
Rotopress
via Brecce - 60025 Loreto (Ancona)
www.rotoin.it

Tiratura del numero 41 del 10 novembre 2016: 7.949 copie


Questo numero del giornale stato chiuso in redazione
alle 15 di marted 22 novembre 2016

Vita della Diocesi


Lorganismo che da statuto ha il compito di studiare, valutare e proporre conclusioni
operative su tutto ci che riguarda le attivit pastorali della Diocesi

ovo
n
n
i
r
i
d
o
p
Tem

CATTEDRALE DI CESENA,
DOMENICA 13 NOVEMBRE IL
VESCOVO DOUGLAS HA PRESIEDUTO LA MESSA DI CHIUSURA DELLANNO SANTO
DELLA MISERICORDIA. ALLA
CELEBRAZIONE HANNO PARTECIPATO I MEMBRI DEL
NUOVO CONSIGLIO PASTORALE DIOCESANO.
FOTOGALLERY A CURA DI
PIER GIORGIO MARINI SU
WWW.CORRIERECESENATE.IT

Comunione e corresponsabilit

I nomi del nuovo Consiglio


pastorale diocesano

i insediato domenica 13 novembre il nuovo Consiglio pastorale


diocesano.
Nel giorno in cui si chiuso nelle diocesi di tutto il mondo lAnno Santo
straordinario della Misericordia, alle 16 di domenica 13 novembre in
vescovado sotto la presidenza del vescovo Douglas si riunito il nuovo Consiglio
pastorale, lorganismo che da statuto ha il compito di studiare, valutare e
proporre conclusioni operative su tutto ci che riguarda le attivit pastorali della
Diocesi. Inoltre valuta, sollecita e coordina lapporto dei singoli e dei gruppi
allazione pastorale, valorizzando la ricchezza dei carismi e dei ministeri presenti
nelle comunit.
di Firenze dello scorso anno.
Il consiglio pastorale diocesano, ha
Di seguito pubblichiamo i membri del
aggiunto il vescovo, rende visibile la
Consiglio pastorale diocesano che
comunione, la corresponsabilit e la
restano in carica per tre anni.
partecipazione del popolo di Dio
Membri per ufficio sono il vescovo,
allunica pastorale diocesana ed
monsignor Douglas Regattieri, che
altres importante perch favorisce la
presiede il Consiglio. Con lui il vicario
sinodalit, il camminare insieme,
generale don Pier Giulio Diaco, il
vescovo e popolo, come ricordato da
vicario episcopale per la pastorale
papa Francesco al convegno ecclesiale

AUGURI
Domenica 27 novembre
monsignor GIUSEPPE
FABIANI, vescovo
emerito di Imola e
originario di Bertinoro,
compie 90 anni.
Monsignor Fabiani da
alcuni anni vive a Cesena,
insieme alla famiglia.
AD MULTOS ANNOS!

monsignor Walter Amaducci, il vicario


episcopale per la vita consacrata
monsignor Mario Morigi e il vicario
episcopale per leconomia monsignor
Ernesto Giorgi. Segretario stato
confermato Valeriano Biguzzi.
Fanno parte del Consiglio pastorale i
Vicari zonali: don Tarcisio Spinelli per
la Zona urbana, don Luca Baiardi per
la Zona mare, monsignor Gabriele
Foschi per le vie Cesenatico, Cervese e
Ravennate, don Giovanni Savini per la
zona Valle Savio-Dismano, don Rudy
Tonelli per la zona Alta Valle del Savio e
Sarsinate e don Stefano Pasolini per la
zona Rubicone-Rigossa.
Del Consiglio fanno parte anche
membri designati (eletti): Pierangelo
Buda per i diaconi, fra Andrea Tosi per
i religiosi e suor Fedora Tomasoni per
le religiose. Dal Consiglio per le
aggregazioni laicali arrivano sette
membri. Due di diritto, il segretario
Marco Castagnoli e il presidente
dellAzione cattolica, Carmelina
Labruzzo e cinque eletti: Giulio
Casadei, Antonio Belluzzi, Donatella
Sostenuto, Francesca Lucchi ed Ettore
Lucchi. Seguono poi 19 eletti dalle
zone, uno per ogni unit pastorale,
come prevede lo statuto di recente
modificato. Per la zona delle vie
Ravennate, Cervese e Cesenatico
entrano in Consiglio pastorale Luca
Aldini, Morena Brasini, Luciana Ensini
e Saba Tamburini. Per la Valle SavioDismano Cesare Biondini, Umberto
Sedioli e Aldo Stucco. Per la zona
Urbana Fabio Biguzzi, Roberto
Maddalena e Marco Zani. Per la zona
del Mare Maeba Cangini, Francesco
Bottalico e Stefano Orlandi. Per la zona
Rubicone-Rigossa Cristina Ghetti,
Antonella Pedrelli e Fausto Placuzzi.
Per lAlta valle del Savio-Sarsinate
Alberto Tesei, Giampaolo Bernabini e
Stefania Guidi.
Infine ci sono alcuni membri designati
dal vescovo: Ivan Bartoletti Stella e la
moglie Floriana Tappi, Luca Brasini,
Gennaro Bucci, Stefano Campana,
Cristina De Paoli, Giulia Nucci, suor
Marta Ventrucci, Francesco Zanotti e
Andrea Zondini.

Istituto Lugaresi

Incontri in preparazione al tempo di Natale


LIstituto Lugaresi di Cesena propone quattro momenti di riessione da vivere nel
periodo di Avvento. Gli incontri si tengono nella sala Ciaffi dellIstituto Lugaresi (via
canonico Lugaresi 202, Cesena), dalle 20,45 alle 22, secondo questo calendario:
mercoled 30 novembre: Pensando al carisma del Murialdo... guardiamo i nostri
giovani, a cura di padre Leonardo Rigoni. Mercoled 7 dicembre: Quali adulti per i
giovani doggi, a cura di padre Leonardo Rigoni. Mercoled 14 dicembre:
Insegnare, educare, donare... Un cammino tra genitori e figli, a cura
di fr. Giuseppe Sabbioni. Mercoled 22 dicembre: Il Natale nella visione
di San Francesco, a cura di padre Prospero Rivi.

Gioved 24 novembre 2016

Brevi
Radio Maria in diretta
dai Cappuccini
e da Torre del Moro
- Sabato 3 dicembre alle 7,30
collegamento in diretta dellemittente
radiofonica Radio Maria con il convento
dei Frati Minori Cappuccini di Cesena. Il
guardiano padre Prospero Rivi guider il
Rosario, le Lodi del mattino e celebrer la
Messa.
- Gioved 8 dicembre, solennit
dellImmacolata Concezione della Beata
Vergine Maria, collegamento con la
parrocchia Santa Maria Immacolata in
Torre del Moro di Cesena. Il parroco don
Paolo Foschi celebrer la Messa.

Mercatino dellusato
a favore della Caritas
aperto no a sabato 26 novembre il
Mercatino autunno-inverno promosso
dalla Caritas diocesana nei locali presso il
loggiato del vescovado, accanto alla
Cattedrale di Cesena. Orario: mattino 912,30, pomeriggio 15-19,30. Con
unofferta minima possibile acquistare
capi di abbigliamento uomo-donna in un
vasto assortimento.
Il ricavato sar destinato ai vari servizi
del Centro dAscolto e prima Accoglienza
Caritas di via Don Minzoni, 25, Cesena.

Galleria di Palazzo Ghini

Mostra-vendita
di presepi dal mondo
lla Galleria di Palazzo Ghini, in
A
corso Sozzi 39 a Cesena, in corso
una mostra-vendita di presepi dal
mondo.
La mostra visitabile no a domenica
8 gennaio. Orario di apertura: feriali
10-12 e 16-19; festivi 15,30-19.
In tutti i Paesi del mondo e in tutte le
culture, lavvenimento della nascita
di Ges Salvatore ha suscitato lo
stupore di artigiani e artisti che
hanno raffigurato nel proprio
linguaggio popolare la scena del
presepe.

Gioved 24 novembre 2016

Speciale Visita pastorale

ZONA PASTORALE DELLE VIE DEL MARE - 14 Unit pastorale (Gatteo, SantAngelo, Sala)

SALA di Cesenatico

Terza tappa della Visita pastorale


C

ontinua la visita del vescovo Douglas nella Zona pastorale del Mare. Dal 20 al 27 novembre saluter
la comunit di Sala, 3200 abitanti. Nonostante la vicinanza con Cesenatico
(che dista solo cinque chilometri) si tratta di una frazione molto vivace e autonoma dotata di numerose attivit commerciali, servizi, impianti sportivi e un
proprio cimitero. Il territorio molto vasto con case sparse anche in campagna.
Tra le altre attivit anche un agriturismo, tre ristoranti e un centro di equitazione, un comitato di quartiere, e la polisportiva Asd Sala con una squadra in
seconda categoria, una che milita nel
campionato del Centro sportivo italiano e un florido settore giovanile.
Vi presta servizio don Luca Baiardi dal
1999. Diversi sono i settori trainanti in
paese spiega il parroco -. La popolazione impiegata in agricoltura, in piccole e medie imprese, in lavori stagionali estivi a Cesenatico o in altri lavori
dipendenti. Sala
collegata piuttosto
bene con il capoluogo marittimo attorno a cui gravita gran
parte della vita della
comunit. Una curiosit legata alla
forte presenza di militari dellaviazione
della vicina Pisignano. Nella met degli
anni 90 cercavano
un luogo dove costruire case per abitarvi in maniera stabile. Si insediarono qui
per la vicinanza al loro luogo di lavoro.
Un paese nel quale spicca la presenza
della locale Banca di Credito Cooperativo di Sala di Cesenatico. Venne costituita il 20 dicembre 1903, in una stanza
della parrocchia del paese grazie a 14
pionieri del Credito Cooperativo che
unirono le forze per creare un argine
comune contro l'allora diffusissima piaga sociale dell'usura, ribadendo con forza i valori della moralit, onest, impegno sociale, riservatezza, il tutto senza
scopo di lucro, ma con destinazione degli eventuali utili ad iniziative di beneficenza e mutualit, si legge nel sito dellistituto.
La presenza della Bcc di Sala profondamente legata a questo territorio (ma
in fase avanzata il processo di fusione
con la Bcc Romagna Est) evidente appena si giunge in paese. Le rotonde che
regolano il traffico portano tutte le firme dellistituto di credito. Le luminarie
natalizie, gi montate ma non ancora
accese, idem. Ma in tanti modi la Bcc di
Sala intervenuta e interviene a sostegno delleconomia locale, dei bisogni
della parrocchia, delle feste e di ci che
serve al paese e al territorio cesenaticense.
Il titolo ufficiale della parrocchia Santa Maria del Rosario in Sala. La chiesa
risale a prima della seconda guerra
mondiale. Venne poi distrutta dai
bombardamenti, compreso il campanile che in origine era pi piccolo e collocato dalla parte opposta, accanto al cimitero. Rimase intatta solo la parte dove era collocata una statua della Madonna e anche per questo Santuario
diocesano spiega don Luca - e il parroco di allora, don Giuseppe Marchi, la
fece ricostruire. Lassetto odierno del
dopoguerra.
La festa patronale fissata per la prima
domenica di ottobre, poich nella giornata del 7 ottobre la Chiesa celebra la
Beata Vergine del Rosario, dice don Luca che spiega come la festa si sviluppi
gi alcuni giorni prima, dal 27 settembre
precisamente, data della morte (avvenuta il 27 settembre 1999, ndr) di don
Teofrasto Pasini, conosciuto come don

Da domenica 20 a domenica 27 novembre


monsignor Douglas Regattieri in Visita pastorale
nella comunit parrocchiale di Sala di Cesenatico

SOPRA, ESTERNO DELLA CHIESA PARROCCHIALE


DI SALA, DEDICATA A SANTA MARIA DEL ROSARIO
(VIA CANALE BONIFICAZIONEI 572)
A FIANCO, DON LUCA BAIARDI, PARROCO DI SALA DAL1999
SOTTO LA SEDE DELLA BCC DI SALA DI CESENATICO

Teo, il parroco che mi ha preceduto e che


ha lasciato un ottimo ricordo da queste
parti, e fino alla seconda domenica di ottobre con il rito dellunzione degli anziani.
Tra le opere parrocchiali spicca la presenza della scuola dellinfanzia A. Fabbri vicino alla chiesa, una scuola paritaria gestita dalla parrocchia che
conta
76
bambini. Altre
scuole
presenti sul
territorio di
Sala sono la
materna e la
primaria di
primo grado
statali. Per la
primaria di
secondo grado (le scuole
medie) gli
alunni si spostano a Cesenatico. Accanto
alla materna si sviluppano il cineteatro Letizia dove vengono portate avanti svariate
attivit tra le quali un cineforum per bambini e altri momenti ricreativi. In quellarea
sono presenti anche il circolo parrocchiale
Acli, un campo sportivo regolare e uno da
calcetto.
Tra le persone legate a Sala particolarmente importante la figura di Angelina Pirini
della quale in corso il processo di beatificazione. Stiamo aspettando lapprovazione delle virt eroiche spiega don Luca -.
Ha vissuto nella preghiera e nellofferta di
s al Signore. stata presidente dellAzione
cattolica parrocchiale. Mor a soli 18 anni.
Per mantenere viva la memoria di Angelina
Pirini presso la parrocchia di Sala attiva
l'associazione "Amici di Angelina", allo
scopo di far conoscere la sua figura portandone avanti anche la causa di beatificazione. L'associazione organizza conferenze, incontri di preghiera e cura la pubblicazione di opuscoli e libri, alcuni scritti dal
defunto don Angelo Pirini, cugino della serva di Dio. La casa dove Angelina visse e mor ora di propriet della parrocchia (cui
attigua) e ospita gli incontri dell'associazione stessa, dell'Azione cattolica, momenti educativi per i giovani, riunioni,
gruppi di preghiera. In quella struttura si
tengono anche momenti quali il sabato ri-

creativo, il centro estivo parrocchiale,


incontri e feste di compleanno.
Il catechismo si tiene dalla 2 alla 5 elementare, mentre i ragazzi delle medie e
delle superiori si incontrano una sera a
settimana. Sono seguiti da un gruppo
assortito di 30 giovani fra catechisti ed
educatori Acr. A
Sala presente,
infatti, lAzione
cattolica
per
adulti e bambini.
Don Luca Baiardi
pu avvalersi del
prezioso servizio
di cinque Ministri
straordinari dellEucarestia e di
due diaconi permanenti, Mauro
Fantozzi e Mario
Amadei.
In parrocchia
inoltre attivo un gruppo famiglie che si
incontra per due giorni, due volte allanno: Una volta qui in parrocchia,
spiega don Luca laltra per una uscita
comunitaria.
Una particolarit legata alle famiglie
la nascita di una scuola per educatori familiari che si sviluppa anche attraverso
corsi di preparazione al matrimonio ma
non solo. una scuola di formazione
per formatori, spiega don Luca che ne
tiene le redini tenendo lui stesso lezioni
per formatori. Sono attivi anche gruppi
di preghiera nelle quattro domeniche di
Avvento, molto frequentati da adulti e
giovani. Leggiamo il brano del Vangelo
della domenica utilizzando il metodo
della Lectio Divina.
Sempre in parrocchia si sta formando
un gruppo Caritas con referenti i due
diaconi e in stretto collegamento con la
Caritas di Cesena e Cesenatico. Il nostro servizio riguarda principalmente il
versante economico di aiuto alle famiglie in difficolt.
Tra le iniziative da segnalare le adozioni
a distanza attivate in parrocchia in collaborazione con Avsi. Seguiamo 19
bambini in condizioni disagiate. La popolazione contribuisce con donazioni.
Michela Mosconi

CALENDARIO VISITA PASTORALE

SALA
DI CESENATICO
fino a
domenica 27 novembre
Venerd 25 novembre
ore 9
Visita ai malati e agli anziani
ore 10,30 Incontro con i bambini
della scuola materna
ed elementare
ore 20,30 Incontro con le famiglie,
con gli adulti, con i giovani
Sabato 26 novembre
ore 9
Incontro con i diaconi
ore 10,30 Incontri individuali
ore 14,30 Incontro con i bambini
di 2, 3, 4 elementare
ore 15,30 Visita al Sabato ricreativo
Domenica 27 novembre
ore 10 Incontro con LAcr
ore 11 Messa conclusiva
della Visita Pastorale

Prossime tappe della Visita pastorale


- a San Giacomo dal 27 novembre
al 4 dicembre
- a Boschetto dal 5 al 12 febbraio 2017

Speciale Visita pastorale

Gioved 24 novembre 2016

ZONA PASTORALE DELLE VIE DEL MARE - 12 Unit pastorale (San Giacomo, Boschetto, Villamarina-Gatteo Mare)

Il vescovo Douglas nella parrocchia


di San Giacomo Apostolo
al 27 novembre al 4 dicembre il
vescovo Douglas incontrer la comunit che fa capo alla parrocchia di San Giacomo di Cesenatico, una
delle tre parrocchie cittadine insieme a
Santa Maria Goretti e a Boschetto. Si tratta della pi antica in quanto le altre sono
nate in tempi recenti, parallelamente allo sviluppo urbano della citt marinara.
La chiesa, che lo scorso anno ha festeggiato il 250 anniversario della consacrazione, si affaccia sul porto canale leonardesco e il suo campanile che le svetta accanto lo si pu vedere in lontananza arrivando da Cesena. La chiesa stata rimaneggiata a causa del terremoto del 1875,
poi bombardata durante la seconda
guerra mondiale. Un restauro importante venne portato avanti nel 1999 quando
parroco era don Silvano Ridolfi. Attualmente in corso un restauro del castello
che sostiene le campane. Queste ultime
(cinque) sono anchesse in fase di restauro. In occasione della visita pastorale verranno risistemate sul campanile e benedette dal vescovo Douglas.
La parrocchia, una delle pi grandi della
diocesi, serve pi di 6000 persone ed
un luogo vivo anche per le caratteristiche
della cittadina vocata
al turismo. parroco
dal 2008 don Gian Piero Casadei presente in
questo contesto dal
2002 quale parroco in
solidum prima con
don Silvano Ridolfi e
poi con don Ernesto
Giorgi. Nel tempo si
sono succeduti anche
tanti cappellani come
don Lorenzo Arakkathara, don Mirco Bianchi, don Michael Giovannini. Gran parte
dellattivit parrocchiale frutto del prezioso lavoro dei miei
predecessori, ci tiene a sottolineare don
Gian Piero.
Un grade aiuto in questi anni sta arrivando dai due diaconi permanenti: Secondo
Brandinelli ed Ettore Rossi (questultimo
anche responsabile della Caritas) che
svolgono un lavoro eccellente, dice don
Gian Piero.
La parrocchia di San Giacomo, la pi frequentata da cittadini e villeggianti, pu
contare su unampia variet di gruppi religiosi che le conferiscono una ricchezza
di proposte notevole. presente una comunit di frati, i fratelli di San Francesco
con sede nel convento dei Cappuccini.
Prestano un servizio incredibile spiega
il parroco nellambito delle confessioni,
dellanimazione liturgica e caritativa.
Aiutano tutte le parrocchie della citt e
girano molto per la predicazione. Attivi
anche due ordini di suore: le clarisse
francescane missionarie del Santissimo
Sacramento che gestiscono la Casa San
Giuseppe in via Mazzini, che accoglie
bambini orfani e ragazze madri, e le orsoline di Maria Vergine Immacolata di
Gandino, che gestiscono il soggiorno
marino della colonia cardinal Schuster a
Ponente e la Scuola dellInfanzia ivi annessa con 117 bambini iscritti. presente anche un membro dellOrdo
Virginum. Svolgono un grande servizio
a livello educativo e liturgico - spiega il
parroco che sottolinea anche il prezioso
contributo di tantissimi laici che sotto
varie forme aiutano e sostengono la vita
parrocchiale nellevangelizzazione, nelle
liturgie, nella carit. Penso anche ai Ministri straordinari dellEucarestia che
portano Ges nella Casa di Riposo comunale dove ogni settimana ci rechiamo
per pregare e ogni due per dire Messa.
Don Gian Piero appare molto contento
dei suoi parrocchiani: C molta attenzione e disponibilit della gente verso la
parrocchia. Sono tante le persone impe-

Da domenica 27 novembre fino al 4 dicembre


monsignor Douglas Regattieri in Visita pastorale
nella parroccha di San Giacomo Apostolo a Cesenatico.
Don Gian Piero Casadei parroco dal 2008

ESTERNO DELLA CHIESA


DI SAN GIACOMO APOSTOLO,
SUL PORTO CANALE A
CESENATICO (VIA G. BRUNO, 2)

