Sei sulla pagina 1di 7

Emittente TV

VIDEO
Canale 286

Canale 678

Quotidiano della Provincia di Siracusa

Sicilia

66

mail: libertasicilia@gmail.com
Fondatore Giuseppe Bianca nel 1987
marted 22 novembre 2016 Anno XXix N. 267 Direzione, Amministrazione e Redazione: via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 FAX 0931 60.006 Pubblicit locale: via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 Fax 0931 60.006 1,00
www.libertasicilia.it

Permetter a quanti vi faranno ricorso di ottenere una riduzione sulla parte variabile della tassa dei rifiuti Il commissario ha commesso un sorpruso

Raccolta differenziata, al via


la pesatura nei centri di raccolta

Garozzo: La possibilit di avere uno sconto sulla Tari che va dal 20% al 40%
P

politica

arte il servizio di pesatura


dei rifiuti differenziati nei due
centri comunali di raccolta in
contrada Targia ed Arenaura.
Permetter a quanti vi faranno ricorso di ottenere una riduzione sulla parte variabile
della tassa dei rifiuti.
I dettagli del nuovo servizio,
che partir domani, sono
stati spiegati dal sindaco,
Giancarlo Garozzo, e dallassessore allAmbiente, Pietro
Coppa, nel corso di una conferenza stampa tenuta alla
Sala Archimede. Con il conferimento tra 100 a 200 chili
di rifiuti differenziati.

Servizio idrico,
il Comune prepara
la nuova gara dappalto
Presto sar proposta
una nuova gara per la
gestione del servizio
idrico. E la prospettiva
emersa per garantire
il servizio dopo la scadenza, a fine dicembre, dellordinanza e
del contratto sottoscritto dal Comune con la
Siam. Impossibile procedere con una nuova
proroga. Si rende, dunque, necessaria, una
gara dappalto a cui gli
uffici comunali stanno
lavorando proprio in
questi giorni, in modo
tale che dal primo gennaio il servizio possa,
comunque, essere garantito con il nuovo gestore.
A pagina tre

Sopra, Palazzo Vermexio, sede del Comune di Siracusa.

polizia

politica

Siracusa ha bisogno
di una vera e reale
nuova classe politica

Il Meetup cittadino del


M5S in una nota diffusa

occasione dellincontro di calcio Leonzio


Igea Virtus, valevole per
il campionato di serie D.
A pagina dodici

seguito della revoca della delibera consiliare della


CCIAA di Siracusa da parte del commissari straordinario,
delibera che stabiliva lo stop all'accorpamento della Camera
a quella di Catania, le associazioni di categoria siracusane
si sono incontrate ieri alla Camera di Commercio.

A pagina quattro

A pagina due

A pagina tre

Celebrata la Virgo Fidelis


nella chiesa dei Cappuccini

carabinieri

lla chiesa Maria SS.


della Misericordia, convento dei Capuccini, di
Siracusa, con una intima cerimonia religiosa
stata celebrata ieri
mattina da mons. Sebastiano Amenta.

Da

tempo picchiava e
minacciava la madre, per
futili motivi, forte del fatto
di essere conoscitore.
A pagina cinque

In foto, il salone della Camera di Commercio di Siracusa

ieri pomeriggio, interviene


sul sistema Siracusa che
si consolidato negli anni
2000. Pubblichiamo il testo
integrale.

Disordini partita Picchia la madre,


Leonzio-Igea V. arrestato 34enne
cinque denunce siracusano
In

No allo scippo della


Camera di commercio
Pronta loccupazione

Una pattuglia dei Carabinieri.

A pagina cinque

Focus 2
A seguito della revoca della delibera con-

siliare della CCIAA


di Siracusa da parte del commissari
straordinario,
delibera che stabiliva lo
stop all'accorpamento della Camera a
quella di Catania, le
associazioni di categoria
siracusane
si sono incontrate ieri alla Camera
di Commercio, da
dove stato inviato
un telegramma al
governatore Rosario Crocetta. Lex vicepresidente Pippo
Gianninoto nel testo
chiede con forza al
presidente della Regione di bloccare
il procedimento di
accorpamento con
Catania e Ragusa.
Serpeggiava nervosismo nellincontro
di ieri mattina che
potrebbe portare anche alloccupazione
delledificio prima di
una qualunque risposta di Crocetta.
E chiaro che i toni
dello scontro sono
nella delibera con
cui il commissario
ad acta della Camera di Commercio di
Siracusa, Dario Tornabene, ha revocato
la volont di uscire
dallaccorpamento.
E questo nonostante il chiaro voto del
consiglio camerale
contro lunione con
Catania e Ragusa.
Per Pippo Gianninoto questa delibera
del commissario
una precisa volont politica, come
uno schiaffo al territorio di Siracusa,
a difesa del quale si
sono mossi anche
i deputati regionali
della provincia che
hanno firmato un
documento comune
con Ragusa inviato a
Crocetta pochi giorni addietro con cui

Sicilia 22 novembre 2016, marted

22 novembre 2016, marted

Nonostante lappello sottoscritto


dalla deputazione
di Siracusa
e Ragusa, si vuole commettere
unazione illecita,
disonesta dello
strappo dal territorio della Camerca di Commercio
di Siracusa
In foto, il salone della
Camera di Commercio
di Siracusa

No allo scippo della


Camera di commercio
pronta loccupazione

Le associazioni di categoria siracusane si sono incontrate


ieri alla Camera di Commercio, da dove stato inviato
un telegramma al governatore Rosario Crocetta

On. Sorbello:
E un sopruso
quello messo
in atto dal
commissario
Tornabene

Il

deputato regionale Pippo Sorbello non


usa mezzi termini.
"E' un sopruso vero e
proprio", esclama riferendosi alla delibera
con cui il commissario
ad acta della Camera di Commercio di
Siracusa, Dario Tornabene, ha revocato
la volont di uscire
dallaccorpamento
con Catania e Ragusa, precedentemente
espressa dal consiglio
camerale.

"Lo invito caldamente a


rivedere la sua posizione, dannosa per la tutela delle risorse e delle ricchezze locali della
provincia di Siracusa,
insiste l'on. Sorbello.
Che si piazza a difesa
di quanti stanno giustamente rumoreggiando
per una decisione che
pare seguire solo la
difesa degli interessi
della vicina Catania.
"Non si pensi di fare di
Siracusa un sol boccone. Pronti anche a fare

ricorso al Tar contro


un accorpamento che
miope. Visto che la
legge Madia lo permette, si caldeggi piuttosto
una fusione SiracusaRagusa, province con
molte peculiarit in comune, anche nel tessuto economico".
Nei giorni scorsi, Pippo
Sorbello aveva firmato
la nota con cui la deputazione siracusana quasi compatta - invitava Crocetta a rivedere
la fusione.

chiedevano di rivedere la fusione e suggerivano, eventualmente, di procedere


solo con lunione tra
Siracusa e Ragusa
viste le comuni peculiarit.
Insomma,
Catania vuole tutto e
subito. Il presidente
della Regione pare
pronto alla firma di
accorpamento per la
nascita della Camera
del Sud Est.
Dopo un primo apparente iniziale impegno, appare chiaro
che i parlamentari
di maggioranza siano in estremo grave
imbarazzo, di fronte
al muro di gomma
issato dai governi
Crocetta e Renzi,
totalmente sordi alle
istanze del Consiglio
camerale di Siracusa
e dellintera rappresentanza parlamentare di maggioranza
e opposizione della
provincia, il commento del senatore
Bruno Alicata e della deputata Stefania
Prestigiacomo (FI).
In virt di quali oscuri interessi non
dato sapere, non si
intende consentire la
revoca dellaccorpamento con Catania,
tanto pi che liter
non si ancora concluso e si quindi in
tempo per applicare i
criteri previsti dal decreto attuativo della
legge Madia.
Registriamo, pertanto, pur con le dovute
eccezioni, la silenziosa impotenza della
deputazione di maggioranza e dellassessore Marziano nei
confronti degli esecutivi Crocetta e Renzi,
imperterriti nel manifestare arroganza e
menefreghismo verso un territorio che si
avvia definitivamente
ad essere spogliato
dai poteri forti.

Lintervento del presidente della Confesercenti Siracusa, Arturo Linguanti

Gli imprenditori siracusani devono essere i protagonisti del loro futuro

Lo scorso venerd il commissario


della Camera di commercio, Dario
Tornabene, ha firmato la revoca la
deliberazione del consiglio camerale del 17 giugno che aveva per
oggetto: la proposta di revoca della
deliberazione dello stesso consiglio del 21 febbraio 2015 relativa
allaccorpamento delle circoscrizioni territoriali di Catania, Ragusa e
Siracusa.
Il commissario motivava la delibera con il fatto che il Ministero dello
Sviluppo Economico aveva ribadito, tra laltro, che la Camera di
Commercio, una volta esercitata la
loro competenza di proposta e soprattutto una volta che tale proposta abbia gi dato luogo al provvedimento di istituzione della nuova
Camera di Commercio, non hanno

alcun potere di blocco o di revoca


n relativamente al conseguente
provvedimento Ministeriale.
A tal proposito interviene il massimo rappresentante della Confesercenti, Arturo Linguanti il quale
si oppone allaccorpamento: Da
quando iniziata la procedura di
accorpamento delle Camere di
Commercio di Siracusa, Catania
e Ragusa, abbiamo mantenuto un
atteggiamento leale e trasparente, sempre attento alla tutela degli
interessi del nostro territorio. Per
questo motivo, abbiamo prontamente denunciato tutte le anomalie
via via riscontrate, tenendo sempre
presente che l'obiettivo primario
dell'accorpamento doveva essere
quello di valorizzare le nostre attivit commerciali ed imprenditoriali

argomenta Linguanti -. Di fronte


ad un atteggiamento chiaramente
ostruzionistico, abbiamo deciso di
revocare la nostra disponibilit ad
un accorpamento che ci avrebbe
ridotto a provincia satellite di Catania, con l'inevitabile peggioramento della nostra economia. Non
cerchiamo sottomissione, purtroppo ne abbiamo un'esperienza negativa, visto che nel tempo la nostra autonomia decisionale stata
ampiamente diminuita prosegue
Linguanti -.
Vogliamo opporci al progressivo depauperamento delle nostre
risorse locali, consapevoli della
necessit di valorizzare tutte le
ricchezze del nostro territorio, del
nostro patrimonio artistico e culturale, mettendo finalmente a frutto

i sacrifici dei cittadini siracusani


che hanno investito nella loro citt,
offrendo nuove opportunit ai giovani. Cerchiamo quindi conclude
Arturo Linguanti - il sostegno di tutti quegli imprenditori e di tutti quei
commercianti che non si riconoscono in un disegno realizzato per
noi da altri, ma che vogliono essere
protagonisti della rinascita e del rilancio della nostra citt.
Intanto hanno preannunciato di ricorrere in tutte le sedi per opporsi
al provvedimento. E uno strappo
al territorio - dice lex vice presidente dellente camerale, Pippo Gianninoto - che in stragrande maggioranza ha chiesto di non procedere
con laccorpamento. E una scelta
politica il cui senso a noi sfugge ma
che anti democratico.