SOTTO A SINISTRA,
DON GIAN PIERO CASADEI,
CLASSE 1967,
PARROCO A SAN GIACOMO
DAL 2008

CALENDARIO VISITA PASTORALE

SAN GIACOMO APOSTOLO


gnate direttamente, ma c anche chi ci sostiene rispondendo
molto bene con raccolta fondi.
In parrocchia sono attivi anche altri gruppi
come Comunione e Liberazione, Focolarini e
Rinnovamento nello
Spirito. Pur appartenendo dice don Gian
Piero a movimenti indipendenti sono al servizio della parrocchia e
della diocesi.
Molto attiva la Caritas
che funge da raccordo
tra quelle delle parrocchie circostanti. Allinterno di questa realt
attivo un centro di ascolto e prima accoglienza (con raccolta di indumenti, mobili,
alimenti) e una mensa per i poveri che si
trova a Bagnarola. Altra realt caritativa importante la San Vincenzo de Paoli. Cerchiamo di coordinare tutte le realt parrocchiali caritative con quelle civili presenti sul
territorio come la Croce Rossa o i Servizi sociali comunali. La cosa bella sottolinea
don Gian Piero che riusciamo a lavorare
insieme, in raccordo anche con le forze
dellordine. C amicizia e spirito di collaborazione. La realt cesenaticense ha permesso di creare ottimi rapporti con tutti.
Nel territorio parrocchiale, oltre alla chiesa
di San Giacomo e dei frati, sono presenti altre chiese: quella di San Giuseppe, vicino
alla Vena Mazzarini, la chiesa di San Pietro
pescatore a Ponente, la chiesina del Cimitero. Tutto in citt segnato dalla dicotomia
inverno-estate. Don Silvano Ridolfi che
stato parroco a San Giacomo per 17 anni diceva che come se ci fossero due parrocchie distinte, in inverno e in estate, svela
don Gian Piero. In inverno vengono portate
avanti le attivit ordinarie rivolte prevalentemente ai cesenaticensi. Nel periodo estivo la citt cambia volto con la popolazione
che aumenta a livello esponenziale. Il servizio pastorale si intensifica, triplica il numero delle Messe, ed bello constatare come
tanta gente lasci la spiaggia per partecipare
alle celebrazioni. Durante lestate, vengono
celebrate Messe al Camping Cesenatico, in
un albergo a Zadina e anche nelle colonie
per la presenza di gruppi e ragazzi in vacanza.
Anche le iniziative e gli eventi vanno in crescendo: si va dai luned culturali organizzati
dalla parrocchia alla festa del villeggiante
presso la chiesa di San Giuseppe per unire
parrocchiani e turisti, fino ai momenti solenni e caratterizzanti parrocchia e citt come la festa del patrono San Giacomo il 25
luglio con la Messa solenne e la processione
lungo il porto canale con la statua del Santo

e la benedizione alla citt con il lancio


della corona di fiori. La festa parrocchiale si tiene la 3 settimana di ottobre con
appuntamenti legati alla fede, e la festa
della famiglia. Un appuntamento estivo
molto suggestivo quello del 15 agosto
in occasione dellAssunta con la Messa
mattutina, la processione lungo il porto
canale e limbarco al molo di levante per
la processione in mare con le barche.
Eventi religiosi che richiamano la partecipazione anche di molti fedeli in citt
per turismo come la processione dell8
dicembre, con lomaggio e laffidamento
della citt alla Madonna Salus populi
caesenaticensis. Nel 1875, in seguito a
terremoto, la citt venne distrutta senza
tuttavia causare morti. Anche la statua
della Madonna rimase intatta. Si tratta di
un rito molto sentito dalla popolazione
locale come voto di ringraziamento alla
Madonna.
A livello sociale ed economico, come si
pu ben intuire, lattivit prevalente degli abitanti legata al turismo. Le persone sono impiegate o nel settore ricettivo
o in lavori legati alla pesca, anche se non
manca chi lavora in altri settori come il
terziario. Chi ha attivit legate al turismo in estate non riesce a frequentatore
le liturgie nonostante la proposta di Messe in orari pi consoni- spiega don Gian
Piero -. Cerchiamo comunque di mantenere i contatti con tutti. Molti turisti
partecipano alle Messe, chiedono di
confessarsi. Partecipano ai pellegrinaggi
che organizziamo, portandoli a visitare il
nostro entroterra come Sarsina, o La Verna, o luoghi della fede vicini come Loreto.
Nel territorio parrocchiale sono attive
una scuola materna statale (oltre a quella
gestita dalle suore orsoline), due scuole
elementari, una sezione della scuola media. Le scuole superiori presenti sul territorio sono il Liceo scientifico, Ragioneria
e la Scuola alberghiera. Esiste una sezione delluniversit di Bologna.
Per quanto riguarda la catechesi, i bambini iniziano a frequentare la parrocchia
in 2 elementare. Per i giovani, spiega
don Gian Piero, le alternative sono talmente tante che per qualcuno la parrocchia non il principale riferimento. E
fondamentale lapporto della famiglia.
Stiamo lavorando molto a livello di pastorale familiare con i giovani sposi. E
una sorta di investimento sul domani.
Abbiamo buone risposte. Il punto
mantenere una disponibilit verso i ragazzi. Anche se si allontanano, capita che
per qualunque motivo la vita li porti a ripassare da qui. Se siamo capaci ad accoglierli, rimangono. La vita offre molte occasioni per ritornare sulla via di Ges.
Michela Mosconi

da domenica 27 novembre
fino a domenica 4 dicembre
Domenica 27 novembre
ore 18 Messa dinizio Visita pastorale
ore 19,30 Incontro gruppi famiglia - vespri
Luned 28 novembre
ore 9
Visita alle scuole
ore 15
Messa nella casa per anziani
ore 17
Incontro con gli insegnanti
Marted 29 novembre
ore 9
Incontro con Caritas, associazioni caritative e altri volontari
ore 11 Messa al cimitero
ore 14,30 Incontro con il Consiglio comunale
ore 20,30 Incontro coi laici della scuola di comunit e altri gruppi
ore 21,30 Incontro col coro parrocchiale
Mercoled 30 novembre
ore 7,30 Messa presso le suore francescane e
incontro con le religiose
ore 9
Incontro con i malati e gli anziani
ore 11,30 Incontro con i diaconi
ore 20,45 Incontro con il Ccp e il Caep
Gioved 1 dicembre
ore 14,30 Incontro con la scuola materna
Schuster e le religiose
ore 15 Messa coi bambini della scuola materna
ore 17 Incontro con lOrdo Virginum
ore 17,30 Incontro con il parroco
ore 18,30 Incontro coi Ministri straordinari
della Comunione
Venerd 2 dicembre
ore 15,30 Incontri individuali
ore 19 Cena coi Corpi militari
ore 20,45 Incontro coi catechisti
Sabato 3 dicembre
ore 9
Messa presso i fratelli di san Francesco e con la comunit religiosa
ore 11 Incontro coi lavoratori e le associazioni di categoria
ore 15 Incontro coi ragazzi del catechismo e
i genitori
ore 16,30 Messa nella chiesa di san Giuseppe
ore 17,30 Inaugurazione Presepe di Cesenatico
ore 18,30 Incontro con i ragazzi Radar e
gruppi post cresima
Domenica 4 dicembre
ore 9,15 Messa nella chiesa di san Pietro
ore 11 Messa conclusiva a san Giacomo

Prossime tappe della Visita pastorale


- a Boschetto, dal 5 al 12 febbraio 2017
- a Villamarina-Gatteo Mare
dal 12 al 19 febbraio 2017

Gioved 24 novembre 2016

Attualit

La Federazione dei settimanali cattolici in festa


per il 50esimo di fondazione

Sempre debitori
ai padri fondatori
Si tiene a Roma, dal 24 al 26 novembre, lAssemblea elettiva
della Fisc. Il bilancio del presidente uscente Francesco
Zanotti. Il nostro direttore non pi rieleggibile

utto connesso, tutto collegato. Non


casuale il titolo scelto dalla Federazione
italiana settimanali cattolici (Fisc) per la
XVIII assemblea nazionale elettiva (Roma, 24-26
novembre 2016).
Il tema, tratto dallenciclica Laudato si di papa
Francesco, sintetizza in maniera efficace lo scenario
attuale in cui operano i mass media e rimanda alle
origini della Federazione che, questanno, festeggia i
suoi primi cinquantanni. Una festa condivisa con
tutti gli ex presidenti, invitati allassemblea, insieme a
uno dei fondatori della Fisc, don Lorenzo DellAndrea,
di Belluno-Feltre, direttore in carica al momento della
costituzione nel 1966. Al ricordo seguir lelezione del
nuovo Consiglio nazionale, che nella prima riunione
elegger il presidente per il prossimo triennio.
A guidare la Fisc negli ultimi sei anni stato
Francesco Zanotti, direttore del Corriere Cesenate
e primo presidente laico
dalla costituzione della Fisc.
Presidente, qual il bilancio di questi anni?
A livello personale, stata unesperienza straordinaria,
ricca di rapporti di amicizia e stima davvero consolanti
per un impegno che chiede molto, ma restituisce in
misura di gran lunga superiore. Dal punto di vista
della Federazione, stiamo attraversando momenti
difficilissimi per leditoria, con un calo generalizzato di
vendite, pubblicit e contribuzione pubblica.
Nonostante qualche chiusura, noi per non ci
abbattiamo e continuiamo ad andare avanti con
entusiasmo sia nelle edizioni cartacee sia nelle
proposte online.
Qual lo stato di salute attuale dei settimanali?
A oggi aderiscono alla Fisc 191 testate (1 quotidiano, 2
bisettimanali, 125 settimanali, 17 quindicinali, 31
mensili, 5 allestero, 9 online, 1 agenzia) nelle quali
lavorano oltre 500 persone. A migliaia si contano i
collaboratori. I direttori sono 156 di cui 93 laici (76
uomini e 17 donne) e 63 sono sacerdoti. Certo la crisi
della carta stampata cinterroga e ci riguarda da vicino,
anche se i giornali locali tengono ancora bene. Al
momento nessuno conosce il futuro
dellinformazione. Per questo, consigliamo a tutti di
non abbandonare il certo per lincerto, con fughe in
avanti di dubbia sostenibilit.

il Periscopio

Riavvolgendo il nastro di questi anni, sono stati tanti i problemi: dai tagli alleditoria al
recapito postale Come vede
il futuro al netto di tutto ci?
Il recapito postale a singhiozzo
- a scacchiera, come lo
abbiamo definito noi, e non a
giorni alterni, come dice Poste
Italiane - da tempo pone
notevoli problemi. Labbonato
FRANCESCO ZANOTTI,
un valore aggiunto preziosissimo, che molti
DIRETTORE DEL CORRIERE
CESENATE, DAL 2011 PRESI- ci invidiano. Rischiamo di perderne tanti e
non per causa nostra. Se la riforma
DENTE DELLA FEDERAZIONE
delleditoria, approvata di recente e ora al
DEI SETTIMANALI CATTOLICI.
CON LASSEMBLEA ELETTIVA
vaglio dei decreti attuativi, pare aprire
A ROMA (24-26 NOVEMBRE)
spiragli positivi, le difficolt postali
CONCLUDE IL SUO MANDATO
potrebbero rendere vani i nuovi sostegni al
(FOTO ARCHIVIO SIR)
pluralismo informativo. In una parola: lo
Stato non pu con una mano dare e con
Nelle periferie noi
laltra togliere. Detto ci, noi avremo un
futuro se aiuteremo i nostri lettori a essere
viviamo, lavoriamo,
non solo informati, ma anche pi
fatichiamo, gioiamo e
consapevoli. Avremo un futuro se saremo
piangiamo. Cerchiamo di giornalisti credibili, parafrasando papa
raccontare, con lo stile
Francesco con lodore dei lettori.

discreto del cronista, che


non vuole essere
protagonista ma solo
storico dellistante,
quanto accade, in
particolare quelle storie
di straordinaria
quotidianit di cui sono
ricche le nostre comunit
locali. Siamo, e
vorremmo esserlo
sempre pi, voce dei
senza voce: carcerati,
rifugiati, indifesi,
disoccupati, malati,
disabili, senza dimora,
anziani...

La riforma delleditoria, dunque, potrebbe


aprire spiragli positivi?
La riforma risponde a due principi che la
Fisc porta avanti da tempo: rigore ed equit.
E di questo siamo contenti. Saremo tutti
trattati nello stesso modo e con maggiore
rigorosit. Auspichiamo - come ripetiamo da
anni - che lo Stato sostenga editori non profit
che favoriscono il pluralismo. Questa
riforma ci pare un buon passo in avanti. Ora
tocca a noi stare nei paletti richiesti. Unaltra
sfida ma ormai siamo abituati alle sfide.
Le sfide, senza dubbio, fanno parte della
storia della Fisc. Anzi la stessa Federazione,
di cui ricorre il 50esimo di fondazione, una
grande sfida - come volevano i fondatori nel
1966 - per far crescere insieme,
nellincontro e nella collaborazione, tutti i
settimanali nel servizio alla Chiesa e al
territorio.

Saremo sempre debitori ai padri della Fisc


per la loro incredibile intuizione.
Circolazione didee, esperienze e
professionalit; rappresentanza
istituzionale; capacit di fare opinione
pubblica nella Chiesa e nel Paese: sono
obiettivi portati sempre avanti in questi 50
anni e del tutto validi per loggi.
La Fisc, dunque, unautentica esperienza
ecclesiale
innanzitutto unesperienza di Chiesa. La
condivisione della gioia del Vangelo vuole
essere il nostro primo tratto caratteristico.
Mettiamo insieme la nostra vita di giornalisti
vissuta alla luce della fede. Papa Francesco ci
richiama a uno stile ecclesiale attrattivo e ci
invita, come ha detto al Convegno ecclesiale
di Firenze, a stare in cammino, a farci
compagni di viaggio delluomo di oggi. Tutti
hanno il diritto di ricevere il Vangelo - scrive
il Santo Padre nellEvangelii Gaudium -. I
cristiani hanno il dovere di annunciarlo
senza escludere nessuno, non come chi
impone un nuovo obbligo, bens come chi
condivide una gioia, segnala un orizzonte
bello, offre un banchetto desiderabile. La
Chiesa non cresce per proselitismo, ma per
attrazione (n.14). Questo il nostro
compito! la forza rivoluzionaria del
Vangelo.
Una forza che si comunica fino a raggiungere tutte le periferie
Nelle periferie noi viviamo, lavoriamo,
fatichiamo, gioiamo e piangiamo. Cerchiamo
di raccontare, con lo stile discreto del
cronista, che non vuole essere protagonista
ma solo storico dellistante, quanto accade,
in particolare quelle storie di straordinaria
quotidianit di cui sono ricche le nostre
comunit locali. Siamo, e vorremmo esserlo
sempre pi, voce dei senza voce: carcerati,
rifugiati, indifesi, disoccupati, malati,
disabili, senza dimora, anziani... In sintesi,
degli ultimi tra gli ultimi.
Vincenzo Corrado

di Zeta

Il segretario particolare del ministro Dario Franceschini


ha scritto una lettera alla Societ Amici del Monte

Agli elogi seguiranno aiuti concreti


L

uciano Almerigi un amico di questo giornale. anche il presidente della


Societ Amici del Monte. Il sodalizio noto a Cesena e oltre per lopera di aiuto
e di sostegno in favore della basilica benedettina che domina la nostra citt. Sono
numerose le attivit messe in atto per raggiungere gli scopi prefissati e tanti
cesenati ne conoscono e ne apprezzano i risultati.
Che i complimenti giungano da casa pu fare sempre piacere, ma poi si pu
pensare che siano un po di parte. Quando invece arrivano da un po pi lontano,
allora pu essere che il fatto possa prendere la forma di una notizia. quello che
ho pensato quando ho letto il contenuto di una missiva inviata dal Segretario
particolare del Ministro dei beni e delle attivit culturali e del turismo. La lettera,
anticipata via email, firmata da Giuseppe Battaglia. stata indirizzata al
Presidente della Societ Amici del Monte e segue la richiesta di un parere inviata
al Ministero per sondare la possibilit di inserire la collezione degli ex voto nella
Memoria dellUnesco.
Da pi parti mi sono giunte voci di elogio per lattivit svolta dalla Societ da lei
presieduta, si legge tra le venti righe dellintero denso messaggio. Poi viene
ricordata la preziosa raccolta di ex voto. Ho cercato ulteriori notizie sul web
scritto e sono rimasto profondamente colpito dalla qualit e variet delle
iniziative da voi promosse.
C di che andare orgogliosi. Forse anche troppo, potrebbe pensare qualcuno. Ma
la lettera non si esaurisce in quel che ho finora riportato. Questa mia scrive il

segretario del ministro


FOTO PIER GIORGIO MARINI
Franceschini per esprimerle i
sensi del pi profondo
apprezzamento per lopera da
voi tutti svolta. Ma lasciamo
stare i complimenti e veniamo
al sodo, come qualcuno si
aspetterebbe a questo punto.
Nellultimo brano della lettera,
il segretario del Ministro
aggiunge: Mi auguro sia
possibile in un prossimo
futuro, usciti dalle ristrettezze
di bilancio, potervi offrire lopportunit di accedere, attraverso gli appositi canali
istituzionali, ad un contributo che possa sostenere anche concretamente il vostro lavoro.
Eccoci, ci siamo. S, perch dopo le belle parole verso chi si adopera in prima linea e
soprattutto in periferia, lontano da ogni ribalta e da ogni interesse particolare, ci vogliono
anche i fatti concreti.
Bene ha fatto il segretario Battaglia a impegnarsi in prima persona qualora, usciti dalle
ristrettezze di bilancio si possa offrire lopportunit di accedere a un contributo che
possa sostenere il vostro lavoro. Un impegno non da poco, che segue allincoraggiamento
portato con una lettera che non appare per nulla banale.
Registro con favore questa iniziativa del segretario particolare di un Ministro. Il Monte,
come tutti chiamiamo labbazia benedettina, ha bisogno del sostegno di tutti. I cesenati lo
sanno benissimo, credenti o non credenti. Aspettiamo di vedere e di registrare i prossimi
passi. (951)

Cesena
a vita di una persona dipende dal semplice atto di
Avis
L
volont di unaltra persona: questo il contenuto
di una delle tante pillole pubblicitarie ideate per la
nuova campagna di comunicazione per lAvis intitolata
Sui social
Un piccolo gesto pu salvare una vita.
Per la prima volta le Avis provinciali di Forl, Cesena e
la nuova
Ravenna hanno unito le forze e le intelligenze per creare
serie di lmati volti a informare e far scoprire il
campagna una
percorso che il sangue compie una volta donato.
La campagna pubblicitaria utilizzer il web e in
i social con lobiettivo di raggiungere un
informativa particolare
pubblico giovane. composta da diversi lmati: uno di 14

Gioved 24 novembre 2016

minuti, uno di 4 minuti e 10 pillole di pochi secondi. Tutti


sono stati prodotti grazie allimpegno di diversi giovani:
Erika Lasagni, Claudio Buda, il regista Matteo Medri e la
dottoressa Roberta Chicchi.
In Italia - spiega Claudio Lelli, presidente provinciale Avis
Forl-Cesena - ci sono un milione e 300mila donatori, in
Emilia Romagna sono 146mila, nella nostra provincia
12mila e in quella di Ravenna 11.500. Nella sola realt di
Cesena e Forl si registrano ogni anno 22mila donazioni,
tanto che riusciamo a rispondere al nostro fabbisogno e a
volte ne doniamo ad altre province. Il sangue per non
basta mai. Non si pu produrre in laboratorio e lunico

modo per disporne la donazione libera dei cittadini.


Occorre pensare che il sangue si conserva per 42 giorni,
solo lo 0,01 per cento del raccolto va perduto tra la
donazione e la trasfusione grazie allottimo operato
delle strutture sanitarie della Romagna e lOfficina
trasfusionale di Pievesestina di Cesena. Oggi la
donazione in media dura 10-12 minuti; a ogni
donazione vengono effettuati i controlli del sangue con
analisi adeguate. Donare consente di mantenersi
controllati, una sorta di check up e di fare del bene con
un piccolo gesto.
Bb

Sostiene e accompagna famiglie, educatori e docenti nel compito educativo

A Cesena nasce
lOsservatorio
per leducazione
S

i costituito nei giorni scorsi in forma


giuridica lOsservatorio per leducazioneCesena, unassociazione di promozione
sociale con lo scopo di sostenere e accompagnare i docenti e soprattutto le famiglie nel loro difficile compito educativo recuperando la
responsabilit che loro compete.
LOsservatorio si richiama a una antropologia
(una visione delluomo) che faccia riferimento allidentit maschile e femminile come uniche e originali espressioni della persona nella
sua interezza, diverse ma con pari dignit,
complementari fra loro, come recita larticolo 3 dello statuto dellassociazione.

LOsservatorio nasce su libera iniziativa di genitori e insegnanti provenienti da vari ambiti


culturali e sociali, spinti dallemergenza educativa che sta interessando la societ civile e in
particolare il mondo della scuola.
proprio allinterno delle istituzioni scolastiche che progetti educativi svuotati di riferimenti di valore e centrati sulla soggettivit dellidentit e orientamento sessuale rischiano di
creare forte disagio e disorientamento nellet
della crescita.
LOsservatorio intende in primo luogo costituire una rete di genitori e insegnanti per fornire e ricevere informazioni su quanto accade

nelle singole realt scolastiche, in particolare su progetti educativi concernenti la dimensione relazionale e affettivo-sessuale.
In secondo luogo vuole attivare uno sportello di esperti (giuristi, pedagogisti, psicologi, ecc) a disposizione di insegnanti
e genitori e creare un sito internet dove
questi possano consultare documentazioni ed esperienze.
Collabora con quanti, enti e associazioni,
abbiano a cuore leducazione della persona. stato ad esempio proficuo il lavoro
fatto con i responsabili della Pastorale scolastica diocesana in occasione delle recenti elezioni degli organi collegiali della scuola.
Infine, lOsservatorio promuove la presenza, come gi sta avvenendo in alcune scuole di Cesena, di progetti validati in ambito
affettivo-sessuale per uneducazione dei
ragazzi alla consapevolezza di s e alla relazione con laltro.
Per informazioni, e anche per adesione a
socio (quota sociale annua 30 euro), tel.
392 7240079, email osservatorioeducazionecesena@gmail.com

I dieci comandamenti, percorso elementare di cultura


Dieci Comandamenti. La premura di Dio per luomo il titolo del
Il Crocevia
Ipercorso
di cultura proposto dallassociazione di promozione sociale
di Cesena, e condotto da don Agostino Tisselli.

Gli incontri, con inizio alle 20,45, si tengono nella sala Eligio
Cacciaguerra del Credito cooperativo romagnolo, in viale Bovio 76, a
Cesena.
Si tratta di cinque appuntamenti con a tema I Dieci Comandamenti, ossia
La premura di Dio per luomo.
Di solito i Comandamenti vengono intesi come obbligo o imposizione,

invece sono inviti di Dio alla strada di felicit per luomo, perch partono
da bisogni e necessit iscritte sin dallorigine nel cuore delluomo.
Il primo incontro di venerd 25 novembre vuole approfondire proprio
questa attenzione liale di Dio per luomo; relatore sar monsignor Nicola
Bux, autore del libro Come andare a Messa e non perdere la fede.
Oggi la nostra cultura ci sta proponendo un cammino inverso, che non
riconosce alcuna legge se non quella che luomo stesso si d,
autosufficiente e autodeterminato. Da qui un io smarrito, che verr messo
in luce da Ivo Colozzi, nel secondo incontro di venerd 2 dicembre.

Brevi
Liceo Righi, un flash mob
contro la violenza
Gli studenti del
Liceo Righi
contro la
violenza sulle
donne. In
occasione del 25
novembre
Giornata
internazionale
per leliminazione della violenza contro le donne,
istituita nel 1999 dallAssemblea Generale delle
Nazioni Unite Onu alcuni tra ragazzi e ragazze del
liceo cesenate si esibiranno in un ash mob (un
assembramento improvviso) nel prato antistante il
Righi intorno alle 11. Il Flash mob vedr gli
studenti ballare seguendo la danza ideata da una
coreografa contattata da Eve Ensler attiva
femminista fondatrice del movimento One Billion
Rising che si impegna nella lotta per leliminazione
della violenza sulla donna. Nella foto, la
professoressa Paola Fasanelli con le sue
studentesse in occasione del ash mob 2015.

Open day
allItt Blaise Pascal
LItt Blaise Pascal di Cesena apre le porte dei suoi
laboratori, facendo scoprire a studenti e genitori.
Sabato 26 novembre sar possibile visitare
lIstituto Tecnico Tecnologico Blaise Pascal di
Cesena in occasione dellOpen Day in programma
dalle 15 alle 18. Un sapere che accompagna la
crescita e linnovazione tecnologica: ecco le carte
vincenti del Pascal che attraverso la domotica e la
robotica, luso della stampa a 3D, la progettazione
nellambito delle reti informatiche, i nuovi
linguaggi informatici e molto altro prepara i
professionisti del futuro.

10

Cesena

Gioved 24 novembre 2016

Verso il Referendum

morto a 62 anni nella notte di venerd 25 novembre

Incontro pubblico
alla Confartigianato

Denis Ugolini, una vita


spesa con passione
per la politica
D

opo una lotta contro un male


incurabile durata lunghi anni,
Denis Ugolini morto nella
notte tra venerd 25 e sabato 26
novembre, a Cesena. Aveva
compiuto 62 anni lo scorso luglio.
Una vita quella di Ugolini, esponente
di spicco del Partito repubblicano,
spesa con passione nellimpegno
politico. A lungo consigliere
comunale (dal 1975 al 1990 per il Pri,
dal 1999 al 2009 prima con Cesena
Cambia e poi ancora nel Pri, dove
riconflu nel 2005 assieme a Luigi Di
Placido) e candidato sindaco (1999 e
2004), fu anche deputato
progressista, in quota repubblicana,
tra il 1994 ed il 1996, la legislatura del
primo Governo Berlusconi e del
Governo tecnico di Lamberto Dini.
Di rilievo pure il suo impegno in
Regione Emilia-Romagna.
Consigliere regionale dal 1985 al
1994, tra il 1990 ed il 1994 fu anche
assessore regionale allIndustria,
Artigianato, Commercio e
Cooperazione.
A Cesena ha guidato come direttore

Esponente di spicco del Partito repubblicano, stato a lungo consigliere


comunale (dal 1975 al 1990 per il Pri, dal 1999 al 2009 prima con
Cesena Cambia e poi ancora nel Pri, dove riconflu nel 2005 assieme a
Luigi Di Placido) e candidato sindaco (1999 e 2004).
Fu anche deputato progressista, in quota repubblicana,
tra il 1994 e il 1996, la legislatura del primo Governo Berlusconi
e del Governo tecnico di Lamberto Dini
editoriale il periodico "Energie
Nuove", espressione dellomonima
associazione di stampo laico-liberale
fondata nel 1994. Un nome che
richiama esplicitamente il pensiero
di Piero Gobetti, ritenuto da Ugolini
e altri amici una necessaria
integrazione ideologica al percorso
repubblicano/azionista patrimonio
comune dei fondatori.
Sempre in prima linea sul fronte
della laicit (ma con un costruttivo
atteggiamento di dialogo verso tutti),
ha vinto nel febbraio scorso la sua

ultima battaglia politica con


ladozione da parte del Comune di
Cesena del Registro dei testamenti
biologici (del quale stato poi il
primo sottoscrittore).
Unanimi le espressioni di cordoglio
da parte delle forze politiche
cittadine, a partire dal sindaco Paolo
Lucchi, dal fraterno amico Luigi di
Placido, passando per il
sottosegretario Sandro Gozi fino a
Sinistra ecologia e libert e
allecologista Davide Fabbri.
MiB

Venerd 25 novembre alle 20,45 presso la sala


convegni della Confartigianato di Cesena, via
Ilaria Alpi 49, si terr un incontro pubblico sulle
ragioni del s e del no relative al referendum di
domenica 4 dicembre.
La manifestazione, organizzata dal Movimento
Romagnolo in collaborazione con lassociazione
culturale il Dialogo, vedr impegnato come
relatore per il s Peppino Calderisi, ex
parlamentare di area centrodestra, esperto di
leggi elettorali, socio fondatore e consigliere
damministrazione della Fondazione Magna
Carta; per il no Stefano Spinelli, avvocato di
Cesena, attualmente consigliere del Gruppo
Libera Cesena, nel consiglio comunale di
Cesena. Moderatore sar Odo Rocchi, ex sindaco
del Comune di Roncofreddo ed ex vicesindaco
del Comune di Sogliano al Rubicone, ora
consigliere per la lista civica Un Comune per
tutti nel Comune di Roncofreddo e presidente
dellAcli di Forl-Cesena.

Incontro promosso
dal Campo della Stella
Il Centro culturale Campo della Stella e la
Compagnia delle opere propongono per marted
29 novembre alle 21 al Palazzo del Ridotto, a
Cesena, lincontro A proposito di referendum
costituzionale. Dialogo per un impegno
comune.
Saranno protagonisti autorevoli di un confronto
che si auspica costruttivo, al di l delle diverse
posizioni sul referendum dei relatori, lavvocato
Marco Masi e il senatore Mario Mauro, che
verranno intervistati sui punti nodali della
riforma costituzionale.

Don Claudio Turci| Nuovo parroco a San Pio X

Incontro in Comune| Loretta Bignardi nuovo questore

DON CLAUDIO TURCI IL NUOVO PARROCO DI SAN PIO


X, QUARTIERE VIGNE DI CESENA. Lingresso di don
Claudio avvenuto con una celebrazione presieduta dal
vescovo Douglas nel pomeriggio di domenica 6 novembre.
Don Claudio subentra a don Egidio Zoffoli, parroco a San
Pio X dal 1982. Don Egidio si trasferito alla Casa del
Clero ed il rettore del Santuario di Santa Maria del
Suffragio, in centro a Cesena. (foto Jessica Marino)

A POCHI GIORNI DAL SUO INSEDIAMENTO, IL NUOVO QUESTORE DI FORL-CESENA LORETTA


BIGNARDI HA FATTO VISITA AL COMUNE DI CESENA, dove stata accolta dal sindaco Paolo Lucchi e
dallintera Giunta comunale. A dare il benvenuto alla dottoressa Bignardi, una dei tre questori donne in
Italia, anche lonorevole Enzo Lattuca, la senatrice Mara Valdinosi, la consigliera regionale Lia Montalti.
Il Sindaco, a nome di tutti i presenti, ha rivolto al nuovo Questore un caloroso benvenuto e laugurio di
buon lavoro. Gi questo primo incontro servito per tracciare una scaletta dei principali temi in
agenda per limmediato futuro, dalla nuova sede del Commissariato al progetto di videosorveglianza.

F
S
C

Sacro Cuore Informa

Il coraggio
di osare
Limpegno delle scuole del Sacro Cuore per far giungere
al cuore e alla mente dei ragazzi di oggi
il patrimonio culturale consegnatoci dalla tradizione

ue fatti particolarmente
significativi hanno segnato
linizio di questo anno
scolastico per le scuole del
Sacro Cuore: linaugurazione tanto
attesa del nuovo giardino della scuola
primaria e dellinfanzia e il
riconoscimento attribuito dalla
Fondazione Agnelli al liceo scientifico
europeo, rivelatosi primo fra gli istituti
superiori della provincia per i risultati
universitari degli ex studenti.
Sono traguardi che vengono a coronare
limpegno di garantire ai ragazzi che
vengono affidati alla nostra
responsabilit educativa strutture
adeguate e un qualificato percorso
scolastico, divenendo un
riconoscimento per una comunit
scolastica che, ricevuta leredit

dellopera delle suore della Sacra


Famiglia, da trentanni cerca di
superare le difficolt che continuano a
presentarsi sul cammino delle scuole
paritarie.
Per questo la scelta di assumere come
sfondo per il nostro progetto annuale
il motto The courage to dare (il
coraggio di osare), che monsignor
Timothy Verdon ha ideato per il nuovo
museo dellOpera del Duomo di
Firenze, visitato da tutti gli studenti
della scuola media nella gita di inizio
anno, corrisponde al desiderio di avere
come riferimento quel sorprendente
tentativo di riproporre in un modo
rinnovato e suggestivo, capace di
catturare anche ragazzini preadolescenti, uno straordinario
patrimonio artistico e culturale.

La strada della bellezza, che fin dai primi anni


cerchiamo di percorrere con i nostri alunni,
attraverso esperienze coinvolgenti, che si
sedimentino nella loro sensibilit, appare
infatti la via privilegiata perch il patrimonio
di conoscenze che la tradizione ci ha
consegnato continui a raggiungere il cuore e
la mente dei ragazzi, anche in un contesto
come quello attuale in cui tutti i legami con il
passato appaiono recisi.
Come si legge infatti ne I diseredati, il libro di
Franois-Xavier Bellamy uscito in questi mesi
in Italia, lemergenza assoluta oggi consiste
nel rifondare la trasmissione. Urge
riconciliarsi con il significato stesso
delleducazione per far vivere in ognuno la
cultura per mezzo della quale luomo diventa
umano, la libert effettiva e un futuro
comune possibile.
Su questo si fonda la quotidianit della vita
scolastica in una proposta che si cerca di
modulare sulla diversit dei talenti e sul
passo che ogni ragazzo in grado di tenere,
perch il sapere diventi il fondamento di una
crescita armonica delle singole personalit.
solo in una dinamica di incontro reale con
ognuno di loro, infatti, che pu scattare la
risposta personale, secondo la massima cara
a SantAgostino per cui nihil cognoscitur nisi
per amicitiam: nulla si conosce se non
dentro unamicizia. Questo il clima che
permette di continuare a portare avanti la
sfida educativa, indicando la condizione
necessaria affinch non si inaridisca,
innanzitutto per noi adulti, il nostro umano
cammino.
Paola Ombretta Sternini
preside delle scuole del Sacro Cuore

In queste settimane
le scuole del Sacro Cuore
si aprono alla citt.
Sabato 26 novembre, dalle 10
alle 12,30 , lOpen day della Scuola
Primaria (a Cesena, in via don Minzoni, 57)
Sabato 3 dicembre, dalle 10
alle 12,30 e dalle 15,30 alle 17
lOpen day della Scuola Media
(a Cesena, in via del Seminario, 85)

Open Week Primaria e Media


(lezioni a porte aperte
su appuntamento)
dal 5 al 17 dicembre
e dal 9 al 14 gennaio
SABATO 22 OTTOBRE: LINTERVENTO DEL VESCOVO
ALLINAUGURAZIONE DEL NUOVO GIARDINO
DELLA SCUOLA DELLINFANZIA E DELLA PRIMARIA,
NELLA SEDE DI VIA DON MINZONI A CESENA

on il fresco stupore di un
bambino guardavo
loggetto che tenevo in
mano: un cristallo blu, di una
piccolezza insignificante se
confrontato con le colossali
stalagmiti che ricordavo di aver
visto a Frasassi. Eppure, quel
minuscolo gioiello di sale aveva
impiegato ben tre settimane per
prendere forma, ospitato in una
particolarissima incubatrice:
un acquario per pesci tropicali,
al quale era stata aggiunta una
resistenza da lavatrice ed un
termostato per variare e regolare
la temperatura.
Era il prodotto del progetto
presentato da un gruppo di
studenti del Liceo del Sacro
Cuore al concorso nazionale
ScienzAFirenze, promosso da
Diesse per incentivare lo studio
delle materie scientifiche e lo
sviluppo del metodo
sperimentale.
Il nostro team, a partire dal tema
delledizione dello scorso anno
Le trasformazioni nei fenomeni
naturali, ha scelto di

desideri che vedo brillare nei tuoi occhi


potranno guidarti nel tuo viaggio verso
I
la conoscenza del cielo e del mondo. Io sar
con te. Ti voglio bene!. il messaggio che la
maestra ha consegnato a mia figlia, il primo
giorno di scuola, insieme al progetto scelto
per la quinta elementare, che chiamer la
classe a lavorare sul tema A una a una, si
svelano le stelle. Lho letto solo pochi giorni
fa, sfogliando, per caso, il suo quaderno di
italiano. Mi sono commossa. E mi commuovo
ogni volta che, da allora, lo rileggo. Non credo
io, come mamma di averle mai detto una
cosa cos bella o di averle fatto un augurio
pi vibrante e pieno di tensione, che insieme una promessa. Lo sguardo proiettato sul
mondo, educato alla sua scoperta: linvito a
vivere la libert come primo valore, forte per
di un metodo e di una chiave interpretativa
adeguata a leggere le sfide che la realt continuamente ci pone. Libera e autonoma, ma
mai sola, bens, dentro la compagnia di chi
ha a cuore il bene di tuo figlio. solo cos che
la scuola diviene vero ambito educativo. Certamente, importante che risponda alle
aspettative dei genitori, rispetto a una didattica di alto livello, che tenga conto delle nuove metodologie di apprendimento. Ma poi ti
accorgi che questo non sufficiente. Serve
una scuola che sappia interpretare i desideri
dei ragazzi e suscitare in loro domande, che
abbia la voglia e la pazienza di guardarli negli occhi per arrivare al loro cuore, aiutandoli, al contempo, a scoprire il proprio. Sono
due percorsi di crescita che devono correre in
parallelo, non scindibili, per una vera educazione.
Un altro elemento, molto pi concreto e sperimentabile, mi porta a essere ogni giorno
confortata nella scelta del Sacro Cuore: lentusiasmo con il quale i miei figli (una in
quinta elementare, uno in terza, una in seconda media) vanno a scuola il mattino, che
lo stesso che restituiscono quando tornano
a casa: la voglia di comunicare quanto appreso, gli stimoli ricevuti nellapprofondire il
lavoro frontale della mattinata nel proprio
ambiente, in famiglia. Metodo e passione.
una scuola che accoglie tuo figlio, che lo cerca, lo vuole in mezzo al gruppo e in una amicizia, ma vuole lui come singolo, come protagonista. Questo rende i nostri bambini pi sicuri e forti, perch sentono di essere un bene,
guardati e trattati come un bene prezioso. Io
sar con te. Ti voglio bene - ha scritto la
maestra a mia figlia e questo la aiuter sicuramente ad essere pi certa nella vita. Ed da
qui che, senza accorgermene, ho capito che
cosa chiedo alla scuola per i miei figli e che
cosa la scuola ha dato loro: che siano accompagnati a conoscere il mondo, sostenuti nellascoltare il proprio cuore e nel rispondere al
desiderio di felicit che in ciascuno di noi.
Annamaria Sirotti Bonaldo
genitore del Sacro Cuore

La ricerca sperimentale, per un risultato mai scontato


Il racconto entusiasta di una studentessa
esaminare diverse modalit di
formazione del cristallo.
La cristallizzazione infatti un
fenomeno che si verifica a
partire da una stessa condizione
di partenza, cio una soluzione
satura, dalla quale viene
sottratto del solvente, in modo
da permettere al soluto di
depositarsi, creando il cristallo;
tuttavia, vi sono molteplici
possibilit per raggiungere tale
risultato: avevamo quindi deciso
di considerarne pi di una per
poter acquisire uno sguardo pi
completo sulla natura del
processo.
Tra esse, la principale era la
cristallizzazione in isotermia;
questa modalit presentava
per delle complicazioni, in

Novembre 2016

La parola a un genitore

I RAGAZZI DEL LICEO DEL SACRO CUORE PROTAGONISTI A SCIENZAFIRENZE

approfondire il fenomeno della


cristallizzazione, in quanto
facilmente riproducibile e
altrettanto facilmente
riscontrabile in natura,
affrontando un percorso che
comportasse uno studio teorico
del processo e una
sperimentazione pratica mirata
alla sua dimostrazione e alla sua
verifica.
Durante la prima fase
dellesperienza, ciascuno di noi
si occupato di esaminare a
livello teorico alcuni aspetti
specifici del fenomeno,
attraverso un meticoloso studio
dellargomento assegnatogli.
Alla parte teorica seguita la
sperimentazione, costituita da
pi esperienze che miravano ad

Inserto a cura
della Fondazione
del Sacro Cuore
di Cesena

quanto la nostra intenzione di


verificare i diversi effetti della
formazione del cristallo a
diverse temperature incontrava
un ostacolo nel momento in cui
ci ritrovavamo a decidere come
riprodurre tale processo
sperimentalmente.
nata cos lidea di apportare
delle modifiche ad un acquario
per pesci tropicali coinvolgendo
anche un ragazzo dellItis di
Cesena.
Tutto il nostro progetto
confluito in una tesina che
abbiamo prodotto raccontando
le fasi di lavoro, risultati e
criticit. La giuria lha
selezionata permettendo al
nostro gruppo di presentare la
nostra esperienza durante il

convegno.
La sorpresa pi grande stata
indubbiamente la vittoria come
secondi classificati a livello
nazionale.
Sono molto grata ai professori
dellopportunit che ha
rappresentato per me questa
iniziativa.
Innanzitutto, stata per noi una
possibilit di confronto e di
scambio di idee con altri ragazzi,
una condivisione
dellesperienza della fatica e al
tempo stesso della
soddisfazione che derivano dalla
ricerca sperimentale,
permettendoci di toccare con
mano la gioia di un risultato mai
scontato.
In secondo luogo, ha aiutato i
miei compagni e me a fare
nostro un diverso sguardo verso
ci che ci circonda, poich
lapparenza nasconde spesso un
universo di meravigliose
sfaccettature, senza le quali si
pi poveri.
Annarebecca Ceccarelli
studentessa Liceo Scientifico

II

Speciale Fondazione Sacro Cuore

Gioved 24 novembre 2016

aria
m
i
r
P
a
l
o
u
c
S

Progetto annuale
Desiderosi
di grandi orizzonti

Agli insegnanti
chiesto
di mettersi in gioco
nella relazione
educativa

Un percorso di crescita
per i bambini delle elementari

Uno sguardo
che spalanca
al mondo

opo trentanni di
insegnamento alla scuola
primaria, la domanda che
molti mi pongono vedendomi
da questanno in presidenza, in
qualit di coordinatrice, se non mi
mancano i bambini e se davvero
preferisco un lavoro burocratico
allinsegnamento.
Riflettendo mi sono resa conto che il
mio scopo non mosso dal vivere
burocraticamente il ruolo che mi
stato affidato, in quanto ci che
costituisce ogni lavoro, e quindi anche
questo, la relazione. In questi anni
mi sono accorta che la differenza che
impedisce di appiattirsi su una forma
impiegatizia del lavoro docente sta
nella capacit di mettersi in gioco
avendo a cuore la preoccupazione di
rapportarsi allaltro: collega, alunno,
genitore come fosse un bene, come
possibilit di un incontro tra due
diverse umanit, come desiderio di
guardare e di sentirsi guardati in
quanto straordinario potenziale di
ricchezza.
Il compito educativo svolto dalla
nostra scuola, in quasi trentanni di

PRIMO GIORNO DI SCUOLA:


LACCOGLIENZA DEI NUOVI ALUNNI

attivit, pu essere
descritto come il
tentativo quotidiano di realizzare lo
scopo delleducazione: la crescita di
personalit in grado di affrontare in
modo originale e creativo la propria
esperienza e la complessit del
mondo in cui viviamo.
La fioritura di questo tratto della
persona ha come presupposto la
valorizzazione dellumanit di
ciascuno attraverso lincontro e la
guida di un insegnante che introduce
nel mondo lungo una strada di
certezza e bellezza. Se oggi ci
troviamo di fronte a una profonda
crisi dellumano testimoniata dalla
passivit di molti giovani - scrive J.
Carron in La bellezza disarmata -
proprio perch si ignora il desiderio
del cuore che , invece, ancora mosso
da uninsopprimibile voglia di
Infinito.
A partire da questa provocazione la
scelta del nostro cammino educativo
si articola attorno a due fattori: la cura
della didattica e la costruzione di una
relazione significativa. Per darne
ragione alle famiglie, in apertura
dellanno scolastico, abbiamo
interrogato la dottoressa Nicoletta

Sanese, a cui abbiamo chiesto aiuto


nellaffronto di questo impellente
bisogno di sguardo. Limmagine
metaforica con cui ci venuta
incontro, paragona il cammino di
crescita a una gara: i bambini sono
come gli atleti, pronti sulla pista a
partire, con lo stesso desiderio di
riuscita di chi vorrebbe arrivare primo.
Dove collocare, a questo punto,
genitori e insegnanti? Non certo sulla
pista, come oggi si tenderebbe a fare,
ma sugli spalti a tifare per la riuscita
dellintrapresa, poich lavventura
umana predilige la fatica individuale
dentro a un rapporto, innanzitutto
con la famiglia e successivamente con
la scuola, attraverso cui si gioca la
crescita dellidentit. Desideriamo,
per questo, affrontare ogni giorno la
sfida delleducazione nella certezza
che il fascino di una significativa
esperienza conoscitiva, unita allo
sguardo certo di chi sa far spalancare
gli occhi sul mondo, osi quella ventata
di coraggio tale da spingere la corsa in
avanti con la speranza della riuscita,
comunque vada!
Emanuela Casali
coordinatrice Scuola dellInfanzia
e Scuola Primaria

Da LibrAperto a Libriamoci
Due progetti di educazione alla lettura

Il libro come occasione


di incontro e di scoperta
N

oi crediamo nella bellezza dei


racconti, delle fiabe, dei libri, per
questo amiamo proporre la stessa
esperienza ai nostri alunni. Liniziativa
Libriamoci ci ha dato anche questanno
la possibilit di regalare questa nostra
passione alle classi in cui lavoriamo. Cos
siamo andate con loro in libreria,
abbiamo raccontato libri, glieli abbiamo
dati in mano e abbiamo visto la fioritura
della capacit di coinvolgimento dei
nostri bambini attorno a ogni racconto
che, unitamente alla lettura che
quotidianamente facciamo in classe, ci
ha permesso di verificare laffermazione
ascoltata a LibrAperto, il corso di
aggiornamento che frequentiamo gi da
sei anni a Firenze: I bambini amano cose
grandi, non da grandi. Cos, un sabato
mattina di ottobre, a Cesena in corte
Dandini, davanti alla libreria Via dei
ciliegi, i nostri alunni hanno letto,
raccontato e animato i libri ai bambini
che il prossimo anno frequenteranno la
prima elementare, dentro il progetto di
continuit, ed stata una festa.
Per noi maestre stato molto
interessante vedere i piccoli attentissimi,

che guardavano e ascoltavano i


loro amici pi grandi leggere per
loro, con gusto, scorrevolmente
e con senso, i libri scelti. Ogni
nostro alunno ha capito di aver
vissuto qualcosa di bello per s,
perci tutti ci hanno chiesto di
tornare in quella libreria dove
hanno trovato un ambiente
profumato di libri nuovi, che invita a
leggere e cercare i testi pi belli. In questi e
nei prossimi anni Il leone, la strega e
larmadio, Le avventure di Pinocchio, Pippi
Calzelunghe, Il gigante egoista, Il Libro
della Giungla con i loro autori, hanno
riempito e riempiranno di straordinarie
avventure, di belle parole e di immagini le
nostre aule, i nostri quaderni e noi stessi.
Noi maestre, dentro il percorso di
LibrAperto, abbiamo avuto loccasione di
ascoltare dei Maestri come Edoardo Rialti
e Alberto Brasioli, critici letterari, Luisa
Bassani, neuropsichiatra, Roberto
Filippetti, studioso di fiabe, che ci hanno
fatto apprezzare i grandi classici della
letteratura per bambini. Da qui nata la
passione per ricercare i testi integrali, le
traduzioni pi fedeli, le edizioni con le

illustrazioni pi belle e significative.