Caso Augustea
e il consiglio
comunale di oggi
ad Augusta

ancora un caso, la situazione


dei lavoratori di Augustea. Nella
giornata odierna si svolger un consiglio comunale ad hoc ad Augusta
ma il segretario territoriale generale
della Uil Stefano Munaf rincara la
dose dopo aver sottolineato pochi
giorni fa di auspicare lunitariet
fra organizzazioni sindacali per risolvere la questione.
E invece vedo che si va avanti
sempre in modo disgregato e cos

Sicilia 3

non si fa il bene di questi lavoratori. Munaf poi intervenuto sulle


dichiarazioni del sindaco Cettina Di
Pietro la quale ha sottolineato che
avrebbe profuso tutte le sue forze
per la stabilizzazione di una parte
dei lavoratori.
Ma a noi interessa la totalit ha
tuonato Munaf e non solo una
parte di essi. Cos non si risolve
nulla. Mi auguro che questa vicenda non venga sottovalutata ha

SiracusaCity

aggiunto il segretario territoriale


generale della Uil Siracusa-Ragusa-Gela perch in ballo c anche la questione dei rimorchiatori e
dunque la sicurezza dellintera area
del porto. Spero che il consiglio comunale non sia solo per pochi intimi
ma vengano invitati tutti i soggetti
che possano dare un contributo
importante, a cominciare da tutte le
organizzazioni sindacali e non solo
una parte di esse.

Raccolta differenziata, al via la


pesatura nei centri di raccolta

Permetter a quanti vi faranno ricorso


di ottenere una riduzione sulla parte
variabile della tassa dei rifiuti

arte il servizio di pesatura dei rifiuti differenziati nei due centri


comunali di raccolta
in contrada Targia ed
Arenaura. Permetter a
quanti vi faranno ricorso
di ottenere una riduzione sulla parte variabile
della tassa dei rifiuti.
I dettagli del nuovo servizio, che partir domani, sono stati spiegati
dal sindaco, Giancarlo
Garozzo, e dallassessore allAmbiente,
Pietro Coppa, nel corso di una conferenza
stampa tenuta alla Sala
Archimede.
Con il conferimento tra
100 a 200 chili di rifiuti
differenziati si avr diritto al 20% di riduzione della Tari, dai 200
chili in poi al 40%. Non
tutti i rifiuti differenziati
conferiti e pesati saranno valutati allo stesso
modo. Infatti carta, cartone, plastica, alluminio
e metallo avranno un
coefficiente di ponderazione 1; il vetro 0,3;
i RAEE, lavastoviglie
e frigoriferi varranno
4 chili a pezzo mentre
computer e strampanti
2 chili a pezzo; gli ingombranti, quali arredi
medi e grandi e materassi, 4 chili a pezzo.
I cittadini titolari di utenze domestiche che volessero conferire questi
beni nei centri di raccolta lo potranno fare
tutti i giorni, compresa
la domenica ed escluso il marted, giorno di
chiusura, dalle 8 alle
13 e dalle 16 alle 19.
In sede di conferimento
dovranno esibire un documento di identit e la
tessera sanitaria.
Resi noti anche i risultati del servizio di
raccolta porta a porta. Per carta e cartoni
sono state raccolte 70
tonnellate a settembre,
85 ad ottobre, a fronte
della media di 46 tonnellate per tutto il primo

semestre
dellanno,
con quasi il raddoppio.
Lincremento
appare
ancora pi evidente
se raffrontato agli anni
passati: nel 2015 la media mensile era stata di
56 tonnellate, nel 2014
di 53 tonnellate.
Per quanto riguarda
il vetro, a settembre
raccolte 55 tonnellate, mentre per il primo
semestre la media era
stata di 38, con un aumento quindi del 40%.
Per quanto concerne
gli imballaggi in cartone
a settembre raccolte 22
tonnellate, a fronte di
una media mensile nel
primo semestre di 15
tonnellate, con un aumento quindi di pi di
un terzo. Per gli imballaggi in plastica raccolte 50 tonnellate, la me-

in foto, lincontro di stamane per la presentazione pesatura dei rifiuti.


di una media mensile di ai due CCR, voglio ricor60, con un aumento del dare che una si trova in
contrada Arenaura zona
20%.
Finalmente
siamo via Elorina e laltro si
pronti per poter fare pe- trova in contrada Targia
sare i rifiuti ai cittadini che abbiamo aperto un
che si vorranno recare anno e mezzo fa circa

dia mensile del primo


semestre era stata di
27,5 tonnellate, con una
percentuale quindi raddoppiata. Per gli ingombranti, infine, raccolte
70 tonnellate, a fronte

Vinciullo: Il Comune finalmente capisce che deve fare la gara

Servizio idrico, il Comune


prepara la nuova gara dappalto

Presto sar proposta una nuova gara


per la gestione del
servizio idrico. E la
prospettiva emersa per garantire
il servizio dopo la
scadenza, a fine
dicembre, dellordinanza e del contratto
sottoscritto
dal Comune con la
Siam. Impossibile
procedere con una
nuova proroga. Si
rende, dunque, necessaria, una gara
dappalto a cui
gli uffici comunali
stanno lavorando
proprio in questi
giorni, in modo tale
che dal primo gen-

naio il servizio possa, comunque, essere garantito con


il nuovo gestore.
Un gestore che
sar, ovviamente,
transitorio, in attesa che la riforma
regionale sia concretizzata con la
formula stabilita. I
lavoratori di Siam
saranno garantiti,
cos come nel precedente passaggio
dalla Sai 8 allattuale gestore.
Oggi il Sindaco,
insieme a qualche
esponente
della
Giunta,
avrebbe
dichiarato che entro fine mese verr

predisposto il nuovo bando di gara


per la gestione del
servizio idrico nella citt di Siracusa.
Lo dichiara lon.
Vincenzo Vinciullo,
presidente
della
Commissione Bilancio e Programmazione allARS.
Complimenti!
Ci
sono voluti circa
due anni per capire che bisognava
fare la gara.
Nel frattempo, credo che proseguiranno con lattuale
gestione, passando di proroga in
proroga, in barba
alla legge che ge-

stisce i servizi pubblici.


Questa
amministrazione
comunale, ha concluso
lon. Vinciullo, non
deve andare via
per le indagini di
cui non conosciamo ancora il risultato, ma che di
certo sta facendo
perdere la faccia
a tutti i siracusani,
ma deve andare
via per linconcludenza e lincapacit amministrativa che sotto gli
occhi di tutti e che
nessuno pu oggettivamente negare.

lo afferma il sindaco
Giancarlo Garozzo -. Li
ci saranno delle bilance
dove potranno pesare il
proprio rifiuto e in base
al rifiuto che conferiranno nellarco di un anno
solare avranno la possibilit di avere uno sconto sulla Tari. Lo sconto
va dal 20% al 40% in
base alle quantit sostanzialmente conferite.
Sappiamo che parecchi
cittadini hanno atteso
molto infatti avranno
accumulato i propri rifiuti e da mercoled sar
possibile andare a conferire per poter poi ottenere uno sconto sulla
bolletta che appunto
dovranno pagare della
Tari. Ritengo che sia un
passo in avanti molto
importante conclude
il sindaco -, abbiamo atteso perch speravamo
di poter affidare la gara
dappalto che abbiamo indetto due anni e
mezzo fa per poter dare
questo segnale importante, purtroppo la gara
ancora, per burocrazie
varie non stata ancora affidata e quindi abbiamo inteso accelerare
almeno sulla pesatura
per dare gli sgravi ai cittadini che giustamente
dicono se io differenzio voglio risparmiare.
In questo momento chi
differenzia in maniera
importante avr la possibilit di risparmiare.
Per
lassessore
d
allAmbiente,
Pietro
Coppa, laltro elemento che credo che sia
importante sottolineare
che da domani si potr finalmente pesare
la differenziata. un
tassello nellintero sistema, laltro tassello
era lavvio della raccolta
porta a porta della carta e del cartone e credo che sia importante,
oggi daremo alcuni dati,
gi settembre e ottobre
sappiamo, i dati ce lo
dicono, che quasi raddoppiata la quantit di
carta e cartone raccolta
con il sistema porta a
porta rispetto a quello
del semestre precedente cio da gennaio a
giugno 2016, sia rispetto al 2015, sia rispetto
al 2014. Siamo quasi al
doppio di chili raccolti di
carta e cartone. Quindi
la strada giusta, certamente va incrementato il sistema e questo
avverr quando verr
stipulato il contratto con
il nuovo affidatario.

SiracusaCity 4

Sicilia 22 novembre 2016, marted

Comune e associazioni per restituire


il mare negato di Punta Izzo

N
el pomeriggio di ve- Un traguardo che dovr passare, in primo luogo, dalla richiesta
nerd 18 novembre, il
Coordinamento per la
smilitarizzazione e la tutela di Punta Izzo, di cui
Natura Sicula fa parte,
ha incontrato lamministrazione comunale di
Augusta, nelle persone
del sindaco Cettina Di
Pietro e dellassessore allAmbiente Danilo
Pulvirenti.
Lincontro ha permesso
di proporre, illustrare
e discutere insieme le
concrete azioni che il
Comune di Augusta,
attraverso i suoi uffici,
pu intraprendere per
conseguire la fruizione pubblica del mare
negato di Punta Izzo,
insieme alla migliore
tutela e valorizzazione
dei suoi elementi naturalistici, archeologici,
etnografici, storici e culturali. Un traguardo che
dovr passare, in primo
luogo, dalla richiesta al
Ministero della Difesa
di dismissione del bene
( area militare) e di retrocessione allAgenzia
del Demanio, per destinarlo ai fini di valorizzazione e uso collettivo.
Abbiamo accolto con favore la volont dellamministrazione comunale
di un suo impegno attivo per quegli obbiettivi
che, in definitiva, hanno
giustificato la nascita di

al Ministero della Difesa di dismissione del bene ( area militare)

In foto, Punta Izzo ad Augusta.


questo Coordinamento e della campagna
Punta Izzo Possibile,
nonch la mobilitazione cittadina e lavvio di
una petizione popolare
che ha gi superato la
soglia delle 300 firme
raccolte in meno di due
settimane. A breve faremo pervenire allamministrazione comunale le nostre dettagliate
valutazioni, tecniche e
politiche, in merito ai
percorsi amministrazioni pi efficaci per
le finalit da perseguire, ma anche inclusivi

di un coinvolgimento
democratico della cittadinanza di Augusta.
Nel frattempo, abbiamo la necessit di far
crescere la raccolta
firme, lavorando a dare
maggiore continuit ai
banchetti, ma anche
alle assemblee e altre
iniziative di confronto,
informazione e approfondimento sulla tematica di Punta Izzo, che
possano stimolare la
partecipazione diretta
della comunit. Perch
al di l delle azioni istituzionali, come abbia-

mo pi volte sottolineato, la forza necessaria a


sostenere e far vincere
quest'istanza collettiva
la danno i cittadini e la
spinta popolare che riusciremo a esprimere
dal territorio.
Crediamo che Punta Izzo vada riaperta
alla collettivit per fini
sociali e culturali, ma
assolutamente
posta
al riparo dalle gestioni privatistiche e dalle
speculazioni edilizie e
commerciali, che sono
semplicemente incompatibili con la sopravvivenza e lequa fruizione di unarea marina e
costiera bisognosa di
ritrovare un legame di
simbiosi con la propria
comunit. In linea con
queste considerazioni,
le iniziative che portiamo avanti mirano a
riconvertire Punta Izzo
in un bene comune,
allinsegna di una ritrovata cultura della pace
e della solidariet che
si accompagna, in maniera imprescindibile,
ad uneducazione alla
cura, al rispetto e alla
difesa
dellambiente
naturale, oggi purtroppo sempre pi offeso e
depauperato.

Festa dellalbero al Gargallo, piantumati alberi


in onore a Gargallo, Maiorca, Lo Bello e al Lions

Celebrazione ieri mattina della festa dellalbero con gli

studenti e docenti del liceo Gargallo e dellIstituto Insolera, sia commerciale che agrario. Con loro sono stati
Tommaso Gargallo, nipote del Tommaso Gargallo a cui
il Liceo classico intitolato, e i rappresentanti del Lions
club Siracusa Host, dell'Acquapark Aretusa, dellEco
Control Sud e della Forestale che, in vario modo, sponsorizzano la manifestazione.
Presenti le due dirigenti scolastiche Maria Grazia Ficara del Gargallo e Ada Maria Mangiafico dellInsolera, la
figlia di Enzo Maiorca, Patrizia, il governatore del Lions
club international distretto 108 YB, Enzo Spata e signora, Bruno Maltese, presidente del Lions club Siracusa
Host, e i soci del club; inoltre molti studenti dei due istituti e i professori Mario Romeo e Antonino Augello dell'Istituto agrario e Roberto D'amico del Liceo Gargallo, i
quali hanno curato la realizzazione del progetto.
Per loccasione gli studenti dell'Insolera hanno pulito
dalle erbacce e potato gli sparuti alberi di una parte
del terreno del Liceo Gargallo. E questa mattina sono
stati piantumati un carrubo dedicato a Mario Tommaso
Gargallo e donato dal nipote Tommaso Gargallo, un ulivo dedicato a Enzo Maiorca, un altro per Concetto Lo
Bello e un carrubo dedicato a Lina e Vincenzo Spata,
governatore del Lions Club International 108 YB Sicilia.
Il Lions Host di Siracusa ha proposto alle dirigenti del
Gargallo e della scuola Agraria ha dichiarato il presidente Bruno Maltese - di festeggiare la festa dellalbero
insieme mettendo in dimora degli alberi in memoria di
Tommaso Gargallo, di Concetto Lo Bello, di Enzo Maiorca e di altre persone e anche di tutti quelli che, gargallini
o meno, che vorranno comprare degli alberi per piantu-

Bruno Maltese, presidente del Lions club Siracusa Host

marli perch in questa zona ci sono molte possibilit di


terreno. Cosicch fra qualche anno questa scuola avr
un giardino bellissimo, degno di alunni che vengono
qua, degno di Tommaso Gargallo, degno delle dirigenti
che hanno accettato questa collaborazione in modo eccezionale.
Per Tommaso Gargallo piantare un albero credere nel
futuro, quale posto migliore che stare in una scuola dove
questi sono il futuro del nostro paese che ha proprio bisogno di un buon futuro in questo momento e quindi
una cosa assolutamente lodevole piantare alberi. Insegna ai ragazzi a credere nel futuro.

22 novembre 2016, marted

Siracusa ha bisogno
di una vera e reale
nuova classe politica

Ipomeriggio,
l Meetup cittadino del M5S in una nota diffusa ieri
interviene sul sistema Siracusa che si
consolidato negli anni 2000. Pubblichiamo il testo
integrale.

un momento storico di grande difficolt per l'intera


citt di Siracusa. Malgrado la crisi economica, ed occupazionale, la cronica mancanza di servizi essenziali,
il degrado pi assoluto in cui versano scuole, impianti
sportivi e strade, la pessima gestione dei rifiuti urbani
e del servizio idrico e fognario, la mancanza di infrastrutture a protezione e tutela del cittadino, la mobilita
pubblica inesistente, le croniche incompiute che hanno
trasformato la citt in un comune tra i pi disagiati d'Italia, nonostante tutto questo, siamo costretti ad essere
testimoni di uno spettacolo indegno, indecoroso, i cui
attori protagonisti siedono tutti a Palazzo Vermexio,
nessuno escluso.
Il M5S Siracusa ha pi volte fatto emergere negli ultimi
anni, l'inconsistenza tecnica ed amministrativa di questa assise comunale che verr certamente ricordata
come pessima tra le pessime Amministrazioni che si
sono succedute in questi ultimi anni.
Quello che in questi mesi stato definito sistema
Siracusa non nato ieri e non lo ha inventato Garozzo.
Il sistema Siracusa c' sempre stato, sin da quando fu
deciso di insediare il polo chimico con la prima cementificazione incontrollata della zona alta di Siracusa, cui
presto segu la cementificazione anarchica della costa
sud e si consolida negli anni 2000 con le legislature
di centro-destra sino ad arrivare all'attuale consiliatura
di centro-sinistra.
Il sistema Siracusa ha riguardato la speculazione edilizia fatta con i fondi per la riqualificazione di Ortigia,
con le continue varianti al PRG e la cementificazione di
intere aree anche soggette a vincoli urbanistici o archeologici, il saccheggio di societ pubbliche come la SOGEAS, i lavori del porto turistico, i lodi arbitrali costruiti
ad arte per far arricchire qualcuno con i soldi pubblici e a
danno dei siracusani. Ed ancora, lenorme fetta di milioni di euro che riguarda i servizi sociali, lassistenza agli
anziani e ai disabili, gli asili nido e gli impianti sportivi,
per finire agli appalti per i servizi esternalizzati del Comune dati a cooperative senza gara dappalto ma con
affidamenti diretti dal 1999 (vedi caso STES), per non
parlare di chi gestisce da sempre la raccolta dei rifiuti in
questa citt, con i risultati che conosciamo.
Alla luce dei fatti, si appalesa una scientifica spartizione
degli appalti tra le fazioni politiche in gioco sia di maggioranza sia di opposizione.
I primi effetti della crisi, hanno determinato una diminuzione delle risorse relative alle sovvenzioni elargite dallo
Stato centrale e dalla Regione e quindi hanno riguardato investimenti e trasferimenti. La torta si rimpicciolita e non , pertanto, risultato facile accontentare tutti.
I cittadini, sono stati sottoposti al pagamento di tasse
sempre pi elevate a fronte di servizi sempre pi ridotti
e di scarsa qualit. Tutto, in questa citt, rischia di finire
in frantumi per il sistema.
Per tutto ci, risulta chiaro come, i protagonisti del sistema Siracusa non possano permettersi di perdere
il controllo di appalti e affari in citt, quando ancora ci
sono grosse fette da spartire come il Porto e il nuovo
ospedale.
E allora, ecco che torna di moda il grande classico, il
Gattopardo siciliano. Fare finta che tutto cambi, quando, in realt, non deve cambiare nulla, devono cambiare
solo le figurine che si metteranno in mostra, mentre dietro la scena gli attori sono sempre gli stessi.
Soggetti dalla provenienza politica certa, che abbiano il
compito, poco importa se consapevole o inconsapevole, di sgretolare lattuale sistema, per far dimenticare ai
siracusani chi ha realmente costruito, nel tempo, questo
miscuglio di affari illeciti. Cambiare le figurine in gioco
attraverso una apparente e ben orchestrata operazione
di pulizia, e ricostruire il sistema Siracusa con nuovi
attori, mentre dietro la scena chi tira le fila sono sempre
gli stessi personaggi e affaristi.
Siracusa ha bisogno di una vera e reale NUOVA classe politica, non ha pi bisogno di persone che pensano
solo ai propri tornaconto, ma di persone dal passato
politico pulito e intonso, di persone che vogliono trasformare questo bellissimo territorio in una citt vivibile per
i suoi abitanti e che attragga turisti e visitatori da ogni
parte del mondo. Una citt allavanguardia nel rispetto
dellambiente e delle sue bellezze storiche e architettoniche. Il Meetup cittadino del M5S c' e insieme possiamo farcela. Passate parola.
Meetup Siracusa

In concomitanza con lanniversario della Battaglia di Culqualber

Celebrata la Virgo Fidelis


nella chiesa dei Cappuccini

Sicilia 5

SiracusaCity

Due avolesi, entrambi gi noti alle forze


dellordine per i loro precedenti di polizia

I carabinieri di Noto
sequestrano circa 200 kg
di limoni: due denunciati

roseguono i servizi preventivi e repressivi posti


La ricorrenza della santa Patrona dei Carabinieri inPessere
dal Comando Compagnia Carabinieri di

lla chiesa Maria SS. della Misericordia, convento dei Capuccini, di Siracusa, con una intima
cerimonia religiosa stata celebrata ieri mattina da mons. Sebastiano Amenta, vicario della
Diocesi di Siracusa, la ricorrenza della Virgo
Fidelis santa Patrona dellArma dei Carabinieri, alla presenza dei militari in servizio del Comando Provinciale Carabinieri di Siracusa, del
personale in congedo, delle Benemerite, degli
amici dellArma e delle autorit provinciali tra le
quali S.E. il Prefetto Armando Gradone e il Sindaco della citt, Giancarlo Garozzo. Fu Papa
Pio XII che l8 dicembre 1949, festa di Maria
Immacolata, proclam Maria Madre di Ges
Virgo Fidelis Patrona dei Carabinieri fissando
la sua ricorrenza il 21 novembre di ogni anno,
in concomitanza con lanniversario della Battaglia di Culqualber, combattuta dal 1 Battaglione Carabinieri e mobilitato nel 1941 in Africa Orientale. Nelloccasione della contestuale
celebrazione della Giornata dellOrfano che
ha visto la partecipazione delle vedove e gli
orfani dei militari dellArma, sono stati ricordati
i caduti nelladempimento del proprio dovere,
Carabinieri che in pace ed in guerra hanno
saputo tener fede al giuramento prestato fino
allestremo sacrificio e ai quali sono stati resi
gli onori sulle note del Silenzio suonato a con-