La successiva lettura ad alta voce in
classe dunque unesperienza di
simpatia, che ha creato un profondo
legame con i nostri bambini e che ci ha
mostrato la potenza della narrativa che si
nutre anche di arte, storia, musica. Cos,
citando Edoardo Rialti, possiamo
affermare che come scrive Manzoni, solo
facendo questa esperienza di simpatia,
la realt si svela nella sua evidenza ed
pertanto effettivamente conoscibile.
Autori e opere letterarie diventano
occasioni di incontro, che ci permettono
di mettere un po a fuoco meglio chi
siamo, ci che conta veramente e con chi
vogliamo viverlo.
Carla Agostini e Nicoletta Tonelli
insegnanti Scuola Primaria

Desiderosi di grandi orizzonti il titolo del


progetto annuale della Scuola Primaria della
Fondazione del Sacro Cuore, che esprime il punto
sintetico a cui fanno riferimento i percorsi
didattici di tutte le classi. Ogni anno i curricoli
che la nostra scuola propone vengono costruiti
non solo facendo riferimento agli obiettivi delle
Indicazioni Nazionali, ma partendo dal desiderio
dei bambini. Quali sono i nostri tentativi perch
ognuno dei nostri alunni possa inseguire i grandi
orizzonti che desidera? Quali i titoli dei progetti
didattici di questanno? Il percorso educativo che
verr proposto ai bambini di prima ha come
titolo Un nuovo inizio tra le mani del vento
alla scoperta del mondo. Tale progetto sar
guidato dalla narrazione delle avventure di Cip,
un uccellino che, come ogni bambino di prima, si
cimenta nei suoi primi voli, timoroso di non
esserne capace. La mamma lo accompagna e lo
aiuta nei suoi tentativi, ma a un certo punto lo
affida alle mani del vento. Il vento simbolo di
quella ducia che la nostra scuola d ai nuovi
bambini di prima, perch siano pronti a
cominciare il loro nuovo viaggio.
Tu sei unico e speciale! il titolo del progetto
annuale proposto ai bambini di seconda. Il
protagonista della storia che verr narrata,
Pulcinello, inviter ognuno a scoprire di essere
speciale cos com, attraverso lincontro con lo
sguardo di un Padre. sempre uno sguardo,
infatti, che non ti molla, ma ti perdona e ti
accompagna nel tuo cammino, che ti aiuta a
diventare un bambino vero, come accade anche a
Pinocchio (un altro testo che sar proposto). E la
verit di s una scoperta che avviene passo
dopo passo, anno dopo anno.
Nella classe terza, il progetto intitolato Ed io
chi sono?offre la possibilit ai bambini ad
andare ancora pi a fondo. In terza lesperienza
dello studio diviene una tappa signicativa, che
permette al bambino di cogliere la realt come
segno e di scoprire che essa fatta per luomo.
Lo studio della storia, in modo particolare, offre
a ogni bambino la possibilit di osservare i segni
lasciati dalluomo del Neolitico, come
unoccasione particolarmente signicativa per
chiedersi chi sia luomo, che cosa lo caratterizzi.
Licona del progetto delle classi terze, il disco di
Nebra, la pi antica rappresentazione della volta
stellata, ci richiama agli interrogativi ultimi che
anche gli uomini pi antichi si saranno posti di
fronte alla bellezza del cielo: Ma io chi sono? Da
dove vengo? Qual il mio destino?. Tali
interrogativi continuano ad accendere i cuori
degli alunni e a spalancare i loro occhi, come
viene riproposto dalle maestre di Quarta che li
invitano a tenere Occhi aperti... alla scoperta
del mondo. I bambini di Quarta sono chiamati a
mettersi in gioco in modo ancor pi consapevole
e autonomo, partendo dal desiderio del cuore,
dal punto inammato che chiama ogni uomo a
compiere il cammino. Occorre allora
scommettere su questo punto inseguendo le
orme di Ulisse, leroe greco che ha sdato
lignoto, mosso dalla sete inesauribile di
conoscenza. Occorre provocare il desiderio in
ogni bambino perch possa varcare la soglia
dellapparenza, per addentrarsi nel mondo del
meraviglioso e del desiderabile, come accade a
Lucy, una delle protagoniste del libro Il leone, la
strega e larmadio che verr letto dalle maestre
di Quarta, per ripartire in ogni momento alla
scoperta del mondo da veri uomini. Lo afferma
Mowgli ne Il libro della giungla (un altro testo
che verr proposto nel corso dellanno): Se
sono uomo, bisogner che diventi uomo. E
accorgersi di essere uomini signica saper tenere
lo sguardo in alto, rivolto al cielo, simbolo del
desiderio di felicit che i bambini di quinta
sentono cos vivo, anche in prospettiva dei nuovi
orizzonti che li attendono, nel passaggio alla
scuola media. La proposta che verr fatta loro
nellultimo anno della scuola primaria,
allinterno del progetto annuale che ha come
titolo A una a una si svelano le stelle, sar un
cammino di ricerca e di esplorazione della volta
celeste, per scoprirne la bellezza e la grandezza.
Il percorso di conoscenza del sistema solare, dei
pianeti e delle stelle accompagner i bambini di
Quinta nella scoperta della vastit dellUniverso,
anche allinterno del Progetto di continuit con
la Scuola Media. Dallesperienza delle meraviglie
del cielo si passer poi a porre lattenzione
sullio, sulla persona perch il cielo fatto per
ognuno di noi.
Mirella Amadori
vicaria Scuola Primaria

Speciale Fondazione Sacro Cuore

Uscita di inizio anno:


due giorni in Toscana

a
i
d
e
M
a
l
o
u
Sc

Un mondo di storia,
di arte e di bellezza

ancora buio quando i ragazzi della scuola media della


Fondazione del Sacro Cuore si ritrovano coi loro insegnanti nel
piazzale antistante la stazione ferroviaria per partire per
unavventura lunga due giorni: una bellissima gita in Toscana
che prevede il primo giorno, il 28 settembre, un itinerario ad hoc per
ogni classe e un secondo appuntamento a Firenze, il 29 settembre, per
una visita al cuore della bella citt.
Gli occhi sono insonnoliti, ma lallegria tanta e il desiderio di vivere
due giorni insieme elettrizza tutti. Si parte. Ogni pullman si avvia alla
sua destinazione: labbazia di Monte
Bambino in braccio, posta
Oliveto Maggiore e le Crete Senesi per
proprio sopra la volta
le prime, il parco delle Biancane e i
suoi soffioni boraciferi a Monterotondo dellingresso, richiama al
fatto che non si entra in un
Marittimo (Grosseto) per le seconde, il
luogo di potere, ma in un
centro storico di Firenze per le terze.
centro di preghiera, di
Labbazia di Monte Oliveto Maggiore
lavoro umile e dedicato al
ha laspetto di un castello, con tanto di
Signore, di silenzio.
ponticello e fossato da attraversare, ma
E nel silenzio anche i
la statua della Madonna in trono col

ragazzi di seconda, dopo aver visitato il Museo


della Geotermia, iniziano il percorso nel parco
delle Biancane, un parco caratterizzato dai
fenomeni geotermici, in un paesaggio quasi
surreale, tra i vapori che fuoriescono dalla terra e i
colori incredibili delle varie cristallizzazioni di
materiale calcareo, sulfureo e ferroso.
Il rumore della citt di Firenze, invece, avvolge in
un grande abbraccio i ragazzi di terza che si
addentrano nelle vie del centro storico e si
alternano nella spiegazione di quanto viene loro
incontro, investiti dalla luce che si riflette sulle
pietre delle antiche strade, sui palazzi medioevali,
in particolare Palazzo Vecchio, la Loggia della
Signoria, la Galleria degli Uffizi fino a Ponte
Vecchio. La visita alla Galleria dellAccademia
diventa poi loccasione per incontrare lesperienza
artistica e umana di Michelangelo e di nuovo il
David e i Prigioni chiedono silenzio e
provocano emozione.
Diversamente il 29 settembre tutti i ragazzi della
scuola media si ritrovano in Piazza Duomo a
Firenze per incontrare le guide che li porteranno a
visitare i luoghi pi significativi del centro della
citt.
Non ci si muove dal centro, ma si entra in posti che
racchiudono un mondo di bellezza e di storia,
allinterno dei quali si potrebbe rimanere per ore.
La cattedrale di Santa Maria del Fiore, che con la
sua cupola sovrasta gli edifici intorno, il Battistero
di San Giovanni, che con le sue porte bronzee
mostra la storia dellumanit e della Redenzione,
come in una gigantesca Bibbia figurata, il Museo
dellOpera del Duomo, che espone un gran
numero di capolavori riguardanti i secoli tra il
1300 e il 1500, catturano i ragazzi e li impegnano in
una visita che non richiede solo la loro attenzione,
ma anche il loro coinvolgimento emotivo e la loro
partecipazione concreta.
Dopo questi giorni vissuti allinsegna della
bellezza riprende limpegno quotidiano a scuola
che non meno bello dei capolavori incontrati,
che fatto anchesso di momenti di silenzio, di
ascolto, di voci e di parole, di interventi e di
osservazione, di insegnanti e alunni, in cui
ciascuno, adulti e ragazzi, chiamato ad imparare,
a conoscere, ed accompagnato a crescere.
Maria Pia Golinucci
e Maria Cristina Ricci
insegnanti Scuola Media

Gioved 24 novembre 2016

III

CLASSI TERZE
Teen Star
Un progetto di educazione
allaffettivit
e alla sessualit
Ma tu chi sei che avanzando nel buio della
notte inciampi nei miei pi segreti pensieri?.
Ladolescenza sorprende sempre quando si
affaccia allorizzonte della vita di un ragazzo,
e a volte possono mancare i termini per
esprimere i sentimenti e le emozioni che si
provano, ignorando ci che accade dentro di
s quando si entra in contatto con le altre
persone.
Non basta infatti fare esperienze,
necessario percepirne la profondit e
poterne misurarne la grandezza: occorre
distinguere tra le esperienze che alimentano
la nostra vita da quelle che ostacolano i
nostri passi. In un tempo di grandi
cambiamenti anche il corpo fa parte della
denizione pi profonda di se stessi e solo
tenendo conto no in fondo del proprio
corpo, della sua bellezza e del suo valore, si
pu rispondere alla domanda circa la propria
identit.
Per questi motivi questanno, allinizio della
classe terza, ci parso interessante proporre
il programma di educazione allaffettivit e
alla sessualit Teen Star - Per Amare ed
essere Amato condotto da tutor specialisti
del Consultorio per la famiglia Don Adolfo
Giorgini di Cesena.
Coinvolgendo i ragazzi e le loro famiglie, si
sono voluti rendere consapevoli e informati
gli alunni sui temi dellaffettivit e della
sessualit, dato che le nuove generazioni
ricevono costantemente informazioni su
modelli relazionali e sessuali che subiscono
acriticamente quando non hanno ancora
raggiunto la maturit per poter scegliere e
valutare liberamente i propri
comportamenti.
Il percorso si strutturato in unora
scolastica per otto settimane in cui, alla
presenza dellinsegnante di classe, i Tutor del
programma hanno coinvolto i ragazzi in
momenti di dialogo, gioco, riessione,
utilizzando anche lmati. Dopo un iniziale
momento di imbarazzo, via via i ragazzi si
sono appassionati, apprezzando il lavoro e
riconoscendone il valore per la loro vita.
Lidia Dradi
e Maria Pia Golinucci
insegnanti Scuola Media

I ragazzi imparano a esprimersi attraverso un nuovo linguaggio. Lesperienza delle classi Seconde della Media del Sacro Cuore

Quando il fumetto fa venire voglia di raccontare


D

a qualche anno, gli studenti della nostra scuola, allinterno del percorso
della classe seconda, hanno la possibilit di lavorare sul tema del fumetto,
un linguaggio espressivo che sempre affascina e interessa i ragazzi.
Il laboratorio di fumetto si avvia sempre con la lezione dellesperto, un fumettista
che per qualche ora sta con i ragazzi in classe, racconta del proprio lavoro, mostra
i suoi disegni e naturalmente conduce i ragazzi a fare i primi passi in questo
nuovo mondo espressivo. La lezione del fumettista realizzata aderendo al
progetto dellassociazione culturale Barbabl, che organizza questi incontri per le
scuole che ne fanno richiesta. Questanno, come gi lo scorso, la lezione stata
fatta dal fumettista Alan dAmico, illustratore, fumettista e scultore. Alan ha
mostrato ai ragazzi dapprima come rappresentare un volto con le giuste
proporzioni e successivamente ha lasciato ad ognuno libert di caratterizzare,
seguendo la struttura indicata, il proprio personaggio con dei tratti speciali,
sempre tenendo presenti le regole proporzionali appena apprese.
Il lavoro cos iniziato continuer poi in classe con linsegnante di Arte e sar
soprattutto concentrato sulla caratterizzazione dei personaggi, sullo sviluppo
dello storyboard, in modo da permettere ad ognuno di esprimere attraverso segni
e disegni la sua breve storia, imparando cos come il fumetto possa essere
utilizzato come linguaggio espressivo per raccontare.

Gi in passato tale attivit sul fumetto ha


mostrato i suoi frutti, basta pensare a
quanto accaduto lo scorso anno, quando il
fumetto stato utilizzato per partecipare al
concorso pubblico La Biblioteca
Malatestiana tra spazio e tempo: gli alunni
hanno ideato, insieme alle professoresse di
Italiano, un giallo ambientato allinterno
della Biblioteca Malatestiana, che poi
stato trasformato in fumetto, con laiuto
della professoressa di Arte e Immagine. Il
progetto ha richiesto una grande energia da
parte di tutti, alunni e professori, ma la
qualit del lavoro finale stata tale da valere
il primo premio al concorso cittadino. Ma
questa non la vittoria pi grande se
paragonata a quanto il progetto ha
suscitato nei ragazzi: il lavoro ha infatti
appassionato e entusiasmato

enormemente i ragazzi, tanto che per


qualcuno nato il desiderio di
approfondire ulteriormente il tema del
fumetto iscrivendosi a un corso specifico.
Inoltre i ragazzi hanno avuto la possibilit
di lavorare insieme ad unopera collettiva di
loro totale invenzione, e questo ha
appassionato e anche generato una grande
soddisfazione nel momento in cui si
potuta ammirare lopera finita.
Data la ricchezza gi sperimentata del
laboratorio di fumetto, si deciso
nuovamente di tornare a lavorare su di esso,
magari accogliendo nuove sfide a cui i
ragazzi potranno andare incontro durante
lanno scolastico.
Barbara Battistoni
ed Elisa Bolognesi
insegnanti Scuola Media

IV

Gioved 24 novembre 2016

zia
n
a
f
n
I

l
l
e
d
a
Scuol

Speciale Fondazione Sacro Cuore

Un luogo dove i bambini


ricevono uno sguardo speciale
C

Gli adulti devono rispondere


al bisogno di appartenenza
dei bambini, creando luoghi
in cui il loro desiderio
possa trovare dimora

he cosa un IO? Da questa domanda immensa e profonda nasce il viaggio degli


Orsetti di quattro anni in questo anno scolastico. C oggi un modo molto tecnico di
parlare dellIO, ma come maestre abbiamo preso un po di distanza da questa
definizione e abbiamo pensato ai nostri bambini, ancora prima di conoscerli, come a
persone dotate di una ricca e complessa attivit psichica che necessariamente per attivarsi
e svilupparsi ha bisogno di una dimora, di un caldo abbraccio a cui appartenere. Luogo
privilegiato in cui ci pu accadere, accompagnando i passi della crescita, la scuola,
spazio in cui noi maestri ci prendiamo cura, in primis, di un unico bisogno che comprende
tutti gli altri: il bisogno di ogni bambino di essere abbracciato nella mente e nel cuore. Nei
pi piccoli questo lampante, ma sappiamo bene che lesigenza di essere di qualcuno
permane per tutta la vita. I bambini hanno innanzitutto bisogno di fare esperienza di questo. stata una storia piccola
come Un puntino di nome Achille a raggiungere i bambini di quattro anni nel loro desiderio pi profondo.
Una mattina siamo entrati dentro alla nostra aula trasformata in una pagina bianca, dove cera solo un libro, nellaula
rivestita di carta bianca, oltre la luce del sole che attraversava la finestra e raggiungeva tanti bambini stupiti! Ci siamo
ritrovati nel mondo di un piccolissimo puntino, il quale, sotto lo sguardo amorevole del grande Pittore, diviene Achille,
un bambino unico e speciale che incontra e scopre la realt.
Creato benissimo!, dice Adele alzandosi in piedi, come a sentire tutta la forza delle sue parole.
il Pittore a comprendere i bisogni e i desideri di Achille, finch, come ultimo regalo, gli dona un cuore che gli batte nel
petto e gli fa desiderare ardentemente un amico con cui giocare. proprio nel cuore che ci sono le cose pi belle: il
babbo e la mamma!, dice Marco.
Cos, per i nostri piccoli bambini, stato facile comprendere che Grande Pittore semplicemente un altro modo, tutto
poetico, per raccontare di Dio, dice Miriam , che vive nella sua casa tra le nuvole!, la aiuta Carlotta.
Partendo da una pagina bianca, i piccoli Orsetti hanno vissuto un viaggio alla scoperta delle bellezze del mondo, un
viaggio che si compie fuori e dentro di noi, tra le parole di una storia, molto pi bello se fatto in compagnia, speciale
solo se la sera, prima che compaia la prima stella nel Cielo, possiamo fare ritorno a casa tra le braccia di mamma e
pap!
Elisa Alessandri
vicaria Scuola dellInfanzia Sacra Famiglia

IMPARARE A VEDERE IL MONDO


NEI SUOI PARTICOLARI
Vorrei parlare dei bambini di cinque anni, di
sorrisi, sguardi profondi, occhi grandi che domandano e manine che sanno stringere e accarezzare. Stanno imparando che c uno stare a
scuola che va di pari passo con lapprendimento e c un tempo per tutto. In un mondo
che va di fretta c bisogno di rallentare e noi
vogliamo prenderci quel tempo necessario per
fare le cose. Un tempo voluto, pensato e amato
per loro e da loro. C un modo per giocare, per
vivere lamicizia, per andare in gita col pullman, per uscire all'aria aperta, per guardare le
cose belle, per catturarle coi colori...Ognuno ha
il suo barattolo o la sua tavolozza di tempere,
ognuno pensa e rielabora quanto visto o vissuto: che bello fissare uno squarcio di mondo
appena catturato, un giorno, a Polenta! Guardare dove guarda ladulto e accorgersi di ci
che non guardiamo mai: una lumaca, una
ghianda, un grappolo duva... Tutto profuma di
Bellezza! I bambini hanno bisogno di imparare
dal maestro e di vedere come ci si comporta,
giorno dopo giorno, perch solo vivendo e facendone esperienza apprendono. I bambini
provocano, vero, chiedono e sfidano continuamente, ma vogliono avere chiaro chi poter
guardare e seguire: un adulto certo di come si
fa a vivere. E il rischio educativo sta proprio
nella libert del bambino che sceglie e talvolta
ci sfida. Sappiamo che sbaglier ancora, che
chieder ancora e che ancora sar necessario
indicargli la strada, ma ci che conta che
ognuno in cammino dentro un abbraccio che
accoglie, una mano che stringe, un dito che indica e uno sguardo che perdona.
Cinzia Baldacci
insegnante Scuola dellInfanzia Sacra Famiglia
I NONNI INSEGNANO AI BAMBINI COME COLTIVARE LORTO

Cesenatico

Gioved 24 novembre 2016

Al vaglio del Consiglio la surroga del consigliere Mughetti con Ricci

Un nuovo regolamento
per gli impianti sportivi
S

i riunito nei giorni scorsi il


Consiglio comunale di Cesenatico.
Allordine del giorno la surroga del
consigliere dimissionario Maurizio
Mughetti del Pd con Alberto Ricci,
primo dei non eletti di quella lista.
Al vaglio del Consiglio anche
lapprovazione del nuovo regolamento
per la gestione e luso degli impianti
sportivi comunali.
Il documento distingue tra due
tipologie di impianti: strutture con
prevalente valenza sportiva-sociale,
affidati alla gestione diretta delle
societ sportive di quartiere, e impianti

a rilevanza economica, affidati di


norma attraverso bando pubblico.
Il documento prevede la possibilit per
il Comune di accordare prolungamenti
delle concessioni ai gestori quando
questi si fanno carico, in misura pari o
superiore al 50 per cento, di interventi
di manutenzione straordinaria. La
durata delle convenzioni di norma
quinquennale e rinnovabile per pari
periodo.
Per il sindaco Matteo Gozzoli,
finalmente Cesenatico si dota di un
regolamento per la gestione degli
impianti sportivi che fissa regole chiare

Cesenatico non ammessa


al bando Por-Fesr
Non sono stati finanziati i progetti riguardanti laVena Mazzarini e lex
Lavatoio. Il sindaco Gozzoli:Occasione persa, ma non demorderemo. Si
tratta di due luoghi importanti della citt che da anni attendono risposte

ei giorni scorsi la Regione EmiliaRomagna ha reso note le graduatorie


che assegnano i finanziamenti
europei per progetti Por-Fesr Asse 5. Nella
primavera 2016, la passata Amministrazione
aveva presentato due domande. Il bando
prevedeva e consentiva a ciascun Ente
pubblico di presentare un progetto per la
tematica beni naturali e un progetto per la
tematica beni culturali/storici.
Il comune di Cesenatico con la precedente

e uguali per tutti. Fino a oggi ogni


impianto faceva storia a s.
Nulla di straordinario - ha ribattuto
lex sindaco Roberto Buda -. Il
regolamento mette per iscritto ci che
veniva gi praticato a seguito della
legge regionale 11/2007. Non cera
bisogno di aggiungere altra burocrazia.
Il Consiglio ha varato anche il nuovo
regolamento per lutilizzo del teatro
comunale. Il vecchio risaliva a met
anni Novanta. Fra le novit, quella che
nellanno solare 1 gennaio-31
dicembre lutilizzo concesso a favore
del richiedente non potr di norma
essere superiore a 3 giornate (prove e/o
spettacoli e/o iniziative), con un
massimo di 8 ore quotidiane.
Lutilizzo del teatro comporta il
pagamento al Comune dei costi vivi e,
dal secondo giorno, di un canone. Le
scuole sono dispensate dal pagamento.
Il capogruppo Pd Mario Drudi ha
sottolineato che il teatro un bene
delicato e di valore storico da tutelare,
che la gestione non preclusa a
nessuno e che gli operatori culturali
sono stati coinvolti nella stesura del
regolamento.
Per lex sindaco Roberto Buda, con la
motivazione che il teatro non una
palestra e non deve rovinarsi si inibisce
luso alle tante associazioni che in
questi anni si sono fatte avanti.
come quel tale - ha ironizzato Buda che aveva comprato una bici nuova e la
teneva sempre nel garage, senza
utilizzarla, perch non si rovinasse.
Matteo Venturi

amministrazione aveva presentato sullasse


beni naturali il progetto sulla
riqualificazione ambientale della Vena
Mazzarini per un importo complessivo dei
lavori pari a 6 milioni di euro, e sullasse beni
culturali/storici il progetto per il recupero
dellex Lavatoio (nella foto) di importo pari a
un milione di euro.
I progetti presentati dal Comune non sono
stati ammessi al finanziamento.
Il progetto della Vena Mazzarini puntava
sulla riqualificazione ambientale e sul riuso
del tratto compreso tra viale Roma e via
Anita Garibaldi che attualmente si configura
come vuoto urbano con una cesura causata
anche dal vuoto di attivit commerciali e
aggregative che caratterizzano il tessuto
compreso fra le due parti di citt.
Lintervento sui bacini due e tre proponeva:
il dragaggio dello specchio dacqua, il
consolidamento delle due sponde il
rifacimento dei ponti la realizzazione di
camminamenti pedonali e ciclabili,
linstallazione di adeguati arredi per
restituirne la piena fruibilit.
La questione dellex lavatoio pi

11

Pesce in trasferta
Alla conquista del Duomo
Le persone che amano mangiare sono sempre le
migliori. Laforisma (postato sulla pagina
facebook del locale) sintetizza la storia e la
cultura della famiglia Sassi, storica dinastia di
ristoratori cesenaticensi che, negli ultimi 30
anni, sono stati tra i principali ambasciatori
della pi tipica cucina marinara.
Dopo aver aperto il ristorante Da Giuliano nel
1987 sul porto canale, hanno inaugurato,
nellaprile scorso, sul lungomare Carducci, il
Giuliano Bistrot, versione pi glam del
locale-ammiraglia, ma forgiato sugli stessi
principi: ospitalit, cordialit, eccellente cucina
di pesce.
Sugli stessi concetti sta per sorgere anche il
terzo polo della famiglia Sassi che ha scelto
una location impegnativa ma stimolante:
Milano. qui che Gabriele Sassi e Liliana Succi,
sotto legida del glio Alessio (ristoratore e
organizzatore di eventi), hanno deciso di aprire
un terzo locale, trasferendo allombra del
Duomo i sapori pi tipici della rinomata cucina
dellAdriatico.
Unarte culinaria legata alla tradizione, ma
aperta anche a nuove contaminazioni. Nel men
di Casa Sassi si possono trovare gli spiedini di
gamberi croccanti cucinati alla maniera di una
volta ma, sul solco della pi raffinata novelle
cousine, anche un riso al pepe con arancio,
gamberi allo zafferano e profumo di vaniglia.
Con il gran debutto meneghino, per la famiglia
Sassi inizia una nuova scommessa, quella di una
catena di ristoranti con il marchio Giuliano.
Stiamo compiendo un passo importante per
inaugurare altri locali in alcune citt del centro
e nord Italia - dice Alessio Sassi-. Forti di un
portafoglio clienti e una rubrica importanti, ci
proponiamo non come franchising, ma come
catena, perch anche i locali futuri saranno
sempre gestiti direttamente dalla famiglia.

complessa. I lavori affidati nel 2012 non


sono mai stati portati a termine a causa di
gravi inadempienze dellappaltatore. Dopo
la revoca del bando nel 2015 il Comune ha
risolto i contratti di progettazione e
direzione lavori. Nel frattempo si avviata
unazione giudiziaria che ha bloccato il
cantiere impedendo al Comune di
completare i lavori del primo finanziamento
europeo ottenuto nel 2010.
Nella primavera 2016 gli uffici comunali
hanno predisposto un nuovo progetto da un
milione di euro per partecipare al nuovo
bando Por-Fesr e poter recuperare la
struttura.
La citt ha perso due importanti occasioni
di rigenerazione e recupero - afferma il
sindaco Matteo Gozzoli - ma non
demorderemo. La Vena Mazzarini e lex
Lavatoio rappresentano due punti della citt
che da anni attendono risposte concrete.
Sulla Vena nostra intenzione aprire un
percorso nuovo, un bando di idee per
rilanciare quellarea, renderla fruibile ai
cittadini e ai turisti attraverso un percorso di
progettazione partecipata.

SAN MARTINO IN FIUME (Cesena): immersa nel verde in


posizione tranquilla, villa composta da due unit abitative indipendenti con buone rifiniture su di un lotto di terreno di mq.
3000. Gli immobili rispettivamente misurano 248 mq. commerciali e si sviluppano su tre livelli. Ciascuno composto da: al
piano terra portico, ingresso indipendente, salone, cucina, ripostigli e servizi; al primo piano tre camere da letto, bagno, ampio
terrazzo; al piano interrato cantina/lavanderia e tavernetta.
Completano la propriet un ampio giardino alberato e un garage
esterno per due auto. 540.000
RIF. 2052 - CLASSE ENERGETICA G

MADONNA DELLE ROSE (Cesena):


villetta abbinata dangolo di recente costruzione con ampia corte e giardino.
Si caratterizza per lottima posizione residenziale, in quanto poco distante dal centro storico ma collocata in zona silenziosa
e di pregio.
La villetta sviluppata su pi livelli e si
compone di soggiorno, cucina, 3 camere
da letto, servizi, balconi, ampio sottotetto,
cantina, garage. Limmobile stato costruito con normative antisismiche e risulta dotato di buone finiture e di impianti
a norma. INFO IN UFFICIO
RIF. 2108 - CLASSE ENERGETICA D

TIPANO (Cesena): in zona residenziale a pochi minuti dai principali servizi


e dal centro citt, villetta a schiera di
ampie dimensioni in buono stato duso e
disposta su quattro livelli.
Limmobile composto da ingresso indipendente, sala con camino, cucina, 3
camere da letto, studio, 3 bagni, sottotetto, 4 balconi, garage, ampia cantina
che potrebbe essere trasformata in comoda tavernetta, giardino e corte privata. 330.000
RIF. 1589 - CLASSE ENERGETICA B

12

Gioved 24 novembre 2016

Valle del Rubicone

C
Torna lantica
Fiera della canapa

ome preludio al periodo natalizio, sabato 26 e


domenica 27 novembre, torna a Gambettola lantica
Fiera della Canapa, che animer le vie e le piazze del
centro storico. Levento promosso dallAmministrazione
comunale e da Gambettola Eventi, con la collaborazione
delle associazioni di categoria e culturali e con la
consulenza di Romagna Canapa e della Bottega della
Canapa. Lintento promuovere, partendo dalla storia
della canapa in citt, le prospettive future di questa pianta.
Sabato 26 novembre due eventi importanti. Il primo una

festa dentro la festa: alle 16,30, in via Verdi 18, la stamperia


Pascucci, fondata nel 1826, festeggia i suoi 190 anni di
storia. Allinterno della storica bottega verr allestita una
mostra di arazzi e ceramiche sul circo dal titolo Tutti in
pista con disegni del maestro Tinin Mantegazza.
Coinvolger, oltre al gambettolese Leo Bartolini, i
ceramisti faentini. Sar presentato il libro Lo stracciaiolo
del Bosco della scrittrice Grazia Deledda e verr premiato
lo stampatore pi anziano del Bosco. Le pagine del libro
saranno lette e suonate da Maurizio Cerioni e Mino

Longiano. Il sindaco Ermes Battistini


condivide le preoccupazioni della Fisc

Disservizi postali
Ritardi inammissibili
D

isservizi postali. Interviene il


sindaco di Longiano Ermes
Battistini (nella foto) che
condivide le preoccupazioni espresse
in pi occasioni dalla Fisc, Federazione
italiana settimanali cattolici.
Afferma Battistini: I ritardi nella
consegna della posta purtroppo sono
diventati di routine e questo un dato
inaccettabile perch porta con s, a
effetto domino, una serie di
complicanze. Si pensi al danno
economico creato alle aziende, in
particolare a quelle testate locali, il cui
abbonamento il principale strumento
di diffusione, in quanto la mancata
consegna del periodico fa perdere
tantissimi abbonati.
Poi c il problema di bollette, rette
scolastiche, avvisi di pagamento non
recapitati in tempo utile. Purtroppo
accaduto che alcuni cittadini si siano
visti costretti a pagare maggiorazioni,
interessi moratori e sanzioni a causa
dellinvolontario ritardato pagamento.
Ritengo che non possa essere il
cittadino a doversi caricare dei costi
dellinefficienza di un sistema.

La mancata consegna
del periodico fa perdere abbonati.
Anche utenze, rette scolastiche
e avvisi di pagamento
non recapitati in tempo utile
Si tratta - aggiunge Battistini - di
ritardi nel recapito di parecchi giorni
che, a mio avviso, non si giustificano
con la sola consegna a giorni alterni
della corrispondenza.
importante comprendere le
motivazioni che sono alla base dei
disservizi e stabilire se questi nascono
da carichi di lavoro eccessivi, da una
pessima organizzazione aziendale, da
politiche occupazionali errate oppure
se dipendano dalla negligenza o
dallindolenza di singoli dipendenti e
funzionari.
Tengo a riportare un episodio
agghiacciante che mi ha raccontato un
abbonato che stava aspettando il
giornale il quale si sentito rispondere:
la posta che attende, se in quegli
scatoloni, quando vi metteremo mano

Budrio | Lingresso di don Filippo

la ricever. Atteggiamenti di questo


genere non sono ammissibili.
La situazione insostenibile e non pi
tollerabile - conclude Battistini -. Dal
canto mio ho cercato di fare delle
rimostranze. Ho provveduto, un paio di
mesi fa, a inoltrare una raccomandata
al centro di smistamento locale di Poste
Italiane (a Savignano sul Rubicone,
ndr) nella quale illustravo le difficolt
dei cittadini per disservizi di varia
natura chiedendo, in merito,
spiegazioni. Purtroppo, a tuttoggi, non
ho ottenuto riscontro: silenzio assoluto,
nemmeno una risposta di circostanza.
Come amministrazione, stiamo
valutando altre azioni, anche lestrema
ipotesi di inoltrare una segnalazione
alla Procura della Repubblica.
Matteo Venturi

Savadori.
Al termine, il secondo evento che pone
attenzione agli aspetti alimentari e
sanitari, come lutilizzo dei Cbd, estratti
dalla canapa sativa. il convegno
Canapa e salute e si svolger nel teatro
comunale: medici, produttori di Cbd e
pazienti in cura porteranno le loro
testimonianze. Il titolo scelto per la 3
edizione La nuova vita della canapa,
sottolinea lo sforzo di caratterizzare i tanti
utilizzi della canapa in vari settori: tessile,
alimentare, cosmesi, industriale, green
economy, coadiuvanti medico/sanitariCbd. Allinterno del centro Fellini si terr
unesposizione delle tele romagnole (a
cura dellAssociazione stampatori tele
romagnole) e la lavorazione dal vivo su un
antico telaio eseguita da Edda Benzi.
Ancora, esposizioni con dimostrazioni
degli antichi mestieri e appuntamenti
gastronomici a base di canapa.
Gli stampatori delle tele a ruggine
riproporranno lantica tradizione della
lavorazione della canapa.
Grazie alla collaborazione con lIstituto
comprensivo delle scuole gambettolesi,
nellatrio comunale si terr levento La
canapa a scuola, unesposizione dei
lavori dei 100 ragazzi coinvolti (le cinque
seconde classi della scuola secondaria di
I grado).
Nelle due giornate, in piazza Pertini, si
terr una mostra mercato dei prodotti
derivati dalla lavorazione e
trasformazione della canapa. In
contemporanea Le mani che creano,
esposizione-esibizione di artigiani in
piazza. In corso Mazzini 89 ritorna Il
Baule delle nonne, unesposizione dei
corredi privati delle nonne curata da
Marta Bagnolini, Teresa Bertani e Adele
Zoffoli. In via Verdi e piazza II
Risorgimento La canapa, una volta,
mostra fotografica a cura di Fiorenzo
Montalti.
Piero Spinosi

Gambettola | Il saluto al nuovo parroco

FOTO MARIO GAMBETTOLA

La comunit parrocchiale di Budrio di Longiano ha accolto, numerosa e festante, il


nuovo parroco don Filippo Cappelli. Ha fatto il suo ingresso sabato 19 novembre alle
16, accompagnato dal vescovo Douglas Regattieri. Don Filippo, 40 anni, originario
della parrocchia di Madonna del Fuoco. Ordinato sacerdote il 28 giugno 2014, negli
ultimi due anni stato vicario parrocchiale a Sant'Egidio. Nell'ingresso a Budrio, si
definito un prete contento e ha ringraziato il vescovo e i genitori per il sostegno
nella preghiera. (Mv)

La comunit di Gambettola, sabato 12 novembre, ha accolto il nuovo parroco don


Antonio Domeniconi. Per donTonino, che ha sostituito don ClaudioTurci passato alla
guida della parrocchia di San Pio X alleVigne a Cesena, si tratta di un ritorno. Era gi
stato cappellano a Gambettola dal 1983 al 1989. Gi noto in citt per essere stato per
20 anni insegnante di religione nella locale scuola media quando era parroco nella vicina
parrocchia di San Biagio a Bulgaria di Cesena. Ora guider anche la parrocchia di
Bulgarn. Arriva dalla parrocchia di Budrio di Longiano. (Ps)

Valle del Savio

Gioved 24 novembre 2016

13

Grande risposta alliniziativa solidale della Pro Loco di Ranchio. Oltre 250 persone su un totale di 400 abitanti hanno partecipato al pranzo

Una comunit a tavola per i terremotati

n pranzo comunitario per i


terremotati del Centro Italia.
Domenica 20 novembre la Pro
Loco di Ranchio ha messo a
tavola quasi tutta la comunit paesana
per un pranzo solidale a favore delle
popolazioni colpite dal sisma.
Oltre 250 dei 400 abitanti si sono seduti
ai tavoli della mensa allestita dal
sodalizio per un gustoso pranzo che ha
previsto molti prodotti tipici delle zone
terremotate. Uneccellente pasta
allAmatriciana e salumi fra cui il prosciutto di Norcia.
Liniziativa ha chiesto tanto lavoro di cuoche e aiuto cuoche che per
occasioni come queste non temono di far serate di lavoro dilatate nella
notte. Uno stormo di giovani camerieri sorridenti ha poi servito il pranzo.
Una squadra coesa e affiatata quella della Pro Loco ranchiese. Dal suo
presidente Alberto Poggioli fino a tutti i soci collaboratori giovani e meno
giovani, sono tutti coinvolti in un allegro clima di reciproco aiuto.

Di questi tempi si dice che la meraviglia


e laltruismo siano assopiti e
accantonati: la societ industriale e
tecnologica guarda oltre. Davanti alla
reazione solidale di unintera comunit
c da togliersi tanto di cappello e invita
a riconsiderare affermazioni ostili, ha
ricordato qualcuno dei presenti alla
mensa.
Per Ranchio la parola solidariet
appartiene a un linguaggio antico e di
fronte a eventi devastanti come il
terremoto il paese ha saputo parlare
con il cuore.
Lamore quando quello autentico
non ha paura delle beghe quotidiane
anche se sono legate a una crisi che
morde e a un decentramento che tanto
penalizza. Sa dire di s.

Sarsina

Mercoled 30 novembre la festa


di santAndrea celebrata da don Damoc

Pro Loco, in carica


il nuovo Consiglio

Alfero celebra il patrono


nella sua storica chiesa
T
occa ad Alfero, mercoled 30
novembre, ricordare il patrono,
santAndrea apostolo, che verr
celebrato da don Ioan Damoc, parroco
da poche settimane. Alle 11 si terr la
Messa solenne cantata, alla quale
seguir il pranzo comunitario. Di
recente, stato ritrovato un filmato,
sconosciuto, di tutte le fasi di
costruzione della chiesa, con tanto di
voce narrante che descrive le scene. Il
video mostra ogni momento saliente
della costruzione fino allinaugurazione
avvenuta il 14 agosto 1963 per opera
del vescovo Abele Conigli di San
Sepolcro, diocesi a cui apparteneva
Alfero fino al 1976. La nuova chiesa
venne costruita perch la precedente,
millenaria, era collocata in basso,
lontano dal nuovo centro abitato. Visto
il disagio, lo storico parroco don Gino
Saragoni cap che era necessario
spostare la sede parrocchiale. Aveva gi
iniziato celebrando Messa in estate
allaperto presso il parco dellasilo
parrocchiale. La nuova parrocchia fu
progettata gratuitamente dallartista
Francesco Olivucci di Forl che,

Di recente stato trovato


un filmato di tutte le fasi
di costruzione delledificio
di culto, con voce narrante
che ne descrive le scene
trovandosi in villeggiatura ad Alfero, fu
contattato dal parroco don Gino, non
soddisfatto dei tre progetti gi
pervenuti perch troppo onerosi.
Olivucci ide una chiesa che
valorizzasse le risorse locali di materiali
e mano dopera, che fosse adatta al
luogo e riducesse al minimo le spese.
Nei giorni della costruzione erano
convenuti sul sagrato tutti gli scalpellini
della zona, molti gratuitamente,
diffondendo il tipico suono del
martello e scalpello mentre sbozzavano
la pietra serena. Sempre nellottica
delleconomicit della costruzione il
progettista utilizz i materiali di risulta
di altre lavorazioni per realizzare il
grande mosaico del pavimento con le

Forse lo svago fra queste colline sa


ancora gioire di un pranzo solidale che
accontenta il palato e scalda il cuore.
Qui lamicizia parla in diretta e dice la
sua.

Nuovo consiglio direttivo per la Pro Loco di


Sarsina nel segno della continuit.
Lassemblea dei soci, l11 novembre scorso,
ha eletto i consiglieri che rimarranno in
carica tre anni. Sono 11, pi un tesoriere,

LA CHIESA PARROCCHIALE DI ALFERO


DEDICATA A SANTANDREA APOSTOLO

scene della passione. Tali raffigurazioni


sono state oggetto di studio da parte
del professor Mariano Apa nel testo
Segni del 9cento presentando il
pavimento come unico nel suo genere
per ideazione e resa. Progett inoltre il
sistema di illuminazione composto da
lampade in ceramica tuttora visibili,
sia un sistema di illuminazione
indiretta alloggiato nelle strombature
delle finestre in modo che la luce
artificiale provenisse dalla finestra per
suggerire la continuit della luce solare
anche di notte. Limpianto stato
modificato, perch deteriorato, ed
stata rimossa lilluminazione dalle
finestrine inferiori.
Daniele Bosi

un segretario e un revisore dei conti. Nella


riunione del 17 novembre il consiglio ha
eletto il presidente e il vice presidente.
stato confermato alla guida della Pro Loco
Roberto Alessandrini, mentre il suo vice
Alan Laghi. Il consiglio composto da
Tamara Bosi, Bruno Caminati, Walter
Castellucci, Grazia Guidi, Barbara
Maccherozzi, Rosaria Pisani, Giorgio
Satanassi, Gabriele Titi, Santo Versace.
Tesoriere stato riconfermato Nino Rossi,
segretario Antonio Crociani, revisore dei
conti Francesco Romagnoli.
La Pro Loco a Sarsina una delle
associazioni pi attive. Oltre a organizzare
le pi importanti feste paesane (Sagra della
pagnotta, Festa romana, le serate della
festa patronale di San Vicinio), presta
servizio in occasione delle commedie
plautine e collabora con tutte le altre
associazioni fornendo supporto materiale e
di risorse umane.

Mercato Saraceno
Un defibrillatore
per la societ
Us Mercatese 1931
Un defibrillatore per la societ
di calcio Us Mercatese 1931,
posizionato presso limpianto
sportivo di Bacciolino. stato
donato dalla Misericordia Valle
del Savio sabato 19 novembre.
Al momento della consegna
erano presenti il Governatore
della Misericordia Israel De
Vito, il sindaco di Mercato
Saraceno Monica Rossi,
lassessore Marika Gusman e
tutta la squadra al completo.

14

Solidariet

Gioved 24 novembre 2016

Sabato
26 novembre
Colletta
alimentare

enti candeline per la Colletta


Vtornaalimentare.
Sabato 26 novembre
la Giornata nazionale della
Colletta alimentare, la raccolta di
alimenti organizzata dal Banco
alimentare in 12mila supermercati in
tutta Italia per condividere i bisogni di
4,6 milioni di persone in Italia che
soffrono di povert alimentare.
Liniziativa coinvolger quasi tutti i
principali supermercati di Cesena e
comprensorio dove sar possibile

contribuire alla Colletta facendo una spesa


costituita soprattutto da alimenti a lunga
conservazione come tonno in scatola, riso,
olio, legumi, alimenti per linfanzia, sughi e
pelati che verranno poi consegnati durante
lanno alle famiglie bisognose e agli enti
accreditati con il Banco alimentare.
Lo scorso anno sono state 43,2 le tonnellate
di alimenti raccolti a Cesena e comprensorio
in occasione di questa giornata. A Cesena
lOrogel metter a disposizione un magazzino
a Pievesestina per lo stoccaggio merci.