Picchia la madre, arrestato


siracusano di 34anni

Da tempo picchiava e minacciava la madre, per fu-

tili motivi, forte del fatto di essere conoscitore delle


arti marziali. cos finito in manette un 34enne di
Siracusa L.T., incensurato. Al termine dellennesima discussione la donna, dopo aver ricevuto calci
e pugni, approfittando di un momento di distrazione del figlio, scappata riuscendo a chiedere aiuto. A prestarle soccorso una pattuglia dellAliquota
Radiomobile della Compagnia di Siracusa, che ha
subito messo al sicuro la donna, che presentava vistose ecchimosi ed escoriazioni, ed accompagnata
al Pronto Soccorso. Il figlio stato arrestato e su
disposizione dellAG di Siracusa stato sottoposto
agli arresti domiciliari presso altra abitazione.
I Carabinieri della Tenenza di Floridia hanno arrestato in flagranza di reato M.P., 36 anni, incensurato,
per il reato di atti persecutori nei confronti della sua
ex fidanzata. La donna da tempo era tempestata di
messaggi e telefonate al suo cellulare, spesso dal
contenuto offensivo e minaccioso, anche di morte,
da parte dellex fidanzato che non accettava la fine
della loro relazione. Lo stesso pi volte ha pedinato
la donna mentre si recava al posto di lavoro o rientrava a casa creando nella stessa paura, sconforto
e costringendola a modificare le sue abitudini di vita
pur di evitare lo stalker. Nellultimo episodio larrestato ha seguito in macchina la donna fino al posto
di lavoro, continuando a mandarle messaggi al cellulare, e creandole problemi mentre anche la stessa
si trovava alla guida della propria autovettura, fino a
quando la donna ha chiesto aiuto e i Carabinieri che
hanno proceduto allarresto di M.P. poi sottoposto
agli arresti domiciliari cos come disposto dallAG di
Siracusa.
Nella notte appena trascorsa i Carabinieri della Tenenza di Floridia, al termine di breve attivit dindagine, hanno arrestato per tentato omicidio Giovanni
Civita, 37enne di Floridia, disoccupato, con precedenti di polizia. Lo stesso in una piazza del paese,
al culmine di una lite con un ragazzo, anche lui di
Floridia, al quale aveva ceduto dello stupefacente
in appoggio affinch lo potesse spacciare a sua
volta, lo ha aggredito con un coltello a serramanico
provocandogli delle ferite al collo ed ad entrambe le
mani con le quali si parava nel tentativo di difendersi dai fendenti. Il motivo dellaggressione sarebbe
legata ad un debito di circa 150 euro che la vittima
non avrebbe onorato proprio per non aver pagato lo
stupefacente ricevuto.

Un momento della celebrazione.

clusione della cerimonia. Al termine della celebrazione, il Colonnello Luigi Grasso, Comandante Provinciale dei Carabinieri di Siracusa,
ha rivolto un saluto a tutti i presenti ricordando
che la missione sociale dellArma non pu
prescindere da umanit, sensibilit, rispetto
ed attenzione verso il prossimo e ricordando
come valori morali tipici dei Carabinieri come la
fedelt, sono saldamente radicati nella nostra
Santa patrona che ne costituisce una costante
testimonianza.

Noto nel settore del contrasto ai reati predatori. Nel


corso del pomeriggio di ieri domenica 20 novembre,
a Noto, in Contrada Renna, i Carabinieri del Nucleo
Operativo e Radiomobile della Compagnia di Noto
hanno sequestrato circa 200 kg di limoni segnalando allA.G. due avolesi, entrambi gi noti alle forze dellordine per i loro precedenti di polizia, per il
reato di furto. In particolare, nel primo pomeriggio
i due uomini, approfittando della calma domenicale e delle condizioni atmosferiche variabili, si erano
introdotti con la propria autovettura allinterno di un
terreno adibito a limoneto ove avevano raccolto circa 200 kg di limoni riponendoli in dei sacchi di juta
e sistemandoli nel bagagliaio del mezzo. Ma alcuni
contadini del posto, considerato lorario insolito per
raccogliere agrumi, contattavano il numero di emergenza 112 richiedendo lintervento di una pattuglia.
Allarrivo dei Carabinieri, gi impegnati in zona in
servizio di perlustrazione sul territorio, i due uomini
si stavano gi allontanando con il bagagliaio colmo.
La refurtiva, sottoposta a sequestro, sar restituita
al legittimo proprietario o devoluta in beneficenza
ad associazioni di volontariato operanti sul territorio.
Inoltre, il veicolo dei due uomini stato sottoposto a
sequestro in quanto sprovvisto di copertura assicurativa obbligatoria: al proprietario, pertanto, stata
contestata anche la sanzione amministrativa prevista dallarticolo 193 del codice della strada.
Secondo le linee guida impartite dal Comandante
Provinciale, lattenzione dei Carabinieri rimane alta
e costante sullintera provincia.

Nel

Siracusano 6

22 NOVEMBRE 2016, MARTED

Sicilia 22 NOVEMBRE 2016, MARTED

La riforma penale tributaria tra azioni repressive,


insidie per i professionisti e strumenti di difesa
Ha aperto i lavori il presidente dellOrdine
dei dottori commercialisti e degli esperti
contabili di Siracusa Massimo Conigliaro il
quale, dopo i saluti di rito, ha sottolineato la
particolare attualit della riforma del 2015

ei giorni scorsi si
tenuto un importante
convegno organizzato allOrdine dei Dottori Commercialisti di
Siracusa, dalla Fondazione Siracusa Giustizia e dal Centro di
Diritto Penale Tributario presso lIstituto Superiore Internazionale
di Scienze Criminali.
Il tema affrontato da
illustri relatori nel convegno stato: La riforma penale tributaria
tra azioni repressive,
insidie per i professionisti e strumenti di difesa. Ha aperto i lavori il
presidente dellOrdine
dei dottori commercialisti e degli esperti
contabili di Siracusa
Massimo
Conigliaro
il quale, dopo i saluti
di rito, ha sottolineato
la particolare attualit
della riforma del 2015
della normativa penale
tributaria.
Ha fatto gli onori di
casa Ezechia Paolo Reale, presidente
Fondazione Siracusa

Giustizia e segretario generale Isisc, illustrando ai numerosi


presenti limportante
ruolo dellIsisc a livello
internazionale. La relazione di apertura stata affidata allavv. Vito
Branca, professore di
Diritto Tributario alla
Link Campus University di Catania, il quale
ha presentato il nuovo
assetto del sistema
penale tributario ed i
rapporti con il processo
tributario. intervenuto
quindi Ivo Caraccioli,
gi Ordinario nellUniversit di Torino, padre del diritto penale
tributario italiano e Presidente dellomonimo
Centro, che ha parlato
della nuova aggravante
per i professionisti che
concorrono alla elaborazione e commercializzazione di modelli di
evasione fiscale, cos
come puniti dalla novella legislativa.
Al prof. Tomaso Rafaraci, Ordinario di Diritto Processuale Penale

ollaborazione
tra
scuola e comando statunitense, in seguito ad
una collaborazione attivata dall' Istituto "Quasimodo" di Floridia con la
Base Militare americana
di Sigonella, si svolto
il primo degli incontri di
volontariato da parte dei
militari americani in programma nella scuola.
Ieri mattina una infermiera e un assistente della
base militare americana hanno intrattenuto in
lingua inglese una rappresentanza degli alunni
delle terze classi dell'Istituto sul tema della sana
alimentazione e corretto
stile di vita.
Largomento, precedentemente approfondito dai
docenti di lingua inglese
nelle rispettive classi,
ha suscitato interesse
e partecipazione, tanto
che il question time che
ne seguito stato ric-

nellUniversit di Catania, stato affidato


il delicato tema della
doppia sanzione, penale e amministrativa,
nei reati tributari alla
luce della giurisprudenza della Corte di
Cassazione e della recente pronuncia della
Corte di Giustizia Europea. Andrea Palmieri,
Pubblico Ministero della Procura della Repubblica di Siracusa,
ha trattato il tema
della rilevanza degli

strumenti deflattivi del


contenzioso tributario
sulla soglia penalmente
rilevante, evidenziando quindi la centralit
del contraddittorio tra
Agenzia delle Entrate
presente allevento con
il direttore provinciale
Antonina Galluzzo e
il contribuente. Infine,
il col. Massimo Nicchiniello, Comandante
del Nucleo di Polizia
Tributaria Siracusa, ha
relazionato sul delicato
tema della confisca per

equivalente e dellincidenza di tale importante strumento che consente di acquisire alle


casse dello stato il profitto del reato in caso di
violazioni tributarie penalmente rilevanti.
Al termine dellevento,
partecipanti e relatori,
grazie alla collaborazione di Sergio Cilea
della delegazione provinciale del Fai, hanno
effettuato una visita
guidata al Teatro Comunale di Siracusa.

Largomento ha suscitato interesse e partecipazione con un question time ricco di domande

Americani della Base di Sigonella fanno


lezione al Quasimodo di Floridia

Ist. Quasimodo di Floridia


co di domande e ha stimolato la curiosit degli
studenti, spaziando dal
tema dellabuso di carne
e grassi nelle nostre ta-

vole, allorto di Michelle


Obama.
Lincontro stato un'occasione di approfondimento sia linguistico che

culturale. Infine gli ospiti


sono stati salutati con un
buffet offerto dagli alunni
e dalle loro famiglie, generose come sempre.

Isola pedonale ad
Avola, sar attiva
soltanto la domenica per quattro ore.
Accordo sindacocommercianti

I commercianti avole-

si avevano minacciato
di dover ricorrere al
licenziamento del personale per il calo di
affari e alla fine hanno
ottenuto uno sconto
dal sindaco Cannata.
Lisola pedonale istituita dallamministrazione comunale di Avola
a piazza Umberto I,
nel cuore del c e n tro storico anche per
il periodo invernale,
sar dimezzata. Alla
fine la mobilitazione di
diversi titolari di barcaff nei confronti del
sindaco Luca Cannata
per chiedere di eliminare il provvedimento
della zona a traffico
limitato nel periodo
invernale, per poi ripristinarlo nei mesi
estivi, ha ottenuto un
compromesso. Rimarr in vigore soltanto di
domenica e non pi
anche il sabato, dalle
10,40 fino alle 12,30
(prima era fino alle
12,40), e la sera dalle
18,40 fino alle 21, anzich fino a mezzanotte.
Le lamentele e le rimostranze per non
hanno trovato la piena
condivisione del primo
cittadino, nel corso
di un incontro al municipio alla presenza
anche dellassessore
Corrado Oliva, che ha
ritenuto la chiusura
della piazza centrale
nei pre-festivi e festivi
un modello valido e
sostenibile anche sul
piano della riduzione
dellinquinamento atmosferico.
Ma la chiusura nelle
ore serali del sabato
e della domenica per
alcune ore la mattina
e della sera, risultata improduttiva per le
casse degli esercizi
pubblici della zona.
Se non cambiano le
regole dellisola pedonale saremo costretti a
diminuire il personale ha lamentato uno dei
commercianti avolesi
che si fatto promotore della richiesta -.
Nel periodo invernale
ci sono gi scarsi guadagni e con lostacolo
dellisola pedonale le
cose vanno pure peggio.