A favore delle martoriate popolazioni il ricavato del mercatino di Natale e dellasta di


beneficenza di domenica 27 novembre
La nostra associazione - spiega il
consigliere di Orizzonti Arturo Alberti si propone di sostenere soggetti reali che
gi operano in situazioni di bisogno e che
mettono al centro della loro attivit la
dignit della persona.
Ad Haiti lassociazione sostiene lopera
caritativa ed educativa di suor Marcella
Catozza della Fraternit Francescana. Da
pi di ventanni suor Marcella spende la
sua vita al servizio dei pi poveri. Ad Haiti
ha fondato il Vilaj Italien, con centri di
accoglienza diurni per bambini, una casa
per orfani, una scuola e un
poliambulatorio.
RESPONSABILI E PROMOTORI DELLE INIZIATIVE NATALIZIE
Il recente uragano Matthew - riferisce
DELLASSOCIAZIONE ORIZZONTI
Alberti - ha peggiorato la situazione di
povert di quel popolo ancora
gravemente provato dal terremoto del
2010. Si parla di 500mila capi di bestiame
risucchiati dalle acque e svariati ettari di
coltivazioni distrutte. Le statistiche
parlano di una crisi alimentare che
travolger Haiti nei prossimi cinque anni.
Un sacco di sale da 25 chili che fino a
poche settimane fa costava circa 10
dollari, oggi ne costa 30.
l via le iniziative di Natale
programma domenica 27 novembre dalle
Laltro progetto benefico sostenuto da
dellassociazione Orizzonti onlus
15,30 alle 18, presso la sala Biagio Dradi
Orizzonti va a favore di alcune famiglie
di Cesena.
Maraldi della Cassa di Risparmio di Cesena. di Aleppo provate dalla guerra civile,
Lo scorso 19 novembre partito il
Saranno messe allasta opere darte di autori contribuendo alla raccolta fondi della
mercatino di solidariet con vendita di
quali Leonardo Lucchi, Ilario Fioravanti,
fondazione Avsi, per sostenere in
manufatti realizzati dalle volontarie di
Luciano Paganelli, Osvaldo Piraccini, Rino
particolare laccesso alle cure per la
Orizzonti, addobbi natalizi, giocattoli e
Maraldi, Mario Morigi e Anna Malmerendi.
popolazione locale.
presepi. Rimarr aperto tutti i giorni dalle
Saranno presenti anche oggetti di valore,
Lo scorso anno, attraverso le sue
9 alle 12,30 e dalle 15 alle 19 fino al 24
icone antiche e moderne, gioielli, ceramiche iniziative natalizie, Orizzonti raccolse
dicembre nei locali dellex libreria Bettini
di Faenza, argenteria e tessuti ricamati.
20mila euro che andarono a favore dei
in via Vescovado, in centro a Cesena, di
Il ricavato del mercatino e dellasta andr a
poveri di Haiti e dei profughi di Erbil, in
fianco al Duomo.
sostegno di opere caritative ad Haiti e in
Iraq.
Altra iniziativa sar lasta di beneficenza in
Siria.
Matteo Venturi

Haiti e Aleppo, gli ampi


Orizzonti di Cesena
A

Una legge per contrastare


le truffe agli anziani
stata presentata in Parlamento una
proposta di legge per contrastare il
fenomeno sempre pi frequente delle
truffe ai danni degli anziani.
Queste truffe sono differenti dalle altre
poich non si limitano soltanto a colpire
laspetto patrimoniale di persone deboli,
ma le feriscono profondamente
nellanimo, a volte con gravi
conseguenze di carattere psicologico e
sociale.
Nel tentativo di mettere un freno a
questo odioso crimine, stato proposto
un aggravamento di pena, che prevede la
reclusione da uno a cinque anni e una
multa da euro 300 a euro 1.500 (ora la
reclusione va dai sei mesi a tre anni e la
multa da euro 50 a 1.000) per chi truffa
persone ultrasessantacinquenni capaci
di intendere e di volere. In questo modo
sar possibile applicare la custodia in
carcere ed eventualmente la sospensione
condizionale della pena condizionata
alle restituzione e al risarcimento del
danno.
Un ulteriore passo quello
dellinserimento dei reati di truffa a
danno di anziani e di circonvenzione di
persone incapaci nel novero di quelli per
i quali previsto larresto in agranza
obbligatorio. un provvedimento
importante a tutela della persone pi
deboli.

Canone Tv in bolletta
Laiuto dellAdiconsum
Laddebito del canone tv sulla bolletta
elettrica ormai da luglio scorso una
realt, ma tante sono le problematiche
che i consumatori si trovano ad
affrontare: dallinserimento dellimporto
del canone in bolletta anche se non

NOTIZIARIO PENSIONATI
dovuto (come nel caso di non possesso
dellapparecchio o in caso di possesso dei
requisiti di esenzione) ai doppi addebiti
allinterno dello stesso nucleo familiare, a
come effettuare il pagamento dovuto nel
caso non sia stato riportato nella bolletta, a
come chiedere il rimborso di quanto pagato,
ma non dovuto e cos via.
Di fronte a queste problematiche, viene in
soccorso dei consumatori Adiconsum. Potete
prendere appuntamento al numero 0547
644611 (in Via Renato Serra 15, Cesena).

Pensioni. Furlan: Abbiamo


conseguito risultati importanti
In audizione alla Camera sulla legge di
Bilancio 2017, il presidente Istat ha
affermato come laumento della
quattordicesima, la no tax area per i
pensionati e quindi lincremento delle
detrazioni Irpef, innalzeranno di un
miliardo di euro il reddito delle famiglie.
Laumento della quattordicesima, ad
esempio, risulta concentrato nella parte
meno ricca della popolazione: pi dell80
per cento della maggiore spesa destinato a
individui che appartengono a famiglie nei
primi tre quinti di reddito equivalente e
soltanto il 4,5 per cento allultimo quinto. La
misura interessa il 5,2 per cento della
popolazione totale, pari circa al 3,1 milioni
di persone, con un benecio medio di 250
euro. Laumento delle detrazioni Irpef per i
pensionati interessa invece circa del 10 per
cento della popolazione (5,8 milioni di
individui), con un benecio medio di 380
euro.
Come ha dimostrato anche lIstat, con

A oggi 800 sono le strutture caritative


convenzionate in Emilia Romagna che
distribuiscono i prodotti ricevuti da Banco
aimentare. I beneciari ultimi sono oltre
139.600 persone su tutto il territorio
regionale.
La Colletta inizier alle 7,30 presso la Basilica
del Monte, a Cesena. I volontari
parteciperanno alla Messa celebrata dal
vescovo Douglas Regattieri. Per info:
segreteria Colletta Cesena 392 1229878.
Barbara Baronio

Associazioni
Apeiron e Bal
Cene di Natale
Occasioni di incontro
tempo di cene di Natale anche per le associazioni di
volontariato. Unoccasione per scambiare gli auguri
natalizi e per raccogliere fondi e informare i propri
sostenitori sulle attivit svolte.
Apeiron organizza la classica Cena nepalese, giunta
alla 5 edizione, domenica 27 novembre alle 20 a
Cesena al Circolo Hobby Terza Et (viale Gramsci
293). Si potr gustare il daal bhat tarkari, piatto
tipico nepalese composto da riso, lenticchie, varie
verdure e pollo speziato. I fondi raccolti durante la
serata saranno destinati al progetto Casa Nepal, la
struttura di accoglienza per donne vittime di violenza
e discriminazione che lassociazione cesenate
gestisce a Kathmandu, e in particolare al supporto
scolastico dei gli delle beneciarie che stanno
attualmente seguendo i corsi di formazione
professionale.
Responsabile delle attivit di Apeiron in Nepal la
cesenate Barbara Monachesi, che da diversi anni si
trasferita nel Paese ai piedi dellHimalaya.
Per prenotazioni: cell. 340 3192188, 348 8231373.
Bal onlus d invece appuntamento marted 6
dicembre al Teatro Verdi di Cesena alle 20 con la la
serata I colori dellIndia sulle note dei quattro di
Liverpool: con cena, slata solidale e investigazione
artistica di Teresio Massimo Meli (contributo di 50
euro, per info e prenotazioni cell. 347 2404611).
Lassociazione, presieduta da Elisabetta Ravaioli,
opera da una decina di anni in India dove c ancora
un divario che sembra incolmabile fra la popolazione
toccata dal boom economico e quella che non ha
nessun accesso neanche agli standard minimi di vita.
Bal interviene su vari fronti: aiuti alimentari,
educazione, cure mediche, formazione e
microcredito.
Fs

a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL


(tel. 0547 644611 - 0547 22803)
e per il Patronato INAS CISL
(tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena

Adiconsum a tutela degli azionisti


della Cassa di Risparmio di Cesena
Adiconsum, associazione a tutela dei consumatori legata al sindacato Cisl, nei mesi scorsi
ha inviato numerose lettere alla Cassa di Risparmio di Cesena a tutela dei piccoli azionisti
che si sono visti azzerare il valore delle azioni possedute.
La lettera solo il primo passo per tentare di recuperare i risparmi andati in fumo.
Alla lettera deve poi seguire unattenta valutazione della documentazione, che ha portato
alla sottoscrizione delle azioni, per verificare se vi sono i requisiti per poter tentare la mediazione, oppure addirittura per tutelare le proprie ragioni davanti al Giudice del Tribunale.
Non si sono termini di scadenza per linvio della lettera, per bene affrettarsi per capire se
vi sono margini di azione.
Per chi interessato pu prendere appuntamento con Adiconsum rivolgendosi al numero
0547 644611. La sede di Adiconsum si trova in via Renato Serra 15, a Cesena.
laccordo sulle pensioni recepito
dalla manovra del Governo abbiamo
portato ben sette miliardi di euro
alla nostra gente, rispettando
limpegno che avevamo preso due
anni fa con i nostri delegati e iscritti
nelle tante manifestazioni che
abbiamo fatto. Lo ha detto nei
giorni scorsi a Torino la segretaria
generale della Cisl Annamaria
Furlan, concludendo i lavori del
Consiglio generale della Cisl del
Piemonte. Far stare meglio i
pensionati con lestensione della
quattordicesima, lallargamento
della no tax area o laumento
dellarea di esenzione Irpef, un
risultato che ci rende orgogliosi
come sindacato. Avevamo detto che
avremmo cambiato la pessima legge
Fornero su aspetti non di poco conto:

tenere insieme tutte le generazioni,


giovani, meno giovani e anziani e
reintrodurre la essibilit in uscita
secondo il principio che non tutti i
lavori sono uguali. Penso ai
lavoratori edili che oggi stanno sulle
impalcature, le maestre dinfanzia,
gli infermieri che lavorano a turni nei
pronti soccorso che potranno andare
in pensione a 63 anni invece che a 67
anni, senza penalizzazioni. Abbiamo
portato a casa anche interventi a
favore delle pensioni dei giovani,
come rendere gratuito il cumulo dei
contributi o il riscatto della laurea
anche ai ni dellanzianit.
Sembravano tutte cose impossibili da
fare. stata anche una risposta
concreta ai populisti e a quanti
predicano tutti giorni contro il
sindacato e la coesione sociale.

Ma prevista ancora una Fase 2 dove il


Sindacato ha chiesto una riforma dellIrpef e
del sco che renda pi pesanti le buste paga
di lavoratori e pensionati.
Abbiamo chiesto al Governo di attuare per
la riforma del sco lo stesso metodo
utilizzato per la riforma previdenziale, ossia
un tavolo di confronto con chi rappresenti il
95 per cento di quelli che pagano le tasse.
Serve lattivazione di un confronto serio con
le parti sociali per rivedere insieme questo
sco.
Riguardo poi alla vicenda Equitalia,
Annamaria Furlan, ha sottolineato:
Vedremo nero su bianco quelle che sono le
intenzioni e come si vuole procedere. I
lavoratori di Equitalia hanno espresso in
questi anni una grande professionalit, che
non dovr essere dispersa. Il tema vero che
non si disperda - ha concluso - la capacit di
contrastare levasione scale.

Cultura&Spettacoli
Il Bonci parla cinese: lOpera di Pechino a Cesena
l testo di partenza uno dei grandi classici della cultura
Ivistaeuropea,
il Faust di Goethe; del tutto inedito il punto di
assunto per lo spettacolo in scena al Bonci di Cesena da

permetter di vedere una storia ben nota (Faust per desiderio


di sapere vende la sua anima al diavolo) con gli occhi
dellOpera di Pechino, inclusa dallUnesco nella lista del
gioved 24 a domenica 27 novembre, perch quello cui
patrimonio culturale mondiale intangibile: essa combina
assisteranno gli spettatori sar una versione cinese (con
canto e recitazione, come avviene nellopera occidentale, ma
sovratitoli in italiano, per). Lopera stata rielaborata da Li
anche danza, arti acrobatiche e marziali: i suoi artisti possono
Meini, secondo il progetto e la regia di Anna Peschke; le
raccontare unintera storia con i movimenti. Biglietti da 25
musiche originali sono di Luigi Ceccarelli, Alessandro Cipriani, (intero) a 15 euro (giovani e loggione). Info: 0547-355911.
Come di consueto, da venerd mattina sul sito del giornale si
Chen Xiaoman. Lallestimento, un co-produzione Emilia
Romagna Teatro (Ert) e China National Peking Opera Company, potr leggere la recensione dello spettacolo. Paolo Turroni

Trentanni fa riapriva il Petrella di Longiano. Il cartellone teatrale si apre marted 29 novembre


con il debutto del tour del cantautore Gianluca Grignani

A teatro con un progetto


che unisce le energie
del territorio
T

rentanni di teatro Petrella a


Longiano. Il 22 novembre 1986
riapriva, dopo i danneggiamenti
della guerra e decenni di abbandono, lo
storico teatro longianese, inaugurato il 24
luglio del 1870 e intitolato al compositore
Errico Petrella. In scena uno spettacolo di
Aldo e Giovanni, non ancora in trio con
Giacomo.
A trentanni da quella data che, grazie alla
direzione artistica di Sandro Pascucci, ha
segnato linizio di una fase fruttuosa per
la cultura longianese, ripartita la
stagione teatrale del Petrella con un
convegno, promosso da Ater e dalla
regione Emilia Romagna, che si svolto lo
scorso 18 novembre, sul tema Quale
futuro per i piccoli teatri?.
Fra le conclusioni, la necessit di non
riempire un singolo cartellone come un
contenitore televisivo, ma di sviluppare,
con le amministrazioni comunali, un
progetto culturale di ampio respiro che
sappia mettere in rete le energie positive
del territorio.
la filosofia con la quale la societ
bolognese Cronopios ha gestito, per il
terzo anno consecutivo, la stagione del

La sezione centrale del cartellone


sar dedicata aTeatro e danza
con cinque appuntamenti, a partire
daEnigmacon Ottavia Piccolo
e Silvano Piccardi il 25 gennaio

Petrella, al via marted 29 novembre alle


21 con il debutto del tour del cantautore
Gianluca Grignani. Seguir, il 23
dicembre, il concerto gospel degli
americani Dennis Reed & Gap.
La sezione centrale del cartellone sar
dedicata a Teatro e danza con cinque
appuntamenti, a partire da Enigma con
Ottavia Piccolo e Silvano Piccardi il 25
gennaio 2017. A seguire Von, presentato
in anteprima il 19 febbraio dalla
compagnia Stalker di Daniele Albanese.
Il 3 marzo sar di scena
Quotidiana.com con Lanarchico non
fotogenico. Il 24 marzo sar la volta dello
scrittore Massimo Carlotto con lo
spettacolo Crime Story e il 9 aprile
approder il progetto Per contagio del
Teatro Valdoca.
In collaborazione con lIstituto

Musica sacra e popolare, a Diegaro di Cesena


il concerto dellAlio Modo Canticum
abato 26 novembre alle 21, presso la vecchia chiesa di Diegaro di Cesena
S
si terr un concerto di musica sacra del coro Alio Modo Canticum di
Cesena, diretto dal maestro Adamo Scala e accompagnato al pianoforte dal
maestro Caterina Scala.
Il programma prevede sia brani di autori della tradizione classica, come
Regina Coeli di Wolfgang Amadeus Mozart, Exultate justi
di Ludovico da Viadana, Cantate Domino di Giovanni Croce, Alma
Redemptoris Mater di PierLuigi da Palestrina, Ave Maria di Thomas Luis da

comprensivo di Longiano, sono previsti


due appuntamenti per famiglie con
spettacoli di clownwerie alle 16 delle
domeniche 12 febbraio e 12 marzo.
In collaborazione con Jar jazzaroundrimini, torna il Petrella jazz
club con tre appuntamenti: il 9 febbraio
(con il trombettista Jack Walrath), il 31
marzo e il 30 aprile.
In programma anche la seconda edizione
di un progetto speciale di accoglienza e
residenza creativa per la formazione e la
ricerca di giovani coreografi, sviluppato in
collaborazione con Larboreto - Teatro
dimora di Mondaino di Rimini. Il
progetto si articoler in due percorsi,
dall11 al 21 aprile e dal 24 aprile al 7
maggio, ognuno dei quali si concluder
con una prova aperta al pubblico.
Matteo Venturi

Victoria, tutti e quattro valenti polifonisti


del XVI secolo, Salve Regina di Franz Schubert,
sia canti della tradizione popolare quali Sei Pura,
sei pia di Bonifazio Maria Krug, ex abate della
Basilica del Monte di Cesena nel 1800
e, in omaggio al Natale che si avvicina,
Il Est N Le Divin Enfant, brano popolare francese,
Stille Nacht,della tradizione austriaca,
Adeste Fideles, canto medievale, La Nota
ad Nadl in dialetto cesenate, su musica
del maestro Adamo Scala e testo
di Gino Della Vittoria, ex corista.

alla Libreria cattolica SAN GIOVANNI corso Sozzi 39, tel. 0547 29654, Cesena (nuova sede)
CALENDARI DELLAVVENTO
Verso il Natale. Il mio libro per lAvvento
di Antonia Jackson
Editore: Paoline Editoriale Libri
Pagine 32 (Euro 13)
Il mio libro-gioco di Avvento
di Juliet David
Editore: Paoline Editoriale Libri
Euro 12,50
Il periodo dell'Avvento (dal latino adventus,
venuta o anche attesa), il tempo liturgico e di preparazione per il Natale. Molti
cristiani, durante lAvvento, si preparano a celebrare il Santo Natale e la nascita
di Cristo con il digiuno e la preghiera.
Le origini del calendario dellAvvento hanno radici nei Paesi del nord Europa.
La storia narra che il piccolo Gherard Lang, un bimbo tedesco nato alla fine
dell800, fosse sempre molto impaziente di festeggiare il Natale e chiedesse ogni
giorno a sua mamma: Quando arriva Natale? Quanti giorni mancano ancora
alla festa?. La mamma del piccolo, forse stanca di sentire ogni giorno la stessa
domanda, decise un anno di cucinare dei biscotti speziati, tipici del periodo natalizio. Poi li divise in 24 piccoli sacchettini e ne diede uno al giorno al piccolo
Gherard, dall1 dicembre alla vigilia, in modo che fosse facile anche per lui te-

Gioved 24 novembre 2016

15

Cinema
di Filippo Cappelli
Uci Cinema (Savignano sul Rubicone)

ANIMALI NOTTURNI
di Tom Ford
Finora Tom Ford ha diretto due film: A single
man del 2009 e questo Animali notturni. E
ha dimostrato di possedere un certo trasporto verso unestetica sincera e genuina,
che lascia ben sperare sul suo talento. Eppure
bisogna dire che fra il primo e il secondo
film, distanti nel tempo ben sette anni, sono
pochi i rimandi se non una certa solitudine
esistenziale. Ma meglio procedere con ordine.
La trama: Susan (Amy Adams) direttrice di
una galleria darte, sposata in seconde
nozze con Hutton dopo aver lasciato il marito, Edward (Jake Gyllenhaal), uno scrittore
di indubbio talento. Dopo diciannove anni
lex marito si fa vivo proprio mentre il matrimonio di Susan scricchiola pesantemente. Le
fa recapitare una bozza del romanzo che ha
scritto e che si intitola Nocturnal animals. Il
romanzo racconta la storia di unaggressione
e della vendetta successiva alla quale collabora anche il morente poliziotto Bobby (Michael Shannon). Da qui il film procede su tre
livelli narrativi: il passato di Susan ed Edward, il presente di Susan e la vicenda, durissima e violenta, raccontata nel romanzo di
Edward...
Se sulle prime il film sembra procedere con
una certa regolarit, dopo qualche svolta si
dimostra teso e complesso fino a un finale
perfetto nella chiusura dei vari cerchi aperti e
una certa imprevedibilit. Ford riesce a descrivere con grande efficacia l'impenetrabile
e inquietante oscurit della ostile presenza
umana che sembra confondersi con la selvaggia pianura che si stende senza confini. Il
rimando fra il paesaggio e la presenza umana
un continuo ping-pong che per avvolge il
cuore di chi guarda, costringe a entrare a
patti con se stessi e la propria presenza nel
mondo. La posizione muscolare della vicenda si aggrappa alla frontiera, ma il vero
soggetto dellumano pi pieno Susan che
riflette sui propri errori, sulla propria vita,
rimpiangendo il passato e le sue scelte sbagliate e dando forma, finalmente, alle conseguenze di quelle decisioni ormai definitive e
irrevocabili. questo il motivo per cui il film
si dimostra complesso, e la particolarit non
deriva tanto da una sovrapposizione di temi
o di vicende della narrazione, quanto piuttosto dalla capacit di riuscire a dare unit a
questa struttura e ad argomentare, attraverso
una composizione pressoch perfetta delle
immagini, la vita di Susan e i suoi dubbi notturni: lei lanimale notturno, quella che non
riesce a dormire ed lei che legge nellopera
alla parete della sua galleria la parola
Revenge, chiedendosi chi mai lavesse comprata per sentirsi rispondere che era stata lei
stessa a volerla. Edward ripaga in questo
modo la cattiveria di Susan che lo ha lasciato
senza troppi giri di parole per quellHutton
che ora la tradisce. Il cerchio si chiude, e gi
fa pregustare il lungo applauso pronto a
esplodere per il finare ancora lontano.

NUOVI ORARI
DI APERTURA

nere il tempo fino a Natale.


La libreria cattolica
Lidea piacque tanto al bambino che fu ripetuta ogni
San Giovanni
anno per tutta la sua infanzia.
dal
20 novembre
Divenuto grande, nei primi anni del 1900, Gherard sviha nuovi orari di apertura
lupp lidea della sua mamma e, rielaborando la consuetudine casalinga, realizz il primo Calendario
dal luned al sabato
dellAvvento, stampando un cartellone con 24 finestrelle
dalle 9 alle 12,30 e dalle 16 alle 19
che le mamme avrebbero potuto riempire di biscotti,
(compreso gioved pomeriggio);
dolci e cioccolata per aiutare i bambini a tenere il
gioved dalle 16 alle 19,30;
tempo fino a Natale.
domenica
dalle 16 alle 19,30
Nei primi calendari, il conto alla rovescia verso Natale
iniziava dalla prima domenica di Avvento, posizionata
tra fine novembre e linizio di dicembre (con il termine Avvento si indicano infatti le 4 domeniche che
precedono la celebrazione della nascita di Ges Bambino).
A partire dal 1920 si diffusero in Germania dei calendari dellAvvento in cartone con 24 finestrelle in cui
posizionare cioccolatini realizzati in forme natalizie da gustare ogni giorno a partire dal primo dicembre per arrivare fino alla vigilia di Natale. Con il passare degli anni i calendari sono cambiati e si sono evoluti e ne esistono oggi di tanti tipi diversi.
Ci sono quelli con la cioccolata, che restano fedeli alle origini, quelli in cartone, dove dietro ogni finestrella si trova un disegno ispirato al periodo natalizio. Ce ne sono altri che contengono piccoli doni e altri ancora che
contengono frasi o poesie che accompagnano i bambini fino a Natale. Esistono calendari con brillantini, altri fatti con cassetti estraibili, tridimensionali, con la musica
Alla libreria San Giovanni ampia scelta!

16

Cesena&Comprensorio

Gioved 24 novembre 2016

CESENA
Concerto per santa Cecilia
Il coro lirico cesenate Araba Fenice, diretto da
Barbara Amaduzzi, terr un concerto in onore di
santa Cecilia, patrona dei cantanti e musicisti,
domenica 27 novembre alle 20,45 nella chiesa di
Case Finali. Parteciperanno il tenore Paolo Gabellini
e il soprano Silvia Tiraferri. Al pianoforte Pia Zanca.
Lingresso a offerta libera.

Incontro con Antonia Arslan


Nella sala lignea della Biblioteca Malatestiana,
mercoled 30 novembre alle 18, Emiliano Visconti
incontrer la scrittrice italiana, di origine armena,
Antonia Arslan sul tema Identit femminili tra
scrittura e discriminazioni di ogni tipo.

Tosca di Giacomo Puccini


DallOperhouse di Zurigo, luned 28 novembre alle
20,30, sar trasmesso al Victor di San Vittore lopera
lirica di Giacomo Puccini Tosca, diretta da Paolo
Carignani. Ingresso 10 euro. Gioved 24 e sabato 25
novembre alle 21 sullo schermo il lm Io, Daniel
Blake di Ken Loach, vincitore della Palma doro al
Festival di Cannes 2016. Marted 29 novembre alle 21
sar in lingua originale. Domenica 27 alle 15 e alle
17 il lm Alla ricerca di Dory. Ingresso 3,50 euro.
Venerd 25 novembre alle 21 la commedia dialettale
E l de gapn. Regia di Luciana Berretti. Ingresso 7
euro. Domenica 27 alle 21 concerto lirico di Natale.

Larte di Giotto
Nella sala Vaienti della Cisl in via Renato Serra,
venerd 25 novembre alle 15,30, don Dante Piraccini
parler di Giotto: un Francesco diverso?. Marted 29
novembre alle 15,30 nella sala Fantini, Sergio
Pretelli dellUniversit di Urbino terr una lezione sul
tema Ignoranza e amor di patria nella guerra 19151918. La profonda umanit della corrispondenza del
soldati dal fronte.

Le vite dei cesenati


Il decimo volume della serie Le vite dei cesenati
sar presentato venerd 25 novembre alle 17
nellaula magna della Biblioteca Malatestiana.
Grazie ai contributi di diversi studiosi sono
presentate gure di rilievo della Cesena del passato.
Il libro curato da Pier Giovanni Fabbri e Alberto
Gagliardo. Durante lincontro, presentato da Mario
Proli, ci sar un intervento di Roberto Mercadini.

Cinema per famiglie


A cura dellAssociazione delle famiglie e del centro
Benedetta Giorgi sabato 26 novembre alle 16,30 e
domenica 27 alle 15 e alle 17 al cinema Astra sar in
visione il lm danimazione Angry Birds. Regia di
Clay Kaytis e Fergal Reilly. Ingresso 3,50 euro.

Mostra al Foro Annonario


Nei giorni in cui si celebra la giornata contro la
violenza sulle donne (25 novembre), il gruppo
giovani della Croce Rossa di Cesena invita alla mostra
fotograca Era solo amore?, a cura di Enrico
Amadori. La mostra, allinterno del Foro Annonario
in centro a Cesena, aperta sabato 26
e domenica 27 novembre.

Un ciclo di mostre
Dieci artisti esporranno nellarco di alcuni mesi alla
galleria antica Carbonari in via Fra Michelino, a cura
di Paolo Degli Angeli. Aprir la serie lartista
sarsinate Lucio Cangini. Linaugurazione si terr alle
17 di sabato 26 novembre. Si potr visitare no all8
dicembre dal luned alla domenica dalle 16 alle 19.

Fuocoammare al Victor
Gli Uffici diocesani della Caritas, Migrantes,
Missionario ed Ecumenismo propongono la
proiezione del lm Fuocoammare, mercoled 30
novembre alle 21 al cine-teatro Victor di San Vittore
di Cesena. A seguire, dibattito con don Filippo
Cappelli. Ingresso gratuito.

Concerto per Le donne senza voce

Gal al teatroBoncidi Cesena

A Cesena, promosso dalla Fidapa

I Club service con Paolo Cevoli

Domenica 27 novembre alle 17, nella sala Dallapiccola del


Consevatorio B. Maderna di Cesena, in corso Ubaldo Comandini 3,
la cantautrice Francesca Romana Perrotta canta Le donne senza
voce. Il concerto organizzato da Fidapa Cesena (Federazione
italiana donne arti professioni affari), presieduta da Maria Grazia
Bartolomei, in occasione della Giornata internazionale di contrasto
alla violenza verso le donne. La cantautrice ha vinto, tra gli altri, il
premio per il Miglior Testo Musicultura 2016 per aver saputo
raccontare con una lingua asciutta, diretta, ma mai banale, il grido e
la sofferenza di un amore malato e la luce della rinascita.

Si rinnova lappuntamento con il Gal natalizio organizzato dai Club service di


Cesena. Luned 28 novembre alle 21 al teatro Bonci, Rotary Club, Rotaract Club,
Panathlon Club Cesena, Round Table 3, Agor, Ladies Circle, Lions Club,
organizzano la sesta edizione dellappuntamento che raccoglie fondi a favore
della ricerca contro i tumori dellIstituto scientico romagnolo per lo studio e la
cura dei tumori. La prima parte della serata sar a tutta comicit con lattore
Paolo Cevoli. Per concludere in musica, saliranno sul palco i musicisti Paolo
Gabellini (tenore lirico), Federico Mecozzi (violinista) e Mattia Guerra (pianista).
possibile acquistare il biglietto la sera dello spettacolo presso la biglietteria, o
nei giorni precedenti in prevendita. Costo biglietto: 25, 20, 15 e 10 euro.

Nei padiglioni di Cesena Fiera, sabato 26 e domenica 27 novembre

Ruotando, romba il mondo


delle due e quattro ruote

ture, che questanno festeggia la decima edizione.


Stand ed eventi ispirati
allAmerican Style nel
mondo dei motori, del vintage e delle Special Bike, con i migliori customizers italiani e provenienti anche dallestero.
I visitatori avranno lopportunit di ammirare lesposizione di bellissime auto e moto made in Usa, articoli dabbigliamento
vintage, accessori nuovi e usati, make up e
foto anni 50. Torna il Pin Up Contest (sabato 26 novembre alle 17) oltre a una serie
di spettacoli e concerti dal vivo ispirati alla cultura americana, e a performance artistiche che vanno dal pinstriping alle aerografie.
Nel ricco programma della due giorni dedicata al rombo dei motori, lesibizione Super motard, lo spettacolo di Mirabilandia
Grosso Guaio a Stuntman City by Hot

n mare di eventi allinsegna delloriginalit, con espositori da tutta la Penisola e padiglioni fieristici rinnovati: torna
a Cesena Ruotando, uno dei pi importanti
appuntamenti delle due e quattro ruote dellEmilia Romagna.
Nei padiglioni di Cesena Fiera sabato 26 e domenica 27 novembre auto e moto da sogno,
esibizioni dal vivo, prove di guida, trial bike,
sfilate, musica, spettacoli, concorsi, le curiosit e i trend stilistici della Kustom Kulture, i pezzi introvabili e da collezione, le ingegnerie pi
creative. Questi gli ingredienti principali della
manifestazione dedicata al motorismo deccellenza, che hanno decretato il successo delle passate edizioni.
Per la sedicesima edizione sono confermati i
due saloni (Ruotando e Kustom Kulture), con
la formula esposizione in area interna e spettacoli gratuiti in area interna ed esterna.
Ampio spazio sar dedicato alla Kustom Kul-

Cesenatico

Wheels (in entrambi i giorni


dalle 12 alle 16)
Reggaeon, lelezione di Miss
Ruotando (domenica 27 alle
16), bike show,
cars show, kart
emotion, taxi rally. In entrambe le
giornate sono allestiti circuiti per bambini,
modellismo statico e dinamico, simulatori,
pedana guida in stato di ebbrezza.
Sar presente una navetta trasporto per evitare gli ingorghi. Queste le fermate: parcheggio
uscita A14/E45 Cesena Nord; parcheggio Apofruit via Merloni angolo viale della Cooperazione; parcheggio ex Arrigoni (uscita secante
n. 5 - arrivo da via Dismano) fronte Sorma in
via delle Fragole; parcheggio ex Arrigoni (uscita secante n. 5 - arrivo da via Dismano), via
delle Pesche.
Info e orari: sabato 26 novembre dalle 9,30 alle 20,30; domenica 27 novembre dalle 9,30 alle 19,30; ingresso 10 euro; pacchetto 2 giorni:
14, il secondo giorno 4 euro. Facebook: Ruotando; sito: www.ruotando.com

Gatteo

Gambettola

Cesenatico

Incontro con lautore

Il Paradiso di Dante

Spettacolo al Comunale

7 euro per 7 film

Prosegue presso la Legnaia


di Casa Moretti la lettura del
Paradiso di Dante
Alighieri da parte di Angelo
Chiaretti, a cura
dellUniversit per gli adulti.
I prossimi appuntamenti
alle 16 di luned 28
novembre, di venerd 2 e
luned 12 dicembre.

La compagnia Il Dirigibile,
formata da ospiti e operatori
del Centro diurno psichiatrico
di via Romagnoli e dellAusl di
Forl, porter in scena al teatro
comunale, gioved 1 dicembre
alle 21, il suo spettacoloterapia di maggior rilievo che
educa allintegrazione.
Ingresso a offerta libera.

Nella multisala Abbondanza il Metrofestival


propone la visione in abbonamento di 7 lm per 7
euro con proiezione unica il gioved e il venerd
alle 21. Gioved 24 e venerd 25 novembre sullo
schermo Il condominio dei cuori infranti;
gioved 1 e venerd 2 dicembre Frantz. A seguire
Leffetto acquatico - un colpo di fulmine a prima
svista; In nome di mia glia; La sposa
bambina; Tutti vogliono qualcosa e Io, Daniel
Blake.

Sarsina

Longiano

Film danimazione
al cine teatro Silvio Pellico
Ultimo lm in visione al cinema
teatro Silvio Pellico venerd 25 e
sabato 26 novembre alle 21;
domenica 27 alle 15,30
e alle 20,30.
Si tratta di Cicogne in missione
della Warner Bros Pictures.
Ingresso 3 o 5 euro.

Alla biblioteca comunale


Giuseppe Ceccarelli gioved 1
dicembre alle 21 Gianfranco Miro
Gori presenter il suo ultimo libro
Le radici di Fellini, romagnolo
del mondo (Il Ponte Vecchio,
2016). Introdurr Antonio
Maraldi.
Lincontro organizzato
dallassessore alla Cultura.

Sarsina

Conversazione e mostre

Mostra di Anna Maria Nanni

Ultimo appuntamento della rassegna Le ali della libellula al


Castello malatestiano, sede della Fondazione Balestra, sabato
26 novembre alle 17,30. Claudia Collina e Lorenza Miretti
converseranno a margine della mostra di Mario Nanni che sar
poi inaugurata alla presenza dellartista.
Domenica 27 novembre alle 17 si terr linaugurazione della
mostra Il libro dartista, ovvero larte del libro che rimarr
aperta no al 31 gennaio.
Si tratta di quattro capolavori di Matisse, Picasso, Mir e Calder.

Si potr visitare no al 3 dicembre


nella sala del Centro studi plautini la
personale Eterea musica
della cesenaticense Anna Maria Nanni,
a cura di Lia Briganti.
Orari di apertura: tutti i giorni feriali
dalle 8,30 alle 13;
il sabato e la domenica dalle 9 alle 12,30
e dalle 16 alle 18.

Montiano

Roncofreddo

Immobili allasta

Fiera dautunno

Si terr il 2 dicembre al comune di Cesena


lasta pubblica per la vendita di sette immobili
di propriet del comune di Montiano: lex
lavatoio, lex macello e cinque appezzamenti
di terreno. Le offerte vanno presentate entro
le 13 del 30 novembre e indirizzate allUfficio
protocollo del comune di Cesena. Il bando
pubblicato sui siti: comune.cesena.fc.it,
comune.montiano.fc.it e unionevallesavio.it.

Si svolger sabato 26 e domenica 27 novembre


nelle piazze e vie del paese la 16esima Piccola
era dautunno. Con stand enogastronomici, dei
prodotti delle aziende agricole, degli ambulanti
e dellartigianato artistico. Aperte le osterie.
Inoltre mostra delle tele stampate a mano di
Pascucci, piccola fattoria con animali da corte,
giochi, musica e balli con il gruppo LUva grisa
e artisti di strada.

Sogliano al Rubicone
Fiera del formaggio di fossa

Secondo appuntamento con la Fiera del formaggio


di fossa, dop dal 2007. Venerd 25 novembre alle 10
apertura delle fosse. Sabato 26 alle 21 spettacolo di
Roberto Mercadini al teatro comunale. Domenica 27
dalle 9 alle 19 apertura degli stand gastronomici;
alle 11,30 pranzo nei locali della Pro loco; alle 15,15
in teatro, concerto per pianoforte a quattro mani
con musiche di Schubert, Wagner e Liszt.

Sport

Gioved 24 novembre 2016

Calcio serie D

Serie B. Sabato prossimo bianconeri


contro lAvellino alla ricerca di punti

Pareggio amaro
Dopo il rammarico per lo 0-0 interno col
San Marino, il Romagna Centro cerca il
blitz in terra ascolana. Domenica 27
novembre alle 14,30 i biancazzurri di
Martorano saranno impegnati in casa del
Monticelli, seconda formazione di Ascoli
Piceno che di solito gioca le partite
casalinghe nel prestigioso stadio Cino e
Lillo Del Duca. Il pareggio di domenica
scorsa contro il San Marino del
presidente Luca
Mancini, ha
lasciato
parecchio amaro
in bocca a
mister Muccioli
e ai suoi
ragazzini
terribili. Il
punto va infatti
strettissimo a
Maioli (nella
foto) e compagni, capaci di creare
tantissime occasioni da rete vanificate da
un super portiere ospite: lex riminese
Dini. In classifica i cesenati hanno ora 14
punti dopo 12 gare sinora disputate,
frutto di 3 vittorie, 5 pareggi e 4 sconfitte.
Due squadre sono appaiate al Romagna
Centro (Monticelli e Castelfidardo),
mentre altre 5 sono sotto in classifica
(Alfonsine, Pineto, Civitanovese,
Recanatese e Chieti). Il problema per
il gol: solo 9 allattivo e 14 al passivo.
Contro i biancazzurri del Monticelli sar
una partita verit, nella quale il Romagna
Centro cercher la seconda vittoria fuori
casa dopo lacuto di Chieti.
Em

Cesena nella zona rossa


Serve solo vincere
C

I ragazzi di mister
Camplone non hanno
pi alibi: devono battere
iLupiirpini
per scacciare i fantasmi
della retrocessione

on lAvellino per tornare a


vincere. con questo obiettivo
che il Cesena scende in campo al
Manuzzi Orogel Stadium sabato 26
novembre alle 15. Dopo lennesimo
scivolone di La Spezia (1-0 per i
bianconeri liguri con eurogol di
Sciaudone), i ragazzi allenati da
Andrea Camplone non hanno pi alibi:
devono a tutti i costi battere i "Lupi"
irpini se non vogliono vedere
aggravarsi ulteriormente una classifica
che preoccupa sempre di pi. I
bianconeri di Romagna sono
penultimi a quota 13 punti, tre in
meno dellAvellino avversario di turno
e solo due in pi del fanalino di coda
Trapani. A oggi, stante la deficitaria
situazione di classifica, il Cesena
sarebbe retrocesso direttamente, senza
nemmeno passare dai play-out,
distanti due lunghezze. Un macigno a
livello psicologico che mister
Camplone dovr cercare di non far
pesare sulla testa dei suoi giocatori.
Battere lAvellino significherebbe non
solo raggiungere i verdi campani in
classifica, ma rappresenterebbe

soprattutto una grossa iniezione di


fiducia in vista di quella risalita che
tutto lambiente bianconero si auspica
velocemente. Se lobiettivo di inizio
campionato era quello di tagliare per
lo meno il traguardo dei play-off, ora
diventa pi che mai di attualit
raggiungere la salvezza con meno
patemi danimo possibile. Ovviamente
auspicabile che una stagione nata
storta non possa finire addirittura
peggio. Per uscire dal pantano dei
bassifondi cadetti, il Cesena dovr
essere molto di pi di quello visto
sabato scorso a La Spezia. Nel catino
dello stadio Picco, il Cavalluccio
marino s affondato per via di uno
strepitoso gol allincrocio di

17

Sciaudone, ma ha creato troppo poco


per garantirsi almeno un punto in
trasferta. Coraggio, atteggiamento
costruttivo e spirito di sacrificio
costituiscono la base per una squadra
ferita che deve risalire la china passo
dopo passo. LAvellino, come gi lo
stato il Pisa un paio di settimane fa,
potrebbe essere lavversario giusto per
tornare a respirare lossigeno dei tre
punti. Anche se lo scorso anno proprio
gli irpini sbancarono il Manuzzi. La
situazione in classifica per i campani
non certo delle pi salutari:
bisogner vedere se alla Fiorita
prevarr la paura o sar premiata
liniziativa di Cascione e compagni.
Eric Malatesta

Pallavolo B1. Impresa delle bianconere

Basket Promozione
Regolato il Ravenna
si torna al successo
educe da due sconfitte consecutive Cesena,
R
domenica scorsa, ritrova il successo (73-68)
sul campo amico del Palaippo sconfiggendo una
Junior Ravenna molto pi largamente di quanto
non dica il punteggio finale. Due formazioni votate
al gioco in velocit, anche se Ravenna dispone del
lunghissimo colored Seck, in verit poco incisivo e
spesso tenuto in panchina. La partita scivola sulle
ali dellequilibrio per oltre un quarto, poi si
scatenano i fratelli Federico e Filippo Rossi che
spingono Cesena al + 9 con cui si chiude la prima
parte del match. Al rientro in campo coach
Domeniconi deve rinunciare a un indisposto
Filippo Rossi, ma la musica cambia poco e la serie
impressionante di triple del fratello Federico (5 su
8) ampliano il vantaggio fino a un massimo di 20
punti che sembra mettere la parola fine sullesito
finale del match. Succede invece che per
stanchezza e poca lucidit Cesena si vede
aggredita da un avversario che pian piano ricuce lo
svantaggio alla ricerca di una disperata rimonta.
La quale si ferma al - 5 finale decisamente
bugiardo per quanto visto sul campo.

Il Volley Club
si impone
fuori casa

ontro il pronostico e contro un


avversario sulla carta superiore,
capace di sconfiggere lOlimpia
Ravenna e di costringere il San Lazzaro al quinto set. Sarebbe stata necessaria unimpresa, che arrivata. Il Volley Club Cesena tornato con un inaspettato quanto clamoroso successo
0-3 (19-25, 23-25, 22-25) dalla trasferta di Montale Rangone al cospetto della terza della classe, nel match valido
per la 6 giornata del campionato di
serie B1 femminile.
Le cesenati non si sono fatte intimorire dal blasone e dalla classifica delle

modenesi, scendendo in campo col


piglio giusto, evidenziato dal rendimento della squadra in tutti gli indicatori percentuali, dalla ricezione, allattacco, e anche dal contenuto numero di errori (12).
Il sestetto di coach Andrea Simoncelli ha conquistato subito i break decisivi, poi condotti fino in fondo. Landamento del primo successo esterno
stagionale (anche il primo successo da
3 punti) stato in fotocopia in tutti i
tre set. Sul 21-18 (sia nel primo, sia nel
secondo, sia nel terzo parziale) il Volley Club ha respinto il tentativo delle
padrone di casa di rientrare in partita.
Top scorer del match con 18 punti
risultata la schiacciatrice Martina Brina, al secondo anno in maglia cesenate, ma proveniente proprio dal
Montale. Sulle spalle del martello
modenese sono finite le responsabilit offensive maggiori (47 palloni
schiacciati, col 34%). Un contributo
concreto, pur partendo dalla panchina in ogni set, lo ha dato laltra schiac-

ciatrice Silvia Leonardi, come del resto anche lopposta Chiara Di Fazio. Negli score
individuali spiccano pure i 5 muri della capitana Alice Piolanti, cos come il 48% di Nicoletta Fabbri in ricezione che ha fatto il paio col 45% di Nui Calisesi.
Col successo di Montale, il Volley Club Cesena ora settimo con 7 punti, e ha avvicinato la quota salvezza, mettendosi alle spalle ben 7 squadre. Fra queste c anche la formazione toscana del Montespertoli che, domenica prossima, alle 17,30, sar ospite al
Carisport in uno scontro diretto importantissimo.