25 novembre: in prima linea


la Rete CAV di Raffaella Mauceri
di Guenda Giusto

Iperattiva

come sempre, anche questanno


la Rete antiviolenza di
Raffaella Mauceri mette in campo una serie
di iniziative (peraltro gi
iniziata) che precede,
include e va oltre il 25
novembre, Giornata Internazionale contro la
violenza sulle donne. Ne
riportiamo qui di seguito
soltanto le pi rilevanti.
- Mercoled 23 novembre
alle ore 18,00 nella Sala
Rossa di via Brenta,
67/69 2a puntata della
serie La parola agli uomini (riflessioni maschili
sulla violenza di genere)
ideata e promossa dal
CAF, Comitato Attivisti
Siracusani, in collaborazione con lassociazione Maschile Plurale
rappresentata dal dott.
Domenico
Marrazzo,
dalla Rete cav, rappresentata dalla presidente avvocata La Runa, e
dalla La Nereide Edizioni rappresentata dalla
giornalista-editrice Raffaella Mauceri. A rappresentare linformazione, il
segretario Assostampa
dott. Damiano Chiaramonte.
- Gioved 24 novembre -

piccoli alunni delle


sezioni della ma-terna
e della primaria del
plesso scolastico intitolato al Brigadiere
Giuseppe
Coletta,
ad Avola, hanno ricordato con momenti
di commemorazione
e di gioco il sottoufficiale avolese dilaniato assieme ad altri 16
commilitoni e due civili
da un camion-bomba
esploso nel recinto della base Maestrale, a
Nassiriya, in Iraq, il 12
novembre del 2003, in
occasione del secondo
memorial Brigadiere
Coletta e i caduti di
Nassiriya, realizzata
allinterno della scuola. Presenti allevento
oltre al dirigente scolastico Stefania Stancanelli, docenti e genitori, il comandante della
Compagnia carabinieri
di Noto, Sabato Landi, quello della stazione di Avola, Salvatore
Bruno, il dirigente del
commissariato di poli-

La Rete antiviolenza mette in campo una serie di iniziative che precede, include e va oltre il 25 novembre

Locandina dellevento

la Rete partecipa al convegno promosso dalla


Questura di Siracusa
che avr luogo presso
luniversit di architettura - Castello Maniace.
- Venerdi 25 novembre
- Mattina: La presidente
della Rete avvocata La
Runa e la vicepresidente avvocata Lo Tauro,
incontrano gli allievi del
Gargallo, dando seguito
alla loro esplicita richiesta.
Pomeriggio: le volontarie del gruppo Eventi
della Rete e le corsiste
del laboratorio di Teatro
Terapy condotto da Cristina Agliozzo, daranno

vita ad un flash mob di


forte impatto emotivo sul
quale non si possono
fornire dettagli. Per chi
non lo sapesse, infatti, il
flash mob : "un evento
prodotto da un gruppo di
persone che, riunendosi
in un luogo convenuto,
si esibiscono dimprovviso in unazione comune
concordata, inusuale e
imprevedibile, di breve
durata e che non passa
inosservata".
- Sabato 26 novembre grande manifestazione
nazionale a Roma NONUNADIMENO sul tema
della libert femminile
e i fondamentalismi, di

cui sta parlando tutta la


stampa. Vi parteciper
una nutrita delegazione
della Rete e di Stonewall.
- Luned 28 novembre Sortino - alle ore 16.30,
promossa dallo sportello antiviolenza sortinese condotto dalla dott.
ssa Maria Sequenzia,
in collaborazione con il
Comune, avr luogo la
conferenza
Violenza
sulle donne: le parole
per dirla
- Mercoled 30 novembre
- conferenza di chiusura
della prestigiosa Mostra
itinerante 1946 - il voto
delle donne realizzata
da ll paese delle donne magazine, e ospitata
dalla Fildis Teocrito nella
Fototeca dai piazza S.
Giuseppe.
Un evento unico e di
altissimo valore storico
che celebra i 70 anni dal
primo voto delle donne. Gioved 1 dicembre - visita al museo Paolo Orsi
guidata dalla dott.ssa
Mariapaola Fiorensoli
esperta di womens studies secondo una INEDITA lettura femminista.

Sicilia 7

Nel

Siracusano

Canicattini, Festa
dellalbero 2016
rinviata a data da
destinarsi a causa
del maltempo

causa delle cattive condizioni meteo stata


rinviata a data da destinarsi la Festa dellAlbero 2016 promossa dagli insegnanti e dagli
alunni della scuola Materna ed Elementare
del Plesso Mazzini del 1 Istituto Comprensivo G. Verga di Canicat-tini Bagni, in collaborazione con lAmministrazione comunale, in
particolare gli As-sessorati al Verde Pubblico e
Pubblica Istruzione.
Liniziativa, di alta valenza educativa, che prevedeva, per il secondo anno, la piantu-mazione di piantine ornamentali ed alberelli, di cui i
bambini si prenderanno cura, in-tende sensibilizzare la citt alla tutela dellambiente, degli
alberi e del suolo quale at-to prioritario per alla
sopravvivenza della biodiversit.
La pioggia di questi giorni e quella di questa
mattina, purtroppo, non hanno reso pos-sibile
loperazione di piantumazione che, pertanto,
stata rinviata di qualche giorno, con condizioni
meteo pi agevoli.

Divertente la seconda parte dellevento, quando gli ospiti hanno preso parte ai giochi assieme ai bambini della scuola

Strage di Nassiriya, ad Avola


gli alunni ricordano Coletta

zia Fabio Aurilio, il sindaco Luca Cannata,


lassessore Simonia
Loreto, il vicario foraneo don Fortunato
Di Noto, e la sorella
del brigadiere, Nella
Coletta. Leroe dei
bambini ieri stato
ricordato dagli alunni del Coletta che
hanno letto poesie e
riflessioni sulla tragica
morte dei militari e civili italiani, facendo appello alla pace. Oggi
con questo secondo
memorial al brigadiere
Coletta vogliamo dedicargli un pensiero di
gratitudine.- ha detto
la dirigente scolastica
Stancanelli Lui con
coraggio e generosit
ha sempre aiutato la
popolazione ed i bambini dellIraq sconvolti
da fame, povert e
guerre. Divertente la
seconda parte dellevento, quando gli ospiti hanno preso parte
ai giochi assieme ai
bambini della scuola.

Nel

Siracusano 8

Sicilia 22 NOVEMBRE 2016, MARTED

22 NOVEMBRE 2016, MARTED

Il Ciane: un degrado
annunciato da decenni
di Corrado Basile*

Mi occupo della sal-

vaguardia dei papiri e


dellambiente fluviale
del Ciane dagli inizi degli anni Settanta.
Limpegno
costante
personale, svolto anche nellambito delle
attivit del Museo del
Papiro, mi ha portato
a raccogliere unampia
documentazione - frutto
di ricerche archivistiche
e scientifiche, nonch
di rilevamenti in loco che ho in parte divulgato attraverso pubblicazioni, articoli di stampa,
videodocumentari, fino
alla mostra fotografica
realizzata dal Museo
del Papiro nel giugno
2015 con lo scopo di far
comprendere meglio lo
stato di degrado di quello che un tempo era uno
dei luoghi pi belli ed
incantevoli del nostro
territorio.
Lambiente fluviale del
Ciane presenta un evidente stato di degrado
annunciato.
Oggi, sento e leggo che
il Commissario straordinario del Libero Consorzio Comunale ex
Provincia Regionale di
Siracusa, ente gestore
della Riserva Naturale
Orientata Fiume Ciane
e Saline di Siracusa, e
i rappresentanti di alcune associazioni per lo
pi ambientaliste hanno
firmato un protocollo
per le azioni di salvaguardia, accessibilit
e valorizzazione della
riserva; le associazioni
hanno offerto, inoltre,
la loro disponibilit ad
attivare, tra laltro, un
tavolo di indirizzo per
la ricognizione degli interventi da eseguire.
Lattenzione alla riqualificazione dellambiente fluviale del Ciane
non pu che rallegrarmi
ma sorge una domanda: nellincontro per
la firma del protocollo
stata evidenziata tra
laltro una situazione
di degrado dellarea per
interventi non eseguiti
negli ultimi trentanni
ma alcune di queste as-

Salviamo il futuro del Ciane, la sua memoria storica e la tradizionale fruizione del corso
dacqua ma non assolviamo coloro che hanno contribuito al degrado del paesaggio fluviale
sociazioni non facevano
o fanno parte del Comitato Provinciale Scientifico della Riserva, i cui
pareri e consigli hanno
contribuito a portare
lambiente del Ciane a
questo stato?
Per chi non lo sapesse
o per chi non lo ricorda, voglio rilevare che
il Comitato Provinciale
Scientifico composto,
tra laltro, da rappresentanti della Soprintendenza Beni Culturali e
Ambientali di Siracusa
e dellIspettorato Ripartimentale delle Foreste,
da esperti di associazioni ambientaliste e
da docenti universitari.
Lultimo Comitato Provinciale Scientifico
stato nominato, a quanto risulta, nel 2012.
Ho incominciato ad
interessarmi delle questioni riguardanti la
salvaguardia e la tutela
dei papiri e dellambiente del Ciane nel
1971, quando rilevavo misure biometriche
della vegetazione a
Cyperus papyrus L. del
Ciane per confrontarli con quelli dei papiri
africani, nellambito di
un progetto di scambio
di dati che condividevo con il botanico ed
amico Keith Thompson dellUniversit di
Kampala in Uganda. Da
allora ho continuato ad
occuparmi della difesa
di questo fiume, divulgando i risultati delle
indagini e degli studi
condotti.
Cosa ha alterato lambiente fluviale del Ciane? Chi ha portato il
fiume a questo stato di
degrado?
Largomento richiederebbe molto spazio, per
cui mi limito in questa
sede allessenziale e,
comunque, al periodo
successivo allaffidamento della gestione
della Riserva Fiume
Ciane e Saline alla
Provincia Regionale di
Siracusa, avvenuto nel