VALORE CITT srl in liquidazione


Societ del COMUNE DI CESENA

ASTE PUBBLICHE IMMOBILIARI


Rende noto che nella giornata di MARTED 20 DICEMBRE 2016
avranno luogo gli esperimenti delle ASTE PUBBLICHE relative ai seguenti BENI IMMOBILI:
1) Ex scuola elementare San Cristoforo (Cesena Loc. S. Cristoforo Via S. Cristoforo n. 4200): immobile recuperabile 7) Ex colonia marittima Pinarella di Cervia (Pinarella di Cervia, viale Italia, 332): immobile di considerevoli dimensioni che
a uso residenziale, commerciale e terziario. SUL di circa mq. 740 con possibilit di ampliamento.
costituisce porzione di un pi ampio comparto della Citt delle Colonie, recuperabile a uso ricettivo (70%) e residenziale
Base dasta . 330.000 oltre imposte come per legge
(30%). Volume di circa mc. 6.928. Superficie territoriale pari a circa mq. 4.245.
Base dasta . 1.280.000 oltre mposte come per legge
2) Ex scuola elementare Pioppa (Cesena Loc. Pioppa Via Cervese n. 7180): immobile recuperabile a uso residenziale.
Sup. comm.le di circa mq. 495 (piano rialzato) e mq. 485 (seminterrato). Superficie territoriale complessiva di circa
mq. 1.390 (fabbricato escluso).
Base dasta . 240.000 oltre imposte come per legge 8) Bar-ristorante-appartamento-uffici Centro Servizi Torre del Moro (Cesena loc. Torre del Moro via Guido Rossa,
140): fabbricato composto da locali a uso bar-ristorante posti al piano terra (sup. commerciale di circa mq. 330) e da un
appartamento-uffici posti al piano primo (sup. commerciale di circa mq. 180), dotato di corte esterna (superficie di circa
3) Casa colonica San Lazzaro (Cesena loc. Case Castagnoli, uscita Secante Via Emilia Levante n. 3067): fabbricato
mq. 800).
Base dasta . 350.000 oltre imposte come per legge
recuperabile a usi diversi fra i quali alberghi, pubblici esercizi, artigianato di servizio e produttivo, commercio allingrosso, industria, ecc., insistente su di una sup. fondiaria complessiva di circa mq. 2.208.
9)Area edificabile via Kuliscioff (Cesena loc. Pievesestina angolo via Kuliscioff/via Civinelli): terreno edificabile a deBase dasta . 220.000 oltre imposte come per legge
stinazione polifunzionale (usi ammessi: servizi di interesse sovracomunale e di quartiere) della superficie catastale complessiva pari a mq. 6.412.
Base dasta . 285.000 oltre imposte come per legge
4) Negozio in Corso Comandini (Cesena Corso U. Comandini, 10/A): unit immobiliare a uso commerciale e terziario posta
nel centro storico di Cesena. Sup. di circa mq. 60.
Base dasta . 65.000 oltre imposte 10) Area edificabile Aiuole (Cesena loc. Pievesestina via del Commercio): terreno edificabile a destinazione polifunzionale della superficie catastale complessiva pari a mq. 15.643.
Base dasta . 530.000 oltre imposte come per legge
5) Podere Cesuola (Cesena, vicinanze ex discarica di Rio Eremo): terreno agricolo in zona collinare a prevalente estensione
boschiva della superficie di circa mq. 35.651.
Base dasta . 12.000 oltre imposte 11) Area edificabile San Lazzaro (Cesena loc. Case Castagnoli svincolo Secante): terreno edificabile a destinazione polifunzionale della superficie catastale complessiva pari a mq. 20.140. Base dasta . 660.000 oltre imposte come per legge
6) Lotto Martorano 4 con annessi fabbricati (Cesena Loc. Martorano Via Violone di Gattolino n.ri 70 e 240): lotto di
terreno con annessi n. 1 fabbricato a uso residenziale, n. 2 capannoni di servizio e n. 1 attrezzaia, per una superficie fondiaria di circa mq. 4.404.
Base dasta . 260.000 oltre imposte come per legge 12) Palazzina dei Vigili (Cesena corso Cavour, 103): fabbricato di prestigio in zona centrale attualmente destinato a sede del
Comando della Polizia Municipale.
Base dasta . 1.320.000 oltre imposte come per legge
Per informazioni relative agli IMMOBILI, BANDI DI GARA e MODALIT DI PARTECIPAZIONE: consultare il sito internet www.valorecitta.it; telefonare al numero sotto indicato, dal luned al venerd, ore 9,00-13,00 15,00-19,00; rivolgersi allufficio di Valore Citt (c/o
Comune di Cesena settore Patrimonio ingresso lato Rocca Malatestiana 1 piano) nella giornata di mercoled, ore 9,30-12,00.

Iscrivendosi alla NEWSLETTER di Valore Citt (vedi apposita sezione presente nel sito www.valorecitta.it) sar possibile ricevere
utili aggiornamenti in merito alle pi importanti novit.
Tel. 0547 356810 Fax 0547 356587 e-mail: info@valorecitta.it
Il Liquidatore Dott. Francesco Pasqualicchio

18

Sport Csi

Gioved 24 novembre 2016

Pagina a cura del Centro Sportivo Italiano


Comitato di Cesena

Si svolta domenica 13 novembre nella sede del circolo scacchistico Paul Morphy la quattordicesima tappa del torneo itinerante. Il giovane Marco Landi il pi bravo di tutti

Assalto alla Rocca, a Cesena lultima gara


D
omenica 13 novembre
presso il circolo
scacchistico Paul
Morphy di Cesena, affiliato al
comitato Csi della nostra citt, si
svolta la quattordicesima e
ultima tappa del torneo
itinerante denominatoAssalto
Alla Rocca.
Questanno i partecipanti sono
stati complessivamente 80,
provenienti da tutta la Romagna
e talvolta anche da Bologna.
Il torneo, ideato dieci anni fa, si
arricchisce col tempo di qualche
nuova tappa, rigorosamente
nella provincia di Forl-Cesena; l
anno prossimo gli appuntamenti
saranno 15 perch verr inclusa
anche Savignano sul Rubicone.
Lultima tappa ha fatto registrare

il successo del maestro Matthieu Bordet


di Ravenna, che ha chiuso imbattuto,
seguito dal presidente del circolo
cesenate Remo Mariani e da Marco Landi
di Ravenna.
Nella classifica generale, calcolando tutte
le 14 tappe, il vincitore anche questanno
il bravo e giovane scacchista Marco
Landi, che solo per mezzo punto
riuscito a superare Idio Casadei di Imola.
Tappa dopo tappa si accesa una sfida
serrata ma correttissima tra questi due
giocatori, amici e frequentatori del
circolo Paul Morphy da molti anni.
Terzo classificato Kirk Kacani, brillante
giovane scacchista cesenate, che ha solo
11 anni e ha iniziato a studiare
seriamente questo meraviglioso gioco da
poco meno di tre anni.
Prima tra le signore Daniela Di Bene,
moglie di Idio Casadei, appassionatasi a

Al Palapeep Madonnina
di Cesenatico si svolto
domenica 13 novembre
il 3 Trofeo
di San Martino. Sessanta
i giovani atleti
che vi hanno partecipato

Pattinaggio
artistico
La passione
per le rotelle
S

i svolta domenica 13
novembre, presso il Palapeep
Madonnina di Cesenatico, la
terza edizione del Trofeo di San
Martino, manifestazione organizzata
dal Centro Sportivo Italiano di Cesena
e riservata alle giovani promesse dei
pattini a rotelle, che frequentano i
corsi organizzati dal Csi di Cesena,
dalla Libertas Pattinaggio di Forl e dal
Gruppo Cervia Pattinaggio Asd.
NELLA
Sul parquet del Palapeep di
FOTO SOPRA,
Cesenatico hanno gareggiato 60
LE ATLETE
giovani atleti suddivisi nelle sei
DELLAGONIcategorie previste: Mini-Germogli,
STICA CSI.
Germogli, Boccioli, Petali, Fiori, Frutti,
ACCANTO,
su percorsi a difficolt crescenti a
TUTTI
I PARTECIseconda dellabilit acquisita dai
PANTI
ragazzi durante lanno sportivo: pochi
DELLA
mesi per i Germogli e Minigermogli,
maggiori conoscenze e sicurezza nelle SOCIET CSI
DI
altre categorie, fino a un pattinaggio
PATTINAGGIO
sicuro e valido nella Preagonistica e
Agonistica.

questo gioco seguendo il marito nei vari


tornei in giro per litalia. Tra gli under 14
non classificati, ha brillato Theo Ravaioli
di Castrocaro Terme classificandosi
primo nella sua categoria.
Assalto alla Rocca riprender a marzo
per ledizione del 2017, con 15 tappe che
si disputeranno sempre la domenica.
Ora il circolo cesenate si appresta a dare
vita al Torneo Open di Natale, che inizia il
25 novembre e terminer pochi giorni
prima della grande festivit cristiana: si
giocher sempre una partita, a tempo
lungo, nelle serate del marted e venerd,
a partire dalle 21,15.
Patrizio Di Piazza
segretario del Circolo scacchisticoPaul
Morphy di Cesena
Nella foto, i premiati del Torneo di scacchi
Assalto alla Rocca

Brevi
Il ciclismo Csi alla fiera
delle due e quattro ruote

Le gare sono state alternate dallesibizione del gruppo Preagonistica Cervia


Pattinaggio con una coreografia ispirata alla favola di Alice nel paese delle
meraviglie, dallesercizio singolo di Francesca Giottoli e Flavia Benini
dellAsd Libertas Pattinaggio Forl.
In chiusura di giornata lesibizione del gruppo agonismo Csi Pattinaggio
Cesena. A seguire le premiazioni.
Sono saliti sul podio: categoria Minigermogli a pari merito Samanta
Ceccarelli e Martina Pandolfi, categoria Germogli: 1) Giada Pandarola, 2)
Luca Giottoli, 3) Gaia Giannetti,categoria Boccioli: 1) Gioia Venturi, 2) Tea
Mengozzi, 3) Sara Giannini. Categoria Petali: 1) Zoe Mengozzi, 2) Matilda
Ferraresi, 3) Lucia Scarpellini. Categoria Fiori: 1) Giada Liverani, 2) Sara
Valdinoci, 3) Elisa Bagnolini. Categoria Frutti: 1) Viola Ronconi, 2)
Cassandra Guerre, 3) Martina Berardi.
Tutti gli atleti sono stati premiati con una medaglia a ricordo della
manifestazione. Cos pure gli istruttori dei tre centri: Marco Garelli, Tanja
Lenaz e Laura Del Greco. I Giudici di gara sono stati Alice Zocca, Grazia
Greta e Margherita Martini. Il tavolo dellorganizzazione stato a carico di
Anna e Marco Gabbanini. Presenti per il Csi Cesena Mauro Armuzzi,
Giuseppe Degli Angeli e Stefano Ceccarelli.

Sabato 26 novembre (dalle 9,30 alle 20,30) e


domenica 27 novembre (dalle 9,30 alle 19,30) si
svolger a Pievesestina di Cesena la Fiera sulle due
e quattro ruote, denominataRuotando - Fatti un
giro. Nello spazio allinterno della struttura
fieristica presente uno stand del Ciclismo Csi
regionale, i cui addetti saranno lieti di incontrare
chiunque avr piacere di parlare e vedere unattivit
allinsegna di uno sport sano e piacevole.
Verranno per loccasione presentate tante belle
novit e opportunit, per un 2017 pieno di qualit e
puro divertimento. inoltre previsto un utile
gadget per chi avr tempo e modo di fare una visita
allo stand.

Parte la Coppa
di Calcio a 5 femminile
Domenica 27 novembre ha inizio la fase preliminare
della 4 Coppa Csi di calcio a 5 femminile, cui hanno
aderito 8 formazioni che danno vita a due
raggruppamenti.
Nel girone A troviamo lOsservanza Club P.
Martelli, la Pol. Fiorenzuola Tienneti, lOsservanza
(tutte di Cesena), e lA.C. Pol. Ranchio; nel girone
B il Solaris Viserba, lo Smile Team Insieme di
Bellaria, il Castelvecchio e la Citt del Rubicone,
entrambe di Savignano sul Rubicone.
Le prime due squadre classificate di ogni girone si
qualificano per le semifinali.

Pagina aperta

Il direttore risponde

Gioved 24 novembre 2016

19

LOcchio indiscreto

Nel tempo saranno milioni quelli costretti a fuggire


Attenzione alla globalizzazione dellindifferenza

aro direttore, lesodo volontario, o forzato che sia, dei migranti provenienti
dalle coste africane, mi fa pensare allesodo biblico del popolo ebreo verso laterra
promessa, perch perseguitati dagli egizi. E
sempre stato detto che la storia si ripete, per cui
si pu anche pensare che ci possa essere un disegno divino in tutto questo. Nel tempo saranno milioni le persone che fuggiranno, per
diversi motivi, dai paesi di origine che, pur
avendo conquistato lindipendenza e lautodeterminazione, non hanno saputo organizzare il
paese democraticamente. Forse, tutto sommato,
avevano meno problemi al tempo del colonialismo. Comunque sia o la si pensi, nessun stratega politico avrebbe immaginato uno
stravolgimento simile in quel grande e ricco
continente che lAfrica. Domanda: noi popoli
liberi e democratici dobbiamo sentirci, in qualche maniera, corresponsabili in questa catastrofe del genere umano? Personalmente
rispondo che mi sento tranquillo come cittadino del mondo. Mi sento di attribuire, in genere, responsabilit alla geopolitica, ai potenti
della terra che hanno pensato di influenzare
questi paesi, ricchi di materie prime, con la formula politica della democrazia esportabile,
oltre naturalmente al commercio delle armi e
della tecnologia.
Ora, che la politica nazionale ed europea non sa
come affrontare il problema, siamo noi cittadini a doverci adeguare a questa nuova e imprevista realt. Oltre a dover risolvere i nostri
quotidiani problemi e quelli dei nostri giovani,
in una difficile situazione economica che ci ha
resi pi poveri e sfiduciati, dobbiamo sobbarcarci totalmente i salati costi del mantenimento, non ipotizzabile nel tempo, della loro
permanenza? Tutti conosciamo la massima biblica ti guadagnerai il pane col sudore della
fronte, ma anche larticolo 1 della Costituzione
Italiana: LItalia una Repubblica democratica
fondata sul lavoro. Va detto, per rispetto e correttezza ai tanti cittadini onesti di questo travagliato Paese, che molti non rispettano
eticamente e moralmente la cristiana, laica e
democratica citazione. Essere onesti una scelta

di vita e di dignit, a prescindere. Ritengo


quindi umano e corretto che i rifugiati politici
gi conclamati e tutti quelli che percepiscono, a
vario titolo, emolumenti statali di sostegno economico per mancanza di lavoro, siano, per
legge, chiamati in funzione delle proprie competenze e conoscenze professionali, a svolgere,
per le otto ore canoniche, lavori socialmente
utili. Vedere questi ragazzi ad armeggiare con lo
smartphone tutto il giorno indispettisce un po
tutti. Chi ha fatto lemigrante in Svizzera, Germania sa bene che la polizia ti chiedeva cosa facevi in giro nellorario in cui tutti lavorano!
Lintegrazione passa soprattutto attraverso il lavoro perch si fa parte di una squadra, di un sistema che porta tutti noi a sentirci utili e a
contribuire al progresso del paese, nostro e del
bene comune. ()
Grazie per lospitalit.
Marino Savoia Cesena
Carissimo Savoia, lei pone una questione di
estrema attualit. Nessuno ha ricette precostituite. Di fronte allemergenza, non ci si pu
voltare dallaltra parte. A chi chiede aiuto perch fuggito, scappato, inseguito, perseguitato,
affamato, impaurito non si pu chiudere la
porta in faccia. Questo dice e ripete spessissimo
papa Francesco. E insiste per salvarci dalla
globalizzazione dellindifferenza, espressione
che indica quale terribile male pu colpirci.
Sono di ritorno da un viaggio in Giordania (ne
parler sul prossimo numero) durante il quale
ho incontrato profughi in fuga da Mosul e da
Bagdad. Gente costretta a fuggire nel volgere di
un paio dore. Che le devo dire di pi? Vogliamo ignorare questa realt? E non possiamo neppure chiamarci fuori. Qualche
settimana fa un amico mi ha fatto notare che
ogni mattina, in uno dei nostri primi gesti
quotidiani abbiamo a che fare con questa
gente della quale vorremmo lavarci le mani. E
questo gesto quello di fare il caff. Caff che
in Europa e in Occidente non si produce.
A presto.
Francesco Zanotti
zanotti@corrierecesenate.it

Festa con i nonni alla scuola materna di San Carlo


Nelle scorse settimane,
alla scuola materna
Bambin Ges di San
Carlo, stata celebrata
la festa dei nonni.
Pubblichiamo
una
delle lettere scritte dai
nonni nei giorni
successivi.
Che emozione vedere
tante faccine felici con
noi vecchietti, forse pi
felici di loro.
E che tuffo al cuore
sentire chiedere a chi
piaccia coltivare lorto,
dopo che, per una vita, lo abbiamo amato, curato e ci siamo fatti prima grandi e poi vecchi
con la zappa in mano.
Ormai le forze hanno ceduto il passo alla saggezza e so che il futuro di quelle faccine sorridenti
sar pi radioso se sapranno coltivare lamore per la terra.
nonno Mario

Le parrocchie di Boschetto e Valverde di Cesenatico


salutano don Giorgio Zammarchi
Caro don Giorgio,
quando capita che un compagno di viaggio prende unaltra strada, si rimane male.
E se quel compagno proprio il tuo pastore ci si sente un po smarriti, come se ci venisse a
mancare un riferimento. E allora dispiace tanto, e a dire il vero ci si arrabbia anche un po.
Ma poi si pensa che in fondo, anche se si prendono strade diverse, la meta la stessa e si
cammina tutti nella stessa direzione.
E tu don Giorgio per noi, in questi 10 anni, sei stato un grande pastore.
Come un buon padre di famiglia ci hai continuamente incoraggiato a cambiare il nostro
modo di vivere la fede per essere cristiani veri, e lo hai fatto amandoci con tutte le nostre povert spirituali, per questo ti ringraziamo anche per i tuoi rimproveri.
Ti ringraziamo perch ci hai incitato ad essere cristiani coerenti, in famiglia prima di tutto e
poi nella societ, nel lavoro, a scuola Ti ringraziamo anche per il tuo suo sorriso, per aver
pregato con noi e per noi e per averci insegnato lamore per la Parola di Dio.
Sono tante le cose che vorremmo dirti in questo momento che sintetizziamo in tre peculiarit
che ci hai insegnato con lesempio della tua vita:
- Spirito di servizio. Non ti sei risparmiato pur di portarci a Ges. Soprattutto in questo ultimo
anno, dove la salute non ti ha aiutato, hai continuato a donarti, donarti e donarti per la parrocchia, cio per tutti noi. Grazie.
- Umilt. Ci hai insegnato a vedere in ogni circostanza della vita la mano di Dio allopera.
Un Dio buono che ci accoglie sempre a braccia aperte, come sempre tu hai fatto con ognuno
di noi. Non possiamo poi non ringraziarti perch hai saputo mostrare anche le tue debolezze
di uomo, e per questo ti abbiamo apprezzato ancora di pi. Umilt che ci hai mostrato nellaccogliere questo trasferimento, certamente molto difficile per te.
Nel rimettere il tuo incarico nelle mani del vescovo, forse con dubbi e timori che sono di tutti

Il fascino del mare non conosce stagioni, anche con gli ombrelloni piegati o i pedal parcheggiati come si apprezza da questa foto scattata nei giorni scorsi a
Valverde di Cesenatico in una bella e limpida giornata di sole. Lideale per una
corsa o una passeggiata rigenerante lungo la spiaggia.
gli uomini, ci hai
mostrato concretamente cosa
vuol dire sia
fatta la Tua volont. E questo
tuo esempio ha
aiutato anche
noi ad accettare
questo disegno
SECONDO DA SINISTRA, DON GIORGIO ZAMMARCHI
di Dio, seppure
con dolore.
- Attenzione agli
ammalati. Hai incarnato unopera di misericordia: visitare gli ammalati. Quando
sapevi che una persona era ammalata, partivi con la tua bicicletta per andarla a trovare, motivato dal desiderio di portare affetto e conforto ma soprattutto la speranza, cio far sentire loro lamore misericordioso del Padre, il Dio della vita e della
gioia.
Ti ringraziamo anche per aver reso pi bella e accogliente la nostra chiesa,
compreso lambone...
Grazie soprattutto per averci portato Ges ogni giorno e per aver seminato con
gioia, nei cuori di tutti noi, lAmore di Dio.
Ti auguriamo ogni bene e sempre uniti nella preghiera ti salutiamo con tanto,
tanto affetto. Maria Madre della Chiesa, Assunta in cielo, ti protegga sempre.
Ps: Un grande Grazie anche alla tua famiglia che diventata anche la nostra famiglia,
per laccoglienza, la disponibilit e lamicizia che ha saputo dare in tutti questi anni
trascorsi insieme a noi. Grazie di cuore e un abbraccio fraterno ad Anna e Bruno.
I tuoi parrocchiani

foto Pier Giorgio Marini

DIOCESI DI CESENA-SARSINA

campagna
abbonamenti
2017
Settimanale dinformazione fondato nel 1911

Cronaca
attualit
vita della Chiesa
focus
Per vivere
la comunit
per sentirsi
partecipi
e compagni
di viaggio
Ogni gioved
in edicola
Ogni settimana
a casa tua
Sito internet
www.corrierecesenate.it
Siamo presenti
anche su Facebook
e su Twitter
con laccount @ccesenate
Per info: redazione
Corriere Cesenate,
via del Seminario 85
Cesena, tel. 0547 300258,
redazione@corrierecesenate.it

Un anno
di buone abitudini
COME ABBONARSI

Utilizzando il bollettino di C.C.P. n. 14191472,


intestato a Corriere Cesenate, via del Seminario 85, Cesena
Presso la redazione del Corriere Cesenate, in via del Seminario 85, Cesena
Alla libreria cattolica San Giovanni, corso Sozzi 39, Cesena (nuova sede)
Con bonifico bancario. Beneficiario: Diocesi di Cesena-Sarsina per Corriere Cesenate.
Banca: Cassa di Risparmio di Cesena, sede.
Iban: IT32Y 06120 23901 CC0010021712

QUOTE ABBONAMENTO (invariate)

Ordinario: 48 euro
Sostenitore: 70 euro
Amico: 100 euro
Estero: 100 euro