1988.
Riguardo alla situazione
di degrado attuale, anche se non recente, del
fiume, tutto ebbe inizio
quando, nel 1993, lEnte gestore della Riserva
Fiume Ciane e Saline,
seguendo i pareri deliberati dal Comitato
Provinciale Scientifico,
decise a maggioranza di
non procedere allo sfalcio della vegetazione
dellalveo e delle sponde, non tenendo conto
n delle leggi e regolamenti per la salvaguardia dellambiente e della pubblica incolumit
n della consolidata
esperienza relativa allo
sfalcio della vegetazione, una pratica eseguita
da centinaia danni in
funzione dei ritmi della
natura e della funzionalit dellalveo che non
ha mai arrecato se
eseguita correttamente
danni al papiro.
Lo stato attuale di degrado la conseguenza
delle
determinazioni
di pochi che hanno
provocato, come prevedibile, un danno irreparabile al paesaggio, alla
tradizionale fruizione
del corso dacqua e alla
memoria storica. Le
conseguenze di tali determinazioni, come da
me previsto e reso noto,
negli anni sono apparse
tutte. La vegetazione ha
invaso lalveo, in molti

tratti completamente,
ostacolando il normale
deflusso dellacqua e
rendendo impossibile
la navigazione dellintero corso del fiume.
Sulla base delle conoscenze acquisite e delle
informazioni fornite, i
responsabili avrebbero
potuto rimediare negli
anni agli errori di valutazione iniziali ma
sufficiente conoscere i
fatti e leggere la documentazione per rendersi
conto che questi pochi
hanno perseverato negli
errori, nonostante le indicazioni da me fornite
e le note del Ministero
dei Lavori Pubblici.
bene ricordare che il fiume Ciane rientrava, fino
al 2010, nella sfera delle
competenze statali; pertanto, restava ferma la
competenza del Ministero dei Lavori Pubblici qualora le opere delle
quali si chiede lautorizzazione possono turbare
il buon regime idraulico
e lesercizio della navigazione . Oggi, la riqualificazione dellambiente fluviale del Ciane
richieder
limpiego
di risorse economiche
notevoli, che potevano
essere evitate. La verit dei fatti, non quella
di comodo, deve essere conosciuta. Non si
tenuto conto tra laltro
dellampia documentazione
archivistica,

rivelatrice di esperienze acquisite nel tempo


per scongiurare danni
allambiente fluviale.
Non sarebbe il caso che
i responsabili di questi
danni arrecati al patrimonio paesaggistico ed
ambientale fossero resi
noti?
Chiunque visiti il Ciane pu constatare che
lalveo risulta invaso
dalla vegetazione che
crea, in molti punti,
anche restringimenti e
sbarramenti dellalveo
stesso. Le opere di derivazione, inutilizzate
da anni, sono in stato di
abbandono e la paratoia
di monte della conca di
navigazione chiusa da
anni. In conseguenza le
acque defluiscono sia
per trafilamento dalle fessure ai lati della
stessa sia per stramazzo
dalla paratoia; inoltre,
lo sbarramento crea
problemi anche alla fauna ittica impedendo, tra
laltro, ai pesci le periodiche trasmigrazioni.
Ancora oggi le paratoie vengono mantenute
chiuse sebbene ogni
prelievo dacqua dal
fiume Ciane sia stato
interrotto nel febbraio
1997.
Il provvedimento del
divieto di sfalcio della
vegetazione dalveo e
ripariale e lesercizio
dellimpianto di sollevamento delle acque
hanno comportato alterazioni in unarea,
peraltro, di rilevante
interesse paesaggistico
e naturalistico e sottoposta a vincolo, e hanno
reso sempre pi difficile
il recupero del paesaggio fluviale.
Come da me indicato
nella relazione che, in
qualit di consulente
dell'ex Provincia regionale, presentai allEnte
gestore nel 1993 (subito
dopo mi dimisi allincarico che svolsi gratuitamente) e come si legge
in vari miei articoli,
note e pubblicazioni,

per difendere la qualit


ambientale e per garantire la sicurezza idraulica del fiume Ciane era
necessario, tra laltro, il
controllo dello sviluppo
della vegetazione, che
poteva essere attuato
mediante lo sfalcio (di
diversa intensit) della
vegetazione del corso dacqua. Come gi
detto, questa tipologia
di intervento, corretta e consolidata, era
gi praticata nel fiume
Ciane nel XIX secolo
con ottimi risultati ed
oggi attuata in diversi
paesi europei, in quanto consente una manutenzione finalizzata non
solo al contenimento
del rischio idraulico ma
anche al ripristino degli
ecosistemi fluviali.
Insisto nel dire che le
operazioni di sfalcio
devono essere considerate operazioni di
manutenzione ordinaria e periodica. Al fine
di evitare un sovralzo
idrico, la vegetazione va
sfalciata periodicamente senza scendere sotto
laltezza minima per
motivi ecologici, con
un rilascio ai piedi delle
sponde con finalit, tra
laltro, di rifugio, nidificazione e alimentazione
delle diverse specie faunistiche. Purtroppo, nel
caso in questione, allo
stato attuale determinato da anni di trascuratezza ed incuria sar
necessario non solo lo
sfalcio razionale della vegetazione fluviale
ma anche interventi di
espurgo, rimozione di
interramenti, di radici, ecc., per il ripristino delle caratteristiche
idrauliche della sezione
dalveo originaria, per
la garanzia di un franco
nei confronti del terreno circostante al fine
di prevenire eventuali
allagamenti, per la navigabilit del fiume stesso
e per la salvaguardia del
papiro e di tutte le particolari attrattive del paesaggio fluviale del Ciane. Non va dimenticato,
inoltre, che nel fiume
Ciane, per la particolare
importanza naturalistica, culturale ed anche
turistica dellambiente,
il papiro dovrebbe crescere, come nel passato,
sulle sponde e non sul
letto del fiume.
*Fondatore
del Museo del Papiro

Sicilia 9

Nel

Siracusano

La verit che a molti manca la volont politica di capirlo. Ne vogliamo parlare?


di Raffaella Mauceri

Ci sta o non ci sta?

This is the problem.


A tal proposito, un
magistrato, credendosi molto spiritoso,
se n uscito con una
battuta tanto vecchia quanto idiota:
Signori miei ha
detto - per avere un
rapporto sessuale con
una donna, finir che
dobbiamo farci dare
un consenso scritto
e firmato. Altrimenti
niente niente ti ritrovi
denunciato per stupro. E se una simile
battura la fa un magistrato, figuriamoci le
facezie di un camionista
Ovviamente capire se
il consenso c o non
c, non cos difficile come vogliono
far credere i signori
uomini. La verit
che a molti manca la
volont politica di
capirlo. Ne vogliamo
parlare?
Premessa
Se una donna ti dice
SI allora SI. Analogamente quando ti
dice NO NO. Ma
chiss perch spesso
per gli uomini NO
significa NI e a volte
significa proprio SI.
Esempi:
* Se lei ubriaca
non certo in grado
di esprimere un lucido e consapevole
consenso. Per cui se
un uomo ne approfitta, immaginando
che anche l possa
applicarsi la regola
del silenzio-assenso,
sta commettendo un
grosso errore, che
in termini correnti
si chiama semplicemente abuso.
* Se lei ha preso
qualche droga e il suo
sguardo non vigile,
escluso che possa
dare il consenso.
* Se lei inizialmente
sembra essere daccordo ma poi per un
qualche motivo (non
le piace come le parli, come la tocchi, le
cose che dici, lodore che fai) cambia
idea e ti dice di smetterla, non devi pensare che vale il vecchio
motto latino: vis grata puellae (la forza
piace alla fanciulla).

Come capire se lei


ci sta o non ci sta

La forza non le piace


affatto e non sta scritto
da nessuna parte che
lei debba procedere
fino alla fine.
* Se lei dorme accanto a te non per un convegno amoroso ma
perch magari siete in
campeggio o roba del
genere, questo non ti
autorizza automatica-

mente ad iniziare toccamenti e strusciatine.


* Se pensi che a una
donna possa o debba
piacere fare sesso sol
perch piace a te, la
stai abusando.
* Se credi che quando una donna priva
di sensi, quando non
lucida e soprattutto
quando ti respinge e

ti dice ripetutamente smettila, vattene,


non mi toccare e cose
cos, ha ugualmente
voglia di fare sesso
con te, devi metterti
in cranio che invece
la stai violentando!
Ed perfettamente
inutile che dici che ti
ha provocato perch
in realt tu nemmeno la vedi, non sei in
grado di dire com
vestita, di che colore
ha i capelli n come
si chiama. Perch tu
non vedi una persona davanti a te, vedi
un pezzo di carne da
smanacciare, usare e
abusare.
In altre parole, sei
semplicemente
un
porco. E se hai una
laurea, in tal caso sei
un porco laureato.
Anche i preti che stuprano i bambini dicono che sono loro che
li provocano cio che
li fanno eccitare intenzionalmente. Ma
tu non sei un prete e
non hai la licenza divina di dire bestemmie analoghe a quelle
che dicono loro.
Farti largo tra le gambe di una donna che
ti sta dicendo NO, in

italiano si chiama stupro e non una cosa


che riguarda etnie,
culture, classi sociali,
usi, costumi, opinioni
personali e punti di
vista. una questione
di genere. Immaginare che lei sia sempre
disponibile e pronta a
tuo piacimento e che
magari si senta onora-

ta di essere violentata,
tipico di chi come
te ignorante e prepotente e si compiace
della sua ignoranza e
della sua prepotenza.
Per la cronaca e leducazione civica, la
donna un soggetto,
ha la sua volont e i
suoi desideri. Se tu
decidi al posto suo,
non importa a quale partito appartieni,
perch sempre un
fascista sei, cio un
tizio che prevarica la
volont altrui.
Se vuoi avere un rapporto sessuale con una
donna, non occorre il
suo consenso scritto
in carta da bollo, occorre semplicemente
che tu abbia la civilt
e lonest di attendere che ti dica di SI e
lasciarla in pace se ti
dice di NO. Che gusto
c a fare sesso con
una donna a cui fai
schifo e che, mentre
la abusi, ha i comati
di vomito?
Quandanche la sua
risposta non chiara
o inibita o timida o incerta, desisti
ugualmente e la-sciala in pa-ce. Tu capire
che cosa significare
la-scia-la in pa-ce?
Levati dalla testa che
alle donne piace la
brutalit. E vero il
contrario: le donne
sono inguaribili romantiche e amano essere corteggiate non
violentate. E chiaro il
concetto?

Speciale 10

di Laura Cassataro

el clima di rinnovamento che pervase


Siracusa agli inizi del
XVII secolo il Senato
di Citt e la Chiesa si
resero autori di diverse iniziative miranti
al consolidamento
del culto della patrona Santa Lucia.
Lavorando in sinergia
diventeranno
committenti di opere
straordinarie come
il
Seppellimento
di Santa Lucia del
Caravaggio o il Simulacro argenteo dei
cesellatori
Nibilio
Gagini e Pietro Rizzo.
A completamento di
questo interesse sulla vergine e martire
siracusana fu lappalto dato allarchitetto
Giovanni Vermexio
per la costruzione di
una chiesa a protezione del suo loculo che
la tradizione ha sempre additato in quello
esistente nellambito
della catacomba che
da lei prende il nome.
Il sepolcro, anche
dopo lasportazione
del corpo di Santa
Lucia nel 1038, ad
opera del capitano
bizantino
Giorgio
Maniace che lo port
a Bisanzio, sempre
stato oggetto di pellegrinaggio. Dellesistenza di un tempietto a protezione del
sepolcro gi in antico
ci parla la tradizione
locale. Alcuni elementi scultorei reimpiegati per abbellire
il loculo della martire
potrebbero far pensare alla sua esistenza
gi in fase bizantina.
Purtroppo non ci
pervenuta alcuna documentazione grafica
o pittorica al riguardo. Siamo invece certi della esistenza di
una chiesa esistente
sino al 1629, anno in
cui Vermexio la far

Sicilia 22 NOVEMBRE 2016, MARTED

Chiesa del Sepolcro


di Santa Lucia

I lavori per la fabbrica del sepolcro della Gloriosa Santa Lucia


iniziarono nel 1629 su progetto di Giovanni Vermexio

demolire per gettare


le fondamenta della
nuova. Si trattava della chiesa di SantAgata. Nella leggenda
agiografica
Santa
Lucia si lega stretta-

brica della Casa del


Senato. Lo studioso
Giuseppe Agnello ci
informa che la delibera fu presa in una
seduta del 6 marzo
1629. Come per il

ha pubblicato i documenti ove la lunga


lista di sottoscrittori.
Venne istituita una
vera e propria Opera del Sepolcro alla
quale presero parte il

te siracusana, notizie
amplificate riguardo
alle dimensioni della costruenda chiesa.
Essa avrebbe potuto
rappresentare
una
base per eventuali

Siamo invece
certi della esistenza di una
chiesa esistente
sino al 1629,
anno in cui
Vermexio la far
demolire per gettare le fondamenta della nuova

In alto, Santa Lucia Gregorio Tedeschi;


a sinistra, S.Lucia tempietto sepolcro;
sopra, loculo di S.lucia Foto Giovanni Dall'Orto.

mente alla santa catanese. Il progetto di


Giovanni Vermexio
fu approvato in tempi
rapidissimi e altrettanto rapida fu la sua
attuazione. Il cantiere per la Chiesa del
Sepolcro, questo il
nuovo titolo, verr
aperto negli stessi
anni in cui larchitetto ispano-siculo era
impegnato nella fab-

Palazzo di Citt, si
fece ricorso a quella che era, se non
lunica, certo la pi
grande delle risorse:
la gabella del grosso
e del sottile, di cui
furono impegnati i
frutti per la somma di
onze 800. Inoltre si
fece appello alla generosit dei cittadini,
i quali risposero con
entusiasmo. Agnello

marchese Francesco
Arezzo della Targia,
i baroni Andrea Platamone e Lucio Falcone. I lavori per la
fabrica del sepolcro
della Gloriosa Santa
Luciainiziarono nel
1629. Lanno successivo avvenne un imprevisto. Al governo
spagnolo arrivarono,
da parte del comandante della piazzafor-

Sport
Traumatico ritorno al passato di una squadra assemblata male e disposta peggio Il Siracusa
Non c peggio deltorna coi piedi
le ricadute. Ricoprire
i vecchi difetti che si
per terra dopo
ritenevano ormai superati e scoprirne addue vittore
dirittura degli altri,
il risultato della brutta
sconfitta di Caserta
consecutive
che ha messo a nudo
Sicilia 11

22 novembre 2016, marted

attacchi nemici. Il
Duca dAlburquerque ordin uninchiesta che venne
affidata a tecnici militari. La macchina
burocratica nei cui
ingranaggi si trov
incastrato il cantiere,
caus uninevitabile
interruzione dei lavori sino a quando il
Governo intim una
soluzione di compro-

messo. Abbattimento
della sopraelevazione
(della quale purtroppo non rimasta alcuna documentazione)
e ridimensionamento
del secondo ordine
con una piccola cupola. Il Tempietto di
forma ottagona ha
lingresso sottomesso rispetto alla quota
di calpestio di 5 metri ed raggiungibile
mediante due rampe
di scale. Il loculo
ubicato lungo uno dei
lati interni del poligono e in corrispondenza con esso lunico
altare della chiesa.
Il virtuosismo scultoreo di Giovanni si
esprime nel paramento murario esterno
(tranne nel lato occidentale) e doveva
completarsi con quattro sculture da posizionarsi nelle nicchie.
Inoltre era prevista la
realizzazione di una
scultura a grandezza
naturale di Santa Lucia per linterno della
chiesa.
Il lavoro venne affidato nel 1634 allo
stesso scultore al
quale era stato dato
incarico di realizzare
le statue dei regnanti
spagnoli per le nicchie del Palazzo del
Senato, Gregorio Tedeschi.
Lo scultore originario
di Seravezza in Toscana, aveva realizzato in Sicilia le due
sculture de la Primavera e l'Estate per le
fontane dei Quattro
Canti a Palermo. Per
Siracusa, lartista riusc a completare soltanto la Lucia morente in marmo statuario
bianco attualmente
nella teca trasparente.
Le altre sculture non
furono mai compiute
a causa della morte
improvvisa del Tedeschi.

magagne vecchie e
nuove. Il flash-back
di questa partita ci
dice ancora di pi, e
cio che stata perduta ancor prima di
giocarla,
essendo
emerso subito latteggiamento sparagnino della squadra che
anzich approfittare
del disordine tattico
dei padroni di casa,
non trovava di meglio
che adeguarsi contribuendo alla noia
dilagante di una gara
senza capo n coda
che accumunava gli
spettatori del Pinto e
i telespettatori di fede
azzurra e rossobl.
Una noia che si tagliava a fette, fatta di svarioni dopo svarioni,
fino al momento del
gol di testa di Rajicic,
libero di colpire di testa a centro dellarea,
con Turati e Pirrello a
giocare alle belle statuine. Secondo gol fotocopia del primo, per
la stupidit con cui
stato incassato.
Grazie ad un rimpallo
Corado si trovava la
palla fra i piedi sulla trequarti campo.

Una mediocre Casertana risveglia


i fantasmi di uno spento Siracusa

Errori tecnico tattici in quantit industriale hanno rimesso a nudo i vecchi limiti
Questa l'analisi
facendo mancare anche quella dignitosa reazione dopo due gol stupidamente incassati di Andrea Sotdattualit discorsi fatti e rifatti che prevedono, in prospettiva
salvezza, il rifacimento di mezza squadra.
Armando Galea

In foto, Emanuele Catania, uno dei pochi a salvarsi, in azione.


Si guarda attorno e comincia a pesare. quando si perde con
vede il deserto. Guar- E allora, come si fa una squadra come
da avanti e scorge in questi casi ,uno gli la Casertana che priunautostrada
che rifila un bel calcione ma di domenica in
lo potrebbe porta- e il pallone termina casa aveva vinto una
re dritto dalle parti in rete, nonostante il sola volta, che non
di Santurro. Rapida tentativo di Santur- ha un gioco, che non
riflessione e decisio- ro di fermarlo. Ora, fa niente per guadane di andare avanti quando si perde, gnarsi i tre punti e che
ma fino ad un certo chess con un Lec- aspetta solo che ci sia
punto,perch
quel ce, con un Foggia, qualcuno che glieli repallone attaccato ai persino con un Fondi, gali, allora c di che
piedi senza che nes- uno trova naturale af- preoccuparsi. E insuno si prenda la fermare che la scon- sieme ai fantasmi dei
briga di sottrarglielo fitta ci pu stare. Ma vecchi difetti, tornano

LEGA Pro Girone C


I risultati: AkragasMessina 0-0; Casertana-Siracusa
2-0;
Vibonese-Melfi 1-1;
V.
Francavilla-Catania 1-0; CosenzaMonopoli 2-1; FondiPaganese 3-1; Juve
Stabia-Lecce
2-3;
Andria-Matera
1-0;
Foggia-Catanzaro
1-0; Reggina-Taranto
2-2.
La classifica: Juve
Stabia, Lecce e Foggia punti 29; Matera
26; Cosenza 23; Virtus Francavilla 21;
Casertana e Unicusano Fondi 20; Monopoli 19; Andria 18; Catania 15; Paganese,
Siracusa,
Akragas,
Messina e Vibonese
14; Taranto e Reggina 12; Melfi 11; Catanzaro 9.

til: "Siamo stati


poco incisivi ma
arrivavamo bene
sugli esterni e
nel fraseggio.
Parliamo di un
2-0 ma qualcosa di buono
abbiamo fatto.
Nel primo tempo
abbiamo tenuto
bene. Ma nel
finale del primo
tempo e dopo
quattro minuti
del secondo se
sei 2 gol sotto
diventa difficile. Ci abbiamo
provato forse
si poteva fare
qualcosa di pi
cercando l'uno
contro uno o
sfruttando qualche piazzato.
Detto questo
per credo che
una squadra
che lotta per il
nostro obiettivo
che arriva da
una striscia positiva di tre gare
deve reagire
diversamente".

Vittoria dedicata a Giuseppe Colasuonno

Le aretusee hanno colto un successo prezioso sul campo dellArdens

Vittoria larga, come nelle previsioni


della vigilia, per la Teamnetwork Albatro Siracusa che supera agevolmente il Kelona Palermo, ultimo a
zero punti nella classifica del girone
C di serie A, al termine di un derby
dominato. Un successo dedicato a
Giuseppe Colasuonno, che ha perso la mamma in settimana. Per lui
anche uno striscione con la scritta:
Tieni duro Peppe. Equilibrio solo
nei primi dieci minuti. I padroni di
casa carburano come un diesel e
faticano a costruire un vantaggio
rassicurante: 12-8 al 20, poi pian
piano i locali cominciano a dilagare
anche perch Errante, preferito per
motivi di turn-over a Di Marcello,
fa il suo tra i pali, esaltandosi sulle
conclusioni avversarie. Molina, Calvo e Dinescu allargano la forbice e
i locali chiudono il primo tempo con
7 reti di vantaggio. Al rientro dagli
spogliatoi, il tecnico Vinci d spazio
ai giovani. Oltre a Lo Bello, protagonista di un buon primo tempo,
entrano e segnano Gianluca Vinci
e soprattutto Umberto Bronzo, en-

Pronto riscatto. Fa festa lEurialo Siracusa, che vince 3-2 a Comiso e conquista i primi due punti nel campionato di serie D di
pallavolo femminile. Dopo la prevedibile sconfitta interna contro il
forte Motuka, le aretusee hanno
colto un successo prezioso sul
campo dellArdens, dimostrando
forza, temperamento e personalit, malgrado la giovanissima
et media del gruppo. Prima del
via, minuto di raccoglimento per
Enzo Maiorca, il sub siracusano
scomparso sabato scorso. Poi la
partita. Il primo set appannaggio delle padrone di casa, che
giocano meglio e si impongono
per 25-16. LEurialo reagisce e
fa suo il secondo parziale (lungo e combattuto) con tre punti di
vantaggio. Le motivazioni fanno
la differenza in un set in cui le
ospiti mostrano un buon palleggio e grande capacit di mettere a terra le palle pi importanti.
Equilibrio e bel gioco, da ambo i
lati, caratterizzano anche il terzo

La Teamnetwork Albatro
batte agevolmente il Kelona

trambi autori di sei reti e secondi


soltanto aa Molina, top scorer dei
padroni di casa con 7 gol. La compagine bianconera padrone del
campo e mette a frutto soprattutto le ripartenze per incrementare
il vantaggio. La difesa tiene bene
e gi poco dopo met tempo i gol
di differenza sono 11. A segnare
la trentesima marcatura Rosso.
Vinci e Lo Bello sono scatenati e
segnano rispettivamente da sinistra
e da destra. La Teamnetwork vince
in scioltezza e mantiene la seconda posizione in classifica alle spalle
dellimprendibile Fasano.

Serie D al via, lEurialo


vince 3-2 a Comiso

parziale, vinto 26-24 dalle ragusane. Le ospiti non demordono


e reagiscono con veemenza,
dominando il quarto set, come
dimostra il 13-25 finale. Si va al
tie break e lentusiasmo gioca
un ruolo decisivo. LEurialo non
sciupa loccasione di centrare,
alla seconda giornata, il primo
successo in campionato e vince
15-11.

Cultura 12

Sicilia 22 novembre 2016, marted

Le dimissioni di Massimo Milazzo e di Fabio Rodante


al loro vastissimo pubblico siracusano
di Titta Rizza

Finalmente il riscat-

to; con le dimissioni


di Massimo Milazzo e
di Fabio Rodante possiamo dire alla Iene
e al loro vastissimo
pubblico che Siracusa
non la citt n di
gettonopoli n di tangentopoli.
I galantuomini se ne
vanno per protesta,
ma anche per dire alla
gente che li ha votati
che al Consiglio Comunale di Siracusa
non si pensa ad amministrare ma a litigare con denunzie ed
insulti.
E non si litiga su una
idea di citt o per una
posizione politica, ma
soltanto perch uno
dice ladro ad un altro.
La situazione sfuggita di mano al sindaco e al presidente del
Consiglio Comunale.
Il presidente Armaro
non ha colpa; ha tro-

Spettacoli

I galantuomini se ne vanno per protesta, ma anche per dire alla gente che li ha votati
che al Consiglio Comunale di Siracusa non si pensa ad amministrare ma a litigare
vato la guerra dichiarata quando stato
dichiarato consigliere
comunale e poi eletto
presidente.
Ha tentato una pa-

cificazione degli animi non c riuscito e


deve trarne le conseguenze da persona
per bene qual .
Del sindaco meglio

Disordini nellincontro Leonzio-Igea Virtus


la polizia denuncia cinque persone

In

occasione dellincontro di
calcio Leonzio Igea Virtus,
valevole per il campionato di
serie D, disputatosi nello stadio
di Lentini, la Polizia di Stato ha
identificato e denunciato cinque
tifosi dellIgea Virtus per il reato di lancio di oggetti pericolosi,
tra cui petardi e bengala. Inoltre,
gli Agenti, a seguito di perquisizione personale, rinvenivano
addosso a due dei denunciati pochi grammi di sostanza
stupefacente e li segnalavano allAutorit Amministrativa.
Sono in corso ulteriori indagini
per lidentificazione di altri tifosi,
anche della squadra locale, che

si sono resi responsabili di altre


intemperanze, per le quali verranno pure avviate le procedure
interdettive di accesso alle competizioni sportive.
A Pachino gli Agenti in servizio
al Commissariato, unitamente a
personale della Polizia Municipale, hanno eseguito, nellambito delloperazione di Polizia
denominata Trinacria, un controllo straordinario del territorio
conseguendo i sottonotati risultati: 27 persone identificate; 24
veicoli controllati 24; 4 persone
sottoposte ad obblighi controllate; 4 sanzioni amministrative e 2
veicoli sottoposti a fermo.

media per denunziare


alla citt la situazione
e di mettere su un
tavolo tutte le carte
che avrebbe portato
alla Procura della Repubblica e alle Commissioni
Antimafia
regionale e nazionale: i cittadini secondo
lui non hanno diritto
di conoscere la situazione.
Nel consiglio comunale non mancano i
galantuomini e debbono scegliere; o restare muti spettatori
del suicidio di una
classe politica che si
sta autodistruggendo
con le proprie mani
o diventare gli esponenti di una nuova
primavera politica fatta da persone oneste.
I capigruppo specialmente quelli della
maggioranza
pos-

Sicilia 22 novembre 2016, marted

Su Rai 3 con Politics - Tutto politica; Colpo d'amore su Rete4

Io ci sono film su Rai 1, Stasera casa Mika su Rai 2


Le Iene su Italia1, Siviglia Vs Juventus su Canale 5
Su Rai Uno il film
Io ci sono alle
21.15. Io ci sono
e' il film tv in cui
Cristiana Capotondi interpreta Lucia
Annibali, la donna
sfregiata con l'acido nel 2013 da due
uomini per volere
del suo ex fidanzato.
Show musicale
su Rai 2 alle 21.10
con Stasera casa
Mika Il one man
show di Mika. Un
varieta' d'altri tempi che vedra' il cantante raccontarsi in
compagnia di gente
comune e colleghi
famosi. Gli invitati
di ogni serata saranno i tanti amici, persone con cui
dialogare, cantare,
ragionare, pensare

non parlarne: la situazione gli esplosa tra


le mani e mai ha pensato di andare in consiglio comunale, convocare la stampa ed i

sono restare i notai


per il testamento di
una classe politica
che lascia in eredit
scandali e reciproche
accuse di ruberie o
invece possono salire
di gran corsa sul treno di Massimo Milazzo e di Fabio Rodante
e diventare gli alfieri e la guida di una
nuova classe politica
che necessariamente
deve sostituirsi alla
vecchia.
Cos dovranno scegliere lavv. Tota e
Franco Zappal se
entrare in Consiglio
Comunale al posto
di Fabio Rodante e
di Massimo Milazzo
o autocandidarsi a
guida di un rinnovamento della politica di
Siracusa.
Staremo a vedere.
Intanto grazie di cuore a mio nipote Massimo Milazzo ed al
mio amico Fabio Rodante.

e divertirsi insieme
al pubblico. Conduce: Mika
Attualit su Rai
3 alle 21.10 con
Tribuna Politics
Il talk show di
Gianluca Semprini diventa Tribuna
Politics, concentrandosi principalmente sul referendum costituzionale
del prossimo 4 dicembre.Conduce:
Gianluca Semprini
Film su Rete 4 alle
21.15 con Colpo
d'amore Kruger,
uno speculatore,
manda sul lastrico
tutti i dipendenti
dell'azienda in cui
lavora
Richard.
Le pensioni di tutti si sono polverizzate, compresa
quella della sua

ex-moglie
Kate.
I due decidono di
andare a Parigi per
incontrare Kruger
che, nel frattempo
ha acquistato un
diamante di enorme valore e, quando capiscono che
l'uomo non intende restituire loro i
soldi, decidono di
rubare il diamante.
Per farlo avranno
bisogno di una loro
coppia di amici:
Jerry e Penelope.
Sport in onda
stasera
diretta
su Canale 5 alle
20.40 con Calcio
- Champions League - Siviglia Vs
Juventus
Italia 1 alle 21.10
Le Iene L'approfondimento dell'attualita' italiana e

Cinema a Siracusa Indirizzi utili a Siracusa


AURORA - Belvedere
(0931-711127) ore 18:30 20:30
FAI BEI SOGNI
PLANET VASQUEZ (0931/414694)
ore 16:00 18:00
LA RAGAZZA DEL TRENO
ore 18:00 20:00 21:00
CHE VUOI CHE SIA
ODEON - Avola
(0957833939) ore 19:30 21:30
I CANTASTORIE

internazionale, realizzato attraverso


inchieste e provocazioni satiriche,
servizi-denuncia e
dissacranti interviste, caratterizzato
da uno stile irriverente e trasgressivo.
Attualit su La7
alle 20.35 con Di
Marted L'approfondimento politico di Floris, con
Nando Pagnoncelli
ai sondaggi e Mau-

TAXI: Stazione centrale T. 0931/69722; Via Ticino


T. 0931/64323; Piazza Pancali T. 0931/60980
PRONTO INTERVENTO:
Soccorso pubblico di emergenza 113;
Carabinieri (pronto intervento) 112;
Polizia di Stato (pronto intervento) 495111;
Vigili del fuoco 481901; Polizia stradale 409311;
Guardia di Finanza 66772; Croce Rossa 67214;
Municipio 451111; Prefettura 729111;
Provincia 66780; Tribunale 494266; Enel 803500;
Acquedotto 481311; Soccorso Aci 803116;
Ferrovie dello Stato (informazioni) 892021;
Ospedali 724111; Centro antidroga 757076;
Pronto Soccorso (ospedale provinciale) 68555; Aids
(telefono verde) 167861061;
Ente Comunale assistenza 60258

rizio Crozza alla


satira.
Conduce: Giovanni Floris.
Telefilm
su
La7d alle 21,15
com "Grey's Anatopmy" Meredith
Grey e' una giovane ragazza di Boston che, dopo la
laurea in medicina,
riesce ad entrare
nel gruppo di tirocinanti di chirurgia
del Seattle Grace
Hospital. Si trasfe-

risce cosi' a Seattle,


nella vecchia casa
appartenuta
alla
madre. Qui si ritrova a condividere
questa nuova esperienza insieme ad
un gruppo di giovani coetanei, tutti
alle prese con i piu'
svariati problemi.
In piu' Meredith e'
figlia di Ellis Grey,
una famosa dottoressa, e sente molto il peso del suo
nome.